Page 1

ANNO II NUMERO 08 OTTOBRE 2015 www.fsitaliane.it

GIOTTO, IL MAESTRO GIOTTO, THE MASTER EDIZIONE SPECIALE EXPO 2015 SPECIAL EXPO 2015 EDITION

WORLD FOOD DAY SFIDA FAME ZERO/ZERO HUNGER CHALLENGE

I MILANESI SIAMO NOI WE’RE MILANESE EXPO NERO SU BIANCO EXPO ON PAPER

19 WHAT’S UP // 24 SPECIALE EXPO // 33 E-LAB // 44 FEATURES // 55 E-CASE // 62 KITCHEN // 68 TRAVEL // 80 PROJECT // 86 SALUTE 95 CLICK // 105 MUSIC // 111 EXPLORANDO // 120 SAVE E-DATE // 125 E-TECHNO

EDIZIONE SPECIALE PER I VIAGGIATORI DI FERROVIE DELLO STATO ITALIANE


THE BRANDING CREW | PH. ALESSANDROMOGGI.COM

L’ITALIA È U N A

COLORI, PROFUMI E SAPORI SEMPRE DIVERSI. UN’ACCOGLIENZA UNICA, DA SCOPRIRE NEI NOSTRI 31 HOTEL E RESORT IN ITALIA.

www.unahotels.it Numero verde 800 60 61 62 FEEL THE ITALIAN PASSION

BARI BENEVENTO FORTE DEI MARMI LODI

BIELLA MILANO

BOLOGNA MODENA

BRESCIA NAPOLI

CATANIA ORVIETO

ROMA

CESENA SIRACUSA

FERRARA VENEZIA

FIRENZE VERSILIA


Acquistalo su tutti i canali Trenitalia

www.trenitalia.com


COSÌ BELLO CHE NON VORRESTI SCENDERE MAI

CON


EDITORIALE // 13

L’eredità di Expo Expo legacy Diritto al cibo. Da garantire alle generazioni future e a quei 795 milioni di persone che soffrono la fame nel mondo. A pochi giorni dalla chiusura del semestre Universale, Expo Milano 2015 diventa la casa ideale del World Food Day, organizzato dalla Fao dal 1981. Il 16 ottobre centinaia di delegati, a bordo dell’avveniristico Frecciarossa 1000, raggiungeranno la cerimonia durante la quale il Segretario Generale dell’Onu, Ban Ki-moon, riceverà la Carta di Milano, documento simbolo dell’evento mondiale per responsabilizzare la gente comune, le associazioni, le imprese e le istituzioni sulla sfida globale dell’alimentazione. Per Nutrire il pianeta e mettere a frutto i semi germogliati nel fertile terreno della Great Exhibition, gli organizzatori hanno raccolto l’eredità culinaria della Fiera all’interno del progetto World Recipes, un sito di ricette che mixa, attraverso le mani e le idee di chef e appassionati di cucina, gli ingredienti provenienti da oltre 120 Paesi del mondo. Anche il Gruppo FS Italiane si è fatto parte attiva, donando il ricettario dell'Alta Velocità con i prodotti tipici delle città raggiunte dalle Frecce.

Mbour market, Senegal © Davide Scalenghe

© Claudio Brufola

Il padiglione della Veneranda Fabbrica del Duomo/Veneranda Fabbrica del Duomo Pavilion

The right to food – to be guaranteed for all future generations and the 795 million people suffering from hunger throughout the world. Just a few days from the end of its six-month duration, Expo Milano 2015 becomes the ideal location for the World Food Day which the FAO has been organising since 1981. On 16 October, hundreds of delegates will take the futuristic Frecciarossa 1000 train to attend the ceremony at which UN Secretary General Ban Ki-moon will receive the Milan Charter, a document symbolising this worldwide event that aims to make ordinary people, associations, companies and institutions more responsible with regard to the global food challenge. In order to Feeding the planet and make the most of the seeds sown in the fertile land of the Great Exhibition, organisers have gathered the culinary legacy from the Expo in a project entitled World Recipes, a website filled with recipes that combine the ingredients from more than 120 countries in the world via the knowing hands and ideas of chefs and cooking enthusiasts. Gruppo FS Italiane also effectively participated in this project by donating recipes made on high speed trains using traditional products from the cities served by Frecce trains.

Ma le buone abitudini a tavola svolgono un ruolo cruciale pure nella lotta contro il tumore al seno, che come ogni anno per tutto il mese di ottobre sale a bordo con l’iniziativa Frecciarosa. Giunta alla sua quinta edizione, la campagna di prevenzione e salute ideata da IncontraDonna onlus, promossa da Trenitalia e patrocinata dal Ministero della Salute insieme a Expo Milano 2015, punta a sensibilizzare sugli stili salvavita. Ancora per un mese l’Esposizione meneghina fa parlare di sé e dopo il 31 ottobre promette di scatenare le sue migliori energie facendo crescere i progetti di eccellenza tenuti a battesimo. Se si è riusciti a trasformare l’aria in acqua, grazie al sistema Air to water to air, forse nessun orizzonte è davvero insuperabile. E, allora, che la sfida abbia inizio. Sul campo.

Good eating habits however also play a crucial role in fighting breast cancer, which like every year travels by train in the Frecciarosa initiative taking place throughout the month of October. The fifth edition of this health and prevention campaign established by IncontraDonna onlus, promoted by Trenitalia and sponsored by the Ministry of Health and Expo Milano 2015 this year aims to raise awareness of life-saving lifestyles. The Great Exhibition in Milan will continue to be in the limelight for a month and promises to release its best energy as of 31 October by driving the excellent projects it has been responsible for creating. If it is has been possible to transform air into water using the Air to Water to Air system, then maybe no barrier is truly insurmountable. So let the challenge begin. In the field. E

SPECIALE EXPO2015


SOMMARIO // 15

24

// COVER

Il 16 ottobre a Expo si celebra il World Food Day World Food Day is celebrated at Expo on October 16 Photo Fao

// 29 SPECIALE EXPO

Carta di Milano, l’eredità dell’Esposizione Universale Milan Charter – the legacy from the Great Exhibition

50

// 19 WHAT’S UP

Bye bye Expo: eventi, libri e accessori sull’universo food e dintorni Bye bye Expo: events, exhibitions, books and accessories all about food

19

53 // 37 E-LAB Water from air

66

// 50 FEATURES Ciak, si mangia Lights, camera, let’s eat

// 55 E-CASE

La Great Exhibition secondo Alex Zanardi e Antonio Pappano The Great Exhibition according to Alex Zanardi and Antonio Pappano

// 65 KITCHEN World Pasta Day

E

SPECIALE EXPO2015


16 // SOMMARIO

91

68 // 86 SALUTE

Frecciarosa: prevenzione ad alta velocità Frecciarosa: high speed prevention

// 95 CLICK

Dire, fare, mangiare Say, do, eat

105

// 68 TRAVEL

Girolio d’Italia The Italian oil tour

// 80 PROJECT

// 78 TRAVEL FS

Trenitalia sfreccia per l’Esposizione Universale Trenitalia hurtling towards Milanese Exhibition

Recycling Expo

101

111

// 111 EXPLORANDO Il cibo tiene banco Food holds the stage

// 120 SAVE E-DATE

125

Appuntamenti con la E maiuscola tra musei, mostre e main events Events with a capital E, from museums, exhibitions and main dates

// 125 E-TECHNO

App e social web per Expo 2015 Apps and social web for Expo 2015 SPECIALE EXPO2015

E


SALSA AIR The lightest Salsa ever.

RIMOWA Store Milano Piazza San Fedele 2, Via Ragazzi del ’99 20121 Milano +39 (0) 2864104

RIMOWA Store Firenze Via Porta Rossa 95/r 50123 Firenze +39 (0) 552382635

RIMOWA Store Roma Piazza San Claudio 169, ang. Via del Tritone 00187 Roma +39 (0) 66780341


A cura di Ilaria Perrotta

WHAT'S UP // 19

BYEBYEEXPO

Sweet bag

Nasce dalla collaborazione tra l’azienda americana di accessori Kate Spade e la catena di store Magnolia Bakery una capsule collection di borse ispirate ai dolci made in Usa del celebre cake shop. Collaboration between American accessory company Kate Spade and chain store Magnolia Bakery has led to creation of a capsule collection of handbags inspired by products from the renowned Made in USA cake shop. www.katespade.com

FA SHION

EVENTI, MOSTRE, LIBRI E ACCESSORI SULL’UNIVERSO FOOD E DINTORNI. L’ESPOSIZIONE MILANESE LASCIA IL SEGNO EVENTS, EXHIBITIONS, BOOKS AND ACCESSORIES ALL ABOUT FOOD AND Denim & Food TRIMMINGS. THE GREAT EXHIBITION IN Energie racconta la storia dei MILAN STILL MAKES A MARK produttori di vino abruzzesi attraverso il progetto Foodscraps for Denim & Co, che utilizza gli scarti delle BEAUT Y lavorazioni agroalimentari per trattare la tela jeans. Sono nati così cinque nuovi lavaggi e un moderno abito da vendemmiatore creato mixando denim e scarti di pelle. Energie has decided to tell the story of wine-makers from Abruzzo via a project entitled Foodscraps for Denim & Co whereby food scraps are used Bellezza to treat denim. This led to creation of five new washes da assaporare and a modern item of clothing La beauty griffe Shiseido si cimenta for grape-pickers made out of anche nel cibo. A Tokyo, città natale del denim and scraps of leather. brand, lo Shiseido Parlour racchiude www.energie.it al suo interno tutto ciò che ruota

BABY

Multicolor dalla nascita

È dedicata all’Esposizione Universale la carrozzina della serie Tribute to… di Inglesina. Il cuore e il dna del marchio sono vicini ai 145 Paesi partecipanti e l’arcobaleno di nuance che caratterizza il prodotto s’ispira al logo dell’evento.

Multicoloured from birth

The Inglesina buggy in the Tribute to… range is dedicated to the Great Exhibition. This brand’s heart and DNA stand by the 145 participating countries and the nuance rainbow distinguishing this product was inspired by the event’s logo. www.inglesina.it

attorno al food, come lo Shop Delì che offre dolci confezionati in portagioie e cioccolatini esposti in palette make-up. Entro fine anno queste delizie arriveranno anche in Italia.

Beauty to savour

Beauty brand Shiseido now becomes involved in the food industry. Shiseido Parlour in Tokyo, where this brand was established, has everything you can think of to do with food, such as the Delì Shop offering sweets packaged in jewel boxes and chocolates displayed in make-up palettes. These delicacies will be available in Italy by the end of the year. www.shiseido.it E

SPECIALE EXPO2015


20 // WHAT’S UP

BOOK

Leonardo non era vegetariano

A cura di Maria Angela Bedini, Fabio Bronzini, Giovanni Marinelli Gangemi Editore, pp. 400 € 60 Evocazioni letterarie e visionarie di una terra radicata nel cuore. Un moderno viaggio in Italia attraverso le oasi di Milano, Genova, Venezia, Bologna, Firenze, Ancona, Roma, Napoli e tante altre meraviglie urbane, per ascoltare il battito di un Paese in difficoltà che cerca di riemergere. Literary and visionary evocations of a land ingrained in the heart. A modern journey in Italy passing through oases in Milan, Genoa, Venice, Bologna, Florence, Ancona, Rome, Naples and many other urban wonders to listen to the heartbeat of a country in difficulty that is trying to re-emerge.

Non c’è gusto

Gianni Mura Minimum fax, pp. 108 € 13 Un percorso nel Belpaese di ieri e di oggi lungo l’inesauribile varietà della ristorazione nostrana. Dai locali stellati alle osterie di quartiere, l’autore offre una serie di consigli utili prima di sedersi a tavola, per evitare solenni imbrogli. A excursion through past and present Italy via an infinite variety of local cuisine. The author offers a series of suggestions from top restaurants to neighbourhood taverns for you to take into consideration before sitting at the table and stop you from being misled.

E

Anche un pasto veloce può essere sano, gustoso e naturale. Ne è convinta la scrittrice e conduttrice televisiva Paola Maugeri, che ha lanciato una linea di tramezzini veg, biologici al 100%, in collaborazione con l’azienda Con.Bio. L’obiettivo? Aiutare chi, fagocitato dai ritmi frenetici, non riesce a rispettare un’alimentazione equilibrata.

Prefazione di Oscar Farinetti Maschietto Editore, pp. 192 € 19 Nato dalla collaborazione tra Eataly e il Museo Ideale Leonardo da Vinci, il testo è un ritratto inedito del genio toscano, ma anche un manuale di cucina contemporanea, con ricette illustrate fotograficamente. An original portrayal of the Tuscan genius and a contemporary cooking handbook comprising recipes with photographic illustrations stems from collaboration between Eataly and the Museo Ideale Leonardo da Vinci.

Il respiro italiano. Expo 2015

SPECIALE EXPO2015

Junk food, addio

Farewell junk food

SNACK

Fast-food can also be healthy, tasty and natural. Of this television presenter and writer Paola Maugeri is sure. She has launched a range of 100% organic veg sandwiches in cooperation with Con.Bio. What is the objective? To help people who are unable to follow a balanced diet due to their frenetic lifestyle. www.conbio.it

FOOD

STORE

Come eravamo

Per chi vuole apprezzare i sapori della tradizione meneghina in una location dal mood vintage l’indirizzo giusto è via Francesco Sforza. Qui si trova l’Arabesque, composto da un ristorante très chic, un caffè letterario e un salotto con angolo libreria dove è possibile acquistare e sfogliare riviste di lifestyle, arredamento e cucina. Basta varcare l’ingresso per essere trasportati nella Milano di un tempo. Effetto amarcord assicurato.

The way we were

The right place for those who wish to enjoy traditional Milanese cuisine in a location with a vintage mood stands on via Francesco Sforza. This is where you will find Arabesque, a combination of a très chic restaurants, a literary café and a lounge with a book corner where you can buy and flick through lifestyle, interior decor and cooking magazines. Just cross the threshold and you will find yourself in Milan of the past. The vintage effect is guaranteed. www.larabesque.net


ARMANI.COM


22 // WHAT’S UP

Orologio spilla della metà del XIX secolo/Mid-19 th century brooch watch De Marchi Collection

Cibo prezioso

È allestita fino all’8 dicembre, al primo piano di Palazzo Morando a Milano, la mostra Gioielli di gusto. Racconti fantastici tra ornamenti golosi, curata da Mara Cappelletti con gli allestimenti del designer Alejandro Ruiz. In esposizione 200 pezzi d’autore tra bijoux e accessori moda ispirati alle forme e ai colori della tavola. Un vero piacere per gli occhi.

ART

Piatti da guardare

Inaugura il 10 ottobre a Modena, presso il Palazzo Santa Margherita e la Palazzina dei Giardini in corso Canalgrande, la rassegna Daniel Spoerri. Eat Art in transformation, curata da Susanne Bieri, Antonio d'Avossa e Nicoletta Ossanna Cavadini. Dedicata all'artista svizzero, che nel 1967 ha avviato una riflessione critica sui principi della nutrizione, e alle sue opere, che intrappolano il cibo nelle resine, l’esposizione ha ricevuto il patrocinio dell’Expo meneghina. Visitabile fino al 31 gennaio 2016.

Precious food

An exhibition entitled Gioielli di gusto. Racconti fantastici tra ornamenti golosi organised by Mara Cappelletti with layout by designer Alejandro Ruiz showcases on the first floor of Palazzo Morando in Milan until 8 December displaying 200 bijou items and fashion accessories in shapes and colours found at the table. An authentic feast for the eyes. www.mostragioiellidigusto.com

Dishes to look at Arianna Farricella, The Color Diet (2015)

Giovani talenti

Mediterranea 17. Young artists Biennale è la mostra in programma alla Fabbrica del vapore di Milano dal 22 ottobre al 22 novembre. Curata da Andrea Bruciati, ospita i lavori di 300 creativi under 35 che si confrontano sul tema No Food’s Land. Il mondo dopo l’Expo in un evento multidisciplinare che abbraccia arti visive, musica e gastronomia.

Young talents

Mediterranea 17. Young artists Biennale is an exhibition organised by Andrea Bruciati showcasing at the Fabbrica del vapore (Steam Factory) in Milan from 22 October to 22 November with works on the topic of No Food’s Land by 300 artists under the age of 35. The world after the Expo is explained in a multifaceted event comprising everything from visual arts to music to food. www.mediterraneabiennial.org SPECIALE EXPO2015

E

Daniel Spoerri Gedeckter Tisch/Tavola apparecchiata/Set table (circa/about 1972) Oggetto 3D, collage offset risultante in quadro pop-up su cartone ricoperto di lino/3D object, collage offset making a pop-up picture on linen-covered cardboard Biblioteca nazionale svizzera Gabinetto delle stampe, Archivio Daniel Spoerri, Berna

The exhibition entitled Daniel Spoerri. Eat Art in transformation organised by Susanne Bieri, Antonio d'Avossa and Nicoletta Ossanna Cavadini will be inaugurated at Palazzo Santa Margherita and Palazzina dei Giardini on corso Canalgrande in Modena on 10 October. Dedicated to this Swiss artist – who in 1967 began critical consideration regarding the principles of nutrition – and his works in which food is trapped in resin, this exhibition is sponsored by Expo Milan. Showcasing until 31 January 2016. www.comune.modena.it/galleria


24

IL 16 OTTOBRE A EXPO È LA GIORNATA MONDIALE DELL’ALIMENTAZIONE. AL CENTRO IL RUOLO DELLA PROTEZIONE SOCIALE NELLA LOTTA ALLA POVERTÀ RURALE di Alessandro Ribaldi - Photo Fao

E OTTOBRE 2015

World © Giulio Napolitano

Sono 795 milioni le persone che oggi soffrono la fame nel mondo. Per puntare i riflettori sul problema, dal 16 ottobre 1981 la Fao organizza il World Food Day, la Giornata mondiale dell’alimentazione. Settant’anni dopo la nascita dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura, l’appuntamento 2015 è il 16 ottobre all’Esposizione Universale, raggiunta da centinaia di delegati a bordo dell’avveniristico Frecciarossa 1000. Presenti alla cerimonia d’apertura il Presidente della Repubblica Italiana, Sergio Mattarella, i ministri dell’Agricoltura e degli Affari esteri, Maurizio Martina e Paolo Gentiloni, il Direttore Generale della Fao, José Graziano da Silva, e il Segretario Generale dell’Onu, Ban Ki-moon, che riceverà ufficialmente la Carta di Milano e il Milan Urban Policy Pact, i due documenti che costituiscono l’eredità politica della Fiera. Molto atteso il messaggio di papa Francesco. La celebrazione cade nel periodo cruciale fra il Summit mondiale delle Nazioni Unite di settembre, che ha adottato l’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, e la Conferenza sul cambiamento climatico di dicembre, dove si prevede di raggiungere un accordo universale sul tema. Questa edizione è incentrata sul ruolo della protezione sociale nella lotta alla povertà rurale e sul suo collegamento con il progetto dell’Onu Sfida Fame Zero per l’Expo di Milano. L’obiettivo è sottolineare il ruolo fondamentale di una gamma di soluzioni, il più delle volte combinate fra loro, che puntano a migliorare la vita delle popolazioni più povere: fornitura di cibo, denaro, servizi e nuove opportunità di lavoro. Nei Paesi in via di sviluppo, dove oltre il 75% delle persone denutrite vive in zone rurali, aiuti di questo tipo riescono a incrementare le rendite delle piccole aziende agricole, supportandole anche con interventi complementari come il miglioramento della qualità del suolo, della gestione delle acque, della capacità di stoccaggio e dell’accesso ai mezzi di produzione. Negli ultimi anni le iniziative di sostegno hanno consentito a 150 milioni di individui di uscire da condizioni disagiate. Per esempio, in Etiopia il programma di sicurezza alimentare Safety Nets ha impiegato le fasce più deboli della popolazione per la costruzione di beni pubblici e infrastrutture, contribuendo alla riqualificazione di oltre 167mila ettari di terreno e 275mila chilometri di argini in pietra e terra e aiutando a ridurre del 2% i livelli di indigenza. In Messico, il Programa de Educación, Salud y Alimentación offre contributi finanziari alle madri in difficoltà, facilitando la riduzione dei tassi di malnutrizione cronica e di sovrappeso infantile e contribuendo allo sviluppo fisico, cognitivo e del linguaggio dei bambini. Oggi il progetto riesce ad aiutare circa 32,9 milioni di esseri umani e ha il merito di aver ridotto del 10% la soglia di povertà. In più, nel giro di un biennio è stato anche colmato del 30% il divario esistente tra le fasce ricche e quelle più bisognose della popolazione.


SPECIALE EXPO 2015 // 25

Food Day E

SPECIALE EXPO2015


26

© Giulio Napolitano

FS CONTRO LO SPRECO ALIMENTARE

Il Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane è tra le prime tre imprese finaliste della Settimana europea per la riduzione dei rifiuti, campagna di comunicazione promossa dall’Unione europea per combattere lo spreco alimentare. FS ha partecipato all’iniziativa, che ha visto concorrere 27 Paesi, con un programma di sensibilizzazione verso i propri dipendenti e la stipula di apposite clausole contrattuali con i fornitori di servizi di catering. Grazie alla collaborazione con organizzazioni umanitarie specializzate, il cibo non utilizzato è stato devoluto a bambini ospitati in case famiglia e a persone senza fissa dimora. www.fsitaliane.it

FS AGAINST FOOD WASTE

© Seyllou Diallo

Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane was classified among the top three companies in the European Week for Waste Reduction Campaign promoted by the European Union and dedicated to fighting food waste. FS took part in this Campaign, in which 27 countries competed, through a programme to make employees aware of the issue and include specific clauses in agreements with catering service vendors. Cooperation with specialised humanitarian organisations ensured that unused food was donated to children in homes and the homeless.

