Issuu on Google+


CARRIE LOFTY

Le tentazioni di Greta


Titolo originale dell'edizione in lingua inglese: Portrait of Seduction Carina Press © 2011 Carrie Lofty Traduzione di Elena Vezzalini Tutti i diritti sono riservati incluso il diritto di riproduzione integrale o parziale in qualsiasi forma. Questa edizione è pubblicata per accordo con Harlequin Enterprises II B.V. / S.à.r.l Luxembourg. Questa è un'opera di fantasia. Qualsiasi riferimento a fatti o persone della vita reale è puramente casuale. © 2012 Harlequin Mondadori S.p.A., Milano Prima edizione I Grandi Storici Seduction agosto 2012 Questo volume è stato stampato nel luglio 2012 presso la Rotolito Lombarda - Milano I GRANDI STORICI SEDUCTION ISSN 2240 - 1644 Periodico mensile n. 7 dello 08/08/2012 Direttore responsabile: Alessandra Bazardi Registrazione Tribunale di Milano n. 556 del 18/11/2011 Spedizione in abbonamento postale a tariffa editoriale Aut. n. 21470/2LL del 30/10/1981 DIRPOSTEL VERONA Distributore per l'Italia e per l'Estero: Press-Di Distribuzione Stampa & Multimedia S.r.l. - 20090 Segrate (MI) Gli arretrati possono essere richiesti contattando il Servizio Arretrati al numero: 199 162171 Harlequin Mondadori S.p.A. Via Marco D'Aviano 2 - 20131 Milano


1 Leinz Manor, dintorni di Salisburgo, luglio 1805 Le restava poco piÚ di un'ora per vestirsi e recarsi alla prima di un'opera a cui non aveva alcuna voglia di assistere. Percorrendo il lungo corridoio che collegava l'ala orientale della dimora a quella occidentale, Greta notò i difetti dei dipinti appesi alle pareti, anche senza rallentare il passo: una sfumatura di viola che conteneva troppo blu, una pennellata data con troppo colore, la linea dell'orizzonte troppo bassa. Una galleria degli errori. Se avesse potuto scegliere come trascorrere il resto della serata, si sarebbe messa a dipingere: le restavano da copiare ancora due originali della collezione Leinz e aveva ricevuto ordini da tre nobili famiglie. Purtroppo accompagnare lo zio Thaddeus e le cugine all'opera le impediva di coltivare il suo talento. Come sempre, tuttavia, il suo tutore aveva avuto la meglio, infatti era fermamente deciso a mettere in mostra le sue figlie, Theresa e Anna, e a riservare a Greta il ruolo di chaperon. Riteneva che trascorrere un po' di tempo in buona compagnia avrebbe compiuto miracoli per le ragazze, soprattutto se Ferdinando, Granduca di Salisburgo, faceva parte del gruppo. Dei colpi di martello risuonarono lungo il corridoio, am5


plificati dall'eco e Greta aggrottò la fronte. Quando ebbe girato l'angolo, trovò due uomini affaccendati intorno a una cassa destinata al trasporto di opere d'arte. «Chiedo scusa, cosa state facendo?» Loro si fermarono per salutarla con un inchino. Dopo avere tolto i chiodi che teneva tra le labbra, uno rispose: «Il conte ci ha ordinato di imballare questo quadro». La carta da parati color avorio era più chiara nel rettangolo dove era stata appesa la copia del Battesimo di Cristo di Tiziano, da lei realizzata. L'aveva ritenuta un'opera di buona qualità, ma forse non era così. Nonostante le lunghe notti di duro lavoro, non era riuscita a rendere i blu eterei del grande pittore. Alla fine aveva accettato il parere dello zio, il quale sosteneva che era una copia decorosa. Aveva forse cambiato idea e deciso di rimettere l'originale al suo posto? Non si era mai accorta che fosse così pignolo. Si trattenne dal porre domande. Solo il domestico personale di suo zio, Herschel, era a conoscenza dei falsi. I dipinti originali erano stati portati in un ripostiglio nell'ala orientale della dimora. Il resto della servitù credeva che Greta stesse restaurando i capolavori, uno alla volta. «Non capisco. Perché?» «Deve essere spedito al compratore a Vienna.» «Al compratore?» Greta si affrettò a nascondere la propria perplessità: per loro non c'era niente di strano in quella richiesta. «Vi dispiacerebbe aprire la cassa?» I due si scambiarono un'occhiata diffidente. Anna, la sua cugina più giovane, di soli quindici anni, sosteneva che, quando lo voleva, poteva essere affascinante e dolce, ma per lei trovare un motivo sufficientemente valido per sforzarsi era spesso un'impresa impossibile. Quello però era un motivo valido. Cosa aveva in mente zio Thaddeus? Rivolse agli uomini il sorriso più dolce e accattivante che 6


