Page 1

3RVWH,WDOLDQH6SD6SHGL]LRQHLQDEERQDPHQWRSRVWDOH'/ FRQYLQ/Qƒ $UWFRPPD/20,1PDU]R

0$/$087('$<²%(5*$0$6&2²0$/7(6( 0$5(00$12$%58==(6(²(;32²%5(721

$66,&85$=,21(62&,(1&,

´RUJDQRXIILFDOH(1&,µ

PDU]R

INC articoli mar12.indd 1

24/02/2012 14:58:45


INC articoli mar12.indd 2

24/02/2012 14:58:46


6200$5,2 7URIHL(1&, &RQRVFLLO3DVWRUH%HUJDPDVFR /XLJL*XLGRERQR&DYDOFKLQL



,O0DOWHVHGHLSRHWL (OLVDEHWWD'H/XFD



&URQDFDGLXQ·([SR /DXUD*DPEHULQL9HULWj %UXQR1RGDOOLWULRQIDD9LOQLXV 5RGROIR*UDVVL /HFRUGHGHO.RPRQGRU 5HQDWD)RVVDWL ,FDQLELDQFKLGHLURPDQL )UDQFR6LPRQL 8QDQQRGLVXFFHVVL 2VFDU8JRORWWL ,ILJOLGL0DVDQLHOOR 1LFROD,PELPER ,OFDQHLQRVSHGDOH 5HQDWD)RVVDWL 6WDII\LQSDVVHUHOOD $OHVVLR&DWRQL 9LQFHLO&OXPEHU6SDQLHO /XFD%LVLJQDQR /HFODVVLILFKH GHO723'2* VRQRYLVLELOL VXOVLWRGHOO·(1&,

&DPSLRQLLQ ZZZHQFLLW ,FDPSLRQLVRQRVXOVLWR (1&, LQ TXHVWR PRGR VLDYUjXQ LQIRUPD]LRQH SLGLIIXVD

 

    

 ,PDODPXWHULWURYDQRODQHYH $QWRQLR%DWWXHOOR  %UHWRQDOOLHYRPRGHOOR *LRUJLR%HOORWWL  &XFFLRORIDPLJOLDUHDJJLXQWR /RUHQ]R0DUL&HQQL  %DEDMDJDqLOFDPSLRQH 0DUWD=DPSROOL  /DWRUVLRQHGHOORVWRPDFR 6DUD&HFFDUHOOL  /DVFLDWHOLOLWLJDUH *LXV\0D]]DOXSL  9DUHVHLPDJQLILFL 5RVLWD7URWWL (VSRVL]LRQL *LDQ'RPHQLFR3DOLHUL

 &+,('29(

 

 ,VXFFHVVL  ,FOXE  *OLDOOHYDWRUL 7(03,',&216(*1$0$7(5,$/(

3XEEOLFLWjH[SRFRQJLXULDHQWURLOJLRUQRGHOPHVHSUHFHGHQWHO·XVFLWD HVQRYHPEUH SHUSXEEOLFD]LRQHLQGLFHPEUH  3XEEOLFLWjH[SRVHQ]DJLXULDHQWURLOJLRUQRGHOPHVHSUHFHGHQWHO·XVFLWD $UWLFROLSUHYLRDFFRUGLFRQODUHGD]LRQH 5XEULFDFOXEHQWURLOJLRUQRGHOPHVHSUHFHGHQWHO·XVFLWDLQPHULWRDOORVSD]LRGLVSRQLELOH 6XFFHVVLDOO·HVWHURLQRUGLQHGLULFHYLPHQWRLQPHULWRDOORVSD]LRGLVSRQLELOH LQYLDUHDUHGD]LRQH#HQFLLW 6LULQJUD]LDSHUODFROODERUD]LRQH

&DOHQGDULRHVSRVL]LRQLHSURYHLQZZZHQFLLW 

INC articoli mar12.indd 3

24/02/2012 14:58:49


Vincitori Trofei ENCI 2011 5$==$ 6$/8., $.,7$$0(5,&$12 %($5'('&2//,(

752)(2&$-(//, 120('(/&$1( '(/%25*+,126&$5'(/$5(17$ '(.$1(5·6:2/9(5,1(5(9(1*( +2,10(17(7('(/&825(,03$9,'2

5$==$ %5$&&2,7$/,$12 3,&&2/2/(95,(52,7$/,$12 /$*2772520$*12/2

752)(2&$-(//,5$==(,7$/,$1( 120('(/&$1( 35235,(7$5,2 5,%27 &2'(/833,3$2/2 2+0<*2''(,5$**,',/81$ $//72'(,5$**,',/81$GL$1&21(77,6(5*,2 $/)5('2 %(1(//,021,&$

5$==$ &$1('$3$6725(6&2==(6($3(/2/81*2 &$1('$3$6725(',%5,( 6&+1$8=(5 %29$52'(/%(51(6( $,5'$/(7(55,(5 %$6627727('(6&2 %$6627727('(6&2 $/$6.$10$/$087( 6,%(5,$1+86.< 5+2'(6,$15,'*(%$&. $/3(1/$(1',6&+('$&+%5$&.( %5$&&2,7$/,$12 6(77(5,1*/(6( &2&.(563$1,(/,1*/(6( /$%5$'255(75,9(5 &$9$/,(5.,1*&+$5/(663$1,(/6 &+,+8$+8$ 3,&&2/2/(95,(52,7$/,$12 /(95,(52$)*$12

752)(2$//(9$0(172(6326,=,21, *58332 $//(9$0(172 SRVWR ƒJUXSSR $OOHYDPHQWRGL&DPELDQRGL*DUDEHOOL0DULD7HUHVD ƒ ƒJUXSSR $OOHYDPHQWR'HOOH1HEELHGL$YDORQGL&KLHD/XLJLQR ƒ ƒJUXSSR $OOHYDPHQWRGL&DVD*LXIIULGDGL*LXIIULGD*LXVHSSH ƒ ƒJUXSSR $OOHYDPHQWR6WDUU\7RZQGL0DXUR0DXUL]LR ƒ ƒJUXSSR $OOHYDPHQWR,XOLXVGL$XGLVLR'L6RPPD*LXOLR ƒ ƒJUXSSR $OOHYDPHQWR'HO:DQKHOVLQJGL3DVFDUHOOD*DEULHO0DULR ƒ ƒJUXSSR $OOHYDPHQWR'HOOD&RUWHGHL%DUEDJULJLDGL,HYROHOOD3HOOHJULQR ƒ ƒJUXSSR $OOHYDPHQWRGHO%LDJLRGL%LDJLRWWL*LXVHSSH ƒ ƒJUXSSR $OOHYDPHQWR&U\2XWGL&DSDQQL'DYLGH ƒ ƒJUXSSR $OOHYDPHQWR+DUPDNKLV:LVGRPGL9HQWXUHOOL6DUD ƒ ƒJUXSSR $OOHYDPHQWRGHOOD9DOOHGHJOL2VFDUGL'L/RUHWR*LXVHSSH ƒ ƒJUXSSR $OOHYDPHQWR'L&DVFLQD&URFHGL*ULWWL5HQDWR ƒ ƒJUXSSR $OOHYDPHQWRGHOOD%DVVDQDGL/XL6WHIDQRH5HPR ƒ ƒJUXSSR $OOHYDPHQWR)UDQFLQL·VGL)UDQFLQL$QJHOD ƒ ƒJUXSSR $OOHYDPHQWRGL&DVD%LDJLQLGL%LDJLQL5REHUWR ƒ ƒJUXSSR $OOHYDPHQWRGHL&RPWH'·(DXGL&RQGz3LHWUR3DROR ƒ ƒJUXSSR $OOHYDPHQWR'HOOD'ROFHPHODGL3DYDQL&ODXGLD ƒ ƒJUXSSR $OOHYDPHQWR'HL5DJJLGL/XQDGL$QFRQHWWL6HUJLR ƒ ƒJUXSSR $OOHYDPHQWR:D\8SGL'HOOD5RFFD$JQHVH ƒ

5$==$ &$1('$3$6725(%(/*$0$/,12,6 %$6627727('(6&2 %$6627727('(6&2 6(*8*,2,7$/,$12 %5$&&2,7$/,$12 (3$*1(8/%5(721 (3$*1(8/%5(721 6(77(5,1*/(6( 6(77(5,1*/(6( 635,1*(563$1,(/,1*/(6( 635,1*(563$1,(/,1*/(6( :+,33(7

752)(2$//(9$0(1723529( *58332 $//(9$0(172 SRVWR ƒJUXSSR $OOHYDPHQWR/D0DVFKHUDGL)HUURGL%HUUXWR/LOLDQD ƒ ƒJUXSSR $OOHYDPHQWR'HOOD&RUWHGHL%DUEDJULJLDGL,HYROHOOD3HOOHJULQR ƒ ƒJUXSSR $OOHYDPHQWR'HO7RFDLGL5DQ]D/DXUD ƒ ƒJUXSSR $OOHYDPHQWRGL0RQWHUVLQRGL0RQWHUVLQR&ULVWLDQ ƒ ƒJUXSSR $OOHYDPHQWRGL&DVFLQD&URFHGL*ULWWL5HQDWR ƒ ƒJUXSSR $OOHYDPHQWR'HOOD1RWWHGL6/RUHQ]RGL'LQHOOL0DVVLPR ƒ ƒJUXSSR $OOHYDPHQWRGL6DQ0DPLOLDQRGL0RUHWWL0DXUR ƒ ƒJUXSSR $OOHYDPHQWRGHO=DJQLVGL=DJQL/LEHUR ƒ ƒJUXSSR $OOHYDPHQWR3LDQLJLDQL·VGL3LDQLJLDQL6WHIDQR ƒ ƒJUXSSR $OOHYDPHQWRGHOOD%DQGD$ODWDGL&XSLQL$QGUHD ƒ ƒJUXSSR $OOHYDPHQWRGHOOD%DGLDGL66DYLQRGL&DPLROR)UDQFHVFR ƒ ƒJUXSSR $OOHYDPHQWR(OYLPRVTXLWRGL9LVLQWLQL3DROD ƒ

752)(226&$5021$&2 5$==$ 120(62**(772 35235,(7$5,2 &21'87725( VHWWHULQJOHVH (526',/2523,&(12 3DFLRQL7L]LDQD 3H]]RWWD(UQHVWR

5$==$ GUDKWKDDU 

752)(2/$5(*,1$'(/%26&2 120(62**(772 35235,(7$5,2 &21'87725( 6$0'(//$0,026$ %XU]L0DULQD %XU]L0DULQD ',.5,(*

5$==$ 120(62**(772 VHWWHULQJOHVH 3(5/$'(/)5$1*,2

35235,(7$5,2 &21'87725( %DWWDQHOOR,OGR %DWWDQHOOR,OGR

35235,(7$5,2 *$//,$12/(21$5'2 *$5&,$)5$1&,6&2 5,32/,),/,332

SRVWR ƒ ƒ ƒ

SRVWR ƒ ƒ ƒ

752)(26$/$',1,3,/$675, $O9LQFLWRUHGHO7URIHR 5$==$ 120(62**(772 35235,(7$5,2 6HWWHU,QJOHVH (9$',&52&('20,1, *LRUJL*LDFRPR $OPLJOLRUVRJJHWWRGLVHVVRIHPPLQLOH 5$==$ 120(62**(772 35235,(7$5,2 6HWWHU,QJOHVH (9$',&52&('20,1, *LRUJL*LDFRPR 9LHQHDVVHJQDWRLOSUHPLRVSHFLDOHGHQRPLQDWR´7URIHRDOOHYDPHQWRµ DOWLWRODUHGHOO·DIILVVR  $)),662 35235,(7$5,2  GL&52&('20,1, *LRUJL*LDFRPR FKHKDRWWHQXWRLPDJJLRULULVXOWDWLFRQLSURSULVRJJHWWLDOOHSURYHGHOFLUFXLWR



INC articoli mar12.indd 4

24/02/2012 14:58:49


Cani

i nostri

Anno 58 num. marzo 2012

3

Assemblea Soci 2012 Verifica poteri di voto, adeguamento delle comunicazioni ai soci collettivi

In caso di impossibilità a partecipare ai lavori assembleari, i soci Allevatori ed i Presidenti dei Gruppi Cinofili e delle Associazioni Specializzate potranno far pervenire la loro delega entro le ore 17,30 del 29 marzo 2012 alla sede ENCI di V.le Corsica 20 in Milano fax 02/70020323, secondo quanto disposto ai commi 4 e 5 dall’art. 10 dello Statuto Sociale e secondo le modalità che seguono. N.B. Possono partecipare con diritto di voto soltanto i Soci in regola con la quota sociale 2012. I Soci in possesso di deleghe dovranno presentarsi presso la sede sociale ENCI di Milano in V.le Corsica 20 – giovedì 29 marzo 2012 dalle ore 10,30 alle ore 17,30 per il controllo della validità delle deleghe. Non sono ammesse correzioni o cancellazioni sulle deleghe ne è consentito ad un socio delegato di trasferire le proprie deleghe ad un altro socio. Inoltre: - saranno accettate le deleghe trasmesse a mezzo fax se redatte sulla cartolina di convocazione; - se le deleghe vengono redatte su modulo

diverso dalla cartolina dovranno essere accompagnate dalla fotocopia del documento di riconoscimento del delegante; verranno accettate tutte le deleghe, ancorché non registrate nei termini contenuti nella convocazione, se pervenute alla sede sociale ENCI sopradetta, c/o la Commissione Verifica Deleghe, entro e non oltre le ore 17,30 di giovedì 29 marzo 2012; - non saranno accettate le deleghe trasmesse anche a mezzo fax dopo le ore 17,30; - l’indicazione del codice fiscale del delegante è sempre obbligatoria. Per i soci Allevatori Le quote associative dei soci Allevatori pervenute alla sede sociale dell’ENCI dopo il 22 marzo 2012, saranno convalidate soltanto se effettuate con pagamenti in contanti o con altri mezzi a copertura garantita. Le quote Socio Allevatore pagate presso i Gruppi Cinofili/Delegazioni saranno convalidate se effettuate e regolarizzate verso ENCI, entro mercoledì 28 marzo 2012.

/¶(17(1$=,21$/(&,12),/,$,7$/,$1$ SUHVHQWD

3»(UU\HYPV 

La vetrina della cinofilia autentica. Dedicata a tutti i professionisti del settore, ed agli appassionati dell’universo canino: Allevatori – Espositori – Handler – Conduttori – Aziende – Centri Cinofili Società Specializzate - Esposizioni – Prove – Lavoro – Agility Dog Una rassegna originale, unica nel panorama cinofilo che racconta l’impegno, il lavoro, la professionalità e la dedizione di tutti gli addetti del settore in favore di una cinofilia sempre all’avanguardia al servizio di tutti gli appassionati. ULTIMI GIORNI PER ACCEDERE Tariffe differenziate per Allevatori, Aziende, Gruppi Cinofili, Centri Cinofili La modulistica per l’adesione è disponibile sul sito www.enci.it

L’ENTE NAZIONALE DELLA CINOFILIA ITALIANA organizza il

'(5%<5$==('$)(50$&217,1(17$/, in località Lajatico (PI) il 30/31 marzo - 1 aprile 2012

CONTINENTALI ITALIANI: 30 marzo CONTINENTALI ESTERI: 31 marzo Continentali italiani e continentali esteri: 1 aprile iscrizioni da inviare all’ENCI entro il 19 marzo 2012 Il programma e il modulo di iscrizione è scaricabile dal sito dell’ENCI

Per i Gruppi Cinofili/Associazioni Specializzate di razza. I Gruppi Cinofili/Associazioni Specializzate di razza devono aggiornare i propri associati e regolarizzare il versamento delle quote all’ENCI utilizzando il programma “Gestione Soci” entro mercoledì 28 marzo 2012. Il pagamento deve essere effettuato mediante carta di credito. In virtù dell’art. 8.1 lett. C del Regolamento di attuazione dello Statuto Sociale ENCI, il numero dei voti spettanti al Socio Collettivo viene calcolato in relazione ai propri associati, aggiornati da quest’ultimo sino a tre giorni prima della data dell’Assemblea, ossia fino al 28 marzo 2012. I Soci inseriti dopo tale termine, quindi dal 29 marzo 2012, non concorreranno al computo dei voti spettanti al Socio Collettivo.

3DVVDJJLR56552, VRVSHQVLRQHGHOLEHUD Si comunica la sospensione della seguente determina, contenuta in una più ampia delibera, pubblicata il 6.12.11 sul sito dell’ENCI: “Le iscrizioni di cucciolate di riproduttori iscritti al RSR dalla quarta generazione, a partire dal 1 luglio 2012, non potranno essere registrate al RSR.” Pertanto, i riproduttori iscritti al RSR dopo la terza generazione potranno continuare ad essere iscritti al RSR anche dopo il 1.7.12 oppure potranno essere trascritti al ROI dopo l’acquisizione della qualifica di Molto Buono o del Certificato di Tipicità. La sospensione della determina, comunque non ancora efficace, si è resa necessaria al fine di una migliore armonizzazione con l’art 5.5 delle Norme Tecniche. ,O'LUHWWRUH*HQHUDOH )DEUL]LR&ULYHOODUL

7(66(5$0(172 (63(57,*,8',&, Si ricorda che, in base alle previsioni del Disciplinare del corpo degli esperti del Libro genealogico del cane di razza, gli esperti giudici sono tenuti alla regolarizzazione della propria posizione associativa entro il 31 marzo. Per coloro che non provvederanno è prevista la sospensione dell’attività di esperto giudice fino alla comprovata avvenuta regolarizzazione della posizione associativa



INC articoli mar12.indd 5

24/02/2012 14:58:50


Il rilancio di una razza storica italiana

Conosci il Pastore Bergamasco Il mantello si completa dopo circa due anni e mezzo. Il nuovo sito del club: www.pastore-bergamasco.net Questo il nome del progetto che la SAB Società Amatori del Pastore bha come obiettivo per promuovere la razza. Il numero dei soggetti iscritti ai libri genealogici Italiani si è ridotto notevolmente e il problema va analizzato con molta attenzione in modo tale da individuarne le cause, poiché se non si verifica un un’inversione di tendenza, ciò può portare rapidamente a un ridotto pool genetico. I motivi di questo calo possono essere identificati in una riduzione numerica generale dei cani iscritti verificatasi anche in molte altre razze in particolare in quelle da pastore, un aumento dell’urbanizzazione della popolazione umana con conseguente diminuzione di quella rurale, la richiesta sempre maggiore di razze di piccola taglia più adatte alla vita in appartamento. Particolare attenzione deve essere rivolta al mantello del cane da pastore be alla sua cura in modo da promuovere un’immagine corretta di cani che possono essere bene inseriti nella vita della famiglia con un minimo di attenzione e di toilette. E’ stato accolto e promosso un messaggio molto chiaro, il pelo deve essere di giusta qualità e il mantello non deve essere lasciato incolto ad abbundantiam, ma deve subire una cura periodica, non deve in nessun caso essere di impedimento ai movimenti sciolti del bergamasco e deve in primo luogo salvaguardare il benessere dei nostri cani. Molte immagini diffuse in passato non rappresentano adeguatamente la razza, non vogliamo più vedere mantelli che arrivano a terra scopando il terreno, non sono funzionali per i cani e spaventano i proprietari, anche se molto appariscenti e vincenti nello show. Il bergamasco è un cane agile ed attivo che si muove con eleganza e non deve essere appesantito da un eccesso di manto. Come per tutte le razze di cani è necessario un po’ di grooming e di trimming, anche il mantello del bergamasco va curato, tenuto in ordine e pulito con bagni periodici, ciò non vuol dire eliminare i bioccoli o meglio le tacole come si chiamano in Lombardia, che lo caratterizzano e lo distinguono dagli altri cani dandogli quell’aspetto country del



INC articoli mar12.indd 6

24/02/2012 14:58:54


Cani

i nostri

Anno 58 num. marzo 2012

tutto particolare, ma non bisogna premiare sui ring solo l’eccesso di pelo, come spesso accade. I giudici a volte non si rendono conto di quanto il loro operato sul ring possa influenzare l’allevamento, la selezione e l’evoluzione di una razza. Se guardiamo le immagini di Bergamaschi di un tempo, il mantello non era così ricco e soprattutto maggiore era la presenza di pelo caprino. Il mantello deve essere di giusta tessitura come ben recita lo standard di razza con presenza di pelo caprino e di lana, filamenti strutturalmente differenti. Il diametro dei filamenti varia considerevolmente a seconda della zona del corpo che ricopre, ma anche da cane a cane, i peli sono generalmente di diametro maggiore e presentano uno strato esterno cuticola uno intermedio corteccia in cui sono presenti i granuli di pigmento che danno il colore del mantello e uno strato interno midollare, non presente nei filamenti lanosi e nel sottopelo. I filamenti lanosi non effettuano la muta stagionale come il pelo, ma crescono con l’età. Il mantello del bergamasco si completa solo dopo i due anni e mezzo tre, ma ciò non vuol dire che prima non possono essere giudicati e premiati soggetti giovani, anzi il giudice esperto sa valutare bene il mantello in funzione dell’età e può apprezzare meglio le caratteristiche morfologiche nelle classi giovani e intermedia, quando le tacole si stanno ancora formando. Quelle immagini spettacolari di cani pieni di pelo che spesso venivano usate per colpire l’attenzione è bene non usarle più e promuovere i Bergamaschi con mantelli adeguatamente curati che bene possano inserirsi come cane da famiglia. Riteniamo che questo sia il modo corretto per far conoscere la razza, non più un ammasso di pelo, ma un mantello invitante alla carezza

Ritratto di un nobile bergamasco del 1526, attribuito a Lorenzo Lotto, la mano destra senza guanto in segno di fedeltà, secondo il simbolismo dell’epoca, accarezza la testa di un Bergamasco che esprime dolcezza e affetto, mentre la sinistra con guanto sostiene un gioiello importante.

come è nel ritratto di Lorenzo Lotto che ha dipinto il Nobile Signore con la mano senza guanto in segno di affetto per il suo bergamasco, mentre ne accarezza la testa. Recentemente la FCI ha chiesto una revisione degli standard di razza rivolgendo particolare attenzione al benessere animale e all’assenza di eccessi, la nuova versione proposta dall’Italia che sarà ufficiale a breve così recita a proposito di mantello “Pelo molto abbondante, molto lungo e diversificato. Piuttosto ruvido (come quello delle capre) e a fiocchi ondulati

3

sulla metà anteriore del tronco, mentre è di tipo lanoso dalla metà del torace per tutta la parte posteriore del corpo dove viene a formare dei bioccoli, più o meno lunghi, in relazione all’età del soggetto; Il pelo lanoso non effettua la muta stagionale e intrappola il sottopelo che è abbastanza lungo e soffice formando dei veri e propri feltri, molto protettivi. I bioccoli devono partire rammenti dalla sommità della linea dorsale, ricadendo sulle pareti laterali del tronco. Sulla testa il pelo è meno ruvido e ricade sugli occhi ricoprendoli. Sugli arti il pelo deve essere distribuito uniformemente su tutte le parti a fiocchi molli, sull’anteriore e a bioccoli sul posteriore. Nel cucciolo il pelo è soffice e i bioccoli iniziano a formarsi a 12-15 mesi. La loro lunghezza dipende dall’età, pertanto i soggetti giovani non devono essere penalizzati per un mantello non ancora lungo. Nei soggetti anziani è da evitare un mantello troppo abbondante e lungo tale da impedire un normale movimento e il benessere del cane. Il mantello deve essere curato e mantenuto pulito evitando in particolare la presenza di bioccoli sulla barba, ciuffo e padiglioni auricolari.” Il sito della SAB completamente rinnovato mette in luce in new look della razza con immagini adeguate e spiega nel dettaglio come curare il mantello con un grooming attuale, niente di difficile solo un po’ di manualità. Un richiamo particolare ai toelettatori che spesso non sanno cosa fare e per fare prima e meno fatica tosano sconsideratamente non sapendo che un bel mantello per formarsi richiede almeno tre anni. Un bergamasco tosato perde tutta la sua caratteristica, diventa insignificante e i cani stessi si sentano a disagio, vanno a nascondere la propria nudità. Il sito mette in risalto le caratteristiche psi-



INC articoli mar12.indd 7

24/02/2012 14:58:58


chiche del cane da pastorere le sue doti di equilibrio, è un cane dallâ&#x20AC;&#x2122;intelligenza viva, sempre vigile, ma nello stesso tempo tranquillo, quando non câ&#x20AC;&#x2122;è bisogno del suo intervento; allâ&#x20AC;&#x2122;occorrenza sa anche essere di carattere deciso, coraggioso e un ottimo guardiano. Non è un cane iperattivo come altre razze di cani da pastore conduttori. Instaura con il padrone e la sua famiglia uno stretto rapporto di amicizia e il suo sguardo dolce sembra che voglia dire qualcosa penetrando oltre la visiera pelosa, con unâ&#x20AC;&#x2122;espressione quasi languida. Impara facilmente ciò che gli si insegna, ma non ama fare cose inutili. Eâ&#x20AC;&#x2122; una razza sana che ha saputo conservare la sua rusticitĂ senza particolari problemi di salute, che sta bene allâ&#x20AC;&#x2122;aperto, ma sta bene anche in casa perchĂŠ ama stare dove siamo noi, non ama invece stare da solo. Dobbiamo però fare molta attenzione agli aspetti demografici, la popolazione in Italia sta diminuendo pertanto la consanguineitĂ  va monitorata e tenuta sotto controllo cosa che la SAB sta facendo con un apposito database in cui sono presenti tutti i cani da pastore bergamaschi non solo Italiani, ma del mondo intero. Fortunatamente in Nord Europa il bergamasco è ben conosciuto e diversi sono gli allevatori che ne sanno apprezzare le qua-

lità e che programmano gli accoppiamenti in modo pianificato. Importante è cercare di conservare tutte le varie linee oggi presenti e non perderne alcune, mantenendo integra la variabilità genetica della razza, preservando gli aspetti sanitari e di rusticità. Anche negli USA la popolazione dei cani da pastore bergamaschi è in crescita, ma il problema della consanguineità non è qui tenuto nella dovuta considerazione, lo standard di razza è stato cambiato e si alleva con un nucleo di soggetti molto ristretto, qualcuno, piÚ accorto, (anche la se ne stanno accorgendo) sta importando

nuove linee di sangue e riproduttori freschi. Lâ&#x20AC;&#x2122;intento del nostro progetto è quello di far conoscere il Bergamasco, non solo in Italia, ma anche nel resto del mondo e non solo come cane da pastore, ma in particolar modo come cane da famiglia, che bene può vivere in ambiente domestico, non solo rurale, ma anche cittadino, curandone in particolar modo lâ&#x20AC;&#x2122;immagine cercando di promuoverla e diffonderla in modo adeguato come prodotto italiano di qualitĂ , adeguatamente controllato. /XLJL*XLGRERQR&DYDOFKLQL

,/&/8%$787(/$'(//$5$==$ ,OVLWRGHO&OXEqVWDWRWRWDOPHQWHULQQRYDWRFRQQXRYLWHVWLHIRWRFKHPHWWRQRLQULVDOWR O¡HYROX]LRQHGHOODUD]]DFKHVLDGHJXDDOOHYDULD]LRQLGHOODVRFLHWjRGLHUQDFRQXQPDQ WHOORGLJLXVWDWHVVLWXUDPDQWHQXWRRUGLQDWRHSXOLWRVHQ]DSHUGHUHGLYLVWDO¡DVSHWWRGL UXVWLFLWjHWLSLFLWjGHLELRFFROL 5LEDGHQGR O¡LPSRUWDQ]D GL DOOHYDUH VHQ]D SHUGHUH GL YLVWD LO FDUDWWHUH SDUWLFRODUPHQWH GRWDWRGHOFDQHGDSDVWRUHEHUJDPDVFR0HWWHQGRLQULVDOWRLULSURGXWWRULVHOH]LRQDWLL FRQWUROOLVDQLWDULHLWHVWDWWLWXGLQDOLVXEHVWLDPH7$1&DFXLVRQRVRWWRSRVWLDOILQHGL PDQWHQHUHLQYDULDWRO¡HWRJUDPPDGHOODUD]]DDQFKHVHRJJLOHSUHVWD]LRQLULFKLHVWHVRQR GLYHUVHGDTXHOOHGLXQWHPSRIDFHQGRGHOEHUJDPDVFRXQSHUIHWWRFDQHGDJXDUGLDH GDFRPSDJQLDLGRQHRDJOLLPSLHJKLSLVYDULDWLFKHLPSDUDFRQIDFLOLWjHFKHEHQHVL SUHVWDDYLYHUHQHOO¡DPELWRGHOODIDPLJOLD ZZZSDVWRUHEHUJDPDVFRQHW