E OTTOBRE 2015


SPECIALE EXPO 2015 // 27

© Marco Longari

© Thomas Hug

WORLD FOOD DAY IS 16 OCTOBER AT EXPO, FOCUSSING ON THE ROLE OF SOCIAL SUPPORT IN THE FIGHT AGAINST RURAL POVERTY Currently 795 million people suffer from hunger in the world. FAO has been organising a World Food Day to bring attention this problem since 16 October 1981. Seventy years after establishment of the Food and Agriculture Organization of the United Nations, the date for 2015 has been set for 16 October at the Great Exhibition, where hundreds of delegates will arrive on board a futuristic Frecciarossa 1000 train. The opening ceremony will be attended by Italian President of the Republic Sergio Mattarella, the Ministers of Agriculture and Foreign Affairs Maurizio Martina and Paolo Gentiloni, FAO Managing Director José Graziano da Silva and UN Secretary General Ban Ki-moon, who will officially receive the Milan Charter and Milan Urban Policy Pact, the two political documents deriving from this Event. There is great expectancy for a message from Pope Francis. This celebration takes place during the crucial period between the United Nations World Summit in September, which has adopted the 2030 Agenda for Sustainable Development, and the World Climate Conference in December, where participants are expected to reach a binding and universal agreement on this matter. This edition concentrates on the role of social support in the fight against rural poverty and its link to the UN Zero Hunger Challenge project devised for the Expo in Milan. The aim of this event is to highlight how vitally important a range of solutions – and often a combination of such – is to improving the lives of poorer populations, i.e. providing food, money, services and new job opportunities. Aid of this kind helps to increase income for small farms in developing countries, where over 75% of under-nourished people live in rural areas, including through complementary services such as improving land quality and managing water, storage capacity and access to equipment. Over the last few years, support initiatives have led to 150 million people overcoming difficult living conditions. In Ethiopia, for example, the Safety Nets food security programme employed underprivileged people to carry out work on public buildings and infrastructures, thereby helping to renovate over 167 thousand hectares of land and 275 thousand kilometres of stone and land embankments to help reduce poverty levels by 2%. The Programa de Educación, Salud y Alimentación in Mexico provided financial aid to mothers in need, thereby helping to reduce the rate of chronic malnutrition and obesity and improve physical, cognitive and language development in children. This project currently helps around 32.9 million human beings and managed to accomplish a 10% reduction in the poverty threshold. Moreover, the existing gap between the rich and poor has been reduced by 30% in just two years. E

SPECIALE EXPO2015


SPECIALE EXPO 2015 // 29

© alepvfoto/Fotolia.com

L’Expo nero Expo su bianco on paper

IL 10 OTTOBRE L’ULTIMO INCONTRO PER LA STESURA DELLA CARTA DI MILANO, CHE VUOLE GARANTIRE IL DIRITTO AL CIBO PER TUTTI

THE LAST MEETING TO DRAW UP THE MILAN CHARTER, WHICH AIMS TO GUARANTEE EVERYONE’S RIGHT TO FOOD TO BE HELD ON 10 OCTOBER

Ogni Esposizione Universale ha lasciato un’eredità alla città che l’ha ospitata. Simboli tangibili come la Torre Eiffel di Parigi, costruita nel 1889, e l’Atomium di Bruxelles, che dal 1958 è uno dei principali monumenti della capitale belga. Ma anche un quartiere – l’Eur – ideato nel 1942 per l’Exhibition di Roma, che non prese mai il via a causa della guerra, e l’acquario di Genova, tra i più famosi al mondo, progettato da Renzo Piano nel 1992. Expo Milano 2015 consegna al capoluogo lombardo l’Albero della vita, emblema della manifestazione, ma anche un retaggio immateriale di monumentale importanza: la Carta di Milano, per responsabilizzare cittadini, associazioni, imprese e istituzioni con l’obiettivo di garantire alle generazioni future il diritto al cibo. Dal premier italiano Matteo Renzi alla cancelliera tedesca Angela

Every Great Exhibition has left its host city a legacy – with tangible symbols such as the Eiffel Tower in Paris, built in 1889, and the Atomium in Brussels, one of the leading monuments in the Belgian capital since 1958. However, there is also a neighbourhood – EUR – designed in 1942 for the Exhibition in Rome, which never commenced due to the War, and the most renowned Aquarium in the world in Genoa designed by Renzo Piano in 1992. Expo Milano 2015 will bequeath this Lombardy capital both the emblem of the exhibition – the Tree of Life – and an intangible inheritance of monumental importance – the Milan Charter, which aims to make citizens, associations, businesses and institutions more responsible and thereby guarantee the right to food to future generations. E

SPECIALE EXPO2015


30 // SPECIALE EXPO 2015 Merkel, passando per il Premio Nobel per l’economia Amartya Sen, molti numeri uno del pianeta hanno già firmato lo storico documento, che si sta sviluppando in modo partecipato e condiviso grazie agli incontri di Expo delle idee. In queste giornate di discussione, esperti di tutto il mondo possono confrontarsi sulle sfide dell’alimentazione globale. Il 10 ottobre all’ultima tavola rotonda è affidata la stesura finale dell’ambiziosa dichiarazione. Mentre sei giorni dopo, in occasione del World Food Day organizzato dalla Fao, alla presenza del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, la Carta sarà simbolicamente trasferita nelle mani del Segretario Generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon, come contributo agli obiettivi di sviluppo del millennio. A.R. www.carta.milano.it

SPECIALE EXPO2015

E

Many leading world representatives – from the Italian Prime Minister Matteo Renzi to German Chancellor Angela Merkel and Nobel Economy Prize winner Amartya Sen – have already signed this historical document, drawn up through active participation at meetings held at the Expo delle idee (Expo of Ideas). Experts from throughout the world have discussed the global food challenge. The final draft of this ambitious document will be decided at the last roundtable on 10 October and the Charter will symbolically be handed over to the UN Secretary General Ban Ki-moon as a contribution to millennium objectives for development at the World Food Day organised by the FAO six days later, which shall be attended by Italian President of the Republic Sergio Mattarella.

MILANO TRAVEL PLANNING 154 FRECCE GIORNALIERE 154 FRECCE TRAINS A DAY 90 64 Durata minima del viaggio Minimum journey time Milano C.le-Roma T.ni in 2h e 55 Milano C.le-Napoli C.le in 4h e 15 Milano C.le-Bologna C.le in 1h e 02 Milano C.le-Venezia M. in 2h e 10

RISPARMI CON SAVE WITH A/R in giornata A/R Weekend CartaFRECCIA Special CartaFRECCIA Young e/and Senior Speciale 2x1 Bimbi Gratis www.trenitalia.com

TRENO+HOTEL EXCEL MILANO 3 **** Piazza Marco Polo, 14 Basiglio (MI) treno+hotel a/at € 156 da/from Roma € 91 da/from Bologna € 83 da/from Venezia www.frecciando.com


E-LAB // 33

L’agricoltura si fa smart DAI NUOVI SISTEMI DI IRRIGAZIONE ALL’ANALISI DEL TERRENO, COSÌ IL SETTORE SI PREPARA AD AFFRONTARE I CAMBIAMENTI CLIMATICI di Mauro Buonocore

[Ufficio comunicazione Centro euro-mediterraneo sui cambiamenti climatici]

civile e associazioni di categoria si sono confrontati sul futuro del settore. Il comparto agroalimentare mal sopporta i mutamenti del clima, in particolare l’innalzamento della temperatura e la scarsità di risorse idriche, che si ripercuotono sulla gestione del suolo e la disponibilità di beni alimentari. Secondo studi recenti, entro il 2050 le rese di mais, frumento e riso potrebbero diminuire su scala globale fino al 12%. Il tutto in uno scenario in cui, secondo la Fao, bisognerà

nutrire due miliardi di persone in più: ogni anno serviranno quindi un miliardo di tonnellate di cereali e 200 milioni di tonnellate di bestiame aggiuntivi. La risposta a questa emergenza è nella necessaria collaborazione tra ricerca e impresa, per mettere in campo tutti gli strumenti in grado di anticipare i problemi e spianare la strada verso una maggiore sicurezza alimentare. www.cmcc.it

© ZaZa studio/Fotolia.com

Sistemi d’irrigazione che riducono lo spreco di acqua. Foglie modificate in modo da riflettere la luce del sole e ridurre il riscaldamento del pianeta. Piante di frumento dalle radici profonde che assorbono più nutrienti dal terreno e hanno bisogno di meno fertilizzanti. Sono alcune delle soluzioni emerse nell’incontro L’agricoltura si fa smart, organizzato a Expo 2015 dal Centro euromediterraneo sui cambiamenti climatici, in cui scienziati, imprenditori, società

E

SPECIALE EXPO2015


34 // E-LAB

© Deyan Georgiev/Fotolia.com

Farming gets smart

NEW IRRIGATION SYSTEMS AND SOIL ANALYSES: THIS SECTOR IS GETTING READY TO FACE CLIMATE CHANGE Irrigation systems that limit water wasting. Leaves modified to reflect sunlight and reduce planet-warming. Wheat with deep roots to absorb more nutrients from the land and require fewer fertilisers. These are just some of the solutions arising from the Farming Gets Smart meeting held by the Euro-Mediterranean Centre for Climate Change at Expo 2015, where scientists, entrepreneurs, civil society and

trade associations discussed the future of farming. The farming industry finds it hard to cope with climate change, especially rising temperatures and lack of water affecting land management and food availability. According to recent studies, corn, wheat and rice crops could decrease by up to 12% worldwide by 2050. This will all take place in a scenario in which there will be two

billion more people to feed according to the FAO: we will need one billion tons of cereals and 200 million tons of livestock more each year. The answer to this emergency is cooperation between the worlds of research and business to ensure that each and every tool capable of anticipating problems and paving the way to improved food security can be implemented.

Il vivaio delle idee

Ha già ospitato oltre 80 startup l’iniziativa dedicata ai giovani imprenditori promossa da Padiglione Italia, Ministero delle politiche agricole, ambientali e forestali (Mipaaf) e Fondazione ItaliaCamp. Il Vivaio delle idee vuole dare spazio alle eccellenze agroalimentari valorizzando le intuizioni più innovative e i giovani di talento. Per tre giorni a settimana (lunedì, giovedì e venerdì) dalle 16:30 alle 18:30, nella lounge del Mipaaf a Expo si svolge un incontro di presentazione. I migliori progetti selezionati avranno l’occasione di partecipare a un opportunity day finalizzato a creare contatti con possibili finanziatori.

The greenhouse of ideas

The initiative dedicated to young entrepreneurs promoted by the Italia Pavilion, Ministry of Agricultural, Environmental and Forestry Policies (MIPAAF) and Fondazione ItaliaCamp has already hosted over 80 start-ups. The Greenhouse of Ideas aims to offer agricultural excellences a chance by showcasing the more innovative ideas and talented young people. Presentations are made between 4.30PM and 6.30PM three days a week (Monday, Thursday and Friday) in the MIPAAF Lounge at Expo. The best projects selected will be given the possibility of participating in an Opportunity Day established to create contacts with potential investors.

SPECIALE EXPO2015

E


E-LAB // 37

ARIA DA BERE

© Irochka/Fotolia.com

LO SOCIETÀ SVIZZERA SEAS HA REALIZZATO UN SISTEMA PER TRASFORMARE IN ACQUA L’UMIDITÀ DELL’ATMOSFERA di Dario Colombo

La scarsità d’acqua è una delle principali emergenze del pianeta. Secondo la Fao – l’Organizzazione dell’Onu per l’alimentazione e l’agricoltura – nell'arco di dieci anni 1,8 miliardi di persone vivranno in zone dove manca l'oro blu e nel 2050 la situazione si farà ancora più preoccupante, con il 60% della popolazione mondiale in condizioni di stress idrico. Tra le soluzioni più innovative per affrontare il problema c’è quella proposta da Seas, startup svizzera fondata nel 2014 che ha trovato un modo per estrapolare la preziosa risorsa dall’aria. Il sistema, battezzato Awa Modula (Air to water to air), è capace di catturare le goccioline presenti nell'atmosfera e trasformarle affinché possano finire in bottiglia o essere utilizzate in agricoltura e nell’industria. «Il macchinario è anche in grado di sfruttare l'energia impiegata

nel processo per generare gratuitamente aria fresca e calda, azzerando i costi», spiega Rinaldo Bravo, direttore generale dell'azienda del Canton Ticino durante la presentazione del progetto a Expo 2015. Ma i vantaggi non si fermano qui: «Questo tipo di tecnologia non rilascia impurità nell'ecosistema locale, offrendo una fonte illimitata e inesauribile di acqua», sottolinea Anna Magrini, professoressa dell'Università di Pavia che ha collaborato alla sua realizzazione. Awa Modula, che riesce a produrre da 2.500 a diecimila litri al giorno, è già stato testato da alcune organizzazioni no profit, tra cui la onlus Unakids, impegnata a migliorare le condizioni di vita dei minori nelle regioni del mondo sconvolte dalle guerre. E

SPECIALE EXPO2015


38 // E-LAB

AIR TO DRINK SWISS COMPANY SEAS HAS CREATED A SYSTEM FOR TRANSFORMING ATMOSPHERIC HUMIDITY INTO WATER

Il sistema Awa Modula/The Awa Modula system © Seas

A lack of water is one of the main emergencies on Earth. According to the FAO – Food and Agriculture Organisation of the United Nations – 1.8 billion people will live in areas without water within ten years and in 2050 the situation will become even more disturbing, with 60% of the world’s population suffering from a serious lack of water. One of the most innovative solutions to dealing with this problem was proposed by Seas, a Swiss start-up established in 2014 which has found a way to extract this precious resource from air. This system has been named Awa Modula (Air to water to air) and is able to capture drops of water contained in the atmosphere and transform them so they can be bottled or used in farming and industry. “This machine is SPECIALE EXPO2015

E

also capable of exploiting the energy used in the process to generate free hot and cold air, thereby eliminating the relative costs,” explained Rinaldo Bravo, Managing Director of this Ticino Canton company during presentation of the project at Expo 2015. However, the benefits do not stop here. “This kind of technology releases no impurities into the local ecosystem, thereby offering an unlimited and unending source of water,” stressed Anna Magrini, the Pavia University Professor who helped in its creation. Awa Modula can produce between 2,500 and 10,000 litres of water a day and has already been tested by a number of no-profit organisations including Unakids, which works to improve living conditions for children in war-struck areas.


1 3

2


INDIRIZZO

INFO E PRENOTAZIONI

CON LA PARTECIPAZIONE DI

CON IL PATROCINIO DI

PARTNER


E-LAB // 41

volto della salute Il

RIDURRE GLI ZUCCHERI, BANDIRE LA FARINA 00 E LEGGERE ATTENTAMENTE LE ETICHETTE. I CONSIGLI PER MANGIARE SANO DEL DIVULGATORE SCIENTIFICO MARCO BIANCHI

di Luigi Cipriani

È cresciuto tra microscopi e fornelli. Marco Bianchi è un tecnico di ricerca biochimica con la passione per la cucina, che si è diviso tra laboratori di oncologia e padelle fumanti. Alla fine ha messo tutto insieme ed è approdato alla Fondazione Umberto Veronesi come divulgatore scientifico,in pratica promuove le regole più rigorose della corretta alimentazione attraverso semplici consigli gastronomici. Alla Freccia parla del suo nuovo libro, La mia cucina italiana, in uscita il 13 ottobre: «È dedicato a chi deve rimettersi in forma senza rinunciare al sapore», spiega l’autore, che è andato a rivisitare le preparazioni tipiche di ogni regione, rendendole più sane e appetitose. Tra le buoni abitudini da tenere a mente, Bianchi consiglia di ridurre la quantità di zuccheri e fare attenzione ai grassi saturi, ossia quelli provenienti da proteine animali. Ma, soprattutto, di bandire i carboidrati raffinati come la farina 00, «un vero e proprio veleno, perché innalzano repentinamente la glicemia, e a lungo E

SPECIALE EXPO2015


© woodbe/Fotolia.com

42 // E-LAB

face of health

The Mondadori, pp. 300 € 20

andare un eccesso di zuccheri nel sangue può provocare patologie come il diabete tipo 2». L’altro grande tema è l’obesità in Italia che, secondo l’Istituto Superiore di Sanità, interessa circa il 10% della popolazione. Secondo lo chef scienziato per combatterla «è importante leggere le etichette sulle confezioni: spesso in cibi ritenuti innocui, come il ketchup o lo yogurt, si trovano fino a cinque cucchiaini di zucchero per 100 grammi», mentre le linee guida dell’Organizzazione mondiale della sanità ne consentirebbero solo sei in tutto il giorno. www.marcobianchioff.it

SPECIALE EXPO2015

E

REDUCE SUGARS, BAN FINELY GROUND FLOUR AND READ LABELS CAREFULLY. TIPS FOR HEALTHY EATING FROM SCIENTIFIC POPULARISER MARCO BIANCHI He grew up among microscopes and kitchen hobs. Marco Bianchi is a biochemical researcher with a love for cooking who divides his time between oncology laboratories and steaming pans. In the end he decided to combine it all and went to work at the Fondazione Umberto Veronesi as scientific populariser: basically, he encourages stricter eating regulations through simple cooking tips. He spoke to La Freccia about his new book La mia cucina italiana, to be released on 13 October. “It’s dedicated to people who need to get fit but without sacrificing taste,” explained the author, who reviewed traditional recipes from every region in Italy to make them healthier and tastier. The good habits to bear in mind include reducing the amount of sugar used and taking care with saturated fats, in other words those from animal proteins. However, we must above all ban refined carbohydrates such as finely ground flour. “It really is poison as it rapidly increases glycaemia and, in the long run, excessive sugar in our blood can cause diseases such as type-2 diabetes.” The other important topic he deals with is obesity in Italy, which according to the Superior Health Institute affects around 10% of the population. This scientific chef believes that to fight it, “You must read labels carefully: often food that is considered innocuous, like ketchup or yoghurt, contains up to five teaspoons of sugar per 100 grams,” whereas WHO guidelines recommend just six teaspoons in an entire day.


Messaggio pubblicitario

LA NUOVA APP DI PAGAMENTO CHEBANCA!

SCARICALA GRATIS E FAI DA SMARTPHONE PAGAMENTI, RICARICHE E TANTO ALTRO. PER UTILIZZARE L’APP WOW CHEBANCA! BASTA UNA CARTA VISA, MASTERCARD® O UN CONTO PAYPAL.

Carte Accettate: Visa, Mastercard®, Debit Mastercard®, Visa Electron.

Termini e Condizioni di utilizzo dell’App Wow CheBanca! su chebanca.it Per maggiori informazioni

chebanca.it


44 Polittico Baroncelli e dettaglio (1330 circa), tempera su tavola Polittico Baroncelli and detail (about 1330), tempera on wood Firenze, Basilica di Santa Croce © Archivio fotografico dell'Opera di Santa Croce

Dopo Giotto la pittura è cambiata per sempre. A cavallo tra '200 e '300 il maestro toscano inizia ad apportare innovazioni talmente evidenti da tracciare una linea netta con l’antica cultura iconica. Le figure appaiono tratteggiate con aspetto umano, tanto da riconoscerle quali personaggi di questo mondo. Corpi veri di cui si percepisce il peso sotto le vesti. Le Madonne, fino ad allora stilizzate e astratte, riempiono la seduta dei troni con i loro massicci volumi e stringono il bambino santo con mani affusolate e vive. Il Cristo è accasciato sulla croce incarnando tutta l’espressività della morte, piuttosto che mantenere innaturali posture. Tredici capolavori indiscussi, provenienti dai maggiori musei, enti religiosi e soprintendenze, sono riuniti dall’importante appuntamento espositivo Giotto, l’Italia. A Palazzo Reale di Milano fino al 10 gennaio, a cura di Pietro Petraroia e Serena Romano, la mostra è inserita nel programma di Expo in città. Un ampio progetto per valorizzare i luoghi in cui il pittore fiorentino ha lavorato. Spiccano eccellenti tavole lignee, per la prima volta messe a confronto in modo da segnare le tappe del suo viaggio italico tra Firenze, Assisi, Bologna, Padova e Roma. Delle opere giovanili realizzate nelle campagne natie è presente la Maestà della Vergine da Borgo San Lorenzo, mentre tra le più note il Polittico di Bologna e quello Stefaneschi compiuto per l’altare maggiore della Basilica di San Pietro. La composizione plastica giottesca raggiunge i massimi livelli nella fase finale. Nel Polittico Baroncelli il gruppo di santi e angeli, contraddistinti uno per uno da volti sereni, e ancor più la Vergine acconciata come una regina per l’incoronazione, sono fonte di un autentico piacere estetico. www.mostragiottoitalia.it E OTTOBRE 2015

tavole del Maestro Le

A PALAZZO REALE FINO AL 10 GENNAIO UNA MOSTRA RIUNISCE 13 CAPOLAVORI DI GIOTTO MAI ESPOSTI A MILANO

di Sandra Gesualdi


FEATURES // 45

The

Master’s panels

AN EXHIBITION AT PALAZZO REALE (ROYAL PALACE) SHOWCASES 13 MASTERPIECES BY GIOTTO NEVER BEFORE EXHIBITED IN MILAN UNTIL 10 JANUARY

Painting changed forever with Giotto. This Master from Tuscany began introducing such obvious innovations between the 13th and 14th centuries that he clearly diverted from ancient iconic culture. Figures appear so human-like that they can be recognised as people from this world. Real bodies can be perceived under the bulk of their clothing. He depicted the Madonna, who until then was painted in a stylised and abstract manner, to fill the seats of thrones with her huge forms and holding baby Jesus with tapered, life-like hands. His Christ slumps on the cross to incarnate death rather than maintain an unnatural posture. Thirteen undisputed masterpieces from leading museums, religious organisations and Authorities have been brought together for the most important showcase ever – Giotto, l’Italia. This exhibition organised by Pietro Petraroia and Serena Romano showcasing at Palazzo Reale in Milan until 10 January is part of the Expo in città Programme, an extensive project aimed at focusing on the locations in which this painter from Florence worked. Visitors can see excellent wood panel paintings displayed together for the first time to illustrate the stages in his journey throughout Italy between Florence, Assisi, Bologna, Padua and Rome. His early works created in the countryside around his birthplace include the Maestà della Vergine da Borgo San Lorenzo, while his more renowned pieces include the Polittico di Bologna and the Stefaneschi produced for the main altar in St. Peter’s Basilica. Giotto’s plastic composition reached an epitome in the final stages of his artistic life: the group of saints and angels in the Polittico Baroncelli – each with a peaceful look – and even more so the Virgin Mary dressed like a queen ready for crowning are a source of pure pleasure to the eyes.

