Page 1

IL NUOVO CLUB

STRUMENTI DI MANAGEMENT PER CENTRI SPORTIVI E FITNESS CLUB

178 NOVEMBRE

BIMESTRALE ANNO XXXI EDITRICE IL CAMPO BOLOGNA

EURO 6,50

WWW.FITNESSTREND.COM

178 novembre dicembre 2020

ISSN 1120-4931

In caso di mancato recapito, rinviare all’Uff. CMP di Bologna, detentore del conto, per la restituzione al mittente che si impegna a pagare la relativa tariffa

DICEMBRE 2020

FOCUS

COMUNICARE IN EMERGENZA DIGITAL FITNESS SCENARI REVOLUTION

IL GRANDE 10 ANNI DI CAMBIAMENTO AMERICAN

CLUB AWARD 2020 I VINCITORI

FITNESS


D-WALL H-Sport Lo Specchio digitale di TecnoBody

3D CAMERA TECNOBODY KEY DIGITAL MIRROR BASE SENSORIZZATA OPZIONALE CARDIO SOFTWARE PACKAGE

D-WALL H-Sport è il laboratorio digitale di analisi e allenamento più completo e compatto sul mercato. Lo specchio digitale TecnoBody si fa ancora più smart e flessibile nella sua conformazione e nell’utilizzo del software. Con D-WALL H-Sport puoi analizzare in tempo reale il gesto motorio e la performance del tuo atleta sulla base di dati oggettivi. Centinaia di esercizi specifici per: • Postura • Allenamento funzionale • Equilibrio • Agilità • Forza • Riatletizzazione

Contattaci per conoscere tutti i vantaggi della tua prossima palestra digitale!


SPORT PERFORMANCE E ALLENAMENTO FUNZIONALE

HEALTH FITNESS E ALLENAMENTO POSTURALE

RIATLETIZZAZIONE

www.tecnobody.com PERFORMANCE PARTNER 2020/21


guidiamo la miglior performance in pista

La partnership tra TecnoBody e Lamborghini Squadra Corse entra nel vivo. Accompagniamo i migliori piloti verso la piĂš alta performance. Segui la rivoluzione TecnoBody per un 2021 a tutta velocitĂ !


L A M B O R G H I N I D R I V E R S ’ L A B

www.tecnobody.com




32

26

SOMMARIO

178| In copertina: il settore guarda al futuro

IL NUOVO CLUB NOVEMBRE DICEMBRE 2020

42

11_EDITORIALE / 12_NEWS / 18_FORUM /

FORUMCLUB DIGITAL LIVE: UNA SFIDA VINTA L’edizione 2020 dell’evento si è tenuta, per la prima volta nella sua storia ultra ventennale, in formato digitale. Due giornate che hanno sorpreso positivamente i numerosi partecipanti.

32_FOCUS /

DIRE, FARE… COMUNICARE di Annalisa Dall’Oca Come hanno reagito i club italiani all’ autunno oscurato dal coronavirus? Come hanno comunicato durante il lockdown? Quali “soluzioni” hanno offerto? Abbiamo curiosato tra le pagine web e social di numerosi operatori.

42_SCENARI /

22_CLUB AWARD /

AUTUNNO, TEMPO DI CAMBIAR VESTITO di David Mariani La pandemia indica che è giunto il momento per i club di cambiare per proporsi, finalmente, come interlocutori privilegiati della sanità. Vediamo come.

26_PRIMO PIANO ITALIA /

_MERCATO / 10 ANNI DI AMERICAN FITNESS a cura di Davide Venturi L’ultima edizione dell’Health Club Consumer Report dell’IHRSA fotografa la crescita del settore avvenuta negli Stati Uniti nel decennio 2010–2019, interrotta dalla pandemia.

GLI OSCAR DEL FITNESS 2020 In occasione del 21° ForumClub Digital sono stati annunciati i tre vincitori della quattordicesima edizione del Club Award. Riflettori sui club premiati.

IL FITNESS CHE SA SORRIDERE a cura di Davide Venturi Vi presentiamo Centro DR, giovane e ambizioso marchio capace di cambiar pelle per superare l’emergenza e puntare a un futuro luminoso.

48



60

66

74

60_CHANGE MANAGEMENT /

IL CAMBIAMENTO IN TEMPO DI COVID-19 di Adriano Guizzetti Per resistere all’attuale difficile momento, e superarlo, è necessario cambiare, ma farlo non è facile come molti pensano.

66_DIGITALIZATION /

LA RIVOLUZIONE DIGITALE CAMBIA IL MONDO DEL FITNESS di Gianluca Scazzosi La pandemia ha costretto i club a innovare l’erogazione dei servizi. Una rivoluzione che non è un nemico da combattere, bensì un opportunità da cogliere. Vediamo come.

72_TRAINING AREA /

BENVENUTI NEL NUOVO MONDO! Informazione a cura di Technogym

74_SPAZIO PISCINA /

DESIGN ED EFFICIENZA MADE IN AUSTRIA di Rita Cesarini

foto di Michael Christian Peters e Christian Richters

Il Paracelsus Bad & Kurhaus, moderno centro acquatico e benessere di Salisburgo, è un modello che può ispirare gli operatori italiani, a prescindere dalla tipologia e dalle dimensioni delle loro strutture.

82_NORMATIVE /

QUALI REGOLE PER LO SPORT ITALIANO NEL 2021? di Guido Martinelli Il quadro normativo non dà certezze sulle regole che gli operatori dovranno rispettare da gennaio. Analizziamo le bozze di provvedimenti che, come ci si augura, potrebbero essere modificati in modo sostanziale.

86_AZIENDE E PRODOTTI / 90_PERCORSI / 94_DIGITAL /

STRUMENTI DIGITALI PER IMPRENDITORI E PROFESSIONISTI A cura della redazione Il catalogo di Editrice Il Campo offre numerosi titoli in formato digitale, strumenti di facile fruizione realizzati per la crescita degli imprenditori e dei professionisti del settore.


Diventa un brand influente

con WEB E SOCIAL MEDIA Personal Branding per personal trainer Il manuale per imparare, in modo pratico, a costruire e attuare un’efficace strategia per valorizzare il brand di se stessi utilizzando al meglio gli strumenti del marketing digitale. Personal Branding per Personal Trainer insegna a: • utilizzare strategie di content marketing attraverso sito internet, blog e social media; • utilizzare in modo professionale Facebook e Instagram; • sfruttare le potenzialità del video marketing; • creare campagne di lead generation attraverso i social network; • utilizzare tecniche SEO; • fare networking e digital PR; • sfruttare le potenzialità del podcast sulle principali piattaforme online; • diventare un personal trainer online per ampliare il proprio business.

Contiene il video-corso gratuito “Fitness Lead Generation”, scaricabile con QR Code

ordina al telefono:

acquista sullo shop online:

051 255544

www.ilcampo.it

dal lunedì al venerdì ore 9:30-13 e 14-18

spedizioni tramite corriere espresso SDA

customer@ilcampo.it

spese di spedizione euro 4,50 supplemento spese di contrassegno euro 3,50 (solo Italia)

Via G.Amendola 9, 40121 Bologna - tel. 051 255544


LA GESTIONE

SENZA COMPLESSITÀ

SOFTWARE GESTIONALE E CONTROLLO ACCESSI PER: palestre centri fitness

centri sportivi piscine

centri danza studi personal trainer

FACILE COMPLETO PERSONALIZZABILE FLESSIBILE My

iClub

My iClub è l’APP per Android e iOS che grazie alla comunicazione in tempo reale con il software gestionale consente agli utenti ed al personale, di effettuare molteplici operazioni in piena autonomia ed assoluta mobilità, senza la necessità di contattare il club.

sede commerciale: tel. 0743 224828 sede operativa: tel. 0744 1921606 info@bytewarenet.com


ED ITOR IALE L'ANNO CHE VERRÀ

Q

uesto numero, l’ultimo dell’anno, chiude un 2020 difficilissimo, che nessuno si sarebbe mai immaginato di vivere. Un anno che ha messo a dura prova tutti e tutto, evidenziando, ancora una volta, le grandi qualità del nostro Paese che, nel bene e nel male, ha resistito con tutte le sue forze all’urto devastante della pandemia. Da nove mesi siamo in trincea a combattere una guerra che, purtroppo, farà altre vittime e feriti. La situazione non è ancora risolta – mentre scriviamo fitness club, centri sportivi e piscine sono ancora chiusi e non si hanno certezze sulla loro riapertura –, dobbiamo continuare a combattere e a resistere, ma finalmente si intravede la luce in fondo al tunnel. Sono almeno cinque i vaccini che hanno superato la necessaria fase di sperimentazione e il ministro della Salute, Roberto Speranza, si appresta a presentare in Parlamento il piano strategico per la più grande campagna di vaccinazione di massa che la nostra generazione ricordi, che dovrebbe prendere il via già il prossimo mese di gennaio. Una notizia che ha un impatto psicologico importantissimo,

che alimenta l’ottimismo di cui abbiamo un assoluto bisogno. Durante questi difficilissimi mesi, abbiamo cercato di tenervi informati, su queste pagine, tramite i nostri siti e diverse web conference che vi hanno accompagnati al 21° ForumClub, svoltosi per la prima volta, nella sua storia ventennale, in formato digitale. Sabato 21 e domenica 22 novembre sono state due giornate molto diverse, e sorprendenti, anche per noi. Abbiamo avuto il piacere di stare insieme, seppur tramite un monitor, a tanti operatori ed esperti del settore, sentendoci meno soli, sentendoci parte di un settore straordinario. Gli attestati di stima ricevuti ci hanno trasmesso tanta energia positiva che ci spinge a continuare a lavorare con passione e a guardare al futuro con ottimismo. Un ottimismo che ci consente addirittura di cogliere qualche aspetto positivo di questa crisi che ha oscurato l’anno che sta per concludersi: il nostro settore è finito sotto i riflettori come non era mai accaduto in passato, ottenendo maggiore attenzione anche da parte del Governo e delle Istituzioni, nonostante i provvedimenti

molto penalizzanti. Il valore straordinario e insostituibile dell’esercizio fisico, e più in generale dello stile di vita promosso da palestre, centri sportivi e piscine, non può più essere ignorato e tantomeno sottovalutato, nemmeno dal Legislatore. E proprio sul piamo legislativo si sta giocando una partita molto importante: quella della tanto attesa riforma dello sport, la legge quadro che, ci auguriamo, potrebbe finalmente riconoscere la reale importanza del nostro settore, introducendo norme che ne favoriscano lo sviluppo. Tra i tanti articoli di questo numero, tutti da leggere, potrete soffermarvi anche su quello dell’Avvocato Martinelli che analizza questa delicata questione sulla quale vi terremo aggiornati, anche tramite web conference. Ci sarebbe tanto altro da scrivere su questo anno che non potremo dimenticare, ma mi fermo qui, augurandovi un Buon Natale – anche se sarà diverso dal solito – e soprattutto un 2021 migliore, molto migliore del 2020 che stiamo per lasciarci alle spalle.

Roberto Maestrami

IL NUOVO CLUB 178  NOVEMBRE DICEMBRE 2020

11


N EW S

A CURA DELLA REDAZIONE

L’EUROPA PROMUOVE FITNESS E SPORT CONTRO LA PANDEMIA

P

untare sullo sport e sensibilizzare la popolazione rispetto ai benefici fisici e mentali dell’attività fisica. È questa la linea adottata dall’Ue mentre al di là e al di qua dei confini europei si combatte ancora contro gli strascichi della seconda ondata di coronavirus. Molti i fronti su cui s’intende intervenire per promuovere sport ed esercizio fisico: il 17 novembre scorso, la Commissione europea ha ospitato la conferenza intitolata La ripresa del settore sportivo dopo la crisi del Covid-19: la via da seguire che ha analizzato da un lato gli effetti della pandemia, dall’altro il futuro di un comparto indispensabile per la salute della collettività. Un comparto duramente colpito dall’emergenza sanitaria che ha imposto pesantissime restrizioni, ovvero lunghe chiusure precedute da riduzioni

12

IL NUOVO CLUB

dei servizi erogati, e spese aggiuntive per la sanificazione dei locali, la riorganizzazione degli spazi e altro ancora. Come ha sottolineato Mariya Gabriel, commissaria per l’Innovazione, la ricerca, la cultura, l’istruzione e la gioventù, il settore, in un certo qual modo, ha acquisito una maggiore legittimità durante la pandemia e Thomas Bach, presidente del Comitato olimpico internazionale, ha applaudito il modello sportivo europeo e i suoi valori. Tuttavia, nel discutere il rapporto della Commissione europea sull’impatto del COVID-19, la commissaria Gabriel ha evidenziato come la pandemia sia costata al settore un calo del 20-25%, con una perdita di Pil, stimata, del 10%. Molti Stati hanno approvato misure a sostegno delle imprese e degli operatori dello sport e del fitness, compresa l’Italia. Per quanto riguarda l’Ue,

178  NOVEMBRE DICEMBRE 2020

la commissaria Gabriel ha annunciato l’approvazione del piano di lavoro 2021-2024 per lo sport, che includerà molte delle priorità della Commissione tra le quali figurano, ad esempio, i connubi sport e innovazione e sport e ambiente, nonché l’uguaglianza di genere, la diplomazia sportiva e l’avvio dei gruppi di lavori Sport e Verde e L’impatto del Covid-19 sullo sport. E dopo il successo del Tartu Call per uno stile di vita sano, prenderà il via la campagna Uno stile di vita sano per tutti, iniziativa di ampio respiro volta a sensibilizzare la popolazione sull’importanza dell’attività fisica, con un occhio di riguardo alla sostenibilità e all’innovazione. E all’inizio di novembre, il Parlamento europeo e i rappresentanti del Consiglio dell’Ue, attualmente presieduto dalla Germania, hanno raggiunto un accordo,

sia sul Next Generation Ue Recovery Fund, sia sul bilancio dell’Unione europea a lungo termine. Il nuovo accordo, in particolare, prevede più fondi per alcuni dei programmi chiave dell’Ue come Horizon Europe, Eu4Health ed Erasmus +, per un totale di 15 miliardi di euro per i prossimi 7 anni. Il nuovo programma EU4Health, nello specifico, riceverà un aumento significativo dei finanziamenti rispetto alla precedente proposta di bilancio, per un totale di 5,1 miliardi (invece di 1,7 miliardi). Il finanziamento aggiuntivo consentirà alla Commissione europea di attuare una politica sanitaria più ambiziosa, in cui la lotta alle malattie croniche e la lotta al cancro sono componenti chiave. Tuttavia, l’accordo di bilancio dovrà essere concordato formalmente da tutti gli Stati membri prima che entri in vigore il 1 ° gennaio 2021.


FORUMPISCINE 2021, A BOLOGNA DAL 10 AL 12 MARZO

S

i muove tra sostenibilità gestionale e ambientale, innovazione e ricerca, investimenti e risparmio, norme e ordinamento sportivo il palinsesto del prossimo ForumPiscine International Pool & Spa Expo and Congress, che si terrà dal 10 al 12 marzo 2021, nel padiglione 19 della Fiera di Bologna. Sarà l’unico evento congressuale ed espositivo per il comparto della piscina nella sua globalità, dagli impianti pubblici ai centri sportivi, fitness e benessere. La tredicesima edizione del Salone Internazionale delle piscine e delle spa si prepara a riunire tutta la filiera, nel primo evento in presenza dopo la lunga pausa dettata dall’emergenza Coronavirus. Sarà un’opportunità imperdibile per aziende e operatori, il trampolino per ripartire con slancio nel difficile scenario post pandemia. I gestori di fitness club e centri sportivi dotati di piscina potranno partecipare a un Congresso (gratuito) di altissimo livello che vedrà protagonisti relatori italiani e stranieri, tra i quali rappresentanti di Federazioni

e Associazioni, e dedicato alla gestione dello spazio acqua a 360 gradi (dalla customer care all’efficientamento energetico, dal management all’igiene e alla sicurezza). Una full immersion d’aggiornamento e formazione per affrontare quello che, si spera, sarà l’anno della ripartenza. I FILI ROSSI DELL’EDIZIONE 2021 La tre giorni congressuale ed espositiva di ForumPiscine 2021 riserva a ogni target sessioni e iniziative che non sono soltanto di formazione e aggiornamento, ma soprattutto una risposta alle esigenze concrete degli addetti ai lavori, sui temi di maggiore attualità: • efficientamento energetico degli impianti, la vera sfida per il futuro del settore, in cerca di soluzioni tecnologiche, ma anche di misure di sostegno per incoraggiare gli investimenti volti al rinnovo di impianti e strutture; • sicurezza ed igiene dell’acqua e risparmio idrico, necessario in chiave ambientale, ma anche per la sostenibilità

economica delle strutture; • certificazione energetica e di qualità per piscine commerciali, residenziali e spa; • riforma dello sport, incontri e tavole rotonde con i migliori esperti del settore sull’attesa legge quadro ancora in via di definizione; • le leve del marketing, della comunicazione e la cultura del servizio per una gestione proficua dello spazio acqua; Nasce il “Tavolo di lavoro per lo sviluppo sostenibile nel settore delle piscine”: ForumPiscine sta mettendo in campo iniziative e progetti importanti per sostenere concretamente il settore, in stretta collaborazione con partner istituzionali, come FIN - Federazione Italiana Nuoto, ENEA - Agenzia nazionale per l’efficienza energetica e lo sviluppo economico e ICS - Istituto per il Credito Sportivo, enti accademici come l’Università degli Studi di Roma Foro Italico, aziende protagoniste del comparto acqua, e una rete di nuovi soggetti conosciuti anche grazie alle iniziative di vicinanza al comparto organizzate nei

difficili mesi appena trascorsi. LA PISCINA SCIENTIFICA MULTIFUNZIONALE Cuore pulsante di ForumPiscine 2021 sarà un’installazione inedita, dedicata alla cultura dell’acqua nella sua massima espressione: Laboratory Pool, una piscina scientifica a trattamento multifunzionale. Sarà un’area attrezzata per analisi, test, simulazioni e live show delle aziende, coordinata dal Laboratorio di Epidemiologia e Biotecnologie dell’Università di Roma ‘Foro Italico’. Al centro dell’installazione ci sarà una vasca autoportante in vetroresina di 5 × 2,5 metri (profonda 130 centimetri), una vera piscina olimpionica in scala 1:10, progettata per attività educational e di testing, con ricercatori e tecnici che effettueranno campionamenti e test di auto-controllo dei parametri dell’acqua, confronti dimostrativi tra tecnologie per il trattamento e la filtrazione e test sui tessuti per le discipline acquatiche, in funzione di prestazione, comfort, sicurezza e igiene. www.forumpiscine.it

IL NUOVO CLUB 178  NOVEMBRE DICEMBRE 2020

13


NEWS

THE MIRAI SI TRASFORMA IN PIATTAFORMA DIGITALE

I

l progetto The Mirai – presentato in modo approfondito ne Il Nuovo Club n. 163 – è stato ideato da Rainer Schaller, fondatore e CEO del Gruppo RSG GmbH, proprietario del network di club low cost McFIT. Avrebbe dovuto concretizzarsi a Oberhausen, in Germania, realizzando il più grande centro fitness del mondo, con un chiaro obiettivo: appassionare all’esercizio fisico il maggior numero possibile di persone, diffondendo il sano stile di vita che, come dimostrato da un’infinità di studi scientifici, non può prescindere da una costante, e adeguata, attività motoria. La pandemia, come noto, ha sospeso tutto e, ovviamente, un progetto di questa portata non fa eccezione. Anche The Mirai si adatta alle circostanze,

trasformandosi in piattaforma digitale, dotata di un’area dedicata alla ricerca e allo sviluppo. La pandemia coronavirus, che ha messo di fronte a nuove grandi sfide tanto le aziende quanto le persone di tutto il mondo, ha inevitabilmente modificato i piani di The Mirai, che continua comunque a guardare al futuro con determinazione per fissare nuovi standard. Quello che sarebbe stato il centro fitness più grande al mondo, progettato come una grande fiera visitabili 365 giorni all’anno, adatterà il suo modello di business al nuovo scenario per mettere a frutto le potenzialità di un progetto di grande portata. «La pandemia – ha detto Yüce Yücel, CEO di The Mirai – mostra in modo evidente

DIETE SOSTENIBILI PER LA QUALITÀ DELLA VITA

S

cegliere diete sostenibili per migliorare la qualità della vita e, al contempo, proteggere il Pianeta. Lo ha affermato la Fondazione Barilla in occasione della Giornata Mondiale dell’Alimentazione,

14

IL NUOVO CLUB

che si svolgerà il 16 ottobre, spiegando che «il nostro attuale sistema alimentare, dal campo alla tavola, contribuisce fino al 37% delle emissioni globali di gas serra. Un concetto sintetizzato dalla Doppia Piramide Alimentare

178  NOVEMBRE DICEMBRE 2020

quanto la digitalizzazione e le conoscenze scientifiche siano importanti per la salute di tutti. Il fitness proposto in formato digitale, e i dati relativi allo stato di salute, sono oggi più che mai importanti. Essendo l’innovazione una nostra priorità, siamo determinati a investire sulla ricerca e sullo sviluppo nel settore del fitness e della salute, e a gestire direttamente questa appassionante attività. Per noi – ha concluso Yücel – significa riunire tutti i player del settore in modo decentralizzato e digitale». Come piattaforma virtuale trasversale, The Mirai – “mirai” in giapponese significa “futuro” – riunisce atleti, aziende di vari comparti, il settore fitness nel suo insieme, scienziati ed esperti di tutto il mondo, fungendo da centro di ricerca

e Ambientale, che evidenzia come gli alimenti che favoriscono la salute (ortaggi, frutta, olio extravergine di oliva, frutta secca, cereali integrali, base della Dieta Mediterranea) siano anche quelli con minore impronta ecologica. «Oggi – ha spiegato Marta Antonelli, direttore ricerca di Fondazione Barilla – il 91% dei decessi nazionali è dovuto a malattie

e sviluppo dell’esercizio fisico e della salute, dando vita a un vero e proprio ecosistema. Analizzando una grande quantità di dati tramite l’intelligenza artificiale, favorirà l’ulteriore sviluppo delle tecnologie che migliorano lo stato di salute e la qualità della vita delle persone. L’obiettivo generale è far sì che tutti, a prescindere da provenienza, età e reddito, abbiano accesso all’esercizio fisico, mantengano un sano stile di vita e si divertano. Per trasformare questa visione in realtà, The Mirai ha creato un’infrastruttura digitale e sviluppato un primo prototipo. Utilizzando applicazioni e dispositivi indossabili, i cosiddetto wearable, i dati relativi alle attività svolte, ai movimento compiuti (in 3D) e allo stato di salute dei praticanti verranno raccolti e processati a livello centrale. Verrà monitorata anche l’affaticamento muscolare, la velocità del movimento e, se necessario, l’esecuzione dei gesti verrà corretta in tempo reale, in uno spazio tridimensionale. Tutti i dati verranno immagazzinati in una data hub sicura e processati facendo ricorso all’intelligenza artificiale, con logiche complesse grazie all’impiego di specifici algoritmi. In questo modo sarà possibile estrarre approfondite informazioni di grande importanza non solo per il settore fitness, ma anche in campo medico-sanitario. www.themirai.com

non trasmissibili causate, tra i vari fattori, anche da scelte che facciamo a tavola (oltre 3 milioni di persone convivono col diabete, mentre il 44% dei decessi dipende da malattie cardiovascolari, ndr). Possiamo tutelare la nostra salute e quella dell’ambiente, come evidenziato anche dalla Farm to Fork Strategy dell’UE, partendo dal piatto».


PURE THINKING, PENSARE POSITIVO PER SENTIRSI MEGLIO

P

ensare positivo per sentirsi meglio e rimanere ‘puri’. È il credo di un nuovo stile di vita nato, come spesso accade, negli Stati Uniti e dilagato in poco tempo in mezzo mondo, Italia compresa. Come funziona? È un nuovo approccio esistenziale, in cui ci si disintossica da ansie e pessime abitudini, dal cibo all’alcol, per purificarsi. In due parole, Pure Thinking. «Il Pure Thinking si presta a diventare uno stile di vita anche in Europa», spiega Sara Bianco, consulente nutrizionale ed epigenetista al centro Polisalute di Cinisello Balsamo, nonché docente di nutrizione e dietetica e di medicina estetica presso l’Università Lumsa di Roma,

che da anni studia le richieste e le necessità dei pazienti. «Significa curarsi della propria salute in modo oculato e attento, con la consapevolezza che un’alimentazione equilibrata e bilanciata è alla base di qualsiasi beneficio per la persona, insieme, naturalmente, all’attività fisica». Dunque, come molte nuove discipline, anche il Pure Thinking si fonda, essenzialmente, sul virtuoso rapporto tra alimentazione e attività motoria, binomio chiave per una vita sana. Tra i tanti studi che dimostrano questa virtuosa relazione causale figura il britannico Major health-related behaviours and mental well-being in the general population, che illustra come una dieta bilanciata,

SCOPRI CHE COSA CI RENDE DIFFERENTI

ricca di verdure e sostanze nutritive, sia strettamente correlata a sensazioni di benessere. Altri studi clinici pubblicati sullo European Journal of Integrative Medicine mostrano gli effetti positivi sulla salute, mentale e

fisica, nonché sullo sviluppo personale, dello yoga. In generale, l’attività fisica fa bene al copro e, al tempo stesso, migliora il benessere psicologico, la soddisfazione per la propria vita e l’autostima.


CARO GOVERNO TI SCRIVO

D

NEWS

avid Mariani, ideatore e direttore del metodo e della scuola di formazione Healthy Habits (www. healthyhabits.it), nonché titolare del Mariani Wellness Resort, lo scorso 23 ottobre, pochi giorni prima del Dpcm che ha imposto una nuova chiusura di fitness club, centri sportivi e piscine, ha inviato una lettera al premier Giuseppe Conte, e ai ministri Spadafora e Speranza, chiedendo, invano, di evitare questo provvedimento. La lettera – firmata insieme ad Assunta Dierna d’Antiochia, psicologa clinica e presidente del comitato scientifico Healthy habits, e a Beppino Montalti, medico e presidente dell’ordine dei medici della Provincia di Pistoia, nonché membro del comitato scientifico Healthy Habits – è un manifesto del valore e dell’importanza del nostro settore e per questa ragione la proponiamo, di seguito, nella sua interezza. «Illustrissimi, mi permetto di sottoporre alla vostra attenzione la problematica dell’eventuale stop a palestre e piscine, inquadrandola da un’ottica diversa da quella che istintivamente sta emergendo. Mi occupo di prevenzione primaria e stili di vita da 42 anni, collaboro con riviste medico-

scientifiche e sono il direttore di una scuola di formazione Italiana che rappresenta il primo esperimento internazionale per riunire le scienze della medicina e fisiologia, quelle psicologiche, ambientali e nutrizionali, sotto un’unica bandiera: quella della prevenzione primaria, disciplina che, se correttamente applicata, offre ai cittadini la straordinaria possibilità di anticipare la malattia e di contenerne la progressione. Sono le nostre abitudini a decidere in gran parte la nostra salute, come confermato dalla ricerca più avanzata degli ultimi 10-15 anni. Da alcuni anni l’OMS ha considerato l’esercizio fisico “il farmaco più potente del mondo” perché capace di influire sull’intero organismo, dalla psiche all’intestino, tanto da varare a fine 2018 un piano d’azione globale per sollecitare gli stati e tutte le istituzioni a fare tutto il possibile per stimolare e facilitare la pratica dell’attività fisica. More active people for a healtier world, ovvero persone più attive per un mondo più sano, indicando l’attività fisica come elemento centrale per il miglioramento della società del futuro. La pandemia ha messo ancor di più in evidenza quanto lo

stile di vita sia decisivo per il superamento della malattia: ciò che accumuna la quasi totalità dei malati gravi o deceduti è l’elevato livello di infiammazione preesistente al momento del contagio e oltre all’età, abbiamo visto come obesità e patologie croniche siano fattori di rischio. L’intera popolazione sta subendo uno stress fortissimo causato dalla paura, i cui effetti sono ben visibili a livello psicologico e psichiatrico: l’iper attivazione del sistema nervoso simpatico porta a reazioni violente e comportamenti sconsiderati, e sappiamo scientificamente che lo stress eccessivo alimenta ulteriori processi infiammatori. In questa condizione, togliere alle persone una delle pochissime valvole di sfogo – la cui efficacia è dimostrata dalla scienza – rischia di essere un errore fatale che provocherebbe un danno certo (ce lo dice sempre la scienza), verosimilmente molto superiore al presunto beneficio. Chiedete ai centri sportivi il rispetto dei protocolli che sono stati forniti o potenziateli, sanzionate chi non rispetta le leggi, ma non impedite alla popolazione di fare ciò che

la ricerca scientifica indica come l’attività più efficace per salvarci la vita. Aiutare la popolazione ad abbassare i livelli di infiammazione cronica silente potrebbe contribuire a salvare vite umane e migliorare la prognosi di chi si ammala. Costringere ipertesi, cardiopatici, diabetici e obesi a non svolgere attività fisica rischia di diventare un assist involontario alla malattia. Vi chiedo, a nome mio e del nostro comitato scientifico, di valutare quindi l’attività fisica in una prospettiva più ampia, pesando rischi e benefici. Sono e siamo a disposizione nel caso la nostra esperienza specifica di specialisti della prevenzione primaria possa essere utile».

in generale, costituiscono una componente fondamentale della soluzione alla pandemia Covid-19 in quanto favoriscono

il rafforzamento del sistema immunitario, riducendo così il rischio di contrarre patologie virali».

