Page 1

Istituto Ominicomprensivo “Caminiti-Repaci” Scuola Secondaria di 1° grado Villa San Giovanni (RC) Classe 1°A a.s 2009-10 Classe 2°A a.s. 2010-11 Classe 3°A a.s 2011-12

PROGETTO Cl@sse 2.0

“MILE: My Interactive Learning Environment”

http://1a-caminiti.ning.com/ http://www.facebook.com/profile.php? id=100000277757883&ref=search&sid=100000277757883.3561962142..1


1.a)

ANALISI CONTESTO

Cambiamenti recenti Presenza di immigrati Dilatazione della struttura urbana Mutamento della struttura produttiva e lavorativa Aumento dei volumi di traffico da e per la Sicilia

Elementi qualificanti:

Fattori di criticità:

Posizione geografica:il mare e i monti

Espansione di edilizia selvaggia.

Funzione di nodo di transito con i paesi limitrofi, con

Inadeguato sviluppo stradale e marittimo.

Reggio Calabria e con la Sicilia. Presenza di:

Presenza di paesaggi extraurbani degradati. Progressiva scomparsa delle attività tradizionali

un ceto medio borghese impegnato soprattutto nel

(lavorazione delle sanse per l'estrazione dell'olio,

terziario;

abbozzi per pipe, estrazione dell’essenza del

una biblioteca comunale; un oratorio; varie associazioni sociali e culturali di volontariato.

bergamotto e gelsomino, lavorazione del legname, delle mattonelle, delle sedie, bachicoltura). Mortalità imprenditoriale. Disoccupazione strutturale. Mancanza di infrastrutture di tipo sociale (teatro, spazi verdi, palestre, cinema).

Progetti di riqualificazione del territorio Attribuzione alla città del ruolo di cerniera strategica dell’Area dello Stretto. Valorizzazione e bonifica dei paesaggi extraurbani. Riqualificazione dei siti produttivi e delle zone agricole. Recupero archeologico, etnografico ed architettonico del centro storico. Riqualificazione delle zone periferiche; Sviluppo delle attività turistiche


Diagnosi dei bisogni formativi Criteri di rilevazione • • • •

Domande formative

Ascolto consapevole degli alunni e della comunità Questionari Riflessione da parte del gruppo docente Interpretazione dei bisogni e delle domande formative

Bisogni formativi Livello affettivo-relazionale Autostima e accettazione:

Essere • ascoltato • accolto • sostenuto • incoraggiato Essere aiutato • • • • •

a comprendere a sapersi orientare a dare significato alle proprie esperienze a interpretare i messaggi ad acquisire capacità critiche

Scoprire se stesso, le proprie risorse e i propri limiti

Ascolto, attenzione, partecipazione: Compiere scelte etico-sociali a livello autonomo

Relazione: • •

Scoprire le risorse e i limiti degli altri Gestire dinamiche interpersonali e di gruppo

Livello cognitivo • • • •

1.b)

Scoprire il “senso” di ciò che si fa a scuola Costruirsi la motivazione ad apprendere Sentirsi capace e adeguato Compiere scelte autonome a livello intellettuale

Profilo della classe

29 alunni, 21 maschi e 8 femmine, Situazione socio-economica eterogenea Preparazione pregressa accertata con prove oggettive indirizzate ad accertare abilità trasversali quali: ordinare,discriminare, relazionare, relazioni causali, temporali, spazial: •

12 alunni - Conoscenze strutturate, capacità di rielaborare i concetti, metodo di lavoro organizzato, impegno regolare e costante

9 alunni – Conoscenze sufficientemente strutturate, metodo di lavoro prevalentemente ordinato, impegno costante

8 alunni – carenze diffuse e metodo di lavoro dispersivo

3


L'indagine sulla conoscenza e l'uso dei tecnologie ha indicato che: •

tutti hanno a casa il pc che viene usato da tutti in modo autonomo e per giocare,

il 90% usa programmi di videoscrittura e sa costruire presentazioni multimediali

Il 60% conosce e usa in forma semplice il foglio elettronico e sw di grafica

Il 40% usa la posta elettronica e partecipa a socialnetwork di vario genere

Il 40% ha dai genitori limitazioni d’uso del pc riguardo tempo e modalità,

Tutti dimostrano una buona conoscenza di base di IT (salva, sposta, copia, stampa, masterizza files).