Polittico Stefaneschi (circa/about 1315-20) Tempera su tavola/tempera on wood Città del Vaticano, Musei Vaticani/Vatican City, Vatican Museums © Governatorato dello Stato della Città del Vaticano-Direzione dei Musei

E

SPECIALE EXPO2015


Memoria ad alta velocità per foto e video HD

SSD portatile SanDisk Extreme® 500 Con una velocità fino a 4 volte superiore a un hard disk portatile1 e un design resistente dalle dimensioni ridotte, pari la metà del tuo smartphone, l’unità SSD portatile SanDisk Extreme® 500 è il dispositivo di archiviazione ottimale per fotografi e operatori video.

FINO A VELOCITÀ DI LETTURA

RACCONTA STORIE DI VITA CON LE SCHEDE DI MEMORIA Affida i tuoi ricordi a * Dati basati su test interni; le prestazioni potrebbero essere inferiori in base al dispositivo host utilizzato. 1 MB = 1.000.000 di byte. 1 Confrontato con un hard disk portatile da 500GB e basato su test di velocità interni. SanDisk e SanDisk Extreme sono marchi commerciali di SanDisk Corporation, registrati negli Stati Uniti e in altri Paesi. Tutti gli altri marchi commerciali sono di proprietà dei rispettivi titolari. ©2015 SanDisk Corporation. Tutti i diritti riservati.


FEATURES // 47

Alessandro Enriquez

Il cibo

va di moda

CON LE SUE COLLEZIONI DEDICATE AL FOOD LO STILISTA ALESSANDRO ENRIQUEZ CELEBRA L’ECCELLENZA MADE IN ITALY di Ilaria Perrotta

Photo Fratelli Grillo

Ironico. Così si autodefinisce Alessandro Enriquez, vulcanico designer 32enne fondatore del marchio 10x10AnItalianTheory, ma anche scrittore e influencer che ben rappresenta il legame tra fashion, food e italianità. «Più che un brand, questo progetto è un universo in cui mi rispecchio. Nato nel 2012 come un libro di cucina, moda e lifestyle, è diventato una capsule collection di abiti femminili. Oltre alla collezione donna, oggi realizzo anche la linea per uomo e bambino e gli accessori». Punto di partenza una filosofia fondata sul made in Italy a 360 gradi: «Ho voluto raccontare il gusto che ci contraddistingue nel mondo. Non credo di aver inventato nulla di nuovo, cerco solo l'eccezionalità nelle cose comuni. In un piatto di pasta, un caffè, una colazione». E proprio il rito mattutino nostrano ha ispirato l’ultimo lavoro del creativo: le stampe sui tessuti rappresentano un

tripudio di tazzine, croissant, vassoi con pasticcini e slogan legati al risveglio. «Viaggio spesso all’estero alla scoperta di luoghi, persone, sapori, profumi. Da un mix tra quello che vedo e un’accurata ricerca su stoffe e linee vintage nascono i temi delle mie collezioni», spiega il giovane talento, nato da madre siciliana e padre francotunisino, per il quale l’Expo milanese è stata un portafortuna. All’argomento della sua prima produzione – la collezione

Primavera-Estate 2015 ispirata alla pasta – ha cominciato a pensare quando ancora non si conosceva il focus dell’Esposizione Universale. Poi il cibo è diventato un leitmotiv su tutti i media. «È stata una coincidenza felice. Tra i padiglioni della fiera ho apprezzato soprattutto quelli dell’area mediterranea. La zona siciliana mi ha fatto sentire a casa, tra il calore di chi cucina ed è in grado di regalare un sorriso dopo aver realizzato una ricetta esemplare».

E

SPECIALE EXPO2015


48 // FEATURES

is

Food

trendy

and children’s clothes as well as accessories.” This is the starting point for a philosophy based on all-round Made in Italy products. “I wanted to illustrate the taste that distinguishes we as Italians the world over. I don’t think I’ve come up with anything new; I merely look for the exceptional nature in common things – a dish of pasta, a coffee, a breakfast.” In fact it was this morning ritual that inspired the latest work by this creative designer: the prints on fabrics illustrate a jubilation of coffee cups, croissants, trays of biscuits and slogans about waking up. “I often travel abroad to discover places, people, tastes and aromas. The themes for my collections come from a combination of what I see and careful research into fabrics and vintage lines,” explained this talented young man with a mother from Sicily and French-Tunisian father and for whom the Milan Expo has brought good luck. He began to think about the theme for his first work – his 2015 Spring-Summer Collection inspired by pasta – when the topic for the Great Exhibition was still an unknown entity. Then food became a leitmotiv for the entire media. “It was a lucky coincidence. I particularly liked the Mediterranean Pavilions at the Exhibition. The Sicilian area made me feel at home, wrapped in the warmth of someone cooking who manages to smile at you after making a commendable dish.” 10x10AnItalianTheory Collezione uomo A/I 2015-16 2015-16 A/W Menswear Collection

10x10AnItalianTheory Collezione donna A/I 2015-16 2015-16 A/W Womenswear Collection

DESIGNER ALESSANDRO ENRIQUEZ CELEBRATES MADE IN ITALY DELICACIES THROUGH HIS COLLECTIONS DEDICATED TO FOOD Ironic. This is the word used by Alessandro Enriquez – 32 yearold explosive designer and founder of the 10x10AnItalianTheory brand, writer and influencer who so well represents the link between fashion, food and being Italian – to describe himself. “More than being just a brand, this project is a univese to which I can relate. Established in 2012 as a book on cooking, fashion and lifestyle, it has become a capsule collection of women’s attire. In addition to my women’s, I now also make menswear SPECIALE EXPO2015

E


50 Alberto Sordi nel film Un americano a Roma/Alberto Sordi in the film Un americano a Roma

Ciak Si mangia

ITALIANI A TAVOLA SUL GRANDE SCHERMO. IL RAPPORTO TRA CINEMA E GUSTO RACCONTATO NELL’ULTIMO LIBRO DI LAURA DELLI COLLI, PANE, FILM E FANTASIA di Michela Gentili - Photo Mondadori

Pane, film e fantasia. Il gusto del cinema italiano Laura Delli Colli Rai Eri, pp. 223 € 25

E OTTOBRE 2015

Dal groviglio di maccheroni che provocava Alberto Sordi nella scena cult di Un americano a Roma fino al coniglio alla ligure descritto passo dopo passo dal cardinale della Grande bellezza. Passando per la crème caramel risucchiata in un colpo solo da Vittorio Gassman nel Sorpasso e la Sacher resa leggendaria dalle pellicole di Nanni Moretti. Il cibo come chiave narrativa sul grande schermo è al centro del libro Pane, film e fantasia. Il gusto del cinema italiano,

scritto dalla giornalista Laura Delli Colli. Un viaggio che traccia la trasformazione di un Paese, dalle minestre povere alle cene gourmet, attraverso 100 ricette raccontate. Quali sono i piatti più ricorrenti? La pasta, ripetuta nelle sue mille declinazioni. Quella al sugo di salsiccia che Totò nascondeva nelle tasche in Miseria e nobiltà e che diventa il titolo del film di Luigi Magni, La carbonara. E poi la mozzarella, consumata dallo staff di Giulio Andreotti alias Il Divo o portata in dono da Claudio Bisio all'Accademia del gorgonzola in Benvenuti al Sud. I registi italiani più attenti al gusto? Federico Fellini, Ettore Scola, Pupi Avati. Ma anche Maria Sole Tognazzi, che dal padre Ugo ha ereditato la passione per i fornelli, e Ferzan Ozpetek, che nel suo lavoro mette spesso al centro la tavola come luogo degli affetti. E all’ultimo Festival di Venezia? C’è la ricotta fatta in casa descritta da Luca Guadagnino


FEATURES // 51 in A bigger splash. Mentre L’attesa di Piero Messina mostra Juliette Binoche intenta a preparare una marinata di vino rosso per ammorbidire la carne di agnello. Da Antonio Banderas a Pierfrancesco Favino, si moltiplicano gli attori testimonial di brand alimentari. Perché? Il marketing ha scoperto che così la pubblicità risulta più sincera. Ancora di più oggi che è diventata un prodotto d’autore: lo spot della pasta con Favino, infatti, è girato da Gabriele Salvatores. Che ruolo ha avuto l’Expo nel diffondere la cultura dell’alimentazione? È stata fondamentale per focalizzare l’attenzione su come Nutrire il pianeta. Ma sei mesi non bastano. Un film, invece, dura per sempre.

Nanni Moretti in una scena del film Bianca/Nanni Moretti in a scene from the film Bianca

Lights, camera, let’s eat ITALIANS SITTING DOWN TO EAT ON THE BIG SCREEN. THE CONNECTION BETWEEN CINEMA AND FOOD IS TOLD IN THE LATEST BOOK BY LAURA DELLI COLLI, PANE, FILM E FANTASIA From the tangle of macaroni baiting Alberto Sordi in the cult scene from Un americano a Roma to the Liguria-style braised rabbit described step by step by the Cardinal in La Grande bellezza, not forgetting the crème caramel swallowed up in one mouthful by Vittorio Gassman in Il sorpasso and the Sacher cake made legendary in Nanni Moretti’s films. Food considered as the narrative key on the big screen is the focal point for a book entitled Pane, film e fantasia. Il gusto del cinema italiano written by journalist Laura Delli Colli. A journey that recounts a country’s transformation from simple soups to gourmet dinners through 100 narrated recipes.

What dishes recur the most? Pasta – in its myriad of variations. There’s the pasta with sausage sauce that Totò hid in his pockets in Miseria e nobiltà and which became the title of Luigi Magni’s film La carbonara. Then there’s the mozzarella eaten by the staff of Giulio Andreotti alias Il Divo or the one that Claudio Bisio gives to the Accademia del Gorgonzola (Gorgonzola Academy) in Benvenuti al Sud. Which Italian directors pay more attention to taste? Federico Fellini, Ettore Scola, Pupi Avati. Although also Maria Sole Tognazzi, who inherited her passion for cooking from her father Ugo, and Ferzan Ozpetek, who often uses the dining table in his works as the place to show feelings. How about at the latest Venice Film Festival? We have the home-made ricotta described

by Luca Guadagnino in A bigger splash and Piero Messina shows Juliette Binoche busy making a redwine marinade for lamb in L’attesa. From Antonio Banderas to Pierfrancesco Favino, the number of actors used as testimonials for food brands is increasing. Why is that? The marketing industry has discovered that this makes advertisements more genuine, especially now that food has become all the rage: in fact, the pasta spot starring Favino was filmed by Gabriele Salvatores. What role has Expo had in spreading a culture for food? It has been fundamental in focussing attention on how to Feeding the Planet. Unfortunately, six months is not a long time, while a film lasts forever. E

SPECIALE EXPO2015


52

Let’s Bake Art LA GIORNALISTA MARIAPIA BRUNO PRESENTA UN MANUALE DI RICETTE CHE UNISCE AMORE PER I DIPINTI E CURIOSITÀ CULINARIA

di Sandra Gesualdi

Let’s Bake Art Mariapia Bruno Ilmiolibro.it, pp. 192 € 27

E OTTOBRE 2015

Jan Vermeer, Bicchiere di vino (1659-1660) Olio su tela/oil on canvas, 66,3x76,5 cm, Gemäldegalerie, Berlino

Frida Kahlo preparava ogni sera piatti dal sapore forte come le sue tele. Georgia O’Keeffe era appassionata di spinaci e cibo salutista, mentre Pablo Picasso non sapeva rinunciare alla charlotte di cioccolato. Nel libro Let’s Bake Art, tratto dal suo omonimo blog, la giornalista Mariapia Bruno presenta 79 ricette inedite in uno squisito percorso che si snoda tra fornelli e atelier: «Claude Monet dipinse torte fatte in casa e arrosti appetitosi nella sua Déjeuner sur l'herbe. Da buongustaio e cuoco eccellente arrivò a scrivere anche un curioso prontuario da tavola. Sfogliandolo, mi sono chiesta se anche altri pittori avessero coltivato la stessa passione per la cucina», racconta l’autrice. Dopo un’introduzione storica su opere e autori, dai fiamminghi ai contemporanei, seguono suggerimenti da mettere in pratica, ma anche scene di vita domestica. «Studiando le biografie ho scoperto le

abitudini private degli artisti. Roy Lichtenstein, per esempio, amava infornare cornetti zuccherosi per il figlio». Tra pentole e pennelli, sono tante le informazioni curiose: Tommaso Marinetti preferiva il riso perché lo considerava più futurista della pasta, gli olandesi del ‘600 riempivano i quadri di cibo esotico e il giovane pittore Paolo Maggis oggi propone nelle sue opere i prodotti agricoli dell’associazione contro le mafie Libera Terra. Il manuale è rivolto a tutti, «con l’intento di avvicinare al mondo delle mostre anche coloro che si sentono tagliati fuori. La carbonara, a volte, può fare miracoli». Le ricette raccontate nel libro, dai cipollotti caramellati di Van Gogh al dessert surrealista di Salvador Dalì, si possono trovare anche in versione video sul canale YouTube di Let’s Bake Art. www.letsbakeart.wordpress.com


FEATURES // 53 JOURNALIST MARIAPIA BRUNO PRESENTS A RECIPE HANDBOOK THAT COMBINES A LOVE FOR PAINTINGS WITH FUN FACTS ABOUT COOKING

Le cipolle caramellate secondo la ricetta di Vincent Van Gogh/Caramelised onions according to the recipe of Vincent Van Gogh

Il dessert surrealista amato da Salvador Dalì/Surrealist dessert appreciated by Salvador Dalì

Every evening, Frida Kahlo would prepare dishes with a flavour as strong as her canvases. Georgia O’Keeffe loved spinach and healthy food, whereas Pablo Picasso could not resist a chocolate charlotte. Journalist Mariapia Bruno presents 79 new recipes in an exquisite itinerary among kitchens and ateliers in her book entitled Let’s Bake Art, taken from her blog with the same name. “Claude Monet painted home-made cakes and tasty roasts in his Déjeuner sur l'herbe. As a lover of good food and an excellent cook, he even wrote a curious cooking manual. Flicking through the pages, I wondered if other painters harboured the same love for cooking,” recounts the author. A historical introduction about works and authors – from the Flemish to contemporaries – is followed by suggestions to follow and scenes from domestic life. “I discovered the personal habits of artists by reading their biographies. Roy Lichtenstein, for example, loved baking sugary croissants for his son.” A lot of curious facts arise from among the pots and pans and paintbrushes: Tommaso Marinetti preferred rice as he considered it more futuristic than pasta, 17th-century Dutch artists filled their paintings with exotic food and young painter Paolo Maggis included farm produce from the Libera Terra association against the mafia in his works. This is a book for everyone. “It aims to encourage those who feel excluded to join the world of exhibitions. At times a dish of carbonara can work miracles.” The recipes included in the book – from caramelised onions by Van Gogh to a surrealist dessert by Salvador Dalì – can also be found in a video on the YouTube Let’s Bake Art channel. E

SPECIALE EXPO2015


ASUS consiglia Windows.

Visibilmente perfetto. STILE INCONFONDIBILE

UN INCANTEVOLE PUNTO DI VISTA

PRESTAZIONI MOZZAFIATO

Design elegante e senza tempo:

Il display VisualMaster 4K/UHD con risoluzione

Massima versatilità anche negli utilizzi più intensi

ZenBook Pro UX501 non è fatto

3840 x 2160 pixel regala immagini e contenuti sempre

grazie al processore Intel® Core™ i7

per passare inosservato.

nitidi, brillanti e straordinariamente dettagliati.

e al sistema operativo Windows 8.1.

Un notebook ASUS è un investimento sicuro! In caso di guasti entro i primi 12 mesi sarà riparato gratuitamente e riceverai un indennizzo pari al prezzo di acquisto. Per tutti i dettagli visita: www.latuagaranzia.com

Segui ASUS Italia

Acquista un notebook ASUS Ottieni Windows 10 gratuitamente Esegui l’aggiornamento gratuito non appena disponibile su windows.com/windows10upgrade


E-CASE // 55

corsa la vita!

Che

IL 25 OTTOBRE SI CORRE LA 30ESIMA VENICEMARATHON. TESTIMONIAL DELL’EVENTO È IL FUORICLASSE ALEX ZANARDI

ALEX ZANARDI

di Luca Mattei

Ex pilota di Formula 1 e ora campione di handbike, la bici che si muove con le braccia, Alex Zanardi è il volto della 30esima Venicemarathon. La gara internazionale di oltre 42 chilometri chiude il 25 ottobre Venice to Expo 2015, il progetto che celebra in Laguna l’Esposizione Universale. Alla manifestazione sportiva e di beneficienza l’atleta partecipa in triplice veste: runner, testimonial e rappresentante della sua onlus, Bimbingamba, che realizza protesi per ragazzi che hanno subito amputazioni. Come mai è così legato all’evento? Il percorso di Venezia non è mai monotono, quando entri in città sei circondato da infinite bellezze. Per me la vita è un po’ come il caffè: puoi metterci tutto lo zucchero che vuoi, ma se non giri il cucchiaino non diventerà mai dolce. Ecco, diciamo che gli amici di Venicemarathon non smettono mai di girarlo. Sanno che un evento mediatico è un’occasione per lanciare messaggi sociali.

Perché ha creato una onlus? Mi piaceva l’idea di coinvolgere in un progetto di solidarietà l’équipe di ortopedici e fisioterapisti che mi ha curato. Con l’associazione aiutiamo i ragazzi poveri, orfani o senza assistenza sanitaria che hanno perso uno o più arti per incidenti, malattie o lesioni. Quanto conta per lei la sana alimentazione, al centro di Expo 2015? Può sembrare esagerato, ma devo la vita alle mie abitudini a tavola. Nel 2001 sono stato vittima di un incidente ancora oggi oggetto di studio e penso di essermi messo alle spalle quella disavventura perché avevo il fisico in ordine. I suoi prossimi impegni? I mondiali di Ironman alle Hawaii. Nel 2014 mi ero prefisso di percorrere quattro chilometri a nuoto, 180 in bici e 42 di maratona in dieci ore. L’ho fatto in nove ore e 47’. Ora voglio migliorare!

VENEZIA TRAVEL PLANNING 84 FRECCE GIORNALIERE 84 FRECCE TRAINS A DAY 8 30 46 Durata minima del viaggio Minimum journey time Roma T.ni-Venezia S.L. in 3h e 19 Firenze S.M.N.-Venezia S.L. in 2h e 05 Venezia M.-Rho Fiera EXPO in 2h e 45 Napoli C.le-Venezia S.L. in 4h e 53

RISPARMI CON SAVE WITH A/R in giornata A/R Weekend CartaFRECCIA Special CartaFRECCIA Young e/and Senior Speciale 2x1 Bimbi Gratis www.trenitalia.com

TRENO+HOTEL DELFINO **** Corso del Popolo, 211 treno+hotel a/at € 146 da/from Roma € 101 da/from Firenze € 96 da/from Milano www.frecciando.com

E

SPECIALE EXPO2015


56 // E-CASE

race that is life

The

THE 30TH EDITION OF VENICEMARATHON WILL TAKE PLACE ON 25 OCTOBER, WITH CHAMPION ALEX ZANARDI AS TESTIMONIAL

Alex Zanardi, former Formula 1 driver and current handbike champion – a bicycle you move using your hands – is the face for the 30 th edition of the Venicemarathon. On 25 October, this international competition covering over 42 kilometres will close Venice to Expo 2015, a project celebrating the Great Exhibition in Venice. This athlete will participate in the sport and charity event in three different guises: as runner, testimonial and representative of his non-profit organisation Bimbingamba, which makes artificial limbs for young people who have undergone amputations.

Why do you have such a strong bond with this event? The Venice race course is never boring; when you enter the city you are surrounded by infinite beauty. I consider life rather like coffee: you can add all the sugar you like, but it will never get any sweeter if you don’t stir it. Let’s say that my friends at Venicemarathon never stop stirring the coffee. They know that a media event is the chance to launch social messages. Why did you establish a non-profit organisation? I liked the idea of involving the orthopaedics and physiotherapists who took care of me in a solidarity project. Through this Association, we help the poor young people, orphans and those without health care who have lost a limb due to an accident, illness or injury. How important is healthy eating – the topic at the heart of Expo 2015 – to you? It may seem over the top but I owe my life to my eating habits. In 2001 I had an accident, which is still being studied, and I think the only reason I managed to put the incident behind me was because my body was in shape. What are your upcoming engagements? The Ironman World Championships in Hawaii. In 2014 I aimed to swim 4 kilometres, cycle 180 kilometres and run a 42-kilometre marathon in 10 hours. I did it in nine hours, 47 minutes. Now I want to do better!

