Page 1


« QUANTE VOLTE NELLA MIA VITA HO ANCH’IO USUFRUITO DELL’OPERA COSÌ PREZIOSA E INDISPENSABILE DEI FERROVIERI! » Giovanni Paolo II


In copertina: locomotiva a vapore Gr. 685.089 in testa al treno storico Caritas Express in partenza dalla stazione della Città del Vaticano. Per la prima volta dopo il 4 ottobre 1962, una locomotiva a vapore perfettamente efficiente ripercorre la ferrovia internazionale più corta del mondo: Roma San Pietro – Città del Vaticano (17 maggio 2011) A destra: Papa Francesco, eletto a 76 anni, è il 266esimo pontefice. Città del Vaticano (13 marzo 2013) © L'Osservatore Romano

L'Italia del treno EDIZIONI © Ferrovie dello Stato Italiane SpA Tutti i diritti riservati. Nessuna parte del supplemento può essere riprodotta, rielaborata o diffusa senza il consenso espresso dell'editore. EDITORE

Direzione Centrale Comunicazione Esterna e Media Piazza della Croce Rossa, 1 - 00161 Roma www.fsitaliane.it - lafreccia@fsitaliane.it DIRETTORE RESPONSABILE Orazio Carabini PROGETTO EDITORIALE Claudia Frattini CAPOREDATTORE Claudia Frattini COORDINAMENTO EDITORIALE Francesca Ventre ASSISTENTE EDITORIALE Luca Mattei IN REDAZIONE Gaspare Baglio, Serena Berardi, Antonella Caporaso, Silvia Del Vecchio, Dalila Ferreri, Michela Gentili, Sandra Gesualdi, Cecilia Morrico, Ilaria Perrotta REALIZZAZIONE E PROGETTO GRAFICO Giovanna Di Napoli COORDINAMENTO CREATIVO Giovanna Di Napoli RICERCA IMMAGINI E PHOTO EDITING Michele Pittalis, Vincenzo Tafuri HA COLLABORATO Fabrizio Torella IN COLLABORAZIONE CON STAMPA

Fondazione FS Italiane Piazza della Croce Rossa, 1 - 00161 Roma www.fondazionefs.it DIRETTORE Luigi Cantamessa ASSISTENTE EDITORIALE Ernesto Petrucci SELEZIONE FOTOGRAFICA Antonio Stanga, Donato Zaccagnino FOTO Archivio Fondazione FS Italiane HA COLLABORATO Marco Penati

Via A. Gramsci, 19 - 81031 Aversa (CE) Tel. 081/8906734 - info@graficanappa.com


12

giornata universale in cantiere una stazione

14

misticI viaggi

08 10

24

benvenuto ad Assisi insieme a Sua SantitĂ

26

un elettrotreno per il Pontefice

20

32 34 36

le carrozze del papa entrare in Villa ostelli e solidarietĂ

5


di Luigi Cantamessa (Direttore Fondazione Ferrovie dello Stato Italiane)

I

n occasione del Giubileo della Misericordia, L’Italia del treno narra attraverso le immagini i viaggi dei pontefici: spirituali, di fede e di preghiera, talvolta pellegrinaggi. Migliaia di fedeli in ginocchio nelle stazioni ferroviarie o lungo le linee ad acclamare e applaudire il Vicario di Cristo in terra che, proprio lungo i binari, percorre il nostro Paese, portando ovunque parole di speranza e conforto. Se la storia d’Italia ha quasi sempre preferito questo mezzo, un posto particolare è da riservare ai viaggi dei papi che così hanno ritmato la nostra epoca, in particolare dal secondo dopoguerra in poi. A far data dalla giornata straordinaria di Assisi del 1962, quando Giovanni XXIII dal treno annunciava il Concilio Vaticano II. Sono scatti fissati ormai nella memoria di tutti. Un dipanarsi di eventi che hanno reso concreti alcuni passaggi fondamentali del ‘900: l’annuncio di nuovi valori e la crescente speranza per un futuro di pace e di giustizia.