NUOVO STUDIO EUROPEO: LE PALESTRE SONO SICURE

D

all’ultimo studio condotto per misurare i tassi di infezione da Covid-19 nei centri fitness in Europa emerge che il valore medio è pari ad appena 0,78 casi su 100.000 visite. L’analisi dei dati relativi a 62 milioni di visite alle palestre europee nel recente mese di ottobre, effettuata dall’Università Re Juan Carlos in Spagna e dalla Sheffield Hallam University, nel Regno Unito, mostra che sono stati registrati appena 487 casi di positività al coronavirus. Questo importante studio, denominato SafeACTiVE e commissionato dal centro di ricerca THINK Active di EuropeActive, ha analizzato i

16

IL NUOVO CLUB

dati relativi agli operatori di club di 14 paesi, ovvero Germania, Francia, Svezia, Belgio, Olanda, Spagna, Portogallo, Norvegia, Svizzera, Repubblica Ceca, Polonia, Danimarca, Lussemburgo e Regno Unito. I risultati emersi dovrebbero contribuire in modo significativo a mitigare le preoccupazioni dei consumatori di fitness in quanto confermano che i fitness club sono luoghi sicuri, nei quali il rischio di infezione da Covid-19 è molto basso. Il professor Alfonso Jimenez, direttore di THINK Active, ha detto: «Un rischio d’infezione così basso all’interno dei centri fitness rinforza il messaggio che il fitness, e l’attività fisica

178  NOVEMBRE DICEMBRE 2020


COLDIRETTI: IL LOCKDOWN HA FATTO INGRASSARE IL 44% DEGLI ITALIANI

C

he durante il lockdown di marzo il cibo avesse sostituito in larga parte quella socialità che, in epoca pre-Covid, ci teneva impegnati nelle ore extra-lavorative ce n’eravamo accorti: tutto a un tratto, spaghetti e ciambelloni avevano sostituito variopinti beveroni alcolici e buffet di stuzzichini dell’ora dell’aperitivo, il lievito di birra era sparito dai supermercati al pari dell’Amuchina e tutti si cimentavano nell’allevamento di lievito madre con la stessa determinazione di Aldo Montano alle Olimpiadi. Nessuna sorpresa, dunque, se ora Coldiretti ci informa che il lockdown ci ha fatti ingrassare. Il 44% degli italiani, in particolare durante i difficili medi di isolamento, smart work, autocertificazioni e

app per prenotare l’ingresso al supermercato, ha mangiato di più e si è mosso significativamente meno. Risultato? Abbiamo messo su peso. In che maniera e misura lo rivela un’analisi di Coldiretti su dati Crea, il Centro di ricerca alimenti e nutrizione, diffusa in occasione della presentazione dei dati relativi al 2019 elaborati da Okkio alla Salute, il sistema di sorveglianza nazionale coordinato dal Centro Nazionale per la Prevenzione delle malattie e Promozione della Salute (CNaPPS) dell’Istituto Superiore di Sanità. «La pandemia da Covid – spiega Coldiretti – ha avuto un impatto sul peso di grandi e piccini, sia per la difficoltà di fare movimento all’aria aperta, sia per quella di seguire una dieta corretta. Al contrario, è aumentato il tempo

trascorso davanti agli schermi e il consumo di alimenti conservati». Il terribile mix divano + computer/tv + pranzi e cene luculliani ha impigrito ben il 53% degli italiani, fa i conti Coldiretti, una condizione che ha perfino aggravato la situazione segnalata dall’indagine Okkio alla Salute nel 2019, con un bambino su due che non fa una colazione adeguata al mattino, uno su 4 che beve quotidianamente bevande zuccherate gassate e consuma frutta e verdura meno di una volta al giorno, mentre un bambino su 5 non fa attività fisica. Per contrastare questa preoccupante tendenza, Coldiretti è impegnata nel progetto Educazione alla Campagna Amica che coinvolge alunni delle scuole

elementari e medie in tutta Italia che partecipano a lezioni in programma nelle fattorie didattiche e nei laboratori del gusto, presso aziende agricole e in classe. «L’obiettivo – illustra Coldiretti – è formare consumatori consapevoli sui principi della sana alimentazione e della stagionalità dei prodotti per valorizzare i fondamenti della dieta mediterranea e ricostruire il legame che unisce i prodotti dell’agricoltura con i cibi consumati ogni giorno, fermando il consumo di cibo spazzatura».


FORUM

DIGITAL EDITION UNA SFIDA VINTA A CURA DELLA REDAZIONE

L’edizione 2020 di ForumClub 2020 si è tenuta, per la prima volta nella sua storia ultra ventennale, in formato digitale, nel fine settimana del 21 e 22 novembre scorsi su piattaforma dedicata. Ripercorriamo i momenti salienti di una due giorni che ha sorpreso positivamente i numerosi partecipanti

18

IL NUOVO CLUB

178  NOVEMBRE DICEMBRE 2020


C

ome sapete, era tutto pronto, dopo mesi di intenso e appassionante lavoro, per lo svolgimento in presenza al Palazzo del Ghiaccio di Milano, ma le circostanze senza precedenti create dall’emergenza sanitaria ci hanno indotti a lavorare parallelamente sul fronte digitale. Alla fine, dopo le note vicissitudini, la versione virtuale si è rivelata la soluzione ideale.

Dopo aver proposto, nel corso degli ultimi otto mesi, numerose web conference sulla pagina Facebook dell’evento, la due-giorni online ha segnato il culmine di un percorso che ha accompagnato gli operatori alla partecipazione a un evento di grande spessore. La tecnologia digitale, la nostra determinazione, la disponibilità dei relatori (italiani e stranieri), il sostegno delle aziende espositrici, tra le quali i Platinum e i Gold Sponsor, nonché la voglia di partecipare di manager, titolari e professionisti del settore hanno decretato il successo del 21° ForumClub. Sabato 21 e domenica 22 novembre, negli uffici di Editrice Il Campo sono state vissute due intense e appassionanti giornate di lavoro, nel corso delle quali la sfera professionale si è fusa con quella conviviale, con il piacere di stare insieme a tanti operatori ed esperti del settore, seppur tramite il web, in un momento così delicato per tutti. Ci siamo sentititi meno soli, abbiamo incamerato tanta energia positiva, essenziale per continuare a lavorar con passione e guardare al futuro con fiducia. Gli attestati di stima ricevuti durante e dopo l’evento ci hanno rincuorato e, ancora una volta, ci hanno mostrato che il nostro è un settore straordinario, nel quale operano tante persone fuori dall’ordinario.

LE RISPOSTE GIUSTE IN UN MOMENTO DIFFICILE

Circa 30 ore di diretta dedicate alla formazione e all’aggiornamento hanno confermato che l’unico appuntamento b2b in Italia che coniuga un Congresso Internazionale a un Expo ver-

ticale è in grado di dare risposte e proporre contenuti di valore, in chiave business, agli operatori di fitness-wellness club, centri sportivi e piscine. È stato l’unico evento rivolto al settore del 2020. E in un momento così difficile, la cui gestione implica un’attenta canalizzazione delle energie, del tempo e delle risorse, ForumClub ha saputo interpretare le necessità del comparto, proponendo un evento che solo pochi mesi fa era inimmaginabile. Le due giornate, di respiro internazionale e gestite su più piattaforme digitali integrate tra loro, hanno registrato la partecipazione di circa 1.000 persone che si sono alternate nella visita virtuale alle aziende espositrici e nella partecipazione alle sessioni congressuali e agli eventi a ingresso libero. ForumClub ha proposto sessioni formative e di approfondimento che hanno fornito strumenti per gestire e superare l’emergenza, nonché presentazioni commerciali sulle novità del mercato, utili soprattutto in ottica post pandemia. Tutto questo associato alla possibilità di visitare liberamente gli spazi dell’Expo virtuale, al cui interno erano presenti, tra gli altri, gli stand dei Platinum Sponsor Technogym, TeamSystem e Les Mills e dei Gold Sponsor Gympass, Life Fitness, Peak Pilates, To.m.m.ys, XFitness e Well Back System. L’edizione digital di ForumClub è stata arricchita dal contributo di ELAV, che ha proposto una coinvolgente tavola rotonda, e della Federazione Ginnastica d’Italia che, oltre a proporre una sessione del programma open, ha coinvolto le atlete della Nazionale di Ginnastica Artistica Femminile – impegnate nella preparazione in vista delle prossime Olimpiadi di Tokyo 2021– che hanno inviato un graditissimo video di saluti.

UN CONGRESSO SORPRENDENTE

Molto coinvolgente la sessione d’apertura svoltasi sotto forma d’intervista, condotta da Davide Venturi, della segreteria scientifica di ForumClub e responsabile di redazione de Il

IL NUOVO CLUB 178  NOVEMBRE DICEMBRE 2020

19


FORUM

Nuovo Club, con un ospite d’eccezione come Giampaolo Grossi, general manager di Milan Roastery Starbucks Italy, l’emanazione italiana del brand statunitense noto a livello mondiale. Sfoderando doti comunicative da top manager, ha illustrato i fattori chiave della human experience e del welfare aziendale di una realtà fuori dal comune come Starbucks, capace di mettere sempre al centro la persona, in ogni ambito, anche e soprattutto in questo difficile momento dominato dalla grave emergenza sanitaria. Ha inoltre spiegato com’è cambiata la comunicazione sia interna sia esterna, cercando di far capire che cosa rappresenta per i consumatori un marchio del genere anche quando, come ora, non può erogare il servizio, la qualità e l’esperienza che lo hanno reso celebre. Grossi ha inoltre fornito la sua visione del post emergenza, spiegando in che modo potremo uscirne più forti di prima. Altro nome di spicco intervenuto al ForumClub 2020 è quello di Mike Maric, campione mondiale di apnea e coach divenuto un riferimento per atleti di livello internazionale e campioni olimpici, nonché medico e docente universitario. Ha spiegato, nel corso di una sessione plenaria che ha messo in risalto tutto il suo grande spessore, innanzitutto umano, come la capacità di respirare possa migliorare non solo la prestazione sportiva, ma anche consentire di raggiungere un livello superiore di consapevolezza, impiegabile come prezioso strumento di crescita e persino come modello di business. Ha inoltre coinvolto Davide Venturi, e tutti gli spettatori, con un semplice ma efficace esercizio di respirazione che ha conferito alla sua testimonianza ulteriore autenticità e spessore. Molto apprezzati anche i tre interventi che hanno visto protagonisti grandi nomi del mercato del fitness britannico, ovvero Jan Spaticchia, Joan Murphy, Olia Sardarova e Robert Rowland – che hanno illustrato i loro innovativi modelli di business spiegando come stanno gestendo l’attuale emergenza. Lo hanno fatto anche interagendo con David Minton, direttore di The Leisure Database Company, uno dei massimi conoscitori e tra i più stimati analisti del mercato del fitness e del wellness in ambito internazionale. È stata un eccellente debutto al ForumClub anche quello di Carlotta Silvestrini e Luca Florentino, rispettivamente consultante, docente ed esperta di brand management specializzata in ripo-

20

IL NUOVO CLUB

178  NOVEMBRE DICEMBRE 2020

sizionamento strategico di marca (rebranding), ed esperto e docente di neuromarketing , nonché fondatore e CEO dell’agenzia di comunicazione Ottosunove. Con i loro interventi hanno letteralmente aperto una finestra sulle opportunità che gli operatori del nostro settore possono cogliere riposizionandosi sul mercato dopo averlo osservato da prospettive diverse e utilizzando strumenti di comunicazione molto potenti. Quello di Umberto Miletto, personal trainer e vera star del web, è un altro nome altisonante che, alla sua prima volta al ForumClub, ha impressionato molto positivamente, tenendo una sessione molto concreta nel corso della quale ha spiegato, con la chiarezza del vero esperto, come utilizzare internet e i social network in modo strategico. Lo ha fatto basandosi sulla sua straordinaria esperienza: il suo canale YouTube, dedicato all’esercizio fisico e al benessere, contiene più di 1.800 video e registra oltre 94 milioni di visualizzazioni totali. Il Convegno nazionale di Anif-Eurowellness, trasmesso in diretta, è stato seguito da circa 200 spettatori che hanno assistito a uno stimolante dibattito sul Testo Unico dello Sport, al quale hanno preso parte Giuseppe Pierro, capo del Dipartimento dello Sport della Presidenza del Consiglio dei Ministri, Vito Cozzoli, presidente di Sport e Salute, dell’Onorevole Giuseppe Mancini, membro della Commissione Bilancio e Andrea Abodi, presidente dell’Istituto per il Credito Sportivo. Sono inoltre intervenuti, solo per fare qualche altro nome, Andreas Paulsen, direttore esecutivo di EuropeActive, Florian Cartoux, direttore di IHRSA Europe e di Guido Rasi, professore di Microbiologia, già Direttore Esecutivo EMA Agenzia Europea dei Medicinali. Tanti altri nomi e sessioni meriterebbero di essere citati: per conoscerli, visita il sito www.forumclub.it, tramite il quale è possibile accedere alla piattaforma dedicata sulla quale si è svolto il ForumClub e visitare gratuitamente l’expo virtuale. È stato un ForumClub molto diverso dalle venti edizioni precedenti, ma comunque un’esperienza di grande valore, sotto diversi punti di vista. Ringraziamo i tanti che ci hanno seguiti e sostenuti in questi mesi difficili, concedendoci la loro fiducia, scegliendo di vivere con noi queste due indimenticabili giornate.


ma anche per proseguire il positivo percorso di condiv e scambio virtuale avviato e maturato negli scorsi m

UN GRAZIE SPECIALE AGLI SPONSOR, Una formula inedita per ribadire e rafforzare le pecul ALLE AZIENDE ESPOSTRICI, AI PARTNER!

assolutamente uniche dell’evento: luogo privilegiato di co e approfondimento sul settore fitness e wellness PREMIUM SPONSOR piattaforma di networking e sviluppo, e incubato di tendenze e innovazioni.

Lo spazio ideale in cui ritrovarsi e restare uniti per condividere visioni e soluzioni che permettano di gu GOLD SPONSOR con rinnovato slancio e fiducia al futuro.

Accesso gratuito a virtual fair, workshop aziendali ed even Accesso a pagamento a congresso internazionale forumclub.it ESPOSITORI

platinum sponsor

gold sponsor

SPORT MANAGING SYSTEM

WELLBACK SYSTEM

con il patrocinio di

in collaborazione con

è un progetto

IL NUOVO CLUB 178  NOVEMBRE DICEMBRE 2020

21


CLUB AWARD

GLI OSCAR DEL FITNESS 2020

A CURA DELLA REDAZIONE

In occasione del 21° ForumClub Digital, svoltosi online sabato 21 e domenica 22 novembre scorsi, sono stati annunciati i tre vincitori della quattordicesima edizione del Club Award, suddiviso nelle categorie “Club dell’Anno”, “Innovazione” e “Speciale”. In queste pagine riflettori puntati sui club premiati, ai quali consegneremo, appena possibile, i meritati trofei

22

IL NUOVO CLUB

178  NOVEMBRE DICEMBRE 2020


L

a cerimonia di premiazione della quattordicesima edizione del Club Award, l’annuale riconoscimento assegnato da Il Nuovo Club agli operatori di club che si sono distinti, contribuendo alla crescita del settore, avrebbe dovuto tenersi, come vuole un’ormai consolidata tradizione, nel corso della ventunesima edizione dei ForumClub, originariamente in programma al Palazzo del Ghiaccio di Milano il 6 e 7 marzo scorsi, quindi rimandato, per le ragioni arcinote, il 21 e 22 novembre. A causa dell’evoluzione della situazione sanitaria internazionale e degli ultimi provvedimenti governativi, l’evento congressuale ed espositivo si è tenuto, per la prima volta nella sua storia, in formato digitale. Non è dunque stato possibile consegnare i premi ai vincitori delle

CLUB DELL’ANNO

L’ambito titolo di Club dell’Anno è stato assegnato ai due premium club Audace Palestre di Milano, ai quali presto se ne aggiungerà un terzo, che avrà sede a Lecco. Una realtà unica e in costante crescita, lanciata nel 2010 dall’imprenditore salernitano Ciro Santucci che ha acquisito, e sapientemente sviluppato, uno storico marchio del mondo pugilistico. Una realtà capace di creare un format vincente – pronto a diffondersi con la formula del licensing e del franchising – sotto diversi punti di vista, dalle attività proposte (coinvolgenti ed efficaci) all’impatto estetico ed emozionale dell’ambiente, fino al marketing, al merchandising e all’utilizzo della tecnologia. La suggestiva atmosfera underground di questi club è resa unica dalla street art e dall’arte moderna, presente anche nelle linee di abbigliamento firmate Audace Palestre. Questa attività costituisce un redditizio centro di profitto aggiuntivo e, al tempo stesso, ha un grande valore dal punto di vista del branding, consentendo a questa realtà tutta italiana di competere ad armi pari con le multinazionali del fitness. Il successo di questa intraprendente e ambiziosa realtà, che ruota intorno a professionalità, valorizzazione del fattore umano, qualità del prodotto e forza del marchio, è frutto di un chiaro modello di business capace di interpretare il fenomeno boutique. Ogni club ospita al suo interno studi specializzati che vivono autonomamente e, al tempo stesso, possono integrarsi perfettamente con tutto il resto. La fitness boutique Drive è una sala multisensoriale dal design esclusivo e dal forte impatto emozionale, dedicata all’allenamento on bike, innovativa interpretazione

tre categorie previste dal concorso (Club dell’Anno, Innovazione e Speciale), che sono stati semplicemente annunciati. In queste pagine una sintesi delle motivazioni che hanno indotto la giuria ad assegnare i tre riconoscimenti. Ai vincitori consegneremo i trofei e la vetrofania Club dell’Anno 2020 appena sarà possibile, confidando che nell’immediato futuro la situazione proceda verso la “normalità”. Infine, ringraziamo i tanti club che hanno inviato le loro candidature: non è stato facile, per la giuria, selezionare i tre vincitori e molti degli esclusi avrebbero meritato il premio. Li invitiamo, pertanto, a ricandidarsi il prossimo anno, aggiornando le informazioni trasmesse. E la stessa raccomandazione la rivolgiamo a coloro che si sono candidati negli anni precedenti.

dell’indoor cycling di origine newyorchese e con contaminazioni londinesi. Anima, acronimo di Audace Natural Intensive Mind Activity, è il tempio esclusivo delle discipline olistiche, finalizzate al ripristino dell’equilibro tra corpo, mente e spirito, con l’aiuto di stimoli musicali e luminosi. Glow è la più grande delle fitness boutique firmate Audace, dedicata esclusivamente alla tonificazione muscolare che si trasforma in un’esperienza esclusiva, vissuta svolgendo programmi creati ad hoc. La boutique CLAYS, infine, è una “scatola nera” contornata di specchi e luci da spettacolo che sottolineano i ritmi dell’allenamento, aggiungendo al workout – HIIT training basato sui movimenti della boxe – una componente emozionale unica. Palestre Audace si distingue per gli eccellenti risultati conseguiti, nel corso del 2019, in termini di numero di iscritti, tasso di fidelizzazione e sessioni di personal training vendute, risultati ottenuti grazie alla combinazione di alcuni fattori strategici fondamentali come comunicazione e marketing, impiego della tecnologia e programmazione, nonché selezione e formazione delle insostituibili risorse umane. Guarda il video di Audace Palestre.

1 CLUB DELL’ANNO

AUDACE PALESTRE

IL NUOVO CLUB 178  NOVEMBRE DICEMBRE 2020

23


CLUB AWARD

2 INNOVAZIONE

INNOVAZIONE

Nella categoria Innovazione, il Club Award 2020 è stato assegnato al club ZONE di Pisa (https://zoneexperience.it), struttura all’avanguardia aperta nel 2016 per consentire agli iscritti di vivere un’esperienza di benessere, fisico e mentale, a 360 gradi. ZONE si sviluppa su una superficie di 1.200 metri quadrati dedicati al fitness (anche funzionale), alle discipline olistiche e al relax e si distingue anche e soprattutto per l’approccio ecologico al benessere, in virtù del quale mette a disposizione degli iscritti un ambiente completamente ecosostenibile, frutto del complesso Progetto Eco ZONE, il cui valore ha consentito al club toscano di ottenere i finanziamenti dell’Unione Europea. Ha sede in una ex struttura artigianale in cemento ubicata nella prima periferia della città, completamente riconvertita con un’evidente finalità di riqualificazione urbanistica, puntando anche sul design. Oggi conta più di 1.200 iscritti, un numero significativo in un Comune che conta circa 88 mila abitanti. La missione di questo intraprendente club – che in breve tempo è diventato un punto di riferimento non solo per Pisa e la Toscana come sede di iniziative formative e competizioni di livello nazionale – è promuovere e diffondere i valori del fitness e dello sport. Partendo dal presupposto che non è possibile costru-

ire una società in salute e promuovere un corretto stile di vita se non si tutela e cura l’ambiente in cui viviamo, ZONE è stata progettato e realizzato per essere ecosostenibile ed eco-efficiente, a zero emissioni di CO2. I consumi sono ridotti al minimo e parte dell’energia necessaria per il funzionamento della struttura è auto-generata, ma senza penalizzare lo standard qualitativo di utilizzo che è elevato. Tutto questo impiegando fonti rinnovabili, utilizzando attrezzi in grado di trasformare il lavoro fisico degli utenti in energia che concorre al soddisfacimento del fabbisogno energetico del club. L’integrazione di queste soluzioni per il risparmio energetico con alcune delle più innovative tecnologie di gestione energetica degli edifici (infissi di ultima generazione, pompe di calore, riscaldamento e raffrescamento radiante, recupero energetico dagli scarichi… e molto altro) ha permesso di portare i consumi (in parte soddisfatti dall’autoproduzione) a livelli bassissimi. ZONE è diventato un esempio virtuoso di riconversione delle volumetrie esistenti attraverso il miglioramento dell’efficienza energetica, coerente con l’obiettivo di sviluppo a zero consumo di suolo, fissato dalla Legge Regionale Toscana n.65/2014. Tutto questo creando 50 nuovi posti di lavoro, due terzi dei quali destinati alle donne, con un investimento complessivo di circa 3 milioni di euro. Presenteremo questa straordinaria realtà con un approfondito articolo nel prossimo numero de Il Nuovo Club. Guarda il video di ZONE.

ZONE SPECIALE

3 SPECIALE

Nella categoria Speciale, il Club Award 2020 è stato assegnato allo Sporting Club Leonardo da Vinci di Milano (www.sportingclubleonardo.it), in special modo al suo fondatore e proprietario Adriano Borelli, icona vivente e volto noto del settore, nel quale opere da più di 50 anni, pur essendo ancora oggi un ragazzo in perfetta forma. Noto nel mondo del body building, disciplina tramite la quale fece il suo ingresso nel mondo del fitness in giovanissima età, è Presidente di ISSA Europe, scuola diventata un punto di riferimento nell’ambito della formazione tecnica e della certificazione nel settore fitness. Adriano Borelli è a tutti gli effetti un pioniere, uno dei “padri fondatori” del settore fitness nel nostro Paese: aprì la sua palestra – lo Sporting Club Leonardo da Vinci, tuttora in attività nel cuore di Milano – negli anni Sessanta, gestendola in prima persona per trent’anni. Nel 1997 ha creato ISSA Italia – oggi ISSA Europe –, emanazione del noto ente formativo e di certificazione statunitense rivolto ai tecnici del settore. Una realtà nota a tutti che non ha bisogno di essere presentata: ogni anno forma e certifica migliaia di trainer, interpretando l’esercizio fisico innanzitutto come strumento di salute, in primo luogo sul piano della prevenzione. L’annuale ISSA Convention ra-

duna migliaia di operatori del settore, in prevalenza personal trainer che, oltre a seguire le sessioni del congresso, completano il loro iter formativo sostenendo la prova finale per certificarsi. Il premio assegnato allo Sporting Club Leonardo da Vinci è un vero e proprio Oscar alla carriera (ancora lunga) attribuito ad Adriano Borelli, allo straordinario contributo che ha fornito alla crescita del nostro settore, innanzitutto dal punto di vista culturale, a partire dalla diffusione dei principi scientifici dell’allenamento e della cultura della salute e del benessere attraverso il corretto stile di vita, imprescindibile dal costante svolgimento di esercizio fisico, nelle giuste dosi e modalità. Guarda il video dell’intervento di Adriano Borelli al VI Congresso Senior Italia.

ADRIANO BORELLI - SPORTING CLUB LEONARDO DA VINCI

24

IL NUOVO CLUB

178  NOVEMBRE DICEMBRE 2020


EVOLUTIONFIT Software Cloud e APP per l’allenamento dei tuoi clienti Utilizzato da oltre 1000 Centri Fitness e Personal Trainer

Creare programmi di allenamento non è mai stato così semplice e immediato • • • • • •

Schede allenamento Archivio esercizi grafica 3D Piani alimentari Plicometria Antropometria e Anamnesi APP per i tuoi clienti

Contattaci su:

Scopri Gymnius Il nuovo modulo di EvolutionFitPRO per creare i programmi di allenamento in maniera completamente automatica

evolutionfit@evolutionfit.it www.evolutionfit.it @evolutionfitPRO +011 9012143

Richiedi la tua DEMO GRATUITA su www.evolutionfit.it


PRIMO PIANO ITALIA

IL FITNESS CHE SA

SORRIDERE

A CURA DI DAVIDE VENTURI

26

IL NUOVO CLUB

178  NOVEMBRE DICEMBRE 2020


Andiamo nel veronese a scoprire Centro DR, giovane e ambizioso marchio capace di cambiar pelle per superare l’emergenza e puntare a un futuro luminoso. Uno dei proprietari, Stefano Poli, racconta una realtà dinamica che crede nel miglioramento continuo

I

l marchio Centro DR nasce nel 2012 da un’idea di Stefano Poli: creare un luogo nel quale tutti possano allenarsi con il sorriso, un luogo in grado di avvicinare le persone al movimento. Con il passare del tempo questo dinamico brand cresce e si è evolve: oggi identifica tre club situati a Nogara, San Pietro di Legnago – nella provincia di Verona – e nella città scaligera, precisamente nella frazione Ca’ di David. Tre strutture di dimensioni compatte: rispettivamente 800, 1.400 e 1.300 metri quadrati.

>

Stefano Poli

IL NUOVO CLUB 178  NOVEMBRE DICEMBRE 2020

27


PRIMO PIANO ITALIA

sei suoi “fratelli maggiori”, mette a disposizione degli iscritti anche uno spazio en plein air, destinato all’allenamento outdoor e attrezzato con stazione multifunzionale Triform.

