Page 1

il magazine di emporioadv | numerouno | annoduemila→14

FOCUS IMPRESA

L’INCOSCIENZA DI GUARDARE SEMPRE OLTRE. THE “IN” ROOM

CREATIVITÀ TRA IN-FLUENZE E IN-VENZIONE. EVERYDAY DIGITAL

IL FUTURO È PIENO DI OPPORTUNITÀ. SELTZ P.R.

L’UFFICIO STAMPA NON SI FERMA MAI.

NEI PROSSIMI 10 ANNI, 1 MILIARDO E MEZZO DI PERSONE NEL MONDO AUMENTERÀ IL PROPRIO POTERE D’ACQUISTO. LE AZIENDE DEVONO FARSI TROVARE PRONTE: BRAND IDENTITY, MARKETING E INTERNAZIONALIZZAZIONE. ECCO LE SFIDE.

e m p o r i o a d v.i t


ADV in action Cliente: Banca Ifis Campagna istituzionale settore bancario.


Editoriale

caro lettore, benvenuto nella nostra branding boutique

il magazine di emporioadv | numerouno | annoduemila→14

FOCUS IMPRESA

L’INCOSCIENZA DI GUARDARE SEMPRE OLTRE. THE “IN” ROOM

CREATIVITÀ TRA IN-FLUENZE E IN-VENZIONE. EVERYDAY DIGITAL

IL FUTURO È PIENO DI OPPORTUNITÀ. SELTZ P.R.

L’UFFICIO STAMPA NON SI FERMA MAI.

NEI PROSSIMI 10 ANNI, 1 MILIARDO E MEZZO DI PERSONE NEL MONDO AUMENTERÀ IL PROPRIO POTERE D’ACQUISTO. LE AZIENDE DEVONO FARSI TROVARE PRONTE: BRAND IDENTITY, MARKETING E INTERNAZIONALIZZAZIONE. ECCO LE SFIDE.

e m p o r i o a d v.i t

"Un magazine cartaceo oggi potrebbe sembrare una scelta azzardata. Al contrario, è una scelta consapevole e ragionata".

In un mondo dell’impresa e della comunicazione sempre più frammentato, frenetico e specializzato, il rischio di perdere di vista “the big picture” è più che reale. Così come, in un contesto socio-economico come quello attuale, è facile trascurare la prospettiva di lungo periodo. Analisi recenti però ci dicono che nei prossimi 10 anni, circa 1 miliardo e mezzo di persone aumenterà il proprio potere d’acquisto. Le aziende di tutti i settori quindi, e in particolare food, fashion e beni di lusso, dovranno farsi trovare preparate: da qui lo spunto per il nostro slogan “Wake up!”. Saper comunicare il proprio Brand, consolidare le attività di marketing e internazionalizzare saranno temi imprescindibili. Noi di Emporio ADV ci siamo, pronti a dare un contributo importante, con la passione di sempre. Per farlo abbiamo deciso di andare controcorrente: ripartendo dalla consulenza, dalle persone, dalla cura dei dettagli, dai valori di un tempo vissuti con occhi contemporanei. Cerchiamo stimoli nuovi, più forti della crisi da cui stiamo uscendo e con la fiducia nelle opportunità che abbiamo di fronte ogni giorno. Siamo lungimiranti, coraggiosi. Ai giovani imprenditori diciamo di non avere paura, di lasciare spazio all’istinto, di investire nella formazione e nei progetti di qualità. Il magazine che stai sfogliando è la dimostrazione di questo approccio: uno strumento cartaceo oggi potrebbe sembrare una scelta azzardata. Al contrario, è una scelta consapevole e ragionata. È un modo per darsi la mano, anche a distanza. Il digitale è entrato nel nostro cuore: è una pulsazione costante e attenta alle evoluzioni tecnologiche, ma la volontà resta quella di instaurare un rapporto caldo e personale, che continui anche quando si abbassa lo schermo. E continuando la lettura potrai dare la mano a tutti i professionisti che, ogni giorno, mettono a disposizione dei nostri Clienti competenze eccellenti. Abbiamo raccolto i loro punti di vista, nati dall’esperienza nel settore e con la visione dell’Emporio ADV del futuro. Questo numero 1 di MADGAZINE è dedicato proprio a loro - le persone che sono la mente, la creatività e il saper fare dell’agenzia. È attraverso di loro, e con loro, che siamo cresciuti. Vogliamo raccontare la storia di tante sfide, difficoltà affrontate e successi raggiunti, momenti unici che oltre a noi hanno coinvolto altre persone e intere aziende. Per questo i numeri successivi saranno dedicati ai Clienti e al lavoro che Emporio ADV ha svolto per il loro Brand: approfondimenti monografici ricchi di insight strategici, esplosioni creative e ricordi indimenticabili. Grazie per l’attenzione e buona lettura! Enrico Accettola Presidente Emporio ADV

01


SOMMARIO

01

EDITORIALE

di Enrico Accettola

04

L'INCOSCIENZA DI GUARDARE SEMPRE OLTRE

di Enrico Accettola

34

I NOSTRI SERVIZI: UN PANORAMA DI SCELTE PER INDIVIDUARE IL PERCORSO PIÙ ADATTO

di Eleonora D’Alessandri

di Sara Puntel

UN PO’ COMPOSITORE, UN PO’ DIRETTORE D’ORCHESTRA. SOPRATTUTTO PSICOTERAPEUTA

di Marco Finoia

40

di Arianna Reguzzoni

52

04 I NOSTRI UFFICI

52

LA QUALITà della comunicazione genera comunicazione di qualità

08

SPECIALE GRAPHIC DESIGN

40

THE “IN" ROOM: CREATIVITà tra in-fluenze e in-venzione

56

#01|2014

42

IL MARKETING IN 3 PAROLE di Antonello Garzoni e Filippo Girardi

58

BRAND IDENTITY di Marco Schiavi

SFOGLIARE UN’IDEA di Riccardo Casarotto

46

per crescere serve una consulenza su misura

di Riccardo Belli e Anna Rita Turcone

08 18

GLI AUTORI

26

COSA CI DISTINGUE? QUELLO CHE ABBIAMO IN COMUNE

di Enrico De Giorgio

28

UNA STORIA CON TANTI TO BE CONTINUED

di Ralph Bathish

32

02

SE LA CREATIVITà NON BASTA PIù di Enrico De Giorgio

46

58

48

IL CO-MARKETING: CREARE RETI DI ECCELLENZA

di Andrea Boldrini

60

EMISFERO SINISTRO O EMISFERO DESTRO

di Gabriele Pastorutti

62

LA SFIDA DELLE IMMAGINI

50

I CustodI della qualità di Jasmin Angeli

di Marco Scapin


DIGITAL: 66 EVERYDAY IL FUTURO è PIENO DI OPPORTUNITà

70 idee troppo grandi per stare in uno schermo

di Massimo Tulisso

72

WEB DESIGN AL FEMMINILE

di Tiziana D’Izzia

75

PENSIERI IN MOBILITà di Michele Biasizzo

75 80

LA VITA è là fuori

di Chiara Bertolo

90

L’UFFICIO STAMPA NON SI FERMA MAI

di Silvia Marconi

di Niccolò Zamborlini

66

82

90

92

PER OGNI PUBBLICO IL MESSAGGIO CORRETTO

di Anna Romanin

94

L’IMPORTANTE è CHE SE NE PARLI? SI PUò FARE DI MEGLIO!

di Elena Cappellari

97

CEO HERO!

di Michela Bernardo

98

fare lobbyIng? Portare in alto la tua voce

di Mirco Mastrorosa

Hanno collaborato a questo numero Jasmin Angeli, Ralph Bathish, Valentina Bearzi, Riccardo Belli, Michela Bernardo, Chiara Bertolo, Michele Biasizzo, Andrea Boldrini, Elena Cappellari, Riccardo Casarotto, Luca Comino, Eleonora D'Alessandri, Enrico De Giorgio, Tiziana D'Izzia, Marco Finoia, Cristina Gallini, Antonello Garzoni, Filippo Girardi, Silvia Marconi, Mirco Mastrorosa, Gabriele Pastorutti, Sara Puntel, Arianna Reguzzoni, Anna Romanin, Marco Scapin, Marco Schiavi, Simone Tosi, Massimo Tulisso, Anna Rita Turcone, Niccolò Zamborlini SEGRETERIA DI REDAZIONE info@emporioadv.it STAMPA Luce S.r.l.

LEGENDA EMPORIO ADV WORLD COMMUNICATION MARKETING

ON AIR: SOCIAL MEDIA 100 ALWAYS E CONTENT MANAGEMENT?

CHIAMATELO “ARTE DI ARRIVARE ALLE PERSONE”

di Valentina Bearzi

SPECIAL PROJECT: IL FRIULI VENEZIA GIULIA SPICCA IL VOLO CON ALITALIA

di Sara Puntel

COSA CHE NON CAMBIA MAI? 103 L'UNICA IL CAMBIAMENTO di Luca Comino

GRAPHIC DESIGN WEB & DIGITAL PRESS OFFICE & P.R. SOCIAL MEDIA VIDEO PRODUCTION

ASSISTANT: 104 OFFICE I DETTAGLI IN PRIMO PIANO

80

di Cristina Gallini

106

IL FASCINO DISCRETO DEI NUMERI

PROJECTS EVENTI ADMINISTRATION & MANAGEMENT

di Simone Tosi

03


l'INCOSCIENZA di GUARDARE SEMPRE OLTRE Da studio grafico con forti radici nel Nord-Est a pulsante realtà impegnata nella branding consultancy a 360° sul territorio nazionale e non solo. La storia di Emporio ADV ha il sapore del coraggio, la forza delle buone idee, il valore delle imprese migliori. Ed è l’esempio, soprattutto per i giovani, che prendere in mano il proprio destino e fare impresa e innovazione è ancora possibile. Anche in Italia. Ogni giorno, entrando in Emporio ADV respiro l'energia positiva, viva e palpabile, che mi proietta ancora avanti con la stessa passione dei miei esordi da imprenditore. La stessa vibrante emozione, per ogni obiettivo raggiunto con impegno e fatica, la riconosco nei volti dei collaboratori che hanno vissuto

"la cosa più importante, quella davvero decisiva, è avere la forza di rimanere fedeli fino in fondo alla propria visione". con me la crescita dell’Agenzia, che oggi si mescolano ad un numero sempre crescente di volti nuovi. I professionisti che Emporio ADV ha saputo attrarre nel corso degli anni – di cui sono particolarmente orgoglioso – hanno in comune una caratteristica rara: l’eccellenza, professionale e umana che ci ha fatti crescere e migliorare nel tempo. L'Emporio ADV, che ho fondato da solo a 25 anni, era molto diversa dall’agenzia di consulenza e comunicazione integrata che oggi lavora con oltre 60 clienti dalla sede di Udine, dagli uffici di Milano e a breve anche di Roma.

04

Quando i sogni si uniscono al coraggio, alla determinazione, agli obiettivi giusti, le imprese funzionano. Emporio ADV crede nell’Italia che vuole ricominciare a correre. di Enrico Accettola

Essere un imprenditore di prima generazione significa avere sogni, piedi per terra e molto coraggio per affrontare ostacoli e risolvere problemi, senza avere il manuale d'istruzioni con le risposte giuste. Significa anche dover partire con poco o nulla. Per questo la cosa più importante, quella davvero decisiva, è avere la forza di rimanere fedeli fino in fondo alla propria visione. Perché la durezza della realtà, per chi la sa affrontare con creatività e flessibilità, può essere stemperata. Come dice la citazione di George Bernard Shaw: «Certi uomini vedono le cose come sono e dicono: “perché?” Io sogno cose mai esistite e dico “perché no?”». Fin dall’inizio, quindi, tra le curve del DNA di Emporio ADV c’è stata la capacità di vedere oltre, interpretare le esigenze del mercato, a volte assorbendone le istanze più innovative e spesso anticipandole. Di questa identità in continua crescita e mutazione sono testimonianza, ad esempio, la unit dedicata al digital, o la firma Seltz, che ampliano il concetto stesso di P.R. e ufficio stampa contaminando strumenti tradizionali e social network. Certo, talvolta realizzare le proprie aspirazioni non è facile: ci vuole molta costanza, determinazione, fedeltà alle proprie idee e fiducia nelle proprie risorse. Il messaggio che voglio rivolgere, soprattutto ai più giovani, è di non abbandonare i propri desideri profondi senza aver cercato di fare il possibile per realizzarli.


MISSION & PHILOSOPHY

"

Certi uomini vedono le cose come sono e dicono: "Perché?"

"

Io sogno cose mai esistite e dico: "Perché no?" George Bernard Shaw

05


positivo e vivace, il talento si esprime e i risultati migliorano. E questo, in fondo, è un vantaggio per i nostri Clienti. La vita è fatta di prove, riflessioni, accelerazioni, colpi di fortuna, ma i grandi sogni sono più forti di ogni crisi. Io in prima persona e il gruppo di professionisti che mi accompagna in questa avventura ne siamo convinti. "IL MESSAGGIO CHE voglio rivolgere, Per questo penso che Emporio ADV soprattutto ai più giovani, è di non si fermerà non abbandonare i propri desideri qui. La passione, l'impegno, la profondi senza aver cercato di fare il determinazione possibile per realizzarli". ci aiuteranno a realizzare i nuovi progetti che già hanno preso forma – prima migliori. Noi abbiamo continuato ancora che nella testa – nel a credere nella validità delle nostro cuore. nostre idee creando per prima cosa uno spazio bello e funzionale dove sentirsi bene. In un ambiente piacevole, solidale, La nuova sede di Emporio ADV, ispirata ai criteri del wellness work è sorta negli anni in cui le cose in Italia hanno cominciato a funzionare un po’ meno bene, quando - comprensibilmente - in molti hanno preferito attendere, muoversi con cautela, affidarsi alle certezze e attendere tempi


ADV in action Cliente: ITP Biomedical Company Campagna istituzionale.


08


LA SEDE

Il nostro non è un lavoro normale e quindi non si può svolgere al meglio in un luogo normale. Gli uffici di un’agenzia di comunicazione sono un ecosistema delicato, all’interno del quale deve crescere e moltiplicarsi la più strana delle specie: quella delle idee.

di Sara Puntel

I NOSTRI UFFICI 09


Postazioni lavoro realizzate in legno e cemento per il wellness work Abbiamo immaginato un ecosistema dedicato, adatto a coltivare e dare forma alla più strana delle specie, quella delle idee. E lo abbiamo realizzato: è il nuovo ambiente che dal 2009 ospita Emporio ADV e i suoi collaboratori. I locali sono progettati per supportare e agevolare la vita d’agenzia, con particolare attenzione alla sostenibilità ambientale e alle innovazioni in tema di tecnologia dei materiali (dall’areazione al progetto illuminotecnico, fino all’installazione di pannelli fonoassorbenti e di sistemi di alimentazione fotovoltaica).

10


Il piano terra è progettato con una dominanza di colori scuri e un’illuminazione ottimizzata per non affaticare la vista e per la corretta visualizzazione delle immagini a schermo. 11


La struttura è totalmente autosufficiente, grazie all'impianto fotovoltaico da 100 KWatt. è dotata di un sistema di ventilazione industriale calibrato che permette il ricambio completo dell'aria ogni ora.

12


Il piano terra: dove i progetti prendono vita Nel piano terra si intrecciano il lavoro e le esperienze di copywriter, grafici e art director, programmatori e web designer, reparto produzione e acquisti; è il capolinea della strategia di comunicazione, dove i progetti prendono vita. In questo ambiente contemporaneo, dove legno e cemento sono i protagonisti strutturali, si dispiegano le diverse aree di competenza, ognuna caratterizzata per configurazione, cromia e funzione. Il piano terra si completa con gli spazi comuni disegnati per adempiere con flessibilità alle esigenze di aggregazione (area food, area fitness e relax, biblioteca) e rappresentanza, grazie a un’area accoglienza dedicata, a locali predisposti all’organizzazione di workshop e a sale riunioni in cui incontrare clienti e collaboratori.

PIANO TERRA shower area area smoking food area

caffè area relax

biblioteca

area mockup web space area stampa area grafici

direttore creativo

acquisti e produzione copywriting

13


PIANO SUPERIORE

sala posa

toilette sala server archivio

sala riunioni

lounge bar

ufficio stampa ricerca e sviluppo

area verde

account

account

14

marketing area lettura


Il piano superiore: un openspace per condividere esperienze e progetti DI CONSULENZA Con i suoi colori brillanti e una differente organizzazione dello spazio, il piano superiore ospita l'area accounting, il team dedicato a press office, digital P.R. e marketing.

Qui trova spazio anche la principale sala riunioni della struttura, un ampio locale con angolo bar in grado di ospitare 20 persone, dotandole del supporto tecnologico e dei comfort necessari a un confronto sereno e produttivo.

15


shower area area smoking food area

caffè area relax

AREA RELAX

Area relax e spazi comuni attrezzati per i momenti conviviali E PER TENERSI IN FORMA

Scopri di piĂš su www.emporioadv.it

16

Il segreto per essere sempre sul pezzo? Saper staccare. Un lavoro come il nostro ha bisogno di confronto, freschezza, risate. Spesso è proprio quando si sta facendo tutt'altro - una corsa, una partita di calcetto, un pranzo fra colleghi che sono anche amici - che l'idea

creativa vincente o un fondamentale dettaglio strategico si materializzano davanti agli occhi. La struttura di Emporio ADV comprende quindi anche una cucina e aree palestra e relax, per trasformare la giornata di lavoro in un'esperienza completa, gratificante e, soprattutto, fruttuosa.


