Issuu on Google+

PERIODICO DI ATTUALITÀ - EDITORE PASQUINO EDITRICE SRL - ANNO 1 n. 6 GIUGNO 2014 euro 1,50

MAG

COPIA OMAGGIO

AMO R ROMA

PADRE RENZO:

UN INCONTRO CHE CAMBIA LA VITA

PATRIMONIALI “NASCOSTE “ FRIDA KHALO: UNA PITTRICE MOLTO AMATA NATALIE CALDONAZZO E IL FIGHT FOOTBALL MODA TRENDY ESTATE 2014 con il patrocinio di


1


...l’Assessorato alle Attività produttive, al Lavoro e al Litorale di Roma Capitale, la Presidenza del XII - ora IX Municipio - hanno conferito il patrocinio di Roma Capitale alla rivista “E42 Magazine Roma” per l’impegno profuso nella focalizzazione, partendo dal territorio, delle più salienti vicende socio-istituzionali e culturali, ai giovani ed alle loro variegate problematiche attuali nonché al tessuto economico-produttivo capitolino… L’editore e la redazione tutta della rivista E42 Magazine Roma, ringraziano le Istituzioni, che hanno concesso il patrocinio di Roma Capitale alla nostra testata per i suoi contenuti economici, culturali, sociali e di interesse collettivo. Questo importante riconoscimento, oltre ad onorarci profondamente, ci sprona a proseguire il nostro lavoro su queste direttrici con il massimo dell’impegno per un’informazione sempre attendibile, oggettivamente fondata e collettivamente interessante.

l 2

info@e42magazineroma.it

ROMA

un quartiere, una città, un mondo... www.e42magazineroma.it


Editoriale Cari lettrici, cari lettori, a grande richiesta, voglio affrontare il problema del rapporto tra noi comuni mortali e le banche. Tutti, più o meno, abbiamo a che fare con i vari Istituti di Credito e molte volte subiamo delle vere e proprie vessazioni da parte di quest’ultimi sia riguardo a comunissimi conti correnti intestati a persone fisiche che a quelli societari, per non parlare di mutui o titoli. Riporto delle segnalazioni di soprusi che troppo spesso vengono commessi ai nostri danni.nLe banche sono sempre state nel nostro immaginario un santuario di fiducia, custodi dei nostri segreti, dei nostri risparmi, serbati talmente bene che spesso è capitato che abbiano confuso custodia con proprietà, come spesso si legge in numerose sentenze dei tribunali di tutta Italia. Il conto corrente è regolato da un contratto che stabilisce le prestazioni a carico di ciascuna parte; spesso è talmente lungo e di difficile comprensione che nessuno si sofferma a leggerne tutto il contenuto ,salvo poi scoprire che i nostri soldi hanno subito delle consistenti riduzioni, per effetto dell’addebito di spese, commissioni e altri costi che all’inizio nessuno ci aveva evidenziato. Eppure erano lì, scritti nel contratto, con quei caratteri volutamente e furbescamente piccolissimi. Le banche modificano troppo spesso gli accordi presi tra le parti, ma in modo unilaterale e l’utente ne subisce le conseguenze. Sono numerosi i casi di piccoli risparmiatori che pensano di avere una certa quantità di denaro sul proprio conto corrente e invece ,per effetto di addebiti non dovuti ,si ritrovano con meno di quanto versato. Molti altri che hanno sottoscritto dei mutui a condizioni vantaggiose scoprono che quelle applicate sono più onerose rispetto alle stabilite. Tipico è il caso di chi lascia una piccola somma su un conto non utilizzato che la banca , con una serie di commissioni e altri balzelli, fa andare in negativo (sconfino), addebitando altre spese e obbligando il cliente a pagare e a subire tassi usurai. Ad alcuni è stato suggerito di garantirsi contro l’oscillazione dei tassi variabili sui finanziamenti ottenuti, sottoscrivendo degli swap, una sorta di assicurazione a copertura dei rischi ,poi rivelatisi assolutamente deleteri per i clienti Molti ,infatti, hanno subito perdite ingenti ,pari al valore nominale del debito di partenza ,a fronte di derivati che invece li avrebbero dovuti salvaguardare dal rischio. In altri casi i clienti hanno invece riportato notevoli disavanzi sui titoli e diversi prodotti d’investimento che gli Istituti di Credito avevano consigliato di comprare, salvo poi sentirsi dire al momento della rivendita, che gli stessi non avevano più il valore iniziale, cosa ovviamente taciuta al momento dell’ acquisto. Ci sono casi in cui la cessione di titoli, ad un diretto familiare, ha provocato l’inspiegabile perdita capitale del 20% in soli quattro giorni . Tutti questi casi hanno nomi, volti, storie personali spesso gravate da difficoltà economiche ,il cui comune denominatore è rappresentato dalla fiducia mal riposta in Istituti Bancari e nei loro impiegati, attenti solo ai budget e ai rendimenti performanti su ogni cliente ,senza alcuna attenzione alle sue reali esigenze o alla sua reale possibilità economica. Il credito serve a tutti, ma sulle banche debbono essere effettuati seri controlli, anche perché sono i nostri risparmi quelli che vengono messi in gioco e siamo tutti stufi della situazione stagnante che si è creata a solo vantaggio di quest’ultime. Per essere” politically correct “, qualsiasi inesattezza riportata nei nostri articoli, di qualsiasi natura essa sia, costituirà alla prima occasione utile, oggetto di rettifica.

Il direttore Gilda Tucci

3


6 12

Autorizzazione Tribunale di Roma n. 7/2014 del 21/01/2014

Direttore editoriale Alessia Allegra

16 21

Redazione e Direzione: Via Sabotino, 46 - 00195, Roma Info: cell. 331 7004005 Email: info@e42magazineroma.it Sito: www.e42magazineroma.it www.amorromamag.it

26

Concessione pubblicitaria S.I.P.A. S.r.l. Servizi integrati per aziende Via Sabotino, 46 00195, Roma P.IVA e C.F. 11749291008 Sito: www.serviziintegratiaziende.com Email: info@serviziintegratiaziende.com segreteria@serviziintegratiaziende.com

Copertina: Photo by Fabio Di Tivoli. Grafica e impaginazione AM_GT Mad graphics_Tucci - Mariotti

E’ vietata la riproduzione totale e parziale di tutti i testi, la grafica, le immagini e gli spazi pubblicitari realizzati da Pasquino Editrice S.r.l. e da AM_Gt Mad graphics_Tucci-Mariotti. Tutti i diritti sono riservati. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare il materiale pervenuto o di effettuare i tagli redazionali ritenuti opportuni

4

44

Scende ancora il costo del denaro

Frana in cantiere

Missing

Costume e società Quartieri a luci rosse

Costume e società Expandere

Costume e società Speciale Hi-Tech Psiche e società Le sette criminali

Diritto e società

42

Stampa Miligraf S.r.l. Via degli Olmetti, 36 00060 Formello Tel. 06 9075142

Euroeconomy

Senza censura

38 40

Jihadisti inglesi

Patrimoniali “nascoste”

28

Foto Paolo Callipari, Stefano Mileto e Guglielmo Rota, Giorgio Bonomo, Roberto Marchionne, Francesca Moscatelli, Chiara Sellan, Pino Bitetti, Nadia Capanna.

Attualità

Euroeconomy

24

30

Belle ma sporche

Riso e grano

18

Collaboratori Sergio Allegra, Jessika di Cesare, Marco Cannavicci, Natalina Orlandi, Margherita Filipponi, Susanna Russello, Fabio Campoli, Laura Solari, Pietro Maria Putti, Sabrina Allegra, Cristina Allegra, Paolo Coscione, Roberto di Carlo, Marina Giangiuliani, Michele Spremolla, Patrizia Chelini, Luigi Gemma, Federica Costa, Simone Nastasi, Andrea Lovelock, Livia Rocco, Sonia Domenici, Francesco Falvo D’Urso, Paolo Callipari, Maria Beatrice Cantore, Francesca Caschi, Pierluigi Borneti, Luigi De Valeri, Gian Maria Volpicelli, Ernesto Vetrano, Paola Marulli, Massimo Sellan, Elena Rossi, Elisabetta Rullo, Marco Biffani, Rosaria Gallo

Attualità

Attualità

14

Direttore Responsabile Gilda Maria Tucci Camuri Vicedirettore Daria Onofri

George Soros

10

Periodico di attualità Anno 1- numero 6 - giugno 2014 EDITORE Pasquino Editrice S.r.l. Via Sabotino, 46 - 00195, Roma Email: info@pasquinoeditrice.it

Attualità

Chirurgia estetica La mastoplastica additiva

Fatti e personaggi Ciao Fratè


sommario giugno 2014

46 58

Cold case Bondage gioco fatale

52

I Presidenti della Repubblica

60

Moda e creatività

Cesare Merzagora

Moda e creatività Sexy e sfacciata moda mare a Miami Audace estate 2014

64

“Le chicche di Eli”

70

“Le chicche di Eli”

66

Spettacolo

76

Non chiamateli calzini

72

I quartieri di Roma

Arte e creatività

I Municipi

82

Quattro zampe e una penna

92

Fabio Campoli

FTT

Dedicato ai futuri talenti

96

86 95 98 102 105 107

Punto tutto sul fight footbool

Monteverde74

Frida Kahlo

Municipio XV

Il peperoncino, filosofia di vita

Ai blocchi di partenza, via!

Arriva l’estate, ristrutturiamo la casa al mare.

La Posta del cuore Amor, ch’a nullo amato amar perdona

Cinenews

La voce di Pasquino

100

Street Style

104

Leggiamo

106 110

Lettere dei lettori

Offerte di lavoro

5


Attualità

George

Soros

È uno degli investitori più noti al mondo, forse lo speculatore per eccellenza. Nel 1992 ha guadagnato un miliardo di dollari in un solo giorno. di G.M.T.C.

6

George Soros, , è uno degli investitori più noti al mondo, forse lo specula-

ha reso il 31 percento di media all’anno. Nel 1973 raggiunse un numero

tore per eccellenza, nel 1992 ha guadagnato un miliardo di dollari in un

sempre maggiore di investitori. All’inizio degli anni 80, creò una rete di

solo giorno. Nato a Budapest nel 1930 da genitori ebrei, il padre di Soros

fondazioni nell’Europa centrale, distribuendo a giovani intellettuali borse

era un avvocato che durante la prima guerra mondiale aveva passato tre

di studio nelle università occidentali e supporti infrastrutturali alle istituzi-

anni in Siberia . Grazie a dei falsi documenti d’identità comperatigli dal

oni accademiche. Aprì la Open Society, seguita dalla Soros Foundation in

padre, George Soros riuscì a farsi passare per il figlioccio di un funzion-

Ungheria nel 1984 e dalla Soros Foundation dell’Unione Sovietica nel

ario non ebreo del governo ungherese. La fine della guerra tuttavia non

1987. Ad oggi queste fondazioni sono una trentina in tutto il centro ed est

portò alla famiglia Soros un ritorno alla vita normale. Come molti altri ra-

Europa, oltre a sedi in sud Africa e negli Stati Uniti, naturalmente. Dopo i

gazzi il giovane Soros dovette decidere se restare in Ungheria sotto la

drammatici cambiamenti politici del 1989, le sue attività filantropiche si

sfera di influenza Sovietica o emigrare in altre nazioni dellì’occidente. Nel

sono moltiplicate in modo esponenziale nel 1990 fondò la Central Euro-

1947 partì per l’Inghilterra, con pochissimi soldi in tasca. A Londra fece i

pean University a Budapest, Praga e Varsavia, con l’obiettivo di fornire

più disparati lavori: cameriere, bracciante a funzionario imbianchino,

programmi post laurea in storia, economia, scienze politiche storia

facchino. Inizia a frequentare la London School of Economics, laurean-

dell’arte e delle scienze sociali), distribuendo straordinarie quantità di

dosi nel 1952. Questa scuola esercitò su Soros una forte influenza intellet-

denaro a favore delle cause più disparate: cento milioni di dollari per

tuale attraverso la prestigiosa figura di Karl Popper, filosofo della scienza.

pagare lo stipendio agli scienziati sovietici, cinquanta milioni di dollari per

Dopo aver cercato, senza successo, di inserirsi nel mondo accademico

pagare le spese di carburante della precaria repubblica ex jugoslava

entrò nel mondo della finanza come apprendista in una società

della Macedonia e altri 50 milioni per i profughi bosniaci... Nel 1992 ci fu

d’investimento mobiliare. Soros lavorò per un periodo come operatore

la famosissima speculazione di Soros contro la partecipazione

nell’arbitraggio dell’oro ma con scarsi risultati, a quel punto decise di ten-

dell’Inghilterra al meccanismo dei tassi di cambio europei e quella sfida

tare la fortuna a New York. Anche in America, agli inizi le cose non erano

lo portò sulle copertine di tutti i maggiori giornali e riviste del mondo, col

semplici, gli ci vollero dieci anni prima di riuscire ad emergere diventando

risultato che nell’immaginario collettivo fu identificato come l’uomo che

maestro nell’arbitraggio tra i mercati newyorkesi e londinesi. Fu così che

aveva fatto crollare la sterlina. Da quella speculazione sulla sterlina, ri-

nel 1967 riuscì a convincere i suoi capi a lasciargli creare e gestire due

cavò un guadagno da capogiro: due miliardi di dollari e la fama del gi-

fondi offshore. Nel 1969 il grande salto: Soros e il suo partner Jim Rogers

ocatore più importante sui mercati globali dei capitali. Da quel momento,

creano il Quantum Fund con 4 milioni di dollari. In 32 anni questo fondo

ogni sua mossa è stata osservata e analizzata. George Soros ha raggi-


unto questi risultati straordinari speculando sulle valute, un gioco rischio-

speculatori fanno il loro lavoro, non hanno colpe. Queste semmai compe-

so che gli ha fatto perdere anche miliardi di dollari, ma che, alla fine dei

tono ai legislatori che permettono che le speculazioni avvengano. Gli

conti, gli fatto accumulare una fortuna di 6.9 miliardi di dollari. Egli punta

speculatori sono solo i messaggeri di cattive notizie”. “In Italia la tregua

sul crollo dei mercati ma compra azioni delle banche . Come riportato

non durerà”. Quindi una riflessione sul nostro Paese. La tregua dei mer-

anche dal sito Finanza.com, il miliardario ungherese si sta preparando a

cati verso l’Italia, secondo Soros, “non durerà a lungo. Siamo in una situ-

quello che si potrebbe definire un “crollo epocale” dei mercati finanziari

azione lontana dall’equilibrio”. “L’Italia - dice - “è in grave difficoltà anche

che vede come protagonista assoluta la più grande piazza finanziaria del

se “non è senza speranza. Con dei cambiamenti alla struttura dell’euro

pianeta, ovvero Wall Street. Per carità , spesso e volentieri il passato ha

potrà risolvere i suoi problemi”. E ancora. “La grave recessione deriva

dato ragione al buon Soros, il quale anticipò il crollo del 1992, dove però

dalle regole di austerità imposte dall’Europa”. Ma “ l’Italia “non rischia di

fu lui protagonista con grosse operazioni sul mercato delle valute e con-

fare la fine di Cipro” afferma ancora Soros per il quale pesa la crisi politica

seguente messa in stato di difficoltà di Lira e Sterlin. Ventuno anni fa, con

interna. “C’è una tragedia dell’Europa e anche una tragedia dell’Italia: la

il suo fondo Quantum, contribuì a portare la lira, e la nostra economia, a

crisi dell’euro sta lavorando per far tornare Berlusconi...” conclude il mag-

un passo dal baratro. Ora, il finanziare americano di origini ungheresi

nate. L’azione di Soros nel 1992 - la vendita di lire allo scoperto compran-

con un patrimonio da 14 miliardi di dollari e una seconda vita da filant-

do dollari - costrinse la Banca d’Italia a vendere 48 miliardi di dollari di

ropo, è fresco vincitore del premio Terzani, ricevuto a Udine per il suo

riserve per sostenere il cambio, portando a una svalutazione della nostra

saggio “La crisi globale e l’instabilità finanziaria europea”. Da lì, parlando

moneta del 30% e l’estromissione della lira dal sistema monetario eu-

con Repubblica e La Stampa, ripercorre la massiccia operazione specu-

ropeo. Per rientrare nello Sme, il governo italiano fu obbligato a una delle

lativa che mise in ginocchio nel 1992 il Paese. E difende, non senza un

più pesanti manovre finanziarie della sua storia - circa 93 mila miliardi di

certo cinismo, tutte le sue mosse. “L’attacco speculativo contro la lira - es-

lire - al cui interno, tra le tante misure, fece per la prima volta la sua com-

ordisce Soros - fu una legittima operazione finanziaria”. “Mi ero basato

parsa l’imposta sulla casa (Ici), oggi divenuta Imu. Soltanto cinque mesi

sulle dichiarazioni della Bundesbank, che dicevano che la banca tedesca

prima il presidente del consiglio di allora Giuliano Amato, proprio a causa

non avrebbe sostenuto la valuta italiana. Bastava saperle leggere”. Nes-

della difficile situazione economica in cui versava il nostro Paese anche

sun segreto, insomma. Nessuna informazione riservata o soffiata nei sa-

prima dell’attacco speculativo di Soros, era stato obbligato a dare il via

lotti dell’alta finanza. Solo una lucida, ma spietata, comprensione della

libera al prelievo forzoso del 6/1000 sui conti correnti .Soros traccia una

realtà, che Soros sintetizza con una formula particorlamente efficace: “Gli

distinzione tra l’essere un operatore nel mercato e il lavorare per cambi-

7


8

are le regole che gli operatori devono seguire. Sembra non avere prob-

sopperisce — dal basso — la virtù autogestita della condivisione. Basta

lemi nel continuare ad adoperarsi per perseguire il suo interesse eco-

guardarsi intorno per constatare che la sofferenza sociale non produce

nomico, affiancando a questo un’attività di lobbying tesa ad una drastica

sempre solo lacerazione e solitudine. Parole antiche come mutuo soc-

revisione del sistema finanziario globale. In risposta alle accuse di essere

corso, fratellanza, cooperazione, riacquistano qui e là un significato con-

personalmente responsabile di molteplici disastri finanziari, tra cui quelli

creto. Affondano le loro radici nell’umanesimo cattolico e mazziniano da

di Regno Unito, Europa dell’Est e Thailandia, ha dichiarato: “Nella veste di

cui germogliarono le società operaie e artigiane del primo movimento

operatore di mercato non mi si richiede di preoccuparmi delle conseg-

socialista. Ma oggi di nuovo si avverte la necessità di un’economia ca-

uenze delle mie operazioni finanziarie.” Il re della speculazione internazi-

pace di anteporre il benessere collettivo alla rendita speculativa. Sarebbe

onale diventa terzo azionista di un fondo delle Coop “rosse”? Va bene che

davvero un peccato dover constatare che nel frattempo gli eredi di quella

Soros nel tempo libero si trasforma in filantropo liberal, ma qui ci sono di

storia, i colossi della cooperazione — non importa se “rossa” o “bianca”

mezzo gli affari; nonché l’assetto futuro del nostro depresso sistema eco-

— sono diventati inservibili a tale scopo. percepiscono stipendi di centin-

nomico. Che frutti potrà mai  generare un simile innesto? Desiderosi

aia di migliaia di euro». Ora viene il turno di George Soros associato a un

come siamo di attrarre investimenti stranieri nel belpaese, non ci permet-

fondo immobiliare delle Coop specializzato in centri commerciali e iper-

teremo certo di fare gli schizzinosi. Né indugeremo nella dietrologia sulla

mercati (1,9 miliardi di euro il patrimonio stimato). Va rilevato che il settore

firma del contratto con Soros, giunta proprio sei giorni dopo che il presi-

immobiliare italiano suscita un rinnovato interesse nei gruppi stranieri.

dente della Lega Coop, Giuliano Poletti, è entrato a far parte del governo

Soros non è il solo a puntarci. Naturalmente ciò non ha nulla a che fare

Renzi in qualità di ministro del Lavoro. La nomina di Poletti appariva come

con la nostra emergenza abitativa: a fare gola sono i nuovi grattacieli per

segno culturale adeguato alla durezza dei tempi: far ricorso all’esperienza

uffici direzionali, l’edilizia di lusso e, per l’appunto, i centri commerciali. È

solidaristica su cui è fondato il movimento cooperativo per favorire la nas-

verosimile che tali investimenti speculativi funzionino da volano per uno

cita di nuove imprese e di nuovi strumenti di assistenza sociale. Le Coop

sviluppo equilibrato? Accolto con un doveroso benvenuto il compagno

sono divenute semplicemente un nuovo “potere forte” che si cimenta in

americano, ci chiediamo che strana razza di capitalismo verrà fuori dal

campo finanziario. Vivendo in un’epoca di scarsità permanente, doven-

suo incrocio con la finanza “rossa”. Le buone pratiche diffuse della coop-

doci attrezzare per un futuro di penuria, la buona pratica del mettersi in-

erazione, che sia di produzione, distributiva o di cura alle persone, non

sieme, aiutarsi a vicenda, superare l’individualismo proprietario, è ritor-

attenderanno i dividendi di Borsa. La loro carica profetica e soccorrevole

nata più che mai attuale. Là dove la politica si rivela inadeguata,

si esprime altrove.


Dal 24 giugno al 9 agosto

Orchestra di Piazza Vittorio/Carmen The Tokyo Ballet Coreografie di Maurice Béjart

Il lago dei cigni Musica di Pëtr Il’icˇ Cˇajkovskij

La bohème Il barbiere di Siviglia Musica di Gioachino Rossini

Roberto Bolle and Friends

Roma Opera aperta

Orchestra,Coro e Corpo di Ballo delTeatro dell’Opera

Caracalla MMxiv

operaroma.it/caracalla FONDATORI DI DIRITTO

PARTNER

FONDATORI PRINCIPALI

Ettore Festa, HaunagDesign. Foto:C.M. Falsini/Teatro dell’Opera

Musica di Giacomo Puccini


Attualità

Belle ma

sporche...

Le spiagge di Ostia sono così. Rifiuti, detriti pericolosi, tronchi d’albero, abbandono e zero servizi: sono le condizioni delle spiagge libere del lido che, con l’apertura della stagione balneare, stanno già accogliendo visitatori e romani.

Di Rosaria Gallo

10

Vietato fare il bagno, vietato avere sete, vietato cercarsi una toilette: man-

polemiche.

cano insomma i servizi di solito offerti da chi gestisce il chiosco affidatogli

Spiagge vietate

dal X Municipio. Perché le spiagge libere di Ostia al momento sono og-

Sugli 8 arenili liberi appena affidati, regna per ora la confusione. Due

getto di un bando travolto da ricorsi al Tar e nodi burocratici da sciogliere.

deserti alla gara, tre in tribunale. Risultato: off limits e orfani di gestori. I

Quindi sono sospese in un limbo di disagi.

lotti numero 3 e 4, ex chioschi Punta Ovest e Ondanomala sul lungomare

Legalizebeach

di ponente, nessuno li ha voluti: serrande abbassate e zero servizi come

La gara di affidamento è stata fortemente voluta da Municipio e Comune

bagnini e toilette. Il terzo lotto però è anche tra le tre spiagge contestate,

di Roma per dare un colpo di spugna e cancellare ogni traccia di con-

oggetto di ricorsi al Tar da parte delle cooperative sociali escluse: alcune

taminazioni mafiose. Un bando nuovo, pulito che desse un segnale forte:

estromesse dal bando, secondo regolamento, per «gravi inadempienze»

a Ostia le spiagge sono di tutti, un bene pubblico da assegnare a sog-

o «dichiarazioni non corrispondenti» in merito all’art.38 che riguarda «pre-

getti più che trasparenti. Una svolta attesa nella terra dove i clan Triassi,

giudizi penali subiti».

Fasciani e Spada hanno regnato e sottomesso, vessato e minacciato, fino

Niente tuffi

agli arresti che ne tagliarono via i vertici a luglio 2013 con il maxi-blitz

Nonostante la stagione balneare inaugurata il 1° maggio, non sono

di polizia e procura. L’unico neo dell’operazione «legalize-beach»è che il

pochi quindi i lidi abbandonati. Insieme al Punta Ovest, anche il sesto e

bando è partito in ritardo per soppiantare quello annullato a fine 2013, a

l’ottavo lotto dovranno attendere le decisioni del tribunale amministrativo

causa di gravi sospetti sui primi affidamenti, come la mancanza di cer-

del Lazio per aprire gli ombrelloni: sulle 3 spiagge pende la sentenza

tificati anti-mafia. Il 10 aprile si sono aperte le buste e sono divampate le

dei giudici che valuteranno la correttezza del bando entro giugno. Dal X


Municipio si ribadisce che la gara è scrupolosa e che

balneazione per evitare brutte disavventure: però sono

in tribunale si vincerà. Intanto in bilico c’è la spiaggia

scritti solo in italiano e in inglese, sebbene l’ordinanza

ex Cayenne (lotto 6), davanti la colonia Vittorio Ema-

balneare della Capitaneria richiede annunci multi-lin-

nuele: era affidata a Villa Maraini, che si occupa del

gua, includendo francese o spagnolo.

recupero dei tossicodipendenti. Infine c’è l’ex Amanusa

Al mare tra i rifiuti

(lotto 8), tolta alla cooperativa Roys e andata alla Uisp e

Stessi scenari di degrado e confusione sulle splendide

l’associazione antimafia Libera.

spiagge libere di Castelporziano. I lidi ad accesso gra-

Ritardi

tuito più amati dai romani, regalati alla Capitale nel

Ritardi e problemi però anche per chi la spiaggia l’ha

1965 dall’allora presidente della Repubblica Giuseppe

già presa in consegna: con il bando last minute, i chi-

Saragat che sacrificò parte della sua tenuta, sono al

oschi non sono pronti e i bagnanti senza assistenza e

centro di un’inchiesta giudiziaria per abusivismo: parte

servizi igienici. I controlli effettuati dalla polizia locale

delle strutture dovevano essere demolite entro l’estate,

di Ostia rendono l’idea del caos-spiagge: su 11 arenili

ma per le ruspe si attenderà lo scadere della convenzi-

«free» (inclusi quelli non a bando, ma in concessione

one previsto ad agosto. Intanto però la pulizia scarseg-

dal Municipio), solo tre lidi sono risultati operativi, ov-

gia come i servizi. Chi si occupa da anni delle spiagge

vero puliti, con bagnini e toilette. Turisti e romani, ir-

libere è la Multiservizi ma, con i risicati fondi comunali,

ritati dall’assenza di servizi e dall’immondizia, sono

è attiva a singhiozzo.

«obbligati» ad accorgersi dei cartelli indicanti il rischio-

11


Attualità

Riso e grano Al di là dei pregiudizi e delle generalizzazioni, è un fatto che la mentalità occidentale e quella orientale differiscono in alcuni aspetti fondamentali. di Gian Maria Volpicelli

12

La prima è improntata all’individualismo e alle libertà personali mentre

fornito le basi dell’indole dell’estremo oriente, dal Giappone all’India. La

la seconda tende a privilegiare pragmaticamente la collettività rispetto al

prova di questa teoria arriva dall’analisi sociologica di alcune regioni

singolo. Una ricerca dell’università della Virginia, negli Stati Uniti, ha tro-

settentrionali della Cina, dove il clima ha fatto sì che, a differenza del

vato una possibile risposta a questa differenza millenaria: l’agricoltura.

resto del paese, la coltura dominante fosse il grano. Intervistando gli

Nei paesi europei e dell’Asia minore il cereale tradizionalmente più

abitanti di quelle regioni, i ricercatori della Virginia hanno scoperto che

coltivato è stato ed è il grano; andando verso Est, questo lascia noto-

essi avevano una mentalità molto più “occidentale” del resto dei loro

riamente il posto al riso. Quest’ultimo richiede molte più ore di lavoro

compatrioti. La prossima domanda a cui bisognerà rispondere, ora, è se

per essere coltivato propriamente rispetto al grano, e i ricercatori hanno

il progresso tecnologico e la globalizzazione livelleranno le differenze,

ipotizzato che i primi agricoltori asiatici si fossero organizzati in coop-

rendendo la mentalità dei mangiatori di riso e quella dei mangiatori di

erative e collettivi agricoli per ottenere un buon raccolto. Proprio questo

grano più simili fra loro. Al momento, non è dato saperlo, ma, secondo

comportamento collettivista, inizialmente meramente agricolo, avrebbe

gli studiosi della Virginia, ci vorrà tempo per cancellare millenni di storia.


