Page 1

Poste Italiane S.p.a. - Spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n° 46) Art. 1 comma 1 LO/MI - N. 6 giugno 2014

“organo ufficiale ENCI”

giugno 2014

MASTER 2014 CARLINO CANAAN DOG - SPINONI


SOMMARIO 4

35 Grande passerella di razze

7 8

36 Obiettivo bello e bravo

12

Maurizio Meneguzzo

Conquistare un Canaan Dog Isabella Zirri

Master per allevatore cinofilo Carlino, la sorte in fronte Maria Luisa Simone Tre giorni da campioni Dino Scarso Bambini e cani, una relazione speciale Giovanni Garoia Dogs For Children e Doctor Magic “InPuntaDiZampe” a scuola Barbara Macchia La bella Pasqua del Siberian Silvano Vitali Fabergè sul trono Carlotta Palazzesi Piccolo Spitz grande Best B.S. La carica dei 5000 Fausto Mattioli

14

Ancora un vero successo Silvana Vogel Tedeschi

Roberto Aguzzoni

39 Lo Zilio ha vent’anni

40 Croazia e Serbia insieme Giancarlo Passini

42 I Kurzhaar fanno ambo Giorgio Bellotti

15 16

43 Campionato Europeo Breton

22

45 Hidra fa suo il Trofeo Orsini

23

46 “Una vittoria meritata”

24

49 Cinotecnia e ambiente

26

50 L’Italia si fa onore

Imola e Rimini, accoppiata vincente 30 Pier Secondo Zacco Olbia, giganteggia un “Basset” A.B.

Roberto Aguzzoni

33 34

Giorgio Bellotti Stefano Alfieri

Sandro Pacioni Marco Ragatzu Carlo Mezzetti

CHI E DOVE

51 I successi 58 I club 62 Gli allevatori

PER I GRUPPI CINOFILI

TEMPI DI CONSEGNA DI TESTI E FOTO

Si informano i Gruppi Cinofili ENCI che all’interno de “I Nostri Cani” sono disponibili gratuitamente pagine dedicate ai resoconti delle Esposizioni Internazionali e Nazionali. Per avere informazioni riguardanti gli aspetti tecnici e le modalità d’invio, contattare la redazione: redazione@enci.it - tel. 0270020358

Pubblicità expo con giuria: entro il giorno 3 del mese precedente l’uscita (es. 3 novembre per pubblicazione in dicembre) Pubblicità expo senza giuria: entro il giorno 5 del mese precedente l’uscita Articoli: previo accordi con la redazione Rubrica club: entro il giorno 5 del mese precedente l’uscita, in merito allo spazio disponibile Successi all’estero: in ordine di ricevimento, in merito allo spazio disponibile inviare a redazione@enci.it Si ringrazia per la collaborazione 3


Una razza “particolare ed affascinante”.

Conquistare un Canaan Dog Dagli accoppiamenti fra esemplari dei beduini al servizio delle pattuglie dei soldati d’Israele

Deserto del Negev, il cane di Bar Aharon sulle orme dei suoi antenati

4

S

i dice “Once a Canaan always a Canaan”, ovvero “Una volta un Canaan, per sempre un Canaan”. Penso che non ci sia niente di più vero per questa razza, così particolare ed affascinante che non si può non rimanerne innamorati per la vita. Sicuramente non sono i cani cosmetici a cui siamo abituati nelle esposizioni ma, credetemi, sono veramente specialissimi! Il Canaan Dog appartiene al gruppo dei cani Pariah ed è una razza autoctona di Israele. Già incisioni su roccia risalenti al 2200 – 2000 a.C. mostrano cani molto simili all’odierno Canaan Dog. La razza è stata riconosciuta dalla FCI nel 1966 ed appartiene al V gruppo, Cani di Tipo Spitz e di Tipo Primitivo. Il merito del riconoscimento e della “riscoperta” (parlo di “riscoperta” perché questi cani esistevano già in natura) è da attribuire alla dott.ssa Rudolfina Menzel. Alla famosa cinologa austriaca, al ritorno nella sua terra, venne richiesto da parte dell’Hagannah di formare un gruppo di cani da lavoro per l’esercito. Le razze più comuni in Europa per questi compiti non si adeguavano bene a lavorare nelle difficili condizioni del deserto roccioso israeliano, così la Menzel pensò di orientarsi verso i Cani Pariah che vivevano allo stato selvatico o semi selvatico nelle vicinanze degli accampamenti Beduini. Fu un successo, questi cani primitivi risposero perfettamente alla richiesta. Abituati a quell’habitat, forti, spartani e con sensi acutissimi erano il meglio che si potesse chiedere per dei cani da pattuglia. Il loro ruolo era ed è appunto quello di pattugliare il territorio e segnalare qualsiasi “intruso”, umano, animale o anche cosa. Ad esempio, per segnalare la presenza di un oggetto sospetto, tipo uno zaino abbandonato, il Canaan Dog si è dimostrato il cane più adatto a svolgere questo compito. Le altre razze normalmente smettono di abbaiare nel momento in cui gli intrusi umani se ne vanno, anche se hanno abbandonato qualcosa, il Canaan Dog no, con i suoi sensi acutissimi segnala la presenza di qualsiasi cosa “fuori posto”. Dal 1970 il lavoro di selezione della razza venne continuato - e lo viene tuttora dall’allevamento Shaar Hagai di Myrna Shiboleth (Israele) che, seguendo le indicazioni della dott.sa Menzel, pone ancora moltissima attenzione all’immissione di sangue nuovo proveniente da Canaan allo stato semi selvatico che vivono ai margini degli accampamenti Beduini. Io ho avuto la fortuna di vivere per anni con un Canaan Dog preso dai Beduini (quando lo abbiamo visto per la prima volta solo i bambini ed alcune donne potevano a fatica


i nostri

Cani

Anno 60 num. 6 giugno 2014

Il Canaan Dog è un Pariah specifico della terra di Israele. Taglia media (50-60 cm) orecchie grandi ed erette (per disperdere il caldo) ma non così sottili come per i levrieri della zona mediterranea che non hanno problemi di dovere reggere il freddo di alcuni mesi dell’anno. Pelo doppio di varie colorazioni.

Foto Denise Bassolini

avvicinarlo) ma vi posso dire che è stata una delle più belle esperienze della mia vita. La versatilità tipica del Canaan Dog ha fatto di lui un mio compagno specialissimo e perfettamente adatto a qualsiasi situazione “civilizzata”.

TERRITORIALE E REATTIVO

riale, ma mai aggressivo con le persone. Non ama intrusi nel suo territorio, ma non è cacciatore; è ubbidientissimo senza guinzaglio ed è pulito in casa. Alcune caratteristiche caratteriali del Canaan Dog (prese dalla mia esperienza personale e dal libro “The Israel Canaan Dog” di Myrna Shiboleth).

Il Canaan Dog è un cane di base sospettoso, il che non significa timido; è territo-

Intelligenza: l’intelligenza nel cane è intesa come la capacità di apprendere e di

Cuccioli di 2 mesi e mezzo

risolvere problemi, adattarsi a circostanze nuove. Nel Canaan è diversa dagli altri cani, ma è molto sviluppata. Reattività: ancora una volta molto sviluppata. Per sopravvivere a difficili condizioni il Canaan Dog deve essere molto reattivo. Molte persone abituate ad altre razze lo possono chiamare pauroso, ma vi assicuro che non lo è la reattività è solo legata alla sua sopravvivenza. Territorialità: molto alta. È un ottimo guardiano del territorio e di tutto ciò che il territorio comprende incluso persone, oggetti e altri animali. Lealtà e devozione: di base, è il cane di una persona della famiglia, ma è sempre leale con tutti i membri ed è molto rispettoso nei confronti dei bambini. Aggressività: è aggressivo verso altri cani nel suo territorio, ma non lo deve essere mai fuori da esso. Nel territorio del Canaan possono stare solo altri animali che di base non sono in competizione con lui. Non è infatti disturbato dalla presenza di galline, capre, pecore, cavalli, etc... (I beduini non tollererebbero mai di avere vicino al loro accampamento cani che ammazzano i loro animali). Per mia esperienza personale, convive molto bene con razze non da guardia come ad esempio Lagotto, Labrador o Siberian Husky, che hanno interessi totalmente diversi. Difficilmente si possono tenere due femmine o due maschi Canaan Dog insieme . Adattabilità: altissima in ogni situazione. Tante qualità quindi, ma queste vengono estrinsecate solo se noi che viviamo con lui sappiamo dargli fiducia in se stesso e non ci aspettiamo che il nostro cucciolo si comporti come un Labrador (senza togliere niente al Labrador, razza che amo moltissimo, ma con una funzione totalmente diversa). Il Canaan Dog può assolvere ed eccellere in mille compiti: obedience, agility dog, cane guida per ciechi, etc.... ma lavora solo per amore e fiducia, mai per obbligo...è un primitivo...

5


Foto di Myrna Shiboleth

VITA IN FAMIGLIA Per quello che riguarda l’introduzione del cucciolo nella nuova famiglia, io tendo a non consegnarlo mai prima dei 3 mesi. Il Canaan, che in natura vive in piccoli branchi famigliari, ha bisogno dell’insegnamento dei suoi simili. Quando si porta a casa per la prima volta un Canaan Dog non dobbiamo aspettarci un cucciolo che scodinzola festoso a qualsiasi cosa dotata di movimento, ma dobbiamo capire che abbiamo a che fare con un cucciolo che, non ci rosicchierà niente, ma nel contempo se ne starà sulle sue in un angolino fino a quando non avremo guadagnato totalmente la sua fiducia. Il fascino del Canaan Dog sta proprio nel “conquistarlo”, dopo di che sarà un compagno perfetto. Per quel che concerne le cure del cucciolo/ adulto posso assicurarvi che sono poche, solo quelle basilari. Spazzolate quotidiane

in periodo di muta, in quanto il Canaan Dog ha un pelo doppio (lana e pelo di guardia) per proteggersi dal caldo, così come i cani nordici per proteggersi dal freddo. Unghie: deserto roccioso significa polpastrelli forti e unghie ancora più forti, per cui se il Canaan è in appartamento ha veramente bisogno che gli vengano tagliate le unghie molto spesso. Sull ‘ alimentazione, debbo sottolineare che il Canaan Dog non è un cane famelico, basta una razione quotidiana normalmente consigliata per il suo peso. Il Canaan di media è assai longevo: 13-14 anni.

COMMENTO ALLO STANDARD Vorrei fare un piccolo commento allo standard, per cercare di sottolineare (come in ogni razza) quanto l’aspetto sia utile alla funzione. Mi capita tantissime volte di ri-

Creammale Canaan selvatico preso dai beduini da Isabella Zirri: si è perfettamente integrato in famiglia

6

Rapporto muso/cranio 1/1 Corpo tendente al quadrato (ma essendo un trottatore non potrà mai essere perfettamente quadrato) e angolature medie. La pigmentazione deve essere nera, anche nei cani crema o sabbia. Coda attaccata alta ma non arricciata come nell’Akita. I colori ammessi sono tanti, se si esclude il black and tan, il tricolore, il grigio e l’albino. Si possono trovare veramente cani e cuccioli di qualsiasi colorazione vicino agli accampamenti dei Beduini. Il fatto che il Canaan Dog debba essere crema o sabbia è una leggenda metropolitana. La razza è allevata in Italia con grande successo dal 1990. Sono italiani (All.to Velikaya’s) gli unici Canaan Dog nati fuori da Israele a vincere BIS e BISS nella terra di origine della razza e i primi a fare il migliore di razza al Crufts. I Canaan italiani sono alla base di tanti allevamenti nel mondo.

cevere e-mail di proprietari di cani che mi mandano foto e mi chiedono se secondo me il loro amato compagno trovato per strada possa essere un Canaan Dog. Non è difficile per un cane del bacino del Mediterraneo assomigliargli, taglia media, orecchie erette, colore tra sabbia e crema.... In realtà, non funziona così. Il Canaan dog è una razza autoctona di Israele e corrisponde perfettamente al territorio in cui vive. Ovvero già salendo verso la Siria i Cani Pariah tendono ad appesantirsi, come nello stesso tempo la maggior parte dei cani del Sud (Sinai) tendono ad essere levrieroidi. Isabella Zirri


Gli allevatori presenti al Master dello scorso anno

L’importante iniziativa ENCI in tre incontri ad Orvieto

Master per allevatore 2014 Gli incontri concordati con l’Associazione Nazionale Medici Veterinari. Fra gli argomenti genetica, malattie, salute, comportamento e addestramento. Sul sito ENCI il programma dettagliato e le modalità di iscrizione

Si rinnova l’appuntamento con il Master per l’Allevatore Cinofilo, la cui prima edizione si è caratterizzata per l’alto livello dei contenuti espressi e per il grande successo di partecipazione. Il primo modulo formativo (Riproduzione, genetica e Libro genealogico) si terrà nei giorni 7-8 ottobre 2014. Il secondo (Pediatria e malattia dell’accrescimento, attività sportiva e salute) si terrà il 25-26 novembre 2014. Il terzo (Gestione professionale dell’allevamento canino. Comportamento, educazione ed addestramento) nei giorni 10-11 febbraio 2015. Sul sito dell’ENCI verranno pubblicati i programmi dettagliati e i relatori, oltre a ogni informazione pratica e a quelle relative alle quote di iscrizione. Se l’edizione precedente si è svolta tra Cremona e Milano, il Master 2014-2015 si svolgerà, per tutti e tre i moduli formativi,

a Orvieto, splendida località del centro Italia che offre facilità di raggiungibilità e strutture idonee. Il Master per l’Allevatore, nato dalla collaborazione dell’ENCI con l’Associazione Nazionale Medici Veterinari Italiani (ANMVI), intende favorire la crescita tecnico-professionale e l’aggiornamento degli allevatori del cane di razza secondo le più moderne metodiche di allevamento che prendono nella dovuta considerazione gli aspetti genetici, sanitari, morfologici, attitudinali e la loro corretta armonizzazione al fine del benessere animale e del miglioramento delle razze canine. Le relazioni degli esperti chiamati da ENCI e ANMVI non trascureranno gli aspetti regolamentari, normativi e di gestione qualitativa dell’allevamento. Nell’organizzazione dell’edizione di quest’anno si sfrutterà l’esperienza accu-

mulata nel precedente Master. Piccoli interventi sul programma consentiranno così di trattare più approfonditamente le tematiche che hanno riscontrato maggior interesse da parte degli allevatori. L’avvenuta partecipazione a ciascun corso, si ricorda della durata di due giorni ciascuno, sarà certificata da un diploma siglato dai presidenti di ENCI e ANMVI. L’allevatore che abbia partecipato ai tre moduli formativi, riceverà il diploma di Master per l’Allevatore Cinofilo e avrà diritto, da quel momento, alla menzione del conseguimento del Master sul Libro genealogico on line. E’ possibile frequentare anche uno solo o due moduli formativi. Coloro i quali non hanno completato il percorso nell’edizione precedente avranno la possibilità di conseguire il Master con la partecipazione ai moduli formativi mancanti nell’edizione 2014-2015.

7


Sacro e misterioso per gli imperatori cinesi

Carlino, la sorte in fronte Così lo ritenevano gli orientali sicuri che nelle rughe sulla testa fosse scritto il destino. Preferito da Napoleone e dai Windsor, è l’icona del grande Valentino A dir la verità non te lo domandi perché t’accorgi subito, appena lo vedi, che il Carlino è proprio bello. Dopo t’accorgi anche che è d’una simpatia discreta e travolgente insieme. Infine sai che può essere l’ideale compagno di casa ed il miglior alleato contro la solitudine. Ed infine la sopresa: non diresti proprio che deve il nome a Carlin Bertinazzi, un comico bolognese morto in Francia nel 1783 e che si copriva il volto con la maschera di Arlecchino. Ti guarda con la fronte corrugata come dovesse esprimere chissà quali pensieri, gli occhi che paiono nascondere non so quale ironia e la testa un po’ piegata per sbirciar meglio in sù e ti vien voglia di abbracciarlo. Perché serio, diventa persino un po’ buffo con quella maschera scura a cui deve il nome e che lo fece preferire nelle regge e nelle abitazioni di principi e nobili. Forse anche per questo si comporta come fosse su un immenso palcoscenico ed è difficile non sorridergli. Ecco uno dei motivi di un successo che è costante nel tempo come se moda e circostanze lo sfiorassero appena. Perché se vuoi bene al Carlino è per sempre. È attento quel tanto che basta, allegro quanto è necessario,

8

sempre però conscio della sua importanza. Però… se allunghi le braccia, al contrario di tanti altri cani da compagnia non si precipiterà verso di te, ma rimarrà fermo a guardarti con quegli occhioni tondi, tondi che emanano dolcezza attendendo un invito al gioco. E non sarai capace di dir di no. Infatti nonostante un corpo che è l’opposto di quello di un atleta, sia pure in miniatura, adora giocare, divertirsi e, diresti, far divertire, mantenendo alcuni atteggiamenti che sembrano la caricatura di tante posizioni di noi umani. Ecco perché persino il colore scuro del muso e che rammenta la grande maschera napoletana conosciuta in tutto il mondo ed il nome di un grandissimo artista che seppe conquistare le scene di Parigi quando Parigi era ancora più splendida, sembrano un giusto riconoscimento. Dopo un po’ che è in casa non sai bene se, in alcuni atteggiamenti od abitudini sia la fotocopia di chi ci vive o chi ci vive imiti il Carlino! Sembra un paradosso ma riesce così bene a districarsi in quella geografia di ogni giorno fatta di gesti ripetuti e di abitudini di vita fatta insieme che diventa parte della casa e della famiglia proprio come accade a tutti i miei

SE RUSSA STA BENONE Nessuna preoccupazione se quando inizia a dormire compone una sinfonia di rumori che altro non sono se non un poderoso russare. Significa che tutto procede bene perché è tipico della razza. Il fenomeno sta diminuendo proprio perché si cerca di selezionare esemplari con narici ben aperte. Durante il sonno assume posizioni differenti e non di rado graziosissime: acciambellato proprio come un gatto e con una zampina sotto al mento, oppure allungato in maniera simmetrica con alcuni atteggiamenti tipici e che sono rituali .A volte tiene la testa fra le zampe anteriori o infine stende la schiena e divarica le zampe posteriori stendendo la coda: è questa una delle sue posizioni preferite nell’estate quando per cercar refrigerio si allunga sul pavimento di marmo o di ceramica.


i nostri

Cani

Anno 60 num. 6 giugno 2014

IL FASCINO IN 23 RIGHE Decisamente quadrato e raccolto con muscolatura potente, ma non deve apparire mai basso sugli arti, né scarno o alto sugli arti.

Dell’Agata Blu. Non sarà inusuale che si abitui ad esser davanti al televisore proprio nell’ora in cui la guarda la persona che predilige: gli si mette accanto e simula interesse. Se gli è consentito salire sul divano sceglierà un posto e sarà sempre quello ma accanto a chi vuol bene, mai più in là della lunghezza di un braccio perché vuol essere sempre a portata di carezza. C’è chi lo definisce, fuori dagli schematismi usuali per selezionatori e adoratori della razza, cane da casa e da compagnia, ideale per gli anziani che vogliono sconfiggere la solitu-

dine, riempire con una presenza vivace e non invadente tante ore che altrimenti rimarrebbero isole avvolte in ore senza tempo. Eppoi è un cane di classe, non lo si dimentichi. Le sue origini sono remote nel remoto oriente e le prime notizie risalgono alla dinastia Chiang (1751-1111 a.Cr.). A Canton i Carlini vengono esaltati nella quotidianità dei dominatori e nell’eternità donata dall’arte: immagini impresse per sempre su ceramiche preziose o fatte emergere dal cesello in sculture di turchesi e giade. Gli antichi testi tramandano anche

Occhi: relativamente grandi, di forma rotonda, dall’espressione dolce. Mascella: inferiore larga con gli incisivi quasi in linea retta. Orecchi: sottili, piccoli, morbidi come velluto nero. Due tipi: “a rosa”: piccolo orecchio pendente che si piega all’indietro e rivela la voluta interna “a bottone”: padiglioni piegati in avanti, la punta aderente al cranio per coprire l’orifizio. Preferiti questi ultimi. Colore: argento, albicocca, fulvo o nero. Ognuno di loro nettamente definito, per avere un netto contrasto fra il colore, la striatura dorsale (striscia nera che va dall’occipite alla coda) e la maschera Peso 6,3 – 8,1 kg.

suoi significati esoterici e - leggi nelle prose - nelle corti di dominatori cinesi si favoleggiava che le rughe sulla fronte avessero - lette come ideogrammi - significati magici e che potevano essere letti ogni giorno in modo diverso. E non c’è chi non veda in questo lo stesso affascinante mistero delle profezie della Sibilla di Cuma.

