Issuu on Google+

::

Gabriele Riva

AD Intervideo Srl

Dall’aula tradizionale alla classe 2.0 ::

Michele Galvagni

Grisenti Srl

Case history: Ospedale di Trento ::

Riccardo Riva

Intervideo Srl

Da Hitachi un’ultra corta focale

CUSTOMER MAGAZINE DI INFORMAZIONE DI INTERVIDEO Srl

2 giugno 2011

Soluzioni che fanno crescere la formazione


::

Gabriele Riva

AD Intervideo Srl

Dall’aula tradizionale alla classe 2.0 ::

Michele Galvagni

Grisenti Srl

Case history: Ospedale di Trento

CUSTOMER MAGAZINE DI INFORMAZIONE DI INTERVIDEO Srl

:: Riccardo Riva

Intervideo srl Certified Trainer

Da Hitachi un’ultra corta focale

2 giugno 2011

Soluzioni che fanno crescere la formazione

Alberto Riva Responsabile marketing e commerciale InterVideo Srl (alberto@intervideosrl.com)

:: Relazioni, :: Sommario EDITORIALE

2

Editoriale Alberto Riva

3

Con la lavagna interattiva la scuola non è più la stessa Piero Gallo

4

Classi 2.0, scuola 2.0: uno scenario che merita un’adeguata attenzione Gabriele Riva

6

Ospedale di trento: qui formazione fa rima con tecnologia smart Michele Galvagni

8

Wärtsilä incontra la LIM SMART Stefano Felluga

9

Ultra corta focale da Hitachi Riccardo Riva

10

Ottimizzare le risorse e salvarle per futuri utilizzi Ilaria Ruzza

2

giugno 2011

:: Scriveteci

Training Solution viene inviato a 10.000 operatori della formazione. Se avete commenti, richieste di approfondimento, suggerimenti o se volete ricevere una copia inviate una email a: info@intervideosrl.com

:: Colophon Direzione, redazione, grafica, impaginazione e stampa Ecocomunicazione.it progetti di comunicazione ecologica

Editore InterVideo s.r.l. Via E. Fermi, 24 – Settimo di Pescantina (VR) www.intervideosrl.com Direttore editoriale Alberto Riva (alberto@interviderosrl.com) Direttore responsabile Marzia Sandri Hanno collaborato Piero Gallo, Alberto Riva, Stefano Malfatti, Stefano Felluga, Gabriele Riva, Riccardo Riva, Ilaria Ruzza. Stampato su carta riciclata da raccolta differenziata con il processo di stampa ecologia RiCose® con l’uso di inchiostri a base di olii vegetali. Le copie spedite sono protette da un film bioplastico, compostabile e biodegradabile, ottenuto con materie prime rinnovabili. In attesa di registrazione presso il Tribunale di Verona. Pratica 646/2011 VG del 11/3/2011.

non solo business Training Solution è già uno strumento di informazione, e punto di partenza di un nuovo modo di sviluppare le nostre conoscenze su questo affascinante universo, e non solo.

Conoscere non è solo un piacere oppure un diletto. Conoscere è anche una necessità per rinnovarsi, per migliorare le proprie capacità relazionali e per sviluppare maggiore competenza nella propria professione. All’interno di una società che offre molto dal punto di vista della implementazioni tecnologiche in ogni settore, InterVideo pone davanti a tutto la qualità e l’efficienza delle risorse. L’iniziativa Training Solution nella sua prima uscita ha suscitato interesse e curiosità, perché non parliamo di noi e dei prodotti fine a se stessi. Raccontiamo attraverso le vostre esperienze quali soluzioni innovative abbiamo implementato, proprio per garantire quella crescita di conoscenza introdotta all’inizio del mio editoriale.

per implementare soluzioni. Spesso incontro scetticismo più dovuto al fatto che la soluzione “spaventa” ed è vista come una complicazione ulteriore. È vero che la nostra cultura (latino-mediterranea) è geneticamente basata sul rapporto umano: vedersi fisicamente, parlare per ore, bere il caffè di rito. Ma è anche tangibile il fatto che spostarsi non è semplice e soprattutto che spostarsi implica inquinare. L’obbiettivo per InterVideo è quello di relazionarsi con Voi, comprendere le esigenze e sulla base di queste disegnare la soluzione tecnologica che meglio innova la vostra realtà, senza dover stravolgere la professionalità e competenza di nessuno, sia in fase di crescita formativa che di confronto professionale.

Fare dottrina di tecnologia è un ambito che interessa gli addetti ai lavori. Gli specialisti tecnici. Il nostro è invece un obbiettivo che guarda oltre, volto ad integrarsi con le Vostre esigenze concrete offrendo un pacchetto di soluzioni realmente fruibili da parte di tutti. Chi è al centro come protagonista? È forse l’uomo o la macchina? Divisi tra conservatori, eclettici ed innovativi, ci confrontiamo quotidianamente con tante realtà e sensazioni. C’è chi vede nella tecnologia una ricerca del massimo, dell’ultimissima versione (se fosse una Beta meglio ancora), dell’iper accessoriato. Incontriamo anche chi si trova a dover subire un’ulteriore innovazione senza aver ancora ben imparato ad utilizzare quella in uso e chi invece è diffidente o magari intravede nella tecnologia una soluzione che spaventa.

Attraverso il fondamentale principio della Formazione e Supporto continuo, cerchiamo di instaurare una relazione continuativa nel tempo. Un legame che, consolidandosi, si rafforza a tal punto da divenire una catena. Così robusta da definirsi catena del valore, dove uomo-tecnologia-competenza, sono 3 anelli che solo assieme possono garantire la solidità del legame ed un equilibrio sostenibile.