SOUTHLANDS ENGLISH SCHOOL IN ROME

English National Curriculum from 3-18 years of age Programma Ministeriale Italiano Casalpalocco (Roma) Via Teleclide, 40 tel/fax 06 50 53 932 - 06 50 91 71 92

www.southlands.it

13


Attualità

BBC news

Jihadisti Inglesi Il Regno Unito ha deciso di affidarsi alle donne per fermare i giovani musulmani inglesi che vogliono andare a combattere in Siria. di Gian Maria Volpicelli

14

Scotland Yard ha dato il via a una campagna d’informazione a suon

ostilità a fine 2013, circa 400 cittadini inglesi si siano recati in Siria,

di volantini e manifesti per incoraggiare le donne – in particolare le

almeno venti dei quali hanno perso la vita. Così a Londra cresce il

madri, le donne e le sorelle di giovani uomini– a rivolgersi alle au-

timore per un terrorismo “di ritorno”. Il governo teme che le persone

torità qualora sospettino che i loro familiari vogliano partire per la

che vanno a combattere in Siria possano poi tornare indietro con

Siria per unirsi a gruppi integralisti violenti in guerra contro il regime

idee radicali e propositi violenti e, in qualche modo, portare la guer-

di Bashar Assad. Sempre più ragazzi e giovani di fede islamica

ra a casa. Per questo le pene per coloro che ritornano dalla Siria

scappano di casa con pochi soldi e un biglietto aereo in tasca per

dopo aver combattuto sono state inasprite. L’iniziativa della polizia

prendere parte al conflitto siriano, spesso in formazioni jihadiste: a

mira quindi a eliminare il problema alla fonte, servendosi di madri

gennaio un diciottenne di Brighton, Abduallah Deghayes, è stato

e mogli per bloccare quelle persone prima della partenza. Resta

ucciso in una sparatoria ad Aleppo, città che si trova al centro dello

da vedere se la paura di perdere un figlio o un marito nella guerra

scontro siriano. Alcune settimane fa, poi, su internet è comparso

di Siria prevarrà sulla diffidenza che la comunità musulmana in In-

un video che mostrava alcuni militanti dall’accento perfettamente

ghilterra ancora nutre nei confronti di Scotland Yard– considerata

britannico decapitare dei soldati lealisti. Si stima che, dall’inizio delle

organizzazione islamofoba per eccellenza.


15


EUROeconomy Micro e Macro

Prof. Dott. Sergio Allegra Economista e giurista Direttore dell’area giuridico-economica dell’Accademia forense on line, ne cura l’intera sezione di Roma

Glossario economico

Patrimoniali “nascoste”

16

Dopo le tante promesse della nostra politica di rivisitazione della sp-

quando la TARSU, in vigore fino al 2012, era stata sostituita dalla TARES.

esa pubblica, vedi spending review e la riforma del lavoro, vedi Jobs

Una tassa che è stata nuovamente sostituita dalla TARI che prevede la

Act, quest’anno debutta la TASI, la nuova tassa sui servizi disciplinata

copertura totale del costo relativo alla nettezza urbana. Tale presup-

dai Comuni. Il nuovo tributo è destinato a finanziare i servizi comunali

posto lascia nuovamente aperta la possibilità ai Comuni di decidere

e si paga su tutti gli immobili inclusa l’abitazione principale. La TASI

nuovi rincari. Per seconde case e terreni, a partire dal 2013, è stata

pertanto è stata pensata per sostituire l’IMU sulla prima casa che gen-

ripristinata la tassazione IRPEF del reddito delle case non locate con

erava un gettito di 5 miliardi di euro. Per le seconde case e per quelle

un ulteriore incasso previsto per le casse dello Stato di 3/400 milioni

locate la TASI si somma all’IMU con un’aliquota base che varia dall’1 al

di euro è stata inoltre abolita l’esenzione dell’IMU sui terreni montani

3,3 per mille del valore catastale con un limite massimo della somma

con un ulteriore gettito fiscale di 4/500 milioni. Un carico fiscale sulle

delle due imposte dell’11,4 per mille. Questa nuova tassa colpisce in

proprietà immobiliari divenuto davvero insostenibile soprattutto in

parte anche gli inquilini che occupano gli immobili con quote che ven-

virtù della rivalutazione delle rendite catastali decise da molti Comuni

gono fissate dai Comuni. Per quanto riguarda la raccolta dei rifiuti,

negli ultimi anni e degli effetti della crisi che nel settore immobiliare

di fatto molti comuni avevano già aumentato il costo di tale servizio

ha prodotto un netto deprezzamento dei valori di mercato portandoli


anche al di sotto della rendita catastale. L’insieme delle “at-

sione riferite ai professionisti non sono sfuggite all’attenzione

tenzioni fiscali” sulla casa hanno prodotto negli ultimi anni

del Governo per incidere con forme di fiscalità riconducibili

un incremento di pressione valutabile in circa 30 miliardi. Ma

alla fattispecie della patrimoniale tant’è che le loro casse prev-

nonostante le reiterate promesse da parte del mondo politico

idenziali rientrano in un elenco ISTAT delle pubbliche ammin-

di non voler procedere a tassazioni patrimoniali, dobbiamo

istrazioni sul quale il decreto Renzi applica sia l’aumento dal

costatare che il bene “casa” viene sempre più utilizzato come

20 al 26% della tassazione sulle rendite finanziarie sia un in-

“bancomat”. Anche il settore delle pensioni e dei fondi pen-

asprimento della spending review. Anche dalle ultime analisi

della Corte dei Conti si evince che la pressione fiscale in Italia,

giustamente un “surrogato” poiché le politiche redistributive

seppur mascherata sotto diverse voci, è giunta al 43,8% del

basate sulle detrazioni di imposta della funzione dell’IRPEF,

PIL con un incremento di circa il 3%. Raffrontando tuttavia tale

tramite strumenti surrogati tipo bonus, tagli retributivi o prelie-

dato con le attività sommerse valutate al 21,1% del PIL, si arriva

vi di solidarietà , sono all’origine di un continuo svuotamento

ad una pressione fiscale – contributiva reale per le imprese

della base imponibile dell’IRPEF ed intaccano la portata ed

“regolari” del 62 - 65%. La ricetta suggerita dai magistrati con-

efficacia redistributiva dell’imposta. È chiaro pertanto che le

tabili passa, come già più volte denunciato da questa rubrica,

riforme tese sia a snellire la macchina burocratica dello Stato

da una seria e mirata spending review, avvertendo tuttavia

che a rilanciare i consumi devono realizzarsi con una temp-

che la spinta verso una riduzione e un riequilibrio della re-

istica molto ristretta perché il mantenimento dello status quo

pressione tributaria si deve confrontare necessariamente con

non può realisticamente essere protratto per molto tempo in

i vincoli della finanza pubblica e con i mezzi a disposizione.

assenza di crescita economica.

La manovra relativa agli 80 euro in busta paga viene definita

17


EUROeconomy Micro e Macro

Scende ancora il costo del denaro: Draghi lo abbassa a 0,15% Cosa comporta per i cittadini? di Ernesto Vetrano

18

Il governatore della Bce, Mario Draghi, ha abbassato ulteriormente il

questi ultimi dovrebbero aumentare i prezzi e, quindi,l’inflazione. Ep-

costo del denaro portandolo dallo 0,25% al minimo storico dello 0,15%.

pure, per quel che riguarda il punto dal quale a cascata discende tutto

L’obiettivo primario di questa decisione è senz’altro quello di favorire i

il resto - ossia il ridare slancio al mercato creditizio - il meccanismo non

consumi e prestiti e poi evitare uno scenario deflativo cercando di por-

è così automatico. Secondo alcuni studi, infatti, le banche impiegano

tare l’inflazione vicina a quel 2% che è l’obiettivo della Bce. Ma quali

fino a nove mesi per “metabolizzare” il taglio al costo del denaro deciso

sono i risvolti di questa decisione per tutti i cittadini? In primo luogo il cos-

dalla Bce, dunque le conseguenze potrebbero non essere così imme-

to dei finanziamenti diminuirà, essendo il costo del denaro più basso.

diate. La sforbiciata è sì una risposta al credit crunch, ma il risultato

Ciò dovrebbe permettere di avere più liquidità in circolazione favorendo

potrebbe tardare ad arrivare: nel contesto europeo, nonostante i lunghi

l’accesso al credito per famiglie e imprese. Di conseguenza avendo piu

anni di crisi, altri nove mesi appaiono una eternità. Altra conseguenza è

moneta in circolazione dovrebbero aumentare i consumi; aumentando

la ripercussione che il taglio del costo del denaro avrà o potrebbe avere


sulla nostra moneta, l’euro, a detta di molti sopravvalutato in parti-

di 14-20 euro mensili. Nessuna ripercussione, invece, sul versante

colare rispetto al dollaro. Oggi 1 euro vale 1,35 dollari, ancor di più

dei prestiti: quelli in corso sono generalmente a tasso fisso, men-

rispetto al novembre 2013 quando Draghi decise per un altro tagli

tre quelli futuri, in genere, vedono aumentare i loro costi quando

ai tassi motivato in primis con l’obiettivo di svalutare la moneta

la Bce abbassa il tasso di interesse: le banche vedono ridursi i

unica. Un euro più debole favorisce le imprese - piccole o grandi

loro guadagni, dunque aumentano i propri rischi e, tendenzial-

che siano - che vendono all’estero i loro prodotti, in particolar

mente, fanno pagare di più a famiglie e imprese. Con il taglio dei

modo quelli difficilmente replicabili come macchine di precisione,

tassi c’è anche chi ci perde, in particolare chi ha deciso di inve-

beni finiti e di alta gamma. A cascata, un impatto positivo sul tes-

stire i propri risparmi in Bot e conti deposito. Il taglio del costo del

suto imprenditoriale potrebbe in linea teorica avere ripercussioni

denaro, infatti, causa la discesa dei rendimenti dei titoli di Stato

altrettanto positive dal punto di vista occupazionale. Altro ipotetico

(si pensi solo ai 5-6 punti base di cui è calato lo spread Btp-Bund

vantaggio lo si rileverebbe sul fronte dei mutui immobiliari, dove

proprio a ridosso dell’annuncio di Draghi). Dopo l’annuncio del

qualcuno potrà godere di vantaggi significativi: si parla di chi ha

taglio al costo del denaro di novembre 2013, i tassi dei Bot annuali

optato per un prestito a tasso variabile che segue l’indice Euribor.

arrivarono al minimo storico dello 0,688%, un livello mai toccato

E’ stato calcolato che su un mutuo di 100mila euro un taglio dello

dall’introduzione della moneta unica. Per quel che riguarda i conti

0,10% (quello appena varato) si traduce in una riduzione tra i 5 e i

deposito (dove per altro la maggior parte dell’offerta non riesce a

10 euro della rata mensile. Un altro esempio per importi maggiori

superare in termini di rendimenti il muro dell’1%), l’esiguo guad-

e spalmati su un arco temporale più lungo, per esempio 300 mila

agno potrebbe anche ridursi: le banche offriranno ai propri clienti

euro su 30 anni: secondo recenti dati Adusbef, l’alleggerimento è

tassi ancor inferiori pur di vincolare i loro risparmi.

19


KEY-PEOPLE Consulenze e servizi informatici Operiamo nel campo dell’Information & Communication Technology. La nostra azienda offre servizi, soluzioni e prodotti in ambito software e hardware, servizi IT e servizi tecnici specialistici indirizzati a soddisfare le esigenze di varie fasce di clienti, quali la pubblica amministrazione, la piccola e media impresa, gli studi professionali, le imprese artigiane e commerciali e gli istituti di istruzione pubblici e privati. Siamo specializzati nella gestione di infrastrutture informatiche, nella sicurezza informatica e nella formazione ad essa connessa. Inoltre, siamo rivenditori di soluzioni e prodotti hardware e software delle migliori marche e dealer di affermati Internet provider QD]LRQDOL /¡RIIHUWD q FRPSOHWD H GLYHUVLÀFDta, in grado di soddisfare le esigenze del cliente supportandolo sia dal punto di vista operativo che metodologico, garantendo il rispetto GHLSLPRGHUQLVWDQGDUGGLTXDOLWjDIÀGDELOità e sicurezza per tutto il ciclo di vita del prodotto/processo. Le competenze degli oltre cento specialisti presenti nelle sedi di Milano e Roma sono la forza da cui origina la capacità di fornire servizi di consulenza integrata, caratterizzati da solide basi di esperienza e multidisciplinarietà. La condivisione delle esperienze e il lavoro di squadra sono la garanzia di un orientamento alla soluzione intuitivo e volto all’innovazione. I NOSTRI SKILLS: GESTIONE SERVIZI INFORMATICI Negli anni Key People ha saputo costruire una squadra capace di proporre soluzioni con un tocco spiccato di multidisciplinarietà. Le capacità di fare sintesi tra queste due prospettive di intervento consente di modellare i servizi offerti in modo particolarmente efÀFDFH HG DIÀGDELOH DWWUDYHUVR LO FRQIURQWR continuo tra le varie competenze ed alla conseguente visione integrata sia delle problematiche che delle soluzioni. Grazie a questo approccio Key People ha potuto consolidare uno stile proprio, sempre attento alle reali e

20

VSHFLÀFKHHVLJHQ]HXQRVWLOHFKHKDDYXWRLPportanti riscontri testimoniati da un percorso di successo reso possibile soprattutto grazie DO UDSSRUWR GL ÀGXFLD LQVWDXUDWR FRQ L SURpri clienti. SICUREZZA INFORMATICA Ci occupiamo di realizzazioni progettuali applicando le migliori tecnologie nello sviluppo e miglioramento della sicurezza delle informazioni, in ambienti di sicurezza Logica e Fisica che coprono tutte le tipologie di piattaforme. Inoltre offre Consulenza per la realizzazione di piDQL GL VLFXUH]]D SHU (GLÀFL 'DWD &HQWHU 6LVtemi, Applicazioni e infrastrutture di rete, è in grado di erogare audit per IT Governance, fornisce Analisi del Rischio secondo Standard ISO 27001, eroga consulenza secondo Standard ISO 27001, fornisce Assistenza durante il Processo di Valutazione di Sistemi e Prodotti da cerWLÀFDUH VHFRQGR JOL VWDQGDUG ,76(&&RPPRQ Criteria, nel rispetto dei due Schemi Nazionali Italiani (A.N.S. – U.C.SI. per la gestione di inIRUPD]LRQLFODVVLÀFDWHH2&6,SHUOHYDOXWD]Loni civili). Inoltre offre competenze in ambito sicurezza Logica, utilizza la metodologia Cobit, segue la normativa ISO 27001 e utilizza standard, tecnologie e metodologie del NIST, attraYHUVRDSSRVLWRSHUVRQDOHTXDOLÀFDWR,QROWUH mediante l’utilizzo di prodotti opportunamente selezionati tra i migliori vendor presenti nello scenario nazionale e internazionale, è in grado di erogare e gestire servizi ed implemenWDUHVSHFLÀFKHVROX]LRQL *5$),&$(08/7,0(',$ $WWUDYHUVR LO SURSULR ODERUDWRULR JUDÀFR H SDUWQHU TXDOLÀFDWL q LQ JUDGR GL IRUQLUH XQD serie di servizi che si estendono dalla presentazione cartacea a quella multimediale, dal volantino alla brochure, dal banner al sito web. INTERNET Attraverso partnership con affermati provider e operatori del settore, offre una gamma com-


pleta di Servizi e soluzioni in ambito Internet. Oltre ai servizi standard di registrazione domini, servizi di posta elettronica standard e PEC, hosting e housing, proponiamo inoltre, servizi di WHOHIRQLD9R,3HGLFRQQHVVLRQH['6/SHUSULYDWL ed aziende. Particolare attenzione è rivolta al mercato delle attività commerciali (hotel, ristoranti, bar, pub, centri commerciali, etc.), alle società di gestione delle infrastrutture di trasporto, delle pubbliche amministrazioni e delle scuole, con la fornitura di servizi appositamente studiati per questo tipo di clientela. I servizi e le soluzioni per la connettività a banda larga e la fonia VoIP sono offerti attraverso le partnership con MC-Link ed EHIWEB. Le soluzioni hardware sono offerte attraverso la partnership con Cisco. FORMAZIONE Progetta, supporta ed eroga formazione in ambito locale, regionale, nazionale. Il settore nel quale opera prevalentemente, come indicato nel nome, è quello dell’Information & Communication Technology. Le iniziative formative spaziano

dall’alfabetizzazione all’alta specializzazione, tecnica ed organizzativa, e si rivolgono VLDDQHRÀWLVLDDLSURIHVVLRQLVWLHGDQFKHDJOL operatori della formazione. Key People ICT ´DGRWWD¾SURJUDPPLGLIRUPD]LRQHFHUWLÀFDELOL come quelli del Cisco Networking Academy Program, della Sun Academic Initiative, dell’Agile Smart Learning, delle ISO Academy ed altri.

SEDI E INDIRIZZI ROMA Piazzale Luigi Sturzo, 15 - 00144 – Roma Tel: +39 06 99700248 Fax: +39 06 99700513 E-mail (Amministrazione): amministrazione@key-people.org E-mail (Risorse umane): recruiting@key-people.org E-mail (Delivery): delivery@key-people.org

MILANO (presso E-valuting) Via Piero E Alberto Pirelli, 16 – 20126 - MILANO

BARI (presso Hr Planet) Via Oberdan, 2c – 76014 - Spinazzola(BT)

www.key-people.org 21


SENZA CENSURA Frana in cantiere, muore un geometra da eroe. Quando ha visto l’operaio sommerso dalla terra non ha esitato ad entrare nello scavo per aiutarlo, ma è stato travolto da un secondo smottamento che lo ha soffocato.

Di Rosaria Gallo

22

Per 40 minuti il 118 ha tentato di rianimarlo, ma non c’è stato niente da

in ospedale: uno si è fratturato una gamba, l’altro ha avuto un trauma

fare. È morto così Dario Testani, 31 anni, geometra responsabile del can-

toracico. Dopo l’incidente nel cantiere, si è vissuto anche il doloroso e

tiere in via della stazione Aurelia a Roma, dove nel primo pomeriggio

drammatico arrivo dei genitori della vittima. La Procura di Roma ha ap-

del 27 maggio è avvenuto l’incidente in cui sono rimasti feriti due operai. 

erto un’inchiesta per omicidio colposo, ma i pm procedono anche per

  Uno scavo largo 80 centimetri e profondo due metri e mezzo. Gli op-

violazione delle norme anti infortunistiche infatti dai primi accertamenti

erai della ditta Ibisco stavano lavorando al collegamento degli impianti

è risultato che il geometra non aveva casco né scarpe protettive. L’intero

fognari di alcuni edifici in via di ultimazione. Un operaio era all’interno

cantiere è stato posto sotto sequestro. Dolore per l’incidente è stato es-

della buca, uno guidava l’escavatore, ed il geometra ed un altro op-

presso sia dal sindaco di Roma Ignazio Marino, sia dal presidente della

eraio erano all’esterno. Quando, forse proprio a causa delle manovre

Regione Lazio Nicola Zingaretti. «Non è tollerabile» morire così ha detto il

dell’escavatore, all’improvviso una parete sovrastante lo scavo, lunga

sindaco aggiungendo: «le istituzioni, di ogni ordine, devono sempre più

circa tre metri, è in parte franata colpendo in pieno un operaio romeno

rafforzare le politiche per la sicurezza sui luoghi di lavoro, anche sen-

di 38 anni che si trovava all’interno. «La terra ha ceduto per due volte e il

sibilizzando le imprese», dello stesso avviso il presidente della Regione

secondo smottamento è stato fatale e ha travolto il geometra che è mor-

che ribadisce come «queste morti bianche non siano degne di un paese

to», racconta un testimone. «Un operaio si trovava nella buca quando c’è

civile». Per Cgil, Cisl ed Uil di Roma e del Lazio si tratta di una tragedia che

stato il primo smottamento - spiega il teste - era coperto dalla terra fino

lascia «senza fiato. Soprattutto se pensiamo che dai proclami sulla ne-

al bacino, il geometra è sceso per salvarlo ma si è verificato un secondo

cessità di agire di più e meglio anche a livello istituzionale per garantire

smottamento che lo ha travolto e non c’è stato nulla da fare». Colleghi e

la salvaguardia della sicurezza sul lavoro non si passa poi ai fatti». E i

vigili del fuoco hanno subito tirato fuori i due operai, ma per il geometra

sindacalisti contano i morti sul lavoro: 21 con quello di oggi dall’inizio del

la situazione è apparsa subito molto grave, aveva il volto e la bocca pi-

2014. Un altro morto che Cesare Caiazza, della Cgil, non esita a chiamare

eni di terra. Gli altri due operai sono rimasti feriti e sono stati ricoverati

«eroe» e per il quale chiede un riconoscimento per il suo gesto. 


23


ne o s r e P

rse a p com

s

Natalina Orlandi, Presidente Penelope Lazio

Per informazioni e segnalazioni scrivere a ASSOCIAZIONE TERRITORIALE PENELOPE LAZIO Presidente: Natalina Orlandi Via Stellanello, 9 – 00168 Roma Tel. 347 1045017 e-mail: penelope_lazio@libero.it sito: www.penelopeitalia.org ASSOCIAZIONE PENELOPE NAZIONALE

24

Presidente: Elisa Pozza Tasca Sede Nazionale: Salita De Crescenzi, 30 – 00186 Roma Tel. 335 7204449 e-mail: info@penelopeitalia.org sito: www.penelopeitalia.org COMMISSARIO STRAORDINARIO DEL GOVERNO PER LE PERSONE SCOMPARSE

Prefetto Michele Penta Via Urbana, 9 – 00100 Roma e-mail: ufficiocommissario.personescomparse@ interno.it REDAZIONE E42 MAGAZINE Tel.: 331 7004005 Email: info@e42magazineroma.it Sito: www.e42magazineroma.it


Mettetevelo BENE in TESTA “La FORZA di ogni individuo sta nella propria testa e accanto alle persone cui vuole bene” Marco Frattini “Vedere di corsa e sentirci ancora meno”

Chiara, 7 anni, futura podista

O M S

C

COSMO BANDANA TUBOLARE ORIGINAL TRADE MARK

follow us on

design: danielameda.it

25


Costume e società

Quartieri a luci rosse Roma come Amsterdam: al via il progetto dei quartieri a luci rosse nella capitale. Avranno un tesserino anonimo, una matricola, pagheranno 12.000 euro l’anno alla Camera di Commercio 6.000 se svolgeranno la «professione» part time e denunceranno i guadagni al Fisco pagando quindi le tasse. 

Di Rosaria Gallo

26

Potranno esercitare la professione non in «case chiuse», ma in apparta-

gli elementi che non possono mancare in quella che si annuncia come

menti senza che l’affittuario venga denunciato per favoreggiamento della

una rivoluzione che provoca non pochi malumori. L’iter è ancora lungo, il

prostituzione oppure in strade ben definite dall’amministrazione comu-

progetto è all’esame delle commissioni Affari costituzionali e Giustizia e

nale. Il giro d’affari della prostituzione a Roma è stimato in 2,5 miliardi

probabilmente sarà oggetto di pareri anche delle commissioni Bilancio

l’anno, con una potenziale entrata di 1 miliardo per le casse del Comune

e Lavoro. Intanto, l’idea ha incassato il sì del sindaco Ignazio Marino che

nel caso in cui le zone a luci rosse fossero autorizzate così come pre-

giorni fa si è detto favorevole all’istituzione di «zone in cui possa esserci la

vede il disegno di legge numero 1201 presentato dalla senatrice Pd Maria

prostituzione e zone dove invece sia proibita».

Spilabotte. L’argomento è delicato, dietro la prostituzione molto spesso si

IL DDL

nascondono vere e proprie forme di schiavitù. E il dibattito politico è an-

Il disegno di legge prevede la possibilità per i sindaci di trasformare al-

cora aperto: si teme che le zone a luci rosse possano trasformarsi in terre

cune zone della città in quartieri a luci rosse dove concentrare le prostitute

di nessuno, dove la criminalità organizzata continui a gestire un traffico

non solo su strada, ma anche all’interno di condomini dedicati al sesso

che vede vittime anche minorenni. Controlli, sicurezza e vigilanza sono

a pagamento. «Ovviamente queste scelte vanno concertate con i resi-


denti, i negozianti e le forze dell’ordine – spiega la senatrice Spilabotte - altrimenti il progetto avrebbe poca possibilità di successo». Secondo la promotrice della riforma della prostituzione «le ordinanze dei sindaci non sono sufficienti per ordinare questa materia. Fino a oggi infatti tutti i provvedimenti emanati dai singoli comuni sono sempre stati bocciati per incostituzionalità. Per questo è diventata necessaria una regolamentazione a livello nazionale». Il ddl Spilabotte è stato assegnato alle commissioni Giustizia e Affari costituzionali del Senato e dovrebbe essere calendarizzato nei prossimi giorni, subito dopo le elezioni europee. Il proget-

spostare le lucciole di 500 metri, vicino all’edifico dell’Inps, un’area disa-

to non prevede la creazione di case chiuse vecchio stile, ma permette la

bitata nelle ore serali». Un’altra zona per prostitute potrebbe nascere nel

creazione di appartamenti gestiti da cooperative di prostitute (nessuna

tratto di via Collatina in cui si trova l’Agenzia delle Entrate, poco prima del

“maîtresse” quindi a capo delle abitazioni ma solo professioniste pari

Gra. E ancora: all’Eur, uno dei quartieri più colpiti dal fenomeno, c’è l’idea

grado) e professioniste a partita Iva.

di creare una zona per prostitute su viale dell’Oceano Pacifico. E, più in

I MUNICIPI

generale, si potrebbe ragionare su aree «facilmente controllabili, sicure,

La proposta del sindaco Marino intanto ha già ricevuto un coro di sì dagli

dove possono essere presenti strutture di assistenza, anche legate coi

amministratori dei municipi. Alcuni mini-sindaci hanno già iniziato a dis-

centri abitati», dice il minisindaco Santoro, che puntualizza: «È inutile

cutere l’idea coi cittadini, individuando aree dove concentrare le lucciole.

continuare a fare gli struzzi, serve una regolarizzazione, con zone a luci

Andrea Catarci, presidente dell’VIII, la considera «l’unica sperimentazi-

rosse, anche per migliorare verifiche e controlli».

one seria da fare». È c’è chi, come Andrea Santoro (IX), è «pronto ad adot-

I NUMERI

tarla in tempi brevi». Favorevole anche Valerio Barletta, del XIV Municipio

A fare la stima del giro d’affari della prostituzione a Roma è la senatrice

di Monte Mario e Giammarco Palmieri del V.

