Page 1

HEARST INTERNATIONAL MAGAZINE OF THE YEAR

Ottobre 2018 Anno 29 n. 10 Mensile Poste Italiane S.p.A. Sped. in A.P. - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n°46) art.1, comma 1, DCB Milano

IBIZA Architettura e stile in una villa firmata Patricia Urquiola L’ORIENTE A MILANO In mostra il nostro Elle Decor Grand Hotel by Neri&Hu A TEL AVIV Piero Lissoni disegna una residenza fatta di spazio e luce TENDENZE DESIGN Novità e riedizioni per una casa a tutto colore BAGNO 2018 La stanza dell’acqua cambia look

Magazine internazionale di design e tendenze arredamento e stili di vita architettura e arte English text

INTERIORD’AUTORE


Hearst Magazines Italia S.p.A. via R. Bracco 6, 20159 Milano - Tel. 02.6619.1

Direttore responsabile

Livia Peraldo Matton lperaldo@hearst.it Caporedattore centrale Filippo Romeo — fromeo@hearst.it Consulente alla direzione Rosaria Zucconi (interni e travel) — rzucconi@hearst.it Direttore artistico Valeria Settembre — vsettembre@hearst.it Redazione Francesca Benedetto (interni, travel, people) — fbenedetto@hearst.it Tamara Bianchini — tbianchini@hearst.it Murielle Bortolotto — mbortolotto@hearst.it Paola Carimati (design e tendenze) — pcarimati@hearst.it Valentina Raggi — vraggi@hearst.it Redazione grafica Mariapia Coppin (vice caporedattore) — mcoppin@hearst.it Elena Santangelo (caposervizio) — esantangelo@hearst.it Carlo D’Amico (impaginazione) — cdamico@hearst.it Photoeditor Vivetta Rozza — vrozza@hearst.it Segreteria Elena Contardi (direzione, amministrazione) — econtardi@hearst.it Roberta Salvioni (redazione, produzione) — rsalvioni@hearst.it Collaboratori Piera Belloni, Chiara Di Pinto, Flavia Giorgi, Arianna Lelli Mami, Laura Maggi, Costanza Manzoni, Francesca Molteni, Kristina Raderschad, Studiopepe, TDR Translation Company, Doriana Torriero Fotografi Settimio Benedusi, Federico Cedrone, Andrea Ferrari, Amit Geron, Jutta Goessl, Sabrina Rothe, Alberto Strada, Max Zambelli Progetto grafico Designwork Digital Francesco Magnocavallo (Digital Editorial Director) – fmagnocavallo@hearst.it Luca Lanzoni (Digital Fashion Director) – llanzoni@hearst.it elledecor.it Alessandro Valenti (Digital Director) – webmanager@hearst.it Carlotta Marelli – cmarelli@hearst.ch Direzione, redazione e amministrazione via R. Bracco 6, 20159 Milano, tel. 02.6619.3375 — 02.6619.2774, fax 02.6619.3862 e-mail segreteria di redazione: econtardi@hearst.it — rsalvioni@hearst.it Direttore responsabile: Livia Peraldo Matton Editore Hearst Magazines Italia S.p.A., via R. Bracco 6, 20159 Milano Registrazione presso il Tribunale di Milano n. 46 del 18 gennaio 1990 Elle Decoration Network 25 Edizioni Internazionali CHINA — CROATIA — DENMARK — FRANCE — GERMANY — GREECE HOLLAND — INDIA — INDONESIA — ITALY — JAPAN — KOREA — MEXICO MIDDLE EAST — PHILIPPINES — POLAND — RUSSIA — SOUTH AFRICA SPAIN — SWEDEN — TAIWAN — THAILAND — TURKEY — UK — USA ELLE DECOR ITALIA ISSN 1120-4400 is published 10 times per year (except January and August) by HEARST MAGAZINES ITALIA SPA via R. Bracco 6, 20159 Milano - Italia


Hearst Magazines Italia Spa via R. Bracco 6, 20159 Milano - tel. 02 6619 1

PUBLISHING DIRECTOR DECORATION BRANDS Roberta Battocchio, rbattocchio@hearst.it SENIOR BRAND MANAGER Francesca Scarpelli, fscarpelli@hearst.it BRAND MANAGER Luana Bescapè, lbescape@hearst.it ELLE DECOR® è un marchio di Hachette Filipacchi Presse (H.F.P.) e una testata di Hearst Magazines Italia S.p.A. Tutti i diritti riservati ©HEARST MAGAZINES ITALIA SPA P. IVA 12212110154 - via Roberto Bracco 6 - 20159 Milano - Italy HEARST MAGAZINES ITALIA SPA pubblica: Gente, Gente Enigmistica, Enigmistica Mese Gente, Gente Puzzle, Gente Speciali, Gioia!, gioia.it, Cosmopolitan, cosmopolitan.it, Elle, Elle Gourmet, Elle Kids, Elle Sfilate, Elle Spose, Elle Spose Collezioni, Very Elle Beauty & Fit, Very Elle Shopping Accessori, elle.it, Elle Decor Italia, elledecor.it HMC ITALIA SRL pubblica: Marie Claire, Marie Claire 2 Bellezza, Marie Claire Bis Sfilate, Marie Claire Enfants, Marie Claire #Likes, Marie Claire Maison, marieclaire.it GLOBAL DECORATION BUSINESS UNIT DIRETTORE GENERALE Roberta Battocchio, rbattocchio@hearst.it DIRETTORE COMMERCIALE Enrico Vecchi, evecchi@hearst.it DIRETTORE PROGETTI SPECIALI Alessandro Saibene, asaibene@hearst.it COORDINAMENTO EDIZIONI INTERNAZIONALI Alessandra Bandini, abandini@hearst.it COORDINAMENTO DIGITAL & NEW BUSINESS Alessandro Tota, webarredo@hearst.it COORDINAMENTO ITALIA Marta Pancin, mpancin@hearst.it ADVERTISING ITALIA DIRETTORE GENERALE Marco Cancelliere, mcancelliere@hearst.it DIRETTORE COMMERCIALE MODA Roberta Gamba, rgamba@hearst.it DIRETTORE COMMERCIALE BEAUTY & PHARMA Claudio Brenna, cbrenna@hearst.it DIRETTORE COMMERCIALE GRANDI MERCATI E CENTRI MEDIA Alberto Vecchione, avecchione@hearst.it LOMBARDIA MODA + ESTERO DIRETTORE VENDITE Simone Silvestri, ssilvestri@hearst.it TRIVENETO E MANTOVA DIRETTORE VENDITE Massimiliano Fusi, mfusi@hearst.it. EMILIA ROMAGNA, MARCHE, ABRUZZO E MOLISE DIRETTORE VENDITE Sisto Casalini, scasalini@hearst.it CENTRO SUD DIRETTORE VENDITE Massimo Scirocco, mscirocco@hearst.it PIEMONTE, LIGURIA E VALLE D’AOSTA Adv SpazioErre Srl - Andrea Ravetta, a.ravetta@advspazioerre.it GRANDI MERCATI LOMBARDIA AGENTE COORDINATORE Daniel Davide, davideagenpubb@hearst.it INTERNATIONAL ADVERTISING Robert Schoenmaker - Tel. 02/6269.4441 HEARST MAGAZINES INTERNATIONAL Kim St. Clair Bodden (Senior Vice President, Editorial Director) HEARST MAGAZINES ITALIA SPA Troy Young (Presidente) Giacomo Moletto (Amministratore Delegato e Direttore Generale) Simon Horne, Marcello Sorrentino, Debi Chirichella (Amministratori) TRADEMARK NOTICE Elle® and Elle Decor™ are used under license from the trademark owner, Hachette Filipacchi Presse LAGARDÉRE ACTIVE Denis Olivennes (Chairman and CEO Lagardère Active) Constance Benqué (CEO ELLE France & International) François Coruzzi (CEO ELLE International Media Licenses) Sylvie De Chirée (Brand Management of Elle Decoration) Valéria Bessolo Llopiz (SVP/International Director of ELLE & Elle Decoration) Mickael Berret (SVP/Director of International Media Licenses, Digital Development & Syndication) Linda Bergmark (Editorial Executive of Elle Decoration) Flora Régibier (Marketing Executive of Elle Decoration) Audrey Schneuwly (Syndication Coordinator) INTERNATIONAL AD SALES HOUSE: LAGARDÈRE GLOBAL ADVERTISING François Coruzzi (CEO) Stéphanie Delattre (SVP/International Advertising, stephanie.delattre@Lagardere-Active.com) STAMPA E DISTRIBUZIONE NIIAG - viale Zanica 92 - 24126 Bergamo Per l’Italia: m-Dis Distribuzione Media S.p.A. - via Cazzaniga 19 - 20132 Milano - Tel. 02/2582 .1 Per l’estero: Johnsons International News Italia Srl - via Valparaiso 4 - 20144 Milano Tel. 02/43982263 - Fax 02/43976430 E-mail: info@johnsons.it. A causa di restrizioni doganali i gadget non vengono spediti in tutti i Paesi


Hearst Magazines Italia Spa via R. Bracco 6, 20159 Milano - tel. 02 6619 1

ELLE DECORATION CINA Room 2302, n. 193 Fu Jian Road (c) Shanghai P.R.C. ELLE DECORATION CROAZIA Radnicka Cesta 39 10000 Zagreb ELLE DECORATION DANIMARCA Aller Media A/S Postbox 420 DK-0900 København C ELLE DECORATION FILIPPINE Summit Media 6th Floor Robinsons Cybergate Tower 3, Robinsons Pioneer Complex, Pioneer St.Mandaluyong City, Manila, Philippines 1550 ELLE DECORATION FRANCIA 149, rue Anatole France, 92534 Levallois-Perret ELLE DECORATION GERMANIA Arabellastrasse 23, 81925 Munich ELLE DECOR GIAPPONE Minami-aoyama Tokyu Bldg 3-8-38 Minami-Aoyama Minato-ku Tokyo 107-0062 ELLE DECORATION GRECIA 5 Benaki Street 152 38 Chalandri ELLE DECOR INDIA 201, Nirman Kendra Off Dr E Moses Road Famous Studio Lane Mahalaxmi, Mumbai 400 011 ELLE DECORATION INDONESIA Grand Wijaya Center Jl Wijaya II No. E16-17, Jakarta 12160 ELLE DECORATION KOREA Hearst Joongang 5F, Contentree Bldg, 6-13 Nonhyundong, Gangnam-gu Seoul ELLE DECORATION MESSICO Grupo Expansion Av. Constituyentes 956 Col. Lomas Altas CP 11950, Mexico Df. ELLE DECORATION MIDDLE EAST Mantra Communications, Saint Joseph Street, Irani Building, 2nd Floor, 99 999 Achrafieh, Monot, Beirut, Lebanon ELLE DECORATION OLANDA Singel 468 1017 AW Amsterdam ELLE DECORATION POLONIA UL. Warecka 11A 00-034 Warszawa ELLE DECORATION RUSSIA 31 B Shabolovka str Entrance 6 Moscou 115162 ELLE DECOR SPAGNA C/Cardenal Herrera Oria 3 - 28034 Madrid ELLE DECORATION SUDAFRICA 105-107 Hatfield Street (Picasso building) Gardens, Cape Town 8001 ELLE DECORATION SVEZIA Box 27 706 115 91 Stockholm ELLE DECORATION THAILANDIA 7th Floor, Bangkok Post Building 136 Sunthomkosa Road Klong Toey Bangkok 10110 ELLE DECORATION TAIWAN Hearst Magazines Taiwan, 8F, No 90, Sec. 1, Jian Guo N. Road, Taipei 10491 ELLE DECOR TURCHIA Hurriyet Medya Towers 34212 Gunesli - Istanbul ELLE DECORATION UK 72 Broadwick Street, London W1F 9EP ELLE DECOR USA 300 West 57th Street, Floor 28, New York, NY 10019. In Canada i marchi ELLE (denominazione e logo) sono di proprietà di France Canada Editions e Publications Inc. INTERNATIONAL COMMERCIAL NETWORK: INTERNATIONAL COMMERCIAL DIRECTOR Nelly STREICHENBERGER - Mail: nelly.streichenberger@lagardere-active.com; LAGARDÈRE GLOBAL ADVERTISING, 124 rue Danton, 92300 Levallois- Perret, France. CANADA: Françoise CHALIFOUR - Mail: francoise.chalifour@publicitas.com CINA: Wendy LIN - Mail: wendy. lin@publicitas.com.cn COREA: Jung-Won SUH - Mail: sinsegi-2@sinsegimedia.info FRANCIA E BELGIO: Philippe LEONARD - Mail: philippe.leonard@lagardere-active.com GERMANIA: Vanessa NÖTZEL - Mail: vanessa.noetzel@burda.com GIAPPONE: Mayumi KAI - Mail: kai-pbi@ gol.com GRECIA: Costis FRONIMOS - Mail: c.fronimos@global-media.gr INDIA: Rachna GULATI - Mail: rachna. gulati@publicitas.com ITALIA: Robert SCHOENMAKER - Mail: rschoenmaker@hearst.it MALESIA: Audrey CHEONG - Mail: audrey.cheong@publicitas.com OLANDA: Peter LANDSHEERE - Mail: peter. landsheere@publicitas.com SCANDINAVIA: Karin SÖDERSTEN - Mail: karin.sodersten@aller.se SPAGNA: Melinda SNIDER - Mail: msnider@hearst.es REGNO UNITO: Victoria JACOB LUCK - Mail: victoria. luck@hearst.co.uk STATI UNITI: Olivier BERTON - Mail: olivier.berton@publicitas.com THAILANDIA: Steven FONG - Mail: steven.fong@publicitas.com TURCHIA: Emin Tan BILGE - Mail: tanbilge@medialdt.com.tr ABBONAMENTI: Per informazioni contattare il Servizio Clienti Hearst Magazines Italia S.p.A. Ufficio Abbonamenti - c/o CMP BRESCIA - 25126 Brescia (BS) - E-mail: abbonamenti@hearst.it Fax 030.777.2387 - Telefono dall’Italia 199.11.55.44; dall’estero 0039.02.86.89.61.72. Servizio attivo dal lunedì al venerdì dalle h 09.00 alle h 19.00; il costo della chiamata nazionale da telefono fisso è di € 0,12 al minuto + IVA, senza scatto alla risposta. Per chiamate dal cellulare i costi sono legati all’operatore utilizzato. Gestione operativa: Press-di Abbonamenti S.p.A., via Mondadori 1, 20090 Segrate (MI). L’abbonamento partirà dal primo numero raggiungibile. Per il rinnovo attendere l’avviso di scadenza. ARRETRATI: Per avere informazioni o per sottoscrivere/rinnovare un abbonamento visita il nostro sito www.abbonationline.it oppure puoi contattare il Servizio Clienti Hearst Magazines Italia Spa tramite: E-MAIL: abbonamenti@hearst.it; TELEFONO: dall’Italia 199.11.55.44 - dall’estero 0039.02.86.89.61.72 (servizio attivo dal lunedì al venerdì dalle h 09.00 alle h 19.00, il costo della chiamata nazionale da telefono fisso è di € 0,12 al minuto + IVA, senza scatto alla risposta e per chiamate dal cellulare i costi sono legati all’operatore utilizzato); POSTA: Servizio Clienti Hearst Magazines Italia Spa - Ufficio Abbonamenti c/o CMP BRESCIA – 25126 Brescia (BS). Gestione operativa: Press-di Abbonamenti S.p.A., Via Mondadori, 1 - 20090 Segrate (MI). L’abbonamento partirà dal primo numero raggiungibile.

FEDERAZIONE ITALIANA EDITORI GIORNALI

ISSN 1120-4400

ACCERTAMENTI DIFFUSIONE STAMPA CERTIFICATO ADS 8412 DEL 21/12/2017


n. 10—2018

99

138 186 ATTUALITÀ+CULTURA 34 Elledecor.it Contenuti digitali del mese anche su Facebook e Instagram 37 Password Interior d’autore. Firmati dai maestri di ieri e di oggi 38 Crossing Il cosmo, nuova frontiera del progetto globale 64 Eventi Per la sua terza edizione, Elle Decor Grand Hotel presenta un progetto-installazione esclusivo, firmato Neri & Hu

107 Arte La prima personale italiana di Leonor Antunes, al Pirelli HangarBicocca 233 n.b. Le mostre e gli appuntamenti da non perdere questo mese DESIGN+ARCHITETTURA 73 In mostra/1 A Parigi, il Musée des Arts Décoratifs celebra Gio Ponti 81 In mostra/2 Alla Triennale di Milano, antologica di Achille Castiglioni

111 Art design L’installazione di Raw Edges alla Galleria Matter of Stuff di Londra 209 Inside design Materiali, finiture, kitchen, nuovi progetti domestici 219 Inside design book Rubinetti, rivestimenti, docce, vasche: il bagno cambia look STILE+DECOR

91 Elle Decor incontra/1 Ospiti di Brunello Cucinelli nel suo borgo-quartier generale in Umbria 99 Elle Decor incontra/2 Uno showroom d’atmosfera per la moda di Carolina Castiglioni 127 Green A Milano, lo stile minimal di un flower shop di tendenza 133 Concept Quando la palestra dà lezione di stile

51 Decorscouting Curiosità, address, mobili, oggetti: tutto da scoprire

31

ELLE DECOR


Ottobre

198

64 Cover TRAVEL+FOOD

INTERNI

118 Tendenze Il caffè si fa passione collettiva. E rilancia la torrefazione caffetteria, in versione deluxe 138 Itinerario Scoprire Düsseldorf lungo il corso del Reno. Un nuovo scenario per l’architettura contemporanea

158 Ibiza L’archetipo della casa rurale isolana nella rilettura di Patricia Urquiola 168 Tel Aviv Spazi fluidi immersi nel paesaggio: abitare nel futuro secondo Piero Lissoni 178 Pop up Nel gioco di scenari effimeri, pezzi nuovi e riedizioni sfoggiano tonalità ultra strong

32

ELLE DECOR

186 Milano Icone del design e i colori di Le Corbusier nella residenza dei creativi Tiziano Vudafieri e Catherine Vautrin 198 Roma Il verde e il cemento protagonisti di una abitazione dal tocco metropolitano 235 English text Servizio a pagina158. Di Rosaria Zucconi Foto di Andrea Ferrari


elledecor.it Elle Decor Italia è anche sul web, in una versione totalmente rinnovata, con news, video, gallery, focus e reportage in tempo reale

L’arte del progetto Sull’isola croata di Krk, la cubista Gumno House dello studio Turato Architecture. Una villa con volumi a incastro in cemento bianco, vetro e pietra locale. E grande terrazza con piscina a sfioro sulla baia.

HEARST INTERNATIONAL MAGAZINE OF THE YEAR

IBIZA Architettura e stile in una villa firmata Patricia Urquiola L’ORIENTE A MILANO In mostra il nostro Elle Decor Grand Hotel by Neri&Hu A TEL AVIV Piero Lissoni disegna una residenza fatta di spazio e luce TENDENZE DESIGN Novità e riedizioni per una casa a tutto colore BAGNO 2018 La stanza dell’acqua cambia look

English text

INTERIORD’AUTORE

DIGITAL EDITION Puoi sfogliare Elle Decor Italia anche su tablet, smartphone e dispositivi kindle fire. Disponibile su app store, google play e amazon app-shop anche in versione full English

Instagram Il fenomeno dei progetti Instafriendly: interni e architetture studiati per ottenere ‘like’. La spiazzante installazione ‘Dazzle’ di Creative Studio al V&A di Londra. A Los Angeles, il colorato concept di scuola sicura di Brooks + Scarpa.

Extra su elledecor.it Un’apposita grafica segnala i contenuti speciali. Segui il simbolo + alla fine degli articoli

34

ELLE DECOR

Foto Sandro Lendler, Ivan Doroti - © David Parry / Royal Academy of Arts

Facebook La grande mostra alla Royal Academy of Arts di Londra. ‘Renzo Piano: The Art of Making Buildings’, summa di progetti dell’architetto nostrano, con video e foto d’autore.

