Page 1


Resemel noibidung olifar mosere ta goi samara goriovil ac eidomai sono vividi fres guil giovinem, turbinium desire asfigole, noi sert tui opopa iolo terese derem carm tuturizin dezerti demo scifer scolom fiul gerem nono term nop teren deve fe ac mono nocte sel sel sel. Deree seren motereu dagioga lorte semente zappa sereo eoi limbte devere di un fertogi ac dezerti opop feren liop defretuui Ou Ou non. Sereo eoi limbte rio solon fregifis aloregon sie poetre retuimon fregele defrenendo sottepo fior, colosto fes dezerti sposi remenghi loti zanfion zanfiol. Fescimoli trew fredondi iol potyu, fescoltamen iopo golo ollo. Zak iotescomai ilò? Dao termini poi torvagi germinuta lagosta pio ere fes limbte fregifis. Alse opolomo riutim tiofermi fio to casim, torvagi luglio lagosta pio fredondi iomen ac sposen ac lumen. Uitimon sed fioriolimbi fescoter uiter man, gerioli degi sedretiu nioly mao lermenio nuiomar guiterlin sereteriu ul olak jio zezetiuop poi tosere ac potirli cemino ferde, iopolo sede. Iol pio. Resemel noibidung olifar mosere ta goi samara goriovil ac eidomai sono vividi fres guil giovinem, turbinium desire asfigole, noi sert tui opopa iolo terese derem carm tuturizin dezerti demo scifer scolom fiul gerem nono term nop teren deve fe ac mono nocte sel sel sel. Deree seren moter dagioga lorte semente zappa sereo eoi limbte devere di un fertogi ac dezerti opop feren liop defretuui Ou Ou non. Sereo eoi limbte rio solon fregifis retuimon fregele davide vizzini defrenendo sottepo fior, colosto fes dezerti sposi remenghi loti zanfion zanfiol. Fescimoli trew fredondi iol 2004 potyu, fescoltamen iopo golo ollo. Zak iotescomai ilò? Dao termini poi torvagi germin osta pio ere fes limbte fregifis. Alse opolomo riutim tiofermi fio to casim, torvagi luglio lagosta pio fredondi iomen ac sposen ac lumen. Uitimon sed fioriolimbi fescoter uiter man, gerioli degi sedretiu nioly mao lermenio nuiomar guiterlin sereteriu ul olak jio zezetiuop poi to sere ac potirli cemino ferde, iopolo sede. Iol pio. Resemel noibidung olifar mosere ta goi samara goriovil ac eidomai sono vividi fres guil giovinem, turbinium desire asfigole, noi sert tui opopa iolo terese derem carm tuturizin dezerti demo scifer scolom fiul gerem nono term nop teren deve fe ac mono nocte sel sel sel. Deree seren motereu dagioga lorte semente zappa sereo eoi limbte devere di un fertogi ac dezerti opop feren liop defretuui Ou Ou non. Sereo eoi limbte rio solon fregifis aloregon sie poetre retuimon fregele defrenendo sottepo fior, colosto fes dezerti sposi remenghi loti zanfion zanfiol. Fescimoli trew fredondi potyu, fescoltamen iopo golo ollo. Zak iotescomai fioriolimbi fescoter uiter man, gerioli degi sedretiu nioly mao lermenio nuiomar ou ou non.

f

reddo esperienza del —


Davide Vizzini

freddo, esperienza del —

milano 2004


Freddocaldo 2 Il freddo altrove 4 elettronica da concerto 6 luoghinòn 8 freddo del parco 8 freddo da passeggio 10 della città fredda 12 sabato freddo/Feltrinelli 14 Freddo simulato 20 il customizing universale 22 custom, clima portatile 22 le spie e la realtà fredda 22 prepararsi per l'inverno, fare legna 22 freddo per bambini 26 sereo eoi limbte 28 Freddo Technics 30 spazi lisci - kunstwollen 32 kunstwollen del complesso 32 la potenza degli oggetti 34 processing. Il rito, grazia del — 34 Mbuti e Kuba 37

Gli spazi della mente sono freddi? 40 lampade al neon 42 freddo del benessere 44 freddo della matematica? 44 tre pricipii della termodinamica 44 Freddofreddo 46 freddezza 48 metodo dvdv per distruggere le persone 48 il freddo e il coraggio 50 freddo della dimenticanza. anonimato, San Martino 50 cedimento 52 rassegnazione al caldo 52 Seduzione fredda 54 resemel noibidung 56 nella rete, freddokalt 56 parole e scatole 58 prepararsi per l'inverno, fare legna 62 pavashow 64 Bread Resaerch Industry 66

Seduzione calda 68 ragazze divorate 70 turbamenti 72 amore sulla lavatrice 72 le ninfe di Sen Jing 74 Rabbia calda 76 Parola calda 78 il sonno non viene, insonne 80 senso nel nonsenso 80 gli inabbinabili 80 sereo eoi limbte 82 Il freddo e il nulla 84 freddo dell’assenza 86 il freddo nell’assenza (5:01 a.m.) 86 il freddo e la morte 88 Scuse di non chiarezza 90


1


freddocaldo

2


3


Freddocaldo

freddo, esperienza del —

Il

freddo non ci fa più paura e la luce fredda non è più tale. Il freddo non esiste più e io lo cerco con pervicacia. Tutte le etichette: «freddo», sono mendaci; l’ho capito da un pezzo e il gelo devo andarlo a cercare chissà dove. Il freddo dei sotterranei del Metro non gela più nessuno, è il tinello di casa mia e il focolare. I corridoi dell’Unes di via Porpora o dell’Iper di Brugherio hanno un enorme cartello sulla porta: freddo. Ma l’insegna fredda ha le ragnatele, l’hanno etichettata chissà quando e nessuno si è accorto che tutto è cambiato e chi lo nega mente da spudorato. O solo da pigro. I grossi frigoriferi riscaldano le mani gelatine da venticelli provenienti da altrove. E io sono col sensore termofotonico a lanternino a seguire i percorsi di quegli eff luvi gelati per scoprirne la sorgente. La mia televisiòn (come dice Paolo Conte) non raffredda, certo, né le luci al neon dei bar né i palazzoni di cemento intonacati a cementizia, tantomeno i Big Mac. Basta fare un viaggio in treno per scoprirlo che il paesaggio che ci è caro, l’Italia bella, è tutta di villette e palazzotti detti freddi, giusto, sì proprio detti, solo a parole. Poi chi li compra e li abita, del proprio dice meraviglie riscaldanti e non mente, ha tutte le ragioni.

Il freddo altrove.

E

ppure di freddo ce n’è in giro, lo sentiamo tutti ben bene. Da dove proverrà? Dagli accoglienti e calducci (sempre a legger l’etichetta) localini col vino in calice a 4 euro? O nelle bugie di intelletti spenti che ripetono dai soliti copioni (soliti perché ho già scritto delle gracole gozzute). Insomma, mi viene in mente solo che il freddo è dentro gli animi etichettati: «rovente». E nessuno si accorge che l’etichetta ha perso verità.

No

non viene certo dall’advertising nè dal merchandising. Quello, se gli strappiamo l’etichetta è caldo e quotidiano come una pantofola rintanata sotto al letto, 4


5


Freddocaldo

Elettronica da concerto

fotografata in digitale, manco a dirlo. Ma non mi fermo qui, non posso concludere a dire che il freddo è tutto negli animi. Non lo faccio e me ne riguardo. Continua.

D

avanti ad un enorme amplificatore da concerto mi sono fatto avanti al caminetto a suonargli vicino alla griglia. Io suonavo e mi sono scaldato a vibrazioni tonde di coni di cellulosa e resina e lana di vetro. E poi, coccolo, io un po’ scaldavo lui, un parallelepipedo nero alto un metro e mezzo su piccole ruote di gomma densa con sopra un preamplificatore con gli spigoli rinforzati d’alluminio. Era uno scambio forse, anche se sbilanciato, non dico in che direzione. Il fatto è che suonare, chiuso gli occhi, specialmente il basso elettrico ti costruisce govoni nella mente e ringrazi quelle facoltà ataviche che hanno inventato – della specie dei colori puri e le loro combinazioni – l’accordatura e i suoi rapporti matematici di prima dell’evoluzione, anzi, fuori dall’evoluzione. Certo, mi sbalordisce questa scoperta dei suoni densi (potrei dire simile del colore) e visto che per me sono piovuti dal cielo, sono nato e già qualcuno aveva sintetizzato il giusto spessore della corda e la sua esatta tensione relativa, mi urlo da solo di stupore. Mi urlo da solo perché qui intorno non importa a nessuno, non so dire, nessuno se ne accorge che bisognerebbe puntargli il dito sopra per tutto il tempo. Per strada uno dovrebbe dire a tutti che incontra: hai visto che hanno fatto le corde del basso e anche quelle del violino? E che hanno codificato la scala eptatonica e la sua armonizzazione? Hai visto? Un chilo di pane. Synt 2000. Forse è solo qui il punto nucleo sul freddo: che il nocciolo rovente è questo mistero atavico di parti dure, vecchie, del cervello; io lo sento che viene da lì, quasi lo vedo. Mi mistero. Mi mistero. Non posso dire più che tremando il sottovoce. freddo, esperienza del —

6


7


Freddocaldo

La

descrizione è questa: il mio sangue in uno specchio d’aeroporto tamponato dal naso con gli asciugamano di carta strappati a ripetizione. La permanenza nello specchio e il mio nome amplificato nella diffusione sonora: «il signor dv in partenza per (1) è atteso con urgenza al cancello d’imbarco numero sei». La permanenza nello specchio a tutto al Neon del bagno col mio sangue rosso a 37° e la paura in chi mi s’avvicendava accanto a vedere sangue sulle superfici fredde del veroluogo aeroportuale mi fanno capire che la luce a 7000° Kelvin non è così gelida come si pensa. Vedo che la mia presenza al sangue rosso colonizza il nonluogo e lo rivela luogo. A dire in breve: basta insanguinare un lavandino di gelo e quel posto si umanizza; toccare il raggio infrarosso della valvola d’acqua non dà più ribrezzo e lo sguardo focheggia sulle persone in modo familiare con consapevolezza d’umana superiorità. D’un tratto ho una visione: la donna che custodisce l’igiene di questo posto, la parol-crociatomane, evaduemila del duemilatre che guarnisce l’ingresso del bagno delle signore, a lei è accaduto quello che a me ha fatto il sangue dal naso all’imbarco, lei delle elucubrazioni di Marc Augé non saprebbe proprio dire bene, il suo aeroporto, e

Luoghinòn Freddo del parco

ora il mio, è un luogo bell’e buono, altroché, con il suo caldo a 37° peculiare e la storia di animali a sangue caldo che vi s’intricano. Questo è il meno, ancora una volta, l’etichetta ‘freddo’ è solo la distrazione consumata del posto vissuto in milioni, non è certo qui l’inverno. Ancora non afferro, forse c’è solo da contrarre un tanto il cristallino, e la retina col nervo ottico tutto e il cervello ad essa appeso avrà un sussulto a scoprirsi immersa in un mondo a contrasto tirato.