A sinistra: locomotiva diesel D.343 manovra il treno storico Caritas Express organizzato per celebrare i 60 anni di attività della Caritas Internationalis. Roma San Pietro (17 maggio 2011)

7


giornata universale


« SIA PACE NELLA CONCORDIA, NELLA COMUNICAZIONE SCAMBIEVOLE (…) DELLE IMMENSE RICCHEZZE DI VARIO ORDINE E NATURA » Giovanni XXIII

A sinistra: Papa Giovanni XXIII in viaggio verso Loreto e Assisi a bordo del Treno presidenziale italiano, ex Treno reale (4 ottobre1962)

Sotto: Giovanni XXIII appena giunto nella stazione di Loreto (4 ottobre1962)

P

omeriggio del 2 ottobre 1962: l’annuncio che appare sull’Osservatore Romano coglie tutti di sorpresa. Sua Santità Giovanni XXIII prenderà finalmente il treno per uscire dal suo piccolo grande Stato e recarsi a Loreto e Assisi, nell’imminenza dell’apertura dello storico Concilio Vaticano II, a implorare l’intercessione di San Francesco. Il viaggio è previsto due giorni dopo, il 4 ottobre, e la mobilitazione delle FS è immediata. La Divisione Movimento di Roma dirama alle stazioni le severe disposizioni che la normativa ferroviaria riserva ai viaggi delle alte personalità. Al Papa viene riservato, per la prima volta, il Treno presidenziale con le sue magnifiche carrozze. Il convoglio è trainato da una locomotiva elettrica E. 428. Fin dai primi chilometri l’ufficialità dell’evento è rotta da una folla immensa di fedeli che, ai lati dei binari o nelle stazioni, acclamano Papa Roncalli. Cento, mille volti di italiani felici e commossi accompagnano quel treno della speranza in una giornata che rimarrà impressa nella memoria nazionale. 9


« CI AVVICINAMMO A QUEI FERROVIERI E TENDEMMO LORO LA MANO. RICORDIAMO IL LORO STUPORE E IL LORO IMBARAZZO » Paolo VI

N

otte di Natale con il papa: il 24 dicembre 1972 Paolo VI celebra la messa di mezzanotte tra i ferrovieri e gli operai dei cantieri della Direttissima Roma-Firenze, nei pressi della stazione di Sant’Oreste ai piedi del monte Soratte, illuminato per l’occasione da migliaia di torce a vento. Il Santo Padre, con il capo protetto da un elmetto bianco da minatore, giunge nel ventre della grande galleria tra gli applausi delle maestranze e di tanta gente scesa dai paesi posti sulle pendici del monte. Un anziano caposquadra siciliano lo accoglie parlandogli del duro lavoro svolto dai suoi uomini per costruire un’opera così importante per il Paese. Al termine del suo discorso l’operaio, con un martello pneumatico, infrange la parete e offre al Pontefice un frammento di roccia che lui accetta con un sorriso, assicurando che lo conserverà tra i suoi ricordi più cari. Della stessa pietra è fatta anche la statua della Madonna offerta dai minatori a Sua Santità prima di prendere la via del ritorno attraverso l’umido cunicolo della galleria.

10

A destra e sotto: Papa Paolo VI visita il cantiere nella galleria sotto il monte Soratte (RM), durante la costruzione della Direttissima Roma-Firenze, per celebrare la messa di Natale (24 dicembre1972)


in cantiere


una stazione


« QUESTA È LA PIÙ BELLA STAZIONE DEL MONDO! » Pio XI

A sinistra: fabbricato viaggiatori della stazione vaticana rivestito esternamente in travertino e arricchito con sculture (1957)

Sotto: panoramica della stazione ferroviaria della Città del Vaticano (2011)

U

na ferrovia eccezionale si stacca dall’estremo nord della stazione di Roma S. Pietro e, con un monumentale viadotto posto 11 metri sopra la valle del Gelsomino, entra nelle mura pontificie attraverso una grande e misteriosa porta, quasi sempre chiusa. È la ferrovia della Città del Vaticano, costruita a seguito della firma dei Patti lateranensi nel 1929. L’opera più bella e importante di questa piccola infrastruttura è sicuramente la stazione, un elegante edificio progettato e costruito tra il 1929 e il 1934, in forme eleganti e solenni, da Giuseppe Momo, l’architetto di fiducia di Pio XI. La facciata è caratterizzata da un pronao sorretto da pilastri rettangolari e colonne ioniche ed è arricchita con lo stemma dello stesso Papa, sorretto da statue raffiguranti il Pensiero e l'Azione. Una cornice adeguata ai viaggi del Santo Padre e all’accoglienza di alte personalità. I cittadini romani la chiamano “la stazione del papa” e da qui, nel 1962, sarebbe partito per la prima volta un pontefice, Giovanni XXIII diretto a Loreto e Assisi. 13