riuscì a stamparsi in viso. «So che la mia richiesta significa del lavoro in più per voi, ma amo particolarmente questo dipinto e vorrei tanto vederlo un'ultima volta.» Dopo avere abbassato lo sguardo, lo rialzò prima su uno poi sull'altro uomo. Forse batté anche le ciglia, anche se non l'avrebbe mai ammesso. «Bitte.» Quella richiesta aleggiò nel silenzio del corridoio. Se solo si fosse data la pena di imparare i loro nomi!, si disse Greta. Un appello personale non sarebbe stato rifiutato. L'uomo che fino a quel momento era restato in silenzio si mosse per primo. Prese un lungo cuneo di metallo e lo infilò sotto il coperchio. Stringendosi nelle spalle, il suo compare lo aiutò a sollevare le pesanti doghe di legno. Quando la cassa fu aperta, Greta si inginocchiò sul pavimento di marmo lucido e vide le iniziali che aveva dipinto sul tronco di un albero. Quello era il suo marchio personale, e segreto. «Siete sicuri che sia proprio questo il dipinto che è stato comprato?» «È stato il conte in persona a mostrarcelo, Fräulein Zweig» rispose il più taciturno. Lei annuì. Avuta conferma dei suoi sospetti, represse l'impulso di precipitarsi in cerca dello zio per costringerlo a darle una spiegazione. Osservò ancora il dipinto, per giustificare la richiesta di aprire la cassa e considerò che il quadro mancava di finezza. I colori... che strazio guardarli. Erano troppo vivi. Come sempre. Disgustata dal risultato scadente di tanti sforzi, si alzò, ringraziò gli uomini e si diresse di buon passo verso lo studio di suo zio. Solo quando ebbe avuto il permesso, entrò e si accinse ad affrontare un uomo che la metteva in soggezione, malgrado la bassa statura e la parentela che li legava. «Signore, avete intenzione di vendere la mia copia del dipinto di Tiziano?» 7


Inarcando le sopracciglia grigie perfettamente curate, Thaddeus, Conte di Leinz, posò la penna d'oca e le mani sullo scrittoio. «Non dovresti essere pronta per andare all'opera?» «Sì, avete ragione» rispose Greta, battendo ripetutamente la punta di un piede sul pavimento per scaricare il nervosismo sul pesante tappeto. «Ma questo... Vorrei una spiegazione.» «Nipote, non credo affatto che i miei affari vi riguardino.» «Quel dipinto è mio!» Lo zio batté le palpebre, gesto che provocò una fitta allo stomaco di Greta. Completamente calvo, con i lineamenti marcati e un portamento elegante, Thaddeus si alzò in piedi. Anche se non le aveva mai fatto del male, lei lo aveva sempre trovato minaccioso: la sua personalità dominava qualsiasi stanza e, in quel piccolo studio, dove sugli scaffali erano allineati innumerevoli volumi e l'aria odorava di muffa, inchiostro e cuoio, sembrava addirittura alto. «Credevo che tu fossi ricompensata a sufficienza.» Solo il modo in cui stringeva gli occhi agli angoli rivelava il suo carattere irascibile. Greta irrigidì le mani che teneva posate sul ventre. «Certo.» Non aveva mai osato rivolgersi a lui con quel tono di sfida. Per la tensione le tremavano le mani, le bruciava la gola. «Siete stato estremamente generoso ad accettarmi in casa vostra, ma vorrei solo sapere che ne sarà del mio dipinto.» «Credo che sarà appeso su una parete di Rothenberg Manor, nei pressi di Vienna. Ma, se devo essere sincero, anche nel caso in cui venisse usato per accendere un fuoco non protesterei. Lo hanno pagato profumatamente, Margaret.» Greta trasalì. Lo zio era l'unico a chiamarla col suo vero nome. «E sanno che è una copia, immagino...» L'angolo sinistro della bocca di Thaddeus si sollevò imper8


