Issuu on Google+

E.MA.PRI.CE.


Pavital Engineering è una brand division di


1


Indice INDEX

Pavital Engineering

Campi di utilizzo Applications

Miscele catalizzate 5 Catalyzed mixtures

Strade e autostrade 25 Motorways, highways & roads

Storia 7 History

Aeroporti 51 Airports

La tecnologia 13 The technology

Terminal intermodali 55 Intermodal terminals

Composizione delle miscele 14 Composition of the mixtures

Scali merci 59 Freight yards

Caratteristiche 18 Characteristics

Porti 63 Ports

Produzione e posa in opera 20 Mixing and spreading

Piazzali 67 Yards Discariche 73 Dumps Fondazioni 77 Foundations Consolidamenti 79 Consolidation works


Pavital Engineering MISCELE CATALIZZATE / CATALYZED MIXTURES

Pavital Engineering, dopo l’incorporazione nel 1997, è una divisione di Guerrino Pivato Spa specializzata nella ricerca, sviluppo, progettazione e realizzazione del prodotto miscele catalizzate. La fusione e l’integrazione delle competenze tra queste due realtà ha consentito e consente sempre più di affrontare sfide ed impegni ambiziosi, nella prospettiva di consolidare, ma soprattutto di ampliare, l’utilizzo e l’applicazione della miscela catalizzata, anche con modalità innovative. Pavital Engineering, oltre a garantire consulenze specialistiche in materia, è in grado di fornire un prodotto che può trovare applicazione in qualsiasi opera di ingegneria civile, dalle autostrade, alle strade, al terminal container, dalle piste aeroportuali, ai porti, al consolidamento di rilevati ferroviari, ecc. Pavital Engineering è la risposta tecnologica ed ecologica alla domanda di qualità totale e alla moderna esigenza di contenere o ridurre i costi di produzione, attraverso l’ottimizzazione dei tempi e delle modalità di lavorazione e l’utilizzo sia di materiali naturali che di sottoprodotti industriali reperibili in zona, limitando al massimo l’uso di materiali pregiati (inerti tradizionali). Pavital Engineering opera attraverso un’organizzazione di tecnici altamente qualificata, un sofisticato sistema informatico e di elaborazione dati ed un’ampia dotazione di strumentazione, prove, rilievi e misure, percorrendo due grandi filoni: - il primo, costituito dal continuo impegno nello studio, nella ricerca e nell’analisi di innumerevoli tipologie di materiali al fine di trovare sempre nuove soluzioni tecniche, attraverso un costante lavoro di équipe svolto contando sull’insieme delle competenze multidisciplinari del suo staff; - il secondo, dalle esperienze condotte sui materiali prodotti ed applicati in interventi realizzati nelle più diverse condizioni progettuali, operative e climatiche. La sintesi di queste attività ha generato nel corso degli anni un patrimonio unico di conoscenze, di esperienze e di efficienza, che si riflette direttamente sulla qualità dei prodotti e dei servizi offerti da Pavital Engineering.

In 1997 Pavital Engineering was incorporated into Guerrino Pivato Spa, becoming a division specialized in research, development, planning and implementation of catalyzed mixtures. The merger of the two companies, and consequent integration of activities, boosted the potential to face vital challenges and expand the use and application of catalyzed mixtures with highly innovative methods. In addition to specialized consulting services, Pavital Engineering provides products for all types of civil engineering works including highways, roads, container terminals, airports, ports, consolidation of railway embankments etc. Pavital Engineering stands for total quality, providing high-tech eco-friendly solutions that effectively control or reduce production costs. It not only optimizes job time and methods but also uses natural aggregates and industrial by-products found near the work site, hence reducing the use of expensive materials (traditional aggregates) to the minimum. Pavital Engineering has a highly qualified technical staff and uses sophisticated IT data management systems and advanced testing, measuring and monitoring instruments and equipment. It is structured in two basic activities: - the first entails constant research and analyses on a great variety of materials in order to find innovative technical solutions. This is carried out by its highly qualified staff of engineering experts who apply a multidisciplinary teamwork approach to problem solving; - the second involves analyses on the feedback and information acquired on the materials produced, and applied in the most diverse project, operational and environmental conditions. Over the years the synthesis of these activities has resulted in unique resources in terms of know-how, expertise and efficiency. Such resources in turn directly influence the quality of the products and services provided by Pavital Engineering.

5


Ponte della LibertĂ -Venezia


Pavital Engineering STORIA / HISTORY

1984

1984

Nasce Pavital Engineering Spa Interventi e aree Sperimentali Terminal Intermodale “Quadrante Europa” di Verona Interporto di Bologna Interporto di Orbassano

Foundation of Pavital Engineering Experimental proving areas Verona Intermodal Terminal Bologna Marshalling Yard Orbassano Containers Terminal

1985

1985

Strade S.S. 309 “Romea” (fase 1) Aeroporti Aeroporto di Bologna

Highways Highway SS 309 “Romea” (phase 1) Airports Aircraft parking area of Bologna Airport

1986

1986

Piazzali Interporto di Padova (fase 1) Scalo Merci della Stazione di Rezzato Porto di Ravenna

Yards Padua Intermodal Terminal (phase 1) Freight Yard of Rezzato Ravenna truck parking area

1987

1987

Strade S.S. 309 “Romea” (fase 2) S.S. 20 “Col di Tenda” Piazzali Scalo Merci della Stazione di Milano Farini Terminal Intermodale “Quadrante Europa” di Verona (fase 1)

Highways Highway SS 309 “Romea” (phase 2) Highway SS 20 “Col di Tenda” Yards Freight Yard of Milan Farini Verona “Quadrante Europa” Intermodal Terminal (phase 1)

1988

1988

Strade S.P. 18 “Padullese” S.S. 659 “Val Formazza” (fase 1) Porti Porto di Trieste-Riva Traiana Porto di Trieste-Molo VII (fase 1) Piazzali Scalo Merci della Stazione di Milano-Porta Romana Scalo Merci della Stazione di S. Antonio Mantovano Aeroporti Aeroporto di Grazzanise Consolidamenti Linea F.S. Verona-Modena (Motteggiana)

Highways Road SP 18 “Padullese” Road SS 659 “Val Formazza” (phase 1) Ports Port of Trieste-“Riva Traiana” Port of Trieste-Pier VII (phase 1) Yards Milan-Porta Romana Intermodal Terminal Freight Yard of S. Antonio Mantovano Airports Aircraft parking area of Grazzanise Airport Consolidations Railway Verona-Modena (Motteggiana)

7


STORIA / HISTORY

1989

1989

Strade S.S. 6 “Casilina” S.S. 413 “Romana” S.S. 496 “Virgiliana” Circonvallazione di S. Pietro in Casale S.S. 659 “Val Formazza” (fase 2) Piazzali Interporto di Lecco Maggianico Porti Porto di Trieste-Molo VII (fase 2) Consolidamenti Linea F.S. Torino-Milano (Torrazza) Linea F.S. Torino-Milano (Castelrosso)

Highways Highway SS 6 “Casilina” Road SS 413 “Romana” Road SS 496 “Virgiliana” Ring Road of S. Pietro in Casale Road SS 659 “Val Formazza” (phase 2) Yards Lecco Maggianico Intermodal Terminal Ports Port of Trieste-Pier VII (phase 2) Consolidations Railway Turin-Milan (Torrazza) Railway Turin-Milan (Castelrosso)

1990

1990

Strade e Autostrade S.S. 11 “Ponte della Libertà” (Venezia) Terza Corsia dell’Autostrada Padova-Venezia (fase 1) Bretella Aeroporto “Marco Polo”Autostrada Venezia-Trieste (fase 1) S.S. 230 “Massazza” Circonvallazione di Imola Piazzali Interporto di Bologna Consolidamenti Linea F.S. Cremona-Piacenza

Highways and Motorways Highway SS 11 “Liberty Bridge” (Venice) Motorway Padua-Venice (phase 1) Link-up motorway “Marco Polo” Airport-Motorway A4 (phase 1) Highway SS 230 “Massazza”, Ring Road of Imola Yards Bologna Marshalling Yard Consolidations Railway Cremona-Piacenza

1991

1991

Strade e Autostrade Terza Corsia dell’Autostrada Padova-Venezia (fase 2) Bretella Aeroporto “Marco Polo”Autostrada Venezia-Trieste (fase 2) S.S. 494 “Vigevanese” S.S. 31 bis “del Monferrato” S.S. 457 “di Moncalvo” S.S. 31 “del Monferrato” Piazzali Interporto di Jesi (AN) (fase 1) Consolidamenti Linea F.S. Cremona-Fidenza (Castelvetro) (fase 1) Linea F.S. Alessandria-Piacenza (Broni) Linea F.S. Alessandria-Piacenza (Castel S. Giovanni) Linea F.S. Torino-Milano (Olcenengo)

Highways and Motorways Motorway Padua-Venice (phase 2) Link-up motorway “Marco Polo” Airport-Motorway A4 (phase 2) Road SS 494 “Vigevanese” Highway SS 31 bis “del Monferrato” Road SS 457 “di Moncalvo” Highway SS 31 “del Monferrato” Yards Marche Intermodal Terminal (phase 1) Consolidations Railway Cremona-Fidenza (Castelvetro-phase 1) Railway Alessandria-Piacenza (Broni) Railway Alessandria-Piacenza (Castel S. Giovanni) Railway Turin-Milan (Olcenengo)

8


STORIA / HISTORY

1992

1992

Strade S.S. 590 “della Val Cerrina” Terminal “Treviso Servizi” (fase 1) Porti Porto di Trieste-Adria Terminal Porto di Trieste-Molo VII (fase 3) Porto di Gioia Tauro-Terminal Container Piazzali Terminal Intermodale “Quadrante Europa” di Verona (fase 2) Pertusola Sud-Area di stoccaggio materiali Consolidamenti Linea F.S. Verona-Modena (Romanore) Linea F.S. Mantova-Monselice (Castel d’Ario) Linea F.S. Milano-Verona (Stazione di Ponte S. Marco) Linea F.S. Cremona-Fidenza (fase 2)

Highways Terminal “Treviso servizi” (phase 1) Road SS 590 “della Val Cerrina” Ports Port of Trieste-Containers Terminal of Adria Terminal Port of Trieste-Pier VII (phase 3) Port of Gioia Tauro Containers Terminal Yards Verona “Quadrante Europa” Intermodal Terminal (phase 2) Pertusola Truck Parking and Stockpile Area Consolidations Railway Modena-Verona (Romanore) Railway Mantua-Monselice (Castel d'Ario) Railway Milan-Verona (Ponte S. Marco) Railway Cremona-Fidenza (phase 2)

1993

1993

Strade Gujranwala-Lahore (Pakistan) N.H. 5 (fase 1) Tangenziale di Aosta: tratto campione Porti Porto di Chioggia (Venezia) Piazzali Interporto di Padova (fase 2) Scalo Merci della Stazione di Milano Greco Scalo Merci della Stazione di Milano Certosa Autoporto “Adriatico” di Teramo Consolidamenti Linea F.S. Dossobuono-Rovigo Linea F.S. Verona-Modena (Soliera) Linea F.S. Torino-Milano (Vercelli-fase 1)

Highways Gujranwala-Lahore (Pakistan) N.H. 5 (phase 1) Motorway Ring Road of Aosta Ports Port of Chioggia (Venice) Yards Padua Intermodal Terminal (phase 2) Freight Yard of Milan Greco Freight Yard of Milan Certosa “Adriatico” truck parking area Consolidations Railway Dossobuono-Rovigo Railway Modena-Verona (Soliera) Railway Turin-Milan (Vercelli-phase 1)

1994

1994

Strade Tangenziale di Modena Gujranwala-Lahore (Pakistan) N.H. 5 (fase 2) S.P. 95 “di Cotignola” Piazzali Centro Agroalimentare di Bologna Interporto di Orte Aeroporti Aeroporto di Siena Consolidamenti Linea F.S. Torino-Milano (Vercelli-fase 2)

Highways Motorway Ring Road of Modena Gujranwala-Lahore (Pakistan) N.H. 5 (phase 2) Road SP 95 “di Cotignola” Yards “Centro Agro-Alimentare”-Bologna Freight yard of Orte Airports Airport of Siena Consolidations Railway Turin-Milan (Vercelli-phase 2)

9


STORIA / HISTORY

1995

1995

Strade Gujranwala-Lahore (Pakistan) N.H. 5 (fase 2) Consolidamenti Linea F.S. Torino-Milano (Vercelli-fase 3)

Highways Gujranwala-Lahore (Pakistan) N.H. 5 (phase 2) Consolidations Railway Turin-Milan (Vercelli-phase 3)

1996

1996

Strade Gujranwala-Lahore (Pakistan) N.H. 5 (fase 3) Piazzali C.A.A.B.-Bologna

Highways Gujranwala-Lahore (Pakistan) N.H. 5 (phase 2) Yards C.A.A.B. (agro-food centre) Bologna

1997

1997

Strade Tangenziale di ModenaCavalcavia d’Avia Piazzali Completamento C.A.A.B.-Bologna

Highways Motorway Ring Road of Modena“Cavalcavia d’Avia” Yards Completion of work at C.A.A.B.-Bologna

1998

1998

Strade Viabilità cavalcaferrovia di Ozzano (BO) linea FS Bologna-Rimini Piazzali Piazzale deposito vergelleLucchini Siderurgica (Piombino-LI) Messa in sicurezza dell’area della vecchia discarica aziendale-Lucchini Siderurgica (Piombino-LI) Pavimentazione area Vertek-Lucchini Siderurgica (Piombino-LI) Discarica Copertura vecchia discarica aziendaleLucchini Siderurgica (Piombino-LI)

Highways Railway flyover at Ozzano (BO) Bologna-Rimini railway line Yards Ferrous materials depot yardLucchini Siderurgica (Piombino-LI) Implementation of safety measures on the old waste disposal site Lucchini Siderurgica (Piombino-LI) Paving at Vertek areaLucchini Siderurgica (Piombino-LI) Dump Cover of the old waste disposal siteLucchini Siderurgica (Piombino-LI)

1999

1999

Strade Viabilità cavalcaferrovia Croce D’Idice linea FS Bologna-Rimini Discarica Nuova discarica Aziendale Lucchini Siderurgica lotto 1 (Piombino-LI)

Highways Railway flyover at Croce D’Idice, Bologna-Rimini railway line Dump New waste disposal site-Lucchini Siderurgica lot 1 (Piombino-LI)

2000

2000

Piazzali Piazzale di stoccaggio e manovra Lucchini Siderurgica (Piombino-LI)

Yards Loading & truck parking area Lucchini Siderurgica (Piombino-LI)

10


STORIA / HISTORY

2001

2001

Strade S.P. 18 “Padullese” dal km 7+500 all’innesto con la S.P. 3 (Calderara di Reno-BO) Strada billette-Lucchini Siderurgica (Piombino-LI) Discarica Nuova discarica Aziendale Lucchini Siderurgica lotto 2 (Piombino-LI)

Highways Provincial road 18 “Padullese” from km 7.5 to the link with provincial road 3 (Calderara di Reno-BO) Billet yard road-Lucchini Siderurgica (Piombino-LI) Dump New waste disposal site-Lucchini Siderurgica lot 2 (Piombino-LI)

2002

2002

Strade Svincolo Rosignano Solvay S.G.C. S.S. 1 Aurelia (LI) Piazzali Piazzale stoccaggio rotaie Lucchini Siderurgica (Piombino-LI)

Highways Rosignano Solvay link S.S. freeway 1 Aurelia (LI) Yards Rail stockpiling yard-Lucchini Siderurgica (Piombino-LI)

2003

2003

Strade Viabilità interna Lucchini Siderurgica (Piombino-LI)

Highways Internal roadways-Lucchini Siderurgica (Piombino-LI)

2004

2004

Fondazioni Vie di corsa gru area saldatura rotaie Lucchini Siderurgica (Piombino-LI)

Foundations Crane way in rail welding areaLucchini Siderurgica (Piombino-LI)

2005

2005

Strade Nuova viabilità area ex-Agrimont (Marghera-VE) Piazzali Area sosta autotreni area ex-Agrimont (Marghera-VE)

Highways New roadway area ex-Agrimont (Marghera-VE) Yards Truck and trailer parking area ex-Agrimont (Marghera-VE)

2006

2006

Strade Deri Ismail Khan-Sarai Gambila NH55 (Pakistan) Interporti Interporto di Jesi (AN) (consulenza tecnica miscela catalizzata) Discarica Nuova discarica Aziendale Lucchini Siderurgica lotto 3 (Piombino-LI)

Highways Deri Ismail Khan-Sarai Gambila NH55 (Pakistan) Interports Interport at Jesi (AN) (technical consulting for catalyzed mixture) Dump New waste disposal site-Lucchini Siderurgica lot 3 (Piombino-LI)

11


Ponte della LibertĂ -Venezia


Pavital Engineering LA TECNOLOGIA / THE TECHNOLOGY

INTRODUZIONE

INTRODUCTION

La miscela catalizzata, prodotto frutto della tecnologia e dell’esperienza di Pavital Engineering, è composta essenzialmente da uno o più tipi di aggregati, da loppa granulata d’altoforno e da un catalizzatore. I vantaggi derivanti dall’uso di tale prodotto sono evidenziati dall’analisi dei seguenti fattori:

The structural material developed by the technology and experience of Pavital Engineering is essentially composed of one or more kinds of aggregates of controlled particle size distribution curve, granulated blast furnace slag, and catalyst. The advantages of the product are evident in the analysis of the following factors:

a) la miscela catalizzata può utilizzare materiali di facile reperibilità e spesso non valorizzati come aggregati di origine naturale, provenienti da depositi alluvionali o da impianti di frantumazione; sottoprodotti industriali di varia natura e origine; loppa granulata d’altoforno (sottoprodotto della fusione della ghisa). Questi materiali, a basso contenuto energetico, non richiedono lavorazioni costose e sono disponibili a costi contenuti;

a) the Pavital mixtures utilize readily available and not sufficiently exploited materials: the aggregate materials, found in natural borrow areas, quarries, or deriving from industrial processes, the granulated blast furnace slag, produced as a result of cast iron fusion. These materials, of low energy content, do not require expensive processing and are available at reasonable costs;

b) le caratteristiche meccaniche peculiari della miscela catalizzata permettono economie di gestione e di produzione e consentono notevoli riduzioni dei tempi di posa in opera; c) le miscele catalizzate hanno evidenziato e confermato la loro validità in varie applicazioni nel campo delle fondazioni strutturali, e in particolare nella costruzione di strade, aeroporti, terminal container, porti e nel consolidamento di corpi stradali in esercizio, come sarà descritto nelle pagine seguenti.

b) the distinctive mechanical and technical characteristics of the Pavital mixtures permit savings in management and production, and notable reductions in the required working times; c) the Pavital mixtures have shown and confirmed their remarkable effectiveness in various applications in the field of structural foundation, particularly for the construction of roads, airports, container terminals, port structures and for the consolidation works of operating railway lines, as will be described in the following pages.

