Page 1

Magazine internazionale di design e tendenze arredamento e stili di vita architettura e arte English text

Uscita edicola 11 dicembre 2017

Dicembre-Gennaio 2018 Anno 29 n. 12-1 € 4,50 Mensile Poste Italiane S.p.A. Sped. in A.P. - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n°46) art.1, comma 1, DCB Milano

VERSO NORD

ARCHITETTURA, INTERIOR E NATURA I nuovi modi di vivere l’inverno CHAMONIX Uno chalet di montagna progettato all’insegna del design AVORIAZ In Alta Savoia svetta la città da scoprire solo sugli sci ITINERARIO OSLO Tra i fiordi della Norvegia, la Capitale Verde d’Europa EFFETTO GLITTER Arredamento, moda, arte brillano per le Feste


Hearst Magazines Italia S.p.A. via R. Bracco 6, 20159 Milano - tel. 02.6619.1

Direttore responsabile

Livia Peraldo Matton

Magazine internazionale di design e Caporedattore centrale tendenze Filippo Romeo — fromeo@hearst.it arredamento e stili di vita Consulente alla direzione architettura Rosaria Zucconi (interni e travel) — rzucconi@hearst.it e arte lperaldo@hearst.it

Direttore artistico English text Valeria Settembre — vsettembre@hearst.it Redazione Francesca Benedetto (interni, travel, people) — fbenedetto@hearst.it Tamara Bianchini — tbianchini@hearst.it Murielle Bortolotto — mbortolotto@hearst.it Paola Carimati (design e tendenze) — pcarimati@hearst.it Valentina Raggi — vraggi@hearst.it

INTERIOR

Redazione grafica Mariapia Coppin (vice caporedattore) — mcoppin@hearst.it Elena Santangelo (caposervizio) — esantangelo@hearst.it Carlo D’Amico (impaginazione) — cdamico@hearst.it Photoeditor Vivetta Rozza — vrozza@hearst.it

Segreteria Elena Contardi (direzione, amministrazione) — econtardi@hearst.it Roberta Salvioni (redazione, produzione) — rsalvioni@hearst.it Collaboratori Piera Belloni, Sebastiano Brandolini, Camilla Coppola, Chiara Di Pinto, Adel Fecih, Serena Ferrari, Flavia Giorgi, Martina Hunglinger, Arianna Lelli Mami, Laura Maggi, Valentina M Kristina Raderschad, Kerstin Rose, Studiopepe, TDR Translation Company Fotografi Karel Balas/Milk/VEGA MG, Fabien Breuil, Alessandra Chemollo, Andrea Garuti, Jason Lloyd-Evans, Sandro Lombardi, Mads Mogensen, Christian Schaulin, Alberto Strada, Max Z Progetto grafico Designwork elledecor.it Alessandro Valenti (consulting editor) Direzione, redazione e amministrazione via R. Bracco 6, 20159 Milano, tel. 02.6619.3375 — 02.6619.2774, fax 02.6619.3862 e-mail segreteria di redazione: econtardi@hearst.it — rsalvioni@hearst.it Direttore responsabile: Livia Peraldo Matton Editore Hearst Magazines Italia S.p.A., via R. Bracco 6, 20159 Milano Registrazione presso il Tribunale di Milano n. 46 del 18 gennaio 1990 Elle Decoration Network 25 Edizioni Internazionali CHINA — CROATIA — DENMARK — FRANCE — GERMANY — GREECE DALLA DECORAZIONE AL PROGETTO HOLLAND — INDIA — INDONESIA — ITALY — JAPAN — KOREA — MEXICO MIDDLEDimoreStudio, EAST — PHILIPPINES — POLAND — RUSSIA — SOUTH AFRICA Quattro interni firmati Pierre Hardy, Kengo Kuma SPAIN — SWEDEN — TAIWAN — THAILAND — TURKEY — UK— USA e Liaigre, Massimo Adario DESIGN Divani, poltrone, ELLE DECORpiano ITALIA ISSNSPECIALE 1120-4400 is published 10 times per year (except January and August accessori in primo MATERIALI Finiture by HEARST MAGAZINES ITALIA SPA via R. Bracco 6, 20159 Milano - Italia e rivestimenti inediti per trasformare la casa EVENTI A Milano il nostro Elle Decor Grand Hotel


Hearst Magazines Italia S.p.A. via R. Bracco 6, 20159 Milano - tel. 02.6619.1 PUBLISHING DIRECTOR DECORATION BRANDS Roberta Battocchio SENIOR BRAND MANAGER Francesca Scarpelli ELLE DECOR® è un marchio di Hachette Filipacchi Presse (H.F.P.) e una testata di Hearst Magazines Italia S.p.A. Tutti i diritti riservati ©HEARST MAGAZINES ITALIA SPA P. IVA 12212110154 - via Roberto Bracco 6, 20159 Milano - Italy HEARST MAGAZINES ITALIA SPA pubblica: Gente, Gente Enigmistica, Gente Puzzle, Gente Speciali, Gioia!, gioia.it, Cosmopolitan, cosmopolitan.it, Elle, Elle Gourmet, Elle Kids, Elle Sfilate, Elle Spose, Elle Spose Collezioni, Very Elle Beauty & Fit, Very Elle Shopping Accessori, elle.it, Elle Decor Italia, elledecor.it HMC ITALIA SRL pubblica: Marie Claire, Marie Claire 2 Bellezza, Marie Claire Bis Sfilate, Marie Claire Enfants, Marie Claire #Likes, Marie Claire Maison, marieclaire.it CONCESSIONARIA ESCLUSIVA PER LA PUBBLICITÂ Hearst Magazines Italia S.p.A. Direzione Generale Pubblicità: via R. Bracco 6 - 20159 Milano Tel. 02/6619 1 - Fax 02/6619 2608 DIRETTORE GENERALE Marco Cancelliere, mcancelliere@hearst.it VICE DIRETTORE GENERALE, MARKETING, INIZIATIVE SPECIALI Roberta Battocchio, rbattocchio@hearst.it CHIEF DIGITAL OFFICER Biagio Stasi, bstasi@hearst.it DIRETTORE COMMERCIALE MODA Roberta Gamba, rgamba@hearst.it DIRETTORE COMMERCIALE BEAUTY Claudio Brenna, cbrenna@hearst.it DIRETTORE COMMERCIALE ARREDO Enrico Vecchi, evecchi@hearst.it DIRETTORE COMMERCIALE GRANDI MERCATI E CENTRI MEDIA Alberto Vecchione, avecchione@hearst.it DIRETTORE VENDITE DIGITAL Carla Costa, ccosta@hearst.it COORDINAMENTO SETTORE ARREDO Marta Pancin, mpancin@hearst.it TRIVENETO E MANTOVA DIRETTORE COMMERCIALE Massimiliano Fusi. Hearst Magazines Italia S.p.A. Strada Battaglia 71/c, 35020 Albignasego (PD), Tel. 049/8172876 - Fax 049/8172879 EMILIA ROMAGNA, MARCHE, ABRUZZO E MOLISE DIRETTORE COMMERCIALE Sisto Casalini. Hearst Magazines Italia S.p.A. via Goito 8, 40126 Bologna, Tel. 051/29631.11 - Fax 051/2963130 MARCHE-ABRUZZO-MOLISE Alessandro Fiorelli, via Garibaldi 47 - 61032 Fano (PU) Tel. 335/6891463 CENTRO SUD DIRETTORE COMMERCIALE Massimo Scirocco. LAZIO E SARDEGNA, TOSCANA E UMBRIA Hearst Magazines Italia S.p.A. via della Camilluccia 535 - 00135 Roma, Tel. 06/688998.1 - Fax 06/68899824 CAMPANIA E CALABRIA Valentina Paparo, via Onofrio Fragnito 54, 80131 Napoli Tel. e Fax 081/5456386 PUGLIA-BASILICATA E SICILIA G.S.P. SAS, via Principe Amedeo 93, 70122 Bari Tel. 080/5045399 - Fax 080/5045401 PIEMONTE, LIGURIA E VALLE D’AOSTA Adv SpazioErre Srl, c.so Giovanni Lanza 105, 10133 Torino Tel. 011/6600.100 - Fax 011/6602875 INTERNATIONAL ADVERTISING Robert Schoenmaker - Tel. 02/6269.4441 HEARST MAGAZINES INTERNATIONAL Kim St. Clair Bodden (Senior Vice President, Editorial Director) HEARST MAGAZINES ITALIA SPA David F. Carey (Presidente) Giacomo Moletto (Amministratore Delegato e Direttore Generale) Simon Horne - Marcello Sorrentino, Debi Chirella (Amministratori)

LAGARDÉRE ACTIVE Denis Olivennes (Chairman and CEO Lagardère Active) Constance Benqué (CEO ELLE France & International) François Coruzzi (CEO ELLE International Media Licenses) Sylvie De Chirée (Brand Management of Elle Decoration) Valéria Bessolo Llopiz (SVP/International Director of ELLE & Elle Decoration) Mickael Berret (SVP/Director of International Media Licenses, Digital Development & Syndication) Linda Bergmark (Editorial Executive of Elle Decoration) Flora Régibier (Marketing Executive of Elle Decoration) Audrey Schneuwly (Syndication Coordinator) INTERNATIONAL AD SALES HOUSE: LAGARDÈRE GLOBAL ADVERTISING François Coruzzi (CEO) Stéphanie Delattre (SVP/International Advertising, stephanie.delattre@Lagardere-Active.com) STAMPA E DISTRIBUZIONE NIIAG, viale Zanica 92, 24126 Bergamo Per l’Italia: m-Dis Distribuzione Media S.p.A. via Cazzaniga 19, 20132 Milano, Tel. 02/2582 .1 Per l’estero: Johnsons International News Italia Srl, via Valparaiso 4, 20144 Milano Tel. 02/43982263 - Fax 02/43976430 E-mail: info@johnsons.it. A causa di restrizioni doganali i gadget non vengono spediti in tutti i Paesi

PRECISAZIONI

Nello speciale #bestofdesign2017 di Elle Decor 9/2017, il divano a pag. 36 impropriamente denominato Lovely Day è in realtà Avì Es di Jai Jalan per Désirée, Gruppo Euromobil, gruppoeuromobil.com. Ci scusiamo con i lettori e gli interessati.

ISSN 1120-4400

INTERNATIONAL COMMERCIAL NETWORK: INTERNATIONAL COMMERCIAL DIRECTOR Nelly STREICHENBERGER - Mail: nelly.streichenberger@lagardere-active.com; LAGARDÈRE GLOBAL ADVERTISING, 124 rue Danton, 92300 Levallois- Perret, France. CANADA: Françoise CHALIFOUR - Mail: francoise.chalifour@publicitas.com CINA: Wendy LIN - Mail: wendy.lin@publicitas.com.cn COREA: Jung-Won SUH - Mail: sinsegi-2@sinsegimedia.info FRANCIA E BELGIO: Philippe LEONARD - Mail: philippe.leonard@lagardere-active.com GERMANIA: Vanessa NÖTZEL Mail: vanessa.noetzel@burda.com GIAPPONE: Mayumi KAI - Mail: kai-pbi@gol.com GRECIA: Costis FRONIMOS - Mail: c.fronimos@global-media.gr INDIA: Rachna GULATI - Mail: rachna.gulati@publicitas.com ITALIA: Robert SCHOENMAKER - Mail: rschoenmaker@hearst.it MALESIA: Audrey CHEONG - Mail: audrey.cheong@publicitas.com OLANDA: Peter LANDSHEERE - Mail: peter.landsheere@publicitas.com SCANDINAVIA: Karin SÖDERSTEN - Mail: karin. sodersten@aller.se SPAGNA: Melinda SNIDER - Mail: msnider@hearst.es REGNO UNITO: Victoria JACOB LUCK - Mail: victoria.luck@hearst.co.uk STATI UNITI: Olivier BERTON - Mail: olivier. berton@publicitas.com THAILANDIA: Steven FONG - Mail: steven.fong@publicitas.com TURCHIA: Emin Tan BILGE - Mail: tanbilge@medialdt.com.tr ABBONAMENTI: Per informazioni contattare il Servizio Clienti Hearst Magazines Italia S.p.A. Ufficio Abbonamenti - c/o CMP BRESCIA - 25126 Brescia (BS) - E-mail: abbonamenti@hearst.it Fax 030.777.2387 - Telefono dall’Italia 199.11.55.44; dall’estero 0039.02.86.89.61.72. Servizio attivo dal lunedì al venerdì dalle h 09.00 alle h 19.00; il costo della chiamata nazionale da telefono fisso è di € 0,12 al minuto + IVA, senza scatto alla risposta. Per chiamate dal cellulare i costi sono legati all’operatore utilizzato. Gestione operativa: Press-di Abbonamenti S.p.A., via Mondadori 1, 20090 Segrate (MI). L’abbonamento partirà dal primo numero raggiungibile. Per il rinnovo attendere l’avviso di scadenza. ARRETRATI: Per i numeri arretrati rivolgersi alla propria edicola di fiducia, che può richiederli attraverso il Servizio Arretrati su www.primaedicola.it. Il prezzo degli arretrati è pari al doppio del prezzo di copertina. La disponibilità di copie arretrate è limitata all’ultimo anno, salvo numeri esauriti. Non è possibile richiedere arretrati delle versioni con gadget.

TRADEMARK NOTICE Elle® and Elle Decor™ are used under license from the trademark owner, Hachette Filipacchi Presse

FEDERAZIONE ITALIANA EDITORI GIORNALI

ELLE DECORATION CINA Room 2302, n. 193 Fu Jian Road (c) Shanghai P.R.C. ELLE DECORATION CROAZIA Radnicka Cesta 39 10000 Zagreb ELLE DECORATION DANIMARCA Aller Media A/S Postbox 420 DK-0900 København C ELLE DECORATION FILIPPINE Summit Media 6th Floor Robinsons Cybergate Tower 3, Robinsons Pioneer Complex, Pioneer St.Mandaluyong City, Manila, Philippines 1550 ELLE DECORATION FRANCIA 149, rue Anatole France, 92534 Levallois-Perret ELLE DECORATION GERMANIA Arabellastrasse 23, 81925 Munich ELLE DECOR GIAPPONE Minami-aoyama Tokyu Bldg 3-8-38 Minami-Aoyama Minato-ku Tokyo 107-0062 ELLE DECORATION GRECIA 5 Benaki Street 152 38 Chalandri ELLE DECOR INDIA 201, Nirman Kendra Off Dr E Moses Road Famous Studio Lane Mahalaxmi, Mumbai 400 011 ELLE DECORATION INDONESIA Grand Wijaya Center Jl Wijaya II No. E16-17, Jakarta 12160 ELLE DECORATION KOREA Hearst Joongang 5F, Contentree Bldg, 6-13 Nonhyundong, Gangnam-gu Seoul ELLE DECORATION MESSICO Grupo Expansion Av. Constituyentes 956 Col. Lomas Altas CP 11950, Mexico Df. ELLE DECORATION MIDDLE EAST Mantra Communications, Saint Joseph Street, Irani Building, 2nd Floor, 99 999 Achrafieh, Monot, Beirut, Lebanon ELLE DECORATION OLANDA Singel 468 1017 AW Amsterdam ELLE DECORATION POLONIA UL. Warecka 11A 00-034 Warszawa ELLE DECORATION RUSSIA 31 B Shabolovka str Entrance 6 Moscou 115162 ELLE DECOR SPAGNA C/Cardenal Herrera Oria 3 - 28034 Madrid ELLE DECORATION SUDAFRICA 105-107 Hatfield Street (Picasso building) Gardens, Cape Town 8001 ELLE DECORATION SVEZIA Box 27 706 115 91 Stockholm ELLE DECORATION THAILANDIA 7th Floor, Bangkok Post Building 136 Sunthomkosa Road Klong Toey Bangkok 10110 ELLE DECORATION TAIWAN Hearst Magazines Taiwan, 8F, No 90, Sec. 1, Jian Guo N. Road, Taipei 10491 ELLE DECOR TURCHIA Hurriyet Medya Towers 34212 Gunesli - Istanbul ELLE DECORATION UK 72 Broadwick Street, London W1F 9EP ELLE DECOR USA 300 West 57th Street, Floor 28, New York, NY 10019. In Canada i marchi ELLE (denominazione e logo) sono di proprietà di France Canada Editions e Publications Inc.

Informativa ex art. 13, d.lgs 196/2003. Hearst Magazines Italia S.p.A. è una società editoriale che pubblica periodici tra cui Elle, Elle Decor, Cosmopolitan, Gioia!, Gente. HMC Italia Srl è una società editoriale collegata a Hearst Magazines Italia S.p.A. che pubblica i mensili femminili Marie Claire e Marie Claire Maison. Hearst Magazines Italia S.p.A. gestisce il servizio abbonamenti anche per le testate pubblicate da HMC Italia Srl. I dati personali dell’interessato saranno trattati da Hearst Magazines Italia S.p.A. o da HMC Italia Srl, con sede legale in via R. Bracco 6, 20159 Milano (MI), ciascuna titolare del trattamento, con modalità prevalentemente elettroniche e telematiche per dare corso alla richiesta di abbonamento, a seconda della rivista di interesse. I titolari del trattamento potranno altresì eseguire analisi di tipo statistico anche al fine di migliorare la qualità dei servizi erogati. I dati anagrafici sono necessari per i predetti fini e la loro mancata indicazione non consentirà di fornire quanto richiesto. Inoltre previo specifico e distinto consenso, potranno essere trattati da Hearst Magazines Italia S.p.A. e da HMC Italia Srl in qualità di contitolari del trattamento, mediante strumenti tradizionali (es. posta e telefonate con operatore) e automatizzati (es. e-mail, sms) di contatto per le seguenti finalità: 1) indagini di mercato, attività di marketing, attività promozionali, offerte commerciali anche nell’interesse di terzi operanti nei settori editoriale, largo consumo e distribuzione, vendita a distanza, accessori di abbigliamento, arredamento, finanziario, assicurativo, automobilistico, e di enti pubblici ed ONLUS; 2) comunicazione dati personali a soggetti terzi per propri utilizzi, operanti nei medesimi settori e per le medesime finalità di cui al punto 1). Responsabile del trattamento è Press-di Abbonamenti S.p.A., via Mondadori 1 - 20090 Segrate (MI). I dati saranno resi disponibili alle seguenti categorie di incaricati che li tratteranno per i suddetti fini: addetti al customer service, addetti alle attività di marketing, addetti al confezionamento. L’elenco aggiornato delle altre aziende a cui saranno comunicati i dati e dei responsabili potrà in qualsiasi momento essere richiesto a Hearst Magazines Italia S.p.A. o a HMC Italia S.r.l.. Ai sensi dell’art. 7, d.lgs. 196/2003 potranno essere esercitati i relativi diritti, fra cui consultare, modificare, aggiornare, cancellare i dati o richiederne la trasformazione in forma anonima, opporsi in tutto o in parte al loro trattamento per motivi legittimi e per l’invio di materiale pubblicitario, ricerche di mercato, sondaggi di opinione e comunicazione commerciale interattiva. L’opposizione parziale effettuata attraverso modalità automatizzate di contatto, si estende altresì alle modalità tradizionali e viceversa (ad esempio, al solo invio di comunicazioni promozionali effettuato tramite strumenti automatizzati). I diritti appena elencati potranno essere esercitati scrivendo a Ufficio Abbonamenti - c/o CMP Brescia, 25126 Brescia (BS), o all’indirizzo e-mail a: abbonamenti@hearst.it, nonché mediante altri canali comunicativi ritenuti più congeniali dall’interessato e previsti dalla normativa. Per tutto quanto non espressamente disciplinato dalla presente informativa, La invitiamo a consultare la policy generale di HEARST al seguente link http://www.hearst.it/term-condition.html.

