Page 1

Marzo 2019 - Numero 11

RIZA AntiAge

o v o u N

AntiAge

Poste Italiane S.p.A. – sped. in abb. post. – DL 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 N.46) art. 1 comma 1 - Aut. MBPA/ LO-NO/079/A.P./2018 - LO /MI

RIZA

Marzo 2019 - Numero 11 - Italia € 5,90 Periodico mensile - P.I. 04/03/2019 B € 10,90 - F € 13,50 - D € 13,50 - E € 9,90 PTE CONT. € 9,90 - Chf CH 14,50 - CH CT Chf 13,90

L’arte di restare giovani

Prendi la curcuma ringiovanisci subito

Ecco la spezia della longevità che rigenera cervello, pelle e articolazioni GIÙ IL COLESTEROLO

I consigli e i rimedi naturali per abbassarlo in menopausa

FAI LA DIETA DELL’ENERGIA

È l’ideale dopo i 40 anni. Perdi peso e hai più sprint COSMETICI ANTIAGE

L’olio di chia e babassu sono le ultime novità

Fare l’amore: “Dopo i 50 anni ho scoperto il vero piacere” cover n11 AntiAgeC ok.indd 1

15/02/19 14:58


la psiche AntiAgeAntiAge sommario

16

PAG.

PAG.

LE news AntiAge PAG.

6

3O

PAG.

le lettere AntiAge PAG.

10

la psiche

la salute

Finalmente ho imparato a fare l’amore

DOSSIER

AntiAge

PAG.

16

Ami i tuoi difetti? Sono proprio loro che ti mantengono giovane PAG.

AntiAge

Curcuma. La spezia dorata che ti fa rifiorire PAG.

32

24

Sai “tener acceso” il tuo cervello? PAG.

26

AntiAge

La pasta alla sera si può mangiare!

52

La dieta snellente che ti dà energia Regalati una nuova flessibilità con il silicio organico PAG.

38

Allergie? La soluzione è la perilla PAG.

PAG.

42

Così ti abbasso il colesterolo PAG.

PAG.

56

Il caffè. È 5 volte antiage: lo dice la scienza! PAG.

60

40

Affronta la sindrome del tunnel carpale

Sommario.indd 4

l’alimentazione

PAG.

20

Ripeti a te stessa: «Io posso!» PAG.

5O

46

Metti nel carrello gli alimenti funzionali. I cibi con una marcia in più PAG.

64

15/02/19 15:10


L’arte di restare giovani

PAG.

74

PAG.

la bellezza

piccoli piaceri

Gocce vegetali per risplendere

attività fisica

AntiAge

PAG.

70

84

AntiAge

PAG.

84

un gesto per te PAG.

88

eleganza nascosta Come contrastare la couperose PAG.

74

Layering: il rituale per una pelle di porcellana PAG.

76

PAG.

Amuleti vegetali PAG.

PAG.

Sommario.indd 5

80

92

i consigli di lettura PAG.

94

Suggerimenti per lo shopping PAG.

A me gli occhi!

90

96

Le novità di Riza in edicola PAG.

98

92

PAG.

