Issuu on Google+

Progettati pensando al settore dell’healthcare, i nuovi telefoni KIRK 70 migliorano la comunicazione in mobilità in un ambiente in cui la comunicazione in tempo reale è un fattore critico Voice pag. 6

Una soluzione di cable management di nuova generazione per il routing, l’organizzazione e la gestione dei cavi di permutazione che rende l’amministrazione e l’accesso del cavo più efficiente Cabling pag. 7

IL NEWSPAPER w w w. e l m a t . c o m

Codice Risposta Q3/10

n°19 Q3/2010 Anno V copie 2.500

NE/PD0017/2008

La comunicazione business 2.0 di Mark Perna*

L’EDITORIALE Un tempo sembravano scenari da film in stile James Bond. Parlarsi e vedersi allo stesso tempo appariva un futuro piuttosto lontano. Un bel giorno è apparsa la rete digitale ISDN e la Videocomunicazione si è spostata dal cinema agli uffici, migrando dallo status di impossibile per tutti a quello di possibile per pochi. Alla fine degli anni 90, poche erano le aziende economicamente in grado di acquistare o affittare sistemi di videoconferenza; sistemi che hanno raggiunto, se vogliamo, il livello di status symbol aziendale. L’avvento della banda larga e l’offerta di soluzioni esclusivamente Over IP hanno dato il definitivo benvenuto nel mondo reale alla Videocomunicazione. Un ruolo innegabilmente determinante è stato anche quello giocato da Skype. Dalla nostra posizione di distributori, anche di prodotti di Videocomunicazione Professionale, abbiamo assegnato a Skype una posizione di nemico-amico del nostro lavoro: amico per aver contribuito a rendere normale il concetto di videoconferenza con la propria semplicità ed economicità; nemico odierno per il contributo offerto alla difficoltà di trasmettere le effettive differenze con i sistemi professionali. Il tempo, come sempre, farà chiarezza. Nel frattempo, possiamo finalmente affermare con certezza che oggi ESISTE un mercato della Videocomunicazione, fatto di quotidiani piccoli, medi e grandi progetti. Se un tempo la Videoconferenza era vincolata esclusivamente ai propri costi, oggi dipende dalla cultura e dalla reale necessità aziendale. Le nostre vendite, in linea con la tendenza generale, testimoniano un mercato in netta crescita negli ultimi tre anni; un mercato che ha tratto benefici (giustamente, nds) dalla crisi economica in quanto la Videocomunicazione rappresenta un evidente investimento tecnologico per il risparmio dei costi fissi e variabili di trasferta. L’auspicio naturalmente è che da una opportunità economica di partenza, si generi contestualmente una cultura della videcomunicazione nelle aziende italiane: una cultura di ottimizzazione dei tempi, di maggiore frequenza di incontri, di condivisione delle informazioni simultaneamente a più persone ed infine una cultura di risparmio energetico e conseguente attenzione all’ambiente (meno viaggi = minor inquinamento), fattore quest’ultimo che oggi purtroppo non incide ancora positivamente sulle vendite.

Andrea Rizzo

E

sistono diversi elementi che indicano chiaramente che nel settore business è in corso un cambiamento nelle metodologie tecnologiche di comunicazione e che tale cambiamento ha un impatto significativo sulla modalità di creazione e di mantenimento dei rapporti interpersonali. Il mutamento scaturito dagli strumenti di videocomunicazione ha già iniziato a rivoluzionare gli attuali schemi commerciali, di marketing, di sviluppo del prodotto e di altri processi aziendali fondamentali. La fase di sperimentazione e consolidamento tecnologico è ormai superata e oggi i requisiti tecnologici e infrastrutturali non concedono scuse o deroghe. La videocomunicazione non è più un’opzione, ma un imperativo. La difficile congiuntura economica, i rinnovati paradigmi di efficienza e contenimento dei costi richiedono infatti ai manager non solo decisioni più rapide, ma anche accesso a informazioni in tempo reale e capacità collaborative senza vincoli. Tutti questi requisiti pongono la videocomunicazione in pole position anche perché rappresenta una concreta alternativa ai viaggi di lavoro, non solo per la qualità e l’affidabilità della tecnologie audio e video, ora anche in alta definizione, ma soprattutto per i vantaggi offerti in termini di riduzione dei costi. In passato il mercato della videocomunicazione era limitato ad un bacino di utenza di fascia alta, ma la maggiore competitività in questo settore e la progressiva diminuzione delle spese per l’attrezzatura hanno reso sempre più accessibile questa risorsa. I benefici della videocomunicazione sono immediatamente tangibili, basta enunciare quello che fa: permette di vedersi, sentirsi e scambiarsi simultaneamente qualsiasi tipo di documento o di immagine, da qualsiasi parte del mondo senza spostarsi dalla scrivania. Nulla di banale. Affidabilità, professionalità, semplicità e immediatezza sono gli elementi vincenti garantiti da questa soluzione tecnologica. Le offerte disponibili sul mercato garantiscono infatti standard qualitativi di prim’ordine interoperando senza problemi su diverse tipologie di reti e con standard sempre più evoluti. Questo si traduce in una comunicazione efficace e produttiva, capace di scambi informativi come se i partecipanti fossero realmente intorno allo stesso tavolo. Il tutto in modo semplice e immediato, proprio come avverrebbe in una tradizionale comunicazione vis-à-vis. Ecco perché oggi la videocomunicazione è una risorsa irrinunciabile per molte strutture, aziende e persone. Perché videoconferenza significa superare facilmente i limiti temporali, accorciare le distanze, migliorare lo stile di vita personale e professionale, e la produttività sul lavoro. Non c’è quindi da sorprendersi nel costatare che sono sempre più numerosi i settori che adottano questa innovazione. I campi applicativi sono molti. Quello della formazione a distanza è probabilmente l’ambito più scontato grazie soprattutto al fatto che il flusso didattico, tradizionalmente unidirezionale e rigido, viene oggi soppiantato da più moderne tecniche multicanale che sfruttano le potenzialità della rete e permettono di diffondere la conoscenza trasformando la grande quantità di informazioni disponibile in supporti gestionali e decisionali. Ma tali benefici segue in seconda pagina...

co-C.e.o. Elmat spa

I NUOVI ACCESS POINT AP-92 E AP-93 CON STANDARD 802.11 N SONO PROGETTATI PER INSTALLAZIONI IN MAGAZZINI, UFFICI, OSPEDALI, SCUOLE E NEGOZI Wireless pag. 4

