Page 1

Quindicinale iscritto al registro della Stampa presso il tribunale di Teramo n. 13/03 del 22/05/03

ANNO 9 N.235 prossima uscita 8 Agosto


2


3

Lunedì 20 luglio alle ore 21 in piazza del Comune presentazione del libro

“I Ricordi di Eidos - II serie”

Nell’occasione verrà proiettato il film “La storia di Roseto” Molti rosetani si ritroveranno insieme per ricordare alcuni dei personaggi della contemporaneità che hanno dato un contributo alla crescita cittadina

S

arà la festa del senso di appartenenza al luogo in cui si vive. La presentazione del libro I Ricordi di Eidos - II serie di William Di Marco darà motivo a molti rosetani di trovarsi insieme per ricordare alcuni dei personaggi della contemporaneità che hanno dato un contributo alla crescita cittadina. Come sottolineò l’autore già alla presentazione del primo volume (I Ricordi di Eidos) avvenuto all’inizio del 2014, tantissimi sarebbero coloro che meriterebbero un profilo, perché Roseto, nonostante la sua giovane età, ha dato modo a molte persone di mettersi in mostra nei vari campi dei mestieri, delle professioni, dell’insegnamento, delle varie attività intellettuali, del mondo dell’impresa, dei lavoratori, degli operai e tanti altri che, grazie al loro lavoro e attraverso le varie esperienze, si sono distinti in uno specifico campo. Di Marco, docente di materie storico-letterarie e di Storia Contemporanea all’Università di Chieti, ha per tale motivo rispolverato le teorie della scuola de “Les Annales”, in modo da far capire fino in fondo il concetto di storia partecipata che rende questa disciplina ancor più presente nella comprensione delle dinamiche sociali. La serata prevede, oltre alla presentazione del lavoro con curiosità e alcuni riferimenti storici, la proiezione di filmati in cui i 60 protagonisti (30 della prima e altri 30 della seconda serie) saranno chiamati in causa. Poi ci sarà spazio per la proiezione del film “La storia di Roseto - Roseto e le sue storie” nelle due sezioni finali, vale a dire quella che va dal 1927 al 1960 e poi l’altra che dal 1960 giunge ai giorni nostri. Saranno presenti il sindaco di Roseto Enio Pavone, il vicesindaco Maristella Urbini, gli assessori Alessandro Recchiuti e Mirco Vannucci. Sul palco saliranno anche i giovani componenti del direttivo dell’associazione Cerchi Concentrici Promotor, capeggiati dalla vice presidente, dott.ssa Martina Bidetta. Non mancheranno gli artefici del progetto editoriale Eidos News (Riccardo Innamorati, Massimo Bianchini e Andrea Marzii), unitamente al direttore responsabile Lino Nazionale. A condurre la serata sarà Francesca Martinelli.


4

Pronti per il

“porta a porta” Campagna di informazione a tappeto tra le famiglie residenti nella frazione di Cologna Spiaggia. Incontri con la popolazione per spiegare come da fine mese bisognerà comportarsi con lo smaltimento dei rifiuti. Ultimi giorni per gli incaricati della ditta Diodoro Ecologia per la consegna dei bidoncini e del calendario per il ritiro del pattume

T

utto pronto, o quasi, a Cologna Spiaggia per il nuovo servizio di raccolta porta a porta dei rifiuti. La data di esordio è quella del prossimo 23 luglio, ma con ogni probabilità bisognerà aspettare qualche giorno, forse due o tre. “Di certo”, ha spiegato l’assessore all’ambiente Fabrizio Fornaciari, “entro la fine luglio si partirà. In questi giorni la ditta Diodoro Ecologia sta consegnando i mastelli, le buste e il calendario alle famiglie. Gli incaricati stanno facendo un ottimo lavoro, soprattutto in queste giornate di afa. Non è facile, ma posso confermare che stanno andando molto forte. Quindi i tempi programmati, cioè entro fine mese, verranno rispettati”. Dunque, dopo Roseto capoluogo tocca alla frazione di Cologna Spiaggia prepararsi per il nuovo servizio. Mentre nell’area

rosetana la nuova raccolta è operativa a tutti gli effetti da circa 2 anni, con risultati eccellenti in termini di differenziazione del pattume (raggiunto e superato il 60 per cento), nel territorio colognese si parte con un po’ di ritardo. In questi giorni, il sindaco Enio Pavone, lo stesso assessore Fornaciari, i rappresentanti della Diodoro Ecologia (società che ha vinto la gara d’appalto per i prossimi 5 anni), e i responsabili del comitato di quartiere hanno incontrato residenti e operatori commerciali per spiegare le modalità di intervento. Il primo cittadino ha illustrato il piano su come cambierà la raccolta dei rifiuti nel territorio. Si punta al raggiungimento entro un anno del 60 per cento di raccolta differenziata, dato già sfiorato nel capoluogo e che verrà presto migliorato. Anche per questa domenica, 19 luglio quindi a pochi giorni dall’i-

naugurazione del nuovo servizio, è previsto un incontro con la popolazione. Verrà allestito un gazebo in piazza Redipuglia dove degli incaricati della Diodoro Ecologia daranno chiarimenti a chi dovesse aver ancora dei dubbi su come comportarsi. “Ci vorrà anche una fase di rodaggio”, ha concluso Fornaciari, “ma siamo convinti che nell’arco di poco tempo i cittadini di Cologna metteranno a regime la nuova raccolta differenziata”. Con il servizio porta a porta verranno eliminati tutti i cassonetti presenti sul territorio, sperando così che i soliti sporcaccioni non abbandonino più il pattume in strada creando delle micro-discariche. Tra le altre cose, nei giorni scorsi ignoti hanno dato alle fiamme i rifiuti abbandonati in via Defense, a ridosso del complesso residenziale. Incendiato anche il contenitore per la raccolta di olio esausto.


5

da applausi La kermesse cinematografica ha regalato emozioni e spettacolo. Anna Falchi, Luca Argentero ed Edoardo Leo i big della serata inaugurale. Ma poi tanti altri attori e registi per un festival che si sta ritagliando sempre più uno spazio molto importante nel panorama italiano

U

na piazza della Repubblica piena fino all’inverosimile ha fatto da cornice alla serata inaugurale della XX edizione di “Roseto Opera Prima”, Festival Cinematografico rivolto alle pellicole di registi esordienti che per una settimana ha allietato le calde serate della Città delle Rose. Gli occhi del pubblico ed i flash delle macchine fotografiche sono stati tutti per la madrina dell’evento, la splendida Anna Falchi, e per i due ospiti, l’attore Luca Argentero e l’attore e regista Edoardo Leo che hanno richiamato fans ed appassionati da tutto l’Abruzzo, e non solo, desiderosi di conoscere i propri beniamini e di farsi una foto con loro. “E’ stata veramente una grande emozione vedere la piazza del Municipio piena fino all’inverosimile con tanta gente felice per questa manifestazione

che è una dei “pezzi pregiati” dell’estate rosetana ed uno degli appuntamenti clou del nostro ricco calendario”, ha detto il sindaco Enio Pavone. Roseto Opera Prima si conferma uno dei Festival più importanti nel panorama italiano grazie al suo format sempre innovativo, alla qualità delle pellicole scelte e agli importanti ospiti che, ogni anni, riempiono la piazza. “Siamo molto felici per il grande riscontro di persone e di critica registrato”, è stato il commento del vice sindaco Maristella Urbini, “il pubblico è stato sempre numeroso e questo ci dà la forza per fare di questo evento un punto di forza dell’estate rosetana”. La rassegna di Roseto si è un suo pubblico, da quando il proiettore, acquistato da un cinema di Fabriano (un locale famoso, immortalato da una celebre pornostar), iniziò nel parco della Villa Comunale la sua nuova vita,

cessata definitamente con l’avvento del digitale e con la scelta di una nuova ‘location’, piazza della Repubblica, che si è rivelata felice. Tonino Valerii conosceva bene il mondo del cinema, sapeva il percorso, spesso tortuoso e complicato, che dall’idea (il soggetto), attraverso la sceneggiatura, porta un regista alla realizzazione compiuta. La rassegna di Roseto è un fiore all’occhiello. Una rapida scorsa all’elenco degli ospiti e dei premiati. Registi come Dario Argento, Pupi Avati, Tinto Brass, Nanni Moretti, Marco Bellocchio, Giorgio Diritti, il citato Ozpetek, attori come Terence Hill, Bud Spencer, Neri Marcoré, Franco Nero, Maria Pia Casilio, Florinda Bolkan, Barbora Bobulova, Kim Rossi Stuart, Michele Placido, Maria Grazia Cucinotta, tanto per citare i maggiori, hanno dato lustro e successo alla manifestazione.

