Issuu on Google+

UNITI PER DIRE NO! La manifestazione del 15 settembre a difesa della fauna e contro la caccia Settembre è un mese triste per tutti gli amici della fauna selvatica, dal momento che segna l’inizio della stagione venatoria e del depauperamento quindi di un patrimonio naturale sempre più compromesso. Ma quest’anno alla ‘normale’ serie di problemi legati alla caccia si è aggiunta anche l’odiosa questione delle cosiddette ‘deroghe’, la possibilità cioè di cacciare uccelli che non dovrebbero essere cacciabili – gentile dono di parte della classe politica di regioni che vedono nei cacciatori una preziosa fonte di consensi elettorali. Per dire no a tutto questo e per dire sì alla tutela della fauna e a una politica dell’ambiente più razionale, a Brescia si è svolta il 15 settembre una grande manifestazione promossa dalla LAC e sostenuta da tantissime sigle del mondo ambientalista e animalista tra cui ovviamente la sezione di Brescia dell’ENPA.

ENPATIA ANIMALE NUMERO 11 • SETTEMBRE 2012 Supplemento al n. 50 Anno XIV di Enpa – La protezione degli animali (maggio 2012). Reg. Trib. Foggia n. 4 del 25/03/1997. Direttore responsabile: Michele Gualano. Stampato in proprio.

Bollettino bimestrale ENPA ONLUS sezione provinciale di Brescia Via Quinta 29, 25125 Villaggio Sereno – Brescia Presidente Sara Pepi Consiglio direttivo Giorgio Garzetti, Anna Naclerio, Giorgio Perego (tesoriere) e Francesca Torri Orari di apertura sede • lunedi 18.00 - 20.00 • martedi 20.00 - 22.00 • mercoledi 18.00 - 20.00 • giovedi 20.00 - 22.00 • venerdì 18.00 – 20.00 Contatti Tel/Fax 030.349399, e-mail brescia@enpa.org, Sito: www.enpabrescia.it, blog: http://enpabrescia.blogspot.com/ siamo anche presenti su Twitter e Facebook.

Preceduta da un tam tam che ha coinvolto (inevitabilmente) Twitter, Facebook, forum, siti Internet, e-mail e molto altro ancora volto ad avvertire (per quanto possibile) tutti di questo evento, la manifestazione ha subito scatenato la reazione della ’controparte’ che ha organizzato a tempo di record una contromanifestazione per, tra le altre cose, incredibilmente difendere le cosiddette ‘deroghe’. La stampa locale (e non solo) ha quindi avuto buon gioco a commentare le due manifestazioni come una sorta di duello tra animalisti & ambientalisti e cacciatori… Ma veniamo alla manifestazione vera e propria. Bisogna dire che, a dimostrazione di quanto probabilmente resti da fare per aumentare la sensibilità di certi organi e ambienti, il corteo contro la caccia e a difesa degli animali selvatici è stato trattato assai diversamente da un corteo di cacciatori che ha sfilato per la città di Brescia non troppo tempo fa.


assai diversamente da un corteo di cacciatori che ha sfilato per la città di Brescia non troppo tempo fa. A loro infatti è stata concessa una grande visibilità permettendo loro di sfilare per il centro storico, mentre a noi un percorso assai corto per vie periferiche e ben poco frequentate. Nondimeno, la giustezza della causa lo imponeva, abbiamo sfilato lo stesso. Appuntamento quindi al raduno di fronte all’IVECO di via Volturno (mentre ENPA aveva dato come appuntamento il parcheggio d fronte alla pizzeria Il Sorrentino, tanto per non perdere nessuno per strada…) a partire dalle 14.30… Come al solito, però, oltre a pochissimi che sono arrivati addirittura in anticipo sull’orario molti altri sono arrivati un po’ più comodi, al punto che all’ora fissata parevano esserci più tutori dell’ordine che manifestanti. Per fortuna però il corteo man mano si è ampliato così che alla fine si sono riunite circa un migliaio di persone che hanno cominciato a marciare e a intonare slogan. E’ stato un bel vedere, certo solo se non si è cacciatori. Tantissime persone (e anche un certo numero di amici a quattro zampe) sfilare con striscioni, cartelli, bandiere, pettorine e ogni sistema che potesse andare bene ad attirare l’attenzione e informare i passanti (non tantissimi, grazie sempre al percorso molto ‘nascosto’ concesso dalle autorità). Questo ovviamente non ha impedito qualche tentativo di sensibilizzazione con la distribuzione di qualche volantino ai clienti Esselunga e a chi su via Milano si è ritrovato ad aspettare un po’ al nostro passaggio.