ADV in action Cliente: Reggiani Campagna di prodotto settore illuminotecnica.

ADV splyt_LuxMagazine210x280.indd 1

14/03/14 1


gli autori 18

enrico accettola Imprenditore di prima generazione, con intuito e capacità organizzativa Enrico è riuscito a trasformare un’attività di brokeraggio nel settore della carta stampata in un’officina di comunicazione integrata: è lui il fondatore e Presidente di Emporio ADV. Un percorso che racconta la sua versatilità personale e il dinamismo imprenditoriale, testimoniato dai successi recenti e dalle sfide in cui tutt’oggi si cimenta con incarichi di rilevanza in aziende di settori diversi, coinvolgendo circa un centinaio tra collaboratori e dipendenti. Tra queste è socio fondatore e Vice Presidente del Supervisory Board di ITP Biomedical Company, da anni leader nel mercato dell’Est Europa nella produzione e distribuzione di macchinari e laser per la microchirurgia estetica, cosmetici e filler, e oggi presente anche in Italia con una società controllata di cui Enrico è Presidente. Nel 2011 fonda BBang, azienda nel mondo del vino e dell’arredamento, con prodotti modulari e componibili a brand Cavò, patent pending internazionale, di recente capace di guadagnarsi una Menzione d’Onore da parte del Compasso d’Oro ADI, “il più antico e autorevole premio mondiale di design”. Dal 2007 socio e investitore di Card Tech, azienda lungimirante che per prima al mondo ha brevettato una carta di credito protetta con riconoscimento dell’impronta digitale. Queste alcune delle attività che hanno reso Enrico una voce fresca e rilevante nel panorama imprenditoriale italiano e gli hanno visto assegnare il Premio al Lavoro come Miglior Giovane Imprenditore 2008 dalla CCIAA. Importante il suo percorso anche all’interno dell’associazione di categoria, per 10 anni come componente del Gruppo Giovani Imprenditori di Udine, e poi per due mandati come Presidente della territoriale e Vice Presidente di Confindustria Udine. Evoluzione che si è concretizzata a livello nazionale, come Membro del Consiglio di Presidenza Nazionale con l’incarico di Direttore della testata Quale Impresa. A completare il quadro l’attività di giornalista, e la firma del primo glossario di comunicazione e marketing “Vi mostriamo la lingua”, edito da Lupetti. Recentemente Enrico è entrato a far parte di IAG, la maggiore e più antica associazione italiana di business angel, e sempre motivato dalla volontà di mettersi in gioco e dall’instancabile voglia di imparare, frequenta oggi un Master Executive presso la SDA Bocconi di Milano.


EMPORIO PEOPLE

enrico de giorgio Una formazione dal taglio economico-politico conclusa con un MBA, e un’esperienza trasversale nel mondo della cosmetica e del food&beverage, caratterizzano il suo bagaglio di competenze, culturali e professionali. La sua indole diplomatica, l’ottima capacità organizzativa, il consenso che ottiene dai clienti con cui si rapporta dal 2005, anno del suo arrivo in Emporio ADV, gli hanno aggiudicato il ruolo di Sales Manager. Nel suo curriculum progetti importanti con Gruppo Banca Ifis, Gruppo Zignago, Tuvia, Venezia Terminal Passeggeri, Presotto, Ansaldo, Eraclit, Eurocar, Estenergy, Santa Margherita.

sara puntel

Finance and Administration Manager e membro del board direttivo, in Emporio ADV assicura efficacia nella pianificazione finanziaria e strategica. Responsabile del budget management, cura gli affari legali e societari e gestisce i rapporti con enti, istituzioni, banche e fondazioni. Eclettica negli interessi, è project leader di iniziative speciali con clienti quali Turismo FVG. Appassionata di qualsiasi disciplina sportiva, dal mondo dello sport, che segue anche come giornalista, ha mutuato determinazione, entusiasmo, grinta e costanza. Per lei il lavoro è una partita sempre tutta da giocare.

ralph bathish Quarant'anni d'esperienza, cresciuto professionalmente a Milano e con un passato da imprenditore nel settore della comunicazione, ha sviluppato progetti per Alfa Romeo, Wilkinson, Simmenthal, Editoriale L'Espresso e Abitare. Autentico fuoriclasse nella gestione dei rapporti fra cliente e agenzia, collabora da molti anni con Emporio ADV come Client Consultant. Nel suo curriculum più recente i nomi di aziende importanti come Glass, Reggiani, Sabelli, Pilosio e Acqua&Sapone.

riccardo belli La sua formazione inizia a Milano dove, dopo l’esperienza universitaria in giurisprudenza, inizia a lavorare come responsabile commerciale per il gruppo editoriale Vivicittà Milano. A seguire, tanti anni di lavoro nel settore della comunicazione con clienti come Fiat, Giorgio Armani, Morellato, Reebok ed RCS e come gestore di diritti di immagine di personaggi come Danilo Gallinari e Marco Materazzi. Oggi collabora come Client Consultant di Emporio ADV, dando un contributo importante nei progetti per clienti come Allianz Bank, Manpower Group Italia e Beni Stabili.

40

I COLLABORATORI DELL'AGENZIA

19


antonello garzoni Ricerca, consulenza direzionale e docenza: esplora il campo della pianificazione strategica e dell’imprenditorialità con tutti gli strumenti che la sua esperienza gli mette a disposizione. Un’esperienza autorevole, testimoniata dai corsi che tiene presso l’Università Commerciale Luigi Bocconi, dove si occupa anche di formazione manageriale, e dalla qualifica di professore ordinario di Economia Aziendale all’Università Lum Jean Monnet. Ha collaborato con realtà importanti quali Alitalia, Epta Refrigeration, Pilosio, Malteurop Italy. È Senior Marketing Consultant di Emporio ADV.

filippo girardi Laurea Magistrale in Relazioni Pubbliche d’Impresa, ha coltivato esperienze molteplici nella comunicazione, nella scrittura e nella creatività. Prima come communication manager e docente, poi come consulente di marketing e comunicazione, ha collaborato con diverse realtà aziendali nei settori arredamento, food, immobiliare, tecnologia e arte contemporanea. Multitasking alla radice, in Emporio ADV continua il suo percorso con il ruolo di Marketing Account seguendo da vicino le strategie di marketing e comunicazione e la creatività per clienti quali Acqua&Sapone, Presotto, Imer Group, ITP Biomedical Company, Eurowood e Sediarreda.

arianna reguzzoni Laureata in Lingue, un percorso professionale iniziato a Milano dove collabora con alcune startup e con importanti agenzie internazionali di advertising e P.R. per progetti di co-marketing, organizzazione di eventi e sponsorizzazioni sviluppati per brand come Alessi, Illy, Che Banca!, Samsung, RCS, Pernod Ricard, The European House - Ambrosetti e Sud Tirol. Curiosa di natura, ha una particolare propensione verso la tecnologia, e un forte interesse verso la psicologia del benessere. Oggi è in Emporio ADV con il ruolo di Marketing Assistant, impegnata nell'ottimizzazione della comunicazione interna e nell'ambiziosa crescita della start-up Cavò.

anna rita turcone Si laurea in Psicologia della Comunicazione a Milano, consegue un master alla Business School del Sole 24 Ore e lavora fin da subito con clienti del calibro di Unilever, Unicredit Banca, Salmoiraghi & Viganò con cui si aggiudica nel 2004 il Brand Identity GrandPrix. Dopo una parentesi friulana di 4 anni, a Udine, tornata nel capoluogo lombardo si unisce alla sede milanese di Emporio ADV come Account per seguire clienti quali Allianz Bank, Manpower Group Italia, Beni Stabili e Reggiani.

andrea boldrini Si forma a Trieste nelle facoltà di Economia e di Comunicazione e Pubblicità. Dopo gli studi seguono alcuni anni nel settore immobiliare e l’attività di P.R. in una società energetica, in cui mette a fuoco il suo interesse primario: i clienti. Dotato di ottime capacità relazionali, e impegnato costantemente a generare networking tra le realtà d’impresa con cui si confronta, collabora con Emporio ADV come New Business Account. Find us on Linkedin

20


silvia marconi Dopo la formazione in Relazioni Pubbliche all’Università IULM, ha vissuto importanti esperienze professionali sia in agenzia sia in azienda, sempre immersa in progetti di marketing e comunicazione. Parigi, Londra, Budapest, Colonia, Amsterdam e Vienna, il lavoro le ha fatto girare l’Europa, occupata soprattutto con clienti nei settori arredamento, occhialeria e lusso. Pragmatica e organizzativa, è oggi Press Office & P.R. Coordinator di Emporio ADV, dove si occupa in prima persona di clienti quali, Manpower Group Italia, Turismo FVG e Presotto.

mirco mastrorosa Cultura raffinata, stile eclettico e profilo umanistico, profonda esperienza in P.R. & Press Office. Giornalista, Mirco ha al suo attivo numerose collaborazioni con testate nazionali e internazionali su temi economici, politici e culturali. Collabora con Emporio ADV come P.R. Consultant occupandosi di espansione commerciale, lobbying e relazioni istituzionali ai massimi livelli.

michela bernardo Milanese d'origine e friulana d'adozione. Studi classici completati da formazione nel mondo della comunicazione, sempre con occhio speciale al mondo della musica e delle radio. Esperienze importanti in agenzie milanesi in ambito ufficio stampa nei settori turismo, lusso e lifestyle, con la gestione di clienti internazionali quali lastminute.com, Expedia.it, e Tourism Australia e il coordinamento di progetti editoriali per il mercato australiano. Continua il suo percorso in Emporio ADV, come Press Office & P.R., con clienti quali Reggiani e ITP Biomedical Company.

elena cappellari Studi classici, Laurea in Relazioni Pubbliche, è giornalista pubblicista dal 2010. Appassionata di arte, architettura e danza, è stata assistente curatrice di diverse mostre internazionali, per poi consolidare la sua professionalità in ambito di eventi, corporate communication e ufficio stampa. Con una solida esperienza nel settore arredamento e una spiccata attitudine al mondo del design, è da anni importante nel team di Emporio ADV, dove ha curato l'ufficio stampa di clienti quali Tonon, Doimo Sofas, Midj e Presotto. Oggi continua a occuparsi di Press Office & P.R. collaborando con diverse realtà del settore e interagendo con i media di tutto il mondo.

anna romanin Giornalista pubblicista di formazione umanistica, Anna è a proprio agio negli ambiti P.R. e ufficio stampa. Dagli esordi professionali con il Comune di Venezia, ha ereditato una forte passione per il turismo che si è trasformata in know how dopo quasi vent'anni di esperienza sul campo nella comunicazione istituzionale e privata. È oggi parte integrante della sezione Press Office & P.R. di Emporio ADV dove segue diversi clienti tra cui Sabelli, Nanto Cleantech e Cavò.

valentina bearzi Laurea Magistrale in Comunicazione d'Impresa, è giornalista pubblicista dal 2009 e nel 2011 ha vinto il Premio Simona Cigana per la categoria giornalismo d'inchiesta. Diverse le collaborazioni passate con testate e televisioni locali, dopo un periodo formativo in Brasile nel periodo 2006-2007. È tutt’oggi giornalista televisiva per Udinese Channel. Membro fondamentale del team Press Office & P.R. di Emporio ADV, affianca clienti come Thermokey, Tuvia, e Turismo FVG.

21


marco finoia marco schiavi Una carriera intensa nel mondo della creatività, articolata in un percorso di studi di matrice artistica e in tre lustri di vita lavorativa. Nella sua lunga pratica ha ricoperto diversi incarichi, passando con successo dalla fotografia alla tipografia, dall’editoria alla grafica applicata, dalla comunicazione below a quella above the line. Dal 2004 è Art Director di Emporio ADV, dove ha sviluppato numerosi progetti e campagne tra le quali quelle per Acqua&Sapone, Confindustria, Cda e Gruppo Banca Ifis.

Esperienza e competenza ventennale in tutto ciò che è il mondo dell’immagine. Forte di una lunga parentesi romana, dove ha annoverato clienti del calibro di RAI, Alitalia e Federazione Italiana Vela, ha successivamente rivestito il ruolo di docente per poi tornare, negli anni Novanta, alle agenzie di comunicazione. In Emporio ADV dal 2002 con il ruolo di Creative Director. Ha ricevuto, per il concept book Symbiosis (cliente Beni Stabili), il Premio Agorà d’Argento Nazionale 2014, per la sezione premi speciali - categoria miglior immagine aziendale.

luca comino

Luca collabora come Copywriter con Emporio ADV, cercando di mettere a frutto oltre 10 anni di esperienza maturata in alcune delle più importanti agenzie italiane. Dal 2011 al 2013 è stato Client Creative Director in Ogilvy&Mather Milano, sviluppando complessi progetti integrati per clienti come Ferrero, Timberland, Nestlé, Wind. Ha servito come giurato in concorsi italiani (ADCI) e internazionali (Eurobest Amsterdam 2009) ed è docente di Metodologia Progettuale della Comunicazione Visiva allo IED di Milano. Tra i riconoscimenti ottenuti: Oro, Argento, Bronzo ADCI, Primo e Secondo Premio NC Awards, Best Campaign of The Year categoria Brand Entertainment agli Interactive Key Awards 2014.

gabriele pastorutti Elevata professionalità, altissima precisione, grande passione. Un percorso formativo artistico e quindici anni di esperienza nel settore della comunicazione caratterizzano il suo profilo professionale. Tra i tanti i progetti realizzati negli anni spiccano quelli per Chiampesan Gioielli, Casinò di Venezia, Electrolux Professional, Albatros/Revita. In Emporio ADV dal 2005 come Graphic Designer, ha firmato diversi progetti tra cui quelli per Pilosio, Venezia Terminal Passeggeri e Reggiani.

riccardo casarotto Una formazione scientifica che ha poi lasciato spazio all’indole creativa e alla passione per il graphic design nel percorso professionale. Giovane talento dai tanti interessi che spaziano tra musica e fotografia, in Emporio ADV con il ruolo di Junior Graphic Designer ha collaborato a progetti importanti per clienti quali Confindustria, Manpower Group Italia, Tuvia ed ERSA.

marco scapin Giovane e creativo, sempre aggiornato sulle nuove tendenze e le novità nei vari ambiti della comunicazione on e offline, dopo una formazione artistica ha proseguito il percorso creativo anche nella professione, per essere oggi Junior Graphic Designer in Emporio ADV. Tra le più recenti, le collaborazioni a progetti per Acqua&Sapone, Presotto e Beni Stabili.

22


OLTRE 60 I CLIENTI ATTIVI IN ITALIA E ALL'ESTERO

niccolò zamborlini Formazione in Tecnologie Web e Multimediali, conoscitore del mondo web marketing e della progettazione di soluzioni internet, ha da sempre una decisa predisposizione per digital, social media e programmazione, cosa che lo porta ad aggiornarsi costantemente nelle nuove tecnologie. Il suo motto: where will we web? Propositivo e pragmatico, è oggi Programmer Analyst in Emporio ADV dove sta collaborando alla realizzazione del progetto C-ON, in sinergia con IBM e Confindustria, e allo sviluppo della rete Intranet di Manpower Group Italia.

massimo tulisso Studente allo IED di Milano, dopo essere cresciuto tra Africa e Sud America, al rientro in Italia è stato “rapito” dalla programmazione al servizio dell’interattività. Specializzato in 3D, Flash e ActionScript, con numerose esperienze nel settore, è diventato un maestro degli effetti speciali per arrivare a occuparsi di Flash Development in Emporio ADV. Con creatività e competenze tecniche ha elaborato diversi progetti video per Confindustria.

tiziana d'izzia L’architettura in evoluzione: partita dalla Sicilia per inseguire un sogno, studia disegno industriale a Roma poi si sposta a Milano per approfondire l'interior design presso uno studio di architettura. Cambiando radicalmente rotta scopre la passione per il web e si dedica alla grafica con le attenzioni e l’amore di una vera professionista dell'arte digitale. È oggi Web Designer in Emporio ADV dove ha realizzato numerosi progetti tra cui quelli per Confindustria, Manpower Group Italia e Bakel.

michele biasizzo Spirito da insegnante e profilo da comunicatore lo rendono poliedrico e capace di affrontare ogni situazione nel modo più corretto. Con alle spalle esperienze di informatica, gestione database, backoffice e analisi di dati, coltiva da sempre la passione per la programmazione, riuscendo anche a trovare spazio per la musica. In Emporio ADV si occupa di Programmer Analysis, e ha collaborato allo sviluppo di progetti importanti per Confindustria, Tuvia, Bomi Group e Croatto.