13


Pavital Engineering COMPOSIZIONE DELLE MISCELE / COMPOSITION OF THE MIXTURES

Le miscele catalizzate, in via indicativa, sono così composte: %* Aggregato base 50 ÷ 90 Aggregato correttore 0 ÷ 40 Loppa granulata 10 ÷ 15 Catalizzatore 0.8 ÷ 1,5

As previously mentioned, the Pavital mixtures are composed as follows: %* Primary aggregates 50 ÷ 90 Control mixture aggregates 0 ÷ 40 Granulated blast furnace slag 10 ÷ 15 Catalyst 0.8 ÷ 1.5

* Le percentuali sono riferite al peso secco

* The percentages are based on dry weight

Aggregato base Rappresenta la percentuale maggiore nel disegno di miscela e generalmente viene reperito nelle immediate vicinanze dell’impianto di miscelazione. Possono essere utilizzati aggregati con pezzature granulometriche le più diverse, dai ghiaietti ai limi (Grafico 1). Gli aggregati naturali possono essere di qualsiasi composizione mineralogica (calcarei o silicei), di diverso grado di arrotondamento, di qualsiasi origine geologica (sedimentari, vulcanici o metamorfici, di natura eolica o marina, anche salati). I sottoprodotti industriali (ceneri volanti, scorie di fonderia, scorie vetrose, polveri di marmo, limi di lavaggio ecc), benché non rispondano esattamente alle caratteristiche degli aggregati classici, possono essere assimilati a degli aggregati e, dopo accurati studi di laboratorio, diventano parimenti utilizzabili (Grafico 2).

Primary aggregates Represent the greater percentage in the mix-design, and they are generally found near the mixing plant. Different kinds of aggregates, with different particle size distribution curve (from coarse to fine), may be used (Graph n.1). Natural aggregates can be of any kind of mineralogical nature (siliceous or calcareous sandseven silty), of any rounding off degree, of any geological origin (sedimentary, volcanic or metamorphic origin, aeolian or sea-sands, even salt sands), of low plasticity index. Aggregates deriving from industrial processes, (fly ashes, molding sands, vitreous slags, etc.), can be used with utilization modalities similar to those described for natural aggregates (Graph n.2).

Aggregato correttore Viene aggiunto alla miscela per migliorare un aggregato non ben graduato, per ottenere una curva granulometrica continua (Grafico 3). Esso è generalmente ottenuto per frantumazione di rocce calcaree mediamente dure, con tessitura superficiale granulosa. La sua curva granulometrica è selezionata in funzione di quella dell’aggregato base da correggere e garantisce in ogni caso la realizzazione di una miscela catalizzata molto ben graduata. La loppa granulata La loppa granulata d’altoforno costituisce il legante idraulico ed è presente in misura variabile tra il 10% e il 15% della miscela catalizzata. È il sottoprodotto della fusione della ghisa che, come è noto, dopo essere uscito dall’altoforno ad una temperatura prossima ai 1.500 °C, viene sottoposto 14

Control mixture aggregates They are added to the catalyzed mixture to improve a not well graded aggregate, and to obtain a continuous particle size distribution curve (Graph n.3). They are generally obtained by the crushing of granular superficial texture, medium hard, calcareous rocks. Their particle size distribution curve is selected relating to that of the primary aggregate which is to be corrected, and it however guarantees the realization of a well graded final product. The granulated blast furnace slag The granulated blast furnace slag constitutes the hydraulic binder, and represents from 10% to 15%, of the catalyzed mixture. It is a by-product of cast iron production and, as known, after coming out of the blast furnace, the slag, with a temperature near to 1500 °C, undergoes a forced and rapid cooling


ad un processo di raffreddamento rapido e forzato, da cui è possibile ottenere una loppa granulata con elementi vetrosi di pezzatura 0/3÷0/5 mm (Grafico 4). In soluzione acquosa basica la loppa cristallizza lentamente, riempiendo gli spazi vuoti tra i granuli dell’aggregato e legandoli tra loro, trasforma la miscela in un materiale monolitico. La velocità di presa dipende dalla temperatura, dalla superficie specifica dei granuli della loppa che può essere frantumata prima dell’uso (Grafico 5) e dal pH della soluzione.

1.0

1“

1/2

5

4

2

10

1

20

0.5

40

0.2 0.1 0.05

80

200

Grafico 1-Aggregati base/Graph n.1-Primary aggregates - Stabilizzato 0/20 mm-0/20 mm crushed stone - Sabbia naturale-natural sand - Sabbia di duna-dune sand - Sabbia limosa-silty sand 1.0

1“

1/2

5

4

2

10

1

0.5

20

40

5

2

1

0.5

1.0

1“

80

200

1/2

5

4

2

10

1

20

0.5

40

0.2 0.1 0.05

80

200

Grafico 2-Sottoprodotti/Graph n.2-By-products - Scoria A.O.D.-A.O.D. slag - Cenere di pirite-Pyrite ash - Scoria nera di blenda-Blende black slag - Terra esausta di fonderia-Molding sand 1.0

0.2 0.1 0.05

Grafico 3-Aggregati correttori/ Graph n.3-Control mix aggregates - Sabbia frantumata 0/4 mm-0/4 mm crushed stone - Sabbia naturale-natural sand - Polvere di frantoio 0/3 mm-0/3 mm crusher dust - Sabbia limosa-silty sand 1.0

process, obtaining a granulated slag with vitreous, 0/3÷0/5 mm size, grains (Graph n.4). In a basic watery solution it crystallizes slowly, filling the empty spaces of the mineral structure, progressively assuring the bonds between the grains and transforming the mixture into a monolithic material. The speed of the solution, and then the setting of the binder, is influenced by the temperature, by the specific surface of the grains of the blast furnace slag (that can be crushed before its useGraph n.5) and by the pH of the solution.

1“

1/2

5

4

2

10

1

20

0.5

40

0.2 0.1 0.05

80

200

Grafico 4-Loppe granulate Graph n.4-Blast furnace slags - Trieste-Trieste - Karachi-Karachi - Marsiglia-Marseille

0.2 0.1 0.05

5

Grafico 5-Loppe macinate Graph n.5-Crushed blast furnace slags - Trieste-Trieste - Karachi-Karachi - Marsiglia-Marseille 1“

1/2

4

10

20

40

80

200

15


COMPOSIZIONE DELLE MISCELE / COMPOSITION OF THE MIXTURES

Il catalizzatore II catalizzatore di presa della loppa granulata, disponibile in vari tipi, ha l’aspetto di una polvere bianca ed è essenzialmente costituito da una base forte. Il suo compito è quello di assicurare il pH ambientale ottimale della soluzione per lo sviluppo della presa e, contemporaneamente, agire come orientatore della cristallizzazione. Questa avviene sotto forma di minuscoli aghi aggrovigliati che permettono, grazie alla loro isotropia e diffusione in tutta la massa, lo sviluppo di prestazioni meccaniche altrimenti non ottenibili senza l’uso del catalizzatore (vedi foto). L’acqua L’acqua è necessaria sia per la lavorabilità della miscela catalizzata, sia per la formazione dell’ambiente in cui avviene la presa della loppa. Può essere utilizzata acqua salata o salmastra, poiché questa migliora le caratteristiche meccaniche finali del prodotto. La quantità d’acqua presente nella miscela è quella necessaria ad ottenere la massima densità nella compattazione e viene determinata mediante la Prova Proctor Modificata. Il livello delle resistenze nella miscela catalizzata, come si vedrà nei paragrafi seguenti, non è influenzato dall’acqua eventualmente in eccesso, come avviene invece per il rapporto acqua/legante in un materiale a base di cemento.

16

The catalyst The setting catalyst of the granulated blast furnace slag (in the different types available), has the appearance of a white powder and essentially contains a strong base. Its job is to ensure the environmental optimal pH of the solution for the development of the setting, and contemporary to act as an orienting device for the crystallization. The crystallization takes place in the form of very fine entangled needles that enable, through their isotropy and diffusion in whole mass, excellent mechanical performances not otherwise achievable without the use of the catalyst (see photo). The water The water is necessary in forming the conditions in which the setting of the blast furnace slag takes place. Brackish or salt water can be used, because it improves the mechanical performances of the finished product. The quantity of water present in the mixture is that necessary to reach the maximum density and it is determined by Modified Proctor Compaction Test. The resistance of the Pavital mixtures, as will be seen in the following pages, is not influenced by the water excess, as happens for the water/cement ratio for a concrete.


Attivazione con Gypsopav Cristalli di ettringite: aghi fini orientati in tutte le direzioni e in gran numero: resistenza elevata Gypsopav activation Ettringite crystals: great quantity of fine interwoven needles: high resistance

Attivazione con calce Cristalli d’alluminato tetracalcico idrato grossi cristalli orientati in piccolo numero: debole resistenza Lime activation Tetra-calcium alumina hydrate: small quantity of thick crystals: low resistance

17


Pavital Engineering CARATTERISTICHE / CHARACTERISTICS

CARATTERISTICHE A BREVE TERMINE Stabilità immediata II comportamento della miscela al passaggio del compattatore a pneumatici da un’idea della stabilità del materiale. Alcuni materiali si compattano fortemente senza eccessive deformazioni trasversali: essi sono stabili. Altri invece al passaggio del compattatore rifluiscono lateralmente: questi materiali sono instabili e devono pertanto essere corretti granulometricamente. La stabilità è stata definita concettualmente in laboratorio mediante la prova triassiale rapida non drenata. La stabilità immediata (S) può essere definita come la relazione tra la capacità portante della miscela catalizzata fresca (P) e il carico applicato dalle ruote del compattatore (p). S = P/p Le conseguenze pratiche riconducibili ad un'elevata stabilità immediata sono molto importanti ed essenziali per la longevità dell’opera: - la compattazione è più efficace; - la densità più elevata e l’indice dei vuoti più basso garantiscono migliori prestazioni meccaniche finali; - la messa in opera di forti spessori in unico strato semplifica la conduzione dei lavori e riduce il tempo per la realizzazione della sovrastruttura; - la circolazione dei mezzi, se richiesto, può avvenire immediatamente dopo la compattazione; - l’isotropia delle miscele è superiore per i materiali corretti ad elevata stabilità; - le deformazioni durante la presa del legante sono evitate. Presa idraulica differita La presa idraulica differita è una delle caratteristiche essenziali della miscela catalizzata. Il fenomeno si sviluppa lungo un arco di tempo di alcune settimane. Dal momento in cui la miscela catalizzata viene prodotta fino a quello della sua posa in opera, si dispone di un lungo

18

intervallo di tempo dovuto al ritardo nella presa, dipendente dalla temperatura ambientale e dalle caratteristiche della miscela e che, comunque, non risulta mai inferiore a tre giorni. Le conseguenze pratiche della presa idraulica differita sono molto importanti: - i mezzi di posa in opera sono meglio utilizzati poiché le diverse fasi del cantiere sono dissociate; - le prescrizioni di compattazione sono più facilmente rispettabili; - le miscele catalizzate sono poco sensibili agli eccessi temporanei di acqua, giacché il livello delle resistenze finali dipende dal tenore medio in acqua su un lungo periodo; - la regolazione della superficie avviene dopo il termine della compattazione: la riuscita finale è nettamente superiore a quella di un materiale livellato prima della compattazione. CARATTERISTICHE A LUNGO TERMINE Evoluzione delle resistenze in funzione del tempo La presa della miscela catalizzata avviene progressivamente in funzione dell’età di maturazione: aumento lento fino a circa un mese, aumento rapido da un mese a 6 mesi ed infine, aumento meno rapido fino a tre anni (Grafico 6). Le resistenze utilizzate per il dimensionamento delle strutture sono quelle ottenute in laboratario dopo 6 mesi di maturazione alla temperatura costante di 20°C. Per quanto riguarda le temperature, l’esperienza ha dimostrato che la presa del legante non avviene a temperature inferiori a 0°C. Tutte le resistenze, compressione semplice, compressione diametrale o trazione, flessione o fatica, evolvono allo stesso modo. Caratteristiche meccaniche a 180 giorni di maturazione II livello delle resistenze è assai variabile in funzione: - del tipo di aggregato, grosso o fine,

calcareo o siliceo, arrotondato o frantumato; - della natura mineralogica dell’aggregato; - del dosaggio e della composizione chimica della loppa granulata; - della qualità della correzione: correlazione fra la stabilità immediata ed il livello delle resistenze. In media, la resistenza a compressione varia da 40 daN/cm2 per gli aggregati fini debolmente dosati, a 120 daN/cm2 per quelli grossi e di buon comportamento. La resistenza a flessione varia da 8 a 24 daN/cm2 per gli stessi materiali. Deformabilità La deformabilità delle miscele catalizzate ad alta stabilità immediata è la loro caratteristica essenziale. Essa si posiziona a metà tra i misti cementati e i conglomerati bituminosi. Con una miscela catalizzata fine, ben corretta, si può ottenere una deformabilità a rottura di circa 200x10-6 contro i 60x10-6 dei misti cementati. La deformabilità diminuisce con la dimensione massima degli aggregati. Questa deformabilità è utilizzata totalmente dalla struttura, poiché le miscele catalizzate, non avendo ritiro di presa, mantengono un'igrometria satura al contrario dei materiali trattati a cemento per i quali il ritiro di presa consuma una parte della loro deformabilità. I moduli istantanei secanti (al 90% della rottura) delle miscele catalizzate sono nettamente inferiori a quelli del calcestruzzo e del misto cementato: da 50.000 a 80.000 daN/cm2 per gli aggregati fini; da 80.000 a 120.000 daN/cm2 per gli aggregati grossi, contro i 350.000 daN/cm2 per il calcestruzzo e i 250.000 daN/cm2 per il misto cementato. Data l’estrema variabilità del modulo si rende necessario, di volta in volta, mediante specifica prova di laboratorio denominata compressione diametrale, determinarne il valore ed, inoltre, riferirlo al livello di tensione che interessa, giacché l’andamento della curva sforzi-deformazione è di tipo elastico non lineare.


7dd 7gg

28dd 28gg

90dd 90gg

180dd 180gg

SHORT-DATE CHARACTERISTICS Immediate stability The behaviour of materials under loads applied by the tires of the roller gives an idea about their stability. Some materials can be easily compacted without excessive transversal deformation: they are stable. Others instead, reflow sideways: these materials are not stable and need to be corrected. Stability has been defined in laboratory, by the undrained triaxial load test. The immediate stability (S) can be defined as the relationship between the bearing capacity of the fresh Pavital mixture (P) and the load applied by the tires of the roller (p). S = P/ p Practical consequences of an immediate high stability are very important and funda-mental for the project longevity: - the compaction is higher and the rolling more efficient; - a higher density and a lower void ratio guarantee higher level of mechanical performances, after the setting of the slag; - the laying of great layers simplifies the work, and reduces the realization time of the structure; - the traffic can run immediately after the end of the compaction; - the isotropy of catalyzed mixtures is superior for corrected and of high stability materials. The deferred hydraulic setting The deferred hydraulic setting is one of the essential characteristics of the Pavital mixtures. The phenomenon develops itself over a span of several weeks. Between the beginning of mixing operations and the end of the laying process, there is a long lapse of time, due to the delay of the setting. This lapse of time depends on the environmental temperature and on the characteristics of the mixture, and it is never less than 3 days. The practical consequences of the deferred hydraulic

1y 1a

2y 2a

3y 3a

Grafico 6 / Graph n.6

setting are very important: - an immediate high stability is necessary to avoid deformations during the setting of the slag; - construction equipment are used in the better way, because the various phases of the work are well distincted; - compaction rules are more easily observed; - Pavital mixtures are not influenced by temporary water excess, because the final level of mechanical performances depends on the medium water content in a long-lasting period; - surface leveling is made after the end of the compaction: the final result is decidedly superior than that of a material levelled before compaction. All these factors enable optimal and efficient working conditions. LONG-DATE CHARACTERISTICS Mechanical performances evolution as a function of time The hydraulic setting of the Pavital mixture takes place progressively as a function of the curing time: initially slow until one month, there is a rapid increase between 1-6 months and finally a less rapid increase until three years (Graph n. 6). Resistance values used for the design of the structure, are those obtained in laboratory tests, after six months of curing at the constant temperature of 20 °C. For the temperature, more extensive tests have demonstrated that the setting of the slag does not take place at temperatures lower than 0 °C, Temperatures higher than 30 °C can, instead, accelerate it notably. All types of strengths (compressive, bending, fatigue, tensile, diametrical compression) behave in the same way. Mechanical performances at 180 curing days Strength level is very variable, as a function of: - the type of aggregate, coarse or fine, calcareous or siliceous; - particle shape (cubical or rounded particle);

- the mineralogical nature of the aggregate; - batching and chemical composition of the granulated slag; - correction: relation between immediate stability and level of strengths. Generally, compression strength varies between 40 daN/cm2 for fine aggregates weakly proportioned and 150 daN/cm2 for coarse and qualitatively good aggregates. Bending strength varies from 8 to 24 daN/cm2 for the same materials. Deformability Deformability is the most important property of high immediate stability catalyzed mixture. It is positioned in the middle between cement bound granular materials and asphaltic concretes. With a fine, well corrected catalyzed mixture, a deformability of about 200x106 can be reached, compared to 60x106 reached by cement bound granular materials. Deformability decreases as function of increasing maximum dimension of the aggregates. This deformability is totally used by the structure, because catalyzed mixtures, not being subjected to a shrinkage, maintain a saturated hygrometry, contrary to concrete, for which shrinkage expends part of their deformability. Catalyzed mixture’s modulus are decidedly less than those of the concrete and of the cement bound granular material: 50,000÷80,000 daN/cm2 for a mixture com-posed by fine aggregates; 80,000÷120,000 daN/cm2 for those composed by coarse aggre-gates, compared to 350,000 daN/cm2 for the concrete and 250,000 daN/cm2 for the cement bound granular material. Because of the modulus’ extreme variability, it is necessary to determine, through a specific laboratory test (called diametrical compression test), its value for every mixture; this value has to be referred to the level of the strength of interest, because the course of the strength-deformation curve is an elastic non-linear type.

