Issuu on Google+

yourlife Anno XVI - 11/2009 - Schär n. 38

LA RIVISTA DI SCHÄR CHE SI PRENDE CURA DI TE

2

L

TR

SE

NZA

NI IL MAES

GLUT

IN

E

!

5 AN

O

PA

D NETTIERE

E

Il sano piacere di gustare un pane di qualità

VIAGGI: Parigi, dove l’amore è di casa RICERCA E SVILUPPO: Freshbake, il nuovo trend NOZIONI: Celiachia e gravidanza


Editoriale

Care lettrici, cari lettori, alzarsi al mattino e assaporare un pane appena sfornato dona sensazioni a dir poco uniche. In questa edizione ci occuperemo ancora una volta del pane: siamo infatti consapevoli di quanto questo alimento base sia insostituibile nella nostra quotidianità, e ce la mettiamo tutta affinché anche voi possiate godere di questo piacere con una varietà sempre maggiore di possibilità, naturalmente senza glutine. Il tempo per fare la spesa è sempre meno. Per questo in negozi e supermercati è in costante aumento l’offerta di prodotti da forno precotti. Una tendenza alla quale anche noi diamo particolare importanza: con le nuove Ciabattine rustiche, particolarmente ruvide e ricche di fibre, e lo sfilatino più amato al mondo, la Baguette. Entrambe vanno ad arricchire l’assortimento dei prodotti Schär, che comprende le Mini-Baguette dalla ricetta rinnovata e le tanto apprezzate Ciabattine. Nel segmento dei prodotti da forno precotti, anche l’Unione Europea considera necessario investire in termini di qualità e condizioni di produzione. Per questo è nato il progetto “EU Freshbake”, nel quale è coinvolta, tra gli altri, la nostra divisione Ricerca e sviluppo di Trieste. L’obiettivo è riuscire a produrre pane precotto con un sapore uguale al pane

18

4

appena sfornato e che soddisfi naturalmente i nostri severi requisiti qualitativi. A proposito di qualità: il nostro reportage si occupa questa volta del tema della salute. Con lo sviluppo di nuovi tipi di pane, le nostre esperte della nutrizione sono sempre alla ricerca di ingredienti innovativi, che forniscano un prezioso apporto di vitamine e minerali. Altrettanto importante per la salute è la sicurezza dei prodotti. Vi spiegheremo in dettaglio a quali controlli vengono sottoposti, dalla coltivazione fino all’arrivo sugli scaffali dei negozi. Di ritorno da un viaggio attraverso l’Europa, lo chef Oscar ha portato con sé tantissime storie curiose sull’origine di forme di pane uniche come i brezel, i bagel e le baguette, e naturalmente le relative ricette. Vi siete già registrati allo Schär Club? Servizio ricette, lista della spesa personale, servizio suggerimenti e proposte... Non perdetevi un’offerta di servizi in costante ampliamento e basata sulle vostre esigenze.

Buona lettura, Ulrich Ladurner

Sommario Servizi: Dite la vostra nel nuovo Schär Club!

3

Reportage: Pane di nuova generazione

4

@Schär: Nuove prelibatezze da Schär

7, 15

Viaggi: Parigi, dove l’amore è di casa

8

In cucina: Il pane e i suoi mille volti La vita nella sua pienezza: Una montagna da scalare

16

Ricerca e sviluppo: Freshbake, il nuovo trend

18

Speciale: Celiachia e psiche

20

La dietista risponde - nozioni: Celiachia e gravidanza

22

22

CREDITI: Comunicazione & PR Schär | Winkelau 9, I-39014 Postal (BZ) | www.schaer.com | yourlife@schaer.com | Numero verde: I: 800 84 70 81; CH: 0800 83 71 07

2

yourlife

10

8


@Schär SCHÄR S CHÄR CHÄ HÄ R

CLUB www.schaer.com

www.schaer.com

OLTRE 10.000 UTENTI DA 100 NAZIONI

Dite la vostra nel nuovo Schär Club! Ancora più servizi, ancora più extra, personalizzati secondo le vostre esigenze. nze. In più, la rivista YourLife multimediale! Con il nuovo SCHÄR CLUB su www.schaer.com, nuove offerte, informazioni e servizi in esclusiva per chi si registra, gratuitamente e senza impegno. Potrete usufruire di numerosi servizi, comporre il vostro pacchetto informativo sulla base delle vostre esigenze e ricevere tramite internet tutto ciò che vi serve in formato digitale. In questo modo riusciremo a migliorare il nostro servizio riducendo allo stesso tempo il consumo di carta. Bastano pochi clic per entrare a far parte del club. Ecco una panoramica dei servizi offerti:

GRANDE RICETTARIO DI OSCAR: 650 RICETTE SENZA GLUTINE DEL NOSTRO CHEF OSCAR Cosa cucino oggi? Alla “domanda delle domande” che quotidianamente ci poniamo, lo chef Oscar risponde con oltre 650 ricette senza glutine, garantite e testate. Lasciatevi ispirare!

RICETTARIO PERSONALE Create il vostro ricettario personale, con i vostri piatti senza glutine preferiti da consultare, sfogliare o stampare. CHIEDILO A OSCAR Il nostro chef Oscar ha raccolto per voi numerosi trucchi e suggerimenti per cucinare senza glutine. E se ancora vi restano domande o dubbi irrisolti, scrivetegli! LISTA DELLA SPESA PERSONALE Per avere sempre tutto ciò che occorre: consultate le ricette o le pagine dedicate ai prodotti nel nostro sito Web, aggiungete tutti i prodotti Schär desiderati alla vostra lista personale on line e stampatela prima di uscire a fare la spesa. SERVIZIO NEWS SU MISURA La nostra newsletter, sempre attenta alle vostre esigenze, vi informa sulle novità della gamma di prodotti, gli eventi e le notizie sul tema della celiachia. E con il sistema RSS avrete un servizio immediato con aggiornamenti in tempo reale. SERVIZIO CONSULENZA INDIVIDUALE Consulenza professionale costante. I nostri esperti dietisti rispondono alle vostre domande riguardanti l’alimentazione e i prodotti senza glutine.

SERVIZIO SUGGERIMENTI E PROPOSTE PER LO SVILUPPO DEI PRODOTTI SCHÄR Diteci che tipo di prodotti vorreste trovare in commercio. Instaurate un rapporto diretto con il reparto di sviluppo prodotti. Fateci pervenire le vostre proposte e aiutateci a decidere quali specialità senza glutine introdurre sul mercato. RICERCA PUNTI VENDITA MOBILE Viaggiate tranquilli in tutta Europa. Il nuovo servizio punti vendita vi informa sul punto vendita di prodotti senza glutine più vicino, direttamente sul telefono cellulare abilitato alla navigazione in Internet.

SERVIZIO I-PHONE Prossimamente, i principali servizi dello SCHÄR CLUB saranno disponibili anche sul vostro I-Phone. SEGUITE UNA DIETA CORRETTA? Con il nuovo test migliorerete le vostre abitudini alimentari e la vostra dieta senza glutine.

LA RIVISTA YOURLIFE PRESTO ANCHE ON LINE! Presto, la nostra rivista YourLife sarà disponibile anche nel formato on line multimediale. Ancora più edizioni, ancora più veloce! Registratevi subito con il vostro codice personale (= codice abbonamento nel campo dell’indirizzo, sul retro della rivista). Tutti i nuovi membri riceveranno un raccoglitore per le ricette come regalo di benvenuto (fino ad esaurimento scorte).

yourlife 3


Reportage

La sicurezza degli ingredienti più pregiati Il pane è un alimento insostituibile. Per questo i maestri panettieri di Schär impiegano i migliori ingredienti per produrre un ampio assortimento di prodotti da forno senza glutine, che non soltanto offrono una sicurezza assoluta ma convincono anche per il sapore eccellente. Cosa c’è di più piacevole che assaporare un pane fresco e croccante? Il pane è vita, è frutto della nostra cultura e influenza la nostra esistenza e le nostre abitudini come nessun altro alimento base.

colazione con pane senza glutine. Quindi conosco perfettamente i diversi orientamenti dati ai nostri prodotti. È soltanto attraverso la varietà che manteniamo fede alla nostra filosofia di una panificazione perfetta. Ogni singolo prodotto ha il suo carattere personale. E perché si LA FILOSOFIA possa parlare di pane perfetto, questo DELLA PANIFICAZIONE carattere deve coincidere con i desideri dei consumatori”. Nel corso degli anni Da un lato, l’infinita varietà di prelibaci siamo avvicinati sempre più all’obiettezze frutto di una tradizione artigianale tivo di rendere possibile un approccio positivo alla celiachia e senza privadella panificazione che dura da millenni, zione del piacedall’altro, la produ“Oggi abbiamo a disposizione re del buon cibo, zione di pane senmaterie prime che dieci anni fa con ricette contiza glutine. Due sfinon conoscevamo affatto.” nuamente perfede in un certo qual zionate, controlli modo paragonabili. Quasi 30 anni fa, abbiamo iniziato ad approfonditi per una sicurezza assoluta occuparci delle esigenze derivanti da dei prodotti e una ricerca continua di una diagnosi di celiachia. All’epoca eranuovi ingredienti “pregiati”. “La gamma no ancora molte le incognite e tanta stradegli ingredienti per il pane senza gluda ci separava dagli odierni prodotti da tine è completamente cambiata negli forno Schär. Ulrich Ladurner, visionario ultimi anni. Oggi abbiamo a disposizioe grande imprenditore, parla della sua ne materie prime che dieci anni fa non filosofia del “pane perfetto”: “Vorrei fare conoscevamo affatto. Con esse siamo in grado di ottenere alimenti di qualità una premessa: io non sono affetto da celiachia. Ciononostante ogni giorno faccio elevata quanto a sapore, consistenza ma

4

yourlife

soprattutto valore nutrizionale”, riassume Ulrich Ladurner. LA SALUTE PRIMA DI TUTTO La rinuncia agli alimenti contenenti glutine è attualmente l’unica terapia applicabile alla celiachia. Ma proprio in