ELMAT_3_2010.indd 1

6-10-2010 0:19:09


2

w w w. e l m a t . c o m

SOMMARIO RADWIN Nasce il “nuovo” RADWIN 2000 C–Series: ancora più sicuro, più potente, più versatile

pag. 3

I Corsi

AXIS Da AXIS, soluzioni di videosorveglianza in grado di coprire ogni specifica esigenza: sicurezza personale, monitoraggio oltre ad applicazioni di marketing operativo pag. 4 ARUBA Imminente l’uscita dei nuovi access point AP-92 e AP93, dispositivi indoor a bassa frequenza progettati per installazioni rigorosamente in standard 802.11 n pag. 4 ALVARION Due partnership di successo, NGI e Linkem, per la multinazionale israeliana che punta sul WiMAX pag. 5 D-LINK Con le nuove videocamere D-Link, aumentano le opportunità di sorveglianza per aziende di piccole, medie e grandi dimensioni pag. 5 POLYCOM / KIRK KIRK 70, telefonia a misura di healthcare. Comunicazione perfetta per migliorare la collaborazione in mobilità e l’efficienza per il settore sanitario pag. 6 PELCO Telecamere Sarix™. Integrare in un sistema di gestione uno dei marchi di riferimento della videosorveglianza non è mai stato così facile pag. 6 AMP Una nuova soluzione di cable management per l’organizzazione, la gestione dei cavi di rete e per la distribuzione dei servizi di connessione pag. 7 AVM FRITZ!WLAN Repeater N/G - Il piccolo ripetitore che amplifica il segnale wireless in un batter d’occhio nella propria abitazione o ufficio pag. 7

26-27 ottobre MILANO

Corso di certificazione Advanced

5 novembre PADOVA

29 ottobre PADOVA

Corso tecnico BreezeNET B300

Corso di certificazione XProtect Professional 7.0

Stampato a Padova a Ottobre 2010

16-17 novembre ROMA

Corso tecnico PartnerEdge Silver

Gli Eventi

WEBINAR AVM

WEBINAR

Sandro Piccoli, Product Management & Technical Support di Elmat per le soluzioni voce e videoconferenza, e Giovanni Cristi, Project Manager di AVM in Italia, presenteranno:

Alessandro Berta, Product Management&Technical Support per il marchio RADWIN, presenterà le principali funzionalità degli apparati. Compilate il modulo di registrazione e riceverete un messaggio di conferma con le informazioni per collegarvi al Look&Learn – il Webinar di Elmat.

11 e 21 Ottobre 2010

Proprietà intellettuale: Elmat SpA Via Uruguay, 15 - 35127 Padova Z.I.

Stampato da: Tipografia Aster (PD) Diffusione: 10.000 copie/anno

Axis Communication’s Academy

Corso di certificazione CAIT-VL

IL NEWSPAPER

Realizzazione editoriale a cura di: Cast Adv & Communication Srl Impaginazione grafica: Dario Ferretti - www.darioferretti.it

12 novembre PADOVA

19-20-21 ottobre ROMA

Martedì 9 Novembre 2010

Lunedì 11 Ottobre 2010:

AVM FRITZ!Box Fon WLAN 7390 la perfetta comunicazione per ogni tua connessione

È disponibile in versione PDF sul sito www.elmat.com

Giovedì 21 Ottobre 2010:

THE CORNER ELMAT insiste sulla strada della formazione, come strumento per fidelizzare i propri clienti. L’azienda organizza periodicamente una serie di eventi a tema, workshop e tavole rotonde riservati ad un numero ristretto di operatori, per trattare in modo completo ed esaustivo tutte le tematiche relative ai prodotti commercializzati. Si tratta di incontri durante i quali gli argomenti sono trattati ed analizzati da personale interno alle aziende con specifici approfondimenti al fine di aumentare la diffusione e la comprensione delle varie tecnologie. Ultimamente ELMAT ha investito molte risorse anche sui webinar, che rispetto agli incontri tradizionali, da una sola postazione riescono a raggiungere ed erogare informazioni ad una platea nazionale, offrendo concreti vantaggi ai system e rivenditori che raccolgono così informazioni interessanti senza spostarsi fisicamente.

ELMAT_3_2010.indd 2

Il FRITZ!Box Fon nel Tuo ufficio Scenari di utilizzo e features

segue dalla prima pagina...

si possono apprezzare anche in contesti più di nicchia come quelli legati alla telemedicina. Istituiti finanziari, multinazionali e aziende con sedi particolarmente dislocate, centri di ricerca e sviluppo, e virtualmente tutte le imprese che hanno la necessità di comunicare a distanza possono trarre evidenti vantaggi dalla videoconferenza. Il ritorno dell’investimento è chiaro, misurabile ed evidente. Le riunioni diventano più produttive, con un maggiore numero di persone coinvolte nelle fasi decisionali e con risposte immediate. Si risparmiano soldi per le trasferte, ma si ha anche il vantaggio di avere maggiore certezza dell’incontro e meno contrattempi. Anche la comunicazione intrinseca ne beneficia visto che si possono aumentare le frequenze degli incontri e la maggiore integrazione tra colleghi, clienti, partner. Detto in altri termini, la videocomunicazione non è una opzione, ma la soluzione alla moderna necessità di dialogare nell’era digitale. * Mark Perna, giornalista freelance, esperto di nuove tecnologie, scrive per le principali testate nazionali ed è autore del programma tv ConTech.

6-10-2010 0:19:12


Nasce il “nuovo” RADWIN 2000 C–Series: ancora più sicuro, più potente, più versatile L’ultima versione della già nota serie di dispositivi offre innovative funzionalità di rete avanzate, supporto per più bande di frequenza come anche la compatibilità con nuovi prodotti Crescono gli investimenti in sicurezza, in particolare in videosorveglianza. Secondo stime ufficiali, il mercato della videosorveglianza risulta essere un segmento in forte crescita e con enormi potenzialità di sviluppo anche nel prossimo futuro. Nonostante la flessione generale dell’economia, si registra dunque una tendenza positiva che coinvolge e coinvolgerà ancora tutti i principali paesi internazionali. Il trend di crescita della videosorveglianza è spinto dalle crescenti esigenze di sicurezza, non solo da parte di grandi aziende e organizzazioni ma anche di PMI, attività commerciali e Pubblica Amministrazione. In questo scenario, si inseriscono perfettamente i sistemi radio RADWIN 2000 C-series, prodotti di punta dell’azienda israeliana, che grazie ad una sofisticata tecnologia aggregano e trasmettono il traffico con una risoluzione elevata ed un’eccellente qualità delle immagini ai prezzi più competitivi del settore. Non a caso i sistemi RADWIN sono stati scelti in tutto il mondo anche nella sicurezza e nei progetti “Città sicura” per trasmettere video da telecamere ai centri di controllo. RADWIN 2000 C è la soluzione di riferimento per gli operatori che hanno bisogno di soluzioni di backhaul di classe carrier economicamente convenienti. Caratterizzata da un throughput netto di 200 Mbps e da una portata massima di 120 Km, la soluzione wireless in banda larga RADWIN 2000 C offre agli operatori la possibilità di ampliare la capacità per soddisfare la sempre crescente domanda di di servizi broadband e potenziare le loro reti in maniera rapida e conveniente.