19


Pavital Engineering PRODUZIONE E POSA IN OPERA / MIXING AND SPREADING

La produzione della miscela catalizzata avviene preferibilmente in grandi impianti a dosaggio continuo, la cui produzione può variare da 150 a 350 tonnellate/ora. Questi impianti comprendono tramogge dosatrici per gli aggregati e per la loppa granulata; il catalizzatore è immagazzinato in silo. Il trasporto della miscela catalizzata tra l’impianto di miscelazione ed il cantiere avviene con normali autocarri. La posa in opera si effettua con il bulldozer, mentre per il costipamento si utilizza l’azione combinata di costipatore vibrante e costipatore gommato pesante. Il numero di passaggi è determinato all’inizio del cantiere, verificando che la densità non sia inferiore al 98% di quella ottimale determinata mediante Prova Proctor Modificata. II tenore in acqua deve essere regolato all’impianto di miscelazione in funzione del contenuto d'acqua naturale dei materiali e delle condizioni ambientali ed atmosferiche. Dopo il costipamento, la superficie finita dello strato si ottiene asportando con il grader la miscela catalizzata in eccesso, che può essere utilizzata nella striscia adiacente. Il rivestimento (conglomerato bituminoso) può essere posto in opera appena finito il costipamento.

20

The production of the Pavital mixtures preferably takes place in large continuous plants, whose production can vary from 150 to 350 tons per hour. These plants include hoppers for the batching of the primary aggregate, of the control mixture aggregate and of the granulated blast furnace slag, and a silos for the catalyst. The transport of the Pavital mixtures between the mixing plant and the worksite is carried out by normal trucks. Laying is executed by a bulldozer. For the compaction, a vibrating roller and a heavy pneumatic-tired roller in association are used. The number of passes is determined at the beginning of the works, verifying that the mixture density be not less than 98% than the Maximum Dry Density determined by Modified Proctor Compaction Test. The water content must be regulated at the mixing plant as a function of natural moisture contents of the components and of ambient temperature, wind conditions, rain. A water tank is always needed. After the compaction, the regulation of the layer is carried out by a grader, removing the exceeding Pavital mixture, that can be utilized in the next layer. The asphalt pitched lining can be laid just after the compaction is finished.


21


Molo VII-Trieste


Pavital Engineering CAMPI DI UTILIZZO / APPLICATIONS Costruzione di strade e autostrade Le miscele Pavital sono utilizzate per la realizzazione di strati di fondazione e base di pavimentazioni stradali, qualsiasi sia l’intensità del traffico previsto. Le miscele sono stese in uno strato singolo, direttamente sul rilevato, senza interposizione di altri strati.

Motorways, Highways and Roads construction Pavital mixtures are utilized to realize sub-base and base courses of road pavements, whatever is the intensity of the foreseen traffic, by laying a thick single layer directly on the embankment, without interposition of any subgrade course.

Rafforzamenti di strade esistenti Le miscele Pavital sono utilizzate per il rafforzamento di strade esistenti, stendendo le miscele direttamente sopra la vecchia pavimentazione, senza bisogno di rimuovere la loro struttura o di deviare il traffico, grazie alla loro alta stabilità immediata.

Overlay of existing Road Structures Pavital mixtures are utilized for reinforcing existing roads, laying mixtures directly upon the old existing roadway, without needing to remove the old pavement or to divert circulation, thanks to their high stability.

Aeroporti Le miscele Pavital sono utilizzate con modalità simili ai casi precedenti ma in situazioni di carico diverse, per realizzare piste di decollo o piazzali di sosta.

Airports These are similar applications, with different load conditions, The Pavital mixtures are utilized, in a single layer, to realize runways or parking areas.

Scali merci, Terminal Container, Porti Questi tipi di strutture sono spesso ubicati su terreni di scarsa capacità portante. I carichi sono generalmente elevati (100 t/m2 in caso di stoccaggio di tre container l’uno sull’altro). Le miscele Pavital sono particolarmente idonee a questo tipo di utilizzo.

Freight yards, Containers Terminals, Ports These types of structures are often located on poor quality soils. Loads are generally high (100 t/m2 in case of storage of three containers one upon another). The Pavital mixtures are particularly suitable for this type of use.

Consolidamenti “Pali Pavital” è un sistema brevettato di consolidamento di rilevati ferroviari e stradali, utilizzato in terreni di bassa o media resistenza, più o meno coesivi. Il metodo dei Pali Pavital utilizza una recentissima tecnologia, in grado di operare senza rimozione del ballast e senza chiudere al traffico la strada o la linea ferroviaria.

Consolidation works “Pavital pile” is a system for the execution of piles, for the consolidation of road and rail embankments. This method is used in low and medium strength soils. The Pavital pile method utilizes an up-to-date technology, able to operate without removing the ballast and without closing to traffic the road or the railway line.

Altre applicazioni Le miscele Pavital possono essere utilizzate anche nella realizzazione di platee, masselli di sottofondo, archi rovesci di gallerie, strati di fondazione e argini di contenimento di discariche e loro ricopertura finale, fondazioni per le vie di corsa delle gru a portale ecc.

Other applications Pavital mixtures can be also utilized in the realization of beams, concrete beds, tunnel inverted arches, sub-base course of waste disposal sites.

23


A4-Bretella Aeroporto-Venezia


Strade e Autostrade MOTORWAYS, HIGHWAYS & ROADS

SS 31 BIS DEL MONFERRATO Casale Monferrato ANAS

SS 31 BIS “DEL MONFERRATO” Casale Monferrato ANAS (National Highway Authority)

· Trattamento superficiale in emulsione bituminosa e sabbiatura · Strato di usura 0,03 m · Strato di binder 0,04 m · Strato di fondazione e base in miscela catalizzata 0,30 m

· Bituminous surface treatment (seal coat with aggregates) · Asphalt wearing course 0.03 m · Asphalt binder course 0.04 m · Subbase and base course by catalyzed mixture 0.30 m

BRETELLA COLLEGAMENTO AEROPORTO “MARCO POLO” Autostrada A4-A27 Autostrada Padova-Venezia Spa

LINK-UP MOTORWAY “MARCO POLO” AIRPORT Motorway A4-A27 Motorway Padua-Venice Company

· Strato di usura 0,05 m · Strato di binder 0,07 m · Strato di fondazione e base in miscela catalizzata 0,35 m

· Asphalt wearing course 0.05 m · Asphalt binder course 0.07 m · Subbase and base course by catalyzed mixture 0.35 m

RINFORZO SS 413 ROMANA S. Benedetto Po ANAS

ROAD SS 413 “ROMANA” OVERLAY S. Benedetto Po ANAS (National Highway Authority)

· Strato di usura 0,03 m · Strato di binder 0,04 m · Strato di fondazione e base in miscela catalizzata 0,30 m

· Asphalt wearing course 0.03 m · Asphalt binder course 0.04 m · Subbase and base course by catalyzed mixture 0.30 m

SS 494 VIGEVANESE Alessandria ANAS

ROAD SS 494 “VIGEVANESE” Alessandria ANAS (National Highway Authority)

· Strato di usura 0,03 m · Strato di binder 0,04 m · Strato di fondazione e base in miscela catalizzata 0,35 m

· Asphalt wearing course 0.03 m · Asphalt binder course 0.04 m · Subbase and base course by catalyzed mixture 0.35 m

TANGENZIALE DI AOSTA Società Autostrade Valle d’Aosta

MOTORWAY RING ROAD OF AOSTA Motorway Valle d'Aosta Company

· Strato di usura 0,05 m · Strato di binder 0,07 m · Strato di fondazione e base in miscela catalizzata 0,35 m

· Asphalt wearing course 0.05 m · Asphalt binder course 0.07 m · Subbase and base course by catalyzed mixture 0.35 m

25


STRADE E AUTOSTRADE / MOTORWAYS, HIGHWAYS & ROADS

TERZA CORSIA AUTOSTRADA Padova-Venezia Autostrada Padova-Venezia Spa

MOTORWAY PADUA-VENICE (CARRIAGEWAY WIDENING) Motorway Padua-Venice Company

· Strato di usura 0,05 m · Strato di binder 0,07 m · Strato di fondazione e base in miscela catalizzata 0,35 m

· Asphalt wearing course 0.05 m · Asphalt binder course 0.07 m · Subbase and base course by catalyzed mixture 0.35 m

RINFORZO SS 6 CASILINA Colleferro ANAS

HIGHWAY SS 6 “CASILINA” OVERLAY Colleferro ANAS (National Highway Authority)

· Trattamento superficiale in emulsione bituminosa e sabbiatura · Strato di binder 0,05 m · Strato di fondazione e base in miscela catalizzata 0,25 m

· Bituminous surface treatment (seal coat with aggregates) · Asphalt binder course 0.05 m · Subbase and base course by catalyzed mixture 0.25 m

SS 457 DI MONCALVO Ozzano ANAS

ROAD SS 457 “DI MONCALVO” Ozzano ANAS (National Highway Authority)

· Strato di usura 0,03 m · Strato di binder 0,04 m · Strato di fondazione e base in miscela catalizzata 0,40 m

· Asphalt wearing course 0.03 m · Asphalt binder course 0.04 m · Subbase and base course by catalyzed mixture 0.40 m

RINFORZO SS 496 VIRGILIANA Quistello ANAS

ROAD SS 496 “VIRGILIANA” OVERLAY Quistello ANAS (National Highway Authority)

· Strato di usura 0,03 m · Strato di binder 0,04 m · Strato di fondazione e base in miscela catalizzata 0,30 m

· Asphalt wearing course 0.03 m · Asphalt binder course 0.04 m · Subbase and base course by catalyzed mixture 0.30 m

SS 11 PONTE DELLA LIBERTÀ Venezia-Mestre ANAS

HIGHWAY SS 11 “LIBERTY BRIDGE” Venezia-Mestre ANAS (National Highway Authority)

· · · ·

· · · ·

Strato drenante 0,04 m Strato di binder 0,05 m Strato di base 0,08 m Strato di fondazione in miscela catalizzata 0,32 m

26

Open-graded bituminous surface 0.04 m Asphalt binder course 0.05 m Asphalt base course 0.08 m Subbase by catalyzed mixture 0.32 m


STRADE E AUTOSTRADE / MOTORWAYS, HIGHWAYS & ROADS

RINFORZO SS 309 ROMEA Chioggia ANAS

HIGHWAY SS 309 “ROMEA” OVERLAY Chioggia ANAS (National Highway Authority)

· Trattamento superficiale in emulsione bituminosa e sabbiatura · Strato di binder 0,05 m · Strato di fondazione e base in miscela catalizzata 0,30 m

· Bituminous surface treatment (seal coat with aggregates) · Asphalt binder course 0.05 m · Subbase and base course by catalyzed mixture 0.30 m

RINFORZO SS 31 DEL MONFERRATO Alessandria ANAS

HIGHWAY SS 31 “DEL MONFERRATO” OVERLAY Alessandria ANAS (National Highway Authority)

· Strato di usura 0,03 m · Strato di binder 0,04 m · Strato di fondazione e base in miscela catalizzata 0,35 m

· Asphalt wearing course 0.03 m · Asphalt binder course 0.04 m · Subbase and base course by catalyzed mixture 0.35 m

CIRCONVALLAZIONE DI S. PIETRO IN CASALE Provincia di Bologna

RING ROAD OF S.PIETRO IN CASALE Province of Bologna

· Trattamento superficiale in emulsione bituminosa e sabbiatura · Strato di binder 0,05 m · Strato di fondazione e base in miscela catalizzata 0,32 m

· Bituminous surface treatment (seal coat with aggregates) · Asphalt binder course 0.05 m · Subbase and base course by catalyzed mixture 0.32 m

SS 31 BIS DEL MONFERRATO Morano sul Po ANAS

HIGHWAY SS 31 BIS “DEL MONFERRATO” Morano sul Po ANAS (National Highway Authority)

· · · ·

· · · ·

Strato di usura 0,03 m Strato di binder 0,04 m Strato di base 0,10 m Strato di fondazione in miscela catalizzata 0,30 m

Asphalt wearing course 0.03 m Asphalt binder course 0.04 m Asphalt base course 0.10 m Subbase and base course by catalyzed mixture 0.30 m

SS 20 DEL COLLE DI TENDA Centallo ANAS

HIGHWAY SS 20 “DEL COLLE DI TENDA” Centallo ANAS (National Highway Authority)

· Trattamento superficiale in emulsione bituminosa e sabbiatura · Strato di binder 0,05 m · Strato di fondazione e base in miscela catalizzata 0,30 m

· Bituminous surface treatment (seal coat with aggregates) · Asphalt binder course 0.05 m · Subbase and base course by catalyzed mixture 0.30 m 27


STRADE E AUTOSTRADE / MOTORWAYS, HIGHWAYS & ROADS

SS 230 DI MASSAZZA Biella ANAS

HIGHWAY SS 230 “DI MASSAZZA” Biella ANAS (National Highway Authority)

· Trattamento superficiale in emulsione bituminosa e sabbiatura · Strato di binder 0,05 m · Strato di fondazione e base in miscela catalizzata 0,25 m (rinforzo) 0,35 m (nuova costruzione)

· Bituminous surface treatment (seal coat with aggregates) · Asphalt binder course 0.05 m · Subbase and base course by catalyzed mixture 0.25 m (overlay) 0.35 m (new construction)

RINFORZO SS 659 DELLA VALLE ANTIGORIO E FORMAZZA Formazza ANAS

ROAD SS 659 “VALLE ANTIGORIO E FORMAZZA” OVERLAY Formazza ANAS (National Highway Authority)

· Trattamento superficiale in emulsione bituminosa e sabbiatura · Strato di binder 0,05 m · Strato di fondazione e base in miscela catalizzata 0,25 m

· Bituminous surface treatment (seal coat with aggregates) · Asphalt binder course 0.05 m · Subbase and base course by catalyzed mixture 0.25 m

VIA TIRASSEGNO-IMOLA Comune di Imola

ROAD VIA TIRASSEGNO Municipality of Imola

· Trattamento superficiale in emulsione bituminosa e sabbiatura · Strato di binder 0,05 m · Strato di fondazione e base in miscela catalizzata 0,23 m

· Bituminous surface treatment (seal coat with aggregates) · Asphalt binder course 0.05 m · Subbase and base course by catalyzed mixture 0.23 m

RINFORZO-SS 309 ROMEA Rosolina ANAS

HIGHWAY SS 309 “ROMEA” OVERLAY Rosolina ANAS (National Highway Authority)

· Trattamento superficiale in emulsione bituminosa e sabbiatura · Strato di binder 0,05 m · Strato di fondazione e base in miscela catalizzata 0,30 m

· Bituminous surface treatment (seal coat with aggregates) · Asphalt binder course 0.05 m · Subbase and base course by catalyzed mixture 0.30 m

TERMINAL TREVISO SERVIZI Comune di Treviso

TERMINAL “TREVISO SERVIZI” Municipality of Treviso

· Trattamento superficiale in emulsione bituminosa e sabbiatura · Strato di binder 0,05 m · Strato di fondazione e base in miscela catalizzata 0,30 m

· Bituminous surface treatment (seal coat with aggregates) · Asphalt binder course 0.05 m · Subbase and base course by catalyzed mixture 0.30 m

28


STRADE E AUTOSTRADE / MOTORWAYS, HIGHWAYS & ROADS

SP 18 PADULLESE Calderara di Reno Provincia di Bologna

ROAD SP 18 “PADULLESE” Calderara di Reno Province of Bologna

· Trattamento superficiale in emulsione bituminosa e sabbiatura · Strato di binder 0,05 m · Strato di fondazione e base in miscela catalizzata 0,30 m (rinforzo) 0,35 m (nuova costruzione)

· Bituminous surface treatment (seal coat with aggregates) · Asphalt binder course 0.05 m · Subbase and base course by catalyzed mixture 0.30 m (overlay)0.35 m (new construction)

RINFORZO-SS 659 DELLA VALLE ANTIGORIO E FORMAZZA Premia ANAS

ROAD SS 659 “VALLE ANTIGORIO E FORMAZZA” OVERLAY Premia ANAS (National Highway Authority)

· Trattamento superficiale in emulsione bituminosa e sabbiatura · Strato di binder 0,05 m · Strato di fondazione e base in miscela catalizzata 0,25 m

· Bituminous surface treatment (seal coat with aggregates) · Asphalt binder course 0.05 m · Subbase and base course by catalyzed mixture 0.25 m

SP 31 COLUNGA Provincia di Bologna

ROAD SP 31 “COLUNGA” Province of Bologna

· Trattamento superficiale in emulsione bituminosa e sabbiatura · Strato di binder 0,05 m · Strato di fondazione e base in miscela catalizzata 0,20 m (rinforzo) 0,25 m (nuova costruzione)

· Bituminous surface treatment (seal coat with aggregates) · Asphalt binder course 0.05 m · Subbase and base course by catalyzed mixture 0.20 m (overlay)0.25 m (new construction)

TANGENZIALE DI MODENA ANAS

MOTORWAY RING ROAD OF MODENA ANAS (National Highway Authority)

· · · ·

· · · ·

Strato di usura 0,03 m Strato di binder 0,04 m Strato di base 0,10 m Strato di fondazione in miscela catalizzata 0,30 m

Asphalt wearing course 0.03 m Asphalt binder course 0.04 m Asphalt base course 0.10 m Subbase and base course by catalyzed mixture 0.30 m

CESENA VIA P. TURCHI Comune di Cesena

CESENA “VIA P. TURCHI” Municipality of Cesena

· Strato di usura 0,03 m · Strato di binder 0,05 m · Strato di fondazione e base in miscela catalizzata 0,30 m

· Asphalt wearing course 0.03 m · Asphalt binder course 0.05 m · Subbase and base course by catalyzed mixture 0.30 m 29


A4-Bretella Aeroporto-Venezia


STRADE E AUTOSTRADE / MOTORWAYS, HIGHWAYS & ROADS

CIRCONVALLAZIONE DI IMOLA Comune di Imola

RING ROAD OF IMOLA Municipality of Imola

· Trattamento superficiale in emulsione bituminosa e sabbiatura · Strato di binder 0,05 m · Strato di fondazione e base in miscela catalizzata 0,32 m

· Bituminous surface treatment (seal coat with aggregates) · Asphalt binder course 0.05 m · Subbase and base course by catalyzed mixture 0.32 m