Spilabotte: «Secondo dati delle forze dell’ordine e di comitati per la difesa

LE STRADE

dei diritti delle prostitute, in tutta la Penisola il giro di affari si aggira sui

Dove creare le zone-squillo? Nell’VIII Municipio (Garbatella/San Paolo)

10 miliardi di euro l’anno, a Roma è pari a 2,5 miliardi, con una stima

si ragiona sul tratto di via Cristoforo Colombo all’altezza di piazza dei

di entrate con le tasse di un miliardo». Cifre da capogiro, dietro le quali

Navigatori, nella zona dove ci sono i campi sportivi e non a ridosso delle

molto spesso c’è il fenomeno della riduzione in schiavitù di ragazzine

abitazioni. Spiega il minisindaco Catarci: «In altre città una sperimentazi-

straniere costrette sulla strada. Nel disegno di legge niente case chiuse,

one di questo genere è già stata avviata. Per farlo anche a Roma serve

quindi, ma la «zonizzazione» della prostituzione. A sollevare dubbi sulla

programmazione, le zone individuate dovranno essere “franche” per la

proposta c’è anche Sveva Belviso, vicesindaco nella giunta Alemanno,

gestione, ma controllate su tutti gli altri fronti». Secondo Palmieri del V

attualmente capogruppo Ncd in Campidoglio: «Sono contraria ai quartie-

Municipio «si potrebbe ragionare su alcune aree fuori dai centri abitati».

ri a luci rosse perché sembrano degli zoo, ghettizzano le donne e rubano

Una di queste è la parte di via Longoni, che collega la Prenestina con la

spazi ai cittadini, sono favorevole alle case chiuse, trasformando in reato

Collatina. «Qui la prostituzione già è presente. I cittadini hanno chiesto di

la prostituzione in strada».

27


Costume e società

Expandere una concreta opportunità per le imprese; a Roma torna l’appuntamento annuale aperto a tutte le realtà che vogliono fare rete. di G.T.

28

Per tutte le imprese che vogliono sfidare il futuro facendo rete

pei, destinati al Lazio per promuovere lo sviluppo e la ripresa

e le giovani realtà che intendono mettersi in gioco, Expandere

attraverso interventi per innovazione, ricerca e trasferimento

è un appuntamento a cui non mancare. L’evento, organiz-

tecnologico, internazionalizzazione, infrastrutture materiali e

zato da CDO Roma e Lazio e giunto alla sua IV edizione,alla

immateriali. Speed Matching è la nuova modalità con cui le

Nuova Fiera di Roma con nuove stimolanti iniziative con cui le

imprese potranno entrare in contatto ancora più facilmente:

imprese – profit e non profit – avranno nuove opportunità di

tavoli da 10 permetteranno ai presenti di conoscere, in un un

business, conosceranno nuovi partner rafforzando il loro net-

paio di minuti, possibili clienti, partner, fornitori tra gli oltre

work e potranno confrontarsi con le istituzioni ed i protago-

200 partecipanti previsti ad Expandere. Un modo simpatico

nisti dell’economia. Tra le novità di quest’anno, significativa è

di presentarsi per poi approfondire e condividere, anche a

la presenza di Sviluppo Lazio, che illustrerà il Piano Operativo

pranzo, interessi e obiettivi e stabilire le reciproche oppor-

Regionale del prossimo settennio (2014-2020) per quello che

tunità di business. Non mancheranno le tavole rotonde,

riguarda il Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale, per cui è

workshop e seminari per approfondire temi legati a diversi

stata destinata alla nostra regione la somma complessiva di

settori economici – mentre grazie a un portale dedicato, sarà

913,2 milioni di euro, ossia il 34,4% del totale dei fondi euro-

possibile preparare la propria agenda degli appuntamenti e


ottimizzare le potenzialità di collaborazione nella ricerca di nuove

piccole e medie imprese. Si tratta dell’espressione territoriale nel

opportunità. In linea con la mission di Expandere – afferma Mau-

Lazio della Associazione Compagnia delle Opere (CDO), nata nel

rizio Dell’Unto, Presidente di CDO Roma e Lazio – abbiamo pre-

1986 “per promuovere e tutelare la presenza dignitosa delle per-

visto la possibilità di partecipazione e di interazione mediante

sone nel contesto sociale e il lavoro di tutti, nonché la presenza

la formula <socio porta non socio> che consente una riduzione

di opere e imprese nella società, favorendo una concezione del

dei costi di partecipazione, già peraltro modesta, così ampli-

mercato e delle sue regole in grado di comprendere e rispettare

ficando ulteriormente l’opportunità di entrare in contatto e fare

la persona in ogni suo aspetto, dimensione e momento della

rete. I dati delle passate edizioni evidenziano le reali opportunità

vita”. CDO è un’associazione imprenditoriale di rilevanza nazion-

di crescita delle aziende che hanno dato vita a progetti condivisi

ale, non lucrativa, che promuove lo spirito di mutua collaborazi-

e collaborazioni stabili e che hanno permesso la crescita e lo

one e assistenza tra i soci, per una migliore valorizzazione delle

sviluppo della propria azienda o l’allargamento del proprio mer-

risorse umane ed economiche, nell’ambito di ogni attività eser-

cato di riferimento”. Expandere si conferma strumento di lavoro

citata sotto forma di impresa, sia profit sia non profit. E’ presente

nato per rispondere all’esigenza di conoscersi e di collaborare

sul territorio nazionale con oltre quaranta sedi locali e associa ad

tra imprese e tra professionisti, a partire dalle piccole realtà di

oggi oltre 34.000 imprese, la maggioranza delle quali sono pic-

carattere locale. Per questo motivo gli incontri hanno sempre rac-

cole e medie aziende. All’estero è presente in Argentina, Brasile,

colto l’interesse delle Istituzioni locali tra cui Regione Lazio, Roma

Bulgaria, Cile, Colombia, Francia, Israele, Kenya, Paraguay, Por-

Capitale e CCIAA di Roma che hanno sostenuto l’iniziativa nelle

togallo, Perù, Polonia, San Marino, Spagna, Svizzera, Ungheria e

precedenti edizioni. CDO Roma e Lazio nasce nel 1999 ed associa

Venezuela.

29


Costume e società

Speciale

Hi–Tech

Estate: tutte le novità tecnologiche dell’Estate 2014

di G.T.

Le novità per portare la musica anche in spiaggia Neo2Go la musica wireless non è mai stata così colorata!

lasceranno a bocca aperta. Grazie alla connettività bluetooth integrata, il Neo2Go è in grado di riprodurre l’audio proveniente da qualsiasi sor-

30

Speaker ad alta qualità, completamente impermeabile, con connettiv-

gente presente in un raggio di 10 metri, senza interferenze o interruzioni!

ità Bluetooth, vivavoce integrato e comoda ventosa per portarlo sempre

Ascoltare e condividere la propria libreria musicale, i preferiti di Spotify® o

con sé e applicarlo dove si vuole. Compatto, rotondo, universale, perfor-

la radio diventa così semplice e divertente. Il vivavoce, con microfono inte-

mante, impermeabile e colorato: Audioclub presenta sul mercato italiano

grato, permette l’utilizzo di Neo2Go anche in automobile, interrompendo

Neo2Go, uno speaker portatile che, grazie all’elevata qualità dei materiali

la riproduzione in occasione di chiamate telefoniche e lasciando sempre

e al suono sorprendentemente pieno, diventerà il fedele compagno di

libere le mani. Naturalmente la funzione di vivavoce risulta utile anche

tutti i giorni, in qualsiasi contesto. Giardino, spiaggia, appoggiato su un

per conferenze con più partecipanti nello stesso luogo. Ma non è tutto:

tavolo o appeso alla parete, grazie alla comoda ventosa, il Neo2Go -

l’esclusiva struttura e i materiali di alta qualità utilizzati lo rendono imper-

progettato e realizzato dal costruttore specializzato svizzero HDigit - of-

meabile. Sarà finalmente possibile cantare sotto la doccia sulle notdella

fre una sonorità piena e dinamica. Nonostante le dimensioni compatte

propria canzone preferita o godervi un rilassante bagno caldo con una

(10 cm di diametro per 3,2 di spessore), la potenza e la chiarezza audio

musica di sottofondo.


ADJ Hybrid: la buona musica da condividere con chiunque Ogni giorno il mondo della tecnologia sforna prodotti sempre più belli, più curati nel design e nella qualità, ma spesso questa attenzione porta a sottovalutare l’effettiva comodità e utilità del prodotto nella vita quotidiana dei consumatori. Per questo ADJ ha voluto ripensare la cuffia anche dal punto di vista di chi la utilizza. La nuova cuffia Hybrid stupisce aggiungendo un elemento di cui non si potrà più fare a meno: l’innovativo sistema di smontaggio dei padiglioni dal cerchio di sostenimento. Si tratta di una caratteristica ideata per consentire il massimo utilizzo del prodotto che, se prima era limitato a un ascolto individuale, ora permette di essere condiviso con altri senza rinunciare all’alta qualità del suono. Hybrid si presenta in due colorazioni, nero/silver e bianco/silver.

A ogni orecchio la sua (cuffia) A ogni orecchio la sua (cuffia) C’è chi con la musica ci lavora e c’è chi ci viaggia, chi ci fa sport, chi la condivide con gli amici e chi proprio non può farne a meno. ADJ ha progettato due modelli di cuffia per soddisfare ogni esigenza e permettere a tutti di portare la propria musica con sé in qualunque situazione. Per chi preferisce la praticità e la leggerezza all’eleganza del design, ADJ ha creato la cuffia auricolare Zip, semplice, comoda e versatile. Si tratta di un modo divertente di vivere la musica tutti i giorni, specialmente quando si è molto attivi e si passa tanto tempo fuori di casa. Il cavo è stato trasformato in una pratica zip che si adatta come un vestito, rendendolo un vero e proprio accessorio da indossare. In più, la cuffia auricolare Zip è disponibile in vari colori: nero, bianco e rosa, cosi da dare voce a ogni gusto. La comodità comunque non esclude la qualità del prodotto, ottimo sia per la riproduzione delle basse frequenze che per l’isolamento dall’ambiente circostante, grazie agli adattatori auricolari di differenti misure presenti nella confezione. Per chi, invece, preferisce il design e la perfezione acustica, ADJ propone Sound Tech, la cuffia che garantisce prestazioni eccezionali e un isolamento assoluto dall’ambiente circostante. La qualità del suono è assicurata così come lo è il comfort durante l’ascolto. I padiglioni auricolari della cuffia Sound Tech sono regolabili e l’archetto estendibile, assicurando la massima aderenza e comodità. Le cuffie ADJ garantiscono elevate prestazioni mantenendo un rapporto qualità prezzo che non ha paragoni. Entrambi i modelli sono dotati di microfono e si adattano a tutti i lettori Mp3/Mp4, smartphone e iPhone grazie al Jack Stereo 3.5mm. La cuffia Sound Tech inoltre è dotata dei tasti per il controllo del volume e il cavo-convertitore per collegarla al PC.

31


Le soluzioni estive per rimanere sempre connessi Nodis ND-503, il Dual Sim Standby che sfida il mercato Gli smartphone diventano sempre più un’estensione virtuale della vita reale: se si ha l’esigenza di essere sempre più ubiqui e “always on”, la scelta migliore è Nodis ND-503, il dispositivo ideato con lo scopo di sorprendere il mercato. Con assicurazione Kasko full inclusive per i primi tre mesi dopo l’acquisto, Nodis ND-503 si avvale anche dell’esclusivo servizio “Nodis a Casa Tua”, l’assistenza “pick up and return” dell’azienda: chiamando il Nodis Premium Care al numero 199.240.637, l’assistenza ritirerà il dispositivo presso l’indirizzo indicato, per poi riconsegnarlo in soli 20 giorni, perfettamente funzionante. Con un design di grande impatto visivo grazie allo spessore di soli 6,5 mm che lo rende super sottile e maneggevole, ND-503 ha un display da 5”, sensibile al tocco e altamente reattivo, realizzato in retina ultra-sensitive e Corning Gorilla Glass di seconda generazione, in modo tale da essere resistente a urti e graffi.

Il 3G è sempre a portata di mano grazie a TP-LINK La connettività è diventata una delle nostre necessità primarie. Quando ci si trova in una riunione, nella sala d’aspetto di un aeroporto, su una spiaggia in riva al mare o in una baita in montagna, e si ha bisogno di accedere al web per navigare, vedere video e utilizzare i social network, è indispensabile avere a portata di mano una connessione 3G. TP-LINK, per garantire ai propri clienti la possibilità di essere connessi in qualsiasi momento, lancia in Italia il modem 3G portatile M5360, vero e proprio hotspot Wi-Fi 3G portatile: grazie alle dimensioni contenute può essere comodamente trasportato ovunque. Utilizzarlo è semplicissimo, basta avere una scheda SIM abilitata al traffico dati, inserirla nell’apposito slot e premere il tasto di accensione… in un istante sarà attivata una rete wireless 3G alla quale è possibile connettere i propri dispositivi elettronici (laptop, tablet, smartphone ecc.). Punti di forza di questo nuovo dispositivo sono la batteria interna al litio da 5200mAh che garantisce una operatività di circa 16-17 ore e il power bank integrato per ricaricare tablet, smartphone e iPhone quando non si ha a disposizione una presa di corrente o un caricabatteria.

Jarvis 7.85: praticità e velocità che vengono dal futuro Il progetto iKonia nasce con l’idea di costruire prodotti tecnologici in linea con la natura e l’uomo che la vive, allo scopo di accompagnare i nostri momenti con dispositivi intuitivi e di qualità. Per questo motivo ogni prodotto raffigura la coppia “androide-natura”, un’unione tra la tecnologia iKonia e la natura del pianeta. Quasi come se fosse uno storyboard che accompagna tutti i prodotti, iKonia applica a ogni modello questa connessione cambiando l’immagine in base alle caratteristiche del singolo prodotto. Con Jarvis 7.85 la natura è rappresentata da una farfalla, simbolo di bellezza e leggerezza, le stesse caratteristiche che contraddistinguono il tablet iKonia. Già nel suo formato da 7.85”, si presenta pratico e leggero, ma resistente a tutto grazie al rivestimento in metallo. Oltre alle dimensioni compatte, Jarvis 7.85 racchiude al suo interno componenti dalle grandi potenzialità.

32


Con Noverca+ chiami e ricevi all’estero come in Italia! Le tanto attese vacanze estive sono finalmente alle porte e per chi ha in mente un viaggio all’estero, i propri cari non sono mai stati così vicini. Grazie a Noverca+, l’innovativa app di Nòverca che virtualizza la SIM, è possibile effettuare e ricevere telefonate sotto copertura wifi come se ci si trovasse in Italia alle tariffe nazionali, abbattendo totalmente i costi di roaming! Tramite l’app si ha un numero mobile Nòverca che può essere utilizzato sotto copertura wifi o rete 3G con SIM dell’operatore locale, e che consente di essere reperibili anche in assenza di rete mobile. Con Noverca+, non è necessario che la SIM Nòverca sia fisicamente inserita nel dispositivo. In questo modo, è possile usare due numeri dallo stesso terminale rendendolo dual sim e trasformare un tablet in smartphone per effettuare e ricevere chimate in ogni luogo e momento! Utilizzarla è semplicissimo: una volta scaricata Noverca+ gratuitamente da Play Store o Apple Store, basterà inserire numero di telefono Nòverca (se non si è già possessori di un numero si può fare richiesta su noverca.it o direttamente dall’app) e password My Nòverca (da creare sul sito o direttamente da app). A seconda del Paese di destinazione possono essere attivate due offerte dedicate a chi ama viaggiare: wifi Europa e USA per tutti i paesi europei, USA e Canada, o wifi Mondo per tutti gli altri. Tutte le chiamate effettuate con Nòverca+ verso un altro numero che usa l’applicazione sono totalmente gratuite! .

Internet è ovunque grazie al nuovo TP-LINK Trio Kit Powerline TP-LINK lancia sul mercato il suo primo Trio Kit Powerline TL-WPA4226T AV500 Wireless, una soluzione veloce ed economica in grado di far arrivare la connessione Internet in tutti gli ambienti domestici o di lavoro sfruttando la corrente elettrica. Il design compatto e le dimensioni ridotte lo rendono un dispositivo poco ingombrante e leggero che si può posizionare in qualsiasi posto. TLWPA4226T è composto da un adattatore Powerline (velocità di 500Mbps) con presa elettrica passante e 2 PowerLine Extender Wireless che vantano una velocità di trasmissione fino a 500Mbps su rete elettrica e fino a 300Mbps wireless. Sono dotati del tasto Wi-Fi Clone che permette di importare nome utente e password della rete Wi-Fi per espandere ulteriormente la copertura wireless.

33


Tre modi per ricaricare le batterie dovunque in modo green GBC porta l’energia in spiaggia con il Caricabatteria solare portatile Per l’estate è arrivato un nuovo utilissimo prodotto GBC pensato apposta per le vacanze, che siano al mare, in montagna o verso qualsiasi altra meta.Si tratta di un caricabatteria portatile che si alimenta grazie all’energia solare. Non bisognerà più preoccuparsi di ricaricare il cellulare prima di andare in spiaggia, o di comprare nuove pile per la macchina fotografica durante la settimana di vacanze in montagna. Il caricabatteria, infatti, ha in dotazione cinque batterie mini stilo AAA da 550 mAh e una porta USB utile per tutti quei dispositivi come smartphone e tablet che si ricaricano tramite cavo.

ADJ Power Bank: la batteria è sempre al 100% Ogni giorno utilizziamo smartphone, tablet, lettori mp3 e altri accessori mobile sia per svago che per necessità professionali. La navigazione su Internet, l’invio di dati, le riprese video e le foto mettono a dura prova la batteria degli apparecchi. ADJ, azienda specializzata nella ricerca, produzione e distribuzione di PC ed accessori tecnologici, per poter garantire a tutti gli utenti un utilizzo maggiore dei propri dispositivi digitali, lancia sul mercato il nuovo ADJ Power Bank (batteria portatile), un prodotto utile e indispensabile soprattutto per chi è sempre in viaggio. Ultraleggero, tascabile e con 8 tipi di connettori intercambiabili può ricaricare i maggiori prodotti elettronici presenti sul mercato come iPod, iPhone (3Gs, 4 e 4s), iPad, Mp3, Mp4, Psp, Navigatori Gps e Cellulari.

Per un’estate ricca di energia, GBC presenta i kit solari portatili ECOBOXX Per tutti i viaggiatori, camperisti e campeggiatori, GBC presenta un innovativo mini kit solare da 50Wh o 120Wh per semplificare la vita itinerante. Il kit comprende Ecoboxx portatile con batteria incorporata di 4Ah per il modello da 50Wh e 10Ah per il 120, provvisto di regolatore di carica, uscita USB e connettori “friendly user” per pannelli solari e lampadine a LED. All’interno del kit, GBC fornisce un pannello solare monocristallino da 5W per il modello 50 e 10W per il modello 120 con cavo di connessione da 4m. E per avere anche una fonte luminosa quando fa buio, vengono fornite 2 lampadine a LED superbright 3W cåon cavo da 5m e pulsante di accensione. Il kit include un alimentatore 16Vcc 1A per la ricarica preventiva della batteria. Una volta caricata la batteria al 100% tramite l’alimentatore, il pannello solare incluso consentirà il mantenimento della carica e il prolungamento dell’utilizzo della batteria stessa. Il kit è espandibile tramite i pannelli solari accessori. Ecoboxx 120 include inoltre un inverter 220Vca 100W, per l’alimentazione di piccoli elettrodomestici.

34


35


Le novità più hot in campo gaming MSI gaming notebook GT Series, i gamer hanno un’arma in più! MSI Notebook, azienda leader nel mercato dell’informatica e del mondo gaming, presenta la nuova GT Series, composta dai notebook ad altissime prestazioni GT60 Dominator e GT70 Dominator e Dominator Pro. La nuova GT Series di MSI presenta l’ottimo processore di 4a generazione Intel Haswell Core i7® quad core da 3 GHz comportando un importante aumento delle prestazioni, della user experience e nell’autonomia della batteria.

iTek presenta i gioielli della linea Scorpion: Deep Sea, Raindevil, Thunder e Ares Tastiera, mouse, pad e cuffia: quattro progetti distinti ma uniti nell’obiettivo, quello di offrirti le migliori condizioni di gioco. Questo è, come sempre, lo scopo di tutti i prodotti iTek che neanche questa volta delude nel presentare nuovi accessori per i gamer appassionati del marchio. Si tratta di elementi dalle ottime performance, ad un prezzo accessibile, e curati nel design esterno, per accompagnare la qualità tecnica con il piacere durante l’utilizzo. iTek Scorpion Deep Sea è la Tastiera con layout in italiano, dotata di dieci tasti multimediali. È prodotta con materiale anti abrasione e anti scivolo per avere tutto il confort necessario durante le sessioni di gioco più impegnative. Oltre all’aspetto tecnico, questa tastiera presenta un design particolare e intrigante: ha la forma a “taglio di diamante”, reso vivo e splendente grazie alla retroilluminazione a due colori, rosso e blu. Una tastiera dallo standard così elevato, come quella iTek, non poteva che essere associata a un mouse altrettanto performante e completo. iTek Scorpion Raindevil è il Mouse perfetto per i giocatori “enthusiast” che cercano il massimo nei propri dispositivi. Raindevil è dotato di sei bottoni a risposta immediata ed è rivestito di un innovativo materiale anti scivolo. È un mouse ad altissima precisione, dal design aggressivo e dotato di retroilluminazione multicolore. Ad amplificare le prestazioni del Mouse Raindevil c’è iTek Scorpion Thunder, il Pad perfetto per i gamer professionisti. Si presenta nel classico design iTek, aggressivo ma con stile, ed è fatto di materiali di utima generazione, rigorosamente anti abrasione, che garantiscono un ottimo rapporto con i movimenti del mouse e, allo stesso tempo, un’aderenza perfetta alle superfici lisce. Scorpion Thunder è garanzia di qualità, comfort e durata, come assicurano i migliori player mondiali che lo hanno testato. Per completare la serie c’è iTek Scorpion Ares, una cuffia super accessoriata e regolabile. Ares è comoda da indossare e rivestita di un materiale soffice in similpelle per offrire il massimo confort nell’utilizzo anche prolungato. La cuffia è doata di regolatore indipendente del volume e di un microfono morbido e di facile sistemazione, regolabile fino a 180° gradi. L’impedenza dai suoni esterni è ottima e garantisce una completa immersione audio per sentirsi ancora più al centro dell’azione. Le caratteristiche che la contraddistinguono rendono la cuffia Ares adatta ai più svariati utilizzi: gaming, multimediali e office. iTek si conferma da anni in testa al mercato di device professionali per i gamer e non solo, riconosciuto a livello mondiale per i suoi prodotti, ha aggiornato ancora una volta i suoi standard con quattro dispositivi disponibili separatamente, ma che si rivelano indispensabili l’uno per l’altro.

36


ROMA

Piazzale Luigi Sturzo, 15 - 00144 – Roma Tel: +39 06 99700248 Fax: +39 06 99700513 E-mail (Amministrazione): amministrazione@key-people.org E-mail (Risorse umane): recruiting@key-people.org E-mail (Delivery): delivery@key-people.org

MILANO (presso E-valuting)

Via Piero E Alberto Pirelli, 16 – 20126 - MILANO

BARI (presso Hr Planet)

Via Oberdan, 2c – 76014 - Spinazzola(BT)

37


Psiche e società L’individuo tra comunità e solitudine

di Marco Cannavicci Psichiatra forense e criminologo in Roma cannavicci@iol.it www.marcocannavicci.it

Le sette criminali e la manipolazione mentale “ In principio era il caos... ...poi venne la mente e mise tutto in ordine” (Anassagora)

38

Il tema della manipolazione mentale è un tema strettamente connesso

In genere i gruppi settari si costituiscono intorno alla figura di un leader

con quello del settarismo criminale, poiché è la tecnica della manipola-

mentre nelle sette sataniche la fedeltà degli adepti non è rivolta al culto

zione mentale che viene utilizzata per il controllo mentale definito come

della personalità carismatica, bensì alla stessa dottrina satanista che pro-

“distruttivo”. Parlare di manipolazione mentale significa fare riferimento a

mette il conseguimento del potere, del successo e del piacere attraverso

un particolare tipo di relazione interpersonale dove uno o più individui sen-

determinati rituali di profanazione della liturgia cattolica, le cosiddette

za scrupoli, adottando tecniche raffinate e consolidate di condizionamento

“messe nere”. I rituali delle messe nere vengono effettuati molto spesso in

mentale e di suggestione psicologica, cercano di soggiogare altri individui

chiese sconsacrate o all’aperto dove si officiano rituali sacrificali che preve-

alla loro volontà, strutturando così delle relazioni patologiche che sono ca-

dono l’uccisione di animali. L’esaltazione satanica criminale può arrivare a

ratterizzate da dinamiche di potere “distruttivo”. Viene definito “distruttivo” in

concepire, nel nome del maligno, anche sacrifici umani o l’accoppiamento

quanto è finalizzato all’annullamento della identità della vittima e alla sua

con giovani vergini che precedono rituali orgiastici collettivi. Molto spesso le

strumentalizzazione. La manipolazione mentale con finalità criminali viene

forze di polizia riportano che quando si investiga sulla scomparsa di un in-

utilizzata prevalentemente sulla pelle di persone disperate che, non aven-

dividuo, tra le tante piste di ricerca non va trascurata l’ipotesi del satanismo.

do più speranze, si rivolgono alla magia ed al carisma di qualche “guru”,

Almeno per poterla scartare con certezza visto il preoccupante proliferare,

cadendo alla fine anche nelle tele di ragno del crimine. Viene utilizzata

anche nel territorio italiano, di gruppi la cui presenza è stata accertata da

anche in quelle situazioni legate alla presa in cura delle persone psicolo-

organismi ufficiali, quali il Ministero dell’Interno, e nei quali potrebbero ve-

gicamente in difficoltà, laddove si dovrebbe trovare un reale aiuto e invece

rificarsi nel tempo delle degenerazioni che potrebbero sfociare anche in

si rimane vittima di relazioni distruttive che non hanno altra finalità se non

crimini violenti. Gli esperti ritengono infatti che ci possa essere una sorta

quella del guadagno o del potere e controllo indiscriminato sull’altro.

di assuefazione nella ricerca del piacere e del potere, la cui ombra può


contenere in germe futuri sviluppi distruttivi difficilmente prevedibili quando

indagini delle forze dell’ordine e anche lo studio del fenomeno. A tal pro-

si rasenta il confine labile del bene e del male e quando sono presenti

posito le indicazioni degli esperti suggeriscono di adottare delle adeguate

evidenti dinamiche di onnipotenza che alla fine possono rompere gli ar-

metodologie investigative, sia dal punto di vista preventivo che repressivo,

gini e dare il via ad istinti dagli esiti nefasti. Quando poi, e molto spesso

ed è fondamentale prestare particolare attenzione alla presenza di segni

è così, nei rituali satanici è previsto l’uso di sostanze stupefacenti ed al-

e simboli esoterici sulla scena di eventuali crimini per poter eventualmente

lucinogene i rischi si fanno ancora più allarmanti. E’ storia relativamente

indirizzare le indagini verso una pista satanica.  Inoltre c’è da dire che la

recente la drammatica vicenda delle cosiddette “Bestie di Satana” e l’an-

letteratura psicologica in argomento fornisce ad individui senza scrupoli

cora più drammatica ed interminabile cronaca giudiziaria del “Mostro di

degli ottimi strumenti da utilizzare per manipolare ai loro scopi altri indivi-

Firenze” che ha angosciato con i suoi inquietanti risvolti l’opinione pubblica

dui più vulnerabili e suggestionabili. Sono purtroppo facilmente reperibili

del nostro paese da molti decenni. Anche nel caso del Mostro di Firenze,

in qualsiasi libreria le basi psicologiche che concernono le dinamiche e le

se le ipotesi investigative degli inquirenti saranno verificate e comprovate

tecniche di persuasione e condizionamento. Tecniche manipolative della

al di là di ogni ragionevole dub-

mente che se utilizzate con finalità

bio, ci si troverebbe di fronte ad

genuinamente terapeutiche posso-

una sconcertante serie di omicidi

no ottenere dei risultati positivi per la

rituali a sfondo satanico Queste

salute e la crescita psicologica delle

organizzazioni, infatti, possono

persone, ma se cadono invece nelle

attirare o essere addirittura fon-

mani sbagliate possono diventare

date da personalità connotate da

degli strumenti veramente pericolosi.

pericolose caratteristiche antiso-

E’ necessario, quindi, che la crimi-

ciali che possono slatentizzarsi

nologia e la psicologia giuridica si

nell’ambito di un gruppo che le

occupino con particolare attenzione

cova e le fomenta. E’ ormai noto

del fenomeno settario. Soprattutto

quanto le dinamiche di gruppi

per i crimini che vengono progettati

con queste caratteristiche pos-

ed eseguiti all’interno di tali organiz-

sano agevolare la formazione di

zazioni. La rilevanza che questi fatti

comportamenti violenti e distruttivi che poi fagocitano in sé la volontà indivi-

assumono da un punto di vista criminologico richiede uno studio accurato

duale che viene annullata dalla volontà del gruppo soprattutto se, appunto,

del particolare clima psicologico che si viene strutturando all’interno della

guidato da un leader carismatico profondamente mentalmente disturbato.

setta, laddove alcuni leader arrivano a condizionare pesantemente i pro-

E’ inoltre nota a tutti la vicenda di Charles Manson e della sua cosiddetta

cessi decisionali degli adepti. Per cercare di interpretare i crimini che si veri-

“Famiglia”. Comunque, a differenza di altri gruppi settari, al culto satanista

ficano in questi ambienti esoterici ed occulti è necessario iniziare a studiare

gli affiliati si accostano per convinzione personale e non tanto a causa di

gli aspetti antropologici ed organizzativi delle sette, per poter comprendere

fattori persuasivi esterni, tranne i casi in cui sono coinvolti minori o persone

preventivamente l’ambito in cui trova origine la condotta delittuosa. Ciò allo

affette da patologie psichiche tali da offuscare la loro capacità di intendere

scopo di poter mettere a fuoco gli aspetti psicosociali che favoriscono l’av-

e di volere o da profili di personalità tali da renderli particolarmente sug-

vicinamento degli individui a tali realtà e per cercare di comprendere la

gestionabili o manipolabili. Altri esperti, appartenenti alla Polizia di Stato,

capacità dell’atmosfera esoterica di interferire nei processi percettivi e di

scrivono che un altro aspetto fondamentale che caratterizza il satanismo

significazione che sono alla base del comportamento criminale.