INC articoli mar12.indd 8

24/02/2012 14:58:59


'233,$(6326,=,21(,17(51$=,21$/( 5(1'(9,%29$/(17,$

3UHVVROR6WDGLR&RPXQDOH´0DUFR/RUHQ]RQµ

9LD&LUR0HQRWWL²&RPPHQGDGL5HQGH&6 XVFLWDDXWRVWUDGD&RVHQ]D1RUG

$NPGDOO·XVFLWDDXWRVWUDGDOHHGDOODVWD]LRQH)6GL&DVWLJOLRQH&RVHQWLQR$PLQXWLGDOO·DHURSRUWRGL/DPH]LD7HUPH 3DUFKHJJLRHVSRVLWRUL6HUYL]LRFDWHULQJ&RQYHQ]LRQLDOEHUJKLHUHDWDULIIHVSHFLDOL

0$**,2

 &$&&$&,% (6326,=,21(,17(51$=,21$/(&$1,1$ GL9,%29$/(17,$6$%$720$**,2

&$&&$&,% (6326,=,21(,17(51$=,21$/(&$1,1$ GL5(1'(&6'20(1,&$0$**,2

*,85,$ 'RQGL *DEULHOH ƒ *UXSSR FDQH GD SDVWRUH EHOJD JURHQHQGDHO FDQH GD SDVWRUH EHOJD ODNHQRLV FDQH GD SDVWRUH EHOJD PDOLQRLV FDQH GD SDVWRUH EHOJD WHUYXHUHQ ERUGHU FROOLH EREWDLO ZHOVK FRUJL SHPEURNH ƒ *UXSSR ]ZHUJSLQVFKHU VKDU SHL KRYDZDUW WLEHWDQ PDVWLII ƒ *UXSSR YROSLQR LWDOLDQR FLUQHFR GHOO·HWQD ƒ *UXSSRFDUOLQR )LOLSSLQL (QULTXH 5$  ƒ *UXSSR EXOO WHUULHU WDJOLD QRUPDOH EXOO WHUULHU PLQLDWXUD VWDIIRUGVKLUH EXOO WHUULHU DPHULFDQVWDIIRUGVKLUHWHUULHUƒ*UXSSR&DQLGLWLSRVSLW]HSULPLWLYR HVFOXVRYROSLQRLWDOLDQRVDPRLHGRDOD VNDQPDODPXWHVLEHULDQKXVN\FDQHGDRUVRGHOODFDUHOLDZROIVSLW]FKRZFKRZVKLEDEDVHQMLFLUQHFRGHOO·HW QD ƒ*UXSSRPDOWHVHELFKRQKDYDQDLVELFKRQDSRLOIULVH·ERORJQHVHFRWRQGHWXOHDUSLFFRORFDQHOHRQH ERVWRQWHUULHUUXVVLDQWR\ /HEUHW&DWKHULQH %* ƒ*UXSSR&DQLGDULSRUWRGDFHUFDGDDFTXD HVFOXVRFRFNHUDPHULFDQRODJRWWR URPDJQROR  1HULOOL/XLJLƒ*UXSSRFDQHGDSDVWRUHWHGHVFRFDQHGDSDVWRUHPDUHPPDQRDEUX]]HVHƒ*UXSSRULHVHQ VFKQDXUHUVFKQDX]HU]ZHUJVFKQDX]HUWHUUDQRYDFDRGHFDVWURODERUHLURFDQHGLVDQEHUQDUGRƒ*UXSSR OHYULHURDIJDQROHYULHURUXVVROHYULHURLUODQGHVH 2MDOYR'DYLG 5$ ƒ*UXSSR&DQLGDSDVWRUHHERYDULHVFOXVRERYDULVYL]]HUL HVFOXVRFDQLGDSDVWRUHEHOJL ERUGHUFROOLHEREWDLOZHOVKFRUJLSHPEURNHFDQHGDSDVWRUHWHGHVFRFDQHGDSDVWRUHPDUHPPDQRDEUX]]HVH FDQHOXSRFHFRVORYDFFR ƒ*UXSSRDODQLƒ*UXSSREHDJOHGDOPDWDUKRGHVLDQULGJHEDFNƒ*UXSSREUDFFR LWDOLDQRHSDJQHXOEUHWRQ 3DOD]]R0LFKHOHƒ*UXSSRGREHUPDQQER[HUURWWZHLOHUPDVWLQRQDSROHWDQRFDQHFRUVR 3DUPLFLDQR9LQFHQ]Rƒ*UXSSRFDQHOXSRFHFRVORYDFFRƒ*UXSSRGRJRDUJHQWLQRILODEUDVLOHLURGRJXHGH ERUGHDX[EXOOGRJEXOOPDVWLIIPDVWLIIPDVWLQRVSDJQRORPDVWLQRGHLSLUHQHLFDQHGDSDVWRUHGHOO·DVLDFHQWUDOH ERYDURGHOEHUQHVH 3RJJHVL0DQRODƒ*UXSSR6HJXJLHFDQLSHUSLVWDGLVDQJXH HVFOXVREHDJOHGDOPDWDUKRGHVLDQULGJHEDFN  ƒ*UXSSRJULIIRQHEHOJDJULIIRQHGLEUX[HOOHVSLFFROREUDEDQWLQRFKLQHVHFUHVWHGGRJOKDVDDSVRVKLKW]X WLEHWDQVSDQLHOWLEHWDQWHUULHUFKLXKDKXDFDYDOLHUNLQJFKDUOHVVSDQLHONLQJFKDUOHVVSDQLHOSHFKLQHVHFKLQ HSDJQHXOQDQRFRQWLQHQWDOHNURIRKUODQGHUERXOHGRJXHIUDQFHVH 6LQNR6WHIDQ 6/2 ƒ*UXSSR&DQLGDIHUPD HVFOXVREUDFFRLWDOLDQRHSDJQHXOEUHWRQ ƒ*UXSSRFRFNHU DPHULFDQRODJRWWRURPDJQRORƒ*UXSSREDUERQL 9DQGRQL*XLGRƒ*UXSSRSLQVFKHUDIIHQSLQVFKHUSLQVFKHUDXVWULDFRDSHORUDVRGDQLVKVZHGLVKIDUPGRJ VPRXVKRXQGRODQGHVHWHUULHUQHURUXVVREURKROPHUSHUURGRJRPDOORUTXLQWRVDFLPDUURQXUXJXD\RFLREDQH VFURPDQHVFGHEXFRYLQDFDQHGDSDVWRUHGHOO·DQDWROLDOHRQEHUJHUODQGVHHUFDQHGDPRQWDJQDGHLSLUHQHL FDQHGDSDVWRUHGLFLDUSODQLQDFDQHGHOO·DWODVFDQHGHOODVLHUUDGDHVWUHODUDIHLURGRDOHQWHMRFDQHGDSDVWRUH GL NDUVW FDQH GD SDVWRUH GHO FDXFDVR WRUQMDN GRJR FDQDULR FDR ILOD GH VDR PLJXHO ERYDUR GHOO·DSSHQ]HOO ERYDURGHOO·HQWOHEXFNJUDQGHERYDURVYL]]HURƒ*UXSSRVDPRLHGRDODVNDQPDODPXWHVLEHULDQKXVN\FDQH GDRUVRGHOODFDUHOLDZROIVSLW]FKRZFKRZVKLEDEDVHQMLƒ*UXSSR/HYULHUL HVFOXVROHYULHURDIJDQROHYULHUR UXVVROHYULHURLUODQGHVH

=LOOL2ULHWWDƒ*UXSSR7HUULHU HVFOXVREXOOWHUULHUWDJOLDQRUPDOHEXOOWHUULHUPLQLDWXUDVWDIIRUGVKLUHEXOOWHUULHU DPHULFDQVWDIIRUGVKLUHWHUULHU ƒ*UXSSR%DVVRWWL 5$**5833$0(17, &DQLGDSDVWRUHHERYDUL HVFOERYDULVYL]]HUL  2MDOYR'DYLG 5$  &DQLGLWLSRSLQVFKHUVFKQDX]HUPRORVVRLGLERYDULVYL]]HUL 'RQGL*DEULHOH 7HUULHU =LOOL2ULHWWD %DVVRWWL 'RQGL*DEULHOH &DQLGLWLSRVSLW]HGLWLSRSULPLWLYR 9DQGRQL*XLGR 6HJXJLHFDQLSHUSLVWDGLVDQJXH 3RJJHVL0DQROD &DQLGDIHUPD 1HULOOL/XLJL &DQLGDULSRUWRFDQLGDFHUFDFDQLGDDFTXD /HEUHW&DWKHULQH %*

&DQLGDFRPSDJQLD )LOLSSLQL(QULTXH 5$

/HYULHUL 2MDOYR'DYLG 5$  &RSSLH =LOOL2ULHWWD *UXSSLGLDOOHYDPHQWR /HEUHW&DWKHULQH %*

5D]]HLWDOLDQH 9DQGRQL*XLGR %HVW-XQLRUHV )LOLSSLQL(QULTXH 5$  -XQLRUKDQGOHU 3RJJHVL0DQROD %(67,16+2: 6WHIDQ6LQNR 6/2

'RQGL*DEULHOHƒ*UXSSRPDVWLQRQDSROHWDQRFDQHGDSDVWRUHGHOFDXFDVRFDQHGDSDVWRUHGHOO·DVLDFHQ WUDOHƒ*UXSSRJURHQODQGHVH PV VDPRLHGRDODVNDQPDODPXWH PV QRUVNHOJKXQG PV QRUVNOXQGHKXQG PV ODLNDUXVVRHXURSHD PV ODLNDGHOODVLEHULDRULHQWDOH PV ODLNDGHOODVLEHULDRFFLGHQWDOH PV MDPWKXQG PV FDQHGDRUVRGHOODFDUHOLD PV VSLW]ILQQLFR PV ODSLQNRLUD PV ZROIVSLW]FKRZFKRZHXUDVLHU PV  KRNNDLGR PV VKLED PV DNLWDDPHULFDQR PV ƒ*UXSSR/HYULHUL )LOLSSLQL(QULTXH 5$ ƒ*UXSSRURWWZHLOHUƒ*UXSSR&DQLGDIHUPD HVFOXVRVSLQRQHLWDOLDQRSRLQWHULQJOH VHVHWWHULQJOHVHJRUGRQVHWWHUVHWWHULUODQGHVHURVVRELDQFRVHWWHULUODQGHVH

/HEUHW&DWKHULQH %* ƒ*UXSSRFDQHGDPRQWDJQDGHLSLUHQHLERYDURGHOO·DSSHQ]HOOERYDURGHOEHUQHVH ERYDURGHOO·HQWOHEXFKJUDQGHERYDURVYL]]HURƒ*UXSSR7HUULHU HVFOXVREXOOWHUULHUWDJOLDQRUPDOHEXOOWHUULHU PLQLDWXUD VWDIIRUGVKLUH EXOO WHUULHU DPHULFDQ VWDIIRUGVKLUH WHUULHU \RUNVKLUH WHUULHU  ƒ *UXSSR WLEHWDQ VSDQLHO WLEHWDQWHUULHUNLQJFKDUOHVVSDQLHOHSDJQHXOQDQRFRQWLQHQWDOHERXOHGRJXHIUDQFHVHFDUOLQRERVWRQWHUULHU 1HULOOL/XLJLƒ*UXSSRFDQHOXSRFHFRVORYDFFRƒ*UXSSR%DVVRWWLƒ*UXSSR6HJXJLHFDQLSHUSLVWDGL VDQJXH HVFOXVRGDOPDWD ƒ*UXSSRFRFNHUDPHULFDQRODJRWWRURPDJQROR 1RWR)ORULDQRƒ*UXSSRFDQHGDSDVWRUHWHGHVFR PV

2MDOYR'DYLG 5$ ƒ*UXSSRFDQHGDSDVWRUHEHOJDEREWDLOZHOVKFRUJLSHPEURNHƒ*UXSSRSLQVFKHU ]ZHUJSLQVFKHUDIIHQSLQVFKHUSLQVFKHUDXVWULDFRDSHORUDVRGDQLVKVZHGLVKIDUPGRJULHVHQVFKQDX]HUVFK QDX]HU]ZHUJVFKQDX]HUVPRXVKRXQGRODQGHVHEURKROPHUSHUURGRJRPDOORUTXLQFLPDUURQXUXJXD\RFLRED QHVFURPDQHVFGHEXFRYLQDFDQHGDSDVWRUHGHOO·DQDWROLDWHUUDQRYDOHRQEHUJHUODQGVHHUFDQHGDSDVWRUHGL FLDUSODQLQDFDQHGHOO·DWODVFDQHGHOODVLHUUDGHHVWUHODFDRGHFDVWURODERUHLURUDIHLURGRDOHQWHMRFDQHGD SDVWRUHGLNDUVWWRUQMDFNGRJRFDQDULRFDRILODGHVDRPLJXHO ƒ *UXSSR VSLQRQHLWDOLDQRSRLQWHULQJOHVH VHWWHULQJOHVH PV JRUGRQVHWWHU PV VHWWHULUODQGHVHURVVRELDQFRVHWWHULUODQGHVH 3DOD]]R 0LFKHOH ƒ *UXSSR WHUULHU QHUR UXVVR ILOD EUDVLOHLUR VKDU SHL PV  GRJXH GH ERUGHDX[ EXOOGRJ EXOOPDVWLIIPDVWLIIKRYDZDUWPDVWLQRVSDJQRORPDVWLQRGHLSLUHQHLFDQHGLVDQEHUQDUGRWLEHWDQPDVWLII 3DUPLFLDQR9LQFHQ]Rƒ*UXSSRFDQHGDSDVWRUHPDUHPPDQRDEUX]]HVHƒ*UXSSRER[HUDODQLFDQHFRUVR 3RJJHVL0DQRODƒ*UXSSR\RUNVKLUHWHUULHUƒ*UXSSRGDOPDWDƒ*UXSSR&DQLGDULSRUWRGDFHUFDGD DFTXD HVFOXVRODEUDGRUUHWULHYHUFRFNHUDPHULFDQRODJRWWRURPDJQROR ƒ*UXSSREDUERQL 6LQNR6WHIDQ 6/2 ƒ*UXSSRVLEHULDQKXVN\QRUERWWHQVSHWVLFHODQGGRJQRUVNEXKXQGVYHQVNODSSKXQG YDVWJRWDVSHWVODSLQSRURNRLUDNDLNLVKXVSLW]JLDSSRQHVHVKLNRNXNRUHDMLQGRGRJWKDLEDQJNDHZGRJFDQD DQGRJSKDUDRQKRXQG[RORLW]FXLQWOHSHUURVLQSHORGHOSHUEDVHQMLSRGHQFRFDQDULRSRGHQFRSRUWRJKHVH WDLZDQGRJWKDLULGJHEDFNGRJƒ*UXSSRPDOWHVHELFKRQKDYDQDLVELFKRQDSRLOIULVH·ERORJQHVHFRWRQGH WXOHDUSLFFRORFDQHOHRQHJULIIRQHEHOJDJULIIRQHGLEUX[HOOHVSLFFROREUDEDQWLQRFKLQHVHFUHVWHGGRJOKDVD DSVRVKLKW]XFKLXKDKXDFDYDOLHUNLQJFKDUOHVVSDQLHOSHFKLQHVHFKLQNURPIRKUODQGHUUXVVLDQWR\ 9DQGRQL*XLGRƒ*UXSSR&DQLGDSDVWRUHHERYDUL²HVFOXVRERYDULVYL]]HUL HVFOXVRFDQHGDSDVWRUHEHOJD FDQHGDSDVWRUHWHGHVFRFDQHGDSDVWRUHPDUHPPDQRDEUX]]HVHEREWDLOZHOVKFRUJLSHPEURNHFDQHOXSR FHFRVORYDFFR ƒ*UXSSRGREHUPDQQƒ*UXSSRJUDQGHVSLW]VSLW]PHGLRVSLW]SLFFRORVSLW]QDQRYROSLQR LWDOLDQRDNLWD PV SRGHQFRLELFHQFRFLUQHFRGHOO·HWQD =LOOL2ULHWWDƒ*UXSSRGRJRDUJHQWLQRWRVDƒ*UXSSREXOOWHUULHUWDJOLDQRUPDOHEXOOWHUULHUPLQLDWXUDVWDI IRUGVKLUHEXOOWHUULHUDPHULFDQVWDIIRUGVKLUHWHUULHUƒ*UXSSRODEUDGRUUHWULHYHU 5$**5833$0(17, &DQLGDSDVWRUHHERYDUL HVFOERYDULVYL]]HUL  9DQGRQL*XLGR &DQLGLWLSRSLQVFKHUVFKQDX]HUPRORVVRLGLERYDULVYL]]HUL 6LQNR6WHIDQ 6/2  7HUULHU 2MDOYR'DYLG 5$

%DVVRWWL 3RJJHVL0DQROD &DQLGLWLSRVSLW]HGLWLSRSULPLWLYR =LOOL2ULHWWD 6HJXJLHFDQLSHUSLVWDGLVDQJXH 1HULOOL/XLJL &DQLGDIHUPD6LQNR6WHIDQ 6/2

&DQLGDULSRUWRFDQLGDFHUFDFDQLGDDFTXD 3RJJHVL0DQROD &DQLGDFRPSDJQLD /HEUHW&DWKHULQH %*

/HYULHUL 'RQGL*DEULHOH &RSSLH 9DQGRQL*XLGR *UXSSLGLDOOHYDPHQWR 1HULOOL/XLJL 5D]]HLWDOLDQH =LOOL2ULHWWD %HVW-XQLRUHV 2MDOYR'DYLG 5$  -XQLRUKDQGOHU /HEUHW&DWKHULQH %*  %(67,16+2: (QULTXH)LOLSSLQL 5$

'20(1,&$02675(63(&,$/,

&DQHGDSDVWRUHWHGHVFRVKDUSHLJURHQODQGHVHDODVNDQPDODPXWHQRUVNHOJKXQGQRUVNOXQGHKXQGODLNDUXVVRHXURSHDODLNDGHOODVLEHULDRULHQWDOHODLNDGHOOD VLEHULDRFFLGHQWDOHMDPWWKXQGFDQHGDRUVRGHOODFDUHOLDVSLW]ILQQLFRODSLQNRLUDHXUDVLHUKRNNDLGRDNLWDVKLEDDNLWDDPHULFDQRVHWWHULQJOHVHJRUGRQVHWWHU ,6&5,=,21,3(5(175$0%(/((;32·&RPLWDWRRUJDQL]]DWRUH*UXSSR&LQRILOR5HQGHVH9LDOHGHOOD5HVLVWHQ]D5HQGH&6 7HO)D[,QIRRUHVHUDOLHIHVWLYHLQIR#JUXSSRFLQRILORUHQGHVHLW ,6&5,=,21,21/,1(',5(77$0(17((62/268/1267526,72ZZZJUXSSRFLQRILORUHQGHVHLW FKLXVXUDDSULOH²FKLXVXUDDSULOHFRQPDJJLRUD]LRQH IDIHGHODGDWDGLSDJDPHQWR

/HLVFUL]LRQLVDUDQQRDFFHWWDWHVHFRPSOHWHGLWXWWLLGDWLGHOODGLFKLDUD]LRQHGLLVFUL]LRQHDOO·DQDJUDIHFDQLQDFRQLQGLFD]LRQHGHOFRGLFHLGHQWLILFDWLYR HGLQVHULWHDFDWDORJRVRORVHDFFRPSDJQDWHGDOUHODWLYRLPSRUWRGDHIIHWWXDUHRQOLQHFRQFDUWDGLFUHGLWRRSSXUHDPH]]RYDJOLDSRVWDOHRUGLQDULRLQWHVWDWRDO *UXSSR&LQRILOR5HQGHVH9LDOHGHOOD5HVLVWHQ]D5(1'(&6VSHFLILFDQGRQHOODFDXVDOHLOQRPHGHOFDQHHGHOSURSULHWDULR 3HUOHLVFUL]LRQLLQYLDWHYLDID[REEOLJDWRULDPHQWHFRUUHGDWHGLULFHYXWDGHOO·DYYHQXWRSDJDPHQWRFKLHGHUHFRQIHUPDWHOHIRQLFDGHOODFRUUHWWDULFH]LRQHDOQ

INC articoli mar12.indd 9

24/02/2012 14:59:01


Candido e lieve come un pensiero lieto

Il Maltese dei poeti Magnificato da Marziale e da molti altri continua a suscitare ammirazione perché... Goya, di Renoir e di innumerevoli altri. Si possono trovare foto del 1800 al American Museum of Natural History, e anche negli scritti del Buffon. Che origine ha il suo nome? Non è stato possibile risalire con certezza all’origine ma è stata attribuita dalla FCI ai “paesi centrali del mediterraneo”, e la razza attribuita all’Italia. Nell’anno domini 25 c’era infatti una città in Sicilia chiamata “Melita” dalla quale venivano esportati una gran quantità di “canes Militei”. C’è anche un riferimento ai cani Melitei dall’Isola di Melita (il nome con cui greci e romani chiamavano l’isola di Malta). Non è mai stata fatta chiarezza, anche perché fu una razza così ampiamente diffusa tra fenici, sumeri, greci, egizi, romani… che in effetti l’attribuzione a più paesi sembra doverosa e giusta, almeno finché non si troveranno indicazioni storiche più precise. Molto amato nei paesi anglosassoni, la prima esposizione dove abbiamo traccia di un maltese fu nel 1862 riportata dall’ UK maltese club. In Italia, nonostante i maltesi fossero presenti in modo ragguardevole già da inizio ‘900, il primo standard del Solaro è solo del 1954.

&DUDWWHUHHFXUDGHOPDQWHOOR Non sono molte le razze che possono vantare componimenti poetici a loro dedicati: “figlio della spuma del mare, delle bollicine di sapone, dei fiocchi di neve, che sia il cane delle fate, dei folletti, dei sogni. Ma a parte ogni romantica definizione che di lui si dà, è una piccola meravigliosa creatura vivace, allegra ed intelligente” Valerio Nataletti, I Nostri Cani, 2003. Il Maltese, anzi per l’esattezza Issa, la maltesina di Publio, Governatore romano di Malta, fu amorevolmente descritta da Marziale nell’epigramma 109 tratto dal libro I. Il maltese è una razza molto antica. Sembra che un piccolo modellino (un probabile gioco per bambini) con le sue sembianze risalga addirittura a circa 8000 a.C., e Charles Darwin identificò l’origine della razza intorno al 6000 a.C. Anche nella tomba di Ramsete II (regnò dal 1278 a.C. al

1212 a.C.) furono trovate delle statuette con le sue sembianze. Del maltese scrisse Plinio il vecchio (23-79 a.C.) in “naturalis historia” e Callimaco riferì che erano usati a scopo terapeutico; di loro scrisse anche Aristotele. Spesso presente nelle case dei nobili romani (anche l’imperatore Claudio ne era un amante), erano adorati dalle donne per la grande intelligenza e la bellezza. In tempi più recenti possiamo ricordare Giuseppe Verdi, inseparabile dal suo Loulou sempre presente con lui anche a teatro. Ed è proprio grazie agli innumerevoli estimatori che della razza troviamo moltissimi dipinti, citazioni poetiche e letterarie che ne descrivono il propagarsi e l’evoluzione della razza attraverso i secoli. Li possiamo ammirare immortalati nei dipinti di Elisabetta I, della regina Vittoria, della regina di Scozia Mary e nei dipinti di

Una così vasta e lunga popolarità non può che appartenere a una razza dal carattere meraviglioso: intelligente, affettuoso, affascinate il maltese è adorato da grandi e piccini. E’ un cane da salotto, da grembo, da compagnia, il suo peso è intorno ai 3-4 kg. Vivace, affettuoso, molto docile, ha grande capacità d’intendimento. Di piccole dimensioni, agile e intuitivo è un ottimo compagno di vita. Ha un mantello denso, lucido, brillante pesante, è di tessitura setacea. E’ lunghissimo su tutto il corpo. Le ciocche ed i bioccoli sono ammessi sugli arti anteriori, dal gomito al piede e posteriori dal ginocchio al piede. Non esiste sottopelo - sulla testa il pelo è lunghissimo, tanto sulla canna nasale dove si confonde con quello della barba, quanto sul cranio dove discende sino a confondersi con quello delle orecchie. Il Colore è bianco puro, è ammessa la tinta avorio pallido.



INC articoli mar12.indd 10

24/02/2012 14:59:02


Cani

i nostri

Anno 58 num. marzo 2012

3

Certo il suo pelo, per mantenere le caratteristiche suntuose e spettacolari di un mantello lunghissimo e bianco, richiede una cura attenta e costante, ma lo sforzo è ben premiato. Si tratta inoltre di una razza piuttosto sana e senza grossi problemi di salute. In Italia è tutelata dal Club del Bolognese e Maltese (CBM) www.clubdelbologneseemaltese.it. (OLVDEHWWD'H/XFD ISSA Del passero di Lesbia più civetta D’un bacio di colomba più pura Di tutte le donne più languida Delle perle dell’India più preziosa Issa è la cagnolina diletta di Publio. Umano suono diresti il suo lamento Gioia e melancolì sente il suo petto. Ti dorme in collo e il suo sonno è tale Che neppure ne senti lo spirare. Se il ventre la tormenta, non gli scappa Una goccia sui pallii, ma il piedino Suo t’alza dal letto, t’invita A discenderla, ti prega Lasciarla alleggerire. Il suo pudore Virginale è così geloso Da ignorare ogni spasmo amoroso: E poi quale marito trovare Degno dello spulcellare? Perché l’ora suprema non l’involi Intera, Publio la raffigura In una tavoletta con pittura: Tu vedi lì un’Issa somigliante Così al proprio sembiante Che non par Issa stessa somigliare Ad Issa come lei. Ponili accanto: Issa e il ritratto d’essa: Penserai che l’una e l’altra è Issa Ambedue ad olio oppure in carne e osso. da “Epigrammi” di M.V. Marziale (40-104), traduzione di Guido Ceronetti, Einaudi 1979.



INC articoli mar12.indd 11

24/02/2012 14:59:03


La grande nevicata e l’Internazionale di Forlì

Cronaca di un’Expo Mercoledì 1 febbraio: finalmente siamo pronti; c’è il materiale per il Convegno di venerdì 3 da portare al Globus City ma il carico maggiore è pronto per partire per la Fiera per l’Internazionale, il Raduno Kurzhaar e la Prova Nazionale di Obedience. Nevica da ventiquattrore, ma ancora si spera che smetta e che le strade ritornino percorribili. Giovedì 2 febbraio: non c’è speranza di miglioramento, nevica incessantemente; la circolazione, i mezzi pubblici, i collegamenti, l’elettricità: tutto è paralizzato. Coi pochi che riescono a raggiungere il Gruppo, condivido l’estrema difficoltà a procedere ma ancora si spera di poter svolgere la manife- Presidio dei consiglieri del Gruppo Cinofilo Forlivese in attesa di stazione. eventuali espositori In tarda mattinata giungono però Fiera che ci portano alla necessità di sonotizie delle ordinanze del Comune di Forlì e della situazione della spendere l’expo.

