Page 1


Dall’8 febbraio, a grande richiesta, una nuova, eccitante collana di romanzi storici ti accompagnerà alla scoperta del desiderio e del piacere. Cerca il filo rosso di

e lasciati catturare dal fascino proibito di una seduzione senza tempo e senza confini...


782 - Misteri e sospetti - M. Nichols 783 - Il cavaliere della contessa - A. Herries 784 - Una lettera dal passato - L. Lael Miller 785 - Scandalosa Isabella - J. Ashley 786 - Al servizio della regina - A. J. Forrest 787 - Scacco al visconte - L. Allen 788 - La resa del guerriero - M. Willingham 789 - Una moglie sconveniente - M. Nichols 790 - L'ombra del destino - D. Hale 791 - Il corsaro gentiluomo - A. Lethbridge 792 - Prigioniera del guerriero - J. Fulford 793 - Tentazione segreta - S. Laurens 794 - Per amore di una nobildonna - D. Hale 795 - L'onore in gioco - C. Merrill 796 - Partita col destino - K. Hawkins 797 - Una moglie per il barone - M. Nichols 798 - Fiore di Scozia - S. Auci 799 - Notti d'Oriente - D. Hale 800 - Misteri a Londra - G. Ranstrom 801 - Desiderio di seduzione - S. Bennett 802 - Bacio tentatore - S. James 803 - Vendetta d'amore - J. Justiss 804 - La dodicesima notte - A. McCabe 805 - La moglie del maggiore - C. March 806 - Il Cavaliere Bianco - C. Mason 807 - Magia di Natale - AA.VV.


AMANDA MCCABE

La dodicesima notte


Titolo originale dell'edizione in lingua inglese: The Winter Queen Harlequin Mills & Boon Historical Romance © 2009 Ammanda McCabe Traduzione di Maria Grazia Bassissi Tutti i diritti sono riservati incluso il diritto di riproduzione integrale o parziale in qualsiasi forma. Questa edizione è pubblicata per accordo con Harlequin Enterprises II B.V. / S.à.r.l Luxembourg. Questa è un'opera di fantasia. Qualsiasi riferimento a fatti o persone della vita reale è puramente casuale. © 2011 Harlequin Mondadori S.p.A., Milano Prima edizione I Grandi Romanzi Storici dicembre 2011 Questo volume è stato stampato nel novembre 2011 presso la Rotolito Lombarda - Milano I GRANDI ROMANZI STORICI ISSN 1122 - 5410 Periodico settimanale n. 804 dello 01/12/2011 Direttore responsabile: Alessandra Bazardi Registrazione Tribunale di Milano n. 75 dello 01/02/1992 Spedizione in abbonamento postale a tariffa editoriale Aut. n. 21470/2LL del 30/10/1981 DIRPOSTEL VERONA Distributore per l'Italia e per l'Estero: Press-Di Distribuzione Stampa & Multimedia S.r.l. - 20090 Segrate (MI) Gli arretrati possono essere richiesti contattando il Servizio Arretrati al numero: 199 162171 Harlequin Mondadori S.p.A. Via Marco D'Aviano 2 - 20131 Milano


1

Dicembre 1564 ... la nostra più fervida speranza è che, una volta a corte, comprenderai quanto siano state folli le tue azioni e ti rallegrerai di essere sfuggita a un'unione così poco adeguata. La regina ha reso un grande onore alla nostra famiglia invitandoti a diventare una delle sue dame di compagnia. Mettendoti al servizio di Sua Maestà, hai la possibilità di riscattare te stessa e il buon nome della nostra famiglia. Di scoprire dove risiede la vera felicità. Mi auguro che non deluderai la nostra sovrana e neppure noi. Lady Rosamund Ramsay accartocciò la lettera del padre nella mano guantata e si appoggiò ai cuscini della piccola carrozza oscillante. Se solo avesse potuto scacciare le sue parole dalla mente con altrettanta facilità! Allontanare il ricordo di quanto era successo, una volta passate le calde, dolci giornate estive. Erano davvero trascorsi soltanto pochi mesi? Le sembravano anni, durante i quali era invecchiata, da diciannovenne a donna decrepita, non più sicura di sé e di ciò che voleva. Con un brivido gettò la lettera nella borsetta ri5


