Issuu on Google+

Edizione Flormart 2011

Pagina 22

High-tech danese e precisione altoatesina: una combinazione perfetta Andreas Psenner e. G. è un’azienda a conduzione famigliare nel vero senso della parola. Da sinistra a destra: Robert, Andreas e Thomas.

Di ron van der ploeg

Andreas Psenner e.G. è un’azienda leader nel campo dell’ibridazione e nella produzione di piante giovani, con sede a Bolzano. L’innovazione tecnologica è sempre stata un marchio di fabbrica di Psenner che utilizza macchine Ellegaard d’avanguardia, ormai sinonimo di eccellenza nel settore. Il fondatore, Andreas Psenner, che si è conquistato il soprannome di “re dei gerani”, non ha mai abbandonato il desiderio di fare le cose in modo diverso, senza mai perdere l’occasione di migliorare i suoi prodotti.

P

ensiamo alla macchina invasatrice semi automatica Ellegaard del 1994, il modello che ha cambiato per sempre la coltivazione di piante giovani nella ditta Psenner. La genialità di questa macchina sta nella sua semplicità: una miscela di torba, perlite, fertilizzante e bagnante, ideata per soddisfare le esigenze delle piante giovani, pressata sottovuoto e fatta passare attraverso una piccola tramoggia per confluire in un tubo

d’alimentazione avvolto da carta biodegradabile. Il tubo di carta viene riempito dal substrato e poi tagliato in cilindretti Ellepots di diverse lunghezze e diametri. Tre nuove macchine Ellegaard NGL Negli ultimi quattro anni, Psenner ha comprato tre nuove macchine Ellegaard NGL. “Uno dei vantaggi principali della NGL, macchinario imponente, è la sua elevata capacità

produttiva di 35.000 cilindretti l’ora”, spiega Thomas Psenner, 36 anni, direttore di produzione della società, diplomatosi presso l’istituto di agraria a Delft nei Paesi Bassi e all’istituto di ricerca di Weihenstephan in Germania. Aggiunge anche che “i movimenti della macchina sono tuttavia lenti, delicati nel trattare il substrato mantenendone la struttura areata. La nuova NGL ha tredici tubi d’alimentazione mentre il modello ideato negli anni ’90 aveva solo due

tubi e funzionava ad alta velocità. Oltre alla qualità migliore dei cilindretti di substrato, la NGL è un macchinario con una durata di vita mediamente più lunga ed è meno rumorosa. Quest’ultimo aspetto è stato determinante al momento dell’acquisto perché nella nostra sede di Kaltern le macchine sono collocate nella parte centrale dell’azienda ed è quindi importante che non facciano troppo rumore”. Riduzione dei costi Oggi l’azienda di Andreas Psenner, fondata a Bolzano nel 1967, ha due sedi: il centro originale a Bolzano e uno nuovo a Kaltern, che occupano in totale una superficie di 42.000 m2 per la coltivazione di piante giovani (piantine primaverili e stelle di Natale). “Abbiamo due stabilimenti e ovviamente i cilindretti Ellepot sono

indispensabili per entrambi. Abbiamo deciso di installare una Ellegaard NGL anche a Kaltern, che si trova a 20 km a sud di Bolzano, in modo da evitare l’andirivieni da una sede all’altra, che porta con sé il rischio che i cilindretti di substrato perdano in qualità”, ci racconta Thomas, che dirige l’azienda di famiglia assieme al padre Andreas (fondatore dell’azienda) e al fratello Robert. Per Psenner l’acquisto di macchine Ellegaard è stato un enorme investimento per adattarsi alle nuove tecniche di coltivazione. Ma l’introduzione di questi macchinari, con un ritorno degli investimenti previsto di quattro anni, ha migliorato la qualità dei prodotti dell’azienda e ha permesso di risparmiare fino al 50% all’anno sui costi di manodopera. “Prima avevamo quattro dipendenti nel reparto invasatura mentre oggi bastano due

IPM2012-550x90-floraInt-Flormat:Layout 1 08.08.11 10:23 Seite 1

I PM E SSE N Fiera internazionale delle piante Piante

Tecnica

Floricoltura

Promozione vendite

24 – 27 gennaio www.FloraCultureInternational.com

Ii giornale del florovivaismo nel mondo


Edizione Flormart 2011

Psenner: “il re dei gerani” (Foto: Helen Moody).

Vista dall’alto del quartier generale dell’azienda a Bolzano.

operatori per due macchine. Alle prime ore del mattino carichiamo la macchina di substrato, cassette e carta, poi la riforniamo del materiale necessario durante la pausa caffè delle 10 e a mezzogiorno. La macchina è stata progettata per funzionare in totale autonomia per due ore. Disponiamo inoltre di un sistema di caricamento cassette della LogiqsAgro che sposta automaticamente le cassette complete su carrelli mobili perché vengano immagazzinate. Quando ce n’è bisogno vengono estratte automaticamente per la semina”. Ellepots Attualmente Psenner usa per la sua produzione solo ed esclusivamente gli Ellepots che garantiscono la semina in cilindretti di 25-35 mm di diametro con un substrato dalla struttura areata di porosità ottimale. “L’uso degli Ellepots ci offre una grande flessibilità nella scelta del substrato di crescita”, sottolinea Thomas, e continua: “Possiamo stabilire noi la struttura della miscela, che con gli Ellepots è molto più soffice dei plugs

