Page 1

Busy as a Bee

1


Elisa Galluzzo per Gallo Gioielli di Silvia Gallo http://gallogioielli.jalbum.net


Busy as a Bee EDITORIAL

Chic

Busy as a Bee

di E.Inghilleri

Questo fashion magazine online nasce come progetto scolastico di Eleonora Inghilleri, studentessa del secondo anno di Fashion Stylist presso lo IED Moda Lab di Milano. Una rivista dedicata ai giovani d’oggi, interessati all’arte, al design, alla moda, alla musica, alla fotografia.. Numeroso è lo spazio dedicato ai nuovi talenti, alle interviste a professionisti di diversi settori, ai servizi fotografici e ai consigli moda, di make up, e di luoghi da frequentare. E’ un magazine intelligente, curioso e frizzante caratterizzato dalla grafica semplice ed intuitiva. Sfogliatela e buona prima lettura di Bee as a Bee!

COVER #1 Photographer: Sophie Schalf Performance: Anne Wunderlich Hair & Make Up: Eva Pilartz Fashion design: Helene Fahnenstiel Assistance: Martin Herweg


Busy as a Bee SUMMARY

Chic

Busy as a Bee

7 INTERVIEW#1 to Sophie Scharf 11 CONTACT 13 Bee Stings - ART NEWS 15 Bee Stings - FASHION NEWS 17 Honey Moon - BOOKS 19 Honey Moon - TRAVEL 21 STILISH STINGS 23 SHOPPING ABROAD - Wild side shop 25 Fashion Shoot - “Capocotta da capogiro” by Lorenzo Cecilia 31 Fashion Shoot - “Design in Fashion” by Lorenzo Cecilia 37 BEAUTY STINGS 39 CATCH THEM! - Silvia Brigatti - Lorenzo Giamello - Claudio Furini - Sara Anastasi - Lorenzo Cecilia 45 Fashion Shoot - “Sweet Innocence” by Sophie Scharf 53 Honey Moon - NIGHT. 55 HONEY ADDICTED 57 INTERVIEW#2 to Anna Clerici 59 Fashion styling with Anna 61 Editorial


Busy as a Bee

INTERVIEW#1

Sophie Scharf

Fashion Photographer.

BB: Was being a photographer your childhood

dream or did you become photographer perchance? Sophie: When I was little girl I wanted to be a hairdresser like any girl wants. I enjoy taking pictures. And my photos were always the most beautiful of the whole class when I went to school. But I’ve never thought about photography to make it my profession. According to the Commercial College I realized that it is not my thing. My teacher told me to try something completely different. I’ve been thinking about my hobbies and I thought if I like taking pictures, why not try? I made an education as a photographer and now I’m a freelance photographer since August.

BB: Which was the main event/job that brought your success? And how did you get there? Sophie: My thesis made a lot of people noticed me. I’ve given a lot of trouble with the photos! They had to be perfect for my exam. And they have become so good that many people have contacted me suddenly! The photos have arrived well integrity. Since then, more and more people find me and follow my work. BB: Which are the differences between freelance photographer and a photographer working in agency? Sophie: A freelance photographer can take orders, which he wants. He has his freedom. An agency photographer is tied to his agency and arrange everything with it. 7

BB: Where does your inspiration come from? Which are your favorite photographer?

Sophie: I ‘m inspired by many things. It can

be videos, great place or wonderfull outfit. There are many photographers that I like. Everyone of them has a different style. That makes them so interesting.

BB: What do you like taking picture? Which are your favorite subjects? Sophie: I love to take photographs of people. It is very exciting and important for me to work with them! BB: Do you consider your photos an art’s work? Sophie: I think every photographer is an artist. Each in his own way. Only the taste varies from person to person.

BB: How can you catch the deepest feeling of a subject, when you snap it? Sophie: I think it is very important to be open and sociable for a photographer. This breaks the ice. If between the team and the photographer’s all true, then the result will be very good! ☺ This is very important to me! BB: What’s your opinion about fashion? Sophie: I love fashion! Fashion will never

be out! Isn’t it great? Pure inspiration for any photographer!

BB: Which was the deepest and most intense experience of your career or life, that change

www.sophiescharf.de http://sophiescharf.tumblr.com


your career or life, that change your way of seeing and feeling the world? Sophie: I think that this part of my life is waiting for me ... It will come someday.

BB: Do you prefer analog or digital? Sophie: I prefer digital. It gives the photographer

a lot more options than analog. But no camera gets the great analog touch in the photographs that analog cameras have!