ACCERTAMENTI DIFFUSIONE STAMPA CERTIFICATO 7513 DEL 10/12/2012


n. 12/01—2018

156

102 32 ATTUALITÀ+CULTURA 28 Elledecor.it Gli extra del mese da approfondire online 31 Password Verso Nord. Luoghi, interior e progetti che vengono dal freddo 32 Destinazione Effetto glitter: dal macro al micro progetto, il design risplende come un brillante

57 Edida 2018 Le candidature che concorrono al premio Elle Deco International Design Awards 201 n.b. Mostre, appuntamenti, vernissage: gli eventi del mese DESIGN+ARCHITETTURA 67 Studio visit L’architetto Marco Lavit, Rising Talent 2018, ci apre le porte del suo atelier di Parigi 73 Design Un packaging inedito, frutto di

una lunga ricerca, valorizza l’ultimo profumo di Chanel 82 Architettura Nell’Alta Savoia, la città tra le montagne progettata negli Anni 60 da Jacques Labro 177 Inside Design Materiali da rivestimento, porte, illuminazione. E idee regalo per un Natale hi-tech

STILE+DECOR 43 Decorscouting Curiosità, address, tendenze, furniture: tutto da scoprire 76 Progetti A Bologna, note d’autore nello studio di registrazione delle pop star 102 Fashion Londra, Mayfair: la nuova boutique Dolce&Gabbana firmata Gwenael Nicolas

25

ELLE DECOR


Dicembre/Gennaio

67 95 108 FOOD+TRAVEL

INTERNI

95 Address Six Milano. Un inedito spazio multitasking, con studio di architettura e bistrot 108 Itinerario Viaggio nella Capitale Verde d’Europa 2019. Una Oslo cosmopolita e sorprendente

128 A Chamonix Design d’autore e sfumature di grigio sotto il Monte Bianco 140 Cromovisioni Disegni geometrici e tonalità accese a contrasto per interior ispirati a Sonia Delaunay 148 Sulle Alpi svizzere La tradizione dello chalet rivisitata in chiave contemporanea dal cemento 156 Parigi Creatività e colore. A Les Halles, una casa firmata Mathias Kiss

26

ELLE DECOR

Cover

164 In Finlandia Nella regione dei laghi, un cottage aperto al paesaggio. Per una vita al naturale 203 English text

Servizio a pag. 128 Di Rosaria Zucconi e Francesca Benedetto, foto di Max Zambelli


elledecor.it Elle Decor Italia è anche sul web con news, video, photo gallery, case, architettura, design, interior decoration. In più: reportage in tempo reale e speciali dalle principali capitali del mondo

Extra su elledecor.it Un’apposita grafica segnala i contenuti speciali. Segui il simbolo + alla fine degli articoli. Per trovarli basta aprire la home page e cliccare sulla voce magazine

Elle Decor for Xmas Il Natale reinterpretato dai protagonisti del design contemporaneo. Decorazioni, progetti originali, accessori, ispirazioni di interior, food e tante idee regalo da farsi e da fare. Il tutto da scoprire nello speciale online sul nostro sito elledecor.it

Luoghi Il Louvre Abu Dhabi di Jean Nouvel, gioiello architettonico per l’arte internazionale in Medio Oriente (p. 43). A New York, il primo grattacielo firmato dal duo svizzero Herzog & de Meuron, il 56 Leonard (p. 36). A Wattens, in Austria, le nuove spettacolari installazioni dei Mondi di Cristallo Swarovski (p. 33).

People Intervista a Tricia Guild creative director di Designers Guild in occasione dell’uscita del suo nuovo libro ‘Paint Box. 45 combinazioni di colore per arredare la casa’ (p. 52). Cocoon ed eco, gli spettacolari lodge sull’acqua di Marco Lavit, giovane architetto italiano di stanza a Parigi (p. 67).

Puoi sfogliare Elle Decor Italia anche su tablet, smartphone e dispositivi kindle fire. Disponibile su app store, google play e amazon app-shop anche in versione full English

28

ELLE DECOR


PASSWORD

12/01 [Verso Nord]

Numero doppio per questo Elle Decor, che pubblichiamo in un periodo speciale, a cavallo tra la fine dell’anno e l’inizio del 2018, e che proprio per questo ha il sapore delle Feste e la voglia di nuovo. Un magazine che vuole raccontare il piacere di vivere l’inverno, stagione perfetta per assaporare la voglia di stare a casa, in città o a contatto con la natura, circondati da paesaggi d’alta quota. Da qui è partita la nostra ricerca, declinando modi di abitare inediti, puntando la bussola a Nord. Per scoprire come la tradizionale baita di montagna possa essere riprogettata con nuovi materiali, inconsueti e innovativi, ma perfetti per regalare agli interni calore e atmosfera. Con uno spirito legato ai nostri tempi, che si allontana dalle immagini da cartolina per aprirsi al linguaggio del design. Portando anche nel rifugio di vacanza le comodità e la ricercatezza della residenza in città. Con uno stile fatto di cura del dettaglio, spazi funzionali e voglia di décor. E ancora di recupero della tradizione, senza nostalgie, di relazione con il paesaggio, senza mimetismi: espressioni del nostro tempo. Per passare all’effetto sorpresa, in totale sintonia con il momento festoso, declinato in interni che lasciano spazio alla creatività, osano con il colore e le geometrie spregiudicate, si divertono giocando con i riflessi e la luce che brilla da superfici glitter. Ambienti liberi, non convenzionali, in bilico tra presente e passato, che guardano alla sperimentazione e al futuro. Auguri da Elle Decor. 31

ELLE DECOR


DESTINAZIONE GLITTER

Doug Aitken — Vetro rotto a effetto glitter per l’opera ‘MORE (shattered pour)’ dell’artista canadese noto per le sue installazioni specchianti. dougaitkenworkshop.com André Heller — Il multimedia artist è ideatore del parco a tema I Mondi di Cristallo Swarovski a Wattens, Austria, pagina accanto. Di cui simbolo è il Duomo, una cupola in cristalli e specchi. kristallwelten.swarovski.com +elledecor.it


Il design è brillante Dal macro al micro progetto, passando dall’arte alla moda fino all’architettura, la parola d’ordine è: glitter. È il momento di risplendere di Valentina Raggi e Filippo Romeo

33

ELLE DECOR


DESTINAZIONE GLITTER

Conclamata dalla moda, ma in auge nei campi più diversi, dal design fino all’arte, la passione per l’effetto ‘shine’ popola la creatività odierna [1]

1. Dior — Una grotta in mosaico a specchio è l’ingresso della passerella della collezione Ready to Wear P/E 2018 presentata da Maria Grazia Chiuri a Parigi. L’ispirazione per scenografia e abiti è il Giardino dei Tarocchi di Niki de Saint Phalle in Toscana. dior.com 2. Tom Ford — Anche lo stilista americano conferma e lancia il trend glitter aprendo la scorsa New York fashion week con una ‘brillante’ collezione P/E 2018. tomford.com 3. Nicola Bolla — L’artista torinese sin dagli Anni 90 utilizza Swarovski per le sue eclettiche sculture. Nella foto, il wc della serie ‘Vanitas’, realizzato con una griglia tempestata di cristalli. Alla Fondazione Gallo (CN) la sua mostra ‘Square the circle’ a cura di Luca Beatrice (fino al 22/4/18). nicolabolla.com 4. Anish Kapoor — ’Untitled’ fa parte di una ricerca sulle superfici specchianti del grande artista britannico nato in India, che coinvolge lo spettatore in un gioco di rifrazioni e ribaltamenti visuali grazie a particolari trattamenti di superfici concave o convesse. anishkapoor.com

[2]

[4]

34

ELLE DECOR

Adrien Dirand - Courtesy CasaMadre Arte Contemporanea, Napoli

[3]


DESTINAZIONE GLITTER

Opere, oggetti e scenari brillanti, in cui la luce gioca un ruolo da protagonista creando atmosfere avvolgenti e oniriche [1]

[2]

[4]

1. Waka Haiku Setsugekka Restaurant — A Changchun in Cina lo studio HPADDC (Hip-Pop Architectural Decoration Design Co.) di Shanghai firma un ristorante immersivo ispirato allo Zen e al ‘Setsugekka’, le stagioni dell’anno, di cui riprende i colori simbolo. Un effetto fiocchi di neve e pioggia è dato da pannelli illuminati da Led blu. hippop-sh.cn. 2. Tom Dixon — “Futuristica e sfaccetata”, così il designer inglese definisce la sua collezione di lampade Cut, realizzata con paralumi a forma di gemma ispirati alla Space Age che creano riflessi caleidoscopici nello spazio. tomdixon.net 3. 56 Leonard — Il primo grattacielo condominiale degli architetti svizzeri Herzog & de Meuron a New York sfoggia un’area piscina con pareti rivestite da scintillanti dischi d’acciaio. +elledecor.it 4. Nick Cave — ‘Speak Louder’, 2011, è parte di una serie di ‘soundsuit’ creati dall’artista di Chicago: tute che mascherano totalmente il corpo celandone genere, razza e classe sociale per creare uno sguardo privo di (pre)giudizio. nickcaveart.com

36

ELLE DECOR

Max Zambelli, courtesy Molteni&C/Dada - © Nick Cave. Photo by James Prinz Photography. Courtesy of the artist and Jack Shainman Gallery, New York.

[3]


DESTINAZIONE GLITTER

Femminili, sensuali, ma non prive di un tocco trasgressivo, superfici tempestate di cristalli donano al progetto un’allure speciale [1]

1. Centre Hospitalier de l’Université de Montréal (CHUM) — Firmato da CannonDesign e NEUF architect(e)s è il più grande polo ospedaliero del Nord America. Concepito mettendo il benessere dell’uomo al primo posto, ospita numerose opere d’arte e parti strutturali pensate in maniera creativa, come la passerella coperta di collegamento tra due building, rivestita in rame microforato che crea rilassanti effetti scintillanti. cannondesign.com, neufarchitectes.com 2. Camomile Hixon — “È pieno di vita. Luccica verso di te e irradia un ottimismo che solleva lo spirito”, spiega la glitter artist (così viene definita) americana a proposito del suo materiale creativo. In foto, l’opera ‘Petit Spectral Desire’. 3. Stellé — Il marchio californiano produce speaker e accessori audio “disegnati con le donne in mente”, dicono i fondatori, Anna Perelman appassionata di moda e il marito Wayne Ludlum affermato imprenditore nel settore. Tra i prodotti, i ripetitori audio tempestati di Swarovski. stelleaudio.com 4. Glas Italia — Due pannelli in cristallo, con scacchiere orientate perpendicolarmente, e una cornice d’alluminio brillantato argento creano “un gioco di specchiature, coperture e trasparenze che ingannano l’osservatore, dissimulando e confondendo gli oggetti riflessi con quelli schermati, e viceversa”, spiega l’azienda a proposito del paravento Fragment firmato da Nendo. Anche tra le mura domestiche un tocco ‘shine’ non può mancare. glasitalia.com

[4]

Adrien Williams

[2]

[3]

38

ELLE DECOR


DESTINAZIONE GLITTER

Complice il periodo delle Feste, lustrini, paillettes, bagliori e rifrazioni tornano in auge creando mood magici e sognanti

Tutto brilla. L’ultimo trend è il glitter. Dal pop al top del panorama culturale — di certo complice anche la stagione delle Feste — lo sfavillare è l’ultimo requisito per piacere, comunicando in maniera immediata, giocosa o psichedelica, spettacolare. Ironia, magia, lusso, trasgressione, è sempre uno squillante campanello che cattura l’attenzione, ma capace di vestirsi di volta in volta di significati diversi. Al primo posto c’è la moda, che rispolvera una verve Anni 80 con scenografie, abiti e accessori che riecheggiano atmosfere e lustrini dell’era Disco. Segue a ruota il make up, con glitter letteralmente fin sopra ai capelli (Cara Delevingne, attrice e modella super top, docet) e deviazioni discutibili come la pratica diffusa sui social di farsi selfie con la lingua ricoperta di minuscole paillettes che ha suscitato un polverone di polemiche sui rischi per la salute. Risalendo la china si riscopre la bellezza e si cristallizza la trasversalità del fenomeno estetico. Anche architettura e design non sono infatti risultati immuni al richiamo della tendenza, trasformandola in progetti funzionali oltre che coinvolgenti. I cinesi Neri & Hu, di formazione americana e con studi a Londra e a Shanghai, ci spiegano il concept di Bei Space, nuovo spazio eventi nato a Pechino antistante all’omonimo ristorante: “Per dare più luce possibile al luogo abbiamo creato un pavimento a terrazzo chiaro e light box come pareti con vetri tagliati secondo l’antica tecnica locale di lavorazione dei mattoni. L’ambiente sembra un gioiello, luccica grazie alla luce del sole di giorno e a quella artificiale la sera”. Altro brillante esempio è il Centre Hospitalier de l’Université de Montréal (CHUM) co-firmato da CannonDesign e NEUF architect(e)s: con un lavoro di quasi 10 anni è stato ora inaugurato come il maggiore centro sanitario del Nord America (in partenza la fase 2 del progetto che prevede parking e ulteriori aree). “La direttiva del governo prevede di dedicare almeno l’1% di un luogo pubblico all’arte e il campus 40

ELLE DECOR

avrà la maggiore concentrazione di opere della città. L’architettura stessa è stata concepita in maniera artistica per alcune parti. La passerella sospesa che collega due edifici del complesso, rivestita in rame con piccoli fori che creano traslucenze, ne è il miglior esempio”, ci racconta Azad Chichmanian di NEUF architect(e)s. Sempre sul tema glitter, Tom Dixon presenta Cut, una serie di lampade caleidoscopiche grazie al diffusore con taglio a diamante: “È la nostra più recente avventura di un’infinita fascinazione per i riflessi, la luminosità e la trasparenza”, confessa il designer inglese. Dall’oggetto di design che ‘sberluccicando’ si impreziosisce si passa con facilità al mondo dell’arte, con una folta schiera di rappresentanti della tendenza. Se il teschio ricoperto di diamanti ‘For the love of God’ (valore stimato 50 milioni di sterline) del britannico Damien Hirst è ormai parte dell’immaginario collettivo, il nostrano Nicola Bolla, torinese, ne è tra i pionieri, creando già dagli Anni 90 sculture tempestate di cristalli Swarovski. E proprio il colosso austriaco nel 1995 a Wattens ha creato I Mondi di Cristallo, un parco di installazioni e attrazioni firmate negli anni da noti creativi (Studio Job, Arik Levy, Tord Boontje, Alexander McQueen e Brian Eno tra i tanti), visitato da milioni di persone e ideale meta natalizia. È una serie di stanze delle meraviglie metaforicamente abitate da un gigante immaginario. L’artista che ha dato il via al progetto è André Heller, autore del Duomo di Cristallo, una cupola creata da oltre 500 specchi ispirata alle strutture geodetiche dell’architetto americano Buckminster Fuller. Dai primi di dicembre saranno inaugurate nuove installazioni del messicano Fernando Romero e dell’indiano Manish Arora, mentre Heller e Levy rivisiteranno le loro opere. “I live for glitter, not you”, canta Mika nella sua hit ‘We Are Golden’. Non resta dunque che ascoltarlo e regalarci una pausa. Per lasciarsi trasportare dall’effetto ‘shine’. —

The Broad collection

Yayoi Kusama — ‘Infinity Mirrored Room - The Souls of Millions of Light Years Away’, 2013, è una delle stanze immersive della scintillante mostra ‘Infinity Mirrors’ al museo The Broad di Los Angeles (fino all’1/1/18). thebroad.org.


Capolavori in Medio Oriente. Quindici pezzi d’autore per le feste. E specchi che riflettono idee

©Louvre Abu Dhabi Roland Halbe

a cura di Murielle Bortolotto

Parigi d’Oriente L’archistar Jean Nouvel firma il Louvre Abu Dhabi. Una mini città d’arte sull’isola di Saadiyat. Sotto la sua immensa cupola argentata (diametro di 180 metri), il sole filtra e crea uno spettacolare gioco di luce, sulle superfici dell’edificio e sui visitatori. Da ammirare 600 opere, tra cui tele di Leonardo da Vinci e Vincent van Gogh, prestate da 13 musei francesi. Prossima tappa obbligata per le vacanze... louvreabudhabi.ae +elledecor.it

43

ELLE DECOR


DECORSCOUTING Vedo Memphis. Si sa, il 2017 ha reso omaggio a Ettore Sottsass e anche il brand spagnolo Nina Mûr lo festeggia. Creando una collezione molto speciale di eyewear in collaborazione con Abet Laminati. ninamur.com, abetlaminati.com +elledecor.it

Visual alla Jeff Koons. A Parigi, sugli Champs Élysées, il secondo capitolo della collezione Masters, disegnata dal celebre artista americano per Louis Vuitton, va in scena. Sulle iconiche borse, è la volta di Monet e Gauguin. louisvuitton.com

Ciondoli luminosi. Sono quelli ideati da Sabina Belfiore Lucovich con Luminarie. Un lavoro che reinterpreta le luci a festa del Sud Italia, spogliandole di tutto quello che è superfluo per arrivare all’essenziale. Installazioni dall’effetto magico per interni. sabinabelfiorelucovich.com

44

ELLE DECOR

È già un evergreen, firmato da Piero Lissoni, il divano SAKé di B&B Italia. Forme semplici, architettoniche per un sofà che solo a guardarlo rende l’idea di comfort ed eleganza. Esili piedini sorreggono la seduta, come un ‘tappeto volante’, e una cucitura sul rivestimento ne definisce il design. Da scegliere nella versione per due, per tre, daybed o ancora divano letto, che si apre in un zic! bebitalia.com

Courtesy Louis Vuitton, Federico Cedrone, Leo Torri

+elledecor.it


DECORSCOUTING

Wishlist inspiration/1 — Bagliori metallici tra pezzi ironici, manifesti cult e nuovi amici da appendere o da appoggiare

1. Paolo Rizzo disegna per Spotti Edizioni la collezione Gold. Un sideboard, una cassettiera, un tavolo, una mini libreria e una lampada. spotti.com 2. Il 2018 sarà l’anno del cane per l’oroscopo cinese. Rosenthal lo celebra con un piatto ad hoc. Diametro cm 18, € 50. rosenthal.it 3. Il duo di Pulp Fiction (Samuel L. Jackson e John Travolta) in versione poster. Un’idea di Image Republic, da acquistare su Yoox, € 37. yoox.com 4. Il Toro è il nuovo progetto di Formafantasma per Woodyzoody. Con corpo in wengè e corna in ottone, € 120. woodyzoody.com 5. Coppa Lunar Landscape. In rame, un progetto di Elisa Ossino per Paola C., € 345. paolac.com 6. Piano con decoro pittorico, handmade, per il tavolino City di Cantori. Da scegliere in tre colori. cantori.it

[3]

[2]

[1]

[5]

Alberto Strada

[4]

[6]

46

ELLE DECOR


DECORSCOUTING

Big lampadina. Al limite tra opera d’arte contemporanea e oggetto decorativo, Look at me nasce dalla creatività e dalle mani di Matteo Gonet, artigianodesigner specializzato nella lavorazione del vetro. Una superficie convessa in materiale specchiato, fuso e soffiato a bocca. Per un effetto scenografico, con ironia. matteogonet.com

48

ELLE DECOR


DECORSCOUTING

Wishlist inspiration/2 — Oggetti del desiderio per la mise en place, per mantenersi in forma o per immortalare i momenti del cuore in un click

[1]

[2]

[4] [3]

[5]

[6]

[9]

[7] [8]

50

ELLE DECOR

1. Per i futuri Rocky, il sacco Alias ideato da Giancarlo Bosio e dal Centro Ricerche di Giorgetti Atmosphere. In pelle, € 7.309. giorgetti.eu 2. Diffusore Decor della linea Alterego di Culti, in foglia d’argento. culti.com 3. Fiaschetta Shot disegnata da Laura Polinoro e Paolo Gerosa per Alessi, in acciaio, € 42. alessi.com 4. Firmato Vincenzo D’Alba il piatto Pyramid di Kiasmo per Archiproducts, € 85. kiasmo.it 5. Total black per il vassoio Serratura. In metallo laccato a mano di Fornasetti su Yoox, € 360. yoox.com 6. Back to eighties con Polaroid Originals. Qui il modello OneStep 2, € 119,99. polaroidoriginals.com 7. Stivaletto in pelle liscia e montone con allacciatura stile trekking di Tod’s, € 650. tods. com 8. Set Prisma di De Vecchi Milano 1935, con manico in legno prezioso. devecchi.com 9. Prodotto del designer Gio Tirotto, il liquore Bargnolëin Ryto, a base di prugna dei colli piacentini. ryto.it


DECORSCOUTING Mood inglese. Tricia Guild, la creative director di Designers Guild, arriva in libreria con ‘Paint Box, 45 combinazioni di colore per arredare la casa’, edito da Giunti. Un must have per tutti gli amanti della decorazione. Idee, suggerimenti, ispirazioni declinate su tessuti e cromie. designersguild.com, giunti.it +elledecor.it

Carioca a Milano. In via Maroncelli 13, ha aperto Etel. Primo store europeo pensato per la promozione della cultura e del progetto brasiliani. Una vasta collezione di arredi, riedizioni e pezzi iconici, in uno spazio che vuole ricreare l’atmosfera vissuta negli Anni 50 e 60 nella Casa de Vidro a San Paolo di Lina Bo Bardi. Muito bom! etel.design

52

ELLE DECOR

James Merrell, Ansis Starks

L’uomo delle sfumature Classe 1985, nato a Riga, ˇ si sta facendo Germans Ermics conoscere nel mondo del design per i progetti caratterizzati dal colore che sfuma in tonalità sorprendenti come in Colourscape Mirrors, cm 70 o100x100h. Ma anche su sedute, panche, elementi divisori e tavoli. germansermics.com


PREMIO EDIDA

NOMINATION DAY

Dal designer dell’anno al talento del futuro, attraversando tutte le forme del progetto. Ecco le nostre candidature per le 13 categorie che concorrono al premio del network composto da 25 edizioni nel mondo. Al via la prima fase dell’EDIDA, Elle Deco International Design Awards testi di Paola Carimati