Find us on Linkedin

23


300

GLI anni COMPLESSIVI

DI ESPERIENZA DEI COLLABORATORI

jasmin angeli È indubbiamente la comunicazione il filo conduttore del suo background, con oltre dieci anni di esperienza presso importanti agenzie di advertising e P.R., coinvolta in progetti nei settori dell’arredamento, bancario e dell’abbigliamento. Curiosa e carismatica, capace di lavorare in team e di instaurare rapporti di fiducia con i fornitori dei diversi prodotti e servizi quotidianamente indispensabili all’agenzia, in Emporio ADV è il punto di riferimento del reparto Purchase and Production.

chiara bertolo Giovane e brillante, dopo la Laurea Magistrale in Relazioni Pubbliche d'Impresa ha lavorato per il Gruppo Fantoni come Junior Communication & External Relations e poi come Responsabile Commerciale per la Baviera. In Emporio ADV con il ruolo di Assistant to the Chairman, si occupa anche degli eventi speciali creati dall’agenzia. Supporta infine lo sviluppo dei progetti editoriali realizzati per clienti importanti quali Confindustria (QualeImpresa), Manpower Group Italia (LinC) e la Camera di Commercio Svizzera in Italia (La Svizzera).

simone tosi Preciso e disponibile, segue vari aspetti a supporto dell'attività amministrativa come Administrative Assistant. Dal primo giorno che è entrato a far parte del team di Emporio ADV si è distinto perché sa accompagnare ogni suo intervento con determinazione e affrontare con un sorriso ogni imprevisto. Versatile e collaborativo, ama lavorare in team e per obiettivi migliorando costantemente il suo livello di performance. Immerso tra fogli di excel e anagrafiche del gestionale, si muove tra conti e fatture allenandosi per diventare il campione della partita doppia. 

cristina gallini

eleonora d’alessandri La Laurea Magistrale in Scienze della Comunicazione le apre giovanissima le porte di agenzie come Armando Testa a Torino e Pan Advertising a Roma, dove collabora a progetti per Telecom, TIM, Poste Italiane, Ford e Mazda Motors. In Emporio ADV dal 2004, conosce a fondo la storia di ogni cliente, riuscendo ad essere sempre fonte di nuove idee ed iniziative di crescita e sviluppo. Ha nel curriculum progetti con ERSA, Turismo FVG, SAVE, Udinese Calcio. Ricopre oggi il ruolo di Sales Assistant.

24

Da sempre interessata al mondo della grafica pubblicitaria e della fotografia, tanto da seguire un percorso di studi dedicato, in Emporio ADV svolge un’attività costante e preziosa per la gestione e l’ottimizzazione di tutto ciò che è logistica, facilitando i flussi di lavoro interni con la gentilezza e la disponibilità che tutti riscontrano quotidianamente. Accoglienza dei clienti, organizzazione degli uffici, è lei il punto di riferimento per tutta l’agenzia. Ricopre il ruolo di Office Assistant.


IL CALCIO SQUALIFICA IL RAZZISMO

ADV in action Cliente: Udinese Calcio Campagna contro il razzismo.

Udinese Calcio contro il razzismo.


cosa ci quello che distingue? abbiamo di Enrico De Giorgio

IN COMUNE

Qualche mese FA abbiamo dovuto Sviluppare la campagna self-promo di Emporio ADV... è un momento particolare per Un’agenzia!

26


COMMUNICATION

Le idee migliori nascono sempre dall’ascolto e dal confronto. Non esistono soluzioni standard, pacchetti preconfezionati o bacchette magiche nel marketing. O meglio: esistono, ma non funzionano davvero. Quello che ci vuole è un team di persone che ogni giorno si metta in gioco per il Cliente:

questo è possibile solo se alla base c’è una partnership forte. Una partnership con il cliente, certo, ma anche tra tutte le persone che frequentano i locali della nostra agenzia. L’impegno dei singoli è essenziale e da soli si può fare tanto: ma è quando il lavoro di gruppo funziona che si accende la scintilla che fa la differenza.

Quando ci si occupa di comunicazione, bisogna essere in grado di dimostrarlo in ogni momento e in ogni gesto. Non è da tutti: non basta essere eccellenti professionisti. Bisogna avere spiccate doti umane e relazionali. In fondo, quello che rende uniche le persone che lavorano in Emporio ADV è proprio ciò che hanno in comune. Ne facciamo esperienza nella vita di tutti i giorni: le relazioni che funzionano sono quelle in cui si dialoga molto e in cui si hanno interessi comuni. Il nostro interesse comune è il successo dei nostri clienti!

Quando ci si occupa di comunicazione, bisogna essere in grado di dimostrarlo in ogni momento e in ogni gesto. Bisogna essere eccellenti professionisti dalle spiccate doti umane e relazionali.

TI SEMBRA POCO? SI DICE CHE 21 GRAMMI SIA IL PESO DELL’ANIMA. NOI PENSIAMO CHE IL BRAND SIA L’ANIMA DI OGNI AZIENDA. Il brand è la risorsa più importante a tua disposizione. È il tuo volto, per farti conoscere e ricordare. È la tua voce, racconta il tuo percorso ai clienti di oggi e ai possibili partner di domani. Parla all’Italia, ma può farlo all’estero e in nuovi mercati. Il brand crea un valore aggiunto, bisogna prendersene cura. Noi di Emporio ADV lo facciamo ogni giorno, e ci mettiamo l’anima.

UDINE _Via M. Buonarroti 41 Loc. Feletto Umberto_33010 Tavagnacco (UD) MILANO _Via Borgogna 5_20122_Milano_(MI)

emporioadv.it - info@emporioadv.it seltzpr.it - info@seltzpr.it

La nostra selling proposition per il 2014? Fare branding mettendoci l’anima. Il brand è la risorsa più importante di un’azienda, ma spesso viene dato per scontato, perchè è difficile da localizzare e quantificare. Ma c’è e può fare la differenza. Quest’anno, abbiamo comunicato l’impegno e la passione di Emporio ADV per lo sviluppo del brand con una campagna semplice e profonda, con un titolo sorprendente che incuriosisce e invita alla lettura.

27


Una storia con tanti to be continued 2000

2003

EMPO RI O GR AF IC O

Ralph, tu collabori con Emporio ADV da molti anni, hai visto l’azienda crescere adattandosi ai cambiamenti del mercato e anche anticipandoli. Quali sono le attuali linee di tendenza? Emporio ADV nasce nel 2000... anno di cambiamento e svolta per eccellenza! Ma basta pensarci un attimo e ti

28

rendi conto che nel 2000 non c’era ancora YouTube. D’altra parte, la celebre frase “Content is king” fu pronunciata da Steve Jobs nel ’95... una profezia che solo oggi, grazie ai social network, si realizza compiutamente. Tutto è in costante evoluzione, ma proprio per questo una cosa rimane fondamentale: il valore della consulenza, la capacità di stare con il cliente.


COMMUNICATION

Da ieri ad oggi, evoluzione e percorso nei diversi settori.

di Ralph Bathish

Anche la tua consulenza per l'agenzia si sarà sicuramente evoluta. In che modo? Cosa possono aspettarsi i clienti da te? In Emporio ADV, il mio contributo è cresciuto in maniera naturale, con la crescita dell’agenzia. Ma mi piace ricordare che, professionalmente, io nasco come fotografo! E questo, oggi che mi occupo soprattutto di consulenza strategica nel rapporto con alcuni dei principali Clienti dell’agenzia, mi è molto utile per creare un ponte con la parte di lavoro creativo che, non dimentichiamolo, è quello che alla fine fa la differenza!

Non esiste un progetto che non abbia in sè una difficoltà specifica. Quando il tuo lavoro è trovare soluzioni, d’altronde, è proprio dai problemi che devi partire. Li metti a fuoco, formuli una soluzione strategica e trovi un modo creativo per attivarla. Ogni progetto diventa una sfida e ogni volta che porti a casa un risultato, beh, quello è un momento speciale. Quando una soluzione convince il cliente porti a casa una semplice vittoria. Ma ogni volta che il cliente si accorge che quella soluzione lo aiuta veramente nel suo lavoro quotidiano allora porti a casa una vera soddisfazione.

Vuoi condividere un ricordo che ti è particolarmente caro? Potrebbe essere un progetto di successo, un cliente speciale o, perchè no, una difficoltà superata.

2006

oggi

Non esiste un progetto che non abbia in sè una difficoltà specifica. Ogni progetto diventa una sfida e ogni volta che porti a casa un risultato, beh, quello è un momento speciale. Quando una soluzione convince il cliente porti a casa una semplice vittoria.

29


ADV in action Cliente: Cda Campagna istituzionale settore vending.

30

PAOLA 8:55

ANTONIO e PIERO 9:03

MARIO e AVV. ROSSI 10:10

FRANCESCA 11:45

CEO 15:00

GIAN 15:30


ANTONIO 16:50

GABRIELE 17:30

FRANCESCA 17:32

TOCCATE IL CIELO CON UN RITO. A casa, in ufficio, in fabbrica, in palestra o dovunque vi troviate, createvi sempre il vostro angolo di paradiso con i distributori CDA. Una pausa di assoluto relax per un buon caffè. Scegliete con gusto a seconda del momento. Noi ci siamo e vi offriamo un servizio completo pensato per una pausa solitaria o in compagnia.

Se cercate la qualitĂ , ricordatevi di mettere in agenda CDA.

www.cdacom.it - info@cdacom.it

C.D.A. di Cattelan srl - via degli Artigiani, 3 - 33030 Flumignano - Talmassons (UD) - Tel. 0432 766853 - Fax 0432 765863

31


COMMUNICATION

SE LA CREATIVITÀ nOn basta piÙ

di Enrico De Giorgio

In un business che vive di complessità crescenti, devi essere consulente e problem solver, interpretare gli scenari da un nuovo punto di vista. Il mondo dell’advertising ha da sempre riconsciuto un ruolo fondamentale ai grandi network internazionali. Negli anni però alcune agenzie indipendenti sono state in grado di ritagliarsi spazi rilevanti, ed oggi competono quotidianamente sugli account più prestigiosi. Questa è stata anche la crescita di Emporio ADV, con un percorso che racconta competenze e risorse strutturate per gestire progetti nazionali e internazionali ad alti livelli. Abbiamo sempre considerato imprescindibile la vicinanza al cliente, l’empatia, lo “human touch” in ogni tipo di rapporto. È questo che ci ha permesso di rassicurare le piccole e medie imprese, che sono lo scheletro economico del nostro paese, e che non guardano ai network internazionali come possibili interlocutori. Ma allo stesso tempo ci ha reso possibile consolidare collaborazioni importanti con clienti dimensionalmente più strutturati e con esigenze complesse, alla ricerca della medesima filosofia, che

hanno trovato in noi massima dedizione verso i loro progetti, solide competenze strategiche, capacità di analisi e problem solving. In un’epoca in cui il mercato evolve in fretta, credo che la creatività non possa più essere elemento unico e sufficiente a fare la differenza. Il mondo del business vive di complessità crescenti, e l’apprezzamento che ogni giorno riscontriamo da parte delle imprese premia la nostra capacità di essere consulenti ancor prima che creativi, costanti nella presenza e propositivi in fase progettuale, in grado di porci nel tempo come veri partner per gli imprenditori. Questo si concretizza in attività diverse, dall’essere al fianco dell’azienda che intraprende un processo di internazionalizzazione, al metterle a disposizione il nostro network di rapporti istituzionali e commerciali sviluppati in 15 anni di attività, perchè possa valutare opportunità nuove o collaterali al proprio business. Supportare nella gestione gli uffici marketing interni, gli agenti delle

reti vendita, i responsabili degli uffici acquisti, gli IT manager, riuscendo a esprimere punti di vista innovativi e interpretando le dinamiche aziendali da un altro punto di vista... questo è in sintesi il nostro valore aggiunto al giorno d’oggi. I cambiamenti dello scenario, dei mezzi di comunicazione stessi e delle piattaforme digitali obbliga tutti ad un cambio di marcia. Non solo stanno cambiando le regole del gioco, sta cambiando il gioco stesso, e noi vogliamo giocare da protagonisti. Non è semplice ottimismo: è una convinzione che scaturisce da una parte dalla soddisfazione che, come Direttore Clienti, rilevo nei responsabili della aziende e degli enti ai quali offriamo i nostri servizi integrati e, dall'altra, nel fatto che nessuno qui in Emporio ADV si sente appagato. Vogliamo continuare a crescere e abbiamo le competenze per farlo in modo organico.

Follow us on Facebook

32


33


WHAT WE DO

Scopri di più su www.emporioadv.it

I NOSTRI SERVIZI: UN PANORAMA DI SCELTE PER INDIVIDUARE IL PERCORSO PIÙ ADATTO di Eleonora D’Alessandri ogni obiettivo ha bisogno di strumenti specifici e noi siamo un’agenzia strutturata ricca di competenze: sempre in CERCA di soluzioni creative, personalizzate e concrete. Lavorare con clienti diversi ci obbliga a imboccare strade differenti per arrivare alla stessa meta: l’efficacia. Il business di un’agenzia di comunicazione, d’altronde, è il business delle aziende a cui offre la propria consulenza: esistono tante Emporio ADV quanti sono i nostri clienti. Ogni obiettivo ha bisogno di strumenti specifici e noi siamo un’agenzia strutturata ricca di competenze: sempre in vista di soluzioni allo stesso tempo creative, personalizzate e concrete. La nostra consulenza può partire dall’analisi dei mercati di interesse, dal posizionamento strategico, per concludersi con l’identificazione delle prospettive di internazionalizzazione.

34

Gli strumenti per imporsi con creatività all’attenzione dei potenziali consumatori sono numerosi e in continuo mutamento: una brand identity ricamata sull’azienda, advertising above e below the line, esperienze web interattive, applicazioni smartphone o interventi di guerrilla marketing. Il tutto con un’attenzione alla salvaguardia della brand reputation attraverso lo sviluppo di contenuti editoriali articolati, interventi di digital P.R. e crisis management o salvaguardia e strutturazione della CEO reputation.


1

MARKETING

C H E C K

U P

COMMUNICATION

2

BRAND IDENTITY

progetti editoriali

ABOVE THE LINE

Content editing

BELOW THE LINE

PIANIFICAZIONE MEDIA

pACKAGING

SPOT RADIO

35


3

DIGITAL

WEB SITE e portali

Realtà aumentata

E-COMMERCE

INTRANET

GESTIONALI

SEO & SEM

EMAIL MARKETING

MOBILE APPS

4

SOCIAL media PRESS OFFICE & P.R.

social media analysis social media strategy content management social media marketing social apps

PRESS OFFICE digital P.R. CEO REPUTATION CRISIS MANAGEMENT LOBBYING

5

CO-MARKETING

EVENTS

6

36

EVENTI AZIENDALI & SALES MEETING CONVEGNI E WORKSHOP EVENTI SPECIALI (CULTURA, SPORT, SPETTACOLO) FLASH MOB & GUERRILLA MARKETING


Siamo un’agenzia dinamica e lo dimostriamo affrontando con energia le nuove richieste del mercato, mantenendoci sempre aggiornati e cercando di prevedere cosa ser virà alle imprese di domani. Qualunque siano le esigenze, il cliente trova negli spazi di Emporio ADV il dialogo e l’ascolto necessario per affrontare con efficacia il mercato.

7

VIDEO VIDEO AZIENDALI VIDEO DI PRODOTTO MOTION GRAPHICS

PROJECTS PRODUCT DESIGN STAND CORNER PROMOZIONALI

8

VIDEO 3D INTERNET VIDEO MARKETING

FORMAT ALLESTIMENTO PUNTO VENDITA ARREDO D’INTERNI E SHOWROOM ARREDO SPAZI DIREZIONALI

PROduction RICERCA, SELEZIONE E GESTIONE FORNITORI SUPERVISIONE DEL PROCESSO PRODUTTIVO CONSULENZA PER L’INNOVAZIONE TECNICA DEI MATERIALI SERVIZI FOTOGRAFICI E ART DIRECTION

9

RENDERING REALIZZAZIONE ALLESTIMENTI RICERCA E CASTING HOSTESS, MODELLE, STEWART PER EVENTI

37


A

mmettiamo solo la perfezione

.

ADV in action Cliente: Fantinel Campagna istituzionale settore vitivinicolo.

Scegliamo solo gli esemplari migliori, accuratamente selezionati da cloni superiori. Coltiviamo i nostri giovani talenti nelle zone doc piÚ esclusive del Friuli, controllando i loro progressi giorno per giorno, fino alla vinificazione. Per noi, la qualità è di rigore dal 1969.

38


FOCUS:

FOTOGRAFIA ANALOGICA Effetto Instagram e mania vintage: la pellicola è più viva che mai.

È strano: nel momento esatto in cui le fotocamere dei cellulari hanno cominciato a scattare immagini decenti, la moda è diventata quella di degradarne la qualità per richiamare alla mente effetti ottenibili con le fotocamere low-cost del passato: Polaroid, Holga, Lomo e via dicendo. In controtendenza con il crollo dell'analogico dopo l'anno 2000 e complice anche la voglia di sperimentare una fotografia più d'élite in alcune nicchie, la pellicola sta riguadagnando negli ultimi tempi terreno, anche grazie alla passione di chi non ha smesso di crederci. Alla base di questo ritorno di fiamma della pellicola ci sono molte ragioni: la ricerca di soddisfazione e divertimento nell'atto stesso di scattare, la voglia di trovare qualcosa che si distingua dalla massa delle fotocamere digitali, un pizzico di sana voglia di élite. C'è la questione del rapporto fisico diretto e tattile con una foto stampata: di certo ogni foto digitale può anche essere stampata oltre che guardata a monitor, ma è un passaggio che avviene in molti casi di rado, mentre è obbligatorio per la pellicola. Con la pellicola arrivano alla stampa anche le foto brutte, venute male, ma che non vengono semplicemente cestinate con un click, ma entrano in contatto fisico con il fotografo lasciando una traccia più profonda di una fugace apparizione a display.