IL GRANDE CAMBIAMENTO

Il target primario al quale si rivolge il marchio Centro DR sono coloro che generalmente non frequentano un centro fitness

TUTTO INIZIA NEL 2012

Il primo Centro DR apre i battenti nel 2012 a Nogara, il secondo l’anno successivo a San Pietro di Legnago, l’ultimo verso la fine dello scorso anno, a Verona. Il club capostipite, il più piccolo, è consacrato esclusivamente alle attività di gruppo, mentre gli altri due dedicano parecchi metri quadrati anche alle attività cardio e isotonica e sono dotati di Area donna, lo spazio nel quale la clientela femminile può allenarsi al riparo da occhi indiscreti, disponendo di dispositivi specifici per la stimolazione delle zone più “critiche”. Un club nel club gestito da personale femminile, in grado di soddisfare ogni esigenza – non solo fisica – dell’universo donna. Il club veronese, realizzato mettendo a frutto l’esperienza maturata nella gestione

«Nel settembre del 2019 – esordisce Stefano Poli – abbiamo aperto a Verona quello che consideriamo il nostro modello ideale di club. La nostra mission, condivisa da tutto il team, è indurre il maggior numero possibile di persone a muoversi per contribuire a migliorare la qualità della vita sul nostro Pianeta. Vogliamo aiutare altre persone a essere più sane e più felici e il nostro target primario è composto da coloro che generalmente non frequentano un centro fitness e desiderano migliorare il proprio stato di salute e benessere, sia fisico sia mentale. Ci rivolgiamo a chiunque sia alla ricerca di un luogo in cui allenarsi divertendosi, di un ambiente ‘sorridente’». Come noto, l’emergenza coronavirus ha travolto tutto e tutti, colpendo duramente anche il nostro settore, e l’imprenditore veneto spiega come questa onda anomala abbia cambiato radicalmente i suoi club: «La pandemia ha rivoluzionato anche la nostra realtà. Prima della sua esplosione, proponevano due tipologie d’abbonamento: Base, associato al solo


utilizzo della sala attrezzi, e Activity, comprendente anche le attività di gruppo. Avevano una durata di 4, 8 e 12 mesi, il 97% degli iscritti optava per la soluzione annuale e il prezzo medio applicato era pari a 439 euro annuali. Il lockdown ci ha indotti a modificare profondamente questo modello di business e il nostro piano di espansione, e al tempo stesso ci ha messo davanti a una grande opportunità: poter finalmente attuare una trasformazione digitale completa». Sin dalla loro nascita, i club veneti utilizzano Mywellness e nel corso degli anni hanno sviluppato uno specifico metodo di lavoro in sala attrezzi, in virtù del quale i trainer utilizzano i tablet per aggiornare, su base settimanale, i programmi d’allenamento e i corsi (da sempre proposti su prenotazione). «In tempi non sospetti, ossia prima che tutto venisse travolto dall’emergenza sanitaria, avevamo sperimentato la gestione degli ingressi tramite QR code integrato nella nostra app. Il nuovo scenario creato dal Covid-19 ci ha definitivamente fatto capire che è giunto il momento di rinnovare radicalmente il nostro sistema. Abbiamo così deciso di portare tutto on-line e, al tempo stesso, di utilizzare gli strumenti digitali per migliorare un’attività fondamentale come la customer care. Oggi nei nostri club non c’è nemmeno un addetto alla receptionist e tantomeno un consulente alla vendita in carne e ossa: queste attività sono completamente gestite dal nostro sito. I clienti possono scegliere e acquistare autonomamente il proprio abbonamento, decidere quando provare il club, così come fissare un appuntamento con un trainer e interloquire con un chatbot per ricevere risposte alle più classiche domande di chi si accinge a frequentare un centro fitness. E se tutto questo non basta, è possibile parlare con un membro del nostro staff o fissare un appuntamento telefonico». Poli sottolinea quindi che dietro a questa interfaccia visibile e fruibile si cela un grande lavoro: «Digitalizzare i club non basta, serve una vera e propria evoluzione digitale, che implica un grande lavoro di back-office. Fortunatamente il nostro staff è convinto quanto noi circa la possibilità di creare qualcosa di unico e stiamo tutti lavorando a questo stimolante progetto con grande impegno e con altrettanta passione».

Tutte le attività proposte dai tre club veneti passano dal sito web

TUTTO PASSA DAL WEB

In virtù della trasformazione digitale tramite la quale i club Centro DR hanno cambiato pelle, tutte le attività passano dal sito web, a partire dalle acquisizioni di nuovi clienti, gestite via web tramite un nuovo sistema che premia i soci (con mesi di frequenza gratuita) che portano nuovi iscritti. «Il processo di registrazione e iscrizione – spiega Poli – avviene completamente on-line e comprende anche l’applicazione degli sconti previsti. Utilizziamo Facebook, Instagram, YouTube e Google per realizzare campagne rivolte a specifici target e, al tempo stesso, impieghiamo continuamente WhatsApp, SMS e posta elettronica, monitorando i dati rilevati per misurare gli esiti delle campagne attuate. Oggi – puntualizza con

>

IL NUOVO CLUB 178  NOVEMBRE DICEMBRE 2020

29


PRIMO PIANO ITALIA I club fondati da Stefano Poli oggi utilizzano anche i chatbot per gestire le richieste d’informazioni

comprensibile soddisfazione – siamo in grado di convertire un potenziale cliente in iscritto in modo completamente automatizzato, senza che interagisca con un membro dello staff prima della sua prima visita al club, in occasione della quale viene accolto e gestito da un trainer che, dopo averlo sottoposto a bioimpedenziometria, configura il suo programma d’allenamento personalizzato».

SOPRAVVIVERE PER CRESCERE

Alla domanda, inevitabile, su come i club Centro DR affronteranno i prossimi difficili mesi, Poli risponde illustrando la sua visione del momento che tutti stiamo vivendo: «Ho fatto mia l’espressione sopravvivere per crescere nei prossimi 12 mesi. Ci aspetta un anno nel corso del quale soffriremo per una carenza di liquidità mai conosciuta prima. Ma questa contingenza è anche un’opportunità per rivedere i nostri modelli di business e far nostra l’innovazione. Il mondo è cambiato, dobbiamo sopravvivere alla bufera per poter crescere in futuro. E sono certo che nel corso dei prossimi dodici mesi nasceranno i leader dei prossimi dieci anni. Durante il lockdown, ho letto Il Cigno Nero di Nassim Nicholas Taleb, libro che mi ha aperto la mente e che consiglio a tutti. Spiega come un singolo evento è sufficiente a invalidare un convincimento frutto di un’esperienza millenaria. Con-

30

IL NUOVO CLUB

178  NOVEMBRE DICEMBRE 2020

tinuano a ripeterci che il futuro è prevedibile e i rischi controllabili, ma la verità è che la storia non striscia, salta. I cigni neri sono eventi rari, di grandissimo impatto e prevedibili solo a posteriori. Ecco, il coronavirus è un cigno nero e adesso tocca a noi».

GRANDI PROGETTI PER IL FUTURO

Alla classica domanda finale sui progetti per il futuro, Stefano Poli risponde così: «Il nostro obiettivo principale a breve termine è riuscire a completare la digitalizzazione dei nostri centri in modo ottimale, applicando il metodo Lean Thinking. Ci siamo dati i prossimi 12 mesi per farlo. Negli anni a venire intendiamo attuare il nostro piano di espansione: vorremmo diventare, nel giro di un decennio, uno dei maggiori operatori presenti in Italia, aprendo un Centro DR in ogni città». Per chi non lo sapesse, il Lean Thinking, letteralmente pensiero snello, è la strategia operativa nata nel mondo automotive e oggi attuata in tanti altri settori per incrementare l’efficienza ed eliminare gli sprechi. La sua applicazione genera un miglioramento continuo che crea valore anche e per il cliente. In un momento delicato come quello attuale, la strada giusta per dirigersi verso il futuro che ci attende e coglierne le opportunità. www.centrodr.it


®

MZ REMOTE

Un’esperienza digitale imbattibile

MZ-Remote è lo strumento per allenarsi in una palestra digitale che mostra sullo schermo il feedback della frequenza cardiaca a tutti i partecipanti indipendentemente da dove scelgono di svolgere il loro allenamento.

Porta le tue lezioni nel salotto di casa dei tuoi clienti Motiva ed incoraggia i tuoi clienti in tempo reale Sfide tra amici Porta l’allenamento al livello superiore

Stay active. Stay connected. myzone.org/mz - remote | jht@jht.it ©MYZONE® 2020. Tutti i diritti riservati.

Distribuito da


FOCUS

DIRE, FARE… COMUNICARE

DI ANNALISA DALL’OCA

32

IL NUOVO CLUB

178  NOVEMBRE DICEMBRE 2020


Come hanno reagito i club italiani al difficile autunno oscurato dal coronavirus? Come hanno comunicato con gli iscritti durante il lockdown? Quali “soluzioni” hanno offerto loro? Abbiamo curiosato tra le pagine web e social di numerosi operatori, scoprendo che…

D

Scritto nero su bianco, potrebbe sembrare un concetto banale, ma nella vita – e soprattutto nelle difficoltà – è una verità assoluta: comunicare è fondamentale. Lo è, ad esempio, quando vogliamo informare, quando desideriamo raccontare, quando sentiamo la necessità di trasmettere un messaggio, di argomentare. È la chiave per una relazione sana, per la crescita personale, persino per quella lavorativa. Nell’autunno amaro dominato dal Coronavirus, la comunicazione è ancor più importante. Con i fitness club, le piscine e i centri sportivi chiusi dall’ultimo – e penultimo – decreto della presidenza del Consiglio dei ministri – sinteticamente Dpcm, come abbiamo imparato a chiamarlo – tutti hanno dovuto attrezzarsi per sopravvivere, in attesa del tanto agognato ritorno alla normalità (anche se, probabilmente, non sarà affatto simile a quella che conoscevamo a gennaio 2020). Molti sono stati in grado di riorganizzarsi, altri, i più ingegnosi, sono addirittura stati capaci di evolversi, trasformando un settembre nero e un ottobre al cardiopalma – rabbuiato dal timore della serrata forzata per l’universo fitness, poi verificatasi – in un momento di crescita, un’occasione per implementare cambiamenti già in programma, o per individuare nuove risorse su cui puntare (dal digitale all’outdoor) per non

penalizzare il rapporto con i propri clienti. Per capire com’è andata la gestione di questo secondo, durissimo lockdown ‘di categoria’ (che ha colpito i comparti fitness e aquatic) abbiamo analizzato le pagine web e social di numerosi fitness club e centri sportivi di ogni parte d’Italia, da un lato per valutare quali servizi sono stati implementati per gli utenti costretti a rinunciare ai propri allenamenti ‘in presenza’ e come si è rimediato, per quanto concerne gli abbonamenti, all’impossibilità di frequentare le strutture. Dall’altro per vedere se e come questa offerta è stata comunicata al pubblico e qual è stata la sua risposta. Una panoramica, insomma, utile a delineare un quadro della situazione, evidenziare le cosiddette ‘buone pratiche’ e gli errori da evitare, in attesa che la curva epidemiologica torni a scendere restituendoci, finalmente, la nostra libertà.

>

“Grazie per l’app, che risulta un’ottima alternativa in attesa della riapertura. Siamo dalla vostra parte”

L’emergenza sanitaria ha accelerato in modo esponenziale il processo di digitalizzazione

IL NUOVO CLUB 178  NOVEMBRE DICEMBRE 2020

33


DIGITALE, IL NUOVO ‘PLACE TO BE’

FOCUS

Per molte attività più ‘tradizionaliste’, il coronavirus, in Italia, è stato il propulsore per entrare ufficialmente nel Ventunesimo secolo, quello, cioè, del digitale, dei nuovi media e dei social network. Chi aveva a malapena un sito web con orari e corsi, a volte nemmeno tanto aggiornati, ora ha dovuto quantomeno esplorare YouTube per caricare una lezione online, o magari si è appoggiato a una piattaforma che gli ha permesso di traslare i corsi in presenza in una dimensione digitale, fruibile da casa e compresa nell’abbonamento. E molti hanno anche specificato che manterranno l’opzione al termine dell’emergenza sanitaria, una sorta di servizio extra che potrebbe essere più apprezzato di quanto si pensi. Le idee sono numerosissime e il fitness online è letteralmente fiorito, per l’apprezzamento di tanti utenti. Dalle lezioni di yoga al Pilates, dagli allenamenti HIIT alle camminate sportive (tutto in versione web), le palestre di tutt’Italia si sono rimboccate metaforicamente le maniche per affrontare questa nuova sfida di petto, con la determinazione di un atleta olimpico al cospetto della finale. Di pari passo con le conferenze stampa del premier Giuseppe Conte, numerose palestre hanno adottato la virtuosa abitudine di avvisare i propri utenti in merito ai cambiamenti in cor-

“Grazie, la passeggiata con voi mi ha riscaldato il cuore, siete unici”

I club italiani hanno continuato a erogare il proprio servizio anche durante il secondo lockdown tramite il web

34

IL NUOVO CLUB

178  NOVEMBRE DICEMBRE 2020

so, approfittandone per aggiornarli sui servizi messi a loro disposizione, in modo da mantenere saldo il rapporto, comunicando la propria volontà di non interrompere i programmi d’allenamento con il minor numero di variazioni possibili, Covid permettendo. Un modo per sentire la propria rassicurante presenza con grande professionalità. Un’alternativa alla più classica sospensione dell’abbonamento – offerta da numerosi centri fitness – o alla sua proroga per un lasso di tempo uguale alla durata del lockdown, fruibile a emergenza finita. Sulla bacheca Facebook di un operatore di club con sedi in Italia e all’estero, ad esempio, campeggia questo messaggio: “Abbiamo provveduto a inviare a tutti i nostri abbonati una mail contenente le istruzioni e il codice univoco di sblocco per accedere gratuitamente a tutti i corsi live e ai workout on demand! Non solo: da questa settimana il palinsesto dei corsi live in lingua italiana si arricchisce con tante novità: Burn, Flow, Strong, Sixpack, Sweat!”. Un annuncio pieno di energia, chiaro ed efficace, accompagnato da un altro elemento degno di nota: la pronta risposta alle domande sollevate dagli utenti nello spazio dei commenti, rivolta sia a chi domandava ulteriori informazioni, sia a chi segnalava di non aver ricevuto la suddetta comunicazione. Subito sotto, compare un precedente annuncio, risalente a qualche giorno prima, in cui si offrono maggiori informazioni sul Dpcm e sulle ragioni della serrata forzata: “Comunicazione agli abbonati. In ottemperanza al Dpcm del 24 ottobre 2020, i nostri centri


fitness chiudono a partire da oggi, 26 ottobre 2020, fino al 24 novembre 2020 incluso. Siamo molto dispiaciuti che questo provvedimento ci imponga nuovamente una chiusura, seppure temporanea, soprattutto in considerazione degli sforzi profusi, in termini di energie e di investimenti, per adeguarci a tutte le norme igienico-sanitarie richieste per continuare a garantire il massimo della sicurezza all’interno dei nostri centri. Non smetteremo mai di ringraziare quanti fra i nostri abbonati hanno collaborato attivamente, dando prova di buon senso, rispettando tutte le regole sin dal giorno della riapertura dopo il primo lockdown. Vi ricordiamo che, per quanti hanno sottoscritto un contratto di abbonamento che prevede la possibilità di sospendere, è possibile inserire la sospensione per il mese di novembre in totale autonomia, esclusivamente e direttamente tramite la propria area personale sul sito. Solo per chi ha sottoscritto abbonamenti che non prevedono la possibilità di sospendere, o per chi ha già usufruito di tutti i mesi di sospensione previsti, viene comunque garantita tale possibilità per questo periodo contattando il nostro servizio clienti via e-mail. Per tutti coloro che invece continueranno a sostenerci anche nel prossimo mese, i giorni di chiusura verranno aggiunti subito automaticamente dopo la prima scadenza del contratto. Desideriamo offrire a tutti i nostri abbonati la possibilità di utilizzare gratuitamente, durante questo periodo di chiusura, la app per l’allenamento a casa con workout live e on demand. A tal riguardo, riceverete tutti, nei prossimi giorni via e-mail, un apposito codice di sblocco. Grazie al contributo dei nostri trainer

“Siamo sempre più convinti della nostra mission #muoversièsalute. Continuiamo a farlo #comunqueinsieme” di tutta Italia, inoltre, non vi faremo mancare, tramite i profili social ufficiali, utili consigli per il vostro ‘home workout’. Per ulteriori chiarimenti, rimaniamo a disposizione tramite il servizio clienti, contattabile sia telefonicamente che tramite e-mail”. In più, cliccando sul link del sito web si accede alla home page, dove un’altra ‘comunicazione di servizio’ motiva la chiusura delle varie sedi e subito sotto propone abbonamenti a prezzi vantaggiosi, che includono allenamenti online e, poi, in presenza quando si potrà tornare a frequentare le palestre, Inoltre, spiega come funziona il live streaming fitness, ossia le classi virtuali – con trainer professionista – che si sono sostituite, speriamo per il minor tempo possibile, alle classi reali, nelle sale corsi. E la risposta degli utenti è, a sua volta, degna di nota. Tra le centinaia di messaggi, ad esempio, Alessandra spiega che nella sede di Bari del gruppo “è sempre stato tutto in regola! Il personale è stato impeccabile. Così come nel periodo della quarantena, anche adesso non me la sento di bloccare nessun abbonamento. Questa categoria non può morire così!”. Signore e signori, questo è il risultato di un ottimo lavoro di co-

>

Tanti operatori hanno sfruttato l’allenamento outdoor per continuare a soddisfare i propri clienti durante la chiusura forzata

IL NUOVO CLUB 178  NOVEMBRE DICEMBRE 2020

35


FOCUS

municazione, di un alto livello di professionalità, di una fidelizzazione in virtù della quale la clientela resta al fianco del proprio club anche ora, quando il servizio viene necessariamente modificato. Annamaria, un’altra abbonata, scrive: “Grazie! Siete stati ingiustamente colpiti. Io vi sosterrò”. E Giovanna: “Ce l’avete messa tutta e siete da apprezzare. Decisioni davvero assurde a cui tutti siamo costretti a sottostare. Grazie per l’app, che risulta un’ottima alternativa in attesa della riapertura. Siamo dalla vostra parte”. E come abbiamo detto, tutti i messaggi con domande hanno ricevuto immediata risposta. Un approccio che senza dubbio richiede un investimento economico, ma lo menzioniamo per mostrarne il risultato: la soddisfazione degli iscritti è un fattore da tenere in grande considerazione.

“Decidi di stare in movimento. La tua salute non può aspettare”

Facebook continua a essere uno strumento essenziale per comunicare, informare ed erogare servizi

36

IL NUOVO CLUB

IL VALORE DELL’ALTERNATIVA

Questa tendenza, che potremmo sintetizzare con la formula “alternativa + comunicazione = soddisfazione dell’utenza”, l’abbiamo riscontrata visitando le pagine web e social di molti altri club disseminati lungo lo Stivale. Per fare qualche altro esempio, un centro fitness/ wellness che ha sede a Lucca ha messo in atto un ottimo lavoro di comunicazione. Partiamo dal sito web: in home page, per prima cosa, campeggia il messaggio “allenati dove e quando vuoi” con la piattaforma digitale del centro, e se si attende un attimo parte anche un video che spiega all’internauta come funziona tale piattaforma (gratuita per gli abbonati) e quali

178  NOVEMBRE DICEMBRE 2020

possibilità offre. Scorrendo la slide di apertura del sito, il post successivo dice “ci rivediamo il 25 novembre” e lancia anche un hashtag: #comunqueinsieme. Un bel messaggio, che trasmette un forte senso di comunità. Messaggio rafforzato dal fatto che l’1 novembre il centro in questione ha postato sui social un video di ‘protesta’ pacifica contro le chiusure, accompagnato dal post: “Anche da una piccola città di provincia come Lucca possiamo mandare importanti messaggi a tutto il mondo. Ieri sugli spalti delle nostre meravigliose mura, è stato un bel momento di condivisione anche con le altre palestre lucchesi per gridare a gran voce che il nostro settore ha una grandissima valenza sociale e per questo meritiamo a pieno titolo rispetto e di essere sostenuti fortemente dal Governo. Grazie a tutti i nostri clienti che ci sono vicini in questo momento davvero difficile, per noi, per tutti!”, accompagnato dagli hashtag #comunqueinsieme e #muoversièsalute. Visitando la pagina relativa agli orari dei corsi, quelli in sala sono abbinati agli appuntamenti live su Zoom: “Lezioni di gruppo in diretta sulla piattaforma Zoom con i nostri Coach per seguirti, incoraggiarti e farti tornare in forma con i programmi di allenamento, completi e pensati per i tuoi migliori risultati”. Compilando un piccolo e semplice form, quindi, si viene contattati per ricevere tutte le informazioni del caso, comunque presenti anche nello shop, che offre pacchetti relativi ai corsi su Zoom trasmessi in diretta streaming per chi non è abbonato: una lezione costa 5 euro, un pacchetto da dieci 29, e si può scegliere a quali lezioni partecipare direttamente dal palinsesto settimanale. Una bella sorpresa, poi, attende chi visita la pagina Facebook del centro: da un lato il club offre lezioni (dal Pilates al functional traininging) in diretta per chi è interessato, che possono essere riviste anche a live terminato. Dall’altro, offre la possibilità di allenarsi all’aperto, svolgendo i ‘Training outdoor’: “In attesa di conoscere gli sviluppi del piano d’emergenza governativo – si legge in un post –, prosegue il nostro nutritissimo e importante ‘programma di vicinanza’ ai nostri straordinari clienti che sta riscuotendo tantissimo consenso: corsi all’aperto, personal training sia sulle mura che on-line, corsi web on demand, programmi d’allenamento personalizzati a distanza tramite l’app, allenamenti in diretta Facebook ogni sera alle 19, (il sabato alle 9 del mattino), allenamenti in diretta Zoom su richiesta. E da domani, un nuovo appuntamento quotidiano con la ginnastica dolce ‘special senior’ dei nostri trainer, che andrà in onda ogni mattina alle ore 9 sull’emittente televisiva Noi Tv. Siamo orgogliosi che percepiate tutto il nostro entusiasmo, disponibilità, abnegazione. In attesa di ritrovarvi tutti nei nostri centri, vogliamo mettere nella condizione di continuare uno stile di vita attivo, sano, wellness il più alto numero di persone possibile. Siamo sempre più convinti della nostra mission #muoversièsalute. Continuiamo a farlo #comunqueinsieme”. Ça va sans dire che le reazioni del pubblico è molto positiva. Scrive Cecilia: “Non vorrei ripetermi, ma la mia palestra è differente”. E Giulia:


“Grazie, la passeggiata con voi mi ha riscaldato il cuore, siete unici”. Ed è solo per citarne alcune. Ogni video ha decine di commenti e numerosi ‘like’, segno che gli utenti ‘frequentano’ i corsi e partecipano alle iniziative promosse dal club.

LA SALA CORSI DIVENTA VIRTUALE

Il concetto di live streaming è entrato con prepotenza nel nostro dizionario quotidiano da quando la pandemia ci ha costretti a casa. Live streaming, o streaming online, ovvero contemporaneamente registrato e trasmesso in tempo reale sono diventate le lezioni universitarie, le conferenze, i seminari. Abbiamo imparato a conoscere Zoom, YouTube, Facebook Live, a svolgere online riunioni e meeting, persino a videochiamarci con i nostri famigliari nei momenti di maggiore restrizione agli spostamenti. Online abbiamo celebrato feste di laurea, aperitivi, compleanni. E ora online ci alleniamo anche. Con le sale chiuse e le serrande abbassate a forza dal Governo nel tentativo di contenere gli effetti della pandemia, sempre più palestre propongono corsi online, alcuni, appunto, in livestreaming, così da poter essere frequentati in tempo reale, o successivamente in differita. Per fare qualche esempio, un club con sede a Treviso e a Vittorio Veneto ha puntato, comunicativamente parlando, sul tema della salute, poiché il lockdown in effetti impigrisce, deprime, fa ingrassare… e per stare bene bisogna fare attività fisica. Ecco dunque che sulla sua pagina Facebook, tra un’esortazione a muoversi e un incoraggiamento a non mollare, si comunica agli internauti che “fino al 24 novembre saranno attive tutti i giorni, dal lunedì al venerdì, le live class di Balance, Yoga e Total Body. I corsi si terranno in diretta live sulla pagina Facebook”

secondo gli orari indicati. “Per chi non potesse usufruire delle dirette – precisa il messaggio, a cui seguono diversi commenti positivi –, le live saranno poi salvate sulla stessa pagina Facebook per rivederle in qualsiasi momento. Decidi di stare in movimento. La tua salute non può aspettare. Un saluto da tutto lo staff”. Stesso discorso per un club di Milano che lancia un bel messaggio: “Rimarremo vicini ai nostri iscritti. Torneremo presto. Torneremo in palestra”. Ampio il calendario di proposte online, che possono essere fruite anche da tablet e telefono, indoor e outdoor, tramite un’app dedicata.

Durante i lockdown le comunità legate intorno al fitness si sono spostate sul web

OUTDOOR, WHY NOT?

Oltre ai corsi online – generalmente live, ma fruibili anche on demand – un’opzione gettonata per far fronte al lockdown è l’allenamento outdoor, che fino ad ora ha riscosso un certo successo, complice un’estate piuttosto lunga e un autunno sorprendentemente caldo. Per outdoor intendiamo sia spazi esterni del club, come cortili e parcheggi, sia parchi e giardini pubblici. Abbiamo individuato numerose palestre che offrono workout en plein air registrando un buona partecipazione. Scrive su Facebook, ad esempio, un club di Potenza, lo scorso 26 ottobre: “Palestra chiusa, ma ci alleniamo all’aperto o online. Dal 25 ottobre al 24

>

“Bravissimi, state facendo il possibile per consentirci l’allenamento rispettando quanto dettato dai Dpcm”

IL NUOVO CLUB 178  NOVEMBRE DICEMBRE 2020

37


FOCUS L’insoddisfazione degli iscritti, e i conseguenti commenti negativi, sono piuttosto rari e in genere ben gestiti

“Grazie! Siete stati ingiustamente colpiti. Io vi sosterrò”

38

IL NUOVO CLUB

novembre 2020 sospendiamo le attività in palestra, nel rispetto dell’ultimo Dpcm, ma continuiamo le lezioni ‘a distanza’ o all’aperto. Durante il primo lockdown, abbiamo erogato 400 ore di lezioni online interattive, ben diverse dalle lezioni video perché i nostri personal trainer possono vedere e correggere eventuali errori”, e di seguito i contatti per informarsi e partecipare. Cambiando città arriviamo a Palermo, dove un centro fitness invita a provare gli allenamenti all’aperto nel suo Village Family che propone corsi di fitness, arti marziali e group cycling “in massima sicurezza”. Sempre in Sicilia, un altro centro propone corsi outdoor con tanto di sondaggio – “e se organizzassimo delle lezioni all’aperto, assicurando il massimo distanziamento ed efficacia dell’allenamento, parteciperesti? Facci sapere cosa ne pensi di questa idea nei commenti” –, così come lezioni online a prezzi molto scontati, dalla singola lezione a un pacchetto da 10, con il palinsesto corsi aggiornato scaricabile direttamente da Facebook. A Teramo, un club lancia l’hashtag #noinoncifermiamo: “Siamo felici di potervi comunicare – si legge nel suo sito web – che continueranno a essere attivi i servizi relativi ai trattamenti al centro estetico e fisioterapia. Il servizio di segreteria sarà aperto dalle ore 8.00 alle ore 19.30, dal lunedì al venerdì e sabato dalle 9 alle 13.30. Per tutto questo periodo #viaiutiamoarimanereattivi. Vi invitiamo perciò a continuare a seguire i nostri trainer attraverso i corsi live, le lezioni al parco con Giuliano e le attività all’aperto con i nostri personal trainer, che nei prossimi giorni incrementeremo la nostra offerta digitale per assicurarvi il nostro pieno supporto fino alla riapertura del Club. Continueremo ad aggiornarvi man mano che riceveremo ulteriori indicazioni dalle autorità e a breve riceverete tutti i dettagli relativi alla situazione dei vostri abbonamenti, ma considerando questo momento difficile per tutti i nostri tesserati, vi possiamo assicurare che non ci sarà

178  NOVEMBRE DICEMBRE 2020

alcun impatto negativo sul vostro abbonamento”. Un centro di Roma, poi, invita tutti a scoprire “il villaggio oudtoor: padel, tennis e ampi spazi dedicati al fitness per continuare ad allenarti in sicurezza”, con tanto di foto e parecchi commenti positivi. Sempre nella Capitale, un circolo sportivo avvisa gli utenti che “entra ufficialmente in vigore il nuovo decreto e noi possiamo continuare ad allenarci all’aperto. Con queste splendide giornate che novembre ci sta miracolosamente donando, non dobbiamo rimanere chiusi in casa. Usciamo e lasciamo al nostro corpo la possibilità di rigenerarsi all’aperto con della sana attività fisica”. Anche in questo caso, sono numerosi i commenti positivi: “Bravissimi, state facendo il possibile per consentirci l’allenamento rispettando quanto dettato dai Dpcm”. Apprezzata dai romani anche la comunicazione che il centro ha pubblicato su Facebook per avvisare delle nuove restrizioni: “Ci scusiamo per il disagio, ma siamo sicuri che capirete che tutte queste scelte, che non dipendono da noi, servono per preservare la salute di tutti e per tornare il prima possibile ad una tanto agognata normalità. Nonostante le difficoltà e gli ostacoli che di volta in volta ci si pongono davanti, noi coraggiosamente continuiamo ad andare avanti, senza fermarci, mossi dalla passione per il nostro lavoro e dalla consapevolezza che lo sport è salute e vita. Continuiamo, quindi, ad allenarci nei nostri bellissimi spazi all’aperto, non facciamoci piegare dalle difficoltà e proseguiamo nell’intento di portare in alto la bandiera del benessere pisco-fisico che solo lo sport sa donarci”.

