Issuu on Google+

CARROZZERIA AUTOFFICINA ELETTRAUTO

CARROZZERIA AUTOFFICINA ELETTRAUTO

Via C. Battisti, 110 24062 COSTA VOLPINO (Bg) Tel. 035.971193 Cell. 340.6069295

Via C. Battisti, 110 24062 COSTA VOLPINO (Bg) Tel. 035.971193 Cell. 340.6069295

Editore: MP & Partners - Direttore Responsabile: Nicola Martinelli - Reg. Tribunale di Bergamo numero 14 dell’8/4/1997 - Anno XVII - N. 1 - GENNAIO 2013

Mentre al di là del Tonale il turismo è un punto fermo dell’economia locale, in Valle ci si continua ad interrogare su quale formula adottare

Il Gruppo Valcamonica Servizi attivo in tema ambientale e sul fronte educativo culturale

Ambiente e rifiuti come materie scolastiche

Per un nuovo turismo in Valle Camonica Il Distretto culturale di Valcamonica, in collaborazione con “Nomisma” (società di studi economici) ha presentato in un convegno le azioni per un nuovo turismo nella vallata dell’Oglio. Nell’ambito del progetto di rilancio turistico e di promozione territo-

riale denominato “Valle dei Segni”, il Distretto culturale (Comunità montana), alcuni mesi fa, ha attivato un percorso di indagine su modalità e tipologie del turismo. Tale attività è stata supportata dalla società “Nomisma” di studi economici di alto pro-

filo, a livello nazionale, che sta affiancando l’ente comprensoriale nel processo di implementazione di un Os-

servatorio turistico valligiano, uno dei nuovi strumenti su cui si sta lavorando. (a pagina 6)

economico basato sulla logica del consumo ad un modello sostenibile, fondandosi su due elementi di riflessione: la fine dell’era del petrolio e la coscienza di un forte mutamento climatico. Molteplici sono le modalità attraverso le quali le comunità sono incoraggiate a sviluppare la propria capacità di adattarsi ai cambiamenti che ci attendono; tra queste: riciclo dei centinaia di comunità materiali di scarto, orti che intendono traghet- sociali, sostegno all’etare la nostra socie- conomia locale, ecc. tà dall’attuale modello (a pagina 4)

Centinaia di comunità intendono traghettare la nostra società dall’attuale modello economico basato sulla logica del consumo ad un modello sostenibile

Città di transizione

Le “Città di transizione” arrivano a Pisogne. Sviluppo sostenibile, flessibilità nei comportamenti richiesti dai mutamenti in corso, riduzione dell’utilizzo di energia ed incremento dell’autonomia a tutti i livelli. Questi gli obiettivi che il movimento “Città di transizione” si propone di raggiungere con un’opera di

sensibilizzazione in tutta Europa. Si tratta di un movimento internazionale cui aderiscono

Con il “Gruppo dei 26” “Peer Education” (educazione fra pari) sul tema dei rifiuti, riprende il progetto-pilota all’Istituto OlivelliPutelli di Darfo Boario Terme. Nel segno della continuità l’impegno del gruppo “Valcamonica Servizi”, sempre attivo nella divulgazione in tema ambientale, anche sul fronte educativo culturale. Accanto agli interventi nelle scuole primarie - che seguono un loro particolare “binario” – sono in corso alcuni progetti-pilota con le scuole medie e superiori camune. Uno di questi è interamente condotto dagli studenti stessi. Le coordinate del progetto ruotano attorno al “Gruppo dei 26”. La “holding” valligiana ha preparato, con appositi incontri formativi, un gruppo di 26 studenti, selezionati all’interno dell’Istituto di Istruzione superiore Olivelli-Putelli di Darfo Boario Terme. (a pagina 3)

PROVA, CHIAMACI PER SAPERE COM’È Tel. 035.42.84.575 - sms 377.20.89.377

PIAN CAMUNO (Bs) - Via Provinciale, 1/D Tel. 0364.591197

Tel 0364 456536 Uffici ubicati a:

Tel 0364 361136 Ambulatori ubicati a:

Piancogno Edolo Lumezzane

Esine Edolo Martinengo

incontri con persone della Val Camonica INVIA SMS con nome professione ed età al 377.20.89.377 e riceverai 6 profili gratuiti

www.agenziaincontridelcuore.it Incontri del Cuore - via Masone, 5 - Bergamo a pochi metri dalle Poste Centrali


2

www.montagneepaesi.it

Montagne & Paesi Tre nuovi bandi, per sostenere l’iniziativa imprenditoriale

Idee e progetti per sconfiggere la crisi Il nuovo programma di “Impresa e Territorio S.c.a.r.l.”, società di gestione dell’Incubatore con sede a Cividate Camuno propone tre nuovi bandi, per sostenere l’idea e l’iniziativa imprenditoriale. Obiettivo comune è quello di determinare forme nuove di coinvolgimento di imprenditori ed aspiranti. Ogni bando presenta carattere specifico, nel senso che ognuno di essi ha caratteristiche diverse a seconda dei destinatari coinvolti. Il primo: “Crea la tua impresa”. Il bando

in questione seleziona idee progettuali finalizzate alla creazione di imprese innovative che potranno trasformarsi in nuove imprese da insediare nell’incubatore, che – in questo caso – assumerebbe il ruolo “guida” semplificando il processo di impresa, in quanti strumento concreto ed efficace per consentire agli aspiranti imprenditori di valutare la fattibilità economica della loro idea imprenditoriale, permettendo anche di capire se il futuro immaginato possa essere ef-

...na ciaspolada… al ciar de luna

Camminata amatoriale aperta a tutti; 8ª edizione - Loveno 26 Gennaio 2013 Partenza ore 18,30 da Agriturismo Al Plas mslm 1400 destinazione malga Val di Scala mslm 1700 ca Ritorno all’agriturismo dove sarà possibile cenare in compagnia. Per motivi organizzativi è gradita prenotazione entro il 23/01/2012 ai numeri 340/3681690 o 0364.636060

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO IDRICO SANITARIA - SOLARE TERMICO INSTALLAZIONE CALDAIE ROGNO (Bg) - Via S. Caterina da Siena, 8 Tel. e Fax 035.4340077 Cell. 339.1754617 - 339.1074232

fettivamente quello e se la loro idea possa essere vincente sul mercato. Per idee innovative è da intendersi ogni attività imprenditoriale avente un approccio creativo ed evolutivo ad ammodernare, intesa come capacità di innovare prodotti finali, o servizi erogati a terzi, processi produttivi ed erogativi del servizio, le tecnologie utilizzate ed i metodi gestionali e direttivi. Nel secondo bando, “Dall’idea all’impresa”, viene incentivata la presentazione di idee altamente innovative, finalizzate alla creazione ed allo sviluppo di nuove attività imprenditoriali. Attraverso questa seconda iniziativa si vuole attivare una fase di sostegno e tutela di nuova stabile occupazione, considerato anche il difficile momento economico congiunturale. Destinatrici del bando sono le società di persone, di capitali, cooperative, in forma singola od aggregata (ATI, ATS). Potranno quindi partecipare le imprese aventi sede ed unità locale nel territorio nazionale. Le imprese ammesse po-

tranno fruire di servizibase come il riscaldamento, di portineria ed accoglienza visitatori, di distribuzione posta, utilizzo sala riunioni, accesso veloce alla rete internet, manutenzione ordinaria e straordinaria, spazi comuni. Il terzo bando è dedicato a “Nuove imprese 2012-2013 ed è destinato all’ incubazione classica: promuove la selezione di progetti finalizzati alla creazione e sviluppo di imprese innovative per il mantenimento e lo sviluppo

della cultura del territorio da insediare nell’incubatore. Destinatarie sono le piccole e medie imprese (anche in forma cooperativa) operanti nel settore della produzione di beni, o della fornitura di servizi. Possono partecipare al bando persone fisiche o giuridiche che intendono sviluppare un progetto imprenditoriale innovativo di prodotto o servizio; le imprese innovative di nuova costituzione che abbiano avviato l’attività; le imprese innovative già

esistenti in fase di “start up”, attive da non oltre 48 mesi, computati dalla data di presentazione della domanda. Anche nel caso in questione, le aziende potranno usufruire di servizi base ed aggiuntivi. La domanda di ammissione dovrà contenere la documentazione relativa al “business plan”, secondo lo schema allegato al bando. Tutti i bandi, la domanda e gli allegati sono scaricabili dal sito www.incubatorediimprese.it. Le domande entro il 29 marzo 2013.

DARFO B.T. (BS) Via G. Marconi, 21 Tel. 0364.535699 E-mail darfo@camimmobiliare.it

DARFO BOARIO TERME

DAR114

Appartamento al piano terzo: cucina, ampio soggiorno, 3 camere e doppi servizi + ampio terrazzo. Box e cantina. Stenditoio e balcone al piano sottotetto. Riscaldamento autonomo. Classe Energetica C IPE 72.41 kWh/m2a. INFORMAZIONI IN AGENZIA

ANGOLO TERME

DAR408

Casa da ristrutturare libera su due lati. Piano terra cantina ad involto e corte esclusiva. Piano primo cucina, soggiorno, camera e servizio + balcone. Piano secondo 4 camere oltre a piano sottotetto. Unità non soggetta all’obbligo di Certificazione Energetica Euro 55.000,00 U f f i c i o d i D a r f o ( B s ) - Te l . 0 3 6 4 . 5 3 5 6 9 9

SERVIZI DI PULIZIA - TRATTAMENTO PAVIMENTI LAVAGGIO PANNELLI FOTOVOLTAICI LAVAGGIO VETRATE GRANDI ALTEZZE AQUA snc di Lorenzo M. & R. 25047 DARFO BOARIO TERME (Bs) - Via A. Libera, 62 Tel. 340.5245844 - 346.6369879 mail: lorenzo.aquasnc@libero.it

FORNITURA E POSA DI: PARQUET - SCALE D’ARREDO PARQUET PER ESTERNO LAMINATO RILEVIGATURA VECCHI PARQUET Via Trento, 9 - PISOGNE (Bs) Fax 0364.86739 - Cell. 329.8278627 E-mail: emmebiparquets@virgilio.it www.trovavetrine.it/mbparquet


www.montagneepaesi.it

Montagne & Paesi

Unione Comuni Valsaviore, finanziamento regionale accompagnato da forti critiche della Lega

Il Gruppo Valcamonica Servizi attivo in tema ambientale e sul fronte educativo culturale

Denaro e polemiche sui progetti turistici

Ambiente e rifiuti come materie scolastiche

In questi ultimi tempi, la Regione Lombardia ha comunicato all’Unione dei Comuni della Valsaviore (Cedegolo, Berzo Demo, Cevo, Saviore dell’Adamello, Sellero) l’importo massimo ammesso al finanziamento per il “Progetto complesso per la realizzazione di opere infrastrutturali volte allo sviluppo dell’attrattività turistica in Valsaviore”. In sintesi si tratta di programmi suddivisi tra vari Comuni, per un importo totale di oltre 4.850.000 euro, di cui il 50% a fondo perduto e l’altro 50 rimborsabile in trent’anni a tasso zero. Pianificazioni di dubbia utilità obietta la Lega Nord. Ed ancora: una cifra importante – sottolinea il Carroccio - soprattutto in un momento in cui gli enti locali faticano a far quadrare i bilanci e si evidenzia continuamente la necessità di evitare sprechi e di tagliare le spese e gli investimenti inutili. “Già in sede di approvazione del piano triennale delle opere, il nostro rappresentante in seno all’assemblea dell’Unione – scrive Severino Damiolini del partito

di Maroni e dell’amministrazione comunale di Sellero – aveva espresso non poche perplessità in merito all’opportunità di investire cifre così ingenti in progetti di dubbia utilità, perplessità che ora crediamo sia opportuno evidenziare nuovamente”. Progetti quindi di dubbia utilità – continua la Lega – come la riqualifica della vasca “Ruc” di Sellero (400.000 euro) che ha già incontrato parecchie critiche e malcontento da parte di numerosi cittadini. Poi vengono contestate ancora le centinaia di migliaia di euro investite per l’implementazione del Museo dell’energia idroelettrica di Cedegolo e per la Croce del Papa di Cevo, opere che – stando alle promesse – avrebbero dovuto calamitare migliaia di turisti ogni anno, ma che, alla resa dei conto, si rivelano “cattedrali nel deserto”. Non si capisce successivamente la necessità di investire 1.600.000 euro per realizzare un centro turistico polifunzionale a Berzo Demo, quando a Sellero esisteva già il centro “Tre Torri” (per la ristruttura-

zione del quale sono stati spesi oltre 1.300.000 euro, molti dei quali provenienti ancora da finanziamenti regionali). Il centro in questione avrebbe dovuto fungere allo stesso scopo. Il nuovo “centro turistico” dovrebbe ospitare la sede dell’ ”Unione dei Comuni”, altra opera di cui non si sentiva assolutamente la necessità – sottolinea Damiolini – soprattutto in questo periodo di crisi e ristrettezze economiche. Tra l’altro – sempre il Damiolini – in uno scritto reso pubblico anche via “e-mail”, fa cenno a “forti dissidi” avvenuti all’interno della giunta dell’Unione (presidente Alberto Tosa, sindaco di Saviore dell’Adamello) sul caso “La Cam.”, o la “perentoria e sacrosanta levata di scudi” da parte dei genitori contro lo spostamento di Sellero dall’Istituto comprensivo di Capo di Ponte a quello di Cedegolo. “Episodi che non fanno altro che evidenziare – si avvia alla conclusione l’estensore dello scritto – come il Comune di Sellero sia sempre più un corpo estraneo all’interno del sodalizio della Valsaviore, riportando di stretta attualità l’opportunità che il nostro Comune abbandoni questa Unione per un contesto ad esso più consono, esattamente come già fatto dai Comuni di Malonno e Paisco Loveno”.

Con il “Gruppo dei 26” “Peer Education” (educazione fra pari) sul tema dei rifiuti, riprende il progetto-pilota all’Istituto Olivelli-Putelli di Darfo Boario Terme. Nel segno della continuità l’impegno del gruppo “Valcamonica Servizi”, sempre attivo nella divulgazione in tema ambientale, anche sul fronte educativo culturale. Accanto agli interventi nelle scuole primarie - che seguono un loro particolare “binario” – sono in corso alcuni progettipilota con le scuole medie e superiori camune. Uno di questi è interamente condotto dagli studenti stessi. Le coordinate del progetto ruotano attorno al “Gruppo dei 26”. La “holding” valligiana ha preparato, con appositi incontri formativi, un gruppo di 26 studenti, selezionati all’interno dell’Istituto di Istruzione superiore Olivelli-Putelli di Darfo Boario Terme. Il gruppo di lavoro, rappresentato e coordinato da tre portavoce, è impegnato in questi giorni ad incontrare con diverse modalità tutte le classi dell’intera comunità scolastica che – ricordiamo – è costituita da 1.534 studenti, oltre agli insegnanti ed al personale dipendente. Il piano di lavoro raggiungerà anche le famiglie degli studenti. I temi centrali sono: livello locale e livello generale del ciclo integrale dei rifiuti. Livello locale: come e perché si differenziano i rifiuti all’interno della comunità scolastica dell’Istituto Olivelli-Putelli. Livello generale: importanti temi generali legati a sostenibilità ambientale, risorse limitate, recupero di energia, ecc. Il lavoro intrapreso proseguirà con altre due azioni (entrambe predisposte dal “Gruppo dei 26”): l’inoltro (via “e-mail”) ad ogni studente di una presentazione inerente i temi trattati (sempre preparata

del Gruppo); l’inoltro (via “email”) ad ogni studente di un questionario da rendere compilato da parte degli “adulti” di famiglia. Anche il trattamento dei dati di ritorno dei questionari è compreso nelle incombenze del progetto, a fronte dei crediti formativi riconosciuti ai 26 studenti-formatori. Ma a che punto siamo? Sono in corso gli incontri tenuti con le classi. Quali sono i risultati attesi? Il progetto-pilota ha messo al centro i ragazzi, facendoli agire in prima persona. Ci si aspetta chiarezza nelle modalità di raccolta differenziata nella scuola. Ci si attende altresì trasparenza fra le questioni di natura informativa a carattere locale (ad esempio: perché le bottigliette di plastica non devono essere conferite schiacciate) e questioni di natura formativa e culturale di carattere più generale (ad esempio

3

la questione dello spreco di risorse). Ci si aspetta ancora uno sviluppo di abilità, connesse all’apprendimento collaborativo ed all’apprendimento esperienziale. Da ultimo si spera in un consolidamento di collaborazioni tra Gruppo Valcamonica Servizi ed istituzioni sul territorio, pensando anche al miglioramento dei risultati di raccolta differenziata nelle municipalità locali. Queste iniziative rispondono alle esigenze di più interlocutori e fra questi – ricorda Romano Minoia, neo vice-presidente della “holding” del Gruppo camuno – “…le amministrazioni comunali hanno la doppia necessità di informare al meglio i propri cittadini e di richiedere a questi azioni e comportamenti in linea con modalità ed obiettivi di sostenibilità e di sviluppo”.


4

www.montagneepaesi.it

Montagne & Paesi

Centinaia di comunità intendono traghettare la nostra società dall’attuale modello economico basato sulla logica del consumo ad un modello sostenibile

Città di transizione

Le “Città di transizione” arrivano a Pisogne. Sviluppo sostenibile, flessibilità nei comportamenti richiesti dai mutamenti in corso, riduzione dell’utilizzo di energia ed incremento dell’autonomia a tutti i livelli. Questi gli obiettivi che il movimento “Città di transizione” si propone di raggiungere con un’opera di sensibilizzazione in tutta Europa. Esponente di primo piano del movimento, Ellen Bermann, presidente dell’associazione “Transition Italia” è stata ospite del “G.A.S. (gruppo di acquisto solidale) di Pisogne. Si tratta di un movimento internazionale cui aderiscono centinaia di comunità che intendono traghettare la nostra società dall’attuale modello economico basato sulla logica del consumo ad un modello sostenibile, fondandosi su due elementi di riflessione: la fine dell’era del petrolio e la coscienza di un forte mutamento climatico. Attraverso una modalità sistemica di vedere ed agire e piccoli progetti concreti si mette in moto una meravigliosa macchina di ricostruzione del sistema di rapporti tra gli uomini e

tra gli uomini ed il pianeta che abitano. Molteplici sono le modalità attraverso le quali le comunità sono incoraggiate a sviluppare la propria capacità di adattarsi ai cambia-

menti che ci attendono; tra queste: riciclo dei materiali di scarto, orti sociali (condivisi o comuni), sostegno all’economia locale, ecc. “Spesso si pensa che i gruppi di acquisto soli-

dale – ha dichiarato uno degli organizzatori del G.A.S. – siano semplicemente gruppi di persone particolarmente attente ad un’alimentazione sana, o desiderosi di risparmiare sul carrello della spesa. Certamente questi elementi sono presenti, ma non sono i più importanti. Alla base c’è la volontà di essere pro-