The camera illustrations are under the Creative Commons Attribution 3.0 Unported License. http://b.illbrown.com/

39


LA QUALITÀ DELLA COMUNICAZIONE di Arianna Reguzzoni

40


MARKETING

GENERA COMUNICAZIONE DI

QUALITÀ

Come agenzia di comunicazione, dobbiamo aiutare i clienti a raggiungere i loro obiettivi attraverso messaggi limpidi, mirati, non equivocabili. È un imperativo sia professionale che etico, che mettiamo ogni giorno in pratica con successo. Tuttavia non dobbiamo mai dimenticarci che gli stessi altissimi standard di trasparenza ed efficacia dovrebbero essere applicati anche alla comunicazione interna e alle dinamiche interpersonali all’interno dell’agenzia. Per un motivo molto concreto: nessuna idea deve andare persa a causa di malintesi, approssimazione, idiosincrasie e mancanza di prese di responsabilità, perché ogni idea potrebbe avere splendide conseguenze. Ogni idea, per poter dimostrare il proprio valore, deve trovare davanti a sé una strada aperta. Indipendentemente dall'effettiva

realizzazione, ogni idea nel suo percorso sarà riuscita a insegnare qualcosa, a contaminare altri spunti, utili subito o fertili per il futuro. In Emporio ADV, il mio obiettivo consiste proprio nella rimozione degli ostacoli

altissimi standard di trasparenza ed efficacia dovrebbero essere applicati anche alla comunicazione interna e alle dinamiche interpersonali.

alla miglior comunicazione interna possibile. Ma come si fa? Non è facile, perché la collaborazione di tutti è allo stesso tempo una condizione e un obiettivo. Ci vogliono la stessa pazienza e serenità con la quale si cura

un giardino zen. Il primo strumento a nostra disposizione è l'utilizzo consapevole degli spazi di Emporio ADV e delle nuove tecnologie, che permettono sì scambi velocissimi di informazioni ma possono anche essere molto freddi e, in fondo, una scusa per non confrontarsi personalmente. Da parte mia, gli strumenti fondamentali per capire quando e come intervenire sono soprattutto l’ascolto e l’osservazione: queste sono le vere “killer application” che mi permettono di capire le esigenze di tutti e di fare le scelte giuste per valorizzare competenze e talenti. E in Emporio ADV il talento non manca di certo, anzi cresce ogni giorno, sia nelle professionalità già presenti sia tramite quelle che l’agenzia continua ad attrarre. È un grande circolo virtuoso: la qualità della comunicazione genera comunicazione di qualità.

Follow us on Twitter

41


IL marketing IN 3 PAROLE: Innovazione, Value Proposition e Coerenza di Antonello Garzoni & Filippo Girardi

1. Antonello e Filippo, presentatevi in 10 parole. ANTONELLO: Una lunga esperienza accademica all'Università Bocconi di Milano e un curriculum professionale nel campo della pianificazione strategica e dell'imprenditorialità alimentata da un sano pragmatismo aziendale. FILIPPO: Formazione nelle relazioni pubbliche, l’ho declinata nelle esperienze di comunicazione d’impresa in senso più ampio, sempre con approccio strategico e sensibilità al pensiero creativo.

2. Interno o consulente, il plus del tuo ruolo per un’agenzia di comunicazione e marketing? ANTONELLO: fornire un quadro metodologico rigoroso per identificare con chiarezza il posizionamento competitivo di un’azienda e valutare insieme le sfide che il mercato oggi impone. 42

FILIPPO: il marketing all’interno dell’agenzia è dare uno strumento in più e fondamentale al reparto creativo, perchè il progetto che nasce sia perfettamente allineato alla visione strategica del cliente.

3. Marketing e aziende, le prime 3 cose del marketing che spieghi ad un cliente? ANTONELLO: Innovazione, Value Proposition, Coerenza. In un contesto di mercato complesso come quello di oggi, occorre formulare proposte innovative, diverse da quelle già presenti sul mercato. Non si può essere semplicemente “meglio di altri”. Occorre essere unici. L’innovazione richiede di essere esplicitata in una “proposta di valore” per il cliente molto chiara, oggetto di una comunicazione coerente ed efficace basata non solo sul marketing, ma anche sulle azioni realizzate a diversi livelli organizzativi. Filippo Girardi


MARKETING

(

L’innovazione richiede di essere esplicitata in una “proposta di valore” per il cliente molto chiara, oggetto di una comunicazione coerente ed efficace basata non solo sul marketing, ma anche sulle azioni realizzate a diversi livelli organizzativi.

FILIPPO: Identità di brand, Posizionamento, Integrazione. Conoscere se stessi, condividere internamente i valori differenzianti del proprio brand, questo è il primo step per rivolgersi con efficacia ai propri interlocutori. Dove e come posizionarsi sul mercato dev’essere il frutto di analisi e valutazioni accurate: se è chiaro dove vuoi andare è più semplice definire la strategia per riuscirci. Il mercato è complesso, i pubblici diversificati. Solo l’integrazione corretta tra canali differenti permette di raggiungere gli obiettivi di marketing e comunicazione.

4. Nell’epoca della comunicazione social e bidirezionale, il termine “target” è ancora valido? ANTONELLO: Lo è ancora di più. Senza una chiara identificazione di un target di mercato, una comunicazione inviata all’interno di un contesto social si disperde e spesso non ha alcun effetto sulle vendite. FILIPPO: è imprescindibile per una chiara pianificazione strategica. Al momento della comunicazione il target va pensato come pubblici influenti, considerando che la nostra comunicazione influirà anche sul comportamento e il feedback di interlocutori indiretti.

Antonello Garzoni

5. La crescita esponenziale del web ha sicuramente avuto un forte impatto sulle strategie di marketing delle aziende. Cos’è cambiato?

)

ANTONELLO: in tutti i contesti, B2C e B2B, il web ha un grande potenziale informativo e comunicativo, integrato con tutti gli altri canali di comunicazione e vendita. Peraltro, la comunicazione sul web non è solo “strumenti grafici coordinati”, ma al contrario è un modo sottile di conquistare l’interesse del consumatore. In un contesto attuale in cui il vero bene scarso è il tempo del cliente, il ruolo del marketing assume una rilevanza centrale per la conquista dell’attenzione rispetto ad un bombardamento informativo senza precedenti. FILIPPO: il web esige sintesi e autenticità. Il marketing di oggi deve andare in questa direzione, rendere consapevoli le imprese delle dinamiche che intervengono nella scelta dei consumatori e garantire un approccio professionale per adattarsi all’evoluzione del contesto.

6. Si parla spesso di marketing esperienziale: solo una moda o un concetto davvero interessante? ANTONELLO: l’essenza del marketing esperienziale è quella di non vendere solo il prodotto, ma l’esperienza che ne deriva. Un concetto davvero interessante perché consente di immergersi in un prodotto/servizio e vivere un’esperienza sensoriale e gratificante che è di per sé parte della nostra valutazione nella scelta di un fornitore. Oggi le aziende devono diventare fornitori di emozioni!

43


(

44

Usare un linguaggio fuori dagli schemi e raccontare qualcosa senza cercare di vendere un prodotto è tipico dell’arte. La scultura L.O.V.E di Maurizio Cattelan in Piazza Affari a Milano ne è un chiaro esempio.

)


FILIPPO: penso che la qualità del prodotto sia oggi una condizione imprescindibile per stare nel mercato. Da qui la necessità, per differenziarsi, di andare oltre, di coinvolgere il consumatore a livello emotivo, di affascinarlo per originalità dell’offerta e creatività del linguaggio. I canali social, così come quelli offline ma unconventional, ben si prestano a relazioni di questo tipo con i propri clienti.

7. Guerrilla e street marketing possono essere attività di forte impatto: ce ne racconti una che ti ha colpito? ANTONELLO: usare un linguaggio fuori dagli schemi e raccontare qualcosa senza cercare di vendere un prodotto è tipico dell’arte. La scultura L.O.V.E di Maurizio Cattelan in Piazza Affari a Milano

(

ne è un chiaro esempio. Dal punto di vista aziendale, vi sono bellissime esperienze come quelle di Pirelli nelle vie dei centri cittadini per promuovere l’F1 Village o le candid camera di Tic Tac in Francia. Vere e proprie installazioni artistiche e di spettacolo contemporaneo.

8. Concludiamo facendo sintesi: il marketing in una citazione?

FILIPPO: quando l’obiettivo è valorizzare un brand, “coinvolgere” un pubblico ampio verso un nuovo prodotto/servizio e avere una forte ripresa dei media, una strategia di guerrilla marketing va sicuramente considerata. Tra le più interessanti viste di recente mi viene in mente l’attività di ambient marketing di Fastweb che ha trasformato la fermata metro Moscova di Milano in una stazione di Tokyo, con comparse, speaker e segnaletica in giapponese. Tutto per il lancio della nuova fibra ottica ad altissima velocità.

FILIPPO: Steve Jobs con Apple ha rivoluzionato la comunicazione. Imprenditore di straordinaria visione, diceva: “Non puoi solo chiedere alla gente cosa vuole e poi cercare di darglielo. Nel tempo che impiegherai per crearlo, vorranno già qualcos’altro”.

Il marketing di oggi deve andare in questa direzione, rendere consapevoli le imprese delle dinamiche che intervengono nella scelta dei consumatori.

ANTONELLO: Philip Kotler, un vero maestro del marketing ha detto: “La gente non vuole un trapano, vuole un buco nel muro!” Pensiamo ai bisogni più che ai prodotti.

) 45


Per crescere

serve una consulenza

su misura

le risposte ai bisogni dell’impresa nel

2014:

identità, internazionalizzazione

e reti d’impresa.

di Riccardo Belli e Anna Rita Turcone

Stiamo assistendo a grandi cambiamenti, ma non dobbiamo necessariamente farlo solo come spettatori: il mercato globale nel nuovo millennio rappresenta un’occasione unica per le imprese italiane che hanno voglia di espandere i propri orizzonti commerciali. Esistono però numerose variabili da valutare per realizzare un solido piano di crescita e non tutte le aziende hanno le risorse o il know-how per affacciarsi a nuove prospettive (siano questi mercati esteri o nuovi mercati da penetrare con nuovi prodotti). Come possiamo aiutare i nostri clienti? Con una consulenza specifica e su misura, in grado di ottimizzare i costi, selezionare e coinvolgere i fornitori migliori, attirare investimenti diretti e soprattutto allargare il portafoglio clienti con nuovi ingressi sia nazionali che internazionali. I nostri interventi sono il miglior biglietto per partire: un biglietto che include attente analisi sull’attrattività dei mercati per l’elaborazione di piani di marketing strategico, l’integrazione di questo con il piano di comunicazione,

la definizione dell’operatività in termini di timing e lo sviluppo degli strumenti di comunicazione necessari. Stare al fianco del cliente per noi significa fornirgli le competenze necessarie per affrontare queste sfide o per superare con serenità momenti delicati nella storia dell’azienda

come possiamo aiutare i nostri clienti?

con una consulenza specifica e su misura, in grado di ottimizzare i costi, cercare

fornitori e attirare investimenti diretti.

come crisi, fusioni o passaggi generazionali. In ogni caso, affacciarsi al cambiamento con un’identità aziendale solida è il primo passo per poter conseguire obiettivi come la riconoscibilità da parte dei propri stakeholder e la differenziazione dalla concorrenza. L’argomento non va sottovalutato. Attraverso la costituzione di un’efficace Find us on LinkedIn

46


MARKETING

corporate identity, le imprese che si affidano alla nostra consulenza hanno l’opportunità di rassicurare il mercato clienti (creando quindi nuove opportunità di business), di comunicare affidabilità a quello finanziario (attirando nuove opportunità di investimento) e di generare uno spirito di responsabilità, appartenenza e condivisione tra i propri dipendenti. Il lavoro sull’identità aziendale è un’opportunità unica per sviluppare un solido "biglietto da visita" con cui avventurarsi in reti d’impresa senza il timore di perdere identità e riconoscibilità. Forte di questa premessa, la collaborazione con altre aziende si prospetta come l’occasione di condividere i budget per affrontare progetti sempre più ambiziosi. I consulenti di Emporio ADV studiano soluzioni sartoriali adatte a ogni genere di impresa: siamo una famiglia di professionisti esperti che accompagnano il Cliente nel suo percorso di crescita.

il lavoro sull’identità aziendale è un’opportunità unica per sviluppare un solido

"biglietto da visita" con cui avventurarsi in reti d’impresa o in progetti di internazionalizzazione senza il timore di perdere identità .

47


IL CO-MARKETING

MARKETING

vendere qualcosa a uno sconosciuto che non vedrai mai più? facile. ma il vero test è un altro: consiglieresti quel qualcosa a un amico?

di Andrea Boldrini

CREARE RETI DI ECCELLENZA

Noi di Emporio ADV crediamo nei nostri Clienti. Sappiamo che le loro promesse sono autentiche. Sappiamo che i loro prodotti e i loro servizi sono davvero soluzioni brillanti, spesso uniche, a esigenze reali o problemi urgenti. Per questo siamo sempre pronti a consigliarli, e con tutto il cuore, spesso agli altri nostri Clienti. Chiamatelo se volete "comarketing": per noi significa creare collaborazioni di eccellenza, capaci di aumentare il valore dell'offerta dei singoli partecipanti - un modo flessibile e innovativo per cogliere al volo opportunità di business e visibilità, creando allo stesso tempo nuovi scenari di crescita.

Emporio ADV partecipa a queste reti di eccellenza in veste di consulente, di facilitatore e di megafono: la Presidenza e la Direzione Clienti ragionano con i Clienti delle opportunità più interessanti, l'ufficio marketing trasforma le idee in realtà, mentre l'ufficio stampa prepara il terreno e aiuta le notizie a diffondersi. Proprio così: siamo i primi a voler essere clienti dei nostri Clienti e facciamo tutto il possibile per rendere protagonista la loro eccellenza.

Follow us on Facebook

48


ADV in action Cliente: Eraclit Campagna istituzionale settore edilizia.


PRODUCTION

i custodi della

QUALITÀ

Una volta si diceva: tra velocità, qualità e prezzo, scegline due. L'evoluzione tecnologica oggi permette di armonizzare al meglio queste 3 fondamentali esigenze.

L'evoluzione tecnologica non ha solo semplificato e velocizzato i processi di lavoro: ha aperto nuove prospettive creative; ha creato nuove professionalità che non si possono improvvisare e delle quali i clienti hanno sempre più bisogno; ha permesso ai clienti stessi di seguire più da vicino - ma con costi inferiori ogni fase del progetto. Tra le scrivanie dei grafici non girano più pesanti volumi perché le banche immagini sono a portata di mouse. I layout sono progettati al computer e fare una modifica richiede minuti invece di ore. Fino a pochi anni fa, ad esempio, mi sedevo a un tavolo in sala riunioni a verificare gli impianti stampa srotolando davanti a me delle pellicole, oggi ricevo un link per controllare un pdf dal portale del mio fornitore. La receptionist conosceva a memoria il numero del pony che sfrecciava nel traffico per consegnare stampe urgenti, oggi mi chiedo addirittura se esistano ancora i pony express. Un segmento dell’attività a cui sono particolarmente legata e che più di tutti sta affrontando la sfida dell’innovazione è quello della stampa tipografica. La carta conserva ancora il suo appeal ma la tecnologia ha confuso i giochi: il passaggio

50

al digitale è stata un’evoluzione culturale e allo stesso tempo operativa. Il web mette a disposizione una quantità di informazioni e fornitori inimmaginabile ed è una risorsa inestimabile per chi, come me, deve sapersi destreggiare in una posizione che richiede competenze trasversali. La conseguenza è che, oggi, tutti possono tenersi aggiornati sulle novità del mercato o gestire delle forniture. Ma un’agenzia che si fa garante della qualità dei lavori prodotti deve saper offrire affidabilità! La parola chiave di ogni fornitura è infatti fiducia. Quella che il cliente ripone in noi (delegandoci la responsabilità della produzione degli strumenti progettati in agenzia e aspettandosi puntualità,

di Jasmin Angeli

Dalle relazioni costruite negli anni con un grande lavoro di analisi e scrematura Emporio ADV ha raccolto un selezionato gruppo di fornitori che sono una fonte preziosa di competenze, informazioni e confronto. Dal dialogo con i nostri collaboratori nascono delle soluzioni da proporre ai clienti e, anche se gestire gli acquisti non richiede doti creative, posso dare degli stimoli ai nostri creativi e trovare la soluzione tecnica per rendere concreta una fantasia. L’innovazione nasce dalla padronanza dei processi produttivi, dall’approfondimento, dallo studio dei materiali e delle lavorazioni fino al confronto con fornitori che operano nei settori più disparati; tutto questo diventa fonte di ispirazione da mettere al servizio dei nostri clienti.

L’innovazione nasce dalla padronanza dei processi produttivi, dall’approfondimento, dallo studio dei materiali e delle lavorazioni.

precisione, prezzi competitivi e novità) e quella che l’agenzia ripone nei partner che seleziona per la produzione.


Chi è garante della qualità dei lavori prodotti dall’agenzia deve saper offrire affidabilità.