cettibilmente in una specie di sorriso. «Diciamo che è altamente improbabile che venga usato come legna da ardere.» «Credono che sia un originale? Non eravamo d'accordo così.» «L'uso che faccio delle copie che dipingi non ti riguarda.» «Ma si tratta di frode!» Lo zio si avvicinò. «Fingerò di non avere sentito ciò che hai detto, Margaret. Non devi nemmeno pensarlo. Sono stato chiaro?» Il coraggio che l'aveva sostenuta fino a quel momento fuggì come un topolino davanti a un gatto affamato. «Sì, signore.» «Ti ho fatto una promessa, che intendo mantenere. Entro la fine dell'anno sarai sposata a un uomo che sia degno di una mia nipote, anche se ritengo che l'idea di mia sorella di metterti al mondo sia stata una follia.» Le diede un buffetto, esaminandola con la stessa attenzione con cui lei guardava i suoi dipinti, e con altrettanta insoddisfazione. «Fino ad allora, farai ciò che io ti ordinerò.» «Sì, signore.» Il sorriso beffardo si allargò. «Brava ragazza. E ora hai...» Diede un'occhiata all'orologio da taschino. «... meno di mezz'ora prima che la carrozza parta per Salisburgo. Spero che la tua cameriera riesca a renderti presentabile in così poco tempo. Vai.» Accennato un inchino, Greta fuggì via. A tentoni, con le gambe che tremavano, attraversò di corsa la dimora diretta alla sua stanza. Suo zio vendeva le copie che lei dipingeva facendole passare per originali. Perché? Aveva dei problemi finanziari che lo costringevano a ricorrere all'inganno? Un brivido di paura le percorse tutto il corpo. Quali che fossero le ragioni di quella scelta, lui aveva rinnovato la promessa di farla sposare prima della fine dell'an9


no, dunque ben presto lei non avrebbe più dovuto dipingere dei falsi d'autore per guadagnarsi da vivere. Al fianco dell'uomo giusto, avrebbe finalmente avuto l'opportunità di creare dipinti partoriti dalla sua fantasia. Mentre suonava il campanello per chiamare la cameriera, si aggrappò a quella promessa, nella speranza che sarebbe stata mantenuta. Nei suoi ventisei anni di vita, Oliver Doerger aveva assistito a una dozzina di opere, ma nemmeno una volta era stato seduto in platea a godersi lo spettacolo. Sbadigliando, si guardò intorno nell'angusta anticamera dove l'opera non si vedeva, ma la si poteva ascoltare, anche se la musica giungeva attenuata. Non era solo, c'erano altri tredici valletti che gli tenevano compagnia. Che lui non fosse veramente un valletto non era rilevante, anche in quell'occasione doveva fingere di esserlo. Quella sera, mentre la voce di un'invisibile soprano si librava sul parlare sommesso dei domestici, non era stato incaricato di scoprire dei segreti o degli interessi politici. Il suo compito era assai più serio. Un applauso caloroso, smorzato dalle spesse pareti che separavano l'anticamera dalla sala dei concerti, annunciò la fine del primo atto. I valletti si alzarono rumorosamente dalle panche, e in un istante scomparve ogni traccia di ilarità o stanchezza. Spalle e schiene si drizzarono. Gli abiti sgualciti furono lisciati con le mani in gran fretta. Uomini che fino a un attimo prima si stavano godendo un'ora di riposo schiacciando un pisolino, scambiandosi pettegolezzi, condividendo il tabacco e sorsi di whisky dalle fiaschette nascoste, si trasformarono di nuovo in camerieri. Oliver li osservò con distaccato apprezzamento, mentre anche lui compiva gli stessi gesti: si sistemò gli abiti, si diede 10


un contegno e con uno strattone mise a posto la parrucca che tanto detestava. In silenzio i valletti lasciarono l'anticamera in fila indiana, per mettersi in attesa nel cuore del magnifico palazzo della Residenza. Da una porta, che si trovava all'altra estremità del largo corridoio, uscirono le cameriere delle dame. Oliver si chiese se, nei momenti di pausa, l'atmosfera che regnava tra loro fosse altrettanto rilassata. Era probabile. Sul viso grazioso di una fanciulla dall'aria ingenua era ancora stampato un sorriso. La donna che le camminava accanto, con una lieve gomitata nelle costole, la invitò a cancellare ogni traccia di personalità che inavvertitamente si fosse lasciata sfuggire. Immerso nel chiacchierio pacato di voci garbate, lo stimato pubblico dell'opera uscì dalla Carabinierisaal. Gli uomini indossavano abiti elegantissimi, che ben si intonavano ai vestiti da sera delle dame. Con discrezione Oliver si aprì un varco tra la folla, e si imbatté nel Visconte Christoph Venner e nella moglie Ingrid. Come gli imponeva il suo ruolo di valletto, finse di non vederli finché non fu chiamato. «Meine Liebe» disse Christoph alla moglie, «guarda, c'è la signora Mayr.» Lanciata un'occhiata da sopra la spalla, Ingrid sorrise. «Se desideri parlare in privato con Oliver, non hai che da dirlo.» Christoph, un uomo alto più della media senza essere un gigante, non conosceva il significato della parola ironia. Era un tratto che non faceva parte del suo carattere. Ricambiò il sorriso della moglie, segno dell'intimità che c'era tra loro. «Vorrei parlare in privato con Oliver.» Lei, che aveva un carattere completamente diverso da quello del marito, esclamò: «Oh, Venner, guarda, c'è la signora Mayr: sarei scortese se non andassi a salutarla!». Accennato un inchino, lui posò un bacio sulla mano co11