In via Scura a Darfo, presso l’ex “Casa del Fanciullo”,

Un dormitorio per chi è senza tetto Puntuale come ad ogni fine d’anno ecco “Anch’io”, il periodico del Centro ascolto ed accoglienza della “Caritas” zonale di Darfo, il grande movimento di volontariato che col tempo s’è andato coagulando intorno a don Danilo Vezzoli. Nello scritto d’introduzione, il sacerdote ricorda: “Una delle caratteristiche principali, sin dalla nascita, del nostro centro Caritas è sempre stata quella di essere una realtà in movimento, con una forte tensione ad espandersi continuamente a livello locale, sul territorio, come nei programmi internazionali. Nel contempo è un sodalizio dove i soci non sono spettatori, ma cercano, come il buon samaritano, di sporcarsi le mani e tendono a servire, col cuore e con l’intelligenza, senza tanti ‘se’, o ‘ma’, i poveri”. In

via Scura a Darfo, presso l’ex “Casa del Fanciullo”, ci sono: il Centro ascolto ed accoglienza Caritas; la Comunità alloggio “Anch’io” ed il Dormitorio san Martino (telef. 0364/535777), aperti dal lunedì al sabato. Da oltre due anni agisce qui la piccola comunità religiosa indonesiana “Imitazione di Gesù”, che opera nel Centro offrendo testimonianza di carità, fede e preghiera: tre suore che si alternano in servizi, in compiti umili e nel contempo preziosi che richiamano il grembiule dell’ultima cena. E’ nato poi il Dormitorio “san Martino” per rispondere alle necessità primarie. Il centro Caritas, grazie ad un forte contributo di “Valle Camonica Servizi” ed all’appoggio della Caritas diocesana di Brescia ha potuto dare il via a questa realizzazione. L’i-

stituzione viene allogata al quarto piano della “Casa del Fanciullo” e per adesso sarà sufficiente per 10 ospiti, più il custode notturno. Alloggio notturno più prima colazione. Mentre la comunità alloggio “Anch’io” è per le persone che necessitano di accompagnamento continuo, il Dormitorio serve per coloro che non hanno fissa dimora e non necessitano di particolare accompagnamento. L’obiettivo ultimo del progetto è quello di ridare piena dignità a persone che, per svariati motivi, si trovano in un processo di esclusione e di marginalità. Intorno a “Casa della Fiamma” invece c’è anche il progetto della realizzazione di 16 mono, o bi-locali per utenti con disagio psichico (alloggio temporaneo a persone in difficoltà). Il tutto in partenariato con

tagonisti di una ricostruzione dal basso di un modello economico, che rimetta al centro le persone, i rapporti umani, la salute, l’ambiente”. Il G.A.S. si pone perciò come un luogo di riflessione, confronto e sensibilizzazione. In questo senso la proposta di una serata con il movimento delle città di transizione la cooperativa “Si può”. Il piano tecnico è opera dell’ing. Giorgio Fontana. “Sembra un sogno irrealizzabile – sottolinea don Danilo – ma, se rientra nei piani di Dio e ci mettiamo tutto il nostro impegno, certamente nel tempo andrà a compimento”. Intanto continuano gli accessi allo “sportello ascolto” (578 italiani, 274 rumeni, 267 albanesi, 162 tunisini, ecc.; 1173 donne, 868 uomini; 881 cattolici, 692 musulmani, 343 ortodossi, ecc.. Da ultimo continua l’impegno del gruppo che si occupa (e preoccupa) dei carcerati e degli aiuti a Monstar e Scutari. La rivista della “Caritas” di Darfo Boario Terme conclude con uno scritto del vescovo di Brescia mons. Luciano Monari: “Devo ringraziare prima di tutto preti e diaconi; senza di loro un vescovo non riesce a far niente”. L’ordinario diocesano esprime gratitudine quindi per le comunità cristiane, i poveri, i bambini ed i giovani, i volontari. Ermete Giorgi

ha inteso essere uno stimolo rivolto al gruppo stesso ed a tutto il territorio per riflettere su una visione alternativa del nostro futuro individuale e di comunità. “La crisi profonda che stiamo attraversando è in realtà una grande opportunità che va colta e valorizzata. Possediamo tecnologie e competenze per costruire in pochi anni un mondo profondamente diverso da quello attuale, più bello e più giusto. Il movimento di transizione è uno strumento per farlo”, recita la presentazione dell’iniziativa. “Oggi più che mai ci pare indispensabile ricominciare a parlare di futuro, per proiettarci fuori dall’eterno presente di una crisi apparentemente senza fine. Ci fa molto piacere che l’amministrazione comunale di Pisogne abbia voluto appoggiare il nostro lavoro e ci auguriamo che questo possa essere solo l’inizio di un percorso”, ha dichiarato uno degli organizzatori. “In questi anni – sottolinea Patrizia Piccinelli, assessore ai servizi sociali – l’agire amministrativo è stato segnato da una particolare sensibilità verso i temi della tutela del territorio e l’ottimizzazione delle risorse volte alla valorizzazione di alcuni aspetti della vita sociale”.


www.montagneepaesi.it

Montagne & Paesi

5

La comunità di Piamborno intende festeggiare solennemente la ricorrenza

Cento anni per la parrocchiale

La chiesa parrocchiale della “Sacra Famiglia” di Piamborno di Piancogno compie cento anni: un avvenimento religioso che la comunità intende festeggiare in forma solenne. Il sacro edificio, uno dei più imponenti della Valcamonica, è largo all’interno più di 12 metri e lungo quasi 53 metri. L’idea della costruzione, già accarezzata nel 1800, divenne realtà con l’inizio dei lavori, nel 1895. Il progetto era stato steso dall’architetto Fortunato Canevali, podestà di Breno. I lavori vennero affidati allo stesso Canevali e, nel mese di ottobre del 1912, l’edificio era ultimato, decorato e dipinto. Da Breno scesero ancora l’ing. Giovan Antonio Ronchi ed il pittore Francesco Domenighini, che eseguì il dipinto della “Sacra Famiglia”. Subito però cominciò una serie abbastanza grave di contrattempi: incrinature alquanto vistose si mostrarono all’interno della cupola, che si dovette tutta demolire e ricostruire in modo diverso; anche la lanterna fu rifatta, più leggera. Il progetto originale non fu però portato a termine: la facciata si presenta oggi incompiuta, con la muratura allo stato rustico. All’interno opere del pittore esinese G.Battista Nodari e del bornese Enrico Peci. Accanto alle porte laterali una lapide è dedicata all’arciprete don Gerolamo Maccanelli che “…con fervida pie-

tà iniziò” [la fabbrica della chiesa] e al parroco don Tomaso Scalvinelli, che “…con costanza ammirabile terminò questo tempio”. grandioso, testimone e gloria della fede generosa”. Quando, prossimamente, il vescovo di Brescia mons. Luciano Monari verrà a Pian di Borno, per solennizzare l’avvenimento, accanto a lui saranno senz’altro il parroco don Rosario Mottinelli, il cooperatore don Fausto Gheza e forse molti dei sei sacerdoti oriundi e delle sei suore native di qui. Il 2012 però è stato considerato un anno, nel corso del quale ricordo e festeggiamenti si sono rincorsi. Da menzionare una serata di luminarie, un’altra di presentazione della chiesa da parte di don Giuseppe Fusari, direttore del Museo diocesano di Brescia, una giornata nel contesto della manifestazione “Del Bene e del Bello”: visita con l’accompagnamento di guide volontarie, una serata musicale con i tre cori di Pian di Borno, più quello di Cogno, due serate teatrali con la rappresentazione dell’azione scenica “Per amùr e per deusciù” (per amore e per devozione) con un testo della maestra Mina Pedretti, una mostra di oggetti e paramenti sacri. I fanciulli delle elementari, dal canto loro, hanno preparato una serie di pannelli disegnati che dovrebbero quanto prima entrare in un inserto

sulla rivista parrocchiale “La Voce di Piamborno”, l’organo ufficiale dedicato alle diverse attività ed iniziative della comunità. Parrocchiale a parte, gran parte della vita pastorale del borgo valligiano ruota intorno allo stupendo oratorio: campo di calcio con erba sintetica, grandi spazi aggregativi all’aperto, una buon quantità

di aule per il catechismo perfettamente attrezzate, locali per incontri tra genitori, un capiente teatro di 230 posti, una cappella, spazi al coperto per i giochi, spazi per gruppi di ragazzi che eseguono i compiti a casa con l’aiuto di insegnanti volontari, una “schola cantorum”, il gruppo “Caritas”,ecc. Ermete Giorgi

Il Consorzio per la tutela del formaggio Silter Camuno Sebino, è costituito da 36 soci, di cui 28 produttori, 5 stagionatori e 3 sovventori

Il “Silter” verso la “D.O.P.”

“Silter”: continua l’iter per il riconoscimento della “D.O.P.”. Dopo un’attenta verifica dei requisiti, la direzione generale dell’Agricoltura della Regione Lombardia ha espresso parere positivo in ordine alla richiesta di riconoscimento di Denominazione d’Origine Protetta del formaggio “Silter”, attraverso il decreto dirigenziale n. 10785 del 26.XI.2012, pubblicato sul BURL. N. 48 e sul sito internet istituzionale. Il Consorzio per la tutela del formaggio Silter Camuno Sebino, con sede a Breno è costituito da 36 soci, di cui 28 produttori, 5 stagionatori e 3 sovventori; presieduto da Andrea Bezzi ed ha presentato con la richiesta un “dossier” a supporto delle motivazioni del riconoscimento, così come previsto dalle norme comunitarie e nazionali, con il supporto tecnico

del servizio Agricoltura della Comunità montana di Valcamonica e del centro Miglioramento Latte. Il “dossier”, che comprende il disciplinare di produzione, una relazione tecnica, un resoconto storico, socioeconomico del prodotto e la cartografia della zona di produzione, è stato esaminato dagli uffici competenti regionali (DGA) che hanno inoltre verificato i requisiti specifici della produzione, per confermare il legame tra le qualità specifiche del formaggio e l’ambiente di produzione (in questo caso Valcamonica e Sebino bresciano), compresi i fattori naturali, umani e storicoculturali. La DGA ha espresso parere favorevole al riconoscimento del formaggio “Silter” come DOP, con particolare attenzione alla legittimità del soggetto ri-

chiedente, dando così avvio al processo di riconoscimento e della protezione del prodotto. La stessa documentazione, insieme al parere di Regione Lombardia, passerà al vaglio del Ministero per le politiche agricole, alimentari e forestali e successivamente della Commissione Europea. Il formaggio “Silter” ha tra le sue caratteristiche peculiari quella di essere confezionato secondo metodiche di lavorazione tradizionali e con latte crudo; in esso quindi si conserva e si sviluppa una “microflora autoctona” naturalmente presente, che determina l’andamento e l’entità dei fenomeni di maturazione durante la lunga fase di stagionatura (un minimo di 100 giorni). Questa ricca flora lattea proviene dai tipici ambienti montani dove vengono allevate e munte le vacche. Le bo-

vine in lattazione nelle singole aziende devono essere almeno per l’80% di razza Bruna (tipica della Valcamonica) e la base dell’alimentazione è costituita dal foraggio che cresce nei prati permanenti e nei pascoli dell’area di produzione. Le caratteristiche organolettiche, derivate da analisi sensoriali, caratterizzano il prodotto, definendo aromi molto particolari, quali ad esempio: “frutta secca”, “burro”, “latte di vacche al pascolo”, “foraggi verdi o essiccati” e “farina di castagne”. La zona di stagionatura del “Silter” comprende l’intero territorio amministrativo dei Comuni appartenenti alla Provincia di Brescia e ricadenti nella Comunità montana di Valcamonica e parzialmente del Sebino bresciano. Da un’indagine realizzata presso le strutture di trasformazione, si stima che il latte destinato alla produzione del “Silter” sia pari al 40% del latte complessivo prodotto nella zona.


6

www.montagneepaesi.it

Montagne & Paesi

Mentre al di là del Tonale il turismo è un punto fermo dell’economia dando informazioni mol- nizzazione della vacanza l’accoglienza, la cucina, locale, in Valle ci si continua ad interrogare su quale formula adottare to puntuali ed articolate (se e come ha prenotato, i servizi culturali, di in-

Per un nuovo turismo in Valle Camonica

Il Distretto culturale di Valcamonica, in collaborazione con “Nomisma” (società di studi economici) ha presentato in un convegno le azioni per un nuovo turismo nella vallata dell’Oglio. Nell’ambito del progetto di rilancio turistico e di promozione territoriale denominato “Valle dei Segni”, il Distretto culturale (Comunità montana), alcuni mesi fa, ha attivato un percorso di indagine su modalità e tipologie del turismo. Tale attività è stata supportata dalla società “Nomisma” di studi economici di alto profilo, a livello nazionale, che sta affiancando l’ente comprensoriale nel processo di implementazione di un Osservatorio turistico valligiano, uno dei nuovi strumenti su cui si sta lavorando. Nel periodo tra luglio e settembre 2012 è stato sottoposto un questionario a 273 turisti, ripartiti equamente nelle tre diverse aree di riferimento: alta, media e bassa Valle. Quantità e tipologia di turisti sono state determinate attraverso un piano di campionamento utile a restituire un’im-

magine precisa e statisticamente rappresentativa. Si tratta di un’indagine sulla clientela di assoluta novità nei termini in cui è stata realizzata, per il numero dei turisti coinvolti, la vastità dei temi

trattati e la profondità di analisi che permette. Tale indagine vuole essere un mazzo utile a delineare precise ed efficaci azioni di “policy” (politica, linea di condotta) sia pubbliche, sia dei privati,

su chi visita la Valcamonica. E’ stato dunque formulato un “identikit” del turista, cogliendo l’età, il titolo di studio, la professione, lo stato civile e l’assiduità di visita. Oltre a ciò si è indagata la motivazione che lo ha spinto a visitare la Valle, che cosa lo ha attratto, come è venuto a conoscenza della zona. Altri aspetti ricercati sono stati l’orga-

Ennesimo tentativo di fare squadra e trovare la soluzione ad un problema di cui si è perso il filo

Darfo Boario Terme si interroga sul turismo “Insieme”: questa la “parola d’ordine” che ha animato l’intera serata, tenutasi recentemente presso il salone “Liberty” delle Terme di Boario. Si è trattato, in quella riunione, di rilancio del turismo nella cittadina valligiana. Inviati speciali: le associazioni imprenditoriali dei comparti turistico ricettivi, del commercio e dell’artigianato della città, per la ricerca di una condivisione in ordine alla costruzione di un percorso di sviluppo del turismo a Darfo Boario Terme. Tutti presenti: le associazione dei commercianti ed il mondo delle cooperative, rappresentate dal presidente del Consorzio “Solco Camunia”; la direzione delle Terme ed il gestore del Cen-

tro congressi, cui si sono aggiunti artigiani ed imprenditori. “Le ragioni che hanno portato all’organizzazione di questo incontro nascono dalla necessità di ripartire da obiettivi comuni che hanno uno stesso denominatore: lo sviluppo e la riaffermazione di Darfo Boario Terme come centro turistico. Per far ciò è indispensabile trovare un motore di aggregazione e di azione: il Consorzio turistico di bassa Valcamonica” ha dichiarato il sindaco Ezio Mondini, che è titolare anche della delega al turismo. Certamente il primo passo è la soluzione del “tema” Parco. “Indiscutibilmente il Parco è il turismo di Darfo Boario ed è imprescindibile. Noi abbiamo ereditato una situazione complessa, che

richiede attenzione e sulla quale stiamo lavorando con serietà e serenità, nella certezza di trovare un accordo – ha continuato Mondini – ma, risolta la questione, la strada deve aprire un nuovo varco: quello della promozione. E qui entra in gioco il Consorzio”. Secondo il pensiero dell’amministrazione – sottolineato anche dagli assessori Cristini e Benedetti – determinante è dunque la ricerca di sintonia e di coordinamento che vedano i gioco tutti gli attori economici del territorio, che portino attraverso passi concreti, alla elaborazione di piani efficaci che valorizzino e dilatino l’offerta turistica della città. “L’apertura del Consorzio (che ora è composto da al-

con che mezzo si è mosso, con quante altre persone e con chi). Per completare il profilo del turista si è inoltre sondato che cosa ha fatto durante il soggiorno (quali attività ha svolto, quali “attrattori” ha visitato); la soddisfazione per la vacanza (riguardo alla quale sono state prese in considerazione 13 voci, tra cui la struttura d’alloggio, bergatori) a tutti i soggetti siano essi associazioni, operatori economici, cittadini, secondo un criterio di azionariato diffuso - continua il primo cittadino - permetterà un maggior coinvolgimento che darà corpo ad un programma concreto di azioni capaci di rispondere alle esigenze di tutti”. Positivo il giudizio del vice-presidente del sodalizio degli operatori economici di Montecampione; che proprio in questi giorni si sono resi protagonisti della progettualità dell’area montana della bassa Valle. “Dopo questo incontro – ha concluso Ezio Mondini – in cui si è rivelata una manifesta adesione dei presenti che hanno espresso unità d’intenti nel far conferire nel Consorzio le energie umane ed economiche, procederemo ad un’assemblea pubblica, in cui tutti saranno chiamati a partecipare per iniziare a costruire un coordinamento attivo e strutturato che valorizzi la partecipazione e la rivitalizzazione del nostro territorio”.

formazione, di intrattenimento). Infine si sono acquisite informazioni circa quanto ha speso. Dai risultati emerge la presenza di un turista maturo con un’età media di 51 anni; è sposato ed ha figli; ha entrate fisse in 6 casi su 10 (pensionato); un turista su 4 è “nuovo”, mentre gli altri sono assidui visitatori; quasi l’80% dei turisti viene in vacanza per le bellezze naturali e per riposarsi; i turisti vengono perché già conoscono la zona, o perché gliel’ha consigliata una persona di fiducia; raggiunge la Valle in auto l’86% dei casi; una volta sul territorio svolgono in prevalenza una vacanza natura, ma visitano anche centri storici, fanno escursioni, acquistano prodotti tipici: Per l’indice di gradimento la soddisfazione è mediamente elevata, soprattutto rispetto alla bellezza del paesaggio ed alla qualità del cibo, all’ospitalità, alla tranquillità dei luoghi ed ai servizi termali. Relativamente meno soddisfacente l’offerta culturale, commerciale e di intrattenimento. Anche rispetto agli alloggi si rileva una elevata soddisfazione media, soprattutto in relazione alla facilità di prenotazione ed all’accoglienza.


www.montagneepaesi.it

Montagne & Paesi

Già nei prossimi mesi atteso l’arrivo di diversi gruppi di turisti

Primo “Educational” Valle Camonica

Da qualche tempo nella media Valcamonica si stanno sviluppando nuove opportunità per aumentare il numero dei visitatori che scelgono di trascorrere in zona qualche giorno di vacanza. Oltre ai vari strumenti di promozione già individuati e sperimentati (“depliant”, libri, pubblicità, applicazioni per “Iphone ed Ipad”, video, partecipazione a fiere, ecc.) in questo periodo è stata provata una nuova strategia che dovrebbe

garantire l’arrivo di diversi gruppi di turisti già nei prossimi mesi. Insieme al Distretto culturale (Comunità montana) il Comune di Breno e la “Pro loco” della cittadina han dato avvio al primo di una serie di “educational” che ha permesso di far conoscere il territorio della media vallata dell’Oglio a gruppi di potenziali fruitori ed ai responsabili degli istituti scolastici. Ed è così che è arrivata la prima comitiva composta da dirigenti scolastici, insegnanti, respon-

sabili di “Cral” e di associazioni culturali, presidenti di “Auser” ed altri sodalizi aggregativi e ricreativi, provenienti da tutto il Nord Italia. Il seminario residenziale è durato due giorni. Oltre alla visita a Cividate Camuno (complesso degli scavi romani), a Breno (Museo Camus, Castello, Spinera, Sant’Antonio), a Bienno (borgo antico e Romanino), a Capo di Ponte (incisioni rupestri), gli ospiti han pernottato all’ostello brenese ed assaggiato i migliori piatti della cucina locale. L’obiettivo primario dell’iniziativa è quello di accrescere il numero dei visitatori delle ricchezze storiche, artistiche e culturali della media Valle. I partecipanti sono stati accompagnati nei luoghi sopra citati. Ogni appuntamento ed ogni visita sono stati scortati da guide esperte del territorio e della ricchezza analizzata, che hanno permesso agli ospiti di conoscere tutti i segreti della località. “E’ stato un momento importantissimo per il turismo della media Valle, per Breno e per tutti gli operatori legati a questo progetto – ha sottolineato Simona Ferrarini, vice sindaco di Breno, asses-

sore alla Cultura in Comunità montana e presidente del Distretto culturale – anche perché ci ha permesso di confrontarci con persone che da sempre si occupano di queste tematiche e si preoccupano di raccogliere numerose indicazioni ed osservazioni, sia positive che negative. I partecipanti all’ “educational” infatti ci hanno fornito alcuni suggerimenti su come potenziare e migliorare i nostri servizi, ma hanno soprattutto avuto parole di apprezzamento per le nostre bellezze. Quasi nessuno di loro conosceva la Valcamonica e ciascuno, secondo la sua specificità, ha apprezzato l’arte romana, o le incisioni rupestri preistoriche, il borgo di Bienno, o il castello di Breno. Tutti invece si sono complimentati per la cucina camuna, facendo notare di non essere purtroppo riusciti ad acquistare alcuni prodotti tipici da portare a casa”. Nel momento di confronto è emersa la volontà chiara di quasi tutti gli operatori di voler tornare in Valle, con i loro gruppi, organizzando escursioni di uno o più giorni. “E’ un’esperienza da ripetere – conclude la Ferrarini – se vogliamo che sempre più turisti abbiano l’occasione di visitare la nostra Valle, non solo per lo sviluppo turistico della zona, ma anche per aiutare le attività commerciali, ricettive e dei servizi legati a questo ambito”.

