Page 10

10//protagonisti

appuntamento

CON LAVITA

Mescola poesia e ritmi latini, Con gli occhi spalancati sull’umanità. Alessandro Mannarino torna con il quarto album e un tour già sold out di Sandra Gesualdi Photo Ilaria Magliocchetti Lombi

È cresciuto, ha macinato chilometri con lo zaino in spalla, superato frontiere, visitato luoghi lontani e composto nuovi accordi. A gennaio è uscito Apriti cielo, quarto lavoro di Alessandro Mannarino, nove tracce che condensano melodie e parole passate, in equilibrio perfetto tra Roma e il mondo, tra denuncia e speranza. Al telefono, il suo tono grave si fa ancora più basso e con voce pastosa dalla tipica cifra romanesca racconta com’è nato l’album che porta in tour dal 22 marzo in tutta Italia. «Il Bar della rabbia (disco del debutto nel 2009 ndr) era un piccolo locale di quartiere dove mi facevano compagnia un barbone, una prostituta e un pagliaccio. Insieme ci

NOTE

nascondevamo dalla società, era un luogo sicuro. In Supersantos sono uscito da quel rifugio per raccontare la città di chi “per strada va, per strada muore” e ho tratteggiato donne forti e ribelli. Con Al monte, invece, ho preso le distanze dalla metropoli e analizzato da lontano il potere, la giustizia e le strutture sociali, liberandomi dai preconcetti. Grazie a questo cammino, ho spalancato gli occhi, oltrepassato i confini e parlato dell’umanità intera». Un progetto energico, carico delle esperienze vissute durante i tre anni di silenzio e compresse nei toni e nelle note del Sudamerica, terra che ha percorso in lungo e largo. «Ho intrapreso un viaggio musicale dopo essere arrivato nel sud del mondo.

Note - marzo 2017 - numero 9  

In copertina: Alessandro Mannarino

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you