Magazine internazionale di design e tendenze arredamento e stili di vita architettura e arte


PASSWORD

10.18 [Interior d’autore]

Grandi nomi del design, stelle del progetto. Sono i protagonisti di questo numero, dedicato all’evoluzione dei modi di abitare e di vivere, in Italia e nel mondo. E a una ricerca di stile, di spazio, di materiali e di atmosfere, che si traduce nel linguaggio personalissimo di firme italiane e internazionali. Lo scopriamo visitando la villa fatta di volumi articolati tra loro, e aperti al paesaggio di Ibiza, che Patricia Urquiola ha disegnato con il suo carattere inconfondibile. Assimilando l’identità della tradizione locale per rielaborarla in forme e dettagli di nuova concezione. E lo raccontiamo entrando nella residenza fatta di ambienti calibrati, aperti al sole di Tel Aviv, che Piero Lissoni ha progettato con il suo segno unico. Catturando l’energia e il calore del Medioriente per trasformarli in una sequenza architettonica inedita che gioca sull’alternanza di luci e ombre. Da qui torniamo a Milano per invitarvi al nostro Elle Decor Grand Hotel, in mostra a Palazzo Morando fino al 21/10. Un progetto, alla sua terza edizione, che esplora attraverso il linguaggio dello studio di Shanghai Neri&Hu i nuovi codici dell’hotellerie. In un viaggio nel mondo dell’ospitalità che da sempre attira la nostra attenzione. E che, quest’anno, aspira a stabilire un dialogo, emotivo e culturale, tra Oriente e Occidente. 37

ELLE DECOR


CROSSING

Render Bjarke Ingels Group

BIG — “Un nuovo pianeta, un mirino per viaggiatori o un’enorme palla da discoteca” dice lo studio danese ‘The Orb’, la sfera riflettente e sospesa su un traliccio, realizzata allo scorso Burning Man Festival in Nevada. Pagina accanto, un interno immaginato della Mars Research City, progetto sempre di BIG pensato a Dubai. big.dk +elledecor.it


Progetti I big dell’architettura, del cinema, della scienza e della moda si preparano ai (nostri) imminenti viaggi cosmici. Non è più futuro, è domani di Valentina Raggi

Render Bjarke Ingels Group

spaziali

39

ELLE DECOR


CROSSING

Philippe Starck — L’agenzia Axiom Space lancerà dal 2022 la prima stazione spaziale per viaggi turistici. La navicella ha interni firmati dal progettista francese. “Ricrea un confortevole uovo con pareti soffici e un design in armonia con i movimenti del corpo in assenza di gravità”, spiega Starck. axiomspace.com +elledecor.it

Tom Dixon — In versione astronauta nell’ironica locandina di ‘Electroanalogue’, collettiva di installazioni che indagano l’impatto delle nuove tecnologie digitali esposta in occasione dello scorso London Design Festival a Coal Office, i nuovi headquarters del designer inglese a King’s Cross. tomdixon.net +elledecor.it

Mars Research City — Lo studio danese di Bjarke Ingels, all’interno del progetto Mars 2117 lanciato dal governo degli Emirati Arabi Uniti, ha progettato una base di ricerca per cupole geodetiche compatibili con l’atmosfera di Marte, per riuscire a ricreare il nostro ecosistema sul pianeta rosso. La struttura dovrebbe essere costruita a Dubai. big.dk 40

ELLE DECOR

Render Bjarke Ingels Group

David/Nicolas — Il duo libanese è alla Carpenters Workshop Gallery di Parigi con la mostra ‘Supernova’. Per i colori e le texture delle nuove serie Monocle e Constellation (cabinet e tavoli) l’ispirazione è una stella esplosa da cui ne nascono nuove. Rimando anche a Beirut, che rinasce ogni volta dalle macerie. Fino al 6/10. carpentersworkshopgallery.com


CROSSING

Ingleby Gallery — Per i 50 anni di ‘2001: Odissea nello spazio’ e della prima foto scattata alla Terra dall’Apollo 8, la galleria di Edimburgo ospita una collettiva sul tema. In foto, un’opera dell’artista franco-inglese Marine Hugonnier realizzata con le prime pagine dei giornali del ’69 dedicate allo sbarco sulla Luna. Fino al 20/10. inglebygallery.com

Martian Flag Assembly — Ospitata al centro di ricerca Space10 di Copenhagen la scorsa estate, è una collettiva di giovani creativi chiamati a ideare una possibile bandiera dell’umanità da apporre su Marte. In foto, quella dei londinesi Builders Club, con un sottile pannello solare sulla superficie per illuminarsi di notte. martianflagassembly.com

Norman Foster — Pioniere della ‘space architecture’, dal 2013, con questo progetto di casa stampata in 3D sulla Luna per l’ESA, l’architetto inglese oggi collabora con la NASA e numerosi altri centri di ricerca spaziale. fosterandpartners.com

42

ELLE DECOR

Foto Julien de Rosa/Stringer/Getty Images - ©Foster + Partners - Tom Nolan, courtesy the Artists and Ingleby, Edinburgh

Iris van Herpen — La stilista olandese, in collaborazione con il duo di artisti/designer Studio Drift, con la Haute Couture FW 2018 ‘Syntopia’ indaga il tema del volo, di uccelli e di futuristiche aviazioni. In foto, la maschera è fatta di spicchi trasparenti che moltiplicano il volto della modella riprendendo le fasi lunari. irisvanherpen.com


CROSSING

Estetica e progettualità. Desiderio di partire per salvare il nostro pianeta e appelli contro l’inquinamento dello spazio. Il cosmo è un ideale (e prossimo) paesaggio umano

@the_invisible_realm

Felipe Posada — Con il suo studio newyorkese Invisible Realm, il visual artist colombiano del ‘futurismo rétro’ (in foto l’opera ‘Lone Voyager’) vanta progetti con Louis Vuitton e la band Walk the Moon, tra i vari. “Esiste una profonda connessione tra la vastità dell’universo e la profondità dell’anima. Penso che il tessuto che crea il cosmo sia lo stesso di cui siamo fatti... quindi siamo letteralmente fatti di stelle”, ci spiega. theinvisiblerealm.com

44

ELLE DECOR


CROSSING Ikea — Per case micro o navicelle spaziali, la linea Rumtid è stata disegnata dopo soggiorni nei capsule hotel di Tokyo e alla Mars Desert Research Station in Utah. Materiali iperleggeri per un set che va dal purificatore d’aria al mobile fai da te (in foto). In vendita dal 2020 in limited edition. ikea.com +elledecor.it

Daan Roosegaarde — Giovane talento del social design, l’olandese, in collaborazione con ESA e NASA, inaugura ‘Space Waste Lab’, performance sul riciclo dei rifiuti spaziali (oltre 29mila parti di satelliti e rocce inquinanti, in foto un cumulo). Al KAF di Almere, fino al 19/1/2019. studioroosegaarde.net

Space Needle — Icona dello skyline di Seattle, la torre denominata ‘ago spaziale’ e costruita da John Graham nel 1962 è stata appena restaurata dallo studio locale Olson Kundig. Con pareti e pavimenti in vetro hi-tech nelle zone dell’osservatorio a 360° e nel ristorante rotante sulla cima. spaceneedle.com, olsonkundig.com L.G.

46

ELLE DECOR

Studio Roosegaarde - Getty Images

Moschino — Si spinge fino al paranormale Jeremy Scott per la collezione FW 2018 intitolata ‘Stars from the Stars’. Modelle extraterrestri in abiti d’ispirazione vintage per ripercorrere, a velocità supersonica, il meglio della storia della moda. moschino.com


CROSSING

Mezzo secolo fa la conquista della Luna, la nascita della NASA, il cinema futuristico di Kubrick. Oggi tutti tornano a desiderare le stelle

Heron Preston — Poliedrico e impegnato enfant prodige americano, aggiunge alla sua collezione FW 2018 una capsule in collaborazione con la NASA. Si chiama ‘1990’ in memoria del primo logo qui riutilizzato e si compone di capi streetwear e accessori ispirati agli astronauti. heronpreston.com

48

ELLE DECOR

“Se vogliamo tornare sulla Luna, questa volta dobbiamo farlo con un’architettura permanente”, dice il neo amministratore della NASA Jim Bridenstine. Non si tratta di un desiderio, ma di una constatazione. Siamo in partenza per lo spazio. “Le migliori menti al mondo si stanno focalizzando sulla ricerca interplanetaria”, parola di Philippe Starck, che ci racconta gli interni dell’astronave disegnata per Axiom Space, società americana pronta a lanciare viaggi turistici nel cosmo nel 2022. “Per le mie passioni, è un progetto dei sogni. Ma che sia uno spazzolino da denti o un hotel volante il mio approccio non cambia, penso al beneficio delle persone che li utilizzeranno. Solo che stavolta c’è stato un fattore totalmente inedito: l’assenza di gravità”. Stessa passione ha Norman Foster, che da anni ha il dipartimento Space Architecture nello studio, con concept di edifici e robot per vivere su altri pianeti e progetti realizzati come il centro di ricerca spaziale Spaceport America in New Mexico. Non è da meno lo studio BIG, che firma l’Hyperloop One per SpaceX – società di veicoli spaziali di Elon Musk – una capsula per trasportare passeggeri alla velocità supersonica di 1.100 km/h lievitando a propulsione dentro tubi-autostrada su terra: presentato anche alla Biennale Architettura di Venezia, sta riscuotendo interesse planetario con future realizzazioni dichiarate in Emirati Arabi, Spagna, Germania e Olanda. Il team sta anche progettando a Dubai la Mars Research City, hub di architetture sperimentali per insediarsi sul pianeta rosso. ”Abbiamo tentato di esplorare l’aspetto di un vernacolare marziano. Progettando a bassa gravità, bassa pressione, freddo estremo e alti livelli di radiazioni, cambia radicalmente il kit di strumenti dell’architetto, dunque le forme e gli spazi”, dice Bjarke Ingels. Per una serie di (cosmiche) congiunture, ricorrono i 60 anni di fondazione della NASA e i 50 anni di ‘2001: Odissea nello spazio’ di Kubrick. Ma anche della fotografia considerata la più influente di tutti i tempi, la prima scattata alla Terra dallo spazio sull’Apollo 8. Nel 2019 sarà mezzo secolo dal primo sbarco sulla Luna e ora gli scenari più fantascientifici sembrano velocemente concretizzarsi. Tutti tornano a guardare le stelle. Il biopic su Neil Armstrong ‘First Man’di Damien Chazelle ha inaugurato la Mostra del Cinema di Venezia. Alle recenti sfilate, tra i molti esempi, Louis Vuitton ha scelto una passerella a forma di navicella Enterprise per la FW18 al Louvre e Moschino, invece, modelle marziane. Nel design, la Milano Design Week ha esploso il tema. Emblematici sono stati l’installazione ‘Driade Moon Mission’, con sedute icona rivisitate per essere realizzate in 3D sulla Luna. E la mostra ‘Space&interiors’ di arredi e materiali per la vita su Marte curata da Stefano Boeri, che studia colonie di boschi verticali su quel pianeta nell’ottica di una “migrazione climatica” dell’uomo dovuta al surriscaldamento terrestre. Opinione simile a quella di Jeff Bezos, che alla scorsa International Space Development Conference di Los Angeles ha sostenuto il futuro spostamento dell’industria pesante su altri pianeti per salvare la Terra. Il patron di Amazon ha fondato anche Blue Origin, società di veicoli spaziali, tra cui il New Shepard che potrebbe partire già a fine anno. Per chi vuole cominciare a prepararsi al viaggio, basta scaricare la app di Space Nation: realizzata con la NASA, è un training per astronauti dilettanti. Pronti al lancio? —


La nuova decorazione. Negli interni, nella moda e nell’arte. Dal tappeto che sembra un affresco ai tessuti più creativi a cura di Murielle Bortolotto

Foto Ambroise Tézenas

L’enfant prodige dei pattern è il francese Pierre-Marie Agin, classe 1982. Estroso disegnatore che da piccolo sognava di lavorare per Walt Disney e invece collabora con Hermès, Nilufar, Issey Miyake oltre ad aver ideato la locandina del film di Luca Guadagnino ‘A Bigger Splash’. Si definisce Artistornamentalist e la sua cifra stilistica è composta da nastri intrecciati, colori, disegni volontariamente barocchi immersi in influenze esotiche. Un mondo da scoprire nella galleria che porta il suo nome e che ha da poco inaugurato in Rue Victor Massé 7 a Parigi. pierremarie.fr

51

ELLE DECOR


DECORSCOUTING

Configurazioni inedite fatte di moduli componibili. Musa, la mensola disegnata da Alessandro D’Angeli per Mogg, ha linee metalliche in versione oro o nel più classico nero che creano piani e definiscono nicchie per i libri cult. mogg.it

Ipergrafismo su tinte brillanti per i capi coordinati di Ji Won Choi. Talento cinese della moda, vincitrice di due premi nel 2017 e oggi del Ones to Watch Award 2018 dedicato ai creativi più meritevoli. jiwchoi.com

Classic sparkling Da scegliere anche in versione dinner i tavolini Mezcla con top e base in materiali ultrasofisticati: legno, travertino o marmo su uno stelo in metallo lucido. Un’idea del designer spagnolo Jaime Hayon per &Tradition. andtradition.com

52

ELLE DECOR


DECORSCOUTING

Capolavori d’arte in versione tessile. Succede con Nodus Rug, grazie alla creatività della designer Alessandra Baldereschi che rilegge digitalmente ‘Gloria d’angeli’, la tela di Giandomenico Tiepolo, e la riporta su un tappeto. In lana tuftato a mano in India, cm 233x249. nodusrug.it

Building plissettato. La Maison Chanel ha una nuova boutique a Istanbul, in Bagdat street, progettata dall’archistar Peter Marino. Un edificio di cinque piani che racchiude tutta l’eleganza del brand francese e che appare all’esterno come un cubo galleggiante, dinamico. La facciata composta da lamelle in marmo bianco rimanda a un tessuto pieghettato. Très chic. chanel.com, petermarinoarchitect.com

54

ELLE DECOR

Foto Olivier Saillant, courtesy of Chanel

Quindici caraffe scultoree, sinuose in edizione limitata, plasmate da Aldo Bakker in collaborazione con la viennese Wiener Silber Manufactur sbarcano a New York. Fino al 27/11 presso Les Ateliers Courbet. ateliercourbet.com


DECORSCOUTING

Sound art. “Tranne una tv di Bang & Olufsen, non avevo altre tecnologie in vista a casa. E d’improvviso proprio quel brand mi invita a disegnare uno speaker!”, racconta Michael Anastassiades di Beosound Edge. “Una forma senza tempo, misteriosa e ironica nella quale il volume si regola facendola rotolare”. Wireless, dotato dell’innovativo Active Bass Port e di pannello touch in alluminio che s’illumina al passaggio, si posiziona a terra o a muro, con suono diversificabile sulle due facce. In vendita da novembre. bang-olufsen.com V.R.

56

ELLE DECOR


DECORSCOUTING

Van Gogh mania. Il film ‘At Eternity’s Gate’ di Julian Schnabel con Willem Dafoe, presentato all’ultima Mostra del Cinema di Venezia, lo celebra. E altrettanto fa Vans con le classiche sneakers su cotone, da acquistare on-line o al bookshop del museo olandese a lui dedicato. Il ricavato servirà per la tutela delle sue opere. vans.eu/vangoghmuseum.html

120 volte auguri. Un nuovo logo, un libro, un film, un elemento d’arredo celebrativo e la riedizione di due sedute della collezione Matrix per Giorgetti, che festeggia così un compleanno importante. Oltre alle novità firmate Ludovica+Roberto Palomba come la poltrona All Around. Una forma morbida, levigata, in due dimensioni, presentata in diverse finiture di tessuto e pelle. giorgetti.eu

58

ELLE DECOR

Foto Dennis Lo

Ci vediamo a Hong Kong Gli architetti A Work of Substance hanno progettato il flagship di Khromis, brand di eyewear che propone occhiali da sole e lenti rigorosamente handmade. La scelta di materiali come il legno e l’acciaio per le finiture degli interni esalta la collezione e cattura lo sguardo. aworkofsubstance.com, khromis.com


DECORSCOUTING

Ritmo intrigante. La serie di tende Scrap_CMYK unisce le espressioni grafiche dei fogli di carta alle imprecisioni lasciate dalle macchie di colore della stampante digitale, che si intensificano di gradazione regalando nuance brillanti. Realizzate dalla graphic designer giapponese Rikako Nagashima per Kinnasand Lab, sono in poliestere riciclato al 100% e in quattro pattern sorprendentemente non casuali. kinnasand.com

60

ELLE DECOR


DECORSCOUTING

Continua il viaggio intorno al mondo di Vito Nesta che questa volta cattura tutta la magia e la sensualità dell’Africa sulla superficie dei piatti in ceramica Cairo della serie Grand Tour. Da abbinare per una mise en place extra ordinaria ai motivi Kenya e Libano. vitonesta.com

Glamour in città Basta avere Law, la borsa di Marni. In vitello con chiusura a zip e a magnete, tasca interna ed esterna, tracolla regolabile e removibile. marni.com

Esprit Mediterraneo in un’unica variante colore per Selva. La collezione di wallpaper e tessuti firmata Matthew Williamson per Osborne & Little prende il nome e l’ispirazione dalla cittadina di Deya, nell’isola di Maiorca. osborneandlittle.com

Equilibrio fra rigore e materiali ricercati per la capsule collection di Thierry Lemaire per Fendi Casa. In foto, la consolle Beaune con top in palissandro scuro, finitura lucida a contrasto, gambe in noce connesse da un elemento lineare in metallo bronzeo. luxurylivinggroup.com

62

ELLE DECOR


East meets West Torna a Palazzo Morando Elle Decor Grand Hotel, quest’anno disegnato per noi da Neri&Hu. Lo studio con base a Shanghai, ispirato da ‘Le città invisibili’ di Calvino, ha dato vita a un progetto inedito. Dove si incontrano Oriente e Occidente

© Zhu Hai

testo di Laura Maggi

64

ELLE DECOR


© Rendering Neri&Hu Design and Research Office

ELLE DECOR EVENTI

Lo spazio lounge di Elle Decor Grand Hotel, ‘Le Città Nascoste’, definito da aree relax delimitate da strutture metalliche su disegno. A soffitto, sospensioni Yanzi di Artemide. Tra piante indoor, divano Bristol di Poliform, seduta Ren di Poltrona Frau, tavolino e sofà Cradle di Arflex. Sullo sfondo, LC14 Tabourets di Cassina e divano Lan di Gan. Pagina accanto, i progettisti con studio a Shanghai e Londra, Lyndon Neri e Rossana Hu.


ELLE DECOR EVENTI

Lo spazio dedicato al ristorante, ‘Le Città e il Desiderio’, caratterizzato dal lungo tavolo conviviale realizzato custom da Poliform. Sul soffitto ad archi, a sospensione le lampade Bai Di Di di Parachilna. Oltre le vetrate, si scorge il giardino popolato da piante di bambù.

“Attraverso la narrazione, il nostro hotel in nove stanze legate al concetto di ospitalità ribalta l’attuale concezione di hotellerie” “Abbiamo scelto di andare al di là della definizione tradizionale, e statica, di hotel inteso come una serie di elementi funzionali – hall, lounge, ristoranti, camere – e suggerire, attraverso la narrazione, nuove possibilità”, affermano gli architetti Lyndon Neri e Rossana Hu, co-fondatori dello studio Neri&Hu Design and Research Office, con sedi a Shanghai e a Londra, nel presentare il progetto ‘Invisible Rooms’ per il nostro Elle Decor Grand Hotel. Si sono ispirati al romanzo ‘Le città invisibili’ di Italo Calvino, pubblicato per la prima volta nel 1972, testo diventato un cult per architetti e progettisti. “Un classico che abbiamo letto al college e ci ha colpito moltissimo”, sottolineano. “Proprio come Marco Polo presentava a Kublai Khan le città esplorate divise per categorie, Invisible Rooms suddivide l’hotel in nove stanze, legate al concetto di ospitalità, mettendo in discussione la nostra attuale concezione di hotellerie”, ci spiegano. Cosmopoliti e multiculturali, filippino di nascita Lyndon e taiwanese Rossana, si sono formati negli Stati Uniti, nelle università di Harvard, Princeton e Berkeley per poi fondare a Shanghai nel 2004 il loro studio, impegnato in importanti progetti in Cina e nel resto del mondo. Una firma dell’architettura e del design perfetta per dare forma alla terza edizione di Elle Decor Grand Hotel. “Il nostro magazine ha da sempre analizzato e registrato l’evoluzione dell’abitare e degli stili di vita, seguendo con interesse i mutamenti nel settore dell’hotellerie, terreno privilegiato di sperimentazione di nuovi concept abitativi”, 66

ELLE DECOR

racconta Livia Peraldo Matton, direttore responsabile di Elle Decor Italia e curatrice del progetto. “Con Elle Decor Grand Hotel abbiamo voluto far sperimentare in prima persona ai visitatori le nuove istanze e funzioni dell’hospitality con situazioni inaspettate e immersive facendo lavorare i progettisti sugli interni di un palazzo storico milanese che, ogni volta, grazie a interventi di interior design di matrice diversa, muta personalità. Se nella prima edizione del 2016 abbiamo lavorato su due concept sviluppati da Piero Lissoni nell’Hotel Particulier e da Patricia Urquiola nelle Stanzas in un grand hotel che univa gli spazi pubblici del ricevimento a quelli privati delle camere per gli ospiti, nella seconda, lo studio Antonio Citterio Patricia Viel ha creato The Open House, definendo un format di public hotel e indagando le nuove possibilità e funzioni degli spazi pubblici. Con Invisible Rooms di Neri&Hu abbiamo voluto ribaltare il punto di vista e confrontarci con la cultura di uno studio asiatico e cosmopolita per una riflessione inedita sul concept di hotel”. La citazione del romanzo di Calvino diventa l’occasione per Neri&Hu di creare un mondo fantastico all’interno di un edificio che, nel corso dei secoli, ha subito un’importante stratificazione storica. L’intento è stupire il viaggiatore del XXI secolo grazie a una narrazione sviluppata su livelli visivi, funzionali ed emotivi, perfettamente integrata alla sequenza degli ambienti. Dalla lounge popolata da verde indoor al ristorante per un ideale banchetto collettivo. Dalla camera-voyeur alla sala cinema dove sedersi come usava nei cortili cinesi o sulle aie delle fattorie

© Rendering Neri&Hu Design and Research Office

Lyndon Neri e Rossana Hu


ELLE DECOR EVENTI

“Elle Decor Grand Hotel invita a una riflessione sul ruolo dell’interior design nella cultura del progetto contemporaneo” Livia Peraldo Matton

INVISIBLE ROOMS

L’ambiente dedicato alla lettura, ‘Le Città e i Segni’, dove l’ospite è invitato a fermarsi per sfogliare libri, ordinare un tè, ascoltare musica, interagire con Google Home. In primo piano, tavolo Boss Executive di Riva 1920, circondato da sedute Bailu di Lema. Sullo sfondo, librerie Ren di Poltrona Frau. A sospensione, lampade nh1217 di Artemide. 68

ELLE DECOR

Architectural Lighting Partner: Artemide Wall Painting Partner: Mapei Wall Paper Partner: Wall&decò Team: Federico Saralvo (senior Hospitality Partner: MGallery by Sofitel associate in charge), Ivy Feng, Elan Tao, Trade Fair Partner: Messe Frankfurt Federico Salmaso, Nicolas Fardet Official Sparkling Partner: Pommery (associate of product design) Restaurant and Bar: Maio, Styling by: Simona Silenzi Studio Longino & Cardenal Cibi Rari e Preziosi con Alessandra Chiarelli Partner: Agape, Agapecasa, Amini, e Gaia Marchesini Antrax IT, Arflex, Artemide, Coordinamento Exhibition Design: Bang&Olufsen, Bolon, Gan, Kartell, Marina Cinciripini Lema, Magis, Mutina, Poltrona Frau, Landscape: Verdeprofilo POM Glass, R1920, Shuj, Stellar Works, Sound Design: L I M prod. by RIVA Viabizzuno, Vitra (distribuita in Italia Video Installations: Pedro Pegenaute da Molteni&C - Unifor) Photo Cities and the Eyes: Su Li Technical Partner: Cassina, Premium Partner: Poliform Cocktail House, De La Espada, Main Partner: Alpi, Cantiere Galli, Ilva Dedar, Fritz Hansen, Galimberti Legni Special Partner: Google, BTicino e Bioedilizia, Ichendorf, Fashion Partner: Valextra Knindustrie, Moooi, Parachilna, Beauty Partner: Filorga San Pellegrino, SchönhuberFranchi, Institutional Partner: Society Limonta, Verdeprofilo Confindustria Alberghi Special thanks: Marco Bay

© Rendering Neri&Hu Design and Research Office

Concept by Elle Decor Italia Project by Neri&Hu


ELLE DECOR EVENTI

lombarde. Per arrivare al cortile, dove ritrovare il cielo e la memoria della città. “Rispetto alle scorse edizioni, quest’anno sono presenti pezzi disegnati ad hoc particolarmente emblematici, come il lungo tavolo scultoreo, che ospita 32 commensali, idealmente riuniti in un grande banchetto conviviale”, sottolinea Livia Peraldo Matton. “In più c’è una grande novità: oltre al ristorante, che funzionerà per il lunch, avremo un servizio bar dalla prima colazione ai cocktail della sera. Con la possibilità di accomodarsi all’interno, sedersi intorno al tavolo comunitario ed estendere l’esperienza durante tutto l’arco della giornata, per vivere appieno Elle Decor Grand Hotel”. Con la prima lecture di Lyndon Neri e Rossana Hu (il 5 ottobre alle ore 18.30) prenderanno il via i talk sui temi dell’hospitality e della progettazione in Cina e Asia a opera di celebri studi milanesi; focus su case-history del viaggiatore cinese evoluto, oggi al centro di indagini e ricerche; dibattiti sul tema del contract con protagonisti architetti, progettisti, personaggi che guardano all’Oriente. Il programma è online sul nostro sito. — +elledecor.it Nella corte di Palazzo Morando, ‘Le Città e il Cielo’, spazio outdoor con il bancone bar realizzato custom da Poliform, tavoli e sedie Ming di Stellar Works. Arredi e pezzi su disegno tutti firmati Neri&Hu. 70

ELLE DECOR

Elle Decor Grand Hotel. Invisible Rooms - Palazzo Morando|Costume Moda Immagine, via Sant’Andrea 6, Milano. Dal 5 al 21 ottobre 2018, h. 10-21, ingresso libero. Ristorante: tutti i giorni (h. 12-15), la sera solo per eventi privati (h. 20-23, prenotazioni: milano@maiorestaurant.com mob. 334/6754473). Bar: tutti i giorni (h. 10-21)

© Rendering Neri&Hu Design and Research Office

Dopo Lissoni e Urquiola, Citterio e Viel, la terza edizione di Elle Decor Grand Hotel presenta un progetto firmato Neri&Hu


IN MOSTRA/1

Intramontabile Ponti A Milano, negli archivi dell’eclettico outsider. Prima di volare a Parigi, al Musée des Arts Décoratifs, per il tributo alla sua carriera

Foto di Alberto Strada

di Paola Carimati

Uno scorcio del Gio Ponti Archives, in via Dezza 49 a Milano, dove Salvatore Licitra e la moglie Anna custodiscono il lavoro del maestro. In primo piano la poltrona 807 Distex e il coffee table originali, rieditati da Molteni&C con i codici D.153.1 e D.555.1 in Heritage Collection.

