Issuu on Google+

CLUB HOUSE

4° RADUNO ROMA - PESCARA

Per antichi

SENTIERI Da Roma a Pescara (per antichi sentieri): piu’ di 150 vetture sul percorso, oltre 310 persone coinvolte (uomini, donne e bambini), 54 Comuni attraversati, 5 Province: Roma, Rieti, L'Aquila, Teramo e Pescara, 2 Regioni Lazio e Abruzzo. E tanto divertimento!

Photogallery online

152

ELABORARE 4x4


Testo di GIOVANNI MANCINI Foto MANCINI / SODANO

1° GIORNO - GIOVEDÌ

A

nche noi di ELABORARE 4x4 eravamo presenti alla quarta edizione della “Roma Pescara per antichi sentieri”, con il sottoscritto navigatore Luigi Sodano e due macchine di supporto. Anche questo evento del 2010 si è svolto con il patrocinio della Regione Lazio, della Regione Abruzzo e della Provincia di Roma, con il ricavato a favore dell’AIL (Associazione Italiana Lotta alle leucemie, linfomi e mieloma). Lo Staff, composto da circa 50 appassionati fuoristradisti di Club di Lazio e Abruzzo (8 club), quest’anno ha deciso di stravolgere il percorso affrontando il versante più a nord dell’Appennino Centrale attraverso incantevoli boschi, vallate, fango. Sono stati rinnovati i Road Book delle quattro giornate, i campi base e l’arrivo. Un’esperienza entusiasmante ed unica che cerchiamo di raccontare più fedelmente possibile. Prepariamo il nostro KZJ70 con gomme “Extreme” e un nuovo assetto, il secondo oggetto del test a pagina 76. Non avevamo ancora montato la radio e così, sempre all'ultimo minuto, passiamo da Top Gear per prendere un consigliato Alan 48, con annessa antenna e rosmetro per la calibrazione.

Facciamo le 10 di sera chiusi nel box della redazione: radio perfettamente funzionante e calibrata. Attacchiamo gli adesivi di Elaborare 4x4 sulle portiere del Toyota. La manifestazione ufficialmente è di quattro giorni, da giovedi a domenica: primo giorno giovedì 27 Maggio, dalle ore 16:00 alle ore 18:00, appuntamento a Roma in Piazzale Aldo Moro dove si tiene il prologo e la consegna del Road Book “A”, che ha condotto i primi equipaggi tramite la Via Tiburtina a Tivoli nei pressi di Villa Adriana, al primo campo base. Qualcuno ha anche potuto visitare la famosa Villa Adriana situata a poche centinaia di metri, residenza imperiale lontana da Roma costruita a partire dal 117 d.C. dall’imperatore Adriano, ed è la più importante e complessa Villa a noi rimasta dell’antichità romana. Ci muoviamo la mattina di venerdi. Appuntamento a Via della Bufalotta, 378 con Luigi (navigatore); arriva anche la seconda macchina, KZJ70 di Luca Rossi. Riccardo ci raggiungerà direttamente a Tivoli. Ci dirigiamo verso villa Adriana e lungo il percorso riforniamo il mezzo con un bel pieno da 90 Euro. Mettiamo le gomme a 1,4 bar.

ELABORARE 4x4

153


4° RADUNO ROMA - PESCARA

2° GIORNO - VENERDÌ

N

oi di Roma arriviamo direttamente venerdi 28 maggio, a Tivoli in Piazza G. Impastato, dove vengono effettuate le iscrizioni, consegna di tabella porta numero (realizzata dalla nostra grafica Stefania), adesivi ricordo e gadget offerti dagli sponsor compresa la ricercatissima t-shirt. Sono una ottantina le auto presenti al via con grande soddisfazione da parte degli organizzatori. Gli equipaggi, noi compresi, hanno qui ricevuto il Road Book “B” con tutte le indicazioni per percorrere il tragitto del giorno fino a a

Il secondo giorno abbassiamo ulteriormente la pressione delle gomme sul nostro Kzj70.