51


un po'

compositore un po'

direttore d’orchestra

Marco Finoia, Direttore Creativo


GRAPHIC DESIGN

soprattutto psicoterapeuta

di Marco Finoia

Cosa significa essere un direttore creativo, oggi, nel mondo reale? Se ci guardiamo indietro vediamo Don Draper di Mad Men: una persona capace di “fare l’anima” di un brand apparentemente con la sola forza del pensiero. Geniale, ok, ma non sempre coinvolto al 100% nei problemi quotidiani dell’agenzia nella quale, oltre a bere e fumare, dovrebbe lavorare. Se invece torniamo ai nostri tempi ma usciamo dalle agenzie di comunicazione, beh, vediamo qualcosa di diverso e allo stesso tempo simile: fenomeni pop come Justin Timberlake, Alicia Keys e Lady Gaga sono stati appuntati “direttori creativi” di importanti colossi del mercato. Di nuovo, personaggi senz’altro carismatici e capaci di intuire cosa sarà di moda domani e dopodomani, ma anche loro difficili da

immaginare impegnati dalle 9 alle 18 in ufficio! Le idee non si comprano a peso, ma averne ogni tanto non è sufficiente a fare della creatività un lavoro. Non possiamo permetterci di cercare qualche “illuminazione”, dobbiamo predisporre gli strumenti che garantiscano continuità e standard di eccellenza. La qualifica di direttore creativo, in sè, racchiude una leggera contraddizione di termini. Quando si parla di “creatività” si pensa a soluzioni che arrivano spontaneamente e nascono da un atteggiamento spensierato e un po’ distaccato dal mondo. Ma quando si “dirige” bisogna avere l’assoluto controllo della situazione, tenere i piedi per terra e rispettare le scadenze. La sfida di tutti i giorni è riuscire a pensare fuori dagli schemi pur restandoci dentro ben saldi.

Perché essere un direttore creativo, oggi, nel mondo reale, significa soprattutto stare nei progetti, nei problemi, nelle riunioni. Con i colleghi junior d’agenzia e con i brand manager delle aziende clienti. È un lavoro ibrido che richiede competenze ibride: bisogna essere un po’ compositori, perchè si tratta di individuare idee il più possibile innovative, e un po’ direttori d’orchestra, perchè si ha la responsabilità di un gruppo che deve lavorare insieme per tradurre quelle idee in progetti concreti. Abbastanza schizofrenico, eh? Ecco perchè, soprattutto, bisogna essere un po’ psicoterapeuti!

53


ADV in action Cliente: ManpowerGroup Italia Campagna celebrativa come main sponsor del 30째 scudetto della Juventus.


GRAPHIC DESIGN

IN THE

speciale graphic design

ROOM

Scopri di più su www.emporioadv.it

in/fluenze, in/venzione e soprattutto in/novazione. la stanza della creatività è costituita dagli ambienti in cui entrano le idee ed escono i progetti. in cui i concept si trasformano in esperienze e prodotti che verificano la validità delle riflessioni che li hanno generati. qui si respirano trend e novità ma soprattutto un’attenzione quasi scientifica al valore delle immagini. benvenuti nel nostro visual lab.

il concept book "symbiosis" realizzato da emporio adv per il cliente beni stabili s.p.a. ha vinto il premio agorà d'argento speciale 2014, come miglior strumento di identità visiva nella categoria "immagine coordinata".

55


GRAPHIC DESIGN

di

Marco Schiavi

BRAND IDENTITY la sinergia tra il lavoro del de signer e quello del copywriter porta alla nascita della brand identity.

56


i valori alla base di una realtà d ' impre sa devono tradursi in un ’ identità visiva in grado di comunicare lo spirito del brand ai consumatori .

Nessuno conosce meglio la propria

quei valori, il lavoro del designer è

realtà aziendale di chi l’ha creata e

tutt’altro che magico. Si tratta di un

la gestisce quotidianamente. I valori

lavoro scientifico, in cui gli elementi

alla base di quella realtà devono però

visivi della comunicazione sono scelti

tradursi in un’identità visiva in grado

secondo il loro impatto psicologico, non

di comunicare lo spirito del Brand

in base a quello spirituale.

ai consumatori, senza margini per

I dati da cui si parte sono archetipi

fraintendimenti.

psicologici e studi della percezione, non

Ecco perché progettare una Brand

misteriose sensazioni.

identity è un lavoro che non inizia sulla

Il blu scuro comunica istituzionalità,

carta, ma sulla carta si concretizza,

il giallo e il rosso ci mettono fame,

e perché è consigliabile affidarsi alla

la forma ovale dichiara protezione.

creatività "scientifica" del designer.

Partendo da codici culturali radicati

Tutto inizia con un dialogo, quello tra

abbiamo la certezza di produrre un

graphic designer e cliente per stabilire

messaggio univoco con cui non essere

come l’impresa dovrà parlare agli attori

fraintesi.

del mercato; non solo i clienti finali,

La sinergia tra il lavoro del designer e

ma anche gli investitori, i fornitori,

quello del copywriter porta alla nascita

le istituzioni. L'obiettivo è trovare

di una Brand identity in cui naming,

un modo convincente per arrivare a

immagini,

ognuno di loro con linguaggi specifici

si

ma coerenti. Una volta stabilito il

l’impresa nelle sfide quotidiane della

tono di voce con cui comunicare

comunicazione.

tipografia

uniscono

per

e

linguaggio

rappresentare

Follow us on Facebook

57


GRAPHIC DESIGN

sfogliare un’IDEA di Riccardo Casarotto

La rivista, il libro creativo non sono prodotti fatti in serie, non sono soltanto manufatti artigianali e non sono neanche prodotti artistici che si pongono sul piedistallo delle grandi opere che passeranno alla storia, che resisteranno alla prova del tempo. L’editoria creativa è solo espressione liberata, manualità, autoproduzione, “torta in faccia” alla barbosa seriosità delle nuove editorie vincenti. è la dimostrazione pratica che un “altro libro”, una “rivista differente” si può fare.

Esistono libri scritti benissimo che hanno venduto poco perché erano impaginati male. Sembra assurdo, eppure ognuno di noi ogni giorno fa esperienza di quanto possa essere faticoso consultare un testo che sembra aver voglia di non essere letto. In una pagina scritta ogni elemento dovrebbe contribuire a mantenere il ritmo che permette all’occhio di scorrere veloce tra le righe. Il problema è marginale se quando si parla di parole scritte si pensa soltanto ai volumi sugli scaffali delle librerie. Ma le regole che rendono piacevole un progetto editoriale, invece, valgono per tutte le tipologie di testo, ovvero per qualsiasi frase che sia più lunga di una riga.

58

Basta consultare qualche dato sul numero di editori indipendenti presenti nel nostro paese per rendersi conto che l’argomento interessa solo marginalmente le opere che finiscono effettivamente sui comodini degli italiani. Per un’azienda il progetto editoriale è l’occasione per presentarsi al pubblico o ai propri dipendenti in modo più articolato ed esaustivo di quanto non permetta la comunicazione commerciale. Quando si pensa alla comunicazione in un’ottica pubblicitaria il valore sovrano è quello della "sintesi": dobbiamo scegliere una cosa da dire e dirla in modo accattivante. Eppure nessuno di noi è una cosa sola, men che meno le imprese che sono strutture complesse costituite da un gran numero di dipendenti, settori

e professionalità. I modi in cui una consulenza di carattere editoriale può aiutare la comunicazione d’impresa sono sostanzialmente due: con lo sviluppo di una "rivista aziendale" o con la realizzazione di un "house organ". La rivista aziendale è una pubblicazione, abitualmente di carattere periodico, che si rivolge ai clienti e al target potenziale. Al suo interno vengono sviluppati contenuti editoriali legati ad ambiti che gravitano intorno all’offerta e alle competenze dell’impresa e che sono rilevanti per il suo pubblico. Avendo come obiettivo il coinvolgimento e l’intrattenimento, è primario che risulti uno strumento agile e piacevole alla vista, in cui fotografia e testi conducono i clienti per mano


#4

TRIMESTRALE

IL MAGAZINE DI MANPOWERGROUP DI ECONOMIA E CULTURA DEL LAVORO

#1

“IL LAVORO È SERVITO”

01 PILOSIO MAGAZINE Anno 1# - aprile 2013 - Informativo Pilosio Spa - via E. Fermi, 45 - 33010 Tavaganacco (Ud) - Italy

interview

Dario roustayan

nell’universo dell’azienda. L’house organ invece è una produzione rivolta ai dipendenti e può aiutare l’azienda a sviluppare identità e senso di appartenenza tra i propri collaboratori.

Qualunque sia il carattere della pubblicazione, non esistono limiti alla libertà con cui ogni impresa può dipingere l’universo dei propri valori quando si affida a uno strumento editoriale versatile e creativo.

service

technological innovation full steam ahead

news

record order in Mecca —

09 speciale

2

isH

FrancoForte

Glass Idromassaggio srl_via baite, 12/E zona industriale_30146 Oderzo (Tv) Italy_tel. +39 0422 7146 r.a._fax +39 0422 816839 glass@glassidromassaggio.it_www.glassidromassaggio.com

Le comunicazioni interne possono così alleggerirsi, apparire meno burocratiche e garantirsi una visibilità e una considerazione maggiore in tutti i settori dell’impresa.

ISH Frankfurt special

Il successo dI Kama The success of Kama

collezIone graffItI Graffiti collection KIra bIssa Il successo dI Kama Kira: another success after Kama

nuova showroom New showroom

02 by Reggiani

2014 The Reggiani brand is renewed

#01|2014

A new culture of light

Projects in the world by Reggiani

16 20 02 2014 www.reggiani.net

Nuova dal 1953

Alcune riviste ideate e curate da Emporio ADV

59


GRAPHIC DESIGN

l’information design è uno strumento prezioso se messo al servizio delle aziende: rappresenta l’opportunità di trasformare anche le comunicazioni più complesse

(verso i propri potenziali clienti, gli investitori, i collaboratori interni) in un’occasione per ribadire la trasparenza e la chiarezza di chi comunica .

60


emisfero SINISTRO o emisfero DESTRO di Gabriele Pastorutti

UN MODO CREATIVO PER ARRIVARE ANCHE A CHI MASTICA NUMERI. INFOGRAFICHE: non tutti sanno di cosa si tratta, ma chiunque ne ha vista una, in televisione, sui giornali, statica o animata, 2D o a tutto tondo. L’information design è una disciplina che negli ultimi anni ha vissuto una crescita dirompente e che permette alle aziende di comunicare in modo sintetico e creativo una grande quantità di dati che, altrimenti, rischierebbero di avere poco appeal. È più di una moda passeggera per due fondamentali ragioni. L’information design è tutt’altro che nuovo, affonda le sue radici stilistiche nella storia della grafica del 900 e nei lavori dei pionieri che hanno sviluppato il sistema di segnaletica moderno a cui siamo abituati in aeroporti, stazioni, città.

Qualsiasi elemento grafico che comunichi informazioni è, come suggerisce la definizione, un’infografica. In secondo luogo l’utilizzo di diagrammi di flusso, istogrammi, schemi a blocco e tabelle sono modalità di raccolta e diffusione delle informazioni che vengono utilizzate in qualsiasi settore, da quello economico a quello scientifico. Chi per professione lavora con l’information design offre questo: un modo caldo e "ingaggiante" per trasmettere una grande quantità di numeri all’audience di riferimento del cliente per cui lavora. Per realizzare un prodotto che sia chiaro e piacevole è necessario, oltre alle competenze grafiche, anche un lavoro di approfondimento giornalistico in grado di evidenziare

i contenuti rilevanti e di trasformarli in informazioni assimilabili senza sforzo. Ecco perché l’information design è uno strumento prezioso se messo al servizio delle aziende: rappresenta l’opportunità di trasformare anche le comunicazioni più complesse (verso i propri potenziali clienti, gli investitori, i collaboratori interni) in un’occasione per ribadire la trasparenza e la chiarezza di chi comunica. Non la semplice creazione di un prodotto piacevole da guardare ma la trasformazione di grandi quantità di dati in un pensiero sintetico e accattivante, in grado di rendere piacevoli e memorabili comunicazioni che altrimenti rischierebbero di apparire trascurabili.

61


GRAPHIC DESIGN

La sfida delle

di Marco Scapin

immagini alla ricerca di nuovi linguaggi tra cultura , esperienza e creatività . Essere graphic designer è una bella responsabilità, specialmente in un mercato che è in grado di fornire a chiunque gli strumenti tecnici per improvvisarsi tale, ma non quelli culturali. Occuparsi di graphic design non significa semplicemente saper utilizzare dei software.

62

Si tratta di una professione che richiede una importante preparazione culturale (e un bagaglio visivo consistente), attitudine e curiosità verso i linguaggi più innovativi. Da dove parte un professionista per giungere a una sintesi visiva convincente che trasmetta in modo originale quello che deve comunicare?


ogni elemento stilistico che è stato culturalmente acquisito, si tratti del design industriale del dopoguerra come del lavoro di maestri del calibro

Dal passato, dal presente, e dalla dose di ispirazione che solo un po’ di seria concentrazione davanti al foglio bianco può fornirti. Il passato è costituito dal background culturale di ogni buon designer, carico dei nomi dei maestri della grafica mondiale: i pionieri della Bauhaus, il linguaggio modernista, le innovazioni tipografiche del futurismo o gli esperimenti grafici di propaganda sovietica. Artisti, architetti, scrittori, è loro il merito di aver esplorato e sviluppato una disciplina giovane, che a malapena sfiora il secolo di vita. Il loro lavoro, anche se può sembrare si tratti di "preistoria" della comunicazione visiva, continua a influenzare lo sviluppo della disciplina e ad apparire, agli occhi di chi lavora quotidianamente con la materia, incredibilmente attuale.

di sagmeister, costituisce un cardine nella mappa di riferimento di chi opera con competenza nel settore.

Ogni elemento stilistico che è stato culturalmente acquisito, si tratti del design industriale del dopoguerra come del lavoro di maestri del calibro di Sagmeister, costituisce un cardine nella mappa di riferimento di chi opera con competenza nel settore. A questa mappa culturale va aggiunta ovviamente l’attenzione per i trend del presente. Il 2014 si attesta come l’anno del "flat design" (linee pure, forme essenziali, colori piani), ma si può già scorgere la tendenza a ridare spessore a loghi e immagini coordinate che, nella foga di adempiere alla moda dell’appiattimento, stavano iniziando a perdere consistenza e autorevolezza.

Ogni giorno, impercettibile agli occhi dei consumatori, la lancetta delle tendenze si sposta leggermente; se nel 2013 il web è stato dominato dalla grafica parallasse, oggi assistiamo all’evoluzione di effetti ottici di profondità meno invasivi, più delicati. Viene naturale chiedersi se l’esistenza di trend dominanti e la necessità di adeguarcisi non generi uno scenario visivo ridondante, che annoia facilmente gli utenti. Il prossimo anno sarà tutto color Orchidea perché lo ha deciso Pantone? Ma è qui che entra in gioco il foglio bianco, lo spazio su cui ogni designer deve sviluppare un pensiero creativo che distingua lui e il suo lavoro dal panorama circostante. Dopotutto noi designer ci stanchiamo delle mode ben prima di quanto non facciano i clienti!

63


(Welcome, everybody).

ADV in action Cliente: Casa Moderna Campagna promozionale manifestazione fieristica.

UDINE FIERE 24 SETTEMBRE - 3 OTTOBRE 2011

Welcome home. Benvenuti in Casa Moderna, in uno spazio completamente rinnovato nella forma, nei contenuti, nella comunicazione. La grande vetrina dedicata alla casa si apre al design contemporaneo, agli espositori più noti, nazionali e internazionali. Casa Moderna si fa ancora più sensibile all’ambiente e all’architettura ecocompatibile con il padiglione di CASA BIOLOGICA. 58ª Casa Moderna. Giovane da sempre. www.casamoderna.it

Organizzazione

Main sponsor

Con il patrocinio di

In partnership con

Sponsor tecnico


FOCUS:

PRINT HISTORY Le tappe fondamentali della storia dell'editoria.

1455

618 a.c.

La prima stampa viene eseguita in Cina.

1300

Viene usata per la prima volta la stampa con caratteri in legno in Cina.

1457

Gutenberg stampa il primo libro, una Bibbia in latino.

William Caxton stampa il primo libro in inglese.

1605

Il primo giornale settimanale viene stampato ad Anversa.

Papa Paolo IV pubblica l’indice dei libri proibiti, che elenca i libri che la Chiesa Cattolica considera immorali.

1731

Viene pubblicato in inghilterra The gentleman’s magazine, considerato il primo magazine moderno.

Il Tedesco Johannes Gutenberg inventa la stampa a caratteri mobili.

1476

Viene eseguita la prima stampa a colori da Fust & Schoeffer.

1559

1440

1690

Viene stampato in Germania Erbauliche MonathsUnterredungen, considerato il primo magazine della storia.

1796

1819

A. Senefelder sviluppa la litografia, un metodo di trasferimento di immagini che produce stampe di alta qualità.

David Napier inventa la stampa in rotativa.

1886

Ottmar Mergenthaler inventa la macchina per composizione Linotype, considerata la più grande innovazione nella stampa dall’invenzione dei caratteri mobili 400 anni prima.

1846

Viene inventata la stampa a cilindro, capace di stampare 8000 fogli ogni ora.