BB: “Must have” when you go out snapping? Sophie: My camera! And the right weather, the

perfect outfit and good mood.

BB: Are you working on a project right now? Sophie: At any special project. Sometimes like to

work on different projects when the time is there. BB: Would you like to snap at a particular view or subject in future, something you’ve never see or something you saw without your camera? Sophie: I would like to take pictures in different countries. Nothing to plan in advance. Simply inspired by the country and the culture..This is a project I would like to achieve someday.

BB: Any suggestions for aspiring photographers? Sophie: At first, it is important to find their own

style. And then work out as much as possible. That’s the biggest difference between the photographer. You must be able to stand out. That’s not easy ... However, it should be no problem! It’s an exciting challenge for yourself. Do it!

Rock ink: Eleonora Inghilleri

9

www.sophiescharf.de http://sophiescharf.tumblr.com

Model: Anne Wunderlich Hair & Make Up: Eva Pilartz Designer: Helene Fahnenstiel Photographer: Sophie Scharf 10 Assistance: Martin Herweg


Busy as a Bee

Busy as a Bee Via Duca D’Aosta 1 - 22100 Como Italy 3468229609 FOUNDER and CREATOR DIRECTOR OF THE PUBLICATION DIRECTOR OF THE CREATION Eleonora Inghilleri

eleonorainghilleri@ied.edu

CONTRIBUTER Linda Crabu lindanails@libero.it

..When a flower blooms, the bee arrives without the need of invitation.. (Ramakrishna) 11


Bee Stings. Art News. Mike Stilkey

ha sempre amato dipingere e disegnare. Da poco tempo però ha deciso di dedicarsi e lanciare un nuovo tipo di arte; Book Painting. Proprio così, Mike dipinge usando centinaia di libri accostati tra loro raffigurando un cast di personaggi stravaganti immersi in spazi ambigui, fantastici o fiabeschi. Il suo stile ricorda molto l’Espressionismo tedesco, sia per il disegno sia per la linea che per il colore. Le sue opere suscitano nello spettatore un senso persistente di perdita e di angoscia, una profondità emotiva tipica della corrente artistica sopra citata. Al senso di mistero vi aggiunge un pizzico di capricciosa poesia e armonia suggeritaci dalle forme tondeggianti e dalle linee curve. Mike Stilkey vive e lavora a Los Angeles, ha esposto la sua arte in diversi musei statunitensi, così come a livello nazionale. Insomma se non sapete cosa fare, se avete vecchi libri scolastici sbizzaritevi anche voi.. Per la gioia delle mamme!

13

“Spiral Illustrations” by C.H. Chong per Faber Castell. Chi da bambino non ha mai impugnato con la piccola manina una favolosa e famosa Faber Castell? La frontiera del disegno a mano libera ormai non conosce più frontiere; Chan Hwee Chong si destreggia molto bene in questo campo soprattutto se in possesso di un pennarello a punta fine Faber Catell. Chan realizza quadri “circolari”, come la Gioconda di Leonardo, l’autoritratto di Van Gogh riproducendoli con un solo tratto a spirale. La spiral art è sorprendente, ma al contempo maniacale, ipnotica, geniale. Chi ne sarebbe capace?

Scolpire la carta come se fosse pietra.

E’ possibile realizzare sculture con un materiale povero come la carta? Ormai è possibile fare qualunque cosa, ma Jeff Nishinaka lo fa così bene da lasciare senza fiato. Le sue opere sembrano fatte in gesso, schiuma o con altri materiali scultorei ma non è così; sono vere e proprie sculture in carta realizzate con un’eleganza mozzafiato, senza tempo. Il colore bianco predomina, creando raffinati giochi di luce e ombre. La sua magia consiste nel trasformare la carta comune, deperibile, fragile in qualcosa di eterno, perfetto, immortale. Della carta conservano solo l’incredibile leggerezza. Adoro.

14


Bee Stings. Fashion News. Louboutin

&

Capsule

Collection.

Per le amanti delle scarpe come me, finalmente, dopo party vari, libri e “blablabla” potremmo mettere le mani sulla Capsule Collection firmata Louboutin . “20 Shoes for 20 Years”, venti modelli, proprio come gli anni da festeggiare. Ce n’è per tutti i gusti, trasparenze, fiocchi, frange, pizzo, borchiette, fantasie. Stilvali, ballerine, sandali, open toe. Ah, tutte rigorosamente con la suola rossa! E tu, quale preferisci?

