Page 1


THE EXHIBITION The artworks that you can see in this exhibition are made just of paper. They are PAPER TOY. What is a paper toy?

Paper toys are toys made of paper. They are constructed in several ways, by folding, as in paper airplanes, paper fortune tellers or Origami, or by cutting, decorating or assembling pieces of paper with glue or tape to create a paper doll or paper model. They are a mix between design, papercraft and illustration. Why make paper toy? I make them for pleasure but also for marketing. I create and customized them following the company exigences. Remember that the company print a 2d work but the custom got a 3d advertising object. A totally recyclable and ecological friendly (just paper), interactive, low cost, design object. What can you ask more? Why every paper toy is customized? Because one of the Paper Toys benefit is that everybody can personalized them. So I create a Paper Toy with the Puffin's aspect and I customized them inspired by the 2011 RIFF films. You can read what film inspired the Paper Toy wrote on the table under it. If I want a Paper Toy for my company? You can visit my website: www.elisabettapercivati.it And contact me: http://www.elisabettapercivati.it http://it.linkedin.com/in/elisabettapercivati betta87@tiscali.it Skype: elisabetta.percivati

CON IL SOSTEGNO DEL PROGETTO WITH THE SUPPORT OF THE PROJECT DE.MO./MOVIN'UP 2012 A CURA DI / BY Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Generale per il Paesaggio, le belle arti, l’architettura e l’arte contemporanee con la partecipazione di Direzione Generale per lo Spettacolo dal Vivo E/AND GAI - Associazione per il Circuito dei Giovani Artisti Italiani


LA MOSTRA Le opere che puoi vedere in questa mostra sono fatte solo di carta. Sono PAPER TOY (giocattoli di carta). Che cos'è un paper toy?

I Paper toys sono giocattoli fatti di carta. Sono creati in modi differenti, piegando (come per gli aerei di carta, i giochi di predizione o gli origami) o tagliando, decorando o assemblando pezzi di carta con colla o scotch per creare una bambola di carta o un modellino di carta. Sono un mix tra design, cartotecnica e l' illustrazione. Perché fare paper toy? Li faccio per mio divertimento ma anche per marketing. Li creo e personalizzo seguendo le esigenze delle aziende che me li richiedono per promuovere i loro prodotti. Ricorda che l'azienda stampa un volantino bidimensionale ma il cliente avrà un oggetto tridimensionale. Un oggetto totalmente riciclabile (è fatto solo di carta), interattivo, low cost e di design. Che cosa volete di più? Perché ogni Paper Toy è personalizzato? Perchè ogni Paper Toy è personalizzato? Perché uno dei vantaggi dei Paper Toys è che ognuno li può personalizzare. Quindi ho creato un Paper Toy con l'aspetto della Pulcinella di mare (Puffin) che è anche il logo del Reykjavik Film Festival e li ho personalizzati inspirandomi ai film proiettati nell'edizione 2011 del RIFF. Potete leggere quali film ho scelto nelle pagine seguenti. E se volessi farmi progettare un Paper Toy per la mia impresa e per la sua campagna promozionale? Puoi visitare il mio sito: www.elisabettapercivati.it E contattarmi: http://www.elisabettapercivati.it http://it.linkedin.com/in/elisabettapercivati betta87@tiscali.it Skype: elisabetta.percivati

CON IL SOSTEGNO DEL PROGETTO WITH THE SUPPORT OF THE PROJECT DE.MO./MOVIN'UP 2012 A CURA DI / BY Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Generale per il Paesaggio, le belle arti, l’architettura e l’arte contemporanee con la partecipazione di Direzione Generale per lo Spettacolo dal Vivo E/AND GAI - Associazione per il Circuito dei Giovani Artisti Italiani


Film scelti per customizzare i Paper Toys / Films choosen for costumized the Paper Toys:

1) Never ending story 2) Okkar eigin Oslo / Our Own Oslo 3) 13 Assassins 4) Bobby Fischer against the world 5) The Turin Horse 6) Eco Pirate: the story of Paul Watson 7) Inside Lara Roxx 8) El Bulli: cooking in progress 9) Tonari No Totoro 10) Habibi 11) Everything, Everywhere, All the Time / Allt, alltaf, allsstaรฐar 12) Hullabaloo / Gauragangur 13) Modello Base / Plain model