A sinistra: il convoglio speciale che trasporta la salma di S. Pio X dalla CittĂ del Vaticano a Venezia sfila sul viadotto del Gelsomino (11 aprile1959) Sotto: convoglio speciale per i pellegrini in partenza per Lourdes. Palermo Centrale (1965)

2

15


MISTICI VIAGGI

« NEL CUORE UNA GRANDE FIDUCIA NELLA POTENTE GRAZIA DI DIO, SENZA LA QUALE NULLA (…) POSSIAMO PENSARE AD IMPRENDERE QUAGGIÙ » Pio X

A

lle 18 dell’11 aprile del 1959 una locomotiva tirata a lucido, proveniente da Roma Trastevere, imbocca il grande viadotto verso la Città del Vaticano, scomparendo dietro il portale delle antiche mura. Nella stazione, all’interno del piccolo Stato, l’attende il solenne convoglio (il primo dal 1860) che avrebbe trasportato a Venezia la salma del Santo Pontefice Pio X. Commozione profonda, silenzio e stupore sono i sentimenti degli astanti. 16 16

Sopra: la salma di S. Pio X viene condotta sul convoglio speciale messo a disposizione del Vaticano dalle Ferrovie dello Stato per la traslazione a Venezia, secondo il volere di Giovanni XXIII (11 aprile1959)


Sopra: convoglio speciale con carrozze del gruppo Cz36000, cosiddette barellate, per i pellegrini diretti a Lourdes. Verona Porta Nuova (1964)

Tocca a un giovane capostazione emozionato l’impegnativo privilegio di dare il via libera a un treno cosÏ importante. Una percezione che circonda anche altri convogli, altri viaggi del dolore, della fede e della speranza. Sono le carrozze barellate dei treni che vanno a Lourdes, con il loro carico di sofferenza, ma anche di gioia, per l’attesa di una guarigione o semplicemente per la condivisione di un mistero della fede e di una preghiera di fronte alla grotta santa. 17


MISTICI VIAGGI

© Creatività e Broadcasting - FS Italiane

1

1. 2. Papa Francesco con i piccoli del Treno dei bambini (30 maggio 2015) © Mondadori Portfolio/Archivio Grzegorz Galazka/Gettyimages.it

I

l 30 maggio 2015 arriva nella stazione vaticana il Treno dei bambini, un Frecciargento che trasporta a Roma 200 piccoli in situazioni disagiate. Il convoglio, messo a disposizione per il terzo anno consecutivo dal Gruppo FS, ospita figli di detenuti provenienti da Bari e Trani e alcuni giovanissimi della Capitale. Nel cortile della stazione, aperta eccezionalmente per l’evento, i bambini conoscono Papa Francesco e lo ascoltano poi nella Sala Nervi.

18 18

Sopra: Papa Francesco con i piccoli del Treno dei bambini (23 giugno 2013)


« IL PADRE CREATORE SUSCITA ANCHE LA CREATIVITÀ IN COLORO CHE VIVONO COME SUOI FIGLI. ALLORA ESSI IMPARANO A GUARDARE IL MONDO CON OCCHI NUOVI » Papa Francesco

© Creatività e Broadcasting - FS Italiane

2

Il Santo Padre assiste inoltre alla proiezione di alcune scene del film di Pupi Avati, Un viaggio di cento anni, che ripercorre un secolo di storia italiana attraverso il treno. Le Ferrovie dello Stato Italiane e i suoi dipendenti mettono in campo le forze necessarie per assicurare ai ragazzi un viaggio sereno e lasciare loro un vivo ricordo della giornata. Si conferma l’impegno sociale del Gruppo FS, reso concreto da numerose iniziative anche in anni recenti. 19


« LA CHIESA CATTOLICA NON DESISTERÀ DALLA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA, DAL SUO IMPEGNO PER LA PACE NEL MONDO. SIAMO (…) PELLEGRINI DELLA VERITÀ » Benedetto XVI

