Page 60

3) Pesce pescato al largo di Sestri Levante Sottozona: Mar Mediterraneo occidentale Ulteriore definizione: Mar Ligure Vallicoltura I prodotti ittici allevati o pescati in acque salmastre (vallicoltura) devono riportare in etichetta il metodo di produzione (cioè se pescato o allevato), il paese d’origine e un’ulteriore definizione del corpo idrico. Così, ad esempio, per le vongole allevate in laguna di Venezia: “Italia – Laguna di Venezia”. Per i prodotti ittici pescati nelle valli l’indicazione dell’attrezzo da pesca non è necessaria nei seguenti casi: • prodotti allevati; • prodotti pescati con imbarcazioni non munite di licenza e numero UE. Per i prodotti di acquacoltura deve essere indicato il Paese dove il prodotto è stato allevato. Nel caso dei pesci, per poter assegnare il nome del Paese è necessario che gli stessi abbiano raggiunto più della metà del loro peso nell’allevamento

di quel Paese, oppure devono aver trascorso in quel sito più della metà del periodo di allevamento. I molluschi e i crostacei, invece, devono aver trascorso l’ultimo periodo di allevamento, che comunque deve essere superiore ai sei mesi, in quel Paese. I prodotti ittici catturati in acque dolci devono riportare in etichetta la denominazione del Paese e la menzione del corpo idrico dove sono stati catturati: “Italia – Lago di Garda”. Deroga all’applicazione dell’art. 58, paragrafo 5, lettere a-f Esistono alcune deroghe all’applicazione delle disposizioni dell’art. 58 del Reg. CE n. 1224/09, che possono così essere riassunte: • ai prodotti della pesca e dell’acquacoltura che non rientrano nel campo di applicazione del certificato di cattura; • ai prodotti della pesca e dell’acquacoltura catturati o allevati in acque dolci; • ai pesci, ai crostacei e ai molluschi ornamentali; • ai piccoli quantitativi ceduti

direttamente dal pescatore al consumatore finale. Questa deroga si applica anche alle voci tariffarie 1604 e 1605 della nomenclatura combinata, nello specifico: • 1604: preparazioni e conserve di pesce; • 1605: crostacei, molluschi e altri invertebrati acquatici preparati o conservati. Dall’analisi di queste due voci, anche se non molto chiare e precise sotto l’aspetto scientifico e spesso oggetto di interpretazioni contrastanti, emerge che le preparazioni di pesce e le conserve di pesce nonché i crostacei, i molluschi e altri invertebrati acquatici variamente preparati derogano dall’applicazione dell’art. 58 del Reg. CE n. 1224/09. Obbligo di registrazione presso il Ministero delle Politiche Agricole Sono obbligati ad effettuare la registrazione presso il Ministero delle Politiche Agricole: • i soggetti che prendono in carico il prodotto dal pescatore per effettuare la commercializzazione;

Reti da traino pelagiche a coppia, mare Alto Adriatico Chioggia.

58

IL PESCE, 1/18

Il Pesce 1-2018  

La rivista degli addetti dei settori pesca, acquacoltura e maricoltura

Il Pesce 1-2018  

La rivista degli addetti dei settori pesca, acquacoltura e maricoltura