Page 1

Nicolino

GIORNALINO SCOLASTICO DELLA SE “SAN NICOLÒ”, n. 16, a.s. 2011/2012 ŠKOLSKE NOVINE OŠ “SAN NICOLÒ”, br. 16, šk. god. 2011./2012.


Carissimi lettori! Rieccoci, più vispi e scatenati che mai...Scatenati intellettualmente ed artisticamente, è ovvio. A dire il vero, è stato un anno creativamente esplosivo, di grande impegno e fantasia, in tutti i campi. Abbiamo cercato di seguire, cogliere e raccogliere il meglio dei vostri scritti, disegni, gite, successi sportivi e non inerenti partecipazioni (e vittorie) alle varie gare, manifestazioni, concorsi. Non è stato semplice scegliere tra i tanti validi lavori pervenuti in redazione (complimenti a insegnanti e alunni!), ma lo abbiamo fatto, con l’auspicio di aver realizzato un giornalino che rispecchi il meglio di quest’anno scolastico. A nostro parere, i risultati sono per niente male! Sfogliere per credere! La Redazione

Najdraži čitatelji! Evo nas opet k vama, veseli i razuzdani...intelektualno i umjetnički razuzdani, mislimo da se to podrazumijeva. Da vam pravo kažemo, bila je to vrlo kreativna godina u svakom smislu, zalaganje i mašta su bili uključeni na svim poljima. Nastojali smo slijediti i sakupiti najbolje pisane i likovne uratke, svjedočanstva sa izleta, uspjehe i pobjede na sportskim natjecanjima i natječajima te razna obilježavanja. Nije bilo lako učiniti izbor jer je velik bio broj radova pristiglih u uredništvo (svaka čast marljivim učiteljima i učenicima!), ali smo se povodili namjerom da ovaj list bude ogledalo protekle školske godine. Po našem mišljenju rezultat zaista nije loš! Prelistajte pa ćete se i sami u to uvjeriti! Uredništvo

SOMMARIO – SADRŽAJ Detto fatto / Naše aktivnosti ............................................................................................................................ 1 Date da ricordare / Obilježili smo ................................................................................................................... 3 Alla scoperta del mondo / Otkrivamo svijet .............................................................................................. 8 Affetti / Naši najdraži . .......................................................................................................................................13 Cantuccio letterario / Književni kutak . .......................................................................................................20 Doposcuola / Produženi boravak .................................................................................................................26 Riflessioni ed esperienze /Razmišljanja i iskustva ..................................................................................27 Sport / Šport ........................................................................................................................................................29 Curiosità / Zanimljivosti ...................................................................................................................................31 Svago e risate / Smijeh i zabava . ..................................................................................................................32 REDAZIONE – REDAKCIJA Direttore responsabile – Za izdavača: Iva Bradaschia Kožul, prof. Caporedattore responsabile – Glavni i odgovorni urednik: Ornella Sciucca-Linić Redattore artistico – Umjetnički urednik: Tea Paškov Vukojević, prof. Redattore tecnico – Tehnički urednik: Emma Blažević, prof. Collegio redazionale – Urednički kolegij: Ileana čalmić, Nika jelić, Selma Smajić Impaginazione e stampa – Priprema i tisak: Tiskara Zambelli, Rijeka Ringraziamento – Zahvala: alle insegnanti / nastavnicama M. Adany, V. Babić, T. Bobanović, L. Calderara, D. Defranza, K. Dessardo, M. Janeš, E. Koraca, S. Maričić, J. Milković, H. Žitko,A. Soldan, N. Tomšić Dubrović, D. Voncina Ivanić e Z. Zulić per la collaborazione / za suradnju.

sfondo/pozadina: Donatella Brajuha, VII, “Giraffa”


DETTO FATTO NAŠE AKTIVNOSTI

  |1

NICOL-CRONACA

NICOL-KRONIKA

• IX: Primo giorno di scuola: spettacolino di benvenuto per i neoscolaretti della Ia e Ib; Santa Messa di inaugurazione dell’anno scolastico; • X: Giornate del pane e dei prodotti della terra: benedizione del pane e allestimento mostra; Lezione sul comportamento nel traffico per gli allievi della Ia e della Ib; Scuola in natura a Cherso (convento francescano) per la VII classe; Gita di studio in Toscana e Liguria per l’VIII classe (organizzazione UI-UPT); Gare di Lingua italiana - Fiume: partecipano J.J. Kren e M. Šestan (VIII); I colori dell’autunno: partecipa la classe IIIa; • XI: Gita in Lika per le classi Ib-IVb; Concorso LIK - partecipano: L. Božić, M. Brozović, R. Buttignon, M. N. Ferenac, F. Grgić, E. Hajtić, L. Kobajić, A. Pilginton, V. Tomac, V. Višnjić (IIa); E. Borovac, M. Barić, K. Dodič, F.F. Kren, M. MarokZanet, D. Zatezalo (IIIa); A. Uzelac, M. Horvat (Ib); L. Delač, I. Stojanović (II.b), 30 alunni dalla V – VIII cl.; Premiato: F. F. Kren (IIIa); • XII: Giornata della scuola: al mattino Santa Messa e di sera lo spettacolino di tutti gli alunni; • I: Giornata della Memoria – giornata integrativa, ospite la prof.ssa Rina Brumini: partecipano le classi VII e VIII; Concorso „Vigili del fuoco“- partecipano: nella categoria ‘lavori artistici’ : A. Pilginton (IIa); E. Borovac (IIIa); L. Delač, I. Stojaković (IIb); nella categoria ‘lavori letterari’: S. Dijić, D. Zatezalo (IIIa); L. Delač, D. Mohorić (IIb); Premiata: S. Dujić (IIIa - categoria ‘lavori letterari’); • II: Ballo mascherato per le classi inferiori; „La Fatina dei dentini“, ospitata in Ia; Concorso Europa a scuola: nella categoria ‘arti figurative’ partecipano: K. Dodić, N. Magno, M. Marok-Zanet, A. Valenčić, L. Petrovski, L. Žigulić (IIIa); K. Anušić, V. Didović, M. Horvat (Ib); D. Mohorić, I. Stojaković (IIb); 20 alunni dalla V – VIII cl.; nella categoria ‘lavori letterari’ partecipano 7 alunni dalla V – VIII cl.; Premiata: M. Šestan (VIII); Visita al Museo delle scienze naturali; IIa e IIIa; Lidrano - partecipa l’alunna S. Glaser, IIIb; Visita all’orfanotrofio „Ivana Brlić Mažuranić“, IIIa; Partecipazione alla serata letteraria dedicata a

• IX.: Prvi dan škole i tradicionalna priredba dobrodošlice za učenike I.a i I. b razreda; Sveta Misa povodom početka nove školske godine; • X.: Dani kruha i plodova zemlje: blagoslov kruha i izložba; Predavanje o pravilnom ponašanju u prometu za učenike I.a i I.b razreda; Škola u prirodi na Cresu (franjevački samostan) za VII. razred; Ekskurzija u Toskanu i Liguriju za VIII. razred (u organizaciji UI-UPT); Natjecanje u znanju talijanskog jezika - Rijeka: sudjeluju J.J. Kren i M. Šestan (VIII.); Boje jeseni: sudjeluje razred III.a; • XI.: Izlet u Liku za razrede I. b - IV. b; Natječaj LIK – sudjeluju: L. Božić, M. Brozović, R. Buttignon, M. N. Ferenac, F. Grgić, E. Hajtić, L. Kobajić, A. Pilginton, V. Tomac, V. Višnjić (II.a); E. Borovac, M. Barić, K. Dodič, F.F. Kren, M. MarokZanet, D. Zatezalo (III.a); A. Uzelac, M. Horvat (Ib); L. Delač, I. Stojanović (II.b), 30 učenika VII. -VIII.; Nagrađen: F. F. Kren (III.a); • XII.: Dan škole: ujutro tradicionalna Sveta Misa, a navečer priredba svih učenika; • I.: Dan Sjećanja – integrirani dan, gost prof. Rina Brumini: sudjeluju VII. i VIII. razredi; Natjecanje „Vatrogasci“ – sudjeluju: u kategoriji ‘umjetnički radovi’: A. Pilginton (II.a); E. Borovac (III.a); L. Delač, I. Stojaković (II.b); u kategoriji ‘literarni radovi’: S. Dijić. D. Zatezalo (III.a); L. Delač, D. Mohorić (II.b); Nagrađena: S. Dujić (IIIa - kategorija ‘knjiž. radovi’); • II.: Maskirani ples za niže razrede; „Zubić vila“, gostovanje u I.a; Natječaj Europa u školi: u kategoriji ‘likovni izričaj’ sudjeluju: K. Dodić, N. Magno, M. MarokZanet, A. Valenčić, L. Petrovski, L. Žigulić (III.a); K. Anušić, V. Didović, M. Horvat (I.b); D. Mohorić, I. Stojaković (II.b); 20 učenika V. – VIII.razreda; u kategoriji ‘književni radovi’ sudjeluju 7 učenika V. - VIII. razreda; Nagrađena: M. Šestan (VIII.); Posjet II.a i III.a razreda Prirodoslovnom muzeju; Lidrano - sudjeluje učenica S. Glaser, III.b; Posjet Domu „Ivana Brlić Mažuranić“, III.a; Sudjelovanje na književnu večer posvećena sfondo/pozadina: lavoro del doposcuola


2|

DETTO FATTO NAŠE AKTIVNOSTI

Egidio Milinovich (CI), IIa; Ballo mascherato per le classi superiori; • III: Concorso „Un fiore per la mamma“: nella categoria ‘lavori artistici’ partecipano tutte le classi inferiori italiane; Premiata: K. Dodić (IIIa); nella categoria ‘scritti“ partecipano tutte le classi inferiori italiane; Premiati: A. Marot (Ia), L. Kobaić (IIa), M. Barić (IIIa); J. Hrustić, L. Kinkela, L. Levanić, M. Martinolić, M. Mrakovčić (IVa); Concorso „Un critico in erba“: nella categoria ‘lavori artistici partecipano: A. Pedić, N. Dokoza, D. Glavina, N. Kilani, R. Kozeljac, G. Kuridža, A. Marot, K. Sušanj (Ia); E. Bogović, L. Buttignon, R. Buttignon, N. Ferenac, L. Kobaić, L. Tomac, V. Tomac, V. Višnić (IIa); M. Barić, S. Dujić, K. Dodič, M. Marok-Zanet, A. Valenčić, D. Zatezalo, L. Žigulić, L. Petrovski (IIIa); P. Bojčić, F. Kinkela, L. Levanić, M. Martinolić (IVa); nella categoria ‘scritti’ partecipano: S. Dujić, N. Magno, F.F. Kren, L. Žigulić (IIIa); Premiati: nella categoria ‘lavori artistici’: A. Pedić, N. Dokoza (Ia), T. Sanković, R. Buttignon (IIa), M. Barić (IIIa); nella categoria ‘scritti’: S. Dujić, L. Žigulić (IIIa); Progetto „Fiume nuota“, VII classe; Visita alla „Villa Ružić“ - Pećine, V – VI; Appuntamento con la fantasia – Pola, IIIa; • IV: Gita a Zagabria per le classi superiori; Concorso Mailing List Histria: partecipa S. Smajić (VIII); Insegnamento in natura – Draganić (Karlovac): classi inferiori italiane; Concorso San Vito: 6 alunni dalla V-VIII classe; Fiera del bambino: IIIa; • V: Visita al Museo delle scienze di Trieste, IVa; Minigiochi sportivi - Umago: partecipano: N. Dokoza, L. Mihoković, K. Sušanj, K. Skendžić (Ia), V. Višnić, R. Buttignon, M. Brozović, M. N. Ferenac (IIa); E. Borovac, T. Gašparac, M. Marok-Zanet, D. Zatezalo (IIIa); A. Vujović, L. Grozdanić, M. Petrovski, L. Skendžić (IVa); Premiati: N. Dokoza (Ia), V. VišniĆ (IIa); nella categoria ‘tiro alla fune’: 2º posto; Conferenza „Sicurezza su Internet“, classi V-VIII; Conferenza – „Maturità scolastica – preparativi per l’ entrata a scuola“, Ester Bakotić Šepić; Settimana della scienza: VII-VIII; • VI: Giornata sportiva- asili: tutte le classi inferiori; Colonie estive a Camporosso (TV) per la VI classe (organizzazione UI-UPT)