Mi trovo spesso a viaggiare per lavoro. Ironia della sorte, mi sposto per presentare soluzioni per la collaborazione e condivisione da remoto. Obbiettivo della soluzione: risparmio energetico, minor consumo di carburante, minor stanchezza fisica e psicologica dovuta a traffico o ritardi dei mezzi pubblici, meno costi. Risultato: maggiore efficienza perché c’è meno stress. Ma questo obbiettivo non incrocia il motivo dei miei viaggi. Spostarsi per minor consumo di carburante? Ecco perché la tecnologia è realmente un ausilio efficiente per migliorare l’ambiente in cui lavoriamo e viviamo. Ci deve essere coscienza e competenza progettuale

In questo secondo numero di Training Solution ci raccontiamo attraverso Voi per spiegare che cosa siamo in grado di implementare in ogni settore professionale e lavorativo. Perché è solo conoscendoci che possiamo crescere assieme in un mondo migliore guardando avanti con l’adeguata competenza.


Piero Gallo docente dell’ITS “M. Laporta” Centro Nazionale di Eccellenza di Galatina (LE) (gallopiero@alice.it)

:: Con la lavagna interattiva A SCUOLA CON LA LIM SMART BoardTM seconda parte

la scuola non è più la stessa

Perché la LIM a scuola? Abbiamo visto nel precedente numero come l’introduzione nelle scuole della Lavagna Interattiva possa rivoluzionare le attuali metodologie didattiche. Ma perché la LIM è così importante a scuola? E, inoltre, perché piace sia agli studenti sia ai docenti? E ancora, quali vantaggi ha apportato alla didattica? Partiamo da quest’ultima domanda. Tra gli innumerevoli vantaggi che questo meraviglioso strumento ha apportato al “modo di far scuola”, a mio avviso i principali possono essere introdotti con due slogan: apprendere ad apprendere; imparare ad integrare. Frasi incomprensibili? Tipiche della terminologia dei docenti? Niente affatto! Per ben intendere questi due slogan è sufficiente pensare che per lavorare validamente e produttivamente in ambito scolastico, è assolutamente necessario che il docente sappia capire e dare risposte, esaudire le

richieste e trovare spiegazioni, prendere decisioni e contenere le ansie, riuscendo a costituire un rapporto umano tale che si configuri come un vero e proprio punto di riferimento per ogni allievo. L’insegnante deve preoccuparsi di promuovere capacità di apprendere prima di pensare agli apprendimenti specifici, deve, cioè, garantire che un ragazzo apprenda per apprendere piuttosto che apprenda X o Y. In altri termini, il docente deve sempre pensare in ottica metacognitiva. Passando al secondo aspetto, quello più legato all’apprendimento dei contenuti, il docente dovrebbe validamente servirsi di varie fonti (testi, immagini, video, suoni, animazioni, simulazioni, internet, ecc.) all’interno delle lezioni perché la loro integrazione permette un notevole miglioramento delle “prestazioni cognitive” e permette allo studente di apprendere secondo un modello non lineare, modello da sempre ritenuto pedagogicamente validissimo.

Ma in tutto questo, qual è il ruolo specifico della LIM? La didattica con la LIM segna il passaggio dall’uso dell’immagine statica all’immagine in movimento sulla superficie, all’immagine manipolabile, all’immagine ibridabile, al movimento intorno alle immagini rilasciate sulla lavagna, al movimento dal web alla LIM e ancora al WEB, con tutto il portato pedagogico di questa introduzione nella dinamica della lezione. Infatti, non va

dimenticato che, da un punto di vista cognitivo, il ricorso ai parametri “immagine” e “movimento” coinvolge una pedagogia dell’immagine che “muove” e “commuove”. È uno strumento che trova la sua applicazione in tutti i livelli scolastici e nelle diverse aree disciplinari. La sua applicazione è molto versatile: permette una didattica frontale innovativa, approcci formativi di tipo collaborativo e costruzionista, per education e simulazioni di attività laboratoriali. La LIM eredita, poi, alcune categorie figlie del web (ragionare per reticolo, ipermedia, contaminazioni, navigazioni, crossmedialità) che permettono allo studente di studiare in maniera più coinvolgente. Infine, la LIM rivaluta il momento della “restituzione del sapere” (il compito, l’interrogazione, l’esposizione, ecc.) come rappresentazione e non come ripetizione. Dopo quest’ampia premessa sembrerebbe che la LIM possa fare miracoli una volta introdotta in classe. E qui… casca l’asino!

Ci sono LIM e LIM Non basta avere la voglia di cambiare metodo di insegnamento (quella non deve mai mancare!) o di disporre di una lavagna interattiva in classe per permettere questa “rivoluzione didattica”. Serve una LIM degna di questo nome e, a tal proposito, la tecnologia SMART fa la parte da leone. La lavagna SMART non è come le altre lavagne e ciò non solo riferendosi alle meravigliose tecnologie resistiva e alla nuovissima DViT che le caratterizzano ma anche e soprattutto rispetto al suo software: didatticamente ricco, ben organizzato, semplice da utilizzare, rispondente a moltissime discipline, accattivante. In una sola parola: meraviglioso! Perché meraviglioso? Basta un solo esempio tra i tanti che possono essere fatti: la costruzione di una lezione con la LIM diventa spinosa quando si giunge al momento della verifica che, con la LIM, deve essere interattiva. SMART Notebook con le molteplici soluzioni di proposte di verifica racchiuse nello straordinario Lesson Activity Toolkit fa superare ogni dubbio e ogni paura. Test vero o falso, corrispondenze, test, simulazioni, riorganizzazioni, asse del tempo, e… Nei prossimi numeri avremo modo di parlarne e… di applicare! Parola di SMART!

