Page 1

Pesaro-Urbino

w w w. i n m a g a z i n e . i t ®

Tariffa R.O.C.: Poste Italiane s.p.a. - Spedizione in A. P. - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n° 46) art. 1, comma 1, DCB - FILIALE DI FORLÌ - Contiene i. p. - Reg. al Tribunale di Forlì il 20/02/2006 n. 6 - E 3,00

Anno VII - N. 3 - NOVEMBRE - DICEMBRE 2012

Piero

Guidi

La fabbrica degli angeli Commercianti Made in Pesaro L’obiettivo dell’eccellenza Gabriele Gravagna L’arte della filologia Sassocorvaro La fortezza sul lago


Sommario

16

22

6 Annotare Brevi IN 16 Essere Piero Guidi 22 Lavorare Commercianti Made in Pesaro 26 Riunire I pesaresi ed i Club Service 31 Studiare Gabriele Gravagna 34 Visitare Sassocorvaro

| EDITORIALE di Simonetta Campanelli e Andrea Masotti |

Gli angeli di Piero Guidi volano sulle vetrine di lusso di tutto il mondo e stazionano sulla copertina del nuovo numero di Pesaro IN. Alla storia di questa impresa di successo si affianca quella di alcuni commercianti pesaresi - Elisa Venturi, Lucio Bertozzi, Stefano Andruccioli e Marco Morosini - che hanno fatto della loro professione un punto d’eccellenza che travalica i confini cittadini. Si prosegue con le ricerche dei Club Service pesaresi (Soroptimist, Lions Club Pesaro Host, Lions Club Pesaro Della Rovere, Rotary Club Rossini e Rotary Club Padrino) e con l’attività del filologo musicale Gabriele Gravagna. Una gita fuori porta ci accompagna

quindi alla scoperta di Sassocorvaro e della sua fortezza, un tuffo nell’antico che prosegue con la riscoperta della ricetta marchigiana del salame di fichi. Torniamo alla contemporaneità con l’avvocato Enzo Bacciardi e la sua attività internazionale, oltre che con il progetto di carpooling per una Urbino trasformata in smart city. Passiamo a Fano con l’International Film Festival diretto da Fiorangelo Pucci, mentre nella rubrica sullo sport protagonista è il Club Scherma Pesaro. Il concorso fotografico indetto da Brandina chiude questo numero di Pesaro IN, con gli originali scatti dei vincitori. E a noi non resta che augurarvi buona lettura, e buone feste di fine anno!

Stampa: Graph S.N.C. - San Leo (RN)

Collaboratori: Benedetta Andreoli, Franco Bertini, Simonetta Campanelli, Ettore Franca, Martina Manfredi, Alice Muri, Silvia Sinibaldi, Simona Spagnoli, Maria Rita Tonti.

Direttore Responsabile: Andrea Masotti Redazione centrale: Roberta Brunazzi, Serena Focaccia Progetto grafico: Lisa Tagliaferri Impaginazione: Marica Graziani, Sabrina Montefiori

Fotografi: Laura De Paoli, Leonardo Mattioli, Luca Toni

Controllo produzione e qualità: Isabella Fazioli

Coordinamento redazione Pesaro: Simonetta Campanelli cell. 335.5262743 - nelli@simonettacampanelli.it

Ufficio commerciale: Irena Coso, Laura De Paoli

Chiuso per la stampa il 15/11/2012

40 Recuperare I fichi marchigiani 42 Tutelare Enzo Bacciardi 44 Progettare Urbino smart city 46 Combattere Club Scherma Pesaro 48 Dirigere Fiorangelo Pucci 50 Fotografare Concorso Brandina

31

34

Edizioni IN MAGAZINE S.R.L. Redazione e amministrazione: Via Napoleone Bonaparte, 50 - 47100 Forlì tel. 0543.798463 - fax 0543.774044

www.inmagazine.it inmagazine@menabo.com

Tutti i diritti sono riservati. Foto e articoli possono essere riprodotti solo con l’autorizzazione dell’editore e in ogni caso citando la fonte.


Annotare | Brevi IN

Ottimo bilancio per Banca Marche Pesaro - Banca Marche ha chiuso il primo semestre 2012 con un utile netto pari a 42,7 milioni di euro e con un margine di intermediazione lordo di 318,6 milioni di euro. Il risultato della gestione finanziaria è stato pari a 243 milioni di euro. Gli impieghi verso la clientela al 30 giugno 2012 raggiungono i 17.679 milioni di euro, con un incremento nel semestre dell’1,8%. “Con questo bilancio – ha commentato il presidente Lauro Costa – il nostro istituto di credito si conferma come il principale sul territorio. Mi piace sottolineare il dato degli impieghi, aumentati pur in presenza delle difficoltà che sta vivendo il tessuto economico locale. La nostra costante attenzione verso i clienti ci è stata ricambiata nella recente operazione di aumento di capitale, chiusa con grande successo”.

Bartorelli, 130 anni festeggiati con Rolex Pesaro - Per festeggiare i 130 anni di attività le Gioellerie Bartorelli hanno creato un evento speciale con Rolex, principe dell’orologeria svizzera. Per l’anniversario è stato allestito un esclusivo party all’Excelsior per una raffinata clientela, accolta da Paolo Bartorelli (nella foto sotto insieme alla moglie Paola) e Stefano Notari, direttore: tra le più attese, il nuovo modello Submariner e l’iconico Daytona Rainbow, nelle versioni in oro giallo ed oro bianco

tempestato di pietre preziose multicolore, prodotto in serie limitata. Altra protagonista dell’esposizione, creata in pochi esclusivi esemplari, è stata la versione rivisitata del modello Yacht Master con nuovo quadrante blu. Tra i pezzi più eccezionali anche il modello calendario annuale con doppio fuso orario Sky Dweller, primo orologio “complicato” del brand ginevrino. La selezione è stata esposta anche presso la gioielleria Bartorelli di via Branca. (S.C.)

Teatro Rossini, su il sipario per la prosa

Chef per un giorno al ristorante ’59 dell’ Excelsior

Pesaro - Si è alzato il sipario sulla stagione di prosa del Teatro Rossini di Pesaro, che propone 7 titoli e 21 serate di spettacolo. Dopo l’avvio di ottobre con Alessio Boni e Marcello Prayer, dal 23 al 25 novembre è di scena Laura Morante (nella foto) in “The country”. Il nuovo anno si apre con Angela Finocchiaro in “Open day” (dal 25 al 27 gennaio), seguita da Luca Barbareschi ne “Il discorso del re”. Quindi, con “Se devi dire una bugia dilla ancora più grossa”, dal 22 al 24 febbraio saranno in scena Gianluca Ramazzotti, Antonio Catania, Miriam Mesturino, Raffaele Pisu, Ninì Salerno e Licinia Lentini. Gli spettacoli proseguono fino a metà aprile. www.amat.marche.it (B.A.)

6 | IN Magazine

Pesaro - Per chi vuole trascorrere una giornata al fianco di veri cuochi professionisti, il ristorante ’59 dell’Excelsior, hotel cinque stelle sul Lungomare di Pesaro, propone un’iniziativa dedicata agli appassionati di cucina, “Chef per un giorno... a 5 stelle!”. È l’invito a partecipare ad un curioso corso gratuito aperto a tutti; non è richiesto alcun diploma o attestato, solo l’interesse per l’arte culinaria e la voglia di mettersi in gioco. Sarà il “cuoco ospite” a proporre una data, il menù e ad invitare un minimo di 35 persone per il pranzo o la cena al Ristorante ‘59. Già dal mattino i partecipanti saranno affiancati dall’executive chef Massimo Cardinali (nella foto) e dalla sua equipe e riceveranno

gli ingredienti freschi per la realizzazione dei piatti. Info: 0721 630011 - 630004; info@excelsiorpesaro.it; www.excelsiorpesaro.it (S.C.)


Annotare | Brevi IN

Master della Moda con Dondup

Lo “spirito indominato” di Giò Tanchis Urbino - Fino al 2 dicembre è esposta a palazzo Collegio Raffaello “Spirito indominato”, personale dell’artista sardo Giò Tanchis, al secolo Walter Marchionni, nato da padre urbinate (Dino Marchionni, noto incisore ed acquerellista) e madre sarda (Maria Tanchis, da lei il nome d’arte). La mostra propone il percorso di tutta una vita, contrassegnata da una forte passione per l’arte: Giò Tanchis sviluppa il senso estetico e si cimenta nelle tecniche utilizzate dal padre Dino, che lo coinvolgeva insieme alla sorella Rosa ed al fratello GianLuigi. In questa sorta di cenacolo familiare, nel Marchionni si sviluppa la passione soprattutto per il colore ed il tratto deciso e marcato. Info: 0722 329971 (S.C.)

