Page 16

16

DOTTOR PINCHERLE

sono costretti a fare fin da piccolini lavori pesanti in campagna e nelle miniere”. Spesso la sera, prima di dormire, il suo pensiero riandava a ciascuno dei suoi piccoli pazienti, alla vita che facevano, ai loro genitori, insomma alle loro storie; pensa e ripensa, si accorse di una cosa che fino ad allora non aveva notato: nessuno dei figli dei pescatori di merluzzo aveva quella malattia, eppure anch’essi aiutavano i genitori, scaricando cassette di pesce dalle barche. Nei giorni successivi, il dottore si recò a casa di molti di questi bambini: “Voglio sapere che cosa fanno di diverso dagli altri, forse dormono su letti speciali, o svolgono qualche attività che allunga loro le ossa”. Ma non notò niente di diverso. L’alimentazione, naturalmente, era molto spesso a base di merluzzo. Le mamme, in particolare, insistevano perché i bambini mangiassero un ragù di fegato di merluzzo, poiché si tramandava che facesse bene alla salute. Il nostro medico scrisse tutto diligentemente nel suo quaderno, ma non giunse a nessuna conclusione. Molti anni dopo si scoprì che l’olio di fegato di merluzzo è ricco di una sostanza, la vitamina D, indispensabile, insieme ai raggi del Sole, a far crescere ben dritte le ossa. Dottor Pincherle infatti raccomandava a tutte le mamme dei suoi piccoli pazienti: – Un cucchiaio di olio di fegato di merluzzo al giorno li farà diventare alti e dritti! Non diceva però che il sapore, come molti ricordano bene tuttora, era veramente orribile.

Profile for Editoriale Scienza

Un dottore tutto matto, sulla testa un gatto  

di F. Scrimin; ill. di B. Pincherle | Il dottor Bruno Pincherle visse e lavorò a Trieste fino al 1968. Oltre a dedicarsi alla professione di...

Un dottore tutto matto, sulla testa un gatto  

di F. Scrimin; ill. di B. Pincherle | Il dottor Bruno Pincherle visse e lavorò a Trieste fino al 1968. Oltre a dedicarsi alla professione di...

Advertisement