Egidiju Milinovichu (ZT), II.a; Maskirani ples za više razrede; • III.: Natječaj „Cvijet za mamu“: u kategoriji ‘likovni radovi’ sudjeluju svi niži talijanski razredi; Nagrađena: K. Dodić (III.a); u kategoriji „književni radovi’ sudjeluju svi niži talijanski razredi; Nagrađeni: A. Marot (I.a), L. Kobaić (II.a), M. Barić (III.a); J. Hrustić, L. Kinkela, L. Levanić, M. Martinolić, M. Mrakovčić (IV.a); Natječaj „Mladi kritičar“: u kategoriji ‘umjetnički radovi’ sudjeluju: A. Pedić, N. Dokoza, D. Glavina, N. Kilani, R. Kozeljac, G. Kuridža, A. Marot, K. Sušanj (I.a); E. Bogović, L. Buttignon, R. Buttignon, N. Ferenac, L. Kobaić, L. Tomac, V. Tomac, V. Višnić (II.a); M. Barić, S. Dujić, K. Dodič, M. Marok-Zanet, A. Valenčić, D. Zatezalo, L. Žigulić, L. Petrovski (III.a); P. Bojčić, F. Kinkela, L. Levanić, M. Martinolić (IVa); u kategoriji ‘književni radovi’ sudjeluju: S. Dujić, N. Magno, F.F. Kren, L. Žigulić (III.a); Nagrađeni: u kategoriji ‘umjetnički radovi’: A. Pedić, N. Dokoza (I. a), T. Sanković, R. Buttignon (II. a), M. Barić (III. a); u kategoriji ‘književni radovi’: S. Dujić, L. Žigulić (III. a); Projekt „Rijeka pliva“, VII. razred; Posjet „Vili Ružić“- Pećine, V. i VI.; U susret mašti – Pula (III.a); • IV.: Izlet u Zagreb za više razrede; Natječaj Mailing List Histria: sudjeluje S. Smajić, (VIII.); Učenje u prirodi – Draganić (Karlovac): niži talijanski razredi; Natječaj San Vito: 6 učenika od V. do VIII. razreda; Sajam djeteta: III.a; • V: Posjet IV. a razreda Muzeju znanosti u Trstu; Sportske miniigre – Umag: sudjeluju: N. Dokoza, L. Mihoković, K. Sušanj, K. Skendžić (I.a), V. Višnić, R. Buttignon, M. Brozović, M.N. Ferenac (II.a); E. Borovac, T. Gašparac, M. Marok-Zanet, D. Zatezalo (III.a); A. Vujović, L. Grozdanić, M. Petrovski, L. Skendžić (IV.a); Nagrađeni: N. Dokoza (I. a), V. VišniĆ (II. a); u kategoriji ‘potezanje konopa’: 2. mjesto; Predavanje „Sigurnost na Internetu“, V.-VIII. raz.; Predavanje „Zrelost za školu i priprema djeteta za prvi razred”, Ester Bakotić Šepić; Festival znanosti, VII.-VIII.; • VI.: Sportski dan – vrtići: svi niži razredi; Ljetne kolonije u Camporossu (TV) za VI. razred (u organizaciji UI-UPT).

Sfondo / Pozadina: doposcuola / produženi boravak tal. grupa


DATE DA RICORDARE OBILJEŽILI SMO

  |3

Il 19 gennaio 2012 siamo andati al Circolo con la nostra meastra a vedere lo spettacolo „Mini e Maxi“, tratto dal libro di uno scrittore fiumano. Mario Schiavato. La storia racconta di due alieni (saturnini, non marziani!), scesi sulla Terra per conoscere gli esseri umani. Appena arrivati, la prima cosa che hanno visto, sono stati i distributori di benzina. Loro pensavano fossero animali e provavano a comunicarci, ma non accadeva nulla, così se ne sono andati. Dopodichè sono andati dalla famiglia Supermarket. Però, la polizia li ha visti e, pensando fossero ladri mascherati, ha cercato di catturarli. Mini e Maxi credevano invece che i poliziotti fossero dei robot, cosicchè si sono allontanati. Hanno raggiunto la farmacia. Maxi era talmente affamato che ha preso un pacchettino di Lavoro di gruppo classi Italiane inferiori, Ia-IVa pillole, credendo fosse cibo per saturnini. Che matto! La loro avventura è poi continuata in un grattacielo, da dove la portinaia li ha cacciati via. Quando stavano per partire, ormai stanchi e molto confusi, sono sati raggiunti da una ragazzina, che gli ha spiegato tutto. Alla fine lei ha regalato loro il suo orsetto di peluche e Maxi le ha dato la sua enciclopedia spaziale. Poi i due simpatici saturnini sono spariti nello spazio... Lo spettacolo mi è piaciuto moltissimo. A presto Mini e Maxi! Marko Čačić, V Mini e Maxi sono due extraterrestri venuti su uno strano pianeta chiamato Terra. Lì hanno visto tante cose nuove, come i distributori della benzina, la farmacia, il supermercato e un grattacielo. Mini e Maxi si chiedevano che cosa fosse la benzina e per cosa servisse. Dopodichè, in farmacia, hanno incontrato una farmacista addormentata. Lei ha informato Mini e Maxi sull’uso delle medicine. Maxi, non sapendolo, ha rubato una pillola, pensando che fosse qualcosa di dolce, e l’ha mangiata. Poi, al supermercato, hanno visto i cibi, le bevande e gli attrezzi per l’uso domestico, che non conoscevano. Dopo varie peripezie, i due extraterrestri sono arrivati vicino ad un grattacielo, dove sono stati sgridati perchè parlavano a voce alta. In conclusione, la bambina con l’orsacchiotto ha parlato con Maxi, gli ha dato il suo giocattolo mentre l’alieno le ha regalato un calcolatore. Con questa bella scena è terminato lo spettacolo. Siniša Pešut, V


4|

DATE DA RICORDARE OBILJEŽILI SMO

Nel mese di ottobre si è tenuta, presso la nostra scuola, la 40. esima edizione delle gare di lingua italiana per le SEI. Accompagnati dai loro insegnanti, verso le ore 14.30, si sono radunati tutti i partecipanti delle scuole elementari e medie in lingua italiana dell’Istria e di Fiume. Dopo un breve ricevimento, gli ospiti sono scesi in palestra per assistere allo spassoso spettacolino preparato dagli alunni della “San Nicolò” in segno di benvenuto. In seguito, i partecipanti ed i loro insegnanti sono stati salutati dalla direttrice , Iva Bradaschia Kožul, da Tiziana Dabović, Anamaria Uzelac, I.b direttrice dell „Arcobaleno“, da Mario Simonović, responsabile di „Panorama“, da Maurizio Tremul, presidente della GE di Unione Italiana, nonchè da Norma Zani, a capo del Settore Educazione Istruzione, che li ha introdotti ai nuovi titoli dei libri dell’ ultima edizione della „Magia delle parole“. Alle ore 16.00 gli allievi partecipanti alla gara si sono ritirati nelle apposite aule e, fino alle 18.30, si sono sbizzarriti nella realizzazione dei temi della competizione. Nel frattempo, i docenti accompagnatori hanno potuto seguire la presentazione in power point del rione di San Nicolò, del vicino silurificio, di una Giornata delle mele preparata dalle classi inferiori, nonchè della scuola „San Nicolò“, effettuata dagli allievi della stessa. A seguire una bella passeggiata tematica, guidata dagli alunni di cui sopra, fino alla zona industriale e all’ex fabbrica „Torpedo“. Al termine della gara, dopo i saluti e un breve rinfresco, gli ospiti hanno raggiunto le loro sedi. La redazione

I ragazzi al lavoro

Le ‘guide’: Claudia (VI), Jan (VI), Petra (VII), Matteo (IIIa)


DATE DA RICORDARE OBILJEŽILI SMO

  |5

Posjet Art-kinu Croatia – „Koko i duhovi“ Vrlo sam se obradovala kad nam je učiteljica rekla da ćemo poći u Art-kino Croatia pogledati film „Koko i duhovi“. Bilo je to u utorak, 13.12.2011. Krenuli smo nakon prvog sata nastave, a ulaznice su bile besplatne. Već ranije sam znala za Koka i njegovu družinu. Zbog toga sam bila uzbuđena što ćemo sada gledati filmsku verziju te priče. Kada smo došli, dvorana je bila poluprazna, ali se kasnije popunila. Počeo je film. Nadala sam se da će biti strašan, ali on je bio iznad mojih očekivanja. Glavni je junak dječak Koko koji je uz pomoć prijatelja i psa pronašao otmičare svoje sestre. Otmičari su završili lić, IIIa Leonardo Žižu u zatvoru, a policija je još jednom zahvalila Koku na suradnji. Bilo je pomalo smiješno što su djeca za vrijeme strašnih scena vrištala od straha. I ja sam se osjećala pomalo nelagodno. Kraj mene je sjedila Petra. Za vrijeme strašnih scena hvatala bi me za ruku, a tada je i mene bilo strah. Bilo mi je žao što su neka djeca ometala filmsku predstavu. Činilo mi se da je film trajao vrlo kratko. Nisam ni osjetila da su prošla dva sata. U filmu Koko spominje da ne voli knjige, nego filmove i mislim da se zbog toga snimio film. Bilo mi je zabavno i uzbudljivo, i sretna sam što smo svi zajedno pogledali taj izuzetno zanimljiv i dopadljiv film. Eleonora Ružić i Tamara Popić, VI.