A casa con Daphne Guinnes.

L’artista, collezionista di Haute Couture e stilista d’occorrenza apre le porte della sua dimora. Cosa c’è dietro la porta di uno dei più grandi idoli delle fashioniste?? Un mini film, tutto interamente dedicato alla vita, alle passioni (tra cui le farfalle e i fiori), un angolo di intimità che svela una indubbia personalità. Un look trasgressivo, dai colori scuri si contrasta con i fiori candidi tenuti sotto cupole di vetro. DA VEDERE.

Madonna in Givenchy al SUPERBOWL 2012.

A Indianapolis il 5 Febbraio Madonna ha sfoggiato, per la gioia della Maison Givenchy, tre abiti disegnati da Riccardo Tisci al Superbowl 2012. Un mantello dorato (interamente ricamato a mano con decorazioni d’oro, borchie, cristalli e lustrini, foderato di chiffon leopardato), un miniabito nero in candy di seta (ancora borchie, mantella con stampa leopardata in charmeuse di seta, decorazioni d’oro, lustrini..). Insomma, ok riprende particolari caratteristici della Maison come l’audace stampa animalier, le decorazioni tridimensionali, i motivi grafici e tagli suggestivi, e ok con Madonna non ci sono limiti, ma.. un po’ esagerato per una popstar ultracinquantenne che decide di tornare sul palco dopo tre anni di silenzi. 15

www.christianlouboutin.com

16


Honey Moon

books.

e M

r o m

Le pagine dei libri somigliano a quelle di un diario stracolmo di ricordi, segreti, trucchi del successo di una giovane griffe raggiunto in pochissimi anni (“Rodarte”), a volte malinconici e nostalgici come le istantanee scattate da grandi fotografi (Helmut Newton Polaroids”), altre ancora di stile. I libri custodiscono anche reminiscenze inconsce, come quelle evocate dalla fragranza di un profumo diventato mito (“Il segreto di Chanel N°5”), dal fascino della sua creatrice (“Chaner. Her life”), o dalla genialità creativa fotografica (“Work in progress” by Karl Lagerfeld). Infine, proprio come un diario, i libri custodiscono gli attimi indimenticabili, che resteranno nella storia privata o pubblica di ognuno. A partire da quelli del matrimonio, che può essere regale se il consorte è davvero un principe (“Royal Weddings”), vero o fittizio per le star di Hollywood (“Weddings and movie stars”), ma sempre e comunque con uno splendido abito bianco (“The wedding dress”).

. s ie

Honey Moon

books.

Le guide sono le migliori amiche delle globe-trotters; si trasformano in bussole precise e affidabili. Se l’umore è ballerino meglio optare per la meta giusta per ritrovare se stesse (“Travel Therapy”). Si può partire per una capitale alla volta del posti più cool (“Cool Barcellona”), o andare alla scoperta del design e dell’architettura di grandi metropoli (“AAD London”) o, ancora, affidarsi all’istinto di una guida pink self-made (“Rio de Janeiro travel journal”). Per le amanti della natura, dettagliati manuali raccontano di oasi eprfette (“1000 oasi e parchi naturali da vedere in in Italia”). Le guide più fashion, invece, tracciano itinerari sofisticati, secondo le dritte di eprsonaggi del mondo dell’arte e della letteratura (“Louis vuitton city guide”), o seguono percorsi via mare per visitare ville esclusive (“Ville in Riviera”). Infine per chi ama la comodità, le guide diventano micro, tascabili (“The mini rough guide”), mentre per i viaggiatori più scupolosi si fanno health-oriented, per riprodurre al minimo i rischi sanitari (“Africa. Viaggi e salute”).

Th e wa no y. w

18


Honey Moon

travel.

t e s t a L nu i m

In servizio a tempo pieno, trolleys e borsoni sono sempre pronti a contenere il piccolo grande mondo che il viaggiatore porta con sè. Alle globe-trotters di lungo, medio, e breve raggio il travel code impone di non dimenticare alcunchè, nemmeno un ombrello fantasia. Set di valige rigide, dai materiali water-resistant e shock-proof ma dall’aria d’antan, includono mderni bauli stile anni Venti, cappelliere e beauty cases da agganciare al trolley. Morbide maxi bags e capienti sacche a tracolla in pelle, cuoio, tartan, canvas o pelliccia sono nate per “nascondersi” in ogni angolo. Zaini da esploratore con cinghie regolabili, tasche e dettagli scamosciati o spallacci essenziali ma efficaci sono perfetti per un giro su una bici vintage. Per partenze non rinviabili, imprescindibili gli orologi: al polso o al collo come bijoux vittoriani, invitano alla puntualità.