raggiungere l’Altopiano di Rascino. Una tappa molto lunga per circa 170 Km con oltre 250 note. Il primo tratto è prevalentemente tutto sterrato, decisamente tranquillo e rappresenta un punto strategicamente importante, nelle comunicazioni tra i popoli pastori della valle dell’Aniene e la piana del Tevere, fin dall’età arcaica: il percorso della transumanza. Passiamo ai bordi di campi coltivati con ciliegie e pesche. Poi raggiungiamo Scandriglia e ci dirigiamo verso i Monti Lucretili tra tratti di sottobosco e passaggi

I partecipanti alla quarta edizione della Roma-Pescara hanno attraversato paesaggi altamente spettacolari.

mozzafiato. Arriviamo dall'alto ad ammirare il Lago del Turano e scendiamo di quota con un bel tratto in discesa decisamente tecnico. Lo attraversiamo con il ponte di Castel di Tora per arrivare ad una sosta tecnica d'obbligo alla Casina del Gelato: caffè (bivio Castel di Tora) per poi riprendere una strada sterrata in salita verso Valle Cupola ed arrivare al Lago del Salto. Da qui, direzione Altopiano di Rascino situato in Provincia di Rieti nel Cicolano a circa 1200 m s.l.m. Siamo arrivati quindi sulla piana di Rascino la sera, verso le 19.00 ed abbiamo scoperto un paesaggio spettacolare, una enorme distesa dove viene praticata la coltivazione della

Numerosi i passaggi in mezzo alla boscaglia.

154

ELABORARE 4x4


PER ANTICHI SENTIERI

Lenticchia di Rascino e della cicerchia; ma anche spazi infiniti per un ottimo pascolo di ovini e bovini allo stato brado. Su questa piana è presente un lago carsico perenne “Lago di Rascino” che oltre ad offrire possibilità di pesca del luccio, nel periodo estivo rappresenta una naturale riserva d’acqua per il bestiame. Dopo circa 8 ore di viaggio siamo così arrivati presso il rifugio “Uscertu” (N° 42°20.254 E013°08.730) dove è stato allestito il secondo campo base. Abbiamo montato qui la nostra tenda e poi ci siamo recati all'interno del rifugio per la cena messa a disposizione dall'organizzazione con un bel doppio primo, carne e vino a volontà. In serata aveva smesso di piovere ma la temperatura era decisamente bassa, circa 10° con grande umidità. Il proprietario del rifugio al termine della cena ha così messo a disposizione di tutti sia la tettoia esterna sia il locale del

Arrivo del secondo giorno ai piani di Rascino. Cena e montaggio tende! Sopra festeggiamenti del compleanno di Andrea. rifugio. In molti hanno dormito nel sacco a pelo in una camerata comune o con la

tenda sotto la tettoia. Altri, come noi, si sono accampati nei prati adiacenti.

ELABORARE 4x4

155


4° RADUNO ROMA - PESCARA

3° GIORNO - SABATO

Risveglio degli equipaggi sulle tende. Siamo ai piani di Rascino. Alcuni hanno dormito a terra, altri sulle tende installate sui tetti delle auto.

La mattina ci rimettiamo in moto per raggiungere Sella di Corno, il punto di partenza dove saranno consegnati i rood-book del terzo giorno (Sella di Corno-Alanno). Dopo 163 km si arriverà ad Alanno.

M

Sotto l’ingorgo creato da un errore sulla nota 30 del road-book “D” che prevedeva di girare a sinistra anzichè andare dritto.

156

ELABORARE 4x4

i sveglio la mattina presto; alle 6.00 sono già in piedi per fotografare l'accampamento. Tende ovunque sul prato ma alcuni sono attrezzati con tende montate sull'auto. Uno spettacolo! Verso le 8.00 sono quasi tutti già svegli e inizia il

rito di riassetto con lo smontaggio delle tende. Qualcuno effettua riparazioni meccaniche. Ci si dirige verso Sella di Corno per la colazione e il ritiro del terzo road book “C” dove arriviamo dopo circa 45’ di tragitto verso paesaggi spettacolari. Negli sterrati in

discesa “allunghiamo” il nostro passo e ci lasciamo andare a qualche tappa in andatura “tout rain”; arriviamo a Sella di Corno (N° 42°21.802 E 013°11.089) dove lo Staff ci attende per le iscrizioni del 3° giorno e consegna del Road Book D. Ripartiamo per valicare