“PIOVONO POLPETTE” Il film mi è piaciuto tanto. Il protagonista si chiama Flint. Samantha è una ragazza ma c’è pure una scimmia, Stiv. Più di tutto mi è piaciuto il signore che aveva le forbici e le due ragazze che lo amavano. C’era un poliziotto che ogni giorno diceva a suo figlio di volergli tanto bene. A Flint piaceva fare tanti esperimenti e ogni giorno faceva qualcosa di strano. Voleva diventare un bravissimo scienziato, sono certa che ci riuscirà. Nika Manjo, IIIa Ivan Babić, I.b


DATE DA RICORDARE OBILJEŽILI SMO

6|

Venerdì, 24 febbraio 2012, a scuola, abbiamo guardato, tutti insieme, il film “Piovono polpette”. Il film, per fortuna, durava circa due ore perché mi piaceva molto. Secondo me il personaggio più buono è Flint, un genio con il suo laboratorio dove fa esperimenti. Flint mi piaceva, anche perché ha salvato la città dal cibo che cadeva dal cielo grazie ad una macchina che aveva inventato lui, da solo. Il papà l’aveva aiutato perché gli aveva permesso di fare ancora esperimenti e l’aveva aiutato a premere il bottone rosso. Il sindaco, l’antagonista della storia, a forza di mangiare, è diventato grasso e voleva che quella cittadina diventi un centro turistico. Il sindaco, senza aver chiesto il permesso, è andato nel laboratorio e rbić, I.b Nensi G ha mandato alla macchina il messaggio di fare molto più cibo di quello che poteva. Flint entrò nel suo labos e vide il sindaco a fare una cosa che non doveva. I l coraggioso Flint lo voleva fermare, ma il sindaco gli lanciò addosso un ravanello che invece colpì un meccanismo che controllava quella macchina. Si sa che il sindaco,essendo un personaggio negativo, avrà una brutta fine.Ed è stato proprio così! È finito in mare. La macchina da cui cadeva il cibo si era rovinata perché cadeva troppo cibo e Flint era partito per andare a spegnerla. Il cibo arrivò dal cielo come una valanga e i cittadini si rifugiarono nel mare. Poi, però, ritornarono. Flint rimase sull’isola che esplose. La squadra ritornò in città senza Flint. Il papà era preoccupato. Ad un tratto, dentro al cibo, vide Flint. Flint visse felice e contento. Così finisce il film e anche la scuola per quel venerdì. Mi sono emozionato tanto quando il papà dopo la missione ha rivisto suo figlio vivo. Leonardo Žigulić, IIIa

Luana Ma

muti, IV .b

I.a


DATE DA RICORDARE OBILJEŽILI SMO

  |7

Il 27 gennaio, per celebrare la Giornata internazionale della Memoria, la nostra scuola ha organizzato un incontro con la professoressa Rina Brumini, docente di lingua e letteratura italiana presso la SMSI di Fiume, nonchè presidente dell’associazione delle signore israelite “E Shoah” di Fiume. L’ospite, molto brava e preparata, ci ha raccontato della presenza ebraica nella nostra città dal 1441 al 1948, come pure di alcuni episodi legati alla sinagoga in via Pomerio. In seguito, l’insegnante di catechismo, Katica Dessardo, si è soffermata sulla figura di Giovanni Palatucci, rilevando la sua importanza per la città di Fiume. Dopodichè gli alunni dell classi VII e VIII, che hanno partecipato all’incontro, si sono suddivisi in una serie di laboratori (di lingua italiana,

Chiesa Fiumana ebraica distrutta

Un passaggio della presentazione croata, arte, storia, catechismo...), in cui hanno approfondito le loro conoscenze sulle tematiche trattate e realizzato svariati lavori artistici e letterari. In conclusione della suddetta giornata integrativa, allievi e insegnanti hanno allestito una mostra nel corridoio della scuola, intitolata “Colpevoli di essere ebrei”. La redazione Lavoro di gruppo VIII.b


8|

Alla scoperta del mondo Otkrivamo svijet

Diario de viaje – Genova, Pisa y Florencia El año pasado la nuestra clase fue en una excursión de todas las escuelas italianas de Rijeka. Visitamos Genova, Pisa y Florencia, unas ciudades en Italia de aspecto antiguo pero muy hermosas. Llegamos en autobus y fue muy divertido. Primer día: Llegamos en albergue después de doce horas de viaje. Mientras viajamos nos paramos una vez para el almuerzo. El encuentro con los amigos de otras escuelas que no vimos por mucho tiempo fue muy emocionante. Después de dos horas de descanso continuamos a viajar hacia Genova. Primer sitio que visitamos fue el Acuario de Genova con mas de seiscientos especies de peces. En mi opinión, este sitio fue la cosa más bonita que vimos en estos cuatro días de nuestro viaje. Segundo día: Era bastante exigente porque en un día visitamos dos ciudades: Genova y Pisa. Genova es una ciudad muy semejante a Rijeka, es decir está situada en una colina cerca del mar. Sin embargo, en Pisa hay muchos monumentos antiguos, especialmente la torre famosa por su

aspecto inclinado. Era una imagen preciosa, porque los monumentos de color blanco estaban en un prado verde, y todo se parecía a un cuento fabuloso. En este prado la gente normalmente saca las fotografías o solo descansa. Después de esta ciudad estupenda empezamos a viajar para Florencia. Tercer día: Este día era completamente dedicado a la ciudad de Florencia. En realidad, yo no me esperaba una ciudad tan grande y monumental. Fuimos a visitar los monumentos por toda la mañana cuando vimos la Catedral, el Campanil de Giotto, la Basilica de San Lorenzo y varias esculpturas de Michelangelo. Tuvimos dos horas de tiempo libre para pasarnos en el centro de la ciudad, y entonces compramos los regalos para la familia y pues nos divertimos comiendo los platos típicos del sitio. Cansados de caminar volvimos en albergue. Cuarto día: Estabamos tristes porque llegó el día de regreso. Por fin, visitamos la parte más alta de Florencia que nos ofreció la hermosa vista de toda la ciudad, y desde allá yo dijé !Adiós! a Italia. Era una experiencia inolvidable que permanecerá por siempre en mis recuerdos. Klaudia Kamenar, VIII

Posjet Zagrebu Krenuli smo u šest i trideset sati. Prvo smo išli u tvornicu olovaka TOZ. Tamo smo vidjeli razne olovke i kupovali. Onda smo išli do Zagrebačke katedrale. Bili smo posjetili gornji i donji dio Zagreba i vidjeli glavni Trg Josipa bana Jelačića. Planirali smo ići u ZOO vrt, ali nismo mogli tamo jer je životinjama bilo hladno i spavalo im se. Ionako je bilo super prema Rijeci. Vratili smo se u osam sati. Bilo mi je super. Selma Smaić, VIII

David Cattarinuzzi, IV. b


Alla scoperta del mondo Otkrivamo svijet

  |9

My Kuwait experience Hello, my name is Marko Čačić. I spent my holidays in Kuwait with my mum and dad and a lot of friends. One of them was my good friend Tara. The flight lasted eight hours. Every day we were together with our 2 other friends: Roco and Luka. We went to see the Kuwait towers and took lots of pictures. We even went to the amusement park where we had a lot of FUN. We were supposed to go bowling, but we didn’t go. We were sad. I even learned how to say ball in Kuwaitian. They say it KORA. My mum took a lot of pictures and she was startMarko Čačić, V ing to annoy me. Every day we went to the stadium. It was a few meters from our house. Our friend brought his Play Station2 so we played it every evening. We went to the aquarium. It was small but very interesting. We saw an otter, some penguins, lots of fish and stuff like that... My trip to Kuwait was fun, because I saw my dad and we had a lot of fun! :) Marko Čačić, V

Piccolo momento di relax


10 |

Alla scoperta del mondo Otkrivamo svijet

Francia De reciente, mi madre y yo fuimos en Francia. Viajamos en autobus y volvimos después de ocho horas de viaje. Primer sitio que visitamos fue el museo de perfumes en Niza. Es el museo de perfumes más grande y importante de toda Europa. Allá compramos algunos regalos para mi y nuestros amigos. El día siguiente visitamos el centro de Niza y la playa más famosa de Francia. Es muy grande y larga. El albergue en el que estuvimos era bonito y ofrecía buenos servicios: el aire condicionado, el restaurante y las habitaciones con la vista al mar azul y limpio como el cielo. El tercer día visitamos Montecarlo y Monaco, conocidos también por el nombre Mini Las Vegas. En Montecarlo vive la gente muy rica y todo se parece caro y lujurioso. Allá esta el casino muy grande y abierto por 24 horas. Está siempre lleno de gente boraccha de luz, música y dinero. El último día vimos la ciudad de Cannes. Muchas personas famosas llegan en esta ciudad durante el festival. La alfombra roja en el centro recuerda a esas personas del mundo de películas. Yo caminé sobre esta alfombra y me parecía a una estrella de Hollywood. Este viaje me gustó mucho. Barbara Barbieri, VIII

Zagabria El jueves el 19 de abril fui a Zagabria con mi clase. Viajamos con el autobús muy moderno. Cuando llegamos a Zagabria, lo primero que visitamos fue el Museo de la técnica. Allá observamos el cielo artificial con muchas estrellas. Fue divertente porque el señor que nos mostraba el

Katija Tonković, VII

Laura Gračan, VI cielo nos enseño los nombres de algunas estrellas y de los planetas. Luego, fuimos al centro de la ciudad donde teníamos el tiempo libre de una hora y media. Mis amigas Nika J. y M., Antonella y yo decidimos de tomar un café en el bar en la Plaza de Marko. Luego, comimos algo en McDonald’s muy cercano. Fue mi primera vez de irme en este McDonald’s que es mucho más grande y tiene dos pisos respecto al nuestro de Fiume. Toda la clase y alumnos de las clases más pequeñas tenían que reunirse a las dos y cuarto pero yo llegué a una esplendida idea de viajar en tranvía justo cinco minutos antes de reunirnos. Entonces entramos en el tranvía y salimos a la próxima estación. Toda la gente de mi clase querría viajar en el tranvía porque nadie nunca lo habia hecho. Por suerte, llegamos en el tiempo justo sin tardar. Luego visitamos la estación meteorologica y allá nos enseñaron como se calcula la cantidad de lluvia y la fuerza del viento. Después visitamos el parque zoológico de Maksimir donde vimos los animales como los leones, los monos, los lloros y muchos otros. La ciudad de Zagabria me gustó mucho aunque fui allá muchas veces ya. ¡Es una ciudad esplendida! Vana Signorini, VIII


Alla scoperta del mondo Otkrivamo svijet

  | 11

Laboratorio francescano a Cherso: che settimana! Gli alunni della VII classe, assieme ai loro coetanei della scuola “Gelsi” e ad un gruppo di insegnanti, nel mese di ottobre hanno preso parte a un autentico “laboratorio francescano”, durante il quale hanno trascorso cinque giorni nel convento di San Francesco sull’isola di Cherso. Si è trattato di una particolare scuola in natura, organizzata con il supporto finanziario dei genitori degli alunni e con il contributo dell’Unione Italiana e del Consiglio per le minoranze della Città di Fiume. Nei giorni trascorsi al convento i ragazzi hanno avuto modo non soltanto di conoscere un ambiente completamente nuovo, nel quale regnano la pace e l’ordine, ma hanno potuto pure apprendere nozioni di storia, letteratura, musica, natura, arte, religione...Gli alunni partecipanti, inoltre, si sono cimentati in una serie di giochi ‘medievali’, nella piantagione di due piante d’ulivo e nella realizzazione di un racconto accompagnato da disegni sulla vita di Placido Cortese che, in seguito è diventato un bellissimo albo illustrato. A esperienza conclusa, gli alunni si sono detti entusiasti e desiderosi di ripeterla. La redazione

E vai con il violino!


12 |

Alla scoperta del mondo Otkrivamo svijet

Un panorama mozzafiato!