RADWIN 2000 C per il cellular Backhaul Bug Tussel Wireless, operatore wireless nel Midwest degli Stati Uniti, ha scelto le soluzioni RADWIN per il backhaul GSM e WiMAX. “Kevin Kluge - Tussel Bug’s Planning Engineer dell’azienda - ha dichiarato: “Eravamo alla ricerca di un sistema a micronde pointto-point che offrisse banda larga per sostenere le nostre richieste GSM e WiMAX. Abbiamo scelto RADWIN 2000 perchè ci è piaciuto il throughput elevato e l’installazione è stata facile e veloce.” Supportando la connettività TDM ed Ethernet nativa su un unico link wireless, gli apparati RADWIN 2000 C incorporano tecnologie avanzate quali MIMO e OFDM per assicurare massima robustezza e flessibilità nelle bande di frequenza inferiori ai 6 GHz. Tutti i trasmettitori sono conformi alle normative e agli standard mondiali in materia e sono utilizzati da carrier Tier-1 e service provider di tutto il mondo. Progettati per il backhaul video di immagini di eccellente qualità da molteplici videocamere, aventi un’altissima risoluzione verso un unico luogo, quale ad esempio un centro di controllo, i sistemi 2000 C di RADWIN rappresentano la soluzione ideale in diversi settori d’intervento. In ambito cellular e IP Backhaul i sistemi RADWIN permettono di effettuare il backhaul del traffico ad un costo inferiore rispetto a quello richiesto dalle soluzioni basate su linee fisse o microonde: utilizzando RADWIN, i fornitori di servizi (come carrier e ISP) possono eliminare costosi canoni mensili delle linee affittate e creare i pro-

pri sistemi senza problemi o ritardi burocratici. I dispositivi RADWIN 2000 C sono in grado di operare in modalità Adaptive Asymmetric, che permette agli ISP di allocare automaticamente la capacità in uplink e downlink in base ai carichi di traffico e alle condizioni dell’interfaccia aerea. In tale modalità RADWIN 2000-C raggiunge capacità e portate notevolmente superiori rispetto a quanto precedentemente possibile. Per quanto riguarda le reti private, bisogna innanzitutto segnalare che la domanda riguardante la banda larga ad alta velocità sta crescendo a ritmi vertiginosi, alimentata da una costante richiesta di una ampiezza di banda superiore da parte degli utenti aziendali e delle istituzioni: utilizzando i dispositivi RADWIN 2000 C, organizzazioni pubbliche e private, banche, pubblica amministrazione, istituti scolastici, ecc. possono collegare diversi edifici tramite una connessione ad alta velocità in maniera rapida e conveniente. L’investimento da effettuare avviene “una tantum” con il vantaggio di eliminare il costo mensile delle linee fisse. I sistemi RADWIN sono utilizzati in tutto il mondo anche nella sicurezza e nei progetti “Città sicura” per trasmettere video da telecamere megapixel ai centri di controllo. Una qualità che distingue in modo chiaro i sistemi RADWIN è la robustezza che li rende perfetti per applicazioni mission-critical (condizioni meteo particolari, ecc) oltre ad una semplicità di gestione del prodotto che consente l’installazione completa in poche ore.

ri, te ne, no tgli ne

WIRELESS

3

w w w. e l m a t . c o m

Il Medical Center in Sud Africa trasferisce dati ingombranti ad alta velocità di rete utilizzando una rete wireless RADWIN Jackpersad & Partners, centro d’eccellenza di radiologiathe-art situato nella provincia di KwaZulu-Natal in Sudafrica, utilizza le soluzioni senza fili di RADWIN. E’ stata realizzata una rete wireless per il trasferimento di file di grandi dimensioni, come immagini a raggi X e le cartelle cliniche dei pazienti, tra le filiali del centro medico e la sede centrale. ”Il Dr. I. Hansrod, Dirigente Medico del centro di Radiologia, ha dichiarato: il collegamento offerto da RADWIN ha superato di gran lunga le nostre aspettative in termini di capacità, sicurezza e robustezza. La larghezza di banda fornita dalla rete wireless è eccezionale e siamo in grado di trasferire enormi quantità di file, dati e immagini a raggi X, in pochi secondi”. RADWIN per progetto di videosorveglianza del traffico automobilistico in Canada Le soluzioni senza fili RADWIN sono stati scelte ed installate nel progetto Response in Canada – una realizzazione, su vasta scala, di un sistema di sorveglianza del traffico e di prevenzione e risoluzione delle emergenze. Sistemi point-to-point sono stati usati per trasmettere video di alta qualità provenienti da telecamere installate lungo le strade in punti nevralgici per il controllo del traffico, in modo da consentire al personale di monitorare le condizioni del traffico autostradale e fornire una risposta rapida in situazioni di emergenza.

ch.

ELMAT_3_2010.indd 3

6-10-2010 0:19:13


VIDEOSORVEGLIANZA

4

w w w. e l m a t . c o m

Videosorveglianza per tutti i gusti Da AXIS soluzioni di videosorveglianza in grado di coprire ogni specifica esigenza: protezione di persone ed edifici, monitoraggio di proprietà, mezzi di trasporto pubblici oltre ad applicazioni di marketing operativo La videosorveglianza sta prendendo piede ovunque, dai progetti per la sicurezza implementati dalle città di tutto il mondo, fino al controllo perimetrale e dei confini nazionali. Molte città, ad esempio, stanno installando videocamere in punti nevralgici, quali incroci stradali, parchi e aree pubbliche allo scopo di ridurre crimini e atti vandalici. Ma le installazioni di videosorveglianza sono sempre più richieste non solo da banche, amministrazioni comunali o negozianti, ma anche da privati cittadini e si aprono a scenari alternativi alle originali funzioni di sicurezza. Proprio in virtù di questo scenario AXIS leader nella sorveglianza IP sin dal 1996, anno in cui ha introdotto sul mercato la prima telecamera di rete - continua ad arricchire la sua offerta nel mercato della videosorveglianza consolidandosi sempre più come protagonista nel mercato delle