perta dal guanto. «Divertiti, meine Liebe.» Quando Ingrid fu inghiottita dal mare di profumi, sete e pettegolezzi, Christoph condusse Oliver in un angolo appartato dell'immensa sala. «Qualche segnale?» «Nessuno. Se qualcuno intende mettere in pratica le minacce fatte al Granduca Ferdinando, io non ne ho avuto sentore.» «Bene.» Preda di un attacco di cattivo umore, che solo di rado manifestava, il visconte borbottò una sfilza di imprecazioni. «Non riesco proprio a capire perché mai Ingrid abbia insistito per uscire questa sera.» «È semplice, in casa si annoia e si sente prigioniera.» Se avesse dovuto descrivere il suo fratellastro, Oliver lo avrebbe definito un falco, tranne quando nei suoi occhi profondi appariva qualche emozione, allora tornava a essere un uomo. In quel preciso istante l'emozione era panico. «Devo proteggerla, è più forte di me. E anche il bambino.» Dopo avergli comunicato la sua solidarietà con un cenno del capo, Oliver lasciò vagare lo sguardo sugli ospiti: per abitudine, ma anche per rispetto. I due aborti di Ingrid pesavano enormemente su Christoph. Ora sua moglie era finalmente al sesto mese di gravidanza, e ogni giorno che passava era più felice. Al contrario dello stimato visconte che, essendo abituato a piegare il mondo al suo volere, diventava sempre più ansioso. A peggiorare le cose ci si era messo Napoleone. Poiché inglesi e austriaci si erano coalizzati contro l'imperatore francese, probabilmente Salisburgo sarebbe stata coinvolta nello scontro tra le varie potenze. Presto. E la concomitanza tra l'inizio delle ostilità e gli ultimi mesi della gravidanza della moglie costituiva per Christoph una vera minaccia. «Non sopporto l'idea che sia qui mentre dovrebbe stare riguardata» continuò Venner, «e con la possibilità che il granduca possa essere vittima di un attentato per giunta.» Un ca12


meriere di passaggio gli offrì una coppa di champagne, che accettò. Anche a Oliver sarebbe piaciuto bere qualcosa, ma avrebbe dovuto aspettare l'inizio del secondo atto. La necessità di spacciarsi per valletto significava comportarsi come tale in ogni circostanza. Essere invisibile era il modo migliore per spigolare notizie di estrema importanza per la famiglia Venner, e addirittura per Salisburgo. «La prossima volta potresti portare il divertimento da lei» suggerì, «ma dovresti acconsentirle di organizzare un ricevimento.» «Scegliere tra la mia sanità mentale e il denaro? Sai bene che detesto decisioni del genere.» «Non posso proteggerti dalla verità, per quanto possa essere penosa.» Christoph sollevò un sopracciglio con malizia. «E dire che pensavo di pagarti bene.» «Non così bene.» Il due fratellastri si frequentavano da poco più di quattro anni, e Oliver non avrebbe più potuto immaginare la sua vita senza colui che rispettava più di chiunque altro. Era solo al mondo, dopo avere trascorso diversi anni nell'esercito prussiano, nel corso di una gioventù dissoluta. Che nessuno sapesse che loro due erano parenti non era importante, a lui bastava godere della sicurezza e dei privilegi che quella posizione gli offriva. A un tratto, l'attenzione di Oliver fu catturata una giovane donna del gruppo di Ingrid. Indossava un elegante abito blu di seta, a vita alta, che metteva in risalto il seno e la figura ben proporzionata; una guarnizione di pizzo bianco decorava un gruppo di pieghe che scendeva verso l'orlo. Il suo viso era però ciò che più colpiva: lui era convinto che una malinconia del genere non fosse tollerata nell'alta società. Christoph si schiarì la voce. «L'hai riconosciuta?» 13


