Issuu on Google+


Susan Mallery

EreditĂ  nel cuore


Titolo originale dell'edizione in lingua inglese: Under Her Skin HQN Books © 2009 Susan Macias Redmond Traduzione di Elisabetta Lavarello Tutti i diritti sono riservati incluso il diritto di riproduzione integrale o parziale in qualsiasi forma. Questa edizione è pubblicata per accordo con Harlequin Enterprises II B.V. / S.à.r.l Luxembourg. Questa è un'opera di fantasia. Qualsiasi riferimento a fatti o persone della vita reale è puramente casuale. Harmony è un marchio registrato di proprietà Harlequin Mondadori S.p.A. All Rights Reserved. © 2011 Harlequin Mondadori S.p.A., Milano Prima edizione Harmony Romance aprile 2011 Questo volume è stato impresso nel marzo 2011 presso la Mondadori Printing S.p.A. stabilimento Nuova Stampa Mondadori - Cles (Tn) HARMONY ROMANCE ISSN 1970 - 9943 Periodico mensile n. 84 del 23/04/2011 Direttore responsabile: Alessandra Bazardi Registrazione Tribunale di Milano n. 72 dello 06/02/2007 Spedizione in abbonamento postale a tariffa editoriale Aut. n. 21470/2LL del 30/10/1981 DIRPOSTEL VERONA Distributore per l'Italia e per l'Estero: Press-Di Distribuzione Stampa & Multimedia S.r.l. - 20090 Segrate (MI) Gli arretrati possono essere richiesti contattando il Servizio Arretrati al numero: 199 162171 Harlequin Mondadori S.p.A. Via Marco D'Aviano 2 - 20131 Milano


1

«Dopotutto si tratta solo di due milioni. Ci sono problemi?» Lexi Titan si costrinse a sorridere. «Nessuno» mentì, chiedendosi se John, il direttore della sua banca, avesse la testa a posto. Due milioni di dollari? Da trovare in tre settimane? Ma certo. Le bastava tornare a casa e rompere il salvadanaio. «Potresti chiederli a tuo padre» suggerì John, esaminando le carte sulla scrivania come se fossero la cosa più affascinante del mondo. Lexi sorrise. «Grazie mille per l'informazione.» Si alzò. Chiedere a suo padre? Escluso. Anche se Jed Titan fosse stato disposto a tirarla fuori dai guai, il che non era scontato, rivolgersi a lui avrebbe mandato a monte tutto. «Ti farò sapere.» «Presto, Lexi» consigliò John, alzandosi anche lui per stringerle la mano. «Hai ventuno giorni per trovare quei soldi o perderai il tuo centro estetico.» Aveva una bella capacità di sintesi, John. Aveva riassunto la tragedia della sua vita in una sola frase. «Troverò una soluzione» assicurò. «Ci vediamo tra qualche giorno.» L'uomo parve a disagio. «Per la verità, ci vedremo anche stasera, alla festa di beneficenza di tua sorella.» Dove avrebbe divulgato la notizia del suo fallimento? «Siete come gli avvocati, voi banchieri? Siete tenuti al segreto professionale?» «Ma certo» le assicurò l'uomo. «Abbiamo un codice etico, 5


non ti preoccupare. Non aprirò bocca.» Lexi sperava che fosse sincero. «A questa sera, allora» lo salutò, con un calore che non provava. Prese la borsetta e lasciò l'elegante ufficio. Appena salì in macchina, fu tentata di sbattere la testa contro il volante. Sapeva perfettamente che nella vita potevano capitare degli imprevisti. Quello che le scocciava era che quell'imprevisto se l'era andato a cercare. Era nei guai, e poteva prendersela solo con se stessa. Mezz'ora dopo, era uscita da Dallas e stava entrando nel centro abitato di Titanville. Ignorò il limite di velocità e continuò spedita. La giornata si fece ancora più nera quando udì una sirena alle proprie spalle. Si fermò sul ciglio della strada e abbassò il finestrino. Aspettò che l'agente si avvicinasse alla macchina, poi si tolse gli occhiali da sole e sospirò. «Se devi arrestarmi, prima non potresti malmenarmi un po'? Così potrei citare il dipartimento di polizia.» «Hai bisogno di emozioni forti?» chiese l'agente. «Sono a corto di contante.» «Di che cifra stiamo parlando?» «Due milioni di dollari.» L'agente Dana Birch fischiò piano. «Ho un buono sconto del supermercato, in macchina, ma dubito che basti.» Diede un'occhiata all'orologio. «Ti va di parlarne? La mia pausa pranzo inizia tra quindici minuti. Potremmo vederci al Bronco Billy.» Lexi annuì. «Perfetto. Ti avverto, però, sarò una lagna.» «Ci sono abituata.» Dana sembrava di buonumore. «E ora, per favore, modera la velocità. Altrimenti, una bella multa non te la toglie nessuno.» «Okay. Scusa.» Un quarto d'ora dopo, Dana si infilava in un separé di fronte a Lexi. Era presto, solo le undici e mezza, perciò il ristorante era ancora tranquillo. Lexi aveva ingannato l'attesa stu6