Firennze...dalla Cupola del Brunelleschi Chi desidera salire sulla Cupola? – Chiese la capoclasse. Si potevano intravedere dieci o undici mani alzate... Anche se bisognava pagare il prezzo del biglietto, ho deciso di andarci. Sentivo che sarebbe stato meraviglioso e otto euro non sembravano tanto. Così, Lovro, Ivan, Marco, Daniel, Mia, Selma, Mihael, Ileana, Anamaria, Klaudia e io siamo partiti verso la Cupola, alta centocinquanta metri. Ci sono serviti circa quindici minuti per arrivare in cima, perchè i passaggi stretti e la moltitudine dei visitatori rallentavano il cammino. Vedere la chiesa da sopra, attraverso le fessure che accompagnavano il percorso, era davvero magnifico! Fino all’uscita all’aria fresca, all’altezza di cento metri, dovevamo superare la bellezza di circa 600 scalini. Arrivandoci, sono rimasto stupito e praticamente muto per quasi tutto il tempo. Le persone, da lassù, sembravano delle formichine che correvano per la città. Si vedeva tutta Firenze, le case, le chiese, i monumenti e le piazze. Ancora adesso mi chiedo come sia possibile che qualcuno, ai tempi di allora, sia riuscito a progettare e realizzare qualcosa di simile a tutto ciò che stavo ammirando? Giunto il tempo di scendere, ci hanno detto che non dovremo pagare nulla. Ero un po’ triste pensando ai miei compagni che non erano saliti e

non avevano potuto godere di quell’incantevole panorama... La Cupola del Brunelleschi e la torre di Pisa (sulla quale non potevamo salire) resteranno nei miei ricordi per tutta la vita. Nel caso ne avessero la possibilità, suggerirei a tutte le generazioni future di alzare la mano e salire sulla Cupola. Toni Arih, VIII

Posjet Zagrebu Planirali smo posjetili grad Zagreb. Kad smo stigli u tvornicu TOZ PENKALA obavili smo kupovinu i krenuli dalje do Zagrebačke katedrale. Vozili smo se uspinjačom, vidjeli smo Trg ban Josipa Jelačića i onda su svi išli na pizzu. Lina Rubinić, IV.b Krenuli smo u 7 sati s autobusne stanice. U Zagrebu smo išli u tvornicu olovaka. Zatim smo se upoznali sa vodičem ispred Zagrebačke katedrale. Zatim smo išli na Trg Josipa bana Jelačića. Vodič nas je vodio na vožnju uspinjačom, na Markov trg gdje je Hrvatski Sabor. Zatim smo prošli kroz kamenita vrata i išli na picu. Šetali smo se Maksimirom. Bilo mi je super. Toni Mohorić, IV.b


Affetti Naši najdraži

I preziosi insegnamenti dei miei nonni A mio parere i nonni sono i secondi genitori. Infatti, fin dalla mia nascita, i miei nonni hanno fatto parte integrante della mia vita. Con quelli paterni ho un legame molto forte perchè vivono un piano sotto al mio, quelli materni, invece, vivono piu’ lontano. Ogni giorno vedo e saluto i miei nonni paterni. Qualche volta ceniamo insieme e quelle, per me, sono serate speciali. Quando ero piccola, ma anche adesso, mi narravano e spiegavano tante cose della loro infanzia, della vita, della scuola e di tutto ciò che li circondava. Dai loro racconti ho concluso che in passato la vita era molto piu’ dura di oggi. I nonni mi hanno insegnato tanti giochi, ad avere un comportamento adeguato in certe situazioni, ad ascoltare gli altri, a fantasticare... Mio nonno, infatti, mi leggeva e sfogliava quotidianamente infinite pagine di libri per l’infanzia. Ricordo in particolar modo il libro delle 365 favole che ci ispirava sceglierne, ogni sera, una diversa. Amo parlare con i miei nonni perchè sono molto saggi, sanno tantissime cose e hanno un sacco di esperienza. Della vita, a mio avviso, mi hanno in-

Lavoro premiato: Filippo Kren, III.a, “Lik”

  | 13

Sorridere, prego!

segnato l’essenziale: i valori morali, l’importanza della famiglia, di un abbraccio e dei piccoli gesti. Grazie a loro ho imparato a fidarmi degli altri e a fare in modo che gli altri si fidino di me, grazie a loro oggi so perdonare. Mi hanno insegnato, a tal proposito, che nella vita accadono cose spiacevoli e ad affrontarle e superarle con ottimismo, fede e grande coraggio. Mia nonna materna, che chiamo „nonna Miki“ per il famosissimo topolino di peluche regalatomi in passato, è speciale. Le telefono spesso e chiacchieriamo. Ci viene sempre a trovare a Natale, Pasqua e qualche compleanno, quando racconta le sue storielle, che ascolto attentamente, dato che ritengo sappia tutto. Nonna Miki, infatti, è stata una brava professoressa ed è molto in gamba. I miei nonni sanno tante cose di me e seguono con interesse il mio percorso scolastico e sportivo. Sono orgogliosissimi quando ottengo un risultato superiore alla media e vanno fieri dei miei successi. Sono felice di poter vivere i miei nonni che, con la loro grande saggezza e ricchezza interiore, impreziosiscono e fanno crescere il mio giovane mondo. Mia Šestan, VIII, LAVORO PREMIATO


14 |

Affetti Naši najdraži

Mia nonna si chiama Alma. Ha sessantaquattro anni: è nata il 6 maggio 1948. E’ alta e cucina benissimo. Mi ha insegnato a nuotare, a mangiare, a fare la po-pò nel vasino, a disegnare, a giocare a „Uno“, a dire „nonna“, a camminare, a scrivere i numeri uno, due e tre, a contare fino a dieci, un po’ a parlare l’italiano (ma solo un pochino), a tagliare con le forbici e a cucinare. Il nonno si chiama Josip e ha sessantasei anni. E’ nato il 9 maggio 1946. E’ ciccione e guarda sempre la televisione. Infatti, mi ha insegnato molte cose legate al mondo della tv: ad accenderla, a cambiare programma, a spegnerla. Con lui, però, ho imparato anche a cantare, a correre, a guidare la bici, a disegnare con gli acquerelli e i pennarelli, a colorare e ad andare sulla slitta. Bello, no? Grazie nonni. Marko Čačić, V I miei nonni, sia quelli materni che paterni, sono bravissimi. Si comportano da veri nonni: mi viziano, mi aiutano e mi coccolano ancor oggi. Sono dei nonni all’antica, non sono severi e non mi rimproverano mai. Quand’ero piccola mi portavano sempre con sè. Trascorrevamo tutte le estati a Grado, sulle spiagge italiane. Di allora mi sono rimasti tanti bei ricordi. Mi hanno insegnato a nuotare e, in tal modo, a vincere la mia paura

dell’acqua. Di quel periodo mi è rimasto anche il pensiero di quanto sia importante l’amicizia. Sono stati loro, infatti, a spingermi a cercare amici, a giocare sulla spiaggia, a risolvere gli inevitabili conflitti che nascevano con i miei coetanei... Mio nonno era la persona che cercavo di più’. Lui mi dava tanti utili consigli che mi aiutavano nei rapporti interpersonali e che seguo tuttora. Secondo lui non bisogna avere paura a chiedere scusa se si sbaglia e si deve sempre cercare di risolvere un litigio parlando e discutendo. Penso spesso alle sue parole, provo a metterle in pratica, ma talvolta non ci riesco. La vita è complicata. Vi sono anche altre cose che ho imparato dai miei nonni. Grazie a loro, infatti, non morirei di fame nemmeno se rimanessi da sola al mondo! So preparare, senza alcun tipo di problema, la pasta ai funghi o con qualsiasi altro ingrediente trovato nel frigorifero. So che avrei imparato a leggere anche senza di loro, ma l’aiuto dei nonni è stato prezioso. I primi libri illustrati me li hanno comprati loro e, ogni pomeriggio, mi esercitavo nella lettura leggendogli varie storielle. Ora sono cresciuta e non li vedo tanto spesso, però ci facciamo visita ogni fine settimana, quando per loro ridivento la bambina di ieri. Lo faccio con piacere e, osservando le loro rughe spensierate, mi chiedo spesso: che nonna sarò? Donatella Brajuha, VII

Anamaria G

abriela Krmek

, VIII


Affetti Naši najdraži

Debora Kornjača, VII Penso di essere una ragazza fortunata nell’abitare nella stessa casa in cui vivono anche i miei nonni paterni. I nonni sono sicuramente delle persone speciali per noi nipoti: ci coccolano, ci viziano, ci amano e ci insegnano tante cose. Mia nonna paterna è una donna tranquilla e paziente, perciò, quando sono agitata, nervosa o preoccupata, cerco in lei un rifugio. Se, invece, ho bisogno di un aiuto concreto, quando mamma e papà sono occupati con il lavoro, mi rivolgo al nonno che, in un batter d’occhio, risolve il problema. Il loro amore nei confronti di mia sorella e me è immenso, e lo si nota quando ritorniamo a casa dopo la scuola o dopo gli allenamenti. La nonna ci accoglie con un dolce squisito e il nonno con un magnifico sorriso. Quando ero piccola, ci venivano a svegliare teneramente e ci aiutavano a vestirci. Seguivano poi con attenzione come e se mangiavamo, ripetendo continuamente: „Perchè non mangi? Non ti piace? Dai, mangia che ti fà bene!“ Adesso non vengono a svegliarci, ma ci aiutano in altri modi. Alla nonna, per esempio, piace molto quando le chiedo di aiutarmi a scrivere i temi di croato. E’ felicissima quando può farlo! Il nonno, invece, è bravo ad aggiustarci le bici, i pattini, tutto. Quando lo fà, viene a dircelo, molto orgoglioso e felice di aver fatto qualcosa per noi. Come la maggior parte delle nonne, anche la mia è una bravissima cuoca: riesce miracolosamente a preparare delle torte da pasticceria! Le fà con tanta passione e amore, che non riesco a distogliere lo sguardo dai suoi gesti. Anche se,

  | 15

forse intimorita dalla sua bravura, non ho ancora trovato il coraggio di chiederle di aiutarla, qualche tempo fà ha insistito affinchè imparassi a fare gli gnocchi. All’inizio ero un po’ imbranata: ho fatto cadere un uovo, ho sporcato il pavimento con la farina e non ho pelato bene le patate. Ma la nonna, paziente come sempre, mi ha aiutata a risolvere quei ‘piccoli’ incidenti di percorso e a fare un impasto gradito poi da tutta la famiglia. La prossima volta m’insegnerà a preparare il gulash. Non vedo l’ora! Oltre alla cucina, a mia nonna piace molto leggere, di tutto. Prima di farlo, mette gli occhiali, si accomoda sul divano e prende una tazza di tè. A noi nipoti non ha mai avuto la sfortunata idea di dirci: „Leggete, dovete leggere!“ Ed è proprio per questo motivo che lo faccio, anche, forse, per imitarla. Mio nonno, invece, ama molto stare all’aria aperta, nel suo bell’orto. E’ un gran conoscitore di piante. Mi piace seguirlo e imparare da lui a curare i fiori e far crescere le verdure. Come la nonna, anche lui si fà in quattro per trasmettermi tutto ciò che sa. Voglio molto bene ai miei nonni e ne sono orgogliosa. Cerco di non farli arrabbiare e di essere affettuosa quando siamo insieme. Spero di trascorrere con loro ancora tanti anni, perchè mi rendo conto che c’è tantissimo da imparare. Spesso sono assente, perchè faccio nuoto, ma loro sono sempre con me e, nel pensarli, mi sciolgo come neve al sole. Katja Tonković, VII

Katija Paus,

V


16 |

Affetti Naši najdraži

L’amicizia è... Stare insieme e volersi bene Giocare insieme e stare con gli amici Dividere i giocattoli con gli amici Dividere i dolci e aiutare gli anziani Alessia Marot, Ia

IV

Dragi Djed i baka... DRAGI DJED I BAKA IMATE UNUKA JAKA, VOLI VAS UNUKA SVAKA, A NAŠA SRCA KUCAJU TIKA-TAKA Ana Levak, Ivona Stojaković, Refren: Dario Mohorić, II.b BAKA I DJED NAS VOLE I ZA NAS SE MOLE, PONEKAD NEDOVLJA DOĐE, ALI S NJIMA PROĐE ZA MENE SE BRINUTI TREBA IAKO NISAM BEBA, ČUVAJU NAS K’O MAMA I TATA JER SU ONI PUNI TOG ZANATA Antonio Matijević, IV.b Refren NISMO JOŠ ODRASLI ALI JESMO VESELI, IGRAMO SE I ŠALIMO S VAMA I TO JE NAJVEĆA SREĆA NAMA Refren: BAKA I DJED NAS VOLE I ZA NAS SE MOLE, PONEKAD NEDOVLJA DOĐE, ALI S NJIMA PROĐE PONEKAD NEDOVLJA DOĐE, ALI S NJIMA PROĐE