Direttore responsabile: Raffaele Morelli Direttore Generale: Liliana Tieger Redazione: Claudia Raimondi Consulente editoriale: Fiammetta Bonazzi Hanno collaborato per i testi: Vittorio Caprioglio, Nina Gigante, Chiara Marazzina, Monica Marelli, Michael Morelli, Davide Mosca, Andrea Nervetti, Federica Vuono. Progetto grafico: Roberta Marcante Copertina di: Hülya Özdemir Foto: Emiliano Peluso, 123rf, Fotolia, Shutterstock Direttore Pubblicità: Doris Tieger Ufficio Pubblicità: Luisa Maruelli, Ugo Scarparo Responsabile Amministrativo: Danila Pezzali Segreteria di Direzione Daniela Tosarello Ufficio Tecnico Sara Dognini Ufficio Abbonamenti Maria Tondini www.riza.it - e-mail: info@riza.it Corsi Istituto Riza: riza@riza.it Pubblicità: advertising@riza.it Abbonamenti: abbonamenti@riza.it Redazione, amministrazione e servizio abbonamenti: Edizioni Riza S.p.A.- via L. Anelli 1, 20122 Milano, tel. 02/5845961 r.a. fax 02/58318162 Pubblicità: Edizioni Riza S.p.A.- via L. Anelli 1, 20122 Milano tel. 02/5845961-fax 02/58318162 Stampato in Italia da: Caleidograf s.r.l., via Milano, 45 - 23899 Robbiate (LC) Distribuzione per l’Italia e l’estero: SO.DI.P. “Angelo Patuzzi” S.p.a., via Bettola 18, 20092 Cinisello Balsamo (MI) Una copia € 5,90 - arretrati € 11,80. Abbonamento annuale (12 numeri) Italia: € 35,00. Paesi europei € 150. Versamenti da effettuare sul ccp n. 25847203 intestato a Edizioni Riza S.p.A. - Via Luigi Anelli, 1 - 20122 Milano Autorizzazione del Trib. di MI - n. 112 del 09-04-2018. ISSN 2611-2647 Associato a:

Garanzia di riservatezza per gli abbonati - L’Editore garantisce la massima riservatezza dei dati forniti dagli abbonati e la possibilità di richiederne gratuitamente la rettifica o la cancellazione scrivendo a: Edizioni Riza - via L. Anelli, 1 - 20122 Milano. Le informazioni custodite nell’archivio elettronico Riza verranno utilizzate al solo scopo di inviare agli abbonati vantaggiose proposte commerciali (art. 13, decreto legge 196/2003). Le informazioni contenute nella presente pubblicazione sono a scopo informativo e divulgativo: pertanto non intendono sostituire, in alcun caso, il consiglio del medico di fiducia. AntiAge cita i nomi commerciali di prodotti cosmetici, fitoterapici o alimentari per completezza di informazione e per libera scelta della redazione.

15/02/19 15:10


la salute AntiAge

Curcuma

La spezia dorata che ti fa rifiorire Sempre più ricerche le riconoscono proprietà antiage su cervello, intestino, articolazioni e pelle. Scopri come sfruttare tutto il suo potere rigenerante

L

a curcuma è da tempo al centro di numerosi studi scientifici che ne valutano l’efficacia come antiage e che continuano a scoprire sue nuove applicazioni. Questo “cibomedicina” è stato testato nei confronti di alcune delle patologie più pericolose che ten-

Per l’Ayurveda regala l’armonia La curcuma è uno dei rimedi fondamentali nella medicina ayurvedica. Secondo questa disciplina, malattie e invecchiamento sono conseguenza di uno squilibrio fra le tre forze bioenergetiche (dosha) presenti in ognuno di noi. Di solito le piante agiscono solo su una di queste forze, ma la curcuma armonizza tutti e tre i dosha, risultando così benefica per tutti.

32

Curcumaok.indd 32

dono ad emergere con l’allungarsi della vita. Già le Contribuisce alla tradizioni antiche ricoprevenzione di ictus e infarti noscevano il potere di La curcuma migliora la circolazione, questa spezia dorata, rinforza i vasi sanguigni e agisce come tanto che era chiamata anticoagulante. Principi attivi come jayanti, ovvero capace l’ar-tumerone e il beta-tumerone di scacciare le malattie, sarebbero in grado di prevenire ma anche pavitra, sacra, lesioni alle arterie, in particolare o ancora bhadra, cioè “di a quelle cerebrali. buona fortuna”.