57

ELLE DECOR


Designer of the Year

FORMAFANTASMA — Ci abbiamo creduto la scorsa edizione e quest’anno ribadiamo la nostra convinzione: Andrea Trimarchi e Simone Farresin rappresentano un unicum nel panorama progettuale internazionale. Sono i primi, e a oggi gli unici, in grado di passare dal pezzo unico alla sua riproducibilità. Quest’anno per la prima volta hanno scelto di avvicinare l’industria dei grandi numeri allontanandosi temporaneamente dal mondo delle gallerie di art design. Alla Milano Design Week si sono presentati con le luci Blush Lamp e WireRing per Flos [3], i rivestimenti Cromatica per Cedit [2] e Pigmento, la collezione di oggetti da tavola per Nude Glass [1]. Di questo slittamento, dall’unicità alla ripetibilità, ne abbiamo avuto avvisaglie con ‘Anno Tropico’, la mostra dello scorso anno nello spazio milanese Peep-Hole che ha raccontato le qualità funzionali ed espressive delle sorgenti luminose. Presentata in occasione del Salone del Mobile allo Spazio Krizia [4] migrerà nel 2018 al TextielMuseum di Tilburg, con 5 pezzi in più. Per mietere altri successi. formafantasma.com

58

ELLE DECOR

[1]


EDIDA 2018

[2]

[3]

Ritratto SGP, Martina Scaravati

[4]

59

ELLE DECOR


EDIDA 2018

[1]

Young Talent of the Year

[2]

[3]

CHIARA ANDREATTI — L’abbiamo notata nel 2013 con il progetto Végétales, il servizio di porcellane con calchi di frutta e verdura usati come timbri. Da allora sono passati quattro anni e Chiara Andreatti è oggi tra gli emergenti italiani più apprezzati. Del suo lavoro ci piace la sensibilità decorativa con la quale si avvicina a materiali diversi e l’eleganza del segno, maturata in anni di collaborazione nello studio di Piero Lissoni. In occasione dell’appena concluso Design Miami ha presentato gli arredi Welcome!, un progetto curato da Maria Cristina Didero per Fendi. Si tratta di un salotto nel quale convergono epoche e stili diversi declinati da materiali lavorati artigianalmente [4]. Alla Milano Design Week è stata protagonista con la tripla art direction per Texturae, Karpeta e BottegaNove per la quale ha disegnato Flora, la serie di rivestimenti in ceramica [2]. Ricordiamo anche le lampade Nasse in midollino per Editions Milano [1] e i vassoi rivestiti in rame e ottone Satin per Mingardo [3]. chiaraandreatti.com

60

ELLE DECOR

Ritratto Stefania Giorgi, Francesca Ferrari

[4]


Furniture

GRAND CARPET di ANTONIO CITTERIO PATRICIA VIEL per MARAZZI — Un progetto che valorizza la natura industriale del grès ceramico e la dimensione del formato: rettificato di 120x240 cm. Lo studio milanese ha puntato sul decoro, attingendo nella cultura orientale: della tradizione Kolam (quella delle geometrie in polvere di riso) e Mehndi (dei tatuaggi indiani). Dalla loro sovrapposizione è nato un pattern evanescente la cui percezione cambia in relazione al punto di vista. marazzigroup.com

Floorcovering

GREEN LIGHT di OLAFUR ELIASSON per MOROSO — Basata sulla regola del triangolo aureo, la libreria disegnata dall’artista daneseislandese è frutto di una duplice sperimentazione che avvicina l’arte al design e il design ai progetti di accoglienza. Il concept infatti è nato con ‘Green light – an artistic workshop’ presentato alla Biennale di Venezia: un’operazione che invita i rifugiati a collaborare alla costruzione condivisa di luci componibili che proiettano una luce verde. moroso.it

Alessandro Paderni, Trinette Reed, Tommaso Sartori

Kitchen COVE KITCHEN_BOFFI CODE di ZAHA HADID DESIGN per BOFFI — Un monoblocco in Corian e legno che trasforma il modello di cucina a isola in elemento scultoreo. A centro stanza sono le linee inconfondibili del linguaggio di Hadid a essere sempre protagoniste, insieme al savoir-faire dell’azienda che consente la personalizzazione delle finiture. Cove è un sistema compatto, all’interno del quale sono integrate non solo le funzioni di preparazione del cibo, ma anche di convivialità che raccoglie tutti attorno al piano snack. boffi.com

61

ELLE DECOR


EDIDA 2018

Fabrics

SCREENSHOT di BRIGITTE NIEDERMAIR e MARTINO GAMPER per DEDAR — Un lavoro sofisticato che trasforma il tessuto in oggetto tridimensionale. Dall’incontro di un’artista e di un designer è nata una serie di pannelli decorativi, in edizione limitata, che sintetizzano l’uso del colore blu in 500 anni di arte figurativa. Si tratta di un progetto innovativo e decisamente inusuale che usa il tessuto per realizzare pannelli decorativi: opere d’arte riproducibili in piccola serie. dedar.com

SAKé di PIERO LISSONI per B&B ITALIA — “Una piattaforma tecnologica, sospesa nell’aria, magica come un tappeto volante. Cuscini per chiudere il perimetro e piedini per farla atterrare. Dopodiché fa anche il divano...”, così il designer definisce il progetto nato all’insegna della leggerezza. SAKé trasforma un sistema di sedute in protagonista della scena domestica. Lo sviluppo lineare della struttura, composta da piani di seduta, braccioli e schienali che si aggregano su richiesta, declina una nuova idea di componibilità. Sempre più sartoriale. bebitalia.com 62

ELLE DECOR

Brigitte Niedermair & Martino Gamper, Federico Cedrone

Seating


Lighting ARRANGEMENTS di MICHAEL ANASTASSIADES per FLOS — Il designer amplia il suo registro progettuale spostando l’attenzione dalle forme sferiche in vetro opalino (protagoniste di molte collezioni) alle linee pure. La serie di lampade a sospensione presentate all’ultimo Euroluce racconta una nuova storia: i corpi, elegantemente ancorati a soffitto, ricordano parure di gioielli preziosi. Le luci sono veri e propri ‘pendant’ che si lasciano contemplare sospesi nel tempo e nelle scene di interni. flos.com

IMMERSION di NERI & HU per AGAPE — Il primo progetto dello studio cinese nel mondo dell’ambiente bagno. I designer affrontano il tema della cura del corpo pensando alle esigenze delle giovani generazioni che vivono in appartamenti dalle dimensioni ridotte. Immersion supera il vincolo dello spazio e proprio come le tradizionali tinozze orientali in legno si sviluppa in profondità e non in larghezza. Essenziale ed elegante nelle proporzioni, la vasca è pensata per garantire l’immersione a filo collo. agapedesign.it

Bathroom

Germano Borrelli, Stefania Danese

Outdoor MANILA di PAOLA NAVONE per BAXTER — Tubolare in giunco di Manila (da cui il nome) e rame acidato, per la struttura, corda tecnica rivestita in pelle, per l’intreccio che si fa scocca. Pochi elementi, naturali e a contrasto, danno forma a una silhouette dal gusto esotico. Una speciale concia e tinte alla china aumentano la resistenza alla luce. Accanto alle sedute, sviluppate nelle sfumature dei blu, acquamarina e verde, ci sono anche una serie di accessori realizzati in terracotta, cocciopesto e pietra lavica. baxter.it

63

ELLE DECOR


EDIDA 2018

Wallcovering

Tableware

FRUIT BOWL NO.9 di RON GILAD per DANESE — Uno dei 10 piccoli oggetti quotidiani che, come afferma il designer che li ha firmati nella nuova veste di art director, non cambiano la vita, ma di certo la migliorano perché raccontano ciascuno la sua storia. Presentati in occasione della mostra ‘Fragments of life’ alla Milano design Week 2017, nascono dall’evoluzione di progetti di Gilad che risalgono alcuni alla fine degli Anni 90, altri più recenti. Con l’aiuto di Danese hanno raggiunto la giusta maturità e oggi segnano il nuovo corso dello storico brand italiano. danesemilano.com

IKAT di PIERO LISSONI per ALPI — Leader nella produzione di superfici decorative in legno composito, l’azienda rappresenta un’eccellenza del made in Italy. I suoi rivestimenti in essenza entrano nel mondo del progetto in modo trasversale (dall’interior domestico al retail, sino alla nautica) e affascinano la creatività dei designer, a cominciare da Ettore Sottsass che nel 1985 ha disegnato la sua prima texture. Oggi tra le proposte di Piero Lissoni, scegliamo Ikat, un motivo che ricorda le geometrie di trama e ordito. alpi.it

Bedding

HOTELROYAL di TERRI PECORA per ZANOTTA — Tutto ruota attorno a testiera e pediera, entrambe imbottite di poliuretano. La disposizione, prevista nelle versioni simmetrica e asimmetrica con comodino, trasforma il letto in una micro-architettura, pensata per arredare anche le camere d’hotel. Ma è nella citazione che il letto vanta la sua unicità. Pare che la designer si sia ispirata alle linee di Gio Ponti espresse negli Anni 60 nell’Hotel Royal a Napoli (da cui il nome). Un vintage d’autore in versione contemporanea. zanotta.it 64

ELLE DECOR


STUDIO VISIT

Extra design Ospiti nell’atelier di Parigi di Marco Lavit, progettista con la passione per lo stile vernacolare e le edizioni limitate. Le sue sono micro architetture, nidi a misura d’uomo immersi nella natura di Paola Carimati ritratto di Fabien Breuil

L’architetto, nominato Rising Talent 2018 da M&O, ritratto all’ingresso del suo studio, nel secondo arrondissement.

67

ELLE DECOR


Origin tree house — Aggrappata ai rami di una quercia secolare, nel parco del Castello di Raray, a nord di Parigi, la suite del Domain du Château. Raggiungibile da una lunga passerella sospesa a dieci metri dal suolo, la stanza, a pianta ottogonale, si sviluppa attorno al tronco dell’albero. Completo di bagno, patio e zona living, lo spazio è avvolto da un’atmosfera intima e luminosa. Complice la struttura della capanna, a forma di nido, in listelli orizzontali in pioppo.

68

ELLE DECOR


STUDIO VISIT

Marco Lavit Nicora

Il legno lamellare è l’unità minima che gli consente di dare forma all’architettura: luoghi estremi perfettamente integrati nella natura. Che non rinunciano al comfort

Eco Lodge — Siamo a pochi chilometri da Avignone, tra le vigne nel Sud della Francia. Qui, a pelo d’acqua nella riserva di pesca a Châteauneuf-du-Pape, galleggiano 10 costruzioni primitive in legno lamellare. La struttura, che ricorda quella delle palafitte, si integra perfettamente con il paesaggio di canneti lacustri, senza però rinunciare al comfort. Al suo interno, oltre alla zona notte, un living con terrazza dalla quale godersi la natura. Ma il bello accade di notte, quando la capanna si trasforma in una maxi lanterna. +elledecor.it 69

ELLE DECOR


STUDIO VISIT

70

ELLE DECOR

Atelier Lavit — Nello studio dell’architetto italiano stanziale a Parigi: uno spazio caldo e luminoso dove spicca sulla sinistra la Venezia lounge chair. Disegnata nel 2014 per Palazzo Nani Bernardo, è stata protagonista, lo scorso ottobre, del nostro Elle Decor Grand Hotel firmato Antonio Citterio e Patricia Viel a Palazzo Morando.

Marco Lavit Nicora - Fabien Breuil

Lo raggiungiamo al telefono poco prima dell’imbarco: destinazione Port Louis — capitale delle Mauritius — dove è stato chiamato a partecipare a ‘PORLWI by Nature 2017’, festival di arte e architettura locale. Marco Lavit, classe 1986, un curriculum focalizzato sull’architettura (si diploma all’École Spéciale d’Architecture di Parigi e si laurea al Royal Institute of Technology di Melbourne), vive e lavora da ormai 12 anni nella capitale francese. “Insieme al collettivo Less e in collaborazione con gli artigiani mauritani abbiamo realizzato una facciata in bambù di 300 mq”, racconta il progettista. “L’obiettivo è ridare vita a un edificio abbandonato attraverso l’uso consapevole di un materiale dalle grandi capacità meccaniche”, sottolinea Lavit, elettrizzato all’idea di trascorrere un paio di settimane nelle isole dell’Oceano Indiano. E questo suo entusiasmo, così genuino e coinvolto, ricorda il pensiero e il segno gentile dell’architetto Riccardo Blumer, non a caso suo mentore dopo gli anni dell’università. Marco fonda il suo studio nel 2014. Si tratta di un atelier il cui pensiero progettuale ruota attorno a tre parole chiave: savoir-faire (ricerca di tecniche artigianali principalmente italiane), essenzialità (sofisticazione del pensiero che sfiora il limite del concettuale), materia (familiarità con superfici autentiche come legno, cuoio e metallo). E che da subito, all’oggetto preferisce spazi e volumi. Con qualche piccola digressione. “La prima concessione al design risale a due anni fa. In occasione della Biennale di Architettura curata da Rem Koolhaas ho disegnato per Palazzo Nani Bernardo la lounge chair Venezia: una seduta dalla struttura reticolare in ferro e cuoio la cui leggerezza ricorda la sagoma delle gondole che scivolano lungo i canali”, afferma il creativo. Completano la collezione oggi rappresentata in esclusiva dalla galleria Nilufar di Milano il tavolo Reconvexo con il divano Atem Modular. “Ciò che mi piace del product design, sia esso prodotto industrialmente o in edizione limitata, è il suo rapporto con l’essere umano”. È per questo che tutti i suoi progetti ruotano attorno ai principi dell’ergonomia. “Mi interessa dare forma a uno spazio, a una dimensione che sia in grado di incidere sul nostro modo di vivere. E mi incuriosisce l’interazione fra noi e il luogo all’interno del quale ci muoviamo”. Forte in Marco è il rimando all’architettura vernacolare, dove intrecci e incastri danno forma a moderni rifugi. Origin, per esempio, la costellazione di suite realizzate nel parco del Château de Raray nella Francia del Nord, rivisita in chiave luxury il modello di casa sull’albero: raggiungibile solo percorrendo sfidanti passerelle aeree lunghe trenta metri e sospese ad altrettanti dieci da terra. Un escamotage studiato per disincentivare i curiosi e proteggere la privacy degli ospiti: un po’ come fanno gli uccelli che per rendere i propri nidi sicuri e impenetrabili costruiscono intricate trame arboree. Dalle fronde delle querce di Raray planiamo sul lago di Châteauneuf-du-Pape (la città dei Papi), poco distante da Avignone, dove Lavit ha progettato 10 suite: eco-lodge che come palafitte contemporanee galleggiano a pelo d’acqua. Lo slancio della struttura lamellare dialoga con i bambù lacustri, amplifica l’armonia del luogo e si integra completamente nel paesaggio. Un’operazione di camouflage che affiora dall’ascolto e si nutre di rispetto. Ancora un esempio di come dovrebbe essere ogni espressione della grande madre delle discipline: bella e a misura d’uomo. — atelier-lavit.com

Reconvexo low table e Venezia lounge chair — Non si tratta solo di un tavolo o di una sedia, ma di pezzi unici che nascono dalla sintesi di forze e tensioni tra materiali di natura diversa. In esclusiva da Nilufar.


DESIGN

Il flacone di vetro di Gabrielle viene sottoposto a temperature elevate per levigarne la superficie e migliorarne la brillantezza.

L’essenza del progetto Nato dopo anni di ricerca sulle fragranze e sull’estetica del contenitore, l’ultimo profumo Chanel è il frutto di un complesso processo produttivo. Racchiuso in un packaging inedito che fonde design e carattere testo di Flavia Giorgi

73

ELLE DECOR


DESIGN

Dall’alto in senso orario, ripetuti trattamenti ad alta temperatura e raffreddamento lisciano la superficie del vetro rendendolo più trasparente e luminoso. L’interno dell’astuccio, frutto di un sistema di goffraggio brevettato. Il disegno del flacone, perfetto equilibrio di eleganza ed essenzialità. I tappi quadrati dal bordo smussato prendono forma.

All’inizio era solo un numero, non uno qualunque però. N. 5, primo profumo di Coco Chanel, nasce negli Anni 20 controcorrente come la sua ideatrice, con un non-nome destinato a diventare il nome del profumo in assoluto e con una formula che rivoluziona il mondo olfattivo dell’epoca. Quasi cent’anni dopo — e dopo altre fragranze di successo — con lo stesso slancio innovativo ma con un nome che è tout court l’identità della Maison, arriva Gabrielle. Femminilità, passione, audacia sono le note di carattere che la ricerca di Olivier Polge sui fiori bianchi ha trasformato in note profumate, esplorandone le relazioni con la freschezza degli agrumi e i toni suadenti dei legni esotici. Il messaggio di questo bouquet sorprendente e personale è custodito dentro una bottiglia giunta a destinazione dopo un viaggio durato sette anni: lo ha richiesto uno studio approfondito sul design del contenitore e della confezione, dove sono confluite ricerca grafica e cromatica, sperimentazione di nuove tecnologie nella lavorazione del vetro e del cartone. Un’architettura complessa risolta all’interno di linee essenziali. “La purezza cara a Gabrielle Chanel è stata la fonte di ispirazione per questa bottiglia unica, definita da un design semplice che declina 74

ELLE DECOR

la linea quadrata”, spiega Sylvie Legastelois, responsabile packaging e graphic design. “La sfida industriale è stata produrre un vetro eccezionalmente sottile, ricorrendo a tutta l’expertise dei grandi maestri vetrai. La tensione tra understatement e opulenza è rappresentata da un oggetto delicato e leggero, che sceglie di lasciarsi dominare dalla ricchezza della fragranza”. Nessuno ha dimenticato quel che Mademoiselle non si stancava di ripetere: il lusso è ciò che non si vede, l’eleganza è fatta di bellezza all’esterno come all’interno. Così il flacone è contenuto in una confezione dal cuore prezioso, risultato di un processo di goffratura brevettato che riprende esattamente la silhouette della bottiglia per esibirla come fosse un gioiello nello scrigno. Contenitore e contenuto dialogano anche sul filo del progetto cromatico, per il quale Legastelois ha individuato una tonalità dorata esclusiva che evoca ricchezza priva di ostentazione. “La solarità dell’essenza si rispecchia nel colore originale del tappo, dell’etichetta e dell’astuccio. Non è oro e neppure argento, ma una sfumatura inafferrabile e luminosa, come lo scintillio di un lamé”. Perché il profumo del design non si dissolva dopo l’ultima goccia. –


La nuova factory musicale

Pareti vegetali, grandi vetrate, colori pop identificano lo studio Mille Galassie di Walter Mameli. In questo spazio è nato ‘Possibili Scenari’, il nuovo album di Cesare Cremonini di Rosaria Zucconi — foto di Sandro Lombardi


PROGETTI Il progetto dell’architetto Luca Zanaroli comprende un nuovo volume vetrato addossato alla facciata del capannone industriale. Uno spazio aperto e luminoso filtrato dal mondo esterno dalla quinta metallica vegetale e dal giardino, nella pagina accanto.

77

ELLE DECOR


PROGETTI

Un volume aperto e luminoso si accosta allo spazio ovattato e buio dedicato alla produzione sonora

All’esterno la classica poltroncina Acapulco, vintage. Nello studio del produttore Walter Mameli, un importante tavolo riunioni in ferro, su disegno di Luca Zanaroli, con piano in resina su cui è riprodotto il vinile dello storico ‘Sgt. Pepper’s’ dei Beatles. Lampadario Mesh di Luceplan, poltroncine Plastic Chairs degli Eames, Vitra. Nella foto accanto, colori vivaci per il divano Loop e i pouf Pix di Arper.

78

ELLE DECOR


PROGETTI La parete vegetale, naturale prolungamento del nuovo giardino all’ingresso, riqualifica funzionalmente ed esteticamente l’edificio. Il progetto di Luca Zanaroli, coadiuvato da Daniela Veronesi per gli esterni, è stato realizzato da b+outdoor living. In basso, il tavolo e la libreria in ferro nello studio del produttore.

