Page 1

la cura e l’attenzione dei nostri piedi i consigli della Dott.ssa Gessica Bucci, podologa I piedi sono fondamentali per la nostra salute. Lo si chieda al riflessologo che si ispira alla tradizione cinese o al posturologo laureato in una università europea, tutti diranno che, proprio dalla salute dei piedi, inizia la salute di tutto il corpo. Eppure questa facile considerazione viene presto dimenticata in quanto i piedi vengono trattati (di solito fino a che non fanno male) in modo piuttosto rude, rinchiusi in scarpe al servizio più dell’estetica che della reale comodità, con la pretesa che ci sostengano per ore e ore ”silenziosamente” senza andare a interferire con le nostre attività. La verità è che i piedi sono fedeli servi troppo spesso maltrattati, considerati sostegni della nostra vita, ma come se fossero indistruttibili. Dal 2000 il “Podologo” è una figura medica riconosciuta. La specializzazione in podologia fa parte delle lauree che si occupano di riabilitazione. Il podologo si occupa sia di prevenzione che di terapia delle patologie podaliche. Oltre ad occuparsi di verruche, micosi, ipercheratosi e tutte le malattie che possono affliggere i piedi, il podologo interviene anche in sinergia con altri medici, in caso di disturbi diabetici, reumatici, arteriopatici, neuropatici e di altro tipo. Grande importanza ha il podologo per lo sportivo: basti pensare a quanto conti la salute del piede per un amante della corsa, quanto sia importante farsi consigliare da un esperto la scelta della giusta calzatura. Lo sanno bene gli atleti (soprattutto i meno esperti) che corrono con scarpe e plantari non adatti ai loro piedi. Un problema agli arti inferiori (anche una semplice vescica) costringe tutto il corpo a muoversi in modo errato, con conseguenze che non si limitano al periodo di corsa, ma che si protraggono ben oltre la gara. Presso il Centro di Medicina Integrata Energia Medika, svolge la sua attività la Dott. ssa Gessica Bucci, specializzata in podologia. L’abbinamento di questa specializzazione con altre già presenti presso Energia Medika, (posturologia, ortopedia, fisioterapia, osteopatia) rende la possibilità di analizzare, prevenire e curare tutti i disturbi muscoloscheletrici più che concreta. Per saperne di più riguardo alla podologia abbiamo rivolto alcune domande alla dottoressa: Dott.ssa Bucci, quali sono le più frequenti patologie che colpiscono i nostri piedi? Dott.ssa Gessica Bucci Le patologie più diffuse che colpiscono i nostri piedi si possono dividere principalmente in patologie delle unghie e dei tessuti. Per quello che riguarda le unghie riscontriamo principalmente: le unghie a pinza (si tratta di un incurvamento del letto ungueale laterale o mediale), l’onicolisi (lo scollamento dell’unghia dal letto

ungueale), l’onicomicosi (funghi alle unghie) e l’unghia incarnita (che si verifica quando i bordi dell’unghia penetrano i tessuti adiacenti). Poi abbiamo le principali patologie dei tessuti che sono: callosità dorsali del dito (sopra le dita quando riscontriamo dita ad artiglio), le ipercheratosi (che sono callosità di dimensioni non comuni che si sviluppano sotto la pianta del piede) e le callosità intradigitali (dovute a deformazioni delle dita o a fattori esterni come scarpe troppo strette). Oltre a queste abbiamo le verruche, che non sono altro che un virus che si può contrarre in tante e comuni situazioni, non solo in piscina ma anche provando un paio di scarpe. Si tratta di patologie prevenibili oppure che non dipendono da un nostro atteggiamento sbagliato? Dott.ssa Gessica Bucci In alcuni casi, come per quello che riguarda la onicomicosi o le verruche, la prevenzione è piuttosto difficile. In altri invece si può fare molto: per esempio certe callosità come le ipercheratosi o le callosità dorsali sono prevenibili con plantari ortesi in silicone creati su misura. Per quello che riguarda le unghie incarnite, un taglio corretto (senza arrotondare gli spigoli) è sufficiente ad evitarle. Quotidianamente qual è l’abitudine più giusta che possiamo adottare per prevenire i disturbi dei nostri piedi? Dott.ssa Gessica Bucci L’attenzione nel riscontrare problemi quando ancora sono nella loro fase iniziale senza lasciarli degenerare, è già un atteggiamento che può evitare problemi seri. Inoltre la cura e il taglio adeguato delle unghie, e ovviamente un’igiene appropriata. Il piede e la postura sono collegati in maniera inscindibile. L’uso giusto di uno condiziona l’esattezza dell’altra, e viceversa. Una giusta consapevolezza di entrambe le cose può essere la strada per vivere una vita con meno acciacchi? Dott.ssa Gessica Bucci Certamente. La postura e la salute del piede sono estremamente legati. Una postura sbagliata distribuisce i carichi in modo squilibrato e i piedi sono i primi a dover compensare questo difetto. La consapevolezza e l’ascolto del nostro corpo (a partire dai piedi) è l’approccio migliore per evitare problemi fisici. Inoltre perdere certe abitudini (come portare i tacchi troppo alti) limita di molto i guai ai piedi e alla postura. Basti pensare che un tacco fisiologico non deve superare i 3 - 4 centimetri. Quelli superiori a questa misura procurano problemi a tutto l’apparato scheletrico, dai piedi alla schiena. Marco Giorgi

salute sa te.. te

15

Podologia tg27  
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you