D

ove va tutto il mio calore? Forse è bilanciato col gelo del Parco Sempione

freddo, esperienza del —

8


9


Freddocaldo

con M. che è grigio nei vialetti che pare ghiaccio. Dico, «calore disperso fuori da me e bilanciato dal gelo autunnale del parco» sta tutto sotto una logica mia: il calore che disperde da me per le giravolte acrobatiche che compio per tutto il giorno in questa città impolverata è bilanciato dal calore del gelo. Io il gelo lo intendo riscaldante dei pensieri, parlando secondo la convenzione di freddo/ freddo, caldo/buono. E così, ora, stremato dalla fatica di un commesso viaggiatore mi sento le orecchie fredde dal fuori e questo mi rinfranca e mi pulisce il respiro. Ora non voglio indugiare su pennellate paesaggistiche ma io il cielo freddo di novembre ho capito di amarlo nella sua tristezza. E già lo so che c’è un domino di associazioni su quell’espressione: amarlo nella tristezza. Io non me ne curo, mi sforzo solo di dire che va presa alla lettera; si sforzi chi legge (non lo dico più, prometto a me stesso). Lo amo cancellando che tristezza/male, freddo/triste. E muoia Sansone!

pesante. Non c’è freddo forse. Non ce n’è di freddo qui. Ma a cercarmi gli angoli lontani nei vicoli che loro dimenticano sono un rompighiaccio. Questa è la sensazione netta. Nel mare dell’Alaska o della Siberia.

Si

vedono tante cose nella folla. Per esempio come si sfida la bruttezza della vecchiaia e ci si abbandona ed addormenta sulle spalle in anni. E che cos’è una cortina di corpi che aspettano di mangiare? E cos’è aggirarsi per un paio d’ore nella stazione senza dover partire? Cos’è cammino e ore e guardare solo i propri passi e le scarpe

Freddo da passeggio

Il

rompighiaccio naviga nella folla inferocita e ci si apre un varco stando da soli. Non ho per niente freddo, indosso due maglioni caldi e questo cappotto di feltro freddo, esperienza del —

10


11


Freddocaldo

del mondo in moto. Fra oceani di pensi e pensi drogati di deriva. E pensare a questo freddo ma sapere di cercarlo al posto sbagliato fuori dai maglioni?

Della città fredda

C

attivi pensieri e due metri di steel tape 13mm widht, polvere sotto le scarpe e IKEA (prezzi validi fino al 29 agosto 2004). Spiluccando per le strade scopro che i mostri aiutano a spaventare le idee e a stanarle. Le nebbione coi palazzacci da quattro soldi sorgono apposta per fare il nulla tutto intorno e far venire voglia di abbracciarsi a tutto con le proprie trovate. Non sono il primo a pensare che gli ambienti ostili sono comodi per i pensieri. Tormentati, sì, ma carichi di produzioni concrete. Come nel sonno: quanto più la realtà si oscura oltre le palpebre, tanto più rigurgito creazioni oniriche. Se la pianura è monotona - e questa lo è, è spoglia e monotona - sul praticello stupidotto sorgono cattedrali di invenzioni. Questo succedeva forse fino a dieci anni fa qui. Ora la città vive di presunzione e non combina nulla di buono. La portinaia Maria mi è sbucata da dietro le spalle mentre chiudevo la porta, piccoletta mi ha sorriso da sotto l’ascella. Il basilico è vivo sa? Il basilico è vivo? Non l’avevo condannato prima di partire? Gliel’ho messo la fuori nel ballatoio del pozzo. E io lo vedevo già il ciuffetto verde dietro al vetro sabbiato. Grazie e il vaso rosa è già al suo posto in cucina nel balcone, pronto e ben disposto a insaporirmi la pasta e l’insalata. Ora gli do un po’ d’acqua al basilico e mi faccio ringraziare con un alituccio profumato. Che ci siamo detti io e Maria per un paio di minuti, sul basilico? Ah credevo fosse morto. Non gliel’ha detto il suo coinquilino. Grazie! Che bello. Giorgy Ligeti, Mozzarella Santa Lucia, Thomson dvd. freddo, esperienza del —

12


13


Freddocaldo

Sabato freddo/Feltrinelli

Un

mio paziente mi racconta questi fatti nella sua e-mail settimanale. È quasi sempre lo stesso racconto; è ossessionato dal quotidiano sovrapporsi di messaggi. «Dottore», mi scrive, «si appunti questa definizione: società dell’ipermessaggio, ne sentirà parlare».

freddo, esperienza del —

«L’ora è giusta, i due giorni passati si sono addensati e posso scremarli. Parlerò con chiarezza perché emerga limpidamente l’intrico dei fatti sovrapposti. Un uomo con un giubbotto color ghiaccio registra di straforo il concerto di un comico/cantante nella grande Feltrinelli di Piazza Piemonte.

Io, dietro di lui, annoto su un quaderno nero costosissimo i titoli dei dischi che mi piacciono per spremerli poi dalla fibra ottica. Il giubbotto di quel tale è segnato di nero da una borsa portata a tracolla con la fibbia appiccicata di forfora. La borsa dev’essere in quella posizione da anni. Cosa porta con se un uomo che vive sulle strade? Che cosa è essenziale? Una borsa, un giubbotto segnato e un registratore portatile per carpire un concerto. Il mio bombardamento sensoriale è intensissimo, sopporto livelli elevati di interpretazione di metalinguaggi. Il mio tempo è premuto dall’ascolto e dall’immediato giudizio e catalogazione di spezzoni musicali ingurgitati a raffica davanti al lettore ottico e dall’interpretazione di messaggi grafici provenienti dalle copertine dei CD, dalle insegne, dalle indicazioni sugli scaffali, dai numeri di piano dell’ascensore, dalle vetrofanie delle carte di credito. Il sabato sera di questa città è una fruizione simultanea di messaggi programmati dall’ufficio marketing Feltrinelli filtrati dalle sensibilità personali eccitate dalla natura culturale dei contenuti messi in vendita, il segreto sta nell’accettarlo senza remore. Dottore, sono assediato dall’irresistibile tensione delle 14


15


Freddocaldo

persone verso il cambiamento dei propri stili di vita e dal loro parallelo strattonare nostalgico nel rimpianto di idealizzati passati gloriosi. Quello che intendo, Dottore, è che se da un lato questa folla gode e si bea dello shopping e della fruizione caotica della città speculativa – scenario ideale per le nostre vite, modellata a nostra immagine – dall’altro ripudia tutto questo nel disprezzo del contemporaneo e si chiude in una miopia improduttiva. I palazzoni dell’edilizia metropolitana si ricoprono di una trasparenza di disprezzo e il paesaggio percepito si riduce ad immagine solo punteggiata da quello che si ammette passi dal setaccio idealizzante. Ho visto nella felicità da shopping e nell’abitudine ad interpretare messaggi posti su più livelli, quello che la folla opera su di sè, uno sdoppiamento: da un lato costruisce l’habitat adeguato al suo modo di vivere e dall’altro disprezza il suo stesso operato; si disprezza. Solo se riuscirò a spalancare gli occhi e a rendere opache le vernici trasparenti spalmate su tutto saprò dare uno spintone alla storia che pare inceppata.

Q

freddo, esperienza del —

uell’uomo con la barba e i capelli lunghi aggrovigliati registra il concerto senza trasporto, come fosse un dovere. Io capisco il perché: per lui, non c’è più il piacere della condivisione collettiva di un fatto vissuto, lui godrà della musica da solo nel suo rifugio, e riderà in differita. Uscito dalla grande libreria, entro in un vagone del Metro e mi rendo conto di quanto la mia attenzione si narcotizzi lì dentro (vede Dottore? anch’io, mio malgrado, non so evitare di dipingere questo paesaggio metropolitano tratteggiando sfumature negative), mi risveglio quando realizzo che la sosta alla fermata 16


17


Freddocaldo

Pagano rompe il ritmo consueto. Proprio nel mio vagone, davanti a me, qualcuno è uscito azionando l’apertura d’emergenza. Non sono stato il solo a sobbalzare quando il macchinista con la chiave a stella in mano si è diretto verso l’azionamento manuale chiusura porte. L’affastellarsi di messaggi pubblicitari, di pericolo, di indicazione mi ha dato la capacità di rinchiudermi e ritagliarmi uno spazio privato. Chiunque in questa città è perfettamente capace di operare questo gesto interiore. La martellata finale sull’accozzaglia mediale compressa dell’intera serata l’ha dato il sobbalzare del tempo quando, saltando sui gradini a due a due verso la mia bicicletta legata ad un lampione mi accorgo che piove forte. L’aria era mite fuori dalle librerie lontane da qui, l’acqua sui capelli ha affermato forte la demolizione delle distanze e del tempo, la coesistenza fuori dalla cronologia dell’esperienza di vita. Il percorso fra la stazione del metro e casa mia mi ha del tutto inzuppato. In principio ho provato a ripararmi sotto i cornicioni ma ad ogni attraversamento di strada mi bagnavo sempre più fondo e così ho del tutto rinunciato ad evitare l’acqua, postcontemporaneo Ginger Rogers, e le braccia e le mani e il manubrio cromato della bicicletta erano come dentro la doccia di casa mia. Forse solo in lì la mia vita ha ripreso il suo tranquillo beneamato sviluppo monolineare. Mi scusi Dottore, la prego, le prometto che non scriverò più di queste cose e in questo modo, le chiedo perdono. Di cuore. Suo affezionatissimo»

freddo, esperienza del —

18


19


Freddo simulato

20


21


Freddo simulato

freddo, esperienza del —

Il

clima si fa immateriale, fantoccio di altre tempeste efferate e, con esso, l’ambiente ed è così che si inventa il clima portatile. Andiamo a passeggio portando intorno le nostre esistenze e le nostre atmosfere. Su gigabytes di iPods portiamo con noi l’esistenza fino ad oggi. Lo slogan del Windows Portable Media Center: Every song you’ve ever hummed. Every TV show you’ve ever quoted. Every movie you’ve ever loved. Every photo you’ve ever taken. La propria atmosfera si distacca dalle nuvole e dal cielo, in verità si disancora da luogo qualsiasi e ambiente naturale, ed è forse per questo che mi devo inventare un clima in cui venga contemplata l’assenza di temperatura perché è nell’assenza di sito. È freddo o caldo tutto questo se non ci sono più i fronti di pressione alta o bassa localizzata (che ormai servono a tutt’altro)? L’ambivalenza perseguita anche il clima portatile.