HIGHWAY N.H. 5 LAHORE-GUJRANWALA Pakistan Pakistan National Highway Authority

HIGHWAY N.H. 5 LAHORE-GUJRANWALA OVERLAY Pakistan Pakistan National Highway Authority

· Trattamento superficiale in emulsione bituminosa e sabbiatura · Strato di binder 0,05 m · Strato di fondazione e base in miscela catalizzata 0,25 m

· Bituminous surface treatment (seal coat with aggregates) · Asphalt binder course 0.05 m · Subbase and base course by catalyzed mixture 0.25 m

HIGHWAY N.H. 55 DERI ISMAIL KHAN-SARAI GAMBILA Pakistan Pakistan National Highway Authority

HIGHWAY N.H. 5 DERI ISMAIL KHAN-SARAI GAMBILA Pakistan Pakistan National Highway Authority

· Trattamento superficiale in emulsione bituminosa e sabbiatura · Strato di binder 0,05 m · Strato di fondazione e base in miscela catalizzata 0,35 m

· Bituminous surface treatment (seal coat with aggregates) · Asphalt binder course 0.05 m · Subbase and base course by catalyzed mixture 0.35 m

RINFORZO SS 590 DELLA VAL CERRINA Castagnone ANAS

ROAD SS 590 “DELLA VAL CERRINA” OVERLAY Castagnone ANAS (National Highway Authority)

· Trattamento superficiale in emulsione bituminosa e sabbiatura · Strato di binder 0,05 m · Strato di fondazione e base in miscela catalizzata 0,25 m

· Bituminous surface treatment (seal coat with aggregates) · Asphalt binder course 0.05 m · Subbase and base course by catalyzed mixture 0.25 m

31


STRADE E AUTOSTRADE / MOTORWAYS, HIGHWAYS & ROADS

SP 18 PADULLESE S. Giorgio di Piano Provincia di Bologna

ROAD SP 18 “PADULLESE” S. Giorgio di Piano Province of Bologna

· Trattamento superficiale in emulsione bituminosa e sabbiatura · Strato di binder 0,05 m · Strato di fondazione e base in miscela catalizzata 0,30 m (rinforzo) 0,35 m (nuova costruzione)

· Bituminous surface treatment (seal coat with aggregates) · Asphalt binder course 0.05 m · Subbase and base course by catalyzed mixture 0.30 m (overlay)0.35 m (new construction)

SP 95 DI COTIGNOLA Provincia di Ravenna

ROAD SP 95 “DI COTIGNOLA” Province of Ravenna

· Strato di usura 0,03 m · Strato di binder 0,06 m · Strato di fondazione e base in miscela catalizzata 0,33 m

· Asphalt wearing course 0.03 m · Asphalt binder course 0.06 m · Subbase and base course by catalyzed mixture 0.33 m

TANGENZIALE DI MODENA Cavalcavia D’Avia ANAS

MOTORWAY RING ROAD OF MODENA Cavalcavia D’Avia ANAS (National Highway Authority)

· Strato di usura 0,03 m · Strato di binder 0,05 m · Strato di fondazione e base in miscela catalizzata 0,30 m

· Asphalt wearing course 0.03 m · Asphalt binder course 0.05 m · Subbase and base course by catalyzed mixture 0.30 m

VIABILITÀ CAVALCAFERROVIA FS Bologna-Rimini Provincia di Bologna

RAILWAY FLYOVER Bologna-Rimini Province of Bologna

· Strato di usura 0,03 m · Strato di binder 0,05 m · Strato di fondazione e base in miscela catalizzata 0,32 m

· Asphalt wearing course 0.03 m · Asphalt binder course 0.05 m · Subbase and base course by catalyzed mixture 0.32 m

SP 18 PADULLESE Calderara di Reno Provincia di Bologna

ROAD SP 18 “PADULLESE” Calderara di Reno Province of Bologna

· Strato di usura 0,03 m · Strato di binder 0,05 m · Strato di fondazione e base in miscela catalizzata 0,30 m (rinforzo) 0,35 m (nuova pavimentazione)

· Asphalt wearing course 0.03 m · Asphalt binder course 0.05 m · Subbase and base course by catalyzed mixture 0.30 m (overlay) 0.35 m (new paving)

32


STRADE E AUTOSTRADE / MOTORWAYS, HIGHWAYS & ROADS

SS 1 AURELIA Svincolo Rosignano Solvay ANAS

SS ROAD 1 AURELIA Rosignano Solvay link ANAS (National Highway Authority)

· Strato di usura 0,04 m · Strato di binder 0,06 m · Strato di fondazione e base in miscela catalizzata 0,35 m

· Asphalt wearing course 0.04 m · Asphalt binder course 0.06 m · Subbase and base course by catalyzed mixture 0.35 m

VIABILITÀ AREA EX-AGRIMONT Marghera-Venezia Consorzio Urban

EX-AGRIMONT ROADWAY AREA Marghera-Venezia Consorzio Urban

· Strato di usura 0,03 m · Strato di binder 0,05 m · Strato di fondazione e base in miscela catalizzata 0,30 m

· Asphalt wearing course 0.03 m · Asphalt binder course 0.05 m · Subbase and base course by catalyzed mixture 0.30 m

STRADA CARICO BILLETTE Piombino LI Lusigest

BILLET LOADING ROAD Piombino LI Lusigest

· Trattamento superficiale in emulsione bituminosa e sabbiatura · Strato di binder 0,06 m · Strato di fondazione e base in miscela catalizzata 0,35 m

· Bituminous surface treatment (seal coat with aggregates) · Asphalt binder course 0.06 m · Subbase and base course by catalyzed mixture 0.35 m

33


STRADE E AUTOSTRADE / MOTORWAYS, HIGHWAYS & ROADS

Autostrada A4-A27 BRETELLA DI COLLEGAMENTO AEROPORTO MARCO POLO MOTORWAYS A4-A27 / LINK-UP MOTORWAY “MARCO POLO” AIRPORT

L’esigenza era quella di decongestionare il traffico diretto all’Aeroporto, deviandolo dall’area urbana di Mestre-Venezia. La risposta a questo problema è consistita nella costruzione di un raccordo che collegasse il Sistema Autostradale del Nordest (Autostrade A4 e A27) all’Aeroporto Marco Polo di Venezia. L’opera è lunga 6,730 Km, con una piattaforma d'appoggio di 27 m ed ha corsie di emergenza larghe 3 m; notevole è la connessione con l’autostrada A4, con un ponte lungo 716 m e svincoli di accesso su tre livelli. Il lavoro è completato con le due Barriere di Mogliano (A27) e Meolo (A4). La struttura autostradale, comprese le due barriere, consiste in un unico strato (0,35 m) di fondazione e base in miscela catalizzata Pavital. A causa della grande quantità di materiale richiesto per la produzione della miscela catalizzata, sono stati realizzati vari tipi di mix-design, utilizzando ogni volta materiali di tipo diverso (sabbie naturali limose, sabbie provenienti dall’escavazione del fiume Piave, sabbie di origine marina) come aggregato base.

The problem was to decongest the traffic directed to the Airport, diverting it from the urban area of Mestre-Venice. The answer consisted in the construction of a Motorway, to connect the Northeast Motorway System (Motorways A4 & A27) to the Marco Polo Airport (Venice). The work is 6.730 Km long, with a subgrade level 27 m wide, and has emergency lanes 3 m wide; notable is the connection with the Motorway A4, with a 716 m long bridge and link roads on three levels. The project was completed by the two Tollgates of Mogliano (A27) and Meolo (A4). The Motorway structure, including the two tollgate areas, consists of a single layer (0.35 m) of subbase and base course by Pavital catalyzed, mixture. Because of the great quantity of material required, for the production of the catalyzed mixture (over 120,000 tons), were realized various types of mixdesigns, using each time a different type of sand (natural silty sands, sands deriving from excavation of Piave River, sea sands) as a primary aggregate.

Composizion e della miscela catalizzata

Composition of the catalyzed mix ture

Mix 1 Aggregato base Aggregato correttore Loppa granulata Catalizzatore Mix 2 Aggregato base Aggregato correttore Loppa granulata Catalizzatore

Mix 1 Prim a ry a ggrega te Control mix a ggrega te Crushed sla g Ca ta lyst Mix 2 Prim a ry a ggrega te Control mix a ggrega te Crushed sla g Ca ta lyst

sabbia limosa 67% polvere di frantoio 0/4 mm 20% Trieste 12% tipo B 1% sabbia naturale 60% polvere di frantoio 0/4 mm 27% Trieste 12% tipo B 1%

silty sa nd 0/ 4 m m crusher dust Trieste type B

67% 20% 12% 1%

na tura l sa nd 0/ 4 m m crusher dust Trieste type B

60% 27% 12% 1%

35


STRADE E AUTOSTRADE / MOTORWAYS, HIGHWAYS & ROADS

Padova-Venezia TERZA CORSIA DELL’AUTOSTRADA MOTORWAY A4 PADUA-VENICE

L’autostrada A4 Milano-Venezia è la più importante autostrada del Nord Italia e in particolare il suo tratto finale PadovaVenezia è caratterizzato da un traffico estremamente intenso. Si è reso perciò necessario realizzare l’allargamento della carreggiata esistente, con la costruzione di una terza corsia, per consentire all’autostrada di sopportare un volume di traffico di 72.000 veicoli al giorno. L’allargamento di carreggiata, realizzato tramite un singolo strato di miscela catalizzata Pavital, è parte di un progetto più complesso che comprende sofisticate attrezzature e soluzioni altamente tecnologiche per il monitoraggio, la sicurezza e la gestione di un così intenso volume di traffico. Per la produzione della miscela catalizzata è stato utilizzato un aggregato base costituito da una sabbia fine, derivante dall’escavazione di depositi naturali nella zona del Polesine.

The Motorway A4 Milan-Venice is the most important motorway in the Northern Italy, and particularly its final part Padua-Venice is characterized by an high-intensity traffic. It was necessary, by then, to execute the widening of the existing carriageway, with the realization of a third lane, to able the motorway to support a volume of traffic that will reach, for the end of the century, the amount of 72,000 vehicles per day. The carriageway widening, realized by a single layer of Pavital catalyzed mixture, is part of a more complex project, including sophisticated equipment and high technology solutions for the monitoring and the security, and for the management of this high volume of traffic. For the production of the catalyzed mixture, was used a primary aggregate based on a natural sand, deriving from the excavation of dunes in the Polesine area.

Composizion e della miscela catalizzata

Composition of the catalyzed mix ture

Aggregato base Aggregato correttore Loppa macinata Catalizzatore

36

sabbia naturale polvere di frantoio 0/4 mm Trieste tipo B

59% 30% 10% 1%

Prim a ry a ggrega te Control mix a ggrega te Crushed sla g Ca ta lyst

dune sa nd 0/ 4 m m crusher dust Trieste type B

59% 30% 10% 1%


37


STRADE E AUTOSTRADE / MOTORWAYS, HIGHWAYS & ROADS

SS 11-Venezia PONTE DELLA LIBERTÀ VENICE-HIGHWAY SS 11 “LIBERTY BRIDGE”

II Ponte della Libertà, costruito nel 1933, connette Venezia alla terraferma. In questi ultimi anni l’opera ha mostrato alcuni inconvenienti, localizzati principalmente nelle volte, dove era iniziata un’evidente degradazione meccanica e superficiale, dovuta all’età e alla percolazione di acqua meteorica attraverso i sovrastanti strati della pavimentazione. Sono state proposte varie soluzioni ma solo la miscela catalizzata Pavital è stata in grado di risolvere allo stesso tempo tutti i problemi connessi a quest’opera. II suo utilizzo infatti: - ha assicurato l’agibilità del ponte (che rappresenta l’unico accesso a Venezia per mezzi gommati) durante l’esecuzione dei lavori; - garantisce l’impermeabilità della struttura stradale dopo la presa; - evita, contrariamente ai misti cementati, la formazione di qualsiasi tipo di fessurazione.

The Liberty Bridge, constructed in 1933, connects Venice to its mainland. In these latest years, the work has shown some problems, principally located in the vaults, where an evident mechanical and superficial degradation had begun, due to the age of the construction and to the percolation of meteoric water through the above layers of the pavement. More solutions were proposed, but only Pavital catalyzed mixture was able to solve at the same time all the problems connected with this work, because: - it ensures the agibility of the bridge (that represents the only approach route to Venice for tired vehicles) during the execution of the works; - it guarantees the impermeability of the road structure after the setting; - it avoids the formation of any type of cracking, contrary to cement bound granular material.

Composizion e della miscela catalizzata

Composition of the catalyzed mix ture

Aggregato base Aggregato correttore Loppa macinata Catalizzatore

sabbia frantumata 0/5 mm polvere di frantoio 0/3 mm Trieste tipo A

54% 35% 10% 1%

Prim a ry a ggrega te Control mix a ggrega te Crushed sla g Ca ta lyst

0/ 5 m m crushed stone 0/ 3 m m crusher dust Trieste type A

54% 35% 10% 1%

39


STRADE E AUTOSTRADE / MOTORWAYS, HIGHWAYS & ROADS

SS 20-del Colle di Tenda HIGHWAY SS 20 “DEL COLLE DI TENDA”

La strada statale SS 20, che unisce Torino con la frontiera Francese, è caratterizzata da un traffico molto intenso di autocarri pesanti. La struttura esistente si era dimostrata insufficiente, a causa dell’aumento del traffico e della presenza di un suolo di fondazione di debole resistenza (composto essenzialmente di materiali argillosi). La metodologia tradizionale (rimozione della struttura esistente, stesa del geotessile, posa di misto granulare, misto cementato, strati di base, binder e usura per uno spessore totale di 47 cm) avrebbe comportato la deviazione del traffico, costi di produzione e tempi di lavorazione maggiori. La soluzione adottata prevedeva semplicemente la realizzazione di un singolo strato di miscela catalizzata Pavital (0,30 m). Nel centro di Centallo la struttura esistente è stata rimossa (a causa di vincoli di quota) e interamente sostituita con miscela catalizzata. Uno strato di conglomerato bituminoso chiuso di 0,05 m ha completato l’intervento, eseguito in soli 30 giorni lavorativi, con costi altamente competitivi e ridotti disagi alla circolazione.

The Highway SS 20, connecting Turin with the French frontier, is characterized by a high intensity of heavy-truck traffic. The existing structure was insufficient, because of an increment of this traffic and the presence of a low-strength subgrade soil (essentially composed of clay materials), The traditional methodology (remotion of the existing structure, geotextile, sub-grade, cement bound granular material, asphalt base, binder and wearing courses for a total thickness of 0.47 m), involved diverting of traffic and greater production costs and working times. The solution adopted, simply involved the realization of a single layer by Pavital catalyzed mixture (0,30 m). In the centre of Centallo, the existing structure had been removed (because of problem of elevation) and entirely substituted with catalyzed mixture. An asphalt binder course with a bituminous surface treatment completed the intervention, executed in only 30 working days for 5.300 km, with highly competitive costs and reduced troubles for the traffic.

Composizion e della miscela catalizzata

Composition of the catalyzed mix ture

Aggregato base Loppa macinata Catalizzatore

Prim a ry a ggrega te 0/ 7 m m crushed stone Crushed sla g Ma rseille (F) Ca ta lyst type B

40

sabbia frantumata 0/7 mm 87% Marsiglia (F) 12% tipo B 1%

87% 12% 1%


41


STRADE E AUTOSTRADE / MOTORWAYS, HIGHWAYS & ROADS

SS 309-Romea HIGHWAY SS 309 “ROMEA”

Questa è una strada di vitale importanza che collega le aree industriali e i porti di Venezia (e del nord-est italiano) con Ravenna (e da qui con il centro e il sud Italia). La struttura, realizzata nell’immediato dopoguerra attraversando terreni lagunari e costruita utilizzando materiali e spessori non idonei, con il costante aumento del volume, della velocità e dell’intensità del traffico, si è gravemente danneggiata, soprattutto in certi tratti. Proprio a causa dell’intensità del traffico (prevalentemente camion pesanti) era necessario operare in tempi brevi, a costi contenuti e soprattutto senza deviare la circolazione, data la mancanza di strade alternative. Pavital ha applicato la propria tecnologia, realizzando un rafforzamento in miscela catalizzata (0,30 m) direttamente sulla superficie esistente, completamente distrutta. La carreggiata è stata divisa in tre corsie, una per le lavorazioni e le restanti due per la circolazione. Dopo la fine della compattazione e la stesa dello strato di conglomerato bituminoso, ogni corsia finita veniva immediatamente aperta al traffico, mentre il lavoro riprendeva sulla corsia vicina e così via. Per la miscela catalizzata sono state utilizzate sabbie naturali come aggregato base.

This is a highway of vital importance, connecting the industrial areas and the Ports of Venice (and of the Northeast of Italy) with Ravenna (and from here with Central and Southern Italy). The structure, realized in the immediate post-war period across lagoon lands and constructed utilizing unsuitable thicknesses and materials, with the constant increasing of the volume, speed and heaviness of traffic, was extremely damaged, particularly in certain parts. Because of the intensity of the traffic (heavy-trucks overall), it was necessary to operate in short times and at contained costs, and without diverting circulation overall, because of the complete lack of alternative roads. Pavital proposed its technology, realizing an overlay by catalyzed mixture (0.30 m) directly on the existing, completely destroyed surface. The carriageway was divided in three lanes, one for working and the remaining two for the circulation. After the end of the compaction and the spreading of the asphalt binder course with bituminous surface treatment, every finished lane was immediately open to the traffic, while the work started again on the next lane and so on. For the catalyzed mixture sands were used, deriving from dunes of marine origin as primary aggregate.