7

In Valcamonica si contano a tutt’oggi una quarantina di strutture che offrono ristorazione ed ospitalità

L’agriturismo in Valle Camonica

Davide Pedersoli, responsabile del servizio “Igiene degli alimenti” del Dipartimento di prevenzione veterinario dell’Asl, sull’ultimo notiziario “Sanità camuna” si occupa di agriturismo. Anzitutto le definizioni: si tratta di un’azienda agricola che opera nel settore turistico, offrendo vitto ed alloggio nella propria azienda utilizzando prodotti propri ed organizzando talvolta attività ricreative o culturali. Va considerato importante sottolineare che questa attività nasce per sostenere il comparto agricolo e quello dell’allevamento. I prodotti dovranno quindi essere prevalentemente coltivati nella tenuta. La conduzione della terra deve rimanere l’attività principale. “Negli ultimi anni – nota l’estensore del contributo - c’è stata una vera esplosione di attività agrituristiche su tutto il territorio nazionale, andando così a costituire una percentuale importante nel comparto turistico ricettivo”. Il turista, in particolare quello italiano, grazie a questa nuova offerta, ha riscoperto la campagna, i prodotti tipici, le antiche tradizioni ed i caratteristici borghi

rurali. Alcuni agriturismi poi hanno seguito un percorso di specializzazione che consente oggi di trovare agriturismi con “fattorie didattiche” dove è possibile ospitare scolaresche pronte ad apprendere la vita delle aziende agricole, dall’allevamento di animali da reddito (come bovini, suini, ecc.), a quella di animali da cortile, a come avviene il raccolto e la produzione di prodotti tipici. Altri agriturismi hanno preferito un indirizzo più di tendenza, creando dei veri e propri centri benessere, mentre altri ancora hanno ristrutturato l’antico casolare trasformandolo in una dimora “a cinque stelle”. Ognuno insomma ha cercato una propria identità, sforzandosi di valorizzare i sapori della terra. Anche in Valcamonica questa tendenza è andata via via crescendo, tanto che si contano a tutt’oggi una quarantina di strutture agrituristiche che offrono ristorazione ed ospitalità. Appunto sulla base di questi numeri, il Dipartimento di prevenzione veterinario ha predisposto un progetto finalizzato all’attività di controllo, mirato a questo tipo di attività. Questa

scelta è stata motivata dal fatto che sul territorio del solco montano dell’Oglio esistono consistenti realtà che richiamano un buon numero di turisti, sia dal territorio nazionale, che internazionale. Flussi turistici che giungono sia nel periodo primaverile/ estivo (per soggiorni o attività ricreative e sportive quali alpinismo, sci-alpinismo, escursionismo, “trekking”, “mountain bike”, ecc.), sia, nel periodo invernele, per soggiorni durante le festività. Non da meno è da ricordare che esiste persino un turismo di tipo storico, culturale e termale. L’attività di controllo – e Pedersoli si avvia alla conclusione - che verrà espletata avrà come obiettivi; l’aggiornamento dell’anagrafica; la verifica delle situazioni strutturali, la verifica degli aspetti igienico-sanitari; il campionamento dell’acqua. Il personale coinvolto in questa attività di vigilanza e di campionamento è costituito da medici veterinari dell’area “Igiene degli alimenti di origine animale” e da tecnici della prevenzione, che, con mansioni diverse, collaborano con mansioni diverse.

VENDITA E NOLEGGIO AUTO, FURGONI, AUTOCARRI E VEICOLI 4x4 MACCHINE MOVIMENTO TERRA - MACCHINE AGRICOLE PIATTAFORME AEREE - ATTREZZATURE EDILI MEZZI SGOMBRANEVE e SPARGISALE BADETTO DI CETO (Bs) - Via Padre Marcolini, 5 Tel. 0364.436322 - Fax 0364.435210


8

www.montagneepaesi.it

Montagne & Paesi Un ulteriore contributo alla conoscenza della storia

Il Cristianesimo in Valle Camonica

E’ uscito in questi ultimi giorni “Il Cristianesimo in Valle Camonica”, edito dalla Fondazione “Camunitas” e stampato dalla Tipografia Camuna di Breno. Il compianto Giuseppe Camadini, a cui il volume è idealmente

dedicato, ha fatto appena in tempo a scriverne la presentazione. Quando è mancato, il 25 luglio 2012, il libro era in avanzata fase di stampa. L’introduzione gli spettava come presidente della Fondazione “Camunitas” che, tra le

molte iniziative benemerite, annovera anche quest’ultima. Ma perché un ulteriore studio? “La conoscenza della storia – scrive Camadini – è presupposto ineludibile per una concreta coscienza di ciò che è (e pure di ciò che si è) nel presente; premessa altresì per un intelligente sguardo al futuro. Ciò è vero per quel che attiene all’esistente in generale; e lo è, in particolare, anche per l’umanità, per i singoli popoli, per le varie generazioni nel loro susseguirsi, ma pure per ogni singola persona, per ciascuno di noi”. Tre gli autori dei diversi contributi: Gian Carlo Sgabussi (“Le Origini”); Oliviero Franzoni (“Dal Tardo Antico al Medioevo”, “Il tramonto del Medioevo ed i secoli della Riforma cattolica”, “Una religiosità per i tempi nuovi”); Mario Pischedda (“IL Novecento”). La prefa-

zione è stata affidata a Annibale Zambarbieri, ordinario di Storia del Cristianesimo e delle Chiese nell’Università di Pavia. Si chiede il prefatore: “Conviene spendere fatica, impegno e risorse per pubblicare una storia ‘religiosa’ della Valle Camonica, redatta seguendo metodologie critiche, pur in stile agile e divulgativo? Sì – risponde il cattedratico – perché il senso di appartenenza di chi abita questa Valle, qualunque intensità presenti, anche minima, conferisce all’impresa ed alla sua fruizione, una sufficiente plausibilità. Sgabussi, nel suo apporto, definisce la spiritualità valligiana “…istintiva, immediata, semplice, che ha contraddistinto le genti camune sin dalla preistoria” e sostiene il suo dire con molti esempi, dalla “Dea Madre” agli “Oranti”, dai sacerdoti-artisti romani sino alle incisioni di san Valentino ad Erbanno. “Il messaggio dell’antico popolo camuno è ancora lì – conclude il primo intervento – da

cogliere: spetta quindi alle odierne e nuove generazioni saper bene interpretare e soprattutto aderire all’invito del graffito medievale tracciato sulla roccia n. 6 a Campanine di Cimbergo: Cammina sulla via del Signore”. Franzoni invece segue passo passo la diffusione del Cristianesimo lungo l’intero solco montano dell’Oglio dal Tardo Antico sino al Medioevo, dalla Riforma cattolica sino al giorni nostri: pievi, monasteri, conventi, istituzioni, parrocchie, confraternite, cappellanie, san-

ti, azione sociale. Giù, giù sino ai camuni che sono incamminati verso la dichiarazione della loro santità. Conclude Pischedda, cogliendo i segni della continuità tra Ottocento e Novecento. L’impulso della religiosità camuna – sottolinea l’autore dell’ultimo contributo – è sicuramente frutto di una temperie socioculturale contraddistinta da tante congregazioni religiose oltre a singolari figure del clero ed “testimoni” laici come il beato Giuseppe Tovini. Ermete Giorgi

Festa a Ponte Saviore

Auguri per i “primi” 90 anni di Pietro Gelmini di Ponte Saviore che il giorno 8 gennaio taglia l’importante traguardo circondato dall’affetto di tutta la famiglia


www.montagneepaesi.it

Montagne & Paesi

Figure del Sacro a Breno Edito recentemente e presentato il volume “Figure del sacro a Breno” (Beniamino Simoni in san Maurizio ed i monumenti della religiosità brenese) (ed. Grafo, Brescia, 2012). Enti pubblici, imprese e privati han reso possibile l’operazione culturale. Le fotografie di Virginio Gilberti (specie quelle del “Compianto brenese” del Simoni) sono semplicemente mozzafiato. La prima parte è dedicata alla XIV stazione della “Via Crucis” presente nella chiesa campestre di san Maurizio. Oliviero Franzoni firma il primo contributo che titola: “I caratteri della religiosità camuna”. Rileggendo “Curiosj trattenimenti” di padre Gregorio Brunelli da Canè (1644-1713) l’autore del testo rivede tutte le manifestazioni di “distinta divotione” degli abitanti della vallata dell’Oglio. Nel Settecento, a fronte di una popolazione di circa 1.300 anime, erano insediate a Breno 15 cappellanie con altrettanti sacerdoti, beninteso oltre parroco e curati, organista e rettore delle

scuole. Simile messe di presbiteri in cura d’anime incise positivamente sulla religiosità dei brenesi. In questo contesto il rilancio devozionale dell’ex-parrocchiale di san Maurizio. Marco Albertario poi è l’autore di “Considerazioni sul Sepolcro del Redentore”. L’estensore del contributo torna sulla figura abbastanza misteriosa del pellegrino: san Giacomo? San Rocco’, o lo stesso Simoni? Albertario propende per san Giacomo: lo attesterebbe la presenza delle conchiglie simboli del pellegrinaggio iacopeo; il tutto si desumerebbe anche da un pagamento del 1783. L’attenzione cade anche su i “tituli” della “Via Crucis” dipinta sulle lesene. Non esclusa la possibilità che la XIV “Statio” provenga da Cerveno. La seconda parte del volume si occupa di altri “tesori” sempre estratti dallo scrigno brenese. Sara Marazzani indaga “I dipinti di Romanino nel coro di sant’Antonio (documenti per una lettura)”. Il pittore bresciano a Breno raffigura le storie bibliche

DOCUMENTO REDATTO AI SENSI DELL’ART. 6 DEL DECRETO DEL MINISTRO DELLE COMUNICAZIONI 8 APRILE 2004 RECANTE IL CODICE DI AUTOREGOLAMENTAZIONE IN MATERIA DI ATTUAZIONE DEL PRINCIPIO DEL PLURALISMO, DI CUI ALL’ART. 11 QUARTER, COMMA 2 DELLA LEGGE 22-.-2000 N. 28, COME INTRODOTTO DALLA L. 6 NOVEMBRE 2003, N. 313

La M.P. & Partners s.n.c. con sede legale in Costa Volpino – Via Nazionale 107, codice fiscale 02461900165 quale titolare ed editore del periodico “Montagne & Paesi” con riferimento al proprio intendimento di diffondere messaggi politici autogestiti gratuiti e a pagamento per le Elezioni Nazionale e Regionali del 2013 RENDE NOTO quanto segue: a) “Montagne & Paesi” ed il supplemento “Mercato delle Pulci” pubblicheranno messaggi politici autogestiti gratuiti e a pagamento nel periodo dalla data di convocazione dei comizi elettorali. b) modalità di prenotazione degli spazi per i suddetti messaggi politici autogestiti a pagamento: Gli spazi sono prenotabili presso la M.P. & Partners snc – Via Nazionale 107 – 24062 Costa Volpino (Bg) Telefono 035 972769 – fax 035 4346350. c) le tariffe per l’accesso agli spazi di cui ai punti a) e b), come autonomamente determinate dalla scrivente sono depositati presso la sede d) Gli spazi debbono essere prenotati entro il 31 gennaio.

tratte dal veterotestamentario Libro di Daniele. La chiesa brenese non appartiene alla parrocchia ed assomma in sè funzioni religiose e pubbliche (insediamenti di Capitani della Valle, successioni, ecc.). Il Libro di Daniele è uno dei libri politici della Bibbia; nelle sue pagine sono narrate le alterne fortune di tre re impegnati nell’esercizio più o meno corretto del potere loro attribuito dalla potestà divina. “Una storia che calza a pennello – scrive la Marazzani – con la destinazione pubblica dei dipinti e con la funzione cerimoniale dell’edificio in cui viene sancito il potere terreno del Capitano in un luogo in cui si dispiega il

potere divino”. Lucia Morandini relaziona accuratamente sulle chiese di san Maurizio, sul duomo, san Valentino, santa Maria al ponte Minerva. Chiude la pubblicazione l’appendice “Il santuario di Minerva” (un luogo di culto a Breno fra protostoria ed età romana) di Serena Solano. Nella seconda età del Ferro, nella vallata dell’Oglio si sviluppa una cultura autonoma. Poi la conquista romana e la nascita della “Civitas Camunnorum”. Spinera di Breno, a pochi chilometri a Nord di Cividate, viene scoperta for-

9

tunosamente nel 1986: seguono, per ordine e conto della Soprintendenza per i Beni archeologici della Lombardia campagne di ricer-

ca archeologica, d’intervento di restauro, di valorizzazione. Il sito viene aperto al pubblico nel 2007 come Parco archeologico.

Uno studio che narra dei tempi dalla conquista della vallata da parte di Venezia al Trattato di Campoformio

de forma l’istituto della “Vicinia” un’unione di abitanti in un determinato luogo (“antichi originari”), con beni in comune (pascoli, malghe, boschi); dalla vicinia nascerà il Comune rustico. Molti antichi mestieri erano legati all’istituzione: mugnai, osti, prestinai, segantini, sarti “scarpolini”, muratori, scalpellini, merciai, falegnami, stagnini, sellai, arrotini “cerusici”e cavadenti. Tra le professioni liberali: il “barbitonsore” (barbiere che eseguiva facili operazioni chirurgiche), il medico, lo “speziale”, l’avvocato, il notaio, ecc. Le donne infine erano – anche allora – le più esposte alle violenze ed alle vessazioni. I figli erano i principali, se non esclusivi, destinatari dell’eredità. Ovunque esistevano Consorzi di carità: Breno, Capo di Ponte, Cemmo, Edolo, Malegno, Sellero, Valle di Saviore. C’erano poi Monti di pietà che avevano lo scopo di concedere cereali a puro prestito senza affitto, né interesse alcuno.

In Valle Camonica sotto Venezia

La fondazione “Cocchetti” delle suore Dorotee di Cemmo ha recentemente presentato “Vita quotidiana in Valcamonica nei secoli veneti” di Oliviero Franzoni, edito nella collana “Per-Corsi in Fondazione” (ed. Luca e Mauro Quetti, Artogne, 2012). Si tratta dei contenuti di un corso tenuto dall’autore nella sede del sodalizio. Come a dire – per usare un’espressione del frate letterato Gregorio Brunelli da Canè (1644-1713) - “Sotto le ali gloriose di san Marco”, dal 1428 al 1797, cioè dalla definitiva conquista della vallata dell’Oglio da parte di Venezia al Trattato di Campoformio, fine della Serenissima. Com’è nello stile di Franzoni, vasto spazio è stato assicurato ai documenti che si ritagliano sempre un ruolo centrale. Il primo capitolo si apre con la reazione stizzita di un fun-

zionario che, sentendosi offeso per una mancata attenzione, affigge alla cancelleria civile di piazza sant’Antonio in Breno un cartello con scritto “Stallo di muli e somari”: reazioni varie, minacce, interventi, per poi finire col pentimento e le scuse scritte del colpevole, prontamente perdonato. Subito, dal 1428 il doge Francesco Foscari riconosceva alla vallata dell’Oglio la legittimità dell’esistenza dell’antica Comunità di Valle, quale ente raggruppante i Comuni valligiani e concedeva una giurisdizione a sé. Annota Franzoni: “L’esenzione di alcuni dazi, la fiscalità moderata e persino un calmiere dei prezzi rivelano tutta la sagacia politica della Serenissima e costituiscono il capolavoro giuridico su cui si potè felicemente innestare la fedeltà della Valle. A Breno risiedeva un Giusdicente a

cui era affidato l’esercizio dei poteri politico, esecutivo e giudiziario. Il capitano ed il vicario dimoravano in piazza sant’Antonio. Il “commilitone” (bargello) era invece un funzionario a cui erano attribuiti compiti direttivi di sicurezza pubblica. E così via. Gli incaricati di polizia erano detti “sbirri”, o “fanti”. Molte erano le condanne “ad triremes” (navi veneziane a remi). La Comunità di Valle fungeva anche da organismo legislativo, approvando ed aggiornando i propri Statuti civili, o criminali (“Statuta Vallis Camonicae”).Fra amministratori e funzionari si arrivava a 250 persone. Tra le varie “voci” delle spese anche quelle relative ad invii di omaggi: pere, lumache, formagelle e mascherpine a senatori, protettori personaggi pubblici di Brescia e Venezia. Nel Medioevo sorge e pren-

Ermete Giorgi

Ermete Giorgi


10

www.montagneepaesi.it

Montagne & Paesi

Una nuova associazione culturale nata dalle incisioni rupestri

“L’Atelier” di Anati

Emmanuel Anati, classe 1930, porta molto bene i suoi 82 anni. Nel 1952 si laurea in Archeologia a Gerusalemme; nel 1959 si specializza in Antropologia e Scienze Sociali ad Harvard; nel 1960 ottiene il dottorato in Lettere alla Sorbona di Parigi. Negli anni Cinquanta inizia le sue spedizioni in Valcamonica, vi si stabilisce e nel 1964, fonda il Centro camuno di studi preistorici, sodalizio che si occupa di studiare l’arte preistorica della vallata. Da quella data non si contano ormai più pubblicazioni (in diverse lingue), spedizioni archeologiche (in tutti i continenti), convegni, mostre, allievi, ecc. Il Centro da lui diretto, in ormai quasi 50 anni di attività, ha attirato sul solco montano dell’Oglio l’attenzione di tutto il mondo non solo scientifico. In questi ultimi mesi, Anati ha fondato una nuova associazione culturale, “Atelier”, anche collana libraria che viene ad arricchire ulteriormente gli innumerevoli titoli pubblicati nelle “Edizioni del Centro”. “Lo scopo principale di “Atelier”, oltre al piacere dell’incontro e del dialogo, è quello di favorire il comune impegno della ricerca multidisciplinare – scrive lo studioso – dagli antropologi e archeologi agli psicoanalisti agli

educatori, dai semiologi ai sociologi, dal filosofi agli storici, tutti abbiamo bisogno di rispondere a quesiti che il comune impegno può contribuire a chiarire. L’incontro di discipline diverse propone una più ampia dimensione del sapere e una maggiore capacità analitica e di sintesi. Di fronte alla specializzazione estrema che riduce i ricercatori in tecnici, andiamo contro corrente. Abbiamo certamente bisogno di tecnici e ben vengano, ma cerchiamo una visione culturale ampia e panoramica, nel comune impegno delle scienze umane e sociali”. Uno dei primi volumi di “Atelier” è dedicato all’ “Antropologia concettuale”. “E’ la disciplina – chiarisce Anati – che unisce i vari aspetti delle scienze umane e sociali alla ricerca dell’essere umano, del suo comportamento, della sua cultura, usando le esperienze del passato per capire il presente. Il fine è capire il cammino dell’uomo, quali siano le regole e le eccezioni, gli orientamenti prevedibili ed imprevedibili dell’evoluzione, non solo della tecnologia, ma anche del cammino sociale, intellettuale e spirituale. Un itinerario pieno di scoperte e di emozioni”. Un’altra pubblicazione è dedicata a nuovi ritrovamenti sulle origi-

Riserva Naturale Incisioni Rupestri di Ceto, Cimbergo e Paspardo ni delle religioni e della scrittura. Il volume raccoglie i contributi di oltre trenta autori al Colloquio dell’Unione Internazionale di Scienze Preistoriche (Valcamonica, 2012): “La cooperazione multidisciplinare – sottolinea il direttore del Centro capontino – ha fatto il suo rodaggio e comincia a funzionare. Nell’opera appena uscita i temi trattati spaziano in tutte le discipline delle scienze umane integrandosi reciprocamente. Recenti ricerche rivelano che il culto degli antenati e le credenze in ordine all’oltretomba esistono almeno da quando appare l’ “Homo sapiens” e forse ancora prima. Riti funebri e riti propiziatori sono altrettanto antichi. L’arte preistorica non è stata prodotta per abbellire le rocce. L’intento era quello di memorizzare e trasmettere messaggi. Si è riusciti a leggere alcune pitture rupestri di 30.000 anni fa: si sono rivelate essere scritture pittografiche che usano una struttura grammaticale e sintattica simile a quella che ha dato luogo alle prime scritture formali di 5.000 anni fa”. Ermete Giorgi

Primo Forum delle Vicinie di Valle Camonica

Si è svolto sabato 24 novembre 2012 nelle sale del Museo didattico della Riserva naturale Incisioni rupestri di Ceto, Cimbergo e Paspardo il primo Forum delle Vicinie di Valle Camonica. Organizzato dalla sezione I.S.T.A. dell’Associazione non profit LOntànoVerde in collaborazione con il Museo didattico della Riserva, nel contesto di “Nadro 1612 - Rievocazione storica e mercatini nelle contrade”, l’incontro aveva l’obiettivo di riunire alcune delle vicinie ancora attive in Valle Camonica per instaurare un dialogo sul passato, il presente e il futuro di questi antichi enti. Le vicinie erano organismi di origine medievale che rappresentavano le famiglie originarie di una comunità, ovvero quelle che vi abitavano da tempo immemorabile. Si ha traccia delle vicinie in Valle Camonica già dall’XI secolo; ufficialmente abolite con le riforme di Napoleone a inizio Ottocento, in alcuni alcuni casi sono sopravvissute fino ad oggi, sebbene in forme e modalità differenti. La sala gremita ha ascoltato con interesse e coinvolgimento le relazioni C.S.


www.montagneepaesi.it

Montagne & Paesi

Insieme per rilanciare l’economia locale

L’Oro Rosso camuno

Edolo ha ospitato, il primo ed il due Dicembre, la prima edizione del Festival dello Zafferano e delle Patate di Vallecamonica, una “due giorni” gastronomica con menu e degustazioni a base di questi due prodotti, uno tradizionale, l’altro, almeno fino ad oggi, atipico per la Valle. Può sembrare infatti strano sentire parlare di zaffera-

no camuno. L’introduzione di questa coltivazione sul nostro territorio è in realtà frutto dell’idea originale di alcuni pionieri, che, sotto la supervisione dell’Università della Montagna, hanno dato il via, in alcuni campi pilota situati a Edolo ed a Loritto di Malonno, ad una sperimentazione per valutare l’economicità di una sua eventuale produzione in Valle.