Urbino - La Facoltà di Sociologia dell’Università degli Studi di Urbino “Carlo Bo” lancia un Master

in Design della Moda in collaborazione con Dondup e con la partecipazione di altre note aziende it aliane di moda. Combinando conoscenze teoriche e pratiche, il master nasce per figure professionali capaci di operare nell’ambito del disegno e dello styling. Il corso, della durata di un anno, è rivolto ai futuri designer della moda esperti dei processi creativi, stilisti e progettisti di moda. “È un progetto in cui crediamo tanto, per valorizzare l’artigianalità e il made in Italy”, afferma Massimo Berloni (nella foto), presidente e amministratore delegato Arcadia. Il percorso formativo si svolgerà tra stage, didattica in aula e laboratori pratici presso aziende e laboratori sartoriali, e sarà gestito da un team di docenti di alto livello. www.masterdesignmoda.uniurb.it

Tullio Pericoli Interpreta Rossini

Rassegna organistica “Castelli d’aria” Fossombrone - Suggestivi borghi e storici castelli fino al 25 novembre si animano grazie alla musica di organi antichi, suonati da interpreti internazionali. Tra questi Francesco Cera, Luca Scandali, Roman Perucki e tanti altri. che in oltre 30 appuntamenti hanno dato nuova vita al ricco patrimonio organistico marchigiano. “Castelli d’aria” è una delle rassegne aderenti al network regionale organistico Marche & Organi, che comprende alcune associazioni organistiche attive nella promozione d’iniziative di valorizzazione degli storici organi marchigiani. www.marcheorgani.org

8 | IN Magazine

Pesaro - “Quelquesriens pour Rossini”: olii, chine e acquerelli del raffinato disegnatore marchigiano Tullio Pericoli sono stati esposti nella Galleria Franca Mancini di Pesaro, in una originale mostra incentrata sul volto di Rossini. La mostra segna il 32° appuntamento del ciclo Les Rencontres Rossiniennes, promosso dall’associazione culturale “Il Teatro degli Artisti” in collaborazione con le istituzioni culturali del Comune di Pesaro e la Regione Marche. Negli spazi della galleria è stata esposta per la prima volta al pubblico anche una selezione di disegni della messa in scena de “Il Turco in Italia” di Pericoli,

presso l’Opernhaus di Zurigo nel 2002. I testi critici in catalogo sono di Bruno Cagli, Philippe Daverio e Paolo Fabbri. (S.C.)


Ristorante El Ciri, prodotti di Qualità Pesaro - Maria Tullia e Roberto vi danno il benvenuto nella nuova sede di El Ciri, il ristorante trasferitosi da poco in zona Adriatic Arena dove qualità e servizio rimangono invariati. Tutta la famiglia è impegnata con grande passione: Maria Tullia e il fratello Roberto, lo chef, sono supportati da Chiara, la sorella sommelier, da mamma Nerina che fa la spesa tut-

te le mattine (solo verdure fresche e carni scelte), da Maurizio, re del barbecue e marito di Maria Tullia e dal figlio Giacomo, che con la sua bella Emy sfornano pizze e pani anche a mezzogiorno. La passione per il lavoro di ogni singolo elemento e la cucina rigorosamente “fatta in casa” rendono la degustazione di ogni menu unica. Info. 0721 27313.

Nuova stagione al Teatro della Fortuna

Fano - Sette spettacoli in cartellone, più “L’Agamennone” fuori abbonamento: è ricca di eventi la stagione di prosa al Teatro della Fortuna di Fano, promossa dall’omonima Fondazione con l’Amat. Dopo il “Furioso Orlando” con Stefano Accorsi e “La locandiera” interpretata da Nancy Brilli, si prosegue il 23 e 24 novembre con Paolo Ferrari e Andrea Giordana in “Un ispettore in casa Birling”; il 21 e 22 dicembre è invece la volta di Luca de Filippo con “La grande magia”. Il nuovo anno vede sul palco Lunetta Savino ed Emilio Solfrizzi in “Due di noi” (18 e 19 febbraio), mentre Alessandro Gassman (nella foto) è regista e protagonista del “RIIIRiccardo terzo”, il 26 e 27 febbraio. La stagione si chiude con “La trappola” di Pirandello, presentata da Gabriele Lavia il 20 e 21 aprile. www.teatrodellafortuna.it (B.A.)


Annotare | Brevi IN

Uniqa Point, cura della pelle da Mayaspa

Tartufo record per Barack Obama

Pesaro e Fano - Maya spa è anche un Uniqa Point, centro specializzato nei trattamenti viso alle vitamine. La linea Uniqa prevede prodotti innovativi in cosmesi, che permettono l’utilizzo delle più efficaci concentrazioni di vitamine naturali senza parabeni con l’esclusiva formulazione in monodose, subito efficaci sulla pelle. Le varie vitamine con molecole ad azio-

ne antiossidante contrastano i danni derivanti dall’esposizione alle radiazioni UV e sono fondamentali per il mantenimento del collagene, per attenuare le macchie cutanee causate da iperpigmentazione. Gli antiossidanti favoriscono la riproduzione dei tessuti, mentre il retinolo contribuisce ad evitare l’assottigliarsi della pelle, conseguenza dell’avanzare dell’età. (S.C.)

Acqualagna - Un tartufo da un chilo è il dono di Acqualagna al presidente degli Stati Uniti Barack Obama per festeggiare la sua rielezione. Il gustoso dono nasce da un’idea di Oscar Farinetti, patron di Eataly, Bruno Urbani di Urbani Tartufi e del sindaco di Acqualagna Andrea Pierotti (insieme nella foto), che alla 47esima Fiera Nazionale del Tartufo Bianco Pregiato, chiusa lo scorso 11 novembre, hanno ammirato questo straordinario esemplare di tartufo bianco pregiato, Tuber Magnatum Pico, del peso di 1,012 kg, esposto in piazza sotto campana di vetro da Urbani Tartufi.

a partire da 23.490,00*

* ipt e metallizzato esclusi

PESARO - Via Macerata 14/16 - Tel. 0721 24471


Arrestati e Vestiti, nuovo Outlet Urbania - Nuovo outlet “Arrestati e Vestiti” sulla strada che da Urbania porta verso Sant’Angelo in Vado. In esposizione più di 10mila capi delle firme più prestigiose, 5mila di questi in vendita anche sul sito aroutlet.it. AR, da più di venti anni è nel campo dell’abbigliamento di marca, è un punto di riferimento per i grossisti, ed ora, con il nuovo negozio, anche i privati possono comprare direttamente o tramite e-bay e dal sito di e-commerce, capi di abbigliamento firmato a prezzi sensazionali. (S.C.)

Tonda di IFI, dalle Olimpiadi alla Biennale di Design Pesaro - La Collezione Farnesina Design ha portato le eccellenze del design e dell’imprenditoria italiani ai Giochi Olimpici di Londra. Tonda è stata esposta nel quartier generale degli Azzurri, Casa Italia, nella suggestiva location del Queen Elisabeth II Conference Center, di fronte all’Abbazia di Westminster. L’innovativa vetrina gelato di IFI è stata al centro di una degustazione di gelato artigianale. Con la Collezione Farnesina Design Tonda è stata in ottobre anche a Lubiana, dalla Biennale di Design. (S.C.)


Annotare | Brevi IN

Pressede, il carattere unico della Pelle

Lo chef Stefano Ciotti ad “Urbino dei laghi”

Urbino - Grande novità nella Tenuta Ss. Giacomo e Filippo ai piedi di Urbino. Da metà novembre ha aperto “Urbino dei laghi”, ristorante e naturalmente pizzeria con il rinomato chef Stefano Ciotti, stellato Michelin, che propone un concetto di pizza del tutto inedito e cucina tradizionale italiana. Le materie prime provengono dall’azienda biologica Urbino Agricola all’interno della Tenuta: oltre ai piatti tipici marchigiani e romagnoli, fiore all’occhiello sono le pizze classiche e creative, da assaporare anche con degustazione. www.urbinoresort.it

Fano - Il colore, l’odore, la morbidezza. Non basta una foto per guardare la collezione di Pressede: le borse e gli altri oggetti in pelle vanno tenuti in mano e bisogna farseli raccontare. Perché ogni borsa nasce da ritagli in pelle rimasti in magazzino o da campionario, prima nella mente di Debora Uguccioni, anima creativa della neonata azienda fanese che ha già solcato passerelle importanti e, poi, tra le mani delle sarte che,

con lavorazione patchwork e artigianale danno vita a un prodotto unico, completamente made in Italy, che fa di “non rifinito” e difetti del pellame un motivo di vanto che dà carattere e personalità. Il fiore simbolo della collezione lega i prodotti, un numero progressivo identifica ogni borsa e la rende unica e speciale. Borse e accessori in pelle sono in vendita solo su Skompilio l’Insolito Italiano. www.skompilio.com


Teknoimpianti Srl, qualità di prodotti e Servizi Pesaro - Corrado Salvatori, Marco Urbinati, Davide Arduini, Claudio Ottaviani, Fabrizio Del Pico (nella foto) sono i cinque soci di Teknoimpianti Srl. Forti della loro ventennale esperienza garantiscono professionalità nell’installazione e costruzione di impianti elettrici industriali e civili, d’illuminazione pubblica, cabine elettriche di trasformazione, impianti antifurto e di video sorveglianza, cancelli elettrici, impianti di climatizzazione, energie rinnovabili, automazione e bordo macchina, impianti idro-termo-sanitari, antincendio, gas e d’irrigazione. Tel. 0721 499183.