11

ENPATIA ANIMALE, bollettino di ENPA ONLUS sezione provinciale di Brescia


Alla fine ci siamo tutti ritrovati di fronte all’assessorato alla caccia della provincia di Brescia, a manifestare il nostro fortissimo no alla caccia, specialmente in un paese dall’ambiente devastato come il nostro, e agli intollerabili ‘privilegi’ dei cacciatori che rendono l’Italia un paese pluricondannato dalla commissione europea per le continue violazioni delle regole europee in materia di caccia. Come ha fatto notare il presidente della LAC, tutti noi siamo chiamati a pagare per gli abusi di pochi ma questa situazione non può e non deve continuare! Alla fine la manifestazione si è sciolta e le persone sono tornate a casa, ma negli occhi, nella mente e nel cuore di chi ha partecipato restano le immagini di un evento bello, pacifico, allegro e soprattutto nato per una causa giusta: dare voce a chi non a voce e difendere chi non può farlo.

11

ENPATIA ANIMALE, bollettino di ENPA ONLUS sezione provinciale di Brescia


NUMERI DI DOLORE I ‘danni collaterali’ dell’attività venatoria La caccia uccide ogni anno milioni di animali (uccelli e mammiferi come cervi, cinghiali, volpi, lepri, etc.), animali uccisi in modo brutale e spesso lasciati morire di atroce agonia a causa di colpi ‘non centrati’. La caccia spesso colpisce specie già indebolite e rarefatte a causa di delle eccessive trasformazioni dell’ambiente, dell’antropizzazione del territorio, dell’inquinamento, degli incendi e dei cambiamenti climatici. La legge (L. 157/92) definisce la fauna selvatica “patrimonio indisponibile dello Stato”, quindi gli animali selvatici sono patrimonio di tutti i cittadini!

E i danni causati dalla caccia sono anche più ampi! -

-

-

11

Numerosissime sono le segnalazioni di cani da caccia maltrattati o detenuti in condizioni inadatte, chiusi tutta la vita in box angusti, da dove vengono fatti uscire solo per aiutare i proprietari ad uccidere altri animali Altre segnalazioni riguardano atti violenti contro cani da caccia (chi non ricorda Jerry, il cane seppellito vivo?) o compiuti con fucili da caccia contro altri animali (casi di gatti uccisi e feriti da fucilate sono purtroppo molto frequenti!) Ogni anno si ripete la triste conta degli animali domestici avvelenati da esche contenenti sostanze tossiche di diverso tipo, che spesso sono usate proprio prima o durante la stagione venatoria da criminali che vogliono eliminare i ‘competitori’ per la selvaggina. La diffusione di veleni è un reato grave, che peraltro non coinvolge solo gli animali domestici ma anche un numero imprecisato e grandissimo di animali selvatici, e che potrebbe costituire in determinate circostanze anche un pericolo grave per la salute umana. E’ in vigore un’ordinanza ministeriale del 2011 con cui si cerca di contrastare questo grave fenomeno. La nostra associazione si è sempre impegnata nel chiederne il rispetto, e continuerà a farlo.

ENPATIA ANIMALE, bollettino di ENPA ONLUS sezione provinciale di Brescia


-

-

-

-

-

Uccelli da richiamo come tordi e merli sono catturati in natura, venduti a caro prezzo e detenuti tutta la vita in minuscole gabbiette, spesso anche segregati in ambienti completamente bui Il bracconaggio, la caccia compiuta in modo illegale, è un fenomeno diffusissimo nella nostra provincia, e purtroppo ancora considerato ‘normale’ in certi ambienti. Incredibilmente, in un paese della provincia di Brescia ogni anno si celebra la festa della Madonna del Buon Bracconiere in un roccolo abusivo! Come dimostrato da studi scientifici, molti ambienti, soprattutto acquatici, sono gravemente inquinati dal piombo delle munizioni da caccia. Chi poi in primavera non ha mai notato che il terreno dei boschi è costellato di bossoli di cartucce in plastica? Ogni anno decine di persone muoiono o vengono ferite in incidenti di caccia (per esempio, in cinque mesi di stagione venatoria 2010-2011, sono morte 11 persone e ne sono state ferite 75, tra cacciatori e cittadini comuni – Fonte dati: Associazione vittime della caccia) La presenza di cacciatori armati nei campi e nei boschi infastidisce e spaventa tutti i cittadini che vogliono godersi una passeggiata nella natura.