20

A destra: Papa Benedetto XVI accolto dalle autorità al suo arrivo alla stazione di Assisi (27 ottobre 2011)

Sotto: Papa Benedetto XVI a bordo del treno Frecciargento in partenza per Assisi (27 ottobre 2011)

© Vincenzo Tafuri/La Freccia

M

attina del 27 ottobre 2011. Giornata importante per le Ferrovie e per gli italiani: il Pontefice Benedetto XVI si reca ad Assisi per la giornata di riflessione, dialogo e preghiera scegliendo il treno come mezzo per compiere un pellegrinaggio della verità e della pace. Su un moderno Frecciargento allestito dalle FS per l’occasione, prendono posto i rappresentanti di oltre 50 Paesi e di tante confessioni religiose, accomunati dal desiderio di pregare insieme per la tolleranza e la giustizia nel mondo. Per i ferrovieri in servizio, sul treno e nelle stazioni, la giornata è febbrile, carica di responsabilità. Nelle stazioni di Terni, Spoleto e Foligno i vagoni rallentano quasi a volersi fermare e il volto mite e sorridente del Papa appare dal finestrino. Le sue mani benedicono e nello stesso tempo salutano una folla plaudente. Ad Assisi, mentre l’esile figura del Pontefice compare sulla porta del convoglio, la storia sembra ripetersi e il treno, ancora una volta, diventa veicolo di un lungo viaggio di fede e speranza.


benvenuto ad Assisi


Locomotiva a vapore Gr. 625.051 sul viadotto del Gelsomino con la cupola di San Pietro a fare da sfondo (1957)


insieme a Sua SantitĂ


« MERAVIGLIOSO L’ASPETTO MECCANICO (…) MA CIÒ CHE PIÙ INTERESSA IL NOSTRO CUORE E IL NOSTRO MINISTERO SIETE VOI, FERROVIERI » Paolo VI

A sinistra: figli di ferrovieri si recano all’udienza di Paolo VI. Roma (27 settembre1964)

© Creatività e Broadcasting - FS Italiane

Sotto: Papa Francesco saluta il personale di bordo del Treno dei bambini. Roma (30 maggio 2015)

S

eimila lavoratori dal papa. È il 27 settembre del 1964 e Paolo VI accoglie i ferrovieri nella basilica di San Pietro, per vivere assieme a loro una giornata di festa e preghiera. Grande è la meraviglia quando il Pontefice, al termine della messa, dichiara la sua ammirazione e la sua vicinanza a questo mondo professionale, maturate durante l’esperienza di arcivescovo nella Milano degli anni ’50, la città delle fabbriche, degli emigranti, degli operai. Con parole dirette e inusuali ricorda come il suo sguardo si sia sempre fermato sulle persone, sul loro duro lavoro e sulla loro umanità. È Benedetto XVI, dopo alcuni anni, nel giugno 2005, a ricevere i dipendenti del Gruppo FS che avevano garantito, qualche mese prima, l’arrivo a Roma di milioni di pellegrini accorsi per dare l’estremo saluto al suo predecessore, Giovanni Paolo II. E sono tanti anche i ferrovieri accolti da Papa Francesco a San Pietro il 19 dicembre 2015 per celebrare, con un’udienza speciale, i 110 anni della nascita delle Ferrovie dello Stato. 25


A destra: Giovanni Paolo II all’interno dell’officina di Roma Smistamento tra i saluti dei presenti (8 novembre1979) Sotto: il treno speciale con cui Papa Wojtyla raggiunge Roma Smistamento in occasione della 21esima Giornata del Ferroviere (8 novembre1979)

26 26


UN ELETTROTRENO PER IL PONTEFICE

A

lle 17:05 dell’8 novembre 1979 Giovanni Paolo II fa il suo ingresso a Roma Smistamento a bordo dell’elettrotreno speciale ETR 250 Arlecchino, allestito in occasione della 21esima Giornata del Ferroviere. Per la prima volta, interrompendo una lunga tradizione, un pontefice viaggia a bordo di un treno così moderno e veloce. Il lucido ed elegante convoglio, con la sua bella livrea verde magnolia e grigio nebbia, entra nello scalo ferroviario 28 28