Francesca Bonato per Giorgio iv Pzz. Cinque Giornate 5, Milano


Stilish stings. - Maglione a trecceNato in Irlanda, il maglione a trecce, quello dei marinai per intenderci, è diventato una vera e propria tendenza ovunque. Anche se da sempre considferato un caposaldo del look preppy (Ralph Lauren, tanto epr fare un esempio), ce ne seno alcuni che non sfigurerebbero come quelli di Michael Kors e Chloè, che hanno recentemente aggiornato la versione classica. Ce n’è per tutti i gusti e per tutti gli stili, insomma, una volta trovato quello che fa per voi, avrete un indumento che non vi tradirà mai. Qualsiasi capo scegliate, rimarrà un pezzo fondamentale del vostro guardaroba, che vi farà sentire comodi e sportivi, ma al contempo eleganti. Il maglione a trecce trasmette un’immagine di rilassata indifferenza (“Oh! Mi sono messa la prima cosa che ho trovato!”)ma anche di stile supremo (“... tutto calcolato!”). L’importante è comunicare sempre qualcosa di sè.

OGNI TRECCIA UN CAPRICCIO - Nella versione bianco ottico può diventare un’ottima soluzione da portare in viaggio, poichè probabilmente si abbinerà con quasi tutto quello che avete in valigia. - Per bilanciare il volume del busto, indossate un paio di pantaloni aderenti o a sigaretta, altrimenti sembrerete una balena. La parola magica è sempre EQUILIBRIO. - Anche in questo caso andare a fare shopping in un negozio da uomo può rivelarsi un’esperienza divertente, ma state attentissime a come vi sta il modello che avete scelto. - Se avete da investire qualche soldino, i modelli più alla moda sono quelli di Chloè. Per il resto - gioielli, trucco e parrucco - puntate sulla semplicità, così che il maglione sembri una scelta ponderaa e non casuale. Ricordate: una donna di classe non lascia mai nulla al caso.

21

Differenze di stile -Casual, per il weekend: abbinate un maglione extralarge color avena a un jeans skinny infilato in un paio di stivali da cavallerizza. -Sofisticata: indossatene un modello bianco e minuto con un paio di pantaloni dello stesso colore e un cappotto color cammello. -Modernissima: dovete cercarne uno lungo di cashmere che vi faccia da miniabito e abbinarlo con una cintura e un bel paio di stivali. -Preppy chic: per restare fedeli alle origini, mettetene uno di J.Crew con pantaloni di tela e mocassini.

Sempre vostra, Eleonora I.

22


Shopping abroad.

Wild Side Shop nasce dalla presa di coraggio di Stefania Livi, che ben 17 anni fa decise di fare le valige e partire per il Kenya, precisamente per Malindi, dove tutt’ora vive e lavora. Con sè, l’ambiziosa Stefania portò la sua infinita creatività e tutte le sue energie. Wild Side Shop è ora una botique molto amata a Malindi che propone abbigliamento e accessori legati al mondo africano ma con un gusto occidentale ed europeo. Anche in vacanza, lontani dalle proprie abitudini, dalle influenze, si può essere alla moda.. forse proprio in queste occasioni riusciamo a tirare fuori la nostra vera personalità; stanchi delle solite uniformi, delle scarpe dolorose e dei colletti che creano prurito, Wild Side Shop propone, oltre che alle borse (che sono il must per eccellenza della boutique), cinture, e sandali interamente lavorati a mano impreziosite da perline e particolari etnici. Ogni singolo prodotto è sottoposto alla cura italiana nella lavorazione e nel controllo di ogni singolo.

I prodotti sono visualizzabili sul catalogo online (http://www.wildsideshop.com/home.htm). E’ possibile acquistare il prodotto da voi desiderato mandando una mail all’indirizzo email wildside@swiftmalindi.com

