Meraviglioso - Storia e Geografia 3

Page 1

M. Cappelletti • A. e A. De Gianni • M. De Pasc ali

s

STORIA E GEOGR AFI A

3 ibiscus edizioni


Responsabile editoriale: Mafalda Brancaccio Responsabile di produzione: Francesco Capitano Redazione: Marina Amoia, Camilla Di Majo Revisione didattica: Marina Amoia Progetto grafico: Ilaria Raboni Impaginazione: Curvilinee Ideazione e realizzazione della copertina: Luana Parrella Illustrazione di copertina: Giovanni Abeille Illustrazioni: Alejandra Ardila, Studio Balbo-Gozzelino Ricerca iconografica: Marina Amoia, Massimo Zanella Referenze iconografiche: Marka, Getty, Shutterstock, Archivo Spiga © 2020 Eli - La Spiga Edizioni | Loreto

© 2020 Ibiscus Edizioni | Napoli

info@elilaspigaedizioni.it | www.elilaspigaedizioni.it

tel. 071 750 701

Stampa: Tecnostampa | Pigini Group Printing Division | Loreto | Trevi 20.83.194.0 | ISBN 978-88-468-4116-2 Le fotocopie non autorizzate sono illegali. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione totale o parziale così come la sua trasmissione sotto qualsiasi forma o con qualunque mezzo senza previa autorizzazione scritta da parte dell’editore.


CODING

Prove d’ingresso

.................................................................................

2

Che cos’è  la…

Storia?

6 La tua storia... nella Storia............................................................................. 8 La linea del tempo................................................................................................ 9 Le fonti e lo storico ........................................................................................... 10 Gli aiutanti dello storico................................................................................ 11 Alla ricerca dei reperti ................................................................................... 12 Lo scavo archeologico .................................................................................. 13 I fossili............................................................................................................................. 14 Come si forma un fossile ............................................................................ 16 Verifica Le fonti ............................................................................. 18 Verifica Le parole della Storia ......................................... 19 ..........................................................................

LA NASCITA DELLA TERRA

20 La formazione dei continenti .................................................................. 22 Verifica La nascita della Terra .......................................... 23

LA VITA SULLA TERRA

...............................................

24 L’era arcaica ............................................................................................................ 26 L’era primaria o paleozoica ..................................................................... 27 L’era secondaria o mesozoica................................................................ 28 N otizie dall’Atlante Dinosauri di casa nostra ..................................................... 30 La scomparsa dei dinosauri .................................................................... 32 L’era terziaria o cenozoica.......................................................................... 33 L’era quaternaria o neozoica................................................................... 34 Verifica La vita sulla Terra .................................................... 35 .............................................................

LA STORIA DELL’UOMO

36 L’australopiteco.................................................................................................... 38 N otizie dall’Atlante La vita nel Paleolitico ........................................................... 40 L’homo habilis........................................................................................................ 42 L’homo erectus...................................................................................................... 44 L’uomo di Neanderthal CLIL ................................................................ 46 Tecnologia I primi attrezzi....................................................................... 48 L’abbigliamento CLIL ................................................................................... 49 La caccia e la pesca ........................................................................................ 50 La vita in gruppo................................................................................................. 51 N otizie dall’Atlante Case d’epoca ................................................................................. 52 Arte e religione ................................................................................................... 54 ........................................................

L’homo sapiens..................................................................... 56 Le migrazioni........................................................................................................... 58 CODING Costruire un’amigdala.................................................. 59 Verifica L’uomo del Paleolitico ...................................... 60 N otizie dall’Atlante La vita nel Neolitico ............................................................... 62 La nascita dell’agricoltura... CLIL ..................................................... 64 ... e dell’allevamento ...................................................................................... 65 Il villaggio neolitico CLIL ........................................................................ 66 L’organizzazione sociale ............................................................................. 67 Cittadinanza attiva Vivere in gruppo ......................................... 68 Il commercio e il baratto CLIL ............................................................. 69 Tecnologia Nuove attività....................................................................... 70 L’arte nel Neolitico CLIL ........................................................................... 72 N otizie dall’Atlante Un uomo del Neolitico: Ötzi ............................................ 73 Verso la Storia ....................................................................................................... 74 Cittadinanza attiva Visita al museo archeologico ......... 75 Verifica L’uomo del Neolitico .......................................... 76 COMPITO DI REALTÀ

A caccia di dinosauri!............................... 77

Per lo studio... Per l’esposizione orale SINTESI MAPPA SINTESI MAPPA SINTESI MAPPA SINTESI SINTESI SINTESI SINTESI MAPPA MAPPA SINTESI SINTESI MAPPA

Le fonti I fossili..................................................................... 78 La Storia......................................................................................... 79 La nascita della Terra Le ere geologiche............. 80 La storia della Terra............................................................ 81 L’evoluzione La Preistoria.......................................... 82 L’evoluzione degli ominidi.......................................... 83 L’australopiteco Il Paleolitico................................. 84 L’homo habilis L’homo erectus............................ 85 L’uomo di Neanderthal................................................... 86 L’homo sapiens....................................................................... 87 Paleolitico: da 2 milioni e 500 mila a 12 000 anni fa....................................................................... 88 La storia dell’uomo............................................................. 89 Il Neolitico L’agricoltura e l’allevamento.......... 90 L’artigianato, il commercio, i metalli................. 91 Neolitico: da 12 000 a 5 000 anni fa ................... 92

Verifiche su livelli

GEOGRAFIA

....................................................................................

..........................................................................................................................................

93

109


Prove d’ingresso  1 Osserva le immagini. Quali informazioni ti forniscono? Rispondi. Biglietto per

Morandi Giovanni 12 luglio 2019 Partenza da Milano a Roma h  12:50 €  29,50 a 2 classe vagone 3 posto 8

Biglietto della spesa Nome del negozio: Supermercato Castello Che cosa è stato acquistato: € 1,50 pane € 6,95 formaggio € 4,55 frutta € 13,00 Totale speso Data 17/04/2019  h 11:23

• Di che cosa si tratta? ................................................................................. .................................................................................................................................................

• Che cosa deve fare il signor Morandi? ............................... ................................................................................................................................................. • Quando parte? .................................................................................................. • A che ora? ................................................................................................................ • Quanto costa il biglietto? ....................................................................

• Di che cosa si tratta? ................................................................................. .................................................................................................................................................

• Quali informazioni ti dà? ...................................................................... ................................................................................................................................................. .................................................................................................................................................

2 Questo è il luogo di lavoro della signora Elena. Osserva attentamente e completa.

La signora Elena è una ............................................................ I suoi pazienti sono ................................................................................. . Per il suo lavoro Elena ha bisogno di ................................................., ................................................., ......................................................... . Ci sono dei giochi perché ................................................................................................................................................................................................. .

2


Prove d’ingresso  1 Leggi il testo, poi rispondi. Dopo aver preso la borsa del nuoto, Dani saluta la mamma e va a chiamare il suo amico Marco: sono le 16:30. I due amici arrivano in piscina dopo dieci minuti e vanno verso gli spogliatoi. Si cambiano con calma, perché la loro lezione di nuoto comincia alle 17:05. Quando l’istruttore fischia si tuffano e stanno in acqua per 40 minuti. Al termine della lezione i due amici si rivestono, escono dallo spogliatoio e vanno verso il bar, dove comperano una barretta di cereali a testa. Escono dal centro sportivo alle 18:15 e vanno verso casa. Dopo aver salutato Marco, Dani passa dal panettiere, perché i suoi genitori hanno bisogno di una confezione di farina. Dopo l’acquisto, Dani torna a casa.

• Che cosa avviene prima? Dani arriva in piscina. Dani incontra il suo amico Marco. I due amici entrano in vasca.

• Che cosa avviene dopo? Dani si ferma dal panettiere. Dani e Marco fanno merenda. Dani e Marco si salutano.

• Quanto tempo passa dal momento in cui Dani esce di casa al momento in cui entra in vasca? .......................................................................................................................................................... • Quanti minuti dura la lezione di nuoto? ..................................................................................................  2 Completa in modo logico con perciò o perché. • Dani esce di casa .................................................. deve andare a nuoto. • I ragazzi si cambiano con calma, .................................................. sono arrivati in anticipo. • Dopo il nuoto i ragazzi hanno fame, .................................................. si fermano al bar. • I genitori hanno bisogno della farina, .................................................. Dani si ferma dal panettiere.

3


Prove d’ingresso  1 Ogni tanto al cuoco Padelloni capita qualcosa di strano. Che cosa gli è successo questa volta? Metti in ordine le sequenze e lo scoprirai. Numera da 1 a 6.

2 Ora scrivi la storia. ............................................................................................................................................................................................................................................................. ............................................................................................................................................................................................................................................................. ............................................................................................................................................................................................................................................................. ............................................................................................................................................................................................................................................................. ............................................................................................................................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................................................................................................................

3 Completa con le parole della contemporaneità. La frittata precipita in strada ............................................................................. sta passando un signore.

4


Prove d’ingresso  1 Nel giardino di Dani c’è un pesco. Osserva le immagini e scrivi a quali stagioni si riferiscono.

.......................................................................................

.......................................................................................

.......................................................................................

.......................................................................................

2 In ciascuna serie, ordina gli oggetti dal più antico al più moderno. Numera da 1 a 3.

5


Che cos’è  la…

STORIA? Sicuramente “STORIA” è una parola che conosci perché è legata alle tue esperienze da quando eri piccolissimo. Quante storie ti sono state raccontate e quante ne hai lette!

Quest’anno comincerai a conoscere la Storia con la “S” maiuscola, cioè la ricostruzione dei fatti del passato realizzata attraverso le tracce e i documenti. Infatti, la parola storia deriva dal termine greco istorein, che significa indagine, ricerca. Lo studioso della Storia è lo storico. Egli si occupa di trovare tracce, reperti e documenti del passato, di interpretarli, di metterli in ordine cronologico per comporre il racconto dei fatti e dei cambiamenti avvenuti nel tempo.

6


Tutto ha una storia: oggetti, persone, animali. Ogni cosa ha una data di nascita o di realizzazione e perciò può essere attribuita a un periodo di tempo ben preciso.

Neolitico

Greco

Romano

Rinascimento

Ottocento

Novecento

La Storia che studierai quest’anno inizia in un passato lontanissimo. Imparerai come si sono formati l’Universo e la Terra, quando sono comparse le prime forme di vita e scoprirai quando e dove sono nati i primi uomini.

7


STORIA

La tua storia... nella Storia Anche tu hai una storia, che può essere ricostruita attraverso documenti, vestiti, giocattoli, fotografie, racconti delle persone che sono intorno a te... Le tracce che hai lasciato dietro di te, da quando sei nato fino a oggi, sono le fonti della tua storia e ti consentono di ricostruire i fatti avvenuti nel tempo. Una linea immaginaria, chiamata linea del tempo, permette di ordinare gli avvenimenti in ordine cronologico. Leggi e osserva. Martina e Miriam sono amiche. Si sono incontrate per la prima volta all’inizio della Scuola Primaria. Come delle piccole storiche, mettono in ordine sulla linea del tempo alcuni fatti della loro vita. 2014 Martina compie 4 anni.

2016 Martina impara ad andare in bicicletta.

2014

2016

2015

2014 Miriam compie 4 anni.

8

2018 Martina frequenta una scuola di danza.

2018

2017

2016 Miriam fa un viaggio in Egitto.

2019 Martina frequenta la classe terza.

2019

2017 Miriam impara a nuotare.

2019 Miriam frequenta la classe terza.


Che cos’è la Storia?

La linea del tempo La linea del tempo è uno strumento che: • f a vedere quando accadono i fatti e quali accadono prima o dopo, cioè li mostra in ordine cronologico; • indica quanto durano gli eventi. La durata può essere breve, media, lunga o molto lunga. Le date di inizio e di fine di un evento permettono di vedere la sua durata; • mostra quando due eventi si verificano contemporaneamente, anche se in luoghi diversi. Gli storici hanno dovuto stabilire una data di riferimento da cui partire per contare gli anni. Hanno scelto la nascita di Cristo. Gli anni prima di tale evento si contano andando indietro sulla linea del tempo e sono indicati con a.C., che significa avanti Cristo. Gli anni dopo la nascita di Cristo si contano andando avanti e sono indicati con d.C., che significa dopo Cristo.

Nascita di Cristo 500 a.C.

400 a.C.

300 a.C.

200 a.C.

100 a.C.

100 d.C.

200 d.C.

300 d.C.

400 d.C.

500 d.C.

a.C.

d.C. AVANTI CRISTO (a.C.)

DOPO CRISTO (d.C.)

STUDIO

sserva la linea del tempo su cui Martina e Miriam hanno ordinato alcuni fatti della O loro vita, poi rispondi. • Quanti anni compiono nel 2014 Martina e Miriam? ........................................................................................................ • Quale fatto avviene contemporaneamente nel 2019? ................................................................................................. ................................................................................................................................................................................................................................................................

• Quale fatto ricorda Miriam nel 2016? .................................................................................................................................................. • Che cosa fa Martina nel 2016? ...................................................................................................................................................................... erca delle fonti che ti permettano di ricostruire la tua storia dalla scuola dell’Infanzia C a oggi. Disegna una linea del tempo e fai un elenco ordinato, dalla fonte più lontana a quella più vicina.

9


STORIA

Le fonti e lo storico Ricostruire il passato è un lavoro impegnativo, perché è come ricomporre un puzzle composto da tanti tasselli che devono essere scoperti e identificati. Lo storico è lo studioso che scopre le tracce del passato. Egli procede un po’ come un investigatore e le utilizza per raccontare avvenimenti a cui non ha assistito. Per lo storico le tracce sono le fonti, che possono essere di diverso tipo: orali, visive, materiali e scritte.

FONTI ORALI O TESTIMONIANZE Sono i racconti tramandati a voce o narrati da coloro che sono stati testimoni di un evento, cioè che lo hanno vissuto in prima persona, con interviste o registrazioni audio.

FONTI VISIVE O ICONOGRAFICHE Sono tutte le varie immagini create dall’uomo: le fotografie, i filmati, le pitture, gli affreschi, i graffiti...

FONTI MATERIALI O REPERTI Sono gli oggetti materiali prodotti dall’uomo, come abiti, oggetti della vita familiare, strumenti, giocattoli, veicoli..., ma anche i resti di esseri viventi, come ossa, denti...

FONTI SCRITTE O DOCUMENTI Sono tutto ciò che è scritto, come lettere, giornali, incisioni, libri..., su materiali diversi (carta, pietra, legno, stoffa...). Appuntamento con…

il metodo di STUDIO

Il titolo fornisce informazioni importanti sul contenuto della pagina e dei paragrafi in cui è suddivisio il testo. Che cosa ti fa capire il titolo di questa pagina? Spiega a voce.

10

SINTESI: p. 78

MAPPA: p. 79

VERIFICHE: pp. 94-95


Che cos’è la Storia?

Gli aiutanti dello storico Per il lavoro di ricostruzione del passato e di ricerca e analisi dei reperti, lo storico è aiutato da altri studiosi.

Reperti

A Z

Sono tutti gli oggetti che si trovano durante lo scavo archeologico.

ARCHEOLOGO Cerca, studia e analizza i reperti del passato costruiti dall’uomo. L’archeologo esegue scavi nel terreno per trovare gli oggetti, li mette in ordine in base allo strato in cui li ha trovati, li classifica in base al tipo, alla forma e alle dimensioni.

ANTROPOLOGO Studia le usanze e le abitudini dell’uomo in rapporto all’ambiente in cui ha vissuto.

GEOLOGO Studia gli strati di roccia e la composizione del suolo in cui si trovano i reperti.

PALEONTOLOGO Cerca e studia i fossili, cioè le impronte o i resti di animali e piante antichissime che nel tempo si sono pietrificati.

11


STORIA

Alla ricerca dei reperti Il luogo dove vengono ritrovati i reperti utili per ricostruire il passato si chiama sito archeologico.

1 Attraverso lo studio di fonti scritte, ricognizioni anche aeree dei territori, foto satellitari, l’archeologo individua le zone in cui potrebbero aver vissuto antiche comunità di uomini.

2 Individuata una zona, l’archeologo inizia lo scavo (vedi pagina a lato), procedendo con estrema attenzione per non danneggiare ciò che è rimasto nascosto per migliaia di anni.

3 Durante lo scavo, l’archeologo fotografa tutti i reperti che trova, li cataloga e li studia per scoprire: • l’epoca a cui risalgono; • il materiale con cui sono stati realizzati; • la funzione a cui erano destinati.

4 Infine i reperti ritrovati vengono consegnati a un museo, dove saranno oggetto di ulteriori studi e dove verranno conservati e mostrati a tutti.

12


Che cos’è la Storia?

Lo scavo archeologico Per trovare reperti nel sito individuato dagli studiosi, gli archeologi procedono scavando strato dopo strato. A mano a mano che si scava, si trovano reperti sempre più antichi. Questo modo di procedere si chiama scavo archeologico stratigrafico, ed è una tecnica d’indagine che permette di rispettare la successione cronologica degli strati di terreno e di catalogare e documentare i materiali che vi si trovano. Osserva che cosa accade durante uno scavo e quali strumenti sono fondamentali. Metal detector: serve per scoprire oggetti di metallo.

GPS: serve per determinare la posizione esatta dei reperti.

Reticolo: serve per indicare in modo preciso la posizione dei reperti.

Pennello e scopino: servono per togliere la terra dai reperti.

Setaccio: serve per trovare reperti molto piccoli.

Oggi negli scavi archeologici vengono utilizzate tecniche di rilevamento, di datazione e analisi scientifiche molto elaborate. L’esame del territorio, oltre che della tradizionale ricognizione di superficie, può avvalersi di fotografie aeree, di immagini satellitari e dell’uso del georadar, uno strumento che fornisce informazioni sul sottosuolo.

13


STORIA

I fossili I fossili sono i resti pietrificati di piante e animali, vissuti in epoche antichissime, che si sono conservati nella roccia o nel terreno. Possono anche essere delle impronte, lasciate da un essere vivente, che si sono conservate nel tempo. Solitamente sono le parti dure degli esseri viventi che si trasformano in fossili: le nervature delle foglie, la corteccia e gli aghi delle piante, i gusci, i denti, le ossa e le corna degli animali. Sono stati ritrovati anche fossili di uova e di escrementi.

In questa sezione di ambra, la resina fossilizzata degli alberi, si può vedere bene la sagoma di una zanzara. Molti piccoli insetti sono rimasti imprigionati nella resina appiccicosa che colava dai rami degli alberi.

I ritrovamenti di foglie fossili non sono molto comuni, perché si decompongono, cioè si disfano, rapidamente. In questa foglia, però, si sono conservate anche le delicate nervature.

In alcuni pesci, come questo, le ossa dello scheletro si sono conservate in modo perfetto, anche nei dettagli delle pinne.

L’ammonite è un mollusco marino con una conchiglia esterna. Le ammoniti ebbero una grande diffusione e sono considerate dagli studiosi dei fossili guida, perché sono utili a dare una data ad altre specie.

I trilobiti erano piccoli esseri marini. Molti strisciavano sul fondo del mare, altri galleggiavano o nuotavano. La maggior parte di essi era provvista di due occhi; altri, invece, ne erano privi: erano soprattutto quelli che vivevano a grandi profondità, dove non poteva arrivare la luce. Il loro nome deriva dallo scheletro diviso in tre parti.

14


Che cos’è la Storia?

Analizzando i fossili, i paleontologi riescono a stabilire l’epoca in cui l’essere vivente è vissuto. I fossili sono perciò reperti molto importanti, perché permettono di sapere quali esseri viventi popolavano la Terra in una certa epoca e di ricostruire l’ambiente in cui vivevano.

fossile di ................................................................................................

impronta di ......................................................................................

uova di ...................................................................................................

fossile di ...............................................................................................

Appuntamento con…

il metodo di STUDIO

In genere un testo è accompagnato da immagini: foto, disegni... Questi elementi vanno osservati con attenzione, perché forniscono informazioni utili alla comprensione del testo stesso. ompleta le didascalie delle immagini. Poi sottolinea nel testo le informazioni utili C per rispondere. • Che cosa sono i fossili? • Quali parti del corpo di un essere vivente si fossilizzano? • Quali informazioni ricava uno studioso dall’analisi di un fossile? SINTESI: p. 78

MAPPA: p. 79

15


STORIA

Come si forma un fossile La trasformazione del corpo di un animale in fossile è un fenomeno, che si verifica solo in certe circostanze. utto comincia quando un animale muore vicino  1 T a un corso d’acqua o nel mare e i suoi resti vengono ricoperti subito da sabbia, fango o terra. La pelle, i muscoli e le interiora, cioè le parti molli, si decompongono perché aggredite dai batteri.

urante un periodo lungo migliaia di anni,  2 D

lo scheletro assorbe i sali minerali contenuti nei materiali che lo hanno ricoperto. I sali minerali riempiono tutte le parti dello scheletro che diventa duro come pietra.

o scheletro fossilizzato torna in superficie in seguito  3 L all’erosione e ai movimenti della terra.

Laboratorio

per comprendere…

Un fossile... in pochi minuti Occorrente • gesso in polvere • acqua • scatola da scarpe • ciotola • conchiglia

1

Procedimento 1 Mescola il gesso in polvere con l’acqua in una ciotola. 2 Versa l’impasto nella scatola. 3 Prendi la conchiglia e premila nell’impasto: otterrai la sua impronta. 4 Aspetta qualche minuto, togli la conchiglia e attendi che il gesso si indurisca.

16

2

3 4


Che cos’è la Storia? STUDIO

LAVORIAMO INSIEME

L avora con un compagno. Osservate le immagini di alcuni fossili e completate, dopo esservi confrontati. • Questo è un fossile di: animale. vegetale. • Quali parti dell’essere vivente si distinguono? ............................................................................................................................................................... ...............................................................................................................................................................

• Questo è un fossile di: animale. vegetale. • Quali parti dell’essere vivente si distinguono? ............................................................................................................................................................... ...............................................................................................................................................................

• Questo è un fossile di: animale. vegetale. • Quali parti dell’essere vivente si distinguono? ............................................................................................................................................................... ...............................................................................................................................................................

• Secondo te, a quale animale appartengono queste impronte fossilizzate? ............................................................................................................................................................... ...............................................................................................................................................................

• Che cosa distingui nelle impronte? ............................................................................................................................................................... ...............................................................................................................................................................

• Secondo te, era un animale predatore? Da che cosa lo intuisci? ............................................................................................................................................................... ...............................................................................................................................................................

17


Verifica

Le fonti

1 Che cosa sono le fonti per lo storico? .................................................................................................................................................................................................................................................... ....................................................................................................................................................................................................................................................

2 Osserva ciascuna immagine e indica se si tratta di una fonte orale (FO), scritta (FS), materiale (FM) oppure visiva (FV).

TUTTO OK? In queste pagine pensi di aver lavorato:

molto bene

bene

non bene

Quale attività tra quelle proposte ti è stata più utile per lo studio? Uso delle parole chiave.

18

Schema.

Ricerca delle informazioni.

Immagini.


Verifica

Le parole della Storia

1 Completa indicando con una X. • Lo storico è: lo studioso del passato. lo studioso del futuro.

• La parola storia significa: guerra. indagine, ricerca.

• I reperti sono: tutti gli utensili in pietra che si trovano durante uno scavo archeologico. tutto ciò che si trova durante uno scavo archeologico. 2 Collega gli aiutanti dello storico alle funzioni che svolgono. Studia i resti fossili di piante e animali. archeologo

Studia l’uomo, le tradizioni dei gruppi umani e le loro abitudini.

paleontologo

Studia gli strati di roccia e la composizione del suolo.

geologo antropologo

Studia i reperti del passato prodotti dall’uomo.

3 Ordina le fasi della formazione di un fossile. Numera da 1 a 3. urante un periodo molto lungo lo scheletro assorbe i sali minerali D contenuti nei materiali che lo hanno ricoperto. I sali minerali entrano nello scheletro, che diventa duro. Lo scheletro diventato fossile torna in superficie. uando un animale muore, i suoi resti vengono ricoperti di sabbia, Q ghiaia o terra. Le parti molli si decompongono.

TUTTO OK? In queste pagine pensi di aver lavorato:

molto bene

bene

non bene

Quale attività tra quelle proposte ti è stata più utile per lo studio?

Uso delle parole chiave.

Schema.

Ricerca delle informazioni.

Immagini.

19


STORIA

LA NASCITA DELLA TERRA Come sono nati l’Universo, il Sole, la Luna e la Terra? E gli animali, le piante, gli uomini? A queste domande hanno risposto per lungo tempo i miti, racconti fantastici con cui gli uomini hanno cercato di dare una spiegazione a quanto appariva loro incomprensibile. Oggi gli scienziati hanno formulato diverse teorie sull’origine dell’Universo. La teoria più diffusa è quella denominata Big Bang, il “grande scoppio”. 2 L’esplosione diede origine a immense nuvole di materia incandescente, cioè caldissima, che si dispersero nello spazio.

1 Nello spazio esisteva moltissima energia, che circa 13,7 miliardi di anni fa, provocò il Big Bang.

3 Con il passare del tempo, queste 4 In seguito, i gas e le polveri che ruotavano intorno al Sole, circa 5 miliardi di anni fa, formarono la Terra e gli altri pianeti del Sistema Solare.

nuvole piene di polvere e gas formarono le stelle, riunite in giganteschi vortici, le galassie. La nostra galassia è la Via Lattea, che comprende molte stelle, tra cui il Sole.

Appuntamento con…

il metodo di STUDIO

Le parole chiave sono le parole più importanti contenute nel testo. Utilizza le parole chiave per rispondere a voce.

20

• A che cosa diede origine l’esplosione? • Che cosa sono le stelle? • Come si formò la Terra?


La nascita della Terra

5 In origine la Terra era un’enorme massa infuocata che girava su se stessa e intorno al Sole. Poi, molto lentamente, la sua superficie si raffreddò e diventò solida, formando la crosta terrestre. All’interno della Terra, invece, c’era un liquido caldissimo, il magma. Il magma risaliva in superficie attraverso fratture della crosta terrestre, dando origine ai vulcani.

6 Dai crateri dei vulcani fuoriuscirono immense quantità di gas e di vapore acqueo. Il vapore acqueo, salendo verso il cielo, si trasformò in nuvole.

7 Dalle nuvole caddero sulla superficie terrestre le piogge. Piovve per milioni di anni. L’acqua riempì gli avvallamenti del terreno e formò i mari e gli oceani. Gli altri gas, rimasti al di sopra dei mari e delle terre, formarono l’atmosfera. STUDIO

Ordina le fasi della nascita dell’Universo e della Terra. Numera da 1 a 7. Formazione del Sole.

Formazione della Terra.

Formazione di materia incandescente.

Formazione della crosta terrestre.

Big Bang.

Formazione dei mari e dell’atmosfera.

Formazione delle nuvole.

SINTESI: p. 80

VERIFICHE: pp. 96-97

21

MAPPA: p.6


STORIA

La formazione dei continenti Per alcuni miliardi di anni la crosta terrestre si frantumò e si ricompose in vario modo, formando sempre nuovi oceani e grandi catene montuose. Circa 200 milioni di anni fa tutte le terre emerse si trovarono riunite in un solo supercontinente chiamato Pangea, circondato da un solo grande oceano, la Panthalassa. Successivamente la Pangea si è suddivisa dando origine ai continenti, così come li conosciamo oggi.

200 milioni di anni fa

Esisteva un unico continente, la Pangea, immerso in un unico grande mare, chiamato Panthalassa.

65 milioni di anni fa

Si formarono i continenti simili a quelli odierni.

22

130 milioni di anni fa

La Pangea si divise in due blocchi: Laurasia e Gondwana.

Oggi

Ecco come si presentano attualmente i cinque continenti abitati dall’uomo, ma la loro forma e la loro posizione continuano a cambiare.


Verifica

La nascita della Terra

1 Collega ciascun termine alla definizione corrispondente. Pangea

Terre emerse riunite in un solo continente.

Panthalassa

Grande esplosione.

Big Bang

Grande oceano che circondava i continenti.

galassia

Stella intorno a cui ruota la Terra.

Sole

Vortice di stelle.

2 Completa il testo con le seguenti parole. crosta • materia • oceani • magma • vapore acqueo • nuvole • rocce • piogge La Terra all’inizio era una massa di .................................................................................................................... incandescente. Poi la superficie si raffreddò e si formò la .................................................................................................................. terrestre. Al suo interno le ......................................................................... continuavano a essere molto calde e a scorrere sotto forma di un liquido caldissimo chiamato ........................................................................................................................... . Dalle spaccature della crosta terrestre, fuoriuscivano grandi quantità di ..................................................... ..................................................................................... che formò grandi ........................................................................................... . In seguito caddero ....................................................... abbondantissime, che diedero origine agli .................................................. . 3 Leggi questi due testi sull’origine del mondo, poi completa. a Il punto da cui tutto ebbe origine era molto piccolo. Questo punto esplose e l’energia e la materia cominciarono a espandersi.

b S ul ginocchio della Dea l’aquila depose sei uova d’oro e una di ferro. Metà di un guscio diventò la terra, l’altra metà divenne il cielo.

• Il testo scientifico è ..................... perché: ................................................................................................................................................... • Il testo fantastico è ..................... perché: ....................................................................................................................................................

TUTTO OK? In queste pagine pensi di aver lavorato:

molto bene

bene

non bene

Quale attività tra quelle proposte ti è stata più utile per lo studio?

Uso delle parole chiave.

Schema.

Ricerca delle informazioni.

Immagini.

23


STORIA

LA VITA SULLA TERRA Non è possibile stabilire con precisione quando la Terra è diventata un vero e proprio pianeta. La maggior parte degli scienziati concorda che la Terra abbia circa 4 miliardi e 600 milioni di anni. La storia della Terra viene suddivisa in cinque lunghissimi periodi di tempo, chiamati ere geologiche. Ciascuna era è caratterizzata da grandi cambiamenti dell’ambiente naturale e delle forme di vita che compaiono sul pianeta. LE TRACCE VEGETALI Come si fa a sapere com’era la vegetazione nelle diverse ere? Il polline ci viene in aiuto. Gli studiosi hanno scoperto che i pollini delle piante sono rimasti intrappolati nel terreno per millenni. Così, esaminandoli, hanno capito che, durante l’era paleozoica, comparvero prima le piante acquatiche e in seguito anche quelle terrestri. Alla fine di questo periodo foreste di felci ed equiseti (una pianta erbacea) coprivano estese aree della Terra. All’inizio dell’era mesozoica, invece, il clima caldo e secco diede origine a vasti deserti. A metà di questa era il clima diventò più umido e ricostituì le foreste, formate da felci e piante a forma di ananas con foglie enormi come ventagli. Solo verso la fine del Mesozoico si formarono boschi di querce, betulle, faggi, abeti e le piante con fiore. L’erba dei prati comparve solo dopo l’estinzione dei dinosauri.

24

mammut

scimmie

anfibi

alghe e batteri

insetti

rettili uomo

ra arcaica E Era primaria o paleozoica Era secondaria o mesozoica Era terziaria o cenozoica Era quaternaria o neozoica


La vita sulla Terra

grandi mammiferi

ultimi dinosauri

cavallo

piante con fiori

piante terrestri

pesci

trilobi

piccoli mammiferi

meduse spugne

dinosauri

STUDIO

sserva l’immagine e scrivi quali esseri viventi hanno abitato la Terra nelle diverse O ere geologiche. • Era arcaica: .......................................................................................................................................................................................................................... • Era primaria: ...................................................................................................................................................................................................................... • Era secondaria .............................................................................................................................................................................................................. • Era terzaria: ......................................................................................................................................................................................................................... • Era quaternaria: ............................................................................................................................................................................................................ SINTESI: p. 80

MAPPA: p. 81

VERIFICHE: pp. 98-99

25


STORIA

L’era arcaica L’era arcaica è il primo periodo della storia della Terra. In questo periodo comparvero i primi esseri viventi nei mari e negli oceani: erano organismi unicellulari, cioè esseri viventi formati da una sola cellula, come batteri e alghe. Le alghe divennero molto numerose e, come tutti gli esseri vegetali, rilasciavano ossigeno, fondamentale per lo sviluppo delle altre forme di vita.

Le alghe azzurre sono i primi organismi comparsi sul nostro pianeta. Esse, grazie alla fotosintesi, hanno portato ossigeno nell’acqua e nell’atmosfera terrestre. 4 miliardi e 600 milioni di anni fa

26

600 milioni di anni fa


La vita sulla Terra

L’era primaria o paleozoica L’era primaria fu un periodo di grandi cambiamenti. Nelle acque dei mari comparvero esseri più complessi, formati da più cellule (organismi pluricellulari), come le spugne, le meduse, le stelle marine, i vermi… Si tratta di animali invertebrati, cioè senza scheletro osseo, o protetti da una corazza come i trilobiti. Dopo milioni di anni, sempre nei mari, comparvero i primi vertebrati: i pesci, che potevano nuotare invece di strisciare. Circa 400 milioni di anni fa accadde un fatto straordinario: l’ossigeno prodotto dalle alghe si diffuse anche nell’aria e la vita si sviluppò anche sulla terraferma. Nacquero le prime piante. La presenza delle piante permise anche lo sviluppo dei primi animali terrestri: gli insetti. In seguito, alcuni pesci si adattarono a vivere sulla terra: comparvero i primi anfibi, esseri in grado di vivere sia nell’acqua sia sulla terra. Alcuni di essi si adattarono completamente alla terraferma: il loro corpo si coprì di squame e iniziarono a respirare solo con i polmoni. Erano i primi rettili. Alla fine dell’era primaria la Terra era ricoperta da una vegetazione ricchissima e abitata da molte e diverse forme di vita. STUDIO

crivi in ordine di comparsa sul nostro pianeta gli esseri viventi presentati in queste S due pagine. 1 ................................................................................................................

4 ................................................................................................................

2 ................................................................................................................

5 ................................................................................................................

3 ................................................................................................................

6 ................................................................................................................

600 milioni di anni fa

230 milioni di anni fa

27


STORIA

L’era secondaria o mesozoica L’era secondaria o mesozoica fu un’era di grandi trasformazioni. Infatti si diffusero nuove piante e aumentò quindi l’ossigeno nell’aria, che aiutò lo sviluppo della vita sulla terraferma. Questa fu l’era dei rettili, cui appartenevano i dinosauri.

Il triceratopo poteva raggiungere 9 metri di lunghezza e la testa misurava 2 metri e mezzo. Aveva un collare osseo e lunghe corna sul capo per difendersi dai nemici.