Gli Stili di apprendimento sono cosi distribuiti:

4


ALUNNI

CANALE SENSORIALE

ELABORAZIONE DELLE

MODALITA’ DI LAVORO

INFORMAZIONI 1

ALDO

Visivo non verbale

Analitico

Di gruppo

2

ANDREA

Uditivo

Globale

Di gruppo

3

ALESSANDRO

Uditivo

Analitico

Di gruppo

4

GIOVANNI B.

Visivo non verbale

Globale

Di gruppo

5

GIOVANNI C.

Uditivo

Analitico

Di gruppo

6

ADRIAN

Uditivo

Analitico

Di gruppo

7

PLACIDO

Visivo verbale/uditivo

Analitico

Di gruppo

8

DOMENICO D.

Uditivo

Analitico

Di gruppo

9

SILVIA

Uditivo

Analitico

Di gruppo

10

SEBASTIANO

Uditivo

Analitico

Di gruppo

11

MIRIAM G.

Uditivo

Globale

Di gruppo

12

DANILO

Uditivo

Analitico

Di gruppo

13

PIERFRANCESCO

Uditivo

Analitico

Di gruppo

14

ANDREA M.

Uditivo

Analitico

Di gruppo

15

DOMENICO M.

Visivo non verbale

Globale

Di gruppo

16

UMBERTO

Uditivo

Globale

Individuale

17

ANTONIO

Uditivo

Analitico

Di gruppo

18

GIOVANNNI P.

Uditivo

Analitico

Di gruppo

19

GIUSEPPE

Cinestetico

Analitico

Di gruppo

20

ORIANA

Cinestetico

Analitico/globale

Individuale/Di gruppo

21

SOFIA

Visivo verbale

Analitico

Di gruppo

22

ROMANO

Uditivo

Analitico

Di gruppo

23

MIRIAM S.

Visivo non verbale

Analitico/globale

Di gruppo

24

MARTINA

Verbale

Analitico

Di gruppo

25

MICHELE

Visivo non verbale/uditivo

Analitico

Di gruppo

26

MARTINA S.

Cinestetico

Analitico

Di gruppo

27

CIRO

Uditivo

Analitico

Di gruppo

28

FABIO

Visivo non verbale

Analitico/globale

Di gruppo

29

FEDERICA

Uditivo

Analitico

Individuale/Di gruppo

L'altra indagine effettuata , il sociogramma di Moreno, ha permesso di evincere le preferenze e le caratteristiche sociali del gruppo classe.

1.c) Analisi risorse 5


a) • • • • • • • • • •

esistenti nella scuola Televisione con videoregistratore e lettore DVD Videoproiettore Aule cablate o collegate con collegamento Wireless Aule con LIM e videoproiettore fissi collegabili a Notebook 10 Notebook 3 LIM con videoproiettore e notebook mobili Videocamera, Macchina fotografica digitale, 2 Aule multimedialei (35 PC sistema operativo Windows XP Professional) Software educativi e ludici

b) esistente nella classe assegnata alla 1A • Collegamento ADSL • LIM + videoproiettore a focale corte fissi

1.d)

ANALISI DELLA DOMANDA

L’apprendimento scolastico è, ormai, solo uno degli aspetti della formazione dei ragazzi e la scuola non sempre riesce con le sue offerte formative, l’organizzazione dello spazio e del tempo, ad adattarsi alle esigenze di apprendimento di ragazzi che vivono immersi in un universo di informazioni ricco di stimoli anche se spesso in contraddizione fra loro. Gli adolescenti oggi sono incapaci di orientare in modo costruttivo la loro curiosità e di sostenere con impegno e volontà un percorso di ricerca. Sono, infatti, abituati ad essere conoscitori passivi e superficiali più che produttori attivi. La mancanza di motivazione, spesso insita in una didattica tradizionalmente trasmissiva, che non permette di valorizzare i diversi stili di apprendimento, rende sempre più evidente la necessità di rendere i ragazzi protagonisti, capaci di costruire la propria conoscenza, di porsi domande e cercare risposte. Nasce il bisogno di un ambiente di apprendimento dove ogni ragazzo può comunicare e raggiungere le competenze in maniera personalizzata ed attiva, costruendo itinerari diversi che valorizzino le diverse abilità per rendere gli alunni artefici del proprio percorso, rispettare le personalità di ciascuno, costruire insieme la conoscenza.