camata e serrò tra i piedi, infilati negli stivali, lo scaldino che da tempo aveva perso tutto il calore. Al suo interno, il carbone non era più neppure una brace sonnecchiante. Le ricordò Richard e i sentimenti che si erano reciprocamente dichiarati. I baci che si erano scambiati all'ombra complice delle siepi fiorite. Lo stesso Richard che non aveva neppure cercato di rivederla quando i genitori di lei li avevano separati. E adesso era stata allontanata da Ramsay Castle, scacciata dalla sua casa e mandata a servire la regina. I suoi genitori erano sicuri che si sarebbe distratta facilmente, all'affollata corte di Whitehall, come un bambino fastidioso al quale viene offerto un gingillo luccicante. Con il patronato della Regina Elisabetta e tutti i bei vestiti nuovi che le avevano infilato nei bauli, suo padre e sua madre ritenevano che Rosamund avrebbe trovato in fretta un nuovo innamorato. Un corteggiatore più adeguato al nome e al patrimonio dei Ramsay. Secondo loro, agli occhi di una fanciulla i giovani gentiluomini attraenti dovevano essere tutti uguali. Il che significava che la conoscevano ben poco. Credevano che lei fosse timida come un topolino. Invece Rosamund diventava un leone quando sapeva quello che voleva. Se solo lo avesse saputo anche in quel momento... Scostò le cortine e guardò il paesaggio. I suoi genitori erano stati talmente ansiosi di allontanarla che l'avevano lanciata nel mondo non appena era arrivata la lettera della regina, nel cuore dell'inverno. La strada dissestata dalla neve e dal gelo era fiancheggiata da alberi spogli che tendevano verso il cielo i rami nodosi. Per fortuna quel giorno non nevicava, anche se ai lati della strada la neve era ammucchiata in bianchi cumuli bernoccoluti. 6


Il vento gelido fischiava tra i rami. I soldati armati a cavallo, che formavano la scorta di Rosamund, e la cameriera Jane, che viaggiava nel carro dei bagagli, si stringevano senza parlare nei mantelli. Da quando si erano fermati a dormire in una locanda, la sera prima, lei non aveva più udito pronunciare una sola parola e probabilmente il silenzio si sarebbe protratto finché non fossero giunti a Londra. Londra. Sembrava una meta irraggiungibile. Il palazzo di Whitehall, con le sue luci e i caminetti accesi, era simile a un sogno, come lo era stato anche la comoda locanda della sera precedente. In quel momento, l'unica realtà era rappresentata da quella strada costellata di buche, dal fango, dal freddo implacabile che si insinuava sotto il mantello foderato di pelliccia e il vestito pesante come se fossero fatti di garza. Lo sguardo fisso su quel paesaggio desolato, Rosamund era oppressa dalla cupa tristezza della solitudine. Aveva perduto i suoi genitori e la sua casa, Richard e l'amore che aveva creduto di condividere con lui. Sentiva di non avere più un'identità e inoltre presto avrebbe dovuto ritagliarsi una nuova esistenza in un luogo che conosceva appena. Un luogo dove non avrebbe potuto permettersi di fallire, altrimenti i suoi genitori l'avrebbero bandita per sempre dalla sua casa. Inalò a fondo e l'aria gelida ebbe su di lei un effetto tonificante. Era una Ramsay e la sua stirpe non era avvezza ai fallimenti! Fino ad allora erano sopravvissuti alle vicissitudini di cinque sovrani Tudor, anzi, ne erano usciti indenni, con un titolo e una florida proprietà. Di sicuro lei, Rosamund, sarebbe riuscita a servire la regina senza cacciarsi in altri guai. Forse Richard sarebbe corso presto a salvarla, 7