23

24


Capocotta & Co da Capogiro

Mutoid

Photographer: Lorenzo Cecilia Performance: Kaline e Irvana @Zoe Model Roma

26


27

28


29

30


Design in Fashion Photographer: Lorenzo Cecilia Performance: Martina Shasa 31

32


Beauty stings. - L’arrivo della primavera L’arrivo della primavera comincia già a farsi sentire, e come accorgliela al meglio in termini di bellezza? Partiamo dalla base, il fondotinta, deve essere molto naturale e non un mascherone, chiaro e che copra solo le imperfezioni, perché la sua funzione è di coprire non di far abbronzare le persone. La cipria, messa dopo il fondotinta, deve essere molto chiara, molto spesso si usa la cipria trasparente perché non va ad alterare il colore del fondotinta. (la cipria trasparente ha un leggero effetto rosato). Per le guance può essere usato un blush color pesca o rosato, perché mettendo colori molto scuri appesantirebbe molto il vostro viso, consiglio sempre quelli in polvere. Per gli occhi potete sbizzarrirvi con colori pastello chiari, come l’azzurro, il rosa, verde e simili sfumandolo con un punto luce chiaro sotto l’arcata sopraccigliare. Per intensificare il vostro occhio potete usare l’eye-liner molto sottile di color nero se avete usato un colore rosato, ci so no se no eye-liner colorati da abbinare al vostro ombretto. Con il colore dell’ombretto potete creare una riga sfumata sotto l’occhio. A vostro piacimento potete delineare le sopracciglia con una matita o con un ombretto di un tono più chiaro del vostro colore. Per le vostre labbra potete usare gloss chiari rosati, o rossetti molto accesi che potrete abbinare al vostro colore di make up. Sarebbe meglio non delineare la bocca con la matita per non appesantire, a meno che sia un rossetto che tende sul rosso. XOXO Linda.

37

LOOSE POWDER

LIPSTICK

Cipria trasparente Aegyptia.

Mac.

FONDOTINTA Make up Forever..

OMBRETTI Mac.

OPULASH Mac.

38


Catch them!

I nuovi giovani talenti non fanno altro che proliferare da ogni parte; c’è chi si dedica al canto, chi ha una particolare attitudine per il disegno, chi per il cucito, c’è chi spicca per una forte personalità, chi rincorre i propri sogni e li raggiunge. Ecco i nuovi talenti scenti in esclusiva da “Bee as a Bee” per voi. Potreste essere voi i prossimi Creative Director di qualche famosa Maison? Potreste essere voi gli eredi di grandi cantanti italiani?

Silvia Faty Brigatti

Lo studio MI TATUO di Faty!

Tatuatrice, 23 anni. Circondata da una famiglia di artisti, Silvia studia e si diploma al liceo artistico Umberto Bocconi di Milano. Decide successivamente di iscriversi al corso di Fashion Design, che abbandonerà al secondo anno per proseguire con al sua vera passione; i tatuaggi. Ha cominciato facendo prove su se stessa e sugli amici, senza più fermarsi per tre anni quando riesce, finalmente, ad aprire il suo studio. Ama l suo lavoro, l’eternità delle sue opere ed il colore, sua vera e unica passione; “L’unica arma di difesa che abbiamo nei confronti di una vita spesso grigia. Colorare noi stessi colora la nostra anima”.

Alcune delle sue opere d’arte!

39

Contattala!

Via Ricciarelli 13, Milano Orari: mar.-ven. 12.00-19.00 sab. 13-00-18.00 Per info e/o prenotazioni tel: 3480001233 (in orari di apertura) Visita la official fanpage di Facebook FATYTATTOO

40


Contattalo! 41

E-mail: lorenzogiamello@ied.edu Tel: 3276106238

Lorenzo Giamello

Claudio Furini

Fashion Designer, 20 anni. Lorenzo fin da bambino si è sempre divertito a disegnare e realizzare vestiti; il suo sogno sta diventando realtà, frequenta il secondo anno di Fashion Design presso l’Istituto Europeo di Design di Milano. Ha la passione per gli abiti “fantasy”, in particolare quelli ispirati ai Manga giapponesi. Creativo e ambizioso spera in una futura collaborazione con il marchio urbanwear Diesel.

Hairstylist, 26 anni. Romano di nascita, ha incominciato pettinando le amiche e gli amici. Cresciuta la passione per l’Hair Styling comincia a lavorare nei saloni per poi lanciarsi definitivamente nel mondo della moda, che egli stesso apprezza e predilige per la “libera creatività” che essa stessa lascia. Lavora come libero professionista, e ha collaborato per marchi validi come Bon Bon, Mila Shon, Artigli e per testate di moda come Marie Claire Turkey, Vogue bambini per OVS Kids.

Contattalo!