73

ELLE DECOR


IN MOSTRA/1

Cattedrale di Taranto — 1964/1970

Sedia di poco sedile (Gabriela) — 1971

Alcuni progetti dell’infaticabile Gio Ponti al quale il Musée des Arts Décoratifs di Parigi dedica un’antologica dal tratto decorativo. All’ingresso una vela alta15 metri, omaggio alla cattedrale di Taranto, accompagna il visitatore lungo il percorso che procede per scansione cronologica. A conclusione, la ricostruzione fedele di sei ambienti che raccontano gli interni di villa Bouilhet a Garches (Parigi), Palazzo Montecatini e la casa di via Dezza 49 a Milano, l’Università di Padova, villa Siracusa a Sorrento e villa Planchart a Caracas.

Tavolo D.859.1— Heritage Collection, Molteni&C

Tappeto D.754.1 — Heritage Collection, Molteni&C

74

ELLE DECOR

©Gio Ponti Archives

Palazzo Montecatini a Milano — 1936


IN MOSTRA/1

Un rendering dello spazio disegnato dallo studio Wilmotte & AssociÊs, con il progetto grafico di Italo Lupi: un viaggio nel mondo dell’architetto, designer, saggista italiano che torna ad affascinare.

76

ELLE DECOR


Uno scatto dell’ultimo appartamento di Gio Ponti al 49 di via Dezza (Milano 1957). Qui, tutte le invenzioni pontiane, tra le quali la finestra arredata.

“Abbiamo contribuito a raccontare Ponti non solo come progettista, ma come precursore e innovatore in tanti aspetti legati alle arti decorative” Giulia Molteni

78

ELLE DECOR

Molto più di una retrospettiva, ‘Tutto Ponti, Gio Ponti archi-designer’ al Musée des Arts Décoratifs di Parigi (dal 19 ottobre al 10 febbraio 2019) è il giusto tributo finalmente riconosciuto a un milanese doc che amava, riamato, la sua città. Classe 1891, progettista dalla poliedrica creatività, a Milano ha realizzato alcuni degli edifici più conosciuti di tutta la sua carriera: dalle case di via Dezza, Domenichino e Randaccio, ai Palazzi Montecatini e Montedoria senza escludere le chiese di San Carlo Borromeo e San Luca Evangelista, mete di appassionanti tour meneghini. Voluti e giustificati i mancati riferimenti agli altrettanto noti Pirellone e Facoltà di Architettura di via Bonardi, che, insieme alla Superleggera, erano i crucci del maestro: “Ho fatto molto di più”, amava ricordare, “la ‘sedia di poco sedile’ e la cattedrale di Taranto, per esempio”. La vela, inimitabile facciata sul cielo che caratterizza l’edificio, sarà riprodotta in scala nell’altezza di 15 metri per segnare l’ingresso ai 1.000 metri quadrati di mostra in Rue de Rivoli. Per la quale è scesa in campo una squadra di intellettuali e creativi le cui vite, per passioni e affinità elettive, si sono intrecciate a quella del maestro. Un caso su tutti, quello di Sophie Bouilhet-Dumas — curatrice della mostra insieme a Olivier Gabet, Dominique Forest e Salvatore Licitra —, nipote di quel Tony Bouilhet, giovane ed elegante imprenditore che negli Anni 20 commissionò al promettente architetto italiano il progetto della sua villa a Garches, fuori Parigi. Ce lo conferma Licitra, figlio di Lisa (Ponti), che abbiamo raggiunto nella sede di ‘Gio Ponti Archives’, tra pezzi unici, prototipi, riedizioni di Molteni&C, disegni, stampe e scatoloni in partenza per la città della Tour Eiffel. “Mi piace l’idea di un’interpretazione francese del nonno, più vicina alla decorazione”, raccontano Salvatore e la moglie Anna, una vita dedicata alla difesa filologica del suo lavoro. “Fatta eccezione per ‘Espressioni di Gio Ponti’, curata da Germano Celant in Triennale nel 2011, le mostre a lui dedicate in passato sono nate da entusiasmi prevalentemente stranieri. Prima tra tutte, quella di Arata Isozaki a Tokyo: i giapponesi lo amano, anche se lui in Giappone non ci ha mai lavorato”, afferma aggiungendo con orgoglio: “Non a caso la sua torre a CityLife — soprannominata il ‘materasso’ — è un omaggio dichiarato al Pirellone”. A Parigi andrà finalmente in scena l’affetto di tanti nomi noti (insieme ai curatori già citati ricordiamo Italo Lupi per la grafica e Wilmotte & Associés per l’allestimento), che lo dichiarano pubblicamente a un autorevole protagonista del mondo del progetto. “Architetto e creatore eclettico, interessato tanto alla produzione industriale quanto all’artigianato, Ponti ha arricchito l’architettura del Dopoguerra, indicando le prospettive per una nuova arte del vivere”, sono le parole di Sophie BouilhetDumas. Come a dire che quello che un tempo era considerato come puro ecclettismo, ha inciso, trasformandolo, sul nostro modo di abitare. Una rilettura da subito sostenuta da Molteni&C, mecenate e main partner della mostra, che con lungimiranza ha iniziato un percorso di promozione del suo lavoro. “È nel 2010 infatti che riscattiamo i diritti di produzione di tutti gli arredi (mai messi a catalogo prima), per rieditarli sotto il cappello Heritage Collection”, puntualizza Giulia Molteni, head of communication and marketing del gruppo. 500 i pezzi scelti tra quelli realizzati tra il ’21 e il ’78, per raccontare una pagina eccezionale del made in Italy. “Il nonno era un regista, un compositore attento, un artista innamorato del progetto che amava avvolgere e coinvolgere nel lavoro i suoi clienti. Che inevitabilmente diventavano amici. Era un outsider entusiasta”, conferma Licitra. Intramontabile Ponti. — gioponti.org

©Gio Ponti Archives

IN MOSTRA/1


Foto di Mauro Masera/Università Iuav di Venezia, Archivio Progetti, fondo Mauro Masera

IN MOSTRA/2

Colpo di genio Attorno alla poltrona Sanluca (dal 2004 prodotta da Poltrona Frau e rieditata oggi in edizione limitata di 100 pezzi), Mauro Masera, sotto i portici bolognesi, nel 1960, immortala quattro amici dal talento unico: Achille e Pier Giacomo Castiglioni (i designer, al centro), Michele Provinciali (l’art director, a sinistra) e Dino Gavina (l’imprenditore, in secondo piano).

Un uomo dalla creatività imprevedibile, attento agli altri e orgoglioso della sua città. Milano torna a festeggiare Achille Castiglioni con una mostra antologica in Triennale di Paola Carimati

81

ELLE DECOR


IN MOSTRA/2

Bologna 1960. Con il suo obiettivo Mauro Masera immortala un momento di storia del design, di quelli che si raccontano nei manuali e nelle mostre. Nello scatto d’archivio, Achille e Pier Giacomo Castiglioni insieme a Dino Gavina e Michele Provinciali presentano — con minimo quanto ironico distacco — la poltrona Sanluca (che prende il nome dal porticato della città). Un concentrato di bellezza ed eleganza proprio di chi, pur con la consapevolezza di migliorare il mondo con il proprio fare, non amava prendersi troppo sul serio. Erano gli anni del boom economico, che ricordiamo con piacere per almeno due motivi. Perché di quella spinta creativa ne riemerge la forza in ‘A Castiglioni’, la monografica a cura di Patricia Urquiola con Federica Sala. A Milano, in Triennale, fino al 20 gennaio 2019, la mostra torna a festeggiare i 100 anni del maestro. E perché questa è un’avventura di amicizia e divertimento. Lo sottolinea Marco Romanelli che con Cristina Nardi ha curato la riedizione della Sanluca: 100 pezzi in edizione limitata rivestiti con tessuto tratto dall’opera su carta ‘Onde Geofisiche’ di Max Huber. “Un ricordo”, precisa, “che oggi, in un momento esteticamente fragile, può trasformarsi in un vero paradigma”. La poltrona vuole raccontare una storia diversa sui fratelli Castiglioni, focalizzata sull’importanza e il valore che hanno sempre dato al lavoro in team. “Achille, Pier Giacomo e Max erano profondamente legati”, ricorda Romanelli. “Al di là del rapporto professionale, tra loro c’era una speciale relazione, tanto che anche i Castiglioni comprarono una proprietà in Svizzera, a Chiasso, vicina agli Huber, così da passare i week end insieme”. La scelta di riprodurre il disegno inedito su lana e cotone nasce da un incrocio di dettagli: il pattern optical, coevo alla seduta, ne amplifica la linea grafica, ben visibile in sezione. Di questa storia di talenti e di complicità se ne sente ancora il bisogno, così come di persone geniali che in quegli anni era facile incontrare per strada. Uomini come lui, grande comunicatore che aveva 82

ELLE DECOR

In circa 1.300 mq, una selezione di 200 progetti per la mostra ‘A Castiglioni’ in Triennale (fino al 20/01/19). Alla scansione cronologica, Patricia Urquiola, curatrice della mostra insieme a Federica Sala, ha preferito una sequenza di 10 cluster tematici.

Il ‘Cicci nazionale’ amava Milano, il suo stile, il suo dialetto. Parole di uso comune sono diventate nomi di pezzi famosi: chi non conosce il significato di Basello e Gibigiana?


IN MOSTRA/2

SANLUCA LIMITED EDITION 2018 Data di nascita: Disegnata da Achille e Pier Giacomo Castiglioni nel ‘60, dal 2004 viene prodotta in pelle da Poltrona Frau. Riedizione: a cura di Marco Romanelli con Cristina Nardi di Poltrona Frau stile & design center, i 100 pezzi sono rivestiti in tessuto bianco e nero di lana e cotone con disegno tratto da ‘Onde Geofisiche’ di Max Huber del ‘68. In mostra: da Poltrona Frau, via Manzoni 30 e in Triennale nell’esposizione ‘A Castiglioni’.

84

ELLE DECOR


IN MOSTRA/2

86

ELLE DECOR

Tra gli oggetti in mostra, la bergère Sanluca di Poltrona Frau (a sinistra), icona emblematica nel cluster ‘costruzioni’. Ciò che appare pura forma è in realtà funzione: ogni singola curva che compone questa seduta coincide con un preciso punto della colonna vertebrale umana.

Foto di Piotr Niepsuj

investito nei rapporti, con i suoi fratelli, per primi, ma anche con grafici innovativi, industriali illuminati, ricercatori e tecnici diventati amici nel tempo. “Di Achille mi piace ricordare la sua capacità di connettere gesti e generazioni, materiali e funzioni mettendo in relazione la quotidianità della vita con il senso più profondo ed etico del fare”, ci racconta Patricia Urquiola che con lui si è laureata. “Andare oltre i miei ricordi e uscire dalle celebrazioni è stata la bussola che ha orientato tutto il mio lavoro”, confessa l’architetto. Quella che è in scena nei quasi 1.300 mq del Palazzo dell’Arte non è una retrospettiva dallo svolgimento cronologico tradizionale, piuttosto un tributo al suo linguaggio, sempre contemporaneo. Ciò che di Achille Castiglioni sopravvive oggi non sono solo gli evergreen, ma il ‘suo metodo’. “Un modo di pensare che per me è come un rizoma: non comincia e non finisce, rimane nel mezzo, tra le cose, perennemente connesso”. Da qui la scelta di procedere per cluster, insiemi di micro e macro concetti che ricorrono nei 200 progetti mappati, che ci restituiscono della sua curiosità, dalle molteplici finestre che si aprono contemporaneamente intersecandosi, un’immagine leggera. Come la sua creatività, scanzonata, iperbolica, giocosa”. Tutto ciò che si può raccontare di Achille Castiglioni lo si intuisce osservando le icone delle quali ancora amiamo circondarci. “Poco si sa invece della vita privata, della quale era geloso”, conclude Federica Sala. “Di una cosa era orgogliosamente fiero: la sua città. Ed è con ‘L’è un gran Milan’ che si apre la mostra. Milanocentrico, a differenza di altri maestri suoi contemporanei, Sottsass su tutti, che hanno accolto nel loro segno influenze di culture lontane, lui, pur amando viaggiare, ha sempre valorizzato le sue origini meneghine. Anche gli oggetti anonimi ai quali la Fondazione Castiglioni ha dedicato ‘100x100 Achille’ gli servivano per radicarsi ancora di più a Milano, città che oggi come allora non ha mai smesso di incuriosire”. — triennale.org


ELLE DECOR INCONTRA/1

Brunello Cucinelli

Un borgo umbro come headquarters di un business mondiale. Architettura, etica e sociale nel progetto totale dell’imprenditore del cashmere di Rosaria Zucconi — foto di Settimio Benedusi testo di Valentina Raggi

L’imprenditore umbro Brunello Cucinelli ritratto nell’androne affrescato dello showroom milanese della Maison, un edificio classico in Brera. 91

ELLE DECOR


ELLE DECOR INCONTRA/1

Un masterplan imponente ridona vita a un paese spopolato. Grazie a nuove tecnologie che rendono possibile il ritorno alle antiche tradizioni

92

ELLE DECOR


Una sarta affacciata alla finestra della Scuola di Arti e Mestieri, con sede nell’antico castello di Solomeo e in una struttura adiacente. Qui gli artigiani della Maison tramandano il prezioso savoir-faire tessile. Pagina accanto, in alto, l’interno del nuovo Teatro Cucinelli, con matrice rinascimentale. In basso, nella Periferia Amabile, una statua di Sophia (la filosofia) nel Parco Agrario con campi coltivati, frantoio, cantina, area naturalistica.

93

ELLE DECOR


ELLE DECOR INCONTRA/1

In alto, il Parco Aziendale, che comprende gli headquarters dell’azienda in un vasto giardino. Sopra, il monumento ‘Tributo alla Dignità dell’Uomo’, cuore del Parco della Dignità, un anfiteatro in blocchi di marmo costruito ispirandosi ai canoni classici.

94

ELLE DECOR

“Senti che bello. Jean-Jacques Rousseau, nel 1765, diceva: le nostre città sono difficili da vivere, dobbiamo tornare nei borghi, ridiscutere e riprogettare l’umanità”. Esordisce così Brunello Cucinelli, self-made man che ha fatto dell’omonimo brand di maglieria in cashmere, sviluppato nel paese medievale di Solomeo, una griffe del panorama del lusso internazionale. Lo incontriamo in occasione dell’inaugurazione di un imponente progetto, etico e urbanistico, la riqualificazione del borgo umbro rilanciato come headquarters diffusi dell’azienda, inseriti nel tessuto sociale. La filosofia-motto di Cucinelli è il capitalismo umanistico contemporaneo: “L’uomo è al centro e noi siamo responsabili delle bellezze del mondo”, premette, chiamando il rinnovato Solomeo ‘Borgo dello Spirito’. “I paesini sono vissuti solo nei week-end come seconde case, in Italia come in Germania o in Cina. Ê un problema mondiale. Ora che è arrivato Internet, questo è un esempio di come sia possibile vivere e fare business lontano dalle città. Quale differenza c’è tra stare qui o in una zona industriale? Questo è un luogo migliore, sei connesso, ma puoi alzare gli occhi e guardare il cielo, i campi, immerso nel silenzio, lontano dal rumore informatico”. Nato da una famiglia contadina in un paese vicino, Cucinelli oltre vent’anni fa ha portato la sede aziendale nel castello di Solomeo (paese natale della moglie, che gli diede del matto, racconta) dando vita a un sogno molto ambizioso, ridare vita a una periferia ormai spopolata. Ha ideato questo progetto totale con l’architetto paesaggista Massimo De Vico Fallani, amico, saggista e più volte soprintendente per i beni


ELLE DECOR INCONTRA/1

archeologici e ambientali. “Siamo stati più restauratori che edificatori, le uniche nuove costruzioni sono il Teatro e il Monumento alla Dignità Umana”. L’imprenditore, con passione e memoria dei classici, non solo intesse il discorso con citazioni da Omero a Guicciardini, ma segue la lezione antica anche nelle realizzazioni. “Il teatro ha i colori chiari del mio cashmere, è pensato per durare mille anni come il monumento, costruito seguendo le prescrizioni di Vitruvio, Palladio e Sebastiano Serlio. È in grandi blocchi in pietra legati da cavi d’acciaio, medesima tecnica del Colosseo”. Rilanciato il borgo, con la chiesa, il teatro con calendario internazionale, una biblioteca e la Scuola di Arti e Mestieri, dove gli artigiani tramandano il savoir-faire tessile alle giovani leve, otto anni fa Cucinelli ha esteso il suo sogno nella periferia a valle. Rilevati e abbattuti alcuni capannoni, il masterplan del ‘Progetto per la Bellezza’ ha previsto un oratorio laico, residenze, una cantina, un frantoio, la nuova sede della Maison. “Qui un tempo si viveva di olio, vino e grano. Ho rilanciato le attività, aggiungendo il cashmere”. I nuovi headquarters sono in uno stabilimento a ferro di cavallo ammodernato da ampie vetrate affacciate sulla campagna. La mensa è fatta di prodotti del territorio, si mangia tutti alla stessa ora, il cellulare va tenuto silenzioso e in disparte, la sera e i week-end sono bandite comunicazioni di lavoro. Prima di scriverci una dedica sul suo libro ‘Brunello Cucinelli. Il Sogno di Solomeo. La mia vita e l’idea del capitalismo umanistico’, fresco di stampa da Feltrinelli, ci chiede di fare una scommessa: guardare i nostri smartphone per vedere quante email abbiamo ricevuto nel frattempo. Il capitano d’impresa ne ha ricevute zero. Ennesima buona lezione di vita. — +elledecor.it 96

ELLE DECOR

Gli interni della sede di Brunello Cucinelli a Solomeo. Sopra, un’area showroom con le ultime collezioni in mostra e pareti vetrate per coinvolgere i dipendenti nella visione del prodotto finito. Sotto, sarte al lavoro nella manifattura dei capi in cashmere.


ELLE DECOR INCONTRA/2

Carolina Castiglioni Istinto e personalità sono la cifra della creativa milanese e della sua collezione di moda. Abiti da sovrapporre con estro e libertà di Rosaria Zucconi — foto di Max Zambelli — testo di Murielle Bortolotto

Un ritratto della fashion designer all’interno dello showroom di Milano, davanti ad arredi vintage scoperti in giro per il mondo.

99

ELLE DECOR


100

ELLE DECOR


ELLE DECOR INCONTRA/2

Cromatismi ipersofisticati per le pareti, mobili e oggetti mid-century, tende in tessuto tecnico scelte nella delicata nuance cipria arredano l’ambiente e incorniciano abiti e accessori della collezione firmata Plan C

Una palette di colori polverosi, parte del suo codice creativo, e una sottile linea nera scandiscono le pareti dello spazio meneghino che accoglie le collezioni moda e gli accessori disegnati da Carolina Castiglioni. 101

ELLE DECOR


ELLE DECOR INCONTRA/2

Il vecchio laboratorio di pellicceria della bisnonna è stato trasformato dalla stilista utilizzando sequenze di colore inedite a parete e marmo per i pavimenti. Nuance e materiali abbinati a sedute con tocchi fur, tavolini, mobili contenitori e specchi geometrici. Tutto dall’esprit Anni 50.

102

ELLE DECOR

Dopo il piano A, c’è il piano B, oltre c’è Plan C, quello di Carolina Castiglioni. Un nuovo brand che propone la sua idea di moda per donne indipendenti e anticonformiste. La primogenita di Consuelo è cresciuta. Direttore dei progetti speciali in Marni fino al momento in cui la famiglia è uscita dal gruppo, oggi presenta una collezione di abiti che ci racconta essere come il suo guardaroba ideale in versione più grande. “Me lo metterei e comprerei tutto”, ci svela Carolina. Un’estetica fatta di proporzioni inusuali, forme ampie che trasformano ed esaltano la figura femminile grazie ad alte fasce in tessuto coordinato e no. “I vestiti devono aiutarti a sentirti bene con te stessa, esprimere quello di cui hai voglia in quel momento”, continua. Un look dinamico, metropolitano, enfatizzato dai cotoni croccanti, dall’impalpabile organza, dai tessuti tecnici come il polipropilene delle maglie compatte e il popelin dei maxi abiti bilanciato da motivi grafici o floreali. E poi ancora la pelle, per i capispalla tra cui un bomber bi-color e un cappotto. Il suo stile rispecchia anche l’ambiente di lavoro che la circonda, l’ex laboratorio di pellicceria della bisnonna nel centro di Milano. Riletto e trasformato da Carolina, si presenta con una palette colore polverosa per le pareti, partendo dal grigio passando ai verdi tenui definiti da una sottile linea nera, leitmotiv degli spazi, fino alle tende in tessuto vinilico color cipria.