230 milioni di anni fa

28

Lo pterosauro era un rettile volante. Come il pipistrello, era dotato di una membrana che aveva la funzione delle ali e che gli permetteva di planare.

Il deinonico era alto 1 metro e mezzo e lungo 3 metri. Il suo nome vuol dire “artiglio terribile”: aveva l’unghia del secondo dito del piede a forma di falcetto e la usava per attaccare la preda.

65 milioni di anni fa


La vita sulla Terra

Durante l’era secondaria fecero la loro apparizione gli uccelli. I primi esemplari avevano denti affilati, code ossee, artigli sulle ali e corpo ricoperto di piume e penne. Contemporaneamente, comparvero sulla terraferma nuovi animali, che assomigliavano a scoiattoli. Erano piccoli e agili e allattavano i loro cuccioli: furono i primi mammiferi.

Il diplodoco aveva il collo e la coda lunghissimi. Poteva essere lungo fino a 24 metri e poteva alzare la testa fino a 12 metri. Aveva denti molto piccoli, simili a bastoncini.

Il plesiosauro viveva in mare. Aveva quattro pinne e poteva raggiungere i 15 metri di lunghezza.

STUDIO

cegli un dinosauro e prepara una scheda in cui descrivi S le sue caratteristiche. Utilizza sia le informazioni contenute nel testo sia altre informazioni frutto delle tue ricerche personali.

Il tirannosauro era alto 6 metri e lungo 12 metri. Aveva la testa lunga 1 metro e ogni suo dente poteva arrivare fino a 30 centimetri. Camminava lentamente, dondolandosi sulle zampe, come le oche, e cacciava aspettando in agguato le sue prede.

29


Notizie

dall’Atlante

Dinosauri di casa nostra

I dinosauri vissero anche nell’Italia coperta di foreste e paludi: volavano nei cieli della Toscana, si aggiravano nelle foreste della Campania, nuotavano nei nostri mari…

Besano Saltrio Cene

In Italia sono state trovate numerosissime impronte di dinosauro impresse nella roccia. Le impronte sono varie e includono quelle a “tre dita”, tipiche dei dinosauri carnivori, e quelle più grandi e arrotondate lasciate dai dinosauri erbivori. Sulle due pagine si possono vedere le più importanti località dove sono state trovate le loro tracce.

Lerici

Cretaceo (circa 142-65 milioni di anni fa) Giurassico (circa 199,5-142 milioni di anni fa) Triassico (circa 252-199,5 milioni di anni fa) “Ciro” (nome scientifico Scipionyx samniticus) è stato ritrovato in provincia di Benevento (Campania). Era un cucciolo di una specie piccolissima di dinosauri, grandi poco più di 40 centimetri. Il suo ritrovamento è stato molto importante per i paleontologi, perché nella roccia in cui si è fossilizzato si sono conservate tracce dei suoi organi interni.

Dove vivevano?

I dinosauri sono stati presenti in ogni continente. Ossa, uova e impronte sono state ritrovate un po’ ovunque: nei deserti, nelle grotte, nelle foreste, in fondo al mare, anche nelle distese ghiacciate del Polo Sud. Nella carta puoi vedere i dodici luoghi principali nei quali sono state ritrovate le loro tracce.

30

1

America del Nord 2 3

5 Europa 6 7

Asia

11 12

8 Africa America del Sud 4

9 10

Australia

Zone

Monti pisani


Dolomiti Rovereto Villaggio del pescatore

Cansiglio

Camponocecchio

Gargano Esperia Pietraroja

Altamura

Vicino a Varese sono state trovate le ossa del Saltriosauro (da Saltrio, il paese nel quale sono state rinvenute), un grande carnivoro lungo quasi otto metri. Doveva avere la testa piuttosto grande con denti aguzzi; le zampe anteriori avevano tre dita e una coda lunga e robusta lo aiutava a camminare su due zampe.

“Antonio” è un adrosauro, lungo quasi 4 metri, un tipico esponente dei “dinosauri dal becco ad anatra”, cosiddetti per il muso largo e piatto. Il suo scheletro è stato ritrovato vicino a Trieste, insieme a ossa appartenenti ad almeno altri sei dinosauri del suo branco.

Giffoni Valle Piana Castellammare di Stabia

Palermo

In Italia sono stati ritrovati anche resti di Ptesoauri, dei rettili volanti, e di Tanystrofeo, un rettile lungo circa 4 metri con un lunghissimo collo, con cui andava a caccia di pesci e molluschi.

31


STORIA

La scomparsa dei dinosauri I dinosauri scomparvero circa 65 milioni di anni fa. Gli studiosi non conoscono la causa che ha portato alla loro estinzione, ma negli anni sono state formulate diverse ipotesi.  1 L a teoria che ha maggiori prove sostiene che la Terra fu colpita da un grande meteorite che sollevò nubi di polvere talmente grandi che oscurarono il cielo e il Sole per moltissimi anni. Senza luce e calore morirono quasi tutte le piante e moltissimi animali non trovavano più cibo, tra i quali i dinosauri.  2 S econdo altri studiosi, l’estinzione dei grandi rettili avvenne in seguito a significativi mutamenti del clima sulla Terra, che impedirono ai dinosauri di trovare il cibo necessario alla loro sopravvivenza.  3 U n’altra teoria attribuisce l’estinzione dei dinosauri a gigantesche eruzioni e violentissimi terremoti che sconvolsero la Terra. STUDIO

sserva ciascuna immagine e indica con il numero corrispondente a quale teoria O sull’estinzione dei dinosauri spiegata in questa pagina si riferisce.

32


La vita sulla Terra

L’era terziaria o cenozoica Durante l’era terziaria si diffusero rapidamente i mammiferi, che divennero i dominatori del pianeta. I mammiferi di piccole dimensioni erano comparsi sulla Terra nell’era secondaria. Erano animali in grado di adattarsi a qualsiasi ambiente e ai vari cambiamenti climatici. Grazie a queste qualità, riuscirono a sopravvivere ai grandi sconvolgimenti che portarono all’estinzione dei dinosauri e diedero origine a numerose specie. Si differenziarono in mammiferi erbivori, come il rinoceronte lanoso, i primi elefanti, i cavalli, i mammut e gli ippopotami, e in mammiferi carnivori, come lupi, cani, tigri dai denti a sciabola. Nell’acqua si svilupparono i mammiferi acquatici, come le balene e i delfini, mentre nell’aria comparvero i pipistrelli, unici mammiferi volanti.

In questa era comparvero le scimmie. Vivevano sugli alberi per difendersi dai predatori. Erano molto agili e le loro zampe erano dotate di un pollice opponibile (vedi pag. 39) per aggrapparsi ai rami. Circa 4 milioni di anni fa, i cambiamenti climatici avevano trasformato la foresta tropicale in savana e alcune di queste scimmie scesero dagli alberi e cominciarono a camminare in posizione eretta. Si trattava delle prime scimmie antropomorfe, cioè simili all’uomo. 65 milioni di anni fa

2 milioni di anni fa

33


STORIA

L’era quaternaria o neozoica Nell’era quaternaria comparve il primo uomo, l’homo habilis. MAMMUT Nel tempo gli ominidi si adattarono alle diverse necessità ambientali, fino alla comparsa dell’homo sapiens, specie alla quale noi tutti apparteniamo. Durante l’ultima fase dell’era terziaria si alternarono periodi di freddo intenso, le glaciazioni, a periodi più caldi. Nei periodi in cui i ghiacciai occupavano vaste zone della Terra, Il mammut era alto il cibo scarseggiava e gli animali erano costretti a migrare, cioè 3 o 4 metri e aveva a spostarsi in altre zone. il corpo ricoperto Nell’ultima glaciazione molti grandi animali si estinsero, come da un pelo lungo per esempio il mammut. Sopravvissero gli animali più piccoli, e folto. Possedeva che non avevano bisogno di grandi quantità di cibo. caratteristiche zanne Anche l’uomo, durante le glaciazioni, iniziò a spostarsi da un ricurve, lunghe anche 5 metri. continente all’altro e popolò tutto il pianeta. Era erbivoro. Durante i periodi glaciali cambiò l’aspetto del territorio. Quello delle calotte polari si estese moltissimo, un mantello molto spesso di ghiaccio ricoprì buona parte dell’Europa. Enormi ghiacciai si formarono sulle Alpi. I mari diventarono meno profondi Asia Calotte Europa America polari perché gran parte dell’acqua si era del Nord Africa trasformata in ghiaccio: per questo motivo in alcuni punti le coste si America del Sud avvicinarono così tanto da poter rendere possibile la circolazione Australia a piedi. Mappa del mondo durante l’era glaciale.

STUDIO

Sottolinea nel testo le risposte alle seguenti domande, utilizzando i colori indicati. Che cosa sono le glaciazioni? Quali furono le conseguenze?

34

Quando si verificarono? Che cosa fece l’uomo?


Verifica

La vita sulla Terra

1 Ricostruisci l’ordine di comparsa sulla Terra degli esseri viventi. Numera da 1 a 7.

rettili

batteri

meduse e trilobiti

pesci

anfibi e insetti

mammiferi

uccelli

2 Collega ciascun evento all’era in cui si è verificato, colorando i cerchiolini con i colori indicati. Nel mare compaiono le prime forme di vita. Sulla Terra compaiono i primi mammiferi. I dinosauri occupano il pianeta.

Era arcaica

Era primaria

È il periodo delle glaciazioni. Sulla terraferma appaiono i primi vegetali. Dominano i mammiferi.

Era secondaria

Era terziaria

Era quaternaria

3 Indica con una X le affermazioni corrette relative ai dinosauri. Vissero nell’era secondaria. Occuparono tutti gli ambienti della Terra. Erano mammiferi. Vissero contemporaneamente all’uomo.

Deponevano le uova. Erano tutti bipedi. Avevano il corpo ricoperto di peli. Erano erbivori o carnivori.

TUTTO OK? In queste pagine pensi di aver lavorato:

molto bene

bene

non bene

Quale attività tra quelle proposte ti è stata più utile per lo studio?

Uso delle parole chiave.

Schema.

Ricerca delle informazioni.

Immagini.

35


STORIA

LA STORIA DELL’UOMO L’evoluzione della specie umana è un lungo cammino che ebbe inizio circa 2 milioni di anni fa, quando il genere homo fece la sua comparsa sulla Terra. Da un gruppo di scimmie evolute, quelle che si chiamano scimmie antropomorfe, ebbero origine i cosiddetti ominidi. La separazione tra la linea delle scimmie e quella dei primi ominidi avvenne tra gli 8 e i 5 milioni di anni fa, nel momento in cui si rese necessario adattarsi a un nuovo ambiente: la savana. In seguito a studi recenti, gli scienziati ci dicono che tutte queste specie hanno avuto un antenato in comune. Probabilmente una grande scimmia, ma non c’è certezza in quanto non sono stati ritrovati i suoi resti. Alcuni scienziati hanno chiamato questo essere vivente Panomo (da Pan, scimpanzé, e homo, uomo). Dopo di lui, scimmie e homo avranno una storia separata.

OMINIDI O OMININI? Fino a tempi recenti le specie più antiche erano conosciute con il termine ominide. Ma alcuni studiosi hanno osservato una stretta affinità fra gli esseri umani e un tipo di scimmia: lo scimpanzé. Hanno proposto, dunque, il termine ominini, che include tutto il genere homo e gli scimpanzé.

36


La storia dell’uomo

La storia dell’uomo, dunque, non è una linea retta, ma assomiglia di più all’immagine di un albero molto ramificato, simile a un cespuglio, dove alcuni rami si fermano a indicare l’estinzione di un homo, mentre altri proseguono. I ritrovamenti dei paleontologi testimoniano che ci sono state diverse specie che hanno vissuto contemporaneamente, almeno per alcuni periodi.

uomo di Neanderthal

homo erectus

homo habilis

australopiteco

Con la comparsa dell’uomo sulla Terra, ha inizio il periodo che gli studiosi definiscono Preistoria. La Preistoria viene divisa in Paleolitico o Età della pietra antica e Neolitico o Età della pietra nuova.

homo sapiens

PREISTORIA

STORIA

OGGI PALEOLITICO da 2 milioni e 500 mila a 12 000 anni fa

NEOLITICO da 12 000 a 5 mila anni fa

SINTESI: p. 82

da 5 mila anni fa a oggi con l’invenzione della scrittura

MAPPA: p. 83

VERIFICHE: pp. 100-101

37


STORIA

L’australopiteco Circa 15 milioni di anni fa, in Africa, la formazione di una spaccatura profonda della superficie terrestre, chiamata rift, divise una zona in due parti ben distinte: una con clima umido e ricca di foreste, un’altra con clima più asciutto e caratterizzata dalla presenza di alte erbe con radi alberi, la savana. Le scimmie della savana, non potendo più vivere sugli alberi, furono costrette ad adattarsi al suolo e cominciarono a camminare in posizione eretta, cioè su due zampe. Erano le scimmie antropomorfe, che gli studiosi hanno chiamato ominidi e che sono i nostri più lontani antenati. Più grosse delle altre scimmie, con le braccia più lunghe e robuste, avevano un cervello relativamente grande.

Antropomorfo

Deriva dal greco antropos, che vuol dire “uomo”, e morphos, che vuol dire “forma”, quindi significa “a forma di uomo”, “simile all’uomo”.

La posizione eretta faceva correre qualche rischio, come quello di essere visti da lontano, ma offriva molti vantaggi. Permetteva infatti: di guardare al di sopra delle erbe alte della savana e di vedere prima i pericoli; di avere due arti liberi per poter afferrare sassi e bastoni da utilizzare come armi. La posizione eretta sviluppò le capacità manuali degli ominidi e li obbligò a memorizzare un maggior numero di informazioni e a ragionare in modo più complesso. Di conseguenza, il loro cervello diventò più grande e la loro intelligenza aumentò.

38

A Z


La storia dell’uomo

Gli australopitechi, come gli studiosi hanno definito questi primi ominidi, erano alti circa 120 centimetri, pesavano 25-30 chilogrammi ed erano onnivori, cioè mangiavano di tutto: bacche, radici, frutti selvatici, piccoli animali cui davano la caccia o che trovavano morti, insetti, molluschi. Dormivano sugli alberi e di giorno si spostavano in cerca di cibo. Vivevano in gruppi. La caratteristica degli australopitechi era il pollice opponibile. Essi, cioè, avevano come noi il pollice che si opponeva alle altre dita della mano. Ciò permetteva loro di afferrare gli oggetti con una presa forte e precisa, rendendo possibili movimenti che richiedevano una certa abilità.

Australopitechi A Z Australopiteco significa “scimmia del sud”, perché i ritrovamenti sono avvenuti nell’Africa del sud, che si trova nell’emisfero australe.

LUCY, UNO SCHELETRO DAL PASSATO Nel 1974, in Africa, fu rinvenuto uno scheletro fossile di australopiteco risalente a 3 milioni e 500 mila anni fa. Le analisi effettuate permisero di stabilire che il fossile apparteneva a una femmina dell’età di 25-30 anni. I suoi scopritori la chiamarono Lucy. Lucy era alta poco più di un metro e pesava 30 chilogrammi. Camminava eretta, ma sapeva arrampicarsi sugli alberi. Aveva una dieta soprattutto vegetariana.

STUDIO

Indica con una X le affermazioni corrette relative ai primi ominidi.

Erano onnivori.

Vivevano sugli alberi.

Erano soprattutto carnivori.

Avevano il pollice verde.

Vivevano in gruppo.

Camminavano eretti.

SINTESI: p. 84

MAPPA: p. 89

39


Notizie

dall’Atlante

La vita nel Paleolitico

Il Paleolitico fu un periodo di tempo molto lungo: dai 2 milioni e 500 mila anni fino al 12 000 a.C. circa. Durante questo periodo l’uomo: • diventò capace di sfruttare le risorse dell’ambiente naturale; • imparò a sfruttare l’ambiente a proprio vantaggio. Divenne abile a fabbricare utensili e armi, a usare il fuoco, a costruire abitazioni. Durante il Paleolitico l’uomo fu nomade, ma cominciò a vivere in piccoli gruppi.

Spesso l’accampamento si trova vicino a un fiume o a un lago. La vicinanza dell’acqua presenta molti vantaggi: si ha sempre da bere, ma anche da mangiare perché gli animali usano l’acqua per abbeverarsi.

Branchi di cervi e bufali inseguiti dai cacciatori si rincorrono sulle pareti delle grotte. Nel tardo Paleolitico l’uomo, usando un’impalcatura di rami, dipinge scene di caccia come augurio per una caccia proficua.

2 milioni e 500 mila anni fa

12 mila anni fa PALEOLITICO

40


I cacciatori cacciano in gruppo con l’aiuto di lance appuntite. Preparano fosse ricoperte con frasche ed erbe e vi spingono gli animali più giovani.

Le donne raccolgono frutti e bacche e lavorano le pelli con raschiatoi.

L’uomo impara a scheggiare la pietra, fabbrica il chopper e in seguito l’amigdala. Con queste pietre scheggiate, l’uomo del Paleolitico rompe le noci, trita le radici, lavora le carcasse degli animali, ammorbidisce la pelle degli animali per ricavarne indumenti.

Scopre il fuoco, forse strappando un pezzo di legno da un tronco incendiato. Con il tempo e l’osservazione, impara a conservarlo, alimentandolo con erbe secche e rami. Dopo molto tempo ancora scopre come crearlo, probabilmente mentre batteva fra loro due selci.

SINTESI: p. 84

MAPPA: p. 88

VERIFICHE: pp. 102-103

41


STORIA

L’homo habilis Circa 2 milioni e 500 mila anni fa, in Africa comparve un nuovo ominide, il primo al quale può essere attribuito il nome di “uomo”: l’homo habilis. Aveva il cervello più sviluppato di quello degli australopitechi e quindi era più evoluto. Era alto circa 130 centimetri, pesava circa 40 chili e camminava stabilmente sulle due gambe. Viveva in piccoli gruppi e comunicava con gli altri attraverso suoni articolati. Era onnivoro: si cibava di bacche, radici commestibili, frutti, insetti, carne. All’interno dei gruppi, i più piccoli raccoglievano bacche, altri cercavano radici utilizzando bastoni per scavare. I maschi adulti cacciavano piccole prede o cercavano carcasse di animali morti, che spolpavano con strumenti di pietra. Proprio perché sapevano lavorare la pietra per costruire semplici strumenti, gli storici hanno definito questi ominidi “habilis”.

STUDIO

Completa la “carta d’identità” dell’homo habilis. • Periodo della comparsa: ................................................................................................................................................................................... • Area di diffusione: ...................................................................................................................................................................................................... • Aspetto fisico: ................................................................................................................................................................................................................. • Alimentazione: ............................................................................................................................................................................................................... • Vita sociale: ........................................................................................................................................................................................................................ • Attività praticate: ......................................................................................................................................................................................................... • Strumenti costruiti: ...................................................................................................................................................................................................

42


La storia dell’uomo

Il chopper è stato il primo stumento creato dall’uomo. Era ottenuto scheggiando le pietre di selce solo da un lato. La costruzione dei chopper testimonia che l’homo habilis: era già in grado di prevedere l’utilità dell’oggetto che voleva costruire; sapeva scegliere i materiali adatti alla realizzazione; possedeva le capacità manuali e intellettive per realizzare l’oggetto. Il chopper è stato anche il primo strumento multifunzionale della storia. Infatti, l’homo habilis lo utilizzava come arma da lancio per colpire le prede o come arma da taglio per tagliare la pelle degli animali, i pezzi di carne o le ossa. STUDIO

L e foto mostrano alcuni strumenti che nel corso del tempo hanno sostituito i chopper per varie funzioni. Scrivi il nome e spiega la funzione.

......................................................

......................................................

......................................................

......................................................

......................................................

......................................................

......................................................

......................................................

SINTESI: p. 85

MAPPA: p. 89

43


STORIA

L’homo erectus

Europa

Asia

Africa

L’homo erectus, cioè “l’uomo che sta in posizione eretta”, comparve sulla Terra 1 milione e 500 mila anni fa. Era alto circa 155 centimetri, più robusto del suo antenato e aveva un cranio più grande, con un cervello più sviluppato. Viveva in caverne o in capanne di rami e foglie, vicino ai corsi d’acqua, in piccoli gruppi, e praticava la caccia e la raccolta. Era molto abile nel lavorare la selce, un tipo di roccia molto dura che scheggiava da entrambi i lati, fino a darle la forma di una mandorla. Otteneva così un attrezzo tagliente, l’amigdala, che utilizzava come arma, coltello e raschiatoio. L’homo erectus, spinto probabilmente dalla necessità di seguire gli spostamenti delle mandrie di animali cui dava la caccia per nutrirsi, uscì dall’Africa e raggiunse l’Asia e l’Europa. Ne sono testimonianza i ritrovamenti avvenuti in Cina e in India, in Francia e in Italia. L’homo erectus poté esplorare nuovi ambienti, perché aveva scoperto il fuoco, che cambiò la sua vita.

STUDIO

Completa la “carta d’identità” dell’homo erectus. • Periodo della comparsa: ................................................................................................................................................................................... • Area di diffusione: ...................................................................................................................................................................................................... • Aspetto fisico: ................................................................................................................................................................................................................. • Alimentazione: ............................................................................................................................................................................................................... • Abitazioni: ............................................................................................................................................................................................................................ • Vita sociale: ........................................................................................................................................................................................................................ • Attività praticate: ......................................................................................................................................................................................................... • Strumenti costruiti: ...................................................................................................................................................................................................

44


La storia dell’uomo

La scoperta del fuoco è stata la più grande conquista dell’uomo del Paleolitico. Il fuoco era conosciuto, perché in natura scaturiva dalle erbe secche o dagli alberi morti colpiti dai fulmini e dalle eruzioni vulcaniche. I primi uomini temevano il fuoco, ma con il passare del tempo impararono a prenderlo su tizzoni di legno e a mantenerlo acceso. Solo in seguito l’uomo imparò ad accenderlo, principalmente in questi due modi.

Per strofinio, cioè sfregando fra loro due bastoncini di legno duro e dando fuoco a erba e muschio secchi.

Per percussione, cioè battendo fra loro due pezzi di selce: le scintille scaturite incendiavano erba e rami secchi.

La conquista del fuoco fu fondamentale per la sopravvivenza e l’evoluzione degli uomini, perché: permetteva di proteggersi dal freddo; illuminava le caverne; rendeva il cibo più masticabile e digeribile; teneva lontano gli animali feroci. Inoltre secondo gli storici ebbe anche un’importante funzione sociale. Intorno al falò gli uomini si riunivano a fine giornata, magari a svolgere le ultime attività prima di addormentarsi, e in questi momenti di aggregazione si è sviluppato il linguaggio: per trasmettersi informazioni, raccontare, organizzarsi.

LAVORIAMO INSIEME

caldare, illuminare, S cucinare: insieme ai tuoi compagni, scegliete una di queste funzioni svolte dal fuoco ed elencate il maggior numero di strumenti o mezzi che potete utilizzare per svolgerla oggi.

SINTESI: p. 85

MAPPA: p. 89

45


STORIA

L’uomo di Neanderthal Circa 250 000 anni fa, in Europa e nell’Asia occidentale si diffuse una specie umana dalle caratteristiche fisiche molto simili all’uomo moderno: era alto circa 170 centimetri, aveva il corpo massiccio, gli arti corti e robusti e un cranio molto capiente. Era l’uomo di Neanderthal, così chiamato perché i suoi resti furono trovati per la prima volta nella valle di Neander, in Germania. Quest’uomo visse in un periodo difficile dal punto di vista climatico, caratterizzato da glaciazioni che abbassarono notevolmente la temperatura e ricoprirono di ghiaccio molte zone della Terra.

46

UN UOMO FORTE L’uomo di Neanderthal aveva un fisico conformato per reagire contro il freddo. Il naso, ad esempio, era grosso e allargato in grado di riscaldare meglio l’aria in entrata verso i polmoni. L’uomo di Neanderthal aveva mani forti con grandi polpastrelli. Anche i suoi denti erano molto resistenti e venivano usati non solo per strappare pezzi di carne, ma anche per tenere fermi gli oggetti durante la loro lavorazione e per conciare le pelli, masticandole.


La storia dell’uomo

Viveva in piccoli gruppi, in caverne naturali, in ripari sottoroccia o in accampamenti all’aria aperta, dove le capanne erano costruite con ossa di mammut e pelli di animali. Cacciava animali tipici degli ambienti freddi (renne, mammut, orsi delle caverne, cervi…) e degli animali uccisi utilizzava tutto: carne, pelli, ossa. Sapeva costruire utensili in pietra piuttosto elaborati, con lame sempre più affilate: punte, amigdale, raschiatoi, pugnali. Seppelliva i propri morti, deponendoli anche su letti di fiori, ma non metteva offerte funebri nei luoghi di sepoltura. Circa 25 000 anni fa l’uomo di Neanderthal si è estinto per motivi non ancora del tutto conosciuti, probabilmente legati alla competizione, nei territori in cui viveva, con l’homo sapiens.

CLIL

They hunt and eat animals.

Appuntamento con…

il metodo di STUDIO

Per capire meglio di che cosa parla un testo, è utile suddividerlo in paragrafi, cioè in gruppi di frasi che trattano lo stesso argomento. Dividi il testo in paragrafi, utilizzando i colori indicati.

periodo e luogo di diffusione aspetto fisico abitazioni

attività a cui si dedicava culto dei morti estinzione SINTESI: p. 86

MAPPA: p. 89

47


I primi attrezzi

Tecnologia

Per mangiare, difendersi, preparare dei vestiti, costruire ripari, l’uomo capì che non bastavano le mani: servivano attrezzi che potessero aiutarlo ad affrontare i molti problemi pratici. I primi strumenti furono, quindi, quelli che lo aiutavano a procurarsi il cibo e a tagliarlo. La selce fu il materiale principale usato per ottenere oggetti affilati. Si poteva scheggiare facilmente con l’aiuto di un’altra pietra. Nulla si sprecava: le schegge più piccole che si formavano durante la lavorazione venivano utilizzate come lamette o punteruoli. Dalla scheggiatura si potevano ricavare punte di freccia o di lancia, lame per raschiare la pelle di animali cacciati, oggetti per tagliare.

Il chopper è stato il primo strumento creato dall’uomo. Per realizzarlo l’homo habilis scheggiava le pietre di selce su un solo lato, battendole una contro l’altra. Il chopper veniva tenuto con il palmo della mano e con esso l’uomo tagliava carni e pelli, schiacciava, scavava... Il nome deriva dal verbo inglese to chop che significa spaccare.

L’amigdala aveva una caratteristica forma a mandorla. Era scheggiata su entrambi i lati e con la lama più tagliente per frantumare le ossa degli animali, tagliare rami, pulire cortecce, triturare semi.

ANCORA PIÙ ANTICHI In Africa gli archeologi hanno rinvenuto degli utensili di pietra che sono stati stimati essere più vecchi di almeno 500 000 anni rispetto a quelli usati dall’homo habilis. Questo ritrovamento dimostra che alcuni ominidi avevano sviluppato l’abilità di costruire semplici strumenti in pietra. Gli archeologi ritengono che gli strumenti ritrovati servissero per rompere i gusci dei frutti o per scavare nel legno in cerca di insetti. Probabilmente, l’ominide che usò questi utensili potrebbe essere stato un australopiteco del genere di Lucy.

48


La storia dell’uomo

L’abbigliamento Per difendersi dal freddo intenso, l’uomo del Paleolitico imparò a utilizzare le pelli degli animali uccisi, dopo averle lavorate. Procedeva in questo modo. opo aver scuoiato gli animali, D puliva le pelli con un raschiatoio, per renderle così più morbide.

metteva le pelli ad asciugare vicino Poi al fuoco e le tagliava con degli strumenti appuntiti di pietra per dar loro una forma adatta.

I nfine, con un punteruolo di pietra, forava le pelli lungo i bordi e le univa tra loro usando aghi di osso e, come fili, tendini di animali o striscioline di pelle. CLIL STUDIO

Ordina le fasi della lavorazione delle pelli. Numera da 1 a 4.

Le pelli erano messe ad asciugare vicino al fuoco.

La pelle veniva forata con un punteruolo e poi cucita con aghi di osso e fili fatti di tendine di animale.

La pelle veniva pulita con un raschiatoio e resa più morbida.

La pelle veniva tagliata con strumenti appuntiti di pietra.

They wear animal skins.

Elenca gli strumenti che l’uomo usava per preparare le pelli degli animali. .....................................................................................................................................................................................................................................................

49


STORIA

La caccia e la pesca Per soddisfare il suo bisogno di cibo, l’uomo del Paleolitico si dedicava alla raccolta di frutti, bacche, tuberi e radici, che estraeva dal terreno con bastoni e sassi appuntiti, uova e insetti. In seguito diventò cacciatore e pescatore.

Il primo metodo di caccia consisteva nel lanciare sassi appuntiti e taglienti contro le prede.

Per cacciare animali di grandi dimensioni, come il mammut, si ricorreva all’uso del fuoco. In gruppo gli uomini si disponevano a semicerchio attorno alla preda, la spaventavano con i rami infuocati e la facevano precipitare in un dirupo.

In altri casi, i cacciatori spingevano l’animale in una trappola preparata prima. La trappola era una fossa profonda nella quale erano stati conficcati pali appuntiti sui quali l’animale rimaneva ucciso.

La pesca era praticata a mani nude o con lance rudimentali. Le lance erano fatte con legni appuntiti o con una punta di osso seghettato legata a un’estremità.

50


La storia dell’uomo

La vita in gruppo Gli uomini impararono a vivere in gruppo per sopravvivere in un ambiente ostile e per affrontare meglio i pericoli e le difficoltà di ogni giorno. Inizialmente si unirono in clan, cioè in gruppi di famiglie imparentati fra loro. All’interno dei clan le decisioni erano prese di comune accordo e ogni componente aveva un compito ben preciso. Le donne si prendevano cura dei bambini e con loro raccoglievano frutti ed erbe spontanee, si dedicavano alla raccolta e alla lavorazione delle pelli per realizzare abiti e tende. Gli uomini si dedicavano alla caccia, che praticavano in gruppo, e alla costruzione di armi e utensili. In seguito, più clan si unirono in tribù, gruppi composti anche di un centinaio di persone. Veniva scelto un capo, che era l’uomo più abile nella caccia e anche il più saggio, cioè in grado di fare da guida nelle decisioni importanti. Le tribù erano nomadi: spostavano i loro accampamenti da un luogo all’altro alla ricerca di animali da cacciare e di zone con un clima mite. Appuntamento con…

il metodo di STUDIO

Le mappe, gli schemi, le tabelle, i grafici permettono di visualizzare le informazioni contenute nel testo. Riproduci lo schema sul quaderno e completalo con le informazioni fornite dal testo. Vivere in gruppo vantaggi

suddivisione dei compiti

che cos’era un clan

dal clan alla tribù

51


Notizie

dall’Atlante

Case d’epoca

2,5 milioni di anni fa Una volta scesi dagli alberi, l’habilis prima e l’erectus dopo cercano rifugio in luoghi sopraelevati: grotte, spuntoni di roccia. Dall’alto controllavano il territorio e si difendevano dagli animali.

1 milione di anni fa In questo periodo l’homo cominciò a creare accampamenti, costituiti da semplici capanne di forma circolare costruite con rami intrecciati.

200 mila anni fa

In questo periodo il clima era freddo e i mammut erano numerosissimi. I Neanderthal costruivano le loro abitazioni con le ossa, le zanne e le pelli di questi animali.

52


40 mila anni fa Durante i loro spostamenti i cacciatori del Paleolitico utilizzavano questa capanna, larga 6-8 metri, di forma circolare e ricoperta di pelli.

9 mila anni fa In questo periodo le abitazioni erano costruite con mattoni di fango, e insieme formavano i primi villaggi del Neolitico. Si entrava dai tetti fatti a terrazze e c’erano scale dappertutto.

4 mila anni fa Un’abitazione caratteristica di questo periodo era la palafitta: veniva innalzata su pali infissi nei fondali di stagni e rive dei fiumi. Forniva un’ottima protezione dagli animali!

53


STORIA

Arte e religione L’uomo del Paleolitico è stato il primo artista della storia e a lui si devono numerose rappresentazioni rupestri, cioè dipinti realizzati sulle pareti delle caverne utilizzate come santuari per riti magici. L’uomo rappresentava soprattutto animali: cavalli, bisonti, antilopi, renne, cervi, mammut... forse per propiziarne la caccia, ma più probabilmente per acquisirne le qualità, come la forza o la velocità. A questi animali venivano spesso affiancate impronte di mani.

Le grotte di Lescaux, in Francia, furono scoperte nel 1940 e risalgono a circa 15 000 anni fa. Conservano circa cinquecento figure di animali diversi dipinti sulla roccia. Le grotte di Chauvet, in Francia, sono più antiche e risalgono a 30 000 anni fa, mentre nelle grotte di Altamira, in Spagna, ci sono rappresentazioni antiche di 13 000 anni. In tutte queste espressioni artistiche, gli uomini primitivi, con pochi tratti, seppero raffigurare le massicce corporature di animali come cervi, mammut, orsi, leoni, rinoceronti, cavalli, donando loro il senso del movimento e della realtà.

54


La storia dell’uomo

Gli uomini impararono anche a realizzare delle statuine, soprattutto di pietra tenera, che riproducevano delle figure di donna. Sono state chiamate “Veneri preistoriche” o “Dee madri”, perché avevano i seni e i ventri abbondanti, probabilmente per indicare la gravidanza e propiziare la fecondità.

Gli uomini del Paleolitico cominciarono a seppellire i morti. Le prime sepolture sono state scoperte all’interno di caverne: i corpi erano rannicchiati dentro fosse poco profonde, a volte coperti di ocra rossa, con alcuni oggetti accanto (una lancia, una conchiglia, un dente di animale…). Secondo gli studiosi, tutti questi ritrovamenti dimostrano legami di affetto tra le famiglie, i gruppi e i clan.

COLORARE NELLE CAVERNE I dipinti della preistoria hanno i colori caldi del rosso scuro, dell’ocra, del nero. I colori erano sostanze ricavate dalla natura circostante. Si usavano: terre, pezzi di carbone, pietre frantumate, succhi di vegetali diluiti con acqua o grasso animale. Il colore veniva disteso con le dita o servendosi di strumenti come pezzetti di legno, piume, peli di animali.