In pochi attimi si vanifica il lavoro di mesi. Ci organizziamo, dopo esserci suddivisi i compiti con tre telefoni e due computer si comincia a diramare la notizia in un ufficio stracolmo di trofei, premi, bandiere, stampati e cartelli apprestati per l’esposizione. Venerdì 3 febbraio: nulla viene lasciato al caso cercando di non dimenticare nessuno delle migliaia di amici che da anni si danno appuntamento a Forli; pur essendo impossibile raggiungere tutti gli espositori si cerca con e mail, telefonate, inviti al tam tam fra conoscenti di evitare che qualcuno cerchi di raggiungere Forlì. Intanto la Regione Emilia Romagna dichiara stato di Emergenza Regionale. /DXUD*DPEHULQL9HULWj 3UHVLGHQWH*UXSSR&LQRILOR)RUOLYHVH

Bruno Nodalli trionfa a Vilnius E’ nella bella Vilnius, città costruita in stile barocco e capitale della Lituania, che il 4 febbraio 2012 in occasione del XXmo anniversario della fondazione del Kennel Klub Lituano, dopo un’importante riunione della FCI a cui hanno partecipato rappresentanti di vari paesi membri, tra le quali anche l’Italia, si è svolta la Champions League cinofila, una tra le manifestazioni più ambite dagli appassionati cinofili di tutto il mondo e conosciuta con il titolo di Champion of Champions. Nelle stupende sale barocche, dell’imponente Palazzo del Municipio della città, durante la Osmanthus Essence cena di gala i numerosi ospiti hanno assistito con entusiasmo a questo aver superato il difficile e lungo percorso importante evento, sponsorizzato da Royal dell’anno cinofilo lituano, si sono riproCanin. posti al severo giudizio dei tre Esperti I magnifici sedici, i cani più belli, dopo Giudici all rounder, il tedesco Horst

Klibenstein, l’ungherese Thamas Jakkel e la portoghese Carla Molinari. Tra i quattro finalisti, un Siberian Husky, un Bassotto un Bullmastiff e un Barbone media mole nero e si aggiudica l’ambito palmares quest’ultima, la pluricampionessa Osmanthus Essence “Muza” di proprietà dei lituani Tauras & Janita Plunge, una femmina nata e allevata in Italia dall’allevamento Osmanthus di Bruno Nodalli che, con la moglie Paola e la figlia Viviana, da trent’anni allevano e selezionano con dedizione la razza, ottenendo successi in tutto il mondo. Muza sorella da parte di genitori della Ch. del mondo 2011 Osmanthus Noel Chance “Sheba”, è frutto di cinque generazioni di Osmanthus, tra campioni del mondo e d’Europa. 5RGROIR*UDVVL



INC articoli mar12.indd 12

24/02/2012 14:59:03


&$&&$&,%

/D;/,,(6326,=,21(,17(51$=,21$/(

&$1,1$',)25/,·

GHOIHEEUDLR 5LQYLDWDSHUHPHUJHQ]DUHJLRQDOHQHYHDYUjOXRJRLQXQVRORJLRUQR

6$%$72$35,/(

)LHUDGL)RUOuDPHWULGDOFDVHOORGL)RUOuVXOOD$²ORFDOLFRSHUWLSDUFKHJJLJUDWXLWL 0RVWUHVSHFLDOL &KLHQGH6DLQW+XEHUW %ORRGKRXQG 6SLQRQH,WDOLDQR/DJRWWR5RPDJQROR 6HWWHULQJOHVH&DQHGL6DQ%HUQDUGRDSFHDSO

&21&2562-81,25+$1'/(5²%,6-81,25(6²%,69(7(5$1, *,85,$&203/(7$68ZZZJUXSSRFLQRILORIRUOLYHVHLWZZZPLJOLRUHGLUD]]DUHSRUWLW 7877, , &$1, *,$· ,16(5,7, 1(/ &$7$/2*2 '(/    )(%%5$,2 5,0$55$112 &21)(50$7, 6$/92 &2081,&$=,21( ', 9$5,$=,21, $ .$//,67(· (1752 ,/  0$5=2  ƒ FKLXVXUD

6212(&&(=,21$/0(17(5,$3(57(/(,6&5,=,21,&217(50,1,DFKLXVXUDDFKLXVXUD FRQPDJJLRUD]LRQH 

2UJDQL]]D]LRQH*UXSSR&LQRILOR)RUOLYHVH²9LD(/RFFKL(²)RUOu )& ²ID[ 6LWRZHEZZZJUXSSRFLQRILORIRUOLYHVHLW(PDLOLQIR#JUXSSRFLQRILORIRUOLYHVHLW ,6&5,=,21,('(9(178$/,9$5,$=,21,SHUO·HVSRVL]LRQHLQWHUQD]LRQDOHHGLUHODWLYLSDJDPHQWLGHYRQRHVVHUHLQYLDWHXQLFDPHQWHD .DOOLVWq&DVDHGLWULFH²9LD7RPPDVR)HUUHUL*%DUEDQLD 72 7HO)D[HNDOOLVWHFDVDHGLWULFH#YLUJLOLRLW ,SDJDPHQWLGRYUDQQRSHUYHQLUHDPH]]RYDJOLDSRVWDOHLQWHVWDWLD.DOOLVWq&DVD(GLWULFH9LD7RPPDVR)HUUHUL*%DUEDQLD 72

,VFUL]LRQL2QOLQHHSDJDPHQWRFRQFDUWDGLFUHGLWRXQLFDPHQWHVXZZZPLJOLRUHGLUD]]DUHSRUWLW 3HUOHLVFUL]LRQLDPH]]RID[VLFRQVLJOLDGLFKLHGHUHFRQIHUPDGHOODUHJRODUHULFH]LRQH',5(77$0(17(D.DOOLVWq&DVD(GLWULFH /HLVFUL]LRQLLQFRPSOHWHLOOHJJLELOLHRQRQDFFRPSDJQDWHGDOODSURYDGLDYYHQXWRSDJDPHQWRVDUDQQRFHVWLQDWHVHQ]DSUHDYYLVR3HULFDQLLVFULWWLLQFODVVH&$03,21,DOOHJDUHO·DWWHVWDWR /HLVFUL]LRQLGRYUDQQRHVVHUHFRUUHGDWHGDOODGLFKLDUD]LRQHGLLVFUL]LRQHDOO·$1$*5$)(&$1,1$5(*,21$/(FRQLQGLFD]LRQHGHOFRGLFHLGHQWLILFDWLYRGHQXQFLDWRSUHVVRODVWHVVDDQDJUDIH (·2%%/,*$725,$/$9$&&,1$=,21($17,5$%%,&$(6(*8,7$,1'$7$121,1)(5,25($*,251,(121683(5,25($0(6,'$/*,2512'(//·(6326,=,21(

,QRFFDVLRQHGHOOD;/,,(VSRVL]LRQH,QWHUQD]LRQDOH&DQLQDGL)RUOuVLWHUUjXQ&RQYHJQR&LQRILORRUJDQL]]DWRGDO *UXSSR&LQRILOR)RUOLYHVHLQFROODERUD]LRQHFRQO·(1&,

&219(*12&,12),/2 9(1(5'Ï$35,/(25(

&HQWUR&RQJUHVVL+RWHO*OREXV&LW\9LD7UDLDQR,PSHUDWRUH)RUOu ,QWHUYHUUDQQR )5$1&(6&2%$/'8&&,3UHVLGHQWH(1&, $/%(572%(//,1,DVVHVVRUHDOODTXDOLWjDPELHQWDOHHGDOEHQHVVHUHDQLPDOHGHOFRPXQHGL)RUOu

´/(&$3$&,7$·675$25',1$5,('(,&$1,µ

/DPHQWHGHLFDQLLVWLQWRLQWHOOLJHQ]DHFDSDFLWjG·LQWHUD]LRQHFRQO·XRPR/DIXQ]LRQH ODVHOH]LRQHHO·DGDWWDELOLWjDOO·DPELHQWHPRGHUQR/DWKHUDS\GRJHO·LPSLHJRQHOVRFLDOH 5HODWULFH5HQDWD)RVVDWL

3HGDJRJLVWDDOOHYDWRUHJLXGLFHLQWHUQD]LRQDOH(1&,)&, (VSHUWDLQSHWWKHUDS\HSVLFRORJLDFDQLQDFROODERUDFRQO·(1&,SHUODUHGD]LRQHGHOODULYLVWD´,1RVWUL&DQLµ 3DWURFLQDWRGD5HJLRQH(PLOLD5RPDJQD3URYLQFLDGL)RUOu&HVHQD&RPXQHGL)RUOu $OWHUPLQHULQIUHVFRRIIHUWRDWXWWLLSDUWHFLSDQWLGD)$50,1$ 1RQVLULSURSRUUDQQRODSURYDQD]LRQDOHGLREHGLHQFH&$&HGLOUDGXQRFDQHGDIHUPDWHGHVFRDSHORFRUWR

INC articoli mar12.indd 13

24/02/2012 14:59:05


/(5$==(5$5(

Un cane da pastore dal mantello originale e spettacolare

Le corde del Komondor Carattere indomito e grande taglia lo rendono guardiano affidabile. Affettuoso con tutta la famiglia ma sospettoso con gli estranei. Come si formano le caratteristiche “tacole” cati come scheletri di Komondor, secondo Horváth [Horváth 89]. Infatti, secondo questo ricercatore l’origine cumana del Komondor è chiara, dal nome, Koman-dor, vale a dire, il cane dei Cumani.

&$5$77(5(

Cumana, che era stato battezzata col nome di Elisabeth. Dopo il matrimonio, i Cumani giurarono fedeltà alla Corona ungherese. I Cumani in Ungheria si stabilirono nel centro del Paese sulle terre demaniali che erano state abbandonate a causa della invasione mongola. La parola “Kun” è ancora presente in molti toponimi ungheresi in Ungheria centrale. Importanti scavi di Cuma, hanno portato alla luce tombe contenenti resti di cani che sono stati identifiCuccioli e cuccioloni a confronto

Per comprendere l’essenza di ogni razza canina, abbiamo bisogno di conoscere le persone che hanno lo hanno selezionato e lo scopo per cui esso è destinato. Per capire il Komondor, dobbiamo cominciare la nostra storia con le grandi migrazioni che hanno avuto luogo quasi mille anni fa. Nel IX secolo, le tribù magiare, sotto la guida del re Árpád arrivano nel bacino dei Carpazi, l’area che storicamente divenne il Regno d’Ungheria. La storia del Komondor sarebbe piuttosto semplice se il Komondor fosse il cane dei Magiari, ma recenti evidenze archeologiche suggeriscono che il Komondor è stato, con tutta probabilità il cane dei Cumani (o Komans, dal giallo chiaro o pallido), un popolo di lingua turca che viveva vicino alla curva orientale del Fiume Giallo in quello che oggi è la Cina.

Il nome ungherese per i Cumani è Kuns, dal nome del gruppo etnico Cumana. La lingua dei Cumani era conosciuta come Kipchak-turco, che non deve essere confuso con il turco-ottomano parlato in Turchia. Alla fine del X secolo, l’espansione mongola costrinse i Cumani a migrare dalla loro patria ancestrale verso ovest. Nell’ XI secolo i Cumani avevano raggiunto le montagne degli Urali , dove si scontrarono con i Principati russi. Nel XXII secolo, le tribù Cuma controllavano una vasta area, e forse i loro territori avrebbero continuato a crescere, ma l’espansione mongola del XIII secolo portò continue guerre e devastazioni. Nell’anno 1246, i Cumani tornano in Ungheria , il re ungherese Béla combinò il matrimonio del figlio maggiore, Stephan V, con la figlia del Khan

Carattere dignitoso, coraggioso, resistente, originariamente razza da guardia per il bestiame è molto territoriale e molto protettivo nei confronti della famiglia. Generalmente calmo e controllato, si mette subito in allarme non appena rileva degli intrusi. Non da molta confidenza agli estranei. La sua socializzazione è importante poiché potrebbe mostrare aggressività nei confronti degli estranei. Deve sempre essere sotto il controllo del proprietario. Matura molto lentamente, è completo intorno ai 3 anni d’età. E’ intelligente e disponibile ad imparare ma con i suoi tempi e con molta dolcezza e pazienza (vi darà retta quando avrà finito di fare quello che sta facendo). Ha bisogno di contatto fisico con la famiglia, in caso contrario si sentirà molto solo e triste. E’ gentile e protettivo coi bambini. Può essere molto pigro e dormiglione soprattutto di giorno, ha comunque bisogno di movimento quotidiano. Ama stare in casa, è molto fedele, vigile, audace e molto devoto alla sua famiglia.

,/0$17(//2 Il mantello del Komondor e spettacolare,

Soggetto adulto dal mantello completo



INC articoli mar12.indd 14

24/02/2012 14:59:35


Cani

i nostri

Anno 58 num. marzo 2012

Gara di agility dog

di colore bianco avorio, durante la crescita si trasforma lentamente da batuffolo di pelo ad un piccolo armadillo, poi assomiglia ad un porcospino ed infine, quando le â&#x20AC;&#x153;cordeâ&#x20AC;? saranno complete, ad un magnifico esemplare di cane da pastore inconfondibile per lâ&#x20AC;&#x2122;originalitĂ della sua pelliccia. Perde pochissimo pelo e la muta del mantello è quasi invisibile, pertanto, non si pone il problema dei peli per casa oppure in auto. La formazione delle caratteristiche â&#x20AC;&#x153;cordeâ&#x20AC;? avviene tramite un processo lentissimo, che segue la crescita del cane. Il pelo va separato, quotidianamente, per

avviare il processo di formazione, non va assolutamente intrecciato, è un â&#x20AC;&#x153;intreccioâ&#x20AC;? naturale che viene aiutato durante i primi anni di vita. Intorno ai 3 anni il mantello sarĂ completo ed il lavoro quotidiano di separazione dei peli si mostrerĂ  in tutta la sua bellezza con la formazione di â&#x20AC;&#x153;cordeâ&#x20AC;? perfette e tipiche della razza che possono raggiungere i 27 cm. di lunghezza. Se il pelo non verrĂ  separato, si formerĂ  una coperta intricata che non consentirĂ  alla pelle di respirare, creando problemi cutanei molti fastidiosi anche dal punto di vista igienico. Anche il bagno comporta un lavoro piuttosto lungo, soprattutto per lâ&#x20AC;&#x2122;asciugatura che richiede diverse ore poichĂŠ lâ&#x20AC;&#x2122;acqua deve lentamente fuoriuscire dal mantello. Si consiglia pertanto di lavarlo la sera e, dopo lâ&#x20AC;&#x2122;asciugatura, lasciarlo in un posto caldo per tutta la notte affinchè lâ&#x20AC;&#x2122;umiditĂ  venga dissolta in tutto il mantello. 5HQDWD)RVVDWL

3

In movimento visto di fronte

7$*/,$(3(62 $OWH]]DDOJDUUHVH  3HVR 

0DVFKL )HPPLQH 0DVFKL )HPPLQH

PLQLPRFP PLQLPRFP ².J ².J

Â?(6326,=,21(,17(51$=,21$/(&$1,1$ &$&&$&,% &$032%$662 $35,/(

3UHVVR]RQDLQGXVWULDOHFHQWUR&RPPHUFLDOH0RQIRUWH 9LD&ROOHGHOOH$SL&DPSREDVVR FRRUGLQDWHQDYLJDWRUHQÂ&#x192;Â&#x192;¡HÂ&#x192;¡

&RPLWDWRRUJDQL]]DWRUH*58332&,12),/202/,6$129LD)HUUDULQÂ&#x192;²&DPSREDVVR 7HOHIRQR)D[²&HOO

*,85,$(,1)250$=,21, &2168/7$5(,/6,72:::0,*/,25(',5$=$5(3257,7 '20(1,&$$35,/( 25(

1(//¡$0%,72'(//¡(6326,=,21(,17(51$=,21$/(6,692/*(5$¡/$ 02675$63(&,$/(5$==(3$6725,'(/&$8&$62($6,$&(175$/(

*,8',&(63(&,$/,67$6YHWODQD325<$',1$ 5866,$

INC articoli mar12.indd 15

24/02/2012 14:59:35


Â?(6326,=,21(1$=,21$/(&$1,1$ &$& )(55$5$ Â&#x17E;0$**,2

)LHUDGL)(55$5$$XVFLWD)HUUDUD6XG 2UJDQL]]D]LRQH*58332&,12),/2)(55$5(6(WHO

*LXULDFRPSOHWDVXZZZH[SRFDQLQHWHPDLOLQIR#WUDWWRVUOLW &RQFRUVR-XQLRU+DQGOHU%,6-XQLRUHV /HLVFUL]LRQLILUPDWHHLOUHODWLYRSDJDPHQWRDQRPHGHOSURUSLHWDULRGRYUDQQRSHUYHQLUHD 75$7729LD-%7LWRF5(**,2(0,/,$)D[²7HOH)D[ 3HULQIRUPD]LRQLHGLVFUL]LRQLRQOLQHZZZH[SRFDQLQHWLQIR#WUDWWRVUOLW 3DJDPHQWL%RQLILFREDQFDULRLQWHVWDWRD75$772,%$1,7< RQOLQHVXZZZH[SRFDQLQHW9DJOLDSRVWDOHR%ROOHWWLQRSRVWDOHFFSLQWHVWDWRD75$7729LD-%7LWRF5HJJLR(PLOLD

127,=,((1&,

FCI Centenary Shows Champion:C.E.C. Con riferimento al Centenario FCI ed alle tre Esposizioni del Centenario FCI (Dortmund 6/8 maggio 2011, Parigi 7/10 luglio 2011 e Leeuwarden 1/4 settembre 2011) organizzate questâ&#x20AC;&#x2122;anno, la FCI ricorda ai Paesi membri e partner su contratto che, per questa specifica occasione, è stato creato un uno speciale Titolo del Centenario. Per ottenere il titolo Campione delle Esposizioni del Centenario - Centenary Shows Champion - (C.E.C.), i soggetti devono aver acquisito alle 3 Esposizioni del Centenario FCI le seguenti qualifiche: a) SIA 2 CACIB (Certificato di Attitudine al Campionato Internazionale di Bellezza) oppure b) SIA 1 CACIB E 2 RCACIB (riserve) Ricordiamo che: 1) il titolo è valido per lâ&#x20AC;&#x2122;iscrizione in classe campioni,

2) le domande per questo titolo devono essere inviate per iscritto alla segreteria della FCI (champion@fci.be) o a mezzo dellâ&#x20AC;&#x2122;organizzazione cinofila nazionale o direttamente dal proprietario del cane conformemente agli accordi esistenti tra la FCI ed alcuni paesi membri. La FCI ricorda ai Paesi membri e partner su contratto che il titolo ufficiale della FCI deve, su richiesta, apparire sui pedigree,

conformemente al Regolamento Generale della FCI, art. 8.3. Ai Paesi membri e partner su contratto si richiede di utilizzare esclusivamente la seguenti abbreviazione per tutte le domande emesse: C.E.C. (Campione delle Esposizioni del Centenario). Il modulo è scaricabile dal sito ENCI:

http://www.enci.it/news/news.php?id=1045

(;32',)2179,(,//( Nei giorni di venerdĂŹ 27 e sabato 28 aprile 2012 si terrĂ

lâ&#x20AC;&#x2122;Esposizione Internazionale Canina di Monaco presso lâ&#x20AC;&#x2122;Espace Fontvieille, facente parte della Settimana del Mediterraneo Per info: SOCIĂ&#x2030;TĂ&#x2030; CANINE DE MONACO Avenue dâ&#x20AC;&#x2122;Ostende 12 - Palais des Congrès - 98000 MONTE CARLO Tel. 00377 93 505514 Fax: 00377 93 305503 - Email: monacokennelclub@yahoo.fr



INC articoli mar12.indd 16

24/02/2012 14:59:37


INC articoli mar12.indd 17

24/02/2012 14:59:38


Storia ed Etimologia del Pastore Maremmano-Abruzzese

I cani bianchi dei Romani Conosciutissimi sin da epoche antiche erano apprezzati per lâ&#x20AC;&#x2122;affidabilitĂ

Lâ&#x20AC;&#x2122;importanza della origine del Cane da Pastore Maremmano Abruzzese (PMA) troppo spesso trascurata nei canali di informazione che, con superficialitĂ , riassumono tale razza cinofila come semplicemente discendente dal â&#x20AC;&#x153;cane pastoralisâ&#x20AC;? degli antichi romani (verissimo, ma non basta), va approfondita con ogni base e riferimento storico, in quanto è essenziale a capire il cane da Pastore MaremmanoAbruzzese come il prodotto di un processo evolutivo unico e peculiare. Tale importanza si riflette altresĂŹ su di un altro aspetto del cane da Pastore Maremmano Abruzzese che tuttâ&#x20AC;&#x2122;oggi genera campanilistiche polemiche : il nome MaremmanoAbruzzese; su di esse entrerò nel merito a tergo del presente articolo solo dopo aver esaminato la sua storia e filogenesi, sperando fin dâ&#x20AC;&#x2122;ora che tale approccio porti a maggiore obiettivitĂ  attenuando quello sterile campanilismo che genera solo confusione e danno alla razza (anticipo solamente lâ&#x20AC;&#x2122;esattezza dellâ&#x20AC;&#x2122;attuale denominazione ufficiale ENCI da un punto di vista storico, geografico e filogenetico).

Allineati alla dottrina maggioritaria dellâ&#x20AC;&#x2122;origine della razza del cane da Pastore Maremmano-Abruzzese (vds. Prof. Tschudy, Kraemer e Keller) â&#x20AC;&#x201C; fra le non molte che reggono effettivamente ad una critica severa â&#x20AC;&#x201C; condivisa dai piĂš autorevoli studiosi di fama, si ritiene che le origini del pastore Maremmano-Abruzzese (come quelle di tutti gli attuali cane da pastore europei ad eccezione del gruppo dei pastori lupo-simili come il pastore tedesco, i belgi, gli olandesi, i collies, i nordici in genere) vadano ricercate in Asia, e precisamente nel grande altopiano del Tibet, ove, da tempi lontanissimi, vive il mastino del Tibet considerato il progenitore dei mastini ovunque sparsi, fra i primi i giganteschi molossi di allevamento assiro. Altri scrittori di cinologia (Prof. TschudyProf. D.W. Mut) sono dâ&#x20AC;&#x2122;avviso che la diffusione delle prime forme di cani da pastore, con centro in Asia, sarebbe avvenuta contemporaneamente a quella dei mastini. Il tedesco D.W. Mut mette tutte le razze da pastore in relazione col cane del Tibet, e questo dopo sue constatazioni storico-cul-

turali effettuate in occasione di numerosi viaggi in tutte le parti del mondo: egli trovò i medesimi tipi di pastore a mantello lungo bianco e muso a pelo corto nel Caucaso cosĂŹ come nella Mongolia, oltre quelli notati in Europa. E anche in Siberia, quivi importati dai russi dal Caucaso occidentale. Ma torniamo alla correlazione tra mastini e cani da pastore. Abbiamo la provata certezza che il mastino esisteva ai tempi degli Assiri â&#x20AC;&#x201C; Babilonesi e questo mastino venne poi portato come oggetto di pregio, dai Fenici in Europa, in tutti i paesi rivieraschi del Mediterraneo ed oltre, su su fino in Bretagna, ove costituĂŹ il progenitore dellâ&#x20AC;&#x2122;attuale imponente mastiff. Con i mastini, i Fenici portarono in Europa anche i cani da Pastore degli Assiri? Furono forse questi gli antenati dei nostri grandi cani bianchi da pastore? Allâ&#x20AC;&#x2122;epoca del potente Re Sardanapalo (668-626 Avanti Cristo) â&#x20AC;&#x201C; afferma lo Tschudy â&#x20AC;&#x201C; doveva esistere il mastino assiro nella colonia fenicia di Cartagine e da lĂŹ trasportato nella lontana Britannia. Se le sculture assire ci mostrano il mastino e non il cane da pastore dellâ&#x20AC;&#x2122;Italia centrale, non si deve da ciò dedurre che nellâ&#x20AC;&#x2122;Assiria sia esistito il mastino ma non il cane da pastore. Se questâ&#x20AC;&#x2122;ultimo manca, il motivo deve ricercarsi nel fatto che mentre i mastini erano i cani della famiglia reale e quindi venivano messi in evidenza, i cani da pastore ad essi imparentati, perchĂŠ tenuti dai contadini e pastori, restavano in seconda linea. Questa probabilitĂ non sarebbe da escludersi, per quanto, ritengo, sia piĂš accettabile lâ&#x20AC;&#x2122;altra teoria secondo cui i cani in argomento sarebbero stati introdotti in Italia dalle legioni romane di ritorno dalla conquista delle provincie di mesopotamia e Assiria. Certo è che nella Roma antica vi erano contemporaneamente dei cani bianchi usati per la pastorizia e degli scuri mastini (i cani da cortile) per le guardie delle case e degli averi. Ad onore di unâ&#x20AC;&#x2122;altra teoria minoritaria ma



INC articoli mar12.indd 18

24/02/2012 14:59:38


Cani

i nostri

Anno 58 num. marzo 2012

di complemento e di maggior comprensione per la Nostra, del noto cinologo francese Prof. Mèry, va aggiunto che, secondo essa, i nostri cani da pastore, presero la via più breve della Grecia, fin dal primo espandersi di quella civiltà nel nostro Meridione. In Grecia esiste infatti un cane da pastore locale, molto antico (la razza non è, oggi, evidentemente ben definita – possiamo affermare – se si considera che fino a poco più di venti anni fa essa era riconosciuta dalla Cinologia Ufficiale sotto il nome di “Cane da pastore greco “ o, meglio “ellikonos pimenikos di manto bianco e con spiccate analogie con il nostro Maremmano-Abruzzese. Oggi questo cane non figura più nelle classificazioni ufficiali delle razze riconosciute). Ila storia del Maremmano-Abruzzese trova antiche testimonianze anche in Columella nel suo “De Re Rustica” scritto nel primo secolo dopo cristo. Anche Marco Terenzio Varrone che visse nella stessa epoca (116-27 a.C.) parla di un grosso cane dal bianco manto. Il “canis pastoralis” di Varrone è grande, tutto bianco, con naso e labbra neri, occhi scuri e dotato di un aspetto complessivo leonino con il dovere di proteggere il bestiame dalle incursioni delle fiere.

Il primo standard venne compilato nel gennaio 1924 ad opera del dott. Luigi Groppi e del Prof. Giuseppe Solaro. La denominazione del cane da PMA gli fu attribuita dall’Ente Nazionale della Cinofilia Italiana nell’anno 1958, quando il comitato Tecnico dell’Ente, facendo proprie le indicazione che il valente prof. Solaro aveva espresso insieme ad altri tecnici del Circolo del Cane da Pastore Maremmano Abruzzese, pubblicò anche lo standard ufficiale, tutt’ora esistente, valido e unico punto di riferimento. Lo stesso Ente curò l’istituzione del libro Origini Italiano, provvedendo quindi al suo aggiornamento. Questa doppia denominazione sorse dal rilevamento dell’esistenza di una popolazione canina, discretamente uniforme nella sua costituzione morfologica e fun-

3

zionale, al seguito di greggi che stagionalmente transumavano dai monti dell’Appennino, alle pianure rivierasche ed in particolare dall’Abruzzo alle Maremme. Ci fu subito un disaccordo su questo nome composto, che tutt’ora alimenta polemiche, specie da parte di chi improvvisandosi allevatore, senza avere l’esperienza e gli studi necessari a livello zootecnico, medico e filogenetico su tale razza, deturpando la stessa, crede di poterne dibattere senza titolo alcuno. Tali diatribe sono altresì alimentate dalla solita poca obiettività delle persone che le provocano senza approfondire sulle origini della razza (Vds. attenzione particolare al paragrafo “Le Origini”) e sulla sua filogenesi, condizionate da un irriducibile e sterile campanilismo. Taluni perciò vorrebbero che la razza venisse chiamata soltanto “da pastore abruzzese”; altri soltanto “da pastore maremmano”. Tutti vorrebbero quindi legare ad essa il nome della loro Regione, come se nel suo territorio la stessa avesse avuto i natali. Noi riteniamo che, ove si volesse tener conto delle diffusioni attuali, si deve ammettere che, da rilevamenti effettuati di recente, risulta che durante l’estate il maggior numero di cani si trovano in Abruzzo, mentre durante l’inverno ne sono abbondantemente popolate le Maremme, la campagna romana, il Tavoliere delle Puglie, sebbene la riforma fondiaria abbia operato in queste zone una notevole riduzione dei terreni da pascolo. Riteniamo quindi giusta questa doppia denominazione dal punto di vista geografico, filogenetico e storico come appena descritto. )UDQFR6LPRQL 0HGLFRYHWHULQDULR

6WRULDUHFHQWHHSULPR VWDQGDUG Ma facciamo ora una gran balzo in avanti, per venire all’epoca recente, quando cioè il “maremmano” (così lo si definiva semplicemente allora) si affacciò al movimento cinofilo con l’iscrizione di quattro soggetti nel 1898 nei libri delle Origini Italiano del K.C.I. (Kennel Club Italiano, il nome d’allora dell’attuale E.N.C.I. Ente Nazionale della Cinofilia Italiana), per sparire, o quasi, per molti anni successivi. Il numero “consistente” di 17 soggetti si ha nel 1940!