Marcel Brozović, IIa IV. b


Affetti Naši najdraži

  | 17

My little Pony: Friendship is Magic My little pony is an animated television series that can be watched on a channel called HUB, or on the internet. It’s owned by HASBRO and directed by Lauren Faust. The show follows a studious unicorn named Twilight Sparkle and her 5 close friends called Pinkie Pie, Fluttershy, Rainbow Dash, Rarity and Applejack. Each of them represents an Element of Harmony: Twilight Sparkle – Magic Rarity – Generosity Pinkie Pie – Laughter Fluttershy – Kindness Rainbow Dash – Loyalty Applejack – Honesty Older male fans of MLP call themselves Bronies, and the female ones call themselves Pegasisters. Rainbow Dash is a cyan colored pegasus pony with a rainbow colored mane. She is one of the fastest flyers in Equestria and the only one who was able to pull of a Sonic Rainboom, not once, but twice. Her dream is to join the Wonderbolts one day (the best flyers in Equestria) but for now, she works in Ponyville in the weather control team. She is voiced by Ashleigh Ball. Pinkie Pie is a hyperactive earth pony which loves parties. She has a pink coat and a pink, messy, curly mane. She works at a Bakery, and bakes all sorts of muffins, cupcakes and cakes. She is voiced by Andrea Libman, but her singing voice is by Shannon Chan-Kent. Fluttershy is a very shy Pegasus pony which loves animals and has a deeper connection with them than the other ponies. She has a calm yellow coat color and a calm pink mane color. She gets scared easily and doesn’t like to argue. She is voiced by Andrea Libman, too. Rarity is a fashion style unicorn pony. She has got a white coat and a purple, curled mane. She has also got a little sister called Sweetie Belle. She works in a shop with clothes she sewed herself. She also loves going to the spa in her free time. She is voiced by Tabitha St. Germain, and her singing voice is by Kazumi Evans. Applejack is a hardworking, farm earth pony. On her farm she makes apple cider, apple pies, apple jam and all sorts of apple deserts. She has got a little sister called Apple Bloom and a big brother called Big Macintosh. She has got an orange coat and a yellow, tied mane. She is voiced by Ashleigh Ball. Twilight Sparkle is the main character of MLP, she is a studious unicorn which lives in a Library. She has got an assistant dragon baby called Spike. She has got a purple coat and a purple mane with highlights. She was the only pony writing letters abour friendship reports for Princess Celestia, but right now every of the main 6 ponies is writing friendship reports. She is voice by Tara Strong, with her singing voice being by Rebecca Shoichet. The first season has finished with a count of 26 episodes, and the 2nd one will finish with 26 too. The 3rd season is supposed to be published by September 2012. My little pony has been translated to French, Italian, Dutch, Spanish, German, Danish, Norwegian, Swedish, Turkish, Arabic, Polish, Portuguese, Hungarian, Czech, Romanian, Serbian, Russian and Chinese. Tamara Delpin, VI

Un amico Vorrei avere un amico,al quale raccontare tutti i miei segreti. Vorrei avere un amico buono,con il quale giocare tutto il giorno. Vorrei avere un amico,un vero amico,un amico del cuore. Adriana Valenčić, IIIa Anamaria Valenčić, IIIa


Affetti Naši najdraži

18 |

Ivan Babić, Magdalena Horvat, Leo Sviličić - I.b

Il Natale Per me Natale è stare con la famiglia.Sono felice quando è Natale e mi piace aiutare la nonna e la mamma. Katja Dodič, IIIa Il Natale è bello, divertente, tanta gioia, felicità, stare con la famiglia,addobbare l’albero di Natale. Mia Barić, IIIa Per me il Natale è una bella festa, si sta tutti insieme,la gioia e l’amore mi fanno battere forte il cuore quando guardo il mio Presepe. Filippo Filip Kren, IIIa

Sfondo / Pozadina: Romina Butignol, IIa

Per me Natale è un giorno felice,quando sono con la mamma,il papà e le nonne.Poi andare alla Santa Messa a mezzanotte e prima abbellire l’albero di Natale! Martina Jurman, IIIa

Jacopo Già da sette anni frequento la stessa scuola di Jacopo. Quando l’ho visto la prima volta, in seconda classe, ho riso molto perchè mi ricordava Mr. Bean, un famoso comico inglese. Dopo un po’ di tempo, conosciutici meglio, siamo diventati veri amici, che si aiutano a vicenda e ci sono sempre. Per un anno abbiamo praticato insieme il tennis e, spesso, gli davo dei soprannomi... Jacopo, per me, è una persona speciale, come fosse un fratello. È sempre pronto ad aiutarmi e, a mio parere, è particolarmente buono, perchè non

giudica gli altri dall’aspetto esteriore, bensì dal loro cuore, da come sono interiormente. Inoltre, il mio amico Jacopo è molto educato e rispettoso nei confronti delle maestre e degli amici. Parla bene ed è bravo in italiano. Ogni giorno, a scuola, mi fa ridere e ci prendiamo in giro. È molto preciso nel colpire qualcuno con vari oggetti e ciò mi diverte. A pensarci bene è strano che io, il ragazzo più basso della classe, sia tanto amico di quello più alto...Mi sono serviti un paio d’anni per capire che Jacopo è l’Amico per eccellenza. Tra l’altro, egli ne ha tanti i quali, ne sono convinto, la pensano come me. Piacerebbe anche a me averne di più... Jacopo ha le spalle molto larghe perchè pratica la pallanuoto già da diverso tempo. Gli auguro di cuore di diventare, un giorno, un bravo portiere professionista e di seguirlo alla tv. Nonostante ci vedremo spesso, mi rattrista l’idea di non frequentare, il prossimo anno, la stessa scuola , com’è stato finora. Ivan Seifert, VIII

Le nostre mamme Alla mia mamma piace lavorare ma le piace anche tanto scherzare. È molto bella. Penso che sia anche molto coraggiosa. Quando le porto a casa un buon voto ne è felice. Spesso mi aiuta ma anche a lei serve delle volte il mio aiuto. È molto cara la mia mamma! Leo Simonaj, IIa La mia mamma è speciale perchè ha fatto nascere il mio fratellino. Frequenta l’Università e perciò studia molto, scrive e legge. È carina, buona, bella, perchè lei è così. Le piace tanto guardare la TV, dormire ed ascoltare la musica. Mi piace anche per questo. Io la contraccambio con dei bei voti a scuola. Mikkel-Noa Ferenac, IIa La mia mamma è molto brava in lingua italiana. Ha un cuore grande, grande. Mi aiuta ad andare in bici e mi compra sempre delle buone cose da mangiare. È molto gentile con tutti i nostri ospiti. Mi fa incontrare volentieri il mio caro amico Sandro e ci compra i gelati. Grazie mamma! Tina Sanković, IIa


Affetti Naši najdraži

  | 19

Sfondo / Pozadina: Ambrosina Ružić, VII

Il mio Sole Ci sono tante persone care che mi circondano.Ce n’è una, però, che in mezzo a tutti brilla come un Sole. Lei, per me, è un diamante, un gioiello, una rondine che vola nel cielo sereno di primavera... Il suo cuore è morbido come le piume del piú meraviglioso uccello al mondo. Quando sto male è sempre presente, per aiutarmi e proteggermi. È una delle amiche piú buone e piú vere. Quando la guardo, ogni volta penso quanto sia orgogliosa ad avere qualcuno come lei accanto. Non passa neanche un giorno senza che le racconti tutto ciò che è accaduto la mattina a scuola... Trattasi della mia mamma, per me una delle persone piú importanti al mondo. Essa è di statura media, ha dei bellissimi occhi che brillano e i capelli castani. Mia madre è una persona fiera e orgogliosa di sè, nella quale si può avere totale fiducia, non ama i lussi e non è prepotente. E’ la protagonista dei miei sogni e la luce della mia vita quotidiana. Ricordo molto bene il primo giorno di scuola, quando avevo paura di andare in classe senza la mia cara mamma. Lei, rassicurante come sempre, mi ha suggerito affettuosamente, stringendomi la mano: “Dai, Selma, ce la farai!”. Arrivata, ho incontrato anche un paio di amici con i quali avevo frequentato l’asilo. Allorchè mi sono voltata verso di lei e le ho sorriso. Il suo sguardo era calmo e caldo e io non avevo piú timore di nulla. L’anno scorso c’è stato un periodo in cui non andavo molto d’accordo con alcuni compagni di classe, il che mi faceva soffrire. Un giorno rientrai a casa piangendo e mia madre, preoccupata, mi chiese cos’era accaduto. Dopo averglielo raccon-

tato, lei mi ha incoraggiato a non perdere la mia forza d’animo e, come sempre, mi ha dato sostegno. Quel giorno ho capito che non potrei vivere senza quella donna, il mio Sole. Selma Smajić, VIII La mia mamma è buona,gentile e molto graziosa. La mia mamma è laboriosa perché le piace lavorare.Alla mia mamma piace fare la pizza di sera.Alla mia mamma piace quando sono bravo a scuola e quando ricevo cinque.Alla mia mamma non piace quando mi porta con la macchina a scuola perché c’è traffico.La mia mamma è brava a fare le cene e il pranzo.Alla mia mamma non piace essere ammalata perché non può lavorare. Tomas Jurić, IIIa Per me “W la mamma!” significa tanto.La mia mamma è sempre brava e generosa con me.Mi vuole tanto bene,sia quando sta vicino a me, sia quando è in viaggio.Se mi serve qualcosa lei me la prende.Se sono ammalato lei mi cura.Fa tante cose per me, e a me piacerebbe fare tanto per lei.È contenta quando faccio qualcosa di bello a qualcuno.Quando può mi porta a scuola o mi viene a prendere per tornare a casa.Se può viene anche a vedermi quando ho gli allenamenti di calcio.Sono molto contento quando sono con lei e lei è contenta quando è con me. Io e la mia mamma ci divertiamo molto insieme.Per questo dico: “W la mamma!” Matteo Marok Zanet, IIIa


20 |

Cantuccio letterario Književni kutak

Opasna igra

I pompieri

Igra sa šibicama je opasna jer se mogu i djeca zapaliti. Zapamti, vatru moraš ugasiti! Ali ako vatra plamti, a ne možeš je zagasiti nazovi vatrogasce – oni će sve spasiti! Dario Mohorić, II. b

Vatra

I pompieri hanno tutto e a loro non serve aiuto. I pompieri hanno un’ automobile rossa e anche una borsa. Il fuoco fa del male e i pompieri non possono aspettare. I pompieri hanno tutto e a loro non serve aiuto. I pompieri hanno un gran cuore e ci aiutano sempre con calore. Silvia Dujić, IIIa

Pazi, igra vatrom je opasna. S njom se opasno šaliti. Jer ako se njome igraš, može se sve zapaliti.

2º POSTO CONCORSO “I VIGILI DEL FUOCO” L. Delač, II. b

Rosso come la matita di Sara. Rosso come la maglietta nuova. Rosso come il pericolo. Rosso come il fuoco che ho visto ieri. Rosso come i pompieri che spengono il rosso. Dajana Zatezalo, IIIa b Laura Delač, II.

, II.a Vito Tomac

Ivona Stoja ković, II.b


Cantuccio letterario Književni kutak

  | 21

È bella la primavera! Arriva con un vento leggero. Gli alberi si sono vestiti di verde. La terra ha un odore magnifico. Quanti colori!. Non si possono contare. Bella questa primavera!. Vito Tomac, Iia La primavera viene piano, piano, dopo il lungo inverno. Arriva di notte, quando tutti dormono. È profumata, è incantata, è colorata. Io amo tanto questa stagione. Luka Tomac, IIa I rami sono punteggiati da tante piccole gemme. La primavera sa fare però anche i capricci e, delle volte piange, delle volte ride. È bella però sempre perchè ci riporta il sole. Marcel Brozović, IIa La primavera è profumata, molto profumata. Gli animali si svegliano dal letargo e le rondini ritornano ai loro nidi. I fiori sono così colorati! I giorni sono invece pazzerelli, ogni giorno è diverso dall’altro.

