Issuu on Google+

Colorella e i suoi colori


C’era una volta, tanto tempo fa, in un castello lontano, una principessa ed il suo patrigno, il re.


La principessa era conosciuta per via del suo aspetto molto stravagante: i capelli a ciocche di varia tonalità come l’arcobaleno; il vestito variopinto. Era conosciuta da tutti con il nome di “Colorella”.


Colorella aveva conosciuto un ragazzo che lavorava per il suo patrigno come stalliere, il suo nome era Blu. Il re era contrario al loro amore e perciò faceva in modo di ostacolarli.


Colorella disse al patrigno: <<Non potrai mai sposare Blu, perchÊ è solo un povero stalliere e tu una ricca principessa>>. Colorella rispose: <<Io lo amo da morire e lo sposerò comunque>>.


Il re preso dallâ&#x20AC;&#x2122;ira e dalla gelosia per la figliastra decise di ostacolare questo amore e lo fece partire per comprare dei cavalli in un paese lontano, nel deserto.


La vita di Colorella, dopo la partenza di Blu, era diventata triste e solitaria. Trascorreva le sue giornate chiusa nella sua camera a pensare solo a lui. Decise quindi di trovare una via di fuga per raggiungere il suo amore.


La fanciulla la notte stessa, con il calar della luna, mentre il patrigno dormiva, annodò delle lenzuola e le buttò giù dalla finestra della sua stanza… ma non riuscì a raggiungere il suolo.


La notte successiva, al calar della luna, mentre il patrigno dormiva, Colorella ritentò la fuga calandosi giù dal camino… ma si ritrovò rinchiusa nella cantina.


La terza notte, con il calar della luna, mentre il patrigno dormiva, Colorella tentò ancora una volta di calarsi giù con l’aiuto di un ramo dell’albero che sporgeva nella sua stanza… e riuscì finalmente a scappare dal castello nel patrigno.


Sulla strada del viaggio verso il deserto, incontrò un cammello parlante di nome Mustafà. Colorella: <<Ho bisogno d’aiuto per ritrovare il mio amore che è stato mandato dal mio patrigno nel deserto. Tu con le tue gobbe piene d’acqua e le tue gambe lunghe e resistenti mi potrai aiutare>>.


Mustafà: <<Ok, ti aiuterò ma in cambio ti dovrai tagliare i tuoi bei capelli colorati, per dimostrarmi che ami veramente Blu>>.


Finalmente, dopo tanti giorni di cammino giungono nel deserto. Videro da lontano una mandria di cavalli e il suo amato Blu. Si abbracciarono felici di potersi rivedere.


Tornarono nel castello tutti insieme e trovarono i sudditi circondati da una fitta nube nera.


La rabbia del patrigno era diventata incontrollabile a tal punto da esplodere in un gran fumo che circondava tutta la corte.


Il cammello decise allora di intervenire sconfiggendo il patrigno, lanciando la ciocca dei capelli di Colorella per riportare il colore e la gioia a tutti.


Il re, accecato dai colori, perse la vista per sempre. Colorella e Blu si sposarono e vissero felici e contenti.


Una fiaba di: Anna Maria Marsala Tatiana Fanasca Antonella Muzzi Maria Rita Ceraolo Tatiana Casali


Colorella libro