55


STORIA

L’homo sapiens Sulla base degli ultimi studi, si è accertato che tutti gli uomini di oggi fanno parte di un’unica specie, quella dell’homo sapiens, comparsa in Africa fra 200 e 150 mila anni fa e diffusa poi in epoche successive su tutto il pianeta. L’homo sapiens aveva le seguenti caratteristiche: la fronte e la volta cranica erano più alte di quelle degli ominidi precedenti; il mento non era più sfuggente, ma prominente; le ossa degli arti inferiori erano più lunghe; era alto circa 160-180 centimetri; pesava circa 70 chili.

I primi individui avevano una corporatura più gracile rispetto agli uomini precedenti, ma potevano contare su migliori capacità intellettive che permisero loro: di adattarsi meglio ai cambiamenti del clima e dell’ambiente; di elaborare un linguaggio formato non solo da gesti e da suoni, ma anche da parole; di sviluppare capacità artistiche.

56


La storia dell’uomo

Inizialmente l’homo sapiens era nomade, cioè si spostava da un luogo all’altro alla ricerca di cibo e di condizioni di vita migliori. La sua esistenza era quella tipica dei raccoglitori e cacciatori e la sua permanenza in un territorio dipendeva dalle risorse che questo offriva. Trovava spesso rifugio in caverne naturali, ma sapeva anche costruire capanne e tende con i materiali disponibili. Diventò molto abile nel costruire nuovi strumenti, anche piuttosto complessi e adatti a scopi precisi: asce e lance per la caccia, ami e arpioni per la pesca, raschiatoi e punteruoli per lavorare le pelli, aghi per cucire le pelli utilizzando i tendini degli animali come filo. Inventò anche l’arco con le frecce, molto utili per colpire gli animali a distanza.

amo

raschiatoio

Questi primi uomini vivevano in tribù, cioè in gruppi organizzati. Ogni tribù era formata da più clan, cioè gruppi di persone con vincoli di parentela (famiglie). All’interno di questi gruppi ognuno aveva un compito: gli uomini si occupavano della caccia, le donne e i bambini della raccolta.

CODING

Segui l’ordine degli argomenti ed esponi oralmente quello che hai imparato sull’homo sapiens.

1 Tempo e luogo della comparsa. 2 Caratteristiche fisiche. 3 Modo di vivere. 4 Attività.

5 Abitazioni. 6 Strumenti inventati. 7 Organizzazione sociale. 8 Abilità raggiunte.

SINTESI: p. 87

MAPPA: p. 89

57


STORIA

Le migrazioni

I tinerari dell’homo sapiens I tinerari dell’homo ergaster

UN VIAGGIO LUNGO MIGLIAIA DI ANNI La prima migrazione L’homo ergaster, vicino all’homo erectus, fu il primo uomo a muoversi dall’Africa e a intraprendere il lungo viaggio nel mondo. Si spostò in Asia e in Europa. La grande migrazione L’homo sapiens, che si era evoluto in Africa, lasciò il continente circa 200 mila anni fa per colonizzare il resto delle Terre. 95 mila anni fa giunse in Oriente e poi in Europa, 45 mila anni fa, dove trovò gli uomini di Neanderthal. Per ultima l’America Il viaggio proseguì in Australia dove l’uomo giunse 55 mila anni fa. L’ultima a essere colonizzata fu l’America, circa 15 mila anni fa.

58


CODING

Costruire un’amigdala

Metti in successione le frasi che spiegano come l’homo erectus costruiva l’amigdala. Numera da 1 a 5. Poi collega le spiegazioni alle immagini che le illustrano, numerando.

Scegliere una pietra da usare come martello.

Colpire la selce sullo spigolo da un lato, scheggiandola, in modo da renderla tagliente.

Scheggiare la punta per renderla più aguzza.

Colpire la selce sullo spigolo dall’altro lato, scheggiandola, in modo da renderla tagliente.

Prendere un pezzo di selce di media dimensione.

59


Verifica

L’uomo del Paleolitico

1 Colora solo le parole che si riferiscono al Paleolitico. dinosauri pitture rupestri

chopper

mammut

glaciazioni

homo erectus

caverne

Big Bang

2 Indica con una X se le seguenti affermazioni sono vere (V) o false (F).

• Si procuravano il cibo con la raccolta e con la caccia.................. • Allevavano gli animali..................................................................... • Vivevano in capanne fatte di tronchi, pelli e ossa di animali....... • Erano nomadi................................................................................. • Dipingevano quadri che appendevano nelle caverne................. • Si preparavano i vestiti con le pelli degli animali uccisi............... • Seppellivano i morti in tombe di marmo..................................... • Vivevano riuniti in gruppi familiari, chiamati clan.........................

V V V V V V V V

F F F F F F F F

3 Completa la tabella con delle X. australopiteco

homo habilis

homo erectus

uomo di Neanderthal

homo sapiens

Realizza i chopper. Realizza le amigdale. Impara a usare il fuoco. Dipinge sulle pareti delle caverne. Per primo seppellisce i morti. Vive in tribù. 4 Rispondi brevemente.

• L’uomo del Paleolitico imparò a vivere in gruppo. Quali furono i vantaggi? .....................................................................................................................................................................................................................................................................

• Che cosa si intende per clan? ....................................................................................................................................................................................................................................................................

• Come erano divise le varie occupazioni? ....................................................................................................................................................................................................................................................................

60


5 Completa la tabella inserendo al posto giusto i seguenti nomi di strumenti preistorici e indicando la loro funzione. amigdala • arco • chopper • lancia • raschiatoio • falce

homo habilis homo erectus uomo di Neanderthal homo sapiens

strumento

funzione

.......................................................................................

.......................................................................................

.......................................................................................

.......................................................................................

.......................................................................................

.......................................................................................

.......................................................................................

.......................................................................................

6 Come un antropologo, completa le seguenti “carte di identità”.

UOMO DI NEANDERTHAL Periodo della comparsa ............................................................................................................................ Area di diffusione

............................................................................................................................ Aspetto fisico ............................................................................................................................ ............................................................................................................................ ............................................................................................................................

Alimentazione ............................................................................................................................ ............................................................................................................................ ............................................................................................................................

HOMO SAPIENS Periodo della comparsa ............................................................................................................................ Area di diffusione ............................................................................................................................ Aspetto fisico ............................................................................................................................ ................................................................................................................

............

................................................................................................................

............

Alimentazione ............................................................................................................................ ................................................................................................................

............

................................................................................................................

............

TUTTO OK? In queste pagine pensi di aver lavorato:

molto bene

bene

non bene

Quale attività tra quelle proposte ti è stata più utile per lo studio?

Uso delle parole chiave.

Schema.

Ricerca delle informazioni.

Immagini.

61


Notizie

dall’Atlante

La vita nel Neolitico

Intorno a 15 000 anni fa il clima, da glaciale, si riscalda lentamente fino a diventare simile a quello odierno. Questo cambiamento modifica anche la flora e la fauna. Ha inizio il Neolitico, “età della pietra nuova”. I molti cambiamenti tecnologici che avvengono modificheranno profondamente la vita degli uomini.

L’uomo impara a lavorare i metalli. Il primo metallo a essere lavorato è il rame, abbastanza facile sia da trovare sia da essere modellato, perché fondeva a una temperatura bassa. Dopo il rame, i fabbri lavorano il bronzo e il ferro.

Le stoviglie sono in argilla, facile da modellare fino a ottenere forme e dimensioni diverse. In un primo tempo i vasi vengono fatti essiccare al sole; poi gli uomini scoprono che il fuoco indurisce l’argilla meglio e più rapidamente.

La pietra subisce un nuovo tipo di lavorazione: viene levigata con la sabbia per essere più liscia.

Il tessuto è un’altra grande invenzione del Neolitico. La principale fibra tessile è il lino, coltivato nei campi. Si tesse anche la lana che può essere di pecora, di cammello, di lama, di capra.

62


Dopo aver osservato il ciclo delle piante e raccolto quelle che la natura gli offriva, l’uomo comincia a seminare le piante di cui ha bisogno. Nasce l’agricoltura. Con l’agricoltura l’uomo smette di essere nomade e diventa sedentario: nascono i primi villaggi.

Nel Neolitico l’uomo inizia ad addomesticare gli animali e poi ad allevarli. Sono il bue, il maiale, la pecora, la capra, l’asino, il cane.

La specializzazione del lavoro favorisce gli scambi tra coloro che producono cibo e coloro che producono oggetti o strumenti di lavoro: nasce così il baratto, la prima forma di commercio.

SINTESI: p. 90

MAPPA: p. 92

VERIFICHE: pp. 104-105

63


STORIA

La nascita dell’agricoltura... Circa 12 000 anni fa il clima si riscaldò e causò cambiamenti significativi nella vita dell’uomo. La scomparsa delle grandi prede da cacciare lo obbligò a dedicarsi alla caccia di mammiferi più piccoli e a intensificare la raccolta di piante spontanee. Gli storici ritengono che proprio in questo periodo le donne, cui era riservata la raccolta, osservarono e compresero il ciclo di crescita delle piante. Iniziarono quindi a interrare alcuni semi, ad attenderne la crescita, a curarli e a innaffiarli, fino a ottenere nuovi frutti: era nata l’agricoltura. Le prime piante a essere coltivate furono i cereali, come l’orzo e il grano, e successivamente i legumi, soprattutto piselli e lenticchie. La scoperta dell’agricoltura non avvenne contemporaneamente su tutta la Terra, ma riguardò all’inizio le tribù vicino ai fiumi, perché così era facile avere l’acqua per irrigare le coltivazioni.

CLIL

They eat seeds and nuts.

Per poter svolgere i lavori nei campi l’uomo costruì nuovi attrezzi con la pietra levigata e il legno.

La falce era formata da una selce affilata in tutta la sua lunghezza e serviva per tagliare (falciare) le spighe di grano.

64

Con una pietra fissata su un lungo bastone furono fabbricate le prime zappe. Servivano per fare piccole buche nel terreno dove mettere i semi.

L’aratro era formato da un robusto bastone in cui era incastrata una lama. La lama penetrava nel suolo per creare i solchi per la semina. All’inizio l’aratro era trainato dagli uomini, in seguito da cavalli e buoi.


La storia dell’uomo

... e dell’allevamento Nello stesso periodo gli uomini capirono che alcuni animali potevano essere addomesticati. Il primo fu il cane, un prezioso aiutante per l’uomo: proteggeva le abitazioni, fiutava, inseguiva e stanava le prede durante la caccia, radunava gli animali. Poi fu la volta di capre, pecore, maiali, buoi e asini. L’uomo costruì recinti e si prese cura degli animali che allevava. In questo modo poteva avere sempre a disposizione carne, lana e pelli. L’allevamento, inoltre, permise all’uomo di cibarsi di latte, alimento che poteva essere utilizzato anche per preparare formaggi e burro.

L’agricoltura e l’allevamento richiedevano tempi lunghi, durante i quali l’uomo doveva rimanere nel luogo in cui aveva coltivato i terreni e dove custodiva i suoi animali: così diventò sedentario. Inoltre, l’alimentazione diventò più ricca e varia e migliorò la qualità della vita. Ciò portò a un aumento della popolazione. STUDIO

Completa con le informazioni fornite dal testo in queste due pagine. Le prime piante coltivate dall’uomo furono i ..............................., come ............................... e ................................... In seguito coltivò anche i ..................................... L’uomo addomesticò per primo il .......................................... Poi allevò .................................................................................................................................................................................................................................... SINTESI: p. 90

MAPPA: p. 92

65


STORIA

Il villaggio neolitico Con le pratiche dell’agricoltura e dell’allevamento, si formarono gruppi di persone sempre più numerosi che vivevano stabilmente nello stesso territorio e gli accampamenti provvisori furono sostituiti da abitazioni stabili. Nacquero i primi villaggi. Le abitazioni non erano più capanne o tende facilmente smontabili, ma abitazioni vere e proprie, costruite con pietra, legno, mattoni d’argilla seccati al sole, con i tetti di paglia e di frasche. Inizialmente queste costruzioni erano formate da un’unica grande stanza con al centro il focolare, un cerchio di pietre dove si accendeva il fuoco. Le case erano disposte intorno a un cortile, dove si svolgeva una buona parte della vita del villaggio. Sorsero anche edifici comuni, come i granai, i magazzini, le stalle, il forno per il pane e quello per cuocere l’argilla.

CLIL

stilt houses

66

stone houses

rectangular, mud and straw houses

round, mud and straw houses


La storia dell’uomo

L’organizzazione sociale La società nel villaggio neolitico era basata su clan familiari, cioè su gruppi di persone legate fra loro da vincoli di parentela. A capo di un clan vi era il capofamiglia che, di solito, era l’uomo più anziano, dotato di esperienza e di saggezza. In un villaggio convivevano più clan, e i capifamiglia formavano un consiglio di anziani che prendeva le decisioni che riguardavano la vita del villaggio. Con il nascere di un senso di spiritualità religiosa, assunse un ruolo importante lo stregone, che aveva il compito di fare da tramite con l’aldilà e praticare riti con i quali ottenere buoni raccolti, annate positive, tenere lontani pericoli e malattie… Poteva capitare che tra villaggi vicini si scatenassero rivalità e divenne necessario costruire steccati e palizzate a protezione delle ricchezze e delle scorte di cibo. Di conseguenza, alcuni uomini si specializzarono nella difesa del villaggio e nell’uso delle armi. Fu così che nacque la figura del guerriero.

STUDIO

ottolinea nel testo, con colori diversi, quale funzione svolgevano S i vari membri del villaggio. on l’aiuto delle parole chiave colorate nel testo, spiega oralmente C com’era organizzata la società neolitica.

67


Vivere in gruppo

Quando gli uomini primitivi cominciarono a vivere insieme nei villaggi, avvertirono la necessità di organizzarsi e, con il tempo, ognuno si specializzò in compiti precisi: alcuni andavano a caccia; altri costruivano utensili; altri lavoravano la terra e allevavano gli animali; le donne seminavano e raccoglievano i frutti, macinavano e cucinavano, filavano e tessevano; i più anziani prendevano le decisioni più importanti. Anche noi viviamo in gruppi: la famiglia, la scuola, gli amici, la squadra sportiva… All’interno di ogni gruppo ognuno di noi ha un ruolo, dei compiti da eseguire e delle regole da rispettare.

68

Cittadinanza attiva

dis

Rifletti e rispondi. Confrontati con i tuoi compagni. • Che cosa pensi che possa succedere se qualcuno, in un gruppo, non svolge il compito che gli è stato assegnato? Colora le parole che “fanno bene” al gruppo. collaborazione

altruismo

responsabilità

condivisione

egoismo

disponibilità

isolamento

bullismo

cooperazione

rispetto


La storia dell’uomo

Il commercio e il baratto Nei primi villaggi neolitici vennero a crearsi le condizioni che portarono ai primi scambi commerciali. Le attività artigianali e l’agricoltura divennero sempre più specializzate e nacquero vere e proprie professioni: il contadino, l’allevatore, il vasaio, il tessitore, il fabbro… cioè i mestieri. Nel villaggio ognuno svolgeva dei compiti specifici necessari alla vita del villaggio stesso. Cibo e utensili venivano prodotti in quantità superiori alle necessità e quindi si cominciarono a scambiare i prodotti in eccedenza. Gli agricoltori e gli allevatori, che avevano cibo in abbondanza, lo scambiavano con gli artigiani, i quali davano loro in cambio strumenti di lavoro e oggetti per la vita quotidiana. Questa forma di scambio si chiama baratto e fu la prima forma di commercio, senza monete.

CLIL

They make jewellery.

Gli scambi con il tempo si fecero più frequenti e avvenivano anche tra villaggi diversi. Fu così che nacque la figura del mercante, che si spostava da un villaggio a un altro per barattare i prodotti. Durante questi spostamenti, i mercanti incontravano altre persone, vedevano cose nuove, imparavano ciò che prima non conoscevano. Insieme alla circolazione di prodotti cominciarono a circolare notizie e idee. SINTESI: p. 91

MAPPA: p. 92

69


Nuove attività L’artigianato

Tecnologia

Le nuove attività e abitare stabilmente in un villaggio favorirono il progresso tecnologico. .........................................................................................................................................

In poche centinaia di anni, le donne scoprirono il sistema per trasformare i chicchi di grano in pane. I chicchi venivano schiacciati su macine di pietra e si otteneva la farina che veniva impastata con acqua, fino a formare delle focacce che venivano cotte sul fuoco. .................................................................................................................................................

L’uomo iniziò a lavorare l’argilla, che veniva cotta vicino al fuoco o in forni, per ottenere oggetti e recipienti in terracotta, più resistenti e impermeabili. Intorno al 5 000 a.C. l’uomo inventò il tornio, uno strumento molto utile per realizzare vasi d’argilla, che si usa ancora oggi. ...............................................................................................................................................................

Allevando capre e pecore, l’uomo si accorse che il pelo ottenuto dalla loro tosatura poteva essere trasformato in fili e intrecciato in modo da ottenere un tessuto. Lo strumento che permetteva di tessere era il telaio. ...............................................................................................................................................................

La crescente necessità di oggetti di uso quotidiano favorì la nascita dell’artigianato. Gli artigiani erano le persone che si specializzarono nella lavorazione di materie prime per ottenere vasi, tessuti, attrezzi da lavoro, armi, gioielli...

Il testo è stato suddiviso in paragrafi: per ciascuno, scrivi un titolo adatto.

70


I metalli Circa 7 000 anni fa l’uomo scoprì che alcune pietre, messe sul fuoco, fondevano, cioè si trasformavano in un liquido denso. Poi, raffreddandosi, il liquido tornava a indurirsi: l’uomo aveva scoperto i metalli. Con il tempo imparò a versare il metallo fuso in stampi di pietra o di argilla per ottenere strumenti duri e resistenti. Nacque il mestiere del fabbro.

1

2

3

........................................................................

........................................................................

........................................................................

........................................................................

........................................................................

........................................................................

4

5

........................................................................

........................................................................

........................................................................

........................................................................

Vennero realizzati oggetti utili per l’agricoltura e la caccia, come zappe, asce, lame, pugnali, punte di lance e di frecce, ma anche oggetti di ornamento, come collane, spille e bracciali. Il primo metallo a essere lavorato fu il rame, perché fondeva a temperature non elevate, ma era poco resistente. Grazie alla costruzione di forni in pietra, in cui si riusciva a raggiungere temperature più alte, gli uomini iniziarono a fondere anche il piombo, l’oro, l’argento e lo stagno. Cerca le informazioni nel testo e scrivi tu le didascalie alle immagini. SINTESI: p. 91

MAPPA: p. 92

71


STORIA

L’arte nel Neolitico Come già sai, fin dal Paleolitico l’uomo aveva mostrato la sua capacità di artista, dipingendo soprattutto figure di animali e realizzando statuette di donna, le “Veneri preistoriche” o “Dee madri”. Queste opere avevano una funzione “magica”, cioè quella di propiziare la caccia, aiutare a impossessarsi delle qualità degli animali dipinti, simboleggiare la fecondità o la prosperità. Nel Neolitico l’uomo iniziò invece a rappresentare soprattutto se stesso: scene di guerra, di caccia e di attività agricole, donne che danzano, abitazioni... Accanto alla pittura, praticava l’incisione, già introdotta nel Paleolitico, ma che ora, grazie a strumenti più efficienti, veniva eseguita con maggiore frequenza e abilità. Anche nella lavorazione della pietra, dell’argilla, dell’avorio e dei metalli l’uomo mostrò una capacità artistica nuova. Infatti i manufatti cambiarono: non erano più solo funzionali, ma anche belli. STUDIO

Osserva l’immagine e rispondi sul quaderno. • Quali elementi distingui nell’immagine? • Con che cosa può essere stata realizzata questa pittura? • Su quale superficie? • Quale attività rappresenta?

72

CLIL

They paint on cave walls.


Notizie

dall’Atlante

Un uomo del Neolitico: Ötzi

Attualmente la mummia di Ötzi, gli indumenti e gli oggetti che aveva con sé si trovano al Museo archeologico dell’Alto Adige di Bolzano.

Ötzi è il nome dato dagli archeologi alla mummia di un uomo vissuto 5 300 anni fa e ritrovata da due alpinisti nel 1991, sul ghiacciaio del Similaun, in Alto Adige. Morì in una piccola conca e il ghiaccio che lo ricoprì ha conservato il suo corpo, i suoi vestiti e gli oggetti che aveva con sé. La ricostruzione è stata possibile perché il corpo è stato ritrovato in perfetto stato di conservazione. Quando morì, Ötzi aveva circa 40 anni, quindi può essere considerato vecchio per la sua epoca. Indossava una tunica di pelle di capra e pantaloni di pelle di cervo. In testa aveva un berretto di pelle di lupo. Ai piedi portava scarpe di cuoio imbottite di fieno. Era armato con un’ascia che aveva la lama di rame fissata, con sottili strisce di pelle, a un manico di legno lungo 60 cm. Dentro a un fodero fatto con fibre naturali portava un pugnale con lama di selce, fissato al manico con tendini di animali. Aveva un arco e quattordici frecce nella faretra, il contenitore delle frecce.

Rispondi a voce. • Sulla base delle informazioni relative all’abbigliamento, quali considerazioni puoi fare sulle attività che gli uomini svolgevano in quel periodo? • Quali considerazioni puoi fare in base alle armi possedute da Ötzi? • Secondo te, Ötzi era: un agricoltore. un artigiano. un cacciatore. un guerriero. Perché?

73


STORIA

Verso la Storia Intorno al 5 000 a.C. gli uomini vivevano nei villaggi, praticavano varie attività, costruivano oggetti con materiali diversi e scambiavano i prodotti con altri villaggi. Gli scambi avvenivano anche con popolazioni che abitavano piuttosto lontano e da ciò nacque la necessità di inventare nuovi modi per trasportare merci pesanti e ingombranti. Così l’uomo ideò la ruota. Con gli scambi e il baratto i mercanti ebbero una nuova esigenza: registrare l’esatta quantità di merci comperate e vendute, perché la memoria da sola non era più sufficiente. Così l’uomo cominciò a scrivere, incidendo su un osso, su legno o sull’argilla dei segni che indicavano la quantità di prodotti o dei simboli che rappresentavano il tipo di merce. Questi segni vengono chiamati pittogrammi e sono la prima forma di scrittura. Gli storici riconoscono nell’invenzione della scrittura la linea di confine che separa la Preistoria dalla Storia vera e propria. Da questo momento, gli storici avranno a disposizione dei documenti scritti che permetteranno loro di ricostruire gli eventi del passato con maggiore precisione. 2 milioni e 500 mila anni fa

I Fenici furono i primi a usare un alfabeto simile al nostro, circa 3 000 anni fa.

5 mila anni fa PREISTORIA

74

I Sumeri furono tra i primi popoli a usare la scrittura su delle tavolette di argilla. Usavano dei pittogrammi, cioè dei semplici disegni ripetuti più volte per indicare la quantità degli oggetti.

STORIA


Visita al museo archeologico

grafica nuova?

Cittadinanza attiva

dis

Un museo archeologico è un luogo speciale, perché sono conservati i reperti delle civiltà del passato per farli conoscere a tutti. Vi sono esposti oggetti che risalgono anche a migliaia di anni fa, alcuni dei quali molto fragili. Per poter conservare al meglio questi importanti oggetti del passato, nel museo bisogna avere un comportamento adeguato. Le regole sono poche, ma vanno rispettate da tutti! Non correre nelle sale Cammina con calma e osserva con attenzione. Se finisci il percorso prima degli altri non vinci nessun premio! Non urlare Parla piano, per rispettare gli altri visitatori e per poter ascoltare chi ti sta guidando nel percorso. Non mangiare durante la visita Mangiare durante la visita, tra le opere esposte, è poco educato e può sporcare l’ambiente. Non toccare le opere esposte Forse non lo sai, ma le opere sono protette da sistemi di allarme. Inoltre, toccare un oggetto può danneggiarlo. Spegnere i cellulari O almeno metti il cellulare in modalità silenziosa. Uno squillante annuncio di chiamata in mezzo a reperti antichi... è una nota stonata. Non fotografare Se è vietato, non scattare foto... Guarda i reperti con i tuoi occhi e non attraverso uno strumento tecnologico.

75


Verifica

L’uomo del Neolitico

1 Indica con una X se le seguenti affermazioni sono vere (V) o false (F).

• Neolitico vuol dire periodo della “pietra scheggiata”................... • Nel Neolitico gli uomini divennero agricoltori e allevatori............ • I capifamiglia costituivano il consiglio degli anziani. ..................... • Le abitazioni erano fatte di ossa e di pelli di animali. ................... • Gli uomini si spostavano da un luogo all’altro in cerca di cibo. ... • Gli uomini si organizzarono in villaggi di capanne. ....................... • I mercanti scambiavano i prodotti, cioè praticavano il baratto. ... • Si cominciò a lavorare i metalli. .......................................................

V V V V V V V V

F F F F F F F F

2 Collega per ricostruire le informazioni corrette sul Neolitico. I mercanti usano segni

per fondere metalli.

Si usano forni resistenti

oggetti di uso quotidiano.

Con lo sviluppo dell’agricoltura

l’uomo diventa sedentario.

L’uomo da semplice raccoglitore

per indicare le merci vendute.

Il Neolitico è il periodo

diventa agricoltore.

Gli artigiani producevano

della pietra levigata.

3 In ciascuna coppia di parole, cancella il termine sbagliato. L ’ultimo periodo del Neolitico è caratterizzato dall’uso di pietre / metalli, che l’uomo aveva imparato a lavorare. Il primo metallo che l’uomo utilizzò fu il rame / ferro. In seguito, l’uomo imparò a lavorare il ferro, che riusciva a fondere in telai / forni molto resistenti, nei quali si raggiungevano velocità / temperature molto alte.

TUTTO OK? In queste pagine pensi di aver lavorato:

molto bene

bene

non bene

Quale attività tra quelle proposte ti è stata più utile per lo studio? Uso delle parole chiave.

76

Schema.

Ricerca delle informazioni.

Immagini.


REALTÀ

Compito di

A caccia di dinosauri! Le maestre delle classi terze hanno deciso di organizzare il Festival della Preistoria. Ogni classe presenterà un argomento. La tua classe ha scelto di occuparsi dei dinosauri.

1 Cercate su libri e Internet informazioni Mar

ho k

e

o a

PALAU Molucche Celebes

M

e

CO

o

e

s

i

NAURU

TIMOR EST Timor

VANUATU

Coralli FIGI

AU S T R A L I A

CITTÀ DEL CAPO

I

n

d

i

a

n

o Gran Baia Au s t r a li a n a

CANBERRA

Tasmania

o

I. Kerguelen

Mar di Tasman

WELLINGTON

NUOVA ZELANDA

I. Auckland

e

(N. Zel.)

Penisola Antartica

Circolo Polare Antartic o

A

N

T

A

R

T

I

D

a

Mar dei

Tropico del Capricorno

REPUBBLICA LESOTHO SUDAFRICANA

0

KIRIBATI

n

NUOVA TUVALU GUINEA SALOMONE

i

n

a

s

a

n

Equatore

l

e

e

f i c oa c i

c

P

IST AN

n

PA K

a

INE

O

c

PP

CONG

O

ts

M

O

c

avvenuti in Italia, nei pressi di Altamura, in Puglia. Se siete vicini, organizzate una visita per avere documenti originali.

di D

MARSHALL

M i c r o STATI FEDERATI DI MICRONESIA

MAURIZIO

I. Falkland

Canale

I. Marianne Sett.

Nuova Guinea PAPUA

Giava

I. Riunione

L

3 Non trascurate i ritrovamenti

Filippine

GIACARTA

Terre Australi e Antartiche Francesi

k ra

LI

MONTEVIDEO

FI

URUGUAY

BUENOS AIRES

SEICELLE

MADAGASCAR

Mar delle

I N D O N E S I A

SWAZILAND

i

I SANTIAGO

NA ET S

o

Borneo

Sumatra

ANTANANARIVO

M

O

c

BOTSWANA

MALAYSIA

SINGAPORE

COMORE

MALAWI ZAMBIA

LUSAKA

t

i

TANZANIA

VI

k

f

KINSHASA

ZIMBABWE

A T I N E A R G E N

C

o

i

MALDIVE

MANILA

BRUNEI

RUANDA BURUNDI

NAMIBIA

ASUNCIÓN

(MYANMAR)

SRI LANKA

MOGADISCIO

KENYA

WINDHOEK

n

o

c

UGANDA

REP. DEM. CONGO

Tropico del Cancro

TAIWAN

BIRMANIA

Golfo THAILANDIA del Bengala BANGKOK CAMB.

Arabico

GIAPPONE TOKYO

COREA DEL SUD

A

BHUTAN

INDIA

OMAN

SOMALIA

N

BANGLADESH

E.A.U.

YEMEN

ETIOPIA

I

LA

BRASÍLIA

I. A leutine

COREA DEL NORD

PECHINO

N EP AL NEW DELHI

GIBUTI ADDIS ABEBA

a

C

a

GABON

BOLIVIA PARAGUAY

BAH. QATAR

o

Ú

ERITREA

SUDAN REP. DEL SUD CENTRAFRICANA CAMERUN

LUANDA

LA PAZ

Tropico del Capricorno

P

TOGO BENIN SÃO TOMÉ E PRÍNCIPE GUINEA EQUATORIALE

M. di Bering

a M

C

Mare

S U DAN

NIGERIA ABUJA

ANGOLA

R

I .

LIMA

BURKINA FASO

KHARTOUM

l

P E

n TONGA

Polinesia e s Francese i Bora Bora a

M

CIAD

ss

i

SAMOA

B R A S I L E

ARABIA RIYADH

SAUDITA

Ro

t

ECUADOR

L I B I A EGITTO

ar

BARBADOS GRENADA

A

Guyana Franc.

BAMAKO

GUINEA

KUWAIT

IL CAIRO

NIGER

i

MONGOLIA

AFGHAN.

IRAN

GIORD.

TRIPOLI

SIERRA LEONE COSTA D'AV. LIBERIA

E

l

QUITO

I. Galápagos

SENEGAL

GAMBIA GUINEA-BISSAU

SAINT VINCENT E GRENADINE

AM SU R I N A G U YAN

o

COLOMBIA Equatore

K I R I B A T I

SAINT LUCIA

TRINIDAD E TOBAGO

CIPRO SIRIA TEHERAN LIBANO I R AQ ISRAELE

M

o

TURCHIA

GRECIA

it TUNISIA e r r a n e o

ALG E R IA

r

s pio

n

MAURITANIA

A

ALMATY

Ca

a

Sahara Occ. (Maroc.) CAPO VERDE

e

I

UZ BE KIS KIRGHIZISTAN TA N TAGIKISTAN TURKMEN.

Mar Nero GEOR. ISTANBUL ARM. AZER.

ALB.

ATENE

ed

e

SAINT KITTS E NEVIS ANTIGUA E BARBUDA DOMINICA

Antille

o

c

REP. DOMINICANA

n

I C

O

BAHAMA

B A

GIAMAICA

O

ITALIA

Mar M

ALGERI

MAROCCO

a

S S M E

L’AVANA CITTÀ DEL MESSICO BELIZE C U

HAITI GUATEMALA HONDURAS Mar dei Caraibi EL SALVADOR NICARAGUA CARACAS COSTA RICA PANAMÁ VENEZUELA BOGOTÁ

P

geografica della Terra, su cui evidenziare i luoghi delle scoperte.

Tropico del Cancro

a

ii

2 Procuratevi una grande carta

w

Golfo del Messico

ERZ. BULG. MONT. MAC.

ROMA

SPAGNA

RABAT

Bermuda (R.U.)

I. H a

PORTOGALLO

b

S

K A Z A K I S TA N

SLO. CRO. BOS. ROMANIA

FRANCIA MADRID

WASHINGTON

M.

I

BIA

I

T

e

T

I

c

A

N

i

S

O

O

T

S U

MOSCA

BIELOR. P.B. BERLINO GERM. POLONIA KIEV LONDRA BEL. R. CECA LUSS. SLOVAC. U C R AI NA MOL. PARIGI SVIZZ. AUSTRIA UNGH.

IRLANDA

Terranova

OTTAWA

S U

EST. LET. LIT.

REGNO DAN. UNITO

MBI

A

R

ZA

D

Artico Circolo Polare

FINLANDIA

STOCCOLMA

O

A

OSLO

i

N

NORVEGIA

ISLANDA

d

A

s on

.

C

ud

A

Str .d iH

Baia di Hudson

ZI

uti n e

Artico

Mare di Barents

A L I

A le

(Dan.)

Circolo Polare Artico

GHANA

I.

Glaciale

Groenlandia

Baia di Baffin

SVE

Mar di Beaufort

ering

A l aska (USA)

Str. di Davi s

iB r. d St

SER

relative ai luoghi e alle date delle scoperte. Documentate il lavoro con immagini sia del luogo del ritrovamento sia dei fossili.

E

4 Insieme all’insegnante, preparate un cartellone che indichi dove e quando sono stati ritrovati i fossili dei dinosauri e presentatelo alle altre classi.

77


SINTESI

per lo studio

LE FONTI Lo storico utilizza le fonti per ricostruire il passato. Le fonti possono essere: orali: racconti, interviste, registrazioni… • orali visive: fotografie, filmati, pitture, affreschi, graffiti… • visive materiali oggetti della vita quotidiana, strumenti, • materiali: giocattoli, resti di esseri viventi… scritte lettere, libri, incisioni… • scritte:

I FOSSILI I fossili sono i resti pietrificati (cioè diventati pietra) di piante e animali vissuti in epoche antichissime, che si sono conservati nella roccia o nel terreno. Attraverso i fossili gli studiosi riescono epoca in cui l’essere vivente a stabilire l’epoca è vissuto.

Appuntamento con…

il metodo di STUDIO

Il titolo può fornire una prima informazione sull’argomento.

78

I MIEI COMPITI... sul quaderno

1. 1. Perché lo storico utilizza le fonti? 2. Quali sono le fonti? 2. 3. Che cosa sono i fossili? 3. 4. Dove si sono conservati i fossili? 4. 5. Perché i fossili sono importanti per lo storico? 5.


