Page 6

ecoscienza Numero 1 • Anno 2010

Nasce Ecoscienza

I

ecoscienza

l momento è arrivato, dopo dodici intensi anni di ArpaRivista, alcuni dei quali impegnati a progettare la sua evoluzione, si passa a Ecoscienza. Ritengo che ArpaRivista abbia dato un contributo significativo alla nascita del sistema delle Agenzie ambientali in Italia, con l’approfondimento delle questioni tecniche e organizzative che si andavano inevitabilmente incontrando nel “separare” i controlli ambientali dalla sanità.

L’evoluzione stessa del sistema, dal controllo al monitoraggio, dal rilievo del dato alla descrizione dei fenomeni, ha occupato lungamente le pagine della nostra rivista per analizzare, discutere e diffondere. Via via i contenuti di natura organizzativa sono passati in secondo piano, per lasciare più spazio alla scienza, alla conoscenza. Se aggiungiamo “coscienza” il gioco è presto fatto, la nuova testata ne esce quasi per incanto. In Ecoscienza, infatti, stanno le tre parole chiave che ne sintetizzato il progetto: ecos (oikos) sta, ovviamente, per ambiente mentre con scienza s’intende sottolineare la scienza dell’ambiente e per l’ambiente. Infine, coscienza, a evidenziare il concetto di coscienza del limite che deve ispirare ognuno di noi e, in particolare, l’azione di chi governa ai diversi livelli; alla coscienza del limite è naturalmente associato il principio stesso della responsabilità che riguarda tutti.

La mission quindi non cambia, se mai evolve. Il bisogno di approfondire e diffondere conoscenze diviene ancora più stringente, per un ambientalismo della consapevolezza e della ragione e per una cultura della sostenibilità. Cambia il progetto editoriale e grafico, forse a qualcuno di noi mancherà il grande formato che a volte faceva imprecare, ma che sicuramente ci ha aiutato a conquistare distintività e autorevolezza. Vi sono dei ringraziamenti che mi sento sinceramente di dover fare, alla Regione, in particolare all’appena ex assessore Zanichelli, alla direzione generale e ai direttori che si sono succeduti, ai colleghi di Arpa: senza la volontà, il contributo e l’entusiasmo di queste persone l’avventura di Ecoscienza non sarebbe mai partita.

Voglio poi ringraziare gli amici che hanno accettato di far parte del nuovo Comitato editoriale, persone che esprimono uno spettro ricchissimo di professionalità, conoscenze, sensibilità che hanno accettato di collaborare assicurando fin da subito un contributo molto fattivo.

Un ringraziamento sentito anche all’agenzia di comunicazione che ha realizzato il progetto con competenza, rigore e tanta pazienza, calandosi nella parte di chi voleva un gran bel progetto volendo spendere pochissimo.

4

A

er, ArpaRivista ed ora Ecoscienza, questa è la breve e intensa storia editoriale della nostra agenzia. Perché tanto impegno per comunicare da parte di un ente deputato al controllo ambientale e alle funzioni di supporto a chi decide e a chi autorizza, ai diversi livelli?

La risposta potrebbe essere semplice e burocratica: la legge della Regione, istitutiva della propria agenzia ambientale, ha compreso fra i compiti di Arpa quello della comunicazione ambientale. Risposta di gran lunga troppo riduttiva.

Rivista, quaderni, sito web, ufficio stampa e altro: Arpa EmiliaRomagna ha investito e investe in comunicazione ambientale perché è consapevole che nella funzione stessa del controllo sta la necessità di discutere e diffondere dati e conoscenze per leggere, interpretare e comprendere i fenomeni. A tale lettura va costantemente affiancata la conoscenza scientifica via via acquisita per intraprendere le strade possibili della prevenzione e della risposta. Risposta significa spesso scelta delle migliori azioni possibili e ciò coinvolge la sfera tecnico-scientifica, quella organizzativa, quella economica e quella politica. Ecco perché, a nostro avviso, c’è tanto bisogno di comunicare e discutere intorno al lavoro che facciamo e a ciò che accade vicino e lontano. ArpaRivista è passata dall’avvio del sistema agenziale italiano all’approfondimento delle grandi questioni ambientali e del controllo, esaminate con una visione necessariamente integrata: lettura dei dati e dei fenomeni, approfondimento delle elaborazioni scientifiche, divulgazione dei tentativi di risposta più promettenti e interessanti. Per questo abbiamo sempre avuto una visione che non poteva restringersi ai confini regionali e abbiamo affrontato gli argomenti cercando di raccogliere le migliori conoscenze ed esperienze contestualizzando le soluzioni possibili e quelle sperimentate. Gli apprezzamenti che abbiamo registrato sono andati oltre le più rosee aspettative, così come il sostegno da parte della nostra Regione. Per questo abbiamo deciso di compiere un passo ulteriore, significativo e per nulla scontato, abbiamo cioè rinunciato ad “Arpa” come testata, non certo per disconoscerne o smentirne la paternità, ma per ricercare, con Ecoscienza, un ulteriore accreditamento presso pubblici più ampi, interessati alla conoscenza, soprattutto scientifica, che ruota intorno alle questioni ambientali e alle inevitabili implicazioni di carattere economico, sociale e politico. È con questo intento che nasce Ecoscienza: una rivista per comunicare la scienza dell’ambiente e per promuovere la coscienza del limite e della responsabilità.

Non posso non rivolgere, infine, un grazie di cuore a tutti i collaboratori della redazione e agli articolisti che hanno reso grande ArpaRivista per poi passare ora a una nuova avventura. L’auspicio ai lettori è ovvio, speriamo di non deludervi.

Un ringraziamento sentito va rivolto a chi ha realizzato in questi anni ArpaRivista e a quanti hanno dato vita a questa nuova pubblicazione, dai colleghi di Arpa a quelli della Regione, ai tantissimi collaboratori e riferimenti esterni, e prima di tutto a coloro che hanno accettato di entrare attivamente nel Comitato editoriale e di condividere con noi la nuova visione.

Giancarlo Naldi

Stefano Tibaldi

Direttore responsabile di Ecoscienza

Direttore generale Arpa Emilia-Romagna

Ecoscienza 1/2010  

Rivista di Arpa Emilia-Romagna. Sostenibilità e controllo ambientale

Ecoscienza 1/2010  

Rivista di Arpa Emilia-Romagna. Sostenibilità e controllo ambientale

Advertisement