Page 1

yourlife 10/2011 - Sch채r n. 41

EDIZIONE SPECIALE

30 anni Sch채r


Indice

Copertina: un'opera d'arte per Schär

Festeggiamo il compleanno! Schär, il leader europeo del mercato per i prodotti privi di glutine quest’anno festeggia i 30 anni di fondazione. 30 anni nei quali abbiamo costantemente mirato a far confluire tutto il nostro know-how e

6

la nostra abilità – ma anche la nostra genialità e fantasia – nel nostro lavoro: prodotti molto gustosi e variegati con i quali abbiamo voluto restituire alle persone affette da celiachia un pezzo di qualità della vita. L’arte si occupa del livello di qualità della vita dello spirito e dell’anima: e sempre nell’arte il connubio fra abilità e sofisticata sensibilità si fondono a loro volta armoniosamente con il connubio fra ispirazione e creatività. A coronamento di questa edizione piú ampia di YourLife abbiamo per tale motivo incaricato della realizzazione della copertina l'artista di icone pop Andreas Reimann. Dietro ai colori appartenenti al nostro marchio, l'artista mette in scena Marilyn Montroe, L'icona del 20° secolo. Lei avrebbe compiuto 85 anni quest'anno. Ed inoltre era lei a cantare

10

La dietista risponde - nozioni: In mani sicure!

18

In cucina: Sapori dell’Alto Adige

20

Speciale: 30 anni Schär

26

FAQ: Siamo tutt’orecchi!

32

Milly: Milly, la piccola avventuriera

34

Ultime novitá: Ecco, le novitá prodotto del 2011

38

14

la canzone di compleanno piú nota al giorno d'oggi: "Happy birthday Mr. President", dedicata a John F. Kennedy nel Madison Square Garden. Vi auguriamo buona lettura della nostra edizione “Speciale Anniversario”!

Artista di icone pop A. Reimann

Sommario Intervista: Know-how ed empatia: la chiave del successo

3

Reportage: Una passione per i buoni sapori. Ma senza glutine

6

Viaggi: Alto Adige: terra di sognatori e buongustai

10

La vita nella sua pienezza: Con gli occhi di un bambino

14

Ricerca e sviluppo: Ricerca e sviluppo al servizio del buon gusto

16

CREDITI: Comunicazione & PR Schär | Winkelau 9, I-39014 Postal (BZ) | www.schaer.com | yourlife@schaer.com | Numero verde: I: 800 84 70 81; CH: 0800 83 71 07

26


Intervista

Know-how ed empatia: la chiave del successo Dal commercio al dettaglio a una rete di dimensioni globali: YourLife parla con il Presidente della Dr. Schär Ulrich Ladurner delle tappe piú importanti della storia dell’azienda, dei progetti futuri e delle iniziative in cantiere per migliorare la qualità della vita delle persone affette da celiachia.

YL: Trent’anni fa la celiachia era relativamente sconosciuta. Come le è venuta l’idea di realizzare prodotti senza glutine? Ulrich Ladurner: Per capirlo è necessario conoscere la mia storia professionale. Mi sono formato come commerciante al dettaglio e ho ereditato da giovanissimo l’attività di mio padre, si trattava di una drogheria specializzata nella vendita di prodotti dietetici. Volevo passare dal commercio al dettaglio al commercio all’ingrosso, espandendo così l’attività, per cui sono andato in cerca di nuovi prodotti e mi sono imbattuto nei prodotti senza glutine. Ovviamente la nostra lista della spesa comprendeva anche altri prodotti per un’alimentazione sana e salutare. Il tema dell’alimentazione senza glutine mi ha affascinato fin dall’inizio. Quando ci si immedesima in qualcosa, diventa subito chiaro di che cosa c’è bisogno e questo è stato ovviamente decisivo per il nostro successo.

YL: Quale futuro ha intravisto nella produzione di alimenti senza glutine? Ladurner: A quei tempi non si poteva ovviamente prevedere lo sviluppo che la celiachia avrebbe avuto negli anni successivi. Sono partito dall’idea che si trattasse di un mercato di nicchia. Per me però il fattore decisivo non era tanto sapere quanto fosse grande la nicchia ma quanto forte fosse il bisogno in quel settore e capire che cosa potevo fare io per andare incontro a quel bisogno. Questa è l’idea di base che ci accompagna ancora oggi. Le condizioni economiche sono completamente diverse adesso.

lezza della celiachia. Quando parliamo dei risultati importanti conquistati dall’azienda, è opportuno sottolineare che questi non sono direttamente collegati alla crescita. Tappe importanti sono il fatto che all’inizio si importavano i prodotti dalla Svizzera e

"Il nostro stile di vita ormai é cambiato profondamente rispetto a venti anni fa." Ulrich Ladurner

YL: Come caratterizzerebbe la crescita e l’aumento della domanda relativa ai suoi prodotti? Ladurner: La crescita del mercato è andata di pari passo con il livello di consapevo-

dalla Germania e in un secondo momento si è pensato di realizzare gli stessi prodotti artigianalmente, ossia di produrli in proprio. All’inizio eravamo commercianti all’ingrosso con l’Italia come mercato di ri-

30 anni Schär

yourlife 3


Intervista

ferimento. Poi siamo passati alla produzione, in un primo momento esclusivamente artigianale. Il passo successivo ha segnato l’avvio di una produzione industriale. A quel punto la sfida era capire come uscire dall’Italia e come posizionarsi in Europa. La nostra storia di successo vera e propria ha preso il via verso la metà degli anni ‘80, quando i nostri prodotti si sono affermati in tutta Europa con riscontri positivi. Lo stimolo alla crescita nasceva proprio dal desiderio di superare i confini classici della gestione dell’azienda, ossia passare dal ruolo di commerciante a quello di produttore, dal mercato nazionale a quello globale, essere bravi abbastanza, o preparati abbastanza. Abbiamo superato con successo tutti i passaggi, ed è proprio questo che rappresenta oggi l’azienda. L’azienda oggi vanta un posizionamento internazionale ed è attiva ben oltre i confini europei.

YL: Oltre alla mera commercializzazione, persegue anche obiettivi idealistici…

aziendali. Per prima cosa vi è un comitato scientifico. È importante prendere atto dei nuovi progressi compiuti dalla scienza. Chiedersi, quindi, se siamo sulla buona strada o se è invece necessario prendere un’altra direzione. Il secondo tema a cui dobbiamo prestare attenzione è il segmento del consumo fuori casa. Oggi è normale che chi debba seguire una dieta senza glutine possa avere a casa propria tutti i prodotti che gli servono. Il grande problema, però, resta sempre lo stesso, e cioè che cosa succede quando esco? Il nostro stile di vita ormai è cambiato profondamente rispetto a venti anni fa. Tutti, o quasi tutti, consumiamo i nostri pasti per la maggior parte al di fuori delle quattro mura domestiche. Se riflettiamo su quest’ aspetto, risulta chiaro che non è così facile seguire una dieta. Il nostro obiettivo è percorrere una nuova strada e offrire un servizio davvero fruibile.

Ladurner: Si tratta di traguardi che compaiono già chiaramente tra i nostri obiettivi

YL: Che cosa si può ancora fare per rendere piú comodo il consumo fuori casa?

Stabilimento di produzione Schär negli Stati Uniti

YL: Pensa di aver contribuito a sensibilizzare il pubblico sul tema della celiachia con i suoi prodotti? Vede una qualche azione reciproca questo senso? Ladurner: L’azione reciproca è molto importante. La prima dimensione è data dalla qualità dei prodotti. In questo senso abbiamo fatto molta strada: trent’anni fa alla gente andava ancora bene tutto, oggi non ammette piú nessuna differenza rispetto ai normali prodotti alimentari. I prodotti devono avere un buon sapore, altrimenti si supera il confine in cui uno dice “no, non mi piace per niente”. Questo confine è molto importante anche per il rispetto della dieta. La seconda dimensione è, ovviamente, la comunicazione. Siamo stati i primi a farci portavoce delle esigenze alimentari delle

4

yourlife

30 anni Schär

persone che soffrivano di intolleranze, e abbiamo associato i nostri prodotti alla gioia di vivere. Anche questo è un fattore importantissimo per il rispetto della dieta. Bisogna sempre poter associare l’alimentazione alla gioia, al piacere, anche nel caso dei prodotti dietetici. Infine, anche la distribuzione dei prodotti è ovviamente un importante biglietto da visita verso l’esterno. I prodotti sono esposti sugli scaffali dei rivenditori, per cui sono visibili a molti consumatori che fino a quel momento non avevano forse nessun rapporto con la celiachia.


Intervista

ragion per cui i desideri dei consumatori sono determinanti in questo senso. YL: Parliamo degli USA: che cosa l’ha spinta a espandersi negli Stati Uniti? Ladurner: Per noi America è una parola affascinante, come lo è Europa per gli americani. Il mercato americano è grande piú o meno come quello europeo ma ha un’unica lingua. Questo significa che non ci sono praticamente confini, quei confini che invece rimangono in ambito europeo nonostante la caduta dei confini doganali. D’altro canto vediamo che abbiamo un ampio margine di vantaggio rispetto ai fornitori americani in termini di know-how. Queste considerazioni ci hanno fatto prendere la decisione di vendere i nostri prodotti negli USA, con il progetto di produrli direttamente in loco in futuro. La produzione è estremamente importante perché non è pensabile di trasportare oltreoceano prodotti che devono necessariamente essere freschi, come il pane. Nel lungo periodo non funziona, si perdono troppi giorni di freschezza. Quindi, in futuro produrremo anche negli Stati Uniti. La struttura dello stabilimento esiste già, il capannone non è ancora del tutto pronto ma abbiamo già ordinato le macchine che ci servono e in inverno partiremo. Sarà un’avventura entusiasmante e una tappa importantissima per la nostra azienda.

Ulrich Ladurner, presidente della Dr. Schär Srl

Ladurner: È assolutamente importante chiedere, che si mangi a bordo di un aereo, in albergo o in una pizzeria. Si deve sempre chiedere. Per me è importante che tutte le persone che hanno a che fare con questo problema, sia i diretti interessati, sia i genitori, insistano e chiedano se il menu prevede piatti senza glutine. Solo in questo modo è possibile sensibilizzare anche questi partner, perché il loro coinvolgimento è essenziale per trovare una buona soluzione per quanto riguarda il consumo fuori casa. YL: Lei non è affetto da celiachia. Fino a che punto la vita senza glutine la influenza personalmente? Ladurner: La celiachia mi accompagna da trent’anni. Non ne soffro in prima persona ma mi aiuta sempre immaginare me stesso in questa situazione: cosa succederebbe se? E come risolverei il problema? Come potrei migliorare la situazione? Questo è il ragionamento che guida da sempre la

nostra azienda, ed è a questo principio che ci sentiamo obbligati. È però giusto anche dire che questo principio è alla base del successo della nostra azienda. YL: Confrontando il mondo della celiachia nel 1981 con quella di oggi, nel 2011, come si è sviluppato il mercato per quanto concerne il rapporto tra consumatori e fornitori? Ladurner: Oggi tutto è ovviamente molto piú complesso, a quei tempi quello che contava era l’istinto: era uno stato emotivo che portava a dire “ecco di che cosa c’è bisogno”, senza conoscere esattamente le dimensioni dei mercati. Adesso la situazione è chiaramente diversa, oggi si analizzano le dimensioni di un mercato, i suoi bisogni, ci si chiede che cosa dovremmo inserire e che cosa produrre, quali sono i prodotti specifici di cui questo mercato ha bisogno. Tutto si è sviluppato in modo molto interessante, ma resta sempre una sfida. La nostra azienda vive d’innovazione,

"L'azienda oggi vanta un posizionamento internazionale ed é attiva ben oltre i confini europei." Ulrich Ladurner YL: Quali obiettivi perseguite con l’acquisizione del produttore spagnolo NAF? Ladurner: L’azienda ha un marchio: Beiker. Beiker è da tempo nostro concorrente sul mercato spagnolo. Abbiamo acquisito quest’ azienda all’inizio dell’anno e, passo per passo, porteremo ora il suo assortimento al livello di Schär, per operare con un secondo marchio Beiker oltre ai prodotti Schär. Chiaramente cerchiamo di soddisfare principalmente le esigenze del mercato spagnolo e di lanciare prodotti per i quali in Spagna c’è richiesta. Le Magdalenas, per esempio, sono dolcetti tipici spagnoli. Sono importanti, perché si tratta di uno snack ideale per la merenda.

30 anni Schär

yourlife 5


Reportage

Una passione per i buoni sapori. Ma senza glutine Quest'anno Dr. Schär festeggia il suo trentesimo anniversario. Racconteremo di 30 anni di storia e di un'azienda altoatesina che é cresciuta per diventare oggi leader mondiale nel senza glutine. L'azienda ha iniziato peró a piccoli passi.

La gamma di prodotti di Dr. Anton Schär

Tutto ha inizio a Merano, in Alto Adige, in un piccolo negozio di alimentari e prodotti dietetici naturali. È qui che Ulrich Ladurner, dopo aver studiato e lavorato per un periodo in Austria e Germania, si dedica alla “Drogerie A. Ladurner”, fino ad allora gestita dai suoi genitori. Lo spirito imprenditoriale del giovane capo si fa notare molto presto: già all’età di 23 anni, infatti, prende in mano le redini dell’attività, e in breve tempo riesce a raddoppiarne il fatturato.

molto presto nella sua offerta alimentare anche prodotti senza glutine consigliati per problemi digestivi, ad esempio la crema di riso.

L’interesse per i prodotti alimentari è particolarmente forte in Ulrich Ladurner. Per prima cosa inizia a vendere prodotti senza glutine già disponibili sul mercato, quelli proposti dal medico condotto del distretto di Innsbruck, il Dr. Anton Schär, che sin dal 1922 si era specializzato nella produzione di alimenti sani per bambini, inserendo

Ulrich Ladurner

6

yourlife

30 anni Schär

"All'epoca non c'erano prodotti alimentari davvero adatti per i celiaci." Nel 1979 Ladurner acquisisce direttamente il marchio Dr. Schär. Lavorando all’interno del negozio ha la possibilità di interagire costantemente e in prima persona con i propri clienti, e per questo gli è da subito chiaro che, come racconta:

“All’epoca non c’erano prodotti alimentari davvero adatti per i celiaci”. Ecco perché il marchio “Schär” si specializza da allora in avanti nell’offerta di alimenti senza glutine, ripresentandosi sul mercato con questa nuova vocazione a partire dal 1981. LA RIVOLUZIONE ALIMENTARE Trent’anni fa il livello d’informazione sulla celiachia era piuttosto basso. Il tema delle intolleranze ha iniziato a farsi strada nell’opinione pubblica solo lentamente, e proporzionalmente è cresciuto l’interesse e la necessità di sviluppare ricette senza glutine. Secondo le stime, una persona su 100 soffre di celiachia, e a oggi l’unico modo per convivere con questa intolleranza è seguire una dieta senza glutine. Ma la situazione all’epoca era diversa: mentre i celiaci pre-


Reportage diligevano essenzialmente semplici ricette a base di riso, mais e patate, Dr. Schär iniziava a proporre i primi prodotti senza glutine, alcune varietà di biscotti ad esempio, ma anche una farina senza glutine. Una vera rivoluzione per i celiaci. Finalmente qualcuno era in grado di offrire una soluzione ad hoc: prodotti che secondo le conoscenze nel settore delle scienze dell’alimentazione potevano rispondere alle esigenze dei celiaci. Un ruolo che ancora oggi Schär ama sottolineare con lo slogan "we care"- ci prendiamo cura di te: proporre alimentari che per sapore, odore, aspetto e consistenza sono molto vicini ai prodotti tradizionali o che si adattano allo stile di vita attuale, ad esempio prodotti finiti sani ed equilibrati. LA RICERCA INTERNA Per poter soddisfare in maniera mirata i desideri dei clienti, molto presto la giovane azienda Dr. Schär crea al suo interno un proprio dipartimento specializzato nello sviluppo di prodotti. L’ampliamento e il perfezionamento dell’offerta vengono affidati dapprima ad un ambizioso fornaio, poi ad esperti di prodotti alimentari. La stretta collaborazione con esperti nutrizio-