Tra Corsi Formativi ed Extrascuola si muovono Enti e Associazioni dell’Alto Sebino Si sono organizzati anche per l’anno scolastico in corso i pomeriggi post-scolastici in molti Comuni della Provincia bergamasca fra i quali alcuni dell’Alto Sebino in base ad un progetto esteso a tutta la Provincia. In parte per sostituire le ore pomeridiane non più accessibili nelle Scuole per mancanza di fondi, questi Corsi hanno assunto da alcuni anni un ruolo importante nella disposizione del tempo libero dei ragazzi nonché della loro formazione educativa in spazi comuni e ben organizzati. Sono Corsi già sperimentati e attuati da anni, che hanno sempre avuto riscontri positivi nei ragazzi e nelle famiglie che hanno usufruito del servizio. Non si tratta soltanto di intrattenimento ludico, ma le proposte delle attività pomeridiane

sono di vario genere: dal supporto-compiti all’aggregazione, dai laboratori espressivi e culturali alle attività ludiche, motorie e sportive, a momenti di convivialità e talora di solidarietà. Sono rivolti a destinatari eterogenei: dai bimbi della Scuola Primaria ai ragazzi della Secondaria di I° grado, a volte anche di II° grado. La gestione è affidata a figure diverse: educatori professionali e volontari ; sono promossi e organizzati da Enti titolari come Comuni, Istituti scolastici, Parrocchie, Cooperative sociali, Associazioni di volontariato, gruppi o Comitati di Genitori. Non sempre si svolgono nelle scuole, ma spesso in ambiti diversi del territorio come Oratori, Centri di aggregazione giovanile, sale comunali. Nel caso dell’Alto Sebino

I presupposti ci sono: il Crocus Sativus è una pianta molto resistente, che non teme gli agenti atmosferici, tanto che tollera temperature anche al di sotto dello zero termico, sopporta la neve e può sopravvivere anche a brevi periodi di gelo. Inoltre le coltivazioni si adattano bene ai terreni scoscesi dotati di buona permeabilità, in quanto l’unica cosa

sono interessati i Comuni di Lovere, Costa Volpino, Sovere, Rogno per due o tre pomeriggi alla settimana: in genere i ragazzi sono ospitati dai rispettivi Oratori con la presenza di educatori e di volontari:le attività che si svolgono sono in prevalenza compiti e attività espressive e ludiche.Promotori sono la Comunità dei Laghi con il supporto di Associazioni di Volontariato fra cui il Centro Italiano Femminile di Lovere come capofila, la Cooperativa Sebina e La Casa del Fanciullo: parte del finanziamento è erogato dalla Regione. La partecipazione è in genere piuttosto estesa fino a comprendere dai 20 ai 30 alunni per ogni Centro. Il vantaggio di queste iniziative viene avvertito soprattutto dai genitori che spesso assenti per motivi di lavoro, vengono facilitati e affiancati nel compito educativo da strutture, persone e attività veramente apprezzabili per la serietà e l’impegno con cui vengono attuate. R.Belotti

veramente dannosa per il croco sono i ristagni d’acqua. E lo studio ha dato esiti inaspettati: anche in terreni non specificamente preparati per questo tipo di coltura e senza avvalersi, nei procedimenti di raccolta, mondatura ed essiccazione, di metodi industriali, lo zafferano camuno è risultato, secondo le analisi effettuate dall’Università della Montagna, di qualità notevole. Certo, ci vorranno ancora anni di sperimentazione per giungere all’elaborazione di dati scientifici, ma questi primi risultati rappresentano già una vittoria sugli scettici. La coltivazione dello zafferano presenta però difficoltà oggettive non indifferenti. Innanzitutto la messa a dimora dei bulbi non è una procedura meccanizzabile. Bisogna poi tenere conto del fatto che il croco fiorisce per un periodo di soltanto due settimane, in autunno. La raccolta stessa è un’operazione molto delicata, che dev’essere effettuata nelle ore mattutine poiché in questo modo le caratteristiche organolettiche si conservano al meglio. La spezia si ricava dagli stigmi (i pistilli) del fiore, i quali devono essere staccati manualmente. In genere, da circa 20 fiori, si ricavano 60 stigmi che, lavorati, servono per una sola bustina di zafferano. Non a caso, proprio per la sua rarità e quindi preziosità, questo prodotto viene detto: “l’oro rosso”. Ma, grazie a questo lungimirante progetto, la strada è stata aperta: con passione ed impegno, se ci si crede veramente, lo zafferano di Vallecamonica può diventare una realtà. La prospettiva non è, naturalmente, una produzione su larga scala, ma una coltivazione di nicchia, che punti alla qualità. E, se è vero che in tempi di crisi

ci si ingegna per sfruttare al massimo tutte le risorse a disposizione, di fronte alla recessione che stiamo vivendo questa potrebbe diventare una fonte integrativa di reddito da non sottovalutare. Lo sbocco di vendita che i “pionieri dello zafferano” si prefiggono per il loro prodotto è la rete dei ristoranti in Valle, che potranno così proporre piatti a base di “zafferano camuno”, una particolarità che può incuriosire e costituire un valore aggiunto per la loro attività. L’idea è quella di creare un consorzio, in modo da sfruttare i vantaggi che si possono ottenere, tramite sinergie di gruppo, in sede di acquisto dei bulbi (peraltro piuttosto costosi) e di vendi-

11

ta del prodotto finito. Infatti ci si propone di coinvolgere nell’iniziativa anche altre zone della Valle che presentino caratteristiche adeguate a questo tipo di coltivazione. Ed è proprio questo lo spirito del festival: unirsi per perseguire obbiettivi coraggiosi e ricercare nuove opportunità per la Valle. Mettersi in gioco, diversificare, trovare soluzioni innovative per trasformare le nostre peculiarità in positività, nella consapevolezza che, per utilizzare le parole della Dott. ssa Anna Giorgi, docente di Biologia Vegetale e Animale presso l’Università e madrina del festival: “Da soli non si va da nessuna parte”. Violi Michela

MANU STYLE

-MALONNOVia G. Matteotti, 5 - Tel. 340.4843964

UOMO: Antony Morato Gas Fred Mello

DONNA: Fred Mello Gas Dickson Style Anima Gemella Sculture

DAVIDE PRANDINI ■ Impianti idraulici ■ Installazione caldaie ■ Impianti gas Via Motta, 1 - 25040 BRAONE (Bs) Cell. 335.5480481 - e-mail: prandini.d@gmail.com

PRONTO INTERVENTO

impianti elettrici Via Caduti di Campelli, 1 25050 GIANICO (Bs) Tel. 0364.533970


12

www.montagneepaesi.it

Montagne & Paesi

Una Mostra a Lovere dell’Artista Luciano Zambetti

La “Poesia del Lago” ti allo sguardo, è quello di Lovere con il lago, le montagne sullo sfondo, ma anche i borghi, le piazzette, gli scorci di vie e di case, la gente còlta nel suo andare, sostare, osservare, avvolta in un’atmosfera di morbidezza e di serenità, delineata nella precisione delle linee, colori, visione prospettica. Oltre la descrizio-

ne di paesaggi e di luoghi, la peculiarità di Zambetti è quella dei ritratti- veri, espressivi, còlti nella naturalezza dei tratti, dei gesti, degli sguardi. Predomina nel suo autoritratto la linearità e la freschezza della sua figura intera, illuminata dal pacato sguardo del viso ancora giovanile, nonostante il leggero gri-

Il Porto Turistico di Lovere guarda al futuro

ne, i cui lavori sono iniziati nei primi giorni del 2013. L’Ostello del Porto sarà oggetto entro il primo semestre 2013 di un totale riqualificazione energetica e funzionale, opera finanziata per il 50% a fondo perduto dalla Regione Lombardia. Al termine delle opere l’Ostello potrà operare 12 mesi all’anno con-tro gli attuali 5 ed avrà finalmente un ingresso sicuro e funzionale. L’area ex Tipitinas è stata oggetto di progettualità da parte della Canottieri Sebino che a tutt’oggi è all’esame del Consiglio di Amministrazione de L’Ora e dei suoi soci Comune di Lovere e Comunità Montana dei Laghi Bergamaschi.

L’opera di Luciano Zambetti, Pittore e Scultore loverese affermato, rivela anche nella recente esposizione delle sue opere presso Sala Zitti di Lovere, il carattere di un’artista assai radicato nella realtà della terra in cui abita e in cui lavora da sempre. Il mondo, che si rispecchia nelle tele luminose e rasserenan-

Da novembre 2009, il Consiglio di Amministrazione della società L’Ora srl si è impegnato nel consolidare una struttura aziendale in grado di gestire il Porto Turistico di Lovere in tutte le sue attività: gestione immobiliare e manutenzioni, gestione Piscine, gestione porto e rimessaggio, gestione cantiere nautico, gestione guardia notturna, gestione delle pulizie e del verde, concessioni e rapporti con le associazioni sportive. In particolar modo nel settore Piscine si è effettuata una grande opera di formazione grazie alla importante collaborazione con il GAM TEAM di Giorgio Lamberti, che ha operato sia a livello gestionale amministrativo che sul piano vasca con l’aggiornamento dei metodi di insegnamento degli istruttori. Questa collaborazione è poi sfociata in campo agonistico con l’insediamento della GAM TEAM anche nella gestione delle squadre di nuoto. E’ stato inoltre attivato e consolidato il rapporto

con il Consorzio Gestione associata dei Laghi di Iseo Endine e Moro che ha portato ad assegnare a L’Ora srl la manutenzione e tinteggiatura delle infrastrutture portuali consortili presenti nell’alto lago. Ciò ha permesso nell’immediato un aumento di fatturato della Società e nel prossimo futuro potrebbe concretizzarsi in un progetto comune di sviluppo del Porto Turistico. In questi tre anni, parallelamente al perfezionamento della gestione del Porto Turistico, sono maturati anche importanti progetti necessari alla manutenzione straordinaria e riqualificazione di strutture strategiche per la comunità: piscine, Ostello del Porto e locali ex Tipitinas. Le Piscine di Lovere presentano da anni gravi problemi strutturali della copertura e di dispersioni termiche dell’involucro. Dopo mesi di studi e le necessarie autorizzazioni si è provveduto ad indire il bando di gara per la realizzazione delle opere di ristrutturazio-

gio dei capelli in consonanza con la chiara tinta dell’abito. E poi i ritratti di sua moglie in un’espressione gioiosa e di numerosi bambini che fanno parte della cerchia familiare, dei quali si ammira la linearità della figura, la spontaneità degli atteggiamenti, il delicato colorito del viso, la grazia e l’espressività dei gesti. Un’arte che esprime bellezza, ma anche predilezione ai luoghi

nativi, alla natura nelle sue svariate manifestazioni - dagli alberi ai fiori -, ma pure un legame autentico di sentimenti con le persone a lui care. Anche nelle sculture, rappresentate sia in marmo bianchissimo, sia in gesso che in legno, l’artista rivela una perfezione di linee e di forme frutto di un’esperienza di anni, che oggi raggiunge il suo culmine nei ritratti di personaggi noti, in par-

ticolare nel suo autoritratto. Fra le sculture lignee ha suscitato meraviglia l’opera esposta col titolo “Omaggio alla Danza”, in cui le figure disposte lungo l’alto pannello, si snodano con esili corpi perfettamente levigati, in pose armoniose e movimenti acrobatici nella leggerezza del volo. La notevole partecipazione di visitatori nel periodo di esposizione ha dimostrato il gradimento e la simpatia per questo Artista locale: dalla visione delle sue opere si esce con l’animo rasserenato, lo sguardo gioioso di chigrazie a tanta bellezza- si sente riconciliato con il mondo e con la vita, lontano dal frastuono e dagli affanni del quotidiano. R.Belotti

Sede amm.: LOVERE (Bg) - Via G. Paglia, 7 - Tel./Fax 035.960673 COSTRUTTORE VENDE DIRETTAMENTE 2 VILLETTE DI TESTA SU TRE PIANI DI CIRCA 60 MQ. COMMERCIALI CIASCUNO, OLTRE A BOX DOPPIO, TERRAZZE E GIARDINO (TOTALE CIRCA 200 MQ RAGGUAGLIATI) POSIZIONE PANORAMICA E OTTIMA ESPOSIZIONE, IN FABBRICATO DI SOLE TRE UNITÀ.

LOVERE

Prezzo: informazioni in ufficio.


www.montagneepaesi.it

Montagne & Paesi

Lovere raccontata attraverso la fotografia Una retrospettiva di immagini di Lovere, tutte inedite, dal 1947 al 1972, sono uno specchio della vita loverese

dell’epoca, venticinque anni di avvenimenti e personaggi che il fotografo Elio Ballerini immortalò, fissando-

li nella pellicola della sua macchina fotografica con professionalità e passione, quasi fosse un reportage. Ci ha pensato Demetrio Oberti a selezionarle e raccoglierle in un volume che prende il nome di “Immagini di cronaca loverese”. “Le fotografie riprodotte – precisa Oberti – sono assolutamente state scelte senza altro scopo di quello del contenuto storico, inserendo nel

contesto qualche immagine dei paesi limitrofi, scegliendole tra numerosissime negative che il Ballerini aveva custodito con cura, catalogandole con la data di riferimento” E così, nello scorrere delle pagine a qualcuno sarà capitato di rivedersi molto più giovane e riconoscere persone care alcune scomparse. “Spero che questa mia fatica – continua Oberti – serva ai loveresi per ricordare forse con un po’ di nostalgia il tempo passato e andare con il ricordo a quelle persone che ci hanno lasciato” L’iniziativa della pubblicazione del volume ha anche uno scopo benefico; il ricavato della vendita sarà devoluto alla Scuola Materna “Monsignor G. Bonomelli di Lovere”

Iniziati i lavori di riqualificazione energetica delle Piscine di Lovere Sono iniziati in perfetto allineamento con il cronoprogramma i lavori di riqualificazione energetica delle Piscine di Lovere. E’ stato infatti impiantato il cantiere (gru,

ponteggi e barriere di sicurezza) e sono cominciate le opere di smantellamento. Sono stati rimossi sia gli impianti elettrici di illuminazione obsoleti ed i motori dei portello-

ni basculanti sia i pannelli coibentati ciechi laterali. E’ cominciata la rimozione della copertura evidenziando lo stato di degrado della stessa. La ditta Auromont di

Parre sta operando con professionalità ed impegno, determinata a rispettare i tempi imposti dalla Direzione Lavori e dal Consiglio di Amministrazione de L’Ora di Lovere.

Viaggiare in gruppo per stare insieme ISCHIA 15 GIORNI in 4 stelle con Terme e bus da Lovere/Valcamonica 14/28 aprile € 485,00 TOUR TRIESTE/ISTRIA 18/21 aprile in 4 stelle con guide € 300,00 SAN PIETROBURGO da Lovere e dintorni 03/06 maggio € 480,00 con guide e ingressi CROCIERA COSTA del 18 maggio per 5 giorni a € 420,00 tasse incluse

Sono aperte le prenotazioni delle VACANZE GRATIS per i bambini.

Ti aspettiamo a: LOVERE – Via Marconi 97 – Tel. 035 964011 – infolovere@ilioproget.t CLUSONE – Via Zucchelli 2 – Tel. 034625000 – info@ilioproget.it SCHILPARIO – Via della Clusa 24 – Tel. 034655045 – denise.grassi@ilioproget.it

di Sorlini Emilia & C. sas

13


14

www.montagneepaesi.it

Montagne & Paesi

In inverno si ingrassa?

È noto che le stagioni più fredde dell’anno portano con loro un incremento di peso. Perché? Le risposte più comuni sono rivolte verso lo stile di vita che cambia, un aumento dell’appetito stimolato dalle bas-

se temperature, il bisogno di mangiare qualcosa di caldo che ci rifocilli, maggiori occasioni per cenare con gli amici a base di pietanze non proprio light, una diminuzione dell’attività sportiva. Tutte queste motivazio-

ni sono verissime ma si é scoperto che non sono il motivo centrale dell’aumento del peso corporeo. Secondo uno studio americano condotto su 600 persone e recentemente pubblicato, effettivamente in autunno

Non è il freddo a far prendere l’influenza

Se siete mamme o papà, e uno dei vostri figli mostra i primi sintomi dell’influenza, non ditegli “non ti sei coperto abbastanza e hai preso freddo!”. Perché non è certo il freddo, a causare l’influenza. Le due cose vengono associate, perché è nei mesi freddi, che è più facile prendere l’influenza. Quest’ultima, però, è causata da un altro fattore: la trasmissione di virus da una persona all’altra. D’inverno è più facile che ciò avvenga, perché la gente esce di meno e rimane a lungo in ambienti chiusi, a contatto reciproco. E c’è la scuola, dove i bambini sono vicini gli uni agli altri tutto il giorno, e il rischio di contagio è molto

più elevato. Inoltre i germi si diffondono più facilmente tramite l’aria secca, più presente in inverno, sia a causa della temperatura esterna, sia per i riscaldamenti accesi. È vero, in ogni caso, che il freddo è in grado di abbassare le difese immunitarie, rendendo più suscettibili alle infezioni esterne, ma conta anche per quanto tempo siamo effettivamente esposti al freddo. Per difendersi dall’influenza, dunque, così come dal raffreddore, la cosa principale da fare, se non vogliamo evitare del tutto i contatti con altri esseri umani, è lavarci spesso le mani, che costituiscono il principale veicolo di diffusione del virus. Il quale si diffonde, è bene ri-

cordarlo, solo quando già hanno cominciato a manifestarsi i primi sintomi. Per gli anziani, è un po’ diverso. È meglio che stiano attenti al freddo. Chi di loro è in salute, corre più che altro il pericolo di scivolare sul ghiaccio. Gli anziani “fragili”, invece, afflitti da malattie croniche, magari con disabilità motorie o cognitive, hanno minori capacità di resistenza, e il loro organismo è più esposto alle eventuali complicanze del grande freddo, soprattutto le infezioni respiratorie. E anche l’apparato cardiovascolare è più sollecitato. Per loro, il consiglio dei medici è di uscire solo se è indispensabile, possibilmente accompagnati.

si registra un aumento nell’assunzione di grassi e calorie, raggiungendo in inverno il livello massimo insieme al livello minimo di attività fisica. Questo produce rispettivamente un incremento di 90 calorie al giorno per appetito e 60 calorie al giorno per pigrizia, per un totale di 150 calorie che significano mezzochilo in più ogni mese. Perché con il freddo si tende ad ingrassare? Secondo gli esperti dell’argomento, bisogna fare una breve introduzione per capire bene il problema. Nel nostro corpo esistono due diversi tipi di tessuto adiposo: bianco e bruno. Il primo costituisce una riserva di grasso utile ad esempio in caso di digiuno, il secondo serve invece a produrre calore. Si è visto nei topi da esperimento che, se esposti a temperature sempre più basse, l’adipe bianco inizia a fare le veci di quello bruno, utilizzando i grassi per produrre

Specialista in odontoiatria

calore. Quindi per il nostro corpo la produzione di calore è una priorità assoluta e di conseguenza siamo portati a mangiare di più quando la temperatura si abbassa. Ma oggi tutti gli ambienti sono riscaldati e di conseguenza l’esposizione al freddo è limitata, succede allora che tutti i grassi in più che siamo portati ad introdurre non vengano utilizzati, accumulandosi nei tessuti adiposi. Ad aggiungersi a tutto questo c’è la diminuzione delle ore di sole che molto probabil-

mente influenza il nostro “orologio” cerebrale. Questo orologio controlla sonno e appetito attraverso le informazione che giungono direttamente dalla retina ed è verosimile che l’aumento del buio lo alteri, inducendolo ad assumere più calorie. Per non vanificare gli sforzi mirati al mantenimento della nostra linea e per contrastare questa tendenza, è quindi importante concedersi le giuste ore di sonno, prestare attenzione alla scelta dei piatti e mantenere uno stile di vita attivo.

in collaborazione con

ORGANIZZA presso la palestra dell’Istituto Suore di S. Doretea di Cemmo di Capo di Ponte corsi di ARTISTICA DANZA COREOGRAFIA GIOCO DANZA AGILITA’ HIP HOP - PILATES - HATHA YOGA - GAG rivolti a bambini, ragazzi e adulti Inizio corsi: LUNEDì 07 GENNAIO 2013 335.6113478 Guerina 380.2185044 ufficio segreteria E-mail: art-danzazzurra@tiscali.it Sito: www.artisticadanzazzurra.it Direzione artistica: Guerina Zanardini Seguiteci anche su Facebook “Artistica danza Azzurra” e “Guerina Zanardini”

Piazza Aldo Moro - Tel. 0364.531856 DARFO BOARIO TERME (Bs)

VI RESTITUIREMO IL SORRISO! • Visite e preventivi gratuiti • Implantologia • Ortodonzia con mascherine invisibili • Sbiancamento denti

OGNI 2 SEDUTE DI IGIENE ORALE UNA IN OMAGGIO!!!