Il mondo, elettrizzante e veloce, delle factory musicali si è aperto all’architetto Luca Zanaroli chiamato da Walter Mameli, produttore di Cesare Cremonini, ad ampliare e ridisegnare Mille Galassie, studio di registrazione, luogo di creazione, elaborazione e produzione musicale. Gli spazi preesistenti erano ricavati in un capannone degli Anni 70, alla periferia di Bologna, nella classica zona industriale fatta di edifici prefabbricati in serie, con la facciata ordinaria e anonima rivolta verso il cortile utilizzato come parcheggio e scarico delle merci. Spiega l’architetto Zanaroli: “I nuovi spazi dovevano integrare quelli esistenti, prettamente destinati alla produzione musicale, quali la regia con i mixer, i monitor, i processori di segnale, i registratori multitraccia e la tecnologia più sofisticata per modificare e miscelare i segnali audio. E ancora la live room, sala di ripresa dove il suono viene creato e la musica prende vita. Ambienti caratterizzati da un alto contenuto tecnologico e proprio per questo, asettici e privi di estetica”. Il progetto, oltre a rispondere ai nuovi bisogni, doveva quindi “identificare” il luogo, dandogli una personalità che mancava. “La sola possibilità di ampliamento era di addossare alla facciata, larga appena otto metri, un nuovo volume in grado di integrare la dimensione di cui lo studio aveva bisogno. Per poter vivere, non più in uno spazio dedicato alla sola produzione sonora vera e propria, 80

ELLE DECOR

necessariamente protetto, ovattato e privo di luce naturale. Ma anche spaziare in un luogo aperto, luminoso e tuttavia intimo, filtrato dal mondo esterno. Distante poco più di un metro, una quinta metallica dalla struttura in acciaio verniciato nero opaco, che regge pannelli di lamiera stirata, si trasforma in parete vegetale con rampicanti scelti per la texture del fogliame, la gradazione cromatica, il portamento. Un elemento fondamentale per la riqualificazione formale e funzionale dell’edificio”. All’interno divani e poltrone in colori pop, a contrasto con pavimenti e soffitti in nero opaco che hanno il compito di assorbire la luce, evitando fastidiosi riflessi. La grande vetrata consente una vista netta e contrastata, quasi cinematografica, del lussureggiante verde esterno. Su disegno del progettista, il tavolo circolare da riunioni, riproduce sul piano in resina il vinile dello storico ‘Sgt. Pepper’s’ dei Beatles. “La musica è uno dei piaceri della vita” — dice Walter Mameli — “ma per arrivare a un prodotto finito ci sono lunghissime, infinite fasi di produzione che solo una forte passione e predisposizione possono supportare. In questo ambiente aperto, che unisce aree diverse e complementari, siamo più liberi, con la sensazione di essere immersi nel verde”. In questo spazio è nato anche il nuovo album di Cremonini, ‘Possibili Scenari’, uscito lo scorso 24 novembre. —


Holiday on ice Avoriaz. Nel cuore dell’Alta Savoia, svetta l’utopia architettonica firmata negli Anni 60 da Jacques Labro. Una città incastonata tra le montagne da vivere solo sugli sci di Kerstin Rosee — foto di Christian Schaulin — testo di Sebastiano Brandolini

82

ELLE DECOR


ARCHITETTURA

Geometrie cubiste ispirate alla morfologia delle montagne di Avoriaz per gli Chalets de la Combe, case unifamiliari per 8 persone, disposte a schiera seguendo la pendenza. A destra uno scorcio dell’Hotel des Dromonts.


ARCHITETTURA

Negli Anni 60, quando lo sci era ancora un mito (e non un’abitudine come oggi), diventava mitica anche l’architettura di certe località sciistiche. Nello sfidare il paesaggio alpino, l’architettura del turismo di allora si fondava sui grandi numeri e su un’idea di futuro, e intanto promuoveva la salute e lo sport. Ad Avoriaz e a Tignes ammiriamo la grandeur francese di quegli anni; a progettare Flaine nel Vallese svizzero (vedi Elle Decor 12-1 dicembre-gennaio 2017) ci pensò un pezzo da novanta come Marcel Breuer. Non sono da meno in quanto a sperimentalismo alcuni esempi italiani, come Prato Nevoso, Folgarida e Pila, rispettivamente in Piemonte, Trentino e Val d’Aosta. In comune hanno tutti il fatto che rinnegano l’idea dello chalet: al posto di finti villaggi suburbani alpini composti da migliaia di noiose casette mono e bi-familiari uguali e fatte di finto legno, i loro architetti preferirono progettare grandi condomini, integrati con gli impianti di risalita, senz’auto. Nel rivedere questi luoghi oggi, cinquant’anni dopo la loro eroica concezione, sorridiamo basiti, perché alla fine purtroppo sembrano aver vinto quasi ovunque i finti villaggi alpini. Avoriaz, in comune di Morzine, a 1.800 metri sul livello del mare, in Alta Savoia, è sicuramente un luogo da rivisitare, con un occhio più disincantato di quello dei nostri genitori. L’intuizione urbanistica partì da uno sciatore liberista, Jean Vuarnet, ma la realizzazione fu per mano di un allora giovanissimo architetto, il francese

Dall’alto, in senso orario, un dettaglio della facciata inclinata di uno degli edifici residenziali. Il bar dell’Hotel des Dromonts conserva intatto il sapore degli Anni 60. Dettaglio delle maniglie dell’ingresso all’hotel con la data d’apertura ufficiale nel ‘67. 84

ELLE DECOR


ARCHITETTURA

Uno scorcio dell’angolo relax nel bistrot dell’Hotel des Dromonts. Sul pavimento in lastre di pietra locale spiccano gli arredi, su disegno, come l’originale chandelier a sospensione realizzato con gli sci. A parete, immagini d’epoca di campioni olimpici.

86

ELLE DECOR


ARCHITETTURA

Jacques Labro. Nato nel ‘35, Labro ha vissuto un po’ negli Stati Uniti, ma ha realizzato soprattutto complessi turistici in Francia, al mare e sui monti. Ad Avoriaz, inaugurata nel 1967, i suoi mega-condomini alti una decina di piani, simili a stegosauri addormentati, sono rivestiti di scandole di legno di cedro, ormai incanutito e color argento: come degli chalet fuori scala, poggiano direttamente sulle piste, e per questo l’uso dell’auto, oltre a essere interdit, è anche inutile. Praticamente tutto qui è obliquo, e non si distinguono i tetti dalle facciate; di angoli retti non sembrano proprio essercene. Chi veniva cinquant’anni fa non era certo nostalgico, ma forse chi ci va oggi un po’ lo è. Gli edifici di Avoriaz sono grandi ma non fuori scala rispetto alla grandezza delle montagne; Labro voleva che fossero mimetici, e fu entusiasta del risultato. Forse, i condomini vanno considerati essi stessi delle montagne! A rendere Avoriaz unica: il fatto che un solo architetto abbia disegnato tutti i palazzi del nucleo originale, e il fatto che la loro vicinanza produca un ‘effetto città’. Chi viene fin qui si sente appagato sia dalla natura d’alta quota, sia dalla densità urbana (al posto della sparsità suburbana). Alcuni interni — atmosferici e tipicamente Anni 60 — si sono conservati, e forse (l’area Morzine-Avoriaz è sotto il cappello dell’Unesco per la sua particolare geologia, e Avoriaz è Patrimoine du XXe siècle) sono addirittura a ‘rischio imbalsamazione’.

Dall’alto, colori accesi per gli interni della zona ristorante, al primo piano dell’Hotel des Dromonts, caratterizzata dai passaggi ad arco progettati negli Anni 60. Sembra una montagna artificiale l’architettura concepita da Labro a stretto contatto con il paesaggio. 88

ELLE DECOR


ARCHITETTURA

Quelli nell’Hotel des Dromonts sfoggiano un gusto a metà tra il rustico e il modernismo. I tavolini e le sedie, spessi e robusti, sembrano ancora rivestiti dalla patina di tutti quegli sciatori che negli anni si sono riscaldati dopo una faticosa giornata di sport al freddo. Certi grandi lampadari sono stati fatti riciclando vecchi sci, come fossero delle lamelle. Gli intonaci, i pavimenti, la grafica, i rumori e la penombra, sono ancora quelli degli Anni 60. Che ne sarà di Avoriaz, tra una ventina d’anni? Soffre già adesso per colpa della sua mono-funzionalità e mono-estetica, e si trova a dover competere con la concorrenza sul fronte dell’offerta di novità a qualunque costo. Oggi, anche se a leggere i suoi dépliant turistici qui la neve dura più a lungo che altrove, il suo destino resta comunque appeso a un filo. Nelle Alpi le temperature salgono più in fretta che altrove, la neve naturale scarseggia e va dunque sparata quella artificiale, lo sci è meno cool di un tempo, e cresce il passivo degli impianti di risalita. Ci stiamo per caso abituando all’idea che tra non molto le Alpi saranno naturalmente innevate soltanto per un paio di mesi l’anno? Soprattutto in Svizzera, alcune località stanno già dismettendo i loro impianti invernali, e fanno di tutto per riuscire a reinventarsi seguendo le nuove mode, per ribaltare nel giro di pochi anni la propria economia, identità, geografia e futuro. Non è certo una passeggiata… — avoriaz.com, hoteldesdromonts.com

Dall’alto, in senso orario, incastonato nella roccia il complesso architettonico di Avoriaz si mimetizza nella montagna. La Spa con interni in legno di cedro e l’area lounge con le Ball Chair di Eero Arnio dell’Hotel des Dromonts. 90

ELLE DECOR


ADDRESS

Quattro amici al bar Un folto gruppo di creativi si riunisce e fonda uno spazio fuori del comune. Da scoprire oltre un portone, a due passi dalla Darsena di Milano di Rosaria Zucconi — foto di Alberto Strada — testo di Murielle Bortolotto

In primo piano un angolo della galleria-lounge arredata con pezzi vintage, vasi vietnamiti e piante esotiche. Pareti con mattoni dipinti in grigio fumĂŠ e tappeto Altai. Dalla vetrata, si intravede il bistrot.

95

ELLE DECOR


ADDRESS

Musicisti, direttori creativi, architetti e una paesaggista del verde. Ecco il team di Six. Orario continuato per la creativitĂ che non conosce confini

In alto, foto di squadra per Six. Da sinistra, Sergio Carnevale e Nic Cester, Samuele Savio e Mauro Orlandelli, David Lopez Quincoces e Fanny Bauer Grung, Irene Cuzzaniti. Al centro, gli interni del bistrot Sixième con la luce sospesa di Isamu Noguchi. In basso a sinistra, la galleria-lounge dove sono in vendita pezzi vintage, tra cui le poltrone di Pierre Jeanneret.

96

ELLE DECOR


ADDRESS

La struttura metallica, unita al vetro trasparente, divide e scandisce lo studio di architettura. In dialogo perenne con lo spazio espositivo dedicato al design

Accanto, tra gli archi e le pareti con mattoni dipinti in grigio fumĂŠ, tavolo con base in ottone e piano laccato verde, disegnato da David Lopez Quincoces. Sedia di Gio Ponti, poltroncine di Pierre Jeanneret create per Chandigarh, in India. Tappeto Altai. Sopra, un angolo della Six Gallery, a destra, uno scorcio dello studio di architettura. 98

ELLE DECOR


ADDRESS

Una piccola oasi nel cuore della città, tra archi e ballatoi che si affacciano sul cortile. Un ex monastero inglobato da case di ringhiera rinasce e si trasforma in un posto unico. Un concept che racchiude uno spazio per il verde, una galleria dedicata al design e un bistrot.

Alberi tropicali crescono tra i ciottoli della corte cinquecentesca. Lo spazio si articola tra accenti esotici da riad ed elementi meneghini

Una delle caratteristiche della città meneghina sono le corti e le strade secondarie, più piccole ma più affascinanti, che, camminando a passo veloce, sfuggono agli sguardi meno attenti, dei milanesi e non. Via Scaldasole è una di queste, stretta, poco frequentata, traversa del più noto e trafficato corso di Porta Ticinese. Ai lati dei marciapiedi, vecchie botteghe, un giardino autogestito dai residenti e, alla fine della strada, al civico 7, Six. Un angolo intimo, oltre un grande portone di legno, dove la corte è definita da aperture ad arco dell’edificio cinquecentesco che fu, ballatoi e inconsueti alberi tropicali che miracolosamente crescono tra i ciottoli resistendo al clima del nord. Varcando la soglia, scopriamo lo spazio Irene, dedicato alla progettazione del verde, di fronte, la gallerialounge arredata con oggetti e mobili ecclettici, dagli Anni 30 ai 70, tutti in vendita. Una selezione a cura di Fanny e David, architetti a capo dello studio Quincoces-Dragò & partners, specializzato in luxury retail, con base all’interno di Six. Fanny ci racconta: “Abbiamo raccolto pezzi classici ma anche dallo spirito esotico, pensati sia per i collezionisti sia per la gente che, come noi, ama il design a 360 gradi”. Sguardo in su, la luce filtra dalle enormi vetrate a moduli rettangolari. A destra, gli spazi dello studio, dove progettano interior e incontrano i clienti, tra una chiacchiera e l’altra, seduti su sedie firmate Gio Ponti e Pierre Jeanneret. A sinistra, da una vetrata si intravede il bistrot Sixième. Si esce e si rientra. Sergio Carnevale, batterista dei Bluvertigo insieme a Nic Cester, frontman della band australiana Jet, ne sono gli ideatori. Aperto a pranzo e a cena, pochi tavoli in legno, un lungo bancone dove, tra le mani sapienti della bartender Caterina Clausetti, nascono alchemici cocktail. E poi, piatti semplici, tipici della cucina locale: “La tradizione è quello che rimane”, dice lo chef Giacomo Montelli con un passato dai milanesi Joia e Sambuco. Mauro Orlandelli, fondatore di Forest Design, agenzia di consulenza per progettisti che fornisce servizi tailor made e Samuele Savio, inventore di Choice, studio di art direction, confermano il melting pot di creativi che contribuiscono, insieme, all’ideazione di un luogo inedito. — Six, via Scaldasole 7, Milano, tel. 02 45489540 six-project.com +elledecor.it

100

ELLE DECOR


Omaggio al Regno Unito in uno degli abiti delle collezioni Alta Moda e Alta Sartoria che hanno sfilato nella nuova boutique di Londra. Pagina accanto, la scala elicoidale realizzata con marmi black & white posati a macchia aperta. 102

ELLE DECOR

Jason Lloyd-Evans

FASHION


ATTUALITÀ

Barocco con Twist

Londra, Old Bond Street. L’architetto francese Gwenael Nicolas ci accompagna nella nuova boutique Dolce&Gabbana. Uno scintillante spettacolo di forme, materiali preziosi e tradizione italiana

Alessandra Chemollo

testo di Valentina Mariani — foto di Alessandra Chemollo e Jason Lloyd-Evans


FASHION

Sembra una conchiglia, la scala in marmo che dal piano terra porta ai livelli superiori. I gradini sono stati lavorati da artigiani italiani. Sotto, il secondo piano dedicato alle Collezioni Donna, Fine Jewellery e Orologi. In fondo, l’ambiente cubico che ospita le creazioni Fine Jewellery.

Alessandra Chemollo

“Abbiamo lavorato intensamente con i migliori artigiani italiani. Scegliendo marmi di diverso colore, origine e disegno che loro hanno tagliato a macchia aperta e ricucito con cura�

104

ELLE DECOR


FASHION

“La fase più accurata è stato lo studio della luce. Volevo creare uno spazio dinamico, senza ombre. Un luogo che durasse nel tempo, andando oltre la velocità della moda”

Il quinto piano della boutique, dedicato agli appuntamenti privati con la clientela esclusiva, definito dalle superfici in marmo venato e nero assoluto. In primo piano la scala elicoidale. Sul soffitto spicca il decoro in foglia oro che incornicia due grandi chandelier barocchi.

106

ELLE DECOR

come nel caso dell’evento d’inaugurazione dello scorso 11 novembre. Nelle aree destinate alle collezioni uomo e donna, Nicolas ha realizzato due ambienti cubici, interamente rivestiti in marmo con la tecnica della macchia aperta, che ospitano le creazioni Fine Jewellery incastonate in pareti specchianti che creano l’illusione ottica della mancanza di profondità. Da qui, si accede a due stanze ‘segrete’, scrigni dedicati ad appuntamenti privati, come lussuose botteghe artigianali del gioiello. Così, l’esperienza d’acquisto si evolve, dirigendosi sempre più verso un nuovo mondo che somiglia a quello antico. Parola d’ordine: rievocare le origini del passato per guardare al futuro. “Questo ambiente ha uno spirito decisamente diverso rispetto ai tradizionali shopping floor. Abbiamo voluto raccontare in maniera più decisa la storia della casa di moda, il suo Dna, il legame con le tradizioni e il passato, creando ambienti lussuosi dove vivere un’esperienza d’acquisto profonda, circondato da bellezza e storia. Come se si distaccasse dalla realtà per entrare in una nuova dimensione senza tempo”. La scala black and white, dalla forma ellittica, sembra una conchiglia. Se osservata dal basso è un susseguirsi di spicchi di marmo; all’apice il soffitto, prezioso, decorato con motivi in foglia d’oro e due scenografici lampadari. “Utilizzare marmi di queste dimensioni e fatture è stata una sfida incredibile. Abbiamo lavorato intensamente con i migliori artigiani italiani. Scegliendo pezzi di diverso colore, origine e disegno che loro hanno tagliato a macchia aperta e ricucito con cura”. Come veri sarti dei materiali. — Dolce&Gabbana, 6-8 Old Bond St, Mayfair, Londra, dolcegabbana.com +elledecor.it

Alessandra Chemollo

“Lavorare a questo progetto è stato come scrivere la mia prima poesia”, ci spiega l’architetto Gwenael Nicolas salendo i gradini della scenografica scala elicoidale al centro della boutique londinese Dolce & Gabbana nel cuore di Mayfair. Lo spazio, oltre 2.400 mq distribuiti su sei piani, è stato appena ristrutturato. Prima, si sviluppava su tre livelli, due dedicati allo shopping e uno agli uffici della maison. Nicolas, che da oltre quindici anni vive a Tokyo, dove ha fondato il suo studio multidisciplinare Curiosity (vedi Elle Decor 10, 2008 – 11, 2017), confessa di sentirsi un compositore, con penna e calamaio alla mano. “Ho immaginato di scrivere versi fatti di venature marmoree, bianche e nere, che percorrono muri e pavimenti con armonica continuità, e strofe composte dagli stucchi damascati delle pareti”, spiega. Le rime sono incatenate, formate da specchi, consolle, mensole e tavoli in vetro che generano un effetto di continuità e simmetrie con le superfici. Il ritmo è scandito da complementi d’arredo in noce Canaletto e poltrone del Seicento. “Dopo Tokyo e Milano, questo è il terzo progetto che realizzo con Stefano e Domenico, ma in ordine temporale è il primo dei tre a cui ho iniziato a lavorare. Il più lungo”, racconta. “La fase più accurata è stato lo studio della luce. Volevo creare uno spazio dinamico, senza ombre. Un luogo che durasse nel tempo, andando oltre la velocità della moda”. E ci è riuscito. Man mano che si sale, si accede ad ambienti sempre più intimi ed esclusivi. Mentre i primi tre piani sono dedicati rispettivamente ad accessori e streetwear, moda uomo e donna, gli ultimi due sono riservati a haute couture, alta sartoria, gioielli, alta orologeria e spazio adibito a sfilate per clienti esclusivi,


Green capital

Nominata Capitale Verde d’Europa per il 2019, Oslo si rivela un centro cosmopolita ricco di sorprese architettoniche, culturali e gourmet. In armonia con la natura del profondo Nord di Kristina Raderschad — foto di Christian Schaulin testo di Laura Maggi


ITINERARIO

L’interno del Rådhuset, il municipio di Oslo, progetto del 1950 degli architetti Arnstein Arneberg e Magnus Poulsson. Dal 1990, vi si svolge la cerimonia del Premio Nobel per la pace (oslo.kommune.no). Pagina accanto, la Oslo Opera House, architetturalandmark firmata Snøhetta (operaen.no).

109

ELLE DECOR


ITINERARIO

“Anche se molti pensano sia troppo a nord per essere verde, a Oslo c’è molta natura. Non sorprende sia Green Capital del 2019” Jonas Ravlo Stokke, designer

In alto, due tagli fotografici che sottolineano l’andamento della Oslo Opera House, un’architettura in marmo di Carrara e granito bianco. Le finestre vetrate dell’atrio sono alte ben 15 metri per lasciar percepire il fiordo su cui si affaccia. Firmata dallo studio norvegese Snøhetta, è stata inaugurata nel 2008 e ospita spettacoli operistici e di danza. Le superfici interne sono rivestite in legno di rovere e creano un’atmosfera molto calda a contrasto con gli esterni concepiti come un iceberg che affiora dalle acque (operaen.no). Qui sopra, da sinistra, uno scorcio di Norway Designs Shop, un paradiso per il design scandinavo che copre 1.000 metri quadrati (norwaydesigns.no); gli industrial designer norvegesi Øystein Austad, fino a un anno fa partner dello studio StokkeAustad (stokkeaustad.com), e Jonas Ravlo Stokke (jonasstokke.com); l’auditorium principale a ferro di cavallo dell’Oslo Opera House con una capacità di 1.364 spettatori. 110

ELLE DECOR


ITINERARIO

“È la città ideale per la famiglia. Bastano dieci minuti per raggiungere il fiordo dove nuotare d’estate o le piste da sci in inverno. E offre una scena culturale molto vivace” Andreas Engesvik, designer

In alto, da sinistra, The Thief, il primo design hotel di Oslo con Spa luxury, è situato in una posizione strategica nella zona di Tjuvholmen, a un minuto a piedi dalla spiaggia, vicino all’animato quartiere Aker Brygge e al Museum Astrup Fearnley (thethief.com); decorazioni architettoniche a downtown; il designer Andreas Engesvik nel suo studio, star del momento del design norvegese e firma di brand internazionali quali e15, Iittala, FontanaArte o Louis Poulsen, abita con la famiglia in una villa di inizio Novecento tutta gialla (i colori d’impatto sono un must al nord) nel quartiere trendy di Frogner (andreasengesvik.no). Qui sopra, a sinistra, il designer Turbjørn Anderssen fondatore con Espen Voll di Norway Says (norwaysays.com) e dello studio Anderssen & Voll (anderssen-voll.com). Insieme hanno giocato un ruolo chiave nella proposta di ciò che è noto come New Nordic. A destra, l’interno della galleria di arte contemporanea Gerhardsen Gerner con sede anche a Berlino (gerhardsengerner.com). 112

ELLE DECOR


ITINERARIO

Il Museum Astrup Fearnley di Renzo Piano del 2012. Tre padiglioni con un unico tetto in vetro a forma di vela, colonne e cavi d’acciaio che rimandano agli alberi dei velieri e un rivestimento grigio argento che ricorda il mare. Ospita un’importante collezione d’arte moderna (afmuseet.no).