"Un ruolo che ancora oggi Schär ama sottolineare con lo slogan "we care". nisti si rivela utile sin dall’inizio a garantire le competenze necessarie. Grazie alla crescita della domanda (i prodotti di Dr. Schär conquistano poco a poco il mercato europeo) e al crescente know-how, nel 2003 l’azienda prende una decisione molto importante: quella di allestire un proprio laboratorio di ricerca a Trieste. IL FILO DIRETTO CON I CLIENTI La giovane azienda deve prima però cercare di raggiungere tutti i consumatori. Da qui la scelta di contattare medici, esperti nutrizionisti e associazioni di celiaci: Ulrich Ladurner decide di cessare la sua attività di commerciante al dettaglio per passarla alla moglie e si concentra sulla vendita di prodotti senza glutine. La prima fornitura commerciale di prodotti di propria produzione raggiunge 50 farma-

cie in Italia: i biscotti “Savoiardi” vengono accolti sul mercato con grande clamore. È questo il primo successo, a confermare che la strada percorsa è quella giusta: Dr. Schär, infatti, non aveva ancora lanciato un prodotto simile sul mercato. Fin dall’inizio la filosofia è ben chiara: basare le decisioni in merito alla scelta di prodotti sulle esigenze e i desideri dei celiaci. Il segreto di un successo che vale ancora oggi: quello che all’epoca rappresentò per il mercato italiano il lancio dei Savoiardi senza glutine, nell’attuale sviluppo di prodotti è rappresentato, ad esempio, dai Petit in Germania o dalle Magdalenas in Spagna. Ancora oggi Dr. Schär si presenta come un marchio votato alla soddisfazione delle esigenze di ciascun singolo paese, e ancora oggi i clienti possono sempre dire la loro. Il loro contributo arriva attraverso i test sui prodotti (alcuni clienti di Schär fanno parte di un gruppo professionale di degustazione che controlla scrupolosamente i prodotti prima di dichiararli “pronti per il mercato”) o attraverso i commenti lasciati sul sito web www.schaer.com, piattaforma di intenso scambio tra una comunità di quasi 70.000 persone provenienti da 148 diversi paesi. Qui si parla di prodotti esistenti o richiesti, si raccontano le esperienze di viaggio nei vari paesi e naturalmente si scambiano ricette con la supervisione del cuoco virtuale Oscar, che gestisce una delle piú grandi banche dati di ricette senza glutine. CENTRO DI COMPETENZA SENZA GLUTINE Per poter coordinare ancora meglio lo scambio di esperienze ed esigenze legate alla celiachia e per incrementare le conoscenze in materia, Dr. Schär ha recentemente creato un comitato del quale

fanno parte esperti internazionali: medici, gastroenterologi ed esperti nutrizionisti che osservano la celiachia da una prospettiva

1981- il fondatore Ulrich Ladurner con Richard Stampfl, membro del consiglio d'amministrazione, e due collaboratori.

a tutto tondo e si scambiano consigli e informazioni riguardo alle variazioni della sintomatologia nell’intolleranza al glutine o

Primi prodotti del marchio Dr. Schär

alla sensibilizzazione in campo diagnostico, con l’obiettivo di ridurre i dati sommersi, ovvero il numero di casi di celiachia non conosciuti. Attraverso la loro partecipazione a conferenze e nelle riviste specializzate gli esperti si confrontano sulle conoscenze acquisite e contribuiscono ad ampliare l’orizzonte dei prodotti senza glutine per tutti coloro che hanno a che fare con il tema della celiachia, dai medici di famiglia, agli esperti nutrizionisti e non solo.

30 anni Schär

yourlife 7


Reportage

UNA RETE MONDIALE Grazie ad una serie di acquisizioni, nel 2002 l’azienda inizia ad essere attiva anche a livello internazionale: in Gran Bretagna acquisisce Nutrition Point e fonda la

" Dopo una serie di acquisizioni nel 2002 l'azienda ha subito riscontrato i primi successi."

mercio al dettaglio di prodotti alimentari. Nel 2006 viene acquistato in Germania il marchio Glutano, passo che porta alla fondazione della filiale tedesca di Dr. Schär. Segue la costruzione di due sedi produttive: quella di Apolda, nella Turingia, e quella di Dreihausen, nell’Hessen. La capacità produttiva di Postal viene così ridotta e distribuita tra i vari stabilimenti produttivi. L’interesse per i prodotti si fa vivo però anche oltreoceano. Ecco perché a partire dal 2007 Dr. Schär inizia a servire anche il

filiale inglese di Dr. Schär. L’acquisizione del marchio ds-Dietary Specials segna da subito l’arrivo dei primi successi: lo stesso anno l’azienda conquista la posizione di leader sul mercato inglese per il com-

mercato statunitense e acquisisce i marchi Glutafin e Truefree: nasce così la filiale americana Dr. Schär USA Inc. Parallelamente la domanda cresce anche in Spagna. Dr. Schär entra nel mercato spagnolo della vendita diretta con l’acquisizione della NAF, con sede a Saragozza. Si apre così la possibilità di produrre alimenti senza glutine e rispondere al fabbisogno locale. Attualmente è in corso la costruzione di un nuovo stabilimento produttivo nel New Jersey, che permetterà di soddisfare ancora meglio la domanda americana a partire dal 2012.

POSTAL ALTO ADIGE – ITALIA Sede principale Gruppo Dr. Schär, stabilimento di produzione

DREIHAUSEN ASSIA – GERMANIA Sede Dr. Schär Deutschland, stabilimento di produzione

THELWALL WARRINGTON – INGHILTERRA APOLDA TURINGIA – GERMANIA

Sede Dr. Schär UK

Stabilimento di produzione

AREA SCIENCE PARK TRIESTE – ITALIA Ricerca e sviluppo

LYNDHURST NEW JERSEY – USA Sede Dr. Schär USA

LOGAN NEW JERSEY – USA

8

yourlife

30 anni Schär

Stabilimento di produzione (in costruzione)

ALAGÓN SARAGOZZA – SPAGNA Stabilimento di produzione


Reportage

L'inizio di tutto... 30 anni Dr. Schär: dall'Alto Adige al resto del mondo Ogni inizio è difficile: quando nel 1981 l'imprenditore altoatesino Ulrich Ladurner lanciò per la prima volta sul mercato prodotti senza glutine con il marchio Schär, la celiachia e l'espressione "senza glutine" erano praticamente sconosciute. Molto presto, però, anche il commercio internazionale riconobbe le opportunità che si prospettavano e la necessità dei consumatori per quel tipo di prodotto. Partner da tutto il mondo ricordano gli inizi senza glutine: "La mia storia è iniziata nel 1993, quando a mio figlio è stata diagnosticata un'intolleranza al glutine. Allora, da noi, si sapeva ben poco sui prodotti senza glutine e così mi sono messa alla ricerca di una soluzione. Dopo aver ottenuto qualSvetlana Berkovich, che successo con i miei esperimenti in cucina è Dietica, Russia accaduto che per la prima volta, in Finlandia, abbiamo trovato in un supermercato la dicitura "gluten free" su uno scaffale. La sorpresa è stata enorme quando abbiamo constatato quanti prodotti appetitosi c'erano per nostro figlio. Il primo prodotto che ha provato sono stati i Grissini di Schär. Così è arrivata la decisione di portare i prodotti Schär in Russia. Il supporto da parte dell'azienda è stato grande e la mia scelta si è confermata essere quella giusta. Anche se in principio ci sono state alcune difficoltà, abbiamo continuato a lavorare per far arrivare i prodotti ai consumatori. Sono trascorsi dieci anni e oggi si possono trovare prodotti senza glutine in molte città della Russia. Le lacune in tema di celiachia continuano ad essere profonde nel Paese, soprattutto nei piccoli centri. Talvolta i celiaci devono percorrere distanze che superano i 100 chilometri per acquistare alimenti adatti a loro. Da parte nostra, continuiamo ad impegnarci per portare i prodotti Schär ancora piú vicino ai consumatori russi."

"Nel 2003 mia madre ed io siamo stati per la prima volta a Postal presso Dr. Schär. A quei tempi il mercato del senza glutine esisteva a malapena in Croazia e le conoscenze sulla celiachia erano arretrate. Fin dall'inizio eravamo fermamente decisi a portare in Croazia i prodotti senza glutine di Schär, che oggi è tra i Stasa Brozina, Pretti, Croazia marchi piú importanti del nostro portafoglio. Si dice che la vita scriva molte storie: io non riesco a trovare le parole adatte per esprimere la gratitudine che vorremmo manifestare a Dr. Schär."

"In principio è stato difficile per noi decidere se entrare o meno nel mercato del senza glutine. La vera convinzione è arrivata nel momento in cui ho conosciuto per la prima volta il signor Ladurner. Quella volta andai Heinz Claus, a prenderlo in aeroporto. Claus Reformwaren Non appena scese dall'aeService Team GmbH reo, capii che era un pioniere, un uomo con delle prospettive: non è stato difficile trovare analogie con me stesso. In principio abbiamo iniziato con alcuni cartoni di prodotti; oggi Schär è il nostro principale fornitore. Talvolta rimango sbalordito ad osservare gli autotreni che oramai tre volte a settimana ci consegnano la merce. Nel frattempo Schär è diventato una delle nostre colonne portanti anche in Francia e in Austria; insieme, in qualità di partner, ci impegniamo a fare il possibile affinché le persone celiache possano trovare nei negozi specializzati il vasto assortimento dei prodotti del marchio. Lavoriamo affinché il commercio specializzato possa continuare ad essere anche in futuro il primo punto di riferimento per i celiaci."

"Sono stato sicuramente uno dei primi ad entrare in contatto con il signor Ladurner. Ero molto interessato a trovare prodotti naturali e questo mi ha portato fino a Merano. Ho avuto il piacere di collaborare per 30 anni con l'azienda Dr. Schär e oggi questa collaborazione prosegue nella sua seconda generazione grazie a mio figlio. In attesa di festeggiare il cinquantesimo anniversario, oggi auguro a Schär buon 30° compleanno. Ad maiora" Camillo Amato, titolare di una farmacia in Sicilia

"Circa otto anni fa abbiamo deciso di iniziare a importare alimenti senza glutine nella Repubblica Ceca. In quel periodo è iniziata la nostra collaborazione con Dr. Schär. In Repubblica Ceca l'assortimento era alquanto limitato e i dolci erano disponibili soltanto su richiesta. Oggi riforniamo un gran numero di negozi, tra cui alcune catene commerciali. Dal 2009 siamo riusciti ad importare i prodotti Schär anche in Slovacchia, dove sono richiesti tanto quanto in Repubblica Ceca. Siamo molto lieti di poter rendere la vita quotidiana dei celiaci piú semplice con i prodotti Schär." Kamila Kremer, ditta Kleis, Repubblica Ceca

30 anni Schär

yourlife 9


Viaggi

Alto Adige: terra di sognatori e buongustai Paesaggi che incantano, montagne invalicabili e tradizioni culinarie che rivelano un senso del particolare. Vi presentiamo l'Alto Adige, paese d'origine di Dr. Schär.

© Südtirol Marketing / Frieder Blickle

L’Alto Adige fa da sfondo ad un singolare incontro tra gli opposti, nel quale natura e cultura si intrecciano con disinvoltura ed eleganza: da un lato l’immagine affascinante del sud, che ci racconta di palme e ulivi sotto cime innevate. Le passeggiate in bicicletta o lungo i graziosi sentieri “Waalweg” ci accompagnano verso valli e lungo prati che costeggiano fiumi, fino ad un lago che assapora con lo sguardo e l’anima il profumo di mela matura. Ancora piú in là i sentieri ci conducono verso ricchi vigneti, che poggiano morbidi su pittoresche colline e pendii. E proprio là dietro sorgono le leggendarie Dolomiti, patrimonio naturale mondiale dell’UNESCO, che risplendono sotto il sole del mattino. Ma le nostre immagini hanno ancora altro da raccontare: prati di un colore verde acceso ricoperti

10

yourlife

30 anni Schär

di malga di fronte a montagne scoscese o paesini di montagna fuori dal tempo immersi in un paesaggio invernale innevato. “È impossibile parlare dell’Alto Adige senza entusiasmarsi!”, afferma la nostra reporter, che ha viaggiato attraverso la regione in occasione dell’uscita del numero di “Yourlife” dedicato all’anniversario. E questo naturalmente non senza cercare o portare con sé indirizzi interessanti di luoghi dove alloggiare o mangiare senza glutine e informazioni importanti sulla specialità autunnale preferita in Alto Adige, la castagna. TÖRGGELEN NON DERIVA DA TORKELN Törggelen? Chi non conosce l’Alto Adige potrebbe pensare che questa parola

derivi dal termine tedesco “torkeln” che significa “barcollare”. Perdere l’equilibrio quindi, spesso per un eccessivo consumo di alcool. Ma davvero l’antica tradizione altoatesina del Törggelen consiste nello spostarsi barcollando da una fattoria all’altra attraverso meravigliosi sentieri? Falso: non è così, almeno non del tutto. “La parola Törggelen non ha nulla a che fare con la parola tedesca Torkeln, ma deriva invece dalla parola “Tiorggl”, che significa torchio per l’uva. Non è tuttavia escluso che durante le degustazioni in occasione di questa usanza ci si innamori di questo o quel vino giovane e alla fine ci si ubriachi!” Lo dice qualcuno che dovrebbe saperlo. Il Törggele-Hof di Sebastian Fauster non è molto distante dal sentiero del castagno, nella bella Valle Isarco, una regione famosa per le


Viaggi sue passeggiate. Sebastian produce vini biologici, liquore di mele cotogne ed è famoso per le sue ottime castagne. La valle si estende per circa 80 km dal Brennero fino alla zona sud di Bolzano ed è la culla del Törggelen, anche se oggi questa tradizione così gradita si è diffusa in tutta la regione. In questa dolce e meravigliosamente calda giornata di autunno l’intera valle è popolata dagli amanti del vino novello. Il Törggelen in realtà è molto piú che l’incontro con il vino giovane, e soprattutto per gli intenditori diventa ogni anno un’occasione di degustazione unica. Perché il vino, e tutti gli spuntini e le merende che lo accompagnano bisogna un po’ guadagnarseli. Secondo tradizione ci si mette a sedere per una degustazione almeno dopo una breve escursione, di solito in piccoli gruppi. In una mite giornata autunnale, mentre le rondini muovono verso sud, le montagne risplendono in lontananza e un leggero soffio di vento accarezza le anime. Per l’Alto Adige l’autunno è senza dubbio la stagione piú bella e piú ricca di piaceri, specialmente nelle regioni vinicole del sud. Quando i boschi di latifoglie si vestono di mille colori e i filari dei vigneti sembrano infuocarsi sotto un sole piú basso, la natura si rivela ancora una volta in tutta la sua bellezza – e da tutta Europa vengono ad osservarla! SEDUZIONI CULINARIE – PROTAGONISTA È LA CASTAGNA

gelen, non è però l’unica nella quale si è affermata questa tradizione. Anche la fascia occidentale della regione, con i suoi innumerevoli e meravigliosi sentieri, ha qualcosa da offrire per le vacanze autunnali all’insegna delle escursioni. Si trova qui anche il vigilius mountain resort, con una cucina straordinaria che propone costantemente anche specialità stagionali senza glutine. Ma la polenta e le

" La specialitá autunnale in Alto Adige é la castagna" castagne preparati di persona dall’ispirato chef non sono affatto l’unica cosa che attrae al vigilius. Situato a 1.500 metri sul livello del mare e raggiungibile solo con la funicolare, il resort è immerso in un’atmosfera di pace ristoratrice e accarezzato dai profumi dell’aria di montagna che fanno dimenticare ogni frenesia. L’hotel di design a 5 stelle si immerge con disinvoltura nell’incantevole paesaggio. Un paradiso montano distante solo pochi minuti dalla località di Lana nella Val d’Adige e che ci trascina oltre la quotidianità. Moderna costruzione in legno, il vigilius respira il suo legame con la na-

tura attraverso tutti i pori; legno, argilla e tela dominano e creano un sentimento di protezione di classe. Non c’è niente di meglio che riacquistare energie nella SPA dell' albergo in una giornata fredda o dopo una lunga camminata in montagna – che sia nel bagno di fieno, a piedi nudi sulle pigne o con la tecnica dei Cinque Tibetani®, un’antica tecnica di rilassamento tramandata dai monaci tibetani. COME MI TOCCA IL CUORE! – INCONTRI CON BOLZANO Non sono solo le vedute dall’alto delle Alpi, i profumi dell’aria di montagna, le marmotte, il vino e lo speck a far innamorare dell’Alto Adige, ma anche le sue città, prime fra tutte Bolzano e Merano. Queste piccole metropoli mondane hanno qualcosa che è impossibile trovare altrove. Si potrebbe parlare di un’atmosfera inconfondibile, quella che può nascere sempre e solo dall’incontro tra culture. Per decenni l’atmosfera mediterranea creata dai cipressi, dai limoni, dai vivaci mercati e dall’eleganza del sud si è intrecciata con l’asprezza e il selvaggio romanticismo delle Alpi, con il loro fascino acerbo e la loro intima quiete. Una varietà di caratteri che si esprime nei Giardini di Castel Trauttmansdorff, tesoro naturale di Merano, nei giardini e nei parchi dell’Alto Adige con i loro piú svariati paesaggi. Chi viaggia da nord vive in particolare Bolzano come fulcro di un