MAPPA

per l’esposizione orale

LA STORIA è

è studiata dallo

la ricostruzione del passato

storico

attraverso

con la collaborazione di

le fonti

la linea del tempo

orali visive scritte

archeologo paleontologo geologo antropologo

materiali tra cui i fossili resti pietrificati di vegetali e/o animali

79


SINTESI

per lo studio

LA NASCITA DELLA TERRA In un tempo lontanissimo l’energia che era nello spazio esplose. Bang cioè il “grande scoppio”, ha dato origine all’Universo Universo. Il Big Bang, Il materiale dell’esplosione, con il passare del tempo, ha formato stelle, il Sole Sole, la Terra e gli altri pianeti pianeti. le stelle In origine la Terra era una massa infuocata, poi si raffreddò e diventò terrestre Dai vulcani vulcani, nati sulla crosta solida, formando la crosta terrestre. acqueo che si trasformò in nuvole nuvole. terrestre, uscì vapore acqueo, oceani. La pioggia caduta dalle nuvole formò mari e oceani LE ERE GEOLOGICHE La storia della Terra viene suddivisa in cinque lunghissimi periodi geologiche di tempo, chiamati ere geologiche. 1. All’inizio dell’era era arcaica non vi erano forme di vita, poi nei mari alghe, formati da una sola cellula. cellula comparvero i batteri e le alghe 2. Nell’era era primaria o paleozoica comparvero organismi con più cellule: spugne, meduse spugne meduse, stelle marine, marine vermi e trilobiti trilobiti. Comparvero anche i primi organismi sulla terraferma: prima le piante insetti, gli anfibi e in seguito i rettili rettili. come le felci, poi gli insetti 3. Durante l’era era secondaria o mesozoica si diffusero nuove piante dinosauri. Apparvero i primi uccelli e i piccoli mammiferi. mammiferi e vissero i dinosauri 4. Durante l’era era terziaria o cenozoica si diffusero i mammiferi scimmie. sia sulla terraferma sia nell’acqua e comparvero le scimmie 5. Nell’era era quaternaria o neozoica comparvero gli ominidi ominidi. I MIEI COMPITI... sul quaderno

LA NASCITA DELLA TERRA 1. A che cosa ha dato origine il Big Bang? 1. 2. Che cosa hanno formato i materiali dell’esplosione? 2. 3. Esponi la sequenza dei fatti che hanno dato origine ai mari e agli oceani. LE ERE GEOLOGICHE 1. In quale era e in quale luogo comparvero le prime forme di vita? 1. 2. In quale era comparvero i primi mammiferi? 2. 3. In quale era comparvero gli ominidi? 3.

80


MAPPA

per l’esposizione orale

LA STORIA DELLA TERRA è stata suddivisa in ere geologiche era arcaica

da 4 miliardi a 600 milioni di anni fa

nei mari

nei mari era primaria o paleozoica

da 600 a 230 milioni di anni fa

organismi unicellulari: alghe, batteri organismi pluricellulari: spugne, meduse, stelle marine, vermi, molluschi primi vertebrati: pesci

sulla terraferma

anfibi, primi rettili

nuove piante

era secondaria o mesozoica

da 230 a 65 milioni di anni fa

era terziaria o cenozoica

da 65 a 2 milioni di anni fa

mammiferi

scimmie antropomorfe

era quaternaria o neozoica

da 2 milioni di anni fa a oggi

homo habilis

homo sapiens

• rettili, fra cui i dinosauri • uccelli • piccoli mammiferi

81


SINTESI

per lo studio

L’EVOLUZIONE primati, L’evoluzione dei mammiferi portò alla comparsa dei primati antropomorfe cioè simili all’uomo. tra cui ci sono le scimmie antropomorfe, La caratteristica principale dei primati è quella di avere opponibile cioè un dito messo in posizione il pollice opponibile, diversa dagli altri, che permette di afferrare gli oggetti. I primati, che con il tempo hanno cominciato a camminare su due gambe, gambe sono chiamati ominidi ominidi. Gli studiosi dicono che tra gli uomini e le scimmie esiste un antenato in comune vissuto 5 milioni di anni fa. evoluzione degli uomini si usa l’immagine Per rappresentare l’evoluzione cespuglio: i rami che si fermano indicano l’estinzione di un cespuglio di alcuni ominidi, altri rami invece si sono sviluppati fino a formare il ramo dell’homo sapiens, da cui tutti discendono gli uomini. LA PREISTORIA La Preistoria è quel periodo di tempo lunghissimo che va invenzione della scrittura. scrittura dalla comparsa dell’uomo fino all’invenzione Paleolitico, o età della pietra antica, e Neolitico Neolitico, Si divide in Paleolitico o età della pietra nuova. Appuntamento con…

il metodo di STUDIO

Le parole chiave sono le parole più importanti nel testo. Sono scritte in colore, ti permettono di comprendere il testo e ti aiutano a ripeterlo.

82

I MIEI COMPITI... sul quaderno

L’EVOLUZIONE 1. A che cosa portò l’evoluzione dei mammiferi? 1. 2. Che cosa vuol dire il termine “antropomorfo”? 2. 3. Qual è la caratteristica principale dei primati? 3. 4. Che cosa si intende per “ominide”? 4. 5. Che cosa vuole rappresentare l’immagine 5. del cespuglio? LA PREISTORIA 1. In quanti periodi si divide la Preistoria? 1. 2. Tra quali due avvenimenti importanti 2. è compresa la Preistoria? 3. Che cosa significa Paleolitico? 3. 4. Che cosa significa Neolitico? 4.


MAPPA

per l’esposizione orale

L’EVOLUZIONE DEGLI OMINIDI scimpanzé e uomo con antenato in comune scimpanzé

uomo che si evolve

il cespuglio della storia dell’uomo è formato da tanti rami.

alcuni rami si fermano

altri rami proseguono

estinzione

homo sapiens

83


SINTESI

per lo studio

L’AUSTRALOPITECO Visse 15 milioni di anni fa in Africa, savana, una zona fatta di erbe nella savana e pochi alberi. L’australopiteco: • era alto poco più di un metro, aveva le braccia lunghe e il corpo ricoperto di peli; bipede, cioè poteva stare in posizione • era bipede eretta e camminava con due gambe; onnivoro, cioè mangiava di tutto: bacche, • era onnivoro radici, frutti, piccoli animali che cacciava; opponibile • aveva il pollice opponibile. IL PALEOLITICO nomade, cioè non abitava nello stesso Durante il Paleolitico l’uomo fu nomade posto, ma si spostava per seguire gli animali da cacciare. pescavano. Per vivere, gli uomini cacciavano grandi animali e pescavano Le donne raccoglievano frutti, bacche e radici. capanne. Vivevano dentro delle caverne o in capanne fuoco. Impararono a lavorare la selce e ad accendere il fuoco Durante il Paleolitico gli uomini uscirono dall’Africa. I MIEI COMPITI... sul quaderno

Appuntamento con…

il metodo di STUDIO

Le immagini (foto, disegni…) che accompagnano il testo sono molto importanti per la comprensione.

84

L’AUSTRALOPITECO 1. Dove vissero gli australopitechi? 1. 2. Come era fatto il loro corpo? 2. 3. Che cosa mangiavano? 3. 4. Com’era il loro pollice e che cosa permetteva 4. loro di fare? IL PALEOLITICO 1. Che cosa significa la frase “l’uomo fu nomade”? 1. 2. Che cosa facevano gli uomini per vivere? 2. 3. Di che cosa si occupavano le donne? 3. 4. Che cosa imparò l’uomo durante questo periodo? 4.


SINTESI

per lo studio

L’ HOMO HABILIS Fu chiamato così perché era abile a lavorare la pietra. L’homo habilis: • aveva il cervello più sviluppato di quello degli australopitechi; • era alto 130 centimetri e pesava circa 40 chili; c amminava su due gambe; gambe • camminava • viveva in piccoli gruppi ed era onnivoro. I maschi adulti cacciavano piccole prede oppure cercavano carcasse di animali morti; chopper, strumenti in pietra, per la caccia, per tagliare • usava i chopper pelli o piante. L’ HOMO ERECTUS Stava in posizione eretta. L’homo erectus: • era alto 155 centimetri. Aveva un cranio più grande con un cervello più sviluppato; nomade; • era nomade • viveva in caverne o in capanne di rami e foglie, vicini a corsi d’acqua; • viveva in piccoli gruppi; • praticava la caccia e la raccolta di frutta, bacche, radici; • fu abile a lavorare la selce (un tipo di pietra); amigdala, Riuscì a ottenere un attrezzo tagliente, chiamato amigdala che utilizzava come coltello, raschiatoio e arma; fuoco. • scoprì il fuoco I MIEI COMPITI... sul quaderno

L’ HOMO HABILIS 1. Che cosa significa il termine “habilis”? 1. 2. In che modo camminava l’homo habilis? 2. 3. Che cosa significa che l’homo habilis era onnivoro? 3. 4. Che cos’era il chopper e per quali usi era utilizzato? 4. L’ HOMO ERECTUS 1. Come viveva l’homo erectus? 1. 2. Che cosa riuscì a realizzare scheggiando la selce? 2. 3. Per quali usi era utilizzata l’amigdala? 3. 4. All’homo erectus è attribuita una scoperta fondamentale. Quale? 4.

85


SINTESI

per lo studio

L’UOMO DI NEANDERTHAL In alcuni periodi di tempo molte zone della Terra sono state ricoperte da ghiacci a causa del cambiamento del clima e del calo della temperatura. glaciazioni. Questi periodi sono stati chiamati glaciazioni Durante uno di questi periodi, circa 250 000 anni fa, visse uomo di Neanderthal. Neanderthal l’uomo L’uomo di Neanderthal: • era forte, con un fisico che si era adattato a vivere in ambienti freddi; • visse in Europa e in Asia; • viveva in piccoli gruppi in caverne naturali o in capanne costruite con ossa di mammut e pelli; • sapeva costruire e usare utensili in pietra sempre più elaborati: lame affilate, raschiatoi, pugnali; • cacciava mammut, renne, orsi, cervi, pescava e raccoglieva frutti; • fu il primo a seppellire i propri morti; • s i è estinto probabilmente per la competizione con l’homo sapiens.

I MIEI COMPITI... sul quaderno

1. Che cosa sono le glaciazioni? 1. 2. Com’era il clima durante il periodo in cui visse l’uomo di Neanderthal? 2. 3. Dove visse? 3. 4. Quali erano le sue caratteristiche fisiche? 4. 5. Come erano costruite le capanne in cui viveva? 5. 6. Quali animali cacciava? 6. 7. Che cosa fece per primo? 7. 8. Quali potrebbero essere i motivi della sua estinzione? 8.

86


SINTESI

per lo studio

L’ HOMO SAPIENS Homo sapiens significa “uomo sapiente”. È comparso in Africa e si è poi diffuso in epoche successive in tutti i continenti. L’homo sapiens: • aveva la fronte più alta di quella degli altri ominidi; • era alto 160-180 centimetri e pesava 70 chili; sviluppato • aveva un cervello molto più sviluppato, che gli permise di trovare soluzioni per adattarsi ai vari ambienti e ai cambiamenti del clima; linguaggio; • aveva un linguaggio nomade: si spostò dall’Africa verso tutti i continenti; • inizialmente fu nomade • viveva in capanne e tende; • fu molto abile nella costruzione di utensili vari: ami e arpioni per la pesca; raschiatoi, punteruoli, asce, aghi per cucire le pelli…; tribù, riunite in gruppi familiari: i clan clan. • viveva in tribù All’interno di ciascun gruppo ognuno aveva un compito.

I MIEI COMPITI... sul quaderno

1. 1. Che cosa significa “homo sapiens”? 2. Quali erano le sue caratteristiche fisiche principali? 2. 3. Avere un cervello sviluppato che cosa gli permise di fare? 3. 4. Quali utensili seppe costruire? 4. 5. Fu un uomo viaggiatore. Dove andò? 5. 6. Con chi viveva? Che cosa formò? 6.

87


MAPPA

per l’esposizione orale

PALEOLITICO DA 2 MILIONI E 500 MILA A 12 000 ANNI FA

attività attività: • caccia e pesca • raccolta

adattamento all’ambiente vita nomade: nomade si spostavano in cerca di cibo

strumenti strumenti: selce scheggiata: chopper, amigdala, raschiatoi, lame...

società società: • clan • tribù • c apo: uomo abile nella caccia e saggio

abitazioni abitazioni: caverne e capanne fatte di rami e pelli di animali

arte e religione: religione • dipinti rupestri • veneri preistoriche • seppellivano i morti migrazione

88


MAPPA

per l’esposizione orale

LA STORIA DELL’UOMO australopiteco

abitazione alberi • abitazione: a • alimentazione: limentazione bacche, frutti, piccoli animali, insetti, molluschi attrezzi: bastoni, sassi • attrezzi

homo habilis

• •

homo erectus

abitazione: •a bitazione caverne, capanne a • alimentazione: limentazione frutti, radici, bacche, carne di animali uccisi con la caccia a • attrezzi: ttrezzi raschiatoi, lame di selce, amigdala

uomo di Neanderthal

abitazione: •a bitazione caverne, capanne costruite con ossa e pelli di mammut a • alimentazione: limentazione carne di animali cacciati • attrezzi: attrezzi utensili in selce, punte, raschiatoi, pugnali

homo sapiens

abitazione: •a bitazione capanne, tende • alimentazione: alimentazione frutti, radici, bacche, carne di animali uccisi con la caccia e la pesca • attrezzi: attrezzi asce, lance, arpioni, ami, aghi, arco e frecce

abitazione: a bitazione alberi a alimentazione: limentazione bacche, radici, frutti, piccoli animali, insetti a • attrezzi: ttrezzi bastoni, chopper

89


SINTESI

per lo studio

IL NEOLITICO fa In questo periodo il clima Il Neolitico ebbe inizio 12000 anni fa. praterie diventò più mite e il territorio si coprì di boschi e praterie. Alcuni animali del freddo (mammut) si estinsero; altri si spostarono verso nord dove faceva più freddo. posto L’uomo cominciò a vivere sempre più a lungo nello stesso posto, agricoltura dove era più facile trovare del cibo. Cominciò a praticare l’agricoltura allevamento, diventando sedentario sedentario. e l’allevamento L’AGRICOLTURA E L’ALLEVAMENTO Durante questo periodo l’uomo cominciò a capire come crescevano le piante. piante Comprese: • che nascevano da un seme messo dentro la terra; • che era necessario aspettare e poi curare la pianta appena nata; • quando era il periodo giusto per la raccolta. allevamento. Nello stesso periodo nacque l’allevamento L’uomo capì che poteva addomesticare alcuni animali, che erano in grado di fornirgli carne, lana, pelli, latte. Costruì recinti e si prese cura degli animali che allevava. Con l’agricoltura e l’allevamento alimentazione dell’uomo l’alimentazione diventò più ricca e varia e migliorò la qualità della vita. vita I MIEI COMPITI... sul quaderno

IL NEOLITICO 1. Che cosa significa Neolitico? 1. 2. Come cambiarono il clima e il paesaggio in questo periodo? 2. 3. Quali furono i cambiamenti più importanti che riguardarono l’uomo? 3. L’AGRICOLTURA E L’ALLEVAMENTO 1. Come nacque l’agricoltura? 1. 2. Perché fu utile all’uomo l’addomesticamento degli animali? 3. Q uali furono i benefici che trasse l’uomo dall’allevamento e dall’agricoltura?

90


SINTESI

per lo studio

L’ARTIGIANATO, IL COMMERCIO, I METALLI Gli uomini e le donne impararono a schiacciare i semi su macine di pietra e a ottenere la farina farina. L’uomo imparò a cuocere l’argilla sul fuoco o dentro forni per farla terracotta. Con questo materiale costruì oggetti indurire e ottenere la terracotta e recipienti più resistenti per contenere e conservare i cibi. L’invenzione del tornio fu utile per formare i vasi. La lana di pecore e capre (ottenuta dalla tosatura) veniva lavorata e trasformata in fili, poi lavorata tessuti. al telaio per ottenere i tessuti Nel Neolitico gli uomini cominciarono a scambiare i prodotti che avevano in più con altri che non avevano. baratto, che fu la prima forma Nacque così il baratto di commercio senza monete. monete metalli. Si accorse Circa 7000 anni fa l’uomo scoprì i metalli che alcune pietre, messe sul fuoco, fondevano, cioè diventavano liquide, e che poi, raffreddandosi, tornavano a essere dure. Costruì in questo modo: lame, punte di lancia, frecce, spille, bracciali… Il primo materiale a essere lavorato fu il rame, poi ci furono il ferro, l’oro…

I MIEI COMPITI... sul quaderno

1. In quale modo l’uomo otteneva la farina? 1. 2. Quale materiale ottenne l’uomo cuocendo 2. l’argilla sul fuoco? 3. Per quale motivo fu così utile questa 3. invenzione? 4. Come erano prodotti i tessuti? 4. 5. Quale fu la prima forma di commercio? 5. 6. Come avveniva il baratto? 6. 7. Come scoprì l’uomo la fusione dei metalli? 7.

Appuntamento con…

il metodo di STUDIO

Per capire meglio un testo, è utile paragrafi, dividerlo in paragrafi cioè in gruppi di frasi che trattano lo stesso argomento.

91


MAPPA

per l’esposizione orale

NEOLITICO DA 12 000 A 5 000 ANNI FA

attività attività: • agricoltura • allevamento • artigianato • commercio

strumenti strumenti: pietra levigata, falce, zappa, aratro, telaio, tornio, forni

abitazioni abitazioni: • capanne fatte di legno, mattoni e pietre • primi villaggi

92

vita sedentaria: sedentaria vivevano nello stesso posto società società: • clan • capofamiglia • consiglio degli anziani • mestieri arte e religione: religione • incisioni rupestri • manufatti di argilla e di metallo • stregone: pratica i riti e mantiene il legame con l’aldilà


• Verifiche su livelli • Valutazione • Autovalutazione Lo storico e le fonti 94

1° LIVELLO

.....................................................................................................

2° LIVELLO

...................................................................................................... 95

La nascita della Terra 1° LIVELLO

...................................................................................................... 96

2° LIVELLO

...................................................................................................... 97

Le ere geologiche 1° LIVELLO

...................................................................................................... 98

2° LIVELLO

...................................................................................................... 99

La storia dell’uomo 1° LIVELLO

..................................................................................................

100

2° LIVELLO

..................................................................................................

101

Il Paleolitico 1° LIVELLO

..................................................................................................

102

2° LIVELLO

..................................................................................................

103

1° LIVELLO

..................................................................................................

104

2° LIVELLO

..................................................................................................

105

Il Neolitico

Com’è andata?

...............................................................

106


STORIA

1° LIVELLO

Nome e cognome ................................................................. Classe ............

Lo storico e le fonti 1 Completa indicando con una X. • La storia è: • Lo storico è lo studioso che: una fiaba raccontata dai nonni. fa esperimenti scientifici. l’insieme dei fatti del passato. scrive miti e leggende. un mito sull’origine del mondo. disegna carte geografiche. l’insieme degli eventi relativi a una ricerca e studia documenti del passato. persona, a un luogo. raccoglie informazioni sul passato. cerca di spiegare il passato. 2 Collega con una

ciascuna immagine al tipo di fonte che rappresenta.

fonte materiale fonte orale fonte scritta fonte visiva

3 Ordina le fasi della fossilizzazione. Numera da 1 a 3.

94

...................

su 12


Nome e cognome ................................................................. Classe ............

2° LIVELLO

STORIA

Lo storico e le fonti 1 Completa il testo con le seguenti parole. ricostruire • fonti • attendibili • investigatore • passato • storico La storia studia gli eventi del ............................................................ Per ricostruire ciò che è avvenuto, lo storico cerca tracce e testimonianze, cioè le ............................................................ Lo storico, quando ha verificato che le fonti sono ..........................................................., usa le informazioni che esse gli forniscono per ........................................................... gli eventi. Lo ..........................................................., in fondo, è come un ................................................................................... che cerca di scoprire la verità seguendo gli indizi. 2 Collega con una Pitture, foto, immagini che forniscono informazioni.

Racconti tramandati a voce.

ciascuna fonte alla definizione corrispondente.

fonte orale fonte visiva fonte scritta fonte materiale

Oggetti provenienti dal passato.

Lettere, giornali, scritti di epoche precedenti.

3 Ordina le fasi della fossilizzazione. Numera da 1 a 4. Lo scheletro assorbe i sali minerali contenuti nel terreno. Le parti molli si decompongono, le ossa restano più a lungo. I resti di un animale vengono ricoperti da sabbia, fango o terra. I sali minerali riempiono tutti i pori dello scheletro, che diventa roccia. 4 Completa. I fossili sono resti .................................................................................. di esseri viventi del passato. Del corpo di un essere vivente si fossilizzano le parti ................................................................................... Il .................................................................................. è lo studioso dei fossili.

...................

su 17

95


STORIA

1° LIVELLO

Nome e cognome ................................................................. Classe ............

La nascita della Terra 1 Ordina le fasi della nascita della Terra. Numera da 1 a 5. ciascuna immagine alla descrizione corrispondente. Poi collega con una Gas e polveri, ruotando, formarono le galassie. In una di queste si formò il Sole. In seguito si formarono la Terra e i pianeti del Sistema Solare. Nell’Universo ci fu un’esplosione: il Big Bang. Piovve a lungo e si formarono gli oceani. Dai vulcani uscirono gas e vapore acqueo: si formarono le nuvole.

2 Indica con una X se le seguenti affermazioni sono vere (V) o false (F). • Il Big Bang è una teoria scientifica sulla formazione dell’Universo. • Il Big Bang è avvenuto circa 1 500 anni fa. • Il Sole è uno dei pianeti formatosi in una galassia. • Dalle nuvole caddero grandi piogge che formarono gli oceani. • La Pangea era un grande oceano che circondava i continenti. • La Panthalassa era un unico continente circondato dall’oceano.

V  V  V  V  V  V

F F F F F F

3 Colora solo le parole relative alla nascita dell’Universo e della Terra. deserto

96

magma

pianeti

ghiaccio

piogge

Panthalassa

...................

su 20


Nome e cognome ................................................................. Classe ............

2° LIVELLO

STORIA

La nascita della Terra 1 Completa indicando con una X. • Il Big Bang è: una grande esplosione da cui ha inizio l’Universo. l’orologio della torre di Londra. • La Terra all’inizio era: una palla di fuoco ferma nello spazio. una palla di fuoco che girava su se stessa. • La superficie della Terra poi: si raffreddò lentamente formando la crosta terrestre. si raffreddò improvvisamente formando gli oceani. • All’interno della Terra scorreva: un liquido tiepido, il brodo primordiale. un liquido infuocato, il magma. • La Pangea era: un insieme di continenti in mezzo all’oceano. un solo continente circondato dall’oceano. 2 Ordina le fasi della nascita della Terra. Numera da 1 a 6. Si formano la Terra e gli altri pianeti. C’è una grande esplosione: il Big Bang. Si formano le stelle, tra cui il Sole. Cadono le piogge e si formano gli oceani. Le terre emerse sono riunite in un solo continente, la Pangea. Nuvole di materia incandescente si disperdono nello spazio. 3 Rispondi sul quaderno. • Quale funzione avevano i miti nel mondo antico? • Che cosa è il Big Bang? • Quali furono le conseguenze del Big Bang? • Come si presentava la Terra all’inizio della sua formazione? • Che cosa si intende per “Panthalassa”? ...................

su 16

97


STORIA

1° LIVELLO

Nome e cognome ................................................................. Classe ............

Le ere geologiche ciascuna era all’evento che l’ha caratterizzata.

1 Collega con una

Si affermano i dinosauri.

era arcaica

Nei mari nasce la vita.

era primaria era secondaria

L’uomo compare sulla Terra.

era terziaria

Compaiono i pesci.

era quaternaria

Compaiono i grandi mammiferi.

2 Completa con le seguenti date e con le informazioni che hai studiato. 4 milioni • 185 milioni • 3 miliardi • 50 milioni • 2 milioni • 300 milioni ............................................

di anni fa

Nell’acqua dei mari nascono le prime forme di vita.

............................................

di anni fa

Sul pianeta fa la sua comparsa l’...................................................... ..........................................................

............................................

di anni fa

Sulla Terra comparvero i primi .......................................

............................................

di anni fa

Le scimmie ............................................................

............................................

di anni fa

La Terra era dominata dai ..................................................................

............................................

di anni fa

Sulla Terra si sviluppano i grandi mammiferi.

iniziano a camminare in posizione eretta.

3 Colora solo le parole relative alle ere geologiche. ominidi

98

felci

trilobiti

esperimento

bussola

tirannosauro

glaciazioni

...................

su 20


Nome e cognome ................................................................. Classe ............

2° LIVELLO

STORIA

Le ere geologiche 1 Indica con una X se le seguenti affermazioni sono vere (V) o false (F). • Le prime forme di vita sulla Terra comparvero nell’acqua. • L’era primaria vide la comparsa degli anfibi. • Nell’era secondaria vissero dinosauri e uccelli. • L’era terziaria è l’era degli ominidi. • L’era quaternaria è l’era dei grandi mammiferi. • Nell’era quaternaria fece la sua comparsa l’uomo.

V  V  V  V  V  V

F F F F F F

2 Completa il testo con le seguenti parole. polvere • si estinsero • temperatura • vegetali • 65 • carnivori • meteorite Circa ................................ milioni di anni fa, improvvisamente, i dinosauri .......................................................... Gli storici hanno ipotizzato che responsabile della loro scomparsa possa essere stato un grosso ......................................................... caduto sulla Terra. L’impatto sollevò enormi masse di ......................................................... che oscurarono il Sole, impedendo al calore di raggiungere la superficie terrestre. Ci fu un notevole calo della ........................................................., che portò alla scomparsa di molti .......................................................... Questo portò alla morte di animali erbivori e, di conseguenza, sparirono i ......................................................... che non trovarono più prede. 3 Rispondi. • Quali organismi unicellulari fecero la loro comparsa nell’era arcaica? .............................................................................................................................................................................................................................................................

• Quali furono i primi organismi pluricellulari ad apparire nell’era primaria? .............................................................................................................................................................................................................................................................

• Quali animali vertebrati comparvero nell’era primaria? .............................................................................................................................................................................................................................................................

• Quali animali caratterizzarono l’era secondaria? .............................................................................................................................................................................................................................................................

• Nell’era terziaria si svilupparono i mammiferi. Perché? .............................................................................................................................................................................................................................................................

• Che cosa sono le glaciazioni? In quale era si verificarono? .............................................................................................................................................................................................................................................................

...................

su 19

99


STORIA

1° LIVELLO

Nome e cognome ................................................................. Classe ............

La storia dell’uomo 1 Osserva le immagini, scrivi i nomi degli uomini preistorici rappresentati e ordinali numerando da 1 a 4.

............................................

............................................

............................................

............................................

............................................

............................................

............................................

............................................

2 Osserva le immagini e indica di quale strumento si tratta. Poi completa i testi con le seguenti parole. solo • habilis • taglio • chopper • prede È un ...................................... L’homo ..................................... lo costruiva scheggiando una pietra da un ................................................ lato. L’uomo lo utilizzava come arma da lancio, per colpire le ....................................................., e come arma da ....................................................., per tagliare la carne o le pelli. ..............................................

erectus • arma • entrambi • amigdala • tagliente • selce È una ....................................................., ottenuta dall’homo ................................................ scheggiando una ..................................................... da ................................................. i lati. L’uomo otteneva così un oggetto ............................................................., che utilizzava come .................................................................

..............................................

3 Colora solo le parole relative all’uomo preistorico. sapiens

ominide scimmie

100

Big Bang evoluzione

fuoco dinosauri

erectus

Neanderthal selce ...................

su 27


Nome e cognome ................................................................. Classe ............

2° LIVELLO

STORIA

La storia dell’uomo 1 Per ciascun termine, scrivi la definizione. • Selce: ...................................................................................................................................................................................................................................... • Chopper: ........................................................................................................................................................................................................................... • Amigdala: ......................................................................................................................................................................................................................... 2 Colloca sulla linea del tempo i nomi dei seguenti ominidi. homo habilis • homo sapiens • homo erectus • australopiteco 4 000 000

3 000 000

2 000 000

1 000 000

Circa 2,5 milioni di Circa 4 milioni di anni fa compare anni fa compare l’................................................... l’...................................................

Circa 1,5 milioni di anni fa compare l’...................................................

Circa 200 mila anni fa compare l’...................................................

......................................................

......................................................

......................................................

......................................................

3 Collega con una

ciascun ominide all’affermazione corrispondente. Si abituò a vivere sul suolo e diventò bipede.

australopiteco homo habilis

Sapeva costruire capanne e tende. È stato il primo costruttore. Scheggiava le pietre su entrambi i lati.

homo erectus homo sapiens

Scheggiava le pietre su un solo lato. Era molto abile a costruire strumenti complessi. Fu il primo uomo a utilizzare il fuoco.

4 Completa lo schema indicando i vantaggi portati dalla scoperta del fuoco. ..................................................................................................................................................................................................

Il fuoco

.................................................................................................................................................................................................. .................................................................................................................................................................................................. ..................................................................................................................................................................................................

...................

su 18

101


STORIA

1° LIVELLO

Nome e cognome ................................................................. Classe ............

Il Paleolitico 1 Indica con una X le informazioni esatte sul Paleolitico. Gli uomini costruivano attrezzi scheggiando la selce.

L’uomo imparò ad accendere il fuoco.

Dipingevano sulle pareti delle caverne.

Abitavano in capanne fatte con ossa e pelli di animali.

Gli uomini del Paleolitico erano sedentari.

Cacciavano in gruppo e pescavano con ami di osso.

Le donne raccoglievano erbe, bacche, frutti spontanei.

Lavoravano i metalli per farne attrezzi e armi.

2 Osserva questi utensili, scrivi il loro nome e spiega la loro funzione.

È .................................................. Serve ......................................

È .................................................. Serve ......................................

È .................................................. Serve ......................................

È .................................................. Serve ......................................

........................................................

........................................................

........................................................

........................................................

3 Completa il testo con le seguenti parole. animali • tende • caverne • freddo • capanne • ossa Gli uomini del Paleolitico, per proteggersi dal .......................................... e dagli attacchi degli .......................................... feroci, utilizzavano ripari naturali come le ...................................................... Costruivano anche .......................................... con una struttura di rami o di ................................................... di animali ricoperte con le pelli degli animali uccisi. Utilizzavano inoltre .......................................... fatte con pali incrociati, ricoperte di pelli.

102

...................

su 20


Nome e cognome ................................................................. Classe ............

2° LIVELLO

STORIA

Il Paleolitico 1 Completa lo schema con le informazioni relative alla caccia nel Paleolitico. ..................................................................................................................................................................................................

La caccia

..................................................................................................................................................................................................

..................................................................................................................................................................................................

2 Completa la mappa. abitazioni

abbigliamento

..............................................................

..............................................................

..............................................................

..............................................................

utensili ..............................................................

L’uomo del Paleolitico

attività ..............................................................

..............................................................

..............................................................

organizzazione sociale

cultura

.............................................................. ..............................................................

...................

su 9

.............................................................. ..............................................................

103


STORIA

1° LIVELLO

Nome e cognome ................................................................. Classe ............

Il Neolitico 1 Completa la mappa con le seguenti parole. metalli • sedentario • mattoni • mestieri • scrittura • villaggi • levigata L’uomo impara a coltivare la terra e ad allevare gli animali. Diventa ............................................................................

L’uomo abita in capanne fatte di pietra, legno e

Vicino ai fiumi, nascono i primi .........................................................., circondati da una palizzata.

L’uomo del

............................................................

Neolitico

seccati al Sole.

In ogni villaggio si trovano: il vasaio, il tessitore, il fabbro, il guerriero, il mercante. Nascono i ..........................................................................................

L’uomo costruisce utensili di pietra ...................................................................... e, successivamente, impara a lavorare i ����������������������������������������������������������� .

Si usano segni e simboli per registrare le quantità di prodotti: nasce la ......................................................................................................

2 Colora solo le parole relative al Neolitico. mercante

villaggio amigdala

104

artigianato guerrieri

pietra scheggiata allevamento

caverna telaio

...................

su 13


Nome e cognome ................................................................. Classe ............

2° LIVELLO

STORIA

Il Neolitico 1 Collega con una

ciascuna causa all’effetto corrispondente.

Il maggior benessere del Neolitico portò…

allo sviluppo del commercio.

La produzione abbondante di beni portò…

a un aumento della popolazione.

La capacità di lavorare i metalli rese…

a un aumento della produzione artigianale.

L’invenzione di strumenti specifici portò…

importante la figura del fabbro.

2 Completa il testo con le seguenti parole. rame • attrezzi • fabbro • ferro • armi • metalli • bronzo Il ............................................................... divenne una figura importante nel Neolitico, perché era capace di lavorare i ..............................................................., che fondeva nei forni per ottenere ............................................................ per l’agricoltura, utensili domestici, ornamenti, ......................................................... Il primo metallo utilizzato nel Neolitico fu il ............................................................... poi, fondendo insieme rame e stagno, l’uomo ottenne il ..............................................................., una lega più resistente del rame. Intorno al 3 500 a.C. imparò a lavorare il ..............................................................., metallo più resistente dei precedenti. 3 Osserva le pitture rupestri trovate in Norvegia, poi completa e rispondi indicando con una X. • Nella pittura è rappresentata una scena di: caccia. allevamento. artigianato. agricoltura. • Quali elementi distingui? Aratro. Animali. Uomini. Telaio.

Recinto. Armi.

•Q uesta scena rappresenta un momento di vita quotidiana del: Paleolitico. Neolitico.

...................

su 17

105


Com’è andata?

1° LIVELLO

2° LIVELLO

RISPOSTE GIUSTE 1° LIVELLO 2° LIVELLO

Lo storico e le fonti

...............................

...............................

............

/ ............

............

/ ............

La nascita della Terra

...............................

...............................

............

/ ............

............

/ ............

Le ere geologiche

...............................

...............................

............

/ ............

............

/ ............

La storia dell’uomo

...............................

...............................

............

/ ............

............

/ ............

Il Paleolitico

...............................

...............................

............

/ ............

............

/ ............

Il Neolitico

...............................

...............................

............

/ ............

............

/ ............

VERIFICA

DATA

Verifica: Lo storico e le fonti Questa verifica è stata: facile impegnativa Conosco lo storico e le fonti: molto bene bene Sono soddisfatto del mio lavoro? molto poco Se la verifica non è stata positiva, rifletti. Penso di avere sbagliato perché: non ho capito le consegne   non ho studiato abbastanza   non sono stato attento

difficile non bene per niente

Valuto il mio lavoro (da 5 a 10): ........................... Valutazione dell’insegnante: ........................... Verifica: La nascita della Terra Questa verifica è stata: facile impegnativa Conosco la nascita della Terra: molto bene bene Sono soddisfatto del mio lavoro? molto  poco Se la verifica non è stata positiva, rifletti. Penso di avere sbagliato perché: non ho capito le consegne   non ho studiato abbastanza   non sono stato attento Valuto il mio lavoro (da 5 a 10): ........................... Valutazione dell’insegnante: ...........................