Composizion e della miscela catalizzata

Composition of the catalyzed mix ture

Mix 1 Aggregato base Aggregato correttore Filler Loppa macinata Catalizzatore Mix 2 Aggregato base Aggregato correttore Filler Loppa macinata Catalizzatore

Mix 1 Prim a ry a ggrega te Control mix a ggrega te Filler Crushed sla g Ca ta lyst Mix 2 Prim a ry a ggrega te Control mix a ggrega te Filler Crushed sla g Ca ta lyst

sabbia naturale 54% polvere di frantoio 0/4 mm 30% 3% Trieste 12% tipo B 1% sabbia naturale 66% polvere di frantoio 0/4 mm 20% 3% Trieste 10% tipo B 1%

dune sa nd 0/ 4 m m crusher dust Trieste type B na tura l sa nd 0/ 4 m m crusher dust Trieste type B

54% 30% 3% 12% 1% 66% 20% 3% 10% 1%

43


STRADE E AUTOSTRADE / MOTORWAYS, HIGHWAYS & ROADS

SS 659-della Valle Antigorio e Formazza ROAD SS 659 “DELLA VALLE ANTIGORIO E FORMAZZA”

Questa strada penetra nella Valle di Antigorio e Formazza, nella regione Alpina Nordoccidentale, e raggiunge la frontiera Svizzera. La circolazione consiste in autocarri molto pesanti che scendono a valle trasportando grossi blocchi di marmo pregiato dalle cave ubicate in queste valli. La struttura, realizzata negli anni ‘30, e che già non sopportava questo tipo di traffico, fu soggetta nel 1987 ad un'alluvione che distrusse grandi tratti della strada. I due interventi, realizzati nell’inverno 1988 e nell’inverno 1989, stendendo uno strato di miscela catalizzata Pavital, in parte rimuovendo la vecchia struttura e in parte in rafforzamento, sono stati caratterizzati da tutte le difficoltà riguardanti le basse temperature e le nevicate. Per la produzione della miscela catalizzata sono state utilizzate una sabbia finissima, derivante dall’escavazione del bacino della diga idroelettrica di Verampio (ENEL), come aggregato base e come correttore un materiale proveniente dal ciclo di lavorazione di un impianto di frantumazione.

This road enters two valleys in the Northwest Alpine Region and reaches the Swiss frontier. The circula-tion consists in very heavy-trucks, going downhill transporting great blocks of valuable marble from the quarries located in these valleys. The structure, realized in the 30’s, was subjected in 1987 to an alluvion, that destroyed large sections of the road. The two interventions, realized in Winter 1988 and Winter 1989, partially removing the old existing structure and partially in overlay, laying a single layer of subbase and base course by Pavital catalyzed mixture (0.25 m), had been characterized by all the problems concerned with the very low temperature and the snowfalls. For the production of the catalyzed mixture, a very fine sand, deriving from the dredging of the basin of the hydroelectric dam of Verampio as the primary aggregate, and as control mix aggregate a material deriving from the production cycle of a crushing plant, were used.

Composizion e della miscela catalizzata

Composition of the catalyzed mix ture

Aggregato base Aggregato correttore Loppa macinata Catalizzatore

sabbia finissima sabbia limosa Trieste tipo B

59% 25% 15% 1%

Prim a ry a ggrega te Control m ix a ggrega te Crushed sla g Ca ta lyst

very fine sa nd silty sa nd Trieste type B

62% 25% 12% 1%


STRADE E AUTOSTRADE / MOTORWAYS, HIGHWAYS & ROADS

Tangenziale di Modena MOTORWAY RING ROAD OF MODENA

L’Autostrada A1 Milano-Bologna-Roma separa la città di Modena dall’importante area industriale di Sassuolo, i cui famosi prodotti ceramici sono esportati in tutto il mondo. L’aumento di queste attività e conseguentemente del volume di traffico, ha reso indispensabile lo sviluppo di moderne strutture di trasporto, in grado di collegare meglio la città e le sue zone industriali al sistema autostradale. I lavori consistono nella realizzazione della connessione tra Sassuolo e la parte già esistente della Tangenziale di Modena. È stato costruito un nuovo rilevato, lungo circa 5 Km, con una piattaforma stradale larga 25 m, su cui è stato steso uno strato di fondazione e base in miscela catalizzata Pavital (0,30 m), utilizzando sabbie limose o di fiume come aggregati principali.

The Motorway A1 Milan-Bologna-Rome separates the town of Modena from the important industrial area of Sassuolo, whose widely famous ceramic products are exported all over the world. The enormous increasing of these activities made indispensable the development of modern trans-portation structures, able to better connect the town and its industrial areas with the Motorway system and, through it, with the rest of the world. The works consist in the realization of the connec-tion between Sassuolo and the existing part of the Ring Road of Modena. A new embankment, 5 km long, with a 25 m wide road platform, has been constructed. Subbase and base course by Pavital catalyzed mixture (0.30 m) has been layed, using river or silty sands as primary aggregates.

Composizion e della miscela catalizzata

Composition of the catalyzed mix ture

Aggregato base Aggregato correttore Loppa macinata Catalizzatore

sabbia limosa polvere di frantoio 0/4 mm Piombino tipo B

62% 25% 12% 1%

Prim a ry a ggrega te Control mix a ggrega te Crushed sla g Ca ta lyst

silty sa nd 0/ 4 m m crusher dust Piom bino type B

62% 25% 12% 1%

45


STRADE E AUTOSTRADE / MOTORWAYS, HIGHWAYS & ROADS

N.H. 5 Lahore-Gujranwala / N.H. 55 Deri Ismail Khan-Sarai Gambila PAKISTAN / RINFORZO NATIONAL HIGHWAYS OVERLAY HIGHWAY N.H. 5 LAHORE-GUJRANWALA / PAKISTAN

Allo scopo di migliorare l’efficienza del sistema stradale e autostradale del Paese, il Governo del Pakistan ha sviluppato un programma per la manutenzione e la costruzione di strade, che comprende sia la costruzione di nuove strade sia la riabilitazione e il miglioramento di quelle esistenti. Guerrino Pivato Spa Pakistan Branch ha partecipato a questo importante programma, in particolare per quanto riguarda il miglioramento di alcune tratte della National Highway n°5, l’importante collegamento nord-sud Karachi-LahorePeshawar, soggetto ad un'intensità di traffico che può raggiungere i 30.000 veicoli al giorno. I lavori, consistenti nel rafforzamento di alcune tratte esistenti tra Gujranwala e Lahore, sono divisi in tre fasi, lunghe 20 Km ciascuna le prime due, 500 Km la terza. L’adozione della tecnologia Pavital, consistente nella stesa di uno strato di rinforzo in miscela catalizzata (0,25 m), ha reso possibile la realizzazione dell’opera utilizzando quasi esclusivamente risorse pakistane: sabbie di fiume o limose e polvere di frantoio sono state utilizzate come aggregato base o correttore; la Pakistan Steel Mills Corp Ltd di Karachi, ha fornito la sua loppa d'altoforno; il catalizzatore è stato prodotto direttamente sul posto. Infine, le caratteristiche della miscela catalizzata hanno reso possibile la stesa di un singolo strato di binder (0,05 m), con una considerevole riduzione dell’uso di bitume (materiale importato). Rinforzo della National Highway n°55 (Indus Highway) section: Dera Ismail Khan-Sarai Gambila (Pakistan). A seguito degli ottimi risultati ottenuti con il rifacimento della NH-5, la National Highway Authority, ha commissionato alla Guerrino Pivato Pakistan Branch il rifacimento, con allargamento della corsia stradale, di un tratto di circa 100 km della NH-55 tra Ismail Khan e Sarai Gambila. Il rinforzo della struttura portante della pavimentazione si era reso necessario in previsione del considerevole aumento di traffico pesante.

46

In order to improve the efficiency of the Road system of the Country, the Government of Pakistan has developed a programme for road maintenance and construction, that includes building of new roads and rehabilitation and improvement of existing ones. Pavital Engineering is taking part in this important programme, particularly in the improvement of various sections of National Highway n.5, the important north-south link KarachiHyderabad-Lahore-Islamabad-Peshawar, subjected to a traffic in the range of 8,000 to 30,000 vehicles a day. The works, consisting in the overlay of existing sections between Gujranwala and Lahore, are divided in three phases, 20 Km long for each of the first two phases, 500 Km long the third phase. The adoption of the Pavital technology, consisting in the laying of a subbase and base course by catalyzed mixture (0.25 m), made possible the realization of the works by entirely using Pakistan resources. All catalyzed mixture’s components are of local origin: river or natural silty sands, and crusher dust as primary or control mix aggregates have been used; Pakistan Steel Mills Corp Ltd from Karachi, a very important and large production plant, has provided its blast furnace slag; Catalyst has been produced directly on site, thanks to available excellent local components. Finally, catalyzed mixture's characteristics enabled the only asphalt binder course (0.05 m) and seal coat laying, with a consistent reduction in use of bitumen (imported material).

Composizion e della miscela catalizzata Mix 1 Aggregato base Aggregato correttore Loppa macinata Catalizzatore Mix 2 Aggregato base Aggregato correttore Loppa macinata Catalizzatore Mix 3 Aggregato base Aggregato correttore Loppa macinata Catalizzatore

sabbia di fiume polvere di frantoio 0/3 mm Karachi tipo B

67% 22% 10% 1%

sabbia limosa polvere di frantoio 0/3 mm Karachi tipo B

59% 30% 10% 1%

sabbia naturale polvere di frantoio 0/3 mm Karachi tipo B

58% 30% 12% 1%

Composition of the catalyzed mix ture Mix 1 Prim a ry a ggrega te Control mix a ggrega te Crushed sla g Ca ta lyst Mix 2 Prim a ry a ggrega te Control mix a ggrega te Crushed sla g Ca ta lyst Mix 3 Prim a ry a ggrega te Control mix a ggrega te Crushed sla g Ca ta lyst

river sa nd 0/ 3 m m crusher dust Ka ra chi type B

67% 22% 10% 1%

silty sa nd 0/ 3 m m crusher dust Ka ra chi type B

59% 30% 10% 1%

dune sa nd 0/ 3 m m crusher dust Ka ra chi type B

58% 30% 12% 1%


47


STRADE E AUTOSTRADE / MOTORWAYS, HIGHWAYS & ROADS

Loc. Serragrande a Rosignano Solvay S.G.C. AURELIA (KM 293+725) SERRAGRANDE LOCALITY AT ROSIGNANO SOLVAY AURELIA FREEWAY (KM 293+725)

Questo nuovo svincolo sulla strada di grande comunicazione S.S. 1 Aurelia, si è reso necessario per consentire una migliore viabilità legata alla circolazione del traffico pesante che rifornisce l’industria della Solvay. La miscela catalizzata è stata confezionata utilizzando alcuni sottoprodotti della Lucchini Siderurgica di Piombino (LI) dopo una verifica da parte dell’ARPA di Piombino. Il prodotto base era costituito da polverino d’altoforno PAF e la correzione granulometrica è stata eseguita utilizzando la loppa granulata di vecchia produzione e ottenuta raffreddando la loppa con acqua salata, che l’aveva resa inutilizzabile per la confezione di cemento idraulico. La struttura portante realizzata con miscela Pavital aveva uno spessore di 30 cm ed era ricoperta con un rivestimento costituito da 5 cm di binder chiuso e 3 cm di tappetino.

This new link on the S.S. 1 Aurelia freeway was required in order to permit improved road conditions due to the heavy traffic that serves the Solvay industry. The catalyzed mixture was prepared with certain by-products from Lucchini Siderurgica di Piombino (LI) steelworks after they were checked by ARPAT (Tuscany Regional Environmental Protection Agency) of Piombino. The base product was composed of blast-furnace dust (BFD) and optimum particle size was achieved by using old production granulated slag cooled with salty water to make it unsuitable for producing hydraulic cement. The bearing structure, created with Pavital mixture, was 30 cm thick and overlaid with a 5 cm well-graded binder course and 3 cm wearing course layer.

Composizion e della miscela catalizzata

Composition of the catalyzed mix ture

Aggregato base Aggregato correttore Loppa granulata Catalizzatore

polverino d’altoforno PAF loppa granulata salata Piombino Tipo E

56% 30% 13% 1%

Prim a ry a ggrega te Control mix a ggrega te Gra nula ted sla g Ca ta lyst

blast-furnace dust (BFD) sa lty gra nula ted sla g Piom bino type E

56% 30% 13% 1%


STRADE E AUTOSTRADE / MOTORWAYS, HIGHWAYS & ROADS

Marghera-Venezia VIABILITÀ AREA EX-AGRIMONT MARGHERA-VENICE EX-AGRIMONT ROADWAY AREA

L’intervento eseguito nel corso del 2005 ha avuto come oggetto la ristrutturazione di 2 lotti per una superficie totale di circa 130.000 m2 dell’ex-area Agrimont, all’interno della zona industriale del porto di Marghera (VE). La ristrutturazione ha comportato il restauro o l’abbattimento di vaste porzioni di fabbricati, oltre alla costituzione di una nuova viabilità per una superficie di circa 50.000 m2, con strade e parcheggi, anche per autotreni, adibiti alla movimentazione delle merci portuali. Per la confezione della miscela catalizzata, si è utilizzato, quale componente inerte, una sabbia proveniente dal riciclaggio di costruzioni e demolizioni fornita da due impianti autorizzati alla produzione di questo tipo di inerte.

The work carried out in 2005 entailed the restructuring of 2 lots (with surface totalling approx.130.000 m2) of the ex-Agrimont area inside the industrial district of Porto di Marghera (VE). The restructuring entailed the restoration or demolition of vast portions of buildings, in addition to the construction of a new course-way covering a surface of approx. 50.000 m2, with roads and parking lots suitable for port freight-handling trucks. The catalyzed mixture was prepared with recycled sand (the aggregate component) coming from demolished constructions, which was supplied by two plants authorized to produce this type of aggregate.

Composizion e della miscela catalizzata

Composition of the catalyzed mix ture

Aggregato base Loppa macinata Catalizzatore

Prim a ry a ggrega te Crushed sla g Ca ta lyst

sabbia riciclata 0/8 mm 7% Trieste 2% Tipo B 1%

0/ 8 m m recycled sa nd Trieste type B

7% 2% 1%

49


Aeroporto-Bologna


Aeroporti AIRPORTS

PIAZZALE DI SOSTA E TESTATE PISTA Aeroporto di Grazzanise Civilavia

AIRCRAFT PARKING AREA Grazzanise Airport Airway State Authority

· Conglomerato bituminoso aperto, percolato con malta additivata 0,04 m · Strato di fondazione e base in miscela catalizzata 0,55 m

· Open-graded asphalt binder course, with cement mortar percolation 0.04 m · Subbase and base course by catalyzed mixture 0.55 m

PIAZZALE DI SOSTA Aeroporto di Bologna Civilavia

AIRCRAFT PARKING AREA Bologna Airport Airway State Authority

· Conglomerato bituminoso aperto, percolato con malta additivata 0,04 m · Strato di fondazione e base in miscela catalizzata 0,46 m

· Open-graded asphalt binder course, with cement mortar percolation 0.04 m · Subbase and base course by catalyzed mixture 0.46 m

PIAZZALE DI SOSTA Aeroporto di Siena Civilavia

AIRCRAFT PARKING AREA Siena Airport Airway State Authority

· Trattamento superficiale in emulsione bituminosa e sabbiatura · Strato di binder 0,05 m · Strato di fondazione e base in miscela catalizzata 0,35 m

· Bituminous surface treatment (seal coat with aggregates) · Asphalt binder course 0.05 m · Subbase and base course by catalyzed mixture 0.35 m

51


AEROPORTI / AIRPORTS

Aeroporto di Bologna PIAZZALE DI SOSTA AEROMOBILI AIRPORT OF BOLOGNA-AIRCRAFT PARKING AREA

Bologna è ubicata in corrispondenza del più importante nodo ferroviario ed autostradale d’Italia, in una regione che presenta una grande concentrazione industriale (produzione altamente tecnologiche ed esportazione verso mercati stranieri), una produzione agricola altamente qualificata e un settore terziario altamente sviluppato, a cui vanno aggiunte la presenza della più antica tra le maggiori Università Europee, importanti centri di ricerca scientifica e un modernissimo Centro Fiere. Il suo Aeroporto “G.Marconi” è direttamente collegato, con voli di linea, a quasi tutte le città italiane ed Europee. La sua zona di sosta aeromobili era stata realizzata con piastre di calcestruzzo non armato (0,30 m di spessore), poggianti su una “sotto lastra” di calcestruzzo di 0,20 m, a sua volta poggiata su due strati, di misto granulare (0,20 m) e di materiale drenante (0,20 m). Alcune di queste piastre si erano profondamente deteriorate in seguito alla circolazione degli aeromobili. La parte danneggiata della pavimentazione è stata completamente rimossa (piastre e calcestruzzo) e sostituita da uno strato di 0,46 m di miscela catalizzata Pavital. Dato il particolare uso della pavimentazione (presenza di olio e kerosene), è stato posto in opera, come rivestimento superficiale, uno strato di conglomerato bituminoso aperto di 0,04 m di spessore, percolato con malta di cemento con additivi speciali.

Bologna is located at the most important railway and motorway junction in Italy, in the middle of an area which presents a large industrial concentration of small and middle size factories (high technology production and export to foreign markets), highly qualified agricultural production and an extremely developed tertiary sector, to which must be added the presence of the oldest of the most important European University, important scientific research centres and an extremely modern Fair Centre. Its airport “G.Marconi” is directly connected through scheduled flights, with almost all Italian and European cities and towns. Its aircraft parking area had been realized by plain concrete slabs (0.30 m thick), laid on a 0.20 m thick concrete “under-slab”, itself laid on two layers by coarse aggregates (0.20 m) and by draining material (0.20 m). Some of these slabs had been distressed by the aircraft circulation, leading to their unserviceability because of the intense cracking induced. The damaged part of the pavement was was entirely removed (slabs and concrete), and replaced by a 0.46 m thick layer of Pavital catalyzed mixture. Because of the particular use of pavement (presence of oil and kerosene) an open-graded asphalt binder course (0.04 m), percolated by a cement mortar with special additives has been laid as a surface lining.