Ora che ci siamo lasciati ammaliare dalla luce tenue del sole di ottobre e dal paesaggio illuminato d’oro con i suoi meravigliosi sentieri per escursioni a piedi e in bicicletta, vogliamo sapere cosa finisce nel bicchiere e nei piatti in occasione del Törggelen. È vero, la tradizione dei piaceri vive delle specialità culinarie che ha da offrire. In compagnia di amici si assapora in tutta calma quello che l’Alto Adige in generale e i suoi contadini hanno da offrire: patate al burro, noci, speck, salsicce, carne affumicata e puntine di maiale con crauti e polenta fanno parte della tradizionale proposta culinaria del Törggelen. Come dessert vengono serviti sempre le castagne cotte alla brace per un piacere che caratterizza una cultura stagionale altoatesina inimitabile! Ad accompagnare le castagne il succo d’uva fresco, non ancora fermentato in vino, oppure il vino novello, che può portare alla possibile associazione con il Törggelen… PASSEGGIATE O BENESSERE? ENTRAMBI, GRAZIE! La Valle Isarco a nord di Bolzano, la regione nella quale ebbe origine il Törg-

© Südtirol Marketing / Clemens Zahn

30 anni Schär

yourlife 11


Viaggi cammino che porta verso il sud. Non solo perché si lascia dietro le spalle il Brennero e la stretta Valle Isarco, ma perché raggiungendo l’ampia Val d’Adige, spesso illuminata dal sole e ricoperta di frutteti e vigneti, nell’aria altoatesina si respira ogni volta un tocco di Mediterraneo. E in effetti vale davvero la pena di visitare Bolzano: il meraviglioso clima mite del Mediterraneo raggiunge anche in autunno ogni angolo e ogni vicolo del pittoresco centro storico. Caratterizzano l’atmosfera il lusso, i negozi e lo stile di vita raffinato. Le trote alpine si incontrano qui con i polpi e la tipica Schiava con pregiati vini del sud. In breve, le prelibatezze delle Alpi incontrano i piaceri del palato del Mediterraneo e viziano i buongustai con una forza unica. Mentre in tutti i vicoli, sotto i portici e gli archi, nei caffè, attorno alla Fontana di Nettuno, nella piazza del mercato che raccoglie tutte le prelibatezze dell’Italia, riecheggia la tipica confusione della parlata tedesca e italiana. E proprio lì all’angolo sorge anche il Museo Archeo-

logico dell’Alto Adige che attira numerosi visitatori soprattutto grazie alla presenza di Ötzi, l’uomo venuto dal ghiaccio. IL FASCINO DEGLI OPPOSTI È forse osservando Bolzano che si riesce ad esprimere al meglio quello che rende l’Alto Adige così affascinante e particolare. La capitale della provincia piú settentrionale d’Italia vive dell’incontro tra gli opposti. Il suo fascino mediterraneo al centro di un’atmosfera alpina ammalia qualunque visitatore. Se si passeggia lungo la Passeggiata del Talvera, ad esempio, quando lo sguardo si muove oltre le palme di Castel Mareccio e sorpassa i vigneti e i tetti delle case per raggiungere il Rosengarten. O nel centro storico, sotto i famosi portici con le antiche case dei commercianti – qui la vita pulsa, anche quando nubi cariche di pioggia si posano sull’antica città mercantile. Solo in inverno, quando l’avvento avvolge la città in un’atmosfera magica,

le tradizioni nordiche tornano ad essere protagoniste. Forse perché nel 1989 Bolzano ha ricevuto da Norimberga lo status di città dei mercatini e da allora in Piazza Walther viene organizzato un mercatino di Natale ogni anno sempre piú apprezzato. È ARRIVATO L’INVERNO! Passato il periodo del Törggelen, che va da metà ottobre fino all’avvento, inizia quello dei divertimenti in montagna. E così come in autunno, anche in inverno l’Alto Adige ha molto da offrire. Chi cerca il letargo farebbe bene ad informarsi sui luoghi tranquilli e appartati, che per fortuna esistono ancora nelle piú svariate zone della regione. Ma sono soprattutto gli amanti delle vacanze attive ad essere attratti in inverno dal paesaggio altoatesino innevato. Tra tutte le valli principali e secondarie, il territorio offre paesaggi stupendi e vivaci piste per una vacanza movimentata sulla neve. Numerose loca-

I NOSTRI INDIRIZZI CONSIGLIATI PER UN PIACERE SENZA GLUTINE Pension Christl S. Antonio, 23 39052 Caldaro sulla Strada del Vino tel. +39 0471 963173

Pizzeria Happy Via Roma, 44 39014 Postal tel. +39 0473 290057 La Lanterna Via Rovigo, 14 39100 Bolzano tel. +39 0471 502107 Hotel Pension Schlaneiderhof Via Schlaneider, 26 39010 Meltina tel. +39 0471 668147

Harpf Pizzeria La Mara, 107 39042 Bressanone tel. +39 0472 851047

Sporthotel & Residenz Griesfeld Via Griesfeld, 6 39030 S. Giovanni Valle Aurina tel. +39 0474 671172 Gasthof Petra Via Pusteria,16 39030 S. Sigismondo tel. +39 0474 569600

Hotel Acadia Via Puez, 24 39048 Selva di Val Gardena tel. +39 0471 774444 Family Resort Rainer Via S. Giuseppe, 40 39030 Sesto/Moso Alta Pusteria tel. +39 0474 710366

Hotel Villa Madonna Via Henrik Ibsen, 29 39040 Siusi allo Sciliar tel. +39 0471 708860

Hotel Mair am Turm Via Principale, 3 39019 Tirolo tel. +39 0473 923307

Alphotel Stocker Via Wiesenhof, 39/41 39032 Campo Tures tel. +39 0474 678113

Hotel Weiss Via Venosta, 38 39020 Parcines tel. +39 0473 967067

Hotel Drumlerhof Via Municipio, 6 39032 Campo Tures tel. +39 0474 618068

vigilius mountain resort Monte San Vigilio 39011 Lana tel. +39 0473 556600

Hotel Schöfflmair Via Molini, 23 39032 Campo Tures tel. +39 0473 678126

Ücia Picio Pré Baita Passo Furcia 39030 Marebbe tel. +39 0474 501631 cell. +39 338 1406452

Aquafan San Candido Via M.H. Hueber, 2 39038 San Candido tel. +39 0474 916200

Hotel Hartmann Via Rezia, 308 39046 Ortisei, Val Gardena tel. +39 0471 796270

Fotos © Südtirol Marketing / Stefano Scatà, Joachim Chwaszcza, Alessandro Trovati

12

yourlife

30 anni Schär


Viaggi

© Südtirol Marketing / Frieder Blickle

lità sciistiche grandi e piccole accolgono con le loro ottime infrastrutture tutta la famiglia, sciatori e snowboarder. I due piú grandi comprensori sciistici sono il Dolomiti Superski e l’Ortler Skiarena. Solo con lo skipass delle Dolomiti si può accedere a 450 skilift e 1200 chilometri di piste… Qui si respira l’atmosfera invernale con il suo lato chic, allegro e moderno – e grazie all’altitudine la neve è garantita fino a primavera inoltrata. ATTIVITÀ TRA GHIACCIO E NEVE – UNA PERFETTA ATMOSFERA INVERNALE! La piú grande area sciistica collegata all’Alto Adige si trova nella zona orientale della regione. Sui pendii della Val Gardena e dell’Alta Badia sorgono vasti impianti di risalita a forma di stella, il cui centro è rappresentato dal massiccio della Sella che si affaccia sulle montagne appunto come una sella. Chi volesse attraversare tutta l’area del Sella con gli sci ci metterà un’intera giornata: 40 chilometri di pista permettono di sciare per tutta la giornata senza ripercorrere un solo metro per due volte. Il nostro consiglio per gli esperti delle piste ben attrezzati e allenati è di provare la Porta Vescovo di Arabba o il Piz Boe di Corvara: qui si potranno godere al massimo i piaceri dello sci!

L’EMOZIONE DELLO SCI NEL CUORE DELLE DOLOMITI Quando si tratta di dover scegliere una zona dove praticare gli sport invernali rispetto ad un’altra, in Alto Adige c’è sempre l’imbarazzo della scelta. Tra le mete consigliate ci sono la Valle Aurina, la Val Gardena, il Passo Furcia e Sesto. Il Passo Furcia, ad esempio, è un passo di montagna alto quasi 1800 metri situato nel cuore delle Dolomiti che attraversa la zona sciistica del Plan de Corones,

" E cosí come in autunno, anche in inverno l'Alto Adige ha molto da offrire." montagna numero 1 per lo sci in Alto Adige e che, oltre alle piste, ha moltissimo altro da offrire. Sono disponibili 40 baite – dalla pittoresca tavola calda al bar di tendenza fino ad innumerevoli terrazze soleggiate. Ma sono presenti anche due piccole zone sciistiche ideali per famiglie nelle

Valli di Tures e Aurina. Apparentemente così modeste, si rivelano naturalmente nella loro grandezza solo quando si rivolge lo sguardo verso cielo con il pittoresco altopiano illuminato dal sole! CALMI PIACERI INVERNALI Ma anche per chi non ha scelto di dedicarsi ai divertimenti delle piste, l’Alto Adige offre ovunque piaceri invernali alternativi. Il territorio è ricco di piste per lo sci di fondo, piste per slittini e slitte a cavalli, ma anche laghi naturali ghiacciati, boschi e cime solitarie che invitano a passeggiate nella neve ed escursioni. Proprio le piccole aree dedicate agli sport invernali hanno qualcosa da offrire in quanto ad avventure invernali. Degna di menzione a questo proposito è anche la presenza di un paio di piccoli centri sportivi invernali ben curati che sorgono nelle immediate vicinanze delle città e propongono anche programmi culturali (con eventi teatrali, concerti, rassegne cinematografiche, musei ed esposizioni) integrando l’offerta sportiva, di benessere e la magia delle baite. “Merano 2000”, ad esempio, ma anche l’area dedicata agli sport invernali di Schwemmalm, non sono lontani da Merano, mentre la zona sciistica Reinswald in Val Sarentino è raggiungibile in auto da Bolzano in 30 minuti. Alto Adige – da vivere anche in inverno!

30 anni Schär

yourlife 13


La vita nella sua pienezza

Con gli occhi di un bambino È bionda, ha gli occhi azzurri, è sveglia e ama ridere. Davvero una bambina felice, a volte un po' sbarazzina e molto sicura di sé. Karin frequenta la 5a elementare e quando ha voglia di pizza va con i genitori in un DS Pizza Point. Sei anni fa le è stata diagnosticata la celiachia . . . Nei primi due anni in effetti Karin non ha mai potuto fermarsi a dormire dalla nonna Waltraud, anche se le sarebbe piaciuto moltissimo. “La nonna diceva che cucinare senza glutine per lei era troppo complicato”, racconta Karin. Nel frattempo anche lei però ha imparato a cucinare senza glutine, e anche molto bene! Ha imparato da Barbara, la mamma di Karin, e Karin trova le sue lasagne semplicemente irresistibili! Con tanta besciamella e ragù. Quando le chiediamo se sa cosa sia la celiachia, Karin risponde come se stesse citando un libro: “Celiachia significa che non posso mangiare nulla che contenga frumento o altri ingredienti contenenti glutine. Perché il glutine mi fa venire un forte mal di pancia.“ TORTA DI FRAGOLE, SPAGHETTI ALLA BOLOGNESE E COTOLETTA

...e da allora Barbara e Sandro, i genitori della bambina che oggi ha dieci anni, hanno incominciato a cambiare le abitudini in cucina. Si scrive molto delle difficoltá di adattamento ad una dieta senza glutine degli adulti celiaci. Ad occuparsi dei bambini, invece, sono i genitori. Ma come vive questa svolta e come convive con la celiachia un bambino in un'età in cui è già consapevole dell'ambiente che lo circonda e di se stesso? Schär si è posta questa domanda e per trovarvi una risposta ha trascorso un mezzo pomeriggio con Karin, dieci anni. PRANZO A CASA, RIENTRO PUNTUALE PER LA PAUSA GIOCO Ama correre, saltare, cavalcare, cantare e ballare sopra ogni cosa. Il suo colore preferito è il rosa e va fiera dei suoi lunghi capelli. E la scuola – beh, la scuola le

14

yourlife

30 anni Schär

piace “così così”. Fa parte dell'argomento scuola anche la mensa: Karin ha lezione al pomeriggio due volte a settimana. I suoi compagni di classe mangiano alla mensa, e la scuola offre un menu senza glutine, è vero, ma Karin preferisce tornare a casa: lì si mangia meglio ed in compagnia di mamma e papá. Poi i suoi genitori la riportano volentieri a scuola in tempo per poter trascorrere la pausa gioco insieme ai suoi compagni di classe. IL SUO PIÚ GRANDE DESIDERIO: DORMIRE SEMPRE CON LA NONNA E I SUOI GATTI Riguardo al futuro Karin ha idee molto chiare. Le piacerebbe lavorare in una scuderia o diventare veterinario, perché ama moltissimo i cuccioli. Soprattutto i gatti. Sua nonna Waltraud ne ha due, Pepe e Miki. Ed è parlando della nonna che si affronta per la prima volta il tema dell'alimentazione.

Karin si ricorda come è cambiata la sua alimentazione? “All'inizio”, racconta la bambina che oggi ha dieci anni, “mi sono chiesta come mai da un momento all'altro non potessi piú mangiare alcune cose.” Ma questo appartiene al passato. Oggi Karin dice a sua mamma Barbara cosa vuole portare da mangiare quando va ad una festa o al parco giochi e questo per lei non è piú un problema. Per i genitori è molto importante che la figlia riesca a fare tutto senza sentirsi limitata. Se necessario, Barbara si alza anche alle sei del mattino per preparare il pranzo per Karin, quando va in gita o frequenta un corso estivo. Karin parla volentieri di cibo e quando inizia a raccontare quali sono i suoi piatti preferiti i suoi sorrisi birichini fanno a gara con gli occhi sbarazzini. “Adoro la nutella e il cioccolato e le caramelle. I miei dolci preferiti sono la torta di fragole e la torta al cioccolato e i miei piatti preferiti sono le linguine alla bolognese e la cotoletta.” Le sue preferenze sono le stesse di quelle della maggior parte dei bambini.


La vita nella sua pienezza

INSALATA MULTICOLORE E PASTA CON SALSA ALLE VERDURE Come emerge sempre piú spesso anche dalle lettere che i consumatori inviano a Schär, molti genitori di bambini celiaci si preoccupano del fatto che i loro figli non seguano una dieta sufficientemente equilibrata. Come la maggior parte dei bambini, anche loro non mangiano così volentieri l'insalata, la frutta o la verdura. Ma in una dieta senza glutine, un'alimentazione equilibrata, ricca di vitamine e di fibre è importante uguale per compensare possibili carenze. Anche in questo Karin non fa eccezione. Racconta la mamma Barbara: “È molto selettiva, la frutta e la verdura, ad esempio, non le piacciono”. È qui che deve intervenire la fantasia. Barbara prepara insalate colorate con mais, mele, noci, ed è quasi diventata una campionessa mondiale nella preparazione di salse alle verdure con le quali Karin insaporisce la sua pasta. “MANGIARE È BELLO“ Cosa significa mangiare per Karin? La risposta arriva quasi di botto: “Mangiare è bello!” E dopo una breve pausa, aggiunge: “Ed è bello soprattutto quando andiamo nella mia pizzeria preferita“. La pizzata organizzata ogni anno con i genitori e gli insegnanti nel DS Pizza Point è ormai tradizione.

I ricordi forse piú forti legati alla celiachia per Karin sono quelli degli esami ai quali ha dovuto sottoporsi per arrivare alla diagnosi. Karin aveva cinque anni e aveva la polmonite, la guarigione è stata lunga e difficile e la scrupolosa pediatra le prescrisse dapprima delle analisi del sangue e successivamente, vista la forte anemia, anche una biopsia intestinale. Ma tutto è ormai passato e adesso Karin vuole assolutamente una caramella. Ma prima che si alzi e vada a chiamare i suoi genitori, le viene in mente una domanda: “Sul giornale ci sarà anche la mia foto?“. E se ne va.

Dalla stanza accanto si sentono le risa di Karin; è al telefono con la nonna e racconta della sua prima intervista . . . Che emozione!