114

ELLE DECOR


ITINERARIO

“Rodeløkka, la zona dove vivo, ben rappresenta con il suo mix culturale lo spirito della Oslo contemporanea. Con un giardino botanico meraviglioso” Kristine Five Melvaer, designer

In alto, a sinistra, l’interno di Villa Stenersen, un must-see per gli amanti dell’architettura, è considerata un esempio del funzionalismo norvegese. Fu fatta costruire dal collezionista d’arte Rolf E. Stenersen che affidò il progetto all’architetto Arne Korsmo (1900-1968). Per visitarla bisogna partecipare a tour organizzati del National Museum (nasjonalmuseet.no/en/visit_us/locations/villa_stenersen). A destra, la Trattoria Popolare, uno dei migliori ristoranti italiani di Oslo, gestito da Nevzat Arikan. Si trova all’interno dell’ex birreria Schou ristrutturata con un progetto di interior dallo studio Anderssen & Voll (popolare.no). Qui sopra, da sinistra, la designer Kristine Five Melvaer con vasi e oggetti di sua creazione; nata nel 1984, si occupa della progettazione di arredi, textile, accessori per la casa e di graphic design con un focus sul potere comunicativo degli oggetti per stabilire un ponte con l’utilizzatore finale (kristinefivemelvaer.com). A destra, l’interno dello studio di Jonas Ravlo Stokke (jonasstokke.com). 116

ELLE DECOR


ITINERARIO

A sinistra, uno scorcio del quartiere Aker Brygge affacciato sul porto. Un secolo fa ospitava i cantieri navali Akers Mekaniske Verksted, ma dal 1986, grazie a un progetto di rinnovamento della zona, l’area è diventata un punto di ritrovo importante per la città, animato da negozi, teatri, residenze, ristoranti e centri fitness. Accanto, l’interno di A. Huseby & Co, negozio di arredi contemporanei (ahuseby.no).

Sospesa tra il mare e le foreste, tra i fiordi e le montagne, in una posizione spettacolare, Oslo si rivela in volo, prima di atterrare all’aeroporto. La capitale norvegese, che con i suoi 700.000 abitanti accoglie il 12% circa dell’intera popolazione del Paese, inizia alle falde di Holmenkollbakken, la collina da cui partono sentieri e piste di fondo, famosa per il suo trampolino per salti mozzafiato con gli sci a soli 20 minuti di tram dal centro. Una delle città europee con la crescita più rapida di questo decennio, vibrante di energia, si presenta con quartieri in continuo divenire che stanno cambiando velocemente lo skyline. Landmark La Oslo Opera House, progettata dagli architetti norvegesi Snøhetta e inaugurata nel 2008, è ufficialmente l’icona cittadina: l’architettura di marmo bianco, alluminio e vetro affiora dalle acque del fiordo come un iceberg. Gli abitanti e i visitatori — a piedi, in skateboard o mountain bike — animano le rampe, il piazzale e il tetto, l’unico al mondo accessibile al pubblico, e nei mesi estivi, anche la spiaggia proprio accanto alla porta del palcoscenico. Incarna appieno la filosofia della capitale norvegese in piena espansione: elevati standard estetici, funzionalità, pragmatismo, l’idea di un design democratico e user-oriented e l’intreccio di natura e cultura. L’architettura di Snøhetta ha dato il via a un programma di sviluppo urbanistico costellato di ambiziosi progetti architettonici attorno alla nuova stazione ferroviaria principale, la cui realizzazione è prevista per il 2019. Il masterplan include il Lambda, la nuova sede del Munch Museum, disegnato da Herreros Arquitectos, work in progress sino al 2020, e il Barcode Project, complesso residenziale nel quale è stato coinvolto anche lo studio MVRDV. Musei e galerie d’arte L’Astrup Fearnley Museum è l’indirizzo di riferimento per l’arte moderna e contemporanea. Inaugurato nel 2012 su progetto di Renzo Piano, ospita un interessante bookshop e un caffè affacciato sul fiordo e si è rivelato il punto vitale del quartiere riqualificato di Tjuvholmen. Proprio lì accanto hanno aperto numerose gallerie d’arte come la Gerhardsen Gerner oltre a The Thief, il primo hotel di design con una Spa lussuosa, il ristorante Fru K e il rooftop bar con vista panoramica 118

ELLE DECOR

sul porto. Must-see Completata nel 1939, Villa Stenersen, nell’esclusiva zona di Vinderen, apparteneva in origine al collezionista d’arte Rolf E. Stenersen e merita una visita perché considerata un esempio principe del funzionalismo norvegese. Il progetto si deve all’architetto Arne Korsmo (1900-1968) e rimanda a Villa Savoye di Le Corbusier a Poissy, alla Casa Schröder di Gerrit Rietveld a Utrecht e a Villa Tugendhat di Mies van der Rohe a Brno. L’illuminato committente conosceva l’architettura di Le Corbusier e voleva una vera macchina da abitare, priva di ogni dettaglio superfluo, progettata per utilizzare componenti industriali, con vetrate ampie e parzialmente curve, pavimenti a terrazzo, mobili in tubolare d’acciaio e volumi aperti per la sua imponente collezione con opere di Edvard Munch. Food Il quartiere trendy di Grünerløkka, o semplicemente Løkka, è l’equivalente del Greenwich Village di New York: giovane, alla moda, alternativo. Sulla riva orientale dell’Akerselva, una volta ospitava fabbriche e abitazioni operaie, ma negli ultimi dieci anni è stata oggetto di un lifting accurato: gli edifici ex industriali sono stati convertiti in loft e uffici e ora vanta una serie apparentemente infinita di bar, caffetterie e ristoranti. Lungo Thorvald Meyersgate si succedono ristoranti mediorientali e all’americana, cocktail bar e caffè, negozi vintage e boutique di design. La punta più meridionale della strada, frequentata a tutte le ore del giorno e della notte, si apre su una piccola piazza con la Trattoria Popolare, uno dei migliori e più in voga ristoranti italiani della città, gestito da Nevzat Arikan. Progettato da Anderssen & Voll, fa coesistere le preesistenze scandinave negli interni dell’ex edificio amministrativo di una birreria del 1880 con l’atmosfera tipica di una taverna italiana. Shopping L’indirizzo di riferimento per il design è Norway Designs Shop in prossimità del National Theatre. Aperto nel 1957, si estende su due piani per un totale di 1.000 metri quadrati. Tra gli special finding, le famose coperte Røros, in varie dimensioni e colori, oltre a creazioni di progettisti locali e di brand scandinavi. Pur Norsk è invece un negozio di design esclusivamente Made in Norway, dai mobili all’oggettistica più insolita. —


VIEW [Dicembre — Gennaio 2018]

128 RIFUGIO DOUBLE FACE. A Chamonix va in scena una rivoluzione silenziosa e invisibile. Il tradizionale chalet nasconde un cuore eco-tecnologico. Per essere godibile in ogni stagione. 140 CROMOVISIONI. Alla maniera di Sonia Delaunay, toni vibranti e pattern geometrici disegnano stanze che strizzano l’occhio a moderni atelier. 148 NATURA E FUTURO. Quella che da lontano sembra una tradizionale baita di montagna si rivela un piccolo gioiello d’architettura: un rifugio di cemento dall’atmosfera avvolgente. 156 FRENCH KISS. A Parigi, la casa per un cliente illuminato diventa progettomanifesto dell’artista Mathias Kiss. Uno spazio dove il suo talento è espresso in totale libertà. 164 MEMORIA, DESIGN, AMBIENTE E RITO. Un cottage a due ore e mezzo da Helsinki, nella regione dei laghi, diventa una seconda casa abitabile tutto l’anno. 127

ELLE DECOR


RIFUGIO DOUBLE FACE

A CHAMONIX VA IN SCENA UNA RIVOLUZIONE SILENZIOSA E INVISIBILE. IL TRADIZIONALE CHALET NASCONDE UN CUORE ECO-TECNOLOGICO. PER ESSERE GODIBILE IN OGNI STAGIONE di Rosaria Zucconi e Francesca Benedetto foto di Max Zambelli


Nel living a tutta altezza che affaccia sul bosco, il lampadario king-size di Venicem. Divano Bend-Sofa di Patricia Urquiola per B&B Italia, poltrone di Rietveld e tavolini di Charlotte Perriand per Cassina. Pagina accanto, la progettista Annalisa Mauri.

129

ELLE DECOR


Attorno al camino in corten su disegno, realizzato da Fratelli Rusconi, libreria e mobili su misura in legno antico di Alessandro Sormani. Boiserie e pavimenti in rovere di recupero ‘prima patina’ di Brondello Erminio, tendaggi in velluto doppiato in lino, Il Gattopardo Gallery, Cuneo.


131

ELLE DECOR


Lo studio nel sottotetto è lo spazio preferito dei padroni di casa. Poltrona relax di Vico Magistretti per DePadova, lampada da terra di Viabizzuno, plaid di Ivano Redaelli. Pagina accanto, un dettaglio della sala da pranzo con tavolo antico e sedie di Luca Nichetto per Cassina. Chandelier di Viabizzuno.

132

ELLE DECOR


ATTRAVERSO I LUCERNARI, LO SGUARDO È NATURALMENTE RIVOLTO VERSO L’ALTO. IL MASSICCIO DEL MONTE BIANCO, CON LE VETTE INNEVATE, OFFRE UNO SPETTACOLO STRAORDINARIO


La cucina su disegno realizzata da Alessandro Sormani. Marmo africano per i piani di lavoro, rovere per il tavolo della penisola e i mobili contenitori. Cappa in lamiera di ferro cerata, di Fratelli Rusconi, lampade di Viabizzuno. Pagina accanto, lo chalet visto dal giardino disegnato da Paolo Pejrone.


135

ELLE DECOR


LO CHALET NASCONDE UN CUORE TECNOLOGICO CHE LO RENDE GODIBILE IN OGNI MOMENTO DELL’ANNO. LA DOMOTICA LO GESTISCE DA REMOTO, L’IMPIANTO GEOTERMICO ASSICURA IL GIUSTO CLIMA


Quest’anno, la valle di Chamonix non è ancora avvolta dal manto bianco della prima neve invernale ma offre l’ultimo spettacolo d’autunno con i colori fiammeggianti del bosco. Le rose Rugosa Alba ancora sbocciano sulle siepi che disegnano il giardino di questo chalet, nella zona residenziale di Le Bois, appena fuori dal centro di Chamonix. A stretto contatto con le montagne e la natura, la casa vede il sole nascere dietro le Aiguilles du Dru e infiammare di rosso l’Aiguille Rouge al tramonto. L’edificio rispetta la tradizione architettonica locale, punta sulla sostenibilità ambientale e il risparmio energetico, immaginando una vivibilità tutta contemporanea. “I proprietari desideravano una casa facile, versatile, non legata solo all’aspetto invernale, da utilizzare tutto l’anno, soprattutto d’estate, circondata da un bel giardino, con l’orto, disegnato da Paolo Pejrone”, ci racconta la progettista Annalisa Mauri. “Un rifugio di famiglia, per dedicarsi allo sport e al piacere di lunghe camminate, accogliente e aperto a parenti e amici”. Lo chalet di 700 mq si sviluppa su tre livelli: il primo, interrato, è lo spazio dedicato al relax, con sauna, palestra e sala cinema. Ma anche alla convivialità disinvolta con un lungo tavolo da pranzo, in un’inedita versione della tipica taverna. I due piani fuori terra sono rivestiti in larice che, dopo uno speciale trattamento di affumicatura, hanno assunto un aspetto vissuto. Al piano terra le stanze da letto, delle figlie e degli ospiti, tutte con bagno, accessibili anche dall’esterno. Il primo piano, dalle altezze vertiginose con sottotetto, accoglie il living, la cucina, lo studio e la zona notte dei padroni di casa. Il legno è protagonista anche all’interno: rovere antico ‘prima patina’ di recupero, per il pavimento e le boiserie. Per il tetto, assito in larice e struttura con travi e travoni in legno di castagno provenienti da un antico convento dismesso nel cuneese, terra d’origine dei proprietari. Nella grande cucina una cappa architettonica, in lamiera di ferro cerata, mobili in rovere su disegno, con piani in prezioso marmo nero africano. Tutti gli arredi, di design e su progetto, sono contemporanei, i colori sono leggeri e freschi, lo spazio rimane arioso e libero, le aperture sul panorama sono studiate al centimetro. Così, il massiccio del Dru diventa una presenza magnetica, legata all’impresa epica di Walter Bonatti, che con cinque bivacchi in parete, in sei giorni di arrampicata al limite dell’audacia e della tecnica, scala, per la prima volta in solitaria, il pilastro a sud-ovest del Petit Dru. La camera da letto padronale punta con una grande vetrata su quelle vette. Nella libreria dello studio, con un pizzico d’orgoglio italiano, tante fotografie raccontano le imprese del ‘Re delle Alpi’. —

La terrazza su cui affaccia la cucina è lo spazio ideale per il pranzo all’aperto. Tavolo e panca in legno antico di Albino Pozzi. Pagina accanto, nel bagno padronale, vasca e rubinetteria di Boffi, luci di Viabizzuno. Nel bagno delle bambine, lavabo in pietra di recupero con rubinetteria Pipe di Boffi e sgabello di Cassina.

137

ELLE DECOR


La lampada di Davide Groppi sul tronco di un abete dĂ il benvenuto in montagna. Pagina accanto, la camera padronale con letto di Antonio Citterio per Maxalto, B&B Italia, biancheria e coperte di Ivano Redaelli. Poltrona Utrecht di Cassina, lampada di FontanaArte. Opera di Gualtiero Nativi.


139

ELLE DECOR


CROMOVISIONI Alla maniera di Sonia Delaunay. Toni vibranti e pattern geometrici disegnano stanze che strizzano l’occhio a moderni atelier di Arianna Lelli Mami e Chiara Di Pinto/Studiopepe — foto di Andrea Garuti testi di Piera Belloni — hanno collaborato Camilla Coppola e Serena Ferrari


Artwork 4.0 in questa pagina. Come un quadro, il televisore The Frame di Samsung, attivabile anche da spento per trasmettere sullo schermo opere d’arte digitali (samsung.com). Circondato dalla wallpaper Stage II di Eun Mo Chung per Texturae (texturae.it), accanto, tavolino Cesar di Rodolfo Dordoni per Minotti (minotti.com). Iper colore per l’angolo creativo, nella pagina accanto. Carta da parati Impression d’Orient di Laura Pozzi per London Art (londonart. it), scrivania Usm Haller di Usm (usm.com), luce Aella di Toso & Massari per Leucos (leucos.com), Capri Chair di Francesco Della Femina per Artemest, (artemest. com) e, a destra, tavolino Totem di Karen Chekerdjian per Dilmos (dilmos.it). Da terra la lampada Eos di Bernhardt & Vella per Artemide (artemide.it) e sul fondo, libreria Joy di Achille Castiglioni per Zanotta (zanotta.it). Location by Anticàmera Location Agency, anticamera-location.com.

141

ELLE DECOR


142

ELLE DECOR


Cena multirighe. Fra le linee regolari della wallpaper Indian Stripe di London Art (londonart.it), quelle mixate del paravento Josef di Antoine Simonin per Wittmann (wittmann.com) e quelle delle tre stuoie Stripe, Big Stripe e Squareplay di Ritva Puotila per Woodnotes (cm 80x320, woodnotes.fi). Il tavolo è Grasshopper, di Piero Lissoni per Knoll International, con piano in marmo Rosso Rubino (knoll-int.com) e sopra ceramiche di Romina Gris (rominagris.com). A destra Era Chair di David Lopez Quincoces per Living Divani (livingdivani.it), a sinistra tavolino rosa Mila di Sebastian Herkner per Pulpo (pulpoproducts.com) e poltroncine Cotone di Ronan & Erwan Bouroullec per Cassina (cassina.com). Appeso a parete, specchio Transience Mirror Circle di Pott e Derksen per Transnatural (transnaturallabel.com), luce sospesa Junit di Schneid (schneid.org).


144

ELLE DECOR


Concept bathroom. La vasca Morphing, con rubinetteria Pan, tutto di Ludovica + Roberto Palomba per Zucchetti.Kos (zucchettikos.it), si completa con la sedia Zig Zag, di Gerrit T. Rietveld per Cassina (cassina.com), e con il tavolino Maru di Doshi Levien per B&B Italia (bebitalia. com). Sopra, vaso di Ceramiche Milesi (ceramichemilesi.com) e sospesa luce Laurent 05 di Lambert et Fils (lambertetfils.com), a parete Cherry Bomb di Gio Pagani per Wall & Decò (wallanddeco.com). Effetto decor nella pagina accanto. Con Op_tical wallpaper di Gio Pagani per Wall & Decò, tavolo firmato Pierre Charpin per Post Design, Memphis Milano (memphismilano.com). Sopra da sinistra, Cono di Milesi, vaso Le Teste di Valentina Cameranesi Sgroi (valentinacameranesi. tumblr.com), ceramica di Romina Gris, vaso Podium di Mani (maniceramics.com). Luce Giravolta di Pedrali (pedrali.it).


Tre idee per angoli relax. A sinistra, accanto al mini sofa Ermione, di Roberto Lazzeroni per Flexform (flexform.it), con cuscino Orizzonti di Fazzini (fazzinihome. com), Componibili di Anna Castelli Ferrieri per Kartell (kartell.com) e lampada E63 di Umberto Riva per Tacchini (tacchini.it). A parete, lo specchio Nouveau 60 di Reflections Copenhagen (reflections-copenhagen.com). A terra, tappeto Chipo di Zaven per cc-tapis (cc-tapis.com) con ai lati, due tappeti del trittico Oci di Seraina Lareida per Portego (portego.it); il terzo è nell’ambiente in fondo, accanto al tavolino Cesar di Rodolfo Dordoni per Minotti (minotti.com) e alla poltrona Quilt di Sergio Bicego per Saba (sabaitalia.it). Appeso, al centro, pannello fonoassorbente Beetle di Sancal (sancal.com), a destra in bianco e nero il tessuto Cabanon di Designers Guild fa da sfondo al pouf Fuji di Francesco Rota per Mdf Italia (mdfitalia.com).

147

ELLE DECOR


La vista esterna del Refugi dil Fieu a Flims, nota meta sciistica. Ridisegnato letteralmente sull’impronta dell’antica malga per la produzione e conservazione del formaggio, è firmato da Nickisch Sano Walder Architects che ne hanno fatto un’inedita rivisitazione in cemento.

148

ELLE DECOR


NATURA E FUTURO IN UN RIFUGIO DI CEMENTO DALL’ATMOSFERA AVVOLGENTE di Martina Hunglinger — foto di Mads Mogensen — ha collaborato Valentina Raggi


La cabane ha parti strutturali che disegnano anche alcuni arredi. Come nel living al piano terra, illuminato dal lucernario tondo, delimitato da una panca in calcestruzzo con cuscini e da una poltrona in pelle con coperta di pelo per godersi il relax del camino.