diando i vari poster dei film di Clint Eastwood appesi al muro. Il proprietario del Bronco Billy era un fan dell'attore. Dana prese il menu. «Cos'è successo? Ti hanno strappato male i peli facendoti la ceretta?» Lexi ignorò l'ironia. Lei e Dana si divertivano a stuzzicarsi a vicenda sulla loro diversa concezione di bellezza femminile. Lexi era la proprietaria di un lussuoso centro estetico e credeva che una donna facesse bene a prendersi cura del proprio aspetto. Per Dana, era una frivolezza anche usare il balsamo quando si lavava i capelli. Lexi dubitava che l'amica sapesse a cosa serviva il mascara. Dana portava i capelli scuri tagliati corti, si vestiva con l'uniforme sul lavoro, e in jeans e maglietta per il resto del tempo. Si conoscevano da quando avevano dieci anni e Lexi l'aveva vista con la gonna solo tre volte. L'amica si appoggiò all'indietro. «Okay, ho capito. Hai un problema serio. Cosa c'è?» «Non scherzavo riguardo ai due milioni di dollari. Devo procurarmeli entro ventuno giorni.» «Qualcuno ti sta ricattando?» Lexi non poté trattenere un sorriso. «Sei proprio una poliziotta. No, nessun ricatto. Tutta colpa della mia avidità. Sono proprio una stupida.» Sospirò. «Quando ho lasciato l'azienda di mio padre per mettermi in proprio, avevo quella piccola eredità di mia nonna. L'ho usata per aprire Venus, ma ce l'ho fatta a mala pena. Non avevo altri capitali. Essere una Titan dà meno privilegi di quanti pensi la gente. Comunque, stavo appena a galla. Un giorno, circa due anni fa, mi ha chiamato il direttore della mia banca. Uno dei suoi clienti era disposto a investire due milioni di dollari nella mia attività. Le condizioni erano semplici. Avrei dovuto versargli degli interessi. Il finanziatore non voleva nemmeno una quota della società. Mi sembrava troppo bello per essere vero. Ho usato quei soldi per ampliare il centro estetico e acquistare delle attrezzature. Era un sogno che si realizzava. Ma c'erano delle clausole...» 7


«Ce n'è sempre qualcuna.» «L'identità del finanziatore doveva restare segreta e il prestito era revocabile. Lui avrebbe potuto chiedere il rimborso dell'intero capitale con un preavviso di sole tre settimane.» Si strinse nelle spalle. «Il conto alla rovescia è partito oggi.» Dana imprecò. «Si tratta di tuo padre? È una cosa che Jed potrebbe fare.» «Non lo so» ammise Lexi. «Me lo sono chiesta anch'io.» Jed Titan era un leggendario imprenditore texano. Suo padre le aveva fatto quel prestito capestro per metterla alla prova? «Il motivo per cui sarei portata a dire di no è che Jed non va tanto per il sottile» riprese Lexi. «Se volesse rovinarmi, lo farebbe in modo più diretto.» «Allora, chi può essere questo tizio?» «Non ne ho la minima idea. Il mio direttore di banca si rifiuta di dirmelo.» Dana grugnì. «Cosa c'è?» «Il tuo direttore. Tu hai un direttore. Io un Bancomat vicino al supermercato.» «Tutti quelli che hanno un'attività hanno rapporti personali con una banca» protestò, ma sapeva che Dana non le credeva. Tutti pensavano che essere una Titan significasse qualcosa. Forse era così. Ma non sempre era una cosa buona. «Cosa hai intenzione di fare?» chiese Dana. «Sul serio, Lexi, ho da parte cinquemila dollari. Sono a tua disposizione, ma dubito che potrebbero aiutarti.» «Grazie dell'offerta, ma no. È questa l'ironia della situazione. Tutti credono che noi sorelle Titan siamo ricche, ma non è così. Certo, Skye ha l'eredità di sua madre, ma Izzy e io siamo persone normali. Viviamo del nostro stipendio. È Jed che ha in mano tutti i soldi di famiglia, e vuole che gli dimostriamo quanto valiamo prima di darci una quota dell'azienda. Questo era il centro estetico per me: il mio grande progetto per provargli che sono in grado di farcela da sola. Non posso 8