3

Piero Gallo, insegnante all’ITS “M. Laporta” di Galatina (LE) anche in questo numero continua con la sua rubrica in cui offre ai lettori la propria esperienza di esperto fruitore SMART spiegando come e perché la Lavagna Interattiva Smart può favorire la collaborazione tra docenti e studenti, sviluppando l’interattività e l’integrazione rendendo il processo di apprendimento una vera e propria avventura e una sfida da affrontare e vincere insieme.

giugno 2011

La LIM è facile da usare, piace ad insegnanti e a ragazzi, e trova la sua applicazione in tutti i livelli scolastici consentendo di passare dalla staticità al movimento, dalla didattica tradizionale a una innovativa, integrando ed ampliando le potenzialità dei consueti mezzi di insegnamento.


Gabriele Riva Amministratore delegato InterVideo Srl (gabriele@intervideosrl.com)

:: Dall’aula tradizionale Più attenzione e partecipazione in aula

alla classe 2.0

Le soluzioni SMART sono uno strumento innovativo e altamente funzionale per i docenti, ma anche un elemento capace di catalizzare l’interesse e il coinvolgimento di chi segue la lezione, favorendo il lavoro di gruppo e collegando più sedi o alunni non presenti in aula. L’installazione della tecnologia SMART nelle aule scolastiche, consente la creazione di ambienti diversificati e adatti a tutte le esigenze che favoriscono il lavoro di gruppo e la tenuta dell’attenzione attraverso l’interattività offrendo la possibilità di seguire lezioni a distanza da parte di chi non può essere presente fisicamente o di mettere in collegamento istituti e classi geograficamente separati.

Dall’aula tradizionale alla classe 2.0

4

giugno 2011

La cattedra con l’insegnante, la lavagna con l’interrogato di turno e i banchi ben disposti dietro cui si trincerano file di alunni dalla distrazione facile. La fotografia è quella di una classe scolastica tradizionale, in cui non è facile tener desta l’attenzione di tutti mentre si tenta di spiegare una lezione o di procedere con le interrogazioni. Lo scenario cambia, invece, radicalmente, quando si evochi l’immagine di una cosiddetta “Classe 2.0”, ovvero un ambiente di apprendimento in cui l’introduzione della tecnologia porti a riconsiderare totalmente tutta l’impostazione didattica, dalla disposizione degli spazi fisici, sino alla corretta definizione dell’ambiente integrato di apprendimento ed alla relativa implementazione tecnologica.

LIM SMART BoardTM: fulcro della interattività di classe In questo nuovo scenario, l’utilizzo della LIM interattiva costituisce il fulcro dell’intero processo di apprendimento e il punto focale intorno a cui ruotano tutti gli ulteriori componenti che contribuiscono ad incrementare il livello di interattività e quindi di interazione collettiva degli studenti. Tutta l’installazione consente, infatti, il contemporaneo coinvolgimento dell’intera scolaresca abbassando o eliminando del tutto le manifestazioni di distrazione o noia da parte dei ragazzi. Utilizzando un software autore per la didattica collaborativa, contenuti multimediali ad hoc e l’accesso alle risorse del web, la fase di apprendimento risulta, infatti, arricchita da contenuti dinamici e interattivi che aumen-

tano il livello di coinvolgimento, attenzione e interazione degli studenti.

Imparare in gruppo… SMART TableTM Ogni soluzione tecnologica prevista nell’ambito dell’installazione, permette di definire, inoltre, situazioni di apprendimento che portano alla formazione di gruppi di studenti e alla nascita spontanea di un ambiente che favorisce la collaborazione di tutti nei confronti

di tutti nell’ambito del gruppo, per mezzo di una superficie interattiva multi touch, attraverso la quale vengono veicolate lezioni interattive pensate per favorire il lavoro collettivo e l’interazione tra gli studenti. Il tutto è reso ancor più interessante dalla disponibilità di una vasta scelta di attività didattiche precaricate che consentono di creare, attraverso il software autore in dotazione, delle lezioni improntate alla creatività e alla multidisciplinarietà. Ciò garantisce, oltre all’evoluzione dello stato di apprendimento, anche la cura e lo sviluppo di aspetti sociali – troppo spesso tra-


scurati nelle aule tradizionali – che spingono i ragazzi alla collaborazione, alla condivisione, alla disponibilità e allo scambio tra di loro.

… e imparare individualmente – SMART ClassRoom SuiteTM Un ulteriore ambiente di apprendimento reso possibile dai nuovi strumenti e software è quello che riguarda l’apprendimento individuale, ovvero la configurazione che prevede la dotazione di un dispositivo (PC, notebook) da parte di ogni alunno attraverso il quale è possibile interagire nella fase di apprendimento in modo coordinato seppur secondo il proprio stile individuale, e con la possibilità di condivisione delle proprie attività con l’intera classe.

Quale ambiente è più idoneo? Ovviamente, secondo la filosofia SMART, nessuno degli ambienti descritti ha una predominanza sull’altro e la scelta dipende esclusivamente dalla funzione richiesta e dalla valenza didattica che meglio risponde alle diverse esigenze. L’ambiente di apprendimento più idoneo e lungimirante è quindi quello che consente all’insegnante di passare nel modo più intuitivo e semplice possibile da una situazione all’altra in funzione della tipologia di lezione, di attività, di alunni, che si trova ad affrontare in uno specifico momento dell’insegnamento in aula. In poche parole, di adattarsi facilmente e senza complicazioni alle esigenze dei ragazzi, in modo da far leva sulla loro curiosità, creatività e coinvolgimento per riuscire a migliorare il livello generale di attenzione e a sfruttare in pieno tutte le loro potenzialità intellettive e di partecipazione attiva.

Partendo da questa filosofia, SMART ha sviluppato una soluzione ICT completa per l’allestimento di un’aula interattiva capace di consentire all’intera classe di lavorare in tutti e tre gli ambienti di apprendimento, oltre a rendere disponibile una situazione di remote learning, basata sulla perfetta integrazione tra l’hardware SMART e una piattaforma software espressamente realizzata per garantire al docente e agli alunni la massima flessibilità e intuitività d’uso. La soluzione è completamente aperta ad ulteriori soluzioni e combinazioni sia per quanto riguarda l’hardware che il software, e consente di beneficiare dell’apporto delle nuove tecnologie ICT durante tutto il ciclo di insegnamento, dalla creazione delle lezioni, fino alla loro divulgazione, dall’apprendimento, alla verifica. Mai più lezioni barbose e studenti distratti. La scuola del futuro si promette di trasformarsi presto in un luogo in cui imparare di più divertendosi anche meglio, proprio come davanti a un istruttivo videogioco.