106

difficile non bene per niente


Com’è andata? Verifica: Le ere geologiche Questa verifica è stata: facile impegnativa Conosco le ere geologiche: molto bene bene Sono soddisfatto del mio lavoro? molto poco Se la verifica non è stata positiva, rifletti. Penso di avere sbagliato perché: non ho capito le consegne   non ho studiato abbastanza   non sono stato attento

difficile non bene per niente

Valuto il mio lavoro (da 5 a 10): ........................... Valutazione dell’insegnante: ........................... Verifica: La storia dell’uomo Questa verifica è stata: facile impegnativa Conosco la storia dell’uomo: molto bene bene Sono soddisfatto del mio lavoro? molto poco Se la verifica non è stata positiva, rifletti. Penso di avere sbagliato perché: non ho capito le consegne   non ho studiato abbastanza   non sono stato attento

difficile non bene per niente

Valuto il mio lavoro (da 5 a 10): ........................... Valutazione dell’insegnante: ........................... Verifica: Il Paleolitico Questa verifica è stata: facile impegnativa Conosco il Paleolitico: molto bene bene Sono soddisfatto del mio lavoro? molto poco Se la verifica non è stata positiva, rifletti. Penso di avere sbagliato perché: non ho capito le consegne   non ho studiato abbastanza   non sono stato attento

difficile non bene per niente

Valuto il mio lavoro (da 5 a 10): ........................... Valutazione dell’insegnante: ...........................

107


Com’è andata? Verifica: Il Neolitico Questa verifica è stata: facile impegnativa Conosco il Neolitico: molto bene bene Sono soddisfatto del mio lavoro? molto poco Se la verifica non è stata positiva, rifletti. Penso di avere sbagliato perché: non ho capito le consegne   non ho studiato abbastanza   non sono stato attento

difficile non bene per niente

Valuto il mio lavoro (da 5 a 10): ........................... Valutazione dell’insegnante: ...........................

Livello di autonomia nello studio Dopo queste verifiche, quale livello di autonomia penso di avere raggiunto nello studio? Sono in grado di studiare da solo? non ancora non del tutto: ho bisogno ancora di aiuto sì, so studiare da solo

Tra le strategie di studio che il testo mi ha proposto, mi sono state utili: l’uso di mappe l’uso delle parole chiave la suddivisione in paragrafi l’uso di tabelle le pagine di sintesi la ricerca delle informazioni

108


N otizie

dall’Atlante

IL FIUME

Prove d’ingresso

....................................................................

110

Che cos’è  la…

GEOGRAFIA?

N otizie

dall’Atlante

.....................................................................................

I paesaggi di terra In MONTAGNA...................

LA MONTAGNA

CLIL

.......................................................................................

La formazione delle montagne ................................................. Il vulcano........................................................................................................... La vita in montagna................................................................................ N otizie

dall’Atlante

I paesaggi di terra In COLLINA...........................

LA COLLINA.............................................................................................................. La formazione delle colline............................................................. La vita in collina CLIL ......................................................................... Educazione ambientale I problemi della montagna .... Educazione ambientale I problemi della collina............... N otizie

dall’Atlante

LA PIANURA

I paesaggi di terra In PIANURA.......................... CLIL

dall’Atlante

...................................................................................................

I paesaggi di acqua Nel LAGO.............................

CLIL

....................................................................................................

La formazione dei laghi...................................................................... ..............................................................

Gli aiutanti del geografo................................................................... Osservare il paesaggio....................................................................... Rappresentare lo spazio.................................................................... La riduzione in scala............................................................................... Le carte geografiche............................................................................. CODING La riduzione in scala............................................. Dati e grafici.................................................................................................. Orientarsi.......................................................................................................... LABORATORIO per comprendere... I punti cardinali............... Tecnologia Come orientarsi......................................................... Verifica Le carte geografiche ................................. Verifica L’orientamento ................................................

I PAESAGGI

N otizie

IL LAGO

I paesaggi di acqua Nel FIUME........................... 160

CLIL

............................................................................................

La formazione delle pianure.......................................................... La vita in pianura....................................................................................... La città................................................................................................................. Educazione ambientale I problemi della pianura......... Verifica I paesaggi di terra ........................................

114 116 118 120 121 122 124 125 126 127 128 130 131 132 134 136 138 139 140 142 144 145 146 148 149 150 152 153 154 156 157 158

N otizie

dall’Atlante

IL MARE

I paesaggi di acqua Nel MARE............................

CLIL

....................................................................................................

162 164 166 167 168 170 172

La vita al mare.............................................................................................. LABORATORIO per comprendere... Come posso togliere il sale all’acqua?......................................................................................... 174 Educazione ambientale Un mare… di plastica................ 175 Educazione ambientale L’uomo protegge.......................... 176 Verifica I paesaggi di acqua .................................... 178 Verifica I paesaggi ............................................................. 180 Verifica Le attività dell’uomo .................................. 181 An explorer

CLIL

....................................................................................

COMPITO DI REALTÀ

182

La mia città, il mio paese............. 183

Per lo studio... Per l’esposizione orale SINTESI MAPPA SINTESI MAPPA SINTESI SINTESI SINTESI SINTESI SINTESI SINTESI SINTESI MAPPA MAPPA

Le carte geografiche La riduzione in scala............................................... Le carte geografiche.............................................. I punti di riferimento I punti cardinali .......................................................... L’orientamento............................................................. La montagna.................................................................. La collina............................................................................ La pianura......................................................................... La città.................................................................................. Il fiume................................................................................. Il lago..................................................................................... Il mare................................................................................... I paesaggi......................................................................... La flora e la fauna......................................................

Verifiche su livelli

...........................................................................

184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196

197


Prove d’ingresso  1 Osserva il reticolo e scrivi le coordinate per indicare la posizione di ciascun elemento. ,

............... ..................

4

,

............... ..................

3

,

............... ..................

2

,

............... ..................

1 A

B

C

D

2 Segui il percorso di Dani, completa il testo e scopri dove arriva. • Dani esce dalla scuola sulla via Roma e va verso destra. • Supera via Genova poi gira a destra, in via .......................................................... . • Passa davanti all’.......................................................... e arriva in via .......................................................... . • Attraversa sulle strisce, va in via Po e dal .......................................................... compera un gelato. •R itorna sulla via Milano, passa davanti alla .......................................................... e al fornaio e arriva in .......................................................... . • Attraversa la piazza ed entra nel .......................................................... .

110

,

............... ..................


Prove d’ingresso  1 Osserva le immagini e scrivi il nome di ciascun ambiente. mare • montagna • collina • pianura

...........................................................

...........................................................

...........................................................

...........................................................

2 Per ciascun ambiente, scrivi due elementi naturali e due elementi antropici.

mare

montagna

collina

pianura

elementi naturali

elementi antropici

��������������������������������������������������������������������������������������������������������������

��������������������������������������������������������������������������������������������������������������

��������������������������������������������������������������������������������������������������������������

��������������������������������������������������������������������������������������������������������������

��������������������������������������������������������������������������������������������������������������

��������������������������������������������������������������������������������������������������������������

��������������������������������������������������������������������������������������������������������������

��������������������������������������������������������������������������������������������������������������

��������������������������������������������������������������������������������������������������������������

��������������������������������������������������������������������������������������������������������������

��������������������������������������������������������������������������������������������������������������

��������������������������������������������������������������������������������������������������������������

��������������������������������������������������������������������������������������������������������������

��������������������������������������������������������������������������������������������������������������

��������������������������������������������������������������������������������������������������������������

��������������������������������������������������������������������������������������������������������������

111


Prove d’ingresso  1 Osserva e scrivi, per ciascuna immagine, la lettera che corrisponde alla didascalia e di quale oggetto si tratta. F: oggetto visto di fronte • A: oggetto visto dall’alto • L: oggetto visto di lato

....................................................................

....................................................................

....................................................................

2 Colora solo le immagini viste dall’alto. Poi, per ciascuna, scrivi che cos’è e che funzione ha.

È ...................................................................................................... Serve per .............................................................................

È ...................................................................................................... Serve per .............................................................................

È ...................................................................................................... Serve per .............................................................................

È ...................................................................................................... Serve per .............................................................................

112


Prove d’ingresso  1 Per ciascun segnale stradale, scrivi se è luminoso, orizzontale o verticale e il messaggio che trasmette. È un segnale .............................................................. e vuol dire che ................................................................. ..................................................................................................................................................................................................................... .

È un segnale .............................................................. e vuol dire che ................................................................. .....................................................................................................................................................................................................................

.

È un segnale .............................................................. e vuol dire che ................................................................. .....................................................................................................................................................................................................................

.

È un segnale .............................................................. e vuol dire che ................................................................. .....................................................................................................................................................................................................................

2 Collega ciascuna immagine all’ambiente corrispondente.

montagna collina campagna mare città

113

.


Che cos’è  la…

GEOGRAFIA? La GEOGRAFIA è la scienza che studia, interpreta, descrive e rappresenta la Terra. Infatti, la parola geografia deriva da due parole del greco antico: geo, che significa “Terra”, e grafia, che significa “descrizione, scrittura”.

Lo studioso che si occupa di geografia è il geografo, il quale osserva e studia i diversi paesaggi della Terra, gli elementi che li costituiscono e le relazioni che gli esseri umani hanno con gli ambienti in cui vivono.

114


La geografia studia le caratteristiche dei vari tipi di paesaggi (montagne, colline, pianure, fiumi, laghi e mari) e le trasformazioni che la Terra ha subito e subisce per l’intervento dell’uomo. In alcuni ambienti l’intervento dell’uomo è poco evidente; in altri, invece, è molto visibile.

Le carte geografiche sono la rappresentazione della Terra attraverso le conoscenze della geografia. Permettono di osservare e capire gli spazi che ci circondano e quelli molto lontani.

115


GEOGRAFIA

Gli aiutanti del geografo Il lavoro del geografo è molto complesso e per studiare tutti gli aspetti di un paesaggio ha bisogno della collaborazione di altri esperti.

FOTOGRAFO Fotografa gli ambienti periodicamente e da diversi punti di osservazione, per documentare i cambiamenti che avvengono nel territorio nel corso degli anni.

CARTOGRAFO Utilizza le immagini e i dati matematici forniti dagli strumenti terrestri e satellitari per riprodurre la superficie della Terra e i mari sulle carte geografiche.

BOTANICO Studia la flora, cioè i diversi tipi di piante che vivono in un certo ambiente e l’influenza che hanno sulla vita dell’uomo e degli animali.

Appuntamento con…

il metodo di STUDIO

Il titolo fornisce informazioni importanti sul contenuto della pagina e dei paragrafi. Rifletti e completa indicando con una X. • Il titolo “Gli aiutanti del geografo” ti fa capire che: il geografo lavora da solo. il geografo ha bisogno di altri esperti.

116


Che cos’è la Geografia?

GEOLOGO Studia la conformazione del suolo e del sottosuolo.

ZOOLOGO Osserva e studia la fauna, cioè il modo di vivere degli animali e il loro adattamento all’ambiente.

CLIMATOLOGO Studia le variazioni del clima, che si verificano in periodi brevi oppure lunghi, e raccoglie elementi utili per stabilire le caratteristiche climatiche di un territorio.

STUDIO

Per ciascuna definizione, scrivi il nome dell’esperto. • Riproduce la superficie della Terra sulle carte: ..................................................................................................................... • Studia la vita degli animali: ............................................................................................................................................................................ • Studia la conformazione delle rocce: ............................................................................................................................................... • Studia le piante e il loro rapporto con l’uomo: ....................................................................................................................

VERIFICHE: pp. 90-91

117 SINTESI: p.6


GEOGRAFIA

Osservare il paesaggio Per studiare un territorio, il geografo deve raccogliere tutte le informazioni possibili sul paesaggio. Le informazioni possono essere ottenute sia attraverso l’osservazione diretta, cioè recandosi sul posto, sia con l’osservazione indiretta, cioè utilizzando fotografie e carte geografiche. Dopo aver raccolto le informazioni, il geografo può trarre conclusioni e capire i motivi dell’aspetto di un territorio, i cambiamenti avvenuti nel tempo e prevedere come quel territorio potrebbe modificarsi in futuro. Le fotografie sono molto importanti, perché forniscono informazioni diverse, a seconda del momento in cui sono state scattate (foto attuali o storiche) e in base alla parte di territorio che viene fotografato. Le foto storiche permettono di registrare i cambiamenti che il tempo e l’uomo hanno causato a un luogo e a un paesaggio.

Le foto da terra possono ritrarre un’ampia parte di territorio.

118


Che cos’è la Geografia?

Le foto aeree permettono una visione dall’alto e molto ampia di un territorio.

Le foto satellitari sono scattate dai satelliti artificiali che ruotano attorno alla Terra e permettono di ritrarre territori molto ampi della superficie terrestre, anche interi continenti.

119


GEOGRAFIA

Rappresentare lo spazio Tra gli strumenti fondamentali per il geografo troviamo le carte geografiche, che sono realizzate dal cartografo. Il cartografo riporta tutti gli elementi fotografati di un territorio in un disegno, secondo precisi criteri: 1. rimpicciolisce il territorio e lo rappresenta usando la riduzione in scala; 2. riporta solo gli elementi importanti; 3. rappresenta gli elementi reali con dei simboli, che sono spiegati in una legenda.

FOTOGRAFIA SATELLITARE DELLA TOSCANA

CARTA GEOGRAFICA DELLA TOSCANA

Legenda mare pianura montagna fiumi collina

Passo d. Cisa 1041

Lun

A

igi a na

p p e n ni SGarf n o a Carrara h io g n

LIGURIA

EMILIA-ROMAGNA

er

Passo dell’Abetone

an

a

Ve

Massa

rs

Lucca

ilia

903 o T o s c o - E m i l i a n Mugell Pistoia o Prato M. Falterona 1654

MAR CHE

o

gn

tin

Va l d i C h

p e c i A r

ian

Colline

a

Metallifere

M

UMBRIA

a

l a

M. Amiata

g

1738

br

on

s

m

o

a

n

m

c

I. Pianosa

Om

e

T

(Livorno)

e

o

r

Grosseto

Isola d’Elba

o

(Livorno)

a

a

gn

be

Al

M. Argentario

I. di Montecristo

635

I. del Giglio (Grosseto)

I. di Giannutri (Grosseto)

In queste due immagini puoi vedere una foto satellitare della Toscana e la corrispondente carta geografica. La legenda indica come interpretare i simboli e i colori presenti in una cartina.

120

Arezzo

i

Siena

Ceci

I. di Capraia

(Livorno)

o

o

no

nt

na

(Livorno)

ia

Arn

(Livorno)

ma

I. di Gorgona

el

sen

Ch

r

i d n t nti M o hia C

Va l d a r n o Inf.

Livorno

da Val

Arn

Tirreno

Ca

FIRENZE

o

Pisa

Prato

Mar

Passo della Futa

1388

c

Alpi Apuane

LAZIO


Che cos’è la Geografia?

La riduzione in scala Quando il cartografo riproduce sulla carta un territorio, tutti gli elementi devono essere ridotti in proporzione. Questo procedimento si chiama riduzione in scala. Sulla carta geografica la riduzione in scala è indicata con i numeri. Per esempio, sulla mappa in alto è indicato scala 1:10 000 (si legge “1 a 10 000”): significa che 1 cm sulla carta corrisponde a 10 000 cm nella realtà, cioè tutti gli elementi disegnati sulla carta devono essere diecimila volte più piccoli rispetto alla realtà. Più grande è il secondo numero della scala, più ridotto è il territorio disegnato. Infatti, nella carta qui a lato la scala è 1:100 000 e il territorio della prima carta corrisponde al rettangolo rosso.

Scala 1:10 000

V. de’Cerretani

Pzza. del Duomo

V ia d e ll P r o c o n s o lo

Piazza V. de’Pecori S. Giovanni V. de’Tosinghi

Via de’ Calzaiuoli

V. Brunelleschi

Via de’ Vecchietti

Via

d e ’ To r n a b u o n i

de ’F

os s

i

Ro V. Piazza Aminori

V. d. Pescioni

Piazza S. Maria Via de’Banchi lli ine Novella nd

V. Pellicceria

. Le

on i

.M ar i a g. A

rch

ibu

sier i

’Ca ste llan i

Lun

Ponte Vecchio

V. d

V. P or S

o

V. d e

a

Vi

Aeroporto Firenze Peretola

r Bo

Piazza Frescobaldi

V. Calimala

Piazza della Via del Corso V. d. Strozzi Repubblica Nu ov a Piazza Vi gn a Strozzi Vi a d. Via d i Pa Piazza rio Lu ne Davanzati ng Piazza Via Porta Rossa .C Piazza S. Trinità V or ia Pzza. S. Firenze sin Te i rm della e go S Signoria Lun s. A A pos gar toli no r S.Ponte Ac Trinità cia io l i n

Fiesole

Careggi

Bel Riposo

Fiu

me

Poggio Gherardo

Arn

o

FIRENZE

Isolotto

Arcetri

Scala 1:100 000 STUDIO

Osserva le casette disegnate, completa e rispondi. A

B C 1:2

D

• 1:2 significa che 1 quadretto della casetta B corrisponde a ............ quadretti della casetta A. • 1:4 significa che 1 quadretto della casetta C corrisponde a ............ quadretti della casetta A. • Qual è la scala di riduzione utilizzata per disegnare la casetta D? Conta i quadretti. ............................................................................................................

1:4 SINTESI: p. 76

MAPPA: p. 77

VERIFICHE: pp. 92-93

121


GEOGRAFIA

Le carte geografiche Le carte geografiche rappresentano il paesaggio come se fosse visto dall’alto e rimpicciolito, e prendono nomi diversi a seconda della grandezza del territorio che rappresentano e delle informazioni che danno. La pianta e la mappa rappresentano spazi piccoli come una stanza, una casa, dei quartieri... In esse si distinguono molti particolari e sono usati simboli facilmente comprensibili.

La carta fisica mostra gli aspetti naturali di un territorio, cioè montagne, colline, fiumi…, che sono indicati con dei colori: • montagne marrone • colline giallo • pianure verde • fiumi, laghi e mari azzurro • ghiacciai bianco Mincio

Appuntamento con…

il metodo di STUDIO

Le parole chiave sono le parole più importanti contenute nel testo e spesso sono colorate. ssicurati di conoscere il significato delle parole chiave e utilizzale per ripetere A l’argomento studiato.

122


Che cos’è la Geografia?

La carta politica rappresenta come è organizzato un territorio: i confini tra gli Stati, le regioni, le città, i paesi…

Temperature medie annue meno di 5° C da 5 a 10° C

Trento

da 10 a 14° C

Aosta Trieste

Milano Torino

da 14 a 16° C oltre i 16° C

Venezia

La carta tematica rappresenta un aspetto particolare del territorio, come le temperature annuali, un settore dell’economia, i luoghi d’arte, la fauna, la flora…

Bologna

Genova

Firenze Ancona Perugia

L’Aquila Campobasso

Roma

Il planisfero è la carta che rappresenta l’intera superficie terrestre su un piano. Napoli

Bari

Potenza

Cagliari Catanzaro Palermo

Il mappamondo, invece, rappresenta la superficie della Terra nella sua forma sferica.

Le carte geografiche sono:

ridotte perché il territorio rappresentato è più piccolo rispetto alla realtà.

simboliche

approssimate

perché si utilizzano simboli per rappresentare elementi reali. SINTESI: p. 76

perché rappresentano su un piano la superficie sferica della Terra.

MAPPA: p. 77

VERIFICHE: pp. 92-93

123


CODING

La riduzione in scala

L’immagine A rappresenta un tavolo visto dall’alto, che, nell’immagine B, abbiamo ridotto in scala 1:2. Segui il procedimanto e completa.

A

B

1ª fase C i si chiede che cosa vuol dire scala 1:2. Vuol dire che 1 quadretto della figura ridotta corrisponde a ....................... quadretti della figura data. 2ª fase S i conta il numero di quadretti che indicano la lunghezza del tavolo. Sono .......................; nella riduzione, quindi, la lunghezza sarà di ....................... quadretti. 3ª fase Si conta il numero dei quadretti che indicano la larghezza del tavolo. Sono .......................; nella riduzione, perciò, la larghezza sarà di ....................... quadretti. 4ª fase Con il righello, sulla rappresentazione della riduzione, si traccia una linea lunga ....................... quadretti e larga ....................... quadretti. 5ª fase Alla fine si completa la figura. Seguendo il procedimento indicato, riduci in scala 1:3 la figura rappresentata.

124


Che cos’è la Geografia?

Dati e grafici Il geografo nel suo lavoro usa anche alcuni strumenti della matematica: le tabelle e i grafici. I grafici più comuni utilizzati dal geografo sono: l’areogramma, l’istogramma e l’ideogramma.

AREOGRAMMA L’areogramma rappresenta i dati attraverso i colori. Nell’esempio puoi cogliere subito la ripartizione dei diversi paesaggi del territorio italiano.

pianura collina montagna

ISTOGRAMMA 5000 4000 3000 2000 1000 0

Altezza dei monti alpini

L’istogramma è utile per un rapido confronto fra singoli elementi dello stesso genere, come l’altezza dei monti, la lunghezza dei fiumi… Monte Bianco

IDEOGRAMMA

Monte Rosa

Cervino

Gran Paradiso

= 1 preferenza

Italiano

L’ideogramma rappresenta i dati con disegni molto semplici, in cui ogni figura rappresenta una quantità indicata nella legenda.

Storia Geografia Matematica Scienze

STUDIO

Leggi i grafici e individua le informazioni che forniscono. • L’areogramma mostra la suddivisione di un territorio sotto il profilo: politico. fisico. tematico. Il territorio più esteso è ..............................................................................................................................................................................  . • L’istogramma mette a confronto: la lunghezza dei fiumi italiani. l a densità della popolazione in montagna. all’altezza delle montagne alpine.

• L’ideogramma mette in evidenza: il numero di alunni di una classe.

l a materia preferita dagli alunni delle classi terze. la presenza in mensa al giovedì.

125


GEOGRAFIA

Orientarsi Orientarsi in uno spazio significa capire in quale luogo ci troviamo, dov’è il luogo che vogliamo raggiungere e in quale direzione dobbiamo muoverci. Lungo il nostro percorso alcuni punti di riferimento (un negozio, un monumento…) possono confermarci che stiamo andando nella direzione giusta.

I PUNTI DI RIFERIMENTO FISSI E MOBILI I punti di riferimento possono essere fissi (non si possono spostare) oppure mobili (possono muoversi o essere spostati).

In alcune situazioni, però, possiamo trovarci senza punti di riferimento, per esempio in aperta campagna, in un bosco... Per potersi orientare in queste circostanze, fin dall’antichità l’uomo utilizza come riferimento la posizione del Sole.

STUDIO

LAVORIAMO INSIEME

Lavora con un compagno. Osservate il disegno, decidete il percorso che deve fare Carolina per raggiungere la biblioteca e descrivetelo. Nelle vostre indicazioni, ricordate di utilizzare i punti di riferimento sparsi lungo il percorso.

126

SINTESI: p. 78

MAPPA: p. 79

VERIFICHE: pp. 94-95


Laboratorio per comprendere… I punti cardinali I nsieme all’insegnante e alla classe, segui le istruzioni e scopri i punti cardinali. Fai attenzione agli orari. Ore 9:00

Ore 12:00

• Su un grande cartellone bianco, disegna al centro la sagoma dei piedi. •E sci nel cortile della scuola, stendi il cartellone a terra e posizionati al centro. •C on il braccio sinistro indica la posizione del Sole. •U n compagno disegnerà il Sole sul cartellone, esattamente sotto la tua mano, e scriverà l’ora. •D iscuti con i compagni: dove sarà il Sole a quest’ora? •E sci in cortile, stendi di nuovo il cartellone a terra, posizionati, osserva il Sole e indicane la posizione. Un tuo compagno disegnerà sul cartellone il Sole proprio sotto la tua mano.

Ore 16:00

•D iscuti con i compagni: dove sarà il Sole a quest’ora? •E sci in cortile, stendi di nuovo il cartellone a terra, posizionati, osserva il Sole. Con il braccio destro indica la posizione del Sole: un compagno lo disegnerà sul cartellone, esattamente sotto la tua mano.

Conclusione Hai osservato che il Sole durante la giornata traccia un arco nel cielo e si trova in punti diversi, chiamati punti cardinali: • il punto dove sorge il Sole al mattino è l’est o oriente; • il punto in cui si trova il Sole a mezzogiorno è il sud o meridione; • il punto dove il Sole tramonta è l’ovest o occidente; • il punto opposto al sud è dove il Sole SUD EST non compare ed è il nord o settentrione. Ora puoi scrivere sul cartellone i nomi dei punti cardinali NORD che hai trovato.

OVEST

127


Come orientarsi

La bussola è formata da un quadrante sul quale sono indicati i quattro punti cardinali. Al centro c’è un ago calamitato libero di ruotare, la cui punta indica sempre il nord.

Laboratorio

Tecnologia

Mentre di giorno la posizione del Sole è un importante punto di riferimento, di notte è possibile orientarsi osservando le stelle. La stella Polare è il principale punto di Stella Polare riferimento e indica sempre il nord. Quando non è possibile vedere né il Sole né le stelle, l’uomo ha creato degli strumenti per orientarsi: uno dei più antichi è la bussola. Fu inventata dai Cinesi e introdotta in Europa nel XII secolo e diventò ben presto indispensabile per la navigazione.

per comprendere…

Costruisci una bussola Occorrente • bacinella d’acqua • tappo di sughero • ago • calamita Procedimento 1 Strofina la punta dell’ago sulla calamita. 2 Infila l’ago nel tappo facendo sporgere la punta. 3 Posa il tappo al centro della bacinella: la punta dell’ago si orienta sempre in una direzione, il nord. Fai attenzione: tieni la bussola in posizione orizzontale rispetto al terreno e stai lontano da elementi elettrici. Così funzionerà alla perfezione!

128

1 2

3


Grazie alle nuove tecnologie è possibile usare uno strumento molto preciso per orientarsi sia di giorno sia di notte: il navigatore satellitare. Questo dispositivo riceve segnali dai satelliti che ruotano intorno alla Terra, attraverso i quali rileva la posizione in cui ci si trova e indica la direzione da seguire per raggiungere la meta.

NORD

OVEST

EST

SUD Sulle carte geografiche o sulle mappe i punti cardinali sono sempre indicati nello stesso modo: il nord è in alto, il sud in basso, l’ovest a sinistra, l’est a destra.

STUDIO

Orientarsi

ompleta la mappa, C poi esponi oralmente.

significa

avere punti di

..............................................

..............................................

che in geografia sono

..............................................

..............................................

i punti .............................................. ..............................................

che possono essere individuati attraverso

l’osservazione del .............................................. e delle ...............................................................................

l’uso di strumenti come ..............................................

..............................................

129


Verifica

Le carte geografiche

1 Osserva la carta geografica e completa. Vetta d’Italia

2912

Adig e

en t o

am

nn

L. di Bracciano

L’Aquila

Ab

ino mp

ano

1281

Napoli

Vesuvio

Ischia

Ap

i

e

nto

Sa

se

le nt

Luc

o

e on Om br

ano

rb Ba

ag

1834

o

M u r g e

Ba

ino

Potenza

Gennargentu

M. Pollino

ia

G. di Policastro

Ca

M a r

c

Bari

pe

M. Volturino 1836 Cilento

Golfo di Orosei

L

nn

Sele

Golfo di Salerno

Capri

t

nto

Ofa

Ca

Irpinia

e

io

nn

er

n n Appe

no Voltur

a

1056

li

Ventotene

Isole Ponziane

o

Tirs Golfo di Oristano

F

vo

Sa

L. di Varano

Gargano

a

Palmarola

L. di

re Lesina

o ort

Campobasso

i

Ponza Golfo di Gaeta

Tavolara

no

T

Maddalena Caprera Costa Gallura Smeralda

s hina Cog

Golfo dell’Asinara

Bif

La Meta

r i a 2241

Lir

Agro Pontino

i

San Domino

er

ese

ia

Asinara

ru 2795 La Maiella

ROMA Mon 2064 C i ti Er o c nici

Bocche di Bonifacio

r Isole Tremiti

zz

CITTÀ DEL VATICANO

d

Gran Sasso

2912 d’Italia

in o

re

Giannutri

A

Tronto

pe

ano

Teve

sc

2216

e

i ient

Ch

Terminillo Ap

a

To

a

Ner

o igian arch

m

la

L. di Bolsena

Giglio

Ancona

o-M br

re Teve

o

1738

m

pe Montecristo

M. Amiata

re

ci

Isola d’Elba

go

ro

au

Met

Lago Trasimeno

r

Ap p. Um

Arn

Ar

Ma

Pianosa

SAN MARINO

o

Perugia

1060

Capraia

Tagl i

c e de l o P Fo

ian

Firenze

Colline Metallifere

a

o To 903 sco -Em il

Gorgona

ra

nnin

Arno

Pes ca

Passo della Cisa A p p e

Bologna Passo della Futa

M

Golfo di Genova

Reno

1039

Mar Ligure

Golfo di Venezia

Adige

Po

Secchia

ia bb Tre

Co

pi

Al

Ta ro

e

Genova

1908 Tenda

P

e

zie

Colle di

pennino Ligur

i Mari ttime

so

3297

Alp

inci

o

Tanaro

Ap

e

Po

Monviso

ve

uli

3841

Lago di Garda

e

m

ia t e M. Grappa eP n e 1775 v neta Ca Ve i lp Trieste r ra G. di Trieste ea u n Pr Venezia

P a d a nM a

Po

lo

ta Bren

B.

ino Tic

Milano

Torino

Lago d’Iseo

rd

Oglio

Adda

Prealpi lomba

P i a n u r a

Dora R.

Argentera

Lago di Como

Lago Maggiore

Dora

2541

2083

Do

Trento

it

Gi

4634

4478

Aosta

ie G r a4061 p iGran Paradiso A l Moncenisio

1883

Alpi Orobie

3343

Tonale

pi

4807

M. Bianco

Fréjus

L. di Lugano

M. Rosa

3905

Bernina

Al

A l p i Pe n n i n

Cervino

A

Atesine e Alpi ch ti Adige Alpi Ca r n i ch e R eStelvio 3221 i l p 4049 2758 Ortles Marmolada i M. Cristallo Carnia

ia

Spluga

2115

2248

mp

T i r r e n o

Golfo di Ta r a n t o

ti

Cra

id an te

Golfo di Cagliari

Golfo di Sant’Eufemia

Stromboli Filicudi Salina

ice Bel

3323

eto

e

M Pantelleria

Messina

di Nebro Etna

1979 Monti 1847

Madonie

1955 Aspromonte

I o n i o

Stretto di

Palermo

Sim

r

M a r

o

Marettimo Favignana

br

Isole Egadi Levanzo

Golfo di Squillace

la

a

di e fo mar Gol llam te

Cas

M

Panarea

Lipari Vulcano

Alicudi

Catanzaro

o C a

Isole Eolie

Ustica

La Sila

Appennin

ien

Sant’Antioco

les

Ig

o

San Pietro

1928

Cagliari

• Questa è una carta geografica ......................................................................... e descrive .................................................................................................................................. . • In queste carte si usano i colori per indicare gli elementi naturali del ........................................................................., cioè: • il verde per ����������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������; • il giallo per ����������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������; • il marrone per �������������������������������������������������������������������������������������������������������������������; • il bianco per ������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������; • l’azzurro per �������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������.

Golfo di Catania

Monti Iblei

e

986

Golfo di Gela

d

i

t

e

r

r

a

n

e

o

Linosa

Isole Pelagie

Lampione

Lampedusa

2 Osserva la carta geografica e completa. • Questa è una carta geografica .......................................................................... e descrive ����������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������� . • Collega ciascun simbolo al significato corrispondente: Città Confini di regione Confini di Stato

TUTTO OK? In queste pagine pensi di aver lavorato:

molto bene

bene

non bene

Quale attività tra quelle proposte ti è stata più utile per lo studio? Uso delle parole chiave.

130

Schema.

Ricerca delle informazioni.

Immagini.


Verifica 1 Scrivi i punti cardinali sulle rose dei venti.

L’orientamento NORD

................................

................................

................................

NORD

................................

................................

................................

2 Completa il testo. Orientarsi significa .............................................................................................................................................................................................................. Quando nell’ambiente non ci sono punti di riferimento, per orientarci possiamo usare di giorno ....................................................................... e di notte ................................................................................................................................... Il Sole sorge sempre a ....................................................................... e tramonta a ................................................................................... Se alla tua sinistra c’è l’est, alla tua destra c’è ................................................................................., davanti a te c’è ......................................................................................, dietro di te c’è .................................................................................................................................. Gli strumenti utili per orientarsi sono ......................................................................................................................................................... ....................................................................................................................................................................................................................................................................... sserva il disegno e immagina che l’auto si stia 3 O spostando. Guarda la bussola e completa. • Per andare verso nord devi .......................................................... ............................................................................................................................................

• Per andare verso sud devi ............................................................. ............................................................................................................................................

• Per andare verso est devi ............................................................... ............................................................................................................................................

• Per andare verso ovest devi ........................................................ ............................................................................................................................................

TUTTO OK? In queste pagine pensi di aver lavorato:

molto bene

bene

non bene

Quale attività tra quelle proposte ti è stata più utile per lo studio?

Uso delle parole chiave.

Schema.

Ricerca delle informazioni.

Immagini.

131


GEOGRAFIA

I PAESAGGI Il paesaggio è l’insieme degli elementi che caratterizzano una determinata area e che permettono di definirla. Il nostro pianeta è formato da diversi tipi di paesaggi: paesaggi di terra e paesaggi di acqua.

Altitudine

A Z

L’altitudine si misura partendo dalla superficie del mare.

I paesaggi di terra hanno caratteristiche diverse a seconda dell’altitudine alla quale si trovano rispetto al livello del mare. Sono: la montagna, la collina e la pianura.

PIANURA

MONTAGNA

COLLINA

132


I paesaggi

I paesaggi di acqua sono: il fiume, il lago e il mare.

FIUME

Le caratteristiche del paesaggio sono determinate dal clima, cioè dall’insieme delle condizioni atmosferiche e dalle temperature.

LAGO

MARE

Altri elementi importanti sono: la flora, che è l’insieme delle piante che vivono in una certa zona; la fauna, che è l’insieme delle specie animali che risiedono in un dato territorio. La presenza dell’uomo sul territorio è fondamentale. Per questo distinguiamo paesaggi naturali, nei quali l’impronta dell’uomo è assente o poco visibile, e paesaggi antropizzati, quelli modificati dall’uomo per le sue esigenze di vita e di lavoro. STUDIO

Collega ciascuna parola chiave al significato corrispondente. paesaggio

Condizioni atmosferiche di una zona.

flora

Insieme di animali presenti in un territorio.

fauna

Insieme degli elementi presenti in una zona.

clima

Insieme di piante presenti in un territorio.

paesaggio antropizzato

Paesaggio non modificato dall’uomo.

paesaggio naturale

Paesaggio modificato dall’uomo.