PER ANTICHI SENTIERI l’Appennino Centrale attraverso il Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, che con i suoi 150.000 ettari di estensione, è uno dei più grandi d’Italia. Qui si ammira una eccezionale varietà e ricchezza naturalistica: si possono ammirare tre gruppi montuosi, la catena del Gran Sasso d’Italia, il massiccio della Laga, i Monti Gemelli. Da un punto panoramico si ammira la vetta più alta dell’Appennino, il Corno Grande ( 2.912 metri) e l’unico ghiacciaio appenninico, il Calderone, il più meridionale d’Europa. In serata arriviamo alla variante hard che troviamo però chiusa. A causa della pioggia è molto scivolosa e l'organizzazione ha dovuto recuperare diverse auto L’arrivo del terzo giorno è ad Alanno presso il campo sportivo. Qui dopo la cena, tiro alla fune contro un Suzuki e un Patrol successivamente...

bloccate. Quando arriviamo noi c'è un Land piantato addosso ad un albero da tirare fuori. Ci vediamo quindi direttamente ad Alanno presso il campo sportivo dove viene allestito l'ultimo campo base (N° 42°17.805 E013°58.427). Come per la sera precedente cena a cura dello staff. Grande ospitalità con discorso dell'assessore del Comune di Alanno che ha reso omaggio a tutti i presenti con una gradita bottiglia di olio locale. Dopo la cena grande attività sul campo. Nel tiro alla fune vince il Club Fuoristrada Abruzzo. Poi si decide di tirare un Suzuki con la prima ridotta ingranata e freno a mano tirato. Con grande facilità viene spostato di 2 metri e si passa ad un Patrol GR... Inizia il tiro e cede la fune di 3 cm di diametro! Si passa ad una strop più pesante. Il Patrol cede ed avanza di 30 centimetri!

ELABORARE 4x4

157


4° RADUNO ROMA - PESCARA

4° GIORNO - DOMENICA

L

a mattina si riparte, si percorrono ancora molti chilometri. Nel percorso della domenica, per tutti, c'è l'attraversamento del fiume Pescara ed una bella variante hard con tanto fango, riservata solo a mezzi a passo corto. Percorriamo diversi km di sterrati, strade poderali e passaggi vari. Percorso che sicuramente sarebbe stato più impegnativo in caso di pioggia. Arriviamo a Montesilvano sulla spiaggia dove ci attende un ricco buffet. Foto di rito e poi ognuno si rimette in viaggio verso casa.

A destra l’equipaggio venuto da più lontano (Vicenza) e sotto una parte degli equipaggi al traguardo.