9


Ecco spiegato perché il Carlino, per i sacerdoti di spiritismo o divinazione era la pagina vivente di un libro della sorte da svelare un po’ ogni giorno tentando di comprendere il cammino della sorte. In alcuni testi inglesi era chiamato Puck ed il nome deriverebbe da Puck, il folletto al servizio di Oberon re delle fate e che compare nel “Sogno di una notte di mezza estate “di Shakespeare. Però le derivazioni da nomi che riconducono ad autori antichi ed a leggende han sempre di bello la suggestione. Piccolo, poderoso, compatto, ha una muscolatura consistente e di potenza. Le orecchie, sempre nere, morbide cadono a petalo o sono appena più aperte. Si nota che anche nei migliori esemplari sono abbastanza grandi . La testa è imponente, rotonda, mai a forma di mela , muso quadrato e corto con rughe lunghe e profonde, tartufo nero, narici aperte e labbra ben delineate in grado di coprire interamente la dentatura. Il soggetto quindi non deve mostrare ne lingua né denti. Occhi grandi, lucidi, a globo e scuri. Corpo nel quadrato con la parte anteriore robusta. Il petto scende bene, torace cerchiato e ventre non

retratto. La coda deve integrarsi al dorso ed essere strettamente arricciata sull’anca, ottima se ha il doppio ricciolo. Se minuscola, portata male è difetto così come sono difetti gli occhi piccoli e la scarsa pigmentazione. La razza, che ha accentuato le sue meravigliose caratteristiche, ha subito negli anni numerosi miglioramenti ad opera degli allevatori italiani che continuano ad imporsi sui ring di tutta Europa. Inutile descriverli in dettaglio: a dir le loro virtù basta uno sguardo: hanno la perfezione delle forme, notevoli qualità psichiche, un’accentuata armonia fisica. Ecco perché furono scelti dal grande Valentino per portare nel mondo l’immagine della sua suggestiva “maison”. Il primo standard venne elaborato dal Club inglese nel 1987, dieci anni dopo l’imprimatur FCI riconferma con parole essenziali le doti del piccolo… immenso cane che fu compagno di imperatori e principi, nobili e cinofili autentici rimanendo sempre fedele a se stesso. Al suo carattere, alle sue doti di autentico funambolo dell’allegria. Maria Luisa Simone

SUL PATIBOLO CON LA REGINA Durante il regno di Luigi XV venne considerato il cane degli aristocratici ed Oudry ne celebrò l’ immagine in alcuni suoi dipinti: uno ritrae il Carlino di Maria Antonietta che lo volle vicino a se- e fu accontentataquando venne ghigliottinata. Un altro Carlino famoso appartenne al duca di Enghien condannato a morte perché fra i congiurati contro l’imperatore Napoleone: il nobile, giustiziato, volle sul patibolo il cane accanto a lui. Fu anche preferito dai duchi di Windsor.

IL CUCCIOLO PERFETTO È COSÌ Scelto l’allevatore non resta che scegliere il Carlino. E non è facile. Sono tutti bellissimi ma già un imperatore cinese sosteneva che il modo migliore di scegliere un Carlino fosse quello di …farsi scegliere da lui. Comunque pochi consigli: le zampe anteriori devono essere dritte, la coda arricciata, la chiusura della bocca come standard impone. Leggero prognatismo ma pancia mai gonfia. Occhi lucidi ma non umidi, piega del naso pulita, manto privo di alterazioni. L’età migliore è quando si avvia a compiere i tre mesi. Può accadere abbia una striscia scura sul dorso: importante il pelo sia setoso. Unghie nere come la maschera e le orecchie. Se nero deve avere pelo lucido.

NERO COME UNA NOTTE NERA Il nero ha un fascino particolare ed in alcune nazioni del Nord ha autentici adoratori. L’originalità del manto è stata conservata gelosamente come un antico patrimonio genetico così i neri nascono solo da genitori che abbiano egual colore. È vero, esistono alcune eccezioni di figli neri da genitori di diverso mantello ma in questo caso la pelle fa la spia e non ha colore scuro. Il carattere è diverso: più calmo ed affettuoso il nero. Attenzione all’ossatura che potrebbe risultare più leggera di quella del fulvo.

10


27-29 giugno. La kermesse Internazionale di Coursing

Tre giorni da campioni I più forti atleti del mondo si confrontano a Millegrobbe nel Trentino. Il grande significato dell’iniziativa, come anticipo della mondiale. L’impegno dell’ENCI e del vicepresidente Dino Muto

R

apido come un soffio, il coursing t’avviluppa nella sua magia ed insegue il sogno mai raggiunto della velocità. Lo rivive in ogni confronto e crea sempre un vincitore, mai gli sconfitti o una meta definitiva. Ed anche questo si aggiunge al fascino di competizioni che hanno sempre il brivido dell’imprevisto. Come ogni gradino che la vita pone da salire. Parlano Marcello Poli e Daniela Sorlini, componenti del Comitato Organizzatore, che sembrano cercare in immagini e parole la geografia ed il volto della grande kermesse che, dal 27 al 29 giugno, porterà da tutta Europa sugli

Piccolo Levriero Italiano foto di Chiara Balzani.

12

“La velocità è una forma di estasi”. Milan Kundera

Altopiani Cimbri, i campioni del coursing. Tutti insieme per un incontro fra atleti ed in competizione per la conquista della corona continentale. Di fatto quindi l’incontro apre le iniziative di preparazione alla mondiale: ne inizia il cammino, che già si sta facendo rapido nell’organizzazione e nei preparativi. In Trentino quindi

un appuntamento importante perché… “Le motivazioni sono molte e tutte valide e ciascuna sembra – ed è – la più significativa. Esiste la necessità di confermare il valore del coursing come disciplina sportiva che ha in sé grandi valenze spettacolari e tecniche, proprio perché restituisce ad alcune razze il carisma della loro origine: lo ha ben compreso l’ENCI e significativamente il vicepresidente Dino Muto, che ha mantenuto, come è solito fare, una promessa fatta tempo prima. Con lui, con il direttore tecnico Angelo Pedrazzini, il comitato tutto e gli appassionati, che numerosi si sono resi disponibili affinché la kermesse abbia ampio risalto. Il coursing è la disciplina sportiva principe


i nostri

Cani

Anno 60 num. 6 giugno 2014

per le razze levriere, nel nostro Paese regolamentata da circa due decenni…”. Quindi un’attività limitata solo ad alcune razze… “Certamente. E in particolare alle razze del gruppo X che sono le più veloci in assoluto. I cani di questo gruppo cacciano a vista ed inseguono la preda basandosi su caratteristiche che vengono valutate dagli esperti giudici: la velocità, la destrezza, l’ardore, l’intelligenza e la resistenza. Anche alcune razze del tipo primitivo del gruppo V però vi si possono cimentare, come i Podenchi, il Pharaoh Hound ed il nostro Cirneco dell’Etna. In pista sono i Greyhound i cani più veloci, soggetti ben allenati possono sfiorare anche 70/73 km/h. Il racing è velocità pura, vince il cane che per primo taglia il traguardo inseguendo la lepre meccanica. Il sistema di cronometraggio e di foto finish certifica i tempi impiegati a coprire le distanze regolamentari. Mentre nel racing sono i Greyhound i cani più veloci in assoluto, nel coursing è l’Whippet, detto anche “cane scatto”, ad esprimere, su percorso misto e su brevi distanze, la massima accelerazione.” Racing e coursing… non sono fratelli? La domanda solo in apparenza diventa irrituale perché esistono differenze fra specializzazioni e solo i tecnici le conoscono. Dice a questo proposito Daniela Sorlini “Le discipline dove queste razze esprimono al meglio il loro istinto sono due. Il racing, che si svolge nei cinodromi, dove la pista è ben bilanciata con erba soffice o sabbia. Le distanze sono comprese da 345/390 a 475/480 metri insieme alla lunghezza richiesta per la prima dirittura. Altre regole specifiche dispongono ad esempio che il raggio della curva debba essere di almeno 42 metri e che l’ampiezza minima della pista sia di 6 metri nella dirit-

tura, 8 metri nelle curve e 7 metri in pendenza. Il coursing, invece, simula la caccia alla lepre su di un campo aperto, ove la lepre non è ovviamente un selvatico, ma è rappresentata un grande fiocco di materiale plastico trainato meccanicamente da un filo, che scorre indirizzato da una serie di pulegge (una decina) ancorate al terreno. Il percorso di gara varia usualmente da una lunghezza di 500/1.000 ml. per le razze di taglia grande e di 400/700 ml. per le razze di piccola taglia”. Se dovesse fare una valutazione del livello qualitativo del coursing in Italia… La domanda non la coglie di sorpresa... “In Italia sono i tre club di razza (Club del Levriero, AIALA e Circolo del Piccolo Levriero Italiano) che, con l’ausilio di gruppi di lavoro e sezioni dedicate e sotto il patrocinio dell’ENCI per la gare nazionali e della FCI per le gare internazionali, organizzano le manifestazioni con in palio le qualifiche per accedere al campionato Italiano o Internazionale. Complessivamente ogni anno vi sono almeno 24 tra manifestazioni nazionali e internazionali dove i cani corrono, o nei cinodromi, o sui campi di coursing”. Sul sito dell’ENCI nella sezione dedicata al calendario delle manifestazioni sono riportate le date e le località delle prove di caccia per cani levrieri. “I cinodromi regolamentari, che in Italia sono omologati per ospitare competizioni nazionali o internazionali sono tre, due al nord e uno al centro. Sono strutture fisse, che richiedono risorse per la loro realizzazione ed impegno costante per la manutenzione e la gestione. Le gare di coursing, che simulano una diversa tipologia di caccia rispetto al racing, possono variare di sede nel corso degli anni, spaziando da una regione all’altra su

tutto il territorio nazionale. Il cambiamento dei campi di gara è anzi opportuno. Non dimentichiamo infatti che i levrieri cacciano a vista e sono dotati di un’ottima memoria, motivo per cui è anche obbligatorio nelle competizioni di coursing invertire il percorso, fra la prima e la seconda manche. Nel coursing le attrezzature necessarie per montare il percorso di caccia sono dunque removibili e questo dà la possibilità agli organizzatori di cambiare facilmente il tracciato di gara. Una competizione di cousing richiede una localizzazione dove ampi spazi verdi diano la possibilità di programmare un percorso di gara tecnicamente adeguato e che rispecchi i criteri di sicurezza per i soggetti in competizione, il luogo deve essere facilmente raggiungibile per l’organizzazione, i partecipanti e gli spettatori. L’accoglienza deve prevedere un centro di ristoro dotato di servizi di prima necessità. Spesso è difficile poter contare sulla presenza contemporanea di tutti questi presupposti ed individuare una località consona ad organizzare la manifestazione. Esistono bellissimi appezzamenti di terreno verde, ampi a sufficienza e tecnicamente consoni, ma privi di strutture di prima necessità e di accoglienza; viceversa spesso quando ci sono le strutture significa che l’ambiente è antropizzato, i terreni spesso coltivati, e possono di conseguenza scarseggiare gli spazi prativi. Millegrobbe, località della provincia di Trento, situata sullo splendido altopiano di Lavarone e Luserna, nei giorni 27,28 e 29 giugno ospiterà il Campionato Europeo di Coursing 2014. Questo luogo è stata scelto perché risponde a tutti i requisiti indispensabili per sostenere il carico di una manifestazione così importante”. Dino Scarso

13


gruppi cinofili

& filo diretto

Il successo di una iniziativa del Gruppo Cinofilo Forlivese

Bambini e cani, una relazione speciale H

appy Family è un evento che l’Ente Fiera di Forlì dedica alle famiglie ed in particolare ai bambini: è giunto quest’anno alla 2° edizione ed è stato riproposto dopo l’incredibile successo del 2013 (30.000 presenze), l’1 e 2 marzo 2014 in versione ancora più ricca e completa, riportando risultati ancor più notevoli (si parla di 50.000 presenze). L’idea che ci ha mosso, come Gruppo Cinofilo Forlivese, già dallo scorso anno, a voler essere presenti a questo evento si riassume nello slogan che ha caratterizzato la nostra partecipazione: “Bambino-cane, una relazione speciale”, e che nasce dalla meraviglia e dallo stupore che ci coglie nel vedere che tipo di interazione riesca ad instaurarsi tra bambini e cani: affinità, comprensione, empatia sono le parole che più facilmente ci vengono in mente. Inoltre molto spesso un cane entra in famiglia per desiderio o richiesta di un bambino e quindi investire sui piccoli può rappresentare il futuro per i nostri gruppi e per la cinofilia. Insieme quindi a Dog Galaxy, il centro cinofilo che ormai da qualche anno collabora con noi in molte organizzazioni, abbiamo allestito uno stand dove, oltre a distribuire materiale informativo, abbiamo fatto giocare i piccoli presenti con un certo numero di soggetti selezionati per essere particolarmente predisposti all’interazione con le persone ed utilizzati anche per la pet terapy. Inoltre sono state proposte, più volte al giorno, delle mini conferenze sull’etologia del cane (tenute dal responsabile di Dog Galaxy, Stefano Cavina), per dare ai presenti un’informazione di base su quale deve essere il modo più corretto di approcciarsi ai nostri grandi amici. Ed infine, perché i piccoli si ricordino di noi e dell’evento, abbiamo realizzato un migliaio di gadget, palloncini gonfiabili con i loghi di dell’ENCI e di Dog Galaxy, che sono stati particolarmente apprezzati; il loro numero, visto l’afflusso, è risultato purtroppo assolutamente insufficiente per accontentare tutti: speriamo di poter fare di più il prossimo anno. In conclusione: un grande successo e due giornate da ricordare; un grazie a tutti quanti hanno collaborato e alla Fiera di Forlì per l’ospitalità. Giovanni Garoia

14


i nostri

Cani

TORINO EXPO Anno 60

num. 6 giugno 2014

Dogs For Children e Doctor Magic

S

ull’onda del successo dell’edizione 2013, in occasione l’80° anniversario dell’ Expo internazionale di Torino, è già ora di pensare alla seconda edizione, ancora più ricca di iniziative il 5 e 6 luglio sempre nella splendida cornice dell’Oval del Lingotto di Torino. Grazie alla generosità dell’ENCI ed alla buona risposta del pubblico e dei cinofili lo scorso anno è stato possibile devolvere ben 15.000 Euro di contributo alla “Marco Berry Onlus”, impegnata nella costruzione dell’ospedale pediatrico didattico di Hargeisa in Somalia. Tante le sorprese per l’edizione 2014. Marco Berry sarà con noi sia sabato che domenica, per presentare, sul ring d’onore, una serie di nuove iniziative. Un gruppo di bambini di una scuola di karate UISP eseguirà complessi esercizi insieme ai cani; nei due giorni ci sarà un contest di Junior Handling, e domenica 6 luglio, dulcis in fundo, la PRO PLAN CUP, giudicata da prestigiosi giudici internazionali, riuscirà ad unire cuccioli e bambini in un mix divertente per entrambi. Attraverso l’animazione, e con l’abilità di presentatore di Marco Berry, si vuole dare un taglio diverso all’Expo, con un profondo significato di solidarietà verso i

Marco Berry e Clemente Grosso durante la cerimonia organizzata in favore del Foud Raising per la costruzione dell’ospedale in Somalia dove la mortalità dei bambini è particolarmente elevata. l’Università di Torino intende specializzare in pediatria dei medici somali, che siano in grado di affrontare la drammatica situazione.

bambini attraverso il divertimento e la gioia. Per questo, l’iniziativa umanitaria si allarga a un nuovo progetto: “Doctor Magic - Un Mago in Corsia.” Un mago professionista che affianca ogni giorno il personale medico durante le medicazioni negli ospedali pediatrici, anche quelle più dolorose per le quali però non è prevista l’anestesia. É il secondo passo di un progetto ambizioso che vuole, per il prossimo anno,

spingersi alla creazione di un Centro di formazione per operatori di pet therapy. Un altro sogno da realizzare, e un’altra occasione per la cinofilia di rendersi utile al bene della nostra società. Siamo certi che i cinofili italiani avranno tutta la sensibilità per apprezzare l’iniziativa e sostenerla con la propria partecipazione il 5 e 6 luglio. Grazie a tutti per l’aiuto.


& filo diretto

gruppi cinofili

Una iniziativa del Gruppo Cinofilo di Frosinone

“InPuntaDiZampe” a scuola Cane e bambino: un’amicizia per la vita e un insegnamento

U

na iniziativa cominciata nel mese di ottobre scorso con i ragazzi degli Istituti Comprensivi dei Comuni di Santopadre, Arce e Fontanaliri che sono stati spettatori, in una splendida giornata autunnale, di esibizioni di unità cinofile, junior handler, pet therapy con la partecipazione di un esperto giudice che ha magistralmente spiegato e simulato come si svolge una verifica zootecnica dei soggetti iscritti alle manifestazioni. La curiosità dei ragazzi e la voglia di ampliare le loro conoscenze cinofile sono state di grande stimolo per il Gruppo Cinofilo di Frosinone che nei mesi successivi ha organizzato a Cassino, nella scuola secondaria di primo grado “Diamare”, appartenente al Terzo Istituto Comprensivo, e a Sora, nella scuola secondaria di primo grado “Edoardo Facchini”, una serie di incontri programmati del progetto “InPuntaDiZampe“. Ottima l’accoglienza dei numerosi ragazzi di prima media che hanno tempestato di domande l’educatore cinofilo, Giuseppe Palmaccio, e trovato subito un bellissimo

16

feeling con i quattro zampe presenti per l’occasione. Altrettanto interesse per la descrizione delle razze canine con particolare attenzione alle Razze Italiane operata magistralmente dal relatore Roberto Sciorilli. Particolare attenzione alla lezione dedicata al CAE 1, il Test di controllo dell’affidabilità e dell’equilibrio psichico per cani e padroni “Buoni Cittadini”, relatore l’esperto giudice Pietro Marino, ed allo Junior Handler dove Angela Lombardi ha dato un saggio con il proprio cane e indicato come anche i ragazzi più giovani possono partecipare alle manifestazioni cinofile. Infine gli incontri si sono conclusi con l’esibizione delle unità cinofile dei vigili del fuoco e della polizia municipale del comune di Sora coordinati dall’addestratore cinofilo Emilio Citro. Intensi gli applausi ed il trasporto dei ragazzi. Il progetto di educazione cinofila “InPuntaDiZampe“ si rivolge a coloro che saranno i protagonisti del futuro della Cinofilia, ai bambini e ai ragazzi, con l’intento di avvicinarli a questo splendido mondo, che ancora per tanti è sconosciuto, e per far vivere da vicino esperienze

che altrimenti potrebbero rischiare di non conoscere. Il Gruppo Cinofilo della provincia di Frosinone, di concerto con le iniziative proposte dall’ENCI, si propone di sviluppare nei bambini e nei preadolescenti la conoscenza ed il rispetto delle altre forme di vita, di creare le basi per un nuovo rapporto di amicizia e di fiducia con il cane attraverso un coinvolgente percorso di conoscenza reciproca. L’obiettivo principale è la promozione e la diffusione di un’appropriata conoscenza del mondo cinofilo tra i giovani, allo scopo di favorire l’assunzione di atteggiamenti e comportamenti personali per il rispetto dei diritti degli animali. Il Progetto, oltre a favorire l’avvicinamento e l’interesse dei giovani verso la cinofilia e il cane di razza, intende sfruttare anche le valenze psicologiche, formative, educative e didattiche che l’interazione uomo-cane può offrire: accrescimento dell’autostima, incoraggiamento delle pulsioni relazionali, aumento della curiosità, diminuzione della timidezza, aumento del raggio comunicativo, incremento della fantasia, miglioramento della conoscenza del proprio corpo, aumento della sensibilità, miglioramento dei rapporti all’interno del gruppo classe. Un ringraziamento affettuoso ai soci del Gruppo Cinofilo che hanno collaborato alla iniziativa, ad Eleonora Caramanna per i preziosi consigli nella stesura del Progetto, un grazie particolare ai professori per la loro grande e preziosa disponibilità ed ai Presidi degli istituti che hanno voluto dare fiducia al Progetto e con le loro parole sostenere l’iniziativa: ”…. splendide giornate con i ragazzi di prima media...curiosi ed attenti. Si ringrazia il Gruppo Cinofilo di Frosinone per questa bella opportunità.... ottima iniziativa.” Per concludere, il nostro auspicio, in un abbraccio ideale del cane col mondo dei bambini, viene perfettamente sintetizzato dal Presidente dell’ ENCI, Francesco Balducci, che ci ha regalato questa citazione : “Generoso, leale, umile e coraggioso. Il cane è tutto questo. Ci vuole bene per quello che siamo. Tutti noi dovremmo ricambiare con la stessa lealtà. Proprio come fanno i bambini”. Barbara Macchia


NOVARA

BEST IN SHOW, GIUDICE LEONARD MICHAEL 1° Siberian Husky CRY OUT THE LONG RUN pr. Katia Introzzi 2° Carlino fulvo GIO.DO.GIO RAMESSE pr. Omar Manetti 3° Levriero Afgano RAMSES ARKHO DEI PRINCIPI DEL DESERTO pr. Giordano Cordella

Il 19 aprile a Novara tanti cani e folla

La bella Pasqua del Siberian Il fuoriclasse di Katia Introzzi sul podio con un Carlino ed un Levriero

U

ova pasquali e fette di colomba hanno fatto da cornice ad una giornata serena dove la passione e la voglia di partecipare hanno raccolto 451 cani, di 110 razze, sabato 19 aprile (Vigilia della Santa Pasqua), presso il centro fieristico di Caresanablot, in occasione dell’Esposizione Nazionale di Novara. La giuria ha svolto con competenza e celerità il proprio lavoro così da rispettare quelle che erano le tempistiche citate sul programma a catalogo. Il “Trofeo Città di Novara” rappresentato da una miniatura della Cupola Di San Gaudenzio dell’architetto Antonelli è andato al Siberian Husky Cry Out The Long Run vincitore del Best in Show giudicato da Leonard Michael proveniente dall’Irlanda. Il Gruppo Cinofilo Novarese e del Sesia vuole ringraziare tutti i proprietari, i giudici, il delegato dell’ENCI i commissari di ring, le veterinarie di servizio e tutti i soci che hanno reso possibile questa bella giornata prefestiva. Silvano Vitali 22