La soluzione Vediamo quale setting tecnologico prevede la soluzione ideata da SMART per la realizzazione di un’aula interattiva 2.0 e quali sono i componenti chiave.

Dotazione individuale di PC per gli alunni che possono essere dei Netbook generici o dei Netbook espressamente configurati per l’ambito educational

Superficie interattiva per la didattica collaborativa SMART TableTM dotato di una superfice multi-touch con oltre 100 punti di contatto simultanei per consentire l’interazione gestuale di 4 o più alunni in contemporanea.

Quando non è possibile essere in classe – SMART BridgitTM Ma non è tutto. L’utilizzo della rete, infatti, consente l’implementazione anche di situazioni di apprendimento collaborativo remoto che permettono la partecipazione interattiva alle lezioni anche da parte di studenti impossibilitati per vari motivi alla presenza fisica in aula, oltre alla condivisione di lezioni tra classi o istituti variamente dislocati tra di loro sul territorio geografico.

Suite di software per la didattica collaborativa SMART Classroom SuiteTM che include il software collaborativo SMART Notebook, la versione per gli studenti SMART Notebook SE, SMART Sync per la gestione degli ambienti di apprendimento e SMART Response assessment software. Applicativo software SMART BridgitTM pacchetto per la collaborazione a distanza e remote learning (ora disponibile in versione Client gratuita per iPad, da Apple Store) Pacchetto di formazione e sviluppo professionale per i docenti da parte di trainer certificati SMART.

5

Tavoletta grafica wireless SMART SlateTM che consente l’interazione con la LIM da posizioni remote (es. il docente dal fondo aula, un alunno dal proprio banco).

giugno 2011

LIM integrata SMART BoardTM con interazione touch screen e videoproiettore a ultra corta focale SMART


Michele Galvagni Direttore Tecnico Grisenti S.r.l. - Trento (www.grisenti.it)

:: Dove formazione fa rima CASE HISTORY: Ospedale di Trento

con tecnologia SMART

Il nuovo impianto, realizzato per espressa volontà della Provincia di Trento e dall’Azienda Provincia per i Servizi Sanitari, ha consentito di unificare il sistema della formazione mettendo in rete l’ospedale centrale ed i presidi territoriali. Quello della sanità è un ambiente particolare nell’ambito del quale le specifiche competenze svolgono un ruolo determinante nel processo di accoglienza, cura e protocollo terapeutico. In questo contesto il contributo e il sostegno che il sistema di formazione e informazione può apportare è fondamentale. Le diverse figure professionali che partecipano al complesso “cura” richiedono un aggiornamento continuo, la possibilità di ottimizzare i tempi che sono sempre molto ristretti, modalità che consentano di velocizzare le procedure di apprendimento e di informazione e strumenti capaci di mettere e mantenere in collegamento continuo strutture e professionalità dislocate nello spazio riducendo le distanze e quindi la necessità di spostamenti.

6

giugno marzo 2011

Della complessa struttura che forma il Servizio Sanitario della Provincia di Trento, sono stati coinvolti i principali centri, quali due nel capoluogo ed altri a Rovereto, Tione, Cles e Borgo Valsugana, oltre ad altre sedi secondarie. La necessità, da parte della Provincia di Trento e dall’Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari, committente del progetto, che ha portato all’introduzione dei sistemi tecnologici SMART, era quella di creare un sistema capace di unificare il processo di aggiornamento e formazione dei sanitari di ogni livello e grado, ottimizzando gli sforzi da parte dell’Azienda Provinciale e creando un collegamento costante tra questa e i Servizi Sanitari del territorio.

Il cervello A partire da una Sala Master centrale, una sorta di centro di controllo, è stato, dunque, progettato un sistema di videoconferenza e collaborazione interattiva a partire dal quale il docente di turno ha la possibilità, attraverso un collegamento video integrato con la LIM, di comunicare e di interagire con una decina di altre sale collaterali dislocate anche all’esterno della struttura principale. Elemento fondamentale è proprio la possibilità, non solo di assistere a riunioni,

conferenze o lezioni a distanza, ma anche di poter instaurare un rapporto diretto con l’insegnante, con possibilità di scambio biunivoco, e annullando di fatto ogni distanza. Il processo è, dunque, totalmente interattivo e consente la manipolazione e l’elaborazione attiva del materiale riguardante il corso in svolgimento da parte di insegnanti e partecipanti.

Il cuore Anche in questo, come già in altri casi visti precedentemente, la chiave di volta di tutto l’impianto è rappresentata dall’utilizzo della LIM SMART BoardTM che, in quanto dotata di un software dalla raffinata tecnologia, ottenuto grazie ad un lungo processo di sperimentazione e ricerca, risulta essere uno strumento utile per queste applicazioni. Come già avvenuto nel caso di altri allestimenti effettuati per conto della Provincia di Trento, che già aveva avuto modo di sperimentare le potenzialità e l’efficienza del mezzo SMART, siamo riusciti con questa installazione ad ottimizzare gli sforzi dei relatori, ampliare e implementare le possibilità di partecipazione ai corsi, ridurre i casi di spostamento obbligato anche da zone della provincia che, per circostanze meteorologiche e geografiche, non sempre sono favorevoli ai trasferimenti, stuzzicare alla partecipazione attiva, e quindi migliorare l’attenzione e l’apprendimento, attraverso un mezzo stimolante e interattivo.