Reportage

alimenti come il pane si cela un ingrediente assolutamente essenziale per il nostro benessere: le fibre. Queste sostanze non digeribili svolgono un ruolo fondamentale in fatto di salute. Stimolano l’attività intestinale e costituiscono il miglior nutrimento per i batteri responsabili del funzionamento del sistema immunitario. Le fibre influiscono positivamente sul livello del colesterolo, proteggono da un aumento eccessivo della glicemia e dalle malattie cardiocircolatorie. Un ricco apporto di fibre abbassa inoltre la concentrazione di sostanze nocive nell’intestino, riducendo così l’azione negativa di sostanze tossiche o cancerogene. La divisione Ricerca e sviluppo di Schär, con sede nel Science Park di Trieste, è costantemente alla ricerca di ingredienti innovativi e preziosi per la salute e collabora a stretto contatto con le nostre esperte della nutrizione. Lo scopo è la produzione di alimenti ricchi di sostanze nutritive e fibre che siano anche in grado di soddisfare i severi requisiti di Schär per quanto concerne il sapore e gli standard sensoriali. L’esempio più significativo è il nuovo Mix per pane rustico. Oltre al mais, sottoposto a rigidi controlli e proveniente da coltivazioni controllate (vedi YourLife n. 36), questo mix pregiato contiene farina di grano saraceno, che è ricca di ferro, vitamine B ed E e magnesio, svolge un’azione drenante e infl uisce positivamente sulla circolazione sanguigna. Un altro ingrediente prezioso è la farina di semi di lino, che si distingue per l’elevato contenuto di nutrienti. È ricca di acidi grassi Omega 3, che fanno bene al cuore, fornisce un apporto importante di proteine, vitamine B1 e B2 e acidi grassi essenziali e previene i carcinomi intestinali. La crusca di piselli e riso contenuta nel Mix per pane rustico assicura un apporto

di fibre adeguato. Persino nella scelta degli addensanti si pone la massima attenzione a utilizzare esclusivamente ingredienti sani e naturali. La farina contiene semi di guar, spesso impiegati nei prodotti dietetici. Contiene inoltre fibre ottenute dai semi di psillio, che svolgono un’azione regolatrice dell’attività intestinale. SICUREZZA SENZA COMPROMESSI Errori minimi nella dieta comportano spesso conseguenze spiacevoli. Per questo noi di Schär poniamo la massima attenzione alla sicurezza dei prodotti. Dalla coltivazione fino all’arrivo negli scaffali, i nostri prodotti vengono sottoposti a diversi controlli. Per ogni singolo prodotto che esce dal nostro stabilimento ci atteniamo da sempre ai più severi valori limite in vigore per il glutine (20 ppm) e possiamo esibire i principali standard alimentari e certifi cazioni per la gestione della qualità e la tutela dell’ambiente. Nell’ambito delle nostre analisi, che iniziano con il controllo di ogni fornitura di materie prime, i laboratori eseguono test fi sici e chimici che servono a verificare la qualità dei prodotti e le possibili contaminazioni da allergeni. Con le prove di cottura e le analisi sensoriali si garantisce che il prodotto soddisfi tutti i requisiti necessari. Tramite il controllo della qualità si verifi ca quindi che il prodotto sia privo di impurità microbiologiche. Nel corso delle prove

di invecchiamento le merci vengono controllate ancora una volta, per verificare che continuino a soddisfare tutti i requisiti di sapore anche dopo la data di scadenza. PANE DI NUOVA GENERAZIONE E la storia del pane continua ad evolversi. Soprattutto negli ultimi anni sono andati delineandosi grandi cambiamenti nelle abitudini quotidiane di noi europei. Cambiamenti che influiscono sul nostro stile di vita e di conseguenza anche sul nostro comportamento di consumo e che hanno interessato in particolare l’acquisto del pane. Mancando il tempo di andare ogni giorno dal panettiere, infatti, la gente ricorre sempre di più a tipi di pane a lunga conservazione. Con o senza glutine, si profila sempre di più la tendenza a ricorrere al “pane di nuova generazione”, e in particolare si affermano i cosiddetti prodotti da forno “semicotti”, che attualmente evidenziano una crescita di mercato annuale del 10%. Il vantaggio di questi tipi di pane è

yourlife 5


Reportage

evidente: grazie ad una più lunga conservazione possono essere acquistati in quantità maggiori; inoltre, la cottura finale nel forno di casa permette di godere ogni volta del piacere del pane fresco. Un aspetto, questo, che tocca in particolare le abitudini di acquisto e i desideri dei consumatori di prodotti senza glutine. Noi di Schär abbiamo ampliato l’assortimento di specialità di pane precotte con le nuove

Ciabattine rustiche ricche di fi bre, che assicurano il piacere di un pane ruvido, oltre alla Baguette e la Mini-Baguette, prodotte secondo la ricetta originale francese. La nostra divisione Ricerca e sviluppo partecipa inoltre al progetto “EU-Freshbake” dell’Unione Europea, in fase di svolgimento, nato per accelerare il perfezionamento qualitativo del pane precotto (vedi in proposito “L’offensiva del pane” a pagina 18-19).

Volete saperne di più sulla panificazione senza glutine? www.schaer.com/ maestro-panettiere/

INGREDIENTI PREGIATI I nostri maestri panettieri hanno oggi a disposizione materie prime che dieci anni fa, in parte, ancora non erano studiate a sufficienza. Selezionate attentamente dalle nostre esperte della nutrizione, soddisfano tutti i criteri per un’alimentazione senza glutine di alta qualità. Come nel nuovo Mix per pane rustico: ricco di ingredienti pregiati, puramente vegetali e senza OGM, per un pane ruvido e dal sapore intenso. Grano saraceno: fornisce un apporto importante di ferro, vitamine B ed E e magnesio, svolge un’azione drenante e stimola la circolazione. Per un inizio di giornata energico. Farina di semi di lino: possiede un contenuto di nutrienti particolarmente elevato. Contiene i preziosi acidi grassi Omega 3, che proteggono il cuore, oltre a proteine, vitamine B1 e B2 e acidi grassi essenziali; previene i tumori intestinali. Crusca di piselli e riso: assicura al Mix per pane rustico l’elevato contenuto di fibre. Queste sostanze non digeribili stimolano la digestione, rinforzano il sistema immunitario e proteggono dalle cosiddette malattie della civilizzazione quali ipertensione, diabete e malattie cardiocircolatorie. Semi di guar: fungono da addensante e influiscono positivamente sul tasso glicemico. Semi di psillio: forniscono fibre preziose che svolgono un’azione regolatrice dell’attività intestinale.

6

yourlife


@Schär Infornare, pronti, via!

Diventate anche voi maestri panettieri! Cosa c’è di più piacevole della fragranza del pane fresco? Con i nuovi “freschi di forno” di Schär diventate anche voi maestri panettieri. I nostri pani senza glutine, precotti nel forno di Schär, sono facili e veloci da preparare: basta preriscaldare il forno a 200°C e dopo cinque minuti avrete panini croccanti con una deliziosa crosta dorata, fragranti come il pane appena sfornato. Grandi novità in arrivo. Le tanto amate Ciabattine precotte di Schär sono da oggi in buona compagnia: le Ciabattine rustiche, dal tipico sapore di cereali, la Mini-Baguette con ricetta rinnovata e, direttamente dalla tradizione culinaria francese, la nuova Baguette. Voilà! Con i nostri nuovi pani precotti avrete sempre pane fresco in casa, con una fragranza e una croccantezza che si mantengono inalterate per ore. E se non riuscite a finirlo tutto in una volta potete tranquillamente congelare i panini, per poi scongelarli e gustarli freschi in un secondo momento.

SUGGERIMENTI PER LA COTTURA Se volete gustare ogni giorno pane fresco in piccole quantità, evitate il grande dispendio energetico richiesto dal frequente riscaldamento del forno. Per cuocere le nostre prelibatezze precotte risparmiando tempo e corrente, utilizzate piccoli e pratici elettrodomestici quali forni da bar, mini forni, tostapane e forni a microonde con funzione di cottura. Si adattano a ogni cucina e se ne trovano di tutti i prezzi.

Il nostro assortimento completo lo torvate su: www.schaer.com/prodotti/

Ciabattine attine rustiche: che: le classiche italiane, per la prima volta nella gustosa variante multicereali Mini Bag Mini-Baguette: guette la piccola baguette nella pratica confezione Dolce o salato? Grazie alla nuova ricetta, la nostra Mini-Baguette è oggi ancora più gustosa. Il “Duo”, con la praticissima confezione separata, deve cuocere in forno per soli cinque minuti. La MiniBaguette si mantiene fresca e croccante per diverse ore. È adatta per la colazione o come spuntino fuori pasto, ad esempio farcita con prosciutto, salumi o formaggio e fettine di cetriolo fresco o peperoni gialli e rossi è una merenda sana e colorata.

Il piacere del pane originale italiano. Per gli amanti dei sapori intensi, le nostre Ciabattine rustiche scure sono l’ideale. Questi panini ai cereali senza glutine, ricchi di fibre e di ingredienti sani, sono semplicemente squisiti. Li potete farcire con prosciutto e formaggio, o anche con burro, marmellata, o miele per una “dolce” colazione. porzioni da 50 g, potrete cuocere il pane nella giusta e. Grazie alle al pratiche p quantità,, secondo le vostre esigenze.

Baguette: la Francia a casa vostra Una specialità francese croccante e squisita: basta cuocerla in forno per cinque minuti e la Baguette emanerà il suo caratteristico aroma e una freschezza assolutamente irresistibile. La confezione singola delle nostre Baguette vi permette di cuocerle sempre nella giusta quantità, secondo le vostre esigenze. Gustatele alla francese: con formaggio camembert, brie, foglie di insalata fresca e fettine di pomodoro. Vi sembrerà di essere in vacanza in Francia.

yourlife 7


Viaggi

Dove l‘amore è di casa MADAME CLERJAUD

Laurence Clerjaud, a cui tre anni fa è stata diagnosticata la celiachia, gestisce il primo ristorante senza glutine a Parigi. “Des si et des mets” si trova ai piedi di Montmartre, stazione del metrò Abbesses, in rue Lepice 63 - 75018 Parigi; tel.: 01 42 55 19 61 Trascorrere il Natale sugli Champs Elysées, sontuosamente addobbati per le feste, o visitare la mostra d’arte “Renoir au XXe siècle” (Renoir nel XX° secolo) ospitata nelle Galeries Nationales del Grand Palais: Parigi è la città dalle infinite possibilità. Laurence Clerjaud da ottobre 2008 gestisce il primo ristorante senza glutine a Parigi (e in tutta la Francia!) e ha raccolto per noi suggerimenti preziosi su come gustarsi la cucina della capitale francese, naturalmente senza glutine.

Consultate la mappa dei punti vendita Schär in tutto il mondo www.schaer.com/punti-vendita/

8

yourlife

È considerata la città dell’amore, dei piaceri culinari, capitale della moda, delle attrazioni monumentali, dei più bei musei e delle mille luci, che notte dopo notte illuminano con grande effetto i capolavori architettonici delle epoche più diverse. È la capitale francese, Parigi, una città assolutamente da non perdere! NELLA TERRA DEI GOURMET

TRA VICOLI INCANTATI...