Spifferi in casa? Domosystem risolve il problema. Spifferatelo in giro...…

www.teknoimpiantipesaro.it

Banca dell’Adriatico, nuovo Direttore Pesaro - Il nuovo direttore generale della Banca dell’Adriatico è Roberto Dal Mas (nella foto), 53 anni, di origine veneta. Lo ha deciso il Consiglio di Amministrazione della banca stessa e lo ha annunciato, con grande soddisfazione, il presidente Giandomenico Di Sante. Roberto Dal Mas ha sviluppato la sua esperienza professionale interamente all’interno del gruppo bancario. Dal Mas condurrà la Banca dell’Adriatico del Gruppo Intesa Sanpaolo, che opera con 194 sportelli lungo la dorsale adriatica nel territorio di Marche, Abruzzo e Molise.

Rinnovare i serramenti conviene: contiene gli sprechi energetici, aumenta il valore dell’immobile, ti da una casa molto più sicura. Per tutto il 2012 il 55% della spesa 55% è detraibile dalle tasse, Approfittane subito!

Pesaro_Str. Statale 129,131_0721.402227 www.domosystempesaro.it


Annotare | Brevi IN

Pesaro damare 2013, calendario artistico

Pesaro - Il calendario “Pesaro damare” ci accompagnerà per tutto il 2013 con gli acquerelli di Franco Fiorucci e gli scatti fotografici di Luciano Dolcini. Fotografia e pittura insieme: Fiorucci con pennellate veloci che imprigionano il vento, Dolcini con scatti che si appropriano di elementi pittorici. Il progetto del calendario è di Luciano Dolcini; in occasione della presentazione (giovedì 29 novembre all’Auditorium di Palazzo Montani Antaldi) a tutti gli intervenuti è fatto omaggio di una copia. (Nella foto i protagonisti del calendario, da sinistra, Daniele Feligioni, Franco Fiorucci, Franco Ampollini, Anna Maria Benedetti Pieretti, Alfredo Venturi e Luciano Dolcini.) (S.C.)

Extraspa, luogo ideale per bellezza e Benessere Fano - Extraspa è un luogo dedicato al benessere e alla bellezza, con corsi non stop e trattamenti estetici per ogni esigenza. Un moderno centro fitness con piscina, idromassaggio, sauna, bagno turco, percorso Kneip e docce emozionali, per assicurare relax e benessere. A questo si aggiunge un’area Extra Kids, con servizio di baby sitting dove i bambini, divertendosi, possono aspettare i genitori impegnati nella sala fitness. Energia

Ph. nome cognome

e dinamismo, aerobica e tonificazione, yoga e pilates; moderne attrezzature pesi e cardio-fitness. E ancora: technogym e baby dance, danza classica e moderna, hip hop e acquagym, nuoto libero, sincronizzato e nuoto per bambini, acquaticità neonatale. E infine un accogliente cafè-ristorante, per una pausa gustosa con i sapori della pasticceria-banqueting Guerrino. Aperto anche ai non clienti. Info: 0721 803039 - www.extraspa.it


Essere | Piero Guidi

La fabbrica degli

Angeli

testo Simona Spagnoli - foto Laura De Paoli

Una storia fatta di passione e dedizione al lavoro quella di Piero Guidi. Che dall’azienda di Schieti porta il suo marchio nelle vetrine di lusso di tutto il mondo.

Arrivi a Schieti e l’azienda ti appare dietro la prima curva, completamente dipinta con le celebri creature alate. Un’altra figura in volo ti accoglie oltrepassando il cancello e, all’interno, sulla maxi tela firmata da Mimmo Paladino. Benvenuti nella “fabbrica degli angeli”, quartier generale del maestro Piero Guidi che ci riceve nel suo studio dove regna la confusione tipica del laboratorio d’artista traboccante di schizzi, bozzetti, statuine di metallo e in terracotta, disegni, fotografie che rivestono le pareti dell’ufficio dove discretamente si affacciano i collaboratori. Qui lavorano 70 persone, compresi la moglie Nadia e i figli: Gionata, 36 anni, alla guida dell’amministrazione e del marketing (“uno tosto così lo descrive il padre - che andava in Cina anche quando dilagava la Sars”), e Giacomo, 39 anni, l’altro talento artistico della famiglia; da ottimo disegnatore cura le campa-

16 | IN Magazine

gne pubblicitarie e lo stile, e dal 2011 è il nuovo direttore artistico della maison. Sono loro il futuro della Piero Guidi, marchio che negli ultimi cinque anni, in controtendenza rispetto al mercato, sta registrando una crescita a due cifre. “I miei figli - osserva Guidi allungando lo sguardo lontano, oltre la parete dell’ufficio - hanno davanti una sfida magnifica. Hanno in mano una bandiera, che è stata frutto di conquiste e di battaglie. E questo comporterà loro sacrifici ma darà anche grandi soddisfazioni. Dovranno armarsi di grandissima incoscienza, forte spirito visionario, capacità di rischiare, progettando prodotti due o tre anni prima di metterli in commercio”. Proprio come ha fatto Piero, partendo dall’oscura provincia marchigiana per arrivare nelle vetrine delle strade del lusso di mezzo il mondo. “La mia storia - racconta - è iniziata a Urbi-


IN Magazine | 17


A fianco, Piero Guidi (a sinistra), assieme al regista Wim Wenders e ai figli Gionata e Giacomo. In apertura, Guidi ritratto sotto la grande opera firmata da Mario Schifani.

no, negli anni ’70. Dopo il diploma alla Scuola del Libro mi sono appassionato alla lavorazione dei metalli: creavo fibbie di ottone alle quali aggiungevo qualche striscia di pelle per realizzare cinture e altri accessori, che poi vendevo ad alcune aziende del nord. La mia prima cliente aveva un negozio a Gatteo a Mare e me la presentò il mio amico Stefano Pivato (oggi rettore dell’Università di Urbino, ndr). Un altro incontro importante fu quello con Felice Savani, imprenditore calzaturiero di San Mauro Pascoli. Mi ha insegnato i segreti dell’antica lavorazione del cuoio a selleria, che non ho più lasciato. Sono state le persone che mi hanno permesso di fare questo meraviglioso lavoro, i miei angeli”. Poi sono arrivati gli anni ‘80 con l’apertura dell’azienda di Schieti, l’affermazione internazionale delle linee Magic Circus (’86) e, soprattutto, Bold (’82), che intercetta le esigenze dei nuovi “cittadini del

18 | IN Magazine

mondo” in costante movimento da un aereo all’altro. Ma la svolta arriva con il marchio “Angeli del nostro tempo”, che contraddistingue da vent’anni a questa parte tutta la produzione Piero Guidi. “Gli angeli sono nati dopo un viaggio in Giappone. Era appena caduto il muro di Berlino e pensavo che il mondo sarebbe diventato forse migliore. Decisi di abbandonare il vecchio logo con le mie iniziali per scegliere un segno forte di riconoscimento, qualcosa al quale tutti potessero aspirare. Dopo due anni battezzammo l’immagine delle due creature alate abbracciate l’una all’altra, un uomo e una donna, uniti nel gesto più rivoluzionario e universale che possa esistere, quello dell’amore”. Un passo ulteriore fu quello di collegarlo a persone che attraverso il loro operato avevano cambiato, o cercato di cambiare, il mondo in meglio. Così nacque la campagna pubblicitaria “Angeli del nostro tempo” con

Muhammad Alì, Margherita Hack, il regista Wim Wenders e altri miti del nostro tempo. “I nostri vendito-

ri all’inizio non capivano, volevano le modelle. Ma il tempo ci ha dato ragione: in questo mondo liquido sopravvive solo ciò che ha una storia da raccontare”. Il culto del bello che si respira in queste colline così dolci, l’amore per l’arte (Piero della Francesca e Chagall, in particolare) hanno certamente aiutato il maestro Guidi. Eccolo con la matita in mano raccontare come nascono i suoi disegni: “La creatività è per me qualcosa di naturale, come la luce, l’aria, la gioia. Di solito lavoro la sera, dopo cena. Sfoglio i giornali, o guardo lo spezzone di un film, e mentre i protagonisti si amano, si odiano, si lasciano, diventano nonni nasce una piccola magia, una storia che traduco in segni. Dall’idea arrivo all’oggetto materiale, come una borsa o un capo d’abbigliamento, ma è il simbolo con i due angeli