ELLE DECOR INCONTRA/2

“Il mio concetto di casa rispecchia l’ambiente che mi circonda. Un luogo che riflette armonia, arredato con pezzi di modernariato” Carolina Castiglioni

L’ingresso degli uffici di Plan C. In primo piano, tre sedute in pelle colorata accostate a formare una panca, una libreria pensile e scultorea in ottone. Oltre le porte si intravedono gli abiti della linea e le tende cipria effetto vernice.

104

ELLE DECOR

E la scelta degli arredi? Sappiamo della passione del marito Federico per il modernariato e il design d’autore, viene spontaneo chiederle se c’è il suo zampino. “Tutto opera mia. I mobili mid-century li ho trovati in giro per il mondo. Non sono tutti firmati ma sanno dare al luogo un’allure di armonia”, risponde con orgoglio. Architetto preferito? “Sono stata in Brasile qualche anno fa e sono rimasta colpita dal lavoro di Lina Bo Bardi”. L’artista del cuore? “Christo. Mi piace che l’arte possa essere partecipata”. Alle sue spalle sono appesi i moodboard della collezione ma anche immagini che ritraggono accostamenti di tonalità audaci e interior progettati da architetti. Le chiediamo se siano la sua fonte d’ispirazione per gli abiti. “No, a inizio anno aprirà la prima boutique Plan C a Tokyo, un mercato molto interessante per noi e vorrei trasportare all’interno del negozio alcune di queste suggestioni”, sorride. Carolina Castiglioni odia l’arroganza e adora invece lavorare senza stress perché più c’è armonia più le persone sono disponibili e produttive. L’obiettivo per ora è di procedere con calma, in maniera organica. Le collezioni saranno due all’anno, abbigliamento e accessori tutti rigorosamente made in Italy. “Finora è stato tutto veloce. A maggio siamo partiti con il progetto, a giugno la presentazione ai buyer e a fine settembre ci siamo fatti conoscere al pubblico”. In bocca al lupo! — plan-c.com


ARTE

L’ingresso alla mostra segnato dalla scultura sospesa ‘Alterated climbing form’. A pavimento l’opera in linoleum ‘Modified double impression’.

Il mondo di Leonor Il lavoro di Ponti e del duo Albini-Helg è tra le fonti d’ispirazione della prima personale italiana dell’artista Leonor Antunes, ‘The last days in Galliate’. In mostra al milanese Pirelli HangarBicocca di Filippo Romeo — foto di Lorenzo Palmieri ha collaborato Piera Belloni

107

ELLE DECOR


ARTE

Due scorci della mostra. Sopra, il pavimentoopera ‘Modified double impression’, con intarsi geometrici ispirati a un disegno di Anni Albers. Sotto, in primo piano ‘Clara 2’, scultura in legno e corda che cita il design di Clara Porset.

108

ELLE DECOR

Sembra una tenda, una quinta semitrasparente, in ottone verniciato e acciaio, che lascia intravedere lo spazio al di là. Il pavimento, in linoleum, è definito da campiture in giallo, grigio e nero. Oltre l’ingresso, la prima galleria del Pirelli HangarBicocca è popolata da sculture filiformi sospese, esili strutture metalliche che delimitano lo spazio, in un dialogo continuo tra installazioni e architettura. É la cifra distintiva dell’artista portoghese Leonor Antunes che, dopo le mostre alla Whitechapel Gallery di Londra, nel newyorkese New Museum, alla Kunsthalle di Basilea, nella Fundação de Serralves di Porto e al San Francisco Museum of Modern Art, arriva a Milano con ‘The Last Days in Galliate’, prima grande personale italiana (fino al 13/1/2019). Frutto di un lavoro realizzato ad hoc, l’artista spinge ancora di più la relazione con il mondo del design, presente in molte sue opere, proprio perché chiamata a lavorare nella città del Salone del Mobile. Così, oltre agli indubbi riferimenti a sculture, disegni e schizzi di grandi artisti, trae spunto e ispirazione dai progetti di Gio Ponti, Franco Albini e Franca Helg. Non a caso, il ‘giallo fantastico’ che definisce la superficie orizzontale cita proprio quello utilizzato da Ponti nella pavimentazione del grattacielo Pirelli. Mentre in molte delle sculture in mostra sono chiaramente visibili riferimenti e influenze che derivano da pezzi culto disegnati dal duo Albini-Helg. Ma non solo, perché Antunes vuole sottolineare l’impegno e la forza progettuale di Franca Helg. “É stata, in Italia, la prima donna architetto a lavorare in un grosso studio allo stesso livello dei partner maschili. Mi interessava soprattutto il lavoro condotto in autonomia, prima e dopo la partnership con Albini, e così ho voluto visitare la sua casa di Galliate”. A partire da questa ispirazione Antunes, rielabora un dettaglio di progetto (il corrimano), trasformandolo in sofisticate sculture che tracciano veri e propri segni nello spazio. Oppure si fa affascinare dai montanti in mogano disegnati nel ’56 da Albini-Helg per il negozio Olivetti di Parigi, riproponendoli in versione sovradimensionata. E ancora reintrepreta le forme sinuose di arredi o complementi in midollino, prodotti da Vittorio Bonacina negli Anni 50, riproponendole in esili installazioni. “Non credo nell’originalità di un’opera d’arte: la vera sfida è capire cosa si può fare dopo tutta l’arte già creata. Così mi piace citare il lavoro di figure fondamentali, soprattutto per come hanno saputo concepire e lavorare con lo spazio”, confessa Antunes. Operazione riuscita in pieno. — hangarbicocca.org

Foto Nick Ash, Lorenzo Palmieri, courtesy Pirelli HangarBicocca

Segni e geometrie tratte dall’arte moderna, forme, materiali e colori catturati dai capolavori del design e rielaborati in un progetto immersivo


ART DESIGN

Sofia Steffenoni, i Raw Edges (Yael Mer e Shay Alkalay) e Simona Auteri nella galleria pop up MOS, aperta fino a novembre. Galleriste e designer ritratti immersi nel cannicciato allestito dal duo brit: una foresta di legno e corda blu.

London calling A King’s Cross, il quartiere ridisegnato da archistar tra le quali Thomas Heatherwick, nella galleria pop up delle italiane Matter of Stuff. Con un’installazione brit, firmata Raw Edges di Paola Carimati — foto di Jutta Goessl

111

ELLE DECOR


ART DESIGN

“Volevamo che il progetto di allestimento disegnasse nello spazio quinte in grado di raccontare le diverse individualità delle opere esposte” Sofia Steffenoni e Simona Auteri

In alto da sinistra, la vetrina d’ingresso al civico 5 di Lewis Cubitt Walk. Seguono i pezzi disegnati da Alessandro Zambelli, Umberto Dattola ed Elena Salmistraro.

112

ELLE DECOR

Siamo a Londra, al 5 di Lewis Cubitt Walk, nel quartiere di King’s Cross, a pochi passi da Granary Square. Qui, dove nel 2011 si è trasferita la Central St Martins, scuola di design tra le più autorevoli al mondo, e più recentemente il quartier generale di Tom Dixon, da oltre 17 anni si trova lo studio dell’architetto Thomas Heatherwick. Ed è il Lord inglese, proprio in virtù del suo legame con il luogo, l’artefice di una importante riconversione urbana: il progetto ha trasformato infatti due storiche stecche ferroviarie, ormai in disuso, in architetture d’autore con negozi, ristoranti, caffè e gallerie d’arte. Tra le quali quella temporary di Simona Auteri e Sofia Steffenoni, due giovani e determinate creative italiane. Pare infatti che un influente quanto lungimirante developer abbia affidato loro, in modalità ex tempore, 350 mq di spazio affacciato su parchi e corsi d’acqua. Sì perché il misterioso imprenditore ha tutte le intenzioni di rilanciare la zona e trasformarla in un polo intellettualmente attrattivo. Poco più che trentenni, italiane di origine e inglesi di adozione, vantano un curriculum tipico di quella generazione di millennial che si laurea in Italia per poi esplorare il mondo, lavorando e viaggiando. Ed è proprio durante una traversata della Manica, in barca a vela, che si incontrano. Entrambe architetti, esperienze di spessore snocciolate tra Tokyo, Copenaghen e Londra,


ART DESIGN

La quinta scenografica in cannicciato ha lo scopo di dividere lo spazio e svelare lentamente i pezzi esposti: contenitori di Fritz Baumann, poltrona e seduta Made in Ratio.

Le 4.000 canne di legno di pino, insieme ai 6.500 metri di corda blu, verranno recuperati e riutilizzati per un nuovo progetto

scelgono quest’ultima città dove radicare il loro talento. Una passione che coltivano al Camberwell College of Arts,in qualità di docenti, e promuovono attraverso Matter of Stuff, piattaforma digitale dedicata all’art design contemporaneo. In questa Londra che non si dà per vinta e tenta di opporsi a Brexit con la forza di un nuovo referendum, anche le giovani scendono in campo e si schierano. A favore dell’inclusione, dell’apertura, dell’accoglienza. Come? Facendo. Mettendo in campo le proprie attitudini (e il loro network di conoscenze). ‘Mos/Pop up gallery’’ è il titolo dell’evento inaugurato in occasione dell’appena concluso London Design Festival, il progetto di una galleria temporanea che da virtuale diventa luogo fisico reale. Eccole immerse in una foresta galleggiante di canne di pino insieme a Yael Mer e Shay Alkalay dei Raw Edges. “Sono 4.000 i pezzi di 15 mm di diametro per 2,4 metri di altezza”, raccontano le ragazze raggiunte al telefono. I numeri servono per capire la complessa semplicità del progetto, che svela un finale eco. “6.500 i metri di corda blu necessari per ancorarli ai 70 mq di rete metallica. 500 le ore servite ai cinque addetti alla realizzazione. Le stesse probabilmente necessarie allo smantellamento. A conclusione della mostra, il legno verrà donato agli studenti della scuola con la quale collaboriamo per 114

ELLE DECOR

creare o una nuova installazione o nuovi prodotti che svilupperemo insieme”. Perché tutto nel loro lavoro ruota attorno al materiale, sia esso legno o marmo. Ma anche metallo, lo stesso utilizzato da Carlo Scarpa in alcuni suoi tavoli indimenticabili, e vetro soffiato, quello di Colle Val d’Elsa. Fondata nel 2014, la galleria virtuale si materializza nel 2017 al MiArt, la fiera di arte contemporanea milanese. Partecipano con i risultati di un workshop in residence presentati in occasione della prima edizione della Montalcino Design Week 2016. In mostra i pezzi di Alessandro Zambelli, Nina Cho, Olga Bielawska, Tim Vanlier, Tomas Gabzdil Libertiny e UUfie. Sei collezioni realizzate in collaborazione con gli artigiani locali. Se la Toscana è arrivata come un’opportunità, grazie anche alla collaborazione con spazio Ocra, un vecchio ospizio convertito in area culturale dagli architetti Archos di Bergamo (Giulia ed Edoardo Milesi), quella con i Raw Edges è una scelta. “Gli abbiamo chiesto di disegnare uno spazio che ci permettesse di raccontare le diverse individualità a catalogo, all’interno del quale procedere alla scoperta delle opere. Il punto è incedere con lentezza. La stessa che regge i ritmi del vivere in quella parte di Italia dove sono stati concepiti”. In un déjà-vu spazio temporale. — matterofstuff.com


Starbucks Reserve Roastery, Milano — Appena aperta nell’edificio delle ex Poste in piazza Cordusio, è una torrefazione di piccoli lotti di Arabica proveniente da 30 Paesi tostati per la prima volta in Italia. Lo store ospita anche una panetteria Princi, un cocktail bar, pasticceria e propone souvenir di design. Tutti gli arredi e le finiture sono stati realizzati da artigiani italiani. Alcune poltroncine e sgabelli sono stati disegnati da Patricia Uquiola e prodotti da Cassina. starbucksreserve.com/it +elledecor.it

118

ELLE DECOR


TENDENZE

Coffee break Da prodotto esotico a bevanda di massa a lavorazione di alto artigianato. Il caffè si fa passione collettiva riportando in auge le torrefazioni. Ma di qualità deluxe di Valentina Raggi e Francesca Benedetto


TENDENZE

Cafezal, Milano — Nel cuore di Brera, Studiopepe firma gli interni della torrefazione dell’italo-brasiliano Carlos Bitencourt. Offre una rigorosa selezione di caffè da piantagioni coltivate con processi agricoli sostenibili: varietà nella versione espresso o filtro, dal v60 al chemex, dall’aeropress al cold brew, senza dimenticare la moka. Packaging e branding sono a cura dello studio di graphic design La Tigre. cafezal.it

Harrods, The Roastery and Bake Hall, Londra — Parte di The Taste Renovation, il più grande restyling della Food Hall negli ultimi 30 anni del negozio, una nuova torrefazione deluxe, a cui si aggiunge il concept store su strada Roast & Bake. Affidato al master roaster Bartosz Ciepaj e al suo team, che tosta i chicchi davanti ai clienti, anche con la possibilità di degustazioni personalizzate. L’interior a firma di David Collins Studio mixa moderno e antico. harrods.com

120

ELLE DECOR

Foto Brotherton-Lock

The Barn, Berlino — Quattro sedi diverse, Roastery, Lab e due caffetterie — oltre alla rivendita in tutto il mondo — per il brand di caffè speciali incentrato su chicchi stagionali e freschi, rigorosamente mono origine, dunque non blend (miscele). Il marchio è in lizza per il premio Best European Specialty Roaster. Dal mood millennials, come il personale che ci lavora, il design degli spazi è smart e informale. Non manca l’e-commerce con caffè e accessori. thebarn.de


TENDENZE

Foundation Coffee House, Manchester — Gestito e ideato dallo studio creativo NoChintz, è una delle principali nuove caffetterie/torrefazioni della città, con interni dal segno grafico. Con il motto ‘Il caffè è tutto’, si propone come spazio conviviale dove degustare selezionate bevande, ma anche lavorare, pranzare, fare shopping e vedere mostre, oltre a seguire workshop a tema. foundationcoffeehouse.co.uk

Paramount Coffee Project, Sydney — L’ex sede Anni 40 della Paramount Pictures a Surry Hills è stata trasformata in un boutique hotel, con torrefazione al piano terra. Il restyling, curato dai locali Breathe Architecture, ha previsto una copertura con pannelli in rame chevron, omaggio alla Golden Age del cinema e al colore del caffè. PCP ha anche aperto a Los Angeles. paramountcoffeeproject.com.au

Foto Sharyn Cairns

Bonanza, Berlino — La torrefazione tedesca (con shop online) si distingue per andare controcorrente, tostando il meno possibile i chicchi del caffè per mantenerne inalterati gusto e proprietà. L’azienda ha creato una propria filiera di produttori affiliati. Lo studio olandese Modiste ha disegnato l’interior e gli arredi custom made, che separano ma lasciano a vista l’area torrefazione dal bancone bar e vendita. bonanzacoffee.de

122

ELLE DECOR


TENDENZE

Una tazza di caffè racchiude storie di ecosostenibilità, design e imprenditoria. Da bevanda veloce diventa fenomeno culturale In Italia l’espresso è qualcosa che rappresenta la nostra tradizione. E ben disegna un rito specifico: si entra nel bar, si ordina, si beve velocemente, si paga e si esce. Oggi la cultura cambia. L’apertura della Starbucks Reserve Roastery a Milano ha acceso i riflettori su un fenomeno mondiale, che tocca anche il nostro Paese: il passaggio alla Fourth Wave. Sono quattro, per l’appunto, le onde che, a partire dal XX secolo, quando il caffè da specialità esotica si fa abitudine di largo consumo, segnano le epoche in cui la bevanda ha assunto valori commerciali e sociali diversi. Negli Anni 90 si riconosce il passaggio da semplice merce a prodotto artigianale, come il vino o i cibi: dal chicco alla tazzina ci passano in media 200 mani di persone. Oggi si saluta l’avvento di una nuova era, quella in cui consumatori ormai appassionati e consapevoli pongono attenzione a tutta la filiera di produzione. Ecco dunque code di ore al nuovo Starbucks meneghino per osservare dal vivo la tostatura di selezionati semi e la trasformazione della caffetteria in un hub polifunzionale, con panetteria Princi, pasticceria, area cocktail e shop a contorno del bancone tradizionale. “Il nostro messaggio è ‘entra e fermati’, assapora l’esperienza a 360°, parla con gli esperti e scarica la app dedicata”, dice la progettista della Reserve Roastery, Liz Muller. Allargando lo sguardo, si scopre che la torrefazione, luogo quasi a rischio di estinzione per l’avvento delle capsule e delle macchine domestiche di nuova generazione, oggi ha un momento di rinascita, che pare destinata ad amplificarsi. “Più che

un’ossessione, il caffè sta diventando uno stile di vita, la caffetteria è diventata un terzo spazio che colma il divario tra il ritrovo sociale, l’ufficio temporaneo e il centro creativo. La nostra visione è quella di promuovere la diversità, l’eccellenza e la cultura che ha creato, che spazia dal cibo al design, dall’arte alla musica e alla moda”, ci spiega Ludovic Rossignol, co-fondatore di The Coffee Festival. La manifestazione dedicata agli specialty coffee (di altissima qualità) è stata lanciata 8 anni fa a Londra e arriverà alla Pelota di Milano (dal 30/11 al 2/12) portando tostatori internazionali, ma anche mixologist, pizze gourmet e artisti. “I consumatori stanno diventando più sofisticati. I chicchi di qualità artigianale, di provenienza etica e localmente tostati sono una progressione naturale di quelli lavorati in serie di qualità commerciale”, continua. L’affermarsi della passione per gli specialty coffee va di pari passo con l’attento design delle nuove torrefazioni, che da Londra a Sydney puntano su un’identità estetica forte che si fa narrazione etica, oltre a creare l’atmosfera confortevole. E già si parla di Fifth Wave: “Aziende che offrono caffè specializzato su larga scala, a metà strada tra le grandi catene e le piccole caffetterie speciali”, conclude Rossignol. Ed ecco che Gaggia, per celebrare l’80° anniversario del brevetto ad acqua calda che rivoluzionò il modo di fare l’espresso, non solo ha appena lanciato una rivisitazione della storica macchina ma, per la prima volta, anche la sua linea di miscele (100% Arabica e Intenso), in chicchi o macinate. Per portare tra le mura domestiche la nuova era. —

Foto Andrea Martiradonna

Lavazza, Torino — “Il caffè è un piacere. Se non è buono che piacere è?” è la storica frase di Nino Manfredi in una pubblicità del marchio. Ora ripresa come scritta neon sulla facciata del Museo Lavazza, inaugurato a giugno, come parte del maxi complesso Nuvola, progettato da Cino Zucchi, che comprende anche i nuovi headquarters, sul fondo, con ristorante concepito da Ferran Adrià e Dante Ferretti, e guidato dallo chef Federico Zanasi. lavazza.it

124

ELLE DECOR


GREEN

Andrea Daneri, uno dei titolari di Numero 9, nel quartiere Isola, a Milano. L’indirizzo è diventato un punto di riferimento per lo shopping meneghino, grazie all’impegno dei proprietari, sempre alla ricerca di nuovi trend.

New look all’Isola Pavimenti in legno, pareti effetto cemento e colori a contrasto per un flower shop milanese. Dove Succulente simili a piccole sculture, piante XL e fiori selezionati con cura riprendono il posto d’onore di Francesca Benedetto — foto di Alberto Strada

127

ELLE DECOR


GREEN

“Il nostro stile è pulito, non minimale. Ci piace la ricchezza nelle composizioni ma ottenuta con fiori dello stesso tipo”

Dall’alto in senso orario, Giulio Guazzoni e Andrea Daneri ritratti davanti a una selezione di piante grasse. Il bancone all’ingresso con vasi e zucche in cemento. Esplosione full color di Dalie, Curcuma e Ortensie; tra le piante, Ficus Lyrata, Sanseveria, Euphorbia e Sinforicarpo.

128

ELLE DECOR


GREEN

L’arco segna il passaggio tra l’ingresso, con la zona vendita, e lo spazio per la composizione e il confezionamento, che affaccia su un piccolo cortile. Per le pareti, finitura a stucco con colori a contrasto della collezione Istinto Naturale di Giorgio Graesan and Friends. In primo piano, sul bancone in legno, anfore in pietra.