dandole prova del suo amore. Avevano soltanto bisogno di un piano per convincere i suoi genitori che era un corteggiatore degno di lei. Rosamund si sporse per guardare il carro che la seguiva con molto fragore. Jane, appollaiata in mezzo a casse e bauli, era pallida e sembrava in preda alla nausea. Avevano lasciato la locanda diverse ore prima e anche Rosamund era indolenzita e rigida, nonostante le coperte di pelliccia e i morbidi cuscini. Sentendosi di colpo terribilmente vile ed egoista, ordinò con un cenno al capitano della scorta di fermarsi. Subito Jane accorse per aiutarla a smontare. «Oh, milady!» esclamò costernata, sistemando il mantello di lana bianca di Rosamund e i guanti. «Siete gelata. In questa stagione nessun essere umano dovrebbe andare in giro, lasciate che ve lo dica.» «Va tutto bene» le assicurò lei. «Presto arriveremo a Londra e di sicuro presso la sovrana potremo trovare le stanze più calde e le tavole meglio imbandite di tutta la città. Pensa... ruggenti fuochi accesi nei camini, arrosti, vini e dolci, lenzuola pulite e letti chiusi da spesse cortine...» Jane sospirò. «Se ci arriveremo vive, milady. L'inverno è proprio terribile. Non ricordo di averne mai visto uno così freddo.» Rosamund la lasciò a sistemare i cuscini e si diresse verso gli alberi fitti. Aveva addotto il pretesto di una necessità corporale, anche se in realtà aveva solo bisogno di qualche istante di solitudine con i piedi sul terreno solido e lontano dalle continue oscillazioni dell'odiato veicolo. Cominciò a rimpiangere di essersi avventurata fuori dalla carreggiata quando i suoi stivali affondarono nella neve mista a fango e scivolarono sulle 8


pozzanghere ghiacciate. Gli alberi, grigi e spogli, erano così fitti che, percorsi pochi passi, Rosamund aveva già perso di vista la sua scorta. I rami sembrarono chiudersi intorno a lei come in una foresta delle fiabe, un mondo ignoto e misterioso dove si trovava veramente sola. E non c'erano neppure dei prodi cavalieri che arrivavano al galoppo per soccorrerla. Abbassò il cappuccio e scosse i capelli biondo platino, liberandoli dalla rete che li teneva raccolti. Le caddero sulle spalle come un pesante mantello, agitato dal vento freddo. Alzò il viso verso il cielo nel quale veleggiavano vorticose nubi grigie. Presto, troppo presto, quel silenzio meraviglioso sarebbe stato cancellato dalla folla e dal frastuono di Londra. Là non sarebbe neppure più riuscita a udire i propri pensieri, men che meno l'urlo del vento, il gemito dei rami nudi... Le risate. Risate? Rosamund tese l'orecchio, la fronte corrugata. Era finita veramente nel bel mezzo di una fiaba popolata di fate e spiriti della foresta? Sì, eccolo di nuovo, un suono inconfondibile di voci e risate. Voci umane, senza dubbio, non di fate e neppure del vento invernale. Con la sensazione persistente di essere vittima di un sortilegio, seguì la traccia di quel suono allegro e ammaliante. Uscì dalla foresta, in una radura dove si stava svolgendo una scena che sembrava appartenere a un altro mondo, a un'altra vita. Al centro vi era un lago, la cui superficie formava un cerchio luccicante di ghiaccio color argento. Sulla riva era stato acceso un falò, le cui fiamme rosso dorate mandavano verso il cielo volute di fumo profumato. Da dove si trovava, Rosamund sentì sulle guance gelate un piacevole soffio caldo. 9