A Member of


A fianco Piero Guidi con una delle immagini legate alla campagna “Angeli del nostro tempo”.

che trasforma tutto in qualcosa che ha una forte carica simbolica immateriale, positiva. Mi piace sempre ricordare che questi giocattoli che scaldano il cuore sono venduti anche negli spacci militari, arrivano prima della pace, e noi facciamo parte di questo processo meraviglioso”. Guidi passa probabilmente più tempo all’estero che in Italia: è per questo che trascorre le vacanze tra Urbino, Auditore e Sant’Angelo in Vado, andando a cena con gli amici di sempre. Ci sono Paesi da prendere a modello? “Personalmente sono felice di essere italiano e di portare sulle spalle il peso di tanti secoli di storia e di cultura. Il futuro si costruisce an-

che guardando al passato, però mi stupisce che da noi si faccia molta fatica ad intercettare i cambiamenti. I nostri giovani sono schiacciati in basso, gli insegnanti non spiegano loro com’è il mondo e come sarà completamente diverso fra trent’anni. Pochi sanno l’inglese, quando i grandi fatti passano attraverso questa lingua. Mentre in alcune parti del mondo stanno vivendo un nuovo Rinascimento grazie alla multimedialità in Ita-

lia preferiamo controllare tutto togliendo spazio alla creatività, senza avere la minima consapevolezza di quanto valga in termini di ricchezza. E questo mi rattrista”. Recentemente Piero Guidi ha voluto donare all’ordine dei frati mi-

Nuove sedi tra Los Angeles e Berlino Every boy: è il nome scelto dalla Piero Guidi per la sua ultima collezione di abbigliamento e calzature dedicata al mondo giovanile che rappresenta la versione più evoluta della Linea Bold. Lavorazione accurata e dettagli metallici caratterizzeranno questa linea, che sarà presentata all’inizio del 2013. Nel frattempo l’azienda di Schieti prosegue l’espansione all’estero con nuove aperture sul suolo americano, a Miami e Los Angeles. Nel carnet di grandi presenze internazionali la città degli angeli non poteva mancare. Ma prima ancora arriverà la tappa a Berlino. “È la New York d’Europa - dice Guidi - per la grande vitalità che dimostra. Ce l’ha fatta scoprire il nostro amico Wim Wenders. Prevediamo di esserci già entro la fine di quest’anno”.

20 | IN Magazine

nori conventuali di San Francesco di Assisi un’interpretazione contemporanea del presepe classico realizzata dallo scultore Ermes Ottaviani, dedicata all’uomo dei no-

stri tempi con i suoi pregi e le sue debolezze, immerso nelle dure sfide che l’esistenza ogni giorno ci pone. “Le ali di ogni personaggio - spiega Piero Guidi - rappresentano la possibilità di elevarsi, di uscire dalle nostre miserie terrene”. Con questo dono il noto imprenditore ha voluto comunicare l’esigenza di riappropriarsi della spiritualità e del messaggio francescano cui è molto legato. Un connubio perfetto tra imprenditoria, arte e religiosità. IN


Lavorare | Commercianti Made in Pesaro

L’obiettivo

dell’

Eccellenza

testo Silvia Sinibaldi e Simonetta Campanelli - foto Luca Toni

Elisa Venturi, Lucio Bartozzi, Stefano Andruccioli. Professioni diverse accomunate da un’identica passione. E da una storia imprenditoriale costruita giorno per giorno a contatto con la clientela.

22 | IN Magazine


Qualcuno ha raccolto l’eredità familiare reinventandosi una professione. Altri con impegno e dedizione si sono creati il loro lavoro: per tutti l’obiettivo è stato e sarà l’eccellenza. E, dato interessante in questa congiuntura economica, non sono giovanissimi ma certamente hanno tanto futuro davanti. Potrebbero vestirvi, acconciarvi, rendervi glamour con l’occhiale giusto, offrirvi una tavola dove desinare sia un’esperienza multisensoriale. Sono Elisa Venturi, erede dell’omonima ottica, laurea in psicologia e passione per la fisica delle radiazioni, Lucio Bartozzi, titolare del salone in Galleria Roma, artista del capello ma esteta a tutto tondo e Stefano Andruccioli del ristorante Giba’s, anche lui erede di una grande tradizione di ospi-

lano per riproporre, con gli stessi canoni di qualità, un modello di ristorazione nuovo e in linea con i tempi”. Famiglia complice anche per Elisa Venturi: “Mio padre Augusto Venturi ha aperto il suo primo negozio 44 anni fa e ha realizzato il suo sogno di bambino. Ha sempre detto che da grande avrebbe fatto l’ottico: per questa sua vocazione realizzata mai un cedimento, mai un lamento anche nei momenti difficili, mai il desiderio di lasciare. Per la mamma all’inizio è stato amore: professoressa temuta, ha lasciato il suo lavoro per aiutare il babbo nella realizzazione del suo sogno. Mente imprenditoriale eccelsa, lo ha affiancato con l’occhio di chi vede il business prima degli altri, riuscendo a rendere noto quel professionista integerrimo del marito”.

Impegno costante per il lavoro talità che ha rinnovato alla luce delle sue esperienze. Come si raggiunge il traguardo di impersonare la propria attività?

“Posso affermare - spiega Stefano - che con la gestione precedente di mio padre e mia madre Gibas è diventato un simbolo nella ristorazione pesarese e non solo, icona di qualità e innovazione. Io stesso ammiro e ringrazio per ciò che è stato fatto. Oggi per la prima volta mi identifico in questa professione e sento di aver vinto i preconcetti che si attribuiscono ai figli. La mia rinnovata passione è stata un vo-

Laconico Lucio: “Come impersonare la propria attività? Avendo obiettivi ben definiti e tanta perseveranza”. Per tutti il rapporto chiave è con il cliente.

Sopra, Lucio Bertozzi, titolare del salone in Galleria Roma. Nella pagina a fianco, Elisa Venturi e Nicola Stella dell’Ottica Venturi.

Ma il cliente ha sempre ragione o un buon commerciante sa sempre spiegare le giuste ragioni?

“L’obiettivo di chi lavora con passione - dice Stefano - è la propria soddisfazione attraverso la soddisfazione del cliente. Pertanto il cliente ha sempre ragione quando non offende la professionalità del commerciante”.

IN Magazine | 23


A fianco, Stefano Andruccioli del ristorante Giba’s.

“Mio padre, che è un grande saggio - risponde Elisa - dice che il cliente è il nostro datore di lavoro. Il cliente di oggi, però, non è lo stesso di anni fa: c’è più consapevolezza e informazione, e spesso ti mette alla prova”. Grande fiducia nelle proprie capacità psicologiche per Lucio: “Un buon commerciante sa riconoscere e distinguere le ragioni dall’arroganza”.

abbiamo paura di chiedere scusa”. “Gli errori commessi - aggiunge Stefano - si pagano ma finiscono per arricchire il bagaglio professionale. La costanza e la serietà nel lungo periodo aiutano a consolidare il rapporto fiduciario con gli altri”. Pratico il parrucchiere: “Compensando il danno”.

Non tutto rose e fiori, vi sarà capi-

“La tradizione - racconta Stefano - ha avuto la meglio, ma quella forza che ci porta a superare le mille difficoltà e i pesanti ritmi di lavoro, io la chiamerei vocazione”. “Pura casualità” per Lucio. Per Elisa, invece, “vuol dire scelta. Dopo un percorso scolastico lontano dal mondo dell’ottica ho deciso di non continuare solo a ‘respirare’ l’aria del negozio, ma di diventarne anch’io protagonista”. IN

tato di sbagliare. Come si rimedia rimanendo credibili?