In Francia, la buona tavola è un piacere irrinunciabile. I francesi sono veri e propri buongustai e tendono a evitare le diete. Per questo i locali in cui vengono serviti piatti senza glutine sono decisamente rari. Il “Des Si et des Mets” è di fatto il primo e unico ristorante senza glutine in tutta la Francia. A voler essere sinceri, e stando alle esperienze di alcuni, i ristoranti vegetariani offrono piatti senza glutine. Consigliabili sono anche i ristoranti etnici, molto diffusi nella capitale francese. Da segnalare in particolare i ristoranti etiopici, dove al posto del frumento si utilizza il teff (un cereale senza glutine simile al miglio dai chicchi piccolissimi). In ogni caso, è opportuno accertarsi in loco che venga effettivamente impiegato solo miglio nano. Anche la cucina vietnamita e quella del Laos offrono fantastiche insalate e piatti a base di pasta eccezionali. Citiamo ad esempio il Le Bambou in rue Baudricour 80, stazione del metrò Tolbiac. D’altro canto, bisogna dare atto a Parigi della presenza di ben 45 punti vendita, sparsi in tutta la città, il cui assortimento negli scaffali include i prodotti Schär. E siccome a Parigi tutto si trova a meno di 500 metri da una stazione della metropolitana, acquistare in qualsiasi momento uno snack da consumare fuori pasto o un dolce per la colazione diventa un gioco da ragazzi.

Nelle immediate vicinanze del ristorante di Madame Clerjaud, si erge la collina di Montmartre: uno dei suoi luoghi preferiti, come ci svela lei stessa. Vale sicuramente la pena affrontare gli innumerevoli scalini per visitare la Basilica del Sacro Cuore oppure, per gli amanti della comodità, è possibile prendere la funicolare. La chiesa, eretta nel XIX° secolo in stile “torta nuziale”, è un santuario cattolico-romano ed è una tra le attrazioni più visitate della capitale francese. Montmartre, il famoso quartiere degli artisti, affascina soprattutto per i tanti vicoletti nascosti, in cui c’è sempre qualcosa di nuovo da scoprire e che arrivano tutti in Place du Tertre, la piazza principale di Montmartre. Qui, all’inizio del XX° secolo, vivevano numerosi pittori tra cui Pablo Picasso e Maurice Utrillo, e i dintorni della piazza erano considerati il centro dell’arte moderna. Ancora oggi qui pittori e caricaturisti mettono in mostra il loro talento artistico, in particolare davanti ai turisti. ... E IMPONENTI EDIFICI Chi non conosce l’emblema di Parigi, nonché simbolo della Francia intera? La Tour Eiffel fu realizzata tra il 1887 e il 1889 in occasione del centenario della Rivoluzione Francese. Affacciata direttamente sulla Senna, la torre in acciaio è alta 324 metri,


Viaggi

pesa 10.000 tonnellate e attira ogni anno sei milioni di visitatori. Da non perdere è anche il Louvre: il Palazzo reale francese di un tempo ospita oggi il Musée du Louvre, terzo museo al mondo per grandezza nonché il più visitato, grazie soprattutto alla celebre Gioconda di Leonardo. Dagli splendidi Champs Elysées a Place de la Concorde con il famoso obelisco, dall’Opéra di Parigi, il più grande teatro al mondo, fino alla straordinaria chiesa della Madeleine: l’elenco di boulevard, piazze, chiese ed edifici da non perdere può proseguire quasi all’infinito.

del lusso e dell’eleganza. Molto apprezzati sono anche i mercatini delle pulci parigini, i marchés aux puces, amati tanto dai turisti quanto (purtroppo) dai borseggiatori.

PASSEGGIATE E SHOPPING

ALTRI PUNTI VENDITA A PARIGI

La nostra guida turistica ama fare lunghe passeggiate. Assolutamente da visitare è Boulevard Saint-Michel, una delle più amate ed animate vie dello shopping parigino dove si trovano in particolare librerie di ogni genere, negozi di abbigliamento, calzature e fumetti, numerosi caffè con dehors e cinema. La Fontaine Saint-Michel, fontana situata nell’omonima piazza, è un punto di ritrovo molto amato dai giovani di tutto il mondo. E ancora il quartiere Le Marais, vicino al museo d’arte moderna, il Centre d‘Art et de Culture Georges Pompidou, con la sua particolare struttura architettonica. Qui, nel centro storico della vita ebraica parigina, si trova anche il Marché Saint Paul, un luogo magico nel quale negozi d’antiquariato e rigattieri si succedono sotto i portici. Particolarmente consigliabili per lo shopping sono i Grands Magasins di St. Lazare e il famoso quartiere Les Halles, stazione del metrò Châtelet. Rue St. Honoré è invece la meta ideale per gli amanti

PARIGI, CITTÀ DELL’AMORE Prima di lasciarci, vogliamo ancora sapere da Laurence Clerjaud perché Parigi sia considerata la città dell’amore. La risposta è lì pronta, sulla punta della

lingua: “A Parigi, tutto è semplicemente romantico. Potete passeggiare sulle rive della Senna e ammirare i numerosi ponti, O rilassarvi in uno dei tanti splendidi parchi, ad esempio Parc Monceau, Parc des Buttes-Chaumont o Parc Montsouris. Per gli innamorati poi Parigi riserva qualcosa di molto particolare: un rendez-vous davanti al muro dei “Je t’aime”, in Place des Abbesses, un’intera parete con la scritta “Ti amo” in 220 lingue diverse.

NEGOZIO

LINEA METRO/FERMATA PIÚ VICINA INDIRIZZO

Diététique Mouffetard

No 7: Censier Daubenton ou Place Monge 96, Rue Mouffetard, 5ème

Bio Monde St Germain No 10: Maubert Mutualité

30, Bd St Germain, 5ème

Bio Génération

N 10: Vaneau

68/70, Rue du cherche midi, 6ème

Bio Génération

No 7: Château Landon

195, Faubourg St. Martin, 10ème

o

Bio Génération Chabrol No 7: Poissonnière

61, Rue de Chabrol, 10ème

La Vie Claire

N 2: Colonel Fabien

9/11, Place du Colonel Fabien, Paris 10ème

La Vie Claire

No 3bis: Pelleport

305, Rue des Pyrénées, Paris 20ème

Biosphère

No 3: Rue Saint-Maur

57, Rue St Maur, 11ème

Bio Génération

No 8: Ledru-Rollin ou Faidherbe Chaligny 34, Rue d’Aligre, 12ème

Bio Génération

No 8: Michel Bizot

Élan Nature

N 4: Porte d‘Orléans ou Alésia

o

o

Bio Génération Guersant No 3: Porte de Champerret

212, Av. Daumesnil, 12ème 107 bis, Av. Gen. Leclerc, 14ème 47, Rue Guersant, 17ème

Purity Fort

No 13: La Fourche

Bio Génération

N 13: Brochant

38, Rue des Moines, 17ème

Bio Génération

No 12: Marx Dormoy

45, Rue Max Dormoy, 18ème

Bio Génération Nation

No 1, 2, 6 et 9: Nation

13, Cours de Vincennes, 20ème

Bio Génération

No 2: Alexandre Dumas

34, Rue de Bagnolet, 20ème

o

71, Avenue De Clichy, 17ème

yourlife 9


In cucina

Registratevi allo Schär Club: avrete libero accesso a tutte le 650 ricette di Oscar www.schaer.com/vantaggi-club/

Il pane e i suoi mille volti Brezel, bagel, grissini & Co.: la panificazione è un vera e propria forma di artigianato artistico. In questa edizione di “Your Life” vi racconterò le avvincenti storie e i tanti trucchetti che h ho appreso durante il mio recente viaggio attraverso l’Europa. Il pane è da sempre una fonte quasi infinita di ispirazione, come pochi altri alimenti base hanno saputo essere. Un impasto soffice, plasmabile a piacere, dal quale i panettieri più creativi hanno saputo ricavare nel corso dei secoli opere a dir poco magistrali. Ogni forma di pane ha una propria storia. Le storie vere e le leggende tramandate dai fornai sono tantissime: perché i donut debbano avere un buco al centro, che gli antenati della baguette originale francese provengono da Vienna e che i brezel esistono perché un panettiere si è ritrovato a dover lottare per la propria vita. Scopritele insieme a me. UN PANE ATTRAVERSO CUI IL SOLE SPLENDA TRE VOLTE Una delle storie più curiose, che vedono il pane come protagonista, è quella dei brezel. Si dice siano stati inventati da un fornaio di Bad Urach che, per aver compiuto un delitto, fu costretto dal suo signore a pagare con la vita. Ma poiché in precedenza aveva sempre prestato un buon servizio, gli doveva essere concessa un’ultima chance. “Amico mio, se preparerai un dolce attraverso il quale il sole splenda tre volte, non verrai impiccato e la tua vita sarà risparmiata”. Il giorno prima di essere giustiziato, di primo mattino, gli venne l’ispirazione che gli salvò la vita: il brezel. Per arrivare al classico brezel salato, però, la strada era ancora lunga. Secondo una leggenda sarebbe stato inventato da un panettiere al quale, un bel giorno, era caduta una teglia di brezel nella soda caustica utilizzata per lavare e disinfettare gli attrezzi. Il panettiere decise comunque di cuocere quei brezel, e da qui nacquero il tipico colore marroncino e il sapore unico e ineguagliabile dei “veri brezel”.