Intorno al fuoco c'erano tre persone, un uomo e due donne, abbigliati con preziosi velluti e pellicce. Ridevano e conversavano al bagliore delle fiamme, sorseggiando vino da calici d'argento mentre, con tutta evidenza, aspettavano che la carne infilzata sugli spiedi si arrostisse a puntino. Al centro del lago un altro uomo pattinava tracciando pigri, ampi cerchi sulla superficie ghiacciata. Rosamund lo fissò attonita: l'uomo volteggiava con grazia e potenza e il suo corpo snello, vestito soltanto con calzoni di pelle e un farsetto di velluto nero, roteava come una trottola, sempre più veloce. Sul ghiaccio brillante la sua sagoma scura era indistinta, troppo veloce perché l'occhio umano potesse seguire i suoi movimenti. Sotto lo sguardo incantato di Rosamund, la rotazione vorticosa rallentò fino a quando l'uomo non rimase perfettamente immobile. Un re del ghiaccio. Anche il tempo si arrestò: il vento ululante e le nubi che correvano veloci parvero rimanere sospese intorno alla solitaria figura nera. «Bravissimo, Anton!» Una delle dame batté le mani. «Uno spettacolo eccellente.» Il pattinatore le rivolse un profondo inchino prima di ripartire all'indietro, dirigendosi pigramente verso la riva. «Anton è davvero magnifico» confermò l'altro gentiluomo. La sua voce aveva un marcato accento straniero. «Un meraviglioso pavone che non può fare a meno di mostrare le sue sgargianti piume alle dame.» Il pattinatore – Anton? – scoppiò a ridere. Ormai aveva raggiunto la riva innevata. Si mise a sedere su un tronco abbattuto per slacciare i pattini. I capelli neri come l'inchiostro gli erano ricaduti sulla fronte e lui li scostò con un gesto deciso. 10


«Sbaglio, oppure ho colto una nota di invidia, Johan?» chiese. La sua voce profonda aveva lo stesso accento musicale di quella dell'altro uomo. Dopo la sua spettacolare esibizione sul ghiaccio non aveva neppure il fiato corto. Johan sbuffò. «Dovrei essere invidioso delle vostre scimmiesche prodezze sui pattini? Mai!» «Oh, Anton è capace di ben altre prodezze, ne sono sicura» tubò una delle dame. Riempì di vino un calice e lo porse al pattinatore, facendo ondeggiare con grazia le gonne di velluto. Era alta e molto bella, con i capelli rosso scuro che risaltavano sullo sfondo candido della neve. «Non è così?» «A Stoccolma un gentiluomo non contraddice mai una dama, Lady Essex» replicò Anton alzandosi dal tronco per prendere il vino. Sorrise alla donna al di sopra dell'orlo dorato del calice. «Cos'altro si fa a Stoccolma?» volle sapere la dama in tono provocante. Con una risata, lui gettò indietro la testa e vuotò il calice. Quando si voltò nella sua direzione, Rosamund lo vide bene in viso e dovette ammettere che era un uomo bellissimo. Non era un pavone, no. Il suo abbigliamento era troppo semplice e non sfoggiava neppure dei gioielli, a parte un orecchino con una perla a goccia. Non assomigliava neppure a Richard, dotato di una bellezza tipicamente inglese: biondo, intenso e muscoloso. Anton possedeva un innegabile fascino esotico. Era alto e sottile come un giunco, senza dubbio grazie a tutto l'esercizio che faceva con i pattini. I capelli neri come penne di corvo gli ricadevano intorno al viso e accarezzavano l'alto collo del farsetto in ciocche disordinate. In quel momento, Anton li spinse indietro mostrando gli zigomi alti e cesellati e gli scintillanti occhi scuri. 11


Occhi che si spalancarono quando videro Rosamund al limitare della foresta, intenta a fissarlo come una contadinella ottusa. Anton restituì alla dama il calice vuoto e si avviò nella sua direzione, elegante e attento come un gatto. Lei avrebbe voluto voltarsi e fuggire nella foresta, ma i suoi piedi sembravano inchiodati al suolo. Non poteva scappare e neppure distogliere lo sguardo da lui. «Bene, bene» mormorò l'uomo con un sorriso che gli distendeva le labbra sensuali. «Chi abbiamo qui?» Rosamund, che si sentiva stordita e particolarmente sciocca, riuscì finalmente a voltarsi e spiccò la corsa, eppure la risata sorpresa del tenebroso Anton la seguì per tutta la strada, fino alla carrozza.