Perché è così preziosa Ma cos’ha di tanto unico la curcuma? Una delle sue particolarità è la presenza di curcumina. Si tratta di un pigmento vegetale della grande famiglia dei polifenoli, che conferisce alla spezia il suo bel colore giallo ma anche molte delle sue virtù salutari. È presente in quantità maggiori in una particolare varietà, la Curcuma longa, che è quella che viene venduta e studiata di più. Vi sono poi al-

tri curcuminoidi, come il tumerone, peptidi antiossidanti come la turmerina, oltre a vitamine, minerali, resine e oli essenziali, che fanno sì che la curcuma sia uno dei fitocomplessi, cioè dei mix naturali, più interessanti e a portata di mano per mantenersi giovani a lungo.

AntiAge

15/02/19 12:04


Riduce l’infiammazione cronica Tra le proprietà di questa pianta vi è quella di ridurre l’infiammazione cronica, limitando l’azione di enzimi che favoriscono questo “fuoco nascosto”, denominatore comune di molte patologie, tumori compresi.

dossier

Mantiene efficiente il cervello È stato rilevato come nella popolazione indiana, che fa largo uso di curcuma, si mantenga negli anni una buona funzionalità del cervello. Inoltre la curcumina si è dimostrata efficace per contrastare l’accumulo, a livello encefalico, di proteina beta amiloide, considerata tra le cause principali dell’Alzheimer.

Protegge le articolazioni L’azione della curcuma è utile per attenuare i dolori articolari dovuti ad artrosi e artriti, migliorando così la mobilità di gomiti, ginocchia ecc.

Favorisce la perdita di peso Combinando virtù depurative e antinfiammatorie, la curcuma contribuisce alla perdita di peso, anche perché migliora il metabolismo di nutrienti ingrassanti, come zuccheri e grassi.

Migliora la digestione L’apparato digerente è il sistema sul quale questa spezia ha maggior effetto: migliora la funzionalità gastrointestinale, attenua i sintomi di gastrite e colite, protegge le mucose di stomaco e intestino e contrasta la formazione di fermentazioni e gonfiori.

Curcumaok.indd 33

Aiuta la vista Gli estratti di questa spezia proteggono la retina e, in chiave preventiva, la curcuma è stata utilizzata, in combinazione ad altri principi attivi, contro la degenerazione maculare senile, la cataratta e l’uveite.

Contrasta i radicali liberi A questa radice è riconosciuta un’azione antiossidante che protegge le strutture cellulari dall’azione dannosa dei radicali liberi, tra i primi responsabili dei processi di invecchiamento.

AntiAge

33

15/02/19 12:04


L’alimentazione AntiAge

la pasta alla sera si può mangiare!

Dopo i 40 anni c’è chi la evita accuratamente: troppi carboidrati! In realtà non va demonizzata. Ecco i consigli per sapere quanta farne, come condirla e con quali alimenti abbinarla

È

quasi un comandamento non scritto. Superata una certa età, per molte donne la pasta alla sera diventa un tabù. I carboidrati nell’ultimo pasto della giornata fanno paura, poiché sono quelli che si accumulano più in fretta. Eppure è una paura immotivata. «Un piatto di pasta - spiega la dottoressa Laura Onorato, farmacista e nutrizionista biologa, diplomata in nutrizione culinaria - è assolutamente ammesso, anche la sera. Due o tre volte alla settimana lo si può portare in tavola in tutta tranquillità. Non solo non farà ingrassare, ma apporterà alcuni benefici specifici. La pasta infatti è più digeribile della carne e inoltre favorisce il corretto riposo. I carboidrati della pasta migliorano l’assorbimento del triptofano, ormone necessario alla sintesi di serotonina e di melatonina, sostanze che garantiscono un corretto riposo». Ovviamente ci sono delle piccole regole da osservare, la prima delle quali riguarda le porzioni.