è la segretezza. Aspetto questo che rende particolarmente difficoltose le

39


Diritto e società Ubi Ius Ibi Societas

Avv. Sabrina Allegra

Brevi cenni sulla opposizione avverso il provvedimento di sequestro di cose che possono formare oggetto di confisca amministrativa ex art. 213 C.D.S.

Il tema odierno è purtroppo di estrema attualità, come ci racconta la cron- necessità di rientrare in possesso del proprio mezzo, soprattutto quando aca di tutti i giorni e tenuto conto della frequenza con cui vengono eseguiti lo stesso sia utilizzato prevalentemente per fini lavorativi, laddove sia posprovvedimenti di sequestro di autovetture e più in generali di autoveicoli,

sibile supplire alla sospensione della patente, magari grazie all’ausilio

nei confronti di coloro i quali si pongono alla guida in stato di alterazione

di terze persone disposte a condurre il mezzo in vece del proprietario-

causata da assunzione di sostanze stupefacenti e/o in stato di ebbrezza

trasgressore. Innanzitutto, è necessario evidenziare che nel tempo vi è

causato dall’uso di bevande alcoliche. Gli artt. 186 e 187 del Codice della stata una successione di orientamenti e di discipline in tale materia ma, Strada, riguardano il primo la guida in stato di ebbrezza ed il secondo la

allo stato attuale, la legge prevede che avverso il provvedimento di se-

guida in stato di alterazione a causa dell’uso di sostanze stupefacenti. Il

questro, è ammesso lo specifico rimedio del ricorso al Prefetto ai sensi

Legislatore, ha quindi previsto tutta una serie sanzioni in base alla gravità

dell’art. 203 del Codice della Strada, con ciò escludendo di fatto la com-

del fatto, con riferimento al valore del tasso alcolemico ed alla quantità petenza del Giudice di Pace. E pur vero però che, se anche l’accertamento di sostanza stupefacente assunta, oltre naturalmente alla circostanza

sulla legittimità della misura cautelare non può essere impugnabile in sé

relativa all’ipotesi di incidente stradale, nel qual caso le pene dovranno

innanzi al giudice ordinario, potrebbe però essere chiesto unitamente

essere raddoppiate. L’accertamento della violazione, comporta la sanzi-

all’accertamento sulla legittimità del verbale di accertamento. Appare

one amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida comunque doveroso, segnalare la presenza di alcune – rarissime per e, nelle previste ipotesi di reato, è altresì disposta la misura cautelare la verità – sentenze emesse da Giudici di Pace, che a vario titolo hanno del sequestro amministrativo del mezzo ai fini della successiva confisca

ritenuto di poter emettere provvedimenti di mera sospensione del giudizio

amministrativa, salvo che lo stesso non appartenga a persona estranea - con conseguente sospensione del provvedimento impugnato - piuttosto all’illecito. Orbene, se la competenza a giudicare sui reati di cui ai suddetti che una definitiva decisione di incompetenza. Si auspica comunque una articoli, risulta essere attribuita al Tribunale in composizione monocratica, modifica di tale regime di opposizione, prevedendo quantomeno la posmentre per l’opposizione al provvedimento di sospensione della patente sibilità di ricorrere alternativamente al Prefetto o al Giudice di Pace, tenuto è competente il Giudice di Pace del luogo della commessa violazione, ci

conto del fatto che il Prefetto, ovvero lo stesso organo che ha emesso

si chiede a chi sia attribuita la competenza relativa alla eventuale oppo-

il provvedimento impugnato, dovrebbe di fatto decidere sulla legittim-

sizione del verbale di sequestro amministrativo di un autoveicolo e/o di un ità di un proprio atto ed eventualmente dichiarare un errore commesso motociclo. L’argomento riveste una decisa importanza, tenuto conto della dall’Ufficio stesso.

40


41


Chirurgia estetica La bellezza ritrovata /DFKLUXUJLDHVWHWLFDQHJOLXOWLPLDQQLKDDI¿QDWRWHFQLFKHFKLUXUJLFKHRUPDL FRQVROLGDWH1HOOHULYLVWHGHOVHWWRUHVLGLVFXWHVSHVVRVXOOHPHWRGLFKHFKLUXUJLFKHDQDOL]]DQGROHGDOSXQWRGLYLVWDGHOFKLUXUJR1RQELVRJQDQDWXUDOPHQWH WUDVFXUDUHOHULFKLHVWHHOHDVSHWWDWLYHGHOSD]LHQWHFKHHVDPLQHUHPRGLYROWD LQYROWDVRIIHUPDQGRFLDQFKHVXLFRVWLYRFHPROWRLPSRUWDQWHVRSUDWWXWWRLQ WHPSLGLFULVL1DVFHFRVuOœHVLJHQ]DGœDIIURQWDUHLO³GLIHWWR´HVWHWLFRFRQXQ DSSURFFLR FKLUXUJLFR FRPSOHWDPHQWH QXRYR $IIURQWHUHPR GL YROWD LQ YROWD GLYLGHQGROLSHUVHWWRUHLSULQFLSDOLLQWHUYHQWLHVWHWLFLFKHYHQJRQRRJJLPDJJLRUPHQWHULFKLHVWL

La mastoplastica additiva PiĂš generalmente conosciuta come aumento del seno,la mastoplastica additiva, consiste nellâ&#x20AC;&#x2122;inserimento di protesi o come vedremo in seguito, in infiltrazioni di acido jaluronico macromolecolare o in il lipofilling, al di sotto della ghiandola mammaria o piĂš profondamente, al di sotto del muscolo gran pettorale. SarĂ  il chirurgo a valutare in base a delle specifiche caratteristiche della paziente la posizione della protesi piĂš appropriata. Il materiale usato nelle protesi mammarie è il silicone, completamente inerte per i tessuti umani, in uso a tale scopo sin dal 1940. Vengono attualmente utilizzate due tipologie di protesi: le â&#x20AC;&#x153;roundâ&#x20AC;? e le â&#x20AC;&#x153;anatomicheâ&#x20AC;?. La differenza sta nella forma essendo entrambe fatte con gli stessi materiali. Il chirurgo, in accordo con la paziente, deciderĂ  quale sia la piĂš indicata. Tali protesi, sono in silicone â&#x20AC;&#x153;testurizzatoâ&#x20AC;? che funge da involucro e silicone ad alta â&#x20AC;&#x153;coesivitĂ â&#x20AC;? allâ&#x20AC;&#x2122;interno che crea volume. Laâ&#x20AC;?testurizzazioneâ&#x20AC;?è molto importante, infatti le differenti case produttrici di protesi sviluppano tecnologie e tecniche diverse per ottenere quella piĂš compatibile coi tessuti umani. Lâ&#x20AC;&#x2122;alta coesivitĂ  del silicone contenuto allâ&#x20AC;&#x2122;interno della protesi è unâ&#x20AC;&#x2122;altra caratteristica importante, in quanto indica la â&#x20AC;&#x153;densitĂ â&#x20AC;? dello stesso. Eâ&#x20AC;&#x2122; chiaro quindi che non si tratta di silicone in forma liquida. Ciò è molto importante, di fatti se si verifica una rottura dellâ&#x20AC;&#x2122;involucro protesico testurizzato, non vi è fuoriuscita di silicone liquido. La resistenza meccanica delle protesi è notevole, non è reale il fatto che esse si possano rompere in aereo o facendo immersioni sub; possono essere â&#x20AC;&#x153;maltrattateâ&#x20AC;?, palpate con notevole intensitĂ , senza causare assolutamente nessun danno. Lâ&#x20AC;&#x2122;intervento di mastoplastica additiva dura circa unâ&#x20AC;&#x2122;ora, un poâ&#x20AC;&#x2122; di piĂš se le protesi sono inserite sotto il muscolo gran pettorale. Può essere eseguito in day surgery, ovvero con il ricovero in clinica di una notte se la paziente lo desidera. Il dolore post operatorio è lieve e comunque limitato nelle prime 2448 ore e con gli analgesici a disposizione si riduce piĂš che altro ad unâ&#x20AC;? fastidioâ&#x20AC;? . La ripresa delle attivitĂ  sociali richiede circa tre giorni, quelle lavorative, se lievi, circa cinque. Le medicazioni e i controlli post operatori verranno eseguite circa ogni tre giorni, la rimozione dei punti avviene in settima/nona giornata. Molto importante è seguire e valutare il paziente nel periodo post operatorio, in quanto se subentrano complicanze occorre intervenire celermente. La paziente dovrĂ  portare per 20-30 giorni un reggiseno senza ferretti di sostegno, con incrocio anteriore (reggiseno sportivo criss cross). In alternativa allâ&#x20AC;&#x2122;intervento chirurgico di mastoplastica additiva abbiamo oggi a disposizione la metodica del lipofilling e quella del filler mammario con acido jaluronico macromolecolare. Per lipofilling si intende lâ&#x20AC;&#x2122;auto trapianto di tessuto adiposo. Questâ&#x20AC;&#x2122;ultimo viene

42

Del Dott. Pierluigi Borneti Medico Chirurgo Socio ACPIC Socio SIDEC Socio AICPE Membro Aderente della societĂ  Italiana di Chirurgia plastica ed estetica Professore a contratto presso lo IAF sito web: www.borneti.it e-mail: segreteria@borneti.it

prelevato sterilmente da alcune regioni anatomiche( addome, cosce,fianchi ecc..), trattato, purificato, centrifugato e quindi reinserito sempre sterilmente, allâ&#x20AC;&#x2122;interno del parenchima ghiandolare della mammella(â&#x20AC;Śâ&#x20AC;Ś) Si esegue in ambulatorio chirurgico, in anestesia locale. La ripresa delle attivitĂ  lavorative e sociali è immediata, va però ripetuta almeno 3 volte a distanza di circa 3-6 mesi per ottenere un risultato stabile nel tempo. Per filler mammario si descrive lâ&#x20AC;&#x2122;inserimento di acido jaluronico macromolecolare allâ&#x20AC;&#x2122;interno del tessuto ghiandolare mammario. Si esegue in ambulatorio chirurgico, in anestesia locale; la ripresa delle attivitĂ  lavorative è immediata e va ripetuta ogni 12-18 mesi circa, in quanto lâ&#x20AC;&#x2122;acido jaluronico macromolecolare viene gradualmente riassorbito. Dopo tale periodo quindi, le mammelle tornano coi volumi che presentavano prima del trattamento. Il costo della mastoplastica additiva varia in relazione alla scelte delle protesi disponibili sul mercato, dal costo della struttura, dalle parcelle degli operatori. Oggi sempre piĂš persone si rivolgono a strutture ubicate allâ&#x20AC;&#x2122;estero. Il costo totale è del 40/50% in meno rispetto alle tariffe medie nazionali. La prima visita si esegue a Roma presso uno dei nostri centri plastico /estetici qualificati . Il medesimo chirurgo si trasferirĂ  a Tunisi e Monastir , eseguirĂ  lâ&#x20AC;&#x2122;intervento chirurgico , le medicazioni e controlli post operatori . I controlli proseguiranno a Roma Presso lo studio del medesimo operatore , garantendo una totale â&#x20AC;&#x153;coperturaâ&#x20AC;? del paziente prima ,durante e dopo lâ&#x20AC;&#x2122;intervento . Il costo totale all inclusive comprende: visita presso uno dei nostri chirurghi in territorio nazionale, ricevimento in aeroporto a Tunisi da personale italiano, un chirurgo italiano, aiuto chirurgo, sala operatoria, anestesista, medicazioni e controlli, 2 giorni di di degenza in clinica, 3 ulteriri giorni di osservazione presso un resort, trasferimenti da e per lâ&#x20AC;&#x2122;aeroporto e da e per il resort .

mastoplastica additiva pre

mastoplastica additiva post


43


Fatti e personaggi

Ciao fratè... Padre Renzo, un incontro che cambia la vita Di Gilda Tucci

44

Padre Renzo è un frate buono, determinato, che non conosce compro-

incontrare. E’ un sacerdote scomodo perché quando passa lui niente

messi, che sa rispondere per le rime, sa umiliarsi dal pulpito, si definisce

rimane al proprio posto come fu per Gesù Cristo. Il suo linguaggio è

peccatore come tutti, ci ammonisce con tenerezza, ci conforta nel lutto

semplice, a volte rude e pieno di inflessioni dialettali, arriva diretto al cu-

e ci salva sempre dalla disperazione. E’ un uomo come noi che vuole

ore ma spesso lascia perplessi per alcune sue esternazioni, se le dicesse

rimanere tale, umile fino a meravigliarsi sempre dei doni straordinari

un’altra persona la Chiesa si svuoterebbe, ma siccome provengono dalla

che Dio gli elargisce e per questo lo ringrazia con la vita. E’ un ‘anima

sua bocca la gente sorride e ne è divertita. Non vuole convincere con le

in cammino, in perenne ricerca di conversione, che continua a cercare

parole, quello che convince è il suo stile di vita e la sua disponibilità. “Tutto

Dio pur avendolo trovato, che continua a sentirsi piccolo pur apparendo

questo è Padre Renzo, nella perfetta descrizione che ne fa Maria Teresa

grande, che accoglie tutti per non sentirsi solo perché, se ne escludesse

Lo Bianco nel suo libro IL DONO, giunto alla terza edizione, da cui ho tratto

uno soltanto si sentirebbe escluso da tutto. Per questo noi lo amiamo.

un brano quale saliente introduzione. Appartiene all’Ordine Francescano

Quest’uomo eccezionale, quest’ amico, compagno di viaggio e sacer-

dei Frati Minori e, attualmente, è Vicario Parrocchiale di San Sebastiano

dote è un dono del Signore all’umanità e, come tale, noi lo abbiamo

Fuori le Mura a via Appia Antica. Un pomeriggio di un giorno qualsiasi

accolto e non ci basterà una vita per ringraziare Dio di avercelo fatto

sono passata da lui in convento e l’ho trovato a preparare pacchi di vestiti


da far pervenire ai carcerati e così mi sono fatta raccontare un po’ della

e lì trovai un giovane sacerdote, oggi missionario in Congo. Dopo questo

sua vita intensa e gratificante.

colloquio è successo qualcosa, so che mi sentii diverso, forse perché per la prima volta mi ponevo il problema sulla ricerca del senso della vita.

Quando hai preso i voti avevi più di 30 anni, è successo forse qualcosa nella tua vita che ha determinato tale scelta?

E‘ davvero sorprendente assistere alla tua Messa della domenica, la

Vivendo in un paese, ho sempre frequentato la parrocchia come tutti gli

Chiesa è sempre gremita di gente, la fila per ricevere la Comunione è

adolescenti ma questo coinvolgimento è avvenuto dopo la morte di una

interminabile, come hai reso possibile tutto questo?

bambina, la madre della piccola era morta di parto. All’epoca ero infer-

Sono sicuro di una cosa, se parli con il cuore al cuore arrivi. La mia grande

miere e lavoravo presso un grande ospedale ma benché fossi abituato a

fortuna è stata l’esperienza fatta in mezzo alla gente, in famiglia, nel la-

vivere a contatto con la sofferenza umana e venissi da un’esperienza ses-

voro. Questo mi ha portato ad essere molto pratico e concreto nelle cose,

santottina, rimasi sconvolto da questo fatto avvenuto alla vigilia di Natale

infatti, ho sempre rimproverato a molti di coloro che ci hanno preceduto

del ‘79 proprio mentre tutti si preparavano alle festività natalizie. Cercai

di averci insegnato una spiritualità disincarnata che non coinvolge le per-

qualcuno con cui parlare, capitai in una Chiesa dei Francescani a Tivoli

sone nella vita. Pensa che la prima volta che ho detto la Messa in questa

45


Basilica c’erano solo 19 persone.

possessione ci sono degli elementi, quali un’incredibile avversità per il sacro, accompagnati da particolari atteggiamenti riconoscibili rispetto ad

So che per vari anni hai svolto il ministero delle Benedizioni, conosciu-

una fissazione psichica, che fanno capire che c’è qualcosa che va oltre

to con il nome di Esorcismo, che cos ‘è il male?

la scienza. Gli esorcismi veri sono rari, ricordo un bambino di sette anni

Il primo esorcista è stato Gesù Cristo. Quando ci ha lasciato, nell’ultimo

che durante la preghiera di esorcismo parlava perfettamente il greco e

messaggio ha detto tre cose agli Apostoli: predicare il Vangelo, guarire

faceva cose incredibili. Il male, sia esso chiamato diavolo o demonio, è

i malati e scacciare i demoni. Sono stato nominato esorcista dall’allora

una figura che esiste; come esiste il bene così esiste il male. Durante gli

Vescovo di Rieti e debbo dire che non si debbono avere particolari qualità,

esorcismi mi scontravo con questa presenza, ci dialogavo e questo è

tutto si fa in nome e per la preghiera della Chiesa. La maggior parte delle

davvero sconvolgente. Una tale esperienza mi ha lasciato due cose nel

persone ha problemi psicologici, a volte psichiatrici tant’è che l‘Autorità

cuore: l’ aumento della fede e poi il fatto di non avere più paura di niente.

Ecclesiastica, prima di consentire un esorcismo, ci chiede di consultare la

46

medicina, la scienza e, solo quando i fenomeni che si manifestano sono

Cosa ne pensi di Papa Francesco ?

inspiegabili scientificamente, autorizza. Quando si vive il dramma della

E’ un grande uomo, un autentico cristiano, un Papa stupendo che ci sta ri-


portando alla Chiesa autentica, al Vangelo vivo, concreto, come dovrebbe

bene della Stessa. Una scelta senza dubbio coraggiosa, tale da creare

essere. Con lui la gente sta tornando ad avere coscienza della presenza

un precedente che permetterà ad altri papi di seguire il suo esempio in

di Dio. Nonostante nella Chiesa ci siano preti a volte discutibili, dobbiamo

casi estremi quali impedimenti come la malattia. Comunque, il Diritto

pensare che sono uomini anche loro e possono sbagliare, ma per for-

Canonico lo contempla.

tuna ci sono tanti altri autentici sacerdoti e consacrati che affascinano per tutte le cose incredibilmente buone che fanno ogni giorno. Come spesso

Cosa pensi dell’ atteggiamento della Chiesa Cattolica verso l’Islam?

accade anche nelle cose umane, si punta di più sul male nella Chiesa e,

Ho “adottato” un ragazzo mussulmano che per me è un figlio; ho letto con

come sempre, il negativo fa tanto clamore mentre il positivo, che non fa

attenzione il Corano affinché diventasse un bravo seguace della sua re-

pubblicità né rumore, viene dato per scontato.

ligione. Adesso è felicemente sposato e papà di uno stupendo bambino di cui mi sento “nonno”. Sono stato in diversi paesi islamici, ho incontrato

E della scelta di Papa Ratzinger?

persone stupende, ma si sa, il male prevale sul bene nel senso che fa

Un grande anche Lui. Ha fatto i conti anche con la sua salute. Il Papa

più clamore, come nel caso degli estremismi. E’ assurdo pensare che si

è l’unica autorità della Chiesa che si può dimettere e lo ha fatto per il

possano commettere atrocità in nome di Dio. Anche se lo chiamiamo in

47


diverse maniere, Dio è uno solo e Papa Francesco si sta impegnando

ripetibili, su ognuno di noi c’è un disegno bellissimo. Ci hanno represso le

molto in un lavoro di pacificazione.

immense capacità che abbiamo dentro per farci adattare ad una società che ci tratta e ci trascina come pecoroni. Non lo dobbiamo né possiamo

C’è qualcosa che vuoi dire a tutti coloro che ti seguono?

permettere.

Chiedo di mantenere il clima di famiglia che si è creato fra tutti coloro che

48

ci seguono, chiedo di affermare il bene su ogni cosa e di combattere il

Grazie “Fratè”, frequento la tua Chiesa da pochi mesi e sarò sempre grata

male. Si deve essere positivi e non essere vittime di atteggiamenti che

alla persona che mi ha dato l’opportunità di conoscerti. Le tue Messe

mettono in evidenza solo le negatività. Così facendo, ci hanno disedu-

sono una festa, rallegrate dalle tue esilaranti battute, dagli aneddoti che

cato alle cose belle. La grande grazia che ho avuto è la consapevolezza

racconti, dai baci che dispensi ad ogni bambino, dalle carezze che dai ad

del presente, il passato è passato e occorre metterlo nella Misericordia

ogni cagnolino che accompagna il suo padrone, dagli insegnamenti che

di Dio; il futuro è nella Provvidenza di Dio e solo Lui sa; mentre con la

elargisci. Grazie per essere un riferimento che regala sicurezza e tran-

realtà del presente io vivo la giornata in maniera serena riuscendo a fare

quillità e la stupenda sensazione di non essere mai solo. C’e un bimbo

tante e tante cose. Mi immergo nel presente e per me è davvero questa

che un giorno leggerà una lettera che mi hai chiesto di scrivergli e che

la vera grazia che Dio mi ha concesso. Se la gente scoprisse la bellezza

saprà quanto hai fatto per lui. Per questo ti ringrazio perché è stato il

del presente vivrebbe meglio, così come se ognuno riprendesse in mano

dono più bello che si potesse ricevere. Soprattutto grazie per il “dono”

la propria vita. Noi non siamo la fotocopia di nessuno, siamo unici e ir-

della tua amicizia.


Cone beam a 2 arcate + visita Igiene + smacchiamento + sbiancamento Visita Ortodontica + Ortopanoramica Visita Odontoiatrica + ortopanoramica Visita Gnatologica + Cone Beam ATM Visita + 1 applicazione di Scrambler Therapy Visita di estetica dentale FRQVHWIRWRJUD多FR

49


COLD CASE i casi irrisolti

Bondage: gioco fatale Trovate due ragazze legate per il collo, di schiena, con una corda di seta rossa appesa al tubo del riscaldamento in un garage di periferia

di Rosaria Gallo

50

Un uomo guarda la scena. È eccitato nel ruolo del “Naswashi”, il master

bra del corpo, questo è il nuovo gioco della seduzione. E una storia ag-

della tecnica erotica giapponese dello Shibari. Conosciuto anche come

ghiacciante apre uno squarcio su un mondo sommerso, quello del bond-

Kinbaku, è un’antica forma artistica di legatura giapponese, una tecnica

age: circa 400 a Roma gli appassionati, fino a quel giorno. Oggi sono

di bondage che risale ai Samurai e ai loro prigionieri, divenuta col tempo

molti di più. Si riuniscono ogni mercoledì in un pub del centro e chattano

una pratica sessuale sadomaso. Sono legate l’una all’altra e ognuna fa

su numerosi siti specializzati. La sua tradizione è in realtà antichissima

da contrappeso all’altra alternandosi in saltelli. Se la prima scende verso

e fonda le sue radici nell’Estremo Oriente. Correndo di generazione in

terra, l’altra sale verso l’alto con il balzello, dandosi la spinta con le punte

generazione e di paese in paese è arrivato anche nella capitale. Anche

dei piedi, in una sorta di dondolìo. E salendo, la corda provoca uno sof-

se in pochi lo conoscono e si pratica solo in alcuni club esclusivi della città.

focamento che produce una sensazione simile all’orgasmo. L’aria è tesa

Ma anche in alcuni garage. La sua tradizione è “schiavismo” perché dopo

ed eccitata in quel sotterraneo dove sta per scatenarsi il dramma. È la

essere stati legati non si è più padroni del proprio corpo. Si sottomet-

fine di un’estate caldissima, è il 9 settembre del 2011, è un venerdì e sono

tono a turno, padrone e schiavo, rinunciando alla propria mobilità fisica:

le prime ore del mattino: una delle due ragazze a un certo punto sviene

non possono muoversi, vedere, parlare e, in alcune pratiche, nemmeno

restando in terra e costringendo a restare in alto l’altra. E muore soffo-

sentirsi. Il suo stile fa riferimento ad altre forme tradizionali giapponesi

cata in una manciata di secondi. Siamo nei sotterranei del palazzo che

come Ikebana, Sumi-e, pittura con inchiostro nero, e Chanoyu, cerimonia

ospita l’Agenzia delle Entrate e gli uffici dell’Ente nazionale dell’aviazione

del tè. La pratica cerca di portare i protagonisti del “gioco” alla ricerca di

Civile, a Settebagni. L’uomo, che ha legato e appeso le due donne è un

sensazioni profonde. Tra le varie modalità dello Shibari ci sono la pratica

ingegnere di 42 anni, Suter Mulè, appena vede Paola svenire cerca di

meditativa condivisa, il rilassamento per la flessibilità del corpo e della

tagliare le corde. Ma non ce la fa. Spaventato chiama subito i soccorsi e

mente, una forma di scambio di potere e la costrizione erotica. E così,

poi i carabinieri. Quando i medici arrivano le trovano ancora legate, sono

mentre la movida notturna viaggia sulla superficie fino all’alba tra bar

entrambe vestite. Paola è già morta, Federica viene trasportata d’urgenza

e discoteche, c’è un altro mondo, quasi segreto, che viaggia parallelo.

all’ospedale Sant’Andrea in gravissime condizioni mentre gli investigatori

La ricostruzione

della squadra Mobile guidati da Vittorio Rizzi cominciano a ricostruire la

La notizia, che una ragazza è morta soffocata durante un gioco erotico

dinamica.

a tre viene sbattuta sulle prime pagine di tutti i giornali della capitale. La

Giochi pericolosi

città è sotto shock. Ma in molti sono anche incuriositi, in pochi conosco-

Sono corde legate ai polsi, alle gambe, sono strette lungo tutto le mem-

no questa pratica erotica e il binomio di sesso e morte se da una parte


spaventa dall’altra, affascina. Intanto però c’è chi dovrà rispondere

garage. Tutti e tre. Mulè era nel pieno delle sue facoltà, le due ragazze

per quel cadavere appeso a una corda. La chiamata dal garage di

consenzienti. In ospedale Federica migliora nel giro di 24 ore, non è

Sette Bagni parte alle 4.45 del mattino. Ma come sono finiti i tre amici

più in pericolo di vita. Per gli inquirenti l’ingegnere dovrà rispondere

nel palazzo dell’Agenzia dell’Entrate?

di omicidio preterintenzionale, al vaglio della magistratura anche il

Mulè viene immediatamente arrestato, le accuse sono omicidio

materiale acquisito dalle perquisizioni avvenute nella sua casa.

volontario e lesioni gravi. Sarà proprio lui a fornire tutti gli elementi

L’errore fatale

per la ricostruzione del caso. Federica, 23 anni, lavora nel palazzo

Il 14 settembre l’autopsia, eseguita dal professore Giorgio Bolino

dell’Agenzia, ecco perché conoscono quel posto e sanno come

dell’Istituto di medicina legale della Sapienza, stabilisce che la vittima

entrare. Paola, 24 anni, invece è una ragazza fuori sede, è nata in

è morta per asfissia da soffocamento. Il 21 marzo 2012 la Procura di

un piccolo paese salentino, studia e lavora a Roma già da qualche

Roma chiude le indagini preliminari. Soter Mulè è accusato di omi-

anno. Si sono conosciuti in un circolo al Pigneto, legati dalla passione

cidio preterintenzionale e lesioni dolose gravi. Il procuratore aggiunto

delle corde, hanno cominciato a frequentarsi e a praticarla. Quella

Pierfilippo Laviani e il sostituto Teresa Golfieri continuano a seguire

sera, Mulè le ha contattate su Facebook poi sono andati prima a un

lo stesso impianto accusatorio nonostante il Gip si sia pronunciato

aperitivo organizzato da un gruppo di aficionados di corde, fruste,

per due volte sulla qualificazione del reato in omicidio colposo e con

latex e sottomissione. Paola è una partner abituale del giovane in-

lo stesso parere si è espresso, era febbraio, il tribunale del riesame.

gegnere mentre con Federica ci sono stati solo alcuni incontri saltuari.

