Page 1


PRimAVeRA

Iniziava una nuova stagione nella vita dei bambini: per la prima volta erano liberi di uscire da soli, di esplorare il paese, i prati e i sentieri. Luca non stava pi첫 nella pelle...

12


DA SOLI PER LA PRIMA VOLTA

N

onno Leo non aveva dimenticato la promessa fatta a Natale.

– Ragazzi, siete pronti per la vostra prima missio-

ne? Seguite il sentiero in fondo al giardino. Dopo l’ultima casa, c’è un vecchio muro di pietre. Sopra, cresce il rosmarino. È speciale: molto più profumato di quello che ho piantato nell’orto! Riconoscerlo è facile. Ha foglie profumate e sottili, color verde scuro. Ricordano gli aghi di pino. Fa piccoli fiori viola. Portatemi due rametti per la focaccia. E attenti a non rovinare la pianta: non strappate i rami, tagliateli con le forbici! Finalmente cominciava la prima avventura fuori casa, da soli. Luca aspettava questo momento da mesi. – Le forbici le prendo io – disse. – Sì, poi magari le perdi – borbottò Federico. – No, ho il mio marsupio. Prendo anche un sacchetto per mettere il rosmarino. Altro? Silenzio. – Andiamo! – disse Federico che non aveva capito la questione del marsupio, ma che non voleva perde-

13


re tempo con le domande. La strada la conoscevano, l’avevano fatta mille volte con i grandi.

Adesso, però, da soli per la prima volta, sembrava diversa, con dei punti difficili da superare:

1. La casa verde:

era difesa da Grugno, un grosso

cane nero che abbaiava infuriato contro chiunque si avvicinasse. Come sempre, Grugno balzò al cancello come un’onda di tempesta. – Grugno, a cuccia! – ordinò Federico. – Mi spaventi sempre, accidenti! Anche Federico, a modo suo, sapeva abbaiare.

14


2. La vecchia fontana: d’inverno era circondata da lastre di ghiaccio e d’estate era piena di vespe. Per fortuna in primavera la strada era già asciutta e le vespe non erano ancora arrivate.

3. La casa rosa: qui abitava la signora Pinuccia, che invitava sempre i bambini ad assaggiare i suoi cattivissimi biscotti. Era la persona più noiosa del paese e si lamentava continuamente: – Che freddo, che caldo, che sole, che pioggia! La nonna la chiamava Piagnuccia.

15


Arrivati alla casa rosa i quattro si fecero segno di tacere e di abbassarsi. In punta di piedi, silenziosi come ombre, passarono sotto le finestre. Erano salvi! Il paese era finito e cominciava il muro di pietre di cui aveva parlato il nonno. Il rosmarino era inconfondibile: foglie sottili e profumate e tanti fiorellini viola. I rami erano legnosi. – Forbici – ordinò Pepe, come un chirurgo in sala operatoria. Finalmente Luca aprì il marsupio e Federico sbirciò: oltre alle forbici, c’erano un coltellino, uno spago, delle matite, una gomma e un quadernino chiuso con un elastico. Luca aveva due passioni: scrivere storie e costruire cose. Lì dentro c’era tutto quello che gli serviva. – Cosa te ne fai di un quaderno? Guarda che sei in vacanza! – Scrivo. – Che cosaaaa? – Ma sì, scrivo quello che mi piace o che mi fa ridere. Voglio fare lo scrittore o uno di quelli che inventano le parole per le canzoni. Quest’anno ho fatto un corso di rap. Mi sono divertito tanto!

16


Le ragazze si girarono curiose, ma Luca aveva già messo via tutto. Tagliati cinque o sei rametti, era ora di tornare e siccome non c’erano né ghiaccio né vespe, gli amici decisero di scendere correndo fino a casa: la signora Pinuccia e Grugno avrebbero chiamato e abbaiato invano. – Pronti? Via! Giù a rotta di collo e risate a crepapelle!

17


LA FOCACCIA Ingredienti • 2 rametti di rosmarino fresco, lavato e asciugato • 400 g di farina (se alla farina bianca si aggiungono due pugni di farina integrale, la focaccia è più saporita) • 250 ml di acqua (come due vasetti di yogurt) • 10 g di sale fino (come un cucchiaino da caffè) • un cucchiaino di sale grosso • 5 cucchiai di olio extravergine d’oliva • mezzo dado di lievito di birra fresco • 1 cucchiaino di miele (o di zucchero)

In una ciotola sciogliere il lievito con il miele e un po’ d’acqua e aspettare 15 minuti, finché si vedono le bollicine. Aggiungere la farina, poi due cucchiai d’olio, il sale fino, l’acqua restante e le foglie tritate di uno dei due rametti, lavate e tagliuzzate con le forbici. Mescolare e impastare per 7-8 minuti. Lasciare riposare per un’ora in una ciotola coperta, finché il volume raddoppia.

18


Stendere la pasta con le dita (“non con il matterello!”, dice sempre la nonna) fino a coprire tutta la superficie della teglia. In un bicchiere, mescolare tre cucchiai d’olio e tre di acqua e con questo liquido spennellare tutta la superficie della focaccia. Poi lasciarla riposare ancora mezz’ora fuori dal forno. Accendere il forno a 200 gradi e con i polpastrelli fare dei buchi profondi nella pasta lievitata. Distribuire sulla superficie dell’impasto i chicchi di sale grosso e le foglie del secondo rametto di rosmarino. Quando il forno è pronto, infornare per circa 20 minuti, finché la focaccia è dorata e profumata.

19

Profile for Editoriale Scienza

Il club dei cuochi segreti  

di E. Bussolati e F. Buglioni | In equilibrio fra il leggere e il fare, il libro alterna al racconto, diviso secondo le stagioni, ricette l...

Il club dei cuochi segreti  

di E. Bussolati e F. Buglioni | In equilibrio fra il leggere e il fare, il libro alterna al racconto, diviso secondo le stagioni, ricette l...

Advertisement