133


Notizie

dall’Atlante

I paesaggi di terra

In MONTAGNA La montagna è un rilievo, cioè un innalzamento del suolo, che supera i 600 metri di altitudine sul livello del mare. Le montagne sono raramente isolate. In genere sono disposte una accanto all’altra e formano le catene montuose.

Oltre i 2000 metri si estendono grandi distese di prati che, salendo verso l’alto, diventano sempre più radi. È l’ambiente delle aquile, degli stambecchi e delle marmotte. Tra i 1300 e i 2000 metri di quota si trovano boschi di conifere: larici, pini e abeti. Sono alberi aghifoglie che non perdono mai completamente le foglie. Qui vivono cervi e orsi.

Fra il fondovalle e i 1000 metri di quota dominano i boschi di latifoglie (latus = “largo”), che perdono le foglie in autunno. Sono: querce, castagni, farnie, roverelle e faggi. Nei boschi vi abitano tassi, piccoli mammiferi, lupi, volpi, caprioli.

Il fondovalle è occupato da paesi e zone industriali e commerciali.

134


Al di sopra dei 3000 metri, il suolo è costituito da rocce e da ghiacciai.

La marmotta è un piccolo roditore che può vivere anche a 3000 metri di altezza. Vivono in piccole comunità in cui una di loro fa la sentinella: fischia se vede o sente un pericolo. L’aquila è un rapace robusto e maestoso, caratterizzato da un becco potente a uncino e da artigli affilati: il corpo è ricoperto di piume fino alle zampe. Vola ad alte quote e piomba dall’alto sulle prede che ha avvistato. Lo stambecco è un mammifero molto diffuso sulle nostre montagne a un’altezza tra i 1000 e i 3000 metri. È provvisto di corna a sciabola, che nel maschio possono raggiungere anche il metro di lunghezza. Il mantello è corto e chiaro in estate, mentre in inverno è più lungo e più scuro. Predilige i pendii rocciosi d’alta quota oltre il limite degli alberi, mentre in primavera scende più a valle in cerca di erba. Il faggio è una pianta molto diffusa e ai 1000 metri di altezza cresce e forma dei veri e propri boschi: le faggete. Il faggio può raggiungere i 20-30 metri di altezza e ha un tronco diritto caratterizzato da una corteccia grigia e liscia. Nei boschi di faggi si possono trovare i licheni, organismi vegetali formati dall’unione di un fungo e di un’alga. Vivono sulla corteccia degli alberi, su tronchi, rami, foglie marce, rocce.

135


GEOGRAFIA

LA MONTAGNA

CLIL uale ambiente è rappresentato Q in questa foto? Scegli e scrivi.

hill • river • lake • mountain • sea In una montagna si possono distinguere ............................................................... alcuni elementi. Cima o vetta: è il punto più alto di una montagna. Ghiacciaio: è una distesa di ghiaccio che si trova oltre i 3 000 metri, dove la neve non si scioglie mai. Versante o pendio: è il fianco di una montagna. Valle: è una zona pianeggiante che si trova tra due montagne. Passo o valico: è il punto più basso di una catena, dove è possibile superarla. Piede: è il punto più basso di una montagna.

Laboratorio

per comprendere…

Creare una montagna

1

Occorrente • un foglio di polistirolo di 5 cm di spessore • taglierino • tempere Procedimento 1 Disegna sul polistirolo 5 cerchi di diametro via via più piccolo e falli tagliare da un adulto. 2 Prendi delle tempere e colora i 5 cerchi in questo modo: di verde il più esteso, di giallo, di marrone chiaro e marrone sempre più scuro fino al meno esteso. 3 Sovrapponi i cerchi dal più esteso al meno esteso e incollali tra loro. Hai ottenuto il plastico di una montagna. •M isura l’altezza della tua montagna: il tavolo sarà il .............................................................

136

MAPPA: p.78

!

CON UN

ADULTO

3

2


La montagna ..............................................

..............................................

.............................................. ..............................................

..............................................

..............................................

STUDIO

sserva il disegno e scrivi al posto giusto i nomi delle parti della montagna spiegate O a pagina 28. Poi spiega oralmente il significato delle parole chiave che hai inserito nel disegno. Completa. • La montagna è ............................................................................................................................................................................................................. . • Una catena montuosa è ................................................................................................................................................................................... .

SINTESI: p. 80

MAPPA: pp. 87-88

VERIFICHE: pp. 87-88

137


GEOGRAFIA

La formazione delle montagne Le montagne sono nate milioni di anni fa a causa dei movimenti della crosta terrestre e in seguito all’eruzione di alcuni vulcani.

MONTAGNE DI ORIGINE TETTONICA La crosta terrestre è formata da placche tettoniche che si muovono a causa delle spinte interne alla Terra. A volte i movimenti sono stati così violenti, che alcune parti della crosta terrestre si sono sollevate formando le montagne. A volte sui monti si trovano dei fossili di conchiglie e pesci: vuol dire che quelle montagne si sono formate per il sollevamento marino.

MONTAGNE DI ORIGINE VULCANICA In altri casi il magma, la roccia fusa proveniente dall’interno della Terra, è fuoriuscito dalle spaccature del terreno, si è raffreddato, solidificato e accumulato, dando origine alla montagna.

Appuntamento con…

il metodo di STUDIO

Le mappe, gli schemi, le tabelle, i grafici permettono di visualizzare meglio le informazioni importanti contenute nel testo. Inoltre, mettono in evidenza le relazioni che ci sono tra di esse. Completa la mappa. origine Le montagne possono essere di

...............................................

origine ...............................................

138

a causa dei movimenti della crosta terrestre. a causa della fuoriuscita di magma dalla crosta terrestre.


La montagna

Il vulcano Il vulcano è una spaccatura della crosta terrestre da cui esce, in maniera più o meno esplosiva, il magma. Il magma è costituito da rocce fuse, caldissime, provenienti dal centro della Terra.

cratere principale

lava

Quando il magma esce in superficie avviene l’eruzione. Il magma prende il nome di lava quando perde gran parte dei gas che lo compongono.

cratere secondario

Durante l’eruzione il magma fuoriesce dal cratere principale del vulcano o da uno secondario. magma

Laboratorio

!

per comprendere…

CON UN

ADULTO

Il vulcano in eruzione

Occorrente • un imbuto • una bottiglia di plastica da mezzo litro • un bicchiere di aceto bianco • un cono di cartoncino giallo o marrone Procedimento 1 Costruisci un cono con un cartoncino colorato. Metti una bottiglia dentro il cono: l’apertura della bottiglia rappresenterà il cratere. Poi appoggia il “vulcano” su un piatto di plastica o su un sottovaso. 2 In un bicchiere unisci all’aceto il colorante alimentare e mescola. Poi, versa con l’imbuto il contenuto del bicchiere nella bottiglia.

• bicarbonato di sodio • due cucchiaini di detersivo per piatti • colorante alimentare o tempera rossa • un piattino di plastica o un sottovaso 3 Aggiungi due o tre cucchiaini di detersivo per piatti. 4 Aggiungi tre cucchiai di bicarbonato di sodio e... attendi l’eruzione! 1

4 2

3

139


GEOGRAFIA

La vita in montagna Il paesaggio della montagna presenta caratteristiche poco favorevoli all’insediamento umano: nei periodi invernali il clima è molto freddo; gli spostamenti possono essere difficoltosi; gli spazi adatti all’agricoltura sono ridotti. Ma l’uomo ha vissuto fin dai tempi antichi i territori montani, perché ha saputo modificare il territorio in base alle proprie necessità e ha utilizzato al meglio le risorse disponibili. I paesi sono stati costruiti sui pendii soleggiati, in modo da sfruttare il calore del Sole, oppure nei fondovalle, su ampi spazi pianeggianti. La tipica abitazione di alta montagna è la baita. È costruita in pietra e legno (materiali tipici della montagna) con i tetti spioventi, in modo da evitare l’accumulo di neve. La presenza di pascoli ha favorito lo sviluppo dell’allevamento di bovini (mucche) e di ovini (pecore e capre). Il loro latte ha favorito la produzione artigianale e industriale di vari tipi di formaggio e burro. Durante l’estate gli animali vengono portati nei pascoli ad alta quota (alpeggio); in inverno restano nelle stalle dei paesi e sono nutriti con il fieno.

Nei fondovalle e sui pendii soleggiati si pratica l’agricoltura. Si coltivano patate, grano, orzo e alberi da frutto, in particolare mele, pere e viti, da cui si producono vini pregiati.

140


La montagna

Grazie ai boschi che forniscono legname, l’uomo ha ottenuto il materiale per costruire le abitazioni, i mobili e oggetti di artigianato.

In genere le zone di montagna sono ricche d’acqua. L’uomo ha imparato a usare la forza dell’acqua per produrre energia elettrica, attraverso la costruzione di centrali idroelettriche.

Oggi la risorsa più importante è il turismo. Sia in estate sia in inverno, la montagna offre la possibilità di effettuare passeggiate, escursioni, sport sulla neve in scenari di grande bellezza. Per questo sono stati costruiti alberghi, ristoranti e piste da sci. Per facilitare gli spostamenti in montagna sono stati costruiti trafori, viadotti e strade. STUDIO

Completa la mappa: scrivi per ciascun settore un elemento tipico della montagna. Ambiente di montagna Allevamento:

Agricoltura:

......................................................

......................................................

Turismo:

Artigianato:

Industria:

......................................................

......................................................

......................................................

141


Notizie

dall’Atlante

I paesaggi di terra

In COLLINA Le colline sono rilievi più bassi delle montagne: la loro altitudine è compresa tra 200 e 600 metri. Rappresentano il paesaggio più diffuso nel territorio italiano e si trovano quasi sempre tra la montagna e la pianura, come un collegamento naturale tra i due paesaggi.

Boschi di latifoglie (castagni, querce e faggi) ricoprono i pendii delle colline. Ai margini del bosco, rovi e sambuchi crescono vicino ai sentieri.

Verso valle i boschi lasciano il posto alle coltivazioni: frutteti, oliveti, agrumeti, campi di cereali, ma soprattutto vigneti, che si estendono sui terrazzamenti (larghi gradini sorretti da muri in pietra) costruiti sui pendii. Ciascuna zona collinare produce un proprio tipo di vino.

In collina vivono animali selvatici come lepri, istrici, volpi, faine, scoiattoli, cinghiali...

142


Il castagno è una pianta alta fino a 25 metri, con tronchi grossi e una chioma molto ramificata verde intensa.

Sulla cima della collina sorgono antichi paesi che dominano i terreni sottostanti, offrendo bellissimi panorami. Presentano spesso la stessa struttura: un castello antico con una torre, una chiesa e il borgo circondato da antiche mura.

Il rovo è un arbusto spinoso che in estate si ricopre di frutti rossi, che diventano neri alla fine dell’estate, dal gusto da dolce a leggermente acidulo. Cresce ai margini dei boschi, lungo i sentieri e nelle siepi, perché non ama l’ombra. Il sambuco è un arbusto di medie dimensioni, molto comune nei boschi collinari, lungo i sentieri. I fiori sbocciano in primavera: sono piccoli, tendenti al bianco e profumati, riuniti a formare una sorta di piccolo ombrello.

Tra gli abitanti del bosco, la volpe è la più adattabile. La possiamo trovare in ambienti differenti. Si nutre di: piccoli mammiferi, uccelli, rettili, numerose specie di invertebrati, bacche, funghi. Il cinghiale è un animale molto diffuso, resistente e adattabile anche in nuovi ambienti. Ha un corpo pesante e massiccio e zampe corte e sottili; è molto veloce. Ha abitudini notturne, infatti durante il giorno riposa disteso in buche del terreno che scava con il muso allungato. Durante l’inverno imbottisce le buche con frasche e foglie secche, in modo da creare delle specie di tane.

143


GEOGRAFIA

LA COLLINA Le colline sono caratterizzate da cime arrotondate e pendii, cioè versanti, non troppo ripidi. Tra le colline si trovano ampie vallate, spesso percorse da fiumi. Non mancano laghetti che si formano negli avvallamenti.

Fin dall’antichità l’uomo ha costruito i paesi sulla cima delle colline perché l’aria era migliore rispetto alle pianure, spesso paludose, ed era più facile difendersi. Dove il pendio era troppo ripido e il terreno poteva essere trascinato via dalla pioggia, l’uomo ha spianato il suolo e ha costruito i terrazzamenti, cioè gradinate di terra sostenute da muretti di pietra su cui coltivare più facilmente.

I calanchi sono solchi profondi che si formano lungo i pendii delle colline. Sono causati dalla pioggia che scava nel terreno argilloso, che non assorbe l’acqua.

STUDIO

144

ompleta. C • L’altitudine delle colline è compresa tra ....................................................................................................................................... • Le caratteristiche tipiche della collina sono: ........................................................................................................................... • L’uomo ha costruito paesi in collina perché ............................................................................................................................. • I terrazzamenti sono ..............................................................., costruiti per ........................................................................................

SINTESI: p. 81

MAPPA: pp. 87-88

VERIFICHE: pp. 98-99


La collina

La formazione delle colline Le colline sono rilievi antichissimi con origini diverse.

COLLINE VULCANICHE

COLLINE MORENICHE Sono formate da morene, cioè da enormi quantità di detriti, spinti verso le valli dallo scivolamento dei ghiacciai milioni di anni fa.

Sono antichi vulcani spenti, che sono stati modellati dai venti e dalle piogge e che si sono coperti di vegetazione.

COLLINE STRUTTURALI Si sono formate da montagne erose dagli agenti atmosferici, cioè da pioggia, neve, grandine, ghiaccio, che hanno dato loro la forma arrotondata.

COLLINE TETTONICHE Si sono formate in tempi antichissimi per il sollevamento del fondale marino.

STUDIO

Completa la mappa ed esponi oralmente. vulcanica Le colline possono essere di origine

..........................................................

..........................................................

tettonica

...................................................................................................................

formate da detriti di ghiacciai. formate per l’erosione delle montagne da agenti atmosferici. ...................................................................................................................

145


GEOGRAFIA

La vita in collina La collina ha caratteristiche favorevoli all’insediamento umano perché: ha un clima generalmente mite; gli spostamenti sono più semplici rispetto alla montagna; il terreno è abbastanza fertile, con pendii poco ripidi che permettono di utilizzare le macchine agricole.

Castelli e borghi racchiusi da antiche mura sono elementi caratteristici delle colline e sono molto visitati da turisti. In questi borghi si sono sviluppate botteghe artigiane, nelle quali si lavorano la ceramica, il cuoio, il ferro, i metalli preziosi.

Per rendere coltivabili i pendii, sono stati costruiti i terrazzamenti, su cui far crescere viti, ulivi e alberi da frutto. Dove il terreno non necessita di terrazzamenti si coltivano anche ortaggi e cereali.

146

CLIL uale ambiente Q è rappresentato in questa foto? Scegli e scrivi. hill • river • lake • mountain • sea ...............................................................


La collina

Nelle aziende agricole, che di solito sono di piccole dimensioni, è diffuso l’allevamento di bovini, suini, polli e tacchini. I prodotti dell’agricoltura e dell’allevamento vengono lavorati in industrie alimentari di piccole e medie dimensioni.

Negli ultimi decenni, nelle zone collinari, si è diffuso l’agriturismo che dà ai turisti l’opportunità di soggiornare in campagna a contatto con la natura, mangiare cibi genuini, praticare sport all’aria aperta, partecipare ad attività agricole. Gli edifici tipici degli agriturismi sono antiche case coloniche che sono state recuperate e ristrutturate. STUDIO

Completa lo schema. L’uomo vive in collina perché

............................................................................................................................................................................................

............................................................................................................................................................................................

............................................................................................................................................................................................

147


I problemi della montagna La mancanza del rispetto dell’ambiente da parte dell’uomo ha causato importanti dissesti sia ai territori di montagna sia a quelli di collina. Anche se diversi tra loro, i problemi di questi due ambienti sono dovuti all’uomo e alla sua scarsa attenzione al mondo che lo circonda. La causa principale di frane e valanghe è il disboscamento, cioè il taglio degli alberi dovuto alla grande richiesta di legname e agli interventi per ampliare le strutture turistiche (piste da sci, impianti di risalita…). Gli alberi, infatti, con le loro radici, trattengono il terreno e impediscono che scivoli a valle: se si disbosca troppo, viene meno la naturale protezione dei terreni in pendenza. I territori di montagna hanno altri problemi: prova a individuarli nelle immagini di questa pagina, confrontandoti con i compagni.

148

Educazione ambientale


I problemi della collina

Educazione ambientale

Da alcuni decenni, diverse zone di collina sono state abbandonate dall’uomo, perché è più difficile trovare lavoro oppure a causa di frane e alluvioni, dovute al disboscamento che l’uomo ha effettuato per fare posto alle coltivazioni. In seguito a questo spopolamento, il territorio e i corsi d’acqua sono stati trascurati. Le acque hanno iniziato a scorrere in superficie, provocando l’erosione del suolo di migliore qualità e diminuendo la fertilità dei terreni. Ultimamente, però, si sta assistendo al recupero culturale e storico di diverse aree collinari. Sono state create riserve naturalistiche, effettuati interventi di rimboschimento, sviluppate forme di agricoltura biologica e aperti centri di agriturismo. ai una ricerca sull’agricoltura biologica per capire F in che cosa consiste.

149


Notizie

dall’Atlante

I paesaggi di terra

In PIANURA La pianura è una grande distesa di terreno piatto o poco ondulato, che non supera i 200 metri di altezza. È attraversata da fiumi che scorrono lenti, formando curve nelle quali l’acqua ristagna, creando paludi e acquitrini.

Le chiuse permettono di regolare l’acqua nelle risaie aumentandola o diminuendola secondo le necessità.

In pianura l’uomo è intervenuto sulla campagna rendendola coltivabile in modo estensivo. Si coltiva mais, grano, barbabietola da zucchero, riso nei caratteristici terreni ricoperti d’acqua.

150


Il coniglio selvatico è un tipico abitante della pianura. È più piccolo del coniglio comune, è timido e sfuggente. Vive in pianure ricche di vegetazione, ai margini dei terreni coltivati, in tane profonde e intricate con tante uscite. Esce dalla tana, alla ricerca del cibo, all’alba e al tramonto, dopo essersi assicurato che non vi siano pericoli. La zanzara ama i luoghi umidi, tipici della pianura. È un insetto davvero particolare: deve pungere un animale (tra cui anche l’uomo) per procurarsi il sangue necessario alla crescita delle sue larve. Nei tempi passati, quando ancora alcune pianure non erano state bonificate, era lei a trasmettere una grave malattia: la malaria.

Filari di pioppi accompagnano i sentieri che costeggiano le campagne, dove sorgono aziende agricole piccole e grandi che allevano bovini, suini, bufali.

Il pioppo è un albero di alto fusto tipico della campagna, dove forma filari alti e stretti. È bello da vedere, ma viene anche coltivato per vari usi come la fabbricazione di pannelli di legno compensato, di fiammiferi e di carta.

I boschi sono di arbusti e latifoglie, come i pioppi, i salici, le betulle, i tigli, le robinie. Vi abitano animali come il coniglio selvatico, la volpe, il cinghiale, il riccio, la talpa... Per la ricchezza di corsi d’acqua sono presenti animali come la biscia, la rana, l’anatra selvatica, piccoli pesci e insetti quali la libellula, la zanzara...

151


GEOGRAFIA

LA PIANURA

La pianura è, oggi, l’ambiente più abitato dall’uomo, che lo ha trasformato per soddisfare le sue necessità: ricavare campi da coltivare, allevare animali, costruire paesi, città, strade, fabbriche.

CLIL uale ambiente è rappresentato Q in questa foto? Scegli e scrivi. hill • river • lake • mountain • sea • plain

Alcune pianure, nel passato, erano delle paludi malsane che sono state bonificate, cioè prosciugate, fino a ottenere un terreno asciutto e adatto alle coltivazioni.

...............................................................

In pianura spesso il clima è caldo e afoso in estate e rigido e nebbioso in inverno. Appuntamento con…

il metodo di STUDIO

Le immagini (foto, disegni...) e le didascalie forniscono informazioni utili alla comprensione dell’argomento di studio. uali informazioni sulla pianura puoi trarre Q dalle immagini e dalle didascalie? ................................................................................................................................. ........................................................................................................................ ............................................................................................................................. .............................................................................................................................

152

SINTESI: p. 82

MAPPA: pp. 87-88

Nel passato in pianura si trovavano grandi distese erbose e boschi. Oggi le poche zone intatte sono diventate delle riserve o dei parchi naturalistici.

VERIFICHE: pp. 100-101


La pianura

La formazione delle pianure Le pianure si sono formate in milioni di anni e, come le montagne e le colline, si distinguono per la loro diversa origine.

PIANURE ALLUVIONALI Sono state formate dai detriti che i fiumi hanno portato verso il mare. Ghiaia, ciottoli e terra hanno riempito lo spazio che prima era coperto dal mare e hanno formato nuove terre.

PIANURE VULCANICHE Si sono formate ai piedi dei vulcani per l’accumulo di lava, lapilli e ceneri, che nel tempo si sono sgretolati e hanno reso il terreno molto fertile.

PIANURE DI SOLLEVAMENTO Sono nate milioni di anni fa in seguito al movimento della crosta terrestre. Il fondo marino si è sollevato e ha dato origine alle pianure. Si tratta di pianure povere di acqua.

STUDIO

Collega i materiali al tipo di pianura che hanno formato. lava, lapilli e ceneri

pianura di sollevamento

detriti dei fiumi

pianura vulcanica

fondale marino

pianura alluvionale

153


GEOGRAFIA

La vita in pianura La pianura è un territorio adatto alla vita dell’uomo e alle sue attività perché è pianeggiante, fertile e ricco di acqua. Gli interventi sul paesaggio di pianura sono stati molti, tanto da eliminare quasi del tutto gli elementi naturali. L’uomo ha bonificato le zone paludose, ha disboscato la vegetazione spontanea, ha costruito argini per impedire le inondazioni dei fiumi, ha creato una fitta rete di canali per irrigare i campi, ha costruito centri abitati. Si sono formati così due tipi di ambienti: r urale, con centri agricoli e allevamenti moderni circondati da estensioni di campi; rbano, con centri abitati molto sviluppati u circondati da vie di comunicazione e da centri industriali. Nelle zone di pianura l’agricoltura è in genere molto sviluppata. La conformazione del terreno permette l’uso di macchine agricole in grado di svolgere quasi tutti i lavori necessari. Si coltivano soprattutto cereali (grano, mais, riso, orzo), piante industriali (barbabietole da zucchero, soia…), ortaggi, alberi da frutto, foraggio da utilizzare come cibo per gli animali che si trovano negli allevamenti. Grazie all’abbondanza di acqua e di foraggio è molto sviluppato l’allevamento di bovini, ma anche di cavalli, maiali e animali da cortile, come polli, conigli e anatre, organizzati in stalle moderne. Dall’allevamento si ricavano carne, latte, pellame che vengono lavorati nelle industrie.

154


La pianura

La pianura è il luogo adatto allo sviluppo di attività industriali, perché offre spazi per i capannoni, una grande quantità di acqua per le lavorazioni, agevoli vie di comunicazione per il trasporto delle materie prime e dei prodotti finiti. Per la trasformazione dei prodotti agricoli e dell’allevamento sono sorte industrie, come pastifici, salumifici, calzaturifici, tessili; ma anche industrie diverse, come meccaniche, chimiche, elettroniche, siderurgiche. Parallelamente alle attività agricole e industriali, in pianura si è sviluppata una fitta rete di vie di comunicazione (strade, autostrade e ferrovie) che facilita il commercio e la circolazione delle persone e delle merci. STUDIO

Completa la mappa ed esponi oralmente. caratteristiche

territorio .....................................

ricco d’acqua

La pianura

flora

fauna

.....................................

.....................................

.....................................

.....................................

attività produttive

agricoltura

.....................................

.....................................

.....................................

.....................................

.....................................

.....................................

.....................................

.....................................

.....................................

.....................................

.....................................

.....................................

.....................................

.....................................

155


GEOGRAFIA

La città Le condizioni di vita favorevoli hanno reso la pianura l’ambiente più abitato dall’uomo e hanno permesso lo sviluppo delle città. La città è un centro con oltre 20 000 abitanti del tutto antropizzato, cioè costruito interamente dall’uomo. Tutte le città di origine antica hanno un centro storico, che è il cuore della città, intorno al quale essa si è ingrandita. Il centro storico ha spesso stradine strette e chiuse al traffico che costituisce un’ isola pedonale. Vi si trovano le costruzioni più antiche: il duomo, il castello o la torre, i palazzi importanti come il municipio, il tribunale, i musei. Allontanandosi dal centro, le strade diventano più larghe, con grandi palazzi: questa è la zona dei quartieri residenziali, dove si trovano i servizi per i cittadini: negozi, uffici, scuole, ospedali, parchi… La parte della città più lontana dal centro storico è la periferia, fatta di condomini moderni, supermercati, spazi verdi, impianti sportivi, parcheggi. Quasi sempre, in periferia, è riconoscibile una zona industriale, dove sorgono le fabbriche. STUDIO

Cerca le informazioni nel testo e completa.

156

La città è un centro con ....................................................................................................................................................... formato da: • un centro storico, cioè ........................................................................................................................................................................................; • diversi quartieri residenziali, cioè ..........................................................................................................................................................; • una periferia, cioè ...................................................................................................................................................................................................... SINTESI: p. 83

VERIFICHE: pp. 100-101


I problemi della pianura

Educazione ambientale

Come già sai, la pianura è l’ambiente che l’uomo ha modificato di più, perché il più adatto a ospitare le sue attività. Molte di queste attività, però, non sono rispettose dell’ambiente e per questo motivo quello della pianura è l’ambiente più inquinato. In particolare, gli scarichi delle industrie e l’utilizzo in agricoltura di grandi quantità di sostanze chimiche per rendere più produttivi i terreni hanno causato l’inquinamento del suolo, delle acque superficiali e a volte anche di quelle delle falde acquifere, cioè di quelle acque che scorrono nel sottosuolo. Per ridurre l’inquinamento delle acque e del suolo sono state emanate alcune leggi che impongono l’utilizzo di depuratori per le acque di scarico e che regolano lo smaltimento dei rifiuti industriali. ltre all’inquinamento delle acque e del suolo, O vi è anche quello dell’aria, un problema molto sentito nell’ambiente di pianura: quali sono, secondo te, le sue cause? E i possibili rimedi?

? ! Per tutelare il patrimonio ambientale, in alcune aree pianeggianti sono stati istituiti Parchi Naturali. Tra questi, il più importante è il Parco Regionale del Delta del Po, compreso tra il Veneto e l’Emilia-Romagna.

157


Verifica

I paesaggi di terra

1 Completa il testo con le seguenti parole. roccia • vulcanica • lava • fondali • crosta • tettonica • fossili Le montagne non si sono formate tutte allo stesso modo, hanno origini diverse. Le montagne di origine ................................................................. si sono formate a causa del sollevamento della ................................................................. terrestre. Alcune montagne che si sono formate per il sollevamento dei ........................................................ marini, hanno conservato nelle loro rocce .................................................................................... di conchiglie e di pesci. Le montagne di origine ............................................... si sono formate a causa della ................................................. fuoriuscita dai vulcani, che si è solidificata ed è diventata .................................................................................... . 2 Indica con una X se le seguenti affermazioni sono vere (V) o false (F). • Il versante è il fianco di una montagna.......................................................... V • La montagna ha un’altitudine inferiore ai 600 metri..................................... V • Tutte le montagne sono di origine tettonica................................................. V • Le piante e gli animali della montagna variano in base all’altitudine......... V • La collina non supera i 600 metri di altitudine. ............................................. V • Le cime delle colline sono aguzze.................................................................. V • I boschi delle colline sono formati da latifoglie............................................. V

F F F F F F F

3 Rispondi. • Perché non è facile la vita in montagna? ................................................................................................................................... • In quali zone della montagna l’uomo ha costruito i paesi? Perché? ...................................................... ............................................................................................................................................................................................................................................................. .............................................................................................................................................................................................................................................................

• Quale flora e fauna sono tipiche dell’ambiente montagna? ........................................................................... • Perché l’uomo ha costruito i paesi sulle colline? ............................................................................................................ • Quali prodotti agricoli sono tipici delle colline? .............................................................................................................. • Quali sono le origini delle colline? .................................................................................................................................................... 4 Indica con una X se le seguenti affermazioni sono vere (V) o false (F). • La pianura supera i 200 metri di altitudine............................ • La flora di pianura è costituita da boschi di latifoglie. ........ • Il clima di pianura è caldo d’estate e fresco d’inverno. ...... • In pianura vivono marmotte e stambecchi. .......................... • La pianura è ricca di vie di comunicazione. .........................

158

V V V V

F F F F

V F


5 Il testo è stato suddiviso in paragrafi: scrivi il sottotitolo adatto per ciascuno. Scegli tra: Flora • Clima • Che cos’è la pianura • Caratteristiche • Fauna ...............................................................................................

...............................................................................................

...............................................................................................

...............................................................................................

...............................................................................................

La pianura è un territorio che non supera i 200 metri di altitudine. La pianura si presenta piatta e senza rilievi, attraversata da corsi d’acqua che creano zone paludose, soprattutto in prossimità del mare. Il clima in pianura è caldo e afoso d’estate, freddo e nebbioso in inverno. La vegetazione spontanea della pianura è formata da boschi di latifoglie (pioppi, salici, robinie, tigli, betulle...) e da un sottobosco di arbusti e cespugli. Nei territori di pianura vivono conigli selvatici, volpi, talpe, ricci e, nelle zone di acque stagnanti, abbondano insetti, pesci, anfibi e uccelli migratori.

6 Completa il testo con le seguenti parole. isola • industriale • duomo • torre • musei • centro storico • periferia • residenziale Le città di antica origine hanno il .................................................................................., fatto di strade strette, che viene chiuso al traffico e diventa .................................................................................. pedonale. Qui si trovano il .................................................................................., la .................................................................................. antica, il municipio, i ................................................................................... .Fuori del centro storico sorge il quartiere .................................................................................., con strade larghe e bei palazzi. Poi si trova la .................................................................................., con i centri commerciali, i condomini, i centri sportivi e la zona ...................................................................................

TUTTO OK? In queste pagine pensi di aver lavorato:

molto bene

bene

non bene

Quale attività tra quelle proposte ti è stata più utile per lo studio?

Uso delle parole chiave.

Schema.

Ricerca delle informazioni.

Immagini.

159


Notizie

dall’Atlante

I paesaggi di acqua

Nel FIUME Il fiume è un lungo corso di acqua dolce. Nasce in montagna da un ghiacciaio o da una sorgente, che si forma quando l’acqua penetrata nel terreno trova uno strato di roccia impermeabile e fuoriesce. L’acqua inizia la sua corsa verso valle come un ruscello e presto diventa un torrente impetuoso, che trasporta sassi e terra e forma cascate tra le rocce. Poi si ingrossa quando riceve l’acqua da altri fiumi, attraversa diversi territori, infine si getta in mare. Durante il suo percorso crea un mondo ricco di vegetazione e di molte specie di animali.

Sulle sponde di fiumi è facile trovare il salice, le cui radici contribuiscono a rendere più forti gli argini. Le cavità nel tronco offrono rifugio a diversi uccelli, mentre numerosi insetti si nutrono delle foglie e dell’interno dei rami. Esistono ben 36 specie di salici, alcuni dei quali hanno i rami così elastici che vengono utilizzati per realizzare cesti o oggetti vari.

La fauna del fiume è ricca di pesci e di uccelli: aironi, cigni, anatre... Fra i tanti, pesci, vi si trovano le trote, che prediligono i torrenti, dove trovano abbondanza di invertebrati e acque pulite.

160


La lontra vive lungo i fiumi o i laghi. Le sue zampe sono corte e palmate, utili per il nuoto. Mangia pesci, gamberetti e qualche altro piccolo animaletto d’acqua. Costruisce la tana nelle buche del terreno vicino a riva. La lontra è una specie a rischio di estinzione in Italia. I corsi d’acqua poco profondi sono frequentati dai cigni, caratteristici uccelli eleganti e dal collo lungo, attirati dalla vegetazione dei fondali della quale si nutrono. Il martin pescatore è un ottimo tuffatore e predilige corsi d’acqua trasparenti, dove può vedere i pesci di cui si nutre. Ha un piumaggio dai colori molto vistosi, ma le sue penne azzurre e verdi si confondono con i riflessi della luce sulla superficie dell’acqua, permettendogli di mimetizzarsi. I canali sono l’ambiente ideale per la natrice dal collare. Questo serpente cattura in acqua la maggior parte delle sue prede.

Le libellule sono tra gli insetti più belli che vivono nell’ambiente del fiume. Con i loro vistosi colori che scintillano al sole compiono evoluzioni in aria, catturando le prede in volo e mangiandole anche senza posarsi.

161


GEOGRAFIA

IL FIUME Il fiume, durante il suo percorso scorre in un letto, cioè in un profondo solco formato dall’acqua. Attraversa campagne e città. A volte entra in un lago e prende il nome di immissario, mentre quando ne esce si chiama emissario. Lungo il percorso alcuni corsi d’acqua si riversano nel fiume: sono i suoi affluenti. Quando raggiunge le colline e la pianura, il fiume scorre lentamente, diventa più largo e forma ampie curve dette anse o meandri.

..................................................

....................................

..................................................

PERICOLI Le piogge abbondanti e l’eliminazione dei boschi lungo i pendii causano lo straripamento dei fiumi. Anche la sporcizia fa innalzare il livello dell’acqua. Non gettare rifiuti nei fiumi!

..................................................

..................................................

STUDIO

sserva l’immagine e scrivi O al posto giusto le parole del fiume.

162

• ghiacciaio • sorgente • torrente • cascata • letto SINTESI: p. 84

..................................................

• affluente • immissario • ansa • emissario • foce MAPPA: pp. 87-88

..................................................

VERIFICHE: pp. 102-103


Il fiume

Alla fine del suo viaggio il fiume raggiunge il mare e il punto in cui si getta nel mare si chiama foce. La foce può essere: a delta, quando il fiume si divide in più canali; a estuario, quando il fiume si getta in mare con un unico ramo a forma di imbuto. CLIL uale ambiente è rappresentato Q nella foto in alto? Scegli e scrivi. hill • river • lake • mountain • sea

..................................................