Alex Zanardi

SPECIALE EXPO2015

E


58

ANTONIO PAPPANO ARRIVA ALLA SCALA DI MILANO PER IL FESTIVAL DELLE ORCHESTRE INTERNAZIONALI di Salvatore Coccoluto - Photo Musacchio&Ianniello

L’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, diretta da Antonio Pappano, mette la sua firma sulle battute finali dell’Esposizione Universale con la partecipazione al Festival delle Orchestre Internazionali. L’appuntamento è per domenica 11 ottobre al Teatro alla Scala di Milano con un concerto incentrato sulle sinfonie di Ludwig Van Beethoven e le composizioni di Gaspare Spontini. Per l’occasione, il direttore e i suoi musicisti raggiungono la città dell’Expo da Roma a bordo di un Frecciarossa. «Amo tantissimo il treno – sottolinea il Maestro – perché mi dà il tempo di perdermi nei pensieri, leggere o studiare mentre il vagone scivola leggero sui binari. Mi piace anche il rapporto che si stabilisce con i passeggeri: incroci persone che forse non vedrai mai più nella vita, ma ti capita di raccogliere racconti che hanno il fascino della fuggevolezza, dell’inafferrabilità. Insomma, è un mezzo che può essere vettore privilegiato di grandi storie». Partenza concomitante per la nuova stagione sinfonica dell’Accademia romana, che propone un vasto programma con ospiti internazionali: dalla bacchetta di Fabio Luisi a mostri sacri del pianoforte come Grigory Sokolov, Krystian Zimerman e Daniil Trifonov. In cartellone anche l’Opera Così fan tutte, diretta da Semyon Bychkov, e la Messa da Requiem di Giuseppe Verdi, guidata da Manfred Honeck. Pappano salirà sul palco capitolino per 15 serate tra ottobre e novembre in cui dirigerà le nove Sinfonie di Beethoven: «Un prodigio al quale ho voluto accostarmi nel mio decimo anno a Santa Cecilia. Ho ideato un progetto che sottolineasse l’attualità di questo compositore». E OTTOBRE 2015

magiche BACCHETTE


E-CASE // 59

The Accademia Nazionale di Santa Cecilia Orchestra conducted by Antonio Pappano will play its part in the final stages of the Great Exhibition by participating in the Festival of International Orchestras on Sunday 11 October at the Teatro alla Scala in Milan with a concert focussing on the symphonies of Ludwig Van Beethoven and compositions by Gaspare Spontini. The conductor and his musicians will travel to the Expo city from Rome on a Frecciarossa train for the occasion. “I love travelling by train,” stated the Maestro, “as it gives me the time to lose myself in thought, read or study as it moves lightly along the tracks. I also like the relationships you make with other passengers: you meet people you may never see again but happen to hear tales with all the charm of their fleeting and elusive nature. I mean, it’s a way of travelling that may also be the privileged carrier of great stories.” The new symphonic season of this Rome Academy begins at the same time with a vast programme of international guests: from the baton of Fabio Luisi to revered masters of the piano such as Grigory Sokolov, Krystian Zimerman and Daniil Trifonov. There is also a chance to see the Opera Così fan tutte conducted by Semyon Bychkov and Giuseppe Verdi’s Messa da Requiem conducted by Manfred Honeck. Pappano shall take the stage in Rome for 15 evenings between October and November when he will conduct the Nine Symphonies of Beethoven, “A prodigy I wished to represent for my tenth year at Santa Cecilia. I wanted to come up with a project that highlighted this composer’s contemporary nature.”

ANTONIO PAPPANO

batons MAGIC

ANTONIO PAPPANO ARRIVES AT THE SCALA IN MILAN FOR THE FESTIVAL OF INTERNATIONAL ORCHESTRAS

E

SPECIALE EXPO2015


62

Assaporare il pianeta

SONO OLTRE 328MILA LE RICETTE RACCOLTE DA WORLD RECIPES, IL PROGETTO DI EXPO 2015 CHE CONSENTE DI SCOPRIRE LE TRADIZIONI ALIMENTARI DEL MONDO di Dario Colombo

© Africa Studio/Fotolia.com

Prendete 2.500 persone tra cuochi e appassionati di cucina. Aggiungete ingredienti in arrivo da oltre 120 Paesi del mondo. E shakerate a piacere spolverando con una buona dose di creatività. Il risultato? Un progetto per assaporare il pianeta battezzato World Recipes che, a un mese dalla fine di Expo 2015, conta oltre 328mila ricette suddivise tra il portale italiano e quello internazionale. L'idea di un sito che raccogliesse l’eredità culinaria dell'Esposizione Universale è stata degli organizzatori della kermesse. Responsabile editoriale dell’iniziativa è la food blogger Paola Sucato, capace di intercettare le proposte dei vari padiglioni ma anche quelle di semplici appassionati. «Abbiamo raccolto idee da tutto il mondo», racconta l'animatrice di World Recipes, «usando gli aggregatori Rss, chiedendo il contributo degli

E OTTOBRE 2015

utenti ma anche invitando i visitatori della Fiera a lasciare le loro ricette da condividere sul web». Da non dimenticare, poi, il sostegno degli chef ambassador di Expo, come Antonino Cannavacciuolo, Carlo Cracco e Massimo Bottura, tre monumenti della cucina nostrana. Anche il Gruppo FS Italiane ha voluto partecipare donando il ricettario dell'Alta Velocità, con i prodotti tipici delle città raggiunte dalle Frecce conditi da suggerimenti per cucinarli. Grazie al sostegno arrivato da più parti, è quindi possibile portare in tavola un pezzo di mondo: ci si collega al sito, si seguono le indicazioni delle ricette e il gioco è fatto, con tanto di note informative sul valore nutrizionale e l'impatto ambientale di ciascun piatto. E non importa, puntualizza la Sucato, «se abbiamo ricevuto tante ricette di pasta al pomodoro: nessuna è mai uguale alle altre». worldrecipes.expo2015.org


KITCHEN // 63

Savouring the planet

OVER 328 THOUSAND RECIPES HAVE BEEN GATHERED BY WORLD RECIPES, THE EXPO 2015 PROJECT THAT HELPS YOU DISCOVER FOOD TRADITIONS WORLDWIDE Take 2,500 chefs and lovers of cooking. Include ingredients from 120 countries around the world. Shake to your pleasure and add a good sprinkling of creativity. What do you get? A project to savour the world called World Recipes which, with the end of Expo 2015 still one month away, already includes over 328 thousand recipes shared between the italian and international portals. The idea of a site on which to store the culinary heritage from the Great Exhibition came from its organisers. The senior editor for this initiative is food blogger Paola Sucato, who has collected ideas from exhibition pavilions and those who simply love cooking alike. “We have gathered ideas from all over the world,” says the catalyst of World Recipes, “using RSS readers, contributions from users and also inviting Exhibition

visitors to provide their recipes to share online.” Without forgetting the support provided by Expo Ambassador Chefs such as Antonino Cannavacciuolo, Carlo Cracco and Massimo Bottura, three monuments in Italian cuisine. Gruppo FS Italiane also decided to participate by donating the High Speed recipe book including local products from the cities served by Frecce trains dressed with suggestions on how to cook them. Contributions from various sides therefore ensure you can serve a piece of the world: go the site, follow the recipes and voilà! There is also plenty of information concerning the nutritional values and environmental impact of each dish. As Ms Sucato pointed out, it doesn’t matter, “if we received numerous recipes for pasta with tomato sauce; no two dishes are alike.”

E

SPECIALE EXPO2015


COME TO CASA This is where the legend lives

STORE MUSEUM

TICKET OFFICE

HEADQUARTERs

RESTAURANT

VIA ALDO ROSSI 8 – MILANO METRO LINE M1 (RED) – LOTTO STATION


VIENI A CASA

COME TO CASA

Casa Milan è l’headquarter rossonero che, inaugurato un anno fa, è già stato visitato da decine di migliaia di turisti provenienti da ogni angolo del mondo. Grazie agli innovativi spazi commerciali, accoglie ogni giorno tifosi milanisti e appassionati di calcio internazionale e di design. Oltre agli spazi riservati agli uffici aziendali, Casa Milan comprende infatti anche il Museo Mondo Milan, il ristorante Cucina Milanello, il negozio ufficiale Milan Store e la biglietteria. Aperta al pubblico 7 giorni su 7, dalle ore 10 alle ore 20, Casa Milan si pone quale luogo di grande interesse per tutti coloro che visiteranno Milano nel corso di Expo. Sono inoltre numerosi gli eventi culturali e le attività di intrattenimento che verranno organizzati in questi mesi e che sono stati pensati per tutti i visitatori presenti in città.

Casa Milan, the Rossoneri headquarters inaugurated a year ago, has already been visited by several thousand tourists coming from every corner of the world. Thanks to the innovative commercial spaces, it hosts every day AC Milan’s fans and international football and design enthusiasts. In addition to the areas occupied by the club’s offices, Casa Milan comprises indeed also the Mondo Milan Museum, the Cucina Milanello restaurant, the official Milan Store and the ticket office. Open to the public 7 days a week, from 10 am to 8 pm, Casa Milan is a place of great interest for all those who will visit Milan during Expo. Moreover, numerous cultural events and entertaining activities addressed to all the visitors of the city will be organized in this unique location.

RHO/FIERA

LOTTO

DUOMO MM1

LA FABBRICA DELLE COPPE

THE TROPHY FACTORY

Una mostra che racconta la storia e la produzione della Coppa del Mondo FIFA, la Coppa UEFA e la Supercoppa UEFA. Per la prima volta verranno esposti i bozzetti e i modelli in gesso dello scultore che le ha disegnate, Silvio Gazzaniga.

An exhibition that explores the history and production of the 2006 FIFA World Cup Winner’s Trophy, with the first-ever presentation of the original sketches by sculptor Silvio Gazzaniga who designed them.

La mostra è allestita all’interno del Museo Mondo Milan.

The exhibition is hosted at the Museum Mondo Milan.

Museo Mondo Milan

Milan Store

VIA ALDO ROSSI 8 – MILANO


KITCHEN // 65

World Pasta Day IL 25 OTTOBRE SI FESTEGGIA IL PIATTO SIMBOLO DELL’ITALIA E DELLA DIETA MEDITERRANEA di Ida De Santis

© Rido/Fotolia.com

Fresca o all’uovo, di grano duro o saraceno, ma anche di farro, mais, riso o kamut. Da secoli, la pasta ha il privilegio di nutrire milioni di persone. È il laganon, una sfoglia sottile tagliata a strisce dagli antichi greci, il vero antenato di questo piatto, ma furono gli arabi i primi a essiccarla per poterne permettere la conservazione. In Italia, secondo il geografo arabo Al-Idrin, esordisce nel 1154 a Palermo, mentre nel 1279 è il notaio genovese Ugolino Scarpa a farne menzione stilando l’inventario di un defunto fra i cui lasciti compare una “bariscela plena de macaronis”. La sua fama è cresciuta progressivamente nel tempo, tanto che nel 1998 Napoli ha festeggiato il primo World Pasta Day, che da allora si tiene con cadenza annuale. Promossa dall’organizzazione internazionale no profit Ipo e dall’associazione Aidepi, dopo aver toccato città come Istanbul, Genova, Roma, New York, Barcellona, Città del Messico e Rio de Janeiro, il 25 ottobre la manifestazione arriva a Expo Milano 2015 sotto il patrocinio della Commissione nazionale italiana per l’Unesco. Nei due giorni successivi il World Pasta Congress ospita produttori, economisti, chef e nutrizionisti di tutto il mondo pronti a confrontarsi sulle qualità nutrizionali del piatto emblema d’Italia e della dieta mediterranea. www.worldpastaday2015.org

E

SPECIALE EXPO2015


66 // KITCHEN

World Pasta Day THE SYMBOLIC DISH OF ITALY AND THE MEDITERRANEAN DIET WILL BE CELEBRATED ON 25 OCTOBER

© Giuseppe Porzani/Fotolia.com

Fresh or egg, durum or buckwheat, or even made with hulled, corn, rice or Khorasan wheat. Pasta has been the leading nourishment for millions of people for centuries. Laganon, a thin dough cut into strips by ancient Greeks, is the real ancestor of this dish, however Arabs were the first people to dry it so it could be preserved. As far as Italy is concerned, according to Arab geographer Al-Idrin pasta was first used in Palermo in 1154, whereas in 1279 Ugolino Scarpa – a notary from Genoa – first mentioned it in an inventory he drew up regarding a deceased person who left, among other things, a “bariscela plena de macaronis” (a basket filled with macaroni). Its fame grew progressively over time until the first-ever World Pasta Day was celebrated in Naples in 1998 and has been held every year ever since. This event is promoted by international non-profit organisation IPO and the Aidepi Association and showcased in cities such as Istanbul, Genoa, Rome, New York, Barcelona, Mexico City and Rio de Janeiro before arriving on 25 October at Expo Milano 2015 under the aegis of the Italian Commission for the United Nations. The two-day World Pasta Congress will host manufacturers, economists, chefs and nutritionists from all over the world to discuss the nutritional qualities of the symbolic dish of Italy and the Mediterranean diet.

SPECIALE EXPO2015

E


68 Un viaggio a tappe per far conoscere l’oro verde del Belpaese. Girolio d’Italia è il percorso dell’extravergine dedicato ai temi di Expo 2015, organizzato dall’Associazione nazionale città dell’olio in collaborazione con le amministrazioni regionali. Quest’anno il re della tavola nostrana non viaggia da solo, ma con un’ospite d’eccezione: la Carta di Milano. Gli obiettivi alla base del documento, che rappresenta l'eredità culturale dell’Esposizione Universale, riflettono quelli dell’iniziativa: promuovere stili di vita sani, favorire l’agricoltura sostenibile e ridurre gli sprechi alimentari. A ogni tappa la Carta viene presentata ufficialmente per la sottoscrizione, aperta a tutti i cittadini e alle istituzioni. Ma sono previsti anche mercatini di prodotti tipici, visite guidate a oliveti e frantoi, degustazioni ed eventi culturali per valorizzare le tradizioni legate alla memoria storica del territorio. Il giro è partito a luglio tra i sassi di Matera in Basilicata, dopodiché pit-stop in Molise, Abruzzo, Campania e Puglia. Il 10 ottobre la carovana verde approda sulle rive del lago d’Iseo, nel comune lombardo di Marone Monte Isola (BS): i bambini diventano protagonisti di un incontro sui colori della dieta mediterranea, rivolta invece agli adulti una rappresentazione teatrale dedicata all’ulivo, con aperitivo a tema. Dal 23 al 25 si scende in Umbria, con Foligno che apre le porte delle sue taverne. L’ultima fermata ottobrina è fissata venerdì 30 ad Arco (TN), in Trentino. Il viaggio prosegue nel mese di novembre a Imperia, in Liguria, a Illasi (VR) in Veneto e a Rosignano Marittimo (LI) in Toscana. E OTTOBRE 2015

FINO A DICEMBRE UN TOUR ITINERANTE ALLA SCOPERTA DELL’EXTRAVERGINE. CON UN’OSPITE D’ECCEZIONE: LA CARTA DI MILANO di Serena Berardi - Photo Roberto Socci


TRAVEL // 69

Italian oil tour

The

GIROLIO HELPS DISCOVER EXTRA-VIRGIN OLIVE UNTIL DECEMBER. WITH AN EXCEPTIONAL GUEST: THE MILAN CHARTER

A journey with various stops to showcase Italy’s green gold. Girolio d’Italia is the itinerary for extra-virgin oil dedicated to the topics entailed in Expo 2015 organised by the Associazione nazionale città dell’olio (Italian association for oil-producing towns) in collaboration with regional authorities. This year the undisputed King of the table in Italy will not travel alone but with an exceptional guest: the Milan Charter. The objectives behind this document, which is the cultural heritage from the Great Exhibition, reflect those of the event, i.e. to encourage healthy lifestyles, support sustainable agriculture and reduce food waste. This Charter will be presented at every stop to allow both the general public and institutions to sign it. There will also be market stalls selling local products, guided tours to olive groves and oil presses, tastings and cultural events to celebrate longstanding local traditions. The tour began among the renowned stones from the city of Matera in Basilicata followed by pit stops in Molise, Abruzzo, Campania and Puglia. On 10 October, the event will arrive at Iseo Lake in the municipality of Marone Monte Isola (Brescia) where children become the stars of an event regarding the colours in the Mediterranean diet and adults can enjoy a play dedicated to the olive tree with a special aperitif. Then down to Umbria from 23 to 25 when Foligno opens the doors to its taverns. The last October stop will take place on Friday 30 in Arco (Trento) and the journey continues through Imperia in Liguria, Illasi (Varese) in Veneto and Rosignano Marittimo (Livorno) in Tuscany in November. E

SPECIALE EXPO2015


SENSORY & CONSUMER BEHAVIOR

INTENSIVE INSIGHTS ON ECONOMICS, LAW AND MARKETING IN THE WINE SECTOR

FRONTAL LESSONS WITH PERSONALITIES FROM THE WORLD OF WINE EXPORTS, 4 DAYS WORKSHOPS AT VINITALY, VISITS TO WINERIES AND BUSINESS GAME

Università di Camerino a.a. 2015/2016

Comune di Matelica

Master di 1° livello

Wine Export Management Camerino / Matelica 20 novembre 2015 - 19 novembre 2016 Il master di 1° livello in Wine Export Management forma professionisti esperti nel marketing, nel sensory and consumer behaviour, nel wine business, che sappiano applicare sistemi di regole cogenti e volontarie nei mercati di riferimento. Il master ha una dimensione internazionale grazie al coinvolgimento di prestigiosi docenti provenienti dal mondo accademico, produttivo, della distribuzione organizzata e della certificazione. I corsisti potranno migliorare ed accrescere le proprie conoscenze e competenze giuridiche, di management, marketing e comunicazione, internazionalizzazione e conoscenza del prodotto nel contesto economico globale. http://masterwineexportmanagement.unicam.it

Master in Wine Export Management


Note da mangiare UN CONCERTO IN CAMBIO DI PASTA, ZUCCHERO O BISCOTTI. PARTE IL BARATTO TOUR DEL PIANISTA MAURIZIO MASTRINI, CHE INTERPRETA LA MUSICA AL CONTRARIO di Gabriele Principato

Non ci sono biglietti d’ingresso né prevendite. Per assistere ai suoi concerti basta qualche pacco di biscotti, un po' di pasta, una scatola di zucchero o cereali da destinare a chi ne ha più bisogno. Questo è il modello solidale che il pianista Maurizio Mastrini sta portando in giro per l'Italia con il Baratto tour, sulle note del suo ultimo album The Pianist. Il pubblico che vuole partecipare alle serate può scambiare la magia della musica con generi di prima necessità, da donare ad associazioni e onlus. L’artista umbro è conosciuto per l’interpretazione della musica al contrario, in pratica legge le partiture classiche dall'ultima alla prima nota. E non è nuovo a eventi di questo genere: «Ho tentato un primo esperimento a Siena ad aprile. È stato un successo, sono riuscito a raccogliere 23 quintali di alimenti da dare in beneficenza, facendo quello che mi è più naturale, cioè suonare». Oltre a rappresentare occasioni concrete di solidarietà, questi appuntamenti sono anche una provocazione, un grido d'allarme per l’arte in Italia, colpita dalla grave carenza di fondi a disposizione. La tournée di Mastrini, organizzata con il supporto dell'associazione benefica Round Table Italia, parte il 3 ottobre da Assisi, per poi toccare Cremona (16), Prato (29), Firenze (30), Ascoli Piceno (13 novembre) e Udine (27). www.mauriziomastrini.com E

MAURIZIO MASTRINI

TRAVEL // 71

SPECIALE EXPO2015


72 // TRAVEL

Notes to eat

A CONCERT IN EXCHANGE FOR PASTA, SUGAR OR BISCUITS. PIANIST MAURIZIO MASTRINI’S BARTERING TOUR PLAYS MUSIC BACKWARDS

Il pianista Maurizio Mastrini/Pianist Maurizio Mastrini

There are no tickets or advance bookings. If you want to see one of his concerts, all you have to do is take a few packets of biscuits, some pasta or a packet of sugar or cereal to donate to those in need. This is the solidarity-based model that pianist Maurizio Mastrini is taking on tour around Italy on his Baratto tour to the notes of his latest album entitled The Pianist. Basically, anyone wishing to attend one of his concerts can barter the magic of his music with basic foodstuffs to donate to associations and non-profit organisations. This artist from Umbria is renowned for playing music backwards: basically he reads classical music scores from the SPECIALE EXPO2015

E

last note back to the first note. He is no newcomer to events of this kind: “I tried this for the first time in Siena in April. It was a huge success; I managed to collect quintals of food to donate to charity doing what comes naturally to me – playing music.” In addition to being an effective way of offering solidarity, these shows are also a provocation, a shout of alarm for art in Italy which has been seriously affected by a lack of funds. Mastrini’s tour, organised thanks to support from the Round Table Italia Charity, will commence in Assisi on 3 October and continue in Cremona (16), Prato (29), Florence (30), Ascoli Piceno (13 November) and Udine (27).