Inaugurazione al Roses Hotel


VIA TIBURTINA 121 - Tel e fax: 085/4455100

PESCARA (PE)

VIA NAZIONALE 27 - Tel e fax: 085/8041101

PAGLIARE DI MORRO D’ORO (TE)

VIA NAZIONALE SUD - Tel e fax: 085/8930474

ROSETO DEGLI ABRUZZI (TE)

6


vento

7

Gianluca Ginoble

riceverà ad agosto il premio “Rosetano dell’anno” alla cena di beneficienza al Bellavista

E

La cena è aperta a tutti, compreso ovviamente i villeggianti. Occorre solo prenotarsi, il prima possibile

ra nell’aria, lo avevamo annunciato e il momento finalmente è arrivato. Ad agosto, data da stabilire, presso l’Hotel Bellavista, si terrà la cena di beneficienza (parte dell’incasso andrà ad un’organizzazione che si occupa di tematiche sociali) in onore del Rosetano dell’anno. E il nome non poteva che essere il suo, vale a dire Gianluca Ginoble che nel corso di questo 2015 ha stupito un po’ tutti. Il successo con gli altri due componenti de “Il Volo” era ormai consacrato, soprattutto dalle tournée americane, tuttavia la vittoria al Festival di Sanremo e la recente partecipazione all’Eurofestival, con un prestigiosissimo terzo piazzamento, hanno fatto crescere le azioni di questo trio anche in patria. Ormai Gianluca, quando le circostanze glielo consentono, sfoggia le sue matrici rosetane con riferimenti espliciti al suggestivo borgo di Montepagano, dove abita quando non è in giro per il mondo e luogo in cui è molto radicata la sua famiglia.

Questo premio, organizzato dal nostro giornale, è alla sua seconda edizione, dopo il vernissage di qualche anno fa in cui primeggiò Mario Giunco, personaggio di spicco della cultura cittadina che ha seguito le più importanti iniziative locali degli ultimi quarant’anni. Poi questo ambito attestato è andato un po’ in letargo, ma già l’anno scorso Eidos si mise in moto per riprendere un premio che, speriamo, possa trovare una continuità nel tempo. Tante altre persone di pregio spiccano nella nostra città per ottenere un così importante riconoscimento e tanti altri sono i nominativi pronti per le prossime edizioni. Durante la serata Gianluca Ginoble sarà al Bellavista a ritirare il premio, un’opera d’arte dell’artista di fama internazionale Bruno Zenobio. Le prenotazioni sono già aperte e data la limitazione dei posti, occorre acquistare il biglietto in tempo ai numeri 392.997.5776 (Riccardo) o 329.948.0823 (Massimo).


8


CUR IOSIZIEizie)

Not (tra Curiosità &

9 a cura della redazione Cerchi Concentrici Promotor

Perché via Macallè sita a Roseto centro si chiama così?

La zona in questione è quella di fronte la chiesa di Ss Maria Assunta. È una traversa della Nazionale e non ha sbocchi, nel senso che muove dove c’è la linea ferroviaria. Macallè (tigrino Mäqälä′; Mekele) è una città dell’Etiopia (215.546 ab. nel 2007), capoluogo del Tigré. È situata a 2062 m s.l.m. in una pianura fertile e ben coltivata, solcata da affluenti del Ghevà e del Gabàt (bacino del Tacazzè), nei pressi dell’orlo orientale dell’altopiano abissino. Vivace mercato agricolo con industrie alimentari e chimiche. Deve la sua importanza al negus Giovanni IV (1872-89), che vi pose

per qualche tempo la sua residenza e vi fece costruire, da G. Naretti, un palazzo tuttora esistente. L’assedio di Macallè. Durante la prima guerra italo-etiopica (1895-96), il presidio italiano del forte di Macallè, di circa 1200 uomini comandati dal maggiore G. Galliano, si arrese dopo un lungo assedio e gli furono resi dal nemico gli onori militari. Durante la Guerra d’Etiopia (1935-1936), Macallè venne conquistata dalle truppe fasciste comandate dal generale Emilio De Bono l’8 Novembre 1935. Macallè rimase dominio italiano fino al 1941, anno del ritorno sul trono di Hailè Selassiè. (da Enc. Treccani)

Il 19 luglio ci sarà una serata dedicata al giornalista-scrittore Luigi “Gigino” Braccili Non è possibile dimenticarlo, per il semplice motivo che è nelle cose, nei fatti e negli eventi rosetani. Gigino Braccili (Luigi era solo la sua firma) avrà una serata interamente a lui dedicata, curata da tantissime persone che testimonieranno la sua grande passione e competenza per quello che spesso egli indicava come “rosetanità”. A

condurre l’incontro sarà il figlio Umberto, giornalista anche lui e volto noto della Rai Regionale, il quale ha preso spezzoni dell’archivio filmico di Paolo Bruni e li proietterà con il commento di coloro che sono stati al fianco di Gigino in diversi ambiti. L’appuntamento è per il 19 luglio alle ore 21,00 in piazza della Repubblica.

28, 29 e 30 luglio gli “Incontri Letterari” al Lido La Vela ospiteranno le docenti Manuela Racci e Luciana Pasquini La II edizione di “Incontri Letterari” è in dirittura d’arrivo e anche quest’anno è molto attesa dai tanti appassionati che sanno trarre spunto dai grandi personaggi del passato e sono amanti della lettura, quella d’evasione ma anche quella che va un po’ più in profondità. Il titolo dell’appuntamento è “La letteratura come esperienza di vita” ed è stato preso pari pari dalla tipologia B dell’ultimo Esame di Stato, ambito artistico-letterario. Il percorso, pertanto, si snoderà su ciò che le scritture dei vari secoli hanno saputo donare a chi si è abbeverato a questa fonte e ne ha tratto benefici. La prima serata (martedì 28 luglio) la

relatrice sarà la Manuela Racci, prof.ssa di Letteratura e Filosofia presso il Liceo Classico di Forlì, nonché docente di Biblioterapia all’Accademia Opera di Roma. Il tema specifico dell’appuntamento inaugurale sarà: “Il libro e la voce dell’anima”. La stessa docente tornerà l’ultima serata, cioè giovedì 30 luglio, affrontando l’argomento: “Quanto amore c’è nella letteratura?”. Nel secondo incontro (mercoledì 29 luglio) l’ospite Luciana Pasquini, docente di Letteratura Teatrale Italiana presso l’Università D’Annunzio di Chieti, parlerà di: “Il testo letterario nell’800”. Le serate si terranno al Lido La Vela e inizieranno alle ore 21.


10


CUR IOSIZIE

(tra Curiosit I Ragazzi di una volta 31

11 11

à & Notizie)

Il grande calciatore Silvio Piola venne a Roseto Quanti campioni sono passati per la nostra città? Tantissimi e di molte discipline, da Giacomo Agostini, che allietò una serata del Motoclub Roseto ai grandissimi della pallacanestro. Ma una presenza non tutti se la ricordano, eppure è stata di sicuro peso e prestigio. Parliamo di Silvio Piola, bandiera del calcio nato a Robbio (PV) il 29 settembre 1913 e morto a Gattinara (VC) il 3 ottobre 1996. È stato un calciatore e allenatore, di ruolo attac-

cante. Campione del mondo con la Nazionale italiana nel 1938. Annoverato tra i più grandi centravanti della storia del calcio, è stato il miglior marcatore Italiano di sempre, avendo realizzato 390 reti. Ebbene, questo monumento del calcio venne a Roseto, agli inizi degli anni ‘70, come si evince da questa foto. Insieme a lui ci sono: secondo da sin. Mimì Fasciocco, Romano Mari, Silvio Piola, Camillo Mongia, Italo Acconcia e Tonino Marini.

Il rosetano Jacopo Dezi

vince le universiadi con la nazionale italiana di calcio Chi lo vedeva da bambino giocare nei campi di calcio cittadini, in particolare il Campo dei Preti, sussurrava al vicino: «Questo è un campione e farà strada». Così Jacopo ha iniziato a incantare i più grandi, fino a quando è entrato nel giro del calcio che conta. Convocato dalla Nazionale Italiana per le Universiadi in Corea del Sud (vinte dagli azzurri proprio contro i padroni di casa per 3-0), si è fatto valere, assurgendo agli onori della cronaca. Segnatamente quando, con un assist al compagno Morosini del Brescia, ha mandato in gol la propria squadra che nei preliminari aveva vinto per 1 a 0 contro l’Irlanda. E così i

giornali sportivi nazionali subito gli hanno dedicato i titoloni. Adesso, esattamente dal 14 luglio, è tornato in Italia e subito si è recato a Dimaro in Trentino, dove ha raggiunto la compagine in cui è in forza, vale a dire il Napoli. L’anno scorso ha giocato in serie B con il Crotone, disputando un ottimo campionato. Per la prossima stagione le voci sono tante, anche un riavvicinamento a Pescara, ma il suo sogno è di rimanere nella città partenopea.


Per info: 085 8941160 - 339 1641344 - www.brimar.it

Vieni a trovarci in :

via nazionale 2/8 - zona borsacchio - roseto degli abruzzi

orari di apertura:

LunedĂŹ : 8:30 - 13:00 dal MartedĂŹ al Sabato: 7.30 - 13.00 16.00 - 20.00


CUR IOSIZIE

(tra Curiosit

Tamberi, atleta dell’Atletica Vomano, fa il record italiano nel salto in alto: 2,34 a Colonia!