12


La dodicesima notte AMANDA MCCABE LONDRA, 1564 - Divenuta dama d'onore di Elisabetta I, Rosamund incontra Anton, un affascinante e tenebroso gentiluomo svedese. Ma gli amori a corte non sono ben visti e...

La moglie del maggiore CATHERINE MARCH LONDRA - SAN PIETROBURGO, 1876 - Quando il maggiore Bowen chiede a Georgia di sposarlo, non sa che all'altare si presenterĂ la sorella Sasha, innamorata da sempre di lui!

Il Cavaliere Bianco CONNIE MASON GALLES, 1258 - Dopo essersi impadronito del maniero gallese di Cragdon, il valoroso Lionheart cerca di conquistare anche il cuore della bella e fiera castellana, Vanora.

Magia di Natale L. STONE - C. KELLY - G. RANSTROM INGHILTERRA, 1812 - 1818 - Per Alexander, Jeremiah e il Visconte Selwick le feste natalizie non sono certo una gioia. L'incontro con tre splendide donne cambierĂ la loro vita.


Sposa gitana GAYLE WILSON INGHILTERRA, 1814 - Nadya è molto diversa dalle classiche bellezze inglesi. Il maggiore Rhys potrebbe farne la propria amante, ma che scandalo sarebbe se decidesse di sposarla!

Il perfetto gentiluomo JULIA JUSTISS INGHILTERRA, 1820 - Sporco, malvestito e dalla reputazione discutibile, Greville non è il gentiluomo che Amanda cerca per cambiare vita. Ma sotto la magia dei suoi occhi verdi...

Promessa di matrimonio HELEN DICKSON EUROPA - AFRICA, 1721 - Per liberare la sorella rapita dai pirati, Rowena chiede aiuto a Tobias. E solcando mari tempestosi, tra mille avventure, la passione divampa.

Il visconte libertino MICHELLE STYLES SCOZIA, 1837 - Quanto ci metterà l'attraente Visconte Ravensworth a convincere Daisy Milton, integerrima istitutrice, a cadere fra le braccia di un libertino come lui?

Dal 3 gennaio


Se ti senti romantica e sognatrice, segui il fiore e scegli il ROSA di

Benvenuti a Cedar Cove, un luogo adorabile. Qualcuno a volte lo lascia, ma nessuno riesce a dimenticarlo… Un nuovo romanzo ambientato nell’incantevole cittadina di Cedar Cove: DEBBIE MACOMBER firma una storia corale e romantica, dove passato e presente si intrecciano in due dolcissime storie d’amore.

Ava credeva di essersi lasciata Cade alle spalle per sempre. Ma ora che il lavoro li fa rincontrare, lei decide che è il momento di dimostrargli che non è più un’ingenua ragazzina. E infatti Cade non è indifferente al suo fascino. Che sia l’inizio di una nuova storia d’amore? Una “commedia romantica” irresistibile, una favola moderna che non potrete più smettere di leggere, nata dalla brillante penna di SUSAN ANDERSEN.

dal 2 dicembre

Scopri le trame su www.eHarmony.it


Se subisci il fascino delle atmosfere d’altri tempi, segui il fiore e scegli l’ORO di

Le migliori trilogie storiche in una veste elegante e raffinata.

Tre cavalieri costretti a scegliere tra ciò che l’onore impone e ciò che il loro cuore desidera, tre donne disposte a tutto pur di conquistare la felicità.

ANNE HERRIES firma tre romanzi romantici e avventurosi, che vi faranno vivere una favola.

DAL 3 DICEMBRE Leggi la trama completa su www.eHarmony.it


G R AT I S ! 2 ROMANZI E IN PIÙ... UNA SORPRESA MISTERIOSA Spedisci questa pagina a: SERVIZIO LETTRICI HARMONY C/O Brescia CMP - 25126 Brescia

Sì!

