Page 1

EMSC

EURO MEDICAL SPORT CENTER

LA GINNASTICA RESPIRATORIA IN IPERPNEA ISOCAPNICA, METODO SPIROTIGER®, NEL TRATTAMENTO DI PROBLEMATICHE DEL RACHIDE Introduzione L’idea di svolgere uno studio che potesse mettere a confronto la ginnastica respiratoria in iperpnea isocapnica con la ginnastica posturale svolta con metodologia “classica”, è nata dall’osservazione di alcuni miglioramenti posturali in atleti che utilizzavano questa ginnastica respiratoria ai fini della loro preparazione sportiva. Diversi fra questi riferivano inoltre delle sensazioni di miglioramenti nella percezione di diverse sintomatologie dolorose a livello cervicale, dorsale e lombare. Naturalmente tutto ciò procedeva di pari passo ad un notevole incremento dei parametri respiratori, vero obiettivo degli atleti. Da qui l’ipotesi che la ginnastica respiratoria in iperpnea isocapnica, oltre che per il miglioramento della funzione respiratoria, potesse essere impiegata con qualche probabilità di successo nel riequilibrio della postura e come ginnastica antalgica. Considerando quanto le algie vertebrali siano diffuse nella società odierna a causa della trasformazione dei modelli comportamentali e delle mutate condizioni di vita, che la lombalgia rappresenta uno dei disturbi più frequenti e più invalidanti per la popolazione, dunque anche uno dei maggiori costi per la sanità mondiale, si è voluto sperimentare un’esperienza di questo tipo, cioè verificare eventuali miglioramenti posturali e diminuzione della sintomatologia dolorosa in soggetti con problematiche lombari, utilizzando una metodologia nata principalmente per scopi diversi (miglioramento dell’efficienza del sistema respiratorio).

Ricerca Il presente studio si è proposto di esaminare se, grazie all’utilizzo della metodologia iperpneaisocapnica, migliorando la funzionalità del diaframma e degli altri muscoli respiratori, sia possibile ottenere: - miglioramento di alcune alterazioni posturali - riduzione o risoluzione della sintomatologia algica a livello del rachide A tale scopo è stato analizzato un gruppo di soggetti di età compresa tra 35 e 75 anni, con problematiche di lombalgia o lombosciatalgia ai quali è stata consigliata dal proprio medico della ginnastica posturale. I soggetti sono stati suddivisi in due gruppi: uno “sperimentale” che ha applicato un protocollo di lavoro di ginnastica respiratoria in iperpnea isocapnica metodo Spirotiger®, l’altro di “controllo” che ha applicato un protocollo che prevedeva delle sedute di ginnastica posturale con esercitazioni mirate a mobilizzare, allungare e tonificare la muscolatura della colonna con particolare attenzione sulla zona lombare. I singoli esercizi potevano essere in alcuni casi adattati per venire incontro alle specifiche necessita del singolo caso. Entrambi i gruppi hanno svolto le esercitazioni due volte alla settimana per un periodo di sei settimane. Gli strumenti utilizzati per l’applicazione dei protocolli di lavoro sono stati : - Spirotiger® per il gruppo sperimentale (ginnastica respiratoria in iperpnea isocapnica) - Attrezzature da palestra per ginnastica posturale tradizionale (spalliera, tappetino, palloni fitness, tavolette propriocettive) per il gruppo di controllo (ginnastica posturale tradizionale) Al fine di poter individuare nei soggetti eventuali progressi e modificazioni conseguenti al lavoro, entrambi i gruppi sono stati sottoposti ad una serie di test sia all’inizio che alla fine della sperimentazione, con lo scopo di raffrontare e valutare le variazioni eventualmente conseguite. Le misurazioni hanno riguardato: 1. Valutazione curva cervicale con misurazione freccia - filo a piombo. 2. Valutazione curva lombare con misurazione freccia - filo a piombo. 3. Test flessione della colonna (bending). 4. Questionario valutazione dolore schiena VNS (scala numerica verbale). 5. Spirometria: valutazione della capacità vitale (CV). 6. Spirometria: valutazione della Fev 1. EURO MEDICAL SPORT CENTER SRL Sede legale: Corso Italia, 43. 20025 Legnano MI R.E.A.: 1678027 Partita IVA: 03477580967 www.emsc.it info@emsc.it