...............................................................

..................................................

....................

a estuario

....................

a delta

163


Notizie

dall’Atlante

I paesaggi di acqua

Nel LAGO Il lago è una distesa più o meno ampia di acqua dolce, raccolta in un avvallamento del terreno. È racchiuso da rive o sponde, che possono essere alte o basse, con insenature, piccole baie e spiagge. Il clima mite, la temperatura e l’umidità ne influenzano la flora e la fauna. Il lago condivide con il fiume diverse specie di animali che amano vivere in ambienti acquatici.

Il lago è frequentato da: anatre, germani, cigni, gabbiani, aironi e cormorani. Nelle profondità delle sue acque nuota la lontra.

164

La fauna è ricca di diverse specie di pesci tipici di acqua dolce: il pesce persico, il luccio, il lavarello.


La vegetazione è composta da piante e fiori dai colori e profumi intensi, come: piante di limone, robinie, oleandri, alloro, ma anche magnolie, camelie, azalee e rododendri, presenti soprattutto nei giardini che circondano le sponde del lago.

La ninfea è una pianta acquatica galleggiante che vive di preferenza in piccoli laghetti o corsi d’acqua tranquilli. La pianta si sviluppa sott’acqua e ha un fusto lungo quanto la profondità dell’acqua. Solo una piccola parte delle radici affonda nel terreno del fondale. In primavera e in estate, tra le foglie, sbocciano grandi fiori bianchi o rosa. Tipico pesce di lago, il luccio ha forma allungata con una bocca di grandi dimensioni. Caccia restando immobile fra le piante acquatiche, in attesa che la preda si avvicini. Il pesce persico, invece, ha forma ovale. Preferisce luoghi con corrente debole e ha abitudini piuttosto sedentarie. Il cormorano ha il corpo lungo e affusolato di colore nero. Ha un becco lungo a uncino che gli permette di catturare i pesci, che ingoia interi. Le zampe hanno grandi membrane che gli consentono di spingersi nell’acqua più profonda. Ha il nido sempre in vicinanza dell’acqua. Sul lago lo si può vedere spesso, appoggiato su un tronco, con le ali aperte mentre si asciuga al sole. L’airone si può trovare in diversi ambienti vicino all’acqua. Sta spesso immobile dove la corrente è più lenta, in attesa di una preda da catturare con il lungo becco. Fa il nido in luoghi protetti vicino all’acqua, chiamati garzaie.

165


GEOGRAFIA

IL LAGO I laghi si possono trovare in qualunque paesaggio: in montagna, in collina, in pianura e anche vicino alle rive del mare. In genere, il lago è alimentato da un fiume, ma riceve acqua anche dalle piogge o dalle sorgenti sotterranee. Quando un fiume entra in un lago, si dice immissario e deposita sul fondo i detriti che trasporta. Quando esce è chiamato emissario, ha meno detriti e la sua acqua è più limpida. CLIL uale ambiente è rappresentato Q in questa foto? Scegli e scrivi. hill • river • lake • mountain • sea ...............................................................

166

SINTESI: p. 85

MAPPA: pp. 87-88

VERIFICHE: pp. 102-103


Il lago

La formazione dei laghi L’estensione, la profondità e la forma di un lago variano a seconda della sua origine. In base alla loro origine, i laghi si distinguono in glaciali, vulcanici, costieri e di sbarramento.

LAGHI GLACIALI Hanno una forma stretta e allungata e sono alimentati da un fiume. Si sono formati nelle grandi conche scavate anticamente dai ghiacciai e sbarrate dai loro detriti, chiamati morene.

LAGHI COSTIERI Si trovano lungo le coste e sono tratti di mare racchiusi da cumuli di sabbia creati dalle onde. Hanno forma allungata e la loro acqua è leggermente salata.

LAGHI VULCANICI Hanno forma circolare e sono nati quando la pioggia ha riempito i crateri di antichi vulcani spenti.

LAGHI DI SBARRAMENTO Si formano quando una frana o dei detriti bloccano il corso dei fiumi. Sono considerati laghi di sbarramento anche i laghi artificiali creati dall’uomo con la costruzione delle dighe.

STUDIO

Per ciascuna definizione, scrivi il termine corrispondente.

• • • • • •

: distesa più o meno ampia di acqua dolce. ......................................................................................................................................................................... : fiume che esce da un lago. ......................................................................................................................................................................... : fiume che entra in un lago. .............................................................................................................................. : lago di forma allungata con acqua salata. .............................................................................................................................................................. : laghi formati da frane o detriti. ................................................................................................................................................................................... : laghi di forma circolare. ............................................................................................................................

167


Notizie

dall’atlante

I paesaggi di acqua

Nel MARE Il mare è una grande distesa di acqua che si perde nell’infinito, tanto da non riuscire a scorgerne la fine. Il clima mite ha favorito una vegetazione tutta particolare chiamata macchia mediterranea. Nell’ambiente marino vivono animali e piante in relazione tra loro.

Le coste italiane si presentano in differenti forme. Possono essere basse e sabbiose, ovvero quelle che in estate ospitano stabilimenti balneari per l’accoglienza ai turisti, oppure alte e rocciose sul mare, sulla cui sommità, spesso, si raccolgono paesini stretti e antichi.

Nel folto della macchia mediterranea vivono: cinghiali, volpi, caprioli, istrici, tassi, bisce, lucertole, gechi…; molte specie di uccelli: tordi, capinere, cinciallegre, cardellini, gabbiani…

168


La macchia mediterranea è composta da robusti alberi di alto fusto e robusti come il pino marittimo e le querce e da arbusti più bassi, disseminati tra gli alberi, costituiti da mirto, lentisco, ginepro, fiori vari.

La quercia da sughero è un particolare tipo di quercia, tipica dell’ambiente marino. È sempreverde ed è caratteristica per la corteccia, da cui viene ricavato il sughero, utilizzato, per esempio, nella produzione dei turaccioli. Mirto, lentisco, ginepro, alloro sono piante aromatiche belle e robuste, capaci di resistere al caldo e ai periodi di poca pioggia. In primavera iniziano a fiorire e durante l’autunno mostrano frutti dai colori vivaci. Il fico d’India è una pianta originaria del Messico, ma frequentissima sulle nostre coste. È simile a un cactus con foglie piatte e spesse, ricoperte di spine. È caratteristico per il frutto ovale ricco di vitamine; ha tonalità giallo-arancione e semi al suo interno. Il geco è un piccolo rettile simile alla lucertola; vive in ambienti caldi e ha delle zampe “adesive”, che gli consentono di appendersi ai soffitti oppure di arrampicarsi su pareti verticali anche lisce, come il vetro. Gli stabilimenti balneari sono una caratteristica presenza delle coste marine in estate. Sono un tipico intervento dell’uomo, che utilizza la costa sabbiosa naturale per offrire un servizio rivolto al benessere dei turisti.

169


GEOGRAFIA

IL MARE Questa enorme distesa di acqua salata, che ricopre per oltre due terzi la superficie della Terra è sempre in movimento, a causa: delle onde, formate dai venti; delle correnti, che sono masse d’acqua calda o fredda che scorrono sotto la sua superficie; delle maree. Le maree sono fenomeni di innalzamento e di abbassamento delle acque e dipendono dall’attrazione della Luna sulla superficie del mare. Quando l’acqua del mare si abbassa si parla di bassa marea, quando si alza si parla di alta marea. In un paesaggio marino si possono distinguere diversi elementi.

Nel paesaggio costiero ci sono sporgenze che si allungano nel mare e si chiamano: • promontori, se sono alti e rocciosi; • penisole, se sono ampie lingue di terra bagnate dal mare su tre lati.

La costa è il punto in cui il mare e la terra si incontrano. Può essere: alta e rocciosa oppure bassa e sabbiosa.

Il golfo è un’ampia rientranza della costa. Le isole sono porzioni di terraferma completamente circondate dal mare.

La baia è una piccola rientranza della costa.

170


Il mare

CLIL uale ambiente è rappresentato Q nella foto? Scegli e scrivi. Appuntamento con…

il metodo di STUDIO

hill • river • lake • mountain • sea ...............................................................

Per capire meglio di che cosa parla un testo, è utile suddividerlo in paragrafi, cioè in gruppi di frasi che trattano tutte lo stesso argomento. L eggi i seguenti testi, poi scrivi un titolo per ogni paragrafo. Scegli tra:

• La fauna del paesaggio marino • Il clima marino • La flora del paesaggio marino 1 Un gruppo di isole viene chiamato arcipelago.

.....................................................................................................................................................................................................

Il clima delle zone di mare presenta estati lunghe e calde ma non afose e inverni brevi, freschi e piovosi: è il clima mediterraneo. Questo clima, con temperature quasi mai sotto lo zero anche in inverno, permette la vita a numerosi vegetali e animali. 2

.....................................................................................................................................................................................................

La vegetazione dei paesaggi marini è la macchia mediterranea, costituita da pini marittimi, lecci, ulivi, oleandri, agavi, fichi d’India, cespugli di lavanda, mirto, rosmarino, ginepro… 3

.....................................................................................................................................................................................................

Le coste sono l’ambiente adatto per ricci, istrici, conigli e uccelli come i gabbiani. Nelle acque dei mari vivono animali acquatici di ogni specie: acciughe, merluzzi, tonni, branzini, polipi, cavallucci marini, calamari, aragoste, cozze... Non mancano i mammiferi acquatici come balene, foche, delfini. Sul fondale marino crescono le alghe, piante che producono ossigeno, necessario alla respirazione di tutti gli abitanti del mare.

SINTESI: p. 86

MAPPA: pp. 87-88

VERIFICHE: pp. 104-105

171


GEOGRAFIA

La vita al mare Il mare offre molte risorse e ha permesso all’uomo di svolgere numerose attività sin dall’antichità. La pesca è la più antica attività legata al mare e ancora oggi è molto praticata, con piccole imbarcazioni o con pescherecci. Alcuni pescherecci sono attrezzati per una prima lavorazione del pescato, che viene lavato, pulito e surgelato direttamente sull’imbarcazione. Oggi il pesce viene anche allevato. In alcune zone costiere, nelle lagune, viene praticata l’acquacoltura: in tratti di mare recintato si allevano pesci e molluschi. In alcune località marine si incontrano le saline per ricavare il sale dal mare. Si tratta di grandi vasche all’aperto, poco profonde, in cui viene fatta confluire l’acqua del mare. Con il calore del Sole, l’acqua evapora e sul fondo delle vasche resta uno strato bianco di cristalli di sale, che viene raccolto, lavato e poi confezionato.

172


Il mare

Il mare è stato da sempre per l’uomo una importante via di comunicazione: grandi mercantili trasportano merci da un porto all’altro e i traghetti sono utilizzati per il trasferimento di persone. Vicino ai porti sono nate numerose industrie, dove: le navi scaricano le materie prime e caricano i prodotti finiti ottenuti dalla lavorazione industriale. Le industrie più diffuse sono: i cantieri navali, che si occupano della costruzione e della riparazione delle imbarcazioni; le industrie alimentari, che lavorano e conservano i prodotti del mare; le acciaierie e le industrie siderurgiche, che lavorano le materie prime come ferro, acciaio e metalli in genere; le raffinerie, che lavorano il petrolio trasportato dalle petroliere.

Altra importante attività legata all’ambiente del mare è il turismo, soprattutto quello estivo. L’uomo ha profondamente modificato le coste per costruire grandi alberghi e strutture adatte ad accogliere milioni di turisti che tutte le estati affollano le spiagge: ristoranti, negozi, bar, stabilimenti balneari...

STUDIO

Nel testo, sottolinea le informazioni più importanti con i colori indicati. pesca saline turismo industria via di comunicazione Poi esponi a voce.

173


Laboratorio per comprendere… Come posso togliere il sale all’acqua? Occorrente •0 ,5 ℓ di acqua potabile con 2 cucchiai di sale iodato •b icchiere trasparente •g rande ciotola in vetro

•p ellicola per alimenti •p iccolo peso (per esempio un piccolo sasso)

Procedimento 1 In una grande ciotola di vetro appoggia il bicchiere. Versa l’acqua salata nella ciotola: l’acqua non deve superare il bordo del bicchiere. Copri la ciotola con la pellicola per alimenti ben tesa. Infine metti il sasso sulla pellicola esattamente sopra al bicchiere. 2 Metti la ciotola esposta al Sole per alcuni giorni. Sulla pellicola si condensa l’acqua evaporata che in piccole gocce scivolerà nel bicchiere.

3 Dopo alcuni giorni togli la pellicola. Nella ciotola è rimasto il sale e forse un po’ di acqua salata. Assaggia l’acqua nella tazza: è dolce e non più salata perché il sale è rimasto nella ciotola.

Conclusione Questo è il processo che avviene nelle saline quando si espone l’acqua di mare al Sole per ricavare il sale.

174


Un mare… di plastica

Educazione ambientale

Nel 2050 nel mare ci sarà più plastica che pesci! Negli oceani finiscono 8 milioni di tonnellate di plastica all’anno, pari a un camion al minuto. Una produzione enorme di un materiale che, come tutti sanno, si degrada completamente solo in centinaia di anni. Purtroppo, solo il 20% di tutta la plastica prodotta viene riciclata correttamente o incenerita… l’altro 80% finisce a terra o in acqua e inquina l’ambiente. Bottiglie, imballaggi, reti da pesca, sacchetti, fazzoletti, mozziconi e qualunque altro oggetto in plastica, una volta finito in acqua, si spezza in frammenti più piccoli per azione dell’erosione e delle correnti. Questi frammenti vengono ingeriti da pesci e uccelli marini che li scambiano per cibo. La conseguenza è la morte per soffocamento. A causa di ciò, 115 specie marine sono a rischio di estinzione. Il problema riguarda da vicino anche gli esseri umani: molti dei pesci che si sono alimentati con la plastica finiscono quotidianamente nei nostri piatti! Nei primi anni ’60 sono state scoperte le prime “isole di plastica”, agglomerati di lattine, boe, galleggianti, cassette, lampadine e sacchetti della spazzatura… Queste isole si formano per le spinte di particolari correnti oceaniche che concentrano i rifiuti nelle aree indicate. I nsieme ai tuoi compagni, fate una ricerca sulle “isole di plastica” e argomentate in classe.

175


L’uomo protegge La flora e la fauna, cioè l’insieme della vegetazione e degli animali, rappresentano un insieme molto delicato che ha bisogno di vivere in equilibrio. L’uomo è intervenuto sul territorio a volte danneggiando le specie vegetali e animali che vi abitavano. Molte di queste hanno rischiato l’estinzione. A un certo punto, però, l’uomo si è reso conto di dover fare qualcosa per proteggere gli ambienti naturali. Il risultato di questa consapevolezza ha portato alla creazione di aree protette.

? ! L’istituzione dei parchi nazionali iniziò nel 1922 con la creazione del Parco Nazionale del Gran Paradiso, tra Valle d’Aosta e Piemonte. Questo parco ha reso possibile la conservazione di montagne, ghiacciai e la protezione di tante specie di animali: stambecchi, aquile reali, ermellini, lepri e numerose altre. L’anno dopo fu creato il Parco d’Abruzzo che conserva foreste di aceri, faggi, frassini, pini, tra cui il raro pino nero. L’orso, il lupo e il camoscio d’Abruzzo sono le principali specie protette. In seguito sono stati istituiti numerosi parchi nazionali e regionali e riserve naturali di straordinario e unico valore naturalistico e scientifico.

176

Val Grande

Stelvio Dolomiti Bellunesi

Gran Paradiso

l Gr le de a n o i z Parco Na

an

i so ad r a P

Appennino Tosco-Emiliano Cinque Terre Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna Monti Sibillini

Arcipelago Toscano

Gran Sasso e Monti della Laga Maiella

Isola dell’Asinara

Arcipelago della Maddalena

Circeo

Abruzzo, Lazio e Molise

Gargano Alta Murgia

Vesuvio Appennino Lucano Val d’Agri Lagonegrese

Golfo di Orosei e Gennargentu

Cilento e Vallo di Diano

Pollino

Sila

N rco a P

d’Ab ale n o az i

ruzzo

Aspromonte

Pantelleria


Educazione ambientale

Cinq

ue Terre , Porto Venere

? !

Arcipelago toscano, Isola dei Topi

Sugli ambienti costieri l’uomo ha intensificato le attività turistiche ed economiche. Ma anche in questo ambiente si è sentita l’esigenza di creare delle zone protette per conservare specie arboree millenarie e animali caratteristici dei diversi luoghi. Nel corso degli anni Novanta furono istituite le prime riserve marine: nel 1994 il Parco nazionale della Maddalena (Sardegna) e quello dell’Arcipelago toscano. Attualmente le aree marine protette sono 27, oltre a due parchi sommersi. Vi è inoltre il Santuario dei Cetacei.

co N P ar

della M e l a n azio

addalena

177


Verifica

I paesaggi di acqua

1 Collega ciascun termine alla definizione corrispondente. sorgente

Terra ai lati del fiume.

affluente

Fiume che esce da un lago.

riva o sponda

Fiume che entra in un altro fiume.

emissario

Punto in cui il fiume si getta nel mare.

immissario

Luogo dove nasce un fiume.

foce

Fiume che entra in un lago.

2 Indica con una X se le seguenti affermazioni sono vere (V) o false (F).

• La foce è il punto in cui il fiume si getta nel mare........................ • Il fiume è un lungo corso di acqua salata..................................... • I fiumi hanno origine da ghiacciai e da sorgenti.......................... • L’uomo utilizza l’acqua dei fiumi solo per irrigare i campi........... • I laghi vulcanici sono di forma circolare........................................ • Il lago è una massa di acqua salata............................................... • Il clima del lago è favorevole all’insediamento umano............... • Le conifere sono piante tipiche dell’ambiente lacustre...............

V V V V V V V V

F F F F F F F F

piega l’origine dei seguenti laghi. 3 S lago glaciale

......................................................................................................................................................................................................... .........................................................................................................................................................................................................

lago costiero

......................................................................................................................................................................................................... .........................................................................................................................................................................................................

TUTTO OK?

lago artificiale

......................................................................................................................................................................................................... .........................................................................................................................................................................................................

lago vulcanico

......................................................................................................................................................................................................... .........................................................................................................................................................................................................

178


4 Completa il testo con le seguenti parole. pesci • risorsa • comunicazione • sale • turismo • mediterraneo • alberghi • coste Fin dai tempi più antichi, il mare è stato per l’uomo una grande ....................................................................... Dalle sue acque l’uomo ha ricavato .........................................................................................., molluschi, crostacei e il ..........................................................................................., così importante per la vita di tutti i giorni. L’uomo ha utilizzato il mare anche come via di .................................................................................... Lungo le coste il clima è di tipo ..............................................................................................., caldo e ventilato in estate, non troppo freddo in inverno. Negli ultimi anni, il ................................................................................................. è diventato la principale risorsa delle zone di mare. Lungo le .........................................................................................., spiagge attrezzate, ...................................................................................................................... e ristoranti accolgono, specialmente in estate, milioni di turisti anche dall’estero. sserva l’immagine, individua gli elementi antropici e spiega il motivo 5 O della loro realizzazione. • Elementi antropici: ............................................................ ...................................................................................................................... ......................................................................................................................

• Funzioni: ......................................................................................... ...................................................................................................................... ...................................................................................................................... ......................................................................................................................

6 Indica con una X le attività che, secondo te, si possono svolgere al mare. Andare a pescare.

Fare la guida alpina.

Fare il bagnino.

Vendere pesce fresco.

Affittare ombrelloni.

Riparare le reti.

Fare il boscaiolo.

Vendemmiare.

Portare le mucche al pascolo.

TUTTO OK? In queste pagine pensi di aver lavorato:

molto bene

bene

non bene

Quale attività tra quelle proposte ti è stata più utile per lo studio?

Uso delle parole chiave.

Schema.

Ricerca delle informazioni.

Immagini.

179


Verifica

I paesaggi

1 Collega ciascuna affermazione al paesaggio naturale corrispondente.

È soggetto a tre movimenti: onde, correnti, maree.

È una massa di acqua dolce rinchiusa in una cavità.

La sua foce può essere a delta o a estuario.

Di solito ha un immissario e un emissario.

montagna

collina

I suoi pendii non sono molto ripidi.

mare

Vi si possono distinguere zone rurali e zone urbane.

lago

È un rilievo con un’altitudine fra i 200 e i 600 metri.

pianura

È un territorio ricco di acqua che spesso è stato bonificato.

È caratterizzata da un clima freddo.

È spesso raggruppata in catene separate da valli.

180

Ricopre la maggior parte della superficie terrestre.

fiume

È un corso di acqua dolce con letto e rive.


Verifica

Le attività dell’uomo

1 Collega ciascuna attività alle immagini corrispondenti.

agricoltura allevamento industria turismo

2 Indica con una X se le seguenti affermazioni sono vere (V) o false (F).

• L’uomo modifica il territorio in base alle sue necessità.............................. • Vivere in montagna non è facile a causa dei terreni paludosi.................... • L’uomo utilizza la forza dell’acqua per produrre energia elettrica............. • Per facilitare le coltivazioni l’uomo ha costruito terrazzamenti.................. • Il lago è una distesa di acqua salata............................................................. • Nelle zone di pianura si sono sviluppati grandi centri industriali.............. • Le vie di comunicazione facilitano gli spostamenti di persone e merci.... • Nelle zone montuose le attività agricole sono molto sviluppate.............. • Pesca, commercio e turismo sono sviluppate nelle zone costiere............ • L’uomo ha effettuato poche modifiche nelle zone pianeggianti...............

V V V V V V V V V V

F F F F F F F F F F

TUTTO OK? In queste pagine pensi di aver lavorato:

molto bene

bene

non bene

Quale attività tra quelle proposte ti è stata più utile per lo studio?

Uso delle parole chiave.

Schema.

Ricerca delle informazioni.

Immagini.

181


CLIL

An explorer

Leggi e completa con le seguenti parole. hill • river • lake • mountain • sea • plain

Alex is an explorer. He likes nature and taking photos.

• On Monday he takes photos of a trout

and a weeping willow.

He is at a .................................................................... . • On Tuesday he takes photos of an eagle

and a pine tree.

He is in the .................................................................... . •O n Wednesday he takes photos of a fox

and an olive tree.

He is on a .................................................................... . •O n Thursday he takes photos of a mosquito

and a poplar.

He is in the .................................................................... . •O n Friday he takes photos of a seal

and a shark.

He is at the .................................................................... . •O n Saturday he takes photos of a swan He is near a .................................................................... . • On Sunday he is at home in town.

182

and a water lily.


Compito di

REALTÀ

La mia città, il mio paese La tua scuola ha organizzato uno scambio con una scuola di un’altra regione italiana. Le classi terze sono state incaricate di realizzare un libretto informativo sul loro paese o sulla loro città da regalare ai nuovi amici. Con le informazioni che avete appreso sui paesaggi, provate ad analizzare l’ambiente in cui vivete: esplorate, scattate fotografie, consultate materiali diversi. 1 Per realizzare questo compito, analizzate ogni aspetto usando le seguenti domande come guida.

Aspetto naturale

• Dove si trova in Italia? A nord, a sud, a est o a ovest? • Ci sono rilievi? • Da quali acque è bagnato/a? • Quali piante (flora) e quali animali (fauna) sono presenti?

Risorse naturali • Quali sono le risorse naturali maggiormente presenti (bellezze naturali, boschi pieni di alberi, vicinanza di acqua...)? • Che tipo di lavoro può fare un abitante di questi luoghi?

Aspetto antropico

• Vivi in un paese, in una città o in una metropoli? • È abitato/a da tant e o poche persone ? • Quali sono le vie di comunicazione? Come sono?

Rapporto con la natura

i sono molti rumori? •C ’è inquinamento? •C ? • L a natura viene rispettata

Cultura e tradizioni

• Quali sono i costumi, i piatti e le feste tipici?

2 Quando avete raccolto tutte le informazioni, realizzate il libretto informativo: stabilite il numero di pagine da dedicare a ogni argomento e arricchitelo con le foto che avrete scattato.

183


SINTESI

per lo studio

LE CARTE GEOGRAFICHE Servono a rappresentare un territorio e sono realizzate dal cartografo. Nelle carte geografiche: rimpiccioliti; • gli elementi del territorio sono rimpiccioliti importanti • ci sono solo gli elementi più importanti; • si usano dei simboli per indicare strade, case, ferrovie… legenda. I simboli sono spiegati in una legenda Le carte geografiche sono di diversi tipi: carta fisica: fisica mostra gli aspetti naturali di un territorio: • carta montagne, pianure, fiumi…; carta politica: politica rappresenta l’organizzazione organizzazione di un territorio: territorio • carta regioni, città, confini tra gli Stati…; carta tematica: tematica rappresenta un aspetto del territorio, territorio • carta come le temperature, i luoghi d’arte, i parchi…; planisfero rappresenta l’intera intera superficie della Terra distesa su un piano; • planisfero: mappamondo rappresenta la superficie della Terra in una forma sferica. • mappamondo: LA RIDUZIONE IN SCALA Rappresenta un territorio in cui tutti gli elementi disegnati (case, strade…) vengono rimpiccioliti in proporzione. proporzione Per esempio, la scala di riduzione 1:2 significa che la casa B , viene disegnata 2 volte più piccola della casa A . A

B

1:2

184

I MIEI COMPITI... sul quaderno

1. A che cosa servono le carte 1. geografiche? 2. Come appaiono gli elementi 2. del territorio? 3. Che cosa sono i simboli? 3. 4. Che cosa vuol dire “riduzione 4. in scala”? 5. Che cosa rappresenta la carta 5. politica? 6. In quale carta puoi conoscere 6. le montagne, i mari, i laghi...? 7. Quale tipo di carta consente 7. di conoscere le temperature nelle varie regioni d’Italia?


MAPPA

per l’esposizione orale

LE CARTE GEOGRAFICHE si distinguono in

sono

piante

rappresentazioni di un territorio

mappe ridotte carte politiche

rappresentano il territorio organizzato dall’uomo

carte fisiche

rappresentano elementi naturali del territorio

carte tematiche

rappresentano aspetti particolari del territorio

simboliche

planisfero

mappamondo

185


SINTESI

per lo studio

I PUNTI DI RIFERIMENTO Orientarsi significa sapere in quale luogo ci si trova e sapere in quale direzione muoversi. I punti di riferimento fissi e mobili aiutano a spostarsi. Per esempio, per andare in biblioteca, Carolina ha come punti di riferimento una piazza con una statua e un’edicola. Alcuni luoghi, però, come un bosco o una campagna, possono essere senza punti di riferimento. In questo caso si utilizza la posizione del Sole durante il giorno e quella delle stelle durante la notte. I PUNTI CARDINALI Il Sole durante la giornata si trova in punti diversi, cardinali chiamati punti cardinali. • Quando il Sole sorge al mattino si trova a est (o oriente); • quando è mezzogiorno il Sole si trova a sud (o meridione); • il punto opposto al sud è il nord (o settentrione); • quando il Sole tramonta si trova a ovest (o occidente). Appuntamento con…

il metodo di STUDIO

Il titolo può fornire una prima informazione sull’argomento.

186

est

sud

ovest

nord

I MIEI COMPITI... sul quaderno

1. Che cosa significa “orientarsi”? 1. 2. Che cosa sono i punti di riferimento? 2. 3. Quando ci troviamo in un luogo senza punti 3. di riferimento che cosa ci può aiutare? 4. In quale punto cardinale si trova il Sole 4. al tramonto? 5. Quando si trova a est che cosa fa il Sole? 5. 6. Qual è il punto più alto del Sole? 6. 7. Come si chiama il punto opposto al sud? 7.


MAPPA

per l’esposizione orale

L’ORIENTAMENTO richiede possono essere

fissi

mobili

ovest (occidente)

punti di riferimento

Sole

Stella Polare

a seconda della posizione del Sole, si identificano i punti cardinali

indica sempre il nord

nord (settentrione)

sud (meridione)

est (oriente)

187


SINTESI

per lo studio

LA MONTAGNA Rilievo che supera i 600 metri. metri In montagna si possono trovare: ghiacciai, distese di ghiaccio dove la neve non si scioglie; • i ghiacciai cima, il punto più alto della montagna; • la cima versante, il fianco della montagna; • il versante valle, una zona pianeggiante tra due montagne; • la valle passo, il punto dove si può attraversare una montagna; • il passo piede, il punto più basso della montagna. • il piede In montagna il clima è freddo freddo. La fauna della montagna è rappresentata da stambecchi, camosci, cervi, caprioli, aquile, marmotte, scoiattoli, volpi… flora) che si possono trovare sono: Le piante (flora larici, pini, abeti, betulle, castagni, faggi e querce, CIMA arbusti come rododendro, pino mugo, stelle alpine. In montagna i paesi si trovano sole lungo i versanti con più sole. baita. L’abitazione tipica è la baita Le attività sono: l’allevamento bovino e ovino; l’agricoltura con la coltivazione di patate, orzo, alberi da frutto (in particolare mele e pere), viti; il turismo invernale ed estivo; il legname fornito dai boschi.

PASSO VERSANTE

GHIACCIAIO

PIEDE VALLE

I MIEI COMPITI... sul quaderno

1. Come puoi definire la montagna? 1. 2. Che cosa sono i ghiacciai? 2. 3. Che cosa si intende per “piede”? 3. 4. Come si chiama la parte pianeggiante tra due montagne? 4. 5. Quali animali vivono in montagna? 5. 6. Quali piante crescono in montagna? 6. 7. Elenca le attività principali della montagna. 7.

188


SINTESI

per lo studio

LA COLLINA Rilievo compreso tra 200 e 600 metri. metri Ha cime arrotondate e pendii non troppo ripidi. ripidi Tra le colline si trovano ampie vallate percorse da fiumi. I paesi si trovano soprattutto in cima alla collina. Spesso nei paesi si possono ammirare castelli antichi e borghi fortificati. fortificati Il clima è più mite rispetto alla montagna. Il paesaggio è caratterizzato da prati erbosi e boschi. Le piante tipiche flora) sono la quercia, il castagno, il faggio, il nocciolo, il sambuco. (la flora Nel sottobosco si trovano fragole, more, mirtilli e funghi. La fauna è rappresentata da volpi, scoiattoli, cinghiali, ricci, gufi, civette, falchi, talpe... terrazzamenti: Sui pendii della collina l’uomo ha costruito i terrazzamenti larghi gradini di terra sostenuti da muretti in pietra. Sui terrazzamenti si coltivano viti, ulivi e alberi da frutto. Nelle altre parti del territorio collinare si coltivano ortaggi e cereali. In collina è diffuso l’allevamento di ovini, bovini, suini, polli e tacchini. Appuntamento con…

il metodo di STUDIO

Le parole chiave sono le parole più importanti nel testo. Sono scritte in colore, ti permettono di comprendere il testo e ti aiutano a ripeterlo.

I MIEI COMPITI... sul quaderno

1. Come puoi definire la collina? 1. 2. Che cosa differenzia la collina dalla 2. montagna? 3. Quali sono gli alberi tipici? 3. 4. Quali animali si possono trovare in collina? 4. 5. Che cosa sono i terrazzamenti? 5. 6. Che cosa si coltiva sui terrazzamenti? 6.

189


SINTESI

per lo studio

LA PIANURA Terreno piatto che non supera altezza spesso i 200 metri di altezza, attraversato da fiumi. Il clima è caldo e afoso in estate, rigido e nebbioso in inverno. La flora della pianura è caratterizzata da salici, pioppi, tigli, robinie. Vi abitano animali come il coniglio selvatico, la volpe, il cinghiale, il riccio e la talpa. Lungo i tanti corsi d’acqua ci sono bisce, rane, anatre, piccoli pesci e insetti come la zanzara e la libellula. Le grandi distese di boschi del passato sono diventate naturalistiche delle riserve naturalistiche. paludose presenti in epoche passate, sono state bonificate Le zone paludose, dall’uomo, cioè sono state prosciugate e rese adatte all’agricoltura. dall’uomo In pianura si coltivano cereali (grano, riso, mais, orzo), barbabietole da zucchero, soia, ortaggi, alberi da frutto e foraggio da utilizzare negli allevamenti. allevamento di bovini, suini e animali da cortile. È molto sviluppato l’allevamento Grazie al grande spazio, in pianura sono molto sviluppate le attività industriali e le vie di comunicazione (strade, autostrade e ferrovie). I MIEI COMPITI... sul quaderno

1. Come puoi definire la pianura? 1. 2. Com’è il clima? 2. 3. Quale tipo di flora si può trovare in pianura? 3. 4. Da quali animali è caratterizzata la fauna della pianura? 4. 5. Molte zone paludose sono state bonificate dall’uomo. 5. Che cosa significa questa frase? 6. Che cosa si coltiva in pianura? 6. 7. Quali attività trovano grande spazio in pianura? 7.

190


SINTESI

per lo studio

LA CITTÀ Le città si sono sviluppate soprattutto in pianura. abitanti La città ha oltre 20 000 abitanti. antropizzato, cioè interamente costruito dall’uomo. È un centro antropizzato Elementi caratteristici sono: storico che è la parte più antica della città • il centro storico, isola pedonale, pedonale cioè chiusa al traffico; ed è anche un’isola • i quartieri residenziali con strade larghe, palazzi, negozi, uffici, scuole, ospedali, parchi…; periferia, fatta di abitazioni, centri commerciali, impianti sportivi, • la periferia parcheggi…; industriale dove sorgono le fabbriche. • la zona industriale,

I MIEI COMPITI... sul quaderno

1. Dove si sono sviluppate le città? 1. 2. Che cosa significa “centro antropizzato”? 2. 3. Quali sono gli elementi caratteristici della città? 3. 4. Che cosa si può trovare nel centro storico? 4. 5. Che cos’è l’isola pedonale? 5. 6. Che cosa si può trovare nei quartieri residenziali? 6. 7. Che cosa si può trovare in periferia? 7.

191


SINTESI

per lo studio

IL FIUME dolce Lungo corso d’acqua dolce. Nasce in montagna da un ghiacciaio sorgente. Scorre in un letto letto, o da una sorgente cioè in un solco scavato nel terreno. Lungo il percorso accoglie le acque di altri fiumi che si chiamano affluenti. affluenti In pianura il fiume scorre più lentamente, diventa ampio e forma ampie curve, chiamate anse (o meandri). A volte il fiume entra in un lago: lago immissario; quando esce si chiama emissario emissario. quando entra si chiama immissario foce. Alla fine del suo viaggio il fiume raggiunge il mare, formando la foce La foce può essere: delta quando si divide in più canali; delta, •a estuario quando ha una forma a imbuto. estuario, •a La flora del fiume è costituita da salici, pioppi, giunchi e canne. Lungo le rive vivono anatre e germani, rane e libellule, cigni e aironi. Nell’acqua vivono numerosi pesci, tra cui le trote, le carpe, i lucci e le tinche. Appuntamento con…

il metodo di STUDIO

Le immagini (foto, disegni…) che accompagnano il testo sono molto importanti per comprendere l’argomento di studio.