Gianmarco Tamberi ha stabilito il primato italiano all’aperto di salto in alto: 2,34 la misura realizzata a Colonia (Germania). Il marchigiano delle Fiamme Gialle – proveniente dal Club dell’atletica Vomano di Morro D’Oro, 23 anni compiuti il 1° giugno ‒ eguaglia anche il record italiano assoluto che Marco Fassinotti aveva saltato per due volte in sala (il 23 febbraio 2014 ad Ancona e il 24 gennaio 2015 ad Hustopece in Repubblica Ceca). Nessuno, però, nella storia dell’atletica azzurra era mai arrivato così in alto all’aperto. Il precedente limite nazionale outdoor era, infatti, detenuto in comproprietà da Marcello Benvenuti (12 settembre 1989 a Verona) e da Fassinotti che lo aveva eguagliato lo scorso 11 giugno ad Oslo (Norvegia). Sulla pedana del meeting tedesco Tamberi ‒ che è stato ospite nel 2011 nell’istituto Moretti dove ha tenuto una conferenza ‒ si è aggiudicato la vittoria sul tedesco Eike Onnen (2,30). Per lui si tratta di 3 centimetri di personal best rispetto al 2,31 con cui nel 2012 si era laureato tricolore assoluto a Bressanone. «Era una vita ‒ spiega il 23enne di Offagna (Ancona) allenato da papà Marco, ex recordman nazionale indoor dell’alto negli anni ‘80 e azzurro all’Olim-

13

à & Notizie)

piade di Mosca ‒ che sognavo di arrivare a certe misure! Ho fatto solo un errore a 2,24 e lì mi è arrivata la scossa e mi sono detto: “dai Gimbo, adesso si sale!”. E così poi ho fatto tutto alla prima: 2,28, 2,30, 2,32 e 2,34! Anche i due tentativi a 2,36 non erano affatto male, ma magari sarà per la prossima volta. Ora mi attende l’Universiade in Corea del Sud. Poi ci saranno i Giochi Olimpici di Rio 2016, passando per Pechino 2015. Ho partecipato all’Olimpiade da ventenne nel 2012, ma non ho mai fatto i Mondiali. Saranno una grandissima esperienza!»

Ma quanto è bello! - 4. Le colline rosetane e il mare come sfondo L’immagine che vedete risale a circa un paio di mesi fa. Siamo tra Montepagano e Cologna Paese. La primavera scendeva giù non solo dal calendario, ma anche dalle nostre colline, dipingendole di un verde intenso che solo questo periodo dell’anno riesce a dare al grano che sta per iniziare la maturazione. Ma non basta. Per avere un quadro d’insieme così coinvolgente da farci stupire (ecco il perché di que-

sta rubrica) occorrono altri due ingredienti importantissimi. Il cielo terso e il mare di quel blu intenso tendente un po’ allo smeraldo. Tali scatti è possibile farli solo e unicamente nel periodo post invernale, quando la natura si risveglia e ci fa apprezzare le bellezze che abbiamo intorno e delle quali ci sfugge spesso la magnificenza. E se ne avete altre di foto così, anche più belle e suggestive, siamo qui ad attenderle.


ROSETO

CI PIACE

Cani e gatti in spiaggia, a Roseto si può A spasso col proprio cane o il proprio gatto sulla spiaggia. A Roseto si può. Il Comune, infatti, ha approvato il regolamento per il “Benessere degli animali e per una migliore convivenza con la collettività umana”. L’iniziativa è del consigliere comunale Filiberto Di Giuseppe che in questi mesi ha lavorato alla stesura di una serie di regolamenti. Inoltre l’idea è piaciuta al sindaco Enio Pavone che già in passato ha dimostrato di essere sensibile e at-

tento nei confronti degli animali. Come quando vennero date le disposizioni nel corso della nevicata del 2012, affinché gli uomini della Forestale predisponessero del becchime a favore degli uccelli, consigliando anche ai cittadini di buttare fuori dal balcone le briciole di pane. Sulla scorta di questo trend l’amministrazione comunale rosetana ha voluto approvare il regolamento sulla base di una legge che dava facoltà ai Comuni di disciplinare la materia, con l’accesso agli amici a 4 zampe su tutte le spiagge pubbliche e private.

NON CI PIACE

Parcheggi selvaggi e scooter sul ponte in legno del Tordino Un’auto lasciata all’incrocio tra via Bozzino e la Statale 16, esattamente all’imbocco e in posizione molto pericolosa, uno scooter che percorre il ponte ciclopedonale in legno sul fiume Tordino, interdetto ai mezzi a motori. La segnalazione, con tanto di foto, arriva da alcuni cittadini di Cologna Spiaggia che lamentano ancora una volta l’inciviltà di alcune persone che fanno come vogliono e restano impunite, come spesso accade. L’auto parcheggiata in quel modo, tra l’altro all’imbocco di una strada che può essere

percorsa in senso contrario, ha sicuramente rappresentato un pericolo e il conducente andava multato. Così come andrebbe multato anche il proprietario dello scooter parcheggiato a metà del ponte ciclopedonale. Il transito di ciclomotori, scooter, moto da cross (episodi che accadono spesso, soprattutto in inverno) danneggia il fondo in legno, ne accelera l’usura. Anche in questo caso sono state fatte segnalazioni agli organi competenti. Ma finora i controlli sono stati scarsi, anzi, inesistenti

martedì e venerdì serata della

pizza & mazzarelle


PINETO

Inviate le vostre segnalazioni a tizianoabbondanza@gmail.com

A giugno, presso la Torre di Cerrano, è stato affisso un cartello che, tramite alcune foto e descrizioni, riesce a raccontare la storia del primo pino piantato a Pineto. Fu piantumato all’interno del giardino della Torre, un pino di 10 anni in onore del decimo compleanno del Baronetto Corrado Luigi Filiani. Fu lo stesso che appena diventato adulto fece piantumare la pineta su quasi tutto il litorale comunale, sulla collina verso Mutignano e sul colle dei pini. Proprietario terriero, imponeva agli acquirenti dei lotti edificabili di piantare almeno due pini ai bordi del lotto stesso prima di iniziare la costruzione della casa. Quindi, è grazie a questo illustre personaggio che il nostro paese si chiama Pineto.

di TIZIANO ABBONDANZA

CI PIACE

L’origine del nome Pineto

Ormai sono circa tre anni che non viene effettuata la manutenzione ordinaria all’incrocio di via Mazzini con via Roma; la segnaletica orizzontale è ormai inesistente ed i conducenti di auto non si accorgono che devono arrestarsi, provocando incidenti. Via Roma è percorsa ogni giorno da tante auto e scolari che si recano a scuola o presso il popoloso Quartiere dei Fiori. Via Mazzini, dopo viale D’Annunzio, è la seconda strada più importante del centro cittadino, in quanto collega Villa Ardente con il centro. D’estate, per via della chiusura al traffico serale del corso, il passaggio delle auto triplica.

INFORMATIV A PER I CITTADINI

AR

Legge Regionale del 10 agosto 2012 n. 41 (BURA), che disciplina la materia funeraria e di polizia mortuaria cambia in modo radicale gli assetti dei compiti e delle funzioni in merito al trattamento del caro estinto. Ad esempio ora, per il periodo di osservazione, il trasporto del defunto – dall’ospedale a casa - è consentito prima delle 24 ore, previa documentazione. A riguardo, l’azienda Antonio Ruggieri S.r.l. garantisce il servizio di trasporto a costi contenuti, determinati in base all’impegno e, soprattutto, mette a disposizione presso i locali della sua azienda una sala di commiato a titolo gratuito. Inoltre, per ceneri e cremazioni ci sono tariffe ben definite, non elevate, se non inferiori a quelle di un funerale normale. La nuova Legge Regionale permette di conservare le ceneri privatamente o, se lo si desidera, è possibile disperderle in luoghi adatti. La nuova regolamentazione definisce, quindi, in modo chiaro le procedure in ambito mortuario. Pertanto è opportuno rivolgersi sempre a strutture specializzate che offrono servizi adeguati per tutte le esigenze, diffidando da chi non conosce le procedure e alimenta i costi ingiustificatamente.

Antonio Ruggieri S.r.l.