Primo approccio del cucciolo con le pecore



INC articoli mar12.indd 19

24/02/2012 14:59:39


Incontro annuale Club Cani da Compagnia

Un anno di successi Un importante seminario scientifico ed un Raduno Quest’anno è stata la città di (titolo riservato ai cani di età comVenturina (LI) ad ospitare le attività presa superiore agli 8 anni); che hanno chiuso l’anno cinofilo del • 48 diplomi di Campione Sociale Club Cani Compagnia - CCC, unica Adulto (titolo riportato sul pedigree società specializzata per la tutela e del soggetto e riservato ai cani di età la valorizzazione delle razze da adulta, superiore ai 15 mesi); compagnia (Bolognese e Maltese • 4 diplomi di Campione Sociale esclusi). Riproduttore. Il nutrito programma comprendeva: Sono inoltre stati premiati i primi tre • il pomeriggio del 17 Dicembre un classificati del Trofeo Bernini, importante seminario sulle ocupremio di grande spessore cinoteclopatie del cane, con particolare nico per l’allevatore, in quanto asseriguardo alle razze da compagnato al cane (maschio o femmina, gnia, relatore il dott. Mario senza distinzione di razza) che ha Vergara, membro del consiglio totalizzato nell’anno, in Raduni e direttivo dell’Associazione Speciali, il punteggio più alto. Nazionale Veterinari Oftalmologi; Questa edizione ha visto l’assegna• a fine giornata la consueta cena Premiazione del vincitore “Trofeo Bernini” 1° Boero zione del primo posto a Boero, Chihuahua a pelo corto, da sx il Presid. del CCC Pietro sociale; Chihuahua pelo corto di proprietà Paolo Condò il Presid. dell’ENCI Francesco Balducci, al • il giorno successivo, 18 Dicembre, centro Antonella Dodero allevatore di Boero, Salvatore di Augeri Salvatore. Piazza d’onore un raduno riservato alle razze Augeri proprietario, e Claudia Brocchi Presid. onorario , a per Chimmofafà, Lhasa Apso di Barbone e Bouledogue Francese. dx i Giudici Francesco di Paola Nuzzo, Franco Gatti e Marco Freddi Monteforte Angela. Terzo A dar spicco all’evento ed a dimo- Marabotto consiglieri del CCC. classificato Gio Do Gio Fragola di strazione della sua importanza, la Barbieri Marco. partecipazione del presidente dell’ENCI merosi soci che si sono trattenuti allegra- Ai proprietari è stato donato uno splenFrancesco Balducci e del presidente del mente fino a tarda serata in un clima di dido dipinto a olio che raffigura il proprio CCC Pietro Paolo Condò. soggetto. grande giovialità. Il seminario sulle oculopatie ha riscosso Nel corso della cena si è proceduto alla Nel corso della cena è stata anche effetun notevole successo di presenze e di inte- distribuzione dei titoli sociali messi in tuata la premiazione dei vincitori della resse. palio durante l’anno. In particolare sono Mediterranean Coast Toy Cup CCC, una Partendo da cenni elementari di genetica, stati assegnati: manifestazione che ha visto nel 2011 la sua si è passati all’elencazione e all’illustra- • 17 diplomi di Speranza Sociale (titolo seconda edizione e che ha riscosso molti zione delle principali patologie ed alle inriservato ai cani di età compresa fra i 6 e favori fra i cinofili. Questo concorso, aperto dicazioni che gli oftalmologi veterinari a tutti, anche ai non soci del CCC, si arti9 mesi); suggeriscono a chi alleva per contenerne • 37 diplomi di Giovane Campione cola su tre gare, nelle quali il soggetto deve la diffusione. Sociale (titolo riservato ai cani di età conseguire almeno due BOB o BOS, una Molti sono stati i soci che hanno rivolto compresa fra i 9 e 15 mesi e facoltativa- delle tre gare è poi a partecipazione obblidomande di approfondimento al relatore, gatoria (per ulteriori dettagli sulla mente fino ai 18 mesi); tanto che il CCC si è ripromesso di ripetere • 4 diplomi di Campione Sociale Veterano Mediterranean Coast Toy Cup CCC 2011 si l’incontro per dar modo anche a chi non veda anche l’articolo specifico comparso avesse potuto essere presente di venire a sul numero di Settembre 2011 de “I nostri contatto con queste importanti informacani”). L’edizione 2012 si articola sulle zioni. esposizioni di Milano, Sanremo (obbligaLa cena sociale si è svolta nello scenario toria) e Pisa. del Calidario delle Terme Etrusche ed ha E’ d’obbligo infine ricordare che il merito visto la partecipazione, oltre che del presidell’impeccabile organizzazione è da assedente dell’ENCI Francesco Balducci e del gnare a Elisa Signorini referente della sez 2 presidente CCC Pietro Paolo Condò, anche CCC (Barboni) coadiuvata dai collaboradel consiglio CCC quasi al completo, presitori Simona Bandini e Alessandra Giuliani denti onorari (Claudia Brocchi Valerio e dal supporto di Royal Canin sponsor uffiNataletti Valerio) compresi, dei giudici ciale del Club Cani Compagnia. della speciale del giorno seguente e di nu2VFDU8JRORWWL



INC articoli mar12.indd 20

24/02/2012 14:59:39


(6326,=,21(1$=,21$/(&$1,1$ &$& *5266(72 $35,/(

6HGHGHOODPDQLIHVWD]LRQH3$5&2',&$03(**,2&,(/29(5'(0DULQDGL*URVVHWR 7HO

3URJUDPPD*LXULDH,VFUL]LRQLRQOLQHZZZJUXSSRFLQRILORJURVVHWDQRLW

$35,/(5$'81,',35,0$9(5$$/$1,%$66277,(%8//'2* *LXULDDQFKHVXOVLWR:::,1)250$&$1,,7:::(;32&$1,1(7 AFKLXVXUD$SULOH²AFKLXVXUD$SULOH 0RGDOLWjGLSDJDPHQWR RQOLQHZZZJUXSSRFLQRILORJURVVHWDQRLWDVVHJQRFLUFRODUHFFSRVWDOHQ %RQLILFR%DQFDULR%DQFD6HOOD,%$1,7-LQWHVWDWLD *UXSSR&LQRILOR*URVVHWDQR9LDGH%DUEHULIDEEUVFDOD%WHOHID[HPDLOLQIR#JUXSSRFLQRILORJURVVHWDQRLW /HLVFUL]LRQLSULYHGHOODULFHYXWDGLSDJDPHQWRLQFRPSOHWHRLOOHJJLELOLVDUDQQRULWHQXWHQXOOH 0DQLIHVWD]LRQHDELOLWDWDDOULODVFLRGHO3$7(17,12&$(H%+QHLJLRUQLH$SULOH 3HULVFUL]LRQLZZZJUXSSRFLQRILORJURVVHWDQRLW7HOH)D[

INC articoli mar12.indd 21

24/02/2012 14:59:40


129,7­ 129,7¬ 









QHO7(66(5$0(172 7(66(5$0(172 

6SRUWHOOR$VVLFXUD]LRQL 6SRUWHOOR$VVLFXUD]LRQL 

62&,2(1&, 62&,2(1&,

 62&,2$66,&85$72

62&,2$66,&85$72





9

&RQLOWHVVHUDPHQWRGHOWXWWLLWHVVHUDWL(1&,±6RFLDOOHYDWRUL$VVRFLDWLDL*UXSSL &RQLOWHVVHUDPHQWRGHOWXWWLLWHVVHUDWL(1&,²6RFLDOOHYDWRUL$VVRFLDWLDL*UXSSL&LQRILOL &LQRILOLHDOOH$VVRFLD]LRQLVSHFLDOL]]DWHGLUD]]D±SRVVRQRIUXLUHGLGXHJDUDQ]LH HDOOH$VVRFLD]LRQLVSHFLDOL]]DWHGLUD]]D²SRVVRQRIUXLUHGLGXHJDUDQ]LHDVVLFXUDWLYH DVVLFXUDWLYH ,QIRUWXQL5HVSRQVDELOLWj&LYLOHYHUVR7HU]L ,QIRUWXQL5HVSRQVDELOLWj&LYLOHYHUVR7HU]L  $77(1=,21($//$'(&255(1=$'(//(*$5$1=,( $77(1=,21($//$'(&255(1=$'(//(*$5$1=,(

,QRFFDVLRQH GHOODIUHTXHQWD]LRQHGHL 6RFL&ROOHWWLYL (1&,GHOOD SDUWHFLSD]LRQH DORUR PDQLIHVWD]LRQL HVSRVL]LRQL H JDUH GL FLQRILOLD VSRUWLYD DXWRUL]]DWH GDOO¶(1&, GHOOD 4XDQGRVLHWH IUHTXHQ]D D ORUR FRUVL R RFFDVLRQL GL SUHSDUD]LRQH H DOOHQDPHQWR QHL FDPSL R DUHH DVVLFXUDWL" DOO¶XRSRSUHGLVSRVWHVXOWHUULWRULRDWXWWHTXHOOHDWWLYLWjRUJDQL]]DWHRFRPXQTXHVYROWH VRWWRO¶HJLGDGHOO¶(1&,&RQWUDHQWH SHUJOL,1)25781, LO WHVVHUDWR (1&, q DVVLFXUDWR SHU ¼  LQ FDVR GL SUHPRULHQ]D H ILQR D  ¼ &KHFRVD SHUO¶,QYDOLGLWj3HUPDQHQWH FRSUH"  SHU L GDQQL GL 5(63216$%,/,7$¶ &,9,/( SHUVRQDOH YHUVR 7(5=, GL FXL GHEED ULVSRQGHUHDQFKHLQTXDOLWjGLSURSULHWDULRRFRQGXWWRUHGLFDQHUHJLVWUDWR  LOWHVVHUDWR(1&,qDVVLFXUDWRILQRD¼ 6u SHU O¶,QYDOLGLWj 3HUPDQHQWH GD ,QIRUWXQLR q SUHYLVWD OD IUDQFKLJLD GHO  H SHU OD &LVRQR 5HVSRQVDELOLWj&LYLOHYHUVR7HU]LPDVRORSHULGDQQLDFRVHHDQLPDOLYLHQHDSSOLFDWD IUDQFKLJLH" DOULVDUFLPHQWRXQDGHWUD]LRQHGL¼ &RPHIXQ]LRQD" 0DJJLRULGHWWDJOLVXOQRVWURVLWRLQWHUQHWZZZHQFLLW /H JDUDQ]LH DVVLFXUDWLYH VRQR FRPSUHVH QHOOD TXRWD GL WHVVHUDPHQWR (1&, GHL 6RFL 4XDQWRFRVWD" $OOHYDWRULHGHJOLDVVRFLDWLDL*UXSSL&LQRILOLHDOOH$VVRFLD]LRQL6SHFLDOL]]DWHGLUD]]D,O FRVWRGHOO¶DVVLFXUD]LRQHqVRVWHQXWRGLUHWWDPHQWHGDOO¶(1&, /¶DVVLFXUD]LRQH GHFRUUH GDOOH RUH  GHOOD GDWD LQ FXL LO SRVVHVVRUH GHOOD WHVVHUD (1&, SHU O¶DQQR  ULVXOWL WDOH LQ EDVH DG DWWHVWD]LRQH FRQ WLPEUR SRVWDOH³GDWDFHUWD´GHULYDQWHGDOODFRPSLOD]LRQHGHOPRGXORVFDULFDELOHGDOVLWR ZZZHQFLLWGDWDFHUWDHVXDWLPEUDWXUDSUHVVRXQTXDOVLDVLVSRUWHOORGHOOH3RVWH ,03257$17( ,WDOLDQHSUHYLDDSSRVL]LRQHGLLGRQHRIUDQFREROOR,OVXGGHWWRGRFXPHQWRUHFDQWH 'DTXDQGR GDWD FHUWD QRQ GHYH HVVHUH DXWRPDWLFDPHQWH LQYLDWR Qp DOO¶(1&, Qp GHFRUUH" DOO¶DVVLFXUD]LRQHPDGHYHHVVHUHFRQVHUYDWRFRQFXUD 3HU LO WHVVHUDWR FKH GHFLGD GL QRQ DYYDOHUVL GHO VLVWHPD GL DWWHVWD]LRQH WUDPLWH WLPEUR SRVWDOH GHOOD GDWD FHUWD VL HYLGHQ]LD FKH OD FRSHUWXUD DVVLFXUDWLYD GHFRUUHUjXQLFDPHQWHGDOOHRUHGHOODGDWDLQFXLULVXOWLLQVHULWRQHOODEDQFD GDWL(1&,WUDLWHVVHUDWLGHOO¶DQQR 'DOOHRUHGHOODGDWDGLDSSRVL]LRQHGHOWLPEUR³GDWDFHUWD´RGDOOHRUHGHOOD 4XDQWRGXUD" GDWDGLFDULFDPHQWRQHOODEDQFDGDWL(1&,ILQRDOOHRUHGHOPDU]R

(1&,²6SRUWHOOR$VVLFXUD]LRQL

)D[HPDLOHQFL#VSRUWHOORDVVLFXUD]LRQLLW 

(1&,±6SRUWHOOR$VVLFXUD]LRQL)D[HPDLOHQFL#VSRUWHOORDVVLFXUD]LRQLLW  INC articoli mar12.indd 22

24/02/2012 14:59:42


02'8/2'$35(6(17$5($//¶8)),&,23267$/(

02'8/2'$35(6(17$5($//·8)),&,23267$/(  2JJHWWR$77,9$=,21(*$5$1=,($66,&85$7,9(&219(1=,21()21',$5,$6$,  0,77(17(  &RJQRPHBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBB 1RPHBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBB &RGLFH)LVFDOH_BB_BB_BB_BB_BB_BB_BB_BB_BB_BB_BB_BB_BB_BB_BB_BB_ 5HVLGHQWHLQBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBB 3URYBBBB&$3BBBBBBBBB 9LDBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBQƒBBBBBBBBBBBBBBBB 

3UHVDYLVLRQHGHOFRQWHQXWRGHLFRQWUDWWLDVVLFXUDWLYLVWLSXODWLGDOO¶(1&,DOILQHGHOO¶DWWLYD]LRQHGHOOH SROL]]H,1)25781,H5(63216$%,/,7$¶&,9,/(GLFXLDOO¶RJJHWWRGLFKLDUDGLHVVHUHLQSRVVHVVR GHOODWHVVHUD(1&,GHOO¶DQQRGL   6RFLR$OOHYDWRUHQBBBBBBBBBBBBBBULODVFLDWDGDOO¶(1&,    6RFLR$JJUHJDWRQBBBBBBBBBBBBBBULODVFLDWDGDO6RFLR&ROOHWWLYRGHQRPLQDWRBBBBBBBBB  BBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBLQGDWDBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBB  ,QIRUPD]LRQLXWLOL x &203,/$5( LO SUHVHQWH PRGXOR LQ RJQL VXD SDUWH /¶LQFRPSOHWD FRPSLOD]LRQH SXz QRQFRQVHQWLUHLOGLULWWRDOULPERUVRDVVLFXUDWLYR x &216(59$5( LO SUHVHQWH GRFXPHQWR WLPEUDWR GDOO¶XIILFLR SRVWDOH TXDOH HOHPHQWR LQGLVSHQVDELOHDFHUWLILFDUHODGHFRUUHQ]DGHOO¶DGHVLRQHDOODSROL]]DDVVLFXUDWLYD x 121,19,$5(QH¶DOO¶(1&,QH¶DOO¶$66,&85$=,21(  ',&+,$52VRWWROHFRPPLQDWRULHGLOHJJHFKHLGDWLULSRUWDWLVRQRFRPSOHWLHYHULWLHUL   '(67,1$7$5,2  6SHWWOH)RQGLDULD6$,  $JHQ]LD0DQWRYD  9LD$FFDGHPLD  0DQWRYD 01   5,&+,('2$,),1,'(//$'(&255(1=$/¶$3326,=,21('(/7,0%523267$/(3(5/$ ³'$7$&(57$´   'DWDBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBB )LUPDBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBBB     ¼   6SD]LRULVHUYDWRSHUO¶DIIUDQFDWXUD 



INC articoli mar12.indd 23

24/02/2012 14:59:45


Storia del Mastino Napoletano come nessuno l’ha mai raccontata

I figli di Masaniello Perfetto nelle proporzioni, detto “o cane d’a montagna” per la fattoria in cui viveva fu il capostipite di generazioni di campioni

Agli albori della razza allevare mastini era una predisposizione naturale, un dono di natura a volte senza seguire linee di sangue o genealogie , anche perché le stesse venivano trasferite a voce, selezionando soggetti che contenessero l’essenza della razza: forti geneticamente e riproduttori inimitabili. I “mastinari” sono stati personaggi unici ed inimitabili, che ho avuto la fortuna di conoscere e con alcuni di essi sono riuscito ad instaurare un solido rapporto di amicizia. I miei ricordi, arricchiti dai racconti dei padri della razza su Masaniello, Giacchettella e altri capostipiti della razza risalgono agli anni ‘70. In quegli anni noi appassionati allevatori eravamo alla ricerca di un riproduttore che potesse correggere i difetti di costruzione,

come l’avambraccio corto e le groppe scoscese, presenti nelle nostre fattrici. Il passaparola tra gli appassionati raccontava di un mastino di costruzione poderosa ed armonica, dalla testa da standard e dal carattere indomito. La mia folgorazione avvenne con il pellegrinaggio da “‘O cane d’a muntagna” che si diceva fosse figlio del cane di Giacchettella e fratello del campione di Enzo Testa, trionfatore della Mostra di Napoli del 1966 ed allevatore con l’affisso di Montespada. Il magnifico esemplare, si parla degli anni ’70, con la sua costruzione corretta e la sua armonia lasciò un’impronta indelebile, rinsanguando tutte le femmine “zaccari”, forti e potenti, ma con avambraccio corto e difetti di costruzione. “Zi Francisco”, al secolo Francesco Manno, era in perfetta sintonia con il suo mastino.

Erede del gran carattere dei predecessori, era infatti addestrato alla difesa personale ed all’attacco che veniva provato fornendo il cane di una museruola artigianale, che poteva contenere il muso leonino. Il proscenio della visita a “o’ cane d’a muntagna” si apriva sulla masseria in cima alla collina, con al centro una ripida scala di accesso, ed ai lati due porte di legno, dietro quella di destra, prima di giungere si avvertiva già un tramestio ed un aspirare di mantice. Zi Francisco, uomo di scena, improvvisamente spalancava la porta di sinistra ed una massa grigia infuriata si lanciava all’attacco, con i canini scoperti ed un ruggito raggelante. I “pellegrini”, esperti mastinari, restavano impietriti e fermi sperando di non essere sbranati, confidando nell’aiuto della



INC articoli mar12.indd 24

24/02/2012 14:59:45


Cani

i nostri

Anno 58 num. marzo 2012

Madonna dell’Arco, il cui santuario era a vista sul colle di rimpetto. Il miracolo implorato avveniva perché una solida catena legata al collare di pelo di “melogna” fermava la corsa di Masaniello. La sceneggiata aveva avuto il suo effetto ed il cane sarà sembrato a tutti molto più grande e poderoso, con la testa come “nu’ lione”. Il caffè servito nel portone di destra scaricava la tensione e predisponeva alla verifica della qualità di riproduttore di Masaniello, con cuccioli e cucciolini figli “d’o cane”. Il pellegrinaggio aveva le sue tappe come il cammino di Santiago, l’allevamento della Grotta Azzurra di Giuseppe Siano era la meta successiva. Peppino Siano aveva raccolto il meglio della produzione di Masaniello di Manno, accoppiandolo con molte femmine di grande tipo, con grossi difetti di ipertipo. Il canile era situato in Corso Secondigliano, quartiere popolare nei pressi del carcere nuovo, all’interno del ristorante “O’ Cafone”, gestito da Siano padre, famoso per i banchetti di nozze. Alle spalle della sala ristorante c’era un cortile intorno al quale facevano quadrato alcuni box con il pavimento sopraelevato perché, mi confidava Peppino, in tal luogo i cani sembravano più grandi. Qualche femmina Zacchera, piena di rughe, con ossatura potente e torace possente era sempre la madre dei numerosi cuccioli presenti, anche se aveva perso l’utero in seguito ad una metrite qualche anno prima. Cuccioli e cuccioloni guaivano dalle sbarre all’arrivo dei visitatori che venivano fermati sull’ingresso da un “guaglione” che spandeva polvere di calce nel cortile , a dire del Siano, per prevenire infezioni portate dalle scarpe dei visitatori. Un tavolo nell’angolo serviva per la presentazione “all’inglese” dei cuccioli, sempre grassi ,pieni di rughe e di grande tipicità. Il cucciolo però non poteva essere osservato camminare per non rischiare che si bruciasse i piedi delicati con la calce fresca. Fatta la transazione commerciale il cucciolo veniva depositato direttamente nell’auto dell’acquirente e “forse” avrebbe camminato a casa del nuovo appassionato. Siano ha prodotto, o meglio portato alla ribalta, campioni “storici”, soggetti che sono rimasti nella storia della razza come Falco, Frazier, Monzon, e primo fra tutti Carnera, uno dei mastini più entusiasmanti mai visti per la massa, l’armonia, la testa imponente ed un movimento tipico e fluido. Nel ricordo di tutti, menziono uno dei primi allevatori di mastini con affisso Saverio Bilangione, commerciante di stoffe a San Giorgio a Cremano.

Anche nel suo allevamento scorreva il sangue di Masaniello d’a Muntagna. La sua bottega era il riferimento dei mastinari, il “commendatore Bilangione” alla visita degli amici lasciava le clienti con “le pezze” di stoffa tra le mani ed apriva il giardino sul retro per mostrare i suoi rampolli, con l’orgoglio di un padre di famiglia: Nerone, Holco,Mirko, i primi mastini a manto nero che mi capitò di vedere. Allevava anche pastori tedeschi ma non con lo stesso amore. In una delle mie visite, mentre bevevamo il caffè scambiando opinioni sui mastini ma soprattutto, da buon commerciante, cercava di attingere notizie sui cani emergenti per sondare la concorrenza, si alzò di scatto dicendomi di seguirlo. Corremmo in giardino e su di un rudimentale tappeto mobile fatto con il motore di una lavatrice, trovammo un pastore tedesco stremato, con la lingua penzoloni che correva disperatamente per non cadere ed essere soffocato dal collare a strangolo. Il commendatore lo liberò prontamente ed

il cane stramazzò al suolo respirando come un mantice. Don Saverio mi guardò e disse: - Per parlare mi ero scordato il cane sul tappeto!O pulliere Sulla strada per Casamarciano viveva “o’ pulliere “, allevatore di polli, in particolare di ovaiole in batteria. Ti accorgevi di essere arrivato per il pulviscolo di piume che volteggiava nell’aria. Forniva alimento a buon mercato a tutti gli allevatori di mastini che confidavano nelle epidemie aviarie per fornire cibo ai loro mastini, che si sono da sempre alimentati, prima del mangime, di carne di polli spesso interi, teste e zampe comprese. La sua creatura era Giacomino, forse figlio di Falco, nipote di Masaniello Di Manno,il dubitativo è regola nelle genealogia dei mastini. Il soggetto era di ossatura leonina, con “capa vacchegna” e tronco poderosissimo, mai visto prima un soggetto così potente e forte. Ha dato buoni frutti tra cui un soggetto,

3

Tonino, di buon tipo e massa ma la sua discontinuità nel produrre era motivata dal fatto che il Polliere era “innamorato”, almeno cosi’ avevo sentito in varie occasioni dalle malelingue dei giro mastinaro. Essendo uomo di età e dall’aspetto non curato, incuriosito, chiesi chi fosse la sua amata. Mi fu risposto: - Dottò ma che avete capito? Quello è innamorato dei soldi! Quando tiene un cane buono se lo vende!E di fatto parecchi allevatori del tempo hanno rinsanguato dal Pulliere. Poco più avanti, su una terra in alto viveva Mimì “o’ re dei cani” , tra arance e limoni, una sorta di casa “prefabbricata” artigianalmente, che ospitava Mimì e famiglia. Una frotta di bastardini per lo più femmine , ti accoglieva annunciando il tuo arrivo e precedendoti, abbaiando allegramente. Tutte balie, al momento senza occupazione, che venivano all’occorrenza prestate a chi aveva necessità di allevare mastini, ma con l’obbligo della restituzione. Abitudine inveterata quella di adoperare balie per allevare mastini e ridurre la mortalità da schiacciamento o da infezioni che hanno sempre decimato la razza. Qualche buon soggetto maschio mostrava “O’ Re”, ma soprattutto una infinità di femmine di mastino. Il noccioleto era adibito ad allevamento, le fattrici vivevano legate alle catena ed ospitate in cucce di fortuna, vecchie vasche di eternit, tutte presunte figlie di questo o quel campione, che si sarà rivoltato nella tomba a sentire tali infamie. Tanti volti affiorano dalla nebbia dei ricordi, uno in particolare è quello di Paolino Scotti, direi un amico, forse più… Paolino ha seguito con simpatia la mia evoluzione in cinofilia, mettendomi in guardia sui pericoli dell’allevamento in consanguineità esasperata e facendomi capire il tipo di mastino a cui lui mirava. Un cane con una sua funzione ed un carattere risoluto ma forte e potente di ossatura, dalla testa armonica e di espressione “gentile”. Quanti pomeriggi passati a chiacchierare e, a seconda delle stagioni, con le noci fresche da sbucciare per sentire quel sapore inconfondibile o le arance appena raccolte in un cesto, miste ai limoni piccoli e profumati, ancora con le foglie attaccate. In estate la limonata era sempre pronta per dissetare prima del caffè. A settembre le auto dei visitatori restavano sul cancello perché le nocciole erano stese ad asciugare nell’aia. Le stagioni scandivano il tempo, molte stagioni sono trascorse, Paolino ha raggiunto i suoi campioni senza titoli ufficiali per la sua modestia: Brigante, Nennella e tanti altri. Mi è capitato per lavoro di passare davanti alla masseria di Scotti, ormai venduta, ed



INC articoli mar12.indd 25

24/02/2012 14:59:46


in corso di ristrutturazione per farne un ristorante. Sono entrato, ho visto il cortile dove i cuccioli uscivano a sgambettare ed a lanciarsi affamati nelle ciotole dei primi mangimi e cubetti. Ho rivisto il grande portone dove veniva portato “o’ cane”, per essere ammirato e la seduta di pietra dove si stava al fresco d’estate. Ho avuto una stretta al cuore ricordando una stagione della mia vita passata, la stagione degli entusiasmi senza condizioni, che mi hanno portato per circa trenta anni ad allevare mastini. Tutti i figli e nipoti di Masaniello di Manno hanno rinsanguato l’allevamento italiano del mastino napoletano, dando origine alle varie linee di sangue italiane. Con il sangue di Masaniello la taglia si era elevata, le costruzioni migliorate, ed il nostro mastino era pronto a competere sui ring italiani ed esteri, ad affacciarsi alla ribalta della cinofilia internazionale ma per far questo la rampa di lancio era la esposizione Internazionale di Napoli. I mastinari si preparavano ad affrontare le valutazioni tecniche non più con quattro amici intorno ad un tavolo ma in manifestazioni dove si coglieva il meglio della razza e si viveva il momento storico di essa, indispensabili per una verifica cinotecnica del lavoro degli appassionati e degli allevatori, un Campionato del mondo del Mastino Napoletano vissuto nella sua patria. Molte manifestazioni esprimono la salute del mastino napoletano e sono anche esse espressione del meglio della produzione del nostro mastino ma l’Esposizione Internazionale di Napoli con la sua speciale del Mastino Napoletano traccia il segno della qualità della razza, da dove son partite tante carriere espositive di numerosi campioni che hanno fatto la storia della razza. “Chi vince a Napoli è il campione del mondo”, espressione di grande campanilismo dovuta all’entusiasmo di essere la culla della riscoperta del mastino napoletano. Un orgoglio della Campania che negli anni ha prodotto soggetti di grande tipicità che aspettavano l’esposizione Internazionale di Napoli per misurarsi con i migliori soggetti prodotti in tutta l’Italia. Le sfide negli anni si sono ripetute, il Nord ed il Sud , divisi da una linea immaginaria, che divideva l’Italia passando sotto il Lazio. Un palio napoletano con entusiasmi ed attori, presentatori storici come Peppino Siano, unico handler di Mastini, nessun altro dopo lui si è cimentato con egual successo. Numerosi grandi allevatori dei tempi storici dei Villanova, I Montespada,

Bilangione, Ponzano e Grotta Azzurra, per citarne alcuni. Pubblico da grandi appuntamenti, con appassionati stipati a bordo ring, tecnici e mastinari affiancati e turbolenti. Un’arena in tensione dove si valutava la nobiltà del giudice, anche esso di prestigio e soprattutto di coraggio: Perricone, Mariotti, Morsiani, Alessandra. Una foto storica, erano gli anni settanta, riportata nel testo di Cesarino, ritrae due giovani aspiranti giudici, che affiancavano Mario Perricone: erano Antonio di Lorenzo e Nicola Imbimbo. Dentro l’arena si impara a stare in ring - ci diceva Mario Perticone: - A Montecarlo si va a fare la vacanza quando si giudica allo Sporting club, qui bisogna fare bene e soprattutto uscire senza essere accompagnati dalla polizia o dalla Croce Rossa! La classe libera maschi, preceduta dalla classe campioni, che serviva solo a rom-

pere il ghiaccio e far circolare di nuovo il sangue nelle vene del giudice, era il metro della qualità delle capacità di giudizio. Applausi ed ovazioni non erano risparmiati, così come fischi e commenti salaci e spesso minacciosi, ma lo show continuava dopo l’invasione per festeggiare il vittorioso della giornata, proiettato nella cinofilia ufficiale anche se perfetto sconosciuto. Era una sorta di scalata sociale portare “o’ cane” a vincere a Napoli ed è una sorta di rivalsa sociale, un’affermazione ed una notorietà nel mondo degli appassionati senza confini. Il vincitore si attrezzava con un bar nell’angolo di casa, con la “macchinetta d’o’ cafè” da otto tazze, sempre in ebollizione. Sperava nella buona sorte e si spezzava la schiena nel passare giorni e giorni accanto a cagne puerpere, nel tentativo di salvare il possibile della cucciolata, spesso decimata dai problemi neonatali. Giorni interi a tentare di accoppiare fem-

mine riottose, che rifiutavano il maschio aggredendolo ferocemente. Ogni stratagemma era buono, dal basto di asino, dove si poggiava la femmina per la monta sino al ginocchio, a sostegno dei copulanti per circa 20 minuti, alla fine era impossibile subito riportare l’arto in asse per il peso sostenuto. Sacrifici importanti, con la paura delle gravissime patologie virali che scoppiavano improvvisamente in allevamento, decimando cuccioli e cuccioloni. Era un lavoro non facile allevare mastini napoletani, un impegno e sacrifici senza pari fatti per tanto tempo, in cui non esistevano più i giorni di festa e le vacanze; tutto il tempo era dedicato a chi dipendeva esclusivamente dall’allevamento per la sua sopravvivenza. Ma la “vittoria” veniva festeggiata nel miglior modo. Storici i rinfreschi sul prato della mostra d’Oltremare preparati dal ristorante “O’ Cafone”, dalle ostriche come antipasto ai formaggi, alla mozzarella di bufala “dei Mazzoni” a migliore in assoluto, al timballo di maccheroni, alle polpette al sugo, baba’ e pastiera a conclusione del “lauto” pasto, tutto innaffiato dall’“Asprino fresco del Vesuvio”. Un furgone attrezzato serviva il catering con i “guaglioni” impegnati nel servizio. La festa era di massa, chi passava mangiava sino ad esaurimento delle scorte, unica regola: si servivano per primi gli invitati di rispetto seduti in circolo e poi tutti i presenti, amici, avversari, comparielli. Un modo per far ingoiare agli avversari perdenti i bocconi amari che andavano giù tra un boccone di mozzarella ed una battuta sagace ed anche per appianare qualche incomprensione tra allevatori e creare quella sintonia necessaria ad uno scambio produttivo, che ha creato la linea genetica “napoletana”. Un pool di fattrici e stalloni racchiusa in un area geografica circoscritta alla zona vesuviana, con un numero considerevole di allevatori dilettanti ed una produzione di cuccioli notevole, per far fronte alle esigenze del mercato degli anni dal ’70 al ’90, momento in cui la razza ha avuto il suo momento di fama e di mercato sostenuto. Compari di cresima e di matrimonio fiorivano senza limiti, in particolare per i figli ed i nipoti del proprietario del cane di punta del momento, il cui padrone si trovava al centro dell’attenzione generale. Un mondo colorito e coreografico in cui ho trascorso bei momenti della mia esperienza di “mastinaro”, cogliendo gli aspetti diversi di realtà di vite fatte di espedienti ma sempre vissute con grande dignità e rispetto, meglio vendere cuccioli di mastino che stecche di sigarette di contrabbando. 1LFROD,PELPER