Un caso controverso: per i giudici della Libertà non c’ è dolo, né pre-

I tre mangiano qualcosa insieme, vanno a vedere un concerto, fanno

varicazione da parte dell’ingegnere: il gioco è stato iniziato e finito

un salto al Circolo degli Artisti, bevono, fumano un paio di spinelli e,

con il consenso di entrambe ed era destinato solo al piacere. Per

verso le 2 di notte salgono sulla Hyundai Jazz di Soter, destinazione

l’accusa, invece, è la pratica stessa ad essere “illecita” e quindi po-

Settebagni.

tenzialmente pericolosa. Il 15 gennaio 2013 arriva la sentenza: il giu-

Vite segrete

dice per l’udienza preliminare Giacomo Ebner lo condanna a quattro

Mulè viene ascoltato dal capo della Mobile Rizzi e dal funzionario An-

anni e otto mesi per omicidio colposo e lesioni dolose gravi. Secondo

drea Di Giannantonio. Vengono effettuati prelievi e analisi su tutti e tre,

il magistrato, Mulè non voleva uccidere le due amiche ma, questa

i livelli di alcol e droga sono bassissimi: erano lucidi quando hanno

l’aggravante, l’evento poteva essere previsto. Ecco perché la pena è

deciso di giocare. Erano sobri quando hanno deciso di entrare in quel

esattamente quella richiesta dalla procura.

51


I Presidenti della Repubblica

Ritratti: Cesare Merzagora, lo straordinario Gentiluomo della “supplenza”

52

di Tito Lucrezio Rizzo Consigliere Capo Servizio della Presidenza della Repubblica, laureato a 22 anni con lode in Giurisprudenza (La Sapienza), abilitato alla professione di Avvocato, già Titolare (a.c.) di Storia del pensiero giuridico, ora Docente al Master( II liv.) in Scienze criminologico-forensi. Autore di 180 pubblicazioni. 5 volte vincitore del Premio della Cultura della Presidenza del Consiglio.

Cesare Merzagora (1898 –1991), nonostante l’effimera esperienza della

perché essendo appunto di prim’ordine, non si preoccupano di mettersi in

supplenza alla Presidenza della Repubblica durante la malattia del presi-

vista”. Il rapporto con Gronchi non fu mai sereno, né avrebbe potuto es-

dente Segni, merita una doverosa menzione non solo per il ruolo svolto

serlo, per un vizio di origine che datava alla competizione elettorale ( aprile

con tanta autorevolezza e discrezione nell’ambito di un periodo assai

1955) per la nomina del successore di Einaudi, dove prevalse l’antagonista.

delicato per la storia dell’Italia repubblicana, ma anche per la sua asso-

La contrapposizione tra i due era destinata a protrarsi, anche in occasione

luta indipendenza di pensiero e l’alto senso dello Stato. Tenente decorato

delle visite di Stato all’estero, durante le quali Gronchi non volle mai lasciare

al VM nella I G.M., ricoprì poi alti incarichi alla Banca commerciale itali-

la delega delle funzioni alla seconda carica dello Stato. Il 15 aprile 1956

ana, alla Pirelli, al Credito italiano, all’Alfa Romeo ed alla Bastogi. Dopo la

Merzagora pertanto gli scrisse riassumendo il pensiero dei Presidenti dei

Liberazione, presiedette la Commissione centrale economica del CLN per

Gruppi parlamentari in merito alla questione:“ la sovranità nazionale non

l’Alta Italia. Terminata la II G.M. fu membro della Consulta, della Giunta

si può esercitare dall’estero e […] durante l’assenza del Capo dello Stato,

esecutiva della Confindustria e dell’Iri; dal 1947 al 1949 come Ministro del

possono accadere in Patria fatti così straordinari e tali , da esigere che le

Commercio estero avviò una politica valutaria di scambi internazionali, che

funzioni presidenziali siano sempre esercitabili nella loro interezza”. Né la

dettero un grande impulso alla nostre importazioni ed incoraggiarono il

supplenza era un atto fiduciario come la delega, ma traeva il suo fonda-

rientro in Italia dei capitali “riparati” all’estero. Tutto ciò favorì la ripresa del

mento direttamente nel precetto costituzionale: “il supplente- era ancora

nostro sistema produttivo, con la discesa dei prezzi e dell’inflazione e la

Merzagora ad esprimersi - subentra pertanto al titolare nell’esercizio di

ricostituzione di scorte valutarie. Dal 1948 fu costantemente eletto in Par-

tutti i poteri di quest’ultimo, ne è possibile apporre preventivamente una

lamento come indipendente nelle file della DC, sino al 1963 allorché Segni

qualunque limitazione ai poteri stessi. Sono le circostanze di fatto che de-

lo nominò Senatore a vita. Del Senato fu il Presidente più “longevo”, dal

terminano, in concreto, l’estensione dei poteri del supplente”. Gronchi ris-

1953 al 1967, riscuotendo unanime stima anche dall’opposizione, che in lui

pose alla missiva in questione ritenendo doveroso chiarire il proprio punto

riconobbe un leale garante, per la sua correttezza ed imparzialità. Vigile

di vista, onde “evitare –scrisse- che possano insorgere equivoci, tanto più

tutore delle prerogative del Parlamento contro ogni intromissione esterna

spiacevoli, quanto atti a recare nocumento e pregiudizio al prestigio delle

ed il crescente tracimare dei Partiti, amava ripetere: “E’ il Parlamento che

Istituzioni della Repubblica”. Il conflitto più eclatante trai due scoppiò nel

deve restare in ogni circostanza, la suprema e determinante assise del

febbraio 1960, in seguito alle dichiarazioni rese da Merzagora in difesa

Paese, ed è il Parlamento che deve pretendere che nessuna decisione

delle prerogative del Parlamento ed avverso la “degenerazione morale e

venga presa al di fuori o al di sopra di esso” . Nella sua visione politica

politica” della partitocrazia, con delle critiche rivolte anche all’indirizzo di

orientata costantemente alla migliore realizzazione del pubblico bene, sos-

alcuni organi dello Stato ed enti, nel mezzo di una crisi di Governo, epi-

tenne la necessità di aprire la compagine governativa anche a persone

logata con le dimissioni di Segni. Conseguentemente Gronchi scrisse una

non organiche ai Partiti, ma dotate di competenze tecniche di alto livello,

lettera “di fuoco” a Merzagora, affermando che le dimissioni erano state

come gli industriali. Osservava al riguardo : “Si dice che l’Italia sia povera

lo conseguenza di quel discorso, dato che la crisi, pur non preceduta da

di uomini. E’ un’eresia: in tutti i settori della vita economica vi sono persone

un formale voto di sfiducia, non poteva ritenersi- come sostenuto da Mer-

di assoluto prim’ordine; naturalmente occorre conoscerle per apprezzarle,

zagora - di tipo extraparlamentare, in quanto con l’uscita dei liberali dalla


Il Presidente Cesare Merzagora compagine ministeriale, era comunque venuta meno la maggioranza che

genere da parte sua, a conferma del puntuale e leale rispetto dell’impegno

sosteneva l’Esecutivo. La crisi dunque, secondo il Capo dello Stato, era da

morale assunto spontaneamente nei confronti dell’ammalato. Nel 1967 si

considerarsi sempre “parlamentare” anche in mancanza di un voto ad hoc

dimise- e definitivamente- dalla presidenza di Palazzo Madama, in seguito

dell’Assemblea, tutte le volte che, comunque, veniva a mancare la mag-

al discorso che aveva pronunciato la settimana prima alla cerimonia della

gioranza di supporto al Governo. Merzagora gli rispose manifestando stu-

consegna delle insegne ai 25 nuovi Cavalieri del Lavoro. In tale circostanza

pore per l’aver ricevuto una così diffusa critica al proprio discorso, e precisò

aveva formulato degli interrogativi che spaziavano dal terrorismo altoates-

di doverne rispondere solo al Senato, il quale lo aveva tanto apprezzato da

ino al banditismo sardo; dal finanziamento dei partiti, all’indebitamento

indurlo, dopo 4 settimane, a recedere dalle dimissioni rassegnate.

spropositato della finanza locale; dalle disfunzioni dell’assistenza previden-

Circa il concetto di crisi extraparlamentare, ribadì il suo convincimento,

ziale, all’invadenza dello Stato ai danni dell’iniziativa privata; dal dissesto

tanto più che il governo Segni, essendo nato senza una maggioranza

radiotelevisivo, ai problemi della libertà di stampa; dalla mortificazione del

precostituita, era minoritario sin dall’inizio, ed il suo rinvio in Parlamento

merito in favore delle appartenenze partitiche, alle industrie improduttive

avrebbe pertanto consentito semplificazione della situazione politica e la

foraggiate dallo Stato….Insomma una denunzia a tutto campo che ebbe

conseguente assunzione di responsabilità da parte di ciascuno. La Cos-

la punta critica più alta avverso la prospettata istituzione delle Regioni, la cui

tituzione aveva inteso con una ben precisa norma disciplinare l’istituto

legge istitutiva era al vaglio del Parlamento in quel periodo. I comunisti – in

della fiducia o della sfiducia ai Governi per cui - soggiunse il Presidente

tale circostanza- avevano chiesto a gran voce le sue dimissioni ritenendo

del Senato- “ Non può l’averla sempre disattesa, costituire argomento per

essere venuta meno la sua imparzialità istituzionale ed egli, nonostante

attestarne l’inapplicabilità o la superfluità”. Un altro amaro calice dovette

la solidarietà riscossa dai democristiani e dai liberali, fu irremovibile nel

bere Merzagora nel 1964, in seguito all’accusa gratuitamente mossagli

farsi da parte. Tornò ad occuparsi del settore economico alle Assicurazi-

dalla Sinistra di aver segretamente covato disegni golpisti durante la nota

oni generali, di cui divenne Presidente nel 1968, ed ivi rimase per 11 anni,

crisi estiva del governo Moro. Vero è, al contrario, che luglio del 1964 lo zelo

acquisendo contemporaneamente – seppure per un brevissimo periodo-

del gen. De Lorenzo si era spinto a schedare uomini politici di primo piano,

anche la Presidenza della Montedison, dalla quale repentinamente si

tra i quali lo stesso Merzagora , senza nulla trovare su quell’ uomo retto

dimise denunziando l’esistenza di una contabilità segreta (i c.d. “fondi neri”,

ed adamantino. In agosto, dopo il grave malore di Segni, Merzagora quale

vale a dire i finanziamenti occulti ai Partiti ). Il 1°maggio 1991 si spense all’età

seconda carica dello Stato assunse ad interim le funzioni di Capo dello Sta-

di 93 anni l’indomito uomo politico, la cui opera non effimera può a buon

to. Nei quattro mesi alla Presidenza della Repubblica (peraltro guidata da

diritto considerarsi una delle pagine più alte della storia d’Italia, in quanto

Palazzo Giustiniani ad ulteriore segno di rispetto per il titolare e quale lode-

condotta nella costante tensione ideale ad una sempre maggiore coesione

vole scrupolo istituzionale), il “supplente” cercò di razionalizzare le funzioni

degli italiani tutti. Lasciare che la coltre del tempo ne occulti la vivezza della

di tale apparato, indirizzandosi a ridurne i costi di gestione, in un’ottica di

memoria, significherebbe occultare con la sua immagine, anche lo scrigno

sobrietà. Merzagora mantenne volutamente un basso profilo, per cui nelle

dei valori preziosi- ed oggi rari- di cui seppe rendersi coerente interprete:

rassegne stampa relative all’arco di tempo agosto-dicembre 1964 (elezione

il senso dello Stato, l’amore per il pubblico bene, il personale disinteresse.

di Saragat al “Colle), non appaiono tracce di interventi significativi di alcun

53


Moda e creatività

Sexy e

sfacciata:

è la moda mare a Miami Sulla passerella della Miami Fashion Week, è stata presentata la collezione di beachwear per la prossima estate 2014 di G.T.

54

La collezione che trae ispirazione dalla figura della “Gypsetter”, termine

quando va in spiaggia: oltre al costume indossa stivaletti o espadrillas e

nato dalla fusione di Gypsy e Jet Setter per descrivere lo stile di donne

porta con sé una valigia dalla linea vintage. Il tema dell’ “esplorazione” ri-

dall’eleganza raffinata e quasi inconsapevole, sempre in viaggio in luoghi

torna poi anche nelle fantasie: bikini, kaftani, parei e canotte prendisole si

insoliti. In particolare il marchio colombiano Agua Bendita,    fondato da

arricchiscono di stampe ispirate alla savana e, sul costume intero, appare

Catalina Alvarez e Mariana Hinestroza nel 2003, ne ha proposto una se-

il disegno di una macchinetta fotografica portata al collo, per immortalare

rie caratterizzati da scolli profondi e oblò sui fianchi, per esaltare la fem-

l’avventura da spiaggia , animato da uno spirito libero è quanto il brand

minilità. Mood dell’intera collezione il viaggio ed un’ambientazione ispira-

brasiliano ha voluto esprimere aggiungendo un tocco etnico alle influ-

ta al safari. La donna proposta è infatti in continuo movimento, anche

enze della jungle mania, con stampe animalier e grafismi etnici in vibranti


55


AGUA BENDITA

56

colori ottenuti attraverso una tecnica di stampa digitale sui tessuti di

La stampa etnica è ispirata alle ceramiche di Maiorca e alla tecnica

differenti consistenze. Un ritorno a un lifestyle basic è proposto dal

del mosaico, nei scintillanti colori del blu, arancione e bianco. Im-

brand australiano Suboo, con costumi più sobri e “castigati”, resi

mancabili le righe, grande hit della futura stagione, declinate in tre

però femminili dalle fantasie geometriche e bicolore modulate sul

versioni. Come quarto tema, la stampa floreale Liberty, espressa

costume in modo da sottolineare le forme con eleganza. Le linee,

con originalità tramite un mix equilibrato di grandi fiori e fantasie

ispirate ai costumi anni ’50, sono rese moderne dall’utilizzo di col-

geometriche. La collezione beachwear Cia.Marítima si arricchisce

ori decisamente più attuali come il lilla, il giallo acceso, l’azzurro e

di nuove proposte come hot pants combinati a top senza spalline

l’arancio fluo. Quattro i temi principali proposti per la stagione 2014:

in stile pin-up, oppure bikini arricchiti da un seducente gioco di in-

stampa animalier, presente in differenti temi, dal classico motivo

trecci che partono dalla base del top. A completare la linea di fuori

leopardo al tigrato, passando per la stampa serpente e l’inedito

acqua, leggings stampati, abiti che sottolineano le forme, lunghi

motivo che richiama il piumaggio variopinto della coda del pavone.

kaftani e capi guipure, tutti realizzati in un nuovo jersey extra-legge-


SUBOO

ro, novità dell’Estate 2014. Ci sarà un motivo se quando si parla di sirene si immaginano donne bellissime e in forma splendida! Le fanciulle del mare non potrebbero essere altrimenti, visti quanti benefici che si ottengono trascorrendo del tempo fra la spiaggia e l’acqua salata. L’acqua marina ha proprietà antinfiammatorie e battericide per la pelle, grazie alla presenza di sodio, rame e zolfo, perciò chi soffre di disturbi dermatologici, come l’eczema, la psoriasi e alcuni tipi di eritemi può trarre giovamento da un lungo bagno. Anche la pelle impura al mare - grazie a sale e sole - si asciuga e migliora notavolmente (anche se poi va tenuta sotto controllo al rientro. L’acqua marina aiuta a combattere gonfiori e ritenzione idrica attraverso

57


lâ&#x20AC;&#x2122;osmosi, favorendo il drenaggio dei liquidi. Degno di nota un dettaglio che poco ha a che vedere con le collezioni beachwear del prossimo anno, ma che merita di essere messo in evidenza: durante la Miami Fashion Week, ad andare in passerella sono state modelle dallâ&#x20AC;&#x2122;aspetto sano, con fisici tonici e sportivi, snelli ma non filiformi come quelli che generalmente si vedono sfilare in questi eventi. Che sia anche la tendenza per il prossimo anno ?

CIA.MARĂ?TIMA

58


Moda e creatività

CRUCIANI

Audace estate 2014: rosa shocking, occhiali anni ’70 e sandali a spirale... Quest’estate si schiude all’energia dei colori sgargianti. La tendenza predominante della moda propone tinte accese negli abiti e negli accessori. 60


FOTO DI DANILO TROÌA - SCARPE JUIANHAKES

DI Elena Rossi

Quest’estate si schiude all’energia dei colori sgargianti. La tendenza predominante della moda propone tinte accese negli abiti e negli accessori. Parte la gamma “solare” degli arancioni e dei gialli, del rosso fiammante e del blu mare di “deepblu”. Ma questa - come definisce Vogue - è soprattutto la stagione del “pink”. Un rosa schocking più carico che si abbina al bianco e che è esaltato con i “vicini” colori del lilla, rosa antico, fucsia e si estende anche agli accessori. Gli occhiali da sole sono variopinti seguendo un gusto tutto anni ’70. Dimentichiamoci il “fascino della discrezione”, quest’anno gli occhiali tornano rotondi, azzardando geometrie più eccentriche e curiose ispirate allo stile pop. Realizzati in una molteplicità di modelli diversi, danno modo ad ognuno di fare una scelta in armonia con la propria personalità e con la propria fisionomia. Le tinte tenui ci sono ma prevalgono quelle sgargianti che riescono a lasciare un segno nel rosa, oro, viola acceso, verde intenso o nel multicolor. Regna il motivo floreale che segue sempre il look “seventies” negli accessori. Non stupiscono i fiori sugli occhiali da sole per Dolce e Gabbana e Moschino. Colpisce di più

MIA BAG

61


DOLCE E GABBANA

il ritorno al floreale per il più classico Emporio Armani. Fendi pro-

prendersi sul serio, funzionano sempre i modelli vamp, le cui es-

pone modelli più classici in marrone, crema o tartarugato ep-

tremità si allungano e sono protese verso l’alto. La forma diventa

pure accoglie il pink con un occhiale moderno con le lenti rosa e

a gatto o ricorda un fiore stilizzato (Asos). Un effetto fascinoso-

rotonde, sottile in montatura. Lenti rosa anche per Dior su di una

divertente. C’è chi si ispira al modello alla John Lennon e chi a

montatura in argento, come per Cavalli Eyewear su montatura

quello di Brigitte Bardot. A supportare questa molteplicità di lenti

colore crema. Gli accessori risultano impreziositi, tanto che tro-

ci sono delle montature leggere, ed è questo che fa la differenza

viamo “gli accessori negli accessori”. La linearità degli occhiali

con gli occhiali dell’epoca. I materiali sono il metallo ma anche la

gioca con strass e pattern, piccoli cristalli e persino mini borchie

plastica e le resine, come realizza la tecnologia più avanzata di

sulle aste (LyuJo, Prada, Valentino, JimmiChoo). Preziosissimi gli

Dior Home, Mykita, WooDone, Dsqared2, Epos e Diesel. Il gioco

occhiali di Bulgari e Svaroski. In questo ironizzare con stile senza

estivo prosegue nei sandali che si “innalzano” (Lilly’s Closet) sino

EMPORIO-ARMANI

62

MAISON-MARTIN-MARGIELA-MYKITA


CRUCIANI

a prendere la forma di una spirale (JuianHakes). Un’eccentrica pioggia di fiori dec-

LE PANDORINE

orano il tacco e la punta nel decoltè fucsia di Bruno Magli. Le borse sono oversize, comode e capienti, in tessuto o rigide (Mia bag) La pochette segue forme geometriche ben definite nei colori dell’estate (Emporio Armani) e anche qui prevale il rosa (Cruciani, HervèGuyel Paris). Per la sera, la pochette diventa un gioiello. Troviamo strass e pietre preziose a guarnire borse di dimensioni sempre più piccole (Rodo Firenze, Daniela Bentivoglio, Alexander McQueen), sino a che le pietre ed i brillanti si fanno un tutt’uno con la stoffa (Roberto Cavalli, Valentina Garavani, Pomikaki).

FENDI

BLUEGIRL

63


“Le chicche di Eli” Bikini da(a)mare!

64


di Elisabetta Rullo Bikini... Termine curioso, stravagante, insolito... Approfondite ricerche “Chiccose” mi hanno fatto scoprire che... La parola Bikini deriva dall’atollo di Bikini, nelle Isole Marshall, dove si sperimentarono, negli anni quaranta, le prime esplosioni nucleari... Termine azzeccatissimo per il “clamoroso boom “ che il nuovo costume da bagno procuro’ durante la sfilata balneare a Parigi, il 5 luglio 1946... Data della sua presunta diffusione... Da allora, le icone di stile , stelle del cinema , dalla meravigliosa Marylin , alla frizzante Brigitte Bardot, si sono fatte immortalare in deliziosi bikini più o meno provocanti per l’epoca. Chi non ricorda la statuaria Ursula Andress inel film “007 - Licenza di uccidere”, con il suo bikini bianco con cintura , (conosciuto come il Dr.No bikini), emergere dalle acque, nello splendore della sua fisicità dirompente? Bikini che hanno segnato un’epoca, che rendono questo incantevole ed a volte, sensuale indumento, una costante caratteristica delle nostre estati “bollenti”! Due piccoli ed apparentemente insignificanti “pezzi di stoffa”, dalle linee regolari, spesso triangolari... Che prendono forma su di noi, si adattano e si uniformano come una seconda pelle.. Donandoci vitale energia, a volte grazie a splendide

stampe fantasia... Altre volte con colori accesi e dinamici... Ed ancora con giochi di linee ed applicazioni che ci fanno sentire Uniche anche al mare... Bikini che tende la mano e si fa accompagnare sulle spiagge da accessori sempre comprensivi e riconoscenti del suo ruolo da protagonista... Collane, cappelli e capi leggeri e freschi, anticipano e preparano il proscenio al nostro compagno di un’estate... Si , dico bene, di un’ estate... Le mode passano, ed anche i bikini, seguendo la scia delle tendenze del momento. Da una stagione all’altra perdono fascino e velocemente cedono il posto ad altri compagni di avventura... Sicuramente più attuali ed al passo con i nostri gusti ed esigenze della stagione. Vediamo un po’ quest’anno cosa potrò indossare... La selezione mi sembra ampia! Ho l’imbarazzo della scelta, care Chicche! Il mimetico, il blu acceso, il pizzo, il floreale... Mix di tendenze e stili tutti da assaporare ed (a)mare... Si, proprio così, mie care Chicche lettrici... I Bikini, tutti da (a) mare!

www.lechicchedieli.com Grazie Loris Misterbikini Foto: Mariano Re

65


Spettacolo

Punto tutto sul fight

football

Nathalie Caldonazzo si racconta: dallâ&#x20AC;&#x2122;amore alla carriera passando per il teatro, al primo posto adesso câ&#x20AC;&#x2122;è la figlia Mia.

66


67


68


di M.C.M. Il fascino non ha età e Nathalie Caldonazzo ne è la prova vivente. Figlia d’arte - la mamma Leontine Snell a 17 anni ballava con le mitiche “Blue Bell” dopo il successo del Bagaglino, oggi si divide tra la figlia (Mia, 9 anni), il teatro e il fitness. Sport non solo come allenamento ma anche come business: con l’attuale compagno, Boris Giorgiutti, Nathalie sta lavorando per lanciare un format televisivo e web a puntate sul Fight Football. Si tratta di una disciplina inventata da Giorgiutti (presidente dell’Italy’s Fight

turo, il superamento perfetto del calcio, un gioco che ormai trovo alquanto

Football League) che consiste in un mix di rugby,

noioso”. Da anni in Italia è tutto fermo e le idee nuove e innovative sten-

pugilato e MMA (Mixed martial arts). Mutuato dal

tano a decollare, per questo ha voluto mettere anima e corpo in questo

calcio storico fiorentino, le partite di Fight Football si

progetto e crederci al punto da investire e vestire, contemporaneamente,

giocano con 10 “gladiatori” che indossano magliette

i panni di produttrice e cheerleader, realizzando la sigla di apertura con

con numeri tassativamente romani. Sì, perché, in re-

canzone e video inediti visibili su youtube: “L’idea è quella di produrre una

altà, anche il calcio fiorentino è la versione moderna

canzone nuova per ogni incontro e poi magari riunirle tutte in un disco”.

del romano harpastum, una competizione molto

Non solo business, però. Il teatro è da qualche anno diventato il palcosce-

virile, fatta di lotte serrate e di continui corpo a corpo

nico dove Nathalie ama muoversi, stare e recitare: “Sto lavorando a una

per il possesso della palla, che ebbe grande suc-

pièce inedita scritta da Nicola Grimaldi, un testo a due, con Pietro Naglieri

cesso soprattutto tra i legionari. “Credo molto nel

in scena come partner, che affronta il tema della dipendenza sessuale.