Scosse il capo, incapace di parlare. Perché aveva un'aria così triste? «È la nipote del Conte di Leinz, le altre due sono le sue cugine.» Il visconte finì lo champagne e, poiché non c'erano camerieri nei paraggi, consegnò il bicchiere vuoto al fratellastro. «Il mese scorso mi sono recato a Leinz Manor per chiedere fondi per la difesa della città e il conte mi ha presentato le tre fanciulle, che erano occupate a organizzare un ballo per la metà di agosto. Ho avuto l'impressione che non veda l'ora di liberarsi di tutte e tre.» Quelle parole strapparono Oliver dalle sue meditazioni. «Non si può dire lo stesso di tutti i padri di questi tempi?» Napoleone era stato incoronato imperatore di Francia e tra i capi politici, ma anche tra i cittadini comuni, molti erano convinti che i suoi eserciti avrebbero ricominciato a saccheggiare il Continente. Perciò la maggior parte delle giovani veniva spinta a sposarsi in gran fretta, anche in età piuttosto acerba. «Il suo nome è Margaret Zweig, ma tutti la chiamano Greta.» «È divina.» «Davvero.» Davanti al sottile umorismo del fratello, Oliver strinse fra le dita lo stelo della coppa di champagne. Le probabilità di avvicinare una donna come Greta Zweig erano per lui pari a quelle di andare in Sud America su un cavallo a dondolo. Qual era la sua colpa più grave? Quella di essere un bastardo o una spia che si faceva passare per un umile valletto? In ogni caso, nessuna delle due lo rendeva degno di una dama di un certo rango. Rivolse un'ultima occhiata a quella fanciulla deliziosa, ai folti capelli biondi, raccolti sulla testa come una corona, all'incarnato pallido, alle guance paffute, al lungo collo sinuoso. Il suo sguardo scese fino alla scollatura, alle ombre tra il solco 14


dei seni, vista che gli provocò un brivido in tutto il corpo e che gli fece passare, involontariamente, la lingua sulle labbra. Tuttavia, erano gli occhi il particolare che lo attirava di più, l'espressione stranamente distaccata. Inspirò a fondo ed esalò un sospiro. Ora basta. Presto l'intervallo sarebbe finito, e lui sarebbe tornato tra i domestici e i loro pettegolezzi. C'erano dei doveri che lo attendevano: proteggere l'unica famiglia che gli era rimasta, e indagare sulle voci che da settimane circolavano in città. Era stato un lavoro lungo e indefesso quello che alla fine aveva portato Christoph a diventare uno dei consiglieri politici del Granduca Ferdinando, dal cui futuro dipendeva anche quello della loro famiglia. E se lui fosse stato assassinato, due anni di lavoro sarebbero andati in fumo. Per non parlare del fatto che Salisburgo stava per finire nel mirino di Napoleone... Un attentato al granduca avrebbe potuto far crollare la fiducia popolare. «Goditi il resto dell'opera» disse Oliver con un sorriso. Christoph alzò gli occhi al soffitto, come per implorare la divina pazienza. Il suo scarso interesse per le arti era risaputo in una città nota per il grande amore per la musica. «Cercherò di fare il possibile per restare sveglio.» Un movimento rapidissimo nell'oscurità mise in allerta Oliver, che si affrettò a restituire la coppa di champagne al fratello, il quale si accigliò. «Cosa succede?» «Va', e resta vicino a Ingrid.» Oliver camminò rasente alla parete della sala. La sagoma che aveva visto si era rifugiata in una rientranza, proprio di fronte al punto dove si trovava il Granduca Ferdinando, in piedi in mezzo a un gruppo di guardie. In preda all'eccitazione che gli incendiava il sangue nelle vene, un cambiamento gradito dopo l'autocontrollo, le buone 15


maniere e la visione di quella donna dagli occhi tristi, Oliver si avvicinò alla rientranza. Dopo avere contato mentalmente fino a tre, entrò e afferrò lo sconosciuto per il collo. L'uomo emise un gorgoglio. Era paonazzo, al punto che i suoi lineamenti inaspettatamente familiari erano quasi irriconoscibili. Oliver sentì il cuore che gli scoppiava nel petto, lo stomaco stretto in una morsa mentre vecchi ricordi lo assalivano come un vento furioso. «Karl?» chiese lasciando leggermente la presa. «Mio Dio, Karl, sei proprio tu?» «Dovresti vedere la tua faccia, Oliver» rispose l'uomo con voce soffocata. «Hai l'aria di chi ha appena visto un fantasma.»