RAGGRUPPAMENTI GRUPPO Ê 1° Bearded Collie Knowing Me KnowingYou Pr. Catherine Poidevin GRUPPO Ë 1° Bullmastiff I Bravi Ragazzi Edward Scissorhands Pr. Allev. I Bravi Ragazzi GRUPPO Ì 1° Airedale Terrier Ogle Von Garnsee Pr. Giulio Audisio di Somma GRUPPO Í 1° Bassotto standard p/d Guia delle Rocche di Albaro Pr. Stelio Ogliastro GRUPPO Î 1° Siberian Husky Cry Out the Long Run Pr. Katia Introzzi GRUPPO Ï 1° Labrador Retriever Rosemade Lightly Hopped Pr. Rosa Agostini GRUPPO Ð 1° Carlino fulvo Gio.Do.Gio Ramesse Pr. Omar Manetti GRUPPO Ñ 1° Levriero Afgano Ramses Arkho dei Principi del Deserto Pr. Giordano Cordella BIS RAZZE ITALIANE 1° Bracco Italiano B/A Antonio Citterio di Ala D’Oro Pr. Tamara C. Cislaghi BIS JUNIORES 1° Jack Russell Terrier Bean All Jacks Pr. Christian Castellani BIS VETERANI 1° Alano arlecchino Sveva di San Filippo Pr. Enrico Magaglio BIS COPPIE 1° Pastore Russia Meridionale Dear Davidov Balandis & Blizzard dei Cuori d’Acciaio Pr. Giampiero Chiacchiera BIS GRUPPI 1° Dogo Argentino Pr. All. dei Fiori Bianchi


i nostri

SIENA

Cani

Anno 60 num. 6 giugno 2014

BEST IN SHOW 1° STARRY TOWN FABERGÈ Bovaro del Bernese pr. Silvia Fabbri 2° IPPO DELLA LEONILDA Spinone Italiano pr. Maurizio Turci 3° STARDUST KELLY’S DEXTER Spitz nano pr. Elisabetta Bucalossi

A Pontea a Tressa 500 cani per la Nazionale del Gruppo Cinofilo Senese

Fabergè sul trono Vince il Bovaro Svizzero di Silvia Fabbri in una giornata di sole che ha richiamato molto pubblico

I

l 6 aprile si è tenuta la 54° Esposizione nazionale di Siena negli impianti di Ponte a Tressa organizzata dal Gruppo Cinofilo Senese che ha visto la partecipazione di 500 cani, più o meno come lo scorso anno (la recessione non ha toccato la nostra esposizione). Favoriti da una bella giornata di sole c’è stata una buona affluenza anche di pubblico. Circa 150 le razze esposte. Buona la presenza dei Bassotti e dei Retriever. Trionfo del Bovaro del Bernese Starry Town Fabergè di Fabbri seguito da Ippo Della Leonilda Spinone Italiano di Turci e al terzo posto Stardust Kelly’s Dexter Spitz nano di Elisabetta Bucalossi . Cogliamo l’occasione per ringraziare tutti i collaboratori, espositori e Farmina sponsor della manifestazione,che ci hanno sicuramente aiutato nella buona riuscita dell’expo. Carlotta Palazzesi

RAGGRUPPAMENTI GRUPPO Ê 1° TEMPESTA DI LUCUS ANGIATIAE Pastore Maremmano Abruzzese pr. Guglielmo Caruso GRUPPO Ë 1° STARRY TOWN FABERGE’ Bovaro del Bernese pr. Silvia Fabbri GRUPPO Ì 1° GIRL GONA WILD American Stafforshier Terrier pr. Irene Bortone GRUPPO Í 1°AZEL DE I TITANI DI URANO Bassethound pr. Francesca Ghezzi GRUPPO Î 1° STARDUST KELLY’S DEXTER Spitz nano pr. Elisabetta Bucalossi GRUPPO Ï 1°IPPO DELLA LEONILDA Spinone italiano pr. Maurizio Turci GRUPPO Ð 1°SWEET INDEED THAT’S AMORE IN FASHION STYLE Chihuahua p/l pr. Allev. That’s Amore GRUPPO Ñ 1° HONEYMOON DU DOMAINE DE CHATELOUP Piccolo Levriero italiano pr. Fabio Pasquini BIS GIOVANI 1 ° OMAR Cane Lupo Cecoslovacco pr. Francesco Venanzoni BIS RAZZE ITALIANE 1° HONEYMOON DU DOMAINE DE CHATELOUP Piccolo Levriero Italiano pr. Fabio Pasquini BIS COPPIE FARAOLAND SIGI FREUD- ARLETTE Basenji pr. Maurizio Ferrini BIS GRUPPI SEGUGI ITALIANI PELO RASO pr. Mario Meini

23


I R A I H C I T N MO

BEST IN SHOW 1° Spitz Nano Of Poms Forever Black Dragon Pr. Claudio Masi 2° Fox Terrier p/l Absolutely Superstitious Pr. Schoneberg 3° Levriero Afgano Tiberio Tancredi Gandamak Pr. Maria Cristina Leonardi

In 2500 all’expo del Gruppo Cinofilo Bresciano

Piccolo Spitz grande Best Raduni e speciali da record con 174 Bassotti e 157 Bulldog. Tanto pubblico e soddisfazione per gli organizzatori che raccolgono complimenti da tutti

I

n un assolato weekend ha avuto luogo il 12 e 13 aprile nel quartiere fieristico di Montichiari l’annuale impegno espositivo del Gruppo Cinofilo Bresciano arrivato quest’anno alla sua 52° edizione. Grazie alla collaborazione con alcune Associazioni specializzate (numerosi i soggetti esposti in raduni e mostre speciali), all’ASD Charlie Dog che ha curato l’agility ed al Cae-1, i numeri dei cani iscritti sono stati davvero notevoli: 2500 esemplari suddivisi nelle varie discipline. In totale sono stati dieci i Raduni ospitati dal Gruppo Cinofilo Bresciano e nove le Mostre speciali; notevole spazio quest’anno è stato dato ai Bulldog Inglesi che hanno risposto numerosi, ben 157 al Raduno e 116 all’Expo Internazionale, al richiamo partito dal Gruppo Cinofilo Bresciano non sono i soli ad aver aderito con importanti numeri, anche i Bassotti che hanno sfilato in pompa magna calcando la passerella 24

BIS Coppie sabato 12/4/14 1° Segugio Italiano p/f Pr. Pietro Zanardi 2° Dalmata Pr. Francesco Richetti 3° Pastore Bergamasco pr. Allev. dei Lupercali


i nostri

Cani

Anno 60 num. 6 giugno 2014

BIS Coppie domenica 13/4/14 1° Saluki Pr. Anna Gilda Mitolo 2° Bassotto standard p/d Pr. Allev. del Tocai 3° Schnauzer nero Pr. Omar Manenti

GRUPPI sabato 12/4/14 1° Segugio Italiano p/f Pr. Pietro Zanardi 2° Volpino Italiano Pr. Allev. del Colle degli Ulivi 3° Dalmata Pr- Francesco Richetti

GRUPPI domenica 13/4/14 1° Barbone grande mole bianco Pr. Lorena Merati 2° Carlino nero Pr. Sergio Soffientini 3° Schnauzer nero Pr. Leonardo Kunder Franco

del Raduno ABC con 174 esemplari. Note di merito vanno sicuramente attribuite agli accoglienti padiglioni della fiera ed al loro facile accesso logistico, ai parcheggi ampi e gratuiti, ai ring spaziosi e completamente moquettati, e non da ultimo ad una rinomata giuria internazionale. Ci facciamo portavoce dei complimenti che molti giudici hanno espresso nei confronti dell’organizzazione, dei commissari di ring e degli interpreti che li hanno professionalmente seguiti nelle due giornate. Molto sentito il concorso Junior Handler che ha visto numerosi iscritti iscritti sostenuti calorosamente dal folto pubblico che ha fatto da splendida cornice nelle due giornate di Expo. Al termine dei Raggruppamenti, il Best in Show è stato assegnato allo Spitz Nano Of Poms Forever Black Dragon, la Riserva al Fox Terrier pelo liscio Absolutely Superstitious e sul 3° gradino del podio è salito il Levriero Afgano Tiberio Tancredi Gandamak. Un ringraziamento a tutti gli espositori, agli sponsor, agli standisti e al pubblico accorso sempre numeroso. B.S.

RAGGRUPPAMENTI SABATO 12/4/14 GRUPPO Ê 1° Past. Maremmano Abruzzese Giotto di Lucus Angitiae Pr. Gabriella Segato GRUPPO Ì 1° Fox Terrier p/l Absolutely Superstitious Pr. Schoneberg GRUPPO Î 1° Spitz Nano Of Pom1° s Forever Black Dragon Pr. Claudio Masi GRUPPO Ï 1° Segugio Italiano p/f Mel di Pompiano Pr. Pietro Zanardi GRUPPO Ð 1° Spinone Italiano b/a Ippo della Leonilda Pr. Lorella Vismara BIS GIOVANI 1° Akita Americano n. 924 Estava Rain Only Style Remains Pr. Friedrich Birkmar BIS JUNIORES 1° Welsh Corgie Pembroke Dragonjoy Dream of Glory Pr. Allev. Dragonjoy BIS VETERANI 1° Pastore di Brie fulvo grigio Billiejean delle Nebbie di Avalon Pr. Allev. delle Nebbie di Avalon BIS RAZZE ITALIANE 1° Cirneco dell’Etna Hadranensis Totò Pr. Jane Moore

RAGGRUPPAMENTI DOMENICA 13 /4/14 GRUPPO Ë 1° Zwergschnauzer nero Blackgalaxy Yannich Noah Pr. Osvaldo Piuzzi GRUPPO Í 1° Bassotto kaninchen p/d The Answer del Wanhelsing Pr. Allev. del Wanhelsing GRUPPO Ñ 1° Cocker Spaniel Inglese Francini’s Private Collection Pr. Lorella Vismara GRUPPO Ò 1° Barbone grande mole bianco Smart Connection Max Mara Pr. Alice Gasparoni GRUPPO Ó 1° Levriero Afgano Tiberio Tancredi Gandamak Pr. Maria CristinaLeonardi BIS GIOVANI Cocker Spaniel Inglese Francini’s Moonlight Serenade Pr. Lorella Vismara BIS JUNIORES Boston Terrier Primo Cavaliere Geraldine Pr. Allev. Primo Cavaliere BIS VETERANI 1° Lagotto Romagnolo Bongo Pr. Severino Grilli BIS RAZZE ITALIANE 1° Piccolo Levriero Italiano Failabrava del Barone Rampante Pr. Maria Stringa Basile

25


PIACENZA

BEST IN SHOW PIACENZA 14 MARZO 2014 1° Bullmastiff, I Bravi Ragazzi o Sole Mio, Pr. Aldo Nolli 2° Akita Americano, Estava Rain Only Style Remains, Pr. Friedrich Birkmar 3° Bassotto kaninchen a pelo duro, Balou Girl Del Wanhelsing Pr. Allev. del Wanhelsing

Grande partecipazione alle tre Esposizioni Internazionali di Piacenza, Parma e Reggio Emilia

La carica dei 5000 Nella Città del Tricolore 5380 concorrenti, quasi 8000 visitatori. Tre giorni di intensa cinofila. Vincono un Bullmastiff, un Akita Americano e un Clumber Spaniel

R

icordo ancora il giorno in occasione di un Consiglio del Gruppo Cinofilo Reggiano quando illustrai l’idea di organizzare tre CACIB insieme agl’amici di Piacenza e Parma, tre CACIB in un week end unico iniziando di venerdì incorporando tanti Raduni di Associazioni Specializzate legati a noi da una stretta e sana amicizia. Alcuni risposero che poteva essere azzardato ma se ben studiato realizzabile, altri mi diedero anche del matto per il timore di chiudere il bilancio in rosso del Gruppo Cinofilo e di fare brutta figura oltre che a noi, anche agl’amici cinofili di Piacenza e Parma. Risposi che, nel 2006 per la prima volta in Italia si organizzò a Reggio Emilia il doppio CACIB e se i tre Gruppi Cinofili approvavano questa novità, si poteva provare ad organizzare sempre la prima volta in Italia tre CACIB iniziando al venerdì!! 26

Sarò matto, ma non è mai esistito ingegno senza un poco di pazzia… Da quel giorno abbiamo cominciato a mettere insieme tutti i mattoni per costruire questa nuova avventura, ognuno dei componenti del comitato esposizioni aveva dei compiti ben precisi: Francesco Ricchetti e sua moglie Luisa ai Commissari di Ring; Maria Battilani e sua figlia Jessica Rocchi ,Simona Bandini del Gruppo Cinofilo Parmense, Emma Antonini del Gruppo Cinofilo Piacentino e Pierluigi Buratti per i giudici e le Associazioni Specializzate; il professor Mauro Cervi sempre pronto in prima linea per l’allestimento dell’Ente Fiera ed infine al nostro vice presidente Angelo Simoncini, persona di una cultura e intelligenza quasi unica, forse rara, il compito più difficile: ascoltare e sopportare tutte quelle pazzie che mi venivano in mente in qualsiasi momento della giornata... non ha mai sbagliato a darmi consigli!


PARMA

BEST IN SHOW PARMA SABATO 15 MARZO 2014 1° Akita Americano, Estava Rain Only Style Remains, Pr. Friedrich Birkmar 2° Piccolo Levriero Italiano, Failabrava del Barone Rampante, Pr. Maria Stringa Basile 3° Bassotto Kaninchen a pelo duro, WeiHai Wei del Wanhelsing, Pr. Allev. Del Wanhelsing

Insieme abbiamo passato ostacoli pericolosi come la possibilità di non poter svolgere le tre esposizioni perché l’Ente Fiere di Reggio Emilia correva il rischio di chiudere per svariati debiti. A tutti i cinofili Reggiani che si presentavano in ufficio, dicevo di prepararsi con i propri cani per andare a presidiare la piazza del Municipio insieme a Striscia la Notizia, nel caso l’Ente Fiera avesse chiuso i battenti… Si era pensato a un trasferimento presso l’Ente Fiere di Parma, i costi elevatissimi ci avevano un po’ frenato ma non impedito di andare avanti… ultima mossa, insieme agli amici Caselli

e Pinelli abbiamo pensato… perché non acquistiamo l’Ente Fiera? Non saremo figli della paura… Alla fine del 2013 in città, sui giornali e televisioni locali non si parlava d’altro, l’Ente Fiera rischiava di chiudere e tutte le manifestazioni correvano il rischio di traslocare in altre città se non addirittura essere cancellate facendo perdere introiti importanti all’intera città. Ed invece, comportandoci in questo modo, abbiamo fatto “bingo” l’Ente Fiera si è rialzata e ora siamo qui contenti più che mai a raccontare il successo di questo trittico!

Razze Italiane Piacenza 14 marzo 2014 1° Bracco Italiano bianco arancio, Aster Dei Sanchi, Pr. Marcello Salvi 2° Piccolo Levriero Italiano, Failabrava del Barone Rampante, Pr. Maria Stringa Basile 3° Maltese, Missis White Bollinger, Pr. Barbara Vezzani

BIS Razze Italiane Parma sabato 15 marzo 2014 1° Piccolo Levriero Italiano, Failabrava Del Barone Rampante, Pr. Maria Stringa Basile

27


Foto di gruppo per gli organizzatori dell’evento

Perché ho voluto rendervi partecipi di un pezzo di quest’avventura? Tutte le volte, prima, durante e dopo una Esposizione, ci divulghiamo nei soliti convenevoli di ringraziamenti rivolti all’ENCI, ai giudici, commissari di ring, sponsor o altro, ma spesso ci dimentichiamo di chi ci permette di andare avanti con forza e passione senza alcun timore perché siamo consapevoli di avere persone amiche che ci aiutano sempre, specialmente nei momenti di difficoltà come precedentemente raccontato, ma senza di loro, chi ci darebbe la forza di combattere a volte anche contro i mulini a vento? Per questo motivo voglio ringraziare: Il Gruppo Cinofilo di Piacenza, il Gruppo Cinofilo di Parma, la Associazioni Specializzate di razza con le loro Mostre Speciali. Il “Dogo Argentino Club Italia”, “Club Cane Lupo Cecoslovacco”, “Club RAGGRUPPAMENTI CACIB PIACENZA 14 MARZO 2014 GRUPPO Ê 1° Pastore Bergamasco Lete del Piervez Pr. Claudia Bignamini GRUPPO Ë 1° Bullmastiff I Bravi Ragazzi o Sole Mio Pr. Aldo Nolli GRUPPO Ì 1° Fox Terrier p/r Estela Vd Schonen Bergen Pr. F.W. Schoneberg GRUPPO Í 1° Bassotto kaninchen p/d Balou Girl Del Wanhelsing Pr. Allev. del Wanhelsing GRUPPO Î 1° Akita Americano Estava Rain Only Style Remains Pr. Friedrich Birkmar GRUPPO Ï 1° Dalmata Daumont Standind Ovation Pr. Gabriele Vettori GRUPPO Ð 1° Cane Da Ferma Tedesco p/c Demon Pr. Renato Malaguti GRUPPO Ñ 1° Clumber Spaniel Wymeswold Tiramisu Pr. Lorella Vismara GRUPPO Ò 1° Carlino fulvo Paradiz Ronado Benjamin Pr. Ann Joe Sampaio GRUPPO Ó 1° Levriero Afgano Oplontis Pasoadelante Pr. Benedetta Capriglione BIS JUNIORES 1° Akita Americano Golden Crown’S Panda Pr. Lei Wang BIS VETERANI 1° Cane da Pastore di Brie Billiejean Delle Nebbie di Avalon Pr. Allev. delle Nebbie di Avalon BIS GIOVANI 1° Akita Americano Estava Rain Only Style Remains Pr. Friedrich Birkmar BIS RAZZE ITALIANE 1° Bracco Italiano b/a Aster Dei Sanchi Pr. Marcello Salvi BIS COPPIE 1° Riesenschnauzer Nero Pr. Luca Meneghetti BIS GRUPPI 1° Bearded Collie Allev . del Cuore Impavido

28

Italiano Del Molosso”, “Club Amatori Bovari Svizzeri”, “Italian Australian Shepherd Association” e “Società Amatori Cane Corso” per averci concesso i Raduni delle razze da loro tutelate. Una menzione particolare alla “Sezione Bullmastiff”, appartenente al “Club Italiano Del Molosso”, per averci dato l’opportunità di organizzare, per la prima volta in Italia, nella nostra città del Tricolore, la “Bullmastiff World Cup” con la presenza di ben 132 soggetti iscritti e inseriti a catalogo. Sono onoratissimo di aver presieduto questo importantissimo evento e mai avrei pensato di avere un’occasione così speciale per rinnovare i legami di amicizia e di appartenenza internazionale che ci accumunano. Ringrazio il Sindaco Vicario di Reggio Emilia Ugo Ferrari, le autorità presenti, la Royal Canin, l’ENCI, SGS Cummunications per le fotografie, Expocani per i cataloghi, tutti i 5.380 cani iscritti vincitori, vinti e RAGGRUPPAMENTI CACIB PARMA 15 MARZO 2014 GRUPPO Ê 1° Welsh Corgi Pembroke Dragonjoy Sonny Corleone Pr. Chiara Ceredi GRUPPO Ë 1° Tosa Agiro Tosadar Pr. Enrico Drudi GRUPPO Ì 1° Irish Terrier Geordan’s Eye Of The Tiger c/o Tuscan Red Pr. Anne Tureen GRUPPO Í 1° Bassotto Kaninchen p/d Wei Hai Wei del Wanhelsing Pr. Allev. del Wanhelsing GRUPPO Î 1° Akita Americano Estava Rain Only Style Remains Pr. Friedrich Birkmar GRUPPO Ï 1° Basset Hound Bassjoy Night Of Love Pr. Marina Ansoldi GRUPPO Ð 1° Bracco Italiano b/a Brenno Pr. Paolo Codeluppi GRUPPO Ñ 1° Cocker Americano Wuthering Heights Dei Gini Pr. Laurent Richard GRUPPO Ò 1° Barbone media mole nero Canmoy’s Black Magic Pr. Carita Lund GRUPPO Ó 1° Piccolo Levriero Italiano Failabrava Del Barone Rampante Pr. Maria Stringa Basile BIS JUNIORES 1° Terranova Dont’t Stop Belivin’ At Cayuga Of Newfoundland x Hills Pr. Riccardo Quartiglia BIS VETERANI 1° Barbone miniatura nero Canmoy’s Shamrock Pr. Claudia Papini BIS GIOVANI 1° Akita Americano Estava Rain Only Style Remains Pr. Friedrich Birkmar BIS RAZZE ITALIANE 1° Piccolo Levriero Italiano Failabrava Del Barone Rampante Pr. Maria Stringa Basile BIS COPPIE 1° Siberyan Husky Pr. Mireille Cayol BIS GRUPPI 1° Cocker Americano Allev. Linda Volarikova


A I L I M E O I REGG

BEST IN SHOW REGGIO EMILIA 16 MARZO 2014 1° Clumber Spaniel, Wymeswold Tiramisu, Pr. Lorella Vismara 2° Riesenschnauzer nero, Gently Born Light Ray, Pr. Giovanni Bonifacio 3° Alaskan Malamute, Starlight Express Del Biagio, Pr. Allev. del Biagio

naturalmente i loro proprietari. Per ultimo, ma nel mio cuore sicuramente i più importanti, ringrazio affettuosamente con un grande abbraccio tutti i componenti del Gruppo Cinofilo Reggiano e tutti i suoi Soci per la gran fiducia che mi è stata posta, tutti i volontari presenti in gran numero e un grazie sincero alla mia “badante” Vittoria Aldrovandi (così amichevolmente soprannominata dal nostro avvocato di fiducia), RAGGRUPPAMENTI CACIB REGGIO EMILIA 16 MARZO 2014 GRUPPO Ê 1° Welsh Corgi Pembroke Dragonjoy Sonny Corleone Pr. Chiara Ceredi GRUPPO Ë 1° Riesenschnauzer nero Gently Born Light Ray Pr. Giovanni Bonifacio GRUPPO Ì 1° Scottish Terrier Peabar Great Balls Of Fire Pr. Psam Peabar GRUPPO Í 1° Bassotto kaninchen p/d Balou Girl Del Wanhelsing Pr. Allev. del Wanhelsing GRUPPO Î 1° Alaskan Malamute Starlight Express Del Biagio Pr. Allev. del Biagio GRUPPO Ï 1° Dalmata Daumont Standing Ovation Pr. Gabriele Vettori GRUPPO Ð 1° Bracco Italiano Bianco b/a Pr. Paolo Codeluppi GRUPPO Ñ 1° Clumber Spaniel Wymeswold Tiramisu Pr. Lorella Vismara GRUPPO Ò 1° Chin Zenco del Fior Di Pesco Pr. Alev. del Fior di Pesco GRUPPO Ó 1° Piccolo Levriero Italiano Failabrava del Barone Rampante Pr. Maria Stringa Basile BIS JUNIORES 1° Piccolo Levriero Italiano Rosalia Gaetana del Barone Rampante Pr. Allev. dei Raggi di Luna BIS VETERANI 1° Golden Retriever Royal Cgrest Gold-N Extreme Make Over Pr. Allev. Royal Crest BIS GIOVANI 1° Weimaraner p/c Afrodite Pr. Marco Borgia BIS RAZZE ITALIANE 1° Bracco Italiano b/a Brenno Pr. Paolo Codeluppi BIS COPPIE 1° Shiba Pr. Allev. Del Biagio BIS GRUPPI 1° Pastore Tedesco p/c Allev. di Casa Ines

cosa mai potrei fare senza di lei… Di tutto questo sono orgoglioso e conserverò per sempre il ricordo di questi tre giorni memorabili. Sono convinto che questi eventi, unendo ulteriormente le forze e sposando tutto questo progetto, Reggio Emilia, Parma e Piacenza possano ambire a palcoscenici cinofili molto importanti. Grazie infinite a tutti e vi diamo appuntamento al prossimo anno con una grossa novità, la Settimana della Cinofilia: in fin dei conti, qualche volta anche il far qualche pazzia non dispiace!! Fausto Mattioli