Ena Hajtić, IIa U proljetno jutro nebo je modro i plavo. Na nebu je lijepo žuto sunce koje se veselo smije. Kraj sunca je veliki sivi oblak, a iz njega pada kiša. Na nebu je lastavica koja se vraća iz toplijih krajeva. Kraj lastavice je rascvjetano stablo voćke. Jedna ptica sjedi na gnijezdu u kojem su jaja iz kojih će se izleći ptići. Iza gnijezda je velika livada s puno trave, a na travi je lijepi, veliki i žuti maslačak koji ima velike listove. Na jednom listu je lijepa, crvena bubamara koja se odmara. Dorja Sulić, II. b

Giulia Marok Zanet, IIa U proljetno jutro počela je padati kiša iz oblaka. Lastavice su se vratile. Dobro će im doći malo uživanja u zraku. Voćka je procvjetala. Ptica u gnijezdu sjedi na svojim jajima. Ptići bi se trebali brzo izleći. Livada je prepuna trave. Maslačak uživa u proljetnoj kiši. Na listu bubamara pijucka kapljicu kiše. Ivan Marević, II.b Romina Butignol, II.a


22 |

Cantuccio letterario Književni kutak

VI

Il povero fabbro di Valius C’era una volta un povero fabbro che viveva nel paese di Valius. Egli era un uomo forte e intelligente, dal cuore puro.Il re di quel paese aveva un grande nemico, il Mago malvagio, che aveva trasformato la giovane principessa in una maga e la imprigiono’ in una montagna di cristallo. Un giorno il re fece chiamare il fabbro e gli disse di fabbricargli una spada magica con la quale avrebbe sconfitto, una volta per tutte, il Mago malvagio e avrebbe così spezzato il penoso incantesimo. Il povero fabbro sapeva che, per costruire la spada, avrebbe avuto bisogno dell’aiuto della maga della montagna di cristallo. Si mise subito al galoppo perchè di tempo non ne aveva poi cosi’ tanto. Infatti, doveva terminare l’impresa entro la fine della prossima luna piena. Dovete sapere che la dimora della maga si trovava in un luogo lontanissimo e, per quanto fosse valoroso il giovane che l’avrebbe liberata, avrebbe comunque dovuto superare tre durissime prove: la foresta stregata, la caverna del drago e il lago fatato. Si diresse verso la foresta che era piena di pericoli e di piccolissimi e dispettosissimi folletti. Sembravano dei diavoletti affaccendati ad attaccare il valoroso fabbro mordendolo e, infine, facendolo cadere. Ma il nostro eroe non si arrese e se ne liberò. La prima prova l’aveva superata. Era la volta della pericolosa e oscura caverna del drago. Nessuno ce l’aveva mai fatta a sconfiggere il grandioso drago sputafuoco e uscire vivo dal suo nascondiglio. Il fabbro entrò nella caverna mentre il drago stava dormendo. Qualcosa però interrupVI

pe il suo profondo sonno. Il drago incominciò a sputare fuoco e il prode fabbro fece appena in tempo a salvarsi la vita e imboccare la via d’uscita. Superò pure la seconda prova.Ma, la sua preoccupazione non cessava, perchè sapeva a che cosa stava andando incontro: al lago fatato. Tutti quelli che non ce la facevano a oltrepassare l’acqua venivano divorati da grossissime e spaventosissime creature che facevano da padrone nel lago. Ma siccome il fabbro aveva il cuore puro e onesto, camminò sulla superficie dell’acqua e, in questo modo, lo attraversò senza paura. Sull’altra sponda, ai piedi della montagna di cristallo, lo stava aspettando un bellissimo falco dorato che gli offrì una delle sue piume dorate. Questa avrebbe aperto lo scrigno che conservava il cristallo magico. Il fabbro si mise a cercarlo rivoltando ogni sasso della montagna, finchè finalmente lo trovò! Lo scrigno con il cristallo magico era nelle sue mani. Il falco si prestò a riportare il fabbro a Valius che si mise subito d’impegno. A lavoro finito la spada brillava nelle mani dell’artigiano che si affrettò a mettersi in cammino verso la reggia per consegnare la spada al re. A metà strada venne però sorpreso dal Mago malvagio che voleva sottrargliela. Il fabbro non avendo altri modi per proteggersi volteggiò con la spada magica, colpì il Mago e l’incubo finì. La maga ritornò ad essere la principessa del castello, il popolo si liberò dalle oscure magie del Mago e tutti ripresero a vivere felici e contenti. Lavoro di gruppo, IVa


Cantuccio letterario Književni kutak

Jesen

  | 23

I colori del cielo

Crvena, svježa. Veselje, grijanje, uživanje. Jesen nam donosi sreću. Radost.

Il cielo è azzurro, nuvole bianche si rincorrono, il vento sul mio viso soffia leggero. Le nuvole sembrano coni di panna montata. Il cielo verso sera si tinge di rosa e tutto attorno a me diventa bello e sereno. Quando osservo il cielo sono tanto felice.

Claudia Ujčić, VI

Zima Hladna, bijela. Grudanje, sanjkanje, klizanje. Trava pokrivena bijelim pokrivačem. Radost. Antonio Demark, VI

Proljeće Mirisno, veselo. Druženje, branje, zabavljanje. Miris svježih zelenih listova. Svježina.

Magdalena Horvat, II.b

Una strega sbadata

Tara Gačanin, VI

Ljeto Vruće, lijepo. Plivanje, ronjenje, druženje. Sreća, veselje i užitak. Ljepota

Filippo Filip Kren, IIIa

Sara Glaser, III.b

C’era una volta una strega che si chiamava Mega. Voleva fare guai e fece un disastro, lo sai? Il giorno dopo andò dalla sua amica che trasformò in una fomica. Toni Gašparac, IIIa

Tamara Delpin, VI

Il cervo C’era una volta un cervo che faceva da servo. Era tanto gentile quando portava le sue magie in un barile. Un giorno andò dalla sua nemica e la trasformò in una formica. Erin, Borovac, IIIa


24 |

Cantuccio letterario Književni kutak

Val mi je ispričao Nakon olujne noći svanuo je vedar, ali i vjetrovit dan. Umoran od šetnje lovranskim plažama, sjeo sam na stijenu koja je upoznala mnoga vremena, oluje i valove. Sjedeći i diveći se svemu oko sebe, noge mi je zapljusnuo razdragani val. Neočekivano mi se obratio. Prislonio sam uho malo niže i shvatio da mi priča priče o svojim putovanjima, zabavama, vjenčanjima morskih stanovnika, potopljenim brodovima, ljepotama naših otoka i uvala. Od želje da mi što više toga ispriča sav se zapjenio. Ali naše druženje nije dugo potrajalo. Zapuhalo je i mog pripovjedača raspršilo u bezbroj kapljica. Tada sam shvatio da se u svakoj morskoj kapljici tisuće tajni skriva. Karlo Čović Marić, V.

Razmišljanje jednog pauka…

Noah Valčić, III.b

Ah, kako bih volio da budem kao ovi učenici. Da sam pametan, velik, snažan… Gle koliki su! Pravi divovi! Kako bi to bilo lijepo. A ja ovako dlakav i svi me se boje. Ah… zašto me neki ljudi ne vole? Valjda im smetam. Ne žele da budem sa njima u učionici. Svaki me dan tjeraju metlom. Hmm… možda bih i ja mogao osnovati svoju školu. Nazvao bih je „Pauk“ , to bi bila najpametnija škola na svijetu. Ali kako da je osnujem kad sam sam, tu u kutu, bez prijatelja? Šmrc… Dosta cmizdrenja! Idem graditi! Vidjet će ovi pametnjakovići svoje! Idem ih za početak sad malo preplašiti. Juriiiiš! Melanie Glad, III.b

Il castello magico In un paese lontano, lontano c’era un castello.In quel castello viveva una principessa.Sotto il castello viveva un drago terribile e pericoloso.Ogni giorno osservava la principessa del castello. Un giorno un principe sentì che la principessa era in pericolo perché il drago aveva deciso di portarla via dal castello. Il principe andò alla ricerca del castello.Quando arrivò entrò velocemente nel castello. Prese la principessa e via... All’ uscita, il drago volle mangiarli. Il principe prese la spada e uccise il drago.Da quel giorno i due principini vissero felici e contenti. Leonardo, Toni, Ivan, IIIa


Cantuccio letterario Književni kutak

  | 25

Lulu Un giorno un bambino, di nome Lulu, è andato con i suoi genitori a fare una gita nel bosco. Quel bosco era conosciuto come bosco della felicità. Chiederete, perché portava questo nome? Lì gli uccellini cinguettavano tutto il giorno e c’era tanto silenzio. Lulu da solo aveva acceso il fuoco. Il bosco bruciava e gli animali scappavano. I suoi genitori, per fortuna telefonarono al numero 112. Arrivarono i pompieri che subito iniziarono lo spegnimento.Lulu piangeva e i suoi genitori erano tristi. E così, il bosco della felicità, diventò il bosco della tristezza. Adriana Valenčić, IIIa

Il granchio e la balena C’era volta un granchio, di nome Tom, che prendeva il sole su un sasso. Ad un certo momento si stancò e decise di tuffarsi nel mare. Mentre stava per farlo un altro granchio gli Luana Mamuti, IV.b suggerì: “Ehi, amico, giàcchè vai in mare, trovati una compagna...!“ Dopo averci pensato per un attimo, Tom lo ascoltò è si mise a caccia di una fidanzata. Presto capì che non gli piaceva nessuna, allorchè cominciò a osservare le pescioline. Neppure tra loro non ne trovò alcuna che gli facesse battere il cuore! Così Tom, deluso, stava per ritornare sul suo sasso quando, all’improvviso, vide una balena. Fu amore a prima vista! Tom decise di andarle incontro. Quando arrivò dalla balena le chiese di uscire con lui. La balena, lo crediate o no, accettò subito il suo invito. Felicissimo, il granchio si mise a correre nel negozio più vicino, per comprare uno smoking. Doveva fare bella figura! Nel frattempo la balena si dimenticò dell’ appuntamento. Tom invece arrivò puntale all’ ora stabilita. Dopo aver aspettato la balena per ore si rassegnò, e andò via. La balena, ad un tratto, si ricordò dell’ appuntamento e corse al ristorante dove doveva incontrare Tom. Lo aspettò a lungo dopodichè, triste, se ne andò. Così il granchio e la balena non si videro mai più. Jan Rutar , V

Moje razmišljanje o sreći Za mene je sreća…kad dobijem novog prijatelja, kad me netko spasi, kada nema rata, kad me nitko ne tužaka, kad pobijedim u nekom sportu, kad popravim razbijeno, kad sam bolestan pa ozdravim, kad dobijem dobru ocjenu, kad dobijem neki dar, kada mi je rođendan, kada mi se roditelji vrate sa puta…i ja se primim njihovog skuta. Leonardo Vlaše, III. b Matteo Marok Zanet, III.a


26 |

Doposcuola Produženi boravak

Pismo svetom Nikoli Dragi sveti Nikola ja bih željela imati psa. Naravno, živog psa! Voljela bih da moj pas bude štene, vrsta bigl. A ja ću za tebe vrlo rado pripremiti toplo čokoladno mlijeko i fine čokoladne kekse. Tako ćeš se dobro okrijepiti kod mene. Samo da ti još ovo kažem, htjela bih još i kozmetički stol za malene djevojčice. Bila bih ti jako zahvalna kada bi mi ostvario ove dvije želje. S nestrpljenjem iščekujem tvoj dolazak. Tvoja Luana! Luana Mamuti, IV. b