16


Le tentazioni di Greta CARRIE LOFTY SALISBURGO, 1805 - Prima di sposare un uomo più vecchio di lei, Greta vuole concedersi una notte di passione da serbare nella memoria in futuro. A giudicare dal bacio ardente che si sono scambiati e dall'atmosfera carica di sensualità che ha infiammato i loro sensi, Oliver Doerger sembra il candidato ideale. Lui, però, non ha il coraggio di sedurre una fanciulla innocente e così si impone di porre fine a quell'interludio amoroso. Ma non toccare più quella pelle di velluto e quelle labbra che sembrano boccioli di rosa si rivela una promessa impossibile da mantenere.

Pelle di seta LOUISE ALLEN INDIA - INGHILTERRA, 1808 - Dopo aver trascorso un periodo in India, in attesa che le voci sulla sua condotta scandalosa si placassero, Lady Perdìta Brooke sta per tornare in Inghilterra. A pochi giorni dall'imbarco incontra Alistair Lyndon, l'uomo che le ha rubato l'innocenza, e scopre che lui viaggerà sulla sua stessa nave e che non rammenta nulla di quella notte di passione. Ciò che la mente ha cancellato, tuttavia, il corpo ricorda bene, perché al primo sguardo la scintilla si riaccende, al primo sfiorarsi della pelle un fuoco si diffonde nelle loro vene, al primo bacio tutto sembra perduto...


L'angelo del peccato ANNE LETHBRIDGE INGHILTERRA, 1816-1819 - Dopo un terribile scandalo, Lord Robert Mountford si è ritirato nella tenuta di Wynchwood, dove finge di essere il guardiacaccia. Poi incontra per caso Frederica Bracewell, e quella giovane così diversa dalle raffinate fanciulle del ton sembra avere su di lui l'effetto di un sortilegio. Passano i giorni ma i pensieri erotici continuano a turbarlo e così, quando si rivedono e lei gli propone di fare da modello per un disegno, mille idee peccaminose gli invadono subito la mente...

Innocenza perduta LOUISE ALLEN INGHILTERRA, 1809 - Appena scampata a un naufragio, Averil Heydon si ritrova in una situazione a dir poco compromettente. Oltre a essere bloccata su un'isola sperduta con un gruppo di uomini, è il loro tenebroso capitano a prendersi personalmente cura di lei. E il bizzarro rapporto fatto di desiderio e senso del dovere che si instaura tra loro li trascina in una rovente spirale di passione. Ma Averil sa di dover resistere alle erotiche sensazioni che Luke le scatena dentro. Anche se accettare una vita senza passione le appare sempre più come una condanna insopportabile... Dal 10 ottobre


Belli come dei. Dannati per l’eternità. Pronti a sedurti per sempre. QUESTO MESE una doppia uscita IMPERDIBILE: La battaglia tra dei, angeli e creature della notte li separerà … o li unirà per sempre? GENA SHOWALTER, l’autrice paranormal più amata, è pronta a conquistarvi con un nuovo imperdibile romanzo, sexy e accattivante come sempre.

Un matrimonio combinato tra un lupo e un vampiro significa sangue. Oppure una passione oltre ogni limite. MICHELE HAUF firma storie con il romanticismo di Twilight, con in più un lato assolutamente sexy. Assolutamente da provare.

Prenotali subito al tuo punto vendita di fiducia e scoprili su www.eHarmony.it

DAL 27

LUGLIO


LE GRANDI OFFERTE D’ESTATE… PIÙ LEGGI, PIÙ RISPARMI! Le collane più sexy, in formato 3 in 1 1 è GRATIS

DAL

9 AGOSTO Antologie di 4 romanzi, per una MAXI convenienza.

DAL

25 AGOSTO

www.eHarmony.it


Intenso, romantico, indimenticabile. È il ROSA di Romance, l’emozione che cerchi. Continua l’incredibile ESTATE in rosa, con altre 4 autrici AMATISSIME: EMILE RICHARDS, DEBBIE MACOMBER, SHERRYL WOODS, NORA ROBERTS. Cosa aspetti a prenotarli tutti?

Dall’8 agosto

Scoprili su www.eHarmony.it


SED7_LE TENTAZIONI DI GRETA