perdere tutto per colpa di un farabutto anonimo. Troverò un modo di procurarmi questi due milioni. Sono disposta a fare qualunque cosa. Qualunque.» Dana toccò il distintivo sul taschino. «Attenta, signorina. Meglio che tu non faccia niente di illegale.» «Se succederà, non te lo dirò.» «Ah. È un sollievo.» Arrivò la cameriera. Ordinarono hamburger e patatine, e una bibita dietetica per compensare le calorie. «Detesto il pensiero di essere stata così stupida» disse Lexi quando rimasero sole. «È quello che mi scoccia di più. Non dovevo cacciarmi in questa situazione.» Sospirò. «Okay, basta piangermi addosso. Non voglio tediarti oltre. Come ti va la vita?» «Tua sorella non mi dà tregua» borbottò Dana. «Skye darà uno dei suoi leggendari ricevimenti questa sera per raccogliere fondi per la sua fondazione, e pretende che io partecipi. Sa che detesto i party.» Roteò gli occhi. «Ho un'amica che ha una fondazione. È come se vivesse in un'altra dimensione.» «Almeno tu puoi dirle di no» le ricordò Lexi. «Io non posso esimermi. Non che mi lamenti. Magari un'invitata perderà un collier di diamanti e potrò impegnarlo.» Dana inarcò un sopracciglio. Lexi abbassò lo sguardo sul distintivo. «Scusa. Non mi hai sentito dire niente.» «Per fortuna non credo che lo faresti. Guarda il lato positivo della vicenda. Ci sarà uno stuolo di ricconi, questa sera. Potresti convincere qualcuno a farti un prestito.» «Non sono sicura di voler dare loro quello che pretenderebbero in cambio per una cifra simile.» «Amen.» Lexi si rianimò. «Dai, vieni con me. Ci divertiremo. Potrai sbeffeggiare tutti. Ti piacerà.» «No, grazie. Ho un appuntamento.» «Con Martin?» Lexi cercò di non alzare gli occhi al cielo. 9


«Perché lo dici con quel tono?» «Perché siamo alle solite. Martin è un tipo troppo mite per te. Lo comandi a bacchetta.» «Io?» «Altro che. Frequenti solo ragazzi dolci e senza pretese, che ti adorano e allo stesso tempo sono terrorizzati da te. Hai il pieno controllo della situazione, e poi ti lamenti che ti annoi. Dovresti trovarti un uomo che abbia più personalità.» «Ha parlato la donna che non esce con nessuno da sei mesi. Non si può dire che tu sia un'esperta in fatto di uomini.» «Io ho una carriera a cui pensare. Un'attività.» Dana si limitò a fissarla. Lexi appoggiò la testa sul tavolo. «Che perderò fra tre settimane, se non succede un miracolo.» «Tua sorella ha una fondazione benefica. Chiedili a lei, i soldi.» «Non me li darebbe. Sono destinati tutti ai bambini bisognosi. Tu conosci Skye. È praticamente una santa. Una cosa alquanto irritante.» «Non dirlo a me. Almeno si mangerà bene, questa sera. Potrai annegare i dispiaceri in antipasti dai nomi esotici. Solo, non bere. Devi guidare.» Lexi si raddrizzò. «Tu hai proprio bisogno di un uomo capace di tenerti testa.» Dana sogghignò. «È un animale estinto.» «Esiste, mia cara, e non vedo l'ora che tu lo incontri. Di un uomo ricco da comandare a bacchetta ne avrei bisogno io, adesso. O di un miracolo. Date le circostanze, mi accontento di un miracolo.» A dispetto del vecchio adagio, Cruz Rodriguez non aveva mai ritenuto che donne e motori avessero molto in comune. Lui amava le auto: erano la sua vita. Ma non gli tenevano caldo la notte. E neanche quando erano nuove di zecca avevano l'inebriante profumo di una donna che sta per cedere. 10