INC articoli mar12.indd 26

24/02/2012 14:59:46


Cani

i nostri

Anno 58 num. marzo 2012

3

Sancito il rapporto affettivo piĂš antico al mondo

Il cane in ospedale Il giudice ha reso possibile lâ&#x20AC;&#x2122;incontro in corsia col padrone malato Una signora con gravi patologie viene ricoverata in una clinica e chiede di poter incontrare ogni tanto il suo cane. Secondo il regolamento, però, lâ&#x20AC;&#x2122;animale non può entrare nella struttura sanitaria e cosĂŹ la richiesta arriva sul tavolo del giudice tutelare di Varese, Giuseppe Buffone. Lâ&#x20AC;&#x2122;etologo Danilo Mainardi commenta: in tale sentenza si fa riferimento al fatto che, ÂŤin base allâ&#x20AC;&#x2122;evoluzione della coscienza sociale e dei costumi, il Parlamento abbia ritenuto che un tale sentimento costituisse oramai un interesse da trarsi dal tessuto connettivo della Charta Chartarum...Âť. Parole certo difficili, anche se il senso generale non può sfuggire ad alcuno, e lo stesso vale anche per questi altri passaggi assai significativi: ÂŤLo Stato e le Regioni

possono promuovere di intesa (...) lâ&#x20AC;&#x2122;integrazione dei programmi didattici delle scuole e degli istituti di ogni ordine e grado, ai fini di una effettiva educazione degli alunni in materia di etologia degli animali e del loro rispetto...Âť. â&#x20AC;&#x153;Ed è cosĂŹ che il caso della signora di Varese che, come certifica la sentenza, pur essendo afflitta da varie e dolorose patologie ÂŤconserva luciditĂ mentale e appare capace di intendere e di volereÂť, può produrre importanti ricadute generali per gli animali e per quelli che li amano.â&#x20AC;? Non solo therapy dog quindi, ma anche cani di proprietĂ  dei degenti potranno, con i dovuti permessi, fare visita e portare conforto ai loro padroni costretti in un letto dâ&#x20AC;&#x2122;ospedale. 5HQDWD)RVVDWL

5HFHQVLRQH $783(578&21,/&$1( (EHUKDUG7UXPOHU(GLWRUH250( (EHUKDUG7UXPOHUKDGHGLFDWRWXWWDXQDYLWDDOOR VWXGLRGHOFRPSRUWDPHQWRGHOFDQH3HUTXDVL WUHQ¡DQQLILQRDOODVXDPRUWHKDYLVVXWRJLRUQR HQRWWHFRQLVXRLDPLFLDTXDWWUR]DPSH ´LOPLRSRSROR¾FRPHDPDYDGHILQLUOL/LKD RVVHUYDWLHVWXGLDWLKDVHJXLWRORVYLOXSSRGHL FXFFLROLGDOODQDVFLWDILQRDOODSXEHUWjHKD DQQRWDWROHQXPHURVHPXWD]LRQLULJXDUGDQWLOD VWUXWWXUDILVLFDLOFRORUHGHOSHORPDVRSUDWWXWWR LOFRPSRUWDPHQWRFKHqLOWHPDSULQFLSDOHGLTXHVWROLEUR$WXSHU WXFRQLOFDQHDFFROWRGDOPRQGRDFFDGHPLFRFRPHODELEELDSHU JOLDPDQWLGHLFDQLLQVHJQDDJXDUGDUHLOFDQHFRQRFFKLGLYHUVLH ULYROX]LRQDWXWWLLSXQWLGLYLVWDILQRUDDFFHWWDWLVXOOHUHOD]LRQLIUDOD QRVWUDVSHFLHHO¡DPLFRGHOO¡XRPR/HLQIRUPD]LRQLFRQWHQXWH DIIDVFLQHUDQQROR]RRILORSHUIH]LRQHUDQQRODFRQRVFHQ]DGHOOR VSHFLDOLVWDHSHUPHWWHUDQQRDOSURIDQRGLHOLPLQDUHUDGLFDOPHQWHJOL HUURULHLSUHJLXGL]L(FRPHGLFKLDUDO¡DXWRUHQHOODVXDLQWURGX]LRQH ´&KLVLSUHQGHODEULJDGLHVSORUDUHTXHVWRPRQGRXQSzSLLQ SURIRQGLWjLPSDUHUjDJXDUGDUHLOSURSULRFDQHFRQRFFKLGLYHUVLH VRSUDWWXWWRDVPHWWHUHGLFRQVLGHUDUORXQDFUHDWXUDFKHVLOLPLWDDG REEHGLUHDQRQVSRUFDUHLQFDVDHDULFHYHUHFLERHFXUH6L UHQGHUjFRQWRFRPHWXWWRTXHOORFKHSHUFHSLDPRGLOXLVLDVRORXQD SDOOLGDRPEUDGLFLzFKHTXHVWRDQLPDOHqLQJUDGRGLHVSULPHUH TXDQGRJOLqSHUPHVVRGLHVVHUHYHUDPHQWHTXHOORFKHqXQFDQH¾

INC articoli mar12.indd 27

Â&#x2021;&2562 Â&#x2021;&2562 352)(66,21$/( 352)(66,21$/( 3(5$//(9$725, 3(5$//(9$725, Â&#x2021;&25623(5 Â&#x2021;&25623(5 ,67587725, ,67587725,

SHUDSSDVVLRQDWLFLQRILOL

SHUDSSDVVLRQDWLFLQRILOL

Â&#x2021;&25623(5 Â&#x2021;&25623(5 $''(675$725,(1&, $''(675$725,(1&,

ULVHUYDWRD,VWUXWWRUL&LQRILOL

ULVHUYDWRD,VWUXWWRUL&LQRILOL

Â&#x2021;67$*(6&203257$0(17$/, Â&#x2021;67$*(6&203257$0(17$/, GHO'U-RHO'(+$66( GHO'U-RHO'(+$66( PDJJLR PDJJLR ,OFDQHHLOJDWWRGXHVSHFLHGXH ,OFDQHHLOJDWWRGXHVSHFLHGXH FRPSRUWDPHQWL FRPSRUWDPHQWL PDJJLR/¡RPHRSDWLD PDJJLR/¡RPHRSDWLD QHOODULVROX]LRQHGHLSUREOHPL QHOODULVROX]LRQHGHLSUREOHPL FRPSRUWDPHQWDOL FRPSRUWDPHQWDOL PDJJLR/DSVLFRORJLDGHOFDQH PDJJLR/DSVLFRORJLDGHOFDQH JOLLVWLQWLOHHPR]LRQLLELVRJQL JOLLVWLQWLOHHPR]LRQLLELVRJQL

24/02/2012 14:59:46


;;(6326,=,21(&$1,1$,17(51$=,21$/( &RPXQH GL7DUDQWR

&$&&$&,% 7$5$172 $35,/(

3URYLQFLD GL7DUDQWR

3UHVVR3$/$),20²9LD0DU*UDQGH7DUDQWR 2UJDQL]]D]LRQH*UXSSR&LQRILOR-RQLFR²9LDOH9LUJLOLR²²7DUDQWR WHOID[²² VHJUHWHULD VHJUHWHULD#JUXSSRFLQRILORMRQLFRFRP

ƒ7URIHRSHU$OOHYDWRUL´0$*1$*5(&,$µ

6LGLVSXWDQHOO·DPELWRGHOOD;;(VSRVL]LRQH&DQLQDSHUDOOHYDWRULDPDWRULDOLSURIHVVLRQDOL FRQRVHQ]DDIILVVRQHO5LQJG·2QRUHLQDJJLXQWDDLFRQVXHWLUDJJUXSSDPHQWL 3HULVFUL]LRQHUHJRODPHQWRHGXOWHULRULLQIRUPD]LRQLVHJUHWHULD#JUXSSRFLQRILORMRQLFRFRPWHO 6LDPRDQFKHVXOODSDJLQDHYHQWL)DFHERRNGL´*UXSSR&LQRILOR-RQLFR7DUDQWRµ

*LXULDFRPSOHWDFRQVXOWDELOHVXOVLWRZZZPLJOLRUHGLUD]]DUHSRUWLW HVXOODSDJLQDHYHQWL)DFHERRNGL´*UXSSR&LQRILOR-RQLFR7DUDQWRµ ,VFUL]LRQLAFKLXVXUD²AFKLXVXUD ‡LVFUL]LRQLRQOLQHFRQFDUWDGLFUHGLWRVXZZZPLJOLRUHGLUD]]DUHSRUWLW ‡LVFUL]LRQLDPH]]RID[ FKLHGHUHPRGXORLVFUL]LRQHFRQHPDLOVHJUHWHULD#JUXSSRFLQRILORMRQLFRFRPRWHO

INC articoli mar12.indd 28

24/02/2012 14:59:47


Cani

i nostri

Anno 58 num. marzo 2012

3

A Stoneleigh Park il Kennel Club ospita con successo due importanti manifestazioni

247 Staffy in passerella Bourtie Wot a Steal’ si aggiudica il BIS, Ramblestaff Ebebezer Good JW’ è stato proclamato Stafford of the Year 2011

Il 13 dicembre 2011 nelle lontani terre delle East Midlands in Inghilterra, all’interno della fantastica costruzione di proprietà del Kennel Club, sita nel vasto Stoneleigh Park, si è tenuta la gara di campionato dello ‘Staffordshire Bull Terrier Club UK’. Alla fine della stessa si è potuto assistere alla competizione più importante del mondo staffy, lo Stafford of the Year. Nel ringraziare il Club del loro invito a partecipare da spettatori d’ onore, abbiamo potuto notare una altissima qualità di cani, presentati alla perfezione e in una condizione fisica invidiabile. Per dovere di cronaca bisogna dire che ci siamo trovati di fronte ad un vero e proprio week end all’ insegna degli Staffordshire, infatti il giorno precedente abbiamo potuto assistere alla gara di campionato magistralmente diretta dal Club delle ‘East Midland Staffordshire Bull Terrier’, con ben 247 cani iscritti, vincitore del Best in Show il Ch. inglese ‘Bourtie Wot a Steal’ di proprietà di K. Jackson. Nel grande giorno, atteso da tutto il Regno Unito cinofilo staffysta, lo SBT club ha condotto una gara degna della tradizione espositiva inglese. Nei due ring al centro del Kennel Club

Building, hanno sfilato nelle loro rispettive classi, la bellezza di 245 cani di cui 20 campioni inglesi. Per tutta la mattina i giudici K. Jackson e S. Gray, hanno esaminato attentamente e scrupolosamente ogni singolo cane per decretare il più corretto di ogni singola classe, fino ad arrivare al verdetto finale della giornata proclamando il migliore della razza di proprietà di Winrow ‘Welshstaff Credit Crunch’, ed il migliore di sesso opposto ‘Taraiel Trinity’ di Houghton. Nella serata britannica, giuria di altissimo livello assegnata a dirigere lo Stafford of the Year 2011, F. Gadd, J. Mclaughlan e S. Hemstock, allevatori apprezzati di staffy, con estrema professionalità hanno esami-

nato tutti i cani vincitori nel 2011 di CC. Dopo una lunga passerella si è potuto conoscere il Top Stafford 2011 e il restante podio. Vincitore con il massimo del punteggio lo Staffordshire ‘Ch Ramblestaff Ebebezer Good JW’, per il migliore di sesso opposto la Stafford of the year 2010 ‘Ch Hubbulls The Promise’ per le riserve ‘Ch Bourtie Wot a Steal’ e ‘It’s Prince Naseem Great’n Glory’. Dobbiamo doverosamente ringraziare Mr. Gadd per l’ospitalità nei 2 giorni a Birmingham, i club per i cataloghi e il ristoro offertoci, il KC e tutti i partecipanti, contentissimi di vedere visitatori italiani al loro show. $OHVVLR&DWRQL



INC articoli mar12.indd 29

24/02/2012 14:59:48


A Montichiari 2.000 in passerella

Vince il Clumber Spaniel Scelto da un giudice giapponese accomunato negli applausi agli organizzatori dell’expo

Best in Show : 1° Clumber Spaniel Chervood’s Snowsun prop.: Lana Levai (HR) 2° Fox Terrier pelo ruvido Travella Stage Star prop. Victor Malzoni 3 Chow Chow Druid dei Leoni Imperiali prop. Marcello Castelli

BOB e BOS Bulldog

Più di 2000 cani si sono dati appuntamento al Centro Fiera di Montichiari sabato 28 e domenica 29 gennaio in occasione della 50^ Esposizione Internazionale Canina organizzata dal Gruppo Cinofilo Bresciano. Come è ormai consuetudine tutto si è svolto in maniera perfetta. Parcheggi ampi e gratuiti, spazi espositivi più che adeguati e “moquettati”, tutto curato nel minimo dettaglio…e non da ultimo, una Giuria selezionatissima composta da rappresentanti di assoluto valore provenienti da tutto il mondo. Il Best in Show assoluto, giudicato dal Giudice giapponese Kadowaki Hisayoshi, è andato al Clumber Spaniel Chervood’s Snowsun, magnifico esemplare di proprietà Croata, 2° classificato Fox Terrier a pelo ruvido Travella Stage Star, 3° classificato Chow Chow Druid dei Leoni Imperiali. Essendo Allevatore di Bulldog Inglesi, ho avuto il grande piacere di aiutare gli Amici del Gruppo Cinofilo per quanto riguarda questa razza. Il giudice chiamato ad assolvere questo grande compito, Rob Harris allevatore di Bulldog e titolare dell’Allevamento inglese Nobozz, è senza dubbio tra i più stimati al mondo. È stato infatti, un gran successo se non addirittura un record, ben 83 soggetti di assoluto livello a catalogo nonostante non fosse Mostra Speciale, moltissimi i presenti che non si sono scoraggiati della forte nevicata che ha colpito nella notte soprattutto le regioni del nord ovest. Il vedere espositori da 5 Nazioni diverse, un ring eccezionale, bellissimi premi e soprattutto un clima di gran festa a bordo ring con tutti gli Espositori che hanno accettato di buon grado il giudizio di Rob Harris, è stato motivo di grandissima soddisfazione non solo per il Gruppo Cinofilo Bresciano ma anche per me, che da sempre amo questa splendida razza. Un clima sereno e di grande impegno si poteva respirare anche negli altri ring grazie alla professionalità dei commissari di ring, importante colonna per il corretto svolgimento dei giudizi. E alcuni ring

30

INC articoli mar12.indd 30

23/02/2012 17:11:25


erano veramente numerosi: 144 Bassotti in Mostra Speciale, 86 Alani in Mostra Speciale, 103 Cocker nel Raduno, sono solo alcuni esempi.

Giovani sabato

Ad affiancare l’esposizione di bellezza sia di sabato che di domenica, lo spettacolo dei cani da Agility e Obedience, altro successo dell’organizzazione che si è valsa

LE RAZZE PIU’ RAPPRESENTATE

144 103 86 83

Bassotti in Mostra Speciale Cocker nel Raduno Alani in Mostra Speciale Bulldog inglesi

della preziosa collaborazione di Simona e Fabiana. Curioso come sempre il pubblico che ha superato ogni aspettativa in entrambe le giornate. Un occhio di riguardo il Gruppo Cinofilo lo riserva da qualche anno ai più piccoli offrendo un’area di svago appositamente attrezzata per i bambini. Non da ultimo, il Gruppo Cinofilo Bresciano vuole esprimere un pubblico ringraziamento a tutti i propri collaboratori, agli espositori, ai signori Giudici, agli standisti e allo sponsor senza i quali, anche se sembra retorico dirlo, l’esposizione non avrebbe luogo. Al prossimo anno. Luca Bisignano

BIS Coppie domenica 1° Bullmastiff Cornerstone Magic Light in the Wood at Leatherneck & I bravi ragazzi Bye Bye Baby Prop. All.to i Bravi Ragazzi. 2° Maltesi Sinphony of Venice Daddypuzzle & Sinphony of Venice Sugar Spun Prop. All. to Sinphony of Venice 3° Riesenschnauzer nero Gloris Kung Fu & Gloris Santa Barbara Prop. Bonifacio Giovanni

BIS Giovani sabato Giovani domenica

1° Weimaraner Marlon Big Weve Rider Diego, pr. Michela D’Amico 2° Cocker Spaniel Inglese Francinis’ Negrtita pr. Federica Luciani 3° Bassethound Bassjoy Night of Love della Terra dei templari pr. All. della Terra dei Templari BULLDOG: “Il giudice inglese Rob Harris che ha visonato ben 83 Bulldog inglesi con i migliori soggetti che si sono aggiudicati il BOB e il BOS”

“BIS Giovani domenica

Coppie domenica

1° Pechinese Chilliwack’s Arman Alizad Prop. Daniela Ghezzi 2° Welsh Corgi Pembroke Shamquin French Touch for Caamora Prop. Riccardo Vigliani 3° Piccolo Levriero Italiano Albachiara del Barone Rampante Prop. All.to Raggi di Luna”

31

INC articoli mar12.indd 31

23/02/2012 17:11:28


Successo del VIII° Malamute Day & 1° Winter Winner 2012

I Malamute ritrovano la neve Tante manifestazioni a sostegno della razza e dell’amicizia tra soci

Dal 27 al 29 gennaio 2012 si è svolto, organizzato dalla Sezione Razza Alaskan Malamute del CIRN (Club Italiano Razze Nordiche) il Malamute Day in Casargo sulle Alpi Giumello, manifestazione giunta all’ottava edizione. Preceduta come suo solito dall’entusiasmo di numerose persone amanti della razza Alaskan Malamute, che non hanno esitato a preannunciare la loro adesione, non solo non ha deluso le aspettative ma è andata ben oltre i già lusinghieri risultati delle precedenti edizioni. Il connubio di cinofilia e natura si è così ancora una volta rivelato un mix perfetto. L’invasione di centinaia di persone sulle Alpi Giumello ed uno scenario ideale, in cui anche la natura ha voluto fornire il suo contributo, è stata la cornice ideale dove la passione e l’entusiasmo di persone ed amici a “4 zampe” hanno dato spazio ad esperienze uniche che rimarranno ben impresse in chi come noi ha voluto concedersi giorni indimenticabili. Un’esperienza fantastica da custodire gelosamente nel “cassetto dei ricordi” con il rammarico per qualcuno che quelle giornate rimarranno, almeno fino alla prossima edizione, relegate nel “cassetto dei sogni”. Il clima di festa e di cordialità in cui si è svolta la VIII edizione del Malamute Day, lo conferma un evento unico nel suo genere, senza pari. Numerose le attività messe in campo (già alcune presenti nelle precedenti edizioni): dog-trekking, sleddog, visite per le oculopatie, un breve corso sull’educazione di base, ed un seminario sulla Condrodisplasia CHD. Ma il valore cinofilo della manifestazione ha quest’anno raggiunto un vero punto di svolta, un salto di notevole qualità quando gli amici del SERAM (Sezione Razza Alaskan Malamute) hanno deciso per la prima volta di coniugare il Malamute Day con il I° Winter Winner, ossia il 1° raduno tecnico di razza. Una scelta coraggiosa, supportata dal CIRN e dalla Sezione Razza Samoiedo (SERAS), premiata da una folta partecipazione: 45 Alaskan Malamute in concorso e 4 fuori concorso nonché 14 Samoiedo. Una scelta che ha dimostrato

32

INC articoli mar12.indd 32

23/02/2012 17:11:29


i nostri

Cani

Anno 58 num. marzo 2012

3

Fenix Bright Northern Star’s vincitore del Raduno Tecnico

quanto la cinofilia possa avvicinarsi con scelte coraggiose a chi quotidianamente non veste gli abiti di un allevatore o di un handler. La scoperta del ring è stata per molti un’esperienza entusiasmante. Questo raduno che aveva come sfondo le immagini innevate delle nostre bellissime Alpi, suggestiva evocazione dello spirito Malamute, non poteva avere battesimo migliore di questo. E’ stato dunque un matrimonio perfetto, unione di passione, entusiasmo e cinofilia. Un’ulteriore novità di questa prima edizione del Winter Winner è stata la scoperta di un giovane Alaskan Malamute di 16 mesi Fenix Bright Northern Star’s, pr. Battuello, che si è aggiudicato il 1° Eccellente in classe “Giovani maschi”, nonché il Best of Breed, giudicato dalla francese Judith Gogibus . Che tutta la manifestazione nel complesso sia stata un evento senza precedenti lo confermano i numeri (più del doppio rispetto agli anni precedenti) 150 cani circa e 350 persone ma anche gli innumerevoli apprezzamenti espressi nelle ore immediatamente dopo il suo svolgimento sulle pagine dei Social Network, articoli stampa e rubriche televisive. Un evento che nelle intenzioni degli organizzatori sarebbe dovuto iniziare il venerdì 27 gennaio ma che in realtà ha visto il convergere di molti sin dalle prime ore del giovedì.

Tuttavia non credo che questo Malamute Day sia l’approdo di una meta raggiunta semmai è la tappa di un percorso da seguire e continuare a percorrere affinché tutti possano avvicinarsi a questa razza sotto la guida di un Club capace di saper suscitare emozioni e passione. Identificarsi

in un Club, luogo di comuni passioni, è opportuno affinché cresca e noi con esso; lo testimonia il Malamute Day! Un evento da vivere, un ricordo da custodire ed un sogno da perseguire! Antonio Battuello per il SERAM

Prova di sleddog

33

INC articoli mar12.indd 33

23/02/2012 17:11:29


“DESIANENSIS”

Selezione setter inglese dal 1976

Sette setters x 19 titoli di campione e tutti riproduttori selezionati

Ch. It. Ch. Int. Ch. It. Ch. Int. Ch. Ch. Ch. Ripr. Lav. Lav. Bellezza Bellezza Trialler Ripr. Assoluto Selez.

Desianensis Irma

l

l

Desianensis Mera

l

l

Desianensis Oxa

l

l

l

Desianensis Bosè

l

l

l

Desianensis Dea

l

Desianensis Egon

l

l

Bobet di L.P.

l

l

l l

l

l

l

l

l

l l

l

l

Cell. 334/6580034 - desianomania@libero.it

INC articoli mar12.indd 34

23/02/2012 17:11:30


“DESIANENSIS”

Selezione setter inglese dal 1976

DONNER CH. It. Bell. - Rip. Selezionato

DEA CH. It. Bell. CH. It. Lav. CH. Int. Bell. CH. Assoluto Rip. Selez.

BOB – centenario Setter & Pointer Swiss Club – Burgdorf (CH) 19 giugno 2011 EFREM GRANDE CERCA 1° Ecc. CAC NIS Serbia 20/11/2010 2° Ecc. R/ CAC NIS Serbia 22/11/2011 1° Ecc. CAC Marceňa Spagna 07/02/2012 2° Ecc. R/ CAC Osuňa Spagna 08/02/2012

IL FUTURO

LINUX GRANDE CERCA CH. It. Bell. Rip. Selez. 1° Ecc. CAC R/CACIT Eurocoppa Serbia 25/11/2010 1 Ecc. CAC - Marceňa Spagna 06/02/2012 - cinque Ecc. (Serbia Spagna)

Cell. 334/6580034 - desianomania@libero.it

INC articoli mar12.indd 35

23/02/2012 17:11:31


Una razza da sport che sta conquistando simpatie

Breton, allievo modello Le tante occasioni per insegnarli un corretto comportamento

L’Epagneul Breton è un cane da caccia classificato nel settimo gruppo, è il più piccolo dei cani da ferma, originario della Bretagna;in meno di un secolo dalla sua apparizione in Italia, ha saputo crearsi tanta simpatia da parte non solo dei cacciatori, ma anche in ambito familiare e da parte di chi è contrario alla caccia. Premetto, come ho sottolineato in tutti i precedenti articoli, che deve essere di buona genealogia, italo-francese e allevato da persone oneste e coscienziose, quindi da scartare tassativamente i mercanti di cani, le fiere e altri venditori con pochi scrupoli. Recentemente in un programma televisivo, ho visto il sequestro da parte della Guardia Forestale di parecchie decine di cuccioli provenienti dai Paesi dell’Est di solo pochi giorni di vita, che sicuramente in occasione delle feste natalizie sarebbero stato merce appetibile da

parte di chi in questo ambiente è un vero sprovveduto. Ritorniamo al nostro Epagneul Breton, è un cane che oserei dire quasi umano, sensibile agli umori di tutta la famiglia, quindi un cane che persone colleriche, aggressive e volubili, non devono mai possedere. Una volta acquistato il cucciolo bisogna ridurre al massimo lo stress da separazione con la madre ed i fratelli. Portato a casa, non deve essere assolutamente abbandonato, ma tranquillizzato, se tenuto in casa, sicuramente si adatterà bene alla nuova vita, consiglio di mettere nella cuccia una coperta con una borsa dell’acqua calda e possibilmente una sveglia, in quanto il tepore delle borsa, ricorda il calore dei fratelli e della madre e la sveglia il ticchettio del cuore. Personalmente sconsiglio di mettere il nuovo cucciolo con un cane adulto, in quanto, sovente il cane

anziano, preso dalla gelosia può ferirlo anche gravemente ed in alcuni casi anche mortalmente. Molto efficace è mettere nella piccola cuccia un peluche, un mio cucciolo che avevo ritirato come diritto di monta, lo prendeva in bocca e nelle giornate di sole, lo portava fuori della cuccia, per poi riportarlo dentro di notte e dormire abbracciato con lui. Chi non ha mai posseduto un cane in casa, non deve preoccuparsi dei bisogni corporali che il giovane Breton non riesce a trattenere, ma che con il passare del tempo impara ad espletare durante le passeggiate quotidiane. Dovrete quindi fare frequenti uscite , ricordatevi che il cane tende a considerare i familiari come membri del proprio branco ed a costituire un ordine gerarchico cercate di educare e di stabilire una gerarchia

36

INC articoli mar12.indd 36

23/02/2012 17:11:31


i nostri

Cani

Anno 58 num. marzo 2012

sin dai primi giorni con ordini e comandi vocali precisi con parole brevi, in quanto parole lunghe mal vengono memorizzate, e con tono di voce deciso. Personalmente uso un metodo assai efficace, quando il giovane Breton commette una marachella, uso un timbro di voce cupo e di rimprovero, quando esegue un esercizio, come il riporto o il terra correttamente, il timbro di voce deve essere dolce. Già in giovane età, nel giardino attorno a casa, ho l’abitudine di insegnare il riporto che dovrà sempre essere considerato un gioco, mai annoiarlo con esercizi prolungati, ho l’abitudine di usare attrezzi diversi e di peso diverso, compreso un coniglio impagliato con dentro un sacchetto di sabbia, per abituarlo al vero peso dell’animale. Quando il riporto viene effettuato perfettamente, uso un selvatico vero, all’inizio di solito un piccione che non è eccessivamente grande e molto resistente anche a riporti ripetuti, poi altri animali, dalla quaglia al fagiano. Alcuni, erroneamente sostengono che il riporto deve essere spontaneo e non forzato, ma in effetti, un riporto bene insegnato a comando anche in soggetti che istintivamente riporterebbero comunque è molto conveniente, in quanto in condizioni difficili e con temperature calde o con il vostro cane affaticato, può essere facile, che all’abbattimento del selvatico questo venga riportato per qualche metro e poi lasciato a terra, in questi casi un riporto forzato ben insegnato può risolvere molti problemi. Nei momenti di gioia, ad esempio durante la libera uscita per la passeggiata o al momento del pasto, uso sparare un colpo con una piccola pistola scaccia cani, con il passare del tempo uso un calibro più grande per provocare un colpo simile ad una fucilata. Ecco che il cane è cresciuto, sano e vivace, attorno ai sette otto mesi è arrivato il momento di portarlo in apposite aree addestramento per gli esercizi della caccia. Le prime uscite sovente sono deludenti, in quanto i cuccioloni giocano e poco sono interessati alla ricerca della selvaggina, ricordo che avevo un mio allievo, uno dei migliori che abbia avuto, che ha vinto in tutte le discipline sia di caccia che di caccia a starne, all’età di sette otto mesi lo portai fuori, era l’inizio dell’estate, in una zona ricca di selvaggina, ma l’unico interesse che dimostrava era quello di inseguire i maggiolini che erano usciti e volavano tra l’erba abbondanti. Se il soggetto è di buona genealogia ben presto evidenzierà le proprie doti di cacciatore, e con ripetute uscite vi darà un’enorme soddisfazione. E’ molto importante non mettere mai a contatto il vostro giovane allievo con selvaggina di allevamento sopratutto se di scarsa qualità, compreso la quaglia, in quanto tutta la

selvaggina immessa contribuirà sicuramente alla non riuscita del vostro ausiliare, quindi portatelo sempre su selvaggina autentica. Quando il vostro Breton avrà desiderio di cacciare e di cercare la selvaggina, è allora il momento di uscire con il fucile, all’inizio evitate sempre compagnie di sparatori, anche se negli addestramenti a casa avete avuto la certezza che il cucciolone non