158

ELABORARE 4x4


PER ANTICHI SENTIERI

Testimonianze STAFF Un ringraziamento personale da parte mia a tutti i partecipanti, sia per aver aderito in numero considerevole ad un evento faticoso, lungo ed impegnativo, sia per i commenti favorevoli che leggo, anche da parte di esperti di off road. Noi siamo stati felicissimi di aver visto amici di vecchia data e nuove conoscenze, facce sorridenti e soddisfatte. Aver ricevuto manifestazioni è apprezzamento da parte vostra per avervi fatto trascorrere tre giorni di off road divertente, con percorsi belli e panoramici, ci ripaga di mesi di lavoro, sia sul campo, sia "burocratici". I problemi sono stati molti ed abbiamo dovuto superare ostacoli, che qualche volta ci sono sembrati insormontabili: strade chiuse all'ultimo momento per inizio lavori di asfaltatura, permessi ritirati per transito in aree "particolari", frane di strade asfaltate con deviazione della viabilità ordinaria sul nostro percorso, proprietari di terreni privati con richeste ricattatorie inaccettabili all'ultimo momento, a raduno già iniziato, ed altri ancora che non vi racconto per non annoiarvi. Ogni volta, con pazienza e caparbietà, siamo riusciti a ricucire, ad armonizzare, a mediare per poter raggiungere il nostro scopo: quello di organizzare uno dei raduni più belli d'Italia. Non ultimo, lo scopo benefico che ci vede uniti al gruppo AIL, che ci ha sostenuto nella richiesta dei permessi ai comuni ed agli enti ed ha collaborato per l'organizzazione dell'accoglienza finale dei partecipanti all'arrivo a Pescara. Concludo ringraziando ancora tutti voi ed invitandovi alla prossima edizione. Un abbraccio da Liborio GRILLI Mi associo ai complimenti agli organizzatori, sempre disponibili, preparati e competenti! Veramente fantastico. Paesaggi mozzafiato, bellissimi percorsi e varianti interessanti!! Grazie a tutti! Un ringraziamento speciale a Franco, Liborio e Signore che ci hanno pazientemente aspettato tutte le sere e spronati a partire tutte le mattine. Siamo molto riflessivi, per questo arriviamo tardi!! Cero - Land Rover Defender 90 Td5 MY 2002 SODDISFAZIONE Ragazzi complimenti a tutti! Siete stati grandi! Organizzare un raduno del genere implica conoscenza e competenza. Complimenti a tutti i club che hanno reso possibile un raduno penso unico in Italia. Complimenti per lo spirito che unisce questi club, e che dovrebbe essere alla base della nostra passione. Bravi! Un ringraziamento da tutto il Club Nazionale Fuoristrada per l'accoglienza che ci avete riservato. Ci vediamo il prossimo anno Davide&Franca SFORTUNA Tornato dalla Roma Pescara con (due) dico due forature... è vero che non sono andato con le gomme tassellate ma è anche vero che non credevo che le stradali fossero a quei livelli. Quando ho bucato la seconda, in modo molto più serio che la prima ho optato per l'abbandono forzato di tutti gli amici, mi è dispiaciuto veramente tanto, ma dopo l'odissea dell'anno scorso ho ben pensato di tirare i remi in barca. Stiamo crescendo, l'anno scorso abbandono al primo giorno, quest'anno abbandono al secondo, se tanto mi da tanto l’anno prossimo dovremmo riuscire a finire... (speriamo)! Su e giù per i monti, davvero spettacolari sia quelli nei dintorni di Roma per non parlare poi di quelli nei dintorni dell'Aquila.... FANTASTICO! Davvero bello panoramico e fattibile anche con un Discovery 3. Non mancherò neanche l'anno prossimo, sperando di riuscire a portare a termine la terza giornata. Stefano Berno (princiland) SENZA CODE Che dire, tre giorni bellissimi, anche con il maltempo, anzi grazie a quello, ci siamo veramente divertiti. Non capita spesso di poter navigare in santa pace senza fare file, e a noi è capitato per quasi tutto il tempo, poter mantenere una velocità non noiosa, pur ragionevolmente molto in sicurezza, è stata una goduria, le provette hard divertenti, specie l'ultima che era veramente da fare e perfettamente fattibile, probabilmente anche senza extreme. Comunque per sicurezza ho optato per quelle, anche perché in certi discesoni aver la certezza di fermarsi non è poco. Il radar era quasi perfetto, dico quasi solo per alcuni "disguidi" nell'ultimo road, nel complesso la macchina organizzativa ha funzionato. Complimenti,BRAVO STAFF! Fabrizio Di Lelio (Spqr 4x4)