Smontò dalla sua Bugatti Veyron metallizzata e lanciò le chiavi al parcheggiatore. Il ragazzo fissò la macchina con gli occhi sbarrati. «Accidenti. Me la lascia guidare?» Cruz guardò l'auto. «Perché? Pensi di ammaccarla?» «Oh no, signore!» Il ragazzo fece un passo avanti, accarezzò la fiancata, poi ritrasse la mano. «È la cosa più bella che abbia mai visto.» Cruz sogghignò, poi si avviò verso la villa. Toccò a lui, ora, fissare la cosa più bella che avesse mai visto. Sul portico di Glory's Gate, Lexi Titan stava parlando con una coppia che lui non conosceva. Anche da quella distanza, riconobbe i capelli biondi raccolti sulla nuca, i classici lineamenti del suo volto perfetto. Lexi rise per qualcosa che aveva detto la donna e il suono arrivò fino a lui nella calda aria della notte. Era un suono che Cruz aveva già sentito molti anni prima. Sapeva tutto di Lexi. Aveva preso informazioni accurate. Ma conosceva anche altre cose. Quanto era morbida la sua pelle al buio, come le si inceppava il respiro quando faceva l'amore. Sapeva quanto detestava il proprio vero nome, e come stringeva gli occhi nel pronunciarlo. Sapeva che l'orgoglio era la sua maggiore forza e la sua più grande debolezza, sapeva che giocava per vincere e che, a meno che non si trovasse con le spalle al muro, accettava la sconfitta con una grazia che lui non aveva mai imparato. Lexi aveva classe e status. Cruz era uno che s'era fatto da sé. Gli erano chiuse ancora molte porte, in società. Per questo si trovava lì. Era intenzionato a farsi aprire quelle porte... con la forza, se necessario. E, anche se non lo sapeva ancora, Lexi lo avrebbe aiutato. Salì la mezza dozzina di gradini di marmo fino al portone, attento a tenere alcuni invitati tra se stesso e Lexi. Non voleva ancora farsi vedere da lei. Sarebbe stato lui a decidere quando e dove si sarebbero incontrati. Così si sarebbe trovato 11


in posizione di vantaggio. Un uomo meno sicuro di sé si sarebbe chiesto se lei si fosse dimenticata di lui, ma Cruz sapeva che non lo aveva fatto. Nessuna donna dimentica la sua prima volta. Quando entrò, si concesse un momento per ammirare l'architettura. La villa era stata costruita negli anni Quaranta, quando la terra costava poco e un uomo era valutato in base alla velocità dei suoi cavalli, alla bellezza delle sue donne e alle dimensioni della sua casa. Due scalinate curve gemelle salivano verso un pianerottolo grande quanto la pista di un aeroporto. La luce dei lampadari si rifletteva sul marmo a scacchi bianchi e neri. In un angolo era sistemato un piano a coda, perché cos'era un atrio senza piano a coda? Anche se non aveva mai messo piede a Glory's Gate in vita sua, Cruz sapeva che i soffitti alti sette metri erano intagliati a mano. Notò che le pareti dei due saloni e del salotto erano scorrevoli e, aperte, creavano un enorme spazio in grado di ospitare facilmente cinquecento persone. Entrò in un'elegante stanza decorata in color oro e verde salvia, con qualche tocco di rosso. Il salotto centrale era stato allestito con file di sedie per l'asta che sarebbe seguita al cocktail. Era venuto per farsi vedere, per mescolarsi all'élite del Texas. Per cercare il modo di inserirsi in quel circolo ristretto. Un'asta di beneficenza gli avrebbe permesso di farsi notare con classe e discrezione. Se avesse speso del denaro lì, lo avrebbero invitato ad altri eventi di beneficenza. Col tempo, lo avrebbero accettato. Almeno, lui lo sperava. Ordinò un whisky, liscio, poi si mise a guardare quelle persone che conosceva solo di fama. Avvertì il momento esatto in cui Lexi entrò nella sala, la vide avviarsi verso la sorella. Si chiese come avrebbe reagito vedendolo. Lexi Titan avrebbe potuto dargli tutto quello che lui voleva. C'era solo un problema. Anche se erano passati 12