EMSC

EURO MEDICAL SPORT CENTER I test di valutazione delle curve fisiologiche sono stati svolti per poter misurare eventuali cambiamenti sul piano sagittale dei soggetti esaminati; il test della flessione del busto avanti è servito per controllare modificazioni della flessibilità; il questionario di valutazione del dolore per verificare un miglioramento della sintomatologia algica; la spirometria per monitorare miglioramenti nei parametri “capacità vitale” e “Fev 1” (volume espiratorio forzato in un secondo, cioè la quantità di aria. espirata durante il primo secondo di un’ espirazione forzata). Risultati Il raffronto tra i cambiamenti medi ottenuti nei due gruppi offre lo spunto per la formulazione di alcune ipotesi a riguardo della validità della metodologia di ginnastica respiratoria in esame e di un suo eventuale impiego con obiettivi antalgici e di riequilibrio posturale per problematiche legate al rachide. I dati scaturiti dalla comparazione tra i test iniziali e quelli finali sia all’interno del medesimo gruppo che tra i gruppi, evidenziano alcune particolarità. I test utilizzati per analizzare la postura sul piano sagittale, la misurazione delle frecce lombare e cervicale, hanno evidenziato dei miglioramenti, cioè una tendenza delle curve verso uno stato fisiologico, in entrambi i gruppi. I cambiamenti medi nella misura delle frecce sono stati molto simili nei due gruppi, con un leggerissimo margine a favore del gruppo sperimentale. In particolare la freccia cervicale è migliorata del 24,55% nel gruppo sperimentale e del 20,88% nel gruppo di controllo, con una differenza del 3,67%. La freccia lombare è migliorata del 24,66% nel gruppo sperimentale e del 21,56% nel gruppo di controllo, con una differenza del 3,09%.

variazione freccia cervicale

variazione freccia lombare 24,65%

24,54%

21,56%

20,87% Gr uppo speriment ale

Gr uppo sper iment ale

Gr uppo di cont r ollo

Gr uppo di cont r ollo

Dif f er enza

Dif f erenze

3,67%

3,09%

Il test utilizzato per valutare la flessibilità dei soggetti, la flessione del busto avanti ad arti inferiori tesi e uniti (bending), ricalca sostanzialmente quanto affermato per i test precedenti e cioè un miglioramento per entrambi i gruppi, di entità molto simile con un leggero vantaggio del gruppo sperimentale su quello di controllo (42,80% contro 40,32% con una differenza del 2,49%).

variazione bending 42,80%

40,31% Gr uppo Sper iment ale Guppo di Cont rollo Dif f er enza

2,48%

I test riguardanti la funzione respiratoria, hanno sottolineato un notevole miglioramento del gruppo sperimentale, cioè quello che ha svolto un programma di ginnastica respiratoria (+29,78% per la capacità vitale, +38,07% per la Fev 1), rispetto al gruppo di controllo che ha svolto un programma di ginnastica posturale e non ha ottenuto variazioni per questi parametri (0,00% per la capacità vitale, 1,32% per la Fev 1).