ATTENZIONE AGLI ERRORI

Procedendo di club in club, di città in città, siamo arrivati in Campania e abbiamo incontrato un operatore con diverse club, ubicati in varie città e un approccio un po’ meno chiaro: nella home page del sito non c’è notizia dell’attuale Dpcm o della chiusura forzata delle varie sedi, né si trovano link utili per un eventuale allenamento online. Cliccando poi sulla pagina social, si finisce su Facebook, ma il link non funziona e dunque la landing page comunica un errore e propone all’utente di tornare alla sezione notizie. La ricerca manuale del nome del club sul social network crea una certa confusione per via dell’inevitabile omonimia con numerose palestre di tutta Italia. E raggiungendo, finalmente, il profilo del centro in questione – per essere certi che sia quello giusto bisogna cliccare sul link del sito, operazione che in tutti i suoi step risulta alquanto lunga… siamo sicuri che il potenziale utente non si rivolgerà direttamente altrove? – bisogna scorrere un po’ per trovare un post con l’impegno, da parte del club, di “aggiungere automaticamente agli abbonamenti l’intero periodo di sospensione delle attività”. Tra i commenti, poi, c’è qualche traccia di insofferenza. Scrive Pasquale: “A marzo è stato preso lo stesso impegno, ma alla fine è stato dato un buono sconto per il rinnovo. Spero che questa volta verranno aggiunti veramente all’abbonamento”.

>


brand distribuiti

VISITA IL NUOVO SITO WEB

oppure chiamaci per una consulenza

Via G. Amendola, 24 - 31020 - Villorba (TV) / contact: +39 0422 267010 / fit@dotile.it / www.dotile.it / facebook: dotile fit


UN APPROCCIO ‘ZEN’

FOCUS

Ultimo capitolo della nostra analisi, noto a chiunque abbia un qualsivoglia canale digitale: il girone dei ‘nervosi’. Utenti, cioè, insoddisfatti dalle soluzioni proposte, per quanto innovative e creative, al di là degli sforzi profusi per metterle in atto, che sfogano sui social un po’ della frustrazione che si prova dinnanzi a un qualsivoglia limite alla libertà personale. Per quanto abbiamo potuto constatare, questi commenti non sono riconducibili alla maggioranza di coloro che commentano sui social, ma di tanto in tanto emergono ed è bene ‘disinnescarli’. Un noto brand del fitness, ad esempio, ha messo in campo, a Dpcm firmato, diverse soluzioni per continuare ad allenarsi: corsi online, disponibili anche via app, con abbonamenti digitali a prezzi bassi, lezioni outdoor con i trainer, informazioni e comunicazioni in diretta man a mano che sono cambiate le normative. Ma su Facebook non sono mancate le critiche, alcune delle quali legate alle decisioni del Governo, più che delle palestre: “Il decreto dice: sono sospese le attività di palestre, piscine, centri natatori, centri benessere, centri termali, fatta eccezione per quelli con presidio sanitaria obbligatorio o che effettuino l’erogazione delle prestazioni rientranti nei livelli essenziali di assistenza. Non potete fare nulla?”, con tanto di maiuscolo e tre punti interrogativi. Ovviamente, la risposta a questa domanda è ‘no’, a meno che il titolare non diventi il nuovo Premier. Altri, evidentemente , i Dpcm se li sono persi perché scrivono, il 25 ottobre: “Toc toc... c’è nessuno? Al telefono non rispondete, sulla app e sulla pagina FB

nessuna info... almeno potete rispondere a chi vorrebbe sapere se domani siete aperti”. Puntuale e circostanziata la risposta del club in questione, che a ogni messaggio ha replicato illustrando la situazione e inserendo tutti i rimandi necessari a usufruire dei servizi (per gli abbonati) o a contattare il servizio clienti.

PIÙ SOLUZIONI, PIÙ SODDISFAZIONE

Il valore dell’alternativa, della customer care, della flessibilità e dell’ingegno è la soddisfazione del cliente. Con questo non intendiamo assolutamente sminuire le grandi difficoltà che l’intero settore fitness – anzi, l’intera filiera del movimento – sta affrontando, alle prese con un 2020 peggiore dei più cupi pronostici. Ma come abbiamo scritto nell’ultimo numero de Il Nuovo Club, il mondo del fitness, addirittura l’universo dell’attività fisica, hanno dimostrato una resilienza senza precedenti e anche noi, nel nostro piccolo, non possiamo che cercare di trarre un insegnamento da questa pandemia, una sfida immane che ci ha spogliati di ogni orpello, fino a mettere a nudo l’anima di chi lavora in questo settore, pervasa dalla convinzione di lavorare per la salute di tutti. Un obiettivo così elevato, così nobile che ci sprona a rimboccarci ulteriormente le maniche, a stringere i denti e a lottare, anche contro le restrizioni più rigide. Armati della consapevolezza che la salute è un bene di primissima necessità e che tenersi in forma, facendo attività fisica, è fondamentale per conservarla.

La pandemia ha mostrato al mondo il valore assoluto della salute e molti club hanno riscoperto il valore straordinario del proprio “prodotto

40

IL NUOVO CLUB

178  NOVEMBRE DICEMBRE 2020


Fai vivere una Wellness Digital Experience unica da casa ed in palestra! Contattaci su: wellness@teamsystem.com wellnessincloud.it @teamsystem.wellness

Prenotazioni e lezioni online Abbonamenti e scadenze Acquisti e pagamenti Schede allenamento Valutazione corporea Piani alimentari


SCENARI

AUTUNNO, TEMPO DI CAMBIAR VESTITO

DI DAVID MARIANI

L’emergenza pandemia ha evidenziato chiaramente che le istituzioni ancora non inquadrano il nostro settore come fondamentale, considerandolo superfluo e, come tale, sacrificabile. È giunto il momento di cambiare per proporci, finalmente, come interlocutore privilegiato della sanità. Per farlo serve una chiara visione e una vera strategia

42

IL NUOVO CLUB

178  NOVEMBRE DICEMBRE 2020


I

n natura, la stagione autunnale presuppone un cambiamento importante. Gli alberi iniziano a spogliarsi delle foglie, cambiano i colori dei boschi e dei frutti della terra, gli animali si preparano a passare, in vari modi, l’invernata. Per il settore fitness, dopo anni di primavere ed estati, è arrivato un periodo autunnale, un momento in cui converrebbe prendere spunto proprio dalla natura. L’emergenza sanitaria provocata dalla pandemia ci ha insegnato una cosa importante: le istituzioni ancora non ci inquadrano come attività fondamentale, bensì come attività superflua, quindi sacrificabile in quanto non ritenuta di primaria importanza. Buona parte della responsabilità di questa concezione del nostro settore, diffusa in diverse nazioni europee, possiamo ascriverla a noi stessi come categoria, alla nostra mancata capacità di aver saputo trasformare i centri fitness da templi dell’edonismo a templi della salute.

È stato infatti dimostrato che le persone sedentarie non solo contraggono di più tutte le principali patologie, ma hanno anche maggiori probabilità di avere altre cattive abitudini, come l’abuso di alcol, il consumo di cibo spazzatura, peggiori relazioni sociali e minore fiducia nel prossimo.

DIVENTARE INDISPENSABILI

L’attività fisica è dunque riconosciuta non solo come il più potente farmaco naturale, ma anche per la sua grande valenza sociale. Quale migliore occasione per permettere alla nostra categoria di innalzarsi, passando da attività sacrificabile ad attività indispensabile? Affinché questa grande opportunità si concretizzi in tempi relativamente brevi, le nostre attività devono necessariamente evolversi

>

INTERLOCUTORI PRIVILEGIATI DELLA SANITÀ

Credo sia arrivato il momento di cambiar vestito per proporci, finalmente, come interlocutore privilegiato della sanità. Per poter riuscire in questa impresa, dobbiamo sfruttare l’assist fornitoci dall’Organizzazione Mondiale della Sanita meno di due anni fa tramite More active people for healthier world, il piano d’azione globale emanato alla fine del 2018. “Persone più attive in mondo più sano” è l’auspicio programmatico di questo articolato piano d’azione – composto da più di 100 pagine e distribuito in tutte le nazioni del mondo – che chiede alle istituzioni nazionali, così come alla società civile e alle imprese, di attivarsi per facilitare in ogni modo la pratica dell’attività fisica da parte di persone di ogni età. L’obiettivo del piano è infatti riattivare, entro il 2030, dal 10 al 15% della popolazione sedentaria per evitare il rischio default dei sistemi sanitari e per evitare che nell’immediato futuro intere generazioni di giovani siano inattive. In questo contesto, l’OMS sancisce che l’attività fisica, alla luce della ricerca scientifica e dell’evidenza osservazionale, non rappresenta solo un formidabile strumento preventivo e curativo delle principali patologie, ma è anche un utile strumento di miglioramento sociale.

IL NUOVO CLUB 178  NOVEMBRE DICEMBRE 2020

43


SCENARI

abitudini provoca un’inevitabile reazione di rifiuto da parte del nostro sistema limbico, è opportuno concentrarsi su un solo obiettivo per volta. Altro elemento decisivo affinché il percorso di riattivazione sia vincente è l’assoluta mancanza di imposizione e prescrizione nei confronti del cliente. Restituire autonomia al cliente è l’unico modo per far sì che viva il percorso di cambiamento come una conquista. Per farlo dobbiamo individuare la motivazione esistente nella persona, non la nostra.

RONNOVARE IL “PRODOTTO”, RINNOVARE LA COMUNICAZIONE

per contribuire in modo importante al raggiungimento dei due obiettivi fissati dell’OMS. Dobbiamo innanzitutto porci come centri per la riattivazione dalla sedentarietà, erogando servizi qualificati tramite personale qualificato per questo scopo. Questa nuova offerta ci consentirebbe, inoltre, di incrementare la marginalità dei club tramite la proposta del percorso “restart” a un prezzo superiore rispetto al normale abbonamento. Tante persone sedentarie sono infatti abituate a frequentare centri estetici e centri dimagrimento che, come noto, applicano prezzi molto più alti rispetto a quelli applicati dai centri fitness. Abbiamo l’opportunità di proporre pacchetti fruibili in 3 mesi e finalizzati alla riattivazione guidata, ovvero all’affrancamento dalla sedentarietà facilitato da professionisti specializzati. Possiamo proporre, con successo, percorsi guidati di progressiva riattivazione fisica, accompagnati da un sostegno psicologico e dall’informazione riguardante i fattori psicologici che condizionano le nostre scelte. Le formule configurate possono prevedere, in aggiunta al normale abbonamento, la supervisione settimanale da parte di uno specialista che guida il percorso di cambiamento (la figura del trainer healthy habits nasce per dare risposta a questo tipo di richiesta, sempre più diffusa nella popolazione). E a questa soluzione possono essere agganciati, ma solo in un secondo momento, pacchetti integrativi comprendenti l’assistenza nutrizionale. Poiché cambiare troppo velocemente

44

IL NUOVO CLUB

178  NOVEMBRE DICEMBRE 2020

Promuovere maggiormente la salute come core business, partendo dalla pratica dell’attività aerobica tanto cara alla scienza e alla stessa OMS, è un’altra grande opportunità che possiamo finalmente cogliere. I pacchetti di riattivazione dalla sedentarietà possono essere legati a specifici programmi finalizzati alla soluzione di problemi di salute largamente diffusi nella popolazione, come ipertensione, diabete, osteoporosi e via dicendo. Sempre rifacendosi all’OMS, oggi possiamo utilizzare senza paura l’espressione “exercise is medicine”. L’attività fisica è un farmaco: se ben utilizzato, cura e previene molte patologie croniche senza effetti collaterali. In questo ambito, medici sportivi, nutrizionisti e scienziati motori possono svolgere un eccellente lavoro di squadra e produrre ottimi risultato, ma devono essere adeguatamente formati per comunicare efficacemente con i pazienti/clienti. Una difformità, o un’incoerenza, tra gli specialisti può minare l’intero percorso. Anche la comunicazione dovrebbe avere modalità non impositive e sganciarsi dal modello “fisico super tirato” normalmente proposto. Dobbiamo ricordarci sempre che essere giudicati, o apparire ridicoli, non piace a nessuno. Serve quindi una comunicazione inclusiva e non esclusiva, che faccia sentire il sedentario accolto e non respinto dal club. Oggi i centri fitness vengono generalmente percepiti come promotori in primo luogo di attività di tipo muscolare (dunque di stampo più edonistico) e solo marginalmente di attività di tipo aerobico (di stampo più salutista). La ricerca scientifica e le linee guida per la salute diffuse a livello mondiale privi-


legiano, in chiave preventiva, le attività aerobiche, pur riconoscendo il formidabile valore della loro integrazione con l’attività dì potenziamento. I famosi 30 minuti di attività aerobica, 5 volte alla settimana, sono universalmente riconosciuti come possibile salvavita, che mette al riparo dalle patologie croniche.

CAMBIARE I NOSTRI CONVINCIMENTI

Ora più che mai è giunto il momento di cambiar vestito, ma per farlo dobbiamo prima di tutto sentirci bene indossando quello nuovo. È inutile provare a cambiare soltanto per cercare di conquistare nuovi soci: serve un cambiamento progressivo dei nostri convincimenti. Solo persone e attività coerenti con la loro mission risulteranno credibili agli occhi delle istituzioni e dei sedentari. Le attività aerobiche, sia di gruppo sia

individuali, sono in grado di generare risultati eccezionali sulla chimica organica umana, così come il potenziamento muscolare può diventare, dopo un periodo di rodaggio iniziale, un’incredibile scoperta per le persone over 60. L’abbinamento delle due forme di esercizio, sapientemente miscelate, può sortire effetti miracolosi sulla rigenerazione e sul ringiovanimento di tutti gli organi umani, nessuno escluso. I centri fitness potrebbero ospitare al loro interno team di professionisti interdisciplinari – nutrizionisti, psicologi e medici dello sport – in grado di soddisfare a trecentosessanta gradi il bisogno di salute delle persone. Inoltre, questa apertura più olistica nei confronti della salute potrebbe rivelarsi un modo intelligente per ridurre la diffidenza che, negli anni, ha preso forma nei confronti del nostro settore e consentirci di guadagnare credibilità come erogatori di salute e non di sola bellezza o divertimento.

>

IL NUOVO CLUB 178  NOVEMBRE DICEMBRE 2020

45


SCENARI

Come ogni cambiamento, anche questo presuppone alcune condizioni fondamentali: l’idea chiara e strutturata del punto d’ arrivo; diventare punti di riferimento territoriali chiari ai quali gli operatori sanitari possano rivolgersi per inviare le persone sedentarie, o patologiche croniche, per recuperare la migliore funzionalità; essere a trecentosessanta gradi centri per la salute territoriale che prestano particolare attenzione alla prevenzione primaria e, al tempo stesso, in grado di intervenire sui patologici per evitare le comorbilità e l’avanzamento della malattia... in definitiva rispondere alla chiamata dell’OMS.

STRATEGIA E TEAM CONVINTO

Per soddisfare questo nuovo segmento di mercato, serve un team interdisciplinare, composto da tre-quattro persone, idealmente due istruttori laureati, un nutrizionista e uno psicologo. E oltre alla formazione specifica dei tecnici, è essenziale che tutto il personale, a partire dal proprietario/club manager, sia informato e, soprattutto, convinto nei confronti del nuovo ruolo che il loro club si appresta a svolgere verso la collettività. L’attuazione di un cambiamento di questo tipo, è bene chiarirlo, richiede un certo lasso di tempo ed energia. Per decenni abbiamo investito sulla formazione tecnica dei nostri trainer, ma la ricerca scientifica dimostra che il sapere conta poco se non si è in grado di comunicarlo in modo efficace (rischiando di continuare a perdere il 90 per cento dei potenziali clienti). Le neuroscienze e la psicologia sociale ci mostrano il percorso da intraprednere e alcuni interessanti esperimenti hanno dimostrato che cambiare si può, ma anche che serve una formazione specifica per farlo. Viviamo in una nazione nella quale il numero degli ultra sessantacinquenni si accinge a superare la soglia del 30% dell’intera popolazione, il 40% della quale soffre già di patologie croniche. Abbiamo di fronte a noi un potenziale mercato composto da oltre 25 milioni di persone che aspettano solo di trovare qualcuno, serio e credibile, a cui affidarsi per riuscire a migliorare la qualità della propria vita. Un bisogno la cui soddisfazione non può essere garantita dai farmaci, come ormai chiaro a tutti. Abbiamo la grande chance per passare da un autunno freddo e nebbioso a una primavera piena di luce e di prospettive, ma per coglierla dobbiamo cambiare vestito. E dobbiamo farlo con convinzione.

DAVID MARIANI Ha allenato atleti che hanno vinto medaglie olimpiche e mondiali. Da 40 nel settore fitness, ha codificato il metodo Healthy Habits per la riattivazione dei sedentari, basato su tecniche di comunicazione innovative che consentoto a migliaia di persone di abbandonare la sedentarietà. È direttore della Healthy Habits Academy, il primo esperimento di formazione interdisciplinare per la prevenzione primaria e il cambiamento sostenibile delle abitudini. È co-autore del best seller Ventuno giorni per rinascere (Mondadori) e in primavera uscirà il suo prossimo libro (Sperling & Kupfer).

46

IL NUOVO CLUB

178  NOVEMBRE DICEMBRE 2020


Aria pulita per la tua salute, il tuo benessere e la tua sicurezza. AernoviR combina la disinfezione al plasma con filtri HEPA e a carbone attivo. La triade dei sistemi genera un meccanismo d’azione completo in grado di purificare continuamente l’aria. aernovir.com


MERCATO

10 ANNI DI AMERICAN FITNESS A CURA DI DAVIDE VENTURI

L’ultima edizione dell’Health Club Consumer Report dell’IHRSA analizza gli utenti dei club statunitensi, fotografando la crescita del settore avvenuta nel corso del decennio 2010-2019 interrotta dalla crisi provocata dalla pandemia

48

IL NUOVO CLUB

178  NOVEMBRE DICEMBRE 2020


È

ancora difficile quantificare le ripercussioni che le chiusure avvenute negli Stati Uniti durante la fase più critica dell’emergenza coronavirus avranno, nel corso del 2020, sulle condizioni economiche del settore, ma non vi sono dubbi sul fatto che i danni subiti, tanto dalle persone quanto dalle aziende, siano molto pesanti. L’edizione 2020 dell’Health Club Consumer Report: Executive Summary, la sintesi dei risultati dello studio con il quale l’IHRSA analizza i comportamenti degli utenti dei club statunitensi, presenta un’interessante analisi della crescita che il settore ha registrato nel corso della decade compresa tra il 2010 e il 2019. E proprio lo scorso anno, il numero di iscritti ai club statunitensi ha stabilito un nuo-

vo record: 64,2 milioni, il 28% in più rispetto al 2010. Cifra di tutto rispetto alla quale vanno aggiunti i 9,5 milioni di non iscritti che nel corso del 2019 hanno utilizzato un club almeno una volta. Complessivamente, dunque, più di 73,6 milioni di statunitensi dai 6 anni in su (circa un quarto della popolazione) nel corso del 2019 hanno visitato un club, un dato dal quale emerge che, nel corso del decennio preso in considerazione, è avvenuta una crescita pari al 27%. Anche il tasso di frequenza è cresciuto in questo effervescente decennio, passando dai 4,6 miliardi di visite totali del 2010 ai 6,7 miliardi del 2019: un incremento impressionante, pari al 45%. La pandemia, come noto, ha creato enormi difficoltà, impreviste e senza precedenti, ma è importante ricordare che nel

Nel 2019, le donne costituivano il 50,5% del totale degli iscritti ai club statunitensi

IL NUOVO CLUB 178  NOVEMBRE DICEMBRE 2020

>

49


MERCATO

corso degli anni il settore ha mostrato straordinarie doti di resilienza, in virtù delle quali si è sempre risollevato dai momenti di crisi, addirittura uscendone più forte di prima. Basti pensare ai drammatici eventi dell’11 settembre 2001, alla grande recessione del 2008-2009, ai numerosi disastri climatici che hanno colpito gli Stati Uniti e altre tragedie. L’Health Club Consumer Report è il resoconto di uno studio onnicomprensivo condotto in collaborazione con Sports Marketing Surveys, Physical Activity Council e altre associazioni attive nel campo dell’attività fisica, tra le quali figurano Sports & Fitness Industry Association, The Outdoor Foundation, Snow Sports Industries Association, National Golf Foundation, Tennis Industry Association, United States Tennis Association e USA Football. L’edizione 2020 presenta i dati relativi al 2019, raccolti effettuando più di 18.000 interviste online.

10 ANNI DI CRESCITA SOSTENUTA

Prima che la pandemia colpisse duramente anche l’economia, i club statuGli iscritti under 18 costituiscono il gruppo generazionale che è numericamente cresciuto di più tra il 2010 e il 2019

50

IL NUOVO CLUB

178  NOVEMBRE DICEMBRE 2020

nitensi navigavano a gonfie vele verso il 2020. Rialzarsi dopo questo duro colpo sarà complicato, ma, come detto, la storica capacità di resistere alle avversità mostrata negli anni dal settore fa ben sperare. Nel 2010, anno a partire dal quale i club hanno continuato a crescere a ritmo sostenuto, il settore era appena riemerso dalla grave recessione del 2008–2009. Nel 2019, anche il tasso di penetrazione ha raggiunto il valore più elevato di sempre: circa il 21,2% degli statunitensi dai 6 anni in su erano iscritti a un club, percentuale che sale al 24,3% contando anche gli utenti non iscritti. Dal 2010, il tasso di penetrazione calcolato sul numero di iscritti è cresciuto del 20% (20,5% contando anche gli utilizzatori non iscritti). Anche il tasso di frequenza, ovvero il numero medio di ingressi, è cresciuto durante il decennio osservato e nel 2019 ha stabilito un nuovo record: 109,5 visite. Nel 2019, 27,3 milioni di iscritti ai club statunitensi (circa il 43% del totale, contro il 42% del 2018) erano “utenti assidui”, che hanno utilizzato il club almeno 100 volte nel corso dell’anno. Dal 2010 il loro numero è cresciuto del 24,1%. Storicamente, la frequenza con la quale i


soci utilizzano il club è direttamente proporzionale alla loro fidelizzazione e nel corso del decennio 2010-2019 la durata media dell’appartenenza ai club come iscritti era pari a 4,7 anni.

I PREZZI SI ABBASSANO

Nell’ultimo quinquennio, il prezzo medio applicato dai club è rimasto sostanzialmente invariato. Nel 2019, il prezzo medio dell’abbonamento mensile era pari a 51 dollari, inferiore di tre dollari rispetto al 2015, anno in cui è stato raggiunto il valore più elevato del decennio (54 dollari). Guardando avanti, sarà interessante vedere come cambieranno i prezzi nel corso del 2020 e negli anni successivi. Se persisteranno le restrizioni inerenti il numero di utenti ammessi nei club, imposte dalla maggior parte degli stati dopo la riapertura post lockdown, l’offerta potrebbe non soddisfare la domanda, influenzando, di conseguenza, i prezzi.

AVANZANO LE DONNE

Nel corso del decennio osservato, gli iscritti di sesso femminile sono stati più numerosi della controparte maschile. Dal 2010 al 2019 il numero delle iscritte è cresciuto del 32,2%, quello degli iscritti “solo” del 23,2%. Nel 2010, il numero di maschi era leggermente superiore a quello delle femmine, mentre alla fine del decennio, nel 2019, le donne hanno numericamente sorpassato gli uomini, costituendo il 50,5% del totale degli iscritti. Questo avanzamento del gentil sesso si spiega, almeno in parte, con il fatto che durante questi due lustri all’interno dei club e degli studi è cresciuta l’offerta di attività più attraenti per le donne, tra le quali figurano yoga, barre e Pilates, la cui diffusione è cresciuta significativamente.

LARGO AI GIOVANI

Gli iscritti under 18 costituiscono il gruppo generazionale che è numericamente cresciuto di più nel corso del decennio, facendo registrare un impressionante + 69,8%, seguiti dalla fascia 55-64 anni (+ 42,5%) e dagli over 65 (+ 34,2%). Gli iscritti appartenenti alle fasce generazionali 18-34 e 35-54 sono rispettivamente cresciuti del 23,8% e dell’11,6%, mentre gli iscritti tra i 35 e i 54 anni hanno perso “quote di mercato”: nel 2010 costituivano

il 35,2% del totale degli iscritti, nel 2019 il 30,7%. I giovanissimi, di età compresa tra 6 e 17 anni, sono invece passati dal 12,1% del 2010 al 16,1% del 2019. Un fenomeno in gran parte imputabile al fatto che l’offerta di programmi riservati ai bambini inseriti negli abbonamenti familiari sia aumentata considerevolmente. È inoltre aumentato il numero di studi specializzati, dei programmi doposcuola e degli allenamenti basati sui protocolli sportivi. E poiché gli under 18 costituiscono la fascia di popolazione maggiormente connessa dal punto di vista digitale, sarà interessante osservare come i club, man mano che “guariranno dalle ferite” provocate dall’emergenza pandemia, integreranno il fitness digitale nella loro offerta per attrarli.

Nell’ultimo decennio, il tapis roulant è stato l’attrezzo più utilizzato nei club statunitensi

CRESCONO GLI ISCRITTI MENO SCOLARIZZATI

Il numero degli iscritti meno scolarizzati è cresciuto significativamente nel corso del decennio 2010-2019. Il numero di soci in possesso di un titolo di studio uguale o inferiore alla licenza media è cresciuto del 132%, mentre quello di coloro che hanno conseguito il diploma di scuola superiore e che hanno frequentato da uno a tre anni è rispettivamente cresciuto del 67,6% e del 45,3%. Un fenomeno che, almeno in parte, si spiega con la proliferazione degli operatori low cost.

IL NUOVO CLUB 178  NOVEMBRE DICEMBRE 2020

>

51


MERCATO

Nel 2019, circa 21,4 milioni di iscritti ai club statunitensi hanno utilizzato macchine isotoniche

52

IL NUOVO CLUB

CALA L’INCIDENZA DEL REDDITO

Storicamente, i consumatori con reddito familiare più elevato hanno sempre costituito la fetta di iscritti ai club significativamente più ampia rispetto a quella composta da coloro con possibilità economiche inferiori. Ma a dispetto di questo trend consolidato, le persone appartenenti alla fascia di reddito più bassa costituiscono il gruppo che, nel corso del decennio 2010–2019, ha fatto registrare la crescita maggiore. Il numero di iscritti con reddito familiare annuale inferiore a 25.000 dollari è cresciuto del 40%, seguiti dagli iscritti con reddito familiare annuo pari ad almeno 100.000 dollari (+38%). Anche questo fenomeno è, almeno in parte, imputabile alla crescita del comparto low cost. Ma da una prospettiva generale, la stragrande maggioranza degli iscritti ai club statunitensi è ancora oggi costituita da persone benestanti. Nel 2019, il reddito familiare annuale medio degli iscritti ai club statunitensi era pari a circa 81.000 dollari e circa 2 iscritti su 5 avevano un reddito familiare uguale o superiore a 100.000 dollari. È interessante notare che nonostante le persone con reddito inferiore appartengano al gruppo di iscritti che, durante il decennio, è cresciuto maggiormente dal

178  NOVEMBRE DICEMBRE 2020

punto di vista numerico, in generale questa fascia di popolazione è diventata più sedentaria in quanto svolge una quantità di attività motoria significativamente inferiore rispetto al passato. I dati diffusi dal Physical Activity Council mostrano che il tasso di inattività tra gli statunitensi appartenenti alla fascia di reddito più bassa è cresciuto del 9% e, di converso, è diminuito del 7% tra gli appartenenti alla fascia di reddito più alta. In un decennio nel corso del quale gli statunitensi sono diventati maggiormente sedentari, riducendo la quantità di attività fisica svolta, il numero di iscritti ai club è cresciuto, grazie anche alla fascia di utenti con reddito più basso. La dimostrazione che l’offerta del settore, dai centri low cost alle boutique ai centri polivalenti, è in grado di soddisfare tutte le tasche e ogni esigenza riguardante l’attività fisica.