Via Brasile Zona Ind.le Voltarrosto - Rosrto Ufficio 085-8932081 . Fax 085-8932769 Info. 338-8602828 - e-mail antonioruggierisrl@gmail.com

NON CI PIACE

Un incrocio pericoloso


16

Politica

Il referendum in Grecia

demagogico e divisivo

Tsipras in cinque mesi, nei vari tavoli di trattativa con gli organi europei, non ha prodotto nessuna proposta non solo credibile, ma anche alternativa, fermandosi ad una vaga richiesta di ulteriori contributi a fondo perduto di William Di Marco PREAMBOLO - In questi giorni la condizione greca è stata posta sotto la lente d’ingrandimento da parte di tutti i mass media e certamente non ha fatto piacere a nessuno vedere come i figli di una delle civiltà più antiche e importanti del mondo stiano vivendo una situazione difficile e spesso tragica. Pertanto prima di iniziare questa riflessione è bene manifestare la nostra solidarietà verso un popolo che deve, con l’aiuto di tutti, cercare di superare questo momento molto complicato. In tale parte introduttiva va anche incluso un pensiero sull’Europa. Il progetto nato dalle menti dei nostri nonni e padri, ma le cui tracce possono essere ricercate sin dall’antichità romana (altra grande civiltà che ha dato le linee guida alla modernità) spesso viene confuso con un protocollo

rigido a schema matematico. È il grave errore di molti pensatori che vivono tra di noi afflitti da quello che potremmo definire “sindrome della contemporaneità”, nel senso che sono soggiogati da una meditazionee così legata al presente, tanto da non riuscire a vedere oltre ciò che accade in quel momento. Invece la Storia in tal senso ci viene in aiuto e per poter inquadrare un avvenimento occorrono molti anni, addirittura decadi, in modo da trarne delle indicazioni importanti. Un esempio è la nostra considerazione sull’Europa. In definitiva il tempo trascorso da quando nel 1957 questo progetto prese corpo è relativamente breve e spesso traiamo delle conclusioni per scagliarci contro l’Unione, colpevole di essere già fallita. Gli Stati Uniti d’America nacquero nel

1776 e nel 1861-1865 ci fu una violenta Guerra di Secessione tra il Nord e il Sud del Paese. Questa prese corpo, quindi, dopo 85 anni dalla fondazione, mentre oggi vediamo lo Stato americano come un blocco granitico. Ancor peggio è il discorso sull’Euro, moneta nata appena 15 anni fa. È un tempo così breve ed è normale che ci siano delle incomprensioni e delle frizioni al suo interno. L’economista, il politico, l’analista, se facesse ricorso alla Storia, risulterebbe molto meno nevrotico e capirebbe meglio l’onda lunga dei cambiamenti. UNA GRECIA POCO ATTENDIBILE - Veniamo al nocciolo della questione. Dopo le ultime elezioni del gennaio 2015, il primo ministro ellenico Tsipras aveva promesso di attuare una


17

Politica politica di riinserimento in ambito europeo, cercando di ridurre al minimo i già pesanti sacrifici del suo popolo. In cinque mesi, unitamente al suo ministro dell’Economia Varoufakis, nei vari tavoli di trattativa con gli organi europei, non ha prodotto nessuna proposta non solo credibile, ma anche alternativa, fermandosi a una vaga richiesta di ulteriori contributi a fondo perduto, sapendo che non avrebbe mai onorato né i vecchi debiti né i nuovi. Una certa stampa e anche una parte politica, soprattutto italiana, è scesa in campo al suo fianco, inveendo contro la “troika” (Commissione Europea, Banca Centrale Europea, Fondo Monetario Internazionale), dando visibilità al nulla a livello propositivo, in più alimentando una serie interminabile di annunci demagogici e inaccettabili. La Grecia per entrare nella moneta unica (Euro) a suo tempo truccò i conti, quindi non aggiustandoli un po’, come fece anche l’Italia. Nel corso dei primi anni ricevette dall’Europa ben 240 miliardi di euro per porre rimedio a una situazione già allora fortemente deficitaria. Invece di trovare una soluzione, tra il 2006 e il 2011 gli eredi di Pericle raddoppiarono la spesa pubblica, giungendo a circa 2.500 euro procapite di esborso contro una media europea di 900 euro (l’Italia spendacciona si era fermata a poco più di 1.200 euro). Diversi Paesi, anche di dimensioni economiche come la Grecia (tra questi Irlanda, Portogallo) hanno fatto una cura da cavallo, e hanno ripreso un circolo virtuoso, mentre dalle parti dell’Egeo questo riassetto finanziario non c’è stato. Molte categorie di lavoratori (ben 580) vanno in pensione a 55 anni (alcuni di questi compensi sono lasciati in eredità alle figlie femmine nubili) e gli impiegati pubblici sono il 25% della forza lavoro (in Italia, che è nella media europea, ne abbiamo il 14,4% e ci lamentiamo). I prestiti UE degli ultimi anni ammontano a 340 miliardi di euro e l’Italia è una delle più esposte con 40 miliardi, vale a dire soldi nostri che abbiamo prestato ai dirimpettai. Gran parte di questi fondi non rientreranno mai e l’UE ha già tagliato del 50% gli interessi che dovrebbero essere rimborsati. UN’IMMAGINE SBAGLIATA - Invece qual è l’idea che passa? Che i Greci

hanno subìto l’Europa, che questa non è solidale, che lo spettro di Versailles del 1919 riaffiora, cioè quando, dopo la I Guerra Mondiale, la Germania venne umiliata, al punto che 20 anni dopo scoppiò il II Conflitto. Le cose non stanno affatto così. Ma poi, se ben 18 Paesi su 19, con i vari governi e ministri dell’Economia, accusano la Grecia di non aver rispettato le tante promesse fatte finora, vorrà pur dire qualcosa? E se è vero che i tedeschi, dall’alto della loro forte economia, sono intransigenti al limite dell’arroganza, allora tutti gli altri popoli che accusano gli Ellenici sono antidemocratici e dittatoriali? La verità è che il primo ministro Tsipras si è ammantato di demagogia, senza un minimo criterio economico che potesse in qualche modo dare sostanza a un piano di rientro. I debiti vanno onorati, ci volessero pure 50 anni per estinguerli. I Greci dovrebbero prendersela con i propri governanti per la situazione attuale, per le tante bugie raccontate che rendono poco credibile qualsiasi parola pronunciata dai loro rappresentanti. Noi Italiani ne sappiamo qualcosa, dal momento che veramente cacceremmo a pedate la nostra classe politica, incapace nel corso degli ultimi 40 anni di un progetto organico di crescita e brava solo a fare un buco di bilancio di quasi 2.100 miliardi di euro. Quindi, di chi è la colpa: dell’Europa o di pedanti cialtroni nostrani? UN REFERENDUM INUTILE - I politici devono assumersi le proprie responsabilità e prendere delle decisioni anche impopolari. Tsipras questo non è riuscito a farlo e nel momento in cui è stato stretto alle corde, dopo vari tentennamenti, ha alzato le mani, convocando i propri concittadini a esprimere un giudizio, il cui esito era scontato. Non si è visto mai un tacchino felice per il pranzo di Natale! E chi ha appoggiato tale consultazione, soprattutto in Italia, un domani dovrà accettare, se qualcuno lo proporrà, anche un referendum sull’immigrazione. E secondo voi chi lo vincerebbe? Certi populismi astratti e demagogici non portano a nulla: creano solo divisioni inutili, delle quali non se ne sente assolutamente l’esigenza, segnatamente in un periodo come questo per l’Europa. MA DOV’ERANO I POLITICI ITALIANI

PRESENTI IN GRECIA QUANDO... Molti uomini di partito delle nostre parti sono andati a dare man forte ai Greci per far vincere il “No” al referendum. «Il popolo è sovrano - dicevano - e tutti devono rispettare le leggi democratiche. Tsipras è stato eletto dalla gente e guai se qualcuno cercasse di tirarlo via senza passare dalle urne». Benissimo e il discorso non fa una piega. Ma dove erano questi soloni quando nel 2011 il presidente del consiglio italiano Berlusconi (abbiamo detto più volte dell’inadeguatezza di questo personaggio per via del conflitto d’interesse: se è resistito a lungo, lo abbiamo scritto su queste colonne, è perché tale conflitto è della politica italiana in generale) fu sbattuto via dal presidente della Repubblica Napolitano? Senza elezioni fu messo a capo del governo Mario Monti, che solo alcuni giorni prima era stato nominato senatore a vita, a nostre spese e senza particolari meriti, almeno per quel ruolo. E poi quante manifestazioni di piazza ci furono per la legge Fornero, che porta a 67 anni l’età pensionabile con almeno 40 anni di contributi? Tutti zitti, come rimasero i nostri manifestanti in salsa ellenica quando fu introdotto l’Imu, vera tassa capestro che ha bloccato l’economia italiana e soprattutto i consumi, come ormai hanno attestato gli ultimi studi. Queste persone rimasero in silenzio dietro il premier Monti, senza una minima manifestazione di piazza. L’importante era andare addosso a Berlusconi (che non ci piace, lo ripetiamo): allora aveva parlato male dello strapotere del duo Merkel-Sarkozy, i quali risposero con un sorriso sardonico, preso a pretesto da molti come il segno dell’inutilità del governo italiano. Oggi, invece, Tsipras è diventato un eroe perché sorride in modo beffardo, non solo nei confronti della cancelliera teutonica, ma di tutta la troika. Che delusione i nostri politici ideologizzati, privi di logica e incapaci di ragionare fuori il loro personale tornaconto! Dovrebbero andare a casa e non finiremo mai di dirlo; pur di affossare il nemico di turno, vanno contro gli interessi del proprio Paese, sovvertendo i principi democratici. Di questi soggetti, adesso e in futuro, non sappiamo che farcene.