dieci anni, lui era sicuro che lo odiasse ancora. Lexi si tenne a distanza di sicurezza e aspettò che la sorella avesse finito di congedarsi dal senatore, un donnaiolo noto per la propria tendenza ad allungare le mani. «Dimmi chi te lo fa fare» le sussurrò senza preamboli. «Non hai abbastanza soldi da finanziare la fondazione senza bisogno di organizzare questi circhi?» Skye Titan, la secondogenita, bevve un sorso di champagne. «Vuoi sapere quanti bambini vanno a letto affamati in America ogni sera?» «Ho avuto una brutta giornata. Non farmi sentire ancora più meschina e inutile, per favore.» «Scusa.» Le sorelle si abbracciarono. Lexi fece un passo indietro e ammirò l'abito verde di Skye. «Sei splendida. Sono invidiosa del tuo décolleté.» Abbassò lo sguardo con rimpianto sul proprio seno piccolo. «Torna meno utile di quanto tu non pensi.» Skye le sorrise. «Non credevo che saresti venuta. Detesti le mie aste di beneficenza.» «Non è vero. Approvo la tua causa. Solo, non amo tutti questi convenevoli con i ricchi e i famosi.» Skye sogghignò. «So che è una noia. Ma ho bisogno di raccogliere fondi. Mandare una semplice richiesta di donazione non rende quanto organizzare un party. Come stai?» Lexi pensò al proprio disperato bisogno di due milioni di dollari e si costrinse a sorridere. «Abbastanza bene.» Non le piaceva mentire alla sorella, ma questo era un caso eccezionale. La posta in gioco era troppo alta per correre il rischio di dirle la verità. «Hai detto che hai avuto una giornataccia.» «Solo problemi di lavoro. Izzy è venuta?» Isadora era la loro sorella minore. «Figurati. Izzy detesta questi ricevimenti più di te. Do13


vrebbe arrivare a Titanville da un giorno all'altro, ma per il momento sta ancora sulla sua piattaforma petrolifera al largo della Louisiana.» Dove lavorava come saldatrice subacquea, pensò Lexi, chiedendosi come fosse possibile che loro tre fossero sorelle. Non avrebbero potuto essere più diverse. «Allora, chi c'è, di nuovo, sulla lista degli invitati?» si informò. «C'è per caso qualcuno che esibisce dei milioni che non può giustificare?» «Non direi. Tu chi stai cercando?» Chiunque stesse tentando di farle chiudere la sua impresa. Più Lexi pensava a come le fosse stato offerto il finanziamento e a come le fosse stato ritirato, più aveva la sensazione che avessero voluto incastrarla. Lo avevano fatto di proposito? «Non saprei» ammise, girandosi in modo da osservare la folla. «Qualcuno che abbia un motivo per...» Il suo sguardo scivolò su coppie ben vestite, gruppi di ospiti impegnati in conversazione, un uomo in abito nero. Il presidente della seconda più importante compagnia petrolifera stava entrando nella sala con la moglie. Riportò l'attenzione sull'uomo vestito di nero. Che strano... Aveva un'aria familiare. Lui si voltò. Se Lexi avesse avuto in mano un bicchiere, si sarebbe infranto sul pavimento. Erano passati molti anni dall'ultima volta che lo aveva visto, eppure lei era in grado di contare i giorni. Forse anche le ore. Aveva passato i primi sei mesi sperando di incontrarlo per strada. Peggio. Di investirlo con la macchina. Nei sei mesi successivi, era stata più razionale. Più pacata. Non lo avrebbe ucciso. Si sarebbe limitata a ferirlo e a considerare la partita alla pari. Da allora, era quasi riuscita a ignorare la sua esistenza. Lui era stato un errore. Lexi si era illusa che la notte che avevano passato insieme avesse significato qualcosa. Che scema. Fare l'amore con lui era stato il tipico sbaglio che le donne fanno da quando il primo uomo dell'età della pietra ne 14