WIRELESS

Videosorveglianza allo stadio di Nocera

telecomunicazioni per tutto il mondo enterprise. Le vendite delle camere IP sono in continuo aumento, come dimostrano i dati delle vendite del primo semestre 2010, ma ci si aspetta un incremento anche per la seconda parte dell’anno, grazie ad un forte aumento di urban security voluta dalle amministrazioni locali. Si tratta di un segmento di business in forte ascesa, come testimoniano gli oltre 25000 i canali video di AXIS venduti da ELMAT dal 2003 sino ad oggi, dato che posiziona l’azienda come il primo distributore in Italia e il terzo in Europa. La gamma prodotti è in grado di coprire ogni specifica esigenza: dall’installazione di una soluzione di videosorveglianza IP per proteggere persone ed edifici (come centri commerciali, ristoranti, stazioni di rifornimento carburanti, università, istituti bancari, ecc.) ad applicazioni per il monitoraggio in modalità remota di proprietà, mezzi di trasporto pubblici e impianti (stazioni ferroviarie, areoporti, ecc). AXIS fornisce una gamma completa di soluzioni video di rete per un ampio spettro di settori di mercato ed applicazioni. Che siano necessarie poche telecamere o svariate migliaia, le soluzioni Axis sono sempre estremamente facili da installare e da adattare all’evoluzione delle esigenze specifiche. Axis è in grado di fornire soluzioni di videosorveglianza IP scalabili, basate su standard aperti in grado di offrire risultati duraturi: in ambienti interni, esterni, su reti cablate o wireless, anche nelle condizioni più estreme e nelle ubicazioni più

remote. La scelta straordinariamente ampia di telecamere di rete AXIS, è stata appositamente sviluppata per soddisfare ogni possibile esigenza con telecamere di rete fisse, PTZ, dome, termiche, con risoluzioni fino a 5 Megapixel e standard HDTV. Dome PTZ AXIS Q6034, telecamera di rete AXIS di ultima generazione, offre una risoluzione HDTV 720p, zoom ottico 18x e prestazioni rapide di rotazione/inclinazione per la copertura di vaste aree, con notevoli dettagli in fase di zoom. Lo zoom 18x con risoluzione HDTV fornisce viste ingrandite con lo stesso livello di dettagli di una telecamera 4CIF con zoom 36x, oltre al vantaggio di un campo visivo più ampio. La telecamera per interni AXIS Q6034, con funzionalità Day & Night, ha una classe di protezione IP52 per protezione da polvere e acqua e supporta High Power over Ethernet. Supporta H.264, Motion JPEG, funzione Gatekeeper avanzata e dispone di uno slot SD/SDHC. Con un cavo a connettori multipli supporta audio, input/output e alimentazione CA/CC. Anche se le applicazioni di vigilanza restano comunque le finalità principali, i sistemi di videosorveglianza, in virtù del passaggio da analogico ad IP, trovano oggi impieghi sempre più frequenti in ambito commerciale e marketing. Il conteggio delle persone od il controllo dei prodotti più visitati ed acquistati negli scaffali dei negozi sono solo alcuni esempi di questi nuovi scenari di applicazione che possono aprire dunque differenti orizzonti di business ai system integrator ed end user più lungimiranti e attenti alle novità che il mercato può offrire.

AXIS Q6034 in azione

Q6034 Videosorveglianza HDTV ad alta velocità

ARUBA NETWORKS: a grandi passi procede la scalata alle quote di mercato Imminente l’uscita dei nuovi access point AP-92 e AP-93, dispositivi indoor a bassa frequenza progettati per installazioni in magazzini, uffici, ospedali, scuole e negozi rigorosamente in standard 802.11 n All’intersezione di due tra i mercati tecnologici più “caldi” del momento - wireless e security - si colloca Aruba Networks. L’azienda è stata tra i pionieri nel concetto di wireless LAN centralizzata e nella produzione di sistemi di security e mobilità ad alte prestazioni per consentire alle imprese di introdurre in modo trasparente servizi wireless, di security e di mobilità sopra il proprio network cablato, gestendo tali servizi da un singolo punto. Aruba Networks fornisce servizi dati e VoIP attraverso uno “strato” sicuro di servizi di mobilità, che abbraccia LAN, WAN e Internet. Allo stesso tempo rende univoca l’esperienza degli utenti, indipendentemente che accedano dall’ufficio, da casa o in viaggio. A questo scopo Aruba produce una

Acess Point AP-92 e AP-93

ELMAT_3_2010.indd 4

linea completa di soluzioni che include “mobility controller” fissi e modulari, access point cablati o wireless, una suite avanzata di software per la mobilità e un sistema di gestione della rete mobile. Gli access point Aruba, conformi allo standard 802.11a/b/g/n, operano con i mobility controller di Aruba Networks fornendo simultaneamente accesso alla rete e servizi di monitoraggio della radiofrequenza per proteggere l’ambiente wireless da intrusioni. Le operazioni di ciascun access point, inclusa l’alimentazione (PoE), il livello di trasmissione e l’assegnazione di canali sono gestite centralmente dai mobility controller. Il traffico di rete è incanalato utilizzando “tunnel” sicuri in standard GRE o IPsec. Gli Access Point Wireless di Aruba Networks rappresentano la base per l’aggregazione di tutto il traffico utenti wireless nella rete aziendale e per indirizzare tale traffico verso i Mobility Controllers di Aruba. Inoltre, fornendo accesso alla rete, gli access point eliminano la necessità di una rete separata di sensori RF per riparare e proteggere l’ambiente wireless. I mobility controller AN gestiscono automaticamente le operazioni di ciascun access point, inclusi l’alimentazione, il livello di trrasmissione e l’assegnazione di canali.

Il traffico di rete è incanalato dagli access point ai mobility controller utilizzando tunnel standard GRE o IPsec. L’architettura di Aruba Networks offre access point indoor e outdoor, dual-radio e singleradio e garantisce anche mobilità sicura su access point di terze parti e switch di reti wired. La quota di mercato dell’ultimo quarter (2010-Q1) relativo agli acces point con standard 802.11n di Aruba è salita al 21%, in crescita rispetto al 17,3% del trimestre precedente (2009-Q4), che posiziona ancora di più l’azienda come uno dei due maggiori vendor del settore enterprise. Lo standard 802.11n ha avuto un effetto dirompente nell’ambito del networking proprio per le richieste degli utenti e Aruba Networks ha beneficiato e approfittato di questo successo per raggiungere l’importante posizione attuale del mercato. Ultimi nati in casa Aruba Networks sono i due access points indoor AP-92 & AP-93 multifunzione con lo standard 802.11n, progettati per installazioni a bassa densità in uffici, ospedali, scuole e negozi al dettaglio. Piccoli e compatti, offrono prestazioni a velocità di trasferimento dati fino a 300 Mbps e sono costruiti per garantire anni di funzionamento senza problemi e per questo motivo sono coperti da una garanzia a vita e con un costo decisamente più basso rispetto alla maggior parte degli access point 802.11b/g. Gli Access point multifunzione AP-92 e AP-93 possono essere configurati per fornire accesso Wi-Fi 802.11n, analisi dello spettro (anche in frequenze non wifi), networking da remoto o su rete interna, e prevenzione delle intrusioni wireless su connessioni a 2.4GHz e 5GHz. I due dispositivi sono dotati di sistemi di sicurezza di livello enterprise e integrano un Trusted Platform Module (TPM) per acquisire in modo sicuro le credenziali di rete e le chiavi di cifratura. L’AP-92 dispone di antenne esterne, mentre la AP93 è dotato di antenne integrate ma entrambi gli access point possono essere alimentati da una sorgente 802.3af Powerover-Ethernet (PoE) o da Il portafoglio prodotti della linea indoor di Aruba Networks un’alimentore locale.