E infine: secondo tutti i sondaggi la grande maggioranza degli italiani, indipendentemente dalle preferenze politiche, è contraria all’attività venatoria! Sara Pepi, Presidente ENPA ONLUS – Sezione di Brescia

11

ENPATIA ANIMALE, bollettino di ENPA ONLUS sezione provinciale di Brescia


CONVENZIONI PER I SOCI BODY GREEN via Crispi 5B • Brescia telefono 030 5031223 Vende tanti prodotti di ottima qualità non testati sugli animali. Scegliete e acquistate prodotti non testati sugli animali, cercate il simbolo del coniglietto e boicottate così la sperimentazione/vivisezione sugli animali! A tutti i soci di ENPA ONLUS Sezione di Brescia verrà consegnato un gradito omaggio alla prima visita del negozio e verrà applicato uno sconto del 10% facendo subito il primo acquisto. In seguito verrà fatta una tessera nominativa (gratuita) per la raccolta punti per avere ulteriori sconti e vantaggi. BOOKSTOP www.bookstop.it via Leonardo da Vinci 5 • Brescia telefono 030 295574 E' una libreria diversa da tutte le altre che offre la possibilità di sfogliare le pagine di un libro sorseggiando una bibita... Nei suoi ambienti si trova infatti sia la libreria vera e propria che un bar : connubio sicuramente originale che favorisce la frequentazione da parte di clientela di tutti i tipi! I soci di ENPA ONLUS Sezione di Brescia hanno diritto a queste agevolazioni: • Sconto del 10%, sul prezzo di copertina, su tutti i libri in vendita, • Menù speciale colazione a 4,00 ( Cappuccio + Brioche + Succo di Frutta), • Menù pranzo 5,00 ( Panino + Bibita + Caffè). • Aperitivo e piccolo buffet 5,00. GROTTA DI MERLINO www.grottadimerlino.com via delle Battaglie 63/A 54 • Brescia telefono 0306186960 Il solo negozio di Brescia specializzato unicamente nel settore del gioco ‘intelligente’: giochi da tavolo, giochi di ruolo, giochi di carte (collezionabili e non), le novità, i classici e pezzi da collezione. I soci di ENPA ONLUS Sezione di Brescia riceveranno uno sconto del 10% presentando la tessera socio valida dell'anno in corso. NATURALLBIO www.naturallbio.it via Cipro 36• Brescia telefono 0305030152 NaturallBIO è il negozio di cosmesi naturale per la cura del corpo della persona (uomo, donna e bambino) con la selezione dei migliori prodotti naturali e biologici selezionati secondo criteri etici di trasparenza e serietà: solo prodotti naturali eco-bio che non contengano petrolati, parabeni, PEG, siliconi e soprattutto non testati su animali. Agli associati all'ENPA il negozio propone la sottoscrizione di una Fidelity Card personale che verrà rilasciata in negozio e che dà il diritto a uno sconto del 10% su tutti i prodotti (esclusi quelli già in promozione).

STUDIO LEGALE ENPA ONLUS Sezione di Brescia si avvale della collaborazione di uno studio legale che presta assistenza ai soci in regola con il versamento della quota di iscrizione annuale. Per maggiori informazioni contattate la sede negli orari di apertura.

11

ENPATIA ANIMALE, bollettino di ENPA ONLUS sezione provinciale di Brescia


VUOI DIVENTARE SOCIO? Per diventare soci di ENPA ONLUS è sufficiente compilare la domanda di iscrizione presso la nostra sede. Sarà nostra premura contattare gli interessati non appena il consiglio direttivo avrà approvato la loro istanza di ammissione per far loro pervenire la tessera associativa e la rivista nazionale La protezione degli animali. RINNOVI E DONAZIONI Le quote associative per l'anno 2011 sono le seguenti: • 5,00 socio Delfino (minorenni che aderiscono al Programma “Delfini”) • 25,00 socio ordinario • 50,00 socio sostenitore Puoi effettuare i versamenti... • tramite bonifico su IBAN IT66U0760111200000013614250 intestato a ENPA ONLUS • recandoti presso la nostra sede

11

ENPATIA ANIMALE, bollettino di ENPA ONLUS sezione provinciale di Brescia


ENPATIA ANIMALE NUMERO 11