Il sistema nervoso Il sistema implementato prevede come configurazione una soluzione SMART totalmente integrata ed in grado inoltre di offrire un’interfaccia utente facilmente fruibile. Requisito fondamentale di partenza è la qualità dell’immagine, che necessariamente deve essere garantito sia durante la visualizzazione, in fase di videoconferenza, che di interazione. Altra attenzione viene posta anche sulla sicurezza, sia dell’utente che dell’attrezzatura stessa: a tale proposito le apparecchiature sono alloggiate in un apposito mobile SMART, già cablato e dotato di audio proprietario, dotato altresì di alloggio rack 19” con chiusura a chiave e quattro ruote per lo spostamento. Gli unici cavi che fuoriescono dal sistema sono la sola alimentazione e connessioni alla rete (LAN/Internet).

tive di scrittura, salvare in formato PDF o Notebook o Immagine, spedire per e-mail ai partecipanti le pagine create. In grado di poter lavorare senza sosta; non ha pulsanti di accensione/spegnimento. È possibile anche impostare una password di amministratore per evitare manomissione non autorizzate.

Allo SMART Hub SE240, posto all’interno del mobile SMART, colleghiamo 2 computer, un apparato di videoconferenza in HD ed una Document Camera (o visualizer) per la ripresa documentale. Il tutto viene visualizzato e gestito direttamente sulla LIM che in queste configurazioni è un monitor da 65” interattivo.

7

L’Hub (codice SE240) ha un proprio software interno, in grado di creare pagine interat-

Alcune immagini dell’installazione all’ospedale di Trento

Mouse, Keyboard, USB est. sorgenti di segnale Controllo Sala

Monitor per Videoconferenza

laptop fisso

DVI out

Videoconferenza

visualizzatore

lettore video SMART Bridgit

Audio Sala

giugno 2011

Cuore del sistema è il prodotto SMART Hub: un esclusivo selettore, dotato di proprio software, in grado di poter rendere interattive fino a 4 sorgenti di segnale contemporaneamente. Viene fornito con porta LAN RJ45, per un collegamento (via cavo) alla rete internet locale e consentire la condivisione e collaborazione immediata con utenti remoti del proprio schermo, dotati anch’essi di un sistema di videoconferenza collaborativa.


Stefano Felluga VideoSound3D e SMART Dealer Specialist

:: Wärtsilä incontra

NUOVE SOLUZIONI PER LA FORMAZIONE IN LOCO

la LIM Smart

Nascita di un centro congressi full optional, unico in Italia raccontato da Stefano Felluga, titolare della VideoSound3D, SMART Dealer Specialist con sede a Trieste, che ha effettuato l’analisi e un’installazione dalla tecnologia ultramoderna. I prodotti all’avanguardia di un marchio leader come SMART e la professionalità della VideoSound3D, azienda da sempre impegnata nella ricerca di soluzioni tecniche all’insegna dell’innovazione e della creatività, raccolgono la sfida lanciata da Wärtsilä, grande ditta finlandese con quartier generale a Helsinki specializzata soprattutto nella fabbricazione di motori diesel per uso marino. E la vincono.

In principio furono la lavagna e il proiettore

8

giugno 2011

Inizialmente la sede triestina della società Wärtsilä ci chiese di effettuare l’allestimento di una sala conferenze destinata alla formazione interna dei dipendenti, che si sarebbe dovuta dotare di una lavagna interattiva e del relativo impianto di proiezione. Arrivati sul posto per un primo sopralluogo, ci siamo, però, subito resi conto che la struttura meritava un’installazione molto più completa che coinvolgesse anche altre aree dello stabile e consentisse di accedere a funzioni più complesse, grazie all’utilizzo di una strumentazione accessoria e alla possibilità di dislocazione delle attività rispetto a quella centrale. Oltre all’auditorium, che costituisce il cuore della palazzina che ospita il Centro Congressi della società finlandese e in grado di ospitare ben 130 persone, infatti, vi sono anche altri spazi quali la reception, l’area bar e ulteriori quattro sale accessorie con pareti mobili motorizzate che potevano essere coinvolti. Proponemmo, dunque, di poter presentare alla società un progetto più completo che estendesse l’impianto a tutta la struttura. Il progetto fu approvato con entusiasmo al 100% e quattro mesi dopo il Centro di preparazione professionale della Wärtsilä era già una realtà.

Estetica e funzionalità A soluzioni esteticamente gradevoli, abbiamo affiancato interventi che consentissero un utilizzo pratico e funzionale dei numerosi elementi che costituiscono l’impianto. Per la Lavagna Interattiva (LIM) installata nell’Auditorium, ad esempio, è stato ideato un sistema di proiettori a scomparsa, mentre altre soluzioni creative sono state applicate alle sorgenti di illuminazione, alle tende di oscuramento e alla strumentazione accessoria, tutti perfettamente gestibili e coordinabili direttamente dal banco dei relatori dal quale è possibile effettuare tutte le manovre necessarie a gestire un evento, per quanto ampio e complesso, anche da parte di un singolo soggetto (sistema di controllo VITY). Allo stato attuale i sette video proiettori con audio bidirezionale collegati La sala convegni, la consolle e l’aula corsi.

alle LIM consentono un collegamento completo tra la sala conferenze e le sale accessorie e prossimamente sarà installato anche il software SMART BridgitTM che consente di effettuare convegni e lezioni in videoconferenza mettendo il docente in totale interazione con tutti i partecipanti, anche se dislocati in altre aree della struttura. L’impianto coinvolge, infatti, oltre all’auditorium, anche lo spazio bar, la reception e le aule laterali che risultano collegati con la sala principale.