6-10-2010 0:19:18

w


5

WIRELESS

w w w. e l m a t . c o m

NGI e Linkem puntano su Alvarion Altre due partnership di successo per la multinazionale israeliana che punta sul WiMAX Per l’Italia, il WiMAX risulta essere la tecnologia migliore e la più economica per la distribuzione della banda larga wireless alle aziende e ai privati che risiedono in aree geograficamente molto ampie e a volte di difficile accesso. Il WiMAX di Alvarion è una soluzione avanzata e collaudata sul territorio, idonea a distribuire l’innovativo servizio WiMAX per una vasta gamma di applicazioni a banda larga in zone rurali, suburbane ed urbane. Alvarion è il più grande pure-player WiMAX a livello mondiale, con un ricco portafoglio clienti e oltre 250 installazioni commerciali nel mondo. Focalizzata sull’affermazione del mercato WiMAX, l’azienda offre soluzioni per un’ampia gamma di bande di frequenza, in grado di supportare una molteplicità di casi e di esigenze aziendali. Con la sua strategia OPEN WiMAX, l’elevato know-how IP e la capacità di installare progetti WiMAX end-to-end chiavi-in-mano, Alvarion è stata precursore di una nuova frontier delle soluzioni wireless. Proprio in questa ottica di sviluppo aziendale si inseriscono le due partnership recentemente stipulate da Alvarion con il provider NGI - per l’espansione della propria rete nel nord Italia – e con Linkem per per assicurare la copertura WiMAX™ e Wi-Fi a banda larga durante le manifestazioni sportive.

NGI con il WiMAX™ di Alvarion® implementa i servizi a banda larga della propria rete nelle regioni del nord Italia. La società italiana parte del Gruppo BT ha investito oltre 4 milioni di dollari sul nuovo prodotto BreezeMAX® Extreme 802.16e di Alvarion per implementare servizi a banda larga in Lombardia, Veneto, Emilia Romagna, Liguria, Friuli Venezia Giulia, Valle d’Aosta e Piemonte. BreezeMAX® Extreme 5000, la prima soluzione WiMAX 802.16e per frequenze non licenziate è stata scelta da NGI, società del Gruppo BT Italia, per espandere ulteriormente la propria rete - operativa nella banda non licenziata a 5.4 GHz – con l’obiettivo di fornire servizi a banda larga ad alta velocità per utenze private e commerciali in zone del Paese non ancora adeguatamente servite. Grazie alla collaborazione con Alvarion, focalizzata sull’implementazione della soluzione BreexeMAX Extreme, NGI – che offre connettività a 20.000 clienti - sarà in grado di espandere ulteriormente la propria rete, in un’area di circa 100.000 chilometri quadrati, arrivando a servire molte aree italiane non ancora coperte da servizi DSL. Alvarion è costantemente focalizzata nel supportare operatori come NGI, con l’obiettivo di rendere le loro reti più redditizie e all’avanguardia,

massimizzandone gli investimenti e i ritorni in termini di business. L’innovativa soluzione BreezeMAX Extreme di Alvarion si adatta perfettamente alle esigenze degli Internet Service Provider e rappresenta la più avanzata tecnologia WiMAX ad oggi disponibile sul mercato, con qualità di servizio e sicurezza elevate. Studiata da un lato per velocizzare l’implementazione dell’infrastruttura a banda larga in zone ancora soggette al Digital Divide e, dall’altro, per offrire funzionalità ancora più vantaggiose – abbattimento dei costi e massimizzazione delle prestazioni - rispetto alle infrastrutture oggi presenti sul mercato, introduce nel settore delle soluzioni non soggette a licenza gli stessi vantaggi di un’offerta completa WiMAX 802.16e. Linkem ha scelto la tecnologia di Alvarion per assicurare la copertura WiMAX™ e Wi-Fi a banda larga durante le manifestazioni sportive internazionali che si disputeranno al Foro Italico di Roma

Alvarion BreezeMAX Extreme Tecnologia WiMAX con qualità di servizio e sicurezza elevate

Le due aziende, che già hanno avuto modo di collaborare per i Mondiali di Nuoto di Roma 2009 e, quest’anno, in occasione degli Internazionali di Tennis di Roma 2010 e dell’appena concluso Beach Volley World Tour 2010, dovranno assicurare la copertura wireless a banda larga durante altre importanti manifestazioni sportive organizzate a livello mondiale, che si svolgeranno nel corso dei prossimi mesi all’interno del Foro Italico di Roma. Grazie dunque al know-how di Alvarion e ai servizi di connettività offerti da Linkem, tutte le aree riservate ai giornalisti e ai fotografi, le aree sportive e quelle dedicate agli uffici di comunicazione e amministrativi saranno servite da una rete senza fili basata su tecnologia WiMAX e Wi-Fi. Il network, che complessivamente è in grado di coprire i 70mila metri quadrati del Foro Italico, consente inoltre di soddisfare le esigenze di connettività delle migliaia di visitatori nazionali e stranieri attesi per le diverse manifestazioni che, grazie ai servizi wireless 4G ad alta velocità, potranno rimanere costantemente in contatto con i propri Paesi. Per accedere ai servizi WiMAX, gli ospiti del Foro potranno utilizzare il prodotto USB 200 di Alvarion BreezeMAX® e la CPE indoor. BreezeMAX USB 200 è un modem wireless compatto facile da installare, studiato appositamente per l’utilizzo in ambito locale o mobile, da remoto. Il prodotto, adatto sia a PC portatili che a desktop, consente connettività a banda larga continua da qualsiasi location, in qualsiasi momento.

NETWORKING

m

D-Link presenta la videsorveglianza IP del futuro Con le nuove videocamere D-Link, aumentano le opportunità di sorveglianza per aziende di piccole, medie e grandi dimensioni Nell’attuale situazione economica, la sorveglianza IP rappresenta un’ottima occasione per creare nuove opportunità di vendita in un settore in crescita e per incrementare i margini di profitto. Il settore della videosorveglianza, infatti, ha registrato negli ultimi due anni una considerevole crescita di fatturato, dovuta alla maggiore richiesta di soluzioni di sicurezza e a numerose innovazioni tecnologiche, tra cui la migrazione al digitale e la diffusione di sistemi totalmente integrati in rete.