BIS Razze Italiane Reggio Emilia 16 marzo 2014 1° Bracco Italiano bianco arancio, Brenno, Pr. Paolo Codeluppi 2° Piccolo Levriero Italiano, Failabrava del Barone Rampante, Pr. Maria Stringa Basile 3° Maltese, Missis White Belle Epoque, Pr. Barbara Vezzani

29


IMOLA BEST IN SHOW IMOLA 1° Peabar Great Balls of Fire Scottish Terrier pr. L. Vismara 2° The answer del Wanhelsing Bassotto kaninchen pd pr. All. del Wanhelsing 3° Dan Star Kom Dolce Jungle Alert Manner Spitz nano pr. Kuznetsova

Pasqua in Romagna per la doppia Expo Internazionale

Imola e Rimini, accoppiata vincente La nuova location moderna e accogliente ha entusiasmato espositori e pubblico. Grande eco sui media nazionali e locali che hanno ripreso la manifestazione e intervistato gli allevatori

P

asqua con i cani a Rimini è ormai tradizione. Quest’anno si approda a Rimini città al “105 STADIUM”. Sabato l’Internazionale di Imola e domenica l’Internazionale di Rimini. Giuria mondiale, con esperti giudici provenienti da: USA, Canada, Inghilterra, Repubblica Ceca, Slovacchia, Repubblica di San Marino, Slovenia, Croazia e ovviamente prestigiosi nomi italiani. La nuova location è risultata molto idonea, 5000 posti a sedere con ampi spazi per i ring e per gli espositori. Grazie anche allo sponsor ufficiale Purina Pro Plan, il tutto è stato arredato con gusto ed eleganza fino ad ottenere un accogliente salotto apprezzato da espositori e visitatori che hanno potuto passare due giornate di cinofilia ad alto livello. 30

GRUPPO 1 RIMINI 1° Spartaco, Pastore Maremmano Abruzzese pr. Rotoloni 2° Havana des Iles Borromees, Pastore Belga Tervueren pr. R. Berces 3° Bacco di Casa Rovai, Pastore Svizzero Bianco pr. E. Mariotti


RIMINI BEST IN SHOW RIMINI 1° Wymeswold Tiramisù Clumber Spaniel pr. L. Vismara 2° Estava Rain Only Style Remains Akita Americano pr. L. Vismara 3° Kempesan Augustus of Joybull Bullmastiff pr. Roberts RAGGRUPPAMENTI CACIB IMOLA 19 APRILE 2014 GRUPPO Ê 1° Kerjalee Takes the Lead Bobtail pr. M. Noll GRUPPO Ë 1° Pouch Cove’s Southwind I Love Lucy at Cayuga Terranova nero pr. R. Quartiglia GRUPPO Ì 1° Peabar Great Balls of Fire Scottish Terrier pr. L. Vismara GRUPPO Í 1° The Answer del Wanhelsing Bassotto kaninchen p/d pr. Allev. del Wanhelsing GRUPPO Î 1° Dan Star Kom Dolce Jungle Alert Manner Spitz nano pr. Kuznetsova GRUPPO Ï 1° Bassjoy Night of Love Basset hound pr. All. Terra dei Templari GRUPPO Ð 1° Augustus Brando dei Grandi Grigi Weimaraner pr. A. Morelli GRUPPO Ñ 1° Three D Ziegfeld Folly Sussex Spaniel pr. L. Vismara GRUPPO Ò 1° Anjos Zacarias Carlino pr. L. Vismara GRUPPO Ó 1° Rosalia Gaetana del Barone Rampante Piccolo Levriero italiano pr. G. Caldarone BIS GIOVANI 1° The Answer del Wanhelsing Bassotto kaninchen p/d pr. All. del Wanhelsing BIS RAZZE ITALIANE 1° Dante delle Gualdarie Lagotto Romagnolo pr. O. Tonelli

RAGGRUPPAMENTI CACIB RIMINI 20 APRILE 2014 GRUPPO Ê 1° Spartaco Pastore Maremmano Abruzzese pr. M. Rotoloni GRUPPO Ë 1° Kempesan Augustus of Joybull Bullmastiff pr. Roberts GRUPPO Ì 1° Bellfox Jfubelfox Fox terrier p/l pr. S. Savini GRUPPO Í 1° Balou Girl del Wanhelsing Bassotto kaninchen p/d pr. Allev. del Wanhelsing GRUPPO Î 1° Estava Rain Only Style Remains Akita Americano pr. L. Vismara GRUPPO Ï 1° Bassjoy Night of Love Basset hound pr. Allev. Terra dei Templari GRUPPO Ð 1° Ludstar Don Miguel Gordon Setter pr. Vismara L. GRUPPO Ñ 1° Wymeswold Tiramisù Clumber Spaniel pr. L. Vismara GRUPPO Ò 1° Canmoys Check Mate for Margor Barbone miniatura pr. Gordini GRUPPO Ó 1° Failabrava del Barone Rampante Piccolo Levriero italiano pr. M. Stringa BIS GIOVANI 1° Cappuccetto Rosso del Wanhelsing Bassotto nano p/d pr. Allev. del Wanhelsing BIS RAZZE ITALIANE 1° Failabrava del Barone Rampante Piccolo levriero italiano pr. M. Stringa

Presenti circa 1.300 cani al guinzaglio dei più accreditati handler ma anche molti allevatori e privati ed ognuno ha avuto il suo momento di soddisfazione e gloria. Buona la partecipazione al concorso Junior Handler, tutti premiati con il classico uovo di Pasqua. Purina Pro Plan nell’occasione organizzava la 1° tappa del concorso “Purina Pro Plan Cup Cuccioli” dell’anno 2014 e con l’intervento della stampa sia locale che nazionale, ha avuto un buon riscontro di partecipanti e pubblico che si sono visti ripresi ed intervistati dalle telecamere della RAI, Mediaset e TV locali. L’alto patrocinio dei Comuni di Imola-Rimini e della Provincia

BIS GIOVANI RIMINI 1° Cappuccetto Rosso del Wanhelsing, Bassotto nano p/d pr. Allev. del Wanhelsing 2° Estava Rain Only Style Remains, Akita Americano pr. L. Vismara 3° Jonu’s Jr Jungle Unchained, Jack Russel Terrier pr. F. Giovannetti

31


BIS GRUPPI IMOLA 1° Levriero Afgano Allev. Aymaretti Camia 2° Cane da Lupo Cecoslovacco Allevatore S. Mastrasova 3° Dalmata Allev. del Parnaso

di Rimini ha dato lustro ad una manifestazione che a detta di giudici ed espositori si è inserita fra le più belle e ben organizzate esposizioni Italiane e non solo.

GRUPPO 2 RIMINI 1° Kempesan Augustus of Joybull, Bullmastiff pr. Roberts 2° Orchidea Selvaggia Armada, Alano arlecchino pr. S. Martina 3° Benjamin Button V Tani Kazari, Affen Pinscher pr. J. Budiman

32

Il Gruppo Cinofilo Riminese si sente ampiamente gratificato dal plauso ricevuto e ringrazia tutti i collaboratori che si sono prodigati con impegno per la buona riuscita della manifestazione. Pier Secondo Zacco


OLBIA

BEST IN SHOW 1° BASSETHOUND Akasha Banana Split pr. Antonella Bonacossa 2° PASTORE TEDESCO a pelo corto Zuma di Colmarina pr. Francesco Alfonso 3° CANE DA FERMA TEDESCO a pelo corto Max Duna pr. Massimiliano Meloni

L’Expo organizzata dal Gruppo Cinofilo Gallurese

Olbia, giganteggia un “Basset” Il campione di Antonella Bonacossa si è imposto su altri bellissimi concorrenti. Tanto il pubblico

A

d appena un anno di distanza dalla prima esperienza in Expo nazionale il Gruppo Cinofilo Gallurese conta già un notevole incremento di presenze, con un’altissima qualità dei soggetti esposti, largamente apprezzati dagli Esperti Giudici a conferma dell’ottimo lavoro svolto dai cinofili sardi. Oltre 450 iscrizioni pervenute da tutta la Sardegna e numerosi soggetti provenienti dal resto d’Italia, ma anche dall’estero, ben 102 razze rappresentate, tutti in concorso per ottenere gli ambìti riconoscimenti in palio nella meravigliosa cornice naturale del Golfo di Olbia. Un vero successo per il Gruppo Cinofilo Gallurese che, grazie all’impegno coeso di tutti i componenti il team, ha ricevuto numerosi commenti positivi dagli addetti ai lavori per l’ottima organizzazione e la competente gestione della manifestazione. Apprezzatissima la composizione della giuria internazionale, attentamente selezionata per proporre i giudici che meno frequentemente hanno lavorato sull’Isola e di conseguenza diversificare i giudizi ottenuti. Bello l’allestimento del Geopalace nello splendido contesto del GeoVillage Sport & Wellness and Convention, ottimamente attrezzato di grandi parcheggi e spazi verdi a disposizione; ampissimi i ring e ben progettati gli spazi dedicati ai giudizi, allestiti con attenzione ai particolari. Ricchissimi e originali i premi realizzati da artigiani locali. Il grande parcheggio ha consentito a tutti di accedere all’area espositiva senza alcuna difficoltà. A.B.

RAGGRUPPAMENTI GRUPPO Ê 1° PASTORE TEDESCO p/c Zuma di Colmarina pr. Francesco Alfonso GRUPPO Ë 1° BULLDOG INGLESE Bomberland Made Touch of red pr. Federico Porta GRUPPO Ì 1° WEST HIGHLANDS WHITE TERRIER I’m so sweet pr. Lisa Benvenuto GRUPPO Í 1° BASSETHOUND Akasha Banana Split pr. Antonella Bonacossa GRUPPO Î 1°AKITA AMERICANO Nekmar natural blondie pr. Manlio Battista Pes GRUPPO Ï 1°CANE DA FERMA TEDESCO P.C. Max Duna pr. Massimiliano Meloni GRUPPO Ð 1° BARBONE MEDIA MOLE NERO Hello Kitty dei Gini pr. Emanuela Ginasi GRUPPO Ñ 1° BARZOI Boston Duma Darago pr. Cristina Astero BIS JUNIORES 1° POINTER INGLESE Decortepepe pr. Andrea Marteddu BIS GIOVANI 1° PASTORE TEDESCO p/c Zuma di Colmarina pr. Francesco Alfonso BIS VETERANI 1° CANE CORSO Ch. Arsenio del Rosso Malpelo pr. Simonetta Carrucciu BIS RAZZE ITALIANE 1° SPINONE ITALIANO b/a Vera dell’Adige pr. Maria Manconi BIS COPPIE 1 ° APHRODITE’S REFLECTION I’M MASON e APHRODITE’S REFLECTION I’M HILARY BICHON A POILE FRISEE pr. Claudia Campanella BIS GRUPPI LEONGOLDEN CHAOS THE WIND OF SAND LEONGOLDEN VELVET GOLD MINE LEONGOLDEN A SEASTAR IS BORN GOLDEN RETRIEVER pr. Carlotta Pegorari

33


RIVA DEL GA RDA

BEST IN SHOW 1° BRACCO ITALIANO - ASTER DEI SANCHI pr. Marcello Salvi 2° BEARDED COLLIE - HEIDI DES EMERAUDES DU LAC pr. Danielle e Roland Ponthus 3° TERRANOVA - BLU EMPEROR OF NEWFOUNDLAND HILLS pr. Domenico De Vitto

L’Esposizione nazionale di Riva Del Garda

Ancora un vero successo La kermesse in concomitanza con la “Mostra mercato caccia e ambiente” visitata da 12.000 persone

O

rmai avvezzo a realizzare i propri progetti con determinazione, il Gruppo Cinofilo Trentino, presieduto da Claudio Tondini, anche quest’anno ha organizzato l’Esposizione Nazionale di Riva del Garda in concomitanza con la Mostra Mercato Caccia, Pesca e Ambiente presso i padiglioni della Fiera di Riva del Garda, l’ultima domenica di marzo. La collaborazione con l’Ente Fiera è una tradizione irrinunciabile che vede ogni anno rafforzarsi la stima e la fiducia reciproca, consentendo di ottenere risultati importanti per entrambi: più di 400 iscritti all’Esposizione cinofila e 12.000 ingressi alla fiera; nessuno di questi partecipanti ha rinunciato a visitare entrambe le manifestazioni, arricchendo così la giornata di varie e diverse esperienze. E’ stato un notevole successo cinofilo, assicurato dalla collaudatissima giuria tutta italiana che ha giudicato soggetti appartenenti a 124 razze e le tre Mostre Speciali: Magyar Vizsla, Bayerischer Gebirgsschweisshund e Hannoverischer Schweisshund. Sul ring d’onore la cinofilia trentina ha presentato le Unità Cinofile di Soccorso e Utilità con dimostrazioni operative attraverso le quali il pubblico ha potuto apprezzare le notevoli doti dei cani. Presso lo stand della Trainer, sponsor ufficiale che qui ringraziamo, è stato possibile incontrare i valorosi conduttori con i loro “Cani Eroi”. La giornata trascorsa in un clima sereno si è conclusa con il BIS giudicato dal presidente dell’ENCI Francesco Balducci. Silvana Vogel Tedeschi 34

RAGGRUPPAMENTI GRUPPO Ê 1° HEIDI DES EMERAUDES DU LAC Bearded Collie pr. Danielle e Roland Ponthus GRUPPO Ë 1° BLU EMPEROR OF NEWFOUNDLAND HILLS Terranova pr. Domenico De Vitto GRUPPO Ì 1° DELIVO’S BALLANTINESS GOLD SEAL Yorkshire Terrier pr. Ivoniva GRUPPO Í 1° Y-ALPHERATZ DOS SETE MOINHOS Basset Hound pr. Marco Vanali GRUPPO Î 1° MAGGIOCIONDOLO Wolfspitz pr. Caterina Falcinelli GRUPPO Ï 1° ASTER DEI SANCHI Bracco Italiano pr. Marcello Salvi GRUPPO Ð 1° RUS ELODSER WONDER WOMAN Griffone di Bruxelles pr. Elisabetta Franceschi GRUPPO Ñ 1° REGINELLA DEI RAGGI DI LUNA Piccolo Levriero Italiano pr. Allev. dei Raggi di Luna BIS JUNIORES 1° GOLDEN CROWN’S PANDA Akita Americano pr. Lei Wang BIS GIOVANI 1° SILKY DELLE ONDE NERE Zwergschnauzer nero pr. Maria Noris Cazzaniga BIS VETERANI 1° BERILLO DI CURTIS CANAVA Labrador Retriever pr. Andrea Alessandro Mestrinaro BIS GRUPPI 1° Pastore Tedesco “di Casa Ines” pr. Fausto Gazzetta BIS COPPIE 1° DANKO PASSO DEL LUPO & DAESY PASSO DEL LUPO Cane Lupo Cecoslovacco pr. Allevatore Fabio Caselli BIS RAZZE ITALIANE 1° ASTER DEI SANCHI Bracco Italiano pr. Marcello Salvi


BEST IN SHOW 1° NEMIAH KHALEESI BLUE Kerry blue terrier pr. P. Ensell 2° STABLEMASTER’S UNIQUE FABERGÈ Riesenschnauzer nero pr. P. Pancaldi 3° ASTER DEI SANCHI Bracco Italiano pr. M. Salvi

RAVENNA

53° Esposizione nazionale di Ravenna

Grande passerella di razze Pieno successo dell’evento con quasi settecento iscrizioni. Il Best ad un Kerry Blue Terrier

P

er quanto riguarda il meteo, fino ad oggi, ha mantenuto costantemente fede all’appellativo “felix” che i Goti diedero anticamente alla città. Ma l’edizione 2014 è stata felix soprattutto per le iscrizioni, registrandone 680. Giuria di nomi internazionali, fra i quali Frank Kane giunto dall’Australia. Suo il compito di giudicare il Best in Show. Al Pala de Andrè 141 le razze che hanno sfilato sul prato, una panoramica cinofila che ha tenuto assiepato il pubblico intorno al ring d’onore fino al verdetto conclusivo. Primato di presenze ai Bouledogue Francesi con 39 soggetti. Ma molto ben rappresentati anche i Carlini, i Dalmata, e gli American Staffordshire.. Giudizi non facili, data la qualità dei soggetti e la maestria degli handlers. Ravenna cresce costantemente, e l’anno prossimo avrà il battesimo internazionale, stesso luogo e stessa data. La manifestazione è stata teatro anche di eventi collaterali, uno su tutti il CAE-1 che ha visto abilitati venti soggetti. Prima del BIS è stato assegnato il Trofeo “Angela Conforti”, in memoria della socia e allevatrice omonima, al miglior Golden Retriever. Anche quest’anno, esibizione di Disc Dog, disciplina che persegue la conoscen-

za fra uomo e cane attraverso l’attività sportiva. Il Gruppo Cinofilo Ravennate ringrazia la società Metrò, la ditta Badiali, l’Amministrazione comunale per la disponibilità a svolgere il prestigioso evento cittadino. Roberto Aguzzoni RAGGRUPPAMENTI GRUPPO Ê 1° PAPILLON FLIGHT NERO DELLA CAMBIANELLA Pastore Scozzese p/l pr. F. Ghetti GRUPPO Ë 1° STABLEMASTER’S UNIQUE FABERGÈ Riesenschnauzer nero pr P. Pancaldi GRUPPO Ì 1° NEMIAH KHALEESI BLUE Kerry Blue Terrier pr. P. Ensell GRUPPO Í 1° QUANDONASCE UN AMORE DELL’ANTICA TORRE Bassotto nano p/c pr. All. Antica Torre GRUPPO Î 1° DAYDREAM OF DREAMERS DEL FIUME GIALLO Chow Chow pr. E. Farinella GRUPPO Ï 1° ASTER DEI SANCHI Bracco Italiano pr. M. Salvi GRUPPO Ð 1° LOST VALLEY CHUNABHATI Tibetan Terrier pr. S. Saponi GRUPPO Ñ 1° WAY UP VICTORY FLYER Levriero Afgano pr. I. Drei Donà BIS RAZZE ITALIANE 1° ASTER DEI SANCHI Bracco Italiano pr. M. Salvi

35


Raduno Triennale dello Spinone

Spinone in azione. La giornata è stata dura, con terreno bagnato ed erbe alte bagnate che hanno richiesto molta energia da parte dei cani

Obiettivo bello e bravo Riconfermati il successo e la valenza tecnica del Raduno triennale organizzato dal Club Italiano Spinoni in provincia di Forlì-Cesena. Miglior soggetto sul ring Davidensi’s Vera di Paolo Amadori. È di Guenda di Franco Fusi, condotta da Pino Giancotti, l’ambito Trofeo “Bello e Bravo”

L

e terme di Castrocaro sono molto note in Italia e di conseguenza molto frequentate, ma da venerdì 4 aprile a tutto sabato 5 il clima “forestiero” ha registrato una decisa impennata con l’arrivo dei cinofili “spinonisti” là convenuti da molte parti del mondo per il Raduno triennale di razza, il quinto nella storia del Club. Location perfetta il parco delle Terme, all’altezza dell’evento, con parcheggio, servizi e locali per ospitare la segreteria e il convegno tematico, e ricettività alberghiera a chilometro zero. Inappuntabile l’organizzazione del Club di razza, validamente supportato come consueto dal Gruppo Cinofilo Forlivese e dagli “spinonisti” romagnoli. Quasi duecento i cani a catalogo, con la presenza di circa un quinto degli espositori provenienti dall’estero. Trasferte impegnative, da Paesi del nord-Europa, dall’Inghilterra, dagli USA, per non mancare al maggiore appuntamento tecnico mondiale della razza. È solo in nome di

36

una passione che ci si riunisce in un luogo da continenti diversi. È solo in nome di una passione che ci si mette in gioco per un confronto che mantenga vitale la razza. Ed è solo in nome di una grande passione che la dirigenza del Club e il Club tutto si impegnano a sobbarcarsi di un onere di tale portata, oltre a quello delle diverse manifestazioni che vengono organizzate nel corso dell’anno. Tempismo con fedele rispetto della tabella di marcia da parte di giudici e assistenti, che hanno portato a conclusione i giudizi di ring in tempo utile per l’apertura del convegno. Ottima la qualità dei soggetti presentati, e per questo quasi “sofferto” il responso finale da parte del giudice Avv. Maria Grazia Poli, incaricata del BIS, per assegnare la palma di miglior soggetto del raduno, andata alla femmina Davidensi’s Vera di Paolo Amadori. Il Convegno tematico ha riproposto in apertura il format del “bello dei vincitori”, portando sul palco i migliori soggetti della manifestazione (miglior giovane, miglior femmina, miglior maschio, miglior soggetto straniero) per essere ciascuno tecni-

camente “illustrato” verso tutti i convenuti da parte del giudice che già l’aveva selezionato sul ring. Sono quindi saliti sul palco Epithelium Cesira (miglior giovane) di Giorgio Moretti, Epithelium Vicario (miglior maschio) dell’allev. Epithelium di Amadori, Davidensi’s Vera (miglior femmina) dell’allev. Epithelium di Amadori,