trascinò una per i capelli nella propria caverna. «Chi stai fissando?» chiese Skye, poi seguì il suo sguardo. «Oh. Quel tizio delle macchine. Cruz... Non mi ricordo più come si chiama. È molto ricco. Concessionarie, una catena di negozi di ricambi automobilistici e una squadra di macchine da corsa. NASCAR, mi pare. Ci ha fatto una grossa donazione. Lo conosci?» Meglio evitare di rispondere, pensò Lexi, cercando una via di fuga. Ma non c'erano posti sicuri, lì in casa. Avrebbe finto di non conoscerlo, decise. Del resto, probabilmente Cruz non si ricordava più di lei. Doveva essere stata solo l'avventura numero centocinquantasette, per lui. Erano passati dieci anni e tutti e due erano cambiati. Il ragazzo che lei ricordava si vestiva in jeans e maglietta, non con un abito di sartoria e scarpe su misura. Non che il suo viso fosse diverso. Cruz aveva ancora quegli occhi intensi in cui una donna provava il desiderio di perdersi per sempre. Be', altre donne. Non lei. Si sarebbe comportata come se lui fosse un estraneo, poi se ne sarebbe andata. Cruz non avrebbe mai immaginato quanto ancora le bruciasse l'umiliazione di quella notte... e del mattino dopo. «Buonasera» le salutò lui avvicinandosi. Sorrise a Skye. «Sono Cruz Rodriguez. Grazie di avermi invitato, signora Titan.» Skye ricambiò il sorriso. «È stato un piacere. Chiamami Skye, ti prego. Spero che tu abbia portato il libretto degli assegni. Chiederò spudoratamente sostanziose offerte, all'asta, più tardi. Ma prima, devo ringraziarti per la generosa donazione.» Guardò Lexi. «Cruz offre un fine settimana a Daytona in una villa privata, più due giorni di lezioni di guida su pista con il suo pilota più quotato.» «Molto interessante» mormorò Lexi, facendo del proprio meglio per evitare lo sguardo dell'uomo che le stava tanto vicino. Le sembrava di sentire il profumo della sua pelle. Non 15


che si ricordasse che odore aveva la sua pelle. Erano passati anni. Un secolo, praticamente. Cruz Rodriguez era stato un dettaglio senza conseguenze nella sua vita. Niente di più. «Oh, scusatemi. Avrei dovuto presentarvi. Lexi, lui è Cruz Rodriguez. Cruz, mia sorella, Lexi Titan.» Lo sguardo di lui non tradiva altro che un educato interesse. Come se lei fosse una prozia o un'anziana zitella. Come se non si fossero mai incontrati. Perfetto... Non si ricordava. Lexi aveva passato settimane, mesi, della sua vita a meditare vendetta e lui non si ricordava di lei! Cruz allungò una mano per stringergliela. Lexi voleva disperatamente evitare ogni contatto fisico, ma non poteva sottrarsi senza essere scortese. Accidenti alle buone maniere! Trattenne il fiato e gli permise di avvilupparle la mano con la propria. Per un istante, non ebbe nessuna reazione. Poi guardò il viso di lui, la linea decisa della sua mascella, la sensualità della sua bocca e le tornò in mente cos'aveva provato quando l'aveva baciata. Le venne una vampata di calore. Fosse stata vent'anni più vecchia, avrebbe potuto dare la colpa alla menopausa. Così, cercò di ignorare il fremito che la percorse e gli sorrise con suprema indifferenza. «Signor Rodriguez» lo salutò con freddezza. «È un piacere conoscerla.» Si ritrasse. «Cruz, ti prego.» Interessante. Era proprio quello che ricordava di avergli urlato verso le due del mattino. «E io sono Lexi» gli disse, studiando la sua reazione. Lui non batté neanche ciglio. Una donna in tailleur scuro si stava avvicinando. Skye la vide. «Scusatemi, è la responsabile del catering. Speriamo che non ci siano problemi.» Un attimo dopo si era allontanata, e Lexi era rimasta sola 16