Il customizing universale Custom, clima portatile Le spie e la realtà fredda Prepararsi per l’inverno, fare legna

F

In

orse, il discorso, ossessivamente reiterato dai media, sul clima è un surrogato. Perché se nel clima, l’incontro dei fronti pressori è davvero analogo allo scontro delle falangi militari (2), nell’uccisione invelata delle sfide reali, la descrizione insistita sui telegiornali di amabili tempeste di neve o

nostalgiche torride siccità inaspettate è l’effigie morente sufficiente a rimpiazzare gli scontri reali tra i caldi e i freddi. La sfida freddo/caldo del tempo atmosferico non può che essere il più naturale rifugio per la realtà di sfide dissimulate del ludico di massa. una palla di fuoco, il re è nudo. Sapevo che stavo assistendo alla mia epoca quella sera sui due grattaceli. Ora so che ho assistito al disvelamento istantaneo della simulazione ipnotica. D’un tratto quel rigurgito di fuoco ha divelto i blindi sul vero non simulato e tanto era occultato il vero22


23


Freddo simulato

freddo che quel d’un tratto è ancora in moto, lungo due anni, fin qui. In un giorno si è riaperta la sfida all’ultimo sangue, il duello caldo che nella trance impaurita non avevamo temuto di cancellare e, quel giorno, il freddo ha verdeggiato del suo valore non simulato. È ripresa la processione piratesca di battaglie, di gioco alto con la morte in sfida che ora sappiamo vecchia, odiata, compagna ritrovata. Quell’esplosione, nella sua perfezione, è stata forte da farsi sentire sin da sotto le coltri di feltro e rimetterci addosso l’angoscia dell’esistenza in vita. Il sentimento della morte si mette a fianco dello stordimento collettivo e io mi guardo intorno nel morire possibile, forse sono sveglio. Non ne sono certo ancora; do segni di vitalità?

La

simulazione fredda prosegue, per la sua difesa efferata, nell’occultamento anestetico ossessivo ma il brulichio di spie in trama sanguinosa che si scoprono a far scortare i Londra-Washington da piloti da caccia tradisce la verità in doppio strato. Un aereo precipitato a Sharm El Sheikh, e basta il dubbio che l’abbia divelto dai cieli un missile da guerra piuttosto che un’avaria, perché cos’altro può sbriciolarne a quel modo la fusoliera? Basta il dubbio a svelare che esiste il dominio delle sfide duali ed è nel regno segreto delle talpe, degli infiltrati a spiarsi. Il lavorio di agenti segreti emerge di tanto in tanto sulla superficie delle piste aeroportuali, le spie scavano cunicoli da talpa, sono costrette a svuotare il regno simulato e, in quel vuoto, a restituire senso ad un’altra realtà, quella dell’agone per la sopravvivenza ridotto finora a scudo impotente.

D

al vuoto scavato, nulla (nulla freddo per la precisione) e da lì il tutto in potenza del verovero (cfr. Il freddo e il nulla) freddo/nulla/tutto. La noia mi impedisce di spiegare.

freddo, esperienza del —

24


25


Freddo simulato

La

simulazione fredda prosegue, per la sua difesa efferata: Non esiste certo la volontà autocoscente del verofreddo per il fatto semplice che «Nessun giocatore è più grande del gioco stesso» (Rollerball citato in Baudrillard). L’impressione a guardare strabilia di rosso ma l’incastro è dei microcosmi che concorrono alla costruzione del gioco regolato nel suo complesso.

C’è

un bambino astronauta ben ancorato al suo abitacolo che fa rotta verso il supermercato. Superato il controllo radioattività dei portelloni d’ingresso, dà uno sguardo concentrato al radar sulla plancia mentre parla con la nave madre attraverso il trasmettitore integrato nelle scarpette antigravità. La navigazione procede senza scossoni ma il livello d’attenzione rimane costantemente su DEFCON 2. Distratto dal controllo degli asteroidi stampati sul pavimento il comandante bunny non si accorge di essere troppo vicino al quadrante forme di vita aliene ibernate e all’improvviso viene investito da un banco di vapore siderale. I sensori non fanno in tempo a tararsi per la nuova temperatura

freddo per bambini

freddo, esperienza del —

e la spia d’emergenza sulla punta del naso si accende. Il capitano è attonito, è tremante dal freddo ma non può impedire che la nave madre si tuffi nel fumo per afferrare una dose di microsferette verdi nutrienti pisellini primavera e poi, e poi, un imprevisto, la nave madre indugia, scansiona l’archivio ibernati lasciando uscire abbondante il gelido effluvio. Il comandante bunny ha ormai deciso di usare l’espulsione d’emergenza del seggiolino, si aggrappa alla cintura di sicurezza, ha già tentato più volte di schiacciare il pulsante di sgancio quando si accorge che con un tonfo del portello luminoso il vapore 26


27


Freddo simulato

spaziale è stato ricacciato su un’altra dimensione grazie ad una manovra della nave madre. Il comandante bunny si afferra la spia sul nasino che ora si è spenta e preso da un’improvvisa euforia si sporge tutto all’indietro per cercare il contatto visivo con l’ammiraglia e suona la sirena dei festeggiamenti. La nave madre guarda il capitano che con tutti e due i trasmettitori in mano le vuole dire che in fondo è stato divertente, il pericolo è il mio mestiere, per stavolta l’abbiamo scampata e adesso via verso gli spazi infiniti dell’universo finito.

R

esemel noibidung olifar mosere ta goi samara goriovil ac eidomai sono vividi fres guil giovinem, turbinium desire asfigole, noi sert tui opopa iolo terese derem carm tuturizin dezerti demo scifer scolom fiul gerem nono term nop teren deve fe ac mono nocte sel sel sel. Deree seren motereu dagioga lorte semente zappa sereo eoi limbte devere di un fertogi ac dezerti opop feren liop defretuui Ou Ou non.

S

freddo, esperienza del —

ereo eoi limbte rio solon fregifis aloregon sie poetre retuimon fregele defrenendo sottepo fior, colosto fes dezerti sposi remenghi loti zanfion zanfiol. Fescimoli

trew fredondi iol potyu, fescoltamen iopo golo ollo. Zak iotescomai ilò? Dao termini poi torvagi germinuta lagosta pio ere fes limbte fregifis. Alse opolomo riutim tiofermi fio to casim, torvagi luglio lagosta pio fredondi iomen ac sposen ac lumen. Uitimon sed fioriolimbi fescoter uiter man, gerioli degi sedretiu nioly mao lermenio nuiomar guiterlin sereteriu ul olak jio zezetiuop poi to sere ac potirli cemino ferde, iopolo sede. Iol pio.Uitimon sed fioriolimbi fescoter uiter man, gerioli degi sedretiu nioly mao lermenio nuiomar guiterlin sereteriu ul olak jio zezetiuop poi to sere ac potirli cemino ferde, iopolo sede. Iol pio.

Sereo eoi limbte

28


29


Freddo Technics

30


31


Freddo Technics

freddo, esperienza del —

Ci

si mettono d’impegno a fare il freddo. Macchinico è freddo; dissonante è freddo; contrasto dolce/aspro è freddo; incontrollabile è freddo; ossessivo è freddo (e il suo contrasto associato: ossessivo/ modulato). E poi, è freddo il kunstwollen dell’attesa che il brano si svolga come il pastaio aspetta la lievitata, di quando non è il DJ che suona ma il suo Technics, la sua technics, kunst, techné, Technics Electronics. E se un bip lungo si srotola tutt’attorno e sale sale e sale di frequenza ad allarme sotto un pianoforte dissonante, pare freddo, è etichettato: «freddo». Lo dicono tutti e tutti si angosciano. Ma quanto è dolce quell’angoscia. Rivolto nel dire che mi sono, ci siamo stufati di essere creatori (poeti) e vogliamo lasciare che l’arte, Technics, ci si svolga nelle orecchie? E questa la rivolta intellettuale? Certo è un vero sollievo prendere a fare gli spremitori di feltro nella steppa e modulare geometrie come dice oggi D.G(3). Dunque, fare l’artigiano col suo kunstwollen non è freddo ma nasce dal freddo e produce caldo. È così per i DJ e la loro Technics Electronics ed è così per le pressatrici di feltro da steppa. E poi, si rivela questo: che nonostante tutto questo freddo, freddo,

Spazi lisci - kunstwollen Kunstwollen del complesso

freddo, (musica fredda, steppe fredde), il cuore mi batte di emozione ai primi stridii. Allora, dev’essere così, il mito del freddo feroce proviene dai tempi in cui ci era terribilmente ostile (e i distratti non se ne accorgono!) ora il freddo non lo temiamo e il freddo è grande e aspro più della primavera.

D

etto questo posso passare a dire dell’oggi e che voglio prendere a costruire cose complesse come fa un operaio. Gli strumenti me li sto raccogliendo, letteralmente, per strada nelle facce e nei costumi. Li ho strappati a forza a tutti i passanti. Con 32


33


Freddo Technics

La potenza degli oggetti Processing(4), ovvero Il rito, grazia del —

la semplicità banale mi si produrranno sotto le mani complicati torrioni in bilico sul cadere, prueggianti verso il.