I NUMERI DEL RADUNO Iscritti solo in esposizione Iscritti in esposizione e prova Iscritti solo in prova Totale soggetti presenti

123 67 15 205

Vittoria Stannamore Ross Cynopolis (miglior soggetto straniero) di G. Wjnsonn. A questo soggetto è andato il premio “The Foreign Trophy” dedicato alla memoria dell’appassionatissimo “spinonista” americano Walter Carucci, offerto dalla moglie. Atteso momento del Convegno, la tematica dell’azione di caccia imperniata su “I criteri fondamentali della preparazione


i nostri

Cani

Anno 60 num. 6 giugno 2014

Spinone in ferma durante un turno

venatoria dello spinone”. Relatore d’eccezione, dal brillante passato di conduttore di continentali italiani, Gastone Puttini, il quale, con chiarezza ed elementi circostanziati, ha condotto i presenti lungo tutti i punti della formazione classica che debbono portare ad esprimere efficienza e stile dello spinone sul terreno di caccia. Per il Raduno 2014, inoltre, il Club ha pro-

il cinofilo odierno. La cena di gala ha chiuso la serata, con il pensiero alla prova di lavoro del giorno dopo. Prova che si è svolta sui terreni di Piandispino, con quasi novanta cani distribuiti in sei batterie. Organizzazione del Gruppo Cinofilo Forlivese. Terreno difficile, molto bagnato per le piogge dei giorni

precedenti, erbe altrettanto bagnate, selvaggina poco presente in campo aperto come conseguenza delle predette condizioni, qualche insidia da parte dei caprioli. Condizioni di caccia quotidiana! Piandispino è del resto sempre un eccellente termometro per misurare lo spirito “aviquerente” dei cani (prendendo a prestito un’espressione caratteristica di quella grande penna cinofila che è stato Felice Steffenino). Gli Spinoni comunque si sono difesi bene, con buona venaticità (della quale si nota la progressione da un raduno all’altro). Qualcuno ha accusato l’impatto con il terreno, qualcuno ha mostrato limiti di dressaggio comprensibili quando si tratta di cani in mano a conduttori gentlemen puri, qualcuno ha mostrato di essere una vera e propria macchina da guerra seppur sfortunato per mancanza di incontro, ma determinato, intraprendente, avido. E qualcuno, con grande performance venatoria e di stile, è salito in vetta. Dicasi di Guenda di Franco Fusi (allevamento di Morghengo), condotta da Pino Giancotti, che ha guadagnato il CAC. Qualifica che, sommata all’Eccellente riscosso in raduno, le è valsa l’assegnazione del Trofeo “Bello e Bravo”. Come annotazione statistica, si potrebbe dire che il raduno 2014 del CISP è stato segnato dalle femmine. Miglior soggetto assoluto del Raduno, una femmina. Miglior soggetto straniero, una femmina. Miglior giovane, una femmina. Trofeo “Bello e bravo”, vinto da una femmina (con CAC in prova). Per la cronaca,

MIGLIORI SOGGETTI DEL RADUNO Hanno giudicato: Avv. Maria Grazia Poli, Dott. Luca Massimino, Dott. Miche Ivaldi Miglior giovane Epithelium Cesira, pr. G. Moretti Miglior maschio Epithelium Vicario, pr. allev. Epithelium Miglior femmina Davidensi’s Vera, pr. allev. Epithelium Miglior soggetto straniero Ch. Vittoria Stannamore Ross Cynopolis, pr. G. Wjnsonn posto una vera e propria chicca culturale: per celebrare l’evento, in collaborazione con l’ENCI il Club ha realizzato la ristampa del famoso ed ormai introvabile libro “Lo Spinone Italiano e le razze affini “, scritto nel 1951 da Adriano Ceresoli. Un’opera fra le più rinomate e complete della letteratura cinofila italiana, ricca di riferimenti e informazioni culturalmente utili anche per

Presentazione dei quattro migliori soggetti del Raduno: da sx. Epithelium Cesira (miglior giovane) di Giorgio Moretti, Epithelium Vicario (miglior maschio) dell’allev. Epithelium di Amadori, Davidensi’s Vera (miglior femmina) dell’allev. Epithelium di Amadori, Vittoria Stannamore Ross Cynopolis (miglior soggetto straniero) di G. Wjnsonn

37


CLASSIFICHE DELLA PROVA Batteria 1: giud. Asioli 1° Ecc. Davidensi’s Delfi, m, cond. Nelli 2° Ecc. Blez, m, cond. Nelli Batteria 2: giud. Modonese 1° Ecc. Alba, f, cond. Iacobelli Batteria 3: giud. Evangelisti 1° MB Eva, f, cond, Calamandrei Batteria 4: giud. Piva 1° MB Iso del Buon Santo, m, cond. Zuccheri 2° MB Epithelium Iridio, m, cond. Zuccheri Batteria 5: giud. Di Pinto 1° CAC Guenda, f, cond. Giancotti 2° Ecc. Tancredi di Morghengo, m, cond. Giancotti Batteria 6: giud. Massimino 1° Ecc. Ferentum Tecla, f, cond. Prati 2° Ecc. Ferentum Tolomeo, m, cond. Piacentini

Guenda, condotta da Pino Giancotti (al centro), con l’Eccellente in esposizione e il CAC in prova (giud. Di Pinto, a dx.), ha guadagnato l’ambito Trofeo Bello e Bravo”.

TROFEO “BELLO E BRAVO” Guenda, pr. Franco Fusi allevamento di Morghengo, cond. Pino Giancotti CAC in prova + Eccellente in raduno in una sola delle batterie della prova sono state presentate ben nove femmine. Infine, continuando nell’analisi, dato che si sta parlando di una manifestazione speciale di razza, in percentuale generale le femmine presentate in esposizione sono state il 43% circa del totale, e in prova il 40% circa. Inoltre, nella prova, su dodici qualifiche totali assegnate, cinque sono state appannaggio di femmine, una di queste con qualifica massima. La qualità delle femmine ai fini della riproduzione e della selezione è un elemento di cui tenere massimo conto, non basta il maschio campione da solo. Interessante anche l’analisi dell’età dei soggetti qualificati in prova: la metà ha età compresa fra un anno e mezzo e quattro anni (giovani in progress, il ricambio), l’altra metà ha età compresa fra cinque e otto anni (il dato certo, l’esperienza). La manifestazione ha raccolto brillantemente il risultato, confer-

38

mando il valore del lavoro svolto dal Club. Un sincero ringraziamento va ai consiglieri, ai soci e amici locali, ai collaboratori

del Gruppo Cinofilo Forlivese e della Federcaccia di Forlì/Cesena, per l’impegno nel condurre al meglio le due giornate. Sull’onda di questo nuovo successo il Club Italiano Spinoni dà appuntamento per il prossimo Raduno triennale agli appassionati italiani e stranieri. È solo in nome di una passione che ci si dà appuntamento in un luogo arrivando da continenti diversi. Tu chiamali se vuoi … Spinoni. Roberto Aguzzoni

Da sx, Epithelium Vicario (miglior maschio del Raduno) dell’allev. Epithelium di Amadori, Davidensi’s Vera (miglior femmina del Raduno) dell’allev. Epithelium di Amadori, insieme ai giudici e al Presidente del CISP, Marco Lozza.


i nostri

Cani

Anno 60 num. 6 giugno 2014

Al via una delle più importanti kermesse

Lo Zilio ha vent’anni I popolare Trofeo cominciato con una partecipazione record. I primi vincitori Sono passati vent’anni da quando Fabio Fancon, nipote dell’Erminio Dal Ponte, propose al Circolo Cinofilo Vicentino di organizzare una serie di prove per cani da ferma in ricordo dell’indimenticato zio. Con entusiasmo abbiamo accolto la sua proposta, ottima occasione per ricordare Erminio Zilio che fu uno dei primi cinofili della nostra Provincia a frequentare le prove per i cani da ferma. Un trittico di prove (due a selvaggina più una attitudi-

1ª batteria italiani

nale su quaglie) frutto di una fattiva collaborazione tra Circolo Cinofilio Vicentino, FIDC di Castelgomberto e ATC1 Vi Nord. Sponsor della manifestazione la Nova Foods di Castelgomberto, azienda leader nella produzione di alimenti per piccoli animali. Sabato 15 febbraio con la prima prova al via le razze continentali con due batterie di italiani e quattro di continentali esteri: a primeggiare nelle razze italiane i Bracchi. Domenica 16 febbraio si sono

I classificati della 2ª batteria inglesi

susseguite quattro batterie di inglesi. Come al solito va segnalata l’importante numero di partecipanti nelle razze italiane, mentre nei continentali esteri, oltre alle razze Epagneul Breton e Kurzhaar presenti in gran numero, anche alcuni Weimaraner che non hanno sfigurato. Infine nelle razze inglesi, dove di solito la fanno da padroni i Setter inglesi e qualche Pointer, i meno comuni Setter Irlandesi hanno ottenuto importanti risultati. La seconda prova si è svolta sabato 1 e domenica 2 marzo. La prima giornata è riservata agli inglesi ed a seguire anche 2° batterie di Speciale Epagneul Breton. Domenica 2 marzo tocca alle razze continentali. Da sottolineare anche in queste prove gli ottimi risultati dei Setter irlandesi nelle razze inglesi, e degli Spinoni, presenti con due esemplari, nelle razze continentali. Da rilevare ancora una volta la buona partecipazione a questo importante Trofeo con soggetti provenienti da varie parti d’Italia e dall’estero. È doveroso infine ringraziare tutti i partecipanti, i giudici, i collaboratori tutti, e la Nova Foods, per il contributo che dà a tutto il mondo cinofilo in generale. Maurizio Meneguzzo

20° TROFEO “ERMINIO ZILIO” 15 FEBBRAIO 2014 CONTINENTALI ITALIANI 1° batteria giudice Titonel 1Ecc Asso bi pr. e cond. Conzato 2° batteria giudice Braga 1Ecc Paron dei Sanchi bi pr. e cond. De Cassan CONTINENTALI ESTERI 2° batteria giudice Santic 1Ecc Catia eb pr. e cond. Festa 3° batteria giudice Carradore 1mb Kobra del Cecchetto eb pr. e cond. Cecchetto 4° batteria giudice Meneguzzo 1Ecc Asia k pr. Masin cond. Guglielmin 16 FEBBRAIO 2014 INGLESI 1° batteria giudice Santic 1Ecc Joblak st pr. e cond. Leandri 2° batteria giudice Titonel 1 CAC Loto st. pr. Righetti cond. Mascanzoni

3° batteria giudice Carradore 1 CAC Gimac Willy st.ir. pr. Cocozza cond. Bonatto 4° batteria giudice Braga 1Ecc Bos di Torre Gabri st pr. e cond. Lugari 1 MARZO 2014 INGLESI 1° batteria giudice Girelli 1 CAC Varaschin’s Fram st pr. e cond. Mansi 2° batteria giudice Klun 1 CAC Yeller st.ir. pr. Trivellato cond. Bonatto 3° batteria giudice Grasso 1Ecc Duce del fabbro ferraio st pr. e cond. Castellan SPECIALE EPAGNEUL BRETON 1° batteria giudice Titonel 1 CAC Furia pr. e cond. Nicoli

2° batteria giudice Bolla 1Ecc Banco de la source aux pedrix pr. Valcanover cond. Lombardo 2 MARZO 2014 CONTINENTALI ITALIANI 1° batteria giudice Klun 1 CAC Drac del Guà bi pr. e cond. Pellizzari 2° batteria giudice Bolla 1Ecc Morgana di Cascina Croce bi pr. e cond. Bolcato CONTINENTALI ESTERI 1° batteria giudice Girelli 1Ecc Hop del Ceccheto eb pr. e cond. Cechetto 2° batteria giudice Titonel 1 CAC Agor eb pr. e cond. Garzaro 3° batteria giudice Grasso 1 CAC Mir eb pr. Belotti cond. Festa

39


Coppa Europa Continentali, la squadra italiana

TOLLARA - Coppa Europa Continentali

Croazia e Serbia insieme Sfortunati i tricolori. Ottimi i terreni, precisa l’organizzazione, idonei i selvatici

S

u incarico dell’ENCI ho la regia per l’organizzazione di questa edizione di Coppa Europa Continentali. Quest’anno la presidenza di giuria spetta alla Serbia, ai lati Francia, Portogallo e Svezia. Goran Djordjevic, Markovic Zoran, Mitrovic Zica, Sormaz Dusko, Lassandre, Leickman, Machadinho Lisa, Maillet, M. Pereira, Peyrat, Sjostrom, Teien Dag. Tredici nazioni iscritte (con l’assenza della Russia): Belgio, Croazia, Francia, Monte­ negro, Olanda, Polonia, Romania, Serbia, Spagna, Ukraina, USA, Italia. Il CT dell’Italia Mimmo Radice, forma la seguente rappresentativa: • Tuono BI all. Tognolo prop. Scevi cond. Tognolo • Elf EB all. Paolacci prop. Puxeddu cond. Pezzi • Ruby EB all. Vucicevic prop. e cond. Francesconi • Pradellinensis. Arnold K all. Capelli prop. Bego cond. Capelli • 1^ Ris. Dennis K all. Carbone prop. Martegani cond. Venturelli • 2^ Ris. Tancredi di Morghengo SI all. Fusi prop. Lozza cond. Giancotti.

40

Parte subito la iella per Elf che è infortunato pertanto corre Dennis. Dopo 4 giorni di sole il meteo promette pioggia, ma fortunatamente solo nuvole che portano anche una migliore ventilazione quindi migliori condizioni per il lavoro dei cani. Alla presentazione il nostro presidente Francesco Balducci da il benvenuto ed un ringraziamento istituzionale. Stefic della FCI si complimenta per l’organizzazione, la partecipazione e la bella atmosfera nella cornice de La Tollara. Ho seguito la batteria dove correva Arnold al 3° turno. Non ha avuto un terreno ideale per lo sgancio, e da quel che ho potuto vedere ha faticato a mettersi bene sul terreno, infatti non andrà al richiamo. Il Rubi di Francesconi vince la sua batteria col 1° ECC., ed è un bel goal per la nostra bandiera. Dennis fa un bel turno ma per una ferma in bianco non va al richiamo. Un giorno solo, una partita secca senza supplementari. Due cani al CAC, pertanto si disputerà il barrage. La disputa è con Daffi du Pie du Mont BF di H.Herak ed Iglo EB di Lascialfari che corre per la Serbia.

Terna giudicante: Markovic, Pereira, Lassandre. Dalle classifiche è tutto sul filo di lana, l’assegnazione del CACIT andrebbe a determinare il vincitore a squadre ed individuale. Il regolamento infatti recita che qualora vi siano due squadre a parità di punti, si andrà a prendere il risultato migliore. Il problema è in una fase numerica, a mio ricordo, mai riscontrata. Un CAC ed un 2° ECC., parità fra Croazia e Serbia (punti 18), il CACIT e l’eventuale riserva lascerebbero una squadra distaccata di un punto. Tutti in “platea”Già dallo sgancio la situazione è critica e così rimane. Suona la tromba. Lungo confabulo e risganciano...Relazione sul campo. Non viene assegnato il CACIT, ed il secondo sgancio è stato effettuato per segnalare quale dei due era più meritevole...La situazione a punti è immutata, le due rappresentative si fermano a 18 punti, risultato EX EQUO. Con P. Bahlke convochiamo i Team Leader delle due squadre per definire la consegna dei premi. Come noto il Trofeo di Coppa Europa segue la nazione vincitrice, ed è in palio


i nostri

Cani

Anno 60 num. 6 giugno 2014

La Tollara. Coppa Europa Continentali

Il 5 il sole splende alto, contiamo 108 iscritti che vengono suddivisi in 9 batterie. Il barrage è giudicato da Bahlke, Sormaz, Lassandre CACIT a Ben Hur Alessando & Nicola ; R/ CACIT a Ep de los Cuellaranos. Premiazioni di corsa in quanto la frenesia di rientrare, soprattutto per chi ha diverse centinaia di km da percorrere, è comprensibile dopo una tournee complessiva per molti di quasi 10 giorni. Giancarlo Passini (foto di Giuseppe Scalora)

La Tollara. Coppa Europa Continentali

altro Trofeo per il Campione individuale, oltre ai premi offerti dall’organizzazione. Con grande sportività Hari Herak lascia il Trofeo per la squadra alla Serbia e lui ritira l’individuale. Baci e abbracci fra i Team Leader e si va alle premiazioni. A latere le classifiche, mentre i punti per nazione: Croazia 18 (due cani class) Serbia 18 (due cani class) Italia 8 Belgio 5 Polonia 5 La competizione a squadre lascia ora spazio alla prova di eccellenza.

CLASSIFICA COPPA EUROPA RAZZE CONTINENTALI 2014 LA TOLLARA – FUBINE (AL) 4 APRILE 2014 EX EQUO CROAZIA (punti 18) – SERBIA (punti 18) RISULTATI BATTERIA N° 1 1° MB ECOSSE DU DOMAINE SAINT HUBERT Hungarian wire-haired pointing dog Cond. Herbelin Frederic BATTERIA N° 2 1° ECC. DAFFY DU PIED DU MONT CAC French Pointing Dog Cond. Herak Hari BATTERIA N° 3 1° ECC. RUBI Epagneul Breton Cond. Francesconi Fausto 2° ECC. ZAPA Kurzhaar Cond. Scarpeci Roberto BATTERIA N° 4 1° ECC. IGLO CAC Epagneul Breton Cond. Lascialfari Fabio 2° ECC. KOBRA Kurzhaar Cond. Herak Hari

PROVA DI ECCELLENZA RAZZE CONTINENTALI 2014 LA TOLLARA – FUBINE (AL) 5 APRILE 2014 BATTERIA 1 ESPERTI GIUDICI LEICKMAN, PEYRAT 1° CAC R/CACIT EP DE LOS CUELLARANOS 2° ECC. BRUF JORDEN’S ELSA BATTERIA 2 ESPERTI GIUDICI SORMAZ 1° CAC CACIT BEN HUR ALESSANDRO & NICOLA 2° ECC. GRSSIA ALESSANDRO & NICOLA BATTERIA 3 ESPERTI GIUDICI BAHLKE, SJOSTROM 1° ECC. MONDO OD POSTARA BATTERIA 4 ESPERTI GIUDICI LASSANDRE 1° CAC JERRY DE CASA ATO 2° ECC. BAROS DE LOS CASCAJOS BATTERIA 6 ESPERTI GIUDICI MAILLET 1° ECC. PACO DI S. CATERINA DEL SASSO 2° MB CARLITA DU CLOS DES MORANDES BATTERIA 7 DJORDJEVIC, MACHADINO 1° ECC. IMOZ DE CASA ATO 2° MB BRYAN BATTERIA 9 ESPERTI GIUDICI MITROVIC, DU FAY DE LAVALLAZ 1° CAC NADIR DI S. MAMILIANO 2° R/ CAC PALAMENS ETÒ ESPERTI GIUDICI BARRAGE: BAHLKE, SORMAZ, LASSANDRE.