CARTA D'IDENTITÀ DI KARIN GIACOMUZZI

SICUREZZA GRAZIE AD UN CONTROLLO ASSOLUTO In famiglia è Barbara ad occuparsi del cibo. "Sicuramente é stata una svolta totale. Cambiare le abitudini, informarsi, provare ricette nuove." Barbara è una donna che non lascia nulla al caso e oggi lei, agente immobiliare, potrebbe scrivere ad occhi chiusi una tesi di dottorato sull'intolleranza al glutine. Raccoglie informazioni su informazioni, scambia consigli. Sulle ricette del pane e della pasta, sul gelato confezionato, sulle caramelle, sugli indirizzi di hotel e ristoranti. A casa Giacomuzzi, tra l'altro, tutti mangiano senza glutine. In questo modo Barbara deve cucinare una sola volta e Karin sa che a casa non deve fare attenzione a nulla. Se sulla tavola c'è un pezzo di pane, lo può mangiare!

D t e lluogo di Data nascita: 26 Aprile 2001, Bolzano Segno zodiacale: Toro Studi: frequenta la quinta elementare alla scuola Manlio Longon Hobby: cavalcare e cantare Cosa le piace fare: giocare con il telefonino della mamma Colore preferito: Rosa Libro preferito: Geronimo Stilton – Viaggio nella fantasia Migliore amica: Alessia, da sempre Piatto preferito: Linguine al ragù e torta di fragole

30 anni Schär

yourlife 15


Ricerca e sviluppo

Ricerca e sviluppo al servizio del buon gusto Dall’istinto alla scienza: l'avvincente storia del dipartimento di Ricerca & Sviluppo di Dr. Schär racconta di una delle discipline sicuramente piú dinamiche, oggi protagonista nell'Area Science Park di Trieste e cuore dell'azienda. cevole alla masticazione e alla deglutizione – sfruttavano tutto ciò che era disponibile all’epoca. BUONO NON BASTA

In principio erano solamente amido di mais e riso, oggi il compito di dare agli alimenti un sapore prelibato nel segno di un’alimentazione equilibrata è affidato a un vero e proprio miscuglio di ingredienti sani, ricchi di sostanze nutritive e senza glutine. Questo è il frutto dei rapidi progressi fatti nel campo della ricerca e dello sviluppo di alimenti senza glutine solo negli ultimi quindici anni. IN PRINCIPIO FU IL DESIDERIO DI SPERIMENTARE Quando 30 anni fa venne fondata l’azienda Dr. Schär, la ricerca e lo sviluppo nel senso che attribuiamo oggi a questo settore rappresentavano ancora un’utopia. L’azienda deve la sua “prima generazione” di prodotti senza glutine alla creatività e alla voglia di sperimentare di un ambizioso mastro fornaio. E anche se, per gusto e valore nutrizionale,

16

yourlife

30 anni Schär

questi prodotti a base prevalentemente di riso e mais non potevano competere nemmeno lontanamente con gli attuali prodotti di Schär, furono moltissimi i

"Finalmente era disponibile una piccola offerta di prodotti senza glutine." consensi ricevuti: il mondo dei prodotti senza glutine tirò un sospiro di sollievo, finalmente era disponibile una piccola offerta di prodotti che per sicurezza e palatabilità – e quindi per qualità del gusto nel senso di una sensazione pia-

Il 1996 segnò una nuova tappa nella storia dell’azienda: nel reparto di Controllo Qualità della sede di Postal venne a formarsi un team di lavoro composto da collaboratori altamente qualificati che si attivarono nello sviluppo di nuovi prodotti. Lo sviluppo di prodotti (per la prima volta in grandi dimensioni) segnò l’inizio di una filosofia che ad oggi rappresenta uno dei piú grandi sforzi di Dr. Schär: non accontentarsi mai, ma ricercare costantemente uno scambio tra scienza e ricerca in grado di migliorare la qualità dei prodotti esistenti. All’epoca il team di Postal riuscì a migliorare enormemente la qualità del pane senza glutine. E il fatto che questa filosofia sia viva ancora oggi lo dimostra il lavoro costante volto a migliorare le ricette. Un esempio pratico: ormai disponibile da oltre vent’anni, grazie alle sempre maggiori conoscenze nel settore dei prodotti senza glutine acquisite con un lavoro di ricerca e sviluppo, il Pan Carré Schär è passato attraverso una serie di fasi di miglioramento. La grande e antica sfida della cottura in forno senza glutine è soprattutto quella di ottenere una giusta consistenza. Ci sono voluti molti anni di ricerca e sviluppo per ottenere un pane leggero, profumato e saporito, che mantenesse la sua morbida consistenza e le sue caratteristiche organolettiche (profumo, gusto, caratteristiche al tatto, aspetto) fino alla scadenza. "Abbiamo lavorato molto a nuove ricette e allo sviluppo di nuove tecnologie per riuscire a produrre oggi un pane che rimanga morbido e fresco piú a lungo". Così Virna Cerne, responsabile del team di R&S di Trieste, racconta dei progressi fatti nello sviluppo di prodotti. Il miglioramento del pane ha avuto successo anche se si guarda ai valori nutrizionali: nella ricetta del 1989 il Pan Carré Schär conteneva ancora grassi idrogenati, mentre le fibre erano quasi del tutto assenti. Nel 1996 arrivò il primo miglioramento, scom-


Ricerca e sviluppo alimentazione aventi alle spalle una solida esperienza nel settore della ricerca e dello sviluppo. Altri quattro esperti del settore collaborano presso la sede centrale di Postal e le filiali situate in Germania, Inghilterra e Spagna. Il lavoro dei nostri esperti di ricerca e sviluppo non si esaurisce però alle attività svolte all’interno del centro di ricerca: è richiesta

Un piccolo gruppo si occupava dello sviluppo di nuovi prodotti

parvero i grassi idrogenati e il contenuto di fibre aumentò del 45%. Oggi, grazie a un’ulteriore lavoro di miglioramento svolto presso il centro di R&S di Trieste, il Pan Carré contiene prezioso olio di semi di girasole, meno calorie e piú di fibre. "Nel complesso possiamo dire che gli ingredienti scelti offrono sempre al pane un valore aggiunto dal punto di vista fisiologico nutrizionale, ovvero sostanze nutritive importanti come preziose proteine e fibre", così Cerne riassume gli ambizioni obiettivi del team di R&S. Sempre con l' obitettivo di migliorare non solo il gusto ma anche i valori nutrizionali, il team della R&S ha lavorato alla nuova generazione del Pan Carré, il Pan del Forno. PRECURSORI DI UN’ALIMENTAZIONE SENZA GLUTINE Senza dubbio la piú grande pietra miliare nella storia del Dipartimento interno di Ricerca & Sviluppo è rappresentata nel 2003 dal suo spostamento nell’Area Science Park della frazione di Padriciano, Trieste, uno dei piú rinomati centri di ricerca in Italia. Il numero di collaboratori del centro in pochi anni è passato da tre a dodici. Dodici collaboratori che nel tempo si sono specializzati in due settori autonomi: la ricerca e lo sviluppo di prodotti, con il coinvolgimento di altri laboratori e l’acquisto di strumenti di ricerca secondo lo stato attuale della tecnica. Ma la rapida crescita del know how a livello pratico non è legata soltanto allo sviluppo di prodotti nuovi e migliori: il team di R&S ha collaborato anche a progetti di respiro internazionale e ha ottenuto così lo status sempre piú evidente di precursore nel settore degli alimenti senza glutine. Tra questi progetti ricordiamo il “SNP Bread”, che consisteva nello sviluppo di prodotti

da forno con una struttura e valori nutrizionali migliori. Anche il progetto “EU-Freshbake” ha suscitato enorme interesse coinvolgendo aziende e istituti di ricerca universitari di sette diversi paesi. Obiettivo del progetto legato alla produzione di tradizionali prodotti da forno senza glutine era quello di migliorare la qualità e il valore nutrizionale dei panini, oltre che di sviluppare nuove tecnologie con l’obiettivo di ottimizzare i processi produttivi a maggiore consumo energetico nelle fasi di cottura al forno e raffreddamento. SEMPRE SOTTO TENSIONE Sono dodici gli esperti che condividono oggi i 240 m² di superficie adibita a uffici e laboratorio all’interno dell’Area Science Park di Trieste. Si tratta per lo piú di scienziati e tecnologi esperti in

"Abbiamo lavorato molto a nuove ricette e allo sviluppo di nuove tecnologie per riuscire ad ottenere oggi un pane che rimanga morbido e fresco piú a lungo." Virna Cerne un’enorme flessibilità e bisogna essere costantemente pronti ad ampliare e diffondere il know how acquisito. Nasce così lo scambio dei risultati delle attività di sviluppo svolte nel campo dei processi produttivi tra i collaboratori di quattro diverse lingue – in Italia, Germania, Inghilterra, ma anche Spagna e Stati Uniti. E non manca uno scambio costante con università e istituti di ricerca, oltre che la partecipazione a importanti congressi con l’obiettivo di essere sempre al passo con le ultime conoscenze nella tecnologia nel settore alimentare.

R&S oggi nel Area Science Park di Trieste

30 anni Schär

yourlife 17


La dietista risponde - nozioni

In mani sicure! Trent'anni fa, l'obiettivo principale della scienza della nutrizione era quello di informare le persone affette da celiachia su cosa potevano o non potevano mangiare. Oggi, invece, l'attenzione è focalizzata sull'importanza di una dieta senza glutine sana e variegata, in grado di garantire un apporto di sostanze nutritive ottimale e di soddisfare le esigenze della vita moderna.

Sembrano storie di tempi quasi dimenticati, eppure sono successe poco piú di 30 anni fa: ore e ore di viaggio per raggiungere la capitale, dove un unico fornaio vendeva pane senza glutine prodotto con farina senza glutine acquistata in farmacia. Neanche a dirlo, il prezzo era esorbitante. La diagnosi di celiachia, a quei tempi, era ancora cosa rara, come rari erano i prodotti specifici disponibili in commercio. Anche la scienza della nutrizione, 30 anni fa, mirava per lo piú a informare e sensibilizzare i celiaci sugli alimenti che potevano o non potevano consumare nell’ambito di una dieta senza glutine. SENZA GLUTINE IN TUTTA SICUREZZA Quando Schär, 30 anni fa, iniziò a produrre i primi alimenti senza glutine per il mercato italiano, era ancora l’unica azienda produttrice specializzata in alimenti per persone affette da intolleranze alimentari. Conseguentemente, anche ricerca e sviluppo erano ancora agli albori. A quei tempi ci si concentra-

18

yourlife

30 anni Schär

va soprattutto sullo sviluppo di prodotti derivati dalle poche materie prime senza glutine disponibili, per lo piú amidi di riso e mais, che costituissero in primo luogo un’alternativa accettabile ai loro equivalenti contenenti glutine. Tanto gli esperti nutrizionisti quanto i consumatori erano contenti di avere finalmente a disposizione prodotti senza glutine sicuri e in grado di garantire una maggiore varietà nella dieta: pane, pasta, farine e dolciumi da consumare fuori pasto. ALIMENTI DI ALTA QUALITÀ Chiunque abbia provato almeno una volta a preparare pane o dolci con ingredienti senza glutine, conosce la “sfida” che un maestro fornaio deve affrontare nel lavorare un impasto senza glutine, che è la sostanza collante che lo rende elastico. I risultati di simili esperimenti, quando non si ha a disposizione un’apposita farina senza glutine, sono spesso pani duri e piatti, oppure dolci piuttosto insapori. “Carenze” che inizialmente venivano compensate con un’aggiunta di

zucchero o grassi. Risale a quei tempi, quando lo sviluppo dei prodotti si misurava anzitutto con gli aspetti della sicurezza alimentare e del sapore, un pregiudizio ampiamente diffuso ancora oggi, ossia che i prodotti senza glutine conterrebbero piú grassi e zuccheri e per questo sarebbero piú ipercalorici e meno sani dei prodotti contenenti glutine paragonabili. Oggi gli esperti hanno analizzato piú attentamente il significato di questo pregiudizio, confrontando tra loro una serie di alimenti accuratamente selezionati sotto l’aspetto della composizione nutrizionale. Il confronto dei prodotti piú comuni come pane da toast, cracker, grissini, diversi tipi di pasta, biscotti e pizza con prodotti paragonabili nella versione con e senza glutine, ha permesso di confutare definitivamente questi pregiudizi. DI PARI PASSO CON LA SCIENZA Gli esperti nutrizionisti della divisione Professional di Dr. Schär hanno instaurato un continuo scambio di informazioni con


(g ) (g ) O

DI SO

FI B

RA

UI DI

C

E

AL IM

IG ID AC

g) I(

EN TA R

I ER H C C UI C DI

RA SS

ZU

ID BO C AR

PR

G

Cracker

RA TI

) (g E IN O TE

N VA L

.E

Pan Carré

RA SS

(k J/ O IC ET ER

G

Pane con e senza glutine PRODOTTI

IS AT U

kc a

l)

Confronto concreto tra i valori nutrizionali

RI

(g )

La dietista risponde - nozioni

Schär Pan carré

909/215

2,9

39,7

3,8

5

0,7

6,3

0,5

Pan carré A senza glutine

1144/271

3,6

50,2

6,2

Pan carré B senza glutine

1091/258

4,1

45,98

6,48

3,51

0,36

Pan carré con glutine

1215/288

7,5

52

6,5

5,5

2,1

3,1

0,6

Schär Cracker

1830/434

4,5

78,6

3,5

10,8

6,2

2,2

1

Cracker A senza glutine

1955/466

2,19

70,4

0,75

19,5

17,5

2,56

0,73

Cracker B senza glutine

1911/455

8,2

68,3

2

16,5

8,1

2

0,7

Cracker salati A con glutine

1875/445

10

68,8

2

14

5,9

2,5

0,9

Cracker salati B con glutine

1856/441

10

68,7

14

2,5

0,9

stanze nutritive, ad esempio amaranto, grano saraceno, quinoa o miglio, in aggiunta agli amidi puri. Diverse ricette sono sottoposte a piccoli ma determinanti cambiamenti, tra cui anche la rinuncia ai grassi idrogenati. Negli ultimi anni, inoltre, ci si è concentrati maggiormente sulla riduzione del contenuto di sale nei prodotti e sullo sviluppo di prodotti nuovi o migliorati con un contenuto piú elevato di fibre. MANGIARE SANO: UNO STILE DI VITA

il comitato scientifico istituito nel 2009 e lavorano da molti anni in stretta collaborazione con il team di ricerca e sviluppo di Dr. Schär, con sede a Trieste. L’obiettivo è produrre alimenti che siano non solo squisiti ma anche equivalenti sotto l’aspetto della composizione nutrizionale ai prodotti contenenti glutine paragonabili, e che siano in grado di garantire un apporto ottimale di sostanze nutritive essenziali. In altre parole, prodotti equilibrati e di alta qualità. Per questo motivo, nello sviluppo di nuovi prodotti e ricette migliorate confluiscono continuamente gli studi e i risultati della ricerca piú recenti. Tra i vari spunti offerti, quello di utilizzare sempre di piú farine prodotte con cereali senza glutine ricchi di so-

Negli ultimi anni, molto è cambiato nel campo dell’alimentazione. La prevalenza della celiachia e di altre intolleranze alimentari è cresciuta fortemente. In generale, anche le esigenze e lo stile di vita delle persone sono cambiati: oggi il consumatore è molto piú attento a ciò che mangia, s’ interessa degli ingredienti e consulta le indicazioni dei valori nutrizionali riportate sulle confezioni. La maggior parte delle persone è piú accorta, piú informata e vuole alimentarsi in modo sano ed equilibrato. Questa evoluzione, naturalmente, influisce anche sull’alimentazione senza glutine, e la scienza della nutrizione si concentra in modo particolare su quest’aspetto. Oltre a fornire alle persone celiache le informazioni di base sulla vita senza glutine, essi spiegano anche l’importanza di una dieta variegata. Le stesse raccomandazioni confluisco-

no anche nello sviluppo di nuovi prodotti che vanno adattati allo stile di vita moderno, tra cui ad esempio pani precotti e piatti pronti, caratterizzati da una composizione nutrizionale equilibrata. Nella dieta senza glutine, al giorno d’oggi specialmente, i prodotti specifici per celiaci rappresentano un pilastro importante in quanto, con la loro composizione, cercano di prevenire eventuali carenze di sostanze nutritive che possono manifestarsi in seguito alla totale rinuncia ai prodotti a base di cereali.

DOMANDE AGLI ESPERTI?

Scriveteci! Iscrivetevi allo Schär Club e mandate le Vostre domande: www.schaer.com

30 anni Schär

yourlife 19


In cucina

Sapori dell’Alto Adige L’attaccamento alle tradizioni tipico dell’Alto Adige e la leggerezza italiana combinati in un unico piatto: ecco la moderna cucina altoatesina. Semplice, dinamica e ricca è un mix di tutti gli inconfondibili sapori della regione.