C’è

un divano che emana un alone di ancestrale calore. Mentre lo spostiamo per la casa, dal soggiorno alla camera da letto, questo si porta appresso una vibrazione inpercepibile che si addensa di calore non appena lo appoggiamo alla parete sotto il viso enorme alto un metro e cinquanta della mia amante giapponese. Il divano ha una forma – come la sedia – fra le più possenti e di espressività icastica, P. avrebbe detto iperuranica. L’associazione

seduta/spalliera è un universo impresso nelle teste ed è così: che pur non volendo, la luce della camera da letto diventa calda e come del soggiorno archetipo e, seduti, il letto quasi si assimila a pari del divano in un doloroso morphing accennato ossessivamente e reiterato. Io ho provato a strattonare, ad evitare la definizione di luce calda quale spia di soggiorno accogliente. Ho voluto tentare ma ho capito che nel mondo delle idee archetipiche il calore ha un preciso valore contro cui è inutile lottare. Ho capito che solo il freddo sta migrando dal suo posto fra i banditi ad accoccolato sui divani, qui accanto a me.

Il freddo, esperienza del —

rito regna e si insinua, bandito, nella forma razionale e ne impregna il segno tramutandosi in fatto. Il rito si investe dello stesso potere della regola e ne possiede il carattere iniziatico. Le religioni millenarie sono il più grandioso monumento concepito dall’emisfero parallelo all’illuminista. Mentre si levigava il logocentrismo, campeggiava splendente la macchina poderosa della religione. Mirabilmente conformata, coi parati e i baldacchi, a misura perfetta del simbolico ancestrale. 34


35

01 02 03 04


Freddo Technics

freddo, esperienza del —

N

el fascino del Code is law (5) l’ossimoro del rito razionale. Il mistero della norma condizionante disposta in creativa a generare idee seducenti. 01

Processing 01 (4) Processing 02

// Reading // by REAS <http://www.groupc.net> // Modified/processed by Davide Vizzini // An image is recreated from its individual component colors. // The many colors of the image are created through modulating the // red, green, and blue values. This is an exageration of an LCD display. // created 27 October 2002 // modified by Davide Vizzini on 02/11/2004 size(800, 800); noStroke(); // Load an image from the data directory BImage c; c = loadImage(«cait.jpg»); image(c, 0, 0); int xoff = 0; int yoff = 0; int p = 8; int pix = p*3; for(int i=0; i<c.width*c.height; i++) { int here = c.pixels[i]; fill(red(here), 0, 0); rect(xoff, yoff, p, pix); fill(0, green(here), 0); rect(xoff+p, yoff, p, pix); fill(0, 0, blue(here)); rect(xoff+p*14, yoff, p, pix); xoff+=pix; if(xoff >= width-pix) { xoff = 0; yoff += pix; }

// Reading // by REAS <http://www.groupc.net> // Modified/processed by Davide Vizzini on 02/11/2004 // An image is recreated from its individual component colors. // The many colors of the image are created through modulating the // red, green, and blue values. This is an exageration of an LCD display. // Created 27 October 2002 // modified by Davide Vizzini on 02/11/2004 size(800, 800); noStroke(); // Load an image from the data directory BImage c; c = loadImage(«cait.jpg»); image(c, 0, 0); int xoff = 0; int yoff = 0; int p = 8; int pix = p*2; for(int i=0; i<c.width*c.height; i++) { int here = c.pixels[i]; fill(red(here), 0, 0); rect(xoff, yoff, p, pix); fill(0, green(here), 0); rect(xoff+p, yoff, p, pix); fill(0, 0, blue(here)); rect(xoff+p*14, yoff, p, pix); xoff+=pix; if(xoff >= width-pix) { xoff = 0; yoff += pix; } }

}

02

36


37


Processing 03 Processing 04

Freddo Technics

03

freddo, esperienza del â&#x20AC;&#x201D;

// Creating (Homage to Albers) // by REAS <http://www.groupc.net> // Creating variables for colors that may be referred to // in the program by their name, rather than a number. // Created 09 December 2002 // Modified/processed by Davide Vizzini on 02/11/2004 size(800, 800); noStroke(); color inside = color(204, 500, 0); color middle = color(204, 153, 0); color outside = color(153, 51, 0); // These statements are equivalent to the statements above. // Programmers may use the format they prefer. //color inside = #CC6600; //color middle = #CC9900; //color outside = #993300; fill(outside); rect(0, 0, 800, 800); fill(middle); rect(40, 60, 500, 120); fill(inside); rect(60, 400, 80, 80);

04 // Creating (Homage to Albers) // by REAS <http://www.groupc.net> // Creating variables for colors that may be referred to // in the program by their name, rather than a number. // Created 09 December 2002 // Modified by Davide Vizzini on 02/11/2004 size(800, 800); noStroke(); color inside = color(204, 500, 0); color middle = color(204, 153, 0); color outside = color(153, 51, 0); // These statements are equivalent to the statements above. // Programmers may use the format they prefer. //color inside = #CC6600; //color middle = #CC9900; //color outside = #993300; fill(outside); rect(0, 0, 800, 800); fill(middle); rect(40, 60, 500, 120); fill(inside); rect(60, 72, 80, 80);

38


39


Gli spazi della mente sono freddi?

40


41


Gli spazi della mente sono freddi?

Lampade al neon

L

ampade al Neon emettono luce lineare, in forma di linee, si dispongono sempre ordinate sulle superfici lisce o stirate sugli spigoli, l’alone bianco è a 72oo° Kelvin e si dispone con legge blisterica attorno al tubo fluorescente. L’interno di una stanza illuminata da un numero congruo di lampade al Neon allineate non ha ombre e s’intride di una colorazione di pensiero azzurrino. I tubi fluorescenti a gas Neon non hanno emissione luminosa continua ma procedono a lampi rapidamente alternati alla frequenza di produzione di 50 Hertz, quella dell’oscillazione dell’inversione di

polarità agli elettrodi che producono la fluorescenza del gas. Succede di trovare Tokyo a Milano e di crogiolarsi nella purezza monacale delle piastrelle klinker di blu gasolio. Tokyo dell’immaginario si trova nel linoleum e la pura freddezza dello spazio striato e di ideale ci entusiasma sull’attenti dentro gli ascensori vagamente rifrangenti e imbrattati di città. Non so se solo io sia cambiato o se appena d’ora possa comprendere la fiera ieraticità degli spazi mentali del Sud-Est periferico imbiancato a Neon o a lampade al Mercurio a 9ooo° K. D’ ora colgo la mutezza potente totemica degli edifici che imballaggio di spazi si incidono di mente e/o nella mente. Il tentativo di descrivere andrebbe fatto col mutismo e l’intonazione deve restare irremota come se non parlasse né mai lo sguardo focheggerà su qualcosa a meno che ∞. Rimane da dire solo delle superfici per gli spazi delle menti. Ma già, detto, e l’effetto si è prodotto nelle associazioni d’immagine in chi legge.

freddo, esperienza del —

L’

ultimo dubbio è questo: presa coscienza del freddo dello spazio cerebrale o semplicemente di encefalo qualcosa resta e potrò proseguire in ulteriore? o demoralmente mi sono attardato sull’ovvio da ottuso Marinetti? 42


43

1째

2째

3째


Gli spazi della mente sono freddi?

Mi

rassegno ché fa freddo. E piove anche. Un bel conforto è il tè qui vicino (caldo!) e la droga aromatica delle lettere in teoria. Mi rassegno a dire che quando sento che la febbre la intuisco e me la ricordo il conforto è una casetta (col diminutivo vezzeggiativo) e lampade calde. Niente neon per i malati. In somma il freddo è dei pensieri spericolati e a velocità alta come per i superconduttori in azoto liquido ma non appena le condizioni intellettuali sono puntin meno che ideali il rifugio è una coperta e un altro corpo prodigo di baci caldi; e umidi come. Capisco che gli angeli viaggino con agio nello spazio gelido siderale.

Se

il dominio D è normale rispetto ai tre piani coordinati allora per il calcolo dell’integrale triplosipuòapplicareindifferentementeunadelleformule(1),(2),(3).Allevolteperòpure potendole applicare tutte e tre, può essere più conveniente applicare l’una anziché le altre due. Se il dominio D non è normale rispetto ad alcuno dei tre piani coordinati allora le formule (1), (2), (3) non si possono applicare. Supposto però che D sia decomponibile nella somma di un numero finito di domini D privi a due a due di punti interni comuni e normali

Freddo del benessere Freddo della matematica? Tre principii della termodinamica

rispetto a uno qualunque dei piani coordinati, applicando la proprietà additiva si può scrivere

1° 2°

principio: Tutto il calore può esse-

re trasformato in lavoro. principio: É impossibile traspor-

tare lavoro da un corpo freddo senza spendere lavoro.

principio: L’ entropia, la misura del

grado di disordine, tende a zero.

freddo, esperienza del —

44


45


Freddofreddo

46


47


Freddofreddo

dvdv per distruggere le persone. Metodo C ol l au d ato c on s u c c e s s o e p e r fe z ion ato n e gli anni. L’azione si svolge fra due figure: il cannoniere e la sua vittima.

N

ella 1^ parte dell’operazione il cannoniere guadagnerà la stima della vittima. Tale stima non dovrà essere semplice rispetto o considerazione; la vittima dovrà annoverare il cannoniere fra le persone del più alto valore immaginabile. Il cannoniere dovrà osservare una condotta paziente e la sua vittima sarà sempre al primo posto fra i suoi pensieri. Gradino dopo gradino, il cannoniere adotterà ogni tecnica per scalare i valori della vittima, ne guarderà le tendenze e le affezioni per poter mettere davanti ai suoi occhi la più lunga sequenza di gesti meravigliosi. Questa fase potrebbe durare anni. Quando il cannoniere sarà certo di occupare uno dei posti al vertice della piramide di gerarchie e ideali della vittima, potrà senza indugio passare alla:

freddo, esperienza del —

attacchi saranno sempre piccoli e costanti, in tal modo il cannoniere avrà un’ ottima copertura contro future recriminazioni. La vittima non sarà mai abbastanza lucida da vedere l’attacco nella sua globalità e la sua reazione alla singola azione apparirà sempre sproporzionata. Le vie da percorrere possono essere le più diverse: il sarcasmo, l’induzione del senso di colpa, il giudizio morale e/o intellettuale che per la vittima sarà il più autorevole, degno di rispetto e, dunque, doloroso. Sarà necessaria pazienza anche in questa fase ma in misura minore rispetto a quanto necessario nella prima.