EURO MEDICAL SPORT CENTER SRL Sede legale: Corso Italia, 43. 20025 Legnano MI R.E.A.: 1678027 Partita IVA: 03477580967 www.emsc.it info@emsc.it


EMSC

EURO MEDICAL SPORT CENTER

variazione parametri respiratori 38,07%

36,75%

29,78% 29,78%

Gruppo sperimentale Gruppo di controllo Differenza 1,32%

0%

Le risposte ottenute dal questionario sulla valutazione del dolore hanno evidenziato un cambiamento positivo della sintomatologia algica in entrambi i gruppi, con un progresso decisamente maggiore nel gruppo sperimentale, 86,36% contro 42,73% del gruppo di controllo, con una differenza del 43,63%.

miglioramento sint. algica 86,36%

Gruppo Sperimentale Gruppo di controllo Differenza

42,73% 43,63%

Riflessioni sugli esiti del lavoro. Il lavoro in iperpnea isocapnica è stato svolto, ai fini posturali, nel tentativo di restituire alla muscolatura respiratoria i suoi parametri fisiologici, a livello di lunghezza, capacità contrattile, coordinazione, corretta modalità di intervento, considerando che tale muscolatura, sia principale che accessoria mantiene stretti collegamenti col mantenimento della postura. I risultati finali possono essere interpretati come positivi per quanto riguarda l’impiego della metodologia sperimentale. Il miglioramento nel test della flessione avanti e delle frecce lombare e cervicale sono stati simili a quelli ottenuti dal gruppo di controllo. I miglioramenti nella percezione della sintomatologia dolorosa sono stati notevolmente superiori nel gruppo sperimentale rispetto a quello di controllo. Se per quanto riguarda il gruppo che ha svolto la ginnastica posturale l’ottenimento di simili cambiamenti è un obiettivo primario di questo tipo di intervento, per quanto riguarda il gruppo sperimentale risulta essere un positivo “effetto collaterale” derivante dalla ginnastica respiratoria. Le ipotesi sui meccanismi facilitanti le modificazioni ottenute possono essere numerose. L’allenamento in iperpnea isocapnica restituendo alla muscolatura respiratoria ipofunzionante la sua fisiologia, si mostra utile nel migliorare anche la funzione posturale che la medesima muscolatura svolge. In respirazioni di grande ampiezza come quelle eseguite col metodo Spirotiger® vengono reclutati i muscoli inspiratori principali ed accessori atti a compiere il gesto, e tali muscoli vengono sollecitati al massimo delle loro capacità di contrazione.

EURO MEDICAL SPORT CENTER SRL Sede legale: Corso Italia, 43. 20025 Legnano MI R.E.A.: 1678027 Partita IVA: 03477580967 www.emsc.it info@emsc.it


EMSC

EURO MEDICAL SPORT CENTER Successivamente, per permettere il massimo del risultato da parte della muscolatura antagonista, si rilasciano completamente, in modo da non interferire con la parte successiva del ciclo respiratorio.

L’alternanza dei cicli di massima contrazione e completo rilassamento favorisce una migliore coordinazione tra agonista e antagonista, incrementa la vascolarizzazione nonché l’ossigenazione di tutta la muscolatura interessata, ne facilita la possibilità di allungamento, accresce l’elasticità dell’intero apparato e la capacità di sfruttamento del sistema elastico. Procedendo con gradualità, una respirazione dopo l'altra con incrementi millimetrici, riusciamo ad ottenere uno sblocco del diaframma grazie ad una educazione ad una inspirazione profonda che permette di far contrarre, mobilizzare, vascolarizzare ed ossigenare anche i sarcomeri retratti, imprigionati dal connettivo proprio a causa della loro fissità in una posizione. Quanto detto si trasforma di conseguenza nella possibilità di effettuare atti espiratori più profondi, permettendo alla muscolatura addominale di far compiere anche in questa fase una maggiore escursione al diaframma (cioè in fase ascendente) con l'effetto di un suo graduale allungamento e conseguente liberazione dalle tensioni di tutte le strutture ad esso collegate, causa di alterazioni posturali, algie, etc. Ancora, l’inspirazione forzata di grande ampiezza potrebbe, esercitando un’azione sul centro frenico, favorire l’allungamento delle fibre muscolari del diaframma. In fase inspiratoria, l’autoallungamento ottenuto dalla eliminazione della cifosi dorsale per permettere un’apertura della griglia costale, come anche l’innalzamento della parte alta del torace per mezzo degli scaleni, potrebbe mettere in tensione il “ tendine del diaframma”, il quale esercita una trazione sul centro frenico che, essendo durante l’inspirazione in fase discendente, sottoporrebbe le fibre muscolari diaframmatiche ad una sorta di contrazione “isotonica eccentrica”, capace di restituire a queste ultime lunghezza, elasticità e forza.