Fight Football perché sono convinta che sarà il fu-

Lo presenteremo in anteprima a qualche festival estivo per poi portarlo

69


stessa. Oggi è prima di tutto una mamma complice e felice - “ma non sono la sua amica” -, una donna manager, “punto tutto, convinta, sul Fight Football” - e un’attrice di teatro, ama poco l’Italia dove il talento, a cominciare dal mondo dello spettacolo, “è quasi sempre mortificato piuttosto che premiato”. E se è vero che ogni perfezione non è mai per caso, Nathalie ci confessa che per mantenersi in forma fatica ogni giorno: “Il segreto è fare colazione prestissimo, verso le cinque e mezzo sei, poi una sessione quotidiana di sport per sudare, lo scrub due volte la settimana e rigore nel mangiare”. Sacrifici, certo, ma lei porta in dote una bellezza, una sensualità e un fascino che hanno più a che fare con la genetica che con le ore dedicate al fitness. Parlando con Nathalie non si può non ricordare Massimo Troisi, di cui fu ultima compagna fino alla prematura scomparsa avvenuta proprio vent’anni fa: “Non ha mai cercato di cambiarmi, e questa la trovo una

70

nei teatri di tutta Italia il prossimo autunno”. Nathalie è carica, attiva, energica

grande dimostrazione di amore e rispetto. Ricordo

e brillante. Mantiene uno sguardo critico su tutto, a cominciare dal mondo dello

il suo grande pudore nei confronti dell’entusiasmo,

spettacolo per il quale non ha mai accettato compromessi. Solo l’amore è sempre

una cosa in cui eravamo simili. Amavo molto la sua

stato il suo punto debole: “Oggi c’è mia figlia al primo posto, poi l’amore, anche

integrità, veridicità e il suo essere, profondamente,

davanti il lavoro: le mie scelte sono sempre state dettate dall’amore, sull’altare del

se stesso”. Il resto è vita privata e noi non trascen-

quale ho immolato tutta me stessa, forse anche a discapito della mia carriera”.

diamo. Anche Nathalie è integra e vera, crede nel

Dalla mamma ha ereditato la passione per la danza e la voglia di libertà e indip-

suo talento, si piace oggi più di ieri - “forse perché

endenza. Un esempio ingombrante quello di Leontine o un modello da emulare?

mi sento serena e felice” - e anche se in passato ha

“Mia mamma ancora oggi è una donna fortissima e piena di energia, è stato

dovuto rinunciare a qualche parte di sé, adesso ha

un faro, un modello e una fonte di sicurezza importante nella mia vita. È riuscita,

voglia di recuperare “in nome della grande simpatia

anche sola, separata, con due bambine piccole, a farsi strada e a non perdere

che nutro verso me stessa”. Ma all’amore non ha

mai la speranza. Io, forse, rispetto a lei, alla sua stessa età non mi vedo sola ma

mai rinunciato e nemmeno “alla libertà, una dote tr-

in una condizione stile famiglia del mulino bianco”. Ama l’amore e le storie a lieto

asmessa da mia mamma”, perché, alla fine, si sa, è

fine Nathalie Caldonazzo e non ha paura di nasconderlo a noi e nemmeno a se

tutta una questione di “imprinting”. Foto di BRUNO OLIVIERO


REINING HORSES

SCUOLA DI EQUITAZIONE AMERICANA E REINING

DOMA ADDESTRAMENTO PENSIONE CAVALLI

LEZIONE DI PROVA GRATUITA centro ippico le scuderie - via R. mazzucco, 61 - 00123 roma info Massimo Scanarotti 333/6924701 equitazioneamericana@gmail.com


I Quartieri di Roma

Monteverde È una zona del quartiere gianicolense, il nucleo più vecchio occupa una collina tufacea che si trova sulla sponda destra del Tevere.

di G.T.

72

Le altre colline sulla sponda destra sono: Monte Mario, il Vaticano e il

lini “i grattacieli”. Queste contrastano anche con l’edilizia successiva, che

Gianicolo, mentre i celeberrimi sette colli storici si trovano sul lato sinis-

sarà soprattutto signorile, anche se di pessima qualità. L’insediamento

tro del fiume. La zona è sorta intorno a due nuclei inizialmente distinti:

poi dell’”Ospedale del Littorio”, oggi “San Camillo”, contribuirà ad attrarre

Monteverde Vecchio, che occupa principalmente la sopra citata collina,

il ceto medio borghese fatto soprattutto di medici, impiegati statali e pro-

e Monteverde Nuovo, che incominciò a formarsi a valle di questa, verso

fessionisti. Il toponimo “Monteverde”, comunemente usato da chi vi ab-

i Colli Portuensi. Curiosamente, a dispetto del nome, i due nuclei, ormai

ita, ha un’origine molto antica; potrebbe far riferimento al tufo di colore

saldati tra loro, sono praticamente contemporanei: entrambi furono deci-

verde-giallognolo, che veniva estratto dalle cave di tufo che un tempo

si, nei principali assetti viari, dal piano regolatore del 1909. Sta di fatto che

costellavano la zona. Un altro toponimo antichissimo, addirittura di epoca

mentre Monteverde Vecchio ebbe quasi subito la consistenza di “quar-

romana, che designava la zona era “Mons Aureus”, ossia “Monte d’oro”,

tiere”, Monteverde Nuovo rimase fino al dopoguerra in prevalenza cam-

che faceva riferimento sempre al colore del tufo, ma stava ad indicare ol-

pagna e fu completato nelle sue parti negli anni settanta. Nella parte di

tre all’attuale Monteverde anche il Gianicolo. (Le Mura che oggi separano

Monteverde Vecchio sorgono dei bellissimi villini di inizio Novecento, tutti

Monteverde dal Gianicolo non esistevano in epoca romana; furono erette

con giardino privato, che costituiscono un insieme di grande qualità ur-

nel Seicento da Urbano VIII .Tracce di questo toponimo rimangono oggi

bana e ambientale, simile ad altre zone a villini della Capitale, come per

nel titolo della chiesa di San Pietro in Montorio (Montorio = Mons Aureus),

esempio Monte Sacro, i Parioli, e alcune zone del quartiere Nomentano.

che si trova sul Gianicolo. Il quartiere è ricco di testimonianze storiche;

In seguito alle demolizioni operate nel centro della città per volontà del

in primo luogo le catacombe cristiane di San Pancrazio, che si trovano

Fascismo, vengono costruite le Case Popolari di via di Donna Olimpia per

al di sotto dell’antichissima Basilica di San Pancrazio, situata poco fuori

gli sfollati del Rione Borgo, soprannominate sarcasticamente dagli inqui-

dell’omonima porta. Vi erano anche delle catacombe ebraiche, il cui in-


gresso, probabilmente all’altezza di via Paolo Segneri, fu seppellito

do al parco l’aspetto attuale. Il quartiere è diventato popolare princi-

sotto una colata di cemento che permise poi la costruzione su un

palmente grazie a Pier Paolo Pasolini, intellettuale, scrittore e regista,

terrapieno di alcune palazzine. Di grande importanza storica il cimit-

che ambientò qui il suo celebre romanzo “Ragazzi di vita”. Qui vi

ero di Ponziano, il cui ingresso principale è in via Alessandro Poerio:

abitano numerosi politici , donne e uomini dello spettacolo, calciatori.

cimitero mai stato aperto al pubblico. A nord del quartiere si apre un

Sul territorio sono presenti diverse istituzioni culturali di rilievo inter-

grande polmone verde: è la villa Doria Pamphilj, il parco pubblico più

nazionale: in primo luogo l’Accademia americana in Roma, che ha

grande di Roma. La villa, che si è originata dalla fusione di diverse

sede nella storica villa Aurelia. Nella villa “Il Vascello” ha invece sede

vigne nel Seicento ad opera della nobile famiglia romana dei Doria

“il Grande Oriente d’Italia”, sede dell’organo direttivo della Massone-

Pamphilj, che la possedette fino agli anni settanta del Novecento.Di

ria. Nell’edificio, il cosiddetto Casino Barberini, situato all’interno del

grande valore storico, artistico e ambientale è anche la Villa Sciarra:

parco di Villa Sciarra al Gianicolo ha invece sede l’Istituto Italiano di

sette ettari di verde in cui gli ultimi proprietari, gli americani George

Studi Germanici. Il teatro “Il Vascello” è un’importante istituzione cul-

Wurts e sua moglie Henriette Tower, trasferirono numerose statue in

turale a livello romano.

arenaria provenienti dal castello visconteo di Brignano d’Adda, dan-

73


Sorta nel 1977, la Mediocredito Centro Italia S.p.A. è una societĂ  specializ]DWDQHOODFRQVXOHQ]DLQPDWHULDGLĂ&#x20AC;QDQ]LDPHQWLQHOODFRQFHVVLRQHGHOFUHGLWR HQHOODGLVWULEX]LRQHGLSURGRWWLĂ&#x20AC;QDQ]LDUL La M.C.I. S.p.A. si propone come partner e fornitore di servizi alle imprese SHURJQLHVLJHQ]DGLĂ&#x20AC;QDQ]DVWUDRUGLQDULDRIIUHQGRVROX]LRQLSHUVRQDOL]]DWHHG LQQRYDWLYHSHUO¡RUJDQL]]D]LRQHGLĂ&#x20AC;QDQ]LDPHQWLDPHGLROXQJRWHUPLQHSHU operazioni sul capitale proprio, per servizi di consulenza e gestione dei rischi D]LHQGDOL 2IIUHLQROWUHXQVHUYL]LRVSHFLDOL]]DWRHTXDOLĂ&#x20AC;FDWRLQJUDGRGLIRUQLUHDLSURSUL FOLHQWL DVVLVWHQ]D EDQFDULD H Ă&#x20AC;QDQ]LDULD SHUVRQDOL]]DWD  FRQ HOHYDWL VWDQGDUG TXDOLWDWLYL Lâ&#x20AC;&#x2122;azienda, nei suoi quarantâ&#x20AC;&#x2122;anni di vita, ha dimostrato di essere capace di adeguarsi e di anticipare i cambiamenti del mercato, ed ancora oggi in presenza GLLQQRYD]LRQLFKHULGLVHJQDQRLFRQĂ&#x20AC;QLGHOO¡HIĂ&#x20AC;FLHQ]DFKHULPRGHOODQRFRQtinuamente lâ&#x20AC;&#x2122;offerta di prodotti e servizi, il punto di forza della M.C.I. S.p.A. sta nel cogliere tutti i vantaggi dellâ&#x20AC;&#x2122;innovazione, e nella convinzione che ogni UDSSRUWRGLĂ&#x20AC;GXFLDVWDELOHQHOWHPSRVLIRQGLVXOODFDSDFLWjGLFUHDUHYDORUHSHU ODFOLHQWHODSHULOSHUVRQDOHSHUJOLD]LRQLVWL M.C.I. S.p.A. garantisce ai propri clienti una soluzione pratica e veloce, una ULVSRVWDFHUWDHFRQFUHWDDWXWWHOHORURHVLJHQ]H


Madame G. del blog Calzediseta, grande amante ed esperta di calze ci racconterà curiosità, brand, modelli, dando utili consigli su come e cosa indossare per esaltare LQRVWULRXWÀW0DGDPH*VDFKH per ogni paio di gambe esiste la calza perfetta, che sa renderla più seducente e in questo spazio troverete consigli per le appassionate, le fashion victim o semplicemente per chi vuole osare con originalità il giusto look, colore e fantasia. Racconti e consigli per lui e per lei....alla scoperta di un mondo seducente e intrigante con Madame G.

Non chiamateli

calzini

di Madame G. L’affermazione di questo mese è: “belli sotto e stravaganti sopra”. In che senso vi chiederete? Nel senso che se fino a qualche tempo fa i gambaletti e i calzini erano relegati a stare sotto i pantaloni, ora orgogliosamente possiamo farne sfoggio con vestiti e gonne di ogni tipo...Dalla mini allo shorts, fino alle gonne a palloncino o a pieghe, minidress e gonne al ginocchio: il gambaletto regala al look un’aria spensierata, allegra e sicuramente originale. Conserva un sapore a tratti un po’ retrò, in quanto ricorda i calzettoni che portavano le adolescenti prima di fare il grande salto verso la “calza”, più adulta e più donna. Un accessorio, forse ancora non del tutto compreso, (sia dalle donne che dagli uomini), ma che indossato sa diventare protagonista del look e quest’anno ne abbiamo avuto la prova. Proprio per la sua immagine nuova, è un accessorio che comunica stravaganza, voglia di osare e sicurezza...in fon-

76


do diciamolo è più facile indossare una minigonna cortissima con un paio di calze coprenti o un leggins che un gonna di qualsiasi lunghezza con un paio di calzini colorati. Questione di coraggio, autostima e sicurezza personale? Forse.. Con la bella stagione, il sole e l’aria tiepida c’è voglia di scoprirsi, inutile negarlo. I calzini ci danno l’opportunità di giocare con il nostro look, di abbinare colori, tessuti e accessori.. divertendoci e cercando di essere sexy o sbarazzine. Ho constatato che è molto apprezzato da ambo i sessi, viene visto come spiritoso, sdrammatizza l’outif, ma allo stesso tempo lo impreziosisce. Ci sono donne amanti di questo tipo di accessorio, interpretato come un misto di brio e sensualità e poi ci sono molti uomini favorevoli al calzino a vista, interpretato come un accessorio sexy. Corti o lunghi al ginocchio, traforati o a fantasia, in pizzo o cotone, con fiocchi o altre piccole applicazioni i calzini sono adorabili da vedere sbucare da un paio di jeans, abbinati a un bel paio di decoltè o di Marie Jane, ma anche con dei bikers in versione più rock. Un’ottima soluzione per chi non ama i collant, un piccolo elemento che regala quel pizzico di raffinatezza e una nota di carattere positiva al vostro outfit. Necessario fare attenzione alla forma della vostra gamba: ideale per chi ha belle gambe, un modo originale per valorizzarle, soprattutto in primavera quando ci si comincia a scoprire e le ragazze alte saranno avvantaggiate. Che scarpe abbinare? Bikers, stivali bassi e sportivi vanno bene con calzini di lana o cotone traforato, lasciando magari intravedere solo la parte alta; se puntiamo al gambaletto con una fantasia elegante o estrosa, Penso ai calzini con applicazioni come pizzo, pietre, strass e fiocchi, una bella scarpa arricchisce maggiormente l’effetto, quindi tacchi alti e decoltè per non sbagliare o scarpe con il cinturino o una Mery Jane, che gioca bene con lo stile del gambaletto. E poi ci sono i sandali: un binomio promosso e sdoganato dalle passerelle.

Per info e consigli potete visitare il blog calzediseta.wordpress.com o scrivere a calzediseta@gmail.com. Segui Calzediseta su Fb, twitter, Pinterest e Instagram Madame G

Photo by Salvatore Romano e Madame G.

77


Sfera Servizi: “Quello che le banche non dicono” Analisi e controllo dei diversi rapporti bancari e parabancari

Abbiamo avuto l’occasione di intervistare il Dott. Michele Schito, esperto in

appartengono all’azienda, ma che la banca indebitamente ha trattenuto,

contabilità bancaria e co-fondatore del marchio Sfera Servizi che da oltre

talvolta le aziende si risollevano economicamente e riabilitano la propria

vent’anni svolge attività di consulenza finanziaria per le imprese.

immagine finanziaria.

Negli ultimi anni la vostra attività si è focalizzata principalmente su un

Negli ultimi anni sono sorte parecchie società che si occupano di valu-

servizio denominato “Controllo Banca”, che svolge l’analisi e il con-

tare gli illeciti bancari e promettono ai clienti di far recuperare i propri

trollo dei diversi rapporti bancari e parabancari (conti correnti ordina-

soldi…

ri, anticipi fatture, sbf, mutui, leasing, finanziamenti, swap, derivati,

…molte di queste hanno un’ottima capacità commerciale e sembrano

investimenti in titoli, ecc.).

offrire condizioni allettanti. Purtroppo non tutte hanno le reali competenze

Il controllo che effettuiamo è volto al riscontro di eventuali errori o illeciti

professionali per offrire tale servizio ed è importante sapere che solo

che la banca opera a danno dei clienti. Purtroppo dalle nostre statistiche

pochi effettuano una reale analisi di tutti i movimenti, derivante da una

è emerso che oltre il 95% delle posizioni bancarie esaminate hanno subi-

ricostruzione degli estratti conto riga per riga, movimento per movimento.

to illeciti di varia natura. Oggi alcuni di questi illeciti sono più noti grazie ai

La maggior parte di loro effettua solo calcoli di media sui saldi, gener-

media. Infatti le aziende ormai conoscono bene termini quali anatocismo

ando risultati considerevolmente differenti in termini di recupero a svan-

e usura bancaria, ma in realtà solo pochi sanno che questi non sono gli

taggio del cliente. Inoltre, noi abbiamo istituito all’interno di Sfera Servizi

unici illeciti operati dalle banche.

un ufficio studi composto da esperti in contabilità bancaria e legali che si occupa di aggiornare quotidianamente la giurisprudenza in materia

Perché in passato non si operavano tali controlli benché quasi la total-

e di trasformarla in procedura operativa. Ogni giorno vengono emesse

ità delle aziende è da sempre ricorsa a finanziamenti e affidamenti di

nuove sentenze, nuovi regolamenti, ecc. e non essere aggiornati significa

varia natura e quasi ogni famiglia ha o ha avuto erogato un mutuo?

compromettere il buon esito e il recupero.

Se in passato una florida economia poteva generare tranquillità alle

78

aziende che pertanto ponevano come priorità la produttività, l’espansione,

Come si svolge quindi il vostro lavoro?

l’organizzazione e il rapporto con le banche appariva idilliaco a tal punto

La prima analisi è GRATUITA: le aziende hanno la possibilità di sapere

da non porsi il problema su cosa, come e quanto potessero arrotondare

senza alcuna spesa e concretamente se sui loro documenti ed estratti

sui propri fidi, oggi la situazione non lo consente. Le aziende e le famiglie

conto in effetti la banca ha sottratto denaro in più rispetto a quanto pat-

si trovano ad affrontare sempre più spesso momenti di forte tensione

tuito, oltre i limiti previsti dalla legge o con sistemi non leciti e in che or-

finanziaria e le banche costringono sempre più spesso le aziende a rien-

dine di grandezza. Questo primo risultato è provvisorio e calcolato con

tri immediati e senza considerazione alcuna se si è stati da sempre dei

metodi prudenziali e serve all’azienda principalmente per valutare se

buon pagatori. I parametri per l’accesso al credito, inoltre, sono diventati

un’azione nei confronti della banca è dovuta e se è conveniente. In base

sempre più restrittivi…Per un imprenditore sapere che le banche hanno

alle risultanze ottenute, l’azienda potrà decidere se procedere o meno al

trattenuto indebitamente delle somme talvolta spropositate sulle proprie

recupero del proprio denaro. Sfera Servizi provvede quindi ad elaborare

posizioni, che tali somme sono recuperabili e che spesso non è l’azienda

una rigorosa e dettagliata perizia tecnica per quantificare quanto illegit-

debitrice verso la banca ma esattamente l’opposto… è una notizia che

timamente addebitato dalla banca, evidenziando gli aspetti tecnici e nor-

sconvolge, fa rabbia, ma insieme da nuova spinta. Con quei capitali che

mativi della contestazione.


79


Southlands English School

â&#x20AC;&#x153;Southlands English Schoolâ&#x20AC;? is a long established private independent day school for boys and girls between the ages of 3 and 18 years old and follows the English National Curriculum and is one of the leading British Schools in Rome. Southlands is a recognised teaching institution by the UK EducaWLRQ 6WDWH 'HSDUWPHQW E\ &2%,6 &RXQFLO of British International Schools) and RISA (Rome International Schools Association). It is also an accredited centre for G.C.S.E. ex-

80

aminations and other Edexcel exams. The aim of the school is to provide a sound British education. Classes are held entirely in English for all subjects. All our teachers are English mother tongue, fully qualiĂ&#x20AC;HG DQG H[SHULHQFHG $GPLVVLRQ LV RSHQ WR all children within the age range, throughout the school year. There is no entrance examination, except for the Secondary school. Our enrolment process involves arranging a meeting with the Principal (Mr Wilson) who


will meet you and your family and a subsequent meeting with Mr Beretta who will be able to outline the enrolment process and fees. Alternatively, we would also be happy to arrange a Skype interview with Mr Wilson if an on-site visit is not possible. We cur-

rently offer the course which leads to the A $GYDQFHG /HYHOTXDOLÀFDWLRQDQGZLOOFRQtinue to do so while we are working our way through the IB accreditation process which will allow the School to offer the IB programme from September 2015.

6RXWKODQGV KDV LWV RZQ ÁHHW RI EXVHV DQG children are collected directly from home in most areas of southern Rome. Other areas can be served on request. Bus monitors accompany the children on their journey to and from school and all buses have seat

belts. Child-seats are also provided. For detailed information please have a look at our website www.southlands.it and if you wish to download enrolment forms go to the Admissions drop-down menu and click on Process/Forms.

OPEN DAY 24th June 2014 9.30 - 15.00 visitors welcome CASALPALOCCO (ROMA) VIA TELECLIDE, 40 TEL./FAX 06 5053932 - 06 50917192 WWW.SOUTHLANDS.IT 81


Arte e creativitĂ 

Frida Khalo

Fu una pittrice dalla vita travagliata, le piaceva dire di essere nata nel 1910, perchĂŠ si sentiva profondamente figlia della rivoluzione messicana di quellâ&#x20AC;&#x2122;anno e del Messico moderno

82


di G.T.C.

Nacque a Coyoacán, una delegazione di Città del Messico, il 6 luglio del 1907, figlia di un fotografo ebreo nato in Germania e di Matilde Calderón y González, una benestante messicana di origini ispanico - amerinde. Frida fu una pittrice dalla vita travagliata. Le piaceva dire di essere nata nel 1910, poiché si sentiva profondamente figlia della rivoluzione messicana di quell’anno e del Messico moderno. La sua attività artistica ha avuto di recente una rivalutazione, in particolare in Europa, con l’allestimento di numerose mostre. Affetta da spina bifida, fin dall’adolescenza manifestò una personalità molto forte, unita a un singolare talento artistico e uno spirito indipendente e passionale, riluttante verso ogni convenzione sociale. Studiò inizialmente in una scuola tedesca, successivamente all’ università presso la facoltà di medicina . Qui si lega ai Cachuchas,

per contribuire finanziariamente alla sua famiglia, un giorno decise di

un gruppo di studenti con un berretto come segno distintivo, sostenitori

portare i suoi dipinti a Diego Rivera, illustre pittore dell’epoca. Rivera rima-

del nazional-socialismo, e inizia a dipingere per divertimento i ritratti dei

se assai colpito dallo stile moderno di Frida, tanto che la trasse sotto la

compagni di studio. Il gruppo ammira il rivoluzionario José Vasconcelos e

propria ala e la inserì nella scena politica e culturale messicana. Divenne

si occupa in particolare di letteratura; molte attenzioni erano riservate so-

un’attivista del Partito Comunista Messicano a cui si iscrisse nel 1928. Par-

prattutto a Alejandro Gomez Arias, studente di diritto e giornalista, capo

tecipò a numerose manifestazioni e nel frattempo si innamorò di Diego

spirituale e ispiratore dei Cachuchas e di cui Frida si innamora.

Rivera. Nel 1929 lo sposò pur sapendo dei continui tradimenti a cui sa-

Un evento terribile, all’età di 18 anni, cambiò drasticamente la sua vita

rebbe andata incontro. Conseguentemente alle sofferenze sentimentali

e la rinchiuse in una profonda solitudine che ebbe solo l’arte come uni-

ebbe anche lei numerosi rapporti extraconiugali, comprese varie espe-

ca finestra nel mondo. Frida all’uscita di scuola salì su un autobus con

rienze omosessuali. In quegli anni al marito Rivera furono commissionati

Alejandro per tornare a casa e pochi minuti dopo rimase vittima dell’inci-

alcuni lavori negli USA, come il muro all’interno del Rockefeller Center di

dente causato dall’autobus su cui viaggiava e un tram. Le conseguenze

New York, e gli affreschi per la Esposizione universale di Chicago. A se-

dell’incidente furono gravissime per Frida tanto da dover subire ben 32

guito dello scalpore suscitato dall’affresco nel Rockefeller Center, in cui un

operazioni chirurgiche. Fu costretta ad anni di riposo nel letto di casa, col

operaio aveva il volto di Lenin, gli furono revocate tali commissioni. Nel-

busto ingessato. Questa situazione la spinse a leggere libri sul movimen-

lo stesso periodo di soggiorno a New York, Frida rimase incinta, per poi

to comunista e a dipingere. Il suo primo soggetto fu un autoritratto che

avere un aborto spontaneo a causa dell’inadeguatezza del suo fisico: ciò

donò al ragazzo di cui era innamorata. Da ciò la scelta dei genitori di re-

la scosse molto e decise di tornare in Messico col marito. I due decisero

galarle un letto a baldacchino con uno specchio sul soffitto, in modo che

di vivere in due case separate, collegate da un ponte, in modo da avere

potesse vedersi, e dei colori. Iniziò così la serie di autoritratti. “Dipingo me

ognuno i propri spazi “da artista”. Nel 1939 divorziarono a causa del tra-

stessa perché passo molto tempo da sola e sono il soggetto che conosco

dimento di Rivera con Cristina Kahlo, la sorella di Frida. Rivera tornò da

meglio” affermò. Dopo che le fu rimosso il gesso riuscì a camminare, con

Frida un anno dopo: malgrado i tradimenti non aveva smesso di amarla.

dolori che sopportò per tutta la vita. Fatta dell’arte la sua ragion d’essere,

Le fece una nuova proposta di matrimonio che lei accettò con riserve, in

83


84

quanto era rimasta pesantemente delusa dall’infedeltà del coniuge. Si

tire dal 1938 l’attività pittorica s’intensifica: i suoi dipinti non si limitano più

risposarono nel 1940 a San Francisco. Da lui aveva assimilato uno stile

alla semplice descrizione degli incidenti della sua vita, parlano del suo

naïf, che la portò a dipingere piccoli autoritratti ispirati all’arte popolare

stato interiore e del suo modo di percepire la relazione con il mondo e

ed alle tradizioni precolombiane. La sua intenzione era, ricorrendo a sog-

quasi tutti includono tra i soggetti un bambino, sua personificazione. Nel

getti tratti dalle civiltà native, di affermare la propria identità messicana.