1846

Viene inventata la stampa rotativa a 4 colori.

1904

La Litografia Offset diventa comune.

1917

1923

Viene consegnato il primo Premio Pulitzer.

Nasce il Time Magazine.

Dagli anni ‘50 agli anni ‘70

1933

Viene introdotto il Typesetting nelle riviste e nei giornali. Testi e immagini sono prodotti in carta lucida, assemblate a mano e fotografate. La televisione contribuisce al calo delle vendite dei giornali.

Nasce il primo magazine per soli uomini Esquire.

anni ‘80

Con la computerizzazione delle agenzie di stampa, la produzione diventa digitale.

anni ‘90

Il Filmless system premette di registrare direttamente sui cilindri di stampa. I reporter possono inviare notizie da tutto il mondo istantaneamente grazie a laptop e modem.

anni ‘00

Amazon lancia gli e-book rivoluzionando il mondo dell’editoria.


WEB & DIGITAL

di Niccolò Zamborlini

everyday DIGITAL: il_futuro è_pieno di_opportunità Ci siamo lasciati alle spalle il 1984 immaginato da Orwell per entrare in un futuro in cui a riprendere e conservare ogni singolo avvenimento siamo proprio noi, attraverso i nostri

Google Glass.

Sono connesso, dunque esisto. La privacy è la

che ricordano gli strumenti dell’Enterprise e

migliore policy. Attendere il caricamento di un

rendono concreta un’idea di innovazione che i

sito è una virtù. Potrei andare avanti ancora

nostri genitori leggevano sui libri e guardavano in

molto con la lista dei nuovi modi di dire, ma non

televisione.

ci sono “scrollbar” in questa pagina!

Ci siamo lasciati alle spalle il 1984 immaginato da Orwell per entrare in un futuro in cui a riprendere

66

Queste nuove abitudini linguistiche registrano un

e conservare ogni singolo avvenimento siamo

cambiamento importante nella società: quando

proprio noi, attraverso i nostri Google Glass.

la tecnologia inizia a insinuarsi nella nostra vita

Perfino la nostra vita quotidiana inizia a svolgersi

diventa un discorso quotidiano.

online: l’informazione ubiqua, le reti di persone e i

Abbiamo reso concrete, negli ultimi 20 anni,

dispositivi per esplorare la realtà (aumentata) che

cose che la letteratura fantascientifica degli anni

ci circonda hanno cambiato radicalmente la nostra

'50 aveva solo immaginato. Anche sulla base

percezione del mondo, e le relazioni sociali sono

di quelle fantasie abbiamo realizzato interfacce

state riscritte secondo il nuovo e più complesso


Follow us on Facebook

67


significato

Scopri di più su www.emporioadv.it

della

parola

“amicizia”

nostra voce. Arthur C. Clarke l'aveva

definita da Zuckerberg.

detto: ogni tecnologia sufficientemente

D’altronde l'innovazione è tale se porta

avanzata è indistinguibile dalla magia.

un cambiamento nel comportamento

Come utenti, ma soprattutto come

e nel linguaggio di una società.

professionisti

Silenziosamente si sono fatte strada

non possiamo fare a meno di rimanere

nuove abitudini, cose a cui mai

sensibili e aperti a tutte le nuove

avremmo pensato di poterci abituare.

possibilità che la tecnologia offre al

Oggi salgo in macchina e parlo con il

nostro lavoro. Nei prossimi giorni,

mio smartphone; senza rendermene

sempre di più, parleremo a nativi

conto

le

digitali: ragazzi che sotto l’albero

parole che il programma di sintesi

di natale trovano tablet invece che

vocale è in grado di riconoscere e mi

trenini.

scelgo

con

naturalezza

della

comunicazione,

faccio guidare nel traffico cittadino

Tra pochi anni dovremo parlare a

la tecnologia è

attraverso

persone cresciute in un ambiente

silenziosamente

Abbiamo progettato modi per andare

tecnologico totalmente immersivo.

entrata nelle nostre

sempre più veloce e sempre più

È una sfida che non mi spaventa perché

lontano

contemporaneamente,

si svolge in un ambiente che conosco

nelle nostre tasche

anche sistemi di comunicazione per

e che trovo avvincente: loro hanno la

e stanno finendo di

non sentirci troppo distanti. Eccoci qui

fortuna di esserci nati e noi quella di

installarla nei nostri

allora a pronunciare parole magiche a

averlo immaginato e costruito.

occhiali connessi .

dispositivi in grado di riconoscere la

vite , nelle nostre case ,

l’itinerario

ma,

più

veloce.

I Google Glass, la nuova frontiera della tecnologia

68


ADV in action Cliente: Glass Campagna di lancio della collezione "Water Art Collection" - settore idromassaggio.

L’ispirazione è contemporanea. In mostra la contemporaneità. Si sono ispirati all’acqua. Hanno interpretato la fluidità delle forme con immagini dalla travolgente forza espressiva. E in un tratto, il colore, il dinamismo, l’energia e la vitalità sono diventati tangibili. Il mondo dell’idromassaggio non è mai stato così creativo. Glass. La generazione del nuovo benessere. Inspiration is contemporary. Contemporary work on show. They were inspired by water. They interpreted the fluidity of shapes with explosive images. In one stroke, colour and dynamism, energy and vitality become tangible. The hydromassage world has never been so creative. Glass. The new wellbeing generation.

www.glassidromassaggio.com

69


IDEE TROPPO GRANDI PER STARE IN UNO SCHERMO 70


WEB & DIGITAL

Gli strumenti per elaborare immagini tridimensionali saranno i protagonisti dello sviluppo tecnologico dei prossimi anni di Massimo Tulisso

della

Unita alle risorse video è in grado di

modellazione 3D è che si tratta di un

generare animazioni, effetti speciali

trucco, e vale la regola che si applica

e morphing, delineando un linguaggio

a tutti i trucchi: quando è fatto bene

che incontra le tendenze più fresche

non si vede.

e

Gli strumenti per riuscirci oramai non

visiva e si mette a disposizione delle

sono più appannaggio esclusivo della

aziende.

L’aspetto

più

affascinante

innovative

della

comunicazione

computer grafica cinematografica e delle sue grandi produzioni. Anche

Gli strumenti per elaborare immagini

piccole e medie imprese possono

tridimensionali saranno i protagonisti

servirsene per immaginare quello che

dello

ancora non esiste.

prossimi anni; in tutto il mondo migliaia

sviluppo

tecnologico

dei

rappresenta

di start-up legate al mondo della

discipline

stampa 3D riscuotono successo e

del design, della fotografia, della

trovano nelle aziende interessate a

e

utilizzare questa risorsa i partner ideali

della scultura. L’aspetto interessante

per crescere. Sono reali occasioni di

è che, se necessario, può sostituirle

business che testimoniano la nascita

tutte; così si può creare un’immagine

di un nuovo mercato e di una nuova

pubblicitaria che altrimenti sarebbe

tendenza: in un mondo in cui tutto è

troppo costoso realizzare, o dare vita a

digitale non è più necessario che ogni

un allestimento fieristico prima ancora

cosa venga fisicamente realizzata,

che gli stand vengano montati.

basta che sia immaginata, progettata

Render, la parola che fa da padrona

e “renderizzata”.

La

modellazione

un’integrazione progettazione

3D tra

le

architettonica

in tutti i processi di produzione dell’immagine tridimensionale significa, semplicemente, rappresentare. Ovvero rendere presenti cose lontane, magari solo immaginate. La modellazione tridimensionale può essere utilizzata per disegnare layout web complessi o animati, può essere integrata alla fotografia e, ancora, applicata in fase di progetto per realizzare mock-up tridimensionali.

Follow us on YouTube

71


web

DESIGN

al

femminile

di Tiziana D'Izzia Target, strategia, campagna, guerrilla: sono tutte espressioni di un marketing armato che ha il giusto obbiettivo di produrre risultati e vincere le battaglie con la concorrenza. Ma i clienti finali non hanno alcuna voglia di essere "bombardati" e le nuove tendenze del web design testimoniano la vittoria di uno stile lieve ed educato. A essere premiato, sul web come sul mobile, è un approccio sensibile e "responsive" che accompagni il consumatore alle informazioni che cerca evitando il "rumore". Cos’è rumore? Tutto quello che nella comunicazione visiva risulta inessenziale e, in quanto tale, deve essere accantonato. Le leve che spingono a fidarsi di una comunicazione web sono complesse. Non sempre i consumatori ne sono consapevoli perchè spesso lavorano a livello inconscio. Ne facciamo esperienza come utenti ogni giorno: ci sono siti che ci appaiono immediatamente più affidabili di altri. Sono i siti progettati con attenzione, con diagrammi di navigazione semplici e intuitivi che ne permettono una consultazione agile. Esiste una netiquette visiva da rispettare se non vogliamo che le nostre aziende sembrino maleducate proprio sul più grande dei mercati, quello web.

72

Può sembrare si stia parlando semplicemente di "abiti" e si può certamente muovere l’obiezione che la parte importante della comunicazione siano i contenuti: assolutamente vero. Eppure nessuno avrà voglia di leggere quello che abbiamo da dire se gli risulterà difficile farlo. D’altronde, chi crede che un messaggio sia innovativo se gli viene recapitato con un piccione? Non si può progettare per il web senza curiosità e voglia di stare al passo coi tempi, senza considerare aspetti come il tramonto degli scheumorfismi e l’ascesa del flat design, le nuove possibilità dell’HTML5 e le nuove abitudini di accesso e consultazione delle informazioni (tablet e smartphone). Ecco perché tengo sempre un occhio puntato sulle tendenze internazionali della comunicazione web, per poter proporre ai nostri clienti un taglio adatto alla loro azienda e uno stile che riveli appieno, senza ridondanza, la loro personalità. Forse l’essere una donna in un settore con una così significativa presenza maschile mi aiuta a distinguermi con un tratto pulito, essenziale, up-to-date e attento ai trend. Un’impronta con cui lavoro, ogni giorno, per aiutare i nostri clienti ad arrivare dove vogliono, con stile.


WEB & DIGITAL

Target, strategia, campagna, guerrilla: sono tutte espressioni di un marketing armato che ha il giusto obiettivo di produrre risultati e vincere le battaglie con la concorrenza.

73


Distinguersi in un mondo dove è tutto uguale

ADV in action Cliente: Allianz Bank Campagna istituzionale presentazione nuova branch "Allianz Bank Private".

Questo è quello che offre Allianz Bank Private ai migliori professionisti, per loro e i loro clienti. Allianz Bank Private è il centro di eccellenza di Allianz Bank Financial Advisors S.p.A., società di Allianz SE, primo gruppo assicurativo e tra i primi asset manager al mondo con 83 milioni di clienti in 70 paesi.

Messaggio pubblicitario con finalità promozionale. Prima dell’adesione leggere attentamente la documentazione informativa e contrattuale relativa ai prodotti e servizi distribuiti da Allianz Bank Financial Advisors S.p.A. disponibile presso le filiali della banca, i centri di promozione finanziaria e sul sito www.allianzbank.it.


WEB & DIGITAL

Nel mezzo del cammin di nostra vita, mi ritrovai in un sito non ottimizzato per mobile.

Nel mezzo del cammin di nostra vita, mi ritrovai... in un sito non ottimizzato per mobile. Sembra uno scherzo, ma lavorare con i dispositivi mobile mi ha fatto capire alcune grandi verità. La più importante è che sullo smartphone

di Michele Biasizzo

pensieri in

potremo mai sentirci a nostro agio in

MOBILITà

nuovi ambienti e nuove esperienze.

Lo smartphone è sempre di più lo strumento attraverso cui consultiamo

Bisogna lasciarsi un po’ andare.

la maggior parte delle informazioni ma a cui deputiamo anche

Adattarsi. Oramai esiste un nuovo modello

il compito di intrattenerci nei momenti di noia e svago.

di accesso alle informazioni che ci obbliga

Per capire che questa rappresenta un’occasione unica per intrattenere

a fare i conti con una realtà innegabile:

un rapporto diretto con il nostro pubblico di riferimento non serve

già ora, e ancora di più nel futuro,

consultare uno smartphone!

a decretare il nostro livello di competenze

Ecco cosa mi entusiasma di questo settore: là fuori è pieno di persone

non sarà quello che effettivamente

pronte a condividere esperienze e informazioni se adeguatamente

conosciamo ma solo con quale velocità

stimolate!

riusciremo a metterci le mani sopra.

La presenza di un brand sui dispositivi mobile dev’essere pensata

Insomma, non serve veramente studiare

proprio a partire da quello che queste piattaforme permettono:

qualcosa se con il mio smartphone posso

sia in termini di limitazione (le dimensioni ridotte), sia in termini

trovare risposte velocemente.

di opportunità, perchè, sul mobile, il brand per il quale lavoriamo

Ecco, se il cellulare diventa un’estensione

può sfruttare tutte le informazioni che nascono dalla possibilità

del nostro cervello sarà sempre più

di geolocalizzare il fruitore del sito o dell’app.

necessario averlo sempre addosso, vicino

Insomma, oggi gli smartphone ci accompagnano in ogni momento

al comodino quando si dorme o appoggiato

della vita. E da uomini di marketing, vogliamo non sfruttare al massimo

sulla panchina quando si fa sport.

un’occasione del genere?

ci finisce proprio tutto. Non si può parlare di "contenuti studiati per il mobile" semplicemente perchè, viste le nuove abitudini di utilizzo, qualsiasi cosa può essere consultata su un cellulare. È inutile irrigidirsi e pensare che non

Follow us on Twitter

75


WEB & DIGITAL

SMART TEST: Ecco le 10 caratteristiche fondamentali per un buon sito mobile. Quante ne ha il tuo? Fai lo smart test e scopri a che punto sei nel cammino dell’ottimizzazione.

1° compatibilità con i dispositivi touch screen

(per l’utilizzo dello scorrimento e della funzionalità di zoom). 2° generazione di menù semplificati, per rendere facile la navigazione da una pagina

4° reindirizzamento automatico dal sito standard a quello mobile, lasciando all’utente la facoltà di scegliere come

all’altra del sito.

navigare: desktop o mobile.

3° codice sorgente e struttura

5° compatibilità dei siti con

generati in modo da rendere leggibile la pagina mobile, aumentando al massimo la

tutti i più diffusi smartphone disponibili oggi sul mercato.

velocità di navigazione, collocati

6° riconoscimento automatico

in layout ottimizzati per i

dei terminali utilizzati per

dispositivi mobile.

navigare il sito web; i layout si adattano automaticamente al tipo di dispositivo.

7° riconoscimento automatico dei terminali utilizzati per navigare il sito web; i layout si adattano automaticamente al tipo di dispositivo.

8° possibilità di creare campi “telefono”, per permettere la chiamata istantanea a numeri

9° generazione di codice ottimizzato per la visibilità sui motori di ricerca , e per il posizionamento con google mobile.

telefonici, semplicemente

10° utilizzo degli indirizzi (url)

cliccando sul numero

parlanti per le pagine del sito

visualizzato.

mobile.

Da 6 a 9 Paradiso della usability. Il tuo sito è un vero sito mobile e il tuo Brand ne guadagna .

10 su 10 Percorso perfetto. Ogni sito mobile dovrebbe essere a immagine e somiglianza del tuo.

RISULTATI: Da 0 a 3 Girone dei demoni analogici. Esci da questo sito e modernizzati!

76

Da 3 a 6 Limbo dei pigri. Dai, basta poco user-friendly!

per essere più


ADV in action Cliente: Friultrota Campagna istituzionale settore food.


FOCUS:

STORIA DELL'ADVERTISING

COME GESTIRE U n ’AG E N Z IA DI PUBBLICITà by David OgiLvy

Occorrono lunghe ore di lavoro, una capacità di convinzione del più alto livello, una chiglia profonda, coraggio, e il dono di saper sostenere il morale di uomini e donne che lavorano in uno stato di continua ansietà. Si pensa comunemente che la pubblicità attiri persone nevrotiche che hanno una propensione naturale per l’ansietà. Non credo che sia così. Ciò che accade nelle agenzie può indurre ansia anche nelle persone più flemmatiche. Il copywriter vive con la paura. Avrà una grande idea entro martedì mattina? Il cliente la accetterà? Andrà bene nelle ricerche? Venderà il prodotto? Non mi sono mai seduto a scrivere un annuncio senza pensare questa volta non ce la farò. Anche l’account executive ha i suoi motivi di ansietà. Rappresenta l’agenzia dal cliente, e il cliente nell’agenzia. Quando l’agenzia sbaglia, il cliente dà la colpa a lui. Quando il cliente è intrattabile, l’agenzia dà la colpa a lui. Anche il capo dell’agenzia ha le sue preoccupazioni. Perderemo il cliente tal_dei_tali? Ci lascerà uno dei nostri migliori collaboratori? Farò un fiasco nella presentazione di giovedì prossimo a un nuovo cliente? Fate in modo che sia divertente lavorare nella vostra agenzia. Quando le persone non si divertono, non producono buona pubblicità. Uccidete la tristezza con una risata. Liberatevi delle persone deprimenti che spargono cattivo umore.

CHI ERA DAVID OGILVY? David Mackenzie Ogilvy (Guilford, 23 giugno 1911_Bonnes, 21 luglio 1999) è stato un pubblicitario britannico. Nel 1948 ha fondato l’agenzia Ogilvy & Mather. Nel periodo in cui Bill Bernbach dava il via alla cosiddetta seconda rivoluzione creativa, Ogilvy ridiede visibilità e vigore alla corrente scientifica della pubblicità moderna. Formulò il concetto di brand image.