Per favore, inviatemi gratis in regalo 2 romanzi della serie “I Grandi Romanzi Storici” e la sorpresa misteriosa, che resteranno comunque miei. Speditemi in seguito mensilmente 4 romanzi della serie “I Grandi Romanzi Storici” al prezzo scontato del 15%: €20,50 più €1,60 per contributo spese di spedizione. Potrò sospendere in ogni momento le successive spedizioni a pagamento mediante comunicazione scritta, come pure restituirvi i romanzi ricevuti a pagamento per posta entro 10 gg. (Diritto di Recesso Art. 64 Dlg. 206/2005).

WB0144 Cognome.............................................................Nome.................................................................. Via.....................................................................................................................N°........................ Località.............................................................................Prov...................CAP............................... Prefisso....................Telefono....................................e-mail............................................................ Firma............................................................................................Data.......................................... Offerta limitata a un solo componente per ciascun nucleo familiare non minorenne e non valida per coloro che già ricevono per corrispondenza I Grandi Romanzi Storici. Offerta valida solo in Italia fino al 31.12.2011. Tutte le richieste sono soggette ad approvazione della Casa. I Suoi dati saranno trattati, manualmente ed elettronicamente, da Harlequin Mondadori S.p.A. - Via Marco d’Aviano, 2 – 20131 MILANO - e dalle società con essa in rapporto di controllo e collegamento ai sensi dell’art. 2359 cod. civ. - titolari del trattamento - per evadere la Sua richiesta di ricevere per posta cartacea informazioni commerciali e campioni di prodotto, nonché la Sua eventuale richiesta di acquisto di nostri prodotti editoriali, secondo l’offerta riportata sul presente coupon, e le attività a ciò strumentali, ivi comprese le operazioni di pagamento e quelle connesse con adempimenti amministrativi e fiscali, nonché le attività di customer care. Nome, cognome e indirizzo sono indispensabili per i suddetti fini. Il mancato conferimento dei restanti dati non pregiudica il Suo diritto ad ottenere quanto richiesto. Previo Suo consenso, i Suoi dati potranno essere trattati dalle titolari per finalità di marketing, attività promozionali, offerte commerciali, indagini di mercato - anche tramite email e telefono, qualora forniti I Suoi dati potranno, altresì, essere comunicati a soggetti operanti nei settori editoriale, largo consumo e distribuzione, vendita a distanza, per propri utilizzi aventi le suddette medesime fi nalità. L’elenco completo ed aggiornato delle società in rapporto di controllo e collegamento ai sensi dell’art. 2359 cod. civ. con Harlequin Mondadori S.p.A., dei soggetti terzi cui i dati possono essere comunicati e dei responsabili è disponibile a richiesta all’indirizzo sopra indicato. I Suoi dati potranno essere trattati dagli incaricati preposti alle seguenti operazioni di trattamento: elaborazione dati e sistemi informativi, amministrazione, servizio clienti, gestione abbonamenti, confezionamento e spedizione riviste, confezionamento mailing, invio newsletter Ai sensi dell’art. 7, d. lgs 196/2003, potrà esercitare i relativi diritti, fra cui consultare, modifi care e cancellare i Suoi dati od opporsi al loro trattamento per fini di invio di materiale pubblicitario o per comunicazioni commerciali o sondaggi di opinione, rivolgendosi al Responsabile Dati presso Harlequin Mondadori S.p.A. all’indirizzo indicato. Acconsente che le titolari utilizzino i Suoi dati per le proprie fi nalità di marketing, anche via e-mail e telefono, come illustrato nell’informativa? SI NO Acconsente che i Suoi dati siano comunicati ai suddetti soggetti terzi e da questi utilizzati per le finalità e secondo le modalità illustrate nell’informativa? SI NO

Regalo non condizionato all’acquisto ed esente dalla disciplina delle operazioni a premio

GRS804_LA DODICESIMA NOTTE  

woman fiction