© Südtirol Marketing / Helmuth Rier

"Spaghetti e Canederli allo speck", è questo il titolo del ricettario di Hans Debeljak che ritrae in copertina un allegro cuoco su sfondo verde, pubblicato per la prima volta 60 anni fa e famoso in tutto l’Alto Adige. Quello che nella cucina moderna viene oggi chiamato con l’altisonante nome di “fusion”, ovvero la combinazione di una cucina regionale tradizionale con sapori e aromi di altre culture, in Alto Adige è una pratica comune da molti decenni. Cosa sarebbero ad esempio piatti tipici come gli Schlutzkrapfen o gli Spätzle senza il burro fuso e il parmigiano?

FORMAGGIO GRIGIO O GORGONZOLA A chi dei due spetti il titolo di vincitore per l’aroma piú forte è una questione di gusti. Entrambi sono oggi ingredienti fondamentali della cucina tipica altoatesina. Gli gnocchi con formaggio grigio (gli gnocchi al formaggio illustrati nel nostro ricettario possono essere preparati anche con formaggio grigio) o i canederli agli spinaci con cuore di gorgonzola riuniscono in un unico piatto la storica tradizione casearia altoatesina con l’innovazione ormai ben radicata portata da altre culture.

La moderna cucina altoatesina, dal formaggio grigio e gorgonzola allo speck e pancetta, si regge su una combinazione perfettamente riuscita della cucina tirolese autoctona con l’arte culinaria mediterranea, dalla quale ha preso l’amore per le erbe fresche, gli oli pregiati e la preparazione raffinata. A questo punto rimane solo una cosa da dire: lasciatevi tentare!

GASTHAUS O RISTORANTE La storia dell’Alto Adige negli ultimi cento anni è la storia dell’incontro di due culture che non potrebbero essere piú diverse per lingua, temperamento e tradizioni. Una cosa però sicuramente le accomuna: la passione per la buona cucina. È per questo che, nelle città altoatesine, ristoranti e pizzerie si trovavano fianco a fianco con il Gasthaus e l'osteria tipica già molti anni prima che la “cucina etnica” prendesse piede in Europa. I vantaggi di questa eterogenea realtà furono presto chiari ad abitanti e turisti che approfittavano della vasta possibilità di scelta: ottimo pesce fresco il venerdì e un piatto di canederli e gulasch fatti a regola d’arte il giorno seguente.

20

yourlife

30 anni Schär

TANTI AUGURI DI BUON COMPLEANNO DA OSCAR!

Quest’anno Schär festeggia il suo trentesimo anniversario. E quale miglior modo di festeggiare se non filosofeggiando un po’ sulla cucina del paese d'origine delle specialitá senza glutine? La cucina altoatesina è unica! Provatela e stupite la vostra famiglia e i vostri ospiti con una serata altoatesina,

ad esempio con un colorato tris di canederli agli spinaci, gnocchi al formaggio e Spätzle con le rape rosse. E come in ogni festa di compleanno che si rispetti, non può mancare la torta adatta. Scegliete un dolce tipico come la torta al grano saraceno oppure uno dei classici dell’arte dolciaria. Buona festa! Il vostro Oscar!


PROSCIUTTO IN PASTA DI PANE

CANEDERLI AGLI SPINACI

GNOCCHI AL FORMAGGIO

SPÄTZLE CON LE RAPE ROSSE


PROSCIUTTO IN PASTA DI PANE

GNOCCHI AL FORMAGGIO

A

90 min.

Ingredienti

Tempo di preparazione: 60 min. | Tempo di tostatura del pane: 15 min. | Tempo di riposo: 15 min.

Preparazione

120 min.

Ingredienti

A

1 noce o un carré di maiale salmistrato (ca. 800-900 g)

Suggerimento: Gli gnocchi sono ottimi anche con parmigiano grattugiato. Per un gusto piú deciso, al posto del formaggio di montagna si può utilizzare anche del gorgonzola– per i palati piú fini l'ideale è invece un formaggio dolce a pasta dura come l'Emmental.

50 g di burro fuso tostato 2 cucchiai d'erba cipollina tagliata sottile 2-4 cucchiai di parmigiano grattugiato

Tagliare il pane a dadini e tostarlo in forno a 100° C per 15 minuti. Sbucciare la cipolla e tagliarla a cubetti. In una padella, scaldare l'olio e far rosolare la cipolla. Far raffreddare il pane e bagnarlo nel latte. Aggiungere la cipolla, le uova, il formaggio di montagna, la farina e l'erba cipollina. Impastare bene con le mani.

per la pasta di pane: 1 confezione di Schär Mix per pane rustico ½ cucchiaino di sale 8 g di lievito secco (o in alternativa 16 g di lievito fresco) ½ cucchiaino di zucchero 1 cucchiaio di olio d'oliva 550 ml di acqua tiepida 1 tuorlo e 1 cucchiaio di latte per spennellare Suggerimento: Il piatto si accompagna bene con salsa di rafano e crauti. Con la pasta di pane avanzata si possono preparare dei panini da cuocere in forno.

50 min.

Ingredienti

A Preparazione

150 g di rape rosse bollite 50 ml di acqua, 250 g di farina Schär 5 uova, 1/2 cucchiaino di sale 50 g di burro, 50 g di semi di papavero

Impiattare gli spätzle, spolverarli con semi di papavero e condirli con il burro fuso. Servire immediatamente.

Passare gli spätzle in acqua fredda per breve tempo e scolarli con un colapasta.

In una grossa casseruola, portare l'acqua a ebollizione e salare. Porzionare gli spätzle con un'apposita grattugia buttandoli direttamente nell'acqua bollente.

Tagliare a pezzetti la rapa rossa e frullarla con l'acqua. In una terrina, mescolare la farina con il sale e le uova. Aggiungere la rapa frullata e mescolare fino ad ottenere una pasta densa coperta di bolle. Lasciar riposare l'impasto per 15 minuti.

Tempo di preparazione: 40 min. | Tempo di riposo: 15 min.

SPÄTZLE CON LE RAPE ROSSE

Condire con sale e pepe. Lasciar riposare l'impasto per 15 minuti. In una casseruola, portare a ebollizione dell'acqua salata. Formare gli gnocchi utilizzando due cucchiai da tavola, buttarli nell'acqua e portarli a ebollizione. Far cuocere per 10 minuti. Scolare gli gnocchi in un colapasta. Non agitare per evitare che si rompano. Versare il burro tostato sugli gnocchi e spolverare con erba cipollina.

200 g di Pan Carré Schär 140 ml di latte, 2 uova 100 g di formaggio di montagna grattugiato 20 g di burro, 1 piccola cipolla 2 cucchiai d'olio per friggere 1 cucchiaio di farina Schär 2-3 cucchiai d'erba cipollina tagliata sottile sale e pepe per condire

Tempo di preparazione: 20 min. | Cottura: 20 min. | Riposo: 10 e 20 min. | Cottura in forno: 50 min.

Preparazione Cuocere brevemente il prosciutto in acqua bollente e far cuocere a bassa temperatura per altri 20 minuti. Estrarlo dall'acqua e lasciarlo raffreddare. Nel frattempo, preparare la pasta di pane. Unire il sale alla farina e versare il composto in una ciotola. Sciogliere il lievito in acqua tiepida con lo zucchero. Mescolare la farina e il composto liquido fino ad ottenere una pasta soffice. L'impasto dovrebbe staccarsi dalla ciotola. Coprire con un panno umido e lasciar riposare per 10 minuti. Stendere la pasta su un piano infarinato fino a formare un rettangolo dello spessore di 1 cm circa. Collocare il prosciutto al centro e avvolgerlo nella pasta fino a coprirlo completamente. Tagliare la pasta in eccesso e utilizzarla per creare decorazioni a piacere da posizionare sulla pasta di pane. Mettere il prosciutto su una teglia coperta con carta da forno con il lato della giunzione rivolto verso il basso e lasciar riposare per 30 minuti in luogo caldo. Mescolare il tuorlo al latte e spennellare la pasta di pane. Preriscaldare il forno a 230°. Mettere una ciotola con dell'acqua nel forno. Cuocere il prosciutto in forno per 50 minuti sul ripiano intermedio. Dopo 10 minuti abbassare la temperatura a 200° C. Tagliare a fette il prosciutto ancora bollente e servire.

CANEDERLI AGLI SPINACI Ingredienti

90 min.

Preparazione

200 g di Pan carré Schär 1 cipolla, 1 spicchio d'aglio 2 cucchiai di olio per friggere 200 g di spinaci in foglia (surgelati) 50 ml di latte, 2 uova, 30 g di gorgonzola 2 cucchiai di farina Schär sale, pepe, noce moscata, 50 g di burro 30 g di parmigiano fresco grattugiato

A

Tagliare il pane a dadini e tostarlo in forno a 100° C per 15 minuti. Sbucciare la cipolla e l'aglio e tagliarli a dadini. In una padella, scaldare l'olio e far rosolare la cipolla e l'aglio. Aggiungere gli spinaci e stufare per altri 5 minuti. Condire con sale, pepe e noce moscata. Frullare gli spinaci. Immergere il pane nel latte, poi aggiungere gli spinaci e le uova. Impastare bene con le mani. Lasciar riposare l'impasto per 15 minuti.

Tempo di preparazione: 60 min. | Tempo di tostatura del pane: 15 min. | Tempo di riposo: 15 min.

In una casseruola, portare a ebollizione dell'acqua salata. Formare dei piccoli canederli con le mani umide e inserire al centro un pezzetto di gorgonzola. Buttarli nell'acqua e portarli a ebollizione. Far cuocere per 10 minuti. Scolare i canederli in un colapasta.

Suggerimento: Se gradite un gusto meno deciso rispetto al gorgonzola, potete sostituirlo con formaggio dolce a pasta dura tagliato a cubetti e aggiunto direttamente all'impasto dei canederli. Tipico dell'Alto Adige: bis di canederli agli spinaci e gnocchi al formaggio

Versare il burro fuso tostato sui canederli e spolverare con parmigiano grattugiato.

Suggerimento: Provate anche gli spätzle agli spinaci. In questo caso, sostituite la rapa rossa con 150 g di spinaci che lascerete cuocere per 5 minuti in 100 ml di latte. Condite con sale, pepe e noce moscata e frullate Lasciate raffreddare gli spinaci e mescolateli con farina e uova. Formate gli spätzle come descritto. In Alto Adige gli spätzle agli spinaci si servono con una salsa di panna e prosciutto preparata facendo tostare il prosciutto a cubetti nel burro e aggiungendo ca. 80 ml di panna. Aggiungete gli spätzle alla salsa, mescolate bene e insaporite con parmigiano grattugiato.


KRAPFEN

TORTA DI GRANO SARACENO

TORTA “FORESTA NERA”

TORTA SACHER


TORTA "FORESTA NERA"

A

4,5 ore

Suggerimento: È possibile sostituire le ciliegie con amarene fresche.

Ingredienti

2 ore

Preparazione

A

Sciogliere il burro e lasciarlo raffreddare. Separare gli albumi dai tuorli. Unire i tuorli al burro. Montare gli albumi a neve. Mescolare il Preparato per torta al cacao per 5 minuti con il composto di burro e uova. Aggiungere lentamente gli albumi montati a neve.

Versare il composto in una teglia con fondo staccabile (26 cm) ricoperta con carta da forno. Cuocere in forno a 170° C per 45-50 minuti. Controllare la cottura con l'aiuto di uno stuzzicadenti. Lasciar raffreddare su una griglia per dolci.

Scaldare leggermente la marmellata di albicocche e frullarla. Tagliare la torta in due strati con l'aiuto di un coltello e ricoprire lo strato inferiore con la marmellata.

Suggerimento: Per verificare che la glassa versata non sia troppo liquida, fare una prova sulle labbra con un cucchiaino: il cioccolato dovrebbe essere leggermente freddo al contatto con le labbra. La torta può essere conservata per qualche giorno in frigorifero ed è ottima anche da freezer. La torta Sacher si serve con panna montata.

150 g di burro morbido 6 uova 300 g di Schär Preparato per torta al cacao 200 g di marmellata di albicocche 200 g di glassa di cioccolato fondente 20 g di grasso di cocco pezzetti di cioccolato per decorare

Tempo di preparazione: 70 min. | Tempo di cottura in forno: 45-50 min.

per la decorazione: 400 ml di panna da montare 1 bustina di vanillina 1 bustina di pannafix (senza glutine) 100 g di scaglie di cioccolato fondente 16 ciliegie

5 uova 275 g di Schär Preparato per torta al cacao 1 bicchiere di amarene (750 g) 4 cucchiai di amido di mais 4 cucchiai di liquore alla ciliegia 400 ml di panna da montare 1 bustina di vanillina 1 bustina di pannafix (senza glutine)

Ingredienti

Tempo di preparazione: 60 min. | Tempo di cottura in forno: 30 min. | Tempo di riposo: 3-4 ore

Preparazione

80 min.

Ingredienti

A

per l'impasto: 220 g di Schär Mix Dolci - Mix C 80 g di farina di grano saraceno 100 ml di latte tiepido, 30 g di burro fuso 1 uovo, 50 ml panna 10 ml di grappa (a piacere), 1 presa di sale per la farcitura: 2 mele o pere, succo di 1 limone 30 g d'uva passa, 10 ml di rum 50 g di semi di papavero macinati 80 g di miele 100 g di formaggio fresco tipo ricotta 30-40 g di Schär Pan Gratí Olio o grasso di cocco per friggere zucchero a velo per spolverare Suggerimento: Una variante per la farcitura può essere la marmellata.

65 min.

TORTA SACHER

Montare le uova fino ad ottenere un composto chiaro e cremoso. Aggiungere lentamente il Preparato per torta al cacao. Versare l'impasto in uno stampo apribile ricoperto con carta da forno. Cuocere in forno a 175° C per 30 minuti. Verificare la cottura. Lasciar raffreddare la torta su una griglia. Mettere da parte 16 ciliegie. Versare le restanti ciliegie in una casseruola e portare a cottura. Mescolare l'amido con un po' di succo freddo e aggiungerlo alle ciliegie. Portare a ebollizione continuando a mescolare. Lasciar raffreddare. Posizionare lo strato inferiore della torta su una teglia per torte e bagnare con il liquore di ciliegia. Fissare un anello per torte alla base. Versarvi le ciliegie e lasciar raffreddare. Nel frattempo, montare la panna con vanillina e pannafix e stenderla sul composto di ciliegie. Posizionare il secondo disco e lasciar riposare per 3-4 ore o tutta la notte in un luogo freddo. Montare la panna restante. Farcire la torta all'esterno con la panna. Decorarla con le scaglie di cioccolato. Con una tasca da pasticciere decorare i bordi con la panna e le ciliegie avanzate.

Tempo di preparazione: 45 min. | Tempo di riposo: 20 min. | Tempo di cottura in forno: 15 min.

KRAPFEN Preparazione Per la farcitura è consigliabile lasciare in ammollo l'uva passa nel rum per una notte. Per l'impasto, unire il preparato alla farina di grano saraceno, aggiungere il burro, il latte, l'uovo, la panna, la grappa e il sale e mescolare fino ad ottenere un impasto liscio. Coprire e lasciar riposare per circa 20 minuti. Per la farcia, sbucciare le mele o le pere, grattugiarle con una grattugia larga e bagnarle con il succo di limone. Aggiungere l'uva passa, il miele, i semi di papavero e il formaggio fresco. Legare con Pan Gratí e lasciar assorbire. Stendere l'impasto su un piano cosparso di farina. Con una rotellina ricavare dei dischi ovali (ca. 12 x 8 cm). Inserire il ripieno con l'aiuto di un cucchiaio. Inumidire i bordi con acqua o con il tuorlo di un uovo (per farli aderire meglio), formare i Krapfen e premere bene sui bordi della pasta. Eventualmente servirsi ancora della rotellina per ripassare i bordi. Friggere i Krapfen in abbondante olio bollente fino a doratura. Spolverare con zucchero a velo e servire ancora caldi.

TORTA DI GRANO SARACENO

A

Suggerimento: Questa torta tipica dell'Alto Adige viene servita generalmente con panna montata ed è ideale in accompagnamento ad una tazza di caffè o tè.