52

Pasta sera.indd 52

IN BIANCO? MEGLIO OLIO E PEPERONCINO SE VUOI PREPARARTI UNA PASTA LEGGERA, PER DIMAGRIRE, QUELLA IN BIANCO È UN FALSO AMICO. IN REALTÀ SE LA SI MANGIA CON OLIO E PARMIGIANO, SI STANNO CONSUMANDO TROPPI GRASSI. MEGLIO ALLORA UNA PASTA CON OLIO E PEPERONCINO. L’OLIO AIUTA A CONTROLLARE LA GLICEMIA, IL PEPERONCINO DÀ SAPORE E FAVORISCE IL CONSUMO DI GRASSI

La giusta quantità «Se si mangia un primo e un secondo spiega la nutrizionista - è possibile fare 60-70 g di pasta di grano o di altri cereali, sempre integrali, da condire con un sugo di pomodoro (in poco olio fai soffriggere della cipolla e, volendo, delle verdure tagliate a tocchetti, aggiungi la passata e fai cuocere 20 minuti). Il pasto potrà essere completato con 100 g di carne o di pesce, accompagnati da verdure. Se parliamo di pasta all’uovo, si potrà prepararne 70-80 g, da abbinare però solo a un sugo di pomodoro o di verdure. Se la pasta viene condita con un sugo di lenticchie o di ceci, allora va considerata come un piatto unico. Si potrà preparare la stessa quantità di pasta (60-70 g) alla quale associare 4050 g di legumi secchi o 120-150 g di legumi cotti. In questo caso non bisogna però consumare né carne né pesce ma, eventualmente, solo un piatto di verdure. Lo stesso vale se al posto del sugo di verdure o di pomodoro si utilizza un sugo di carne o del tonno».

AntiAge

15/02/19 09:38


Una questione di cottura

Sugo pronto

Ovviamente la pasta va tenuta al dente: «Solo così avrà un impatto glicemico inferiore - commenta la dottoressa Onorato -. Anche in inverno si possono gustare le insalate di pasta. Preparata così e mangiata fredda la pasta ingrassa di meno, perché gli zuccheri che contiene diventano meno assimilabili. Importante è anche il condimento. È bene limitarsi a due cucchiai di olio, da utilizzare per tutta la cena».

Sono pratici, veloci, ma possono rappresentare l’elemento ingrassante della pasta serale. I sughi pronti hanno più di un’incognita. Ad esempio quelli cremosi possono arrivare a 400 kcal ogni 100 g e in un vasetto di grammi ce ne sono 190! Questo significa che ci saranno più calorie nel sugo che nella pasta. Ma il problema sono anche i grassi e il sale, causa di ipertensione e ritenzione idrica. La nostra arma di difesa è sempre l’etichetta. Quando acquisti un sugo pronto verifica che i grassi non siano superiori al 10% (10 g ogni 100 g di prodotto), mentre il sale contenuto dev’essere intorno allo 0,9%.

le associazioni da evitare Ci sono cibi che consideriamo accessori al pasto, ma che forniscono calorie e nutrienti pericolosi per la linea se associati alla pasta serale. Da evitare il contemporaneo consumo di pane, cracker o grissini. No alle patate o al purè come contorno di un eventuale secondo. No anche a frutta o dolci, che apportano carboidrati che non servono, in quanto già forniti dalla pasta.

Quale preferire

AntiAge

Pasta sera.indd 53

2

53

15/02/19 09:39


L’alimentazione AntiAge

Il caffè

È 5 volte antiage: lo dice la scienza! Ecco i risultati di alcuni studi clinici che hanno messo in luce la capacità di questa bevanda di difendere il nostro benessere. Queste le buone ragioni per godersi una tazzina di espresso

Demonizzato per anni, tacciato di sovraccaricare cuore e cervello, il caffè ha ora un suo posto tra gli elisir di lunga vita. Merito dei nuovi studi che ne sanciscono i benefici. E che fissano anche un limite: al massimo due-tre tazzine al giorno. Ecco allora le virtù antiage del caffè che, vale la pena ricordarlo, da solo non può fare tutto, anche se aiuta.