E-mail: info@claudiofurini.com Tel: 3497708660 Official Website: www.claudiofurini.com

42


Lorenzo Cecilia

Sara Anastasi

Photographer, 20 anni. Inizia a scattare foto con i primi cellulari con fotocamera e a manipoalrli successivamente al computer. Terminato il liceo artistico a Roma, vince una borsa di studio che gli permette di trasferirsi a Tornino dove inizia a frequentare il corso di fotografia presso l’Istituto Europeo di Design. A soli sedici anni inaugura la sua prima mostra “Manipolazioni fotografiche”, seguita da varie collaborazioni con diversi fotografi. A diciotto anni firma la sua seconda mostra “Personali RI-TRATTI”. Lavora per il sito Sickgirl e alcuni suoi scatti vengono pubblicati su diverse riviste giovanili. Vincitore di diversi concorsi nel 2011, firma la campagna in uscita per Maggie Jeans. Forte attitutidine per la postproduzione.

Fashion Designer, 20 anni. Studentessa Catanese del quadriennale Moda, sin da piccola ha nutrito un noto interesse per la moda e già all’età di otto anni si apprestava, con ago e filo, a cucire abiti alle sue amate bambole e a schizzare qua e la figurini di moda. In un futuro pensa di dedicarsi anche alla fotografia e molto altro ancora , si vede con parecchi sogni realizzati quali ad esempio la nascita di un proprio marchio. “Soltanto con grande passione, spirito di iniziativa e tanti sacrifici i sogni si possono avverare, facendoli diventare così parte integrante della nostra realtà“.

Contattala!

E-mail: sarah91@live.it WebSite:http://www.facebo ok.co m/page s/No n-solo -mo da/139552232767938

43

Contattalo!

E-mail: loppolo@hotmail.it Tel: 3899457595

44


Sweet Innocence Photographer: Sophie Schalf Performance: Antonia & Isis Hair & Make Up: Eva Pilartz Styling: Natalie Hellmann


Honey Moon

Night.

Basta rinchiudersi in discoteche caotiche, o nei soliti noiosi pub. Vi propongo un luogo caldo e molto trendy. Il Wood è un locale giovane, inaugurato il 7 Dicembre 2010, ma l’attenzione e il servizio offerto dal locale sono il frutto di anni di esperienza nel settore. Accogliente con circa cinquanta posti a sedere alternati tra tavolini e salotti coniugati ad un bancone che si estende per tutta la lunghezza del locale. Il personale, oltre che è ad essere disponibile, è giovane, frizzante e socievole. Il Wood apre alle 7:30 del mattino proponendo ai propri clienti torte e frolle di pasticceria, accompagnate da un buon caffè o da un cappuccino. Per il pranzo il titolare Stefano Bubbico, vi propone piatti stagionali (primi e secondi piatti), gustose piadine e panini. Dalle 18:00 si accende una musica lounge e chillout per accomapgnare il vostro aperitivo (6 euro), completato da drink ottimi e ricercati. La vostra serata al Wood si completa con il Dj Set sempre presente al Venerdì e al Sabato sera, mentre da Domenica a Giovedì il Wood diventa un raffinato Cocktail Bar, dedicando, in aprticolare, spazio all’arte con il vernissage al Giovedì. E’ possibile organizzare eventi, feste private, compleanni!

CONTATTI: Wood Bar Via Tiziano, 19, Milano (Metropolitana M1 Buonarroti) Tel +39 02 39400873 Official Website: www.woodbar.it


“Honey - addicted” Temple Run. Il nuovo “running game” (io lo definirei di più una droga) per la piattaforma iOS si arrichisce sempre più. Sviluppato da Imangi Studio, in questo simpatico videogame dovrete scappare da un branco di pericolose scimmie urlatrci che ci inseguono dal tempio, in cui inizia il gioco. L’unica modalità presente ci vede correre all’infinito o quanto meno cercare di farlo, vista la grande quantità di ostacoli che intralceranno il nostro cammino. Il percorso cambia ogni volta in modo random e la difficoltà aumenta gradualmente. dunque ci troveremo ad affrontare una sfida sempre diversa, in cui gli unici elementi di progressione sono costituiti dai gettoni che possiamo raccogliere e dai tanti achievement sbloccabili. l protagonista può saltare se disegniamo con le dita una linea verso l’alto, può scivolare se al contrario ne tracciamo una verso il basso e infine può svoltare a sinistra o a destra sulla base di slide portati nell’una o nell’altra direzione. Man mano che si percorrono i metri, le insidie si moltiplicano e si presentano con maggiore frequenza: baratri, strettoie, cerchi infuocati, grosse radici e infine gli improvvisi cambi di direzione. Basta un errore ed è game over, il che da un lato rende il gioco molto emozionante e coinvolgente, dall’altro inevitabilmente frustrante. Per quanto riguarda invece gli achievement, ce ne sono una ventina e vanno sbloccati completando degli obiettivi particolari: correre per cinquecento metri senza raccogliere alcun gettone, raccogliere mille gettoni, coprire una distanza di tot metri, totalizzare un determinato punteggio e così via. Si tratta certamente di elementi di contorno rispetto al gioco vero e proprio, ma che di fatto ci invogliano a inanellare una partita dopo l’altra per cercare di ottenere questo o quell’extra. Cosa aspettate a scaricarlo e a battere il mio record (3.072.498)?? VOTO 9.