Jiffy e Preforma, e i risultati a livello di radicazione infatti sono straordinari. In più usiamo per il trapianto macchinari TEA che si combinano perfettamente con il sistema degli Ellepots”. Il substrato può essere preparato in base alle richieste specifiche del coltivatore. Se necessario, il substrato può essere modificato ogni 200 cassette. “Per alcune aziende questo può rappresentare un vantaggio notevole, ma in Psenner siamo riusciti a trovare 2 miscele che sono adatte alla maggior parte delle specie che coltiviamo. D’estate, con l’inizio della produzione di stelle di Natale, abbiamo bisogno di un substrato a bassa ritenzione idrica, considerata la necessità di più acqua. In inverno usiamo una miscela con una struttura più densa in cui possiamo piantare facilmente gerani, bidens e altre piante da trapianto”. Le macchine Ellegaard sono in funzionamento tutta la settimana alla Psenner. “Durante la stagione in cui si verifica il picco massimo delle vendite, dal mercoledì al venerdì

Pagina 23

riceviamo grandi spedizioni di talee dai nostri partner in Sardegna e in Israele. Con tutti i macchinari a nostra disposizione, arriviamo a produrre circa 100.000 cilindretti l’ora”. Complessivamente Psenner ha una produzione di 15 milioni di piante giovani all’anno, di cui 12 milioni di gerani. I rimanenti 3 milioni sono varietà Proven Winner come la ‘Lobularia Snow Princess’, la ‘Petunia Veranda’ e la ‘Euphorbia Diamond Frost’. Soddisfazione massima del cliente I fabbricanti italiani si sono guadag­ nati una buona reputazione nel settore dei macchinari agricoli, eppure, confessa Thomas, la scelta di un produttore danese non è stata difficile. “Se facciamo un confronto con le altre aziende del settore, Ellegaard ha raggiunto alti livelli di soddisfazione del cliente rispetto ai suoi concorrenti. L’azienda offre un contratto di assistenza annuale. Quando servono pezzi di ricambio, Ellegaard li consegna nel giro di 24 ore. Il servizio è veramente eccellente”. La scelta è caduta sui prodotti dell’azienda danese grazie alla garanzia di qualità Ellegaard, duratura e affidabile. “Grazie ai controlli annuali, non si verificano problemi durante la stagione calda delle vendite che per noi è di fondamentale importanza”, spiega Thomas. “Provi a immaginare che mentre 40 addetti sono impegnati a piantare talee si verifichi un grave guasto ai macchinari: sarebbe un problema grave avere 40 dipendenti fermi ad aspettare per un’ora. Con tre macchine invece è vero che c’è un eccesso di capacità produttiva, ma la continuità del processo è garantita, anche se una macchina si blocca”. Alto Adige Il quartier generale della Psenner si trova nella regione autonoma del Trentino-Alto Adige che venne ceduta all’Italia alla fine della prima guerra mondiale, ma dove la lingua, la cucina e l’architettura hanno un forte retrogusto germanico. “I popoli germanici vanno fieri della loro precisione (Gründlichkeit), e in ambito

La macchina Ellegaard NGL ha una capacità produttiva di 35.000 cilindretti l’ora.

professionale l’ambizione e lo spirito di competizione sono fondamentali. Gli italiani invece sono noti per il loro stile e il gusto per le cose belle. Noi quindi possiamo offrire il meglio di entrambi questi mondi”, afferma Thomas scherzosamente. “Un cilindretto di substrato di buona qualità è fondamentale. Se la qualità non è costante, la qualità del prodotto vendibile è inferiore. Usando invece le tecnologie più avanzate si elimina il rischio di portare sul mercato un prodotto scadente”. Trovarsi nel cuore dell’Alto Adige significa per Psenner essere al centro del mercato in cui opera: “L’80% delle nostre vendite avviene in Italia, in particolare nella zona poco a sud di Roma. Più a sud le vendite dipendono dalle condizioni meteorologiche invernali. Se in meridione l’inverno è mite, le piante sopravvivono e le vendite calano del 30%”. Commentando la stagione delle vendite di piante giovani di quest’ anno, Thomas afferma che è iniziata presto ed è andata “piuttosto bene. Bene anche nel senso che abbiamo

prodotto le nostre migliori piante da sempre. I clienti, in generale, hanno notato che la nostra produzione di quest’anno era molto più uniforme, con cilindretti che presentavano la stessa densità a livello di crescita della piantina. Gli Ellepots non sono né troppo morbidi né troppo duri, trattengono una quantità d’acqua costante e le piantine cominciano a crescere immediatamente nel giardino del consumatore”. Thomas prevede inoltre un futuro positivo per l’esportazione di piante giovani Made in South Tyrol. Quest’anno le esportazioni sono cresciute notevolmente, le vendite sono aumentate infatti in Germania, Francia e Regno Unito. L’Alto Adige d’inverno è una delle zone più soleggiate d’Europa: questo fattore, unito alla nostra lunga tradizione nella produzione di piante giovani e al nostro impegno nel settore, ci aiuta a produrre piante interessanti per il mercato dell’esportazione e le macchine Ellegaard rappresenteranno un aiuto fondamentale nella conquista di nuovi mercati”, conclude Thomas.

www.ipm-essen.de

RT A M R F LO H233 d7

t an Pad. 7, S

www.FloraCultureInternational.com

Ii giornale del florovivaismo nel mondo


Ellepot production at Psenner in Italy