1

Previene Alzheimer e morbo di Parkinson Il caffè può rappresentare un aiuto prezioso per la prevenzione di due gravi malattie neurodegenerative. Un team di ricercatori canadesi dell’Istituto di Ricerca Krembil presso la University Health Network e dei dipartimenti di Chimica e Medicina dell’Università di Toronto ha pubblicato a novembre 2018 una ricerca su Frontiers in Neuroscience, dimostrando che i composti chimici derivati dalla tostatura del caffè (i fenilindani) hanno la capacità di impedire alle proteine tau e beta-amiloide di deformarsi e generare grovigli, i cui accumuli nel tessuto cerebrale sono associati a patologie neurodegenerative come morbo di Alzheimer e morbo di Parkinson.

60

Caffe.indd 60

15/02/19 09:46


2 3

Allunga l’aspettativa di vita Due ricerche molto vaste, la prima europea dell’International Agency for Research on Cancer e la seconda della University of Southern California, pubblicate su Annals of Internal Medicine, non lasciano dubbi: analizzando oltre 700mila persone di tutte le etnie si è potuto concludere che, in chi beve un caffè al giorno, il rischio di mortalità si riduce fino quasi a un quinto rispetto alle persone che non ne bevono. E la buona novella riguarda anche chi sceglie i decaffeinati, poiché l’elisir di lunga vita non sembra risiedere nella caffeina, ma nei numerosi composti come i polifenoli, gli acidi clorogenici e i diterpeni, tutti con proprietà antiossidanti. Meglio amaro, comunque. Nello studio europeo, infatti, i bevitori di caffè amaro nell’ambito di una dieta sana - avevano livelli inferiori di infiammazione, meno grassi nel sangue e un migliore controllo del glucosio.

Contribuisce a bruciare i grassi La caffeina è in grado di aumentare il metabolismo fino all’11%. Uno studio pubblicato sull’International Journal of Epidemiology ha concluso, dopo aver studiato le abitudini di 93mila persone, che bere regolarmente caffè riduce il rischio di grasso addominale, obesità e diabete. Una ricerca apparsa sull’European Journal of Clinic Nutrition ha mostrato inoltre come il consumo regolare di caffè sia utile anche a mantenere i risultati dopo una dieta, evitando l’effetto yo-yo.

4

Ti aiuta a stimolare i neurotrasmettitori della lucidità mentale Il caffè, o meglio la caffeina, favorisce l’azione di due neurotrasmettitori (la noradrenalina e la dopamina) dall’effetto stimolante per il cervello, bloccando invece l’adenosina, che riduce l’efficienza mentale. Il caffè migliora così i tempi di reazione e le funzioni cognitive generali.

5

Abbassa il rischio di diabete di tipo II

NEL CAFFÈ VERDE L’ACIDO CLOROGENICO CHE CONTRASTA L’INVECCHIAMENTO CUTANEO IL CHICCO DI CAFFÈ NON TOSTATO, ANCHE DETTO CAFFÈ VERDE, CONTIENE PREZIOSISSIME MOLECOLE ANTIETÀ, TRA CUI L’ACIDO CLOROGENICO, UN COMPOSTO POLIFENOLICO CHE SI PERDE DURANTE LA TOSTATURA. QUESTO CAFFÈ CONTRASTA L’INVECCHIAMENTO CUTANEO E FAVORISCE IL BUONUMORE, PERCHÉ INDUCE IL RILASCIO DI ORMONI E NEUROTRASMETTITORI, COME DOPAMINA E SEROTONINA, CHE INCIDONO ANCHE SU FRESCHEZZA E COMPATTEZZA DELLA PELLE

La ricetta da provare

Il bulletproof, il caffè potenziato È la moda del momento: è un “caffè a prova di bomba” (bulletproof, antiproiettile). Con il suo pool di acidi grassi a catena media (MCT), promette, da solo, di tenerti sazia fino a pranzo, dare una pausa alla tua digestione e mantenere efficienti corpo e cervello. Vuoi provarlo? Ecco la ricetta. Ingredienti • Una grande tazza di caffè nero bollente o un espresso con due terzi di tazza di acqua bollente. • Un cucchiaino di ghee o burro grass-fed (ovvero ottenuto da latte di animali nutriti a erba). • Un cucchiaino di olio di cocco. Metti tutti gli ingredienti in una tazza, frulla il tutto ancora bollente in un frullatore e goditi il tuo caffè cremosissimo.