DAL 5 NOVEMBRE AL CINEMA #SPECTRE

007spectre.it


TRAVEL // 75

Quattro passi a tavola PERCORSI A PIEDI TRA ARTE, CULTURA E CIBO. IL 31 OTTOBRE 50 CITTÀ GUIDATE DA SIENA PARTECIPANO ALLA GIORNATA NAZIONALE DEL TREKKING URBANO

© Anna Omelchenko/Fotolia.com

di Francesca Ventre

Chi non cammina non mangia. Sabato 31 ottobre gambe in spalla in 50 città e 19 regioni d’Italia per visitare i gioielli artistici del Belpaese. Il gran finale, come Expo 2015 impone, è a tavola per deliziarsi con i sapori locali. Si presenta così la 12esima Giornata nazionale del trekking urbano, intitolata Cibo per l’anima, cibo per il corpo. L’iniziativa non stanca, ma anzi rinfranca corpo e spirito, con itinerari che consentono di scoprire angoli spesso trascurati e, tra un passo e l’altro, rilassarsi con degustazioni prelibate. Percorsi che comunicano storia, anche con forchetta e coltello in mano, e fanno a gara per offrire il meglio ai viandanti moderni. Capofila dell’iniziativa è Siena: appuntamento in piazza del Campo per un percorso lungo tre chilometri che, tra vicoli e stradine, offre la possibilità di ammirare capolavori mondiali come il ciclo degli affreschi del Pellegrinaio, nel complesso museale di Santa Maria della Scala. Qui è previsto anche l’assaggio del celebre panforte, la cui prima testimonianza è contenuta in una pergamena del 1205. In Sicilia, nel castello di Donnafugata a Ragusa, set della serie sul commissario Montalbano, si visita il labirinto in pietra più vasto al mondo. A Napoli, invece, è di rigore sorseggiare un caffè dagli ingredienti insostituibili: una buona miscela e l'acqua della città partenopea si fondono all’interno di una moka rigorosamente tradizionale. Tavole imbandite anche a Correggio (RE) con lo “scarpasot”, una torta salata con bietole e l’immancabile parmigiano reggiano. www.trekkingurbano.info E

SPECIALE EXPO2015


76 // TRAVEL

A walk at the table WALKING ITINERARIES THROUGH ART, CULTURE AND FOOD. ON 31 OCTOBER, 50 CITIES LED BY SIENA TAKE PART IN THE NATIONAL URBAN TREKKING DAY

Siena - Piazza del Campo

© Fotolia.com

If you don’t walk, you don’t eat. On Saturday 31 October people will put their walking legs on in 50 cities and 19 regions throughout Italy to visit the country’s artistic heritage. As is fitting for Expo 2015, the Grand Finale will take place at the table, where you can savour local delicacies. This is the idea behind the 12 th National Urban Trekking Day entitled Cibo per l’anima, cibo per il corpo (Food for the soul, food for the body). Performing does not tire you out but strengthens the body and soul through itineraries that allow you to discover places that are often neglected and – one step after another – relax and savour local delicacies.

SPECIALE EXPO2015

E

These are itineraries filled with history, even when you’re holding a knife and fork, and compete to offer the best to modern-day travellers. Siena is the leader of this initiative: participants will gather in piazza del Campo to undertake a three-kilometre itinerary among alleys and lanes offering them the chance to admire worldrenowned masterpieces such as the Pellegrinaio frescoes in the Santa Maria della Scala Museum, where you can taste the worldfamous panforte first mentioned in a parchment from 1205. You can visit the largest stone maze in the world at Donnafugata Castle in Ragusa, Sicily – used as the set for the Commissioner Montalbano television series – whereas in Naples you must partake of coffee with its irreplaceable ingredients: a good coffee blend and water from Naples merge in a strictly traditional mocha pot. Tables are also lavishly set with “scarpasot”, a savoury tart with chards and the unmissable Parmesan cheese in Correggio (Reggio Emilia).


© Giuseppe Senese - Direzione Centrale Media-Gruppo FS

78

TRENITALIA SFRECCIA PER EXPO TRENITALIA HURTLING TOWARDS EXPO IL GRUPPO FS ITALIANE CORRE A 300 ALL'ORA PER L'ESPOSIZIONE UNIVERSALE. L'AVVENIRISTICO FRECCIAROSSA 1000 IN SERVIZIO COMMERCIALE CON 20 CORSE TRA MILANO E ROMA di Luca Mattei

Il nuovo Frecciarossa 1000, non plus ultra dell’industria ferroviaria ad Alta Velocità, assicura 20 corse al giorno tra Roma e Milano e viceversa, con quattro fermate a Rho Fiera EXPO, sette prolungamenti da/per Torino e 14 da/per Napoli. Il supertreno è veloce, sicuro, confortevole, ecologico e capace di viaggiare su tutte le linee AV d’Europa. Sfreccia l'intera flotta Trenitalia per la E OTTOBRE 2015

migliore riuscita dell’Esposizione Universale. Da maggio, dieci milioni di passeggeri sono saliti a bordo per raggiungere il capoluogo lombardo e di questi ben cinque milioni hanno viaggiato su Frecciarossa. Si arriva direttamente nel cuore dell’evento grazie a oltre 240 collegamenti e 130mila posti al giorno da e per Milano, tra servizi nazionali e internazionali. Fermano alla stazione Centrale 78 Frecciarossa, 64 Frecciabianca, 36 treni internazionali e 38 Intercity e Intercity Notte. Mentre 12 Frecciarossa e quattro Intercity Notte arrivano a Porta Garibaldi, 22 Frecciarossa, quattro Frecciabianca e 19 Intercity e Intercity Notte a Rogoredo. Fino al 31 ottobre, 69 treni fermano a Rho Fiera EXPO

MILANO 2015. Inoltre, a Milano Centrale e a Roma Termini è allestito un desk informativo dedicato per l’intera durata della manifestazione. Sul fronte promozioni, con l’offerta A/R Speciale EXPO riduzione del 30% per l’acquisto di biglietti andata e ritorno. Un listino particolarmente conveniente anche per i gruppi scolastici con School Group Italy-Speciale Expo. Infine, Trenitalia mette in vendita i biglietti per visitare l’evento dell’anno. I ticket d’ingresso sono acquistabili con carta di credito sul sito trenitalia.com, in tutte le biglietterie e nelle settemila agenzie convenzionate, nei FRECCIAClub, tramite gli Uffici Gruppi e il call center a pagamento 892021.


TRAVEL FS // 79 GRUPPO FS ITALIANE HURTLES TOWARDS THE GREAT EXHIBITION AT 300 AN HOUR. THE FUTURISTIC FRECCIAROSSA 1000 NOW IN SERVICE WITH 20 SCHEDULES BETWEEN MILAN AND ROME The new Frecciarossa 1000, the ultimate in High Speed technology from the railway industry, entails 20 journeys between Rome and Milan and vice-versa every day, with 4 stops at Rho Fiera EXPO, 7 extended schedules from/to Turin and 14 from/ to Naples. This supertrain is fast, safe, comfortable, ecological and capable of running on all HS lines in Europe. The entire Trenitalia fleet hurtle to ensure the success of the Great Exhibition. Ten million passengers have boarded our trains to reach Milan since May, with as many as 5 million of these travelling on the Frecciarossa. You can directly reach the event by train thanks to over 240 scheduled domestic and international trains and 130 thousand seats to and from Milan every day – 78 Frecciarossa, 64 Frecciabianca, 36 international and 38 Intercity and Intercity Night trains will stop at the Central Station. Instead 12 Frecciarossa and 4 Intercity Night trains at Porta Garibaldi and 22 Frecciarossa, 4 Frecciabianca and 19 Intercity and Intercity Night trains at Rogoredo. Until 31 October, 69 trains will stop at Rho Fiera EXPO MILANO 2015. There will also be a special information desk at Milano Central and Rome Termini Stations. To reach the Universal Exposition, the A/R Speciale EXPO offer with a 30% discount on roundtrip tickets. There is also a particularly convenient price list for schools through School Group ltalySpeciale Expo. Finally, Trenitalia is selling tickets for the event of the year. Tickets can be bought by credit card online at trenitalia. com, in all ticket offices and 7 thousand authorised travel agencies, as well as in FRECCIAClub, Group Offices and Call Center 892021 (paid calls).

ALTA INGEGNERIA FS ALL’ESPOSIZIONE UNIVERSALE Tra le opere di forte impatto estetico costruite all’interno dell’area Expo c’è l’Open Air Theatre, struttura dedicata a concerti e spettacoli all’aperto, lunga 130 metri e larga 80. Costruita ricordando un anfiteatro, con un palco caratterizzato da una copertura reticolare in acciaio, è in grado di contenere oltre 12mila spettatori, di cui quattromila seduti. Italferr, società del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane, ne ha seguito la direzione lavori a partire da settembre 2014. Inoltre ha coordinato, in collaborazione con Expo Milano 2015 e Cirque du Soleil, gli interventi di adattamento e personalizzazione dell’opera originale necessari per l’accoglimento dello spettacolo Alla vita!, lo show del circo canadese che ha animato la location da metà maggio a fine agosto, registrando uno straordinario successo. Rete Ferroviaria Italiana ha potenziato l’infrastruttura del nodo di Milano con importanti interventi di upgrade tecnologico nei sistemi di gestione, controllo e distanziamento treni. L’obiettivo è stato quello di incrementare la capacità di traffico e ottimizzare le prestazioni in termini di puntualità e affidabilità della rete, in relazione all’offerta commerciale programmata, fino a ottobre, dalle imprese ferroviarie di trasporto. RFI, oltre ad aver migliorato l’accessibilità, l’illuminazione e il decoro negli scali ferroviari dell’area metropolitana, nella stazione Rho Fiera EXPO MILANO 2015 ha aperto la Sala Blu per l’assistenza ai viaggiatori a mobilità ridotta. Operativa tutti i giorni, festivi inclusi, dalle 8 alle 23, è collegata direttamente al sito dell’Esposizione, posizionata nel sottopassaggio pedonale della stazione e facilmente raggiungibile tramite scale mobili e ascensori. Tra maggio e agosto sono stati circa 900 i servizi di assistenza effettuati: 56,5% per viaggiatori in carrozzina, 16,7% per persone disabili deambulanti, 25% per clienti non vedenti e ipovedenti, 1,8% per non udenti e ipoudenti.

FS HIGH ENGINEERING AT THE GREAT EXHIBITION

Works built within the Expo area with a strong visual impact include the Open Air Theatre, a 130-metre long and 80-metre wide structure used for open-air concerts and shows. It was built in the fashion of an amphitheatre, its stage has a steel net cover and it can hold over 12 thousand spectators, four thousand of whom seated. Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane subsidiary Italferr was responsible for directing works on this structure as of September 2014. This company also coordinated, in collaboration with Expo Milano 2015 and Cirque du Soleil, works to adapt and customise the original project especially for Alla vita!, the highly-successful show staged by the Canadian Circus that took place in this location from mid-May to the end of August. Rete Ferroviaria Italiana improved the infrastructure at the Milan hub through important technological upgrades to the train management, control and distancing systems in order to increase traffic capacity and optimize performances in terms of punctuality and reliability for the services scheduled by rail companies until October. In addition to improving accessibility, lighting and decorum in the metropolitan area, the company also opened a Sala Blu providing services to passengers with reduced mobility at Rho Fiera EXPO MILANO 2015 station. This Lounge is open from 8AM to 11PM every day, including Sundays and Bank Holidays, and directly connected to the Exhibition site, which passengers can reach using escalators and lifts located in the pedestrian subway at the station. Around 900 support services were provided between May and August: 56.5% for passengers in wheelchairs, 16.7% for those with walking disabilities, 25% for blind and partially-sighted people and 1.8% for deaf and hearing-impaired customers.

Open Air Theatre © Stefano Marigliani

E

SPECIALE EXPO2015


80

Recycling Expo Il Padiglione Monaco/Monaco Pavilion Š Media Centre Release

E OTTOBRE 2015


PROJECT // 81 DAL CAMPUS UNIVERSITARIO ALLA POSTAZIONE DELLA CROCE ROSSA, ECCO COME VERRANNO RIUTILIZZATI I PADIGLIONI DOPO LA FINE DELL’ESPOSIZIONE UNIVERSALE

FROM UNIVERSITY CAMPUS TO A RED CROSS STATION, HERE’S HOW THE PAVILIONS WILL BE USED ONCE THE GREAT EXHIBITION ENDS

Cosa resterà di Expo 2015? Al di là della Carta di Milano, eredità immateriale dell’Esposizione, già da mesi si moltiplicano le ipotesi sul futuro dell’area che comprende decumano, cardo e padiglioni. Alcuni Paesi hanno portato avanti l’ottica della sostenibilità fin dall’inizio, ipotizzando diversi progetti per il riutilizzo delle strutture. Altri, invece, hanno atteso prima di sfornare idee interessanti, che in molti casi sono arrivate durante le visite dei grandi del mondo alla kermesse internazionale. Il Comune di Milano e la Regione Lombardia hanno proposto di realizzare un campus universitario nell'area di Rho Fiera e si sono già assicurati le "case dell’acqua": i distributori che hanno dissetato milioni di visitatori nel semestre verranno redistribuiti sul territorio urbano.

What will remain of Expo 2015? Beyond the Milan Charter – the Exhibition’s intangible legacy – theories regarding the future of the area comprising the Decumano, Cardo and pavilions have proliferated over the last few months. A number of countries have focussed on sustainability since the beginning, hypothesising various projects to reuse these structures. Others took their time before airing interesting ideas, which in many cases occurred during visits of the international exhibition by world leaders. Milan Municipality and Lombardy Regional Authority proposed building a large university campus in the Rho Fiera area and have already assured a way of using the "water houses"; the distributors responsible for giving water to millions of thirsty visitors over the six-month duration of the Exhibition will be relocated around the city.

di Carlo Valentino

E

SPECIALE EXPO2015


A PREZZI SPECIALI

CON

Con l'offerta School Group Italy i gruppi scolastici potranno raggiungere l’Esposizione Universale a prezzi speciali. Info sul sito trenitalia.com

Trenitalia. Chi ti dà di più? In occasione dell’Expo 2015, per viaggi delle comitive scolastiche dal 29/04/2015 al 02/11/2015 per le relazioni con origine/destinazione le stazioni di Milano o Rho Fiera Expo, su tutti i treni del servizio nazionale in 2a classe, livello Standard e servizio cuccette, è prevista l’applicazione di prezzi speciali, differenziati per relazione e tipologia di servizio: da 15 € per viaggi su treni Frecciarossa; da 10 € per viaggi su treni Frecciabianca; da 8 € per viaggi su treni Intercity e Intercity Notte (posti a sedere); 40 € per viaggi su treni Intercity Notte (cuccette). Ogni 15 studenti, verrà emesso un biglietto gratuito per un accompagnatore (fino ad un massimo di 5). L’offerta non si cumula con altre riduzioni, ad eccezione di quella prevista per i ragazzi da 4 a 15 anni (non compiuti). Si applicano, per quanto compatibili, le altre condizioni dell’offerta School Group Italy. Le operazioni di cambio prenotazione/biglietto e rimborso sono soggette a restrizioni. È possibile richiedere un preventivo e/o acquistare l’offerta presso le biglietterie di stazione, gli Uffici Gruppi e le agenzie di viaggio partner Trenitalia. Maggiori informazioni anche su www.trenitalia.com, sezione Offerte e Servizi.

www.trenitalia.com

© Fotolia - © olly - © FS Italiane | DCCEM

LE SCUOLE RAGGIUNGONO


PROJECT // 83 The Tree of Life – symbol of the Italia Pavilion – may be donated to Milan as there has been talk of its relocation in piazzale Loreto for some time now. The steel and wood tower is the second legacy left to this city after the Acquario Civico (Civil Aquarium) located in the Parco Sempione since 1906, the year of the Transport Exhibition. The red tiles used for the stand of Chinese property colossus Vanke will be sold to raise money to renovate the area housing the ancient Chinese temple of Guangrenwang, which was built over one thousand years ago in the Shanxi province and is now closed to tourists due to a lack of funds. You can support this project in one of two ways: either donate 1.50 euros to take part in renovation of the area or become a dragon scale supporter by donating 580 euros, which entitles you to own a tile and have your name engraved on an installation to be built in the temple garden.

© Alfonso Catalano/SGPITALIA

L’Albero della vita, simbolo di Padiglione Italia, potrebbe essere donato al capoluogo lombardo, visto che da tempo si parla di una sua ricollocazione in piazzale Loreto. La torre di acciaio e legno sarebbe il secondo lascito che arriva alla metropoli dopo l'Acquario Civico, al Parco Sempione dal 1906, anno dell’Esposizione sui trasporti. Le piastrelle rosse che ricoprono lo stand del colosso immobiliare cinese Vanke verranno invece vendute per ristrutturare l’area dell'antico tempio cinese Guangrenwang, costruito più di mille anni fa nella provincia dello Shanxi e ora chiuso ai turisti per mancanza di fondi. Ci sono due modi per sostenere il progetto: fare un'offerta di 1 euro e mezzo per partecipare alla rinascita della zona o diventare dragon scale supporter con una donazione di 580 euro che dà diritto a possedere una propria piastrella e ad avere il proprio nome inciso sull’installazione che verrà costruita nel giardino del tempio.

Padiglione Coca-Cola/Coca-Cola Pavilion

E

SPECIALE EXPO2015


84 // PROJECT Le piastrelle rosse del Padiglione Vanke/The red tiles used for the Vanke Pavillion

The trees planted in the Austrian Pavilion forest will be moved to an area around Bolzano. The New Holland area and its oblique garden will become part of an innovative teaching farm in the country while the Principality of Monaco has made a great gesture of solidarity: the containers used for the building will be taken by ship to Burkina Faso and, once rebuilt, will become a Red Cross station. Finally, the Coca Cola Island will be used as a roof for a basketball court and on 1 November will be donated to local authorities in Milan, which will almost certainly offer this to one of the most deprived neighbourhoods in the city.

© Vincenzo Tafuri/La Freccia

Palermo no smog

Da giovedì 8 a domenica 11 ottobre, Palermo ospita No Smog Mobility, manifestazione dedicata alle soluzioni ecosostenibili nel settore dei trasporti pubblici e privati, individuali e collettivi. La prima giornata di lavori è dedicata al tema della viabilità, mentre la seconda sarà articolata su forum monotematici: carburanti alternativi, car e bike sharing, componenti e accessori, emissioni zero. Durante il weekend, le concessionarie delle marche partner dell’evento daranno la possibilità al pubblico di provare su strada veicoli non inquinanti.

No smog Palermo

Gli alberi del bosco impiantato nel padiglione austriaco finiranno in una zona verde nei dintorni di Bolzano. Lo spazio New Holland, con il suo giardino obliquo, diventerà parte di un’innovativa fattoria didattica nel Paese, mentre un grande gesto di solidarietà arriva dal Principato di Monaco: i container che compongono l’edificio arriveranno in Burkina Faso trasportati da una grande nave e, una volta ricomposti, daranno vita a una postazione della Croce Rossa. Infine, l’isola della Coca Cola si ergerà a copertura di un campo da basket e dal 1° novembre sarà donata agli enti locali di Milano che, quasi sicuramente, lo offriranno a uno dei quartieri più disagiati della città. SPECIALE EXPO2015

E

© Media Centre Release

Palermo will host No Smog Mobility – an event dedicated to eco-sustainable solutions for individual and collective public and private transport – from Thursday 8 to Sunday 11 October. The first day is dedicated to road systems, whereas the second day will entail topic-based forums: alternative fuels, car and bike sharing, components and accessories, zero emissions. Throughout the weekend, partner brand salesrooms will give people the chance to test-drive non-polluting vehicles.

Il padiglione austriaco/Austria Pavilion


UNINDUSTRIA REGGIO EMILIA


© Vincenzo Tafuri/La Freccia

86

Prevenzione ad Alta Velocità PARTE IL 1° OTTOBRE LA QUINTA EDIZIONE DI FRECCIAROSA, LA CAMPAGNA A 300 ALL’ORA PER LA SENSIBILIZZAZIONE SUL TUMORE AL SENO di Adriana Bonifacino

[Presidente IncontraDonna onlus e responsabile dell’Unità di diagnosi e terapia in senologia, Azienda ospedaliera Sant’Andrea, Sapienza Università di Roma] [President of IncontraDonna onlus and manager of the Rome Sapienza University Sant’Andrea Hospital Department of Senology Diagnosis and Treatment]

E OTTOBRE 2015

Dall’Esposizione Universale parte Frecciarosa 2015, il progetto ideato da IncontraDonna onlus in partnership con Ferrovie dello Stato, Trenitalia, Ministero della Salute ed Expo Milano. Nelle quattro edizioni precedenti si contano oltre cinque milioni di contatti informativi in tutta Italia e nei FRECCIAClub delle maggiori stazioni, tremila visite senologiche a bordo treno e più di mille consulenze gratuite. Momenti che non sono rimasti episodi isolati, ma hanno dato vita a con un programma di continuità diagnostica e di cure. Il mese di ottobre è dedicato alla prevenzione del tumore del seno, che conta in Italia circa 50mila nuovi casi all’anno (il 2% negli uomini), colpendo donne sempre più giovani, il 10% al di sotto dei 40 anni. Una vera malattia sociale che, se riconosciuta per tempo, ha una percentuale

di guarigione pari al 95-98%. Frecciarosa promuove il benessere di tutta la famiglia anche attraverso un vademecum, introdotto dal Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, distribuito gratuitamente sui convogli. Nel documento, scaricabile da fine mese anche sul sito www.incontradonna.it, informazioni sull’alimentazione (Debora Rasio), l’attività fisica (Attilio Parisi e Claudia Cerulli), il tumore del seno (Adriana Bonifacino, Giuseppe Giannini, Francesca Rovera) e del colon (Emilio Di Giulio e Vito Corleto) e sul papilloma virus-HPV (Maria Rosaria Giovagnoli e Michele Conversano). Ma la campagna di sensibilizzazione si focalizza anche sull’importanza della vaccinazione anti-HPV per gli adolescenti maschi e femmine a partire dagli 11 anni. www.incontradonna.it info@incontradonna.it


High Speed Prevention THE FIFTH EDITION OF THE 300KM-AN-HOUR FRECCIAROSA CAMPAIGN TO RAISE AWARENESS OF BREAST CANCER BEGINS ON 1 OCTOBER

consultancies provided. These events must not remain isolated episodes but continue through an on-going programme of diagnoses and treatment. October is dedicated to preventing breast cancer, which in Italy entails around 50 thousand new cases each year (2% in men) and affects women at an increasingly younger age (10% under the age of 40). This is a fully-fledged social disease

which has a recovery rate of 95-98% if discovered in time. Frecciarosa promotes the well-being of the whole family via a handbook including an introduction by Minister of Health Beatrice Lorenzin distributed free of charge on trains. This document, which can also be downloaded at www. incontradonna.it as of the end of the month, provides information on eating (Debora Rasio), exercise (Attilio Parisi and Claudia Cerulli), breast cancer (Adriana Bonifacino, Giuseppe Giannini, Francesca Rovera), colon cancer (Emilio Di Giulio and Vito Corleto) and the papilloma virus (Maria Rosaria Giovagnoli and Michele Conversano). The campaign also focusses on the importance of the HPV vaccine for boys and girls over the age of 11.