1938 il poeta e saggista surrealista André Breton vide per la prima volta il

La sua appassionata (ed all’epoca discussa) storia d’amore con Rivera è

suo lavoro: ne rimase talmente colpito da proporle una mostra a Parigi e

raccontata in un suo diario. Ebbe numerosi amanti, di ambo i sessi, con

proclamò che Frida fosse “una surrealista creatasi con le proprie mani”. A

nomi che nemmeno all’epoca potevano passare inosservati: il rivoluzio-

Parigi Frida frequentò i surrealisti facendosi scortare nei caffè degli artisti

nario russo Lev Trotsky e il poeta André Breton, fra i tanti altri e altre. Fu

e nei night club; tuttavia trovò la città decadente. Sapeva che l’etichetta

amica e probabilmente amante di Tina Modotti, militante comunista e

surrealista le avrebbe portato l’approvazione dei critici, ma allo stesso

fotografa nel Messico degli anni venti Pochi anni prima della sua morte

tempo le piaceva l’idea di essere considerata un’artista originale. Quello

le venne amputata la gamba destra, ormai in gangrena. Morì di polmo-

che può essere considerato il suo lavoro più surrealista è il quadro Ciò

nite bronchiale. Fu cremata e le sue ceneri sono conservate nella sua

che l’acqua mi ha dato: immagini di paura, sessualità, memoria e dolore

Casa Azul, oggi sede del Museo Frida Kahlo. Le ultime parole che scrisse

galleggiano nell’acqua di una vasca da bagno, dalla quale affiorano le

nel diario furono: “Spero che l’uscita sia gioiosa e spero di non tornare

gambe dell’artista. In quest’opera così enigmatica sono chiari i riferimenti

mai più “ Le caratteristiche artistiche :Il regalo del letto a baldacchino,

a Salvador Dalí, soprattutto per l’insistenza sui dettagli minuti. Estrema-

con annessa l’installazione di uno specchio, durante il suo prolungato

mente surreale è anche il suo diario personale, iniziato nel 1944 e tenuto

immobilismo, ebbero inizialmente per Frida un effetto sconvolgente e la

fino alla morte, una sorta di monologo interiore scandito da immagini

portarono al ricorrente tema dell’autoritratto. Il primo che dipinse fu per

e parole. Per molte immagini il punto di partenza era una macchia di

il suo amore adolescenziale, Alejandro. Nei suoi ritratti raffigurò molto

inchiostro o una linea, come se usasse la tecnica dell’automatismo per

spesso gli aspetti drammatici della sua vita, il più importante dei qua-

verificare le sue nevrosi. In ogni caso, nonostante l’accento posto sul do-

li fu senza dubbio l’incidente del 1925. Il rapporto ossessivo con il suo

lore, sull’erotismo represso e sull’uso di figure ibride, la visione di Frida

corpo martoriato caratterizza uno degli aspetti fondamentali della sua

era ben lontana da quella surrealista: la sua immaginazione non era un

arte: crea visioni del corpo femminile non più distorto da uno sguardo

modo per uscire dalla logica ed immergersi nel subconscio, ma piuttosto

maschile. Allo stesso tempo coglie l’occasione di difendere il suo popo-

il prodotto della sua vita che lei cercava di rendere accessibile attraverso

lo attraverso la sua arte facendovi confluire il folclore messicano. Sotto

un simbolismo. La sua idea di surrealismo era giocosa, diceva che esso

questo aspetto, forte ma allo stesso tempo sfumato di humour, risulta nei

“è la magica sorpresa di trovare un leone nell’armadio, dove eri sicuro di

suoi quadri l’impatto di elementi fantastici accostati a oggetti in apparen-

trovare le camicie”. Anni dopo Frida negherà violentemente di aver preso

za incongruenti. Si tratta di quadri di piccole dimensioni (Frida predilige il

parte al movimento, forse perché negli anni quaranta questo cessò di es-

formato 30 x 37 cm) dove si autoritrae con una colonna romana fratturata

sere di moda. Frida Kahlo è stata la prima donna latinoamericana ritratta

a ricordo della sua spina dorsale e circondata dalle numerose scimmie

su un francobollo degli Stati Uniti, emesso il 21 giugno 2001. L’immagine

che cura come figlie nella sua casa. Il rapporto con il Surrealismo A par-

scelta è un autoritratto dell’artista eseguito nel 1933.


Da “Davide Causio” a “Delizie di pane” in tre generazioni!

85


XV Municipio

Promozione della cultura: Il nuovo bibliopoint del Municipio XV Nasce a La Storta il “Bibliopoint” del Municipio Roma XV presso l’istituto comprensivo Soglian Amaldi di Via Cassia km 18.700.

Fin dall’antichità segno di prestigio ed istituzione di civiltà, la biblioteca, oggi più che mai, deve continuare ad essere veicolo di trasmissione del sapere. Un vero e proprio dispenser di cultura, strumento di crescita sociale ed intellettuale che possa accompagnare i ragazzi (e non solo) in un cammino scolastico ed esistenziale. E’ un segnale forte che parte da un principio significativo ed essenziale quello della scuola Amaldi che sceglie di potenziare l’istruzione e l’informazione, perni della democrazia. Non resta che sfruttare il più possibile questo Bibliopoint e divorare tutti i libri presenti. Non siatene mai sazi! Così è nato “Biblioamaldi”, il nuovo Bibliopint, situato in via Cassia km 18.700, ed inaugurato lo scorso 4 giugno alla presenza del presidente del Municipio XV. “Biblioamaldi” è uno spazio dedicato alla cultura che resterà aperto al pubblico anche al di fuori dell’orario scolastico. Oltre ai libri disponibili, la biblioteca permetterà l’accesso a tutti i servizi e ai titoli offerti dalle Biblioteche di Roma Capitale. Nella struttura, oltre alle comuni attività di spazi per la lettura e i servizi di biblioteca, saranno organizzati laboratori di scrittura, incontri con autori ed esposizioni culturali. I bambini dell’orchestra dell’Istituto Amaldi l’hanno intonata mercoledì 4 giugno, durante la cerimonia d’apertura del primo Bibliopoint del XV Municipio. Partecipazione ed entusiasmo hanno contraddistinto la giornata dedicata allo strumento in grado di stimolare al confronto, alla critica, allo sviluppo: il libro. Nel cortile del plesso Amaldi di via G. Gallina, è stato inaugurato il “BiblioAmaldi”, un servizio culturale rivolto ai bambini, ai ragazzi, agli adulti, che rafforza il ruolo della biblioteca pubblica e regala al territorio il libero accesso a fonti di conoscenza ed arricchimento. In un contesto segnato dall’assenza di finanziamenti e progettualità nelle scuole italiane e della crisi dell’istituzione scolastica, le biblioteche diventano un nodale strumento per valorizzare la cultura e lo studio. Si tratta di un progetto che si è concretizzato grazie allo sforzo integrato di diversi attori sociali, un lavoro a cui hanno contribuito l’Amministrazione Comunale, i docenti,

86


il Consiglio d’Istituto, gli amministratori del

isfatti di poter annunciare la nascita di una

XV Municipio, le famiglie e le associazioni

nuova biblioteca nel XV Municipio. Nel nos-

Vivi Vejo, Il Melograno, Movimento di co-

tro territorio era presente una sola biblioteca

operazione educativa, Magicblueray. Un

comunale nella zona di Labaro e quindi la

luogo pubblico della cultura e del sapere,

Cassia era totalmente sprovvista di questo

inserito nel circuito “Biblioteche di Roma” che

servizio.... Ringraziamo la Scuola Amaldi,

resterà aperto al pubblico anche al di fuori

la dirigente scolastica Anna D’Auria, Biblio-

dell’orario scolastico. Un duplice obiettivo

teche di Roma, Roma Capitale e tutte le as-

quello che, in due anni di lavoro, ha portato

sociazioni che prenderanno parte all’evento

alla realizzazione del BiblioAmaldi: da un

di domani”, hanno dichiarato l’Assessore

lato offrire agli alunni un centro di risorse

alla Cultura del XV Municipio Alessandro

per l’apprendimento e al contempo met-

Cozza e il Consigliere Muncipale Riccardo

tere tale risorsa a disposizione del territorio,

Ruggeri. L’inaugurazione si è aperta con i

potenziando così l’offerta formativa non solo

concerti dell’orchestra e del coro dell’Istituto.

della scuola ma dell’intero quartiere. Queste

Dopo il saluto del Dirigente Scolastico Anna

le parole del Dirigente Scolastico Dott.ssa

D’Auria e delle Autorità presenti, sono pre-

Anna D’Auria che con grande entusiasmo

visti laboratori di lettura animata, di scrittura

ha affermato “un traguardo importante

collettiva, staffetta del libro, esposizioni di

l’abbiamo raggiunto, nella realizzazione del

lavori degli alunni, Writers all’opera, incontri

nesso tra cultura, società e democrazia”.

con autori, stand. Il tutto a cura dei docenti

Intervenuti durante l’inaugurazione anche il

, dei genitori e delle Associazioni : Movi-

Presidente del XV Municipio Daniele Torqua-

mento di Cooperazione Educativa, Vivi Vejo,

ti e l’Assessore alla scuola Alessandro

Il Melograno, MagicBlueRay. L’evento si con-

Cozza, concordi nel ritenere tale progetto

cluderà con la chiusura del concorso “ Amo

l’emblema di una fruttuosa collaborazione

chi legge“ e la scelta delle prime 10 opere

tra istituzioni e valido contributo nei confronti

degli alunni che entreranno a far parte in

della comunità. “Siamo veramente sodd-

modo stabile del Bibliopoint.

87


Benvenuti a

88


EUROMA2!

89


Uno dei più bei Centri del grande gruppo internazionale Groupe Gen-

nostre città, e la modernità dei più rinomati mall commerciali interna-

erale Immobiliere, che nei suoi 50 anni di storia ha sviluppato oltre 40

zionali. Tra i valori distintivi di Euroma2 vi è la sua localizzazione, all’EUR,

Centri in tutta Europa. Benvenuti in un Centro Commerciale unico per

un quartiere residenziale e d’affari di grande prestigio, collocato nel

stile ed eleganza, un luogo dove le migliori marche incontrano i con-

contesto urbano di Roma e facilmente accessibile. Euroma2 è situato

sumatori e dove le persone hanno l’opportunità di vivere un’esperienza

all’incrocio tra Viale Cristoforo Colombo e Via dell’Oceano Pacifico, como-

ricca, gratificante, rilassante, coinvolgente. Euroma2 è uno dei più grandi

damente raggiungibile sia dal Grande Raccordo Anulare che dal centro

Centri Commerciali esistenti in Italia, ma si distingue da tutti gli altri, an-

città, attraverso Via Cristoforo Colombo, arteria di grande scorrimento.

zitutto per l’architettura e per l’ambientazione, che coniugano te-cnologia

Sull’asse viario che serve Euroma2 transitano giornalmente oltre 200.000

e design, lusso e praticità, materiali e manufatti pregiati e una logistica

veicoli. Euroma2 si inserisce in un nuovo comprensorio immobiliare, che

ideale. Si distingue inoltre per l’offerta commerciale, composta da 200

comprende edifici residenziali di elevato valore ed un centro direzion-

negozi, appartenenti a tutte le categorie merceologiche del largo con-

ale di rilievo nazionale che ospita, tra gli altri, il Ministero della Salute,

sumo e caratterizzati dalle migliori insegne, da 30 cafè e ristoranti, dai

Procter&Gamble Italia, e che accoglierà prossimamente Provincia di

più accurati servizi (tra i quali un parcheggio di oltre 4.000 posti auto),

Roma e ATAC.

in un mix capace di incontrare le esigenze dei visitatori più esigenti. Euroma2 poi ha un carattere speciale: vivace, glamour, aperto, accogliente,

90

un carattere che arricchisce l’offerta commerciale, andando a costruire

info:

una shopping experience esclusiva, irripetibile. Euroma2: un ponte tra la

www.euroma2.it

tradizione, tipica dell’offerta delle più importanti piazze e vie centrali delle

www.facebook.com/CentroCommercialeEuroma2


91


Il sublime piacere del gusto

FABIO CAMPOLI. Un modo di fare cucina che è diventato uno stile inimitabile. Una cucina che porta il segno della contaminazione tra la sperimentazione che ricerca il nuovo e la tradizione che affonda nei sapori tipici. Ma non solo. Chef di Rai Uno, food designer, consulente, testimonial, docente, organizzatore di eventi, tre libri all’attivo e Presidente del Circolo dei Buongustai: tutto questo è Fabio Campoli.

Peperoncino, filosofia di vita… Il peperoncino non è solo un alimento, ma una vera filosofia di vita.

diventato un cultore. Spesso presente nelle mie ricette, il peperoncino

Quando si parla di peperoncino con la mente viaggio subito verso la

regala aroma e sapore, esalta con il suo colore il piatto e lo rende vi-

Calabria e Diamante, patria dell’Accademia di cui sono membro e di

vace in tutti i sensi. In origine era la spezia dei poveri, facilmente colti-

uno dei festival più pittoreschi che da 20 anni si dedicano a questa

vabile da per tutto e l’unica che il popolo poteva permettersi. Ecco per-

spezia. Il peperoncino è il piccante della vita, non a caso si dice che

ché la cucina al peperoncino riflette tradizioni popolari e un percorso

abbia grande potere afrodisiaco, oltre alle virtù benefiche per la sa-

gastronomico fatto di sapori genuini e a suo modo ricca, di fantasia

lute. Ricco di vitamina e di capsaicina è antiossidante, vasodilatatore,

e di cultura. Impariamo a conoscerlo e sceglierlo nelle sue numerose

difende dalle infezioni e aiuta la digestione. Questa spezia speciale

varianti: fresco, secco, macinato, in olio. Ma soprattutto riconoscere

con il suo rosso, le sue forme rotonde o allungate, è anche simbolo di

e usare quello originale e di qualità, tra le numerose contraffazioni

allegria, di gioia di vivere, di festa e di sapore. Da anni sono protago-

esistenti sul mercato.

nista a Diamante del Festival de Peperoncino e col tempo ne sono

www.ilcircolodeibuongustai.net 92


93


Il sublime piacere del gusto

Alici panate al cacao con jalapeño e mozzarella Ingredienti per 4 persone: 16 alici fresche 150 g di fior di latte 150 g di mollica di pane in cassetta setacciata 60 g di fecola di patate 20 g di peperoncino fresco, meglio se jalapeño 60 g d’olio extravergine d’oliva dal fruttato delicato 5 g di cacao amaro 4 g di timo fresco Per guarnire: insalatina da taglio In una ciotola metto la mollica del pane in cassetta setacciata, il cacao, il timo appena tritato e miscelo il tutto fino a renderlo omogeneo. Dispongo le alici pulite e diliscate su un vassoio con la pancia rivolta verso l’alto, le cospargo con un po’ di fecola di patate, le rivolto e ripeto l’operazione dall’altro lato, poi le lascio riposare per cinque minuti, fin quando non vedo che la fecola è stata assorbita dai liquidi delle alici; a questo punto ho ottenuto un valido collante senza mettere farina, troppo lunga da cuocere e più pesante. Passo, quindi, le alici soltanto dalla parte della pelle nella panatura al cacao, facendo attenzione a non far penetrare il pane all’interno dei pesci, quindi li dispongo di nuovo su un vassoio con la pancia rivolta verso l’alto. Farcisco l’interno delle alici con un filetto di peperoncino e una striscetta di mozzarella tagliata longitudinalmente, quindi arrotolo e le chiudo con uno stecchino. Poco prima di servire le scotto in padella con l’olio caldo badando di non farle friggere (devono risultare croccanti fuori e morbide dentro). Infine, impiatto con dell’insalatina da taglio, che funge da fresco piedistallo.

94


Quattro zampe e una penna

X favore portami con te

TOM & JERRY

ISACCO HA BISOGNO DI UNA VERA FAMIGLIA

STELLA DERIVATA BORDER COLLIE

LORO SONO TOM & JERRY, DUE SPLENDIDI FRATELLINI DI CIRCA 4 MESI, FUTURA TAGLIA GRANDE. SONO STATI TROVATI IN STRADA, PROBABILMENTE ABBANDONATI, DENUTRITI E TERRORIZZATI! ORA STANNO BENE, MA HANNO BISOGNO DI UNA FAMIGLIA CHE LI ADOTTI!

QUESTO CUCCIOLONE È STATO TROVATO A S.CESAREO IL 18/1/2014 CON IL VENTRE APERTO STRETTO DA UN LACCIO ELASTICO LEGATO DA QUALCHE MANIACO.ISACCO,È STATO SUBITO RICOVERATO IN UNA CLINICA IN GRAVISSIME CONDIZIONI POI OPERATO. ORA DOPO QUASI 5 MESI ISACCO È PRONTO PER UNA NUOVA FAMIGLIA.

L’HANNO CHIAMATA STELLA PERCHÉ I SUOI OCCHI SPLENDONO DI GIOIA E DI TANTA TENEREZZA, CIRCA 1 ANNO CHE SI ACCASATA DA UNA FAMIGLIA CHE VIVE IN ZONA CAMPO DI CARNE AD APRILIA (LT). NESSUNO HA RECLAMATO LA PICCOLINA E QUINDI ORA STIAMO CERCANDO UNA FAMIGLIA CHE LA POSSA ACCOGLIERE.

Rita 3388159282

Vanda 347 48 74 840 Roberta 393 98 22 305 Sonia 333 27 72 597 Antonietta 338 49 48 846 (dopo le 17.00)

Vanda 347 48 74 840 Roberta 393 98 22 305 Sonia 333 27 72 597 Antonietta 338 49 48 846 (dopo le 17.00)

LUSY, BELLISSIMA DERIVATO LABRADOR NERO

LUCY E’ UNO SPLENDIDO DERIVATO LABRADOR,E’ UNA CUCCIOLONA MOLTO BELLA E BUONISSIMA, NATA A MARZO 2012. AD APRILE 2013 È STATA ABBANDONATA DAL SUO PADRONE CHE NON LA VOLEVA PIÙ E LA MALTRATTAVA. ALCUNI VOLONTARI L’HANNO PRESA E QUELLO CHE HANNO POTUTO OFFRIRLE È STATA UNA PENSIONE A PAGAMENTO MA ORAMAI SONO DIVERSI MESI CHE E’ LI. Stefania 339 3764205 persissi@hotmail.com

NANDO, ADOZIONE DEL CUORE PER QUESTO BRACCHETTO

DOLCE NANDO,UN BRACCO DI CIRCA 8 ANNI SEI DEI QUALI TRASCORSI IN UN RIFUGIO. E’ CIECO DA UN OCCHIO E I SUOI DENTI SONO ORMAI INESISTENTI. E’ TRISTE NANDO E LA SUA VITA CONSISTE IN QUELLA ORETTA QUANDO LA VOLONTARIA LO VA A TROVARE E SE LO PORTA A SPASSO. SALTA E TREMA DI FELICITÀ, CORRE ALL’IMPAZZATA MA POI RITORNA E TI VIENE INCONTRO PER UNA CAREZZA PER POI RIPRENDERE LA SUA CORSA E LE SUE ANNUSATE. Stefania 339 3764205 persissi@hotmail.com

RINGO, SPLENDIDO VOLPINO

RINGO È UN SIMPATICISSIMO VOLPINETTO DI 7 ANNI, ALLEGRO E SOCIEVOLE CON TUTTI. ADATTO A FAMIGLIE CON BAMBINI, È COMPATIBILE CON I GATTI E CON ALTRI CANI. EDUCATO AL GUINZAGLIO E ADATTO A VIVERE SIA IN GIARDINO CHE IN APPARTAMENTO. LA SUA TAGLIA È CONTENUTA PESERÀ SUI 10/12 KG. GODE DI BUONA SALUTE, VERRÀ AFFIDATO VACCINATO E MICROCIPPATO E GIÀ CASTRATO. Vanda 347 48 74 840 Roberta 393 98 22 305 Sonia 333 27 72 597 Antonietta 338 49 48 846 (dopo le 17.00)

www.misha.cc di A.M.

95


FTT

FreeTimeteenagers

Ai blocchi di partenza... Via!

Susanna Russello

di Susanna Russello Teenagers, ben trovati! Tra ripassi, lezioni pomeridiane e la stesura dell’inesauribile tesina, riesco finalmente a scrivere. Questo “studio matto e disperatissimo” sta dissanguando i maturandi: professori che non sono riusciti a finire il programma e perciò continuano imperterriti a spiegare argomenti su argomenti, che andranno solo a gonfiare ulteriormente le teste degli studenti; interrogazioni che imperversano perché sempre gli stessi prof. Non hanno abbastanza voti per tirarne fuori un giudizio finale o magari vuole aiutarti a migliorarlo (e tu lì che vorresti dirgli: “Non me ne frega niente glielo giuro, mi metta 6!”. E il Ministro dell’istruzione, che ha l’irritante idea di twittare: “Per la prima prova di quest’esame di stato studiate, studiate e studiate.” Ma che bella idea eh?, l’ho trovata sia inutile che offensiva, come se durante l’anno non si facesse nulla, come se ciò che si studia a scuola valesse zero, come

96 98

se non fosse ovvio che un ragazzo studi. Tra poco inoltre inizieranno i

autostima e determinazione: cerchiamo di vederla così, almeno per ora.

mondiali di calcio in Brasile, e l’avventura “maturità” assomiglierà sem-

Poi.. beh, poi c’è tanta curiosità: la vita che cambia perché si esce da

pre più al celebre “Notte prima degli esami” con Vaporidis ..”e gli aerei

un’età e si entra in un’altra. Le responsabilità, l’autonomia: è un salto non

volano alto tra New York e Mosca, ma questa notte è ancora nostra..”.

indifferente, da affrontare al meglio anche sotto il punto di vista psico-

L’ansia ancora non è al massimo, ma servirà ben poco per farlo sentire:

logico, perché sono tante le cose che cambiano. Il modo di vivere lo stu-

vedere per esempio i ragazzi uscire da scuola in grande festa il 7 gi-

dio per esempio, totalmente individuale e privo di svago, non indotto dai

ugno, riconoscersi piiiiiccoli piccoli di fronte ad un programma enorme,

prof. Che ti spronano, ti interrogano, ma autonomo: studio e verifica delle

mettere finalmente fine alla stesura della tesina, chiudersi in casa con

proprie conoscenze. La legge è: al di sopra del 18 passi, al di sotto no.

gli amici e fare nottata sui ripassi di matematica, greco, filosofia.. Tut-

Punto, non esiste voto da recuperare, professore dispiaciuto.. Ad ogni

tavia, quest’ansia porterà davvero alla maturità ognuno di noi, anche

modo basta pensare a noi miserevoli maturandi, per gran parte dei gio-

solo per quanto riguarda la capacità di affrontare la paura, ci regalerà

vani questo è il periodo migliore: c’è il sole, i gavettoni di fine scuola, e


l’inizio dell’estate. Ho due giornate da proporvi, dal 30 maggio al 2 giugno alla Fiera di Roma c’è il festival dell’Oriente, interessante no? Ci sono oltre trecento spettacoli tra cui cerimonie del the cinese, folklore coreano, danze giapponesi, corsi di scrittura orientale, massaggi e terapie.. il tutto costa 10 euro di ingresso (ridotto 8 euro), con apertura alle ore 10.30 e chiusura alle 22.30. Per informarvi basta andare su Google. In bocca al lupo ragazzi, che sia la prima tra le migliori estati! Se volete scrivermi a FTT per chiedermi qualsiasi tipo di parere su ogni aspetto della vostra vita da teenagers inviate una mail a susanna.russello@gmail.com. Dai piccoli problemi di cuore ad un consiglio per fare un regalo, una sorpresa, su qualche locale per organizzare una festa, posso consigliarvi dei ristoranti o dei pubs con bella musica, delle palestre attrezzate in cui allenarvi o qualche esercizio semplice ma efficace da fare in casa (amo il fitness!), io sono qui!

99 97


Dedicato ai futuri talenti

Arriva l’estate… …ristrutturiamo la casa al mare? di Filippo Maria Giordani In prossimità dell’estate non poteva mancare la ristrutturazione di un appartamento, con soprastante terrazza, in una nota località di mare vicina al Circeo. L’abitazione, di mq 90 circa, presentava due problemi: 1°- la scarsa ventilazione del salotto-pranzo; 2°l’unicità della sala da bagno. Per risolvere il primo problema, si è deciso di abbattere parte del muro di separazione tra l’ingresso e la cucina e di sostituirlo con un’ampia porta a vetri, scorrevole entro muro; in questo modo si è ottenuto il doppio beneficio di creare un flusso d’aria tra il finestrone del salone e la porta-finestra della cucina, con grande sollievo dei padroni di casa e dei loro ospiti e di accorciare notevolmente il percorso dalla cucina alla sala da pranzo, così da favorire la convivialità tra i volenterosi cuochi e i commensali. Vorrei far notare che, nell’ingresso, un fastidioso (ma necessario!) pilastro ha dato lo spunto per realizzare un preziosissimo ripostiglio per la scaletta, lo stendino, l’aspirapolvere, etc… Per risolvere il secondo problema, è stato necessario dividere in due

98

l’unico bagno. La porta originale a battente è stata sostituita da

per il pavimento che per le pareti e, per l’interno del box doccia, la pietra a

una scorrevole entro muro ed è al servizio del bagno del figlio e

spacco con finitura satinata. Per rendere visibile quest’ultima dall’esterno, si è

dei suoi tanti amici. La seconda porta, anch’essa scorrevole, è

optato per una porta trasparente in vetro temperato. I montanti del box, come

stata ricavata nel muro confinante con la camera matrimoniale

il grande soffione sandwich quadrato, i rubinetti a cascata degli altri sanitari e

e dà l’accesso ad un bagno ad uso esclusivo dei genitori. Per

la geberit, sono cromati; il secondo, più delicato, utilizza per il pavimento pias-

posizionare tutti i sanitari senza rinunciare a nessuno, si è uti-

trelle quadrate verdi, per le pareti piastrelle rettangolari bianche con fascione

lizzato lo spazio della vasca per ottenere due docce separate,

in rilievo rosa fucsia e lilla e, per l’interno del box doccia con montanti bianchi

abbastanza grandi da essere confortevoli; nel primo bagno il la-

e porta in vetro temperato trasparente, un mosaico dello stesso colore verde

vandino, il bidet e il vaso sono rimasti in linea, così come erano,

del pavimento; gradevole è il mobiletto bianco sospeso, che ha un frontale di

mentre nel secondo la disposizione è stata condizionata dalla

forma ondulata con due grandi cassetti e il ripiano, sempre in vetro tempera-

distanza dalla braga esistente. La caratteristica che colpisce di

to, nello stesso colore rosa fucsia del fascione. Completano la ristrutturazione

più è la differenza dei materiali di finitura dei due nuovi ambi-

dell’appartamento la sostituzione delle vecchie finestre e delle vecchie porte

enti: il primo utilizza piastrelle marrone scuro effetto metallo, sia

con infissi di gusto contemporaneo, la creazione di un impianto autonomo di


riscaldamento e uno di climatizzazione, la sostituzione del pavimento in piastrelle di ceramica lucida, troppo datato e consumato, con altre più moderne e ricercate e la completa riverniciatura di tutte le pareti in tinte allegre, adatte all’atmosfera vacanziera. Per quanto riguarda la terrazza soprastante, si è utilizzata una parte dello spazio coperto dal lastrico solare per realizzare tre piccoli locali da adibire a ripostiglio per il barbecue ed i suoi accessori, bagno e cucina; per il rivestimento di questi ultimi si sono usate ceramiche di Vietri. La pavimentazione, in piastrelle di ceramica (cm 33x33), di colore celeste acqua, è comune a tutta la terrazza, ambienti chiusi compresi; con una parte di queste piastrelle, tagliate a strisce di cm 11x33, si sono ricoperti i muretti di contenimento di quattro grandi fioriere, ottenendo così un effetto di mosaico verticale; la parte superiore di questi muretti è stata rifinita con lastre di travertino tagliate in un sol pezzo. L’effetto che si è ottenuto al termine di questa progettazione non è solo quello di una terrazza, ma di un vero e proprio giardino.

Filippo Maria Giordani di Willemburg Progettista d’interni, arredatore, designer contact@fmgdesign.it www.fmgdesign.it”

99


Street La moda e le passioni

Bad Examplez Š photo by Nadia Capanna

... i giovani che fanno 100 102


t Style nascono dalla strada

di A.M.G.T.

divertire i giovani!!! 103 101


Amor, ch’a nullo amato amar perdona La posta del cuore di Laura Solari Così scriveva Dante per dirci che quando si è tanto amati non si può non riamare. Ma è davvero così? Allora vorrebbe dire che quando non si è amati è perche non si ama abbastanza? Poco sappiamo dell’amore o forse tutto. Difficile spiegarlo, decifrarlo, capirlo e allora ci siamo inventati una rubrica dove, in versi, proveremo a dare risposte a chi di risposte non ne riesce a trovare perché, in fondo, come scriveva Emily Dickinson, “Che l’Amore sia tutto quel che c’è, è tutto ciò che sappiamo dell’Amore”.