“Abbiamo una vera passione per l’architettura e l’arredamento. Facciamo ricerca visitando le fiere più importanti e durante i nostri viaggi, soprattutto nel Nord Europa” Il debutto di Numero 9 risale alla fine degli Anni 90. Giulio Guazzoni lavora in un negozio di fiori e Andrea Daneri è stilista di moda. Durante un viaggio in Olanda restano folgorati da un flower shop di nuova generazione, in un momento in cui a Milano i fioristi tendono al classico. Lasciano i rispettivi impieghi, fanno ricerca per lo più all’estero e infine trovano uno spazio nel quartiere Isola, dove già abitano. Il loro negozio, minimal e pieno di fiori, in netto contrasto con le vecchie botteghe, fa parlare subito di sé. Iniziano le collaborazioni con gli hotel più esclusivi di Milano e con importanti brand di moda tra cui Chanel, Bottega Veneta, Tod’s e Safilo, per citarne alcuni. É un percorso di grande crescita ma Giulio e Andrea non si montano la testa. ”Crediamo che il nostro punto di forza sia la coerenza, in tutti questi anni abbiamo cercato di conservare il nostro stile senza sbavature”, raccontano. “Con una grande cura per il dettaglio ma partendo dall’altissima qualità dei fiori, per lo più di stagione, dedichiamo la stessa attenzione a tutti i nostri clienti”. Pur condividendo un’unica visione di stile, tengono a sottolineare le differenze di carattere e le loro inclinazioni personali. “Giulio è più rigorso, tecnicamente perfetto, organizzato e focalizzato sull’immagine di Numero 9. Andrea è intuitivo, riesce a prevedere le tendenze grazie al background nella moda, sempre attratto dai nuovi progetti e con una maggiore predisposizione alla comunicazione e alla tecnologia”, ci spiegano. In pochi anni l’Isola si anima di nuove aperture e diventa protagonista di un cambiamento importante, 130

ELLE DECOR

con la nascita dei nuovi grattacieli, la riqualificazione di vecchi edifici e il recupero di spazi dismessi tra Garibaldi e Porta Nuova. Anche Giulio e Andrea sentono il bisogno di rinnovare il loro spazio e, insieme agli amici architetti Marzio Cavanna e Cristiana Giua di MCA Studio, pensano a un restyling che viene messo in atto durante l’ultima chiusura estiva. L’acciaio lascia il posto al legno, più caldo e accogliente, utilizzato per il pavimento e gli arredi. I fiori, esposti in grandi vasche in muratura, diventano i protagonisti assoluti e la finitura effetto cemento sulle pareti differenzia i due ambienti attigui grazie alla scelta di colori a contrasto: verde salvia per l’ingresso, dedicato alla vendita e all’esposizione, nero totale per la zona riservata alla composizione e al confezionamento. La vetrina, libera e a tutt’altezza, lascia scorgere gli interni anche dalla strada e invoglia i clienti affezionati e i nuovi avventori a sbirciare per scoprire le ultime tendenze green. “Sono tornate di moda le piante d’appartamento degli Anni 60/70”, ci svelano. “Kentie, Ficus Lyrata, Ficus Robusta e Sterlizie di grandi dimensioni ritornano nelle case come veri e propri elementi d’arredo. Mentre piccole piante grasse, scultoree e disposte a gruppi, trovano il posto giusto sulla libreria”. — numeronove.it


CONCEPT

Gym & Chic In un cortile della Vecchia Milano, una palestra per il pilates pensata come una suite. Estetica dello spazio e cura del dettaglio, per un benessere tailor made testo di Francesca Benedetto foto di Alberto Strada

Archi, elementi in ottone, travi a vista e parquet fanno da cornice alle attrezzature di ultima generazione, per l’allenamento su misura. L’atmosfera di Pilates Suite Brera è rilassante, simile a quella di una residenza o alla fitness room di un boutique hotel. 133

ELLE DECOR


CONCEPT

Dall’alto, in senso orario, scrittoio in pergamena Anni 40, lampada da tavolo di Marcel Breuer e da parete di Storage Associati, pouf di Ico Parisi e sedia del 1955 di Silvio Cavatorta. A parete, opera di Elisabetta Vignato. Le tre postazioni pilates offrono alti standard qualitativi in un ambiente raccolto e riservato. Il cortile del palazzo di via Fiori Chiari, a Milano, con l’ingresso dello studio per la disciplina del pilates.

Non un semplice posto dove allenarsi, ma un luogo intimo ed esclusivo dove il benessere, la funzionalità e lo stile dialogano attraverso il comune denominatore dell’accoglienza

134

ELLE DECOR


CONCEPT

La sala per l’allenamento, vista dall’ingresso. In primo piano, poltrona di Silvio Cavatorta, foto di Giuliano Plorutti, applique in ottone di Storage Associati e opera di Elisabetta Vignato. Sul fondo, due Stability chair per la tecnica del pilates. Le lezioni di gruppo prevedono la presenza di tre partecipanti al massimo per salvaguardare la proposta di un training esclusivo e su misura.

Uno spazio pensato come la naturale estensione della casa. Racconta la passione della proprietaria per l’arte e il design, in particolare quello italiano che va dagli Anni 40 agli Anni 70

L’autunno è arrivato e non ci sono più scuse, è tempo di remise en forme. Ne è convinta Anna Maria Enselmi, titolare di Pilates Suite Brera, uno spazio esclusivo e accogliente nel cortile di un palazzo della Vecchia Milano, con il quale vuole rivoluzionare il concetto di palestra. Torinese di nascita, coltiva fin dall’infanzia l’amore per la danza, che diventa in poco tempo la sua vera passione. Si trasferisce giovanissima a Milano, proprio nel quartiere degli artisti. “Ricordo ancora l’emozione che ho provato al mio arrivo in città. Avevo diciotto anni e mi sentivo piccola ma piena di voglia di fare. Un giorno, entrando nella chiesa di Santa Maria del Carmine, mi sono fatta una promessa: qualsiasi cosa avessi costruito a Milano, casa, famiglia o lavoro, l’avrei realizzata in questa zona”. La laurea in Scienze della comunicazione la porta nel mondo della moda dove lavora nelle pubbliche relazioni, ma il richiamo del fitness è irresistibile. Si avvicina al pilates e, dopo varie esperienze in America e un percorso di approfondimento delle diverse tecniche, diventa insegnante e scopre di avere lo spirito visionario e instancabile dell’imprenditrice. “Volevo uno spazio in cui potersi allenare senza le ansie da competizione e la confusione tipica delle palestre tradizionali”, ci racconta. “Con la dimensione accogliente e ricercata di una casa o di una suite”. E proprio in via Fiori Chiari trova quel che fa al caso suo: 136

ELLE DECOR

un appartamento di 120 mq con travi a vista in un edificio fine Ottocento. L’ingresso è in un piccolo giardino invaso da rampicanti e gli interni sono definiti da un forte codice estetico che racconta un’altra passione di Anna Maria: quella per l’arte e per il design italiano degli Anni tra i 40 e i 70. La scelta degli arredi, condivisa con l’amica Nina Yashar di Nilufar, è ricercata e disinvolta. Al posto di un anonimo desk da reception, spicca un prezioso scrittoio in pergamena Anni 40 accostato a una poltrona in legno di Silvio Cavatorta del 1955 e a un pouf di Ico Parisi rivestito in velluto azzurro polvere. Le applique e i pannelli copriradiatori in ottone, su disegno di Storage Associati, tracciano un fil rouge che interrompe il grigio delle pareti e ammorbidisce l’aspetto rigoroso delle attrezzature per il pilates, tutte di ultima generazione. “Ho cercato di coniugare la mia visione di benessere, funzionalità e stile attraverso il comun denominatore dell’accoglienza”, ci spiega la Enselmi. “La cura dell’ambiente e il clima di quiete e relax che si respira predispongono le persone a una maggiore attenzione su di sé”, continua. “Lo spazio è stato pensato come la naturale estensione della mia abitazione ed è come se ci fosse un continuo e simbolico passaggio di chiavi: quando arriva il cliente, lo studio diventa la sua casa e io sono l’ospite. — pilatesuitebrera.com


LITINERARIO

Installazione ‘In Orbit’ di Tomás Saraceno al museo d’arte contemporanea K21 (kunstsammlung.de). Pagina accanto, l’edificio sinuoso rivestito d’acciaio inossidabile firmato Frank O. Gehry riflette i colori del paesaggio circostante. 138

ELLE DECOR


Creatività al potere Centro economico e industriale, Düsseldorf è oggi anche un laboratorio d’arte, design e architettura. Che attrae talenti da ogni angolo del mondo di Kristina Raderschad — foto di Sabrina Rothe — ha collaborato Ludovica Grieco


ITINERARIO

Dall’alto, in senso orario, esterno del K21, edificio ottocentesco con nuova copertura in ferro e vetro. Opere in mostra al KIT Kunst im Tunnel (kit.kunst-im-tunnel. de). Il bar del ristorante Phoenix, nella terrazza dell’iconica torre Dreischeibenhaus (phoenixrestaurant.de). Andreas Gursky, artista di fama internazionale, espone i suoi lavori nei più importanti musei del mondo. L’ingresso alla terrazza panoramica del Me and All Hotel (duesseldorf. meandallhotels.com).

Massimo esponente della Scuola di Düsseldorf, è cittadino del mondo ma vive e lavora qui. “Perché dovrei andare da qualche altra parte?” Andreas Gursky, artista-fotografo 140

ELLE DECOR


ITINERARIO

“Dal 1963 sono interessata all’evoluzione artistica, politica e culturale della mia città. E a come le giovani generazioni la affrontano” Katharina Sieverding, artista

Da sinistra, in senso orario, la scenografica scala dell’Andreas Quartier, spazio multifunzionale nell’edificio dell’antico palazzo di giustizia, oggi centro per conferenze, eventi e working space (andreas-quartier.de). Il grattacielo Stadttor, sede della regione Nord Reno Westphalia, progettato dallo studio locale Petzinka, Overdiek and Partner. Katharina Sieverding, artista concettuale ed ex allieva di Joseph Beuys. Installazione di video-art alla Julia Stoschek Collection (julia-stoschek-collection.net). Opera firmata Lars Breuer alla Galerie Rupert Pfab (galerie-pfab.com).

142

ELLE DECOR


ITINERARIO

Domina lo skyline di Düsseldorf la TV tower Rheinturm, costruzione iconica della città. In primo piano, il ristorante nel cubo di vetro con terrazza sull’acqua Lido Hafen (lido1960.de/hafen). Sul bordo del Reno, spiccano gli edifici di Frank O. Gehry.

144

ELLE DECOR


ITINERARIO

Dall’alto, in senso orario, Markus Ambach, curatore del progetto artistico e culturale per la trasformazione urbanistica della zona attorno alla stazione centrale. Gli interni del ristorante e bar Phoenix dello chef Philipp Wolter (phoenix-restaurant.de). Scorcio del negozio di design TheHomeStory (thehomestory.de). Il gallerista Gil Bronner e l’art consultant Isabelle von Runstedt, fotografati sulla scala di Philara, collezione privata esposta in una ex fabbrica di vetro (philara.de). Le architetture decostruite di Gehry, rivestite d’intonaco bianco, in acciaio e in mattone, che affacciano sul corso del Reno.

“Collocata nella vecchia fabbrica di vetro Lennarz, la collezione d’arte Philara ideata da Gil Bronner è uno degli highlight del quartiere Flingern” Isabelle von Runstedt, art consultant 146

ELLE DECOR


ITINERARIO

Arte, design, architettura, lifestyle. L’anima di Düsseldorf va vissuta a partire dal Reno. In barca o in bicicletta, alla scoperta delle sue eccellenze Polo economico, artistico e culturale, non lontano da Belgio, Paesi Bassi e Lussemburgo, nonostante i suoi 600.000 abitanti, Düsseldorf è un luogo pieno d’energia. Il suo porto fluviale, esteso su una superficie di 33 ettari (notevolmente ridimensionato rispetto agli 80 ettari del 1890), e la vicinanza al vasto bacino carbonifero della Renania ne hanno favorito lo sviluppo industriale e da sempre alimentano il motore commerciale della città. Oggi, la riconversione dell’antica zona portuale ha dato vita a un nuovo piano urbanistico che ospita opere di progettisti internazionali, mutandone l’identità e rendendola uno dei più importanti centri dei linguaggi artistici contemporanei e della sperimentazione architettonica della Germania. Arte È la città d’elezione per artisti, architetti e designer, non a caso si sono formati e lavorano qui stelle di fama mondiale come Thomas Ruff, Thomas Struth e Andreas Gursky, esponenti della cosiddetta Scuola di Düsseldorf. Ad attrarre molte di queste personalità è la Kunstakademie, una delle istituzioni artistiche più importanti, che vanta una collezione permanente con pezzi firmati Beuys, Richter e Sieverding, tra i tanti. Numerosi i musei e le gallerie d’arte per lo più situate nel vibrante quartiere artistico di Flingern, come il museo d’arte contemporanea KIT Kunst im Tunnel, dedicato allo sviluppo di talenti emergenti. In questo distretto lavorano molte personalità di spicco come l’art consultant Isabelle von Rundstedt e il collezionista Gil Bronner, che ha trasferito qui Philara, la sua collezione privata esposta nell’edificio che ospitava la storica fabbrica di vetro Lennarz. Tra le fiere internazionali che la città ospita, l’Art Düsseldorf (16-18/11). Architettura Percorrendo la pista ciclabile che si sviluppa lungo il corso del Reno scopriamo il paesaggio architettonico in continua crescita, il più significativo palcoscenico dell’architettura contemporanea in Europa. Lo skyline della città, che fa da cornice all’antico porto fluviale, è definito dagli edifici firmati Frank O. Gehry, con le facciate in acciaio, mattone e intonaco bianco, e dal grande centro 148

ELLE DECOR

commerciale Kö-Bogen, simbolo di innovazione e modernità, progettato da Daniel Libeskind. Lifestyle La natura cosmopolita si manifesta anche nella varietà di ristoranti e locali aperti alla sperimentazione. Al Lido Hafen, all’interno di un cubo di vetro al centro del fiume che attraversa la città, i piatti ispirati alla nouvelle cousine sono accompagnati da un panorama unico. La passione per la cucina si fonde di nuovo con il design nel ristorante e bar Phoenix dello chef Philipp Wolter, nell’iconica torre Dreischeibenhaus, dalla quale ammirare un panorama a 360 gradi. La contaminazione arte-design-food continua anche al Lido Malkasten, dove i clienti sono avvolti da interni multicolor concepiti dall’artista concettuale Rosemarie Trockel. Qui gli ospiti sono invitati ad assaporare le pietanze dello chef Florian Ohlmann che con il suo team propone un’interpretazione moderna della tradizione tedesca. Shopping In una giornata dedicata agli acquisti tappa obbligata è Carlsplatz Markt, tipico mercato locale, perfetto per la pausa pranzo, che offre un’ampia scelta di prodotti rigorosamente a km 0. Il sabato una folla di hipster passeggia lungo la Ackerstrasse, curiosando fra i negozi di nicchia per amanti di oggettistica, giardinaggio e accessori per la tavola. L’anima commerciale di Düsseldorf si riflette nelle vetrine delle grandi catene, ma si respira soprattutto nei piccoli concept store di moda e design come Butik, Marilux e TheHomeStory. Per i creativi che animano la città, vale una visita al fornitissimo Tube, paradiso di materiali artistici. Per chi è in cerca di pennelli, colori e ispirazione. —

Da sinistra, Citizen office+home offre design internazionale (citizenoffice. de). Nello skyline visto dal Reno svettano la torre della basilica di St. Lambertus e il grattacielo della Victoria Haus. Un angolo della Julia Stoschek Collection.


VIEW [Ottobre 2018]

158 IBIZA SEGRETA. Volumi disassati e orientati per catturare viste strepitose sul mare e la montagna. Cosi l’architettura di Patricia Urquiola rilegge l’archetipo della casa rurale ibizenca. 168 ITALIAN TOUCH. Padiglioni galleggianti sull’acqua. Screen frangisole che modulano l’effetto della luce. Spazi fluidi immersi nel paesaggio. Abitare a Tel Aviv è vivere il futuro. 178 POP UP A COLORI. Pezzi nuovissimi e riedizioni sfoggiano tonalità ultra strong. Declinate in 5 set monocromatici, messi in risalto da quinte effimere e giochi di volumi. 186 L’ARTE DEL RACCONTO. I colori di Le Corbusier, le icone del design e tante opere di giovani artisti narrano la storia di Tiziano Vudafieri e Catherine Vautrin. Creativi appassionati che ci invitano nella loro residenza milanese. 198 GREY ATTITUDE. Il verde di una serra e il grigio del cemento. La luce diffusa, uno spazio mosso su più livelli e percorsi d’acqua a pavimento. L’elogio della misura nell’abitazione ‘poco romana’ di una giovane coppia. 157

ELLE DECOR


IBIZA

SEGRETA Volumi disassati e orientati per catturare viste strepitose sul mare e la montagna. Così l’architettura di Patricia Urquiola rilegge l’archetipo della casa rurale ibizenca di Rosaria Zucconi — foto di Andrea Ferrari

158

ELLE DECOR


Nel living su due livelli, il divano e il coffee table con base in legno, entrambi su disegno, sono abbinati a pouf, cuscini e tappeti Bandas, di Gan Rugs. A destra, Mesh table di Kettal. Sullo sfondo, lampada di Ay Illuminate, opera ‘Trapos’ di Mario Arlati. Pagina accanto, un dettaglio esterno della villa che ne svela la complessa articolazione.


La zona pranzo all’esterno è arredata con un tavolo custom, sospensione e sedie di Tine K Home. Pagina accanto, nell’ampio living con affaccio sulla terrazza, divano Ravel di B&B Italia, coppia di Roll Club Chair e Mesh table di Kettal, pouf e tappeto Garden Layers di Gan Rugs, tutto design Patricia Urquiola. Ventilatore a soffitto di Boffi.


161

ELLE DECOR


162

ELLE DECOR


I volumi della villa si inseriscono nel paesaggio mediterraneo dell’isola adattandosi all’andamento del terreno. Le aperture, piccole finestre, ampie vetrate o funzionali ‘gelosies’, movimentano la residenza, dinamica e vivibile in ogni ambiente, in & out.

Come le tessere del domino, che messe in ordine diverso portano in tante direzioni, così i volumi, giocando bene tra loro e con i dislivelli del terreno, lasciano libero lo sguardo


La luce si infila negli spazi stretti dei patii, rifiutata da piccole finestre, entra spavalda dalle vetrate. Attraverso le gelosie diventa magica

Le terrazze sui tetti orientate verso il mare o la campagna per ammirare, a 360°, il paesaggio circostante. Pagina accanto, divano outdoor in muratura con imbotitture e cuscini di Gan Rugs, tavolini in legno e pouf intrecciati di artigianato locale per il living all’aperto, rialzato rispetto al livello della piscina.

164

ELLE DECOR


Dal dolce promontorio sulla costa orientale di Ibiza la vista a 360 gradi è spettacolare. I colori brillanti del mare, delle piccole calette, di falesie e spiagge deserte incontrano il verde dei boschi di pini che disegnano il paesaggio collinare. Il progetto di Patricia Urquiola, architetto di fama internazionale e globetrotter del design, è riuscito a catturare tutto questo. Da quando aveva dieci anni Patricia ama trascorrere parte delle vacanze estive sull’isola, nella casa di famiglia, la classica finca cresciuta attorno al nucleo originario con muri spessi, ristrutturata negli Anni 70 e mai più toccata. “Sono molto legata alla cultura della ‘casa de campo’, fatta di più volumi, che normalmente aumentano nel tempo, uniti da scalette, patii e terrazze sui tetti”, ci racconta. “E sono anche affascinata dal concetto di metodologia mediterranea elaborato dall’architetto Josep Lluís Sert (autore di opere iconiche come la Fundació Joan Miró a Barcellona, la Peabody Terrace a Cambridge e la Fondation Maeght a Saint-Paul-de-Vence), che sull’isola ha lasciato esempi di architetture candide, cubiste, prive di ornamenti, che dialogano con il contesto e l’artigianato locale”. Sul terreno collinare in pendenza, la progettista ha disegnato volumi a doppia altezza, disassati, che giocano tra loro e con il territorio, per catturare la vista perfetta, sul mare e sulla collina. Un’architettura decisamente mossa, dove i dislivelli esterni sono richiamati all’interno con gradini tra uno spazio e l’altro, con lunghi corridoi a cannocchiale, ‘patios’ a cielo aperto a collegare gli edifici, scale esterne e interne che raggiungono le terrazze sui tetti piani. “Ho cercato di annullare ogni segno di monumentalità”, continua Urquiola. “I blocchi, come mi piace chiamarli, con piccole finestre, ‘gelosies’ che alleggeriscono i muri pieni e creano all’interno speciali effetti di luce e ombra, hanno le giuste proporzioni, dignitose e serene, qualità essenziali dell’architettura rurale ibizenca”. Una scala che scende tra due volumi a doppia altezza disegna l’ingresso alla villa sul lato interno, dove il dislivello è importante e l’affaccio sul mare, attraversando lo spazio interno, fa da calamita tra dentro e fuori. L’interno corrisponde all’esterno, spazi privati intimi e raccolti si accostano ad altri conviviali in continuità con terrazze protette da cannicciati e con la piscina. Gli arredi hanno un carattere forte, i tessuti un tocco arts and crafts, i materiali sono solo naturali. Ma la vera sorpresa è messa in scena dai caminetti, che invitano i proprietari a godere, fuori stagione, del vero volto dell’isola. —


Area relax outdoor sul tetto con vista sulla scogliera. Divano in muratura su disegno, cuscini di Gan Rugs, stool e tavolini artigianali. Pagina accanto, nella zona notte, letto con testiera in legno custom, Forrest coffee table di Bloomingville, tappeto di Gan Rugs e opera di Paul Anton. A parete, arazzo di Tine K Home.

167

ELLE DECOR


168

ELLE DECOR


ITALIAN PADIGLIONI GALLEGGIANTI SULL’ACQUA. SCREEN FRANGISOLE CHE MODULANO L’EFFETTO DELLA LUCE. SPAZI FLUIDI IMMERSI NEL PAESAGGIO. ABITARE A TEL AVIV È VIVERE IL FUTURO di Rosaria Zucconi — foto di Amit Geron

TOUCH

L’ingresso alla villa è attraverso piastre in pietra affioranti dal verde e poi dalla via d’acqua. Il progetto è di Lissoni Architettura design team: Piero Lissoni con Lorenza Marenco, Stefano Castelli e Gaia Guarino. Local Architect, Tehila Shelef Architects, landscape di Mohr Avidan, styling Vandersandestudio.


Nel grande spazio luminoso del living, le vetrate e gli screen in legno, scorrevoli, alti 4,50 metri, annullano il confine tra interno ed esterno. Divani e panca capitonnÊ di Living Divani, tavolini tondi e in legno di Cassina, bergère 1919 di Poltrona Frau, poltroncine Dall di Baxter, tappeto di Golran.

170

ELLE DECOR


Nel luminoso candore della cucina da chef di Boffi si apprezza la continuità visiva tra i diversi spazi del living. Pavimenti in lastre di pietra portoghese grigio chiaro, tavolo con piano in legno massello, su progetto. Sedie design Hans J. Wegner per Carl Hansen & Søn. Lampadario di Gallotti e Radice.


173

ELLE DECOR


“NON AMO I CORRIDOI. IN QUESTO PROGETTO LI HO PORTATI ALL’ESTERNO, NELLO SPAZIO CHE SI CREA TRA GLI SCREEN E LE VETRATE. IN UN CONTATTO CONTINUO CON IL VERDE E GLI SPECCHI D’ACQUA” Piero Lissoni

La vita intorno alla piscina è un susseguirsi di spazi totalmente aperti come la cucina barbecue, il pranzo outdoor e il solarium all’ombra di un boschetto. Nella pagina accanto, la camera padronale, con letto di Living Divani e poltrone di Cassina, si affaccia su un giardino dedicato e sul padiglione del fitness.