col proprio passato. Tornò a girarsi verso Cruz, e scoprì che anche lui se n'era andato. L'aveva lasciata lì impalata da sola, in mezzo al party. Cruz guardò Lexi circolare tra la folla. Lo teneva d'occhio, fingendo di ignorarlo. Lui si comportava nello stesso modo, ma era più bravo a quel gioco. Aveva notato la confusione di Lexi, il suo moto di irritazione perché apparentemente non si ricordava di lei. Aveva anche avvertito la stessa potente attrazione che era divampata in lei a prima vista, dieci anni prima. Sapere che esisteva ancora rendeva il suo compito molto più semplice. Lexi era esattamente quello di cui Cruz aveva bisogno: un biglietto d'ingresso nel chiuso clan della buona società texana. Era il seguente passo logico del suo successo. Ora non gli restava che studiare un piano d'azione. L'opportunità gli si presentò prima di quanto si aspettasse. Cruz vide Lexi salutare un uomo di mezz'età stempiato e con la pancetta. Si parlavano come se si conoscessero bene. Cruz si avvicinò, restando dietro una colonna perché non lo vedessero. «Tua sorella mi ha già fatto notare diverse cose per cui dovrei fare un'offerta» stava dicendo l'uomo. «Skye è spietata.» «E determinata. Ricordati solo che è per una buona causa, John. Cedi alle sue pressioni, perché se non lo farai ti sentirai così in colpa che non chiuderai più occhio. Ecco perché partecipo a questi eventi. È più semplice che oppormi alle sue richieste.» John rise. «La conosci meglio di me.» Poi tornò serio e abbassò la voce. «Detesto parlare di affari a un party, ma non hai pensato di chiederli a lei, quei soldi? Skye non ha avuto una sostanziosa eredità da sua madre e dal defunto marito?» Lexi si irrigidì. Cruz vide le sue dita contrarsi attorno allo stelo del calice. «Non voglio parlarne qui.» John si guardò attorno, come per assicurarsi che nessuno li 17


sentisse. Cruz fu attento a restare nell'ombra. «Lexi, sei mia cliente dal giorno in cui hai deciso di aprire il tuo centro estetico. Sono stato io a convincerti ad accettare il finanziamento che ora ti crea tanti problemi. Non voglio che tu perda la tua attività. Ma devi fare qualcosa per procurarti quei soldi, e in fretta.» «Lo so» bisbigliò lei. «E lo farò. Rivolgermi a Skye, però, è fuori questione.» «Due milioni di dollari. Una somma del genere non si trova dietro l'angolo.» «Grazie dell'informazione. E ora, se vuoi scusarmi, vado a prendere qualcosa al buffet.» John la seguì con gli occhi, e così fece Cruz. Ma mentre il direttore di banca sembrava preoccupato, Cruz aveva sulle labbra un sorrisetto compiaciuto. Il tempismo era tutto, nella vita. L'affare giusto al momento opportuno. Le condizioni ideali per una corsa. A Cruz piaceva essere preparato e pronto a balzare sulla preda quando si presentava l'occasione. Come adesso.

18


Coccole e magnolie di Sherryl Woods Per una donna non è mai facile reinventarsi daccapo, soprattutto se si hanno due figli e un'autostima ridotta ai minimi termini per un matrimonio fallito. Ma quando le amiche fanno sentire Sarah Price di nuovo a casa, tutto pare possibile. Persino innamorarsi un'altra volta. Travis MacDonald sembra l'uomo dei sogni. Corteggiatore perfetto e fisico statuario, riesce a conquistare subito le fantasie erotiche e sentimentali di Sarah. Ma sarà l'uomo capace di garantirle la stabilità emotiva che cerca? E, soprattutto, Sarah è pronta a rimettersi in gioco?

Eredità nel cuore di Susan Mallery Tre sorelle, un unico impero. Chi tra loro si dimostrerà più abile negli affari erediterà tutto. Una sfida destinata a dividere o a unire per sempre. Lexi Titan è un'elegante e abile donna d'affari. Non lascia niente al caso ed è un'amara sorpresa scoprire che il finanziamento su cui contava per aprire un nuovo centro benessere in realtà non esiste. Nel frattempo la sua integrità viene scossa dall'incontro causal, con l'affascinante Cruz Rodriguez, ex ragazzo del barrio che ha fatto fortuna. Nessuno dei due ha dimenticato l'appassionata notte di dieci anni prima e rivedersi è una scossa di desiderio intenso per entrambi. Dopo aver messo a repentaglio gli affari è disposta a rischiare il proprio cuore?


DAL 31 MARZO


HR84_EREDITA_NEL_CUORE