Page 1

Novembre/Dicembre 2019 Organo Ufficiale


nature is a perfect technology our technology is perfect for nature Our commitment is to provide innovative technological solutions to produce sustainable tissue products.

www.fabioperini.com


TOSCOTEC AHEAD LINE PERFORMANCE BY TOSCOTEC

Speed is not an option and when joined by leading-edge technology, evolved engineering and the highest levels of performance, it becomes a must. Toscotec allows you to reach this goal with its AHEAD Line: the high-speed tissue machine range capable of attaining 2,200 mpm and producing high-quality tissue from virgin and recycled fiber with proven energy savings, maximum efficiency and reliability. The performances your business was just waiting for. YOUR NEEDS, OUR SOLUTIONS.


Sommario

Novembre/Dicembre 2019

NEWS .............................................................................................................................. 6 COMUNICAZIONE ........................................................................................................ 8

Al via la campagna informativa “Naturalmente io amo la carta” contro le fake news che associano la carta alla deforestazione

SOSTENIBILITÀ........................................................................................................... 12

I consumatori italiani sono a favore del packaging sostenibile

TECNOLOGIA TISSUE................................................................................................ 14

Soluzioni innovative per la produzione di tissue

FIRE PROTECTION..................................................................................................... 70

Protecting the tissue industry from fires: the benefits of fire preventive and protective systems FIBRE PROPERTIES.................................................................................................. 74

Cellwood Machinery. A single approach for a multifaceted result when processing recycled fibre END OF WASTE......................................................................................................... 80

TISSUE..........................................................................................................................20

Consumer Tissue: global opportunities, local challenges

Federazione Carta e Grafica e Unirima: “End of Waste, passi in avanti ma sono possibili migliorie”

MIAC 2019 REPORTAGE........................................................................................... 26

MIAC 2019 TAVOLA ROTONDA ............................................................................ 84

ma

MIAC, grandi numeri per la 26 edizione

TISSUE EQUIPMENT................................................................................................. 32

Bonetti solutions for the tissue industry

IN CARTIERA............................................................................................................... 36

Come proteggersi installando gli anelli AEGIS®

Arriva il Green New Deal secondo l’industria cartaria CONTROLLO QUALITÀ............................................................................................ 90

25 anni al servizio delle cartiere ASSOCIAZIONI........................................................................................................... 94

RECUPERO DI CALORE............................................................................................. 42

Assemblea Nazionale dell’Associazione Italiana Scatolifici

SIAT, da oltre 70 anni il partner nel recupero

SICUREZZA IN CARTIERA....................................................................................... 98

TRATTAMENTO ACQUE...........................................................................................44

Le barriere antiurto in polimero riconosciute tra le migliori al mondo

15 anni di collaborazione tra Cartiere del Polesine e Cannon Artes

TISSUE......................................................................................................................... 48

World tissue consumption in 2017. Steady global growth continues

MIAC INNOVATION AWARD................................................................................... 60

La 1° edizione del premio MIAC-Assocarta Innovation Award per promuovere l’eccellenza nell’industria cartaria italiana che investe in innovazione tecnologica

RICERCHE.................................................................................................................. 102

Packaging sostenibile, sempre più importante per il settore del lusso EQUIPMENT............................................................................................................. 106

Continuous improvement is the target. Top quality is duty, excellent service is the goal

Novembre/Dicembre 2019 Anno 30 - N° 6 Reg. Tribunale di Milano No 8 del 13/1/1990

Mensile di informazione tecnica per la produzione e trasformazione della carta e del cartone

DIRETTORE RESPONSABILE: Gianmaria Pfeiffer email: gianmaria.pfeiffer@edipap.com DIRETTORE EDITORIALE: Mariella Nasi RESPONSABILE PUBLICITÀ: Laura Lupi email: sales@edipap.com REDAZIONE: Fabrizio Vallari

Rivista Organo Ufficiale di

DIREZIONE, REDAZIONE, PUBBLICITA’

Via Pordenone 13 - 20132 Milano (Italy) email: info@edipap.com - tel. 02.21711614

SEGRETARIA DI REDAZIONE: Veronica Rizzi/Letizia Besana

STAMPA: CNS Srl - Ciserano (BG)

GRAFICA: Francesca Acqualagna

Lettori rivista online: 5.916 utenti registrati sul sito

Distribuzione postale: 5.080 copie

Totale diffusione fascicolo + online: 10.996

GARANZIA DI RISERVATEZZA Il trattamento dei dati personali che La riguardano viene svolto nell’ambito della banca dati di EDIPAP SRL e nel rispetto di quanto stabilito dalla Legge 196/03 e dal GDPR Regolamento UE 2016/679 sulla tutela dei dati personali. I suoi dati non saranno comunicati o diffusi a terzi e lei potrà richiederne in qualsiasi momento la modifica o la cancellazione. Rivista in gestione. Gli articoli firmati impegnano esclusivamente l’opinione dei singoli autori e/o delle singole aziende. Gli articoli ricevuti da Carta & Cartiere sono sotto la responsabilità diretta dell’azienda/persona che ha inviato il materiale testuale e fotografico, anche nel caso in cui l’articolo fosse firmato dalla Redazione di Carta & Cartiere. Tutti i diritti di riproduzione, anche parziale, sono riservati a termine di legge.


ADVANCED VERSATILE SOLUTIONS IN THE DESIGN AND MANUFACTURE OF INDUSTRIAL MACHINERY Equipped with a specialized study of electrical and mechanical design, able to manufacture, modify or customize machinery and accessories of the paper industry, transformation and more, AVS guarantees quality and efficiency in the solutions it proposes to its costumers. The presence in the paper environment, the sensibility and the respect in the listening of the operators of the sector, have pushed us to evolve and stimulated to propose, in the time, functional, efficient, solid and reliable technological solutions, making AVS the ideal partner for paper mills and paper machine manufacturers.

AVS srl Via Don Dino Chelini 140, 55100 Pontetetto (LU) +39 05831803563 info@avsitalia.com www.avsitalia.com


News Francesco De Luca is Fabio Perini SpA’s new General Manager for the Bologna site

Toscotec enters the Caribbean market with a new TT SYD for César Iglesias, Santo Domingo

A

ged 46, born in Naples, a degree in mechanical engineering with an MBA at Milan’s MIP Politecnico, Francesco De Luca has worked with several multinational corporations such as the Metecno Group, the Candy Hoover Group and Norsk Hydro, where he had the opportunity to extend his knowledge in the field of general management, working in several extraEuropean countries such as China, Uzbekistan, Russia, Iran, Syria, Turkey and Egypt. “Joining Fabio Perini is a stimulating opportunity”, comments De Luca. “Casmatic is a brand which is still well recognised in its field, and my task will be to lead it into new segments, starting from an accurate analysis of the market, its dynamics and needs.” Francesco De Luca’s arrival is highly significant, since it is bringing the company not only to renew its image and extend market opportunities, but also to increase still further company competences. ●

Francesco De Luca, Fabio Perini’s General Manager - Bologna site.

T

he Dominican Group César Iglesias successfully started up a second generation TT SYD at its paper mill in Santo Domingo. Following start-up, the mill has observed a marked increase of production capacity and important energy savings in the drying section. Thanks to continuous R&D on Toscotec’s Steel Yankee Dryer, the height, width and pitch of the internal ribs as well as the shell thickness achieved an optimal geometry, which guarantees a highly efficient heat transfer. The supply also includes the steam and condensate system, the Yankee coating spray boom, a new forming roll, as well as the complete overhaul service of press rolls. In response to the customer’s request for the fastest possible delivery, Toscotec further refined the production time and was able to deliver the Steel Yankee Dryer in record time. Since the opening of Massa Technology Lab in 2016, an integrated plant dedicated to the production of Steel Yankee Dryers, Toscotec has sought to optimize the manufacturing process of its TT SYD and shortened their delivery period. Jesús Feris Ferrús, César Iglesias Technical Director says: “When we selected the supplier for this investment, we thought that the TT SYD’s superior performance and short delivery time made it the most competitive choice in the market. This was our first cooperation with Toscotec and we have been positively impressed by their technical and project management team. The energy efficiency of the TT SYD will allow us to reduce the manufacturing cost of our tissue line and give us a competitive advantage in the market”. Simone Pieruccini, Toscotec’s Pressure Vessel Technical Manager says: “As soon as we understood the customer’s need for a fast delivery, we rearranged the production schedule, in order to reduce the construction time as much as we could. From a technical point of view, we were in tune with César Iglesias’ team, which made our first cooperation very easy for everybody.” The César Iglesias Group thus enters the tissue market, starting the production and converting of toilet tissue, paper towels and napkins.

The Company

Toscotec TT SYD for César Iglesias, Santo Domingo.

6 Carta & Cartiere - Novembre/Dicembre 2019

César Iglesias, S.A. is a Dominican company with more than 100 years in the market. Dedicated to the manufacture and marketing of mass consumption products in the areas of cleaning, home care and personal care and food, the company has over 2,000 employees, 21 factories, a portfolio of 27 brands and 450 sales representatives reaching 30,000 customers on a weekly basis. ●


DOCTORING SYSTEMS SPECIALIST MADE IN ITALY

TECHNICAL SERVICE

PRODUCTS

Measurement of existing application

PCrep flexible creping doctors

Supervision during the installation

PCut and PClean Yankee doctors

Set up and alignment of the supplied system

Dewatering press section doctors

Attendance during start-up

Doctors for any other application

Maintenance of existing doctoring systems

Shower units

Audit of the existing doctoring systems

Spare parts

With over 25 YEARS EXPERIENCE Polimek’s technicians are able to service any type of doctoring system

OPERATING UNIT Via Monte Rosa 10/B 28040 Paruzzaro [NO] | info@polimek.it | Tel. +39 0322 011353 | ITALY

www.polimek.it


Comunicazione

AL VIA LA CAMPAGNA INFORMATIVA

“NATURALMENTE IO AMO LA CARTA” CONTRO LE FAKE NEWS CHE ASSOCIANO LA CARTA ALLA DEFORESTAZIONE

Le foreste europee crescono in dieci anni di un’area (41.285 Km2) pari a 1.500 campi da calcio al giorno.

H

di: TwoSides Italia

a preso il via la nuova campagna TwoSides “Naturalmente io amo la carta”, con l’obiettivo di smentire, presso il pubblico dei consumatori e in particolare dei più giovani, il luogo comune che tende ad associare l’uso della carta al fenomeno della deforestazione. Luogo comune che la filiera della carta e dell’informazione intende contrastare con notizie vere supportate da dati sulla forestazione (FAO) e sul riciclo della carta (ERPC, European Paper Recycling Council). Questi gli obiettivi della campagna stampa, messa a punto da TwoSides Europe e adattata per l’Italia da TwoSides - Il lato verde della carta - con il supporto di Marinoni Copy, e realizzata attraverso inserzioni sulla stampa quotidiana e periodica grazie alla collaborazione con le associazioni degli editori FIEG e ANES. La campagna è declinata su tre soggetti con differenti head focalizzate sulla crescita 8 Carta & Cartiere - Novembre/Dicembre 2019

forestale europea (La carta ama gli alberi), sulla performance del riciclo della carta (Da carta rinasce carta) e sui temi della quota di energia sostenibile e rinnovabile utilizzata in Europa per produrre carta e dei vantaggi di memorabilità della lettura su carta (Carta, energia per la mente).

IL PRIMATO DEL RICICLO CARTARIO In Italia resta forte la convinzione - addirittura per l’80% degli intervistati - che la superficie delle foreste europee si vada riducendo in ragione del consumo della carta, una convinzione più radicata che nel resto d’Europa (58% degli intervistati, Fonte indagine Toluna per TwoSides 2018). Mentre, invece, la notizia vera è l’esatto contrario: in Europa sono più gli alberi piantati di quelli tagliati e in dieci anni le foreste europee sono cresciute di un’area pari a 1.500 campi da calcio al giorno


Efficienza energetica, chiave di competitività.

TEP Energy Solution, società di Snam, è il tuo partner per gli interventi di efficienza energetica in ambito industriale. Con la nostra piattaforma Energy Intelligence System individuiamo le azioni più efficaci per la tua azienda e ne monitoriamo i risultati, e grazie alla nostra solidità finanziaria possiamo investire direttamente negli interventi che studieremo insieme con la formula dell’Energy Performance Contract. E da oggi ti proponiamo il nostro Sustainable Energy Program per accompagnarti nell’ottimizzazione della Carbon Footprint del tuo business. Con la nostra esperienza nel settore della carta, possiamo esserti accanto con investimenti importanti, anche nella cogenerazione. tepsolution.it


Comunicazione

(41.285 Km2, dato FAO 2015). Di fatto, come recentemente dimostrato da quanto sta accadendo in Amazzonia, la deforestazione viene principalmente praticata per convertire le foreste in terreni agricoli. L’Europa è inoltre al top della performance di riciclo, con più del 72% della carta e del cartone che viene riciclato sul proprio territorio: quasi 2.000 chili ogni secondo (Dato ERPC 2018). La campagna pone anche l’accento sulla memorabilità della lettura su carta, tema legato all’apprendimento e al piacere di leggere su carta che trova legittimazione nei dati della ricerca “Carta e ambiente. Sfatiamo i luoghi comuni”, realizzata da Toluna per TwoSides in otto Paesi europei, fra cui l’Italia. Significativi alcuni risultati: la lettura su

carta di un libro o di un periodico è ritenuta più piacevole dal 70% degli interpellati e il 32% del campione ritiene più affidabili le notizie riportate su carta, a fronte di un 15% che si fida di quanto riportato da social network e piattaforme digitali.

The Company TwoSides è un’organizzazione senza scopo di lucro che promuove i valori di sostenibilità della carta, della stampa e del packaging. I suoi partner sono aziende della filiera della carta e della stampa, quali le aziende forestali, i produttori di paste per carta e di carta, di imballaggi, di inchiostri e additivi, le aziende di finitura e stampa, gli editori, i produttori di buste e gli operatori postali. ●

News ANDRITZ successfully starts up Europe’s largest MG paper machine at Zellstoff Pöls, Austria

At the end of May 2019, international technology Group ANDRITZ started up the PM3 paper machine for speciality papers supplied to Zellstoff Pöls AG (part of the Heinzel Group), Austria, for the production of bleached kraft paper grades. This start-up took place two weeks before the date scheduled.

T

he ANDRITZ PrimeLine MG plant produces environmentally friendly MG paper for flexible packaging and release applications at the Pöls location. With an annual capacity of 100,000 t, a design speed of 1,400 m/min and a working width of 5.4 m, PM3 is setting a new benchmark in the production of these paper grades. The unique machine design enables the production of grades with low basis weight and highest strength with good printability and smoothness levels. In terms of production and final product quality, PM3 exceeded all expectations right away in the first four weeks after start-up. The design capacity was achieved in stable operation within three months, and the majority of paper grades with basis weights between 22 and 52 g/m² were produced successfully. The heart of the PrimeLine MG paper machine is the PrimeDry MG Steel Yankee, which is the largest of its kind worldwide with a diameter The PM3 delivered by ANDRITZ produces of 24 feet (7.315 m). ANDRITZ is high-grade paper for flexible packaging and release applications at the Pöls location. thus breaking its own world record

10 Carta & Cartiere - Novembre/Dicembre 2019

for size, established in 2013 when PM2 was started up successfully in Pöls with a 22-foot Yankee. ANDRITZ supplied all process technologies, including the stock preparation line and approach flow system. One of the key components is the new ANDRITZ Vertical Screw Thickener (VST), which dewaters the pulp efficiently from a consistency at inlet of 3% to between 25 and 30% at the outlet. Jürgen Rieger, Production Manager at Zellstoff Pöls AG, confirms: “We were very impressed with start-up and the first few months in operation that followed, just as we were with start-up of PM2 by ANDRITZ in 2013. Commencing operations ahead of schedule with a plant of this complexity is really exceptional”. Siegfried Gruber, overall Project Manager for PM3 adds: “Collaboration with the team from ANDRITZ was excellent, and this was also reflected in the outstanding PM3 start-up curve”. Besides full responsibility for the technology, the ANDRITZ scope of supply also included the automation equipment, all process pumps, an extensive range of services, and the entire basic and detail engineering. ●


Richiedete il catalogo Gland Packings al nostro Customer Service

TEM CERT IFI SYS C ITY

N IO AT

QU AL

TEXPACK®, leader nella produzione di TRECCE SPECIALI per pompe e valvole, presenta al mercato due dei prodotti più richiesti: MILTEX, treccia composta da filato discontinuo para-aramidico e GRAFITE ESPANSA + ARAMTEX® SUGLI ANGOLI, intrallacciata in diagonale, che trova applicazione sui fluidi particolarmente abrasivi, slurry, caolini e nelle macchine alternative a pressioni molto alte. TEXPACK®, orgogliosa del suo MADE IN ITALY, per tutto il mese di marzo apre le porte a tutti i tecnici delle cartiere italiane.

ISO 9001

Texpack srl - unipersonale Via Galileo Galilei, 24 - 25030 Adro (BS) Italia Tel. +39 030 7480168 - Fax +39 030 7480201 - info@texpack.it - www.texpack.it


Sostenibilità

I CONSUMATORI ITALIANI SONO A FAVORE DEL

Il 94% dei consumatori italiani desidera che le confezioni riportino informazioni più dettagliate sul livello di ecocompatibilità degli imballaggi.

PACKAGING SOSTENIBILE

Oltre nove consumatori italiani su dieci ritengono che il Governo debba emanare una normativa volta a obbligare le aziende a indicare il livello di eco-compatibilità delle confezioni dei rispettivi prodotti.

G

d’accordo e un ulteriore 25% che ha affermato di essere d’accordo. Per quanto riguarda il resto, solo il 12% degli italiani si è dichiarato in disaccordo con la tassa sulla sostenibilità del packaging.

di: Pro Carton

li italiani eco-consapevoli chiedono maggiore trasparenza sulla sostenibilità del packaging, con il 94% dei consumatori convinto che le confezioni dei prodotti dovrebbero includere informazioni più dettagliate circa la sostenibilità dei materiali di imballaggio utilizzati. La tendenza è in linea con il crescente orientamento del pubblico verso la sostenibilità ed è supportata dal fatto che quasi la metà (49%) dei consumatori italiani ha ridotto l’acquisto di prodotti confezionati con materiali non sostenibili e che 9 acquirenti su 10 prediligono imballaggi facilmente riciclabili. Con quasi la metà degli italiani che scarta i prodotti a causa del packaging, appare evidente che i produttori di merci di largo consumo devono impegnarsi maggiormente per soddisfare le aspettative degli acquirenti. Quando si parla di packaging sostenibile, gli italiani over 50 sembrano essere i più critici nei confronti di commercianti e brand. In base ai risultati del sondaggio European Consumer Packaging Perceptions, che ha coinvolto 7.000 consumatori in 7 Paesi europei, il 66% degli italiani di età compresa tra 50 e 60 anni ritiene che si dovrebbe fare di più per introdurre sul mercato confezioni ecosostenibili. Inoltre, in linea con l’impatto prodotto dalla recente copertura mediatica in termini di packaging, di fronte alla scelta 12 Carta & Cartiere - Novembre/Dicembre 2019

L’ITALIA CONTINUA A ESSERE MENO “ECOLOGICA” RISPETTO AD ALTRI PAESI EUROPEI

Tony Hitchin, General Manager Pro Carton.

di una confezione in cartone o plastica per lo stesso prodotto, l’89% degli intervistati ha dichiarato di preferire il cartone. Tuttavia, è la generazione dei millennial a causare il maggiore impatto, dal momento che il 55% degli italiani intervistati di età compresa tra 19 e 29 anni ha dichiarato di essere passato a un altro brand nell’ultimo anno per motivi legati al packaging, tra cui l’uso eccessivo di materiali di imballaggio e la rispettiva sostenibilità.

TASSARE IL PACKAGING NON SOSTENIBILE Gli acquirenti italiani supportano anche l’introduzione di una tassa per obbligare commercianti e brand ad adottare soluzioni di imballaggio più ecologiche. La proposta ha incontrato il favore della maggior parte degli intevistati, con il 49% del campione che si è dichiarato molto

I consumatori italiani sono tuttavia ancora un po’ indietro rispetto a quelli di altri Paesi europei in termini di impegno a favore del packaging eco-compatibile. Nonostante il 75% dichiari che le rispettive decisioni di acquisto sono influenzate dalle confezioni dei prodotti, i consumatori spagnoli (81%), tedeschi e polacchi (77%) sono ancora più propensi a basare i propri acquisti sulle credenziali ambientali del packaging. Commentando lo studio, Tony Hitchin, Direttore Generale di Pro Carton, ha dichiarato: “la ricerca evidenzia la rapida evoluzione dell’atteggiamento dei consumatori da quando il dibattito sulla sostenibilità è divenuto attuale nel 2017. Commercianti e brand sono consapevoli della necessità di soddisfare le aspettative di consumatori e governi in termini di una maggiore sostenibilità dei rispettivi packaging”. Pro Carton è l’Associazione Europea dei produttori di cartone e cartoncino. Il suo scopo principale è quello di promuovere l’uso di questi materiali come mezzo di imballaggio economicamente ed ecologicamente equilibrato. ●


Ampio range di temperature da -40 a +130 °C

Efficienza ed ottimizzazione energetica ISO SET System, tutte le cinghie sono sempre accoppiabili

  Eccezionale durata di vita


Tecnologia Tissue ANDRITZ offre soluzioni complete e macchinari chiave per ogni tipo di carta tissue.

SOLUZIONI INNOVATIVE PER LA PRODUZIONE DI TISSUE

Il mercato globale del tissue continua a crescere e si dimostra un comparto dinamico nel settore carta. ANDRITZ è un importante fornitore per l’intero settore, dalla preparazione impasto all´arrotolatore e dai macchinari tradizionali per la produzione di carta tissue convenzionale fino alle tecnologie più recenti per prodotti di qualità premium.

L’

di: Redazione Carta & Cartiere

offerta di ANDRITZ per il settore tissue diventa sempre più valida con l’impiego delle innovazioni ideate presso il centro di ricerca e sviluppo PrimeLineTIAC: il raffinatore Papillon per le fibre, la macchina da carta tissue PrimeLineTEX per prodotti testurizzati e le Metris Digital Solutions che rivoluzioneranno l’efficienza produttiva presso le cartiere specializzate nella produzione di carta tissue. Ne abbiamo parlato con Klaus Blechinger, Vice President Tissue, Günter Offenbacher, Director Sales Tissue and Drying, Peter Clewes, Vice President Fiber Preparation, Recycled Fiber and PMA Systems e Harald Kraschowetz, Senior Sales Manager Fiber Preparation, Recycled Fiber and PMA Systems.

Potreste commentare in generale il mercato tissue dal punto di vista di ANDRITZ? Ad esempio, quali sono le regioni più dinamiche? Il mercato tissue a livello globale sta crescendo in linea con le previsioni. La Cina è attiva; tuttavia, vi è un netto cambio di rotta verso l’installazione di unità di produzione più piccole e quindi più flessibili, invece dei grandi macchinari installati negli 14 Carta & Cartiere - Novembre/Dicembre 2019

ultimi anni. Inoltre, prevediamo che il mercato tissue del Sud America crescerà, così come diventerà più forte nell’Europa dell’Est. Complessivamente, le dinamiche di investimento hanno subito un rallentamento rispetto agli ultimi anni, ma vi è ancora potenziale per quasi tutte le aree di mercato. In Nord America, e leggermente meno in Europa, prosegue la tendenza verso i prodotti premium e prevediamo che la situazione rimanga tale anche in futuro. È interessante vedere come in Sud America e in Cina vi sia la tendenza a considerare anche la produzione di gradi di qualità superiore. Questa richiesta di qualità superiore viene soddisfatta dalle nuove tecnologie che, dal punto di vista del consumo energetico, sono ragionevolmente simili a quelle utilizzate per la carta tissue di qualità convenzionale. ANDRITZ ha riscosso successo in Cina. A cosa si attribuisce? ANDRITZ è stato uno dei primi fornitori europei a portare la tecnologia di macchinari avanzati per la carta tissue in Cina, ad esempio con i nuovi macchinari per Hengan e APP. In secondo luogo, ANDRITZ ha notevoli risorse locali presso l’officina di Foshan, che sono state decisamente potenziate negli ultimi anni al fine di soddisfare la richiesta di produzione locale e che sono state supportate dalla gestione della qualità globale di ANDRITZ. Inoltre, i componenti chiave possono ora essere prodotti anche in


ADDING TO YOUR EVERYDAY

See the invisible The world does not need more food packaging. It needs better, renewable ones.