200g di farina di grano saraceno 50g di Schär Mix Dolci – Mix C 250g di mandorle grattugiate 16g di lievito in polvere 8g di vanillina 250g di burro 6 uova 250g di zucchero 1 bicchiere di marmellata di mirtilli rossi, zucchero a velo

Ingredienti

Tempo di preparazione: 20 Minuten | Tempo di cottura in forno: 45 Minuten

Preparazione In una ciotola, mescolare la farina con le mandorle, il lievito e la vanillina. Montare a neve 6 albumi con 100 g di zucchero. Mescolare i 6 tuorli con 150 g di zucchero fino ad ottenere una schiuma, sbattere con una frusta per impasto il composto di farina e mandorle e successivamente versarvi lentamente gli albumi montati a neve, aiutandosi con una forchetta. Imburrare uno stampo apribile (20-24 cm) ed eventualmente cospargerla con un cucchiaio di Schär Mix Dolci – Mix C, versare l'impasto e livellare. Cuocere in forno a 180° C (170° C se ventilato) per 45-50 minuti. Verificare la cottura con l'aiuto di uno stecchino. Lasciar raffreddare, tagliare la torta al centro e farcirla con i mirtilli rossi. Cospargere di zucchero a velo. Tempo di preparazione: 20 minuti Tempo di cottura in forno: 45 minuti

Lasciar sciogliere lentamente la glassa a bagnomaria (a temperatura non troppo alta). Aggiungere il grasso di cocco sciolto. Ricoprire il dolce con la glassa e decorare con i pezzetti di cioccolato.


@ Schär

SCHÄR S CHÄR CHÄ HÄR

CLUB www.schaer.com

www.schaer.com

OLTRE 70.000 UTENTI DA 150 NAZIONI

Ci prendiamo cura di te. Anche online Fondato nel 2009, oggi lo Schär Club conta piú di 70.000 membri provenienti da oltre 150 Paesi – e ogni giorno se ne aggiungono di nuovi. È il luogo ideale per leggere, chiacchierare, scambiare ricette o esperienze di viaggio, ma anche gioie e dolori... In breve: la piattaforma dedicata all'alimentazione senza glutine piú grande al mondo ha molto da offrire! Proprio nel momento in cui la redazione di YourLife si muove spigliata attraverso le innumerevoli pagine della rete alla ricerca di offerte, ricette, articoli su diversi temi e molto altro, lo Schär Club conta esattamente 72.146 membri provenienti da 150 Paesi. E mentre voi leggete questo articolo, migliaia di nuovi membri entrano a far parte di questa vivace piattaforma: perché ciò che rende speciale lo Schär Club è la sua capacità di creare una rete diretta tra soggetti affetti da celiachia sparsi in tutto il mondo. Queste persone possono entrare in contatto tra di loro e parlare di servizi e offerte. Il Club si fa anche portavoce dei desideri dei consumatori, i cui commenti non solo sono visibili pubblicamente, con possibilità di risposta, ma rappresentano anche un prezioso stimolo per l'ulteriore miglioramento dei nostri prodotti e della nostra offerta. WE CARE – CON IL VOSTRO SOSTEGNO! Una storia comune lega quasi tutte le persone che entrano numerose a far parte dello Schär Club: da un giorno all'altro loro stessi o un membro della loro famiglia hanno dovuto confrontarsi con una nuova realtà, quella di dover seguire da allora in poi una dieta senza glutine. Dopo la diagnosi del medico e dopo aver discusso con gli esperti nutrizionisti di tutti i dubbi relativi alla nuova vita con la celiachia, queste persone iniziano una “nuova vita”, che porta con sé tutta una serie di nuovi quesiti: perché il pane senza glutine che preparo io diventa duro come un sasso? Cosa cucino oggi per

variare un po' la mia dieta? Dove posso trovare questo o quel prodotto? Se vado all'estero devo portare con me i miei alimenti? Fedeli al nostro motto “we care – ci prendiamo cura di voi”, attraverso lo Schär Club cerchiamo proprio di fornire un supporto ai celiaci su questi punti – attraverso servizi, articoli, e naturalmente attraverso risposte ad hoc per queste e molte altre domande. Ma sono anche i nostri numerosi utenti a rendere la piattaforma così popolare: con i loro costanti commenti a prodotti e ricette, e grazie alla vastità della community, trovano direttamente le risposte alle domande piú dettagliate, ad esempio se questo o quel prodotto è disponibile in un determinato punto vendita.

per leggere le informazioni e i consigli di cucina di Oscar oppure inserire attivamente dei commenti come user della community, partecipare alle discussioni dello Schär-Café o inviare notizie private ai loro “amici” in tutto il mondo. Questi amici della Chat & Co. utilizzano anche altri social network come Facebook, dove sono attivi 5.000 utenti ogni settimana. Qui Schär conta 180.000 commenti ogni mese, e anche altri utenti di Facebook, 10.000 in totale, hanno commentato con: Mi piace!

AMICI IN TUTTO IL MONDO Il grande interesse per lo Schär Club, al quale oggi si aggiungono oltre 100 nuovi user ogni giorno, è senza dubbio da ricondursi alla sua capacità di favorire l'incontro tra persone aventi interessi affini che “nella vita reale” probabilmente non si incontrerebbero mai. Lo Schär Club cerca anche di puntare su qualcosa di davvero particolare, proprio lì dove finisce il lavoro di medici ed esperti: gestire la quotidianità con la celiachia. Ma sono probabilmente anche l'interazione tra le informazioni riguardo ad una vita senza glutine e i contributi vari e molto personali della community a rendere quest'ultima così numerosa. E non da ultimo, lo Schär Club si distingue anche per la sua attenzione per la sfera privata dei propri membri: questi possono scegliere se entrare nel club solo

30 anni Schär

yourlife 25


Speciale

30 anni Schär Calze da tennis

E.T.

Le calze che ballano il rock!

Telefono casa…

Accanto a colori accesi, spalline imbottite e permanente sono probabilmente la star assoluta dei peccati di moda di tutti i tempi: le calze da tennis bianche. Impreziosite da due o, meglio ancora, tre strisce colorate decorate a maglia, si nascondevano in tutte le scarpe da ginnastica – persino quelle che Michael Jackson indossava nel video cult “Thriller”.

Assalto alle casse del cinema: il tenero extraterrestre che approda per sbaglio sulla terra e stringe amicizia con Elliot, un ragazzino di dieci anni, diventa l'alieno piú famoso nella storia del cinema. Con il film per famiglie del 1982 dedicato ai temi dell'amicizia e della tolleranza, Steven Spielberg batte ogni record: la pellicola E.T. incassa 800 milioni di dollari in tutto il mondo.

Walkman

Due pulci nelle orecchie Un bel giorno fu possibile andare a letto la sera per ascoltare la musica indisturbati o ignorare semplicemente ed efficacemente i consigli educativi della vecchia generazione: era nata l'era della musica portatile con cuffie, l'era del walkman – lo status symbol dei giovani per antonomasia. E nella scatoletta metallica con una grossa doppia D sul coperchio la buona vecchia musicassetta canticchiava “dreams are my reality”. Bei tempi!

Schär Big Moments

1982 per la prima volta

arrivano sul mercato prodotti privi di glutine

1985

iniziano i lavori di costruzione della nuova sede dell’azienda a Merano – subito dopo la Dr. Schär inizia a produrre in proprio alimenti privi di glutine.

26

yourlife

30 anni Schär


Speciale

Gli anni '80 Berlino 1989

Cade il muro. Chi si trovò da un lato e dall'altro della Porta di Brandeburgo il 9 novembre 1989 ebbe davvero l'impressione di trovarsi in un film. Molti berlinesi rimasero attoniti ad osservare l'immagine del crollo di un muro che per 28 anni aveva separato l'Est dall'Ovest, diviso la Germania e segnato l'inconciliabilità di due diverse ideologie.

Michael Jackson

Il cubo di Rubik

The king of Pop

Ci vuole solo pazienza!

Un artista da record, una musica che ha segnato intere generazioni, ancora oggi considerato il simbolo dell'industria dell'intrattenimento degli anni '80: è Michael Jackson, il Re del Pop. Nessuno come lui ha saputo muoversi così abilmente tra genio musicale e baratro umano. Canzoni come “Billie Jean” e “Thriller” (che è anche l'album piú venduto della storia) ancora oggi ci fanno ballare.

La definizione “Cubo magico” nasce dall'impossibile sfida matematica lanciata dai produttori del “gioco dell'anno 1980” ai loro clienti o forse dalla sua forza d'attrazione magica? In tantissimi spendevano tutto il loro tempo libero alle prese con il cubo inventato dal professore ungherese di architettura Ernő Rubik. E voi quante facce siete riusciti a ricomporre?

11986 Dr. Schär

a assume Marika, la p prima consulente d dietista che, fra l varie altre le m mansioni, svolge a anche un servizio d consulenza di t telefonica.

1988 la gamma si

amplia sempre di piú: arrivano sul mercato anche biscotti e snack.

30 anni Schär

yourlife 27


Speciale

30 anni Schär Piercing

I Simpson

Una provocazione del passato

Homer incontra lo humour La famiglia gialla cult americana che dal 1989 conquista con uno humour genuino. Spesso copiati, senza successo, sempre pronti a stupire e ancora inspodestabili dopo decenni di successi ininterrotti. Non è affatto da escludere che i nostri nipoti imprecheranno insieme a Homer, strilleranno in compagnia di Marge o ciucceranno il succhiotto con Maggy...

Si infilano nelle sopracciglia, nel naso e sulla lingua, sotto le labbra, sui capezzoli e sull'ombelico, a volte persino piú in basso: sono i piercing, disponibili in ogni dimensione, forma e colore. Quello che oggi è moda e semplice gioiello, 20 anni fa era ancora una pura provocazione. Chi indossava del metallo negli anni '90 era almeno un po' da temere.

Telefono cellulare

La conversazione mobile Non è uno scherzo: chi portava con sé un telefonino negli anni '80 (grande come una valigia, pesante come un mattone e dotato di un'antenna pieghevole assurda per i nostri tempi) non era un pioniere, ma un matto. E tuttavia quest'oggetto è arrivato ad essere un compagno indispensabile. Fino ad apparire vecchio, con l'introduzione dell' iPhone.

Schär Big Moments

1990 Dr. Schär presenta il primo

catalogo che contiene circa 20 prodotti. Dr. Schär mette a disposizione un numero verde per i conumatori.

1992 inizia l’esportazione degli prodotti di Dr. Schär in altri Paesi europei. Le prime miscele da forno della Schär - il Mix A e il Mix B – arrivano sul mercato

28

yourlife

30 anni Schär


Speciale

Gli anni '90 Tamagotchi

Cura digitale degli animali Alla ďŹ ne degli anni '90 il piccolo ovetto colorato giapponese con pulcino digitale integrato si è diffuso in tutto il mondo. Quasi nessun bambino ha rinunciato ad occuparsi del proprio Tamagotchi come se fosse un animale domestico reale. Nessuna meraviglia allora se moriva perchĂŠ non veniva accudito a regola d'arte.

Pretty Woman

Vivere una favola Un ďŹ lm cult con attori cult che ha segnato un'epoca per tutti i ďŹ lm d'amore che sono venuti dopo. E anche se ad oggi il segreto del suo fascino non è ancora del tutto chiaro, la chimica tra Julia Roberts e Richard Gere ha funzionato e li ha resi una delle coppie piĂş belle del cinema degli anni '80 e '90.

1997 entrano nell’assortimento le tortine  ()          1 *           

    

      

     

 

  "  3 >=3.+5$  (? %&'( 

   !"#$

  

  



Magdalenas e le brioches. Nel mese di maggio la Dr. Schär ottiene la CertiďŹ cazione ISO 9001, che sarĂ la prima di una lunga seria di certiďŹ cazioni.

9       

 

( 8 +&>=,./,*   

#   

 + &>33,+.( 

 1.+.5,6. 4     +332 0    1-2 -.++ !1-+ 

             

             

-../ ! (+,   (        ) *



     

  

 

   

 

  

 



#        7              *)1= # 

#  6 7#:;23/<;+ #1668889   

# "  !"  

$% &

' # 

   

1996 il 28 maggio

la Dr. Schär si sposta nella nuova sede aziendale a Postal.

30 anni Schär

yourlife 29


Speciale

30 anni Schär Harry Potter

i-pod

La magia che incanta…

Go for it!

“Bambini assaltano le librerie” e titoli di giornale simili scuotono le convinzioni di esperti pedagoghi riguardo allo scarso amore per la lettura dei giovani. Il colpevole è l'eroe Harry Potter, personaggio di Joanne K. Rowling che insieme ai suoi migliori amici Ron ed Ermione entra in guerra contro il cattivo Lord Voldemort. Le loro storie di magia, amicizia, coraggio e lealtà affascinano giovani e adulti.

Dopo che nel febbraio 2001 Jon Rubinstein ebbe presentato il suo piccolo disco fisso da 1,8 pollici, ci fu una vera e propria rivoluzione. Nello stesso anno approdò sul mercato il primo i-pod da 5 GB. Alla fine del 2007 la Apple annunciò la vendita di 110 milioni di pezzi di questo nuovo apparecchio per ascoltare la musica amato in tutto il mondo, che rese il bianco il nuovo colore moda del decennio.

9/11

Nine-Eleven Ancora oggi molti di noi ricordano bene dove si trovavano quando appresero la notizia dell'attacco terroristico piú grave nella storia del mondo. Il 11 settembre 2001, in 1 ora e mezza 19 kamikaze dirottarono 4 aerei verso il World Trade Center e il Pentagono, l'ultimo si schiantò al suolo nei pressi di Pittsburgh. Nell'attentato persero la vita almeno 2970 persone.

Schär Big Moments 2000

in marzo la Dr. Schär vanta oltre 2000 punti vendita in tutt‘Europa.

2003 in aprile il team

a di ricerca e sviluppo della Dr. Schär si trasferisce e sposta la propria sede k presso l‘Area Science Park di Trieste.

2004 su Internet

a compare per la prima a volta Milly – dapprima sulla homepage della Schär – proponendo giochi e ricette

30

yourlife

30 anni Schär


Speciale

Dal 2000 ad oggi Flip Flops

Infradito Queste calzature della famiglia delle infradito sono in realtà sorpassate. Perché se le si guarda bene, sono la copia dei sandali che indossavano gli Egizi migliaia di anni fa. Ma questo a chi interessa? Comode e chic, queste ciabattine multi-color devono il loro nome al flip-flop ritmico che riecheggia quando si indossano.

Euro

Il caro euro… Il 1° gennaio 2002 per la prima volta i bancomat emisero la tanto attesa nuova valuta. Qualche ora piú tardi i collezionisti si erano già scambiati questa o quella moneta “straniera”. In questi anni anche altri paesi come la Slovenia hanno acquisito lo status di idoneità all'Euro e oggi sono 17 i Paesi che condividono le gioie e i dolori della "cara" moneta comune.

2010 201 20

in marzo la Dr. Schär costituisce un co comitato scientifico internazionale i cu ui o cui obiettivi sono quelli di sostenere lo s sca scambio scientifico ed aumentare la sen ns sensibilità per la celiachia.

2005 in settembre

arriva sul mercato il pane casereccio – oggi il prodotto piú venduto del marchio Schär.

2007

viene proposto il primo panino semicotto (tecnologia half baked): in maggio inizia la vendita della ciabatta. La Dr. Schär inizia ad esportare negli Stati Uniti. 30 anni Schär

yourlife 31


FAQ

Siamo tutt’orecchi! Sempre a vostra disposizione. Sempre pronti ad ascoltare i desideri, i suggerimenti e le domande dei nostri clienti e dei lettori di YourLife. In questo numero di YourLife, Dolores e Daniela rispondono alle domande che i collaboratori del nostro servizio consumatori ricevono piú frequentemente dai nostri clienti.

1. CHE COSA DEVO FARE PER RICEVERE IL PACCHETTO DI BENVENUTO? Inviamo con piacere alle persone che hanno appena ricevuto la diagnosi di celiachia il nostro pacchetto di benvenuto con una selezione di campioni dei nostri prodotti. Dal vostro esperto nutrizionista riceverete una cartolina da compilare e inviare a Dr. Schär. Per rendere la procedura ancora piú rapida, potete semplicemente inserire il codice personale della cartolina sulla nostra home page. Se il vostro esperto nutrizionista di riferimento non ha cartoline disponibili, potrà richiederle direttamente a noi. 2. I VOSTRI PRODOTTI SONO ANCHE SENZA LATTOSIO E SENZA UOVA? I nostri prodotti sono tutti senza glutine e molti di essi sono anche senza lattosio e senza uova. La dicitura “free from” e il simbolo corrispondente riportati sulla confezione vi consentono di vedere al primo sguardo se un prodotto è realizzato senza allergeni provenienti dallo zucchero del latte, mentre la dicitura “senza aggiunta di” uova indica l’assenza di uova tra gli ingre-

32

yourlife

30 anni Schär

dienti del prodotto. Troverete informazioni dettagliate a riguardo anche alla voce “Prodotti senza glutine” sul nostro sito Internet www.schaer.com Le etichette prodotti in un colpo d’occhio: Free from: La dicitura "free from" indica che il prodotto non contiene l'allergene specificato. Contrassegniamo l’assenza degli allergeni glutine, frumento e lattosio con "free from".