“Sbagliare - ammette Elisa - fa parte del gioco. Quando l’errore è tecnico cerchiamo sempre di rimediare offrendo un’assistenza post vendita eccellente. Gli errori di altro genere, incomprensione, malintesi, sono invece più difficili da riparare, perché sono spesso inconsci. Comunque non

Morosini, da Brandina in poi Marco Morosini (nella foto), commerciante per caso. Commerciante perché dalla sua creatività è nato un oggetto che ha prevaricato la creatività stessa e la comunicazione: la borsa Brandina. E mentre sta lavorando ad un evento di portata internazionale come la mostra su Sergio Pininfarina organizzata da Ferrari e Maserati, Morosini studia i toni e le sfumature del color tortora per lanciare la nuova collezione Brandina. “Il cliente non ha mai ragione” sostiene il creativo Morosini, volendo significare che non è il marketing la sua musa nè la sua guida. “Il marketing - dice - studia ciò che è già avvenuto”. La creatività invece studia il futuro, rinnovando. “Oggi la creatività spaventa, destabilizza. Guardiamo l’auto. Progettare una vettura costa molto. Allora si promuove una ricerca di mercato, si producono auto tutte uguali e le uniche che si conquistano uno spazio sono quelle rivisitate: la Nuova Cinquecento, la Mini, il Maggiolino. Una volta si prendeva un creativo e gli si chiedeva di disegnare una nuova vettura. Ora si elaborano prodotti che semplicemente assecondano una richiesta commerciale”. Osando è più facile sbagliare? “No, sbagliamo tutti e sbagliamo tutti i giorni. La sfida è correggersi, farsi guidare dal buon senso anche quando gli errori non sono compiuti in prima persona. Non so se ho scelto la mia professione o se la mia professione abbia scelto me. Di certo - conclude - proviene dal mio amore per la natura, la cultura, la tradizione e anche da una mia predisposizione al lavoro manuale e all’aria aperta. Credo che oggi lavoro e cultura trovino una splendida sintesi nella forza e nel genio, per esempio, degli ultimi ebanisti”.

24 | IN Magazine

Come avete scelto il vostro lavoro? Tradizione, casualità, vocazione?


Riunire | I pesaresi ed i Club Service

Circolo

Virtuoso

testo Martina Manfredi - foto Leo Mattioli

La passione dei pesaresi per i Club Service, attraverso le voci dei presidenti di Soroptimist, Lions Club Pesaro Host, Lions Club Pesaro Della Rovere, Rotary Club Rossini e Rotary Club Padrino.

26 | IN Magazine


Medici, architetti, avvocati e imprenditori, che hanno scelto di dedicare il loro tempo libero, lo spazio per la propria vita privata, ad una missione. Sono le persone alla guida dei Club Service cittadini, uniti nell’intento di fare il bene di altri, una passione che per i circoli di Pesaro si traduce in aiuto concreto all’intera macchina sociale. Senzatetto, anziani, bambini, donne: su di loro si sono concentrati gli impegni dei presidenti dei Club pesaresi, Fiammetta Malpassi di Soroptimist, Roberto Bracci

famiglia”. “L’impegno per fare il presidente - spiega l’architetto ‘Soroptimista’ Fiammetta Malpassi non è quello del tempo libero ma è un tempo che coinvolge lavoro e famiglia”. Anche per Alessandra Baronciani di Rotary Club Rossini, imprenditrice, “lo spirito di un rotariano è proprio quello di mettersi al servizio degli altri”. “La passione - dice Ludovico Pazzi, avvocato alla guida di Lions Della Rovere - rende l’impegno meno gravoso e, per ottimizzare i tempi, stiamo creando dei Comitati interni”. Si

Insieme al servizio della comunità di Lions Club Pesaro Host, Ludovico Pazzi di Lions Club Pesaro Della Rovere, Emanuela Della Santa del Rotary Club Rossini e Alessandra Baronciani del Rotary Club Padrino.

Cinque personalità arrivate a presiedere un Club Service per diverse ragioni: Fiammetta Malpassi “per conoscere altre donne con cui impegnarmi nel garantire a tutti i diritti umani”; Roberto Bracci, Ludovico Pazzi e Alessandra Baronciani hanno invece accettato l’invito di amici e soci, mentre per Emanuela Della Santa è stata “l’opportunità del fare oltre che dell’essere”. Avete lavoro e famiglia, ma siete anche presidenti di Club Service: come si conciliano questi ruoli?

“La professione di medico - racconta Roberto Bracci di Lions Host poco si concilia con altri impegni: occorre sottrarre tempo a sé e alla

affida all’organizzazione anche Emanuela Della Santa, Human Resources & General Mananger e presidente di Rotary Rossini: “Buona squadra nel Consiglio Direttivo e coinvolgimento dei soci”. Quale l’obiettivo e quale l’iniziativa più significativa del proprio programma annuale?

Fiammetta Malpassi proseguirà nel cammino intrapreso: “Ab biamo creato un’aula ‘protetta’ nei Tribunali per l’audizione dei minori e avviato un progetto sul microcredito per le donne imprenditrici. Ora stiamo promuovendo la valorizzazione del Parco di Villa Guerrini, a Trebbiantico (progetto ‘Il Giardino della Memoria’ ndr)”. Lions Host e Della Rovere stanno invece aiutando i senzatetto con la costruzione di una casa di accoglienza; Rotary Club Rossi-

In alto, Roberto Bracci del Lions Club Pesaro Host; sotto, Ludovico Pazzi del Lions Club Pesaro Della Rovere. In apertura, Fiammetta Malpassi di Soroptimist.

IN Magazine | 27


A fianco, Emanuela Della Santa del Rotary Club Padrino. Sotto, Alessandta Baronciani del Rotary Club Padrino.

ni pensa agli anziani con un centro residenziale (progetto “Casa Lolek”), mentre l’anno di Rotary Padrino sarà orientato al recupero dei ragazzi tossicodipendenti, attraverso eventi benefici per la comunità l’“Imprevisto”. Quanta passione c’è nel sacrificare il proprio tempo libero a favore di progetti sociali?

Per Alessandra Baronciani “non si può parlare di sacrifici quando si partecipa a progetti sociali determinanti: si sceglie di occupare parte del proprio tempo, anche se non è libero”. “È una missione senza limiti precisi”, confessa Fiammetta Malpassi. “La passione sociale - dice Roberto Bracci - dovrebbe essere il motore dell’agire di ogni uomo”. Ludovico Pazzi richiama il ruolo fondamentale “di chi sta al mio fianco, in primis Chiara, mia moglie”. Anche per Emanuela Della Santa è la passione l’elemento fondamentale: “Quando si ama ciò che si fa, dedicare il proprio tempo diventa significato di vita e la vita diventa passione”. Più oneri o più onori?

“Non me lo chiedo, forse entrambi” dice Roberto Bracci. Anche per Ludovico Pazzi entrambi: “L’onore, ma anche la responsabilità e i giudizi”. “Nel mio caso assolutamente più onore - dice invece Alessandra Baronciani - dato che il mio Club festeggerà il suo sessantesimo nel 2013 e per la prima volta ha scelto una donna come presidente”. Emanuela Della Santa è invece certa e lapidaria: “Gli onori sono effimeri, perché la dedizione ti rende umile”. IN

28 | IN Magazine


STOP AI PELI CON IPL FOTOEPILAZIONE UNISEX € 39,00 A ZONA (TARIFFA UNICA)

3 SEDUTE A € 99,00 PESARO via Ponchielli, 79 - 61122 Pesaro (PU) tel. 0721_416086 FANO via Del Ponte, 66 - 61032 Fano (PU) tel. 0721_808045


galleria

appellini

Bonazzelli e Cappellini s.n.c - Via P. Maroncelli n.25 - 61122 - Pesaro Tel. 0721 410069 / 413331 - Fax 0721 458537 - Email: info@galleriacappellini.it


Studiare | Gabriele Gravagna

L’arte

della

Filologia

testo Maria Rita Tonti - foto Luca Toni

La musica antica riportata al suo aspetto originario. È il delicato compito di Gabriele Gravagna, filologo musicale e fondatore del “Coro Gregoriano del Conservatorio Rossini”.

Gabriele Gravagna, pesarese, diplomato in Organo e Composizione organistica e laureato in Filosofia, svolge la sua attività prevalentemente nell’ambito della ricerca per la restituzione della musica antica. Appassionatosi al mondo della filologia musicale dopo l’incontro con il musicologo e direttore d’orchestra Alberto Zedda, collabora con prestigiose istituzioni - Casa Ricordi, Fondazione Rossini, Teatro alla Scala, Rossini Opera Festival - nella realizzazione di impegnative revisioni ed edizioni critiche. Tra queste “Ricciardo e Zoraide” e “Adelaide di Borgogna” di Rossini, rappresentate al Rossini Opera Festival nel 1990 e nel 2006, e “La Vestale” di

Spontini, con la quale, sotto la direzione di Riccardo Muti, è stata inaugurata la stagione scaligera 1993. In cosa consiste il lavoro del filologo musicale?

“Non è facile spiegare in poche parole questo lavoro, complesso quanto affascinante. Riportare un testo al suo aspetto originario è un’operazione problematica che non può mai essere considerata assoluta e definitiva e non deve prescindere dalla consapevolezza di un inevitabile margine di arbitrarietà, determinato dall’interferenza inconscia del nostro codice contemporaneo. Per dare al lavoro di critica testuale consistenza metodologica e spessore scientifico

IN Magazine | 31


A fianco e in apertura, Gabriele Gravagna tra volumi di musica antica e moderna.

la massima espressione del canto cristiano medioevale. Come e quando ha avuto origine il Coro Gregoriano del Conservatorio Rossini?