Freddezza

2^ parte. Il cannoniere incomincerà a minare le certezze della vittima con piccole cariche e sceglierà quelle più profondamente radicate al suo carattere, quelle non modificabili con procedimenti comportamentali. Gli 48


49


Freddofreddo

I risultati non tarderanno a mostrarsi: qualche lacrimuccia mal trattenuta dopo una battuta di spirito, insicurezze, tremori nel lavoro e negli affetti. Se il cannoniere avrà ben operato, in breve tempo l’autostima della vittima sarà pressoché inesistente perché demolita dalla persona che più merita rispetto, la cui opinione è sempre arguta e profonda. L’occasione definitiva si presenterà presto: quando la vittima si innamorerà basterà abbattere il valore della persona amata.

Un

giorno, non riuscendo a contattare la vostra vittima, andrete a cercarla ma al suo posto troverete un piccolo crateruccio di cenere nera e leggermente fumante.

Il

freddo e il coraggio: Il fascino del prato buio è assaporarsi il pericolo.

Un

cavaliere in un freddo 11 novembre incontra un uomo. Quell’uomo è seminudo e fra poco morirà di freddo. Per qualche motivo Martino decide di scendere da cavallo, di togliersi di dosso il mantello, di sguainare la spada dalla vagina e di incidere il bordo del mantello, di rinfoderare la spada e di strappare con un gesto potente la freddo, esperienza del —

Il freddo e il coraggio Freddo della dimenticanza, anonimato, San Martino

stoffa colorata a porpora. Con una metà del mantello continuerà il viaggio, con l’altra l’uomo semi-ibernato si coprirà un tantino. Il freddo ha molta importanza in questa storia. Per il freddo quell’uomo sarebbe morto per diventare freddo quanto novembre. E Martino? Sono i gesti che scaldano? E se spezza il mantello, cos’altro divide. Non ha importanze. Allora Martino salva il poveraccio dal freddo e dalla morte. Quella morte è fredda e davvero e il dissolvimento dell’identità è gelido. Martino si presenta come Martino e passa alla storia, il poveraccio si scalda e torna dalla morte e da 50


51


Freddofreddo

Cedimento Rassegnazione al caldo

pezzo di ghiaccio, sgocciola a uomo e passa alla storia in carne ed ossa calde. Dunque, la perdita delle identità è freddo. Ho trovato qualcosa di freddo freddo.

O

ggi, sono andato a rannicchiarmi dentro di me, sono stato come sempre a rintrufolarmi fra le mie idee obbligatorie e ora sono un po’ stanco. Le idee obbligatorie sono quelle che vengono e ti obbligano a fare sforzi per tirarle fuori, realizzarle, metterle un’ infila all’ altra acchè godano a sazietà. Ancora non ho cenato e, visto che devo fare note termiche, mi rendo conto che di freddo, oggi (ora, per la precisione) ho solo i piedi. Oggi sono stato al caldo; e non me ne dispaccio più di tanto. Anche il caldo non è da bistrattare, non è il caso di estremismi. Non ho cenato e l’idea di fermarmi qui – nonostante la playlist sia entrata in quest’istante in Miles Davis – di autorizzare una pausa e sbattere indietro le immagini tiranne mi solleva un gingino, in fin dei conti sono io che tengo la fiera, qui. Ecco, preparerò qualcosa di caldo e so bene che fra le anse del sugo vedrò sempre un po’ di senso di spreco, sempre il solito. Musiche, idee tiranne, e amori che girano in tondo nel bicchiere che tengo sul capo.

freddo, esperienza del —

52


53


Seduzione fredda

54


55


Seduzione fredda

R

esemel noibidung olifar mosere ta goi samara goriovil ac eidomai sono vividi fres guil giovinem, turbinium desire asfigole, noi sert tui opopa iolo terese derem carm tuturizin dezerti demo scifer scolom fiul gerem nono term nop teren deve fe ac mono nocte sel sel sel. Deree seren motereu dagioga lorte semente zappa sereo eoi limbte devere di un fertogi ac dezerti opop feren liop defretuui Ou Ou non.

S

ereo eoi limbte rio solon fregifis aloregon sie poetre retuimon fregele defrenendo sottepo fior, colosto fes dezerti sposi

Resemel noibidung Nella rete, freddokalt

freddo, esperienza del —

remenghi loti zanfion zanfiol. Fescimoli trew fredondi iol potyu, fescoltamen iopo golo ollo. Zak iotescomai ilò? Dao termini poi torvagi germinuta lagosta pio ere fes limbte fregifis. Alse opolomo riutim tiofermi fio to casim, torvagi luglio lagosta pio fredondi iomen ac sposen ac lumen. Uitimon sed fioriolimbi fescoter uiter man, gerioli degi sedretiu nioly mao lermenio nuiomar guiterlin sereteriu ul olak jio zezetiuop poi to sere ac potirli cemino ferde, iopolo sede. Iol pio.

A

ntefatto: L’autoseduzione di Baudrillard si applica ai blog (web log). Oggi ce n’è uno che trasmette in diretta audio. «Il gruppo sintonizzato sull’audiovisivo è il terminale di se stesso. Si registra, si autoregola, si autogestisce elettronicamente. Autoaccensione, autoseduzione. Il gruppo è erotizzato e sedotto dalla constatazione immediata che riceve da se stesso, autogestirsi sarà ben presto il lavoro universale di ogni persona, di ogni gruppo, di ogni terminale. Autosedursi diverrà la norma di ogni particella elettrizzata delle reti e dei sistemi.»

Q

uerzola: «la tecnologia psicobiologica, tutte le protesi informatiche e le reti 56


57


Seduzione fredda

elettroniche di autoregolazione di cui disponiamo ci offrono una sorta di strano specchio bio-elettronico in cui ciascuno, ormai, come un narciso digitale, scivola lungo il filo e s’inabissa nella propria immagine.»

L’

amplificazione paradossale del corpo nella sua departicellizzazione evaporata nello spazio elettrificato è né fredda né calda. Forse devo introdurre dell’altro: l’assenza di temperatura in cui s’intraveda uno scostamento del tempo dall’andamento monolineare. Quando per un attimo scopro nella vertigine del network e nell’imperfezione della trasmittente la differita di esperienze e sento ciò che sente un altro terminale con decine di secondi di ritardo, in un capogiro, svergola l’autocoscienza. In questo turbine di vortice lento, che Baudrillard dice freddo, palpita una percezione inesplorata che se mi scosto dalla vista in riga razionale mi appare come l’epifania di uno schiaffo d’eterno in cui si possa percepire un tempo disturbato nelle dimensioni, allucinato di spazio e luogo nuovo su cui inesplorarsi. Ebbene, il battito bio-elettronico era caldo pur non essendo duale né freddo. È un soggetto che è freddokalt e si punge nella corteccia callosa in sotto al cervello. AX LENDA guardaroba con strut- Parole e scatole, Pax Lenda tura melammina effetto betulla, effetto faggio, melammina bianca o crema. Disponibile in due altezze, due profondità e due larghezze. Crea la tua combinazione. La tenda PAX LENDA beige di cm i 20x233 é coordinabile con tutte le strutture. La puoi facilmente cucire alla lunghezza desiderata. I prezzi includono struttura, tenda e bastone per tenda. I complementi interni si acquistano a parte. Le misure si riferiscono ad altezza x profondità (cm).

P

freddo, esperienza del —

58


59


Seduzione fredda

RAFFINATA COMPOSIZIONE DI DIFFERENTI TIPI DI CIOCCOLATO SECONDO UNA LONTANA SAPIENTE TRADIZIONE. TUTTI DA ASSAPORARE QUESTI SQUISITI RIPIENI ALLA NOCCIOLA. AVVOLTI DA UN VELO DI CIOCCOLATO FONDENTE, Al. LATTE O CIOCCOLATO BIANCO.

Parole e scatole, Cioccolatini frutti di mare Oily thinner

CIOCCOLATINI- FRUTTI DI MARE PRALINEES EXCELLENCE UNA EXCELENTE COMBINACION DE BOMBONES PRALINt, SIMBOLO MAXIMO DE LA TRADICIÒN DE LOS MAESTROS APTESANOS. RELLENOS CON LA MEJOR CREMA DE NOUGAT CON AVELLANAS, CUBIERTO CON INSUPERABLES CUOCO LATES FONDANT CON LECHE Y BLANCO. QUE SATISFAPAN LOS PALADARES MS EXQUISITOS. CZEKOLADKI - OWOCE MORZA DOSKONALA KOMPOZYCJA CZEKOLADEK POWSTALYCH WEDLUG NAJLEPSZYCH CUKIERNICZYCH REZEPTUR I TRADYCII. NADZIENIE ORZECHOWO POIANE WYKW1NTNft GORZKP MLECZNA. I BIAlJ CZEKOLADA

freddo, esperienza del —

PRALINES EXCELLENCE SUUSSA SULAVA KOKOELMA PERINTEISELLA TAVALLA VALMISTETTUJA SUKLAAKONVEHTE PARASTA PÀHKINÀ NOUGAT-TAYTETTA YMPAROI JALO TUMMA, MAITO- JAVALKOINEN

SUKLAA. TAMA YHDISTELM ANTAA MAKUHERMOIA III VELE VAN NAUTINNON. PRALIN EXCELLENCE EINE EXCELLENTE KOMPOSITION VON SCHOKOLADEN- PRALIN IN VOLLENDETER CONFISERIE.TRADITION. BESTE NUSS.NOUGAT UMHÙLLT VON EDELSTER DUNKEL MILCH- UND WEISSEP SCHOKOLADE SIND DER GAPANT FCP VERFJHREfflSCHEN GENUSS PER PITTURA A OLIO Oily Thinner Oil Painting Médium à l’huile Painture a l’huile Malmittel Fet Olmalerei

60


61


Seduzione fredda

Teleart Srl Maimeri Blu d,D Prepararsi per l’inverno, fare legna

Biglietto da conservare ed esibire in caso di controllo Tutti i colori 08 = 1,5 ml godet Unità di vendita 6 pezzi I godet MaimeriBlu sono ancora confezionati manualmente. Per non adulterare il prodotto con additivi e artificiose lavorazioni che ne snaturerebbero la genuinità, Maimeri cura ancora artigianalmente, in questi colori, alcune fasi della preparazione della singola pastiglia. Per non rinunciare a una purezza di formulazione e composizione che rappresenta la vera qualità di questi acquerelli. Nella progettazione della gamma cromatica, composta da 72 tinte, si sono privilegiati pigmenti di massima trasparenza, senza pregiudizi, cercando semplicemente la massima qualità cromatica e il massimo grado di resistenza alla luce. 52 tinte sono pure, cioè costituite da un solo pigmento legato con autentica Gomma Arabica della migliore qualità sudanese e acqua distillata.