3. QUAL È CONCRETAMENTE LA DIFFERENZA TRA LA DICITURA ”FREE FROM” E “SENZA AGGIUNTA DI”? Se sull’etichetta di un prodotto compare, per esempio, la dicitura “free from lattosio”, questo significa che il prodotto è stato testato per verificare che questo non contenga lattosio. Attenzione però: il lattosio non è la stessa cosa della caseina!

"Poter essere d'aiuto é una soddisfazione personale." Dolores

Senza aggiunta di: Questa dicitura si riferisce agli ingredienti di un prodotto e specifica se questo contiene latte, uova o soia. Non siamo in grado di escludere del tutto contaminazioni incrociate involontarie tra gli alimenti, ossia eventuali tracce di latte, uova o soia.

Dolores


FAQ

La dicitura “Senza aggiunta di latte’’ significa invece che tra gli ingredienti non è stato utilizzato latte. Ciò nonostante, non è possibile escludere del tutto la presenza di tracce minime di latte (per esempio di caseina). 4. QUAL È IL MODO PIÚ CORRETTO PER CONSERVARE IL PANE SCHÄR? L’ideale sarebbe conservare il pane in un sacchetto per il freezer o in un contenitore di plastica e riporlo in frigorifero. Così si manterrà incredibilmente fresco. Se si desidera che il pane mantenga la sua freschezza per piú di tre o quattro giorni, è ovviamente possibile congelarlo. 5. CHE TIPO DI LIEVITO UTILIZZATE PER I VOSTRI PRODOTTI? Per i nostri prodotti utilizziamo un lievito naturale, estratto dalle cellule vive del fungo saccharomyces cerevisiae. 6. COME POSSO REGISTRARMI AL VOSTRO SCHÄR CLUB? LA REGISTRAZIONE È GRATUITA? La registrazione allo Schär Club è ovviamente gratuita! Sul nostro sito www.schaer.com troverete sulla destra un box rosso dal titolo Schär Club. Basterà fare clic sul pulsante “Nuova registrazione?” e compilare il modulo. I campi contrassegnati con l’asterisco sono obbligatori. Per terminare la procedura, fate clic sul pulsante “Registrazione” in fondo al modulo. Per confermare la registrazione, riceverete infine un’e-mail con un link di conferma: sarà sufficiente fare clic sul link per concludere la registrazione.

7. È POSSIBILE ORDINARE I PRODOTTI DIRETTAMENTE DA VOI? Schär consegna i propri prodotti a negozianti e rivenditori in tutto il mondo. Non è prevista una consegna diretta, ma siamo a vostra disposizione per aiutarvi a trovare il rivenditore dei nostri prodotti senza glutine piú vicino a voi. Sulla nostra home page www.schaer.com nella sezione dedicata alle news, troverete un riquadro azzurro con alcuni campi per la ricerca. Qui potrete trovare con estrema facilità tutti i punti vendita Schär in tutto il mondo. 8. È POSSIBILE VISITARE LO STABILIMENTO DI POSTAL? Ci fa sempre piacere ricevere visite e mostrare agli ospiti il nostro stabilimento. Le visite sono però ammesse a partire da gruppi di 20 partecipanti e devono essere organizzate da un’associazione celiaci.

"Le persone apprezzano il nostro servizio." Daniela Nell’interesse della salute dei nostri clienti, il nostro reparto di produzione applica rigide disposizioni in materia di igiene e sicurezza. Per questo motivo non è purtroppo possibile farvi visitare questo reparto in qualsiasi momento. Siamo però a vostra disposizione per fornirvi materiale informativo sulla celiachia e offrirvi campioni gratuiti dei nostri prodotti. 9. QUANDO PREPARO IL PANE, L’IMPASTO NON LIEVITA COME DOVREBBE. CHE COSA SBAGLIO? Per preparare prodotti da forno con la farina senza glutine è molto importante utilizzare la miscela di farina piú indicata per la ricetta. Anche pesare esattamente gli ingredienti e rispettare le proporzioni indicate tra gli ingredienti, è essenziale per la buona riuscita della ricetta. Inoltre, tutti gli ingredienti devono essere a temperatura ambiente. Il liquido da aggiungere all’impasto deve essere sempre tiepido e non deve comunque mai superare i 40 °C. Il lievito fresco deve essere completamente sciolto nel liquido prima che vengano aggiunti zucchero o grassi all’impasto. L’azione del lievito può infatti essere compromessa se entra

Daniela

a contatto con questi ingredienti quando è ancora allo stato solido. Al momento di far riposare l’impasto, lasciatelo a temperatura ambiente o mettetelo in forno, alla temperatura massima di 40°C, facendo attenzione che non lieviti troppo e troppo in fretta. Il suo volume dovrebbe al massimo raddoppiare. Se l’impasto non riesce comunque come desiderate, verificate i seguenti punti: • Il lievito è ancora fresco o la data di scadenza indicata sulla confezione è stata superata? • Avete usato troppo lievito? • L’acqua utilizzata per sciogliere il lievito era troppo calda o troppo fredda? • L’impasto è stato lavorato troppo o troppo poco? • Al momento di far riposare l’impasto, l’avete lasciato a temperatura ambiente? • La temperatura del forno era troppo bassa? 10. QUAL È LA FARINA PIÚ ADATTA PER LE VARIE RICETTE (P.ES. DOLCI, BISCOTTI, PASTA...)? Per ottenere i risultati migliori anche a casa, Schär ha sviluppato farine speciali per i diversi impieghi. Vi consigliamo di adoperare la farina consigliata nella ricetta per avere una cottura perfetta ed essere sicuri che il vostro piatto avrà un gusto unico! Utilizzate, per esempio, il Mix Pane per preparare pane, pizze e impasti lievitati di ogni tipo. La farina piú indicata per torte e biscotti è il Mix C. Per il pan di spagna vi consigliamo di utilizzare invece il Mix A, che contiene già zucchero e polvere lievitante. La nostra farina Schär sarà perfetta per preparare pasta, impasti a base di patate, crêpes e per legare le salse. Per sfiziose idee in cucina, visitate lo Schär Club: troverete circa 700 ricette senza glutine. Buona riuscita e buon appetito! 11. QUALI PRODOTTI NON CONTENGONO MAIS? L’impiego di mais e riso come ingredienti base è primario per la produzione di alimenti senza glutine. Senza l’utilizzo di mais non sarebbe possibile realizzare un assortimento così vario di prodotti.

NUMERO VERDE Italia: Svizzera:

800 84 70 81 0800 83 71 07

30 anni Schär

yourlife 33


Milly

Milly, la piccola avventuriera La piccola libellula vi accompagna attraverso la sempre piú ampia gamma di prodotti Schär. Milly è per tutti un esempio vivente di come possa essere facile la vita dei celiaci, grazie al grande assortimento di alimenti senza glutine. Nulla la disturba nelle sue avventure. Ora Milly compie otto anni. Tanti auguri di buon compleanno, piccola libellula!

200 8

Milly sa

vola re

2011 La canzone di M Milly ililly lyy

D nz 10 Da 010 20

2004

C’ERA UNA VOLTA... In principio Milly era sola soletta. La sii poteva trovare sulle confezioni di alcunii prodotti del marchio Schär, con le sue alii leggere e il grande cappello. Se fuori c’era a Milly, non c’era glutine dentro. Questo vale e ancora oggi. Tutti i fan di Milly possono o esserne certi e potranno esserlo sempre.. Quando è nata, Milly teneva in mano una a lente d’ingrandimento. Come tutte le per-sone celiache, la piccola libellula guarda a attentamente ciò che mangia. Proprio o come voi, sa che talvolta il glutine si nasconde con particolare ostinazione negli alimenti che ci vengono offerti. E come voi, anche Milly impara a valutare con sempre maggiore attenzione dove potrebbe nascondersi il glutine. Come voi, Milly è decisamente abile nel cercare, riconoscere e ricordare gli ingredienti dei vari cibi.

ali leggere. Ma la trasformazione non era finita. Ora Milly ha dei bei riccioli che le cadono sulle spalle da sotto il cappello rosso e una collana con grandi perle dello stesso colore. Il sonno profondo ha reso la piccola libellula curiosa nei confronti del mondo che ora scopre attorno a sé.

MILLY IMPARA A VOLARE

LA PICCOLA AVVENTURIERA

Un giorno la piccola Milly è caduta in un lungo sonno delle libellule, adagiata su un morbido letto. Al suo risveglio, era meravigliata di vedere in quale splendido calice si fosse assopita. La ninfea rosa ha aperto dolcemente i suoi petali, Milly è uscita, ha ringraziato gentilmente il fiore ed è volata via. Sì, ora Milly sapeva volare con le sue

Milly ha iniziato subito a girare il mondo, vivendo un’infinità di avventure. Schär la accompagna in ogni suo viaggio. “Grazie a una serie di fumetti pubblicata tre volte l’anno, potete curiosare nel colorato mondo di Milly in compagnia della piccola libellula.” pubblicata ONLINE tre volte l’anno.

2011 Il mio compleanno

2003

Talvolta accadono fatti davvero avvincenti. Milly viaggia in auto, con lo skateboard, e nel corso di questi viaggi incontra i tanti abitanti del suo mondo. La cosa piú bella, però, è stata l’incontro con il suo migliore amico. Billy, la piccola e audace libellula, da allora affianca fedelmente Milly durante le sue avventure. IL PONTE ROSICCHIATO

34

yourlife

30 anni Schär

Alcuni di voi ricorderanno ancora le emozionanti avventure di Milly. Ad esempio quella volta in cui, durante un temporale, la vecchia quercia è stata abbattuta dal forte vento ed è caduta proprio sul piccolo ruscello. Il grande tronco della quercia bloccava il corso dell’acqua, mi-


Milly IL BALLO DI MILLY Ma che felicità! Bambini, ma che bella sorpresa! Probabilmente sapete già che quest’anno Schär compie 30 anni. Ebbene: per festeggiare al meglio questa ricorrenza, Schär ha pensato di far felice Milly registrando di nascosto una divertente canzoncina con un coro scolastico e girando un video per il pezzo. Avreste dovuto vedere la faccia di Milly quando ha scartato il suo regalo! Per la gioia, Milly ha deciso di condividere con voi il suo regalo di compleanno: una bella canzone da cantare tutti insieme, con cui mettere alla prova le vostre abilità in un fantastico karaoke. E in piú, Milly vi mostrerà il suo nuovo ballo, così potrete danzarlo insieme a lei al prossimo evento Schär! Nel frattempo, perché non iniziate a impararlo? E un-due-tre, un-duetre.. Pronti? Via! All’indirizzo Internet www.123milly.com troverete la nuova canzone di Milly che, ovviamente, vi mostrerà anche il suo nuovo divertentissimo ballo. Ecco qui il testo per cantare insieme a lei:

y zare sul ghiaccio con Bill 2005

IL BALLO DI MILLY

nacciando di allagare il mondo di Milly. “Che fare?”, si sono chiesti Milly e Billy quando hanno capito che neppure 1.000 libellule sarebbero state in grado di smuovere la quercia dal ruscello. Milly è un vulcano d’idee e, insieme a Billy, è andata alla ricerca della famiglia di castori. Ma la loro casa era già stata trasportata via dall’acqua che invadeva ogni cosa. I due hanno trovato i castori in una grotta nascosta dietro la cascata. Si sentivano come rinchiusi in gabbia e soprattutto i piccoli castorini erano molto affamati. Milly e Billy hanno condotto la famiglia al sicuro alla vecchia quercia. Che buon pranzetto! I castori si sono cibati a sazietà della quercia e hanno rosicchiato il tronco con tanta abilità da formare un ponte. IL SALVATAGGIO DELLA FORMICHINA Milly, sempre vigile e attenta, deve continuamente ricordare al suo amico Billy e a tutti gli altri amici la sua intolleranza. Come quella volta in cui ha salvato la formichina e la formica regina le ha donato un gustoso chicco di cereale per ringraziarla. Milly ha rifiutato con fermezza, seppur cortesemente. Preferiva sicuramente un pezzetto del trono della

formica regina, la quale sedeva su una pannocchia di mais trasformata in sedile. Milly ha così ricevuto dalla regina un chicco di quella prelibatezza senza glutine.

Pim pim pum, piri piri pum! Pim pim pum, piri piri pa!

BUON COMPLEANNO, MILLY

Il ballo di Milly il ballo tra-la-la saltella sui piedi e girati di là.

Milly ha vissuto tante altre storie nel suo piccolo mondo. E tante nuove storie vi aspettano in futuro. Oggi, però, è tempo di fare gli auguri.

Batti le tue mani e corri fin laggiù vola sui fiori e cerca quello blu.

Milly festeggia infatti il suo compleanno: otto anni. Potete festeggiare con Milly sul suo sito web. Tutti i fan, gli amici e le amiche sono caldamente invitati alla festa di compleanno. Milly non viene festeggiata soltanto nella nuova serie di fumetti. Sul sito www.123milly.com troverete anche giochi e indovinelli, con Milly e il suo mondo come protagonisti. Schär ha pensato a un regalo di compleanno decisamente particolare per Milly: una canzone, la nuova canzone di Milly. Potete ascoltarla sul sito Web di Milly e, se sarete fortunati, potrete incontrare la mascottina Milly in carne ed ossa durante una festa organizzata da Schär: Milly canterà la sua canzone per voi.

Pim pim pum, piri piri pum! Pim pim pum, piri piri pa!

Tanti auguri di buon compleanno, Milly, da tutti noi di Schär!

Il ballo di Milly il ballo tra-la-la allarga le braccia e guarda qui e là. Pesta con i piedi e mangiati uno snack grattati la pancia e chinati piú giù. Pim pim pum, piri piri pum! Pim pim pum, piri piri pa!

30 anni Schär

yourlife 35


Milly

Cerca nella foto:

trovi le cose che non vanno? Ahi!! Nell’ archivio qualcosa non è andato per il verso giusto … Nella foto a destra si sono infilati 10 errori – li riesci a vedere?

Labirinto: dov’è il mio amico Billy? Mi aiuti ad orientarmi nel labirinto per riuscire a trovare Billy?

ATTENZIONE! Ora trovi la mia avventura anche su Internet. Inviami il tuo indirizzo e-mail e le mie storie “atterreranno” nella tua casella di posta! 36

yourlife

30 anni Schär

“Scrivimi”

www.123milly.com


Milly

Grazie per averci colorati in maniera cosĂŹ variopinta!


(Come) appena uscito dal forno del panettiere! E quando è il vostro giorno del pane?

Niente ha un profumo ed un N n sa sapore piú buono del pane e it d o appena uscito dall fforno!! Ecco perché siamo molto lieti di potervi presentare finalmente la nuova genera-zione di pane della casa Schär. L’aspetto piú particolare al riguardo è il fatto che una volta alla settimana e forniamo pane privo di glutine - preparato con grande o cura dai nostri esperti panificatori a Postal - nell vostro no punto vendita di fiducia. Vi siete giá informati sul giorno della settimana il vostro punto di vendita mette a disposizione il pane appena sfornato?

La freschezza in tavola Il pane, elemento principale della dieta mediterranea, a,, dà il massimo del suo sapore unico ed inconfondibile le quando è freschissimo. Il “Pan del forno” unisce tutti i vantaggi del migliore pane fresco appena uscito dal forno. Le fette tagliate particolarmente grandi e morbide danno il massimo del loro sapore dall’apertura della confezione. Non è necessario tostarlo. Per consentirvi di godere il piacere di un pane naturale particolarmente genuino lo abbiamo messo a punto o consapevolmente con una scadenza particolarmente corta, di soli 40 giorni. 38

yourlife

30 anni Schär

Godersi il piacere del pane in maniera sana! Già da molti anni la Schär investe nella ricerca e nello sviluppo di una nuova generazione di pane – in tale contesto abbiamo fatto vari test e provato nuovi ingredienti. Il “Pan del forno” viene prodotto utilizzando tipi di cerali privi di glutine di qualità particolarmente alta: il miglio non ha solo un sapore dolce e delicato, ma contiene anche sostanze minerali e proteine di importanza vitale per l’uomo. La quinoa si distingue particolarmente per il suo elevato tenore di aminoacidi essenziali, vitamine e sostanze minerali. La speciale pasta madre rende il pane particolarmente digeribile e lo mantiene fresco – finché non fate di nuovo rifornimento!