D-Link DCS-6818 offre un eccezionale rapporto prezzo-prestazioni

ELMAT_3_2010.indd 5

La tendenza alla crescita sembra essere confermata anche per i prossimi anni dal momento che l’azienda di indagini di mercato iSuppli prevede che il fatturato globale per le videocamere di videosorveglianza crescerà fino a oltre 9 miliardi di dollari entro il 2011, mantenendo un tasso di crescita annuo composto del 13% circa. La sorveglianza IP è un sistema innovativo di monitoraggio e controllo. Fino a ieri le applicazioni di sorveglianza si basavano sulla tecnologia analogica CCTV (ClosedCircuit Television), ma l’era digitale ne ha evidenziato i limiti. Per superarli è nata la sorveglianza IP, costituita da videocamere CCTV che utilizzano il protocollo IP (Internet Protocol) per trasmettere i dati immagine e i segnali di controllo attraverso una rete Ethernet o Wireless. Generalmente un ambiente di questo tipo prevede l’installazione di videocamere IP associate a un videoregistratore di rete NVR (Network Video Recorder), al fine di ottenere un sistema di registrazione e riproduzione completo. La sorveglianza IP fornisce funzionalità superiori rispetto ad un sistema analogico CCTV e offre numerosi benefici aggiuntivi, quali semplicità e flessibilità di installazione, accesso remoto sicuro, registrazione sicura e illimitata, modularità e invio di alert in real time. In questo scenario D-Link è stata e continua ad essere protagonista ed ha recentemente lanciato una gamma di soluzioni di sorveglianza IP che consentono di monitorare tutte le attività

aziendali con la massima sicurezza e il vantaggio competitivo della convenienza. Le soluzioni D-Link per la sorveglianza IP sono orientate alla razionalizzazione dei costi e alla semplicità di implementazione, permettono di trarre il massimo valore dalle infrastrutture esistenti e minimizzano gli oneri di gestione e manutenzione. Una risposta vincente alla domanda di sorveglianza e sicurezza per ogni tipo di azienda. Qualunque siano le esigenze o il livello di sviluppo di un’azienda, le soluzioni D-Link per la sorveglianza IP garantiscono uno strumento più efficiente per il monitoraggio senza richiedere elevati investimenti. Infatti le soluzioni D-Link, grazie alla loro flessibilità e modularità, si integrano con semplicità nelle strutture di rete esistenti e con i sistemi CCTV già in essere. La migrazione alle soluzioni D-Link per la sorveglianza IP non richiede pertanto una completa e costosa sostituzione dei sistemi esistenti, ma una graduale integrazione, garantendo un considerevole risparmio economico. Le videocamere D-Link della linea DCS sono ricche di funzionalità e sono soluzioni di sorveglianza digitale di prima qualità per aziende di piccole, medie e grandi dimensioni che richiedono un monitoraggio di sicurezza professionale e avanzato. Non importa il livello di illuminazione dell’ambiente, queste videocamere forniscono un’eccellente qualità dell’immagine e sono facili da utilizzare, con connettività flessibile e possibilità di controllo a distanza. L’ultima nata in casa D-Link è la DCS-6818, una soluzione professionale da esterni con funzionalità pan/ tilt/zoom e filtro ICR, che consente di monitorare ambienti con scarsa luminosità. Tecnologicamente avanzata con Tecnologia Sony Ex-View e Wide Dynamic Range (WDR), zoom ottico 36x e digitale 12x, la DCS-6818 fornisce eccellenti immagini con elevati livelli di dettaglio, a colori durante il giorno e in bianco e nero durante la notte, e video in formato compresso MPEG-4 o Motion JPEG che per le dimensioni di file più piccole, offrono una soluzione utile per lunghi periodi di registrazione o per l’utilizzo in reti con scarsità di larghezza di banda. Grazie all’involucro certificato IP66, la DCS-6818 può operare in condizioni climatiche estreme (sopporta temperature che vanno da -40°C a +50°C), con un raggio di movimento di 360° oltre alla possibilità di definire dei percorsi per monitorare le aree d’interesse. La funzione motion detection permette inoltre alla videocamera IP DCS-6818 di far partire una registrazione, suonare allarmi e inviare e-mail in caso di La linea Top delle videocamere IP di D-Link intrusione.

6-10-2010 0:19:20


VOICE

6

w w w. e l m a t . c o m

Polycom KIRK 70 Telefonia a misura di healthcare Comunicazione perfetta per migliorare la collaborazione in mobilità, la reattività delle risorse e l’efficienza per il settore sanitario Il settore dell’healthcare rappresenta da sempre un mercato verticale chiave per i produttori di soluzioni wireless DECT. I nuovi telefoni Polycom non solo consentono di effettuare chiamate, ma offrono un’ampia gamma di funzionalità aggiuntive di fondamentale importanza per le aziende operanti nel settore sanitario in termini di maggiore sicurezza, efficienza e assistenza ai pazienti. La serie di telefoni Polycom KIRK 70 rappresenta l’ultima evoluzione del pluripremiato portafoglio di dispositivi Polycom DECT, che comprende un set di caratteristiche dedicate a soddisfare le esigenze specifiche dei professionisti del settore dell’healthcare, compresa

VIDEOSORVEGLIANZA

Serie di telefoni Polycom KIRK 70

una maggiore durevolezza, migliori funzionalità di messaggistica, insieme ad una superficie più facile da pulire e resistente ai disinfettanti. Progettati pensando ai professionisti del settore dell’healthcare, i nuovi telefoni KIRK 70 sono in grado di migliorare la collaborazione in mobilità, la reattività delle risorse e l’efficienza in un ambiente in cui la comunicazione in tempo reale rappresenta un fattore critico. Inoltre, i nuovi dispositivi mobili comprendono ora caratteristiche igieniche – tra cui la resistenza ai disinfettanti – che permettono di ridurre drasticamente il rischio di diffusione delle malattie. I telefoni offrono una soluzione robusta e facilmente combinabile con altre applicazioni (anche di terze parti), ideale per l’integrazione con sistemi di comunicazione tra degenti e staff infermieristico, monitoraggio dei pazienti, monitoraggio dei dispositivi e dei sistemi di sicurezza personale, come allarmi automatici per la segnalazione di perdita di coscienza, mancanza di movimento, funzionamento e interruzioni all’interno di qualsiasi ambiente. Inoltre, per questi telefoni sono state sviluppate icone speciali di allarme che rendono l’invio di messaggi di testo personalizzabili e la segnalazione delle emergenze più semplici, veloci e intuitivi.

I telefoni Polycom sono stati progettati per aiutare gli operatori del settore sanitario a comunicare in maniera più efficace e quindi offrire uno standard di assistenza più elevato negli anni. Lavorando a stretto contatto con i clienti operanti in questo settore Polycom ha progettato questi nuovissimi telefoni basandosi sui loro feedback. La serie di telefoni KIRK 70 soddisfa le esigenze specifiche degli utenti che lavorano nel settore dell’healthcare, offrendo capacità di comunicazione e processi di lavoro perfetti e al tempo stesso migliori caratteristiche igieniche e di sicurezza. Polycom, leader mondiale nel settore della telepresenza e delle audio e videoconferenze, ancora una volta conferma la sua attenzione per soluzioni tecnologicamente avanzate dedicate ai mercati verticali come quello dell’healthcare, dell’industria, ecc.