Chemistry plays a key role in increasing sustainability and reducing food waste by enabling safe and functional fiber-based packaging.

But the features that make a food package more sustainable, more durable or smarter are almost always invisible.

It’s time to pay attention to the unseen.

READ MORE: KEMIRA.COM/ B O A R D - S E E -T H E - I N V I S I B L E


Tecnologia Tissue Cina secondo i più rigorosi standard di qualità ANDRITZ per il mercato globale. Ad esempio, i cilindri Yankee possono essere prodotti presso il centro di produzione e assistenza Yankee a Foshan. Infine, ma non per importanza, la presenza di una forte organizzazione locale per il service e assistenza in Cina è un fattore decisivo per gran parte dei nostri clienti in questa regione. Cosa chiedono oggi i clienti in termini di risparmio sulle materie prime? Come risponde ANDRITZ a tali richieste? Esiste una netta tendenza alla riduzione dell’uso delle fibre lunghe e all’incremento della percentuale di fibre corte nella produzione della carta tissue. Raffinatore Papillon ANDRITZ con zona di raffinazione cilindrica. In alcune regioni, le fibre corte vengono utilizzate per l’intera gamma di prodotti. È importante ottimizzare i processi di raffinazione, ad esempio le fibre esistenti, incluse quasi tutte quelle derivanti da piante impiegando il raffinatore Papillon di ANDRITZ, che assicura annuali. Infine, tutte queste fibre possono essere testate presso consumi energetici decisamente inferiori rispetto ad altre tipologie il nostro Tissue Innovation and Application Center (TIAC) di raffinatori. Inoltre vi è un ulteriore potenziale di risparmio sulla macchina tissue pilota per carta tissue su scala industriale, energetico grazie a ShortFlowConcept di ANDRITZ, che riduce dove è possibile individuare l’impatto sull’efficienza operativa, il numero e il volume delle tine, con una conseguente i dati sul prodotto e la qualità della carta. diminuzione della richiesta di energia per agitare e pompare l´impasto, oltre che dei costi di investimento. Ci potete descrivere ciò che ANDRITZ fornisce in termini di linee complete? E per quali prodotti? ANDRITZ è in grado di fornire linee di produzione complete chiavi Potete spiegarci a quali diverse tipologie di fibra si in mano, dalla movimentazione balle cellulosa all´arrotolatore, e, adattano le linee di carta tissue ANDRITZ? se necessario, anche ribobinatrici e movimentazione dei rotoli. Le linee di preparazione impasto sono adatte a tutti i tipi di Offriamo ogni tecnologia, inclusi sistemi complementari di aria ed fibra. Oltre alle tipiche fibre del legno, ANDRITZ ha una buona energia, soluzioni sofisticate di automazione ed elettrificazione, esperienza operativa per quanto riguarda alcuni nostri macchinari servizi per l’intero ciclo di vita, oltre a tele e feltri di altissimo livello commerciali con fibre da canna da zucchero, bambù, sia per le macchine tissue. I nostri macchinari, tra cui spappolatori sbiancata che non. Oltre a questo, il nostro centro di ricerca per raffinatori, selettori epuratori casse d’afflusso, presse a scarpa, la preparazione impasti a Graz (Austria) e il nostro impianto Yankee e cappe, vengono prodotti presso le officine ANDRITZ. pilota, con dimensioni commerciali, “R&D Center Springfield” Oltre alle nostre soluzioni chiavi in mano, offriamo un portafoglio in Ohio (USA) per paste meccaniche, hanno una vasta Metris avanzato per aiutare i nostri clienti nella trasformazione conoscenza e una grande quantità di dati relativamente a tutte digitale della loro linea di produzione della carta tissue. Questo include la piattaforma Metris UX, Metris OPP e altro ancora.

L’Innovation and Application Center (PrimeLineTIAC) comprende un impanto pilota per carta tissue dove si produce tissue dry crepe, strutturato e texturizzato.

16 Carta & Cartiere - Novembre/Dicembre 2019

Ci potete descrivere ciò che ANDRITZ offre in termini di backup e assistenza ai clienti? Dopo la messa in servizio e l’assistenza in fase di avvio, oltre all’ottimizzazione in loco dopo l’avvio, ANDRITZ può fornire un supporto dedicato da remoto. Dal nostro Metris Performance Center di Graz possiamo supportare appieno gli operatori in loco, ottimizzare l’impianto del cliente, regolare e modificare le impostazioni. Il Metris Performance Center può assumere il controllo di tutte le funzioni della sala operatori del cliente e, se necessario, azionare da remoto tutti i macchinari. I nostri servizi Metris OPP (Optimization of Process Performance,


WWW.SADASGROUP.IT WWW.SIEISISTEMI.IT


Tecnologia Tissue Quali sono le innovazioni chiave e le attività di ricerca e di sviluppo che avete condotto su PrimeLineTIAC e che potrebbero risultare interessanti per i vostri clienti? PrimeLineTEX è stato il nostro obiettivo principale negli ultimi tempi. Con questa tecnologia intermedia, ANDRITZ ha sviluppato una macchina competitiva per carta tissue premium con utilizzo di minori quantità di fibra, in particolare rispetto al dry crepe, e minori consumi energetici rispetto a TAD. Secondo la Vostra esperienza, l’IIoT e l’uso di Big Data con le tecnologie Metris fanno la differenza in termini di efficienza produttiva? Le applicazioni Metris saranno importanti in futuro per i prodotti di carta tissue? ANDRITZ Novimpianti - gli specialisti per air system ed energia del settore tissue. Le tecnologie Metris sono la nostra risposta a favore della trasformazione digitale. Metris OPP, ad esempio, viene utilizzata con successo in Ottimizzazione delle prestazioni di processo) costituiscono molti impianti di produzione di cellulosa da oltre dieci anni. un netto vantaggio per i produttori di carta tissue al fine di L’implementazione di Metris OPP garantisce risultati straordinari massimizzare l’efficienza dei loro stabilimenti. in termini di risparmi e miglioramenti operativi. Tali servizi sono accompagnati e protetti da soluzioni di Ci aspettiamo risultati altrettanto eccellenti per i macchinari cyber security, intelligenza artificiale, servizi di manutenzione per carta e tissue nel prossimo futuro. L’offerta di un servizio preventiva e predittiva, oltre ad altri servizi. e un’assistenza clienti validi sono un aspetto estremamente importante. Il Metris Performance Center dispone di svariate Come si distingue ANDRITZ dagli altri fornitori applicazioni per un’assistenza clienti e un supporto globale di macchinari e linee per carta tissue? perfetti, con soluzioni da remoto, comunicazione in tempo reale ANDRITZ serve il settore tissue con una gamma completa e analisi dei dati. Ciò significa che ANDRITZ è in grado di prodotti, dalla carta tissue convenzionale, passando per la di ampliare le attività di assistenza per i produttori di carta tecnologia intermedia, fino ai macchinari TAD di altissimo livello. in tutto il mondo, mettendo virtualmente un esperto nella sala Per tutte queste tecnologie siamo in grado di offrire molti servizi comandi dello stabilimento in caso di necessità. sul fronte della ricerca e dello sviluppo e possiamo anche ideare specifici prodotti per determinate aree di mercato, occuparci degli impasti e altro con la nostra PrimeLineTIAC. Sono disponibili Cosa riserva il futuro ai produttori di carta tissue quando anche svariate tecnologie per le soluzioni di risparmio energetico, si parla del meglio della tecnologia di ANDRITZ? ad esempio il nostro sistema ShortFlow, parte costante con Oltre ad ottimizzare e migliorare l’efficienza delle installazioni per doppia diluizione, la pressa a scarpa per l’incremento del secco dry crepe e della nuova tecnologia per la carta tissue texturizzata, post-pressa, gli Yankee in acciaio per un’essiccazione efficiente, ANDRITZ si concentrerà decisamente sulla tecnologia di alto i sistemi di recupero del calore per generatore di vapore e livello. Per rendere questa tecnologia applicabile in un’area gli impianti di ri-evaporazione e co-generazione. Offriamo di mercato più ampia, ci concentreremo su una riduzione un’assistenza completa nel corso di tutti i progetti, comprensiva significativa dei consumi energetici. Abbiamo già predisposto di ogni aspetto della produzione e oltre. idee e innovazioni e il nostro impianto pilota ci offre la grande opportunità di metterle ampiamente alla prova. ● Ci potete parlare delle recenti acquisizioni di ANDRITZ, in particolare di Novimpianti e Xerium? Potete descrivere i vantaggi che queste due aziende portano ai vostri clienti? Con l’acquisizione di Novimpianti, ANDRITZ ha completato la propria gamma di prodotti per air system ed energia e ha apportato ulteriori competenze e assistenza/supporto all’ottimizzazione per i propri clienti. Inoltre, vi sono stati vantaggi anche nelle operazioni di ricerca e sviluppo in quest’area. Xerium è uno dei fornitori più noti di materiali di consumo nel La più recente innovazione di ANDRITZ, la settore della carta, tra cui rivestimenti per rulli, macchina PrimeLineTEX per la produzione di tele di formazione, feltri e calze per presse a carta tissue texturizzata, è stata ampiamente scarpa. Xerium dispone inoltre di un’ampia rete e testata presso l´impianto pilota di ANDRITZ. di eccellenti soluzioni di assistenza clienti. 18 Carta & Cartiere - Novembre/Dicembre 2019


SOLAR® TECHNOLOGY TO BOOST YOUR PROFITS SMART GRID

ENERGY MARKETS

FREQUENCY REGULATION ENERGY BILL OPTIMIZATION LOAD SHIFTING AND BALANCING DEMAND RESPONSE

Direct Drying to improve profitability High Efficiency to generate savings CO2 Reduction to protect the Environment

You can have it all! www.solarturbines.com Phone: +41 91 851 1511 | +1 619 544 5352 infocorp@solarturbines.com


Tissue

CONSUMER TISSUE: GLOBAL OPPORTUNITIES, LOCAL CHALLENGES In 2018, global retail sales of consumer tissue products grew by 2% in constant US dollar terms to reach USD 78 billion, with projected compound annual growth (CAGR) of 2.6% at constant 2018 prices over 2018-2023 to reach estimated USD 88 billion, or 28 million tonnes. On the whole, global untapped potential for retail consumer tissue is estimated to stand at USD 51 billion, and 18 million tonnes.

I

Svetlana Uduslivaia.

20 Carta & Cartiere - Novembre/Dicembre 2019

by: Svetlana Uduslivaia, Head of Research, Chicago, Euromonitor International

n the developed markets, the industry continues to struggle with already high levels of market penetration, slow population growth, and pricing pressures. High input costs forced branded tissue manufacturers to announce price increases in retail, some of which come at the expense of volume growth as many consumers (especially lower income households) look for lower pricing. The latter trend also creates further opportunities for discounters, which continued to see growth in a number

of markets, including developing markets like Turkey. In emerging and developing countries, on the other hand, per capita consumption of tissue products for most part is still low. Thus, there remain opportunities for further industry growth, supported by improved incomes and better product availability. However, affordability remains an issue for many in developing regions, due to the fact that the majority of untapped potential is found within the vast low-income consumer base.

SHIFTING GROWTH FRONTIERS India and China, both with estimated unmet potential of around four million tonnes, are the two top global markets


the best in winding

Meet us at PAPEREX, New Delhi, India 3-6 December 2019

Web width up to 8 m Mother reel diameter up to 4,5 m Finished reel diameter up to 2,4 m Drive speed up to 2600 mpm Slittomatic® double motor cutting unit positioning management system without the need of web break Built-in spool-parking

www.acelli.it

the new generation of rewinders The sophisticated paper and board rewinders E-WIND® P100 and P100H are the embodiment of the company’s level of excellence attained throughout the years. A.Celli E-WIND® Paper Rewinders main features: high capacity, high speed, high flexibility and high efficiency.

INDUSTRY


Tissue tissue in Angola stood at close to 2 kg in 2018, while most other markets in Africa still show consumption levels well below 1 kg and leave much room for long-term industry expansion in the region. Some of the industry challenges to growth and brand awareness, aside from low incomes and macroeconomic and political instability, also include black market, cheap counterfeits, and low-cost Chinese imports coming into the region.

SUSTAINABILITY IN FOCUS

by unmet potential, followed by Egypt, Russia, Brazil, and Nigeria. The markets show significant differences in per capita consumption; from still quite negligible levels in India to far more evolved Russia, Brazil, and China. Markets with more evolved consumption patterns and higher disposable incomes, such as China, present opportunities for value-added higher-quality products, especially in urban areas. On the other hand, markets such as Russia and Brazil already show a significant level of private label development in retail

Select markets, retail tissue, per capita, kg, 2018.

Source: Euromonitor International.

22 Carta & Cartiere - Novembre/Dicembre 2019

Nigeria

Tanzania

Kenya

Egypt

Angola

Vietnam

India

0

Russia

3

Brazil

6

South Africa

Japan

9 China

Kg, per capita

Germany

USA

15

12

tissue, in contrast to China, India, Egypt, and Nigeria. Expansion of private label is putting pressure on prices, as consumers increasingly recognize opportunities to purchase quality products at competitive prices. Africa continues to draw attention, and retail sales of consumer tissue in the region have been gaining traction. Retail tissue consumption in South Africa stands at 5 kg per capita, which is about half the per capita retail consumption in developed regions but far ahead of most markets in Africa. Per capita consumption of retail

Environmentally responsible products and practices are among the core strategies for many leading players in the global tissue industry. Aside from response to consumer and government pressures, these are also an integral part of the industry approach to cost efficiencies and utilisation of the alternative sources of fibre. The trend sees the launch of products positioned as providing sustainable solutions as well as value for money and quality. Latest examples include tubeless Lotus Moltonel by Essity in Europe; the expansion of UK-based The Cheeky Panda bamboo-based products beyond its UK home base, and bamboo-based products under the Mayflower brand by YFY in Taiwan. Unbleached tissue products have also been gaining attention in some markets, such as China, for example. While some of the more premium-priced products with eco-positioning start off by selling products direct to consumers via online channels and in specialised retail outlets with a focus on natural products,


EXPERIENCING T H E - FA C T O R Oradoc foresees the needs of the paper industry. Always aiming at continuous improvement and measurable results, We offer technical expertise, innovative solutions and tailored services. We call it the

-Factor. That’s our signature feature.

That’s what turns into a competitive advantage for your business. You need the best, do not settle for less.

W W W. O R A D O C . N E T


Tissue

Select developing markets, private label tissue, % retail value share, 2018. Turkey South Africa Philippines Thailand Russia Argentina Colombia Indonesia Malaysia Brazil Ukraine Mexico Bulgaria Romania 0

10

20

30

40

50

Source: Euromonitor International.

such as Whole Foods for example, retail distribution has been expanding, along with product awareness and visibility.

TARGETED DISTRIBUTION VIA SUBSCRIPTION PLATFORMS In 2018, online retail accounted for 5% of global consumer tissue sales. While still behind, compared to for instance disposable hygiene products, online tissue sales have nonetheless seen a substantial uptake in sales as more consumers have been shifting towards e-commerce for better price and convenience as well as wider product selection, including private label by leading e-tailers like Amazon with increased focus on its own private label consumer staples like tissue. The evolution of technology, including virtual assistants like Alexa, further facilitates the shift, as it makes it easier to re-order household staples. Interestingly, subscription boxes with a focus on consumer tissue have gained traction in the market. Subscription boxes usually focus on value-added premium products as well as products positioned as sustainable/eco-friendly and ethical. In Germany, for instance, the subscription box Smooth Panda offers bamboo toilet paper in recyclable packaging. Likewise, in markets like Australia, the US and UK, the subscription box Who Gives a Crap has gained some popularity. This Australian company is making its products with environmentally friendly materials, including bamboo and recycled fibers. The company also 24 Carta & Cartiere - Novembre/Dicembre 2019

donates half of its profits to help build toilets in the developing countries, thereby helping to improve health and daily hygiene of the communities it works with. While subscription boxes are not likely to overtake store-based retail and more

established forms of online retail, the subscription platforms create opportunities for smaller brands to differentiate themselves from mass market competition and build targeted distribution and consumer loyalty for long term growth. â—?


Atrojet.T Migliora il tuo tissue con un feltro perfetto

Atrojet.T è ideale per il tissue data la struttura a moduli multi assiali non tessuti:

• Struttura tessile, flessibile ed adattabile • Disegni utilizzabili su qualsiasi tipo di macchina tissue • Ampia disponibilità di disegni • Numerosi punti di contatto, ottimo drenaggio ed eccellenti profili trasversali

www.heimbach.com

• Minima riduzione del volume liberto, facilità di lavaggio • Elevato carico di rottura per un’ottima durata


MIAC 2019 Reportage

Il taglio del nastro di MIAC 2019.

MIAC, GRANDI NUMERI ma PER LA 26 EDIZIONE La Mostra Internazionale dell’Industria Cartaria di Lucca si conferma ai primi posti delle manifestazioni fieristiche del settore cartario a livello internazionale, con 6.500 visitatori da tutto il mondo e oltre 270 espositori di macchinari, impianti e attrezzature per le diverse esigenze dei tecnici di cartiera e dei trasformatori di carta tissue. di: Redazione Carta & Cartiere

S

tand tutti esauriti nei padiglioni dell’ultima edizione del MIAC di Lucca per una panoramica a 360 gradi sul settore cartario. In questa 26ma edizione la Mostra Internazionale dell’Industria Cartaria - manifestazione ufficiale di Assocarta, patrocinata da Confindustria Toscana Nord - ha consolidato il suo ruolo di rassegna fieristica ai primi posti a livello internazionale nel settore dei

26 Carta & Cartiere - Novembre/Dicembre 2019

macchinari e delle attrezzature utilizzate nell’industria cartaria. Una kermesse con oltre 270 espositori presenti, di cui il 35% provenienti dall’estero, che ha accolto nelle tre giornate della manifestazione 6.492 visitatori provenienti da 55 Paesi. Nell’affollatissimo Polo Fieristico della città toscana si sono dati appuntamento visitatori provenienti da tutto il mondo: CEO, direttori, conduttori di macchina, tecnici e manager di cartiera e dei trasformatori di carta tissue, per fare il punto sull’andamento del settore, sulle tendenze del mercato, sullo sviluppo


ICONIC HIGH TECH DOCTORING COLLECTION

Boost your runnability with our tailor-made doctoring systems, designed to meet the most demanding applications. Product innovation, logistics and customer care create value for papermakers all over the world.

bonetti.com


MIAC 2019 Reportage tecnologico e sull’adeguamento dei macchinari per la produzione e la trasformazione della carta e del cartone. Un’occasione imperdibile per conoscere e incontrare da vicino le aziende leader di settore, ma anche per l’aggiornamento professionale, grazie ai diversi convegni internazionali organizzati durante le tre giornate della manifestazione. Di rilievo anche la partecipazione della stampa specializzata, con giornalisti accreditati di oltre 25 testate da tutto il mondo, che affiancano il MIAC come Media Partner, facendo conoscere la fiera in tutti i Paesi. “La manifestazione”, spiega Gianmaria Pfeiffer, Direttore del MIAC “rappresenta un appuntamento annuale irrinunciabile per gli addetti ai lavori, grazie alla presenza nei padiglioni espositivi del Polo Fiere di Lucca delle più importanti imprese del settore cartario a livello nazionale e internazionale. L’ultima edizione ha registrato ancora una volta il tutto esaurito e si è contraddistinta per un clima positivo e di fiducia sia da parte degli espositori sia dei numerosi visitatori”.

IL MIAC E IL DISTRETTO CARTARIO Il MIAC e la città di Lucca con i territori della sua Provincia rappresentano un binomio molto forte che risale al lontano 1994, quando fu inagurata la prima edizione della fiera nella tensostruttura di Via delle Tagliate. “Lucca è da sempre sinonimo di industria cartaria”, aggiunge Pfeiffer “e dei macchinari e attrezzature per la produzione di ogni tipo di carta, dall’imballaggio al tissue. La fiera si svolge in questa città, che è il simbolo della carta ed è il maggiore Distretto Cartario riconosciuto ufficialmente in Europa.” Il Distretto Cartario - comprendente tissue e cartone ondulato - rappresenta un sesto (3,9 miliardi di euro) del fatturato complessivo della filiera cartaria a livello nazionale, pari a 24,9 miliardi di euro (1,5% del Pil nazionale), considerando oltre al comparto cartario anche il comparto grafico e la trasformazione. Nel Distretto sono localizzati i più importanti produttori nazionali di carte per usi igienico e sanitario che si posizionano al primo posto in Europa con il 21% di volumi produttivi, mentre la produzione di carte per imballaggio si colloca, sempre in Europa, in terza posizione. Fra tissue e cartone ondulato, il cartario è il settore più importante della Provincia di Lucca; insieme alla produzione realizzata a Pistoia, si contano 244 stabilimenti 28 Carta & Cartiere - Novembre/Dicembre 2019

Il Sindaco di Lucca Alessandro Tambellini ed Eugenio Giani, Presidente del Consiglio regionale della Toscana visitano la 26ma edizione del MIAC con gli esponenti delle Istituzioni e delle Autorità Locali.

I corridoi di MIAC 2019 al Polo Fiere di Lucca.


MIAC 2019 Reportage

Eugenio Giani, Presidente del Consiglio regionale della Toscana.

produttivi con 7.575 addetti, in grado di generare 3,9 miliardi di fatturato, di cui 1,12 miliardi di export. Il Distretto Cartario lucchese svolge un ruolo chiave in Europa esprimendo il suo primato anche in termini di sostenibilità e di economia circolare, considerando che impiega nella sua produzione circa il 25% della carta da riciclare a livello nazionale (ogni minuto in Italia si riciclano 10 tonnellate di carta, di cui 2,5 tonnellate nel Distretto lucchese). Lucca è anche un importante polo della meccanica per il settore cartario, con 97 stabilimenti, 2.420 addetti, 965 milioni di fatturato stimati, di cui 676 milioni di export. Protagoniste del MIAC sono proprio le imprese produttrici di macchinari, impianti e attrezzature lucchesi, italiane e internazionali che espongono negli stand del Polo Fieristico le loro ultime innovazioni.

LA CERIMONIA DI APERTURA DEL MIAC I battenti del MIAC 2019 sono stati aperti con il tradizionale taglio del nastro, seguito da una cerimonia di inaugurazione nella sala Convegni del Polo Fiere di Lucca, alla quale hanno preso parte numerosi

esponenti dell’industria e delle istituzioni locali. Oltre al Sindaco di Lucca Alessandro Tambellini, vi hanno preso parte Eugenio Giani, Presidente del Consiglio regionale della Toscana, Luca Menesini, Presidente della Provincia di Lucca e Sindaco di Capannori, Sara D’Ambrosio, Sindaco di Altopascio, i Consiglieri Regionali della Toscana Stefano Baccelli, Maurizio Marchetti ed Elisa Montemagni, il Presidente di Confindustria Toscana Nord Giulio Grossi e il presidente della Camera di Commercio di Lucca Giorgio Bartoli. Al taglio del nastro è seguita una tavola rotonda dal titolo

La cena di gala al termine della seconda giornata del MIAC presso il Complesso Conventuale di San Francesco - Lucca.

30 Carta & Cartiere - Novembre/Dicembre 2019

”Il Green New Deal secondo l’industria cartaria”, moderata dal giornalista di Repubblica Firenze, Maurizio Bologni, dove si sono confrontate le posizioni di Girolamo Marchi, Presidente di Assocarta e di Tiziano Pieretti, Presidente della sezione carta e cartotecnica di Confindustria Toscana Nord. Durante l’incontro è stato ricordato come il Distretto Cartario di Lucca continui a crescere in termini di fatturato (+0,4% nei primi 7 mesi del 2019). Un dato ancora più significativo se si considera invece che il settore a livello nazionale, nello stesso periodo, ha registrato una riduzione del 2,6%. “Il Distretto Cartario di Lucca è una delle realtà di eccellenza della Toscana e merita la massima attenzione da parte delle Istituzioni”, ha sottolineato Eugenio Giani, Presidente del Consiglio regionale della Toscana in apertura di MIAC 2019, portando il saluto della Regione. “Sappiamo che è importante fare un salto di qualità se vogliamo reggere il confronto con le altre realtà mondiali, dando risposte concrete sia sul piano dello snellimento della burocrazia sia sul versante del riciclo dei rifiuti. Per la politica è un obbligo cercare di dare risposte efficaci alle esigenze dell’industria.” ●


kfadv.it

Passion behind PaPer

Tissue & Paper machines

www.overmade.it


Tissue Equipment

BONETTI SOLUTIONS FOR THE TISSUE INDUSTRY Bonetti can boast a long experience in the supply of products for the creping application that dates back to the seventies: when it comes to its products Bonetti is right now one of the major suppliers to the tissue industry worldwide.

O

by: Bonetti SpA

ver the years Bonetti helped numerous customers improve their creping process taking comprehensive approach spanning from the blades to the doctoring equipment, them being both part of the current product portfolio. The main areas where Bonetti focused its efforts have been the sheet quality improvement, the increase of the overall efficiency of the tissue machine and the reduction of its operating costs. The approach is diversified and tailored to the specific demands of the customer and Bonetti has been therefore bringing to the industry new tools and new products. A good example of new 32 Carta & Cartiere - Novembre/Dicembre 2019

tools is BONVIBES, the new vibration monitoring system, see Fig. 1 and Fig. 2 with BONVIBES Reports (Fig. 3 and Fig. 4). The new system monitors the creping doctor vibrations during the life of the blade, thus allowing the blade changes to be correctly programmed. This in turn significantly reduces the risk of chattering on the YD surface and better control of the coating distribution. Bonetti’s success has always been based on a timely response to the needs and demands of the markets it serves.

BONVIBES REPORTS Weekly (or upon request) a report is sent to the paper mill showing the trend of the vibrations and the frequencies recorded (Fig. 3 and Fig. 4). By monitoring and analyzing the detected


Tissue Equipment

Fig. 1 - BONVIBES, the new vibration monitoring system.

Fig. 2 - BONVIBES, the new vibration monitoring system.

vibrations, BONVIBES’ software informs the tissue maker on the correct timing to change the blades, thus reducing to the minimum the risk of chatter marks formation. Main goals of the BONVIBES are both the protection of the Yankee dryer surface and the real time monitoring and alarming; BONVIBES has an intuitive and user-friendly operator interface. Versions with one or two acquisition channels are both available. In summary the system: helps tissue manufacturers monitor the trend of vibrations to the creping system; allows a correct management of the blade life; provides valuable support to avoid chattering on the Yankee dryer.

analysis of both existing wear and of wear pattern. The technical and sales team can offer all necessary information and assist customers in the implementation of your machine to keep operation running at peak performance.

PRODUCTS Complete range of Doctor Blades, Hi-Tech Steel, Tungsten Carbide and Ceramic Coater Blades, Steel and Ceramic Creping Blades, Doctoring Equipments, Spare parts and related Services, Laboratory for analysis and measures, Maintenance. ●

GLOBAL PARTNER OF PAPER MILLS AND PAPER MACHINES Bonetti is a worldwide leader in the supply of doctoring systems. The portfolio offers a complete range of creping, coating and cleaning blades, in various materials and sizes. Focusing on the creping process, it offers two different types of tip coated creping blades: the MIZAR and the SIRIUS blades. When compared to traditional carbon steel blades, they offer extended lifetime and greatly improve the softness of the sheet. These two blade qualities complete each other: whereas the MIZAR offers the longest possible lifetime, the SIRIUS allows a smoother blade startup, is not prone to chipping and can be machined with sharper angles suitable for Super Soft tissue grades. Bonetti’s specialists can supply a complete audit of the doctoring systems and the blades in use. For doctoring systems the audit includes a geometric check of the mechanical condition of the doctors. Now in the third generation of family ownership, Bonetti has been and will continue to be a global partner of paper mills and paper-machine manufacturers. For blades, the audit includes a check of all the blades used as well as an 34 Carta & Cartiere - Novembre/Dicembre 2019

Fig. 3 - BONVIBES Reports. The figure shows the maximum and minimum vibrations (in red and green respectively) over a period of 30 days, while it shows in blue color the average vibrations over an adjustable period of time (from one minute to 30 days).

Fig. 4 - BONVIBES Reports. The figure shows the value of the frequencies recorded in Hz. In red /yellow the high frequencies (22000Hz).


In Cartiera

COME PROTEGGERSI INSTALLANDO GLI

ANELLI AEGIS Danneggiamento cuscinetti negliimpianti di produzione della carta. Prevenzione dei tempi di fermo in cartiera.

L

di: Casa del Cuscinetto SpA

®

AEGIS®, distribuiti da Casa del Cuscinetto, proteggono i cuscinetti del motore (e l’attrezzatura accoppiata) incanalando le correnti di scarica della tensione dell’albero dai cuscinetti in modo sicuro verso terra. Gli anelli AEGIS® SGR sono dimensionati per motori a bassa tensione inferiori a 100 CV. La serie AEGIS® PRO offre l’elevata capacità di carico di corrente necessaria per motori di media e grande tensione. Prevenendo tempi di inattività dei processi estremamente costosi, gli anelli AEGIS® generano un notevole ritorno sugli investimenti.

a fabbricazione della carta è molto impegnativa. Per garantire uno stretto controllo sui parametri ARGOMENTO DI STUDIO: GLI ANELLI DI MESSA di processo critici, molti motori sono controllati A TERRA DELL’ALBERO MOTORE RIDUCONO I TEMPI da variatori di frequenza (VFD o inverter). Questi DI FERMO E LE RIPARAZIONI NELLE CARTIERE azionamenti possono essere utilizzati per controllare In una cartiera negli Stati Uniti viene testato ogni nuovo motore i motori che guidano tutti i tipi di pompe e ventilatori, mixer, controllato da un variatore di frequenza (VFD) e se ne vengono avvolgitori e ribobinatrici e una serie di apparecchiature correlate. rilevate tensioni nell’albero, il motore viene dotato di un anello di Ma mentre i VFD consentono un controllo preciso della velocità protezione del cuscinetto AEGIS® per deviare le correnti dannose o della coppia del motore, essi possono anche danneggiare i verso terra. L’ingegnere manager dell’affidabilità dei sistemi cuscinetti del motore e causare costosi tempi di inattività non elettrici dell’impianto ha stabilito questa specifica per risparmiare pianificati. Questi azionamenti creano tensioni sugli alberi dei denaro dopo molti anni di frustrazione a causa di guasti ricorrenti motori che controllano e queste ai cuscinetti, dovuti a queste tensioni si possono scaricare cosiddette correnti “parassite”. attraverso i cuscinetti del motore. La storia delle manutenzione Il conseguente danneggiamento condotte su di un motore ci racconta dei cuscinetti può causare guasti e la sua vita e le sue problematiche. interrompere la produzione. Il grande motore da 1.000 HP preso Quindi la tecnologia VFD in esame fa parte di un impianto che impiegata per migliorare i processi trasforma la polpa in bobine, che di fabbricazione della carta crea sono successivamente tagliate in anche danni che possono arrestare noti marchi di asciugamani di carta, la produzione. Questi guasti ai tovaglioli e altri prodotti. La cartiera, cuscinetti evitabili, possono costare uno dei tanti siti di proprietà di una centinaia di migliaia di euro in grande azienda cartaria americana, attrezzature danneggiate, costi di impiega oltre 1.800 persone nella riparazione e perdita di produzione. raccolta e nella conversione di circa Immagine ingrandita a microscopio di fenomeno Gli anelli di messa a terra dell’albero 430.000 tonnellate di carta straccia “pitting” su pista cuscinetto. 36 Carta & Cartiere - Novembre/Dicembre 2019


Dove c’è energia, c’è AB La COGENERAZIONE AB sempre a portata di mano.

Nel settore della carta, ad esempio…

Gli impianti di cogenerazione AB sono preferiti dalle cartiere per garantire competitività produttiva unendo ai vantaggi economici del risparmio energetico una concreta attenzione di salvaguardia ecoambientale. L’energia AB è sempre una buona scelta: esalta l’efficienza e riduce i costi. www.gruppoab.com


In Cartiera

Posizione d’installazione dell’anello AEGIS su fan pump.

all’anno. Il problema con il motore, che funziona fino a 1.200 giri al minuto, derivava dal suo VFD, che induce correnti vaganti che viaggiano attraverso l’albero del motore. Nonostante gli sforzi del personale addetto alla manutenzione interno alla cartiera e di quelli dell’appaltatore esterno addetto alla manutenzione dell’impianto, le correnti dell’albero distruggono i cuscinetti del motore ogni circa due anni. Le correnti che percorrono i cuscinetti verso terra, fanno esplodere le sfere e le piste del cuscinetto con innumerevoli crateri a fusione. L’arco che si crea genera queste fosse e rilascia minuscole particelle di metallo che contaminano il grasso del cuscinetto, causando attrito e alte temperature che bruciano quest’ultimo. Seguendo la normale routine industriale del tempo, la L&S Electric (l’azienda che si occupa delle manutenzioni in cartiera sui motori), avrebbe portato il motore nella sua officina per il ricondizionamento, che includeva lo smontaggio; pulizia, collaudo e sostituzione di entrambi i cuscinetti; il riassemblaggio e trasporto in cartiera e infine la reinstallazione. Nel corso degli anni, la L&S ha tentato di isolare il problema installando un cuscinetto isolato lato opposto trasmissione, ma il problema si è spostato sul cuscinetto lato trasmissione. Ogni ricondizionamento ha comportato un impatto sul budget di manutenzione: da $ 8.000 a $ 10.000, senza contare il costo di arresto della linea di produzione del motore. “È un vero problema lo smontaggio di questi motori”, osserva l’ingegnere dell’affidabilità dei sistemi elettrici. “Molti di essi sono in spazi ristretti. La manutenzione è un problema, se si tenta di cambiare il cuscinetto sul posto. Il giunto deve essere smontato, il motore spostato, il giunto rimosso dall’albero motore, tolta la campana finale, ecc. Potrebbe farci risparmiare qualche ora per cambiare i cuscinetti sul posto, ma poi c’è il potenziale di introdurre contaminanti nel cuscinetto, ed è ancora abbastanza laborioso. Stiamo parlando di 12-16 ore, un sacco di tempo morto per noi.” 38 Carta & Cartiere - Novembre/Dicembre 2019

TROVANDO L’ANELLO GIUSTO Quando la L&S portò il motore nella loro officina per un altro ricondizionamento nel giugno del 2017, l’ingegnere dell’affidabilità dei sistemi elettrici decise di provare qualcosa di nuovo. Così la L&S aggiunse un alloggiamento del cuscinetto isolato all’estremità del motore e, su richiesta dell’ingegnere, installò un anello di messa a terra dell’albero AEGIS® SGR, prodotto da Electro Static Technology (EST). L’anello convoglia correnti dannose lontano dai cuscinetti verso terra. Ma le speranze sono state deluse solo tre mesi dopo, quando una lettura dell’oscilloscopio indicava che la tensione era ancora abbastanza alta da danneggiare i cuscinetti (oltre 5 volt). Quando i cuscinetti furono nuovamente sostituiti, la L&S aggiunse due spazzole di messa a terra con setole di rame sui lati opposti dell’albero lato trasmissione. Il rappresentante di vendita regionale EST suggerì di provare un altro tipo di anello AEGIS®: il PRO SL. Progettato appositamente per applicazioni ad alta corrente, PRO SL è ideale per proteggere motori, generatori e turbine a media tensione da danni ai cuscinetti elettrici. AEGIS® SGR era troppo piccolo per deviare tutta la corrente dall’albero di un motore così grande, spiegò il rappresentante di vendita, offrendo un anello PRO SL gratuitamente. Nel maggio del 2018, la L&S installò il PRO SL sul motore presso la cartiera. Il PRO SL ad anello diviso si adatta attorno all’albero del motore, eliminando la necessità di disaccoppiare le apparecchiature collegate. Due anni e mezzo dopo, il motore continuava a funzionare senza intoppi, il periodo più lungo di sempre senza sostituzione del cuscinetto. Un cavo “a spirale” installato dalla L&S consente all’ingegnere dell’affidabilità di controllare la tensione dell’albero in modo facile e sicuro, con un oscilloscopio portatile. Quest’ultimo riferisce che le letture sono rimaste sotto i 5 volt. Oltre a controllare il voltaggio dell’albero del motore, il produttore dell’anello PRO SL


Rilievi Progettazione Laser Scanner 3D Marcatura Impianti

Montaggio

T

S

Fa

ASSI

Start-Up Manutenzione

ANCE EAM

Ricambi

Office: Via G. Leopardi,7 - 10095 Grugliasco - (TO) Italy WebSite: www.dmprogetti.com

Tel: +39 011 70.79.269

E-Mail: m.destefanis@dmprogetti.com


In Cartiera

Posizione d’installazione dell’anello AEGIS su fan pump.

ha raccomandato di effettuare ispezioni periodiche per garantire che l’albero motore rimanesse conduttivo in questo ambiente difficile. Dopo i primi sei mesi di funzionamento, l’anello diviso PRO SL è stato rimosso e l’albero del motore è stato pulito da qualsiasi corrosione o ossidazione e rivestito con argento colloidale per garantire un’alta conduttività. Questa manutenzione ordinaria dell’albero è ora programmata per coincidere con gli arresti di manutenzione dell’impianto regolarmente programmati e ha migliorato l’efficacia dell’anello AEGIS® PRO SL. “Sono davvero entusiasta dei risultati”,

40 Carta & Cartiere - Novembre/Dicembre 2019

Misurazione post installazione dell’anello Aegis con oscilloscopio delle correnti residue.

commenta l’ingegnere dell’affidabilità, che da allora ha installato gli anelli AEGIS® su molti altri motori dell’impianto.

“VOGLIAMO AFFIDABILITÀ” L’anello di messa a terra serie AEGIS® PRO esente da manutenzione è disponibile in una gamma di dimensioni per adattare generatore/alberi motore fino a 800 mm di diametro. Incorporato in sicurezza nel canale AEGIS® FiberLock sulla circonferenza interna dell’anello, sei file di microfibre conduttive circondano completamente l’albero motore, fornendo milioni di punti di scarica per correnti d’albero dannose e deviando efficacemente queste correnti a terra. L’AEGIS® PRO funziona anche in presenza di contaminanti, come la polvere di carta nell’aria della cartiera. Come parte di un programma di manutenzione preventiva, può essere installato su motori in servizio od ogni volta che i cuscinetti vengono sostituiti. A differenza delle convenzionali spazzole a contatto a punto singolo, le microfibre conduttive dell’anello AEGIS® rivestono l’intera circonferenza interna, circondando l’albero motore con punti di contatto per un’efficacia di gran lunga maggiore. Questo design aumenta la velocità di trasferimento degli elettroni dell’anello, fornendo un’impedenza molto bassa dall’albero al telaio, bypassando completamente i cuscinetti del motore e scaricando le correnti dannose in modo sicuro verso terra. Poiché le microfibre conduttive dell’anello funzionano con un contatto fisico minimo o nullo, non richiedono la manutenzione e la sostituzione regolari di spazzole di messa a terra in metallo o carbon block. La tecnologia brevettata Nanogap mantiene il contatto elettrico tra le microfibre e l’albero del motore, deviando così le tensioni dannose dell’albero se le microfibre toccano o meno l’albero. Ciò garantisce che l’anello durerà per la vita del motore, indipendentemente dalla velocità del motore e funzionerà efficacemente anche in presenza di sporco, grasso o altri contaminanti. ●


➔ Firetube steam boiler

Generatori a tubi da fumo ➔ Watertube steam generator

Generatori a tubi d’acqua ➔ Turn-key prefabricated thermal plant

Centrali termiche prefabbricate chiavi in mano

STEAM HIGH TECHNOLOGY AT YOUR SERVICE ➔ High efficiency - Elevati rendimenti ➔ Long lifetime - Lunga durata di vita ➔ Steam high quality - Elevato titolo del vapore ➔ Low NOx emission - Basse emissioni di NOx

L.C.Z. srl

Via Canvelli, 21 - 43015 Noceto Parma - ITALY Tel. +39 0521 258723/4 - Fax +39 0521 258717 - info@lcz.it

www.lcz.it


Recupero di Calore

SIAT, DA

OLTRE 70 ANNI IL PARTNER NEL RECUPERO SIAT ha iniziato il proprio cammino con le caldaie a fiamma e da allora ha continuato a investire sempre maggiori energie nel settore del calore sia dal punto di vista della generazione sia del recupero termico.

L

di: SIAT Italia Srl

a più recente famiglia di generatori a recupero di calore RECOPACK, nelle versioni RECOPACK, MultiRECOPACK, DUPLEX e i generatori industriali di vapore classici CALORPACK rappresentano oggi la linea di eccellenza di SIAT, confermando l’impegno nel perseguire politiche di sviluppo orientate al recupero di calore nel rispetto e tutela dell’ambiente. Il generatore industriale di vapore CALORPACK è il risultato della sintesi delle nostre competenze, acquisite grazie alla costruzione di oltre quattromila caldaie a tubi da fumo e quindicimila scambiatori di calore e rappresenta uno dei prodotti d’eccellenza di SIAT, frutto dell’esperienza maturata fin dalla nascita nel 1947.

LE CARATTERISTICHE DEL GENERATORE CALORPACK RISPONDONO A STANDARD PRODUTTIVI DI ALTA QUALITÀ Tutti i modelli della gamma CALORPACK sono a 3 giri effettivi di fumo (uno nel focolare e due nei tubi) con camera di inversione posteriore a fondo bagnato. Il corpo principale è in acciaio al carbonio, con piastre sbordate in modo da distribuire al meglio le pressioni. Attraverso una tecnica di mandrinatura affinata negli anni questi generatori ricorrono a tubi saldati solo in minima parte, diminuendo di conseguenza i punti di tensione. Lo scambio termico nei tubi delle CALORPACK avviene senza alcun ricorso a turbolatori o variazioni di sezione. Il diametro del focolare è particolarmente ampio, così da favorire un adeguato sviluppo della fiamma generata da un bruciatore di ultima generazione, classe III, a basso livello di NOx che garantisce risultati emissivi inferiori 80 mg/Nm3 senza alcun ricorso alla ricircolazione. Un economizzatore di ampie dimensioni è posto nella parte terminale del generatore allo scopo di preriscaldare l’acqua di alimentazione, riducendo ulteriormente 42 Carta & Cartiere - Novembre/Dicembre 2019

Generatore industriale di vapore CALORPACK.

la temperatura dei fumi di uscita, in modo da massimizzare il rendimento senza ricorrere a preriscaldatori d’aria che inciderebbero negativamente sui livelli di NOx.

LA LUNGA ESPERIENZA DI SIAT NELLA PROGETTAZIONE E PRODUZIONE DI CALDAIE INDUSTRIALI Oltre agli strumenti ed equipaggiamenti obbligatori per legge, ogni generatore CALORPACK è dotato della strumentazione PED per l’esenzione dalla conduzione fino a un massimo di 72: sonde di sicurezza di minimo livello ad autocontrollo; sonda di sicurezza di alto livello; gruppo di controllo automatico della conducibilità (TDS) con sonda intercettabile; gruppo defangatore automatico (Blow down); raffreddatore per la campionatura dell’acqua di caldaia; gruppo di sicurezza pressione; sistema di controllo per la gestione strumenti e sicurezze dotato di PLC e interfaccia touchscreen a colori, con possibilità di remotare i dati su DCS centrale o via WEB; bruciatori elettronici a basso livello di NOx in classe III (< 80 mg/Nm3) con testa dotata di camma elettronica. Inoltre sonda ossigeno da posizionare a camino per la regolazione automatica dell’eccesso d’aria; sistema di comunicazione integrato con il quadro di controllo principale; gruppo ventilatore controllato da inverter e carenatura atta a diminuire il rumore del flusso d’aria in aspirazione. Ogni generatore SIAT è prodotto su commessa, dopo aver condiviso con il cliente i dati di progetto e le possibili configurazioni (comprese customizzazioni derivanti dallo specifico layout dell’impianto esistente). SIAT ha fatto della propria capacità di personalizzazione un elemento distintivo, accompagnando i suoi clienti attraverso lo studio, progettazione e sviluppo di prodotti che, anziché inserirsi monoliticamente in una linea di produzione, si integrano nel migliore dei modi, garantendo ai propri clienti facilità di installazione e gestione, al fine di massimizzare la redditività dell’investimento. ●


La Vostra macchina continua è il nostro motore!

FlexoDrive

®

oltre il solo „Azionamento“ • • • • • • AS Drives & Services GmbH Industriestraße 17 48734 Reken (Germania) Tel.: +49 2864 9008 0 info@as-drives.com www.as-drives.com

Dalla zona umida sino al Pope Risoluzione dei problemi su riduttori Azionamenti diretti Silent Drive Azionamenti per monolucido Si adatta perfettamente al WebDrive+/Paper


Trattamento Acque

15 ANNI DI COLLABORAZIONE TRA

CARTIERE DEL POLESINE E CANNON ARTES Una collaborazione all’insegna della protezione ambientale e del recupero energetico.

Cartiere del Polesine.

di: Artes Ingegneria SpA (Cannon Artes)

C

artiere del Polesine (CdP) è una realtà industriale profondamente innovativa, ma radicata in oltre sessant’anni di storia. Già dagli anni ‘50 ha sviluppato una presenza significativa nel mercato delle carte da imballaggio. Con l’acquisizione da parte della famiglia Scantamburlo essa ha avuto poi un impulso notevole: l’apertura del nuovo insediamento produttivo a Cavanella Po (Adria) nel quale sono installate due macchine continue con luce di 2,8 m e l’ingresso a pieno titolo nel mercato del recupero della carta da macero e al riciclo della risorsa “carta”. Artes Ingegneria, società del Gruppo Cannon, è da ormai quindici anni partner di Cartiere del Polesine nel vasto mondo dei sistemi di trattamento acqua. Artes ha avuto infatti l’onore di fornire già nel lontano 2004/2005 sia il sistema di demineralizzazione per 44 Carta & Cartiere - Novembre/Dicembre 2019

Impianto Cannon Artes per il trattamento delle acque in Cartiere del Polesine.

lo stabilimento di Loreo, sia il sistema completo di trattamento delle acque superficiali e demineralizzazione per Adria. Quest’ultimo impianto è capace di trattare una corrente di 3.500 m3/giorno ed è costruito sulla base dell’accoppiamento tra le tecnologie di chiari-flocculazione e osmosi inversa. La progettazione del sistema ha dovuto tenere in considerazione due condizioni tra loro quasi antitetiche. Nella stagione autunnale/primaverile l’abbondanza di precipitazioni fa sì che le acque superficiali del canale a cui attinge la cartiera siano caratterizzate da una modesta salinità a cui fa da contraltare una torbidità e un carico rilevante di solidi sospesi dovuti al dilavamento del terreno con cui l’acqua entra in contatto. Al contrario, nella stagione secca l’acqua del canale è “contaminata” da acque ad elevata salinità che rientrano nel corso d’acqua dal vicino mare Adriatico a causa delle basse portate. Nel primo caso serviva quindi implementare un sistema molto efficiente di abbattimento dei solidi sospesi. Nel secondo, una vera e propria

unità di dissalazione a membrane capace di operare a elevata pressione per superare la pressione osmotica propria dell’acqua di mare. In entrambe le condizioni l’esigenza progettuale fu quella di minimizzare il consumo di acqua e le correnti allo scarico, nonché la produzione di fanghi. La flessibilità per operare in condizioni così diverse viene garantita da un sistema di controllo realizzato dalla stessa Artes, che permette l’adattamento alle condizioni operative e la supervisione da remoto.

L’IMPIANTO PRESSO IL SITO CDP DI LOREO La collaborazione con CdP non si è però fermata al 2005 e non si è limitata al “risparmio della risorsa acqua”. Nel 2018 Artes è stata coinvolta da CdP per un progetto di efficientamento energetico della centrale termica della cartiera di Loreo. L’intervento si è concentrato in particolare su due fronti. Inserimento di un economizzatore per il preriscaldo dell’acqua di alimento caldaia e sostituzione del degasatore


CANCELLA LE PREOCCUPAZIONI Scriviamo insieme la soluzione più semplice e su misura per te!

C a l d a i e a r e c u p e r o R E CO PAC K- M U LT I R E CO PAC K VAPORE • VAPORE SURRISCALDATO • ACQUA SURRISCALDATA • ACQUA CALDA • FLUIDI DIATERMICI Il generatore RECOPACK rappresenta il nostro prodotto d’eccellenza, risultato della perfetta sintesi delle competenze raggiunte a partire dal 1947, attraverso la costruzione di oltre quattromila caldaie a tubi da fumo e quindicimila scambiatori di calore. Ogni caldaia RECOPACK è unica, progettata e costruita per soddisfare nel modo più semplice ed affidabile le esigenze peculiari di ogni impianto in cui sarà installata, in particolare negli impianti di cogenerazione. Lo studio delle sezioni di passaggio del fluido riscaldante, l’utilizzo della mandrinatura, la facilità di ispezione e di manutenzione, hanno permesso di ottenere un prodotto sicuro a garanzia di rendimenti costanti nel tempo.

siatboiler.it


Trattamento Acque termofisico. Anche se il generatore di vapore esistente disponeva già di un economizzatore, è stato implementato un ulteriore economizzatore convettivo per il preriscaldo dell’acqua di alimento tramite i fumi esausti provenienti dalla combustione di gas naturale. L’economizzatore è costituito da un fascio tubiero realizzato in tubi d’acciaio alettati disposti a serpentino ad asse orizzontale, con percorso in controcorrente rispetto ai fumi di combustione. L’economizzatore è stato progettato in modo da evitare possibili vaporizzazioni all’interno dei tubi. Il recupero energetico conseguente ha comportato un miglioramento di efficienza del generatore di circa il 3% con il conseguente risparmio di combustibile stimato in 500.000 Smc/annuo. Un altro punto essenziale dell’intervento è stata la sostituzione del degasatore esistente con un Degasatore ZeroGas® basato sull’omonima tecnologia proprietaria di Artes, che è ormai leader di mercato in questo ambito.

L’esigenza del degasaggio è anzitutto quella di garantire, mediante un processo di stripping a vapore, l’eliminazione di ossigeno e anidride carbonica dall’acqua di alimento. O2 e CO2 rappresentano infatti i componenti base dei processi corrosivi delle superfici metalliche. Il degasatore fisico-termico consente inoltre di alimentare il generatore di vapore con acqua a temperatura elevata e costante, migliorandone il rendimento e proteggendola dagli shock termici. Il Degasatore ZeroGas® di Artesha da questo punto di vista ha la particolarità di garantire livelli residui di ossigeno e anidride carbonica al livello di parti per miliardo (ppb) e tali da minimizzare l’additivazione di deossigenanti. Esso consente inoltre di ridurre i consumi di vapore, sfiatato insieme ai gas incondensabili, a valori dell’ordine dello 0,1 - 0,2% della portata di acqua alimentata in caldaia. Nell’intervento eseguito nel sito CdP

di Loreo, Artes ha avuto la responsabilità del progetto, della fabbricazione delle macchine principali, dell’installazione in stabilimento e della messa in marcia. E tutto ciò rispettando i tempi strettissimi di fermata della cartiera limitati a due settimane in agosto. Per utilizzare le parole di Alfredo Pregnolato, responsabile delle utilities di CdP, che ha seguito l’intervento a Loreo: ”Artes si è contraddistinta anche in quest’ultimo intervento per l’elevata professionalità dei suoi operatori, l’adempimento delle prestazioni contrattuali, il rispetto dei tempi”. Così come la carta da macero acquista nuova vita tornando nella nostra quotidianità come carte da packaging attraverso l’azione sapiente e responsabile di Cartiere del Polesine, così anche l’acqua, grazie all’esperienza cinquantennale di Artes, diventa risorsa preziosa: trattata, recuperata, valorizzata. In entrambi i casi perfetto esempio di economia circolare. ●

Notizie dalle Aziende Nordic Paper e SKF siglano un accordo per aumentare la produttività SKF e Nordic Paper hanno sottoscritto un accordo quinquennale basato sulle prestazioni e finalizzato ad aumentare la produttività, la sicurezza e la sostenibilità di Nordic Paper.

N

ordic Paper produce carta e cellulosa - in particolare carte di tipo Kraft e resistenti ai grassi - e opera in quattro stabilimenti di produzione. Lo stabilimento di Säffle (Svezia), che produce carta resistente ai grassi, è parte integrante dell’accordo. Mattias Årstadius, responsabile del settore Industrial Sales SKF in Svezia e Norvegia, dichiara: “Cresce il numero di clienti propensi ad adottare nuovi modelli di business basati su abbonamento, soprattutto perché possiamo dimostrare che questi contribuisco-

Lo stabilimento Nordic Paper di Säffle - Svezia.

46 Carta & Cartiere - Novembre/Dicembre 2019

no ad aumentare la competitività delle loro macchine”. L’accordo prevede una maggiore automazione e digitalizzazione della PM2 di Säffle. Nell’estate 2019 ha avuto inizio l’installazione di 500 punti di lubrificazione e 230 punti di condition monitoring, tutti collegati al sistema di monitoraggio IMx SKF. I dati provenienti dalle macchine connesse saranno monitorati e analizzati presso l’SKF Rotating Equipment Performance Centre di Göteborg, Svezia. Peter Bergkvist, responsabile dello stabilimento Nordic Paper a Säffle commenta: “Lavorare con SKF ci ha permesso di conoscere più approfonditamente le nostre macchine, oltre ad averci dato l’opportunità di migliorare le competenze del nostro personale. La nostra carta è realizzata con materiali di provenienza locale e il fatto che non abbia fluorocarburi aggiunti è positivo per l’ambiente. La collaborazione con SKF è in linea con il nostro obiettivo di operare in modo responsabile e sostenibile”. Il modello di business in abbonamento proposto da SKF è sviluppato per venire incontro alle esigenze dei clienti e ai loro obiettivi di produttività. Sulla base di questi, SKF è in grado di offrire una combinazione adeguata di prodotti e servizi. Janne Westerlund, Lubrication Sales Manager SKF Sweden, afferma: “Abbiamo intrapreso un percorso congiunto per aumentare l’automazione e la digitalizzazione della PM2. Unendo i nostri prodotti e la conoscenza possiamo migliorare le prestazioni della macchina sulla base dei parametri concordati”. ●


Dal 1987 il vostro specialista nei sistemi di automazione per cartiera Oltre 5000 equipaggiamenti elettronici installati nel Mondo AC and DC Intelligent Drives basati sulla innovativa e flessibile ONE PLATFORM

[(One Board)2+(One AC & DC Drive)+ DCS in drive] = ONE AC Drive ... non c’è nulla che non possa fare Condensatori a film per componenti indistruttibili Processore Tri-Core Smart Autotuning Solo tre minuti per rimpiazzarlo One control board per tutti gli azionamenti Alimentatore DC/AC (risparmio energetico / basse emissioni)

because of Paper Automation matters

Sael S.r.l. Via dei Genieri, 31 - 36040 Torri di Quartesolo (VI) - tel. +39 0444 582499 - www.sael.it


Tissue

WORLD TISSUE CONSUMPTION IN 2017. STEADY GLOBAL GROWTH CONTINUES

Global tissue consumption reached 37.7 million tonnes in 2017, up by almost 1.4 million tonnes from 2016, the highest volume growth second to 2015 which was only slightly more than in 2017. This corresponds to a relative growth of 3.8%, nearly the same growth percentage as in 2016 but slightly lower than the peak of 4.2% reached in 2015, which was exceptionally high, mainly thanks to strong growth in China. by: Esko Uutela, Principal Fastmarkets RISI

tissue market expansion took place in Asia (including the Near and Middle East) in both 2016 and 2017.

he importance of emerging markets continues to grow, and as their markets tend to grow faster than those of developed economies, the global average growth rates are positively influenced by this change in relative regional weights. Consequently, the past three years show a substantially larger volume growth than the years before. China continues to be the main driving force for global tissue market expansion. It has repeatedly accounted for more than 40% of the volume growth in tissue consumption worldwide in recent years, and in 2017 its share was 45%. Chinaâ&#x20AC;&#x2122;s volume growth accelerated in 2017 to as much as 629,000 tonnes, a respectable achievement. North America and Latin America accounted for the second- and third-largest volume increases, followed by Asia Far East, Eastern Europe and Western Europe. In Japan, tissue consumption was stable in 2017. It should be noted that 56-57% of the global

NORTH AMERICAN GROWTH EXTREMELY STRONG IN 2016, SOME SLOWING IN 2017

T

48 Carta & Cartiere - Novembre/Dicembre 2019

Tissue consumption grew in North America by an average rate of 3.2% in 2016, mainly thanks to the very strong US AfH business activity and increased net imports, which contributed about 1.4 percentage points to the growth rate. In 2017, domestic shipments continued at very much the same level as in 2016, but net imports grew much less and did not add more than about 0.2 percentage point to consumption, so market growth remained at slightly below 2.0% (1.95%). Population growth is one driver for the North American demand, and in normal years it accounts for 35-40% of the organic market growth. One reason for the enhanced growth in North America is likely the fact that the main phase of product light-weighting and sheet size reductions seems to be over now, and shifts between quality categories, although continuing, have less influence on product and market


ENGINEERED TO BE THE BEST

MAFLEX Headquarter Viale S.Concordio, Trav.III, n.199 - 55100 Lucca - Italy +39 0583 316820 | info@maflex.it | www.maflex.it MAFLEX America Inc. 2218 American Blvd. - De Pere, Wi 54115 - USA +1 920 3479169 | maflexamericasupport@maflex.it


Tissue

Volume growth in the global tissue industry, 2008-2017

Thousand Tonnes

1,500

1,200

900

600

300

0 2008

2009

2010

2011

2012

2013

2014

2015

2016

2017

2019 Fastmarkets RISI. All Rights Reserved.

Š

structures than they did three to four years ago. The strong growth in the AfH sector is a major contributor as well; AfH toweling products are traditionally some of the heaviest tissue products.

IN EUROPE, GROWTH CONCENTRATED IN THE EAST AND THE SOUTH The Western European tissue market has recorded rather disappointing growth rates in recent years, with just a few exceptions (2.7% in 2015). In 2017, the average growth rate was 1.3%, up from a poor 0.8% in 2016. High per capita tissue consumption, particularly in the Nordic countries, is an indication of maturation of growth, which along with limited product innovations (the high private label share in most countries does not support innovativeness) and low or no population growth (Central Europe) are major hindrances for tissue market growth. In addition, the Great Recession hit Southern Europe particularly hard, which has only gradually recovered from its economic misery. In 2017, Southern Europe accounted for 79% of the Western European volume growth, with Italy showing the most positive performance after several yearsâ&#x20AC;&#x2122; of stagnant tissue consumption. In the two largest European tissue markets, Germany booked a small contraction in its tissue consumption in 2017 and in the UK the market grew only marginally. In Eastern Europe, there has been no final solution to the crisis between Russia and Ukraine, but the tissue markets continued to recover in both countries. The overcapacity that emerged in Russia because of a 30% increase in capacity thanks to several projects a few years ago has gradually been absorbed by domestic market growth and increased exports, and additional new investments are already in the pipeline in Russia. In Central Eastern Europe, the tissue business continued to develop positively, particularly in the Czech Republic and Hungary. New expansion projects are under construction or announced, showing that companies believe in continuing market growth and the possibility of displacing some imports in both countries. Poland, 50 Carta & Cartiere - Novembre/Dicembre 2019

the second-largest Eastern European market, has developed very positively in recent years and per capita consumption has rapidly reduced the gap with the average EU level. New investments have helped this development, and Poland is today also a major tissue exporter to its neighboring countries.

BRAZILIAN RECOVERY HELPING LATIN AMERICAN GROWTH Traditionally, Latin American tissue consumption has shown major variation in its growth from year to year. Economic instability often affects some of the main countries in the region, and Brazil suffered through a major recession beginning in 2014, which resulted in tissue consumption contracting in 2015, although it recovered somewhat to the 2014 level in 2016. After low growth of only 1.5% in 2016, Latin American tissue consumption recorded average growth of 4.1% in 2017, supported by sound, albeit not spectacular, growth rates of 3.4% and 3.5% in the two largest markets, Brazil and Mexico, respectively. Argentina, the third-largest market, recorded a surprisingly high growth rate of 6.7% in 2017, despite the fact that the economy continues to struggle and suffers from high inflation. Among the other larger players, Chile and Colombia experienced only moderate growth, while Peru (now #6) is in a good growth phase, supported by new capacity recently started up by CMPC. The situation in Venezuela is catastrophic. Tissue products, like many other consumer goods, continue to be in short supply, hyperinflation makes the controlled official market non-interesting and the black market is flourishing. There are no production statistics available, but we estimate that tissue consumption continued to contract in Venezuela in 2017. In contrast, some smaller countries in Central and South America performed rather nicely in 2017.

NEAR AND MIDDLE EAST: FORMER GROWTH DRIVERS TURKEY AND SAUDI ARABIA EXPERIENCING DIFFICULTIES Tissue consumption in the Near and Middle East rose by only 3.4% in 2017, after growing by 5.4% in 2016. In a historical


MAI PIÙ CORRENTI PARASSITE SUI NOSTRI MOTORI

Richiedi informazioni sugli anelli AEGIS® comm@casadelcuscinetto.it oppure scarica i pdf

Preserva i tuoi motori da danni ai cuscinetti

I convertitori di frequenza (Inverter) sono importantissimi per i nostri impianti e spesso consentono un risparmio del più 30% di energia, rispetto al non utilizzo. Altri vantaggi del loro impiego, la maggiore disponibilità della macchina e il controllo più preciso del processo. Ma il loro funzionamento può portare un grave svantaggio al macchinario sul quale sono installati perché generano anche tensioni sull'albero motore, che possono causare scariche elettriche (EDM), che sono causa di premature rotture sui cuscinetti dell’albero motore a causa di fenomeni come il pitting. Gli inverter ci fanno risparmiare molti soldi, ma senza protezione del cuscinetto, possono verificarsi guasti al motore e distrugge rapidamente i nostri risparmi, spesso in meno di tre mesi dall’avviamento con cuscinetti nuovi.

PITTING

www.est-aegis.com info@est-aegis.com

• Manuale AEGIS® gratuito • Manuale Protezione Aegis scarica ora: www.est-aegis.com/literature.php

Proteggere i motori con gli anelli di messa a terra dell'albero AEGIS ®Il motore si preserva dai danni ai cuscinetti Gli anelli di messa a terra dell'albero AEGIS® stanno già proteggendo nel mondo due milioni di motori dalla tensione dell'albero dannosa EDM. Sicuro e a lungo durata. I produttori più noti di motorizzazioni si affidano ai nostri anelli di messa a terra integrati per proteggere i loro motori. Gli anelli di messa a terra dell'albero AEGIS® sono disponibili per motori con alberi fino a 800 mm di diametro. Disponibile in due versioni anelli pieni o divisi per consentire facile, adattamento a qualsiasi motore.

Partner di distribuzione esclusivo per l’italia:

via G.Puccini, 728 Porcari - LUCCA


Tissue

Regional volume growth of tissue consumption, 2016 and 2017

Thousand Tonnes

800 700 600

2016 500

2017

400 300 200 100 0 NA

WE

EE

LA

NME

JPN

CHI

AFE

OCE

AFR

2019 Fastmarkets RISI. All Rights Reserved.

Š

comparison, these growth rates are clearly below the long-term average of 7.6% per year over the past 10 years (2007-2017). In the previous issue of this publication (World Tissue Business Monitor Q2 2018), we discussed the regional problems in more detail. To summarize, in Saudi Arabia low oil prices resulted in a poor economic situation and worsened purchasing power, while in Turkey the economy was doing well but tissue price increases due to escalating market pulp prices resulted in a doubling or even tripling of retail prices, which was difficult for consumers to accept, and tissue purchases were negatively affected. In Turkey, tissue consumption remained stable but in Saudi Arabia, it contracted slightly in 2017, according to our current information. However, apart from the two largest

52 Carta & Cartiere - Novembre/Dicembre 2019

markets, many other countries in the region performed better. In Iran, the new domestic capacity has had an effect, and although no very reliable production figures are available, we estimate that the domestic market continued to grow steadily. Foreign trade figures show that both imports and exports had much less importance, so the country was more or less self-sufficient in 2017. New domestic capacity helped the market to grow, but the new sanctions by the USA and its alliance members are likely to make problems for raw material supply from late 2018 onward. Most of the smaller countries in the region enjoyed positive growth, which contributed to the average growth, even in the war-plagued countries of Iraq and Syria.


GAS TURBINES

DATE UN TAGLIO AI COSTI DELL’ENERGIA DELLA VOSTRA INDUSTRIA CARTARIA.

FORSE È TEMPO DI RICONSIDERARE LA VOSTRA PRODUZIONE DI ENERGIA. Centrax fornisce un’ampia gamma di turbine a gas che possono essere utilizzate per migliorare il rendimento del vostro attuale impianto di cogenerazione. La soluzione migliore per l’ambiente e per i vostri profitti. Inoltre, Centrax fornisce un servizio completo di manutenzione e customer service qualificato – che vi permette di occuparvi del Vostro business. Quindi oltre a risparmiare energia nel vostro impianto, alleggeriamo anche il carico di lavoro del vostro team. Progettiamo ed installiamo package con turbine a gas da più di 70 anni. Il nostro range va da 3 a 15 MW ed abbiamo acquisito una solida reputazione per la nostra correttezza, modernità ed efficienza. Possiamo trasformare il modo in cui la vostra cartiera utilizza l’energia.

CENTRAX. CREARE FIDUCIA.

PER SAPERNE DI PIU’ centraxgt.com  +44 (0)1626 358 000 

info@centraxgt.com


Tissue World Tissue Markets, 2016-2017 Thousand Tonnes Region North America

Production 2017

Consumption 2017

Consumption 2016

Market Volume Increase 2017

“Growth Rate (%) 2017/2016”

8,765

9,264

9,087

177

1.9

Western Europe

6,619

6,756

6,669

87

1.3

Eastern Europe

2,087

2,077

1,984

93

4.7

Latin America

4,075

4,192

4,026

166

4.1

Near & Middle East

1,573

1,515

1,465

50

3.4

Japan

1,789

1,984

1,983

1

0.1

China

9,234

8,360

7,731

629

8.1

Asia Far East

2,493

2,284

2,185

99

4.5

Africa

774

840

776

64

8.2

Oceania

255

458

440

18

4.1

37,664

37,730

36,346

1,384

3.8

World Total

2019 Fastmarkets RISI. All Rights Reserved.

©

CHINA’S TISSUE CONSUMPTION NOT REACTING TO SLOWER ECONOMY China’s slowing economic growth seems to have had limited, if any, influence on tissue market growth. In recent years, actual consumption has repeatedly exceeded our expectations and growth in tissue consumption has also been higher than economic growth; in the past, GDP growth continuously exceeded tissue market growth. This change is likely a reflection of the ongoing structural change in China’s economy with an increasing focus on domestic consumption rather than exports and investments. In 2018, Chinese tissue consumption grew by 8.1%, up from 7.0% in 2016 but lower than the extremely high growth of 10.5% achieved in 2015. New regional markets in inland China continue to develop and record higher growth rates than the more developed coastal provinces. On the supply side, the primary issue in China is the major restructuring process in the domestic tissue industry: new modern capacity is replacing old mills equipped with smaller machines and poor energy efficiency. According to the data collected by the China National Household Paper Industry Association (CNHPIA), about 2.2 million annual tonnes of new, modern tissue capacity came on stream in 2017, while 1.3 million tonnes of old capacity was closed. Nevertheless, the net capacity change exceeded the organic growth in the domestic market by more than 40% and total shipments, including net exports which continued to grow in 2017, by more than 30%. This means that the prevailing overcapacity situation in the country worsened further. Japan suffers from a declining and ageing population, which is bad news for tissue consumption. The Japanese tissue market has grown very slowly in recent years, and not at all in 2017. Domestic consumption is approaching the benchmark of 2.0 million tonnes but has not quite reached it. Japan has developed into a 54 Carta & Cartiere - Novembre/Dicembre 2019

major tissue importer; in 2017, imports were 212,000 tonnes or more than 10% of domestic consumption. Most of Japan’s tissue imports originate from China, followed by Indonesia, the USA and Vietnam. Tissue consumption grew by 4.5% in the Asia Far East region in 2017, down from 5.7% in 2016. The largest market, South Korea, recorded growth of 2.7%, which is in line with its long-term growth trend, followed by Indonesia with 6.1% and Taiwan with 2.2%. Indonesia has benefitted from major recent investments in new capacity and the push of tissue products by main suppliers to additional clients. Sinar Mas (APP), with its tissue mills using integrated hardwood pulp, has led this development, but some other companies, such as the Sopanusa group, have also been on an aggressive expansion course, largely based on export demand. Indonesia is now the third-largest net exporter of tissue worldwide, with net exports of about 600,000 tonnes in 2017; only China and Italy continue to be larger net exporters than Indonesia. Most other countries in the Great value absorbent kitchen paper towels.


Tissue region also saw positive developments in tissue consumption. The only exceptions were Singapore, whose market contracted after strong growth in 2015 and 2016 (stock changes may have played a major role here), Hong Kong and Sri Lanka, which had no growth in their markets. Tissue consumption grew in the most populous Asian countries, India, Pakistan and Bangladesh, but their per capita consumption levels are still very low. The Philippines, Thailand and Vietnam, which are also interesting countries due to their size, also saw good progress in 2017 in tissue consumption, as did Malaysia.

AFRICA AND OCEANIA SHOWING SOME ENCOURAGING DEVELOPMENTS African tissue consumption grew by as much as 8.2% in 2017, according to our current information, up from 4.4% growth in 2016. However, foreign trade statistics for some smaller countries are not yet available, so revisions are still possible. In any event, it can be concluded that 2017 was a good year for African tissue consumption. The most positive result is that tissue consumption has begun to develop in many countries which earlier were practically non-consumers of tissue. For example, Ethiopia with its more than 100 million people, saw a tissue mill built as part of China’s “One Road, One Belt” initiative, and another tissue mill is in the planning phase. In Kenya, the Chandaria Group has

started the construction of a new tissue mill in Tatu City Industrial Park close to Nairobi, which when ready will reduce its parent roll purchases from abroad. However, this project seems to be developing quite slowly and very limited information is available about the phase of the construction after the official kick-off in October 2016. In Tunisia, Azur Paper is expected to start up its second tissue PM rather soon. And the Turkish Hayat Group has announced a major investment project in Nigeria, which started with absorbent hygiene product manufacture (Molfic baby diapers) but tissue product converting has also begun, and tissue base manufacturing is expected to follow at a later stage. In Oceania, tissue consumption continues to grow, and in 2017 growth was 4.1%. Tissue consumption picked up in the small Pacific Islands in 2017, particularly imports in Papua New Guinea and Fiji. There is no new information concerning the construction of new tissue PMs by ABC Tissue, which has four new tissue PMs from China, three second-hand machines and one new which has been in creates for several years. Local contacts say that the PMs seem to be stored at the company’s mill sites, but no construction activity has been noted. Foreign trade statistics show that tissue parent roll imports, mainly from China and Indonesia, have continued as usual, and ABC Tissue has been the largest importer for its converting operations, which are much bigger than its own base paper production. ●

News Fabio Perini presenta il Tissue Performance Center

Oltre 1.000 macchine in tutto il mondo collegate con la Centrale di Lucca per un controllo in tempo reale delle linee.

F

abio Perini ha presentato a MIAC 2019 il Tissue Performance Center, un ambiente tecnologico all’avanguardia dove tecnici esperti, con il supporto dei data scientist dell’azienda, raccolgono e analizzano in continuo i dati dei clienti per fornire informazioni sullo stato di salute delle macchine e suggerire migliorie per massimizzare l’overall equipment effectiveness (OEE) delle loro linee di produzione. Una connessione diretta con i macchinari dei clienti rende il lavoro del Tissue Performance Center proattivo, non solo reattivo come in passato. La visualizzazione online dei parametri di funzionamento fornisce una valutazione in continuo del loro stato di salute e permette di evidenziare eventuali anomalie. “Il cliente connette la propria macchina al Tissue Performance Center”, commenta Franco Franceschi, Customer Service Performance Services Manager. “Così vengono tenuti sotto costante controllo i dati di produzione, i valori della temperatura dei motori, i consumi energetici e il settaggio dei parametri. Questi valori, confrontati anche con i dati storici di produzione, consentono ai tecnici in Fabio Perini non solo di mettere in atto, da remoto, correzioni per il recupero dell’efficienza della linea produttiva, ma anche di rilevare eventuali cause di malfunzionamento e di stabilire, in anticipo, le azioni per risolverle. Report sulle performance, analisi in background per valutare causa/effetto e adesso il controllo dei consumi energetici sono parte di un percorso articolato - conclude Franceschi - che ci condurrà in un prossimo futuro a una learning machine in grado di interpretare in autonomia i dati e migliorare in maniera autonoma le performance della macchina in qualunque condizione.” ● Fabio Perini Tissue Performance Center.

56 Carta & Cartiere - Novembre/Dicembre 2019


RICAMBI E ACCESSORI

PER Lâ&#x20AC;&#x2122;INDUSTRIA CARTARIA S PA RE S AND FITTINGS F O R T H E PA P E R I N D U S T R Y

DISCHI E GUARNITURE CONICHE IN ACCIAIO INOX PER RAFFINATORI GUARNITURE IN ACCIAIO INOX PER DEPASTIGLIATORI PIASTRE E SETTORI FORATI PER PULPER E TURBOSEPARATORI CESTELLI PARTI DI RICAMBIO VARIE REVISIONE RICAMBI E MACCHINARI USATI RISPARMIO ENERGETICO

STAINLESS STEEL FILLINGS FOR DISC AND CONICAL REFINERS STAINLESS STEEL FILLINGS FOR DEFLAKERS SCREEN PLATES AND SECTORS FOR PULPERS AND TURBOSEPARATORS SCREEN BASKETS VARIOUS SPARE PARTS WORN SPARES AND MACHINERIES RECONDITIONING ENERGY SAVINGS

37057 San Giovanni Lupatoto (Verona) Italy - Via Garofoli, 239 Tel. + 39 045 545674 - Fax +39 045 546723 www.officineairaghi.it - info@officineairaghi.it


MIAC Innovation Award

LA 1° EDIZIONE DEL PREMIO

MIAC-ASSOCARTA INNOVATION AWARD PER PROMUOVERE L’ECCELLENZA NELL’INDUSTRIA CARTARIA ITALIANA CHE INVESTE IN INNOVAZIONE TECNOLOGICA

Ahlstrom-Munksjö Italia, Bartoli, Cartiere di Trevi, DS Smith Paper Italia, Essity Italy, Reno De Medici, Lucart, Sicem Saga, Sofidel, Smurfit Kappa Italia sono le cartiere finaliste che si sono distinte per aver dedicato risorse e investimenti a progetti innovativi in termini di processo, prodotto ed efficienza energetica, in una prospettiva di economia circolare.

I finalisti del premio MIAC Innovation Award - categoria Innovazione di prodotto.

60 Carta & Cartiere - Novembre/Dicembre 2019


Direttore di Assocarta Massimo Medugno con il progetto “Piatti colorati in polpa di cellulosa”, che si aggiudica anche il primo posto nella categoria innovazione di prodotto per aver portato innovazione in un prodotto già innovativo, rispondendo in maniera accattivante all’attuale domanda da parte del consumatore di sostituzione dei prodotti in plastica. Oltre a Bartoli, nella rosa finale dei dieci finalisti per la categoria innovazione di processo, vince il premio Ahlstrom-Munksjö Italia per avere affrontato brillantemente una complessa sfida tecnologica, adattando un consolidato processo di produzione all’impiego di nuove tipologie di fibre non cellulosiche, con l’obiettivo di espandere il campo di applicazione della carta in nuovi contesti (Processo cartario per la produzione di separatori per batteria con assorbimento migliorato). Sicem Saga si aggiudica, con il progetto “Recupero di energia dai reflui di processo sotto forma di biometano avanzato per utilizzo in autotrazione” il premio innovazione per l’energia, per aver realizzato un primo esempio di integrazione virtuosa tra il recupero delle componenti organiche di scarto e la produzione di: Redazione Carta & Cartiere di biometano, uno dei più promettenti vettori energetici su cui l’industria cartaria potrà contare per il raggiungimento degli ell’ambito del MIAC - Mostra Internazionale obiettivi di riduzione delle emissioni di gas serra. dell’Industria Cartaria, si sono svolte al Polo Fiere di Per la categoria economia circolare si classifica al primo posto Lucca le premiazioni della 1° edizione del bando di DS Smith Paper Italia per aver introdotto in azienda una concorso MIAC Innovation Award organizzato da tecnologia, già di per sé innovativa e complessa, portandola a uno Assocarta e da Edipap, società organizzatrice della step successivo con l’obiettivo di valorizzare le frazioni plastiche fiera MIAC. Ahlstrom-Munksjö Italia, Bartoli, Cartiere di Trevi, (impianto separazione plastica-fibra). Smurfit Kappa Italia DS Smith Paper Italia, Essity Italy, Reno De Medici, Lucart, e Cartiere di Trevi ricevono, infine, la menzione speciale della Sicem Saga, Sofidel e Smurfit Kappa Italia sono le dieci giuria: Smurfit Kappa Italia (Ottimizzazione drenaggi sezione cartiere finaliste che si sono distinte per aver dedicato risorse presse PM3) per l’approccio sistemico adottato nella gestione e investimenti a progetti innovativi in termini di processo delle efficienze del processo, aprendo la strada a una tecnologia produttivo, innovazione di prodotto ed efficienza energetica, che, adottata su larga scala, può modificare significativamente in una prospettiva di economia circolare. “Obiettivo del MIAC l’impronta energetica del settore. Cartiere di Trevi (“Io scarico”, Innovation Award è la promozione di iniziative di innovazione piattaforma web e app per semplificare lo scarico delle merci), tecnologica nel settore cartario volte a favorire investimenti e per aver presentato un progetto che più di altri risponde alla competitività nelle imprese, e la raccolta delle migliore pratiche”, filosofia d'Industria 4.0, coniugando l’esigenza di digitalizzazione spiega Massimo Ramunni, Vice Direttore di Assocarta e Segretario di Aticelca, l’associazione italiana dei tecnici cartari, alla dei processi e di dialogo in tempo reale lungo la filiera. Di grande rilievo anche le innovazioni introdotte dalle quale è stato affidato l’esame e la selezione altre cartiere finaliste che si sono distinte dei bandi in gara con una commissione per le tecnologie adottate per il recupero di esaminatrice qualificata, coadiuvata dal voto biomassa (Essity Italia, “Io sono per online dei progetti candidati. “Innovazione una seconda opportunità - Crush me” tecnologica, creatività e flessibilità sono e Reno De Medici, “Recupero di fibra le carte vincenti delle cartiere italiane che dallo scarto pulper per la produzione di producono carta, biomateriale high-tech, cartoncino a base di riciclata”) e per innovativo e tecnologico, che coniuga la sfida tecnologica affrontata da Lucart tradizione e innovazione di processo e di (Prodotti Natural, incartati con amore!) prodotto con un’attenzione sempre tesa e Sofidel (L’innovazione sostenibile all’efficienza energetica, in una prospettiva dei Rotolini Regina Eco) nel sostituire di economia circolare”. Giorgio Bartoli Massimo Ramunni, Vice Direttore il packaging in film plastico con un di Bartoli riceve il primo premio assoluto di Assocarta e Segretario Aticelca. imballaggio riciclabile in carta. MIAC Assocarta Innovation Award dal

N

Novembre/Dicembre 2019 - Carta & Cartiere 61


MIAC Innovation Award

MIAC INNOVATION AWARD: I PROGETTI FINALISTI BARTOLI. Piatti colorati in polpa di cellulosa Bartoli ha sviluppato un impianto per la produzione di stoviglie in pura cellulosa, creando Naturanda®, una nuova divisione consumer. Alla prima linea di prodotti in colore bianco è seguita una linea Colors, novità assoluta a livello mondiale. L’utilizzo di materie prime 100% rinnovabili, fibre vegetali, tra cui cellulosa derivante da canna da zucchero e il post uso - dove il prodotto può essere indirizzato alla raccolta della carta grazie a una certificazione Aticelca A e A+ o alla frazione organica con certificazione Tuv OK Compost Home e OK Compost Industrial, rendono Naturanda® una valida alternativa al monouso in plastica. Inoltre, grazie a un processo produttivo efficace e uno studio mirato sul mix di materie prime, è stato possibile realizzare una linea Ecodesign, dove è stato ridotto il peso del singolo prodotto, di circa il 20% rispetto allo standard dei competitor, mantenendo pressoché inalterate le proprietà meccaniche. Il prodotto grazie a un processo di termoformatura, risulta molto rigido strutturalmente, resistente al taglio e può essere utilizzato per cibi caldi nel forno elettrico e nel microonde.

AHLSTROM-MUNKSJÖ. Processo cartario per la produzione di separatori per batteria con assorbimento migliorato Adattamento di un processo di formazione cartario per la fabbricazione di separatori per batterie AGM (Absorbed Glass Mat) in microfibra di vetro adatto ad alte grammature (fino a 350 gsm) e senza utilizzo di leganti chimici. L’ottimizzazione di processo ha permesso la produzione di prodotti AGM ad alta grammatura con migliori caratteristiche di assorbimento dell’acido, nonché la possibilità di utilizzare un range di fibre più ampio rispetto a tecnologie di formazione

Giorgio Bartoli, Presidente di Bartoli SpA. Primo premio assoluto del MIAC Assocarta Innovation Award con il progetto "Piatti colorati in polpa di cellulosa".

standard. Questo può consentire sviluppi di prodotti di nicchia, ad esempio utilizzando fibre funzionalizzate (es. nanoalumina) o maggiori percentuali di microfibre di vetro con tecnologia rotativa, derivanti da un processo di produzione a maggiore efficienza energetica. Gli elementi principali di innovazione sono stati la formazione di prodotto e l’utilizzo di un sistema di epurazione multistadio applicato alle impurità caratteristiche della microfibra di vetro.

CARTIERA DI TREVI. Io Scarico, piattaforma web/app per semplificare lo scarico merci in cartiera

Il Direttore del MIAC, Gianmaria Pfeiffer, consegna il premio MIAC Innovation Award a Franco Graziosi, Amministratore Delegato Cartiere di Trevi, per il progetto “Io scarico”, piattaforma web/app per semplificare lo scarico merci in cartiera.  

62 Carta & Cartiere - Novembre/Dicembre 2019

La piattaforma fornisce uno strumento innovativo di comunicazione tra gli attori del processo logistico: cartiera, fornitori, trasportatori. Tramite le sezioni dedicate ai singoli attori, si ha la possibilità di pianificare in maniera più efficiente la gestione dello scarico merci. La piattaforma è stata sviluppata per rispondere all’esigenza di rendere più efficiente e rapida l’organizzazione logistica e migliorare l’interazione tra cartiera, fornitori e trasportatori. La gestione avviene sia tramite web che app (ios e android), con delle sezioni dedicate a ogni attore del processo logistico con funzioni differenti e schermate chiare e intuitive. Ad esempio, in un processo logistico “classico” si ha la seguente sequenza di operazioni: Magazzino cartiera: imposta il numero di scarichi gestibili in una giornata per un determinato prodotto; Fornitori: indicano il numero di carichi da ritirare per tipologia di prodotto; Trasportatori: richiedono la prenotazione dello scarico; Magazzino cartiera: imposta l’accettazione delle prenotazioni automatiche o manuali e organizza al meglio la giornata di scarichi. La piattaforma è in grado di gestire le tante variabili del processo logistico: ritardi, anticipazioni, urgenze. Inoltre può essere


PU LP & PAPE R

E NE RGIA ALL A TUA CARTIE R A CON ANDRITZ NOVIMPIANTI

QUA NDO E SPE R I E NZ A E PASSION E PER L A M ACCH I N A TISS UE SI I NCONTR ANO CON L’INNOVAZIONE NELL’ESSICAZIONE: ANDRITZ e Novimpianti sono diventati un’unica realtà, consentendoVi di dar forza alla Vostra cartiera con consolidate tecnologie di asciugatura e ventilazione per la produzione di tissue innovativo.

Con la sua sede a Lucca, Italia, Novimpianti è uno dei principali fornitori di sistemi per l’essiccazione e la ventilazione per tutti i tipi di macchine per la carta. Combinando i prodotti e l’esperienza di Novimpianti ed ANDRITZ Tissue, i clienti hanno a disposizione un’eccellente gamma di soluzioni per l´incremento di

ANDRITZ Novimpianti S.r.l. ⁄ Via del Fanucchi, 17 ⁄ 55012 Marlia, Lucca ⁄ Italy ⁄ andritz.com

produttività, qualità e sostenibilità degli impianti. ANDRITZ Novimpianti è al vostro servizio e non vediamo l‘ora di presentarVi le nostre modernissime soluzioni per l’essiccazione del Tissue.

Per maggiori informazioni visita ANDRITZ.COM/NOVIMPIANTI


MIAC Innovation Award utilizzata come strumento a supporto dei conferimenti in ambito Comieco, anche nel monitoraggio dei tempestivi ritiri e della corretta messa a disposizione del materiale.

SICEM SAGA. Recupero di energia dai reflui di processo sotto forma di biometano avanzato per utilizzo in autotrazione Sicem Saga è un produttore di pasta per carta, che commercializza in Italia, Europa, Medio Oriente e Far East. Le materie prime utilizzate sono piantagioni di pioppo nazionale a rapida crescita e circa il 70% di legno di recupero pre e post consumer. L’innovativo progetto di economia circolare prevede che il refluo di processo, attualmente trattato in impianto aerobico convenzionale, sia utilizzato come materia di partenza in un processo anaerobico di produzione di biometano avanzato. Si ottengono così diversi risultati: si abbatte il carico inquinante per unità prodotta; il refluo viene trattato e purificato con una tecnologia completamente chiusa, migliorando nettamente gli impatti sull’ambiente circostante; la produzione specifica di scarti come fanghi di depurazione e anidride carbonica si riduce Sigem Saga SpA si è aggiudicata il premio nella categoria significativamente; il biometano prodotto è di alta “Innovazione per l’energia” per il progetto di recupero di qualità e completamente sostenibile, contribuendo al energia dai reflui di processo sotto forma di biometano. raggiungimento degli obiettivi di riduzione di gas serra, di ottimizzazione energetica e di economia circolare. nella rete di trasporto del gas naturale. La tecnologia di digestione Inoltre non richiede nuove materie prime in ingresso. selezionata è un progresso rispetto alle tecnologie di trattamento Infine, è possibile ridurre i consumi specifici di risorse come l’acqua, chiudendo ulteriormente i cicli nel processo di produzione anaerobico tradizionali, e fa uso di particolari microorganismi granulari con un’alta selettività verso la produzione di metano, della pasta cartaria. Il progetto è stato già validato in scala pilota, oltre a essere completamente riutilizzabili all’interno del processo. con una sperimentazione di oltre 6 mesi, che ha dimostrato Anche i processi a membrana selezionati per la purificazione del l’efficacia della tecnologia nel ridurre il carico inquinante del biogas sono molto recenti e hanno la caratteristica di essere più refluo, con la produzione di oltre 100 metri cubi di biometano semplici e di consumare meno energia rispetto ai tradizionali avanzato. Si tratta del primo progetto italiano di produzione di lavaggi con acqua o con prodotti chimici. biometano avanzato da reflui industriali destinato all’immissione

Il pubblico in sala convegni al Polo Fiere di Lucca per le premiazioni del MIAC Innovation Award. Sponsor della sala convegni di MIAC 2019 è l’azienda Toscotec SpA.

64 Carta & Cartiere - Novembre/Dicembre 2019


DE IULIIS C. & A. MACCHINE PER CARTIERE

Casse d’afflusso Tavole piane Cilindri formatori Gruppi presse Seccherie

Dall’impianto completo chiavi in mano ad ogni singola parte della macchina da carta Soluzioni personalizzate per la produzione di tutti i tipi di carta Per maggiori informazioni

Size-press

non esitate a contattare il nostro

Arrotolatori ed elettroavvolgitori

servizio tecnico-commerciale u.commerciale@deiuliis.it

Calandre e soft calandre Sistemi di trasferimento bobine Ribobinatrici Tendicompensatori Regolatela/feltro Sistemi di passaggio coda Gruppi rotore per spappolatori

DE IULIIS C & A S.p.A. Via XXV Luglio 116 84013 Cava de’ Tirreni (SA) ITALY Tel. +39 089463844 Fax +39 089344485 info@deiuliis.it

www.deiuliis.it


MIAC Innovation Award RENO DE MEDICI. Recupero di fibra dallo scarto pulper per la produzione di cartoncino a base riciclata Lo smaltimento dello scarto di lavorazione di una cartiera avviene con grande dispendio di risorse ambientali ed economiche attraverso il conferimento in discariche e inceneritori. La strategia di sostenibilità di RDM Group pone fra le sue fondamenta il contenimento degli impatti ambientali. Tale concetto, che ben si sposa con l’efficienza produttiva e l’ottimizzazione dei costi, si concretizza per il Gruppo nella minimizzazione degli scarti e, al tempo stesso, nella massimizzazione dell’uso delle materie prime in ingresso. E d’altra parte non potrebbe che essere così, considerate l’importanza e le dimensioni di RDM Group, il secondo produttore europeo di cartoncino patinato a base riciclata, il primo in Italia, in Francia e nella Penisola Iberica. Il processo di trasformazione della carta da macero in cartoncino a base riciclata richiede un’intensa attività di epurazione finalizzata all’eliminazione di tutte le impurità non fibrose (plastiche, metalli ecc.) dall’impasto. Tale processo, tuttavia, comporta uno scarto fisiologico di fibre che accompagnano il materiale non fibroso, causando inefficienza dal punto di vista ambientale, ma anche economico. Nel 2018, Il Gruppo ha deciso di installare presso lo stabilimento di Santa Giustina (BL) il sistema di separazione “Tiger Depack® PPS”, per recuperare il materiale fibroso presente nello scarto pulper che la fase di pulperizzazione non riesce a separare dai materiali poli-componenti (es. carte accoppiate). Il risultato è una riduzione della quota di materiale fibroso presente nello scarto pulper dal 20% al 5%. E difatti, all’interno del Forum Rifiuti organizzato da Legambiente e da Comuni Ricicloni Veneto nel novembre 2018, lo Stabilimento di Santa Giustina ha ricevuto una menzione speciale per l’Innovazione Circolare proprio grazie alla tecnologia Tiger Depack® PPS, che riesce a separare la fibra cellulosica, permettendo di ottenere uno scarto di plastica pulita che può così potenzialmente essere utilizzata per nuove applicazioni. L’impianto per il recupero di fibra permette di ottenere uno scarto pulper che si caratterizza per una ridotta presenza di materiale fibroso. Le caratteristiche dello scarto sono tali da consentirne il recupero di materia, in alternativa al conferimento in discarica o presso un termovalorizzatore. Lo sviluppo di applicazioni pratiche a valle dell’attività di RDM Group permetterebbe quindi una valorizzazione totale della raccolta differenziata urbana: oltre il recupero ad alta efficienza delle fibre (già in essere), sarebbe possibile il riuso degli scarti plastici e la valorizzazione delle altre impurità contenute nella carta da macero per un obiettivo potenziale di “zero rifiuto in discarica”.

DS SMITH PAPER ITALIA. Impianto separazione plastica-fibra Le cartiere che producono carta per ondulatori da carta da macero, per poter utilizzare questa materia prima la devono separare dalle molte impurità ivi presenti che non possono essere riutilizzate nel processo produttivo. Questi materiali (plastiche, polistirolo, legno, tessuti e altro) vanno a costituire lo scarto del pulper, un rifiuto non pericoloso classificato con codice CER 03 03 07. Oltre a questi materiali nello scarto del pulper è presente anche fibra di carta, che viene scartata dal processo sia per normale perdita dovuta all’efficienza delle macchine di pulizia, sia perché non facilmente spappolabile e quindi non resa utilizzabile nel processo nei normali tempi di spappolamento. L’impianto è costituito da un nastro che alimenta lo scarto, così 66 Carta & Cartiere - Novembre/Dicembre 2019

come prodotto dagli spappolatori, a una tramoggia-shredder che ha la funzione sia di ridurre le dimensioni dei pezzi di plastica sia di dosare il materiale in maniera più costante possibile. Il materiale stesso poi passa in un capiente reattore con due agitatori verticali, che hanno la funzione, con l’aiuto di acqua di processo, di “indebolire” il legame plastica-fibra e di cominciare la separazione, sul principio della gravità, dei corpi pesanti. Dopo il reattore un nastro di gomma, di particolare conformazione, trasporta la plastica e la fibra dentro un cilindro-centrifuga ad asse orizzontale con dei fori di dimensione opportuna. Il materiale, quando il cilindro è in forte rotazione, viene completamente separato e, mentre l’acqua e la fibra passano attraverso i fori e vengono recuperati nel processo, le plastiche e gli altri componenti di dimensioni maggiori, sono indirizzati a una pressa e costituiscono il flusso in uscita di plastica pulita. Relativamente

Marcello Gozzi, Direttore di Confindustria Toscana Nord, consegna il premio a DS Smith Paper Italia per aver introdotto una tecnologia innovativa per la separazione tra plastica e fibra.

all’impianto, l’innovazione non sta tanto nelle singole sezioni di esso, anche se il cosiddetto reattore, il cuore che separa la plastica dalla fibra, ha una conformazione molto particolare, ma nell’averle assemblate con soluzioni tecniche effettivamente nuove per l’industria cartaria in maniera da ottenere un risultato difficile (separazione completa della fibra dalle plastiche) con pochi macchinari, consumi energetici contenuti e soprattutto l’utilizzo di una tecnologia a umido efficiente anche con acqua di riciclo, tale da non aver aumentato di un litro i consumi di acqua fresca dello stabilimento. Anche lo studio ulteriore sviluppato sulla frazione di plastiche pulite per poterle classificare come prodotto “End of Waste“ o “sottoprodotto” tale da, eventualmente, escluderle dalla normativa dei rifiuti è un’innovazione importante che potrebbe avere effetti e sviluppi interessanti per tutto il settore cartario.

SOFIDEL. L’innovazione sostenibile dei Rotoloni Regina Eco Nell’ambito della propria strategia di differenziazione e di innovazione, Sofidel ha lavorato allo sviluppo di nuovi prodotti


Recycling energy. Reducing emissions. Recovering costs.

A new era in sustainable efficiency Introducing Reenergy+, a brand new autonomously-controlled integrated production model tailored to the demands of industry. The culmination of three decades of experience in plant design and manufacture by EIL, Reenergy+ is a revolutionary automatic system which delivers unprecedented energy savings through its hood-integrated gas turbine layout. Certified results include: -80% toxic gas emissions -35% energy costs +8% production efficiency 0% increase in gas consumption compared to conventional systems Reenergy+. Redefining the boundaries of production to develop new standards of efficiency and sustainability.


MIAC Innovation Award

per soddisfare le esigenze di clienti e consumatori. In particolare, il Gruppo è impegnato a ridurre ulteriormente il proprio impatto ambientale anche attraverso lo sviluppo di imballaggi più sostenibili al fine di limitare l’uso di plastica convenzionale, per contribuire a contrastare l’inquinamento legato alla cattiva gestione di questo materiale. La nuova linea di Rotoloni Regina Eco si aggiunge alla gamma tradizionale e rappresenta il nuovo contributo del Gruppo Sofidel a favore della sostenibilità ambientale. I Rotoloni Regina Eco sono infatti confezionati con un pack in carta kraft - materiale di origine vegetale e quindi rinnovabile, biodegradabile e facilmente riciclabile - al posto del classico polietilene, e sono prodotti impiegando esclusivamente energia elettrica proveniente da fonti rinnovabili, generata presso gli stabilimenti Sofidel. In una visione ancora più ampia, l’obiettivo complessivo che il Gruppo Sofidel si è posto è la riduzione del 50% dell’incidenza della plastica convenzionale nella sua produzione entro il 2030 (rispetto al 2013). In particolare, entro la fine del 2020, Sofidel si impegna ad eliminare l’equivalente di 600 tonnellate di plastica all’anno dalle confezioni destinate al consumo finale dei suoi principali marchi europei (Regina, Cosynel, Nalys, Le Trèfle, Sopalin e KittenSoft).

LUCART. Prodotti Natural, incartati con amore! Grazie all’impegno di Lucart nella ricerca di soluzioni ecologiche e innovative per ridurre l’impatto ambientale, i prodotti della linea Natural (ottenuti dal riciclo delle fibre di cellulosa contenute nei cartoni per bevande tipo Tetra Pak) sono in confezioni di carta riciclata e riciclabile (prodotta negli stabilimenti del Gruppo Lucart) per una scelta più sostenibile. Il maggior elemento di innovazione è il poter vantare un imballo primario realizzato in carta riciclata e riciclabile stampata con inchiostri compostabili e biodegradabili. La linea Natural ha così raggiunto un completamento degli obiettivi di economia circolare che Lucart persegue da decenni. I prodotti della linea Natural - lanciati sul mercato nel 2010 - furono una vera e propria innovazione di prodotto in quanto non esisteva sul mercato un prodotto tissue 68 Carta & Cartiere - Novembre/Dicembre 2019

che derivasse dal riciclo dei cartoni per bevande (materiale che rischiava di essere smaltito in discarica). Oggi continua il percorso di sostenibilità che ha visto Lucart fregiarsi nel mercato tissue della prima certificazione Ecolabel in Italia e in questo sentiero tracciato può essere considerata un precursore anche con questo progetto.

ESSITY ITALY. Io sono per una seconda opportunità - Crush me Essity ha messo a punto un progetto, in simbiosi con Favini, che si pone a concreto esempio di come un’azienda possa inserirsi perfettamente nell’economia circolare. Essity produce carta tissue di alta qualità riutilizzando materia seconda di lavorazioni agroindustriali (come residui di arance, mais o caffè, altrimenti destinati allo smaltimento), che sostituiscono fino al 15% della cellulosa proveniente da albero. La provenienza di questi materiali è tutta italiana e il composto da essi derivante viene rivalorizzato come materia prima nobile per la produzione di carte ecologiche di alta qualità, in sostituzione della cellulosa vergine. Da un lato, quindi, il reimpiego delle risorse destinate a smaltimento, dall’altro, la riduzione dell’impatto sulle foreste, in un circolo virtuoso. Essity utilizza questa combinazione di risorse per produrre tovaglioli, carta cucina, fazzoletti e carta igienica, tutti biodegradabili e biocompostabili. Essity è per le seconde opportunità e, da qui, il claim: “I’m from the second chance”.

SMURFITT KAPPA ITALIA. Ottimizzazione drenaggi sezione presse PM3 Gestione dei drenaggi della sezione presse con lo scopo di ridurre l’utilizzo del vuoto applicato e al tempo stesso di migliorare il secco in uscita. La gestione dei drenaggi è stata possibile tramite la misura puntuale degli stessi, il controllo dei vuoti applicati, nonchè l’ottimizzazione/reenginneering dei sistemi di raccolta dei drenati. Gli elementi di innovatività sono: l’aumento del grado di secco in uscita alla sezione presse (> 0,5%) e la diminuzione del consumo energetico grazie alla riduzione dei vuoti applicati pari a circa 10 kWh/tsp, equivalente a circa 500 tep/anno. ●


TURBAIR vacuum systems

®

Green technology for the paper industry Compared to other systems in the dewatering process, MAN’s state-of-the-art TURBAIR® vacuum blowers improve your mill’s efficiency by: - Up to 50% energy savings thanks to the high thermal efficiency - Up to 70% of the consumed energy can be recuperated - No seal water is required - Highly reliable system with low maintenance - Engineered to last the life of any paper machine

www.man-es.com

MAN Energy Solutions Schweiz AG Hardstrasse 319, 8005 Zürich, Switzerland Phone +41 44 278-2211 Sales +41 44 278 3257


Fire Protection Firefly has developed a wide range of solutions for both fire prevention and protection in the high-risk areas of a tissue mill.

PROTECTING THE TISSUE INDUSTRY FROM FIRES:

THE BENEFITS OF FIRE PREVENTIVE AND PROTECTIVE SYSTEMS Statistically 8 out of 10 large losses in the tissue industry are caused by fires. Still it is not the large incidents that are most costly. The high frequency of smaller incidents is even more costly up the tissue industry when adding up the loss of production.

F

by: Firefly AB

irefly is a swedish company that provides industrial fire prevention and protection systems to the process industry worldwide. Since 1973, the company has specialized in creating customized system solutions of the highest technical standards and quality. Based on customer needs and research, has developed and patented products and solutions, creating a unique portfolio of innovative products and system solutions to increase the level of safety. Fireflyâ&#x20AC;&#x2122;s products hold national and international 70 Carta & Cartiere - Novembre/Dicembre 2019

third party certifications through FM, VdS, CSA, DNV-GL, LCIE Bureau Veritas, Delta and RISR among others.

FIRE HAZARDS AND HIGH-RISK AREAS Every year, people are injured and even killed as a result of industrial fires. Furthermore, the tissue industry worldwide loses millions of dollars per year in damages and production downtime due to fires. The main fire risk in a tissue mill can often be related to several specific high-risk areas, typically where accumulations of dust and fibres occur in combination with friction and hot surfaces. Many areas in a tissue production mill are exposed to


Fire Protection

The quicker a fire can be detected and extinguished, the less damage it will cause.

accumulation of dry, highly flammable cellulose dust and fibre. The smallest outbreak of fire is extremely dangerous as it can easily escalate and spread throughout the facility. Conventional extinguishing methods, for example sprinklers, need large flames in combination with a high amount of heat to react and an extensive amount of water is needed to extinguish a fire.

A QUICK SYSTEM RESPONDS TIME IS CRUCIAL By monitoring and protecting high-risk areas with a Quick Suppression System which has an extremely quick response time, fires can be detected and extinguished before damages have occurred and before it has spread into other areas. The quicker a fire can be detected and extinguished, the less damage it will cause, production losses will be kept to a minimum and employee safety will be greatly enhanced.

SPARK DETECTION SYSTEMS AND QUICK SUPPRESSION SYSTEMS The Firefly Spark Detection System: a fire prevention system Firefly’s unique Spark Detection System is based on True IR spark detectors that are insensitive to daylight. They are designed to detect all dangerous ignition sources, such as hot dark particles, sparks and flames. The Spark Detection System can be combined with a water extinguishing zone that will, within milliseconds, extinguish the detected ignition source. Firefly has also developed special solutions for the tissue industry, such as Spark Alert and WebScan™ system. Those special solutions are based on Firefly’s unique True IR spark detector.

Firefly’s Quick Suppression System, which combines advanced and reliable flame detectors and water mist suppression nozzles is located to cover the risk zones. Here the Firefly Quick Suppression System is protecting the dry-end of the machine.

Designed with this precision technology it will detect potential hazards long before the fire has started and alert the operators. No automatic extinguishing is needed in these applications. The Firefly Spark Detection and Extinguishing System is certified according to Factory Mutual (FM)* and Schadenverhütung GmbH (VdS)*.

The Quick Suppression System: a fire protection system As the first company in the world, Firefly has launched a third party certified Quick Suppression System. The Firefly Quick Suppression System is a complete system designed for extremely quick detection and suppression of flames or fires in and around critical machinery and high-risk areas. The system has been fire tested against the test protocol DFL TM170307-1261 and verified by the DNV-GL. Firefly’s Quick Suppression System operates with high performance flame detectors and efficient water mist suppression nozzles. The Firefly Water Mist System have remarkable fire suppression capabilities, utilizing a very small amount of water. The purpose of the Firefly Quick Suppression System is to act quick enough to avoid or significantly reduce damages and production downtime as well as avoiding a fire from escalating and spreading into other areas. ● * FM certificate no. 3060012, VdS approval no. S6990002.

Firefly has developed special solutions to protect the tissue industry from fires. Two examples are Spark Alert and WebScan™ system that are based on Firefly’s unique True IR spark detector.

72 Carta & Cartiere - Novembre/Dicembre 2019


Dietro a un ottimo foglio di carta c’è

Il t

ra t ta

m ww

w. a cq u a fl e x

o

. co

id ea

le

pe r i

l con

trol l o de i de posi ti

rt a c in

. a r ie

m BLUEMATE è la classe rivoluzionaria di additivi ecologici non ossidanti per il controllo microbiologico e la dispersione delle peci in macchina continua. Ti garantisce elevati standard di pulizia degli impianti a costi contenuti mantenendo anche un eccellente profilo ecologico. Acquaflex s.r.l Via Calvino, 7 - 20017 Rho (MI) Tel.: +39. 02.93163856 - Fax: +39. 02.93508222 e-mail: info@acquaflex.com

www.comimm.it

e

nt


Fibre Properties Krima HDS installation.

CELLWOOD MACHINERY. A SINGLE APPROACH FOR A MULTIFACETED RESULT WHEN PROCESSING RECYCLED FIBRE

Mills incorporating waste paper in their process has since long struggled with many different issues. The more obvious are the actual contaminants accompanying the waste paper. by: Niklas Tunell, Area Sales Manager N&S America, Cellwood Machinery AB

H

owever, more recently, the fibre properties can start to degrade as well as fluctuate more. Amongst other things, this is due to less sorting and more mixing of different grades, making it largely impossible for the mills to source the correct furnish. Companies spend significant extra time and money in order to secure a furnish mix that will not only give them the desired end quality, but also keep the production upsets to a minimum. As the 74 Carta & Cartiere - Novembre/Dicembre 2019

tacky contaminants reach the machine there will be downtime to handle wire, felt and doctor blade changes as well as cleaning. Often, it will also mean a heightened reject rate of the finished product and/or defects therein, which lowers the value of the same. Mills also tend to have to run higher basis weights on their specific grades to meet strength targets; this is mainly due to a fibre source with less physical strength and not enough installed refining capacity to correct it. The solution can be found with the Krima HDS (Hot Dispersion System) which, in one single system, achieves the same as a complete stock preparation and approach flow upgrade.

THE KRIMA HDS Paper is a product which we all use on a daily basis. As raw material and energy prices continue to fluctuate and rise, it becomes increasingly important to have the correct tools with which to handle these changes. The Krima Hot Dispersion is one important component in a modern stock preparation plant and is crucial when trying to meet todayâ&#x20AC;&#x2122;s demands for quality. The aim of dispersion is to distribute the contaminants in the waste paper to a non-visible size. With a vast number of installations now operating, Hot Dispersion makes good economic sense and achieves a return upon investment in a comparatively short


Fibre Properties

Speck reduction before and after.

time. The HDS is the solution in order to optimise the performance, flexibility and operating cost on varying degrees of both raw material and required results. It has a capacity to operate at temperatures up to 120°C (248°F). HDS produces the best dispersing result on all kinds of dispersible contaminants in waste paper. It is also the most flexible dispersing system. The discharge of the Screw Press KSR does not need to be pressurised as the downstream Plug Screw is designed to seal the system. Retention time through the system is 2 minutes - time which enables all fibres as well as contaminants to be uniformly heated all the way through; it is also enough for in-line bleaching and a high reduction of spores and bacteria in the pulp. Dirt and specks. Due to the temperature, the high consistency at plus 30% and the design of the HDS, the dirt reduction efficiency will be very high. Normally it will be in the 85 to 95% range, depending on raw material quality and previous treatment. The fibres and contaminants are heated to a point where they are soft and flexible. This will enable a stronger dispersion without the risk of excessive fibre shortening and freeness drops. The dispersion of dirt and specks is made possible due to the fibre to-fibre friction as well as friction against the disperser plates. The HDS will ensure full and uniform heating of all fibres and contaminants. This will, in turn, guarantee the efficiency. Tacky contaminants. The high temperature (up to 120 deg. Celsius) plays an even more important role in dispersion of tacky contaminants. On top of that high consistency at plus 30% and the design of the disperser makes the reduction efficiency of tacky contaminants outstanding. The contaminants are heated to a point where they are soft and can 76 Carta & Cartiere - Novembre/Dicembre 2019

be dispersed over a large amount of fibre surfaces with fibre-to-fibre friction and friction against the disperser plates. The HDS capability of uniform heating, due to retention time, is a crucial part in maximising the efficiency. After passing the plates, the pulp is diluted and cooled; this will stabilise the contaminants in a non-tacky state. Later increases in temperature will not reactivate the tackiness, and the contaminants will go with the paper through the machine without adhering to wires, felts, rolls or dryer cans. The installation of an HDS will lead to higher yield, through less reject and less fines creation, as well as less additives for stickie control on the machine, and less down time for solvent cleaning. Bacteria and spores. Retention time at high temperatures and high consistency at plus 30% sets the reduction of bacteria and spores at a very high level. Normally it will be some 99%, thus dramatically reducing the need for biocides etc. Physical properties. Further developments have the added benefit of significant fibre development in regards to strength. This is made possible by the treatment at both high consistency and temperature. The flexibility of the fibre under these conditions

Importance of time and temperature.

allows for a controlled defibrillation that results in very high strength development without excess creation of fines. In full scale installations as well as pilot plant trials, the following average improvements have been seen: +40% tensile, +60% burst and +20% tear. The energy needed to reach these levels of strength development is

CASE STUDY 1

A

North American board mill did their due diligence including trials at Cellwoodâ&#x20AC;&#x2122;s pilot facilities in Sweden. The results achieved at the trials were the base for the decision to install a complete Krima HDS. The type of board produced was severely affected by tacky contaminants and especially bleed through spots that showed up in dryer sections as well as later in converting. After the HDS installations these problems were eliminated. Another positive effect seen on the furnish, 80% OCC and 20% Mixed Waste, was strength development. Significant increases in several areas among the more important +40% tensile index development, this at the same time as a 17% increase in tear. This development led to fibre savings as they could reduce the basis weight on the production it also made it possible to back off low consistency refiners. The system continuously delivers top quality results with high availability and very low maintenance needs and costs. Improvement of properties across HDS Furnish 80% OCC + 20% Mixed Waste

50%

40%

30%

20%

10%

0

Tensile Index

Tear Index

Graph showing strength development in board mill.

Burst Index

Elongation


ENGINEERED SOLUTIONS for your paper, board or tissue machine

ENERGIA & Sistemi Vuoto

L’ottimizzazione con RunEco ti offre un notevole risparmio energetico. Il consumo di energia del sistema del vuoto può essere ridotto fino al 70%. I sistemi di recupero del calore, allo scarico, consentiranno un ulteriore risparmio energetico. RunEco è composto dal EP Turbo soffiante, il separatore d’acqua EcoDrop e la misurazione del drenaggio Ecoflow.

GESTIBILITÀ & Passaggi Coda

L’orientamento alla gestibilità RunPro offre stabilizzazione del foglio, modifiche della geometria della macchina e concetti di passaggio coda senza corde per eliminare i problemi di gestibilità e per garantire un processo di produzione della carta più fluente. I concetti di stabilizzazione del foglio e del passaggio coda sono sicuri, affidabili e non richiedono manutenzione, vantaggi significativi che si riflettono in un tempo minimo di ritorno dei costi.

PULIZIA & Drenaggio

RunDry migliora significativamente il drenaggio, la raschiatura e la pulizia consentendo un maggiore secco del foglio dopo sezione presse, risparmi misurabili e maggiore produttività. RunDry è una soluzione completa con un tempo di ritorno dei costi generalmente inferiore a un anno.

AUDITS & Consulenze

L’audit professionale delle macchine è uno strumento per realizzare con successo la produzione della carta. Eseguiamo misurazioni estese che consentono di identificare colli di bottiglia nella produzione e problemi di gestibilità nella produzione.

Sales on your area: Mario Battiston, +39 335 621 1829, mario.battiston@gardnerdenver.com www.runtech.fi, www.linkedin.com/company/runtech-systems-ltd-/


Fibre Properties very small. The disperser consumes about 35-40 kWh/MTon (1.75 - 2.0 hPd/STon). This energy can easily be saved in the low consistency refining stages. Mills today see that with a Krima, they can compensate for the lower quality fibre source and keep their raw material costs in check. In many cases, mills today are adding basis weight to the sheet to keep within specifications and to compensate for lower quality fibre. By adding an HDS system, not only will a clean sheet be produced, but the strength will be improved so that the basis weight can be reduced back to normal levels again. Energy. There is a widespread misconception that dispersion uses a lot of energy. That might be true for some technologies - both new and old - but when it comes to the HDS, nothing could be further from the truth. There are basically 2 energy inputs into the system: electrical and steam. As already mentioned, the electrical energy used in the HDS is almost always saved in refiners and deflakers. As for the steam, it is important to mention that the location of the HDS is crucial. Sited at the very end of stock preparation, with minimal storage time before the machine, the uniformly

heated pulp will aid in drainage and pressing, allowing for significant savings in the dryer stages and chests. The HDS will also act as a water loop divider, keeping the stock prep water from the machine water, and thus keeping the latter at a higher quality and more stable temperature. Let us not forget that the heating in the HDS is performed at high consistency, in a fully sealed and insulated system making it far more efficient than a chest or hood. Uniformity and forming. It is rather common that small fibre bundles that have not been separated in traditional stock preparation systems will make their way onto the machine. This leads to uneven forming which impacts strength and uniformity, especially so on lower basis weights. The HDS is very efficient at separating these bundles and clusters, giving the mill a better opportunity to manufacture a better, stronger and more uniform product. This deflaking capability of the Krima Disperser is well illustrated in broke handling systems running wet strength and coated broke. Broke handling. Handling wet strength broke normally means use of steam and

chemicals. This leads to an energy and environmental impact not acceptable by most producers today. If a Krima HDS is installed in the final parts of the stock prep, a side stream of broke can be fed to it. By cutting out chemicals and steam in the pulping stage as well as shortening pulping batch times - by 4 to 8 times - a pump, able high flake content pulp is produced. This is then fed to the Krima HDS for full deflaking without any need of chemical additives. This results in a full yield and very economical broke handling. Benefits and savings. Savings and improvements can be seen in among other areas: furnish cost (normally a significant factor); due to a very efficient sequence Y+P bleaching significant chemical savings will be realized; yield (there are no/minimal rejects in dispersion); solvent chemical usage on machine for cleaning; biocide usage as temperature will eliminate bacteria and spores; reduction/elimination of refining energy due to excellent strength development across the disperser; less rejected product from machine due to more stable quality and “police” function of the disperser; improved overall quality and brightness. ●

CASE STUDY 2

CASE STUDY 3

A

A

Wet strength towel before and after UCD.

Before and after bleed through.

North American tissue mill, producing a wide variety of wet strength towel qualities, had issues with high energy usage as well as high chemical, hypochlorite, consumption. On top of that significant amounts of steam was used to be able to pulp these wet strength grades. Due to the environmental permits they were restricted in the amount of broke that could be processed as each ton required a lot of hypochlorite. After trials with Cellwood a Krima UCD dispersing system was installed. Today they are running very short batch times in the pulper just enough to be able to pump the flaky pulp to the Krima. The UCD system then treats the pulp and produces a completely de-flaked pulp, which can be sent directly to their separate machines. This gives the mill a big flexibility in broke handling and takes away the need to run it through their regular stock preparation. Other benefits are lower energy levels per ton treated and the best of all no more chemicals.

78 Carta & Cartiere - Novembre/Dicembre 2019

mill producing newsprint and fine paper was planning to convert the newsprint portion into OCC based light weight liner. The stock preparation was designed with ample cleaning and screening but very little refining. To handle the new challenges they considered installing more cleaning, screening and LC refining. In the end they decided to only install a Krima HDS to tackle all areas. It resulted in a strong sheet and as the mill manager put it “the cleanest sheet on the market”. A test was done by coating before and after samples to show the bleed through rate and there was a significant difference. There are many mills planning this type of shift in their production and the HDS would be the logical choice to handle such a transition. One system, one project and problems solved.


ADV Traigo 285x367 +5 abb - Hi.pdf

1

07/05/18

11:12

A Tutta potenza. Tutta elettrica. Il nuovo Toyota Traigo.

Grandi prestazioni, efficienza e affidabilità: questo è il nuovo Traigo 80 di Toyota Material Handling ideato per applicazioni intensive. Questo nuovo carrello controbilanciato a 80 Volt è perfetto per le operazioni di stoccaggio e trasporto all’interno grazie alla notevole maneggevolezza, alla potenza di sollevamento e di trazione. È inoltre progettato per le estreme condizioni di lavoro in esterno, offrendo una soluzione ecologica e silenziosa per la movimentazione di carichi pesanti. Per avere maggior informazioni, visita il nostro sito web www.toyota-forklifts.it.

GHETTI 3 S.p.a. info@ghetti3.it S.A.M.E.T. S.r.l. commerciale@sametcarrellielevatori.com


End of Waste

FEDERAZIONE CARTA E GRAFICA E UNIRIMA: “END OF WASTE, PASSI IN AVANTI MA SONO POSSIBILI MIGLIORIE”

La filiera cartaria auspica l’emanazione del decreto “EoW carta” per recepire e allineare prassi e procedure agli standard merceologici europei. di: Federazione Carta e Grafica

S

i stanno compiendo passi importanti per la definizione dell’End of Waste, ma permangono ancora motivi di preoccupazione con la richiesta al Parlamento di un contesto normativo che supporti in modo chiaro e semplice lo sviluppo dell’economia circolare. Questa la posizione espressa da parte della Federazione Carta e Grafica, che raccoglie Acimga, Assocarta, Assografici e in forma di socio aggregato il consorzio Comieco, e di Unirima, Unione Nazionale Imprese Recupero e Riciclo Maceri, nell’audizione in commissione Ambiente della Camera nell’indagine conoscitiva sull’EoW. 80 Carta & Cartiere - Novembre/Dicembre 2019

Il settore guarda al dibattito in Senato sull’emendamento in materia di End of Waste in discussione in Senato. Amelio Cecchini, Presidente di Comieco, ha affermato: “Se approvato, consentendo l’operatività delle autorizzazioni regionali caso per caso sulla base dei criteri previsti dalla nuova direttiva europea, l’emendamento sbloccherebbe la situazione di stallo determinata dalla sentenza del Consiglio di Stato del febbraio 2018 e ulteriormente aggravata pochi mesi fa dal decreto-legge sblocca cantieri. Al contempo riteniamo complesso e poco chiaro il meccanismo, previsto nell’emendamento, basato su controlli ‘a campione’ sulla conformità agli atti autorizzatori delle modalità operative e gestionali degli impianti. Temiamo che

il meccanismo, anche in considerazione del numero di imprese interessate, sia in concreto inapplicabile e pertanto inefficace. Sarebbe più semplice un registro presso il Ministero dell’Ambiente, come proposto dal mondo delle imprese proprio per consentire in modo semplice e lineare le opportune verifiche”.

LA FILIERA DEL RICICLO Grazie agli operatori della selezione e del recupero, in Italia si riciclano 10 tonnellate di carta al minuto. Un giornale rientra nel ciclo produttivo in media dopo 7 giorni, una scatola entro 14 giorni. Il risultato è che ogni anno, grazie al riciclo della carta, vengono evitate 20 discariche. Questo sviluppo è stato reso possibile dal carattere sussidiario al mercato del sistema consortile Comieco e dell’Accordo Quadro Anci/Conai, che ha rappresentato una garanzia di ritiro per i Comuni italiani su tutto il territorio nazionale, indipendentemente dalle condizioni di mercato. “La filiera cartaria,


End of Waste che traina l’economia circolare italiana, è ancora priva del decreto”, ha detto Francesco Sicilia, Direttore di Unirima “che deve definire le condizioni per le quali i rifiuti di carta cessino di essere tali. Il decreto del 1998 sulle procedure di recupero dei rifiuti non è più in grado di rispondere alle esigenze del settore. È più che mai urgente l’emanazione del decreto ‘EoW carta’ per recepire e allineare finalmente prassi e procedure agli standard merceologici europei.” La Federazione e Unirima hanno indicato la proposta relativa ai residui dei processi di recupero e riciclo: “Occorre dare loro la priorità nell’accesso agli impianti esistenti e prevedere che ciò venga

regolato in sede di pianificazione regionale, dove invece troppo spesso si tiene conto soltanto dei rifiuti urbani”, ha affermato Massimo Medugno, Direttore di Assocarta. “Rendere più fluido il sistema del riciclo, eliminando gli ostacoli burocratici che lo rallentano, è importante anche per tutto il comparto della stampa e della trasformazione”, ha affermato Maurizio D’Adda, Direttore di Assografici. “Le nostre aziende, non beneficiando di un sistema sussidiario e garantito come quello del Comieco, stanno infatti incontrando nello scenario attuale di mercato difficoltà sempre maggiori nella gestione degli scarti e degli sfridi industriali.” ●

Massimo Medugno, Direttore Generale di Assocarta.

News Tetra Pak® visit to Lucart’s plant in Diecimo to continue collaborative working

A

delegation from Tetra Pak®, the world’s leading food processing and packaging solutions company visited the Lucart plant in Diecimo to experience beverage carton recycling first hand. The delegation, made up of managers and directors from various European Countries was led by Sara De Simoni, Vice President of Equipment Engineering, Tetra Pak®. In their plant Lucart produces Fiberpack®, the paper obtained from the recycling of beverage cartons with which the company produces high quality paper products for hygiene use which are certified EU Ecolabel and FSCTM, and a material composed of polyethylene and aluminium called Al.Pe.® that Lucart uses for the production of dispensers that provide toilet paper or paper towels in public bathrooms and pallets for the transport of its goods. The recovery of beverage cartons and the creation of these two new materials are the result of a project launched in 2010 in collaboration with Tetra Pak® which has taken the name of “Natural”. Thanks to this project, which enabled Lucart to recover more than 4.4 billion beverage cartons between 2013 and 2018, the Group fits perfectly into the concept of a circular economy defined by the EU Commission and the new directives on the subject, and in particular the SDG (Sustainable Development Goals) No. 17, aimed at triggering a global partnership for sustainable development. Guido Pasquini, Chief Sales & Marketing Officer of Lucart commented: “We are very pleased with this visit by the representatives of Tetra Pak®, to whom I would like to express our heartfelt thanks. This meeting was an important moment for us to exchange information and expertise and continue to progress the strategic partnership undertaken with Tetra Pak®, with which we share values and a common vision of the future, is fundamental in achieving one of our main objectives: the promotion of sustainable growth and a circular economy aimed at ensuring respect for the environment and the well-being of people. I am sure that from this meeting further joint initiatives will emerge in the future”. “Our work in promoting and facilitating recycling spans the entire recycling value chain, from consumer awareness, collection and sorting to recycling and then to market, which is vital because if one element isn’t working, it adversely impacts everything else”, adds Sara De Simoni, Vice President of Equipment Engineering, Tetra Pak®. “Our visit to Lucart aims to build on the progress made to date, deepen our collaborative working and investigate ways to improve our recycling by design principles.” The commitment of both companies to accelerate the transition from a linear to a circular economy and to carry out high-level projects that bring concrete benefits to the environment is also demonstrated by their membership in the CE100 Network, the pre-competitive innovation programme set up by the Ellen MacArthur Foundation to drive jointly the transition from a linear to a circular economy. ● Tetra Pak® visit to Lucart’s plant in Diecimo.

82 Carta & Cartiere - Novembre/Dicembre 2019


MIAC 2019 Tavola Rotonda

ARRIVA IL

GREEN NEW DEAL SECONDO L’INDUSTRIA CARTARIA Il pubblico alla tavola rotonda di apertura del MIAC “Il Green New Deal secondo l’industria cartaria”. Sponsor della sala convegni è l’azienda Toscotec.

Dopo la cerimonia di apertura della 26ma edizione della Mostra Internazionale dell’Industria Cartaria di Lucca si è svolta una tavola rotonda sul tema dell’economia circolare nel settore cartario, organizzata da Assocarta con la collaborazione di Confindustria Toscana Nord. di: Redazione Carta & Cartiere

L’

industria cartaria italiana si conferma al quarto posto a livello europeo dopo Germania, Svezia e Finlandia, con un primato assoluto nella produzione di carta tissue e un terzo posto nella produzione di carta per imballaggio. E proprio nelle carte per imballaggio vanta una percentuale di riciclo da record pari all’81,1%. Il settore cartario italiano è parte integrante dell’economia circolare in quanto utilizza materie prime rinnovabili, investe in efficienza energetica e nell’incremento della propria capacità di riciclo. Basti pensare che ogni minuto in Italia si 84 Carta & Cartiere - Novembre/Dicembre 2019

riciclano 10 tonnellate di carta (di cui 2,5 nel solo Distretto Cartario di Lucca). Gli obiettivi sfidanti nella lotta ai cambiamenti climatici hanno portato l’industria cartaria europea a interrogarsi, con la Roadmap 2050, su come raggiungerli. Le cartiere italiane stanno studiando la strada migliore per ridurre le emissioni di CO2 e ogni tipologia di azienda dovrà trovare la propria. L’economia circolare è stata al centro della tavola rotonda organizzata da Assocarta, in collaborazione con Confindustria Toscana Nord, dopo la cerimonia di inaugurazione della 26ma edizione della Mostra Internazionale dell’Industria Cartaria e moderata da Maurizio Bologni, giornalista di

La Repubblica, alla quale hanno preso parte Girolamo Marchi, Presidente di Assocarta e Tiziano Pieretti, Presidente della sezione carta di Confindustria Toscana Nord. Al centro del dibattito della tavola rotonda di apertura del MIAC un decalogo di azioni e obiettivi secondo l’industria cartaria, per porre in essere il Green New Deal, richiamando il celebre New Deal americano, ovvero la politica di revisione nell’economia attuata da F.D. Roosevelt a partire dal 1933 in applicazione delle teorie economiche keynesiane, per uscire dalla grande depressione susseguente alla crisi del 1929 e per garantire maggior sicurezza sociale. Un decalogo che per essere efficace nel


Non c’è strada migliore per il tissue.

Nuovi standard per rivestimenti di cilindri in macchine tissue e converting. Il nome SchäferRolls è da decenni sinonimo di performance eccellenti per la realizzazione di rivestimenti per cilindri per la produzione e la successiva trasformazione della carta tissue. Grazie all’esperienza di centinaia di installazioni di successo, tutti i nostri rivestimenti per rulli per carta tissue sono stati progettati e realizzati per rispondere ai requisiti specifici di ogni posizione, il prodotto specifico realizzato e le specifiche esigenze dell’operatore della macchina. E tutto questo con l’obiettivo di raggiungere una nuova dimensione per la produttività, la qualità del prodotto e la performance complessiva della vostra produzione di carta tissue.

P1, P40, tisQ, HybriFlex, Q.dura. Y Posizioni dei cilindri:

cilindri pressori cilindri aspiranti Y Successiva trasformazione della carta tissue: contro cilindri goffratori cilindri sposalizio cilindri colla cilindri colore

Precisione a tutto tondo.

SchäferRolls GmbH & Co. KG Benzstrasse 40 D-71272 Renningen, Germania www.schaeferrolls.com


MIAC 2019 Tavola Rotonda

Il moderatore della tavola rotonda Maurizio Bologni, giornalista di La Repubblica, con i due relatori Girolamo Marchi, Presidente di Assocarta (a sinistra) e Tiziano Pieretti, Presidente della sezione carta di Confindustria Toscana Nord.

raggiungere obiettivi ambientali e sociali deve vedere il coinvolgimento di tutte le imprese, grandi, medie e piccole, senza distinzioni. Il moderatore Maurizio Bologni ha dato il via al dibattito sul Green New Deal a partire dalla sostenibilità energetica attraverso la promozione della cogenerazione ad alta efficienza, con l’obiettivo di renderla “carbon neutral”. La cogenerazione infatti fornisce fabbisogni che non possono essere coperti con altre fonti, evita le perdite di distribuzione dell’energia elettrica, affianca i servizi da fonte rinnovabile dando sicurezza e continuità al sistema elettrico, evitando l’impiego di grandi spazi per generare una potenza equivalente a un impianto convenzionale. “Di fondamentale importanza dal punto di vista della sostenibilità energetica”, ha sottolineato il Presidente di Assocarta Girolamo Marchi “è di valorizzare il gas come combustibile pulito per la transizione energetica: in Europa ad esempio, il 70% della capacità di riciclo installata utilizza gas naturale.”

L’ANDAMENTO DELL’INDUSTRIA CARTARIA Dopo un 2018 chiuso in positivo (produzione +0,1%; fatturato +4,2% rispetto all’anno precedente), l’industria della carta - che ha saputo coniugare l’uso di materie prime rinnovabili con il riciclo dei propri prodotti a fine vita in una prospettiva di effettiva economia circolare - subisce una battuta d’arresto complessiva in un quadro condizionato dal calo del commercio globale, che risente delle politiche protezionistiche e del clima di crescente incertezza geo-economica. La produzione di carta e cartone in Italia 86 Carta & Cartiere - Novembre/Dicembre 2019

nei mesi gennaio-luglio 2019 subisce una flessione del 2,6% (rispetto al periodo gennaio-luglio 2018) con dinamiche diversificate per i vari comparti (carte grafiche -7,7%; carte per usi igienicosanitari -0,5; packaging -0,5%, +1,1% di carte e cartoni per cartone ondulato), mentre il fatturato cala del 4,6% (nel periodo gennaio-luglio 2018) a seguito dei minori volumi prodotti e delle revisioni in riduzione dei prezzi di alcuni prodotti appartenenti all’area dell’imballaggio (principalmente carte e cartoni per cartone ondulato). L’andamento produttivo del settore sconta gli effetti di una domanda generalmente in calo. La componente presenta infatti nei 6 mesi 2019 una riduzione del 2,1%, con un’inversione di tendenza tra il 1° trimestre (+1,3%) e il 2° trimestre (-5,3% rispetto ai volumi in ottima espansione dell’aprile-giugno 2018). Tale andamento risente della sensibile riduzione della domanda di carte per usi grafici (-10,7% nei 6 mesi) e della frenata delle carte e cartoni per packaging (+1,4% nei 6 mesi dal +6,2% del primo trimestre). Positiva infine la dinamica del consumo interno di carte tissue (+4,2%). Si conferma inoltre l’arretramento della domanda estera che aveva caratterizzato l’intero 2018: nei primi 6 mesi del 2019 i volumi esportati sono scesi del 6,1%.

LA QUESTIONE DEGLI SCARTI DI PRODUZIONE Riciclo ed economia circolare costituiscono un tema portante del decalogo sul Green New Deal, dove il settore cartario chiede con forza di sbloccare le autorizzazioni sull’EoW (“fine rifiuto”), da cui dipendono gli investimenti e il miglioramento ambientale del sistema

Italia. Le cartiere sono infatti un attore fondamentale dell’economia circolare producendo oltre 9 milioni di tonnellate di carta annue (2018) a partire da un materiale rinnovabile e con l’utilizzo di 5 milioni di tonnellate di carta da riciclare (dato riferito al 2018) con un tasso medio di circolarità del 57% e dell’81,1% nell’imballaggio, uno dei più alti d’Europa. Ed è possibile aumentare ulteriormente la capacità di riciclo sbloccando la produzione di impianti, come ad esempio quello della cartiera di Mantova. Un altro tema dibattuto è stato quello degli scarti di produzione, legato a doppio filo all’economia circolare, generata dal settore. La competitività dell’industria cartaria, oltre che con la problematica della sostenibilità energetica e del riciclo collegato all’economia circolare deve infatti fare i conti con una gestione degli scarti del riciclo non ottimizzata, che frena le potenzialità dell’industria cartaria e dell’economia circolare. In Italia, i volumi più importanti della carta da riciclare raccolta sul territorio nazionale derivano dalla raccolta urbana: 3,3 milioni di tonnellate nel 2018 su un totale di oltre 6,6 milioni di tonnellate di carte e cartoni recuperati. “Per recuperare 300 mila tonnellate di scarti di riciclo (nulla di fronte agli oltre 5,1 milioni di tonnellate di carta riciclate ogni anno dal settore, con un rapporto 1:17) c’è solo un impianto di termovalorizzazione dedicato in Umbria, mentre un secondo impianto in Lombardia non è utilizzato in maniera costante”, ha sottolineato Girolamo Marchi. “Mentre recuperare energia da tutti gli scarti significherebbe chiudere il ciclo del riciclo e ridurre l’impiego di fonti fossili.” Per Tiziano Pieretti, Presidente della sezione


COMPONENTI E ACCESSORI PER MACCHINE DA CARTA Dal 2013 qualità ed eccellenza italiana nella costruzione di componenti e macchinari per l’industria cartaria.

SERVIZI MONTAGGIO E MANUTENZIONE MACCHINARI E ACCESSORI TEC.MEC. SRL Via Ciarpi, 10 – 55016 Porcari (LUCCA) Tel. +39 0583.295855 – Fax. +39 0583.297396 www.tecmecsrl.com - info@tecmecsrl.com


MIAC 2019 Tavola Rotonda carta di Confindustria Toscana Nord: “Le richieste dell’industria cartaria nazionale sono le stesse da molti anni a questa parte e vanno sempre nella direzione di una semplificazione della burocrazia. Perché non è possibile fare dei piani industriali se non ci sono certezze dal punto di vista dei tempi. Questo poi ricade a cascata anche sugli investimenti in tecnologie che potrebbero portare a un significativo risparmio dal punto di vista energentico e a una riduzione in termini di emissioni. Le cartiere del nostro distretto - ha precisato Pieretti - sono ambientalmente virtuose, sia che utilizzino materiali vergini come cellulosa proveniente da foreste certificate, sia che riciclino carta da raccolta differenziata. Nel caso delle imprese che trattano carta da macero assistiamo a un processo produttivo che riutilizza quasi interamente materiale scartato da famiglie e imprese. Il settore cartario, occorre precisare, non produce rifiuti. Di fatto utilizza circa 1 milione e 200 mila tonnellate di carta raccolta e da questi volumi circa 120 mila tonnellate non riesce a farle diventare nuova carta o cartone. È evidente che questa quota residuale deve essere smaltita e di questo tutti devono esserne consapevoli. Fatta questa precisazione bisogna partire però dal fatto che in italia esiste una carenza impiantistica che non vale solo per il pulper di cartiera, ma per tutti i rifiuti, dagli urbani agli speciali, dagli industriali ai pericolosi. Eppure i principi dell’economia circolare

88 Carta & Cartiere - Novembre/Dicembre 2019

Il decalogo del Green New Deal secondo l’industria cartaria italiana

1

Promuovere la cogenerazione ad alta efficienza con l’obiettivo di renderla “carbon neutral”: essa fornisce fabbisogni che non possono essere coperti con altre fonti, evita le perdite di distribuzione dell’energia elettrica, affianca i servizi da fonte rinnovabile dando sicurezza e continuità al sistema elettrico, evita l’impiego di grandi spazi per generare potenza equivalente a un impianto convenzionale. Valorizzare l’uso del gas come combustibile pulito per la transizione energetica. In Europa, ad esempio, il 70% della capacità di riciclo installata utilizza gas naturale. Utilizzare in maniera ancora più efficace le misure esistenti per l’efficienza energetica e il risparmio energetico. Meno tasse e più investimenti. Ad esempio, adottando una misura Industria 4.0 estesa all’economia circolare. Sbloccare le autorizzazioni relative all’EoW - End of Waste, da cui dipendono gli investimenti e il miglioramento ambientale del sistema Italia.

2

3 4 5

e i beanchmark europei sono chiari: dagli scarti si deve recuperare quanta più materia possibile e da ciò che residua si deve recuperare energia. Come Distretto Cartario lucchese siamo disponibili a

6 7

Aumentare la capacità di riciclo dell’Italia in campo cartario: si deve e si può fare (caso Mantova). Aumentare la capacità di gestione degli scarti del riciclo e dei sottoprodotti: è un capitolo importante di qualsiasi politica industriale in materia di economia circolare. Recuperare energia dagli scarti significa chiudere il ciclo del riciclo e ridurre l’impiego di fonti fossili. Promuovere la sostenibilità e la riciclabilità dei materiali: la carta è un biomateriale che coniuga l’impiego di materie rinnovabili con il riciclo dei prodotti a fine vita. Promuovere la qualità delle raccolte differenziate lungo tutta la filiera con criteri End of Waste in linea con gli standard merceologici utilizzati anche a livello internazionale. Adottare sistemi di responsabilità del produttore che incentivino l’efficienza e l’efficacia, quindi la competitività del sistema Italia, perfezionando quanto già previsto nel campo dei rifiuti di imballaggio.

8

9

10

fornire tutto il supporto necessario, continuando a lavorare a testa alta e cercando di trovare le migliori strade da percorrere per risolvere i problemi con un approccio scientifico e razionale”. ●


Controllo Qualità Sistemi TGS.

25 ANNI AL SERVIZIO DELLE CARTIERE TGS, costruttore di Sistemi per il Controllo Qualità della carta - QCS presente sul mercato dal 1994, compie 25 anni e presenta le ultime novità.

I

di: TGS di Bussi S. & C. SAS

n primo luogo è importante ricordare che da oltre 5 anni TGS ha ottenuto la certificazione ISO 9001 e ogni anno viene sottoposta al rinnovo secondo stretti criteri di politica per la qualità dove, come obiettivo prioritario, vi è la piena soddisfazione del cliente. Per garantire tutto questo, ogni singolo sistema prodotto viene progettato e sviluppato ad hoc in conformità con le specifiche proposte e richieste dal cliente finale, nel rispetto delle normative vigenti e per il raggiungimento degli obiettivi qualitativi aziendali di miglioramento. Le basi fondamentali per la realizzazione di un sistema di controllo qualità QCS sono la meccanica, l’elettronica e la parte software. La meccanica. I software di progettazione in 3D utilizzati dallo 90 Carta & Cartiere - Novembre/Dicembre 2019

studio tecnico TGS sono quanto di più all’avanguardia oggigiorno si possa richiedere. Questo strumento, ormai a disposizione da una decina di anni, consente di vedere il prodotto finito ancora prima della sua realizzazione. Basandosi su due semplici misure, cioè il formato carta massimo e lo spazio a disposizione, è possibile sviluppare il progetto completo per il nuovo QCS da presentare al cliente finale. Grazie a questa tecnologia è possibile verificare, ancora prima dell’attuazione del progetto, gli spazi a disposizione, come ad esempio per il passaggio coda, ma anche verificare gli ingombri per l’aggiunta o modifica della seccheria, ecc. Una volta realizzato il progetto, risulterà molto semplice anche l’installazione, riducendo così i tempi di eventuali fermo macchina. Grazie alla partnership con aziende specializzate nella lavorazione meccanica, valutate e costantemente rivalutate in questi 25 anni, TGS costruisce sistemi complessi

in normale semplicità, trasmettendo al cliente finale tutto il know-how per un’ottima manutenzione preventiva. Le variabili come polvere, umidità, temperatura, ecc. solitamente presenti dove viene installato un ponte di misura passano tutte in secondo piano grazie all’utilizzo ad esempio dei nuovi sensori di misura grammatura e umidità con grado di protezione IP65, resistenti a temperature continue fino a 100°C senza l’ausilio di complicati sistemi di raffreddamento. Questo è possibile grazie alla continua ricerca di soluzioni a problematiche di installazioni atipiche riscontrate in questi anni, con il coraggio di risolvere problemi che altri fornitori preferivano evitare nel migliore dei casi, o in alternativa, proponendo soluzioni molto costose. Infine, ma non da ultimo in una scala di valutazione, l’utilizzo di materiale “standard” (da commercio) come cuscinetti e pattini a ricircolo di sfere, cinghie dentate, motori asincroni e/o particolari meccanici


www.azmec.it

• DESIGN AND MANUFACTURE OF LIQUID RING VACUUM PUMPS • MAINTENANCE OF PUMPS AND MECHANICAL PLANTS • AT YOUR SERVICE SINCE 1960 • 100% MADE IN ITALY

ADV Elisa Ghiotto - Ph. @ superrox - Monte Boletto (LC) Lombardia

AZMEC EXCEEDS THE BEST WISHES


Controllo Qualità facilmente replicabili consentono al cliente finale una piena autonomia d’intervento per il ripristino dopo eventuali rotture causate da usura o altro. L’elettronica. La progettazione e la realizzazione interna dei sensori di misura, grazie a una minuziosa cernita della componentistica, come ad esempio la resistenza al calore fino a 125°C, permette di garantire un ottimo margine nonché una lunga durata dei sistemi in condizioni di lavoro continue fino a 100°C. L’utilizzo di cavi ad alta temperatura sulle teste di misura e cavi in poliuretano per il movimento dei sensori confermano la lunga durata d’esercizio senza rotture dei sistemi TGS anche in condizioni di lavoro “estreme”. L’automazione, in grado di eseguire ogni singola istruzione in meno di 0,1 microsecondo, è stata progettata utilizzando la più moderna serie di PLC Siemens. Questo permette in primo luogo di trovare facilmente e autonomamente eventuali schede di ricambio, ma soprattutto consente al sistema di scambiare dati liberamente con terze parti secondo protocolli standard come Profibus/Profinet già presenti e conosciuti

in tutte le cartiere, rendendo il QCS un sistema aperto e parte integrante della macchina continua. Infine alimentatori, trasformatori, inverter, fotocellule, relè, ecc... impiegati sono materiale da “commercio” e di facile reperibilità, rendendo indipendente l’utilizzatore finale. Il software. La semplicità d’uso deve essere la parola d’ordine di una qualsiasi automazione, anche complessa. Per questa ragione il software di ottimizzazione e regolazione delle variabili di produzione è il frutto di un continuo aggiornamento alla risoluzione di pratici problemi fin qui riscontrati presso i clienti; l’operatore come utilizzatore finale del sistema non dovrà porsi domande sul “come e perché” ma semplicemente mettere il sistema in automatico. Sarà compito del QCS, regolando contemporaneamente pasta, vapore e velocità, portare la macchina continua ai limiti di produzione. La supervisione grafica è sviluppata su piattaforma Windows ed è installabile su qualsiasi PC. Oltre alla visualizzazione di trend storici (Machine Direction) e di profili trasversali (Cross Direction) il Sistema di Controllo Qualità TGS introduce

un nuovo strumento di presentazione delle variabili su grafici surface in 3D con scala di colore. Questo sistema rende immediata la comprensione dell’andamento della carta prodotta e consente all’operatore di anticipare interventi e/o regolazioni in grado di evitare rotture carta e/o produzioni fuori specifica. L’archivio della produzione è salvato su moderni hard disk SSD e, collegando il tutto alla rete aziendale, rende facilmente reperibile ogni dato di produzione in conformità a quanto richiesto dagli ultimi standard innovativi di Industria 4.0. TGS infine è l’unico rivenditore ufficiale per l’Italia di Sensorik Austria, costruttore dei sistemi di controllo rottura carta in seccheria e parte umida leader al mondo. Ancora una volta TGS si conferma come partner garantito per tutte le cartiere in cerca di un’ottimale soluzione al controllo qualità della carta. L’esperienza fin qui acquisita viene messa a disposizione per condividere possibili problematiche a cui porre soluzione e per favorire una crescita aziendale in termini di qualità della carta prodotta, ma anche una drastica riduzione di interventi manutentivi con un conseguente risparmio economico. ●

Notizie dalle Aziende Elettromar: sistema di integrazione per l’industria cartaria

E

lettromar è una società di ingegneria e costruzioni, affidabile e dinamica, dotata di un approcccio distintivo all’ integrazione di sistema. Tecnologicamente esperta e affidabile, operativamente efficace e globalmente affermata. Le soluzioni che propone sono innovative, complete e finalizzate ad ottimizzare i processi produttivi del cliente attraverso l’ingegneria e lo sviluppo di sistemi di automazione industriale. La presenza del polo cartario toscano, tra i più importanti a livello internazionale, ha permesso all’azienda di poter espirmere le proprie potenzialità anche in questo settore. Tra i principali progetti realizzati meritano di essere citati i sistemi di controllo e supervisione per impianti di recupero patine e pulper, nonché per impianti di movimentazione bobine e avvolgimento calandre. In qualità di system integrator, anche nel campo dell’ automazione basata su tecnologia wireless, Elettromar ha effettuato numerose installazioni di radiocomandi per carroponti e carrelli radio guidati. Progetti che hanno portato il

92 Carta & Cartiere - Novembre/Dicembre 2019

nome di Elettromar in tutto il mondo: dal Portogallo alla Cina, dal Canada al Sud Africa, dagli USA alla Russia. I settori di applicazione sono automazione di processo e material handling. ●


Bianchi Industrial e Festo, un binomio di eccellenza. Bianchi Industrial, da sempre al fianco delle imprese, è in grado di accompagnare il cliente nella corretta selezione del prodotto e della soluzione più adatta all’applicazione grazie all’importante esperienza e competenza acquisita in più di 90 anni di attività nell’ambito dei componenti industriali ad alto valore tecnologico. Grazie alla sinergia con Festo, il primo produttore europeo di componenti per l’Automazione Industriale, non solo è in grado di offrire attuatori pneumatici e valvole per la più ampia gamma di applicazioni, ma la sua offerta comprende molto di più e oggi si può spingere anche verso la meccatronica con efficaci ed avanzate soluzioni innovative. La partnership tecnico commerciale sempre più stretta con Festo permette, infatti, a Bianchi Industrial di offrire l’eccellenza nel percorso di evoluzione ormai necessaria agli OEM e alle industrie in generale, capace cioè di garantire al mondo della produzione di fondersi efficacemente con il mondo digitale, con ricadute positive in termini di automazione di fabbrica più flessibile, maggiore efficienza energetica, migliore gestione dei processi, grazie all’automazione intelligente di molti di essi, così da ottimizzare l’intera catena del valore. Un binomio quello tra Bianchi Industrial e Festo capace di supportare davvero le imprese e di aiutarle a rimanere competitive e a crescere nella nuova era digitale dell’INDUSTRY 4.0.

Bianchi Industrial Spa a socio unico 20125 MILANO - Via Zuretti, 100 Tel. 026786.1 www.bianchi-industrial.it info@bianchi-industrial.it

FILIALI

SEDE

PER MAGGIORI INFORMAZIONI CONTATTARE IL SERVIZIO TECNICO COMMERCIALE DI BIANCHI INDUSTRIAL

20125 MILANO 40132 251 24 09122 20025

BOLOGNA BRESCIA CAGLIARI LEGNANO (MI)

70026 63076 36010 35 1 2 7 10098 50019

MODUGNO (BA) MONTEPRANDONE (AP) MONTICELLO CONTE OTTO (VI) PADOVA RIVOLI (TO) SESTO FIORENTINO (FI)


Associazioni Assemblea Nazionale dell’Associazione Italiana Scatolifici.

ASSEMBLEA NAZIONALE

DELL’ASSOCIAZIONE ITALIANA SCATOLIFICI Record di partecipanti per discutere di nuovi scenari di mercato, progetti di sostenibilità e formazione. di: ACIS - Associazione Italiana Scatolifici

L’

Assemblea Nazionale dell’Associazione Italiana Scatolifici ha visto a Siena due giornate di discussioni, confronto e networking per fare il punto della situazione in un momento particolarmente importante per il settore degli imballaggi in cartone ondulato, segnato dalla sentenza dell’Autorità per la Concorrenza e il Mercato che lo scorso agosto ha sanzionato il 90% dei produttori di cartone ondulato operanti in Italia per comportamenti illeciti. Il Procedimento era nato da una serie di segnalazioni giunte all’Antitrust tra cui quella decisiva dell’Associazione Italiana Scatolifici. L’importanza dei temi al centro del dibattito ha fatto toccare il record assoluto di partecipazione nella storia dell’Associazione, con oltre 100 rappresentanti di aziende associate presenti. L’evento ha inoltre avuto ospiti istituzionali che hanno dato 94 Carta & Cartiere - Novembre/Dicembre 2019

il loro importante contributo all’analisi di questo importante momento storico. Hanno partecipato Maria Laura Mantovani, Senatrice XVIII Legislatura; Giorgio Merletti, Presidente di Confartigianato; Gianni Pietro Girotto, Presidente della Commissione Industria del Senato (in video-collegamento). Un’Assemblea speciale, dunque, che segna un passaggio di mercato atteso da tempo. Riccardo Cavicchioli, Presidente dell’Associazione Italiana Scatolifici, ha commentato in apertura lavori la sentenza dell’Antitrust, dichiarando: “Siamo molto orgogliosi della nostra Associazione e dei nostri Associati, che hanno saputo ‘fare squadra’ e portare avanti con coraggio e impegno un importante percorso comune, per il bene di tutti. Un grande esempio dell’eccellente capacità imprenditoriale che popola il settore degli scatolifici e della maturità della nostra Associazione, che in questi 8 anni è cresciuta, è diventata robusta e solida ed è pronta per nuovi traguardi ambiziosi, che diano sempre maggiore rappresentatività e forza agli scatolifici ‘puri’.


Ioni di litio e abbracci la natura. Passando agli ioni di litio Jungheinrich, usare un carrello è come piantare due alberi ogni mese.

Con la tecnologia agli ioni di litio aiuti l’ambiente semplicemente usando un carrello. Il risparmio in emissioni di CO2 è pari alla quantità assorbita in un anno da 24 alberi.


Associazioni Per la filiera del cartone ondulato si apre ora uno scenario totalmente nuovo, che si svolgerà sotto la vigilanza dell’AGCM e che, siamo certi, favorirà lo sviluppo di tutta la filiera e porterà benefici a tutto il comparto, inclusi i clienti finali”, ha concluso Cavicchioli.

I PROGETTI DI SOSTENIBILITÀ E FORMAZIONE Durante l’Assemblea è stato fatto il punto anche su alcuni importanti progetti promossi dall’Associazione tra cui ACIS Academy, un programma di formazione manageriale e tecnica che sta riscuotendo un ottimo successo, a testimonianza della volontà degli scatolifici di continuare a crescere culturalmente. Si è parlato anche della Foresta Associazione Italiana Scatolifici Consiglio Direttivo ACIS - Associazione Italiana Scatolifici. sulla piattaforma Treedom, che contribuirà alla riforestazione delle zone del Veneto colpite nonostante l’importanza del ruolo ricoperto nella filiera produttiva dal maltempo lo scorso anno e che è cresciuta grazie al italiana, promuovere la responsabilità sociale d’impresa in ogni contributo di numerosi associati fino ad arrivare a 660 alberi: sua componente, dalla qualità del lavoro agli aspetti più sostenibili un grande progetto di sostenibilità ambientale condiviso tra tutti della produzione, e contribuire a definire una regolamentazione gli associati. Anche l’area espositiva - un foyer riservato etica, finanziaria e commerciale che spinga all’evoluzione e agli sponsor della manifestazione - era più che mai popolata, all’allineamento con il resto dell’Europa l’intero comparto. con 20 aziende di diversi settori dell’industria e dei servizi che Nel 2015 il passaggio ad Associazione segna un importante e hanno avuto modo di presentare le proprie novità all’interno nuovo capitolo della sua storia. Una struttura diversa, più evoluta, di un contesto esclusivo di decisori aziendali. in grado di affrontare sfide sempre più impegnative e di rivolgersi con maggior efficacia a tutti gli interpreti che popolano il mercato: dalle altre Associazioni alla Pubblica Amministrazione, dai L’azienda professionisti del comparto sino all’opinione pubblica, dalla L’Associazione Italiana Scatolifici nasce nel 2011 come Consorzio GDO italiana al grande mercato internazionale. privato (CIS) costituito da produttori di imballaggi in cartone ondulato. Una rete virtuosa di imprenditori uniti da solidi obiettivi: L’Associazione Italiana Scatolifici conta, a oggi, un centinaio di aziende associate per un totale di oltre 2.000 dipendenti. ● tutelare una categoria fino ad allora ben poco rappresentata Assemblea Nazionale dell’Associazione Italiana Scatolifici.

96 Carta & Cartiere - Novembre/Dicembre 2019


quality control system

Eurotronix Srl Brescia - Italy info@eurotronix.net www.eurotronix.net


Sicurezza in Cartiera

LE BARRIERE ANTIURTO IN POLIMERO

RICONOSCIUTE TRA LE MIGLIORI AL MONDO

Barriera per l’ottimizzazione del traffico abbinata a barriera a pavimento antiforca.

A

A-SAFE è riconosciuta dalle maggiori aziende al mondo quale inventore e produttore di barriere fisse di sicurezza in polimero. La società è stata costituita nel 1984 in Inghilterra ed è in rapida crescita a livello globale.

di: A-SAFE Italia Srl

-SAFE nel 2016 ha pensato alla possibilità di proporre una normativa per quanto riguarda le protezioni all’interno delle aziende. Così nel 2017 ha pubblicato la normativa PAS13. Si tratta della Publically Available Specification, componente della normativa BSI inglese; l’equivalente dell’UNI italiano. Generalmente i PAS hanno tempi di pubblicazione molto più veloci rispetto alle normative UNI e BSI perché c’è uno sponsor privato che sostiene i relativi costi. Per la PAS13:2017 una delle aziende che hanno promosso il finanziamento per l’accreditamento di questa norma, grazie a un tavolo di lavoro durato due anni, è proprio A-SAFE con l’aiuto dei suoi più grandi clienti quali Nestlè, MARS, Land Rover, Jaguar e altre aziende come Allianz, l’Università di Manchester, TUV Nord, Riba Enterprises, HSE, Wickens e DITA, l’Associazione nell’ambito della movimentazione dei carrelli. Dal PAS 13 molti altri enti stanno prendendo spunto. Tra i principali troviamo anche UNI che lo scorso anno ha aperto un organo tecnico che vede come interlocutore anche A-SAFE nella persona del suo Amministratore Delegato Marco Chiavarini. La mancanza di una normativa di riferimento mette Palo dissuasore. le aziende nella condizione di poter 98 Carta & Cartiere - Novembre/Dicembre 2019

adottare soluzioni “fatte in casa”. Fino a qualche anno fa infatti se un’azienda aveva bisogno di proteggere i pedoni andava dal fabbro piu’ vicino e si faceva fare una barriera in acciaio che all’impatto si rompeva arrecavando ingenti danni alla struttura (per esempio alla pavimentazione). È qui che arriva A-SAFE e fa la differenza inventando la prima barriera in polimero ad alte prestazioni. Il polimero - denominato Memaplex - è una miscela di poliolefine e additivi in gomma che rende le barriere antiurto flessibili, in grado di assorbire e dissipare gli impatti deformandosi e tornando alla sua forma originale.

CASE HISTORY NEL SETTORE CARTARIO Tra i grossi clienti di A-SAFE troviamo Kimberly-Clark multinazionale americana di prodotti per l’igiene della persona con 42.000 dipendenti in tutto il mondo e attività operative in 35 Paesi. Dal 2005 A-SAFE fornisce le sue soluzioni per la sicurezza agli stabilimenti Kimberly-Clark di tutto il mondo. In uno dei suoi stabilimenti britannici, l’azienda necessitava di nuove e migliori protezioni per sostituire le esistenti e inefficaci barriere d’acciaio nelle zone altamente trafficate. Troppi erano i danni dovuti all’urto di carrelli elevatori pesanti e ingenti i costi di ripristino delle attrezzature di elevato valore. Il cliente aveva richiesto una soluzione che potesse


Sicurezza in Cartiera resistere ai ripetuti impatti dei veicoli, eliminando costi di ripristino e manutenzione, tempi di fermo lavoro e aumentando l’efficienza operativa dell’impianto. A-SAFE ha prodotto, fornito e installato una soluzione completa in grado di salvaguardare veicoli e persone. Barriere singole iFlex tipo Traffic+ abbinate a barriere per protezione pedone iFlex con 3 corrimano per garantire che i pedoni fossero in grado di lavorare e spostarsi assieme ai veicoli industriali lungo percorsi di traffico designati, sicuri e protetti. Le barriere singole tipo Traffic salvaguardano anche macchinari e attrezzature costose dagli impatti dei veicoli, assorbendo energia, prevenendo danni, riducendo i costi di riparazione ed evitando tempi di fermo. Specificatamente progettati per il settore sanitario i prodotti A-SAFE beneficiano di tenute igieniche, assenza

di punti d’ingresso per sporcizia acqua e detriti con finiture esterne pratiche e facilmente pulibili, con piastre d’appoggio in acciaio inossidabile. Il Responsabile del servizio di prevenzione e protezione (RSPP) di Kimberly Clark ha dichiarato: “A-SAFE ha dimostrato ripetutamente che le barriere in polimero sono superiori all’acciaio in tutte le aree, offrendo al team la tranquillità che ciò che stiamo installando stia svolgendo il proprio ruolo di salvaguardia della manodopera e del macchinario”. Ad oggi A-SAFE anche in Italia può vantarsi di fornire consulenza e prodotti ad alte prestazioni in tutti i settori, compreso quello cartario. Tra i nomi noti, oltre a Kimberly troviamo società come Ds Smith, Reno de Medici, Burgo, Smurfit K, Lucart, Essity e Sofidel. ●

News Lucart presents its 2018 Sustainability Report with a focus on Circular Economy, new investments, dialogue with the stakeholders, and partnerships for sustainable development

In 2018, the company’s turnover increased by 12% despite the rising price of cellulose. Major investments include the acquisition of three production plants in Spain and the construction of a new plant in Hungary. 53% of the materials used for the production of paper originate from recycled paper.

L

ucart’s 14th Sustainability Report, drawn up in accordance with the international guidelines of the Global Reporting Initiative (GRI Standard), highlights, among other things, an increase in turnover (+12%) and key investments such as the acquisition of three production plants in Spain, the construction of a new plant in Hungary, the start-up of a new Continuous Machine for the production of tissue paper (PM12) and the construction of a new, fully automated logistics centre to improve customer service. As always, the Report places considerable emphasis on the analysis of environmental data, which this year have been supplemented with more detailed information on recycled paper. According to Lucart’s estimates, following an EPD (Environmental Product Declaration) analysis carried out on two types of toilet paper produced

by this Italian multinational company, different environmental benefits can be measured for each tonne of recycled toilet paper produced compared to paper made from “virgin” cellulose, including: 80% reduction in the consumption of renewable resources, with savings of 4,060.90 kg of wood; 38% reduction in the consumption of water resources, i.e. 50.63 m3 of water; savings of 20% of the fossil CO2 emitted, one of the gases that are most to blame for climate change. Clearly, therefore, it is important to manufacture products such as toilet paper from recycled materials, as they cannot be further recycled. However, this can only be achieved by implementing a regulatory framework that promotes the production and sale of recycled products, for example by approving End of Waste decrees and adopting tax incentives for recycled products. ●

Lucart joined the CE100 network of the Ellen MacArthur Foundation

A

Massimo Pasquini, CEO Cartiera Lucchese S.p.A. Lucart.

ccording to data provided by Assocarta, approximately 1.5 million tonnes of tissue paper for hygiene and sanitary use are produced in Italy each year, of which only 7% is produced from recycled materials. Lucart goes completely against the trend in the industry as more than 53% of the paper it uses is recycled, and it also generates value locally since as much as 95% of the recycled paper it uses comes from Europe and, specifically, from Italy, France and Spain, the countries where Lucart has plants capable of producing recycled tissue paper. In 2018, in order to speed up its transition to a circular economy, Lucart also joined the CE100 network of the Ellen MacArthur Foundation, the world’s largest network for companies seeking to develop new opportunities in circular economy. The 2018 report also includes the Sustainable Development Goals (SDGs) of the United Nations’ General Assembly, which are valid for 2016 - 2030. These goals are the most concrete way to build a more inclusive world that respects the environment.

100 Carta & Cartiere - Novembre/Dicembre 2019


Ricerche

PACKAGING SOSTENIBILE, SEMPRE PIÙ IMPORTANTE PER IL SETTORE DEL LUSSO Fino a qualche tempo fa i brand del lusso vedevano il packaging solo come un mezzo per sedurre l’acquirente. Oggi devono tener conto che il consumatore è alla ricerca di un packaging che non sia più solo bello, ma anche sostenibile.

L

di: Laura Barreiro, Sustainability and Stakeholder Engagement Asia Pulp & Paper

a sostenibilità gioca un ruolo sempre più importante per i consumatori. Stiamo assistendo infatti allo sviluppo di nuove regole e riferimenti sui quali basare i comportamenti d’acquisto. Di conseguenza, i brand sono sempre più consapevoli della necessità di dimostrare la propria responsabilità sociale e, soprattutto, di assicurarsi che il proprio packaging sia sostenibile. Per approfondire questi aspetti, abbiamo recentemente commissionato una ricerca che ha evidenziato quanto sarebbe dannoso per i brand che operano nel business del lusso non andare incontro a queste nuove richieste dei consumatori. Lo studio, che ha preso in considerazione consumatori inglesi, francesi e italiani, ha dimostrato che un consumatore su cinque (21%) non comprerebbe un prodotto eccessivamente imballato. Allo stesso modo, un quarto dei consumatori (24%) non comprerebbe i prodotti di un brand privo di credential dal punto di vista 102 Carta & Cartiere - Novembre/Dicembre 2019

ambientale. La ricerca ha inoltre rilevato che la maggior parte dei consumatori (78%) sarebbe disposta a pagare un prezzo maggiore a fronte di un packaging più sostenibile. Non c’è da stupirsi se si considera quanto la tematica sia oggi così rilevante, considerando l’attenzione che i media dedicano quotidianamente alla sostenibilità degli imballaggi.

I BRAND RISPONDONO A QUESTE RICHIESTE DA PARTE DEI CONSUMATORI IN MODO INNOVATIVO L’approccio ai consumi è sempre più consapevole e i brand sono continuamente alla ricerca di metodi innovativi per poter soddisfare la crescente attenzione che i consumatori prestano a questi aspetti. Coca-Cola, ad esempio, ha lanciato le prime bottiglie biodegradabili. APP sta continuando a esplorare nuovi metodi per soddisfare la richiesta dei consumatori di imballaggi sostenibili. Ad esempio, la linea Foopak offre opzioni di packaging biodegradabile.

Sinar Vanda, food packaging. Cartone con entrambe le superfici bianche (GCI), progettato specificamente per essere ad alto rendimento, durevole e con una superficie liscia.


Grammatura Basis weight Umidità Moisture

ELECTRONIC SYSTEMS FOR PAPER MILLS

edinova Srl

Spessore Thickness

SISTEMI ELETTRONICI PER CARTIERE

Sistemi di misura Measurement systems

Supervisione grafica Graphical Supervision

SICUREZZA • AFFIDABILITÀ • PRECISIONE Da sempre progettiamo e costruiamo sistemi sicuri

Sensori Rottura carta Paper break detectors

nel funzionamento continuo, affidabili nella lettura e regolazione, con la precisione e ripetitività costante della misura nel tempo. La vera forza è la più completa autonomia e semplicità di manutenzione; dimenticate i soliti gravosi costi fissi. I nostri Clienti ne hanno costantemente la prova. Siamo inoltre rivenditori/installatori autorizzati SENSORIK, i più diffusi e migliori sistemi in Europa per il controllo della rottura carta in ambienti gravosi. Contattateci e troverete risposta ai Vostri quesiti!

TGS

di Bussi S. & C. S.A.S. - via Antonio Capri N° 4 - 25017 Lonato del Garda (Brescia) Italy Tel. & Fax : +39 030 9131837- cell. 3472722017 - e-mail: info@tgs-web.it - web: www.tgs-web.it


Ricerche EPPURE, MOLTI BRAND NON LO STANNO COMUNICANDO IN MODO CHIARO AI CONSUMATORI Molti brand stanno lavorando perché il packaging dei loro prodotti sia sostenibile, ma è fondamentale che lo comunichino in maniera chiara ai loro clienti. I brand che non implementano o promuovono in modo adeguato i propri sforzi in termini di sostenibilità corrono il rischio di vedere ridotte le proprie entrate. Un quarto dei consumatori (26%) prima dell’acquisto di un prodotto di lusso non controlla se il brand sia SavviCoat, non food packaging. Cartone patinato ad alta lucidità e robustezza, adatto per applicazioni nei settori del lusso.

sostenibile solo perché non saprebbe dove verificarlo. Sebbene molti marchi del lusso adottino un sistema di approvvigionamento responsabile lungo tutta la filiera, non sempre questo impegno viene comunicato in maniera efficace nei confronti dei consumatori.

A NON ANDARE INCONTRO ALLE RICHIESTE DEI CONSUMATORI, I BRAND DEL LUSSO RISCHIANO DI PERDERCI Il packaging sostenibile sta diventando sempre più importante per i consumatori che si accingono all’acquisto di un prodotto di lusso. Brand come Net-a-Porter, ad esempio, pioniera dell’e-commerce del lusso, propone packaging sostenibile per andare incontro alle esigenze dei propri clienti. Le aziende che non tengono conto di questi aspetti rischiano di perdere opportunità di business significative perché la sostenibilità e il packaging sono intrinsecamente legati nella mente dei consumatori. ●

News Toscotec to supply an AHEAD-2.0L tissue line on a turnkey basis to Paloma in Slovenia

The Slovak Hygienic Paper Group appointed Toscotec as turnkey supplier of a new tissue line at Paloma mill in Sladki Vrh, Slovenia. The delivery is scheduled for March 2020 and the start-up for June 2020.

T

he turnkey supply includes one AHEAD-2.0L tissue machine, equipped with a second generation Steel Yankee Dryer TT SYD, Toscotec’s shoe press technology TT NextPress and gas-fired hoods TT Hood-Duo. The net sheet width is 5,500 mm, the maximum operating speed is 2,000 m/min and the production is 220 tpd. The AHEAD-2.0L machine will replace the mill’s existing PM6 and will manufacture high quality toilet tissue, kitchen towel and napkins for household and professional use in the AfH segment. Toscotec will provide its proprietary Distributed Control System TT DCS and a complete electrification system. The scope also includes stock preparation equipment and accessories, Toscotec’s patented TT SAF (Short Approach Flow), the machine’s dust and mist removal systems and a shaft puller. As part of a comprehensive service package, Toscotec will supply onsite erection, supervision, commissioning and start-up, as well as training programs to the mill’s personnel. Following a capital increase by the private-owned investment fund Eco Investment in 2016, and the integration into the Slovak Hygienic Paper Group (SHP) group, the slovenian tissue supplier Paloma aims to become the leading manufacturer of hygienic paper products in the Adriatic region and beyond. Richard Zigmund, CEO of SHP Group says: “When we decided to invest in new capacity at Paloma’s production base, we started looking for a machinery supplier who could manage and successfully complete complex turnkey projects. Toscotec proved to have the right credentials to support our strategic program and supply the state-of-the-art technology we need to set Paloma’s manufacturing at full capacity”. “This new project strengthens Toscotec’s position as the leading turnkey supplier in tissue”, says Alessandro Mennucci, CEO of Toscotec. “We look forward to working with Paloma, who has a longstanding tradition in the production of hygienic paper products and has built a strong team of highly specialized professionals. Based on their investment targets, we developed a fully customized design aimed at improving the mill’s energy efficiency and manufacturing processes, in step with this capacity increase.” Founded in 1873, Paloma is a public limited company with a long-lasting tradition in the manufacture and marketing of hygienic paper products in Europe. The company’s annual production capacity is 72,000 tonnes of tissue and it currently employs 675 people. Paloma is predominantly export-oriented and it currently holds the position of market leader in South-East Europe.  ● Paloma mill in Sladki Vrh, Slovenia.

104 Carta & Cartiere - Novembre/Dicembre 2019


www.mekko.ch

#staytuned

#drizzaleantenne

www.carerforklift.com

#2020


Equipment

CONTINUOUS IMPROVEMENT IS THE TARGET. TOP QUALITY IS DUTY, EXCELLENT SERVICE IS THE GOAL Top Separator Screen Basket.

ADSF provides the quality services for more than 400 clients in the world with sophisticated technology, advance equipment, developed management and personalised features. by: Gu’an Anteng Precision Screening Equipment Manufacturing Co., Ltd.

G

u’an Anteng Precision Screening Equipment Manufacturing Co., Ltd. (ADSF) was founded in 1985 and has been involved in screen basket and plate manufacture for more than 35 years. ADSF insists on the philosophy of specificity, dedicated and professional, and the aim is to meet the requirement of customers. Now ADSF manufactures screen basket more than

Screen Basket.

106 Carta & Cartiere - Novembre/Dicembre 2019

3,000 square meters, screen plate more than 8,000 square meters every year. Knowing customer requirements, custommade requirements, proper technology to ensure the product quality, advance equipment to ensure the precision, providing good solution based on the usage condition. Manufacture product by the technology of environment protection, creat value for customers.

ADSF PRODUCTS Screen Basket. Characteristics of ADSF product: chrome coating equipment, hardness HV 850-1100, maximum thickness 0.3 mm; every product is custom made; more material option; wedgewire slotted screen basket, different bar shape for different application. Screen Plate. Different manufacture technology based on different application. The heat treatment, chrome coating treatment can improve the abrasive resistance and different blade material based on different application. Used in OCC hydra pulper machine 304, 316, 410 and 420 sst. SUS 420 + heat

treatment improves the hardness from HRC 13 to HRC 50, lifetime can be improved. Top Separator Screen Basket. Application: used in the top separator of digestor. The size is ID 2,400 mm, height 3,200 mm, slot 4-8 mm. ID Φ 2,400 mm x 3,200 mm height; slot opening: 4-8 mm; profile wires with high hardness and high resistence. Special designs in toolings to ensure a very small gap between the cylinder and the screw press equipment; roundness tolerance ≤ 0.8 mm; cylindricity deviation ≤ 1.5 mm; self-cleaning and anti-clogging. ●

Screen Plate.


sca.com

”Launching a new grade of pulp. Guess why we call it SCA Pure.” Romano Miato. Sales Director Italy & Austria.

Pure Performance The story of our top class pulp starts here, in our vast forests in northern Sweden. We are now proudly launching a brand new grade of pulp, SCA Pure. Pure, as in pure performance, pure profitability, and pure sustainability. Outstanding properties SCA Pure is our premium quality NBSK pulp, offering outstanding properties. This vitally includes a highly robust tensile strength. It’s complying with both FSC® (FSC C013162) and PEFC™ (PEFC/05-33-132). Also available as both TCF and ECF, in a broad range to meet specific customer demands.

Welcome to our brand new mill Visit the world’s largest and most modern production line for NBSK pulp and talk to our people. We are always keen to learn more about our customers’ needs. For more information, visit SCA.com and get in touch with Romano Miato.

romano.miato@sca.com +39 348 266 7616

Profile for Edipap S.r.l.

Carta & Cartiere - novembre/dicembre 2019  

Carta & Cartiere è la rivista italiana dedicata al settore dell’Industria Cartaria. La rivista viene inviata in modo completamente gratuito...

Carta & Cartiere - novembre/dicembre 2019  

Carta & Cartiere è la rivista italiana dedicata al settore dell’Industria Cartaria. La rivista viene inviata in modo completamente gratuito...

Profile for edipap