“Tel Aviv è una metropoli cosmopolita che vive 24 ore su 24, attivamente proiettata verso il futuro. Se New York è percepita come dinamica, a confronto sembra dormire. Una serie di fattori complessi — che in altri luoghi sarebbero stati una sciagura — qui sono stati trasformati in opportunità. Dare valore alla vita è il sentimento predominante. La bellezza della ‘città giardino’ affacciata sul Mediterraneo consiste nel saper coniugare una tradizione formidabile con un eccesso di modernismo”. Così l’architetto Piero Lissoni sintetizza il suo pensiero su una città che ha scoperto e amato dopo Gerusalemme, dove ha realizzato progetti importanti come il famoso hotel Mamilla. “Mi piacciono gli edifici orizzontali, i padiglioni, lo spazio in sé, caro ai maestri del Movimento Moderno”, continua. “Ogni volta che penso a una casa la immagino come una scatola di vetro, trasparente, in continuità visiva con il paesaggio. Questo progetto nell’area residenziale di Tel Aviv corrisponde a quell’immagine, un grande padiglione che ha l’aria di galleggiare sull’acqua. Il terreno è stato progettato per accogliere la casa, protetta dall’esterno dal verde degli alberi e da muri in cemento con casseri a vista, dall’aspetto quasi monumentale”. Attentamente semplificata, la volumetria a L all’interno è totalmente aperta sulla piscina al centro del giardino, con vetrate continue e screen in legno. La luce accecante viene dominata

e messa in risalto, nel suo continuo cambiamento, da frangisole scorrevoli alti 4,50 metri. Liberata da ogni difesa, la scatola di cristallo si ricompone in totale purezza diventando un tutt’uno con il verde e l’acqua, elementi fondanti del progetto. Si entra in casa camminando su piastre in pietra appoggiate sul verde e poi affioranti dalla via d’acqua che continua su tutto il fronte strada. Una stecca precisa, l’ampio piano terra, tiene insieme le funzioni ufficiali della casa. Lo spazio è puro, fluido, senza pareti divisorie, attraverso sottili tagli verticali e orizzontali lascia intravedere dall’esterno quello che succede dentro e viceversa. Come quando la fiamma del camino si riflette sull’acqua, una delle tante suggestioni a cavallo tra fuori e dentro. Tra la parte pubblica e quella privata, con la master bedroom affacciata su un giardino dedicato che ha come filtro la biblioteca, una virtuale barriera da cui non si va oltre. Il progetto, che nella semplicità apparente racchiude la massima complessità, è supportato da una sofisticata ricerca strutturale, che consente riduzioni delle sezioni, delle pareti, delle colonnine dei serramenti, la sostenibilità di superfici vetrate tese al massimo. Per l’arredo una miscela di oggetti di antiquariato, pezzi rétro, opere dei maestri del design, tappeti che sottolineano la funzione dello spazio. E, come ama raccontare Piero Lissoni, con qualcosa di sbagliato. Un gesto di leggerezza, quando il rigore incontra il sentimento. — 175

ELLE DECOR


176

ELLE DECOR


Una fitta vegetazione protegge la privacy del padiglione in cemento a vista, sospeso sulla vasca d’acqua. Le finestre sono tagli architettonici essenziali, verticali e orizzontali. Pagina accanto, gli screen, nel movimento che regola la luce, alternano in giardino pieni e vuoti come uno spartito musicale.


Deep blue per il comfort. Eleganza minimal per il mobile bar Madison di Studio Contromano per Bontempi, in legno laccato e acciaio (bontempi.it). In versione a Led e colorata la lampada Luminator, un classico firmato da Pietro Chiesa, 1932, per FontanaArte (fontanaarte. com); a terra, centrotavola in ceramica di Grottaglie di Roberto Sironi per CoinCasa/ Elle Decor (coincasa.it). Pagina accanto, seduta profonda e schienale slim per il divano SakĂŠ di Piero Lissoni per B&B Italia (bebitalia.com) accostato al pouf Arkad S di Note Design Studio per Zilio A&C (zilioaldo. it). Dietro, appeso, Steel Wall Clock di Norm Architects per Menu (menu.as), a destra, In the Shadow of a Man, oggetto luminoso di Child Studio (childstudio.co). Le quinte sono rifinite con Resin Paint ÂŽ PL76, della Piero Lissoni Color Collection di Kerakoll (kerakoll.com).

178

ELLE DECOR


POP UP A COLORI

Pezzi nuovissimi e riedizioni sfoggiano tonalità ultra strong. Declinate in 5 set monocromatici, messi in risalto da quinte effimere e giochi di volumi di Arianna Lelli Mami e Chiara Di Pinto/Studiopepe — foto di Federico Cedrone testo di Piera Belloni — ha collaborato Costanza Manzoni

179

ELLE DECOR


Dal pranzo al living comanda il colore. A sinistra, il tavolo Tondo di Essetipi per Porada, rieditato per festeggiare i 70 anni del brand, con base in legno laccato rosso (porada.it) si abbina alla sedia Elipse di Zanotta firmata da Patrick Jouin (zanotta.it); dietro, centrotavola di Sara Ricciardi per CoinCasa/Elle Decor (coincasa.it). Al centro, ampia poltrona in velluto D 154.2 progettata da Gio Ponti,1953/57, oggi proposta da Molteni&C (molteni.it) e poltroncina Arcos di Lievore Altherr per Arper (arper.com). A destra, forme inedite per il divano ellittico Floyd di Piero Lissoni per Living Divani (livingdivani.it), e per la libreria in metallo Gap con cornice esterna luminosa di Carlo Tamborini per Porro (porro.com); dietro, luce Jagati di Ettore Sottsass per Memphis (memphis-milano. com). Quinte dipinte con Resin Paint ÂŽ PL47 della Piero Lissoni Color Collection di Kerakoll (kerakoll.com).

180

ELLE DECOR


181

ELLE DECOR


Giallo all-around. Divano Roma di Jonas Wagell per Tacchini (tacchini.it,); a sinistra, sgabello Bureaurama di Jerszy Seymour per Magis (magisdesign.com) e vaso da Noleggiocose; al centro, oggetto/scultura P.O.P. #5 di Zaven per Luisa Delle Piane (gallerialuisadellepiane. it); a destra, contenitore Boxinbox in cristallo di Philippe Starck per Glas Italia (glasitalia. com), sopra, portafrutta di Ettore Sottsass da Luisa Delle Piane e lampada Bicoca di Christophe Mathieu per Marset (marset. com). In alto, sulle quinte rifinite con Resin Paint ÂŽ PL40 di Kerakoll, tavolino in vetro di Sebastian Herkner per Pulpo (pulpoproducts.com).

182

ELLE DECOR


Cromatismi e geometrie. In questa pagina tavolo Ordinal disegnato da Michael Anastassiades per Cassina (cassina.com), sopra, luce Bellhop di Barber & Osgerby per Flos (flos.com) e specchio Dita di Davide Monopoli per Pulpo (pulpoproducts.com). Sedia Bavaresk firmata Christophe de la Fontaine per Dante (dante.lu). Lampada da terra Metrò progettata da Piovenefabi per Maniera (maniera.be). Appeso alle quinte rifinite con Resin Paint Ž PL76 di Kerakoll (kerakoll. com), il vaso di Parravicini Ceramiche da Noleggiocose (noleggiocose.it).

183

ELLE DECOR


Verde a contrasto. Divano Evergreen in tessuto di Antonio Citterio per Flexform (flexform. it) e poltrona Tape, design Nendo per Minotti, con schienale in pelle (minotti.com), accompagnati, in alto, a sinistra, dal coffee table Malmo in metallo con top in legno di Enrico Cesana per Alf DaFrè (alfdafre.it), dall’appendiabiti Anni 70 BBB Bonacina in vendita da Raimondo Garau (raimondogarau.com) e dall’oggetto/scultura P.O.P. #2 di Zaven per Luisa Delle Piane (gallerialuisadellepiane.it). A destra, in alto, sulle quinte rifinite con Resin Paint ® PL83, di Kerakoll (kerakoll.com), tavolino in legno laccato Dama firmato Poliform (poliform.it), sospesa, lampada in alluminio Area di Marco Spatti per Sforzin (sforzinilluminazione. com) e a terra sgabello Kamer Paolo disegnato da de Vylder Vinck Taillieu per Maniera, in ed. limitata (maniera.be).

184

ELLE DECOR


185

ELLE DECOR


In giardino, Tiziano Vudafieri e sua moglie Catherine davanti alla poltrona Corallo dei fratelli Campana per Edra e alla lampada May Day di Konstantin Grcic per Flos. Pagina accanto, tavolo bianco su disegno con sedie nere danesi Anni 60; sopra, lampada ricaricabile Tetatet, Davide Groppi. Scultura neon ‘We Die’ di Victor Man, fotografia ‘Confessions’ di David Birkin e scultura in vetro di Droog Design.

RACCONTO di Rosaria Zucconi — foto di Andrea Ferrari — testo di Francesca Molteni 186

ELLE DECOR

© Lorem Ipsum dolor

L’ARTE DEL


I colori di Le Corbusier, le icone del design e tante opere di giovani artisti narrano la storia di Tiziano Vudafieri e Catherine Vautrin. Creativi appassionati che ci invitano nella loro residenza milanese


Nel soggiorno che si affaccia sul cortile interno, divani in velluto nero di Luigi Caccia Dominioni, Azucena, come la lampada da terra LT10 del 1954. Il tavolo in marmo e legno è di Ettore Sottsass per Ultima Edizione, fine Anni 80. Lampade Sasso Anni 60 di André Cazenave per Atelier A, tappeto nero Galleria Altai Milano. La scultura in bronzo ‘Gerusalemme’ è di Aldo Mondino, la scultura ‘Love’ di Sigalit Landau.

Spazi fluidi e luminosi che si aprono con ampie vetrate sul


cortile-giardino e si sviluppano in un gioco di percorsi e dislivelli

189

ELLE DECOR


Sul muro grigio, arazzo e piccola pittura di Mario Milizia, lampada da parete Lampe de Marseille di Le Corbusier, Nemo Lighting; panca Clay Furniture di Maarten Baas, Spazio Rossana Orlandi. Pagina accanto, lampada Porcino di Luigi Caccia Dominioni per Azucena, originale Anni 60, e vasi vintage. A parete, disegno a carboncino e collage di Nick Devereux, sul soffitto ramo girevole in bronzo di Becky Beasley.


191

ELLE DECOR


Su disegno, la cucina e il tavolo sono stati realizzati da F.lli Bianchi, Cantù, il lampadario in vetro, ottone e pelle è un prototipo di Federico Peri, ora editato da Nilufar, la sedia Sella, design Othmar Barth 1962. All’ingresso, quadro di Roberto Coda Zabetta, scultura in vetro e legno di Oscar Tuazon, lampadario Arteluce Anni 60. A destra, dopo l’angolo, installazione ‘New York and me’ di Neil Beloufa, testa in bronzo di Aldo Mondino.

192

ELLE DECOR


Sul fondo del soggiorno, divano Sant’Ambrogio di Luigi Caccia Dominioni, Azucena, tavolo basso in marmo e legno di Ettore Sottsass per Ultima Edizione, tappeto Beni Ourain primi 900, Galleria Altai Milano, tavolino in legni riciclati di Piet Hein Eek, Spazio Rossana Orlandi, lampada da terra di Joe Colombo, O-Luce, quadro astratto di John Armleder.


L’eleganza senza tempo dei maestri, la libertà creativa dei grandi outsider, l’originalità della visione personale che plasma e rinnova ogni fonte di ispirazione

Diceva Le Corbusier che “il colore è intimamente legato al nostro essere, ciascuno ha il suo colore, se spesso lo ignoriamo, i nostri istinti – loro – non si sbagliano”. Ed è così che Tiziano Vudafieri e sua moglie, Catherine Vautrin, hanno scelto i loro colori, ritrovando il prezioso cofanetto ‘Polychromie Architecturale’ del grande maestro dell’architettura, con le due collezioni di carte da parati monocrome da lui create nel 1931 e nel 1959 per Salubra. “Sono colori completamente fuori moda, perché vengono da una storia. Anche nei nostri progetti è così, iniziamo in un modo e finiamo in un altro, perché la narrazione ci porta altrove”. E la vicenda di questa casa è la loro. Si innamorano di un loft abbandonato di 350 mq e del suo passato: vetreria, casa di ringhiera che gira intorno a un patio, con un progetto di restauro mai realizzato che il proprietario precedente aveva affidato a Ettore Sottsass. E la trasformano, negli anni, cambiando di volta in volta ambienti, colori e disposizione degli arredi, a seconda delle opere da esporre. “Catherine lavora nella moda, è una grande appassionata di arte e design. Questo è un progetto a due, condiviso. Collezioniamo arte contemporanea, soprattutto artisti giovani e, come dice mia moglie, abbiamo più opere che muri, ma le vogliamo godere. Così, di tanto in tanto, togliamo, rimettiamo, cambiamo, una follia!”. Una passione che non segue un progetto, ma il gusto e un piacere condiviso, “anche per il più piccolo acquisto, vale un’unica regola, uno deve convincere l’altro, altrimenti non se ne fa niente”. Qui tutto è fluido, si sale e si scende, si percorrono gli spazi come in una composizione di Escher, tra le quadrerie e le tinte accese di Le Corbusier a fare da sfondo. E poi, ci sono gli incontri. L’eleganza milanese di Caccia Dominioni e i tanti oggetti di Ettore Sottsass.

“È Ettore il mio immenso maestro, mi ha insegnato la libertà, una rivoluzione”, racconta Tiziano, “insieme a Guido Guidi, il grande fotografo che mi ha avvicinato al mondo dell’arte”. Dopo la laurea a Venezia con Aldo Rossi, i primi mesi nello studio Sottsass a Milano, con altri sessanta architetti – giapponesi, americani, australiani –, e poi la collezione Memphis sono uno shock. “Ho imparato che la qualità del genio umano non è mai finita, con Ettore si è aperto un mondo di possibilità”. Un mondo che Tiziano e sua moglie esplorano in questa casa. Accanto alle icone del design, come la poltrona Corallo dei fratelli Campana, i divani di Azucena o le lampade di Wilhelm Wagenfeld, convivono, in un mix molto personale, gli arredi disegnati da Vudafieri stesso o la cucina progettata su misura e realizzata da un artigiano in Brianza. “Anche nello studio che abbiamo fondato con Claudio Saverino – Vudafieri Saverino Partners – ci consideriamo degli storyteller, entriamo nel vissuto del nostro cliente e lo raccontiamo attraverso il nostro lavoro. I progetti perciò sono molto diversi uno dall’altro, non abbiamo, per qualità o per difetto, una poetica personale assoluta”. È così che hanno conquistato i grandi marchi della moda, da Louis Vuitton a Lanvin, da Givenchy a Jimmy Choo, Roger Vivier, Moschino, Delvaux e tanti altri, e disegnato più di 700 concept store in tutto il mondo. È così che Tiziano ha incontrato Catherine, complice un progetto per Emilio Pucci. “Una volta Yves Carcelle, allora presidente di Louis Vuitton, mi ha fatto un complimento che mi è piaciuto molto, mi ha detto che io divento un marchio anche se faccio la casa per mia zia”. È quello che succede quando si ha il coraggio di esplorare un mondo di possibilità. A volte, nascono bellissime storie d’amore. — 195

ELLE DECOR


Sulla parete della camera da letto, serie di foto ‘Mourning’ di Linda Fregni Nagler, foto a sinistra di Massimo Bartolini, lampadario di Murano primi 900. A sinistra, lampada da tavolo di Umberto Riva per FontanaArte; a destra, lampada da tavolo Jumo in bachelite, Anni 30 e due piatti in ceramica metà 700, lavorazione BiancoBlù, manifattura di Savona.

197

ELLE DECOR


I padroni di casa, Simone Menassè e Abigail Lewis, sono i fondatori, insieme a Claudio Salvatore, di Daforma, galleria polifunzionale con negozio di fiori, moda, caffetteria e studi di architettura. Il loro lavoro spazia dalla selezione di nuovi brand di moda allo sviluppo di nuovi format, fino alla progettazione e alla ricerca di oggetti d’arte e design.

198

ELLE DECOR


GREY ATTITUDE

IL VERDE DI UNA SERRA E IL GRIGIO DEL CEMENTO. LA LUCE DIFFUSA, UNO SPAZIO MOSSO SU PIÙ LIVELLI E PERCORSI D’ACQUA A PAVIMENTO. L’ELOGIO DELLA MISURA NELL’ABITAZIONE ‘POCO ROMANA’ DI UNA GIOVANE COPPIA di Rosaria Zucconi e Doriana Torriero — foto di Alberto Strada


Nella zona conversazione, poltroncine di ispirazione nordica, coffee table e divani con base in cemento su disegno. Accanto alla poltroncina di Harry Bertoia, Knoll International, tela di Menassè realizzata con cemento mescolato a pigmenti colorati, gesso e vecchi tessuti. In cucina, opera di Gianni Politi. Pagina accanto, nella zona pranzo, tavolo, sgabelli e lampade su disegno.

201

ELLE DECOR


Declinato su superfici e arredi (realizzati dall’artigiano Marius Pescaru), il cemento è il materiale principe del progetto, ammorbidito dalla presenza delle numerose piante e dai colori delle opere d’arte. Davanti all’isola-cucina su disegno, sgabelli di Menu. A parete, opera di Gianni Politi ‘Una donna una volta mi disse: hai le mani di una donna’, 2018.


203

ELLE DECOR


Sarà l’amore per la sua città, oppure il suo Dna di esploratore, fatto sta che, per Simone Menassè, rigenerare spazi urbani con storie, dimensioni e caratteristiche diverse è una attitudine personale, non facile da leggere nel lavoro di un progettista. In angoli sconosciuti di Roma, Simone e il suo studio di architettura hanno recuperato negli ultimi anni decine di luoghi dismessi. “Credo fermamente nella second life, immagino un futuro che è tutto nella mia testa”, confessa Menassè. “Dai palazzetti d’epoca ai capannoni in disuso, dal centro storico fino alle arterie meno battute, amo applicare fantasia, studio e professionalità a volumi che, almeno in apparenza, non hanno chance”. Grazie allo sguardo di architetto visionario e imprenditore coraggioso, la sua firma è su molti spazi industriali trasformati in ristoranti cool, antiche botteghe diventate sofisticate art gallery, atelier che prendono vita in vecchi forni. Anche un basement, vera rarità in una città come questa, che vive di terrazze con vista, è diventata nelle mani di Simone un’abitazione dalla forte personalità, per lui e la sua compagna. ”Questa volta sono andato a curiosare nel quartiere Montesacro a nord-est della capitale, fuori dagli stimoli modaioli, ma che ha già iniziato una sua naturale evoluzione. L’area si è sviluppata negli Anni 50 attorno e nel cuore della Città Giardino Aniene (dal nome del fiume che la attraversa), progettata nel 1924 dall’architetto, urbanista e ingegnere Gustavo Giovannoni, sull’idea delle Garden City inglesi. Di questo modello urbanistico conserva ancora l’atmosfera elegante delle palazzine in stile barocchetto e dei villini con giardino privato. È qui che Simone ha avuto l’ultimo colpo di fulmine per uno spazio che, con le grandi vetrate a nastro, affaccia sul prato di una villa. ”Montesacro mi ha colpito con le sue strade alberate, i bar, le osterie e i mercati intrappolati nel tempo, che mi hanno fatto apprezzare uno stile di vita meno caotico. Questa sensazione di silenzio e tranquillità ha ispirato un progetto di ristrutturazione nel quale l’inserimento di elementi naturali come l’acqua e le numerose piante, insieme alla scelta di materiali caldi come pietra e legno, hanno giocato un ruolo fondamentale”. Il grigio luminoso e materico del cemento è perfetto per dare risalto al verde esuberante delle specie tropicali e alle vie d’acqua, alimentate da una piccola cascata a parete, che segnano il perimetro del living producendo suoni e riflessi dall’effetto particolarmente rilassante. Gli arredi, tutti pezzi unici realizzati artigianalmente su disegno dell’architetto e padrone di casa, sono uniti da un linguaggio cromatico che varia dal grigio chiarissimo alle tonalità scure del legno. Unici punti di colore e di attrazione visiva le opere d’arte di giovani artisti in ascesa come Gianni Politi e Vincenzo Schillaci. I soffitti alti, i grandi tagli di luce, i diversi livelli che disegnano e muovono lo spazio moltiplicano l’atmosfera del loft, senza intaccarne il rigore essenziale. — 204

ELLE DECOR


Gli oltre 4 metri di altezza sono la fonte d’ispirazione del progetto che si fonda sulla sovrapposizione di ambienti diversi: qui il living con vasca e cascata d’acqua, sul quale si affaccia lo studio. La presenza delle piante, mini e maxi, spezza il rigore del grigio. Pagina accanto, in alto, arredi su disegno e quadro firmati Menassè. Sotto, Abigal Lewis accanto all’opera di Gianni Politi.


206

ELLE DECOR


Nella camera da letto, total grey, maxi opera di Vincenzo Schillaci. Sul tavolino con piano in marmo, lampada su disegno. Pagina accanto, nella stanza da bagno a vista, rialzata rispetto al livello della camera padronale, top in cemento scurito con pigmenti naturali. In primo piano, sedia in rete metallica di Menu.


