Page 96

Arte e Cultura

aprile - maggio

di Maristella Cervi, giornalista del Jazz Club Bergamo - Foto di Santino Bianchi

Il Jazz-Club Bergamo sceglie Gendrickson Mena e il suo quintetto Una furia musicale di alto livello per una riflessione interiore di altrettanto slancio sono le caratteristiche essenziali con cui il quintetto ha occupato la scena del Caffè Bergamo, inaugurando con un tocco di prestigio il programma 2009 del Jazz-Club bergamasco

C

on la presentazione di “All I missed” (in italiano, “Tutto quello che mi è mancato, che ho perso”), un album dedito alla speranza e all’ottimismo per gli accadimenti di una quotidianità che mette sempre a dura prova ma che allo stesso tempo gratifica attraverso il piacere delle piccole cose, il Gendrickson Mena quintet ha catturato il pubblico del Jazz-Club Bergamo nella serata del 23 gennaio, durante il primo appuntamento di programmazione annuale, esordendo con una musica di forte impatto sonoro ed emotivo. Nel tentativo di fusione tra le sue origini cubane e l’anelito persistente a nuove realtà Gendrickson Mena (tromba e flicorno), maggior compositore e arrangiatore dei brani, ha trascinato con sé Mauro Capitale (sax tenore, contralto e soprano), Ezio Salfa (basso elettrico), Giorgio Di Tullio (batteria) e Mario Zara (pianoforte) in una ricerca travolgente e appassionata di orizzonti musicali pronti a sfiorare i confini dell’utopia pur di oltrepassare le incertezze della vita e scorgere nella sofferenza il volto auspicabile dell’opportunità: come un album fotografico fatto di note che si susseguono colorando il senso della vita di chi suona e ascolta, il jazz evasivo del quintetto si prefigge di immortalare, nelle sue melodie penetranti e nei suoi ritmi incalzanti, l’intensità binaria, e forse persino bipolare, della quotidianità, nelle sue sfumature bianche e nere, nei suoi sapori dolci e amari. Così, un brano dedicato al fratello ormai perduto del pianista, poi un altro vòlto a dipingere la madre dello stesso con una melodia fatta di suoni caldi e malinconici e che racchiudono tutto il patrimonio materno di una donna, e ancora inni alla vita, palpiti estivi ed energia ad impatto

94

Città dei Mille aprile-maggio 09  
Città dei Mille aprile-maggio 09  

Periodico di Bergamo e provincia