Composizion e della miscela catalizzata

Composition of the catalyzed mix ture

Aggregato base Aggregato correttore Loppa macinata Catalizzatore

52

sabbia naturale sabbia naturale fine Trieste tipo B

50% 37% 12% 1%

Prim a ry a ggrega te Control mix a ggrega te Crushed sla g Ca ta lyst

na tura l sa nd fine na tura l sa nd Trieste type B

50% 37% 12% 1%


53


Interporto-Bologna


Terminal Intermodali INTERMODAL TERMINALS

TERMINAL INTERMODALE “QUADRANTE EUROPA” DI VERONA Ferrovie dello Stato

VERONA “QUADRANTE EUROPA” INTERMODAL TERMINAL F.S. (Italian State Railway)

· Conglomerato bituminoso aperto, percolato con malta additivata 0,05 m · Strato di fondazione e base in miscela catalizzata 0,45 m

· Open-graded asphalt binder course with cement mortar percolation 0.05 m · Subbase and base course by catalyzed mixture 0.45 m

TERMINAL INTERMODALE DI PADOVA Ferrovie dello Stato

PADUA INTERMODAL TERMINAL F.S. (Italian State Railway)

· Conglomerato bituminoso aperto, percolato con malta additivata 0,05 m · Strato di fondazione e base in miscela catalizzata 0,55 m

· Open-graded asphalt binder course with cement mortar percolation 0.05 m · Subbase and base course by catalyzed mixture 0.55 m

TERMINAL INTERMODALE DI LECCO MAGGIANICO Ferrovie dello Stato

LECCO MAGGIANICO INTERMODAL TERMINAL F.S. (Italian State Railway)

· Conglomerato bituminoso aperto, percolato con malta additivata 0,04 m · Strato di fondazione e base in miscela catalizzata 0,55 m

· Open-graded asphalt binder course with cement mortar percolation 0.04 m · Subbase and base course by catalyzed mixture 0.55 m

TERMINAL INTERMODALE DELLE MARCHE Cemim Spa

MARCHE INTERMODAL TERMINAL C.E.MI.M Company

· Strato di binder 0,05 m · Strato di fondazione e base in miscela catalizzata 0,30 m

· Asphalt binder course 0.05 m · Subbase and base course by catalyzed mixture 0.30 m

TERMINAL CONTAINER DELL’INTERPORTO DI BOLOGNA Società Interporto di Bologna

BOLOGNA INTERMODAL TERMINAL Società Interporto di Bologna

· Conglomerato bituminoso aperto, percolato con malta additivata 0,04 m · Strato di fondazione e base in miscela catalizzata 0,56 m

· Open-graded asphalt binder course with cement mortar percolation 0.04 m · Subbase and base course by catalyzed mixture 0.56 m

TERMINAL INTERMODALE DI MILANO-PORTA ROMANA Ferrovie dello Stato

MILAN-PORTA ROMANA INTERMODAL TERMINAL F.S. (Italian State Railway)

· Conglomerato bituminoso aperto, percolato con malta additivata 0,04 m · Strato di fondazione e base in miscela catalizzata 0,60 m

· Open-graded asphalt binder course with cement mortar percolation 0.04 m · Subbase and base course by catalyzed mixture 0.60 m

55


TERMINAL INTERMODALI / INTERMODAL TERMINALS

Interporto di Padova PADUA INTERMODAL TERMINAL

Nell’ambito della politica di incremento del traffico intermodale, le Ferrovie dello Stato hanno provveduto alla realizzazione di quelle strutture che consentono la intercambiabilità di merci tra camion e treni. L’Interporto di Padova è una di queste strutture ed è il punto centrale di un sistema che comprende la Idrovia Padova-Venezia, la Ferrovia e il Trasporto su camion. I problemi legati ai carichi elevati previsti e alla scarsa capacità portante del terreno di fondazione, sono stati risolti grazie ad una struttura di fondazione e base in miscela catalizzata (0,55 m), realizzata in due strati. Come aggregato base è stata utilizzata una sabbia limosa, costituente lo stesso terreno su cui era ubicata la struttura e che proveniva dall’escavazione di una porzione dell’area adiacente il Terminal, eseguita per la realizzazione del Parco Divertimenti di Padova (Padovaland). La struttura era stata progettata per sopportare il carico di tre container uno sull’altro, anche se, oggigiorno, è comune vedere fino a quattro container impilati. L’opera è stata completata con uno speciale rivestimento anti-punzonamento, costituito da un conglomerato bituminoso aperto (0,04 m) percolato con malta additivata con resine.

In these last years, F.S. (Italian State Railway Authority) has begun a policy of increasing the intermodal traffic, that is to say realizing those structures that enable the interchangeability of freight goods between trucks and trains. Padua Intermodal Terminal is one of these structures (40,000 m2), and it is the central point of a system including the Padua-Venice waterway, the Railway and the Trucking transportation. The soil of this area was of feeble bearing capacity, but Pavital was able to solve this problem, by the laying of a subbase and base course by catalyzed mixture (0.55 m), realized in two layers; as primary aggregate had been used a natural silty sand, constituting the same soil on which is located the structure and deriving from the excavation, made for the realization of Padua Entertainment Park, of a portion of the area nearby the Terminal. The structure was designed to support the load of up to three containers one upon the other, even if today is common to see up to four containers piled one upon the other. Containers have four little “feet”, on which they rest on the ground; these “feet” could penetrate in a normal bituminous concrete. For this purpose, and even to avoid the sliding of the tires of the carrytainer, Pavital realized an open-graded asphalt binder course (0.04 m), percolated by a cement mortar with special additives.

Composizion e della miscela catalizzata

Composition of the catalyzed mix ture

Mix 1 Aggregato base Aggregato correttore Loppa macinata Catalizzatore Mix 2 Aggregato base Aggregato correttore Loppa macinata Catalizzatore

56

sabbia fina naturale polvere di frantoio 0/4 mm Trieste tipo B

74% 10% 15% 1%

sabbia naturale polvere di frantoio 0/4 mm Trieste tipo B

55% 30% 14% 1%

Mix 1 Prim a ry a ggrega te Control mix a ggrega te Crushed sla g Ca ta lyst Mix 2 Prim a ry a ggrega te Control mix a ggrega te Crushed sla g Ca ta lyst

fine na tura l sa nd 0/ 4 m m crusher dust Trieste type B

74% 10% 15% 1%

na tura l sa nd 0/ 4 m m crusher dust Trieste type B

55% 30% 14% 1%


57


Porta romana-Milano

Adria terminal-Trieste


Scali Merci FREIGHT YARDS

PIAZZALE SCALO MERCI DI REZZATO Ferrovie dello Stato

FREIGHT YARD OF REZZATO F.S. (Italian State Railway)

· Conglomerato bituminoso aperto, percolato con malta additivata 0,04 m · Strato di fondazione e base in miscela catalizzata 0,25 m

· Open-graded asphalt binder course with cement mortar percolation 0.04 m · Subbase and base course by catalyzed mixture 0.25 m

PIAZZALE SCALO MERCI DI MILANO Farini Ferrovie dello Stato

FREIGHT YARD OF MILAN Farini F.S. (Italian State Railway)

· Trattamento superficiale in emulsione bituminosa e sabbiatura · Strato di binder 0,04 m · Strato di fondazione e base in miscela catalizzata 0,25 m

· Bituminous surface treatment (seal coat with aggregates) · Asphalt binder course 0.04 m · Subbase and base course by catalyzed mixture 0.25 m

PIAZZALE SCALO MERCI DI MILANO Greco Ferrovie dello Stato

FREIGHT YARD OF MILAN Greco F.S. (Italian State Railway)

· Trattamento superficiale in emulsione bituminosa e sabbiatura · Strato di binder 0,05 m · Strato di fondazione e base in miscela catalizzata 0,30 m

· Bituminous surface treatment (seal coat with aggregates) · Asphalt binder course 0.05 m · Subbase and base course by catalyzed mixture 0.30 m

PIAZZALE SCALO MERCI DI MILANO Certosa Ferrovie dello Stato

FREIGHT YARD OF MILAN Certosa F.S. (Italian State Railway)

· Trattamento superficiale in emulsione bituminosa e sabbiatura · Strato di binder 0,05 m · Strato di fondazione e base in miscela catalizzata 0,30 m

· Bituminous surface treatment (seal coat with aggregates) · Asphalt binder course 0.05 m · Subbase and base course by catalyzed mixture 0.30 m

PIAZZALE SCALO MERCI DI S.ANTONIO Mantovano Ferrovie dello Stato

FREIGHT YARD OF S.ANTONIO Mantovano F.S. (Italian State Railway)

· Trattamento superficiale in emulsione bituminosa e sabbiatura · Strato di binder 0,05 m · Strato di fondazione e base in miscela catalizzata 0,25 m

· Bituminous surface treatment (seal coat with aggregates) · Asphalt binder course 0.05 m · Subbase and base course by catalyzed mixture 0.25 m

59


SCALI MERCI / FREIGHT YARDS

Milano Farini PIAZZALE DELLO SCALO MERCI FREIGHT YARD OF MILAN FARINI

II rapido aumento del mercato delle merci, con conseguente domanda di spedizioni più veloci, affidabili e senza danni alle merci, concentrata specialmente nelle aree metropolitane, ha portato le Ferrovie dello Stato a realizzare strutture adeguate a questo tipo di traffico, come lo Scalo Merci di Milano Farini. Questo scalo è ubicato proprio nel centro di Milano, dove il servizio su autocarri non può inoltrarsi senza difficoltà. La realizzazione di questo tipo di struttura, ubicata oltretutto su terreni di scarsa capacità portante, implicava anche alcune difficoltà operative, come la presenza di binari allo stesso livello della pavimentazione finita, nonché la distanza tra l’impianto di miscelazione e il luogo dell’intervento. L’impianto di miscelazione, infatti, era stato posto a Peschiera Borromeo, nella periferia di Milano, e gli autocarri che trasportavano la miscela impiegavano quasi due ore per giungere a Milano Farini, ma per la miscela catalizzata Pavital questo non è stato un problema, grazie alla sua presa idraulica differita. Uno strato di conglomerato bituminoso, con trattamento superficiale in emulsione bituminosa e sabbiatura, ha completato l’opera.

Because of the rapid increase of goods marketing, and the consequent demand for speedier and reliable damage-free delivery of these goods, especially concentrated in metropolitan areas, Italian State Railway has pursuited the realization of structures for intermodal traffic, such as Milan Farini Freight Yard. This yard is located just in the centre of Milan, where truck service could not penetrate without difficulties. The realization of this type of structure involved many problems, such as the distance between the mixing plant and the site of the work, the presence of tracks at the same level of the finished surface (so that tired vehicles can freely move all around the yard), low-strength subgrade soils. The mixing plant was located at Peschiera Borromeo and the trucks carrying the mixture needed 2 hours to arrive at Milan Farini, but for Pavital catalyzed mixture this wasn’t a problem thanks to its deferred hydraulic setting. Catalyzed mixture has also been used as a subballast: thanks to its immediate high stability, the sleepers (and then the tracks), had been tracked just after the end of the compaction directly on the catalyzed mixture’s surface, filling the spaces between sleepers by mixture too. An asphalt binder course and bituminous surface treatment with aggregates completed the works.

Composizion e della miscela catalizzata

Composition of the catalyzed mix ture

Aggregato base Loppa macinata Catalizzatore

sabbia frantumata 0/5 mm Piombino tipo A

87% 12% 1%

Prima ry a ggrega te 0/ 5 m m crushed stone Crushed sla g Piom bino Ca ta lyst type A

87% 12% 1%

61


Adria terminal-Trieste


Porti PORTS

Porto di Ravenna/Terminal Container Sapir Spa

Port of Ravenna/ Containers Terminal Sapir Company

· Conglomerato bituminoso aperto, percolato con malta additivata 0,04 m · Strato di fondazione e base in miscela catalizzata 0,60 m

· Open-graded asphalt binder course with cement mortar percolation 0.04 m · Subbase and base course by catalyzed mixture 0.60 m

Porto di Trieste/Molo VII Terminal Container Ente Porto di Trieste

Port of Trieste/Pier VII Containers Terminal Port of Trieste Company

· Conglomerato bituminoso aperto, percolato con malta additivata 0,04 m · Strato di fondazione e base in miscela catalizzata 0,36 m

· Open-graded asphalt binder course with cement mortar percolation 0.04 m · Subbase and base course by catalyzed mixture 0.36 m

Porto di Trieste/Adria Terminal Ente Porto di Trieste

Adria terminal-Trieste/Containers Terminal Port of Trieste Company

· Conglomerato bituminoso aperto, percolato con malta additivata 0,04 m · Strato di fondazione e base in miscela catalizzata 0,36 m

· Open-graded asphalt binder course with cement mortar percolation 0.04 m · Subbase and base course by catalyzed mixture 0.36 m

Porto di Chioggia/Terminal Container Porto di Chioggia Spa

Port of Chioggia/ Containers Terminal Port of Chioggia Company

· Trattamento superficiale in emulsione bituminosa e sabbiatura · Strato di binder 0,05 m · Strato di fondazione e base in miscela catalizzata 0,25 m

· Bituminous surface treatment (seal coat with aggregates) · Asphalt binder course 0.05 m · Subbase and base course by catalyzed mixture 0.25 m

Porto di Gioia Tauro/Terminal Container Cassa per il Mezzogiorno

Port of Gioia Tauro/Containers Terminal Government of Italy

· · · ·

· · · ·

Rivestimento superficiale in betonella Strato di sabbia 0,05 m Impermeabilizzazione bituminosa Strato di fondazione e base in miscela catalizzata 0,45 m

Surface layer in betonella 0.05 m layer of sand Bituminous impermeability Subbase and base course by catalyzed mixture 0.45 m

Porto di Trieste “Riva Traiana” Ente Porto di Trieste

Port of Trieste “Riva Traiana” Port of Trieste Company

· Conglomerato bituminoso aperto, percolato con malta additivata 0,04 m · Strato di fondazione e base in miscela catalizzata 0,36 m

· Open-graded asphalt binder course with cement mortar percolation 0.04 m · Subbase and base course by catalyzed mixture 0.36 m

63


PORTI / PORTS

Porto di Trieste-Bacino E.F. Duca d’Aosta TERMINAL CONTAINER DEL MOLO VII PORT OF TRIESTE-E.F. DUCA D’AOSTA HARBOR / PIER VII CONTAINERS TERMINAL

Per la città di Trieste, la costruzione di un molo era divenuta una necessità, indotta dall’incremento del traffico marittimo e dai cambiamenti avvenuti nel campo delle spedizioni mercantili via nave. Il Molo VII si protende nel bacino per i primi 170 m verso sud, piegandosi poi per i successivi 740 m in direzione con il vento prevalente di “Bora”. Il molo è una struttura completamente a pontile, formato da una piattaforma costituita da grandi piastre prefabbricate in calcestruzzo armato, sorrette da pali di grande diametro di calcestruzzo rinforzato e centrifugato. A causa delle condizioni ambientali e della destinazione del piazzale, è stata adottata una soluzione in miscela catalizzata Pavital. I vantaggi di questa soluzione erano l’impermeabilità della miscela che, evitando l’uso del geotessile previsto, ha reso possibile la stesa direttamente sulle piastre, con il conseguente “aggrappaggio” della pavimentazione alla struttura in calcestruzzo; l’uso dell’acqua marina, che consente migliori prestazioni meccaniche della miscela catalizzata, contrariamente ai calcestruzzi; l’alta deformabilità della miscela catalizzata, congiunta con buone prestazioni meccaniche e un ottimo comportamento a fatica. È stato steso uno strato di fondazione e base (0,36 m) in miscela catalizzata “magra”, utilizzando direttamente l’acqua marina salata come acqua di impasto. Durante le tre fasi dei lavori, sono stati utilizzati diversi materiali, come aggregati di frantumazione o marino di galleria. Uno strato di rivestimento antipunzonamento, realizzato mediante conglomerato bituminoso aperto (0,04 m) percolato con malta additivata con speciali resine ha completato l’opera.

In the Trieste town plan, the erection of a pier had become a necessity, due to increased maritime traffic and the changes that occurred in mercantile shipping. The Pier VII protrudes itself into the harbor for the first 170 m due south, then turning in a direction for the next 740 m in line with the prevailing “Bora” wind. The Pier is a completely raised bridge structure, formed by a platform made up of very large reinforced concrete prefabricated slabs, which are supported by large diameter tabular reinforced concrete, prefabricated “centricast” piles. Because of the environmental conditions, and of the destination of the yard, a solution by Pavital catalyzed mixture has been adopted. The advantages of this solution were the impermeability of the mixture that, avoiding the use of the planned geotextile, made possible the laying directly on the slabs, with the consequent “grasping” of the pavement to the concrete structure; the presence of the marine salt water, that enables better mechanical performances for the catalyzed mixture, contrary to the concretes; the high deformability of the catalyzed mixture, combined with good mechanical performances and an excellent fatigue behaviour. A 0.36 m thick sub-base and base course by a “lean” catalyzed mixture had been layed, using directly salt water as mixing water. During the three phases of the work different aggregate materials have been used such ad aggregates obtained by crushing or cut debris deriving from the excavation of tunnels. An anti-punching lining by an open-graded asphalt binder course (0.04 m), percolated by a cement mortar with special additives, completed the works.