Un’altra possibilità è quella che anche il connettivo del sistema sospensorio del diaframma sottoposto alle medesime azioni di stiramento ritrovi la fisiologica lunghezza perduta a causa di una postura scorretta, e che di conseguenza vi sia una maggiore libertà per la muscolatura del collo che, avendo la possibilità di riportare il capo verso una condizione di maggiore equilibrio, guidi un cambiamento nell’atteggiamento posturale del soggetto. EURO MEDICAL SPORT CENTER SRL Sede legale: Corso Italia, 43. 20025 Legnano MI R.E.A.: 1678027 Partita IVA: 03477580967 www.emsc.it info@emsc.it


EMSC

EURO MEDICAL SPORT CENTER Si è infine osservato che, andando avanti con le sedute, i soggetti che si sottoponevano a questo tipo di ginnastica respiratoria, durante le fasi di “riscaldamento” con volumi di sacca più piccoli e frequenze respiratorie più basse, utilizzavano maggiormente il diaframma rispetto alle sedute iniziali, ricorrendo sempre meno alla muscolatura accessoria per compiere queste respirazioni di piccola–media ampiezza. L’ipotesi è che il lavoro sia servito al diaframma per ritrovare la sua funzionalità, e che questo, svolgendo appieno il suo compito, abbia liberato la muscolatura accessoria dall’obbligo di intervenire in respirazioni di piccola ampiezza, ma al contrario facendola intervenire maggiormente quando il suo intervento è fisiologico, cioè all’aumentare dell’ampiezza della respirazione. Anche questa muscolatura quindi trarrà beneficio dall'allenamento Spirotiger®, da un punto di vista sia fisiologico che funzionale in quanto, dopo aver vicariato un diaframma ipomobile ed ipofunzionante potrà in questa nuova condizione svolgere la funzione che gli è propria che è appunto quella accessoria. Un’azione di questo tipo diventa estremamente rieducativa nel momento in cui permette ai soggetti di riappropriarsi di un gesto che, eseguito scorrettamente, favorisce l’instaurazione di retrazioni e squilibri. Conclusioni La ginnastica respiratoria in iperpnea isocapnica, metodo Spirotiger®: • • •

può essere utilizzata con successo come metodo per la riduzione di sintomatologie algiche del rachide l’azione di riequilibrio posturale ottenuta, almeno a breve termine, risulta molto simile a quella derivante dalla ginnastica posturale tradizionale a questi risultati si possono sommare i non trascurabili miglioramenti ottenuti per quanto riguarda l’efficienza respiratoria

EURO MEDICAL SPORT CENTER SRL Sede legale: Corso Italia, 43. 20025 Legnano MI R.E.A.: 1678027 Partita IVA: 03477580967 www.emsc.it info@emsc.it