151

ELLE DECOR


Quella che da lontano sembra una tradizionale baita di montagna si rivela, in realtà, un piccolo gioiello d’architettura: apparentemente convenzionale, da vicino, svela la sua natura artificiale, costituita da un involucro-struttura in cemento. Siamo nei dintorni di Flims, meta di escursionisti, sciatori e snowboarder sull’altopiano delle Alpi svizzere sotto l’iconica Flimserstein. La zona è circondata a sud da filari infiniti di faggi e pini e da specchi d’acqua che si estendono fino alla gola di Ruinaulta, un profondo canyon scavato dal fiume nel corso dei millenni. Ancorata alla valle, sul margine del bosco, immersa nella natura, scopriamo questa insolita cabane. Originariamente costruito in legno come rifugio per gli agricoltori e per la produzione di formaggio, l’edificio era in stato di abbandono quando il proprietario ha chiesto ai giovani progettisti locali Georg Nickisch e Selina Walder (Nickisch Sano Walder Architects) di riportarlo a nuova vita. L’odierno Refugi Dil Fieu è il loro primo, importante intervento amato dai numerosi ospiti che scelgono la meta per piccole fughe dalla città. I due decidono di riscrivere la storia del luogo legando passato e futuro in un intreccio inedito. Vincolati da norme edilizie e dal fascino dell’antica destinazione d’uso, ridisegnano un elegante petit chalet di 40 mq sulla traccia estetica della vecchia costruzione. Facendo proprio l’insegnamento di maestri come Peter Zumthor e Valerio Olgiati, utilizzano la struttura originale di legno come stampo per la nuova in calcestruzzo, materiale che oltre a isolare ricorda anche la roccia naturale. Pietrificando in maniera simbolica l’impronta di ciò che è stato. “Abbiamo optato per un’interpretazione attuale della capanna tradizionale alpina realizzandola in calcestruzzo, materiale che ci è sembrato perfetto per questo luogo”, spiega Georg Nickisch. “Attorno non ci sono case che disturbano la vista, solo boschi,

“IL CEMENTO È ISOLANTE E RICHIAMA LA ROCCIA. CREA UN’ATMOSFERA ZEN ALL’INTERNO. E ALL’ESTERNO, NEL TEMPO, SARÀ RICOPERTO DA MUSCHI E LICHENI”


La zona pranzo-cucina, illuminata da un’ampia vetrata, ha porte e tavolo in legno di pino e una panca in cemento, tutto su disegno. Pagina accanto, da sinistra, le Alpi svizzere circostanti e gli architetti locali Georg Nickisch e Selina Walder, coppia nel lavoro e nella vita.

153

ELLE DECOR


prati e cieli senza limiti. Ora la superficie esterna è regolare e il grigio del materiale è attraente, ma in un paio di anni la natura riconquisterà l’artificiale, coprendola con muschi e licheni come fa sugli alberi”, aggiunge Selina Walder. I muri spessi 50 cm creano l’isolamento perfetto: “Grazie a queste pareti il riscaldamento a pavimento non consuma più di un ferro da stiro”, spiegano gli architetti con orgoglio. L’artigianalità di tutti i materiali impiegati corrisponde al linguaggio apparentemente arcaico della struttura, tutti i raccordi e le finiture contribuiscono alla realizzazione di complementi e arredi fissi; come la falegnameria in pino bianco invecchiato e i dettagli in acciaio. Un nascondiglio zen, nudo, ma avvolgente allo stesso tempo nella sua eterna monocromia. Una cabane su due piani che non necessita di molta luce per conservare un’atmosfera cocoon: “Abbiamo disegnato aperture dal segno deciso e fonti di luce artificiale incise nel guscio di calcestruzzo”. Le grandi finestre, accuratamente posizionate, permettono suggestivi scorci della natura circostante, in un dialogo visivo con la foresta — dove scorgere i cervi che spesso vengono a mangiare all’alba — e con la grande roccia che sembra penetrare nel seminterrato. La forma rigorosa della casa definisce l’uso dello spazio: aperto al piano superiore, il living illuminato da un lucernario tondo con vista su un grande faggio e l’angolo pranzo con una cucina spartana ingentilita da porte e tavolo in legno; la zona notte nel piano sotto, un tempo cantina dove produrre il formaggio, oggi avvolta da una luce tenue che filtra dalla vetrata a ridosso della roccia. Una piccola estensione della scala di collegamento ospita un ripostiglio e una toilette. Una porta di vetro conduce attraverso alcuni gradini al giardino, più avanti, a una porzione più selvaggia di foresta. Dove rocce, alberi e muschi creano grotte ideali per animali, e forse streghe, dando al bosco un carattere magico e misterioso. —


La sinuosa scala in calcestruzzo che collega il pianterreno al seminterrato crea un unicum con la struttura e porta senza soluzione di continuitĂ nella camera da letto, con angolo Spa. Pagina accanto, la vasca in pietra con affaccio panoramico sulla roccia.

155

ELLE DECOR


Uno scorcio del living. A parete le sculture realizzate da Mathias Kiss con cubi a specchio, cornici multicolor e neon. A parete console di Jean ProuvÊ customizzata dall’artista. Pagina accanto, Kiss nel suo studio-wunderkammer di Place de Vosges.

156

ELLE DECOR


FRENCH A Parigi, la casa per un cliente illuminato diventa il progetto-manifesto dell’artista Mathias Kiss. Uno spazio dove il suo talento è espresso in totale libertà testo di Adel Fecih e Francesca Benedetto foto di Karel Balas/Milk/Vega MG

KISS


158

ELLE DECOR


Esercizi decorativi nel soggiorno. Sulla moquette effetto tropical di Madeleine Castaing, divano poliedrico su disegno e opera specchiante Soleil, entrambi di Mathias Kiss. A parete, lampada di Serge Mouille. Le grandi finestre sono rivitalizzate da colori fluo.


“Tutto ciò che creo deve indurre al sogno, è importante per me rompere i codici. Aggiungere colori fluo agli arredi di Prouvé e accostarli a una moquette tropical consente una nuova lettura dello spazio”

Un dettaglio della cucina vista dalla sala da pranzo. In primo piano libreria di Charlotte Perriand. Pagina accanto, le cornici custom made Golden Snake ridisegnano pareti e soffitto del living arredato con daybed di Jean Prouvé, applique e sgabello di Charlotte Perriand. 160

ELLE DECOR


Parigi, Iº Arrondissement. Siamo nella zona più antica della città, e precisamente nel quartiere Les Halles, a un passo dal Louvre e dall’Île de la Cité. Su un lato della chiesa gotica di Saint-Eustache, caratterizzata dalle imponenti e preziose vetrate, affaccia un appartamento che dei classici interni parigini ha ben poco. I soffitti non sono alti né decorati da stucchi preziosi, a pavimento nemmeno una traccia dei listoni in rovere a spina di pesce, i serramenti industriali hanno un carattere forte ma nulla in comune con gli eleganti balconi in ferro battuto. Eppure, a sorpresa, appena si varca la soglia sono tanti i rimandi alle atmosfere francesi, rivisitate in maniera inedita e audace dall’artista e creativo parigino Mathias Kiss. Nel living, cuore della residenza, cornici iperdecorate o lineari e sottili, tutte rigorosamente dipinte d’oro, partono dal soffitto e si prolungano sulle pareti disegnando percorsi che modificano la percezione dei volumi. Come la superficie specchiante dell’opera Soleil, a semicerchi concentrici nei toni dell’arancio cangiante, che riflette all’infinito gli arredi, un mix di pezzi iconici e altri su disegno. Tra questi il divano poliedrico con base giallo fluo, firmato dal creativo, accostato con disinvoltura ai mobili di Prouvé, collezionati dal padrone di casa. Questo progetto rappresenta appieno il linguaggio espressivo di Mathias Kiss che, quando indossa il camice da lavoro e gli occhiali da sole, sembra un moderno alchimista intento a sperimentare nuove formule decorative. I suoi pezzi unici superano i confini tra

design e artigianato per diventare vere e proprie opere d’arte. “Non ho peculiarità e approccio progettuale canonici. Mi piace rompere le regole e allontanarmi dalla tecnica pura per esprimermi liberamente”, ci racconta Kiss. “Questo appartamento era un contenitore neutro, protagonisti assoluti gli arredi maschili e austeri firmati Jean Prouvé”, prosegue l’artista. “In un primo momento la committenza ha acquistato alcune mie opere, ma in seguito ha scelto di lasciarmi carta bianca per dar forma a un progetto più complesso”. Così Mathias dipinge con colori fluo le ampie finestre che danno sul soggiorno, sceglie il rosa shocking per customizzare icone del design. Riveste il pavimento con una moquette effetto tropical e dissemina lo spazio di piccole sculture specchianti che creano prospettive a sorpresa. L’eredità estetica e architettonica di Mathias Kiss parte da Parigi, la sua città, prima fonte d’ispirazione per le sue installazioni. Basta citare il Café de la Poste al Palais de Tokyo e la Kiss Room nel bistrot La Perle, un ambiente interamente rivestito di specchi capace di evocare nello spettatore le emozioni dell’infanzia o le atmosfere di luoghi lontani. Nel panorama creativo viene definito ‘il prestigiatore, l’eccentrico, il provocatore’. “Non mi dà alcun fastidio. Purché non diventi un’etichetta”, conclude. “La cosa buffa è che, se nel mondo tradizionale vengo considerato un punk, nell’ambiente dell’arte contemporanea, al contrario, sono visto come un iper-classico”. — 161

ELLE DECOR


162

ELLE DECOR


La cucina con rivestimento in foglia d’argento e soffitto nero mat. Lampada a sospensione di Jasper Morrison per Flos. Pagina accanto, nella terrazza affacciata sulla Chiesa di Saint-Eustache, tavolo di Mangiarotti e sedie di Moooi.


MEMORIA DESIGN AMBIENTE E RITO. IN UN COTTAGE A NORD DI HELSINKI di Martina Hunglinger — foto di Mads Mogensen ha collaborato Flavia Giorgi


Immerso nel verde di un bosco di conifere, il cottage di Kati e Ari Hienonen sembra sospeso tra cielo e lago. Uno scenario naturale che attraverso le vetrate diventa tutt’uno con il living. Poltrone Anni 70 di Johan Huldt e Jan Dranger, sgabelli di Jouko Kärkkäinen, tavolo modulare su disegno, tappeto e cuscini Bondenliving, ciotole di Kristiina Lassus.

165

ELLE DECOR


166

ELLE DECOR


Ancora bosco e lago sono i protagonisti dei momenti conviviali. Nell’atmosfera chiara e avvolgente suggerita dal legno di abete, la zona pranzo si distende nell’open space tra salotto e cucina. Disegnate da Alvar Aalto, Artek, le sedie in betulla nera sono il contrappunto cromatico intorno al tavolo su misura ideato dai padroni di casa.


Bisogna guidare verso nord, due ore e mezzo di macchina da Helsinki, per raggiungere il distretto di Jyväskylä nella Finlandia centrale. Nei weekend, in ogni stagione, Kati Hienonen e il marito Ari compiono il percorso che li porta nella regione dei laghi, un labirinto di verde e di blu dove si perde la nozione del tempo e si ritrovano gesti antichi di una vita in simbiosi con la natura. Eredità di famiglia, sorto negli Anni 70 con un’architettura inconsueta per i canoni correnti e con il passare del tempo caduto in abbandono, il cottage dal tetto piatto e dalla forma allungata dove Kati trascorreva le vacanze estive dell’infanzia è stato ora ricostruito con l’intervento dello studio di architettura Sigge, nel rispetto dell’idea originale ma con i criteri attuali di una seconda casa abitabile tutto l’anno. “Per me è un luogo sacro, dove i ricordi di un’età magica si rinnovano nelle emozioni del presente. Un luogo che mi ispira, mi rilassa, nutre la nostra vita familiare in sintonia con l’aspirazione finlandese di un’esistenza radicata nella natura, nella tradizione e nei suoi riti”, dice la padrona di casa. “Quando vengo qui il mio primo gesto è quello di togliermi le scarpe, come facevo da bambina, ritrovare il contatto con il suolo, la sensazione vellutata del muschio e quella aspra degli scogli sotto i piedi”. Il lago, distesa d’acqua limpida e pura, è a pochi passi dalla casa immersa nella foresta: basta una corsa lungo la terrazza in legno che scende a gradoni verso la riva. Il legno è protagonista anche negli interni, dove tavole di abete rosso rivestono il pavimento, prolungando indoor il piacere di camminare scalzi, grazie alla “consistenza della trama che offre la sensazione tattile di un massaggio”, precisa Ari. Dal soffitto alle pareti, boiserie della medesima essenza avvolgono le stanze in un’atmosfera luminosa, serena e senza tempo. La luce naturale ha ingresso libero dalle vetrate a tutta altezza che 168

ELLE DECOR

Sopra, un camino passante divide la zona conversazione da quella pranzo, offrendo a entrambe lo spettacolo del fuoco. Sul piano del tavolo, teiera Anni 50 di Ulla Procopé per Arabia, oggetti vintage di Raaka Rå. Pagina accanto, la luce del tramonto nordico spegne i colori e si riflette sul lago. In basso, la cucina: basi e pensili bianchi sono inseriti in una cornice di legno. Il banco snack a isola serve anche come scrivania per l’home office.


inquadrano il paesaggio come naturale estensione dell’ambiente domestico. Anche quando sembra di abitare in un bosco di neve, il clima è sotto controllo. Vetrocamere ad alto spessore tengono fuori l’inverno, energia e calore sono forniti in modo ecologico da centrale geotermica e pannelli solari. Punto focale della zona giorno è il camino, che scandisce l’open space in area conversazione da un lato e cucina-pranzo dall’altro. Per accentuare la percezione di pace e la mimesi della casa nel panorama, Kati Hienonen, designer e proprietaria del brand Bondenliving che produce complementi d’arredo e tessuti valorizzando artigianato locale ed ecosostenibilità, ha arredato puntando su linee semplici. Pochi mobili di design scandinavo Anni 70 e una ristretta palette di colori, rigorosamente acromatici, dove il contrasto è affidato a pennellate di nero sulle porte scorrevoli delle camere da letto e, come finitura, sulle sedie di Alvar Aalto. “Un doveroso omaggio a un’icona del progetto, la cui visione di architettura in armonia con l’ambiente mi ha plasmato. La sua casa estiva, del resto, dista poco da qui”. La tradizione riprende quota sulla via della sauna. Lungo il percorso tra l’abitazione e la capanna di tronchi che la ospita, si possono raccogliere frutti di bosco e funghi se è stagione, e pregustare il rituale quotidiano di rigenerazione fisica e spirituale. Preparare la sauna è compito di Ari, richiede tempo e perizia, ma per lui, che ha ereditato l’arte dal nonno e dal padre, è una pratica di meditazione e relax. Nel forno a legna il fuoco va alimentato per ore, a porte chiuse. Solo quando la temperatura è giusta, si riapre l’ambiente per desaturarlo dal fumo. Per genitori e figli la sauna è seguita da immancabile nuotata. D’inverno, quando il lago è gelato, bisogna praticare un buco nel ghiaccio. Anche in questo Ari è maestro. Del brivido. —

170

ELLE DECOR

In alto, a sinistra, la padrona di casa Kati Hienonen, trend setter e designer attiva con il marchio di sua proprietà Bondenliving. A destra, tronchi di legno e fronde di betulla annunciano la sauna ricavata in una vicina capanna. Pagina accanto, sulla terrazza che si prolunga verso il lago, nella bella stagione si pranza all’aperto su panche e tavoli ridipinti di nero.


172

ELLE DECOR


Avvolte da boiserie e pavimenti a doghe di abete rosso, le tre camere da letto si sviluppano, in sequenza, parallele al living, dietro porte scorrevoli nere. Cuscini di Bondenliving, biancheria di Society. Pagina accanto, il bagno, che non rinuncia allo sguardo sulla natura, è caratterizzato da un rivestimento in pietra di Lapponia a spacco.

173

ELLE DECOR


ELLE DECOR PER GEBERIT

Quando il design è innovazione e si veste di tecnologia, ecco che nasce l’esperienza. Quella garantita da AquaClean Tuma, il sistema che trasforma un semplice e tradizionale wc in un avveniristico vaso bidet Step one: digitare geberit-aquaclean.it e andare alla voce vaso bidet Geberit AquaClean Tuma. Step two: guardare il video tutorial relativo al funzionamento del sistema di igiene integrato. Step three: riflettere sul superamento di antichi tabù legati alla cura del corpo. Ora è possibile comprendere la portata rivoluzionaria di AquaClean Tuma, il wc con funzioni di vaso bidet disegnato da Christoph Behling per Geberit. Non è un caso che il gruppo svizzero abbia affidato la realizzazione a un creativo che — in virtù della collaborazione con Tag Heuer, azienda di orologeria di lusso — è abituato a risolvere con eleganza impercettibili dettagli millimetrici. Tutto accade sulla superficie interna del vaso ceramico che l’azienda ha scelto di realizzare con Rimfree®, la tecnologia sviluppata per consentire ai getti d’acqua di fluire in senso circolare e verso il basso, a garanzia di igiene e pulizia anche degli interstizi più difficili. Ecco dunque che, in prossimità della bocca di risciacquo, il progettista ha integrato il kit igienizzante (kit che può essere installato anche su ceramiche preesistenti): si tratta di una doccetta a scomparsa (con WhirlSpray hi-tech) in grado di erogare acqua e aria calda, regolabili anche da smartphone, scaricando l’apposita app. Dal più tradizionale dei device — il telecomando — è possibile gestire anche il riscaldamento del sedile le cui finiture e materiali sono disponibili in abbinamento alle placche di comando Geberit. ‘Straordinario!’ come esclamano i protagonisti del video, chiamati all’esperienza. E straordinario è anche il dato di attualità: che il vaso bidet Geberit AquaClean Tuma sia entrato nel quotidiano introducendo una nuova gestualità. geberit-aquaclean.it

TU CHIAMALA (SE VUOI) EMOZIONE


Protagonista nella stanza il vaso bidet Geberit AquaClean Tuma disegnato da Christoph Behling. Il vaso di ceramica è installato a parete completo di placca bianca, coordinata al sedile. Il sistema proposto dall’azienda trasforma il vaso in vaso bidet grazie all’integrazione di funzioni di lavaggio e asciugatura gestibili da app e telecomando.


Luci prêt-à-porter, bianco con tocchi d’oro. E ancora marmo protagonista e device all’avanguardia a cura di Tamara Bianchini e Murielle Bortolotto — testi di Piera Belloni

Pierpaolo Ferrari

Lucciole per ogni stanza Da appoggiare o da appendere, le lampade nh1217 sono l’ultima evoluzione della collezione Yanzi firmata da Neri & Hu per Artemide, in una speciale holiday version. Semplici e poetiche, sono formate da un globo in vetro soffiato e un supporto in ottone. Una sintesi fra tradizione orientale e contemporaneità. Diametro cm 14, € 190. artemide.com

177

ELLE DECOR


INSIDE DESIGN/MATERIALI

Sistemi che si mimetizzano o che scompaiono. Lampade bijoux e superfici dal look metropolitano

A ognuno la sua. La porta ModernDinner di Henry glass può essere realizzata a seconda delle proprie esigenze di spazio. In vetro bronzo trasparente e riflettente, fa parte della linea Manhattan. henryglass.it Macro formato e minimo spessore per il gres Urbatek di Porcelanosa. Sulle lastre di XLight, cm 100x300, le texture sono in rilievo, un appeal metropolitano enfatizzato nella nuance Emotion Dark. porcelanosa.com

Extra slim, extra hot. Il disegno è minimal e funzionale per il radiatore Oni O-P di Vasco. Super sottile, il pannello anteriore in alluminio ha, nella versione a lato, due fori che all’occasione diventano porta asciugamani. Da scegliere tra 52 colori tendenza. vasco.eu

Oreficeria in luce. Il duo Giopato & Coombes ha ideato Gioielli. Sculture luminose da parete, impreziosite da gemme, verde smeraldo, in vetro di Murano soffiato a bocca. Una perfetta combinazione di forme geometriche e decoro. giopatocoombes.com

Uscio stiloso. Un’ampia collezione per Shade, la porta d’ingresso firmata Giuseppe Bavuso per Erco. Linee pure per funzioni essenziali, sicurezza e isolamento termo-acustico con il plus dell’estetica. Da scegliere, mono, doppia o mezza anta. ercofinestre.it

179

ELLE DECOR


INSIDE DESIGN/PROGETTI

Mattia Aquila

Proposte decorative policrome con un protagonista d’eccezione: il marmo. Oltre gli schemi tradizionali

Classico reloaded. I pattern caratterizzano la collezione Bisazza Marmo. In nove tonalitĂ , sono protagonisti di sedici disegni grafici, ognuno in due varianti colore. In foto, Casilina Felce, realizzato accostando due elementi con marmo Nero Marquina, Bianco Carrara e Grigio Carnico. bisazza.com 181

ELLE DECOR


INSIDE DESIGN/MATERIALI

Extra bianco per la superficie adattabile a ogni esigenza, per il rivestimento sensual touch, per il camino e lo scooter ecosostenibile

Sempre più flessibile, la pietra acrilica Hi-Macs® di Lg Hausys si presenta arricchita di texture 3D personalizzabili: Hi-Macs Structura®. Le lastre sono disponibili in 10 sfumature diverse e in altrettanti pattern, dall’effetto ondulato ai punti in rilievo (in foto), o realizzate con motivi su richiesta. himacs.eu/structura

Hi-Macs® by Lg Hausys - Studio Podrini

Ecologico e smart, soprattutto per chi si muove in città. Lo scooter Me dell’omonima startup è pensato per essere all’altezza della mobilità sostenibile. Omologato per due e con design innovativo, ha un motore elettrico a zero emissioni con autonomia di 80 km che si ricarica al 100% in sei ore. Da € 4.790. scooterelettrico.me

Curvilineo hot. Forme morbide in un colore inedito per Focus White, la linea di camini disegnata da Dominique Imbert, che in questa nuova finitura bianca satinata diventano simili a sculture luminose. I modelli sono 4 tra cui Bathyscafocus (nella foto). focus-camini.it