Composizion e della miscela catalizzata

Composition of the catalyzed mix ture

Mix 1 Aggregato base Aggregato correttore Loppa granulata Catalizzatore Mix 2 Aggregato base Aggregato correttore Loppa granulata Catalizzatore

64

stabilizzato 0/20 mm polvere di frantoio 0/4 mm Trieste tipo A

45% 45% 9% 1%

polvere di frantoio 0/4 mm sabbia frantumata 4/7 mm Trieste tipo A

70% 20% 9% 1%

Mix 1 Prim a ry a ggrega te Control mix a ggrega te Bla st furna ce sla g Ca ta lyst Mix 2 Prim a ry a ggrega te Control mix a ggrega te Bla st furna ce sla g Ca ta lyst

0/ 20 m m tunnel debris 0/ 4 m m crusher dust Trieste type A

45% 45% 9% 1%

0/ 4 m m crusher dust 4/ 7 m m crushed stone Trieste type A

70% 20% 9% 1%


65


Interporto-Bologna


Piazzali YARDS

AUTOPORTO ADRIATICO DI TERAMO Regione Abruzzo

“ADRIATICO” TRUCK PARKING AREA Government of Abruzzo Province

· Trattamento superficiale in emulsione bituminosa e sabbiatura · Strato di binder 0,05 m · Strato di fondazione e base in miscela catalizzata 0,30 m

· Bituminous surface treatment (seal coat with aggregates) · Asphalt binder course 0.05 m · Subbase and base course by catalyzed mixture 0.30 m

PERTUSOLA SUD Piazzale di stoccaggio Eni Risorse Spa

PERTUSOLA Loading & Truck parking area Nuova Samin Company

· Trattamento superficiale in emulsione bituminosa e sabbiatura · Strato di binder 0,05 m · Strato di fondazione e base in miscela catalizzata 0,30 m

· Bituminous surface treatment (seal coat with aggregates) · Asphalt binder course 0.05 m · Subbase and base course by catalyzed mixture 0.30 m

BOLOGNA Interporto Interporto di Bologna Spa

BOLOGNA Intermodal Marshalling Yard Interporto of Bologna Company

· Trattamento superficiale in emulsione bituminosa e sabbiatura · Strato di binder 0,05 m · Strato di fondazione e base in miscela catalizzata 0,30 m

· Bituminous surface treatment (seal coat with aggregates) · Asphalt binder course 0.05 m · Subbase and base course by catalyzed mixture 0.30 m

BOLOGNA Centro Agroalimentare Centro Agroalimentare Spa

BOLOGNA “Centro Agro-Alimentare” Centro Agro-Alimentare Company

· Trattamento superficiale in emulsione bituminosa e sabbiatura · Strato di binder 0,05 m · Strato di fondazione e base in miscela catalizzata 0,30 m

· Bituminous surface treatment (seal coat with aggregates) · Asphalt binder course 0.05 m · Subbase and base course by catalyzed mixture 0.30 m

VARI PIAZZALI DI STOCCAGGIO E MANOVRA Area Industriale Lucchini Siderurgica Piombino (LI) Lusigest

HANDLING AREAS AND STOCKPILING YARDS Lucchini Sidrurgica Piombino (LI) Industrial Area Lusigest

· Trattamento superficiale in emulsione bituminosa e sabbiatura · Strato di binder 0,05 m · Strato di fondazione e base in miscela catalizzata 0,50 m

· Bituminous surface treatment (seal coat with aggregates) · Asphalt binder course 0.05 m · Subbase and base course by catalyzed mixture 0.50 m

67


PIAZZALI / YARDS

Pertusola Sud AREA DI STOCCAGGIO E PARCHEGGIO PERTUSOLA SUD-LOADING AND TRUCK PARKING AREA

Presso l’impianto metallurgico della Pertusola Sud di Crotone, dalla lavorazione dei minerali di blenda si otteneva, come sottoprodotto, una scoria vetrosa nera. Questa scoria, accumulata in enormi quantità, era caratterizzata dalla presenza di arsenico, oltre i limiti di tolleranza, che ne rendeva impossibile l’utilizzo, per cui il suo unico destino pareva essere una discarica per rifiuti tossici. Inoltre, nell’impianto dell’Enichem vicino alla Pertusola Sud, era disponibile una loppa d'altoforno di tipo non standard, la cui presa non era attivata da un normale catalizzatore. Attraverso un intenso sforzo di ricerca, Pavital ha sviluppato un nuovo tipo di catalizzatore, in grado di attivare la presa della loppa “Enichem” mescolata con la scoria nera Pertusola. Il prodotto finale è un tipo particolare di miscela catalizzata, utilizzato come strato di fondazione e base per la realizzazione di piazzali interni (parcheggio automezzi e stoccaggio materiali). È stato realizzato anche un mix-design alternativo, per verificare la compatibilità della scoria nera Pertusola con una sabbia naturale, trovata anch'essa vicino a Crotone.

Pertusola Sud is an important metallurgic plant at Crotone (Calabria). This plant works in blende ores, and as a by-product produces a vitreous black slag. This slag was characterized by the presence of a certain quantity of arsenic, over the tolerance limit, that seemed to make impossible its use, and its only destiny was an hazardous waste disposal site. Moreover, near Pertusola Sud, in the Enichem plant, a non-standard type of blast furnace slag was available. The setting of this slag was not activated by the normal catalyst. Through an intense research effort, Pavital developed a new type of catalyst, able to activate the setting of the “Enichem” slag mixed with the Pertusola black slag. The final product was a particular type of catalyzed mixture, used as a sub-base and base course for the realization of the Pertusola internal Loading and Truck parking area. An alternate mix-design has been realized, to test the compatibility of the Pertusola Black Slag with a natural sand, found near Crotone too.

Composizion e della miscela catalizzata

Composition of the catalyzed mix ture

Mix 1 Aggregato base Scoria Catalizzatore Mix 2 Aggregato base Aggregato correttore Loppa granulata Catalizzatore

68

scoria nera Enichem tipo E

50% 49% 1%

scoria nera sabbia naturale Taranto tipo E

50% 37% 12% 1%

Mix 1 Prim a ry a ggrega te Sla g Ca ta lyst Mix 2 Prim a ry a ggrega te Control m ix a ggrega te Bla st furna ce sla g Ca ta lyst

bla ck sla g Enichem type E

50% 49% 1%

bla ck sla g na tura l sa nd Ta ra nto type E

50% 37% 12% 1%


69


PIAZZALI / YARDS

Area industriale della Siderurgica Lucchini Piombino (LI) VARI PIAZZALI DI STOCCAGGIO E MANOVRA SIDERURGICA LUCCHINI PIOMBINO (LI) INDUSTRIAL AREAHANDLING AREAS AND STOCKPILING YARDS

Nel periodo tra il 1998 e il 2004, Guerrino Pivato Spa ha costruito per conto della Lusigest di Brescia, varie opere, quali: piazzali di stoccaggio materiali ferrosi, pavimentazioni industriali, vie di corsa per il binario del carro ponte per la movimentazione delle rotaie, strada di carico delle billette, all’interno dell’area dello stabilimento siderurgico Lucchini Siderurgica (LUSID) di Piombino (LI). Per la costruzione di queste opere Pivato ha confezionato e messo in opera la miscela catalizzata Pavital ad alta stabilità immediata. La miscela Pavital, confezionata all’interno dello Stabilimento Siderurgico Lusid, è stata prodotta con l’utilizzo di sottoprodotti industriali dello stabilimento stesso. Per l’utilizzazione di questi prodotti, il laboratorio di Pivato ha messo a punto un particolare catalizzatore che consentisse l’impiego di questo tipo di materiali speciali. L’esecuzione delle opere sopra elencate, è stata preceduta da una verifica della conformità ambientale del materiale utilizzato, a cura dell’ARPAT di Piombino, in collaborazione con l’ENEA-CR Casaccia. La sperimentazione è stata inoltre oggetto di un poster successivamente utilizzato in alcuni workshop che trattavano l’utilizzo di sottoprodotti industriali.

During 1998 and 2004 Guerrino Pivato Spa executed various works for Lusigest, Brescia, including: stockpiling yards for ferrous materials, industrial pavements, runways for the track of the rail handling bridge crane, and the billet loading road inside the area of the Lucchini Siderurgica (LUSID) steelworks at Piombino (LI). For the execution of these works Pivato designed and used an instant high-stability catalyzed mixture. The Pavital mixture, prepared inside LUSID, was produced with the steelworks industrial by-products. In Pivato’s laboratory a specific catalyst was created that enabled using these special types of materials. Before executing the work the materials were checked for environmental suitability by ARPAT (Tuscany Regional Environmental Protection Agency) of Piombino, in cooperation with ENEA-CR (Research Centre-Agency for New Technologies, Energy, and the Environment) of Casaccia. Moreover, this specific mix was illustrated in a poster that was subsequently used in workshops whose subject matter was the use of industrial by-products.

Composizion e della miscela catalizzata

Composition of the catalyzed mix ture

Mix 1 Aggregato base Aggregato correttore Loppa granulata Catalizzatore Mix 2 Aggregato base Aggregato correttore Loppa granulata Catalizzatore

polverino d’altoforno PAF sabbia frantumata 0/5 Piombino Tipo E

61% 25% 13% 1%

polverino d’altoforno PAF loppa vecchia salata Piombino Tipo E

56% 30% 13% 1%

Mix 1 Prim a ry a ggrega te Control mix a ggrega te Bla st furna ce sla g Ca ta lyst Mix 2 Prim a ry a ggrega te Control mix a ggrega te Bla st furna ce sla g Ca ta lyst

bla st-furna ce dust (BFD) 0/ 5 m m crushed stone Pio m bino type E

61% 25% 13% 1%

bla st-furna ce dust (BFD) old sa lty sla g Pio m bino type E

56% 30% 13% 1%

71


Discarica LUSID (Lotto 1) Piombino-Livorno


Discariche DUMPS

MESSA IN SICUREZZA DELL’AREA DELLA VECCHIA DISCARICA AZIENDALE Area industriale Lucchini SiderurgicaPiombino (LI) Lusigest

IMPLEMENTATION OF SAFETY MEASURES ON THE OLD WASTE DISPOSAL SITE Industrial area Lucchini SiderurgicaPiombino (LI) Lusigest

· Strato di copertura 0,50 m e argini di contenimento con miscela catalizzata h=6 m

· 0.50 m top layer and confining piles with catalyzed mixture h=6 m

NUOVA DISCARICA AZIENDALE Area industriale Lucchini SiderurgicaPiombino (LI) Lusigest

NEW WASTE DISPOSAL SITE Industrial area Lucchini SiderurgicaPiombino (LI) Lusigest

· Strato di fondo in miscela catalizzata 0,30+0,30 m · Argini di contenimento in miscela catalizzata 3,0 m

· Bottom layer in 0.30+0,30 m catalyzed mixture · Confining piles in 3.0 m catalyzed mixture

73


DISCARICHE / DUMPS

Area industriale LUSID-Piombino (LI) MESSA IN SICUREZZA AREA VECCHIA DISCARICA E COSTRUZIONE NUOVA DISCARICA AZIENDALE LUSID-PIOMBINO (LI) INDUSTRIAL AREAIMPLEMENTATION OF SAFETY MEASURES ON THE OLD WASTE DISPOSAL SITE AND CONSTRUCTION OF NEW WASTE DISPOSAL SITE

Per ottemperare alle nuove disposizioni in materia ambientale, la LUSID di Piombino (LI), ha provveduto alla messa in sicurezza dell’area interessata dalla vecchia discarica dei sottoprodotti industriali (scorie, fanghi, polveri ecc.) che si erano accumulati nel corso di diversi anni, in una superficie delimitata all’interno dell’area aziendale. Guerrino Pivato Spa, dopo mirati studi di laboratorio, è riuscita a mettere a punto una miscela Pavital che offrisse le necessarie garanzie tecnico-ambientali, utilizzando alcuni sottoprodotti dell’Azienda LUSID. La miscela Pavital è stata utilizzata per costituire gli strati portanti di vari piazzali e strade fortemente sollecitate dal passaggio dei mezzi di movimentazione dei materiali ferrosi, ma anche lo strato di protezione e gli argini di contenimento dei cumuli di rifiuti speciali presenti in grande quantità in un’area di deposito. Successivamente, con la miscela Pavital, si è provveduto a costruire una nuova discarica, composta da 3 lotti e destinata a ricevere i rifiuti speciali non pericolosi dell’Azienda.

In order to satisfy the requisites of the new environmental laws, LUSID steelworks of Piombino (LI) was required to implement the safety and closure measures on the site of the old dump (covering a delimited surface inside the company area) where industrial byproducts (slag, slime, dust etc.) had accumulated over the years. After having carried out targeted laboratory tests, Guerrino Pivato Spa was able to design a Pavital mix using certain by-products of the LUSID steelworks, which guaranteed the required technical-environmental characteristics. In addition to being used to construct the bearing layers of the yards and roads subject to the heavy traffic from the handling means of ferrous materials, Pavital was also used for the protection layer and the confining piles of the many special-waste heaps located in a depot area. Subsequently the Pavital mixture was used to construct a new waste disposal site, composed of 3 lots, designated to contain the steelworks special non hazardous waste.

Composizion e della miscela catalizzata

Composition of the catalyzed mix ture

Aggregato base Aggregato correttore Loppa granulata Catalizzatore

polverino d’altoforno PAF loppa vecchia salata Piombino Tipo E

56% 30% 13% 1%

Prim a ry a ggrega te Control mix a ggrega te Bla st furna ce sla g Ca ta lyst

bla st-furna ce dust (BFD) old sa lty sla g Pio m bino type E

56% 30% 13% 1%

75


Porto di Dunkerque-FRANCIA


Fondazioni FOUNDATIONS

VIE DI SCORRIMENTO GRU A PORTALE Area industriale Lucchini SiderurgicaPiombino (LI) Lusigest

GANTRY CRANE RUNWAYS Industrial area Lucchini SiderurgicaPiombino (LI) Lusigest

· Fondazione in miscela catalizzata 0,5 m

· Foundation in 0.5 m catalyzed mixture

Vie di scorrimento gru a portale GANTRY CRANE RUNWAYS

Nell’ambito della ristrutturazione del piazzale per la saldatura dei binari ferroviari, all’interno dello stabilimento LUSID di Piombino (LI), si sono poste le fondazioni per le vie di corsa del carro ponte preposto alla movimentazione dei fasci di binari. Lo strato di fondazione di spessore variabile tra 1,0 m e 0,5 m era posizionato su un terreno al limite della falda, su terreni poco portanti e costituiti dai sedimenti palustri limo argillosi presenti in tutta l’area. Sul nuovo piano di posa, costituito da miscela catalizzata, sono state gettate in opera le travi in calcestruzzo sulle quali si sono posizionate le rotaie dei carrelli di movimentazione della gru.

With regard to the restoration of the railway track-welding yard (located inside in the area of LUSID di Piombino (LI) steelworks), the foundations were laid for the runways of the bridge crane that handles the batches of rails. The foundation layer (thickness varying 1.0 m to 0.5 m) was placed on land with swamp waterbed, weak bearing, and composed of clayish silt throughout the area. Concrete beams were poured on site over the newly laid surface composed of catalyzed mixture, and on these were positioned the rails of the handling trolleys of the crane.

Composizion e della miscela catalizzata

Composition of the catalyzed mix ture

Aggregato base Aggregato correttore Loppa granulata Catalizzatore

polverino d’altoforno PAF loppa vecchia salata Piombino Tipo E

56% 30% 13% 1%

Prim a ry a ggrega te Control mix a ggrega te Bla st furna ce sla g Ca ta lyst

bla st-furna ce dust (BFD) old sa lty sla g Pio m bino type E

56% 30% 13% 1%

77


Linea F.S. Cremona-Fidenza


Consolidamenti CONSOLIDATION WORKS

Nell’importante settore dei consolidamenti dei rilevati ferroviari e stradali, le metodologie impiegate finora erano caratterizzate da un aspetto artigianale (lunghi tempi di esecuzione, necessità di strade di accesso esterne al rilevato, notevoli disagi alla circolazione quando si deve operare direttamente dal binario o dalla superficie stradale). Nella sua continua ricerca e applicazione di tecniche affidabili ed economiche, Pavital ha sviluppato un sistema per il consolidamento di rilevati ferroviari e stradali noto come Pali Pavital. I Pali Pavital sono composti di miscela catalizzata e si dividono in: - Pali Pavital per il consolidamento dei rilevati e dei loro terreni di fondazione; - Micropali Pavital per il consolidamento del subballast. Il loro numero, la loro disposizione e dimensione (diametro e lunghezza) sono progettati di volta in volta, in funzione dello specifico problema da risolvere, dei terreni che formano il rilevato o il suolo di fondazione, ecc. Generalmente, pali e micropali hanno un diametro che va da 100 a 300 mm, mentre la lunghezza varia tra 1,00 e 7,00 m.

In the important field of consolidation works of road and rail embankments, the methodologies employed till now have been characterized by an “artisan” aspect (long times of execution, need of access ways external to the embankment, great inconvenience to traffic when operating directly from the track or from the road surface). In its continuous search for, and application of, reliable ad economical techniques, Pavital has developed a system for the consolidation of road and rail embankments known ad Pavital Piles. Pavital Piles are composed by Pavital catalyzed mixture and they divide in: - Pavital Piles for the consolidation of the embankment & of its subgrade soil; - Pavital micropiles for the consolidation of the subballast. Their number, disposition and dimensions (diameter and length) are designed each time, depending on the specific problem to solve, on the soils forming the embankment (or the subgrade), etc. Generally, piles and micropiles have a diameter of 100 to 300 mm, while the maximum depth varies from 1.00 to 7.00 m.

79


CONSOLIDAMENTI / CONSOLIDATION WORKS

Il miglioramento delle caratteristiche dei terreni avviene in due fasi: - nella prima fase, vi è un aumento della densità del terreno dovuta alla compattazione; - nella seconda fase c'è la presa idraulica della miscela catalizzata, con aumento del modulo nel tempo. La tecnologia dei Pali Pavital, già ampiamente verificata, è comunemente usata per ogni tipo di rilevato, in particolare per quelli formati da sabbie argillose, limi, argille e soggetti a imbibizione, rigonfiamento, forti deformazioni. Il metodo dei Pali Pavital, che utilizza una modernissima tecnologia basata per consolidamenti ferroviari su macchinari completamente automatizzati, è stata sviluppata principalmente per raggiungere i seguenti obiettivi: - evitare la costruzione sul rilevato di piani di lavoro e strade di accesso per l’installazione dei macchinari; - semplificare notevolmente l’esecuzione dei lavori, con una conseguente riduzione dei tempi di lavorazione; - consentire la completa indipendenza dei vagoni dall’approvvigionamento esterno dei materiali; - operare senza rimuovere il ballas e senza chiudere al traffico la linea ferroviaria.

80

The improvement of soils characteristics is reached in two phases: - in the first phase, due to the compaction, there is an increase of the density of soils; - in the second, there is the hydraulic setting of the catalyzed mixture, and its modulus increases as a function of time. Pavital piles technology, already widely tested, is commonly used for all types of embankments, particularly for those formed by clayey sands, silts, clays, and subject to soaking, bulking, strong deformations. The Pavital piles method, that utilizes an up-to-date technology based, for railways consolidations, on completely automated equipment, was developed mainly to gain the following purposes: - to avoid construction on embankments of working planes and access roads for equipment installation; - to remarkably simplify executing operations, with a consequent reduction of working times; - to enable the complete independence of wagons from external material-supply; - to operate without removing the ballast and ithout closing to traffic the railway line.