“L’attività del coro è iniziata nel 1994 con lo scopo di dare agli studenti l’opportunità di approfondire, attraverso la pratica esecutiva, una disciplina alla quale fino a quel momento era stato riservato uno studio soprattutto teorico. Si trattava, e si tratta ancor oggi, di prendere coscienza delle più aggiornate acquisizioni in materia, dei risultati di lunghe e meticolose indagini filologiche che hanno comportato un profondo rinnovamento sia a livello interpretativo che di restituzione melodica”. Qual è l’intento che spinge il Coro Gregoriano ad operare in ambito liturgico e a non limitarsi a semplice fenomeno accademico e didattico?

sono necessarie competenze specialistiche plurime e approfondite, che nel caso specifico non fanno riferimento solo al campo musicale ma anche ad altri campi del sapere, relativi al contesto storico-culturale in cui l’opera è nata. Emblematico quanto Nietzsche scrive a proposito della filologia: un’arte onorevole che esige dal suo cultore di trarsi da parte, di divenire lento e silenzioso per leggere in profondità con dita e occhi delicati”. Quali problemi presenta un manoscritto?

“Ogni manoscritto musicale pone specifici interrogativi, che risultano particolarmente numerosi nel caso dei melodrammi del primo Ottocento, sia per la rapidità con cui questi venivano composti sia

32 | IN Magazine

per i rifacimenti e gli adattamenti che subivano nel corso della loro circolazione. Mettere ordine in queste partiture, emendare errori e incertezze, ripercorrere i processi creativi alla ricerca di un’autenticità il più possibile vicina alle intenzioni del compositore è compito del filologo, con l’obiettivo di approntare un’edizione che soddisfi le esigenze dello studioso e quelle del musicista che la esegue”. Gravagna, che dal 1989 è docente di Organo e Canto gregoriano al Conservatorio di Pesaro, ha costituito e dirige il “Coro Gregoriano del Conservatorio Rossini”, il cui intento primario è il recupero e la restituzione, specie in ambito liturgico, di quella che può definirsi

“Le esecuzioni del coro all’interno del rito non vogliono rappresentare una superficiale adesione a tendenze nostalgiche per forme liturgiche del passato. Al contrario, l’intento è quello di far comprendere quanto sia necessario custodire, mantenere vivo e tramandare il repertorio gregoriano. Esso è, infatti, un inestimabile patrimonio di arte, fede e cultura, in grado ancora oggi di toccare il cuore dell’uomo. Gli studi filologici, del resto, hanno dimostrato che il gregoriano non è semplicemente musica, ma è un canto che ha preso forma sulla Parola di Dio per essere funzionale alla proclamazione e all’esegesi del testo sacro: è musica che si fa teologia”. IN


DAVIDECONTIDESIGN.IT

I N V I A G G I O D E N T R O L A M AT E R I A

PAVIMENTI E RIVESTIMENTI, SUPERFICI CONTINUE CON ECOMALTE ALL’ ACQUA, RIVESTIMENTI IN PORCELLANA ARTIGIANALE, IL COCCIOPESTO, PAVIMENTI IN LEGNO ANTICO, PIETRE NATURALI, ARREDAMENTI, E CUCINE, RETI METALLICHE STIRATE, BAGNI E ACCESSORI, SCHIUMA D’ALLUMINIO A CELLE APERTE, PANNELLI COMPOSITI E TANTI ALTRI MATERIALI PER PROGETTARE E ARREDARE OGNI TIPO DI AMBIENTE. VIA AL MARE, 14 - 47842 SAN GIOVANNI IN MARIGNANO (RN) - TEL. 0541 957697 - WWW.CENTRODELLACERAMICA.IT


Visitare | Sassocorvaro

34 | IN Magazine


La fortezza sul

Lago

testo Ettore Franca - foto Leo Mattioli

Sulle acque del bacino Mercatale si specchia Sassocorvaro, borgo segnato dalla storia lontana e recente. Passata dalla Rocca Ubaldinesca, capolavoro di architettura militare.

Questa è stagione adatta per andare alla scoperta di un territorio di collina, verso l’appennino, dove magari si è passati più volte sulla strada principale, la SP3, che da Montecchio, costeggiando il Foglia, porta a Carpegna. Passando per Casinina sarebbe bene fermarsi un’ora per visitare il museo della seconda guerra mondiale - il più importante delle Marche - che racchiude oltre 3mila

reperti raccolti sui campi di battaglia della linea gotica degli opposti eserciti: quello tedesco con quale il feldmarescianno Kesselring, sulla “Grüne Linie” da lui voluta, intendeva proseguire la sua “ritirata combattuta” e quello degli alleati che, per avanzare, fu costretto a fatica e grande sacrificio. Molto belle sono la collezione di divise e la documentazione fotografica dei tragici eventi del settembre ’44. Unico in Italia, c’è il prezioso archivio con la raccolta di giornali e documenti del tempo, come di grande interesse sono la videoteca e la biblioteca storica. Ma andiamo avanti. Dopo alcuni

piccoli nuclei, prima di Mercatale prendiamo per Sassocorvaro, che vediamo in alto a sinistra. Passiamo accanto alle paratoie della diga sul lago che fornisce acqua potabile ai paesi limitrofi e siamo nel paese articolato attorno alla rocca ubaldinesca, sullo sperone di roccia dal quale domina la vallata del Foglia. Era passaggio obbligato per unire questa valle con quella del Metauro a metà strada fra San Marino e Urbino su quella per Roma. Le origini di Sassocorvaro non si conoscono mentre, nelle prime fonti scritte del 1061, si trova un castrum montis rotundis, più o meno dov’è oggi il paese, che dal 1200 compare come un castrum saxi corbari retto da una famiglia del posto di fede ghibellina. Per scoprire il perché del nome, se è troppo facile ricorrere a “sasso dei corvi”, non è da scartare il possibile collegamento ad un cavaliere templare, tal Corbarius che, tornando da una crociata, qui si fermò affascinato dal luogo. Per quel che conta, comunque, è tutto nella nebbia, tanto che qualcun

IN Magazine | 35


A fianco, via Crescentini, nel cuore del borgo. In apertura, un suggestivo sguardo dall’alto di Sassocorvaro sul lago e su Mercatale.

altro butta lì la parola latina corbis anche se non si capisce cosa c’entra dato che significa… cesta. Sta di fatto che Federico, duca di Urbino, incontrastato signore del Montefeltro dopo la battaglia del Cesano, con la quale nel 1463 aveva chiuso la partita con Sigismondo Pandolfo Malatesta, “lupo di Rimini” e rivale da sempre, pensò fosse opportuno consolidare i confini del suo ducato - perché coi Malatesta non si sa mai - e affidò a Francesco di Giorgio Martini il sistema delle fortificazioni. La prima rocca delle oltre 120 volute da Federico, nel 1475 sotto Ottaviano degli Ubaldini, fu questa “ubaldinesca”, uno dei capolavori

dell’architettura militare completato nel secolo dopo dai Doria, genovesi infeudati di Sassocorvaro, i quali però, da fortezza militare, la trasformano in dimora signorile abbellendola con le volte a vela e i soffitti nei quali compare l’aquila della famiglia. Quando venne costruita, la “ubaldinesca” rappresentò un esempio rivoluzionario di fortificazione ,

qui quasi “sperimentale” e atipica rispetto all’architettura militare del tempo. Studiata per opporsi ai colpi della bombarda, la terribile nuova arma, la rocca contrappone la sua struttura sinuosa, la forma delle torri e le superfici arrotondate sulle quali le pesanti palle scagliate contro sarebbero sfuggite prima di far breccia. In realtà non si saprà mai se avrebbe funzionato. Nella sua lunga storia, infatti, non venne mai at-

36 | IN Magazine

L’Arca dell’arte Nel 1984 Sassocorvaro ha deciso di far conoscere a tutti la silenziosa opera di Pasquale Rotondi, che durante la seconda guerra mondiale coordinò nella rocca una gigantesca operazione di salvataggio, per assicurare il patrimonio mobile nazionale. L’intelligente iniziativa, presa 28 anni fa, è stata frutto dell’amministrazione comunale in collaborazione con la figlia Giovanna Rotondi e Salvatore Giannella. La rocca è così diventata “Arca dell’arte”, nella quale è stata allestita una raccolta delle riproduzioni delle opere qui nascoste e conservate durante il conflitto bellico. Per celebrare il ruolo di Rotondi, Sassocorvaro ha promosso un premio a suo nome che ogni anno viene assegnato ai “salvatori dell’arte”, personalità che con la loro opera si sono distinte in Italia, in Europa e nel mondo.