Diluyente òleo Pintura al oleo MaimeRi Made in Italy, Maimeri Spa, Mediglia (MI) Sogni e conflitti la ditatura dello spettatore Titolare del sistema di emissione

freddo, esperienza del —

TELEART SRL CF 02953280233 Santa Croce, 510 30135 Venezia (30135) Spettacolo MOSTRE 15/06/03 18.00 Venezia, POSTO UNICO Titolo: Sogni e Conflitti Prevendita Euro 0.00 IMP:TOTALE Euro 9.00 Data e ora di emissione 15/06/03 12.42 Cod Carta ATT. A00000169 Progr.: 389 Sigillo: 24-ba-eg-db-cr3-90-b6

Il tono chiaro e fresco di un dipinto all’acquerello nasce dalla eccezionale limpidezza della tinta. Pura. Semplice. Straordinariamente trasparente. Come tutti i colori MaimeriBlu d, D, s.f. o m inv. 1 Quarta lettera dell’alfabeto italiano derivata dal gr. delta, il cui nome per esteso e’ di. || In italiano rappresenta il suono della consonante occlusiva dentale sonora. || In posizione intervocalica, oppure preceduta da una vocale e seguita da una semiconsonante o da una liquida puo’ avere grado tenue (dado, odio, quadro) o rafforzato (suddetto, addio, addrizzare); nelle altre posizioni ha grado medio (cardo). || Ha funzione eufonica quando si aggiunge alla preposizione a e alle cong. e, o, davanti a parola che comincia per vocale. 2 Si usa come abbreviazione in alcuni linguaggi specifici. || D nella numerazione romana, equivale a 500. || (chim.) D simbolo del deuterio. || (mat.) D simbolo della derivata. || (mus.) D nell’antica notazione per mezzo di lettere lfabetiche, simbolo corrispondente alla nota re.

62


63


Seduzione fredda

1 Il canto 2 Neapolis 3 Starai con me 4 Ti adoro 5 Notte 6 Come aquile 7 Domani verrà 8 Buongiorno a te 9 Ai giocchi addio 10 Stella 11 Tu e il tuo mare 12 Il gladiator 13 Caruso (with guitar solo by Jeff Beck) Video - Il canto Video - Ti adoro. Nato nel 1935 a Modena, il celebre tenore emiliano ha manifestato fin da subito una precoce vocazione al canto, come testimoniato dai resoconti familiari. Non solo infatti il piccolo Luciano saliva sul tavolo della cucina per le sue esibizioni infantili ma, spinto dall’ammirazione per il padre, anch’egli tenore dilettante (dotato di bellissima voce e cantante nella “Corale Rossini” di Modena), passava intere giornate davanti al giradischi, saccheggiando il patrimonio discografico del genitore. In quella collezione si celavano tesori di tutti i tipi, con gran prevalenza per gli eroi del belcanto, che Pavarotti imparò subito a riconoscere e ad imitare. I suoi studi però non sono stati esclusivamente musicali e anzi per lungo tempo questa era solo una passione coltivata in privato. Adolescente, Pavarotti si era iscritto alle magistrali con lo scopo di diventare insegnante di educazione fisica, cosa che si stava quasi per verificare, avendo egli insegnato per ben due anni alle classi elementari.

Pavashow

freddo, esperienza del —

Parallelamente, per fortuna, proseguiva gli studi di canto con il Maestro Arrigo Pola (di cui seguirà i principi e le regole per tutta la sua lunga carriera), e in seguito, quando tre anni più tardi Pola, tenore di professione, andò a lavorare in Giappone, con il Maestro Ettore Campogalliani, con il quale perfeziona il fraseggio e la concentrazione. Questi sono, e resteranno per sempre, secondo le parole del Maestro, i suoi unici e stimatissimi maestri. [...], più volte ripresa anche in tarda età, sempre nei panni di Rodolfo. Sul podio, nientepopodimenoche Francesco Molinari Pradelli. Il 1961, comunque, è un anno [...] (Fonte: biografieonline.it) 64


65


Seduzione fredda

freddo, esperienza del â&#x20AC;&#x201D;

BRI Australia Limited (formerly the Bread Research Institute) is an independent centre of expertise in grains, grain processing, milling and baking. Founded in 1947 by the Bread Manufacturers of NSW, its initial aim was to assist in the improvement of bread quality. Since that time, BRI has considerably broadened its customer base and focus of activities, with expansion first into milling, then into grain quality and eventually into grains processing. our core business is the provision of research and technological expertise to the grains, grains processing and grains food industries. BRI Australia Limited is a company limited by guarantee. It is governed by a board of directors elected from a broad cross section of the industry. BRI Australia Limited (formerly the Bread Research Institute) is an independent centre of expertise in grains, grain processing, milling and baking. Founded in 1947 by the Bread Manufacturers of NSW, its initial aim was to assist in the improvement of bread quality. Since that time, BRI has considerably broadened its customer base and focus of activities, with expansion first into milling, then into grain quality and eventually into

grains processing. our core business is the provision of research and technological expertise to the grains, grains processing and grains food industries. BRI Australia Limited is a company limited by guarantee. It is governed by a board of directors elected from a broad cross section of the industry. grains processing. our core business is the provision of research and technological expertise to the grains, grains processing and grains food industries. BRI Australia Limited is a company limited by guarantee. It is governed by a board of directors elected from a broad cross section of the industry.

BRI, Bread Research Industry

66


67


Seduzione calda

68


69


Seduzione calda

freddo, esperienza del —

Io

mi mangerei le r. Con la bocca e con le mani. E qui c’è Lisa Ponti che dice io sono: quasi artista. E io capisco cosa vuole dirmi, la capisco Lisa Ponti, io capisco io e lei e lei ha 83 anni. Nel dirlo io so che diventa artista. Sì, impazzisco a sguardi e a tutti gli occhi dolci che mi assalgono. Non posso muovermi in un corridoio qualunque che all’incrocio non mi sfregi la faccia uno sguardo forte addossato su di me di donna che mi desidera, aggiustandosi una ciocca dietro all’orecchio. Se mi sporgo con la ricevuta in mano su un banco a chiedere da bere c’è sempre a lato lo sguardo che mi

Ragazze divorate

chiede di avvicinarmi a rinsaldare la conoscenza a superficie. Ma io non posso, io vorrei solo rotolarmi ad abbracci e bocca e mi ribollono il sangue quegli agghindi e quei ciuffi e quelle ciglia che mi spogliano. Le desidero tutte e mi scaldano a brani a passi. Ma non posso conversare con loro dei Viviamo di seduzione ma moriamo nella fascinazione(6) e non riesco a rispettare la regola dei discorsi nel modello e nella combinatoria mobile dell’universo ludico, non ve lo spiego qui. Mi rifiuto perché io non voglio annegarci. E allora resisto resisto a queste bocche ingorde di me, ne prendo solo la metà e per l’altra mi ritorco. Si tratta di sola fascinazione? Niente seduzione né incanto? No quella è seduzione duale o forse lo è solo su di me perché mi muovo fuori dal freddo e su di me si stratificano desideri che smuovono gli istinti precontemporanei. E mi spiegherei così le vampe di quando esco dopo aver disegnato disegni che quasi non mi muovo per la frequenza dei battiti di palpebre su di me. O forse, sotto la cenere spenta della seduzione fredda, dietro alla norma e al modello autoseduttivo di tutt’intorno cova per tutti il gioco rischioso e tutto rovente della scommessa atavica, a vince chi muore per ultimo, del possesso fra i generi. 70


71


Seduzione calda

Turbamenti Amore sulla lavatrice

O

ggi parlerò dei turbamenti che le donne producono nell’animo degli uomini. È una prigionia senza scampo in celle imbottite, è un’agonia centellinata il sussulto in silenzio che incassa un uomo ogni volta che, prima di dormire, si posa sul pensiero di ognuna delle donne desiderate. Un’ aspirazione sopraffatta dalla moistura marina, una percezione tesa di lontananza senza ponti larghi o godimenti infagottati da portarsi in scorta. La maggiore prestanza dei cuori maschili, dei corpi, degli animi, io credo sia forgiata su questo esercizio atroce: del desiderare. A bocca aperta, verso

il soffitto ad ascoltare un tramaglio sotto lo sterno che si sfalda ad ogni fiato. L’esercizio dell’autocontrollo necessario all’amore è da Ulisse legati all’albero maestro. Non si può dare in pasto ai cagnacci la propria furia e io non posso non trattenere il desiderio. Lo incaptivisco compresso e mi tormenta la notte per covare il giorno fra visioni e sfioramenti, canti di sirene e richiami di striduli sessi. È sempre così, mi si creda, ancora ci sono le sirene e ancora ci sono i naufraghi e i marinai, le Circi e la ciurma trasformata in porci. Io vivo ancora in quella schiavitù e da lì suggo forze roventi.(7)