EB EB

Cond. Nunez Garcia Cond. Soriano

EB EB

Cond. Nedeljkovic Cond. Nedeljkovic

EB

Cond. Cakic

EB EB

Cond. Fuentes Cond. Fuentes

DK DK

Cond. Fontina Cond. Cammarata

EB EB

Cond. Molinari Cond. Molinari

DK EB

Cond. Moretti Cond. Condado

41


Grande partecipazione al Derby Continentali Esteri

I Kurzhaar fanno ambo Vince Gina seguita da Boss, entrambi “Pradellinensis”. L’esordio di un Bracco di Weimar

1º, 2º, 3º qualificato da dx. Pradellinensi Gina al centro Hisabo e a sinistra Pradelinnensis Boss

L’

Ente Nazionale della Cinofilia Italiana, ha organizzato il 6/7 aprile a La Tollara (AL) il derby per le razze da ferma continentali italiane e continentali estere. La partecipazione al derby è riservata ai soggetti di allevamento italiano di età non superiore ai 30 mesi. La prova del derby, è una prova su starne, a cui possono partecipare una sola volta nella loro vita i soggetti che non hanno ottenuto precedentemente qualifiche in prove libere. Sottolineo, nonostante lo abbia già riportato in altri articoli, e relazionato pubblicamente al termine dei giudizi presumendo che molti concorrenti non lo sappiano, che il derby deve portare in evidenza le massime qualità naturali dei giovani, le prestazioni sono quelle della caccia a starne, la cerca deve garantire la efficace esplorazione del terreno e l’andatura dovrà sempre essere quella prevista dagli standard di lavoro. Sono tollerati errori di dressaggio, ma soggetti che mettono il naso a terra, quelli che non esercitano una idonea esplorazione del terreno, che fermano con movimento di coda e non corrispondono ai canoni previsti vanno

42

incontro all’immediata l’interruzione del turno. Il derby deve essere organizzato esclusivamente su starne ed in Italia, a questa importante manifestazione pos-

sono infatti partecipare solo soggetti di allevamento italiano. La manifestazione si è svolta nell’azienda cinofila ENCI ”La Tollara” diretta da Elio Cantone e dal suo sostituto Chiappone, corredata di un servizio impeccabile, con accompagnatori esperti e competenti, in un clima primaverile ,quasi estivo con una temperatura dai 21 ai 24 gradi, una giusta vegetazione, starne sufficienti e di buona qualità. Nella batteria dove ho prestato l’opera di giudice con i colleghi, Marco Ragatzu e Vincenzo Rago, nel primo pomeriggio, quando era uscita una piacevole ventilazione, tutti i turni hanno avuto la possibilità di incontro (e sottolineo incontro, non ferma), addirittura alcuni concorrenti dopo un meritato punto ben risolto hanno incappato in errore su altra coppia. Nei richiami, ben sette soggetti meritevoli, fra i quali un Bracco di Weimar, hanno tutti incontrato e commesso l’errore e quindi eliminati. Bisogna tenere in considerazione, che il vento era continuamente mutevole e l’improvviso aumento della temperatura hanno inciso negativamente. La nota del concorso e le prestazioni de-

QUALIFICHE CONTINENTALI ESTERI Razze da ferma continentali esteri, 78 soggetti a catalogo suddivisi in due batterie, con una presenza di 34 Epagneul Breton, 32 Cane da ferma tedesco a pelo corto, 8 Bracco di Weimar, 3 Bracco francese tipo Pirenei, 1 Korthals. 1° Ecc. CAC Pradellinensis Gina Kurzhaar cond. Capelli Fernando vincitore Derby Continentali Esteri La Tollara 2014 2° Ecc. Pradellinensis Boss Kurzhaar cond. Bottani Tullio 3° M.B. Hisabò E. Breton cond. Giuseppe Molinari M.B. Atena cond. Paolo Festa M.B. Colognensi’s Iglu cond, Mauro Pezzulli

Epagneul Breton Atena conduttore Paolo Festa


CLASSIFICA DELLE RAZZE DA FERMA CONTINENTALI Giuria composta da Giovanni Barbieri, Luigi Cremonesi, Giuseppe Colombo Manfroni Batteria unica composta da 10 bracchi Italiani e 1 spinone italiano. 1° Molto Buono Orione di Cascina Croce Bracco I. cond. Claudio Gritti vincitore berby razze da ferma continentali italiane Tollara 2014 vono fare riconoscere la grande qualità dei soggetti che dovranno essere poi i riproduttori del futuro. Purtroppo, e devo dire purtroppo, ad accezione di alcuni soggetti validi qualificati anche con la massima qualifica ed altri che hanno avuto meno fortuna, nella batteria da me giudicata e quelli della prima batteria dei continentali esteri valutati dai giudici Raffaele Pozzi, Giovanni Pietro Grecchi, e Alvaro Mantovani erano di modesta qualità, mostrando forse un po’ di difficoltà nell’allevamento italiano. Chiusa questa partentesi, sicuramente non gradita a molti, bisogna riconoscere l’eccellente organizzazione curata anche

Il vincitore del Derby Continentali Italiani Orione di Cascina Croce

nei minimi particolari dallo Staff. Elio Cantone, come la continua presenza di un fuori strada, per permettere ai concorrenti di essere sempre pronti al turno. Il terreno era giusto per una caccia a starne, con vegetazione idonea e con starne sufficienti e di buona qualità. L’ENCI giustamente ha creduto a questo derby e tutto è riuscito alla perfezione.

Alla premiazione finale come rappresentante ENCI era Il Consigliere Silvio Marelli, che pubblicamente ha espresso belle parole su questa zona cinofila, sullo Staff., l’organizzazione, e sul delegato ENCI Fabrizio Capomagi che ha svolto zelantemente il suo compito. Giorgio Bellotti (foto Giorgio Bellotti)

Tollara, un confronto tecnico da ricordare

Campionato Europeo Breton La Francia con merito. Terreni, selvaggina ed organizzazione ottimi La giuria della Coppa Europa

Q

uest’anno toccava all’Italia organizzare il campionato Europeo di primavera per Epagneul Breton, la scelta della località è stata “La Tollara” ottima per i magnifici terreni e le possibilità logistiche. Anche l’ENCI e il Kurzhaar Cluc hanno optato per disputare tutti i vari Campionati negli stessi terreni confermandone ulteriormente la validità. La manifestazione, curata anche nei minimi particolari dallo staff Merighi e Riverso è stata elogiata da tutti i partecipanti compresi gli stranieri e dallo stesso presidente del Club

43


La squadra italiana

cappello, al conduttore e ai soggetti così zootecnicamente validi, che portano onore non solo alla nazione di appartenenza ma a tutta la cinofilia. Queste le qualifiche e classifiche 1° classificata Francia con le seguenti qualifiche: Euskadi 1° Ecc. CAC R/CACIT (il giorno 30 aprile) 1° Ecc.( Il giorno 31 aprile) Faust De Passemarais 1° ecc. (il giorno 30 aprile) Elgo Des Genètes De l’Azur 2° Ecc. (il giorno 30 aprile) 2° classificata Italia Erer De Keranlouan 1° Ecc. CAC/CACIT (il giorno 30 aprile) Etzou de la S. Aux Perdrix 2° Ecc. R/CAC R/CACIT (il giorno 31 aprile)

internazionale dell’AMICALE Cristian Ghunter L’ottima organizzazione e la cordialità hanno confermato la proverbiale ospitalità degli Italiani. La zona cinofila “Tollara” diretta magistralmente dal Gran Patron Elio Cantone e dal suo fidato e stretto collaboratore Chiappone, ha fornito alla manifestazione accompagnatori selezionati, con fuoristrada sempre pronti per condurre nei campi i concorrenti, i terreni magnifici, pianeggianti, con campi immensi di frumento di giusta altezza, con starne giuste e sufficienti, che hanno dimostrato buona selvaticità, nonostante si tratti di selvaggina immessa, (ma parliamoci chiaramente da cinofili, le starne selvatiche, ad eccezione di alcune regioni dei Paesi dell’Est, non esistono più, e dove ancora si contano numerose coppie, quando vi sarà uno sviluppo agricolo, e le culture verranno irrorate con pesticidi e diserbanti, finiranno ben presto), chiusa questa piccola parentesi, ritorniamo alla cronaca del Campionato. Dodici le nazioni partecipanti: Bulgaria, Belgio, Francia, Grecia, Montenegro, Olanda, Polonia, Portogallo, Serbia, Spagna, Ukraina, Italia, che si sono contese il titolo del prestigioso Campionato nei giorni di domenica 30 marzo e lunedì 31 marzo. Quattro le batterie, giudicate da una terna di esperti Giudici, in ogni batteria vi era la rappresentanza di un giudice italiano. I componenti delle giurie: per il Belgio Freddy Indekeu, per Cipro Michael Petros, per la Croazia Pio Klum, per la Francia Serge Guilbert, per l’Olanda Peter Bahlke, per la Spagna Antonio De Andres, per la Svizzera Anne Brigitte De la Vallaz, per l’Ucraina il generale Alexander Gapon, per

44

l’Italia Pietro Aglio, Amedeo Bovicelli, Giancarlo Passini e il sottoscritto. La Francia ha vinto il Campionato con soggetti di altissima qualità, ottimamente preparati e condotti, da Loic Le Provost, un giovane conduttore altamente professionale, che credo sia nipote dello storico dresseur francese Le Provost. Già il primo giorno di Campionato, i soggetti francesi hanno conseguito un primo eccellente CAC riserva di CACIT, un primo eccellente in altra batteria e un secondo eccellente, con tali risultati è stato quasi impossibile, considerando i risultati ottenuti dalle altre batterie, non aspirare alla vittoria. Da considerare che il soggetto francese Euskadi, che ha poi vinto anche il titolo individuale, il primo giorno di prove, prima di iniziare il turno si era anche infortunato, quindi grande merito e tanto di

3° classificata Serbia Mir od Postara 2° Ecc. (il giorno 30 aprile) Dylan del Cuore Grande 2° Molto buono (il giorno 31 aprile) Altri soggetti qualificati di altre nazioni Polonia Naike 1° Ecc. CAC/CACIT (il giorno 31 aprile) Montenegro Valdo Alessandro $ Nicola 1° molto Buono (il giorno 31 aprile) Spagna Golfa De casa Ato 1° Molto Buono (il giorno 30 aprile) Ucraina Irvin CQN ( Il giorno 30 aprile) l prossimo anno il Campionato di primavera per Epagneul Breton verrà disputato in Andalusia. Giorgio Bellotti (foto Giorgio Bellotti)

La squadra francese


Successo della manifestazione del Gruppo Cinofilo Catanzarese

Da sinistra: il Presidente del Gruppo Cinofilo Catanzaro Nicola Cirillo, Francesco Tornello con Emi, Stefano Alfieri con Pujolflad, Francesco Anania con Hidra di S. Tommaso, Pasquale Veltre con Gangster dello Zeolo

S

i sono svolte sabato 15 e domenica 16 marzo, nella splendida cornice della azienda agricola di proprietà degli Stocco sita in agro di Decollatura - Soveria Mannelli, la manifestazione cinofila denominata “Trofeo Mario Orsini”, organizzata dal Gruppo Cinofilo Catanzarese – delegazione provinciale ENCI, dalla FIDASC provinciale di Catanzaro nella persona del Presidente Francesco Citriniti, dalla Federazione Italiana della Caccia sezione provinciale di Catanzaro rappresentata dal neo presidente Manuele Meloni. Come gli altri anni si è vista la partecipazione di numerosi cinofili provenienti da tutta la regione Calabria e dalle regioni limitrofe, come la Sicilia, che sotto le direttive degli esperti giudici Giovanni Denoia (Castrolibero) e Giancarlo Perani (Brindisi) hanno effettuato la loro prova di caccia pratica sugli ottimi terreni dell’azienda, per la conquista dei vari titoli in palio. La classifica di sabato 15 ha visto conquistare il primo posto categoria Continentali a Hidra di S. Tommaso – Epagneul Breton- di Francesco Anania con Molto buono; per la categoria inglesi abbiamo: Edro del Fragim – setter inglese- di Franco Impoco con 1° Molto buono, 2° Molto buono a Renè – settter inglese- Roberto di Iannotti, 3° Buono a Nera – setter inglese- di Mercuri. Domenica 16 per la categoria continentali al 1° posto di nuovo Hidra di S.Tommaso con Molto Buono, mentre al Drahthar di Tornello è andato un CQN (Certificato di Qualità Naturali). Per gli inglesi, al 1° posto con Molto Buono il Setter inglese Gangster dello Zeolo di Pasquale Veltre, 2° Molto Buono a Esteban Setter inglese di Chisari Euguenio, 3° Molto Buono al setter inglese Orso di Marrelli, mentre a Pujolflad Setter inglese di Alfieri Stefano è andato un CQN. La manifestazione si è svolta in un clima di grande amicizia, collaborazione e sportività e si è conclusa con l’augurio, da parte dell’organizzazione, di ritrovarsi ogni anno nel ricordo di un grande cinofilo, amico di tutti, che aveva come hobby principale la passione per i cani. Stefano Alfieri

Hidra fa suo il Trofeo Orsini CENTRO DI FORMAZIONE AUTORIZZATO ENCI

CORSI PER: ADDESTRATORE - EDUCATORE CONDUTTORE IN ESPOSIZIONE FIGURANTE ISTRUTTORE Sono aperte le iscrizioni Contattare l’Accademia Europea di Cinologia: e-mail: info@accademiacinologia.it Cell. 346-5165600 - Fax: 0364-456700 Web: www.accademiacinologia.it

45


Parla il selezionatore degli iridati Kurzhaar

“Una vittoria meritata” I criteri che mi hanno indotto a formare la squadra prima nel mondo La premiazione della squadra italiana. Sandro Pacioni alza la Coppa della vittoria

Dopo gli inglesi, ho avuto il piacere di conoscere una nuova bella realtà: il mondo Kurzhaar. Avverto il piacere di esprimere i più sinceri complimenti al Consiglio direttivo del Club, non è facile vedere tanti appassionati presenti in quasi tutte le manifestazioni svoltesi in Italia e all’estero, desiderosi sì di vincere ma non a tutti i costi. È bello sapere che c’è ancora gente che sa passare insieme una giornata di vera cinofilia. Un grazie quindi al presidente Giancarlo Passini e a tutto il consiglio del Kurzhaar Club. Finalmente ce la siamo giocata sul campo e non a tavolino e abbiamo vinto con il CACIT, la Riserva CACIT, un MB ed un CQN di conseguenza anche la squadra con la somma dei punteggi ha vinto il titolo di Campione del Mondo. Tutti i nostri cani nei due giorni sono andati a punto, portando il loro contributo alla vittoria finale, anzi il Laki dopo il CACIT del primo giorno di prova si è giocato un’altra grossa qualifica il giorno successivo. Bravi i cani, bravi i conduttori ai quali va il ringraziamento mio e di tutti gli appassio-

46

nati per questa bella soddisfazione. Ho visto veramente dei bravo cani, ma non siamo certo solo ad averli, le altre nazioni, specialmente quelle dell’Est europeo possono contare su un allevamento con numeri assai importanti e fare una selezione più oculata, facendo affidamento su tantissima selvaggina. Inoltre possono contare su nuovi giovani conduttori con potenzialità e capacità di dressaggio vicine se non uguali alle nostre. Cacciatore incallito baso i miei criteri di selezione sulla caccia. Con questi metodi, nella veste di selezionatore ho avuto immense vittoriose soddisfazioni in due Coppe Europee Inglesi e Due Campionati Europei Setter per cui perché avrei dovuto cambiare proprio nei Kurzhaar? Io, il Club e tutti i veri appassionati eravamo lì per vincere non per fare solo bella figura e anche questa vittoria è stata la dimostrazione che la caccia non tradisce mai. Nell’ordine: positività, classe, geometrie correttezza e stato di forma. I miei criteri di selezione sono sempre stati gli stessi. Riempire il carniere di selvaggina a caccia

o di punti in prova non è forse la stessa cosa? Se non si incontra oppure, quando si è a contatto, non si realizza e non si “coglie l’attimo” per concretizzare il lavoro svolto, si finisce col fare soltanto bella figura, ma la bella figura da sola non basta!! Come piace dire ad Alfio Guarnieri: “un conto è il fumo, un conto è l’arrosto”, e discutendo su opinioni cinofilo-venatorie: un termine colma l’occhio, l’altro il carniere. Prima bisogna fare il punto, poi si discute. Come da regolamento del Club dovevo visionare i soggetti di nascita italiana e li ho seguiti in tutte le manifestazioni primaverili ossia Zara, Altamura, Pasian di Prato, e per finire ho rivisto i 18 cani scelti alla Tollara, sui terreni dove si sarebbe poi disputato il Campionato del Mondo. Ho avuto modo di visionare soggetti ultra titolati, di sicura affidabilità già in là con gli anni e tanti altri ottimi esemplari ancora giovani per un Campionato di questa portata ma che oltre ad essere ormai una certezza, già evidenziano interessanti prospettive future e questo è un segno inequi-


i nostri

Cani

Anno 60 num. 6 giugno 2014

vocabile di salute per una razza in espansione. In Tollara ho rivisto uno ad uno i 18 soggetti simulando una prova per poter constatare il loro stato di forma e la loro adattabilità su quei terreni. I convocati erano: Guapo di Nolani, Laki di Scarpecci,Lapo di Siciliani, Brio di Aroldi, Dabo di Venturelli, Arnold di Capelli, Brik di Musso, Axel di Patrignani, Gas di Pezzi, Tiago di Siciliani, Pedro di Giancotti, Nadir di Scarpecci, Etò di Pezzi, Pablo di Capelli, Ingrid di Patrignani, Denis di Venturelli, Nico di Siciliani, Luna di Aroldi. Come ho sempre fatto all’inizio di ogni prova di selezione, anche quella mattina ho ancora precisato ai conduttori cosa pretendevo e volevo vedere dai loro soggetti. Dopo una attenta valutazione su quanto mi ero prefisso, alla fine della giornata ho scelto i soggetti e comunicato la squadra che era così composta: Pradellinensis Pablo, proprietario Giuseppe Corrao, conduttore Fernando

Capelli. Soggetto di rara eleganza, stilisticamente vicino alla perfezione che quando decide di pennellare una prova e cercare il selvatico non ha rivali. Ottimo nelle prove di selezione. Luna, proprietario Aroldi/Martegani, conduttore Stefano Aroldi. Femmina di classe e rara eleganza con un galoppo facile e leggero. Sa inventare con intelligenza delle puntate da vero cane da caccia. A contatto difficilmente sbaglia. Laki, proprietà Salvatore Moretti, conduttore Roberto Scarpecci. Una macchina da punti, è sempre in classifica, lo avevo seguito e messo in squadra anche l’anno scorso. Fa il suo lavoro con rara positività ed intelligenza riuscendo a dare sempre il massimo. Dabo, proprietario Cesare Venturelli conduttore, Cesare Venturelli. Soggetto di classe e personalità che sa impostarsi con giuste geometrie, facile incontrista su qualsiasi selvatico utile. Axel, proprietario M.Elisabetta Biancani,

conduttore Riccardo Patrignani (riserva). Soggetto di classe, con grande potenza olfattiva e coraggio. Ottimo senso del selvatico. Il primo giorno di Campionato, con tanta emozione ci ritroviamo alla presentazione delle squadre! Tredici nazioni. Distribuiti in quattro batterie, si parte con l’orecchio sempre teso alla ricerca di qualche bella notizia. Alla fine della prima giornata due CAC per la nostra squadra : La Luna ed il Laki: è una autentica ipoteca sul campionato ! Si va al Barrage, non entusiasmante per ordine ma pienamente nella nota del concorso, due magnifiche espressioni di razza che si contendono il CACIT con ritmo e continuità. La giuria assegna il CACIT al Laki e la riserva alla Luna. Il giorno successivo un MB del Pablo ed il CQN del Dabo per la nostra squadra, ma gli altri soggetti non hanno realizzato qualifiche importanti tali da mettere in pericolo la nostra vittoria. Sandro Pacioni

RICORDANDO FRANCO FERRARI I cani ci aiutano a mantenerci giovani, e Franco non dimostrava i suoi anni che ci teneva a non dichiarare, purtroppo però quando arriva l’ora bisogna dire addio agli amici e ai nostri cani. Parlando con lui, qualche settimana prima di lasciarci era orgoglioso e compiaciuto di essere stato chiamato a giudicare alla Mondiale 2015. La cinofilia è sempre stata il suo mondo come espositore ed allevatore prima, giudice poi. Nel mondo delle esposizioni competitivo e a volte cattivo ha saputo farsi voler bene contornandosi di amici. Franco era allevatore di dalmata, e andava fiero dei campioni prodotti e dei risultati ottenuti come allevatore. Teneva i suoi cani come dei signori nella sua bella dimora dell’Astino in Bergamo, di cui andava fiero e che era anche ritrovo e piacevole luogo d’ incontri di noi amici. Socio individuale ENCI, giudice di bellezza “all rounder” è stato apprezzato e chiamato sui ring di tutto il mondo. Deciso e veloce nel giudicare aveva un ottimo colpo d’occhio che gli permetteva di apprezzare i soggetti migliori già al loro ingresso nel ring, analizzando poi nel dettaglio pregi e difetti. Era particolarmente richiesto per le razze Italiane e per le razze da compagnia, ma l’esperienza lo ha portato poi a giudicare tutte le razze. Anche nelle cene dei giudici pre -show, con le sue battute teneva allegra la compagnia, senza mai strafare. Morigerato e contenuto, ha vissuto in modo sobrio e onesto lasciando un grande vuoto . Gli amici Giotti e Gabriella

47


DOPPIA ESPOSIZIONE GRADISCA D’ISONZO Presso il Parco Comunale di Gradisca d’Isonzo (GORIZIA) Piazzale Unità d’Italia Google Map: 45.8914074,13.4912592 Organizzazione:

GRUPPO CINOFILO ISONTINO e GRUPPO CINOFILO FRIULANO

CACIB UDINE MERCOLEDÌ 13 AGOSTO 2014 Inizio Giudizi ore 10.00 Raduno Border Collie dalle ore 14.00 presso il Parco Del Castello CACIB GRADISCA D’ISONZO GIOVEDÌ 14 AGOSTO Inizio Giudizi ore 10.00 GIURIE E INFO: WWW.CHAMPIONDOG.IT ISCRIZIONI: 1° chiusura: 13 Luglio 2014 2° chiusura: 23 luglio 2014 (con maggiorazione) Modalità di pagamento: carta di credito per iscrizioni ON-LINE www.championdog.it Bonifico bancario intestato a: STUDIO 2C IBAN: IT13 P 05216 20200 000000001279 BIC/SWIFT: BPCV IT 2S568 (Solo per l’estero) Le domande di iscrizione complete della copia del pagamento devono essere inviate a CHAMPIONDOG via Parini 9 cap. 20010 Buscate (MI) fax: ++39 0331/80 00 23 si prega di telefonare per accertarsi dell’avvenuta ricezione dell’iscrizione.

NOTIZIE ENCI

AVVISO Si avvisa che, essendo le raccomandate a.r. ritornate con motivazione “al mittente compiuta giacenza”, in applicazione dell’art. 39.3 del Regolamento di attuazione dello Statuto Sociale ENCI presso la Segreteria della Commissione di Disciplina di 1° Istanza è stata depositata decisione relativa al procedimento disciplinare n. 92/12 nei confronti di Prinzis Franco. Il termine perentorio per eventuale appello è di 30 gg. dalla presente pubblicazione. Trascorso tale termine la decisione verrà dichiarata definitiva. Il Segretario Istruttore avv. Giorgio Griffa

LE RAZZE ITALIANE A NOVEGRO (MI) Il 7 e 8 giugno a Milano presso il Parco Esposizioni Novegro, si terrà la seconda edizione di QUATTROZAMPEINFIERA, evento dedicato a tutti gli amanti di cani. Tantissime le attività ludiche e formative in programma, dall’Area Test CAE 1, organizzato in collaborazione col Gruppo Cinofilo Milanese, che mira a certificare un cane socialmente affidabile, al Villaggio della Salute Innovet patrocinato da Anmvi, dove un pool di veterinari sarà a disposizione dei proprietari per approfondire varie tematiche di salute del cane. Tante le attività ludico-sportive gratuite a disposizione dei visitatori: DiskDog, DogAgility, Dog Dance, AquaDog, Retrieving, CaniCross... Di rilievo la sfilata dei cani di razza, che vedrà protagonisti nei 2 giorni di evento sul dog carpet, 32 magnifici esemplari delle 16 razze italiane, spiegate al pubblico da un rappresentante dell’ENCI. 48

ERRATA CORRIGE INC marzo, p. 7 il pastore tedesco citato nella dida come Jerry del Colle Verde è in realtà OSCAR DEI VERDI COLLI.