GLI ATTREZZI PIÙ UTILIZZATI

Ne corso del decennio, gli attrezzi più gettonati dagli iscritti sono sostanzialmente rimasti gli stessi. I tapis roulant e gli attrezzi isotonici sono i più utilizzati, seguiti dai pesi liberi. Nel 2019, circa 28,3 milioni di iscritti hanno utilizzato un


La guida completa

per padroneggiare il

WEB MARKETING VENDERE con il WEB MARKETING insegna a: • impostare un’efficace strategia di web marketing per costruire un’identità digitale accattivante; • progettare correttamente il sito internet e strategie di content marketing; • ottimizzare il posizionamento del proprio sito nella prima pagina di Google; • trarre il massimo da Facebook, Instagram e YouTube; • comunicare con efficacia tramite l’e-mail marketing e le campagne di marketing automation; • sfruttare i principali strumenti di mobile marketing tra cui SMS e WhatsApp; • fare lead generation e incrementare il proprio business vendendo direttamente on-line; • utilizzare le nuove tecniche pubblicitarie del native advertising.

ordina al telefono:

acquista sullo shop online:

051 255544

www.ilcampo.it

dal lunedì al venerdì ore 9:30-13 e 14-18

spedizioni tramite corriere espresso SDA

customer@ilcampo.it

spese di spedizione euro 4,50 supplemento spese di contrassegno euro 3,50 (solo Italia)

Via G.Amendola 9, 40121 Bologna


MERCATO

tapis roulant, 21,4 milioni macchine isotoniche e 20,6 milioni pesi liberi, mentre cicloergometri e le ellittiche sono state utilizzate da circa 16 milioni di iscritti. Nel decennio 2010-2019, il numero di iscritti che utilizza il tapis roulant è cresciuto del 26,3% e quello di coloro che si allenano con i pesi liberi del 25%, mentre l’impiego degli attrezzi isotonici è sostanzialmente rimasto invariato, facendo registrare una diminuzione dello 0,68%. È inoltre cresciuto il tasso di utilizzo dei vogatori e i simulatori di scala, una tendenza frutto anche dell’accresciuta popolarità dell’allenamento ad alta intensità e dell’allenamento metabolico verificatasi nel corso del decennio. I tapis roulant, i pesi liberi e i vogatori sono spesso integrati in questi tipi di allenamento e in quelli a circuito, proposti anche dalle boutique.

Nel decennio 2010-2019, il numero di iscritti che ha optato per l’allenamento a corpo libero/calisthenics è cresciuto del 232%

L’ALLENAMENTO A CORPO LIBERO/ CALISTHENICS

Nel 2010, le prime tre posizioni della top ten delle attività più popolari tra gli iscritti ai club statunitensi erano occupate da yoga, aerobica ad alto impat-

to e l’acquafitness. Nel 2019, a distanza di un decennio, lo yoga ha confermato il suo primato, mentre l’aerobica ad alto impatto ha ceduto la posizione d’onore all’High Intensity Interval Training, sinteticamente noto come HIIT. Nel corso della decade osservata, l’hot yoga ha guadagnato molto terreno in termini di popolarità, mentre le “quote di mercato” dell’indoor cycling sono state erose dalla proliferazione delle boutique dedicate a questa intramontabile attività. Nel 2019, l’allenamento a corpo libero/calisthenics ha scalzato l’acquafitness al terzo posto della graduatoria, mentre nel decennio 2010-2019 il numero di iscritti che ha optato per l’allenamento a corpo libero/ calisthenics è cresciuto del 232% (incremento maggiore in assoluto). Il numero di iscritti che ha praticato le arti marziali è invece cresciuta del 147%, mentre la popolarità dell’attività mind-body barre e yoga è rispettivamente cresciuta dell’80,2% e del 55,8%. La graduatoria delle attività che nel corso del decennio hanno guadagnato terreno in termini di partecipazione/pratica si completa come segue: cardio kickboxing +43,5%; acquafitness + 31,4%; indoor cycling + 30,7%; boot camp + 28,9%; Pilates + 23,1%.

LOCKDOWN, SEDENTARIETÀ E CLUB

Essenzialmente l’edizione 2020 dell’Health Club Consumer Report: Executive Summary contiene informazioni inerenti i comportamenti degli utenti dei club statunitensi dal 2010 al 2019, ma riporta anche i primi rilevamenti dell’edizione 2020 dell’annuale sondaggio condotto dal Physical Activity Council. Tale indagine fa luce sull’attività svolta dagli iscritti durante il lockdown e sui loro atteggiamenti nei confronti della riapertura dei loro club. A livello nazionale, il 50% degli statunitensi ha fatto sapere di essere stato fisicamente meno attivo durante le chiusure imposte dall’emergenza sanitaria, percentuale che sale al 57% tra gli iscritti ai numerosi club dislocati sul territorio federale. A questi dati negativi fa da contraltare una notizia più rassicurante per il settore: durante il lockdown, circa la metà della popolazione ha continuato a svolgere la stessa quantità di attività motoria che svolgeva abitualmente

54

IL NUOVO CLUB

178  NOVEMBRE DICEMBRE 2020

>


INTENSAMENTE DIFFERENTE Dall’allenamento di gruppo al cardio, dai principianti agli atleti d’elite, allenarsi nell’interval training con S-Force Performance Trainer d’ora in poi sarà più semplice ed appagante. Man mano che gli atleti si muovono lungo un percorso definito dall’utente, adeguato ai loro ritmi specifici, il sistema magnetico aumenta automaticamente la resistenza quanto più aumenta l’intensità del lavoro. Intensità ed obiettivi personalizzati con un nuovo attrezzo rivolti ad atleti e veri appassionati. SCOPRI DI PIÙ SU MATRIXFITNESS.IT

DISCOVER MORE AT MATRIXFITNESS.COM matrixfitness

@matrixfitness

matrixfitness.com

matrixfitness

@matrixfitness

matrixfitness.com


MERCATO

Grazie anche alla diffusione dei club low cost, il numero di iscritti con reddito familiare annuale inferiore a 25.000 dollari è cresciuto del 40%

prima dell’emergenza, o addirittura ne ha svolta di più. Nel periodo in cui non potevano accedere ai club, gli statunitensi si sono cimentati con maggior frequenza in altre attività, come camminare, correre, fare home fitness e yoga. Durante il lockdown, molti club, personal trainer, influencer e boutique hanno proposto sessioni d’allenamento virtuali per aiutare quante più persone possibile a restare attive e in salute tramite l’home fitness. Grazie alle iniziative sostenute collettivamente dagli operatori del settore, alla ricerca sulla promozione della salute e più

in generale ai “promotori” del fitness, lo svolgimento regolare di esercizio fisico è oggi un’importante priorità diffusa tra la popolazione statunitense. E il fitness outdoor, così come quelli in versione virtuale e home, non sono più considerati concorrenti dei club reali, bensì un’estensione della loro offerta. Tuttavia, come evidenziato dall’edizione 2020 dell’Overview Report – recentemente presentato dal Physical Activity Council – oggi all’incirca due terzi degli statunitensi sono sedentari. Un dato in virtù del quale i fitness club e centri sportivi assumono ancor più importanza. I feedback forniti dai consumatori di fitness e sport mostrano quanto valore attribuiscano ai loro club e studi e quali siano le attività/discipline che desiderano maggiormente ricominciare a svolgere una volta che le restrizioni imposte dall’emergenza sanitaria saranno abolite. Al primo posto di questa interessante “graduatoria dei desideri” si colloca il nuoto, seguito da palestra, pallacanestro, calcio, tennis, escursionismo, golf, baseball, football americano e pesca. Il fatto che la palestra si sia piazzata al secondo posto e non al primo può essere imputabile al periodo dell’anno in cui è stato condotto il sondaggio: tra la fine della primavera e l’inizio dell’estate. Non vi è comunque dubbio che tutto il 2020 sarà un anno difficile per gli operatori del settore anche negli Stati Uniti. Dopo il crollo degli accessi provocato dalla pandemia, molti iscritti, durante l’estate appena conclusasi, non vedevano l’ora di riprendere a utilizzare regolarmente il proprio club. Ma al tempo stesso gli operatori perderanno clienti a causa dei sopraggiunti problemi di salute, preoccupazioni concernenti la sicurezza e difficoltà economiche. Concludendo, si può ribadire che, nonostante il momento a dir poco delicato che il settore sta vivendo anche negli Stati Uniti, la domanda di fitness resta elevata e i club giocano un ruolo essenziale per il benessere fisico e sociale dei clienti ai quali rivolgono i loro servizi.

L

a versione completa del rapporto è acquistabile online nel sito www.ihrsa.org/resources-publications

56

IL NUOVO CLUB

178  NOVEMBRE DICEMBRE 2020


MISURA. COINVOLGI. FIDELIZZA.

La piattaforma digitale che accresce la soddisfazione dei tuoi clienti.

TELEMETRIA

UPTIVO LIVE

PERFORMANCE

FITNESS TRACKER

i numeri che contano

da casa come in palestra

rendi reali i risultati

il meglio della tecnologia

Monitora l’allenamento in tempo reale

Telemetria e video streaming per l’allenamento da remoto

Valuta allenamenti e progressi

Precisione e comodità con Belt-D e Armband

Ne

s re

ea w f tu

ATTIVITÁ

PAGAMENTI

Il calendario delle tue attività prenotabili dalla App Uptivo

Gestione del pagamento di abbonamenti, pacchetti e lezioni

uptivo.fit | info@uptivo.fit


A FRESH

START


th

13 International Pool & Spa Expo and Congress

MARZO 2021

1 0 -11 -1 2

Bologna Fair District - Italy

L’unica fiera italiana di respiro internazionale per il settore piscine e spa riparte con slancio, mettendo al centro la sicurezza e la sostenibilità energetica, costruttiva e ambientale. In mostra tutta la filiera per la progettazione, costruzione e gestione di impianti a uso pubblico, privato e per contesti ricettivi e di intrattenimento, con ampia rappresentanza di settori collaterali. Tre giorni di confronto, formazione e presentazione delle innovazioni di prodotto e servizio, per fare crescere il valore del proprio business e guardare con rinnovata fiducia al futuro.

www.forumpiscine.it

top sponsor

sponsor

è un progetto

con il patrocinio di

In collaborazione con

Vendita stand e segreteria scientifica: Editrice Il Campo s.r.l. - tel. +39 051 255544 - fax +39 051 255360 - forum@ilcampo.it Segreteria organizzativa e ufficio stampa: ABSOLUT eventi&comunicazione - tel. +39 051 272523 - fax +39 051 272508


CHANGE MANAGEMENT

IL CAMBIAMENTO IN TEMPO DI COVID-19 DI ADRIANO GUIZZETTI

Per resistere all’attuale difficile momento e superarlo è necessario cambiare, ma farlo non è facile come molti pensano. Il cambiamento è un’attività non ordinaria, è un progetto e come tale va gestito. Vediamo come

E

cco, ci risiamo… un passo avanti, uno indietro. Pochi mesi fa, il mondo del fitness si è proiettato in avanti. I titolari abbozzavano strategie futuristiche, gli istruttori studiavano nuovi strumenti, in molti faceva-

60

IL NUOVO CLUB

178  NOVEMBRE DICEMBRE 2020

no del loro meglio per mantenere i contatti con i propri clienti, immaginando un futuro tecnologico e mercati infiniti. Passata l’estate tutto – o quasi – è tornato come prima. E tanti, tirando un sospiro di sollievo e con meno soldi in tasca, hanno ricominciato a fare quello che facevano prima.


In realtà non è proprio così. I big player del settore stavano già lavorando sul remote fitness e ormai hanno attivato quello che per loro è un nuovo canale di entrate. Lo stesso hanno fatto tanti mini, quelli che si danno tanto da fare e “fanno tutto loro”, offrendo servizi one to one o corsi di yoga a pagamento. Per tanti altri il primo semestre è caduto nel dimenticatoio. Letteralmente rimosso, nella convinzione che “tutto tornerà come prima”. Nella realtà dei fatti, si sa già che non è possibile e che molte strutture dovranno fare i conti con margini erosi, meno clienti e maggior indebitamento. Non tutti ce la faranno. Ma allora perché non cercare nuove strade? Perché non innovare? Perché non darsi da fare per creare differenziazione e aumentare le proprie entrate? La risposta non è univoca. In parte dipende dall’indole italica di lavorare sulle emergenze. Ci si agita, si mettono toppe, si gestiscono i problemi. Passata l’onda, ci si dimentica di fare quello che sarebbe necessario, ovvero programmare. Poi bisogna tener conto dalla bassa alfabetizzazione informatica del settore e dei bassi investimenti in formazione che, uniti alla poca disponibilità di connettività veloce e ai costi ancora elevati di rete e software, non rende certo facile offrire buoni servizi ai clienti finali. A questi fattori va inoltre sommata la natura umana che, a ogni latitudine, è ostile al cambiamento. Per un imprenditore che ha investito tempo e risorse su nuovi progetti, ce ne sono almeno nove che, vedendo i primi clienti ricomparire nei loro club, hanno tirato un gran respiro di sollievo, deducendo che tutto era tornato normale. Detto questo, è anche vero – come ho già avuto modo di spiegare in un articolo precedente – che non tutti i club dispongono di titolari e istruttori in grado di cavalcare l’innovazione, adottando strumenti e tecniche innovative. L’eventuale inadeguatezza va valutata attentamente, come pure va capito se una struttura gestita alla “vecchia maniera” può reggere nel proprio mercato locale senza dover necessariamente essere stravolta. Nei casi in cui è possibile proseguire sulla “vecchia strada” è inutile investire tempo e denaro sull’innovazione. Negli altri casi, sarebbe meglio ragionare sul proprio futuro aziendale in ottica strategica, con

un orizzonte almeno di medio termine, dunque regalarsi un momento di analisi e riflessioni al cui termine va presa una posizione netta, che serva a definire una meta, un obbiettivo da raggiungere. Se si opta per lo status quo, vanno erette barricate, in termini di servizi unici, comunicazione mirata, enfatizzazione del servizio. Lo scopo è durare il più possibile. Se invece si decide per il cambiamento, bisogna pianificarlo, mappare hardware e risorse umane esistenti, predisporre gli strumenti, decidere le deadline. E perseguire maniacalmente il risultato deciso.

Da un po’ di tempo a questa parte, i grandi operatori puntano anche sul fitness digitale

LA GESTIONE DEL CAMBIAMENTO

Poniamo il caso che si sia deciso per il cambiamento. Può consistere nell’introduzione di servizi erogati in remoto, così come di un nuovo metodo di gestione del cliente all’interno del club. Cha cosa bisogna fare? Il cambiamento è un’attività non ordinaria, è un progetto e come tale va gestito. Implica la definizione e la pianificazione di metodi, scadenze, strumenti e risorse interne ed esterne da allocare, così come la responsabilizzazione di almeno un membro dello staff in relazione al successo del progetto stesso. Senza questi ingredienti e un forte impegno “dall’alto”, l’insuccesso è garantito. Vediamo perché.

OSTACOLI

Come prima cosa coloro che decidono – titolari o direttori del centro – dovrebbero essere convinti ed entusiasti. Se non lo sono, l’esperienza dice che è inutile iniziare. I dati emersi dalla ricerca riportata

>

IL NUOVO CLUB 178  NOVEMBRE DICEMBRE 2020

61


CHANGE MANAGEMENT

di seguito mostra infatti che le credenze del management sono uno dei principali ostacoli al cambiamento, di poco inferiore alle resistenza dello staff. E bisogna inoltre tenere sempre in considerazione quanto l’essere umano sia ostile al cambiamento. I motivi sono vari e pesano in maniera diversa sui singoli individui. Nello specifico osserviamo spesso le seguenti paure, tipiche della fase iniziale: perdita di lavoro; paura di ciò che è sconosciuto; perdita di controllo; mancanza di competenza; tempi sbagliati; mancanza di ricompense; ambiente sociale; mancanza di fiducia e supporto.

La paura di ciò che è sconosciuto è un ostacolo da superare nella fase iniziale del cambiamento

62

IL NUOVO CLUB

Una volta partiti verso il cambiamento, si verifica un altro fenomeno, ancor più subdolo: la tendenza, più o meno consapevole, al ritorno alla situazione precedente. Dopo l’iniziale entusiasmo, inevitabilmente si attraversa una fase di difficoltà, tipicamente successiva al lancio e alle necessarie rifiniture. Superata questa fase, si riacquista fiducia e il cambiamento, se adeguatamente supportato, diventa la “nuova normalità”.

178  NOVEMBRE DICEMBRE 2020

STRUMENTI

A questo punto viene spontaneo chiedersi come si fa, concretamente, a mettere in atto un cambiamento? Non illudetevi: non basta acquistare un prodotto o un servizio presenti sul mercato, magari accompagnati da un minicorso di avviamento. Basandomi sull’esperienza di Up soluzioni suggerisco i seguenti passaggi: Definire gli obbiettivi in modo chiaro e specifico; Pianificazione. Totale, accurata, metodica. Vanno considerati vari scenari possibili e progettato quello che i Project Manager chiamano “cammino critico” Responsabilizzare una risorse interna (ad esempio il titolare, il direttore del club) o esterna (consulente aziendale); Comunicare il progetto dall’inizio alla fine, coinvolgendo tutti i componenti dello staff. Va trasmesso un messaggio onesto, chiaro, forte (mai ambiguo e ingaggiante). Responsabili, venditori, addetti alla reception, trainer, ma anche istruttori nuoto, estetiste, terapisti, addetti alle pulizie devono aver chiaro che cosa si sta facendo, perché, in che tempi, qual è il risultato atteso e quali sono i vantaggi che l’attività porta al club e, al tempo stesso, al loro lavoro; Fare una valutazione dello staff coinvolto per capire che atteggiamento hanno i singoli di fronte al progetto (e anche verso l’azienda), identificando così campioni, curiosi, passivi, sabotatori. I primi vanno responsabilizzati e delegati nel portare avanti il progetto. L’entusiasmo e le capacità che dimostrano vanno sfruttati e premiati. Il grosso dello staff è composto da curiosi e passivi. Si tratta di collaboratori curiosi o quantomeno possibilisti. A questo gruppo appartengono anche coloro che non hanno tanta dimestichezza con i nuovi sistemi e, per questo, li temono, così come i “negati” di buona volontà. Bisogna lavorare su di loro coinvolgendoli, formandoli e informandoli in continuazione. Inutile dire che chi fa parte del quarto quadrante, per quanto abbia avuto meriti in passato, non serve più al business.



CHANGE MANAGEMENT

fraintendono facilmente. Formazione continua e momenti motivazionali vanno ripetuti costantemente nel tempo. In due o tre giornate si insegna a utilizzare un nuovo software, non a far propria una nuova filosofia. Bisogna creare un momento di lancio seguito da ripetizioni continue e pianificate dei concetti e dalla verifica periodica della comprensione e dell’allineamento da parte dello staff. Non basta far vedere, ad esempio a una istruttore o a una receptionist, 50 slide: bisogna interrogarli regolarmente e nel farlo si deve stare attenti a tutto ciò che esprimono in termini di convincimento e adesione alla filosofia condivisa; Offrire supporto, feedback e incentivi, anche a trasformazione attuata; Non “allentare la tensione” verso il cambiamento desiderato, fino a quando non sia entrato nel DNA della struttura; Gli influencer interni al club possono facilitare il processo di cambiamento

Valorizzare gli influencer interni, ovvero coloro che possono aiutare a portare avanti il progetto o a convincere i membri dello staff più ostili. Il modo di relazionarsi con i dipendenti può essere determinante nel suscitare in loro resistenza oppure motivazione al cambiamento. Formare: a dispetto della convinzione diffusa tra i titolari del mondo fitness, raramente il proprio personale è veramente preparato a fare quello che si vorrebbe che facesse e nella modalità desiderata; Monitorare il progetto, a scadenze definite, con KPI quantitativi e qualitativi; Programmare incontri periodici nel corso dei quali tutte le risorse coinvolte in modo attivo possano confrontarsi e ragionare; Aggiornare periodicamente lo staff circa i progressi compiuti; Formare periodicamente tutto il personale. Le persone dimenticano o

64

IL NUOVO CLUB

178  NOVEMBRE DICEMBRE 2020

Celebrare i successi.

CONCLUSIONI

Portare a termine un processo di cambiamento è un’attività complessa, come scalare una montagna. Alla minima incertezza si rischia di cadere e tornare al punto di partenza. Venendo a noi, erogare servizi online e in remoto ora – ma il ragionamento vale anche in altri ambiti – può non essere necessario. Ma è importante fare un’analisi del proprio business e proiettarla a cinque o dieci anni. L’alternativa potrebbe essere l’uscita dal mercato. E chi ha deciso di intraprendere un percorso di cambiamento, ma non è capace di portarlo a termine da solo, può farsi aiutare.

ADRIANO GUIZZETTI Laureato alla Bocconi, ha maturato una lunga esperienza nella GDO. È socio e fondatore, assieme a Manuel Salvi e Antonella Rolli, di UP Soluzioni, società di consulenza nei settori sport, fitness e benessere.


AXIOM SERIES AXIOM SERIES

ATTRAENTE. ATTRAENTE.EFFICIENTE. EFFICIENTE. AFFIDABILE. AFFIDABILE. Axiom Series attrezzatureper perl'allenamento l'allenamento Axiom Seriesè èuna unaserie seriecompleta completa di di attrezzature isotonico che variabileper peresercizi esercizisingoli singoli isotonico checomprende comprendeunità unità aa carico variabile e doppi, DualAdjustable Adjustable Pulley, Pulley, panche panche ee rack. e doppi, ununDual rack.IlIldesign designinvitante invitante e le funzionalitàstimolanti stimolantiper per gli gli utenti si e le funzionalità si uniscono unisconoininuna unalinea lineaper per l'allenamentoisotonico isotonicoideale ideale per per ogni struttura. l'allenamento struttura.

DESIGN ACCATTIVANTE

FUNZIONALITÀ INTUITIVA

DESIGN ACCATTIVANTE Axiom Series presenta un design

FUNZIONALITÀ INTUITIVA La biomeccanica familiare, la

a torre moderno e compatto che Axiom Series presenta un design permette una visuale chiara sul a torre moderno e compatto che pavimento in gradochiara di migliorare permette unae visuale sul l'aspetto e di in qualunque pavimento grado di struttura. migliorare l'aspetto di qualunque struttura.

semplicità di configurazione La biomeccanica familiare, la della macchina e le etichette semplicità di configurazione con istruzioni facili daetichette leggere della macchina e le dotate di QR code si uniscono con istruzioni facili da leggereper renderedi Axiom Seriessi facile da per dotate QR code uniscono utilizzare per ogni livello di utente. rendere Axiom Series facile da utilizzare per ogni livello di utente.

In figura: Macchine Axiom SeriesSeries per per In figura: Macchine Axiom esercizi singoli con telaio Midnight esercizi singoli con telaio Midnight Metallic e parti imbottite Wheat. Metallic e parti imbottite Wheat.

REALIZZATO CON PRECISIONE

REALIZZATO CON Il pacco pesi, le aste di guida,PRECISIONE le pulegge e i cavi, tutti sapientemente Il pacco pesi, le aste di guida, le progettati, fluidità di puleggecreano e i cavi, tutti sapientemente movimento percreano gli utenti. I componenti progettati, fluidità di sono testati in modo rigoroso per movimento per gli utenti. I componenti superare gli standard del rigoroso settore. per sono testati in modo superare gli standard del settore.


DIGITALIZATION

LA RIVOLUZIONE DIGITALE CAMBIA IL MONDO DEL FITNESS DI GIANLUCA SCAZZOSI

66

IL NUOVO CLUB

178  NOVEMBRE DICEMBRE 2020


La pandemia ha costretto i club a innovare l’erogazione dei servizi e modificato i modelli di consumo, catapultando molti operatori in un mondo sconosciuto. Una rivoluzione che non è un nemico da combattere, bensì un opportunità da cogliere. Come? Con una strategia e una visione adeguate alla propria realtà e ai propri obiettivi

I

l comportamento del consumatore è mutevole per definizione, i driver che lo spingono a decidere che cosa acquistare, quando farlo e attraverso quale strumento sono molteplici e si modificano nel tempo. E il direttore d’orchestra che coordina questi driver, e che influenza i comportamenti, si chiama marketing. Da febbraio 2020, però, è subentrato un fattore esterno, imprevedibile e fortemente impattante: la pandemia causata dalla diffusione del COVID-19. Ha disorientato i mercati, costretto gli operatori ad adeguarsi a un nuovo modo di erogare i propri servizi e ha modificato i modelli di consumo, in modo particolare nell’industria del fitness che si è trovata catapultata – a causa del lockdown e della chiusura dei club – in un mondo virtuale e digitale ancora sconosciuto per molti operatori. Alcune catene multinazionali avevano già avviato la propria strategia di digitalizzazione prima dell’emergenza coronavirus, avvertendo la necessità di consentire al proprio cliente di vivere un’esperienza “ibrida” e, soprattutto, di contrastare la concorrenza di offerte interamente digitali (corsi in streaming e on demand in rete, erogati da trainer indipendenti o da piattaforme strutturate) orientate al cosiddetto home fitness (la cui definizione più aggiornata dovrebbe essere training on line), oppure di proposte combinate, come Peloton (www.onepeloton.com) o Mirror (www.mirror.co), basate su una piattaforma di programmi di altissima qualità, una fee mensile e un attrezzo-strumento (bike, tappeto, specchio) da acquistare e utilizzare nella propria abitazione per allenarsi.

>

IL NUOVO CLUB 178  NOVEMBRE DICEMBRE 2020

67


DIGITALIZATION

L’INGRESSO NELLA NUOVA DIMENSIONE DIGITALE

Puntare solo sul servizio in presenza ignorando il digitale può funzionare per le boutique e gli studi di personal training, ma è molto rischioso per i club multifunzione

68

IL NUOVO CLUB

Il periodo di lockdown ha però fatto emergere, in modo prepotente, le criticità legate alla digitalizzazione. Per chi era quasi pronto, ha semplicemente accelerato il processo, ma per chi era impreparato, come il 99% degli operatori indipendenti, ha scatenato una reazione più o meno naif. I club hanno iniziato a erogare corsi on-line con l’utilizzo di piattaforme progettate per i meeting (Zoom la più usata), oppure attraverso i propri account sui social media (Facebook e Instagram). Sia chi ha proposto questo servizio gratuitamente, sia chi lo ha fatto a pagamento ha imboccato questa nuova strada senza una pianificazione strategica a monte che desse una struttura a questa attività, sortendo molto spesso come effetto la svalutazione dell’immagine del proprio brand e la trasmissione ai clienti di un senso di confusione. È stato un comportamento “reattivo”, non pianificato e tantomeno “proattivo”, come invece dovrebbe tassativamente essere quando si decide di implementare una nuova strategia. E “strategia” è la parola chiave di questo processo di digitalizzazione, nell’ambito del quale il consumatore sperimenta un’esperienza ibrida. Gli anglosassoni, che sono noti per creare neologismi sincratici, ovvero frut-

178  NOVEMBRE DICEMBRE 2020

to della fusione di due o più sostantivi, hanno chiamato questa nuova normalità phygital, fondendo le parole physical (fisico) e digital (digitale).