L’

amore non lo facciamo sulla lavatrice, oggi. Il pezzo di sapone che la occupa non può essere spostato. Non ho nessuna intenzione di spostarlo; per me è come se fosse incollato. Quando ho scattato questa foto la pensavo così, io sono innamorato degli oggetti più che di L., la mia fidanzata. Gli oggetti trasportano la mia vita da un giorno all’altro e lo faranno ben oltre la mia esistenza, gli oggetti sono le mie bitte per l’eternità. Per ragioni di identico, simmetrico, peso ho frantumato un giorno il piattino e ho confreddo, esperienza del —

72


73


Seduzione calda

freddo, esperienza del —

ninfe che vivono negli anfratti del Le deserto di lava dell’isola di Sen Jing attirano decine di visitatori. Decine,

non centinaia né migliaia; l’ambiente è talmente ostile da scoraggiare la maggior parte dei viaggiatori. Io non mi ritenevo parte di essi, io sono uno studioso, un ricercatore, un esperto di vulcani e delle forme di vita che li abitano. Appena arrivato, una di quelle creature mi accolse con uno sguardo talmente sensuale da farmi sussultare. Ho sentito come un balzo risucchiato contro il cuore del torace e un soffio cupo nelle orecchie, anzi, nella testa. Lei guardava me sotto quel sole arrabbiato. Quell’abbaiare di calore feroce, come quello a vampe di un cane tenuto per un secolo alla catena, pronto a sbranarti d’odio bollente, mi esplodeva negli occhi e su tutto il corpo. E poi quel nero di lava si arroventava e irradiava caldo zitto ad ogni passo. Mi chiedevo: quella ragazza coi capelli biondo cenere, le gambe in vista, gli occhi loquaci ma muti, la pelle abbronzata e un vestitino appoggiato appena sui fianchi e sui seni di proporzione e bellezza vera, non stereotipa, solo mia, stava guardando proprio me? Era così. Ne spuntarono altre due di bellezza altrettanto prepotente. Camminavano sulla lava fiorita di spigoli taglienti come fossero a passeggio in una via del centro a caccia di vetrine. Io, di fronte a quelle due ragazze brune con i capelli arricciati dal mare, i sandali legati sopra il polpaccio, mi sentii ancora quel sussulto dentro. Anche loro, entrambe, passando mi guardarono seducenti. Quel vulcano placido arroventato dal sole mi stordiva. Cercavo di mantenermi

indifferente, di picchiettare le rocce in cerca di fossili, ma non riuscivo ad ignorare quella interiore depressione atmosferica che mi comprimeva il petto ad ogni passaggio di giovane donna. Ne vidi tante; troppe. Loro vivevano lì, nelle piccole caverne naturali dentro il basalto. Quando mi avvicinavo a qualche apertura e guardavo dentro, vedevo che le grotte erano arredate come confortevoli casette con tendine variopinte alle finestre e tappeti e cuscini. Se mi capitava di sentire i discorsi provenienti dall’interno di quelle case, non capivo il senso delle risatine leggere, delle parole confidenti, ma sempre, sempre, mi attraeva la loro tranquilla rilassatezza sui divani, sui letti, sui cuscini delle caverne nella lava antica. Sempre sentivo quella folata calda nelle orecchie. A lungo andare mi pareva che quel vento e quei cedimenti mi avessero scavato dentro, lasciando delle cavità che somigliavano a quelle abitate dalle bellissime ninfe. Ogni sguardo provocante mi apriva e scavava antri interiori che poi venivano colonizzati da corpi morbidi e abbronzati, da saltelli sugli scogli, da spalle baciate dai capelli. Molto prima di capire tutto questo mi resi conto di non riuscire più a tenere in mano il mio martello da geologo, mi muovevo sempre più pesante e mi arroventavo sempre più al sole rabbioso. Ero diventato io stesso di lava e basalto fiorito di spigoli vetrosi. Fui presto parte dell’isola e subito i miei anfratti e le mie caverne, grandi o piccole, scavate da sguardi, furono rivestite di tende fiorate e tappezzerie e trasformate in alloggio di amabili creature femminee. 74


75


Seduzione calda

sumato il sapone. Mi sono innamorato di L., ancora, e di riguardi verso la lavatrice non ne ho avuti in alcun frangente. Naturalmente non ho fotografato la disgregazione dei cocci. E’ inutile dire che l’oblio non ammette documenti. Il mio buffo pendolo esistenziale: oblio/eterno, oblio/eterno, oblio/eterno, oblio/eterno, freddo/caldo nell’amore significa per me: oblio. Perché nell’amare L. io voglio tutto vivere, sempre vivere; e vivere è vivere consumato. I tentativi goffi di documentare L. in vita sono ridicoli, ma io li compio perché non mi importa di rigare in coerenza. Le centinaia di metri di pellicola fotografica sviluppata e stampata sui miei quotidiani di amante, vorrei farli cima per attraccarmene di eterni. Li sfilo i giorni e li trafilo come la sfoglia della nonna e li raccomando ai miei figli. Ma a viverli mi tuffo e il godìo è a consumarli. Che codardi e che vili, sorrido di coraggio quando con tutte le forze di dentro e di fuori ingoio tutta L. divaricata e me ne mangio a respiri interi e lei sembra morirmi di singhiozzi fra le braccia, e con la faccia e il sudore mi dice lo sgomento! non c’era questo scuffio nel ventre mio. E nel corpo! e mi sgrana gli occhi dalle orbite e grida, gridiamo, alla scoperta. Anch’io nel sinibbio. Noi, così, ci amiamo. Lì, il pendolo si ferma Rabbia calda all’oblio nell’antigravità istantanea, che noi non ce ne brilla del fottìo stretto in anima.

Q

freddo, esperienza del —

uando i tuoi atti sono dettati dall’impulso sincero e feroce della rabbia, quando il tuo scalpitare verbale o violento è il più viscerale e sincero, vivido, intelligente di tutto, anche di quello che a mente placata rimane inspiegabile forte delle ragioni che solo lo sguardo adirato sapeva vedere, le vite degli altri ti mettono fuori. Fa terrore la sincerità della rabbia. Passata la mia tempesta, l’ho subito compreso; era nel silenzio di chi c’era e poi di quelli a cui fu raccontato. 76


77


Seduzione calda

Ero fuori, e mai più sarei stato guardato con gli occhi di prima. Via dal villaggio, bandito dall’iter consueto di costruzione sociale. Chi capiva che il mio turbinare era degno del meno retorico e più vero degli atti? Nessuno è in grado di fronteggiare espressioni il cui coraggioso flusso pieno è pari forse al colpo di spatola sulla tela. Questo tutti lo ignorano e io ora sono il bandito. Niente a che fare coi discorsi già detti, coi rapporti in sorriso, ma niente: sono fuori.

Mi

troverò ancora un pezzo vergine di sociale e mi ci costruirò casa, nel bene e nella violenza. Io userò gli stessi propositi di atti sinceri costruiti nel momento e fuori dai manuali non scritti; sempre. Tutto tranquillo, finché non ne avrò ammazzati altri quattro, appena fuori di qui.

non riuscivo a dormire per la contentezza d’un balocco nuovo. Perché oggi, di tardo ’meriggio, ho comprato una nuova macchina da foto. Questa è la quinta che mi faccio appendice dei miei guardi (par delle penne e de’ quadernetti da trasporto; di quelli per le idee volanti). Tant’è l’eccitazione che non dormo e ora ho acceso la luce e me la sono rimirata e già speravo in una bella luce grigia e nubila domani, per fare foto fredde, gelide, che si rabbrividisca al solo sguardo di sfuggita. Un po’ mi vergogno a dire che questa sera del Baudrillard sul comodino

Parola calda, il sonno non viene, insonne

Il

sonno non viene, insonne. È una forma di trepidìo notturno che mi brivida le carni. Tutte le cose che non ho detto oggi, e avrei voluto, mi rinfacciano brogli spigolosi sottocute. Ho le voci odiose di omuncoli in rivista che si razzuffano nei sogni e mi vociano di dentro le palpebre n’appena le serro. E di mezzo a tutto questo sgradevolezzo ci ho l’impazienza infantile di quando freddo, esperienza del —

78


79


Seduzione calda

ha preso il posto il Canon-Camera-UserGuide in Inglese e Coreano ché da laggiù veniva la ragazza di oggi. E in tutto? nelle facce che mi turbinano? viste oggi; nelle impazienze infantili; cosa rimane a non farmi prender sonno? Ci sono le speranze amorose, i miei innamoramenti impalpati, i visi e le carezze. Questo, tutto questo mi si aggrappa alla veglia e non m’addormenta. Ecco, questo: ci sono, le facce stupide, ci sono i desideri da bambino e ci sono le donne baciate, per tutto il giorno e per tutti i giorni che verranno. Come potrei dormire?

Senso del nonsenso Gli inabbinabili

Il

senso è: regalare. La storia delle cose e delle parole è: crepitare. Come fare a. Ci sono strepitii dappertutto e cedimenti un po’ gar. Quando succede che questa strepitante contemporaneità viene ignorata. L’accozzaglia del presente io mi sveglio ora. Ma mi era impedito da rivoluzionismi reazionari che si moscacecavano tutti e il disagio perciò quanto! Se uno vive in un presente fatto qui perché si. Vuole! Perché se lo butta in un sacco juta e fa finta vivere in un altro tutto passato tutto? Sono i retaggi di idealismi che temono? Sono paure ma è sempre stato o? Un po’ mi sconcerta questa miope. C’è intanto una montagna penne qui e il mondo deve essere esploso quando il vaso bianco portapenne l’ho scivolato. L’addolcito non è dolce per, si biscotti. Ma tanti piccoli pensieri di carezze mi addolciscono, lo dico cantilenando perché il cantilenando è un po’ regolarizza l’affastellio di cespugliame. Con una vocina quasi cantante un po’ chiando. La testolina. L’immagino e i futurini si svicciliziscono che non vuol dire nulla. Ma è un po’ come sei tu, sì, proprio tu. freddo, esperienza del —

80


81


Seduzione calda

Sereo eoi limbte

remenghi loti zanfion zanfiol. Fescimoli trew fredondi iol potyu, fescoltamen iopo golo ollo. Zak iotescomai ilò? Dao termini poi torvagi germinuta lagosta pio ere fes limbte fregifis. Alse opolomo riutim tiofermi fio to casim, torvagi luglio lagosta pio fredondi iomen ac sposen ac lumen. Uitimon sed fioriolimbi fescoter uiter man, gerioli degi sedretiu nioly mao lermenio nuiomar guiterlin sereteriu ul olak jio zezetiuop poi to sere ac potirli cemino ferde, iopolo sede. Iol pio.

