Issuu on Google+

www.edibrico.it

cope _Copertina Giardino copia 1 18/05/13 10:18 Pagina 1

giardini Bimestrale - Anno IX - N. 42 - GIUGNO-LUGLIO 2013/3

rocciosi

Sped. abb. post. DL 353/03 (conv. in L. 27/02/04 - N. 46) art.1 c.1 - DCB/AL

€ 3,00

in giardino fai da te

• COME COLLOCARE LE PIETRE • LE PIANTE PIÙ ADATTE • CURA E MANUTENZIONE

LE RICCHE MELANZANE ORTAGGI DEL SOLE LE AROMATICHE COLTIVATE SUL BALCONE DI CASA L’ACQUA PER IRRIGARE: RICCHEZZA DA RISPARMIARE I PAVIMENTI DI LEGNO TRASFORMANO IL GIARDINO COLORI E PROFUMI DI VILLA SAN BARTOLOMEO


NUOVO FRONT MOWER GRANDE MANOVRABILITA’ MASSIMA PRECISIONE

Affidati alla potenza dei prodotti McCulloch e scopri l’intera gamma su www.mcculloch.com Prima dell’utilizzo, leggere sempre attentamente le istruzioni d’uso e seguire le avvertenze riportate.

AD016_M_Basic_Product_frontmower_195x267_IT.indd 1

2013-03-06 10:25


editoriale giardino_Layout 1 copia 2 21/06/13 11.05 Pagina 1

L’ESEMPIO DI GAD Il 15 maggio scorso Gad Lerner ha partecipato attivamente alla Giornata della manualità organizzata nell’ambito del programma Manualità, un gioco da ragazzi, nella bella scuola dei “Vespri” a Milano. Il bravo giornalista è stato accolto dai bambini prima con curiosità e poi con entusiasmo per la sua partecipazione “diligente” e i suoi modi affabili. Infatti Lerner, pur confessando di non averlo mai fatto in vita sua, senza batter ciglio si è messo il grembiule di plastica e ha aiutato gli alunni a tinteggiare le pareti della palestra, a piantare bulbi e semi nelle aiuole del cortile, a segare e incollare. Queste le parole del giornalista pronunciate alla fine della mattinata: “... voglio ringraziarvi, perché sono io quello che ha imparato qualcosa oggi, di quello che si può fare, davvero: il fatto di andare in televisione non ha nessun titolo di merito perché quando si tratta di prendere un pennello in mano e di fare un lavoro utile e prezioso con gli altri, magari scopri che tu che con le parole vai forte, invece sei un imbranato terribile. E quindi sfatiamo il mito della televisione che non è così importante. È molto più importante quello che fate voi qui ogni giorno...”

Manualità, un gioco da ragazzi (www.bricoyoung.it) è il progetto, di cui abbiamo più volte parlato sulle pagine di questa rivista, partito nel 2011 con la finalità di diffondere il saper fare concreto tra le nuove generazioni, riappropriandosi della manualità che porta con sé tanti stimoli e può significare per i giovani una prospettiva per nuovi lavori di domani, lavori non inflazionati di cui c’è richiesta, ma a cui spesso i giovani non hanno accesso perché non li conoscono e non hanno la preparazione adatta. Grazie a questo progetto ci rendiamo conto che la realtà del Paese si distacca molto dai discorsi fumosi, dalla litigiosità, dall’inconcludenza esasperante della nostra politica. Ogni giorno impegnandoci per inseguire il nostro obiettivo entriamo in contatto con gente meravigliosa che ci permette di andare avanti ottenendo risultati importanti. Sono gli animatorivolontari, che con generosità dedicano il loro tempo libero a insegnare ai bambini nei 60 laboratori sparsi in tutta Italia, sono gli insegnanti e i dirigenti delle scuole, i sacerdoti che seguono gli oratori, i presidenti di associazioni che offrono gli spazi e l’assistenza per avviare le nostre sedi, sono le aziende produttrici e partner del progetto che ci sostengono nell’iniziativa finanziariamente e con generose forniture di utensili e materiali. E poi ci sono i bambini che partecipano attivamente e con gioia alle lezioni trasferendo il loro sorprendente entusiasmo anche ai genitori. Il progetto è stato sostenuto anche dalle parole di approvazione e di elogio da parte di personaggi di spicco, scrittori, giornalisti, professori, architetti, imprenditori, tutte cose che ci motivano molto. Ma l’esempio di Gad Lerner, per sua stessa ammissione così lontano dalla concretezza della manualità, è stato qualcosa di speciale, un messaggio davvero importante, un primo tassello per costruire un nuovo modello culturale che ridia alle attività manuali la dignità che meritano. Speriamo che tanti altri lo seguano!

Il direttore Nicla de Carolis

La disponibilità e lʼentusiasmo di Gad Lerner al lavoro con i ragazzi della scuola dei “Vespri” a Milano.

Punta lo smartphone per vedere il filmato youtu.be/fYdDVDJU-Gk


002-003_Copia di Layout 1 18/05/13 11:10 Pagina 2

12

sommario in giardino N. 42 giugno-luglio 2013 RUBRICHE 8 Novità 2013 48 I vostri bei giardini 95 News ORTO E GIARDINO 12 Piante&Rocce 34 Villa San Bartolomeo 44 Esuberanti coloratissime iris 58 Sua eccellenza melanzana 70 Davanzale d’aromi 74 Preziosa come l’acqua

34

58

COSA CI SERVE 42 Piante sane e ben curate 56 Rasaerba al top 64 Pavimenti di legno 84 Un taglio a scoppio! 88 Passione barbecue 94 Formazione B&S

74


002-003_Copia di Layout 1 18/05/13 11:10 Pagina 3

in giardino N. 42 GIUGNO-LUGLIO 2013

www.edibrico.it direttore editoriale e responsabile Nicla de Carolis

direttore esecutivo Carlo De Benedetti

redattore capo Francesco Poggi

64

in redazione: Claudia Cazzulo, Laila de Carolis, Elisabetta Palla, Valerio Poggi, Nadia Presotto segretaria di redazione: Patrizia Ferrari fotografi: Mauro Balbi, Carlo Cichero, Dino Ferretti realizzazioni: DEMODUE nei laboratori-studi di posa di Gavi contributo fotografico Selber-machen disegni: Pier Giorgio Magrassi pubblicità direttore vendite: Marco Carlini 0143 645037 335 7106139 marcocarlini@edibrico.it

84

editore EDIBRICO srl 20135 Milano - via Carlo Botta, 7 tel 0143 645037 - fax 0143 645049 registrazione tribunale di Milano n. 41 del 25-01-2005 distribuzione esclusiva per l’Italia: SODIP associata a.d.n. stampa: Rotolito Lombarda - Seggiano (MI)

SERVIZIO LETTORI 8,30-12,30

14,30-18,30

tel. 0143 644814 fax 0143 645049 faidatefacile@edibrico.it una copia italia euro 3,00 fascicoli arretrati italia il doppio. conto corrente postale n.13844469 intestato a: EDIBRICO loc. Vallemme, 21 - 15066 Gavi (AL)

88

Tutti i diritti di proprietà letterari ed artistici riservati. I manoscritti e le fotografie anche se non pubblicate non si restituiscono. I nomi, le ditte e i prezzi, eventualmente pubblicati, sono citati senza responsabilità della rivista faI da Te IN GIaRdINO, a puro titolo informativo per rendere un servizio ai lettori. La rivista non si assume alcuna responsabilità circa la conformità alle vigenti leggi sulle norme di sicurezza delle realizzazioni.


abbonamento_2012 18/05/13 09:18 Pagina 88

ABBONAMENTO 2013 SCONTATISSIMO 6 NUMERI

solo

18 euro anzichĂŠ 20 ordina col coupon di pag. 97 o sul sito

www.edibrico.it


abbonamento_2012 18/05/13 09:18 Pagina 89

PUOI SCEGLIERE INOLTRE TRA LE 5 VANTAGGIOSE PROPOSTE RISERVATE A CHI SI ABBONA RIVISTE: abbonamenti a scelta

€ 22

€ 40

UN ANNO (6 NUMERI) DI RIFARE CASA 24 EURO

UN ANNO (12 NUMERI) DI FAR DA SÉ 50 EURO

ROTORBITALE EINHELL

€ 16

UN ANNO (6 NUMERI) DI FAI DA TE 18 EURO

SMERIGLIATRICE SKIL

PER LE VIG E LUCID ATURE ATUR DI FINO E !

PER UN LAVORO RO EFFICACE E SICU E AR RZ O SF A SENZ ! IL MOTORE

Einhell BT-RS 420E è una levigatrice rotorbitale con una potenza di 420 W, dischi abrasivi Ø 125 mm, cambio disco rapido con velcro, regolazione elettronica e aspirazione polveri con sacchetto, peso 1,9 kg.

€ 35

Skil 922 è una smerigliatrice angolare con il bloccaggio dischi “autoclic” e con led “pressure control”. Potenza 750 W, Ø disco 125 mm, velocità a vuoto 11000 giri/min, peso 2,2 kg con coprimola, impugnatura laterale, chiavi e flange.

€ 55

Avrai un LIBRO GRATIS se spendi più di 70 euro in unica soluzione!


UtilissimiGIA copia_Layout 1 18/05/13 09:13 Pagina 6

novità 2013 additivo stabilizzante

Q

uando la benzina o la miscela rimangono per lungo tempo nella tanica di scorta, possono deteriorarsi. Ecco un prodotto (un deattivatore metallico) che ferma le reazioni chimiche causate dai metalli disciolti nel carburante, con una nuova e migliorata formula. è particolarmente utile per facilitare le partenze e mantenere stabile la benzina fino a 3 anni. Disponibile in bottiglie da 100 ml e 250 ml. Briggs & Stratton (www5.briggsandstratton.com/eu/it/)

coltiviamo ... in verticale

P

er occupare meno spazio nel caso di un terrazzo, ecco Floravip, supporto per verde a sviluppo verticale. L’esigenza di coltivare in verticale ha spinto verso una soluzione senza la necessità di grandi quantità di terreno, ma con un metodo a metà tra la coltivazione in vaso e quella idroponica. Prezzi a partire da euro 121. Tutor International (www.tutorinternational.com) ingiardino 3 • 2013

8

Uno sguardo ai prodotti più interessanti che troviamo sul mercato

trattorino rasaerba

S

e abbiamo un grande prato ecco T1 66, il nuovo trattorino compatto a raccolta e scarico posteriore, equipaggiato da motore Alpina 5500 Series 196 cc. Caratteristiche: avviamento elettrico, larghezza di taglio 66 cm, trasmissione meccanica, innesto lama manuale, capacità sacco di raccolta 150 litri, regolazione dell’altezza di taglio in 6 posizioni da 30 a 80 mm, capacità serbatoio carburante 3,8 litri. Adatto a giardini con una superficie massima di 2500 m2. Costa euro 1.299. Alpina (www.alpinagarden.it)

laminati in vetroresina

S

i prestano a una vasta tipologia di applicazioni, sia nelle costruzioni nuove sia nelle migliorie di quelle esistenti e per risolvere il problema dell’illuminazione diurna degli interni. Semplici da posare ed economici, i laminati di vetroresina Elyplast comprendono un’ampia gamma di prodotti dalla forma ondulata, grecata o piana, in lastre opache o trasparenti. Brianza Plastica (www.elyplast.brianzaplastica.it)


UtilissimiGIA copia_Layout 1 18/05/13 09:13 Pagina 7

gamma barbecue

P

er soddisfare il piacere della convivialità, del mangiare piatti sani, genuini e gustosi, ecco una nuova gamma di barbecue: refrattari, in acciaio e una linea d’arredo. Una collezione che coniuga performances ed estetica, funzionalità e praticità d’utilizzo, nel rispetto dell’ambiente e con la garanzia di qualità. Palazzetti (www.palazzetti.it) ANDROS è un barbecue, in conglomerato cementizio refrattario dalle soluzioni innovative. L’ampio focolare rinforzato con doppia parete di fondo ad alto tenore di allumina e il sistema di circolazione di aria fredda offrono un’elevata resistenza termica e una durata pressoché illimitata. Costa 955 euro.

MALIBU’ Una vera e propria cucina modulabile, con tutto l’occorrente per la cottura all’aria aperta: barbecue, forno, modulo cottura con due fuochi, lavello e piani di lavoro. La struttura superiore del forno e del barbecue è realizzata in conglomerato cementizio. Costa 2.660 euro. GASTON 90 Un bbq originale, dalla struttura interamente in acciaio di grosso spessore, verniciato per gli esterni. Il focolare è rivestito di mattonelle in materiale refrattario e ha in dotazione due griglie biologiche in acciaio inox. Costa 1.500 euro.


UtilissimiGIA copia_Layout 1 18/05/13 09:13 Pagina 8

novità 2013 avvolgitubo carrellato

U

n tubo da giardino risulta essere veramente funzionale per i suoi diversi impieghi quando vi si associa un avvolgitubo che ne renda agevole il trasporto e il riavvolgimento. In questo modo, il tubo può essere movimentato a piacimento e riposto comodamente in casa e in giardino. A questo scopo possiamo utilizzare l’avvolgitubo carrellato compatto 93181 con corpo di materiale plastico antiurto e metallo. Completo di 25 metri di tubo PVC, 3 raccordi rapidi, pistola innaffio 6 getti e due puntali per fissaggio nel terreno. Prezzi a partire da euro 49. Ferritalia (www.ferritalia.it)

per bbq e mobili

C

on Diavolina Giardino possiamo accendere un barbecue con facilità, utilizzando le soluzioni pronte all’uso per l’accensione e i prodotti specifici per la manutenzione e la pulizia delle griglie. Chi invece preferisce il relax sotto il sole, trova nei pulitori e nei protettivi specifici gli alleati perfetti per mantenere inalterata la bellezza di mobili e complementi per esterno, proteggendoli dalle intemperie e dall’azione dei raggi solari. Facco Giuseppe & C. (www.diavolina.eu)

portavasi girevole

S

ia per gestire facilmente le innaffiature, sia per modulare al meglio l’illuminazione solare dei nostri vasi, possiamo affidarci al portavasi girevole Flortì. La struttura, i portavasi e la griglia sono in acciaio verniciato a polvere. Sono compresi 3 vasi in plastica da 42x20x18 cm (10 litri) dotati di riserva d’acqua. Grazie al sistema girevole possiamo, girando l’apposito disco, far ruotare i vasi permettendo di alternare luce e ombra rispettando le differenti esigenze delle nostre piantine. Flortì può essere spostato facilmente grazie alle ruote; in caso di maltempo potremo proteggere le nostre piantine applicando un pratico telo di copertura. Agrati (www.agrati.net)


UtilissimiGIA copia_Layout 1 18/05/13 09:14 Pagina 9

concimi in fiale

S

ono pensati e realizzati per rispondere ai bisogni specifici delle piante più diffuse. Si tratta di Fito Concime in Fiale: Unico (euro 6,10), Orticole da Terrazzo, Piante Fiorite, Piante Verdi, Orchidee (ciascuno euro 5,20). Il dosaggio è semplice: ogni fiala è graduata e divisa in 5 tacche e ogni tacca corrisponde alla dose di concime necessaria per produrre 1 litro d’acqua: attraverso l’utilizzo di recipienti comuni, come le bottiglie d’acqua, diventa proprio la soluzione perfetta per chi deve annaffiare poche piante. Ogni fiala consente di realizzare un totale di 5 litri d’acqua di irrigazione, con il vantaggio di occupare pochissimo spazio e di assicurare di volta in volta la giusta quantità di concime senza sovradosaggio per la pianta o spreco di prodotto. Guaber (www.fito.info)

aspira insetti

B

asta zanzare! Attrezziamoci con Big PacZan, un elettroinsetticida ad aspirazione per ambienti esterni. La maglia di protezione della ventola è calibrata in modo da salvaguardare farfalle, lucciole e altri insetti non dannosi che non riescono a entrare nel vano di aspirazione. Un cestello di raccolta con setto di chiusura impedisce agli insetti di uscire quando si spegne la ventola. Costa euro 59,50. Sandokan (www.sandokan.com)


garden rock_Layout 1 18/05/13 09:23 Pagina 1

PIANTE & ROCCE Lo chiamiamo rock garden, ma lo facevano già i Romani quando ricreavano con pietre e le giuste piante la magia dei monti italiani

L

’Italia è nota in tutto il mondo non solo per la pizza e la Ferrari, ma anche per le sue meravigliose pietre: i graniti delle Alpi, i marmi di Carrara, le lavagne liguri, i serizzi, le luserne... La loro bellezza può portare una nota nuova nel nostro giardino, con la riproduzione di angoli “montani” in cui far crescere le piante delle nostre valli e ricostruire splendide ambientazioni naturali. Gli inglesi lo chiamano “rock garden” (giar-

dino roccioso). Si tratta di un giardino molto versatile e adattabile che consente di coltivare piante diverse anche in uno spazio contenuto. In altri termini si tratta di effettuare una riproduzione, in scala ridottissima, dell’ambiente montano in cui sono simulati i declivi, le radure, le praterie, le montagne e anche piccoli ruscelli. Tutto può aver inizio con la visita a un “giardino alpino”, in cui si sviluppano fiori >>>


garden rock_Layout 1 18/05/13 09:23 Pagina 2

EST

IL GIUSTO ORIENTAMENTO Il giardino roccioso deve essere preferibilmente rivolto verso sud o sud-ovest per ricevere molto sole. Una siepe o una barriera che lo difenda dal vento facilita lo sviluppo delle piante. Nei limiti del possibile evitiamo che nel giardino vi siano piante che facciano troppa ombra NORD o che rilascino foglie secche sul giardino stesso durante l’autunno.

SUD

OVEST


garden rock_Layout 1 18/05/13 09:23 Pagina 3

di varie specie, in particolare della flora montana, in ambientazioni suggestive predisposte da mani esperte. Nel giardino roccioso si coltivano bene arbusti e sempreverdi di bosco e di brughiera, tappezzanti e fiori: cioè tutte quelle specie che nascono spontanee nelle vallate montane.  Per questi motivi la realizzazione del giardino roccioso è l’unione di due attività diverse, ma complementari: quella dell’architettura paesaggistica e quella del giardinaggio, tenendo conto, ovviamente, che l’adattamento e la realizzazione finale dipenderanno anche dal gusto personale, dalle specifiche condizioni locali e dalla disponibilità di spazio. un ProgeTTo adeguaTo Si può avviare la costruzione del giardino in qualsiasi periodo dell’anno, ma è più adeguata la primavera per la facile reperibilità di piante adatte. Durante la fase preparatoria si procede anche per tentativi, ma è bene avere un’idea generale dell’insieme.  >>>


garden rock_Layout 1 18/05/13 09:23 Pagina 4

UNA GRANDE VARIETÀ DI PIETRE

Nei garden center e nei vivai più riforniti possiamo trovare un’ampia scelta di pietre e rocce suddivisi in ciottoli, lastrame, rocce, pietre per muretti, granulati e monoliti. Peso, forma, colore e prezzo variano moltissimo a seconda della provenienza e si trovano in diverse forme d’imballo che vanno dai vasi, ai sacchi, ai bancali per le pietre più grandi.

1

2

1 Le pietre di maggiori dimensioni vengono accatastate in bancali e ingabbiate in reti di metallo. Si possono scegliere in diverse tonalità di colore. 2 Alcune pietre sono molto adatte per la costruzione di muretti a secco, in cui far vegetare diverse piante da giardino roccioso.

3

4

3 Le pezzature medie e piccole, più adatte per realizzare bordure di aiuole, si trovano in diverse dimensioni da armonizzare con altri tipi di sassi. 4 Gli elementi più grandi, i cosiddetti “esemplari” e “monoliti”, sono particolarmente indicati per essere collocati nel giardino come elementi a sé, quasi come sculture di granito o porfido.

ingiardino 3 • 2013

15


garden rock_Layout 1 18/05/13 09:23 Pagina 5

Vanno quindi progettati i dislivelli in modo da ricreare, il più possibile, l’ambiente montano. Se la zona destinata al roccioso si trova contro un muro è possibile realizzare piccole terrazzature degradanti.  In caso contrario si possono prevedere montagnole o argini di varia lunghezza che degradino sempre con terrazzi e piccoli declivi. Il posto scelto non deve essere in pieno sole per l'intera giornata. Le piante, infatti, si sviluppano meglio se ricevono i raggi del sole solo al mattino o solo al pomeriggio, pur rimanendo sempre in piena luce. Una siepe o una barriera che riparino dal vento facilitano lo sviluppo delle piante.  Inoltre è opportuno evitare che nel giardino vi siano piante che facciano troppa ombra o che rilascino foglie secche sul giardino stesso durante l’autunno. La Presenza deLLe rocce La scelta delle rocce è fondamentale per il giardino roccioso in quanto hanno un duplice >>>

3

COME COLLOCARE LE PIETRE Il nostro giardino roccioso, in genere, presenta piccoli declivi o terrazzi. Per questo motivo può, nel tempo, avere problemi di contenimento della terra posta a livelli diversi. Il problema si pone maggiormente nei terreni cedevoli: è importante quindi sistemare sassi e rocce in modo opportuno per limitare al massimo i movimenti successivi, impedendo lo scivolamento verso il basso, sia del terreno sia dei sassi collocati su di esso.

1

Terreno in discesa

Pietre inclinate

1 Per ovviare a questo inconveniente è necessario ricollocare le pietre nel terreno con una certa inclinazione verso il piano superiore (maggiormente inclinate se sono esposte a nord) in modo da contrastare il dilavamento dell’acqua.

2 Terra e sabbia

Ghiaia e sassi

2 Se il terreno è morbido c’è il rischio che, poco per volta, le pietre penetrino nella terra perdendo in poco tempo la loro funzione contenitiva nonché estetica. Per evitare tutto questo prepariamo alcune buche in corrispondenza del punto in cui andranno messe le pietre. Riempiamo le buche di sassolini, eventuale pietrisco e sabbia, formando così uno zoccolo. In questo modo le pietre più grandi, una volta posate, trovano un sottofondo rigido in cui non possono sprofondare.

3 È necessario, comunque, intervenire periodicamente, scalzando un po’ le pietre o estraendole dalla terra che inevitabilmente tende a coprirle. Se le pietre di maggiore dimensione vengono inserite nel terreno con un’inclinazione opposta all’andamento del terreno, mantengono a lungo la loro posizione senza movimenti di scivolamento verso il basso. ingiardino 3 • 2013

16


garden rock_Layout 1 18/05/13 09:23 Pagina 6

GRANULATI E CIOTTOLI Per decorare piccole aiuole, realizzare vialetti d’accesso ai giardini rocciosi oppure, più semplicemente, per apportare una nota di colore tra una pianta e l’altra, in commercio troviamo un’ampia scelta di granulati, disponibili in un vasto assortimento di colori che vanno dal Bianco di Verona al Rosa del Garda, al Verde Alpi, al Botticino. Anche le dimensioni sono variabili. La grandezza che definisce un granulato è la sua “granulometria” che indica le dimensioni medie dei granuli. I ciottoli hanno una granulometria variabile: da 15 mm per quelli più piccoli per arrivare a 150 mm per gli elementi più grandi. Disponibili in vari colori permettono accostamenti estremamente piacevoli e combinati ai colori dei fiori. Sono disponibili sassolini da 1,5 mm, finissimi e molto decorativi, adatti a essere impiegati anche nei vasi d’appartamento.

1

2

3

4

Granulati contenuti in grandi sacchi (1). Sassolini di frantoio tipo “Rosso Verona” di media grandezza (2). Sassolini “Giallo Mori” di piccola dimensione (3). Granulato “Santa Croce” tipo fine (4).


garden rock_Layout 1 18/05/13 09:23 Pagina 7

scopo: strutturale e ornamentale. Come elemento strutturale la roccia funge da contenimento per le terrazzature.  si inizia sistemando i sassi più grossi sul fronte della pendenza per evitare scivolamenti della terra causati dal gelo e dall’acqua piovana. Si prosegue impiegando diverse pietre poste con andamenti continui per delimitare le varie aree su livell differenti.  Le pietre vanno interrate parzialmente in modo da stabilizzarle e impedirne un successivo movimento.  L’interramento non deve essere superiore a un quarto dello sviluppo della pietra: inoltre le pietre devono essere leggermente inclinate verso la terrazza superiore per avere maggiore stabilità e per offrire una simulazione più rea>>>

ingiardino 3 • 2013

18

LA DISTRIBUZIONE DELLE PIETRE La distribuzione delle pietre, la loro tipologia, le distanze tra una e l’altra devono essere oggetto di un’attenta e accurata pianificazione. All’inizio, quando non vi sono ancora le piante, si può essere portati ad esagerare con le pietre. Il risultato sarà di vederne sparire molte sotto le tappezzanti, le pianticelle a fusto alto, ecc. Una buona regola può essere la seguente: pietre grandi per piante grandi, pietre piccole per piante piccole. Gli spazi di terreno libero da lasciare vanno sempre commisurati alla tipologia di piante che collocheremo: maggiori per tappezzanti, piccoli e ravvicinati per piante grasse, e sempervivum.


garden rock_Layout 1 18/05/13 09:23 Pagina 8

ingiardino 3 • 2013

19


garden rock_Layout 1 18/05/13 09:23 Pagina 9

listica dell’insieme. se il terreno su cui si lavora è morbido e friabile è utile porre, sotto le pietre più grandi, una piccola massicciata di ghiaia o di pezzi di roccia, così da impedire alla pietra di muoversi in occasione dei dilavamenti prodotti dalle acque piovane. PreParare iL Terreno Per preparare il terreno del giardino roccioso bisogna tenere presente che le piante che vi verranno coltivate saranno di tipo montano. Tali piante crescono bene in terreni costituiti da detriti e sfasciume di roccia. Il posto in cui predisporre il giardino va scavato bene (non più di 10-15 cm), togliendo sassi, radici ed erbacce infestanti e riempiendolo di ghiaia grossolana mista a terra per assicurare un buon drenaggio. L’acqua che ristagna, infatti, è sempre dannosissima alle radici. È sufficiente che la terra sia umida e non troppo ricca: per le piante alpine, una terra eccessivamente fertile risulterebbe dannosa, in quanto porterebbe le piante a sviluppare più le foglie che i fiori. Meglio se la terra è calcarea e ben setacciata. Per qualche specie, che ha necessità di terreno acido, la si potrà correggere con un terzo di torba o prelevando la terra acida altrove e collocandola nella nicchia dove vivrà la pianta che non ama il calcare. Una composizione media, però, è indicata per tutte le piante più diffuse. Non guasta l’applicazione di buon stallatico mescolato a terriccio. Quando il terreno è preparato e completato con pietre, si procede alla collocazione delle piante scegliendo e individuando quelle più adatte. >>>

ACQUA PROTAGONISTA Il giardino roccioso acquista un fascino particolare se presenta cascatelle, laghetti e piccoli rivoli d’acqua che riproducano, con grande effetto scenografico, l’ambiente montano. La versione più semplice consiste nel formare un laghetto con l’apposito telo, dotato di una pompa di ricircolo che conduca l’acqua a un livello sopraelevato da cui, lungo un percorso in discesa, torni al laghetto stesso. ingiardino 3 • 2013

20


garden rock_Layout 1 18/05/13 09:23 Pagina 10


garden rock_Layout 1 18/05/13 09:23 Pagina 11

Le piante erette (come le piccole conifere) vanno piantate davanti a sassi piuttosto grossi in modo che il loro sviluppo verticale sia reso ben visibile per contrasto prospettico. Quelle “prostrate” o tappezzanti, che formano tappeti verdi o fioriti, vanno poste al di sopra di una bordura rocciosa in modo che vi ricadano sopra con un effetto piacevole. Le piante sempreverdi più piccole vanno piantate preferibilmente tra roccia e roccia, mentre gli esemplari più grandi possono essere collocati in punti vari. Per la messa a dimora delle piante si pratica uno scavo non troppo profondo, si toglie la piantina dal vaso e la si inserisce nello scavo ricoprendo con terriccio e sabbia.  condurre iL rock garden Il giardino roccioso va irrigato e fertilizzato con regolarità. L’operazione più importante è quella di potare le varie piante in modo da contenere la loro crescita che non deve superare i limiti definiti dalle varie terrazze. Limitare le piante prostrate nella loro estensione tagliando il tappeto con la vanghetta, spuntare le conifere che si allungano troppo e tagliare i rami più bassi delle piante a cespuglio poiché tendono ad allargarsi coprendo eccessivamente il terreno circostante.  i giardini rocciosi temono molto la presenza delle chiocciole e delle lumachine che si nascondono facilmente tra i sassi.  Utilizziamo appositi preparati per tenerle lontane e, soprattutto, eliminiamo erbacce e marciume tra sasso e sasso. Contrariamente a quanto si può credere, le piante del giardino roccioso possono essere danneggiate dalla neve. In montagna la neve rimane gelata per mesi formando un “coperchio” protettivo e asciutto che si scioglie rapidamente a primavera. nel nostro giardino, invece, la neve si scioglie anche durante l’inverno provocando una forte umidità del terreno che diventa poco ospitale per questo tipo di piante. Pertanto è utile, ai primi segnali di nevicata, applicare lastre di plexiglas (opportunamente sostenute da paletti) sulle piante più delicate, mentre altre possono essere semplicemente ricoperte da qualche centimetro di paglia. ingiardino 3 • 2013

22

LA MANUTENZIONE DEL ROCK GARDEN

Le piante tappezzanti vanno limitate nella loro crescita tagliando il tappeto che esse formano con la vanghetta o la paletta.

Le pianticelle a sviluppo verticale vengono valorizzate se sono collocate davanti a una grossa pietra che le rende maggiormente visibili.

Tagliare periodicamente i rami di cespugli e arbusti in modo che le piante non crescano troppo e non invadano altre zone del giardino.

Le piante più delicate possono essere piantate in piccole nicchie risultanti dall’accostamento di pietre alte che offrano un buon riparo.


garden rock_Layout 1 18/05/13 09:23 Pagina 12

PERCORSI E CAMMINAMENTI Un giardino roccioso, soprattutto se ha buona dimensione, va dotato di percorsi agevoli che permettano di raggiungere le piante per la necessaria manutenzione. Anche in questo caso dobbiamo ispirarci all’ambiente. I camminamenti d’accesso alle piante possono essere costituiti o da ghiaietto fine o da lastre di pietra irregolare e contornati da pietre. Non è necessario che siano particolarmente larghi: è sufficiente transitarvi con comodità.


garden rock_Layout 1 18/05/13 09:23 Pagina 13

1

2

3

4

5

6

7

ingiardino 3 • 2013

24


garden rock_Layout 1 18/05/13 09:23 Pagina 14

LE PIANTE PER LE ROCCE

8

Quasi tutte le piante e i fiori che coltiviamo in giardino possono essere collocati in un rock garden, ma alcuni, per le loro caratteristiche, si sviluppano meglio e offrono un accoppiamento ideale con le pietre, i sassolini e i vialetti. 1 Alisso Pianta tappezzante con foglie allungate riunite in dense rosette. Forma fitti cespugli per muretti a secco e da collocare nel rock garden tra pietre basse. 2 Myosotis Ricca di fiorellini alti circa 40 cm, indicata per bordure e intorno a laghetti. Fiorisce ad aprile. 3 Oxalis (Acetosella) Tappezzante, forma ampi cuscini e produce fiorellini dalla primavera all’autunno. 4 Pervinca Pianta strisciante ideale per rock garden e bordure. Fiorisce da luglio a settembre. 5 Digitalis Pianta dal fiore vistoso che cresce spontanea nei boschi. Il fusto fiorifero raggiunge circa il metro e mezzo di altezza. Ideale per fioriere, bordure, gruppi fitti. Fioritura: giugno. 6 Gypsophila (Fiore della nebbia) Si presenta come una bassa rosetta di foglie con piccoli fiorellini tondeggianti. La fioritura solitamente comincia in primavera e si protrae per lungo tempo, talvolta si può ripetere in tarda estate.

9 6 Ampi terrazzamenti degradanti, con una ricca piantagione di viole e rododendri. 8 I sempervivum sono piante adatte per il giardino roccioso in quanto si sviluppano molto bene anche con pochissima terra. 9 Anche le piante grasse come l’echinocactus trovano tra rocce e sassi il loro ambiente ideale.


garden rock_Layout 1 18/05/13 09:23 Pagina 15

2

1

REGINA ERICA 1 Erica arborea Arbusto sempreverde, dalla corteccia rossastra, a portamento eretto; i fiori sono piccoli, penduli, numerosi, dal colore bianco-crema e profumati.

3

4

2 Erica carnea Si presenta come una pianta con fusto strisciante a livello del terreno, alta fino a 40 cm. I fiori riuniti in grappoli apicali sono di colore rosa. 3 Erica cinerea Si sviluppa come un arbusto. è di taglia piccola e può raggiungere i 60 cm di altezza. Mantiene la foglia in inverno. 4 Erica multiflora Arbusto sempreverde, a fusto legnoso, molto ramificato e con foglie aghiformi, lunghe 5-10 mm.

5

6

5 Erica scoparia Alto arbusto sempreverde con foglie aghiformi glabre di colore verde scuro. I fiori minuscoli e non profumati sono bianco verdastri, lunghi solo 1,5-3 mm con corolla globulosa. 6 Erica manipuliflora Simile all’erica multiflora, ma con fusto generalmente prostrato-ascendente e con i fiori normalmente sui rami laterali.

Edera Pur ne sono p un giar La prim sulle p turale, altrime sconde Il secon abbisog di sicci

ingiardino 3 • 2013

26


garden rock_Layout 1 18/05/13 09:23 Pagina 16

CRESCITA MIRACOLOSA La linea completa per la cura e la protezione delle piante

Edera e timo Pur nella loro diversità l’edera e il timo sono piante adattissime a svilupparsi in un giardino roccioso. La prima, anno dopo anno, cresce e risale sulle pietre dando vita a un ambiente naturale, ma deve essere periodicamente potata altrimenti invade tutta la superficie e nasconde le pietre. Il secondo si sviluppa bene negli anfratti, abbisogna di poca terra e non soffre i periodi di siccità.

CRESCITA MIRACOLOSA, oltre alla completa linea di concimi, noti per la loro efficacia, propone una linea di prodotti altrettanto efficaci per difenderle e curarle da malattie e insetti. CRESCITA MIRACOLOSA INSETTICIDA, di tipo sistemico, nei formati pronto all’uso o aerosol, a base di Imidacloprid, è la soluzione per la protezione completa delle piante da fiore e ornamentali da insetti, afidi, cocciniglie, metcalfa e aleurodidi. La sua applicazione garantisce una protezione efficace e duratura, in quanto entrando in circolo all’interno della pianta attraverso le foglie e le radici, si diffonde in ogni sua parte, rendendola inappetibile ai parassiti, che di conseguenza non l’attaccano. Per combattere la cocciniglia. CRESCITA MIRACOLOSA INSETTICIDA ANCICOCCINIGLIA pronto all’uso, efficace anche contro ragnetti, mosche bianche, tignole, nottue, coleotteri e larve minatrici. Infine, per la protezione delle piante dalle più diffuse malattie fungine, CRESCITA MIRACOLOSA FUNGICIDA, di tipo sistemico nelle versioni pronto all’uso o aerosol, ad ampio spettro d’azione, è il rimedio più efficace per difenderle da Oidio, Ruggine, Fusarium. Svolge una funzione sia preventiva sia curativa, penetrando all’interno della struttura della pianta e impedendo lo svilupparsi delle malattie. Con CRESCITA MIRACOLOSA le piante sono più sane e più forti e i risultati si vedono. BLUMEN (www.blumen.it)


garden rock_Layout 1 18/05/13 09:23 Pagina 17

ARBUSTI S EMPR Nel giardino roccioso si sviluppano bene alberi e arbusti della tipica flora montana mediterranea come abeti, cipressetti, euonymus, bosso. Conviene collocare piante sempreverdi su tutta l’area: così si evita che un certo angolo diventi troppo diverso dal resto, come avverrebbe se tutte fossero concentrate insieme. Nei giardini più piccoli, gli arbusti assumono, oltre alla funzione di “ossatura”, anche quella di punti focali. Nell’elaborare il progetto conviene riportare la planimetria su carta e numerare i gruppi di piante secondo il mese nel quale sono più decorativi.

ingiardino 3 • 2013

28


garden rock_Layout 1 18/05/13 09:23 Pagina 18

USTI S EMPREVERDI

1

2

1 Phormium Fiorisce a seconda della specie, verso giugno. Resiste molto bene al caldo. In inverno, se coltivata in esterni, conviene che la temperatura non scenda troppo sotto lo zero. Patisce il freddo umido. Il terreno dev’essere un normale mix di terra e torba, con sabbia se la pianta è coltivata in vaso. 2 Taxus baccata Conifera molto longeva a crescita abbastanza lenta. Predilige i luoghi soleggiati, ma cresce senza problemi anche a mezz’ombra e tollera benissimo anche l’ombra completa. Non teme la siccità, quindi non necessita di annaffiature oltre l’acqua delle piogge.

3

3 Laurus Arbusto aromatico di grandi dimensioni, può assumere la forma di cespuglio. La pianta predilige le posizioni soleggiate e il clima caldo. Teme i venti freddi della stagione invernale; durante l’inverno è quindi consigliabile fornire alla pianta un riparo. 4 Ilex opaca Preferisce un’esposizione al sole. Il terreno adatto per la sua coltivazione necessita di un buon drenaggio; deve essere argilloso, non calcareo. È sensibile al gelo e alla siccità. 5 Choisya ternata Detta anche “Arancio del Messico”, ha uno sviluppo eretto e tende a crescere sia in altezza sia in larghezza, dando origine a un arbusto arrotondato. Preferisce il sole pieno e sopporta temperature anche di molti gradi. D’estate annaffiare quando il terreno è asciutto da alcuni giorni, evitando di lasciare il substrato inzuppato d’acqua. Concimare periodicamente con un concime ricco di azoto e potassio, per favorire lo sviluppo della nuova vegetazione e dei fiori.

5

4


garden rock_Layout 1 18/05/13 09:23 Pagina 19

I GRANDI MONOLITI Avendone la possibilità, è certamente indicato arricchire il giardino roccioso con una o due grandi pietre, per avere una suggestiva ambientazione e un centro di interesse di sicuro impatto. A seconda della loro forma, i monoliti possono essere collocati “in piedi”, magari accostati a conifere o cipressi, oppure distesi a simulare i poderosi massi erratici che costellano le antiche pianure moreniche, lasciati dal ritiro degli enormi ghiacciai dopo l’ultima glaciazione. La collocazione delle pietre “in piedi” presuppone uno scavo abbastanza profondo che ne assicuri la stabilità e l’intervento di personale con attrezzatura di sollevamento adeguata.


libri2013 195x267_Copia di Layout 1 18/03/13 10:02 Pagina 1

Scopri il meglio del fai da te italiano nella più completa collana di libri monografici

te a d i fa tutti per

Acquista i tuoi libri su

novità il grande libro della muratura Conoscere la struttura della casa dalle fondamenta al tetto, gli impasti, come tramezzare e pavimentare, i rimedi contro l’umidità ecc.

256 pagg 17x24 cm Euro 23,00

www.

edibrico.it o con il coupon a pag. 97

il grande libro dell’idraulica

il grande libro dell’elettricità

rifare casa ecologicamente

Conoscere l’impianto idraulico in bagno e cucina, gli scarichi, il riscaldamento domestico e l’impianto del gas. Installare e riparare sanitari, radiatori ecc.

Conoscere l’impianto elettrico di casa per installare e riparare in tutta sicurezza prese, spine, interruttori, lampade, applique ecc.

Per una casa in armonia con l’ambiente: bioarchitettura, energie alternative, materiali ecologici, cappotto e isolamento, case passive ecc.

256 pagg 17x24 cm Euro 23,00

256 pagg 17x24 cm Euro 23,00

128 pagg 17x24 cm Euro 13,00


libri2013 195x267_Copia di Layout 1 18/03/13 10:02 Pagina 2

e h c i n tec truzioni e cos tanti impor

lavorare il legno

tornire il legno

Conoscere le essenze del legno, le diverse lavorazioni dal taglio alla finitura; come incollarlo o fare incastri per mobili e serramenti.

Come diventare amici del tornio scoprendo i metodi, le tecniche, le curiosità, i segreti e l’utilizzo delle sgorbie, ottenendo subito grandi risultati.

128 pagg 17x24 cm Euro 13,00

fresare il legno

Porte e finestre

restauro mobili d’ePoca

Tutti i possibili lavori ottenibili a banco o a mano libera, con la fresatrice o con la toupie, la scelta delle frese e degli aggiuntivi per trapano.

Le tecniche per riparare, costruire, abbellire e rendere più sicuri e funzionali porte, portoni d’ingresso, finestre di vario tipo.

Conoscere le tecniche dei restauratori: le riparazioni, le imbottiture, la doratura, le finiture della superficie, l’eliminazione dei tarli.

96 pagg 17x24 cm Euro 11,00

128 pagg 17x24 cm Euro 13,00

96 pagg 17x24 cm Euro 11,00

mobili rustici 39 progetti di armadi, sedie, letti, specchiere, cassepanche, tavoli, nel semplice stile tradizionale e campagnolo dei nostri falegnami.

128 pagg 17x24 cm Euro 13,00

128 pagg 17x24 cm Euro 13,00

solidi mobili in stile

mobili moderni e funZionali

arredi da giardino

mobili unici da Kit

Utilizzando le tecniche di una volta impariamo a costruire armadi, letti, divani, sedie, tavoli, scrivanie, ispirandoci agli stili più importanti.

Costruiamo, con legno ed altri materiali moderni, tavoli, sedie, letti, culle, armadi, scrivanie, che rendono la casa più pratica e bella.

Per godere del nostro spazio verde servono tavoli, panche, lettini, dondoli, barbecue, fioriere, recinzioni, gazebo, serre ecc.

Costruiamo mobili originali e funzionali per arricchire ogni ambiente della nostra casa partendo da kit che troviamo pronti in commercio.

128 pagg 17x24 cm Euro 13,00

96 pagg 17x24 cm Euro 11,00

128 pagg 17x24 cm Euro 13,00

96 pagg 17x24 cm Euro 11,00

saPer usare la combinata

usi motori di recuPero

Primi Passi elettronica

encicloPedia del bricolage

Un libro unico sulla più grande macchina per lavorare il legno, per costruire mobili e serramenti come i falegnami professionisti.

Recuperare motori di lavatrice o altro per costruire decine di macchine funzionali per il laboratorio, per il giardino e per la casa.

Spiega in modo semplice e chiaro la funzione di tutti i componenti e dei principi dell’elettronica per realizzare facili montaggi.

Ben 454 voci per conoscere materiali, mezzi, attrezzature, funzionamenti e applicazioni di materiali; una guida sicura di cui non si può fare a meno.

96 pagg 17x24 cm Euro 11,00

128 pagg 17x24 cm Euro 13,00

Puoi

208 pagg 17x24 cm Euro 25,00

c

v

fan

144 pagg 17x24 cm Euro 15,00

ordinAre i libri sul sito www.edibrico.it o con il couPon A PAg.

97

P


libri2013 195x267_Copia di Layout 1 18/03/13 10:02 Pagina 3

no

ornio iche, zzo ubito

casa

g cm ,00

i

die, nche, o

le soluZioni salvasPaZio

casa tutta a nuovo

La casa è un cantiere sempre aperto: cambiano le esigenze e gli stili, servono riparazioni al volo o modifiche funzionali che possiamo fare anche da soli.

Decine di idee illustrate passo passo per migliorare l’estetica e la funzionalità di ogni vano della nostra abitazione sfruttando al meglio lo spazio.

Lavori di muratura, idraulica, elettricità, pavimentazione, tinteggiatura e rifinitura per migliorare la nostra casa in modo originale e intelligente.

128 pagg 17x24 cm Euro 13,00

128 pagg 17x24 cm Euro 13,00

144 pagg 17x24 cm Euro 15,00

la mia casa Perfetta

arredare con creatività

Interveniamo con semplici riparazioni o manutenzioni in bagno, in cucina: con pochi attrezzi otteniamo risultati di grande effetto.

Elaborazioni di kit, costruzioni ex novo e riutilizzo di oggetti diversi: tutto è finalizzato alla creazione di mobili personali, di grande bellezza.

96 pagg 17x24 cm Euro 9,90

gg cm 3,00

Kit

ali e gni sa mo

rinnovare la casa

e i r a v

96 pagg 17x24 cm Euro 9,90

costruZioni di bambino Decine di costruzioni di carta e altri materiali per dare la possibilità ai bimbi di esprimere la loro creatività, divertendosi.

96 pagg 17x24 cm Euro 11,00

g cm ,00

sfruttare bene lo sPaZio Mobili, mensole, trucchi per avere tutto a portata di mano, in ordine e con poco ingombro, anche in un ambiente di pochi metri quadrati.

96 pagg 17x24 cm Euro 11,00

i fiori Più belli Come seminare, riprodurre, coltivare e curare i fiori più belli: prevenire le loro malattie, rinvasarli, concimarli, innaffiarli e tante cure di bellezza.

128 pagg 17x24 cm Euro 13,00

riParaZioni di casa Sapere cosa fare, con sicurezza e rapidità, senza ricorrere al professionista, risolvendo le emergenze e risparmiando molto.

128 pagg 17x24 cm Euro 13,00

farsi il vino in casa Conosciamo la vite per produrre l’uva e ottenere il vino. Costruiamo attrezzature da cantina, per lavorare l’uva e conservare le bottiglie.

96 pagg 17x24 cm Euro 11,00

fantasia di lamPade

fissaggi di casa

oggetti belli riciclando

scacco matto alla ZanZara tigre

re ure, oni cura eno.

Abat-jour, piantane, lampadari ed altri punti luce realizzati con gli oggetti più diversi, dai barattoli del caffé al cestello della lavatrice.

Individuare il tassello giusto in ogni occasione, anche quando servono fissaggi speciali come per termosifoni, sanitari, lampadari, tettoie ecc.

30 proposte originali per ottenere complementi d’arredo assolutamente unici da oggetti ormai inutili, pronti per la discarica.

Come difendersi dalla temibile Zanzara Tigre senza controindicazioni per adulti, bambini ed animali domestici, dentro e fuori casa.

gg cm 5,00

96 pagg 17x24 cm Euro 9,90

e

97

Puoi

96 pagg 17x24 cm Euro 11,00

96 pagg 17x24 cm Euro 11,00

90 pagg 17x24 cm Euro 5,90

ordinAre i libri sul sito www.edibrico.it o con il couPon A PAg.

97


lupar_Layout 1 23/05/13 15.22 Pagina 1

VILLA SAN BARTOLOMEO Nel cuore del Monferrato, accanto a un castello, un giardino con vista sulle Alpi che offre altre suggestioni mediterranee grazie a piante che, solitamente, vivono vicine al mare

I

l cancelletto, sempre aperto per accogliere gli amici, è sovrastato da una piccola pergola di uva da tavola e invita a entrare nel giardino di Villa San Bartolomeo, ubicata alla sommità di una collina del Monferrato, accanto a un castello e a breve distanza dalla casa che fu del pittore divisionista Angelo Morbelli. Un luogo, quindi, ricco di fascino, di storia e d’arte; un’atmosfera particolare che si coglie anche nel giardino a terrazze che circonda la proprietà, acquistata nel 1995 dagli attuali proprietari, Marinella e Franco. Si presentava con un giardino abbando-

nato da anni, invaso da una selvaggia vegetazione, e alcune essenze messe a dimora parecchi anni prima avevano raggiunto dimensioni tali da essere estirpate. Solo i grandi esemplari di tasso e due sofore, nel giardino posto sullo stesso piano dell’abitazione, sono stati conservati. Grazie a un sapiente lavoro, i proprietari hanno dato nuova vita a questo luogo, particolarmente suggestivo per l’incantevole vista che si gode dal percorso semicircolare: un pergolato di rose dal quale ammirare tutto il Monferrato casalese, le sue colline, i borghi e i castelli, la catena segue a pag 38 >>>


lupar_Layout 1 23/05/13 15.22 Pagina 2

I nostrI espertI Nadia Presotto, giornalista specializzata in giardinaggio e arredo del verde. Renato Luparia, fotografo professionista, esperto in immagini naturalistiche. Nadia e Renato sono marito e moglie.

Una romantica immagine del giardino di Villa San Bartolomeo con l’antica serra e, poco discosta, la torre merlata del castello.


lupar_Layout 1 18/05/13 09:27 Pagina 3

1

2

5

3

7

4

STRUTTURE FIORITE IN GRAN 1 Una parte del giardino con gli olivi e, a sinistra, il grande bagolaro (Celtis australis). 2 La breve scala realizzata in mattoni antichi, ingentilita dai pelargoni a foglia variegata; il sentiero è fiancheggiato da sei lauri (Laurocerasus) potati ad alberello. 3 Le due grandi sofore e una delle due antiche serre. 4 La scala che permette di accedere all’ultima parte del giardino e il muro, entrambi realizzati in mattoni antichi.


lupar_Layout 1 18/05/13 09:27 Pagina 4

5

6

7

8

TE IN GRANDI AMBIENTAZIONI

sini-

5 Un ciuffo di iris alla base del muro in mattoni a vista.

ichi, a; il oce-

6 Il percorso panoramico con la pergola in ferro, che sostiene le rose rampicanti, e il suggestivo panorama sulle colline del Monferrato. 7 Rose ad alberello e l’acero giapponese.

iche

tima zzati

8 Dal piano della villa si nota la prima parte del giardino con gli odorosi caprifogli allevati a palla; tra il verde si fa notare, per il colore rosso, l’acero giapponese.


lupar_Layout 1 18/05/13 09:27 Pagina 5

1

lese, le sue colline, i borghi e i castelli, la cate delle Alpi, dal Monviso al Monte Rosa. Un luogo prezioso per la presenza di antiche mura che recano i segni del mare – arrivava fin qui, ci racconta il proprietario – sulle quali poggia il giardino e di due serre quattrocentesche che, anticamente, facevano parte della proprietà del vicino castello. Scendendo alla prima terrazza si notano, tra le altre essenze, odorosi caprifogli (Lonicera caprifolium), resistenti rampicanti con fiori profumatissimi, di colore bianco giallastro, soffusi di rosa; una rosa preesistente, a fiore grande e semplice, sconosciuta, impreziosisce un pilastro del cancello; palme, rose ad alberello e il solare e generoso iperico (Hypericum) completano questa prima terrazza. Una breve scala, realizzata con antichi mattoni, conduce alla seconda terrazza, divisa dal sentiero fiancheggiato da lauri potati ad alberello. I due argentei olivi sono stati messi a dimora dai proprietari fin dall’inizio della ristrutturazione del giardino e ora, ormai alberi, con la base circondata dalla lavanda, danno un tocco mediterraneo. Ma in questa zona il protagonista sembra essere un grande bagolaro (Celtis australis), albero comune della zona, chiamato “fanfarin”. Rose, convallaria (Convallaria japonica), ciuffi di iris e gerani bordano il muro di sostegno mentre nella sottostante parte del giardino spiccano arbusti di Mahonia, Nandina domestica, i Callistemon con la loro fioritura “a spazzolino”, mediterranei oleandri, calicanti, odorosi filadelfi, Weigelie a fiore rosso e una collezione di erbe aromatiche. Da questo punto del giardino, volgendo lo sguardo in alto, si notano le due serre, l’abitazione e, poco discosta, la torre merlata del castello; uno sguardo che invita a risalire, per ammirare la collezione di agrumi in vaso, le fioriture degli agapanti (Agapanthus), alcune ortensie e gli antichi tassi, posti allo stesso piano della casa. Qui una sosta è d’obbligo, per godere nuovamente dello splendido panorama che interagisce con il giardino. Il giardino di Villa San Bartolomeo è particolarmente amato e il lungo e impegnativo lavoro di ripristino che tuttora prosegue, lo rende godibile in tutte le stagioni. ingiardino 3 • 2013

38

2


lupar_Layout 1 18/05/13 09:27 Pagina 6

1

IL NUOVO INCONTRA IL VECCHIO... Nella pagina accanto: 1 L’intrico dei rami di una delle due sofore già esistenti al momento dell’acquisto della proprietà e conservate dagli attuali proprietari. 2 Alla base di un pino marittimo una grande Agave, succulenta con foglie curve, lanceolate e acuminate.

2

In questa pagina: 1 Oleandri (Nerium oleander) in fiore tutta l’estate decorano il giardino. 2 Gli agapanti in vaso fioriscono in estate e donano un tocco mediterraneo al giardino. 3 Il cancello del passo carraio con una sconosciuta, ma affascinante, rosa a fiore semplice, una palma e, alla base, un tappeto di iperico.

3

ingiardino 3 • 2013

39


lupar_Layout 1 18/05/13 09:27 Pagina 7

1

2

COLORI E PROFUMI 1 La Weigelia a fiore rosso, un arbusto a foglia caduca, facile da coltivare, che fiorisce per tutta l’estate. 2 Le erbe aromatiche coltivate alla base del muro in mattoni antichi. 3 L’ultima zona del giardino dove prosperano tre pini marittimi, gli arbusti fioriti e il bordo di iris.

3


Fotografa il codice QR

La garanzia di un’irrigazione perfetta

®

NUOVA LINEA VERDEMAX PER IRRIGAZIONE Verdemax® ha progettato una nuova linea dedicata all’irrigazione dal design innovativo, che garantisce la massima funzionalità di irrorazione. seguici su

Irrigatori oscillanti, a turbina, pistole, lance soft, centraline (digitali e analogiche), tubi di irrigazione, avvolgitubi e raccordi portagomma sono realizzati in materiale plastico antiurto per una lunga durata e sono testati da tecnici qualificati per assicurare la migliore affidabilità.

WWW.VERD EMAX .IT

Via Provinciale per Poviglio, 109 42022 Boretto (Reggio Emilia) Tel. 0522 481111 Fax 0522 964577 verdemax@rama.it

foto: Michele Ercolani

per visualizzare il video


obi_Layout 1 18/05/13 09:32 Pagina 1

PIANTE SANE E BEN C

1

2

3

4

5


obi_Layout 1 18/05/13 09:32 Pagina 2

N CURATE L

e malattie che possono colpire le nostre piante sono numerose. Alcune sono dovute all’azione di miceti e batteri, altre all’azione di insetti e molluschi. Vi sono anche malattie provocate da virus e altre dovute all’azione dell’ambiente (colpi di calore, gelate, difetti del terreno ecc). è fondamentale saper cogliere i primi sintomi per poter così effettuare, quando possibile, le cure preventive che possano preservarle da eventuali attacchi. Presso Obi troviamo prodotti e mezzi con cui possiamo far fronte a ogni malattia, ma il tempo di intervento è decisivo. SCARICA IL VOLANTINO E SCOPRI TUTTE LE PROMOZIONI SU WWW.OBI-ITALIA.IT OPPURE PUNTA LO SMARTPHONE SU QUESTO QR CODE

1 - OidiO (Mal BiancO) Malattia dovuta a un fungo. Effettuare trattamenti con fungicidi. 2 - TicchiOlaTura Provoca sulle foglie macchie bruno-violacee. Applicare fungicidi rameici. 3 - Muffa grigia (BOTriTe) Fungo che colpisce le piante di rosa e le bulbose: trattare con medicamenti a base di fungicidi specifici. 4 - ruggine Si manifesta con la formazione di piccole macchie gialle. I principi attivi più utilizzati sono il rame e i prodotti contenenti zinco. 5 - acari, ragneTTO rOssO Difficili da vedere a occhio nudo, si individuano meglio con una lente. Le foglie divengono scolorite e infine seccano. 6 - afidi (pidOcchi) Minuscoli insetti riuniti in colonie che provocano il rallentamento della crescita e della fioritura della pianta. Gli insetti si eliminano con insetticidi specifici.

5

I PRODOTTI GIUSTI Fungicida liquido pronto all'uso ad azione sistemica, previene e cura il mal bianco (oidio).

€ 9,19

Fungicida fogliare sistemico, pronto all'uso. Ideale per il controllo delle malattie fungine quali la ticchiolatura.

Prodotto che, con la combinazione dei due ingredienti, dà luogo alla poltiglia bordolese, un efficace fungicida rameico di contatto ad azione preventiva, utile soprattutto nella viticoltura e frutticoltura.

€ 7,39

Acaricida per piante ornamentali pronto all'uso costituito da principi attivi di origine naturale.

6 € 10,20

€ 9,19

€ 13,29

Fungicida sistemico ideale per la protezione delle piante ornamentali e floreali dalle principali malattie fungine, compresa la ruggine.

€ 8.39

Insetticida sistemico in pastiglie pronto all'uso efficace contro i più comuni parassiti delle piante ornamentali e da fiore, tra cui gli afidi. Particolarmente indicato nella lotta contro il Cacyreus marshalli (farfallina del geranio). Disponibile anche liquido pronto all'uso.


iris_Layout 1 18/05/13 09:40 Pagina 1

ESUBERANTI C

LA COLTIVA Z

IONE • esposizio ne e lumino sità: scegliere possibilmente una posizione soleggiata. • temperatu ra: è bene no n scendere so i 4 - 9 °C, seco tto ndo la specie ; la temperatu ideale deve os ra cillare tra i 10 °C ed i 20 °C • substrato . : le iris predili gono terreni ca careo-argillosi l(sebbene po ssano cresce anche in terren re i con pH pros simo a 6 o de samente alca cilini, con pH 8) . • irrigazion e: sopportano meglio la sicc che gli eccess ità i d’acqua; pe r questo conv effettuare mod ie ne erate innaffiat ure. • concimazi one: una som ministrazione modeste quan di tità di concim e minerale irr bustisce le pian ote e aumenta la fioritura. • messa a d imora: si effe ttua da settem a maggio. La bre prima fioritur a avviene ge ralmente l'ann neo che segue l’i mpianto.


iris_Layout 1 18/05/13 09:40 Pagina 2

TI COLORATISSIME IRIS Non a caso il loro nome significa “arcobaleno”: l’enorme varietà di colori che compone la tavolozza delle iridacee è in grado di abbellire giardini e terrazzi... a tutte le latitudini!

L

e iris sono piante erbacee assai rustiche che, per la loro esuberante fioritura, non dovrebbero mancare nel nostro giardino. Conosciute comunemente come giaggioli (di cui sono soprattutto diffuse e coltivate le varietà a fiore blu scuro o viola), meritano un posto di rilievo tanto nel giardino formale quanto in quello roccioso, ma in particolar modo nel classico giardino “naturale“ di campagna, dove sono coltivate specie di piante e fiori che in modo armonico si inseriscono nel paesaggio. Non sono esigenti e vivono parecchi anni senza richiedere molte cure, basta tenere il terreno privo di erbacce ed eliminare regolarmente le foglie secche. Mettere tutori può essere necessario per sostenere gli steli florali in posti ventosi. Vessillo Ala Gemma fiorale Barba

re

otto ura °C. calere ci-

Ramificazione

Foglia

à e

i -

Rizoma Radici

Si contano circa 200 specie diverse di iris, divise in due gruppi distinti: quelle che crescono da rizomi e quelle che crescono da bulbi. Il terreno più adatto per le specie rizomatose dev’essere ricco, con molto humus e ben drenato. Le iris bulbose vegetano su terreni soffici, sciolti, ben drenati e fertili con esposizione in pieno sole. ingiardino 3 • 2013

45


iris_Layout 1 18/05/13 09:40 Pagina 3

FORME E INFIORESCENZE VARIE 1

2

3

4

5

1 Piegato all’interno. 2 Effetto affastellato e ramificazione alta. 3 A candelabro aperto. 4 Terminale e sprone a due ramificazioni. 5 Terminale e sprone a più ramificazioni.

DIVERSE TIPOLOGIE DI FIORI 1

2

3

4

1 Vessilli a cupola che si toccano e ali arrotondate. 2 Vessilli a cupola che si sovrappongono e ali ovali. 3 Vessilli aperti e ali strozzate. 4 Vessilli flosci e ali a striscia.

RICCHE FIORITURE Sebbene le iris siano piante erbacee perenni che possono svilupparsi per anni senza essere disturbate, per avere abbondanti fioriture è necessario dividere i rizomi almeno ogni 4-5 anni. Queste piante, infatti, avendo una crescita assai rigogliosa, sviluppano numerosi rizomi che tendono a sovrapporsi l’uno sull’altro, togliendosi spazio a vicenda e fiorendo di conseguenza di meno rispetto ai primi anni dalla messa a dimora. Per questo motivo, ogni 4-5 anni, a fine fioritura (luglio), è opportuno estrarre la pianta dal terreno con l’aiuto di un forcone a denti larghi.

Se desideriamo avere presto cespi piuttosto fitti, poniamo a dimora i rizomi a distanze ravvicinate: nel caso delle iris “barbate alte” 30-40 cm tra un rizoma e l’altro, per le iris “barbate nane” 5-10 cm, mentre per le iris “barbate intermedie” occorreranno distanze di 20 cm circa.


0-40 irca.

iris_Layout 1 18/05/13 09:40 Pagina 4

DIVIDERE I CESPI 1 Prima dell’impianto accorciamo le foglie delle iris barbate a forma di ventaglio. 2 Scaviamo una buca lasciando il fondo leggermente inclinato e con la parte alta rivolta verso il sole. 3 Collochiamo il rizoma nel punto rivolto al sole, allargando bene le radici sotto la parte del rizoma che porta le foglie. 4 Lasciamo esposta la parte terminale del rizoma, quindi pressiamo bene il terreno attorno alle radici e innaffiamo.


lettor3_Layout 1 18/05/13 09:44 Pagina 1

I VOSTRI BEI GIARDINI

ingiardino 3 • 2013

48


lettor3_Layout 1 18/05/13 09:44 Pagina 2

Gli spazi verdi dei lettori pubblicati e premiati dalla redazione con splendidi attrezzi per giardinaggio

AMPIO E RICCO

L

o spazio verde curato dalla nostra lettrice Franca Peghini, insieme al marito, è molto ampio: sono molte le essenze messe a dimora da quando hanno acquistato la proprietà, ed è in continuo sviluppo. Un piccolo terrazzamento, sostenuto da un muretto di pietra, delimita la proprietà: è affascinante osservare in che modo Franca e suo marito hanno “decorato” questa porzione, disponendo varie essenze molto vicine tra loro, ma ben calibrate ed esteticamente affascinanti!

Franca Peghini (Casola in Lunigiana - MS)

PREMIO tagliasiePi orientabile rht 450 x


lettor3_Layout 1 18/05/13 09:44 Pagina 3

M

Aspir PRO Poten sione 2 aspira pacità kg; fu presa fino a Lavo (www

Elettr Big-P razion estern Elettr Insect nellett attratt con lu Euroe (www

albarosa Plebani (Trenzano - BS)

IMPEGNO E COSTANZA

I PREMIO avvolgitubo gardena

ingiardino 3 • 2013

50

nostri amici Albarosa e Gianpiero ci confidano di essere, rispettivamente, casalinga e muratore, inesperti nella gestione del verde. Hanno però una grande passione per il giardino, praticata a tempo perso, che li ha portati, nel corso di dieci anni, a realizzare uno spazio verde molto bello, ampio e ordinato. Davvero pregevole l’idea di realizzare una sorta di “spiaggia” nel mezzo del prato, con sabbia e palme, in cui possono giocare e divertirsi i bimbi!


lettor3_Layout 1 18/05/13 09:44 Pagina 4

MANDATECI LE FOTO DEI VOSTRI GIARDINI! In ogni fascicolo del 2014 verranno pubblicati e premiati i 5 migliori giardini, ma tutti riceveranno un ricco omaggio Tagliasiepi elettrico RTH 700 W Potenza 700 W; lama da 65 cm; capacità taglio 32 mm; impugnatura orientabile; lama a doppia azione, affilatura al diamante; peso: 4,3 kg Ryobi (www.ryobitools.it)

Aspiraliquidi PRO Vac Potenza 1200 W; pressione 225 mbar/ 22kPa; aspirazione 35l/s; capacità 27 l; peso 6,5 kg; funzione soffiante; presa per elettroutensili fino a 2200 W. Lavorwash (www.lavorwash.it)

Set attrezzi da giardino • Forbice da giardino con taglio by -pass. • Troncarami ad ingranaggi con taglio battente. • Seghetto pieghevole con lama da 18 cm.

Elettroinsetticida Big-Pac-Zan ad aspirazione per ambienti esterni. Elettroemanatore Insect Killer con fornelletto per piastrine di attrattivo per gli insetti, con luce notturna. Euroequipe (www.hidroself.com)

Verdemax (www.verdemax.it)

UN PREMIO PER TUTTI!

Cura delle piante Bomboletta di insetticida per il trattamento delle piante ornamentali; bomboletta di fungicida per piante d’appartamento, da balcone e da giardino; tubetto di concime universale in pastiglie effervescenti; bomboletta di lucidante fogliare anticocciniglia. Sandokan

NOmE COgNOmE Via O LOCaLiTa’ CiTTa’ E PROViNCia CaP

TELEFONO

E-maiL Dichiaro che lo spazio verde fotografato è di mia proprietà. Ne autorizzo la stampa parziale o totale da parte di EDIBRICO. Firma GIA

• Inviare foto (stampe, diapositive o immagini digitali) del proprio spazio verde accompagnate da una breve descrizione entro il 31-10-2013. La redazione di IN GIARDINO sceglierà, a suo insindacabile giudizio, gli spazi verdi ritenuti più significativi.

spedire la documentazione a: EDIBRICO - 15066 GAVI (AL)

PER PARTECIPARE


lettor3_Layout 1 18/05/13 09:44 Pagina 5

Pierantonio Pedrini (Izano Cremona - CR)

SERVIZIO COMPLETO...

U

no spazio verde davvero completo quello del nostro lettore Pierantonio Pedrini: si estende su circa 1000 m2 di terreno, dove troviamo un orto rigoglioso, un ampio frutteto, ricovero per galline e anatre e uno spazio giochi per bambini. Crediamo che sia questo lo spirito al quale bisogna ambire, avendone la possibilitĂ , nella progettazione del proprio spazio verde.

PREMIO barbecue smokey joe Premium weber

ingiardino 3 • 2013

52


lettor3_Layout 1 18/05/13 09:45 Pagina 6


lettor3_Layout 1 18/05/13 09:45 Pagina 7

SPIRITO LIBERO

OASI DI PACE

I

l giardino del nostro lettore Marco Bertoldo (PD) è progettato e gestito con molta armonia. Dalla foto possiamo notare gradevoli bordure, alberi da frutto, un bell’acero e un piccolo olivo che diventerà il vero protagonista nei decenni a venire. Una piccola oasi di pace Marco... ottimo lavoro!

R

osanna Martinuzzi cura uno spazio verde in maniera “sinergica”, ovvero rispettando totalmente i processi naturali del terreno, senza intervenire troppo nella gestione e nella cura delle piante. Dalle foto notiamo bellissimi esemplari di camomilla, fiordalisi e papaveri a dimora vicino ai fagiolini e i pomodori tra i gladioli oltre a eccezionali piante grasse. Un giardino dallo “spirito libero”... fantastico!

rosanna martinuzzi (Portogruaro - VE)

PREMIO

doccia solare sunny g.F

PREMIO sPazzola elettrica skil

ingiardino 3 • 2013

54


MC_Layout 1 18/05/13 10:45 Pagina 1

RASAERBA AL TOP McCulloch ha rinnovato la sua gamma di rasaerba con 14 nuove macchine all’insegna della tecnologia e del design

L

I nuovi rasaerba sono dotati d’impugnatura confortevole ed ergonomica, con pulsante integrato per l’avviamento elettrico; cavo di avviamento in acciaio nero e pratica leva per il controllo della velocità. Sono muniti di cesto raccolta e di regolazione centralizzata dell’altezza di taglio. ingiardino 3 • 2013

56

a gamma completa di rasaerba McCulloch 2013 è in grado di soddisfare le esigenze di tutti. Dal modello più piccolo M40-125 a spinta, con una larghezza di taglio di 40 cm, al modello di più potente M56-170AWFPX con trazione anteriore e una larghezza di taglio di 56 cm. Quasi tutti i modelli sono dotati di Kit per il taglio Mulching, un sistema che prevede di lasciare l’erba tagliata sparsa sul suolo a scopo protettivo o come fertilizzante. Una grande novità della nuova gamma sono le lame PX3 a “tripla potenza”. Queste lame, presenti su gran parte dei modelli proposti, assicurano un sistema di taglio performante. Sono di lunga durata e con un’eccellente affilatura che migliora la capacità di triturazione, garantendo una rasatura perfetta e uniforme. La nuova gamma ha inoltre subito un restyling completo: oltre all’aspetto cromatico (prevalenza di nero con alcuni elementi gialli) è stata aggiunta una forte personalizzazione di ogni rasaerba, valorizzata e impreziosita con i loghi in rilievo sul coperchio del motore e sul frontalino. Per non lasciar nulla al caso e rendere queste macchine ancora più accattivanti, anche il cesto di raccolta è stato personalizzato con il logo stampato. McCulloch (www.mcculloch.com)


man_Layout 1 18/03/13 10:18 Pagina 2

manualita’, un gioco da ragazzi www.manualitaragazzi.it o un progetto Edibric nualità per divulgare la ma tra i più giovani I NOSTRI NUMERI: UITI 60 labORaTORI gRaT IN TUTTa ITalIa STRI 1600 RagazzI NEI NO labORaTORI I vOlONTaRI OlTRE 170 aNIMaTOR gazzI 22.000 baMbINI E RaMUNE dEllE ScUOlE dEl cO RaTORI dI MIlaNO NEI labO dI ScUOla NaTURa IlI dI OlTRE 600 ORE MENSTE NEI MaNUalITà SvIlUppa NOSTRI labORaTORI


malanzaaa_Layout 1 18/05/13 10:47 Pagina 1

SUA ECCELLENZA MELANZANA

ingiardino 3 • 2013

58


malanzaaa_Layout 1 18/05/13 10:47 Pagina 2

LA PIANTA E IL FRUTTO

Nella vita di questo ortaggio assoluto protagonista è il sole che lo rende gustoso e colorato. Non deve mancare nel nostro orto: si coltiva facilmente e non ci delude mai

Peduncolo Calice

L

a melanzana (Solanum melongena), prima di offrirsi al raccolto, vegeta a lungo: il seme, posto a germogliare in febbraio-marzo, ci fa attendere fino ad agosto prima di poter iniziare il raccolto. Essendo una pianta subtropicale originaria dell’India è molto sensibile al freddo, per cui è preferibile, per poterla coltivare con successo, acquistare presso i vivai piantine già germogliate da trapiantare nel terreno caldo: il periodo migliore è verso maggio-giugno. La semina si effettua in vasetti da 8-10 cm di diametro su un letto di torba mantenuto sempre leggermente umido. >>>

TERRENO È una pianta esigente per quanto riguarda la fertilità del terreno, anche se si adatta a diversi tipi di suolo. Nei piccoli ort i viene coltivata in quasi tutti i terreni, ma pre ferisce quelli di medio impasto, tendenzialmente sciolti e dotati di buona freschezza di fondo. COLTIVAZIONE Si procede da metà feb braio a metà marzo alla produzione di piantine di melanzana con pane di terra, da mettere a dim ora in pieno campo. Di solito il numero di pia nte coltivate in un orto familiare è abbastanza lim itato, perciò è sufficiente eseguire la semina in un contenitore alveolato. Si raccoglie ad agosto. CONCIMAZIONE La quantità di letame ben maturo da somministrare varia in genere da 3 a 6 chilogrammi per metro quadrato; in sostituzione si possono impiegare 35 chilogrammi di compo st, sempre ben maturo. IRRIGAZIONE Va irrigata regolarmente , in special modo se l’andamento stagionale è siccitoso e se si coltiva in coltura protetta, tenend o inoltre presente che il momento in cui la pianta ha più bisogno d’acqua coincide con l’ingrossame nto dei frutti.

Foglia Fiore

Peduncolo Calice Spina Buccia La parte della melanzana che si consuma è il frutto (bacca), provvisto di una buccia relativamente sottile, di colore variabile a seconda della varietà. La polpa è solitamente soda, di colore bianco; solo in alcune varietà tende all’avorio o al verdastro. In mezzo alla polpa si trovano i semi (da 2 a 5 mm), di colore marrone chiaro, di regola abbondanti.

Polpa Semi

FORME DIFFERENTI Il frutto può avere forma tonda o cilindrica-allungata e il suo peso (come la forma e le altre caratteristiche dei frutti e delle piante) differisce sensibilmente in rapporto alla varietà: si va dai 70-80 grammi dei frutti più piccoli ai 500 grammi e oltre di quelli più grossi.

ingiardino 3 • 2013

59


malanzaaa_Layout 1 18/05/13 10:47 Pagina 3

Quando le piantine iniziano a spuntare, asportiamo le due più deboli lasciando quelle particolarmente vigorose, quindi trapiantiamole nel terreno in posizione soleggiata e riparata. Il terreno dev’essere di medio impasto, ma vanno bene anche terreni sciolti o sabbiosi. Sono da escludere quelli argillosi poiché la pianta non sopporta il ristagno d’acqua. Dev’essere ben drenato con una lavorazione profonda, in quanto l’apparato radicale si spinge fino a un metro di profondità. Concimiamo con fertilizzante completo e ricco di fosfati, potassio e azoto. Sistemiamo le piantine a circa 40-50 cm l’una dall’altra sulla fila e mantenendo la distanza tra le file di 70-90 cm. Non lasciamo mai che il terreno asciughi e, nei periodi di siccità, bagniamo frequentemente somministrando una volta la settimana fertilizzante liquido molto diluito. Le innaffiature vanno effettuate senza bagnare le foglie, ma solo l’apparato radicale. Quando le piantine raggiungono i 30 cm di altezza vanno cimate in modo da favorire la formazione di germogli laterali fruttiferi. Le melanzane delle varietà a frutto grosso e lungo vanno sostenute con tutori, facendo attenzione a non danneggiare le radici, a cui vanno legate delicatamente le piantine man mano che crescono. Le melanzane sono mature quando presentano una colorazione nero-violetto oppure biancastra, a seconda della varietà. In genere, è preferibile non far diventare il frutto troppo grosso, perché risulterebbe amaro, fibroso e pieno di semi. La melanzana si raccoglie tagliando il picciolo con le forbici o un coltello. Dopo il raccolto, le melanzane si conservano bene per una quindicina di giorni. Tra le malattie la più temuta è la peronospora che causa “macchie d’olio” sulle foglie, seguite da ingiallimenti e zone di marciume sui fusti. Conviene trattare preventivamente le piante con poltiglia bordolese. Tra i parassiti animali vi sono la dorifera, che si nutre dei getti e delle foglie, il ragnetto rosso e le altiche, insetti particolarmente dannosi, che bucano le foglie. Si tratta nebulizzando con insetticidi specifici. ingiardino 3 • 2013

60

1

2

3

1

2

3

4

5

1

2

6

3


malanzaaa_Layout 1 18/05/13 10:47 Pagina 4

3

FRUTTO OVALE ALLUNGATO 1 Bianca a uovo o Bianca ovale, varietà piuttosto precoce dal frutto ovale di piccole dimensioni. 2 Galine: varietà precoce dal frutto di forma ovale, adatta sia per colture sotto tunnel sia in pieno campo 3 Jers king: dai frutti di notevoli dimensioni.

3

FRUTTO TONDO 1 Bellezza nera: varietà medio-tardiva dal frutto tondo-ovale con buccia di colore viola scuro lucente. 2 Violetta di Firenze: varietà medio-precoce dal frutto tondo, in alcune selezioni schiacciato ai poli, in genere con costolature più o meno accentuate, di colore viola chiaro.

6

A questo gruppo appartengono altre interessanti varietà, come Birgah (3), Prosperosa (4), Rotonda bianca sfumata di rosa (5), Tonda di New York (6).

3

FRUTTO ALLUNGATO 1 Di Rimini o Riminese: varietà di buona precocità, dal frutto stretto e lungo (22-24 centimetri e più), di colore molto scuro, quasi nero. A questo gruppo appartengono altre varietà, come Lunga violetta (2) e Lunga violetta di Napoli (3).


malanzaaa_Layout 1 18/05/13 10:48 Pagina 5

LA COLTIVAZIONE 1

2 1 Utilizziamo vasetti di torba mettendo un seme per vaso e mantenendoli a una temperatura di 16-18 °C, oppure acquistiamo le piantine pronte per essere messe nel terreno. Trapiantiamo in piena terra quando le piante hanno almeno due-tre foglie.

3

2 Interriamo le piantine tra maggio e giugno estraendo attentamente il pane di terra.

4

3 Le radici col pane di terra vanno inserite in una buchetta sufficientemente profonda per coprirle interamente. Se effettuiamo il trapianto nelle ore calde della giornata, immergiamo prima il vasetto in acqua non fredda o bagniamo il fondo della buca in modo che le radici trovino il giusto ambiente.

5

4 Dopo il trapianto immettiamo nella buchetta una buone dose d’acqua a temperatura ambiente.

6

5 Quando la pianta ha iniziato a crescere predisponiamo un tutore a cui la legheremo durante il suo sviluppo. 6 Durante la crescita manteniamo sgombro il terreno da erbe infestanti.

CURE E PREVENZIONE Per combattere la peronospora conviene irrorare la pianta con poltiglia bordolese (solfato di rame). 1 Si prepara la poltiglia sciogliendo 20 g di preparato in 2 litri d’acqua e mescolando fino a quando il composto è completamente sciolto. La poltiglia bordolese si spruzza sulla pianta senza abbondare. 2 Specifici prodotti, spruzzati sulle foglie, preservano la pianta da malattie e parassiti.

ingiardino 3 • 2013

62

1

2


WWW.GARDENA.COM

Raccordi rapidi. Collegano il tubo in un attimo.

Tubi da giardino. Rinforzati. Di prima qualità. Resistenti alla pressione.

Raccordi “acqua-stop”. Pratici, per non dover chiudere ogni volta il rubinetto.

Lance da innaffiaggio. Il modello giusto per ogni esigenza.

ACQUA CON UN SEMPLICE CLICK. Original GARDENA System: collega tutto ciò che ti serve per l’irrigazione.

AD081_G_OGS_195x267_IT.indd 1

2013-03-06 10:00


pav_Layout 1 18/05/13 09:27 Pagina 1

PAVIMENTI DI LEGNO

ingiardino 3 • 2013

64


pav_Layout 1 18/05/13 09:27 Pagina 2

Le pavimentazioni di legno sono particolarmente confortevoli e piacevoli alla vista, ma per durare a lungo devono essere posate correttamente: non è difficile!

R

ealizzare una pavimentazione esterna in legno ci offre la possibilità di fruire al meglio degli spazi immediatamente adiacenti all’abitazione, ma anche di fornire solida base per verande, gazebo, realizzare camminamenti ecc. Solida, di aspetto gradevole, lascia sgrondare l’acqua piovana e offre una superficie calpestabile sempre nel pulito. Sono particolarmente indicati i legnami molto compatti, estremamente durevoli e trattati in autoclave con sali di boro e rame che rendono le fibre di legno inappetibili per i vari parassiti animali e fungini. Un’ulteriore assicurazione per una lunga durata è fornita dalla tecnica di posa che offre la possibilità di far circolare aria sotto le tavole e rende l’asciugamento più rapido evitando zone scivolose e rallentando il degrado del legno. Alcune tipologie di pavimentazione possono essere poste in opera in modo stabile e sicuro, ma provvisorio, in modo da poterle togliere durante la cattiva stagione quando la fruizione del giardino si riduce. La manutenzione è ridotta in quanto si tratta di prodotti pretrattati, ma un periodico trattamento con impregnanti antimuffa è sempre bene eseguirlo.

COSA CI SERVE Le tipologie di prodotti che servono alla realizzazione di pavimentazioni in esterno sono molto diversificate e rispondono a esigenze varie di pavimentazione.

1 Listone rigato in douglas lungo 3 metri con sezione da 28x120 mm. Costa euro 72 il m2.

1

2

2 Listone zigrinato a doppia femmina in pino lungo 3 metri, sezione 28x120 mm. Costa euro 40 il m2. 3 Maxi quadrotte in pino da 1000x1000 mm spesso 20+15 mm. Può essere anche posato sul prato per pavimentazioni e camminamenti provvisori. Costa euro 33 il pz. 4 Pedana in larice naturale 500x500 mm spesso 18+18 mm. Costa euro 19,50 il pz. Guercio (www.guercio-forma.it)

3

4

ingiardino 3 • 2013

65


pav_Layout 1 18/05/13 09:27 Pagina 3

1

ELEMENTI DI SOSTEGNO

2

1 Il sottofondo ideale è una gettata armata con rete elettrosaldata o una superficie compattata e coperta di ghiaietto. 2 I cuscinetti di appoggio servono da protezione strutturale per gli elementi di sostegno lasciando una distanza tra la fondazione e la sottostruttura, evitando l’acqua stagnante e la decomposizione del legno.

1

2

MONTAGGIO CON SUPPORTI 1 Il set guida per pavimentazioni esterne garantisce un’avvitatura precisa e regolare dei listoni sull’orditura di base in quanto consente l’esatto posizionamento dei fori sui listoni da posare.

3

2 La guida è regolabile per listoni larghi 90-145 mm.

4

3 I supporti di appoggio si posizionano sotto l’elemento da fissare e si montano con viti sui punti preforati con l’aiuto della guida. 3 Il listone si ruota di 180 gradi e si colloca, ben allineato, sui travetti di sostegno. 4,5 I supporti si fissano ai travetti per avvitatura. La sporgenza del supporto permette di collocare il listone successivo alla giusta distanza. 6,7 I supporti terminali vengono avvitati alle teste dei travetti di sostegno.

5

6

ingiardino 3 • 2013

66

7


pav_Layout 1 18/05/13 09:28 Pagina 4

I DISTANZIALI A SERPENTINA I distanziali servono come protezione strutturale per i listoni. Lasciano 8 mm di distanza tra i listoni per terrazze e la sottostruttura; garantiscono un’ottima areazione tra la superficie e la sottostruttura evitando i ristagni d’acqua.

MONTAGGIO CON SERPENTINA

1

2

3

4

1, 2 Il supporto a serpentina si stende sulla faccia superiore dei travetti di sostegno e si avvita a questi. 3 I listoni vengono poggiati sull’elemento fissato ai travetti; in questo modo si può variare (e quindi anche ridurre al minimo) la distanza tra listone e listone. 4 Montando sul trapano l’accessorio per avvitatura con cappuccio di plastica con “ispezione” dell’inserto e della vite, si procede alla collocazione delle viti di fissaggio. La profondità di avvitamento è regolabile. 5 Man mano che si procede con la posa e il fissaggio dei listelloni è bene controllare con la livella a bolla che il piano sia perfettamente orizzontale e non vi siano elementi sopraelevati o troppo incassati. Wolfcraft (www.wolfcraft.it)

5

ingiardino 3 • 2013

67


pav_Layout 1 18/05/13 09:29 Pagina 5

1

MANUTENZIONE PERIODICA 1 Anche se gli elementi in legno per pavimentazione esterna sono trattati in autoclave, è buona norma intervenire con prodotti protettivi per mantenerli in buon stato di conservazione. L’intervento più adeguato consiste nello stendere due-tre mani di protettivo-impregnante che penetri in profondità nelle fibre del legno e costituisca un ambiente ostile per insetti fitofagi e funghi di vario tipo. è consigliabile anche un trattamento con prodotti idrorepellenti.

2

2 Dopo una prolungata esposizione agli agenti esterni, è possibile che il legno risulti macchiato o annerito. In tale situazione possiamo noleggiare una lamatrice-carteggiatrice per pavimentazioni in legno con cui asportare lo strato danneggiato. Procediamo poi con impregnante e finitura idrorepellente.

DEED LOTTA ALLE FORMICHE Una linea completa di prodotti per eliminare la fastidiosa presenza delle formiche Disponibile in quattro differenti formati: liquido pronto all’uso, da spruzzare direttamente sulle formiche e nei luoghi dove se ne è notata la presenza, agisce rapidamente e rimane attivo per circa una settimana dall’applicazione; in polvere microgranulare, arricchito di sostanze attrattive a lunga persistenza, utilizzabile dentro e fuori le mura domestiche per il controllo di tutte le specie di formiche, scarafaggi, pulci, ragni; in gel, nei pratici formati trappola o siringa per l’eliminazione dell’intero formicaio. Le formiche entrano in contatto con il gel e ne rimangono imbrattate, trasportandolo all’interno della colonia e facilitandone la diffusione. Nell’arco di pochi giorni la colonia viene interamente eliminata. BLUMEN (www.blumen.it) ingiardino 3 • 2013

68


pav_Layout 1 18/05/13 09:29 Pagina 6

formazione

La IV edizione del più grande evento italiano dedicato alla moto coltura, alla cura e manutenzione del verde si terrà dal 21 al 23 settembre 2013 al Parco Giardino Sigurtà, uno dei parchi più straordinari al mondo che attira visitatori appassionati e professionisti da tutto il mondo. A DEMOGARDEN le più importanti aziende del settore motocoltura e giardinaggio presenteranno e faranno provare tutte le novità e le anteprime. Professionisti e tecnici del verde, appassionati e hobby farmer potranno provare, direttamente sul campo, tutte le proposte dell’anno e partecipare a seminari teorico/pratici di aggiornamento. I maggiori esperti del settore saranno a disposizione per farvi conoscere i segreti delle piante, degli alberi e dei manti erbosi. Ingresso, prove e incontri sono gratuiti (registrazione obbligatoria su www.demogarden.it).

www.demogarden.it INFO:

demogarden

demogarden

Fiere e Comunicazioni SRL Corso Sempione 33, 20145 Milano / tel. 02 86451078 / fax 02 86453506 / gcapella@fierecom.it


Davaaromat_Layout 1 18/05/13 09:50 Pagina 1

DAVANZALE D’AROMI Realizziamo un pratico contenitore di legno in cui mettere a dimora le nostre piante aromatiche utili in cucina

ingiardino 3 • 2013

70


Davaaromat_Layout 1 18/05/13 09:50 Pagina 2

Q

uesta colorata fioriera accoglie i vasetti con le erbe aromatiche utili in cucina. La costruiamo utilizzando listelli e perline uniti con colla (di tipo “marino”, resorcinica o fenolica) e viti. La possiamo smaltare nel colore per esterni che preferiamo, purché non dannoso per le piante: preferibilmente smalto ad acqua. Prima, però, è indicato trattare il legno con un impregnante protettivo. Il rivestimento di ceramica sul lato anteriore la rende particolarmente originale: possiamo utilizzare piastrelle che abbiamo già in casa e divertirci ad accostare colori diversi, magari in armonia con quelli delle piante che vogliamo coltivare, adattando le misure dell’intelaiatura in legno alle piastrelle. Le dimensioni indicate nel disegno e nella lista dei materiali sono calibrate su un davanzale profondo 27-28 cm, ma possono essere adattate per profondità diverse. Può risultare utile, soprattutto per i piani alti, realizzare un sistema di ancoraggio che dia sicurezza e stabilità all’insieme, magari costituito da gancetti da collegare al telaio della finestra.

Servono: perline da 20x100 mm: 2 pezzi (A) da 720 mm; 4 pezzi (B) da 220 mm: listelli sezione 20x40 mm: 2 pezzi (C) lunghi 760 mm; listelli sezione 20x55 mm: 8 pezzi (D) lunghi 205 mm; listelli sezione 15x50 mm: 4 pezzi (E) lunghi 760 mm; listelli sezione 5x55 mm: 2 pezzi (F) lunghi 720 mm; 6 piastrelle 115x115 mm; viti 3,5x40 e 3,5x20 mm; colla marina; stucco epossidico; impregnante protettivo; smalto all’acqua.

Perline da 20x100x220 mm

Perline 20x100x720 mm A

B

D

A

B

D

D

F

C

Listello da 20x55x250 mm

D

D

E

Listello sagomato da 20x40x760 mm

Listello da 20x55x250 mm Piastrelle di ceramica

ingiardino 3 • 2013

71


Davaaromat_Layout 1 18/05/13 09:50 Pagina 3

COSTRUZIONE E FINITURA 1

2

3 1 Dopo aver tagliato tutti i pezzi a misura (e averli trattati con impregnante) rifiniamo i tagli con carta vetrata e passiamo all’assemblaggio: fianchi e lato posteriore si realizzano sovrapponendo due listelli di perline. Ogni giunzione va stabilizzata con viti e colla marina, serrando con i morsetti. La cornice esterna delle piastrelle si ricava da una perlina tagliata a misura: la battuta di contenimento delle piastrelle si ottiene eliminando il bordo interno lato femmina della perlina. 

4

2 Facciamo una prova di inserimento con una piastrella per controllare esattamente le misure. Avvitiamo poi i listelli del fondo, distanziati tra loro per lo sgrondo delle acque, e gli otto listelli di spigolo, che sporgono in basso e fungono anche da piedini. 3 Nascondiamo la testa delle viti coprendola con stucco per legno, che lasciamo asciugare e carteggiamo; infine smaltiamo. 4 Inseriamo le piastrelle e blocchiamole dall’interno avvitando i due listelli già smaltati.


5 fiale per meno ingombro e più praticità. Conta su Fito Concime Fiale.

UTTA PRI T MA O C S AM LA G

Cinque è il numero magico per la concimazione delle tue piante. 5 referenze - piante verdi, piante fiorite, orchidee, piante orticole da terrazzo, Unico concime - 5 fiale, 5 tacche di dosaggio e 5 i litri d’acqua che si possono preparare utilizzando le più comuni bottiglie d’acqua presenti in ambiente domestico. La fiala è la vera rivoluzione della concimazione in appartamento e balcone, dove spesso il numero di piante da concimare è limitato. Più comoda e meno ingombrante si adatta meglio al numero di piante da concimare, evitando errori di dosaggio e inutili sprechi. www.fito.info Seguici su


acquaa_Layout 1 18/05/13 09:59 Pagina 1

PREZIOSA COME L’AC Q Essenziale per piante, fiori, prato e orto dobbiamo approvvigionarcene e somministrarla con oculatezza, sia per ridurne il consumo sia per fornirla nel miglior modo e con l’adeguata modalità al nostro verde

Q

uando e quanto irrigare? Spesso lo facciamo di sera perché ciò evita uno shock termico alle piante, anche se la presenza di un velo d’acqua su foglie e fiori per tutta la notte può favorire l’insorgere di funghi molto aggressivi. Una corretta irrigazione andrebbe eseguita al mattino presto, quando l’evaporazione è ancora contenuta per qualche ora, ma è imminente il sopraggiungere del sole. In questo modo le piante hanno a disposizione l’acqua di cui necessitano, ma è assicurata l’asciugatura superficiale entro un tempo ragionevole. A temperature elevate, specie nelle ore centrali della giornata, le cellule vegetali degenerano surriscaldandosi e questo si ripercuote inevitabilmente sui processi vitali della pianta. Per evitarlo eseguiamo brevi cicli di irrigazione allo scopo di ridurre la temperatura superficiale, soprattutto delle superfici a prato. è imperativo ridurre gli sprechi d’acqua, imparando a consumare solo quella necessaria per risparmiare e preservare una risorsa sempre più preziosa: è un accorgimento che tutti noi amanti del giardinaggio dovremmo sempre adottare. Il primo passo per un risparmio consistente risiede nella progettazione del giardino in modo da valorizzare e sfruttare appieno le caratteristiche “microclimatiche”, come l’esposizione, le zone d’ombra (adatte alle piante giovani), le barriere architettoniche (recinzioni, muri), il vento ecc. L’irrigazione per aspersione è generalmente poco efficiente: si può sprecare fino al 50-70% dell’acqua emessa se male utilizzata. Il difetto principale è che fornisce la stessa quantità di acqua a tutte le piante, anche se differentemente “idroesigenti”, ma risulta indispensabile però per il prato.

ingiardino 3 • 2013

74


acquaa_Layout 1 18/05/13 09:59 Pagina 2

C QUA


acquaa_Layout 1 18/05/13 09:59 Pagina 3

da dove ci arriva

1

2

DALL’ACQUEDOTTO In generale l’acquedotto è la fonte primaria di acqua per irrigazione, soprattutto per chi abita in città. Gli enti distributori di acqua potabile usano addizionarla con cloro, a una concentrazione che solitamente è di 1 ppm (1 parte per milione). Questa operazione viene fatta per controllare i batteri mucillaginosi che si sviluppano naturalmente nei serbatoi e nelle condutture. L’addizione di cloro non è affatto dannosa per le piante, tanto che, talvolta, si usa aumentare la dose fino a 4-5 ppm.

1

DAL POZZO L’acqua del pozzo è ottima per l’irrigazione perché, a parte il calcare, di norma non contiene sostanze nocive, ma è piuttosto fredda. D’estate un pozzo tradizionale può contenere meno di un metro cubo d’acqua, quantità che si esaurisce in fretta. Il problema della quantità d’acqua non è secondario, soprattutto per chi non deve innaffiare solo un prato, ma magari ha anche un orto o zone del giardino che necessitano di irrigazioni frequenti. L’acqua del pozzo artesiano è disponibile in quantità praticamente illimitata, però la perforazione del pozzo necessita di un’autorizzazione specifica.

Comando pompa Prelievo

Galleggiante Pompa sommersa

1

DAL RECUPERO La raccolta della pioggia può costituire un notevole apporto di acqua gratuita. Collegando le grondaie e i pluviali a sistemi di accumulo (in genere cisterne), è possibile disporre di molta acqua, che presenta generalmente una buona qualità. Esistono sul mercato numerose soluzioni tecnologiche per la raccolta e l’uso in giardino di acqua piovana. L’acqua deve essere utilizzata entro pochi giorni altrimenti potrebbe diventare habitat per le larve di dittero (mosche e altri insetti). Per conservare l’acqua piovana per più giorni, possiamo aggiungere prodotti appositi per evitare lo svilupparsi di organismi vari. ingiardino 3 • 2013

76

2


acquaa_Layout 1 18/05/13 09:59 Pagina 4

2

1 Presa snodata per rubinetto che impedisce al tubo di strozzarsi, deformandosi, grazie allo snodo a tenuta d’acqua. 2 Per comandare in automatico più linee di irrigazione (fino a 6 ), in abbinamento a una centralina programmabile possiamo utilizzare un distributore automatico. Le linee vengono attivate in sequenza in base al programma del computer. 3 I distributori a due o quattro vie consentono di avere rispettivamente due o quattro prese d’acqua distinte e di alimentare in contemporanea diverse tubazioni.

1 Sezione di un pozzo dotato degli elementi necessari per il prelievo dell’acqua. La pompa sommersa, azionata da un interruttore esterno, pompa acqua che può essere prelevata da un rubinetto. Un elemento galleggiante esclude l’alimentazione elettrica della pompa quando il livello dell’acqua risulta insufficiente, impedendole di girare a vuoto, danneggiandosi. 2,3 Tipi diversi di pompe sommerse.

2

3

3 2

3

4

4 Pompa manuale a leva dotata di un lungo tubo che pesca vicino al fondo del pozzo. Premendo e sollevando la leva si aziona uno stantuffo che aspira l’acqua.

1 Cisterna per acqua piovana in legno, solido e pitturabile a piacere. La guaina interna è in PVC, sagomata, robusta e resistente al gelo. C’è anche la possibilità di collegare insieme più cisterne. 2 pompa per cisterna, ideale per prelevare acqua, per alimentare una lancia da innaffiaggio. 3 Filtro deviatore da montare sulla discesa dalla grondaia. Consente di convogliare l’acqua dal pluviale. Al suo interno è installato un filtro centrifugo per eliminare foglie e rametti e un filtro a maglia stretta, estraibile, per trattenere le impurità.

Presa d’acqua Irrigatori

I prodotti raffigurati in queste pagine sono di Gardena (www.gardena.com/it)

Pompa

Schema generico dell’impianto di raccolta, accumulo e utilizzo di acqua piovana.

Collettore da grondaia

Tubo di pescaggio

Vasca interrata

ingiardino 3 • 2013

77


acquaa_Layout 1 18/05/13 09:59 Pagina 5

distribuirla in giardino 1

L’acqua di irrigazione utilizzata in giardino si suddivide, in proporzioni variabili, tra prato, piante e fiori. Per il prato si può installare un impianto di irrigazione interrato azionato da una centralina programmabile, mentre per piante e fiori è conveniente un’irrigazione “mirata” tramite lance di vario tipo.

1 L’irrigatore Minioscillante serve per bagnare con una pressione minima zone quadrate o rettangolari e offre la possibilità di regolare l’intensità del getto e la superficie da raggiungere.

2 Per risparmiare sull’irrigazione automatica conviene bagnare solo quando le piante hanno sete. Si tratta, quindi, di utilizzare il Tester di umidità collegabile alla centralina. L’apparecchio rileva l’umidità del terreno e dà (o nega) il consenso all’irrigazione. Il grado di sensibilità del sensore è regolabile manualmente, per un’impostazione personalizzata. L’indicazione del grado di umidità del terreno è diretta grazie al comodo led. Gardena (www.gardena.com)

2

ingiardino 3 • 2013

78


acquaa_Layout 1 18/05/13 09:59 Pagina 6

1

2 3

1 Centralina programmabile per l’irrigazione automatica di due diverse aree. Fino a 3 differenti irrigazioni giornaliere per ciascuna uscita con durata variabile da 1 minuto a 3 ore e 59 minuti. Definizione libera dei giorni di esecuzione. 2,3 Per irrigare i fiori con getti ampi e delicati possiamo attrezzarci con una delle moderne lance a getto regolabile e con comando dell’afflusso dell’acqua. Con un impianto idrico interrato possiamo disporre di prese d’acqua in vari punti del giardino. 4,5 Gli irrigatori a spruzzo di vario tipo e oscillanti sono indicati per irrigare superfici quadrate o rettangolari, mentre gli irrigatori a turbina sono ideali per l’irrigazione a settori o a 360° per un diametro di 20-21 m. Verdemax (www.verdemax.it)

4

5

IRRIGARE CON UN’APP Scaricabile gratuitamente dall’App Store, il catalogo Claber può essere sfogliato sfruttando tutte le possibilità della tecnologia digitale. Si possono infatti memorizzare le pagine preferite, cercare i prodotti che interessano ecc. La App catalogo Claber è ricca di video e schede didattiche, per conoscere le funzionalità e le caratteristiche dei prodotti e realizzare, anche da soli, un impianto di irrigazione per il proprio giardino, orto o terrazzo. Claber (www.claber.it)

ingiardino 3 • 2013

79


acquaa_Layout 1 18/05/13 09:59 Pagina 7

come la usiamo nell ’orto L’orto va irrigato in maniera differenziata per ogni tipologia di ortaggio in quanto le esigenze quantitative e temporali sono molto diverse. In generale bisogna porre particolare attenzione alla temperatura dell’acqua, che deve essere il più possibile vicina a quella dell’ambiente. Gli ortaggi possono essere seriamente danneggiati da acqua troppo fredda. Sempre in generale, l’irrigazione va fatta il mattino o la sera ed è buona norma evitare di bagnare le foglie per non favorire lo sviluppo di parassiti.

Un sistema molto pratico per irrigare con tubazioni e gocciolatori, fornendo contemporaneamente nutrimento alle piante, consiste nell’utilizzare il dosatore automatico per concime liquido che miscela il concime con l’acqua di irrigazione. è fornito di un serbatoio con ampia apertura per il riempimento e indicatore di livello. Gardena ingiardino 3 • 2013

80


acquaa_Layout 1 18/05/13 09:59 Pagina 8

IL TUBO POROSO Ai sistemi classici di microirrigazione con erogatori a gocciolamento posti in prossimità delle piante, possiamo affiancare le praticissime condutture “porose” che, quando vengono riempite d’acqua, trasudano goccioline in continuo e uniformemente. Questi tubi possono essere utilizzati sia interrati sia in superficie e permettono un buon risparmio rispetto ai sistemi tradizionali, in quanto l’acqua che viene ceduta dal tubo viene totalmente assorbita dalla terra e utilizzata dalle piante senza alcuna dispersione, per cui i cicli di irrigazione possono essere più brevi. Alcuni modelli sono già dotati di raccordo per attacco al tubo idrico, con annesso parzializzatore per assicurare un’ottimale regolazione del flusso d’acqua e di stop di chiusura per consentire un semplice prolungamento del tubo. Nella sequenza a lato: le semplici operazioni di derivazione dal tubo principale di diramazioni di tubo poroso che viene affrancato al terreno con appositi accessori a fittone.

IRRIGAZIONE PER SCORRIMENTO E INFILTRAZIONE L’irrigazione a scorrimento è molto pratica ed efficace. Si tratta di realizzare tra le file di ortaggi un solco profondo 10-15 cm in cui far correre acqua fornita da un tubo idrico o da un’altra fonte continua. Tale sistema ha il vantaggio di far pervenire acqua direttamente alle radici senza coinvolgere l’apparato fogliare, che rimane asciutto, riducendo la possibilità di sviluppo di infestanti e di muffe.

ingiardino 3 • 2013

81


acquaa_Layout 1 18/05/13 09:59 Pagina 9

sul terrazzo e in casa

Per irrigare adeguatamente i vasi del terrazzo (o di casa) possiamo attrezzarci con un dispositivo autonomo in grado di irrigare fino a 16 vasi di medie dimensioni per 14/18 giorni. Tramite un dosatore automatico, viene erogata la quantità opportuna di acqua, sufficiente a mantenere la giusta umidità della terra. Dotato di un serbatoio da 18 litri, può distribuire da 1 a 2 litri d’acqua al giorno ad intervalli precisi e regolari. Provvisto di dispositivo anticalcare. Claber

ingiardino 3 • 2013

82


Biosec è ideato e realizzato da Tauro Essiccatori - Tel. 0444 - 719046 - www.tauroessiccatori.com

lorenzopuppo

Non sempre è bene avere una “marcia” in più.

Con l’essiccatore Biosec puoi conservare a lungo frutta e verdura per consumarle in tutte le stagioni. Biosec è l’esclusivo essiccatore Made in Italy che completa la cucina con preziose e sane delizie. Con Biosec i sapori di frutta, ortaggi, funghi ed erbe si preservano intatti, per conservare il buon gusto della tradizione in modo nuovo ed originale.

Con Biosec si possono conservare a lungo i migliori prodotti della natura, fermandoli nel tempo nel loro momento migliore per poi consumarli durante tutto l’anno. Perfetto per chi ha un orto o un frutteto, Biosec permette di godere tutto l’anno di gustose primizie.

Essiccare in casa, naturalmente.

Scopri il blog con ricette e consigli su essiccare.com

Acquista on line su tauroessiccatori.com


BARB_Layout 1 18/05/13 10:04 Pagina 1

PA

ingiardino 3 • 2013

88


BARB_Layout 1 23/05/13 15.44 Pagina 2

PASSIONE BARBECUE! Per piacevoli serate estive affidiamoci al giusto barbecue che ci permette di cucinare all’aperto, in un angolo del giardino o sul terrazzo, in piena libertà

S

cegliere il tipo giusto di barbecue è fondamentale e, per farlo, dobbiamo porci alcune domande: per quante persone cucineremo? Quanto è grande lo spazio all’aperto? Preferiamo il carbone tradizionale o la comodità del gas? E ancora: una volta scelto quello che fa per noi, adotteremo la cottura diretta o indiretta? Questi ultimi due concetti sono fon>>>

COTTURA DIRETTA O INDIRETTA? La cottura diretta (1) prevede la sistemazione della griglia con il cibo direttamente sulla fonte di calore, rigirando il cibo una volta, a metà tempo di cottura. Si utilizza il metodo della cottura diretta per salsicce, costolette, spiedini, verdure, tranci di pesce o altri cibi che richiedano meno di 25 minuti di cottura. La cottura indiretta (2) è simile a quella del forno. Il barbecue è dotato di un coperchio chiuso: il calore aumenta e viene riflesso in modo omogeneo tutt’attorno al cibo. Si utilizza il metodo indiretto per cucinare carni come prosciutti, tranci da arrostire, costine, polli. In pratica, tutti i cibi che richiedano più di 2025 minuti di cottura. Esistono barbecue a carbone, gas ed elettrici per entrambi i sistemi di cottura.

1

2

I barbecue e gli accessori raffigurati in questo articolo sono di Weber (www.barbecueweber.it) ingiardino 3 • 2013

89


BARB_Layout 1 18/05/13 10:04 Pagina 3

damentali per un’ottima qualità di cottura e di ricchezza di gusto. A CARBONE, A GAS O ELETTRICO? Questa è veramente la prima decisione da prendere, ma siamo comunque fortunati: non ci sono differenze di sapore nei due sistemi di cottura. La scelta è strettamente personale e dipende da molti fattori come, per esempio, la vicinanza di altre abitazioni che potrebbe sconsigliare il barbecue a carbone, per l’emissione (almeno iniziale) di fumi. Poi c’è un fatto oggettivo di manualità, quindi possiamo desiderare di avere un fuoco perfetto solo premendo un pulsante, poter regolare con precisione la temperatura senza dover preparare la carbonella, eliminare le ceneri ecc. Il gas offre tutto questo. La terza via è quella degli apparati elettrici che non danno origine a gas combusti e si possono adoperare anche in casa. Oggi, comunque, i produttori di barbecue ci offrono tutte le soluzioni possibili: anche quelle che stanno a metà strada tra carbonella e gas ed altre combinazioni. Da non molto si sono affacciati sul mercato anche i barbecue a pellet che uniscono al piacere del fuoco di legna una particolare facilità di gestione e pulizia. Non mancano, infine, i grandi “completi” da giardino che uniscono il barbecue al forno, alla cucina. Si tratta di costruzioni vere e proprie con pannelli prefiniti, tetto, grondaia e piani di lavoro, cucine all’aperto che ci fanno vivere meglio l’estate. Il punto focale è comunque la perfetta cottura di carni e verdure che, per dirla come gli Americani, deve seguire il concetto “low and slow”, cioè fuoco basso e cottura lenta. ingiardino 3 • 2013

90

Barbecue Q-240.


BARB_Layout 1 18/05/13 10:04 Pagina 4

A GAS L’utilizzo del barbecue a gas è indubbiamente molto facile e presenta il vantaggio di ottenere immediatamente una fiamma adeguata per la cottura diretta. Dopo aver aperto il volantino della bombola, si chiude il coperchio e si attende che il grill e il vano cottura raggiungano la temperatura desiderata (175-230 °C), quindi si collocano i cibi da cuocere. Il passaggio da cottura diretta a indiretta è quasi istantaneo: basta spegnere uno o più bruciatori e posare gli alimenti sopra questi ultimi. Si regolano i bruciatori che rimangono accesi alla temperatura desiderata. Quando si chiude il coperchio i cibi posti sopra i bruciatori spenti cuoceranno perfettamente grazie al calore del vano.

Barbecue Spirit premium S-320 Inox

A CARBONE Si usa carbone di legna o carbone naturale in bricchetti che si dispongono sul fondo del braciere, inizialmente formando una piramide per facilitare l’accensione, poi, quando il carbone è diventato ardente, si distribuiscono secondo la tipologia del cibo da cuocere. Si può disporre la brace tutta da una parte in modo da avere zone a diversa temperatura e per facilitare la cottura a calore indiretto. Oppure si può predisporre un letto uniforme. L’accensione del carbone è bene sia effettuata con pezzetti di legna, anche se il liquido accendifuoco è molto pratico. In questo caso utilizziamone poco per non dare al tutto un sapore di petrolio. Le braci ardenti mantengono un calore elevato per oltre un’ora e possono essere reintegrate con aggiunte di carbone (ma attendiamo che il carbone aggiunto sia ben arroventato prima di cuocere i cibi). A fine cottura si lascia spegnere il carbone senza movimentarlo.

ELETTRICO Vi sono numerose situazioni in cui o non è possibile o è sconsigliabile utilizzare barbecue a gas o carbone: tipico è il caso dei condomini che vietano esplicitamente l’utilizzo di apparecchi a fiamma libera per la cottura dei cibi, sui terrazzi. Il problema si risolve brillantemente equipaggiandoci con un barbecue elettrico, con coperchio deflettore di calore, che è in grado di cuocere i cibi alla perfezione. Sono disponibili modelli da appoggio o con supporto autonomo, dotati di manopola di regolazione del calore e ampie maniglie per il trasporto. Adeguatamente posizionati possono essere agevolmente utilizzati anche all’interno dell’abitazione.

Barbecue Performer Original 57 cm.


BARB_Layout 1 18/05/13 10:04 Pagina 5

AFFUMICARE? SI PUÒ! Quando abbiamo acquisito un poco di dimestichezza con la cottura al barbecue, possiamo salire di qualità e provare la cottura con affumicazione, che conferisce ai cibi una particolare gradevolezza. Per farlo si deve inizialmente riempire la “ciminiera” d’accensione per un terzo della sua capienza con i bricchetti di carbone. Quando questi sono ben incandescenti si spostano su un lato del barbecue e si posa una vaschetta usa e getta in alluminio dalla parte opposta. In essa si versano 2-3 bicchieri d’acqua. Dopo circa 45 minuti la temperatura della brace si sarà ridotta e l’acqua sarà calda. A questo punto si collocano sulla brace i trucioli per affumicatura e i cibi sulla griglia di cottura. Si chiude il coperchio e si procede con la cottura dei cibi. Quando l’acqua della vaschetta scarseggia si aggiunge altra acqua. La temperatura va mantenuta tra i 130 e i 180 °C . Quando il cibo è cotto ha acquisito un piacevole aroma affumicato.

Esiste un’ampia scelta di legni per affumicatura: faggio, alberi da frutta, noce o mesquite. Non bisogna eccedere nell’aggiunta di legno per affumicatura: è bene cominciare con pochissimo e aumentare poco per volta in cotture successive fino a individuare il gusto più piacevole al palato. Non dobbiamo usare legni resinosi (conifere) perché producono un fumo acre.

ingiardino 3 • 2013

92

GLI ACC ESSO Per un impiego a largo raggio del barbecue sono utili alcuni accessori che ne ampliano le possibilità e facilitano la preparazione di cibi. Eccone alcuni tra i più utili.

Graticola per pesce o polenta che facilita la cottura da ambo i lati.

Pietra refrattaria rotonda per preparare pizze alla perfezione.

Termometro digitale per controllare lo stato di cottura dei cibi.

Spazzola con setole metalliche per pulizia della griglia.

Vaschette in alluminio con funzione di leccarda o per l’affumicatura dei cibi.


BARB_Layout 1 18/05/13 10:04 Pagina 6

I ACC ESSORI Girarrosto con motorino elettrico per barbecue a bocca circolare.

Kit di accessori per muovere e prelevare il cibo in cottura.

SI CUCINA DI TUTTO Spesso commettiamo l’errore di utilizzare il barbecue esclusivamente per la cottura di carne o pesce e, anche per questi cibi, ci limitiamo ad “arrostire” le carni. Si possono, invece, preparare numerosi altri tipi di cibi, con cotture diverse. Un grande aiuto ci viene dal corposo volume “La Bibbia Weber del Barbecue”, nel quale, oltre a preziosi consigli sull’uso di questo mezzo di cottura, sono contenute numerosissime ricette. Scopriamo come si possano cucinare anche i frutti di mare, la frutta, le pannocchie di mais, la noce di cocco, il riso, la pizza e tanto altro. Ma troviamo anche ricette incredibili come la torta di banane, le fragole grigliate, il camembert in foglie di vite, l’insalata di pere e prosciutto. Non si tratta di “invenzioni” culinarie, ma di vere e proprie preparazioni di alta cucina che vedono il barbecue come elemento centrale di preparazione.


RedaBrigs_Layout 1 23/05/13 15.45 Pagina 1

FORMAZIONE B&S Da quando Briggs & Stratton ha lanciato il nuovo sistema di distribuzione in Italia attraverso i suoi nuovi sette Centri Autorizzati, il suo impegno nella formazione delle officine autorizzate è stato costante e intenso

NUOVE OFFICINE AUTORIZZATE BRIGGS & STRATTON Ditta Borreca Eugenio (Benevento), Garden & Point srl (Limatola, BN), Officina Meccanica Crescenza Pietro (Cisternino, BR), F.lli D'Atri di D’Atri V & D Snc (Castrovillari, CS), Officina Meccanica Meraglia Paolo (Ruffano, LE), De Giuseppe Alessandro Macc. Agricole (Uggiano La Chiesa, LE), Agrimeccaniche snc di Broglia Valerio & C. (Corridonia, MC), Emporio Agrario (Olbia, OT), De Leonardis Giuseppe (Potenza), 100% Service di Panfilio Simone (Adria, RO), Agricola Campania Sas (Campagna, SA), Tutto Motori di Boccuto Giuseppe & C. Sas (Orgiano, VI), Balboni Andrea (Occhiobello, RO), Garden Piave Srl (Conegliano, TV), Macoratti snc (San Giorgio di Nogaro, UD), Nautica Viterbo Garden (Gizzera Lido), Sacco Orazio (Carpino, FG), Della Noce Renato & C. Snc (Crema, CR), R.A.I.O. Srl (San Pietro Capofiume, BO), O.M.A. di Rosario Zanzarelli (Oria, BR), Scavo Forest e Garden (Decollatura, CZ), Rongioletti Italo Vincenzo (Lucera, FG), 2P Riparazioni di Ballotti Sauro (Pavullo di Frignano, MO), Carella Marco (Castel San Giovanni, PC), Grisolia Gianfranco Agritecnica (Lauria, PZ), Spazio Verde snc di Mascherin Marco e Luca (Udine), Motoriparazioni Sorgato Morgan (S. Angelo di Piove di Sacco, UD), Stratta Srl (Albiano d'Ivrea, MO), Agrocenter Bolzen (Cornedo all'Isarco, BZ) e Centro Senese (Siena).

ingiardino 3 • 2013

94

B

riggs & Stratton ha, da sempre, molta attenzione alla rete di distribuzione e di assistenza post vendita, con l'obiettivo di segnare un nuovo passo in avanti verso il cliente finale, garantendo un servizio ancor più professionale e diretto, affermandosi nuovamente tra i migliori produttori di macchine e attrezzature per la cura del verde nel mercato europeo e mondiale. In questa direzione si sono svolte, presso la sede centrale di Quinto di Treviso, le prime sessioni 2013 dei corsi per le nuove officine autorizzare Briggs & Stratton. Le sessioni di corsi sono state tre: la prima dal 12 al 14 febbraio, la seconda dal 19 al 21 febbraio e l'ultima dal 19 al 21 marzo. I temi affrontati sono stati molti, dalle informazioni generali su Briggs & Stratton agli aggiornamenti sulla gamma motori e presentazione dei nuovi prodotti, ma anche approfondimenti sui componenti principali dei motori, analisi delle rotture, procedure di garanzia. Briggs & Stratton (www.briggsandstratton.com)


news_Layout 1 18/05/13 10:11 Pagina 77

news verdi orticola a milano

N

ei giardini pubblici Indro Montanelli di via Palestro a Milano, si è svolta, dal 12 a 14 maggio, la 18° edizione della Mostra mercato “Orticola” che si è confermata, ancora una volta, al massimo per la ricerca e la competenza dei suoi espositori, per la qualità e la varietà delle piante esposte, per la cultura del verde che tutti i soggetti coinvolti diffondono e che perseguono come filosofia propria. Gli espositori, sono stati 152, di cui 102 vivaisti tra grandi e piccoli, nuovi e affermati, italiani e stranieri che hanno fornito idee da cui prendere spunto per conoscere meglio più modi per comporre un piccolo giardino, con le piante più adatte ai diversi climi o al risparmio idrico, per aiutare il pubblico di appassionati a creare abbinamenti, ad accostare colori, a sperimentare con creatività! Info (www.orticola.org)

giardina 2013

S

garavatti ha partecipato a Giardina 2013, la prestigiosa fiera svizzera del giardinaggio domestico svoltasi a Zurigo dal 13 al 17 marzo. I visitatori ed i professionisti presenti a Giardina hanno avuto la possibilità di vedere in anteprima il progetto Crazy Pallet: strutture per giardini e terrazze, ma anche per la decorazione d’interni, ottenute da comuni pallet in legno nei quali il vaso brevettato Crazy Pot può essere inserito sia per la coltivazione sia per realizzare pareti verdi e fiorite. Info: www.sgaravatti.eu

ingiardino 3 • 2013

95


news_Layout 1 18/05/13 10:12 Pagina 78

news verdi festival delle rose

N

ova Gorica (cittadina slovena ubicata vicino al confine italiano presso Gorizia) nel mese di maggio si è trasformata in un turbinio di profumi, suoni e colori grazie al “Festival delle rose“, manifestazione organizzata per rendere omaggio al fiore simbolo della cittadina slovena e supportata dal Gruppo Hit che, presso le sue strutture, promuove laboratori, mostre e gastronomia a base di rosa. Tra gli appuntamenti più interessanti mostre a tema, esposizioni di diverse tipologie di rose. Info: www.bluwom.com

a villa carlotta

V

illa Carlotta è una dimora del tardo '600 situata a Tremezzo, sul Lago di Como. è un luogo dove capolavori della natura e dell'ingegno artistico convivono in perfetta armonia in oltre 70 mila metri quadrati visitabili. Dal 15 marzo fino al 14 aprile, Villa Carlotta ha festeggiato il suo straordinario patrimonio botanico attraverso la ormai celebre rassegna che rende omaggio al fiore simbolo dell’Ottocento, la camelia. Per gli appassionati botanici si sono svolti numerosi appuntamenti e visite guidate. Info: www.villacarlotta.it

urban green revolution

V

oglia di verde, di alimenti salutari e anche di darsi da fare in prima persona: sono questi gli elementi che hanno dato spunto a Urban Green Revolution, idea che consente a chi vive in una città di realizzare e di coltivare un orto in appartamento. Non c’è ovviamente bisogno di ampi spazi o di situazioni logistiche rigide e pre-impostate: il concept è infatti composto da vari prodotti acquistabili separatamente che possono essere “composti” anche in piccole o minuscole superfici o spazi trascurati. Un sistema integrato che consente di coltivare anche in habitat ristretti. Un’idea per “pensare verde” e rendere i nostri spazi e le nostre città più belle, vivibili e anche produttive. Info: Urban Green (www.smartgarden.it) ingiardino 3 • 2013

96


Pagina coupons_Layout 1 23/05/13 15.33 Pagina 2

moDulo Di abbonamento per chi non paga con il conto corrente

in giardino

Scelgo di aggiungere...

€ 18

Poiché, utilizzando questo coupon, spendo più di 70 euro in unica soluzione, riceverò gratis anche un libro del valore massimo di 13 euro. Scelgo: _____________________________

RIfARE CASA (1 anno - 6 numeri) + euro 22 fAR DA Sé (1 anno - 11 numeri + Almanacco 2013) + euro 40 fAI DA tE (1 anno - 6 numeri) + euro 16 Rotorbitale EInhELL Bt-RS 420E + euro 35 Smerigliatrice angolare SKIL 922 + euro 55

1 anno 6 riviste in giardino

scadenza carta (mese e anno)

carta di credito (Visa - MasterCard - CartaSì)

codice di controllo

assegno bancario non trasferibile n° ………………………………..……………………………...... della banca ………………………………………………………...........… intestato a eDibrico srl contrassegno postale (7 euro per tassa di contrassegno) bonifico bancario cariparma

iban I t 4 3 Q 0 6 2 3 0 4 8 3 1 0 0 0 0 0 4 6 3 3 0 9 4 6

nOME

6 numeri con speciale Almanacco

COGnOME tELEfOnO

COGnOME ChE C’E’ SuL CAMPAnELLO VIA

n° CIttA’

CAP

PROV.

E-MAIL SPEnDO In tuttO €

DAtA

fIRMA

eDibrico garantisce la massima riservatezza dei dati da lei forniti e la possibilità di richiedere gratuitamente la rettifica o la cancellazione scrivendo a: eDibrico - 15066 gavi (al). le informazioni custodite nel nostro archivio elettronico verranno utilizzate al solo scopo di inviarle proposte commerciali, in confomità alla legge 675/96 sulla tutela dei dati personali.

sì, mi abbono a

$ $

BUONO D’ORDINE DEI LIBRI cognome

euro

titolo

nome

, , , , , , , , ,

cognome che c’è sul campanello di casa Via cap

n. città

proV.

tel. e-mail

TIPO DI PAGAMENTO PRESCELTO

q carta di credito (Visa - Master Card - Carta Sì) n° carta di credito scadenza carta (mese e anno)

codice di controllo

(ultime tre cifre sul retro della carta)

bancario non trasferibile n° .................................................... q assegno della banca .................................................... intestato a eDibrico srl (che allego in busta chiusa)

q pagherò in contrassegno quando il postino mi consegnerà i libri ordinati. Se l’ordine di libri supera i 65 euro riceverò in omaggio il compressore 12V per automobile

Firma............................................................

Spese postali (2 euro per ordini fino a quattro libri, 5 euro in tutti gli altri casi)

solo se si sceglie il pagamento in contrassegno aggiungere 7 euro

tOtALE

, , , GIA

Edibrico garantisce la massima riservatezza dei dati forniti e la possibilità di richiedere gratuitamente la rettifica o la cancellazione scrivendo a: EDIBRICO - 15066 GAVI (AL). Le informazioni custodite nel nostro archivio elettronico verranno utilizzate al solo scopo di inviarle proposte commerciali. In conformità alla legge 675/96 sulla tutela dei dati personali.

POtEtE InVIARE L’ORDInE A: Edibrico - Loc. Vallemme 21- 15066 Gavi (AL) l per fax 0143 645049; per tel 0143 645037 l per e-mail: fardase@edibrico.it l dal sito www.edibrico.it

per ordini di almeno € 65 in omaggio il compressore 12 V per automobile


news_Layout 1 18/05/13 10:12 Pagina 80

news verdi il roseto di maria

F

ino alla fine dell’anno la Locanda dell’Arte di Solonghello (AL), museo aperto e dimora ospitale, allestisce un’interessante mostra fotografica, curata dalla gallerista Maria Palumbo Sormani, che accompagnerà visitatori e ospiti nel paesaggio del Monferrato attraverso le immagini del fotografo Renato Luparia. Colline dalle forme dolci e sinuose si colorano di giorno in giorno. Esplodono le fioriture degli alberi dalle chiome come nuvole bianche e rosate; il verde dell’erba si fa più brillante, a cui si contrappone il giallo intenso dei campi di colza, mentre più avanti compare il rosso dei papaveri. Info: www.locandadellarte.it

sansuki bonsai festival

D

a venerdì 17 a domenica 26 maggio, Crespi Bonsai ha ospitato, nella propria sede di Parabiago (MI), una mostra unica dove si sono potute ammirare le opere realizzate dai maestri della rinomata Satsuki Bonsai Association di Kanuma (Giappone), località famosa per la coltivazione delle Azalee. La mostra ha accolto innumerevoli e spettacolari varietà, proponendo ai visitatori esemplari dalle eccezionali caratteristiche, date dai molti colori e dalle diverse forme dei fiori. Info: www.crespibonsai.com

floracut florovivaismo

D

a venerdì 26 a domenica 28 aprile si è svolta, nel suggestivo scenario del Parco di Veio (RM), la 4° edizione di Floracult, mostra mercato di florovivaismo amatoriale. Tema: il giardino come luogo di globalizzazione e integrazione. Molte le piante particolari provenienti da differenti Paesi come le palme tropicali, la palma triangolare del Madagascar, la palma Bottiglia o la palma Reale di Cuba; inoltre, una collezione di rampicanti tra cui glicini, passiflore, caprifogli, gelsomini dai fiori rosa, bianchi e gialli che resistono al freddo. Info: www.floracult.com


SPIRIT PREMIUM E-310 Il bbq completo per cotture ad alta precisione Lo Spirit E-310 è dotato di numerosi accessori e di un’ampia superficie di cottura per permettervi di realizzare facilmente tutte le ricette che desiderate. La cottura con il coperchio chiuso vi consentirà di conservare tutta la tenerezza e tutto il sapore degli alimenti. Troverete questa ricetta su: www.barbecueweber.it

Annonce Italie.indd 1

4/23/2013 12:35:16 PM


seguici su

WWW.VERD EMAX .IT

Via Provinciale per Poviglio, 109 42022 Boretto (Reggio Emilia) Tel. 0522 481111 Fax 0522 964577 verdemax@rama.it

foto: Michele Ercolani

URBANO: L’Orto in Terrazzo

Sul tuo balcone o in terrazzo verdure ed erbe aromatiche sempre fresche e a km zero. Verdemax presenta Urbano, l’innovativo sistema per la coltivazione dell’orto, che trasforma il balcone o il terrazzo di casa in una piccola oasi personale da dedicare alla cura delle piante aromatiche e degli ortaggi. Pratico da usare, consente di raccogliere ogni giorno verdure fresche, sane e gustose. Occupa uno spazio ridotto: solo 115x58 cm e, grazie al serbatoio d’acqua incorporato, innaffia al posto tuo, assicurando il nutrimento alle piante anche quando sei fuori casa. Urbano è costituito da materiali durevoli nel tempo, resistenti alle intemperie e garantisce raccolti per molte stagioni.

Urbano: un’idea geniale sul tuo balcone!

Fotografa il codice QR per consultare il manuale di balconaggio con tutti i consigli, idee e ricette per cucinare i frutti del tuo orto in terrazzo.


Fai da te IN GIARDINO