Nuovo pane – nuove abitudini Con che frequenza fate i vostri acquisti di prodotti privi di glutine? A partire da subito potete prendervi una nuova abitudine: infatti ora una volta alla settimana forniremo i punti di vendita con pane Schär appena sfornato! Approfittatene fin da subito - infatti è appena sfornato che il pane dà il massimo del suo sapore. Godetevi questo sto piacere acere davvero unico!


Ultime novitá

Piadina Piegare, chiudere e gustare! La Piadina porta sul piatto un feeling d’estate. Quando si tratta di preparare qualcosa di gustoso in pochissimo tempo non c’è di meglio che una croccante piadina calda! Buona la versione classica con squacquerone e rucola, ma anche con prosciutto crudo, salame o prosciutto cotto e formaggio, con un'irresisitibile mozzarella filante, una fetta di sc pom pomodoro e una foglia di basilico, questa delizia priva di glutine porta tutta la magia della dieta alimentare italiana sulla vostra tavola! La nuova Piadina Schär - la prima piadina senza glutine venduta sul mercato - con olio extra vergine d’oliva di alta qualità è pronta in soli 3 minuti: scaldarla ed abbrustolirla con un po’ p di olio d’oliva su entrambi i lati in una padella o scaldarla non no on molto a lungo lu nel forno a microonde – metterci il ripieno preferito o – piegare e gustare! Ancora un consiglio per i consapevoli della pro propria opria salute: con c un plus di sostanze non assimilabili questo ottimo o e sano mix a base di grano saraceno e farina di castagne pasto molto equilibrato dal delizioso sapore pieno. vi dà un pas

Preparato per torta al cacao una dolce tentazione con garanzia di riuscita! Ora non vi sono piú scuse … Infatti con il nuovo Preparato per torta al cacao della casa Schär ogni dolce al cioccolato riesce perfettamente - il miglior amico di tutti i bambini e di chi in fondo “è sempre rimasto un bambino” è garantito! Di fronte a questa leccornia anche i palati piú esigenti rimarranno a bocca aperta: a questo mix già pronto per dolce al cioccolato, naturalmente senza glutine e lattosio, vanno aggiunti solo 100 g di burro, 50 ml di latte e 3 uova – detto fatto, questo delizioso dolce può così essere messo in forno. Questo mix a base di farina è ideale per la preparazione di Brownies o specialità di torte, come ad esempio la torta Sacher o la torta alle ciliegie Foresta Nera. A tale proposito abbiamo pubblicato per voi le ricette sul sito www.schaer.com. Un piccolo consiglio per concludere: gli esperti pasticceri consigliano di mescolare fra di loro prima il burro, il latte e le uova e poi di aggiungervi lentamente il mix a base di farina mescolando lentamente!

30 anni Schär

yourlife 39


Ultime novitá

Cerealito Mister muscolo si veste di cioccolato Dolce o salato? Quando dietro la veste di tenero e prelibato cioccolato al latte si nasconde un cuore di preziosi cereali e squisiti pezzetti di mela e mirtilli, non possiamo che trovarci di fronte al nuovo Cerealito di Schär!

Il biscotto ai cereali senza glutine dalla consistenza granulosa con fiocchi di castagne e crusca di soia nasconde moltissime preziose fibre e seduce con un inconfondibile sapore di freschezza. Cerealito si tiene in ogni tasca e piace a tutti, non solo per Halloween, per fare uno spuntino o riacquistare le energie di tanto in tanto, ma è adatto in qualunque momento.

Petit al cioccolato: lo snack super cioccolatoso!

Genuinità e autentica delizia, tutto in uno: Petit al cioccolato, con il suo biscotto leggero e croccante preparato con ingredienti sani e naturalmente senza glutine e il finissimo cioccolato al latte, è assolutamente squisito e assicura rapidamente un pieno di energia nei momenti di massima necessità. Grazie al pratico formato, questa croccante merendina al cioccolato può essere conservata ovunque: in borsa, nello zaino o nel banco di scuola, nel cassetto della scrivania, in un vano portaoggetti, nel cestino della bicicletta, sulla tavola per una colazione veloce… reLo snack dolce, ideale per gli spuntini fuori pasto, viene preparato dai nostri maestri fornai esclusivamente con ingredienti senza glutine scelti e il 53% di pregiato cioccolato al latte della Costa d’Avorio, ovviamente senza grassi idrogenati, coloranti né conservanti e senza aggiunta di aromi artificiali.

40

yourlife

30 anni Schär


Ultime novitá

Pizza DS Bella Italia Prosciutto e Funghi: semplicemente irresistibile! s La gustosa famiglia DS arricchisce il menu delle pizze. A partire da subito alla Pizza Bella Italia Salame ed alla classica Pizza Margherita si aggiunge la Pizza Prosciutto Funghi! Il s segreto di Bella Italia Prosciutto e Funghi è una base leggera, sapientemente cotta su pietra fino a rendere il bordo croccante al punto giusto, tem una ricca farcitura di pomodoro, un tocco di profumato origano, tanto un prosciutto cotto ed i funghi adagiati sulla bianca mozzarella filante. Il risulpro tato è una squisita pizza priva di glutine tutta da gustare! E siccome per tat noi il Buono DS non è "mai abbastanza buono" e la nostra n no maggiore priorità è la vostra m ma ra a salute, sa u e, la a Pizza a Bella ea IItItalia ta Prosciutto e Funghi è senza grassi idrogenati, senza aggiunta idr a di esaltatori di sapore e senza coloranti tor o oranti né aromi.

Una mini pizza – un grande sapore! Siete di fretta? Ok! Poco tempo a disposizione ed un grande de appetito sono gli ingredienti ideali per assaporare davvero ro appieno la Mini Pizza Bella Italia della DS. Piccola e pratica ca nel formato, la potete cucinare in un baleno nel forno ed ora ra persino nel tostapane. Va semplicemente tirata fuori dal conngelatore, lasciata scongelare per 10 minuti e – come meglio lio preferite – lasciata tostare per 7-8 minuti nel tostapane o nel forno che avrete precedentemente preriscaldato. La nuova Mini Pizza Bella Italia della DS farcita con squisiti siti pomodori e mozzarella è ideale per le feste, come spuntino no davanti alla televisione, come solida “base” durante l’ora dell’a’aperitivo. Il nostro consiglio: la nostra delizia priva di glutine è ideale naturalmente anche quando si hanno ospiti all’ultimo mo momento e per avere subito qualcosa di buono da dare ai bambini quando hanno una fame da lupi.

30 anni Schär

yourlife 41


Ultime novitá

Croissant à la française Oh là là ! Ecco il Croissant à la française della DS!

Un piccolo Bistro con i tavolini fuori, l’aria del mattino frizzante e mite. I rumori delle tazze e delle tazzine di caffè che si mescolano al suono di vecchie Chansons à la Edith Piaf che allietano l’orecchio, la cameriera che serve Café au lait e Croissants ai tavolini fuori. Creati rigorosamente secondo le regole della pasticceria francese, i nostri Croissant à la française senza glutine vi portano in tavola il piacere puro e la vera arte del vivere francese. Godetevi questi piaceri così inconfondibilmente francesi... I nuovi Croissant sono ottimi non solo a colazione- con marmellata, crema al cioccolato e ovviamente anche al naturale senza alcun ripieno – ma sono ideali anche durante tutto il giorno. Ad esempio come gustoso spuntino, accompagnati da prosciutto, formaggio, uova o magari una fetta di pomodoro ed una foglia di insalata.

DS Smilies Ham & Cheese: è nata una nuova faccina sorridente! C’era una volta un buonissimo piccolo omino dal bel colorito rosa che si chiamava Signor Prosciutto. Un giorno andò a fare un giro nel mondo dei prodotti privi di glutine per vedere un pò che aria vi tirava. Ad un certo punto si trovò di fronte la Signorina Formaggio, una ragazza semplicemente irresistibile, “pepata“ ma allo stesso tempo delicata, che letteralmente “si scioglieva“ di fronte ai suo sguardi caldi. Si sorrisero a vicenda e si resero conto immediatamente che erano fatti uno per l’altra, per sempre. Per suggellare il loro amore si unirono in una croccante impanatura priva di glutine … … e vennero mangiati ma con grande appetito. Ma questo ai DS Smilies Smilie Ham & Cheese non fece proprio niente – anzi, al contrario, ne furono molto felici: furono felici di essere es una coppia così croccante e deliziosa che non n poteva mancare a nessuna festa e che era particolarmente p gradita dai bambini come ottimo spuntino. Inoltre gli Smilies della famiglia delle squisitezze impanate della DS sono preparati con prosciutto particolarmente abbondante ed uno squisito mix ai 3 formaggi e si lascia cuocere meravigliosamente nel tostapane!

42

yourlife

30 anni Schär


Intervista

Interviste famose per celebrare Dr. Schär Dr. Schär festeggia il suo 30° compleanno! Per l'occasione la redazione di YourLife ha conversato con famosi rappresentanti del mondo senza glutine. Abbiamo intervistato Elisabetta Tosi, presidentessa dell'AIC, sulle impressioni personali e le esperienze con la celiachia negli ultimi 30 anni: sguardi retrospettivi, opportunità di miglioramento e visioni per il futuro relativamente alla vita senza glutine. YL: In base alla Sua opinione, cosa è stato fatto negli ultimi 30 anni nel settore della celiachia? Se parliamo di dieta, in due parole, direi che è “cambiato il mondo”! Dalla condizione di non sapere quali fossero i prodotti senza glutine (non solo le famiglie, ma nemmeno i medici sapevano cosa fosse davvero il prodotto senza glutine) e di non averne disponibilità nel mercato, siamo passati alle condizioni attuali, con una vasta scelta di prodotti, ben al di là degli essenziali e “salvavita” pasta, pane e farina: sia tra i dietetici che nel mercato comune, grazie anche ad una sempre crescente sensibilità dell’industria alimentare, il celiaco dispone di prodotti che rispondono ai modificati stili alimentari della popolazione generale. Negli ultimi 10 anni, poi, l’impegno rispetto all’alimentazione fuori casa senza glutine, ha sensibilmente contribuito a “normalizzare” la vita del celiaco, sebbene su questo fronte ci sia molto da fare ancora. Se parliamo di tutele, in questi anni si è formato il “sistema Italia”, che fa scuola nel mondo: l’erogazione gratuita, il diritto al pasto senza glutine nelle scuole, ospedali e tutte le strutture pubbliche, l’esenzione per la diagnosi ed un quadro normativo sulla regolamentazione della produzione del dietetico senza glutine, che è una garanzia per la sicurezza e la salute degli oltre 110 mila celiaci in Italia. Per questo siamo così preoccupati delle recenti novità che vengono dall’Europa, dove è in discussione la proposta di un regolamento, che , se approvato, azzererebbe il concetto di “prodotto dietetico” in tutta l’Europa e, come un “domino”, potrebbe compromettere un quadro di garanzie che il mondo ci invidia. Abbiamo intenzione di attuare ogni possibile strategia per contrastare tale provvedimento, così come ora si presenta, per la difesa delle tutele così faticosamente acquisite, sia in ambito europeo che a livello nazionale. YL: Ritiene, e se sì in che misura, che l’azienda Schär abbia contribuito al miglioramento della qualità della vita delle persone affette da intolleranza al glutine? Sicuramente Schär ha grande merito rispet-

to al miglioramento della qualità della vita del celiaco: come azienda leader del settore, con la sua esperienza e l’impegno nella ricerca e sviluppo dell’ampia produzione, ha favorito il diffondersi di prodotti innovativi, fungendo da esempio anche per i tanti marchi competitori che via via si sono affacciati a questo mercato. YL: In base alla Sua opinione, quali passi sono ancora necessari per poter diagnosticare al meglio e piú rapidamente la celiachia e come giudica il tasso di informazioni nel Suo paese rispetto al resto d’Europa? Il tema “diagnosi” è una medaglia a due facce: da un lato l’eterno problema, ancora attuale, della ridotta capacità di diagnosi rispetto ai dati di incidenza noti, 1:100, a fronte di un numero di diagnosi in Italia di circa 110 mila casi; dall’altro il paradossale “eccesso di diagnosi” per gli errori ancora troppo frequenti, che spesso portano alla dieta senza glutine soggetti dichiarati celiaci che invece

"Catene internazionali di fastfood possono abbattere steccati del disagio sociale". non sono tali. Due problemi e, a mio parere, una sola soluzione: l’applicazione della L. 123/05 rispetto all’obiettivo della formazione della classe medica, secondo la competenza che la legge affida alle amministrazioni locali. L’assenza di risorse disponibili è causa di un’applicazione disomogenea della norma nel territorio nazionale. Alle eccellenze si alternano contesti del tutto privi di supporto formativo. Le iniziative di AIC nel territorio manifestano sempre un rapporto di causa effetto tra la formazione e la crescita di diagnosi nel territorio. Siamo pertanto convinti che la strada sia questa. YL: All’interno delle quattro mura domestiche, le persone affette da celiachia affronta-

Dott.ssa Elisabetta Tosi

no bene la propria intolleranza. In base alla Sua opinione, cosa deve essere fatto per migliorare l’approvvigionamento di alimenti senza glutine fuori casa, in hotel, ristoranti e in viaggio? AIC ha “inventato” l’Alimentazione Fuori Casa Senza Glutine: dalla fine degli anni ’90 segue l’attività di sensibilizzazione, formazione, aggiornamento e controllo di oltre 2.500 strutture di ristorazione e di accoglienza turistica, che sono promosse attraverso la Guida AIC dei locali senza glutine. La L. 123/05 ha per la prima volta “legittimato” questa attività, che prima della norma, era considerata quasi “illecita” dalle autorità sanitarie. Molto spesso associazioni pazienti, europee e non, ci contattano per avere informazioni e suggerimenti per “esportare” il nostro progetto nei loro paesi. Sogniamo un mondo in cui in qualsiasi ristorante, bar, self service o osteria tutti gli operatori della ristorazione sia in grado di dare un pasto sicuro ai celiaci, continuando però a seguire e stimolare le eccellenze che oggi abbiamo raggiunto: il menù del territorio disponibile in tutti i suoi piatti anche al celiaco e un’accoglienza che garantisca il celiaco. Stiamo lavorando a questo obiettivo attraverso una importante revisione della nostra attività in questo settore. Altro fronte del nostro impegno è rappresentato dal coinvolgimento nel senso glutine delle catene internazionali di fastfood, come MacDonald, che possono abbattere ulteriori steccati del disagio sociale del celiaco. YL: Oggi Schär festeggia i suoi 30 anni. Cosa augura all’azienda per il futuro? Auguriamo a Schär un sempre maggiore sviluppo del mercato, che poi si traduce in maggiore scelta per i celiaci, speriamo minori costi per le famiglie ed il SSN e una uniformità di offerta in Italia e nel mondo, affinchè non ci siano differenze tra le condizioni dei vari paesi e per i celiaci che viaggiano. Auguro a Schär di proseguire l’azione di collaborazione con le associazioni pazienti, che, nel rispetto dei compiti di ciascuno e delle aree di intervento specifiche, può portare sinergie funzionali agli obiettivi di entrambi.

30 anni Schär

yourlife 43


BicjcDUb8Y`:cfbc

GWcdf]]`[]cfbc XY`dUbYZfYgWc

3

AN

E

L

PA

NETTIERE

D

DUbXY`:cfbc‚`UbicjUZfcbh]YfUXY`dUbYUZYhhYdYfW\‚ dfcXchhcc[b]gYhh]aUbUWcb]b[fYX]Ybh]gY`Yn]cbUh]" 8Uc[[]dic][ighUfYUbW\Yhi]`dUbYZfYgWcgYad`]WYaYbhY fYWUbXch]bY`hicdibhcX]jYbX]hU]`[]cfbcX]WcbgY[bU" 7\YUgdYhh]37cff]UgWcdf]fY]`[]cfbcXY`dUbYZfYgWc

GW\}f‚]`b”%]b9ifcdUdYfibUj]hUgYbnU[`ih]bY. ˜ '$Ubb]X]YgdYf]YbnU ˜ `YUXYfbY``Uf]WYfWU ˜ Uad]cUggcfh]aYbhc BiaYfcJYfXY.,$$,(+$,%

˜ [fUbXY[ighc U`h]gg]aUeiU`]h{ ˜ aUhYf]Ydf]aYbUhifU`aYbhYgYbnU[`ih]bY ˜ X]gdcb]V]`Y]bhihhU9ifcdU

IL GIOSRCOPRI OGNI S

NO DE L

ETTIM

ANA! SIT 0341

TR

SE

NI IL MAES

NZA GLUTIN

E

!

0 O

Schaer_YourLife41_IT  
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you