R

E

S

C

P O T OI L E V

Dalton - The Awesome. Un simpatico gioco che unisce due temi cult degli ultimi mesi; l’endless running game e gli zombies. Questo gioco provoca uno stato di leggera dipendenza iniziale che ci costringerà a correre sempre più metri per denigrare i nostri amici. Stupenda la grafica in stile Doodle con zombie che ci inseguono. Prezzo 0.79 su Apple Store. VOTO 8,5. Boost 2. Gioco che piace, che non stanca, grafica spettacolare. Merita ma non eccelente. Segui il percorso accelerando o decelerando, e attento agli ostacoli! VOTO 7.

Siege Hero. Vi è piaciuto Angry Birds?

Bene, allora vi propongo qualcosa di molto simile ma ben realizzata che offre un’esperienza di gioco un po’ diversa, derivato in parte dall’originalità della visuale di gioco. Il nostro compito questa volta sarà uccidere nemici (indiani, samurai, pirati..) lanciando svariati oggetti (peitre, barili di olio, bombe, esplosivi..) nei “castelli” dove questi si rifugiano. Meno colpi utilizzi più alto sarò il tuo punteggip. Concentratevi sulla strategia.VOTO 8/9.


Busy as a Bee

INTERVIEW#2

Anna Clerici

Fashion Stylist.

BB: Iniziamo dagli esordi. Quando ha capito di avere una certa attitudine per la moda?

Anna: A dire il vero è stato tutto quasi per caso,

se vogliamo trovare un esordio romantico, mio padre aveva una tessitura, mi portava del tessuto ed io, mi divertivo a fare vestiti all’unica bambola che avevo. Romanticismo a parte, questo non è il vero motivo per il quale ho iniziato questa professione; sono statu tre anni di corso all’istituto Marangoni di Milano, mi sono trovata in questo mondo senza quasi averlo cercato. Sono sempre stata creativa e pratica (che in questo lavoro sono qualità indispensabili).. forse questa è stata la mia attitudine

BB: Come è iniziato il tuo percorso nel mondo della moda? Anna: “ Trovarsi nel posto giusto al momento giusto”. Appena concluso il triennio, ho trovato lavoro part time in un negozio molto “IN” di Milano, ed è venuta una ragazza greca che avevo conosciuto a scuola, che il giorno stesso aveva ricevuto una proposta di lavoro e cercava quindi una persona che potesse sostituirla nel suo lavoro attuale, ovvero costumista per il corpo di ballo di “CD LIVE” (trasmissione in onda su raidue). Dopo sei mesi, ho capito che non era proprio il lavoro che sognavo, così ho dato forfait e ho deciso di licenziarmi ed aspettare. Poco dopo ho iniziato a pubblicare qualche servizio su qualche magazine, ho seguito lo styling di al cuni video, poi con il passaparola tra registi, fotografi e case di produzione ho iniziato a farmi un giro di clienti.

57

BB: Di che cosa si occupa principalmente lo Stylist? Anna: Deve trovare il look perfetto per ogni lavoro, che sia un redazionale o una pubblicità o un video. Fare un servizio per una rivista è più semplice sotto alcuni aspetti; puoi contattare Showroom che ben volentieri ti rpestano vestiti per aver in cambio dei crediti. Hai quasi la totale libertà di scelta! In pubblicità, invece, scordati di primeggiare! E’ il cliente a decidere, la tua abilità sta nel capire cosa vuole e fargli delle proposte, prima attraverso dei layout e poi cercando di trovare (stando dentro ad un budget) quello che si è deciso. BB: E il tuo lavoro come si svolge nella quotidianità? Anna: Ho aperto uno studio nel 2007, con una mia amica fotografa. Qui ho un archivio di vestiti, una piccola zona con tessuti e macchina da cucire, abbiamo una sala di posa con zona trucco e zona scrivanie. Ogni giorno vengo qui, e a seconda di quel che c’è da fare organizzo la giornata. BB: E’ una carriera accessibile per tutti o è una

professione di nicchia? Anna: Penso che sia accessibile a chiunque abbia un certo senso estetico e senso pratico!