CHI LDREN PAPERTOY WORKSHOP


Elisabetta Percivati (BIO) Elisabetta Percivati nasce a Torino il 12/11/1987.La più piccola di sei figli, cresce a Pinerolo (TO).Disegna da sempre, con il sogno di poter raccontare delle storie attraverso la traccia di una matita su un foglio.Inizia a pensare all'idea di crearsi una carriera nell'arte nel 2003 quando in terza superiore vince il Concorso Nazionale della cartolina del Campo Nazionale AGESCI (Associazione Guide E Scout Cattolici Italiani).Nello stesso anno diventa illustratrice regolare con la rivista Nazionale “Avventura” (collaborazione che continua tutt'ora).In quarta superiore vince una borsa di studio europea “Leonardo Da Vinci” che le permette di svolgere uno stage di 5 settimane a Reykjavik (Islanda) come illustratrice presso la casa editrice online “Skolavefurinn” per cui illustra una serie di racconti di Oscar Wilde destinati alla didattica delle scuole superiori. Terminate le superiori vince una borsa di studio che le permette di frequentare il Corso d'Illustrazione presso lo IED (Istituto Europeo di Design) di Torino presso cui si diploma nel luglio 2009 con votazione 96/100.Durante il corso di studi viene selezionata come illustratrice per la creazione di un portfolio in vendita sul tema “San Giorgio” edito da Agra Editore. Sempre durante il corso di studi partecipa a due mostre a Torino, una in collaborazione con Amnesty International dal titolo “Donne: spezzare il silenzio” (maggio 2009, via Garibaldi); la seconda in collaborazione con la Ciclofficina e Spazzi (Aprile 2009, via Virle 9 in quartiere San Paolo). Nell'autunno del 2009 realizza dietro commissione del Teatro Regio di Torino le illustrazioni per i due volumi editi per le scuole legate all'opera “Ciottolino”. Crea e segue personalmente ed in ogni aspetto la linea di abbigliamento Maias Clothing (compresa la realizzazione di tutte le grafiche e dei contenuti multimediali) che ha ricevuto articoli favorevoli on line su “Frizzi Frizzi” (il blog di moda e tendenze statisticamente più visitato in Italia) fino ad arrivare a blog Peruviani.Espone presso il locale Zero Bar (via Vanchiglia angolo Piazza Vittorio, Torino) per due volte nell'anno 2010. Viene selezionata come stagista per due mesi presso la prestigiosa azienda di animazione Enarmonia casa di animazione torinese tra i cui capolavori ricordiamo “La Freccia Azzurra” e “La Gabbianella e il Gatto”. Entra a far parte come stagista quindi del team che segue due progetti per Rai Due e nello specifico le serie di cartoni animati “Geronimo Stilton” e “Uffa che Pazienza 2” ispirato ai disegni di Andrea Pazienza. Vince il Bando della provincia Inventalavoro e crea quindi lo “G.N.A.M.”, un centro culturale dedicato ai giovani in Viale Cavalieri d'Italia 19 a Pinerolo (TO) tra i cui progetti più interessanti curati da lei ricordiamo la rassegna Cerea mi i son writer (sett-nov 2010). Arriva al 4° posto nel concorso nazionale di illustrazione Liscapaz a Termoli con la sua opera “Woman in jazz” venendo selezionata tra gli artisti del concorso per essere inserita nel catalogo della relativa mostra. Progetta Paper Toy per cui avvia una collaborazione con il negozio ToLab in Piazza Madama Cristina a Torino che presto ne venderà una sua serie in edizione limitata sulla città di Torino. Il Museo del Gusto di Frossasco le commissiona l'Illustrazione dell'edizione 2011 della rassegna gastronomica “Fungo d'oro” che viene usata per tutto il materiale pubblicitario (cartoline, poster, manifesti). Ha concluso il percorso di due anni della Scuola di Fumetto di Asti con insegnanti di alto livello come Luigi Piccatto (Dylan Dog), Gino Vercelli (Nathan Never), Cristiano Spadavecchia (Bonelli), Armando Serra e Sergio Ponchione (Bonelli, Coniglio Editore) tra gli altri. Principale progetto artistico ora è "Iceland portrait", carnet de voyage sull'esplorazione artistica di questa terra di ghiaccio e fuoco. Viene ufficialmente invitata dal direttore del Reykjavik International Film Festival a tenere una sua mostra personale nell'edizione 2012 del Festival presso una delle location centrali per tutta la durata dell'evento, mostra che svolge grazie alla vincita del Bando


Internazionale Movin'Up dell'Associazione “G.A.I.” (Giovani Artisti Italiani) e del Ministero dei Beni Artistici e Culturali nei mesi di settembre e ottobre 2012. Articoli sui suoi lavori sono apparsi sulla rivista nazione di fumetti “Scuola di Fumetto” e sulla rivista nazionale americana “Uncle Jam”.