Sopra: Papa Giovanni Paolo II con il capostazione titolare di Roma San Pietro. Città del Vaticano (8 novembre1979) Pagina a fianco, in alto: figli di ferrovieri danno al Pontefice il benvenuto sul treno (8 novembre1979) 1. Papa Wojtyla nel belvedere dell’ETR 250 Arlecchino (8 novembre1979)


1

accolto dai flash dei fotografi e dalle sirene delle locomotive. Il Papa poi, all’interno dell’officina, celebra la messa su un altare provvisorio, con alle spalle due locomotive storiche, legame tra passato e presente delle Ferrovie dello Stato: una macchina a vapore del Gruppo 740 e una moderna locomotiva elettrica E. 444 Tartaruga. Il Papa si ferma piÚ volte a parlare con i ferrovieri, facendo domande sul loro lavoro, sostando volentieri ad abbracciare i bambini e a stringere mani. 29


UN ELETTROTRENO PER IL PONTEFICE A destra: l’arrivo di Papa Giovanni Paolo II a Roma Smistamento (8 novembre1979)

Sotto: il Pontefice a bordo del treno speciale verso Roma Smistamento (8 novembre 1979)


« IL CONTINUO VIAGGIARE NON È FORSE IMMAGINE DI UN ALTRO VIAGGIO, CHE TUTTI CI ACCOMUNA? (…) SÌ, CIASCUNO DI NOI È UN VIAGGIATORE » Giovanni Paolo II

Sopra e a destra: momenti della Santa messa nell’officina di Roma Smistamento. Per la celebrazione l’altare è stato posizionato davanti a due locomotive, una Gr. 740 a vapore e una E. 444 elettrica (8 novembre1979)

31


« PRIMA CHE LA BENEDIZIONE DI DIO DISCENDA SU DI VOI, SU TUTTO LO STATO, (...), SU TUTTA L'ITALIA, IO VI RACCOMANDO CHE I CUORI SIANO CONCORDI » Pio IX

È

il 1863 e per la prima volta Pio IX sale a bordo del suo treno per un viaggio pastorale in Ciociaria. Il convoglio speciale ha in composizione le tre famose carrozze papali, tutte quante realizzate in Francia nel 1858. La prima, agganciata alla locomotiva a vapore, è chiamata “balconata” ed è utilizzata per le benedizioni. All’esterno il vagone è terrazzato, balaustrato da entrambi i lati, con colonnine tortili dorate e decorato nella parte superiore da un fregio e una cornice di foglie di quercia e di alloro, sormontata da girali di fiori in rame cesellato con al centro lo stemma pontificio. Nell’interno la volta della carrozza è dipinta con un finto velario cosparso di stelle. Subito dopo la vettura con la sala del trono e un minuscolo ambiente con vestibolo e camera da letto per il riposo del Santo Padre. La terza è un veicolo di grande eleganza, frutto del lavoro di celebri artigiani, specializzati in ogni settore, come pittori, ebanisti e bronzisti. Tutti gli interni sono elegantemente arredati e decorati con tappezzerie in velluto.

32

A destra: carrozza utilizzata da Pio IX per il viaggio pastorale a Velletri (RM,1863). Interni del salone del trono con piccolo appartamento annesso a uso privato del Pontefice.

Sotto: affreschi del salone del trono.


le carrozze del papa


entrare in Villa © Creatività e Broadcasting - FS Italiane


« SONO CONVINTO CHE TUTTA LA CHIESA (…) POTRÀ TROVARE IN QUESTO GIUBILEO LA GIOIA PER RISCOPRIRE E RENDERE FECONDA LA MISERICORDIA DI DIO » Papa Francesco

A sinistra: la locomotiva a vapore Gr. 625.017 traina il convoglio inaugurale del treno delle Ville pontificie costituito da vetture Centoporte, da una carrozza di 1^ classe del 1921 e dalla vettura S10 del Treno presidenziale, che ha ospitato la conferenza stampa a bordo (11 settembre 2015)

© Creatività e Broadcasting - FS Italiane

Sotto: i giardini delle Ville pontificie di Castel Gandolfo (2015)