Come dimostrato da numerosi studi, i bevitori di caffè hanno un rischio significativamente minore (7%) di sviluppare il diabete di tipo 2 (il diabete “alimentare”, dovuto essenzialmente a elevati livelli di zucchero nel sangue e all’alterazione insulinica). A spiegare perché una ricerca del dipartimento di Endocrinologia di Rennes, in Francia, che ha notato come il caffè agisca su una proteina che riduce il rischio di diabete e questo effetto protettivo vale in particolare per le donne in menopausa. ❍ AntiAge

Caffe.indd 61

61

15/02/19 09:46


la bellezza AntiAge

Gocce vegetali per risplendere La cura di viso e corpo si affida al potere nutritivo e rimpolpante degli oli vegetali. Quelli più nuovi sfruttano piante ricche di grassi buoni e vitamine necessari alla tua pelle per rigenerarsi

M

orbidi, sensuali, profumati e superefficaci. Con queste caratteristiche non stupisce che, da qualche tempo, la cosmesi antiage punti sugli oli vegetali. Proprio quando la pelle diventa matura e tende ad assottigliarsi, l’olio, anche in alternanza con la tradizionale crema idratante, si conferma la scelta vincente per fornire all’epidermide la giusta dose di vitamine e grassi buoni: sostanze indispensabili per nutrire e rimpolpare la cute, messa a dura prova dall’esposizione agli agenti esterni (come vento, raggi Uva, smog), dall’uso di detergenti aggressivi e dall’abitudine a vivere in ambienti surriscaldati e secchi.

Per la sera

L’olio di sacha inchi NELLA FORESTA PLUVIALE PERUVIANA, DA SECOLI SI RACCOLGONO I FRUTTI DEL SACHA INCHI, UNA PIANTA I CUI SEMI SONO SIMILI ALL’ARACHIDE. DA QUESTI SI ESTRAE UN OLIO RICCHISSIMO DI OMEGA 3 (NE CONTIENE PIÙ DEL 50% DEL SUO PESO), MA ANCHE DI OMEGA 6 E 9, I FAMOSI ACIDI GRASSI POLINSATURI CHE NUTRONO LE MEMBRANE CELLULARI E RIMPOLPANO I TESSUTI PRIVI DI VITALITÀ. L’OLIO DI SACHA INCHI È UN INGREDIENTE PREZIOSO PER LA CUTE MATURA, SOPRATTUTTO PER QUELLA IRRITATA E IMPURA. L’IDEALE È APPLICARLO LA SERA (DA SOLO O METTENDO QUALCHE GOCCIA NELLA CREMA DA NOTTE) SULLA PELLE DEL VISO BEN PULITA: AIUTA A SCHIARIRE LE ZONE ARROSSATE E A TRATTARE DERMATITI E BRUFOLI D’ORIGINE ORMONALE O EPATICA

70

Olii.indd 70

Una continua ricerca Oltre ai super “classici”, di mandorle dolci e di cocco, di jojoba o di argan, oggi ce ne sono molti altri, frutto di una continua ricerca delle case cosmetiche per trattare al meglio inestetismi, arrossamenti e perdita di tonicità. Puoi usare questi oli singolarmente o combinati tra loro (vedi box a lato): usati nella tua routine di bellezza, aiutano l’epidermide a rigenerarsi, mantenendosi giovane e luminosa.