3

teme il colpo della pistola a salve. L’Epagneul Breton è un cane di facile apprendimento, si adatta a tutti i tipi di terreno e di selvaggina che viene cacciata con il cane da ferma, vi sconsiglio vivamente di portare il giovane soggetto in battute di caccia dove viene richiesto il cane da riporto, per questo tipo di attività venatoria vi sono altre razze appositamente create. Giorgio Bellotti

IN RICORDO DI GIUSEPPE COSENTINO Dopo una breve malattia, il 3 gennaio scorso, è venuto a mancare il Presidente del nostro Gruppo Cinofilo, Giuseppe Cosentino. Aveva dedicato, con passione ed impegno, gli ultimi due decenni della sua vita a portare avanti la Delegazione Provinciale di Caltanissetta. Dobbiamo al suo operato il raggiungimento dello status di Delegazione ENCI per il nostro Gruppo Cinofilo. Fino alla fine, nelle sue ultime settimane di vita, provato dalla malattia, il suo pensiero ricorrente è sempre stato quello di telefonare nella sede del Gruppo Cinofilo durante gli orari di apertura, per verificare che il segretario svolgesse bene il suo dovere. Il compito di Presidente per lui comportava un grande impegno mentale e fisico, soprattutto a causa dell’età non più verde; impegno questo, portato avanti con una passione ormai difficilmente riscontrabile in cinofili ben più giovani. Giuseppe Cosentino mi coinvolse anni fa nel Gruppo, delegandomi l’attività organizzativa delle manifestazioni, senza mai interferire nelle mie decisioni e dandomi piena fiducia: questo per lui, persona d’altri tempi, significava moltissimo. In cambio del mio costante impegno cinofilo in favore del gruppo, ottenni da lui, il riconoscimento di “affiliato esterno alle cene dei cacciatori”, nelle corso delle quali facevo man bassa di cacciagione, pur essendo incapace di sparare un solo colpo di fucile! E dalle nostri parti questa possibilità non viene certo data a tutti: se sudi mangi, altrimenti digiuni! Ci mancherà, e mi mancherà la sua semplicità, e anche il suo essere burbero, o meglio, un finto burbero, che dietro ad un sorriso faceva capire che il suo atteggiamento ruvido serviva solo a stimolare ognuno di noi a lavorare al meglio per il Gruppo. Grazie per essere stato in questi anni il nostro Presidente. Con grandissimo affetto. Massimo Inzoli

37

INC articoli mar12.indd 37

23/02/2012 17:11:31


Come accogliere un nuovo arrivato

Cucciolo, famigliare aggiunto Molta pazienza e tanta disponibilità. Per l’inizio di una nuova vita insieme Molti acquistano o si procurano un cane per diversi motivi, anche i più banali. Alcune signore che completano un abito elegante, portando a un prezioso guinzaglio un barboncino o un altro piccolo soggetto da compagnia con i fiocchetti, un accessorio delicato… Spesso non esiste un legame fra il cane e la signora elegante. Altri prendono un cane per moda, pensate quante iscrizioni di Labrador ci sono state dopo la pubblicità. Per qualcuno avere un Labrador significava essere snob. Oggi accade con il Jack Russel Terrier. Il popolo dei cacciatori a cui io appartengo, sovente acquista un cucciolo da caccia per pura utilità spesso senza conoscere le varie razze, volendolo simile a quello di un amico o a un buon esemplare visto nei quagliodromi. Il cane da caccia deve cacciare bene, ovviamente anche con un pessimo addestramento, altrimenti lo battono poi lo cedono o peggio qualche volta lo eliminano. Non sanno che quasi sempre è colpa loro se il quattrozampe è impaurito e inefficiente, data da mancanza di pazienza e di affetto durante l’adestramento. Altri peggiori, tengono cani per solo mera utilità come cani da guardia, da pastore, quando non servono chiusi in ambienti angusti, con poco cibo, magri, malaticci. Qualche volta per scopi diversi, … infami, leggi combattimenti. Questi sfortunati animali fin che servono, sopravvivono poi vecchi o malridotti per i traumi subiti, fanno una brutta fine… Quanti poveretti sono dispersi d’estate, solo perché di impaccio per le vacanze. I cattivi padroni, non hanno mai cercato di capire il loro “amico a quattro zampe” ne hanno mai compreso che avere un cane significa dispensare affetto e dedizione. Quando sono nervosi lo picchiano solo per un banale errore, o lo trascurano in altre occa-

sioni, così il soggetto diventa staccato, apatico, pauroso qualche volta aggressivo. Il cane percepisce molto bene l’umore del padrone e ricorda sempre quanto ha avuto di bene e di male. Per capire o scegliere un compagno bisogna anzitutto conoscere le caratteristiche della razza, che deve essere la migliore per le nostre esigenze e sapere che ogni esemplare anche nel carattere è diverso dagli altri. L’arrivo di un cucciolo in casa deve essere un avvenimento, il “canino” non è un oggetto ma un essere vivo che prova paura, gioia, dolore, ansia, attaccamento come un essere umano. Il primo impatto sarà di paura perché ha cambiato ambiente, allora annuserà tutto e si guarderà intorno per capire dove è andato a finire. Occorre affetto, carezze, rassicurarlo con buon cibo un buon ricovero (leggi cuccia e compagnia). Il cucciolino si rivolgerà a quel bipede che gli ha rivolto maggior attenzione, e lo seguirà per la casa, festoso quando lo vede, triste quando c’è un distacco fra i due. Il “canino” cresce, e dimostrerà attaccamento per il suo padrone. Può avere un carattere timido, essere un po’ pauroso, dove all’aperto starà

sempre fra i piedi, contrariamente potrà essere esuberante, anche scorretto, fuori mano, cioè molto lontano e insensibile al richiamo. Il padrone che lo ha capito lo dovrà educare di conseguenza o rassicurandolo per le sue timidezze, portandolo fra la gente e spesso fuori o correggendolo alle sue scorrettezze. Non sarà difficile se si è instaurato un vero legame che è la cosa migliore, fra cane e padrone, che è originato da una profonda conoscenza reciproca. Il cane per me è qualcosa di più di un ausiliare che mi serve per la caccia, è …. “un familiare aggiunto”, che porta a piccoli sacrifici, ben ripagati. Sono sicuro che nella buona cinofilia e vieppiù chi legge questa rivista, vi sono molti proprietari di cani che condividono le mie idee, quindi conoscono bene e sono “legati” ai loro quattrozampe . Mi è accaduto di avere soggetti non adatti alla caccia, per difetti genetici o episodi di sindrome da botto. Li ho sempre mantenuti con” una pensione anticipata di invalidità”, facendomi solo ripagare dal loro affetto. E’ anche accaduto, non troppo raramente, di averli recuperati, seppure con mia grande pazienza e fatica solo per una grande fiducia reciproca Molte razze di cani sono impiegate per scopi diversi, anche più importanti della caccia Il legame di amicizia con l’uomo è essenziale nella riuscita dei loro compiti L’unico impiego infame, ripeto è quello dei combattimenti fra loro e auspico leggi molto più severe. In chiusura di questo breve scritto, devo dare un plauso a diversi episodi commoventi, dove militi cinofili delle varie forze dell’ordine, si sono portati a casa il cane ormai vecchio e da pensione, con cui hanno lavorato per molti anni. Un fulgido esempio di grande attaccamento al proprio ausiliare. Lorenzo Mari Cenni

38

INC articoli mar12.indd 38

23/02/2012 17:11:32


Busto Arsizio – Campionato Sociale GSC CUD

Babajaga è il campione Il fuoriclasse di Massimo Tamai si è imposto nella coinvolgente competizione strato grinta e preparazione. In IPO 3 le ricerche sono state generalmente eccellenti, qualche soggetto ha “sporcato” nella fase di affronto abbaio o durante le condotte; nel complesso sono state molto buone le vigilanze e i morsi per lo più pieni ed energici, in particolare quelli di Babajaga il cui spettacolare lanciato ha dato del filo da torcere al figurante! In un clima sportivo e di festa si sono svolte le premiazioni da parte del presidente del CUD Livio Zanella e del responsabile della sezione di Busto Arsizio Celso Rosati. Questi i risultati: Esordienti 1. Quore di Casa Lucrezia con Ashna Riccato 2. Caio Giulio Cesare Vom der Eilenride con Andrea Pigozzi 3. Iron dei Templari con Giuseppe Semperisi Avviamento 1. Nedal del Gran Mogol detto Arturo con Francesco Nisticò 2. A’Merak con Ezio Morandi

Enrico Fantoni, Dino Berto e Massimo Tamai con Babajaga la Maschera di Ferro

Sabato 10 e domenica 11 dicembre 2011 si è svolto il Campionato CUD (cani di utilità e difesa) presso il gruppo sportivo cinofilo di Busto Arsizio (Va) in collaborazione con la Società Amatori Cane Corso. Parecchi i binomi iscritti nelle varie prove: undici in BH, quattro in CAL 2, cinque in esordienti, due in avviamento,uno in IPO V,uno in IPO 1,sei in IPO 3, valutati dai giudici Adriano Azzolini ed Ennio Delucchi con i figuranti Stefano Ceriani e Alessandro Usai, la delegata ENCI Elisabetta Girola, la direttrice di campo Silvia Recchi, il direttore di pista Andrea Carnaghi, i tracciatori Giorgio Bettinardi e Giovanni Cappellaccio. Dei partecipanti al BH, dieci hanno superato brillantemente la prova, dimostrando che anche il cane da utilità e difesa può e deve essere prima di tutto un “ buon cittadino”. Il BH infatti certifica l’equilibrio ca-

ratteriale e comportamentale del cane e la sua inseribilità nel contesto civile, sociale e urbano. Oltre ai BH, sabato si sono svolte le piste di IPO 3, obbedienza e difesa di CAL 2, IPO V e IPO1. Domenica ci sono state le piste di Avviamento, IPO V, IPO1; obbedienza e difesa di Esordienti, Avviamento, IPO 3. Le piste su arati stupendi e il clima mite non hanno reso particolarmente difficoltoso il lavoro dei cani che, grazie naturalmente alla loro preparazione oltre che al loro “fiuto”, hanno per lo più riportato risultati molto buoni o eccellenti. Nelle prove di obbedienza la maggior parte dei binomi ha meritato buono o molto buono dimostrando precisione, affiatamento e gioia nel lavoro. Nella sezione C (difesa) i cani hanno mo-

IPO V 1. Fantastic Red La Maschera di ferro con Francesco Micheletto IPO 1 China Vikar con Aurelio Testa IPO 3 1. Babajaga La Maschera di ferro con Massimo Tamai che si aggiudica il titolo di campione sociale per l’anno 2011 2. Taras La Maschera di ferro detto Tibo con Enrico Fantoni (detto Leo) 3. Bull La Maschera di ferro con Dino Berto. Siamo molto fieri del secondo posto in IPO3 del “nostro” Tibo il cui successo è il risultato di una lavorazione avvenuta esclusivamente attraverso il metodo gentile e naturale e del rapporto quotidiano di fiducia, collaborazione e affiatamento con il suo esperto conduttore Enrico Fantoni, detto Leo. Marta Zampolli

39

INC articoli mar12.indd 39

23/02/2012 17:11:32


Un inconveniente grave che ogni anno uccide molti cani

La torsione dello stomaco Ai primi sintomi fare intervenire tempestivamete un veterinario. Come avviene il difficile intervento chirurgico, le precauzioni

La dilatazione/torsione gastrica è una patologia particolarmente grave che purtroppo colpisce di frequente i cani e spesso non lascia loro scampo. Peculiare della specie canina, non ha una corrispondenza in campo umano in virtù della nostra posizione eretta che non permette, meccanicamente, che si verifichi.

sono in alcun modo essere espulsi. Tutto ciò determina il verificarsi di molteplici condizioni che, a cascata, possono rapidamente portare a morte l’animale.

Innanzitutto, lo stomaco, aumentato spropositatamente di volume, va a schiacciare il diaframma e, quindi, i polmoni che non possono più dilatarsi correttamente La dilatazione/torper permettere una sione gastrica solinormale respiratamente avviene in Gioco e movimento mantengono i cani in forma ma è preferibile farlo lontano dai pasti. zione. Inoltre, la rocani di taglia media, tazione su se stesso grande o gigante, raramente in esemplari il cane mangia rapidamente una gran dello stomaco fa dislocare la milza, attacpiccoli. Sono soprattutto gli animali appar- quantità di cibo facilmente fermentabile, cata alla grande curvatura gastrica, fino a tenenti a razze pure, dal torace stretto e mescolato ad abbondante acqua, e si schiacciarla e a determinarne aumento di profondo, maschi o femmine indifferente- hanno movimenti quali salti o corse si può volume per il ristagno di sangue. Anche mente e, in particolar modo anziani, quelli verificare un rapido accumulo di gas all’in- vena cava e vena porta, deputate al convoche più frequentemente evidenziano terno dello stomaco. gliamento di sangue verso il cuore, subiquesta gravissima malattia. Questo, notevolmente dilatato e non ben ranno forti compressioni e rapidamente E in effetti, pur essendo ancora una pato- ancorato alla parete addominale, può co- non saranno più in grado di assicurare una logia dalle molteplici concause, ancora minciare una - più o meno - rapida rota- corretta perfusione non solo della pompa poco note, è sicuramente favorita dalla zione sul proprio asse, fino ad una torsione cardiaca, ma anche del rene, del pancreas, possibilità per lo stomaco di ruotare all’in- di 360’° con conseguente occlusione del del fegato, dell’intestino tenue e dello terno di uno spazio addominale piuttosto piloro, valvola di passaggio del contenuto stesso stomaco. ampio, soprattutto se vi è concomitante gastrico all’intestino, e del cardias, che rilasciamento dei legamenti epato-duode- mette in continuità lo stomaco con l’eso- Tutto ciò, evidentemente, pone a rischio di nale ed epato-gastrico che devono in con- fago. necrosi tessutali tutti questi comparti e dizioni fisiologiche, mantenere l’organo in determina uno shock da abbassamento posizione stabile. In questo modo, il cibo all’interno della mortale della pressione sanguigna. Inoltre, cavità gastrica e il gas che continua a pro- tutte le tossine, derivanti dalla fermentaQuando, in concomitanza di questi fattori, dursi dalla sua fermentazione non pos- zione gastrica e dai danni alle pareti vasali,

40

INC articoli mar12.indd 40

23/02/2012 17:11:32


i nostri

Cani

Anno 58 num. marzo 2012

vengono riassorbite dall’organismo, intossicando rapidamente l’animale.

3

tramite ago infisso dall’esterno sulla parete addominale o tramite intervento chirurgico, con tutti gli inevitabili rischi anestetici da correre dovendo agire su animale in stato di shock.

Purtroppo questa complessa concatenazione di eventi evolve molto rapidamente, lasciando ben poco tempo al proprietario di rendersi conto di cosa sta accadendo e al veterinario di poter adeguatamente intervenire.

Se chirurgicamente riesce a svuotare e riposizionare lo stomaco il veterinario valuterà anche la necessità, nello stesso intervento, sia di asportare la milza se gravemente c compromessa sia di effettuare la cosiddetta gastropessi, ovvero l’ancoraggio della parete gastrica alle coste, per ridurre al massimo l’eventualità di recidive.

I sintomi che devono rapidamente fungere da campanello d’allarme sono un anomalo aumento delle dimensioni dell’addome del cane, oltre ad un suo strano stato di irrequietezza. L’animale presto emetterà dei frequenti quanto inutili conati di vomito per riuscire ad espellere il materiale gastrico, presenterà forte aumento della salivazione; esso sarà prima agitato, con grande dolorabilità allo stomaco, quindi passerà rapidamente ad uno stato di ottundimento, senza la capacità di mantenersi in stazione quadrupedale.

E’ sempre consigliabile attenersi alla dieta prescritta dal veterinario, anche nella suddivisione dei pasti giornalieri.

Quanto prima l’animale viene condotto dal veterinario, tanto maggiori sono le probabilità di riuscire a salvarlo, anche se la complessità e la gravità della patologia fanno sì che talvolta, nonostante l’intervento corretto e tempestivo del veterinario, la situazione degli organi sia già talmente compromessa da determinare la morte del cane anche qualche giorno dopo l’azione

del veterinario. In ogni caso, quest’ultimo, accertata la patologia con radiografie e dopo aver cercato di riequilibrare con fluidi e ossigeno lo stato del paziente, tenterà subito lo svuotamento dello stomaco per mezzo di una sonda gastrica. Se la torsione è già avvenuta, probabilmente tale procedura non sarà più attuabile e si dovrà tentare la riduzione del volume gastrico

Purtroppo anche l’intervento chirurgico pur eseguito alla perfezione non è sufficiente da solo ad assicurare la sopravvivenza del cane che dovrà anche essere sostenuto con cure mirate e per lungo tempo per riuscire a risolvere i danni legati alla compromissione di organi vitali quali cuore, reni e fegato. Ai proprietari non resta che la prevenzione negli esemplari a rischio, da effettuare fornendo piccoli pasti frequenti, evitando che l’animale corra o si agiti subito dopo di essi e, possibilmente, mettendogli a disposizione il pasto principale durante la mattina, per tenere sotto osservazione il cane durante tutta la giornata. Sara Ceccarelli Medico veterinario

37° ESPOSIZIONE NAZIONALE CANINA RIVA DEL GARDA (Trento) CAC

1 APRILE 2012 Mostre speciali Gruppo 3: Deutscher Jagdterrier Gruppo 6: Alpenlaendische Dachsbracke Gruppo 7: Magyar Vizsla L’esposizione si svolgerà al coperto nei padiglioni fieristici di Riva del Garda (TN) Programma – Giuria – Iscrizioni - Info: www.expocani.net www.gruppocinofilotrentino.com Tel. 0522 382145  Fax 0522 015353 - 0522 381565  e-mail: info@trattosrl.it 1a CHIUSURA 11 marzo 2012 2a CHIUSURA 21 marzo 2012 Vige il regolamento generale delle esposizioni E.N.C.I.

INC articoli mar12.indd 41

23/02/2012 17:11:33


Come comportarsi nei conflitti tra cani

Lasciateli litigare Nelle zuffe ci sono regole da rispettare e che servono... a creare la pace

Sin da cuccioli... si imparano le regole

Possono sicuramente nascere conflitti fra due o più cani, chiaro segnale sono le zuffe. Gli scontri possono essere causati da vari motivi: cibo, attenzioni del proprietario, presenza di una cagna in calore, che tendenzialmente è più litigiosa. Dunque non tutti gli scontri derivano da sociopatie, infatti, tale disturbo si verifica in maniera spontanea solo con la presenza umana o in condizioni poste in atto dall’uomo. Spesso mi capita di assistere tra i miei clienti a paragoni assolutamente inopportuni, tra cani e figli: si tende ad adottare con i cani lo stesso comportamento usato per i figli. Il proprietario di più cani, vuole che questi siano tutti uguali ed abbiano gli stessi di-

ritti, questo può valere per i bambini, ma non per i cani, dove ci sarà nostro malgrado un dominato e un dominante. Quando due cani si azzuffano, bisognerebbe non intervenire, i cani si potrebbero azzannare alla gola, ringhiarsi contro, scuotersi, ma il tutto dura molto poco, da quel momento si stabilisce un rapporto gerarchico, che potrà anche cambiare in futuro. Ovviamente quando i padroni osservano queste risse, si spaventano molto, considerando che l’individuo dominante afferra l’altro per la gola, pensano al peggio, erroneamente, infatti madre natura ha pensato a tutto, la pelle flaccida sulla gola permette una facile presa e la trazione che permetterà di rovesciare a terra il dominato, che a

sua volta adotterà la posizione di sottomissione. Se i cani sono stati socializzati nel periodo giusto e nella giusta maniera, solitamente controllano il morso e se nessuno interviene quasi sempre non si verificano incidenti, per lo meno non gravi. Nelle zuffe ci sono delle regole da rispettare, appena i cani cominciano a ringhiare e il pelo si rizza, occorre voltare le spalle e non guardare, è preferibile non dare importanza a tali combattimenti, l’esito del primo condizionerà inevitabilmente tutti gli altri. In questo modo lo scontro termina quasi subito. Nei cani che vivono in casa, le zuffe avvengono principalmente in presenza dei proprietari, quasi mai in loro assenza. E’ necessario evitare di rinchiudere i cani, il perdente deve ritirarsi in modo chiaro senza possibilità di equivoco, altrimenti saranno molto frequenti i combattimenti. Se l’uomo interviene, combina un grosso guaio, entrando in una situazione senza via d’uscita, in cui i due cani avendo interrotto una comunicazione vivono in uno stato di vigilanza permanente pronti all’attacco per un qualsiasi futile motivo. Alcune persone pensano di poter risolvere il loro problema facendo vivere i loro cani in stanze diverse peggiorando inconsapevolmente la situazione, aumentando notevolmente lo stato d’ansia e diminuendo sensibilmente il livello di controllo. In questo stadio di iper-vigilanza, dove i cani si spiano, senza che succeda niente di grave, si dovrebbero tenere i cani insieme. In fase di terapia si osserveranno diversi comportamenti come ad esempio uno dei due cani che mangerà più lentamente, grazie all’osservazione di tali atteggiamenti si può comprendere chi si considerava dominante sin dall’inizio, si cercherà allora di ripristinare il suo ruolo di leader con l’unico obiettivo di ristabilire un’interazione tra i due cani, successivamente occorre invece disinteressarsi completamente, dovranno mangiare in un luogo dove non ci sarà nessuno per poter definire una precisa e chiara relazione gerarchica. Giusy Mazzalupi Ricercatrice Università di Pisa

42

INC articoli mar12.indd 42

23/02/2012 17:11:34


Grande pubblico e concorrenti all’Insubria Winner

Varese, i magnifici 2000 Oltre 5.000 visitatori entusiasti per la bellezza dei concorrenti

Best in Show 1° Samoiedo Cabaka’s Bobbie Of Storm Cat pr. All.to del Baffin 2° Bull terrier Billy The Kid pr. Alberto Belloni 3° Saluki. Delborghino Oscardelarenta pr. Leonardo Galliano. A sin. del vincitore il giudice americano Ed Bivin, mentre a dx. il presidente Francesco Balducci

L’Expò Internazionale “Insubria Winner” ha dimostrato anche in questa sua settima edizione di possedere una capacità attrattiva straordinaria. Circa 2.000, infatti, i cani iscritti, in rappresentanza di oltre 200 razze, circa 5.000 i visitatori paganti: cifre che parlano da sole, e che permettono di consacrare l’ evento tra i più rappresentativi della cinofilia italiana a livello internazionale. Il Gruppo Cinofilo Provinciale di Varese, Delegazione ENCI, si è dichiarato perciò più che soddisfatto anche di questa edizione dell’expò divenuta il “fiore all’occhiello” del sodalizio, oltre ad essere da ormai 7 anni un appuntamento fisso per gli “addetti ai lavori” e per gli appassionati. Frutto di una tradizione di oltre mezzo secolo di cinofilia. Insubria Winner, in effetti, affonda le proprie radici nella più genuina esperienza cinofila varesina, magistralmente espressa dalle numerose edizioni dell’Esposizione Cinofila “Città Giardino”, nella splendida cornice dei Giardini Pubblici di Palazzo Estense, prima, dell’Ippodromo delle Bettole, poi. Ma il progetto del Gruppo Cinofilo Provinciale di Varese era ambizioso e si è sviluppato ulteriormente, approdando appunto a “Malpensa

Fiere”, dove ha preso corpo Insubria Winner, destinata a diventare una delle più acclarate manifestazioni del settore a livello europeo, un “must” per allevatori ed espositori italiani e stranieri. Questo non può che dare lustro e risonanza alla cinofilia del nostro Paese, che vanta antiche tradizioni rilevanti anche sotto il profilo culturale. Per non parlare poi delle caratteristiche logistiche e dell’apparato organizzativo di Insubria Winner (tre padiglioni espositivi interamente dedicati alla manifestazione, con oltre 9000 mq di superficie per i ring), che, coniugati alla collaudata esperienza, alla passione ed all’intraprendenza del comitato organizzatore, hanno rappresentato dei validi presupposti perché anche questa edizione abbia potuto centrare l’obiettivo. Per quanto riguarda le razze rappresentate, quest’anno la parte del leone l’hanno fatta i Bovari del Bernese, con 57 soggetti iscritti, seguiti dai Bulldog, con 49 soggetti a catalogo. Nel contesto della manifestazione, il Gruppo Cinofilo Provinciale di Varese, primo in Lombardia, si è fatto promotore anche dell’organizzazione di una sessione di “Test di Controllo dell’ Affidabilità e dell’Equilibrio psichico per cani e padroni

buoni cittadini”, o CAE-1, con rilascio del cosiddetto “patentino” ENCI.Giudice del test Fabrizio Bonanno, noto ed apprezzato giudice di prove di difesa e utilità e di protezione civile, che ha valutato l’affidabilità e l’equilibrio psichico di oltre 40 soggetti iscritti, nonché la capacità di controllo da parte dei loro conduttori. Il “clou” di Insubria Winner è stato rappresentato anche quest’anno dallo spettacolo del “Best in Show”, caratterizzato da un impianto scenico unico nel suo genere, con musiche e giochi di luci studiati nei minimi particolari, molto apprezzato, oltre che da pubblico, anche dai più autorevoli “addetti ai lavori”, vale a dire i giudici provenienti dai Paesi in cui si è sviluppata la cinofilia più “accreditata”. A decretare il Best in Show di quest’anno è stato Ed Bivin, uno dei più noti ed apprezzati giudici dell’American Kennel Club che ha piazzato sul podio al primo posto il Samoiedo CABAKA’S BOBBIE OF STORM CAT pr. All.to “del Baffin”, secondo il Bull terrier BILLY THE KID pr. Alberto Belloni e terzo il Salluki. DELBORGHINO OSCAR­DELARENTA pr. Leonardo Galliano. Rosita Trotti Consigliere Gruppo Cinofilo Provinciale di Varese

43

INC articoli mar12.indd 43

23/02/2012 17:11:34


INC FAR

2011

Non mancare,

il TopDog entra nel vivo.

C

M

Y

CM

adv_ g. de sarno

MY

CY

CMY

K

...ci sono le Semifinali Top Dog 2011. Enci e Farmina vi aspettano sabato 17 marzo, a Reggio Emilia, alle ore 17, al Centro Fiere in via Filangieri n. 15. SSaranno selezionati, oltre ai 3 migliori soggetti TopDog Giovani, i migliori 30 TopDog con le rispettive riserve. Siete pronti? Lâ&#x20AC;&#x2122;attesa sta per finire.

Alimenti per campioni. INC TopDog mar12.indd 44

18/02/2012 18:42:54


INC FARMINA MARZO.qxp:INC FARMINA MARZO.qxp 17/02/12 15:31 Pagina 1

i nostri

Cani

Anno 58 num. marzo 2012

.

3

TOP DOG & TOP GIOVANE 2012

2012

REGOLAMENTO TOP DOG Il punteggio viene calcolato in base ai risultati ottenuti nelle esposizioni Internazionali italiane dal 01/01/2012 al 31/12/2012. Le esposizioni Nazionali non valgono. I Raduni non valgono. Le mostre speciali valgono doppio sia che si svolgano in Internazionale che in Nazionale. La partecipazione (cioè l'iscrizione) minima richiesta è ad almeno 4 esposizioni ed è necessario ottenere punteggio in almeno due esposizioni. Punteggi:

adv_ g. de sarno

- CAC 1 punto - CACIB 3 punti - BOB: con 1 cane iscritto da 2 a 5 da 6 a 10 da 11 a 20 da 21 a 30 da 31 a 40 da 41 a 50 da 51 a 100 oltre 100

1 3 5 7 9 11 13 15 20

punto punti punti punti punti punti punti punti punti

Valgono esclusivamente le esposizioni aventi luogo in Italia.