Se ti senti un pò giù E un consiglio tu vuoi Scrivi presto a chi può Rischiarar giorni bui. Scrivici a: info@e42magazineroma.it 102


Volevo scoprire le donne e invece ho scoperto me stesso Ciao sono Antonia, ho 45 anni, un matrimonio bellissimo, un marito bellissimo e di cui sono stata molto innamorata, un figlio alle elementari, una bella casa e mi sento realizzata nel mio lavoro… Insomma che dire di più? Sembra una storia perfetta, una vita perfetta, eppure, qualche mese fa, l’incontro con Alberto ha sconvolto la mia vita. In un attimo ero pronta a mandare tutto all’aria, a scappare, ad abbracciare l’idea di un’altra vita con un’altra persona. Poi, però, sono rinsavita, nel senso che ho razionalizzato e adesso non so davvero cosa fare, perché, la verità, è che lui mi piace. E tanto. E troppo. Antonia, Roma

Stretta tra due fuochi Son dolori più che amori Da una parte la famiglia E dall’altra chi ti piglia Dovresti lasciar tutto E correre lontano Senza rimescolar di botto Una vita che è stata sana Dovrebbe il cuore Esser più forte del cervello Dovrebbe mandare all’aria Tutti i piani del castello Ma spesso la ratio Vigila sul nostro vagare E allora non ci resta Che stare a guardare… Le risposte le dà il tempo Tu vivi senza arrovellare il cervello

15 anni di differenza ma non chiamatelo “toy boy” E’ la moda del momento? Per me non è stato così: non sono una cinquantenne che pensa di non avere altre possibilità, non mi reputo una persona senza scrupoli, non ho mai avuto più relazioni contemporaneamente, sono stata molto tempo da sola e, soprattutto, non avrei mai immaginato di innamorarmi perdutamente di un ragazzo di 35 anni. L’età non è mai stato un problema, fin dal nostro incontro a casa di amici: ha iniziato a corteggiarmi discretamente riuscendo a smuovere la mia iniziale ritrosia dettata proprio dalla differenza d’età. Ora stiamo insieme da più di un anno sempre più convinta che la differenza la percepiscano gli altri più che noi perché, in fondo, è solo un preconcetto, un maschilista pregiudizio culturale.

Frida, Roma

Si diceva che la differenza Fosse tra l’essere e l’apparenza Si pensava che uomo e donna Dovessero stare insieme E questa fosse la norma Oggi il mondo s’è ribellato Alle regole stabilite dallo stato Ormai vige la trasparenza Di amare chi si vuole Con molta indifferenza E l’amore che regola tutto Ha vinto la sua battaglia E s’è levato il lutto Ora vaga in campi inesplorati E vede uomo e uomo Donna e donna Vivere sempre accoppiati In questo mondo colorato Cosa vuoi che sia Se il tuo uomo adorato Porta meno rughe in volto S’è il cuore tuo che in fondo ha avvolto?

103


Leggiamo La preghiera sulla punta delle dita di Papa Francesco (Jorge Mario Bergoglio) Un piccolo percorso di preghiera in cinque tappe... “sulla punta delle dita”. Spesso non preghiamo perchè pensiamo che sia difficile farlo o che sia difficile ricordare tutte le cose per cui pregare. Allora, ecco qui un piccolo sussidio per ricordare ciò per cui devi pregare: osserva la tua mano, in particolare le tue cinque dita. Un invito alla preghiera scritto da papa Francesco una quindicina di anni fa quando era ancora vescovodiBuenosAiresUnpiccolopercorsodipreghieraincinquetappe...“sullapuntadelledita”.

€ 1,50

San Paolo - Editore

October List di Deaver Jeffery Chiusa in una stanza, Gabriela aspetta da ore notizie della sua bambina. Finalmente, la porta di casa si apre. Ma non è la polizia, non è l’FBI: è l’uomo che ha sequestrato Sarah. E stringe in pugno una pistola... Comincia così, dalla fine, uno dei thriller più sorprendenti mai scritti da Jeffery Deaver, che racconta a ritroso l’incubo in cui è precipitata improvvisamente la vita di Gabriela. Sua figlia Sarah di sei anni è stata rapita. E a lei hanno dato un ultimatum: se vuole rivederla viva, deve versare un riscatto di mezzo milione di dollari e recuperare un documento scottante, su cui molti vorrebbero mettere le mani, la October List. Il tutto nel giro di trenta ore. In un susseguirsi serrato di colpi di scena per le strade di Manhattan, Deaver intesse una storia adrenalinica che si dipana al contrario da una domenica sera al venerdì. mattina, costruendo un magistrale inganno che si svela solo all’ultima pagina, ovvero al momento dell’imprevedibile inizio.

€ 19,00

Rizzoli - Editore

il desiderio di essere come tutti di Francesco Piccolo I funerali di Berlinguer e la scoperta del piacere di perdere, il rapimento Moro e il tradimento del padre, il coraggio intellettuale di Parise e il primo amore che muore il giorno di San Valentino, il discorso con cui Bertinotti cancellò il governo Prodi e la resa definitiva al gene della superficialità, la vita quotidiana durante i vent’anni di Berlusconi al potere, una frase di Craxi e un racconto di Carver... Se è vero che ci mettiamo una vita intera a diventare noi stessi, quando guardiamo all’indietro la strada è ben segnalata, una scia di intuizioni, attimi, folgorazioni e sbagli: il filo dei nostri giorni. Francesco Piccolo ha scritto un libro che è insieme il romanzo della sinistra italiana e un racconto di formazione individuale e collettiva: sarà impossibile non rispecchiarsi in queste pagine (per affinità o per opposizione), rileggendo parole e cose, rivelazioni e scacchi della nostra storia personale, e ricordando a ogni pagina che tutto ci riguarda. “Un’epoca quella in cui si vive - non si respinge, si può soltanto accoglierla”.

€ 18,00

104

Einaudi - Editore


Cinenews Pulp Fiction Regia di Quentin Tarantino. Interpreti:John Travolta, Uma Thurman, Samuel L. Jackson, Tim Roth. Il 7, 8 e 9 Aprile torna in oltre 100 sale in tutt’Italia Pulp Fiction, il film forse più famoso e celebrato di Quentin Tarantino, che continua a collezionare, a 20 anni dalla prima uscita, i più autorevoli riconoscimenti per la sua influenza sul cinema mondiale e i suoi fruitori. Risale solo a pochi mesi fa l’inclusione del popolarissimo film di Tarantino tra le opere rigorosamente selezionate dal National Film Preservation Board USA, che lo definisce “una pietra miliare nell’evoluzione del cinema indipendente (…) di notevole impatto sulla film industry (…) con uno script tra il profano e il poetico all’origine di un tour-de-force artistico profondo e indimenticabile”. Con ben 7 nomination agli Oscar (tra cui quello vinto come miglior sceneggiatura originale da Quentin Tarantino e Roger Avary), la Palma d’Oro al Festival di Cannes e una miriade di altri prestigiosi premi collezionati in Usa e nel mondo dal ’94 -spaziando dai Golden Globes e BAFTA agli MTV Awards fino ai David di Donatello-, Pulp Fiction non si può certo ignorare.

Grace di Monaco Regia di McG. Interpreti: Kevin Costner, Amber Heard, Hailee Steinfeld, Connie Nielsen, Tómas Lemarquis. Kevin Costner interpreta una spia internazionale che decide di abbandonare la sua vita vissuta sul filo del rasoio per riallacciare finalmente i rapporti con la moglie e la figlia, tenute sempre a debita distanza per proteggerle dai pericoli connessi al suo lavoro. Prima però dovrà portare a termine un’ultima missione, anche se questo significherà dover trovare un equilibrio tra i due compiti più difficili che gli siano mai stati assegnati: catturare il terrorista più pericoloso al mondo e proteggere la figlia adolescente. Costner dovrà quindi destreggiarsi tra inseguimenti mozzafiato per la capitale parigina e i comuni problemi di ogni genitore che si trova a gestire figli adolescenti.

Incompresa Regia di Asia Argento. Interpreti: Giulia Salerno, Charlotte Gainsbourg, Gabriel Garko, Carolina Poccioni, Alice Pea. Aria è una bambina di 9 anni che si ritrova suo malgrado a vivere una violenta separazione dei suoi genitori, lo strappo dalle sue “sorellastre” in una famiglia allargata. I suoi genitori non la amano quanto le vorrebbe. Aria, strattonata nel conflitto tra suo padre e sua madre, respinta e allontanata, attraversa la città con una sacca a strisce e un gatto nero, sfiorando l’abisso e la tragedia e cercando solo di salvaguardare la sua innocenza.

105


le lettere dei lettori di ROMA

Riceviamo sempre e-mail da parte dei nostri numerosi lettori, ne pubblichiamo alcune ringraziando ed invitando tutti a continuare a mandarci commenti, richieste e perchĂŠ no, anche critiche, qualora ce ne fossero. Grazie! Gilda Tucci

Caro direttore, ho saputo che la giunta di Marino ha chiuso delle strutture comunali di ricovero di cani e gatti. Oltre a mettere non si sa dove questi poveri animali, mi chiedo cosa ne sarĂ  di tutti coloro che lavoravano nelle strutture! Si sa che Marino è uno di quelli che praticava la vivisezione animale per cui questo la dice lunga sulla sua sensibilitĂ  verso ogni tipo di animale appunto. Eâ&#x20AC;&#x2122; un essere abietto, arrogante e antipatico, una vera iattura per tutti noi. Lo potremmo vivizionare cosĂŹ ci dice cosa si prova e almeno per una volta farebbe qualcosa di utile! Bravi perchĂŠ dedicate sempre uno spazio ai nostri amici a 4 zampe! Un animalista convinto Alessandro T

Caro direttore, il 6 giugno câ&#x20AC;&#x2122;è stato uno sciopero dei dipendenti comunali, che debbo dire si è trasformato, secondo me , in un vaffancâ&#x20AC;Ś day, nei riguardi di Marino, che ha mostrato tutto la sua arroganza , la sua antipatia e la sua incapacitĂ . So da fonti certe che nessuno lo sopporta mi chiedo se ci sia un modo per mandarlo a casa sua (Genova â&#x20AC;Ś ). Un romano stufo Pietro N .

106

Caro direttore, mi chiedo cosa ci faccia un medico in Campidoglio e per giunta genovese. Il tipo non conosce la cittĂ  e le VXHSUREOHPDWLFKHFRVDPROWRHYLGHQWHIDLOĂ&#x20AC;FRIDFHQGRĂ&#x20AC;QWD di andare in bicicletta , ma troppo deve pedalare per imparare â&#x20AC;Śâ&#x20AC;Ś Come si fa a cacciare via un sindaco, sgradito ai piĂš e incapace? In fondo è stato votato solo da circa i 21% dei romani, o meglio dagli zingari , che sono tutto meno che romani! ma non è reato il voto di scambio â&#x20AC;Śâ&#x20AC;Ś? Un lettore attento Giacomo R


La Parola di Pasquino Il Forum dei Cittadini e delle Istituzioni di Roma Capitale Giovani coraggio! Datevi da fare! (Volare…si può!!) Coraggio giovani, datevi da fare. Avete una vita davanti a voi che merita di essere vissuta. Non sprecatela cercando una cuccia nella quale rintanarvi per stare “sicuri”. Nella quale vivere “al caldo”, anche se modestamente. Non puntate sull’impiego pur che sia, come vi suggeriscono in molti. Non abbiate paura di sentirvi inadeguati nel mettervi in proprio. A divenire imprenditori. A crearvi un futuro che non sia soggetto alla volontà altrui o al condizionamento dell’azienda dalla quale dipendereste.Talvolta i vostri genitori cercano di raccomandarvi per una occupazione qualsiasi, perché si preoccupano del vostro futuro. Sono talora le disillusioni dei padri che non hanno avuto il coraggio di seguire i propri sogni, che li ispirano. Oppure perché non vi considerano all’altezza di una libera competizione, avendovi risparmiato – secondo le loro possibilità – le difficoltà della lotta per l’esistenza. Credendo che questo fosse il loro dovere di genitori. Iperproteggere i figli. O perché magari – da giovani - hanno abdicato a seguire un loro impulso creativo, a inventarsi una attività, a realizzare un progetto, percependone i rischi. Rinunciando ad essere arbitri del proprio destino e ripiegando infine in un impiego qualsivoglia che desse loro quel minimo di tranquillità esistenziale per crearsi una famiglia ed un futuro con meno incertezze. Ma questo è il classico abbandono dei propri sogni che crea rimpianti nel tempo.Sono convinto che alberghi in ciascuno di voi una aspirazione, anche piccola, dovuta magari a qualcuno o a qualcosa che ha suscitato in voi un’emozione. Un desiderio di emulazione. Il bisogno di provarci a realizzarla. Una idea che pensate innovativa. Che vi fa immaginare il Nobel…. Che magari presenta anche degli ostacoli, ma che ritenete di poter superare con la vostra giovinezza, che vi offre sempre una seconda (e probabilmente anche una terza) possibilità nella vita. Una sfida che avvertite alla vostra portata. .Che sentite vostra. Che sareste capaci di vincere, superando tutti i rischi che presenta. Costi quel che costi. Ma che parenti e amici vi consigliano di evitare (magari per non dovervi invidiare un domani!). Walt Disney ha detto: <Se puoi sognarlo, puoi farlo>.Internet ha moltiplicato le vostre possibilità. La rete è un oceano di occasioni. Non c’è limite di età per cercare di raggiungere il successo. Anche senza mezzi di produzione. Con Facebook Mark Zuckerberg lo ha raggiunto mentre era studente ad Harvard. Ora questo social network vale quasi più della General Motors (che produce “cose” vere e non solo “amicizie”!). E’ bastata una intuizione (e la volontà di costruirla) per creare un impero. Wikipedia – l’enciclopedia aperta – il quarto sito più cliccato al mondo, consente l’approfondimento di qualsiasi materia. Di conoscere pressoché tutto di ogni cosa. Vi apre un mare di possibilità. Il lavoro oggi scarseggia per una crisi globale scaturita a seguito del fallimento di una banca americana, che ha messo tutto il mondo di fronte ad una situazione tragica di errori e ad un eccesso di spesa che molte nazioni non si possono più permettere. La nostra fra le prime. Non solo il lavoro manca, ma è quasi assente. Si dice che le crisi epocali offrano grandi opportunità. Ne sono convinto. Noi Italiani – inoltre - sappiamo reagire bene quando siamo messi alle strette. Diamo il meglio di noi stessi in situazioni di difficoltà. Forse abbiamo nel nostro Dna il darci da fare quando ci troviamo in condizioni estreme o addirittura pericolose per la sopravvivenza. La cronica insicurezza, dovuta ad un passato tragico, ci ha fatto diventare i secondi risparmiatori al mondo, dopo i Giapponesi. Siamo coloro che hanno investito di più nel mattone ed abbiamo un patrimonio immobiliare che ci ha resi fra i Paesi più ricchi. Non ci sono mai certezze nella vita. Sempre e solo dubbi e decisioni da prendere. Tutto è difficile, ma niente è impossibile. Ma è proprio in questi momenti che la creatività italiana - che ci viene riconosciuta da tutti deve venire fuori in voi. E’ necessario che attiviate le vostre sinapsi ed i vostri neuroni per realizzarvi. Per trovare il coraggio di mettervi in proprio. Di dare forma ad una vostra

capacità. Di realizzare un vostro sogno. Per avviare un business spesso non servono capitali. Esistono leggi, aziende e banche che facilitano e finanziano le iniziative (digitate “start up” su Google). Adesso va molto il “crowfunding”. Se volete farvi finanziare basta avere molti amici su face book. Approfondite l’argomento, è alla vostra portata! Leggete le biografie di coloro che hanno realizzato nella loro vita, un progetto a cui tenevano molto, concretizzando un sogno, una intuizione, un desiderio. Sono pieni di passione nel descrivere come ci sono riusciti. Talora, per creare qualcosa ci vogliono anni, entusiasmo, volontà e sacrifici. Ma bisogna pur cominciare! Goethe sosteneva:<Qualunque cosa sogni d’intraprendere, cominciala. L’audacia ha del genio, del potere, della magia>. Ragazzi, coraggio “Volare…si può!! Giovani, non rinunciate alla Curiosità, con la C maiuscola. Non tiratevi indietro davanti ad esperienze nuove da cui possono scaturire idee e progetti che vi portano ad incrociare opportunità, occasioni e situazioni interessanti Mi sono lanciato da 4000 metri di altitudine, senza paracadute, per provare una sensazione nuova (ovviamente la “vela” ce l’aveva il mio pilotatandem!!). E’ stata un’esperienza straordinaria. Ne ho ricavato un saggio, anche fotografico. Non è una vanteria. Per lanciarsi da un aereo, si deve superare una soglia mentale di pericolo. E’ un po’la stessa sensazione che si prova nell’aprire un’azienda. Nel creare una start up. Nel divenire imprenditori. Nell’iniziare una attività in proprio, che presenta comunque dei rischi. Vi accorgerete poi, con soddisfazione, che sarete i soli a produrre ricchezza e posti di lavoro per voi stessi e per gli altri. P.S. Sta per uscire l’e-book della Abelbooks, intitolato “Volare…si può!!” da cui sono state tratte le foto riportate. La conversazione continua sul Forum La Parola di Pasquino www.laparoladipasquino.it

107


La Parola di Pasquino Il Forum dei Cittadini e delle Istituzioni di Roma Capitale

Mercati rionali: un dramma da affrontare!

Quattro mesi in aula Giulio Cesare fatti di presidi contro una serie di delibere urbanistiche dedicate al settore e alle problematiche dei mercati rionali a cui gli operatori e tante delle associazioni che li rappresentano dichiarano di poter rispondere che la società civile era lì, in Campidoglio, mentre la politica era alquanto latitante. Così, alcuni di loro dichiarano: “Se tutti questi proclami contro una classe politica che si occupa solo di posti, tessere e preferenze e che deve diventare invece aperta a una stagione nuova con il coinvolgimento delle esperienze civiche non sono il solito refrain, lo vedremo dalle prossime mosse degli interessati e del PD romano.” E propongono: In Campidoglio: si prosegua sulla strada indicata dal programma del Sindaco Marino, quella delle regole per e riportare al centro dell’amministrazione cittadina e delle trasformazioni urbane l’interesse pubblico e la trasparenza; si porti fino in fondo la scelta della rigenerazione urbana e dello stop al consumo dell’Agro, abbandonando per sempre il ricorso alle eccezioni e alle deroghe che moltiplicano il cemento e aggiornando il PRG alle esigenze della Capitale di oggi e di domani; si archivino le proposte di scambi immobiliari – mercati rionali o altro – e le procedure che aggirano le norme europee sulla libera concorrenza; si chiuda la stagione dei project financing che non hanno alcun interesse pubblico ma che ne hanno molti privati, della vendita o svendita dei beni comuni, della concessione di pezzi di patrimonio pubblico per una manciata di spiccioli senza alcun vantaggio per la città. E soprattutto si allarghi davvero il dibattito alla società civile e si apra alla vera partecipazione dei cittadini In Regione: si archivi il mostruoso “Piano Casa Polverini” e la sua versione Zingaretti. In proposito vogliamo ricordare al vicepresidente Smeriglio la durissima battaglia del suo partito – Sinistra Ecologia e Libertà – contro quegli stessi articoli della legge che oggi si vogliono conservare con flebili correttivi. E all’on. Morassut le sue posizioni in proposito, che speriamo – in questo auspicato clima di rinnovamento

108

– questa volta trovi il modo di spiegare con la necessaria fermezza ai suoi colleghi di partito. In Parlamento: tutti i deputati e senatori che hanno a cuore il nostro territorio si mobilitino per fermare il devastante Disegno di Legge urbanistica del Ministro Lupi che “propone un rovesciamento della Costituzione Italiana. La Costituzione impone vincoli e obblighi alla proprietà privata in nome dell’utilità collettiva e stabilisce il principio della “funzione sociale” della proprietà. In questa proposta di legge urbanistica tutto è rovesciato: vincoli e obblighi limitano l’iniziativa pubblica, affinché non produca riduzioni al valore immobiliare dei terreni”. Così, dopo le proposte e con il risentimento di chi ha troppe difficoltà, operatori e loro rappresentanti arrivano a concludere: “Tornate (i politici, ndr) sulla Terra e rimbocchiamoci tutti le maniche…” La discussione continua sul Forum La Parola di Pasquino (link) Consigliamo la visione della Puntata di Scienza e Lavoro: Il mercato rionale: addetti ai lavori, economisti e istituzioni a confronto “Andiamo al mercato”: un confronto sulla realtà e le potenzialità dei mercati rionali capitolini. Ne hanno parlato il Prof. Sergio Allegra, economista del Centro studi economici di Mediocredito Centro Italia S.p.A., il Dott. Alessio Stazi, Vicepresidente del Municipio IX ed il Dott. Valerio Mangione, Coordinatore Anva - Confesercenti Roma e Lazio. disponibile sul sito web del Forum La Parola di Pasquino

La conversazione continua sul Forum La Parola di Pasquino

www.laparoladipasquino.it


109


lavoro@e42magazineroma.it

110

Centro per l’impiego

Profilo

CPI SILD

ANALISTA PROGRAMMATORE programmatore

CPI MARINO

INGEGNERE ELETTRONICO ingegnere elettronico / informatico

CPI ROMA TIBURTINO

SEGRETARIO DI AZIENDA segretario, coordinatore. mansioni: addetto al centralino, mail, ordini, archiviazione e planning settimanali e giornalieri, prima nota e fatturazione, rapporti con pubblici uffici e preparazione gare pubbliche e corrispondenze varie.

CPI ROMA CINECITTA’

PANIFICATORE aiuto panificatore : tutte le azioni inerenti l’attivita’ di aiuto panificatore

CPI ALBANO LAZIALE

OPERATORE SOCIOSANITARIO cooperativa sociale seleziona n.1 operatore socio sanitario per assi stenza anziani presso casa di riposo. contratto di collaborazione come socio lavoratore 25 ore settimanali con turni diurni, notturni e festivi. retribuzione equivalente al 5° livello del ccnl cooperative sociali. requi siti indispensabili: attestato di qualifica di operatore socio sanitario, esperienza nell’assistenza di anziani presso case di riposo. allegare curriculum alla candidatura. requisiti preferibili:eta’ tra i 25 ed i 50 anni, patente b ed automuniti. sede di lavoro: presso casa di riposo a marino localita’ frattocchie via del divino amore

CPI ALBANO LAZIALE

OPERATORE SOCIOSANITARIO cooperativa sociale seleziona n.2 operatore socio sanitario per assistenza anziani presso casa di riposo. contratto di collaborazione come socio lavoratore 25 ore settimanali con turni diurni, notturni e festivi. retribuzione equivalente al 5° livello del ccnl cooperative sociali. requisiti indispensabili: attestato di qualifica di operatore socio sanitario, esperienza nell’assistenza di anziani presso case di riposo. allegare curriculum alla candidatura requisiti preferibili:eta’ tra i 25 ed i 50 anni, patente b ed automuniti. sede di lavoro: presso casa di riposo a grottaferrata via dei laghi

CPI ROMA CINECITTA’

SEGRETARIA segretaria centralinista front office


lavoro@e42magazineroma.it

Centro per l’impiego

Profilo

CPI TIVOLI

IMPIEGATO AMMINISTRATIVO impiegato agenzia assicurazione ramo amministrativo/commerciale

CPI POMEZIA

ADDETTO ALLA CONTABILITÀ GENERALE gestione contabilita’ generale, iva, clienti, fornitori, banche, ecc.

CPI ROMA CINECITTA’

IMPIEGATO AMMINISTRATIVO impiegato amministrativo/a per assistenza automobilistica

CPI CIVITAVECCHIA

BADANTE assistente persona anziana non autosufficiente con pernottamento

CPI ROMA CINECITTA’

SEGRETARIO DI DIREZIONE gestione telefonate, prenotazioni alberghi, prenotazioni pick-up clienti, gestione amministrativa c/o dirigenti.

CPI PORTA FUTURO

TECNICI PER LE TELECOMUNICAZIONI i candidati prescelti svolgeranno mansioni di assistente audio/video.

CPI PORTA FUTURO

RESPONSABILE CUSTOMER CARE sbs policy senior analyst risk management si occuperà di sviluppo e implementazione di soluzioni per la gestione dei differenti rischi del portafoglio sbs e sarà responsabile della documentazione dei processi stessi fornendo supporto per la loro gestione riducendone al minimo il rischio operativo. dovrà relazionarsi con colleghi di diverse aree geografiche: roma, gugaon e newyork.

CPI PORTA FUTURO

RISK MANAGER cmu authorities enriquiries manager. il candidato prescelto si relazionerà direttamente con il vice presidente della world service italia e coordinerà un gruppo di 30 persone specializzate nelle seguenti aree: emissioni, acquisti, assicurazioni e businesses. responsabile “gestione reclami” e delle richieste provenienti dagli enti istituzionali (dpa – ag. entrate), garantendo la risoluzione dei problemi nel rispetto dei tempi e delle procedure.

CPI FRASCATI

LUCIDATORE SU LEGNO lucidatore di infissi in legno

111


lavoro@e42magazineroma.it

112

Centro per l’impiego

Profilo

CPI SILD

IMPIEGATO AMMINISTRATIVO impiegato amministrativo con mansioni in materia contrattualistica; pertanto si richiede, quale requisito indispensabile, esclusivamente la laurea in giurisprudenza.

CPI ROMA PRIMAVALLE

VERIFICATORE DI ROTTAMI apprendista verificatore rottami con mansioni di cernita e selezione rottami metallici

CPI ROMA CINECITTA’

PROGRAMMATORE INFORMATICO programmatore java per sviluppo applicazioni java web

CPI TIVOLI

CUOCO CAPO PARTITA cuoco capo partita iv livello


“La società a responsabilità limitata Stile Legno Roma è il nuovo fiore all’occhiello del GAR (Gruppo Abballe Ricci) che nasce a Roma con l’obiettivo di espandere le proprie attività imprenditoriali in tutta Italia. Da oltre cinquant’anni il GAR opera con successo nel settore immobiliare ed è diventato leader in Italia nel campo dell’edilizia residenziale, industriale, commerciale e infrastrutturale. Ha realizzato nel corso della sua lunga vita importanti complessi immobiliari, piattaforme industriali, impianti polisportivi e imponenti opere di urbanizzazione primaria e secondaria. La passione per la realizzazione di nuove opere, la ricerca di soluzioni eco sensibili ad alto risparmio energetico attraverso l’utilizzo di moderne tecnologie e l’attenzione continua rivolta alle nuove tendenze sono solo alcune delle qualità che contraddistinguono il GAR. Con tali presupposti Stile Legno Roma ha intrapreso il suo grande viaggio nel mondo avvalendosi delle esperienze maturate dal gruppo, della professionalità dei propri ingegneri, architetti e consulenti tecnici, dalla fase progettuale a quella realizzativa con estrema attenzione per i dettagli di qualità. La filosofia della società si fonda sul rispetto del paesaggio e dell’impatto ambientale attraverso studi e analisi del territorio, mantenendo elevati standard di qualità sempre con materie prime selezionate. La società Stile Legno Roma si prefigge di diffondere la qualità e la bellezza dello stile italiano garantendo sinergie professionali uniche nei vari settori di attività e mantenendosi altamente competitiva”

StileLegnoRoma - 00155 - Roma Via Delia 75 (La Rustica) Uscita 15 G.R.A. Tel.062290464 - 0622709590 - www.stilelegnoroma.it



E42 magazine n 6 2014