O

tto dicembre 2015. Papa Francesco apre l’Anno Santo della Misericordia che si chiuderà il 20 novembre 2016. Per anticipare questi eventi e grazie alla collaborazione con i Musei Vaticani, il Gruppo FS Italiane organizza l’11 settembre un treno a vapore dalla Città del Vaticano fino a Castel Gandolfo, cittadina che accoglie le Ville pontificie. Per l’occasione la Fondazione FS Italiane rimette sui binari una locomotiva del 1910 che traina la carrozza S6 del Treno presidenziale costruito nel 1930. È la stessa utilizzata da Giovanni XXIII il 4 ottobre 1962 per arrivare ad Assisi e Loreto. A seguire una vettura di 1^ classe anni ’20, due vagoni Centoporte e un bagagliaio d’epoca a due assi. La ferrovia internazionale più corta del mondo, Roma San Pietro – Città del Vaticano, inaugurata nel 1934 e lunga meno di 900 metri, fu realizzata tramite un viadotto in muratura dalla stazione San Pietro fino al portone di confine fra l’Italia e lo Stato pontificio. 35


« L’OSTELLO È DIVENTATO UN LUOGO DOVE, GRAZIE AL GENEROSO SERVIZIO DI TANTI OPERATORI E VOLONTARI, SI ATTUANO OGNI GIORNO LE PAROLE DI GESÙ » Benedetto XVI

I

l primo grande progetto di solidarietà che FS Italiane ha realizzato in collaborazione con gli enti locali e l’associazionismo, per dare aiuto concreto alle persone in condizioni di disagio sociale presenti nelle stazioni, sono gli help center. Ben 15 sportelli di ascolto negli scali ferroviari delle principali città italiane che orientano chi è in difficoltà verso i servizi sociali: centri di accoglienza, comunità terapeutiche, associazioni specializzate. Tra gli impegni di Ferrovie dello Stato anche la creazione di centri diurni e notturni e di un nucleo di prima accoglienza per rifugiati politici, tutti gestiti da importanti associazioni umanitarie: il Rifugio Caritas a Milano Centrale; a Roma Termini l’Ostello Caritas Don Luigi Di Liegro e il centro diurno di via Marsala Binario 95, condotto dalla cooperativa sociale Europe Consulting Onlus. Nella Capitale è attivo anche il centro di prima accoglienza per i richiedenti asilo e i rifugiati politici Padre Pedro Arrupe, guidato dall’Associazione Centro Astalli.

36

A destra: Benedetto XVI a Roma Termini durante i lavori di riqualificazione dell’Ostello Don Luigi Di Liegro della Caritas diocesana (14 febbraio 2010)

Sotto: il saluto del Pontefice prima di lasciare i locali che ospitano l’Ostello Don Luigi Di Liegro a Roma Termini (14 febbraio 2010)


ostelli e solidarietĂ


Bibliografia Livio Jannattoni, Viaggio storico, Voci della Rotaia, nn. 8-9 (1962) Livio Jannattoni, Vaticano e ferrovie da Pio IX a Giovanni XXIII, Voci della Rotaia, nn. 8-9 (1962) Domenico Loffredo, La grande ora di una vecchia stazione, Voci della Rotaia, n. 4 (1959) Andrea Sarra, Il viaggio di Pio IX in Ciociaria (11-20 maggio 1863), Tipografia dell’Abbazia di Casamari (1963) Vittorio Sermarini, Notte di Natale col Papa. In un cantiere della nuova Direttissima, Voci della rotaia, n. 1 (1973) I ferrovieri dal Papa. La parola di Paolo VI, Voci della Rotaia, n. 10 (1964) Il Papa tra i ferrovieri. 8 novembre 1979: Giovanni Paolo II a Roma Smistamento, Voci della Rotaia, n. 11 (1979)

© Osservatore Romano/La Presse

Per le citazioni alle pagine 9,19, 20, 35 e 36 © Copyright - Libreria Editrice Vaticana

Papa Francesco riceve i piccoli del Treno dei bambini. Città del Vaticano (30 maggio 2015)


www.fondazionefs.it

L'Italia del treno - Giubileo - dicembre 2015  

In occasione del Giubileo della Misericordia una speciale raccolta di immagini che ritrae i viaggi in treno dei pontefici dal secondo dopogu...

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you