Da dx Giovanni Capone (Giudice ENCI), Michele Pizzuto (Vicepresidente Associazione Beccacciai e Perniciai), Antonino La Barbera (Consigliere ENCI, Presidente Ass. Baccacciai e Perniciai), Francesco Messana (Ispettore Corpo Forestale), l’Assessore Regionale al Territorio e Ambiente Mariella Lo Bello, il Dirigente Generale del Comando Corpo Forestale Ing. Vincenzo Di Rosa, l’Assessore Regionale alla Formazione Nelli Scilabra

BURGIO – Censimento della beccaccia e Convegno

Cinotecnia e ambiente L’importanza del monitoraggio. Fra i presenti il consigliere ENCI Antonino La Barbera e l’assessore regionale Mariella Lo Bello Conservazione ambientale, tutela della specie selvatica scolopax (la beccaccia) , e selezione del cane da ferma destinato all’attività venatoria. I tre differenti argomenti non sembrano apparentemente legati tra di loro, mentre, grazie all’operato dell’uomo costituiscono l’un con l’altro un insostituibile aiuto reciproco che conduce alla valorizzazione singola. Burgio si inserisce, grazie al lavoro realizzato da un ristretto gruppo di appassionati, in questo contesto importante, e che produce da anni evidenti guadagni zootecnici. Oramai consolidata da tempo, in questa località dei Monti di Palazzo Adriano nell’agrigentino, si svolgono importanti opere di censimento per la beccaccia, grazie all’utilizzo del cane da ferma. Consiste essenzialmente nel monitorare la presenza in questi meravigliosi boschi della beccaccia che ha scelto Burgio, la Sicilia in genere, quale luogo di sverno. D’obbligo ricordare gli aspetti che caratterizzano questo delicato selvatico per il quale l’uomo non è stato mai capace di svolgere attività allevatoriale in cattività, e che predilige habitat naturali caratterizzati da conformazioni e caratteristiche adatte alla sua permanenza. Ebbene, come si legano la selezione zootecnica del cane destinato alla “caccia” e la tutela del “predato”, oltre alla conservazione dell’habitat? Partendo dal cane, l’attività cinognostica ufficiale, svolta dagli organismi affiliati all’ENCI o da lei stessa promossa, è

atta alla conservazione e tutela del cane di razza in genere, (nel nostro caso interessata alle razze da ferma), conservandone le peculiarità che caratterizzano i vari standard. La beccaccia rappresenta qui uno strumento essenziale in quanto permette di mettere in evidenza quelle doti, eventualmente presenti, che si intendono conservare e “trasmettere” nella selezione zootecnica del cane. Contemporaneamente tale iniziativa, assolutamente indolore e svolta opportunamente per metodi e periodi limitati, permette di calcolare il costante stazionamento nel nostro Paese di questa specie migratoria con il conseguente monitoraggio della specie stessa. Burgio 2013: ecco cosa ha caratterizzato questa edizione. Si ripete oramai da anni, e come sempre ha permesso di confermare la costante scelta della beccaccia per i boschi di Palazzo Adriano e della Valle del Sosio, e l’ottenimento delle risultanze per l’allevamento del cane continentale e inglese, oltre che la soddisfazione di “calpestare gentilmente” questo paradiso eccellentemente conservato con pochi eguali in Europa. Sono lusinghieri, che onorano e riempiono di soddisfazione, i risultati ottenuti dai cani nelle opere di censimento, ma l’obbligo corre nella direzione di focalizzare il nocciolo del “prelibato frutto” gustato nei quattro giorni di Burgio, dal 12 al 15 dicembre scorso. Francesco Messana, Ispettore del Corpo Forestale di Stato e il

Dr. Antonino La Barbera, sono stati gli effettivi fautori dell’evento zootecnico: da una parte l’Amministrazione Ambientale e faunistica e dall’altra quella Cinotecnica e Cinofila, insieme una accanto all’altra. Coadiuvati dalle rappresentanze locali e dai differenti gruppi cinofilo-venatori, (Consiglio Siciliano per la Caccia, Associazione Beccacciai e Perniciai, Club Italiano Bracco Francese, e Ente Nazionale della Cinofilia Italiana), hanno reso possibile l’espletamento di questo prezioso evento. A coronamento della manifestazione, un Convegno che non trova eguali neanche tra quelli che hanno caratterizzato le edizioni passate dei censimenti di Burgio. Presenti importanti personalità e Rappresentanti dei vari settori interessati, a partire dalla Regione, dalla Amministrazioni Provinciali e fino alle Associazioni di tutela della fauna tra i quali il Club della Beccaccia, e fino ai Sodalizi cinofili affiliati all’Ente Nazionale della Cinofilia Italiana come il Club Italiano Bracco Francese. Dal meeting esce chiaro il messaggio dei motivi che spingono alla realizzazione di questa particolare attività, e dei guadagni sociali e zootecnici che da questa se ne trae, oltre alla possibilità e necessità di aprire le porte di Burgio all’Europa per espandere verso tutti le magnifiche beltà che la caratterizzano. Marco Ragatzu (foto Marco Ragatzu)

49


Turingia, Campionato del Mondo IPO

La squadra italiana: Jango V. Helo Pastore Tedesco condotto da Florian Stampfer, Ex V.D. Donavorstadt Pastore Tedesco condotto da Barbara Khuen, il giudice Daniele Peres, ed il Labrador Retriever condotto da Franz Blasinger, riserva

L’Italia si fa onore

È mancato il colpo di fortuna per scalare la classifica. Un’esperienza da ricordare

N

ella regione della Turingia, nella Germania del nord-ovest, in località Oberdorla piccola cittadina medioevale, le cui mura fortificate con all’interno case ed una grande cattedrale ancora oggi parlano del passato. La zona tipicamente agricola con grandi estensioni di terreni coltivati soprattutto a grano, orzo e soia, è posta su un altopiano con avvallamenti continui, ha ospitato il Campionato del Mondo di pista IPO-FH del 2014, la cui organizzazione era demandata al gruppo locale del Dobermann Club, che ha dimostrato una grande esperienza e capacità, riuscendo a sfruttare in parallelo e simultanea la ricerca del gruppo A e del gruppo B ; infatti i terreni di gara erano divisi in due parti da una strada di campagna che permetteva di guardare i cani in pista sia a destra che a sinistra. La partenza era dalla sede del Dobermann Club dopo effettuato il sorteggio tra i concorrenti in gruppi di sei per ogni turno di ricerca (A e B). La tipologia omogenea erano su fresato il giovedì ed il venerdì , su seminato in grano con una altezza media di 15 cm. il sabato e la domenica. In questo Campionato, ho notato che è stato adottato il criterio di valutare soprattutto il valore della prova più come squadra e non solo il lavoro del singolo concorrente. Nel lavoro di ricerca, è stata considerata con molta attenzione la precisione che il

50

cane aveva nel restare sulla traccia, la continuità nel mantenere la concentrazione sull’orma ed il comportamento corretto del conduttore nel seguire il cane in tutta la pista, nel raccogliere l’oggetto e nella ripartenza dopo la segnalazione. Si è visto un buon livello di preparazione in tutti i cani presenti, uniformità nel passo lento durante la ricerca, dimostrando continuità nel “voler cercare”. Solo i terreni e le condizioni atmosferiche come umidità e fresco nelle prime ore di gara, come il sole cocente durante la restante parte della giornata con momenti di forte vento che a tratti spaziava su tutti i terreni, hanno fatto la grande differenza nella valutazione dei cani presentati! La squadra italiana era composta da due Pastori Tedeschi come titolari e come riserva da un Labrador Retriever condotto da Franz Blasinger. Il sorteggio permetteva al pastore tedesco Ex V.D.Donavorstadt condotto da Barbara Khuen di gareggiare il giovedì mattina su fresato alle ore 10,30 ottenendo un punteggio di 95 su 100 punti, con la qualifica di M.B.; ed il sabato pomeriggio su seminato alle ore 16,30 ottenendo un punteggio di 72 su cento punti, con la qualifica di sufficiente, per un totale di 176 punti e la valutazione di Buono; mentre il cane Jango V. Helo condotto da Florian Stampfer gareggiava il giovedì alle ore 14,50 su fresato dove otteneva 92 punti su 100 con la qualifica di MB, ed il sabato pomeriggio sul seminato alle ore 15,25 con

Un risultato onorevole per la nostra Nazione poiché, qualificare entrambi i Team nelle due prove, non è cosa da poco se pensiamo che le Nazioni che si qualificano raramente superano il 50% delle squadre presenti. Mi congratulo con i nostri partecipanti per come hanno saputo gestire i 4 giorni di gara e quelli di allenamento. Daniele Peres

un punteggio di 92 su 100 con la qualifica di MB per un totale di 184 punti MB. La squadra ha ottenuto un punteggio di 311 piazzandosi ad un onorevole nono posto, su un totale di 22 Nazioni di cui 12 non si sono qualificate, per un totale di 46 cani presenti dei quali 16 non si sono qualificati. Ed ora voglio complimentarmi con tutti i componenti della squadra per il comportamento coeso e sportivo che hanno tenuto per tutti i giorni del Mondiale di pista IPO-FH 2014, ed in particolare alla cornice di tranquillità che l’organizzazione ha saputo donare ai concorrenti permettendo loro di gareggiare senza tensione e con una sportività che da anni non mi capitava più di vedere. Carlo Mezzetti


successi estero ACCESSO ALLA RUBRICA Best in show: 1°, 2°, 3° classificato Raggruppamento: 1°, 2°, 3° classificato RADUNI E SPECIALI DI RAZZA: BIS: 1°, 2°, 3° - BOB-BOS 1° classe campioni, libera, intermedia, lavoro, giovani, veterani

RUBRICA GRATUITA RISERVATA AI SOCI ENCI INDICARE nome del cane, razza, luogo e data expo, classifica, giudice, allevatore, proprietario. Le inserzioni incomplete, verranno cestinate

Inviare a redazione@enci.it Dal numero di giugno solo risultati ottenuti nell’anno 2014

ISOTTA FRASCHINI DU SEL DOUX Cane Pastore di Brie Crufts Birmingham (UK) 6/3/14 Best Puppy

RAPUNZEL DORALISA’S COFFEE VIOLETTA JACK Jack Russell Terrier Expo di San Marino 1/3/14 1° BIS Junior

JOSEPH DEL BIAGIO Alaskan Malamute Club Special Show Norimberga(D) 12/1/14 Giudice . M. A. Poole Giudice Goran Gladic Allevatore e propr. Giovanna Mazzotti Allevatore e propr. Violetta Jack Kennel CAC BOB Giudice Zeljka Fon Zidar Allevatore Giuseppe Biagiotti Proprietario Maurizio Pizzolato

TIBERIO DE’ANDREOLI Bassethound Expo Biserna Obala Montenegro 2023/03/14 1° class. gruppo 6 Bulgaria2 Giudice Dejan Zivadinovic

2° class. Gruppo 6 Bulgaria1 Giudice Sergej Slukin Allevatore Claudio Andreoli Proprietario Lorenza Baratella

QUI DELLA VAL VEZZENO & SOFONISBA ANGUISSOLA Bassotti standard p/d Expo Di Friburgo (CH) 23/2/14 2° classificato BIS Coppie Allev. Antonio Palladini, Linda Ferrari Proprietario Cinzia Arditi

I BRAVI RAGAZZI MARCANTONIO Bullmastiff Raduno di Maribor (SLO) 19/4/14 1° Ecc. cl. Campioni Giudice Katja Rozman Allevatore Nadia Furlon Proprietario Luciano Piovesan 51


successi all’estero

EVANGEL, ERIKA, DJEZABEL, DIAZ DELLA BAIA AZZURRA Alani blu Regional d’Elevage Montlouis sur Loire (F) 23/3/14 1° BIS Gruppi Giudici Taborda, Delahaye, Mignot

FERNANDA DES LOUPS DE MOUSETTE Pastore Belga Groenendael Speciale di Bourg En Bresse (F) 16/2/14 CACIB BOB Giudice Varlet Allevatore Massimo Adorni Proprietario Donatella Albini

DJEZABEL & DIAZ DELLA BAIA AZZURRA Regional d’Elevage Montlouis sur Loire (F) del 23.03.2014 1° BIS Coppie

TORRE DEL PILAR DREAM BOY Chihuahua p/l Montenegro Adriatic Cup 20/3/14 – 2° classificato gruppo 9 Giudice Miodrag Vretenicic Allevatore Antonio Ruiz Proprietario Piero Giannandrea

Giudici Taborda, Delahay, Mignot

Expo di Rieka (HR) 15/2/14 3° BIS Coppie

Giudice C. Navarro Allevatore e propr. Patrizio Donati

DIAMANTE BLU ALOHMORA Flat-Coated Retriever Expo di Fribourg (CH) 22/2/14 3° classificato gruppo 8 Giudice G.J. Toeters-Riethoff Allevatore Diamante Blu Proprietario Dolores Genco

OBLADIOBLADA DELLA VAL VEZZENO Bassotto standard p/d Expo di Friburgo (CH) 23/2/14 1°classificato gruppo 4

AMIR DELLA BAIA AZZURRA Alano blu Speciale DACP Caldas da Rainha (P) 16/3/14 2° classificato Best in Show

Giudice Perttu Stahlberg Allevatore Antonio Palladini Proprietario Cinzia Arditi

Giudice M. Peter Van Montfoort Allevatore Patrizio Donati Proprietario Allev. Dogalmar

52

DRAGONJOY SONNY CORLEONE Welsh Corgi Pembroke Expo di Pohorje (SLO) 20/4/14 1°classificato gruppo 1 Giudice Davor Javor Allevatore e propr. Allev. Dragonjoy


successi all’estero

DIAMANTE DELLA BAIA AZZURRA Alano fulvo Expo di Rieka (HR) 15/2/14 1° classificato gruppo 2

ENDEMIK HANONYMOUS Cavalier King Charles Spaniel Expo speciale di Colmar (F) 5/4/14 2° classificato gruppo 9 Giudice M.Jouanchicot Allevatore Joris Mirabel Proprietario Elena Ternelli

Giudice A. V. Van Raamsdonk

Expo di Rieka (HR) 16/2/14 3° classificato Best in Show

YSAR Hovawart Expo speciale di Salisburgo (A) 6/4/14 CACA, CACIB, BOS cl. Campioni

Giudice D. Matakovich Allevatore Patrizio Donati Proprietario F. Ottaviani

Giudice Uschi Eisner Allevatore Cinzia Biacca Proprietario Roberto Motta

AKHIRA UT’N DUVELSMOOR Hovawart Expo speciale di Salisburgo (A) 6/4/14 1° CACA cl. Lavoro Giudice Uschi Eisner Allevatore Sonja Grommè Proprietario Cinzia Biacca

DARGONNEKAPITOL DEL WANHELSING Bassotto kaninchenp/d Expo di di Lussemburgo 29/3/14 1°classificato gruppo 4 Giudice L. Fintorova Allevatore e propr. Allev. Wanhelsing

DRAGONJOY IN THE MOONLIGHT Welsh Corgi Pemborke British Sheepdogs Club di Mariupol (UA) 3/5/14 1° classificato Best in Show Giudice Rui Oliveira Allevatore Allev. Dragonjoy Proprietario Olesya Shchukina 53


successi all’estero

SOBER APPIA ANTICA Bracco italiano Expo di Perpignan (F) 26/1/14 2° classificata del Best in Show

RED BARON Welsh Corgi Pembroke Gran-Prix di Saint Petersburg (RUS) 3/5/14 1° class. Best In Show Veterani

Giudice L. Pichard Allevatore Allev. Sober Proprietario Irene Castelli

Expo di Narva (EST) 20/4/14 1° class. Best In Show Veterani

Giudice Alexey Belkin

Giudice Adrián Argente Del Castillo Allevatore Allev. Dragonjoy Proprietario Anna Kuznetsova

OSMANTHUS OMNIA NOIR Barbone toy nero Expo di Colmar (F) 5/4/14 1° classificato gruppo 9 Giudice Mattera Cassandre

Speciale di Colmar (F) 5/4/14 1° classificato gruppo 9 Giudice Peper Wilfried Allevatore e propr. Bruno Nodalli

EURIDICE DELLA BAIA AZZURRA Alano blu Expo di Cieza (E) 30/3/14 3° classificato BIS Junior

MAGGIOCIONDOLO Wolfspitz Expo di Celje (SLO) 23/2/14 2° classificato gruppo 5

Giudice Salvador Janeiro Allevatore Patrizio Donati Proprietario D. Roggen

Giudice Freddie Klindrup DK Allevatore Lucia Menicori Proprietario Caterina Falcinelli

54

MORGANA DEI DELFINI DI PESCARA Chihuahua p/c Georgia Adriatic Cup 23/3/14 1° classificato gruppo 9 1° classificato JBIS Giudice Antonio Mracevic Allevatore e propr. Piero Giannandrea


successi all’estero

FENA NINE-ROTT Rottweiler Bayernsieger di Blankenburg (D) 27/4/14 Cl. Camp. 1° Ecc anw VDH Champion Giudice J. Wulff Allevatore Sinisa Traijkovic Proprietario Riva Giovanni

MIRO’ Bassotto standard p/d Expo di Avignon (F) 8/5/14 3° clasificato Best in Show

CUNNINGS MARTINA Welsh Terrier Expo di Friburg (CH) 1° classificato gruppo 3 Giudice gruppo Elisabeth Feuz Allevatore e propr. Avveduti Giuseppe

Giudice Desserne Allevatore e propr. Piero Cannizzo

KAUKARHAUGENS DIONYSOS Bovaro del Bernese Expo di San Marino 3/5/14 3° classificato gruppo 2

ELVA DELL’ONGARINE Kurzhaar Expo di San Marino 3/5/14 3° classificato gruppo 7

CALETTO WINNINGMOOD 2000 VOLTS Spitz nano Expo di Porto (P) 18/1/14 2° classificato Best in Show

Giudice Enrico Drudi Allevatore Valset Ove & Marit Proprietario Marzio Lipari

Giudice Alfredo Alessandri Allevatore Antonio Cipriano Ferriani Proprietario Andrea Marchegiani

Giudice Ann Ingram Allevatore Marcin Wilczek Proprietario Pasquale Figliolia 55


successi all’estero

DRAGONJOY NEW STAR IS BORN Welsh Corgi Pembroke Combined Canine Club di Dublino (IRL) 19/4/14 1° classificato gruppo 1 GIGOLO’ DELLA COSTA D’AMALFI Bassotto standard p/d Expo di Avignon (F) 8/5/14 2° classificato JBIS

Giudice G. Wagner Allevatore e propr. Allev. Dragonjoy

ASSOLUTAINNOSERVANZALYSSABABE Flat Coated Retrievers Expo di San Marino 3/5/14 1° classificato gruppo 8 Giudice Savicic Nebojsa

Expo di San Marino 4/5/14 3° Classificato gruppo 8

Giudice A. M. Laval –Duboul

Giudice Urosevic Milivoje Allevatore Susanna Dini Proprietario Luigi Meneghin

Expo di Avignon (F) 9/5/14 1° classificato JBIS

Giudice Valerio Nataletti Allevatore Mauro Scarlatto Proprietario Piero Cannizzo

GOURMANDECALINS DE LA TOUR DE SENLIS Bichon Havanais Speciale di Avignone 8/5(14 CACS CACIB BOB Giudice Valerio Nataletti Allevatore Nadine Rouquette Proprietario Eder Vincenzi

BLACK N’TANTRUM SINGINGINTHERAIN Scottish Terrier Expo di St.Gallen(CH) 10/5/14 3º classificato gruppo 3 Giudice Harry Rellstab Allevatore Chiara Bacci Proprietario Giuseppe Sturla 56

LATINLOVER DEEP SECRET Setter Inglese Expo di San Marino 3/5/14 1° classificato Best In Show Giudice Alfredo Alessandri

Expo di San Marino 4/5/14 1° classificato gruppo 7

INEDITA OCCASIONE DELLE FIABE Shih Tzu Expo di Zadar(HR) 4/ 5 /14 3° classificato gruppo 9

Giudice Urosevic Milivoje Allevatore Barbara Gruzzi Proprietario Oriano Vespignani

Giudice Tino Pehar Allevatore Agostino Mercatelli Proprietario G. Arleo e P. Catani


successi italia ACCESSO ALLA RUBRICA 1° classificato del Raggruppamento, compresi Coppie e Gruppi, in Esposizioni Internazionali in Italia. 1°, 2°, 3° classificato del Best in Show generale

WIN’WEIM’S PICCOLI PRINCIPI DO IT BETTER Weimaraner Expo di Fermo 16/2/14 1° classificato gruppo 7 Giudice Fulgenzi Gianni Allevatore Dana Massey Propr. Massimiliano Zegna Baruffa

RUBRICA GRATUITA RISERVATA AI SOCI ENCI INDICARE nome del cane, razza, luogo e data expo, classifica, giudice, allevatore, proprietario. Le inserzioni incomplete, verranno cestinate

Inviare a redazione@enci.it Dal numero di giugno solo risultati ottenuti nell’anno 2014

CAPPUCCETTO ROSSO DEL WANHELSING DRAGONJOY SONNY CORLEONE Bassotto nano p/d Welsh Corgi Pembroke Expo di Montichiari 14/4/14 Expo di Parma 15/3/14 1°Classificato del gruppo 4 1° classificato gruppo 1 Giudice Kruus Jelena Giudice Giobatta Tabò

Expo di Reggio Emilia 16/3/14 1° classificato gruppo 1

Allev. e propr. Allev. del Wanhelsing

Giudice Paul Stanton

Expo di Ferrara 6/4/14 2° classificato Best in Show Giudice Petr Rehanek Allevatore e propr. Allev. Dragonjoy