Š Creatività e Broadcasting FS Italiane

The fifth edition of Frecciarosa, a campaign established by IncontraDonna onlus in partnership with Ferrovie dello Stato, Trenitalia, the Ministry of Health and Expo Milano 2015, starts at the Great Exhibition. Over the four previous editions, five million contacts were made throughout Italy and in the FRECCIAClubs in larger stations, three thousand breast check-ups were carried out on trains and over one thousand free

SALUTE // 87

Adriana Bonifacino

E

SPECIALE EXPO2015


88

madrina salute

La della

AVER CURA DI SÉ E NON DIMENTICARE I CONTROLLI DI RITO. I CONSIGLI DELL’ATTRICE ELENA SOFIA RICCI, VOLTO DELLA CAMPAGNA FRECCIAROSA

ELENA SOFIA RICCI

di Antonella Caporaso - Photo Marco Rossi

Attenta, elegante e sempre bellissima, l’attrice Elena Sofia Ricci è la madrina 2015 di Frecciarosa, la campagna di prevenzione sul tumore al seno targata IncontraDonna onlus e FS Italiane. Come si è avvicinata all’iniziativa? Ho conosciuto Adriana Bonifacino, presidente dell’associazione, 14 anni fa per la prima mammografia. Mi coinvolse nelle sue attività di sensibilizzazione e da allora sono rimasta legata ai suoi progetti. Effettua sempre le visite periodiche consigliate? Certo, non possiamo decidere la durata della nostra esistenza, ma adottare stili di vita sani può migliorarla. In che modo? Con una dieta variata, che comprende tutti gli alimenti nelle giuste dosi, senza troppe privazioni. Vuole lanciare un messaggio alle nostre lettrici? L’amor proprio è alla base del benessere: bisogna avere cura di se stesse, dalla tavola all’attività fisica, ed effettuare sempre gli esami di rito. I prossimi impegni lavorativi? Sono alle prese con le prove dello spettacolo I Blues, un’opera di Tennessee Williams che andrà in scena al Teatro Sala Umberto di Roma da fine ottobre. Il regista è Armando Pugliese, i miei spettacoli più belli li ho fatti con lui. E OTTOBRE 2015

The

health sponsor

TAKE CARE OF YOURSELF AND DO NOT FORGET TO HAVE STANDARD HEALTH CHECK-UPS. TIPS FROM ACTRESS ELENA SOFIA RICCI, TESTIMONIAL FOR THE FRECCIAROSA CAMPAIGN Attentive, elegant and always beautiful, actress Elena Sofia Ricci is the 2015 testimonial for Frecciarosa, the FS Italiane and IncontraDonna onlus campaign to prevent breast cancer. How did you become involved in this initiative? I met the Association’s President Adriana Bonifacino 14 years ago when I had my first mammography. She encouraged me to help raise awareness and I have remained involved in her projects ever since. Do you always do the recommended regular check-ups?

Of course. We can’t decide how long we live, but we can improve our lives by adopting a healthy lifestyle. How? With a varied diet that includes all types of food in the right doses, without making too many sacrifices. Would you like to give our readers a message? Self-respect is the basis of well-being: we have to look after ourselves – from our eating habits to exercise – and always have regular check-ups. What are your upcoming work commitments? I’m currently doing rehearsals for I Blues, a Tennessee Williams work going on stage at the Teatro Sala Umberto in Rome from the end of October. It’s directed by Armando Pugliese, with whom I have done my best shows.


SALUTE // 89

Benessere in tavola SÌ A CAVOLI, BROCCOLI E FRUTTA SECCA. NO A CARNE, SOIA E ZUCCHERO RAFFINATO. ECCO COSA MANGIARE PER PREVENIRE I TUMORI SECONDO LA SPECIALISTA IN ONCOLOGIA DEBORA RASIO Consumare verdura fresca, evitare la carne, la soia e lo zucchero raffinato. Sono questi i consigli da seguire a tavola per prevenire il tumore secondo Debora Rasio, specialista in oncologia e ricercatrice nutrizionista presso la Sapienza Università di Roma e l’Azienda ospedaliera S. Andrea.

Well-being at the table SAY YES TO CABBAGE, BROCCOLI AND DRIED FRUIT. SAY NO TO MEAT, SOYA AND REFINED SUGAR. HERE’S WHAT TO EAT TO PREVENT CANCER ACCORDING TO ONCOLOGY EXPERT DEBORA RASIO

da allevamenti intensivi o cotta ad alte temperature. E i würstel, gli insaccati e gli affettati, contenenti nitrati e additivi. Consigli lontano dalla tavola? Fare attenzione a creme e profumi. Questi prodotti rilasciano sostanze cancerogene che entrano in circolo senza passare per il filtro epatico e sono quindi più pericolose di quelle che assumiamo con il cibo. Infine, evitiamo di bere caffè e tè caldi in bicchieri di plastica: il calore accelera il rilascio di ftalati, sostanze che influiscono sull’azione degli ormoni. A.C.

Eat fresh vegetables and avoid meat, soya and refined sugar. These are the recommendations to follow at the table to prevent cancer according to Debora Rasio, oncology specialist and research nutritionist at Rome Sapienza University and S. Andrea Hospital. What foods could we call our allies? Cruciferous vegetables like cabbage, broccoli, turnips, mustard and rocket are at the top of the list, as these are rich in glucosinolates and help the liver to eliminate toxic substances. However, seeds and nonroasted, oil-rich dried fruit are good too. The omega-3, iodine and phosphorus in fish keep the brain healthy. What should we avoid? Refined sugar, which can stimulate insulin and other hormones that favour the growth of cancer cells. As well as soya, which comes from genetically modified crops that use a lot of weed killers. And also red and white meat, above all when it comes from intensive animal farming or is cooked at really high temperatures. And hot-dogs and cold cuts, which contain nitrates and additives. What are your tips away from the table? Be careful with creams and perfumes. These products release carcinogenic substances that enter the organism without going through the liver and are therefore more hazardous than those we ingest with food. Finally, we should avoid drinking hot coffee and tea in plastic cups: heat accelerates the release of phthalates – substances that affect the action of hormones.

© BestForYou/Fotolia.com

Quali alimenti nostri nostri alleati? In cima alla lista ci sono le crucifere – cavoli, broccoli, rape, ravanelli, rafano, senape e rucola – ricche di glucosinolati che aiutano il fegato a eliminare sostanze tossiche. Ma anche i semi e la frutta secca oleosa non tostata. Poi il pesce che, con i suoi omega-3, lo iodio e il fosforo, mantiene il cervello in salute. Quelli da evitare? Lo zucchero raffinato, in grado di stimolare l’insulina e altri ormoni che favoriscono la crescita delle cellule tumorali. Oltre alla soia, prodotta da coltivazioni geneticamente modificate che impiegano molti erbicidi. Ma anche la carne, sia rossa sia bianca, soprattutto se proviene

© seralex/Fotolia.com

E

SPECIALE EXPO2015


Magica aloe

SALUTE // 91

È ANTINFIAMMATORIA, CICATRIZZANTE, LENITIVA. ED È STATA SPERIMENTATA NELLA LOTTA CONTRO I TUMORI. LUCA CANCIAN, SPECIALISTA IN RADIOLOGIA E ONCOLOGIA MEDICA, SPIEGA GLI USI DI QUESTA PIANTA MILLENARIA © Yeko Photo Studio/Fotolia.com

di Enrico Orzes

[Biologo specializzato in Patologia clinica/Biologist specialized in Clinical Pathology]

Cura le escoriazioni della pelle, aiuta a combattere i dolori di stomaco, ha proprietà disintossicanti. Ma non solo. «L’aloe vera è utilizzata da millenni per i suoi effetti benefici», spiega Luca Cancian, specialista in radiologia e oncologia medica presso il Centro di Riferimento Oncologico di Aviano (PN). «La parte superficiale della foglia, contenente il lattice, è ricca di sostanze lassative e antibatteriche, mentre quella interna è costituita da un gel pieno di polisaccaridi, enzimi, minerali, oligoelementi, vitamine e aminoacidi dalle qualità immunostimolanti, lenitive e cicatriziali». Come si utilizza questa pianta? In modo topico per trattare ferite, bruciature e piaghe da decubito. Per via orale, invece, può curare gli stati infiammatori dell’apparato digerente, le patologie delle mucose e della bocca e l’abbassamento delle difese immunitarie. È utile nella lotta contro i tumori? Le piante medicinali possono essere usate in associazione alla terapia farmacologica, con l’obiettivo di migliorare la qualità di vita durante e dopo il trattamento convenzionale ma non di sostituirsi a esso. In via sperimentale, e comunque non sull’uomo, sono state testate alcune componenti del lattice come gli

Youcanprint Editore, pp. 218 ¤ 18

antrachinoni, che hanno dimostrato efficacia nei confronti di determinate cellule tumorali. Analoghe ricerche sono state eseguite sull’acemannano, il principale polisaccaride contenuto nel gel, dimostrando come la sua azione di immunostimolazione consenta di limitare la crescita del cancro. Ma questi dati non hanno avuto finora un riscontro clinico. Qual è l’impiego più diffuso in campo oncologico? Le raccomandazioni internazionali consigliano l’uso del gel come supporto durante i trattamenti per ridurre mucositi e tossicità gastro-enterica, oltre che per migliorare l’immunocompetenza, ricordando che l’azione su un enzima epatico altera il metabolismo di alcuni farmaci chemioterapici e, pertanto, è necessaria la supervisione di un medico esperto. Inoltre, il suo impiego si è dimostrato efficace a livello di prevenzione meglio se in associazione con altre piante medicinali come spezie, tè verde e funghi orientali. E

SPECIALE EXPO2015


92 // SALUTE

Magic aloe ANTI-INFLAMMATORY, CICATRIZING AND SOOTHING, ALSO EXPERIMENTED AS A MEANS OF FIGHTING CANCER. MEDICAL RADIOLOGY EXPERT LUCA CANCIAN EXPLAINS THE VARIOUS USES FOR THIS AGE-OLD PLANT It heals skin abrasions, helps fight stomach pains and has detoxifying properties. But it is also much more than this. “Aloe vera has been used for thousands of years due to its beneficial effects,” explained Luca Cancian, radiology and oncology specialist at the Centro di Riferimento Oncologico (Oncology Centre of Reference) in Aviano (Pordenone), “The outer layer of its leaves contains lattice and abounds with laxative and antibacterial substances, whereas the interior part is made of a gel filled with polysaccharides, enzymes, minerals, trace elements, vitamins and amino acids with immunostimulant, soothing and healing properties.”

© Africa Studio/Fotolia.com

How is this plant used? Locally to heal wounds, burns and bed-sores or orally to treat inflammation in the digestive system, diseases affecting the mucous membrane and mouth and weakened immune systems. Is it helpful in fighting cancer? Medicinal plants may be used alongside pharmaceuticals to improve the quality of people’s lives during and

SPECIALE EXPO2015

E

after conventional treatment, but they must not be used as a replacement. A number of the components in lattice, such as anthraquinones, have undergone experimental testing – although not on people – and have proved to be effective against certain tumour cells. Similar research has been carried out on acemannan, the principal polysaccharide contained in the gel, which illustrated that its immunostimulation action limits tumour growth. Nonetheless, these results have not yet been proven clinically. What is it most used for in the field of oncology? According to international recommendations, the gel should be used as a support to reduce mucositis and toxicity in the gastrointestinal tract, as well as to improve immunocompetence, however stating that acting on a hepatic enzyme alters the metabolism of certain chemotherapy drugs and that therefore supervision by a medical expert is required. Furthermore, it has proven effective as prevention when used alongside other medicinal plants such as spices, green tea and Chinese mushrooms.


OGNI POMODORO

*

Perché da 90 anni la famiglia Petti mette il pomodoro al centro della sua attività, delle sue attenzioni e della sua passione. Perché, per offrire il massimo di qualità e gusto, Petti sceglie solo pomodori toscani e li lavora a bassa temperatura. Perché Petti è il pomodoro con certificazione Etica VeganOK. Perché, per far gustare il suo pomodoro a tutti gli italiani, Petti sta facendo di tutto per farsi trovare dappertutto.

Scopri ricette e consigli su: www.ilpomodoropetti.com www.pettirossoblog.com

* Ricerca di mercato GPMI© su una pre-selezione di prodotti innovativi presenti sul mercato italiano, condotta da IRI su 12.000 consumatori con più di 15 anni, svoltasi a gennaio 2015. www.prodottodellanno.it. Categoria CONSERVE DI POMODORO

CHE SI RISPETTI VORREBBE DIVENTARE PETTI


CLICK // 95

Scatti d’autore Daniele Cametti Aspri, Dark cities: Paris, le Petit Palais

DIRE, FARE, MANGIARE IN 100 MOSTRE AL PHOTOFESTIVAL DI MILANO di Luca Mattei

Tutti gli appassionati di fotografia hanno un evento da mettere a fuoco: Photofestival Milano 2015. La decima edizione della rassegna dedicata agli scatti d’autore include un centinaio di mostre ospitate fino al 1° novembre in diverse sedi del capoluogo lombardo, tra gallerie, musei e palazzi storici. Quest’anno il sottotitolo della rassegna è Dire, Fare, Mangiare, che esprime la volontà di misurarsi con il tema principale di Expo. Al centro della kermesse c’è Photoshow, dal 23 al 25 ottobre nelle numerose location di Superstudio Più. Organizzato dall’Associazione italiana foto & digital imaging, ospita otto personali di maestri italiani dedicate alle quattro eccellenze del Paese: fashion, food, design, art&landscape. Ogni tema è interpretato da due artisti. Sull’universo moda Giovanni Gastel propone un percorso incentrato sul colore, mentre Aldo Fallai usa il bianco e nero per esprimere il fascino del bello.

Nino Migliori, La morte della natura

Sul pianeta cibo si confrontano il mistero di Nino Migliori, che ingrandisce vasi in cui sono conservati pomodori, peperoni e sedani, e la tradizione della natura morta nella pittura, ripresa da Francesca Moscheni. Per il design la dicotomia riguarda tecnica e stile: Giuseppe Pino, maestro della composizione, sorprende per la creazione analogica in studio; Franco Donaggio, invece, costruisce una realtà enigmatica con il digitale. Infine per la sezione arte e paesaggio, la creatività nostrana omaggia Parigi, insolita per Nicolò Quirico, notturna per Daniele Cametti Aspri. Un’occasione unica per regolare l’obiettivo sul mondo delle immagini. www.photofestival.it E

SPECIALE EXPO2015


96 // CLICK

Fine art Photography

Aldo Fallai

SAY, DO AND EAT IN 100 EXHIBITIONS AT THE MILAN PHOTOFESTIVAL There’s a date for all photography enthusiasts to put on their calendar: Photofestival Milano 2015. The tenth edition of this event dedicated to fine art photography offers around one hundred exhibitions showcasing in various galleries, museums and historical buildings throughout Milan until 1 November. The subtitle for the event this year is Say, Do, Eat in line with the main topic for the Expo. The heart of this Festival is Photoshow exhibiting in the numerous locations of Superstudio Più from 23 to 25 October. Organised by the Italian Photo & Digital Imaging Association, this event showcases eight personal exhibitions by

Francesca Moscheni, I dodici apostoli SPECIALE EXPO2015

E

Italian masters and is dedicated to Italy’s four quintessential features: fashion, food, design and art & landscape. Each topic is interpreted by two artists. Giovanni Gastel proposes an itinerary based on colour for the world of fashion, whereas Aldo Fallai uses black and white to express the charm of beauty. With regard to food, the mystery of Nino Migliori, who enlarges vases in which tomatoes, peppers and celery are stored, and the tradition of still life in paintings photographed by Francesca Moscheni, contrast each other. The dichotomy in design covers technique and style: Giuseppe Pino – master of composition – surprises visitors with studio analogic creation while Franco Donaggio creates an enigmatic reality with digital techniques. Finally, Italian creativity celebrates Paris in the art and landscape section – with an unusual touch by Nicolò Quirico and by night for Daniele Cametti Aspri. This is a unique occasion to focus the lens on the world of photographs.


GLS, il tuo corriere espresso GLS corriere espresso è leader di settore. Con i suoi servizi di qualità, è in grado di trovare soluzioni adattabili alle esigenze di ogni tipo di clientela. GLS è presente in 37 Paesi Europei, con 688 Sedi, 39 Centri di smistamento e 19.000 mezzi per le consegne. In Italia è capillarmente diffuso su tutto il territorio nazionale. Con 143 Sedi e 10 Centri di smistamento, GLS effettua consegne su tutto il territorio italiano, con tempi entro le 24 ore nella maggior parte delle località. Certi delle ottime performance del Gruppo, oltre 220.000 clienti, ogni giorno, affidano le loro spedizioni a GLS. GLS, noi consegniamo!


98 New Faces of Africa, Ethiopia

occhi Africa

Gli

DAL SENEGAL AL MAROCCO, DALL’ETIOPIA AL KENYA, I VOLTI RITRATTI DA DAVIDE SCALENGHE di Sandra Gesualdi - Photo Davide Scalenghe

A colpire è soprattutto la dignità dello sguardo. Profondo, diretto, mai timido. Quello dei visi in primo piano, specchio di un’umanità in cerca di riscatto, carpiti dall’obiettivo di Davide Scalenghe. Il fotoreporter italo-tedesco ha trascorso cinque mesi nei presidi Slow Food di Senegal, Marocco, Etiopia, Kenya e Tanzania, al fianco di Steve McCurry, per realizzare il calendario Lavazza 2015 e un video documentario. La mostra New Faces of Africa, al Boscolo Hotel di Milano fino al 16 ottobre, è la sintesi in 25 scatti di quel E OTTOBRE 2015

dell’

viaggio che ha lasciato il segno. «Ho trascurato i paesaggi scenici e mi sono concentrato sulle persone. Soprattutto sui giovani, sulle donne lavoratrici e sui tanti bambini che guardavano dritto in camera, come se fosse un gioco», spiega l’autore. Con la sensibilità di chi è stato in prima linea, il fotografo cattura in modo ravvicinato storie lontane e rende protagonista chi è spesso senza voce: «Sono affascinato dall’essere umano in tutte le sue sfaccettature e tento di rendere visibile, con empatia e rispetto, la vera sostanza di ognuno, anche in situazioni di emarginazione». I nuovi volti dell’Africa vogliono costruirsi un futuro migliore nel proprio continente con l’idea che l’indipendenza economica

passi anche dal nutrimento. È quel che emerge dalle immagini, dense di luce e dai colori squillanti, catturate in punta di piedi tra i mercati locali dell’Etiopia, le piantagioni di caffè in Tanzania e le saline sul fiume Nzoia in Kenya. «La terra è curata e rispettata perché il cibo è sinonimo di libertà e autonomia. Spesso con ciò che si ricava dalle coltivazioni si mandano i figli a scuola. Ho conosciuto un ragazzo felice per la vendita di un avocado e da lui ho imparato quanto sia gratificante la semplicità», racconta Scalenghe, che conclude: «Tramite Expo sono stati lanciati messaggi importanti. Bisogna partecipare alla crescita dei Paesi poveri perché il pianeta si salva tutti insieme». www.davidescalenghe.com


CLICK // 99 Venditrici di cibo a Mbour/Food traders in Mbour, Senegal

Venditore di polli a Mbour/Chicken traders in Mbour, Senegal

eyes Africa

The of

Donna con bambino/Woman and child, Ethiopia

children that looked straight at the camera as if it were a game,” explained the photographer. He captures distant stories from close-up and makes protagonists of the people that often have no voice with the sensitivity of someone who has been on the front line. “I am fascinated by every aspect of human beings and try to highlight the true human substance with empathy and respect, even in situations entailing alienation.” The new faces of Africa want to build a better new future on their continent through the idea that financial independence also involves food. That is what emerges from these pictures filled with light and bright colours, taken stealthily around the local markets in Ethiopia, coffee plantations in Tanzania and the salt mines along the River Nzoia in Kenya. “Land is cultivated and respected because food is a synonym for freedom and independence. Often the money made from harvests is used to send children to school. I met a young man who was happy because he had sold an avocado and I learnt from him how gratifying simplicity is,” recounts Scalenghe concluding, “Important messages have been sent via Expo. We have to participate in the growth of poor countries because we can only save the planet if we all work together.”