Moja mama

Doposcuola, I.a-IV.a

Moja mama je jako dobra. Ona me puno voli. Uvijek je spremna svima pomoći. Rado mi kuha ono što volim jesti. Radujem se kada smo zajedno. Volim je najviše na svijetu! Lina Rubinić, IV. b

Proljeće Stiglo je proljeće. Trešnja je propupala. Trava se zeleni. Svuda po njoj šareni se mirisno cvijeće. Mama se bacila na proljetno čišćenje, a tata kopa u vrtu. Djeca se napokon mogu po cijele dane igrati vani. Volim proljeće. Ono je moje najdraže godišnje doba. Robert Anušić, IV. b Caro Babbo Natale, vorrei che tutte le persone del mondo ricevessero una cosa che desiderano tanto,di esser contenti e molto grati di averla ricevuta. Babbo Natale, io credo in te! Tu per me esisti. Forse per gli altri bambini no, ma a me non importa quello che gli altri dicono. Potresti portare ai bimbi dei giocattoli con i quali giocheranno? Io ti scrivero’ ogni anno.Vorrei che la mia famiglia stia bene e alla fine vorrei pure che tu stia bene per tutta la vita cosi ci porterai dei regali per sempre! Doposcuola, I.a-II.a

Erin Borovac, IIIa


Riflessioni ed esperienze Razmišljanja i iskustva

  | 27

My USA experience

“Le cronache di Narnia”

I went to the USA with my family for Christmas holidays. I was there three weeks at my sister’s place. She lives in Cincinnati. In Cincinnati the weather is very variable. Few days later, we made a trip to New York. There we visited the Empire State building, Brooklyn bridge (which is two km long), Times Square, ... In Central Park I saw many squirrels that are so nice and they eat from your hand. New York is very noisy and there are many taxis on the streets. We slept in ‘’52 Wlliam Street’’ hotel. Then we made a trip to Mexico City. We visited a pyramid which is 65 meters tall. We visited Acapulco too, which is situated on the Atlantic ocean. I swam there for three days. Acapulco is a beautiful city but Mexico is very dirty and dangerous, especially for ‘’white’’ children. Very often they are kidnapped. We have friends in Mexico so we stayed at their place. I was very happy when I was there. We travelled by plane and our flight lasted ten hours!!!

Questo film mi piace troppo perché c’è molta fantasia. Il personaggio che mi piace di più è il leone Osvald. Il personaggio principale è Lucy. Lei è una ragazza. Ha un fratello Edmond ed un cugino. Nella loro camera c’è un quadro che rappresenta il mare con un veliero. Lucy ed Edmond vedono che il mare si muove e dopo qualche minuto tutta la stanza si riempie d’acqua. Loro si ritrovano a Narnia. Lì fanno la conoscenza di tanti personaggi fantastici. Il principe e il leone che fanno compagnia a Lucy ,Edmond e al cugino li seguono a casa. Ho visto tanti film fantastici ma questo è sicuramente il migliore. Vorrei riguardarlo. Silvia Dujić, IIIa

Vanna Ema Vežnaver, V

Dobre želje... Dobre želje želim svima, malima i velikima. Jasmina Zdravlje nek vas služi, nitko nek se ne tuži. Tin Prijatelja imaj, od njega samo dobro primaj. Melanie Dobrih ocjena pun koš, i nek ih dobivate još, i još… Leo Praznike vam sretne želim, i ja se ljetu već veselim! Bojan Sreća nek vas svuda prati, tu vam želju želim dati. Erika III.b

tan, VIII

Mia Šes Znanje nek vam ulazi u glave, i neka tamo i ostane! Sara Zdravi i veseli bili, prema svima dobri i mili. Sandro Srca nek vam budu puna, a kasice pune kuna. Leonardo Čuvajte more naše, kao oko vaše. Noah Jabuku jedite svaki dan, da imate miran san. Ernest III. b

Marko Seifert, VIII


28 |

Riflessioni ed esperienze Razmišljanja i iskustva princess. Later we visited the aquarium with many fishes and sharks. In Monte Carlo we also visited a very famous casino and we saw blocks of flats with swimming pools on their roofs. The second day we went to Nice. There we visited the Matisse museum. The third day we went to the Marineland. There we saw a show with dolphins. On our last day we visited Cannes, the Old Town of Cannes. I was very happy and I had a lot of fun. Maria Vujović, V

Un giorno importante

V., Pesciolini

“Le cronache di Narnia” Il film che ho visto mi è piaciuto moltissimo! I personaggi, che secondo me, erano i più simpatici sono il toro e il topo Ripicip. Ho riso tanto osservando il topo perché era un gentiltopo ma soprattutto riusciva anche a spaventare Dave con aria fiera e coraggiosa. Anche il toro quando ha iniziato a parlare ha fatto svenire il povero Dave, che naturalmente non se lo immaginava. Mi è piaciuta la battaglia fra i briganti e il popolo di Narnia perché c’era tanta azione. Il serpente marino mi faceva quasi impressione. Questo film lo potrei riguardare mille volte e sono sicuro che non mi stancherei mai. Filippo Filip Kren, IIIa

My trip to France I went to France with my family for Easter holidays. We slept in a hotel in Cannes. The weather was sunny. We visited Cannes, Nice, Monaco and Monte Carlo. The first day we went to Monte Carlo and Monaco. We visited the castle of the prince and the

All’inizio di quest’anno scolastico, durante un piccolo riposo, avevo deciso di fare la mia solita passeggiata nella classe ottava. Appena entrato, mi sono avvicinato a Fran, un compagno con il quale, generalmente, vado molto d’accordo. Lui, per scherzo, ha preso una pallina di carta stagnola e me l’ha lanciata sulla testa. Io l’ho raccolta e glielo rilanciata. Dopodichè Fran ha detto di smettere perchè eravamo pari ma, dopo qualche minuto, ha cominciato a prendermi in giro. Ciò mi ha fatto arrabbiare molto e gli ho tirato uno schiaffo. Lui si è alzato per rincorrermi. Ad un certo punto mi sono fermato e Fran mi ha dato un calcio. Gli ho risposto con un secondo schiaffo, al quale lui ha ribattuto con un altro calcio... Sono seguiti diversi calci e schiaffi da parte di entrambi fino a quando non è entrata in classe l’insegnante di matematica e ci ha separati. In seguito sono andato a colloquio con la direttrice e con la psicologa e mi sono scusato con Fran. Anche lui ha fatto lo stesso con me. Poi siamo andati a casa. Appena arrivato ho preso la cornetta del telefono e ho chiamato il mio compagno per chiedergli ancora una volta di scusarmi e per domandargli come stava. Lui mi ha risposto di stare bene. La conseguenza di tutto l’accaduto è stato un rimprovero da parte della scuola. Per quanto mi riguarda, ripensando a quell’episodio, oggi sono dispiaciuto. Fadil Hrustić, VII


Sport Šport

  | 29

Stella L’equitazione non è solo uno sport, è molto di piú. Chi la pratica lo sa: è emozione, bellezza, stile di vita. Proprio in quanto ‘stile’ e ’vita’, l’equitazione può regalarti momenti di gioia indimenticabili, come pure farti sprofondare in grandi tristezze. A tal proposito, infatti, ho conosciuto molte persone, in particolar modo membri della “K.K. Vodičajna“, l’associazione club equitazione che frequento, che, dopo una serie di delusioni, hanno rinunciato e smesso di praticarlo. Ciò mi amareggia, ma li capisco. Entrare nella testa di un cavallo, seguire i suoi pensieri e i suoi ritmi è difficilissimo. Nel momento in cui, però, ci si riesce, avviene una vera e propria fusione di anime. È un miracolo! Stella Zambelli, come il suo stesso nome lo riferisce, è una stella dell’ippica fiumana. Maturanda della Scuola media superiore italiana di Fiume, ha vinto recentemente a Zagabria il Campionato dei Balcani di equitazione salto ad ostacoli in sella al cavallo Classic Cayano ed è stata eletta migliore sportiva della Comunità Nazionale Italiana per gli eccellenti risultati ottenuti. La lista di vittorie conquistate nell’ultimo anno da questa giovane e bellissima amazzone è veramente considerevole, con diverse vittorie in Croazia, Slovenia e Italia. Sette sono i primi posti, ottenuti a Manerbio, Cervia, Arezzo e Casale sul Sile, a cui si aggiungono i diversi piazzamenti all’ Internazionale di Celje e Lipica, in Slovenia. Ma le due vittorie più importanti sono avvenute in territorio croato, con il primo posto al suddetto Campionato dei Balcani, svoltosi a Zagabria nel settembre del 2011, e il successo al campionato nazionali di Sinj, dove Stella ha riconfermato il titolo di campione nazionale “young rider” della Croazia. Inoltre, a Roma ha partecipato a una della gare più prestigiose del mondo, la CSIO Piazza di Siena, come rappresentante di una selezione di Vittorio Veneto. Sin da piccolissima, la cavallerizza fiumana ha dimostrato interesse e amore per i cavalli, esprimendsi con temini, disegni, ricerche. Da lì, il suo percorso è stato seguito attentamente, curato e aiutato dai genitori, soprattutto da papà Rudi che, oltre a essere il presi-

dente del club d’ equitazione Forza Fiume, si è impegnato al massimo per offrirle le migliori condizioni d’ allenamento e, assieme a tutta la sua famiglia, le è sempre stato vicino. Infatti, prestissimo il padre ha regalato a Stella due cavalli tedeschi e uno olandese a cui è molto affezionata e che le hanno dato tantissime soddisfazioni. Leggendo una sua intervista ho imparato che la differenza basilare tra i nuovi e vecchi cavalli è che quelli anziani riescono a dare i risultati migliori e a tirare su il cavallerizzo in certe situazioni critiche, mentre con i giovani bisogna avere più pazienza perché vanno preparati e seguiti in modo particolare. Ci vogliono tanto duro lavoro e sacrifici, ma anche un grande amore per questo sport. Inoltre, nel suo caso specifico, la giovane sportiva fiumana ha anche l’aggravante di dover percorrere ben 210 chilometri per arrivare al maneggio, che si trova nella provincia di Treviso, dove sono ospitati i suoi tre cavalli. A mio parere è una vera forza della natura! Ammiro tantissimo Stella Zambelli, il suo modo di cavalcare, la sua forza, la passione che nutre per questi splendidi animali. Mi piacerebbe, un giorno, diventare come lei, se non ancor piú brava! Mi rendo conto delle difficoltà che uno sport come l’equitazione può comportare ma, come la mia sportiva preferita, sono pronta ad affrontarle. Per il momento faccio gare a lunga distanza, che vengono effettuate all’aperto, spesso sui prati. Ogni volta, per me, è una meravigliosa scoperta. Ciò che è importante comprendere è che l’indole dei cavalli varia a seconda dei periodi. Sono animali dalla personalità e carattere forti e orgogliosi. Vi sono momenti in cui sono arrabbiati, o malinconici e non ti permettono di avvicinarti. Sono istanti difficili da accettare. Quante volte, durante l’allenamento, ho pianto! L’arma vincente però, è stata sempre la Pazienza. È con pazienza che bisogna riavvicinarli, è con pazienza che gli si parla, è con pazienza che li si ama. Il sogno di Stella è di partecipare, un giorno, alle Olimpiadi. Non ho dubbi: brillerà. Petra Duhović, VII