FRANCINI’S PRIVATE COLLECTION Cocker Spaniel Inglese Expo di Montichiari 14/4/14 1° classificato gruppo 8 Giudice Kavcic Marija Allevatore Angela Francini Proprietario Lorella Vismara

BLUE VELVET FRIEND DEI DUE MARI Labrador Retriever Expo di Catanzaro 23/3/14, 1 classificato gruppo 8

ARES GOOD SIDE & ABLAZE WITH LIGHT Cane da Pastore Scozzese p/l Expo di Padova, 29/3/14 1° BIS Coppie

Giudice Goran Bodegard All. e propr. Franco & Matteo Galiano

Giudice Vito Zambelli Allevatore e propr. Marco Fontanelli 57


C L U B SOCIETA’ ITALIANA BASSET HOUND Domenica 13 aprile in occasione dell’Esposizione Internazionale di Montichiari (BS), si è svolto il 63° Raduno Bassethound della S.I.Bas, 37 i cani iscritti e scrupolosamente giudicati da Carla Gerber. Di seguito i risultati dei primi 2 classificati in ogni classe. I risultati completi e le foto di tutti i cani presenti alla manifestazione, saranno pubblicati a fine giugno, nel primo numero della Rivista On line della S.I.Bas sul sito www.bassethoundclubitalia.org CLASSE LIBERA MASCHI 1° SUPERORANGE CAC BOB Pr. e All. Rizzotto Vera 2° NICOLO’ DI LAGO OMBROSO R/CAC Pr. Rovatti Roberta All. Cristina Giovannini CLASSE INTERMEDIA MASCHI 1° ALADINO ECC Pr. e All. Panza Monica CLASSE GIOVANI MASCHI 1° CHRISTOPHER QUEEN’S HERMELIN ECC Pr. Cristina Giovannini All. Vera Krizova CLASSE JUNIORES MASCHI 1° BEST WINNER FOR LAGO OMBROSO MP MIGLIOR JUNIORES Pr. Cristina Giovannini All. Panza Monica

CLASSE PUPPY MASCHI 1° TERRADORFILI DREAM CATCHER RED SMILE MP Pr. e All. Antonella Bonacossa 2° TERRADORFILI DYLAN DOG MP Pr. e All. Antonella Bonacossa CLASSE LIBERA FEMMINE 1° PINCALONGA LOS ANGELES CAC BOS Pr. e All. Susanna Deotti 2° AKASHA BANANA SPLIT R/CAC Pr. Antonella Bonacossa All. Elvira Teresa Secci CLASSE INTERMEDIA FEMMINE 1° SOLE DI LAGO OMBROSO ECC Pr. e All. Cristina Giovannini 2° LAVINIA AVALEUR DU SABRE ECC Pr. e All. Feher Etelka CLASSE GIOVANI FEMMINE 1° AURA DI CASA DAL PINO ECC MIGLIOR GIOVANE Pr. e All. Antonio Dal Pino 2° CASSIOPEA STELLAS DELLA TERRA DEI TEMPLARI ECC Pr. Giuseppe Barcella All. della Terra dei Templari CLASSE JUNIORES FEMMINE 1° BASSSCOTT IF YOU WANT YOU CAN FRANCINE MP Pr. Francesco Scotti All. Giliola Negro 2° BASSSCOTT IF YOU COME WHIT ME MP Pr. e All. Giliola Negro CLASSE PUPPY FEMMINE 1° SWEDE SUN’S GINA MP Pr. Selvaggia Bentivoglio All. Paula Sunebring I risultati trasmessi dal Gruppo Cinofilo Bresciano, sono stati comunicati dalla S.I.Bas Società Italiana Basset Hound

INTERMEDIA MASCHI 1° R/CAC YURI VON BROGERSHAUS pr. A.Gavina 2° MB CA’ DEL CORSI BOSCO Bovaro del Bernese (43) CAMPIONI MASCHI 1° BOB e BIS STARRY TOWN FOR A SMILE pr. G.Guidi LIBERA MASCHI 1° CAC OBOE DA CASA DOS HERDEIROS DO LOBO pr. A.Berto 2° R/CAC STARRY TOWN FRIEND ESPECIALLY FOR YOU pr. A.Zele

Reggio Emilia, Bovaro del Bernese Miglior Giovane

Presidente Dott. Luigi Nerilli Segretario Nicola Andreis Via San Cesario n° 12/A 25075 NAVE (BS) Cell.: 3387474629 -FAX: 0302535392 e-mail: bassethoundclub@tiscali.it

CLUB ITALIANO AMATORI BOVARI SVIZZERI MOSTRA SPECIALE BOVARI SVIZZERI CAGLIARI 23 FEBBRAIO 2014 Giudice Gianfranco Bauchal

BOB Montichiari

Bovari del Bernese (4) LIBERA MASCHI 1° CAC e CACIB PUMBA pr. G.Distefano INTERMEDIA MASCHI 1° R/CAC R/CACIB BORIA DELLA VAL DI VARA pr. S.Incani LIBERA FEMMINE 1° CAC CACIB e BOB BABYLON BY BUS pr. C.Niccoli 2° Ecc LUCIA DELLA VAL DI VARA pr. All. della Val di Vara

Reggio Emilia Bovaro del Bernese Miglior Juniores

RADUNO BOVARI SVIZZERI REGGIO EMILIA - 15 MARZO 2014 Giudice Paul Stanton (SE) Totale Bovari Svizzeri: 52

BOS Montichiari

58

Bovaro dell’Appenzell (4) LIBERA MASCHI 1° CAC e BOB ARNOLD BUDYSAUR pr. M. Battaglia

Reggio Emilia, Bovaro del Bernese Miglior Baby


C L U B

Reggio Emilia, Bovaro dell’Appenzell BOB

Reggio Emilia, Grande Bovaro Svizzero BOB CAMPIONI FEMMINE 1° Ecc BEAUTIFUL ELECTRA TO INFINITY DEL MOLINASCO pr. All. del Molinasco 2° Ecc CONTE VENETO HAILY JANE pr. S.Marcori LIBERA FEMMINE 1° CAC DOROTHEA DELLA ROCCA D’ANGERA pr.B.Monteggia 2° R/CAC STARRY TOWN GRACE KELLY pr. L.Salviato INTERMEDIA FEMMINE 1° MB AMBER GEM AL TIGLIO pr. M.A. Lodetti 2° MB CHARLIZE pr. R.Scita GIOVANI FEMMINE 1° Ecc HIGH OAKS KEIRA pr. V.Anzillotti 2° MB CALL ME BABE FROM BERNO MANIJA pr. E.Zeltotrubove BABY FEMMINE 1° MP PEPITA DEL LAGO DI TENNO pr. S.Vogel Tedeschi 2° MP EMMAS pr. S.Belli

Reggio Emilia, Bovaro del Bernese BOB e BOS INTERMEDIA MASCHI 1° Ecc ARDISCO E NON ORDISCO KEEP IN MIND pr. D.De Bortoli 2° MB STARRY TOWN HIT THE ROAD pr.V.Colombelli GIOVANI MASCHI 1° Ecc SPLENDID THREE COLOR SORRENTO pr.. E.Abdullina 2° Ecc DENTRO UN SOGNO DEL SACRO FIUME pr. M.Buzzi JUNIORES MASCHI 1° MP miglior Juniores FA’EZ FEITIDOS DAS MEIGAS pr. G.Barbeira BABY MASCHI 1° MP miglior baby STARRY TOWN IT WAS SHORT AND SWEET pr.. M.Mauro 2° MP X-TREME MAKEWINSS pr. S.Belli

Montichiari, Bovaro del Bernese, Libera Femmine

59


C L U B JUNIORES MASCHI 1° MP miglior juniores STARRY TOWN INDIMENTICABILE GEORGE BEST pr. M.Mauro BABY MASCHI 1° MP miglior baby STARRY TOWN IT WAS SHORT AND SWEET pr. G.Guidi CAMPIONI FEMMINE 1° Ecc PANQUECA DA CASA DOS HERDEIROS DO LOBO pr. All. La Signora dei 100 Cani di A.Berto LIBERA FEMMINE 1° R/CAC XAILA DELL’ALBALLEGRA pr. All. La Signora dei 100 Cani di A.Berto 2° Ecc STARRY TOWN GRACE KELLY pr. L.Salviato INTERMEDIA FEMMINE 1° Ecc CAC BOS CHARLIZE pr. R.Scita 2° Ecc AMBER GEM AL TIGLIO pr. M.A.Lodetti GIOVANI FEMMINE 1° Ecc miglior giovane HIGH OAKS KEIRA pr. V.Anzilotti 2° Ecc CALL ME BABE FROM BERNO MANIJA pr. E.Zeltotrubove c/o M.G.Alberio BABY FEMMINE 1° MP PEPITA DEL LAGO DI TENNO pr. S.Vogel Tedeschi 2° MP STARRY TOWN I LOVE YOU BABY ULLA pr. M.Mauro

Montichiari, Bovaro del Bernese, Libera Maschi

CLUB ITALIANO AMATORI BOVARI SVIZZERI C/O PATRIZIA SPECIALE VIA CARDINAL MASSAIA 43 30172 MESTRE Tel 348.9830876 - fax 041.940194 www.ciabs.net - info@ciabs.it

ASSOCIAZIONE MAGYAR VIZSLA CLUB ITALIANO SPECIALE REGGIO EMILIA 15 MARZO 2014

Montichiari, Bovaro del Bernese BOB e BOS Bovaro dell’Entlebuch (2) GIOVANI MASCHI 1° MB ASTOR pr. F.G.Morano GIOVANI FEMMINE 1° MB ALICE pr. All. d’Isolagerre Grande Bovaro Svizzero (3) GIOVANI MASCHI 1° Ecc BOB GEDEONE pr. F.Fiorentini 2° MB SIRTAKI GENTLE GIANT pr. P.Maretti LIBERA FEMMINE 1° MB AIDA-EDDA-KIM B-2 pr. L.Baccaglini

2° MB ARDISCO E NON ORDISCO KEEP IN MIND pr. D.De Bortoli GIOVANI MASCHI 1° Ecc SWEET WHITE BEAR pr.. A.Lonati 2° Ecc AMERIGO VESPUCCI D’ISOLAGERRE pr. R.Scita

RADUNO BOVARI DEL BERNESE MONTICHIARI 12 APRILE 2014 Giudice Günther Ehrenreich (A) Bovari del Bernese iscritti: 33 CAMPIONI MASCHI 1° Ecc BOB STARRY TOWN FOR A SMILE pr. G.Guidi LIBERA MASCHI 1° CAC STARRY TOWN FRIEND ESPECIALLY FOR YOU pr. A.Zele 2° R/CAC KAUKARHAUGENS DIONYSOS pr. M.Lipari INTERMEDIA MASCHI 1° MB LUCKY STRIKE LINUS AV HISELFOSS pr. L.Virgili

60

BOB e BOS

CAMPIONI MASCHI Fiuto Pr. Guglielmini Roberto 1° R/CACIB Minos Del Fatalbecco Pr. Poggini Alessandro 2° Ecc LIBERA MASCHI Aladino Del Fatalbecco Pr. Poggini Alessandro 1° CAC CACIB BOB Axel Pr. D’Aleo Fabio 2° Ecc


C L U B CLUB ITALIANO LAGOTTO Speciale Lagotto all’Esposizione Internazionale di Padova 29/03/2014

BOB e BOS LAVORO MASCHI Iaro Pr. Cutonili Maria Rita 1° CAC Rusty Pr. Tilocca Marco 2° R/CAC INTERMEDIA MASCHI Eric C. Vives Bohemia Pr. Peres Eustachio 1° R/ CAC LIBERA FEMMINE Mina Dei Vizsla Pr. Brogiolo Enrico 1° R/ CAC R/ CACIB Lola Pr. Zerbini Luca 2° Ecc LAVORO FEMMINE Brezza Pr. Guglielmini Roberto 1° CAC INTERMEDIA FEMMINE Birra Beck’s Del Fatalbecco Pr. Brugnoli Miriam 1° CAC CACIB BOS GIOVANI FEMMINE Daffy z Weitovho Iomu Pr. Cutonilli Maria Rita 1° Ecc

Cariddi Del Fatalbecco Pr. Poggini Alessandro 1° CAC Brezza Pr. Guglielmini Roberto 2° R/CAC INTERMEDIA FEMMINE Crispina Del Fatalbecco Pr. Meggiolaro Marco 1° Ecc GIOVANI FEMMINE Csipke Danitty Pr. Gelmini Gualtiero 1° Ecc BOB JUNIORES FEMMINE Lorna Chite Canta Del Fatalbecco Pr. Poggini Alessandro 1° MP COPPIE 1° Brutus Taremys Bohemica x Csipke Danitty Pr. Gelmini Gualtiero 2° Goku-Ercole Del Fatalbecco x Cariddi Del Fatalbecco Pr. Poggini Alessandro GRUPPO DI ALLEVAMENTO 1° Allevamento Del Fatalbecco

RADUNO MASSENZATICO 25 APRILE 2014

ASSOCIAZIONE MAGYAR VIZSLA CLUB ITALIANO C/O GR. CIN. REG. - VIA PARIATI 28 42123 REGGIO EMILIA Tel. 335-6637690

BRACCO UNGHERESE A PELO FORTE LIBERA MASCHI Vador-Tarsa Ulloi Afrod Pr. Tecchio Stefano 1° CAC BOB BRACCO UNGHERESE A PELO CORTO CAMPIONI MASCHI Brutus Taremys Bohemica Pr. Gelmini Gualtiero 1° Ecc Aladino Del Fatalbecco Pr. Poggini Alessandro 2° Ecc LIBERA MASCHI Ciro Pr. Rossi Marco 1° R/CAC Axel Pr. D’Aleo Fabio Giuseppe 2° Ecc LAVORO MASCHI Goku-Ercole Del Fatalbecco Pr. Poggini Alessandro 1° CAC BOS INTERMEDIA MASCHIO Eric C.Vives Bohemia Pr. Peres Eustachio 1° CAC Cassovia Morgan Buona Casa Pr. Stellini Cristina 2° Ecc GIOVANI MASCHI Aron Pr. Montanelli Liliana 1° MB CAMPIONI FEMMINE Mina Dei Vizsla Pr. Brogiolo Enrico 1° Ecc LIBERA FEMMINE Dolly Pr. Liberali Marco 1° CAC Lola Pr. Zerbini Luca 2° R/CAC LAVORO FEMMINE

Campioni maschi 1° CACIB, miglior maschio BOB DANTE delle Gualdarie all. Bernardi S. pr. Tonelli O. Libera maschi 1° CAC R/CACIB GINKO all. e pr. Rondinin L. 2° R/CAC GIOVE all. Porta D. pr. Porta E. Giovani maschi 1° Ecc miglior giovane Il Granaio dei Malatesta DEMETRIO all. Benelli M. pr. Tonelli O. 2° Ecc ARGO all. Martelli M.C. pr. Terra Incognita Kennel Juniores maschi 1° MP GLADIATOR dei Boschi d‘Oro all. Damaschin C. pr. Terra Incognita Kennel 2° MP Regun LOBO all. e pr. Tanos L. Campioni femmine 1° R/CACIB ROSA all. Morara M. pr. Nicolai M. Libera femmine 1° /CAC BRITNEY all. Ballardini E. pr. Venturini A. 2° Ecc OCTAVIA delle Terre del Guà all. Mattiello M. pr. Bortolan G. Intermedia femmine 1° CAC CACIB miglior femmina BOS SENNA della Cascinetta all. Bassi F. pr. Sanguinetti C. Giovani femmine 1° Ecc HOLA CIQUITA del Fatalbecco all. e pr. Poggini A. 2° Ecc Il Granaio dei Malatesta ZARA all. Benelli M. pr. Gasparotto S. Juniores femmine 1° MP miglior juniores PERDINDIRINDINA della Taparina all.e pr. Farnè M. 2° MP AMELIA all. e pr. Durastani M., 3° mp Regun MALVA all. e pr. Tanos L. CLUB ITALIANO LAGOTTO C/O ZAVAGLI E. - VIA DALLA CHIESA 53 - 40026 IMOLA Tel. 0542-690284

BOB DANTE delle Gualdarie all. Bernardi S. pr. Tonelli O. BOS SENNA della Cascinetta all. Bassi F. pr. Sanguinett C.

61


ORGANO UFFICIALE DELL’ENCI Ente Nazionale della Cinofilia Italiana n. 6 giugno 2014 – Anno 60°

ESTATE... PARTIAMO INSIEME

DIRETTORE RESPONSABILE: Fabrizio Crivellari UFFICIO STAMPA E PUBBLICHE RELAZIONI: Rodolfo Grassi REDAZIONE: Renata Fossati PROPRIETÀ ED EDITORE: ENCI Milano HANNO COLLABORATO: Roberto Aguzzoni, Stefano Alfieri, Giorgio Bellotti, Giovanni Garoia, Barbara Macchia, Fausto Mattioli, Maurizio Meneguzzo, Carlo Mezzetti, Sandro Pacioni, Carlotta Palazzesi, Giancarlo Passini, Marco Ragatzu, Dino Scarso, Maria Luisa Simone, Silvano Vitali, Silvana Vogel, Pier Secondo Zacco, Isabella Zirri ENCI IN INTERNET: www.enci.it informazioni: info@enci.it soci: soci@enci.it segreteria: segreteria@enci.it libro genealogico: lg@enci.it expo: expo@enci.it

Cavalier King Charles Spaniel. Foto Claudio Davoli

prove: prove@enci.it redazione: redazione@enci.it biblioteca: biblioteca@enci.it REDAZIONE, PUBBLICITÀ: 20137 Milano - Viale Corsica 20 Tel. 02/7002031 Fax 02/70020323 IMPAGINAZIONE GRAFICA: Studio DOD design - Massa Lombarda (RA) STAMPA: Rotolito Lombarda Via Sondrio n° 3 20096 - Seggiano di Pioltello (MI) SPEDIZIONE PER L’ITALIA E PER L’ESTERO: Rotolito Lombarda Via Sondrio n° 3 20096 - Seggiano di Pioltello (MI) La quota associativa dei Soci Allevatori è pari a euro 51,65 e dei Soci Aggregati a euro 5,00; ai soli fini postali, euro 2,00, sono da considerarsi quale quota di abbonamento alla rivista.

La Direzione non si assume alcuna responsabilità sulle inserzioni pubblicitarie inoltrate senza bozzetto, sulle quali, peraltro, si riserva di operare eventuali tagli al testo, compatibilmente con lo spazio prenotato. Articoli e fotografie, anche se non pubblicati, non si restituiscono. La responsabilità per i contenuti e le opinioni espresse negli articoli pubblicati è esclusivamente degli autori In copertina: Lagotto Romagnolo foto di Danilo Damasi Autorizzazione del Tribunale di Milano n. 3639 Pubblicazione riservata ai Soci dell’Ente Associato alla Unione Stampa Periodica Italiana

66

Se vai al mare, portalo con te ci sono tante spiagge dove può giocare. Se vai in montagna, portalo con te ci sono tanti boschi e prati da annusare. Se parti in macchina, ricordati la borraccia. Se parti in treno o in nave, ricordati la museruola. Se parti in aereo, prenota per tempo. … e… non scordare il libretto sanitario … o il passaporto se passi la frontiera. L’estate è in arrivo: portalo con te Sempre più alberghi, campeggi e spiagge accettano i cani. Consulta internet, troverai molte informazioni. L’estate è in arrivo: portalo con te Un cane abbandonato è un cane condannato…

L’ABBANDONO È UN REATO PENALE Legge 20 luglio 2004, n. 189 pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 178 del 31 luglio 2004 Art. 1. (Modifiche al codice penale) 1. Dopo il titolo IX del libro II del codice penale è inserito il seguente: “TITOLO IX-BIS - DEI DELITTI CONTRO IL SENTIMENTO PER GLI ANIMALI” 3. L’articolo 727 del codice penale è sostituito dal seguente: “Art. 727. - (Abbandono di animali). - Chiunque abbandona animali domestici o che abbiano acquisito abitudini della cattività è punito con l’arresto fino ad un anno o con l’ammenda da 1.000 a 10.000 euro. Alla stessa pena soggiace chiunque detiene animali in condizioni incompatibili con la loro natura, e produttive di gravi sofferenze”. Testo integrale su: www.camera.it/parlam/leggi/04189l.htm


La mia razza in 40 righe “Racconti brevi. Storie di vita quotidiana. Aneddoti divertenti. Una razza: che passione! Dalla città alla campagna… … E tutto ciò che racconta la vita condivisa con la scelta di un cane.”

I RACCONTI SARANNO PUBBLICATI SULLA RIVISTA “I NOSTRI CANI” E SUL SITO DELL’ENCI INFORMAZIONI TESTO: in formato di scrittura (Word o similari - NO pdf). Lunghezza massima: 4.000 battute (spazi esclusi). FOTO: è possibile allegare 1 foto in formato Jpg o Tif in alta risoluzione. Avvertenze: non impaginare. Testo e foto, separati. INVIARE racconti, foto e liberatoria a: racconti@enci.it Avvertenze: ad ogni e mail, allegare solo 1 racconto ed 1 foto. È possibile inviare più racconti dello stesso autore con e mail distinte. LIBERATORIA Per la pubblicazione gratuita sulla rivista “I nostri Cani “ e sul sito www.enci.it si deve allegare all’invio la seguente dichiarazione: Il sottoscritto: nome, cognome, indirizzo, recapito telefonico. Autorizza la pubblicazione, sulla rivista I Nostri Cani e sul sito www.enci.it, del racconto e della foto allegati alla presente e mail. Dichiara altresì che gli stessi sono gratuiti e liberi da copyright. L’iniziativa terminerà il 31 dicembre 2014 Si ringraziano con anticipo tutti gli appassionati che vorranno aderire all’iniziativa.


I Nostri Cani - giugno 2014  

Numero di giugno 2014 de I Nostri Cani - rivista ufficiale ENCI.

I Nostri Cani - giugno 2014  

Numero di giugno 2014 de I Nostri Cani - rivista ufficiale ENCI.