EMSC

EURO MEDICAL SPORT CENTER

Spirotiger®. È uno strumento che permette un allenamento intenso e specifico della muscolatura respiratoria, senza sovraccaricare il sistema cardiovascolare e l’apparato locomotore. La novità rispetto a tutti gli altri mezzi e alle metodologie di allenamento della muscolatura respiratoria è la possibilità di realizzare l’iperpnea isocapnica. Per spiegare il significato di questo termine ricorriamo ad un esempio. Pensiamo a ciò che succede a livello respiratorio in seguito ad uno sforzo muscolare particolarmente intenso o protratto nel tempo: frequenza e profondità del respiro vengono aumentate compiendo atti respiratori più profondi e più rapidi perché il nostro organismo richiede un maggior apporto di ossigeno. Questo aumento della ventilazione giustificato da una esigenza fisiologica è detto iperpnea. Se invece noi volessimo incrementare frequenza e profondità del respiro senza che questo sia effettivamente necessario, cioè senza il compimento di alcun lavoro muscolare, il risultato sarebbe una ventilazione maggiore rispetto a quella effettivamente richiesta dall’organismo in quel momento. Questo aumento della ventilazione non giustificato da un’esigenza fisiologica è detto iperventilazione. L’iperventilazione genera nell’organismo una pericolosa alterazione del rapporto ossigeno-anidride carbonica sbilanciandone la proporzione a favore dell’ossigeno (iperossia) a scapito dell’anidride carbonica (ipocapnia). Le sensazioni conseguenti vanno dal formicolio alle vertigini, alla nausea. Nell’allenamento della muscolatura respiratoria attraverso Spirotiger® è possibile compiere atti respiratori profondi e veloci senza incorrere nell’iperventilazione e ciò grazie alla possibilità data dallo strumento di realizzare l’isocapnia cioè di non alterare il fisiologico rapporto ossigeno/anidride carbonica. L’apparecchio è composto da una manopola portatile munita di sacca per il riciclo di aria e da una valvola che, gravitando in un campo magnetico e variando la sua posizione in relazione ai flussi di aria in entrata e in uscita (cioè in inspirazione e in espirazione) effettua un monitoraggio di questi ultimi. I dati forniti dallo spostamento della valvola vengono inviati ad un software che, anche in base a valori precedentemente impostati come il volume della sacca, controlla e comunica all’utilizzatore l’effettiva realizzazione dell’isocapnia, fornendo contemporaneamente indicazioni per il suo raggiungimento (respiro più o meno profondo, ritmo più o meno veloce) ed interrompendo l’allenamento nel caso un numero di respirazioni superiore a quattro venga effettuato al di fuori dei giusti parametri. Una base elettronica infine registra ogni singolo allenamento. Questo sistema permette di allenare i muscoli respiratori ad intensità e per durate non raggiungibili con le metodologie classiche. Inizialmente si riuscirà ad usarlo solo per qualche minuto: la durata aumenterà da 3 - 4 a 15 minuti e dopo un esercizio regolare si raggiungeranno anche i 30 minuti continui di allenamento. Resistenza aerobica, forza, coordinazione, velocità e mobilità dei muscoli del tronco, vengono allenati in modo specifico e mirato. Spirotiger® è un apparecchio nato nei laboratori di fisiologia del Politecnico di Zurigo ad opera del Prof. Urs Boutellier a seguito dei suoi studi per l’allenamento finalizzato e specifico dei muscoli respiratori in uno stato di iperpnea-isocapnica.

Dott. Paolo Campra info@emsc.it Dottore in Scienze Motorie Membro Attivo del Comitato Scientifico EMSC Cesare Missiroli info@cesaremissiroli.it Massofisioterapista Membro Attivo del Comitato Scientifico EMSC

Abstract: Tesi di Laurea in Scienze Motorie Specialistica con indirizzo Attività motorie Preventive ed Adattative Discussione 110 e Lode con Tesi detta “degna di pubblicazione” EURO MEDICAL SPORT CENTER SRL Sede legale: Corso Italia, 43. 20025 Legnano MI R.E.A.: 1678027 Partita IVA: 03477580967 www.emsc.it info@emsc.it

LA GINNASTICA RESPIRATORIA IN IPERPNEA ISOCAPNICA - RACHIDE  

LA GINNASTICA RESPIRATORIA IN IPERPNEA ISOCAPNICA, METODO SPIROTIGER®, NEL TRATTAMENTO DI PROBLEMATICHE DEL RACHIDE

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you