Page 14

IL PESCE NEL MONDO

Irlanda Le acque costiere irlandesi, ricche di biodiversità, rappresentano alcuni dei terreni di riproduzione più importanti del Nord Atlantico per pesci come sgombro, sugarello, melù, pesce tamburo, tonno albacore e aringa. I produttori di pesce pelagico si trovano prevalentemente sulla costa occidentale del Paese, che si estende da Cork a Donegal. Il settore pelagico irlandese rappresenta quasi 1/3 delle esportazioni di prodotti ittici in valore (172 milioni di euro) e 2/3 del volume totale (125.000 tonnellate). L’Irlanda esporta pesce pelagico in circa 60 mercati internazionali, con i paesi africani Camerun, Nigeria ed Egitto che rappresentano circa il 40% di questi mercati in valore, mentre i paesi europei Francia, Regno Unito, Germania, Danimarca, Spagna e Polonia rappresentano il 35%. Altri importanti mercati includono Cina, Russia e Giappone. La maggior parte delle specie pelagiche provenienti dall’Irlanda viene esportata congelata, a tutto tondo, H&G (Headed & Gutted), sventrata o filettata. Tuttavia, i prodotti possono anche essere stagionati, affumicati, refrigerati o in scatola. Le imbarcazioni irlandesi, che sono certificate sotto il marchio RSS (Responsible Sourced Seafood), si sono impegnate a seguire pratiche di pesca responsabili insieme a standard elevati di qualità e tracciabilità dei pesci. Inoltre, le navi irlandesi che operano in alcune zone di pesca pelagica per aringhe, sgombri e melù sono state certificate come sostenibili nell’ambito del Marine Stewardship Council (MSC) (fonte: BORD BIA; photo © sarahmrobbinsart – stock.adobe.com).

12

IL PESCE, 1/18

Il Pesce 1-2018  

La rivista degli addetti dei settori pesca, acquacoltura e maricoltura

Il Pesce 1-2018  

La rivista degli addetti dei settori pesca, acquacoltura e maricoltura