Piacevole al tatto e fornito in un’ampia scelta di disegni, il rivestimento murale in pelle di Studioart unisce la tradizione artigianale italiana all’appeal del design. Qui, il motivo Semitondo, di Giorgia Zanellato. Un dialogo fra due figure geometriche che diventano una raffinata decorazione da parete. In otto colori. studioart.it

183

ELLE DECOR


INSIDE DESIGN/KITCHEN

Pensata come spazio aperto e conviviale, la cucina veste un luminoso total white e sceglie elettrodomestici hi-performance

Un ambiente fluido con spazi separati ma in dialogo fra loro. La proposta è di Veneta Cucine, che con il modello Oyster allestisce una composizione funzionale. Isola attrezzata, cappa integrata di Elica, mobile con elettrodomestici e spazi contenitori posti anche nella parte posteriore, dove si apre il living. venetacucine.com

Un gioco di trasparenze e riflessi per la lampada Dome, di Analogia Project per Slamp. Una cupola perfetta, decorata da motivi geometrici sviluppati su diversi strati. In due misure, diam. cm 55 e 75 e in tre tonalità. slamp.com

Iper efficienza in termini di tempo e di sicurezza, più una straordinaria resistenza a urti e graffi per il piano cottura di V-Zug distr. da Frigo2000. In vetro OptiGlass, con 9 livelli di potenza, 5 zone cottura e display digitale, € 3.538. frigo2000.net Caraffa d’autore. Porta la firma di Zanellato/Bortotto, la brocca in vetro soffiato Compay. Un progetto di Coincasa che la propone oggi nella nuova tonalità ametista. coincasa.it

Il tè è couture. Ionna Vautrin disegna per Palais des Thés La Cavalière. Teiera in porcellana di Limoges con manico in cuoio removibile e tazze dal design minimal, per una pausa tè french style. Realizzata dalla manifattura Haviland con l’artigiano sellier Selaneuf, è un’edizione limitata di 600 pezzi. Da € 289. palaisdesthes.com, ionnavautrin.com 185

ELLE DECOR


INSIDE DESIGN/PROGETTI

L’elettronica in ambito domestico, indispensabile per coltivare le proprie passioni: dall’home theatre alla musica

Una finestra virtuale. Sempre più minimal, nonostante le dimensioni. LG Signature Oled TV di Lg è così sottile da confondersi con la parete. Dotato di speaker a scomparsa da 60 W, per un’alta qualità del suono, è uno smart tv che raggiunge alte performance anche nella visione con un miliardo di colori. Da 65 e 77 pollici. lg.com

Alte prestazioni per le cuffie PX di Bowers & Wilkins, wireless e noise cancelling. In più reagiscono in modo intelligente, per esempio andando in pausa quando sono messe intorno al collo e riprendendo la riproduzione una volta reindossate, € 399. bowers-wilkins.it

Estetica raffinata. È uno dei punti forti del diffusore BeoLab 50 di Bang & Olufsen. In alluminio con dettagli in rovere, ha una lente acustica che si apre all’uso per modificare la diffusione del suono. bang-olufsen.com

Chi ama il suono del vinile non potrà rinunciare al giradischi SP-10 R di Technics che si propone come top di gamma. Struttura in ottone, alluminio e gomma. In vendita dal 2018. technics.com 187

ELLE DECOR


INSIDE DESIGN/WINTER

Progetti e ispirazioni per l’inverno. Una selezione di stili, arredi e accessori, per un ambiente a misura di sé. Il Grande Freddo è arrivato a cura di Tamara Bianchini e Murielle Bortolotto — testi di Piera Belloni

Mads Mogensen

Una vista d’eccezione per la camera con pareti in cemento chiaro, parquet in quercia e scelte di arredo dedicate al relax. Il letto e la chaise longue sono entrambi della collezione Spencer di Rodolfo Dordoni per Minotti (minotti.com) e invitano ad ammirare il paesaggio naturale, ripreso con le note green del tappeto cowhide e dei cuscini di Arcade Avec (arcadeavec. com). Da sinistra lampade di Flos (flos.com), Muuto (muuto.com) e di Gubi (gubi.com).

189

ELLE DECOR


INSIDE DESIGN/WINTER

La stanza è accogliente. Note tartan e materiali naturali per un comfort sofisticato, effetto cocooning 1. Highland è il tappeto firmato da Vivienne Westwood per The Rug Company. In lana annodata a mano. therugcompany.com 2. P943 di Piazzetta. Stufa a pellet ermetica, programmabile con telecomando o da remoto. piazzetta.it 3. Delux disegnata da Studio Natural per Martinelli Luce. A Led, in alluminio e vetro soffiato. martinelliluce.it 4. Beleos tavolino di Giulio Iacchetti per Bross Italy, con gambe in massello e top in legno, vetro o Bianco di Carrara. bross-italy.com 5. Jack, di Zanellato/Bortotto per Bolzan Letti. Struttura lineare con rivestimenti in pelle reversibili. bolzanletti.it 6. Furia, cavallino a dondolo di Front per Gebrüder Thonet Vienna. In faggio curvato. gebruederthonetvienna.com 7. Tribe, appendiabiti. Progettato da Mario Bellini per Natuzzi, in legno e metallo. natuzzi.com

[1]

[7]

[2]

[3]

[5]

[6]

[4]

191

ELLE DECOR


INSIDE DESIGN/WINTER

Palette nei toni dal verde al grigio, linee graďŹ che e silhouette morbide. A tutto relax

[1]

[2]

[3]

[4]

1. Twist Rug di Front Design per Driade. Un’ironica interpretazione del gomitolo di lana dai profili irregolari. driade.com 2. Again and again and again, specchio della coll. Morning Glory di Zaven per Seletti. seletti.it 3. Lennox di Spessotto&Agnoletto per Ditre Italia. Letto dalla testata avvolgente con struttura in acciaio e rete ortopedica. ditreitalia.com 4. Yuh, luce di GamFratesi per Louis Poulsen. In alluminio verniciato matt o anche in bianco. louispoulsen. com. 5. Ellis, tavolino in metallo nero goffrato e piano in cristallo by Rodolfo Dordoni per Minotti. minotti.com 6. Demoiselle di Quaglio Simonelli per Infiniti. Poltroncina in doppio tessuto con dettagli in cuoio. infinitidesign.it

[6] [5]

193

ELLE DECOR


INSIDE DESIGN/WINTER

Geometrie art inspired e una dominante di colori rubati alla natura. Per una bedroom attuale [1]

1. Les Ondes de Jade, tessuto in lana a stampa digitale di Misia Paris, in due varianti di colore. misia-paris.com 2. Sway, lampada cordless in acciaio e silicone firmata Nick Rennie per Pen. madebypen.com 3. Legend di Cairoli & Donzelli per Twils. Letto con testata in tessuto e struttura in frassino scuro. twils.it 4. Joint, tavolino light, in noce canaletto e ottone con top in cristallo. Di Marconato e Zappa per Porada. porada.it 5. Ren, disegnato da Neri & Hu per Poltrona Frau. Portariviste in legno e foglio di Cuoio Saddle Extra. poltronafrau.com 6. Orizzonti di Eligo Studio per la linea Metroquadro di cc-tapis. Tappeto in lana himalayana. cc-tapis.com

[2]

[3]

[4]

[5]

[6]

195

ELLE DECOR


INSIDE DESIGN/NOTTE

Have a dream. Materassi ergonomici, in lattice o a molle. Pensati per accogliere e dare un sostegno naturale al corpo, a garanzia di un riposo assoluto

styling di Arianna Lelli Mami e Chiara Di Pinto/Studiopepe – foto di Andrea Garuti – ha collaborato Sonia Pravato

a cura di Tamara Bianchini e Murielle Bortolotto — testi di Piera Belloni

Morbidi di carattere A sinistra in verticale, Auroria di Hästens con strati di crine, cotone, lana e lino (da Hästens Store Milano, lettihastens.it). Al centro, Quietude Elegance di Simmons, con molleggio Beautyrest: le molle sono rivestite, indipendenti e con sistema antiacaro (simmons.it). A destra, Comfort H26 di Flou, fasce con molle indipendenti, in lattice e cotone (flou.it). A terra, Poly Spring Air di Golden Night, materasso metal free con rivestimento Silver Lux (goldennight.it). Camicia Lucio Vanotti, pantaloni Malìparmi.

197

ELLE DECOR


INSIDE DESIGN/NOTTE [1]

[2] [3]

[4]

1. Memoform di Flou, con molle insacchettate fra due strati di materiale viscoelastico e rivestimento trattato antimacchia. flou.it 2. Ricordo 10, una lastra di Elioform offre un sostegno deciso e allo stesso tempo dona comfort al materasso di Magniflex. magniflex.com 3. Sunny BodySoft, presenta un sostegno elevato, ergonomico e morbidissima accoglienza per il corpo. Da scegliere in oltre 30 misure o anche ad hoc. bultex.it 4. Oyster di Simmons, con dispositivo AcarZeroTM che garantisce una protezione costante dagli acari. simmons.it 5. Tribute, special edition del mod. Luxuria di Hästens, con inedito rivestimento in tessuto jacquard Taupe check. lettihastens.it 6. Nube Comfort-suite di Dorelan, con fodera Fibersan, a sostegno intermedio e con 7 zone differenziate. dorelan.it

[5]

[6]

199

ELLE DECOR


n.b. Dicembre/Gennaio — Mostre, appuntamenti e vernissage

© Tate - © estate Birgit Jürgenssen/Bildrecht, Vienna, courtesy of Galerie Hubert Winter, Vienna – courtesy Estate Franz West

a cura di Piera Belloni

Esperimenti dinamici a Londra — ‘One, Two, Three, Swing!’ è l’installazione che il gruppo danese Superflex firma per l’annuale Hyundai Commission alla Tate. Una serie di altalene e righe colorate (foto) che dalla Turbine Hall arrivano all’esterno per invitare i visitatori a partecipare all’opera. Fino al 2/4/2018, tate.org.uk Collettiva femminile a Parigi — Per le donne la casa è rifugio, prigione o spazio creativo? Risponde alla domanda ‘Women House’, alla Monnaie de Paris fino al 28/1/2018. Con opere, fra le altre, di Birgit Jürgenssen (foto), Andrea Zittel, Louise Bourgeois. monnaiedeparis.fr Archisculture a Milano — Alla Fondazione Carriero fino al 23/6/2018, ‘Between the Lines’ indaga la relazione del lavoro di Sol LeWitt con l’architettura (foto). Curata da Francesco Stocchi e Rem Koolhaas, con 7 Wall Drawings e 15 sculture/strutture, come amava chiamarle l’autore. fondazionecarriero.org Incursioni creative a Roma — Apre il 16/12 ‘Citazioni pratiche. Fornasetti a Palazzo Altemps’, da un’idea di Triennale Design Museum e Barnaba Fornasetti. Un confronto inconsueto fra la statuaria antica del museo e le invenzioni surreali dell’artistadesigner. Catalogo Electa, fino al 6/5/2018, fornasetti.com Installazione a Pescara — Parole latine e inglesi (foto) invadono la galleria Vistamare per ‘Maxima Proposito (Ovidio)’, installazione site-specific che Joseph Kosuth dedica al poeta latino. Fino al 2/3/2018, vistamare.com

‘One, Two, Three, Swing!’, installazione by Superflex, 2017

Birgit Jürgenssen, ‘Ich Möchte hier raus!’, 1976, locandina della mostra ‘Women House’

Joseph Kosuth, ‘Maxima Proposito (Ovidio)’ n. 25

Sol LeWitt, ‘Complex Form #34’, 1990

Piatto ‘Cupola’ di Fornasetti

201

ELLE DECOR


Elle Decor Italia International subscription Starting from today, you can finally subscribe to Elle Decor Italia and bring italian style & design into your home wherever you are... 5 good reasons to make your choice... 1. Every month you will receive your favourite magazine. 2. It will be despatched directly to your home. 3. No more distances; wherever you live, hundreds or thousands kilometers away, any place becomes easy to reach. 4. You can take a glance at Italian style, color and warmth. 5. You are constantly informed on ideas, trends, curiosities, news about design and interior design. But there is more: new life-styles, famous people and emerging personalities, art and whatever is related to interiors. NEW! The subscription also includes browsable digital edition. So you can now read Elle Decor Italia, including back issues and enclosures, even online on PCs, MACs and tablets

The unique Elle Decor Italia style has no boundaries 35%

discount if you subscribe to Elle Decor italia online Starting from today, you can simply click on the Elle Decor Italia cover on the site www.abbonamentionline.com and you can easily subscribe online.

35% discount: 1 year 10 issues for only â‚Ź 29,25 plus shipping charges.


DECEMBER/ JANUARY 2017

The cover by Rosaria Zucconi and Francesca Benedetto, photos by Max Zambelli In Chamonix, the chalet designed by Annalisa Mauri, the livingroom with its cathedral ceiling and views over the woods, furnished with a king-size chandelier from Venicem, the Bend-Sofa by Patricia Urquiola for B&B Italia, armchairs by Gerrit Rietveld and side tables by Charlotte Perriand for Cassina.

English text 32 Putting the shine in design. 57 Nomination Day. 67 Extra design. 73 The essence of design. 76 The new music factory. 82 Holiday on ice. 95 Four friends at the cafĂŠ.102 Baroque with a twist. 108 Green capital. 128 Alpine retreat. 148 Nature and future in a concrete refuge with a cosy atmosphere. 156 French kiss. 164 Memory, design, environment and rituals. In a cottage north of Helsinki. 203

ELLE DECOR


CONTENTS OF THE ISSUE

p. 32 PUTTING THE SHINE IN DESIGN by Valentina Raggi and Filippo Romeo

From macro to micro projects, in art, fashion, architecture and design: the buzzword is glitter. It’s time to shine. p. 57 NOMINATION DAY

p. 73 THE ESSENCE OF DESIGN

p. 95 FOUR FIREND AT THE CAFÈ

p. 140 CHROMOVISIONS

words by Flavia Giorgi

by Rosaria Zucconi photos Alberto Strada words by Murielle Bortolotto

by Arianna Lelli Mami and Chiara Di Pinto/Studiopepe photos by Andrea Garuti words by Piera Belloni in collaboration with Camilla Coppola and Serena Ferrari

After years of research into fragrances and bottle design, Chanel’s latest perfume emanates floral, feminine and unique notes. Contained in an unusual packaging that combines design and personality

A large group of creatives comes together and sets up an extraordinary location. Waiting to be discovered behind a big gate, a short walk from the Darsena in Milan

words by Paola Carimati

p. 76 THE NEW MUSIC FACTORY

p. 102 BAROQUE WITH A TWIST

Here are our candidates for the 13 award categories organised by this network of 25 editions worldwide. From designer of the year to talent of the future, via all the various forms of design. The first phase of the EDIDA, Elle Deco International Design Awards is underway

by Rosaria Zucconi photos by Sandro Lombardi

words by Valentina Mariani photos by Alessandra Chemollo and Jason Lloyd-Evans

p. 67 EXTRA DESIGN by Paola Carimati photos by Fabien Breuil

We visit the Paris studio of Marco Lavit, an architect with a passion for vernacular style and limited editions. He creates micro architecture, nests on a human scale, immersed in the natural world

Green walls, big windows, pop colors for the Walter Mameli’s Mille Galassie studio. In this space is born Possibili Scenari, the new album by Cesare Cremonini p. 82 HOLIDAY ON ICE

London, Old Bond Street. French architect Gwenael Nicolas accompanies us on a tour of the new Dolce&Gabbana boutique. A glittering spectacle of shapes, precious materials and Italian tradition.

by Kerstin Rosee photos by Christian Schaulin words by Sebastiano Brandolini

p. 108 GREEN CAPITAL

Avoriaz. Soaring up from the heart of the Haute Savoie is the architectural utopia designed by Jacques Labro in the 1960s. A city nestling amid the mountains, to be experienced only on skis

by Kristina Raderschad photos Christian Schaulin in collaboration with Laura Maggi

Appointed European Green Capital for 2019, Oslo unveils its true colours as a cosmopolitan centre full of surprising architectural, cultural and gourmet delights. In close harmony with the nature of the Deep North p. 128 ALPINE RETREAT by Rosaria Zucconi and Francesca Benedetto photos by Max Zambelli

Inside the city – p. 92 204

ELLE DECOR

Chamonix is the setting for a silent and invisible revolution. The traditional chalet conceals an eco-tech core. So it can be enjoyed in all seasons.

In Sonia Delaunay style. Vibrant tones and geometric patterns decorate rooms that nod at modern workshops p. 148 NATURE AND FUTURE IN A CONCRETE REFUGE WITH A COSY ATMOSPHERE by Martina Hunglinger photos by Mads Mogensen in collaboration with Valentina Raggi

p. 156 FRENCH KISS words by Adel Fecih and Francesca Benedetto photos by Karel Balas/Milk/ Vega MG

Paris, the home of an illuminated client becomes the manifesto-project for artist Mathias Kiss. Where his talent is given total expression p. 164 MEMORY, DESIGN, ENVIRONMENT AND RITUALS. IN A COTTAGE NORTH OF HELSINKI by Martina Hunglinger photos by Mads Mogensen in collaboration with Flavia Giorgi


ENGLISH TEXT

Putting the shine in design — p. 32

Putting the shine in design — p. 32 by Valentina Raggi and Filippo Romeo

From macro to micro projects, in art, fashion, architecture and design: the buzzword is glitter. It’s time to shine. Everything’s shining. Glitter is the latest trend. From popular culture to the top of the cultural panorama — with the help of the festive season too, of course — sparkling is the way to go. Fashion is in the lead, dusting down an ‘80s-style verve with staging, clothes and accessories that evoke the atmosphere and sequins of the Disco age. Following hot on its heels is make up, with glitter reaching right up to the hair, quite literally (with actress and super model Cara Delevingne showing the way). Architecture and design are not immune to the appeal of this trend, transforming it into practical and exciting designs. Chinese architects Neri & Hu are the creators of Bei Space, a new events space in Beijing: “The environment is like a jewel, glittering in the light of the sun by day and in the artificial light by night.” Another gleaming example is the Centre Hospitalier de l’Université de Montréal, co-designed by CannonDesign and NEUF architect(e)s, with a suspended walkway linking two buildings clad in copper, with small holes that create translucence. The trend is well represented in the world of art, too. Damien Hirst’s diamond-encrusted skull ‘For the love of God’ is by now part of the collective imagination, but the Turin artist Nicola Bolle was already creating sculptures studded with Swarovski crystal back in the 1990s. And it was also Swarovski who created Crystal Worlds in Wattens in 1995: an art park with installations and attractions designed by well-known creatives each year. The artist who launched the project was André Heller, creator of the Crystal Dome, a cupola made from over 500 mirrors. “I live for glitter, not you” sang Mika

in his hit ‘We Are Golden’. So without more ado, let’s listen to him and take a break: to let ourselves be blown away by the shine effect.