18


19

Cogevo vs Area Marina Protetta del Cerrano: non c’è pace Le vongolare annunciano azioni legali dopo la conferma del divieto assoluto della pesca del pregiato mollusco all’interno del parco marino. La situazione resta tesa. Intanto la categoria ha deciso di sospendere l’attività di pesca per consentire al novellame di crescere visto che i fondali sono scarsi di prodotto commerciabile

entre i pescatori cercano di trovare una soluzione per tornare a lavorare, per poter pescare vongole a sostentamento di un’economia peschereccia azzerata sia dall’inquinamento dei fiumi, a cui nessuno mette riparo, sia dalla grande estensione dell’Area Marina Protetta, il WWF che fa?” Si chiede Walter Squeo segretario regionale di Federpesca e vice presidente del Cogevo (Consorzio dei pescatori di vongole), aggiungendo che il “WWF non pone rimedio per i corsi d’acqua, fra cui i torrenti dell’Area Marina Protetta, che risultano altamente inquinati, ma attacca di nuovo i pescatori di vongole come se noi fossimo capro espiatorio del degrado del mare e dei fiumi”. Squeo tuona e ne ha davvero per tutti, annunciando che la categoria a questo punto si tutelerà con una serie di azioni legali. “E’ scandaloso ciò che sta accadendo”, prosegue, “vorremmo capire il motivo di tanto accanimento nei confronti di noi pescatori che da 20 anni denunciamo il degrado fluviale che ci sta portando alla rovina. Fin dagli anni ’90 in cui subivamo morie totali di vongole, per colpa delle sostante inquinanti di provenienza fluviale, abbiamo avviato una campagna di difesa dei corsi d’acqua. Credo che ormai è ora che questi signori si vergogni-

no”. Cogevo e Federpesca hanno chiamato in causa la Regione, in modo particolare l’assessore alle politiche agricole Dino Pepe per arrivare ad una soluzione che in qualche modo tuteli l’AMP ma che consenta alle vongolare di esercitare l’attività di prelievo controllato del mollusco. Squeo precisa di aver studiato con l’Istituto Zooprofilattico un nuovo strumento di pesca, compatibile con il Parco ma “il WWF dice ancora no. Ditelo chiaramente allora se volete toglierci il lavoro. Intanto fate il vostro lavoro, perché i nostri fiumi sono i più inquinanti d’Italia”. Cogevo vuole riaprire al dialogo, sperando che non vi sia una chiusura totale dall’altra parte. Conferma di essere pronto a querelare l’associazione ambientalista per aver reso noti dati errati sui chilometri di spazio marino riservato all’attività di pesca della categoria. “Noi abbiamo avuto un dimezzamento del fatturato”, conclude Squeo, “da quando è stato istituito il Parco del Cerrano. Il nostro territorio di pesca non è di 120km ma di 60km e il fatturato è dimezzato. Questi signori portano dati vecchi, di quando non esisteva il Parco del Cerrano. Poi sversamenti continui sia nel Tordino, sia nel Vibrata. Torneremo a protestare sotto la Torre del Cerrano e faremo conoscere dati alla mano l’esatta condizione del nostra mare e del settore pesca”.


20


21


22

s

rk a h S o set

Ro

ti Maggit di Luca

C

foto: Mimmo Cusano

CONFERME E SCOMMESSE PER LA SALVEZZA Campagna abbonamenti al via dal primo agosto. Ecco i prezzi

per cambiare il centro. Se tutte omincia faticosale trattative andassero in porto, mente a prendemancherebbero dunque solo i re forma il Rosedue stranieri e uno dei quattro to 2015/2016, lunghi. Certo, non è finora una che ha ufficializsquadra dai nomi altisonanti, zato la campagna ma spesso sono le motivazioni abbonamenti, attiva dal prosa consentire il salto di qualità, simo primo agosto. A livello di senza contare che due buoni organico, il coach e direttore La presentazione della campagna abbonamenti con Abdul-Rauf americani possono fare la difsportivo Tony Trullo, d’intesa ferenza fra vivere o morire nella con l’amministratore Daniele seconda lega italiana. Inoltre, Cimorosi, ha provveduto a conbisogna prendere atto che il fermare Yankiel Moreno e i robudget dichiarato dal sodalizio setani Pierpaolo Marini e Innocestistico rosetano per fare la cenzo Ferraro. Ha contratto e squadra è di 200mila euro. La dovrebbe restare anche Jacopo società ha intanto diffuso i prezBorra, dalla Serie B di Giuliazi di abbonamenti e biglietti. Gli nova dovrebbe rientrare il gioYankiel Moreno abbonamenti saranno Tribuna vane Francesco Papa, mentre al VIP (300 euro), Intero (150 momento di chiudere in stampa euro), Ridotto da 10 a 18 anni e il giornale sono dati in dirittuover 65 (110 euro), Ridotto da ra d’arrivo gli accordi con due 3 a 10 anni, atleti e disabili (15 giovani playmaker: Roberto euro), Family per famiglie con Marulli (la scorsa stagione in B 3 persone (350 euro) e Family ad Agropoli) e Luca Izzo (camcon famiglia da 4 persone (400 pionato fra la A2 Silver di ScafaInnocenzo Ferraro euro). L’abbonamento si può ti e la B di Francavilla Fontana). pagare in 4 rate, a interessi zero, con Questo significa che, al momento, il addebito su conto corrente, se l’acRoseto avrebbe un quintetto compoquirente è correntista di BCC dell’Asto da Marulli in regia, uno straniero driatico Teramano, Banca Tercas o nel ruolo di guardia, Pierpaolo Marini Banca del Vomano. I biglietti per la nel ruolo di ala piccola, uno straniero stagione costeranno invece 25 euro nel ruolo di ala grande e Jacopo Borper la Tribuna VIP, 15 euro per Trira nel ruolo di centro. In panchina, buna Est, Ovest, Curve e Gradinate, Luca Izzo come play giovane, Yankiel 10 euro i Ridotti da 10 a 18 anni e Moreno prezioso tuttofare in grado over 65 e 1 euro per ragazzi da 3 a 10 di giocare tre ruoli, Francesco Papa anni, atleti e disabili. per i ruoli di ala, Innocenzo Ferraro Pierpaolo Marini

Il basket e la cultura dei campanili senza frontiere


Roseto

ti Maggit di Luca

L

Basket

23

Story

IL CALIFFO, DANIELE CROCE, IL CAMP E LA BENEFICENZA Mahmoud Abdul-Rauf è tornato di nuovo a Roseto

o aveva promesso e ha mantenuto la parola data. Mahmoud AbdulRauf, il Califfo del Lido delle Rose, la superstar del “Roseto più forte di sempre” che incantò la Serie A 2004/2005 è tornato “a casa”, riportato nuovamente da Ilaria Cimorosi che ha organizzato con lui il “Bread & Basket Camp”. Una settimana di lavoro mattutino e pomeridiano, intervallato da laboratori ed escursioni, riservato a giovanissimi che hanno familiarizzato con Abdul-Rauf, restando rapiti dalla disponibilità e dal carisma naturale del Califfo. L’ex campione NBA non si è ovviamente negato a migliaia di selfie e autografi, partecipando anche a numerose serate come la cena di finanziamento organizzata dall’associazione Dimensione Volontario. Poi lo statunitense è intervenuto alla presentazione di un libro sulla NBA, arrivando quindi ad Atri, per rendere omaggio alla figura di Luigino Sciarra, storico presidente del sodalizio cestistico ducale da poco scomparso, e visitando Cattedrale e Teatro Comunale. Infine, AbdulRauf ha fatto da testimonial anche per Emergency, che ha organizzato un collegamento video da Roseto con un ospedale del Sudan, nel corso di una serata di raccolta fondi. I giorni del Califfo sono stati intensi e molto interessanti e c’è stato tempo anche per rivedere dopo 10 anni il centrocampista dell’Empoli Daniele Croce, che nel 2005, quando era un giocatore del Pescara, conobbe per la prima volta Abdul-Rauf essendo tifosissimo del Roseto Sharks. Il Califfo ha saputo che Daniele Croce è arrivato in Serie A a 32 anni ed è anche diventato padre, facendo i complimenti al rosetano e parlando con lui di basket NBA, la passione di Croce.

Daniele Croce e Abdul-Rauf

Abdul-Rauf durante il suo camp

Abdul-Rauf durante il suo camp

Abdul-Rauf con i ragazzi del suo camp

Abdul-Rauf al Teatro di Atri


24


25

Via Accolle 18 Roseto degli Abruzzi (TE) Tel. 085-8930487 Fax 085-8931818 info@diodoroecologia.it


26

OFFICINA IVECO CENTRO REVISIONI AUTOVEICOLI CON PRENOTAZIONE IN SEDE

VEICOLI INDUSTRIALI

R SE

V

IC

E

TACHIGRAFI DIGITALI E ANALOGICI

L’esperienza non è tutto...