192

I MIEI COMPITI... sul quaderno

1. Come puoi definire il fiume? 1. 2. Da dove nasce il fiume? 2. 3. Come si chiama il solco nel terreno in cui scorre? 3. 4. Che cosa sono le anse? 4. 5. Come si chiama il fiume quando entra in un lago? 5. 6. Quando esce dal lago, invece? 6. 7. Com’è fatta la foce a delta? 7. 8. Quando la foce è a forma di imbuto, 8. quale nome ha? 9. Quali alberi costituiscono la flora del fiume? 9. 10. Quali animali vivono fuori e dentro l’acqua? 10.


SINTESI

per lo studio

IL LAGO Distesa di acqua dolce raccolta terreno di una grande fossa del terreno. Il lago è tutto chiuso da rive che possono essere alte o basse. Sulle rive si possono trovare piccole baie e spiagge. Le acque del lago possono essere formate: fiumi, che entrano in esso; • dai fiumi sotterranee • da acque sotterranee; pioggia. • dalla pioggia La flora è rappresentata da salici, pioppi, giunchi e canne. La fauna è rappresentata da anatre e germani, rane e libellule, cigni e aironi e numerosi pesci. origini: I laghi possono avere diverse origini glaciale se si sono formati da antichi ghiacciai; • glaciale, costiera se sorgono vicino alla costa del mare; • costiera, vulcanica se si sono formati dentro il cono del vulcano; • vulcanica, sbarramento se sono stati formati dall’uomo con la costruzione di sbarramento, • di di dighe. Appuntamento con…

il metodo di STUDIO

Per capire meglio un testo, è utile dividerlo paragrafi, in paragrafi cioè in gruppi di frasi che trattano lo stesso argomento.

I MIEI COMPITI... sul quaderno

1. Come puoi definire il lago? 1. 2. Da che cosa è chiuso? 2. 3. Da quali acque è formato? 3. 4. Qual è la flora tipica del lago? 4. 5. E la fauna? 5. 6. Come si chiama il lago formato dall’opera 6. dell’uomo? 7. Dove si è formato il lago vulcanico? 7. 8. In quale luogo si trova il lago costiero? 8.

193


SINTESI

per lo studio

IL MARE Distesa di acqua salata. salata Il mare è caratterizzato: onde, formate • dalle onde dai venti; correnti, masse • dalle correnti d’acqua calda o fredda che scorrono sotto la superficie del mare; maree, durante • dalle maree le quali le acque del mare bassa marea) marea si abbassano (bassa alta marea). marea o si alzano (alta Il paesaggio marino è elementi formato da vari elementi: la costa, il promontorio, il golfo, le isole e gli arcipelaghi, la baia, le penisole. Il clima è caldo in estate e mite in inverno. La flora è rappresentata dalla vegetazione mediterranea: mediterranea pini marittimi, ulivi, oleandri, fichi d’India, lavanda, mirto, ginepro... La fauna è costituita da: ricci, istrici, conigli selvatici, uccelli. Nelle acque del mare vive ogni specie di animale acquatico: pesci, polipi, cavallucci marini, meduse, aragoste... Le attività del mare sono: la pesca, l’acquacoltura (“recinti” di mare dove vengono allevati pesci e molluschi), i cantieri navali, i porti, il turismo. I MIEI COMPITI... sul quaderno

1. Come puoi definire il mare? 1. 2. Quali sono le caratteristiche del mare? 2. 3. Quali sono gli elementi che costituiscono il paesaggio marino? 3. 4. Com’è il clima? 4. 5. Quali piante costituiscono la vegetazione mediterranea? 5. 6. Quali animali vivono sopra o dentro il mare? 6. 7. Quali sono le attività principali? 7.

194


MAPPA

per l’esposizione orale

I PAESAGGI rilievo che supera i 600 metri di altitudine montagna

parole chiave: chiave cima, ghiacciaio, versante, valle, valico, piede, pascoli, baita, artigianato, turismo rilievo compreso tra i 200 metri e i 600 metri

collina

parole chiave: chiave cime arrotondate, versanti non ripidi, terrazzamenti, agriturismo, artigianato distesa di terreno piatto o poco ondulato

pianura

parole chiave: chiave centri rurali, centri urbani, agricoltura, allevamenti, industrie, vie di comunicazione lungo corso di acqua dolce

fiume

parole chiave: chiave sorgente, torrente, cascata, letto, anse, affluenti, foce a delta o a estuario massa di acqua dolce

lago

parole chiave: chiave cavità del terreno, rive, immissario, emissario, pesca, turismo enorme distesa di acqua salata

mare

parole chiave: chiave onde, correnti, maree, coste, porti, spiagge, isole, arcipelago, penisole, promontori, pesca, turismo, cantieri navali

195


MAPPA

per l’esposizione orale

LA FLORA E LA FAUNA flora: conifere, arbusti, muschi, licheni montagna

fauna: stambecchi, camosci, aquile, marmotte, caprioli, cervi, orsi flora: latifoglie, arbusti, sottobosco

collina

fauna: lepri, cinghiali, volpi, ricci, donnole, civette, falchi, talpe flora: distese erbose, latifoglie, arbusti

pianura fauna: conigli, volpi, ricci, bisce, rane, zanzare

flora: salici, pioppi, erbe acquatiche fiume

fauna: trote, gamberi, anguille, tinche, carpe, lucci, rane, aironi, martin pescatore flora: fiori, cipressi, oleandri, ninfee, palme

lago fauna: rane, aironi, cigni, anatre, pesci

mare

flora: macchia mediterranea, fichi d’India, oleandri, mirto, agave, alghe fauna: gabbiani, pesci, balene, foche, delfini, crostacei

196


• Verifiche su livelli • Valutazione • Autovalutazione Il mondo della geografia 90

1° LIVELLO

.....................................................................................................

2° LIVELLO

...................................................................................................... 91

Le carte geografiche 1° LIVELLO

...................................................................................................... 92

2° LIVELLO

...................................................................................................... 93

L’orientamento 1° LIVELLO

...................................................................................................... 94

2° LIVELLO

...................................................................................................... 95

La montagna 1° LIVELLO

...................................................................................................... 96

2° LIVELLO

...................................................................................................... 97

La collina 1° LIVELLO

...................................................................................................... 98

2° LIVELLO

...................................................................................................... 99

La pianura e la città 1° LIVELLO

..................................................................................................

100

2° LIVELLO

..................................................................................................

101

Il fiume e il lago 1° LIVELLO

..................................................................................................

102

2° LIVELLO

..................................................................................................

103

1° LIVELLO

..................................................................................................

104

2° LIVELLO

..................................................................................................

105

Il mare

Com’è andata?

...............................................................

106


GEOGRAFIA

1° LIVELLO

Nome e cognome ................................................................. Classe ............

Il mondo della geografia 1 Collega con una

ciascuna immagine alla definizione corrispondente.

elementi naturali

elementi artificiali

bussola

carta geografica

2 Leggi le domande, ordina i riquadri e scrivi le risposte. • Che cos’è la geografia? studia, interpreta, descrive e rappresenta la Terra.

La geografia

è la scienza che

��������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������� ���������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������

• Qual è il compito del geografo? il paesaggio.

consiste

Il compito del geografo

nel descrivere

��������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������� ���������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������

3 Cerchia solo i nomi degli aiutanti del geografo. climatologo   fotografo   botanico   arbitro   geologo farmacista   cartografo   zoologo   oceanografo   architetto

198

...................

su 12


Nome e cognome ................................................................. Classe ............

2° LIVELLO

GEOGRAFIA

Il mondo della geografia 1 Completa il testo con le seguenti parole. Terra • geografia • uomini • cambiamenti • natura strumenti • carte geografiche • capire La ...................................................................... è la scienza che studia la ......................................................................, le sue trasformazioni e i rapporti che gli ...................................................................... hanno con gli ambienti in cui vivono. La geografia aiuta a comprendere quali ...................................................................... sono prodotti dall’uomo e quali dalla ....................................................................... Inoltre, attraverso alcuni ......................................................................, come le ..........................................................................................................., dà la possibilità di ...................................................................... come sono fatti gli spazi intorno a noi. 2 Collega con una

ciascun aiutante del geografo all’attività corrispondente.

Riproduce tutta la superficie terrestre sulle carte geografiche. fotografo cartografo geologo climatologo

Studia la conformazione del suolo e del sottosuolo.

Fotografa gli ambienti.

Studia la tipologia delle piante, che vivono in un certo ambiente.

botanico Studia le variazioni del clima e stabilisce le caratteristiche climatiche di un territorio.

...................

su 13

199


GEOGRAFIA

1° LIVELLO

Nome e cognome ................................................................. Classe ............

Le carte geografiche 1 Colora solo i riquadri che contengono informazioni corrette. La carta geografica rappresenta un territorio riducendolo in scala.

La carta geografica politica serve a orientarsi meglio.

La carta geografica ha la legenda che spiega i simboli utilizzati.

Nella carta fisica il colore marrone indica un territorio di pianura.

Le carte geografiche sono realizzate dal cartografo.

Nella carta fisica il colore bianco indica i ghiacciai.

2 Per ciascuna carta geografica, scrivi se è fisica, politica o tematica.

��������������������������������������������������������������������������������

3 Collega con una

pianta planisfero mappamondo

200

��������������������������������������������������������������������������������

��������������������������������������������������������������������������������

ciascuna definizione al significato corrispondente. Carta che rappresenta la superficie terrestre su un piano. Rappresentazione della Terra nella sua forma sferica. Carta che rappresenta spazi piccoli, come una stanza.

...................

su 10


Nome e cognome ................................................................. Classe ............

2° LIVELLO

GEOGRAFIA

Le carte geografiche 1 Scrivi che cosa rappresentano i colori utilizzati nelle carte geografiche fisiche. marrone: ..................................................................... azzurro: ......................................................................... bianco: ..........................................................................

giallo: ...................................................................... verde: ......................................................................

2 Completa il testo con le seguenti parole. simboliche • territorio • ridotte • scala simboli • cartografo • legenda Una carta geografica, realizzata da un ......................................................................, riporta tutti gli elementi di un ....................................................................... Nella carta, il territorio viene rimpicciolito attraverso la riduzione in ...................................................................... e vengono utilizzati dei ..................................................................... Alla carta geografica viene affiancata una ......................................................................, che spiega come interpretare quei simboli. Le carte geografiche sono, dunque, ..........................................................., perché il territorio è rappresentato più piccolo della realtà, e sono ......................................................................, perché si rappresentano gli elementi della realtà con i simboli. 3 Collega con una

mappa carta fisica carta politica carta tematica

...................

su 16

ciascun termine alla definizione corrispondente. Carta che rappresenta come è organizzato un territorio: confini, città… Carta che rappresenta spazi piccoli, come una piazza o un quartiere. Carta che rappresenta un aspetto particolare del territorio: fauna, flora… Carta che mostra gli aspetti naturali di un territorio: fiumi, monti…

201


GEOGRAFIA

1° LIVELLO

Nome e cognome ................................................................. Classe ............

L’orientamento 1 È mezzogiorno e la bambina guarda il Sole. Scrivi i punti cardinali.

2 È notte e il bambino ha alle sue spalle la Stella Polare. Scrivi i punti cardinali.

.................................

.................................

.................................

.................................

.................................

.................................

.................................

.................................

3 Completa indicando con una X. • Il Sole sorge:

a nord.

a est.

• Il Sole tramonta:

a ovest.

a sud.

• Per orientarci usiamo:

la bussola.

la calamita.

• La Stella Polare indica sempre:

il sud.

• Le carte geografiche sono disegnate:

con il nord in basso.

4 Osserva la cartina, scrivi i punti cardinali e rispondi.

il nord. con il nord in alto.

.................................

• Qual è la città più a sud? ...................................................................................

• Qual è la città più a nord? ...................................................................................

.................................

.................................

• Quale lago si trova a est? ...................................................................................

• Quale lago si trova a ovest? ................................................................................... .................................

202

...................

su 21


GEOGRAFIA

2° LIVELLO

Nome e cognome ................................................................. Classe ............

L’orientamento 1 Rispondi. • Come si orientavano gli uomini nell’antichità? ������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������ ������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������

• Se guardi il nord, che cosa hai a destra? ������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������

• Che cos’è il mezzogiorno? ������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������

• Se guardi la Stella Polare, quale punto cardinale hai alla tua sinistra? ������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������

• Che cos’è la bussola? Come funziona? ������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������ ������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������

2 Indica con una X se le seguenti affermazioni sono vere (V) o false (F). • Il Sole sorge a sud. • I punti cardinali cambiano a seconda del posto in cui ti trovi. • Il nord è opposto al sud. • Il punto in cui il Sole raggiunge la sua massima altezza si chiama est. • La Stella Polare indica sempre il nord. • Il Sole tramonta a ovest. • Il sud è opposto all’est. • I punti cardinali sono i principali punti di riferimento per orientarsi.

V  V  V  V  V  V  V  V

F F F F F F F F

3 Colora nello stesso modo le parole che indicano lo stesso punto cardinale. ovest

settentrione nord

...................

su 18

occidente

est

oriente sud

meridione

203


GEOGRAFIA

1° LIVELLO

Nome e cognome ................................................................. Classe ............

La montagna 1 Completa il testo con le seguenti parole. rododendro • orso • rilievo • 600 • mirtilli • freddo • licheni • marmotta La montagna è un ...................................................... che supera i ...................................................... metri di altitudine. È un ambiente con clima ......................................................, che influisce sulla vita degli esseri viventi. Vegetali tipici della montagna sono: il pino mugo, il ....................................................................., il ginepro, i ......................................................, i muschi e i ...................................................... . Tra gli animali: l’aquila, la ......................................................, lo stambecco, l’...................................................... . 2 Colora nello stesso modo animali, piante e l’altitudine in cui vivono. fino a 1000 m fra i 1300 e i 2000 m oltre i 2000 m

abeti, pini, larici… prati aquile, stambecchi, marmotte…

castagni, querce, faggi, roveri... piccoli mammiferi, lupi, volpi, caprioli… cervi, orsi…

3 Cancella le parole sbagliate. • La montagna è un rilievo caratterizzato da cime arrotondate / aguzze. • Il fianco di una montagna si chiama fondovalle / versante. • Il ghiacciaio in montagna si trova oltre i 3000 / al di sotto dei 2000 metri. • Nel fondovalle più soleggiato si pratica l’agricoltura / il turismo alpino. • La baita / diga è la tipica abitazione della montagna. • Grazie alla ricchezza d’acqua, sono state costruite centrali idroelettriche / siderurgiche. • Per facilitare gli spostamenti sono stati costruiti dei trafori / acquedotti.

204

...................

su 21


Nome e cognome ................................................................. Classe ............

2° LIVELLO

GEOGRAFIA

La montagna 1 Per ciascuna definizione, scrivi la parola corrispondente. • . ...............................................................................: punto più basso della montagna. • . ...............................................................................: punto più basso di una catena, dove è facile passare. • . ...............................................................................: fianco della montagna. • . ...............................................................................: punto più alto di una montagna. • . ...............................................................................: zona pianeggiante tra due montagne. • . ...............................................................................: distesa di ghiaccio a quote elevate. 2 Spiega le diverse origini delle montagne. • Montagne tettoniche: ................................................................................................................................................................................................. ................................................................................................................................................................................................................................................................

• Montagne vulcaniche: ................................................................................................................................................................................................. ................................................................................................................................................................................................................................................................

3 Completa la tabella con i nomi delle piante e degli animali per ciascuna fascia di altitudine.

fino a 1000 m fra 1300 e 2 000 m oltre 2 000 m

animali

vegetali

��������������������������������������������������������������������������������������������������������������

��������������������������������������������������������������������������������������������������������������

��������������������������������������������������������������������������������������������������������������

��������������������������������������������������������������������������������������������������������������

��������������������������������������������������������������������������������������������������������������

��������������������������������������������������������������������������������������������������������������

��������������������������������������������������������������������������������������������������������������

��������������������������������������������������������������������������������������������������������������

��������������������������������������������������������������������������������������������������������������

��������������������������������������������������������������������������������������������������������������

��������������������������������������������������������������������������������������������������������������

��������������������������������������������������������������������������������������������������������������

4 Indica con una X solo le affermazioni corrette. Il clima di montagna presenta estati calde e inverni non troppo rigidi. Sulle cime delle montagne si trovano muschi e licheni. È un rilievo con cime aguzze e pendii molto ripidi. È l’ambiente in cui vivono lepri, ricci, volpi, fagiani. È un ambiente ricco di pascoli, che hanno favorito l’allevamento. L’uomo vi sfrutta la forza dell’acqua per produrre energia elettrica. ...................

su 19

205


GEOGRAFIA

1° LIVELLO

Nome e cognome ................................................................. Classe ............

La collina 1 Per ciascuna immagine, scrivi se si riferisce alla montagna (M) o alla collina (C).

2 Completa il testo con le seguenti parole. mite • 200 • arrotondate • torre • fertile • 600 • rilievo • ripidi • borghi La collina è un ...................................................... con un’altitudine cha va da ......................... a ......................... metri sul livello del mare. È caratterizzata da cime ...................................................... e pendii non molto ....................................................... Fin dall’antichità è stata abitata dagli uomini per il clima ...................................................... e il terreno ....................................................... Sulla sua cima si trovano ...................................................... circondati da antiche mura, con la chiesa, il castello o la ....................................................... 3 Colora solo i riquadri che contengono informazioni sulla collina.

206

Vi si è sviluppato l’agriturismo.

Vi si praticano gli sport invernali: sci, alpinismo...

Un suo animale tipico è lo stambecco.

Il clima ha estati calde e inverni non molto rigidi.

È coperta da boschi di latifoglie.

Vi vivono volpi, scoiattoli, lepri, faine, cinghiali...

...................

su 21


Nome e cognome ................................................................. Classe ............

2° LIVELLO

GEOGRAFIA

La collina 1 Spiega le diverse origini delle colline. • Colline vulcaniche: ................................................................................................................................................................................................. • Colline tettoniche: ................................................................................................................................................................................................. • Colline moreniche: ................................................................................................................................................................................................. • Colline strutturali: ................................................................................................................................................................................................. 2 Indica con una X solo le affermazioni che si riferiscono alla collina. Il clima presenta estati calde e inverni non troppo rigidi. Sulle sue cime si trovano muschi e licheni. È l’ambiente in cui vivono lepri, volpi, fagiani, ricci, talpe. È l’ambiente in cui vivono l’aquila, lo stambecco, l’orso, la marmotta. Vi si coltivano oliveti, vigneti, frutteti. 3 Completa il testo con le seguenti parole. terrazzamenti • viti • muretti • fertile • frutto • cereali Il terreno ...................................................... e non troppo ripido ha permesso all’uomo di coltivare la collina con buoni risultati. In questo ambiente l’uomo ha coltivato ........................................................, ulivi e alberi da ....................................................... Dove il terreno è più ripido, l’uomo ha costruito i ......................................................, gradini scavati sui pendii, sostenuti da ...................................................... di sassi. Dove ci sono terreni più ampi, ha coltivato ...................................................... e ortaggi. 4 Rispondi. • Quali animali alleva l’uomo in collina? ................................................................................................................................................. ..................................................................................................................................................................................................................................................................

• Quali sono le attività artigianali più diffuse? ................................................................................................................................ ..................................................................................................................................................................................................................................................................

• Da che cosa è caratterizzato il borgo collinare? ..................................................................................................................... .................................................................................................................................................................................................................................................................

...................

su 16

207


GEOGRAFIA

1° LIVELLO

Nome e cognome ................................................................. Classe ............

La pianura e la città 1 Colora solo i riquadri relativi agli animali e alle piante della pianura. volpe

gabbiano

germano reale

tiglio

salice

stambecco

libellula

quercia

licheni

coniglio selvatico

stella alpina

olivo

2 Osserva le immagini e collega con una corrispondente.

centro commerciale

periferia

centro storico

ciascuna parte della città alla definizione

zona industriale

centro sportivo

parco

3 Completa le frasi con le seguenti parole. allevamento • industrie • agricoltura • vie di comunicazione • Il territorio pianeggiante rende la pianura un luogo favorevole all’ ���������������������������������������������������������������� . • Grandi e moderne stalle hanno permesso lo sviluppo dell’ �������������������������������������������������������������������������������������� . • Per la trasformazione dei prodotti sono sorte numerose �������������������������������������������������������������������������������������������� . • Per trasportare le merci prodotte l’uomo ha costruito molte �������������������������������������������������������������������������������� .

208

...................

su 16


Nome e cognome ................................................................. Classe ............

2° LIVELLO

GEOGRAFIA

La pianura e la città 1 Completa il testo con le seguenti parole. deposito • fondali marini • eruttati • fiumi • vulcaniche • sollevamento Le pianure alluvionali si formano per il ..................................................................... di detriti trasportati a valle dai ..................................................................... Le pianure ..................................................................... si formano per l’accumulo di materiali ..................................................................... dai vulcani. Le pianure di ..................................................................... si formano per il sollevamento dei ........................................................................................................... 2 Completa la tabella. luogo

definizione/descrizione

centro storico

.......................................................................................................................................................................................

isola pedonale

.......................................................................................................................................................................................

zona residenziale

.......................................................................................................................................................................................

zona industriale

.......................................................................................................................................................................................

periferia

.......................................................................................................................................................................................

centro sportivo

.......................................................................................................................................................................................

vie di comunicazione

.......................................................................................................................................................................................

3 Colora solo gli elementi tipici del centro storico di una città.

...................

municipio

torre

isola pedonale

museo

fabbrica

centro commerciale

tribunale

cattedrale

strade strette

su 20

209


GEOGRAFIA

1° LIVELLO

Nome e cognome ................................................................. Classe ............

Il fiume e il lago 1 Osserva le immagini e scrivi i nomi degli elementi del fiume. Scegli tra: cascata • meandro • foce • torrente

..................................................

..................................................

..................................................

..................................................

2 Osserva le immagini e indica con X gli elementi tipici di laghi e fiumi.

3 Collega con una Fiume che entra in un lago. Solco entro cui il fiume scorre.

ciascun termine alla definizione corrispondente. diga emissario immissario

Struttura creata dall’uomo per raccogliere acqua.

Fiume che esce da un lago.

letto

210

...................

su 14


Nome e cognome ................................................................. Classe ............

2° LIVELLO

GEOGRAFIA

Il fiume e il lago 1 Completa il testo con le seguenti parole. emissario • estuario • foce • corso d’acqua sorgente • delta • meandri • immissario • affluenti Il fiume è un ................................................................................................................................ dolce. Il punto in cui un fiume nasce si chiama .................................................................... Lungo il suo corso, un fiume riceve acqua da fiumi minori, gli .................................................................... In pianura, dove rallenta, il fiume crea ampie curve, i ................................................................ Alcuni fiumi nel loro corso incontrano dei laghi. Quando entra in un lago diventa suo ........................................................................, quando ne esce si chiama .................................................................... Il punto in cui il fiume arriva al mare si chiama .................................................................... La foce può essere a ................................................................... quando il fiume si divide in tanti rami oppure a ................................................................. quando il fiume entra nel mare con un solo ramo. 2 Completa. Un lago si definisce: • costiero quando ��������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������.. •d i sbarramento quando ����������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������.. •g laciale quando ���������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������.. • v ulcanico quando ����������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������.. 3 In ciascuna coppia, cancella la parola sbagliata. Un lago è un corso / una massa d’acqua dolce che occupa una cavità naturale. Può essere alimentato da un immissario / emissario, ma anche da sorgenti / cascate sotterranee. Sulle sue sponde / cime vivono anatre, cigni, aironi, martin pescatori, germani reali... Il clima mite / polare permette la vita a vegetali come salici, ninfee, canne, giunchi... È il paradiso dei cacciatori / pescatori grazie alla presenza nelle sue acque di trote / balene, carpe, pescigatto / pescicani, lucci, alborelle e pesce persico.

...................

su 21

211


GEOGRAFIA

1° LIVELLO

Nome e cognome ................................................................. Classe ............

Il mare ciascun termine all’immagine corrispondente.

1 Collega con una golfo

arcipelago

isola

promontorio

2 Completa la tabella scrivendo al posto giusto i nomi di piante e animali dell’ambiente marino.

piante

animali

�����������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������

�����������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������

�����������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������

�����������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������

�����������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������

�����������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������

�����������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������

�����������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������

212

...................

su 17


Nome e cognome ................................................................. Classe ............

2° LIVELLO

GEOGRAFIA

Il mare 1 Collega con una

ciascun movimento del mare alle informazioni corrispondenti.

Masse d’acqua che scorrono sotto il mare.

correnti

Sono causate dai venti.

maree

Sono dovute all’attrazione della Luna.

onde

Possono essere alte o basse. Increspano la superficie del mare. Possono essere calde o fredde.

2 Per ciascun termine, scrivi la definizione. • Costa: ������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������� . • Golfo: ������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������� . • Promontorio: ���������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������� . • Penisola: ����������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������� . • Isola: ���������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������������� . 3 Indica con una X se le seguenti affermazioni sono vere (V) o false (F). • Il mare è sempre stato un’importante via di comunicazione. • Le saline sono vasche dove vengono allevati pesci e molluschi. • Nelle zone di mare è molto sviluppato il turismo invernale. • In alcune zone costiere è praticata l’acquacoltura. • Nel periodo estivo le zone di mare si riempiono di turisti. • La principale risorsa delle zone di mare è l’artigianato. • Sulle coste sono attivi numerosi cantieri navali. • I pescherecci sono attrezzati per la lavorazione del pescato.

V  F V  F V  F V  V  V  V  V

F F F F F

4 Rispondi sul quaderno. • Quali sono le caratteristiche del clima marino? • Che cos’è la macchia mediterranea? • Che cos’è l’acquacoltura? • Quali sono le principali risorse che il mare offre all’uomo? ...................

su 23

213


Com’è andata? 1° LIVELLO

2° LIVELLO

RISPOSTE GIUSTE 1° LIVELLO 2° LIVELLO

Il mondo della geografia

...............................

...............................

............

/ ............

............

/ ............

Le carte geografiche

...............................

...............................

............

/ ............

............

/ ............

L’orientamento

...............................

...............................

............

/ ............

............

/ ............

La montagna

...............................

...............................

............

/ ............

............

/ ............

La collina

...............................

...............................

............

/ ............

............

/ ............

La pianura e la città

...............................

...............................

............

/ ............

............

/ ............

Il fiume e il lago

...............................

...............................

............

/ ............

............

/ ............

Il mare

...............................

...............................

............

/ ............

............

/ ............

VERIFICA

DATA

Verifica: Il mondo della geografia Questa verifica è stata: facile impegnativa difficile Conosco il mondo della geografia: molto bene bene non bene Sono soddisfatto del mio lavoro? molto poco per niente Se la verifica non è stata positiva, rifletti. Penso di avere sbagliato perché: non ho capito le consegne   non ho studiato abbastanza   non sono stato attento Valuto il mio lavoro (da 5 a 10): ...........................

Valutazione dell’insegnante: ...........................

Verifica: Le carte geografiche Questa verifica è stata: facile impegnativa difficile Conosco le carte geografiche: molto bene bene non bene Sono soddisfatto del mio lavoro? molto poco per niente Se la verifica non è stata positiva, rifletti. Penso di avere sbagliato perché: non ho capito le consegne   non ho studiato abbastanza   non sono stato attento Valuto il mio lavoro (da 5 a 10): ...........................

214

Valutazione dell’insegnante: ...........................


Com’è andata? Verifica: L’orientamento Questa verifica è stata: facile impegnativa difficile Conosco l’orientamento: molto bene bene non bene Sono soddisfatto del mio lavoro? molto poco per niente Se la verifica non è stata positiva, rifletti. Penso di avere sbagliato perché: non ho capito le consegne   non ho studiato abbastanza   non sono stato attento Valuto il mio lavoro (da 5 a 10): ...........................

Valutazione dell’insegnante: ...........................

Verifica: La montagna Questa verifica è stata: facile impegnativa difficile Conosco la montagna: molto bene bene non bene Sono soddisfatto del mio lavoro? molto poco per niente Se la verifica non è stata positiva, rifletti. Penso di avere sbagliato perché: non ho capito le consegne   non ho studiato abbastanza   non sono stato attento Valuto il mio lavoro (da 5 a 10): ...........................

Valutazione dell’insegnante: ...........................

Verifica: La collina Questa verifica è stata: facile impegnativa difficile Conosco la collina: molto bene bene non bene Sono soddisfatto del mio lavoro? molto poco per niente Se la verifica non è stata positiva, rifletti. Penso di avere sbagliato perché: non ho capito le consegne   non ho studiato abbastanza   non sono stato attento Valuto il mio lavoro (da 5 a 10): ...........................

Valutazione dell’insegnante: ...........................

Verifica: La pianura e la città Questa verifica è stata: facile impegnativa difficile Conosco la pianura e la città: molto bene bene non bene Sono soddisfatto del mio lavoro? molto poco per niente Se la verifica non è stata positiva, rifletti. Penso di avere sbagliato perché: non ho capito le consegne   non ho studiato abbastanza   non sono stato attento Valuto il mio lavoro (da 5 a 10): ...........................

Valutazione dell’insegnante: ...........................

215


Com’è andata? Verifica: Il fiume e il lago Questa verifica è stata: facile impegnativa difficile Conosco il fiume e il lago: molto bene bene non bene Sono soddisfatto del mio lavoro? molto poco per niente Se la verifica non è stata positiva, rifletti. Penso di avere sbagliato perché: non ho capito le consegne   non ho studiato abbastanza   non sono stato attento Valuto il mio lavoro (da 5 a 10): ...........................

Valutazione dell’insegnante: ...........................

Verifica: Il mare Questa verifica è stata: facile impegnativa difficile Conosco il mare: molto bene bene non bene Sono soddisfatto del mio lavoro? molto poco per niente Se la verifica non è stata positiva, rifletti. Penso di avere sbagliato perché: non ho capito le consegne   non ho studiato abbastanza   non sono stato attento Valuto il mio lavoro (da 5 a 10): ...........................

Valutazione dell’insegnante: ...........................

Livello di autonomia nello studio Dopo queste verifiche, quale livello di autonomia penso di avere raggiunto nello studio? Sono in grado di studiare da solo? non ancora non del tutto: ho bisogno ancora di aiuto sì, so studiare da solo

Tra le strategie di studio che il testo mi ha proposto, mi sono state utili: l’uso di mappe l’uso delle parole chiave la suddivisione in paragrafi l’uso di tabelle le pagine di sintesi la ricerca delle informazioni

216


Classe 1ª Classe 2ª

• Letture • Riflessione linguistica e scrittura • Matematica • Storia • Geografia • Scienze • Quaderno delle verifiche • Libro digitale

C lasse 3ª

• Letture • Riflessione linguistica e scrittura • Matematica e Scienze • Storia e Geografia • Libro digitale

e la classe

Per l,insegnante

• Metodo con pagine di scrittura • Letture • Matematica con pagine laboratorio • Storia • Geografia • Scienze • Quaderno delle verifiche • Alfabetiere individuale • Libro digitale

•  Guide al testo con progettazione didattica per competenze e schede didattiche integrative • Alfabetiere murale sillabico e cartelloni •  Percorsi facilitati DSA-BES classe 1ª, 2ª e 3ª (a richiesta) • Libro digitale o DVD (a richiesta)

Allegato a MERAVIGLIOSO 3 non vendibile separatamente

QUADERNO DELL’ACCOGLIENZA

Volume in omaggio per tutti gli alunni in classe 1a. RICHIEDILO AL TUO AGENTE DI ZONA.

ibiscus edizioni


Il Flip Book: il libro che è sempre con te! Il Flip Book è la versione digitale del volume cartaceo. Può essere utilizzato in classe con la LIM e a casa su device abilitati. Il Flip Book, oltre a essere sfogliabile e interattivo, si arricchisce di molte funzioni multimediali, rendendo l’apprendimento dinamico, innovativo e personalizzabile.

Ecco come averlo… in pochi semplici passi! Per l’insegnante

Per lo studente

1. Vai alla pagina www.elilaspigaedizioni.it/libridigitali 2. Verifica di essere registrato al sito 3. Segui le istruzioni e scegli se scaricare l’applicazione APPBook o utilizzarla online 4. S eleziona il volume e utilizza tutte le funzionalità disponibili

1. Vai alla pagina www.elilaspigaedizioni.it/libridigitali 2. Segui le istruzioni e scegli se scaricare l’applicazione APPBook o utilizzarla online 3. Attiva il volume inserendo il codice riportato in basso a questa pagina e utilizza tutte le funzionalità disponibili

Con APPBook il libro digitale è davvero 2.0.! Scarica APPBook sul tuo smartphone, inquadra la pagina del libro e accedi immediatamente a tutti i contenuti audio e video presenti.

Scarica la App da App Store per iOS e da Google Play per Android.

Inquadra la pagina del tuo libro.

Libro sfogliabile con esercizi interattivi

Libro liquido versione accessibile

Audio e video

✓ ✓

✓ ✓ ✓

✓ ✓ ✓

Desktop Tablet Smartphone

PDF

Audio

n Studente Audio

esercizi interattivi, con correzione immediata Video

Cerca

audio per l’ascolto

Video

Login Docente

Cerca

Login Studente

video e animazioni

Matita

Testo

Registratore Audio

Registratore Audio Allega file

Registratore ht MascheraAllegaSposta file BarraElimina Audio

posta Barra

Ascolta.

Homeaggiuntivi, Indice Dsa Attività Audioicone: Video Sul FlipPDF BookAudio sonoVideo presenti molti contenuti individuabili dalle PDF seguenti Attività Cerca

Dsa

esto

Accedi ai contenuti e scaricali.

Elimina

Allega file

l ibro liquido per alunni con DSA e BES: versione accessibile ad alta leggibilità che consente di modificare il tipo di carattere e la sua dimensione, l’interlinea e il colore dello sfondo della pagina

Elimina

Segnalibro Disponibile per PC, MacPuntatore e TabletMatita

Testo

Registratore Audio

Allega file

Per scaricare la versione digitale di questo corso, consulta la pagina www.elilaspigaedizioni.it/libridigitali e utilizza il seguente codice:

MER3 8596 2536 Elaborato

Spootlight

Cerca

Maschera

Sposta Barra

Elimina