10

yourlife

I “PETIT BATONS DE TURIN” DI NAPOLEONE

I grissini sono sicuramente i bastoncini più amati al mondo. Il personaggio più celebre a lanciare la moda di questa croccante passione fu Napoleone Bonaparte, che all’inizio del XIX° secolo organizzò un servizio di corriere personale fra Torino e Parigi per trasportare i suoi “piccoli bastoncini torinesi”. L’origine dei grissini va ricondotta alla dinastia dei Savoia. Si dice che il fornaio di corte Antonio Brunero li abbia inventati nel 1684 per ordine del medico di Sua Maestà, poiché l’erede al trono Vittorio Amedeo, a causa di una salute cagionevole, necessitava di un pane facilmente digeribile. Dall’allora “ghersino” nacquero le forme odierne dei grissini “stirati” e “rubatà” (arrotolati a mano). ORIGINI VIENNESI In Francia l’aristocratico “pane viennese” si diffuse in un battibaleno, intorno al 1830. Il suo segreto era l’impiego del lievito di birra al posto di quello tradizionale e una cottura nel forno a vapore che gli conferiva una particolare croccantezza. Il latte, alimento costoso, venne presto accantonato

Lavorare con le proprie mani un impasto soffice, riporre l’impasto al caldo e vederlo lievitare, sentire l’incomparabile aroma che sale dal forno: un’esperienza unica, una piacere particolare legato per noi a tanti bei ricordi, che vorremmo condividere con tutti voi. Grazie al preparato Schär Mix Pane e al nuovo Mix per pane rustico potrete inventare ogni sorta di specialità: pane rotondo, allungato, attorcigliato

e la baguette divenne in breve tempo il pane del popolo. Il pane informe doveva riposare in una cesta di salice oblunga, detta “pannetons”, che gli conferiva il suo particolare aspetto. Oggi, questo pane dalla forma unica è gustato e apprezzato in tutto il mondo. CIAMBELLE DI PANE ALLA CONQUISTA DELL’AMERICA Le città del bagel per eccellenza sono oggi New York e Montréal. I “bejgel”, termine yiddish per “incurvato” o “staffa”, sono nati però in Europa centrale ed erano particolarmente apprezzati dalla popolazione ebraica di Vienna. Per non dover toccare l’impasto, azione proibita durante lo Shabbat, il bagel bollito in acqua e miele e raffreddato veniva conservato e trasportato su bastoni di legno, da cui deriva il foro al centro. In questo modo, anche dopo lo Shabbat era possibile gustare bagel appena sfornati. Intorno al 1880, gli emigranti ebrei portarono la tradizione di questo dolce dall’Europa fin negli Stati Uniti. Il bagel si distingue dall’americano donut, che invece viene fritto nel grasso.

o ricurvo. Siete pronti a scatenare la vostra creatività? Nelle pagine che seguono ho raccolto per voi le ricette e i trucchetti per preparare i protagonisti delle storie che avete letto: pani “dalla forma perfetta”.

Buon divertimento! Oscar


BAGEL

DONUTS

CROISSANTS

GRISSINI


BAGEL

CROISSANT

Tempo di preparazione: 40 min. | Tempo di riposo: 30 min. | Tempo di cottura: ca. 15 min.

A

85 Min.

Ingredienti

ca. 78 Min.

Preparazione

A

Ingredienti

Tempo di preparazione: 40 min. | Tempo di riposo: 20 min. | Tempo di cottura: ca. 15/18 min.

Preparazione

Per l’impasto di burro e farina: 100 g burro, 20 g farina

Mescolare la farina, i semi di psillio e il sale in una ciotola. Creare una conca al centro e versarvi il lievito insieme allo zucchero. Mescolare con un po’ di farina. Aggiungere 1/3 del latte tiepido e attendere fino a quando il lievito forma delle bolle. Aggiungere l’uovo e il burro e impastare con il latte restante per 5 minuti (con il robot da cucina) fino a ottenere un impasto soffice.

500 g Schär Mix Pane 1 cucchiaino di fibra di psillio in polvere o macinata, 1 ½ cucchiaino di sale, 1 bustina di lievito secco (oppure ½ cubetto di lievito fresco) 1 cucchiaino di zucchero, 1 uovo, 50 g burro morbido, 380 ml latte tiepido 2 cucchiai di zucchero per l’acqua di cottura 1 albume per spennellare sesamo per cospargere

Per l’impasto di burro e farina lavorare bene la farina con il burro. Stendere l’impasto tra due strati di pellicola trasparente formando un quadrato di 12 x 12 cm circa. Disporre su un piano e riporre in frigorifero per 20 minuti.

Ingredienti

ca. 65 Min.

Preparazione

A

Mescolare la farina, i semi di psillio e il sale in una ciotola. Creare una conca al centro e versarvi il lievito insieme allo zucchero. Versarvi sopra 1/3 dell’acqua tiepida. Quando il lievito forma delle bolle, aggiungere l’olio di oliva e l’acqua restante e lavorare fino ad ottenere un impasto soffice.

Stendere l’impasto su un tagliere infarinato formando un rettangolo di 20 x 30 cm e coprire per 10 minuti.

Tagliare l’impasto con un coltello ripetutamente immerso nell’acqua tiepida, ricavando striscioline della larghezza di 1 cm.

Cospargere di sesamo una teglia. Arrotolare la metà delle striscioline fino ad ottenere dei grissini e collocarli sul sesamo. Spruzzare leggermente di acqua con il vaporizzatore e cospargere altro sesamo sulla superficie. Ripetere l’operazione con la miscela di erbette aromatiche. Disporre le striscioline per formare delle spirali.

Riscaldare il forno a 250°C. Cuocere i grissini per 12 - 15 minuti circa, fino a quando saranno dorati.

I grissini sono buonissimi anche con i semi di papavero o il sale grosso. Non c’è limite alla fantasia!

250 g Schär Mix Pane ½ cucchiaino di fibra di psillio in polvere o macinata (rendono l’impasto soffice e morbido; in vendita nelle erboristerie e nei negozi specializzati; riesce anche senza, se necessario) ½ bustina di lievito secco (oppure 1/4 di cubetto di lievito fresco) ½ cucchiaino di zucchero ½ cucchiaino di sale 200 ml acqua tiepida 2 cucchiai di olio di oliva sesamo e miscela di erbette aromatiche essiccate per cospargere

Tempo di preparazione: 40 min. | Tempo di riposo: 10 min. | Tempo di cottura: 12/15 min.

GRISSINI

Collocare i cornetti su una teglia ricoperta con carta da forno e spennellare con la miscela di tuorlo e latte. Lasciare riposare i cornetti come nel caso dei bagel. Cuocere in forno preriscaldato a 230°C (cottura sopra e sotto) per 15 minuti circa, fino a quando saranno dorati.

Per la pasta lievitata: 250 g Schär Mix Pane 1 abbondante presa di sale 5 g lievito secco (oppure 1/4 di cubetto di lievito fresco) 1 pizzico di zucchero 30 g burro morbido 130 ml latte tiepido 1 uovo, 1 tuorlo Per spennellare: 1 tuorlo e 1 cucchiaio di latte

Su un piano infarinato formare un rotolo con l’impasto e tagliarlo in 12 parti uguali. Con ogni parte di impasto creare delle rondelle dello spessore di 2 cm circa e praticarvi un foro al centro del diametro di 3 cm circa utilizzando il manico di un cucchiaio di legno. Il modo migliore per lasciare riposare le paste lievitate senza glutine è il seguente: preriscaldare il forno a 45°C e poi spegnerlo. Mettere una ciotola con dell’acqua nel forno. Con la teglia ad altezza media, introdurre nel forno ad un’altezza superiore la griglia ricoperta con un canovaccio umido e lasciare riposare per 20 minuti. All’inizio della cottura spruzzare dell’acqua nel forno con un vaporizzatore.

Mescolare la farina, il sale e il lievito secco in una ciotola. Creare una conca al centro e versarvi il lievito e lo zucchero. Aggiungere 1/3 del latte tiepido e attendere fino a quando il lievito forma delle bolle. Aggiungere il latte restante, il burro, l’uovo e il tuorlo e impastare per 4 - 5 minuti fino ad ottenere un impasto soffice. Lasciare riposare coperto per 10 minuti. Stendere l’impasto su una spianatoia infarinata formando un quadrato di 30 x 30 cm circa. Disporre l’impasto di burro e farina al centro. Ripiegare i quattro lati dell’impasto su se stessi e stendere nuovamente. Ripetere il tutto per quattro volte. Stendere l’impasto su un piano infarinato con uno spessore di 4 mm circa. Tagliare dei quadrati da 8 x 8 cm, arrotolare partendo da un angolo e formare dei cornetti.

Portare a ebollizione 4 litri di acqua con 2 cucchiai di zucchero. Cuocere i bagel uno dopo l’altro per esattamente 1 minuto e ½ per lato. Disporre i bagel su una teglia ricoperta con carta da forno, spolverare di farina e lasciare riposare. Spennellare la superficie con l’albume e cospargere di sesamo. Cuocere i bagel a 250°C (nel forno preriscaldato) ad altezza media per 15 - 18 minuti, fino a quando saranno dorati.

DONUT

ca. 78 Min.

Ingredienti

A

Preparazione

Tempo di preparazione: 40 min. | Tempo di riposo: 20 min. | Tempo di cottura: ca. 15/18 min.

Mescolare la farina, i semi di psillio e il sale in una ciotola. Creare una conca al centro e versarvi il lievito insieme allo zucchero. Mescolare con un po’ di farina. Aggiungere 1/3 del latte tiepido e attendere fino a quando il lievito forma delle bolle.

Non c’è limite alla fantasia per quanto riguarda la glassatura e la guarnizione dei donut: ricoperti con glassa di colori diversi, glassa al cioccolato chiara o scura e cosparsi con codette o confetti colorati alle feste dei bambini i donut vanno sempre a ruba!

500 g Schär Mix Pane, 1 cucchiaino di fibra di psillio in polvere o macinata, 1 ½ cucchiaino di sale, 1 bustina di lievito secco (oppure 1/2 cubetto di lievito fresco), 1 cucchiaino di zucchero, 1 uovo, 50 g burro morbido, 380 ml latte tiepido. 2 cucchiai di zucchero per l’acqua di cottura

Aggiungere l’uovo e il burro e impastare con il latte restante per 5 minuti (con il robot da cucina) fino a ottenere un impasto soffice. Su un piano infarinato formare un rotolo con l’impasto e tagliarlo in 12 parti uguali. Con ogni parte di impasto creare delle rondelle dello spessore di 2 cm circa e praticarvi un foro al centro del diametro di 3 cm circa utilizzando il manico di un cucchiaio di legno. Lasciare riposare i donut (vedere la ricetta dei bagel). Portare a ebollizione 4 litri di acqua con 2 cucchiai di zucchero. Cuocere i donut uno dopo l’altro per esattamente 1 minuto e ½ per lato. Scaldare l’olio nella friggitrice oppure in una pentola a 160° e friggere i donut fino a quando saranno dorati su entrambi i lati.


TRECCIA LIEVITATA

VINSCHGERL, PANE DELLA VAL VENOSTA

PANINI BIANCHI

BREZEL E BASTONCINI AL FORMAGGIO


TRECCIA LIEVITATA 130 Min.

Ingredienti

A

Preparazione

Tempo di preparazione: 70 min. | Tempo di riposo: 30 min. | Tempo di cottura: 30 min.