La LIM, un valore aggiunto irrinunciabile Naturalmente è stato d’obbligo, vista la grandiosità dell’impianto, ricorrere all’utilizzo di prodotti leader nel settore, al fine di garantire l’ottima funzionalità degli elementi. Inevitabile, quindi, che la scelta cadesse sulla linea SMART. Le lavagne interattive disponibili sul mercato sono, infatti, molte, ma per un’installazione così complessa era necessario che il software di gestione fosse all’avanguardia. Solo le LIM SMART attualmente, grazie al copioso know out dell’azienda produttrice e alla lunga esperienza maturata in molti anni di studi e di ricerche, sono in grado di raggiungere livelli di efficienza, di praticità di utilizzo e di potenzialità didattica facilmente fruibili sia in ambito scolastico che professionale. Caratteristiche essenziali per un tipo di impianto come quello che avevamo previsto per il centro formazione di Wärtsilä. Se da una parte, infatti, la struttura del sistema è importante, dall’altra sono, poi, gli elementi operativi a fare la differenza.

Un Centro full optional Facilmente fruibile, completo di ogni elemento necessario, unico per qualità dei prodotti installati, l’impianto del Centro della Wärtsilä può essere a tutti gli effetti considerato un vero condensato di tutte le tecnologie disponibili nel suo settore, che ne fanno un esempio unico nel suo genere in tutto il territorio nazionale e che ha ricevuto il plauso anche dai vertici finlandesi.


Riccardo Riva Resp Servizi Tecnici e Logistica Intervideo (riccardo@intervideosrl.com)

:: Innovazione e interattività IL PRODOTTO

in casa Hitachi

Proiettore Hitachi LCD a focale ultra-corta ED-A2xxNM o CP-A2xxNM, facile da installare, rispettoso dell’ambiente e progettato per prestazioni straordinarie. proiettore Hitachi a Focale Corta Definitiva è stato raggiunto il bilanciamento ottimale tra distanza focale e qualità delle immagini.

Un approccio nuovo con il preciso intento di aprire a molti utenti l’accesso ai vantaggi dell’interattività in termini di apprendimento, collaborazione e produttività, in particolare in ambito commerciale. Se le attuali soluzioni proposte dal mercato, infatti, presentavano costi, complessità e fattori di compromesso che ne impedivano una più ampia adozione da parte di possibili fruitori, Hitachi ha oggi dimostrato di poter offrire un prodotto nuovo e caratterizzato dall’equilibrio ottimale tra peculiarità diverse quali la facilità di utilizzo e le migliori prestazioni e in grado di introdur­ re l’interattività negli ambienti di riunione e di studio per migliorare la produttività e l’apprendimento. La nuova serie significa proiettore che non offre solo la peculiarità della focale Ultra-corta, ma una combinazione di caratteristiche che lo rendono unico nel panorama dei proiettori in questa categoria. Le distanze focali ultra corte spesso comportano una distorsione e un decadimento della qualità delle immagini, cosa che non accade con la Focale Corta Definitiva. Con il

Il caratteristico design compatto dell’inno­ vativo modello lo rendono maneggevole e facilmente gestibile grazie anche alle soluzioni che consentono un’installazione e una regolazio­ne semplice e immediata, quale l’esclusivo supporto a parete in dotazione. A questo si abbinano funzioni tecnologiche che ne garan­tiscono la capacità interattiva e il totale con­trollo che danno risposta immediata, rapida e precisa alle richieste dell’utente attraverso l’impiego di tecnologie di altissimo livello e la proposta di soluzioni semplici ed economi­che.

Al primo posto: il rispetto dell’ambiente 9

Una perfetta combinazione di tecnologia e design

di manutenzione riduce notevolmente i costi totali di gestione Networking avanzato Gestite e controllate i proiettori collegati su rete LAN. È possibile accendere e spegnere il proiettore, pianificare messaggi di avviso e controllare i proiettori attraverso il collegamento in rete. HD Ready L’Alta Definizione (HD) usa la tecnologia più avanzata per offrire immagini più nitide e dettagliate. HD Ready indica che il prodotto è predisposto per ricevere le trasmissioni in alta definizione. HDMI Con la connessione HDMI (High-Definition Multimedia Interface, interfaccia multimediale ad alta definizione) per il collegamento delle apparecchiature A/V, si potranno ottenere immagini di massima qualità.

Caratteristiche esclusive: 3LCD Tecnologia innovativa e sofisticata che utilizza 3 microchip per inviare immagini vibranti, realistiche e uniformi per il pubblico più esigente. Filtro Hybrid Il Filtro Hybrid ha una durata di oltre 4000 ore, dieci volte superiore ai filtri convenzionali. L’estensione degli intervalli

Una serie di soluzioni appositamente pensate per garantire un più basso consumo energe­ tico e il minore impatto sull’ambiente, fanno sì che HITACHI, grazie alla sua “Enviromental Vision”, faccia proprio l’obiettivo di sviluppare una tecnologia di miglioramento che contri­ buisce fattivamente alla realizzazione di una società realmente sostenibile per le genera­ zioni attuali e future. In particolare, il modello iPJ-AW250NM con le sue dimensioni davvero ridotte e il suo basso peso contribuiscono a ridurre l’impatto ambientale attraverso il contenimento delle emissioni inquinanti nelle fasi di trasporto e distribuzione. Il proiettore, inoltre, offre anche la modalità di funziona­ mento a basso consumo, Auto Eco Mode e un consumo in stand-by di sole 0.3 Watt per garantire un consumo di energia ridotto nel corso dell’intera vita del proiettore. Grazie anche al suo design intelligente si ottiene un’ottimizzazione del flusso di aria di raffred­ damento che circola intorno al proiettore che porta un ulteriore riduzione dei costi e del dispendio energetico. A questo si aggiun­ gono il filtro ibrido a durata superiore con conseguente riduzione del volume dei rifiuti elettronici, numero inferiore di operazioni di manutenzione e una definitiva riduzione tota­ le di emissione di CO2, e la lampada a lunga durata in modalità ECO che arriva fino a 5000 ore di illuminazione e abbina anch’essa ridu­ zione dei costi e risparmio energetico.

giugno 2011

Le prestazioni ad elevata tecnologia della gamma di proiettori a Focale Ultra-Corta unite a una capacità interattiva fuori dal comune sono le caratteristiche principali della nuova serie di videoproiettori HITACHI DIGITAL MEDIA GROUP, distribuiti in esclusiva da Intervideo, e già disponibili sul mercato,


Ilaria Ruzza SMART Certified Trainer Responsabile della formazione InterVideo Srl (formazione@intervideosrl.com)

:: Ottimizzare le risorse ISTRUZIONI PER L’USO DELLA LIM

e salvarle per futuri utilizzi Cerchiamo di capire quale sia il miglior utilizzo delle risorse di cui si è già in possesso (file Word, Power Point, immagini, pdf) sulla lavagna interattiva e come salvare gli eventuali appunti ed annotazioni.