81


CONSOLIDAMENTI / CONSOLIDATION WORKS

LINEA F.S. FORTEZZA-S. CANDIDO (Villabassa)

RAILWAY LINE F.S. FORTEZZA-S.CANDIDO (Villabassa)

· Emulsione bituminosa con sabbiatura · Strato portante in miscela catalizzata 0,25 m

· Seal coat treatment with aggregates · Sub-ballast (0.25 m) by catalyzed mixture

LINEA F.S. TORINO-MILANO (Torrazza-Piemonte / Castelrosso)

RAILWAY LINE F.S. TURIN-MILAN (Torrazza-Piemonte / Castelrosso)

Progressive dal km al km

33+200 ÷ 34+300 30+840 ÷ 31+040

Track section from km to km

33+200 ÷ 34+300 30+840 ÷ 31+040

Subballast

n°4÷6 pali per traversina in miscela catalizzata: Ø = 150 mm L. = 1,50 m

Sub-ballast

n°4÷6 piles per sleeper by catalyzed mixture: Ø = 150 mm Dep. = 1.50 m

LINEA F.S. VERONA-MODENA

RAILWAY LINE F.S. VERONA-MODENA

Progressive dal km al km

1+150 ÷ 1+300 8+300 ÷ 9+097 45+100 ÷ 46+150 48+878 ÷ 51+500 52+000 ÷ 53+000

Track section from km to km

1+150 ÷ 1+300 8+300 ÷ 9+097 45+100 ÷ 46+150 48+878 ÷ 51+500 52+000 ÷ 53+000

Subballast

n°2÷4 pali per traversina in miscela catalizzata: Ø = 150 mm L. = 1,20 m

Sub-ballast

n°2÷4 piles per sleeper by catalyzed mixture: Ø = 150 mm Dep. = 1.20 m

Rilevato

n°6 file di pali in miscela catalizzata: Ø = 250 mm L. = 4,00÷7,00 m

Embankment

n°6 rows of piles by catalyzed mixture: Ø = 250 mm Dep. = 4.00÷7.00 m

LINEA F.S. CREMONA-PIACENZA (Cremona)

RAILWAY LINE F.S. CREMONA-PIACENZA (Cremona)

Progressive dal km al km

Track section from km to km

2+700 ÷ 4+000

2+700 ÷ 4+000

Subballast

n°4 pali per traversina in miscela catalizzata: Ø = 150 mm L. = 1,50 m

Sub-ballast

n°4 piles per sleeper by catalyzed mixture: Ø = 150 mm Dep. = 1.50 m

Rilevato

n°6 file di pali in miscela catalizzata: Ø = 250 mm L. = 4,00 m

Embankment

n°6 rows of piles by catalyzed mixture: Ø = 250 mm Dep. = 4.00 m

82


CONSOLIDAMENTI / CONSOLIDATION WORKS

LINEA F.S. CREMONA-FIDENZA (Castelvetro-Villanova)

RAILWAY LINE F.S. CREMONA-FIDENZA (Castelvetro-Villanova)

Progressive dal km al km

Track section from km to km

11+275 ÷ 14+500

11+275 ÷ 14+500

Subballast

n°2+4 pali per traversina in miscela catalizzata: Ø = 150 mm L. = 1,00 m

Sub-ballast

n°2+4 piles per sleeper by catalyzed mixture: Ø = 150 mm Dep. = 1.00 m

Rilevato

n°6 file di pali in miscela catalizzata: Ø = 250 mm L. = 3,00÷6,00 m

Embankment

n°6 rows of piles by catalyzed mixture: Ø = 250 mm Dep. = 3.00÷6.00 m

LINEA F.S. ALESSANDRIA-PIACENZA (Broni-S.Giulietta)

RAILWAY LINE F.S. ALESSANDRIAPIACENZA (Broni-S.Giulietta)

Progressive dal km al km

57+268 ÷ 57+558 75+980 ÷ 77+150

Track section from km to km

57+268 ÷ 57+558 75+980 ÷ 77+150

Subballast

n°4 pali per traversina in miscela catalizzata: Ø = 150 mm L. = 1,00 m

Sub-ballast

n°4 piles per sleeper by catalyzed mixture: Ø = 150 mm Dep. = 1.00 m

Rilevato

n°6 file di pali in miscela catalizzata: Ø = 250 mm L. = 6,00 ÷ 7,00 m

Embankment

n°6 rows of piles by catalyzed mixture: Ø = 250 mm Dep. = 6.00÷7.00 m

LINEA F.S. TORINO-MILANO (Vercelli)

RAILWAY LINE F.S. TURIN-MILAN (Vercelli)

Progressive dal km al km

70+030 ÷ 71+000 72+000 ÷ 75+500 87+000 ÷ 88+000

Track section from km to km

70+030 ÷ 71+000 72+000 ÷ 75+500 87+000 ÷ 88+000

Subballast

n°5 pali per traversina in miscela catalizzata Ø = 150 mm L. = 1,50 m

Sub-ballast

n°5 piles per sleeper by catalyzed mixture: Ø = 150 mm Dep. = 1.50 m

Rilevato

n°4 file di pali in miscela catalizzata Ø = 250 mm L. = 1,50÷2,50 m

Embankment

n°4 rows of piles by catalyzed mixture: Ø = 250 mm Dep. = 1.50÷2.50 m 83


CONSOLIDAMENTI / CONSOLIDATION WORKS

LINEA F.S. TORINO-MILANO (Olcenengo)

RAILWAY LINE F.S. TURIN-MILAN (Olcenengo)

Progressive dal km al km

Track section from km to km

69+000 ÷ 70+030

69+000 ÷ 70+030

Subballast

n°4 pali per traversina in miscela catalizzata: Ø = 150 mm L. = 1,20 m

Sub-ballast

n°4 piles per sleeper by catalyzed mixture: Ø = 150 mm Dep. = 1.20 m

Rilevato

n°6 file di pali in miscela catalizzata: Ø = 250 mm L. = 2,50 m

Embankment

n°6 rows of piles by catalyzed mixture: Ø = 250 mm Dep. = 2.50 m

LINEA F.S. MANTOVA-MONSELICE (Castel d'Ario)

RAILWAY LINE F.S. MANTUA-MONSELICE (Castel d'Ario)

Progressive dal km al km

Track section from km to km

109+372 ÷ 110+550

109+372 ÷ 110+550

Subballast

n°4 pali per traversina in miscela catalizzata: Ø = 150 mm L. = 1,50 m

Sub-ballast

n°4 piles per sleeper by catalyzed mixture: Ø = 150 mm Dep. = 1.50 m

Rilevato

n°6 file di pali in miscela catalizzata: Ø = 250 mm L. = 4,00÷5,50 m

Embankment

n°6 rows of piles by catalyzed mixture: Ø = 250 mm Dep. = 4.00+5.50 m

LINEA F.S. DOSSOBUONO-ROVIGO (Rovigo)

RAILWAY LINE F.S. DOSSOBUONO-ROVIGO (Rovigo)

Progressive dal km al km

Track section from km to km

98+600 ÷ 100+623

98+600 ÷ 100+623

Subballast

n°4 pali per traversina in miscela catalizzata: Ø = 150 mm L. = 1,50 m

Sub-ballast

n°4 piles per sleeper by catalyzed mixture: Ø = 150 mm Dep. = 1.50 m

Rilevato

n°6 file di pali in miscela catalizzata: Ø = 250 mm L. = 4,00÷5,00 m

Embankment

n°6 rows of piles by catalyzed mixture: Ø = 250 mm Dep. = 4.00÷5.00 m

84


CONSOLIDAMENTI / CONSOLIDATION WORKS

LINEA F.S. MILANO-VERONA (Stazione di Ponte S. Marco)

LINEA F.S. MILAN-VERONA (Ponte S. Marco Station)

· · · ·

· · · ·

Emulsione bituminosa con sabbiatura Strato portante in miscela catalizzata 0,40 m Sabbia anticapillare 0.30 m Geotessile

Progressive dal km al km Subballast

99+858 ÷ 100+183 n°4 pali per traversina in miscela catalizzata: Ø = 150 mm L. = 1,20 m

Seal coat treatment with aggregates Sub-ballast (0.40 m) by catalyzed mixture Sabbia anticapillare 0.30 m Geotessile

Track section from km to km Sub-ballast

99+858 ÷ 100+183 n°4 piles per sleeper by catalyzed mixture: Ø = 150 mm Dep. = 1.20 m

AREA BINARI DELL’INTERPORTO DI LECCO MAGGIANICO

LECCO MAGGIANICO INTERMODAL TERMINAL RAILWAY AREA CONSOLIDATION

· Emulsione bituminosa con sabbiatura · Strato portante in miscela catalizzata 0,30 m

· Seal coat treatment with aggregates · Sub-ballast (0.30 m) by catalyzed mixture

LINEA F.S. CREMONA-FIDENZA (Cremona)

RAILWAY LINE F.S. CREMONA-FIDENZA (Cremona)

· Strato portante in miscela catalizzata 0,30 m

· Sub-ballast (0.30 m) by catalyzed mixture

Progressive dal km al km

2+124 ÷ 2+530 3+500 ÷ 3+925

Track section from km to km

2+124 ÷ 2+530 3+500 ÷ 3+925

Subballast

n°4 pali per traversina in miscela catalizzata: Ø = 150 mm L = 1,20 m

Sub-ballast

n°4 piles per sleeper by catalyzed mixture: Ø = 150 mm Dep. = 1.20 m

Rilevato

n°3 file di pali in miscela catalizzata: Ø = 250 mm L. = 4,00 m

Embankment

n°3 rows of piles by catalyzed mixture: Ø = 250 mm Dep. = 4.00 m

85


CONSOLIDAMENTI / CONSOLIDATION WORKS

Linea F.S. Verona-Modena RAILWAY LINE F.S. MODENA-VERONA

II rilevato della linea ferroviaria VeronaModena risale alla fine del secolo scorso e soffre per la sua età e i materiali non idonei utilizzati. Il tratto interessato dai lavori era nella Pianura Padana, proprio vicino al fiume Po, dove gli unici materiali disponibili erano argille e limi argillosi. Indagini geotecniche avevano accertato che il sottofondo era composto da uno strato di 4,50÷5,00 m di argille ad alta deformabilità, sovrapposto ad un grande livello formato da sabbie medio-fini. Il rilevato era stato costruito con gli stessi materiali argillosi del suolo di fondazione. Le cause del cedimento erano state individuate nella scarsa qualità dei materiali e nell’eccessiva altezza del rilevato. Fu quindi progettato di consolidare sia il subballast con Micropali Pavital (2÷4 pali per traversina, Ø=150 mm, L=1,00÷1,20 m), sia il rilevato e il suo suolo di fondazione con Pali Pavital (6 file di pali, Ø=250 mm, L=4,00÷7,00 m). La disposizione di pali e micropali è illustrata sopra. I lavori di consolidamento sono stati eseguiti durante l’intervallo notturno del traffico ferroviario, operando contemporaneamente su entrambi i lati del rilevato e sul subballast, grazie all’attrezzatura completamente automatizzata, in grado di transitare sulle rotaie. Sono stati eseguiti controlli finali (prove di carico su piastra e sondaggi geofisici a 6, 12 e 18 mesi dalla fine dei lavori) e i risultati ottenuti sono superiori alle attese.

The embankment of the railway line F.S. Modena-Verona dates back to the end of the last century and suffers its age and the unsuitable materials used. The track involved in the consolidation operations was in the Po Valley, closely near the Po river itself, where the only findable soils were clays and silty clays. Geophysical and geotechnical researches had found the subgrade soil to be composed by a 4.50÷5.00 m thick layer of high deformability clays, superimposed on a great thickness layer formed by mediumfine sands. The embankment was composed by the same clayey material as the subgrade soil. The causes of the sinking had been then found in the poor quality of the materials and in the excessive height of the embankment. It was then designed to consolidate both the sub-ballast by Pavital micropiles (2÷4 piles per sleeper, Ø=150 mm, L=1.00÷1.20 m), and the embankment and its subgrade soil by Pavital piles (6 rows of piles, Ø=250 mm, L=4.00÷7.00 m). Dispositions of piles and micropiles are shown above. Consolidation workings had been executed during the night pause of the rail traffic, contemporarily operating on both sides of the embankment and on the subballast, thanks to the completely automated equipment, able to run on the tracks. Final tests (plate load tests and geophysical surveys at 6, 12 and 18 months after the end of the works) have been executed and their results were beyond expectations.

Composizion e della miscela catalizzata

Composition of the catalyzed mix ture

Mix 1 Aggregato base Loppa granulata Catalizzatore Mix 2 Aggregato base Aggregato correttore Loppa granulata Catalizzatore

Mix 1 Prim a ry a ggrega te Bla st furna ce sla g Ca ta lyst Mix 2 Prim a ry a ggrega te Control mix a ggrega te Bla st furna ce sla g Ca ta lyst

86

sabbia frantumata 0/3 mm 87% Trieste 12% tipo B 1% polvere di frantoio 0/3 mm sabbia frantumata 0/5 mm Trieste tipo B

59% 30% 10% 1%

0/ 3 m m crushed stone Trieste type B

87% 12% 1%

0/ 3 m m crusher dust 0/ 5 mm crushed stone Trieste type B

59% 30% 10% 1%


87


Cl Ct D E M Pa Pg T

- cella di progressione longitudinale - cella di progressione trasversale - deformometro in foro - estensimetro multibase - estensimetro monobase - piezometro nelle argille - piezometro nelle ghiaie - tubo inclinometrico

Cl Ct D E M Pa Pg T

- longitudina l ea rth pressure cell - tra nsversa l ea rth pressure cell - defo rm a tio n ga uge in bo reho le - multi-point extensom eter - single-point extensom eter - piezom eter in borehole, in cla ys - piezom eter in borehole, in gra vels - inclinom eter in pipe


CONSOLIDAMENTI / CONSOLIDATION WORKS

Linea F.S. Torino-Milano RAILWAY LINE F.S. TURIN-MILAN

Questa importante linea ferroviaria, la cui costruzione risale alla fine del secolo scorso, attraversa una vasta area coltivata a risaie. Le cause del cedimento del rilevato sono state identificate in: - materiali che compongono il rilevato e il suo terreno di fondazione, come argille e argille limose; - costante presenza d’acqua (dovuta alle risaie), che instaura una condizione di saturazione per quasi nove mesi all’anno, sia nel terreno di fondazione che nel rilevato; - vibrazioni prodotte dal traffico ferroviario, che causano un aumento delle deformazioni, istantanee e permanenti, soprattutto nel terreno di fondazione sotto il ballast. Allo scopo di esaminare il comportamento dei Pali e Micropali Pavital e il loro contributo al miglioramento delle caratteristiche meccaniche del rilevato e del suo terreno di fondazione, sono state installate alcune stazioni di monitoraggio (sia su sezioni consolidate che non consolidate-vedere figura).

This is the most important railway line in the Northern Italy, crossing the widest ricefield area of the entire Italy. Its construction dates back to the end of the last century. The causes of its embankment's sinking had been identified in: - the materials composing the embankment and its subgrade soil, like clays and silty clays; - the constant presence of water (due to the ricefields) that establishes a saturation condition for almost nine months every year, both in the subgrade soil and in the embankment; - the vibrations generated by railway traffic, causing an increase of both instant and permanent deformations, in the subgrade soil just under the ballast, overall. In order to examine the behaviour of Pavital piles and micropiles and their contribution to the improvement of the mechanical characteristics of the embankment and its subgrade, some monitoring stations had been installed (on both consolidated and non-consolidated sections). The results of these observations, allowing to better quantify the benefits of Pavital Piles’ technology, will both serve as a check of the values calculated in the designing phase, and as a test under effective rail traffic, of the executed works.

Composizion e della miscela catalizzata

Composition of the catalyzed mix ture

Aggregato base Loppa granulata Catalizzatore

sabbia frantumata 0/7 mm Trieste tipo B

89% 10% 1%

Prim a ry a ggrega te Bla st furna ce sla g Ca ta lyst

0/ 7 m m crushed stone Trieste type B

87% 12% 1%

89


CONSOLIDAMENTI / CONSOLIDATION WORKS

Linea F.S. Milano-Verona STAZIONE DI PONTE S.MARCO RAILWAY LINE F.S. MILAN-VERONA (PONTE S.MARCO STATION)

Si tratta di una linea ferroviaria ad altissima intensità di traffico, che collega le più importanti aree industriali e metropolitane del Nord Italia, da Milano a Brescia, a Verona e poi Venezia. Tra Verona e Brescia, alla stazione di Ponte S.Marco, c’erano dei cedimenti legati all’instabilità del subballast. Indagini geotecniche avevano accertato che il terreno di fondazione era costituito da uno strato di argille ad alta plasticità spesso 3 m. L’intenso traffico ferroviario provocava forti vibrazioni, causando la risalita capillare dell’acqua alla superficie, appena sotto il ballast, dove si aggiungeva l’acqua piovana che qui ristagnava. Queste due azioni combinate, unite alle sollecitazioni dei treni, ha causato una sensibile riduzione nella capacità portante della piattaforma ferroviaria, provocando la penetrazione degli elementi del ballast nel terreno del subballast. La soluzione adottata è consistita in: - rimozione di 0,70 m di spessore del subballast esistente; - esecuzione di Micropali Pavital (ø=150 mm, L=1,50 m) nello strato argilloso; - interposizione di geotessile e di uno strato di sabbia monogranulare (0,30 m) sopra di esso; - stesa di un nuovo subballast in miscela catalizzata Pavital (0,40 m); - rivestimento superficiale in emulsione bituminosa e sabbiatura. Tutte le operazioni sono state eseguite su un binario alla volta, con disagi ridotti per la circolazione.

This is a very high intensive traffic railway line, connecting the most important industrial and metropolitan areas of the Northern Italy, from Milan to Brescia, Verona (and from here the Brenner Pass to the Northern Europe) and then Venice (and the Eastern Europe). Between Verona and Brescia, at Ponte S. Marco Railway Station, there were some problems, due to the instability of the subballast. Site investigations have found the subgrade soil to be composed by a 3 m thick layer of clays of high plasticity. The intense railway traffic induced strong vibrations, causing the rising of capillarity moisture at the surface, just beneath the ballast, where was added the rain water, here ceasing its flow because of the impermeability of the cohesive soil. These two combined actions, in addition to the stopping of trains at the railway station, caused a serious reduction in the rail platform bearing capacity, involving the penetration of the ballast elements in the subballast soil. The solution was: - remotion of 0.70 m of the existing subballast; - execution of Pavital micropiles (ø=150 mm, L=1.50 m) in the clayey layer; - interposition of geotextile with a monogranular sand layer (0.30 m) over it; - laying of a new subballast, by Pavital catalyzed mixture (0.40 m); - bituminous surface treatment (seal coat with aggregates). All working operations had been executed one track at a time, with reduced troubles for the traffic.

Composizion e della miscela catalizzata

Composition of the catalyzed mix ture

Aggregato base Loppa granulata Catalizzatore

Prima ry a ggrega te 0/ 7 m m crushed stone Bla st furna ce sla g Trieste Ca ta lyst type A

90

sabbia frantumata 0/7 mm 87% Trieste 12% tipo A 1%

87% 12% 1%


91


Via Asolana, 194 31010 Onè di Fonte (TV)-Italy T. +39 0423 9471 F. +39 0423 949909 www.pivato.it info@pivato.it project Hangar Design Group


H A N G A R D ESI GN GRO U P

Via Asolana, 194 31010 Onè di Fonte (TV) - Italy T. +39 0423 9471 F. +39 0423 949909 www.pivato.it info@pivato.it


Brochure Pavital italiano ed inglese