1.e)

IDEAZIONE

L’ipotesi progettuale è quella di costruire un ambiente di apprendimento cioè un luogo in cui si lavora per apprendere aiutandosi reciprocamente, avvalendosi di una varietà di risorse e strumenti informativi e attuando attività di apprendimento, guidato o di problem solving, che rispettino il più possibile le peculiarità di ogni individuo. Il setting di strumentazioni sarà costituito, oltre a quelli consueti, dalle TIC che, per le loro caratteristiche, in ogni situazione appariranno le più adatte a favorire la costruzione collaborativa delle conoscenze e la personalizzazione degli apprendimenti. Ci si avvarrà inizialmente delle buone dotazioni tecnologiche già presenti nella scuola come la LIM e, in alcuni casi, i laboratori, utilizzando le mappe concettuali, i motori di ricerca, i siti internet tematici e i software specifici. Si lasciano aperte ipotesi di altre soluzioni tecnologiche da implementare nel corso del triennio in base all’evolversi della esperienza e della sperimentazione.

6


Il docente proporrà e coordinerà le attività di apprendimento con un atteggiamento mentale aperto, dinamico e capace di essere attento a situazioni di problem solving, piuttosto che a una semplice trasmissione di nozioni e saperi. Sarà un importante stimolo ad imparare favorendo l’operatività secondo un’esperienza simbolica, attraverso uno sviluppo basato sull’esperienza, sul procedere per tentativi ed errori, anziché soltanto sul linguaggio e sull’astrazione. Con queste premesse si pensa di avviare alla strutturazione di un efficace metodo di studio, che consenta all’individuo di imparare ad apprendere lungo tutto l’arco della vita.

FASE 2 – CORNICE PROGETTUALE FINALITA’ GENERALI • • • • •

Costruire un nuovo ambiente di apprendimento. Valorizzare le competenze multiple e i diversi stili d’apprendimento nella e di soluzioni condivise Costruire percorsi di apprendimento individualizzati Favorire il recupero delle abilità strumentali di base Potenziare abilità e competenze

produzione di idee

2.a) COMPETENZE • • • • • •

Competenza digitale: saper utilizzare il computer per apprendere. Essere in grado di cercare, raccogliere e trattare le informazioni, usandole, con gradualità, in modo critico e consapevole . Imparare a imparare: organizzare il proprio apprendimento utilizzando diverse fonti (libri di testo, riviste, documentari, filmati…), e avvalendosi del proprio stile di apprendimento; Progettare: elaborare progetti per lo sviluppo delle proprie attività di studio per stabilire gli obiettivi, definire le strategie e verificare i risultati raggiunti; Individuare collegamenti e relazioni: individuare e rappresentare collegamenti e relazioni tra nuclei concettuali Comunicare: essere capaci di comunicare in modo costruttivo in ambienti diversi, di mostrare tolleranza, di esprimere e di comprendere diversi punti di vista. Collaborare e partecipare: interagire in gruppo, proponendo e condividendo ipotesi risolutive; la multimedialità, infatti, consente di utilizzare forme di comunicazione spesso sacrificate nella scuola come quelle non verbali che hanno un’importanza rilevante nel nostro modo di interagire con gli altri e con l’ambiente sociale.

2.b) DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI •

• • •

Trasformare l’aula da LUOGO DI TRASMISSIONE in LABORATORIO DI APPRENDIMENTO, aprendola da una parte all’esperienza tecnologica e virtuale e dall’altra facendo riscoprire il piacere della costruzione personale Favorire una comunicazione positiva nel rapporto tra alunni e tra docenti e alunni. Usare la tecnologia in situazioni diverse ma sempre indirizzate a favorire la relazione con gli altri . Guidare i ragazzi ad un uso costruttivo e creativo delle tecnologie e ad una graduale lettura critica di un loro uso.