Telefono KIRK 70 applicato nel settore dell’healthcare

Pelco La nuova dimensione della sicurezza integrata Integrare in un sistema di gestione uno dei marchi di riferimento della videosorveglianza non è mai stato così facile. La strategia commerciale e tecnologica Pelco è nata ed è proseguita con l’obiettivo preciso di offrire soluzioni aperte fortemente orientate all’integrazione con sistemi e piattaforme di terze parti. L’obiettivo di Pelco era non solo quello di diventare protagonista nell’industria della Videosorveglianza ma diventare partner tecnologico per l’intero comparto della Sicurezza e dell’Information Tecnology. La convergenza tra Sistemi di Sicurezza e Networking ha infatti accelerato l’affermazione di moderne piattaforme di integrazione nelle quali la videosorveglianza e gli altri sottosistemi interagiscono efficaciemente tra loro dando vita a soluzioni IP-based globali, flessibili ed affidabili. Progettare, sviluppare, installare, programmare e supportare impianti di questo tipo richiede un elevato livello di professionalità e Pelco, con la sua esperienza internazionale, vuole essere ancora una volta

Sarix ID con autoback focus ed analisi a bordo

ELMAT_3_2010.indd 6

Sarix IX con autoback focus ed analisi a bordo il Partner d’eccellenza al fianco dei propri clienti. L’ultima soluzione firmata Pelco è Sarix™, premiata per l’innovativa tecnologia che potenzia le tradizionali telecamere IP con risoluzione ad alta definizione, prestazioni avanzate in condizioni di bassa luminosità, elevata fedeltà dei colori e capacità di elaborazione estremamente rapida Completamente concepita e sviluppata da Pelco, la tecnologia Sarix è stata espressamente creata per i professionisti della sicurezza e dell’Information Technology. La piattaforma Sarix consente di superare le frontiere delle tradizionali telecamere IP fornendo immagini caratterizzate da imbattibili prestazioni in termini di sensibilità - risoluzione altadefinizione (HD) e definizione standard (SD) fedeltà cromatica con innovative prestazioni in condizioni di bassa luminosità (fino a 0,03 lux), funzionalità day/night e capacità di

elaborazione. Le telecamere mega-performance Sarix sono state concepite per ridurre i tempi ed i costi della messa in servizio. Incredibilmente facili da installare, anche grazie alla funzionalità di Back Focus Automatico, sono caratterizzate da un design moderno ed accattivante che si adatta anche agli ambienti più ricercati. Anche se l’Auto Back Focus é la funzionalitá che spicca per semplicitá di utilizzo, a bordo telecamera c’é tutto il necessario per rendere Sarix flessibile ad ogni contesto applicativo, come il connettore di servizio per attività di taratura, l’alimentazione 24Vca e PoE, lo Slot mini SD Card per registrazione locale ed una porta mini-USB alla quale si possono collegare dispositivi esterni come hard disk, illuminatori o microfoni per la gestione dell’audio. L’utilizzo della compressione allo standard H264 consente di massimizzare la qualità delle immagini e minimizzare la larghezza di banda richiesta per la trasmissione e la registrazione. Allo stesso tempo le compressioni MJPEG e MPEG-4 garantiscono la flessibilità nei confronti delle esigenze dei vari sistemi di gestione. La versione Extended Platform (EP) consente inoltre di attivare suites di analisi video senza compromettere le performance video. La tecnologia Sarix é la base di una piattaforma che comprende telecamere fisse tradizionali, soluzioni in custodia MiniDome da interno e Mini-Dome IP66 da esterno con requisiti antivandalo, per contesti a superficie, a controsoffitto o pendente. Pelco ha concentrato grandi risorse nello sviluppo di questa innovativa tecnologia per telecamere IP che supera molti dei limiti delle tradizionali Network Cameras. La tecnologia Sarix fornisce infatti nuove prestazioni anche relativamente alla connettività, come il Quality of Service (QoS) che permette all’utente di prioritizzare i dati video per garantire caratteristiche di larghezza di banda, latenza e perdita di pacchetti. Sarix supporta inoltre funzionalità di autenticazione di rete, come i protocolli SSL/TLS, per una comunicazione sicura nelle varie connessioni. Costruita su un’architettura aperta, la tecnologia Sarix consente la piena connettività alla telecamera ed all’analisi video attraverso una libera Application Programming Interface (API). Con questo formidabile strumento è possibile integrare nel sistema applicativo la gestione, visualizzazione e registrazione video di telecamere Sarix. In aggiunta, per semplificare ancor di piú i processi di integrazione Pelco non ha avuto dubbi in merito ai processi di standardizzazione. Membro fondatore di PSIA e utente del forum ONVIF, Pelco renderá disponibile entro fine anno la piattaforma Sarix (conforme alle specifiche PSIA ed ONVIF contemporaneamente). Sfruttando la potenza di calcolo di Sarix sará possibile gestire on-board sia le interfacce Web Service che i paradigmi REST, per raggiungere i massimi livelli di Soluzioni Sarix per il Retail interoperabilitá.

6-10-2010 0:19:21

w


7

w w w. e l m a t . c o m

CABLING

Sistema Hi-D di Tyco Electronics per il cable management Una nuova soluzione di cable management per il routing, l’organizzazione, la gestione dei cavi di rete e per la distribuzione dei servizi di connessione. In tempi di virtualizzazione, consolidamento, Green It e cloud computing, è inevitabile parlare di evoluzione del Data Center. Al centro dell’attenzione c’è infatti la nascita di un nuovo modello di Data Center dai requisiti ideali che possa ospitare enormi potenze di elaborazione in un ambiente integrato, virtualizzato, automatizzato, sicuro e a consumi ridotti di energia. Tutti i maggiori player Ict stanno mettendo in campo soluzioni e strategie per ridisegnare Data Center allineati alle nuove esigenze di risparmio energetico, migliore