PROFESSIONALITÀ al passo con i tempi. Visita l’OFFICINA VAGNOZZI DUE dove troverai competenza, professionalità e cortesia!

ROSETO DEGLI ABRUZZI (TE) - Zona Industriale Autoporto - Uscita A14 Tel. 085.8090525 - Fax 085 8048053 - Mail: vagnozzi2srl@libero.it

24h Rosario: 347.5372338


27

In 2mila alla rievocazione della sciabicata La IV edizione ha richiamato l’attenzione di tantissimi turisti. La manifestazione, organizzata dall’omonima associazione, sta prendendo sempre più piede. Grande attesa nel vedere come un tempo i marinai locali pescavano sotto costa

U

na partecipazione che è andata oltre le più rosee aspettative. In 2mila hanno partecipato alla IV rievocazione della pesca con la sciabica, che si è tenuta nella zona del pontile di Roseto. Davvero tante persone, soprattutto turisti affascinati dall’iniziativa che ha riproposto le antiche tradizioni marinare della gente del posto, oggi purtroppo dimenticate e non più praticabili per via di leggi che non consentono più l’uso di questa rete. Come da tradizione tanti i momenti di festa ed aggregazione, con la “sciabicata” che ha portato sulla spiaggia moltissimi curiosi e tanti bagnanti, richiamati per l’occasione dal folklore e dai costumi tipici, ma anche dalle storie dei pescatori che hanno illustrato, passo passo, i riti di questa antica pesca pratica con le tradizionali reti a maglie finissime sulle coste italiane per tanti anni. In serata poi si sono traferiti tutti sul Pontile, dove Padre Antonio Ghidoni ha celebrato messa in onore dei pescatori, con la tradizionale benedizione delle barche. Infine a seguire il momento tanto atteso, con l’apertura della cucina, con i membri del “Comitato Palio della Sciabica delle Città Marinare” ed i volontari che hanno distribuito mezze maniche alla marinara, vongole e cozze, alici fritte, insalata, frutta, vino e acqua a tutti i presenti, con la gente che era in fila. Complice il bel tempo e la bella serata, allietata splendidamente dall’animazione, dal folklore e dalla musica della band rosetana de

“Le Ombre”, la festa è andata avanti fino alle prime ore del nuovo giorno, con tanta allegria, buon cibo e tanta gente, tanto che a fine serata sono stati distribuiti circa 1.600 pasti completi, fino quasi a la mezzanotte. “Non potevamo sperare in una serata migliore”, il commento del sindaco Enio Pavone, “c’è stata tantissima gente, moltissimi turisti ed un clima veramente di festa e di gioia, esattamente quello che volevamo, proprio come accadeva durante le antiche “feste marinare” nella nostra città. Voglio nuovamente ringraziare il Comitato organizzatore, con in prima linea il suo presidente, Francesco Panicciari, la Cooperativa dei pescatori rosetani, tutte le Associazioni ed i volontari che, come sempre, hanno lavorato in prima linea, Padre Antonio Ghidoni, l’Ufficio Circondariale Marittimo di Roseto e Giulianova, le forze dell’Ordine, la Fondazione Tercas, il Consorzio BIM di Teramo, i musicisti e tutti quelli che hanno offerto il proprio contributo”.

APERTI TUTTA L’ESTATE


29

Cologna Spiaggia

niente festeggiamenti per San Gabriele Resta il rito religioso ma per gli eventi pagani non è previsto nulla. Il comitato organizzatore si è sciolto e non si è più ricostituito, nonostante gli appelli del parroco don Biagio Di Benedetto il quale nelle sue omelie aveva esortato i fedeli a dare vita ad un nuovo gruppo. Non ci sarà quindi l’artista per la serata clou, niente più palio degli asini nato oltre venti anni fa, niente fuochi pirotecnici in mare

N

on ci saranno per la prima volta dopo tanti anni i festeggiamenti in onore di San Gabriele, patrono di Cologna Spiaggia, in programma nella penultima domenica di agosto. Resta solo il rito religioso, mentre per quello pagano non è previsto assolutamente nulla. Il comitato festa si è sciolto qualche mese fa e nonostante gli appelli del parroco, don Biagio Di Benedetto, che durante le sue omelie della domenica invitava persone di buona volontà a farsi avanti per ricostituire un nuovo gruppo, non c’è stato il passaggio del testimone. Cala dunque il sipario sul palio degli asini che durava da oltre 20 anni, niente spettacoli in piazza Redipuglia, né artista di grido per la serata clou dei festeggiamenti. E soprattutto niente più fuochi d’artificio in acqua che erano diventati una tradizione, richiamando tantissime persone, anche da località limitrofe. Il comitato si è sciolto perché i vecchi componenti sono alle prese con vari problemi familiari e poi perché negli ultimi anni avevano trovato sempre più difficoltà a

raccogliere fondi per finanziare i vari eventi incastonati all’interno dei festeggiamenti. La crisi, insomma, si è fatta sentire con le famiglie non più disposte a concedere un contributo, anche se piccolo. Inoltre il Comune di Roseto, con le casse perennemente vuote, non ha potuto mettere a disposizione alcun finanziamento. Don Biagio ha sperato sino alla fine che qualcuno prendesse in mano la situazione. Ma alla fine ha dovuto rassegnarsi. Un tempo nella frazione di Cologna Spiaggia il Santo Patrono veniva onorato il 27 febbraio ed era di fatto la prima festa patronale dell’anno in provincia di Teramo. Poi si decise di spostare i festeggiamenti in estate, approfittando quindi della massa di turisti. Mossa azzeccata. Ora però sapere che questa festa rimarrà circoscritta solo al rito religioso ha colto di sorpresa quasi tutta la comunità colognese. C’è chi ha cercato sino alla fine di dare vita ad un nuovo comitato, di rimettere in piedi l’organizzazione. Vorrà dire che quest’anno è andata così, con la speranza che per il prossimo anno si possa riprendere quella tradizione che durava da alcuni lustri.


30

CENTRO TECNICO DEI SISTEMI ELETTRONICI • • • • • • • • • • • • • • • •

Impianti Elettrici Elettronici Impianti HI-FI Installazioni Localizzatori e Gruppi Satellitari Impianti Climatizzati per Abitacoli Diagnosi motori Diesel – Benzina plurimarche Meccanica dell’auto fino a 35 q.li Tagliandi Auto di TUTTE LE MARCHE anche IN GARANZIA Sanificazione Abitacoli Revisione: - Pompa e iniettori Diesel, impianti Common Rail e Pompe Elettroniche - Turbocompressore - Marmitta FAP - Cambio automatico Freni ABS-EBS Tachigrafi digitali MICA TE001 Riparazione Cronotachigrafi Impianti di Riscaldamento Servizio Revisione auto Catene per auto

L’ESTATE E’ ALLE PORTE, PASSA PRESSO LA NOSTRA OFFICINA PER UN CONTROLLO GENERALE!!!

SI EFFETTUANO CONTROLLI GRATUITI SU CLIMATIZZAZIONE E RISCALDAMENTO CON SANIFICAZIONE DELL’ABITACOLO GRATIS !!!

AUTO – TRUCK – BUS


31

LUIGI BRACCILI Una serata per ricordare Gigino e riabbracciare Paolo Bruni.Domenica 19 luglio ore 21, in Piazza della Repubblica

L

uigi Braccili, compianto decano dei giornalisti e scrittori rosetani oltre che prezioso collaboratore della prima ora di Eidos, manca molto a tutti noi. Per ricordarlo, i suoi cari hanno pensato a una serata speciale, che si svolgerà domenica 19 luglio 2015, in Piazza della Repubblica (del Comune), alle ore 21. La manifestazione ha per titolo “SERATA CON GIGINO – Lui scriveva e l’altro filmava – La storia di Roseto attraverso i filmati di Paolo Bruni e i racconti dei rosetani”. Nell’occasione, ci sarà anche la presentazione del libro postumo di Luigi Braccili, ‘StranAbruzzo’, che è il 50° realizzato dal caro Gigino. Sarà un appuntamento ricco di contributi, per omaggiare la figura di un grande rosetano come Luigi Braccili e per salutare con affetto un altro rosetano importante, lo storico cameraman della Rai Paolo Bruni, che sta faticosamente uscendo da una malattia seria e che con la sua telecamera ha testimoniato 60 anni di vita locale. Un appuntamento da non perdere, fra filmati, ricordi e testimonianze.


