Issuu on Google+

scrivere come autoterapia

psiche

mente giovane e corpo intelligente, ecco come ritrovare il benessere totale

Carta e penna un foglio a quadri o a righe. Così alla sera si fa un bilancio di sé. Ma a cosa servono queste parole “messe giù” su di un foglio? Riflettere, analizzare se stessi. Cos’è questo me stesso? E di cosa poi si dovrebbe scrivere?! Si può scrivere di tutto e questo tutto va gelosamente conservato. Potrebbe creare imbarazzo. Nello scrivere di noi, le parole e i concetti possono prenderci la mano portandoci la dove non vorremmo. Poesie, racconti, fiabe, lettere e l’artista che c’è in noi fa i primi passi! Per chi attraversa una fase esistenziale complessa dove occorre scegliere una strada, ecco che lo scrivere diviene chiarificante. Bella ed efficace è la tecnica di scrivere una lettera a se stessi che può iniziare più o meno così: “Caro Franco ho pensato di scriverti perchè ho saputo che...” Lasciandovi andare a carta e penna potrete scoprire nuovi aspetti di voi e riorentarvi con efficacia, superando le visioni catastrofiste che in certi momenti della nostra esistenza ci sono così care! Per chi invece ha già dimestichezza con lo scrivere e un poco di tempo, oltre che per le chat e la TV, ecco un bel metodo esaustivo. Diciamo che il “noi stessi” possiede una parte nascosta e parti che si vedono, queste parti visibili possiamo chiamarle aree di manifestazioni dell’essere e siccome si vedono “possiamo ra-

gionarci” e scriverci su. Ma quali sono questi aspetti percepibili e raccontabili? Sono la salute, l’autostima, le mete e i valori personali, il rapporto con il denaro, l’attività lavorativa, il gioco, l’apprendimento, la creatività, chi vi da sostegno, l’amore, le amicizie, i figli, i parenti, la vostra casa, la comunità in cui vivete... Complesso? No, non credo, infondo si tratta della vostra vita! Ognuno di noi ogni giorno vive già questi aspetti di sé. E allora perchè non scriverlo? Potrete scoprire, con un “poco di onestà di penna”, cosa realmente provate in ognuno di questi aspetti della vostra vita. Quali sono le aree per voi difficili e quali invece funzionano già bene. E via scrivendo, dove vi sentite soddisfatti e dove mancanti. Semplice vero? Si. Ed efficace. Scrivere di sé per comprendersi un po’ più profondamente e prevenire così guai ed errori. Provate! Carta, penna e così scoprirete che ogni vita merita attenzione, ogni vita può essere un romanzo!

Dott. LORENZO BERTI Psicologo Clinico e Psicoterapeuta Viale Baldini, 15 - Rimini - tel. 0541.24822 centroarborvitae@gmail.com

psiche.

13


Scrivere come autoterapia tg10