Sistema AMP NETCONNECT Hi-D

gestibilità, integrazione, pay per use e sicurezza. Quando si parla di sistemi di cablaggio per Data Center, una delle maggiori sfide è permettere lo sviluppo e la crescita del Data Center senza incrementare lo spazio a pavimento, che è molto costoso. Per aumentare la densità di porte RJ45 per unità di superficie a pavimento dei sistemi di cablaggio strutturato, bisogna fare un confronto della maggior parte delle soluzioni disponibili di cable management. L’introduzione di prodotti elettronici ad alta densità di porte e con elevate esigenze di potenza d’alimentazione e necessità di drenaggio del calore generato, presenta agli utenti il problema di incrementare l’efficienza degli spazi occupati dal sistema di cablaggio. Queste problematiche si presentano sia negli impianti commerciali sia nella predisposizione e ristrutturazione di data center. Mentre non risulta eccessivamente c o m p l e s s o aumentare la densità di porte, al contrario assicurarne una facile ed agevole gestione

rappresenta una sfida importante. Il sistema Hi-D Connect Cable Management è stato sviluppato per superare questi problemi attraverso un design innovativo che permetta all’utente di incrementare la densità delle porte di connessione e capacità di gestione delle permutazioni di armadi 800x800, fino a 720 porte per facciata d’armadio. In linea con la necessità di fornire maggiori prestazioni in meno spazio all’interno dei Data Center, Tyco Electronics ha sviluppato una linea di prodotti per questi ambienti che rispondono agli obiettivi di progettazione di garantire prestazioni ad alta densità, migrazione senza soluzione di continuità e flessibilità. Il sistema Hi-D di Tyco Electronics è una soluzione di Un particolare del sistema di cable management cable management di nuova generazione per il routing, l’organizzazione, la manutenzione e la gestione dei cavi di permutazione che aumenta la densità mediamente del 35% e rende l’amministrazione e l’accesso del cavo più efficiente. Con l’aumento della velocità dei dati che transitano nei cavi, è richiesta una maggiore attenzione alla gestione dei cavi e ai raggi di curvatura che si creano durante l’amministrazione delle bretelle. Il cuore della struttura è il sistema di management AMP NETCONNECT Hi-D che guida le bretelle dal lato frontale verso i passaggi laterali che controllano i raggi di curvatura. Gli elementi di controllo delle curvature forniscono inoltre un sistema di contenimento e guida che assicura la massima flessibilità Con questo sistema, possiamo garantire la qualità del collegamento e nel contempo aumentare la densità di cavo per unità di superficie. La soluzione garantisce un migliore flusso d’aria nei rack e pavimenti sopraelevati, riduce il consumo di energia, offre un elevato rapporto prezzo/prestazioni in virtù di una facile manutenzione e la modularità dei componenti consente semplicità di progetto e integrazione in un’ampia gamma di applicazioni. Questo prodotto è dunque l’ideale per gli ambienti dei Data Center dove sono richieste alte densità e alte prestazioni. I prodotti AMP NETCONNECT Hi-D contribuiscono ad assicurare che i rack siano organizzati correttamente, dall’installazione iniziale fino all’ultima modifica o riconfigurazione (MAC).

AVM FRITZ!WLAN Repeater N/G

VOICE

m

Il piccolo ripetitore che amplifica il segnale wireless in un batter d’occhio AVM, produttore berlinese dei pluripremiati router FRITZ!Box Fon WLAN ha di recente annunciato il FRITZ!WLAN Repeater N/G, un dispositivo ideale per chi desidera amplificare il segnale della rete wireless nella propria abitazione o ufficio, estendendone la portata a zone distanti o stanze appartate dell’edificio, altri piani o giardini. Il FRITZ!WLAN Repeater N/G consente di superare in un batter d’occhio eventuali barriere architettoniche che ostacolano il segnale wireless. Studiato per una integrazione ottimale con i prodotti FRITZ!Box Fon WLAN, il FRITZ!WLAN Repeater N/G è compatibile con qualsiasi router wireless n/g attualmente sul mercato. Design compatto, throughput eccellente Il nuovo FRITZ!WLAN Repeater N/G non necessita né di cavi, né di specifici kit di montaggio, il dispositivo si inserisce direttamente in qualsiasi presa elettrica (230V) alla portata del segnale emesso dal router. La tecnologia MIMO (Multiple Input Multiple Output) integrata nel dispositivo garantisce un’amplificazione del segnale ed un throughput eccellenti in tutta la casa. Se collegato ad un FRITZ!Box Fon WLAN 7270 di AVM, il ripetitore si installa in modo totalmente automatico semplicemente premendo il display del dispositivo ed il tasto WLAN sul FRITZ!Box. La configurazione con router wireless di altri vendor risulta particolarmente intuitiva con il wizard d’installazione in dotazione.

ELMAT_3_2010.indd 7

Connessione immediata e sicura in ogni angolo dell’edificio Rispetto a soluzioni simili della concorrenza, il tipo di collegamento alla rete wireless instaurato dal FRITZ!WLAN Repeater N/G ha il vantaggio che l’utente non deve riconfigurare eventuali indirizzi IP o MAC dei dispositivi presenti in rete, poiché il ripetitore si comporta come un tradizionale WLAN client, adeguandosi perfettamente a qualunque cifratura (per esempio WPA o WPA2) in uso sull’access point al quale si collega. La password immessa durante l’installazione impedirà inoltre a terzi non autorizzati di loggarsi sul dispositivo. Green WLAN AVM riserva sempre una particolare attenzione al “green IT”, anche il FRITZ!WLAN Repeater N/G ne è un esempio: In assenza di client (PC, notebook) che accedono alla rete tramite il FRITZ!WLAN Repeater N/G, esso riduce automaticamente la potenza del segnale al minimo. Qualora sia collegato ad un FRITZ!Box, il FRITZ!WLAN Repeater N/G consente altresì di impostare un timer per l’attivazione o disattivazione della WLAN, onde ridurre - ad esempio – l’emissione di onde e quindi il consumo elettrico durante la notte.

giornamenti gratuiti contengono nuove funzioni aggiuntive, di cui l’utente può fruire immediatamente. Acquistando oggi un prodotto FRITZ!, l’utente beneficia anche a distanza di anni della tecnologia allo stato dell’arte made in Germany! .. da non dimenticare .. Una funzione che rende il FRITZ!WLAN Repeater N/G unico nel suo genere è la possibilità di inviare file audio a qualsiasi impianto hi-fi o radio tradizionale alla portata del segnale del ripetitore. Sarà quindi possibile ascoltare sul proprio stereo i file MP3 archiviati su un computer presente in rete o su un NAS, come anche le stazioni radio internet. A tale scopo è sufficiente collegare l’impianto stereo al FRITZ!WLAN Repeater N/G attraverso l’uscita audio analogica o digitale integrate nel dispositivo. Lo streaming audio verso le tradizionali radio FM può essere attivato installando sul PC un’applicazione FRITZ! che genera automaticamente un ponte audio per la trasmissione di musica attraverso il ripetitore. Per ulteriori informazioni consultare http://www.fritzbox.eu/it

FRITZ!WLAN Repeater N/G amplifica il segnale wireless in casa o in ufficio

Un ripetitore a prova di futuro Come per tutti i prodotti FRITZ! anche il software del FRITZ!WLAN Repeater N/G viene costantemente aggiornato. Oltre ad eventuali correzioni, tali ag-

6-10-2010 0:19:24


ELMAT_3_2010.indd 8

6-10-2010 0:19:27


Newspaper n.3 2010