AntiAge

15/02/19 10:39


Provali anche nella formula combinata

L’olio di pistacchio Dà forza e tono alla cute sottile

L’olio ricavato dai pistacchi ha un profumo goloso e garantisce un’azione rigenerante sulle zone di pelle più sottile. È altamente protettivo e favorisce il mantenimento dell’idratazione, garantendo anche un miglior ricambio cellulare. Contiene vitamina A, vitamine del gruppo B, la C e tanta vitamina E, oltre a un’interessante dotazione di aminoacidi ristrutturanti e di acidi grassi polinsaturi: fra questi, in particolare, spiccano gli acidi linoleico e alfa linoleico, che gli conferiscono notevoli proprietà antiage. È utile per il viso, ma puoi usarlo anche per le labbra, spesso screpolate. Puoi applicarlo con un pennellino in alternativa al burro cacao o lo puoi usare come “base” per un rossetto, per renderlo più luminoso e protettivo per le tue labbra. È ottimo quando fa freddo per prevenire la formazione di ragadi e taglietti, anche sulle dita. In più: l’olio di pistacchio è un valido alleato se vai spesso alle terme e in piscina e hai la pelle che si squama a causa del cloro e dell’alta concentrazione di sali minerali. Dopo la doccia, spalmalo su tutto il corpo, massaggiandolo finché non sarà del tutto assorbito.

Olii.indd 71

Oggi trovi in farmacia e in erboristeria dei cosmetici innovativi a base di più oli, che con un’unica applicazione ti consentono di sfruttare tutte le singole virtù dei vari ingredienti, combinati fra loro per agire in sinergia. Il vantaggio è che i nuovi unguenti multifunzione, privi di nichel, siliconi, coloranti e parabeni, si possono usare indifferentemente su viso, corpo, mani, labbra e capelli. In genere contengono una base di oli nutrienti e riepitelizzanti, come quelli di lino e cocco, abbinati a oli antiossidanti e astringenti, come sesamo e nocciola, e impreziositi dall’aggiunta di estratti specifici - dall’olio di sacha inchi al babassu - ideali per le pelli più sciupate e irritate. I plus? Si assorbono facilmente, penetrano in profondità senza ungere, idratano e ammorbidiscono. Con effetti apprezzabili fin dalle prime applicazioni.

Per il corpo

L’olio di chia

Leviga e rassoda I minuscoli semi di chia sono conosciuti per la loro azione anti colesterolo e sono ottimi aggiunti allo yogurt e all’insalata. Meno noto è l’olio profumato che se ne estrae. Lo trovi in erboristeria e nei negozi di cibi naturali, perché è possibile utilizzarlo anche a tavola (verifica comunque sulla confezione che sia per uso alimentare). Quest’olio è anche un ingrediente cosmetico dall’eccezionale potere nutritivo ed elasticizzante, ottimo da applicare sulle gambe che tendono a squamarsi o da usare come trattamento levigante dopo il bagno o la doccia, d’estate anche come alternativa al doposole per lenire eritemi e arrossamenti. FAI UNO SCRUB ANCHE CON I SEMI PUOI UTILIZZARE I SEMI DI CHIA ANCHE PER UNO SCRUB LEVIGANTE E NUTRIENTE. FRULLA UN CUCCHIAIO COLMO DI SEMI DI CHIA (REPERIBILI IN TUTTI I SUPERMERCATI) E DUE CUCCHIAI DI OLIO DI CHIA; SI OTTIENE UN COMPOSTO GRANULOSO CHE SI MASSAGGIA SULLA PELLE O SI PUÒ USARE COME SCRUB. DOPO AVERLO MASSAGGIATO, LASCIALO IN POSA 5 MINUTI E RISCIACQUA. AL TATTO, LA PELLE RISULTERÀ NUTRITA E SETOSA

15/02/19 10:40

Profile for Edizioni Riza

RIZA AntiAge  

Marzo 2019

RIZA AntiAge  

Marzo 2019