Mettere l’uvetta nell’acqua bollente per circa 2 minuti e poi far sgocciolare. Mescolare la farina, il sale, lo zucchero, i semi di psillio, la scorza di limone e il lievito. Sbattere l’uovo e la farina con il latte e aggiungere alla farina. Impastare fino a ottenere una pasta lievitata soffice.

75 Min.

Come variante si possono provare anche le squisite trecce alle noci. Per il ripieno sono necessari 200 g di nocciole o mandorle macinate, 3 - 4 cucchiai di zucchero di canna, panna e ½ cucchiaino di cannella. Con l’impasto realizzare dei rettangoli di 12 x 6 cm circa. Distribuire il ripieno sui rettangoli e poi arrotolare nel senso della lunghezza. Incidere il lato superiore e formare una treccia mantenendo le superfici incise in alto. Spennellare e cuocere per 15 – 18 minuti.

500 g Schär Mix Pane, 50 g uvetta, 1 pizzico di sale, 3 cucchiai di zucchero di canna, 1 cucchiaino di fibra di psillio in polvere o macinata, 1 cucchiaio di scorza di limone grattugiata, 1 bustina di lievito secco (oppure ½ cubetto di lievito fresco), 1 uovo, 30 g burro morbido, 400 ml latte tiepido, 1 tuorlo e un po’ di latte da spalmare, zucchero in granelli per cospargere

Infine, aggiungere l’uvetta. Lasciare riposare l’impasto in un luogo caldo per un’ora circa. Dividere a metà l’impasto e formare tre rotoli con ogni metà. Se necessario, aggiungere altra farina. Formare due trecce. Collocare le trecce su una teglia ricoperta con carta da forno e lasciare riposare per mezz’ora. Spennellare con latte e tuorlo. Cospargere con zucchero in granelli e cuocere in forno preriscaldato a 200°C per 30 minuti circa. L’impasto può essere utilizzato anche per realizzare dei panini all’uvetta. Formare delle palline con le mani bagnate, disporle su carta da forno e lasciare riposare come illustrato sopra.

VINSCHGERL, PANE DELLA VAL VENOSTA Ingredienti

A

Preparazione

Tempo di preparazione: 40 min. | Tempo di riposo: 20 min. | Tempo di cottura: 15 min.

Tritare le spezie in un mortaio. Mescolare la farina con le spezie, i semi di psillio e il sale e versare in una ciotola. Creare una conca al centro. Versare il lievito e lo zucchero e mescolare con un po’ di farina. Aggiungere circa 1/3 dell’acqua e attendere fino a quando il lievito forma delle bolle. Mescolare l’acqua restante con l’aceto, aggiungerli e lavorare con la frusta fino ad ottenere un impasto soffice che si stacca dalla ciotola. Formare un rotolo su un tagliere di silicone infarinato e dividere in 12 - 14 parti uguali.

Invece delle spezie si può utilizzare anche una miscela di spezie pronta per pane della Val Venosta.

2 g coriandolo 2 g trigonella 3 g semi di finocchio 2 g cumino 500 g Schär Mix per pane rustico 1 cucchiaino di fibra di psillio in polvere o macinata, 1 bustina di lievito secco (oppure ½ cubetto di lievito fresco) 1 ½ cucchiaino di sale ½ cucchiaino di zucchero 1 ½ cucchiaio di aceto di mele 500 ml acqua tiepida

Formare delle palline con le mani bagnate e disporle su una teglia imburrata. Appiattire con il palmo della mano. Lasciare riposare per 20 minuti e cuocere per 15 minuti in forno preriscaldato a 250°C.

PANINI BIANCHI

ca. 93 Min.

Ingredienti

A

Preparazione

Tempo di preparazione: 50 min. | Tempo di riposo: 25 min. | Tempo di cottura: 15/18 min.

Mescolare la farina, lo zucchero, il lievito e i semi di psillio. Aggiungere olio, sale ed acqua e impastare per 5 minuti circa fino ad ottenere un impasto soffice che si stacca dalla ciotola.

80 Min.

La pasta lievitata senza glutine ha bisogno di molta umidità per lievitare. L’assenza del glutine fa asciugare la pasta, per cui non deve essere mai così solida come la pasta contenente glutine. Lasciare lievitare la pasta senza glutine una volta soltanto.

500 g Schär Mix Pane, 1 bustina di lievito secco (o ½ cubetto di lievito fresco), 1 cucchiaino di fibra di psillio in polvere o macinata, 1 cucchiaino di zucchero, 1 cucchiaio di olio, 400 - 410 ml acqua tiepida, un po’ di burro fuso per spennellare. Sesamo, semi di papavero e semi di girasole da cospargere.

Dividere l’impasto in 12 parti uguali. Con le mani bagnate, formare delle palline e disporle su una teglia ricoperta con carta da forno. Praticare un’incisione a croce utilizzando un coltello da cucina affilato.

Lasciare riposare i panini nel forno a 40°C circa, per 25 - 30 minuti circa. Introdurre la griglia ad un’altezza superiore rispetto alla teglia e collocarvi sopra un canovaccio umido. Spennellare i panini con il burro fuso e cospargere con i semi. Cuocere in forno preriscaldato a 250°C per 15 - 18 minuti.

BREZEL E BASTONCINI AL FORMAGGIO

Ingredienti

A Preparazione

Tempo di preparazione: 45 min. | Tempo di riposo: 20 min. | Tempo di cottura: ca. 15 min.

Mescolare la farina con i semi di psillio, il sale, lo zucchero e il lievito secco. Aggiungere la ricotta magra, l’acqua, l’olio di colza e l’aceto di frutta e lavorare il tutto per 4 - 5 minuti fino ad ottenere un impasto soffice. Eventualmente aggiungere altri 2 - 3 cucchiai di latte.

Con lo stesso impasto è possibile fare i bastoncini al formaggio: formare dei bastoncini con le mani bagnate, versare la soluzione come per i brezel e lasciare riposare nel forno. Inciderli con un coltello. Riempire l’incisione di formaggio, cospargere di sale e cuocere in forno per 15 min. ca.

Per la soluzione di bicarbonato di sodio: Portare a ebollizione 1 litro di acqua, 100 g di bicarbonato di sodio e un cucchiaio di sale e fare raffreddare in una ciotola di vetro.

500 g Schär Mix Pane, 1 cucchiaino di di fibra di psillio in polvere o macinata, 1 cucchiaino di sale, 1 cucchiaino di zucchero, 1 bustina di lievito secco (o ½ cubetto di lievito fresco), 100 g ricotta magra, 300 ml acqua tiepida, 2 cucchiai di olio di colza, 1 cucchiaino di aceto di frutta, 2 - 3 cucchiai di latte

Su un piano infarinato formare dei rotoli della lunghezza di 15 cm che verranno poi intrecciati per ottenere la forma tipica dei brezel. Versare la soluzione di bicarbonato di sodio in un contenitore basso, disporvi i brezel e bagnarli con la soluzione aiutandosi con un cucchiaio, quindi collocarli su carta da forno.

Lasciare riposare i brezel (vedere la ricetta dei bagel!).

Preriscaldare il forno a 250°, cospargere i brezel di sale grosso e cuocere ad altezza media per 15 minuti circa.

Congelare i brezel e i bastoncini possibilmente appena sfornati e ripassare in forno a 180° per 10 minuti circa.

La soluzione di bicarbonato di sodio può essere acquistata anche in farmacia oppure dal panettiere.


@Schär

Petit - Biscotto classico: un classico in formato pratico

Nuovi Mini Sorrisi: piccoli ma squisiti!

Perfetto nel gusto, croccante in bocca, pratico nel formato: il nuovo biscotto Petit ha tutto ciò che non deve mancare a un vero classico. Ideale da consumare fuori casa, il biscotto con aroma di burro extra fine è già porzionato.

Il nostro assortimento completo lo torvate su: www.schaer.com/prodotti/ In casa o fuori casa, fa lo stesso. I biscotti doppi senza glutine con ricetta rinnovata sono oggi ancora più squisiti! Il croccante biscotto al cioccolato con delicata farcitura di crema al latte e profumo di vaniglia è una vera prelibatezza, prodotta per di più senza aggiunta di conservanti.

Sono arrivate le nuove rosette! Pizza al salame Bella Italia: ad alcuni piace calda!

La nuova rosetta senza glutine di DS è ancora più grande, soffice e più ricca in fibre. Provare per credere: è sufficiente lasciarle scongelare e sono già pronte da gustare!

Una nuova saporita specialità va a tenere compagnia alla tanto amata pizza DS. La nuova Pizza al salame ricca di mozzarella, preparata con salsa di pomodoro di prima qualità e vero salame italiano, è un’autentica prelibatezza per il palato ed è pronta in un attimo: riscaldate il forno a 220°C per 10 minuti e nel frattempo fate scongelare la Pizza al salame. Mettete in forno per 6 minuti e la vostra pizza croccante è già pronta!

Nuovi Grissini: ora con prezioso grano saraceno Su una bella tavola imbandita non possono mancare i nuovi Grissini con grano saraceno. Ideali come sostituti del pane o, nella pratica confezione da 50 g, come snack per saziare i languorini fuori pasto: i croccanti bastoncini da sgranocchiare si accompagnano alla perfezione con prosciutto, formaggio o altri ingredienti a piacere.

yourlife 15


La vita nella sua pienezza

Una montagna da scalare Celiachia e alpinismo: un binomio possibile

Cristina Santini è appassionata di alpinismo. Affascinata dalle Alpi italiane e francesi, affronta con coraggio ogni sfida che la montagna le riserva. Persino l’approvvigionamento, il più delle volte scarso, di prodotti senza glutine nei rifugi isolati non le impedisce di dedicarsi alla sua grande passione. E per i casi d’emergenza, porta sempre con sé Solena Barretta. Una tipica gita del fine settimana, per Cristina e i suoi compagni alpinisti, inizia solitamente in uno dei tanti autogrill che si trovano lungo l’autostrada. Mentre gli amici di Cristina non possono fare a meno di rifocillarsi con brioche e rustichelle, in vista dell’avventura che li attende, lei preferisce restare fuori a sgranocchiare i suoi Savoiardi o le Pepitas senza glutine. Il gruppo parte di solito il venerdì sera dopo il lavoro o al più tardi il sabato mattina verso le quattro. Seguono quattro o cinque ore di macchina per raggiungere il punto di partenza, e questo per ca. 40 weekend all’anno. Tra le mete preferite in estate vi sono le Dolomiti: Cortina, Val