CAPO DI PONTE (Bs) Via S. Briscioli, 40 - Tel. 0364.42173 EDOLO (Bs) - Via Porro 3 - Tel. 0364.72581 EDOLO (Bs) - Via G. Marconi, 24 ISEO (Bs) - Via Roma, 92 - Tel. 030.9822508 PISOGNE (Bs) - Piazza Umberto I° - Tel. 0364.880299

www.cissva.it


www.montagneepaesi.it

Montagne & Paesi

Da tempo l’Unione della media Valle chiede una razionalizzazione dei costi

Servizi Sociali: dimissioni e nomina

Il sindaco di Breno, Sandro Farisoglio, anche a nome degli altri primi cittadini dell’Unione degli Antichi Borghi di Valcamonica così commenta le dimissioni di Alfredo Moratti dal consiglio di amministrazione dell’Azienda territoriale dei servizi sociali: “Un gesto concordato e condiviso tra consigliere e sindaco. Ovviamente mi rammarica molto questa estrema decisione che abbiamo dovuto prendere insieme – sottolinea Farisoglio – che arriva dopo mesi di incomprensioni tra la nostra Unione e i vertici dell’Azienda. Far dimettere Moratti ci è sembrata l’unica strada possibile per portare di nuovo all’evidenza un problema che già un anno fa avevamo sollevato, in occasione dell’approvazione del bilancio. Abbiamo provato più e più volte a portare le nostre ragioni, ma nessuno ci ha ascoltato. Vorremmo che si capisse che facciamo sul serio”. La questione è abbastanza conosciuta: da tempo l’Unione della media Valle chiede una razionalizzazione dei costi, mettendo in evidenza che ci potrebbero essere almeno centomila euro di risparmi da una più oculata organizzazione del servizio. Ma soprattutto chiede che le politiche sociali della

vallata dell’Oglio siano ancora appannaggio dei sindaci e non assunte unicamente da un ristretto gruppo di persone ai vertici dell’Azienda territoriale e non tutti appartenenti al cda. “Più volte Moratti ci ha riferito di trovarsi a discutere su decisioni già prese da qualcuno ed irremovibili – afferma Farisoglio – senza sapere chi le ha stabilite

Grazie ad una serie di operazioni l’amministrazione comunale di Breno sistemerà la zona industriale ed artigianale di “Onera”, situata a Nord della cittadina, nei pressi dello svincolo della superstrada. Si tratta di una “partnership” pubblico-privato, in seguito alla quale il Comune non spenderà nulla. L’area necessitava da tempo di interventi radicali, ma negli anni nessuna amministrazione brenese era mai riuscita a trovare i fondi sufficienti per far fronte alle necessità. Tutto ha inizio nella primavera 2011, quando il Municipio acquisisce dall’ANAS – a costo zero – il tratto di svincolo dismesso che un tempo costituiva il vecchio accesso alla statale 42 (“Del Tonale e della Mendola”). Lo spazio (circa 5.000 metri quadrati, situati all’ingresso di Onera) è rimasto inutilizzato per anni, costituendo

e su quale mandato. In questo modo si toglie il potere decisionale dei sindaci sulla politica sociale”. Infine, i primi cittadini dell’Unione degli antichi borghi, pur ritenendo l’unificazione delle due aziende un passaggio indispensabile, utile ed epocale, non si dicono soddisfatti del metodo di agire dell’Azienda unificata che, nonostante le con-

tinue richieste da parte dei sindaci, non ha mai dato risposte giustificate, o preso in considerazione le loro istanze. Intanto, sempre in tema di servizi alla Persona, è di questi ultimi giorni la nuova nomina di Guglielmina Ducoli, a rappresentare il Comune della città di Darfo Boario Terme, nell’Azienda Territoriale dei servizi alla Persona. Come sempre – si sottolinea negli ambienti comunali darfensi – la scelta è stata guidata da criteri di competenza, professionalità e passione. “Il curriculum

della dottoressa Ducoli – afferma Ezio Mondini, sindaco della città camuna – è sicuramente l’elemento di sintesi delle sue capacità e della sua preparazione. Dalla formazione alle esperienze professionali, Guglielmina si è sempre occupata di pedagogia e di organizzazione del terzo settore: temi fondamentali per comprendere l’azione dell’Azienda ed essere vivo contributo all’interno della stessa. La dottoressa Ducoli potrà quindi condividere il suo ricco bagaglio personale con il terri-

Si mette mano alla sistemazione complessiva dell’area

Riqualificazione per la zona industriale “Onera” a Breno solo una fonte di degrado per la zona fino al 2012, quando con il nuovo “Piano di governo del territorio (PGT)” - vigente da marzo – si mette mano alla sistemazione complessiva dell’area, che diviene un ambito di trasformazione. Il Comune e due privati (Federico Foppoli e Beppe Fasanini) sono i soggetti attuatori dell’operazione. L’ambito prevede che l’attuale strada comunale d’accesso alla zona industriale divenga area edificabile; il tratto è stato venduto dal Municipio ai due imprenditori per ampliare la loro attività, ricavando 306.000 euro. La nuova via d’accesso ad Onera verrà costruita invece nel tratto dell’ex svincolo della statale 42 ad

opera dei due privati. E’ stata così attuata la procedura del permesso di costruire convenzionato, che consente ai due soggetti di edificare nuovi immobili in convenzione col Comune ed al contempo li obbliga a realizzare una serie di opere di urbanizzazione a beneficio di tutta la comunità. I due imprenditori, nell’ampliare la loro proprietà, costruiranno a proprie spese la nuova strada d’accesso alla zona industriale, adeguando l’ex svincolo acquisito dal Comune, i marcia-

piedi, alcuni parcheggi, l’illuminazione pubblica, le reti tecnologiche e la segnaletica (verticale ed orizzontale), sia all’interno del comparto, sia all’esterno, per un importo lavori di 216.000 euro. Con i 306.000 euro incamerati dal Comune di Breno in seguito alla vendita a privati della strada d’accesso ad Onera, l’amministrazione avvierà – a breve - le opere per riqualificare, sistemare e completare il resto della zona industriale con opere quali: il rifacimento delle “ca-

15

torio, oltre che garantire un buon rapporto politico-amministrativo del Comune con l’Azienda”. In questi tempi particolarmente problematici per le fasce sociali più deboli, una presenza competente, aperta e disponibile sarà certamente preziosa per l’Azienda stessa, che ha accolto con entusiasmo la nuova rappresentante. La Ducoli è consigliere comunale di maggioranza nel Comune di Darfo Boario Terme, è laureata in Pedagogia, ha 44 anni ed in passato ha ricoperto incarichi di dirigente. ditoie” stradali, la realizzazione dei marciapiedi e del portale d’ingresso, le asfaltature, la posa della segnaletica orizzontale e verticale, l’illuminazione, l’installazione di un impianto per la video-sorveglianza. Non va infine dimenticato che nel mese di gennaio 2013 sono pure iniziati i lavori per la costruzione del nuovo tratto fognario a servizio della zona industriale, per un importo di 205.000 euro. “Il progetto di riqualificazione di Onera è finanziato dalle vendite delle aree e dai lavori che i due imprenditori privati eseguiranno in convenzione – afferma il sindaco Sandro Farisoglio – quindi al Municipio la sistemazione della zona industriale, necessaria da diversi anni, non costerà nulla. Questo è un buon esempio di collaborazione tra soggetto pubblico e privato”.

PIAN CAMUNO (Bs) - Via Provinciale, 1/D - Tel. 0364.591197


16

www.montagneepaesi.it

Montagne & Paesi Convegno “Maffi” a Sarnico

La Politica del merito

Per la quarta volta, nel novembre scorso, lo Studio Maffi in collaborazione col Comune di Sarnico e il patrocinio di Provincia e Regione ha organizzato un interessante Convegno presso Villa Surre sul tema: “ La Politica del Merito”. Un tema che giunge a proposito nel panorama sociopolitico italiano. In cui molti problemi sono creati da una cultura individualista e da un clima di arrivismo esasperato spesso a scapito dei cittadini più meritevoli. I tre Relatori, Paolo Girla giornalista e scrittore, Stefano Paleari rettore Università di Bergamo, Ferruccio De Bortoli direttore del Corriere, hanno evidenziato il loro punto di vista sul tema della meritocrazia in modo quasi complementare. “La meritocrazia -ha esordito Girla- è un fattore collegato alla competenza della persona non disgiunta dall’etica e dalla morale in quanto il merito personale ha pure una valenza di carattere sociale (concetto tramandato dagli antichi): una società è migliore se ha individui migliori”. La stessa raccomandazione, spesso in uso, può diventare un mezzo per

emergere, ma è valida solo se la persona lo merita veramente in quanto ha le competenze adeguate al compito proposto. Deve esistere di conseguenza la politica del “demerito”che in base ad una responsabilità civile che riguarda tutti, distingue i meritevoli dagli altri con una selezione netta che esclude i peggiori e tutela i veri talenti. Il Prof. Paleari mette in guardia dalla confusione dei termini che confonde il merito con l’equità per cui si emargina chi non riceve il premio per i risultati positivi ottenuti. Comunque il merito è la “ precondizione che garantisce una società in continua crescita in quanto incentiva il progresso”: l’esempio della “fuga dei cervelli” fa capire come la nostra società sia in arretrato rispetto a quelle dove c’è progresso. Per questo motivo, come dovrebbe avvenire in campo universitario, occorre creare le “opportunità favorevoli” alla crescita degli studenti anche meno dotati attraverso la conoscenza dei problemi da superare per dare a tutti possibilità nuove e diverse come eventi, viaggi, tirocini, dialo-

ghi. Significa così creare una società più giusta dove la crescita dev’essere soprattutto qualitativa e non quantitativa. Sulla stessa linea, De Bortoli conferma che il merito non deve escludere chi non riesce ad emergere, ma si può comunque operare al meglio. Ma per riconoscere il merito occorre la “trasparenza” e avere la capacità di una valutazione non parziale, ma accettata da tutti per non creare forme di ingiustizia. Come spesso avviene oggi con le corporazioni o i gruppi politici, che tendono a proteggere i comportamenti negativi dei propri adepti per un malinteso senso dell’immagine. Gli ostacoli al riconoscimento del merito sono di varia natura: uno fra tutti quello della nomina dei candidati prescelti nelle liste elettorali più per clientelismo che per vero merito, oppure l’esclusione dalla condanna di errori da parte dei magistrati. “Il merito è il vero motore di una società giusta e progredita, è un ascensore sociale senza il quale si possono creare forme di illegalità che a loro volta portano alla criminalità”.

Si scia anche in notturna. Piste eccellenti

In Val Palot la stagione è partita bene

Inizio scoppiettante per la più piccola delle stazioni sciistiche bresciane che archivia un ottimo periodo natalizio, come non se ne  vedeva da anni. Le fiaccolate del 30 e del 31 dicembre 2012 hanno suggellato la primissima parte di questa nuova stagione sciistica 201213, caratterizzata dall’inizio dei corsi collettivi e individuali che hanno portato già centinaia di  sciatori, soprattutto giovanissimi, ad approcciare gli sport della neve. Le nevicate dell’Epifania hanno ricreato un ambientazione davvero unica e con il giorno 3 gennaio, sono ricominciate anche le attività “notturne”, che vedranno per tutta la stagione, R.Belotti ogni martedì e giovedì, gli impianti aperInteressante iniziativa dell’Amministrazione in collaborazione con ti dalle ore 20,00 alle il Distretto Culturale, Bienno Eventi e Bienno Turismo ore 22,00, con la possibilità per gruppi e sci club che lo volessero, Il Comune di Bienno e il Distretto Culturale di Valle Camonica in collaborazione con anche nelle altre serate Associazione “Bienno Eventi” e “Bienno Turismo” indicono il concorso “BIENNO della settimana, previa BORGO DEGLI ARTISTI” per la selezione di artisti da ospitare in botteghe e residenze prenotazione allo 0364 del centro storico. Bienno è un borgo medievale, dalle antiche tradizioni artigiane. E’ 888923.  Le condiziostato riconosciuto come uno dei Borghi più belli d’Italia. Ogni anno, nel mese di ago-

Bienno, borgo degli artisti

sto, durante i nove giorni della Mostra Mercato, i vicoli e le piazze del borgo vengono invasi da 170.000 visitatori che ammirano le produzioni artigiane e della ferrarezza. Il Comune di Bienno e il Distretto Culturale di Valle Camonica hanno operato negli ultimi anni per attrezzare sul territorio comunale alcuni punti espositivi e di ospitalità per artisti, artigiani, creativi: In tal modo si sono create le condizioni per promuovere un progetto più ampio che siintende proporre per invitare nuovi artisti, designers, creativi a risiedere nel centro storico di Bienno. Bienno Borgo degli Artisti è un’iniziativa per la promozione di nuove produzioni artistiche e culturali, che intende esaltare il modello della “bottega d’artista”, ossia del luogo di lavoro e di espressione della creatività, aperto alla fruizione. Per ottenere l’attribuzione degli spazi creativi di Bienno Borgo degli Artisti i candidati devonopresentare la propria candidatura consultando il sito www.comune.bienno.bs.it, nella “home page”, sezione “notizie”, voce “Concorso Bienno Borgo degli Artisti”. La scadenza per la presentazione della domanda di ammissione è fissata al 31/1/2013. L’esito verrà reso pubblico entro il 28/2/2013. “BIENNO BORGO DEGLI ARTISTI” presso il Comune di Bienno (BS)- Piazza Liberazione n° 1 Tel. 0364/40001 Sito: www.comune.bienno.bs.it Email: info.borgodegliartisti@gmail.com

ni delle piste sono eccellenti, gli impianti di innevamento programmato hanno contribuito ad integrare quanto depositato dalle nevicate del periodo. La stagione proseguirà ora con i corsi e le lezioni dei Maestri della Scuola Sci Val Palot, estesi anche per quest’anno, come  ormai da un lustro,  agli studenti delle Scuole di Primo Grado del comprensorio camuno-sebino e bresciano. Per la parte agonistica, nel mese di gennaio, al 24 è  in programma, in notturna,   sulla pista “Peduna” la gara “Master”  del circuito FISI  provinciale, alla quale seguiranno i due appuntamenti del 17 e il 24 febbraio, stavolta  “in chiaro”, rispettivamente per cuccioli, baby e superbaby e per allievi e ragazzi. Sabato 26 febbraio, vi sarà poi in “notturna”, la gara del CSI di Vallecamonica. Sono poi ormai già in fase avanzata i preparativi per l’evento “clou” della stazio-

ne pisognese, la decima edizione della Ciaspalot, passeggiata notturna al chiaro di luna con le ciaspole, prevista per il 3 marzo, con tutte le informazioni per le prenotazioni già diponibili sul sito www.ciaspalot. it . Una nota di menzione anche agli atleti e agli allenatori della squadra agonistica dello Ski Team Valpalot che stanno già ben figurando nei circuiti provinciali, regionali  e nazionali, con i risultati del recentissimo Memorial Fosson della Valle d’Aosta, che hanno visto la squadra al decimo posto assoluto degli squadroni in campo e  Angelica Rizzi al terzo posto di categoria, in una delle più importanti gare nazionali per i giovani sciatori. Per tutte le informazioni sugli orari di apertura e sui biglietti e  promozioni della stagione 2012-13, il sito  www. valpalot.it., ricordando che la stazione aderisce al Circuito ANEF Ski Lombardia.


www.montagneepaesi.it

Montagne & Paesi  

17

L’angolo della poesia

C’è un poco di lutto nel genitore che vede andare via i figli ormai adulti, per le proprie strade, misto di proiezioni per quel che egli non ha fatto e che forse quel ragazzo o ragazza, riusciranno per i fatti propri, a realizzare. Con questo augurio un padre saluta il partire dei suoi ragazzi per le strade della propria vita.

ADDIO AQUILONI Tradizionale esibizione del Coro Santo Stefano di Costa Volpino

Concerto natalizio per celebrare il ventennale

Come tradizione il Coro S. Stefano di Costa Volpino ha tenuto il Concerto Natalizio nella Parrocchiale di Volpino domenica 16 dicembre con una grande ed entusiastica partecipazione di persone proveniente da tutta la zona. In questa occasione il complesso vocale ha voluto celebrare con maggiore solennità il suo ventennio di impegno, profuso sia nel Comune sia in molte altre realtà italiane ed estere. Nato nel 1992 sotto la guida del M° Giacomo Sangalli, proseguendo l’esperienza già iniziata nel 1980 del M° Giovanni Cristinelli, la Corale si è via via ampliata nel numero (50 i componenti) e perfezionata nello stile e nella varietà delle esecuzioni sia di tipo sacro che profano, attraverso un impegno continuo e stimolante dei componenti e del loro paziente ed eccellente Maestro. Come ha dimostrato ancora una volta, la splendida esecuzione del recente Concerto Natalizio accompagnata dall’orchestra da camera composta da numerosi strumenti fra cui ben sei violini, da vari componenti della Banda Musicale e dalla solista Silvia Cretti, ha realizzato in grande sintonia fra voci e musica, melodie di ispirazione natalizia nei testi originali di Autori stranieri: “White Chrismas”(J.

Berlin)-“Lift your voice in song (C.Strommen), nonché l’esecuzione di brani sacri di Vivaldi, Haendel e M. Frisina. I numerosi e lunghi applausi hanno sottolineato l’alto gradimento delle esecuzioni che nell’alternarsi dei toni solenni e melodiosi hanno coinvolto gli ascoltatori in un’atmosfera di suggestione e di mistero quali sa creare soltanto una vera musica in sintonia con la varietà timbrica e l’armonizzazione delle voci. A conclusione della serata l’intervento del Parroco Don Tarcisio prima e della vicesindaco dott.a M. Teresa Capitanio poi, ha sottolineato l’uno l’importanza e il vero significato del Natale- quello dei poveri pastori- e l’altro il grande valore anche didattico della Musica e dell’impegno costante di un Coro, agli effetti personali e comunitari. Il Sindaco ha poi consegnato una Targa, ricordo del ventennale di questa realtà che

dà lustro alla comunità di questo Comune, anche grazie alla sua partecipazione a rassegne e concerti celebra-

ti in tante città italiane, fra cui le più recenti esecuzioni a Roma nel 2008 nella Basilica di S.Pietro e dei Santi Bartolomeo e Alessandro, nel 2010 a Torino nella Basilica del Sacro Volto, nel 2012 nel Santuario “ Maria Plain” a Salisburgo.