UN PROCESSO INARRESTABILE

Linguistica a parte, questo processo è inarrestabile e si fonde armonicamente con uno stile di vita sempre più legato all’uso di dispositivi elettronici interconnessi attraverso le applicazioni mobili che ne rendono l’utilizzo intuitivo ed efficace. La risposte da parte delle aziende a quelle che vengono definite disruptive innovation, ovvero innovazioni talmente dirompenti da destabilizzare il contesto, sono generalmente di 4 tipi: aumentare gli investimenti sul core business tradizionale e consolidare la fidelizzazione dei clienti attraverso la relazione personale. Scelta rischiosa per un club multifunzione, ma potenzialmente vincente per una boutique o uno studio di personal training; ignorare, ovvero considerare il training on-line un mercato diverso e differente dal proprio. È ciò che ha fatto Blockbuster dal 2007 al 2010 a seguito del-


la comparsa di Netflix. Il risultato di questa strategia lo conosciamo tutti; contrattaccare per destabilizzare l’innovatore (la risposta di Apple, con il servizio Apple Music, per contrastare l’egemonia di Spotify). Questa reazione, però, è improbabile per un club singolo e indipendente, così come per una multinazionale del fitness, in quanto presuppone competere su un territorio, l’on-line, presieduto da colossi geneticamente digitali che già possiedono, e molto spesso creano, la tecnologia; adottare le innovazioni e giocare due partite contemporaneamente. In alcuni mercati, questa strategia è già ampiamente impiegata: l’azienda “off line” continua a mantenere il suo brand distinto e offre il servizio concorrente con un altro marchio di sua proprietà . È il caso di Avis, nel settore del noleggio auto, che gestisce il car sharing con il marchio Zip Car (acquistato nel 2013). A seguito dell’impatto dell’emergenza Covid-19, i macro trend dell’industria del fitness ruotano intorno a tre elementi: l’evoluzione continua verso un’offerta ibrida; il contributo della tecnologia che aiuta ad accelerare il cambiamento (che comunque era già in essere); la volontà del cliente di digitalizzare l’esperienza a proprio vantaggio per ottenere un servizio più comodo e più fruibile.

controllo accessi e CRM per arrivare alle piattaforme di social network e all’app del club, a prescindere dal fatto che sia proprietaria e personalizzata o semplicemente brandizzata in quanto parte di un pacchetto. Il primo checkup da compiere consiste dunque nel valutare a quale livello di tecnologia e interconnessione siano i sistemi esistenti e nel definire gli investimenti indispensabili da attuare. Mettere al centro la customer experience L’errore più comunemente commesso consiste nel partire dalla tecnologia e non dal cliente, più esattamente dall’esperienza globale che il cliente vive con il club, sia al suo interno sia all’esterno. La tecnologia è il mezzo per costruire il servizio, ma al centro dell’ecosistema deve esserci il cliente. Per avere successo, per fare la differenza, bisogna costruire il processo capendo che cosa il cliente vuole e non che cosa noi pensiamo che il cliente voglia. Creare l’architettura del marketing digitale Il digital marketing è una componente della strategia di marketing e non riguarda semplicemente l’utilizzo dei social media a scopo promozionale. Il brand deve essere al centro di una galassia di

>

Mirror, come Peloton, è una piattaforma di programmi di altissima qualità fruibili via web pagando una fee mensile

COSTRUIRE UNA STRATEGIA DIGITALE

Vediamo dunque qual è il percorso ideale per pianificare e attuare una strategia digitale da applicare ai centri fitness, partendo però dal presupposto che digitalizzare il proprio business significa impegnarsi seriamente in un processo articolato che, come tale, richiede un investimento e non è un’accozzaglia di piccoli e sporadici interventi. Per avere successo, bisogna necessariamente compiere un percorso completo, altrimenti è meglio lasciar perdere. Analizzare i propri asset “Digitalizzazione” significa integrare tutto l’ecosistema palestra affinché ognuno dei settori operativi previsti dal business model sia interconnesso, a partire dalle attrezzature (almeno quelle cardio), passando per il software gestionale di

IL NUOVO CLUB 178  NOVEMBRE DICEMBRE 2020

69


DIGITALIZATION

il pubblico off-line con quello on-line, dalla portata del segnale e dalla piattaforma sulla quale vengono postati i contenuti.

CONCLUDENDO…

La pandemia ha moltiplicato gli utenti dell’home fitness fruibile via web

Ignorando il training on-line, i centri fitness rischiano di commettere lo stesso errore di Blockbuster che, dal 2007 al 2010, ha ignorato Netflix, con le conseguenze note a tutti

strumenti coordinati fra di loro, ovvero il software gestionale integrato con il programma di CRM che gestisce l’e-mail marketing, supportato dalle piattaforme online, quali Facebook, Instagram, YouTube, e il sito web. Questi strumenti vengono alimentati da contenuti prodotti interamente con l’approccio da influencer, con il coordinamento di un digital PR manager. Questa architettura digitale è incorniciata da una app che gestisce l’interazione con il cliente in modo puntuale e a doppio senso di marcia. On-line vs off-line L’anello di congiunzione fra questi due mondi è il punto cardine della strategia di digitalizzazione. È determinante che il club offra ai propri clienti una piattaforma multicanale (omnichannel), ovvero la possibilità di accedere ai servizi (attività di gruppo, training one to one, tutorial, education, ecc.) in live streaming (diretta) e su richiesta (on demand), nel modo e con il dispositivo più comodo per il cliente. Il livello qualitativo dell’offerta dipende dalla tecnologia utilizzata, dall’abilità dei trainer di far convivere nella stessa lezione

70

IL NUOVO CLUB

178  NOVEMBRE DICEMBRE 2020

Il processo di digitalizzazione prevede un investimento economico che varia a seconda dell’output che si vuole ottenere. Utilizzare delle “room” freeware (gratuite e scaricate da Internet) nelle quali caricare i contenuti, riduce ovviamente i costi sia d’investimento sia operativi, ma limita la libertà di azione e la personalizzazione. Il cliente del club (o il potenziale cliente che si allena on-line) può seguire in rete migliaia di corsi – gratuitamente o pagando una fee di 5 euro al mese – erogati da istruttori bravissimi (a volte vere e proprie celebrità della rete ) e preparati in studi di registrazione dotati di attrezzature professionali. Il mercato dell’on-line è globale e annovera tra i player corporation di dimensioni colossali, con risorse economiche praticamente infinite, mentre il mercato del fitness off-line è territoriale, i clienti che frequentano i club vivono e lavorano nel raggio di 10 minuti di percorrenza. È il rapporto personale con il club e con i sui istruttori e l’esperienza che vive quando frequenta che fidelizza il cliente alla struttura. E proprio per questa ragione la multicanalità è indispensabile per offrire al cliente sia l’esperienza di allenamento off-line, sia quella on-line (quando gli è più comodo allenarsi all’interno delle mura domestiche visto che le abitudini di vita e lavorative cambiano continuamente). La rivoluzione digitale non è un nemico da combattere, bensì un opportunità da cogliere. Per farlo, serve una strategia adeguata alle proprie risorse e una visione ben chiara del percorso da seguire e del risultato che si intende ottenere.

GIANLUCA SCAZZOSI Laureato in Scienze Motorie, ha conseguito il master in “International Business” presso la Nottingham Trent University. Titolare di GLS Consulting, società specializzata in business coaching, consulenza e management training nel settore salute, benessere e fitness, è autore di numerosi articoli dedicati al marketing e al management applicati ai centri fitness e del libro (R)Evolution Marketing, pubblicato da Editrice il Campo.



TRAINING AREA

BENVENUTI NEL NUOVO MONDO!

LA PAROLA ALLO STAFF DI CONERO WELLNESS

C

onero Wellness, prestigioso e storico club di Ancona, è stato fondato 15 anni fa da Loretta Antonelli e Davide Tucci insieme ad alcuni soci di Roma. Nell’intervista che segue raccontano come l’emergenza coronavirus abbia cambiato il mercato del fitness e, di conseguenza, il loro modello di business, mettendo a fuoco i punti salienti di una trasformazione profonda che, grazie all’utilizzo delle soluzioni digitali fornite da Technogym e di un rinnovato customer journey, offre la grande opportunità di un’esperienza omni-channel in cui il loro Club garantisce ai propri clienti esperienze appaganti ovunque si trovino.

72

IL NUOVO CLUB

178  NOVEMBRE DICEMBRE 2020

«Al primo lockdown – raccontano i due proprietari del Club marchigiano – abbiamo reagito “di pancia”, restando vicino ai nostri iscritti in modo “artigianale”. Al secondo abbiamo risposto in modo più strutturato, puntando su un’offerta più professionale, proponendo attività online di alta qualità. Abbiamo trasformato le sale corsi in due spazi per registrare e trasmettere contenuti live e on demand e questo ci permette non solo di mantenere fidelizzati i nostri clienti, ma anche di coinvolgerli con un servizio fortemente personalizzato. I nostri clienti, così come tutti i consumatori, richiedono una qualità di offerta di grande livello, paragonabile a quella dei grandi player. La grande differenza che possiamo garantire, grazie alle soluzioni di Technogym, è la capacità di relazione dei nostri istruttori che conoscono personalmente i clienti e riescono, anche se l’esperienza è digitale, a garantire un approccio empatico. Per fare tutto questo è necessario costruire un percorso che va al di là della semplice erogazione di un video. L’ecosiste-


ma offerta da Mywellness ci ha permesso di avere tutto questo garantendoci una risposta dei nostri clienti molto positiva, con una crescente richiesta di lezioni live e on demand segno che questa seconda fase, oltre a essere più lunga, cambierà le loro abitudini». «Stream – continua Serena Antonelli, responsabile progetto Home Fitness e Streaming di Conero Wellness, Technogym – si è dimostrata fin da subito la soluzione migliore per rispondere alle nostre esigenze perché la più semplice, la più efficace, la più efficiente. Ci permette, oltre ad aumentare le opzioni di allenamento per i nostri clienti con le lezioni live e on demand create da noi, di arricchire la nostra offerta con una libreria di classi virtuali sempre a disposizione, create da Technogym». «Per una realtà in continua crescita ed evoluzione come la nostra – conclude l’intervista Silvia Gallegati, responsabile marketing Conero Wellness –, il marketing è sicuramente un aspetto fondamentale che ci ha permesso di rimanere accanto ai nostri tesserati e rinforzare il senso di community. Abbiamo deciso di restare sempre al loro fianco con diversi strumenti: i nostri canali social, le newsletter e il sito. In questo ambito, Technogym ci ha fornito alcuni strumenti essenziali, a partire dall’app Mywellness, che abbiamo personalizzato e rinominato Conero Wellness App, fino ad arrivare a tutti gli strumenti di comunicazione che il dipartimento marketing dell’azienda cesenate ci ha fornito tramite la piattaforma digitale incredibilmente ricca di contenuti, che possono addirittura essere customizzati. Tutto questo ci ha ispirato per rinforzare la nostra comunicazione, coerente con i nostri standard e mantenendo intatta la nostra brand identity, per poter fidelizzare e coinvolgere i nostri clienti sempre e ovunque».

LA NUOVA MYWELLNESS APP 5.0 È QUI

Grazie a Mywellness app 5.0, potrai tenere motivati e fidelizzati i tuoi clienti anche quando non sono all’interno del tuo Club, permettendo loro di seguire le classi in streaming ovunque si trovino. Le funzionalità dell’app ti permettono di erogare Classi Live per coinvolgere la tua community connettendo i tuoi clienti con gli istruttori grazie alle classi in diretta, così come di creare una “social experience” prima e dopo le lezioni per far crescere il senso di appartenenza e la community stessa. E le Classi On-Demand ti garantiscono la possibilità di offrire varietà e flessibilità ai tuoi clienti che potranno seguire le loro classi e i trainer preferiti ovunque si trovino. Inoltre, oltre alle lezioni prodotte da te ed il tuo team, hai una libreria di classi virtuali, create da Technogym, sempre a disposizione, con le quali potrai offrire contenuti per tutta la famiglia, dal Pilates allo yoga, dagli allenamenti coreografati a quelli cardio e molto altro ancora. Con Mywellness app aumenti il valore della tua offerta e crei ulteriori opzioni di abbonamento, fidelizzando i tuoi clienti esistenti e attraendone di nuovi per far crescere la tua community. Grazie alle classi trasmesse in streaming sull’app, offri un’esperienza da vivere ovunque, in palestra o fuori.

INFORMAZIONE A CURA DI TECHNOGYM

Per ricevere una consulenza online gratuita: inquadra il QR CODE o o vai su www.technogym.com/ilnuovoclub o chiama il numero 800 70 70 70

IL NUOVO CLUB 178  NOVEMBRE DICEMBRE 2020

73


SPAZIO PISCINA

DESIGN ED EFFICIENZA

MADE IN AUSTRIA DI RITA CESARINI FOTO DI MICHAEL CHRISTIAN PETERS E CHRISTIAN RICHTERS

74

IL NUOVO CLUB

178  NOVEMBRE DICEMBRE 2020


Il Paracelsus Bad & Kurhaus, moderno centro acquatico e benessere realizzato nel cuore di Salisburgo, è un esempio virtuoso dal punto di vista estetico, dell’interazione armoniosa con l’ambiente circostante e delle soluzioni tecnologiche, in grado di coniugare efficienza, rispetto ambientale e risparmio energetico. Un modello che può ispirare gli operatori italiani, a prescindere dalla tipologia e dimensioni delle loro strutture

N

el centro storico di Salisburgo, si erge l’elegante Paracelsus Bad & Kurhaus, la cui imponenza monolitica è alleggerita dall’ariosità delle sue forme. Gli ampi spazi giocano con la luce di cui si nutrono, offrendo agli ospiti un’esperienza di completa immersione nella fluidità, dell’acqua e dell’aria, del corpo e dello spirito. Tredici sculture di alabastro, caratterizzate da volumi ortogonali perforati da corridoi di luce e ombra, costituiscono l’Elogio de la Luz, l’opera di Eduardo Chillidas

IL NUOVO CLUB 178  NOVEMBRE DICEMBRE 2020

>

75


SPAZIO PISCINA

che ha ispirato gli architetti dello studio Berger+Parkkinen nella progettazione di questo ampio centro acquatico e benessere, situato ai margini dei celebri Giardini Mirabell, nel suggestivo centro storico di Salisburgo. Una collocazione inusuale per una grande struttura di questo tipo – solitamente erette in aree più periferiche – che si è rivalata un sorprendente punto di forza di questo moderno centro termale, balneare e saunistico, realizzato dove si ergeva un edificio risalente agli anni ’50 dedicato ai bagni e alle cure per il benessere, demolito per dare spazio al suo degno erede, in grado di offrire una gamma più ampia di servizi e attrazioni dedicati all’intera famiglia.

ARCHITETTURA MODERNA E FUNZIONALE

Il Paracelsus Bad & Kurhaus è una struttura monolitica, leggermente in-

76

IL NUOVO CLUB

178  NOVEMBRE DICEMBRE 2020

curvata, solcata da una vetrata che corre lungo tutto il perimetro, dividendola idealmente in due sezioni di altezze diverse. Nel complesso, l’edificio riflette le eleganti forme dell’acqua non solo all’esterno, ma anche all’interno, dove il raffinato design dà vita a un’atmosfera unica, perfetta sia per i momenti di benessere, sia per quelli di svago. Il rivestimento esterno, realizzato con chiare lamelle verticali, assolve l’importante funzione di “aprire” la costruzione, alleggerendola e conferendole ariosità. E queste caratteristiche si ritrovano anche all’interno, dove volumi e superfici dialogano tra loro in modo armonico, illuminati dal candore degli eleganti rivestimenti ceramici. I progettisti hanno dato vita a una struttura che, pur essendo composta da aree articolate in modo indipendente tra loro, regala agli ospiti una forte coerenza formale, percepibile già all’ingresso, il cui punto focale è co-


stituito dall’ampia scalinata che conduce ai piani superiori. L’elemento architettonico più affascinante del Paracelsus Bad & Kurhaus è però collocato al terzo piano, dove si concentra la ricca offerta acquatica: si tratta del soffitto, che cattura e ammalia lo sguardo attraverso le sue morbide forme sospese che fluttuano elegantemente sopra le teste dei bagnanti, richiamando alla mente la sinuosità e la fluidità dell’acqua in movimento.

SALISCENDI DI ACQUA E BENESSERE

L’area acquatica è raggiungibile attraverso l’ampia scalinata che, partendo dall’ingresso, con livelli e mezzanini a terrazzo in marmo bianco, guida gli ospiti verso un ambiente luminoso, dominato dalla grande piscine sportiva – lunga 25 metri e suddivisa in 4 corsie –

che dà quasi l’impressione di emergere dal suolo. È affiancata da altre vasche, tutte pensate per soddisfare le esigenze di differenti tipologie di utente, a partire dalle famiglie, che possono divertirsi e rilassarsi grazie alla cascata cervicale, ai getti idromassaggio, ai geyser e al fiume lento a cui abbandonarsi completamente. Chi è in cerca di emozioni, invece, può mettere alla prova il proprio talento da subacqueo immergendosi nelle profonde acque dell’apposita piscina, dotata anche di due piattaforme per i tuffi, situate a 1 e 3 metri di altezza, e persino di una parete da arrampicata. E per gli amanti della velocità? A loro è dedicato lo scivolo lungo 45 metri in grado di regalare una scarica di adrenalina a chi ne sente il bisogno. Infine, i più piccoli possono entrare in confidenza con l’acqua e l’ambiente piscina, divertendosi in tutta sicurezza nella vasca dedicata proprio a loro, la cui profondi-

>

IL NUOVO CLUB 178  NOVEMBRE DICEMBRE 2020

77


LA PAROLA AI PROGETTISTI SPAZIO PISCINA

A

bbiamo intervistato Alfred Berger e Tiina Parkkinen, gli architetti fondatori dello studio Berger+Parkkinen, per conoscere l’essenza del progetto dal quale è caturito il Paracelsus Bad & Kurhaus.

Qual è la filosofia alla base di questo importante progetto? «Volevamo creare una nuova e moderna piscina pubblica, collocata nel cuore del centro storico cittadino, facilmente accessibile e quindi fruibile da tutti i residenti. È stato anche particolarmente importante, per noi, evidenziare i monumenti e le montagne di Salisburgo, per incoraggiare un legame tra stimoli culturali e relax». Come siete riusciti a integrare questa moderna struttura con il centro storico di Salisburgo, dal 1997 sito Unesco del Patrimonio Mondiale dell’umanità? «Nei nostri progetti, i riferimenti all’ambiente urbano, al circondario naturale e al contesto sociale sono estremamente importanti. L’impatto eccezionale dell’edificio è il risultato di un dialogo tra i nuovi spazi e l’ambiente preesistente, vale a dire i giardini barocchi Mirabellgarten, la città vecchia e le montagne circostanti. La piscina coperta è stata concepita come un’espansione immaginaria del parco al terzo piano. In termini di progettazione urbana, il nuovo Paracelsus Bad & Kurhaus forma un giunto tra le strutture a blocchi della Auerspergstraße – risalenti alla fine del XIX secolo –, lo sviluppo aperto lungo la Schwarzstraße, il paesaggio del Kurgarten e il barocco del Mirabellgarten. La geometria dell’edificio è orientata verso il parco, facendo riferimento alla geometria delle mura di fortificazione, ormai scomparse, del periodo barocco». Luce, spazio e colore: quali scelte avete fatto, e perché, in relazione a questi tre elementi? E

78

IL NUOVO CLUB

che importanza hanno avuto nello sviluppo del progetto? «Progettando l’edificio abbiamo voluto creare un’atmosfera rilassante, ma al contempo moderna e urbana, in grado di accogliere ed elevare il visitatore. Il Paracelsus Bad & Kurhaus è stato concepito come un paesaggio tridimensionale, i cui elementi principali formano una stratificazione verticale chiaramente intelligibile. L’ampia trasparenza che caratterizza il piano che accoglie la piscina crea continuità con il Kurgarten, regalando viste indimenticabili su Salisburgo, l’imponente fortezza e le cime delle montagne che delimitano il paesaggio sullo sfondo. Le ampie scale centrali conducono l’ospite, in un movimento continuo, dall’entrata principale ai vari piani, fino al livello della piscina, inondato da una piacevole luce naturale grazie alla fascia di grandi elementi in vetro che lascia entrare la bellezza dell’ambiente urbano e, al tempo stesso, massimizza la continuità tra gli spazi. Il contesto acquatico è caratterizzato da superfici ceramiche, in stretta comunione con acqua e luce, delimitate dall’alto dalle dolci forme del soffitto ondulato, anch’esso in materiale ceramico. Ed è proprio il soffitto, movimentato da diverse altezze, a sottolineare la varietà che si trova nel contesto spaziale e atmosferico della struttura. Ulteriori elementi in ceramica, infine, sono stati utilizzati sulla facciata, sotto forma di sottili lamelle verticali». Per quanto concerne la sostenibilità, il vostro progetto ha previsto sistemi per risparmiare acqua ed energia? «Sin dalll’inizio del processo di progettazione abbiamo puntato alla realizzazione di un edificio altamente efficiente. Abbiamo eseguito un’analisi completa della sostenibilità, la prima volta in assoluto per un impianto di nuoto al coperto in Austria. E il nostro obiettivo, ovvero il raggiungimento

178  NOVEMBRE DICEMBRE 2020

del più alto livello di certificazione (Klimaaktiv GOLD, ndr), è stato pienamente raggiunto. Non dobbiamo inoltre dimenticare che in ambito ingegneristico la sostenibilità è complementare alla scelta di materiali altamente sostenibili. Sul tetto è stato installato un impianto fotovoltaico per la fornitura di energia destinata all’alimentazione, a bassa temperatura, delle pompe di calore, e tutte le unità di ventilazione sono dotate di recupero di calore». In estrema sintesi, per voi qual è il maggiore punto di forza del Paracelsus Bad & Kurhaus? «L’aspetto vincente del Paracelsus Bad & Kurhaus risiede nel suo “dialogo”, esteticamente visionario, con la bellezza architettonica e paesaggistica della città. Come

edificio pubblico rivolto ai residenti di Salisburgo, ubicato in una posizione privilegiata come il centro storico della città, è stato creato per fondersi, in modo sorprendente, con l’ambiente circostante e, al tempo stesso, per soddisfare appieno le esigenze di una società urbana. Nella sua duplice veste di struttura sanitaria e ricreativa situata nel centro storico, il Paracelsus Bad & Kurhaus è un prezioso contributo allo sviluppo urbano di Salisburgo e della qualità della vita dei suoi abitanti. Una duplice e straordinaria funzione che ne fanno un impianto vincente».


tà massima raggiunge i 35 centimetri, sotto il controllo dei genitori intenti a rilassarsi sulle panchine riscaldate che circondano la vasca. Tutta l’area acquatica è illuminata dalla luce naturale del sole che attraversa le ampie vetrate che compongono una fascia continua a tutta altezza, affacciata sui giardini antistanti. Proseguendo la “scalata” del Paracelsus Bad & Kurhaus si raggiunge l’ultimo piano, dotato di terrazza panoramica, aperta tutto l’anno e impreziosita dalla suggestiva piscina a sfioro con acqua salata a 32 gradi, ideale per rilassarsi godendosi la spettacolare vista su Salisburgo. Una piccola parte di questo invaso è adibito a vasca fredda, indispensabile per gli utenti delle saune presenti sempre all’ultimo piano. L’offerta benessere comprende inoltre una sauna biologica e alle erbe, un bagno di vapore, una cabina a infrarossi e varie opportunità di relax, ritagliate nelle tranquille stanze con pareti di vetro e nel solarium. Il Paracelsus, come enunciato dal suo stesso nome, svolge il ruolo di Kurhaus pubblica: la cura del corpo e dello spirito, è un suo elemento distintivo e, pur

culminando con le aree benessere all’ultimo piano, comincia nelle moderne sale per i trattamenti, ubicate ai piani sottostanti, dove vengono effettuate sedute di fisioterapia, massaggi, acquacise, inalazioni, elettroterapia e trattamenti con i fanghi. E a proposito di fanghi, è celebre quello di Leopoldskron, la cui qualità è considerata, in tutta Europa, eccezionale. Ha un’età compresa tra i 12.000 e i 15.000 anni e a Salisburgo viene utilizzato per scopi terapeutici dal lontano 1820.

>

IL NUOVO CLUB 178  NOVEMBRE DICEMBRE 2020

79


SPAZIO PISCINA

SICUREZZA, LUMINOSITÀ ED ELEGANZA: IL RIVESTIMENTO

I cinque piani sui quali si articola il Paracelsus Bad & Kurhaus, nonostante gli ampi spazi di cui sono composti, accolgono in modo confortevole gli ospiti anche grazie alla scelta, ponderata, dei rivestimenti interni. Per le piastrelle delle pareti e dei pavimenti si è optato per elementi ceramici di alta qualità, che coniugano l’elevata resistenza allo scivolamento alla raffinata ricercatezza. L’intera selezione di rivestimenti, fornita da un’unica azienda, è in grado di assicurare, in ogni applicazione, elevati standard di sicurezza. Negli spogliatoi, vivacizzati dalle cabine a strisce verdi e blu che ricordano quelle delle spiagge, sono state impiegate piastrelle in gres porcellanato color calce, sia sulle pareti, sia sul pavimento: il risultato è un’atmosfera “protetta e calda”, come la terra. Il piano che ospita le piscine, invece, è dominato dal bianco delle pareti e del soffitto, ma mantiene il legame con lo spazio attiguo tramite la pavimentazione, rivestita con mattonelle di dimensioni, colori e tecniche di posa identiche a quelle impiegate per lo spogliatoio. L’area acquatica si distingue per il tocco di colore: un legge-

80

IL NUOVO CLUB

178  NOVEMBRE DICEMBRE 2020

ro turchese, che richiama i vicini laghi di montagna, risplende dalle superfici delle vasche. Un effetto reso possibile proprio dalle piastrelle che rivestono internamente le vasche. Dalla brillantezza delle superfici delle aree sottostanti si passa all’eleganza del color antracite che contraddistingue le zone benessere del quinto piano, dove le piastrelle in gres porcellanato dalle tonalità scure si armonizzano perfettamente con il legno che riveste le pareti, riprendendo al tempo stesso la roccia del Mönchsberg, una delle cinque montagne che svettano nel comune di Salisburgo. Il color antracite ricorre non solo nelle zone di accesso e di riposo, ma anche all’interno delle saune e delle docce, così come nell’infinity pool collocata sul tetto, le cui pareti rivestite con mosaico evocano eleganza e raffinatezza. L’estetica del Paracelsus Bad & Kurhaus è dunque piacevolmente coerente, basata su giochi di colori e sembianze naturali che, nel complesso, creano un ambiente balneare e di benessere sereno e accogliente, perfetto per tutta la famiglia.

www.paracelsusbad.at


IL PUNTO DI RIFERIMENTO PER IL SETTORE DEGLI IMPIANTI ACQUATICI

N O V I TÀ

2020

Igiene in Piscina è un vero e proprio punto di riferimento per il settore delle piscine e delle spa. Tenendo conto dell’evoluzione del concetto stesso di piscina, ormai parte di un universo plasmato dal benessere a contatto con l’acqua, un team di esperti ha completamente rivisto e aggiornato il contenuto del volume, la cui prima edizione risale al 1982, approfondendo con rigore temi centrali: sviluppo ed evoluzione della normativa sulle piscine, prevenzione del rischio biologico, rischio chimico nell’acqua in vasca e nell’aria.

ordina al telefono:

acquista sullo shop online:

dal lunedì al venerdì ore 9:30-13 e 14-18

spedizioni tramite corriere espresso SDA

customer@ilcampo.it

spese di spedizione euro 4,50 supplemento spese di contrassegno euro 3,50 (solo Italia)

051 255544

www.ilcampo.it Via G.Amendola 9, 40121 Bologna - tel. 051 255544


NORMATIVE

QUALI REGOLE PER LO SPORT ITALIANO NEL 2021? DI GUIDO MARTINELLI

Alla chiusura forzata degli impianti si somma un quadro normativo che non fornisce certezze sulle regole che gli operatori dovranno rispettare dal prossimo gennaio e i conseguenti costi. Proviamo a prevedere lo scenario analizzando le bozze di provvedimenti che potrebbero anche essere, come ci si augura, modificati in modo sostanziale

L

a situazione che sta vivendo lo sport nazionale in questo tardo autunno del 2020 non ha precedenti. L’attività è, di fatto, bloccata e, al momento, non si è in grado di prevedere se e in che condizioni potrà riaprire. Nel frattempo i costi permangono e si palesa il rischio di dover restituire le quote relative alla chiusura del mese di novembre per il quale il Governo non ha

82

IL NUOVO CLUB

178  NOVEMBRE DICEMBRE 2020

adottato ancora alcun provvedimento sostitutivo (vedi voucher come quelli della scorsa primavera). A questo situazione, sicuramente complessa, si associa, con un potenziale effetto detonante, un quadro normativo che non consente di avere alcuna certezza su quali saranno le regole (e quindi i costi conseguenti) che i gestori dei centri sportivi e delle piscine dovranno applicare dal prossimo primo gennaio.


Proverò a delineare uno scenario chiarendo che si tratta, al momento in cui vengono redatte queste note, di bozze di provvedimenti che, pertanto, potrebbero anche essere modificati in modo anche sostanziali nei prossimi giorni (e auspico che ciò accada).