78


ADV in action Cliente: Cavò Campagna di lancio nuovo prodotto nel settore arredamento.


SPECIAL PROJECT

IL FRIULI VENEZIA GIULIA

SPICCA IL VOLO

CON ALITALIA

di Sara Puntel

Da sempre, il Friuli Venezia Giulia è una regione che ha viaggiato. Tanto. In tutto il mondo. Antiche, toccanti, spesso dolorose storie di emigrazione, ma anche coraggiose vicende imprenditoriali e personali fanno delle comunità friulana nel mondo una delle più vitali e unite. Non senza motivo: pur piccola e meno nota di altre regioni italiane, il Friuli Venezia Giulia è ricco di bellezza, storia, cultura e genialità. Un angolo di mondo aperto al futuro. Qual è il suo segreto?

Scopri il video del Making-off della personalizzazione della livrea Alitalia su YouTube

80


Ecco la domanda che ha impegnato Alitalia, l’Ente Turismo e noi di Emporio ADV, incaricati di vestire un Airbus A319 Alitalia, per la prima volta dopo oltre quindici anni, con una livrea tutta dedicata ad una regione italiana, la nostra, come veicolo di comunicazione e promozione. Dopo un lavoro complesso e affascinante, costellato di brainstorming, triangolazioni, invenzioni scartate e voli a planare, ecco l’idea destinata a spiccare definitivamente il volo: il colibrì. Affascinante e vivace, il colibrì infatti è simbolo di un progetto di cui la regione può vantare l’unicità. Il Friuli Venezia Giulia, regione da sempre attenta ai temi della biodiversità, ospita infatti un centro di ricerca dedicato alla salvaguardia di questo piccolo animale, preziosa rarità di cui la regione si fa custode. Il centro porta l’illustre nome di Margherita Hack, grande ricercatrice internazionale che il Friuli Venezia Giulia ha avuto l’onore di avere come concittadina. Grazie alla realizzazione grafica finale a opera del team di Emporio ADV, uno stormo di colibrì in volo con i colori bianco e nero a dividersi lo spazio della fusoliera dell’aeromobile sarà per un anno l’ambasciatore del Friuli Venezia Giulia sulle rotte per l’Italia, l’Europa e il Nord Africa.

Photo: F.Gallina

81


EVENTS

di Chiara Bertolo

la vita è là fuori! EVENTI CHE PASSIONE! È strano che l’organizzazione di eventi sia spesso considerata un’attività "unconventional". Uscire e incontrare persone sono tra le attività più ordinarie che possano accadere nella vita delle persone. La vera sfida è renderle interessanti ed usarle per comunicare qualcosa.

82


di punto in bianco , prima edizione

-

udine ,

2012

di punto in bianco, oltre alla seconda edizione

1500 persone - udine, 2013

Photo: R.Pedi

Follow us on Facebook

83


progetto allestimento evento lancio nuova linea prodotto glass

- magazzini del sale, venezia, 2010

evento presotto fuorisalone

- milano, 2014

Quando si organizza un evento bisogna

l’impatto. Ogni scelta, a partire da quella

Chiaroveggenza

avere il talento del prestigiatore: un

delle date, incide sulla delicata struttura del

qualsiasi tema merita la giusta chiave di

grande senso dello spettacolo e capacità

progetto e una pianificazione puntuale aiuta

lettura per diventare significativo al nostro

previsionali ai limiti della chiaroveggenza.

a mantenere il controllo dei costi.

pubblico, per intrattenerlo.

Una buona consulenza in termini di eventi

e

spettacolo,

perché

L’ospite è sacro e non esiste modo migliore

deve riuscire a immaginare gli scenari che

D’altronde organizzare un evento significa

per rispettare i nostri invitati che quello

potranno compromettere la buona riuscita

lavorare con l’elemento più imprevedibile

di proporgli uno spettacolo rilevante, che

dell’evento - dai fattori climatici ai problemi

della

incontri i loro interessi.

tecnici - e muoversi in anticipo per limitarne

persone.

comunicazione:

progetto e allestimento stand reggiani

84

l’interesse

- pldc, copenaghen, 2014

delle


progetto allestimento stand pilosio

progetto e allestimento stand reggiani

- bauma, monaco di baviera 2013

- dusseldorf, 2014

85


ADV in action Cliente: VTP Campagna promozione VTP Events.

VTP Events. Per i tuoi Congressi ti facciamo comodo

Comfort, Contesto, Tecnologia e Visibilità sono solo alcuni plus che VTP Events offre nel suo Polo Congressuale: 17.000 m2 di spazi espositivi e 3.000 m2 di sale convegno e riunioni facilmente raggiungibili via terra o via acqua, con un ampio parcheggio a disposizione nel Porto Passeggeri. Ma soprattutto, ogni evento si inserisce nell’insolito e pittoresco panorama di Venezia. VTP Events fa Centro nel cuore della Serenissima.

86

Marittima_fabbricato 248 30135 Venice_Italy Ph. +39 041 2403000 Fax +39 041 2403091 www.vtp.it


evento presentazione nuova porsche macan udine,

2014

party confindustria giovani udine,

2012

evento google milano,

2013

87


41° convegno santa margherita ligure - 2011

nouriel roubini

42° convegno santa margherita ligure - 2012

enrico giovannini

vittorio sgarbi

Come raggiungiamo questo obiettivo? attraverso la cura dei dettagli, la creazione di un team di professionisti preparati e il supporto dei settori creativi. Direzione artistica, immagine coordinata, service tecnici, catering, location... la lista di fattori da considerare per un equilibrio vincente è piena di insidie. Ecco perché affidarsi a Emporio ADV: per avere la sicurezza di un controllo totale su tutti gli aspetti che incidono sulla qualità dell’evento. E per assicurarsi, attraverso i servizi integrati dell’agenzia, una copertura media che garantisca visibilità ed eco allo spettacolo. Così un evento può diventare l’occasione ram charan

per far parlare di sé, ora si può dire, in modo veramente "non convenzionale".

88

giuseppe cruciani


xxvii convegno capri

- 2012

43째 convegno santa margherita ligure - 2013

xxviii convegno capri

evento premio pilosio

- 2013

- 2011, 2012, 2013

54째 biennale d'arte venezia - magazzino 26, trieste, 2011

89


90


PRESS OFFICE & P.R.

l' ufficio stampa NON SI FERMA mai di Silvia Marconi

Ufficio stampa e digital P.R. sono attività di comunicazione complementari. Entrambe si nutrono di una conoscenza profonda del cliente, del prodotto o servizio da promuovere e dei media da coinvolgere. Gestire l'ufficio stampa e le digital P.R. richiede una dose di creatività e un occhio vivace in grado di rilevare qualsiasi opportunità. Perché, se da una parte occorre creare una relazione con il mondo editoriale, per rispettarne le tempistiche e gli equilibri, dall'altra la blogosfera va

Le informazioni devono diventare appetibili e andare incontro agli interessi di chi dovrà condividerle. in una parola, devono diventare notizie. avvicinata attraverso l'uso di linguaggi specifici e l'utilizzo degli strumenti d'interazione più innovativi come i social network. Non si tratta solo di selezionare le informazioni da comunicare e mantenere aggiornato un pacchetto di influencer a cui inoltrarle.

Le informazioni devono diventare appetibili e andare incontro agli interessi di chi dovrà condividerle; devono diventare notizie. Il nostro lavoro parte dalla materia grezza delle intenzioni comunicative per arrivare a messaggi in grado di portare benefici concreti al cliente. L’occasione di una comunicazione di Corporate Social Responsability, ad esempio, può aumentare il consenso del pubblico nei confronti delle attività di un’azienda e rafforzarne la licenza a operare sul territorio. Anche da una piccola novità, un articolo di giornale, un post o dal semplice confronto con un cliente, un giornalista o un blogger può scaturire uno spunto alternativo per dare slancio a un lavoro che deve essere costante, martellante, ma sempre calibrato. Ogni volta si ricomincia e si innesca una spirale che, se alimentata con continuità, è destinata a crescere e a portare risultati a ogni movimento. Un lavoro così dinamico e coinvolgente... da far girare la testa!

Follow us on Twitter

91


PRESS OFFICE & P.R.

PER OGNI PUBBLICO IL MESSAGGIO CORRETTO:

LE RELAZIONI PUBBLICHE di Anna Romanin

Nessun Brand è un'isola. Ogni messaggio attraversa un mondo popolato di persone, istituzioni, gruppi di interesse. Per questo, una consulenza esperta e dinamica nell'ambito delle relazioni pubbliche è fondamentale per permettere ad ogni azienda di raggiungere i propri obiettivi: dialogando con gli interlocutori giusti, nel modo, luogo e tempo giusti. Gli antichi Greci avevano una parola per questo incrocio di circostanze positive: kairos.

Il kairos però è un momento che non passa in un lampo come tutti gli altri ma si dilata fino a diventare uno spazio nel quale qualcosa di speciale accade. Le relazioni pubbliche, attraverso la gestione della reputazione, l'organizzazione di eventi e il rapporto con i media, creano questo spazio speciale, nel quale il Brand si presenta con chiarezza ed entra in un dialogo fruttuoso con il proprio target.

Follow us on Facebook

92


ADV in action Cliente: Birra Gjulia Campagna istituzionale settore beverage.


PRESS OFFICE & P.R.

di Elena Cappellari

L' importante è che se ne parli? Si può fare di MEGlio! in realtà, teorizzare che “l’importante è che se ne parli” è ammettere un fallimento. l’importante è che se ne parli bene. di cosa? ma del brand ovviamente.

S E N T IME N T MONITORING Esistono algoritmi che, un po' seriamente e un po' per gioco, deducono l'umore di un'intera nazione dalla ricorrenza di parole e tag sui social network. E del tuo Brand come si parla? Un'attenta attività di monitoring permette di capire come si evolvono i sentimenti verso i propri prodotti e ser vizi.

94

SEM

Un modo intelligente di migliorare il percepito di un Brand è rivolgersi ad un pubblico realmente interessato (e interessante). Attraverso i motori di ricerca, l'attività di Search Engine Marketing permette di aumentare il traffico qualificato verso il proprio sito o il proprio ecosistema digitale.

CUSTOMER SERVICE & SUPPORT Nei social network, i consumatori evoluti contemporanei si aspettano di poter interagire direttamente con i Brand: ponendo domande, ingaggiandoli con critiche, chiedendo consigli, proponendo novità. È importante quindi utilizzare i canali social non solo come media per lanciare messaggi ma anche come strumento di servizio per l'audience.


I NS T A N T MARKETING

quando si parla di reputazione contano sì i canali ufficiali attraverso cui comunichiamo (sito aziendale, social network ecc) ma ancora di più contano tutte le piattaforme in cui le persone si scambiano liberamente opinioni su di noi!

Oggi gli strumenti per valorizzare la

aziendale,

brand reputation di un'azienda, da

ma ancora di più devono essere

quelli classici a quelli nati in ambito

monitorate tutte le piattaforme

2.0, ci permettono di cominciare con

in cui le persone si scambiano

la cosa più importante: L'ASCOLTO.

liberamente opinioni su di noi!

Pensiamo a come sta cambiando il

Se

modo di produrre l’informazione;

di lanciare un messaggio, senza

un tempo si andava “a caccia” di

misurarne gli effetti, ci precludiamo

notizie mentre tra qualche anno,

una grande occasione strategica.

ci

social

network

preoccupiamo

ecc.)

solamente

previsioni alla mano, la maggior parte delle informazioni viaggerà

Non bisogna solo verificare se il

su Twitter e il vero lavoro sarà

messaggio sia arrivato e sia stato

riuscire a intercettarle velocemente

registrato dal nostro pubblico, ma

per

Dobbiamo

anche se ha interessato le persone,

presidiare il web quindi, ma in

cambiato magari l’opinione che

modo attivo. Bisogna incentivare

avevano

il dialogo produttori-consumatori

importante, se ha modificato i loro

e garantire a quest'ultimi che i

comportamenti.

dargli

valore.

di

noi

o,

ancora

Istant Marketing è la capacità di un Brand di intervenire con velocità, freschezza e pertinenza in un "tema caldo" della rete. Può essere una ricorrenza amata da tutti o lo scivolone di un Brand competitor. Un tweet con la battuta pronta, un comunicato stampa con una ponderata presa di posizione, un post con una grafica emozionante contribuiranno senz'altro a creare la percezione di un Brand vitale.

SOCIAL MEDIA Ovvero: quei social davvero interessanti per il Brand, quelli sui quali si trova la sua audience più autentica e pronta a rispondere. Così come non vale il detto "basta che se ne parli", così anche sui social media non serve esserci tanto per esserci. Solo scelte ragionate permettono di trasformare il mondo social in un media utile per il Brand.

più

feedback che mandano siano presi in considerazione. Non possiamo

Impossibile, dite? Gli strumenti

permetterci di mettere la testa

per avere sempre sott’occhio la

sotto la sabbia in un contesto in

situazione esistono, noi li usiamo

cui le informazioni viaggiano alla

tutti i giorni per aiutare i nostri

velocità della luce. Ecco perchè

clienti.

quando si parla di reputazione

Hai una reputazione da curare?

contano sia i canali istituzionali

Parliamone!

attraverso cui comunichiamo (sito

CAMPAIGN OPTIMIZ ATION La flessibilità del digital permette di conoscere in tempo reale come un messaggio viene recepito dall'audience, e se la risposta è quella desiderata. Questa conoscenza permette di ottimizzare il messaggio stesso, ad esempio modificando la call to action o evidenziando un diverso aspetto del prodotto.

95


ADV in action Cliente: Acqua&Sapone Campagna istituzionale realizzata in concomitanza della sponsorizzazione del Giro d'Italia.

96


PRESS OFFICE & P.R.

di Michela Bernardo

CEO Hero! COSTRUIRE UN’IMMAGINE SOLIDA INTORNO AI LEADER DELL’IMPRESA PORTA VALORE ALLA REPUTAZIONE DELL’AZIENDA.

In advertising, a volte si parla di “prodotto eroe”. Secondo me, è una definizione perfetta per descrivere quello che noi ogni giorno facciamo per i CEO delle nostre aziende clienti. Dietro a un grande manager c'è sempre una grande penna... quella di un ufficio stampa che tratta il CEO come il prodotto di punta della sua azienda, descrivendolo, raccontandolo e proponendolo alla stampa. Non credo serva fare un esempio scontato come quello di Apple per dimostrare che buona parte della percezione che il pubblico ha di un’impresa è determinata dal carisma dei suoi vertici. Costruire un’immagine solida intorno ai leader dell’impresa porta valore alla reputazione dell’azienda

e soprattutto quote al valore di mercato che il pubblico è disposto a riconoscergli. L'importanza di presentare il CEO sotto una luce positiva e propositiva parte dalla realizzazione di un profilo personale interessante, che lo posizioni come opinion leader nel suo settore di riferimento: dando visibilità a pensieri già articolati oppure fornendo la nostra consulenza per individuare temi innovativi e argomenti efficaci. Insomma, aiutandolo a individuare e sviluppare i suoi "superpoteri". Le sue dichiarazioni dovranno attirare l’attenzione della stampa, devono farne circolare il nome e - perché no? - innescare un possibile dibattito costruttivo.

97


PRESS OFFICE & P.R.

di Mirco Mastrorosa

Le imprese, in quanto organismi articolati, non parlano solo ai propri potenziali clienti. Se si limitano a considerare il loro target come possibile perimetro di influenza si lasciano sfuggire l’occasione di tutelare i propri interessi laddove vengono prese le decisioni che li condizionano. La disciplina dei Public Affairs si occupa di attivare e gestire una comunicazione diretta con le organizzazioni, le istituzioni e il decisore pubblico di tutti i livelli (dall’ente locale alle commissioni europee). Queste relazioni sono integrate nel panorama della comunicazione d’impresa al fine di mantenere coerenza tra quanto comunicato ai diversi pubblici. In questo quadro di riferimento delle relazioni si inserisce l’attività, definita di Lobbying, che ha l’obbiettivo dichiarato - e assolutamente legittimo - di salvaguardare e comunicare gli interessi dell’azienda nei luoghi in cui i legislatori prendono decisioni che influenzano la sua attività.

98

Le lobby, storicamente, erano i locali in cui le persone esterne ai processi della politica, quelle che oggi definiremmo “gruppi di interesse”, incontravano i parlamentari inglesi per discutere le loro esigenze. Fare lobbying è quindi una funzione complementare ai processi decisionali e legislativi che è trasparente, regolamentata, e utile alle commissioni per approdare a provvedimenti che incontrino il favore di tutti gli attori della realtà pubblica. Ogni impresa può scegliere come disporsi nei confronti dei temi che la riguardano e delle istituzioni che li regolamentano: può reagire a decisioni che ne intaccano gli interessi con un atteggiamento “reattivo”, muoversi con anticipo in modo “proattivo”, o mantenere uno scambio costante di interazioni con gli organi decisionali in funzione “interattiva”. In ognuna di queste prospettive la consulenza in tema di lobbying è un aspetto imprescindibile.


Ognuno di questi interventi viene pianificato e comunicato al nostro cliente con report di carattere qualitativo che illustrano la strategia e dati precisi che la giustifichino.