Sport Šport

30 | Boško Balaban: grande sportivo fiumano

I NOSTRI SUCCESSI

CALCETTO FEMMINILE (Parenzo, 26/04) - V. Alessio, V, T. Alcuni giorni fa, quando l’inGačanin, L. Gračan, VI, D. Brasegnante ci ha indicato il juha, P. Duhović, D. Kornjača, tema del concorso „San Vito“ VII, A. Krmek, S. Smajić, VIII (2º riguardante i grandi campioposto). ni dello sport fiumano di ieri e Toni Gašparac, di oggi, mi sono ricordato che, IIIa ATLETICA (Pola, 15/05) – K. quando ero molto piccolo, a mio nonno piaceva tanto un calciatore. Così, appena terminate le le- Jelić, V (1º posto staffetta 4x60m), T. Gačanin, VI (1º zioni, sono corso a casa per chiedere alla nonna posto salto in alto, 2º posto salto in lungo, 1º poil suo nome dato che, purtroppo, il nonno non sto staffetta 4x60m), T. Popić, VI (1º posto 60m, 1º c’è piú. Lei mi ha raccontato che quello sportivo posto staffetta 4x60m), P. Šunjić, VI (3º posto 60m, fiumano, Boško Balaban, è un bravissimo calcia- 1º posto staffetta 4x60m), P. Duhović, VII (2º potore e che il nonno, siccome giocava per la locale sto 1000m), A. Popić, VII (3º posto salto in alto), K. squadra del Rijeka, lo seguiva sempre. Piú di tan- Tonković, VII (2º posto salto in alto, 3º posto 300m), to, però, la nonna non ha saputo dirmi, quindi ho S. Šverko, VII (3º posto staffetta 4x100m), K. Brkić, VIII (3º posto 80m con ostacoli, 3º posto staffetta deciso di fare una ricerca in Internet. Ho trovato che Balaban è nato a fiume il 15 otto- 4x100m), D. Seifert, VIII (3º posto staffetta 4x1obre 1978 e che, ancora giovanissimo, ha iniziato om), M. Seifert, VIII (3º posto staffetta 4x100m). a giocare per la Dinamo di Zagabria. Sin dai suoi NUOTO (Rovigno, 1/03) – T. Gačanin, L. Gračan, primi colpi di pallone, si era capito che era un ta- VI, D. Brajuha, D. Kornjača, T. Popić, VII, I. Čalmić, lentuoso giocatore. Per tal ragione, dopo solo due K. Kamenar, A. Krmek, N. Marghetti, N. Maškarin, partire, fu comprato dal noto club ‘Aston Villa’. S. Smajić, VIII (1º posto femmine); S. Šverko, VII, K. Nonostante il notevole salto di qualità, lì lo spor- Brkić, M. Grozdanić, J.J. Kren, T. Rašeta, D. Seifert, tivo non si trovava bene: soffriva di nostalgia per M. Seifert, VIII (3º posto maschi). il suo paese e, in particolar modo, per la sua città, giocava male e veniva preso in giro dai tifosi. Col NUOTO (Campionati cittadini) (Fiume, 23/03) – P. tempo, però, il distacco dalle sue origini comin- Šunjić, VI, K. Tonković, VII, A. Čavić, M. Šestan, VIII ciò ad essere meno doloroso o, forse, si è abituato (1º posto staffetta femmine). alla lontananza. Fatto sta che, a contratto rescisso NUOTO (Fiume, 27/03) – A. Čavić, VIII (2º posto dorcon il club inglese, venne chiamato dalla squadra so, 2º posto delfino), M. Šestan, VIII (1º posto delfino, belga del Brugge. Balaban accettò la proposta e 2º posto stile libero), J. J. Kren, VIII (2º posto rana). vi rimase per cinque anni. Ora gioca per la maglia greca del Panionios. Dall’anno 2000 il calciatore fiumano è un regolare membro della nazionale croata. Finora ha accumulato ventisette presenze internazionali e segnato nove reti per il team. È sposato con una bellissima modella ed ha ben tre figli. Mi piacerebbe che mio nonno fosse ancora qui, forse lui potrebbe raccontarmi qualcosa in piú. La nonna mi ha detto che Balaban è proprietario di una casa nella vicina Icici, dove d’estate faccio il bagno con la mia famiglia. Chissà che un giorno non lo incontri... Mi piacerebbe davvero tanto, se non altro per dirgli quanto piaceva a mio nonno! Matthias Komljenović, V

Katja Dodić, IIIa (lavoro premiato)


Curiosità Zanimljivosti

  | 31

L’albero secolare si racconta Se un albero secolare potesse parlare mi racconterebbe tante storie perché a me, le storie, piacciono tanto. Vorrei che mi raccontasse come ha trascorso la sua vita. Vorrei imparare tante cose da lui. Sarei molto curiosa e gli chiederei quanti anni ha e che cosa ha visto di tutto nella sua vita. Gli chiederei anche tante altre cose. Katja Dodič, IIIa Se un albero potesse parlare mi direbbe tante cose belle però anche quelle brutte. Mi direbbe di aver visto tanti bambini e bambine e di aver incontrato persone cattive e buone, alte e basse, vecchie e giovani. Martina Jurman, IIIa

Vanna Vežnaver

Pavelić, V Mi piace gioc are con mia sorella Vita e an dare a fare una passeggiat a con la mia famiglia. Luna Puljić Mi piace giocar e con lego e a calcio.

David Petković Mi piace giocar e, mi piace correre, mi pi ace disegnare. Mi piace ca mminare. Mi piace guardare . Nour Kilani Mi piace anda re in bicicletta e trovarmi co n le amiche. Anđela Pedić Mi piace guarda re la tivù e mi piace fare i dolci. Rea Kozeljac Le cose che m i piacciono: questo son io e il mio cagnolino Ben.

L’albero mi racconterebbe com’è la vita nel bosco. Nel bosco ci sono animali, alberi, fiori e frutti di bosco. Ci vengono tanti bambini sconosciuti, mamme e papà. Lui è felice quando è primavera, invece non lo è quando è autunno. Patrick Ujčić In primavera ci sono tante Mi piace stare con le amifoglie colorate e in autunno che. soffia il vento e le porta via. Lea Delač All’albero piace l’inverno Mi piace man gi ar e le buoperché è tutto calmo e nene cose, anda re a scuola voso. Gli piacerebbe proe giocare con i miei amici. prio saper camminare perAndare a Lussin o dai nonni ché così potrebbe giocare a nuotare, gioc ar e a calcio con i bambini. e andare sulla neve. Antonio Martin Lukas Petrovski, IIIa olić Ia

Štefan Šverko, VII

Cosa ci piace.. . Mi piace guarda re la tivù, di segnare e gioc are a palla. Korina Sušanj Mi piace gioc are a palla e guidare la bici cletta. Kristian Skendž ić Mi piace anda re a passeggiare e andare in montagna. Alessia Marot Mi piace di segnare, mi piace giocare con le mie amiche e mi pi ace andare a scuola. Diamante Glavi na Mi piace dise gnare, guardare la tivù, gi ocare a palla. Giorgia Kuridža Mi piace gioc are a palla, travestirmi, gioc are ai videogiochi. Luca Mihoković Mi piace giocar e con i lego e con la palla. Valentino Mihoč ić


32 |

Svago e risate Smijeh i zabava

CHI È? ... è venuta quest’anno e, inizialmente, sembrava molto simpatica. Ha gli occhi e i capelli marroni. E’ abbastanza alta e magra. Le piacciono i serpenti ed i ragni. Dice spesso che vorrebbe averne uno a casa, come pure una tarantola... E’ molto severa, ci dà tanto compito e scriviamo troppo. Ultimamente è molto piu’ simpatica di prima... (insegnante di natura) Laura Gračan, Ivi Dragičević, VI

I.a

... è molto buona e brava nell’insegnarci tante cose nel modo in cui ci piace.Se facciamo i bravi ci premia. Quando c’è lei non siamo mai cattivi. E’ la miglior maestra che abbia mai avuto. Ci dà compiti quanto basta affinchè noi impariamo. Ha capelli castani e la pelle un pò scura. (insegnante di italiano) Jan d’ Alessio, VI

Insegna due materie. Ha i capelli marroni, è magra e bassa. Veste sempre di marrone e blu e porta scarpe alte. E’ brava, buona, intelligente e insegna molto bene. A volte però, sa essere anche severa. Le piace che, durante l’ora, lavoriamo molto. Ci dà tanto compito, ma alcuni esercizi sono corti cosicchè si fa veloce. La maestra scherza sempre con noi, ci diverte. (insegnante di matematica) Claudia Ujčić, VI

ić, I.b

ov Vito Did Alek Rožić, VI


Svago e risate Smijeh i zabava

  | 33

EL JUEGO SOPA DE LETRAS ZAGREB Adriana Valenčić, IIa

Busca las siguientes palabras en esta sopa de letras: CATEDRAL, IGLESIA, ZOO, ANIMALES, VIAJE, GOBIERNO, PRESIDENTE, TRANVÍA, PLAZA, MUSEO, TEATRO, RÍO, SAVA, LIBRERÍA, TIENDA, BAZAR, FARMACÍA, PANADERÍA, ESTACIÓN, AUTOBÚS, POLICÍA, UNIVERSIDAD, ESCUELA, MODA, RELOJ, EMPRESA, CAFÉS, RESTAURANTE, HOTEL, COCHE

P

R

E

S

I

D

E

N

T

E

N

B

L

E

S

S

Y

T

M

B

E

E

L

M

L

A

G

O

B

I

E

R

N

O

E

H

O

T

E

L

R

E

A

F

A

O

O

V

L

I

C

S

E

F

O

Y

M

V

A

E

E

I

P

I

M

A

Z

C

A

T

E

D

R

A

L

M

I

T

L

A

A

N

T

B

A

Z

A

R

A

I

A

R

S

O

D

V

I

A

J

E

R

U

T

O

R

R

N

N

S

M

R

I

R

A

I

E

M

A

I

I

Q

A

R

E

P

A

J

E

A

L

I

A

E

J

E

N

A

I

A

O

N

E

M

T

I

E

N

D

A

R

D

N

M

C

S

E

S

V

R

M

E

L

I

S

L

R

O

Z

A

Z

U

I

E

H

E

I

T

A

M

I

O

K

B

O

Y

Z

O

O

L

O

I

N

T

A

R

R

S

A

A

V

J

A

N

I

M

A

L

E

S

A

T

E

Y

A

O

P

I

T

I

M

U

M

O

N

Z

P

U

M

E

S

T

A

C

I

O

N

B

J

A

P

M

R

R

D

C

S

E

A

S

C

S

A

K

A

O

M

I

L

U

S

R

O

S

D

A

E

O

N

N

A

E

J

C

A

F

E

S

T

O

N

S

E

G

L

U

I

N

I

C

E

M

T

O

I

U

M

D

S

A

E

O

T

A

K

I

I

T

N

T

N

H

E

E

D

N

I

E

M

P

R

E

S

A

A

S

D

C

C

E

O

E

O

E

A

R

I

R

E

L

O

J

O

H

J

R

W

O

A

S

I

A

I

I

A

R

S

D

M

O

D

A

E

U

N

I

V

E

R

S

I

D

A

D

A

Claudia Ujčić, VI

b

Ia A

lac, I. ia Uze namar


In bocca al lupo! Sretno!

VIII classe: Fran Adžić, Toni Arih, Barbara Barbieri, Kristian Brkić, Ileana Čalmić, Antonella Čavić, Ivor Fischer, Mihael Grozdanić, Nika Jelić, Klaudia Kamenar, Jakov Jacopo Kren, Anamaria-Gabriela Krmek, Nika Marghetti, Noemi Maškarin, Lovro Pernjak Grbac, Dea Popović, Teo Rašeta, Daniel Seifert, Ivan Seifert, Marko Seifert, Vana Signorini, Selma Smajić, Mia Šestan, Capoclasse: Tamara Abram

IV.b razred: Robert Anušić, Ivana Bilić, David Cattarinuzzi, Hatiđe Krasnići, Luana Mamuti, Antonio Matijević, Toni Mohorić, Lina Rubinić, Razrednica: Zlatka Zulić

Nicolino 16  

Školske novine osnovne škole "San Nicolo'" Il giornalino scolastico della scuola elementare "San Nicolo'".

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you