D: Come si possono usare dei documenti già creati precedentemente?

D: Cosa succede, invece, quando si usano i programmi del pacchetto Office?

Partiamo spiegando questo concetto fondamentale: su qualsiasi programma del pc è possibile scrivere, prendendo appunti ed inserendo annotazioni. Ciò che varia è il grado di “compatibilità” dei vari programmi con il software Notebook. Il pacchetto Office, ad esempio (Word, Excel, Power Point) riconosce la funzione INK AWARE del software Notebook, che permette di scrivere e disegnare direttamente all’interno del file attivo e salvare le proprie modifiche direttamente all’interno del documento stesso, di modo che esse siano visibili la prossima volta che si apre il file.

Quando, invece, si aprono programmi che supportano la funzione INK AWARE (tutto il pacchetto Office, ad esempio, ma non solo) e si solleva uno strumento di scrittura, apparirà una barra strumenti come da immagine.

10

giugno 2011

Ma procediamo con ordine. Quando si vuole lavorare all’interno di un qualsiasi programma che non supporta la tecnologia INK AWARE, come, ad esempio, il pdf, le pagine internet, il desktop stesso del pc e si solleva uno strumento di scrittura (una penna, ad esempio), noterete che attorno alla schermata apparirà una cornice nella cui parte in alto a destra mostrerà questi tasti, come riportati nell’immagine seguente.

La cornice indica che si può scrivere sul desktop e questa resterà visibile fino a che tutte le penne e/o il cancellino non verranno riposte. Per salvare gli appunti inseriti basta cliccare sull’icona della macchina fotografica e in automatico la schermata, comprensiva degli appunti, verrà inviata nel software Notebook (che, se non è aperto, si attiverà autonomamente). A questo punto, l’immagine inserita nel file Notebook potrà essere salvata e riutilizzata in futuro.

una barra strumenti come da immagine.

Una volta inserita un’annotazione o un disegno nel documento, sarà possibile gestire l’appunto nei seguenti modi: 1. l’appunto verrà inserito nel documento come file di immagine 2. ciò che è stato scritto a mano verrà convertito ed inserito direttamente nel documento. Il testo apparirà nel punto del cursore e nel colore in cui le parole sono state scritte 3. salva una cattura dello schermo all’interno del software Notebook 4. annulla la precedente digitazione 5. accedere alle Impostazioni della funzione INK AWARE. Il concetto che è alla base della tecnologia Aware è che essa rende possibile l’integrazione di qualsiasi annotazione fatta all’interno del documento che si sta utilizzando. Ciò risulta estremamente interessante nel caso in cui si vogliano correggere i compiti alla lavagna. Un esempio? Poniamo che uno studente abbia preparato il proprio lavoro a casa, usando il programma Power Point. Non dovrà far altro che salvarlo su una penna Usb, andare alla lavagna, collegare l’usb al pc e l’insegnante potrà commentare assieme alla classe il compito. Potrà aggiungere correzioni e/o annotazioni, convertirle in testo o immagine e salvarle sul documento stesso. Questo vale anche per documenti Word, file Excel e molti altri programmi che supportano la tecnologia INK AWARE (la cui lista completa è accessibile dal pannello di controllo del software Notebook).

Come è possibile utilizzare delle immagini presenti sul proprio pc o sul web all’interno del software Notebook? Il procedimento per inserire delle immagini all’interno del software Notebook è molto simile in entrambi i casi, sia che siano salvate sul pc o che si trovino sul web. La cosa più semplice è quella di cliccare con il tasto destro sull’immagine, selezionare “Copia”, andare sulla pagina Notebook, cliccare ancora il tasto destro del mouse e scegliere “Incolla”. Nel caso, invece, che si tratti di un’immagine salvata sul pc, si può scegliere, all’interno del software Notebook, dalla Barra Strumenti, la voce “Inserisci”, poi “File di immagine” e cercare il percorso del file di immagine da introdurre nel file Notebook. Se, invece, si volesse catturare solamente una parte specifica dell’immagine allora si può usare la Barra per la Cattura SMART (detta anche “Macchina Fotografica”). Per attivare questo strumento, si può cliccare l’apposito tasto sulla barra strumenti del software Notebook, oppure cliccare l’icona del software SMART Notebook nell’area di notifica Windows e scegliere Altri Strumenti SMART e poi Barra degli strumenti Print Capture.

Ecco l’icona dello strumento “Macchina Fotografica” all’interno del software Notebook. Una volta selezionato lo strumento, esso apparirà come nell’immagine

Per catturare, quindi, una determinata area dell’immagine, basterà seguire le seguenti istruzioni: 1. Cliccare sul primo tasto 2. Trascinare il rettangolo che compare per tutta la lunghezza dell’area da catturare 3. Rilasciare e la sezione verrà catturata come elemento grafico nel software Notebook. Un’ultima annotazione: quando si catturano o si copiano immagini di Internet, attenzione a rispettare il Copyright!