Pattern raffinati, configurazioni senza limiti grazie a materiali innovativi e soluzioni effetto sorpresa a cura di Tamara Bianchini e Murielle Bortolotto — testi di Piera Belloni

Foto Punto immagine

Segni grafici a libera composizione. Lasciano spazio alla creatività le nuove tessere della collezione Jointed di Mosaico+. Un nuovo formato da cm 5x5 su una rete di cm 30x30. Sulla superficie in vetro cattedrale incisioni irregolari dettano un ritmo inconsueto agli ambienti. Intercambiabili e componibili a seconda del proprio stile. In sette varianti di colore. mosaicopiu.it

209

ELLE DECOR


INSIDE DESIGN/MATERIALI

Texture inedite. Una lampada essenziale e una porta finestra angolare dall’aspetto elegante

Soluzioni personalizzate. Nella gamma di Finstral si trovano porte e finestre per ogni esigenza, anche le più particolari: come il serramento angolare della linea FIN-Project con elemento scorrevole e vetrata laterale. In alluminio e con la possibilità di scegliere colori diversi per interno ed esterno. finstral.com

Grazie alla base in tessuto con piccole lastre in legno o laminato è possibile creare forme organiche e sinuose negli interior con Wood-Skin. Accanto, Mesh sheets in due pattern e tonalità: naturale o azzurro. wood-skin.com Figura cosmica Si chiama Teia la luce sospesa di Matteo Benedettini per Da a. Semplice, con disco diffusore a Led ispirato al sole, si muove con un sistema di scorrimento inedito che resta nascosto. daaitalia.com

È una collezione non convenzionale Sesto Senso di CP Parquet che reinterpreta il pavimento di legno accostando materiali ricercati e forme geometriche inusuali. Nella foto, la variante in Teak Burma con inserti in rovere scuro oliato. cpparquet.it

210

ELLE DECOR


INSIDE DESIGN/KITCHEN

Effetti materici per una cucina su misura, un elettrodomestico dalla finitura glam e accessori utili

Rivisita un classico Sweet di Fabrizio Crisà per Elica, che rielabora le linee della cappa-camino della memoria. Con tecnologia attualissima: in tecnopolimero, ha luce strip Led e aspirazione perimetrale, in 6 finiture fra cui il nuovo rame. elica.com

Progetto sartoriale. La cucina come uno spazio fluido, aperto verso gli altri ambienti della casa. Il sistema Segni di Stefano Cavazzana per Zampieri è un concept innovativo, mixa vani a giorno da appoggio sul top, boiserie e grandi madie. Tutto personalizzabile, grazie all’ampia scelta delle finiture. Qui, isola con piano e ante in pietra Havana brown, colonne in Metalsatin bronzo, boiserie in Rovere fossile. zampiericucine.it

Pratici bijoux da tavola Si chiama Pebble il sottopentola firmato da Toast Design che imita una collana e le superfici delle pietre naturali. In resina, da scegliere in bianco o in nero, misura cm 19 di diametro. toastliving.com

Un’estetica d’antan disegna il carrello portavivande Chic di Bernhardt & Vella per Bontempi. In finitura oro o ottone anticato con piani in cristallo trasparente, fumé o in super marmo. bontempi.it

212

ELLE DECOR


INSIDE DESIGN/PROGETTI

Up & Down, dal pavimento alla parete: un disegno ispirato ai campi sportivi diventa un wallpaper ultra creativo

Geometrie dinamiche disegnate da sottili linee bianche per la carta da parati Fairplay, firmata da Serena Confalonieri per Wall&decò. Un wallpaper di gusto contemporaneo che si ispira alle pavimentazioni dei campi di basket, realizzato su misura in vinile con retro in Tnt. Da scegliere fra 2 varianti, quella dai colori vividi in foto oppure declinato in tonalità pastello. wallanddeco.com

214

ELLE DECOR


INSIDE DESIGN/PROGETTI

Arredare e contenere con un sistema capace di ricavare spazi guardaroba tailored e tre appendiabiti light line

Una mini rivoluzione domestica per superare la vecchia idea di armadio: è Freedhome, sistema di contenimento a moduli ideato da Caccaro, che offre infinite possibilità per creare spazi guardaroba dove non ci sono, sfruttando ogni angolo di casa. Apertura pull-push a scomparsa e illuminazione a Led. caccaro.it

Un gioco di incroci definisce Day, l’appendiabiti firmato Gino Carollo per Bonaldo. Realizzato in tondino metallico laccato rosso, da scegliere fra sedici colori matt. Misura cm 165h. bonaldo.it

Per appendere e accogliere vestiti, cappelli, sciarpe e gli altri oggetti preferiti c’è Catch-All ideato da Mika Tolvanen per Authentics. In tondino di metallo verniciato in tre colori tendenza: rosa, bianco o nero. Misura cm 80x31,5x21h. authentics.de

216

ELLE DECOR

Oggetto scultoreo e insieme funzionale, Tonbo è disegnato da Junpei & Iori Tamaki per Living Divani. Servomuto in acciaio verniciato a polveri su base di marmo bianco, oppure nero Marquina. In due misure, cm 160/130h. livingdivani.it


ELLE DECOR PER PANZERI

LUCE HANDMADE L’avanguardia illuminotecnica incontra la tradizione del vetro soffiato. Nasce Smoke, la nuova famiglia di lampade che fonde la produzione industriale con l’arts&crafts

Un oggetto di design che racconta antiche lavorazioni artigianali. Smoke è una famiglia di sospensioni sferiche che sono prodotti unici, ognuno realizzato a mano da maestri veneziani del vetro soffiato. Una new entry del catalogo ‘Sfere. Rotazioni. Ritorni.’ appena presentato da Panzeri, storica azienda fondata a Biassono (MB) nel 1947, che trasporta nel futuro il suo know-how nel settore illuminotecnico. Innovazione e tradizione, produzione industriale e manifattura, cultura del fare e dinamicità si fondono nella collezione Smoke. Il diffusore vitreo presenta sfumature che rendono affascinante l’oggetto anche quando spento, come fosse una scultura sospesa. La lampada è disponibile in due formati e in due diverse colorazioni per consentire infinite possibilità di configurazione. Grazie al suo design senza tempo, è ideale come elemento singolo per caratterizzare specifiche zone di un ambiente, ma può essere accostato in composizioni più articolate, per creare scenografiche installazioni luminose. panzeri.it


INSIDE DESIGN/WELLNESS

Materiali, forme, finiture, tecnologie. La stanza dell’acqua cambia identità e si trasforma in uno spazio sempre più a misura di sé e del proprio benessere a cura di Tamara Bianchini — testi di Piera Belloni

[1]

[3]

[2]

Si ispira a linee razionaliste reinterpretandone in chiave attuale le forme pure, il lavabo a colonna della collezione Madre di Angelettiruzza design per Ceramica Flaminia (ceramicaflaminia.it). Parete con piastrelle Corrispondenze di Dimore Studio per Ceramica Bardelli, in grès con decori pennellati a mano. ceramicabardelli.com 1. Taormina di Ritmonio, miscelatore a risparmio idrico, in finitura: oro, cromo e cromo nero, in versione lucido o spazzolato. ritmonio.it 2. Atrio di Grohe, batteria monoforo per lavabo in metallo cromo, con bocca girevole e manopole a raggi. grohe.it 3. Lutezia di Jean-Michel Wilmotte per Cea. Rubinetto da parete in acciaio inox, disponibile in tutte le finiture speciali del brand. ceadesign.it 219

ELLE DECOR


INSIDE DESIGN/WELLNESS

Forme minimaliste per arredi e complementi dal taglio scultoreo da abbinare a dettagli fashion e a note green forest [1]

[2]

[3]

[4]

[5]

220

ELLE DECOR

[6]

[7]

Foto Tommaso Sartori

1. Upper Units Bathroom, progettato da Piero Lissoni per Boffi, il sistema di boiserie attrezzabile con rivestimenti diversi, contenitori e mensole. boffi.com 2. Color Elements di Gsi. Una nuova palette di toni matt in sei possibili varianti per lavabi e per sanitari delle linee Pura e Sand. gsiceramica.it 3. Beams Mono, radiatore modulare di Wim Segers per Vasco a sezione unica e da scegliere tra 54 colori. vasco.eu/it 4. AA/27 di Michael Anastassiades per Aboutwater Boffi Fantini. Miscelatore da lavabo monoforo in acciaio inox spazzolato. aboutwater.it 5. Stonetto, piatto doccia firmato Eoos per Duravit, in DuraSolidÂŽ opaco, in quattro colori e dodici misure. duravit.it 6. SoulSteam di Starpool, cabina per doccia e bagno di vapore nella colorazione DeepSoul verde intenso, cm 150x150x233h. starpool.com 7. Lariana disegnato da Patricia Urquiola per Agape. Lavabo realizzato in CristalplantÂŽ decentrato rispetto alla colonna in marmo. agapedesign.it


INSIDE DESIGN/WELLNESS

TonalitĂ colorate, opache o brillanti, dal corallo al mattone. Uno stile dinamico per andare oltre gli schemi classici

[1]

[2]

[3]

[4]

[5]

222

ELLE DECOR

1. Eve firmato da Ludovica+Roberto Palomba per Tubes, il device elettrico che illumina e riscalda. Senza vincoli di installazione, anche bianco, oro matt, cromo lucido. tubesradiatori. com 2. Materia di Arbi Arredobagno, mobile monoblocco con vano a giorno nella finitura laccato Rosso Casale velvet, con top in Fenix e lavabo integrato Kuki. arbiarredobagno.it 3. Plouf disegnata da India Mahdavi per Bisazza Bagno. Vasca color fragola della Mahdavi Collection, anche verde pistacchio e blu mirtillo. Qui con mosaico effetto gessato Pinstripe Pink della collezione Opus Romano e miscelatore Bling da bordo vasca. bisazza.com 4. Sirio di Arblu, sistema per box doccia dai profili sottili in alluminio anodizzato ossidato Alublack, anche in finitura argento lucido, configurabile ad angolo o a nicchia. arblu.it 5. PlaySteel 58 ideato da Francesco Lucchese per Fir, il miscelatore con bocca di erogazione extrasottile. fir-italia.it


INSIDE DESIGN/WELLNESS

L’industrial style per il bagno si declina fra texture materiche e cromie a tema [1]

[2]

[3]

1. Hangout, portasalviette in legno e metallo di Proof of Guilt. proof-of-guilt.com 2. Mineral Resin di Gobbetto. Resina da rivestimento a base di minerali effetto pietra. gobbetto.com 3. Sk-In decoro P30 Frame. Cabina doccia walk-in di Vismaravetro con elementi fissi in cristallo dalla superficie stampata effetto griglia. vismaravetro.it 4. Elle Tonda, lavabo sospeso di Andrea Parisio e Giuseppe Pezzano per Cielo, qui con alzata in ceramica e specchio. ceramicacielo.it 5. Closer, di Diego Grandi per Zucchetti, il miscelatore monocomando finitura nero soft touch o cromo. zucchettikos.it 6. Denim decor Ondulato, mosaico ceramico di Appiani a moduli da cm 30x30. appiani.it 7. Eclipse di Marco Di Paolo per Antoniolupi, vasca in marmo di Carrara con mensola integrata nel bordo. antoniolupi.it

[4]

[5]

[6]

[7]

224

ELLE DECOR


INSIDE DESIGN/WELLNESS

La Spa domestica, progettata su misura, punta su materiali d’eccellenza e soluzioni tecnologiche professionali [1]

[2]

[4]

[3]

[5]

[6] [4]

[7]

226

ELLE DECOR

1. BodyLove di Dordoni e Angelini per Effegibi. Sistema per sauna, con interni in legno massiccio e grès, e hammam con interni personalizzati. Su misura. effegibi.it 2. Glam firmato Emo Design per Scarabeo, versione tonda della collezione di 14 lavabi dai bordi extrasottili. scarabeosrl.com 3./4. Acid Stain, superficie decorativa per pavimenti di Ideal Work. In cemento con sali metallici che creano sfumature di colore uniche. idealwork.com 5. Plain di Oli, placca comando wc in Abs dallo spessore ridotto, con pulsanti differenziati. olisrl.it 6. Italy di Busetti Garuti Redaelli per Cristina, rubinetto con corpo sfaccettato e manopola in marmo. cristinarubinetterie. com 7. America quattro di Samo. Cabina doccia con pareti di 4 mm e profili in alluminio, esiste in configurazioni con ante scorrevoli, a battente e a saloon. samo.it


INSIDE DESIGN/WELLNESS

Geometrie inedite per una decorazione ultra moderna, fra sottili linee black e inserti con tranquille nuance acquatiche [1]

1. Spare Time di Riccardo Zulato per London Art. Wallpaper resistente all’umidità per rivestire le superfici del bagno, in tre varianti colore. londonart.it 2. 7 Lampada di Laura Väre per Luomo. Qui in versione sospesa. luomocollective.fi 3. Libero 3000, struttura a griglia per doccia walk-in che riecheggia gli infissi industriali, cm 200h. duka.it 4. Aqua di Alape, lavabi in finitura vetrificata di grande lucentezza, in tre tonalità. alape.com 5. T Tower, radiatore disegnato da Matteo Thun & Antonio Rodriguez per Antrax IT. Anche elettrico, in profilato di alluminio e in 200 tinte. antrax.it 6. Tricolore firmata da Studio Aisslinger per Kaldewei, la vasca freestanding con supporto in acciaio. kaldewei.com

[2]

[5]

[3]

[4]

[6]

228

ELLE DECOR


INSIDE DESIGN/WELLNESS

Fitness@home: le idee per allestire un ambiente multifunzionale, dove trovano spazio attivitĂ gym anti-stress

[1]

[2]

[3]

[4]

[5]

[6]

1. Gym Space di Mattia Pareschi per Scavolini. Pareti composite con arredi e attrezzature sportive. scavolini.com 2. Gambol firmato Monica Graffeo per Ever. Anelli in faggio da utilizzare come sostegno o portasalviette. everlifedesign.it 3. Essential Doccia by Scrigno, porta scorrevole interno muro per box a filo pavimento e controtelaio a scomparsa. scrigno.it 4. Melua di Pozzi-Ginori. Piatto doccia in resin stone antiscivolo, in 20 misure, quadrate e rettangolari. pozzi-ginori.it 5. Blow di Fazzini, tappetino in tonalitĂ autunnali sfumate. fazzinihome. com 6. Hera di Daniel Libeskind per Azzurra, sanitari e lavabi con un originale movimento di torsione. azzurraceramica.it 230

ELLE DECOR


Marina Abramovic, ‘Artist Portrait with a candle’, serie ‘Places of Power’, 2013

L’interno del padiglione Furoshiki, Parigi

n.b.

© Atelier Tsuyoshi Tane Architects - Courtesy of Marina Abramovic Archive © Marina Abramovic by SIAE 2018 - © ZhdK - Courtesy Galleria Lia Rumma, foto Vanessa Beecroft

Ottobre — Mostre, fiere, appuntamenti e vernissage a cura di Piera Belloni

Japonismes a Parigi — Un regalo speciale per i cittadini nello spazio antistante l’Hôtel de Ville: ‘Furoshiki’, a cura di Tsuyoshi Tane, è un’installazione che replica su scala gigante il quadrato di stoffa usato in Giappone per impacchettare doni. Reinterpretato nell’interno da vari creativi, da Constance Guisset a Kitano. Dall’1 al 6/11, japonismes.org/en Personale a Firenze — Marina Abramovic è la protagonista a Palazzo Strozzi di ‘The Cleaner’, con oltre 100 opere fra video, foto e installazioni dagli Anni 70 a oggi, e il fondamentale apporto di performer che riproporranno le sue azioni più celebri. Fino al 20/1/2019, palazzostrozzi.org +elledecor.it Progetti e temi sociali a Zurigo — Apre il 5/10 al Museum für Gestaltung ‘Social Design’, centrata su come la progettazione accompagna,

e migliora, l’evolversi delle società urbane e rurali. 25 progetti internazionali, dal Solarkiosk che fornisce energia a piccole comunità ai 10.000 Food Garden piantati in Africa. Fino al 3/2/2019, museum-gestaltung.ch Contemporanei in Fiera — Dal 2 al 4/11 all’Oval Lingotto Fiere, Artissima propone una panoramica sullo stato dell’arte oggi, con 189 gallerie divise in 8 sezioni, come la Main Section, e la novità Sound, ospitata alle OGR. artissima.it Blue works a Milano — La galleria Building ospita fino al 22/12 ‘Jan Fabre. I Castelli nell’ora blu’, con disegni, collage e film, a partire da ‘Tivoli’, castello che l’artista ha ricoperto di fogli disegnati a biro lasciandoli trasformare dal tempo. Oltre a installazioni site specific. building-gallery.com

Vanessa Beecroft, ‘vb84.044.nt’, 2017-2018, Galleria Lia Rumma, Artissima

Jan Fabre, ‘Tivoli’, 1990

Markus Kraft, poster della mostra ‘Social Design’, 2018

233

ELLE DECOR


Elle Decor Italia International subscription Starting from today, you can finally subscribe to Elle Decor Italia and bring italian style & design into your home wherever you are... 5 good reasons to make your choice... 1. Every month you will receive your favourite magazine. 2. It will be despatched directly to your home. 3. No more distances; wherever you live, hundreds or thousands kilometers away, any place becomes easy to reach. 4. You can take a glance at Italian style, color and warmth. 5. You are constantly informed on ideas, trends, curiosities, news about design and interior design. But there is more: new life-styles, famous people and emerging personalities, art and whatever is related to interiors. NEW! The subscription also includes browsable digital edition. So you can now read Elle Decor Italia, including back issues and enclosures, even online on PCs, MACs and tablets

The unique Elle Decor Italia style has no boundaries 35%

discount if you subscribe to Elle Decor italia online Starting from today, you can simply click on the Elle Decor Italia cover on the site www.abbonamentionline.com and you can easily subscribe online.

35% discount: 1 year 10 issues for only â‚Ź 29,25 plus shipping charges.


OCTOBER 2018

The cover By Rosaria Zucconi, photos by Andrea Ferrari. Offset volumes positioned to capture amazing views of the sea and the mountains. Here the architecture of Patricia Urquiola reinterprets the archetype of the Ibizan rural house. In the living room area spread out on two levels, the couch and the coffee table are custom, matched with a pouf, pillows and rugs.

English text 38 Space projects. 64 East meets West. 73 Timeless Ponti. 81 Stroke of genius. 91 Brunello Cucinelli. 99 Carolina Castiglioni. 107 The world of Leonor. 111 London calling. 118 Coffee break. 127 New look for Isola. 133 Gym & Chic. 138 Creativity in power. 158 Secret Ibiza. 168 Italian touch. 178 Color pop up. 186 The art of storytelling. 198 Grey attitude 235

ELLE DECOR


CONTENTS OF THE ISSUE

P. 38 SPACE PROJECTS by Valentina Raggi

It is no longer the future, it is tomorrow. The big names in architecture, cinema, science and fashion are getting ready for (your) imminent cosmic journeys P. 64 EAST MEETS WEST by Laura Maggi

The third edition of Elle Decor Grand Hotel opens at Palazzo Morando, designed by the international Neri&Hu studio. For the first time in Italy with an interior design project P. 73 TIMELESS PONTI by Paola Carimati

In Milan, in the archives of Gio Ponti, an enthusiastic outsider of design and of life. Waiting to fly to Paris and discover the decorative soul of the retrospective dedicated to him P. 81 STROKE OF GENIUS by Paola Carimati

Architecture, ethics and social issues in the all-round project from the cashmere entrepreneur

P. 127 NEW LOOK FOR ISOLA

P. 99 CAROLINA CASTIGLIONI

Wood floors, cement-inspired walls and contrasting colours for a Milanese flower shop. Where succulents like little sculptures, huge plants and carefully selected flowers take the place of honour

by Rosaria Zucconi photos by Max Zambelli words by Murielle Bortolotto

Instinct and personality are the key features of this Milanese creative and her fashion collection. Clothes to be layered with creativity and freedom P. 107 THE WORLD OF LEONOR by Filippo Romeo with the collaboration of Piera Belloni

The work of Ponti and the Albini-Helg duo is among the sources of inspiration for the first Italian solo exhibition by the artist Leonor Antunes, ‘The Last Days in Galliate’. On show at the Pirelli Hangar Bicocca in Milan P. 111 LONDON CALLING by Paola Carimati photos by Jutta Goessl

It’s the year of Achille Castiglioni, a man who was thoughtful of others, with deep ties to his city. Milan is celebrating him with a retrospective monographic exhibition at the Triennale

At King’s Cross, the district redesigned by Thomas Heatherwick, in the pop up gallery by the Italian Matter of Stuff. With a decidedly Brit installation, by Raw Edges

P. 91 BRUNELLO CUCINELLI

by Valentina Raggi and Francesca Benedetto

by Rosaria Zucconi photos by Settimio Benedusi words by Valentina Raggi

A village in Umbria’s countryside as headquarters for a global business 236

ELLE DECOR

P. 118 COFFEE BREAK

From an exotic product to a drink for the masses to high craftsmanship. Coffee becomes a shared passion, bringing roasteries back into vogue. But with deluxe quality

by Francesca Benedetto photos by Alberto Strada

P. 133 GYM & CHIC words by Francesca Benedetto photos by Alberto Strada

In a courtyard in the old part of Milan, a gym for pilates designed like a suite. Aesthetics of space and attention to detail, for tailormade wellbeing P. 138 CREATIVITY IN POWER by Kristina Raderschad photos by Sabrina Rothe with the collaboration of Ludovica Grieco

Pavilions floating on water. Sun-shading screens that modulate the effect of the light. Fluid spaces immersed in the landscape. To live in Tel Aviv is to experience the future P. 178 COLOR POP UP by Arianna Lelli Mami and Chiara Di Pinto/ Studiopepe photos by Federico Cedrone words by Piera Belloni with the collaboration of Costanza Manzoni

Brand new pieces and re-editions show off ultrastrong colors. Shot in 5 monochromatic sets, highlighted by ephemeral scenes and games of volumes P. 186 THE ART OF STORYTELLING by Rosaria Zucconi photos by Andrea Ferrari words by Francesca Molteni

An economic and industrial hub, today, Düsseldorf is also a hotbed of art, design and architecture. Attracting talent from every corner of the world

The colors of Le Corbusier, icons of design and many works by young artists tell the story of Tiziano Vudafieri and Catherine Vautrin. Passionate creatives who invite us into their Milanese residence

P. 158 SECRET IBIZA

P. 198 GREY ATTITUDE

by Rosaria Zucconi photos by Andrea Ferrari

by Rosaria Zucconi and Doriana Torriero photos by Alberto Strada

Offset volumes positioned to capture amazing views of the sea and the mountains. Here the architecture of Patricia Urquiola reinterprets the archetype of the Ibizan rural house P. 168 ITALIAN TOUCH by Rosaria Zucconi photos by Amit Geron

The colours of a green house and the grey of cement. Diffused light, a space that moves on different levels, with water routes underfoot. A homage to simplicity in the ‘not typically Roman’ home of a young couple


ENGLISH TEXT

Space projects — p. 38

Space projects — p. 38

East meets West — p. 64

by Valentina Raggi

by Laura Maggi

It is no longer the future, it is tomorrow. The big names in architecture, cinema, science and fashion are getting ready for (your) imminent cosmic journeys

The third edition of Elle Decor Grand Hotel opens at Palazzo Morando, designed by the international Neri&Hu studio. For the first time in Italy with an interior design project

We are setting off for space. Take Philippe Starck’s word for it, as he tells us about the interiors of the spaceship designed for Axiom Space, an American company ready to launch tourist trips into the cosmos in 2022. Norman Foster, on the other hand, has had a ‘Space Architecture’ section in his studio for years now, with ideas for buildings and robots to live on other planets and projects such as the Spaceport America space research centre in New Mexico. Not far behind is the BIG studio, designer of the Virgin Hyperloop One for SpaceX by Elon Musk, a capsule to carry passengers at a supersonic speed of 1,100 km/h. Half a century after the first moon landing, scenarios that seem straight out of a sci-fi film are becoming reality. Everyone is going back to looking at the stars. Chazelle’s biopic on Neil Armstrong, ‘First Man’, was chosen to open the Venice Film Festival. Louis Vuitton chose a catwalk shaped like a spaceship from Star Trek for the FW18 show at the Louvre. In design, at Milan Design Week, the ‘Driade Moon Mission’, with iconic chairs reinterpreted to be made in 3D on the moon, and the ‘space & interiors’ exhibition of furnishings and materials for life on Mars curated by Stefano Boeri were prime examples. Jeff Bezos, the founder of Amazon, has set up Blue Origin, a company producing space vehicles, including the New Shepard, which could already launch at the end of the year. If you want to start preparing for the trip, download the Space Nation app by NASA. It offers training for amateur astronauts and you could win a space flight. ”

“We wanted to go beyond the traditional definition of hotels as a series of functional elements - lobbies, lounges, restaurants, bedrooms - and suggest new possibilities,” explain architects Lyndon Neri and Rossana Hu, co-founders of the Neri&Hu studio, in presenting their Invisible Rooms project for Elle Decor Grand Hotel 2018. They were inspired by Italo Calvino’s novel Invisible Cities, a text that has become a cult for generations of architects and designers. “Just as Marco Polo presented the various cities divided into categories to Kublai Khan, Invisible Rooms divides the hotel into rooms, combined with different programmatic needs related to the concept of hospitality,” explain the architects. Filipino-born Lyndon and Rossana from Taiwan trained in the United States and then founded their own studio in Shanghai. The perfect pair to take on the project, curated by Livia Peraldo Matton, for the third edition of the Elle Decor Grand Hotel. The reference to the novel by Calvino becomes an occasion for Neri&Hu to recreate a fantastic world inside an ancient Milanese building in the centre of the city. From the lounge/forest to the restaurant/nave for the ideal shared banquet, from the voyeur room to the cinema room where you can sit like they used to do in Chinese courtyards or on farmyards in Lombardy, finally reaching the courtyard where you can find the sky and the memory of the city. “Compared to previous editions, there are some pieces designed specifically for the event that are 237

ELLE DECOR


particularly emblematic, like the large sculptural table that hosts 32 diners where it is possible to sample a menu that has been designed to bring together East and West with an unprecedented formula,” emphasises Livia Peraldo Matton. On 5/10 at 6.30 pm, Invisible Rooms hosts the lecture by Lyndon Neri and Rossana Hu, inaugurating the series of talks scheduled during the opening of the Elle Decor Grand Hotel. The program is online on our website.