16

yourlife

di Fassa e Alta Badia. “Scalare mi libera da tutti gli altri pensieri e lì su quelle pareti siamo tutti uguali, uniti dalla stessa passione.” LA FORZA È VENUTA SCALANDO A Cristina la celiachia è stata diagnosticata all’età di 23 anni. Determinanti in proposito sono stati i valori del ferro stranamente bassi, visti i quali il medico le ha prescritto un’analisi del sangue specifica e un esame interno. „Quando mi é stata riscontrata la celiachia pensavo che un ostacolo insuperabile si fosse frapposto tra me e la mia voglia di improvvisazione, come una montagna

di problemi troppo grandi per essere superati. Invece le montagne qualche anno dopo ho iniziato a scalarle e proprio lì ho ritrovato un senso di libertà che temevo irrimediabilmente compromesso.” Cristina Santini aveva tre anni quando il padre le insegnò a sciare, “e fin da subito ero attratta dall’ambiente montano, era difficile portarmi a casa dopo una giornata di sci.” L’avvicinamento all’alpinismo, tuttavia, ci fu soltanto molti anni più tardi. Nel 2002 partecipò ad un corso di scialpinismo del Cai di Faenza. Cadde definitivamente preda della montagna in seguito all’incontro con il mitico Vito: „Mi fece vedere cosa significa vivere la montagna. Dopo 1500 mt


La vita nella sua pienezza di dislivello con le pelli di foca e dopo 2 sta di Faenza non manca mai di riempire ore passate a liberare il bivacco invernalo zaino con provviste sufficienti, anche le completamente sommerso dalla neve, perché, quando finalmente si raggiunge lui si appartò per costruirsi una truna e il rifugio a tarda sera e affamati, spesso dormirci dentro!” non restano che Lo stesso anno, panini. „In autun„Imparare a conoscere noi stessi, partì con un amino la Moiazza al approfondire l’incommensurabile co per il Nepal. passo Duran con tesoro dei sentimenti e del “Ho salito l’Island i suoi mille colocarattere umano credo che siano peak senza aver ri mi affascina aspetti indissolubilmente legati bene in mente particolarmenall’alpinismo … cosa mi aspette. Lì amo fare Sensazioni che provo quando merenda con tava, non avendo sono in montagna.” tecnica di salita, meringhe e paneppure nonostanna montata in compagnia dei te l’improvvisazione la cima è stata raggiunta.” Per Cristina simpatici carlini del gestore del rifugio. Santini, l’alpinismo è oramai divenuto uno Apprezzando di più quello che per altri scopo di vita, che lei ama descrivere con è scontato, si vive una gioia maggiore le parole del suo autore preferito, Gervaperché inaspettata!” sutti. “Quel giorno, sull’aereo terrazzino che ne forma la vetta, nel silenzio delle PASTA SENZA GLUTINE COL FORNELLETTO DA CAMPEGGIO crode fiammeggianti nel sole, compresi che l’alpinismo stava per diventare per me una seconda forma di vita, più alta di Non di rado, Cristina Santini e i suoi amici trascorrono la notte in auto o quella che siamo costretti a vivere quotidianamente e il desiderio di mete lontanel minibus. Grazie a un fornelletto da ne in terre vergini e sconosciute si acuì campeggio, il gruppo ben organizzato nell’anima come una sofferenza e non mi ha sempre e ovunque la possibilità di lasciò mai più….” prepararsi un pasto caldo. Quanto alla scelta del menu, gli amici di Cristina si SEMPRE PROVVISTE A accontentano facilmente, “non si lamenSUFFICIENZA NELLO ZAINO tano mai del tipo di pasta o del riso olio e parmigiano.” Durante le lunghe escursioni in monTanto più che, soprattutto nelle località tagna capita senz’altro di stare appesi di montagna alpine, non è difficile trovaalla parete per ore, talvolta anche per re un’ottima polenta, per cui si ha sempre una certa varietà. Di tanto in tanto il l’intera giornata, come ad esempio durante l’ascensione della Marmolada sul gruppo si concede anche una cena in versante meridionale: dieci ore di fila. In trattoria, destinazione Longarone in Val quei casi, è importante avere con sé aliCellina, per farsi viziare con la specialità menti senza glutine a sufficienza. L’alpinilocale: polenta e frico.

Durante l’inverno, Cristina si dedica allo sci e al free riding. „Le immagini colte in queste situazioni possono trasmettere la passione per la montagna, che tanto mi anima.” Estate o inverno, l’intraprendente esperta di economia segue sempre la sua massima: „Partire sempre e comunque, e vivere la montagna in tutte le stagioni!“ PER TERMINARE IN BELLEZZA: PIZZA La faticosa escursione termina al tavolo di una pizzeria. I locali preferiti di Cristina sono “Da Cesare” ad Aosta e “Lo Zodiaco” di Belluno. Nella sua città natale, Faenza, Cristina si gode la sua pizza senza glutine da “Jack”. Quando non va ad arrampicarsi in montagna, Cristina ama trascorrere il tempo con la famiglia. A casa, naturalmente, si preparano il più possibile piatti che anche lei possa mangiare senza problemi. Per questo come prima portata viene spesso servito il risotto, un piatto dalle mille varianti che non risulta mai noioso. In occasione di compleanni e feste di famiglia, si prepara una torta con farina senza glutine oppure si compera una torta gelato.

CHI È CRISTINA SANTINI? “LIFE IS NOW!”: questo è il motto della 34enne di Faenza appassionata di montagna. In altre parole, “fare tutto quello che puoi ora, non aspettare domani, perché del domani non si sa nulla.” Di lei, i suoi amici dicono che sia difficile da domare solo quando si mette in testa qualcosa. Ciò dipende anche dal fatto che, per Cristina Santini, è la passione a contare più di ogni altra cosa. Il risultato è secondario, benché come affermazione suoni modesta, visto il suo rendimento universitario eccellente terminato con una laurea in economia “cum laude” all’Università di Bologna. Attualmente lavora come libera professionista e come dottore commercialista e revisore contabile; inoltre, insegna diritto ed economia alle scuole superiori. Nel poco tempo libero, Cristina ama andare a passeggio con il suo cane Achille, chiacchierare con gli amici o sfogliare i suoi libri preferiti davanti al camino: Climbing Free di Lynn Hill, Una vita così di W. Bonatti e Scalate nelle Alpi di G. Gervasutti.

yourlife 17


Ricerca e Sviluppo

Freshbake –

Schär conduce ricerche sul futuro del pane per conto dell’UE Migliorare le caratteristiche nutrizionali del pane e ridurre il consumo energetico dei processi produttivi: con il progetto EU-FRESHBAKE, l’Unione Europea intraprende un’iniziativa volta a migliorare la qualità e a ridurre l’impatto ambientale. Il reparto Ricerca e Sviluppo di Schär partecipa al progetto con un compito alquanto impegnativo: soddisfare gli obiettivi prefissati per una tipologia di pane molto speciale, il pane senza glutine. Alcuni lo preferiscono croccante, altri prediligono un’anima morbida e soffice. Alcuni lo acquistano ogni giorno dal panettiere, ma sempre più persone preferiscono ricorrere ai panini precotti, come Schär Ciabattine rustiche, o ai pani a lunga conservazione, come Schär Pane Casereccio. Non sono solo i gusti ad essere diversi e a variare da regione a regione; anche il modo di consumare il nostro alimento per eccellenza cambia. IL PANE È QUALITÀ DI VITA A questo concetto si riallaccia anche il progetto EU-FRESHBAKE, che ha come obiettivo la realizzazione di un “pane appena sfornato con migliori caratteristiche nutrizionali e preparato con minor dispendio energetico per il beneficio dei consumatori e dell’ambiente”. Dall’ottobre 2006 il reparto Ricerca e Sviluppo di

18

yourlife

Dr. Schär, lo Schär R&D Centre di Trieste, è coinvolto in questo progetto dell’Unione Europea dal titolo “Freshly baked breads with improvement of nutritional quality and low energy demanding for the benefit of the consumer and of the

environment”, al quale partecipano imprese e istituti di ricerca universitari di sette Paesi: oltre a Schär dall’Italia, ENITIAA, CEMAGREF e Biofournil dalla Francia, l’Università di Cracovia e Bezgluten dalla Polonia, CSIC IATA dalla Spagna,

NUOVA TENDENZA: BAKE-OFF La tecnologia BAKE-OFF (BOT) consiste nel produrre prodotti da forno refrigerati, surgelati o non congelati che saranno venduti nelle panetterie, già pronti per essere consumati, oppure nei supermercati, in forma “precotta” da ripassare nel forno di casa. In Europa si ricorre sempre di più ai prodotti BAKE-OFF, prodotti da forno precotti disponibili nelle varianti più diverse, dai surgelati ai prodotti a lunga conservazione in ambienti non refrigerati. Il progetto EU-FRESHBAKE si interessa di queste tecnologie con riferimento al pane tradizionale, biologico e senza glutine.


Ricerca e Sviluppo l’Università di Zagabria PBF dalla Croazia, TTZ-EIBT e MIWE dalla Germania e Puracor dal Belgio.

OBIETTIVI DEL PROGETTO FRESHBAKE

VARIETÀ DELLA DOMANDA Con il progetto EU-Freshbake, portato avanti dal 2006 sino all’autunno 2009, l’Unione Europea riprende un tema di grande attualità. Punto di partenza sono le notevoli differenze culturali e individuali riguardo alle preferenze, alla qualità e alla durata di conservazione. Ed è proprio a questa varietà della domanda che reagiscono i panificatori: si amplia sempre di più l’offerta, si aprono nuovi mercati e si migliorano le tecnologie. ULTIMA TENDENZA, IL PANE PRECOTTO Di pari passo con un’offerta di pane e dolci sempre più variegata, si delinea la tendenza dei consumatori a modificare le proprie abitudini. Protagonisti di un vero e proprio boom sono i prodotti di panetteria BAKE-OFF, la cui richiesta cresce ogni anno del 10% circa. Per i prossimi anni ci si attende un’ulteriore crescita, soprattutto nell’Europa occidentale, mentre i consumatori dei nuovi Stati dell’Unione Europea preferiscono acquistare pane confezionato a lunga conservazione. Il progetto EU-FRESHBAKE si dedica con particolare interesse alla tecnologia BAKE-OFF, che consiste nel produrre a livello industriale prodotti da forno refrigerati e a lunga conservazione a temperatura ambiente, per poi distribuirli e venderli nei negozi e nei supermercati, dove verranno acquistati dai consumatori in questa forma o sot-

Qualità: pane BAKE-OFF più simile al pane fresco, nella struttura e nella consistenza della crosta. Valore nutritivo: aumento del valore nutritivo grazie all’impiego di particolari cereali, fibre e lieviti. Energia: miglioramento dei processi di cottura e refrigerazione ad alto dispendio energetico grazie all’impiego di nuove tecnologie.