Contatti: http://www.elisabettapercivati.it http://it.linkedin.com/in/elisabettapercivati betta87@tiscali.it Skype: elisabetta.percivati (ENG) Elisabetta Percivati was born in Turin on 12th November 1987.The younger of six children, she grew up in Pinerolo (Turin).Drawing has always been in her life, and her dream was and still is to tell stories by drawing them, with a pencil onto paper. She started thinking about making a career in Art when in 2003, at only sixteen years old, she won the National Illustration Competition for the National AGESCI Boy Scout Camp Postcard.In the same year she started a regular collaboration (that still continues) with the National Boy Scout review “Avventura”.At seventeen years old she won a scholarship with the European Program “Leonardo Da Vinci” which permitted her to make a 5 week stage in Reykjavik (Iceland) as an Illustrator for the online publisher “Skolavefurinn”. For this publisher she realized illustrations of Oscar Wilde's stories.After high school she won a scholarship for the IED (Europe Design Institute) Illustration course in Turin.Working and studying at the same time she took her degree with 96/100.During the 3 years course she was selected as an illustrator for the creation of a portfolio up for sale about “Saint George” for the Agra Editore publisher.During the IED courses she participated in two exhibition: one with Amnesty International “Woman: Break the silence” (may 2009, via Garibaldi, Turin); the second one in collaboration with Ciclofficina e Spazzi (April 2009, via Virle 9, Turin). In November 2009 she realized the illustrations for two scholastic books for the opera “Ciottolino”, on demand of the Regio Turin Theatre.She created and followed every aspect of the clothing line “Maias Clothing”. She also realised all the graphics and the multimedia contents. This clothing line had a great review on Frizzi Frizzi (one of the most famous Italian fashion blog),with reviews also in Peruvians blogs.She exposed in the Zero Bar (Via Vanchiglia- Piazza Vittorio Veneto) in the centre of Turin twice in 2010.She was chosen for a two month stage in the famous Turin Animation Studio “Enarmonia”, famous for animation films like “La freccia Azzurra” and “La gabbianella e il gatto”. She worked on the team who create two projects for the national channel Rai due: “Uffa che Pazienza 2” and “Geronimo Stilton”.She won the province competition “Inventalavoro” and she created the “G.N.A.M.” a cultural centre for local young artistes. This centre is in Pinerolo in Viale Cavalieri d'Italia 19. Of the projects she created with this centre, the most important is the writing and street art exhibition “Cerea mi I son writer” (Sept-Nov 2010). She arrived in 4th place in the illustration national competition “Liscapaz” in Termoli with her artwork “Woman in jazz” and she was selected in the artistes published in the exhibition catalogue. She projected Paper Toy and started a collaboration with the ToLab shop in Turin that soon will sell a limited edition of his paper toy about the City of Turin. The Frossasco Taste Museum commissioned her the official illustration for the 2011 edition of the gastronomic festival “Golden Mushroom” (in Italian “Fungo d'Oro) which was used for all the advertising (post card, poster, etc.). She currently studies at the 2nd year of the Comics School in Asti with high level teachers,


such as Luigi Piccatto (Dylan Dog), Gino Vercelli (Nathan Never), Cristiano Spadavecchia (Bonelli), Armando Serra and Sergio Ponchione (Bonelli, Coniglio Editore).Her main Project is now “Iceland portrait�, carnet de voyage about the artistic exploration of this land of fire and ice. She was officially invited from the Reykjavik Film Festival (Iceland) to have a personal exhibition in the edition 2012 of the Festival during all his length.


EPI Iceland project RIFF 2012  

Reykjavik Internationl Film Festival 2012 exhibition. Costumized Puffin (the Festival's logo) Paper Toys. Every Paper Toy is inspired by a f...

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you