BB: Perchè il “Fashion Stylist” come figura professionale non è conosciuto? Anna: Questa è una bella domanda!! Quando dico che sono una Stylist, la risposta più frequente è: “Ah! Quindi disegni?”

www.annaclerici.com

BB: Che cosa ricercano i clienti? E’ diverso l’ap-

proccio in Italia rispetto all’estero? Anna: Per le esperienze che ho avuto, ogni cliente è uguale!

BB: Un putfit o abbinamento con il quale una donna non deve mai uscire? Anna: Non addobbarsi come un albero di Natale per essere appariscente, il rischio è di risultare ridicola! Se hai una scarpa o una borsa eccentrica, indossala con dei capi semplici. Al contrario, se hai una pelliccia leopardata, non metterla con deglis tivali borchiati!

BB: Ha qualche suggerimento per gli aspiranti Stylist? Anna: Ricerca, ricerca, ricerca.. Cercare ispirazioni ovunque, nei film, nelle riviste. Non si può aspettare che l’idea venga da sè, bisogna guardarsi ingiro e non dare mai nulla per scontato.

Eleonora Inghilleri

BB: Cosa non manca mai nell’armadio di Anna Clerici?

Anna: La verità? Jeans. BB: Essere magre è una prerogativa per vestire

in un certo modo? Anna: Sicuramente essere magre facilita, senza dubbio, ma se posso dare un consiglio alle ragazze un po’ over, puntate sulla raffinatezza, non si sbaglia mai.

BB: Cosa ne pensa della provocazione di Elena

Mirò nel far sfilare anche taglie 46? Anna: Molti la vedono come una provocazione, io penso che sia un’altra fetta di mercato, il risultato non è brutto, è semplicemente diverso.

BB: )Qual’è il capo, l’accessorio che non passerà mai di moda?

Anna: Tutto ciò che è sobrio. Sono una fan del

nero; non stanca mai ed è adatto per ogni situazione, capo o accessorio in questione deve essere di qualità però!

BB: Stilista preferito? Anna: Per anni è stata Vivienne Westwood,

amavo il suo stile inconfondibile ed eclettico che andava al di là delle mode del momento. Ora preferisco stilisti dalle linee più pulite, come Jil Sander.

BB: A che progetto sta lavorando adesso? Anna: Sto preparando un redazionale per la ri-

vista norvegese SVA.

www.annaclerici.com

58


Photographer: Federica Putelli Make & Hair: Luciano Chiarello Styling: Anna Clerici

59

www.annaclerici.com

www.annaclerici.com

60


Tanti vestiti a vivaci colori,

quando ricevi in regalo dei fiori, le camicette di bianco piquè.

Ecco le cose che piacciono a me..

E’ risaputo, ormai, che le mode tornino sempre, ma oggi lo fanno a un ritmo vertiginoso e a intervalli sempre più brevi. Ogni settimana c’è qualcosa di nuovo che fa tendenza e la scelta a nostra disposizione è vastissima. Insomma, ci sentiamo sotto pressione, non riusciamo a stare al passo coi tempi e.. Calma! Non lasciatevi travolgere da queste distrazioni. Non fatevi prendere da manie passeggere. Dovete trovare il vostro stile, non abbiate paura di indossare ripetutamente i vostri cento capi preferiti (concedendovi magari qualche sfizio). Ricordatevi, coerenza è sinonimo di stile. Sapete come si chiamano quelle persone che cambiano stile ogni santo giorno? “Fashion Victim”. A modificare il proprio look troppo spesso, si dà l’impressione di essere confusi. Inoltre negate a voi stessi la possibilità di sviluppare uno stile unico, personale ed inimitabile. Invece, se investite in pezzi che continuerete ad amare di stagione in stagione, vedrete che alla fine li sentirete vostri. E dopo averli indossati più e più volte diventeranno parte di voi. Comunicheranno al mondo intero che sapete chi siete. Altro che Fashion Victim, voi siete donne uniche. Cominciate a vestirvi come tali. Sempre vostra, Eleonora I. 61


"Busy as a Bee"  

New Style Magazine

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you