toposti ad ultima cottura direttamente in loco. Il progetto si occupa direttamente di questa tecnologia in espansione per accelerare la produzione e la diffusione di prodotti da forno che abbiano un valore nutritivo più elevato e una migliore struttura, in altre parole una migliore qualità per i consumatori. PANIFICAZIONE AD ALTO DISPENDIO ENERGETICO

il riscaldamento del forno per la cottura finale del pane precotto. Un forte dispendio d’energia è richiesto anche, tra gli altri, dal processo di cottura che serve a formare una crosta croccante. Non dimentichiamo che il 62% degli europei intervistati si dichiara “amante della crosta”, mentre solo il 38% predilige la soffice mollica del pancarré o del pane per tramezzini. RISULTATI SIGNIFICATIVI

Le diverse tecnologie BAKE-OFF, dall’impasto crudo non fermentato refrigerato al precotto o parzialmente cotto refrigerato, fino al semicotto, hanno tutte una cosa in comune: rispetto alla panificazione tradizionale, comportano un dispendio energetico notevolmente più elevato. Il progetto EU-FRESHBAKE si occupa quindi di queste tecnologie con lo scopo di ridurre drasticamente il fabbisogno energetico dei processi produttivi, salvaguardando al contempo l’ambiente. FRESHBAKE ha rivelato che il processo più dispendioso in termini energetici è

Il progetto EU-FRESHBAKE si interessa di tre segmenti della panificazione: pane tradizionale, pane biologico e pane senza glutine. Di quest’ultima categoria speciale nell’ambito del progetto si occupa il gruppo di ricercatori di Trieste della Dr. Schär, leader di mercato in questo settore. Il responsabile di progetto Alain LeBail, dell’Ecole Nationale d’Ingénieurs des Techniques des Industries Agricoles er Alimentation (ENITIAA) di Nantes (Francia), richiama l’attenzione su due risultati significativi riguardanti il valore nutritivo dei prodotti BAKE-OFF. “Per prima cosa, grazie alla tecnologia produttiva di pane parzialmente cotto surgelato si ottiene un prodotto con un indice glicemico molto più basso”. Il consumo di questo tipo di prodotto contribuisce quindi a ridurre l’aumento di glucosio nel sangue rispetto al pane tradizionale. “Secondo”, dichiara LeBail, “la surgelazione migliora considerevolmente l’attività della fitasi rendendo maggiormente assimilabili i minerali contenuti nei prodotti, in particolare nel pane integrale e nel pane arricchito di fibre”. Il progetto ha un occhio di riguardo verso i prodotti da forno senza glutine. Lo sviluppo di pane senza glutine come prodotto BAKE-OFF risulta particolarmente dispendioso. “In questo modo, però, diamo anche ai consumatori di pane senza glutine la possibilità di gustare pane f resco, come appena sfornato, comodamente a casa e secondo i propri gusti personali”.

yourlife 19


Speciale

Mangio, dunque sono L’uomo è un animale abitudinario. “Eventi” come la celiachia rappresentano pertanto una grossa sfida per l’identità di una persona a cui viene richiesto di cambiare radicalmente i propri punti di riferimento. La psicologia si occupa a fondo dei fenomeni psicologici che accompagnano una diagnosi. Mangiare e bere uniscono anima e corpo. L’amore passa per lo stomaco. O, come già constatato da Sigmund Freud, “L’uomo ha soltanto due esigenze fondamentali: il cibo e l’amore”. Numerosi proverbi, detti e aforismi hanno come protagonista una delle componenti fondamentali della nostra esistenza: il cibo.

IL CAMBIAMENTO È UN PROCESSO LUNGO La psicologia interpreta la diagnosi di celiachia non come un avvenimento temporaneo, bensì come un processo. Poiché specialmente il periodo del passaggio alla “nuova vita”, soprattutto nei primi 6 18 mesi, è spesso segnato da sensazioni spiacevoli, che si manifestano attraverso l’irritabilità o la tendenza a voler negare il “problema”. Alcuni considerano irritante il “bisogno di spiegare”, nel momento in cui la situazione impone di svelare la propria intolleranza al glutine. Si pensi ad una cena al ristorante o tra amici... Anche la famiglia, coinvolta nella nuova situazione, vive questi cambiamenti: l’attenzione che in casa viene dedicata alla dieta senza glutine può essere percepita come un peso, e il celiaco può arrivare a sentirsi il “problema” o addirittura sviluppare un senso di pudore e vergogna; in altri

casi il celiaco è preoccupato che la famiglia possa non comprendere la reale necessità di questa dieta e trascurare la questione. PER I BEBÈ È PIÙ FACILE A seconda dell’età, la diagnosi di celiachia e il conseguente passaggio a una dieta senza glutine suscitano reazioni totalmente diverse. Dal punto di vista del celiaco, l’evento è più facile da affrontare per i bambini piccoli ai quali la celiachia viene diagnosticata poco dopo lo svezzamento: passando subito a una dieta senza glutine, sin dal principio il bambino non conoscerà altro se non questo tipo di alimenti. In questo caso i genitori, soprattutto la madre, si preoccupano di agire per il meglio e si ritrovano persino a lottare contro i sensi di colpa, ritenendosi responsabili della trasmissione della celiachia. Nei bambini in età scolare, al

WE CARE: IL CIBO ESPRIME LA NOSTRA CULTURA Tralasciando la semplice spiegazione biologica, secondo cui l’alimentazione sarebbe una reazione allo stimolo della fame, l’argomento “cibo” merita in verità molta più attenzione. Trova espressione nella nostra cultura, nella lingua e nelle abitudini quotidiane. Il cibo è sinonimo di riti e tradizioni, feste e religioni, e influenza profondamente la nostra vita sociale. Il cambiamento delle abitudini alimentari di una persona si ripercuote, tra le altre cose, anche sulla sua libertà personale, la sua cultura e le sue abitudini di vita. Coinvolge la persona stessa, i suoi familiari e la vita sociale. Sarebbe quindi restrittivo considerare la celiachia come una semplice dieta. Soprattutto nella società occidentale, l’osservanza di una rigida dieta senza glutine rappresenta una grossa sfida, percepita in molti casi come un problema di natura psicosociale.

20

yourlife

CI PRENDIAMO CURA DI VOI, PERCHÉ PER NOI SIETE IMPORTANTI! Il vostro benessere è la nostra priorità. Per questo noi di Schär, oramai da quasi 30 anni, ci impegniamo ad offrirvi prodotti di prima scelta, garantiti attraverso controlli di qualità approfonditi e la competenza della nostra divisione Ricerca e sviluppo, oltre a una gamma di servizi ampiamente diversificati. Siamo infatti consapevoli di quanto l’intolleranza al glutine accentui la necessità di sentirsi al sicuro e il desiderio di condurre una “vita normale”. Tanti prodotti di alta qualità Essere il numero 1 in Europa nel campo degli alimenti per celiaci significa per noi di Schär l’opportunità e il dovere di offrire un assortimento completo di prodotti senza glutine

che, in quanto a sapore e aspetto, non abbiano nulla da invidiare agli alimenti tradizionali. Riteniamo che i nostri prodotti senza glutine debbano essere particolarmente pregiati e che debbano fornire un prezioso contributo per la vostra salute. Aiuto quotidiano Assistenza continua: il nostro team internazionale si impegna con la massima serietà e responsabilità per garantirvi una quotidianità serena e all’insegna del gusto, fornendovi informazioni mirate e aiuti concreti. I servizi di Schär includono lo Schär Club (sul sito www.schaer.com), ricette, suggerimenti per la cucina, consigli di viaggio, informazioni specialistiche e molto altro ancora.


Spezial

contrario, spesso è il comportamento a portare al sospetto e alla diagnosi di celiachia. Irritabilità, svogliatezza a scuola e aggressività si manifestano spesso prima ancora che compaiano i sintomi fisici. Anche in questa fase il ruolo della famiglia è determinante: i genitori sono responsabili dell’alimentazione senza glutine, ma hanno anche il compito di scacciare le ansie del bambino e di sostenerlo dal punto di vista psicologico. L’adolescenza è già di per sé un “periodo difficile”. E sono proprio gli adolescenti a presentare le maggiori difficoltà nell’accettare una vita senza glutine. Proprio in questa fase di distacco dai genitori, l’alimentazione senza glutine lega l’adolescente ancora una volta e ancora di più alla sua famiglia. E l’idea di essere “diversi” dai propri amici e di non essere accettati dal gruppo, così importante in questa fase della vita, non di rado porta alla negligenza o al rifiuto di seguire la dieta. UOMINI E DONNE REAGISCONO DIVERSAMENTE Sebbene gli adulti siano in grado di gestire meglio la situazione, la prospettiva di un orientamento completamente nuovo suscita sensazioni che, a detta degli psicologi, non sono assolutamente da trascurare. Da un punto di vista pratico sembra che gli uomini, rispetto alle donne, sappiano affrontare meglio il passaggio alla dieta senza glutine. Per questo tendono a passare sotto silenzio la celiachia e i sentimenti che la accompagnano. Le donne sono più aperte ed anche più autonome nella gestione della dieta. Tuttavia si considerano spesso un peso per gli altri e difficilmente accettano il loro “essere diverse”.

