Issuu on Google+

A R E P U TAT I O N F O R Q U A L I T Y


”Riva non è una storia di lusso ma di ricchezza di idee”

Carlo Riva


Il porto Carlo Riva, da quarant’anni rifugio tranquillo e sicuro dei diportisti


S TO R I A D I U N I M P R E N D I TO R E Carlo Riva nasce a Sarnico il 24 febbraio 1922.

E’ figlio d’arte: il bisnonno Pietro è un maestro d’ascia comacino, mestiere che passa al nonno Ernesto, che nel 1842 migra a Sarnico, e successivamente al padre Serafino, grande appassionato di motonautica.

Negli Anni ’20 e ’30 gli entrobordo e i fuoribordo Riva scrivono pagine gloriose.


1931-Serafino Riva si classifica 1째 assoluto nella terza edizione della Pavia-Venezia alla media di km 51,660


Campioni e marchio sono sempre sulle copertine sportive della stampa di tutto il mondo.

All’età di 16 anni, Carlo ridisegna e perfeziona lo scafo da corsa “BRUN ELLA” con il quale il pilota Paolo Mora vinse nel 1932 la gara di Tremezzo .


E’ il 1950 quando il timone del cantiere passa dal padre Serafino nelle mani di Carlo Riva.


UN NUOVO INIZIO Il 3 ottobre 1954 viene inaugurato il nuovo grande Cantiere Riva, quello che ancor oggi reca i segni del suo inconfondibile stile, della sua sensibilitĂ  per le forme e i colori.

Reca la firma della sua razionale organizzazione degli spazi, funzionale al lavoro in serie su base artigianale.


Qui sono nate le 4.098 mitiche barche in mogano che hanno soppiantato un marchio prestigioso come quello della Chris Craft.

D’ora in avanti il nuovo “must” sarà inserire logo.

Quelli che seguono sono anni di febbrile e instancabile lavoro.


Anticipando i bisogni degli armatori Riva, a distanza di pochi anni l’uno dall’altro, nascono i Riva Boat Service per l’assistenza tecnica e la vendita:

la storica “R.A.M”. di Sarnico, nata nel 1957; e due anni dopo il prestigioso “Monaco Boat Service” di Montecarlo, che nel 2009 ha tagliato il traguardo dei 50 anni e così via in tutta la Costa Azzurra e in tante parti dell’Italia e del mondo.

.


I M M AG I N E D I U N M I TO

In parallelo, Carlo Riva, investe in immagine e pubblicitĂ  con cataloghi di cui cura personalmente ogni dettaglio perchĂŠ Riva vuol dire classe, stile di vita, e tutto deve essere al top.

Scomoda il grande fotografo Federico Patellani con il quale cura la stampa del raffinato ed esclusivo catalogo RIVA del 1956.


Il Cantiere Riva partecipa a fiere e saloni nautici in Italia, Europa ed America.

Nel 1952 Mello Prina, nella centralissima via Durini a Milano accanto alle automobili mette in mostra un “Sebino�, tra il comprensibile stupore dei passanti. . Lo stesso stupore che creano un Tritone, un Super Florida e un Ariston al Boat Show di Miami nel 1959, O quando i motoscafi Riva nel 1964 sono nella vetrina del Rockfeller Centre di Manatthan.


L A R I C E R C A D E L L A Q U A L I TA ’

il due volte “pioniere della nautica” investe nella ricerca di materiali innovativi, come il compensato marino, un’invenzione che cambiò il modo di costruire barche da diporto.

Ricerca che viene applicata a tutte le parti dello scafo per ottenere qualità, durata e sicurezza: dalle cromature alle vernici, alla tappezzeria, ai motori, alle viti, agli strumenti di bordo, ciascuno dei quali ha una propria interessante storia, grazie alla progettualità di Carlo Riva.


Via Regina, 8 – 22019 Tremezzo (CO) - Italia – T +39 344 42491 www.grandhoteltremezzo.com – info@grandhoteltremezzo.com


Prova layout 4