FROM SENEGAL TO MOROCCO, ETHIOPIA TO KENYA, PORTRAITS BY DAVIDE SCALENGHE The thing that strikes you most is the dignity in their eyes. Profound, direct, never timid. The look in the close-ups of faces mirrors mankind in search of redemption, captured by the lens of Davide Scalenghe. This Italian-German newspaper photographer spent five months alongside Steve McCurry in the Slow Food strongholds of Senegal, Morocco, Ethiopia, Kenya and Tanzania to make the Lavazza 2015 calendar and a video documentary. The exhibition entitled New Faces of Africa showcased at the Boscolo Hotel in Milan until 16 October is the synthesis of a journey that makes its mark in 25 photographs. “I ignored the scenic landscapes to focus on people – above all young people, working women and the hordes of

Davide Scalenghe portrait, Ethiopia

E

SPECIALE EXPO2015


CLICK // 101

Scatti dell’ anima

LE FOTO SENTIMENTALI DI FRANCESCA SALICE di Francesca Ventre - Photo Francesca Salice

Gli occhi dei bambini e le immagini di mondi lontani emozionano sempre. Flash che invadono il nostro sentire, soprattutto in tempi di grandi migrazioni, coinvolgendoci con un effetto di zoom metaforico. Questa sensazione amplificata è probabilmente la stessa provata a ogni scatto da Francesca Salice, street photographer che ha collaborato con il fotoreporter statunitense Steve McCurry. S’intitola, non a caso, La linea dei sentimenti la sua mostra personale nella Galleria Still di Milano, dove fino al 22 ottobre sono esposte fotografie realizzate in cinque nazioni diverse. S'inizia dal Nepal «dove le preghiere volano verso le eterne nevi delle montagne». Ci si sposta in India, «un mondo a sé, incredibile, in cui tutte le contraddizioni si contraddicono. Non c’è nulla che non affascini, sia nel bene che nel male. Il fiume di sari colorati ti sommerge in un turbinio di suoni e di colori in un moto continuo senza tempo». E poi in Marocco, con «città e villaggi incastonati tra montagne, oceani e deserti in un vortice di colori, profumi, odori, suoni e rumori». Un antico proverbio di Zanzibar – la varietà è l’essenza del sapore – conduce ancora il visitatore in «un’isola che nel corso dei secoli ha assimilato influenze arabe, indiane, europee e africane per poi condirle con le sue profumate spezie». Si finisce in Estremo Oriente, in Birmania, «dorata terra delle pagode erette nei secoli da generazioni di fedeli, ma di cui resta impressa la cordialità della gente». E anche il motto conclusivo della rassegna è rubato a un detto locale, perché “se incontri qualcuno senza sorriso, regalagliene uno dei tuoi”. www.francescasalice.it Bambina indiana/Indian child

E

SPECIALE EXPO2015


102 // CLICK

Shots of the soul

Girotondo in un raggio di sole/Ring a Ring-o'Roses in a ray of sun

SENTIMENTAL PHOTOS BY FRANCESCA SALICE Children’s eyes and pictures of far-away locations always manage to move you deeply. Flashes invade our feelings, especially on the occasion of great migrations, involving us through a metaphorical zoom effect. This amplification is probably the same sensation felt on seeing every photograph taken by Francesca Salice, a street photographer who collaborated with American photoreporter Steve McCurry. It is no coincidence that her personal exhibition showcasing pictures taken in five different nations at the Still Gallery in Milan until 22 October is entitled La linea dei sentimenti. It begins in Nepal, “Where prayers soar towards the eternally snow-covered mountain peaks.” Then it’s on to India, “An incredible world unto itself where all contradictions contradict themselves. Nothing fails to fascinate, for better or worse. A river of colourful saris plunge you into a turbine of sounds and colours in timeless perpetual motion.” In Morocco you will find, “Cities and villages nestled among mountains, oceans and deserts in a vortex of colours, scents, aromas, sounds and noises.” An ancient

La danza dei Masai/The Maasai Dance

SPECIALE EXPO2015

E

proverb from Zanzibar – variety is the essence of taste – again leads visitors through, “An island that has assimilated Arabian, Indian, European and African influences over the centuries to then add its own scented spices.” This journey ends in the Burma in the Far East, “A golden land filled with pagodas built over the centuries by generations of believers, but which strongly emanates cordiality.” The final motto of this exhibition has also been taken from a local saying, because “If you encounter someone who isn’t smiling, regale them with one of yours.”


© Fotolia - ©sborisov - © FS Italiane | DCCEM

ARRIVA ANCHE A PADOVA E VENEZIA

Da oggi ancora più comfort

CON

Il Frecciarossa collega Venezia e Padova a Bologna, Firenze, Roma, Napoli e Salerno. Quattro livelli di servizio tra cui scegliere: Executive, Business, Premium e Standard Frecciarossa, scelta vincente Il numero complessivo dei collegamenti Frecciarossa/Frecciargento rimane invariato per le tratte interessate. Per ulteriori informazioni visita il sito www.trenitalia.com

www.trenitalia.com


MUSIC // 105

A world of Kolors di Gaspare Baglio - Photo Luisa Carcavale

Un cinguettio che ha avuto la potenza di un ruggito. Il popolo di Twitter ha detto la sua facendo entrare The Kolors nella cinquina dei nominati come Best Italian Act agli Mtv Europe Music Awards in scena a Milano il 25 ottobre. Salita agli onori delle cronache da meno di un anno, la band si contende il premio di miglior artista nazionale con assi del calibro di Fedez, J-Ax, Marco Mengoni e Tiziano Ferro. Avversari difficili da battere, ma non bisogna sottovalutare il potere dei fan che, tweet dopo tweet, li hanno spinti fino alle nominees. Ne parliamo con Stash, frontman del complesso nato dal talent show Amici di Maria De Filippi. Che effetto vi fa la nomination? Non sto nella pelle. Seguo Mtv da quando esiste il canale in Italia: è uno dei palcoscenici che ho sempre sognato.

Quindi, un sogno diventato realtà… Sì, anche se non sarà semplice vincere, visti i maestri con cui dobbiamo competere. Confido nel pubblico che ci ha premiato: il nostro è un risultato raggiunto insieme alle persone e questo è un valore in più. Lo step successivo è votare. C’è tempo fino alle 23.59 del 24 ottobre. Un evento simile vi regalerebbe parecchia visibilità internazionale. Puntate al mercato estero? È il nostro obiettivo. Vorremmo partecipare a kermesse canore come il Glastonbury Festival in Inghilterra o il californiano Coachella. Il colosso dell'industria dei concerti Live Nation ha mostrato interesse nei nostri confronti, ma ancora non c’è nulla di ufficiale. Sanremo non vi interessa? Su questo voglio essere chiaro: è un festival importantissimo, ma noi cantiamo in inglese. Non va fatto per forza. Progetti futuri? Finito il tour mi metterò a scrivere canzoni, perché il prossimo album sia migliore di Out. Sono in debito di emozioni con il nostro pubblico e lo voglio ripagare con tanta buona musica.

THE KOLORS

LA BAND DEL MOMENTO IN NOMINATION PER GLI MTV EUROPE MUSIC AWARDS, QUEST'ANNO NELLA CAPITALE DELL'EXPO

E

SPECIALE EXPO2015


106 // MUSIC THE BAND OF THE MOMENT NOMINATED FOR THE MTV EUROPE MUSIC AWARDS THIS YEAR IN THE EXPO CITY A tweet with the power of a roar. The Twitter population had its say by making the The Kolors one of the five bands to be nominated Best Italian Act at the MTV Europe Music Awards showcasing in Milan on 25 October. Having come into the limelight under a year ago, this band will now compete for the prize as best Italian act with stars of the calibre of Fedez, J-Ax, Marco Mengoni and Tiziano Ferro. These are difficult competitors to beat, however the power of fans is not to be underestimated as, tweet after tweet, they drove the band to becoming a nominee. We talked about this to Stash, frontman of the band discovered on Maria De Filippi’s talent show Amici. How does it feel to be nominated? I’m over the moon. I’ve been watching MTV since the channel came on air in Italy: it’s one of the stages I’ve always dreamed about.

SPECIALE EXPO2015

E

So, your dream now becomes reality… Yes, although it won’t be easy to win given the masters competing against us. I trust in the public who got us there: we have achieved our goal alongside people and this is an added value. The next step is to vote. You can do this until 23.59 on 24 October. An event like this will give you international visibility. Are you focussing on the overseas market? That is our target. We would like to take part in events such as the Glastonbury Festival in England or the Coachella in California. The concert colossus Live Nation has shown interest in us, however there’s nothing official as yet. Doesn’t Sanremo interest you? I would like to be clear about that: it’s a very important festival but we sing in English. We don’t necessarily have to do it. What are your future plans? Once we finish our tour, I’ll start writing songs to make sure that our next album is better than Out. I owe our public for the emotions they’ve given us and I want to repay them with lots of good music.


108

I PLANETFUNK LANCIANO UN NUOVO MODO DAVVERO SOCIAL DI INTENDERE LA MUSICA. E SCENDONO SUBITO IN CAMPO CONTRO LA MORTALITÀ INFANTILE di Gaspare Baglio - Photo Fabio Lovino

PLANETFUNK HAS LAUNCHED A NEW, TRULY SOCIAL WAY TO CONSIDER MUSIC AND IMMEDIATELY GETS TO GRIPS WITH CHILD MORTALITY

Social and roll. Sono queste le caratteristiche di We-People, la nuova hit della band di rock elettronico PlanetFunk, che punta a miscelare in modo innovativo musica e web. «La tecnologia ha portato tutti a essere egocentrici: si hanno tanti amici su Facebook, ma non si parla col dirimpettaio o col vicino di posto in treno. Anche i prodotti ruotano attorno alla parola “io”, basti pensare all’iPhone. Il nostro progetto è un inno al risveglio, vuole smuovere le coscienze. Un

sistema nuovo di interagire che non deve passare per forza per il pugno di ferro o la rivoluzione», spiega il tastierista Alex Neri. Al brano è legata un’app, attiva dal 30 ottobre, che consente al pubblico di girare una breve clip da inserire nel video ufficiale: «Basterà battere il cinque alla telecamera e l’effetto sarà una sorta di piano sequenza che unirà tutto il mondo. È il primo esperimento di questo tipo in Italia e ne siamo molto contenti», aggiunge Sergio

Della Monica, bassista e chitarrista della formazione. Non finisce qui. Il 12 ottobre Expo fa da sfondo al lancio del pezzo, collegato alla campagna Regala un compleanno in più realizzata da Save the Children. «L’iniziativa benefica punta a ridurre del 5% la mortalità infantile. Siamo consapevoli dell’indotto che la musica può generare e così abbiamo deciso di devolvere il ricavato del digital download a questa associazione umanitaria.


We-People Social and roll. These are the characteristics of We-People, the new hit from electronic rock band PlanetFunk, which aims to blend music and web in an innovative way. “Technology has made us all egocentric: you have lots of friends on Facebook, but you don’t talk to the people across the hall or someone sitting next to you on the train. Merchandise also focuses on “I”, just think about an iPhone. Our project is an anthem to reawakening; it wants to revive people’s conscience. This is a new way of interacting that doesn’t necessarily involve an iron hand or a revolution,” explained keyboard player Alex Neri. An app operational as of 30 October is linked to this track to allow the public to make a brief film footage to be included in the new official video. “You just have to high-five the camera and this will lead to a kind of short sequence that will unite the world. It’s the first experiment of this kind in

Italy and we are really pleased with it,” added Sergio Della Monica, the band’s bass and guitar player. That’s not all. Expo will be the backdrop for the track’s release on 12 October in connection with the Save the Children campaign Regala un compleanno in più (Give one more birthday). “This charity initiative aims to reduce child mortality by 5%. We are aware of the benefits that the music industry can generate and therefore decided to donate the proceeds from digital downloads to this humanitarian association. You just have to buy the song to make a small donation,” highlighted Della Monica. In the meantime, the band is busy working on its next album, which will again feature the voice of Alex Uhlmann from Luxembourg. “Our band is not based on an icon and we decided to put the singers who work with us in the limelight. We want to be seen as a single entity.”

PLANETFUNK

MUSIC // 109

Basta acquistare il brano per offrire un piccolo aiuto», sottolinea Della Monica. Nel frattempo il collettivo musicale si sta dando da fare per l’uscita del prossimo album, che prevede ancora una volta la voce del lussemburghese Alex Uhlmann. «Del resto siamo una formazione non iconicizzata e abbiamo scelto di mettere in primo piano i cantanti che collaborano con noi. Vogliamo essere intesi come un’entità unica». www.wepeople.net E

SPECIALE EXPO2015


EXPLORANDO // 111

Il cibo tiene banco

DALLA PIADINA ROMAGNOLA AL GELATO ARTIGIANALE, IL MERCATO METROPOLITANO DI MILANO VALORIZZA I PRODOTTI DI PICCOLI AGRICOLTORI E ARTIGIANI DEL GUSTO di Antonella Caporaso - Photo Sara Montali

«Al giorno d'oggi soffriamo di un'idolatria quasi universale per il gigantismo. Perciò è necessario insistere sulle virtù della piccola dimensione, almeno dovunque essa sia applicabile». La filosofia dell’economista tedesco Ernst Friedrich Schumacher ben rappresenta lo scopo del nuovo Mercato Metropolitano di Milano, inglobato tra le iniziative di Expo in città, che punta su un modello di acquisto sostenibile basato sulla filiera corta. Sorto negli ex magazzini della ferrovia di Porta Genova, splendido

esempio di archeologia industriale restituito alla moderna metropoli, consente di assaggiare e acquistare 200 alimenti di ogni genere direttamente dalle mani di chi li produce. Dal pane appena sfornato alla pasta fresca, dalla focaccia all'hamburger di fassona, dalla piadina romagnola al gelato artigianale, un tripudio di gastronomia tipica e street food da poter consumare negli orti giardino, ricchi di piante aromatiche, che circondano la struttura. Nello spazio di 15mila m2 si punta anche a

ridurre gli sprechi: a fine giornata il Banco Alimentare recupera le eccedenze per donarle alle 240 strutture caritative che assistono quasi 54mila persone disagiate presenti nel capoluogo lombardo. Aperto per tutto il periodo dell’Expo, il food market pensa già a prolungare la sua esperienza e nel frattempo concretizza l’idea di esportare il format all’estero. Prima tappa a Tokyo, per poi approdare a New York, Londra e Dubai. www.mercatometropolitano.com E

SPECIALE EXPO2015


112 // EXPLORANDO

FROM THE TRADITIONAL ROMAGNA “PIADINA” TO HOME-MADE ICE-CREAM, THE MERCATO METROPOLITANO (METROPOLITAN MARKET) IN MILAN EXALTS PRODUCTS FROM LOCAL FARMERS AND ARTISANS

Food holds the stage

“Nowadays, we suffer from an almost universal idolatry of gigantism. Therefore, we have to insist on the small-sized virtues, at least wherever applicable.” This philosophy from German economist Ernst Friedrich Schumacher wraps up the purpose of the new Mercato Metropolitano in Milan, one of the many Expo in città initiatives focusing on sustainable buying through a short distribution chain. Located in the former railway warehouses at Porta Genova, this splendid example of industrial archaeology is returned to the modern-day city to ensure that visitors can taste and buy 200 foods of every kind directly from their producers. Freshly-baked bread, fresh pasta, focaccias, Fassona hamburgers, Romagna piadinas and hand-made ice-cream – a triumph of traditional and street food to eat in the vegetable gardens filled with aromatic plants surrounding the structure. These facilities – covering 15 thousand square metres – also aim to reduce waste: at the end of each day, a Food bank collects excess food to donate to the 240 charity organisations serving almost 54 thousand needy people in Milan. The food market is open throughout the Expo, however it is already thinking of extending this experience and exporting the idea abroad. The first stop is in Tokyo, before heading towards New York, London and Dubai. SPECIALE EXPO2015

E


114

NELL’EX SCALO MENEGHINO DI PORTA ROMANA UN VILLAGGIO POLIFUNZIONALE OSPITA FINO AL 10 NOVEMBRE EVENTI GASTRONOMICI, SHOW COOKING E MOSTRE D’ARTE di Luigi Cipriani

Photo Vincenzo Armenio

Uno spazio di cinquemila m² realizzato nell’ex scalo ferroviario di Porta Romana, a Milano, con soluzioni innovative e sostenibili, riutilizzando persino container navali. The Tank è un villaggio polifunzionale temporaneo che ospita attività d’intrattenimento, negozi ed eventi gastronomici. Esperimenti architettonici simili hanno già E OTTOBRE 2015

consentito di riqualificare con successo il quartiere londinese di Shoreditch, offrendo un nuovo punto d’incontro alla comunità hipster che affolla l’area est della capitale inglese. Con la stessa filosofia è nato il nuovo spazio meneghino, che si è subito conquistato un ruolo da protagonista nel milieu urbano ai tempi di Expo. Fino al 10 novembre The Tank ospita

show cooking, esposizioni d’arte, live musicali e sessioni di coworking. Offre 21 negozi e 12 locali e, ogni martedì, è sede della Cafe Racers Night, aperta a tutti gli amanti del cibo e delle due ruote. Insomma, ce n’è per tutti i palati, compresi quelli più avvezzi ai luppoli del birrificio Angelo Poretti o alle uve dei vini da degustare negli eventi di Territori,


EXPLORANDO // 115

A MULTI-PURPOSE VILLAGE AT FORMER MILAN RAILWAY STATION PORTA ROMANA WILL HOST FOOD EVENTS, SHOW COOKING AND ART EXHIBITIONS UNTIL 10 NOVEMBER This area covering five thousand square metres at the former Porta Romana railway station in Milan has been renovated using innovative and sustainable solutions – including the use of ship containers. The Tank is a temporary multi-purpose village offering entertainment, shops and food events. Similar architectural experiments have already led to successful renovation of the Shoreditch district in London, thereby offering a new meeting point for the considerable hipster community in East London. This new district in Milan entails the same philosophy and immediately earned the role of urban milieu leader especially for Expo. Until 10 November, The Tank will offer show cooking, art exhibitions, live

music and co-working sessions, not to mention 21 shops and 12 restaurants and clubs and a Cafe Racers Night every Tuesday for lovers of both food and motorbikes. In other words there’s something to fit everyone’s taste, including those particularly fond of hops from the Angelo Poretti brewery or grapes used to make the wines you can taste at events organised by Territori, a continuously-evolving wine cellar that offers wines from 20 Italian winemakers each month. This project is part of the work to renovate the city of Milan implemented thanks to the Great Exhibition and transforming abandoned areas into new centres of throbbing city life.

un’enoteca in continua evoluzione che propone ogni mese le etichette di 20 cantine italiane. Il progetto fa parte dell’onda di rinnovamento che si è scatenata a Milano grazie all’Esposizione Universale, trasformando luoghi abbandonati in nuovi centri pulsanti di vita metropolitana. tank015.com E

SPECIALE EXPO2015


‟A Gennaio avevo 44 anni… ora ne ho 39” * Oltre il 50% dei Soci Aspria ha ridotto la propria età biologica di almeno 3 anni entro i primi 10 mesi di frequentazione del Club.

Ho perso peso

I nostri programmi di wellbeing funzionano realmente. Siamo orgogliosi dei risultati e siamo convinti lo sarete anche voi.

Incontra i nostri Esperti

aspria.com/esperti T: +39 02 452861 #meettheexperts * Età calcolata utilizzando AspriaPro per la misurazione dell’età biologica. I risultati sono basati su un campione di 100 frequentatori regolari.

Ho più energia Ho ottenuto una promozione


EXPLORANDO // 117

Malika Ayane

scossa di Expo a ricordare che nel dna urbano ci sono la volontà e la forza per realizzare qualunque cosa». Sono tutti concordi nel riconoscere il dinamismo della capitale meneghina: «Se uno viene qui e ha voglia di fare trova sicuramente qualcosa in cui cimentarsi», dice il conduttore televisivo Nicola Savino nell’intervista inserita nel progetto. Mentre la cantante Malika Ayane racconta di quando faceva la cameriera e incontrò per caso i proprietari di uno studio discografico: «Grazie a loro ho cantato un jingle che è stato ascoltato dal mio primo produttore. Tutto è partito dal semplice incontro in un bar». Ma c’è anche l’altro volto cittadino, quello dai tratti frenetici, competitivi e spietati. Stella Pulpo, autrice tarantina del blog Memorie di una vagina, parla del suo confronto con le donne: «Sono tutte fichissime, ricchissime, preparatissime. Sempre sul pezzo e con giornate da 40 ore. Praticamente imbattibili». Non mancano le contraddizioni, quindi, e anche se chi ci vive spesso si lamenta, alla fine, come dice Malika Ayane, «restano tutti e si divertono parecchio». www.imilanesi.nanopress.it

UN PROGETTO EDITORIALE ONLINE RACCONTA LA CITTÀ DEL DUOMO ATTRAVERSO LE STORIE E I VOLTI DI CHI LA VIVE di Serena Berardi - Photo Andrea Colzani

Il fotografo Giovanni Gastel e il suo primo studio in una cantina ammuffita a San Babila, l’editrice Rossellina Archinto e i suoi incontri con Italo Calvino e Mario Soldati, il pubblicitario Lele Panzeri e la metropoli luna park degli anni '80. Il comune denominatore delle loro vite è la città della Madonnina, al centro dell’iniziativa iMILANESIsiamoNOI, un progetto editoriale digitale con interviste, foto e video pensato dal giornalista Andrea Scarpa, che lo ha coprodotto insieme al gruppo Trilud. «L’idea è semplice: raccontare in maniera coinvolgente e fuori dai luoghi comuni le storie di chi, per nascita o adozione, vive nel capoluogo lombardo e lo rende un posto straordinario. Per comporre il mosaico ho dato voce a personaggi famosi e gente comune, giovani e anziani, professionisti e artigiani, tutti fotografati in bianco e nero da Andrea Colzani». Viene fuori il ritratto di una città che «ha sofferto questi anni di crisi, ma non ha mai mollato. Fino a quando è arrivata la

Nicola Savino

E

SPECIALE EXPO2015


118 // EXPLORANDO

We’re Milanese

through and through

AN ONLINE PUBLISHING PROJECT GIVES AN ACCOUNT OF THE CITY OF THE DUOMO THROUGH THE STORIES AND FACES OF THE PEOPLE THAT LIVE THERE Photographer Giovanni Gastel and his first studio in a mouldy basement in San Babila, publisher Rossellina Archinto and her encounters with Italo Calvino and Mario Soldati, advertiser Lele Panzeri and the fun park metropolis of the 80’s. The common denominator in their lives is the city of the Madonnina (a statue of the Virgin Mary atop Milan Cathedral) and the subject of an initiative entitled iMILANESIsiamoNOI, a digital

Il fotografo Andrea Colzani e il giornalista Andrea Scarpa Photographer Andrea Colzani and the journalist Andrea Scarpa

SPECIALE EXPO2015

E

publishing project created by journalist Andrea Scarpa, who co-produced it alongside the Trilud group, filled with interviews, photos and videos. “The idea is very simple: to tell the stories of people who, by birth or choice, live in the Lombardy region seat and make it such an extraordinary place in an engaging manner and without any stereotypes. In order to bring together this mosaic, I gave voice to famous and ordinary, young and old people, professionals and artisans, all photographed in black-and-white by Andrea Colzani.” The result is a portrayal of a city that “suffered from the crisis over the last few years but never gave up. Then Expo gave it the drive to remember that its urban DNA embodies the willpower and strength to do anything.” Everyone agrees that Milan is a dynamic city. “If you come to this city with determination, you will most certainly find something to do,” says television presenter Nicola Savino in his interview for the project. Singer Malika Ayane talks about when she worked as a waitress and met the owners of a recording studio by chance. “Thanks to them, I sang a jingle that was heard by my first producer. It all started with a simple encounter in a café.” However the city also has another face – the one with frenetic, competitive and ruthless features. Stella Pulpo from Taranto, author of the blog entitled Memorie di una vagina, talks about her contrast with its women. “They are all really trendy, rich, experienced. Always on the ball and with 40-hour days at their disposal. They’re practically invincible.” The city therefore embodies numerous contradictions and although those who live there often complain, in the end – as Malika Ayane says – “They all stay and have a great time.”