A fianco, l’abitato di Sassocorvaro. Sotto, la Rocca Ubaldinesca, divenuta durante la seconda guerra mondiale l’”Arca dell’arte”.

più di 6.500 opere, facendola diventare la più alta concentrazione al mondo di opere d’arte che, sigillate in casse di legno nascoste nei sotterranei, non destarono interesse nei nazisti, è vero impegnati in altra attività e ormai in fuga, ma attenti ad arricchire le case ed i musei della Germania. Da Venezia, Urbino, Pesaro, Fano, Ancona, Lagosta (isola nell’Adriatico di fronte alle Tremiti), Fabriano, Iesi, Osimo, Macerata, Fermo, Ascoli Piceno, fra i tanti vennero a nascondersi la “Tempesta” del Giorgione, la “Città ideale” e opere di Raffaello, Piero della Francesca, Carlo Crivelli, Tiziano, Lorenzo Lotto, Paolo Uccello, Andrea Mantegna e altri. L’“operazione salvataggio” fu coordinata da Pasquale Rotondi, allora

sovrintendente dei beni culturali a Urbino, ma rimase segreta fino al 1984 quando l’intera vicenda venne riportata alla luce. Nella valle, bene in vista dal borgo, accanto a Mercatale, si trova il lago omonimo creato con la diga che, dagli anni Cinquanta, sbarra il corso del Foglia.

taccata e nessuno, anche dopo, la fece bersaglio dei cannoni. Finì per usi ben diversi da chi l’aveva pensata: abitazioni, magazzini, cinema-teatro… finché durante la seconda guerra mondiale nella rocca verranno salvati capolavori d’arte provenienti da tutt’Italia. Fu giudicata il luogo

più sicuro dove riparare buona parte del patrimonio artistico. Nella rocca vennero depositate

38 | IN Magazine

Il bacino contiene circa 6 milioni di metri cubi d’acqua, usata per l’irrigazione dei campi coltivati lungo tutta la vallata fino al mare. Luoghi freschi e boscosi, ideali per passeggiate e scampagnate, si trovano attorno al lago nella buona stagione attrezzato con strutture balneari mentre d’inverno, quando il bacino viene svuotato per evitare l’interramento, affiora il fondale simile ad un affascinante, incredibile, territorio lunare. IN


Se lavori in proprio, possiamo fare business insieme.

Oggi chi lavora in proprio ha un aiuto in più. È Business Insieme, un’ampia offerta di servizi e prodotti personalizzati per sostenere liberi professionisti, commercianti, artigiani e piccoli imprenditori. Vieni in Filiale a parlare con uno dei nostri Gestori. Troverai la soluzione adatta alle tue esigenze.

Banca del gruppo

www.smallbusiness.intesasanpaolo.com

Messaggio Pubblicitario con finalità promozionale. Per le condizioni contrattuali consultare i Fogli Informativi disponibili in Filiale e sul sito internet della Banca.


Recuperare | I fichi marchigiani

Dolcezze

di

Fine stagione

testo Ettore Franca - foto Leo Mattioli

Un’antica prelibatezza vede protagonisti i fichi marchigiani, impastati e conservati per l’inverno in cilindri a forma di salame. Secondo una ricetta oggi a rischio di estinzione.

Questo che propongo non lo trovate nei supermarket perché è… a rischio di estinzione, anche se fu molto apparezzato da un marchigiano doc come Giacomo Leopardi che raccomandava al padre “...di tener da parte i fichi marchigiani che tanto successo hanno avuto nella città emiliana”. Erano i fichi di fine estate coi quali, prima della vendemmia, si preparava un “salame” perpetuato da una ricetta descritta da Columella nel II secolo, sul suo trattato

di agronomia “De re rustica”. In campagna, le donne e i bambini raccoglievano la frutta “per l’inverno” predisponendo le riserve

per la stagione morta con mele, nespole, sorbe, cotogne, noci, fichi

e quant’altro offrivano le piante sparse sulle colline marchigiane. In particolare, nei giorni prima di fare il pane, si raccoglievano i fichi che, sull’albero, davano segno di seccarsi indorando la buccia. Tolto il pane, i fichi si mettevano in quell’antro ancora caldo perché si asciugassero un po’; poi, sotto un telo e stesi su graticci, tornavano all’aperto perché sole e “guazza” equilibrassero quell’umidità che li avrebbe resi morbidi, pronti per passarli alla trafila di un tritacarne, mescolati con semi di anice.

La consistenza dell’impasto si aggiustava col mistrà per ottenere una massa semisolida e omogenea da modellare in cilindretti di 1520 centimetri, con un diametro di 4-5 centimetri, da arrotolare poi tra le grandi foglie di fico. Con fili di lana multicolori, recuperati da vecchi maglioni “guastati”, i cilindri si legavano “a salame” e venivano riposti nella dispensa per l’inverno, quando sarebbero stati, con due fette di pane, la merenda dei bambini (oggi nonni e nonne) che andavano a scuola. Se provate a farli, credo che li gradirebbero anche quelli venuti su a merendine e nutella. IN

La ricetta del Columella (De re rustica, XII, 15) “Alcuni, raccolti i fichi, tolgono il peduncolo e li stendono al sole; quando saranno seccati, e prima che si facciano duri, li ammassano in grandi catini di terracotta o di pietra e, lavatisi i piedi, li pestano e li impastano come si fa con la farina mescolandovi sesamo abbrustolito, anice d’Egitto e semi di finocchio e di cumino. Quando li hanno ben schiacciati e tutta la massa è stata rimescolata, avvolgono nelle foglie di fico modiche quantità dell’impasto formato in ‘polpette’ che legano poi con giunchi o altre erbe sistemandole su graticci e lasciandole seccare”.

40 | IN Magazine


Diventa un autore “in” Pubblica il tuo libro con in MaGaZine autori

e Dai voce all’autore che è in te

invia la tua proposta Di pubblicaZione: è seMplice eD iMMeDiato Per la richiesta di pubblicazione invia il dattiloscritto in formato .doc insieme ai tuoi dati: nome, cognome, indirizzo e recapito telefonico all’indirizzo mail “in MaGaZine autori”

info@inMaGaZineautori.it


Tutelare | Enzo Bacciardi

Il legale

Internazionale testo Franco Bertini - foto Luca Toni

Controversie fiscali, esterovestizioni, difesa dei marchi: su scala globale si estende l’attività dell’avvocato Enzo Bacciardi, anche presidente della Camera Arbitrale. Enzo Bacciardi, pesarese, avvocato, fondatore dello Studio legale Bacciardi & Partners. Che già la dice lunga sulla vocazione internazionale e non prettamente domestica e casalinga della sua attività. Lo guardi e la prima parola che ti viene in mente è “executive”, in tutta la sua gamma di significati: managerialità, capacità direttiva, espressione di rappresentanza. Anche il cranio accuratamente rasato fa parte dell’immagine complessiva di efficienza e di efficacia dell’immagine e della figura. Magro, sempre in tiro,

simpatico quando è ora, affabile a tavola, affilato e pignolo quando è il tempo, sempre capace di prevedere e di giungere pronto e preparato all’impegno di lavoro. Avvocato senza processi, legale senza sentenze, ufficio a Pesaro ma rete in Europa: esterovestizione, questione che riguarda gli imprenditori che producono reddito all’estero. Controversie fiscali, arbitrato, problemi aziendali con un cliente a Hong Kong o doganali a Madras, difesa dei marchi. Per lui e i suoi collaboratori,

a cominciare dal figlio avvocato

Lorenzo, “tutto il mondo è paese”. Un nuovo modo di esercitare l’avvocatura, coinvolgendo le professionalità più specifiche e idonee allo scopo. Che è quello di risolvere al meglio il caso. Uno degli slogan preferiti è “Il cliente vuole risposte veloci e risolutive”. Bacciardi annusa il vento della globalizzazione e lo asseconda: da qualche tempo il suo studio si è trasferito in località Torraccia, base avanzata verso i potenziali clienti dell’entroterra, delle province limitrofe e dell’EmiliaRomagna. IN

Bacciardi & Partners Una sessantina d’anni, una laurea in legge e vari corsi specialistici, Enzo Bacciardi è socio fondatore dello Studio Legale Bacciardi & Partners di Pesaro e presidente della Camera Arbitrale “Leone Levi” di Ancona, Delegazione territoriale di Pesaro e Urbino. Nell’ambito della sua attività internazionale, lo Studio Legale Bacciardi & Partners è affiliato dal 1992 al network Eurojuris International, forte di una rete di studi legali in tutte le nazioni di vecchia e di nuova economia, che permettono di assistere i clienti con prestazioni immediatamente attivabili all’estero. www.bacciardistudiolegale.it

42 | IN Magazine

C

M

Y

CM

MY

CY

CMY

K


photo: info@moreschipaolo.com

GALLERIA ROMA 2 0721 31646 366 2699589 WWW.INLUCIO.IT LOCATION


Progettare | Urbino smart city

Sostenibile e

Intelligente

testo Silvia Sinibaldi

Uno sviluppo urbano equilibrato e servizi all’altezza di una città contemporanea, tecnologica e interconnessa. Per trasformare Urbino in smart city, partendo dal settore dei trasporti.