32


33

Un ringraziamento speciale a tutti i volontari che hanno reso possibile la riuscita della festa.

un GRAZIE di a tutti coloro che hanno partecipato alle serate, a chi ha acquistato i biglietti e agli sponsor. Comitato Festa Sacro Cuore


34

L’

e m o zio n e

. . . p e r di u n giorn o t u t t a l a v it a .

prenota il tuo

PRANZO DI FERRAGOSTO

con DJ & piscina party AL FOCOLARE DI BACCO - C.da Solagna, 18 - Roseto degli Abruzzi (TE) Tel. e Fax 085 8941004 - Mob. 393 9461096 - alfocolaredibacco@virgilio.it


35

Tennis, XXV edizione del Torneo Nazionale Giovanile Memorial “P. Di Berardino”

La manifestazione prende il via questo fine settimana ed è stata organizzata dal TC Roseto. E’ riservato alle categorie Under 10, 12, 14, 16 maschile e femminile

A

l TC Roseto l’estate si anima di bel gioco, grinta e passione con il Torneo Nazionale Giovanile Memorial ‘P. Di Berardino’. La manifestazione sportiva, giunta al venticinquesimo anno di svolgimento, è dedicata da quattro anni al compianto Presidente Pietro Di Berardino, che si è sempre adoperato per diffondere tra i giovani la pratica del tennis.Il torneo, sostenuto dallo sponsor tecnico Dunlop, si svolgerà presso gli impianti di Via Fonte dell’Olmo, da domenica 19 luglio a domenica 26 luglio 2015; è riservato alle categorie Under 10, 12, 14, 16 maschile e femminile. Si gioca sui tutti i campi e vige il regolamento F.I.T. Saranno premiati i primi classificati di ogni categoria. “Si tratta di un torneo di caratura nazionale rivolto ai giovani – ha spiegato il Presidente del TC Roseto M.N. Luigi Bianchini. – Rappresenta un bel momento per la città e lo sport; un’occasione importante per il territorio e soprattutto per i partecipanti. Favorire l’attività sportiva fra i giovani è indubbiamente importante per il futuro della nostra società, perché lo sport può essere un formidabile strumento educativo, formativo e di aggregazio-

ne”. Giudice arbitro del torneo è Pierluigi Bianchini. Per gli orari di gioco ci si può rivolgere alla segreteria del TC Roseto oppure telefonare ai numeri 329.9484909 085.8930225. E’ positivo il bilancio delle attività per i primi 6 mesi del 2015: numerosi i tornei sociali di singolare, maschile e femminile, e di doppio; fervida l’attività agonistica: Andrea Maria Artimedi, categoria U12, vince i campionati regionali U12 indoor e outdoor, il torneo di IV categoria di Teramo e due tornei kinder U12 e U14; Valentina Di Pompeo, categoria U12, vince il torneo Kinder di Grottamare e arriva in finale al Torneo di IV categoria di Francavilla. Inoltre, 4 sono i campioni provinciali al Fit Junior Program: Aurelio Recchiuti (anno 2005), Silvia Arcadio (anno 2008), Nadia Giorgini (anno 2000), Marta Ciotti (anno 2001). Per gli over da segnalare la bella vittoria di Franca D’Eugenio ai Campionati Regionali Lady 40, torneo vinto per la seconda volta dopo il successo del 2012. Continuano, intanto, sempre presso il Tennis Club Roseto, i corsi estivi per bambini ed adulti per tutti i livelli di gioco. E’ possibile effettuare delle prove di gioco gratuite: a disposizione campi, racchette, palline e istruttori.


36


37


39

Torna il Memorial

Otello De Ascentiis & Francesco Rossi Tascioni

di Martina Franchi

Gli organizzatori

T

Il torneo di beach volley è uno degli appuntamenti più attesi dell’estate pinetese: un misto tra sport, divertimento ed emozioni forti

re anni fa, Tommaso Angelini e Fabio Verrigni, due giovani sportivi pinetesi, hanno pensato di organizzare un torneo di beach volley che potesse coinvolgere tanti ragazzi appassionati come loro di pallavolo, da dedicare alla memoria di Otello De Ascentiis e Francesco Rossi Tascioni, due uomini che per il loro carisma e la loro intraprendenza, hanno rivestito un ruolo decisivo nel panorama sportivo pinetese. Otello, è stato professore di educazione fisica presso la Scuola Media “Giovanni XXIII” di Pineto ed è ricordato per essere stato molto rigoroso e autoritario, nel senso positivo del termine, tra i banchi di scuola. Il secondo, Francesco, il “gigante buono”, sempre sorridente, amico del professor De Ascentiis; è stata una delle colonne portanti della pallavolo pinetese a livello agonistico. Il Memorial è diventato l’occasione per ricordare anche un altro prezioso collaboratore del settore: Antonio Piscella, che è improvvisamente venuto a mancare, lasciando un grande vuoto all’interno della società. “Ci hanno insegnato che lo sport è portatore sano di valori e di educazione. È anche questo che ci ha spinto ad organizzare questo Memorial”, hanno commentato Verrigni e Angelini che in particolare, oltre ad essere stati studenti del professor De Ascentiis, hanno potuto godere dei suoi insegnamenti come coach di squadra. L’organizzazione di questo evento, in tre anni consecutivi, non ha peccato di nulla grazie anche alla collaborazione con l’associazione Summersmile e, da questa quarta edizione, di quella di Lorenzo Cimini e Federico Brocco i quali daranno un importante aiuto nell’organizzazione del torneo che quest’anno si terrà dal 31 luglio al 2 agosto, presso il campo del Beach Paradise: le gare inizieranno dalle ore 17. Come ogni anno, le squadre provengono da un vasto scenario locale: Pescara, Montesilvano, Silvi e Roseto; vantando giocatori che militano in campionato di serie C maschile e giovani atlete

che giocano in serie D femminile, a livello regionale. Come sempre, ad allietare il finale, ci saranno ricchi premi per i primi tre classificati e per la miglior ragazza in campo. “Siamo giunti alla quarta edizione del Memorial e anche quest’anno è stato entusiasmante preparare questo torneo”, dichiarano Angelini e Verrigni. “Ogni anno vediamo gareggiare squadre amatoriali, tra le quali alcune più esperte, ma rispettando pur sempre l’etica dello stare insieme nello sport, come ci hanno insegnato i cari Francesco e Otello. È diventato una tappa fissa per la nostra città, che serve a ricordare alle generazioni passate, ma anche a quelle future, quanto la bontà e la virtù di queste persone hanno contribuito alla crescita sportiva e morale. Cogliamo l’occasione per ringraziare i ragazzi Maurizio e Nico dell’associazione Summersmile, i quali, pur essendo impegnati nella loro attività estiva di animazione, danno un enorme contributo al nostro lavoro per la preparazione del torneo. Allo stesso modo, ringraziamo vivamente tutti gli sponsor che hanno contribuito alla riuscita del torneo”. “Con la sua simpatica ma intransigente severità, si è completamente dedicato a trasmettere nei giovani pinetesi, dalla scuola alla palestra, la passione per lo sport, soprattutto la pallavolo, trasformando il campo in un luogo di divertimento e socializzazione, ma anche rispetto ed educazione. Ancora oggi, dopo la sua improvvisa scomparsa, non può non scappare un affettuoso sorriso, ricordando il suo famigerato fischietto”, ricorda amorevolmente Fanny, la figlia di Otello De Ascentiis. “Il mio presidente era come una montagna, una montagna immensa che però si lasciava percorrere ed emanava un senso di protezione totale, assoluto. Nessuno poteva farti del male se eri lì su quella montagna. Ti ricorderò per sempre unico e generoso, mio presidente”, queste le parole di Michele Marano, in ricordo di Francesco Rossi Tascioni.


41

Progetto Città Val Fino Riqualificazione strade, percorsi naturalistici, valorizzazione del patrimonio architettonico: a breve un bando per un logo unico. L’iniziativa nasce per volontà del consigliere regionale Luciano Monticelli

P

ercorsi naturalistici, percorsi bike, recupero e valorizzazione del patrimonio artistico-architettonico: sono alcuni degli ingredienti del progetto Città Val Fino (da Arsita fino ad Elice). Se ne è parlato ieri durante il tavolo tecnico organizzato dalla Regione Abruzzo nella sala congressi della Banca di Credito Cooperativo di Castiglione Messer Raimondo. L’incontro, promosso dal presidente della IV Commissione Consiliare e Facilitatore delle Aree Interne Luciano Monticelli, ha visto la partecipazione di numerose persone, di tutti i sindaci della vallata Val Fino, dell’architetto Roberta Giammarino, dell’Ingegnere Enrica Astolfi e di tutti i rappresentanti delle Associazioni locali. “E’ stato un incontro molto partecipato - sottolinea il consigliere Monticelli - Ringrazio la Banca di Credito Cooperativo di Castiglione per la disponibilità della sala e per l’intento di voler “abbracciare” questo ambizioso progetto. A breve pubblicheremo un bando per l’ideazione di un logo unico che rappresenti la Città Val Fino e faremo una breve delibera di intenti dei Comuni per la definizione della strategia della Città Val Fino”. La Regione ha già stanziato una prima tranche di fondi che verranno utilizzati per ripristinare la fruibilità delle arterie principali seguendo un ordine prioritario. A causa della particolare fragilità del territorio, il sistema stradale è infatti attualmente in ginocchio. Tutelato il patrimonio ambientale, recuperato e riqualificato il patrimonio architettonico-archeologico, determinata la

VISITA IL SITO:

rete verde e ripristinato il sistema viario provinciale e comunale si potrà così strutturare una matrice fitta di occasioni che induce nella vallata uno sviluppo locale e territoriale volto soprattutto ad uno sviluppo turistico. “Attraverso le azioni di tutela, valorizzazione e recupero si è pronti ad intervenire alla volta di una messa a sistema di tutto il patrimonio locale servendoci dell’ elemento che per sua natura ha da sempre unito i sei comuni che conformano la Valfino ossia il fiume Fino. Questa idea progettuale preme nel passare ad una fase successiva di progettazione definitiva, in modo da poter attingere a risorse e finanziamenti previsti dalla programmazione 2014/2020 per le aree interne – sottolineano l’ing. Astolfi e l’architetto Giammarino - raggiungendo così gli obiettivi di tutela, promozione e sviluppo del territorio e inoltre permettere all’area Val Fino di essere travolta dai principi di pianificazione previsti dall’urbanistica moderna”.