LA BOZZA DI LEGGE DI BILANCIO 2021

Partiamo dalla bozza di legge di bilancio 2021, approvata dal Consiglio dei Ministri che ha in corso il suo cammino parlamentare in attesa della sua approvazione definitiva. È sempre un azzardo esaminare provvedimenti non definitivi, ma il suo contenuto “potenzialmente esplosivo” e la loro possibile, anche se non auspicata, entrata in vigore il prossimo primo gennaio impongono il loro esame. “Al fine di garantire la sostenibilità della riforma del lavoro sportivo in fase di prima applicazione” è istituito un fondo di 50 milioni di euro per il 2021 e analogo importo per il 2022 “per finanziare nei predetti limiti l’esonero anche parziale dal versamento dei contributi previdenziali a carico delle (…) associazioni e società sportive dilettantistiche” con esclusione dei premi e contributi dovuti all’Inail relativamente ai rapporti di lavoro sportivo instaurati con atleti, allenatori, istruttori, direttori tecnici, direttori sportivi, preparatori atletici e direttori di gara. Qualche considerazione si impone. Va sottolineato con curiosità come si preveda un finanziamento per un’agevolazione su una norma che deve essere ancora approvata e non sappiamo se e quando lo sarà. E, comunque, sulla base del testo delle ultime bozze del decreto di riforma del lavoro sportivo che sono circolate, entrerà comunque in vigore dal primo settembre 2021. La seconda è che si parla di esonero anche parziale. Questo significa che, fermo l’ammontare stanziato (e in assenza di criteri di assegnazione), nessuno ha certezze di quale quota rimarrà a carico del datore impedendo qualsiasi programmazione in merito. Torna poi una classificazione (contenuta anche nella bozza di decreto di riforma dello sport) di soggetti beneficiari priva di caratteri oggettivi. Cosa fa il “direttore sportivo”? Arriveremo all’assurdo che se assumessimo una segretaria per la reception del centro sportivo dovremmo pagare i contributi pieni, mentre se la qualificassimo come “direttore sportivo” (tanto dove è previsto che cosa debba fare un direttore sportivo?!) potremmo godere dell’agevolazione contributiva? Non è chiaro se questo abbattimento sia anche sulla quota di contributi posti a carico dello sportivo o solo su quella che deve versare il datore di lavoro. Altrettanto non appare chiaro se, già dal primo gennaio (ove permanesse l’attuale testo e non fosse ancora in vigore il decreto delegato di riforma del lavoro sportivo) ne potranno comunque godere gli istruttori che già nel 2020 avevano in essere un ordinario rapporto di lavoro subordinato o autonomo (con partita Iva).

Apparentemente, almeno dal primo settembre, dovrebbe valere anche per loro. Ma se così dovesse essere, i conti sulla copertura sarebbero sballati in partenza in quanto non tengono assolutamente conto di quelli che già lavoravano nello sport da dipendenti o da professionisti. Da tenere presente, poi, che qui non si fa alcuna menzione dei c.d. “amministrativi-gestionali”, ossia quelle figure di “segreteria” all’interno delle quali aumenta molto il rischio di ritrovare i presupposti del rapporto di lavoro subordinato. A fronte di questa apparente scelta verso l’uscita dalla disciplina fiscale sui compensi sportivi di cui all’art. 67 primo comma lett. m) del Tuir, in apparente controtendenza si ritrova un’altra norma che, invece, estende alla società Sport e salute SpA il diritto di poter corrispondere i compensi disciplinati dalla norma appena citata. Ma la parte su cui si sta maggiormente discutendo appare essere, a seguito della procedura di infrazione n. 2008/2010 attivata dalla UE, la riscrittura delle agevolazioni Iva per gli enti non profit e, più specificatamente, per le associazioni politiche, sindacali e di categoria, religiose, assistenziali, culturali, sportive dilettantistiche, di promozione sociale e di formazione extrascolastica della persona. Infatti, per detti enti viene soppressa l’agevolazione oggi prevista dal comma quarto dell’art. 4 del d.p.r. 633/72 che prevede che non rientri nel campo di applicazione dell’Iva il corrispettivo specifico versato da associati e/o tesserati, così come la cessione di pubblicazioni rivolte prevalentemente agli associati e le medesime attività vengono fatte rientrare nell’ambito delle prestazioni esente ex art. 10 del medesimo decreto “a condizione di non provocare distorsioni della concorrenza a danno delle imprese commerciali soggette a Iva”.

>

IL NUOVO CLUB 178  NOVEMBRE DICEMBRE 2020

83


NORMATIVE

La novità appare di grande importanza in quanto imporrà praticamente a tutte le associazioni sportive dilettantistiche, che svolgono prestazioni di servizi nei confronti degli associati e/o dei tesserati, di aprire comunque una propria posizione Iva e valutare quale sia l’inquadramento che i medesimi proventi potranno avere ai fini dei redditi. Per le sportive che rimarranno tra le poche realtà a poterla ancora applicare successivamente alla definitiva entrata in vigore della riforma del terzo settore dovrebbero poter rientrare nella defiscalizzazione di cui all’art. 148 co. 3 del Tuir, ma, appunto, “dovrebbero”. Andrà chiarito che incidenza avranno sui plafond della legge n. 398/91 in quanto, se e ove si uscisse da detto regime ci sarà anche l’obbligo della certificazione fiscale del corrispettivo riscosso. Il tutto, ammesso e non concesso che si debba o si possa riaprire a far data dal prossimo primo gennaio. Ma questo significherà, sicuramente, l’ingresso nell’area degli enti c.d. commerciali, sia per quelli che rimarranno fuori dal terzo settore, sia per quelli che invece procederanno all’iscrizione al runts (con la possibile eccezione delle associazioni di promozione sociale se ed in quanto la UE ne approverà il regime di maggior favore per loro previsto). Rimane anche un’incognita (per usare un eufemismo) l’inciso oggi presente “a condizione di non provocare distorsioni della concorrenza a danno delle imprese commerciali soggette all’Iva”. La circostanza che sullo stesso mercato operano anche soggetti commerciali (nei confronti dei quali si applica l’aliquota iva ordinaria) rischia di far perdere l’agevolazione da iva per le asd e ssd? Sul punto necessita urgente chiarezza. Resta anche da verificare come questo “impatterà” sulle società sportive dilettantistiche. Si potrà continuare ad interpretare il primo

84

IL NUOVO CLUB

178  NOVEMBRE DICEMBRE 2020

comma dell’art. 90 della legge 289/02 (laddove si prevede che alle SSD si applichino le norme previste per le ASD) come norma che consenta alle SSD di ritenere applicabile anche a loro la nuova esenzione da Iva? La domanda appare pertinente e necessita di una precisa presa di posizione da parte della Amministrazione finanziaria. Va precisato che la nuova disciplina vincola a un’interpretazione molto riduttiva della nuova fattispecie. L’inserimento dell’inciso “strettamente connesse” con la pratica dello sport riduce ulteriormente il panel della tipologia di proventi che potranno rientrare in tale agevolazione (pensiamo, ad esempio, agli armadietti negli spogliatoi). Vengono poi trasferiti all’art. 10 i vincoli e i limiti già oggi previsti dagli ultimi commi dell’art. 4 sui principi a cui debbono uniformarsi le associazioni per godere di tale esenzione mantenendo sostanzialmente inalterato il loro contenuto. In conclusione viene previsto che si applichino anche ai fini iva le disposizioni sulla perdita della qualifica di ente non commerciale previste ai fini delle imposte sui redditi.

LA RIFORMA DELLO SPORT

Com’è ormai già noto, il “famoso” testo unico sullo sport è stato suddiviso in sei decreti, su cinque dei quali, a quanto si legge, si è trovata l’intesa politica, sull’ultimo, quello ordinamentale, si sta ancora discutendo. Non abbiamo alcuna certezza, pertanto, sia sui contenuti sia sulla tempistica di entrata in vigore. Sulla base dei testi al momento disponibili sono diversi gli aspetti da approfondire, ma avremo modo di farlo quando il contenuto sarà ufficiale. Ad oggi, sono due i rilievi che vorrei evidenziare. Il primo che non si capisce il perché non si potranno più costituire cooperative sportive dilettantistiche. Quale sia la ratio di questa scelta è a mio avviso totalmente inspiegabile. Dall’altra l’inserimento delle società di persone dove anche per loro non sarà facile verificare il rispetto dell’assenza dello scopo di lucro trattandosi di società dove il patrimonio di questa si confonde con il patrimonio dei singoli soci. L’altro aspetto sul quale vorrei porre l’attenzione è la “non scelta” sul lavoro sportivo dilettantistico. Affermare che questo possa costituire rapporto di lavoro subordinato, autonomo, di collaborazione coordinata e continuativa o occasionale significa lasciare le cose esattamente come sono oggi. Può essere qualsiasi cosa. E, come tale, oggetti di contenzioso. Se viene confermato che un atleta professionista per presunzione di legge sarà da inquadrare come subordinato, come si pensa di dover inquadrare un atleta dilettante che fa le stesse cose? Prevedere un contratto di apprendistato per i giovani atleti cosa significa se non dopo doverli assumere? E come sempre, il problema resta il medesimo: assoluta confusione sulle regole applicabili e nessuna verifica sulla sostenibilità del sistema. Spero di raccontarvi cose diverse nel prossimo numero.


Capire perché, come e quando la comunicazione tende a fallire. Imparare a padroneggiare la propria comunicazione intrapsichica (stati d’animo e rappresentazioni mentali). Diventare chiari, convincenti e coinvolgenti in occasione di colloqui, riunioni, convegni, trattative, stesura di relazioni, telefonate, scrittura di e-mail. Indicazioni pratiche su come pianificare l’allenamento alla comunicazione efficace.

Il nuovo libro di Francesco Muzzarelli insegna a comunicare meglio per avere successo

Studiare comunicazione non significa “diventare carini e gentili”. Significa saper impiegare le risorse del linguaggio verbale e non verbale, consapevolmente e in modo adeguato al contesto. Nella realtà socio-economica attuale, fatta di rapidità, sfide e carenza di risorse, è irrinunciabile possedere la capacità concreta di: chiarire e condividere obiettivi, strategie, valori, regole, responsabilità, progetti, idee, problemi, soluzioni, priorità; decodificare correttamente ciò che gli altri intendono comunicarci. Tutto ciò si chiama “comunicazione efficace”. “Chiari e Convincenti” illustra le leggi fondamentali dell’interazione tra esseri umani e fornisce una base, teorica e pratica, per sviluppare le proprie capacità comunicative, con tutti i vantaggi che ne conseguono. Questo manuale non può mancare nella vostra libreria!

Francesco Muzzarelli

La comunicazione influenza in modo decisivo ogni nostra attività, in ambito professionale e nella vita privata. Dal modo in cui utilizziamo il linguaggio – orale, scritto e corporeo – dipende la qualità della nostra relazione con gli altri.

chiari e convincenti

Comunicare in modo corretto ed efficace in ogni circostanza

Francesco Muzzarelli

chiari e convincenti Comunicare in modo corretto ed efficace in ogni circostanza

Francesco Muzzarelli è docente certificato AIF in comunicazione e comportamento organizzativo, nonché direttore di psicodramma classico. Da 16 anni svolge l'attività di formatore e consulente presso l’impresa e la pubblica amministrazione. È Professore a contratto presso la Scuola di Psicologia e Scienze della formazione dell’Università di Bologna, docente di master nel Dipartimento di Comunicazione dell’Università di San Marino e presso Alma Graduate School. È autore di oltre trenta testi dedicati al management e allo sviluppo personale.

disponibile anche in formato ebook

€ 18,00 (IVA i.) € 18,00 (IVA i.) trenta testi dedicati al management e allo sviluppo personale. Marino e presso Alma Graduate School. È autore di oltre Dipartimento di Comunicazione dell’Università di San formazione dell’Università di Bologna, docente di master nel contratto presso la Scuola di Psicologia e Scienze della l’impresa e la pubblica amministrazione. È Professore a Da 16 anni svolge l'attività di formatore e consulente presso psicodramma classico. cazione e comportamento organizzativo, nonché direttore di Francesco Muzzarelli è docente certificato AIF in comuni-

La comunicazione influenza in modo decisivo ogni nostra attività, in ambito professionale e nella vita privata. Dal modo in cui utilizziamo il linguaggio - orale, scritto e corporeo - dipende la qualità della nostra relazione con gli altri.

Questo manuale non può mancare nella vostra libreria! con tutti i vantaggi che ne conseguono. e pratica, per sviluppare le proprie capacità comunicative, dell’interazione tra esseri umani e fornisce una base, teorica “Chiari e Convincenti” illustra le leggi fondamentali Tutto ciò si chiama “comunicazione efficace”. dificare correttamente ciò che gli altri intendono comunicarci. responsabilità, progetti, idee, problemi, soluzioni, priorità; decodi: chiarire e condividere obiettivi, strategie, valori, regole, carenza di risorse, è irrinunciabile possedere la capacità concreta dalattuale, lunedì ore Nella realtà socio-economica fattaaldi venerdì rapidità, sfide e verbale, consapevolmente e in modo adeguato al contesto. Significa saper impiegare le risorse del linguaggio verbale e non Studiare comunicazione non significa “diventare carini e gentili”.

ordina al telefono:

acquista sullo shop online:

acquistare da Editrice Il Campo è semplice, sicuro e veloce:

9:30-13 e 14-18

051-255544

customer@ilcampo.it dal lunedì al venerdì ore 9,30-13 e 15-18

alla comunicazione efficace. Indicazioni pratiche su come pianificare l’allenamento relazioni, telefonate, scrittura di e-mail. di colloqui, riunioni, convegni, trattative, stesura di Diventare chiari, convincentitramite e coinvolgenti in occasione spedizioni corriere espresso intrapsichica (stati d’animo e rappresentazioni mentali). Imparare a padroneggiare la propria comunicazione

itnecnivnoc e iraihc

051 ORDINA 255544 AL TELEFONO

www.ilcampo.it ACQUISTA ONLINE spedizioni tramite corriere espresso SDA

www.ilcampo.it

spese di spedizione euro 4,50 supplemento spese di contrassegno (solo Italia) nello shop euro puoi3,50 approfondire

acquistare quando vuoi tu.

ogni circostanza edBologna efficace in 255544 Via G.Amendola 9, 40121 - tel. 051 SDA - spese di spedizionemodo €4,50 - supplemento corretto spese di contrassegno € 3,50 (solo Italia) Comunicare in

e


AZIENDE E PRODOTTI

AZIEN DE E PRO DOTTI

A CURA DELLA REDAZIONE

PIATTAFORME DIGITALI E PALESTRE: ALLEATI PER BATTERE LA CONCORRENZA

U

ptivo è la piattaforma digitale studiata per aumentare la motivazione e il coinvolgimento dei clienti di studi di personal training e centri fitness che si allenano in sala, all’aperto e da remoto. Con l’intento di mettere la tecnologia al servizio di trainer e club, questa piattaforma hi-tech allarga il proprio raggio d’azione e si potenzia con l’introduzione della funzione attività, che permette a palestre e trainer di organizzare al meglio la propria offerta di corsi, lezioni e pacchetti, consentendo ai propri clienti di visualizzarli e prenotarli direttamente tramite l’app personale e gratuita. La piattaforma offre ai club anche la possibilità di ricevere i pagamenti dei clienti tramite Stripe, sempre mediante l’app Uptivo. La software house italiana offre a imprenditori e professionisti del fitness uno strumento per la fidelizzazione e la gestione della clientela di facile utilizzo, partendo dall’assunto che il monitoraggio cardiaco gioca un ruolo chiave nell’aumentare il valore percepito dai clienti

86

IL NUOVO CLUB

che vivono esperienze fitness proposte da palestre e studi personal. Un valore non raggiungibili nell’ambito del fitness “fai da te”, svolto tramite app e piattaforme. Il monitoraggio cardiaco Uptivo trasforma, in tempo reale, lo sforzo compiuto durante l’allenamento in numeri, colori e grafici, rendendolo misurabile, quasi tangibile per il cliente che, venendo a conoscenza dell’intensità del lavoro svolto e della propria risposta organica ai diversi livelli di sforzo, risulta estremamente motivato ad allenarsi con costanza. Uptivo LIVE, la soluzione nata durante il primo lockdown, combina audio e video streaming con il monitoraggio cardiaco, risultando ideale per offrire un allenamento coinvolgente e personalizzato, ovunque i clienti scelgano di svolgerlo. La piattaforma fornisce infatti strumenti specifici tramite i quali i trainer hanno a disposizione tutte le informazioni necessarie per controllare il carico di lavoro dei clienti, incoraggiarli, fornire loro feedback sulle sessioni d’allenamento via

178  NOVEMBRE DICEMBRE 2020

via svolte, proporre nuove attività da svolgere in palestra, a casa o da remoto, nonché stimolare la competizione amichevole tramite Sfide e Classifiche all’interno del club. Proposto come parte integrante della propria offerta di fitness, questo strumento incrementa significativamente la fidelizzazione della clientela:

lo dimostrano i risultati raccolti dai centri fitness che ne hanno sfruttato appieno le funzionalità durante i mesi di chiusura forzata. PER INFORMAZIONI: uptivo.fit info@uptivo.fit tel. +39 0362 1857437


FORMAZIONE SPINNING® FIRMATA FISPIN

L’

attività formativa proposta da FISPIN comprende i percorsi tecnici che consentono di acquisire la qualifica di Istruttore di Spinning® e, per chi ne è già in possesso, di migliorare le proprie competenze tecniche e relazionali per crescere professionalmente e, di conseguenza, elevare la qualità del servizio erogato e la soddisfazione dei praticanti. Un percorso formativo completo che oggi comprende anche l’acquisizione delle conoscenze e le abilità per svolgere l’attività di insegnante anche online, erogando lezioni live, trasmesse in streaming, o registrate e proposte on demand. Questa sorta di specializzazione in campo digitale presuppone

l’apprendimento di specifiche metodologie per gestire le lezioni digitali padroneggiando le strumentazioni tecniche necessarie. FISPIN propone inoltre corsi che insegnano a proporre lo Spinning® abbinato all’attività funzionale per offrire ai propri clienti un allenamento più completo, ideale per raggiungere una forma fisica e uno stato di benessere a trecentosessanta gradi. Un modo per coniugare la scienza della preparazione fisica del ciclismo ai benefici del functional training in termini di forza, flessibilità, coordinazione motoria e mobilità. Una soluzione, questa, molto interessante per i club e i personal trainer che hanno l’opportunità di proporre un “prodotto” diverso senza sostenere investimenti.

Un nuovo servizio erogabile anche online, che consente di utilizzare lo Spinning® anche all’interno dell’allenamento a circuito, come recupero attivo o come attività cardiovascolare. Un modo efficace per arricchire la propria offerta, con la possibilità di declinarla, tramite il web, anche in versione home fitness digitale, sia di gruppo, sia in formato personal training. Tutto questo acquisendo nozioni tecniche specifiche per l’utilizzo della strumentazione a disposizione dell’istruttore che oggi consente addirittura il monitoraggio, in tempo reale, del lavoro svolto dai praticanti.

PER INFORMAZIONI: Fispin S.S.D. a R.L. tel. 050.31.46.414 mob. 342 9596143 www.fispinacademy.it info@fispinacademy.it

La rivista Piscine Oggi, da quasi 50 anni, propone le migliori realizzazioni di piscine private, pubbliche e commerciali, parchi acquatici, centri termali e spa. Presenta gli impianti più innovativi, soluzioni per il risparmio energetico e l’efficienza, affrontando inoltre importanti aspetti manageriali e gestionali.

piscineoggi@ilcampo.it www.ilcampo.it


AZIENDE E PRODOTTI

LA NUOVA DIMENSIONE DELL’ALLENAMENTO

P

ower Cuff, l’innovativo e versatile attrezzo descritto come “la palestra in un cerchio”, è nato dalla collaborazione tra LEGION® Equipment e Guido Bruscia, fondatore di FTS Functional Training School. Si distingue innanzitutto per la distribuzione equilibrata del carico intorno alla mano grazie all’impugnatura posizionata all’interno e per la conformazione che conferisce maggiore stabilità e controllo del movimento, dando la sensazione che il peso faccia parte del braccio stesso. Grazie a tali caratteristiche, può essere utilizzato per esercizi di preparazione

atletica, esercizi dinamici che uniscono diverse tipologie di movimento, nonché per esercizi riabilitativi. Power Cuff può essere considerato il trait d’union tra manubrio e kettlebell, caratterizzato da numerosi punti di forza aggiuntivi. Si differenzia dal manubrio per la differente distribuzione del carico. Le due teste del manubrio possono incrementare le tensioni articolari nei movimenti rotazionali, mentre il peso del Power Cuff si distribuisce in modo uniforme intorno al polso in virtù della sua forma circolare. Rispetto alla kettlebell, Power Cuff ha

un braccio di leva più corto che implica un minor stress sulle articolazioni durante l’esecuzione degli esercizi. I vantaggi sono evidenti soprattutto quando si svolgono esercizi balistici, molto più semplici da gestire, con una significativa riduzione delle possibilità d’infortunio. La migliore gestione dell’attrezzo consente l’esecuzione di tutti gli esercizi che comunemente vengono eseguiti con kettlebell e manubri, ma allo stesso tempo permette la creazione di nuove tipologie di esercizi in grado di coniugare, nello stesso gesto, balistici e anisometrici. Power Cuff può essere

facilmente impiegato anche nell’ambito delle attività di gruppo proposte dai fitness club, consentendo ai propri clienti di svolgere un nuovo allenamento di tendenza. È disponibile in una scala di pesi che va da 4 a 20 chilogrammi, con incrementi di 2 chilogrammi, e grazie alla forma compatta e sovrapponibile, la serie completa può essere riposta ordinatamente in uno spazio molto più contenuto rispetto ad altre tipologie di pesi.

all’installazione sospesa a soffitto. Le serie ID ed SP sono progettate per l’utilizzo in ambienti a elevato carico latente, in cui sia richiesto un funzionamento 24 ore su 24, mentre le unità SPR sono la risposta ideale alle esigenze delle piscine in cui non sia sufficiente deumidificare in quanto richiedono un forte ricambio dell’aria interna, ma senza disperdere all’esterno il calore dell’ambiente interno.

PER INFORMAZIONI: HiDew tel. 049 9588511 sales@hidew.it www.hidew.it

PER INFORMAZIONI: www.dotile.it fit@dotile.it tel. 0422 267010

DEUMIDIFICARE È UN’ARTE

H

iDew, giovane e dinamica azienda padovana, propone una gamma completa di deumidificatori per sistemi a raffrescamento radiante, processi industriali, piscine e recuperatori di calore ad altissima efficienza per la ventilazione meccanica controllata residenziale. Negli anni ha ottenuto tutte le più severe certificazioni di qualità e di efficienza e per il settore piscina produce e commercializza unità di

88

IL NUOVO CLUB

deumidificazione dell’aria per impianti di tutte le dimensioni. Tra i prodotti di punta figurano i deumidificatori della serie DDS con controllo evoluto, completamente autonomi e concepiti per l’utilizzo in piscine di piccole dimensioni che richiedono l’installazione a muro. Sono inoltre caratterizzati dal gradevole design che li rende idonei a qualsiasi ambiente. I deumidificatori della serie DCS, anch’essi con il controllo evoluto e autonomi, sono invece concepiti per l’utilizzo in piscine di dimensioni contenute nelle quali sia richiesta l’installazione a parete all’interno di un locale tecnico adiacente all’ambiente da deumidificare. I nuovi deumidificatori della serie DVS sono destinati all’utilizzo in piccole piscine con installazione verticale, mentre quelli della serie DOS

178  NOVEMBRE DICEMBRE 2020


Il metodo infallibile per motivare all' esercizio fisico Tecniche e strumenti per rendere l'attività motoria dei vostri clienti uno stile di vita Motivare all’esercizio fisico è una sfida che gli operatori del settore fitness devono far propria e vincere. Questo manuale, basato su solide evidenze scientifiche, insegna un metodo di comprovata efficacia per aiutare chiunque a trasformare l’attività motoria in uno stile di vita, un’abitudine, in una sola parola in un comportamento.

ordina al telefono:

acquista sullo shop online:

051 255544

www.ilcampo.it

dal lunedì al venerdì ore 9:30-13 e 14-18

spedizioni tramite corriere espresso SDA

customer@ilcampo.it

spese di spedizione euro 4,50 supplemento spese di contrassegno euro 3,50 (solo Italia)

Via G.Amendola 9, 40121 Bologna


PE RCO RSI AREA MANAGERIALE

In queste pagine, una panoramica sui corsi di formazione e di aggiornamento in programma per i prossimi mesi. Distinti nelle due aree gestionale e tecnica, questi corsi si rivolgono a manager, preparatori, istruttori e, in generale, a tutti gli operatori del settore fitness, sport e benessere. Per conoscere con esattezza date e sedi, e avere l’elenco completo dei corsi offerti, contattare gli enti organizzatori agli indirizzi indicati. Mesi di riferimento: dicembre, gennaio, febbraio A CURA DELLA REDAZIONE

CORSI WELLINK ACADEMY Seconda edizione di ACADEMY PRO, la formazione manageriale per il settore fitness & wellness, caratterizzata da percorsi di formazione a numero chiuso, di durata annuale con test d’ingresso e certificazione finale delle competenze. Club Manager e Fitness Manager sono i percorsi in partenza a gennaio 2021 DOCENTI: vari SEDI: Sede: Seregno (MB) e online CONTATTI: www.wellinkacademy.it info@wellinkacademy.it tel. 0362.1543510

CORSI GREEN ACADEMY Green Academy propone corsi di formazione specifici per gli addetti del mondo fitness ed estetica, affiancando l’attività di centinaia di operatori al fine di innalzare il livello di qualità delle aziende in cui operano. La proposta formativa Green Academy comprende: Live Webinar: sessioni di 1 ora circa su marketing, vendita e fidelizzazione; Practice Day: corsi di 1 giorno, laboratori di perfezionamento che si svolgono presso le palestre affiliate Green Academy; Fitness Marketing Day: formazione di 1 giorno in hotel su strategie e marketing per titolari e responsabili. Per i prossimi appuntamenti, contattare Green Academy ai recapiti sottostanti. DOCENTI: Alessandro Aru, Max Di Rita, Carmine Preziosi, Carmine Santangelo SEDI: tutta Italia CONTATTI: tel. 348 3058098 alessandro.aru@

90

IL NUOVO CLUB

178  NOVEMBRE DICEMBRE 2020

violetconsulting.it https://violetconsulting.it/ corsiformazione

REX ROUNDTABLES FOR EXECUTIVES Il REX Roundtables è rivolto a titolari qualificati e general manager di fitness club. È un rivoluzionario metodo di formazione che si sviluppa con periodiche riunioni intensive di approfondimento strategico/ operativo del mercato e con confronti strutturati tra un numero ristretto di colleghi con esperti internazionali del fitness e di altri settori. Per i prossimi incontri, contattare Rex Roundtables Europe ai recapiti sottostanti. DOCENTI: vari SEDI: varie CONTATTI: Rex Roundtables Europe Fausto Di Giulio, Tortoreto (TE) cell. 335.817.35.30 www.rexroundtables.eu rex@rexroundtables.eu CORSI, SEMINARI E MASTER FIT ONE PROMOTION Da sabato 6 febbraio 2021 avrà inizio la sessione invernale di attività formative con corsi di formazione, master di specializzazione e stage d’aggiornamento nell’area gestionale. Tra i corsi offerti: Corso di formazione per consulenti di vendita; Master di gestione tecnica degli impianti natatori; Stage sul responsabile tecnico di un fitness club. DOCENTI: vari SEDE: Milano CONTATTI: tel. 02.21.11.96.76 info@fitpromos.it www.fitpromos.it

CORSI COACHING PNL & TRAINING l Licensed PNL Practitioner è il primo livello di certificazione internazionale in PNL. I corsi sono organizzati dalla Scuola di Formazione “Coaching PNL & Training” di Savino Tupputi. Prossimi corsi: PNL Practitioner: 10-11-12-13-14 dicembre; Comunicazione non verbale: 12-13-14 febbraio; Basi di PNL: 27-28 febbraio. SEDE: Coaching PNL & Training di Perugia DOCENTE: Savino Tupputi CONTATTI: www.coachingpnl.training numero verde 800.200.264 info@savinotupputi.it

CORSI MARKETING E MANAGEMENT COWELLNESS MASTERCLASS La piattaforma educational di CoWellness, azienda di servizi nata per far crescere il business di palestre, scuole sportive e personal trainer, è un portale di videocorsi online che propone una formazione on demand dedicata alla gestione delle campagne social media e lo sviluppo di un’ efficace attività di comunicazione. DOCENTI: Esperti di Marketing e Management del team CoWellness CONTATTI: www.co-wellnesss.com info@co-wellness.com tel. 02 82786465


AREA TECNICA CORSI MEDICAL FITNESS E SLOWFIT PER ISTRUTTORI International SlowFIT Association organizza corsi di formazione per imparare a utilizzare e applicare il rivoluzionario metodo SlowFIT nei corsi, nella fisioterapia, nel Personal Training, nella ginnastica preventiva, personalizzata di gruppo. Il percorso di certificazione permette di entrare subito in contatto e collaborare con medici e farmacie. Per i prossimi appuntamenti contattare Slow Fit SEDI: varie DOCENTI: Fausto Di Giulio CONTATTI: tel. 0861.78.92.39 www.slowfit.com

CORSI TECNOBODY ACADEMY La TecnoBody Academy si occupa della formazione relativa all’impiego dei sistemi e dei protocolli riabilitativi TecnoBody, in ambito riabilitativo, preventivo, benessere, mantenimento e fitness. Il suo obiettivo è trasferire il patrimonio di conoscenza di TecnoBody attraverso un percorso esclusivo che porta nuovi operatori a contatto con le ultime tecnologie e i migliori professionisti del settore. Per i prossimi incontri, visitare il sito www.tecnobody.com per conoscere le date di eventuali webinar e appuntamenti online.