Videoconferenza AverCommTM

SMART Meeting Pro Premium

• Tecnologia DViT (Digital Vision Touch) • Dual Touch e Dual Write su tutta la superficie • Funzione esclusiva SMART Touch Recognition (scrivi muovi cancella con una sola mano) • Pen Tray multi-utente • Videoproiettore ad ultra corta focale SMART UX-60 • Area utile di lavoro: 77” in formato 4:3 oppure 87” in formato 16:10 • Software SMART Notebook compreso

• Disponibile nelle versione H100 (punto-punto) e H300 (Multi-punto) • Connessione: Ip • Sistema AES di crittografia dati built-in • Regolazione banda-passante in chiamata e ricezione da 128kbps a 4Mbps • Preset programmabili per la telecamera (CCD) • Microfono ambientale (360°) • Registrazione in formato video AVI su dispositivo USB esterno • Snapshot immagini da telecomando su dispositivo USB esterno • Funzione AVerLink per gestione da smartphone

• Software che comprende la funzione di Lavagna, Gestione Applicativi, Condivisione remota • In grado di poter gestire fino a 16 lavagne interattive contemporaneamente, anche su differenti formati e risoluzioni • Funzione di inchiostro calligrafico per la scrittura in modalità lavagna • Possibilità di salvare in formato PDF, PPT o PPTX o Notebook • Possibilità di spedire via e-mail i dati a fine lavoro • Funzione di ripristino “stanza virtuale” e chiusure del sistema PC

SMART BridgitTM

Carrello NetBoard

Monitor interattivi

• Software per collaborazione interattiva a distanza • Compatibile Windows e Mac OS • Condividere le proprie lezioni e lavori in remoto, risparmiando tempi e costi di trasferta • Modulo VoIP incluso • Crea automaticamente l’icona in Microsoft Exchange e OutLookTM programmando gli incontri • Controllo remoto del desktop • Funzione Webcam integrata • Conferenze protette con sistema SSL encryption • Supporta 13 lingue • Si integra con tutta la gamma di lavagne interattive SMART BoardTM

• Supporto mobile per lavagne SMART BoardTM da 77” • Compatibile con videoproiettori Epson serie EB400 ed HITACHI serie ED-A • Cassetto inferiore porta PC ed accessori con chiusura di sicurezza • Passaggio cavi interno • Regolabile in altezza • Quattro ruote in gomma da 10cm di diametro • Braccio supporto videoproiettore che ruota di 90° per agevolare il passaggio tra le porte • Disponibile anche in versione da parete

• Tecnologia DViT (Digital Vision Touch), touch sensitive o infrarossi • Dimensioni: da 32” a 70” • Interazione con Dito e/o Penna • Software per applicazioni Education o Corporate • Differenti accessori per il fissaggio a parete o su stativo da pavimento (anche con sistema motorizzato di inclinazione da +90° a 0° (completamente orizzontale) • Modalità d’uso: singolo o doppio tocco e scrittura, in base al modello e tecnologia

TY VI

TY VI

ia ed M er Av

Sistemi di Controllo sala Vity

Connessioni da tavolo Vity

AverMedia Visualizaer AV355AF

• Monitor touch screen e centraline di comando per gestire la sala o aula dalla propria postazione o da remoto via Ip • Nessuna memoria interna ai monitor touch, salvaguardando così ogni eventuale problematica di crash di sistema • Risparmio energetico: eliminando tutti i telecomandi delle periferiche, si annulla il consumo di batterie • Sistema interamente programmabile sulle specifiche esigenze del cliente • Centraline di comando interamente modulari

• Monitor LCD a scomparsa (12” o 19”, o dual 19”), montati su struttura motorizzata ad incasso • Prese da tavolo con chiusura motorizzata anti-shock per cavi e dita • Soluzioni ideali per la realizzazione di tavoli o cattedre attrezzate, evitando così di avere cavi di collegamento visibili • Strutture in alluminio anodizzato, senza componenti di plastica, quindi maggiormente robuste nel tempo

• Visualizzatore da tavolo per la ripresa di e visualizzazione su LIM o monitor di oggetti 3D, immagini da microscopio, libri o foto… • Collegamento out in DVI, VGA o S-Video • Collegamento a dispositivo iPod (via USB*) per la memorizzazione delle immagini catturate • Formato 1080p (HD reale in uscita) • 5 mega pixel reali • 3 anni di garanzia • Software compreso, compatibile Windows, Mac OS e Linux * necessario un software di terze parti non fornito a corredo

11

SMART BoardTM serie SB800ix

giugno 2011

ia ed M er Av


SPB350 V355AF

Visualizzatore V355AF

CP135

Un nuovo modo di fare didattica ! Sensore da 5 Megapixel Zoom da 80X Supporta 1080p in formato HD Registrazione audio video direttamente su USB stick

Un visualizzatore ha la capacità di connettersi ad ogni proiettore, lavagna interattiva, monitor e TV (LCD e Plasma) per offrire un’immagine ad alta risoluzione di tutti i supporti (cartacei o reali) per l’insegnamento e l’apprendimento, le presentazioni e molto, molto ancora.

Garanzia di 5 anni

Un visualizzatore cattura testi, oggetti 3D, fogli lucidi, immagini da microscopio e tutto ciò che possa essere mostrato in modo istantaneo ad una classe, ma con la possibilità di registrare e archiviare le immagini recuperandole successivamente.

“AVerMedia è la gamma di visualizzatori più venduta negli Stati Uniti e in Europa Occidentale”*

Secondo il rapporto Futuresource Consulting, società di ricerca indipendente che ha pubblicato il rapporto sul mercato dei visualizzatori a Giugno 2010

Distributore esclusivo per l’Italia del marchio AverMedia e AverComm: richiedere per ordinare i prodotti AVerMedia (Verona) : visualisers@avermedia-europe.com InterVideo Srl Per - Via Enrico informazioni Fermi, 24 -e37026 Settimo di Pescantina Website : www.avermedia-europe.com/it info@intervideosrl.com - www.intervideosrl.com


Training solution due