2.c) CONOSCENZE Le conoscenze disciplinari saranno quelle proprie della Programmazione di Classe e tutte quelle relative ai contenuti didattici programmati in chiave disciplinare nell’arco del triennio. Saranno aggiunte nell’arco del triennio le conoscenze specifiche necessarie ad utilizzare in modo consapevole le tecnologie adoperate

7


FASE 3 – PROGETTAZIONE

Curricolo Classe prima

“ Orientare alla scoperta di sé e dell’altro” Snodi procedurali

Leggere e comprendere - Collegare informazioni - Problematizzare - Comunicare 1^ bimestre

2^ bimestre

3^ bimestre

Conoscenza di

Comunicare per

Comunicare per

sé e dell’altro

conoscere il

conoscere gli

gruppo di

altri e

appartenenza

confrontarsi

4^ bimestre Verso un mondo solidale

per rinegoziare valori Obiettivo formativo Generale

Prendere

Acquisire senso

consapevolezza

di responsabilità

delle proprie potenzialità e risorse

Linea condivisa

Io chi sono?

Io chi sono nel gioco

OF. Area LinguisticoArtisticoEspressiva

Rifletter e sui comport amenti di gruppo al fine di individua re quegli atteggia menti che violano la dignità della persona e il rispetto reciproc o Io con gli altri

Aderire consapevolmente a valori condivisi assumendo atteggiamenti cooperativi e collaborativi

L’amore come valore condivisibile

Apprendere la

Scoprire le

Usare il

Sperimentare le

molteplicità

potenzialità

linguaggio

possibilità espressive

dei linguaggi

comunicative ed

verbale come

della commistione di più

per

espressive che i

strumento di

linguaggi

rappresentare

linguaggi verbali

riflessione e

la propria

e non verbali

metacognizione

personalità e il

offrono

mondo

8


circostante OF. Area StoricoGeografica

Comprendere il

Essere

Comprendere

Descrivere e

significato

consapevole di

che lo studio

interpretare sistemi

delle regole e

far parte di una

della storia

territoriali e fenomeni

la necessità di

comunità

aiuta a capire e

storico-sociali

rispettarle

territoriale

ad affrontare

organizzata a

molte questioni

garanzia dei

della vita

diritti delle

sociale odierna

persone OF.

Imparare ad

Sviluppare

Porsi in modo attivo di

analizzare la

l’autonomia di

fronte alla crescente

realtà

pensiero, la

quantità di informazioni e

utilizzando il

capacità di porsi

di sollecitazioni per

linguaggio

domande in

riconoscerle e decifrarle

matematico-

modo critico

scientifico

essere

Apprendimento

Osservare la realtà per riconoscervi relazioni e sviluppare atteggiamenti di curiosità e di rispetto della realtà naturale, di riflessione sulla propria esperienza, di interesse per l’indagine scientifica Affrontare con

Creare contesti

Aiutare l’alunno

Affrontare il tema della

unitario

i diversi

di

a superare

solidarietà

linguaggi il

apprendimento

conflitti

tema

per

dell’identità

sperimentare le

Area matematicoscientifico – tecnologica

disponibili a verificare con costanza l’adeguatezza delle proprie decisioni

regole Compito unitario

L’allievo

L’allievo elabora

L’allievo inventa

L’allievo progetta un

descrive se

un testo

un gioco

percorso dove

stesso

regolativo con i

stabilendone le

sperimenta forme di

utilizzando la

diversi linguaggi

regole

solidarietà

pluralità dei linguaggi

Unità di apprendimento

appresi Area

Il

La personalità:

Alla ricerca dei

L’amore come valore

Linguistico-

preadolescente

dall’osservazione

valori: la favola

condivisibile

Artistico-

alla scoperta di

alla descrizione

e la sua morale

Espressiva

Comunicare

Comunicare

Alla ricerca di

emozioni con il

emozioni con il

valori: il mito

suono e con il

suono e con il

Comunicare emozioni con il suono e con il ritmo

9


Comunicare emozioni con il suono e con il ritmo

ritmo

ritmo

L’incontro con l’altro: le regole del gioco

L’incontro con l’altro: il rispetto delle regole

Area

Le civiltà

La nascita

Dall’economia

Dall’incontro con l’altro

Storico-

antiche

dell’Europa

curtense

alla dominazione:

Italia ed

Regioni a

Europa:

confronto

Geografica

caratteristiche

all’economia comunale Regioni a confronto

a confronto

le scoperte geografiche L’economia solidale in Italia e in Europa

Area

L’osservazione

L’osservazione

L’osservazione

L’osservazione della

matematico

della realtà:

della realtà:

della realtà:

realtà:

materia,

elementi della

caratteristiche

il miracolo della vita,

numeri

natura, potenze,

di un ambiente,

divisibilità,

naturali, enti

enti geometrici

divisibilità,

fattorizzazione, enti

geometrici

e misura

fattorizzazione,

geometrici e misura

-scientifico –tecnologica

enti geometrici e misura Standard di

Livello esperto

Livello esperto

Livello esperto

Livello esperto

competenze trasversali Leggere e comprendereCollegare informazioniProblematizzareComunicare

Curricolo Classe seconda

“Orientare alla consapevolezza dell’altro:il mondo intorno a me” Snodi procedurali

Leggere e comprendere- Collegare informazioni- Problematizzare- Comunicare

10


1^ bimestre L’ unità/diversità

2^ bimestre Io insieme agli altri

dell’uomo Obiettivo formativo

3^ bimestre

4^ bimestre

Scoprire l’ altro

L’ integrazione

come un tesoro

culturale

Mettere in

Riflettere sui

Aderire

Elaborare idee e

discussione le

comportamenti di

consapevolmente a

promuovere

proprie mappe

gruppo al fine di

valori condivisi

azioni finalizzate

cognitive già

individuare quegli

assumendo

al miglioramento

elaborate, a

atteggiamenti che

atteggiamenti

continuo del

trovare piste

violano la dignità

cooperativi e

proprio contesto

d’indagine

della persona e il

collaborativi

di vita

adeguate ai

rispetto reciproco

problemi, cercare soluzioni anche originali attraverso un pensiero divergente e creativo OF Area LinguisticoArtisticoEspressiva

Scoprire le

Apprendere in modo

Usare il linguaggio

Apprezzare,

potenzialità

sempre più

verbale come

valutare e

comunicative ed

autonomo le forma

strumento di

utilizzare la

espressive che i

utili di

riflessione e

varietà delle

linguaggi verbali

rappresentazione

metacognizione

espressioni

e non verbali

della propria

offrono

personalità e del

comunicative

mondo circostante Linea guida

Riflettere sul

Confrontarsi con l’

Disponibilità alla

Scoprire e

condivisa

concetto di

altro per scoprire la

collaborazione per

conoscere l’

diversità

complessità delle

allargare la rete

Europa come

relazioni

delle interazioni

pluralità di

comunicative.

sociali.

culture.

Capire come si

Sviluppare la

Comprendere il

Descrivere e

sono formati la

consapevolezza di

valore della

interpretare

memoria e il

far parte di una

Costituzione e dei

sistemi

patrimonio storici

comunità

diritti delle

territoriali e

nazionali

territoriale

persone

fenomeni

attraverso la

organizzata a

conoscenza del

garanzia dei diritti

processo di

delle persone

OF. Area StoricoGeografica

storico-sociali

formazione della storia italiana, europea e

11


mondiale OF. Area matematicoscientifico – tecnologica

Ampliare il punto

Porsi

Adoperare il

Leggere la realtà

di vista su di sé e

problemi,coglierne la

linguaggio e i

e risolvere

sulla propria

complessità e, di

simboli della

problemi

collocazione nel

fronte ad essi,

matematica per

impiegando

mondo ed

formulare risposte

indagare con

forme simboliche

individuare le

personali

metodo cause di

caratteristiche

relazioni

fenomeni

della matematica

esistenti tra i

problematici in

fenomeni

contesti vari, per

scientifici e

spiegarli,

tecnologici

rappresentarli ed elaborare progetti di risoluzione.

Apprendimento

Affrontare con i

Conoscere e

L’allievo apprende a

Creare contesti

unitario

diversi linguaggi

riflettere sulle

superare stereotipi

di dialogo con

il tema dell’Altro

nuove diversità

l’altro per favorire la valorizzazione delle diversità

Compito unitario

L’allievo redige

L’allievo redige nella

Individuare un

L’allievo elabora

nella forma a lui

forma a lui più

pregiudizio

un progetto per

più congeniale un

congeniale un

proporre

il miglioramento

prodotto che

prodotto che illustri

comportamenti

del proprio

presenti la sua

le nuove diversità

idonei a superarli

contesto di vita

Unità di apprendimento

idea di diversità Area

Il sé relazionale

Mass media e

Viaggio tra

L’altro come un

Linguistico-

e psicologico

comunicazione

ideologia e

tesoro

Artistico-

pregiudizio

Espressiva Area

Dall’incontro con

La centralità

Dall’Assolutismo

Il secolo

Storico-

l’altro alla

dell’uomo:Umanesimo

alle rivoluzioni

dell’unità

Geografica

dominazione:

e Rinascimento

Identità europea

Identità europea

le scoperte

Guerre di religione

Confronto fra

Istituzioni a

Identità europea

civiltà

confronto

Idiomi ed etnie

Istituzioni a

Identità

confronto

territoriale

geografiche

Identità europea Insediamenti e Stati Istituzioni a confronto

Istituzioni a confronto Identità

Identità

territoriale

territoriale

12


Identità territoriale Area

L’osservazione

L’osservazione della

L’osservazione della

L’osservazione

matematico

della realtà:

realtà:

realtà:

della realtà:

moto

corpo umano,

lavoro ed energia,

viventi e

organizzazione e

rapporti e

fenomeni chimici,

ambiente,

movimento:

proporzioni, numeri

proporzionalità_

scheletro, e

reali, quadrilateri

-scientifico –tecnologica

equilibrio, numeri

triangoli, Teorema di Pitagora

razionali, triangoli.

problemi e proporzionalità statistica e probabilità, coordinate cartesiane

Standard

di

Livello esperto

Livello esperto

Livello esperto

Livello esperto

competenze trasversali

Leggere e comprendere Collegare informazioni Problematizzare Comunicare

Curricolo Classe terza

“Orientare al compimento di scelte consapevoli:”Io parte del mondo Snodi procedurali

Leggere e comprendere- Collegare informazioni- Problematizzare- Comunicare 1^ bimestre

2^ bimestre

3^ bimestre

4^ bimestre

Adolescenza : Il

Imparare a

Guardarsi intorno:

Essere cittadini

piacere di

scegliere

noi e gli altri

consapevoli

crescere

Obiettivo formativo

Diventare

Progettare il

Aderire consapevolmente a

Compren dere di

13


consapevole che

proprio futuro in

il proprio corpo è

modo coerente e

un bene da

consapevole

rispettare e

inserendosi nella

tutelare e

realtà sociale,

imparare a

culturale, dal locale

leggere e gestire

al globale

valori condivisi assumendo atteggiamenti cooperativi e collaborativi

Sviluppare

Riflettere che nella

Usare il linguaggio

far parte di grandi tradizion i comuni, di un’unica comunità di destino europea così come di un’unica comunità di destino planetari a Sviluppo della responsa bilità personal e rispetto ai diritti/d overi del proprio status Sperimentare le

l’identità di

comunicazione

verbale e non come

possibilità

genere

espressiva e in

strumento di

espressive della

quella funzionale i

riflessione e

commistione di

vari linguaggi si

metacognizione

più linguaggi

le proprie emozioni

Sviluppo

Orientamento

armonico della

personale per una

personalità

progettazione

Collaborazione e gestione dei conflitti

consapevole alla luce

Linea guida condivisa

delle proprie potenzialità

OF Area Linguistico -Espressiva

supportano e si integrano OF Area StoricoGeografica

Comunicare in

Comprendere il

Essere consapevole

Prendere

Porsi in modo attivo

Mettere in

Comprendere che la conoscenza della storia aiuta a capire e ad affrontare molte questioni della vita sociale odierna Adoperare il

modo costruttivo

valore della

di far parte di una

mostrando

Costituzione e dei

comunità

tolleranza

Diritti sanciti

territoriale

dall’UE

organizzata a

coscienza delle

di fronte alla

relazione la

linguaggio e i

trasformazioni

crescente quantità

tecnologia con i

simboli della

del proprio corpo

di informazioni e di

contesti socio-

matematica per

garanzia dei diritti delle persone OF Area matematicoscientifico – tecnologica

14


Apprendimento unitario

e delle proprie

sollecitazioni

ambientali

indagare con

reazioni emotive

comportamentali

metodo cause di

nel tempo

esterne, non subirle

fenomeni

ma decifrarle,

problematici in

riconoscerle,

contesti vari,

valutarle anche nei

per spiegarli,

messaggi impliciti,

rappresentarli

negativi e positivi,

ed elaborare

che le

progetti di

accompagnano

risoluzione

Affrontare il

Avviare la

Si percepisce come

Si percepisce

tema della

costruzione di un

cittadino attivo e si

come cittadino

personalità

proprio progetto di

pone con curiosità di

del mondo e dà

umana attraverso

vita

fronte alle

il proprio

approcci

molteplici situazioni

contributo alla

integrati

problematiche

risoluzione delle varie problematiche

Compito unitario

L’allievo individua

Produce

delle

Produce nella forma

Elabora

una situazione di

scalette riguardanti

che si preferisce un

prodotto

confronto

le scelte future

personale

forma a lui più

l’altro

con e

la

sulle

lavoro

forme

(ipertesto,

utilizzando codici

culturale

relazione, testo

Unità di apprendimento

scoperta di sé

Espressiva

congeniale

integrazione

L’adolescente alla

Linguistico-

nella

descrive diversi

Area

di

un

Le dimensioni

argomentativo)

Autovalutazione per scegliere consapevolmente

Interpretazione

Il rispetto degli

delle culture dei

altri e delle

popoli

cose

Ondate migratorie

Emergenza

dell’Io tra ‘800 e ‘900 I vari settori lavorativi

Le idee di libertà Area StoricoGeografica

La Costituzione.

e progresso.

ambientale

Dichiarazione dei diritti dell’ uomo.

Lo Statuto dei

Il ruolo degli

lavoratori

organismi

La difesa dei

Internazionali

diritti dell’

15


L’apertura degli

uomo

spazi europei Area

L’osservazione

L’osservazione della

L’osservazione della

L’osservazione

matematico-

della realtà:

realtà:

realtà: il Pianeta

della realtà:

la vita di

riproduzione e dei

relazione degli

viventi,

scientifico – tecnologica

esseri viventi

calcolo algebrico,

Cambiamenti

probabilità e

psico-fisici dell’

statistica.

Terra e la sua evoluzione.

la Terra si trasforma,

Globalizzazione dei

rocce, vulcani e

mercati.

terremoti

adolescenza

Le funzioni, Logica matematica, solidi di rotazione Statistica e probabilità

3.a) METODOLOGIA Problem-solving ; apprendimento collaborativo ( cooperative learning); role playing ( giochi di ruolo); lezione dialogata, produzione di mappe concettuali, correzione di gruppo e autocorrezione delle mappe; Webquest.

3.b) RUOLO DELLA TECNOLOGIA Integrazione e/o sostituzione dei supporti tradizionali per: • rendere più accattivante e motivante l’apprendimento, • semplificare e/o potenziare i contenuti , • favorire tecniche di aiuto e supporto. Strumento di costruzione, personale e/o collaborativo, di conoscenze • multimediali • condivise Facilitatore della personalizzazione del percorso di apprendimento Facilitatore di situazioni costruttiviste

3.c) SCANSIONE TEMPI Triennio 2009/2012

FASE 4: VALUTAZIONE DEL PROGETTO 16


La valutazione sarà formativa, in itinere e tenderà a valutare, oltre all’operato dell’alunno, anche la metodologia utilizzata dall’insegnante; sarà sommativa in fase conclusiva. La valutazione terrà conto di: 1. situazione di partenza; 2. condizionamenti socio-ambientali e psicofisici; 3. motivazione 4. impegno; 5. capacità di apprendere; 6. risultati conseguiti in rapporto agli obiettivi prefissati; 7. obiettivi prefissati; 8. progressi conseguiti rispetto agli obiettivi; livello di maturazione. 9. partecipazione 10. comportamento 11. socializzazione 12. metodo di lavoro

DOCUMENTAZIONE •

Registro personale di ogni docente

Verifiche scritte

Prodotti cartacei/ multimediali

Registrazioni/ video /foto

Documentazione di buone pratiche

Partecipazione alle attività della piattaforma online di classe

17


cl@sse2.0  

progetto MILE per la classe 2.0

Advertisement
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you