Tra i corsi proposti: BODYPUMP, GRIT, BODYBALANCE, BODYVIVE, BODYSTEP, BODYATTACK, CXWORX, BODYCOMBAT. Per i prossimi appuntamenti, contattare Les Mills ai recapiti sottostanti. SEDI: tutta Italia DOCENTI: vari CONTATTI: federico@lesmills.it www.lesmills.it/formazioni tel. 02.498.78.81 BALANCED BODY EDUCATION Il programma di formazione Balanced Body è progettato in moduli per consentire di cominciare a frequentare il corso Pilates in qualsiasi momento e proseguire la formazione quando si vuole, fino al conseguimento della certificazione. Sono richieste ore aggiuntive di pratica prima di poter fare il test out e ricevere il certificato di completamento. ®

Per i prossimi corsi contattare Genesi ai recapiti sottostanti. SEDI: tutta Italia DOCENTI: vari CONTATTI: Genesi tel. 0438.63.555 info@genesicompany.it www.genesicompany.it www.pilatespro.it CORSI HEALTHY HABITS ACADEMY La terza edizione della Healthy Habits Academy si dividerà, prevedendo due diversi percorsi formativi: Healthy Habits Trainer e Specialist , riservato a insegnanti, medici, psicologi, scienze motorie, infermieri, nutrizionisti e fisioterapisti. Il secondo è riservato ai laureati a indirizzo economico, sociale o a figure specializzate nella formazione aziendale e licenzierà la nuova figura dell’ healthy habits manager. Le sedi di svolgimento dei corsi saranno a Montecatini Terme (per h.h.trainer e specialist ) e in via di definizione (per h.h.manager). Il percorso formativo per h.h trainer e specialist avrà la durata di 6 mesi e sarà diviso in 6 fine settimana full immersion, da gennaio a giugno 2021. I docenti dell’Academy sono selezionati tra scienziati, docenti universitari e ®

®

SEDI: varie e online DOCENTI: dott. Roberto Russo (responsabile didattico), dott. Renato Capurro (responsabile scientifico), dott. Marco Gidoni (Clinical Specialist TecnoBody) e il team di Product Specialist TecnoBody CONTATTI: academy@tecnobody.it www.tecnobody.com tel. 035.59.43.63 LES MILLS Les Mills forma sui metodi Les Mills il maggior numero possibile di persone motivate, rilasciando a tutti gli istruttori partecipanti una certificazione internazionale.

ricercatori di comprovata esperienza nei quattro ambiti della metodologia: ambiente, fisiologia, nutrizione e relazioni psico-sociali. Il corso eroga il massimo dei crediti formativi per le professioni sanitarie (50 crediti ECM). Al termine verrà rilasciato l’attestato di specialista in prevenzione primaria e cambiamento sostenibile delle principali abitudini.

contattare Interfit ai recapiti sottostanti.

DOCENTI: Fabrizio Benedetti, Ettore Bergamini, Stefano Bianchi, Francesca Braglia, Mauro Carretti, Lisa Guidi, David Mariani, Silvia Pettinicchio Krebs SEDI: Heathy Habits Academy, Montecatini Terme - Hotel Adua (viale Manzoni) CONTATTI: David Mariani tel. 348 3132507 www.healthyhabits.it

CORSI TECNICI FIT ONE PROMOTION Da sabato 6 febbraio 2021 avrà inizio la sessione invernale di attività formative con corsi di formazione, master di specializzazione e stage d’aggiornamento nelle cinque aree tematiche previste: fitness & body building, fitness musicali & indoor cycling, Pilates matwork, attività acquatiche, riabilitazione sportiva & massaggio.

CORSI MIHA BODYTEC I corsi di formazione EMS di miha bodytec, in collaborazione con il Gluckerkolleg, garantiscono agli operatori del settore e non, tutte le informazioni e le competenze necessarie per poter erogare un servizio di EMS personal training di qualità, efficace e sicuro. Licenza internazionale EMS Trainer Livello 1 (Gluckerkolleg riconosciuto ASI-CONI Italia) Prossimi incontri: per il calendario dei prossimi incontri,

DOCENTI: vari SEDE: Bologna (Centergross) CONTATTI: Interfit S.r.l. - miha bodytec Italia www.miha-bodytec.it info@interfit.it tel: 051860916 www.pilatesitalia.com

Tra i corsi offerti: Corso di formazione per istruttori di fitness e body building; Corso di formazione per personal trainer; Corso di formazione per istruttori di discipline musicali e tonificazione; Corso di formazione per istruttori di indoor cycling. DOCENTI: vari. SEDI: Milano. CONTATTI: tel. 02.21.11.96.76 info@fitpromos.it www.fitpromos.it

CORSI TECNICI FISPIN S.S.D. A R.L Gli appuntamenti FISPIN con gli utenti proseguono all’insegna dell’iniziativa #lontanimauniti sulle piattaforme ZOOM e YOUTUBE. Tra queste figurano dirette e webinar dedicati a corsi di formazione Spinning®. Prossimi appuntamenti: Corso SIC (2° modulo): sabato 5 dicembre, ore 09.00; Corso CREATIVE: domenica 6 dicembre, ore 09.00; Corso MixMeister (Advanced Level): sabato 12 dicembre, ore 09.00; Corso SIC (3° modulo): sabato 12 dicembre, ore 09.00; Corso SIC (4° modulo): sabato 9 gennaio, ore 09.00. CONTATTI: Fispin S.S.D. a R.L. tel. 050.31.46.414 mob. 342 9596143 www.fispinacademy.it info@fispinacademy.it

IL NUOVO CLUB 178  NOVEMBRE DICEMBRE 2020

91


CORSI WELL BACK SYSTEM

PERCORSI

I corsi di formazione organizzati da Well Back System, proposti dalla Well Back System Accademy, consentono di diventare un professionista del Metodo WBS. Un’unica giornata, al termine della quale verrà rilasciato un attestato di partecipazione ed il manuale didattico in versione elettronica, con i protocolli delle lezioni presentate durante il corso ed i filmati di lezioni ed esercizi. Livello base: il primo livello insegna le tecniche per una corretta regolazione dell’attrezzo e approfondisce il protocollo antalgico. Livello Avanzato: insegna le tecniche e i programmi per la conduzione di corsi collettivi WELL BACK e WELL BACK POSTURAL. Group class livello 1: insegna le tecniche e i programmi per la conduzione di corsi collettivi WELL BACK e WELL BACK POSTURAL. Group class livello 2: approfondisce i corsi WELL BODY FUNCTIONAL e WELL BODY SLIM. Il nuovo corso di Well Back System Pilates consente di acquisire le tecniche per la conduzione di corsi collettivi e lezioni individuali di WBS Pilates. Per i prossimi appuntamenti, contattare Well Back System ai recapiti sottostanti. SEDI: varie DOCENTI: Diego Sarto, Sergio Boni CONTATTI: www.wellbacksystem.com silviana@wellbacksystem.com tel. 0573.82.720 interno 2 cell. 329.238.93.21 (anche WhatsApp) CORSI TECNICI SPORTHUB ASIVITATTIVA Tutti i corsi di formazione sono riconosciuti da ASI-CONI. I corsi proposti comprendono: Pilates - Corso Introduttivo PF - Principi Polestar Pilates; Pesistica e Cutura Fisica; Corso Istruttore 1° Livello Functional Training; Corso di istruttore di 1° Livello di Mixed Martial Arts (MMA); Corso per tecnico 2° Livello per cardiofit e cardioposturale; Corso Club Senior; Corso per tecnico 1° Livello B.A.G. (Body Against Gravity).

Roma (i due corsi sono tenuti dai maestri Iacovone e Agostinoni); Corso di istruttore di 1° livello di Mixed Martial Arts: 21/22 dicembre, Modena e ROMA (tenuto dal maestro Luca Di Tullio). Corsi Fitness Vitattiva – Corso per Tecnico di 2° livello per CardioFit e CardioPosturale: 14/15 dicembre, Roma (tenuto dal tecnico Francesca Papi); Corso per Tecnico di 1° livello B.A.G. (Body Against Gravity): 18/19 gennaio, Roma (ideato dall’head coach Gigi Rocchini e tenuto da Davide Mazzelli). SEDI: tutta Italia DOCENTI: vari CONTATTI: tel. 06 4957871 segreteria@vitattiva.it www.vitattiva.it

Prossimi incontri: Pilates – Corso per tecnico di 1° livello Gateway Polestar Pilates Vitattiva: 18/19 gennaio, Roma; Corso introduttivo PF – Principi Polestar Pilates: 15/16 febbraio, Milano (corsi tenuti da Serafino Ambrosio, licenziatario per l’Italia di Polestar Pilates USA). Pesistica e cultura fisica – Corso istruttore 1° livello Functional Training: 1-1415 dicembre, Roma; Corso Tecnico 1° livello di Sala Pesi Body Building e Powerlifting: 18/19 gennaio - 1/2 febbraio,

CORSI COVATECH® PILATES® La formazione completa per diventare CovaTech® Pilates® Teacher prevede circa 450 ore di studio e osservazione, soddisfacendo le linee guida della PMA (Pilates Method Alliance), e comprende il materiale didattico, l’esame finale e l’attestato di competenza.

Per i prossimi appuntamenti, contattare Covatech® Pilates® ai recapiti sottostanti SEDI: Milano DOCENTI: vari CONTATTI: tel. 02.78.26.93 info@covatechpilates.com CORSI PILATES ITALIA Prossimi appuntamenti: Corso STOTT PILATES® IMP - CORSO INTENSIVO MATWORK PLUS™: Milano 4, 5, 6, 11, 12, 13 dicembre. Corso STOTT PILATES® IR - CORSO INTENSIVO REFORMER™: Milano 4, 5, 6, 11, 12, 13, 18, 19, 20 dicembre. Corso STOTT PILATES® ICAD - CORSO INTENSIVO CADILLAC: Milano 5, 6, 7, 8 dicembre. Corso STOTT PILATES® ICHR - CORSO INTENSIVO CHAIR: Milano 18, 18, 20 dicembre. Corso STOTT PILATES® ISP - CORSO INFORTUNI E PATOLOGIE SPECIFICHE: Milano 5, 6, 7, 8 dicembre. Corso Merrithew™ HALO FOUNDATION L1: Milano, 12 dicembre. Workshop Core™ Power & Stamina: Medicine Ball Interval Training (Volume

1): Milano, 13 dicembre. Workshop Halo Workshop Halo® Intro to Interval Training, For a Level 1 Client: Milano, 13 dicembre. Workshop Core™ Dryland Performance Training for Swimmers: Milano, 13 dicembre. Corso STOTT PILATES® IMP - CORSO INTENSIVO MATWORK PLUS™: Milano, 9, 10, 16, 17, 23, 24 gennaio. Corso STOTT PILATES® IR - CORSO INTENSIVO REFORMER™: Milano, 22, 23, 24, 29, 30, 31 gennaio e 6, 7 Febbraio 2021. Corso STOTT PILATES® ICHR - CORSO INTENSIVO CHAIR: Milano, 8, 9, 10 gennaio 2021. Corso Pilates Italia® - Anatomia, biomeccanica e patologie del rachide cervicale: benefici e rischi dell’esercizio fisico e del Pilates: Milano, 10 gennaio 2021. Corso Pilates Italia® - BOSU® Next Generation Balance Training L.1°: Milano, 16 gennaio. Corso Pilates Italia® - BOSU® Mindful Movement & Mobility L.2°: Milano, 17 gennaio. Corso STOTT PILATES® IR - CORSO INTENSIVO REFORMER™: Bologna 5, 6, 7, 12, 13, 14, 20, 21 febbraio. Corso STOTT PILATES® IMP - CORSO INTENSIVO MATWORK PLUS™: Bologna 12, 13, 14, 19, 20, 21 febbraio. Corso Pilates Italia® di ANATOMIA Funzionale: Milano 6, 7, 13, 14, 20, 21 febbraio. Workshop STOTT PILATES® Sliding Mobility Disks™ for Dynamic Stabilization, Matwork: Milano, 6 febbraio. Workshop STOTT PILATES® Matwork Interval Training, Level 2: Milano, 7 febbraio. Workshop Pilates Italia® - Prenatale e Postnatale: benefici e rischi dell’esercizio fisico in gravidanza: Milano, 7 febbraio. Corso Merrithew™ CORE™ FOUNDATION L1: Milano, 13 febbraio. Workshop STOTT PILATES® Core™ Distance Running Level 1: Milano, 14 febbraio. Workshop STOTT PILATES® Balance & Strength on the Big Blue Stability Cushion™: Milano, 14 febbraio. Corso STOTT PILATES® IBRL – INTENSIVO BARRELS: Milano 20, 21 febbraio. Corso Merrithew™ TOTAL BARRE™: Milano 20 febbraio. Workshop STOTT PILATES® Total Barre® Endurance 2: Milano, 21 febbraio. Workshop STOTT PILATES® Total Barre® Modified for Pre- & PostNatal: Milano, 21 febbraio. SEDI: varie DOCENTI: vari CONTATTI: tel. 02.894.513.69 info@pilatesitalia.com www.pilatesitalia.com

www.ilcampo.it visita il Nuovo Shop Online e scopri le promozioni speciali a te riservate IL NUOVO CLUB

ATTUALITÀ E MANAGEMENT DEI CIRCOLI SPORTIVI E DELLE PALESTRE BIMESTRALE ANNO XXX EDITRICE IL CAMPO BOLOGNA In caso di mancato recapito, rinviare all’Uff. CMP di Bologna, detentore del conto, per la restituzione al mittente che si impegna a pagare la relativa tariffa

168 MARZO APRILE 2019

EURO 6,50

WWW.FITNESSTREND.COM

30

O

Italian Pool Design Il design della piscina italiana

168 marzo aprile 2019

Italian Pool Design 9

anno

Idee, suggerimenti e soluzioni per la progettazione, costruzione e ambientazione di piscine private e di piscine commerciali, ad uso collettivo: questo è Italian Pool Design. Una collana di volumi che, di volta in volta, sorprende per la qualità e la quantità di immagini e di disegni tecnici, corredati da testi descrittivi ricchi di informazioni e spunti per tutti i professionisti che operano nel settore delle piscine. Questo sesto volume ospita al suo interno anche la sezione (introdotta durante la quarta edizione) dedicata alle piscine biologiche e naturali, caratterizzate dall’impiego di sistemi alternativi per il trattamento dell’acqua, come la fitodepurazione tramite piante acquatiche. Il libro, così come il premio Italian Pool Award e la Fiera ForumPiscine, nasce da un’unica volontà: mettere in evidenza le eccellenze progettuali e realizzative delle maestranze italiane in tutto il mondo.

BOUTIQUE

92

SOTTO LA LENTE

NETWORK D'ITALIA

LA PISCINA 4.0

IL CLUB A PROVA D'ESTATE

IL NUOVO CLUB

MARKETING AUTOMATION NC168 COVER.indd 1

17/04/19 10:37

Ideas, suggestions and solutions for the design, construction and setting of private and commercial pools, for collective use: all included in this edition of Italian Pool Design. A series of volumes that, each time, surprises readers with the quality and quantity of images and technical designs, supplying descriptive texts rich in information and hints for all professionals that work in the pool sector. This sixth volume also includes the section (introduced in the fourth edition) dedicated to the natural and biological pool, characterized by the use of alternative systems for water treatment like phyto-purification through aquatic plants. The book, just like the Italian Pool Award at ForumPiscine, was inspired by one ambition: to highlight the design excellence and pool realization of Italian masters all over the world.

178  NOVEMBRE DICEMBRE 2020 € 30,00 (iva inclusa)

9


LA RIVISTA DI MANAGEMENT PER CENTRI SPORTIVI E FITNESS CLUB

la certezza di ricevere puntualmente uno strumento di lavoro indispensabile le risposte, nelle pagine della rivista, ai quesiti di carattere tecnico, commmerciale o legale lo sconto del 20% sulle pubblicazioni con ordini telefonici o via email lo sconto sull’iscrizione ai congressi ForumClub e ForumPiscine

ABBONARSI È SEMPLICE E CONVENIENTE Rivista in formato cartaceo: 12 numeri (abb. biennale Italia)  € 72 12 numeri (abb. biennale Europa)  € 137 12 numeri (abb. biennale altri paesi)  € 160

6 numeri (abb. annuale Italia)  € 39 6 numeri (abb. annuale Europa)  € 78 6 numeri (abb. annuale altri paesi)  € 90

Rivista in formato digitale: abbonamento annuale a il Nuovo Club Digitale (6 numeri)  € 24,99

ordina al telefono:

051 255544

acquista sullo shop online:

www.ilcampo.it

dal lunedì al venerdì ore 9:30-13 e 14-18

spedizioni tramite corriere espresso SDA

customer@ilcampo.it

spese di spedizione euro 4,50 supplemento spese di contrassegno euro 3,50 (solo Italia)

Via G.Amendola 9, 40121 Bologna - tel. 051 255544 - fax 051 255360


DIGITAL

STRUMENTI DIGITALI PER IMPRENDITORI E PROFESSIONISTI A CURA DELLA REDAZIONE

VENDERE CON IL WEB MARKETING

Strumenti e strategie operative per fitness, wellness club e piscine di Carmine Preziosi Questo e-book fornisce ai professionisti dell’universo fitness, wellness e piscina un’idea chiara di Internet, aiutandoli concretamente a comunicare in modo corretto attraverso la Rete e a costruire un’efficace strategia di web marketing, partendo dall’analisi del potenziale cliente e dalla definizione degli obiettivi.

FACEBOOK FITNESS STRATEGY

Guida pratica per gli operatori di fitness club e centri sportivi per gestire in modo efficace la comunicazione attraverso Facebook di Carmine Preziosi

Il catalogo di Editrice Il Campo offre numerosi titoli in formato digitale, strumenti di facile fruizione realizzati per la crescita degli imprenditori e dei professionisti del settore, acquistabili esclusivamente nello shop online www.ilcampo.it. In queste pagine proponiamo una selezione di opere molto utili in un momento delicato come quello che stiamo vivendo

PERSONAL BRANDING PER PERSONAL TRAINER

Guida i professionisti del fitness a uscire dalla propria zona di comfort per cogliere nuove opportunità lavorative e proiettarsi verso nuovi e ambiziosi traguardi professionali. Questo e-book insegna, in modo molto pratico, a costruire e attuare un’efficace strategia per valorizzare il brand di se stessi utilizzando al meglio gli strumenti del marketing digitale.

Facebook Fitness Strategy insegna agli operatori di fitness club e centri sportivi a gestire in modo efficace e redditizio la comunicazione attraverso questo straordinario social network.

MOTIVARE ALL’ESERCIZIO FISICO

94

IL NUOVO CLUB

Questo e-book è rivolto agli operatori del settore fitness e wellness, ovvero agli imprenditori e ai professionisti di fitness club, centri sportivi e boutique, nonché ai personal trainer. Fornisce argomentazioni semplici e convincenti per motivare i propri clienti e fidelizzarli e per acquisirne di nuovi, attingendo dalla grande fetta di popolazione notoriamente sedentaria.

178  NOVEMBRE DICEMBRE 2020

Diventa un brand influente con web e social media di Carmine Preziosi

TIME MANAGEMENT

Come diventare padroni del proprio tempo di Francesco Muzzarelli Questo audiolibro è uno strumento utilissimo per imparare a gestire il proprio tempo in maniera efficace e produttiva. La riduzione dei costi e l’esaltazione della produttività sono le dure leggi quotidiane contro le quali ognuno di noi deve fare i conti. Ritmi serrati, vietato sbagliare, sempre scattanti. In questa selva organizzativa è dunque irrinunciabile sapersi autogestire.


LA POZIONE MAGICA

L’esercizio fisico ti cambia la vita a cura di Davide Venturi

IGIENE IN PISCINA

Acqua Ambiente Sicurezza Benessere Normative a cura di Vincenzo Romano Spica Questo manuale, ora disponibile anche in formato e–book, è un punto di riferimento per il settore delle piscine e delle spa. La quarta edizione, curata da un team di esperti, approfondisce i seguenti temi: sviluppo ed evoluzione della normativa sulle piscine; prevenzione del rischio biologico; rischio chimico nell’acqua in vasca e nell’aria; elementi di analisi e valutazione del rischio fisico; prevenzione dei rischi strutturali e architettonici; aspetti di sicurezza occupazione.

L’esercizio fisico, associato alla corretta alimentazione e a un atteggiamento mentale positivo, è un portentoso farmaco naturale senza effetti collaterali, una vera “pozione magica” che, prevenendo la maggior parte delle malattie croniche, migliora e allunga la vita, contrastando il deterioramento fisico e l’invecchiamento. Un e–book per conquistare nuovi iscritti, motivare i soci e insegnare una “nuova lingua” al proprio staff e a se stessi.

SELF COACHING

Impara a trasformare i tuoi obiettivi in risultati di Savino Tupputi

ASSERTIVITÀ

Come comunicare con efficacia nelle situazioni difficili di Francesco Muzzarelli

Questo audiolibro, proponendo un vero e proprio percorso di crescita personale, insegna a raggiungere una maggiore consapevolezza e responsabilità nei confronti dei propri schemi di pensiero, di comportamento e di linguaggio, così come a usare la mente per esprimere il meglio di sé e raggiungere l’eccellenza.

LE 10 REGOLE D’ORO DEL CAMBIAMENTO

Gestire l’evoluzione costante di sé e della propria azienda di Roberto Tiby

Questo audiolibro illustra i concetti e le tecniche per riuscire a comunicare con efficacia nelle situazioni difficili, guadagnando in lucidità, stabilità emotiva, autorevolezza e forza negoziale in tutte le situazioni. L’obiettivo dell’assertività è creare rapporti interpersonali basati sulla collaborazione e, al tempo stesso, affrontare con efficacia anche le situazioni problematiche.

INNOVAZIONE E PROBLEM SOLVING

Come usare l’intuizione per generare nuove idee di Francesco Martelli

Il tema del cambiamento ha attirato per lungo tempo l’attenzione di filosofi e psicologi e, più recentemente, del mondo manageriale. È entrato in azienda verso la fine degli anni 90, periodo in cui, nelle imprese di tutto il mondo imperversavano iniziative di change management, ovvero progetti di miglioramento della qualità del prodotto e della soddisfazione del cliente.

RESILIENZA

La resistenza psicologica nel lavoro e nella vita di Francesco Muzzarelli

Questo audiolibro permette di padroneggiare il proprio stato mentale, allenare la convinzioni sul proprio intuito e conoscere e applicare tecniche precise e affidabili per sviluppare e affinare l’intelligenza intuitiva. L’intelligenza intuitiva, collegata ai nostri cinque sensi, consiste nell’uso efficace di impressioni utili per prendere decisioni innovative o risolvere problemi.

ORIENTARSI IN TEMPI DIFFICILI

Questo videocorso vi aiuterà a comprenderne gli aspetti essenziali della resilienza e ad avviare un progetto personalizzato di formazione. Resilienza è sinonimo di saper andare avanti senza arrendersi, nonostante le difficoltà. Si tratta della capacità di concentrare e indirizzare le proprie energie mentali per perseguire obiettivi sfidanti senza perdersi d’animo.

Crisi economica e self management di Francesco Muzzarelli Questo audiolibro è un vero e proprio manuale di sopravvivenza che insegna a sviluppare quelle capacità indispensabili a reggere la pressione e restare produttivi. Per continuare a vendere nell’era della “non vendita” bisogna saper ascoltare e l’autore illustra preziose metodologie per accogliere le sfide della crisi, continuando a migliorare.

Per acquisti e informazioni su tutti i prodotti:

www.ilcampo.it

IL NUOVO CLUB 178  NOVEMBRE DICEMBRE 2020

95


178

indice inserzionisti

NOVEMBRE DICEMBRE 2020

indice inserzionisti

EURO 6,50 47

AERNOVIR BY MATRIX

10

BYTEWARE

85

Chiari e Convincenti

III cop.

EUROFIT COMPANY - VIP CENTER

Strumenti di Management per Centri Sportivi e Fitness Club IL NUOVO CLUB Anno XXXI - n. 178/6 novembre dicembre 2020 Direttore responsabile: Roberto Maestrami

25

EVOLUTIONFIT

Responsabile di redazione: Davide Venturi

91

FISPIN

Redazione: Davide Venturi Rita Cesarini

ForumPiscine

per contattare la redazione: ilnuovoclub@ilcampo.it

81

Igiene In Piscina

ufficio traffico: Maurizia Manici mmanici@ilcampo.it

31

JOHNSON HEALTH TECH ITALIA - MATRIX – MY ZONE

Comitato tecnico-scientifico: Avv. Guido Martinelli - Docente alla Scuola Centrale dello Sport - CONI - Roma, Avv. Marilisa Rogolino

55

JOHNSON HEALTH TECH ITALIA - MATRIX – S-FORCE

89

La Motivazione all'Esercizio Fisico

58, 59

Hanno collaborato: Annalisa Dall’Oca, Adriano Guizzetti, David Mariani, Gianluca Scazzosi Impaginazione e prestampa: Nico Ambrosino

MAD DOGG ATHLETICS

Immagini: archivio Editrice Il Campo, Shutterstock, Fotolia, Pixabay, Freepik, Unsplash

39

METEM

Stampa: MIG Moderna Industrie Grafiche - Bologna

15

PAVIFLEX

Editrice Il Campo Srl fondata da Franco Maestrami

71

PENTAGONO

7

9 87 5

Personal Branding Piscine Oggi REAL VT

63

REX ROUNDTABLES

92

Shop Il Campo

65

SI LINE - LIFE FITNESS ITALIA

17

STUDIO MATTONAI

41

TEAMSYSTEM

IV cop., 72, 73

TECHNOGYM

II cop., 1, 2, 3

TECNOBODY

57

UPTIVO

53

Vendere con Il Web Marketing

92

WELL BACK SYSTEM

4

WITWAY

Direzione editoriale: Federico Maestrami, Roberto Maestrami Direzione, Redazione, Amministrazione, Pubblicità: Editrice il Campo Via G. Amendola, 9 40121 Bologna Tel. 051.25.55.44 - 25.58.14 Fax 051.25.53.60 info@ilcampo.it www.fitnesstrend.com www.sportindustry.com www.ilnuovoclub.it www.piscineoggi.it www.forumclub.it www.forumpiscine.it

Registrazione presso il Tribunale di Bologna n. 5796 del 16-10-1989. Sped. abb. pt. comma 26-art. 2 L. 549-28/12/1995

Copyright © tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione totale o parziale di articoli, fotografie e disegni pubblicati ne Il Nuovo Club, con qualsiasi mezzo, senza espressa autorizzazione dell’editore. I prodotti segnalati sono una libera scelta della redazione. I nomi, le ditte e i prezzi pubblicati sono riportati senza responsabilità, a puro titolo informativo, per rendere un servizio ai lettori. L’editore non risponde dell’opinione espressa dagli autori degli articoli pubblicati. Ai sensi della legge 675/96, i dati forniti dai sottoscrittori degli abbonamenti vengono utilizzati esclusivamente per l’invio della pubblicazione e non vengono ceduti a terzi per nessun motivo. Allo scopo di migliorare il servizio, invitiamo tutti i nostri abbonati a conservare il CODICE PERSONALE - è indicato sulla fascetta, accanto al recapito - e di comunicarlo al servizio diffusione, ogniqualvolta desiderino contattare la nostra casa editrice.


esperti in elettrofisiologia dal 1996

...PIÙ FORTI, INSIEME!


CLASSI LIVE E ON DEMAND SEMPRE CON TE

Offri esperienze di allenamento uniche trasmettendo in streaming classi in modalità Live e On-Demand per la tua community. I tuoi clienti potranno partecipare alle loro classi preferite ovunque ed in qualsiasi momento con la MYWELLNESS APP 5.0. Condividi in streaming i tuoi contenuti. SCOPRI DI PIU’ SU: www.technogym.com/ilnuovoclub