Ma perfino una scelta di tipo “adattivo” (ovvero un adeguamento passivo alle disposizioni che vengono dall’alto) richiede l’impegno di un aggiornamento puntuale e faticoso che richiede tempo ma soprattutto le competenze necessarie per muoversi tra decreti, disegni di legge, interpellanze e commissioni.

Quando iniziamo una collaborazione di questo tipo non lasciamo nulla al caso (è nella natura di questa attività riuscire a monitorare con attenzione ogni singola fase dell’operazione) e predisponiamo incontri di accreditamento con gli interlocutori di interesse e tavole rotonde intorno ai temi di rilievo per il cliente.

Ecco perché risulta essenziale la bussola che Emporio ADV, con i suoi strumenti, può fornire alle imprese che non vogliono lasciarsi attraversare dal flusso degli eventi ma desiderano far arrivare la propria voce dove è importante che venga ascoltata. A queste aziende siamo in grado di fornire un costante monitoraggio legislativo e di redigere “Issue report” che sintetizzano il quadro di riferimento normativo intorno a specifici argomenti di interesse. A partire da queste analisi e con il supporto di ricerche tematiche, survey e focus group, possiamo arrivare insieme a una mappatura del processo decisionale e politico con cui evidenziare le figure chiave su cui un’azione di dialogo e influenza può generare benefici per gli interessi dell’impresa.

Come agenzia integrata siamo in grado di offrire soluzioni per attivare il dibattito pubblico e la mobilitazione dei gruppi di pressione sui temi definiti di rilievo dalla programmazione strategica. Chi si avvale dalla nostra consulenza ha sempre un’idea precisa di quello che succede intorno a lui e, a chilometri di distanza, nelle stanze del potere. Lavoriamo al servizio di una generazione di imprese che ha voglia di disegnare il proprio futuro senza galleggiare, insicura, nell’oceano dell’amministrazione pubblica.

TESTA Analizzare gli scenari, le norme, la deontologia

BOCCA Dialogare e far dialogare

PANCIA Riconoscere rischi, criticità, crisi

GAMBE Strategia, azioni, tempi e cambi di rotta

OCCHI Osservare il mondo esterno

CUORE Le persone e le dinamiche psicologiche

MANI Gli strumenti per l’azione

99


SOCIAL MEDIA

always on-air: social media & content management? chiamatelo “arte di arrivare alle persone” di Valentina Bearzi

Si sente dire ovunque: se non esisti

una certa reticenza al contatto con un

sanno farlo. E c'è anche l'altro lato

online, allora non esisti.

pubblico che invece di parlare ha voglia

della medaglia: su Facebook e su

Oggi il web non è più un'opzione, ma

eccome.

Twitter chiunque può postare critiche

semplicemente una realtà. Una realtà

I social sono il nuovo modo di comunicare

e osservazioni a cui si deve saper

con cui ogni azienda che desideri essere

a

rispondere adeguatamente.

percepita come affidabile e attenta al

immediato, più facile, più diretto, più

Non ci si può far trovare impreparati e

cliente deve fare i conti.

coinvolgente.

bisogna “programmare” comportamenti

I consumatori parleranno comunque di

Ti permettono di arrivare sul telefono

e reazioni che incontrino le esigenze del

noi sui Social Network. Lo faranno anche

del tuo cliente, senza filtri, e gratis.

pubblico. Attenzione però, scegliere

se non ci saremo, e probabilmente lo

Ma coinvolgerlo e parlargli non è così

come

faranno addirittura peggio.

semplice. Proprio per l'immediatezza

utilizzare

Insomma, come recita il primo assioma

del mezzo, si rischia di essere subito

da incollare su Facebook: le persone

della comunicazione, “non si può non

cestinati. I social non sono una vetrina,

che si rivolgono a noi su un social

comunicare”. Chi sceglie il silenzio

sono un luogo in cui conversare e

network cercano una persona, non una

comunica,

generare coinvolgimento. Non tutti

segreteria telefonica.

100

anche

involontariamente,

disposizione

delle

aziende.

Più

comportarsi formule

non

significa

preconfezionate


Ecco perché le realtà aziendali più solide e

Il Social Media Manager ha piena

Operare sui Social Media non significa

lungimiranti si sono da tempo rivolte alle

padronanza degli strumenti

semplicemente essere in grado di

competenze professionali di Social Media

analitici del Marketing online

gestire una pagina su Facebook ma

ed è in grado di trasformare

essere in grado di far dialogare tutti i

i risultati in comportamenti

canali web (Twitter, Youtube, Facebook,

Manager e di Community Manager, per avere le risorse con cui affrontare le insidie di una piazza sempre aperta e pronta a parlare, bene o male, di loro.

operativi: ovvero di correggere

È possibile, certo, che anche le aziende

il tiro della comunicazione

più piccole abbiano al loro interno persone

corporate online, nel caso

in grado di controllare e gestire il traffico

non sia in linea con l’immagine

delle informazioni sulle piazze digitali,

d’impresa che si vuole

rispondendo ai commenti della community. Limitarsi a questo, però, significa correre

ESPRIMERE.

Pinterest, LinkedIn, Google+) in modo sinergico per generare un discorso che porti valore al Brand e a quello che ha da dire al suo target proprio dove il target discute di lui. Ci vuole prontezza di riflessi, presenza costante, empatia, e cultura: perchè

il rischio di lasciarsi sfuggire importanti

non

occasioni per aumentare awareness e

bisogna dire qualcosa di rilevante per

basta

ripetere

parole

vuote,

competitività sfruttando proprio questi

chi ci sta ascoltando e che, una volta

canali.

coinvolto, spesso, cerca un vero dialogo. Per comunicare con persone vere, insomma, servono persone vere. Come quelle che lavorano in Emporio ADV.

Follow us on Twitter

101


ADV in action Cliente: VTP Campagna istituzionale.


SOCIAL MEDIA

L unica cosa che non cambia mai?

il cambiamento di Luca Comino

Periodicamente, nei magazine e nei blog di settore, appaiono articoli con liste più o meno ragionate dedicate ai "nuovi trend" e alle skills necessarie per cavalcarli. Nel 2014, in queste analisi spicca spesso il concetto di “serendipità”. sempre di più il branding passa attraverso strategie di contenuti. “Serendipità” è quella regola della ricerca contenuti. Possibilmente, contenuti di qualità. possibilmente, scientifica per la quale spesso le scoperte Una parola piuttosto di moda in questo periodo è contenuti di qualità. più interessanti si fanno per caso, mentre “user experience”. Si tratta dell’elemento che più di una parola piuttosto tutti, nel settore del design, decreta il successo di cerchiamo altro. Lo diceva anche John di moda Lennon: la vita è quello che ti accade mentre un prodotto, ovvero: cosa proverà il cliente quando in questo periodo è sei impegnato a fare altro. Ma non è un po’ utilizzerà il nostro servizio? contraddittorio? Come si può prevedere un Quando si parla di contenuti secondo me bisogna “user experience”. anno serendipitoso? Un anno serendipitoso farsi la stessa domanda. Il nostro contributo può accadere solo quando meno te lo aspetti. Qualcosa di arricchirà chi lo riceve? Magari anche solo divertendolo o intrattenendolo con qualità. C’è una massima che va sempre simile accade quando si vuole parlare dei nuovi trend 2.0. Ne individui uno, cominci a lavorarci, a sviluppare strategie tenuta a mente quando si tratta di produrre contenuti per e a ottimizzare processi, fai previsioni su come sfruttarlo un pubblico generalista e che fa capire quanto sia difficile al meglio domani... ed ecco che è già vecchio. Al suo posto farlo: le persone sono sempre più intelligenti di quanto pensi trovi una nuova piattaforma di condivisione, o magari e sempre meno di quanto speri. semplicemente una nuova moda. Scherzi a parte, un po’ di Significa che non devi sottovalutarle ma nemmeno dare idee su quello che sta accadendo online si possono dire. niente per scontato! Sempre di più il branding passa attraverso strategie di

103


OFFICE ASSISTANT: IN

104

I DETTAGLI PRIMO PIANO


ADMINISTRATION & MANAGEMENT

di Cristina Gallini

Non c’è una seconda occasione per fare una buona prima impressione. Cosa è un office assistant? Di sicuro non è un modo ridondante per definire una professione ordinaria. Di ordinario, anzi, c’è ben poco. L’office assistant è il custode dei segreti che rendono un ambiente piacevole, efficiente e produttivo. Non sono semplicemente il sorriso che accoglie clienti e fornitori assicurandosi che si sentano a proprio agio durante la loro permanenza. A gravitare intorno agli uffici di un’agenzia, oltre ai clienti, ci sono tutte le persone che ci lavorano e i progetti e i documenti che il loro lavoro produce. La corretta archiviazione di questi documenti, il controllo logistico e la gestione dei rifornimenti permettono di ottimizzare i tempi e rispettare le scadenze. Chi ben comincia è a metà dell’opera e l’organizzazione è sempre un ottimo punto di partenza. Più il mio lavoro viene effettuato con precisione e più diventa agile il lavoro dell’agenzia.

Non credereste a quanti aspetti bisogna gestire perchè la vita d’agenzia non diventi ostile al lavoro creativo. Ogni preoccupazione concreta legata all’ambiente di lavoro, che riesco a togliere dalle spalle dei collaboratori di Emporio ADV, diventa tempo che loro possono dedicare agli interessi del cliente.

L' office assistant E il custode dei segreti che rendono un ambiente piacevole, efficiente e produttivo. Rappresento il filtro tra agenzia e mondo esterno e questo significa doversi fare carico di assorbire le pressioni che arrivano da entrambe le parti e agevolare il rapporto tra tutte le persone che ogni giorno visitano e contattano la nostra realtà. Passione? tantissima. Il segreto è saper trasformare perfino l’attesa in un’esperienza di relax.

105


ADMINISTRATION & MANAGEMENT

di Simone Tosi

Un’agenzia strutturata come Emporio ADV si articola in locali che hanno anime molto diverse tra loro. Ci sono quelli in cui regnano le tabelle colori e quelli e non sono pochi in cui vincono le tabelle di Excel. Il layout delle pagine che ogni giorno ci si ritrova a maneggiare in un ufficio amministrativo, insomma,

106

non ha niente a che vedere con quello delle campagne stampa che circolano nei settori produttivi. In molte mansioni c'è poco spazio per la creatività ed è necessaria tanta, tantissima organizzazione, sia mentale che pratica. Preventivi, documenti e fogli di calcolo, pagine tra cui bisogna districarsi con una certa dimestichezza e che bisogna

catalogare con precisione per poterle affrontare una a una rispettando le scadenze. Se realizzata con impegno, una gestione rigorosa e puntuale delle pratiche è in grado di snellire, e non di poco, il funzionamento generale dell’agenzia permettendo di risparmiare tempo e (è il caso di dirlo) denaro.


Access ed Excel non sono certo Photoshop, su questo non si discute, ma i numeri contengono un irresistibile potenziale creativo. Suono la chitarra, amo la musica, e se parlo di gestione amministrativa non posso fare a meno di pensare alla struttura di una melodia: anche quando si compone un brano ci si affida agli schemi complessi della matematica per arrivare a ritmo e armonia. Perfino la poesia non può fare a meno di una buona dose di rigore aritmetico. Può sembrare azzardato associare musica e fatture, ma spesso bisogna avere una spiccata sensibilità, quasi artistica, per i numeri. Specialmente in Emporio ADV, dove le cifre hanno un ruolo decisivo, a cui possono adempiere solo se sono in grado di acquisire significato. Se vogliamo che non rimangano segni vuoti sul fondo della pagina, la loro analisi deve produrre indicazioni che possano guidare l’azienda nella giusta direzione. E le cifre della nostra agenzia delineano prospettive di crescita piuttosto stimolanti.

Quello tecnico ovviamente, e quello del mondo dei collaboratori di Emporio ADV. Per loro, spesso creativi di professione, rappresento un filtro prezioso per la comprensione del materiale amministrativo, uno "strumento" imprescindibile per mantenere rapporti umani e chiari con un settore in cui hanno poca dimestichezza. Certo, una realtà che come Emporio ADV riconosce e premia il valore dei propri collaboratori, rende questa attività molto più semplice. Bastano disponibilità e chiarezza per creare rapporti collaborativi

e trasparenti tra le nostre scrivanie, anche se sono un po’ lontane. D’altronde non siamo così diversi, lavoriamo tutti con passione in una realtà che vediamo crescere ogni giorno sotto i nostri occhi, frutto dei nostri sforzi. Io registro i numeri di questa crescita e tengo il ritmo di questo sviluppo. Un ritmo rock.

Ogni giorno devo rivolgere la mia attenzione a due fronti profondamente diversi tra loro.

107


POSTFAZIONE

Il vero viaggio deve ancora cominciare è il momento dei saluti: ma, se volete , si tratta di un arrivederci a presto.

Ringraziandovi per il tempo che avete trascorso con noi in questo viaggio nella storia, nei talenti e nei volti che rendono speciale Emporio ADV, vi diamo appuntamento ai prossimi numeri. Il viaggio vero e proprio - quello nel quale ogni tappa è un'esperienza memorabile - deve ancora cominciare. In un certo senso, si può dire che passeremo dalle parole ai fatti: finora vi abbiamo raccontato il nostro punto di vista sul mondo delle imprese e della comunicazione, mentre i prossimi numeri saranno dedicati alla messa in opera di questa visione. Ogni numero, infatti, sarà dedicato ad una diversa case history e quindi ad un diverso cliente - dall’analisi delle esigenze del Brand all’approccio strategico per affrontarle, fino alle soluzioni, siano esse creative, commerciali o, com’è tipico di Emporio ADV, una sintesi originale. Nell’editoriale di apertura abbiamo usato un’immagine per spiegare l’obiettivo di questo primo numero del MADGAZINE: una stretta di mano, per conoscersi di persona, guardandosi negli occhi, anche se solo dalla pagina. Adesso, con la certezza che vi sia sembrata una stretta di mano decisa e sincera, da parte nostra non rimane che la speranza di rimanere in contatto. Insieme, possiamo trovare le risposte ai problemi, ai progetti e ai sogni del tuo Brand.

LO STAFF

UDINE Via Michelangelo Buonarroti 41 Loc. Feletto Umberto_33010_Tavagnacco_Udine t +39 0432 546996 MILANO Via Borgogna 5_20122_Milano t +39 02 4 ​ 9534570 info@emporioadv.it_www.emporioadv.it

108


ADV in action Cliente: Pilosio Campagna istituzionale settore edilizia.

109


TI SEMBRA POCO? TISEMBRA SEMBRA POCO? SI DICE CHE 21TI GRAMMI SIAPOCO? IL PESO DELL’ANIMA. SI DICE CHE 21 GRAMMI SIA IL PESO DICE CHECHE 21 GRAMMI PESODELL’ANIMA. DELL’ANIMA. NOISIPENSIAMO IL BRANDSIA SIA IL L’ANIMA DI OGNI AZIENDA. NOI PENSIAMO CHE IL BRAND SIA L’ANIMA DI OGNI AZIENDA. NOI PENSIAMO CHE IL BRAND SIA L’ANIMA DI OGNI AZIENDA. Il brand è la risorsa più importante a tua disposizione. È il tuo volto, per farti conoscere e ricordare. Il brand è la risorsa importante tua disposizione. È oggi il tuoevolto, per farti conoscere e ricordare. È la tua voce,più racconta il tuo apercorso ai clienti di ai possibili partner di domani.

Il brand è la più racconta importante a percorso tua disposizione. il tuo volto, per partner farti conoscere È risorsa la tua voce, il tuo ai clienti diÈoggi e ai possibili di domani.e ricordare. Parla all’Italia, ma può farlo all’estero e in nuovi mercati.

È la tua voce, racconta il tuo percorso ai clienti di oggi ai possibili partner di domani. Parla all’Italia, ma può farlo all’estero e inenuovi mercati. Il brand crea un valore aggiunto, bisogna prendersene cura.

Parla all’Italia, puòaggiunto, farlo all’estero in nuovi mercati. Il brand crea unma valore bisognaeprendersene cura.

Noi di Emporio ADV lo facciamo ogni giorno, e ci mettiamo l’anima. Noi di Emporio lo facciamo ognibisogna giorno, eprendersene ci mettiamo l’anima. Il brand crea ADV un valore aggiunto, cura.

Noi di Emporio ADV lo facciamo ogni giorno, e ci mettiamo l’anima.

UDINE _Via M. Buonarroti 41 UDINE _Via Umberto_33010 M. Buonarroti 41Tavagnacco (UD) Loc. Feletto Loc. Feletto Umberto_33010 Tavagnacco (UD) MILANO _Via Borgogna 5_20122_Milano_(MI) MILANO _Via Borgogna 5_20122_Milano_(MI)

UDINE _Via M. Buonarroti 41 Loc. Feletto Umberto_33010 Tavagnacco (UD) MILANO _Via Borgogna 5_20122_Milano_(MI)

emporioadv.it - info@emporioadv.it emporioadv.it - info@emporioadv.it seltzpr.it - info@seltzpr.it seltzpr.it - info@seltzpr.it

emporioadv.it - info@emporioadv.it seltzpr.it - info@seltzpr.it

Madgazine | Emporio ADV  

A magazine to tell about creativity, communication and business. A project to involve people in the life of an advertising agency.

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you