Page 76

74 SALISBURGO

Mozart effect

The

GIOIELLO ARCHITETTONICO TRA LUSSUREGGIANTI COLLINE, SALISBURGO DEVE LA SUA FAMA AL TALENTO DEL CELEBRE MUSICISTA

I

l 27 gennaio 1756 al numero 9 della Getreidegasse, in una casa borghese nel cuore della vecchia Salisburgo ( 1), il vagito di Wolfgang Amadeus Mozart fende l’aria con la stessa forza prorompente con la quale la sua musica avrebbe poi marchiato il panorama sonoro del XVIII secolo. Da quel giorno il destino della città austriaca resta indissolubilmente legato al nome di questo geniale musicista. Fascino e interesse che arriva inalterato fino ai nostri giorni INVERNO·DIC2016

e spinge gli organizzatori a non deludere le aspettative dei cultori della musica classica. Grande attesa viene riposta nella Settimana Mozartiana, evento di punta del palinsesto salisburghese che dal 26 gennaio al 5 febbraio vede prestigiosi artisti alternarsi nell’esecuzione dei brani di Mozart, Haydin e Johann Nepomuk Hummel, mentre cavalli e cavallerizzi dell’Académie équestre de Versailles e Musiciens du Louvre stupiscono il pubblico con un’originale ver-

sione del Requiem: opera d’arte totale, connubio fra esseri umani, animali e musica, cantata dal coro Salzburger Bachchor e rappresentata nella Felsenreitschule. Le attrattive in città si estendono anche alla pittura attraverso le proposte del Museo di arte moderna sul monte Mönchsberg che, fino al 12 febbraio ospita Homo Americanus di Raymond Pettibon. Tramite una rassegna composta da oltre mille opere realizzate dal 1978 a oggi, l’artista, con il suo

Frecciaviaggi - dicembre 2016  

In copertina: Dolomiti, shapes of beauty

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you