Timeless Ponti — p. 73 by Paola Carimati

for a new art of living”, with these words Sophie Bouilhet-Dumas reflects the artists’ timelessness. An opinion quickly sustained by Molteni&C, main partner of the exhibition, which has begun to promote his pieces. “Starting in 2010 we have taken up rights of production of all furniture pieces, to re-edit them under the brand Heritage Collection”, emphasizes Giulia Molteni, head of communication and marketing of the group. 500 pieces chosen from those made between 1921 and 1978, to present an exceptional page from the story of the “Made in Italy” concept. “My grandfather was not a traditional architect. He was an artist in love with design, who loved to engage and involve his clients in his work. He was an enthusiastic outsider”, said Licitra.

In Milan, in the archives of Gio Ponti, an enthusiastic outsider of design and of life. Waiting to fly to Paris and discover the decorative soul of the retrospective dedicated to him Much more than a retrospective, ‘Tutto Ponti, Gio Ponti archi-designer’ at the Musée des Arts Decoratifs in Paris (19/10 - 10/02/19) is the deserving tribute finally given to an artist born and bred in Milan who created some of the best-known buildings in all his career in that very city. The 1,000 m2 exhibition in Rue de Rivoli is curated by Sophie Bouilhet-Dumas, Olivier Gabet, Dominique Forest and Salvatore Licitra. It is Licitra himself, son of Lisa (Ponti), who we meet at the ‘Gio Ponti Archives’. “I like the idea of a French interpretation of Gio Ponti, closer to decoration,” explain Salvatore and his wife Anna. In Paris the exhibition is the result of the appreciation for Ponti from a team of intellectuals. “He was an architect and eclectic creator, interested equally in industrial and artisan production. Ponti has enriched the post-war architecture spectrum, by introducing a perspective

Stroke of genius — p. 81 by Paola Carimati

It’s the year of Achille Castiglioni, a man who was thoughtful of others, with deep ties to his city. Milan is celebrating him with a retrospective monographic exhibition at the Triennale Bologna 1960. In the photo from the archives, Achille and Piergiacomo Castiglioni, together with Dino Gavina and Michele Provinciali, are presenting the Sanluca chair. Those were the years of the economic boom, which we look back to with pleasure: the power of that creative burst re-emerges in ‘A Castiglioni’, the solo exhibition curated by Patricia Urquiola with Federica Sala — at the Triennale in Milan, until 20 January 2019 — celebrating the artist’s centenary. A necessary celebration, emphasizes Marco Romanelli — who alongside Cristina Nardi has curated for Poltrona Frau the re-edition of the ‘Sanluca’ chair.

Invisible rooms — p. 64

238

ELLE DECOR


ENGLISH TEXT

What endures of Achille Castiglioni’s work today are not only the evergreen classics that are still in the catalogue, but his ‘method’. “Of Achille I like to remember his capacity to connect gestures and generations, materials and their functions, hence creating a dynamic between daily life and the more profound moral sense of ‘doing’”, shares Urquiola, who studied alongside Castiglioni. Her curatorial approach for the exhibit proceeds in a light-hearted, hyperbolical, playful way. Everything that can be said about Achille Castiglioni can be sensed by observing the icons that we still like to surround ourselves with; but we know little about his private life, which he guarded jealously. There was one thing he was extremely proud of: his city. triennale.org

Brunello Cucinelli — p. 91 by Rosaria Zucconi — photos by Settimio Benedusi words by Valentina Raggi

A village in Umbria’s countryside as headquarters for a global business. Architecture, ethics and social issues in the all-round project from the cashmere entrepreneur We meet Brunello Cucinelli, a self-made man who has turned the cashmere knitwear brand that bears his name, developed in the town of Solomeo, into an international luxury label, on the occasion of the inauguration of the redeveloped Umbrian village relaunched as the sprawling headquarters of the company. “This is proof that it is possible to live and do business far away from cities.” Born into a farming family from a neighbouring village, over twenty years ago, Cucinelli brought the company headquarters to the castle of Solomeo, making an ambitious dream come true by bringing life back to a once depopulated suburb. He came up with this project together with landscape architect Massimo De Vico Fallani, who explains: “We were more restorers than builders. The only new buildings are the Theatre and the Monument to Human Dignity.” Once the village had been relaunched, with its church, theatre, a library and the School of Arts and Crafts, eight years ago, Cucinelli extended his dream into the surrounding suburbs. The master plan, ‘Project for Beauty’, planned to develop a lay oratory, residences, a wine cellar, an oil mill and the new home of the fashion house. The new headquarters are in a horseshoeshaped plant modernised by large windows overlooking the countryside. The cafeteria uses local produce. Mobile phones must be kept on silent, and work-related communication is banned in the evening and on weekends. Before signing his book for us, titled ‘Brunello Cucinelli. The Solomeo Dream. My Life and the Idea of Humanistic Capitalism’, he asks us to make a bet: to look at our smartphones and see how many emails we have received in the meantime. The leading entrepreneur has received none. Yet another good life lesson.

Carolina Castiglioni — p. 99

Plan C is Carolina Castiglioni’s new brand. Formerly director of special projects at Marni until her family left the group, she is now presenting a collection of clothes that represents her ideal wardrobe. It’s an aesthetic made up of unusual proportions and loose forms that transform and enhance the female figure. “Clothes should help you to feel good about yourself, to express what you want at that moment,” she continues. Her style also reflects the work environment surrounding her: her great grandmother’s old fur workshop in the centre of Milan. Reinterpreted and transformed by Carolina, it features a palette of dusty colours for the walls, starting with grey and moving on to pale greens, defined by a fine black line. And the choice of furnishings? “It’s all my own work. I found the mid-century furniture by traveling around the world: they give the place a harmonious allure,” she says. Carolina Castiglioni hates arrogance but loves working in a stress-free environment, because the more harmony there is, the more willing and productive people are. There will be two collections a year of clothing and accessories, all strictly Made in Italy. plan-c.com

The world of Leonor — p. 107 by Filippo Romeo — with the collaboration of Piera Belloni

The work of Ponti and the Albini-Helg duo is among the sources of inspiration for the first Italian solo exhibition by the artist Leonor Antunes, ‘The Last Days in Galliate’. On show at the Pirelli HangarBicocca in Milan The Pirelli HangarBicocca gallery in Milan hosts ‘The Last Days in Galliate’, the first major Italian solo exhibition by the Portuguese artist Leonor Antunes. The artist pushes even further her relationship with the world of design, present in many of her works, because she is called upon to work in the city of the Salone del Mobile. And so, in addition to the undeniable references to sculptures, drawings and sketches of great artists, she draws inspiration from the projects of Gio Ponti, Franco Albini and Franca Helg. It is no coincidence that the ‘fantastic yellow’ that defines the horizontal surface precisely mimics that used by Ponti for the flooring of the Pirelli skyscraper. Many of the sculptures on show feature clearly visible references and influences deriving from cult pieces designed by the Albini-Helg duo, such as the mahogany pillars designed in 1956 for the Olivetti store in Paris, reinterpreted in an oversized version. “I don’t believe in the originality of a work of art: the real challenge is to understand what can be done after all the art that has already been created. So I like to allude to the work of fundamental figures, especially when it comes to how they were able to conceive and work with space,” explains Antunes. hangarbicocca.org

London calling — p. 111 by Paola Carimati — photos by Jutta Goessl

by Rosaria Zucconi — photos by Max Zambelli — words by Murielle Bortolotto

Instinct and personality are the key features of this Milanese creative and her fashion collection. Clothes to be layered with creativity and freedom

At King’s Cross, the district redesigned by Thomas Heatherwick, in the pop up gallery by the Italian Matter of Stuff. With a decidedly Brit installation, by Raw Edges 239

ELLE DECOR


We are in London, at 5, Lewis Cubitt Walk, in King’s Cross. Located here for the past 17 years, is the studio of architect Thomas Heatherwick. And the English CBE is the author of a major urban development. In fact, the master plan transformed two derelict historical railway hubs into designer architectures with shops, restaurants, coffee shops and art galleries. Including the temporary gallery by two Italian artists Simona Auteri and Sofia Steffenoni. Little more than thirty years old, both architects, they chose London as the city in which to express their talent. And it was here that they founded Matter of Stuff, a digital platform dedicated to contemporary art design. ‘Blown Away’ is the title of the installation opened in the pop-up gallery for the just finished London Design Festival, a virtual temporary gallery which becomes an actual physical place. Immersed in a floating forest of pine canes together with Yael Mer and Shay Alkalay from Raw Edges. “We asked them to design a space that would allow us to express the various different creations, inside which one could discover the works”. matterofstuff.com

Coffee break — p. 118 by Valentina Raggi and Francesca Benedetto

From an exotic product to a drink for the masses to high craftsmanship. Coffee becomes a shared passion, bringing roasteries back into vogue. But with deluxe quality Today the culture of espresso is changing. The opening of the Starbucks Reserve Roastery in Milan has turned the spotlight on a global phenomenon that is also affecting Italy: the transition to the Fourth Wave. There are four waves which, starting from the twentieth century, have marked the periods in which the drink has taken on different commercial and social values. Today we welcome the advent of a new era, one in which consumers pay attention to the entire production chain. And so we find hours of queues at the new Starbucks in Milan to observe the roasting of selected beans first hand, and the transformation of the café into a multifunctional hub, with a bakery, patisserie, cocktail area and shop. “Our message is ‘come in and stay for a while’, enjoy a 360° experience,” explains the designer of the Reserve Roastery, Liz Muller. Even roasting is currently experiencing a revival. “Coffee is becoming a way of life. Our vision is to promote diversity, excellence and the culture it has created,” explains Ludovic Rossignol, co-founder of The Coffee Festival. The event dedicated to specialty coffees was launched eight years ago in London and will arrive at the Pelota in Milan (from 30/11 to 2/12). “Consumers are becoming more sophisticated, looking for artisanal quality, ethically-sourced and locally-roasted beans,” he continues. The emergence of the passion for specialty coffees goes hand in hand with the painstaking design of the new roasteries, which focus on a strong aesthetic identity. And there is already talk of the Fifth Wave: “Companies that offer specialty coffee on a large scale, halfway between the big chains and the small specialty cafés,” concludes Rossignol. 240

ELLE DECOR

New look for Isola — p. 127 by Francesca Benedetto — photos by Alberto Strada

Wood floors, cement-inspired walls and contrasting colours for a Milanese flower shop. Where succulents like little sculptures, huge plants and carefully selected flowers take t he place of honour The debut of Numero 9 goes back to the late 1990s. Giulio Guazzoni works in a flower shop and Andrea Daneri is a fashion designer. During a trip to the Netherlands they are dazzled by a new generation flower shop. Both leave their jobs and find a space in the Isola district, where they already live. Their shop, minimalist and filled with flowers is instantly on everyone’s lips. Partnerships are forged with Milan’s most exclusive hotels and with leading fashion labels, including Chanel, Bottega Veneta, Tod’s and Safilo. In just a few years, Isola is enlivened with new openings and becomes the subject of major change. Even Giulio and Andrea feel the need to renovate their space and, together with their architect friends Marzio Cavanna and Cristiana Giua from MCA Studio, they set about restyling. Steel gives way to wood, warmer and cosier, used for the floor and the furnishings. The full-length backless display window means the interiors can be seen from the street, inviting both regular and new customers to peek inside and discover the latest green trends. numeronove.it

Gym & Chic — p. 133 words by Francesca Benedetto — photos by Alberto Strada

In a courtyard in the old part of Milan, a gym for pilates designed like a suite. Aesthetics of space and attention to detail, for tailor-made wellbeing Anna Maria Enselmi is the owner of Pilates Suite Brera, an exclusive, welcoming space in the courtyard of a building in the old part of Milan with which she intends to revolutionise the concept of the gym. Born in Turin, she moved to Milan when she was very young. She discovered pilates, became a teacher and found that she also had an entrepreneurial spirit. “I wanted a space where I could train without the anxieties related to competition and the commotion typical of traditional gyms,” she tells us. “With the welcoming and sought-after dimension of a house or a suite.” And it was precisely in Via Fiori Chiari that she found what she was looking for: an apartment covering 120 m2 with exposed beams in a late nineteenth century building. The entrance is in a small garden overgrown with vines and the interiors tell the story of another of Anna Maria’s passions: Italian art and design from the 1930s to the 1970s. The choice of décor, shared with her friend Nina Yashar, the founder of Nilufar, is sought-after and relaxed: a fine 1940s parchment desk, a wooden armchair by Silvio Cavatorta from 1955, a footstool by Ico Parisi upholstered in powder-blue velvet. “I tried to combine my vision of wellbeing, functionality and style through the common


ENGLISH TEXT

Creativity in power — p. 138

denominator of hospitality,” explains Enselmi. “The care taken in the environment and the quiet, relaxing atmosphere all around encourage people to pay greater attention to themselves,” she continues. pilatesuitebrera.com

Creativity in power — p. 138 by Kristina Raderschad — photos by Sabrina Rothe with the collaboration of Ludovica Grieco

An economic and industrial hub, today, Düsseldorf is also a hotbed of art, design and architecture. Attracting talent from every corner of the world An economic, artistic and cultural centre, Düsseldorf is a place full of energy. The conversion of the ancient port area has given rise to a new urban plan that now hosts works by numerous international architects, this way changing the city’s identity and making it one of the most important centres of contemporary artistic languages and architectural experimentation in Germany. Art It is the city of choice for artists, architects and designers: world-renowned stars such as Thomas Ruff, Thomas Struth, Becher and Andreas Gursky, exponents of the so-called Düsseldorf School, have learnt their craft and worked here. The Kunstakademie is one of the leading art institutions, with a permanent collection featuring pieces by Beuys, Richter and Sieverding. There are numerous museums and art galleries, mostly located in the vibrant Flingern artistic district. Architecture The city skyline, which frames the old river port, is defined by the sinuous buildings by Frank O. Gehry, with their steel, brick and white

plaster façades, and the Kö-Bogen shopping centre designed by Daniel Libeskind, which is a prime example of innovation and modernity. Lifestyle The city’s cosmopolitan nature also manifests itself in the variety of restaurants and bars open to experimentation, such as Lido Hafen, which offers a unique view, and the Phoenix by chef Philipp Wolter, in the iconic Dreischeibenhaus tower. At Lido Malkasten, customers are surrounded by multi-coloured interiors designed by the conceptual artist Rosemarie Trockel. Shopping An essential destination is Carlsplatz Markt, a typical local market. The Ackerstrasse is home to niche shops for lovers of giftware, gardening and table accessories, while the well-stocked Tube is a heaven of artistic materials for those looking for brushes, colours and inspiration.

Secret Ibiza — p. 158 by Rosaria Zucconi — photos by Andrea Ferrari

Misaligned volumes arranged to best capture mind-blowing views of the sea and the mountains. This is how Patricia Urquiola’s architecture reworks the archetype of the rural home on Ibiza The gently sloping promontory on the eastern coast of Ibiza enjoys a spectacular 360° view, fully captured by the project signed Patricia Urquiola, internationally acclaimed architect and designer. Ever since she was ten, Patricia has loved spending part of her summer holidays on the island, in the family home, a classic finca. “I have close ties with the casa de campo culture,” she says. “And I am also fascinated by the concept of the Mediterranean methodology developed by the architect Josep Lluìs Sert, who left examples of pure white architecture on this island, which dialogue with the landscape and local craftsmanship.” Urquiola has 241

ELLE DECOR


ENGLISH TEXT

designed various double-height volumes, which play with each other and their surroundings, deliberately positioned to capture the perfect view of the sea and the hills. The different levels outside continue inside the house with steps between one room and another, long telescopic corridors, and open-air patios. “I tried to do away with any form of monumentality,” continues the architect. Cozy, private spaces nestle next to areas for entertaining that seamlessly flow into terraces and outdoor pool area. The furnishings have strong character and fabrics and only natural materials have been used. One surprise are the fireplaces, an invitation for owners to enjoy the real soul of this island, even off season.

Italian touch — p. 168 by Rosaria Zucconi — photos by Amit Geron

Pavilions floating on water. Sun-shading screens that modulate the effect of the light. Fluid spaces immersed in the landscape. To live in Tel Aviv is to experience the future “Tel Aviv is a cosmopolitan metropolis that lives 24 hours a day, looking towards the future. The beauty of the Garden City overlooking the Mediterranean consists in its ability to combine a formidable tradition with an extreme modernism.” That’s how architect Piero Lissoni sums up his ideas about a city that he has discovered and loved. “Each time I think about a house, I imagine it as a glass box, transparent, in visual continuity with the landscape.” This project in the residential area of Tel Aviv corresponds to that image: a large pavilion that looks as if it is floating on water. Freed from any need for defences, the glass box reassembles itself in complete purity, becoming one with the greenery and the water, the founding elements of the design. The space is pure, fluid and without dividing walls. The project encloses the utmost complexity within an apparent simplicity, based on sophisticated structural innovation, that allows reductions in the sections, the walls, the columns of the doors and windows. The furniture is a mixture of antique objects, retro pieces, and works by masters of design, with rugs that underline the function of the space. And, as Piero Lissoni loves to say, with the occasional mistake. A touch of lightness, when rigour meets sentiment.

The art of storytelling — p. 186 by Rosaria Zucconi — photos by Andrea Ferrari words by Francesca Molteni

The colors of Le Corbusier, icons of design and many works by young artists tell the story of Tiziano Vudafieri and Catherine Vautrin. Passionate creatives who invite us into their Milanese residence Tiziano Vudafieri and his wife Catherine Vautrin fell in love with this abandoned loft measuring 350 m2 and its past - a glassworks, a house overlooking a central courtyard that revolves 242

ELLE DECOR

around a patio, and a restoration project, never implemented, that the previous owner had entrusted to Ettore Sottsass. And over the years they transformed it, changing the rooms, colours and layout of the furnishings as necessary, depending on the works to be exhibited. “We collect contemporary art, especially by young artists and, as my wife says, we have more works than walls!” Here, everything is fluid, you go up and down, you walk through the spaces as if in a composition by Escher, between the collections of paintings and the bright colours of Le Corbusier in the background. And then, there are the encounters. The Milanese elegance of Caccia Dominioni and the many objects by Ettore Sottsass. “It was Ettore, my immense master, who taught me about freedom, a revolution,” explains Tiziano. Alongside icons of design, such as the Corallo armchair by the Campana brothers, the Azucena sofas or the lamps by Wilhelm Wagenfeld, the décor designed by Vudafieri himself or the custom-made kitchen created by a craftsman in Brianza coexist in a very personal blend. “In the studio that we founded with Claudio Saverino - Vudafieri Saverino Partners - we consider ourselves storytellers, we go into the story of our client, and we tell it through our work.” This is how they have won over great fashion brands, from Louis Vuitton to Lanvin, from Givenchy to Jimmy Choo, and many others, and designed more than 700 concept stores worldwide.

Grey attitude — p. 198 by Rosaria Zucconi and Doriana Torriero — photos by Alberto Strada

The colours of a green house and the grey of cement. Diffused light, a space that moves on different levels, with water routes underfoot. A homage to simplicity in the ‘not typically Roman’ home of a young couple For Simone Menassè, renovating urban spaces with different stories, sizes and features is a personal approach. Around the unknown corners of Rome, Simone and his architectural firm have restored dozens of abandoned places over recent years. As a visionary architect and courageous businessman, he has left his signature on many industrial spaces transformed into cool restaurants, old shops into sophisticated art galleries, ateliers that spring up in old bakeries. “This time I went nosing around Montesacro in the northeast of the city: the district struck me with its tree-lined streets, its bars, restaurants and markets trapped in time, which made me appreciate a less chaotic lifestyle. This feeling of silence and tranquillity inspired a renovation project in which the insertion of natural elements like water and the many plants, together with a selection of warm materials like stone and wood, all played an essential role.” The furnishings, handmade one-off pieces created according to the architect and home owner, are teamed with a colour scheme that ranges from very light grey to the darker shades of wood. The works by young, up-and-coming artists provide the only splashes of colour and visual allure.


Profile for el loco 69

Hyjuiiii  

Hyjuiiii  

Profile for elloco69
Advertisement