Page 48

46

POWER DAL BOSCO VERTICALE ALL’HOTEL-GIARDINO. COSÌ IL GREEN BUILDING CAMBIA L’ASPETTO DELLE CITTÀ

M6B2 Tower of Biodiversity, Paris © Pierre L'Excellent

di Laura D’Alessandro

Skyline metropolitani dominati da palazzi rigogliosi di vegetazione, edifici residenziali che spargono nell’aria semi di piante, luoghi di lavoro progettati come serre. L’abitare contemporaneo è verde, e non solo metaforicamente. Negli ultimi anni la questione ambientale è entrata a pieno titolo nell’agenda di architetti e urbanisti che, nell’ideare gli spazi pubblici e privati, coniugano sempre di più design e natura, funzionalità e sostenibilità. Più che un semplice tocco green, si tratta di un approccio all’edilizia del tutto differente rispetto al passato. La svolta è arrivata con il Bosco Verticale, pluripremiata creazione di Stefano Boeri concepita come prototipo per i grattacieli del futuro. Inaugurate nel 2014 a Milano, le due torri ai margini del quartiere Isola costituiscono un vero e proprio habitat ecologico, grazie a 800 alberi e 16mila piante di 100 specie diverse che assorbono CO2 e polveri sottili. Un format già esportato in Svizzera, a Losanna, e che si appresta a sbarcare per la prima volta in Asia, nella città cinese di Nanjing. Progetti di forestazione urbana ispirati al modello italiano non mancano anche in altri Paesi. A Parigi, la facciata “vivente” della M6B2 Tower of Biodiversity domina la rive gauche della Senna. Firmata dalla Maison Edouard François, la struttura è in grado di diffondere semi nell'ambiente circostante grazie all’azione del vento, diventando così parte attiva dell’ecosistema. A Singapore sorge lo spettacolare garden-hotel Parkroyal on Pickering, con 15mila m2 di giardini pensili, specchi d’acqua, cascate e terrazze. L’acqua piovana raccolta ai piani superiori è utilizzata per irrigare le piante in basso, mentre i pannelli fotovoltaici sul tetto alimentano le lampade da coltivazione. Dalla mente eclettica del designer francese Philippe Starck nascono poi le Yoo Towers, residenze di lusso innovative e sostenibili già presenti in 30 nazioni del mondo. L’ultima in fase di completamento è la torre di Quito, capitale dell’Ecuador, la cui silhouette ondulata sarà dominata dalla flora, posizionata strategicamente per filtrare e riflettere i raggi solari. Il pollice verde degli architetti non conosce confini. Anche durante l’orario di lavoro ci si può immergere nella natura, come accade a

APR 2017

Lisbona dove si trova lo spazio di coworking e il sistema di riscaldamento e raffreddamento si più vegetale d’Europa. Progettato dallo studio basa sulla ventilazione tipica dei vivai. È l’ennesimo spagnolo SelgasCano per SecondHome, è ospitato esempio di green building, che va ben oltre il (seppur nel Mercado da Ribeira, antico food market della fondamentale) risparmio energetico. È il paesaggio 2 città. Nei 1.100 m a disposizione, oltre 1.000 vasi che entra nelle case e negli uffici, per un ritorno di piccoli arbusti invadono le sinuose scrivanie quasi primordiale alla Madre Terra.

La Freccia Green - aprile 2017  

In copertina: Reduce CO2

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you