Page 59

essere una proposta educativa che si ispira al Vangelo, che è la nostra prima ricchezza educativa. L’oratorio non è assimilabile a un monastero, ma vive insieme alla dimensione dei giovani. Però la sua forte proposta spirituale è una chance unica».

cultura della paura e della intolleranza: v’è rimedio? «Con la paura non si offre futuro ai nostri giovani. La paura nasce di fronte a una incertezza. Ne comprendo le ragioni, ma è molto importante possedere valori. In questo la Fede aiuta molto. Non sarebbe bello vivere solo per difendere le proprie cose».

L’immigrazione ha portato altri culti cristiani o altre religioni: proseguirà un attento confronto? «I migranti vanno visti prima di tutto nel loro essere uomini. Le diversità sono una ricchezza o un disastro: dipende da come si gestiscono. Ma non ci sottrarremo alla direzione di dialogo data dal Concilio».

Tra le sue passioni, oltre alla musica e all’arte, c’è anche la montagna: la vedremo spesso sulle cime delle Orobie? «Ho molto amore per la montagna, il mio tempo libero amo passarlo lì. Ma non sono uno scalatore! L’interesse per l’arte c’è, una dimensione di rilievo nel mondo d’oggi. In quanto alla bici, avrei qualche difficoltà con le salite di Città Alta… La musica è stata per tanti anni la mia passione, soprattutto nella mia giovinezza, e mi ha dato molto».

Bergamo è accoglienza e volontariato, ma si fa strada una sotto-

57

Città dei Mille aprile-maggio 09  
Città dei Mille aprile-maggio 09  

Periodico di Bergamo e provincia