REGOLAMENTO TOP GIOVANE Riservato ai soggetti iscritti in classe Giovani in base ai risultati ottenuti nelle sole esposizioni Internazionali italiane. Punteggi: M.B. 1° = p. 1 ECC. 1° = p. 3 (1 solo iscritto nella classe) ECC. 1° = p. 5 (da 2 a 5 iscritti nella classe) ECC. 1° = p. 6 (da 6 a 10 iscritti nella classe) ECC. 1° = p. 7 (da 11 a 15 iscritti nella classe) ECC. 1° = p. 8 (da 16 a 20 iscritti nella classe) ECC. 1° = p. 9 (oltre 21 iscritti nella classe) A questi punteggi vanno eventualmente aggiunti 3 punti se il soggetto ottiene anche il BOB (minimo 5 iscritti nella razza). N.B. I punteggi inerenti il TOP DOG vengono rilevati periodicamente e direttamente mentre per quanto inerente il TOP GIOVANE la spedizione dei punteggi (fotocopia del libretto) è a cura dei proprietari. Il numero dei soggetti iscritti in classe giovane non è cumulabile fra maschi e femmine ai fini del calcolo del punteggio.

45

. INC TopDog mar12.indd 45

18/02/2012 18:42:55


MARZO INC FARMINA MARZO.qxp:INC FARMINA MARZO.qxp 17/02/12 15:31 Pagina 2

Curiosando qua e là nei raggruppamenti

Facciamo il punto? In attesa di conoscere i risultati definitivi del Top Dog 2011 diamo un'occhiata nei vari raggruppamenti per vedere chi è in testa e chi insegue da vicino. Chiaramente questa è solo una chiaccherata fra noi che potrebbe poi essere modificata fra qualche giorno o completamente ribaltata quando i risultati definitivi saranno pubblicati. Nel primo gruppo al momento è al comando il P a s t o r e Australiano JELLY BEAN DEL WHYMPER DELLE GRANDES JORASSES seguito dal Bearded Collie HO IN MENTE TE DEL CUORE IMPAVIDO, mentre al terzo posto troviamo il Welsh Corgi Pembroke DRAGONJOY LOVE SONG. E' la volta dello Schnauzer pepe sale NETZER DI CASA GIUFFRIDA a detenere la testa del secondo gruppo, seguito dal secondo classificato lo Sharpei GRACE KELLY e dal Bulldog QUEEN HEARTS attualmente in terza posizione. Particolarmente elevato, nei Terrier, il divario fra il soggetto attualmente in testa, il Jack Russel OUT ACTING RAGS PUMA, e il secondo classificato il Sealyham TALAO ORZO CACAO seguito da vicino dal Fox a pelo liscio FORTUNA DE AIDEKIS in terza posizione. Nei bassotti attualmente al comando il Kaninchen

a pelo duro VITTAKERDOOLAR DEL WANHELSING seguito dallo Standard a pelo corto HALLEY DEL CONTEVERDE mentre in terza posizione troviamo il Nano a pelo corto BERGHEMDAX ILONA. Il Samoiedo BULKY KING WHITE DEL BAFFIN è saldamente in testa nel quinto gruppo s e g u i t o dall'Alaskan Malamute ANOTHERPERFECTTHINK e da una razza italiana, gradita sorpresa di questo ragruppamento, il Cirneco dell'Etna CY'ERA MARSALA DI HADRANENSIS. Anche nel sesto gruppo particolarmente elevata la differenza fra il soggetto in prima posizione, il Basset Hound WHEREVER YOU WILL GO DELLA TERRA DEI TEMPLARI e il secondo e il terzo rispettivamente l'Alpenlaendische Dachsbracke ARGO e il Dalmata NON SOLO MACCHIE DELLE CROSE. Ancora due razze italiane ai primi due posti del settimo gruppo: il Bracco Italiano bianco arancio RIBOT, seguito dallo Spinone Italiano roano marrone PRIMO DELL'ADIGE mentre in terza posizione troviamo il Setter Gordon LUDSTAR DON MIGUEL.

Tutti e tre i gradini del podio dell'ottavo raggr uppamento in poco più di trenta punti: davanti a tutti il Cocker Spaniel Inglese n - n/f FRANCINI'S I SHALL DANCE, segue il Golden Retriever ROYAL CREST GOLD-N H. TRICK OR TREAT e al terzo posto il Lagotto romagnolo ALFREDO. Ed eccoci alla compagnia. Saldamente al comando il Chihuahua a pelo corto MUSIC VELVET FRANCISCO DUVAL, davanti al Boston Terrier T-BO'S SON OF A GUN e al terzo il Carlino f/a/a ANJOS ALTA VISTA. E concludiamo con i Levrieri dove troviamo al comando il Saluki DEL BORGHINO OSCARDELARENTA, davanti al PLI OH MY GOD DEI RAGGI DI LUNA e a sei punti il terzo classificato, il Whippet RIVARCO TINUVIEL. Due parole anche sul Top Giovane. Impossibile citare tutti i gruppi per ragioni spazio e quindi ci atteniamo ai tre punteggi più alti: attualmente al 1° posto lo Zwergschnauzer nero BON BON AU CHOCOLAT NOIR, mentre al 2° posto troviamo l'Alaskan Malamute BE BOP A LULA AT SELVASPINA e al 3° posto il Beagle RIHANNA.

46

INC TopDog mar12.indd 46

18/02/2012 18:42:56


MARZO.qxp:MARZO.qxp 17/02/12 15:45 Pagina 1

i nostri

Cani

Anno 58 num. marzo 2012

3

La Nazionale, quest'anno in trasferta a Brindisi, cresce in partecipazione e consensi

Ostuni, oltre quota 400! Enrico Adinolfi assegna il BIS al Maltese CINECITTA QUENTIN TARANTINO Soddisfatto anche il Presidente Ernesto Camassa e il comitato organizzatore

Nazionale di Ostuni gr. 1 (ph. Org.)

Nazionale di Ostuni gr. 3 (ph. Org.)

Nazionale di Ostuni gr. 4 (ph. Org.)

Nazionale di Ostuni gr. 5 (ph. Org.)

Nazionale di Ostuni gr. 6 (ph. Org.)

In quel tiepido Dicembre che volgeva a fine anno il Gruppo Cinofilo Ostuni si è ritagliato il suo spazio allestendo in data 11 Dicembre la XIX Nazionale dell'omonimo Gruppo Cinofilo. La trasferta in quel di Brindisi, per la precisione presso il Capannone Montecatini (area coperta) - Strada per Sant'Apollinare sn Zona Industriale - Brindisi, se in un primo tempo ha suscitato qualche perplessità successivamente ha raccolto i consensi dei partecipanti e del numeroso pubblico accorso soprattutto nel pomeriggio. E anche la giuria, originariamente prevista con pochi componenti, ha poi dovuto essere integrata da altri per fare fronte al numero finale di soggetti iscritti, oltre quattrocento, risultato di notevole livello vista la data e la collocazione geografica della Nazionale. Fra i sette giudici presenti è toccato a Enrico Adinolfi onere e onore del giudizio del Best in Show e il nostro non si è tirato indietro scegliendo i primi tre soggetti per il podio. La vittoria finale è andata al Maltese CINECITTA QUENTIN TARANTINO (propr. Vezzani Barbara) che ha preceduto il Fox Terrier p/r STROZZAVOLPE SMART SET (propr. Taddeo Ernesto) e il terzo classificato il Cane da pastore Tedesco ULIVO DEL RIONE ANTICO (propr. Spagnolo Oronzo). Tutti soddisfatti a cominciare dal Gruppo Cinofilo di Ostuni che nel 2012 andrà nuovamente in trasferta, ma questa volta sarà per la tre giorni del Salento in programma dal 8 al 10 Giugno.

Nazionale di Ostuni gr. 7 (ph. Org.)

Nazionale di Ostuni gr. 8 (ph. Org.)

Nazionale di Ostuni coppie (ph. Org.)

47

INC TopDog mar12.indd 47

18/02/2012 18:42:57


MARZO

MARZO.qxp:MARZO.qxp 17/02/12 15:45 Pagina 2

Nazionale di Ostuni gruppi (ph. Org.)

Nazionale di Ostuni juniores (ph. Org.)

Nazionale di Ostuni razze italiane (ph. Org.)

1° Beagle SPONGEBOB DEL FIORE SELVATICO Nardulli Raffaele - 2° Bassotto Standard p/l GIO' GIO' Ruggero Silvia - 3° Bassotto Nano p/c HEMINGWAY DELLA CORTE DEI BARBAGRIGIA Ievolella Pellegrino GRUPPO 5 Giudice: Enrico Adinolfi 1° Alaskan Malamute THOR THE THUNDER GOD Cice Nicoletta - 2° Volpino Italiano PLATINETTE Lairo Vito - 3° Chow Chow BYRON Zaccaria Vincenzo GRUPPO 6 Giudice: Gianni Fulgenzi 1° Cocker Spaniel Inglese Nero PACO DI CASA BUONO All. di Casa Buono 2° Pointer Inglese SEMEGHINI NEDO Stippelli Vincenzo - 3° Bracco Italiano b/a MADE IN CANADA BALLACOILUPI All. Made In Canada GRUPPO 7 Giudice: Enrico Adinolfi 1° Maltese CINECITTA QUENTIN TARANTINO Vezzani Barbara - 2° Boston Terrier URI DELLA GAZZA LADRA Stragapede Enrico - 3° Barbone Miniatura b/m/n ANEESH COME PER INCANTO SHERAZADE Croce Alessandro GRUPPO 8 Giudice: Gianni Fulgenzi 1° Greyhound SOBERS KYRA Greco Francesco - 2° Saluki SHAH MAT QAHREMAN Campisi Enrica - 3° Whippet PERLA MON AMOUR Santoro Felicia BEST IN SHOW Giudice: Enrico Adinolfi 1° Maltese CINECITTA QUENTIN

TARANTINO Vezzani Barbara - 2° Fox Terrier p/r STROZZAVOLPE SMART SET Taddeo Ernesto - 3° Cane da pastore Tedesco p/c ULIVO DEL RIONE ANTICO Spagnolo Oronzo JUNIORES Giudice: Jari Spagna 1° Shar Pei INGREM REY YOU ARE MY DESTINY Zaccariello Francesco - 2° Weimaraner p/c ARTICO Pellegrino Valeria - 3° Fox Terrier p/l VIVI' DEL FIORE SELVATICO Speranza Vincenzo RAZZE ITALIANE Giudice: Enrico Adinolfi 1° Maltese CINECITTA QUENTIN TARANTINO Vezzani Barbara - 2° Bracco Italiano b/a MADE IN CANADA BALLACOILUPI All. Made In Canada - 3° Volpino Italiano PLATINETTE Lairo Vito Il commento di Enrico Adinolfi giudice del Best in Show dell’Esposizione Nazionale Canina di Ostuni "Un ring d'onore di tutto rispetto e con molti pretendenti alla vittoria finale. Al primo posto il Maltese, bellissimo, con ottime proporzioni, in grandi condizioni e con eccellente movimento. Piazza d'onore per il Fox ruvido, tipicissimo e con vero temperamento terrier. Al terzo posto un grande Pastore Tedesco, in ottime condizioni, giusto carattere e movimento in linea con i dettami della razza."

RISULTATI DEI RAGGRUPPAMENTI DELL’ESPOSIZIONE NAZIONALE CANINA DI OSTUNI GRUPPO 1 Giudice: Enrico Adinolfi 1° Cane da pastore Tedesco p/c ULIVO DEL RIONE ANTICO Spagnolo Oronzo - 2° Bobtail ETICHETTA NERA NO SLEEP TILL BROOKLIN Cascioli Claudia - 3° Welsh Corgie Pembroke GARNFACH TOP NOTCH AT ERMYN Alviggi Ermanno GRUPPO 2 Giudice: Enrico Adinolfi fotografia e risultati non disponibili GRUPPO 3 Giudice: Enrico Adinolfi 1° Fox p/r STROZZAVOLPE SMART SET Taddeo Ernesto - 2° American Staffordshire DUX Orlandi Vincenzo 3° West Highland White LITTLE PRINCESS URWISKA SZKOCJI Zaccariello Francesco GRUPPO 4 Giudice: Enrico Adinolfi

Nazionale di Ostuni il Best in Show (ph. Org.)

48

INC TopDog mar12.indd 48

18/02/2012 18:42:58


x T a L

Y ° o L o

MARZO.qxp:MARZO.qxp 17/02/12 15:45 Pagina 3

i nostri

Cani

Anno 58 num. marzo 2012

3

Così aveva detto la Presidente del Gruppo Cinofilo Pontino, ...e così è stato

Voglio più iscritti del 2010! Il Basset Hound AGON DEI MONTI LATTARI si aggiudica l'ultimo Best in Show dell'anno E Latina incrementa di oltre 200 iscritti il numero dei soggetti a catalogo

N ° n -

Nazionale di Latina gr. 1 (ph. K.)

Nazionale di Latina gr. 2 (ph. K.)

Nazionale di Latina gr. 3 (ph. Org.)

)

Nazionale di Latina gr. 4 (ph. K.)

Nazionale di Latina gr. 5 (ph. K.)

Forse ricorderete che nel finale d'anno 2011 diversi Sindaci di grandi città italiane avevano vietato di sparare i botti, anche per lo spavento che possono arrecare ai nostri amici quadrupedi, e sarà magari anche perciò che a Latina hanno deciso di spararne uno solo ma d'effetto e in anticipo sui tempi con il risultato della Nazionale svoltasi il 18 Dicembre u.s.: praticamente 800 soggetti a catalogo incluso 14 iscritti del Raduno Dogo! Il Gruppo Cinofilo Pontino, ritrovato, rinato, ricostituito e soprattutto presieduto dalla Lady di ferro pontina, al secolo Maria Rosaria Sorrentino, ha superato la già rosea previsione dello scorso anno e solo la concomitanza con un paio di altri raduni di razza gli ha impedito di avvicinarsi a quota 1.000: e va beh, accontentiamoci! Quattordici i giudici, dei quali due stranieri, tutti o quasi con il ring colmo di cani e di espositori ansiosi di confrontarsi per l'ultimo CAC dell'anno. E' andata bene, oseremmo dire molto bene, e anche la struttura espositiva Ex Rossi Sud, benché non ancora ultimata, ha risposto bene alla pacifica e festosa invasione di bipedi e quattrupedi dal mattino fino al BIS finale giudicato da Mario Migliarini che ha assegnato la vittoria al Basset Hound AGON DEI MONTI LATTARI (propr. All.to dell'Antica Dea Partenopea) che ha preceduto lo Spitz n t/c HILLSIDE RENDEVOUS MOONWHISPERS (propr. Lampariello Lucilla) e il Chihuahua p/l SHOW ME THE WAY DI SAN GIMIGNANO (propr. All. That's Amore).

Nazionale di Latina gr. 6 (ph. Org.)

Nazionale di Latina gr. 7 (ph. K.)

Nazionale di Latina gr. 8 (ph. K.)

49

INC TopDog mar12.indd 49

18/02/2012 18:42:58


MARZO

MARZO.qxp:MARZO.qxp 17/02/12 15:45 Pagina 4

Nazionale di Latina razze italiane (ph. K.)

Nazionale di Latina giovani (ph. K.)

Nazionale di Latina gruppi (ph. Org.)

RISULTATI DEI RAGGRUPPAMENTI DELL’ESPOSIZIONE NAZIONALE CANINA DI LATINA GRUPPO 1 Giudice: Mario Migliarini 1° Bobtail JUST FOR ME AUS DEM ELBE USTROMTAL Lattanzi Azzurra 2° Maremmano Abruzzese RAMON Caniglia Carlo - 3° Australian Cattle Dog SISTER IN LOVE Ceccucci Dario GRUPPO 2 Giudice: Luigi Corna 1° Zwergschnauzer p/s SCEDIR KATHERINE HUPBURN Manjarrez Rodriguez Sergio - 2° Cane Corso PARSIFAL DELLA VALLE DEI LORD Proia Pietro - 3° Bulldog ANTIUM DREAM All. Antium GRUPPO 3 Giudice: Svante Frisk 1° American Staffordshire Terrier SHARK Rossetti Enrico 2° Staffordshire Bull Terrier DAYSTAFF THUNDER DALTRON Day Lusan - 3° Yorkshire Terrier DD BEST RING Donati Barbara

GRUPPO 4 Giudice: Mario Migliarini 1° Basset Hound AGON DEI MONTI LATTARI All.to dell'Antica Dea Partenopea - 2° Beagle GIADA DELL'ETRURIA 2000 Esposito Carmen - 3° Bassotto Kaninken p/d KRITILEND NARCISO Speranza Michele GRUPPO 5 Giudice: Mario Migliarini 1° Spitz Nano t/c HILLSIDE RENDEVOUS MOONWHISPERS Lampariello Lucilla - 2° Siberian Husky COSA MI COMBINI FOSCA DELL'ISOLA DI IOS All. dell'Isola di Ios - 3° Basenji CHAPISCO ITAPUCA Ferrini Maurizio GRUPPO 6 Giudice: Luigi Migliaccio 1° Setter Irlandese GARDEN STAR'S PLAY BOY All. della Mezzaluna - 2° Cao de Agua ENEA DO LUSIADAS Mulé Samuela - 3° Spinone Italiano b/a FERENTUM ROMEO Massimino Luca GRUPPO 7 Giudice: Mario Migliarini 1° Chihuahua p/l SHOW ME THE WAY DI SAN GIMINIANO All. That's Amore - 2° Chihuahua p/c HILLSIDE RENDEVOUS BJ Lampariello Lucilla - 3° Carlino albicocca RUS KARTES PROSPERATO Solovieva Galina GRUPPO 8 Giudice: Svante Frisk 1° Levriero Afgano KHO I NOOR BE MY BLUE DIAMOND FOREVER All. Kho I Noor - 2° Piccolo Levriero Italiano ANITA EKBERG DEI RAGGI DI LUNA Zanetti Carla - 3° Whippet SOBRESALTO HORS SERIES Peets Sandra BEST IN SHOW Giudice: Mario Migliarini 1° Basset Hound AGON DEI MONTI LATTARI All.to dell'Antica Dea

Partenopea - 2° Spitz Nano tutti i colori HILLSIDE RENDEVOUS MOONWHISPERS Lampariello Lucilla - 3° Chihuahua p/l SHOW ME THE WAY DI SAN GIMINIANO All. That's Amore GIOVANI Giudice: Jan Roger Sauge 1° Cane Corso PARSIFAL DELLA VALLE DEI LORD PROIA PIETRO - 2° Labrador VERDI TERRE MYTRUELOVE All. Verdi Terre - 3° Mastino Napoletano PRIMO DELLA RUPE All. Mastini della Rupe RAZZE ITALIANE Giudice: Mario Migliarini 1° Mastino napoletano POLIFEMO DEL NOLANO All. Del Nolano - 2° Bracco Italiano roano marrone ARCIBALD Scucchia Alessio - 3° Cirneco dell'Etna FENICIA Motta Claudia Il commento di Mario Migliarini giudice del Best in Show dell’Esposizione Nazionale Canina di Latina "Un Best in Show di prestigio degno atto finale di una grande esposizione a chiusura del calendario espositivo. Il Basset Hound vincitore è un soggetto distinto, dotato di grande tipicità, con buon movimento e presentato in ottime condizioni. Al secondo posto lo Spitz: elegante, con ottimo mantello si è mosso bene. Terzo posto per il Chihuahua a p/l un soggetto tipico di razza." Errata Corrige: nell'Esposizione Nazionale di Venezia (vedi I NOSTRI CANI Gennaio) il terzo classificato nelle razze italiane è il Volpino Italiano GEREMIA DEL COLLE DEGLI ULIVI (propr. Scarpi M.).

Nazionale di Latina il Best in Show (ph. Org.)

50

INC TopDog mar12.indd 50

18/02/2012 18:43:00


MARZO.qxp:MARZO.qxp 17/02/12 15:45 Pagina 5

i nostri

Cani

Anno 58 num. marzo 2012

3

° Y e

Il Levriero MAIDUM ORIZZONTE DI CRISTALLO BIS della XXXV edizione

A ° o .

900 soggetti a catalogo per la Nazionale Il brutto tempo non frena espositori e pubblico

E' afgano il Re di Biella

O ° o

Nazionale di Biella gr. 1 (ph. K.)

Nazionale di Biella gr. 2 (ph. K.)

Nazionale di Biella gr. 3 (ph. K.)

Nazionale di Biella gr. 6 (ph. K.)

Ancora una volta il successo si è ripetuto e nonostante la crisi, l'inverno siberiano i ma e si dice la Nazionale di Biella ha confermato le proiezioni, anzi si è riconfermata come una delle maggiori nazionali italiane. Novecento i soggetti a catalogo, quasi tutti presenti, accorsi al richiamo delle varie speciali, dei challenge, insomma di quell'atmosfera che si respira a Biella. Numerosa anche la giuria che annoverava tre stranieri, dei quali un francese assente all'ultimo minuto, l'ungherese invitato per il Challenge Franca Simondetti e la lettone Rita Kadike Skadina incaricata del giudizio del Best in Show. Sul gradino più alto del podio la giudice ha piazzato il Levriero Afgano MAIDUM ORIZZONTE DI CRISTALLO (propr. Dutto) davanti al Cocker Spaniel Inglese fulvo UTAH'S SONG TAIGRET (propr. All. Missy's Cockers) e al terzo classificato il Terranova nero URSINUS VELUTUS KISS IN THE RING (propr. Fantur - Mazza). Appuntamento per l'anno prossimo, con la 36° edizione il 10 Febbraio.

Nazionale di Biella gr. 7 (ph. K.)

Nazionale di Biella gr. 8 (ph. K.)

Il commento di Rita K. Skadina giudice del Best in Show dell’Esposizione Nazionale Canina di Biella

)

Nazionale di Biella gr. 4 (ph. K.)

"Il vincitore è un soggetto bellissimo, tipico, eccellenti condizioni di mantello e con grande movimento. Secondo posto per una razza che ho allevato per tanti anni e terzo posto per un altro bell'esemplare."

Nazionale di Biella coppie (ph. K.)

51

INC TopDog mar12.indd 51

18/02/2012 18:43:00


MARZO.qxp:MARZO.qxp 17/02/12 15:45 Pagina 6

Nazionale di Biella gruppi (ph. K.)

Nazionale di Biella juniores (ph. K.)

Nazionale di Biella giovani (ph. K.)

Nazionale di Biella veterani (ph. K.)

RISULTATI DEI RAGGRUPPAMENTI DELL’ESPOSIZIONE NAZIONALE CANINA DI BIELLA JUNIORES Giudice: Sonia Bellan 1° Bassotto nano p/d RABIOSA DEL WANHELSING All. Wanhelsing - 2° Samoiedo SANDRO DI CASA KALY propr. Tantillo B. - 3° Cocker spaniel inglese rosso MISSY’S COCKERS MOON Cestari S. GIOVANI Giudice: Gianercole Mentasti 1° Cocker spaniel inglese a/c MONTEREGALE MYTHICAL’S RED HOT CHILI PEPPER Vassallo E. - 2° West highland white FLORA DEL MAGICO ANGELO All. del Magico Angelo - 3° Borzoi RUSSKIY AZART KAMEYA ARISONA Falletto G. VETERANI Giudice: Adriana Bocca 1° Spinone italiano MARCO All. della Valle

Challenge Nicola Nicoletti - 69 soggetti a catalogo il commento di Silvio Rivolta: "Ho trovato ottime teste con buone proporzioni cranio muso, soggetti nell'insieme di giusta taglia e con movimenti corretti. Quasi tutti stringevano un po' nel posteriore. Il difetto maggiore che ho trovato riguarda il mantello con tessiture di pelo poco vitree. In prospettiva ho trovato dei giovani davvero molto buoni." Challenge Angela Cipolla - 18 soggetti a catalogo il commento di Giuliano Lorenzo: "Nell'insieme ho rilevato una buona qualità generale. Nei maschi c'é stato quel qualcosa in più mentre nelle femmine c'era poca omogeneità benché il BOB sia stata una femmina molto bella per tipo, qualità e con linea dorsale molto solida. Ho trovato anche buon carattere, buon temperamento, discreto movimento e mantelli in buone condizioni generali." Challenge Franca Simondetti - 42 soggetti a catalogo il commento di Attila Cegledi: "Qualità generale molto buona, con solo due soggetti M/B. Taglia corretta in tutti e con piacere ho trovato qualche soggetto di tipo davvero inglese. Per contro non tutti erano preparati e presentati al meglio. Il BOB è una femmina di colore fulvo, con taglia e tipo corretti, di qualità e con sostanza, molto ben preparata con un movimento corretto senza esasperazione. Bello anche il BOS , ben presentato, con solo un piccolo problema di mantello. Nello spareggio la femmina si è dimostrata nel complesso più equilibrata." delle Anatre - 2° Border collie ALLYMOON DREAM ANOTHER DREAM Falletto G. Akita TAIWA NO MONOGATARI Vecchio D. GRUPPO 1 Giudice: Silvio Rivolta 1° Bearded Collie KNOWING ME KNOWING YOU Poidevin C. - 2° Pastore Scozzese p/l QUEST FOR GOLD DELL’ISOLA DEI COLLIES All. dell’Isola dei Collies - 3° Pastore Australiano QUICK JOEY SMALL DEL WHYMPER DELLE G. JORASSES Carioni L. GRUPPO 2 Giudice: Alfredo Alessandri Terranova URSINUS VELUTUS KISS IN THE RING Fantur - 2° Bernese OOTA-DABUM DA La Signora dei 100 Cani - 3° Schnauzer p/s COCO CHANEL Genna V. GRUPPO 3 Giudice: Rita Kadike Skadina Airedale SAMARCANDA ULTRA GLIDE Ferrò G. - 2° Fox p/r ASH GROVE ANAKIN Delphos Peraldo J. - 3° Jack Russell ALL JACKS BE SPECIAL All. All Jacks GRUPPO 4 Giudice: Sonia Bellan Bassotto kaninchen p/d NATKINGCOLE DEL WANHELSING All. del Wanhelsing - 2° Beagle BENNY JOE FROM SINATRA Paronzini P. - 3° Basset Hound ARTURO Negrò G. GRUPPO 5

Giudice: Franco Gatti fotografia non disponibile 1° Spitz nano t/c STARFIRE’S LAZARITO All. Curia Picta - 2° Basenji RUSSKIY KARAMBOL DONNA KAREN Propr. All. del Piccolo Tempo - 3° Samoiedo SWEET XEVALIER Mazzetto R. GRUPPO 6 Giudice: Attila Cegledi 1° Cocker Spaniel inglese r. UTAH’S SONG TAIGRET All. Missy’s Cockers - 2° Labrador R. SANDYLANDS LOOKING BACK Barberi F. - 3° Weimaraner p/c WIN’WEIM’S PICCOLI PRINCIPI DO IT BETTER All. Baruffa GRUPPO 7 Giudice: Enrico Adinolfi 1° Maltese CINECITTA QUENTIN TARANTINO Vezzani B. - 2° Shih tzu ESMERALDA SOLO PER I TUOI OCCHI Filogrosso M. - 3° Bichon à poil frisée FALCO BOHEMIA KASAI Chybova Z. GRUPPO 8 Giudice: Silvio Rivolta Afgano MAIDUM ORIZZONTE DI CRISTALLO Dutto A. - 2° Borzoi RUSSKIY AZART ROMANTIC Propr. Jaquier C. - Whippet AISHA Fassi N. BEST IN SHOW Giudice: Rita Kadike Skadina Afgano MAIDUM ORIZZONTE DI CRISTALLO - Cocker Spaniel inglese r. UTAH’S SONG TAIGRET All. Missy’s Cockers - Terranova URSINUS VELUTUS KISS IN THE RING

Nazionale di Biella il Best in Show (ph. K.)

52

INC TopDog mar12.indd 52

18/02/2012 18:43:01


RUBRICA GRATUITA RISERVATA AI SOCI ENCI

BACI DELLA BAIA AZZURRA Alano nero Speciale di Porto (P) 29/1/2012 Classe interm. CAC Giudice Giulio Bezzecchi Allevatore Patrizio Donati Proprietario J. Garcia Abad

ANEESH I’M PROUD TO BE ITALIAN Barbone Toy Expo di Niort (F) 12/2/2012 3° class. del gruppo 9 giovani Giudice J.J. Dupas (F) Allevatore Aneesh Poodles Proprietario C.Boulineau

ANEESH LOOK AT ME JUDGE Barbone toy Speciale di Niort (F) CAC CACIB BOS

CORNERSTONE MAGIC LIGHT IN THE WOOD A. L. Bullmastiff Expo di Celje W.W. 17.12.2011 3 classificato gruppo 2

Giudice J.J. Dupas (F) Allevatore Aneesh Poodles Proprietario Suzy Leroux

Giudice Giuseppe Alessandra Allevatore Towsend Proprietario Allev. I Bravi Ragazzi

BEST OF THE BEST Bassotto standard p/c Expo di Koper 3/10/11 1° classificato gruppo 4 Giudice Stefik Stefan Allevatore A.Galea Proprietario Sara Doretto

successi estero

Inviare a redazione@enci.it Per essere inseriti nella rubrica occorre aver conseguito questi risultati: ESPOSIZIONI INTERNAZIONALI Best in show: 1°, 2°, 3° classificato Raggruppamento: 1°, 2°, 3° classificato RADUNI E SPECIALI DI RAZZA: BIS: 1°, 2°, 3° - BOB-BOS 1° classe campioni, libera, intermedia, lavoro, giovani, veterani A PARTIRE DA NOVEMBRE VERRANNO PUBBLICATI I RISULTATI OTTENUTI DOPO IL 1 LUGLIO 2011 Indicare: nome del cane, razza, luogo e data expo, classifica, giudice, allevatore, proprietario. Le inserzioni incomplete, verranno cestinate.

