Page 1

Mappa dei flussi di sistema 7

5

set A

1

13

set C

set B

1 12 2

3

6

11 12 a

9 4b 10

4a 1) Il designer lavora all’interno dell’atelier ideando progetti con materiali di scarto o che abbiano esaurito la loro funzionalità originaria. Egli si serve dell’aiuto dell’artigiano/modellista, con il quale collabora realizzando uno scambio di conoscenze pratiche e tecniche utili per realizzare i concept. 2) L’ atelier creativo (Set A) è la struttura organizzativa costituita dai designers, che realizzano progetti che siano ispirati dall’idea del ripetto per il valore delle cose e dell’ambiente. 3) I concept sono le idee e i progetti realizzati dai designer che tengono conto dei valori dell’ atelier. 4) Le aziende fornitrici sono attente all’ambiente e ai nuovi temi del riciclo e del riuso. Vengono a conoscenza dei progetti dell’atelier grazie al blog o agli eventi temporanei e possono decidere, di donare le materie prime o di finanziare i progetti direttamente.

5) Le aziende distributrici visionano i concept attraverso il sito/blog, e possono decidere di metterli in produzione offrendo all’ atelier maggiore visibilità. 6) Il sito/blog (Set B) è una vetrina dei singoli concept. Permette di far conoscere i progetti alle aziende che potranno mettersi in contatto con il laboratorio per una eventuale collaborazione, diventando sponsor o fornitori di materie prime. I singoli utenti possono inoltre condividere con l’ atelier nuove idee e apprendere - attraverso i tutorial presenti nel blog - come crearsi da soli un oggetto. Infine, il blog promuove gli eventi /mostre organizzati dall’ atelier. 7) La comunità elettiva può essere formata da: il singolo utente, le associazioni, le aziende fornitrici, chiunque sia a conoscenza dei progetti attraverso il sito/blog. Lasciando un commento o una critica, la comunità aiuta l’atelier a migliorare la

8

produzione dei concept, e la comunicazione. 8) Le associazioni, le Istituzioni pubbliche e di quartiere, organizzazioni (ONG: organizzazioni non governative e no profit)(es.: Greenpeace), consorzi di recupero e riciclo (es.: Comieco) possono decidere di collaborare aiutando il laboratorio donando materie prime per la creazione di nuovi concept o suggerendo vie di ricerca percorribili. 9) L’utente Acquirente è chi, viene a conoscenza dell’ atelier tramite il sito/blog o l’evento temporaneo e decide di acquistare i prodotti che i designer dell’atelier hanno creato. 10) L’utente Donatore è colui che vuole rendersi utile, donando oggetti ormai in disuso e materiale riciclabile 11) L’evento (set C) è una mostra organizzata dall’ atelier che mira al coinvolgimento dei cittadini e degli esperti del settore in cui si tenta di creare una forma alternativa di riuso_oggetti,

un’educazione civica fondata sul “Do it yourself” e sul riutilizzo dei materiali in disuso. Lo scopo dell’evento è far prendere coscienza alla gente che si può far sì che il ciclo di vita dei materiali continui anche dopo che essi abbiano terminato il loro naturale utilizzo. 13) La pubblicazione illustra e spiega tutti i progetti e permette di diffondere i valori dell'atelier in una fascia territoriale più ampia. 12) L’utente esploratore è sempre alla ricerca di spunti creativi, frequentatore di mercatini d’artigianato, attento al recupero e alle buone pratiche conosce l’ atelier (Set A) grazie al sito/blog (Set B) e all’evento (Set C).


Mappa di sistema  

mappa di sistema Dyde

Advertisement
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you