Nomination Day — p. 57 words by Paola Carimati

Here are our candidates for the 13 award categories organised by this network of 25 editions worldwide. From designer of the year to talent of the future, via all the various forms of design. The first phase of the EDIDA, Elle Deco International Design Awards is underway DESIGNER OF THE YEAR Formafantasma/ We believed in them last year and this year we reiterate our confidence: Andrea Trimarchi and Simone Ferresin are one of a kind on the international design scene. They are the first, and so far the only ones, who have managed to switch from unique pieces to their reproduction. For the first time, this year they have chosen to make a temporary shift away from the world of art design galleries, towards large-scale industry. At Milano Design Week they presented their Blush Lamp and WireRing lamp for Flos (3-4), Cromatica tiles for Cedit (1) and Pigmento, the tableware collection for Nude Glass (2). This move from uniqueness to repeatability was announced with Anno Tropico, last year’s exhibition at Peep Holeche in Milan, which illustrated the functional and expressive qualities of light sources. Presented at the Salone del Mobile in the Spazio Krizia, in 2018 it will move to the TextielMuseum in Tilburg with an additional 5 pieces. And win yet more awards. formafantasma.com 205

ELLE DECOR


YOUNG TALENT OF THE YEAR Chiara Andreatti/ We notice her in 2013 thanks to her Végétales project, the porcelain dinner service with casts of fruit and vegetables used as stamps. Four years down the road, Chiara Andreatti is today one of the most popular emerging Italians. We like the decorative sensitivity of her work, with which she uses different materials and the elegance of her style, developed in years of collaboration with the Piero Lissoni studio. She showcased the furnishings Welcome! at the recently closed Design Miami, a project curated by Maria Cristina Didero for Fendi. This is a lounge in which different eras and styles come together, interpreted in artisanworked materials (3). At Milano Design Week she starred with triple art direction for Texturae, Karpeta and BottegaNove, for which she designed the Flora series of ceramic tiles (4). Also hers are Nasse wicker lamps for Editions Milano (1) and Satin trays covered in copper and brass for Mingardo (2). chiaraandreatti.com FURNITURE/ GREEN LIGHT di OLAFUR ELIASSON for MOROSO/ Based on the golden triangle rule, the bookcase designed by this Danish-Icelandic artist is the result of a dual experiment that brings art closer to design and design to immigration projects. The concept in fact came about with ‘Green light—an artistic workshop’ presented at the Biennale in Venice, an operation that invites refugees to collaborate in the shared construction of modular lights that project green light. moroso.it FLOORCOVERING/ GRAN CARPET by ANTONIO CITTERIO PATRICIA VIEL for MARAZZI/ A project that enhances the prosaic nature of porcelain tiles and the size: 120x240 cm rectified format. This Milan firm has focused on decoration drawn from culture in the Orient: Kolam tradition (geometry in rice dust) and Mehindi (Indian tattoos). They are overlapped to create an evanescent pattern that changes with the observer’s perspective. marazzigroup.com KITCHEN/ COVE KITCHEN_BOFFI CODE by ZAHA HADID DESIGN for BOFFI/ A single block in Corian and wood that transforms the kitchen island unit into a piece of sculpture. The lines of Hadid’s unmistakable language are centre-stage in the kitchen, together with the savoir faire of the company enabling for customised finishes. Cove is a compact system, offering built-in functions for food preparation and the conviviality of sharing around the snack counter. boffi.com FABRICS/ SCREENSHOT by BRIGITTE NIEDERMAIR and MARTINO GAMPER for DEDAR/ A sophisticated process that transforms fabric into a 3D object. Encounter between an artist and a designer has led to the creation of a series of decorative panels in a limited edition that synthesise the use of blue in 500 years of figurative art. It is an innovative, decidedly unusual project that uses fabric to make decorative panels: works of art reproduced in small series. dedar.com SEATING/ SAKé by PIERO LISSONI for B&B ITALIA/ “A technological platform, suspended in the air, as magical as a flying carpet. Cushions around the edge and little feet for landing. At which point it can also be used as a sofa… “ This is how the designer describes this project, which is all about lightness. Saké turns a seating solution into a main player 206

ELLE DECOR

in the home. The linear development of the structure, comprising seats, armrests and backrests that can be arranged as preferred, presents a new idea of modularity. Increasingly more tailor made. bebitalia.com LIGHTING/ ARRANGEMETS by MICHAEL ANASTASSIADES for FLOS/ The designer expands his design range, moving attention from spherical shapes in opaline glass (the stars of many collections) to pure lines. The series of hanging lamps showcased at the last edition of Euroluce tells a new story: the bodies are elegantly anchored to the ceiling and look like parures of precious jewels. The lights are true pendants, for contemplating as they hang suspended in time and interior settings. flos.com BATHROOM/ IMMERSION by NERI&HU for AGAPE/ The first project by this Chinese firm for bathrooms. The designers tackle the question of body care by considering the needs of younger generations living in small apartments. Immersion solves the problem of space and, just like the traditional oriental wooden tubs, it develops in depth instead of width. With essential elegant proportions, the tub has been designed to guarantee immersion up to the neck. agapedesign.it OUTDOOR/ MANILA by PAOLA NAVONE for BAXTER/ Tubular in Manila rattan (hence the name) and acid-etched copper for the structure and techno rope covered in leather for the woven shell. Just a few contrasting natural elements lend shape to a silhouette of exotic taste. A special tanning process and dyes with Chinese ink increase its colour fastness to the light. Alongside the chairs, in shades of blue, aquamarine and green, there is a series of accessories in terracotta, cocciopesto and lava stone. baxter.it WALLCOVERING/ IKAT by PIERO LISSONI for ALPI/ Leader in the production of decorative surfaces in composite wood, this company is an excellence of made in Italy. Its wall coverings in wood are perfect for any design sector from home interiors to retail and boats and the creativity of its designers hold huge appeal, starting with Ettore Sottsass, who designed its first texture in 1985. Today we choose Ikat among creations by Piero Lissoni, a pattern that copies the geometry of warp and weft. alpi.it TABLEWARE/ FRUIT BOWL NO. 9 by RON GILAD for DANESE/ One of the ten small everyday objects that, as this designer who created them in his new role as art director says, do not change your life, but definitely make it better because each one has its own story to tell. Presented at the ‘Fragments of life’ exhibition during Milano Design Week 2017 they are the outcome of evolution of Gilad’s projects, some dating back to the end of the nineties, others more recent. Helped by Danese, they have matured beautifully and today mark a new direction for this historic Italian brand. danesemilano.com BEDDING/ HOTELROYAL by TERRI PECORA for ZANOTTA/ Everything rotates around bedhead and footboard, both with polyurethane padding. The composition, either symmetric or asymmetric and including a bedside table, turns the bed into a micro-architecture, designed with hotel bedrooms in mind as well. But this bed’s true uniqueness lies in its origins, as the designer was apparently inspired by the Giò Ponti’s lines in the sixties for the Hotel Royal in Naples (hence its name). A contemporary makeover for a signature vintage piece. zanotta.it


ENGLISH TEXT

Extra design — p. 67 by Paola Carimati — photos by Fabien Breuil

We visit the Paris studio of Marco Lavit, an architect with a passion for vernacular style and limited editions. He creates micro architecture, nests on a human scale, immersed in the natural world Born in 1986, architect Marco Lavit has now been living and working in Paris for the last 12 years. He set up his studio in 2014. It’s a workshop with an architectural philosophy that revolves around three key words: savoir-faire, essentiality, materials. His architecture is based on the principles of ergonomics and sustainability. “I’m interested in giving shape to a space, to a dimension that can have an influence on our way of life. And I’m curious about the interaction between ourselves and the place we move around in.” Vernacular architecture provides a strong point of reference for Marco, with weaves and joins used to create modern refuges. Take Origin for example, the cluster of suites created in the park of the Château de Raray in northern France, that reinterprets the idea of the treehouse with a luxury slant: the cabins can only be reached by means of daring aerial walkways, 30 metres long and suspended 10 metres above ground. From the leaves of the oak trees in Raray, we glide down to the lake at Châteauneuf du Pape, where Lavit has designed 10 suites: eco lodges, like contemporary stilt houses, that skim the water. The soaring lines of the lamellar structure interact with the lakeside reeds, enhancing the harmony of the place and fully integrating into the landscape. It’s a model for what every expression of the great mother of all arts should be: beautiful, and on a human scale.

exclusive golden hue. “It is not gold, nor is it silver, but a bright, elusive nuance”. Because the fragrance of design doesn’t fade after the last drop.

The new music factory — p. 76 by Rosaria Zucconi, photos by Sanro Lombardi

Green walls, big windows, pop colors for the Walter Mameli’s Mille Galassie studio. In this space is also born Possibili Scenari, the new album by Cesare Cremonini

atelier-lavit.com

The architect Luca Zanaroli has been invited to enlarge and redesign Mille Galassie, the music recording and production studio owned by Walter Mameli and Cesare Cremonini, created out of a factory building in the industrial district of Bologna. The new spaces had to integrate the existing ones, destined purely for music production. They are environments with a lot of high technology, but for this reason they lack aesthetic quality. In addition to meeting new needs, the project was required to give the place the “identity” and personality that it lacked. The only possibility for expansion was by adding a new building to adjoin the facade which could contain the dimension that the studio needed. A metal wing in matt black steel is transformed into a green wall with climbing plants chosen for the texture of their foliage and their shades of colour. The interiors are padded with pop colours, with matt black floors and ceiling to absorb the light and prevent awkward reflections. The circular conference table is custom-made, with a resin top reproducing the Beatles’ Sgt. Pepper vinyl album cover. This is where Cremonini’s latest disc, Possibili Scenari, was made. Cesare thinks of it as a mature artisan product, a container for everything that makes him feel excited today.

The essence of design — p. 73

Holiday on ice — p. 82

words by Flavia Giorgi

by Kerstin Rosee — photos by Christian Schaulin words by Sebastiano Brandolini

After years of research into fragrances and bottle design, Chanel’s latest perfume emanates floral, feminine and unique notes. Contained in an unusual packaging that combines design and personality Almost one hundred years after No. 5, Coco Chanel’s first perfume which revolutionised the olfactory world at that time, comes Gabrielle. Femininity, passion and daring are the traits which Olivier Polge’s research into white flowers has transformed into fragrances. The message of this unexpected and personal bouquet is contained inside a unique bottle, defined by simple design. “The purity so dear to Gabrielle Chanel was the source of inspiration for this bottle”, explains Sylvie Legastelois, packaging and graphic design manager. “The industrial challenge was to produce really thin glass, using all the expertise of great master glassworkers”. The bottle is contained in packaging with a precious heart, the result of a patented embossing process that takes the exact silhouette of the bottle and displays it as if it were a jewel in a box. The container and the contents dialogue also in terms of the colour scheme, for which Legastelois chose an

Avoriaz. Soaring up from the heart of the Haute Savoie is the architectural utopia designed by Jacques Labro in the 1960s. A city nestling amid the mountains, to be experienced only on skis During the 1960s, when skiing was still something of a legend (not the everyday practice that it is today), the architecture of some of the ski resorts also became legendary. Places like Avoriaz, Tignes, Prato Nevoso, Folgarida and Pila all have in common their repudiation of the idea of chalets: instead of those fake alpine villages composed of thousands of chalets all the same and made of imitation wood, their architects preferred to design large apartment blocks, integrated with the ski lifts. Avoriaz, in Haute Savoie, is definitely a place worth revisiting. The town planning intuition came from skier Jean Vuarnet, but the design was by the then very young French architect Jacques Labro, who designed all the buildings in the original centre of the resort. Inaugurated in 1967, its 10-storey high apartment blocks stand directly beside the pistes, which means that cars, apart from 207

ELLE DECOR


being banned, are of no use anyway. Some interiors — typical of the 1960s — have been preserved, and may even run the risk of ‘mummification’. The interiors of the Hotel des Dromonts display a taste that’s halfway between rustic and modernist. Some of the large lights have been made by recycling old pairs of skis. The plasterwork, flooring and graphic design are still those of the 1960s. What will become of Avoriaz in twenty years time? In the Alps, temperatures are rising more sharply than elsewhere, and the natural snow is becoming scarce; artificial snow has to be shot out, skiing isn’t as cool as it once was and the ski lifts are increasingly falling into the red. In Switzerland in particular, some resorts are dispensing with the winter ski lifts and are doing their best to reinvent themselves to keep up with the latest trends, so as to turn their economy, identity, geography and future around within the space of a few years. It certainly won’t be an easy ride… avoriaz.com, hoteldesdromonts.com

Four friends at the café — p. 95 by Rosaria Zucconi — photos by Alberto Strada words by Murielle Bortolotto

A large group of creatives comes together and sets up an extraordinary location. Waiting to be discovered behind a big gate, a short walk from the Darsena in Milan Number 7 in Via Scaldasole in Milan is home to Six, a private little corner behind a big wooden gate. Stepping inside, we discover Irene, a space dedicated to garden design and, opposite, the lounge-gallery furnished with eclectic objects and furniture selected by Fanny and David, top architects at Quincoces-Dragò & partners, the firm located inside Six. A

window offers a glimpse of the Sixième bistro, conceived by Sergio Carnevali, drummer with Bluvertigo, and Nic Cester, frontman for the Australian band Jet. Open for lunch and dinner, they serve cocktails by bartender Caterina Clausetti and typical local cuisine prepared by chef Giacomo Montelli. Mauro Orlandelli, founder of Forest Design, the consultancy agency for designers, and Samuele Savio, inventor of Choice, the art direction studio, round out the melting pot of creative minds that have all played a part in creating this unusual address. Six, via Scaldasole 7, Milano, tel. +39 0245489540. six-project.com

Baroque with a twist — p. 102 words by Valentina Mariani - photos by Alessandra Chemollo and Jason Lloyd-Evans

London, Old Bond Street. French architect Gwenael Nicolas accompanies us on a tour of the new Dolce&Gabbana boutique. A glittering spectacle of shapes, precious materials and Italian tradition “Working on this design was like writing my very first poem”, states architect Gwenael Nicolas, founder of the Curiosity studio, referring to the Dolce&Gabbana boutique in London: a recently renovated space of over 2400 square metres spanning no less than six floors. “After Tokyo and Milan, this is the third project I have completed with Stefano and Domenico but it was the first of the three that I started working on. The longest one” he adds. The first three floors are dedicated respectively to accessories and streetwear, men’s and women’s fashion, while the top two floors house Haute Couture, Fine Tailoring, Fine Jewellery and Fine Watchmaking. The latter also provide the setting for the brand’s runway shows, such as the one staged at the opening on

Baroque with a twist — p. 102 208

ELLE DECOR


ENGLISH TEXT

11 November. In both the areas dedicated to men and women, Nicolas has created two cubic environments, entirely covered in marble, which host the Fine Jewellery creations. These lead into two “secret” rooms used for private appointments, which resemble luxurious jewellery workshops. “In this environment we wanted to make a bolder attempt to describe the history of the brand, its DNA, its link with traditions and the past. We did so by creating luxurious spaces in which the customer’s shopping experience is intense, surrounded by beauty and history”, explains Nicolas. We reach the top floors via a marble elliptical staircase which, despite the weight of its materials, paradoxically resembles a lightweight shell. At the top, the exquisite ceiling is decorated with patterns in gold foil and crowned with two spectacular Baroque-style chandeliers. “Creating marble objects of these sizes and such a high level of craftsmanship was an incredible challenge. We wanted to push things to the limit, see just how far we could go and the proof is in the pudding: we have succeeded in breathing life into something unique and truly spectacular,” Nicolas tells us.

Green capital — p. 108 by Kristina Raderschad - photos by Christian Schaulin in collaboration with Laura Maggi

Appointed European Green Capital for 2019, Oslo unveils its true colours as a cosmopolitan centre full of surprising architectural, cultural and gourmet delights. In close harmony with the nature of the Deep North Suspended between sea and forests, fjords and mountains, in a spectacular position, with its 700,000 inhabitants, Oslo hosts about 12% of the entire Norwegian population. “I wouldn’t want to live anywhere else”, designer Andreas Engesvik confides in us. “It is the ideal city and it offers a vibrant cultural scene, with a variety of fantastic museums and galleries, as well as a cuisine that is gourmet, yet linked to the local culinary traditions”, he adds. Landmark The Oslo Opera House, designed by Norwegian architects Snøhetta, is officially the city icon: its architecture, in white marble, aluminium and glass, surfaces majestically from the waters of the fjord like an iceberg. The architecture of Snøhetta has launched an urban development plan studded with ambitious architectural designs, all centred round the new main railway station, scheduled to be completed in 2019. The master plan includes the Lambda, the new premises of the Munch Museum, and the Barcode Project residential complex. Museums and art galleries The Astrup Fearnley Museum, opened in 2012 and designed by Renzo Piano, is a reference point for modern and contemporary art. Indeed, a shoal of art galleries has sprung up nearby, including the Gerhardsen Gerner, in addition to the design hotel The Thief. Must-sees Completed in 1939, Villa Stenersen, in the exclusive Vinderen area, is considered a prime example of Norwegian functionalism. Designed by architect Arne Korsmo, it was inspired by Villa Savoye by Le Corbusier in Poissy. Food The trendy Grünerløkka district, or simply “Løkka”, is a favourite haunt of the young, alternative and fashionable. It boasts an infinite series of bars, cafés and restaurants. Thorvald Meyersgate features a string of Middle Eastern eateries and

American-style diners, cocktail bars and cafés, vintage shops and design boutiques. Its Trattoria Popolare is one of the city’s top Italian restaurants. Shopping The place to go for design is indubitably Norway Designs Shop, offering creations by local designers and Scandinavian brands. Instead, Pur Norsk offers design items exclusively Made in Norway.

Alpine retreat — p. 128 by Rosaria Zucconi and Francesca Benedetto photos by Max Zambelli

Chamonix is the setting for a silent and invisible revolution. The traditional chalet conceals an eco-tech core. So it can be enjoyed in all seasons

Standing in the residential area just outside Chamonix town centre is this chalet designed by architect Annalisa Mauri. The building respects local architectural tradition, focusing on environmental sustainability and energy efficiency. “The owners wanted a versatile house to use all year round, surrounded by a beautiful garden. It’s a family refuge, open and welcoming to relatives and friends”. The 700 sq. m chalet is arranged over three levels. The first level in the basement is the space devoted to relaxation, with a sauna, gym and cinema, and to socializing, with a long dining table. The two floors above ground are clad with larch wood with a weathered look. The ground floor houses the daughters’ bedrooms and the guest rooms, all with their own bathroom. On the first floor are the living room, kitchen, study and the owners’ bedroom. Wood predominates inside, too: antique oak for the floors and the wall panelling, chestnut beams from a disused monastery for the roof. All the furniture is contemporary, the colours are light and fresh, and the space remains airy and unencumbered, while the windows, with views over the panorama and the mountain peaks, are designed down to the last centimetre.

Nature and future in a concrete refuge with a cosy atmosphere — p. 148 by Martina Hunglinger — photos by Mads Mogensen in collaboration with Valentina Raggi

What looks from a distance like a traditional alpine refuge is, in reality, a little architectural gem. We are in the area of Flims, on the plateau of the Swiss Alps below the iconic Flimserstein. Originally built in wood as a refuge for farmers, the building was derelict when the owner asked young local architects Georg Nickisch and Selina Walder (Nickisch Sano Walder Architects) to bring it back to life. Today’s Refugi Dil Fieu is an elegant petit chalet of 40 m2 redesigned according to the aesthetics of the old building and using the original wooden structure as a model for the new concrete one. “We opted for a modern interpretation of the traditional alpine hut by making it in concrete, a material that 209

ELLE DECOR


ENGLISH TEXT

furnishings. Among these, a sofa with neon yellow base by the creative designer himself, teamed quite casually with furniture by Prouvé, collected by the homeowner. This project fully represents the expressive language of Mathias Kiss. His unique pieces go beyond the borders between design and craftsmanship to become true works of art. “I like to break the rules and move away from pure technique to express myself freely,” says Kiss. “This apartment was a neutral stage. Initially, the client bought a few of my pieces, then he left me free reign to bring to life a more complicated project,” continues the artist. And so Mathias painted the windows neon, chose shocking pink to customise design icons, and covered the floor with a tropical effect carpet. Mathias Kiss has inherited his aesthetics and architecture from his city, Paris, his first source of inspiration for his installations. Suffice to mention the Kiss Room in La Perle bistro, a room entirely covered in mirrors that brings back childhood memories or a feel of distant places.

Memory, design, environment and rituals. In a cottage north of Helsinki — p. 164 French kiss — p. 156

seemed perfect for this place”, explains Georg Nickisch. The traditional materials used fit in with the apparently ancient language of the building, all of the fittings and finishes contribute to the realisation of furnishing accessories and fixtures; like the carpentry in aged white pine and the details in steel. The large windows allow for striking views of the surrounding countryside, in a visual dialogue with the forest and with the large rock that seems to penetrate the basement. The living room, lit by a round skylight, and the dining room with a simple kitchen are on the upper floor; the bedrooms on the lower. A small extension of the stairs is home to a storeroom and a toilet. A glass door leads to the garden and further on, to a wild portion of forest.

French kiss — p. 156 words by Adel Fecih and Francesca Benedetto photos by Karel Balas/Milk/Vega MG

Paris, the home of an illuminated client becomes the manifestoproject for artist Mathias Kiss. Where his talent is given total expression Paris, the first arrondissement. We are in the oldest part of this city, to be exact in the Les Alles quarter, a stone’s throw from the Île de la Cité. An apartment here has been unusually and boldly renovated by the Parisian artist and creative, Mathias Kiss. In the living area, gold-painted cornices slide down from the ceiling across the walls to form lines that change how the volumes are perceived. Like the mirror surface of Soleil, in shades of iridescent orange, which provides infinite reflections of the 210

ELLE DECOR

by Martina Hunglinger — photos by Mads Mogensen in collaboration with Flavia Giorgi

Every weekend, whatever the season, Kati Hienonen and her husband Ari move from Helsinki to the Jyvaskyla district, in the lakes region where, thanks to work by the Sigge architecture firm, they have renovated the flat-roof, long cottage where Kati used to spend her summer holidays as a child. “For me, this is a sacred place, where the memories of a magic age are renewed in the emotions of the present,” she says. The clear pure lake is just a stone’s throw from this house in the middle of the forest, with steps leading down from a wooden porch towards the water. Wood is the main player also inside where red pine planking has been laid as flooring. From the ceiling to the walls, the same wood is used to panel the rooms, giving them a bright, tranquil, timeless feel. Natural light floods in through the floor to ceiling windows that frame the view as a natural extension of the interiors. Focal point of the living area is the fireplace, which divides the open space into a conversation area on the one side and a dining-kitchen zone on the other. Designer and owner of the Bondenliving brand of furnishing accessories and fabrics, Kati Hienonen has furnished it with a simple feel. Just a few seventies Scandinavian design pieces and a small colour palette, where contrast is provided by the black of the sliding doors on the bedrooms and chairs by Alvar Aalto. A hut made of tree trunks is home to the sauna. It is Ari’s job to get it ready, which takes time and skill, but for him this is a form of meditation and relaxation.


Profile for el loco 69

Ggghhhhhjjj  

Ggghhhhhjjj  

Profile for elloco69
Advertisement