AQUILOTTI Appena tornati, stanchi ma soddisfatti. Noi aquilotti non possiamo che complimentarci con tutto lo staff per l'ottima riuscita della manifestazione. Bellissimi paesaggi, precise le note (qualche piccola imperfezione è ammessa su un tracciato così lungo), presente l'assistenza cordiale e disponibile, cosa dire di più. Grazie ragazzi per averci fatto divertire all'insegna della buona compagnia, solidarietà e sano off road. Augusto SUCCESSO Tanto per far morire d'invidia chi non è potuto venire voglio dirvi che la manifestazione è stata un successo oltre che per i percorsi, panoramici e impegnativi, anche per il clima di festa che si è creato nei campi base! Soprattutto la sera di Sabato ad Alanno con giochi di squadra come il tiro alla fune (in cui, non per vantarmi, il Club Fuoristrada Abruzzo ha dominato!) ma anche per una prova di forza in cui 12 persone hanno "stroppato" un Nissan Patrol con freno a mano e prima ridotta!!!! Infine dopo un ricco buffet sulla spiaggia, con tanto di piscina a disposizione, abbiamo fatto un'estrazione di tre premi uguali tra gli equipaggi arrivati alla fine che hanno riconsegnato il road (iscrizione gratuita per l'edizione 2011)! Insomma....spero di avervi fatto capire cosa avete perso o, per quelli che c'erano, che grande esperienza avete vissuto! Grazie di cuore è a tutti i partecipanti e coloro che hanno contribuito alla riuscita di questa edizione 2010! Simone (Club Fuoristrada Abruzzo) ROTTURA Abbiamo rischiato di non partecipare a questa edizione: venerdì mattina, appena messe le ruote sullo sterrato, al primo solco si spacca il supporto inferiore dell'ammortizzatore anteriore sinistro che inoltre trancia di netto la cuffia del semiasse, il Land Cruiser se ne cala vistosamente, l'olio comincia a colare e nello sguardo di mia moglie Pina la delusione e lo scoramento mi fanno temere per la prima volta, dopo quindici anni, una sua richiesta di divorzio. Ma la famiglia è sacra e và difesa a tutti i costi, devo inventarmi qualche cosa: a mezzogiorno, appena raggiunto mestamente l'asfalto verso Montelibretti e mentre mi dirigo verso Roma a 30 km/h, telefono a Marco Giannini (Totani di Roma) e gli espongo i fatti, lui è lapidario......"ti richiamo tra cinque minuti"! Ed infatti dopo tre minuti squilla il cellulare: “...vai direttamente in officina da Massimiliano (SD Garage)!” Alle 14.00 arriviamo, con la coda tra le gambe ma speranzosi, in officina, dove Massimiliano aveva già liberato il ponte, e sul banco da lavoro c'era un ammortizzatore nuovo fiammante ancora avvolto nel nylon con le bolle, portato in officina personalmente da Marco Giannini. Per farla breve: dopo un'ora il vecchio ammortizzaotore era smontato, dopo due ore la molla era passata dal vecchio al nuovo, dopo tre ore una cuffia da Ducato era già stata perfettamente adattata e fascettata al semiasse, dopo quattro ore il nuovo pacchetto amm/molla era sotto ed il ponte ricalava il Land Cruiser al suolo: il divorzio era scongiurato!! La mattina dopo, alle 08,30 eravamo alla partenza a ritirare il roadbook di sabato e domenica. Un grazie grande quanto il Gran Sasso a Marco Giannini che ha dimostrato un comportamento da vero amico, ed un grazie grande quanto la Maiella a Massimiliano Di Marco che ancora una volta ha messo insieme quel mix di professionalità ed amicizia sempre più raro da trovare oggi. Grande lo Staff, che ci ha fatto percorrere panorami inediti e bellissimi. MaxMax CAPITANO Faccio i miei complimenti ai partecipanti e vi dico 2 numeri giusto per dare un'idea di quello che siamo riusciti a fare: più di 150 vetture sul percorso, dalle più originali alle più estreme, di cui 8 quad da Campobasso, oltre 310 persone coinvolte...uomini donne e bambini!!! Insomma....spero di avervi fatto capire cosa avete perso o, per quelli che c'erano, che grande esperienza avete vissuto! Un ringraziamento particolare agli sponsor che hanno collaborato ma sopratutto partecipato alla manifestazione, ed infine alla stampa in qualità di Elaborare4x4 che sempre presente ha fotografato e vissuto il primo percorso e varianti. Grazie di cuore a tutti i partecipanti e coloro che hanno contribuito alla riuscita di questa edizione 2010! Stiamo già lavorando alla nuova edizione ... da Pescara a Roma per il 2011 di ben 4 giorni e grandi sorprese. Yuri (Master Road 4x4)

La macchina organizzativa 8 club coinvolti: Explora 4x4, Master road, 4x4 Tivoli Valle dell'Aniene, Trapper off road, Club Fuoristrada Gran Sasso, Club Fuoristrada Abruzzo, Spqr in 4x4, Club Fuoristrada Velino. Ascanio e Renato attendono il paesaggio dei partecipanti in un way point. ELABORARE 4x4

159


Roma Pescara