Auguri a voi quando rompeste il filo che ad altri tempi vi ha guidato al cielo vele migrate e mute d’ aquiloni, partiti adesso per un altro lido. La chioccia piange quello che non cova ma io che in corpo non v’ ho mai ospitato soltanto chiedo, adesso che volate di essere grati a chi ve l’ ha insegnato. Nando Bertoni

R.Belotti

Oggetti con o senza volto

Vi è mai capitato di pensare o immaginare che gli oggetti potessero parlare, esprimersi in qualche modo, confessare, svelare segreti a noi ignoti o misteriori particolari rigorosamente custoditi fin da prima della legge sulla privacy? Qui di seguito qualcosa magicamente si presenterà alla nostra attenzione: è una sorta di autoritratto, dove un oggetto (apparentemente inanimato), un elemento della natura o un’entità più o meno reale dice di sé, narra della propria origine, storia e specifiche caratteristiche. Vuol essere una metafora della realtà mediante l’umanizzazione di ciò che umano non è, ma non per questo meno importante e significativo. Anzi! Ora sta a voi scoprire chi sta parlando. X: Buonasera. M: …sera. X: Scusi, ma lei forse è un animale parlante, di quelli che stanno sparendo dalla circolazione? M.: No, non credo proprio. Difficilmente la mia razza comparirà come specie in via d’estinzione. E’ strano, ma da parecchio ormai non sono ,considerato quale presenza viva nella famiglia contadina di un tempo. X: E da quale fenomeno dipende questa trasformazione: da un cambio generazionale al vostro interno o dallo sviluppo del sistema sociale? M.: Di sicuro la colpa è nello stravolgimento dello stile di vita, a partire dal contadino stesso, che non mi vede più dal punto di vista del passato. Nell’aia c’era da divertirsi, si giocava a guardia e ladri, riuscivo a sbarcare il lunario in qualche modo finchè una mente geniale ha pensato bene di farmi diventare un cartone animato… e figurati se si degna di chiedermi i diritti d’autore! X: Però così sarà famoso in tutto il mondo. E non è soddisfatto ora? M.: Macchè! Stia zitto, che mi han tolto pure un paio di zampe… Ma non è ancora finita la mia storia. X: Ebbene, cos’è che la rattrista davvero tanto? M.: Vede, gentile signor X, il paradosso vero è un altro. Vengo al dunque: l’uomo, da quando esisto, ha cercato di eliminarmi in vari modi, più o meno brutali e legali; poi, come ho già spiegato, mi ha “reintegrato” per scopi ludico-commerciali, ma oggi come oggi non può assolutamente fare a meno di me. Sarcasticamente posso affermare, con una punta di orgoglio se pur amaro, di esser tornato in ogni casa (o quasi). X: Cosa vorrebbe dire, non capisco. Cos’è? Un soprammobile, una statua? M.: Non proprio, ma è molto vicino. Se sento ancora qualcuno dire che sono da biblioteca! Altro che biblioteca… da ufficio, da scrivania, da studio, anche da laboratorio sì, ma non più vivo come ai bei tempi, bensì morto stecchito. Non solo: nero, verde, giallo, a pois, a strisce o firmato e -chi più ne ha più ne metta- legato a una macchina elettronica, schiavo a vita, celebralmente leso praticamente. E allora, chi ha più paura di me?

LA SOLUZIONE E’ A PAGINA 21

Daniele Gregorini


18

www.montagneepaesi.it

Montagne & Paesi

ni, con la segnalazione delle sue cariche quale Priore di Pontida e poi Vescovo di Crisopoli: morì all’età di 90 anni nel 1472: la sua tomba fu realizzata ancora vivo dallo scultore bresciano Jacopo Filippo Conforti. Nel reparto prezioso dell’antico presbiterio, è raccolto ed esposto il cosidetto “Tesoro della Cattedrale”: croci in pregiati metalli, arredi sacri, reliquie, confluiti nella re in base alla funzione stiti figura quella ben Cattedrale in tempi disociale del committen- conservata del Vesco- versi e provenienti ante: fra le poche super- vo Giovanni Bucelle- che da altre Chiese del-

Presso il Museo della Cattedrale in Città Alta

Rilevante scoperta archeologica in mostra a Bergamo Il passato rivela sempre novità importanti e sorprendenti: occorre intuito e un po’ di fortuna, ma spesso è il caso a svelare grandi scoperte. E’ avvenuto così per quella parte di sottosuolo che sottende alla bella Cattedrale di Città Alta a Bergamo, dove si cela da secoli una vasta area di costruzioni antiche, un intero villaggio di epoca romana, come si è potuto desumere dai recenti scavi iniziati sotto l’area del Duomo dal 2004. Un luogo già abitato fin da X° secolo A.C., ma dal I° al IV° secolo occupato da un quartiere romano adiacente al Foro, attraversato da una strada dove si affacciavano botteghe, laboratori artigiani e Domus residenziali ricche di apparati architettonici e decorativi. E’ proprio sopra due di queste Domus che nel V° secolo con il trionfo del Cristianesimo, fu costruita una Cattedrale dedicata a San Vincenzo, imponente per le dimensioni di 45 metri di lunghezza e 24 di larghezza. La linea dei muri perimetrali si è mantenuta tale anche nelle successive fasi edilizie fino alla odierna Cattedrale. Quest’anno, dopo i faticosi scavi, si è inaugurato un Museo già visitato da migliaia di persone, dove attraverso la struttura di base e i reperti archeologici,

si può ricostruire l’articolata storia delle varie tappe della sua evoluzione. L’antica Basilica del V° secolo dedicata al martire Vincenzo, aveva un impianto a tre navate con due file di colonne e un soffitto in legno con utilizzo di materiali ricavati dai resti delle Domus romane. Poi nel XII° secolo, consistenti interventi di ristrutturazione conferirono alla Cattedrale un nuovo profilo architettonico con decorazioni e opere in stile romanico, pare contestualmente alla riedificazione della vicina Basilica di Santa Maria Maggiore ultimata nel 1273. Al termine della navata centrale, una parete riccamente decorata e aperta al centro suddivideva secondo lo stile medievale, la chiesa dal presbiterio contenente l’altare e riservato ai celebranti. Qui si notano grandi lastre calcaree ed altri elementi di epoca romana: gli affreschi con immagini di Santi decorano l’iconostasi. Nel 1457 il Vescovo Giovanni Barozzi affidò il progetto di una nuova Cattedrale ad Antonio Averlino detto il Filarete, ma il cantiere rimase interrotto nel 1465 per il trasferimento del Vescovo a Venezia. L’antica Cattedrale era disseminata di sepolture di varie forme e struttu-

la Città. In particolare le importanti reliquie di San Procolo vescovo e martire del IV° secolo e dei Santi martiri Fermo e Rustico, menzionati come originari di Bergamo. Il Museo, aperto tutti i giorni escluso il lunedi, merita davvero una visita accurata, magari con l’aiuto di una guida e un vero interesse per le novità storiche e artistiche che Città Alta ancora una volta riserva per i bergamaschi e i numerosi turisti di questa bella e unica Città. R.Belotti

La gestione va all’agenzia di viaggio OVET

E- booking di Turismo Bergamo

Turismo Bergamo, in collaborazione con l’agenzia di viaggio OVET, gestirà il nuovo sistema di booking on line del turismo bergamasco. OVET, che ha sede in città in via Papa Giovanni XXIII ed ha lunga esperienza in campo turistico essendo sul mercato bergamasco da 40 anni, si è aggiudicata la gara per la gestione del Lombardy Official Booking (LOB), il sistema che consentirà su larga scala la vendita di camere di albergo e di tutte le tipologie ricettive presenti sul territorio, anche lombardo. L’agenzia orobica si appresta così a diventare il primo vero soggetto per l’incoming bergamasco. Il compito di Turismo Bergamo è ora quello di invitare tutte le strutture ricettive del territorio ad aderire al progetto, in modo che il portale diventi ope-

rativo a tutti gli effetti. L’invito è stato rivolto a 740 strutture bergamasche - alberghi, hotel, b&b, case vacanze, ostelli, affittacamere -, ai quali è stato inviato oggi via email il contratto di commercializzazione. Con questo nuovo servizio, integrato nel portale unico del turismo, gli operatori bergamaschi hanno a disposizione un nuovo e importante strumento per promuoversi nel mondo. Il turista che naviga sul portale alla scoperta delle bellezze di Bergamo e provincia, grazie al nuovo sistema “a carrello”, avrà la possibilità di prenotare oltre al pernottamento anche una serie di servizi accessori come il noleggio auto, i servizi guida, le escursioni e molto altro ancora senza abbandonare il sito ufficiale del turismo bergamasco. Questo nuo-

vo e intuitivo sistema di acquisto permetterà inoltre ai giovani ed a coloro che vogliono intraprendere un’attività nel mondo dell’incoming turistico bergamasco di avere finalmente a disposizione uno strumento competitivo a livello internazionale. Questa iniziativa nasce dal deciso impegno che la Camera di Commercio di Bergamo riserva alla promozione del turismo, riconoscendogli un ruolo chiave di sviluppo dell’economia ed elemento di traino per tutti gli altri settori. Per questo motivo da tempo l’Ente camerale punta sulla valorizzazione dell’offerta turistica e delle tipicità locali e promuove in Italia e all’estero le ricchezze del patrimonio culturale, ambientale, enogastronomico, artistico e paesaggistico della bergamasca e della Lombardia. Per far ciò è

necessario lavorare insieme, e come si ripete spesso, “fare sistema”. E il ruolo della Camera di Commercio è proprio quello di regia di tale politica; soprattutto in un momento così particolare come quello attuale che vede una situazione economica critica dalla quale si può uscire solo affrontando le opportunità di rilancio che il territorio offre. Una novità rilevante per gli albergatori è il fatto che Lombardy Official Booking offre gratuitamente a ciascuna struttura, che vi aderisce, un sistema Channel Manger che permette di aggiornare in tempo reale la disponibilità delle camere su più canali di vendita. Da parte degli operatori l’adesione al sistema è completamente gratuita. Per ogni transazione la commissione da riconoscere a OVET sarà del 14%.


www.montagneepaesi.it

Montagne & Paesi

19

Karate Master Rapid CBL SKF Campione Regionale di Karate Libertas 2012

Successo del Karate a Darfo Boario Terme

A Darfo Boario Terme si è svolto il Campionato Regionale LIBERTAS 2012. A sfidarsi quasi 700 atleti provenienti da ogni provincia, in rappresentanza delle migliori scuole di karate lombarde. Una kermesse che ha visto impegnato il Pala1 di Darfo Boario Terme dalle 8.00 alle 19.00 con fasi eliminatorie e finali intervallate da ricche premiazioni. Tanti i campioni e giovani talenti presenti che regalano al nutrito pubblico (2200 presenze circa) uno spettacolo di altissimo livello tecnico. La giornata per i ragazzi del Maestro Francesco Maffolini e del Maestro Dario Zanotti inizia subito bene, infatti nelle categorie giovanili la Master Rapid SKF fa incetta di medaglie ed in alcune categorie occupa tutto il podio. Prosegue altrettanto bene nelle categorie Esordienti A e B, Cadetti, Junior, Senior e Master dove le medaglie sono veramente numerose. Ed ecco alcuni numeri che confermano la valenza e forza agonistica della Master Rapid SKF: Nel Kata 15 medaglie d’oro, 17 medaglie d’argento e 22 medaglie di bronzo; Nel Kumite 11 medaglie d’oro, 9 medaglie d’argento e 8 medaglie di bronzo;

Per sintesi diamo solo il totale: 26 medaglie d’oro, 26 medaglie d’argento, 46 medaglie di bronzo per un totale di 82 podi. La classifica generale finale per Club recita così: Nel Katà, al terzo posto il Centro Karate Sportivo di Cremona con 72 punti, al 2° posto il Bushido Lodi con 144 punti ed al 1° posto la Master Rapid SKF con 424 punti; Nel kumite la musica non cambia con al 3° posto per il Karate Do Sho di Nave (BS) con 64, al 2° posto il Centro Karate Sportivo con 74 punti ed al 1° posto la Master Rapid SKF con 240 punti. Numeri importanti che si commentano da soli. La manifestazione si è quindi conclusa con le premiazioni finali e la consegna dei Trofei rimasti in casa Master Rapid SKF, al termine di una giornata impegnativa ma allo stesso tempo piena di soddisfazioni per tutti i partecipanti. Risultati qualitativi eclatanti ed un dato che da l’idea della bontà dell’intervento didattico e tecnico offerto nei corsi Master Rapid ed SKF. Alla fine della manifestazione il Direttore Tecnico Francesco Maffolini non ha mancato di ringraziare il Maestro Dario Zanotti, Direttore Tecnico del

gruppo SKF che ha dimostrato grandissima capacità tecnica e organizzativa, il valente Maestro Francesco Landi per la grande collaborazione oltre a tutti i tecnici del gruppo Master Rapid SKF che hanno permesso di raggiungere risultati davvero sbalorditivi. Un 2012 indimenticabile nella serata del “Tennis Gala”

Premiazioni del Grande Slam SISEM Tour 2012

È andata in scena la festa di chiusura denominata “Tennis Gala” alla quale hanno partecipato i giocatori protagonisti del Grande Slam Sisem Tour 2012. Una cerimonia di premiazioni ed una serata conviviale presso il caratteristico Ristorante “Bella Iseo” Hotel Araba Fenice a Pilzone, durante la quale si sono svolte le consegne dei premi, condotte dal Presidente Francesco Maffolini, per celebrare la straordinaria annata di Luciano Molinari, dominatore del circuito. L’inossidabile atleta valligiano è stato uno dei fari di questa fantastica stagione, vincendo quattro delle sette tappe in programma, ed in altre due occasio-

ni è arrivato in finale cedendo di misura solo contro uno splendido Claudio Cavagnoli che alla fine si è piazzato al 2° posto nel ranking riepilogativo. Tra i giocatori in auge anche Luigi Seghezzi investito del titolo di rivelazione del Master Erredibi Finale, svoltosi a Pian Camuno (Bs), riservato ai pri-

mi 32 giocatori grazie ad una finalissima palpitante che l’ha visto prevalere per 6/2 6/2 su un pur bravo Davide Bonadei, pure premiato. Albino Messa 3° nella classifica generale e Gianni Brizzi e Dario Bonicelli entrati nei primi 8 della classifica generale hanno ricevuto gli onori, chiu-

dendo una premiazione tra le più ricche di tutte le edizioni. «È stata probabilmente la miglior annata di sempre - ha dichiarato un Francesco Maffolini sorridente -, ma ora ci auguriamo di riuscire a migliorare ancora di più la formula, offrendo rinnovate motivazioni ai giocatori». Per chiudere la cerimonia, si è fatto il punto della situazione ed una breve riunione che ha prodotto proposte volte a migliorare ulteriormente il grado di piacimento del circuito. Un plauso particolare è andato al sig. Bondioni della Sisem srl per il sostegno economico e morale all’iniziativa ed al Maestro Flavio Dotti per il grande impegno organizzativo. Il prossimo appuntamento con il Grande Slam Sisem Tour sarà a gennaio, per il lancio dell’edizione 2013.


20

www.montagneepaesi.it

Montagne & Paesi

COMMERCIALI E TERRENI BIENNO, vendesi attività di gastronomia ben avviata, zona di passaggio, 125 mq con ampio parcheggio esterno. ST/350 0364.531542 BRAONE Complesso commerciale/residenziale di nuova realizzazione. Affittasi negozi al piano terra con ampie vetrine ed appartamenti tri/quadrilocali non arredati al piano 1° con balconi/terrazzi + Box. Info in ufficio Classe Energetica C IPE 59,77 kWh/m2a, Classe Energetica D IPE 98,77 kWh/m2a e Classe Energetica E IPE 47,04 kWh/m2a 0364.530900 COSTA VOLPINO: terreno parzialmente edificabile 4000 mq. (rif. V004). 035.4340985 COSTA VOLPINO: Affittasi magazzini e box di varia metratura a partire da E. 100mese. Immobili non soggetti a certificazione energetica. 035.827573 COSTA VOLPINO: affittasi ufficio/negozio mq. 70. Zona centrale. non soggetto 035.971707 COSTA VOLPINO: affittasi negozio mq. 50. Comodo parcheggio. G Eph 76,19. 035.971707 COSTA VOLPINO: affittasi capannone artigianale frazionabile lotti m. 640 O 320. 035.971707 COSTA VOLPINO: affittasi autorimessa singola. 035.971707 COSTA VOLPINO: affittasi autorimessa singola. 035.971707 COSTA VOLPINO: affittasi negozio mq. 190 e magazzino collegato mq. 75. Comodo parcheggio. F Eph 64,64. 035.971707 DARFO BT, palazzina zona centrale, vari ambienti commerciali per uso ufficio. Possibilità box. ST/373 0364.531542 LOVERE: privato, box singolo presso Accademia Tadini: E. 80/mese. Immobile non soggetto all’obbligo di certificazione energetica. No intermediari. 035.960673 LOVERE: posti auto/box singoli presso porto nuovo/Bingo: E. 30–90/mese. Immobili non soggetti all’obbligo di certificazione energetica. No intermediari. 035.960673 LOVERE, zona centrale, cedesi edicola-cartolibreria con licenza sisal, superenalotto, gratta e vinci, articoli da regalo, bigiotteria. Ben avviata, ottimo passaggio e visibilità. ST/377 0364.531542 LOVERE: affittasi negozio mq. 100 con vetrine. Comodo parcheggio. Termoautonomo. D Eph 33,12. 035.971707 LOVERE: affittasi ufficio mq. 45. Piazza XIII Martiri. non soggetto

035.971707 LOVERE: affittasi autorimesse. Zona Piazzale Marconi, Palazzo Tadini, ospedale 035.971707 ROGNO: affittasi negozio/ufficio. 035.971707 ROGNO, zona centrale di forte passaggio, ufficio di 37 mq con servizi privati e vetrina. E. 350 mensili. ST/392 Saturno Casa 0364.531542 AFFITTASI APPARTAMENTI ANGOLO trilocale parzialmente arredato soggiorno con cucina abitabile, 2 camere, bagno, balcone e box. Classe G – IPE 231,89 kWh/ m2a E. 430 0364.529693 ARTOGNE appartamento Bilocale al piano terra con cantina e posto auto privato Classe C arredato E. 450. 035.971525 ARTOGNE: a persone referenziate appartamento al piano 1° con travi a vista in legno,arredato soggiorno con angolo cottura 2 camere bagno terrazzi box e giardino. Classe energetica E prestazione energetica 145 Kwh/m2a E. 500 mensili. 0364.881900 COSTA VOLPINO : a persone referenziate appartamento arredato, nuova costruzione al piano rialzato soggiorno con angolo cottura camera bagno. Classe Energetica D prestazione energetica kwh/ m²a 113.84 E. 400 mensili. 0364 .881900 COSTA VOLPINO privato, cascina agricola di notevoli dimensioni con ampio terreno da coltura, situata nella piana del fiume Oglio. Esaminabile anche ipotesi di conduzione in società. Immobile non soggetto all’obbligo di certificazione energetica, in quanto privo di impianto di riscaldamento. No intermediari. 035.960673 COSTA VOLPINO Fraz.ne Piano: a persone referenziate appartamento arredato di nuova realizzazione soggiorno con angolo cottura 2 camere bagno terrazzo e box Classe energetica D prestazione energetica Kwh/m2a 97.98 E. 500 mensili. 0364.881900 COSTA VOLPINO appartamento mansardato servito da ascensore soggiorno, cottura, 2 camere, bagno, balconi e box auto. Classe C arredato E. 550. 035.971525 COSTA VOLPINO Fraz. Qualino: bilocale arredato. Termoautonomo. No spese cond.li G Eph 280,44. 035.971707 COSTA VOLPINO: ampio quadrilocale non arredato. Termoautonomo. Box. No spese condominiali E Eph 121,56. 035.971707

OGGETTI CON O SENZA VOLTO La risposta al quesito è:

IL MOUSE

DARFO Loc. Boario Alta bilocale arredato soggiorno con cucina, camera e bagno. Possibilità di box. Classe C – IPE 69,49 kWh/ m2a E. 370,00 0364/52969 DARFO Loc. Boario Alta bilocale arredato soggiorno con cucina, camera, bagno e balcone . Classe G – IPE 373,16 kWh/m2a E. 350,00 0364.529693 DARFO trilocale arredato soggiorno con cucina, 2 camere, bagno e balcone. Classe G – IPE 388,33 kWh/m2a E. 450,00 0364.529693 ENDINE G: Appartamento nuovo, arredato, con travi a vista, piano 2° ed ultimo: soggiorno-cucina, camera da letto, bagno, balcone e box. E. 350 al mese. Classe Energetica C. 329.9387336 ENDINE G: Appartamento nuovo, arredato, con travi a vista, piano 2° ed ultimo: soggiorno-cucina, camera da letto, bagno, balcone e box. E. 350 mese. Classe Energetica C. Tel. 329/9387336 ESINE Loc. Sacca bilocale arredato soggiorno con cucina, camera, bagno e balcone. Classe D – IPE 79,18 kWh/m2a E. 400,00 Rif.AR039 LOVERE : privato, monolocale ammobiliato zona porto nuovo: E. 300/mese + spese condominiali. Consumo energetico invernale 178 Kwh/mq anno, classe energetica G. Solo referenziati. No intermediari. 035.960673 LOVERE: privato, box singolo presso Accademia Tadini: E. 80/mese. Immobile non soggetto all’obbligo di certificazione energetica. No intermediari. 035.960673 LOVERE: posti auto/box singoli presso porto nuovo/Bingo: E. 30–90/mese. Immobili non soggetti all’obbligo di certificazione energetica. No intermediari. 035.960673 LOVERE, Porto Turistico, preferibilmente a singoli o coppie senza figli, referenze documentate, trilocale, balcone, cantina, ascensore, soleggiato, stupenda vista lago, riscaldamento autonomo, Classe energetica G, mensile E. 350 + spese condominiali possibilità garage 328.8369768 LOVERE: grazioso openspace di 60 mq. non arredato. Termoautonomo. Completo di box. B Eph 44,00. 035.971707 LOVERE: Bilocale nuovo ben arredato. Termoautonomo. Box. D Eph 87,85. 035.971707 LOVERE: bilocale ben arredato vista lago e sole. Termoautonomo. Box. D Eph 94,14. 035.971707 LOVERE: bilocale ben arredato. Ampia terrazza vista lago e sole. Termoautonomo. Box. D Eph 94,14. 035.971707 LOVERE: grazioso bilocale arredato. Termoautonomo. Terrazza vistalago e sole E Eph 127,69. 035.971707

LOVERE: grazioso trilocale arredato. Doppi servizi. Termoautonomo. Terrazza vista lago e sole B Eph 43,80. 035.971707 LOVERE: grazioso trilocale parzialmente arredato. Termoautonomo.Balcone vistalago e sole D Eph 102,45. 035.971707 MARONE trilocale, ampio soggiorno con camino, cucina separata, disimpegno, camera matrim., singola, grande bagno, ampia terrazza panoramica con vista lago, giardino, box doppio. Arredato. E. 600 mese. Classe C. 0364.360362 MONTECAMPIONE: bilocale 6 p.l. arredato e corredato per mesi estivi o anno. B Eph 36,38. 035.971707 PIANCAMUNO : appartamento non arredato su 2 livelli piano 1° soggiorno cucina abitabile bagno terrazzo piano 2° 3 camere 2 bagni e terrazzo e ripostiglio Classe energetica G prestazione energetica Kwh/m2a 201,31E. 420 mensili. 0364.881900 PIANCAMUNO: zona centrale appartamento non arredato cucina abitabile,ampio soggiorno 2 camere bagno terrazzo e box . Classe energetica G prestazione energetica Kwh/m 2a 239.21 E. 350 mensili. 0364.881900 PIANICO: zona centrale, a persone referenziate appartamento arredato di nuova ristrutturazione di ampia metratura su 2 livelli con ampio terrazzo e box Classe energetica F prestazione energetica Kwh/ m2a 173.40 E. 600 mensili. 0364.881900 PISOGNE Gratacasolo appartamento di recente costruzione posto al piano terra soggiorno, cottura, camera, bagno e box auto. Arredato E. 350. 035.971525 PISOGNE appartamento quadrilocale con box auto. Completo di arredo. Classe G E. 450. 035.971525 PISOGNE: zona centrale solo a persone referenziate, appartamento arredato soggiorno con angolo cottura 2 camere 2 bagni terrazzo posto auto scoperto Classe energetica C prestazione energetica Kwh/m2a 60.85 E. 550 mensili. 0364.881900 RANZANICO: Appartamento nuovo al 3° ed ultimo piano con ascensore, fronte lago di Endine G: soggiorno-cucina, camera da letto, bagno e box. Classe Energetica G. E. 350 comprese spese condominiali. 329.9387336 ROGNO bilocale parzialmente arredato. Ampio balcone., D Eph 111,63. 035.971707 ROGNO bilocale arredato a nuovo.No Spese condominiali G Eph 356,33. 035.971707 ROGNO Fraz. Rondinera: quadrilocale non arredato, doppi servizi. Box e ampio terrazzo. G Eph 321,44. 035.971707 ROGNO Fraz. Rondinera: quadrilocale arredato, Balcone soleggiato. Box G Eph 320,88. 035.971707 ROGNO Fraz. Rondinera: trilocale non arredato, terrazzo, giardino, box, termoautonomo. G Eph 320,88. 035.971707 ROGNO: Centro nuovo quadrilocale arredato con travi a vista soggiorno con angolo cottura, 3

camere, 2 bagni, doppio balcone. Box. Classe energetica D, epi 114,61. E. 650 mese. (rif. A012) ROGNO: loc Rondinera. Bilocale completamente arredato e libero da subito con ampio parcheggio esterno. Classe energetica F, EPI 168,25. Affitto E. 420 mese comprese spese condominiali. (Rif. V064) 035.4340985 SOVERE: Ampio appartamento piano 2°, vuoto: cucina abitabile, soggiorno, 2 camere da letto, bagno, n. 2 balconi, giardino e box. E. 450 al mese. Classe Energetica G. 329.9387336 SOVERE: Appartamento ristrutturato a nuovo al piano 1°: soggiorno con angolo cottura, bagno, camera e posto auto. Arredato. Ideale per single. E. 350. Classe Energetica G. 329.9387336 SOVERE : privato, grande sottotetto coibentato al rustico di agevole utilizzo, ma non abitabile di ca 110 mq. al 4° piano con ascensore. Immobile non soggetto all’obbligo di certificazione energetica, in quanto privo di impianto di riscaldamento. E. 140/mese. No intermediari. 035.960673 SOVERE privato, grande appartamento 160 mq con cucina abitabile, sala, 2 bagni, 3 camere grandi, 2 terrazzi; + solaio, cantina, box doppio. Termoautonomo, non ammobiliato, con ascensore. Consumo energetico invernale 110 Kwh/mq anno, classe energetica D: E. 500. No intermediari. 035.960673 SOVERE: trilocale non arredato con camino, 2 box, 2 balconi, terreno. G Eph 380,44. 035.971707 SOVERE: Ampio appartamento piano 2°, vuoto: cucina abitabile, soggiorno, 2 camere da letto, bagno, 2 balconi, giardino e box. E. 450 mese. Classe Energetica G. 329.9387336 SOVERE: Appartamento ristrutturato a nuovo al piano 1°: soggiorno con angolo cottura, bagno, camera e posto auto. Arredato. Ideale per single. E. 350. Classe Energetica G. 329.9387336

VENDESI APPARTAMENTI E CASE ANGOLO T Cascina da ristrutturare di mc 420 ca 1 corpo principale e da 2 fabbricati annessi ad

uso deposito/magazzino. Terreno di proprietà mq. 45.000 ca agricoli e boschivi. Servita da strada ed acqua corrente. Unità non soggetta all’obbligo di Certificazione Energetica E. 77.000.0364.535699 (dar502) ANGOLO T Casa da ristrutturare libera su 2 lati. Piano terra mq. 98 ca: cantina ad involto e corte esclusiva. Piano 1° mq. 64 ca: cucina, soggiorno, camera e servizio + balcone. Piano 2° mq. 64 ca: 4 camere. Piano 3° sottotetto mq. 64 ca. Unità non soggetta all’obbligo di Certificazione Energetica E. 55.000. 0364.535699 (dar408) ANGONE Futura realizzazione di villette a schiera di testa e centrali con box e giardino privato. Da E. 200.000 Classe Energetica B IPE 58 kWh/m2a (valore di progetto) 0364.530900 APRICA vicinanze, ampia casa indipendente soleggiata, panoramica. Abitabile da subito, cucina, sala, 6 camere, bagno, 3 balconi Classe energetica G, 202,58 Kwh/ m2a. E. 75.000 0364.635569 ARTOGNE Recente palazzina zona tranquilla appartamento piano 1° soggiorno, angolo cottura, 2 camere, bagno, balcone e box auto. Classe E Indice 123.44 E. 128.000 (Rif.ATG099) . 035.971525 ARTOGNE Casa singola 2 appartamenti indipendenti + soffitta, cantine e terrazzo. Corte comune. Classe Energetica G – IPE 474.01 kWh/m2a E. 185.000. 0364.535699 (dar303) ARTOGNE In casa quadrifamiliare appartamento piano 1° soggiorno, angolo cottura, 3 camere, bagno con doccia e vasca, ripostiglio, 3 balconi box auto giardino al piano terra. Finiture ricercate. Classe G indice 342.30 E. 185.000 (Rif.ATG106) . 035.971525 BERZO INF, in nuova palazzina appartamento bilocale, soggiorno con angolo cottura, disimpegno, bagno, camera matrimoniale, balcone, orto e box. Classe energetica F, IPE 164,03 KWh/mq.a. E. 90.000. 0364.361026 BERZO INF, a 2 passi dal centro, Villetta Bifamiliare in fase di progettazione e di prossima realizzazione, box doppio, cantina, locale a disposizione, cucina, soggiorno, 2 bagni, camera matrimoniale, 2 camere singole, portico, balconi ed ampio giardino in proprietà.

CIMBERGO Valcamonica, Parco dell'Adamello, baita ristrutturata, con ampio terreno esclusivo e altra baita da ristrutturare. Bellissima zona panoramica a poca distanza dal paese. Euro 100.000. Da vedere! Immobile non soggetto all’obbligo di certificazione energetica. SAVIORE DELL’ADAMELLO, grande baita da ristrutturare, con terreno esclusivo di 30.000 mq. Splendida zona, soleggiata e panoramica. Accesso in fuoristrada, enel allacciabile. Da vedere! Euro 60.000. Occasione! Immobile non soggetto a obbligo di certificazione energetica. CEVO Valsaviore, Parco dell'Adamello, porzione indipendente di baita bifamiliare, con terreno di pertinenza. Allacciata acqua e enel, già utilizzabile, accessibile in auto normale. Euro 55.000. Immobile non soggetto a obbligo di certificazione energetica. BRAONE Valcamonica, casetta tipo bungalow, su un solo piano, con giardino di 500 mq. Arredata. Zona soleggiata e panoramica. Euro 55.000. Immobile non soggetto a certificazione energetica. CEVO Valsaviore, Parco dell'Adamello, bella zona soleggiata e panoramica, nuovi trilocali e quadrilocali, con giardini o terrazzi. Ottimo progetto e capitolato d’opera, visibili in ufficio. Da euro 124.000. Classe energetica B - 67.3 kWh/m2 a. NADRO DI CETO, nuove villette a schiera. Varie tipologie, da euro 185.000. Classe energetica A - da 19.57 kWh/m2a. Da vedere! Possibile acquisto al rustico a partire da 95.000 euro.


www.montagneepaesi.it Classe Energetica B, IPE 40,77 KWh/mq.a. valore di progetto. Trattative dirette con il costruttore. 0364.361026 BIENNO, trilocale, ristrutturato, soggiorno con angolo cottura, camera matrimoniale, camera doppia, 2 bagni, balcone, box e cantina. Classe energetica C, IPE 78,55 KWh/mq.a. 0364.361026 BIENNO antico Borgo dei magli. Complesso residenziale: villette a schiera di testa e centrali ed appartamenti trilocali piano terra e 1°. Giardini privati e balconi. Box auto. Da E. 175.000, appartamenti Classe Energetica B IPE 42,21kWh/m2a – villette Classe Energetica C IPE 66,90 kWh/m2a (valore di progetto) 0364.530900 BIENNO, bilocale, ristrutturato, soggiorno con angolo cottura, camera matrimoniale, bagno, balcone, cantina e posto auto. Classe energetica C, IPE 71,82 KWh/ mq.a. 0364.361026 BOARIO T In complesso residenziale di recente costruzione appartamento al piano rialzato: soggiorno con angolo cottura, camera, disimpegno e servizio + terrazzo. Riscaldamento autonomo ed aria condizionata. Classe Energetica F, IPE 165.82 kWh/m2a E. 90.000 0364.535699 (dar108) BOARIO T in prossima urbanizzazione in zona collinare con ottima esposizione, Ville Singole, di prestigio, in fase di progettazione e di prossima realizzazione, piano interrato, terra e sottotetto. Possibilità acquisto al rustico o finite. Alta qualità costruttiva. Classe Energetica B, IPE 40,59KWh/ mq.a., valore di progetto. Trattative dirette con il costruttore. 0364.361026 CAPO DI PONTE: Ideale 1° casa: villa di testa, 2 livelli, taverna, box e giardino di proprietà esclusiva. Recente costruzione ottime finiture. Classe energetica D, Kwh/m2a < 116 0364.635569 CERVENO villette a schiera in fase di costruzione. P. terra soggiorno con cucina, bagno. P. 1° 3 camere con bagno e balcone. Giardino di proprietà e doppio box. E. 160.000. Rif. 245. 0364.360362 CETO loc. Nadro Zona soleggiata e tranquilla, complesso immobiliare ultime: soluzioni residenziali varie metrature e tipologie con box auto e cantina. ottime finiture curate Da E. 115.000 Classe Energetica C IPE 83,36 kWh/m2a 0364.530900 CIVIDATE C proprietà con terreno mq 8000: 1 nuovo fabbricato abitabile libero su 4 lati, su + livelli. Possibilità realizzo altra unità immobiliare al suo interno. no C.E. E.210.000 0364.635569. COSTA VOLPINO esposti al sole in zona esclusiva con facile accesso ad ogni tipo di servizio: appartamenti trilocali e villetta di testa, capaci di soddisfare ogni tipo di esigenza. Da E. 155.000 appartamenti Classe Energetica B IPE 32,31 kWh/m2a - villetta Classe Energetica B IPE 51,44 kWh/m2a (valore di progetto) 0364.530900 COSTA VOLPINO: palazzina singola posta su 3 piani ben esposta, sole e vista, composta da 2 app.ti di mq. 150 e un altro di mq. 55, ampi terrazzi, cantine e box. G Eph 182,41. 035.971707 COSTA VOLPINO: zona centrale appartamento trilocale. Occasione F Eph 230,01. 035.971707 COSTA VOLPINO: Ultimo appartamento nuovo, arredato, con ingresso indipendente, giardino, ampia terrazza, 2 camere da letto, zona giorno, bagno e box doppio. FINITURE MODERNE. Classe Energetica E. € 179.900,00. Tel. 035/827573 COSTA VOLPINO: Appartamento nuovo al piano primo, con soggiorno-cucina, bagno, camera da letto, n. 2 balconi, box. Completamente arredato con condizionatore e tende parasole sui balconi. Usato poco perché acqui-

stato come seconda casa. Classe Energetica E. € 149.900,00 Tel. 329/9387336 COSTA VOLPINO: Casa singola 2 appartamenti. piano terra soggiorno, cucina, 2 camere, ripostiglio, bagno e box singolo. piano 1° soggiorno, cucina, 3 camere, bagno e 2 terrazze. Immobile libero su 4 lati con corte di proprietà. Classe energetica G, EPI 296,41. E. 260.000. 035.4340985 COSTA VOLPINO: Trilocale soggiorno con angolo cottura, 2 camere, bagno, balcone, loggia d’ingresso e box. Termoautonomo. Ottime finiture. Classe energetica A, EPI 17,89. E. 170.000 035.4340985 DARFO B.T. Appartamento piano 3°: cucina, ampio soggiorno, 3 camere e doppi servizi + ampio terrazzo. Box e cantina. Stenditoio e balcone al piano sottotetto. Riscaldamento autonomo. Classe Energetica C, IPE 72.41 kWh/ m2a. E. 210.000 0364.535699 (dar114) DARFO B.T. Appartamento piano 1° con: cucina abitabile, soggiorno, 2 camere e servizio + terrazzo + piano sottotetto: 1 locale + servizio. Box auto al piano interrato. Riscaldamento autonomo. Classe Energetica G, IPE 204.39 kWh/m2a E. 130.000 0364.535699 DARFO B.T. Ultimo appartamento trilocale al piano 1° con travi a vista e balcone. Box doppio e cantina. E. 145.000 Classe Energetica C IPE 61,2 kWh/m2a 0364.530900 DARFO B.T. Villa singola al rustico con giardino, 2 livelli mq. 100 ca. cad + piano interrato mq. 120 ca. Unità non soggetta all’obbligo di certificazione energetica 0364.535699 (dar310) DARFO B.T. Immobile al rustico da ristrutturare su 2 livelli con terreno esclusivo. Unità non soggetta all’obbligo di Certificazione Energetica E. 170.000. 0364.535699 (dar408). DARFO B.T. Loc Bessimo Appartamento arredato piano terra: soggiorno con angolo cottura, 2 camere, piccolo ripostiglio, disimpegno e servizio. Posto auto esclusivo Riscaldamento autonomo. Classe Energetica G, IPE 202.05 kWh/m2a E. 110.000. 0364.535699 (dar109) ERBANNO casa storica, libera su 4 lati da ristrutturare, soggiorno, angolo cottura, camera ampio ripostiglio (cameretta), bagno, disimpegno, ampia cantina, box. Non soggetto all’obbligo di cert. En. E. 50.000. 0364.360362 ESINE Vicinanze ospedale, in piccola palazzina, appartamento con cucina, sala, disimpegno, bagno, 2 ampie camere, doppi balconi, cantina, box ed orto. Classe Energetica F, IPE 159,74 KWh/ mq.a. E. 130.000. 0364.361026 ESINE: Zona centrale, in fabbricato di recente ristrutturazione 3 appartamenti, piccolo appartamento all’ultimo piano zona giorno/notte bagno e balcone. Classe Energetica G, IPE 398,41 KWh/ mq.a. E. 55.000. 0364.361026 ESINE Palazzina poche unita, ultime disponibilità: appartamenti trilocali piano 1° e 2° con ampi portici e balconi. Box. Da E. 140.000 Classe Energetica D IPE 98 kWh/m2a 0364.530900 ESINE: Zona centrale, in piccola palazzina, all’ultimo piano, appartamento zona giorno con angolo cottura, camera matrimoniale, bagno, soppalco con bagnetto e cameretta. Non soggetto all’obbligo di Certificazione . E. 70.000. 0364.361026. ESINE: Vicinanze ospedale, bilocale termoautonomo, soggiorno con angolo cottura, disimpegno, bagno, camera matrimoniale, cabina armadio, portico, giardino e box. Classe Energetica F, IPE 175,61 KWh/mq.a. E. 90.000. 0364.361026. GIANICO: La tua nuova casa su

Montagne & Paesi misura, con un mutuo su misura. Appartamenti varie metrature con box e giardino. Classe energetica di progetto B, EPI 46,5 035.4340985 LAGO DI GARDA cornice del lago. villette singole e bifamigliari con finiture di pregio, piscina, giardino attrezzato con cucina esterna. Trattative in ufficio Classe Energetica A IPE 21,73 kWh/m2a (valore di progetto) 0364.530900 LOSINE, in zona collinare, ottima esposizione al sole, dotata di nuova viabilità, lotti di terreno residenziali, di varie metrature, da 900mq. Vista Panoramica. DA 125 E./mq. 0364.361026 LOSINE, zona soleggiata e ben servita, Villetta di testa, di prossima costruzione, soggiorno, cucina, disimpegno, bagno, 3 camere, balcone, cantina, locale a disposizione, box doppio e giardino. Possibilità di finiture interne personalizzate. Classe Energetica B, IPE 55,59 KWh/mq.a. valore di progetto. trattative dirette col costruttore. 0364.361026 LOVERE: appartamento di mq. 120, 2 bagni, cantina, temoautonomo, esposto a sud, 1° piano, arredata solo cucina. E Eph 117,23. 035.971707 LOVERE villa singola di mq. 190 facilmente separabile in 2 app.ti. 2 bagni. Seminterrato con box taverna, cantina e servizi. 1400 terreno-uliveto-frutteto. Vista lago e soleggiata. Disponibile anche terreno mq. 1500 edificabile G Eph 341,42. 035.971707 LOVERE: Centro quadrilocale vista lago 2 spaziose camere, soggiorno, cucina abitabile, bagno e posto auto esclusivo. Classe energetica G, EPI 303,73. E. 155.000. (rif.V039) 035.4340985 LOVERE in ottima zona residenziale “Mori”: villetta di testa su 3 piani, finiture di pregio, vista lago e sole. Taverna, box doppio, giardino e uliveto. E Eph 122,05. 035.971707 MALONNO: alta vallecamonica porzione di rustico su 3 livelli soleggiato panoramico con giardino esclusivo, no C.E. E. 29.000. 0364.635569 MONTECAMPIONE: appartamenti varie tipologie e ville 035.971707 PIAMBORNO villetta bifamiliare in fase di costruzione, 2 livelli abitabili + interrato. P. terra: soggiorno, cucina vivibile separata, bagno con disimpegno, giardino di proprietà, porticato. P. 1° camera matrimoniale, 2 camerette, bagno, balcone. P. seminterrato doppio box mq 63. E. 305.000 tratt. Rif 228. 0364.360362 PIANCAMUNO Loc. Beata casetta al rustico libera su 3 lati su 2 livelli per complessivi mq 90 oltre a giardinetto. Esente ACE E. 65.000. 035.971525 PIANCAMUNO Zona residenziale villetta di testa libera su 3 lati soggiorno, cucina, 3 camere, 2 bagni, giardinetto, deposito e solaio. Abitabile da subito Classe G Solo E. 140.000. 035.971525 PIANCAMUNO A 2 passi da Monte Campione appartamento al piano terra soggiorno, cottura, 2 camere, bagno, balcone e box auto nel piano interrato. Classe G Indice 353.10 E. 63.000. 035.971525 PISOGNE: zona centrale ben servita bilocale con travi a vista soggiorno con angolo cottura, bagno, camera, lavanderia e terrazzo. Termo autonomo arredato. Classe energetica B, EPI 57,39. E. 114.000. (rif. V030). 035.4340985 PISOGNE Frazione casa singola ampia metratura, soleggiata, immersa in mq 4000 di terreno di proprietà. Non soggetta ad ACE E. 190.000 (Rif.PSG181) 035.971525 PISOGNE: Trilocale con travi a vista, termoautonomo soggiorno con angolo cottura, 2 camere, bagno, balcone, ripostiglio. Classe energetica C, EPI 60,13. E. 141.000. (rif. V032).