Cibo per l‘anima La celiachia non è “soltanto” un caso per i medici. Rosa Marìa Torralba, psicologa della SMAP (Associazione Catalana Celiachia), chiede una maggiore collaborazione tra medici e psicologi e dispensa consigli preziosi riguardo a un trattamento completo. Oggi come ieri, la celiachia è incurabile. In che modo la psicologia della salute può rivelarsi utile per il supporto dei celiaci nella loro salute emotiva? Rosa Marìa Torralba, psicologa della SMAP (Associazione Catalana Celiachia), nel corso della sua esperienza professionale ha avuto spesso a che fare con sintomi depressivi: chiusura in se stessi, incapacità di prendere decisioni sul proprio futuro, disturbi del sonno, negazione della malattia, paura di perdere la propria indipendenza e stress. “Ritengo che sia necessaria una maggiore collaborazione. Nel settore medico si dovrebbero includere valutazioni di carattere psicologico in grado di facilitare il processo riabilitativo, mentre la psicoterapia dovrebbe svolgere un ruolo centrale a sostegno della terapia alimentare”, dichiara Torralba. SALUTE EMOTIVA L’uomo è guidato molto più dalle proprie sensazioni e dalle motivazioni personali che non dall’intelletto. Per questo è importante che una persona conosca bene se stessa e comprenda concretamente le problematiche che la riguardano, in altre parole che accetti la realtà in quanto tale e la consideri da un punto di vista logico. Solo così è possibile agire in maniera dinamica e impiegare l’energia della volontà e

delle azioni in modo mirato e senza timori. Per una buona salute emotiva, l’at teggiamento della famiglia e delle persone che ci circondano svolge un ruo-lo fondamentale. Queste persone sono corresponsabili di restituire al celiaco il suo benessere, favorire la sua autonomia, farlo diventare nuovamente padrone della sua salute, astenendosi dal proteggerlo in modo eccessivo. PIÙ RESPONSABILITÀ PER STARE BENE Una dieta senza glutine è alquanto complessa. Medici e specialisti per primi sono esortati a riconoscere questa sfida avendo come obiettivo uno stato di buona salute generale. Ciò implica un ascolto attento e sensibile, la percezione di possibili paure o preoccupazioni che accompagnano la patologia, il coinvolgimento della famiglia e il richiamo dell’attenzione sulla possibilità di scambiare opinioni in un gruppo di auto-aiuto o, soprattutto nel periodo di transizione, ricorrere a un aiuto di tipo psicologico.

yourlife 21


La dietista risponde - nozioni

Celiachia e maternità: Come vivere con spensieratezza i primi mesi del proprio bambino… Gravidanza e celiachia: le esperte nutrizioniste di Schär hanno raccolto per voi i consigli essenziali e i più recenti risultati della ricerca di cui tenere conto durante l’allattamento e la nutrizione del proprio bambino. Oggi come ieri, l’unica terapia contro la celiachia resta una rigorosa alimentazione senza glutine. Per questo motivo noi di Schär sviluppiamo un’offerta sempre più variegata di prodotti senza glutine sani, per darvi la possibilità di seguire senza compromessi una dieta equilibrata e facilmente digeribile, appetitosa e ricca di sostanze nutritive. Un aspetto, questo, particolarmente importante per le donne incinte e le neomamme affette da celiachia. ALLATTAMENTO Medici, ostetriche e specialisti sono concordi nell’affermare che l’allattamento al seno sia la soluzione migliore, tanto per il bambino quanto per la mamma. Il latte materno, grazie alla sua composizione, soddisfa le esigenze del neonato e contiene sostanze importanti che ne rafforzano il sistema immunitario. L’allattamento riduce inoltre il rischio di sovrappeso, per la madre che allatta e per il bambino, che si nutre finché è sazio e riceve le sostanze di cui ha bisogno. Il fatto che la madre sia affetta da celiachia, certamente non è un buon motivo per non allattare o per uno svezzamento precoce. Se la dieta senza glutine della madre è varia, né lei né tanto meno il bambino saranno in alcun modo danneggiati dalla patologia. Una dieta equilibrata assicura alla madre e al bambino, attraverso il latte materno, tutte le sostanze nutritive essenziali per questa fase della vita, come carboidrati, proteine, grassi, vitamine, minerali e microelementi.

22

yourlife

COSA RISCHIA IL MIO BAMBINO? Mano a mano che si avvicina l’ora di introdurre alimenti non lattei nella dieta, in molte famiglie ci si preoccupa che il bambino possa ammalarsi di celiachia. Di fatto, il rischio è maggiore nelle famiglie che già riportano casi di celiachia o diabete di tipo 1. La diagnosi precoce della celiachia è particolarmente importante, poiché evita il verificarsi di fenomeni di

SOSTANZE NUTRITIVE PER LE NEOMAMME “Il bambino si prende ciò di cui ha bisogno”. Un vecchio proverbio che vale ancora oggi. Dunque è la neomamma a doversi preoccupare di assumere determinate sostanze nutritive, necessarie in quantità maggiori nel periodo dell’allattamento. • Calcio: latte e derivati, verdura verde in foglie e cavolfiori • Ferro: carne (rossa) ed altri alimenti di origine animale, verdura verde in foglie, cereali integrali senza glutine e noci, miglio • Acido folico: verdure verdi (spinaci, broccoli, asparagi, insalata, ecc.) e prodotti integrali senza glutine • Vitamina C: frutta fresca e verdura (ribes nero, peperoni, agrumi) • Vitamina D: favorisce l’assimilazione del calcio, è presente negli alimenti di origine animale, soprattutto pesci di mare ricchi di grassi, e viene prodotta dal nostro organismo durante l’esposizione alla luce solare • Magnesio: prodotti integrali senza glutine, verdura, banane, semi di soia e noci, carne bianca e pesce


carenza in grado di nuocere allo sviluppo del bambino. Evitare del tutto gli alimenti contenenti glutine per “proteggere” il bambino sarebbe però sbagliato. Nuovi studi evidenziano come l’introduzione di piccole quantità di glutine tra il quarto e il sesto mese di vita, contemporanea all’allattamento al seno, possa ridurre il rischio di comparsa della celiachia. Resta da chiarire se questo metodo sia in grado di impedire la comparsa della celiachia o solo di ritardarla. Lo studio “Prevent CD”, attualmente condotto in tutta Europa, dovrebbe fornire ulteriori informazioni sulla riduzione del rischio. Tale studio analizza concretamente l’influenza dell’introduzione di alimenti non lattei sul rischio di ammalarsi di celiachia. Nel quinto e sesto mese di vita, in uno dei due gruppi di controllo viene lentamente introdotto il glutine, mentre l’altro gruppo assume un placebo. Inoltre, l’allattamento prosegue fino alla fine del sesto mese. Terminato il sesto mese, in entrambi i gruppi vengono aggiunti alimenti contenenti glutine. Si suppone che il gruppo al quale è stato somministrato glutine già nel quinto mese di vita sviluppi una maggiore tolleranza al glutine rispetto al gruppo placebo. Sulla base dei risultati, si dovrebbe essere in grado di consigliare le famiglie in modo mirato circa il periodo di allattamento e l’introduzione di alimenti non lattei e, nel lungo termine, abbassare il numero dei nuovi casi di celiachia. Per maggiori informazioni sullo studio PREVENT-CD, consultare il sito: http://www.preventceliacdisease.com NESSUNA PAURA PER GLI ALLERGENI L’alimentazione del bambino svolge un ruolo essenziale per la crescita, in quanto il suo sistema immunitario non è ancora completamente sviluppato ed anche la flora intestinale naturale si sta formando. Per molto tempo si è pensato che l’evitare determinati allergeni fosse una misura preventiva contro lo sviluppo di allergie. Per questo si consigliava di eliminare dalla dieta del bambino gli alimenti con un elevato potenziale allergico quali pesce, frutti di mare, noci, uova e latte vaccino. Quest’anno è stata introdotta la linea-guida “S3” sulla prevenzione delle allergie, elaborata nel 2004. A tal proposito, sono stati presi in esame oltre 200 studi recenti e modificate le direttive. Studi recenti, tuttavia, affermerebbero il contrario, ovvero che non si dovrebbero evitare i potenziali allergeni alimentari, presenti nelle uova, nel pesce, nelle noci, nel latte e nei prodotti contenenti glutine. Al contrario, si discute sulla possibilità che un’introduzione precoce di questi alimenti possa rappresentare una misura preventiva contro la comparsa di allergie.

TANTI SANI SNACK PER LE MAMME CHE ALLATTANO Spesso, l’allattamento è l’unico momento di “pausa” per le neomamme. Per quei momenti, si consiglia di avere sempre a portata di mano liquidi a sufficienza - acqua minerale o tè non zuccherato - e prelibatezze senza glutine sane da sgranocchiare mentre si allatta. Salsa fresca dal sapore intenso: Schär Grissini con una salsa di ricotta e peperoni, magari con l’aggiunta di erbe fresche come prezzemolo o basilico Tentazione dolce: Schär Müsli o i nuovi Schär Müsli croccanti con latte o yogurt, frutta fresca e noci Bevanda nutriente: spremuta fresca di arance e carote con Schär Frollini Per chi ha poco tempo: noci, frutta secca mista preparata in casa, Schär Crackers o Saltí, Schär Solena Fette croccanti, frutta fresca

DIFENDIAMO LA CULTURA DEL CIBO Verso i 10 - 12 mesi il bambino diventa sempre più curioso e spesso, a modo suo, esprime il desiderio di mangiare le stesse cose che mangiano “i grandi”. Inizia il periodo della dieta comune a tutta la famiglia, e con esso la responsabilità dei genitori di assicurare al bambino un menu equilibrato e dovrebbero essere proprio i genitori per primi a dare il buon esempio. Concretamente, gli esperti nutrizionisti esprimono la necessità di dare ai propri figli più alimenti vegetali, come verdura, frutta, patate, più prodotti integrali rispetto ai tradizionali, carni e latticini poveri di grassi nonché oli vegetali, ad esempio l’olio d’oliva, anziché altri grassi. A prescindere da questa

predilezione per gli alimenti “più sani”, non bisognerebbe mai dimenticare l’importanza del piacere del cibo. Per un apporto ottimale di sostanze nutritive si consigliano cinque pasti al giorno, sulla cui composizione riportiamo di seguito alcune direttive: due pasti principali freddi, composti prevalentemente da latte o latticini, frutta o verdura e pane o cereali senza glutine. Il pasto principale caldo può essere composto da patate, pasta senza glutine, cereali senza glutine o legumi, abbinati a verdure o insalata. La carne non deve essere consumata più di tre volte, il pesce almeno una volta. Adatte per la merenda sono frutta e verdure crude, accompagnate da latticini, pane senza glutine o, di tanto in tanto, anche uno snack dolce.

yourlife 23


Diventa maestro panettiere in soli

5 minuti! 2

L

TR

SE

NZA

NI IL MAES

GLUT

AN

IN

E

!

5

O

PA

NETTIERE

D

E

Dopo l’appetitosa Ciabattina, Schär vi sorprende con altre 3 nuove specialità di pane precotto: la Baguette, la Mini-Baguette e le Ciabattine rustiche. Questi panini sono pronti in soli 5 minuti: vi stupiranno per la croccantezza e la fragranza, uguali al vero o pane fresco appena sfornato da un eccellente panettiere, voi! oi! Provatele tutte: è così che ci prendiamo cura di voi! oi!

Scoprite tutte le nostre specialità di pane su www.schaer.com om

• oltre 25 anni di esperienza • leader nella ricerca • ampio assortimento

• grande gusto, altissima qualità • materie prime naturalmente senza glutine • disponibile in tutta Europa

uovsoolo n pronti in so ti 5 minuti

SIT0338

Schär è il n° 1 in Europa per una vita senza glutine:


Yourlife 38 Italiano