120

A cura di Serena Console

FOCUS DA RAFFAELLO A SCHIELE MILANO// FINO AL 7 FEB/UNTIL 7 FEB

Save

© Abbas Kiarostami

© Sasho-Celso Istituto di Studi Orientali Genova

EXPO date

Provengono dal Museo delle Belle Arti di Budapest i 76 capolavori ospitati al Palazzo Reale di Milano. Il concept della mostra segue l'articolazione del grande polo ungherese, guidando il visitatore in un viaggio attraverso le meraviglie del ’500, ’600 e ’700, passando poi per l'età barocca, il Simbolismo e l'Espressionismo per arrivare fino alle Avanguardie. Così, le otto sale accolgono i lavori di Raffaello, tra cui la Madonna Esterhazy, il Ritratto di uomo di Veronese e la Maddalena penitente di El Greco. E ancora la pittura sacra con la Crocifissione di Albrecht Altdorfer, le linee della scuola veneziana di Canaletto e Bellotto, La donna con il ventaglio di Manet e la natura morta di Cézanne rappresentata dalla Credenza. In conclusione, lo straordinario acquarello Due donne che si abbracciano, realizzato da Egon Schiele. L’appuntamento chiude il ciclo di eventi legati all'Esposizione Universale e inaugura un nuovo filone espositivo nella sede meneghina che punta a presentare le più importanti collezioni del mondo non sempre note al grande pubblico. www.comune.milano.it/palazzoreale

ACQUA È VENEZIA// FINO AL 31 OTT/UNTIL 31 OCT

Da Mario Schifano ad Abbas Kiarostami, circa 100 artisti si confrontano sull'elaborazione artistica dell’oro blu. Una rassegna unica nel suo genere allestita presso il padiglione Expo Venice, appendice fisica della Great Exhibition nella Laguna di Venezia. From Mario Schifano to Abbas Kiarostami, over 100 artists measure themselves with artistic elaboration of blue gold. A unique exhibition is showcased at the Expo Venice Pavilion, which is a physical appendix to the Great Exhibition in Venice Lagoon. www.aquae2015.org

E OTTOBRE 2015

CIBO COME RITO GENOVA// FINO AL 15 NOV/UNTIL 15 NOV

Dalla cerimonia del tè giapponese alle offerte simboliche di riso in Thailandia. Al Castello D'Albertis le opere di oltre 50 artisti accompagnano il visitatore in un viaggio nell’anima più profonda dell’Asia alla scoperta delle tradizioni alimentari come nutrimento spirituale. From the Japanese tea ceremony to symbolic offerings of rice in Thailand – the Castello D'Albertis showcases works by over 50 artists in a journey into the deepest soul of Asia to discover foodrelated traditions such as spiritual eating. www.celso.org


SAVE E-DATE // 121 Anonimo Ragazza dormiente

Abraham Brueghel Rami con frutta in giardini monumentali

ORTI DEL PARADISO CARAGLIO (CN)// FINO ALL’8 DIC/UNTIL 8 DEC

Originale itinerario attraverso 100 opere d’arte dedicate al giardino dal ’400 a oggi: un racconto di bellezze e delizie ma anche di spazi produttivi. Nel cortile del Filatoio che ospita l’esposizione è stato realizzato un orto autentico, corredato da piante in vaso, alberi e cespugli. An original itinerary through 100 works of art dedicated to gardens from the 15th century to the current day: a tale of beauties and delights, but also productive areas. An authentic vegetable garden with plants in vases, trees and bushes has been created in the Filatoio courtyard showcasing the exhibition. www.gustoebellezza.it

The 76 masterpieces showcased at the Palazzo Reale (Royal Palace) in Milan come from the Museum of Fine Arts in Budapest. The concept of this exhibition follows the set-up at this great Hungarian museum, thereby guiding visitors on a journey through the marvels of the 16th, 17th and 18th centuries before passing through the Baroque Period, Symbolism and Expressionism to arrive at Avant-gardism. These eight halls exhibit works by Raffaello, including the Madonna Esterhazy, the Ritratto di uomo by Veronese and the Maddalena penitente by El Greco. There is also sacred artwork with the Crocifissione by Albrecht Altdorfer, the lines painted by the Venetian school of Canaletto and Bellotto, La donna con il ventaglio by Manet and still nature by Cézanne represented by the Credenza. Finally you can see the extraordinary watercolour Due donne che si abbracciano by Egon Schiele. This event closes the cycle linked to the Great Exhibition and inaugurates a new series of exhibitions in this Milan location, which aims to showcase the most important collections in the world of which the public is not always aware.

MARCO BAGNOLI NAPOLI// 10 OTT>>29 FEB/10 OCT>>29 FEB

L'albero della cuccagna. Nutrimenti dell'arte, il progetto a cura di Achille Bonito Oliva con il patrocinio di Expo Milano 2015, presenta l’installazione La Voce. Nel giallo faremo una scala o due al bianco invisibile di Marco Bagnoli. L’artista empolese rivisita la prima versione dell’opera realizzata nel 1974-75. L'albero della cuccagna. Nutrimenti dell'arte, a project organised by Achille Bonito Oliva and sponsored by Expo Milano 2015, presents an installation entitled La Voce. Nel giallo faremo una scala o due al bianco invisibile by Marco Bagnoli. This artist from Empoli reviews the first version of this work created in 1974-75. www.madrenapoli.it E

SPECIALE EXPO2015


122 // SAVE-E-DATE

kids only

For

A cura di

EXPLORANDO CON IL TRAM

Il Battello a Vapore-Piemme pp. 48 € 8,50

TINO VA A MILANO

È ambientata all’Expo la nuova avventura di Tino il cioccolatino, il personaggio creato dalle scrittrici Chiara Patarino e Aurora Marsotto per spiegare ai bambini le regole di una sana alimentazione. Presentazione il 13 ottobre alle 16:30 alla Fiera del libro di Gallarate (VA), venerdì 16 alle 17 a Eurochocolate Kids di Perugia.

TINO GOES TO MILAN

Expo is the setting of a new adventure for Tino il cioccolatino (Tino the chocolate), the character created by writers Chiara Patarino and Aurora Marsotto to explain healthy eating to children. This book will be presented at 4.30PM on 13 October at the Fiera del Libro (Book Fair) in Gallarate and at 5PM on Friday 16 October at Eurochocolate Kids in Perugia. www.tinoilcioccolatino.it

Parte dalla nuova Darsena e si conclude al Muba il tour meneghino a bordo del tram 9, nato dalla collaborazione tra il Museo dei bambini e la start-up InnovActionCult. Il percorso alla scoperta dei monumenti cittadini si basa sulla valorizzazione dell’esperienza diretta per trasformare una visita culturale in un’avventura emozionale e giocosa. Le date da annotare sono il 15 ottobre e il 12 novembre.

EXPLORING BY TRAM

The tour in Milan aboard tram 9 departs from the new wet dock and ends at the MUBA (Milan Children’s Museum). This initiative derives from collaboration between the children’s museum and start-up company InnovActionCult. It involves an itinerary to discover the city’s monuments and thereby capitalise on direct experience and transform a cultural visit into an emotional and playful event. The dates to remember are 15 October and 12 November. www.innovactioncult.it/darsena-muba

SEGNI D’INFANZIA (E OLTRE)

Il festival teatrale compie dieci anni e non guarda più solo ai bambini ma anche agli over 13, considerati parte integrante del processo organizzativo. L’animale simbolo di questa edizione, densa di spettacoli, laboratori e percorsi d’arte, è il pipistrello realizzato dall’illustratore Alessandro Sanna. L’appuntamento è a Mantova dal 28 ottobre al 1° novembre.

SIGNS FROM CHILDHOOD (AND BEYOND)

This theatrical festival celebrates its tenth anniversary and no longer focusses on children but also on teenagers, who are considered an integral part of the organisational process. The animal symbolising this edition packed with shows, laboratories and art itineraries is a bat designed by illustrator Alessandro Sanna. Showcasing in Mantova from 28 October to 1 November. www.segnidinfanzia.org SPECIALE EXPO2015

E


E-TECHNO // 125

A cura diVincenzo Tafuri

TRAINSCOVERY

Disponibile per smartphone Android e iOS, Trainscovery guida i viaggiatori alla scoperta delle bellezze d’Italia, segnalando 13 punti di interesse visibili dal finestrino del treno. L’app è attiva sulla rotta Milano-Venezia in italiano, inglese, francese e spagnolo. Senza consumare traffico dati, suggerisce per ogni località schede di approfondimento, foto e curiosità. Available for Android and iOS smartphones, Trainscovery helps travellers discover the beauty of Italy by notifying them of 13 points of interest that can be seen from the train window. This app is available in Italian, English, French and Spanish on the MilanVenice line and requires no data traffic, providing a detailed info sheet, photos and fun facts.

TRENITALIA MOBILE

Trenitalia è la nuova app per organizzare viaggi in mobilità che sostituisce la storica Prontotreno. Disponibile per iPhone e Android, in italiano e inglese, rispetto alla precedente introduce funzionalità più complete. Oltre all’acquisto di biglietti per percorsi con diversi treni in connessione e di ticket regionali per più passeggeri, permette il cambio della prenotazione e il rimborso, la visualizzazione del miglior prezzo, l’accesso all’area CartaFreccia e il pagamento con PayPal. Trenitalia is born, the new app for organising your travel on your mobile phone, which replaces the historic Prontotreno. Available for iPhone and Android in Italian and English, the application introduces more comprehensive functionality compared to its predecessor. In addition to the ability to purchase tickets for routes with different rail connections and regional tickets for more than one passenger, the app also facilitates changes to bookings and reimbursements, best price searches, access to the CartaFRECCIA area and PayPal payments.

IN STAZIONE

È attiva a Milano Centrale la web app In Stazione, che permette di orientarsi rapidamente all’interno dello scalo meneghino. Disponibile in nove lingue, grazie a un’interfaccia semplice, permette di trovare la propria posizione su una mappa georeferenziata, cercare il punto di interesse desiderato (ascensori, scale mobili, biglietteria, deposito bagagli, Sala Blu, binari) e visualizzare il percorso per arrivarci. È solo una delle tante possibilità offerte da WiFi Station, il portale virtuale che FS Italiane mette a disposizione di viaggiatori, imprese ferroviarie e operatori economici a Milano Centrale, Porta Garibaldi e Rho Fiera EXPO MILANO 2015. The In Stazione web app is operating at Milan Central Station, helping you to move around this station more rapidly. The app is available in nine languages and its user-friendly interface helps you find your location on a georeferenced map, look for the point of interest you require (lifts, escalators, ticket offices, left-luggage office, Sala Blu, tracks) and see how to get there. This is just one of the many possibilities offered by WiFi Station, the virtual portal that FS Italiane makes available to passengers, rail carriers and traders at Milan Central, Porta Garibaldi and Rho Fiera EXPO MILANO 2015 stations. E

SPECIALE EXPO2015


126 // E-TECHNO

A cura di Dario Colombo

eWall

Creare un diario geo-emozionale da condividere con chi ci sta vicino. È questo l’obiettivo di eWall, l'applicazione gratuita che localizza pensieri, memorie, storie e racconti. Ogni utente può inviare un messaggio, anche in forma anonima, ma solo chi si trova nel raggio di un chilometro può leggerlo e interagire. In questo modo, le impressioni rimangono legate per sempre ai luoghi che le hanno ispirate. Il programma offre anche la traduzione multilingue dei post e un link alla pagina web di Expo 2015 e del cluster Bio-Mediterraneo. To create a geo-emotional diary to share with those around us – this is the objective of eWall, a free app that localises thoughts, memories, stories and tales. Any user can send a message – including anonymous – but only those in a range of one kilometre can read it and interact. This ensures that impressions remain forever linked to the locations that inspired them. This programme also offers multilingual translation of posts and a link to the Expo 2015 web page and the Bio-Mediterranean Cluster.

MovEat Expo

È l'unica mostra permanente della Fiera Universale che racconta le vie del cibo dalla Roma antica all’Europa moderna. MovEat Expo, non è solo un'esposizione patrocinata da FS Italiane, visitabile al padiglione 112: anche con lo smartphone è possibile scoprire i segreti dell’alimentazione di duemila anni fa. L'app illustra le rotte internazionali utilizzate per il trasporto merci e permette di ascoltare una puntuale spiegazione dei reperti presentati. In pratica, un’archeologa esperta a portata di clic. This is the only permanent exhibition at the Great Exhibition that tells the story of the roads for food from Ancient Rome to modern-day Europe. MovEat Expo is not just an exhibition sponsored by FS Italiane that you can visit at Pavilion 112 – you can also discover the secrets of how people ate two thousand years ago with your smartphone. This app illustrates the international routes used to transport goods and provides you audio explanations of the finds you will see. It’s basically an expert archaeologist at a click. SPECIALE EXPO2015

E

Bring the Food

Azzerare lo spreco di cibo è una delle principali missioni dell'Esposizione milanese. Per raggiungere l'obiettivo c'è anche l'app Bring the Food, che ha già permesso di recuperare e donare oltre 380 tonnellate di prodotti. Il progetto, messo a punto fin dal 2012, è stato presentato al Padiglione Italia con il patrocinio del Ministero delle Politiche agricole, ambientali e forestali e della Fondazione ItaliaCamp e consente a chi vuole offrire cibo in eccedenza di mettersi in contatto con gli enti caritativi. Finora, circa 17mila persone sono state aiutate con un semplice tocco sullo schermo. Eliminating waste is one of the main missions of the Great Exhibition in Milan. This goal can also be achieved using the Bring the Food app, which has already led to recovery and donation of over 380 tons of food. This project - created as early as 2012 – was presented at the Italia Pavilion, is sponsored by the Ministry of Agricultural, Environmental and Forestry Policies and the Fondazione ItaliaCamp and ensures that those who wish to donate food can easily contact charity organisations. Around 17 thousand people have been helped by a simple touch of the screen until now.


128 // COLOPHON L'albero della vita/Tree of life

ANNO II NUMERO 08 OTTOBRE 2015 REGISTRAZIONE TRIBUNALE DI ROMA N° 258/14 DEL 27/11/2014 © Ferrovie dello Stato Italiane SpA Tutti i diritti riservati. Se non diversamente indicato, nessuna parte della rivista può essere riprodotta, rielaborata o diffusa senza il consenso espresso dell’editore.

IL GRANDE FREDDO

© Vincenzo Tafuri/La Freccia

ALCUNI CONTENUTI DELLA RIVISTA SONO RESI DISPONIBILI MEDIANTE LICENZA CREATIVE COMMONS BY-NC-ND 3.0 IT

SPECIALE EXPO2015

E

LE FREDDURE DI PADOSÉ Padosé's puns

A volte mi chiedo se per lavorare in nero occorra uno smoking At times I wonder whether you need to wear a suit jacket to work on the black market Fastose celebrazioni per l’inaugurazione del nuovo canale di Suez. Pare si chiami Telesuez There were lavish celebrations for inauguration of the new Suez channel. Apparently it’s called Telesuez

Direzione Centrale Comunicazione Esterna e Media Piazza della Croce Rossa, 1 | 00161 Roma www.fsitaliane.it Contatti di Redazione Tel. 06 44105298 lafreccia@fsitaliane.it Direttore Responsabile Orazio Carabini Progetto Editoriale Claudia Frattini Capo Redattore Claudia Frattini Coordinamento Editoriale Michela Gentili Assistente Editoriale Antonella Caporaso In Redazione Gaspare Baglio, Serena Berardi, Luigi Cipriani, Silvia Del Vecchio, Sandra Gesualdi, Cecilia Morrico Segreteria di Redazione Francesca Ventre Photo Editor Giovanna Di Napoli, Michele Pittalis, Vincenzo Tafuri Coordinamento Creativo Giulio Lippi Grafico Manuela Nobile Traduzioni MMW Traduzioni Hanno collaborato a questo numero Adriana Bonifacino, Mauro Buonocore, Salvatore Coccoluto, Dario Colombo, Serena Console, Ida De Santis, Luca Mattei, Enrico Orzes, Ilaria Perrotta, Gabriele Principato, Alessandro Ribaldi, Barbara Sarri/“Bambino” sarai tu!, Carlo Valentino REALIZZAZIONE E PROGETTO GRAFICO

[Twitter @padose68]

Il portavoce di Tarzan ha espresso grande rammarico per l’abolizione del corpo forestale prevista nelle recenti misure del governo per la riforma della pubblica amministrazione Tarzan’s spokesperson expressed great disappointment at abolition of the State Forestry Corps established in recent Government measures to reform public administration

Info su creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/3.0/it/deed.it

EDITORE

Via A. Gramsci, 19 | 81031 Aversa (CE) Tel. 081 8906734 | info@graficanappa.com Coordinamento Tecnico Antonio Nappa Coordinamento Organizzativo Massimiliano Santoli

On Web

La Freccia Expo si può sfogliare su ISSUU e nella sezione Media ed Eventi del sito fsitaliane.it You can read La Freccia Expo magazine at ISSUU and the Media and Event section at fsitaliane.it

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÀ

Via Melzi d’Eril, 29 | 20154 Milano Tel. 02 76318838 | Fax 02 33601695 info@emotionalsrl.com Responsabile di Testata Raffaella Romanenghi Gestione Materiali Selene Merati smerati@emotionalsrl.com


MOVING ITALIA con Trenitalia e Maggiore.

Il modo più comodo di viaggiare, al miglior prezzo. Approfitta di Expo Milano e parti alla scoperta dell’Italia e del suo patrimonio enogastronomico. Fino al 31 ottobre 2015 con Noleggio Facile, se ritiri l’auto in un’agenzia Maggiore della Lombardia, potrai riconsegnarla in qualunque altra agenzia sul territorio nazionale, senza pagare alcun supplemento. Ed in più, per i titolari CartaFRECCIA, doppi punti su ogni noleggio! Fai un viaggio attraverso i sapori più autentici ed il gusto italiano: per tutti i passeggeri Trenitalia, come sempre, navigatore incluso e sconti fino al 50% sulle tariffe di noleggio. For the event of the year, Expo Milano, up until 31 October 2015, we have a special offer to get you travelling all over the country and enjoying the most authentic Italian cuisine and flavours: with Noleggio Facile, you can pick up your car from a Maggiore agency in Lombardy and return it to any other agency in the country, at no extra charge! What’s more, CartaFRECCIA clubcard holders will get double points on every rental! Set off to explore Italy and its gourmet food and wine: as always, Trenitalia passengers will get a sat-nav included and discounts of up to 50% on rental rates. L’offerta è soggetta a restrizioni. Il supplemento di viaggio a lasciare (VAL) è gratuito esclusivamente per i noleggi con inizio nelle agenzie della Lombardia fino al 31/10/2015 effettuati con il servizio Noleggio Facile e non è applicabile al noleggio di vetture del gruppo ECO. Offerta doppi punti CartaFRECCIA applicabile fino al 31/12/2015 per noleggi auto effettuati con i codici convenzione Noleggio Facile e CartaFRECCIA, presentando la carta fedeltà del programma all’atto del noleggio. Informazioni e prenotazioni: trenitalia.com (Offerte e Servizi) - maggiore.it (Partner) - Call Center Maggiore 800 867 196. The offer is subject to limitations. The one-way service supplement (VAL) comes free exclusively with rentals starting from agencies in Lombardy up until 31/10/2015 with Noleggio Facile service, and does not apply to rentals of vehicles in group ECO. The CartaFRECCIA double points offer applies to car rentals made up until 31/12/2015 using Noleggio Facile and CartaFRECCIA offer codes; remember to present your clubcard when you pick up your rental. For information and bookings: trenitalia.com (Offers and Services section) - maggiore.it (Partners section) - Maggiore Call Center 800 867 196.


Profile for Edizioni La Freccia e In Regione

La Freccia Expo - ottobre 2015  

In copertina: world food day - sfida fame zero.

La Freccia Expo - ottobre 2015  

In copertina: world food day - sfida fame zero.