Page 6

Puntiamo in alto Grazie alle finitrici ed ai rulli Dynapac la Shunjiang Road Engineering Co. Ltd. ha potuto rispettare i tempi - serrati - per il completamento dell’importante progetto dell’Expo. SE VI CAPITA di passeggiare lungo la principale via dell’Expo - dall’Expo Axis alla A Zone - in una giornata di pioggia, potete star certi che la strada non sarà bagnata e scivolosa e questo grazie ad un nuovo tipo di manto stradale, l’OGFC con eccellenti proprietà di drenaggio. Questa è una delle poche applicazioni di questo nuovo sistema a Shanghai, dopo il suo esordio sul corridoio Nord dell’aeroporto di Pudong.

Questo è stato possibile soprattutto grazie alla grande attenzione di Xu per la qualità e per una gestione oculata. Grazie a molti anni di esperienza nel settore delle costruzioni, Xu conosce il significato di qualità ed efficienza, e sin dall’inizio stabilisce standard elevati sia per le attrezzature che per il personale.

La Shunjiang Road Engineering Co. Ltd. è stata incarica-

chine Dynapac è sempre in buono stato e viene gestito da personale competente. “Una manutenzione costante e puntuale è necessaria per evitare i guasti e portare a termine il lavoro nei tempi stabiliti”, dice Xu, che ha acquistato la prima macchina Dynapac, una finitrice F141, all’epoca della fondazione della Shunjiang. In quegli anni Dynapac non era conosciuta ai più, a differenza di oggi che è nota ed apprezzata.

ta del rifacimento del manto stradale all’interno della sede dell’Expo, inclusi 1 km in SMA, 1 km in OGFC, nonché la via di accesso VIP dalla circonvallazione centrale all’Houtan Entrance. Le principali strade dell’Expo non potevano essere asfaltate

prima del completamento dei padiglioni circostanti. “La parte più difficoltosa del progetto era rappresentata dai tempi molto stretti. I rigorosi controlli di sicurezza e le frequenti interruzioni a causa di ispezioni li hanno resi ancora più serrati”, afferma Xu Yanxiang, direttore generale della Shunjiang.

Per garantire che il lavoro fosse completato per tempo, Xu

ha predisposto preparativi accurati, elaborando vari piani di emergenza. “I progetti come questo richiedono una qualità eccellente e l’obbligo di rispettare i tempi stabiliti dalla direzione lavori”, dichiara. “Grazie alle macchine Dynapac, siamo riusciti a completare il lavoro in dieci giorni ed il Comitato dell’Expo si è dichiarato molto soddisfatto dei risultati”.

Sul piazzale della Shunjiang a Pudong, il parco mac-

“Le macchine Dynapac assicurano una finitura ed una

qualità di stesa estremamente accurata e di qualità. A questo si aggiunge un’estrema maneggevolezza e visibilità. I rulli Dynapac di proprietà di un amico sono tuttora in buone condizioni dopo 15 anni di lavoro, questo a testimonianza della qualità del prodotto”, afferma Xu.

L’attuale parco macchine Dynapac di Xu è costituito da

due rulli tandem modello CC522, due rulli CC422 e due finitrici F141. Tutte queste macchine sono state utilizzate nel progetto dell’Expo. Dynapac è fornitore esclusivo di rulli e finitrici della Shunjiang.

L’importanza della qualità

Tra i numerosi altri progetti che la Società si è aggiudicata ci sono un’area per prove su strada di autovetture Volkswagen ed un tratto autostradale da Shanghai a Jia Ding. La Shunjiang si è conquistata fiducia e credibilità, creandosi un’ottima reputazione nel corso degli ultimi sette anni. “Non è mai successo nella storia della Shunjiang che sia stato necessario rifare il nostro lavoro per ragioni di qualità”, sottolinea Xu.

6

“Le pavimentazioni in conglomerato bituminoso rappresentano un lavoro altamente specializzato dove è

necessario rispettare requisiti rigorosi (ad esempio il livello di aderenza - grip)”, dice Xu, ponendo quindi grande enfasi anche sulla formazione specilistica degli operatori onde sfruttare appieno le capacità delle macchine. “Gli operatori di finitrici e rulli partecipano a training di formazione di

Dynapac News no4 2010 Italian  
Dynapac News no4 2010 Italian  

A customer magazine with News & Knowledge from Dynapac (italian text).

Advertisement