035.4340985 PISOGNE: Centro villa singola box, lavanderia e bagno al piano terra, soggiorno con angolo cottura e 2 spaziosi terrazzi + 1 servizio al piano 1°, 2 camere e bagno nella zona notte al piano 2°. Finiture ricercate. Abitabile da subito. fabbricato realizzato su lotto di terreno di ca 400 mq. Soluzione unica. Classe energetica G, EPI 262,7. E. 360.000. (rif. V048). 035.4340985 PISOGNE: Appartamento libero su 3 lati in posizione centrale, ingresso, cucina abitabile, ripostiglio, soggiorno, disimpegno, 2 camere e bagno + balcone lungo tutto il perimetro dell’abitazione. Posto auto coperto. Classe energetica G, EPI 79,64. E. 145.000. 035.4340985 PONTE DI LEGNO In piccolo contesto condominiale piano terra indipendente arredato, cottura, soggiorno, camera, bagno, giardino, Classe energetica G, Kwh/m2a >175 E. 81.000 0364.635569 ROGNO: Appartamento piano rialzato ingresso, soggiorno, cucinotto, disimpegno, 2 camere, bagno, balcone, terrazzo posto auto. Classe energetica G, EPI 352,04 E. 95.000. (rif. V018). 035.4340985 ROGNO Loc Rondinera Appartamento piano 2°: cucina, soggiorno, 2 camere e doppi servizi + 3 balconi. Box e cantina. Riscaldamento autonomo e impianto di condizionamento nella zona giorno. Classe Energetica E, IPE 129.01 kWh/m2a E. 180.000 0364.535699 (dar148) ROGNO: fraz. Rondinera appartamento di mq. 100 parzialmente arredato buona esposizione. Autorimessa. D Eph 100,24. 035.971707 ROGNO fraz. S. Vigilio: fabbricato rustico di mq. 130 distribuito si 3 piani, Terreno adiacente. a solo euro 25.000. 035.971707 ROGNO: proprietà con fabbricato da ristrutturare. Progetto di 6 app.ti, box, cantine (2 app.ti già impegnati) 035.971707 SOVERE: appartamento ben tenuto. Box e cantina 035.971707 SOVERE: Appartamento al piano primo: soggiorno, cucina, bagno, camera, balcone. Completamente arredato. € 70.000,00. Classe Energetica G. Tel. 329/9387336 SOVERE: Appartamento nuovo al piano primo: soggiorno con angolo cottura, bagno, camera e po-

sto auto. Completamente arredato. € 70.000,00. Classe Energetica G. Tel. 329/9387336 SULZANO: Nuovo trilocale non arredato. Termoautonomo. Box. Borgo della Paglia, vista lago, piscina, aree verdi circostanti. D eph 89,65. 035.971707 AMICIZIE

BARBARA della Valcamonica. Ha 33 anni è nubile di corporatura minuta ed dall’aspetto dolce. E’ legata ai valori tradizionali. Ama la terra e la vita semplice anche se a volte fatta di fatiche. Incontrerebbe un Lui desideroso di un rapporto serio ma complice, improntato a diventare qualcosa di importante e duraturo. Incontri del Cuore TEL 035.4284575 – SMS 377.2089377. CARLA ha 38 anni, è della zona di Darfo. Carina e semplice. Ama la terra, la natura e le montagne. E’ allegra, sa stare in mezzo alla gente e aiuta il fratello in agriturismo. Ma il lavoro non le basta. Per il suo futuro desidera un uomo accanto che sia serio ed affettuoso e che creda nell’amore. Incontri del Cuore TEL 035.42.84.575 – SMS 377.2089.377. SILVANO ha 66 anni, è della zona di Edolo, vedovo. Pensa di avere ancora molto da dare affettivamente. E’ persona pacata e gentile che sa stare in mezzo alla gente. Ha un’attività in proprio da sempre ma se incontra la Signora giusta trova ben volentieri il tempo alla quale dedicarsi. Non pensare sia troppo tardi per vivere! Chiama Incontri del Cuore TEL 035.4284575 – SMS 377.20.89.377. ALESSANDRO ha 33 anni. Medico. Vive in città da quando si è trasferito per gli studi ma è originario della Valcamonica. Non sogna la principessa ma desidera conoscere una ragazza intelligente, profonda, semplice motivata ad un rapporto a due improntato a diventare qualcosa di importante. Incontri del Cuore TEL 035.4284575 – SMS 377.20.89.377. PAOLA ha 36 anni ed è della zona di Endine. Longilinea, occhi azzurri, capelli ricci. E’ diplomata e lavora come impiegata.

21

Sola da alcuni anni ora è pronta per la vera storia d’amore. Cerca un Lui simpatico passionale e che creda nell’amore. Incontri del Cuore TEL 035.4284575 – SMS 377.2089377. GIULIO ha 46 anni, imprenditore. Negli anni scorsi si è totalmente dedicato a far crescere l’attività di famiglia trascurando i divertimenti e gli affetti. Ora può raccogliere i frutti di tanto impegno e vorrebbe condividerli con la propria donna. Pensa di essere ancora in tempo per incontrarla. La cerca semplice e dolce che come lui creda nella valore della famiglia. Incontri del Cuore TEL 035.4284575 – SMS 377.20.89.377. A TE CHE STAI LEGGENDO L’ANNUNCIO Stanco della solitudine? Vuoi incontrare l’amore? Con Incontri del Cuore conosci solo persone libere, serie e motivate come te ad un rapporto di coppia. Oggi ci si incontra così! Contatta per ulteriori informazioni TEL 035.4284575 – SMS 377.20.89.377 VEDOVA 61enne della zona di Darfo. E’ di carattere aperto e disponibile, gradevole d’aspetto, amante piccoli viaggi e passeggiate. Vedova senza figli, pensa che la vita abbia ancora molto da offrirle e desidera dunque incontrare un uomo solare e vivace che voglia costruire una stabile relazione di coppia. Incontri del Cuore TEL 035.4284575 – SMS 377.20.89.377 ELENA 28enne ragazza spigliata, allegra dai saldi valori morali. L’aspetto gentile trasmette tutta la sua finezza d’animo. Vorrebbe incontrare un ragazzo con qualche anno in più meglio se cattolico praticante. Incontri del Cuore TEL 035.4284575 – SMS 377.20.89.377 MARCO ha 48 anni, ottimo aspetto ed occhi verdi strepitosi, ma al di là di questo è un uomo di dialogo, semplice ma coinvolgente. Curioso della vita, ama tenersi aggiornato sui temi di attualità. Lui è geometra, divorziato senza figli. Conoscerebbe una Lei anche con figli della Valcamonica per un rapporto serio ma coinvolgente. Incontri del Cuore TEL 035.4284575 – SMS 377.2089377.


22

www.montagneepaesi.it

Montagne & Paesi

OFFERTE DI IMPIEGO e/o LAVORO

GIOCATTOLI SCONTATI DEL 50% EDOLO (Bs) Via Marconi, 232/A Tel./Fax 0364.72796

SUL SITO www.montagneepaesi.it gli annunci di offerte di lavoro si aggiornano di giorno in giorno. Non perdere il tuo appuntamento. Forse stanno cercando proprio te AZIENDA leader nella sicurezza sul lavoro, seleziona venditori anche prima esperienza, zona lavoro Valle Camonica, Lago d’Iseo, Lago Endine, oppure Alta Valle Camonica – Val di Sole. Richiesta massima serietà, offresi portafoglio clienti, formazione specifica, ottimi trattamento economico. www. prean.com vallecamonica@prean.com tel/fax 0364.335018 CERCHI lavoro o ti serve qualche euro in più alla fine del mese? Contattami...potrei avere quello che fa per te! Terni Elisabetta 3393214750 / betta1979@libero.it cerchiamo persone da avviare alla professione del consulente del benessere min 18 anni chiamare dalle 10-12-14-16 3284629500 http://www.nuovo-benessere.com IL POSTO fisso non c’è più? Balle!! Lavora per te stesso e nessuno ti licenzierà! Attività in proprio senza investimenti 3425580646 VUOI aprire la tua attività in proprio ma non hai capitali da investire? Contattaci, abbiamo la soluzione per te! Informazioni e formulario di contatto su: http://il-mio-business.nrgplanet.com 03641955553 SELEZIONO persone con esperienza nella vendita diretta indipendente, solo a provvigioni guadagno garantito sopra le media. prodotti di largo consumo quali: profumi cosmetici 100% bio naturali 100% made in italy. lavoro di rappresentanza commerciale, farmacie erboristerie centri estetici negozi di bio shoop e altro ancora. settore che non teme crisi. supporto da parte dell’azienda a 360” sito internet con cod. cliente e password per accedere a tutte le info aziendali. corsi di marketing online. 3286659167 AZIENDA a Esine cerca perito aziendali o tecnico per lavoro d\’ufficio - con conseguente assunzione - richiesta inglese parlato e scritto - inviare curriculum al fax. 0364.362642 ALBERGO ristorante all’Aprica cerca una cameriera sala con esperienza. 0342.746134 ALBERGO Ristorante a Boario Terme cerca cuoco abitante in zona con esperienza per lavoro annuale 0364.531409 DITTA di Automazioni nel campo di impianti industriali, civili e fotovoltaici cerca elettricista con esperienza per cablaggio quadri ed impianti bordo macchina 035.977347

AZIENDA cerca caposquadra con esperienza nell’impermeabilizzazione di tetti - piscine - terrazzi e capannoni - si richiede la disponibilità a frequenti trasferte - zona lavoro Bassa Valle Camonica 0364.532987 CERCO IMPIEGO O LAVORO RAGAZZO 22enne, meccanico, cerca lavoro come autista o come operaio generico. In possesso di patente A,B,C con CQC e patente E. 348.6013011 RAGIONIERA 28enne con esperienza in studio commerciale e in studio tecnico, cerca lavoro part-time. 329.9387336. STUDENTESSA facoltà di Lettere impartisce lezioni di italiano, latino, storia, geografia a studenti Scuole Medie e biennio Scuole Superiori. Zona Villa d’Almè. Tel 347 509 38 37  MURATORE con esperienza ventennale italiano cerca lavoro. disponibile anche trasferte tutta italia e estero. 036461819 PARRUCCHIERA: 38 enne con provata esperienza nel settore cerca lavoro PART Time o FULL Time zone limitrofe alla valle imagna e brembana. Disponibile da subito 3272224126 RAGAZZO italiano automunito diciottenne cerca primo lavoro 036461819 ATTUALMENTE disponibile, valuto proposte per impiego, anche stagionale, presso strutture ricettive. Disponibile a trasferimento se offerto vitto e alloggio. Pluridecennale esperienza maturata nel settore turistico alberghiero - mercato leisure di montagna - con società di gestione alberghiere / tour operator. 3665285651 NEO-LAUREATA in giurisprudenza di 25 anni cerca impiego 3460297634 18 anni, risiedo in Valle Brembana e ho da poco terminato un corso di panettiere dell’Agenzia Formativa D. Alighieri con uno stage di 200 ore c/o un Panificio e mi è stato rilasciato l’attestato con la qualifica di panificatore. Sono alla ricerca di un’occupazione nel campo della panificazione come apprendista panettiere-panificatore o aiuto panettiere in Bergamo e provincia, anche part-time. Sono disponibile a lavorare su turnazione e festivi. Tel: 3889239294/3384250935 email:granelli.lucia7@gmail.com 43ENNE con esperienza cerca lavoro come pizzaiolo 3425654035 OFFRO servizi di traduzione, trascrizione, e realizzazione siti web(cerco io). Per info  visitare il seguente sito http:// www.service-translation.com  3284629500


www.montagneepaesi.it

Montagne & Paesi

I dati confermano che il settore regionale è un’eccellenza nel quadro nazionale

La sanità lombarda non subirà tagli

Non ci saranno tagli di posti letto e di servizi nelle strutture sanitarie della Lombardia nel 2013. E’ quanto stabilisce la delibera approvata dalla Giunta regionale, che recepisce il provvedimento nazionale della cosiddetta ‘spending review’. Sarà poi la nuova Giunta regionale a farsi carico dell’attuazione di questo provvedimento nazionale, attraverso alcune azioni, tra cui: ridefinizione, entro il 30 giugno, della rete delle emodinamiche e delle alte specialità (cardiochirurgie, chirurgie vascolari, neurochirurgie, chirurgie toraciche) in base a criteri di appropriatezza, numero e tipologia di prestazioni stabiliti grazie al lavoro di appositi Gruppi di approfondimento tecnico; riorganizzazione, entro dicembre 2013, dei punti nascita in base ai parametri nazionali (accordo Stato-Regioni del 2010) e regionali (Gruppo di approfondimento tecnico) e tenuto conto di peculiarità particolari (territori montani, difficoltà viabilistiche, ecc). “Grazie ai nostri conti in ordine e alla politica di eliminazione degli sprechi già condotta negli anni commenta il presidente della Regione Roberto Formigoni - siamo in grado di fronteggiare i pur pesanti tagli del Governo, senza chiudere nessun posto letto e, anzi, aumentando la sicurezza e la qualità dell’offerta delle nostre strutture. Possiamo farlo, perché abbiamo costruito un sistema virtuoso che offre eccellenza nelle cure a costi inferiori rispetto ad altre realtà”. Le norme nazionali prevedono un indice di posti letto pari a 3,7 per mille abitanti, compresi 0,7 posti letto per la riabilitazione. Secondo la bozza di regolamento attuativo a oggi disponibile, il calcolo riguarda i posti letto accreditati ed effettivamente a carico del Servizio sanitario. In più, il numero degli stessi posti letto viene incrementato o diminuito a seconda delle mobilità tra regioni, il che porta la Lombardia a un tasso del 3,84 per mille abitanti. Ecco i principali punti, su cui la nuova Giunta regionale sarà chiamata a intervenire. RADIOTERAPIE - L’attuale offerta di unità operative di Radioterapia resterà inalterata. Prevista una ulteriore ottimizzazione del lavoro in rete delle diverse strutture. PUNTI NASCITA - E’ prevista entro il 31 dicembre 2013 la riorganizzazione dei punti nascita. Verranno prese in considerazione le peculiarità dei bacini di utenza montani e di quelli caratterizzati da particolari difficoltà viabilistiche. ALTE SPECIALITÀ - In programma, entro il 30 giugno 2013 una ridefinizione della rete delle alte specialità, che tenga conto di aspetti generali relativi ad attività rese in emergenza urgenza, ampiezza e contiguità territoriale, popolazione residente, accessibilità ai servizi, casistica oncologica (per la chirurgia toracica e la neurochirurgia) e caratteristiche geomorfologiche del territorio.

23

Diploma di “Trainer Self Defense MLN School Project” per il maestro Dario Zanotti della Scuola Karate Funakoshi di Esine.

Per il Karate nuovi riconoscimenti

Un altro riconoscimento per l’insegnamento della difesa personale per il maestro Dario Zanotti dopo il 2° Livello MGA (Metodo Globale Autodifesa) della Federazione FIJLKAM e il 2° livello MLN (Metodo La Noce) della Libertas conseguiti nel 2012. Si è svolta a Brescia presso il Centro Sportivo San Filippo la cerimonia di consegna del diploma di “Trainer Self Defense MLN School Project” alla presenza della massime autorità Libertas del Settore e proprio il Maestro Filippo La Noce Responsabile Nazionale della Libertas ha consegnato al Maestro Dario Zanotti della S.K.F. il prestigioso riconoscimento. Ora il Maestro Zanotti potrà a pieno titolo insegnare il metodo “Self Defense MLN School Project” nella scuola secondaria di primo e di secondo grado. Il Maestro Filippo La Noce, responsabile del settore difesa personale in Libertas, dopo un’attenta analisi e un adeguamento agli stili di vita moderni, ha elaborato un metodo di difesa che si differenzia dagli approcci classici presenti sul mercato. Nasce così il Self Defense MLN School Project, un metodo di difesa personale strutturato sulle esigenze dei ragazzi ed evoluto sul fabbisogno formativo che caratterizza il mondo scolastico, con l’intento di colmare il gap fisico e psicologico in situazioni di vita quotidiana. Elementi che caratterizzano il metodo, oltre all’attività motoria di base, alla portata di tutti, sono le informazioni strutturate a livello modulare che saranno fornite ai ragazzi e rivolte principalmente alla prevenzione a 360 gradi: il bullismo, i maltrattamenti e le molestie, Il tentativo di rapimento e sequestro, il ruolo della famiglia.

PIAMBORNO (Bs) - Piazza Martiri di Via Fani, 9 Tel. 0364.466069 VISITA IL SITO www.bee-smart.it TROVERAI TUTTE LE NOSTRE OFFERTE

I SALDI SONO INIZIATI

DARFO B.T. - Via S. Martino, 6 Tel. 0364.533991 BRENO - Via Mazzini, 75 Tel. 0364.22545

SU TUTTI GLI ARTICOLI GRANDI SALDI

CENTRO COMM.LE ITALMARK PISOGNE 0364.87002

Vi vestiamo con amore! Richiedi la tessera fedeltà, avrai tante occasioni in più!

ACQUISTANDO L’ABITO DA SPOSA, LE BOMBONIERE E LE PARTECIPAZIONI IN OMAGGIO L’ABITO DELLO SPOSO. CON L’ACQUISTO DELLE BOMBONIERE, IN OMAGGIO LE PARTECIPAZIONI STAMPATE.

RITIRO E VENDITA USATO (no mobili) Ci trovate in Piazza Alpini, 5 PIAMBORNO - Tel. 349.1124783 Orario: mattino 9.00-12.00 pomeriggio 15.00-19.00 Chiuso domenica e lunedì



Montagne e Paesi - Gennaio 2013