BURJ KHALIFA DELLA BAIA AZZURRA Alano tigrato Speciale di Nantes (F) 11/12/2011 1° cl. interm. CAC-CACIB-BOB Giudice W. KotiK (PL) Allev. e propr. Patrizio Donati 53

INC successi mar12.indd 53

20/02/2012 20:22:06


i successi all’estero

ZAGRE’B OXFORD Dalmata Expo di Malta 29/1/2012 1° classificato gruppo 6 Giudice Marja Talvitte (SF) Allevatore Andrea Paccagrella Proprietario Cesare Filippelli

RED BARON Welsh Corgi Pembroke Expo di Kaunas (LT) 21/1/2012 1° classificato del Best in Show ALMAR DELLA BAIA AZZURRA Alano blu Speciale di Nantes (F) 11/12/2011 1° cl. interm. CAC-CACIB-BOB

Giudice Levente Miklos Allev. e propr. Allev. Dragonjoy

Giudice W. KotiK (PL) Allev. e propr. Patrizio Donati

GRANROCHE MISTER CHARLES Golden Retriever Raduno Club di Olten (CH) 11/12/2011 CAC BOB Giudice Sue Towers Allev. e propr. Allev. Granroche

HONEYMOON DELLA FARHA Siberian Husky Expo di Ljubljana (SLO) 14/1/2012 3° classificata BIS Veterani Giudice Darko Korosec (SI) Allevatore Maurizio Benotti Proprietario Elena Cavazza

RUKMINI DEI LUPERCALI Pastore Bergamasco Expo di Losanna (CH) 15/10/2011 3° classificato gruppo 1 Giudice J.Hindse Madsen (DK)

Expo di Losanna (CH) 16/10/2011 3° classificato gruppo 1 Giudice L.H.Wilberg (N) Allevatore e proprietario Allev. dei Lupercali

MR. ENERGIZER DI SUTRI Jack Russell Terrier Expo di Lubiana (SLO) 14/1/2012 1° classificato del Best in Show Giudice Paolo Dondina Allevatore e proprietario Allev. di Sutri

54

INC successi mar12.indd 54

20/02/2012 20:22:08


i successi all’estero

ALPHERATZ THE BOSS Bassotto Kaninchen p/d Expo di Oporto (PT) 28/01/2012 3° classificato gruppo 4 Giudice G. Bezzecchi Allevamento Alpheratz Proprietario . Lucia Terruzzi

FIONA DEL CASTELLO DELLE ROCCHE Alano nero Camp.to Club Portoghese - Braga (P) 12/11/2011 Ecc. 1° Giovani CH. di Club Giudice Christiane Lafay (F) Allevatore Malaguti Alberto Proprietario Roger Ibarra (E)

BAHIA DO LUSIADAS BAHIA Cao de Agua Portoghese Expo di Liubljana 14 Gennaio 2012 2 ° classificato gruppo 8 Giudice M. L. Dopplereiter

Expo di Liubljana 15/1/ 2012 1° classificato gruppo 8 Giudice Alenka Pokor Allevatore Fabiana Bazzani Proprietaria Monica Frassoni

CIUFFO FARINA Bolognese Speciale di Lubiana (SLO) 14 /1/2012 BOB Giudice Arne Foss (N) Allev. e propr. Alessandro Farina

ART A’ ROCHELLE DEI CASOLARI Golden Retriever Raduno Club di Olten (CH) CAC Best Gun Dog in Show Giudice Sue Russel Allevamento Allev. dei Casolari Proprietario Allev. Granroche

SOUL DEL BIANCO ARANCIO Setter Inglese Expo di Vrtojba (SLO) 12/11/2011 1° classificato BIS Veterani Giudice Sinisi Cujan (HR)

1 classificato gruppo 7 Giudice Giuseppe Alessandra

Expo di Vrtojba (SLO) 13/11/2011 1° classificato BIS Veterani 3° classificato gruppo 7

TANO DEL LITORAL Dogo Argentino Expo di Sempeter (SLO) 13/11/11 3° classificato gruppo 2

Giudice Doarata Witkowska (PL) Allevatore Allev. del Bianco Arancio Proprietario Maximiliano Vespignani

Giudice Andrej Kisliakov (BY) Allevatore Allev. del Litoral Proprietario Fabio De Ruggeriis

Giudice Mirja Lapanja(SLO)

55

INC successi mar12.indd 55

20/02/2012 20:22:13


RUBRICA GRATUITA RISERVATA AI SOCI ENCI Inviare a redazione@enci.it Per essere inseriti nella rubrica occorre aver conseguito questi risultati:

successi italia

1° classificato del Raggruppamento, compresi Coppie e Gruppi, in Esposizioni Internazionali in Italia. 1°, 2°, 3° classificato del Best in Show generale A PARTIRE DA NOVEMBRE VERRANNO PUBBLICATI I RISULTATI OTTENUTI DOPO IL 1 LUGLIO 2011 Indicare: nome del cane, razza, luogo e data expo, classifica, giudice, allevatore, proprietario. Le inserzioni incomplete, verranno cestinate.

HALLEY DEL CONTEVERDE Bassotto standard p/c Expo di Montichiari 28/1/2012 1° classificato gruppo 4 Giudice Stephen Wheeler Allev. e propr. Allev. del Conteverde

JUNE DEI GRANDI GRIGI Weimaraner p/c Expo di Cremona 27/11/2011 1° classificato gruppo 7

I BRAVI RAGAZZI BYE BYE BABY Bullmastiff Expo di Milano 15/1/2012 1° classificato gruppo 2 Giudice Sanchez Allev. e propr. Allev. I Bravi Ragazzi

CORNERSTONE MAGIC LIGHT IN THE WOOD A. L. & I BRAVI RAGAZZI BYE BYE BABY Bullmastiff Expo di Milano 15/1/2012 1° classificati BIS Coppie Giudice F. Ferrari

Expo di Padova 22//1/2012 1° classificati BIS Coppie Giudice G. Murante

Expo di Montichiari 29/1/2012 1° classificati BIS Coppie Giudice Luigi Corna Allev. e propr. Allev. I Bravi Ragazzi

Giudice Claudio De Giuliani

Expo di Pistoia 11/02/2012 3° classificato del Best in Show

FRANCINIS’ NEGRITA Cocker Spaniel Inglese Expo di Pistoia 11/2/2012 1° classificato BIS Giovani

Giudice Blaha Monika

Giudice Howard Tonks

Expo di Arezzo 12/2/2012 1° classificato gruppo 8

OUTDOOR DEI GRANDI GRIGI ZIBIBBO DEI GRANDI GRIGI JUNE DEI GRANDI GRIGI Weimaraner p/c Expo di Padova 21/01/2012 1° class. Gruppo di Allevamento

Giudice Walter Schicker Allevatore Allev. dei Grandi Grigi Proprietario Silvia Fanetti

Giudice Monika Blaha Allevatore Angela Francini Proprietario Federica Luciani

Giudice Adriana Griffa Bocca Allevatore Allev. dei Grandi Grigi Proprietari Silvia Fanetti – Delia Bigi

Expo di Arezzo 12/02/2012 1° classificato gruppo 7

56

INC successi mar12.indd 56

20/02/2012 20:22:16


CINOFILO BERGAMASCO

ASSOCIAZIONE AMATORI DEL CANE DA PASTORE BERGAMASCO RISULTATI SPECIALE DI MILANO RHO 15 gennaio 2012 Giudice Giulio Bezzecchi MASCHI Campioni 1° CACIB BOB CH. HIDO DEI LUPERCALI All: Allevamento Dei Lupercali Prop: Colombo Pierluigi

i club - Maria Rosaria Ostapczuk – Consigliere - Walter Residori – Consigliere E’ stato inoltre eletto Cassiere il socio Fabio Damele Recapiti e contatti sono ora i seguenti: mail: clubitalianobovarodellefiandre@pec.it segreteria: c/o Christina Rossi Landi – Via Colli 11 – 02030 Torricella in Sabina (RI) – tel.efax 0765735099 sito: www.clubitalianobovarodellefiandre.it; pagina face book: Club Italiano Bovaro delle Fiandre RISULTATI RADUNO VERONA 4/12/2011 Giudice Radziuk Svetlana

Padova - BOB Pashà della Silfa BOS Ferroefuoco Contessa Cloezia RISULTATI SPECIALE PADOVA 21/1/2012 Giudice Adriana Griffa Bocca Maschi: Cl. Campioni: 1° ECC. CACIB e BOB Pashà della Silfa Cl. Libera: 1° ECC. CAC Rogèr della Silfa; 2° ECC.Ferroefuoco Chicco Femmine: Cl Campioni: 1^ECC. Ferroefuoco Britta Cl. Libera: 1^ ECC. CAC CACIB e BOS Ferroefuoco Contessa-Cloezia Cl. Intermedia: 1^ ECC. Ris.CAC Tosca della Silfa Cl. Giovani: 1^ECC. Demetra; 2^ ECC. Unique della Silfa

BOB Hido dei Lupercali Libera 1°Ecc PILLAN DEI LUPERCALI All: Allevamento Dei Lupercali Prop: Allevamento Dei Lupercali 2° Ecc ALPINO All: Nava Fabrizio Prop: Caprioli Gianluca Veterani 1°Ecc CH. ACIS DEI LUPERCALI All: Allevamento Dei Lupercali Prop: Allevamento Dei Lupercali FEMMINE Libera 1° CAC CACIB RUKMINI DEI LUPERCALI All: Allevamento Dei Lupercali Prop: Colombo Pierluigi Giovani 1°Ecc ZUFFA All: Nava Fabrizio Prop: Mai Fiorenzo

Verona, BOS Maschi: Cl. Campioni: 1°Ecc. BOS Pashà della Silfa Cl. Libera: 1° Ecc. CAC Rummalquadrato; 2° Ecc Ferroefuoco Chicco Cl. Intermedia: 1° Ecc. Bentley Femmine:

AI SOCI C.I.B.F. Il giorno 3 dicembre 2012 è stato rinnovato il Consiglio del CIBF e il 20 dicembre si è proceduto alla nomina delle cariche sociali. Il nuovo Direttivo risulta così costituito: - Silvia Zabai – Presidente - Vito Zambelli – Vicepresidente - Christina Rossi Landi – Segretaria

CLUB ITALIANO AMATORI BOVARI SVIZZERI Ottimo inizio per la stagione espositiva del CIABS nel 2012 con buona partecipazione alle mostre speciali di gennaio: 52 i Bovari Svizzeri iscritti alla Mostra Speciale di Milano del 15 gennaio, con il giudice russo Andrej Klishas, e 33 i Bovari del Bernese iscritti alla Mostra Speciale di Padova del 22 gennaio con la giudice italiana Antonella Residori

ASSOCIAZIONE AMATORI DEL CANE DA PASTORE BERGAMASCO C/O STILCI FIAMMA VIA GARIBALDI 51 20013 MAGENTA Tel. 335-8242082

CLUB ITALIANO BOVARO DELLE FIANDRE

CLUB ITALIANO BOVARO DELLE FIANDRE C/O ROSSI LANDI CHRISTINA - VIA COLLI 11 02030 TORRICELLA SABINA Tel. 0765-735099 Fax. 0765-735099

Verona, BOB Cl. Campioni: 1^Ecc. Miglior Femmina BOB -Ferroefuoco Britta; 2^ Ecc. Ferroefuoco Bijoux Cl. Libera: 1^Ecc. CAC Femke-Loes Van de Vanenblikhoeve; 2^ Ecc. R/CAC Aida; Cl. Intermedia: 1^ Ecc. Bettyblue Cl. Giovani: 1^ Ecc. Tosca della Silfa; 2^Ecc. Gemma du Puy Richard Cl. Juniores: 1^MP Demetra; 2^MP Unique della Silfa Cl. Baby: 1^MP Mafia Z Flandryjskiego Gniazda

MILANO 15 GENNAIO 2012 Giudice Andrey Klishas (RUS) Totale Bovari dell’ Appenzell iscritti: 3 CLASSE CAMPIONI MASCHI 1° Ecc CACIB BOB BRUNO pr. All. Ca’ del Corsi CLASSE GIOVANI FEMMINE 1° Ecc WIKI pr. Fracchia A. CLASSE LIBERA FEMMINE 1° Ecc CAC CACIB BOS LADY MARGOT DELL’ALBALLEGRA pr. Battaglia M. Totale Bovari dell’ Entlebuch iscritti: 1 CLASSE LIBERA FEMMINE 1° Ecc DIANA AB DEM GUT HEID pr. D’ Amato M. Totale Bovari del Bernese iscritti: 48 CLASSE CAMPIONI MASCHI 1° Ecc CACIB BOB CUSTOM BERSETT pr. Dorelli A. 2° Ecc STARRY TOWN FABERGE’ pr. Ippolito G. CLASSE LIBERA MASCHI 1° Ecc R.CAC VAN EYCK JAN DEL MOLINASCO pr.Ceruti C.

57

INC club mar12.indd 57

20/02/2012 10:25:09


i club

Milano - Bovaro dell’Appenzell BOB

2° Ecc TAPLACS PRINCE JUNIOR GLOBETROTTER pr. Monteggia B. CLASSE INTERMEDIA MASCHI 1° Ecc CAC R.CACIB STARRY TOWN J.F.K. pr. Famiglietti A. 2° Ecc XANTUS VOM LEHNWALDLI pr. Colombani P. CLASSE GIOVANI MASCHI 1° Ecc VARDAMAK APOLLO FEBO pr. Ricco D. 2° Ecc STARRY TOWN FRIEND ESPECIALLY FOR YOU pr. Zele A. CLASSE JUNIORES MASCHI 1° MP CASPIAN D’ISOLA GERRE propr. Colombani P. 2° MP ATTILA pr. D’ Avena A.J CLASSE CAMPIONI FEMMINE 1° Ecc CACIB BOS TIFFANY SOLITAIRE pr. Copercini S. 2° Ecc ALPENLIEBE pr. Pietrini A. CLASSE LIBERA FEMMINE 1° Ecc R.CAC PERLA DA CASA DOS HEDEIROS DO LOBO pr. All. la Signora dei 100 cani 2° Ecc MAROUSSIA PRINCESS GIVARA pr. Covelli E. CLASSE INTERMEDIA FEMMINE ( 1° Ecc CAC R.CACIB CONTESSA ISABEL DELLA ROCCA D’ ANGERA pr. Monteggia B. 2° Ecc PANQUECA DA CASA DOS HERDEIROS DO LOBO pr. All. la Signora dei 100 cani CLASSE GIOVANI FEMMINE 1° Ecc ERRA BERMONDO BOHEMIA pr. Scita R. 2° Ecc MILBU QUANNIK pr. Colombani P. CLASSE JUNIORES FEMMINE 1° MP FRIDA pr. Pometto G. Totale Grandi Bovari Svizzeri iscritti: 8 CLASSE CAMPIONI MASCHI 1° Ecc PEPE p. Cecchi P. CLASSE GIOVANI MASCHI 1° Ecc BENIAMINO DEL MONGIOIE pr. Quadri C.

CLASSE CAMPIONI FEMMINE 1° Ecc R.CACIB KIM B2 pr. Baccaglini D. 2° Ecc CANA VON OBERSTECKHOLZ pr. Bovolo I. CLASSE LIBERA FEMMINE 1° Ecc CAC CACIB BOB ANUSCH DEL MONGIOIE pr. Buzzi M.C. CLASSE INTERMEDIA FEMMINE 1° Ecc GAIA KARANTANSKA pr. Lianne Simoes S. PADOVA 22 GENNAIO 2012 Giudice Antonella Residori (I) Totale Bovari del Bernese iscritti: 33 CLASSE LIBERA MASCHI 1° Ecc CAC CACIB BOB VAN EYCK JAN DEL MOLINASCO pr.Ceruti C. 2° Ecc KROMBLOMMAS JONATHAN pr. All. Starry Town CLASSE INTERMEDIA MASCHI (3/4) 1° Ecc R. CAC STARRY TOWN J.F.K. pr. Famiglietti A. 2° Ecc JASSIE JAMES pr. Niccoli C. 3° MB EDO VON HOFACHER pr. Magagnin G.

Padova BOB e BOS

Milano, Bovaro del Bernese BOB

Padova Libera femmine

Milano, Grande Bovaro Svizzzero BOB

Padova Libera maschi

58

INC club mar12.indd 58

20/02/2012 10:25:10


i club CLASSE GIOVANI MASCHI 1° Ecc STARRY TOWN FRIEND ESPECIALLY FOR YOU pr. Zele A.. 2° Ecc HIGH OAKS X-TREME MAKEOVER pr. Manciani M. CLASSE JUNIORES MASCHI (1/1) 1° MP STARRY TOWN GENERALE PATTON pr. All Starry Town CLASSE CAMPIONI FEMMINE 1° Ecc R.CACIB GINA DEL SACRO FIUME pr. All del Sacro Fiume Ass TIFFANY SOLITAIRE pr. Copercini S. CLASSE LIBERA FEMMINE 1° Ecc CAC R.CACIB STARRY TOWN FANNY ARDANT pr. All. Starry Town 2° Ecc MAROUSSIA PRINCESS GIVARA pr. Covelli E. CLASSE INTERMEDIA FEMMINE 1° Ecc R.CAC HIGH OAKS VOOPI pr. Manciani M. CLASSE GIOVANI FEMMINE ( 1° Ecc BOS ERRA BERMONDO BOHEMIA pr. Scita R. 2° Ecc CHA’RISA pr. All. del Sacro Fiume Segnaliamo il XXV° Raduno annuale organizzato dal C.I.A.B.S. e la XIIa edizione del Trofeo Memorial Luigi Conti, domenica 22 aprile 2012 a Borghetto di Valeggio sul Mincio (VR) con i giudici Helen Davenport Willis (GB) e Fabrizio La Rocca. Sabato 21 alle 14,30, nello stesso luogo dove si svolge il raduno, vi sarà l’incontro allevatori durante il quale interverranno Merial sull’argomento “Supleneo, la nuova frontiera della condroprotezione” e a seguire il Dott. Luigi Gallo genetista dell’Università di Padova su “Il Valore Genetico Stimato nella displasia di anche e gomiti”. Alle ore 20,00 avrà luogo la cena sociale presso il Ristorante San Marco di Borghetto, con la premiazione dei soggetti di proprietà dei soci CIABS, che abbiano conseguito e comunicato al CIABS titoli o campionati riconosciuti FCI e Trofeo Fedora. Per informazioni e iscrizioni consultare il sito del club: www.ciabs.it

1° ARIZONA CANNAS ECC. Prop.e All. Cannas Vittorio 2° RUSINELLA ECC. Prop. Giliola Negro All. Marco Vanali CLASSE JUNIORES FEMMINE: 1° BASSCOTT EUPHORIA M.P Prop. e All. Giliola Negro 2° VIOLA REAL BAGHETTE M.P Propr e All. Allevamento Reaol Baghette I risultati fedelmente riportati dal sito S.I.Bas sono stati comunicati dal Consigliere Giliola Negro.

Milano, 1° cl. giovani maschi Bassjoy Night of Love dei Templari

Domenica 6 novembre 2011, Varese ha ospitato in occasione dell’Internazionale Insubria Winner, la Mostra Speciale Basset Hound a cui hanno partecipato 14 cani. Giudice Ferdinando Asnaghi RISULTATI: CLASSE CAMPIONI MASCHI: 1° WHEREVER YOU WILL GO DELLA TERRA DEI TEMPLARI BOB CACIB Prop. e All. Terra dei Templari Kennel CLASSE LIBERA MASCHI: 1° PANCLAN VINCITORI CAC R/CACIB . Prop. Federico Sanguinetti All. Texeira Bianca 2° TRUE PLEASURE KOOPER R/CAC Prop. Marina Christen Lungo All. Allevamento True Pleasure CLASSE JUNIORES MASCHI: 1° GOOGLE V. HOLLANDHEIM M.P Prop. Morganti Michele All. Carla Gerber CLASSE LIBERA FENMMINE: 1° TRUE PLEASURE KELLY CAC.BOS. CACIB Prop. Marina Christen Lungo All. Allevamento True Pleasure

Milano, BOB Wherever dei Templari

CLUB ITALIANO AMATORI BOVARI SVIZZERI C/O MRVCIC ROBERTO VIA BORGO VIOLA 4 33050 RUDA Tel. 0431-973242 Fax. 0431-973242 www.ciabs.it – info@ciabs.it

SOCIETA’ ITALIANA BASSET HOUND Sabato 14 gennaio 2012, Milano Rho fiere ha ospitato la Mostra speciale BASSET HOUND a cui hanno partecipato 21 cani. La giornata è risultata particolarmente gradevole,essendosi svolta in un clima cordiale, a seguito i giudizi della giudice Manola Poggesi. (I) RISULTATI: CLASSE CAMPIONI: 1° WHEREVER YOU WILL GO DELLA TERRA DEI TEMPLARI BOB.CACIB Prop. e All. Allevamento della Terra dei Templari 2° ARTURO R/CACIB Prop. E All. Giliola Negro CLASSE LIBERA MASCHI: 1° FIGARO REAL BAGHETTE CAC. Prop. E All. Allevamento Real Baghette 2° CYRANO R/CAC Prop. E All. Allevamento Real Baghette CLASSE GIOVANI MASCHI: 1° BASSJOY NIGHT OF LOVE DELLA TERRA

BOB Wherever dei Templari - Speciale di Varese Milano, BOS Giorgia del Galavrone 2012 DEI TEMPLARI ECC. MIGLIOR GIOVANE Prop. Bassjoy c/o All. della Terra dei Templari All. Bassjoy 2° BASSCOTT DONMARIETTO ECC Propr. Scotti Gennaro Bruno Allev. Negro Giliola CLASSE JUNIORES MASCHI: 1° VINAVIL REAL BAGHETTE M.P. Propr. e All. Allevamento Real Baghette CLASSE LIBERA FEMMINE: 1°GIORGIA DEL GALAVRONE CAC CACIB BOS Prop. e All. Succi Cimentini Vincenzo 2° GREAT GLAMOUR’S PINCALONGA ECC. Prop. e All. Susanna Deotti CLASSE INTERMEDIA FEMMINE: 1° HOPELESS ROCK PINCALONGAPOP R/ CAC Prop. Susanna Deotti All. Taja Turkia Hopelless Kennel 2° OMELETTE REAL BAGHETTE ECC. Propr. e All. Allevamento Real Baghette CLASSE GIOVANI FEMMINE:

BOS True Pleasure Kellr - Speciale di Varese

59

INC club mar12.indd 59

20/02/2012 10:25:10


i club

Best giovani femmine - Anastasia Vanali Speciale di Varese 2° GIORGIA DEL GALAVRONE ECC. Prop. e All.Succi Cimentini Vincenzo CLASSE INTERMEDIA FEMMINE: 1° PINCALONGA LOS ANGELES R/CAC R/ CACIB Prop. e All. Susanna Deotti 2° CARMEN MORAVIA BRAY ECC. Prop. Nicola Bresolin All. Moravia Bray Kennel CLASSE GIOVANI FEMMINE: 1°ANASTASIA VANALI ECC. BEST GIOVANI Prop.e All. Marco Vanali 2° QUANA DEI TRENTAROSSI ECC. Prop. Morganti Michele All. Trentarossi Francesco CLASSE JUNIORES FEMMINE: 1° GIGI VAN HOLLANDHEIM M.P Prop. Carla Gerber c/o Morganti Michele All. Carla Gerber I risultati fedelmente riportati dal sito S.I.Bas sono stati comunicati dal Consigliere Giliola Negro.

SOCIETA’ ITALIANA BASSET HOUND C/O CRINI GIORGIO - VIA G. SANARELLI 5 00152 ROMA Tel. 06-20369320 (9.00- 13.00) Fax. 06-20369330 e-mail: info@screamo.it

Dolfus des Gardiens de la Cour 2 Eccellente ris. CAC Classe Lavoro Arimminum Storm 1 Eccellente CAC Arimminum Zeus 2 Eccellente ris. CAC Classe Campioni Gohr Zion Olim Palus 1 Eccellente Femmine Classe Juniores Ellis z Blatnických vinic 1 Molto Promettente Arlen Passo del Lupo 2 Molto Promettente Classe Giovani Aisha Sibillini Wolf 1 Eccellente Ika 2 Eccellente Classe Intermedia Jenna 1 Eccellente CAC Classe Libera Elfen du Domaine de la Combe Noire 1 Eccellente ris. CAC Foresta Incantata Ozzy 2 Eccellente Classe Lavoro Arimminum Odette 1 Eccellente CAC Classe Campioni Giuditta Passo del Lupo Passo del Lupo 1 Eccellente Classe Veterani Foresta Incantata Brethil 1 Eccellente Miglior Femmina, BOB Migliore di Razza

CLUB CANE LUPO CECOSLOVACCO C/O RUBBIANI A. VIA SALVATERRA 21 42048 RUBIERA Tel. 331-3190927 Fax. 0536-954585

SHAR PEI CLUB ITALIANO MOSTRA SPECIALE INTERNAZIONALE DI PADOVA Domenica 22 Gennaio 2012 Giudice: WINSLOW CHUCK (USA) Soggetti Iscritti: 22 MASCHI Campioni: 1 R/CACIB – GOLDING QUESTION OF FAITH

– All.re Buhovac D. – Prop. Bergagna Iolanda 2 Ecc. BLACK MUSCK ROCK & ROLL – All.re e Prop. Vago Ambrogio. Libera: 1 R/CAC - KHAMBALIQ ROBIN HOOD – All.re Khambaliq Kennel – Prop. All.to dei Muppet Show di Aulisa C. 2 M.B. – SO-FI’S CHOICE FOR ULTIMATE GOSSIP – All.re Minne E. – Prop. Minne E. - Trettel D. Intermedia: 1 CAC – CACIB – BOB – SHIRA VICTORY FOLLOW YOUR HEART – all.re Matrai V. – Prop. Bergagna I. 2 M.B. - IVO I DRAGONI ORIENTALI – All.re Bergagna I. – Prop. Pattarello Bruna Giovani: 1 Ecc. DIOR – Allevatore Carrara L. – Prop. Lazzaro Vainer 2 M.B. MOSE’ – All.re e Prop. Pennisi Marco Juniores: 1 M.P.- BLACK MUSCK SOUND LIKE A FLIPPER – All.re e Prop. Vago Ambrogio 2 P. – SHIRA VICTORY GENTLEMAN – All.re Matrai V. – Prop. Papi Dalila FEMMINE Campioni: 1 R/CACIB - HONEY MOON I DRAGONI ORIENTALI – All.re Bergagna I. – Prop. Modolo Raul Libera: 1 CAC – CACIB – BOS – DANDONGPEI THE FIFTH ELEMENT – All.re Lonzardi G. – Prop. Sozzi Silvia 2 Ecc. – SUCCESS SHINA GIRL I DRAGONI ORIENTALI – All.re Sedlacek – Prop. Bergagna Iolanda Intermedia: 1 Ecc. – R/CAC – PRINCESSE SHEENA GOLD I DRAGONI ORIENTALI – All.re e Prop. Bergagna Iolanda 2 M-B. – TZO WEN WHITEDOVE KHAMBALIQ – All,re Lavere B. – Prop. Pizzamiglio Isabella Giovani: 1 Ecc. MIGLIOR GIOVANE – CLOHE BPO BPO – All.re e Prop. Regalia Lara 2 Ecc. MARILYN – All.re e Prop. Pennisi Marco

SHAR PEI CLUB ITALIANO C/O BECHERONI-VIA DELLA BISCIA 153 35136 PADOVA Tel. 049-8716909 Fax. 049-3006989

CLUB CANE LUPO CECOSLOVACCO Raduno Club Cane Lupo Cecoslovacco di Milano 14 Gennaio 2012 Giudice: Gavrilova Yana Maschi Classe Juniores Byron 1 Molto Promettente Classe Giovani Aiko Sibillini 1 Eccellente BOS, Miglior Maschio AleisterCrowley 2 Eccellente Classe Intermedia Elkim Wolf Lupi di Monte Morello 1 Eccellente Caschwil Vlčí naděje 2 Eccellente Classe Libera Akela 1 Eccellente CAC

Speciale di Padova BOB e BOS

60

INC club mar12.indd 60

20/02/2012 10:25:11


INC allevatori mar2012.indd 67

23/02/2012 16:46:15


INC allevatori mar2012.indd 68

23/02/2012 16:46:17

INC marzo 2012  

Rivista ufficiale ENCI - I Nostri Cani - marzo 2012