Realizzazione

siti web Per richiedere un preventivo per la realizzazione di un sito internet, o per richiedere uno spazio pubblicitario su www.eidosnews.it contattaci: 329 8825885 o info@eidosnews.it


42


43

Nutrizione

È il momento del di Simona Ruggieri

F

gelato.

Ma fa bene o fa male? Bisogna distinguere il gelato industriale da quello artigianale: il primo è prodotto utilizzando ingredienti a lunga conservazione, mentre il secondo, solitamente, viene consumato in giornata

inalmente è arrivato il più giusto periodo per mangiarlo, l’alimento più goloso e sfizioso, amato da grandi e piccoli…il gelato! Tutti ci siamo chiesti almeno una volta se il gelato faccia bene o male, faccia ingrassare, se possa essere mangiato come sostituto di un pasto! La cosa più importante è distinguere il gelato artigianale da quello industriale; il gelato industriale viene prodotto utilizzando ingredienti a lunga conservazione come latte in polvere, succhi di frutta concentrati, coloranti, emulsionanti, stabilizzanti e aromi, in quanto viene prodotto con mesi di anticipo rispetto al consumo. Il gelato artigianale invece viene consumato in giornata e quindi dovrebbe essere prodotto con ingredienti freschi: latte fresco, zucchero, panna fresca, frutta fresca, cioccolato etc. Rispetto al gelato industriale, quello artigianale presenta decisamente

meno grassi: 6-10% nel prodotto artigianale, 8-12% in quello industriale. Ma attenzione al finto gelato artigianale, prodotto utilizzando miscele pronte o semilavorati ai quali è sufficiente aggiungere solo acqua o latte! Ma quando è giusto mangiare il gelato? Il gelato può essere saltuariamente sostituito ad uno spuntino (non ad un pasto!), preferendo un gusto alla crema e uno alla frutta, in modo da bilanciare l’apporto nutrizionale! Se confrontassimo un classico cono artigianale con una pallina alla crema e una alla frutta con un cono confezionato, potremmo sicuramente notare che il gap calorico è di almeno 50-60 Kcal (maggiori nel cono confezionato) e che mentre carboidrati e proteine sono maggiori nel cono artigianale, i grassi sono decisamente superiori nel cono industriale. Dunque mangiamo gelato ma scegliamolo con cura e soprattutto non esageriamo!

La ricetta del giorno: proviamo a farlo in casa!

Ingredienti: 400 ml latte, 250 gr panna fresca liquida, 150 gr zucchero, 2 albumi, succo di un limo-

ne, 600 gr tra fragole, mirtilli e lamponi.

Frullare in un mixer i frutti di bosco e, dopo passato la purea al colino, aggiungere il succo di un limone. In un tegame versate il latte, gli albumi e lo zucchero, cuocete a fuoco lento mescolando e non facendo superare al composto gli 83°. Una volta raggiunta la temperatura raffreddate rapidamente il composto immergendo la ciotola in un’altra colma di ghiaccio. Versate anche la purea di frutta e mescolate. Montate la panna in un’altra terrina e quando il composto con i frutti di bosco sarà freddo, versate anche la panna mescolando. Trasferite il tutto in una terrina ampia e bassa, coprite con pellicola e mettete in congelatore per almeno un’ora. Tirate fuori il gelato e mescolate, riponete in congelatore e ripetete l’operazione per almeno 3-4 volte. Una volta raggiunta la consistenza ideale, servite!

Dona anche tu un pò di

sangue!

AVIS Comunale di Roseto Via Calabria, 7 – Roseto degli Abruzzi e-mail: avisroseto@gmail.com Cell. 329/7230960 Apertura sede ogni lunedì dalle ore 11,00 alle ore 12,00


44


45

LA VOCE DEL CUORE, UNA SINFONIA DI EMOZIONI

L

foto: Erwin Benfatto

a quarta edizione del concorso La voce del cuore si è conclusa. Tante le emozioni regalate al pubblico dai 19 finalisti divisi in tre categorie: baby, junior e senior e da una piccola promessa della musica, la piccola Angelica Maiorani. I vincitori per le tre categorie sono:, tra i baby Gaia Di Giuseppe, per gli junior Benedetta Pedicone e per i senior Antonio Gorgoretti, anche vincitore assoluto del concorso. Radio G, partner del concorso, ha scelto la voce più radiofonica : Nicolò Di Giosaffatte e il Comune di Roseto, rappresentato dal sindaco Enio Pavone e dal vice-sindaco Maristella Urbini, ha scelto per il premio Una città per cantare, Salvatore Valeria, il premio le verrà consegnato in comune con una cerimonia ufficiale. Tantissimi i complimenti dai giurati che hanno sottolineato il livello sempre più alto dei concorrenti, tanta la cornice di pubblico che ha ascoltato con molto interesse tutti i cantan-

ti applaudendo più volte tutte le esibizioni...padre Antonio Ghidoni anche quest’anno è stato orgoglioso di quanto fatto da tutto lo staff de La voce del cuore, ribadendo che è la manifestazione più seguita durante la festa del Sacro Cuore. e che ormai è diventato un appuntamento fisso dell’estate. Il sindaco Enio Pavone ha augurato ai ragazzi la stessa fortuna di Gianluca Ginoble, riuscire a coronare il loro sogno più grande, ‘’perchè i sogni spesso, si avverano’’ ha aggiunto. ,’’Non è facile organizzare e coordinare i tanti iscritti, dice il direttore artistico della kermesse canora ,Francesca Martinelli , ‘’ma con impegno e buona volontà si riesce e alla grande come quest’anno. Grazie a tutti i giurati che si sono susseguiti nelle selezioni, a tutti quelli che ci hanno dato una mano, e infine a tutti i cantanti e le loro splendide famiglie che ci hanno supportato con le loro emozioni e i loro complimenti...è grazie a loro se andiamo avanti. L’appuntamento è alla quinta edizione’’

MICHELE e

FLAVIA Non é uno scherzo RIPETIAMO non è uno scherzo Dopo anni e anni, scherzi, indiscrezioni, finalmente si sposano il 30 luglio 2015, nella chiesa “Sacro Cuore” Michele Di Silvestre e Flavia Piccioni Noi della redazione di Eidos facciamo i migliori auguri per una vita ricca di felicità e amore. Siete una coppia fantastica.


AUGURI EMIDIO 50 anni 46

50 anni... UN GRANDE TRAGUARDO RAGGIUNTO, Il nostro augurio è che da ora in poi tu possa assaporare tutti i piaceri che questa età ti può dare. Buon compleanno!!! Ti vogliamo bene... La tua famiglia..

GRAZIA 99 anni

CERCASI AIUTO E COMPAGNIA tel: 339.1545008

Ogni compleanno nonna è una traguardo importante e ogni giorno è da vivere, scoprire, condividere, amare e ricordare momenti felici. Tanti auguri di cuore per i tuoi 99 anni dalla tua famiglia!

Direttore Editoriale WILLIAM DI MARCO Direttore Responsabile Lino Nazionale 333 7181980 l.nazionale@virgilio.it È vietata la riproduzione anche parziale di testi e foto. IMPAGINAZIONE E GRAFICA: ANDREA MARZII andreamarzii@ymail.com COORDINAMENTO TECNICO: MASSIMO BIANCHINI (TEL. 329 9480823) FOTO: ELIO D’ASCENZO, EDITORE: EIDOS News S.r.l.

email: info@eidosnews.it PER QUALSIASI INFORMAZIONE

Vuoi che la tua pubblicità sia efficace e redditizia??? Prova con

il quindicinale più letto del nostro territorio.

CON EIDOS NEWS HAI LA CERTEZZA CHE IL TUO MESSAGGIO ARRIVA A DESTINAZIONE!!! Contattaci per un incontro informativo:

Tel. 329 9480823

VISITA IL SITO:


47


48

Eidos news x il web  
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you