R R

esemel noibidung olifar mosere ta goi samara goriovil ac eidomai sono vividi fres guil giovinem, turbinium desire asfigole, noi sert tui opopa iolo terese derem carm tuturizin dezerti demo scifer scolom fiul gerem nono term nop teren deve fe ac mono nocte sel sel sel. Deree seren motereu dagioga lorte semente zappa sereo eoi limbte devere di un fertogi ac dezerti opop feren liop defretuui Ou Ou non.

S freddo, esperienza del â&#x20AC;&#x201D;

ereo eoi limbte rio solon fregifis aloregon sie poetre retuimon fregele defrenendo sottepo fior, colosto fes dezerti sposi

esemel noibidung olifar mosere ta goi samara goriovil ac eidomai sono vividi fres guil giovinem, turbinium desire asfigole, noi sert tui opopa iolo terese derem carm tuturizin dezerti demo scifer scolom fiul gerem nono term nop teren deve fe ac mono nocte sel sel sel. Deree seren motereu dagioga lorte semente zappa sereo eoi limbte devere di un fertogi ac dezerti opop feren liop defretuui Ou Ou non.

S

ereo eoi limbte rio solon fregifis aloregon sie poetre retuimon fregele

defrenendo sottepo fior, colosto fes dezerti sposi remenghi loti zanfion zanfiol. Fescimoli trew fredondi iol potyu, fescoltamen iopo golo ollo. Zak iotescomai ilò? 82


83


Il freddo e il nulla

84


85


Il freddo e il nulla

C

ostruisco tutto nel freddo dell’assenza, il nuovo punto di partenza: da tabula rasa al tutto in potenza asintotica. Ora capisco la vibrazione, sempre epurata in memoria, che l’inverno mi mette addosso; e così un campo innevato senza orme; e così una steppa; lo spazio liscio, di sostanza: freddo. Trovo ‘nulla’ nel gelo urbano e nulla nel gelo preconcetto e lì spazio e spazio e spazio. Trovo nulla nel gelo e da lì: tutto. Il temuto gelo del bianco, bianco del gelo-carta, freddo di freddo, è la scoperta gaudente di idee in caduta libera, l’inesprimibile suprematista di figure sacre sulla tela (mi si perdoni se riparto da quasi un secolo indietro). Nel diario di un seduttore Johannes dice: «Sarò morbido, flessuoso, impersonale, quasi uno stato d’animo». Sarà freddo e sarà tutto, un tutto sonnambolico in cui lo spazio pieno, quello dell’animo femmina, si ripiegherà intero fino a richiudersi, nel seduttore. Avviene quello che spera B. (Baudrillard), che l’assenza seduce la presenza, il freddo seduce il caldo. «Sono Immortale, ossia senza respiro» (8).

Q freddo, esperienza del —

uesta è l’ora in cui chi dorme è più perso. Adesso, se ti avvicini, la pelle è scaldata di rosso dal respiro lungo inu-

Il freddo dell’assenza Il freddo nell’assenza, 5:01 a.m

midito di caldo fra le lenzuola e i capelli. Ora c’è la dissoluzione della ragione, lo scomporsi della rete di coscienze in minuti frammenti senza il tempo senza il nulla senza regola e gerarchia, allineati nella gorgone di giorni e gote tranquille.

D

ormi, e non c’è né calore né freddo, né cristalli ordinati né focolari recenti, ci sei tu, abbandonata senz’ordine, senza il pensiero diritto. Eppure sei lì, tutta tu, nel sonno zitto, con la vita disvolta a doppia elica tutta in lista. Tutta te stessa è lì nel letto sciolta nel caldo rovente che se m’avvicino mi scotta, il respiro caldo di vicino le labbra. 86


87


Il freddo e il nulla

E

ssere sveglio a quest’ora mi pare inutile ma so: che è la mia coscienza che ti tiene viva nel mentre tu dormi e ti perdi.

Il freddo e la morte

C

he faccio qui al freddo ad aspettare la morte? Nel freddo di morte c’è un tremo che pure è difficile parlarne, ci sono sussulti, singulti che, ancora, sono tutt’altro che vuoto. C’è un sobbalzare violento di sfregi e strappi ed è uno sbatter i denti che è fuori che immobile, è fuori che morto. Il freddo fino a un passo prima che morto è la sfida che scotta, rovente di vita, è il sommo sfacelo del tutto in di vita. È il freddo della specie più calda.

Q

uesto è certo il passo meno schietto che metto qui, non può che esser così. Non può che cristalli qui, di gelo che è tutto, al sommo di forza il discorso sul freddo. Qui il gelo è tale da essere nero non d’assente ma di tutto de’ tutti. E io che sprizzo di vita.

freddo, esperienza del —

88


89


Scuse di non chiarezza

90


91


Scuse di non chiarezza

freddo, esperienza del —

C’è

un momento in cui incomincia tutto ora per me, è quello in cui rimango scalzo. Succede lì che tutti i pensieri mi si immergono in piscina. È l’esempio del bastone immerso in acqua che pare piegarsi. Io so già cosa succede ora sopra al parquet, lo so cosa succede appena avvicino la tastiera prendendola a mani parallele e lo so che il richiamo del letto non è abbastanza forte. Lo so. Lo sanno tutti che non riesce di resistere al sonno come di cenere; quello che se guardo nell’intruglio e mi guardo me le mostra un po’ col fiato corto. L’intreccio, intendo, è G. che è teledipendente e vive della sua abitudine. Ma, soprattutto, è la melassa di testacce troppo lente, diamine. Che ripetono solo, come gracole gozzute. E io sempre ad aspettare, sfinito di tornare a recuperare e a spiegare la strada che ho strigato da un pezzo. Ora col bastone in acqua mi si piega anche la scrittura, la sento che si torce, povera. Certi pensieri non dovrebbero essere rivelati. Come quelli sull’intreccio notturno a piedi scalzi, ecco perché resto a dire e non dire. Che pure sia incomprensibile, è così per tutto il giorno! Devo convolvermi tutto il die a spiegarmi e che pur si prenda una vacanza quella facoltà chia-

rificatrice e che i pensieri per una volta si dispieghino come sono. Ah che riposo.

Ah

che fatica regatare coll’olandese volante per cozzare sempre sulle avarizie meschine di intelletto, di sudore, di denaro e a guardare serbare i muscoli per quando saranno crepati in cartapecora. Devo lamentarmi per la pena a veder quel tale (ma si dice amico mio) che si fa grande facendosi commiserare? Che trasforma sciocchezze in patemi e si bea dei ‘poverino’ dei cari? Forse non dovrei, forse è di tutti e forse sono proprio io ad essere scoglio per 92


93


Scuse di non chiarezza

altri in altre coste frangenti. La verità è che in certi istantucoli voglio tornare a stare dentro, ma dentro di me. C’è un silenzio e una penombra, della temperatura giusta. Succede, sì, che mi guardi intorno ma questa varietà gaia di cose – ‘questa’ voglio dire di me tutto in me – si accresce di giorno in giorno e quello che c’è fuori sembra sempre meno attraente. Io so che è un errore ma lo so per principio, ora in specie, non lo sento e le facce che penso sono solo ebeti, noiose e, quando non lo sono, sono gravi di sfoghi ustionanti e mi cacciano via.

Io

quasi mi scuso per quello che dico e come ma qui non può che avvenirsi l’esplosione del lessico, ché sto sbrigliando le idee e a spronarle scartano ombrose e la briglia non la sentono. E che, dovrei frustare e tirare il morso? Chiedo perdono, lo so, ormai ho capito, c’è una falce che livella le cime coll’odio, è l’umiliazione dei mediocri rancorosi che latra e sbava e io lo so che devo tornare a parlare per farmi capire. O forse, per il solo pensare così io sono quello che guarda da più in basso, guardiano del formicaio che si crede papavero, ma nel bel campo di samare. freddo, esperienza del —

NOTE 1 Luogo geografico 2 Mats Bigert, Mapping the invisibile, in http:// www.cabinetmagazine.org 3 Decio Guardigli 4 Vedi www.proce55ing.net, M.I.T., Boston 5 Lawrence Lessig, Code and other laws of cyberspace, Basic Books, New York, 1999 6 J.Baudrillard, della seduzione, SE, Milano, 1997 7 François Redelau, Le Grand Voyage, Orléans, 1759. Traduzione di D.V. 8 Søren Kierkegaard, Diario di un seduttore.

94


Bibliografia

Jean Baudrillard, Della seduzione, SE, Milano 1997 Fragments – Cool Memories III, 1991-95, Verso Books, London 1997 Mark Rothko, Scritti, a cura di A. Salvini, Abscondita, Milano 2002 Michel Leiris, Francis Bacon, Abscondita, Milano 2001 Mauro Maffezzoni, Banalità, A+ M Bookstore Edizioni, Milano 1999 Lawrence Lessig, Code and other laws of cyberspace, Basic Books, New York 1999 Bei Dao, Speranza Fredda, Einaudi Poesia, Milano 2003 Cosimo Ortesta, Nel progetto di un freddo perenne, Einaudi Poesia, Milano 1988 Derrick de Kerckhove, L’architettura dell’intelligenza, Testo & Immagine, Roma 2001 Art Spiegelman, Maus, I classici del fumetto di Repubblica, Milano 2004 AA.VV., Contro tempo, Periodico semestrale, Moretti & Vitali, Bergamo, Ottobre 1996 Rem Koolhaas, SMLXL, The Monacelli Press, New York 1995 Héctor Abad Faciolince, Trattato di culinaria per donne tristi, Sellerio, Palermo 2000

freddo, esperienza del —

96


Š

2004

davide vizzini

Resemel noibidung olifar mosere ta goi samara  

ragazze divorate 70 turbamenti 72 amore sulla lavatrice 72 le ninfe di Sen Jing 74 Rabbia calda 76 Parola calda 78 il sonno non viene, inson...

Advertisement