Traducibile con “acuto” oppure con “alla moda”, è una piccola parola inglese entrata prepotentemente nel nostro lessico e nelle nostre vite: smart. Se il vocabolo suggerisce a tutti noi una nota city car oppure il prefisso di innumerevoli variazioni di cellulari, per Urbino invece racchiude una grande scommessa, quella di diventare una smart city, ovvero una città intelligente. Tecnologica e interconnessa, ma anche sostenibile, confortevole, attrattiva, sicura. È questo nel mondo l’identikit ideale delle smart cities, impegnate a garantire uno sviluppo urbano equilibrato e al passo con la domanda di benessere che proviene dalle sempre più popolose classi medie internazionali. A volte queste città del futuro nascono ex novo, come è il caso di Masdar City, la città a zero emissioni che sta sorgendo a 15 chilometri da Dubai, o la cinese Caofeidian, progettata dall’archi-

44 | IN Magazine

tetto italiano Pierpaolo Maggiora. Altre volte sono il risultato di lungimiranti politiche di riqualificazione e risanamento come la pionieristica Curitiba, capitale dello stato del Paranà, che già dagli anni Settanta punta sulla sostenibilità. Per raggiungere l’obiettivo, la gestione ottimizzata delle risorse energetiche e del trasporto sono il primo passo, quello che permette alle aree urbane di ridurre le emissioni di anidride carbonica, l’accumulo di rifiuti, l’inquinamento e la congestione. Per questo la città ducale, che punta apertamente a diventare una città intelligente, è par-

tita proprio dal trasporto mettendo in campo, insieme alla sua università, un progetto di carpooling che potrebbe rivelarsi, se ben sostenuto dall’amministrazione pubblica e da quella dell’ateneo, una vera rivoluzione a costo zero. Potranno usufruirne studenti, docenti, personale universitario ma anche turisti e visitatori. Per il singolo viaggiatore si parla di un risparmio fino al 75% sui costi del viaggio con l’opportunità di economizzare il tempo, fare nuo-

ve amicizie, viaggiare con meno stress e in modo più comodo, nel rispetto dell’ambiente e in favore della sostenibilità. IN

Viaggiare insieme col carpooling L’università degli studi Carlo Bo ha avviato una partnership con carpooling.it, il più grande portale italiano per viaggiare insieme in auto e risparmiare. Basta andare sul portale e seguire le semplicissime linee guida in modo veloce e sicuro per organizzare la propria mobilità in entrata e in uscita per la città ducale. E non solo: per chi volesse mettere a disposizione il proprio mezzo è possibile iscriversi gratuitamente a www.carpooling.it.


Combattere | Club Scherma Pesaro

In punta

di

Fioretto

testo Alice Muri - foto Leo Mattioli

Un centinaio di giovani iscritti, allenati da Salvatore Limone. Capaci di regalare titoli e riconoscimenti al Club Scherma Pesaro guidato da Laerte Sorini.

Ha saputo conquistare il cuore degli italiani anche alle ultime olimpiadi di Londra, grazie ai successi degli azzurri e al fascino indiscusso della disciplina. È la scherma, una realtà poco conosciuta ma estremamente intrigante, che anche nella nostra città riscuote successo. “È uno sport completo”, spiega Laerte Sorini, presidente del Club Scherma Pesaro. “Un mix tra coordinazione, tecnica e fantasia al quale si sommano sani valori come lealtà, correttezza e rispetto dell’avversario. A tutto ciò si aggiunge la figura del maestro, che rappresenta un esempio da seguire. Al Club Scherma Pesaro abbiamo

46 | IN Magazine

uno dei migliori maestri italiani, Salvatore Limone, e non a caso i suoi ragazzi sono diventati tutti affermati professionisti”. è uno sport che si può intraprendere fin da piccoli: “Si inizia a praticare già a 5 anni. All’inizio - prosegue Sorini - l’attrezzatura è minima: un’arma di plastica e una maschera protettiva, ma l’aspetto ludico è molto importante. Poi si passa alla categoria Prime Lame, dov’è previsto il cambio di attrezzatura, simile a quella dei campioni, e successivamente si entra nell’agonismo nelle categorie under 14, cominciando a partecipare alle gare nazionali fino ad arrivare alle categorie master”. Sono qua-

si un centinaio gli iscritti al Club Scherma Pesaro: più della metà

sono under 14 e molti di questi hanno regalato numerosi successi al club. “Negli ultimi due anni due nostri atleti sono divenuti campioni italiani under 14, e tanti altri successi sono arrivati in ambito nazionale e regionale. Il Club - conclude Sorini - ha così chiuso la stagione in ottima posizione nella classifica per società. Un risultato eccezionale, tanto che la Federazione Italiana di scherma ha deciso di accogliere la candidatura di Pesaro per una delle tre gare nazionali del prossimo anno, il 6 e 7 aprile 2013, per la

categoria under 14 di fioretto”. IN


Dirigere | Fiorangelo Pucci

Il cinema in

Corto

testo Benedetta Andreoli - foto Luca Toni

Dal cinema francese a Marilyn Monroe. Il Fano International Film Festival diretto da Fiorangelo Pucci premia i cortometraggi e si arricchisce con varie collaborazioni.

Ha compiuto ventiquattro anni il “Fano International Film Festival”, una delle manifestazioni più longeve della provincia. Dal 18 al 20 ottobre la “città della Fortuna” è stata la capitale del cortometraggio: la rassegna, diretta da Fiorangelo Pucci (nella foto) dell’associazione Fotovideocineclub, è infatti oggi un punto di riferimento per autori di tutto il mondo. I numeri parlano da soli: sono arrivate 700 opere da 80 Paesi, grazie anche al sito italiano/inglese www.fanointernationalfilmfestival.it. La serata di apertura del festival, ospitata nella sala Verdi del Teatro della Fortuna di Fano, ha visto in scena i migliori cortometraggi di animazione. Molto apprezzata anche la collaborazione con il festival “Signes de Nuit” di Parigi, che ha portato a Fano al-

cune opere presentate in Francia. In attesa di festeggiare il prossimo anno “le nozze d’argento” con il cinema, il festival ha regalato agli appassionati alcune gustose novità: “Sapori di cinema”, degustazione di prodotti tipici locali curata da “Campagna amica” di Coldiretti, ha aperto la seconda serata, mentre per ricordare il 50° anniversario della morte di Marilyn Monroe la serata di gala di saba-

to al Teatro della Fortuna è stata aperta da un dolce omaggio creato da Stefano Ceresani del “Caffè del pasticciere”. Sono quindi stati premiati i vincitori delle diverse categorie in gara: i “migliori attori” sono Camilla Filippi e Nicolas Vaporidis, interpreti di “Quel che resta” di Andrea Bacci. Il premio “Agis” è andato invece a “Formiche”, del fanese Luca Longarini. IN

Le sezioni premiate La manifestazione fanese dedicata al cortometraggio premia le migliori opere delle sezioni: autori italiani, autori stranieri, autori marchigiani, animazione, miglior documentario, premio Agis, migliore laurea di argomento cinematografico (poi pubblicata ogni anno da Edizioni Falsopiano di Alessandria). Tre sezioni anche per le scuole, elementari, medie e superiori. Nel 2011 il “Fano International Film Festival” è stato premiato a Bologna dal “Festival of Festivals”, per “il miglior catalogo di festival nazionali di cinema”.

48 | IN Magazine


Fotografare | Concorso Brandina

Scatti vincenti con

Brandina

Divertenti e creative, le immagini premiate dal Brandina Holiday Photo Festival 2012 raccontano momenti speciali. Questi i vincitori del concorso, con i rispettivi premi assegnati.

1° premio Elisa Bochicchio Vince un penthouse lux marechiaro

4° premio Paola Mandelli Vince una Houseboat

2° premio Chiara Forcellini Vince una Grand Hotel Rovigliano

5° premio Laura Giorgi Vince un Gioiello Brandina

3° premio Annita Gambini Vince un Fly & Drive Ponza

6° premio Roberta Damiani Vince 9 T-Shirt Brandina e 9 creme Alta Protezione Brandina

7° premio Chiara Spinelli Vince una Motel Li Galli 8° premio Massimiliano Amadori Vince una Spa Plus Gialla

10° premio Lucia Marani Vince un Remember e un Portachiavi

50 | IN Magazine

9° premio Samuele Ciaffoni Vince un Double Tavolara e un Single Tavolara


Profile for Edizioni IN Magazine srl

Pesaro InMagazine 03/12  

Pesaro InMagazine 03/12

Pesaro InMagazine 03/12  

Pesaro InMagazine 03/12

Advertisement

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded