Page 1

Poste Italiane Spa - Spedizione in abbonamento postale 70% - CN BO Bologna

Presenti a:

Da 30 anni la rivista di riferimento per la Meccanica

Pad 8 Stand F36

A.A.A. GIORNALE DELLA

Presenti a

Pad 3 Stand 21 www.lughese.com www w..lughese.com MARZO 2018 Anno XXIX

90%

532

Contiene I.P. in questo numero: FOCUS - pag. 3

BONUS FISCALE Credito d’imposta per spese di pubblicità - pag.4

90%

Utensili e Macchine Utensili pag. 5, 23 e 31 Speciale a Mecspe - pag.6 Marcatrici - pag.7 Profilo d’Azienda - pag. 8 e 30 Progettazione - pag. 9 Macchine Utensili - pag. 10 Servizi alle imprese - pag. 11 e 38 Protezioni - pag. 11, 14 e 27 Elettronica-Microelettronica pag. 12 Carpenteria - pag. 13 Controlli - pag. 14 e 36 Disoleatori - pag. 14 Attrezzature Macchine Utensili pag. 16 Utensili e Attrezzature per Fissaggio pag. 17 Macchine e Robotica - pag. 18

da pag. 19 a pag. 22 Fiere - pag. 24, 26, 29 e 32 Notizie - pag. 24 Cremagliere - pag. 25 Pirometri - Movimentazione pag. 28 Formazione - pag. 30 Software - Cataloghi - pag. 34 Sistemi di Bloccaggio Laminazione - pag. 35 Economia - pag. 36 e 37

pag. 39

G UIDA

AL

C OMMERCIO

DEI

P RODOTTI

E DEI

S ERVIZI

PER L ’I NDUSTRIA

T ORNERIE - C ARPENTERIE - O FFICINE M ECCANICHE


LUBRIFICANTI - LUBROREFRIGERANTI - AT

LLUBRIFICANTI UBRIFICANTI - LUBROREFRIGERANTI LUBROREFRIGERANTI - ATTREZZATURE ATTREZZATURE AT Specializzati nei prodotti chimici e affini per il metalworking: lubrorefrigeranti, protettivi, decapanti, solventi, brunitori a freddo, attrezzature, ecc. Commercializza, importa e fa produrre secondo specifiche esigenze. Prendiamo a cuore i tuoi problemi, analizziamo cause e pianifichiamo soluzioni, insieme programmiamo azioni idonee senza impatto sulla produzione nel rispetto dell’uomo e dell’ambiente. Il nostro obiettivo è ridurre costi, consumi e tempistiche proponendo la formula “paghi se sei soddisfatto”.

25 anni di esperienza e passione orientati alla soddisfazione del cliente.

Provala per 1 mese

Provalo per 2 settimane

Separatori di nebbie oleose.

Disoleatore Typ 5404 per emulsioni.

Il grado di purificazione dei separatori di nebbie oleose 3nine è così alto da garantire il recupero del 99% dei liquidi refrigeranti fino a 500 litri /anno per macchina utensile (olio intero o emulsioni). Sistema autopulente con zero manutenzione, separiamo meccanicamente, per garantire aria pulita al 99,97%.

Sistema unico nel suo genere, aspirazione per depressione, pescante autoregolante, nessun filtro, bassissima manutenzione, autonomia nel ciclo di lavoro, facilmente trasportabile.

DISTRIBUTORE ESCLUSIVO PER L’ITALIA DI:

Lubrificanti, lubrorefrigeranti e prodotti chimici

Separatori di nebbie oleose

Disoleatori e impianti di filtrazione

Brunitura a freddo e marcatori

La nostra mission Partner ideale per la risoluzione delle problematiche dell'industria meccanica.

www.lineatecnica.it Linea Tecnica Srl Via Degli Ombrellai, 3-5 - 41013 Castelfranco Emilia (MO) Italy Tel. +39 059 923922 • Fax. +39 059 9531675 info@lineatecnica.it 2

Marzo 2018 - 532

Presenti a:

Pad 3 Stand A33


Presenti a: Da 30 anni la rivista di riferimento per la Meccanica

Pad 8 Stand F36

A.A.A. GIORNALE DELLA

MECSPE PAD 8 - STAND I35 Marzo 2018

Anno XXIX

G UIDA

532

AL

C OMMERCIO

DEI

P RODOTTI

E DEI

S ERVIZI

PER L ’I NDUSTRIA

T ORNERIE - C ARPENTERIE - O FFICINE M ECCANICHE

Va Provinciale Est, 16 - Loc. Bazzano 40053 VALSAMOGGIA (BO) tel. 051 831284 fax 051832884 e-mail: info@utensileriabazzanese.it

RIVENDITORE AUTORIZZATO

SALA METROLOGICA

alta tecnologia: tridimensionali, proietttori, rugosimetri ecc...

CENTRO VENDITA E ASSISTENZA AUTORIZZATA Compressori nuovi, usati e a noleggio

Presen ti a:

visita il nostro nuovo sito

www.utensileriabazzanese.it Pad 7 Stand C83

seguici su Facebook

FAR S.r.l. Via Giovanni XIII, 2 Quarto Inferiore - 40057 Granarolo Emilia (Bologna) Italy - Tel. 051 6009511 Fax 051 767443 commerciale@far.bo.it www.far.bo.it

Azienda Certificata UNI EN ISO 9001-2015

COSTRUZIONE E AFFILATURA BROCCE DI TUTTI I TIPI Piazza A. Moro, 15-16-17 - 40069 ZOLA PREDOSA (BO) Tel. 051/750436 - FAX 051/758735 www.utilbrocce.it - E.Mail: utilbrocce@utilbrocce.it

LEGGE 21 giugno 2017, n. 96. - Art. 57-bis.

• Ossidazione anodica dal 1980 specializzata in minuterie • Ossidazione dura a spessore - Ossidazione colorata • Elettrocolore - Burattatura

BONUS PUBBLICITÀ EDITORIA & MARKETING

Massimo Fortuzzi

Sala Bolognese (Bo) - Via Labriola, 23 Tel. 051/681.42.25 - Fax 051/681.42.23

www.emmeti-srl.it

emmeti@emmeti-srl.it

cell. +39 335 718 7596

edibitmf@gmail.com

sgravi fiscali 2018 fino al

90%

Maggiori informazioni a pag 4

Presen ti a:

Pad 8

- Stand

Presen ti a:

90

Pad 8 -% Stand G28

I35 Nastri trasportatori

Cambio stampi

Lubrificatori

Tagliasfridi

GLOBALPRESS srl Via G.Saragat, 34 - 40060 S.Gabriele di Baricella (BO) Italy Tel.: +39 051 874444 • Fax: +39 051 6949898 info@global-press.it www.global-press.it

Marzo 2018 - 532


BONUS PUBBLICITÀ

90%

CREDITO D’IMPOSTA PER SPESE DI PUBBLICITA’ 90%

(D.L. 50/2017 art. 57 bis modificato da D.L. 148/2017 convertito in Legge n. 172/2017) È definitivo il quadro normativo del credito d’imposta sugli INVESTIMENTI PUBBLICITARI INCREMENTALI effettuati su stampa (giornali, quotidiani e periodici, anche on-line, locali e nazionali) e sulle emittenti radio - televisive a diffusione locale. DI CHE COSA SI TRATTA: E’ chiamato “bonus pubblicità” e si tratta di un credito d’imposta utilizzabile in compensazione attraverso il modello F24.

Concretamente significa che i professionisti, i lavoratori autonomi e le imprese che decidessero nel 2018 di investire facendosi pubblicità su testate giornalistiche (come questa!) beneficeranno di un credito d’imposta dopo aver compilato una apposita domanda sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

CHI PUO’ USUFRUIRNE: < Le imprese (indipendentemente dalla forma giuridica adottata e dalla dimensione) < I lavoratori autonomi (compresi i professionisti, anche se con qualche vincolo di applicazione) < Gli enti non commerciali ENTITA’ DELL’AGEVOLAZIONE: Per le imprese/lavoratori autonomi/professionisti che anche nel 2017 hanno effettuato investimenti in pubblicità, verrà riconosciuto un credito d’imposta SOLO SE l’investimento pubblicitario effettuato nel 2018 supera almeno dell’1% gli analoghi investimenti dell’anno prima. Si tratta pertanto di un credito d’imposta che varrà calcolato sugli “investimenti incrementali”. In particolare il credito d’imposta risultante sarà pari al: < 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati da imprese di grandi dimensioni e da lavoratori autonomi < 90% del valore incrementale degli investimenti effettuati da micro, piccole e medie imprese e start- up innovative. Se invece le imprese/lavoratori autonomi/professionisti nel 2017 non hanno effettuato alcun investimento in pubblicità, allora è considerato “incrementale” l’intero importo di spese di questo genere effettuate nel 2018.

Vediamo di seguito i vari aspetti di questo bonus pubblicità.

COME SI CALCOLA QUESTO CREDITO D’IMPOSTA: Si calcola applicando sul valore “incrementale” degli investimenti effettuati, l’aliquota del 75%, o del 90% a seconda che chi effettui tali investimenti sia una grande impresa, piuttosto che una piccola, media o stat-up innovativa, come già visto sopra.

Via F. Santi, 4 - 40055 CASTENASO (BO) Tel. 051/6061070 r.a. - Fax 051/6061111

QUALI SONO LE SPESE PUBBLICITARIE CHE RIENTRANO NEL BONUS: L’agevolazione si può applicare agli investimenti in campagne pubblicitarie sostenute attraverso i tradizionali mezzi di informazione: < Stampa quotidiana o periodica, anche on-line, locale o nazionale (per gli investimenti pubblicitari effettuati dal 24 giugno 2017). < Estesa anche alle emittenti radio-televisive a diffusione locale (per gli investimenti pubblicitari effettuati dal 1° gennaio 2018)

Edibit s.r.l. è inscritta al registro degli Operatori della Comunicazione al n. 2289 del 28/09/2001. Ex RNS n. 4123 del 23/03/1993 - Registrazione Tribunale di Bologna n. 5797 del 26/10/89 Stampa: GRAFICHE MDM - Forlì (FC ) Grafica e impaginazione: Nanni Morena - Budrio (BO) - Edibit: Via F. Santi, 4 - Castenaso (BO) Redazione: Via F. Santi, 4 - 40055 CASTENASO (BO) Tel. 051/6061070 r.a. - Fax 051/6061111 www.edibit.com - mail: info@edibit.com HANNO COLLAbORATO A QUeSTO NUmeRO: Annamaria bortolotti, Arianna Ceccaroni.

A.A.A. GIORNALE DELLA Direttore Responsabile Direttore Editoriale Massimo Fortuzzi Silvano Ventura ASSOCIATO A:

CONFINDUSTRIA EMILIA

AREA CENTRO: le imprese di Bologna, Ferrara e Modena

Informativa ai sensi dell’Art. 13 del D.lgs. 196/2003 sul trattamento dei dati personali: EDIBIT S.r.l. – Titolare del trattamento – ha estratto i Suoi dati personali dall’archivio abbonati elenchi telefonici e da altre banche dati proprie e acquistate da terzi. I dati, di cui non è prevista la diffusione, sono trattati con procedure automatizzate e manuali solo dai dipendenti incaricati del trattamento, per fini promozionali e commerciali. Tali dati possono essere comunicati, in Italia e all’estero, ad aziende o professionisti che li richiedono a EDIBIT S.r.l. per le stesse finalità. Potrà rivolgersi a EDIBIT S.r.l. Via F. Santi, 4 – 40055 Castenaso – BO per avere piena informazione di quanto dichiarato, per esercitare diritti dell’Art. 7 del D.lgs. 196/2003, e perciò consultare, modificare e cancellare i dati od opporsi al loro utilizzo nonché per conoscere l’elenco dei Responsabili del trattamento. Tutti i marchi sono registrati dai rispettivi proprietari A.A.A. offre esclusivamente un servizio, non riceve tangenti, non effettua commerci, non é responsabile della qualità , veridicità, provenienza delle inserzioni. La redazione si riserva, a suo insindacabile giudizio, di rifiutare un’inserzione. L’editore non risponde di perdite causate dalla non pubblicazione dell’inserzione. Gli inserzionisti sono responsabili di quanto da essi dichiarato nelle inserzioni. A.A.A. Giornale della Meccanica & Subfornitura si riserva il diritto di rimandare all’uscita successiva gli annunci per mancanza di spazi e declina ogni responsabilità sulla provenienza e la veridicità degli annunci stessi.

Copia per gli abbonati - Valore copia € 0,10 CHIUSO  IN  TIPOGRAFIA  IL15/02/2018

4

Marzo 2018 - 532

DECORRENZA DEL BONUS: < Per la stampa quotidiana o periodica (anche on-line), locale o nazionale: possono godere del bonus gli investimenti effettuati dal 24 giugno 2017 che però, solo per il 2017 al fine del calcolo del valore “incrementale” almeno dell’1%, andranno confrontati con gli investimenti effettuati dal 24 /06/17 al 31/12/17 con quelli effettuati nell’anno precedente nello steso periodo di riferimento. Mentre per gli anni a seguire verranno messe a confronto le intere annualità. < Per le emittenti radio-televisive a diffusione locale: possono godere del bonus gli investimenti effettuati a partire dal 01/01/2018 “incrementali” rispetto a quelli effettuati nel corso del 2017. SPESE ESCLUSE DAL BONUS: < Le spese accessorie o connesse all’acquisto dello spazio pubblicitario (es. intermediazione di agenzia pubblicitaria) < Spese pubblicitarie per pubblicità su televendite, pronostici, giochi, scommesse, messaggeria vocale chat-line. COSA FARE PER OTTENERE IL CREDITO D’IMPOSTA: < Accertarsi che i giornali e le emittenti radio-televisivi su cui abbiamo fatto (o vogliamo fare) pubblicità abbiano i requisiti necessari (la presente testata li ha!) < Non è automatico l’ottenimento di questo bonus: infatti una volta che abbiamo effettuato l’investimento pubblicitario rientrante nelle tipologie previste, dovremo necessariamente presentare una apposita richiesta presso il portale telematico dell’Agenzia delle Entrate (al momento il portale su cui richiedere questo bonus non è ancora attivo, probabilmente verrà aperto da inizio marzo e chiuderà a fine marzo). Su questo portale si dovranno indicare: i propri dati aziendali, il costo complessivo degli investimenti pubblicitari effettuati nell’anno ed il raffronto con quelli precedenti (qualora ve ne siano), precisare di che tipo di pubblicità si tratta, l’ammontare del credito d’imposta che si desidera richiedere, infine pare che sia necessario anche allegare una dichiarazione sostitutiva di atto notorio relativo alle disposizioni antimafia ai fini della fruizione di contributi e finanziamenti pubblici. Alcune fonti indicano invece necessaria la presentazione di un visto di conformità rilasciato dal proprio commercialista. Al momento questo punto non è ancora chiaro, aspetteremo dunque le precisazioni che verranno pubblicate dall’Agenzia delle Entrate presumibilmente a breve. < Suggeriamo di informarsi per tempo presso i propri consulenti fiscali in quanto la somma stanziata dallo Stato per questo bonus ha un importo limitato ed in caso di esubero delle richieste verrà erogato rispettando l’ordine temporale in cui le varie richieste sono state effettuate sul portale dell’Agenzia delle Entrate. Dott. Piana Chiara - Studio Life

per altre informazioni: Massimo

Fortuzzi - cell. +39 335 718 7596 - edibitmf@gmail.com


UTENSILI E MACCHINE UTENSILI

Marzo 2018 - 532

5


SPECIALE A MECSPE

6

Marzo 2018 - 532


MARCATRICI

Marzo 2018 - 532

7


PROFILO D’AZIENDA

SOMATEC, componenti per l’automazione In SOMATEC, la capacità innovativa è una parte fondamentale della strategia d’impresa. Klaus Mayer, fondatore e amministratore della Società è una persona veramente pignola, con l’obiettivo dichiarato di essere sempre un passo avanti rispetto alla concorrenza ed ineccepibile nella qualità. Ha già fatto brevettare la maggioranza delle sue creazioni e sviluppa costantemente nuove idee su come, ad esempio, componenti speciali per la costruzione di macchine possano essere ottimizzati. Appartiene alla strategia di Mayer anche il particolare clima di innovazione che si respira all’interno dello stabilimento tedesco di Illmensee, con un costante coinvolgimento dei dipendenti, fortemente motivati e bene addestrati, nella integrazione delle idee nel processo di produzione.

Unità motorizzate per fresatura

La forza innovativa di SOMATEC è sostenuta anche da un moderno parco macchine - costantemente aggiornato - e un’attraente gamma di offerta che comprende componenti sia standard che speciali, realizzati specificamente per le esigenze dell’utilizzatore. L’attività di innovazione e la molteplicità di prodotti proposti sono quindi le chiavi di una costante crescita. La clientela SOMATEC è principalmente costituita da costruttori di macchine e impianti nei più svariati settori di impiego, alla ricerca di soluzioni e componenti affidabili cui affidare lo svolgimento di operazioni generalmente svolte da apparati più complessi e costosi. Ne sono un esempio gli esclusivi CILINDRI BLOCCA-PEZZO DI SICUREZZA, che salvaguardano l’operatore da incidenti anche in assenza di sistemi di protezione, assicurando un bloccaggio rapido e sicuro solo se la superficie di contatto è perfettamente riconosciuta: qualunque corpo estraneo, fosse un dito o un semplice bottone, tra cilindro e pezzo scarica ogni forza pneumatica prima del suo accumulo. L’industria dei serramenti, con le sue specificità, è un altro punto di forza SOMATEC, con una vasta proposta di componenti rivolti ai costruttori di macchine e sistemi di trancia della ferramenta destinati anche ai produttori finali di porte e finestre.

Cilindro idropneumatico

• Teste multimandrino ad interasse fisso e variabile per l’industria degli infissi • Trance idropneumatiche per ferramenta da infissi dei più noti produttori • Cilindri idropneumatici di avanzamento e di potenza • Cilindri deceleratori idraulici • Cilindri blocca-pezzo di sicurezza, a funzionamento pneumatico

Le proposte SOMATEC comprendono:

• Moltiplicatori di pressione a funzionamento idropneumatico

• Battute pneumatiche a revolver per riscontro

• Valvole a comando manuale o a pedaliera

• Unità motorizzate di foratura e maschiatura, ad avanzamento pneumatico

La rappresentanza esclusiva per l’Italia è affidata storicamente alla Società PAMPADO di Milano, la quale sarà presente con proprio personale allo stand SOMATEC alla prossima esposizione FENSTERBAU-FRONTALE in calendario dal 21 al 24 marzo a Norimberga (pad. 3 stand 428).

• Unità motorizzate per fresatura • Unità motorizzate ad avanzamento idropneumatico per forature su infissi in legno, alluminio e plastica

Pampado SOLUZIONI INNOVATIVE PER L'INDUSTRIA

Via Carlo Espinasse 81 20156 Milano

Battute pneumatiche a revolver

8

Marzo 2018 - 532

Teste multimandrino

Tel. +39 02 38.00.01.92 Fax +39 02 38.00.33.6 info@pampado.com www.pampado.com


PROGETTAZIONE

Marzo 2018 - 532

9


MACCHINE UTENSILI

Alesatrici e fresatrici Pama Fondata nel 1926, PAMA si è imposta a livello mondiale per la tradizione e l’eccellenza tecnologica dei propri prodotti. Da oltre 90 anni sviluppa e costruisce alesatrici, fresatrici e centri di lavoro ed oggi è leader mondiale nella realizzazione di grandi macchine utensili. Oltre l’80% della produzione viene esportata principalmente in Cina, India, Russia, Germania e Stati Uniti dove PAMA opera con proprie strutture dirette di vendita ed assistenza tecnica. Alesatrice e fresatrice orizzontale a montante mobile La fresatrice alesatrice a montante mobile idrostatica Speedram, grazie all’elevata precisione, potenza e rigidezza, costituisce la soluzione perfetta per la lavorazione di tutti i componenti di medio grandi dimensioni per gli utilizzatori più esigenti, laddove è richiesta elevata asportazione di truciolo anche con materiali difficili. Le alesatrici fresatrici orizzontali a montante mobile Speedram HP possono essere customizzate

per soddisfare le esigenze dei settori applicativi più avanzati quali: - energia, oil & gas, navale, movimento terra, meccanica generale, primo della classe nell’alesatura e fresatura tradizionale - diametro mandrino di alesatura da 130 – 320 mm - corsa verticale da 2000 – 10000 mm - speedram-disegno

Le alesatrici-fresatrici orizzontali idrostatiche a montante mobile Speedram sono disponibili in 6 modelli con diametro mandrino di

alesatura da 130 a 320 mm, potenza da 37 a 145 kW e corse verticali da 2000 a 10000 mm. Le alesatrici-fresatrici Speedram

possono essere equipaggiate con diverse tipologie di magazzini utensili con relativi sistemi di cambio automatico, magazzini accessori ed attrezzature personalizzate. L’abbinamento con un’ampia gamma di tavole idrostatiche rototraslanti con portate da 25 a 600 tonnellate, la vasta scelta di teste accessorie tra cui teste universali, teste a 5 assi a cnc e teste speciali rende le alesatrici-fresatrici orizzontali Speedram in grado di rispondere in modo ottimale a qualsiasi esigenza produttiva.

Fonte: www.pama.it

Estrusori Gimac Impianto per tubi in PA - PU monostrato L'impianto di estrusione per la produzione di tubi calibrati in PA o PU per aria compressa è estremamente innovativo nel suo genere, in quanto è gestito elettronicamente da un sistema di controllo e supervisione. Il sistema, attraverso una testa di misura laser a 2 assi, misura e visualizza il diametro esterno del tubo, ed all'occorenza è in grado di regolare automaticamente, attraverso una valvola motorizzata il grado di vuoto. Inoltre un misuratore di spessore ad ultrasuoni rileva e visualizza in continuo lo spessore della parete del tubo, in 4 punti, e varia all'occorrenza automaticamente la velocità della linea. Le "ricette" che possono essere memorizzate dal sistema consentiranno in seguito di riprodurre automaticamente le medesime condizioni operative. 10

Marzo 2018 - 532

Il monitoraggio continuo ed automatico del prodotto estruso, garantisce una elevata e costante precisione dello stesso, consentendo inoltre di documentare l'intero ciclo produttivo, favorendo così la certificazione ISO del prodotto.

Qualora l'operatore vari la velocità, il sistema corregge automaticamente tutti i parametri di processo, rispettando le quote dimensionali impostate. Il sistema gestisce in automatico ogni macchina regolando: - la temperatura - i livelli di carico e ripristino dell'acqua dei due circuiti chiusi di raffreddamento del banco di calibrazione e delle vasche di raffreddamento - il grado di vuoto per la calibrazione del prodotto - la velocità di traino.

Alcune caratteristiche prestazionali dell'impianto rappresentato in foto: Materiale estruso: PA11 Estrusore: Ø60 L/D 28:1 Giri vite estrusore max.: 98 giri/min. Diametro esterno tubo: da 4 a 15mm Tolleranza spessore del tubo: ±0,03mm Tolleranza diametro esterno del tubo: ±0,03mm Produzione max.: ~90 Kg./h Fonte: www.gimac.com


SERVIZI ALLE IMPRESE Via Caduti di Ustica, 32 40012 Calderara di Reno (Bologna) Italy

www.acciaio.net

Tel. +39 051 664 0958 Fax. +39 051 6643049 info@wintradeonline.it

VA O NU EDE S ACCIAI SPECIALI TUBI BARRE CROMATE

TAGLI su misura e di diverso tipo a seconda delle esigenze. Si effettuano lavorazioni di taglio, tornitura, rettifica CONSEGNA immediata direttamente con mezzi nostri. e cromatura anche su particolari a disegno.

PROTEZIONI ANTI-INFORTUNISTICHE

STOMMPY SRL PRESENTA LA PRIMA LINEA GUIDA SUI DISPOSITIVI DI SICUREZZA PARACOLPI Un documento volto a garantire la migliore protezione dei lavoratori e degli impianti produttivi L’apparato legislativo vigente non presenta una norma che disciplini i parametri costruttivi, di scelta e di applicazione dei dispositivi di sicurezza paracolpi per l’industria. Una grave lacuna del sistema italiano che si attesta anche all’estero: non esiste, infatti, in tutto il mondo, una regolamentazione dedicata a questi elementi, che sempre più frequentemente vengono impiegati per proteggere i percorsi pedonali, le infrastrutture e gli impianti dagli incidenti che i conduttori di veicoli di movimentazione delle merci sono potenzialmente in grado di generare. Marco Chiarini, General Manager di STOMMPY Srl commenta: “L’assenza di direttive in questo ambito espone il progettista o il responsabile dello stabilimento ad una chiara difficoltà nel valutare le numerose offerte presenti sul mercato. Il giudizio tende così a basarsi frequentemente sul prezzo d’acquisto piuttosto che sull’effettiva funzionalità. Ne consegue che gli utilizzatori finali possano in-

correre in inefficienze anche gravi e, soprattutto, essere privi di tutele giuridiche in caso di imprevisti. È in questo contesto che si inserisce la Linea Guida realizzata dal dipartimento di R&D di STOMMPY Srl, che nasce con l’obiettivo di fornire le nozioni tecniche e le procedure necessarie per la scelta dei dispositivi paracolpi di sicurezza passiva che sono più appropriati alle specifiche situazioni.” La Linea Guida è il frutto della conoscenza maturata dall’Azienda in oltre 17 anni di continua ricerca e sviluppo per il concept design, la produzione e l’applicazione dei prodotti in numerosi settori merceologici. Agli studi teorici si integrano, inoltre, le prove pratiche sotto forma di crash test realizzati presso il centro prove AISICO e finalizzati alla comprensione delle dinamiche dell’impatto e della gestione dell’energia cinetica. Il risultato è uno strumento oggettivo, utile, pratico ed efficace, dedicato a tutti i responsabili aziendali della salute e sicurezza del per-

sonale, della manutenzione e ai progettisti, al fine di incrementare e/o mantenere il livello di sicurezza negli stabilimenti. In tal senso, questo documento accompagna l’utilizzatore passo dopo passo nell’applicazione della procedura più corretta per l’analisi dei rischi intrinsechi nell’area interessata. Basandosi su criteri scientifici, obiettivi ed universali, applicabili in qualsiasi contesto, l’utente calcola come gli incidenti possano essere eliminati, o almeno, ragionevolmente contenuti, grazie all’introduzione del dispositivo di sicurezza paracolpi corretto. Ulteriore benefico offerto dalla Linea Guida, è la categorizzazione univoca dei dispositivi, suddivisi per classe di resistenza, classe di ingombro di lavoro e classe di indice traumatologico per l’operatore.

La scelta del dispositivo di sicurezza paracolpi ottimale assicura una significativa ricaduta positiva sull’intera economia aziendale, grazie all’innalzamento del livello di sicurezza nell’ambiente di lavoro e alla conseguente riduzione del coefficiente di rischio infortuni, alla diminuzione del contributo economico dovuto dalle aziende all’INAIL su base annuale, all’abbattimento delle spese di manutenzione per i danni da collisione dei mezzi in movimento contro impianti, macchinari ed infrastrutture e all’incremento dell’efficienza lavorativa. 11 Marzo 2018 - 532


ELETTRONICA E MICROELETTRONICA

RS Components presenta la scheda DesignSpark Pmod per Raspberry Pi La scheda Pmod HAT facilita la prototipazione rapida su Raspberry Pi, fornendo funzioni analogiche per diverse applicazioni, tra cui monitoraggio e controllo RS Components (RS), distributore globale di prodotti di elettronica e manutenzione, ha annunciato il lancio dell’adattatore DesignSpark Pmod™ HAT per Raspberry Pi. L’adattatore Pmod HAT, realizzato da Digilent, consente a chi utilizza il famosissimo computer grande quanto una carta di credito di sviluppare velocemente prototipi di progetti elettronici. L’adattatore Pmod offre nuove opportunità a RS: è il primo prodotto a marchio DesignSpark realizzato in collaborazione con uno dei suoi fornitori. DesignSpark è una community di progettisti online che offre software di progettazione gratuiti e molte altre risorse di sviluppo a studenti, sviluppatori e maker, consentendo di sviluppare e prototipare velocemente idee e concept di prodotto. L'adattatore DesignSpark Pmod HAT è un modulo periferico plug-in che consente la prototipazione rapida senza saldatura, con conseguente riduzione delle tempistiche

di progetto e diminuzione dei costi di sviluppo dei PCB. Come riportato nell’articolo sopra citato, la scheda è supportata da alcuni esempi nel linguaggio di programmazione Python, appositamente sviluppati sulla base di funzioni Pmod analogiche con l’obiettivo di aiutare la community di utenti di Raspberry Pi a sviluppare strumentazione e applicazioni di monitoraggio e controllo reali. La presentazione del nuovo adattatore Pmod per Raspberry Pi è successiva a quella dell'adattatore Pmod Shield-Uno per le piattaforme Arduino e PSOC6. Questi Pmod, o moduli periferici, sono in grado di trasformare velocemente kit di sviluppo standard in prototipi funzionali. Grazie a questo prodotto i moduli e gli shield Pmod di Digilent sono a disposizione di una platea di utenti decisamente più ampia, in quanto possono essere facilmente utilizzati con dispositivi PSOC Pi e Cypress e progetti basati su Arduino R3.

I Pmod precedenti venivano utilizzati con le schede di sviluppo FPGA e una selezione limitata di kit di sviluppo per microcontrollori. L’adattatore Pmod di DesignSpark può essere utilizzato con un’ampia gamma di modelli Raspberry Pi, tra cui Model A+, Model B+, Pi 2 B, Pi 3 B e le versioni Zero e Zero W. Consente inoltre di interfacciarsi con molti altri Pmod Digilent disponibili da RS, tra cui il modulo ADC PmodAD1 a 12 bit e due canali, il sensore di corrente a effetto Hall ad alta precisione, il PmodOLEDrgb, un modulo LED RGB organico con una risoluzione del display di 96 x 64 pixel e una risoluzione del colore a 16 bit. Tra le altre caratteristiche dell’adattatore figurano: connettore GPIO (General-Purpose Input/Output)

Raspberry Pi a 40 pin, con 26 GPIO compatibili da 3,3 V; supporto per connessioni SPI, I2C e UART; limite di corrente a 16 mA per tutti i GPIO PMOD; e una presa coassiale da 5 V per l’alimentazione esterna. L’adattatore DesignSpark Pmod HAT per Raspberry Pi è disponibile da RS nelle regioni EMEA e Asia Pacifico.

Sistema di visione con flessibilità illimitata Keyence ha appena rilasciato una nuova funzione ai sui sistemi di visione ampliando la sua gamma di sistemi di visione per variabilità di colore, forma, lucentezza e target. È composto da un Illuminazione multispettrale con LED incorporati in otto colori e un circuito di controllo dedicato e un Illuminazione sincronizzata, controllo colore, illuminazione a segmenti e acquisizione delle immagini ad alta velocità senza complesse integrazioni con il PLC. Classificazione accurata, anche tra differenze di colore minime L’uso di una telecamera monocromatica ad alta velocità abbinata a un’illuminazione a 8 lunghezze d’onda offre capacità di gran lunga superiori rispetto all’ispezione cromatica con le telecamere a colori tradizionali (RGB). Ciò consente agli utenti di ottenere una classificazione accurata anche delle differenze minime di colore.

12

Febbraio 2018 - 531

L’imaging multispettrale usa lunghezze d’onda che coprono sia la luce visibile che quella invisibile per potenti capacità di discriminazione del colore. Ciò consente sia una configurazione facile che un funzionamento stabile. Otto immagini vengono acquisite a otto diverse lunghezze d’onda. Ciò non solo consente migliori capacità di classificazione ma anche elaborazioni più complesse utilizzando solo le immagini per una specifica lunghezza d’onda. Con un singolo ingresso di attivazione, vengono acquisite e analizzate più immagini. Imaging e controllo dell’illuminazione vengono sincronizzati automaticamente tramite il sistema di visione, eliminando la necessità di un’integrazione hardware complessa. La facilità di configurazione permette una potente differenziazione del colore

Oltre al tradizionale “Metodo Contagocce”, la Modalità multispettrale include un Metodo di separazione dei colori per l’analisi solo di un’area specifica e del gruppo di colori specificati. Con questo metodo, gli utenti devono solo scegliere il colore richiesto per l’ispezione da quelli separati automaticamente. Questo nuovo metodo di analisi basato sui colori risolve il problema che si aveva con i metodi tradizionali per la specifica di un colore, che portava a risultati variabili in funzione della persona che imposta il colore o del punto in cui viene fatto clic con il mouse. I colori da escludere dal rilevamento possono essere registrati come “Colori esclusi”. Questa funzione è in grado di distinguere in modo affidabile tra i colori, evitando così di dover pro-

cedere alla complessa regolazione di precisione del colore estratto in presenza di colori simili a quello del target da rilevare, come nel caso di colori di sfondo simili.


CARPENTERIA

Marzo 2018 - 532

13


PROTEZIONI ANTI-INFORTUNISTICHE

System Partner per dispositivi di protezione individuale DPI Hoffmann Group, leader per utensili di qualità e per soluzioni di arredamento industriale, reagisce alla nuova domanda del mercato di dispositivi di protezione individuale DPI, offrendo ai suoi clienti un nuovo assortimento molto ampio, disponibile a partire da subito.

I dispositivi di protezione individuale acquistano un significato sempre più importante nel settore industriale. Proteggere e preservare la forza lavoro infatti, facendo attenzione anche all’ergonomia dei posti di lavoro, alle esigenze individuali e al confort, significa investire nelle persone. I dispositivi DPI ottimizzati per soddisfare tali esigenze pongono le aziende dinnanzi ad una nuova sfida. Hoffmann Group cerca di rispondere a questa nuova domanda del mercato affiancando agli utensili di qualità e alle soluzioni di arredamento industriale, un pacchetto completo di

dispositivi DPI di oltre 6.000 articoli. Consulenza specializzata grazie ai tecnici DPI La nuova gamma di DPI nasce raccogliendo articoli di oltre 60 produttori leader a livello mondiale ed è interessante per aziende di qualsiasi dimensione, dalla piccola officina al Global Player. La lunga esperienza e la forte presenza di Hoffmann Group nel settore dell’industria metallurgica hanno contribuito enormemente nella scelta della gamma di questi prodotti. Per questo l’assortimento completo di DPI comprende soluzioni per tutti

i pericoli che possono insorgere durante le normali mansioni nel settore metallurgico: dall’asportazione truciolo alla saldatura e alla rettifica fino all’impiego di prodotti chimici e vernici. I clienti avranno a loro disposizione anche un ampio pacchetto di servizi a 360 gradi: dalla ricerca delle migliori soluzioni individuali fino alle esigenze di Corporate-Design. Per garantire una consulenza competente e capillare anche nel settore dei DPI, Hoffmann Group ha inserito nella propria rete di vendita consulenti esperti specializzati che sono a disposizione dei responsabili sicurezza di ogni azienda. Tra i compiti di questi tecnici DPI vanno annoverati l’analisi dei pericoli sul posto di lavoro e la progettazione di piani di protezione (ad esempio per mani e pelle). Inoltre Hoffmann Group organizza regolarmente seminari durante i quali i clienti possono informarsi sulle ultime novità nel settore dei DPI. Processi di approvvigionamento efficaci La presenza capillare di Hoffmann Group dà alle aziende la possibilità

di rendere omogeneo e unitario l’approvvigionamento DPI anche in sedi e stabilimenti diversi. Ciò riduce la complessità negli acquisti, semplifica i processi e riduce i costi di approvvigionamento. Con una capacità di consegna di oltre il 99% in 24 ore e offerte fatte su misura, Hoffmann Group non offre solo sicurezza nell’approvvigionamento, ma anche soluzioni innovative per una maggiore competitività: grazie al distributore automatico di articoli DPI Garant Tool24 PickOne ad esempio, il cliente medio riesce a ridurre del 50% il consumo di guanti e tappi auricolari. Ciò dimostra che Hoffmann Group non fornisce solo articoli DPI, bensì crea un valore aggiunto per il cliente come è giusto che sia per un System Partner. L’offerta di prodotti DPI di Hoffmann Group è disponibile a livello europeo e viene ampliata in continuazione per mantenere elevato il livello di qualità di Hoffmann Group, sempre in linea con il motto aziendale: quando facciamo una cosa, cerchiamo di farla nel modo migliore.

CONTROLLI

L'encoder PROFINET/EtherCAT più veloce e compatto al mondo Estremamente accurato e dinamico. Veloce, preciso e compatto

Wachendorff Automation, produttore di encoder con sede a Geisenheim, in Germania, ha ampliato la sua famiglia di encoder assoluti WDGA dotati di interfacce Ethernet industriali PROFINET-IO ed EtherCAT. 14

Marzo 2018 - 532

Con il nuovo modello WDGA58F, Wachendorff ha realizzato il più piccolo dispositivo di questo genere al mondo, sia come diametro, sia come lunghezza. Considerata la tendenza inarrestabile verso sistemi sempre più compatti, questo nuovo dispo-

sitivo consente di risparmiare prezioso spazio di installazione, un fattore di importanza cruciale nella realizzazione di nuove macchine o il retrofit di quelle esistente. Nonostante il design dell’encoder sia estremamente compatto, i carichi elevati sopportati dai cuscinetti garantiscono una durabilità straordinaria e una vita operativa estremamente lunga. Gli encoder PROFINET/EtherCAT di Wachendorff sono in grado di stare al passo con le più recenti tecnologie PLC, grazie a tempi di ciclo minimi del bus. La sezione a giro singolo, con l'innovativa tecnologia QuattroMag®, offre una risoluzione fino a 16 bit, una precisione di +/0,0878° (12 bit), una precisione di ripetizione di +/- 0,0878° (12 bit) e

dinamiche interne di 50 μs. Per la sezione multigiro, gli encoder PROFINET/EtherCAT di Wachendorff utilizzano la tecnologia EnDra®, che non richiede manutenzione e occupa poco spazio. Grazie a queste tecnologie di scansione magnetica estremamente precise e dinamiche, gli encoder assoluti WDGA possono essere utilizzati in numerose applicazioni in cui fino ad ora potevano essere utilizzati esclusivamente encoder assoluti basati su principi ottici. I produttori di impianti e i progettisti meccanici possono inoltre trarre vantaggio dall’approccio modulare utilizzato da Wachendorff Automation, in combinazione con la filosofia di produzione LeanQ applicata in modo rigoroso nelle sue fabbriche.


DISOLEATORI

a: Presenti

and M

St Pad 2 -

06

Marzo 2018 - 532

15


ATTREZZATURE PER MACCHINE UTENSILI

Novità di Ruland: Collari per albero con fori di montaggio Ruland presenta una nuova serie di collari per albero con fori di montaggio. I collari per albero sono disponibili nelle versioni con piani e fori filettati e con fori filettati solo sulla parte esterna. Ciò consente un migliore fissaggio dei collari per albero tra loro o con componenti adiacenti. Questi collari non segnano e non danneggiano l’albero, possono essere regolati senza limiti di volte e presentano elevata capacità di tenuta. I collari per albero con fori di montaggio possono essere impiegati in diverse applicazioni. In quelle con alberi orizzontali i progettisti possono collegare tra loro collari per albero o progettarli in sequenza «impilata». È anche possibile tralasciare le viti aggiuntive. In questo modo viene resa possibile la saldatura dei collari per albero tra loro oppure con i componenti adiacenti come, ad es., le cerniere. Sono disponibili anche collari per albero con fori di montaggio solo sulla superficie esterna al fine di fissare portasensori o componenti simili. I collari per albero con fori di montaggio vengono impiegati come elementi guida, distanziatori o in caso di allineamento o fissaggio di componenti meccanici. Rispetto ai collari per albero convenzionali garantiscono forze di posizionamento identiche. Ricorrendo ai collari per albero di Ruland, i progettisti approfittano dell’ortogonalità rigorosamente controllata tra la superficie frontale e il foro; lo scostamento totale ammonta solo a ≤ 0,05 mm ovvero a 0,002 pollici.

Questa caratteristica mostra i suoi vantaggi soprattutto quando i collari per albero vengono utilizzati come superficie di supporto dei carichi o per allineare componenti meccanici. Il lato del collare con la superficie di lavoro viene contrassegnata da Ruland attraverso una o due scanalature circolari sulla superficie frontale del collare per albero al fine di semplificare l’assemblaggio. Rispetto agli anelli con vite di regolazione i collari per albero distribuiscono le forze di pressione in modo uniforme intorno all’albero garantendo una buona tenuta e forze di posizionamento decisamente più elevate. Questa versione è ideale soprattutto nelle strutture con carichi d’urto elevati o per componenti meccanici che vengono spostati frequentemente. I collari per albero in due parti offrono una forza di tenuta più elevata e possono essere montati e smontati senza dover smontare altri componenti meccanici. In fase di produzione le metà originali rimangono abbinate durante tutto il processo di produzione al fine di garantire un’aderenza e un allineamento perfetti. Ai fini di un’identificazione semplice e rapida, ogni albero per collare è contrassegnato dal nome Ruland e dall’alesaggio. I collari per albero con fori di montaggio sono in lega di alluminio resistente 3.1355, acciaio 1.0736 e acciaio

inossidabile 1.4305, con alesaggio delle dimensioni comprese tra 10 mm e 40 mm (tra 3/8 di pollice e 2 pollici). Grazie all’ampia gamma di dimensioni e materiali, i progettisti hanno a disposizione il collare per albero ideale per ogni applicazione. Le viti di serraggio di Ruland superano tutti gli standard industriali garantendo la massima efficienza sia nella trasmissione della coppia di serraggio sia per quanto riguarda la forza di tenuta. Il materiale utilizzato nei collari per albero viene acquistato da acciaierie americane. Tutti gli alberi per collare vengono prodotti presso lo stabilimento di Boston (USA) sotto controlli rigorosi e con procedure interne. I modelli 3D-CAD, le specifiche complete del prodotto e le informazioni tecniche aggiuntive sono disponibili all’indirizzo www.ruland.com. Sintesi:

più flessibile i componenti standard nelle applicazioni personalizzate. • Allineamento ortogonale rigorosamente controllato della superficie frontale rispetto al foro per garantire un orientamento preciso dei componenti meccanici • In fase di produzione dei collari in due parti, le metà originali rimangono abbinate durante tutto il processo di produzione per garantire un’aderenza e un allineamento perfetti • Viti di serraggio, che superano tutti gli standard industriali, per raggiungere la massima efficienza nella trasmissione della coppia di serraggio e una forza di tenuta ideale • Conformi alle norme RoHS2 e REACH • Realizzati nello stabilimento di produzione di Boston (USA) con la massima accuratezza e subito disponibili

• Grazie ai fori di montaggio è possibile impiegare in modo

Massimo Fortuzzi EDITORIA & MARKETING

16

Marzo 2018 - 532

cell. +39 335 718 7596 edibitmf@gmail.com

EDITORIA & MARKETING


UTENSILI E ATTREZZATURE PER IL FISSAGGIO Presenti a:

Pad 8 - Stand I35

Marzo 2018 - 532

17


MACCHINE E ROBOTICA

Connect to technology • Centri di lavoro verticali e orizzontali • Centri di lavoro verticali a doppia colonna • Centri di lavoro Gantry a 5 assi • Centri di tornitura a CNC multiassi • Centri di tornitura verticali e orizzontali per lavorazioni pesanti • Alesatrici orizzontali di precisione • Centri ad alta velocità per produzione di stampi e altro... • Soluzioni personalizzate e speciali per soddisfare le più complicate richieste di produzione.

Presenti a:

tand M37

Pad 2 - S

CNC SERVICE è qualità Cnc Service fornisce un servizio completo, qualificato e professionale

Da oltre 20 anni punto di riferimento per l'assistenza e revisione delle macchine utensili. I nostri servizi I servizi offerti si allargano con il moltiplicarsi delle richieste del mercato. Uno staff di provata esperienza risolverà ogni vostra necessità tecnica:

- Messa in servizio e revisione dei vostri macchinari - Addestramento del vostro personale - Fornitura dei pezzi di ricambio - Manutenzione programmata e supporto telefonico

CNC Macchine e Robotica S.r.l. Via Pedemontana, 4 - 36070 Castelgomberto (VI) Tel +39 0445 780495 info@cnc-mr.it www.cnc-mr.it 18

Marzo 2018 - 532

- Personalizzazione delle macchine utensili fino al retroffiting completo - Assistenza elettronica - Assistenza meccanica - Software CNC - Retrofitting CNC

CNC SERVICE S.r.l. Via Pedemontana, 5 - 36070 Castelgomberto (VI) Tel +39 0445 780909 - Fax +39 0445 792042 info@cncservice.it www.cncservice.it


n° 253

MARZO 2018

G UIDA

ALLE

A ZIENDE

DI

L AVORAZIONI I NDUSTRIALI C ONTO T ERZI

Saldatura PIACENZA

TecnoCarp: la saldatura, il cuore artigianale dell’azienda Quale servizio offrite alle aziende? - Ufficio Tecnico interno con sistemi CAD 3D. - Affiancamento del cliente per la risoluzione di eventuali problematiche. - Nesting per l’ottimizzazione del taglio lamiere. - Certificazioni, fra le poche aziende del settore della carpenteria, Tecnocarp ha scelto la certificazione, a garanzia della sua qualità produttiva e dell’innovazione tecnologica.

Quali tipo di lavorazioni usate e quali sono le più richieste? - Reparto di taglio Il reparto di taglio di Tecnocarp è in grado di fornire tagli plasma con testa rotante a 360° per realizzare gli smussi in fase di taglio riducendo i tempi di lavorazione e migliorando la qualità di esecuzione.

Dispone inoltre diossitaglio, cesoie e seghettidi varie dimensioni, smussatrici e piegatrici: attrezzature che consentono di lavorare qualsiasi pezzo di dimensione e tipologia differente. - Reparto di piegatura Tecnocarp è dotata di un reparto piegatura in grado di lavorare lamiere ed altri materiali utilizzando attrezzature di elevata qualità e precisione. - Reparto di montaggio Tecnocarp si affida a solide basi, competenza ed entusiasmo per vincere ogni giorno la sfida della qualità. - Reparto saldatura: rappresenta da sempre il cuore artigianale dell’azienda. Le saldature realizzate da Tecnocarp si contraddistinguono per pulizia e finezza di esecuzione. I processi di saldatura e gli operatori sono assoggettati a qualifica in accordo alla normativa EN ISO 15614-1:2005 e ASME IX. Inoltre Tecnocarp vanta un’esperienza nella saldatura di

guide in qualità C45 con preriscaldo e dispone di macchinari digitali Mig/Mag da 500 A.

Qual è la tecnologia che mettete a disposizione del cliente e quale merita un’attenzione particolare? Lavorazione interna a macchina utensile, Tecnocarp è innovazione artigianale: le sue attrezzature sono costantemente aggiornate per offrire standard qualitativi

di alto livello. Internamente offre la lavorazione su macchina utensile in grado di soddisfare le più svariate richieste in termini dimensionali. Consegna, Tecnocarp dispone di mezzi propri per la consegna del lavoro finito ed è inoltre in grado di gestire le problematiche riguardanti i trasporti eccezionali. SEGUE a pag. 20

Gulinelli

Di Mancino Davide

• Trattamento superficiale metalli • Elettrolucidatura

• • • •

Decapaggio Vibrofinitura Brillantatura Burattatura

• Micropallinatura • Lavaggio sgrassaggio

Burattatura - Vibrofinitura Alluminio Ottone Rame Inox Ferrosi in genere Abbattimento rugosità (fino a RA 0,05 - 0,03

Elettrolucidatura Impianto automatico per elettrolucidatura e decapaggio dell’acciaio inox ad alta produttività, progettato per gestire piccole e grandi serie, dalla minuteria a particolari di grandi dimensioni

Brillantatura Brillantatura meccanica con inserti in acciaio inox su alluminio, rame, ottone e acciaio inox

Presen ti a:

Pad 2 -

Stand K

01

Via dell’Artigianato, 16 - 18 40050 - Calderino di Monte S.Pietro (BO)

Tel 051 6760271 - Fax 0516761581 www.gulinelli.it gulinellidm@libero.it Marzo 2018 - 532

19


Presenti a:

nd K01

Pad 2 - Sta

SEGUE da pag. 19

Quali sono i settori del mercato a cui vi rivolgete? Macchine utensili, da legno, per il marmo, per la trafila, impianti di perforazione, di sollevamento, settore

movimento terra, presse piegatrici, impiantistica, cartotecnica, energia, ferroviario, navale, edile, autocarri e riduttori

Fonte: www.subfornituranews.it

Lavorazione della lamiera BERGAMO

Minifaber: tutti i processi di lavorazione della lamiera Minifaber è un’azienda specializzata nella lavorazione della lamiera fin dalla sua fondazione. Grazie alla sua esperienza decennale, è in grado oggi di presentarsi come uno dei player più affidabili sul mercato in tutti i processi di lavorazione delle lamiere. Competenza, personalizzazione e passione sono alcune delle parole chiave che descrivono l’attività di lavorazione della lamiera di Minifaber. Nel processo di lavorazione, infatti, Minifaber segue il cliente fin dalla fase progettuale, indicando le migliori procedure per ottenere i prodotti finiti o i semilavorati che vengono commissionati.

20

Marzo 2018 - 532

Grazie alle competenze a tutto tondo e a un parco macchine all’avanguardia, Minifaber è in grado di eseguire tutti i diversi processi della lavorazione lamiera: dalla tranciatura all’imbutitura, dalla piegatura alla punzonatura, fino al taglio laser della lamiera, fiore all’occhiello della tecnologia innovativa di Minifaber. La professionalità di Minifaber si basa su un team interno di esperti nella lavorazione della lamiera, dagli ingegneri sino agli operatori e ai tecnici che eseguono materialmente il progetto: una squadra che permette di coprire internamente tutte le fasi del processo, ottimizzando tempi, costi e qualità. Sono le persone e la loro passione e professionalità il vero segreto dell’elevato livello qualitativo della lavorazione della lamiera Minifaber.

Prodotti finiti, complessi e assiemati Specializzata nelle lavorazioni a freddo dei metalli, Minifaber si è evoluta fino a diventare l'unica azienda capace di progettare e realizzare prodotti finiti, complessi, assiemati che nessuno è in grado di fare. - Proiettore professional lighting - Accumulatore filo trama telai tessili - Sterilizzatore - Diffusore fiamma per caldaie - Albero manovra cabine elettriche Maggiori informazioni sull'Albero manovra cabine elettriche Cliente: Schneider Electric; Settore: Elettromeccanico, medio voltaggio; Descrizione: Albero per manovra inter-

ruttore/cabine elettriche; Ambito d'applicazione: Per bloccare l’alimentazione di energia elettrica Informazioni rilevanti: - Tutte le leve sono tranciate - Costruiamo le relative attrezzature per garantire tolleranze e per poterle saldare con robot ABB su albero tornito che acquistiamo all’esterno. - Produzione in grandi volumi Materia prima: Acciaio, rame; Processo produttivo: Tranciatura, tornitura, saldatura, zincatura, argentatura; Trattamento superficiale: Argentatura, zincatura


Guarnizioni

Minuterie metalliche: Molle

BERGAMO

ANCONA

Ponti Guarnizioni: la guarnizione giusta per qualunque applicazione Il settore della lavorazione della gomma ad uso industriale è un ambito di applicazione di grande complessità, dove le molteplici caratteristiche tecniche della materia prima si devono confrontare e adeguare, di volta in volta, con specifiche esigenze prestazionali necessarie per dar vita al prodotto finale: la guarnizione perfetta per quel macchinario, per quel processo produttivo e per il risultato che si vuole ottenere. Ecco perché, per l’azienda bergamasca Ponti Guarnizioni, avere 40 anni di esperienza alle spalle proprio in questo settore è un valore aggiunto da non trascurare. Nella sede produttiva di Foresto Sparso, guidata dal titolare Renato

Ponti, Ponti Guarnizioni opera sul mercato italiano ed estero come impresa specializzata nello stampaggio di materiali elastomerici di

qualunque tipologia destinati alla realizzazione di guarnizioni tecniche industriali in gomma e o-rings per molteplici applicazioni – dalla oleodinamica alla pneumatica – e per svariati settori industriali, da quello alimentare, all’ottica di precisione, fino al comparto motoristico. Fonte: www.subfornituranews.it

Mollificio Pirani, non solo produzione di molle Nato nel 2002 dall’esperienza già ultra decennale del titolare Francesco Pirani nel settore della produzione molle, Mollificio Pirani è specializzato nella costruzione di molle in filo e nastro metallico oltre che nella produzione di sagomati. Per politica industriale l’azienda ha scelto di rivolgersi unicamente ad aziende medio piccole, specializzandosi in lotti contenuti con una forte diversificazione. Ciò dà modo a Mollificio Pirani di sfruttare le macchine a controllo numerico di ultima generazione che permettono qualità elevate con tempi di attrezzaggio molto brevi. Oltre alla produzione vera e propria Mollificio Pirani si occupa anche di prototipazione, progettazione e consulenza tecnica; completa l’offerta il servizio di realizzazione di campionature in tempi brevi e imballi particolari.

Tipologie di molle prodotte MOLLE A COMPRESSIONE: Diametro dei fili tra 0,20 e 6,00 mm; disponibili in geometrie coniche cilindriche e biconiche, sono studiate e realizzate anche su specifiche del cliente, fornibili molate alle estremità e assestate a blocco.

MOLLE DI TRAZIONE: Diametro dei fili tra 0,20 e 6,00 mm; prodotte in geometrie variabili con occhielli inglesi, tedeschi, allungati e girevoli, anche in questo caso studiate e realizzate su specifiche del cliente. SEGUE a pag. 22

OFFICINA RETTIFICHE MACCHINE UTENSILI

O.R.M.U. di Caiti Luciano e Franco s.a.s. Via Salvador Allende, 20 - MODENA Tel. 059/25.13.04 - Fax 059/25.59.837 Rettifica tangenziale c/terzi di piani e guide Affilature lame per Cesoie e Piegatrici Dimensioni max rettificabili mm 7000x1800x1500 Revisione macchine utensili Riparazione e revisione parziale di macchine utensili ed attrezzature

VISITATE il sito

www.ormumodena.com Marzo 2018 - 532

21


BAVIERI ALFEO s.r.l.

Torneria automatica CNC, con controllo numerico e sistema computerizzato. La qualità della produzione è assicurata dal costante collaudo e dall’attenta verifica di tutti i prodotti finiti.

Il parco macchine è dotato anche dello straordinario

OFFICINA DI RULLATURA, RETTIFICA S.C., LAPPATURA E NASTRATURA

Mazak Integres 400 5 Assi in continuo Via 2 Agosto 1980, 14-Loc. CRESPELLANO 40053 VALSAMOGGIA (BO)

Via Repubblica, 21 - 44045 Loc. Bevilacqua - Renazzo - Cento (FE) Tel. 051 900132 - info@tassinari-decenzio.com

www.tassinari-decenzio.com

MOLLE A TORSIONE: Diametro dei fili tra 0,20 e 6,00 mm, disponibili in geometrie variabili; studiate e realizzate su specifiche del cliente. MOLLE A NASTRO: Spessore dle nastro fino a 2 mm, realizzate su piegatrici meccaniche dotate di unità pressa. Quando necessario le attrezzature necessarie alla produzione vengono realizzate internamente. SAGOMATI: diametro del filo compreso tra 0,40 e 6,00 mm, disponibili in geometrie variabili a seconda delle richieste del cliente.

Fonte: www.subfornituranews.it

La più grande fiera della metalmeccanica on line ®

www.expomec.it

EDITORIA & MARKETING

Massimo Fortuzzi cell. +39 335 718 7596 - edibitmf@gmail.com

Marzo 2018 - 532

www.bavierialfeo.it

Ingranaggi

SEGUE da pag. 21

22

Tel. 051/969787 Fax 051/6720218 info@bavierialfeosrl.191.it

MONZA-BRIANZA

Ingranaggi, viti senza fine e motoriduttori: le soluzioni di Solzi Ingranaggi Fondata da Ugo Solzi con l’obiettivo di produrre ingranaggi, viti senza fine e motoriduttori di piccola potenza sia plantari sia a cascata di ingranaggi, Solzi Ingranaggi continua tutt’oggi in questa mission. La lungimiranza imprenditoriale del fondatore ha permesso all’azienda di stare al passo coi tempi e di aprirsi all’esportazione, alla quale indirizza circa il 25% della produzione. Solzi Ingranaggi infatti vanta ottimi contatti commerciali con la Germania, principale mercato di riferimento oltre a quello italiano, oltre che a Belgio e Paesi Bassi. Il successo è legato, oltre che al know how raggiunto, anche agli investimenti che hanno permesso all’azienda di poter contare su un parco macchine di tutto rispetto; tale reparto annovera torni CNC, dentatrici automatiche, dentatrici a controllo numerico, torni di ripresa e ribaditrici orbitali.

Per particolari richieste che implicano fasi di rettifica, trattamenti termici e galvanici, lucidature e controlli non distruttivi l’azienda si avvale di collaborazione esterne con una serie di partner qualificati. Ingranaggi Microingranaggi in vari materiali Solzi Ingranaggi è specializzata nella produzione di ingranaggi e microingranaggi. Tali organi di trasmissione sono prodotti sia a dentatura dritta sia elicoidale, partono da modulo 0.15 a modulo 1.5. Per la produzione Solzi Ingranaggi impiega ogni tipo di materiale e possono essere forniti compresi di trattamenti termici o superficiali. Per quanto concerne le dimensioni vanno da un minimo di 3mm fino ai 65mm

per i pezzi realizzati in modalità automatica non presidiata; se si considera la lavorazione manuale si può arrivare ai 100 mm. Le lunghezze lavorabili vanno fino a 140 mm. Motoriduttori I riduttori sono realizzati sia in versione epicicloidale sia a cascata; Solzi Ingranaggi fornisce questa classe di prodotti sia in versione parzialmente personalizzabile, fornibili con motori standard sia su specifica esigenza, montanti motori forniti direttamente dal cliente. Le coppie di trasmissione vanno dai 0.5 Nm per i riduttori a cascata e possono raggiungere coppie variabili comprese tra gli 1.5 e i 20 Nm. Fonte: www.subfornituranews.it


MACCHINE UTENSILI

Marzo 2018 - 532

23


FIERE

NOTIZIE

NOTIZIE

Investimenti 4.0 a doppia cifra per la Meccanica italiana: +10,1% nel 2017 e +5,4% prevedibili nel 2018 Rispondono molto bene produzione (+3,8%) ed export (+2,9%) nel 2017. Trend confermato nel 2018 L’industria meccanica ha reagito molto bene alla crisi. Complice infatti il Piano Impresa 4.0, la manifattura italiana, rappresentata da Anima Confindustria, segna un +3,8% nel 2017 come produzione, pari a 46,7 miliardi di euro. Di questi, 27 miliardi di euro sono rappresentati dalle esportazioni, in crescita del +2,9% rispetto all’anno precedente. I dati di preconsuntivo 2017 e di previsioni 2018 elaborati dall’Ufficio Studi Anima lasciano ben sperare sulla continuità.

24

Marzo 2018 - 532

Viene confermato il trend positivo per l’anno in corso: la produzione è prevista in aumento (+2,3%), così come l’export (+2,7%). La voce degli investimenti si presenta a doppia cifra: +10,1% nel 2017 rispetto al 2016 e si prevede avanzi di almeno un +5,4% nel 2018. «Le imprese stanno investendo bene nella digitalizzazione, ossia nella robotica, sensoristica applicata ed interconnessione sistemica. Ma il vero salto alla Smart Industry avverrà quando capiremo che il Piano Impresa 4.0 tocca tecnologie e produzione, ma soprattutto dona flessibilità, lavorando anche molto sulla

formazione. - afferma Alberto Caprari, presidente Anima Confindustria meccanica Varia - Dopo aver evoluto hardware e software, ora bisogna impegnarsi con gli uomini e le donne che rendono grandi e competitive le nostre imprese. La formazione 4.0 è la necessità primaria per i prossimi cinque anni. È anche una grande opportunità per inserire nel mondo del lavoro i “giovani 4.0”, linfa vitale per l’industria manifatturiera in termine di innovazione e familiarità con le nuove tecnologie e logiche. Quello di cui abbiamo certamente bisogno, senza tentennamenti, è una stabilità nella politica industriale.

Auspico pertanto che anche il prossimo governo scommetta sulla crescita delle imprese italiane, unica via per trainare tutto il Paese. È basilare continuare ad infondere fiducia all’imprenditoria tutta, affinché si possa continuare con gli investimenti mirati e presentarsi più forti nei mercati internazionali». La meccanica italiana è il settore protagonista del Piano Impresa 4.0. L’Ufficio Studi Anima ha analizzato i settori che hanno investito in misura maggiore nel corso del 2017 e del 2018 in forza delle agevolazioni quali l’iperammortamento e il superammortamento.


CREMAGLIERE

Marzo 2018 - 532

25


FIERE

26

Marzo 2018 - 532


PROTEZIONI

Presenti a:

Pad 2 - Stand G71

Marzo 2018 - 532

27


PIROMETRI

Termometri a infrarossi estremamente robusti per acciaierie I pirometri della serie Endurance di Fluke Process Instruments, azienda esperta nella misurazione delle temperature, offrono un'elevata affidabilità e usabilità nelle applicazioni complesse di produzione di metalli primari e secondari. I robusti termometri a infrarossi per misure senza contatto sono I pirometri a rapporto (o a due colori) Endurance misurano temperature comprese tra 50 e 3.200 °C.

consente una facile e intuitiva configurazione e lettura sul posto. Inoltre, i sensori possono essere gestiti a distanza.

La gamma di temperature misurate dai modelli delle serie Endurance va da 50 °C a 3.200° C. Pertanto, bastano meno unità per monitorare interi processi.

Sono disponibili interfacce Profinet, RS-485 e Industrial Ethernet. Inoltre, Fluke Process Instruments ha integrato una gamma di opzioni di lettura e una videocamera ad alta risoluzione per il monitoraggio a distanza dell'applicazione e l'allineamento del sensore tramite Industrial Ethernet.

Sono disponibili modelli con modalità di funzionamento a un colore e a due colori (pirometro a rapporto), quest'ultimo adatto anche per basse temperature fino a soli 250 °C. I pirometri a rapporto garantiscono letture corrette anche in ambienti saturi di polvere o di vapore. Ottima connettività e opzioni di visualizzazione La pirometri della serie Endurance sono stati progettati per garantire un utilizzo versatile. Un pannello posteriore retroilluminato con feedback tattile

utilizzati per controllare la stabilità del processo, la qualità del prodotto e l'efficienza del combustibile. Caratterizzati da una risposta spettrale di 1 m, 1,6 m o 2,4 m, questi nuovi sensori offrono una precisione significativamente più elevata rispetto ai sensori a lunghezza d'onda più lunga.

A seconda della visibilità nella particolare applicazione, è possibile utilizzare il laser o letture LED per segnare la posizione e le dimensioni del punto di misurazione. I sensori sono adatti per funzionare negli ambienti industriali più difficili. Sono dotati di connessioni di entrata/uscita galvanicamente isolate e un alloggiamento in acciaio inos-

sidabile IP65. Resistono ad ambienti in cui la temperatura arriva fino a 315 °C tramite l’utilizzo di accessori di raffreddamento.

Il produttore offre una garanzia tra le migliori, di ben quattro anni.

MOVIMENTAZIONE

Salire in tutta sicurezza con il nuovo sistema e-drum Igus Soluzioni di guida per catene portacavi triflex per applicazioni con corse verticali. Ad altezze elevate su carroponti e piattaforme di lavoro, la sicurezza per uomini e macchine riveste un ruolo particolarmente importante.

igus ha sviluppato la e-drum. Il design necessita di uno spazio molto ridotto e grazie alla struttura chiusa protegge completamente i cavi.

Per la guida sicura di tutti i condotti necessari all’alimentazione dei dispositivi elevabili

All'interno è presente una catena portacavi triflex R, che guida i cavi con movimenti tri-

dimensionali in tutte le direzioni. Grazie alla speciale struttura, per garantire il collegamento elettrico non sono necessari collettori rotanti.

Massimo Fortuzzi EDITORIA & MARKETING

28

Marzo 2018 - 532

cell. +39 335 718 7596 edibitmf@gmail.com

EDITORIA & MARKETING


FIERE

Marzo 2018 - 532

29


PROFILO D’AZIENDA

Un unico riferimento per numerose soluzioni di Claudio Tacchella

Sermac srl rappresenta e distribuisce in Italia importanti case, leader nel proprio settore di applicazione. Sermac srl di Muggiò (MB), rappresenta e distribuisce in esclusiva sul mercato italiano importanti case, leader nel proprio settore di applicazione. Alla fiera di Parma MECSPE espone, presso lo Stand A70 – Pad.3, le ultime novità proposte al mercato tra l’intera gamma delle case rappresentate e in particolare: Accud e Microtech, famose aziende specializzate in strumenti di misura e controllo di alta precisione e qualità, proposti con un assortimento completo di modelli analogici e digitali, per l’officina e sale metrologiche. TRC-group, importante azienda che completa l’offerta Sermac nel settore della metrologia con mac-

chine di misura di alta precisione e qualità quali altimetri, proiettori verticali, macchine a coordinate e macchine di visione 2D/3D. Norelem, azienda franco-tedesca sinonimo, da oltre 50 anni, di particolari normalizzati, accessori di staffaggio e soluzioni specifiche per le officine. Il nuovo catalogo “The Big Green Book” disponibile in italiano, offre oltre 30.000 articoli dei quali, più del 90% in pronta consegna e senza alcun limite al minimo d’ordine. Derek, rinomato marchio che propone una ampia e innovativa gamma di utensili da tornio, portautensili, teste di alesatura, punte a inserti, frese e accessori in grado di soddisfare le esigenze degli utilizzatori più esigenti.

“Quelli esposti, - dichiara Alberto Gillio Tos, titolare della società -, sono solo alcuni dei settori che presidiamo e rappresentiamo con questi prestigiosi marchi. Grazie al Know-How acquisito, siamo sempre al fianco del cliente per assisterlo prontamente ed efficacemente.”

SERMAC s.r.l. Via Villoresi, 15 20835 Muggiò (MB) – Italy Tel +39 0392785148 Fax +39 039796443 Email: info@sermacsrl.com www.sermacsrl.com

FORMAZIONE

Industria 4.0 e fabbricazione mediante saldatura: Le nuove figure professionali per i processi robotizzati Il Seminario a partecipazione gratuita si è tenuto a Modena il 9 marzo 2018. Le esigenze di produttività, qualità e sicurezza nella fabbricazione dei prodotti saldati stanno spingendo un numero crescente di fabbricanti verso l’impiego di impianti di saldatura ad alto livello di automazione, spesso robotizzati. I fabbricanti devono disporre di strumenti tecnici e gestionali atti a sfruttare nel modo più efficiente le opportunità offerte dal mondo della robotica, non solo individuando le attrezzature più appropriate, ma anche considerando gli aspetti di re-ingegnerizzazione del prodotto, richiesti dalle nuove modalità di fabbricazione, garantendo un approccio integrato con la produzione. - Le condizioni di accessibilità delle giunzioni da realizzare 30

Marzo 2018 - 532

- le sequenze di saldatura più adatte a contenere le deformazioni dei pezzi - l’utilizzo di dispositivi di assiemaggio versatili e precisi - l’opportuno utilizzo della sensoristica le eventuali variazioni da apportare alle fasi precedenti e successive alla saldatura (es. preparazioni dei pezzi, controlli). Sono solo alcuni dei molteplici aspetti che debbono essere considerati nel processo di re-inge-

gnerizzazione, senza perdere di vista i requisiti e le prestazioni che i giunti debbono soddisfare. L’esperto di robotica e l’esperto di saldatura, da soli, non possono affrontare e risolvere queste criticità. Occorre una figura che racchiuda entrambe queste competenze e sensibilità. Tale esigenza, a livello internazionale, ha portato alla elaborazione di un percorso di formazione e qualificazione de-

dicato proprio a questa nuova figura professionale. Durante il seminario sono state descritte le modalità di accesso e i percorsi di formazione previsti per queste nuove figure, percorsi che si avvalgono degli incentivi fiscali previsti dal Piano Industria 4.0 con il riconoscimento di un credito d’imposta pari al 50% delle spese sostenute per la formazione del personale dipendente. Fonte: www.iis.it


MACCHINE UTENSILI MACCHINE UTENSILI USATE 25064 GUSSAGO (BS) Via Mandolossa, 142d

Tel. 030/37.33.780 - Fax 030/32.29.132

E-mail: info@mimu.com

www.mimu.com - ultimi arrivi e video su: mimu.blogspot.com Macchine utensili usate delle migliori marche - Esposizione di 3300mq Specializzati settore rettifica,lappatura piani e fori. Revisione e retrofit CNC su ns macchine.

IN ARRIVO - APPENA ARRIVATE - RULLLATRICI PER FILETTI ORT 3RP24 CNC, 2RP24 PLC, ORT RP18, CON PLC - CENTRO DI LAVORO 5 ASSI TORNITURA E FRESATURA CHIRON MILL 800 (2007) - CENTRO DI LAVORO ORIZZONTALE HYUNDAI KIA HS400 (2007) 2 PALLET, 60 UT, 15000 GIRI - CENTRO DI LAVORO CHIRON FZ15KW, CNC SIEMENS 840D - LEVIGATRICE SUNNEN ML2000, CON ASC, BARRIERE E VASCA ESTERNA (2007) - TORNOS DECO 2000 – 13 CON CARICATORE - GHIRINGHELLI M500 CNC MONOASSE, FASCIA MOLA 500MM X 610MM DIA CENTRI DI FRESATURA-TORNITURA - CENTRO DI LAVORO 5 ASSI TORNITURA E FRESATURA CHIRON MILL 800 5 ASSI (2007), MACCHINA VISIBILE FUNZIONANTE NEL NOSTRO MAGAZZINO, COMPLETO DI CARICATORE PER BARRE CENTRI DI LAVORO ORIZZONTALI TESTA BIROTATIVA - MANDELLI M10, 2 PALLET 1500X1000, TESTA OVER (BIROTATIVA) U25 0/90°, 60 UTENSILI ISO 50, X=2200 Y=1500, CNC SIEMENS 840 C – VISIBILE FUNZIONANTE NEL NS MAGAZZINO CENTRI DI LAVORO VERTICALI: - CENTRO DI LAVORO 5 ASSI TORNITURA E FRESATURA CHIRON MILL 800 5 AXIS (2007), MACCHINA VISIBILE FUNZIONANTE NEL NOSTRO MAGAZZINO - CHIRON FZ15KW HIGH SPEED, 2001, CNC SIEMENS 840D, ALTA PRESSIONE, 48 UTENSILI, ALTA PRESSIONE - CHIRON FZ15KS 4 ASSI, CNC SIEMENS 840D, 48 UTENSILI, ALTA PRESSIONE, QUARTO ASSE PEISELER - CHIRON FZ18W MAGNUM, 1999, CNC SIEMENS 840D, ALTA PRESSIONE, 20 UTENSILI, BLOCCAGGI IDRAULICI - CHIRON FZ08S 4 ASSI, 12 UTENSILI HSK32, 15000 GIRI, CNC FANUC 21IM - CHIRON FZ08W, CAMBIO PALLET, 12 UTENSILI HSK32, 15000 GIRI, FANUC 21M - N.2 STAMA MC 325S, ROTOPALLET, N.4 DIVISORI (QUARTI ASSE) LEHMAN SU OGNI MACCHINA, REFRIGERANTE DAL CENTRO, 1996 E 1997 - CHIRON FZ18W MAGNUM 4 AXIS, DOPPI QUARTI ASSI, 20 UTENSILI, ISO40, BLOCCAGGI IDRAULICI, FANUC 0M, ASSE Z RIALZATO - CHIRON FZ18W MAGNUM, 20 UTENSILI ISO 40, FANUC 0M - (3) CHIRON DZ18W MAGNUM HIGHSPEED, BIMANDRINO, ISO 40, 10.500 GIRI, 2X12 UTENSILI LEVIGATRICI PER FORI (LAPPATRICI) SUNNEN ML2000 CON MISURATORE ASC E VASCA ESTERNA, 2007, SEMINUOVA N.2 SUNNEN ECA-3500 CON VIBRATORI E BRACCI PER CARICO/SCARICO AUTOMATICO, MISURATORE ETAMIC N.3 SUNNEN EC-3500 AUTOMATICHE CON PLC, MISURATORE, COME NUOVE SUNNEN MBC 1805 CON MISURATORE (2) SUNNEN MBC 1804 ANCHE CON MISURATORE LAPPATRICI PER PIANI (1 PIANO)

CHIRON MILL 800 5 assi

STAHLI 1500, DIAMETRO PIANO 1500MM, ANELLI DIA. INT. 530MM LUI 32P 1PL, DIAMETRO PIANO 800MM, 3 ANELLI, SEMINUOVA PETER WOLTERS FL8B, DIA 900MM, 4 ANELLI GRIEB MYLAP 900, DIA 900MM, 3 ANELLI PRECISIONLAP 36, DIA 900MM, 3 ANELLI MELCHIORRE SP3/600 I, 4 ANELLI, PIANO IN GHISA MELCHIORRE SP3/600 I, 4 ANELLI, PIANO IN RAME LAPMASTER 24, 3 ANELLI, DIA 600MM, ANELLI NUOVI LAPPATRICI PER PIANI (2 PIANI CONTRAPPOSTI) PETER WOLTERS AL2 DIA 800 (PIANPARALLELA) PETER WOLTERS AL2 DIA 900 (PIANPARALLELA) AFFILATRICI UNIVERSALI LIZZINI CORSA 600MM SEMINUOVA TACCHELLA 6P, TACCHELLA 4M ANCHE CON BARASENO E MOTORIZZAZIONE FORATRICI PER FORI PROFONDI: KRAMATORSK KJ1910, PROFONDITÀ MAX FORATURA 10.000 X 600MM DIA, DIA ESTERNO PEZZO MAX 1300MM, PESO MAX 25TON, MOTORE MANDRINO 85KW, CONTROROTAZIONE FORATRICE PER FORI PROFONDI TBT M200-1-850 ELETTRONICA SIEMENS TORNI TORNOS DECO 2000 – 13 CON CARICATORE TORNIO CNC AUTOAPPRENDIMENTO MONFORTS KNC5 1000 (2001) ELETTRONICA SIEMENS FAMAR ERGO 250, TORNIO CNC A MANDRINO ROVESCIO, CNC SIEMENS 840D INDEX GU800, L 870MM, TORNIBILE BANCO/CARRO 540MM/320MM, CONTROPUNTA AUTOM., MANDRINO DIA 330MM, PASSAGGIO BARRA 65MM, MOTOREMANDRINO 28KW – OCCASIONE – RULLATRICI PER FILETTI ORT 3RP24, CNC, 2004, MOTORI BRUSHLESS INDIPENDENTI SUI 3 RULLI ORT 2RP24, PLC, 2000, CENTRO FISSO ORT RP18U, 1998, CON PLC, SEMINUOVA RETTIFICATRICI SENZA CENTRI - MIKROSA SASL 5/1, FASCIA MOLA 500MM, 1999, CNC MONOASSE ORIGINALE MIKROSA, CENTRO FISSO - MIKROSA SASL 5 CNC (POSSIBILE REVISIONE E RETROFIT, MARCHIATURA CE), MOLA 500MM DI FASCIA, MOTORE 55KW, CENTRO FISSO - MIKROSA SASL 125, MOLA 250X600MM, ANNO 1993 CON CARICATORE A PORTALE (2 PEZZI PER VOLTA) - MONZESI 500, FASCIA MOLA 250MM, REVISIONE PARZIALE (FOTO DISPONIBILI) - MONZESI 400, FASCIA MOLA 200, REVISIONE PARZIALE (FOTO DISPONIBILI) - MONZESI 300, FASCIA MOLA 300MM, CONTROLLATA, FUNZIONANTE, CON TUTTO AUTOMATICO - GHIRINGHELLI M212, MOLA 300X600, DOPPIO CARRO, MIA - GHIRINGHELLI M12 CNC 3 ASSI, MOLA 300X600 - GHIRINGHELLI M500 CNC MONOASSE, FASCIA MOLA 500MM X 610MM DIA

Hyundai KIA HS400

Monforts KNC5

- GHIRINGHELLI M500 SP610, FASCIA MOLA 500MM X 610MM DIA - GHIRINGHELLI M300 SP610 CNC 6 ASSI CON CARICATORE A PORTALE - GHIRINGHELLI VARI MODELLI: M200, M2200, M120, M2120 CON MIA ANCHE CON MISURATORE LASER - GIUSTINA R100 SC, FASCIA 250X610, 1980 RETTIFICATRICI A MOLE CONTRAPPOSTE: GIUSTINA R236 CNC, DIA 760MM, CNC RETROFIT 2000 CON NUM1060, CARICATORE A DISCO(ROTARY), ATTREZZATA PER BIELLE / SET UP FOR CONRODS – PREZZO SPECIALE RDC R236 CNC DIA 900MM, CNC NUM 1060, ANNO 1995, DIA 760MM, CARICATORE A DISCO (ROTARY), ATTREZZATA PER BIELLE / SET UP FOR CONRODS – PREZZO SPECIALE GARDNER 84B, DIAM MOLE 1100MM, VISUALIZZATA, LAVORAZIONI A TUFFO, RECENTEMENTE REVISIONATA AFFILATRICI PER PUNTE BREDA: MODELLI AFP30, AFP50 E N.2 AFP 80 FINO A DIAM. 80MM CAWI SPIRAL N-4-90-30 OCCASIONE RETTIFICATRICI PER PIANI (TANGENZIALI): JONES & SHIPMAN 540X, ANNO 1988 CON PLC; QUOTE VISUALIZZATE SUL DISPLAY, DIAMANTATURA E RECUPERO USURA MOLA A MEZZO ENCODER ALPA RT450, COMPLETAMENTE REVISIONATA E RIVERNICIATA E ALPA RTL 1000 CONTROLLATA E FUNZIONANTE RETTIFICATRICI IN TONDO PER ESTERNI E UNIVERSALI GIORIA RU/P 1000, H P.TE 200X1000, MOTORE C.C. SU MOLA E FANTINA, MANDRINO IDROSTATICO, VISUALIZZATORE, BOANO PER CONTROLLO SFORZO MOLA TACCHELLA 1018U, H. PUNTE 180X1000MM, REVISIONE MECCANICA RIBON UTGA-1500, 180X1500 TRA LE PUNTE, IDRAULICA, MARPOSS, CONTROPUNTA IDRAULICA LIZZINI RUL 70 700X170 CON INTERNI MORARA REU 650 CON APPARECCHIO PER INTERNI SCHAUDT PRS, 1000MM, MOLA DESTRA, PROFILATORE MOLA VARIE: N.2 ROTONDIMETRI TAYLOR HOBSON TALYROND 250 TRAPANO RADIALI MAS CON SBRACCIO DA 1600 PROIETTORI PER PROFILI CON SCHERMO FINO A 1 METRO DI DIAMETRO (MICROTECNICA CYCLOP) ANGOLO DELLE OCCASIONI: CARICATORE PER BARRE (CENTERLESS) FINO A 4 METRI PER RETT SENZA CENTRI, MOTORIZZATO, OCCASIONE! PROVA TRAZIONE GALDABINI 10 TON E AVERY 50 TON SUPER OCCASIONI TAVOLE GIREVOLI ROTOTRASLANTI 2000X1700 CORSA 3000, GUIDE RIPORTATE, VITI A RICIRCOLO N.2 SECMU FBF5 CN “ECS 2001”, CORSE DA 1500, OTTIMO PREZZO, IDEALE PER RETROFIT CNC N.1 SECMU CNC FAGOR, CORSA X=1000, RIGHE OTTICHE TORNIO SCHAUBLIN 120HP DA RIPRESA

SUNNEN ML2000

… e ancora torni, fresatrici, presse, rettifiche ecc. Aperti anche il sabato mattino. Contattateci senza impegno. Acquistiamo macchinari usati.

Marzo 2018 - 532

31


FIERE

Osservatorio Le PMI della meccanica e subfornitura promuovono il Piano Industria 4.0 A un anno di distanza il 66% delle imprese giudica positivamente o discretamente gli effetti sul settore e il 46,1% continuerebbe a investire al di là degli incentivi Dal punto di vista della preparazione complessiva che la quarta rivoluzione industriale richiede al personale nell’analisi e gestione dei dati, il livello di competenze è giudicato alto dal 19,3% degli intervistati e medio da quasi 7 imprenditori su 10.

- Nel I Semestre 2017 aumento dei fatturati (48,8%) e previsioni di crescita per il 57,9% - Le nuove tecnologie sono in grado di migliorare la qualità del lavoro dei dipendenti (67,6%), che non le percepiscono come una minaccia ma come un’opportunità (49,3%) - L’imprenditore è la figura driver preposta a stimolare/guidare il processo di innovazione digitale in azienda (37,2%) Tempo di bilanci per le PMI del manifatturiero italiano, a quasi un anno di distanza dalla presentazione del Piano Nazionale Industria 4.0 del Ministro Calenda. Secondo la fotografia dell’Osservatorio MECSPE, presentato oggi a Modena da Senaf in occasione della quarta tappa dei “Laboratori MECSPE – FABBRICA DIGITALE, la via italiana per l’industria 4.0”, ben il 66% degli imprenditori giudica positivamente o discretamente gli effetti sul settore, seppur esprimendo la necessità di un piano pluriennale e di una minore attenzione rivolta alle grandi imprese. In particolare, tra le iniziative previste si attribuisce grande rilevanza all’iper-ammortamento per i macchinari funzionali alla digitalizzazione (69,7%), al credito d’imposta per attività di ricerca e sviluppo (57,4%), al miglioramento delle infrastrutture digitali abilitanti (54,6%) e alla de-fiscalizzazione dei premi di produzione (51,1%). Al di là degli incentivi governativi – e in attesa che vengano definiti i dettagli di una loro riconferma nella prossima legge finanziaria – è chiara la propensione agli investimenti da parte delle imprese:

quasi la metà (46,1%) dichiara che continuerebbe a destinare parte del fatturato in innovazione anche in assenza di agevolazioni, segno che la trasformazione in corso è ormai matura e culturale. C’è comunque un 22,7% che continuerebbe a farlo riducendo però gli investimenti, mentre solo il 3,9% smetterebbe totalmente.

“I dati dell’Osservatorio MECSPE mostrano segnali senza dubbio incoraggianti, non solo per i numeri che si registrano sul fronte dell’export e per il fatturato delle aziende, nettamente in aumento rispetto allo scorso anno – commenta Maruska Sabato, Project Manager di MECSPE (Fiere di Parma, 22-24 marzo 2018) – ma anche per il fatto che quasi 9 aziende su 10 si dicano disposte a investire nei prossimi anni nella trasformazione della loro impresa in una Fabbrica Intelligente. Questo trend indica grande attenzione e forte interesse nei confronti delle tecnologie abilitanti, percepite oramai in maniera diffusa come un utile strumento per migliorare sistemi

e processi produttivi. La sfida che bisogna affrontare adesso è quella della formazione: occorre aumentare il livello di competenze digitali di tutti gli operatori del manifatturiero, affinché si possano cogliere, nel più efficace dei modi, le opportunità offerte dalla tecnologia”. Si respira dunque una consapevolezza positiva, anche tirando le somme sul proprio percorso verso l’innovazione e la valutazione della propria posizione aziendale in rapporto al processo di Industria 4.0: quasi la metà degli intervistati (43,7%) si sente in linea con le competenze richieste, mentre il 19% ritiene di stare precedendo le azioni dei competitor. Percezione che si estende anche ai benefici che la tecnologia sta apportando al personale: secondo il 67,6% degli imprenditori, questa è in grado di migliorare la qualità del lavoro, mentre il 49,3% è convinto che i dipendenti la vedano come un’opportunità anziché una minaccia.

Per migliorare la formazione il 62,8% delle aziende adotta o ha intenzione di adottare delle attività dedicate alle competenze digitali, rivolgendosi a professionisti e consulenti esterni (12,8%) o adottando metodi tradizionali come letture, confronti e dibattiti, corsi (18,9%). Solo il 9,5% si affida a metodi che prevedono il supporto di strumenti tecnologici. Le PMI della meccanica e della subfornitura, che a oggi hanno introdotto nuove tecnologie abilitanti, hanno privilegiato soluzioni per la sicurezza informatica (59,5%) e la connettività (53,4%) – settori in cui si registra anche il livello di conoscenza maggiore da parte delle aziende – la simulazione (28,2%), la produzione additiva (26,7%), il cloud computing (24,4%) e l’Internet of Things (22,1%), che saranno oggetto di ulteriori investimenti da qui al 2018. Entro la fine del prossimo anno, dunque, l’Internet of Things sarà presente nel 22,1% delle aziende, la sicurezza informatica e il cloud computing nel 20,6%, la realtà aumentata nel 15,3%. Tra gli obiettivi, però, saranno i big data a godere degli investimenti maggiori, arrivando a essere così presenti in oltre un quinto delle imprese italiane (22,9%).

Massimo Fortuzzi EDITORIA & MARKETING

32

Marzo 2018 - 532

cell. +39 335 718 7596 edibitmf@gmail.com

EDITORIA & MARKETING


Presenti a:

Pad 5 - Stand I01

Marzo 2018 - 532

33


SOFTWARE

I dispositivi mobile di AFV Beltrame Group al sicuro grazie a Check Point Software Technologies La piattaforma SandBlast Mobile Threat Defence protegge 250 dispositivi mobili Check Point®Software Technologies Ltd. (NASDAQ: CHKP), il principale fornitore di soluzioni di cybersecurity a livello globale, annuncia di essere stata scelta da AFV Beltrame Group, per proteggere i propri dispositivi mobile. Il Gruppo Beltrame è attivo dal 1896 nel settore siderurgico, ed è sinonimo di eccellenza e innovazione nella produzione di laminati mercantili e profili speciali per molteplici ambiti di impiego: edilizia, cantieristica navale, macchine movimentazione terra. Fortemente competitivo e leader europeo del proprio settore, il Gruppo comprende 3 acciaierie a forno elettrico e 10 laminatoi localizzati in sei stabilimenti ubicati in Italia, Francia, Svizzera e Romania dove lavorano complessivamente circa 2000 dipendenti. Dopo aver avviato un processo di valutazione interna, il dipartimento IT di AFV Beltrame Group ha ritenuto che gli strumenti di cybersecurity di cui disponeva non erano sufficienti per mettere adeguatamente in sicurezza la propria rete infor-

matica e difendersi dalle minacce moderne più sofisticate. Oltre a rivolgersi al proprio fornitore di sicurezza informatica, Check Point Software Technologies, l’acciaieria ha istituito un bando di gara che si è concluso con la scelta della piattaforma SandBlast Mobile, la soluzione di sicurezza per il settore mobile dell’azienda, capace di contrastare le minacce ai device mobili con sistema iOS e Android e dotata di una threat intelligence e di visibilità in tempo reale per l’estensione alle infrastrutture mobili e di sicurezza già esistenti.

“Quello che ci ha più colpito di SandBlast Mobile è vedere come questa soluzione si integrasse in modo smart con i device mobile e avesse una filosofia diversa rispetto alle protezioni offerte da antivirus e antimalware, proprio perché analizza in profondità sia la parte comportamentale del device che la parte di accesso alle reti Wi-Fi,” ha dichiarato Riccardo Speranza, CTO di AFV Acciaierie Beltrame SpA. “Le soluzioni di Check Point funzionano in modo davvero ot-

timale: quando al mattino accediamo alla dashboard di Check Point abbiamo una visione completa e univoca dei dispositivi monitorati e vediamo che durante la notte sono stati analizzati migliaia di file. Tutto questo non richiede molto tempo o intervento del personale IT, il che ci offre una grande tranquillità e ci lascia liberi di occuparci di tutto il resto.” La fase pilota dell’implementazione della piattaforma SandBlast Mobile si è conclusa nel mese di dicembre. Attualmente, la soluzione è stata installata su 250 dispositivi mobili presenti in tutti gli stabilimenti di AFV Beltrame Group per proteggere i dati del top management, dei quadri, di alcuni impiegati e dei referenti della produzione. SandBlast Mobile offre una soluzione di sicurezza centralizzata progettata per proteggere

CATALOGHI

Click and Search: un nuovo tipo di catalogo Ct Meca presenta il suo nuovo catalogo creato per facilitare la navigazione sul sito www.ctmeca.com dove troverete più di 30000 componenti meccanici ordinabili 24h/24. Il catalogo mette in primo piano i codici prodotto ordinabili con un semplice click sul sito ctmeca.com: elementi meccanici, trasmissione di potenza, ruote dentate, convogliamento e carterizzazione, elementi di guida... 34

Marzo 2018 - 532

Le foto dei prodotti sono associati al codice, vi basterà quindi consultare il nostro sito con catalogo alla mano e inserire nella barra di ricerca il codice del prodotto di vostro interesse per visualizzare immediatamente tutte le informazioni tecniche e commerciali senza che vi sia richiesto di creare un account. Prezzi, scontistiche, dimensioni, disegni tecnici, tipi di materiali, disponibilità, tempi di approvvigionamento e le anteprime 3D

sono immediatamente accessibili. Una volta individuato il prodotto ricercato potete utilizzare i filtri preipostati con i parametri relativi al materiale e alle dimensioni per comparare i prodotti appartenenti alla stessa gamma. La ricerca può essere effettuata per codice o nome prodotto, il motore di ricerca vi suggerirà i componenti meccanici inerenti alla vostra ricerca.

gli utenti dai progressivi attacchi informatici mobili. SandBlast Mobile, l’unica soluzione per la difesa dalle minacce mobile che rileva e blocca il 100% delle minacce testate nel Miercom MTD Industry Assessment Report, March 2017, protegge i dispositivi dei dipendenti da attacchi malware tramite applicazioni infette, attacchi man-in-themiddle attraverso reti Wi-Fi compromesse, vulnerabilità del sistema operativo e link malevoli inviati tramite SMS. Questa piattaforma innovativa e pronta da installare è l’unica in grado di monitorare e rimuovere le minacce presenti nei dispositivi, nelle applicazioni e nelle reti, garantendo contemporaneamente una user experience chiara e una connessione sicura e senza alcun rischi.


SISTEMI DI BLOCCAGGIO

Sistemi di bloccaggio AMF Se si desidera ottimizzare la redditività, è necessario risparmiare da qualche parte. Il modo migliore è sfruttare la nostra analisi e consulenza per il possibile potenziale di risparmio grazie alle nostre soluzioni di bloccaggio. Perché con tempi di preparazione più brevi si può risparmiare molto. In particolare nella lavorazione ad esportazione di trucioli, nei dispositivi di controllo e nelle attrezzature per cambio le nostre soluzioni hightech si ripagano velocemente. Inoltre con il controllo a sensori, la conduzione di mezzi, l'indessaggio, le soluzioni ad isola e lo scarico nelle applicazioni automatizzate siete sempre a cavallo e potete mettere in mostra i vostri numeri. Per ogni diversa esigenza nella pratica è disponibile una varietà di sistemi di bloccaggio e di vantaggi.

Per noi l'importante è offrire all'interno della tecnica di bloccaggio più prodotti con diverse prestazioni principali. Per le soluzioni complete utilizziamo: sistemi di fissaggio modulari: tecnica di bloccaggio flessibile per lotti da piccoli a medi con un sistema modulare basato su schemi di fori, sistemi di bloccaggio multipli per il bloccaggio ottimizzato di più pezzi. Tecnica di bloccaggio idraulica: metodo razionale e conveniente per il bloccaggio di pezzi con contorni diversi dal punto di vista geometrico, che si adatta perfettamente alla produzione in serie. Sistema punto zero: una rivoluzione nella tecnica di bloccaggio che consente di risparmiare fino al 90% del tempo di preparazione attuale riunendo in un'unica fase di lavoro il fissaggio, il posizionamento e il bloc-

caggio. Altre caratteristiche uniche sono acciaio inox temprato, sistema di sicurezza integrato, elevate forze di tenuta con esecuzione estremamente compatta, bloccaggio con accoppiamento geometrico, utilizzo semplicissimo. Chi riconosce il principio dell'ottimizzazione dei tempi di preparazione con la tecnica di bloccaggio, ha sempre chiara la sfida per soluzioni innovative, come i nostri ultimi prodotti sviluppati: tecnica di bloccaggio magnetico: l'ultima generazione offre in particolare elevate forze di tenuta con misure compatte e un impiego adeguato alla pra-

tica grazie alle numerose dimensioni standardizzate e specifiche per cliente. Saldatura automatizzata: con il sistema di bloccaggio flessibile unico direttamente dal sistema modulare, che ha ottenuto il premio innovazione 2005 del Landkreis Esslingen, si eliminano semplicemente i dispositivi cari, non riutilizzabili. Il sistema è disponibile in acciaio e in acciaio inox. Sistema di posizionamento per incisioni laser: unico per la marcatura laser, il sistema a reticolo di coordinate elimina completamente dispendiosi processi di preparazione e posizionamento.

LAMINAZIONE

Prodotti in metallo duro per laminazione Intermetal offre: - Anelli in Carburo di Tungsteno Cementato per la laminazione di Prodotti Lunghi: • anelli con legante cobalto puro • anelli con legante Co+Ni+Cr • anelli a Tavola Piana • anelli scanalati • anelli con nervature • anelli tridimensionali per laminazione nervato • anelli per laminazione tubo senza saldatura • trascinatori • mark up di loghi Suggerimenti per l’utilizzo di anelli in carburo:

L’anello in carburo è un utensile realizzato in carburo di tungsteno e legante con eccellente durezza e resistenza all’usura. Per trarre vantaggi di buona resistenza all'usura, maggiore durata ed alta efficienza degli anelli in carburo durante la laminazione ad alta

velocità, bisogna tenere presente alcuni fattori quali i gradi e le proprietà degli anelli, la composizione chimica e le proprietà meccaniche (ad esempio durezza, carico di rottura a flessione (TRS), carico a compressione, densità). - Rulli compositi: • rulli compositi a fissaggio idraulico • rulli compositi a fissaggio meccanico Per la laminazione di tondini e barre (barre tonde, piatte e angolari), i rulli compositi possono ridurre sostanzialmente i tempi di lavorazione, riducono l'intensità del lavoro, aumentano la produttività, migliorano la qualità della superficie e la resa di acciaio laminato. Il sistema di bloccaggio idraulico prevede l’immissione di olio ad alta pressione; in questo modo la ghiera idraulica crea una forza di serraggio assiale e

fissa gli anelli in carburo all’albero. Il sistema è pratico ed affidabile e garantisce prestazioni degli anelli in carburo superiori, proteggendo gli stessi dagli sforzi.

Secondo le necessità dei clienti, è’ inoltre disponibile un sistema con bloccaggio meccanico. - Rullini guida in carburo di titanio Marzo 2018 - 532

35


SISTEMI DI CONTROLLO

Integrazione dei dati Siemens S7 nelle soluzioni cloud IoT Softing Industrial ha annunciato che il suo gateway dataFEED uaGate SI supporta ora anche il protocollo MQTT, oltre all’OPCUA, permettendo l’integrazione facile e affidabile dei dati Siemens S7 nelle soluzioni cloud. Grazie alla funzionalità publisher del protocollo MQTT nella nuova versione firmware 1.30 del suo dataFEED uaGate SI, Softing chiude il gap fra automazione e IT. Il gateway verso i sistemi di controllo Siemens S7 permette ora anche l’integrazione semplice e sicura dei dati nelle applicazioni IoT e Industrie 4.0 basate su cloud. Con questa mossa, Softing riconosce la crescente diffu-

sione di MQTT (Message Queue Telemetry Transport) come protocollo di comunicazione IoT standard. Esso è già supportato nativamente da molti provider cloud blasonati, tra cui Amazon Web Services, IBM Bluemix e Microsoft Azure. "Il dataFEED uaGate SI offre il massimo livello di sicurezza, semplice configurazione e bassi costi di manutenzione", afferma Sebastian Schenk, Product Manager presso Softing Industrial Automation. "Questa nuova versione offre a ingegneri meccanici, system integrator e altri clienti un tool flessibile e innovativo, che assicura un’interfaccia fra le reti

industriali e le applicazioni IT". Oltre alla funzionalità MQTT Publisher, il server OPC UA incorporato permette di integrare i dati nelle applicazioni ERP, MES o SCADA. L’autenticazione degli utenti, la gestione dei certificati e la criptazione SSL garantiscono la massima sicurezza. Il gateway può essere facilmente configurato tramite un web browser e supporta l’importazione diretta delle icone dai progetti SIMATIC STEP 7 e TIA Portal. Il dataFEED uaGate SI è adatto sia per i nuovi sistemi che per il retrofitting di sistemi esistenti. La nuova versione 1.30 del firmware è già disponibile per il

download dal sito web Softing. I clienti esistenti possono eseguire gratuitamente un upgrade alla nuova versione. Ulteriori informazioni sono disponibili sul web all’indirizzo

ECONOMIA

EMILIA-ROMAGNA: riaproni i termini per accedere al Fondo Starter e al Fondo Energia

EMILIA-ROMAGNA: dal 1° marzo 2018 fino al 7 maggio 2018 le imprese dell’EmiliaRomagna avranno ancora la possibilità di presentare domanda di accesso alle risorse del Fondo multiscopo rotativo di finanza agevolata, strumento di credito agevolato che fa parte delle opportunità di crescita economica e attrattività del territorio avviate dal Por Fesr 2014-2020. FONDO STARTER: il Fondo mette a disposizione complessivamente 47 milioni di euro di finanziamenti, dei quali 11 milioni di euro destinati a favorire la nascita di nuove imprese e a sostenere la crescita di quelle con un massimo di 5 anni di attività (Fondo Starter). FONDO ENERGIA: per gli interventi di miglioramento dell’efficienza energetica e di autoproduzione di energia da fonti rinnovabili sono a disposizione 36 milioni 36 Marzo 2018 - 532

di euro (Fondo Energia). La riapertura dei termini di presentazione delle domande ha l’obiettivo di completare l’assegnazione delle risorse (il Fondo ha infatti impegnato finora circa la metà della dotazione disponibile). A oggi hanno presentato domanda di credito agevolato, in corso di valutazione, 154 nuove imprese per il Fondo Starter e 99 per il Fondo Energia. Il Fondo multiscopo ha una compartecipazione pubblica al 70% a tasso zero e privata, bancaria, al 30% a tassi convenzionati e agevolati, gestiti dalla Regione tramite il Consorzio Unifidi, selezionato con gara pubblica europea. Il Fondo Energia, inoltre, offre la possibilità di ottenere un contributo a fondo perduto per le spese tecniche di progettazione dell’intervento (a esempio

la diagnosi energetica) pari al 12,5% della quota di finanziamento pubblico concesso all’impresa. BENEFICIARI: Piccole imprese in forma singola o associata, che siano nate in un periodo non antecedente ai 5 anni dalla presentazione della domanda di finanziamento. INTERVENTI AMMESSI: interventi su immobili strumentali: acquisto, ampliamento e/o ristrutturazione; acquisto di macchinari, attrezzature, hardware e software, arredi strettamente funzionali; acquisizione di brevetti, licenze, marchi, avviamento; spese per partecipazione a fiere e interventi promozionali; consulenze tecniche e/o specialistiche; spese del personale adibito al progetto; materiale e scorte; spese locazione dei locali adibito ad attività; spese per la produzione di documentazione tecnica necessaria per la presen-

tazione della domanda (a titolo esemplificativo redazione di business plan). AGEVOLAZIONE: il Fondo interviene concedendo finanziamenti a tasso agevolato con provvista mista, derivante per il 70% dalle risorse pubbliche del Fondo (Por Fesr 2014-2020) e per il restante 30% da risorse messe a disposizione degli Istituti di credito convenzionati. I FINANZIAMENTI, nella forma tecnica di mutuo chirografario, possono avere la durata compresa tra 36 e 96 mesi (incluso un preammortamento massimo di 12 mesi), ed importo ricompreso tra un minimo di 20 mila euro ad un massimo di 300mila euro. E’ finanziabile il 100% del progetto presentato. DOMANDE: Scadenza 7 maggio 2018

Fonte: www.italiacontributi.it


ECONOMIA

NUOVA SABATINI: rifinanziata e prorogata la misura per le agevolazioni alle imprese che effettuano investimenti NUOVA SABATINI: la legge di Bilancio 2018 ha rifinanziato con 550 milioni di euro e prorogato al 2023 la misura per le agevolazioni alle imprese che effettuano investimenti e ha disposto anche una riserva specifica del 30% per gli investimenti industria 4.0, per i quali è prevista una maggiorazione del contributo del 30%.

FINANZIAMENTI AGEVOLATI: - Finanziamenti di importo non superiore a 2 milioni di euro a fronte degli investimenti sopra descritti, anche frazionato in più iniziative di acquisto. I finanziamenti possono coprire fino al cento per cento dei costi ammissibili ed hanno una durata massima di cinque anni dalla stipula del contratto.

Sono ammessi alle agevolazioni gli investimenti avviati successivamente alla data della domanda di accesso ai benefici e conclusi entro dodici mesi dalla data di stipula del contratto di finanziamento. DOMANDE: misura aperta.

FINALITA': migliorare l’accesso al credito per investimenti produttivi delle piccole e medie imprese. CONTRIBUTI: La Nuova Sabatini concede contributi dal Ministero dello sviluppo economico a fronte di finanziamenti bancari quinquennali per l’acquisto di macchinari, impianti e attrezzature, hardware, software ed in tecnologie digitali. BENEFICIARI: La misura è rivolta alle micro, piccole e medie imprese operanti in tutti i settori, inclusi agricoltura e pesca, e prevede l’accesso ai finanziamenti e ai contributi a tasso agevolato per gli investimenti (anche mediante operazioni di leasing finanziario) in macchinari, impianti, beni strumentali di impresa e attrezzature nuovi di fabbrica ad uso produttivo, nonché per gli investimenti in hardware, software ed in tecnologie digitali.

www.expomec.it La più grande fiera della metalmeccanica on line ®

EDITORIA & MARKETING

Massimo Fortuzzi cell. +39 335 718 7596 edibitmf@gmail.com

Marzo 2018 - 532

37


SERVIZI ALLE IMPRESE

38

Marzo 2018 - 532


A.A.A. GIORNALE DELLA

Inserto redazionale dedicato a: • Prodotti • Tecnologia • Ambiente • Energia • Ecologia • Infrastrutture

ECO-NOTIZIE

I vantaggi dell’economia circolare per l’industria hi-tech, in Italia e in Europa di Luca Aterini

L’Europa è il continente che importa più risorse dall’esterno: la competitività della manifattura passa da qui La media e l’alta tecnologia, nella vulgata internazionale medium e hi-tech, vengono da anni indicate come la via di fuga per l’industria italiana ed europea da un sentiero di declino. All’interno di una competizione globale è impensabile sfidare i colossi dei paesi emergenti sul lato delle quantità offerte sul mercato, o peggio ancora sul basso costo del lavoro. Un’osservazione banale, ma lontana anni luce da una realtà dove gli investimenti in capitale umano ed efficiente utilizzo delle risorse galleggiano a livelli risibili. In Europa, il benchmark rimane quello tedesco, che ha saputo indirizzare la propria industria verso la produzione di beni tecnologici ad alto valore aggiunto. La seconda manifattura del Vecchio continente, l’Italia, combinando i saperi diffusi nelle migliaia di realtà artigiane del proprio territorio con le potenzialità di realtà medium e hi-tech, avrebbe tutte le carte in regola per rialzare la testa. È una possibilità concreta, oggi, ma che passa attraverso due vie obbligate: valorizzazione del capitale umano, con investimenti in R&S, e un utilizzo più efficiente delle risorse naturali, che a oggi rappresentano in molti casi addirittura la fetta più pesante tra i costi d’impresa. A dare un’idea delle possibilità in gioco ci pensa l’edizione 2015 di Hi Tech & Ambiente, a Milano, dove ReMedia – fra i principali sistemi collettivi italiani no-profit per la gestione ecosostenibile dei Raee (Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche) – affronta proprio il tema dell’economia circolare.

«Un approccio strategico all’economia fondata sul concetto di sostenibilità – spiega Danilo Bonato, direttore generale di Remedia – è fondamentale per l’Unione europea per rafforzare la propria competitività a livello internazionale attraverso la produttività delle risorse». In particolare, il settore hi-tech assorbe una quota consistente nella produzione globale di metalli per oltre 7 milioni di tonnellate consumate ogni anno con un valore economico superiore a 77 miliardi di dollari (dati Fondazione Ellen MacArthur), e in questo contesto il riciclo rappresenta una delle chiavi per poter introdurre il concetto di economia circolare anche in Europa e in Italia, un focus che Remedia approfondisce grazie all’apporto della Fondazione per lo sviluppo sostenibile.

L’industria europea (e italiana) si trova infatti in una posizione di grande vulnerabilità rispetto all’approvvigionamento di materie prime: come noto, l’import delle stesse (energia inclusa) impatta sui conti europei per 528 miliardi di euro l’anno, e l’Europa è il continente che importa più risorse dall’esterno: nel 2010, l’Ue ha importato materiali per un volume triplo rispetto a quello delle esportazioni. La Commissione europea sta valutando in questi mesi il nuovo quadro legislativo inerente l’economia circolare, un provvedimento sul quale anche il vicepresidente Timmermans sembra ora puntare molto: sarà essenziale che alle parole seguano i fatti. L’economia circolare è un elemento cardine per la competitività industriale in generale, ma per alcuni materiali, particolarmente rilevanti per l’industria hi-tech, la situazione è particolarmente allarmante. Ad esempio, come sottolinea Remedia, l’estrazione e produzione delle terre rare è concentrata per il 90% in Cina; la stessa percentuale dei metalli del gruppo del platino è detenuta da Russia e Sudafrica; il cobalto è concentrato nella Repubblica Democratica del Congo; il neodimio viene prodotto per il 77% in Brasile. Si tratta a volte di realtà a forte rischio di instabilità politica che, oltre a una volatilità dei prezzi, potrebbero determinare in futuro un corto circuito delle forniture mentre la domanda di materiali critici è in aumento, in particolare per quelli legati allo sviluppo del mercato di prodotti ad alta tecnologia per l’industria low carbon con una crescita che potrebbe sfiorare il 10% al 2020.

«Questi elementi di rischio – spiega Bonato – richiedono una valutazione attenta da parte delle imprese e, allo stesso tempo, un impegno fattivo da parte del governo nel favorire l’affermazione dell’economia circolare. Prezzi delle materie prime più stabili, tassi più alti di sviluppo tecnologico grazie all’eco-innovazione, produttività e qualità ambientale del suolo, resilienza e occupazione sono alcuni dei benefici che la penetrazione sensibile dell’economia circolare può portare». La costruzione di un’economia circolare, sottolineano da Remedia, creerebbe vantaggi sia dal punto di vista ambientale sia da quello delle imprese: il potenziale di risparmio per l’industria europea che nascerebbe dall’uso efficiente di risorse vale 630 milioni di euro all’anno, con un possibile aumento del Pil fino al 3,9% e una riduzione del flussi netti di materiali del 17-24% entro il 2030.

Fonte: www.greenreport.it Marzo 2018 - 532

39


Presenti a:

Pad 2 - Stand H11

Meccanica&Subfornitura 532 Marzo 2018  

Meccanica & Subfornitura è la rivista mensile che tratta di meccanica, subfornitura, lavorazioni meccaniche conto terzi, distributori ed ute...

Meccanica&Subfornitura 532 Marzo 2018  

Meccanica & Subfornitura è la rivista mensile che tratta di meccanica, subfornitura, lavorazioni meccaniche conto terzi, distributori ed ute...

Advertisement